Sei sulla pagina 1di 1

Conferenze at monan

Lzbro I, Conf V 9-10


nei deserti e non vivono associati ad alcun consorzio
Che poi tutto questo risulti verissimo, &iunque abbia correrà prima castigare i]vizio della gola. Le rimanenti due pas-
fatto dimora in un cremo e abbia sperimentato le battaglie pro- Sioni, e cioè la vanagloria e l'orgoglio, si associano insieme in
prie dell'uomo interiore, potrà comprovarlo con estrema faci- modo analogo a quello descritto per le passioni già in Prece-
lità attraverso le stesse esperienze personali. denza In effetti l'incremento eccessivo dell'una
provoca l'insorgere deu'altra, poiché I'esuberanza della vana-
gloria promuove il fornite della superbia. È vero però che que-
lo.Interd@endenz@fra r primi rei vizi, e vicendevole parentela sti due vizi sono profondamente diversi da quei primi sei e so-
degli altri due che pure discordano dai przmz no ben lontani dall'associarsi con essi in akanza similare, poi-
ché non soltanto non prendono da essi alcun Pretesto Per dar
Tutti questi vizi dunque, h numero di otto, benché abbia- luogo al proprio insorgere, ma hanno invece la loro origine in
no derivazioni diverse e dissimili forme di incidenza, tuttavia forma e con ordine del tutto contrapposto. Infatti, anche quan-
almeno sei di esse, vale a dire la gola, la lussuria, do quei primi vizi sono stati interamente superati, proprio
la ra questi ultimi due prendono a dare i loro frutti con forza mag-
collera, la tristezza e l'accidia, risultano tra loro connesse da
una certa parentela e, per così dire, da una certa concatenazio- giare, e dopo la mortificazione di quei primi, questi ultimi vizi
ne Punto che l'eccedenza dell'una provoca il sorgere dell'al- insorgono e crescono con maggiore impulsività. Ed è proprio
Di fatto, dall'eccesso della gola nasce necessariamente la per questo che noi veniamo assaliti da queste due passioni in
lussuria; dalla lussuria l'avarizia; daJJ'avarizia la collera; dalla maniera anche diversa. Finiamo infatti per cadere in ciascuno
la tristezza; dalla tristezza l'accidia. pertanto occorre di quei primi sei vizi proprio quando siamo stati sottomessi da
che noi, con uguale criterio e con simile accorgimento ci di- qualcuna di tali passioni antecedenti; finiremo invece Per an-
'poniamo a combattere quelle passioni in modo da predispor- dare negli ultimi due proprio dopo la nostra vittoria e soprat-
re il nostro combattimento, e così cominciare dd'una per pas- tutto dopo i nostri completi trionfi. Tutto s ~ ~ ~ mdunquea t o si
sare d a successiva. Infatti la dannosa crescita e ampiezza di può dedurre che tutti i vizi, al modo stesso Con cui essi prOlifi-
una pianta finirà per ridursi più facilmente se già in preceden- cane per l'incremento dei vizi precedenti, così Pure Potranno
le sue radici, nelle quali essa trova il suo vigore, verranno po- essere corretti con la retrazione degli stessi. Perciò, Per la me-
ste scoperto e recise; se poi è un flusso eccessivo d'acqua a desima ragione, se si vuole a sua volta reprimere la
portare la rovina, basterà disseccarne subito la portata con occorrerà prima sopprimere la vanagloria. Ne seguirà allora
turare Per tempo la sorgente che la fornisce e pure i suoi riga- ,-he, una volta superate per sempre le passioni precedenti) i vi-
però con tempestivo intervento. zi successivi non avranno modo di insorgere, e così, con l'e-
Ne segue allora che, perché sia vinta l'accidia, occorrerà stinzione delle passioni precedenti, anche le susseguenti fini-
prima la tristezza; per cacciare via la tristezza, occor- ranno per estinguersi senza troppa difficoltà. Benché dunque
rerà prima frenare la collera; per estinguere la collera, occor- questi otto da noi qui descritti, siano fra loro intimamente
prima reprimere l'avarizia; per escludere JYavarizia, occor- connessi attraverso i rapporti già indicati, essi si distinguono
rerà prima domare la lussuria, e per mortificare la lussuria, oc- tuttavia in quattro diverse categorie bene individuate, in quan-
to la lussuria associa con particolare addizione alla gola; la