Sei sulla pagina 1di 13

Zhi storic a

CENTRO STUDI STORICI - 2 milioni di visite l'anno!

MISSION AUTORI ARCHIVIO ARTICOLI PUBBLICAZIONI ISCRIVITI

Gladiatori: le tipologie meno conosciute


Febbraio 18, 2010 / Gabriele Campagnano

2.887

Ormai le tipologie principali di G l a dia to r i sono largamente conosciute, mentre si sa poco


di quelle che hanno ricevuto minore attenzione da parte degli studiosi.
Un Reziario e un Secutor si studiano, girando in tondo. La sabbia schizza in aria e negli occhi
mentre la rete vola verso il secutor. Con un braccio impigliato, questi contrattacca usando il
gladio, riuscendo a deviare il tridente verso l’esterno e a penetrare la guardia del reziario, che
però rotola in terra ed estrae la daga… I giochi nell’arena li immaginiamo così, in modo piuttosto
meccanico, con coppie fisse e schemi di combattimento prestabiliti. In realtà, c’erano decine di
figure, professionali o meno, pronte a dare spettacolo. Parliamo delle tipologie di gladiatori
meno conosciute, sempre con l’aiuto di Gladiatori di Silvano Mattesini.

L AQ UE ATORES
Sembrano essere agili gladiatori armati con pugnale o gladio e dotati di una specie di corda o
laccio, il laqueus per l’appunto, con cui tentavano di bloccare un antagonista munito di lancia.
Erano combattenti armati alla leggera che probabilmente avevano il compito di fare spettacolo
nell’attesa di eventi più significativi. Uno scontro di di destrezza e agilità fra due Laqueatores
appassionava gli spettatori e consentiva nel contempo la pulizia dell’arena e la preparazione di
nuove scenografie.

VE NTIL ATORI
Erano “gladiatori funamboli” che davano prova di abilità menando colpi nell’aria contro
avversari inesistenti, dimostrando le loro capacità tecniche ed invenzioni stilistiche. Attori più
che gladiatori, attiravano il pubblico con le loro curiose esibizioni. Potevano rientrare, insieme
ad altri gruppi, nella definizione di Meridiani, ovvero gladiatori che prendevano il nome dall’ora
in cui scendevano nell’arena per riempire i vuoti fra un’esibizione e l’altra. Sembra che si
esibissero soprattutto durante l’ora di pranzo, quando la folla si diradava prima dei giochi
pomeridiani.

Varie categorie di gladiatori da un famoso


mosaico

S C A EVAE
Si trattava di gladiatori mancini, apprezzati dal pubblico per la loro tecnica diversa ed il tipo di
scherma che disorientava anche i combattenti più esperti. La presenza di un gladiatore mancino
nello spettacolo rendeva lo scontro più esaltante e dal risultato più incerto. Dobbiamo pensare al
giorno d’oggi, in diversi sport, la figura del mancino manitene delle caratteristiche di rottura
rispetto agli schemi classici dello sport in questione. Pensiamo al tennis, dove alcuni giocatori
destri (Nadal ad esempio) sono stati allenati a giocare con la mano sinistra per mettere in
difficoltà l’avversario, o alla scherma, o al pugilato. I mancini non rappresentavano una
categoria gladiatoria a parte, ma una semplice tipologia che figurava in tutte le specialità di
combattimento. Una Sceva poteva essere un Murmillo o un Secutor, un Reziario o un Trace e così
via.

P EG M A R I I
Questi gladiatori prendevano parte agli scontri in gruppo quando venivano innalzate delle torri
o delle grandi scene di guerra. Si organizzavano a gruppi per attaccare o difenderela postazione.
I Pegmari avevano il compito di generare vere e proprie scene di battaglia che servivano ad
esaltare il pubblico e consentirgli di rivivere scene eroiche e storiche vissute dall’esercito
romano e rimaste nell’immaginario collettivo. Si trattava quindi di comparse generiche utilizzate
per vari scopi.

C ALONE S
Quando si organizzavano delle “palizzate” o “costruzioni fittizie” o vere e proprie “scenografie”
all’interno dell’arena, erano gli inservienti (Calones)  a realizzare la rapida costruzione e
aportare scudi e armi sulle finte mura. Essi quindi montavano i fondali e partecipavano allo
spettacolo con costumi in sintonia son l’argomento trattato.
TUN I C ATI
Sembra che si trattasse di gladiatori giudicati effemminati o trasgressivi, che eccitavano gli animi
del pubblico per la loro denunciata diversità. Il loro nome deriva dalla lunga tunica (arrivava
sotto il ginocchio) che indossavano nell’arena. Probabilmente armati in maniera essenziale, con
uno scudo ed una daga, animavano anch’essi, come altri combattenti, i momenti di passaggio fra
grandi eventi. A causa delle loro movenze trasgressive ed originali erano scherniti dalla folla.

RUDIARII
Dopo molte vittorie ottenute nell’arena e dopo aver ricevuto le varie “palme” della vittoria, al
gladiatore veniva dato il congedo dagli spettacoli dell’anfiteatro. Durante il rito, che segnava la
fine della loro carriera e l’acquisizione della libertà, veniva loro concesso il rudis, una piccola
spada di legno a ricordo delle imprese vissute. Questi combattenti congedati, o missi, non
potevano essere più obbligati a ritornare nell’arena, I Rudiarii, se tornavano a combattere, lo
facevano per loro libera scelta. Di solito comunque, venivano ingaggiati da un lanista per
allenare i nuovi gladiatori, in cambio di un lauto compenso.

SESTER ZIARII
Si può girare in tondo, tentando di darne una definizione dignitosa, ma in realtà i Sesterziarii
erano dei disperati che si buttavano nell’arena per pochi spiccioli (sesterzi). Non avevano
un’adeguata esperienza e si trattava per lo più di anziani e persone con un gran bisogno di
denaro. Insomma, sangue e morte a basso costo. Dobbiamo pensare che si facessero delle grandi
stragi di Sesterziarii per eccitare la folla. Non bisogna confonderli con i Catervarii, che erano
invece dei combattenti atletici.

C ATERVARII
Venivano gettati nell’arena per dare vita a un furioso mischione a base di interiora e ferro. Una
caterva di uomini che combatteva senza tecnica, nè difesa. Vita e morte erano decise dal gladio
che impugnavano e, soprattutto, dalla fortuna. I Catervarii servivano agli imprenditori dello
spettacolo per donare alla folla una massiccia e macabra follia di sangue. Seneca ce ne fornisce
una testimonianza diretta.

Epistole VII, 3-5

“…Per caso capitai in uno spettacolo di gladiatori che


combattevano nel pomeriggio, aspettandomi dei giochi, degli
intermezzi farseschi e qualche spettacolo rilassante con cui gli
occhi degli uomini possono riposarsi dalla vista del sangue
umano: avvenne proprio il contrario. Tutti i combattimenti
precedenti furono opere di misericordia; adesso, lasciate da
parte le cose da poco, ci sono dei veri e propri omicidi: non
avevano niente con cui proteggersi. Esposti al colpo con tutto
il corpo non mandano mai un colpo a vuoto. La maggior parte
degli spettatori preferivano questo alle ordinarie coppie
gladiatorie e a quelli richiesti dal pubblico.
E perché non dovrebbero preferire ciò? Né con l’elmo né con lo
scudo vengono respinte le armi. A che scopo le difese? A che
scopo l’abilità tecnica? Tutte queste sono rinvii della morte…”
Seneca: un feroce oppositore dei giochi
gladiatori.

Altre volte, venivano considerati Catervarii prigionieri di guerra o criminali, costretti ad entrare
nell’arena per battersi fra loro fino alla morte. Un episodio di questo tipo viene riportato da
Flavio Giuseppe nelle Guerre Giudaiche (VII 2,1):

“…Tito si fermò a   Cesarea e dette ogni tipo di spettacoli.


trovarono colà la morte molti dei prigionieri, alcuni gettati
alle belve, altri costretti a battersi tra loro in fitte schiere
(catervatim)…”

CUBICUL ARI
Si trattava di gladiatori privati, o veri professionisti pagati dai loro padroni per fare da guardie
personali o per divertire i commensali durante i banchetti con duelli corpo a corpo. Se richiesto
dai loro proprietari, potevano anche combattere ufficialmente nei munera.

TER ZIARII
Si tratta di combattenti che potevano appartenere a qualsiasi specialità gladiatoria. Conosciuti
anche come Suppositicii. Questi uomini prendevano la denominazione dal numero tres, in
quanto poteva accadere che che, dopo la morte di uno dei due contendenti, prendesse il suo
posto un terzo uomo, il Terziario per l’appunto, per continuare il duello con il vincitore.
Immaginiamo questi uomini nell’attesa del loro destino, scrutassero le mosse dei loro eventuali
avversari durante lo scontro, sperando di comprenderne le tattiche ed i punti deboli.

Insomma, parliamo di una vasta gamma di atleti, disperati e amanti dell’adrenalina (e non
mancavano le donne) che formavano la parte più “sostanziosa” dell’attività nell’Arena

S
ul nostro sito non troverai mai banner pubblicitari. Puoi supportare l’attività
del Centro Studi Zhistorica acquistando le nostre pubblicazioni. Fino a oggi,
abbiamo inviato più di 2.500 volumi! I primi due libri pubblicati da
Zhistorica sono il   best-seller   I Padroni dell’Acciaio, che contiene 10
monografie di condottieri e uomini d’arme cinquecenteschi, e Il Diario di Federmann,
la prima traduzione in italiano del diario di viaggio del conquistador tedesco Nikolaus
Federmann. Tramite il nostro marchio di narrativa dark-fantasy e horror, Necrosword,
abbiamo pubblicato il romanzo Zodd. Alba di Sangue.
Clicca sulle immagini qui sotto per scoprire di più

I Padroni dell’Acciaio
(194 pagine a colori)
2 card A5 su cartoncino 170gr
1 segnalibro

Il Diario di Federmann
(140 pagine a colori)
Pubblicato in Battaglie, Assedi, Guerra e Guerrieri, STORIA / Taggato catervarii, colosseo,
combattimenti arena, combattimenti nel colosseo, gladiatori, laqueatores, sesterziarii, silvano
mattesini gladiatori, storia dei gladiatori, tipologie di gladiatori

 Gladiatrici nella Roma Antica: le Prove Le Parti della Spada 

20 pensieri riguardo “Gladiatori: le tipologie meno conosciute”

Giacomo ha detto:
Febbraio 18, 2010 alle 7:43 pm

Molto interessante e infatti l’unica perplessità è tennistica: dove hai letto che Nadal non
fosse mancino ma addestrato a giocare così?

Rispondi

GwrageddAnnwn ha detto:
Febbraio 19, 2010 alle 12:57 pm
Bell’articolo! Complimenti

Rispondi

iome ha detto:
Febbraio 19, 2010 alle 6:10 pm

bello bello

il terziario aveva un vantaggio pazzesco il vincitore era provato dal duello appena finito
e doveva immediatamente afrontare un’ avversario fresco che aveva avuto tutto il
tempo si studiare una strategia, da cui avanzo un’ipotesi : che questi terziarii fossero
scelti tra le schiappe? altrimenti sarebbe stato uno scontro troppo sbilanciato

il sesterziario era un’ uomo libero? che armamenti potevano avere? gliene fornivano a
caso tra armi lunghe e corte? solo gladi? poteva portarsi da casa qualcosa di suo?
m’buto?

Rispondi

tezza ha detto:
Marzo 1, 2010 alle 5:53 pm

Hi everybody! I do not know where to begin but hope this site will be useful for me.
Hope to get some assistance from you if I will have some quesitons.
Thanks and good luck everyone!

Rispondi

Leonardo ha detto:
Marzo 12, 2010 alle 9:44 am

Cavolo, quelli di Ars Dimicandi se ne danno proprio tante! Ho rivalutato l’importanza


dello sbilanciare nel combattimento.

Rispondi

Leonardo ha detto:
Marzo 12, 2010 alle 2:33 pm

Ho letto qualche libro di Gordon Rusel, mi ricordo. Su Valerio, il secutor?

Rispondi

Lessa ha detto:
Giugno 16, 2010 alle 11:21 pm

Ciao Z.
Hai fatto bene a fare questo post, però se avrai letto l’ultimo libro del Darivs, o
quantomeno il sito dell’ArsDimicandi non potrai aver notato che molti dei punti che hai
elencato nell’articolo sono in palese antitesi con quanto afferma l’Ars.
Specialmente per i combattimenti (rigidamente codificati) che per le innumerevoli
denominazioni da te elencate (per l’istituto Dominicandiano spesso sono semplici
sinonimie).

Il tuo blog comunque mi piace assaje, per cui ti ho aggiunto ai link del mio.

a risentirci!

Rispondi

Lessa ha detto:
Giugno 17, 2010 alle 9:52 pm

Grazie del benvenuto (ho passato l’ultimo quarto d’ora a cercare dove avessi postato il
mio commento di ieri).
I contenuti sono molto interessanti, come si dice, pochi ma buoni.
L’ultimo libro del Darivs l’ho ricevuto l’altro giorno, direi che non è proprio economico.
La grafica è deludente, i disegni bruttini ed abbastanza irregolari, si potrebbe dire che
sono un vago riferimento agli originali. Per i contenuti poi vi è il loro ricchissimo sito ed
il forum. Mi son deciso a comprarlo comunque perchè avendo perso il primo “retiarius
adversus secutor” ed essendo io un reziario non potevo certo non leggerlo. Chiaramente
non voglio dare un voto negativo al libro (non in questa sede almeno) visto che mi sta
rubando parecchio del mio tempo (senza alcun dispiacere da parte mia).
Apprezzo l’Ars per lo sforzo impiegato nello sfatare diversi luoghi comuni apprezzabili
in video simili http://www.youtube.com/watch?v=JIWy9Wg7RfY&feature=fvsr (lo posto
anche perchè da qualche parte sul blog qualcuno ha scritto di preferirlo rispetto a
deadliest warrior…sebbene per me siano grotteschi entrambi questi due
programmi..forse l’unico a salvarsi è “l’arma perfetta”… o almeno a me fa abbastanza
divertire).

condivido il tuo punto di vista, anche io (come per la storia) sono in cerca solo della
verità. Non ho problemi a distaccarmi parzialmente o in toto da alcune interpretazioni
dell’Ars (fresco di lettura…quella sugli Andabati).
Non conosco il libro che mi hai citato, ma penso che dovrò colmare al più presto questa
lacuna.

Si, come avrai capito dal blog (ti ringrazio per i complimenti anche se non è tutto questo
granchè visto che non vi sono verie propri “articoli”) faccio rievocazione storica Romana
(Cohors II Sardorum di età imperiale) e medioevale, sino alla fine del giudicato di
Arborea (primi decenni del 1400), anche se mi piacerebbe sviluppare maggiormente
questo secolo, visto che le armature di questo periodo sono in assoluto le più belle mai
prodotte (almeno ai miei occhi).
And last but not least trattiamo anche il periodo “nuragico” riferendoci però più alla
prima età del ferro che a quella dell bronzo.
L’argomento Shardana è molto interessante, anche se non privo di grosse problematiche
e numerose zone d’ombra incolmabili se non con la ricerca archeologica….va detto
anche che sull’argomento girano le più assurde interpretazioni.

Conosco i ragazzi delle 4 porte (in Sardegna ci conosciam più o meno tutti) perchè spesso
collaboriamo ad alcune manifestazioni. Son un gruppo relativamente nuovo ma molto,
molto in gamba. Ho grandissima considerazione per quello che stanno facendo e
ripongo in loro grandi aspettative per migliorare la rievocazione nell’Isola.
Poi ci sarebbero anche altri periodi veramente interessanti da trattare, ma il tempo è
limitato e sarebbe davvero troppo poter fare tutto (romano repubblicano,
altomedioevale, 400esco…ecc).

Rispondi

Lessa ha detto:
Giugno 18, 2010 alle 7:21 am

Questo è molto bello!


Ti dirò, io son legato al mare sin da quando avevo qualche anno di età. In seguito non
sono più potuto andarci per problemi di altro tipo, ed ho iniziato a scoprire più
approfonditamente la Sardegna dell’interno, “l’altra” Sardegna, quella fatta di boschi
giovani, di fonti e ruscelli, di animali rarissimi, unici al mondo, e di rilevanze
archeologiche particolarissime. La lista potrebbe anche continuare all’infinito
(gastronomia, usanze, eccetera) ma penso di aver reso l’idea.

Tra parentesi, un altra passione mai assopita, è quella dei Nuraghi, bellissime ed
enigmatiche vestigia di una civiltà quasi misconosciuta…

Mi fa piacere leggere quello che hai scritto, il nord Sardegna per me non è proprio a
portata di mano, ma chissà che prima o poi non ci si incontri per bere una Ichnusa…

Rispondi

dunseny ha detto:
Gennaio 9, 2011 alle 10:32 pm

bello l’articolo ma mi piacerebbe sapere quanto c’è di sicuro e quanto di supposto (non
voglio fare la battuta!).
Per esempio i Sesterziarii mi sembrano poco credibili così come vengono descritti. Se
rischiavano così tanto rispetto ai gladiatori più professionali perchè cercare una morte
quasi certa in cambio di pochi soldi? o li pagavano bene oppure il massacro non era così
invevitabile oppure erano malati di mente. Prigionieri di guerra, schiavi, condannati a
morte li puoi tranquillamente esporre a qualsiasi pericolo, per migliorare lo spettacolo
puoi anche dargli qualche possibilità di sopravvivenza, ma uno libero aveva tante
alternative migliori (il crimine per esempio in cui la morte era probabile ma solo se ti
catturavano).

Delle tendenze originali dei Tunicati non ne sapevo niente. Buono a sapersi.

ciao

Rispondi

iome ha detto:
Ottobre 31, 2012 alle 2:03 pm

si sono spippolate quasi tutte le immagini

Rispondi
fenicio ha detto:
Gennaio 12, 2016 alle 4:13 pm

Zwei, visto che nonostante tutto ti stimo molto quando parli di armi, storia antica e
storia medievale, vorrei farti una domanda probabilmente stupida e che ti avranno
rivolto in tanti, ma che mi ha sempre incuriosito. Perchè i romani usavano il gladio e
non la buona e vecchia SPADA? Per un esercito in cui la parte del leone la faceva la
fanteria, avere i legionari armati con una spada più lunga non sarebbe stato un discreto
vantaggio in termini tattici? Non avrebbe aumentato la potenza e la capacità di attacco
della fanteria pesante, e quindi di tutto l’esercito?

Rispondi

Terra Nova ha detto:


Gennaio 12, 2016 alle 7:33 pm

Premesso che trovo di pessimo gusto il tuo ciclico ritorno flammoso su questi lidi,
additando tutti noi (padrone di casa in primis) come bulli, razzisti, suprematisti, e per
noi fidi scudieri cock-slaves di Zwei (questo però è vero XD) e via delirando, per poi
buttare due righe di captatio benevolentiae prima di chiedere informazioni, dicevo,
premesso questo, Zwei ha scritto un articolo sulla spatha, da cui cito:

L’adozione di un’arma, di ogni tipo di spada, risponde alle necessità


specifiche di un determinato stile di combattimento individuale o di
gruppo.

http://zweilawyer.com/2010/04/22/le-armi-del-legionario-la-spatha/

Nella seconda metà dell’articolo c’è un ottimo confronto fra i due tipi di spade, più
altri dettagli da cui puoi dedurre le ragioni per cui il gladio si adattasse meglio al
modo di combattere dei legionari – o per cui il modo di combattere dei legionari si
adattasse meglio al gladio -, non ultime forma e dimensione dello scudo.

Inoltre, please, non usiamo termini come ‘potenza’ così ad muzzum

Rispondi

Zweilawyer ha detto:
Gennaio 12, 2016 alle 8:48 pm

Un caloroso abbraccio mia cara

Rispondi

Terra Nova ha detto:


Gennaio 13, 2016 alle 7:58 am

Grazie caVo, e anche se un po’ in ritardo, felice anno nuovo ^^


Zweilawyer ha detto:
Gennaio 12, 2016 alle 8:46 pm

Oltre a quanto scritto da Terra, devi considerare che il gladio aveva sì una lama corta,
ma anche le spade usate da altri popoli non erano particolarmente lunghe. Niente a che
vedere, ad esempio, con la spada lunga medievale.

Rispondi

Gianni ha detto:
Ottobre 16, 2016 alle 6:44 pm

Buonasera.
Avrei un domanda riguardo i “catervarii”.
Questa parola non indica esclusivamente un tipo particolare di pugile?
Perché utilizzando il Perseus il “A Latin Dictionary” di Lewis e Short mi indica solo due
passi di Svetonio (Augusto, 45; Caligola, 18) in cui è utilizzata questa parola.
Il passo di Seneca citato nell’articolo non presenta tale termine e si dovrebbe riferire ai
“noxii” (termine non presente nel passo, come “gladiator”), cioè ai condannati a morte?
L’esecuzione dei “noxii” che avveniva nello spettacolo di mezzogiorno prevedeva anche
il combattere tra di loro privi di qualsiasi armatura e con solo un pugnale.
Il termine “Catervarii” forse è utilizzato in fonti non letterarie?

Grazie.

Rispondi

Zweilawyer ha detto:
Ottobre 17, 2016 alle 11:20 am

Ciao Gianni,
la parola indica dei pugili che si distinguevano dagli altri per combattere in “caterve”,
ossia un gruppo contro l’altro (entrambi abbastanza numerosi). Il passo di Svetonio
che hai citato recita infatti “Spectavit autem studiosissime pugiles et maxime Latinos,
non legitimos atque ordinarios modo, quos etiam committere cum Graecis solebat,
sed et catervarios oppidanos inter angustias vicorum pugnantis temere ac sine arte.”
Justus Lipsius, nel XVI secolo (Sat. Serm.) riporta altre fonti da cui deduce si trattasse
di caterve di gladiatori e non di semplici pugili.
In vari dizionari del XIX secolo i catervarii sono definiti come “gladiatori che
combattevano a caterve, molti contra molti”. Probabilmente, il termine che,
inizialmente, indicava solo una categoria di pugili, iniziò a comprendere anche gli
scontri di gruppo fra gladiatori. In “Gli spettacoli dell’antica Roma descrizione istorica
del dottore Agostino Ademollo” (1837) si legge che “negli spettacoli catervarii
combattevano gladiatori di ogni specie”.

Rispondi

Gianni ha detto:
Ottobre 18, 2016 alle 10:33 pm
Grazie mille per la risposta e per i testi indicati.

Rispondi

Pingback: Cronache nemediane: Gladiatori: le tipologie meno conosciute

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cerca …

Post Popolari

Regno d’Etiopia, Sultanato di Adal e


Portogallo: La Battaglia di Wayna
Daga (1543)

Dioniso il Filosofo: Una Rivolta


nell’Impero Ottomano

Giovanni dalle Bande Nere. Il Gran


Diavolo

Pisa e gli Arabi: il Mito di Kinzica


(1005)

Donne Guerriere

Commenti recenti
 Lorenzo Marzona su Gli Indios sono
Uomini: la Sublimis Deus di Paolo III
(1537)
 equilibristasquilibrato su Strumenti
di Tortura e Inquisizione: I Falsi in cui
Avete Sempre Creduto
 Fabrizio92 su L’Esercito di Carta: la
Milizia Farnesiana tra Istituzione
Militare e Controllo Sociale (1545-1646)
 Gabriele Campagnano su La
Battaglia di Haugsnes (1246): un
(moderato) Massacro Islandese
 Fabio Nattero su La Battaglia di
Haugsnes (1246): un (moderato)
Massacro Islandese

Zhistorica
132.248 "Mi piace"

Mi piace Invia un messaggio

I Nostri Volumi

Cerca …

Proudly powered by WordPress | Tema: Oria by JustFreeThemes.