Sei sulla pagina 1di 12

Generalitat de Catalunya

Departament d’Ensenyament
Escoles Oficials d’Idiomes

ITALIÀ
Prova Mostra

LLEGIU ATENTAMENT AQUESTES INSTRUCCIONS

Aquest quadernet conté les proves de:

Comprensió escrita______________ 50 minuts


Comprensió oral________________ 40 minuts
Ús de la llengua________________ 30 minuts

R A
T
Durada total aproximada_______ 120 minuts

S
O
En acabar aquest quadernet, hi haurà un descans de 30 minuts i, a

M
continuació, s’administrarà la prova d’Expressió i interacció escrita.
S’assignarà dia i hora per a la prova d’Expressió i interacció oral.

Important

• Contesteu al Full de respostes, no en aquest quadernet.


• Les anotacions que feu en aquest quadernet no es tindran en
compte.
• Al final de la prova, heu de lliurar el Full de respostes, amb
totes les dades, i aquest quadernet.

Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat.
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó E S C R I TA Testo 1. La tequila fa boom al ritmo del mambo
Leggete il testo e poi inserite gli enunciati, che sono stati tolti, nei punti corrispondenti,
segnandoli con una croce (X) sul Foglio delle Risposte.
A B C D E F G H x J L M

La moda latinoamericana dalla pista al bar


ROMA- In principio fu un miscuglio ad alta gradazione per dare coraggio ai galli
un attimo prima di scagliarli l’uno contro l’altro nelle arene. —1— Ma la parola
appena storpiata all’origine - da “cock ale” a “cocktail” rimase uguale.

Non c’è serata socialmente apprezzabile senza cocktail, più o meno alcolici. —2—
Alzi la mano chi non ha ancora provato il brivido salato di un “Margarita” , l’ele-
ganza ghiacciata di un “Daiquiri”, l’esplosività mascalzona del “Tequila boom
boom”.

Decuplicati i visitatori dei festival latinoamericani, cresciute in maniera esponen-


ziale le scuole di “salsa” e affini, taperie e cervezerie elette a must dell’estate. —3—

A
E non solo. Al Maya di Milano hanno lanciato il “Tequila sexy”. A lei la cerimonia
della preparazione, che consiste nel cospargersi l’incrocio dei seni di sale e lime,

R
reggendo un bicchiere di tequila tra le gambe. —4— Altro rituale, quello di far
indossare al cliente un casco sopra il quale la “Tequilera”, cameriera con cappello

T
da cowboy e bottiglie di tequila nelle fondine, batte vigorosamente due volte lo
shaker per preparare la tequila boom boom, da bere di un solo fiato. —5—

S
Racconta Egidio Ielpo, barman del “Paloalto” : “Il latinoamericano va tantissimo.

O
—6— Ma a crescere in maniera incredibile sono stati ron, tequila e cachaza, tutti
vogliono cocktail con queste basi. La gente viene qui all’ora di cena e se ne va ben
oltre la mezzanotte, dopo avere mangiato, bevuto, chiacchierato, ballato. —7—

M
A protestare, oltre agli abitanti delle case vicine, i produttori di tequila che non
trovano più materia prima per la propria bevanda. —8— (il consumo di tequila di
prima scelta è aumentato del 300 % negli ultimi cinque anni).

Dicono che il tequila sia nato grazie a un fulmine che colpì il cuore di un’agave.
—9— Dalle sue sorelle meno pregiate si ricava il mezcal, con annesso verme insa-
poritore da consumare a bottiglia svuotata. L’agave raggiunge la sua maturità
tra gli otto e i dodici anni. —10— Il succo che se ne ricava, se usato in purezza
costituisce il cosiddetto “Tequila premium” interamente prodotto e imbottigliato
in Messico, con tanto di marchio registrato dal governo e comitato di controllo
apposito, il Consejo Regulador del Tequila —11— Tutto più facile, invece, per il
tequila cosiddetto “ordinario” o “blanco”, che viene preparato usando solo il 51%
di tequila e addizionando aguardiente. —12—.

Non solo tequila. E non solo cocktail di qualità. Infatti c’è un altro liquore in cre-
scita constante: il limoncello. Nemmeno le difficoltà di trovare quello “verace”,
fatto con i mitici limoni di Amalfi, ne hanno rallentato la scalata. —13—. Esempio
atipico di alcolico italiano di successo.

Licia Granello , La Repubblica, 13/08/2000

2 Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat.
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó E S C R I TA
A. Insomma, una formula “tutto compreso” che funziona alla grande.

B. Ma attenzione: solo quella blu argentea dà origine al vero tequila.

C. L’allegria alcolica degli appuntamenti latinoamericani fa strage di cuori tra


i più giovani che in un solo locale trovano la chiave di una serata intera,
spesa tra nachos, tequila e mosse di merenghe.

D. Subito dopo, ci si issa sul tavolo e si balla.

E. Se infatti la coltivazione della canna da zucchero è ben lungi dall’esaurirsi,


l’agave blu, pianta ribelle alla coltivazione intensiva, è in crisi da
ipersfruttamento.

F. Poi, la voglia di darsi quello stesso tipo di intraprendenza e spudoratezza

A
contagiò gli uomini.

G.

R
Quasi l’11 % di consumo nell’ultimo anno in maniera del tutto trasversale
nella scala gerarchica dei ristoranti.

T
H.

S
Di più: non c’è serata del nuovo millennio che non parli e non suoni
latinoamericano.

O
I. Il quale viene imbottigliato in mezzo mondo, come base per i cocktail più

M
correnti.

J. È crollato il consumo del whisky puro, con l’esclusione di qualche


cinquantenne affezionato, mentre il cuba libre continua a tirare, così
come la sangría.

K. A lui il compito di consumare il drink, destreggiandosi tra curve e


ingredienti.

L. Appena prima che fiorisca la pianta viene decorticata e il suo nocciolo


(di quasi un quintale) fatto pressare e fermentare.

M. (tanto preoccupato per il rischio di estinzione della preziosa pianta da


creare in questi giorni lo stato di emergenza, prolungandolo fino al 2005).

Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat. 3
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó E S C R I TA Testo 2
Leggete il testo e indicate con una croce (X) sul Foglio delle Risposte, se le seguenti
affermazioni sono Vere o False. V x

In punta di bisturi
Sbeffeggiata dai guru del bon ton, inorriditi dal proliferare delle labbra a canotto e dei
seni a palla. Stigmatizzata dagli intellettuali, intenti a ragionare su cybercorpi e model-
li di bellezza standardizzati. Persino ripudiata dallo star system, le attrici e gli attori
che per primi si sono piegati al mercato dell´eterna giovinezza e oggi fanno marcia
indietro pentendosi pubblicamente (Mariel Hemingway di 41 anni dichiara di essersi
fatta togliere le protesi del seno).

Tempi duri per la chirurgia plastica estetica, un tempo status symbol esibito smacca-
tamente, oggi segno indelebile di neovolgarità. Su cui pesano, ad esempio, le parole di
Baz Luhrmann, regista del film “Moulin Rouge”: “Attrici e attori che hanno usato il
botox non possono muovere la faccia in maniera naturale. Non li voglio”. O di Martin
Scorsese, che con sarcasmo ha fatto notare come molte attrici ormai non sappiano

A
esprimere emozioni senza parole, irrigidite come sono da protesi e iniezioni. O del re dei
casting Jeremy Zimmerman, che ha rifiutato a Mickey Rourke la parte da protagonista

R
di un film britannico perché il volto dell´attore è inespressivo, congelato dagli interventi

T
di chirurgia plastica.

S
Ai piani alti, insomma, il look ritoccato è un sogno che non è più per pochi, ma è
alla portata di chiunque possa accedere a un prestito presso le molte finanziarie che

O
contemplano la voce “estetica” tra le ragioni dell´erogazione. Per finire magari come
l´ascoltatrice Luisa Ricci di Radio 1 che confida a Gianluca Nicoletti, conduttore di
“Golem”, di essersi aumentata il seno grazie a un prestito dilazionato che oggi non può

M
più pagare, e si chiede: “Che faccio: mi tolgo le protesi e le restituisco?”.

Macabro? Mica tanto se si pensa che sono ormai molti uomini e donne disposti a debiti e
sofferenze per uniformare la loro immagine a un ideale talmente stereotipato che i guru
del gusto dichiarano “antiquato”. “Fino a qualche anno fa le persone che ricorrevano al
bisturi facevano parte del jet set e frequentavano chirurghi esclusivi”, spiega il chirurgo
Mario Pelle Ceravolo: “Oggi il numero di pazienti è molto più alto”. Proliferano i medici
da “Pagine Gialle”, come li ha definiti Luigi Donati, direttore dell´Istituto di chirur-
gia plastica dell´Università di Milano, con conseguente massificazione del “prodotto”:
labbra tutte uguali e tutte a canotto, seni tutti uguali e tutti a palla, botulino iniettato
a raffica, e così via. Ma è possibile che le dame del bel mondo si rassegnino al tempo
che passa? E che i grandi chirurghi dalle altrettanto grandi parcelle non abbiano nel
cassetto nulla che serva allo scopo della nuova bellezza naturale?

“Trent´anni fa si facevano interventi aggressivi, si asportavano tessuti, si modificava il


corpo, ottenendo risultati e molte cicatrici. Le tecniche si sono affinate e oggi il trend
è quello di ottenere un risultato che sia migliorativo, ma che non si veda”, riassume
Pelle Ceravolo. Eccola, la tendenza tracciata: fuori gioco petti sproporzionati, labbra
aggressive o nasi perfetti, e via libera ai piccoli ritocchi, operazioni minimali. Magari da
ripetere a distanza di tempo. Per passare gradualmente dal vecchio al nuovo look. Un
esempio. “Al posto dell´intervento sulle labbra si possono fare infiltrazioni con materiali
riassorbibili e non”.
Adatt. da Letizia Gabaglio, www.espresso-on-line.it

4 Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat.
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó E S C R I TA
14. Gli intellettuali auspicano un ritorno ad un look naturale.

15. Le attrici “ritoccate” sono disposte a ritornare sotto i ferri pur di apparire
come prima.

16. Le attrici che hanno subito interventi al volto vengono rifiutate dai registi.

17. Tutti possono pagare a rate un intervento di chirurgia estetica.

18. Luisa Ricci si è fatta finanziare il suo seno.

corpo con fini meramente estetici.

R A
19. Gli esperti del buon gusto criticano la massificazione degli interventi sul

S T
20. Basta controllare le guide per reperire un chirurgo plastico.

21. Luigi Donati suggerisce una nuova tecnica per iniettare il botulino.

O
22. I chirurghi più affermati preferiscono conservare gelosamente i loro segreti

M
di bellezza naturale.

23. Oggigiorno gli interventi di chirurgia estetica non lasciano cicatrici.

24. I seni grandi sono fuori moda.

25. Si possono ottenere delle labbra sempre piene con ritocchi periodici.

Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat. 5
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó E S C R I TA
Testo 3
Scegliete la frase giusta per ogni paragrafo e segnatelo con una croce (X). A x C D E

LE COSE CHE LEI DICE


(E LUI NON SOPPORTA)
Donne d’Italia, attenzione: un uomo ci guarda. È il nostro uomo, ovvero marito, compagno,
amante, fidanzato. Ci osserva, ci analizza. E che cosa pensa di noi? Il giornalista, scrittore
(e uomo) Claudio Sabelli ha pubblicato un volumetto Dimmi, dammi, fammi che intende spie-
gare al genere femminile i pensieri nascosti di quello maschile. Ecco a voi qualche brano
scelto dal libro.

—26—
E che cos’altro dovrebbe essere? Tu dici una frase del genere per confermargli che la

A
tua disistima viene da lontano. Che finora hai taciuto per quieto vivere. Che lui non
ha nemmeno il dono dell’originalità. Il vero uomo non sopporta di essere disprezzato.

R
E quando il disprezzo è retroattivo, va fuori di matto.

S T
O
—27—
Tu parli al “femminile”, non per dare informazione, ma per comunicare i tuoi sen-
timenti, le tue emozioni. Questo tipo di conversazione lui proprio non la capisce e

M
soprattutto non capisce come abbia fatto tu a capire che lui aveva staccato.

—28—
Con questa frase tu volevi proprio far male. Prendere due piccioni con una fava. Se
lui è pronto e intelligente, capirà subito che c’è un’ottima linea di difesa e inizierà una
discussione sui rapporti familiari. A questo punto tacerai per due minuti cercando di
capire se hai vinto o perso.

—29—
Se ci fosse, prima o poi lui lo direbbe. Ma se non lo dice, perché tormentarlo? Questa
domanda può essere dettata da curiosità o da dispetto, due aspetti dell’universo fem-
minile in costante superallenamento. In entrambi i casi l’uomo reagisce da gran tene-
broso o con uno sguardo di odio.

6 Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat.
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó E S C R I TA
—30—
Della serie “Stai sempre a guardare la partita.” , “Non andiamo mai da mia sorella”,
“Non mi hai regalato nemmeno una rosa”. A te non importa uscire. Odi sua sorella. Sei
allergica alle rose. Vuoi solo immettere un gigantesco senso di colpa nell’animo di lui.
Ma sei ingenua. Il senso di colpa è un virus che non infetta il suo software.

Adatt. da Cristina Moroni , ANNA, agosto 2000.

A.
B.
Qualcosa non va?
Sei sempre il solito

R A
C. Peggio di tua madre

S
D. Non mi porti mai al cinema
T
O
E. Perché non mi ascolti?

Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat. 7
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó O R A L
Testo 1. I NAS
Vedrete un servizio sui N.A.S (Nucleo Anti-Sofisticazione). Scegliete la risposta corretta e
segnatela con una croce (X). x b c
1. Le alfa-tossine sono funghi
a) che si formano a causa della temperatura.
b) che si trovano se le condizioni di conservazione non sono ottimali.
c) sempre presenti in certi alimenti per animali.

2. Il caso “vino al metanolo” del 1986


a) ha influito sull’ottima qualità attuale del vino.
b) ha indotto i consumatori a chiedere leggi più severe.
c) ha portato alla nascita dei NAS.

3. La sicurezza alimentare in Italia è garantita


a) dal lavoro sul campo realizzato da specialisti.
b) dalle sofisticate risorse dei NAS.
c) dalla persistente diffidenza dei consumatori.

4.

I NAS sono unici in Europa per avere poteri
a) giuridici.

R A
T
b) fiscali.

S
c) militari.

O
5. La truffa dell’olio contraffatto consisteva
a) nel mettere l’olio falso nella cisterna piccola.
b) nel sostituire il condotto al momento del campionamento.

M
c) nell’usare un condotto da cui fuoriesce olio buono.

Testo 2. Due servizi


Vedrete due servizi giornalistici su certe realtà italiane. Decidete se le seguenti afferma-
zioni sono Vere o False e segnatelo con una croce (X). V x

Primo servizio: Le carceri italiane

I carcerati, per protestare,


6. urlano di giorno e di notte.
7. non vanno a mangiare.
8. non parlano con i parenti.

Secondo la CARITAS, nelle carceri italiane


9. il numero dei carcerati extracomunitari è più che raddoppiato dal 1990.
10. più grandi si registra un incremento di detenuti del 4,7% in soli 3 mesi.

Il ministro Fassino propone vari interventi tra i quali


11. adeguare gli edifici che ospitano i carcerati.
12. proporre attività volte a una riduzione della pena.
8 Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat.
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • C O M P R E N S I Ó O R A L
Secondo servizio: La legge-quadro sul turismo

La legge sul turismo


13. ritiene opportuno considerare le imprese turistiche come settore industriale.
14. vuole semplificare al massimo gli iter burocratici.
15. viene a delimitare l’ambito dell’offerta turistica.

Secondo la donna intervistata,


16. la scarsa attenzione politica verso il settore turistico era dovuta a blocchi
doganali.
17. la definizione di impresa turistica deve comprendere un’ampia gamma di
offerte.

Secondo l’uomo intervistato,


18. la nuova legge non dovrebbe attribuire importanza alla competitività.
19. bisognerebbe risolvere gli effetti negativi della riforma tributaria nell’ambito
turistico.

Testo 3. Notizie

R A
Ascoltate queste notizie. Decidete se le seguenti affermazioni sono Vere o False e segna-
x F

T
telo con una croce (X).

Prima Notizia: Sci rosa


S
O
20. Tutti davano per scontata la conquista della medaglia di bronzo.

M
21. Nessuno credeva in questa vittoria.
22. Le azzurre avevano già vinto altre medaglie importanti.
23. La vittoria ha preso alla sprovvista l’allenatore, vittima dei festeggiamenti.
24. Il giorno successivo anche gli azzurri tenteranno la stessa ardua impresa.

Seconda Notizia: TransEuropa


25. Si sta analizzando il divario tra i vertici politici europei ed i cittadini che essi
rappresentano.
26. Due istituzioni romane hanno promosso l’incontro in Campidoglio.
27. Il Seminario cerca altre vie di dialogo tra i paesi europei dato il momento di
inazione politica.
28. Per molti, l’Unione Europea non riesce ad amalgamare le differenze econo-
miche delle diverse città.
29. Secondo Marramao, l’Europa dei cittadini è più unita dell’ Europa delle
Nazioni.
30. I membri del Seminario chiedono ai cittadini di esigere maggiore trasparen-
za ai governi europei.

Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat. 9
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • Ú S D E L A L L E N G U A Prima parte
Leggete i testi, scegliete l’opzione corretta e segnatela con una croce (X). a x c d

TESTO 1.

Babbo Natale ti ha deluso? I regali si riciclano on-line


Boom di vendite post-natalizie sui siti di aste. Il Web è il mezzo ideale per sostituire
i doni sgraditi. E-bay lancia la campagna “Prenditi ciò che volevi veramente”

ROMA - A caval donato non si guarda in bocca ? Non più. Non nell’era di Internet.
Fino a pochi anni fa, se sotto Natale si riceveva qualche regalo poco azzeccato, per
non dire proprio inutile, l’unica era tenerselo, facendo buon viso a cattiva sorte. O al
massimo —1— poteva “girare” in dono a qualche conoscente non proprio simpatico.
Ma oggi la musica è cambiata: i gestori di siti dedicati alle aste on-line —2— di non
ricevere mai tante proposte di vendita come in questo periodo dell’anno. —3— affol-
lare le loro stanze ci sono tutti i delusi del Natale appena trascorso, in cerca di un
metodo discreto (e se possibile redditizio) di riciclare i regali appena ricevuti.
Finora, l’attività di “riciclaggio post-natalizio” si era svolta —4— maniera tacita,

A
quasi clandestina. Forse, venditori e intermediari avevano lo scrupolo di non violare
—5— il galateo, secondo il quale regalare o, peggio, rivendere i doni ricevuti è una

R
pratica da evitare ad ogni costo. Poi, però, i gestori di siti di aste devono —6— due

T
conti. E, sostituendo il pragmatismo alle buone maniere, hanno stabilito che l’abitu-
dine di riciclare i regali on-line andasse ufficializzata e incentivata.

S
La filosofia è —7— questa: se una vecchia zia ti ha regalato un po’ di soldi, vieni sul
sito e trova la maniera di spenderli. Se invece hai ricevuto qualcosa —8— proprio

O
non sentivi la mancanza, tipo il classico maglione di lana, fa lo stesso: mettilo all’asta
su e-Bay e con il ricavato, sempre su e-Bay, compra quello che volevi davvero.

M
Oltreoceano, il riciclaggio dei regali natalizi on-line sta diventando un —9—,
fenomeno. Sulla scia di e-Bay si stanno movendo altri siti, come LiveDeal.com o
MusicianFriend.com. —10— i puristi del galateo hanno dovuto prendere atto della
tendenza. Nell’impossibilità di arginarla, gli esperti di buone maniere si limitano a
fissare un paletto: quando si ricicla un regalo, l’importante è non farsi scoprire.
Adatt. da ALESSIO BALBI www.repubblica.it 3 /01/2004

1. a) gli si b) se lo c) lo si d) se ne
2. a) discutono b) contrastano c) parlano d) giurano
3. a) Ad b) Con c) Nell’ d) Da
4. a) senza b) di c) in d) mediante
5. a) malvolentieri b) rispettosamente c) con cautela d) sfacciatamente
6. a) farsi b) averne fatti c) essersi fatto d) essersi fatti
7. a) al principio b) pressappoco c) quanto d) sicuro che
8. a) di cui b) alla quale c) per cui d) dalla quale
9. a) bel po’ b) gran bello c) vero e proprio d) bello e proprio
10. a) Eccetto b) Persino c) Neppure d) Altrimenti
10 Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat.
TESTO 2

C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • Ú S D E L A L L E N G U A
Strani amori
L’incontro, all’apparenza occasionale, si era inaspettatamente trasformato in
una felice convivenza. La cravatta provava una profonda soddisfazione per —11—
nel cassetto della biancheria intima della donna, avvolta dalla freschezza sensuale
di seta purissima e dal dolce tepore di romantici pizzi e di tulle seducenti, dopo che,
per diversi giorni, era rimasta —12— al freddo attaccapanni di metallo. La donna,
talvolta non aveva saputo separarsi da quell’oggetto che —13— le ricordava l’uo-
mo con cui aveva trascorso una passionale notte d’amore e che sarebbe stata la più
intensa di tutta la sua vita.
—14— andare, però, la vista della cravatta, penzolante e solitaria come un cap-
pio d’impiccagione, la rese inquieta e la turbò tanto da farla piangere, —15— decise
di riporla nel suo più amorevole cassetto.
Fra tutti gli indumenti con cui la cravatta era venuta a contatto, era stata
attratta da una timida sottoveste di raso color madreperla. Alla cravatta, che era un
tipo serio e non facile agli innamoramenti, poco importava delle avventure amorose

A
degli altri indumenti, poiché tutte le sue attenzioni erano rivolte alla sottoveste.
Da parte sua, la sottoveste era affascinata da quest’unione così insolita, che mai

R
—16— di vivere e che faceva di lei una privilegiata, nonostante fosse stata privata

T
ormai da tempo del suo ruolo fondamentale. Il tetro e solitario scorrere dei giorni
non l’angosciava più: adesso,finalmente, era tornata ad avere uno scopo.

S
Ma un giorno la donna, forse nel momento in cui —17— la certezza che non
avrebbe mai più rivisto quell’uomo, prese la cravatta e ne tagliò un piccolo lembo,

O
che poi sigillò con cura, come fosse una reliquia, in un piccolo involucro di cellofan.
—18— la minuscola confezione in un cofanetto e si liberò della parte rimanente.
La sottoveste non seppe —19— una ragione e straziata dal dolore per la crudele

M
separazione, finì, —20—, per lasciarsi divorare dalle tarme.
http://www.ilraccontoritrovato.it/lo-scrittore-protagonista/strani-amori

11. a) finire b) averci finito c) finirci d) essere finita


12. a) pendente b) appesa c) cadente d) tralasciata
13. a) pure se b) malgrado c) tanto d) cosicché
14. a) Per molto b) A forza c) Di largo d) A lungo
15. a) sicché b) sebbene c) almeno d) eppure
16. a) spererebbe c) avrebbe aspettato
b) s’aspetterebbe d) si sarebbe aspettata
17. a) abbia b) abbia avuto c) ebbe d) avesse avuto
18. a) Ripose b) Rispose c) Compose d) Scompose
19. a) farci b) farcisi c) farne d) farsene
20. a) proprio ora b) poco alla volta c) fin d’adesso d) una volta tanto

Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat. 11
C E R T I F I C AT D E N I V E L L B 2 • Ú S D E L A L L E N G U A Seconda parte
Scegliete l’opzione corretta e segnatela con una croce (X). a b x d

21. Gianluca, proprio in questa curva, l’anno scorso evitò uno scontro frontale
che .................. mortale.
a) fosse stato
b) dovrebbe essere stato
c) sarebbe potuto essere
d) potrebbe essere

22. Domani sera .......................state a giocare una partita di calcetto: profes-


sori contro studenti?
a) ve ne b) ci c) gliela d) la

23. — Come va???


— Male !!! Non riesco a risolvere il problema! La matematica non mi è
affatto ........
a) connaturata b) conveniente c) congenita d) congeniale

A
24. — Raccontami delle tue vacanze, dai!

R
— E’ stata una crociera indimenticabile e siamo stati veramente bene
............mio marito non lo voglia riconoscere

T
a) sempre che b) anche se c) per quanto d) ancora

S
25. — Buongiorno Sig.ra Lucilla! Sa già quando arriverà sua figlia?

O
— Beh, immagino che, ....................ieri sera dopo cena, non dovrebbe
arrivare oggi più tardi di mezzogiorno.
a) se partisse b) se partii c) nel partire d) essendo partita


M
26 Dopo che................... le prime pagine di questo romanzo, si sa già come
finisce.
a) si sono lette b) abbia letto c) si leggano d) si sarebbero lette

27. Abbiamo fatto tutto il possibile..................., quindi non ci resta altro che
sperare.
a) casomai b) ormai c) appunto d) insomma

28. — Penso che Roberto .............abbia con te, perché da quella volta non mi
ha più chiesto tue notizie.
— Dici ? Ma no.
a) te l’ b) ce l’ c) gliel’ d) se l’

29. Oggi nel giorno del vostro matrimonio, che altro augurarvi? ......................
felici!
a) Che siete b) Essere c) Siate d)Tanto

30. L’estorsione è certamente un’attività lucrosa ed anche se è illecita, è


un’attività ............. un certo tipo di malavita no sa farne a meno.
a) di cui b) per la quale c) da cui d) senza la cui

12 Material propietat del Departament d’Ensenyament de la Generalitat de Catalunya. Prova mostra per a l’exercitació de l’alumnat.