Sei sulla pagina 1di 11

Orchestra Stabile della Canzone Classica Napoletana Conservatorio di Musica Nicola Sala -

Benevento - Napule bello - giorno Giovedì 20 giugno 2019 h. 21,30 Piazza Roma - Benevento
Voci: Annarita Fasulo, Maria Antonietta Buono, Vincenzo Correale, Domenico Di Marzo, Teresa
Loreti, Annabella Pagano, Vincenzo Palumbo, Bruno Silvestri, Maria Carmela Tufanisco
Flauto Enza Pozzuto, 1° Mandolino Domenico De Matteis, 2° Mandolino Anthony Palermo,
Mandola Annalisa Palermo, Basso Verena Rizzo, Fisarmonica Lorenzo Cirocco, Chitarre Antonio
Toto e Lorenzo Marino, Pianoforte Girolamo De Luca
Ballerini:Angela Blaso,Antonio Esposito,Erica Marino, Luca Parenti, Branka Pavic, Filomena Russo
I bambini:Raffaella Maffei, Gaia Meola, e Giada Ottaiano
.

Fasulo Buono Correale De Rosa Di Marzo Loreti Pagano Palumbo Silvestri Tufanisc
Paraviso e O’ pizzaiu Napule è O’ Marechiar Era de E’ Guì! Guì! Ll’arte d’ Connola
fuoco olo nuovo chino è scugnizzo o maggio llampadin RE ‘o sole senza ma
eterno LA SOL femmene DO DO SOL e DO MI mma MI
LA
Mio Nu poco Serenata Carmela Tarantella Furturella L’ultima I’ te vurria Torna a Pusilleco
carissimo e napoletan RE Luciana SOL tarantella vasà Surriento addiruso
Pasquale sentiment a DO FA LA MI RE LA
RE o RE
Tammurriat Comme A tazza ‘e O’ mare è Core Tammurriat A’ cartuli Funiculì A’ serena Popolo pò
a ameri Facette cafè DO Margellin ‘ngrato a palazzola na è Na funiculà ta ‘e Puli LA
cana SOL Mammeta a DO RE SOL pule DO RE cenella
SI Sol
O sole mio A’ Mmiez’ ‘o Sciuldezz Serenata Santa Voce ‘e Tammurria Guappari Palcuscnic
LA picciotta ggrano a bella! a Surrien Lucia notte! ta nera a MI o FA#
Si RE DO to RE LuntanaSIb SI SOL
Musicisti: vestiti pantalone nero, camicia bianca, Gilet colorato.
Cantanti Maschi: vestiti pantalone nero, camicia bianca, Gilet colorato. -
Scatola o valigia di cartone, lingue menelik e/o trombette, (Palumbo Ciaramella o flauto dolce)
Cantanti Femmine: gonna colorata, camiciola bianca e foulard o scialle colorato o di colore forte
Scialle nero, fazzoletto bianco, lingue menelik e/o trombette (Buono contenitore pizze)
Ballerini: 8 (ambo sessi) e 2 piccoli al di sotto dei 10 anni vestiti da popolani. Accessori: vassoio e
due tazzine da caffè - bambole di pezza malridotta, strummolo, mazza e pivezo - piccoli tamburelli.

Ricordare due particolari importanti:


1 Anticipare sempre l'uscita il palco è 10 x 12.
2 Le risposte delle canzoni vanno rivolte sempre al/la compagno/a in modo di sfottò.
1° quadro) Signore e signori buonasera, questa sera vi porto a
Napoli. No, no ma che fate, 'A signora la dietro già si . .
.Ammmore mio. Po quando finisce, ae, so dolori. Perchè 'o
risentimento diventa . . . nu core ngrato. (Entra Buono e Di
Marzo la segue) Ssss . . . Silenzio sta arrivanno Catarì.
Di Marzo canta Core ‘ngrato RE (1 strofa).
Poi dopo Buono canta Nu poco e sentimento RE (1 strofa 2 ritornelli) (a inizio canzone entrano a
coppia Fasulo-BALLERINO, Correale-Loreti, Pagano-Silvestri).
Maschi: e che ? (Rivolto alla compagna)
Femmine: Ppó, Ppó, Ppó (Rivolto alla compagno)
Poi dopo Correale canta Napule è chino è femmene LA (1 strofa e 2 rit.)
2 volta solo Maschi cantanop ritornello:
Siente a me, bellezza mia, chistu core ca tu tiene, pare 'Albergo 'e ll'Allegria:uno vène e ll'ato va...
E chist'uocchie, belle e chiare,ca só' duje repassature, fanno ll'arte d''e sanzare passaggiere
p'acchiappá!...
sul finale della canzone entra sorridendo Palumbo accompagnato da Tufanisco e canta Gui guì (1
strofa e 2 rit.)
tutti coro: guì guì guì guì (rivolto alla compagna)- a fine canzone ringraziare pubblico e escono tutti

2° quadro) Nel 1919, 100 anni fa, esattamente il 25 agosto, a


soli 45 anni moriva un grande autore . . . . . . spentosi nella
più squallida miseria. Non ai maestri, ma a questi due
popolani, invidio qualche poesia! Omaggio a Capaldo.
Entrano Tufanisco, Di Marzo e Buono coi tamburelli e Buono canta Comme facette mammeta SI (1
strofa e 2 rit.). Tutti e tre cantano ritornello: Ciento rose 'ncappucciate, dint''a mártula mmescate
Latte, rose, rose e latte,te facette 'ncopp''o fatto! -
Nun c'è bisogno 'a zingara p'andiviná, Cuncè Comme t'ha fatto mámmeta, 'o ssaccio meglio 'e te!.
Nun c'è bisogno 'a zingara p'andiviná, Cuncè Comme t'ha fatto mámmeta, 'o ssaccio meglio 'e te!.
Poi entrano Loreti(con la bambina con un vassoio e due tazzine di caffè che sollecita tutti a bere un
caffè) e Correale che canta A tazza ‘e cafè DO (1 strofa e 2 rit.). Solo maschi cantano ritornello:
Ma cu sti mode, oje Bríggeta, tazza 'e café parite: sotto tenite 'o zzuccaro, e 'ncoppa, amara site...
. . . . . . . . . ca 'o ddoce 'e sott''a tazza, fin'a 'mmocca mm'ha da arrivá. (tutto 2 volte)
Poi entrano litigando Palumbo e Pagano che canta E’ llampadine DO (1 strofa e 2 rit.) Le femmine
cantano ritornello:
Sti core nuoste, parono doje lampadine elettriche:S'appicciano se stutano se tornan'a appicciá . . .
(poi tutti): E luce, luce, luce, luce elettrica! (Tutto 2 volte)
Poi festosi e allegri entrano Fasulo e Silvestri che canta Ll’arte d’ ‘o sole MI (1 strofa e 2 rit.)
Cantano il ritornello prima volta solo maschi, seconda volta tutti :
'Sta canzone vène a te, Sta canzone vène a te, Catarina, Catarí Catarina, Catarí, Voglio fá ll'arte
d''o sole,Voglio fá ll'arte d''o sole, pe' fá chello ca dich'i', pe' fá chello ca dich'i'!... (2 volte)
- a fine canzone ringraziare il pubblico e escono tutti

3° quadro) Hanno calcolato che tra il 1861 e il 1985 dall'Italia


sono partiti quasi 30 milioni di emigranti. . . . . . . . Basta
citare la frase di Massimo D'Azeglio "L'italia è fatta, gli
italiani sono da farsi" E nuie, stammo ancora aspettanno !
Entrano accoppiati mano nella mano: Correale-Fasulo e Palumbo-Loreti e una bambina con una
bambola di pezza malridotta - Silvestri-Buono e una bambina con un pezzo di pane - Di Marzo-
Pagano. Tutti i maschi con una valigia oppure uno scatolo di cartone, le femmine con uno scialle
scuro in testa e un fazzoletto bianca in mano. Tufanisco con BALLERINO canta Connola senza
mamma MI 1 strofa Coro tutti: A a a a (2 volte).
Poi Pagano con una cartolina in mano canta A’ cartulina è Napule DO 1 strofa.
Poi Loreti con il/la piccolo/a canta Santa Lucia luntana SIb 1 strofa e coda Quanta malincunia i
maschi si avvicinano e cantano malincunia poi le femmine si avvicinano e cantano malincunia
- a fine canzone escono tutti a coppia abbracciati e le femmine sventolano il fazzoletto bianco.

4° quadro) La tammurriata ha origini antichissime ed è una carat


teristica danza popolare della Campania. .. . . . . . Noi
adesso vi facciamo ascoltare come è stata introdotta ques
ta bellissima danza popolare nella canzoneclassicanapoletana
Entrano: tutti i cantanti (Fasulo, Correale, Silvestri, Pagano a sinistra del palco - Palumbo, Di
Marzo, Tufanisco, Buono alla destra del palco. Bisogna fare in modo da lasciare spazio e visualità
ai ballerini), 6 ballerini (al centro del palco), Verena/Dario (suona la tammorra) con la prima
cantante (Loreti) va in proscenio. Tutti i cantanti con uno strumento (Correale Mandolino, Tufanisco
Castagnette, Buono Tammorra o castagnette, Pagano Castagnette, Loreti triccabballecche, Fasulo
scetavajesse, Di Marzo Chitarra, Palumbo Putipù, Silvestri scetavajesse).
Loreti canta Tammurriata palazzola SOL (1 strofa e 2 rit) Tutte le femmine cantano il ritornello:
Va', vatté va', vatté sparágnate 'a sagliuta, sparágnate 'a sagliuta sóngo faccia canusciuta: fatte 'o
cunto â for''e me...(rivolto ai compagni) (Tutto 2 volte)
Poi Fasulo canta Tammurriata americana SOL (1 strofa) Tutti le femmine cantano: Tammorre e
sax,trummette e benge,chitarre e gezz . . . . . .Scétate, scétate,scétate, scéscè, scetavajasse!
Poi Palumbo canta Tammurriata nera SOL (1 strofa e 2 rit.) Tutti cantano il sottolineato:
. . . nun se crede nun se crede . . .sissignore o chiamma Giro, . . . . seh! seh! seh! . . . . Seh seh! . .
. . chillo o fatto e niro niro niro niro comm’ che! (2 volte)
- a fine canzone ringraziare il pubblico e escono tutti

5° quadro) Doveva essere davvero un grosso problema di


ordine pubblico, se nel 1221 il Re di Napoli . . . . . .
Nun me so nnammorato de le ricchezze.
Manco le rrobbe toje me fanno gola:
me so nnammurato de bellezze toie,
'o parlare tuoie mi sazia, m'onora.
Entrano Di Marzo con la chitarra e Correale con il mandolino (rimangono sempre in scena) che
canta: Mmiez’ ‘o ggrano RE (1 strofa) poi -
entra Loreti e canta: Era de maggio SOL (1 strofa) poi esce -
entra Silvestri e canta: 'A serenata ‘e Pulicenella SOL (1 strofa) poi esce -
entra Palumbo e canta: I’ te vurria vasà! MI (1 strofa)
- a fine canzone i tre ringraziano il pubblico e escono.

6° quadro) Le serenate purtroppo avevano anche un risvolto a


volte non molto simpatico. Quando . . . . Serenata
napoletana o Voce e notte, altre volte invece era fatta in
senso di sfottò come Sciuldezza bella.
Entrano Correale con il mandolino, Di Marzo con la chitarra (rimangono sempre in scena)
entra Pagano e canta Voce ‘e notte! SI (1 strofa) poi esce -
Correale canta Serenata napoletana DO (1 strofa)
entrano Palumbo con la ciaramella, Silvestri Putipù, Buono che prende la scena facendo la
smorfiosa e Correale gli canta Sciuldezza bella! DO (2 strofe) -
- a fine canzone ringraziare il pubblico e escono tutti

7° quadro) La serenata in alcune occasione andava a finire


male. Ci poteva essere . . . . avuto come massimi autori
Libero Bovio e E.A.Mario e famosi cantanti come
Pasqualillo, Romagnoli e Merola per citarne alcuni.
Entrano Correale con il mandolino, Di Marzo con la chitarra e Silvestri che canta Guapparia MI (1
strofa) poi escono tutti e tre -
entra e canta Fasulo: Paraviso e fuoco eterno LA (1 strofa+refrein) poi esce -
entra e canta Pagano: L’ultima tarantella LA - a fine canzone ringrazia il pubblico ed esce

8° quadro) Adesso ci spostiamo per un attimo da Napoli . . . noi


tifosi del Napoli:'O surdato nnmmurato. Adesso facciamo
un omaggio a questi due grandi autori e a Sorrento.
Buono entra e canta: 'A picciotta SI (1 strofa e 2 rit.) poi esce -
Correale entra e canta: Carmela RE (1 strofa e 2 rit.) poi esce -
Di Marzo entra e canta: Serenata a Surriento RE (1 strofa) poi esce -
Silvestri entra e canta: Torna a Surriento RE (1 strofa e refrain) a fine canzone ringrazia il pubblico
ed esce.

9° quadro) Fasulo: (entra, si avvicina a Di Marzo e toccandolo il braccio)

Pascà, (pausa) Pascà


Di Marzo: Ma cosa vuoi, lo capisci che adesso non è il
momento ?
Fasulo: Pascà . . . .
Di Marzo: (la interrompe) Dopo (pausa) dopo. . (e lei esce).
com'è seccante chesta femmena. Uffà ! (rimane in scena).

10° quadro) Salvatore Di Giacomo scrisse la canzone


Marechiaro, senza . . . . . .Carolina, nome molto usuale
all’epoca. Allora cerchiamo di conoscere nu poco meglio
questi luoghi della città di Napoli.
Di Marzo entra e canta: Marechiaro DO (1 strofa)
A Marechiaro ce sta na fenesta: la passiona mia ce tuzzuléa...
entrano per il coro Loreti, Pagano, Palumbo e Silvestri: A A A A - A A A A - rimangono in scena -
Tufanisco entra e canta: Pusilleco addiruso LA (1 strofa 2 rit) - 2^ volta cantano il ritornello: Di
Marzo, Loreti, Pagano, Palumbo e Silvestri a fine canzone escono tutti tranne:
Di Marzo che canta: O’ mare è Margellina DO (1 strofa) poi esce -
Fasulo entra e canta: 'O sole mio LA (1 strofa e refrein)
A fine refrein del mandolino entrano tutti e si sistemano a semicerchio dietro a Fasulo e cantano: 'O
so le mio - a fine canzone ringraziare il pubblico ed escono tutti tranne: Loreti che gira per il palco
dandosi un tono austero e Palumbo e Silvestri un poco dietro che la seguono.

11° quadro) Per la bella furturella ? tutti spantecheno e morono !


Loreti in proscenio canta Furturella SOL (1 strofa 2 rit.). Poco dietro Silvestri da un lato e Palumbo
dall'altro lato. Durante la strofa entrano Fasulo, Correale, Pagano a sinistra del palco - Di Marzo,
Tufanisco, Buono alla destra del palco. Bisogna fare in modo da lasciare spazio e visualità ai
ballerini che al centro del palco ballano la tarantella. Le femmine cantano rit.:
Eh, eh, eh, Uh, quanto è bello a fá 'ammore cu te! Ah, ah, ah, Uh, quanta vote te oglio vasá!...
Eh, eh, eh, uh, quant'è bello a fá ammore cu te! Ah, ah, ah, Uh,quanta vote te voglio vasá! (2 volte)
A fine canzone Loreti si affianca e Palumbo si porta al centro del palco e canta Funiculì funiculà RE
(1 strofa e 2 ritornelli) Tutti cantano il sottolineato:
Aisséra, Nanninè', mme ne sagliette, tu saje addó', Tu saje addó'
Addó', 'sto core 'ngrato, cchiù dispiette farme nun pò , Farme nun pò!
Addó' lo ffuoco coce, ma si fuje, te lassa stá... Te lassa stá.
E nun te corre appriesso e nun te struje sulo a guardá... Sulo a guardá
Jammo, jammo, 'ncoppa jammo ja'..Jammo, jammo, 'ncoppa jammo ja'...
Funiculí - funiculá, funiculí - funiculá..'Ncoppa jammo ja', funiculí - funiculá (Rit. 2 volte)
A fine canzone Palumbo si affianca e Di Marzo si porta al centro del palco e canta Tarantella
Luciana FA (1 strofa e 2 ritornelli ) Tutti cantano il ritornello 2 volte:
'Sta tarantella napulitana, 'nziem'a te Luciana, ca si' guappa e si' bella, cu li tammórre, cu 'e
ccastagnèlle, sott'a ll'uocchie d''e stelle, stu core, ch'abballa,vulesse abballá (2 volte)
- a fine canzone ringraziare il pubblico ed escono tutti tranne Di Marzo e Fasulo:

12° quadro) Fasulo: (si avvicina a Di Marzo e lo tira per il braccio) Pascà,
(pausa) (più forte) Pascà !
Di Marzo: (non ne posso più) Ma cosa vuoi ancora !
Fasulo: (capricciosa e decisa) Voglio sapè pecchè me lassate.
Di Marzo: (a mò di sfottò) Pecchè ?, (più forte) Pecchè ? 'O libro
d''o pecchè, andò a mare, e si perdè.
Fasulo: (nera come la pece) Nfamò, visto che nu me vuò parlà,
te dò stu biglietto. Tiè !
(mentre lui legge la lettera e mima, lei canta Mio carissimo Pasquale 3 strofe)
- a fine canzone ringraziare il pubblico ed escono

13° quadro) Forse nessuno meglio di Raffaele Viviani è riuscito


a descrivere, . . . . . Con la prima canzone che ascolterete,
'O scugnizzo di Capurro Buongiovanni, Viviani debuttò in
teatro a soli 5 anni sostituendo il cantante Geppino Villani.
Entrano tutti i cantanti (le 4 femmine con le castagnette da suonare nel quadro 14°) (tranne la
Buono), i ballerini (giocano mazze e pivezo, Zompa cavaliè, simulano un litigio, mangiano, fino al
ballo della Rumba) i piccoli a terra giocano con le bambole davanti all'orchestra, ai piedi del
Fisarmonicista e dalla flautista (incarico di sistemare i bambini a semicerchio per Tufanisco e
Loreti) - Silvestri canta:'O scugnizzo (1 strofa) - a fine canzone
entra Buono con il contenitore delle pizza (devono desiderare dll'odore delle pizze) e canta: 'O
pizzaiuolo nuovo SOL (1 strofa e 2 rit). Tutti cantano la 2 volta il ritornello: Â nennélla, cu 'a
pummarola, ô nennillo, cu 'o ceceniello, ô cchiù gruosso, cu 'o fungetiello. ll'atu riesto...s''o vvede
mammá...(a fine canzone Buono esce, posa il contenitore, mette le castagnette ed entra subito)
poi Tufanisco canta: Palcuscenico RE (fronna 1 strofa e fronna) sull'introduzione dopo la fronna e
sul finale sempre dopo la fronna, voci di ambulanti (in ordine una sola volta Pagano: 'O Roma 'O
Roma - Di Marzo: Gelati Gelati - Silvestri: Robba vecchia - gli altri fanno finta di dare la voce)- Coro
tutti:. . . . Ll'accumpagna pe' tutt''a cittá - Poi mimano il litigio Pagano e Buono, Loreti li divide.
Alla Rumba tutti cantano e i ballerini ballano la canzone: 'A rumba d''e scugnizzi LA (tutta)
Sottolineato tutti in coro (ogni voce un piccolo passo avanti)
Pal Chesta è 'a rumba d''e scugnizze
Buo ca s'abballa a tutte pizze...
Pal Truove 'e ddame, 'mpizze 'mpizze,
Buo ca te fanno duje carizze
Corr pe' te fá passá 'e verrizze...
Tuf Strette 'e mane, vase e frizze...
Corr Pruove gusto e te ce avvizze,
Tuf cchiù te sfrine e cchiù t'appizze...
Pal Comm'a tanta pire nizze,
Buo te ne scinne a sghizze a sghizze,
Pal fino a quanno nun scapizze...
Buo Chest'è 'a rumba d''e scugnizze!
Tutti 'O rilorgio, mo capisco, pecché 'o cerco e nun 'o trovo
steva appiso...E' ghiuto ô ffrisco:c'è rimasto sulo 'o chiuovo
DiMa 'O chiuovo i' tengo!
Sil Bell''e 'ammere!
Fas Scarole ricce p''a 'nzalata!
Pag Fenócchie!
DiMa 'O spassatiempo!
Sil Capillò
Fas Mo t''e ccoglio e mo t''e vvengo!
Pag Jué, ll'aglie!
Pal Chesta è 'a rumba d''e scugnizze...
Buo Assettáteve, assettáteve!
Pal ca s'abballa a tutte pizze...
Buo 'O quadrillo e 'a figurella!
Corr Truove 'e ddame, 'mpizze 'mpizze...
Tuf 'O mastrillo e 'a rattacasa!
Corr ca te fanno duje carizze...
Tuf Quant'è bello 'o battilocchio!
Pal Pruove gusto e te ce avvizze...
Buo Pe' chi tene 'a moglie pazza!
Pal Cchiù te sfrine e cchiù t'appizze...
Buo Quatto sorde, 'o fenucchietto!
Tutti Comm'a tanta pire nizze...te ne scinne a sghizze a sghizze,
fin'a quanno nun scapizze! Chesta è 'a rumba d''e scugnizze!
DiMa Puparuole e aulive..
Lor Magnáteve ò cocco magnáteve ò cocco
Sil Rrobba vecchia...
Lor Pallune p''allésse, pallune p''allésse!
Fas 'E mellune chine 'e fuoco...
Lor Na bona marenna na bona marenna
Pag Cotogne...
DiM Gelati, gelati, gelati, gelati!
Pal Concia tièlle...
Lor 'A pizza cu 'alice, 'a pizza cu 'alice!
Sil Furno 'e campagna...
Lor E lazze p'é scarpe é lazze p'e scarpe
Fas D''o ciardino, tutte secche...
Lor 'A capa d'ò purpo 'a capa d'ò purpo!
Pag 'O Roma!...
DiM Chella bella Mamma d''o Cármene v''o ppava:
(guarda il fondo schiena di Pagano) Nun mm''o ppòzzo faticá!
U
Pal E' bellella 'a paparella!
Buo Accattateve 'e piatte!
Pal Seje tuvaglie cinche lire!
Buo N'ata pianta p''o salotto!
Corr Nocelline americane!
Tuf Tengo 'o ggrano p''a pastiera!
Corr Pacchianè', chi s''o ppenzava?
Corr+Tuf Tiene chistu campo 'e fave!
Pal Cicchignacco 'int''a butteglia!
Buo 'O zi' monaco 'mbriacone!
Pal 'O vveleno p''e scarrafune!
Buo 'A dummeneca addó' t''a faje?
Tutti Comm'a tanta pire nizze...te ne scinne a sghizze a sghizze,
fin'a quanno nun scapizze! Chesta è 'a rumba d''e scugnizze!

A fine canzone, dopo i ringraziamenti e l'applauso i ballerini escono e prendono per se i 6


tamburelli e 2 scetavaiasse e 2 triccaballacche che distribuiscono ai 4 cantanti maschi)
14° quadro) Inizia sul palco un vociare di tutti (cacciano lingue di menellicke e scherzano a coppia)

M° Juè, ma che sta succedenno ?


Ma pecchè state facenno st'ammuina ? !
Tutti: nce ne janno 'a Piererotta !
M°: E' 'o vero Piererotta. E chillo oggi è 7 settembre,
Tufanisco si avvicina: e viene pure tu !
Tutti: Jammuncenne, jà ! ! !
M°: Mo nce ne jammo a Piererotta.
Dimane penzo 'e diebbete,
Tutti: stasera, sò nu rre.
Tutti in scena: si canta: Qui fu Napoli - per tutta la durata del quadro i Ballerini mimano e ballano
fra di loro coinvolgendo anche le tre bambine che posano le bambole.
(le coppie in scena sottobraccio Paga-Silvei, Lore-Palum, Buono-DiMar, Fasu-Ballerino, Tufa-Corr)
Corr-Sil Va cu te stu core amato, pe' 'sta via ca porta a mare...
Tuf-Fas Llá sta Napule allummato...Mo ca scinne chesti ggrare
Tutti i maschi: vide 'o mare accumparé...
Pag-Lor-Buo Spanne ll'aria nu sapore, d'erba 'e scoglie e de magná'...
Na cantina 'e piscatore, tene 'o lume pronto giá..
Tuf-Fas Fuoco e zuccaro 'o mellone: ce stennimmo 'nterr'â rena...
Pag-Lor Neve 'e 'sprinia 'int''o giarrone, 'ncielo 'e stelle e 'a luna chiena...(Sil+Pal)
Di Marzo E io canto: Qui fu Napoli!...Nisciuno è meglio 'e me...
Tutti i maschi Dimane penzo ê diebbete stasera só' nu rre!
Poi si canta: Popolo pò LA Tufanisco -
Tuf For''e logge, addurose 'e mellone lampiunciélle e garsèlle appicciate
mo ch'è 'o tiempo d''e belli canzone, comm'a primma ve voglio vedé
Napule - n'ora 'e gusto e ciente 'e guaje -
Tutti bella cittá!
Tuf ride, ce véve 'a coppa e campa assaje...
Tutti ca ll'aria 'o ddá!
Tuf Stasera, cu 'a figliola che ce attocca,
Tutti popolo, pò'...
Tuf a musso a musso, azzicco azzicco oje vócca, tu che ne vuó'!?
Stasera, cu 'a figliola che ce attocca,
Tutti popolo, pò'...
Silvestri a dx Palumbo a Sx prendono sottobraccio a Tufanisco e uniti cantano:
a musso a musso, azzicco azzicco oje vócca, tu che ne vuó'!?
Poi si canta Napule Bello
DiM Che bella luna, ch'aria, ch'argiento 'mmiez'ô mare,
DiM+Pal+Silv ch'argiento 'mmiez'ô mare
Tutte le femmine Ch'argiento 'mmiez'ô mare...
Pal Rusí', stasera Napule, chiù bella assaje mme pare,
Pal+Sil+DiMa chiù bella assaje mme pare,
Tutte le femmine Cchiù bella assaje ce pare
Sil Ce vò', pe' fá nu quadro, 'sta coppia sulamente...
Corr 'O manduline 'o siente? 'A luna 'a vide o no?!
Sil+Corr Napule, Napule, Napule, Ná'...
Sil+Corr+Pal Napule, Napule, Napule, Ná'...
DiM Napule è comm''a femmena: te fa vení 'o gulío...
DiM+Corr Apprimma: Core mio.e doppo: Frusta llá!
Tutte le femmine E nfrínghete, nfrínghete, nfrá.. nfrùnghete, nfrùnghete, nfrù...
Tutti Napule, bello mio, si' sempe tu! si' sempe tu! (No DI Marzo)
DiM Napule è comm''a femmena: te fa vení 'o gulío...
DiM+Corr Apprimma: Core mio.e doppo: Frusta llá!
Tutte le femmine E nfrínghete, nfrínghete, nfrá.. nfrùnghete, nfrùnghete, nfrù...
Tutti Napule, bello mio, si' sempe tu! si' sempe tu!
A fine canzone Tutti mano nella mano in fila salutano il pubblico 3 volte (da 1 a 5). I 6 ballerini o tre
e tre a fianco ai cantanti oppure In seconda fila. Poi tutti escono dividendosi per il saluto finale
(Correale si porta con se Gaia - Fasulo con Raffaella e Tufanisco con Giada)

15° quadro) (da 1 a 5) Parte la musica di Napule bello e:


A) entrano i 6 ballerini (3 da sx e 3 da dx vanno al proscenio, salutano e dopo l'applauso si
dividono 3 a sx e 3 a dx del palco davanti alla quinta a 3/4)
B) entrano Pagano e Silvestri vanno al proscenio, salutano e dopo l'applauso si dividono 1 a sx e 1
a dx a fianco dei ballerini- C) entrano Loreti e Palumbo (idem) D) entrano Buono e Di Marzo (idem)
E) entrano Fasulo con Raffaella, Correale (al centro) con Gaia e Tufanisco con Giada vanno al
centro del palco e dopo l'applauso iniziano a cantare (le tre piccole si siedono a terra davanti ai tre
cantanti): Napule, Napule, Napule, Ná'... tutti gli altri si accentrano e rispondono: Napule, Napule,
Napule, Ná'... poi tutti (ballerini compresi che fanno finta di cantare) Napule è comm''a femmena: te
fa vení 'o gulío... (2 volte il ritornello). I 6 ballerini si sistemano o tre e tre a fianco ai cantanti oppure
In seconda fila. Ringraziamenti Tecnici, direttore, Presidente e personale Conservatorio