Sei sulla pagina 1di 30

AB + H2O A+(acq.) + B-(acq.

Si definisce α, GRADO DI DISSOCIAZIONE:


α = (n.ro moli DISSOCIATE)/(n.ro moli INIZIALI)

α = 1
Elettroliti Forti (Sali solubili, acidi e basi forti)

α ≤ 0.1
Elettroliti deboli (Sali poco solubili, ac. e basi deboli)
Equilibri Acido-Base

Definizione di Arrhenius:
Le sostanze che, poste in soluzione acquosa, danno
luogo a ioni idrogeno sono ACIDE

H2O
HCl H+ + Cl-

Le sostanze che, poste in soluzione acquosa, danno


luogo a ioni idrossido sono BASICHE

H2O
NaOH Na+ + OH-
Definizione di J. H. Brønsted:
Le sostanze che sono in grado di cedere ioni idrogeno
si definiscono ACIDI.

Le sostanze che sono in grado di accettare ioni


idrogeno si definiscono BASI.

Nel manifestarsi di un qualsiasi equilibrio acido-


base, ad ogni sostanza che presenta carattere
ACIDO(cede H+), deve accompagnarsi una sostanza che
presenta carattere basico (accetta H+):

Concetto di acidi e basi coniugati

HA + B A- + HB+
Acido1 Base2 Base1-con. Acido2-con.
Proprietà acide e basiche dell’acqua

L’acqua è un composto chimico che può cedere ma anche


accettare protoni: possiede cioè sia carattere acido che
basico. Questo comportamento viene definito anfotero o
anfiprotico quando si tratta di un solvente come l’acqua.
A causa di questa duplice capacità, un certo numero di
molecole di acqua, agendo da acidi cedono protoni ad altre
molecole di acqua le quali comportandosi da basi le accettano.
Una tale reazione detta di autoprotolisi o di
autodissociazione è esprimibile in uno dei seguenti modi:

H 2O + H 2O H 3O + + OH- oppure H 2O H+ + OH-


ATTENZIONE la seconda equazione è una scrittura semplificata
della precedente e non vuole assolutamente significare che in
soluzione acquosa esiste lo ione H+ che sarebbe un protone
libero.
Lo ione H3O+ prende il nome di IONE IDRONIO o IONE IDROGENO, la
specie OH- viene chiamata IONE IDROSSIDO
[H3O+][OH-] = [H2O]K = 55.55K = Kw = [H3O+][OH-] =
prodotto ionico dell’acqua = 1,00 x 10-14 a 25 °C
Per ogni acido vale la relazione:

Per ogni base vale la relazione:


In soluzione acquosa, per ogni coppia acido-base
coniugata valgono le relazioni:

HA H+ + A- con Ka = ([H+][A-])/[HA]

A- + H2O HA + OH- con Kb = ([HA][OH-])/[A-]

e, in particolare, per ogni soluzione acquosa:

KaKb = Kw = 1x10-14
“Ad un acido (base) debole corrisponde una base
(acido) coniugata forte”

Esempio: Acido acetico, (HA) Ka = 1.76x10-5


La sua base coniugata è lo ione acetato, (A-).

Per quanto visto prima, KaKb = Kw = 1x10-14, quindi Kb


dello ione acetato sarà Kb= Kw/Ka ossia:

1x10-14/1.76x10-5 = 5.7x10-10

DEBOLE È CONIUGATO A DEBOLE


pH = -log [H3O+] pOH = -log [OH-]

pH + pOH = pKw = 14

Soluzioni basiche

basicità crescente
pH
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0
pOH
acidità crescente
Soluzioni acide
Solo quando gli ioni H3O+
derivanti da un acido sono in
concentrazione < 10-6 M occorre
tenere conto del contributo
della dissociazione dell’acqua
al pH
Approssimazione lecita se [HA] > 10-3 e se Ka < 10-3
Altrimenti Metodo delle Approssimazioni Successive.
Il grado di dissociazione (α) di un acido debole
aumenta al diminuire della sua concentrazione.
pH = -log[√(KaCa)] = 2.88
pH = 14-(-log[(Kb[Ac-])0.5] = 8.73 pH BASICO
Tenere conto della diluizione (Vtot = Vi + Vp.e.)