Sei sulla pagina 1di 24

LE ARITMIE IPOCINETICHE

Dr Domenico M. Carretta
Struttura Complessa di Cardiologia
Taranto Occidentale
P.O.Castellaneta
Definizione
Sono delle aritmie dovute, spesso, ad un
patologico rallentamento della frequenza
cardiaca a causa o di una anomalia della
formazione dell’impulso o della sua conduzione

Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia


11/06/2011 2
Castellaneta (TA)
PQ: 0.12-0.20 msec

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 3


Incidenza delle A.I. con l’età

Elettrocadiografia Clinica: Slavich 2010

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 4


Classificazione

Forme miste
1. Ritmi di scappamento atriale,
giunzionali o ventricolari
(dissociazione isoritmica)
2. FA o Flutter atriale a bassa
risposta ventricolare

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 5


Bradicardia Sinusale
Onde P sempre Eziologia
1. Presenti 1. Ipertono vagale
2. Frequenza < 60 m’ 2. Farmaci (digitale,diltiazem,B bloc,
3. Morfologia normale per derivazione (+ ivabradina ecc..)
in D I-II-aVF, - aVR) 3. Disfunzione sinusale (fibrosi,ischemia
4. Asse di P: 0 e +90° ecc)
5. Propagazione dell’impulso dall’alto in
basso e da dx>sn

Diagnosi Differenziale
BSA 2:1 stabile o BAV 2:1 (P sotto T)

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 6


Aritmia sinusale
Onde P
1. Presenti
2. Frequenza < 60 m’
3. Morfologia normale per derivazione (+ in D I-II-
aVF, - aVR)
4. Asse di P: 0° e +90°
5. Propagazione dell’impulso dall’alto in basso e
da dx>sn

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 7


Aritmia sinusale ventriculofasica
Onde P sempre
1. Presenti
2. Morfologia normale per derivazione (+ in
D I-II-aVF, - aVR)
3. Asse di P: 0 e +90°
4. Propagazione dell’impulso dall’alto in
basso e da dx>sn

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 8


Blocco Seno-Atriale

Calcolo del ciclo sinusale:


Somma dei cicli diviso il
numero di cicli +1
(108+88+148=344/4=86
msec)
11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 9
Blocco Seno atriale
Secondo grado
Secondo grado
BSA 2:1
Tipo 2 o Mobitz
1. Ha le caratteristiche del BSA tipo 2
1. Ritmo sinusale normale che
2. Il blocco si manifesta dopo ogni
improvvisamente si interrompe con
impulso condotto normalmente
una pausa
3. Si ha un impulso normale ed una
2. La pausa è uguale al doppio del ciclo
pausa
sinusale
4. La pausa è pari al doppio di un
3. Gli intervalli PP che precedono la
intervallo PP normale
pausa sono costanti (non si accorciano
DD.:Bradicardia sinusale (in questa il
progressivamente)
ritmo è costantemente lento, nel
4. Gli intervalli PP che seguono la pausa
BSA 2:1 si possono avere fasi di
sono costanti
BSA tipo 2 vedi esempio)

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 10


Blocco seno atriale di III grado o arresto sinusale
1. Può essere parossistico o permanente
2. Nella forma parossistica si ha un Ritmo Sinusale che si blocca improvvisamente con una
pausa che può essere o meno interrotta da un ritmo di scappamento
3. Nella forma permanente non vi è Ritmo Sinusale ma un Ritmo di Scappamento o
Sostituzione (atriale, giunzionale o ventricolare)

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 11


Blocchi atrio-ventricolari: BAV
1. L’ attività sinusale è normale
2. Il blocco può essere: sopra il NAV
(nell’atrio o nella giunzione atrio-
NAV), nel NAV o sotto il NAV (fascio
di His-branche)
3. La sede del blocco può essere
studiata con il SEF
4. La gravità dipende dalla sede del
BAV e dalla eziologia

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 12


Blocchi atrio-ventricolari:BAV
BAV I La diagnosi di sede
1. Viene effettuata con il SEF
1. È un rallentamento della conduzione
2. Test (MSC o atropina)
dell’impulso
3. Depongono per un soprahissiano:
2. Si manifesta con un costante
QRS stretto, BAVII tipo 1
allungamento dell’intervallo PQ/PR
coesistente o indotto da MSC,
(>0,20 sec), la P sinusale è sempre
riduzione del PQ senza peggiorare
seguita da un QRS
il BAV con atropina, sforzo fisico,
3. PQ molto lunghi possono essere
isoproterenolo
asintomatici
4. Depongono per un infra o
4. La gravità dipende dall’eziologia e
sottohissiano: QRS largo, episodi
dalla sede del BAV
di BAV II tipo 2 o avanzato,
5. Nel 75% la sede del BAV è
accorciamento del PQ con MSC,
soprahissiana (atrio,nodo)
peggioramento del BAV con
atropina

Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia


11/06/2011 13
Castellaneta (TA)
Blocchi atrio-ventricolari: BAV
BAV di II grado tipo I
O di Luciani-Wenckebach 1. il PQ del primo battito è sempre più corto
dei successivi (migliora la conduzione)
Forma Tipica: è caratterizzata da
2. Nel 70% la sede del BAV è nel Nodo AV,
1. Allungamento progressivo del PQ 3. Si sospetta una forma infra o sottohissiana
fino al blocco (P non seguita da QRS) per PQ a minimo incremento, QRS largo
2. Progressivo accorciamento di RR (il (vedi risposte alle stimolazioni)
PQ max si ha tra primo e secondo battito poi Forme atipiche: PQ variabili
l’aumento diminuisce : questo accorcia gli RR)

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 14


Blocchi atrio-ventricolari:BAV
BAV II grado Tipo 2 o Mobitz 2

È caratterizzato da: 4. RR costanti (doppio o multiplo del


1. P sinusale RR base)
2. PQ sempre costante e di durata 5. Il QRS è spesso largo
normale 6. È nel 35% infrahissiano e nel 65%
3. Insorgenza brusca: P bloccata non sottohissiano
seguita da QRS

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 15


Blocchi atrio-ventricolari:BAV
BAV 2:1, 3:1 e di GRADO AVANZATO
1. Sono blocchi di secondo grado e possono essere espressione di forme del BAV II
tipo 1 o 2
2. La diagnosi di sede può essere accertata solo con il SEF

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 16


Blocchi atrioventricolari: BAV
BAV III O COMPLETO
È caratterizzato da:
1. Dissociazione atri-ventricolare completa (attività
atriale indipendente da quella ventricolare)
2. Ritmo di scappamento a QRS stretto (giunzionale) o
largo (ventricolare)
3. QRS stretto indica una sede soprahissiana (16-25%),
QRS largo indica una sede infra/sottohissiana (54-75%)
4. FC di 55-25 b/m’
5. Il ritmo di scappamento presenta una notevole
instabilità: la terapia può essere solo la stimolazione
temporanea

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 17


Blocchi atrioventricolari: BAV

11/06/2011 Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia Castellaneta (TA) 18


Ritmi di scappamento
Definizione: sono dei ritmi di sostituzione del normale ritmo
sinusale ed insorgono in caso di blocco senoatriale o BAV
avanzato o completo
Il miocardio specifico: è dotato di eccitabiltà (batmotropismo) ed
automaticità (per le variazioni di potenziale l’impulso si rigenera
spontaneamente)

Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia


11/06/2011 19
Castellaneta (TA)
Ritmi di scappamento
Tutto il miocardio specifico è dotato di batmotropismo
e automaticità ma domina la regola del Segnapassi
più veloce e dell’overdrive suppression
Sede Automaticità
b/m’
NSA 60-80

NAV 40-60

Cell. Purkinje 30-40

Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia


11/06/2011 20
Castellaneta (TA)
Ritmi di scappamento
Caratteristiche :
• Si associano sempre ad un BSA o BAV
• I foci di attivazione
1. hanno un’attivazione ritardata rispetto al blocco (presenza di una pausa)
2. presentano il fenomeno del riscaldamento
3. non hanno di protezione (DD Parasistolie)
4. hanno una Automaticità differente a seconda della sede
Sede FC di scappamento b/m’
Atrio 45-50

NAV-His 35-40

Cell Purkinje-Ventricolo 30-35

Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia


11/06/2011 21
Castellaneta (TA)
Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia
11/06/2011 22
Castellaneta (TA)
Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia
11/06/2011 23
Castellaneta (TA)
Dr. Carretta Domenico UO Cardiologia
11/06/2011 24
Castellaneta (TA)