Sei sulla pagina 1di 15

Registrato da Madaski e Robi Avena

Mixato e Prodotto da Madaski


@ Dub The Demon Recording Studio
Pinerolo (TO)
Masterizzato da Simone Squillario
@ Hybrid Mastering Studio
Pino Torinese (TO)

Sergio Berardo
Ghironde, fifre, clarin, bodega, arebeba,
saz, dulcimer, archi a bocca, corni
naturali, flauto armonico, banjo, ukulele,
percussioni e voce
Madaski
Programmazioni, pianoforte e voce
Robi Avena
Fisarmonica cromatica a bottoni
Chiara Cesano
Violino
Carlo Revello
Basso in “Jordi Do Bandolim”
Dario Avena
Clarinetto in “La Sanha e Correnta”
Rosella Pellerino
Hostess in “A Belcaire”
Matteo Mammoliti
Batteria in “The Job”
Testi e musiche di Sergio Berardo
tranne “Lo vespre de la nòça” e “Correnta”
A BELCAIRE A BELCAIRE
Aqueste mes de mai Questo mese di maggio
La fiera es a Belcaire La fiera è a Belcaire
Embe vòstri calinhaires Con i vostri fidanzati
Filhetas chal anar Ragazze dovete andare
Vira violon de l’aubada de l’aubada Gira violino della serenata della serenata
Vira violon per sonar lo rigodon Gira violino per suonare il rigodon
Venetz Venetz filhetas Venite venite ragazze
Coma dis lo chantaire Come dice il cantante
E vòstre calinhaire E il vostro fidanzato
Leissatz-lo a la meison Lasciatelo a casa
As entendut coma chanta coma chanta Hai sentito come canta come canta
As entendut coma chanta lo cocut Hai sentito come canta il cucù
Vos atendrei aicí Vi aspetterò qui
Fin que lo jorn s’acaba Fin che il giorno finisce
Pei sonarei la craba Poi suonerò la cornamusa
Per far dançar i plandrons Per far ballare i pelandroni
AL FESTIN AL FESTIN
Lo planh de la clarineta Il lamento del clarinetto
S’espandis per la charriera Si spande per la strada
Ven musica de la nuech Vieni musica della notte
Tocha i pels ai balarins Tocca i capelli ai ballerini
Es al fons de la botelha È in fondo alla bottiglia
Çò que resta de la fiera Quel che rimane della fiera
Tornarem pas a l’ostal Non torneremo a casa
Fin que dura ‘o festin Fin che dura il festin
Per desmentiar Per dimenticare
Que aicí i a pas de sants Che qui non ci sono santi
Enté es l’amor? Dov’è l’amore?
Estremat da un autre cant Nascosto da un’altra parte
A un autre lume A un altro lume
Sal champ d’un autre jòc Sul campo di un altro gioco
L’amor es sempre L’amore è sempre
Al chaud d’un autre fiòc Al caldo di un’altro fuoco
E son tuchi aicí que balen E son tutti qui che ballano
Abo nos i mòrts e i vius Con noi i morti e i vivi
E son tuchi aicí que buven E son tutti qui che bevono
Abo nos i pòrcs e i dius Con noi i porci e gli dei
Boches lustres milas vuelhas Labbra lucide mille voglie
Que se fote lo matin Che si fotta il mattino
Tornarem pas a l’ostal Non torneremo a casa
Fin que dura ‘o festin Fin che dura il festin
Per desmentiar Per dimenticare
Que aicí i a pas de sants Che qui non ci son santi
Ente es l’orizont? Dov’è l’orizzonte?
Estremat da un autre cant Nascosto da un’altra parte
Tuchi i matins Ogni mattina
Quora duerbes i uelh Quando apri gli occhi
Tu sas pas pus Tu non sai più
Ente nais lo solelh Dove nasce il sole
NÒSTRA MAR MARE NOSTRO
De mars i n’a una mar Di mari ce n’è un mare
Da luenh de la mar Lontano dal mare
Es pas un autre mond Non è un altro mondo
Es un autre orizont È un altro orizzonte
Que escarça lo sipàri Che squarcia il sipario
De nebla e castanhier Di nebbia e castagni
En somiant aquò lontan Cercando le cose lontane
Anem contrabandier Andiamo contrabbandieri
Encar de vent encar de plueia Ancora vento ancora pioggia
E la mar gròssa enrabiàa E il mare grosso arrabbiato
Vapor de nebla e de sirenas Vapore di nubi e di sirene
Sus i trepadors banhats Sulle banchine bagnate
S’es perdut dins la peirada Si è perso negli scogli
Lo tafòri di talhavents Il casino dei gabbiani
Saren volats faire l’aubada Saranno andati a far la serenata
Al silhatge d’un bastiment Alla scia di un bastimento
Encuei s’en va e deman ven Oggi se ne va e domani viene
Encar de plueia encar de vent Ancora pioggia ancora vento
Lo conoisso ben ton cònte Lo conosco bene il tuo racconto
Coma tuchi aval al port Come tutti giù al porto
Marinier filh del viatge Marinaio figlio del viaggio
Ten la barra del timon Tieni la barra del timone
Lo rosari di naufrage Il rosario dei naufragi
Nos rabelaré al bancon Ci trascinerà al bancone
De mar i n’a na mar Di mari ce n’è un mare
I a pas una mar soleta Non c’è un mare solo
I a aquela di poetas C’è quello dei poeti
Que bolega jorn e nuech Che si muove giorno e notte
Poblàa de tota sorta Popolato d’ogni sorta
De colimbre e de sirena Di colombre e di sirene
La mar di carmarina Il mare delle meduse
Que promet e manten ren Che promette e non mantiene
De mar i n’a na mar Di mari ce n’è un mare
I a aquela di corsaris C’è quello dei corsari
Garçons breçats dal vent Ragazzi cullati dal vento
A la còsta de l’evòri Alla costa dell’avorio
Bandits e tabalòris Banditi e cazzoni
Cambusa e pantalh Cambusa e sogno
Se rendaren pas mai Non si arrenderanno mai
Al temp e a la corrent Al tempo e alla corrente
I a la mar di gagà C’è il mare dei gagà
Que al fons de la nuech Che al fondo della notte
Anaven a Savona Andavano a Savona
A perre lo café A prendere caffè
E tornant areire E tornando indietro
Minjaven la fritaa Mangiavano la frittata
Verda de menta Verde di menta
E d’erba de San Peire E d’erba di San Pietro
Mar nòstra d’aquelhs Mare nostro di quelli
Que van de riba en riba Che vanno di riva in riva
Sercant de la veire Cercando di vederlo
Sautar fòra dareire Saltar fuori dietro
De la darriera còla L’ultima collina
Misteriosa morgana Misteriosa morgana
Mac una lama lontana Soltanto come una lama lontana
Coma un’Africa que arriba Di un’Africa che arriva
Fasarem rire les gavines Faremo ridere gli uccelli marini
En dançant lo buta-vam Ballando la bourrée
I batelhs dins les botelhas Le navi nella bottiglia
Partiren per Amsterdam Partiranno per Amsterdam
Òme charja la gabarra Uomo carica la chiatta
Sus la rota del bordel Sulla strada del bordello
E se arriba la batesta E se arriva la rissa
Vendarem chara la pel Venderemo cara la pelle
BACHASSET BACHASSET
A la fònt del bachasset Alla fonte del bachasset
Tuchi i jorns s’escola l’aiga Giorno e notte cola l’acqua
A la fònt del bachasset Alla fonte del bachasset
Tuchi i jorns mesura lo temp Giorno e notte misura il tempo
Salh e torna a la montanha Esce e torna alla montagna
L’aiga s’escola l’aiga s’escola L’acqua cola l’acqua cola
Salh e torna a la montanha Esce e torna alla montagna
Vai t’en saber ont’anaré Vai a sapere dove andrà
A la fònt del bachasset Alla fonte del bachasset
I a una brancha de lavanda C’è un ramo di lavanda
Quora passo me demanda Quando passo mi chiede
Perqué venes pus aquí Perché non vieni più qua
Mi i respondo pas e contunho Io non rispondo e continuo
L’aiga s’escola l’aiga s’escola L’acqua cola l’acqua cola
Mi i respondo pas e contunho Io non rispondo e continuo
Per la via que vai amont Per la strada che va su

ES PAS TARD NON É TARDI


Es pas tard Non è tardi
Son encar aicí Sono ancora qui
Nòstri chamins I nostri cammini
D’un viatge Di una volta
L’erba i roieres L’erba le tracce dei carri
Per lo boscatge Per i boschi
I champs a l’adrech I campi al sole
E i muralhets E i muretti
Cuberts dal braçabòsc Coperti dall’edera
Es pas tard Non è tardi
Aura e silenci Vento e silenzio
A l’ora di colines All’ora delle colline
Solelh si peires si ruines Sole sulle pietre sulle rovine
D’aquò n’a pron Di questo ce n’è abbastanza
Per chaminar Per arrivare
Al fons de l’apres-mesjorn In fondo al pomeriggio
Venaré lo pitac vert Verrà il picchio verde
Nos portaré bonur Ci porterà fortuna
En balant l’asus-ain Ballando l’asus-ain
E lo jai nos anaré sercar E la ghiandaia andrà a cercare
Aval dins la bosquina Giù nella boschina
I chants que avem perdut I canti che abbiamo perso
E lo pastre d’escorbasses E il pastore dei corvi
Encuei venaré pas Non verrà più
Per semenar tempesta A seminare tempesta
Si nòstri jorns nòstri bonur Sui nostri giorni sul nostro bene
No l’es pas encar tard No non è ancora tardi
Sem i rei del jorn Siamo i re del giorno
Salharen Usciranno
De melodies Delle melodie
Amagaas Nascoste
Da tuchi i caires Da tutte le parti
Passa-charriera Passa carriera
Di sonaires Dei suonatori
Banda del bòsc Banda dei boschi
Desfilaré en volant Sfilerà volando
Una procession Una processione
Rampelada Un richiamo
Sus lo reson Sul risuonare
De pinfre e gargamascha Dei flauti e dei corni di corteccia
Per un’aubada Per una serenata
D’imor e ruscha Di linfa e scorza
S’amusaren Si divertiranno
A-n-aquel son A quel suono
I vielhs sants I vecchi santi
Di pilons Dei piloni
LA SANHA LA PALUDE
La rota de la sanha La strada della palude
Es un chamin eiros È un cammino felice
Lo pais de cocanha Il paese della cuccagna
De nòstri rendets-vos Per i nostri appuntamenti
Portarei al fons del còr Porterò in fondo al cuore
Tot lo quiar vert di tiei uelhs Tutta la luce verde dei tuoi occhi
No no plora pas e navise-te No non piangere e ricordati
Que encuei retornarei Che un giorno ritornerò
Amont dins quarque estabi Lassù in qualche stalla
Sonava un semiton Suonava un organetto
Lo grand còro di babis Il grande coro dei rospi
Chantava una chanson Cantava una canzone
Les cigales ambo les violes Le cicale con le ghironde
Bò i anaven ben d’apres Come gli andavano bene dietro
Quora t’ai demandat “bales?” Quando ti ho chiesto “balli?”
Tu m’as respondut “yes!” Tu mi hai risposto “yes!”
La banda botegari La banda bottegai
A vendut lo carnaval Adesso ha venduto il carnevale
Al es sal calendari C’è sul calendario
Tut’un l’ai pas trobat Ma non l’ho più trovato
Les barboires van eiroses Le maschere vanno felici
Ensai e enlai ‘ma i filhs del mòrt In qua e in là come i figli del morto
Per un sanguis e una bira Per un panino e una birra
Avem campat via un tresòr Abbiamo buttato via un tesoro

L’AGLAS L’AVVOLTOIO
Grand aglás que vas en França Grande avvoltoio che vai in Francia
Rauba pas nòstres chansons Non rubare le nostre canzoni
Balarem la contradança Balleremo la contraddanza
Fins al jorn de ton retorn Fino al giorno del tuo ritorno
Grand aglás que vas en frança Grande avvoltoio che vai in Francia
En sobrant pòrts e valons Superando passi e valloni
Chapa la via de San Jaco Imbocca la Via Lattea
Vòla e pòrta tot amont Vola e porta tutto su
Ma laissa-nos lo gran e la cibada Ma lasciaci il grano e l’avena
E l’onda blonda al sofle del mistral E l’onda bionda al soffio del maestrale
E laissa-nos lo vert de la valada E lasciaci il verde della valle
Lo glaç e lo solelh si pasturals Il ghiaccio e il sole sui pascoli
Grand aglàs vai en Espanha Grande avvoltoio vai in Spagna
Dreire ai biaus e pòrta aval Dietro ai tori porta giù
Tot gavat la Copa Santa Tutto meno la Coppa Santa
La beurem ambo i Provençals La berremo coi Provenzali
Grand aglàs vai dins la plana Grande avvoltoio vai nella pianura
Vòla e pòrta via ambo tu Vola e porta via con te
I valets i biros i tortos I servi i provinciali gli stupidi
E aquel marrit trin fotut E quel fottuto treno
Ma laissa-nos l’evòri de la luna Ma lasciaci l’avorio della luna
E un ciel d’esteles per nòstri festins E un cielo di stelle per i nostri festin
Pan e formatge la gracia d’un poema Pane e formaggio la grazia di una poesia
E lo coratge per nòstri destins E il coraggio per il nostro destino

THE JOB IL LAVORO


Finish the job finish the job Finisci il lavoro finisci il lavoro
Acaba l’òrre trabalh Finisci il lavoro sporco
Entamenat dal senhor de la mòrt Cominciato dal signore della morte
L’escorbas de Montfort Il corvo di Montfort
Finish the job finish the job Finisci il lavoro finisci il lavoro
Tot saré mielh que parelh Tutto sarà meglio di così
Mostre-me a aimar lo vent del nòrd Insegnami ad amare il vento del nord
Que me jala lo còr Che mi gela il cuore
Al fons d’un ministèri In fondo a un ministero
Una selva de cipresses Una selva di cipressi
De marbre e de papier Di marmo e di carta
Es nòstre cementieri È il nostro cimitero
M’engrava coma veire Mi pesa come vedere
Una tomba de meinat Una tomba di bambino
Tot çò que polia estre Tutto quello che poteva essere
Tot çò que es pas estat Tutto quello che non è stato
E siebes pas pressat Ma non avere fretta
De dire tot es acabat Di dire tutto è finito
Ma beique-me ’ntal morre E guardami in faccia
Quora tires lo clavelet Quando tiri il grilletto
Se veiares que grinho Se vedrai che rido
Es mac perqué al païs È solo perché al paese
Qualcu’un atend encar Qualcuno aspetta ancora
Lo jorn de la fenís Il giorno della fenice
A BELCAIRE

GRAN BAL DUB


AL FESTIN
NÒSTRA MAR
LO VESPRE DE LA NÒÇA
BACHASSET

BENVENGUTS A BÒRD
ES PAS TARD
LA SANHA/LA SANHA RMX
JORDI DO BANDOLIM
PÒNT DE LA SAL
L’AGLÀS
CORRENTA
THE JOB
BENVENGUTS A BÒRD
GRAN BAL DUB