Sei sulla pagina 1di 3

Inizio della barra di navigazione

Salta direttamente al contenuto della pagina

Inizio
Visualizzazione
Ce.R.Te.M.
Area Riservata

Fine della Barra di Navigazione

AAA | XHTML | CSS

Salta all'articolo 3.2.1 La struttura della scheda terminologica vai

Versione stampabile

3.2.1 La struttura della scheda


terminologica
Come vedremo più avanti, esistono vari modelli di schede terminologiche,
alcune illustrate, altre con molti campi, altre ancora che presentano solo i
campi fondamentali. Qui presenteremo un modello di scheda generico. I
campi fondamentali sono quelli sottolineati:
1. LEMMA: qui occorre indicare il termine analizzato. I termini vanno
registrati nella loro forma di base (i sostantivi al singolare, i verbi
all’infinito, gli aggettivi al maschile), mentre i sintagmi devono essere
riportati nel loro ordine naturale.
2. DOMINIO E SOTTO-DOMINIO: indica a che settore specialistico fa
riferimento il termine. Il sotto-dominio rappresenta un riferimento ancor
più dettagliato.
3. INFORMAZIONE FONETICA: è la trascrizione fonetica del termine
secondo l’Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA).
4. INFORMAZIONE LINGUISTICA: qui si indicano le informazioni
grammaticali (natura, genere e numero del termine).
5. CONTESTO: è una frase completa estratta da un testo autentico che
permette di spiegare meglio il significato del termine e il suo
comportamento linguistico. In questa voce sarà utile presentare un verbo
in una sua coniugazione irregolare, un plurale o un femminile irregolari ma,
soprattutto, le collocazioni del termine. Il termine oggetto della scheda
deve essere evidenziato in neretto
6. DEFINIZIONE: testo che descrive in modo preciso la nozione cui il
termine analizzato fa riferimento. Oltre ai requisiti già analizzati nel
paragrafo 2.3 (vedi ), la definizione dovrà essere:
- preferibilmente contenuta in una sola frase, nella quale non deve figurare
il termine da definire;
- composta dal termine generico e dalle caratteristiche essenziali del
concetto; inoltre, il termine generico deve appartenere alla stessa
categoria grammaticale del termine analizzato;
- specifica per il dominio al quale appartiene il concetto e non deve
contenere l’indicazione del dominio, visto che c’è già una voce apposita
(“dominio”).
7. NOTA TECNICA: costituisce un approfondimento della descrizione del
concetto fornita dalla definizione. Si potranno indicare, ad esempio, le
parti che costituiscono un macchinario, le fasi di un processo…
8. NOTA LINGUISTICA: presenta ulteriori informazioni riguardo all’uso di un
termine e alle sue particolarità linguistiche del termine, come ad esempio:
- irregolarità ortografiche (trattini, accenti, uso maiuscole…)
- femminile/plurale irregolare, un nome collettivo, forma invariabile…
Inoltre, si potrà indicare se il termine presenta degli omonimi o se esistono
altri termini derivati della stessa famiglia.
9. ETIMOLOGIA: riporta l’origine e la storia del termine. Nel caso di termini
polisemici, è importante riportare l’etimologia del termine appartenente al
dominio specialistico che stiamo trattando. Nel caso di etimologie
particolarmente dettagliate, l’autore dovrà intervenire rendendo più chiara
e fruibile l’informazione.
10. SINONIMI/VARIANTI: qui dovremmo indicare le designazioni
equivalenti (sinonimi) o, più spesso, i quasi-sinonimi, oltre alle varianti
ortografiche e regionali. La voce dei sinonimi è forse quella che più
differisce se confrontiamo le schede di diversi organismi: alcuni
sostengono che i sinonimi debbano essere indicati insieme al lemma in
quanto non esiste un termine preferenziale, altri sostengono che ogni
termine dovrebbe avere una scheda individuale. In ogni caso, è meglio
lasciare vuoto questo campo piuttosto che indicare sinonimi poco
“sinonimi”, come gli iperonimi, gli iponimi o termini relazionati.
11. ABBREVIAZIONI/SIGLE/ACRONIMI
12. LINK: collegamenti ipertestuali che rimandano ad altri termini a cui il
lemma è legato attraverso relazioni concettuali.
13. EQUIVALENTE IN LINGUA STRANIERA
14. AFFIDABILITÀ DELL’EQUIVALENTE: è un indice relativo al grado di
sicurezza delle informazioni della scheda e, in particolare, della proposta
di traduzione. Solitamente dipende dall’autorevolezza della fonte in cui è
stata trovata o da determinate procedure di convalida. Si indica con un
punteggio su una scala da 1 a 5.
15. AUTORE DELLA SCHEDA
16. DATA DI CREAZIONE DELLA SCHEDA (e di aggiornamento)
17. FONTI: permettono di valutare il grado di affidabilità della nostra
scheda ed è quindi importante che siano attendibili. Nel caso di risorse
on-line, occorre selezionare attentamente le fonti e ricorrere, se possibile,
a siti istituzionali o comunque a materiali attendibili. Occorre citare le fonti
seguendo il protocollo internazionale per le citazioni bibliografiche (vedi).
Un’indicazione importante è quella della data di consultazione o
pubblicazione, che segnala l’attualità delle informazioni.

Per citare questo articolo:


Veronica Carioni, 3.2.1 La struttura della scheda terminologica, Breve
introduzione alla terminologia, http://farum.it/intro_terminologia
/ezine_articles.php?id=30