Sei sulla pagina 1di 793

.

- -- -- - - ---
---

Direzione scientifica Sabatino Moscati (coordinamento) Segreteria scientifica Ermanno Arslan


Otto Hermann Frey Daniele Vitali
Venceslas Kruta
Barry Raftery
Mikl6s Szab6

Bompiani
-
Comitato Amici
PAIt\ZZillJRé\SSI
di Palazzo Grassi

Presidente Presidente
Fe!iciano Benvenuti Susanna Agnelli

Direttore generale Comitato


Emilio Melli Marella Agnelli
Umberto Agnelli
Direttore attività culturali Mirella Barracco
Paolo Viti Vittore Branca
Cristiana Brandolini D'Adda
Francesco Cingano
Attilio Codognat~
Giancarlo Ferro
Gianluigi Gabetti
Knud W. Jensen
Miche! Laclotte
Giancarlo Ligabue
Pietro Marzotto
Thomas Messer
Philippe de Montebello
Sabatino Moscati
Giovanni Nuvoletti Perdomini
Richard E. Oldenburg
Giuseppe Panza di Biumo
Alfonso Emilio Pérez Sanchez
Claude Pompidou
Maurice Rheims
Cesare Romiti
Norman Rosenthal
Guido Rossi
Francesco Valcanover
Mario Valeri Manera
Bruno Visentini
, Bruno Zevi

Segretario del Comitato


Furio Colombo

Palazzo Grassi S.p.A.


San Samue!e 3231 , Venezia
..::

Patrocinio scientifico

Sotto l'alto patronato del Osterreichische Akademie


Presidente della Repubblica der Wissenschaften
Austria

Académie Royale des Sciences


des Lettres et des Beaux-Arts
Belgio

Accademia Bulgara delle Scienze


Bulgaria

Institut de France
Francia
~
Deutsches Archaologisches Institut
Germania

British Academy
Gran Bretagna

Royal Irish Academy


Irlanda

Accademia Nazionale dei Lincei


Italia

Accademia Iugoslava
delle Scienze e delle Arti
Iugoslavia

Koninklijke Nederlandse Akademie


van Wetenschappen
Olanda
,
Accademia Rumena
Romania

Real Academia de la Historia


Spagna

Magyar Tudomanyos Akademia


Ungheria

-\

I
~
-

Comitato cl'onore

Il Presidente S.E. L'Ambasciatore Il Presidente Il Rettore dell'Università


del Consiglio dei Ministri André Rahir dell'Osterreichische degli Studi di Venezia
On.le Dott. Giulio Andreotti Ambasciatore del Belgio Akademie der Wissenschaften Prof. Giovanni Castellani
Praf. Otto Hittmair
Il Commissario Cee S.E. L'Ambasciatore Il Presidentedell'Unione
per la Cultura, !'Informazione Stephen Loftus Egerton Il Presidente della Accademica Nazionale
e la Comunicazione Ambasciatore di Gran Bretagna British Academy Prof. Sabatino Moscati
M. Jean Dondelinger Prof. Anthony Kenny
S.E. L'Ambasciatore Il Soprintendente
Il Ministro degli Affari Esteri Jiri Holub Il Presidentedella ai Beni Archeologici
On.le Dott. Gianni De Michelis Ambasciatore di Cecoslovacchia Magyar Tudomanyos Akademia per il Veneto
Prof. Domokos Kosary Dott. Bianca Maria Scarfì
Il Ministro S.E. L'Ambasciatore
della Pubblica Istruzione Constantin Georgiou Il Presidentedel Deutsches Il Direttore
On.le Dott. Gerardo Bianco Ambasciatore di Grecia ArchiiologischesInstitut dell'Istituto Universitario
Praf. Helmut Kyrieleis di Architettura di Venezia
Il Ministro per i Beni Culturali S.E. L'Ambasciatore Prof. Paolo Ceccarelli
On.le Avv. Anatolij Adamisin IlSegretario Perpetuo
Ferdinando Facchiano Ambasciatore dell'Unione dell'Académie des Inscriptions
delle Repubbliche Socialiste et Belles-Lettres
Il Ministro Sovietiche Prof. Jean Leclant
per la Ricerca Scientifica
Pro£. Antonio Ruberti S.E. L'Ambasciatore Il Segretario Perpetuo
Boleslaw Michalek dell'Académie Royale des
Il Presidente della Ambasciatore di Polonia Sciences, des Lettres
Regione Veneto et des Beaux-Arts
Dott. Gianfranco Cremonese S.E. L'Ambasciatore Praf. Philippe Roberts-Jones
Piet Hein Houben
Il Sindaco della Ambasciatore dei Paesi Bassi Il Presidente dell'Accademia
Città di Venezia Nazionale dei Lincei
Avv. Ugo Bergamo S.E. L'Ambasciatore Praf. Giorgio Salvini
Iuliu Gheorghiu
S.E. L'Ambasciatore Ambasciatore di Romania Il Presidentedell'Accademia
Friedrich Froelichsthal. Bulgara delle Scienze
Ambasciatore d'Austria S.E. L'Ambasciatore Pro£. Blagovest Sendov
Ilia Kondov
S.E. L'Ambasciatore Ministro Plenipotenziario Il Presidentedell'Accademia
Gyorgy Misur Ambasciata della R.P. Iugoslava delle Scienze
'1 Ambasciatore di Ungheria di Bulgaria e delle Arti
Praf. Jakov Sirotkovic
S.E. L'Ambasciatore Il Direttore
Friedrick Ruth degli Staatlichen Museen Il Presidentedella
Ambasciatore di Germania Preussischer Kulturbesitz Provincia di Venezia
Prof. Wolf-Dieter Dube Prof. Oliviero Pillon
SE L'Ambasciatore
Christopher P. Fogarty Il Segretario Perpetuo Il Capo del Dipartimento
Ambasciatore d'Irlanda della Real Academia per !'Informazione e l'Editoria
de la Historia Presidenzadel Consiglio
S.E. L'Ambasciatore Praf. Eloy Benito Ruano dei Ministri
Francesca Pometta Dott. Stefano Rolando
Ambasciatore di Svizzera Il Cancelliere
dell'Institut de France Il Direttore Generale
S.E. L'Ambasciatore M. Edouard Bonnefous delle Relazioni Culturali
Emilio Menéndez del Valle Ministero degli Affari Esteri
Ambasciatore di Spagna Il Presidentedell'Accademia Ministro Alessandra Vattani
Rumena
S.E. L'Ambasciatore Prof. Michail Draganescu Il Direttore Generale per i
Gilbert Perol Beni Ambientali, Architettonici
Ambasciatore di Francia Il Presidente A rcheologici, Artistici e Storici
Koninklijke Nederlandse Ministero per i Beni Culturali
S.E. L'Ambasciatore Akademie van Wetenschappen e Ambientali
Dusan Strbac Prof. Pieter Drenth Prof. Francesco Sisinni
Ambasciatore di Iugoslavia
Il SegretarioEsecutivo Il Direttore Generale
S.E. L'Ambasciatore della Royal Irish Academy per i Beni Librari
Jb Ritto Andreasen Mr. Aidan Duggan e gli Istituti Culturali
Ambasciatore di Danimarca Ministero per i Beni Culturali
e Ambientali
Prof. Francesco Sicilia

I
Comitato dei promotori Comitato scientifico

Paul-Marie Duval Delia Lollini Martin Almagro-Gorbea


Académie des Inscriptions et Belles-Lettres Soprintendenza Archeologica Bernard Andreae
Parigi Ancona Ermanno Arslan
Paul-Marie Duval
Jean Leclant Ferdinand Maier Otto Hermann Frey
Académie des Inscriptions et Belles-Lettres Romisch-Germanische Kommission Venceslas Kruta
Parigi des Deutschen Archàologischen Instituts Jean-Pierre Mohen
Franco/arte Sabatino Moscati
Sabatino Moscati Barry Raftery
Unione Accademica Nazionale Guido Achille Mansuelli Mikl6s Szab6
Roma Università degli Studi Daniele Vitali
Bologna
Martin Almagro-Gorbea
Universidad Complutense Jean-Pierre Mohen
Madrid Musée des Antiquités Nationales
Saint-Germain-en-Laye
Bernard Andreae
Istituto Germanico Archeologico Fritz Moosleitner
Roma SalzburgerMuseum Carolino Augusteum
Salisburgo
Ermanno Arslan
Museo Archeologico Cristiana Morigi
Milano Museo Civico Archeologico
Bologna
Dragan Bozic
Slovenska Akademija znanosti in umetnosti Bruno Passamani
Lubiana Civica Galleria d'Arte Moderna
Brescia
Jiti Bfeì\.
Ndrodni Muzeum Barry Raftery
Praga University College
Dublino
Anne Cahen
MuséesRoyaux d'J!.Ftet d'Histoire Michael Ryan
Bruxelles Irish Antiquities National Museum
Dublino
Alain Duval
Musée des Antiquités Nationales Ulrich Schaaff
Saint-Germain-en-Laye Romisch GermanischesZentralmuseum
Magonza
Markus Egg
Romisch Germanisches Zentralmuseum Ian M. Stead
Magonza The British Museum
Longra
Christiane Eluère
Musées des Antiquités Nationales Mikl6s Szab6
Saint-Germain-en-Laye Universitàdegli Studi
Budapest
Otto Hermann Frey
Philipps-Universitàt Daniele Vitali
Marburg Universitàdegli Studi
Bologna
Andres Furger-Gunti
Schweizerisches Landesmuseum Patrick F. Wallace
Zurigo National Museum o/ Ireland
Dublino
Borislav Jovanovié
Istituto archeologico Zenon Wozniak
Belgrado Universitàdegli Studi
Cracovia
Tibor Kovacs
MagyarNemzeti Muzeum Vlad Zirra
Budapest Istituto archeologico
Bucarest
Venceslas Kruta
Eeale Pratique des Hautes Etudes
Parigi
r
Comitato prestatori

La realizzazione della mostra è resa Austria Chiìlons-sur-Marne, Musées Municipal


possibile grazie alla disponibilità delle Asparn-Zaya, Museum fiir Urgeschichte Chalon-sur-Saone, Musée Denon
seguenti istituzioni di ventiquattro Paesi: Eisenstadt, Burgenlandisches ChiìtilIon-sur-Seine, Musée Archéologique
Landesmuseum Compiègne, Musée Antoine Vivenel .
Golling (Salisburgo), Heimat museum Epernay, Musée Municipal
Klagenfurt, Landesmuseum fiir Karnten Guiry-en-Vexin, Musée Archéologique
(Ausgrabungen Magdalensberg) Départemental du VaI d'Oise
Mannersdorf, Museum Mannersdorf Lione, Musée de la Civilisation Gallo-
Salisburgo, Salzburger Museum Carolino Romaine
Augusteum Marsiglia, Musée d'archéologie
Sto P6lten, Stadtmuseum Sto P6lten méditerranéenne - Centre de la Charité
Vienna, Bundesdenkmalamt - Abteilung Morlaix, Musée des Jacobins
fiir Bodendenkmale Nancy, Musée Historique Lorrain
Vienna, Ines-Marisa Elhofer Nantes, Musées Départementaux de
Vienna, Naturhistorisches Museum, Loire-Atlantique-Musée Dobrée
Prahistorische Abteilung Parigi, Bibliothéque Nationale
Parigi, Musée du Louvre
Belgio Penmarc'h, Musée Préhistorique
Bruxelles, Musées Royaux d'Art et Finistérien-Université de Rennes
d'Histoire Reims, Musée Saint-Rémi
Bruxelles, Services des FouilIes de la Rennes, Musée de Bretagne
Région Wallonne Roanne, Direction Régionale des
Gent, Keltenmuseum Antiquités Historiques Rhone Alpes
Leuven, Departement d'Archéologie Roanne, Musée Dechelette
Université K.U. Leuven Rouen, Musée Départemental des
Antiquités
Bulgaria Sens, Musée de Sens
Sofia, Narodnija Arheologitcheski Musej Soulac sur Mer, Musée Archéologique
Sto Brieuc, Conseil Général des Cotes
Cecoslovacchia d'Armor
Bratislava, Archeologické Muzeum Sto Etienne, Robert Perichon
Bratislava, Historiscké Muzeum SNM Sto Germain-en-Laye, Musée des
Brno, Moravské zemské Muzeum Antiquités Nationales
Castello di Duchcov Sto Remy-de-Provence, Hotel de Sade,
Castello di KfivokIat Collection Municipale
Kolin, Regionalni Muzeum Tarbes, Musée de Tarbes
Komarno, Oblastné podunaijské Muzeum Tolosa, Musée Saint-Raymond
Litomerice, Okresni Vlastivedné Muzeum Troyes, Musée des Beaux-Arts et
Michalovce, ZempIinske Muzeum d'Archéologie
Nitra, Archeologicky ustav SA V
Plzen, Zapadoceské Muzeum Germania
Praga, Archeologicky ustav CSA V Bad Homburg, Klaus Belz
Praga, Muzeum Hlavniho Mesta Prahy Berlino, Staatliche Museen Preussischer
Praga, Narodni Muzeum Kulturbesitz, Antikenmuseum
Praga, Pamatkove ustav Stredoceskeho Berlino, Staatliche Museen Preussischer
Rimavska-Sobota, Gemerské Muzeum Kulturbesitz, Museum fiir Vor- und
Roztoky u Prahy, Stì'edoceské Muzeum Friihgeschichte
Tabor, Hussiten-Museum Bonn, Rheinisches Landesmuseum Bonn
Teplice, Regionalmuseum Coblenza, Mittelrhein-Museum
Colonia, Di6zesan- und Dombibliothek
Danimarca Francoforte, Museum fiir Vor- und
Copenhagen, Nationalmuseet F riihgeschich te, Archaologisches
Hojbjerg, Forhistorisk Museum Museum
Moesgaard Jena, Vorgeschichtliches Museum der
Friedrich-SchilIer Universitat
Francia Karlsruhe, Badisches Landesmuseum
Aix-en-Provence, Musée Granet Magonza, R6misch-Germanisches
Alès, Musée du Colombier Zentralmuseum
Alise-Sainte-Reine, Société des Sciences Monaco di Baviera, Prahistorische
Historiques et Naturelles de Semur-en- Staatssammlung
Auxois, Musée d'Alesia Monaco di Baviera, Staatliche
Angouleme, Musée des Beaux-Arts Miinzsammlung
d'Angouleme Norimberga, Germanisches
Autun, Musée Rolin N ationalmuseum
Avignone, Musée Calvet R6mhild, Steinsburgmuseum
Besançon, Musée des Beaux-Arts et Saarbriicken, Landesmuseum fiir Vor- und
d'Archéologie Friihgeschichte
Breteuil, Musée Archéologique de la Straubing, Gaubodenmuseum
Région de Breteuil Treviri, Rheinisches Landesmuseum

l
Wilhelmshaven, Niedersachsisches Padova, Museo Civico Archeologico Baia Mare, Musée de Maramures
lnstitut fiir Historische Kiinstenforschung Padova, Soprintendenza Archeologica del Bistrita -Nasaud, Musée de Bistrita-Nasaud
Veneto, Istituto di Archeologia Bucarest, Musée National d'Histoire
Gran Bretagna dell'Università Carei, Musée de Carei
Alnwick, The Duke of Northumberland Pieve di Cadore, Museo della Magnifica Cluj-Napoca, Musée d'Histoire de la
Armargh, The Dean and Chapter of Sto Comunità Cadorina, Soprintendenza Transylvanie
Patrick's Cathedral Archeologica del Veneto Oradea, Museo "Tara Crisurilor"
Bedford, Bedford Museum - North Reggio Emilia, Civici Musei Satu Mare, Musée de Satu Mare
Bedfordshire Borough Council Roma, Assessorato alla Cultura (X
Belfast, Ulster Museum Dipartimento) Musei Capitolini / Spagna
Cardiff, National Museum of Wales Roma, Museo Nazionale Romano, Avila, Junta de Castilla y Léon - Museo
Edimburgo, National Museums of Medagliere de Avila
Scotland San. Ginesio, Museo Civico "Scipione Burgos, Museo de Burgos
Liverpool, Trustees o£ the National Gentili" Cordoba, Museo Arqueologico Provincial
Museums and Galleries on Merseyside, Siena, Parrocchia del S.S. Salvatore, de Cordoba
Liverpool Museum Abbadia San Salvatore Jaen, Museo Provincial de Jaen
Londra, The Museum of London Torino, Museo di Antichità La Coruna, Museo Arqueologico "Castello
Londra, The Trustees of the British Trento, Museo Provinciale d'Arte de San Anton"
Museum Venezia, Museo Archeologico Nazionale Madrid, Museo Arqueologico Nacional
Oxford, Ashmolean Museum Verbania Pallanza, Museo del Paesaggio Salamanca, Museo de Salamanca
Reading, Reading Museum and Art Vercelli, Museo Camillo Leone Siviglia, Museo Arqueologico de Sevilla
Gallery Soria, Museo Numantino
Taunton, Somerset County Museum - Iugoslavia
Somerset Archaeological and National Belgrado, Arheoloski Institut (Muzej Svezia
History Society Djerdapa) Stoccolma, Statens Historiska Museum
Wisbech, Wisbech and Fenland Museum Belgrado, Muzej Grada Beograda
Belgrado, Narodni Muzej Svizzera
Irlanda BreZice, Posavski Muzej Berna, Bernisches Historisches Museum
Cork, Cork Public Museum Celje, Pokrajinski Muzej Bienne, Musée Schwab
Dublino, Council of the Royal Irish Lubiana, Mestni Muzej Ginevra, Musée d'Art et d'Histoire
Academy Lubiana, Narodni Muzej Losanna, Musée Cantonal d'Archéologie
Dublino, Department of Archaeology Negotin, Narodni Muzej Krajine et d'Histoire
University College Novi Sa~l, Vojvodjanski Muzej Martigny, Fondation Pierre Gianadda
Dublino, National Museum of Ireland Novo Mesto, Dolenjski Muzej Neuchàtel, Musée Cantonal d'Archéologie
Dublino, Trinity Library Novo Mesto, Zavod za varstvo naravne Nyon, Musée du Leman
in kulturne dediScine Zurigo, Schweizerisches Landesmuseum
Sixmilebridge,The Hu~t Museum -
Craggaunowen Proj~ at the University Osijek, Muzej Slavonije
of Limerick Pozarevac, Narodni Muzej Ungheria
Sarajevo, Zemaljski Muzej Bosne i Budapest, Budapesti Torténeti Mlizeum
Italia Hercegovine Budapest, Magyar Nemzeti Mlizeum
Adria, Museo Archeologico Nazionale Vrsac, Narodni Muzej Budapest, MTA Régészeti Intézete
Ancona, Soprintendenza archelogica delle Zagabria, Arheoloski Muzej Debrecen, Déri Mlizeum
Marche Esztergom, Balassa BaIint Mlizeum
Asola, Museo Civico Archeologico Lussemburgo Gyor, Xantus Janos Mlizeum
Bergamo, Civico Museo Archeologico Lussemburgo, Musée National d'Histoire Keszthely, Balatoni Mlizeum
Bologna, Direzione Museo Civico et d'Art Miskolc, Herman Otto Mlizeum
Medievale Nyiregyhaza, Josa Andds Mlizeum
Bologna, Museo Civico Archeologico Norvegia Székesfehérvar, Istvan Kidly Muzeum
Bologna, Soprintendenza Archeologica Bergen, Historisk Museum Universitetet i Szolnok, Damjanich Janos Mlizeum
dell'Emilia Romagna Bergen Szombathely, Savaria Mlizeum
Bolzano, Museo Civico Tromsp, Tromsp - Universitetet i Tromsp Vac, Tragor Ignac Mlizeum
Brescia, Civici Musei d'Arte e Storia Oslo, Universitetets Oldsaksamling Veszprém, Bakonyi Mlizeum
Corno, Civico Museo Archeologico "P.
Giovio" Olanda URSS
Este, Museo Nazionale Atestino - Nijmegen, Provincia al Museum G.M. Oblasnij Muzej Uzgorod-Ucraina
Soprintendenza Archeologica del Veneto Kam
Gambolò - Pavia, Museo Archeologico USA
Lomellino, Castello Litta Polonia Boston, The Museum of Fine Arts
Genova, Soprintendenza Archeologica Varsavia, Panstwowe Muzeum Houston, The Menil Collection
della Liguria Archeologiczne New York, Mr. Robin Martin
Mantova, Museo Archeologico Nazionale New York, The Metropolitan Museum
Milano, Civiche Raccolte Archeologiche e Portogallo
Numismatiche Braga, Museu Regional D. Diogo de Vaticano
Milano, Soprintendenza Archeologica Sousa Città del Vaticano, Musei Vaticani
della Lombardia Lisbona, Museu Nacional de Arqueologia
Modena, Museo Civico Archeologico
Etnologico Romania
Napoli e Caserta, .Soprintendenza Alba Iulia, Muzeul Jude Jean Unirii
Archeologica delle province Arad, Muzeul Judetean Arad
r
Organizzazione generale Organizzazione espositiva Catalogo

Coordinamento Progettazione e coordinamento Direttore editoriale I programmi didattici


Ermanno Arslan Gae Aulenti Mario Andreose interattivi e i computer sono
Maria Luisa Uberti con stati forniti da
Daniele Vitali Marco Buffoni Progetto grafico IBM SEMEA
Francesca Fenaroli Pierluigi Cerri
Segreteria Piero Russi con I programmi sono stati curati
Antonio Brighi Andrea Lancellotti da
Clarenza Catullo Costanza Melli Daniele Vitali
Francesca Pattiro Progettazione e realizzazione / e realizzati dalla
Marina Scozzi degli interventi murali Coordinamento editoriale Seltering S.p.A.
Eliana Gerotto Carla Tanzi
con
Anna Gerotto Redazione
Teresa Cavina Giulio Lupieri
Costanza Buttinelli Simonetta Rasponi
Enrica Sacchi
Grafica Gilberta Stivanin
Giorgio Camuffo
con Ricerca iconografica
Massimo De Luca Joana Rausch
Luisa Toffolo
Raffaella Venier Realizzazione tecnica
Carla Bonacina
Allestimenti speciali Silvano Caldara
Ercole Borsani Giuseppina Magro
Giovanni Gianese Roberto Moroni

Illuminazione Segreteria
Piero Castiglioni Luisa Gandol£i

Audiovisivo sui "Siti" curato da


Venceslas Kruta
realizzato da
Gamma Film/Roberto Gaviofi

Restauro opere
Alessandri Srl
~j Institut de Restauration &
de Recherches
Archéologiques et
Paléometallurgiques
Kriterion snc
Restauri Formica
Laboratorio di restauro
del Museo Civico L. Fantini
Giovanni Morigi e Figlio snc
Mag. Wol£gang Miiller
R.A. Restauro Archeologico
e Architettonico Srl
A. Schiifer

l
"

In questa così vasta ed eterogenea comunità europea, le diverse culture caratterizzanti i vari
popoli hanno innesti diversi, talora più o meno ampli, talora più o meno occasionali.
Così si dica della stessa cultura latina e, per suo .tramite, di quella greca.
Ovvero ancora della cultura cristiana e per suo tramite di quella ebraica, per non accennare
che ad alcuni degli innesti più decisivi.
Ma ogni popolo che vive in questo nostro continente ha le sue caratteristiche primigenie che si
rifanno alle originarie aggregazioni: i popoli latini, quelli germanici, quelli anglosassoni, quelli
slavi con le loro sottodistinzioni, mantengono caratteri individua tori che non si manifestano
soltanto nel permanere di ceppi linguistici ben definitjY ma anche in tendenze dello spirito e
della ragione.
Le esplicazioni di queste tendenze hanno dato luogo a culture diverse dove gli elementi
comuni gli uni agli altri non sempre hanno giocato un ruolo unificante: anzi, seppure hanno
costituito quasi dei ponti, dei momenti di comunicazione reciproca, delle basi per un
colloquio europeo che sempre è esistito, tuttavia non hanno mai fatto venir meno la
particolarità delle differenti radici.
Ora, uno degli interessi più vivi delle scienze che utilizzano la ricerca storica è proprio quello
di scavare nel passato dei popoli per individuarne le basi permanenti.
In effetti, in Europa, queste scienze non possono limitarsi all'archeologia, come avviene per
popoli ormai scomparsi quali quelli del vicino Oriente, i Sumeri, gli Assiri, i Babilonesi, gli
lttiti, gli Egiziani e quanti altri: qui si tratta di scavare, per così dire, nel vivo e il prodotto
dell'archeologia è inteso a conoscere meglio l'esistente non a ricostruire un 'umanità che non
esiste più.
In questo contesto Palazzo Grassi ha tentato l'avventura dei Fenici, popolo sicuramente
scomparso, con lo scopo non solo di restituirlo a noi ma di mettere in luce se e quanto di
esso possa ancora considerarsi parte della nostra civiltà.
Ed ora, ecco, la mostra sui Celti. Qui il tema è ancora più affascinante perché, per comune
sentire, tutte le nostre culture prendono le mosse dalla loro.
Forse molti passaggi sono stati cancellati, molti in realtà assorbiti. I caratteri delle nostre genti
romane, o diverse dai romani e perciò, nel senso letterale dell'originaria parola greca, barbari,
possono tutti riconoscersi in questa Madre comune. Una Madre che ha lasciato meno segni
visibili e tangibili della Madre latina, ma il fine di questa mostra, che qui presentiamo, è
proprio quello di riconoscerne i tratti, di ricostruirne i caratteri, di trova me la continua, e si
vorrebbe dire immutata, presenza.
Anche con quest} mostra Palazzo Grassi prosegue nella sua, ormai affermata, vocazione di
sposare la visualttà degli oggetti con lo studio di una civiltà, uno studio che va dalla
ricognizione dei luoghi e, in essi, nel ritrovamento dei reperti, a una comprensione delle
epoche e differenze che, pur nell'ambito di una fondamentalmente comune origine pur sono
esistite, fino al tentativo dell'individuazione dei loro movimenti e delle loro società.
Palazzo Grassi ha voluto questa mostra non per fare una semplice esibizione ma per offrire un
momento di pensiero.
Gli specialisti che abbiamo chiamato a collaborare, e che con entusiasmo e disinteresse hanno
collaborato, hanno trovato nella nostra iniziativa l'occasione per una rivisitazione di ipotesi e
di tesi.
Ma anche il pubblico al quale noi ci rivolgiamo è sollecitato a partecipare.
La nostra finalità è non di vedere nelle nostre sale una folla attratta dal nuovo, ma una folla
attenta e compresa nella lettura del messaggio che noi vogliamo offrire e che in realtà è il
messaggio dei Celti.
"I Celti, prima Europa", abbiamo voluto intitolare la mostra, e questa "prima Europa" è ciò
che noi crediamo sia il punto distintivo della mostra: un omaggio, insieme, a questa nuova
Europa che non potrà sorgere se non avrà piena coscienza di una sua unità e che, indietro nei
secoli, approda, s~ da un lato, alla civiltà romana e a quella cristiana, ma anche a quella di
questi popoli che all'Europa hanno lasciato un'eredità che non può essere da nessuno
ignorata.

Feliciano Benvenuti
Presentazione
l'

Il 20 giugno 1989, nella sede dell'Institut de France a Parigi, si svolgeva una riunione ristretta
promossa da tre Istituzioni: Palazzo Grassi, l'Accademia Nazionale dei Lincei, l'Institut de
France. Perché fossero tali istituzioni a promuovere la riunione, e perché la sedè fosse a Pari-
gi, va detto a chiarimento dell'iniziativa che le tre istituzioni si accingevano ad avviare.
Palazzo Grassi: sorta in funzione di grandi esposizioni a carattere internazionale, questa isti-
tuzione era reduce dello straordinario successo della sua prima impresa in ambito archeologi-
co, la mostra "I Fenici". In tale mostra, Palazzo Grassi aveva dichiarato e applicato una "filo-
sofia": prendere solo iniziative che superassero i limiti di una !).azione e di un continente, per
aprirsi alle dimensioni internazionali e intercontinentali dell' alta cultura; iniziative che non
avessero precedenti come tali, nella concezione e nella dimensione; iniziative che, attraverso
la lunga durata e la realtà permanente di un amplissimo catalogo (presentativo non solo di
~
ciascuna mostra ma dell'intera civiltà presa in esame), determinassero un progresso vasto e
durevole, oltreché difficilmente ripetibile, della cultura.
Accademia Nazionale dei Lincei: fin dall'inizio Palazzo Grassi aveva chiesto il patrocinio del-
la maggiore istituzione scientifica italiana per le sue imprese nell' ambito dell' archeologia; e
fin dall'inizio l'Accademia aveva dato ben volentieri tale patrocinio, legandolo (come Palazzo
Grassi stesso chiedeva) alla presenza nelle imprese di propri rappresentanti sotto il profilo
scientifico. Così le mostre archeologi che si andavano imponendo non solo per l'ampiezza sen-
za precedenti e per la durevolezza dei risultati, ma anche per l'intento perseguito e realizzato
di porre i risultati stessi al più alto e incontestabile livello.
Institut de France: la dimensione e la caratterizzazione internazionale delle imprese di Palaz-
zo Grassi rendeva necessario che tale principio si traducesse in operatività fattuale. Ciò era
avvenuto per i Fenici come risultato dell'impresa: nel caso dei Celti, a cui si volgeva dopo
il primo successo la progettazione di Palazzo Grassi, ciò doveva avvenire invece come premes-
sa, perché la scienza italiana era comparativamente meno avanzata in questo campo (pur es-
sendo rappresentata con alta dignità), perché l'Europa vi aveva parte più eminente, perché
infine la Francia aveva una collocazione primaria in tale eminenza; e dire Francia, per il pen-
dant dell' Accademia dei Lincei, significava dire Institut.
Parigi: quanto si è appena detto richiedeva una connotazione europea non solo professata,
ma evidenziata; e per il caso specifico (come per i motivi indicati) non era da prevedere da
altre parti d'Europa akuna obiezione, se si considera la capitale francese sia come sede prima-
ria di studi sui Celti, sia come massimo raccordo nelle testimonianze monumentali e museali
che si conservano in quel Paese. Tali testimonianze, occorre ricordarlo, sono tra le più diffuse
e imponenti che esistano in Europa. Riunirsi a Parigi voleva rendere, dunque, alla Francia
e alla sua capitale un omaggio nel quale tutti si sarebbero associati.
Alla riunione di Parigi parteciparono: per Palazzo Grassi Giuseppe Donegà ed Emilio Melli;
per l'Accademia Nazionale dei Lincei Sabatino Moscati, accompagnato da Ermanno Arslan
e Daniele Vitali; per l'Institut de France Jean Leclant e Paul-Marie Duval, accompagnati da
Venceslas Kruta e Jean-Pierre Mohen. Quei partecipanti sono divenuti il primo nucleo pro-
motore della mostra; e dalla loro riunione sono emerse le direttrici generali della mostra stes-
sa, che conviene evidenziare qui appresso e che si riassumono nel perché e nel come (organiz-
zativo e realizzativo) dell'iniziativa.
Perché i Celti: dopo l'apertura con i Fenici all' antico mondo mediterraneo, era auspicabile
un'apertura con i Celti all'antico mondo europeo. Per così dire, se da Venezia si era guardato
per la prima volta verso sud, per la seconda volta si sarebbe guardato verso nord. Ma l'analo-
gia, e insieme la specularità delle due iniziative, non si fermava a questo punto: entrambi i
popoli erano tra i più recentemente venuti in evidenza nelle scoperte e negli studi; entrambi
erano per ciò stesso tra i meno conosciuti e quindi tra i più suscettibili di una sintesi nuova
e innovatrice; entrambi recavano con sé, a partire dall' origine e dal significato dei nomi, sug-
gestivi enigmi di cui s'era fatta eco la tradizione del loro tempo e delle epoche successive.
Come i Celti (per l'organizzazione): l'impianto decisamente internazionale voleva che si chia-
massero a raccolta, con pari dignità, le competenze e le rappresentanze scientifiche di tutti
i Paesi interessati. Questo appunto si è fatto nei mesi seguenti: chiedendo il Patrocinio di
altre eminenti istituzioni che si affiancassero ai due enti accademici promotori; formando un
Comitato scientifico, esteso a tutti gli studiosi europei che, per la loro posizione e la loro ope-
ra, potevano concorrere all'iniziativa e qualificarla con il loro nome; costituendo una più ri-
stretta Direzione scientifico-organizzativa. I nomi dei componenti di queste strutture, che
tutte si sono realizzate e che tutte hanno meritoriamente operato, si leggono in apertura del
presente catalogo.
Come i Celti (per la realizzazione): poiché su questo popolo e questa civiltà non erano manca-
te in passato le iniziative settoriali, ma non v' era mai stata un'iniziativa globale, quest'ultima
(in coerenza del resto con gli intenti propri di Palazzo Grassi) fu la finalità dichiarata e perse-
guita. Non una mostra sui Celti, dunque, ma la mostra sui Celti: aperta a tutto quanto concer-
ne questo popolo, dalle origini nell'Europa centrorientale all'irradiazione nella penisola iberi-
ca e nelle isole britanniche, dalle più remote manifestazioni preistoriche all' eredità lasciata -
nel Me~ioevo e fino alle soglie dell'età moderna.
Ma dire realizzazione significa anche dire cosa si vuole realizzare: al che abbiamo risposto
mirando ancora una volta alla globalità. Ciò potrebbe sembrare pleonastico, ma non lo è quan-
do si pensi che, in una mostra dei reperti su una civiltà, sarebbe naturale (e avviene frequente-
mente) privilegiare quelli più attraenti, e quindi l'arte. Laddove, nel caso dei Celti come già
in quello dei Fenici, abbiamo voluto considerare ogni aspetto della cultura che emerga dalle
testimonianze: l'organizzazione della vita, la tecnologia, le credenze e tutto quanto ancora
sia possibile accanto all'arte, che costituisce spesso un picco emergente di suggestive ma som-
merse realtà. Ciò significa che Palazzo Grassi ha voluto, in questo caso come in quello dei
Fenici, anzitutto e soprattutto offrire un'esperienza nuova e significativa ai suoi innumerevoli
visitatori (e tra essi particolarmente ai giovani, che in ampio numero vengono per iniziativa
delle scuole): l'esperienza di un mondo diverso dal nostro nel tempo e nello spazio, di genti
che hanno vissuto la loro avventura umana in condizioni tanto dissimili, e per ciò stesso illu-
minanti nel confronto. Siamo appena pulviscolo, nello spazio e nel tempo: ma il riconoscerlo
è un'esperienza indimenticabile, l'unica che ci consenta di comprendere chi siamo, donde ve-
niamo, dove andiamo.
Per questo motivo, ancora una volta sulla stessa linea dei Fenici, abbiamo voluto che la mo-
stra non solo presenti, ma anche e soprattutto racconti. E la provata esperienza di Gae Aulen-
ti si è impegnata nuovamente nel difficile ma affascinante compito di far rivivere un mondo
scomparso, ferma restando la chiara distinzione tra quanto esso dice e quanto noi diciamo
su esso. Taluno sostiene che le mostre debbono soltanto suggerire, non spiegare; noi ritenia-
mo il contrario, per provata esperienza. E infatti, come si può superare il diaframma tra mon-
di, culture, mentalità diverse se non spiegando? Si dirà che talvolta la spiegazione può non
essere convincente; ma allora il visitatore sarà in grado di sostitui~ la sua, di non essere co-
stretto a un esercizio di fantasia sempre rischioso, spesso fuorviante.
Il sottotitolo della mostra, "La prima Europa", è parte essenziale di essa. Quando lo conce-
pimmo, avevamo in mente il grandioso processo dell'unificazione europea occidentale, che
si annunciava ormai imminente; e si evidenziava la connotazione davvero unica della civiltà
dei Celti, quella di essere la prima storicamente documentata a dimensione europea. Infatti,
irradiandosi dalle regioni centrorientali fino all' Atlantico e al Mare del Nord, ma anche fino
al Mar Nero, come potrebbero altrimenti definir si quelle genti se non con il denominatore
del nostro continente? Ci pareva, e ci pare, che il riscontro tra quel passato e questo presente
non fosse affatto artificioso, bensì essenziale; e che potesse con rara efficacia richiamarci alle
comuni radici.
Questo pensavamo e pensiamo ancora. Ma non potevamo certo immaginare che pochi mesi do-
po, per un processo tanto grandioso quanto inatteso, l'Europa orientale avrebbe rimosso le sue
barriere, avvicinandosi rapidamente e quasi drammaticamente all'Occidente nei sistemi politi-
ci ed economici, fino a quel vero e proprio simbolo del processo che è l'unità tedesca. Di tale
processo, abbiamo vissuto con emozione i riflessi: e così il contributo dei Paesi dell'Europa
orientale alla mostra, fin dall'inizio richiesto, si è sviluppato con ritmo incalzante, nel segno di
un'apertura, di una collaborazione, di una generosità che si facevano emblematiche.
In tal modo, la mostra sui Celti è divenuta via via quasi un simbolo, un emblema della nuova
Europa, ormai tutta convergente dagli Urali all' Atlantico. E questo sia l'ultimo elemento tra
tanti per dimostrare come l'iniziativa di Palazzo Grassi ha costituito, per noi che veniamo
dal mondo della ricerca scientifica e in esso rimaniamo, un' esperienza affascinante: per la qua-
le ringraziamo chi ad essa ci ha chiamati, con rispetto e fiducia.

Jean Leclant Sabatino Moscati


Institut de France Accademia Nazionale dei Lincei
..

Guido Achille Mansuelli I Celti e l'Europa antica


,f

Nel contesto europeo e mediterraneo i Celti (Keltòi, Galàtai) hanno indubbiamente occupato
un posto di primo piano. Il primo punto della vicenda è di ordine cronologico, in quanto per
la communis opinio della nostra cultura la presenza dei Celti si sincronizza con l'occupazione
di Roma. In realtà la presenza celtica, solo se ci si limita a quanto Livio ha narrato nel V
libro ab urbe condita, si inquadra fra precedenti e conseguenze. Se si parte dal racconto liviano
vediamo che il fenomeno non riguarda solo Roma, né solo l'Italia protostorica. Infatti nel ca-
pitolo 34 del libro V, lo storico dedica un passo ai precedenti di una presenza che due capitoli
prima era stata indicata in tono miracolistico: in V, 32,6 viene detto... M. Caedicius de plebe
nuntiavit tribunis... vocem noctis silentio audisse clariorem humana, quae magistratibus dici iube-
ret Gallos adventare. Nell'ulteriore narrazione dei fatti ÙVio, dopo aver osservato che per la
humilitas di Cedicio l'avvertimento fu sottovalutato, proprio mentre si costringeva Camillo
ad andare in esilio ad Ardea giungevano a Roma ambasciatori dei Clusini a chiedere aiuto
contro l'arrivo dei Galli e si aveva il sospetto che un cittadino di Clusium per motivi privati
avesse provocato la venuta di quella gens longinqua atque ignotior. L'esattezza narrativa porta
Livio a compiere una ricerca retrospettiva e in base a questa ha potuto precisare che almeno
duecento anni prima della presa di Roma i Galli erano scesi in Italia (V, 32,5-6) e che spesso
le forze galliche avevano combattuto contro gli Etruschi, che erano stanziati fra le Alpi e
l'Appennino (1.c.). Tutto il capitolo 34 è dedicato a un lògos sul transitus in Italiam Gallorum,
in cui Livio illustra dettagliatamente gli antefatti, rifacendosi al tempo del regno di Tarquinio
Prisco, quando il maggior prestigio fra i Galli spettava ai Biturigi e alloro sovrano Ambigatus,
ai cui nipoti Segovesus e Bellovesus fu data in sorte una migrazione, resa necessaria dalla so-
vrappopolazione. Livio, dunque, in questo lògos ha cercato di spiegare con problemi demogra-
fici il fatto che a uno dei fratelli, Segovesus, toccò in sorte, per un procedimento augurale che
forse copre un' estensione ai Galli dei rituali etruschi, di recarsi nella Hercynia Silva, cioè nella
Germania-Boemia, mentre a Bellovesus fu assegnata la migrazione in Italia, haud paulo laetio-
rem dalla volontà divina. L'uno e l'altro dei principi guidavano un largo seguito di genti (e
qui Livio si mostra bene aggiornato sulla meccanica dei movimenti di queste genti primitive,

abituate a muoversi per gru~ tribali plurimi). L'ulteriore narrazione comporta una precisa-
zione topografica ed etnostorica per il sincronismo con lo stanziamento dei Massalioti, migra-
ti per mare da Phocaea della Ionia, contrastati dai Salluvii. L' omen per i Galli era di aiutare
i Massalioti alloro stanziamento, come di fatto avvenne, e i Galli di Belloveso varcate le Alpi
per il paese dei Taurini, dopo avere vinto i Tusci sul Ticino, si stanziarono nel territorio indi-
cato come degli Insubres, omofoni a un pagus degli Aedui e ivi fondarono una città che chiama-
rono Mediolanium. Nel paragrafo 33,1 e segg. lo storico continua l'esposizione dello stanzia-
mento celtico, accresciuto dai Cenomani di Etitovio, fissatisi fra Brixia e Verona, seguiti nel-
l'ordine dello spazio, dai Libui, dai Salluvii, che occuparono la zona attigua ai Liguri Laevi,
antiqua gens, collocati sul Ticino. È da mettere in evidenza, nella ricostruzione di Livio, que-
sta dinamica, che potremmo chiamare "preannibalica", in quanto ha preceduto di un lungo
tempo l'impresa transalpina del condottiero punico, che evidentemente ha messo a frutto le
precedenti esperienze, a lui ben note, delle popolazioni galliche. Passati poi attraverso il mon-
te Poeninus, i Boii e i Lingones, visto che tutta la regione oltre il Po era occupata, passato
il fiume sulle loro zattere, costrinsero non solo gli Etruschi, ma anche gli Umbri a lasciare
loro il campo. Facciamo attenzione ai momenti di questa occupazione nel racconto liviano,
poiché si tratta di una descrizione criticamente ragionata, che continua specificando lo stan-
ziamento degli ultimi Galli, i Senones. Recentissimi advenarum, occuparono la regione dall'U-
tens (Ronco) all'Aesis (Esino). Livio dice di aver trovato che questa gente era arrivata a Clu-
sium e a Roma, ma è incerto se fossero soli i Senones o aiutati dagli altri Cisalpini. Qui ha
termine illògos gallico di Livio, il quale riprende, da V,33,4, la narrazione della guerra di
Clusium e di Veii, ripetendo che i Clusini si erano trovati di fronte aformas hominum invisittl-
tas e a un diverso genus armorum, un armamentario fino allora sconosciuto, e chiesero aiuto
ai Romani, un aiuto che non ottennero, perché il senato preferì cercare di trattare con i Galli,
che preferiva pace potius cognosci quam armis. Ma l'errore tattico dei Romani portò a irritare
r

i Galli e allo scoppio delle ostilità contro Roma. Tito Livio riprende da V,37,4 la narrazione
dei fatti, sempre limitandosi al quadro centroitalico e romano, accusando di insipienza i tribu-
ni militum consulari potestate, allora sostitutivi della magistratura ordinaria. Che lo storico
non abbia perduto occasione per colpevolizzare una magistratura "popolare" è abbastanza
chiaro per chi abbia studiato il suo modo di pensare e di giudicare, anche in senso retroattivo,
e, di conseguenza, è altrettanto chiara la sua ipotesi che l'irritazione dei Galli abbia portato
a far convergere razione di questi contro la capitale. Con la provvisoria conclusione dramma-
tica del conflitto anticeltico, Livio può passare alla narrazione secondo ordine cronologico de-
gli avvenimenti, salvo a riprendere in seguito più volte l'argomento. Noi riprenderemo le cita- '---
zioni dal testo liviano, che seguiremo fino al termine, quando se ne presenterà 1'occasione.
Ma per tracciare un quadro organico del passato celtico non possiamo limitarci a seguire Li-
vio. La ricostruzione di quanto è accaduto in Italia rischierebbe di sminuire le reali dimensio-
ni del fenomeno molto al di sotto della reale portata di questo. Una esatta tematica ci porta
a spaziare anche più largamente di quanto si sia fatto fin qui. Un grande celtista, Paul-Marie
Duval, scrivendo nel 1978 la prefazione a un lavoro di sintesi di Venceslas Kruta, Les Celtes,
edito a Fribourg - Paris, ha messo a punto la situazione in una maniera veramente esemplare.
L'origine dei Celti, avverte Duval, si perde, come si esprime felicemente, nella notte di tempi
senza scrittura, da cui emergono lingua, cultura, modi di vita da Occidente a Oriente e dalla
protostoria all' età medievale; si è trattato di una forza viva sia del passato precristiano, sia
di una maturazione che ha lasciato profonde radici fino al Cristianesimo medievale, in uno
sviluppo che coinvolge, tempo per tempo, genti dell'Iberia, della Liguria, della Pannonia, go-
tiche, daciche, tracie, dai Carpazi ai Balcani. L'attività artistica e artigianale ha avuto manife-
stazioni di grande rilevanza sotto ogni aspetto, solo tardi quelli urbanistici e architettonici,
mentre la componente linguistica ha avuto un'importanza rilevantissima, assumendo in prati-
ca 1'area gallica, diciamo francese per intenderci meglio, ciò che nella terminologia dotta si
il
indica come età di La Tène e che comprende uno spazio estesissimo, dal Mare del Nord al
Mar Nero. La periodizzazione, ripeto, si scala in una duplice area, dal V al I secolo a.c. e
dalla prima età imperiale romana fin oltre il V secolo d.C., con esiti a distanza, di lingua e
di manifestazioni artistiche anche in momenti posteriori. Già nelle storie di Erodoto di Ali-
carnasso (Il)3), attivo dall'età delle guerre persiane fino a oltre il 450~C., e quindi in un
momento preciso che coincide con il già affermato sviluppo del celtismo,-1l grande storico in-
dicava così i confini nel mondo celtico: l'Istrer, poi indicato anche come Danuvius, ha le sue
sorgenti nel paese dei Celti presso i Pirenei e attraversa l'Europa, che divide a metà. Erodoto
quindi ci ha dato il più antico riferimento cronologicamente sicuro sui popoli celti, estesi dal-
l'Occidente oltre le Colonne d'Ercole, fino a tutta la Germania attuale.
Il fatto che la civiltà celtica sia stata una civiltà sprovvista di una propria tradizione scritta
per un periodo molto lungo, conferisce alla citazione di Erodoto una valenza straordinaria,
Il poiché egli è stato il primo. a inserirla con un riferimento preciso al tempo. Se riprendiamo
I l'argomento sulla scorta della sintesi di Kruta, vediamo che peraltro una realtà celtica sussiste-
va ovviamente prima che Erodoto ne facesse la menzione di cui si è detto, già come conclusio-
ne di un lungo processo formativo che, come accennato, ha avuto le sue radici nella protosto-
ria del continente, in contemporanea dall' Atlantico all'Europa orientale già nel VII-VI seco-
lo. Livio, dall' esame delle cui storie siamo partiti, aveva già avuto coscienza di questa dimen-
sione e Iulius Caesar, già all'inizio del De bello gallico, quindi già prima di Livio, aveva formu-
lato una precisazione geografica e distributiva, rilevando che !'intera Gallia è divisa in tre
parti, la prima delle quali è abitata dai Belgae, la seconda dagli Aquitani, la terza da quelli
che nella loro lingua si chiamano Celti, nella nostra Galli: Gallia est omnis divisa in partes tres,
quarum primam incolunt Belgae, secondam Aquitani, tertiamui sua lingua Celtae, nostra Galli
appellantur. Cesare, che è stato un conoscitore, per diretta e continuata esperienza, del mondo
celtico, ha quindi premesso un "distinguo", di cui lo storico moderno deve tener conto, che
i Celti, nell' ordine dello spazio, e ovviamente anche in quello del tempo, sono stati solo una
parte degli abitanti della Gallia, quindi con una individualità etnica distinta sia dai Belgae
I Celti e l'Europa antica

sia dagli Aquitani. Il "distinguo" cesariano ha un valore diverso da quello erodoteo e fissa
una situazione alla luce di una diversa realtà storica. Quando Cesare operava in Gallia e la-
sciava memoria scritta della sua esperienza, la realtà era cambiata radicalmente rispetto alla
ricostruzione di cui ha lasciato memoria Livio, che fa riferimento all'età di Tarquinio Prisco:
Cesare alla veduta retrospettiva di Livio sostituisce l'evidenza della contemporaneità. Un ter-
zo momento è rappresentato da Plinio il Vecchio, che per il principio del IV secolo ha raccolto
la tradizione di un fabbro gallo che, dopo av';;r lavorato a Roma, tornato in patria avrebbe
convinto i suoi compatrioti a conquistare l'Italia. Il dato riferito da Plinio è indicativo di rap-
porti abbastanza antichi fra Roma e la Gallia e sottolinea una professionalità gallica e una
posizione sociale rilevante degli artigiani della Gallia, fruenti di una posizione privilegiata,
in cui si potrebbe scorgere anche una ereditarietà fondiaria da parte di elementi possessori
di bestiame in quantità notevole; così si forma un concetto di "principi", rilevato dalla docu-
mentazione oggettuale dei corredi funerari.
Nel 577 a.c. si eresse un grande tumulo al Magdalensberg nella Foresta Nera, sull'alto corso
del Brigach, uno dei corsi d'acqua che alimentavano il Danubio: nel corredo si rilevò una do-
cumentazione che illumina sull' attività economica della cultura in formazione di questa civiltà
dei "principi", articolata su una fase del VI-V secolo e una del IV-IlI e caratterizzata appunto
dalle grandi deposizioni tumulari. La formazione della civiltà che prende nome dai rinveni-
menti di La Tène, sulla Thièle, è caratterizzata da questa monumentalizzazione funeraria.
Nella tradizione letteraria antica questi concetti legati a fatti di documentazione monumenta-
le e oggettuale possono combinarsi con i dati di cui in Livio V ,3 3, relativi alle più antiche
presenze di Celti in Italia e alle lotte di questi contro gli Etruschi. Noi possiamo quindi com-
binare la tradizione monumentale con la tradizione letteraria e integrare le due tradizioni:
le vicende dell'Italia padana e cispadana che possiamo esemplificare con centri come Bologna,
Marzabotto, Servirola San Polo, sono contemporanee con gli stanziamenti del Piceno e dei
residui degli stanziamenti celtici, ultimi esiti dell'impresa contro Roma. Questi residui segna-
no gli estremi margini di una occupazione pressoché integrale dell'Italia settentrionale e me-
dia, che da un lato opera una sostituzione etnica dell' ambito norditalico come proiezione
estrema di una preponderanza che ha coinvolto tutta l'Europa, d'altro lato permette di stabi-
lire un sincronismo fra un epicentro italiano e un ampliamento d'orizzonte su piano continen-
tale. All'inizio del IV secolo a.c., mentre si articolavano gli stanziamenti padani, i Boi cispa-
dani vedevano stabilirsi altri stanziamenti boici nella Boemia-Baviera e gli stanziamenti seno-

nici
Seine.delle
NelMarche trovavano
386 si fa un corrispondent~1
cadere l'assedio analoghi
di Clusium, casus stanziamenti
belli dell' della Roma,
ostilità contro Yonne ma
e della
non
molto tempo dopo, nel 369-368, il tiranno Dionisio di Siracusa reclutava mercenari celti per
le sue imprese in Sicilia e in Italia. In questo momento si afferma nell' ambito cisalpino lo
stile decorativo vegetale con i suoi principi dinamici. Nel processo si deve inserire la realtà
di Spina e di Adria, per cui l'elemento celtico gradualmente si appropria di esperienze greche,
italiote ed etrusche, essenziali per la formazione di un patrimonio che d'altra parte è rivelato
in Europa dai rinvenimenti di Waldalgesheim, ai margini dello Hunsriick renano; la sepoltura
di Waldalgesheim era per una donna, che, in anticipazione di tempi, il Kruta ragguaglia alle
regine della Britannia, Boudicca e Cartismandua. Nel nostro sforzo di seguire i documenti
diversi e complementari su piano europeo, possiamo passare alla zona della Marne, margine
settentrionale di uno stanziamento che ha dato documenti numerosi e sintomatici di un arti-
gianato locale; alimentato anche qui dalle esperienze di origine padana e italica. L'area seno-
nica della Yonne consente di recuperare analogie fra le due aree, italica ed europea, mentre
nel IV secolo l'Armorica indica 1'estensione di questa irradiazione celto-italica che ora si avvia
all' esaurimento delle sue energie. Alla metà del IV secolo a. c., si osservano particolari svilup-
pi di stanziamenti della Svizzera, che l'analisi dei rinvenimenti qualifica come quadrivio ob-
bligato di un vasto insieme, caratterizzato da documenti come il "tesoro" di Duchkow nella
Boemia di nord-ovest formato da molte centinaia di oggetti preziosi e di bronzo, connessi
con esemplari elvetici. Il Kruta rileva l'autenticità e l'antichità della caratterizzazione dei Cel-
c:

ti che Polibio ha inserito nelle sue storie. Il testo di Polibio è notevole per le affermazieni:
assenza d'industria, d'arte, di scienza, comprensibili in un greco" cittadino", incapace di giu-
dicare una società "barbarica" con criteri diversi dai suoi. Aggiungerei che un greco, appunto
Polibio, era anche non in grado di comprendere una documentazione come quella oggettuale,
estremamente lontana dalle sue capacità di intendere.
Al III secolo a. C. si fa' risalire la massima rappresentatività dell' arte lateniana, che non può
considerarsi solo come una forma di manierismo decorativo; allora si sono avute manifestazio-
ni originali, vigorose, inventive, di interpretazione controversa a seconda del punto di vista
che si assume come parametro. Il problema non si comprende con esattezza se non nella di-
mensione globale. Nel III secolo a.C. i tipi di adornamento, strettamente legati all'ambiente
danubiano, coincidono con l'inserimento di un nuovo gruppo, i Volcae Tectosages, che Cesare
indica stanziati nella Selva Hercynia, menzionati fra le tribù galatiche. Noi sappiamo poco
delle fasi precedenti allo stanziamento in Gallia nel secondo terzo del III secolo. La presenza
dei Tectosages rappresenta un ulteriore capovolgimento nel quadro antropico, parallelo all' e-
spansione balcanica, avvertibile solo attraverso lo studio dei materiali; gli altri Volcae, gli Are-
comici, significativamente si inseriscono nel tessuto demografico senza turbare l'organizzazio-
ne degli autoctoni. Vi è una relazione diretta fra le spedizioni rivolte in direzione del mondo
ellenistico e l'apparizione di nuove popolazioni alla periferia occidentale del mondo celtico
e la tradizione antica ha attribuito i tesori dei Volcae, nel lago sacro presso Tolosa, al saccheg-
gio del santuario delfico del 279 , per cui si avvertirebbe un certo parallelismo fra l'espansione
dell'inizio del IV secolo a.c. e la spinta in una duplice direzione: il territorio d'origine e le
zone in cui la continuità demografica è attestata dalla documentazione archeologica. I Senoni
d'Italia, dopo avere pressoché rotto le relazioni con i transalpini, vinti a Sentino nel 295 , vin-
citori ad Arretium nel 285, furono disfatti nel 283 sul lago Vadimone. Nello stesso anno alle
foci del torrente Misa, in quello che fu il territorio dei Senoni venne fondata la colonia roma-
na di Sena Gallica. La ripresa delle ostilità nei confronti delle altre popolazioni galli che della
Cisalpina portò a una disfatta decisiva di questi nel 225 a Talamone in Etruria, e di nuovo
nel 222 a Clastidium. Il successo romano portò all'occupazione di Mediolanium. Le speranze
galliche sono ridestate da Annibale, specie dopo la vittoria al Trasimeno, ma nel 207 la vitto-
ria romana al Metauro segna la fine per Annibale e per i suoi alleati e nel 191 si ha la disfatta
dei Boi, che in seguito ripassano le Alpi. La Cisalpina è il veicolo di penetrazione in Europa
interna e lo strumento di superamento di una crisi destinata ad aprire un capitolo diverso nel-
lo sviluppo del continente. Pompeo Trogo (XXIV, 4) ha scritto che l'eccedenza demografiCa\
aveva spinto a spostarsi, come per un esteso ver sacrum: una gran parte si installò in Italia,
altri, guidati dagli uccelli, si stabilirono nell'interno dell'Illiria, altri ancora, aprendosi la stra-
da attraverso gruppi barbarici, in Pannonia. È notevole che lo storico voconzio di età augu-
stea abbia parlato di ver sacrum, cioè di una istituzione religiosa tipicamente romana, proba-
bilmente con ascendenze etr~sche, per spiegare i movimenti migratori dei gruppi celti e la
loro diaspora attraverso l'Europa. Se le condizioni della nostra informazione non hanno per-
messo di conoscere la situazione del passato preceltico, e se solo con Erodoto abbiamo una
cognizione abbastanza esatta del corso e del ruolo geografico dell' alto Danubio, che lo storico
riteneva inabitabile a motivo del freddo, altri dotti come Apollonio Rodio hanno accreditato
informazioni miste a elementi leggendari. La cultura greca, è noto, in età arcaica e classica,
aveva scarse e dubbie conoscenze dell'interno del continente, per cui ci riesce difficile indivi-
duare le motivazioni delle poche presenze di materiali greci come la hydrfa laconica in bronzo
della sepoltura di Artànd sulla Tisza. Nel già citato volume di Kruta, Mikl6s Szab6, nel suo
saggio "Les Celtes danubiens et l'expansion balkanique", ritiene che la via di penetrazione del
pezzo sia stata l'Adriatico, sul che mi permetterei di nutrire forti dubbi: dalla Laconia il reci-
piente può avere seguito altre vie, mentre sembrano essere scarse le possibilità di provenienza
dalla Tracia, tanto più che la linguistica comparata mostrerebbe differenze con gli idiomi da-
cico e tracico. Dalla ricostruzione, che ritengo assai apprezzabile, del mio giovane collega,
sembra assai difficile poter stabilire definizioni puntuali. La penetrazione celtica nel medio
I Celti e l'Europa antica

Danubio ha avuto inizio a partire dalla fine del V secolo a.c. È difficile comprendere il moti-
vo dell' attrazione esercitata sui Celti dal bacino carpatico, avendo essi gravitato in questa di-
rezione e sostenuto conflitti di cui siamo informati per l'età precristiana da Livio e per l'età
più tarda da Iustinus nel III secolo d.C. e da Arriano Flavio già in precedenza. L'esposizione
retrospettiva di Arriano Flavio indica per il 335 un'ambasceria dei Celti ad Alessandro indi-
candoli come "Celti del mare Ionio"; è un dato importante, considerando il silenzio sulla cel-
tizzazione della Pannonia da parte di altre fonti. Nella zona oltre il Danubio il potere celtico
si consolida nella seconda metà del IV secolo, come è confermato dai rinvenimenti e dagli
scavi, cui conviene far capo in difetto di riferimenti letterari. Le varie tipologie oggettuali
sono diffuse dalla Bosnia all'Ungheria, dopo precedenti già della fine del IV secolo ed esten-
sione anche più a sud, quando i sovrani ellenistici intervengono a sistemare tribù celtiche,
J come fece Cassandro nel 310, in un periodo di lotte molto agitato in cui la zona interessata
è quella dell' ambito macedone-tessalico-micrasiatico, che vede i Celti di Kerethrios invadere
il paese dei Triballi, la Tracia e la Peonia al comando di un brenno - nome di carica, non di
persona - e di Bolgios. Questi Celti sono ormai detti dalle fonti Galàtai e vincono in battaglia
Tolemeo Keraunos nel 279, un secolo dopo l'impiego di truppe celtiche mercenarie al soldo
di Dionisio di Siracusa per la guerra di Corinto. Nel 279 è da annoverare l'impresa dei Celti,
guidati da un brenno, di cui ha parlato anche Livio e che provocò anche una frammentazioqe
delle forze per il distacco di un grosso contingente. Ma il comandante greco Sosthenes non
riesce a impedire il saccheggio da parte celtica della Macedonia: il capo celta rivela eccezionali
qualità strategiche, i Celti si portano contro Delfi e il sacco del santuario frutta loro un note-
vole materiale oggettuale. Polibio permette di stabilire la data del 277 per la ricomparsa in
Tracia di un gruppo comandato da Kommontòrios e dice che dopo aver vinto i Traci, i Celti
costituirono un regno presso Bisanzio, città che pagava loro 80 talenti l'anno. Lutario e Leon-
norio erano capi di questi gruppi, successivamente passati in Asia Minore, al servizio di Nico-
mede di Bitinia. Nicomede assegna ai Galati un territorio fra il suo regno e il regno di Antio-
co, ma nelle contese fra i potentati ellenistici sono coinvolti i Galati, vinti nel 275-274 da
Antioco Sotère in una grande battaglia, in cui devono soggiacere alla potenza dei Seleucidi
mentre, pare, si avviavano a raggiungere le Porte Cilicie. L'arte ellenistica del periodo di At-
talo I ha celebrato con complessi statuari i successi sui Galati, i quali peraltro tenevano viva
una persistente resistenza. I Galati diventano un elemento di disturbo e di incertezza nell' am-
biente ellenistico, mutando alleanze negli ultimi\decenni del II secolo a.C. Nel 168 una rea-
zione galatica porta a un intervento romano, chti assicura l'autonomia alla comunità galatica.
Così la storia dei Celti d'Asia si mescola con quella dei Romani. A favore di questi si hanno
J
interventi nella guerra Mitridatica: nel 125 a. c., alla morte di Amyntas, sovrano celta dal
nome greco, la Galatia è redacta in provincia romana, seguendo le vicende dell'Oriente e delle
preponderanze fra le varie correnti dei capi romani. La comunità galatica si divideva nel I
~ secolo a.c. fra diversi gruppi: Tolistobogi, Tectosages, Trocmii; il nucleo principale era localiz-
zato attorno adAnkyra, nei Tectosages. Il koinòn galatico aveva una struttura particolare, co-
me una tetrarchia e il tetrarca e gli altri componenti le organizzazioni avevano nomi greci,
indice che l'ellenizzazione era profonda. La comunità finisce con l'accentramento del potere
in una sola persona, ma questa veste di ellenizzazione copriva in realtà un tessuto strettamen-
te celtico, con raffronti numerosi con la corrispondente organizzazione europea. Le genti ga-
}
latiche hanno avuto trasformazioni e ampliamenti etnici. I Bastarni sono presenti a partire
dal 250 circa, ma sull' etnico si avevano nell' antichità parecchie controversie: per Diodoro,
Livio e Plutarco erano Celti i Galati; Strabone li indicava come Germani, Tacito come un
misto di Sarmati e Germani, Appiano li dice Geti; il materiale monumentale e oggettuale in-
dica una preponderante componente celtica, ma il carattere celtico si attenua e scompare en-
tro la fine del II secolo e del successivo. È importante l'iscrizione greca di Protogénes, onorato
per aver salvato Olbia del Ponto, sua patria, minacciata da popolazioni barbare fra cui i Gala-
ti. I gruppi celtici recedono dopo il sacco di Delfi. Noi possiamo far conto dell'iscrizione di
Protogénes come riferimento cronologico perché attuale ed espressione dei fatti, più precisa
.I
F

dei vaghi riferimenti delle fonti, per le quali resta sempre la riserva della tendenza a generaliz-
zare. Sempre nel suo saggio pubblicato nel volume di Venceslas Kruta, Mikl6s Szab6 cita per
questi fatti il tardo ricordo di Iustinus che riconosce i Tectosages in Pannonia e l'appellativo
delle V olcae paludes può essere avvicinato all'identificazione etnica della tribù, in rapporto
con la menzione di Cesare di Volcae nella Selva Hercynia: si tratta di una testimonianza pre-
ziosa sulla mobilità di tali genti e sui residui lasciati ed attestati in diversi punti della loro
area di irradiazione. Le testimonianze archeologiche confermano sia questa mobilità, sia le
mescolanze etniche che sono alla base delle "imprecisioni" delle menzioni letterarie. Tale do-
cumentazione è confermata dai caratteri stilistici dei materiali sparsi nelle zone dell'Ungheria,
Iugoslavia e area carpatico-danubiana, e rivelanti rapporti culturali di estrazione etrusco-
italica. Cesare, nel libro 1,5 del De bello gallico rileva l'uso delle popolazioni celtiche, prima
di effettuare migrazioni di massa, di distruggere col fuoco i loro oppida, villaggi e case isolate.
Questo spiega la mancata conservazione di resti urbanistici e "monumentali"; Cesare dice
questo a proposito degli Elvezi, ma il costume era, molto probabilmente, comune sia nel tem-
po che nello spazio. Il caso degli Elvezi, già si è visto, ha avuto dei precedenti anche nel vasto
spazio euroasiatico ed è istruttivo per la comprensione delle situazioni analoghe. Il discorso
sugli oppida ha dei precedenti avanti l'epoca in cui Cesare ha scritto e si dilata in un processo
che va dai casi cisalpini del III secolo a.c., alle nuove prospettive del II. Le forme artistiche
sono caratterizzate dal graduale prevalere delle immagini, specie monetali, in parte astratte
e "simboliche", in parte realistiche, sempre con un alto valore decorativo: il capitolo sulla mo-
netazione celtica è uno dei più vasti e articolati.
Ancora Cesare, in V,12 del De bello gallico, forte delle esperienze fatte e delle verifiche com-
parative in occasione della sua presenza in Britannia, ha potuto aprire un nuovo capitolo sulla
realtà di questa diversa componente celtica e ha trovato che i Britanni avevano idee proprie
sulle loro vicende e sui loro caratteri, che a lui aprivano un mondo nuovo, da cui possiamo
partire anche noi per ampliare il nostro orizzonte. L'esperienza britannica ci consente di allar-
gare la problematica oltre i limiti dell' epoca romana, che con Cesare si concludeva. La nuova
prospettiva ci consente di approfondire le varie vicende non solo della Britannia fino all' epoca
di Antonino Pio, ossia alla maggiore espansione delle conoscenze già ben oltre l'inizio dell' era
Cristiana e di annettere le conoscenze dell'Irlanda, dove i problemi del celtismo oltrepassano
ampiamente la stessa età antica per entrare profondamente in quella medievale. Si potrebbe
dire che la documentazione dell'Irlanda stabilisce il punto di collegamento fra la sfera della
romanità cognita e la sfera di una Europa esterna ai confini dell'impero. I RorÌìani, è noto,
non hanno mai raggiunto di fatto il controllo della Britannia settentrionale, nari hanno mai
coinvolto l'Irlanda, area celtica non frequentata da elementi appartenenti all'impero. L'Irlan-
da (Iérne, Ibernia), che già nel V secolo a.c. i Massalioti avevano resa nota al mondo classico,
rimase la sola area integralmente celtica fino al Medioevo, pur essendo malnota l'origine della
sua popolazione celtofona. :La lingua dell'Irlanda si ritiene avere avuto rapporti stretti con
i distretti settentrionali dell' area gallica e ne sono malnote le vicende della formazione. La
documentazione, prevalentemente oggettuale è stata studiata solo da testi medievali, come
risultato della cristianizzazione e di conversioni di masse sempre più estese. La storia dell'iso-
la è stata ricostruita solo marginalmente per queste informazioni, restando affatto ignote al
mondo romano la ricchezza di leggende locali su numerose figure di sovrani di cui sono noti
i nomi e, congetturalmente, la data, come Conchobor, vissuto fra il21 e il 33 d.C. Per quanto
inconfrontabile, la formazione del patrimonio leggendario dell'Irlanda, orientata sul meravi-
glioso e il fantastico, riesce estremamente diversa dall' epopea classica, omerica, che qui può
essere richiamata soltanto come fatto analogico, allo stesso modo delle leggende allusive alle
bande di guerrieri, ifiana, che si sarebbe tentati di confrontare con i gruppi di guerrieri come
i Gesati, affrontati dai Romani, alla battaglia di Talamone. Ma qui si rischia di eccedere dalla
concretezza di storici.
Nel 1987 è stato pubblicato a Bologna un volume miscellaneo intitolato Celti ed Etruschi nel-
l'Italia settentrionale dal V secolo alla romanizzazione, come Atti di un colloquio internazionale
{ Celti e l'Europa antica

tenuto a Bologna verso la metà dell'aprile 1985. Gli organizzatori del colloquio hanno voluto
dedicare a me questo volume per il mio settantesimo compleanno, anche se non credo di aver
--
meritato questo singolare onore. Ringrazio tutti e per essi l'amico Pro£. Giancarlo Susini, allo-
ra preside della Facoltà di Lettere e Filosofia della nostra Università, cui penso di dovere l'i-
dea di una dedica che mi pare confacente a un ruolo di ricercatore, da tempo, fra l'altro, impe-
gnato in studi proprio sul celtismo, anche di questa regione. Con il Prof. Susini ringrazio an-
che un altro amico, il Dott. Daniele Vitali, che con altri ha curato l'edizione, ricchissima di
contenuti e sollecitante di ricordi e di nuovi incentivi, come questo saggio pubblicato. Non
posso esaminare dettagliatamente questo amplissimo volume, perché tale esame diventerebbe
oltremodo esteso e mi limiterò a richiamare alcuni studi principali e in primo luogo lo studio
l su I Galli e gli Etruschi di Mario Torelli, il cui argomento riprende quello iniziale del presente
saggio, uno studio documentatissimo sul transitus dei Galli e sulle vicende connesse. Ho visto
con molto piacere la partecipazione di un amico che stimo moltissimo e con le cui conclusioni
mi trovo, come detto sopra, in gran pàrte d'accordo. Ricorderei ancora il saggio di Otto Her-
mann Frey, sui ganci di cintura, corredato da un ottimo apparato cartografico, quello del Kru-
ta su diversi elementi di sviluppo della civiltà lateniana, l'ampia memoria dell'amico Giuseppe
Sassatelli, mio successore nell'insegnamento universitario, dal titolo Un "nuovo" candelabro
etrusco da Spina, aspetti ellenizzanti nella cultura dell'Etruria padana, uno studio di decisivo ap-
profondimento su un tema emiliano, che ha portato l'autore a riprendere una tematica essen-
ziale e ad ampliare l'orizzonte dei casi studiati. Il saggio di Christian Peyre su Fèlsina et l'orga-
nisation du territoire des Boi"ensselon l'historiographie antique, è un altro contributo importante
e una prova d'amicizia di un caro collega cui mi uniscono antichi rapporti e vicinanza d'inte-
ressi e che anch' egli è partito dall' analisi delle fonti e dei materiali. La céramique à vernis noire
en Italie septentrionale copre egualmente uno spazio importante in questi problemi: è opera
di Jean-Paul Morel, professore nell'Università di Aix-en-Provence, ricca di contenuti specifi-
ci. Alle necropoli spinetiche è rivolta la revisione critica di Giuliana Riccioni, la cui presenza
mi ha fatto molto piacere per i nostri antichi rapporti nell' ambito dell'istituto di Archeologia
dell'Università di Bologna e che è lavoro molto documentato e penetrante. Di molto interesse
e di grande responsabilità è il lavoro di Anna Maria Chieco Bianchi, della soprintendenza
archeologica del Veneto, che ricordo insieme con l'altro pregevole studio di Mariolina Gamba
sulla Necropolidi Arquà Petrarcae con l'ampio saggio di Loredana Calzavara Capuis sulla pro-
blematica del Celtismo nel Veneto. E poiché non posso citare tutto, ricordo insieme i due saggi
di Daniele Vitali Monte Bibele tra Etruschi e Celti e La necropoli di Piòbbico, l'uno e l'altro
non solo di grande ampiezza e di penetrante analisi, ma anche molto nuovi nella scelta dei
~
temi e nella rilevanza degli apporti. Le due memorie dell' amico e collega Vitali sono fra i con-
tributi più importanti dell'intera miscellanea, strettamente pertinenti all'argomento, sostenu-
te da una adeguata documentazione e avvalor~ da una serie di conclusioni ben ragionate
e persuasive, oltreché da un apparato grafico e fotografico benissimo realizzato. Prima di
chiudere questo esame, citerò ancora l'utilissimo articolo di André Rapin sui foderi di spada
lateniani, la nota di Eva F. Petres sull'eredità celtica in Pannonia in età romana e gli appunti
di Mitja Gustin sulla fibula tardo-Iateniana di Nova Vas. La serie dei contributi è completata
da un'ampia nota di Aldo Luigi Prosdocimi, che ha esaminato i problemi dei Celti in Italia
prima e dopo il V secolo a.c., ampia e sostanziosa trattazione, unica di argomento linguistico
e pertanto particolarmentegradita anche a chi analizzain sede di recensionequesta seriedi
studi. L'amico Prosdocimi ha studiato documenti dell' area ligure e celto-ligure, oltre agli
aspetti onomastici e all' antitesi fra celticità e non celticità. Il saggio è importantissimo dal
punto di vista metodologico, che si amplia all' area lingustica leponzio-ligure. Gli aspetti della
fonetica è variata dai contributi epigrafici e da una casistica, ancorata a esempi bene inqua-
drabili in un tessuto prosopografico e fonetico.
r Sommario

La riscopertadegli antichi Celti 174 La tomba a carro di Somme-Bionne


I.M. Stead
25 L'arte dei Celti 176 I tumuli di Leglise nelle Ardenne
P.M. Duval A. Cahen-Delhaye
29 La riscoperta degli antichi Celti 177 I tumuli del Giura
V. Kruta G. Kaenel
35 Le fonti letterarie 178 La tomba principesca
G. Dobesch di Kleinaspergle
42 Le fonti archeologiche F. Fischer
L. Kruta Poppi 180 La fortezza e il santuario
51 Lingua e scrittura dei primi Celti di Zavist
A. Prosdocimi K. Motykovci-P. Drda-A. Rybovci
61 L'immagine dei Celti nel mondo 182 La necropoli di Manetln-Hddek
antico: arte ellenistica E. Soudska
B. Andreae 184 L'abitato e il deposito di utensili
70 Il galata capitolino di Chynov
M. Mattei P. Sankot
185 La residenza nobile di Drouzkovice
Il tempo dei principi Z. Smrf.
VI secolo a.C. 186 Le tombe principesche di Chlum
J. Michcilek
75 I primi principi Celti 188 La fortezza di Steinsburg
nel VI secolo a.c. K. Peschel
O.H. Frey 189 Necropoli e abitati nei dintorni
93 I Celti golasecchiani di Skt. P6lten
R.C. De Marinis J. W. Neugebauer
103 Le tombe principesche 191 La necropoli di Bucany
della Borgogna J. Buina
J.-P. Mohen
108 I principi Celti I Celti della prima espansione storica
del Baden-Wurttemberg IV secolo a.C.
J. Biel
114 La fortezza di Heuneburg 195 I Celti della prima espansione storica
e le tombe principesche V. Kruta
dell' Alto Danubio 215 I passi alpini e le emigrazioni
W. Kimmig celtiche
116 L'abitato di Vix e la tomba L. Pauli
della principessa 220 I Celti in Italia
N. Berthelier-Aiot D. Vitali
118 Bragny. Centro di produzione 237 L'Armorica
e di scambi M.-Y. Daire
J.L. Flouest 243 La Champagne
120 Bourges. Un complesso di abitati J.-J. Charpy
sul promontorio 251 L'Altipiano svizzero
5. Delabesse- J. Troadec G. Kaenel - F. Miiller
121 La necropoli delle Jogasses 261 La Renania
P. Roualet HE. Joachim
122 La fortezza del Kemmelberg 265 La Baviera
A. van Doorselaer H.P. Uenze
123 La fortezza di ChatiIlon-sur-Glane 270 La Boemia
H Schwab P. Sankot
~ 273 La Moravia
La formazione ) M. Ciimcif
della cultura lateniana 277 Il bacino dei Carpazi
V secolo a.C. J. Buina - M. Szab6
286 La necropoli di Filottrano
127 La formazione della cultura M. Landolfi
di La Tène 287 La tomba di Moscano Fabriano
O.H Frey M. Landolfi
147 La facies marniana 288 Abitato e necropoli di Monte Bibele
della Champagne D. Vitali
P. Roualet 290 Le monete fuse con testa di gallo
155 Le tombe principesche 5. Balbi de Caro
del medio Reno 292 L'elmo di Agris
A. Haf/ner J. Gomez de Soto
163 Hallstatt e le miniere di salgemma 294 La tomba di Waldalgesheim
F.E. Barth HE. Joachim
167 Il complesso del Durrnberg 295 Il deposito votivo di Duchcov
F. Moosleitner V. Kruta

22
296 La necropoli nei dintorni 429 L'allevamento 548 L' oppidum di Bratislava
di Skt. P6Iten S. Bokonyi L. Zachar
I w. Neugebauer 426 L'agricoltura 550 La città mercato
298 La necropoli di Mannersdorf H. Kiister del Magdalensberg
I w. Neugebauer 436 L'artigianato G. Piccottini
S. Sievers - R. Pleiner
Il tempo dei guerrieri N. Venclova - U. Geilenbriigge I Celti delle Isole
III secolo a. C 451 La moneta
H.I. Kellner 555 I Celti pre-cristiani delle isole
303 I Celti e i loro spostamenti 461 I Transpadani B. Raftery
nel III secolo a.C. E. Arslan 573 Il traffico marittimo tra il
M. Szab6 471 I Taurisci continente e la Britannia
321 L'armamento D. Boiié B. Cunlif/e
A. Rapin 478 I Celti nell'area balcanica 581 Gli hillforts
333 Il mercenariato OB. Frey - M. Szab6 B. Cunli//e
M. Szab6 485 La società 587 La cultura di Arras
337 Gli Scordisci A. Duval 1. Stead
P. Popovié - B. Jovanovié 491 La scrittura 591 I popoli belgi del Tamigi
349 L'oro V. Kruta 1. Stead
C Eluère 499 La religione 596 La religione celtica nella letteratura
356 Il carro celtico e la sua ricostruzione V. Kruta irlandese e gallese
A. Furger-Giinti 509 La romanizzazione della Gallia P. Mac Cana
360 L'abitato e la necropoli di Enserune C Goudineau 605 Le scoperte nelle torbiere
M. Schwal/er 515 La romanizzazione dei paesi B. Raftery
362 La fortezza e il santuario danubiani 606 L'abitato fortificato di Danebury
di Roquepertuse M. Szab6 B. Cunlif/e
B. Lescure 519 Bibracte, oppidum centrale 607 La fortezza di Maiden Castle
364 Il santuario di Gournay degli Edui N. Sharples
I-L. Brunaux I.-P. Guillaumet 608 L'abitato di Gussage AlI Saints
366 La Tène 520 Le tombe aristocratiche I. Foster
C Dunning di Goblingen-Nospelt 609 Il deposito votivo
369 L'artigianato ceItico nei ritrovamenti I. Metz/er di Llyn Cerrigh Bach
di La Tène 522 Il porto celtico di Ginevra S. Green
M. Egloff C Bonnet 610 Il santuario di Navan Fort
372 La tomba del medico di Obermenzing 523 Basilea. L'oppidum di Munsterhugel CI. Lynn
E. Kiinzl e l'abitato della Gasfabra 612 La residenza reale di Tara
374 La necropoli di Giengen A. Furger-Giinti B. Raftery
I. Biel 524 Berna-Enge. L'oppidum 613 La fortezza di Dun Aenghus
375 Il calderone di Bra della Engehalbinsel B. Raftery
P. Mortensen F. Miiller 614 Il santuario di Dun Ailinne
376 La brocca di Brno-Malomeì'ice 526 Il deposito votivo di Berna-Tiefenau B. Wailes
I Meduna F. Miil/er 616 La pietra di Turoe
378 La necropoli di Iwanowice e i CeIti 528 Il sito fluviale della Zihl B. Raftery
in Polonia presso Port 617 Il deposito votivo di Broighter
Z. Woiniak F. Miil/er R.B. Wamer
378 L'abitato di Sopron-Krautacker 530 L'oppidum di Manching
E. Jerem F. Maier I Celti cristiani
380 La necropoli di PeCine 532 Il deposito votivo di Niederzier
B. Jovanovié H.E. Joachim 621 I CeIti cristiani
381 La necropoli di PiscoIt 533 Il tesoro di Hirsching M. Ryan
I. Nemeti 1. Overbeck , / 639 Lo smalto celtico
382 La necropoli e la tomba del capo 534 Il santuario di Fellbach-SChmiden G. Haselof/
di Ciume§ti D. Planck 643 La musica celtica
V. Zirra 536 Il carro di Dejbjerg I. V.S. Megaw
384 Elementi di carro della tomba di Mezek F. Kaul 649 Il ciclo epico irlandese
A. Fol 538 Il calderone di Gundestrup P. Mac Cana
F. Kaul 657 Il diritto celtico
I Celti del/'Iberia 540 I torques a palla F. Kelly
F. Kaul 659 Le missioni irlandesi
389 I Celti della penisola iberica 541 L'oppidum di Stradonice D. O'Cr6inin
M. Almagro-Gorbea I. Bren 663 Il ciclo d'Artù e l'eredità
406 La città di Numancia 542 L'oppidum di Zavist nella cultura europea
A.J. Martinez K. Motykovd - P. Drda - A. Rybovd A. Breeze
544 L' oppidum di Tfisov 671 I Celti contemporanei
Il tempo delle città I. Bren G. Mac Eoin
II-I secolo a.C 545 Il deposito di utensili di Kolin 677 Conclusioni
K. Motykovd - A. Rybovd S. Moscati
411 Gli oppida celtici (Il-I secolo a.c.) 546 L'oppidum di Staré-Hradisko
F. Maier I. Meduna 681 Apparati

23
Paul-Marie Duval L'arte dei Celti

Non si può parlare dei Celti in generale né della loro arte in particolare senza definire ciò
che li distingue dai mediterranei, di cui erano i contemporanei. La loro origine, che si è perdu-
ta nella notte dei tempi, era senza dubbio europea: parlavano infatti un antichissimo linguag-
gio di natura indoeuropea, il celtico, che ancora oggi sopravvive nelle isole britanniche (in
Irlanda, in Scozia e nel Galles) e sul continente (in Bretagna). La loro unità e la loro ampia
diffusione hanno visto sorgere e fiorire la loro arte originale a partire dal V secolo a.c. in
tutte le regioni europee tra le pianure nordiche e le coste del Mediterraneo.
In questi paesi a clima temperato si sono conservati ricordi più o meno espliciti della civiltà
celtica: nomi di città, di fiumi e di monti, tracce di architettura, armi, opere d'arte nonché
oggetti di uso domestico. Ineguale l'entità dei documenti: cospicua nelle isole britanniche e
in Francia dove a esercitare il dominio erano i druidi, in Belgio e nei Paesi Bassi, nel Nordita-
lia, in Germania e in Austria; forte nei paesi danubiani (Cecoslovacchia, Ungheria e Iugosla-
via); media nella Spagna settentrionale, in misura però sempre più rivelatrice.
È una cultura rappresentata anche da opere d'arte, che hanno potuto essere introdotte nei paesi
scandinavi (Danimarca e Svezia), in Polonia e persino, sporadicamente, nella Russia sudocci-
dentale. Ma non si trovano opere celtiche (o, per meglio dire, non sono ancora state trovate)
là dove i Celti, pur avendo dato prova della loro potenza come mercenari e persino in veste
di conquistatori, non si sono stanziati in maniera durevole, vale a dire nell'Italia centrale, in
Grecia, in Sicilia e, al di fuori dell'Europa, in Asia Minore, in Egitto e nel Nordafrica.
Al contrario, rientrando nei loro paesi o stabilendosi in zone che divenivano allora celtiche,
vi portavano, dalle loro conquiste, oggetti preziosi, monete, strumenti, tutte novità che ben
presto sarebbero divenute esempi imitati secondo le loro conoscenze e trasformati secondo
il loro gusto. È per questa ragione che le opere d'arte, soprattutto ove siano accompagnate
da qualche iscrizione, sono divenute indispensabili per gli studi storici.
Il carattere conferito dai Celti alle costruzioni e agli oggetti materiali è degno di nota per i
mezzi di cui disponevano e le scelte particolari che ne fecero. Prima di avere contatti con
i Romani e di conoscerne le tecniche, al pari degli antichi Greci ignoravano la malta. I mate-
riali maggiormente usati erano la pietra poco lavorata e soprattutto i legnami di qualità. L'ar-
gilla per le ceramiche, il vetro, il bronzo, lo smalto, l'ambra e il corallo si aggiunsero un po'
alla volta, né erano assenti l'oro e l'argento. Ci sono rimasti ignoti la pittura, la tessitura (tut-
tavia ben sviluppata), i lavori in vimini e in paglia e quelli in cuoio.
In compenso, conosciamo gli indumenti con cui i Celti si difendevano dal freddo e che sono
divenuti nostri: pantaloni, lane, calzari; e conosciamo la botte, inventata in Belgio. Anche
l'incisione su ferro, tanto ricca nell'Europa centrale, era una delle caratteristiche dei Celti
così come la piccola statuaria, dalle linee astratte e misteriose.
L'originalità dei Celti rispetto alle etnie mediterranee sul piano urbanistico acquisì una dupli-
ce fisionomia, caratterizzata dall'uso dell' oppidum, sorta di vasta fortezza, principale sede in-
sieme civile, militare e politica collocata su un' altura di difficile accessibilità per i nemici e,
più di rado, in zona pianeggiante, difesa da un fiume. Non meno tipico è il santuario celtico,
a pianta quadrata o circolare che, con il nome latino di fanum, venne poi usato nelle isole
e nella Gallia romana.
La religione dei Celti non è nota attraverso i testi che erano trasmessi oralmente: la registra-
zione scritta era vietata dai druidi. Ma possediamo il calendario annuale in lingua celtica, inci-
so in lettere latine per cinque anni su una grande placca metallica i cui pezzi erano stati seppel-
liti in Gallia; è databile al più presto al II secolo d.C. Si tratta di un sistema completo, di
gran lunga l'esempio più sapiente, più preciso e meglio utilizzabile di calendario semilunare
impiegato in Europa fino alla creazione del sistema solare imposto da Cesare. La sua quasi
perfetta elaborazione dovette richiedere moltissimi anni, fors' anche parecchi secoli, di lavoro
scientifico da parte dei druidi.
Tra le opere d'arte europea antica non mancano certo i soggetti puramente celtici, andati svi-
luppandosi, in un clima che favoriva i misteri della foresta e delle sue potenze animali, grazie
alle ricchezze dell' agricoltura e dell' allevamento, ai benefici apportati dalle acque e alle risorse

25
,-

26
a
L'arte dei Celti

Guarnizionedi bronzo costituite dal ferro e dalla pietra. La rappresentazione di matronae, potenze zoomorfe, mostri
a forma di testa di cavallo
forse da un carroda guerra immaginari o animali caricaturali e la flessuosità dei vegetali hanno la meglio sulla raffigura-
da Stanwick (Yorkshire) zione dei corpi umani. Frequente è allora la riproduzione del loto, delle palmette, del vischio
I secolo
Londra, British Museum sempreverde, parassita degli alberi dai frutti bianchi e appiccicosi; della robbia, radice che
fornisce un colore rosso; dell'isatis con le sue foglie florimorfe; dell' edera dal fogliame persi-
stente e dalle bacche rosse dotata di vita plurisecolare. Ed è noto quanta importanza avesse,
tra i Galli, il raccolto annuo e solenne del vischio, ad opera di druidi, considerato il simbolo
del valore quasi religioso che le piante assumevano nell' esistenza degli uomini. Tutte prefe-
renze caratteristiche dei Celti che durante il mezzo millennio a.c. le hanno espresse in misura
sempre più frequente.
A questi aspetti, i più antichi del paganesimo celtico, si è aggiunta un po' alla volta la raffigu-
razione umana durante il periodo successivo dominato dai Romani. Venne così in essere uno
stile che merita la definizione di celtico-romano perché i soggetti scelti nell' arte celtica e nel-
l'arte romana ispirata dall' etrusca, dalla greca e dall' ellenistica, si mescolano intimamente.
Nelle iscrizioni, nei testi e nelle immagini appaiono nomi di divinità celtiche: Epona, Rosmer-
ta, Taranis, Esus, Teutates... I ritratti sono le prime innovazioni che ci rendono noti i soggetti
impostisi in un mondo religioso greco-romano ricco di apporti celtici. Bianchi Bandinelli ha
dimostrato che i Celti, nei quali il gusto per la flessuosità si accorda con l'impiego del compas-
so appropriato per le forme curve, hanno un po' alla volta adottato ora l'ammorbidimento
ora invece la geometrizzazione (ma con prevalenza della curvilinearità) di tutte le forme quali
che fossero, soprattutto le più semplici e le più vivaci. Scomposizione dei dati naturali, ricom-
posizione in elementi astratti, allusione risultante dal cambiamento, giustapposizione di sog-
getti differenti, umani o animali, vegetali o astratti: accade così che in tutta l'Europa tempe-
rata, dal V secolo a.c. al V d.C. si ritrovi quella capacità, che è sempre stata dell'arte celtica,
di trasformare in creazioni originali i molteplici e svariati motivi dell' antichità classica.
Infine, oggetto di particolare interesse devono essere le monete celtiche, nelle quali i soggetti
viventi vengono trasformati fino a diventare un triangolo geometrico. Le più numerose ven-
gono dalla Gallia, le altre da tutti i paesi celtizzati, salvo l'Irlanda. Quelle coniate tra il III
secolo a.c. e almeno il I secolo a.C. sono attualmente studiate per la varietà degli stili, corri-
spondenti alle tribù che le coniavano ciascuna in modo diverso dall' altra, e per i nomi e le
diciture decifrabili grazie alla fotografia e alla riproduzione in facsimile. Non meno interes-
sante è il fatto che queste immagini monetarie, le più curiose tra le quali cominciano a trovare
una spiegazione, rappresentavano in effetti l'unica propaganda che i capi tribù potevano per-
mettersi, sottraendosi in tal modo al divieto druidico della scrittura.
L'arte dei Celti è oggi molto ben definita: essa ci offre opere diverse da quelle delle altre arti
di questa antichità che si è cristallizzata in Occidente; è un'arte che presenta un'unità suddi-
visa nei diversi paesi dell'Europa temperata. Curiosamente possiamo riconoscerne il gusto
dell'allusione, delle forme curve e dell'ambiguità perché ne troviamo l'equivalente nell'arte
contemporanea. Ma il celta non ci ha ancora rivelato tutti i suoi tesori. Ve ne sono ancora
di sepolti, e altri che non sono stati finora studiati tanto da permettere un'identificazione.
Se stupisce che moltissimi nomi delle nostre città moderne sono di origine celtica, e ciò vale
per Londra e Dublino, per Parigi, per Milano e per tante altre, non si può dubitare che altre
opere d'arte celtiche possano essere riportate alla luce da scavi nel suolo della vasta Europa,
e forse persino al di là dei mari viciniori.
L'interesse di questa mostra è di far luce su questa complessa problematica ricca di avvenire,
aiutandoci a risolverla, e in tal senso va considerata benefica per la comprensione delle arti,
per l'arricchimento della cultura e per la storia della nuova Europa.

27
r:

28
Venceslas Kruta La riscoperta degli antichi Celti

Testa di divinità in pietra Le lingue celtiche sono parlate oggi solo da un paio di milioni di abitanti di alcune regioni
dalle vicinanze del santuario
a pianta quadrata del versante atlantico dell'Europa: la Bretagna armoricana, il Galles, una parte della Scozia
di Mfecké Zehrovice (Boemia) e dell'Irlanda. Le lingue del ceppo celtico che essi sono gli ultimi a usare -l'irlandese, il galle-
II.I secolo a. C.
Praga, Ndrodni Muzeum se, il gaelico della Scozia e il bretone - si trovano dappertutto in concorrenza diretta con una
grande lingua nazionale: il francese sul continente e l'inglese nelle isole britanniche.
Questo tipo di bilinguismo non favorisce la creazione letteraria nelle antiche lingue celtiche,
le quali sono accessibili solo a un numero limitato di persone. I grandi scrittori moderni e
contemporanei di ascendenza celtica producono dunque nelle due lingue a diffusione interna-
zionale. Le lingue celtiche si conservano solo grazie alla tenace volontà di conservare e perpe-
tuare questo aspetto essenziale di un'identità culturale, retaggio di una storia che risale alle
radici stesse dell'Europa.
La consapevolezza dell'importanza di questo legato comune e della minaccia che incombe su
di esso ha condotto a ricercare in questi paesi altre manifestazioni che possano essere conside-
rate, a ragione o a torto, specificamente celtiche. Poiché l'ambiente rurale ha svolto un ruolo
determinante nella conservazione dei dialetti celtici, l'interesse accresciuto per il folcIore, an-
cora vigoroso e colorito, costituisce oggi uno degli aspetti più spettacolari della volontà dei
celtofoni di affermare la loro esistenza e la loro originalità.
Particolarmente ben accolto dal pubblico, in un momento in cui il bisogno di ritrovare le pro-
prie radici compensa l'alienazione che inevitabilmente consegue allo sviluppo rapido e spesso
anarchico delle città, questo interesse ha tutttavia anche una conseguenza meno felice: l'im-
pressione che l'essenziale della cultura e dell'eredità celtica sia costituito oggi da un folcIore
che, nonostante la sua ricchezza e la sua autenticità, può difficilmente ambire a presentarsi
come l'equivalente delle grandi culture letterarie dell'Europa. Quest'impressione è evidente-
mente sbagliata, poiché l'eredità celtica non comprende solo una tradizione popolare, vigoro-
sa e sempre inventiva, ma numerosi altri aspetti, più o meno manifesti e ancora in gran parte
ignorati, soprattutto al di fuori degli attuali paesi celtici.
Così la letteratura di carattere epico e mitologico, irlandese e gallese, rimane meno nota di
quella della Grecia, di Roma, dei popoli germanici degli albori del Medioevo o anche di quella
dell' antico Oriente. Eccezion fatta per i paesi anglosassoni, in cui le grandi collane di libri
economici offrono versioni eccellenti degli scritti principali; i paesi europei di antico ceppo
celtico dedicano solo una scarsa attenzione a questa eredità.
Le antiche letterature celtiche rappresentano nondimeno, per la loro originalità e per essere
uscite da una tradizione plurisecolare di letteratura orale di cui non possediamo più alcuna
traccia coerente, uno degli elementi più preziosi di cui disponiamo per lo studio del mondo
spirituale e del pensiero di un gruppo di popolazioni che svolse un ruolo determinante nella
gestazione preistorica e storica dell'Europa. Tornata al primo Medioevo dalle isole britanni-
che con la Matière de Bretagne e con i cicIi cavallereschi, questa forma dell'immaginario celtico
segnerà profondamente la mentalità dell'uomo medievale, così come molto più tardi, nel Set-
tecento, quando avrà inizio una nuova metamorfosi dell'Europa, il pastiche ossianico di James
Macpherson alimenterà lo spirito del movimento romantico.
Anche l'espressione figurativa dei Celti è il frutto di un' evoluzione del tutto originale. Nutri-
ta da prestiti continui dal mondo mediterraneo, raggiunge il suo punto di equilibrio al III se-
colo a.c., quando le popolazioni celtiche si trovano al massimo della loro espansione storica.
Quest'arte scompare quasi senza lasciar traccia sul continente nel corso del I secolo a.c., con
la conquista romana e l'annientamento dei Celti a opera dei Germani e dei Daci. Essa soprav-
vive tuttavia nelle isole britanniche e trova un notevole prolungamento nell' arte cristiana del
Medioevo irlandese, il cui irraggiamento raggiunge forse addirittura, grazie alla vocazione
missionaria dei monaci insulari, le antiche regioni celtiche del cuore dell'Europa rimaste fuori
dall'Impero romano.
Pur non potendosi stabilire legami diretti, la sensibilità espressa dalle opere del periodo aureo
dell' antica arte celtica si ritroverà nell' arte gotica, in cui le stesse curve di natura vegetale
dai modellati sottili si popolano di esseri favolosi o mostruosi, creando così un universo multi-

29
,.......--

forme che si trasforma a seconda dell'illuminazione, dello stato d'animo o dell'immaginazione


dello spettatore.
Non è dunque un caso se l'inizio della riscoperta dell' arte celtica nell'Ottocento coincide con
la riabilitazione del gotico, disprezzato dai cultori inflessibili della tradizione classica ma do-
tato di nuove patenti di nobiltà a opera dei fautori del movimento romantico. Il "rinnovamen-
to celtico" dçl secolo scorso, particolarmente vivace in Irlanda, dove costituì uno dei segni
esteriori della crescita del sentimento nazionale, attinse la sua ispirazione soprattutto all' arte
di epoca cristiana, ben nota allora grazie alle opere eccezionali - manoscritti, oggetti di orefi-
ceria sacra e monumenti - che erano potute sfuggire ai saccheggi e alle distruzioni.
Certi aspetti dell' arte celtica, in particolare l'intreccio di origine vegetale spesso associato a
motivi zoomorfi, così come il gusto spiccato per le linee flessuose, si integrano perfettamen-
te nelle tendenze delle arti decorative europee della fine dell'Ottocento che reagiscono alla
disposizione rigorosa delle forme classicistiche. Analogie sorprendenti possono essere trovate
fra certe creazioni dell' Art Nouveau e certe opere celtiche dell'Età del Ferro, ma quasi mai,
almeno sul continente, in conseguenza di un'influenza esercitata da queste ultime. Come per
l'arte gotica, l'origine di questa somiglianza di repertorio e di trattamento delle forme dev' es-
sere cercata in una preoccupazione comune per l'aspetto dinamico delle composizioni e in un
gusto simile per il rigoglio di elementi diversi, attinti in generale al mondo naturale, ma per
lo più trasformati, a volte sino all' astrazione, e composti senza una logica evidente.
Questa apparente comunanza di spirito dell' arte celtica con le correnti considerate, a ragione
o a torto, come "anticlassiche" potrebbe permetterci di ritenerla come la prima grande rap-
presentante di questa tendenza nell' arte europea. Effettivamente quest'idea ha conosciuto (e
conosce sempre) un certo successo: i Celti e la loro arte, vittime del conquistatore romano,
diventano così i campioni di un' alternativa di libertà a ogni forma di ordine oppressivo. In
realtà, se esiste una differenza concettuale fondamentale fra l'antica arte mediterranea e l'arte
celtica, quest'ultima è tuttavia inconcepibile senza una stretta simbiosi con la prima, da cui
prese a prestito non solo la quasi totalità del suo repertorio, ma senza dubbio anche certe idee
che, in origine, le erano associate. Il tutto venne però completamente integrato in un sistema
di pensiero propriamente celtico, generando un linguaggio di immagini la cui autenticità è in-
contestabile.
Mettendo l'arte celtica in opposizione all' arte antica non si può che impoverirla, poiché diffe-
renza non significa necessariamente opposizione, e le sottili interconnessioni esistenti fra que-
ste due manifestazioni complementari non possono essere ridotte a una formula binaria. Ciò
che si può affermare oggi per l'arte è vero anche per gli altri aspetti della cultura degli antichi
Celti. Si è dovuto tuttavia percorrere un lungo cammino per giungere a questa visione dei
fatti, contestata ancor oggi da coloro che vogliono mantenere a ogni costo una rigida gerarchia
fra le grandi culture del passato e che dimenticano che la diversità dell'Europa ha sempre co-
stituito un fattore essenziale della sua evoluzione dinamica.
Così l'arte celtica continentale fu riconosciuta solo una decina d'anni prima della fine dell'Ot-
tocento, poco dopo che l'identificazione delle vestigia attribuibili ai Celti storici della seconda
metà del I millennio a.c. ebbe reso possibile l'utilizzazione sistematica delle fonti archeologi-
che ed ebbe aggiunto così alle informazioni fornite dai testi una documentazione di una
straordinaria ricchezza e varietà.
Il riconoscimento di un passato celtico comune alle regioni d'Europa che si estendono, a sud
delle grandi pianure settentrionali, fra l'Atlantico e i Carpazi, era ormai un fatto compiuto
all'inizio di questo secolo: in generale non senza fierezza, e in certi casi con qualche secondo
fine, poiché le radici celtiche facevano risalire le origini nazionali di tale o tal altro paese a
una popolazione che, dopo un periodo di grandezza, era stata vittima della colonizzazione
romana e delle invasioni germaniche.
Occorse tuttavia ancora molto tempo prima che si facesse strada l'idea di un contributo degli
antichi Celti alla cultura europea e che gli specialisti si sbarazzassero delle idee preconcette
secondo le quali i Celti non sarebbero stati altro che un'introduzione "barbarica" alla vera

30
La riscoperta degli antichi Celti

Falera di bronzo traforato


dalla sepoltura a carro
di 5omme-Bionne(Marne)
V secolo a. C.
Londra,British Museum

cultura, arrivata, a seconda delle regioni, o con 1'occupazione romana o con il Cristianesimo.
L'atteggiamento verso 1'arte celtica è ancora una volta rivelatore sotto questo aspetto: solo
verso la seconda guerra mondiale si stabilirà definitivamente la specificità dell' arte preromana
dei Celti continentali, la quale sarà catalogata sistematicamente, e si studierà per la prima vol-
ta in modo rigoroso la natura dei suoi rapporti con 1'arte mediterranea. accorreranno tuttavia
ancora vari decenni prima che la convinzione che l'arte celtica rappresenti una delle manife-
stazioni più importanti dell'Europa antica - convinzione interessante e addirittura indispen-
sabile per capire l'evoluzione successiva - venga condivisa, al di fuori della cerchia molto ri-
stretta degli specialisti, almeno da una frazione del pubblico non iniziato. Nonostante i nume-
rosi studi già dedicati a questo argomento, taluni specialisti dell'arte antica continuano a con-
siderare l'arte celtica una semplice derivazione dell' arte dell' antichità classica, e quindi una
manifestazione secondaria, più o meno riuscita e priva di una propria individualità.
La situazione non è molto diversa per tutto ciò che può essere considerato un contributo dei
Celti della seconda metà del I millennio a.C. - ben noti al presente grazie soprattutto all'ar-
cheologia - alla formazione e all'evoluzione dell'Europa. Oggi si ammette in generale, anche
se spesso lo si dimentica, che le diverse province create dai Romani nei paesi celtici beneficia-
rono all'inizio di un artigianato e di un'agricoltura perfettamente funzionanti e adattati alle
condizioni locali, i quali non furono sostituiti se non in piccola parte da tecniche introdotte
in seguito alla colonizzazione.
Così l'architettura tradizionale in legno, adattata a tipi di costruzioni importate e associata
talvolta a elementi in pietra, rimase senza dubbio in gran parte predominante per gli edifici

31
c:"-

privati. Gli altri lavori in legno e la metallurgia erano già prima della conquista romana a un
livello notevole, attestato non solo dai prodotti ma anche dagli utensili, i quali erano così per-
fettamente adattati a questi lavori da restare praticamente immutati sino all'introduzione del-
le macchine. I cambiamenti constatabili sotto !'influenza romana riguardano principalmente
il volume della produzione e l'organizzazione della distribuzione, ma solo eccezionalmente
il migliora~mento dei prodotti.
Lo stesso vale per l'agricoltura, in cui gli utensili preromani, utilizzati dai contadini fino al-
l'introduzione recentissima delle macchine, permettevano colture ben adattate alle condizioni
climatiche non mediterranee, sconosciute ai Romani prima di occupare, all'inizio del II secolo
a.c., i territori allora celtici della pianura padana.
Un'eredità celtica, onnipresente e multiforme, è quindi comune all'insieme delle regioni euro-
pee che si estendono fra l'Atlantico, le grandi pianure del nord e dell' est e il confine setten-
trionale del Mediterraneo. Essa contrassegnò di generazione in generazione la vita quotidiana
dei loro abitanti e, pur non essendo più sostenuta da molto tempo dall' appartenenza a una
stessa comunità linguistica, continua a esercitare la sua influenza occulta fino ai nostri giorni.
Dritto e rovescio di uno statere
d'oro dei Parisi
Fine del II - inizi del I secolo a.C.
Brno, Moravské Muzeum

Basti ricordare a questo proposito che l'organizzazione dell' anno celtico, con le principali fe-
ste che lo scandiscono, si ritrova nel calendario religioso del Cristianesimo occidentale.
Conoscere meglio il mondo degli antichi Celti significa dunque conoscere meglio noi stessi,
e forse è anche un modo per prendere conoscenza delle radici di certe sensibilità comuni a
diversi popoli dell'Europa attuale.

L'appartenenza a uno stesso gruppo linguistico costituisce oggi un legame tanto più forte fra
i popoli di ceppo celtico in quanto essi hanno tutti l'obbligo di difendere la loro identità mi-
nacciata. Oggi si pensa dunque in generale che questa parentela linguistica implichi una pa-
rentela culturale, trasmessa attraverso i secoli, come la lingua, di generazione in generazione.
Un tale modo di vedere le cose equivale però a dimenticare che la lingua costituisce solo uno
degli aspetti, primordiale ma non certo unico, di una cultura in cui svolgono un ruolo determi-
nante la religione, l'organizzazione sociale e il sistema economico, essi stessi indissociabili dal
contesto geografico e storico. Di fatto, se esaminiamo il passato, anche relativamente recente,
delle popolazioni celtofone, dobbiamo concludere che la nozione immutabile di una "civiltà
celtica", concepita come illimitata nel tempo e nello spazio e indipendente da ogni ambiente
temporale e spaziale, non può essere che un concetto artificiale.
L'espressione "civiltà celtica", come quella di civiltà egizia, greca o romana, ha senso solo
se riferita a un fenomeno storico coerente. Così compresa, essa rimane evidentemente indis-
sociabile dall' aspetto linguistico, ma la corrispondenza non potrebbe essere assoluta né nel
tempo né nello spazio.
Fondati su tipi di materiali diversi, i due approcci principali allo studio degli antichi Celti

32
La riscoperta degli antichi Celti

-,

Imboccaturadi fodero di spada - quello dei linguisti e quello degli archeologi - non pervengono dunque sempre alle medesime
in ferro decorataa rilievo
dal sito di La Tène (Neuchtitel) . conclusioni. Oggi dobbiamo ammettere che esistono un "'identità linguistica", la quale può
Fine del III secolo a.C. corrispondere a una molteplicità di culture archeologiche, e un "'identità culturale", nella qua-
Bienne,MuséeSchwab
le possono riconoscersi popolazioni di lingua diversa.
Imboccaturadi fodero di spada La storia dell'identificazione archeologica degli antichi Celti continentali illustra assai bene
in ferro con decorazioneincisa queste divergenze. Essa ha inizio nella seconda metà dell'Ottocento, dopo un periodo in cui
dal sito di La Tène (Neuchtitel)
FinedelIII - inizi del II secoloa.C. quasi tutte le vestigia preromane erano considerate celtiche.
Neuchdtel I primi tentativi di stabilire un rapporto fra i dati forniti dai testi e il materiale archeologico
MuséeCantonal d'Archéologie
non furono sempre coronati da successo.Così, quando nel 1860 si scoprì nel sito di Alesia,
caposaldo della resistenza dei Galli alla conquista romana al tempo di Cesare, un deposito
di armi dell'Età del Bronzo, queste furono attribuite, senza alcuna esitazione, agli "eroici di-
fensori" del 52 a.c. Proprio qui si può ricercare l'origine di un'iconografia "gallica", tanto
anacronistica quanto persistente, che fiorisce ancor oggi su supporti così diversi fra loro come
i pacchetti delle sigarette Gauloise e i fumetti di Astérix.
La svolta decisiva si produsse nel 1871 a Bologna, in occasione del Congresso Internazionale
di Antropologia e Archeologia Preistorica. Due studiosi, il francese Gabriel de Mortillet e
lo svizzero Émile Desor, riconobbero fra i materiali scoperti nel vicino sito etrusco di Marza-
botto oggetti che conoscevano bene dai loro paesi d'origine: armi e fibule simili a quelle che
erano state trovate in quantità nelle necropoli dell'Età del Ferro nella Champagne e nel depo-
sito lacustre di La Tène, noto e sfruttato giàda una quindicinad'anni. Essi attribuironoquin-
di questi oggetti agli invasori celti dell'inizio del IV secolo a.c. dotando in tal modo i Celti
storici di una fisionomia archeologica.

33
li!!:

Guarnizione in lamina di bronzo


con teste d'uccelli acquatici
dal sito di La Tène (Neuchàtel)
III-1I secolo a.c.
Bienne, Musée Schwab

L'anno seguente Hans Hildebrand propose una suddivisione dell'Età del Ferro preromana
in due periodi: il primo ricevette il nome dalla grande necropoli di Hallstatt in Austria, il
secondo - quello a cui appartenevano le armi e gli oggetti di ornamento personale di Marza-
botto - dal sito di La Tène. Fu così che si stabilì l'equivalenza Celti = civiltà di La Tène
(oggi molti preferiscono usare l'aggettivo "lateniano", meno equivoco), la quale ha segnato
profondamente, da quasi un secolo, questo campo di ricerca.
L'identificazione dei Celti con la civiltà di La Tène fu positiva, in quanto permise l'identifica-
zione delle tracce archeologiche dell' espansione storica dei Celti nei paesi danubiani, ma an-
che negativa, in quanto impedì per molto tempo di riconoscere le popolazioni celtiche, più
antiche o anche contemporanee, che si situavano al di fuori di questo quadro culturale.
Solo a poco a poco si riuscì a delineare un quadro più completo e sfumato dell' antico popola-
mento celtico dell'Europa. Innanzitutto si tentò di risalire indietro nel tempo, ammettendo
la celticità dei gruppi culturali hallstattiani a partire dai quali si formò la civiltà lateniana dei
Celti storici. Fondato in modo abbastanza solido per il VI e anche per il VII secolo a.c., que-
sto ampliamento dell'identità archeologica dei Celti diventa sempre più congetturale man ma-
no che ci si allontana dai punti di riferimento sicuri forniti dai testi. C'è un accordo generale
per far risalire la formazione delle lingue celtiche al più tardi all'Età del Bronzo, e quindi al
II millennio a.C., ma nulla permette oggi di identificarle nel mosaico delle culture anonime
di tale periodo. 'l' ~ ~.
!!!J
L'accettazione della celticità dei gruppi hallstattiani che occupavano i territori a nord delle =
I
Alpi, dalla Champagne alla Boemia, non modificava tuttavia sensibilmente l'idea che proprio
Testa di divinità in pietra
a partire da queste regioni si sia verificata, principalmente nella seconda metà del I millennio da Heidelberg (Baden- Wiirttemberg)
a.c., la celtizzazione delle altre regioni in cui i Celti sono attestati, direttamente o indiretta- V secolo a. C.
Karlsruhe, Badisches Landesmuseum
mente, da testi o testimonianze linguistiche. Furono queste testimonianze ad arricchire recen-
temente il quadro di un elemento nuovo e a obbligare gli archeologi a riconsiderare l'insieme
della questione.
La decifrazione delle iscrizioni, in caratteri presi a prestito dall' alfabeto etrusco, rinvenute
nell' area della cultura dell'Italia settentrionale detta di Golasecca rivelò in effetti che esse
erano redatte in una lingua indiscutibilmente celtica. Poiché i più antichi di questi testi sono
nettamente anteriori all'invasione storica dell'inizio del IV secolo a.c., se ne deve concludere
la celticità di una popolazione la cui jacies archeologica si integra perfettamente nel quadro
peninsulare.
Noi cominciamo solo ora a misurare le conseguenze di questa scoperta; essa deve esortarci
alla prudenza, ma probabilmente apre anche la strada che permetterà di comporre, senza a
priori che generano immagini deformate, i dati testuali, linguistici e archeologici. Già ora si
intravede quanto ne possa risultare arricchita la comprensione del ruolo svolto dai popoli celti
nella formazione dell'Europa antica.

34
Gerhard Dobesch Le fonti letterarie

Per i Celti vale ciò che può essere detto a proposito di tutti i popoli "barbari" dell'Europa:
le vaghe e sbiadite tracce dei ritrovamenti tombali preistorici si riempiono di colore, vita e
nomi solo allorché questi popoli entrano nel raggio di emanazione delle culture scritte dell' a-
rea mediterranea. Poiché della letteratura punica e di quella etrusca non ci è rimasto nulla
tutto ciò che sappiamo di certo al di là dei ritrovamenti archeologici sugli antichi Celti lo dob-
biamo alle testimonianze dei Greci e successivamente dei Romani; tale trasmissione scritta
è completata solo da alcune iscrizioni.
La geografia e l'etnografia iniziano a svilupparsi nella Ionia nella seconda metà del VI secolo
a.c. A quel periodo si può fare risalire anche la prima testimonianza sui Celti: essi sono men-
zionati da Ecateo (attorno al 500 a.c.) (FGrHist 1 frg. 56). È possibile che questi conoscesse
i Celti dell'entroterra della costa ligure di Massalia (Marsiglia) (frg. 54). Al VI secolo a.c.
risale probabilmente anche la fonte del poeta tardo-antico Avieno, il quale cita i Celti come
nemici dei Liguri stanziati più ad occidente (Ora maritima 4, 132-134). Dell'opera di Ecateo
ci sono rimaste solo alcune brevi e frammentarie citazioni, tuttavia è possibile affermare che
essa non conteneva una descrizione etnografica dei Celti; tale popolo in quel periodo era con-
siderato ancora come semplice fenomeno marginale, uno fra i tanti popoli europei, non degno
di particolare attenzione. Lo stesso dicasi per quanto riguarda Erodoto, la cui opera storiogra-
fica fu conclusa attorno al 430 a.c. Questi riferisce - forse attingendo da Ecateo - che il Da-
nubio nascerebbe nel territorio di insediamento dei Celti. Tale territorio dei Celti si estende-
rebbe poi fino alle rive dell'oceano occidentale, dove esso confinerebbe con la terra dei Cineti
(o Cinesei, Spagna meridionale); viene qui da pensare a popolazioni celtiberiche oppure della
costa atlantica francese (Erodoto 2,33,3; 4,49,3). Vicino alle sorgenti del Danubio, secondo
lo storico, si troverebbe anche la città di Pirene. Si farebbe un torto all'opera di Erodoto vo-
lendogli qui attribuire una confusione con la catena montuosa dei Pirenei. Complessivamente
il suo testo rivela infatti una buona conoscenza del corso del Danubio attraverso l'Europa.
Non è certo un caso che attraverso la sua indicazione si giunga al centro della zona hallstattia-
na occidentale. I rapporti commerciali dei popoli di questa regione con i popoli del Mediterra-
neo, in particolare con gli attivissimi greci di Massalia, fecero sì che il sud avesse notizia dei
Celti già sin dal VI secolo a.c.; inoltre si potrebbe pensare anche all'antica rotta commerciale
che seguendo il Danubio portava sino al Mar Nero raggiungendo qui l'area di colonizzazione
greca; non è infine assolutamente da escludere che la valle del Danubio austriaca sia stata
una delle prime zone di insediamento celtico. In ogni caso anche Erodoto non è in grado di
fornirci informazioni etnografiche sui Celti. Fino al V secolo a.c. essi non erano dunque che
un popolo alla periferia del mondo greco. E ai Greci erano noti soltanto il loro nome e la
loro area di insediamento.
Tuttavia il mondo celtico si avvicina alla grecità. Della fine del V secolo a.c. sono le ultime
decisive ondate migratorie celtiche in VaI Padana. L'Italia settentrionale diviene la Gallia Ci-
salpina, il che coincide con la fine delle città etrusche di quell' area. Del sacco di Roma perpe-
trato dai Galli nel 387 a.c. giunge notizia anche agli storiografi greci (ad esempio Teopompo,
FGrHist 115 frg. 317). All'interno della grande Gallia i Celti iniziano a premere verso sud:
si compie così la progressiva celtizzazione della Gallia meridionale; la stessa Massalia è più
volte minacciata, ma riesce a stabilire con essi buoni rapporti. Al più tardi a partire dal IV
secolo a.C. i Celti acquistano quindi la fama di soldati valorosi ed estremamente pugnaci, e
sono impiegati dai Cartaginesi, dagli Etruschi e dai Greci occidentali come mercenari. Nel
371 a.c. il tiranno di Siracusa, Dionisio I, dopo la battaglia di Leuttra, manda in aiuto agli
Spartani un corpo di spedizione composto da mercenari celti e iberici (Senofonte, Elleniche,
7,1,20,31); si tratta della prima testimonianza dell'apparizione di Celti all'interno della terra
madre greca.
Di conseguenza, negli autori greci del IV secolo a.C. troviamo i primi abbozzi di descrizione
etnografica. Platone dipinge i Celti come bellicosi, ma anche come smodati consumatori di
vino (Nomoi, 1, 637 d); anche Arist~tele elogia la loro temerarietà e la rigida disciplina alla
quale sono temprati sin da piccoli (Politica 7,2,5 p. 1324 b 12; 7,17,2 p. 1336 a 18), citandoli

35
come esempio di massimo coraggio senza però intelligenza (Etica Nicam. 3,10,7 p. 1115
b 28; Etica Eudem. 3,1,25 p. 1229 b 28). Teopompo li cita nella sua opera storiografica (frg.
40, con la più antica testimonianza della presenza di Celti in Illiria; 202). Lo storico Eforo
li menziona come abitanti dell'Europa occidentale (FGrHist 70 frg. 30; 131), e sottolinea il
loro valore militare e la loro assoluta intrepidezza (frg. 131; 132); e li definisce amici dei Greci
(frg. 131); ~videntemente per i loro buoni rapporti con Massalia la sua perduta opera storio-
grafica conteneva forse la prima descrizione etnologica dei Celti che tuttavia rimane caratte-
rizzata dai radica ti luoghi comuni sui popoli barbari del nord in generale, così come da una
conoscenza a tratti ancora piuttosto vaga e lacunosa. A questa immagine del IV secolo a.c.
corrisponde ad esempio l'opinione dello storiografo dell'Occidente greco Timeo che conside-
ra i Celti (in greco: Galati) come discendenti di Galate, figlio del selvaggio e sanguinario ciclo-
pe Polifemo e della ninfa Galateia (FGrHist 566 frg. 69). Purtroppo è andato disperso anche
il resoconto di viaggio di Pitea, il quale nella seconda metà del quarto secolo fece il periplo
della Gallia, della Britannia e dell'Europa del nord.
La pressione espansionistica dei Celti non si indirizzò soltanto verso l'ovest e il sud, ma anche
verso l'est e il sud-est. Gli avvenimenti dell'anno 335 a.c. fanno supporre che i Celti dell' area
danubiana, attraverso l'antichissima rotta commerciale lungo il Danubio, ben presto siano en-
trati in contatto con i popoli balcanici, i Traci, i Macedoni e i Greci. Già attorno al 380 a.C.
essi combattevano contro la popolazione degli Ardiaioi, insediata nella Dalmazia meridionale
(Teopompo frg. 40). In considerazione di tali avvenimenti, così come della presenza di merce-
nari celti in Grecia e dei contatti dei Greci occidentali con i Galli, la notizia secondo la quale
Filippo n di Macedonia sarebbe stato assassinato con un pugnale di forma o origine celtica,
la cheltiché machaira (Diod. 16,94,3) potrebbe dunque corrispondere a verità. Nel 335 d.C.
il figlio e successore Alessandro Magno, impegnato in una campagna militare nei Balcani e
nel basso Danubio, fu raggiunto da una delegazione di Celti che dovevano essere stanziati
all'incirca nell'attuale Slovenia o nell'entroterra dalmata. Tale delegazione, di cui ci narra il
contemporaneo Tolomeo, diede ad Alessandro la memorabile risposta, secondo la quale i Cel-
ti non temerebbero nulla al mondo se non che crolli il cielo (Tolomeo, FGrHist 138 frg. 2;
Arrian, anab. 1,4,6-8). Al più tardi a partire da questo periodo, se non addirittura dal 380
a.c., ha inizio dunque la progressiva celtizzazione delle valli delle Alpi orientali e della Pan-
nonia. Ma di tutto ciò non ci è stato tramandato nulla: nei decenni successivi tutta l'attenzio-
ne dei Greci è rivolta alla scoperta dell'Oriente attraverso le campagne di Alessandro, il quale
arriva a spingersi. sino in India. Tuttavia ben presto i Celti si segnalano sempre più attraverso
la loro pressione verso sud-est. Già all'epoca dei diadochi vi erano state battaglie contro orde
galliche itineranti, e al 280 a.c. circa risale una terribile incursione di barbari galati in Tracia,
Macedonia e Grecia. Una parte di essi raggiunse anche l'Asia Minore, occupò la zona poi
chiamata Gal"azia e per decenni costituì un nemico temibilissimo per le città greche costiere.
La pericolosa minaccia rappresentata da questi temerari e terribili predatori (il lurar gallicu5
è ìl predecessore del Juror teutonìcus) condiziona lungo \'immagine che i\ mondo e\\enico ha
dei Celti. Il poeta Callimaco li considera un popolo incapace di pensare e riflettere e va oltre
la leggenda di Timeo sulla loro discendenza mitica da un ciclope, mettendo i Galati addirittu-
ra in relazione con i titani, i giganteschi e ancestrali ribelli nemici degli dei olimpici della luce
e dell'ordine (Hymn, 4, 173f, 184). Anche i sovrani di Pergamo dovevano avvalorare una si-
mile idea celebrando le loro vittorie sui Galati con il fregio del grande altare di Pergamo raffi-
gurante la battaglia dei titani. Purtroppo, ad eccezione di alcuni brani di Polibio, l'intera sto-
riografia, così come l'etnografia e la geografia, dell'epoca ellenistica sono andate perdute. Per-
dute sono le Geagraphika del grande scienziato Eratostene, il quale si occupò anche dell'Euro-
pa occidentale e di quella del nord, e perduta è purtroppo anche la monografia in tredici volu-
mi di Demetrio da Bisanzio (FGrHist 162) sul passaggio dei Celti in Asia. Lo stesso dicasi del
poema epico di Simonide da Magnesia (FGrHist 163, fine del secolo n!) sulla guerra di re An-
tioco I contro i Galati. È possibile che sempre nel In secolo a.c. Filarco nella sua opera sto-
riografica abbia fornito un'etnografia celtico-galatica (cfr. FGrHist 81 frg. 2). Del secondo se-

36
Le fonti letterarie

Parte del fregio fittile colo O più tarde sono le Galatika di Eratostene il Giovane, raccolte in più volumi, anch'esse
di Civitalba (Marche), raffigurante
alcuni Galli in fuga perdute (FGrHist 745). Forse lo stesso argomento fu trattato anche da Cleitofone da Rodi
dopo il saccheggio di un santuario (FGrHist 291). A titolo di curiosità va ricordato anche che Poseidippo, un commediografo del
Inizi del II secolo a. C.
Ancona II secolo a.c., fu autore di un pezzo intitolato Il Galata, anch'esso perduto. Il poeta Euforio-
Museo Nazionale delle Marche ne, anch'egli del III secolo a.c., fa menzione dei Gesati (frg. 42 Groningen). La tradizione
ellenistica tramandò la storia della città di Eraclea sul Mar Nero, scritta da Memnone in epo-
ca imperiale e di cui ci è rimasta una parte in un estratto del patriarca Fozio (FGrHist 434);
essa contiene preziose informazioni sui Galati dell'Asia Minore. In generale, comunque, l'im-
magine dei Celti tramandata dall'Ellenismo si formò in un contesto di guerre e di continuo
timore di brutali aggressioni. L'immagine è dunque quella di un popolo barbaro, selvaggio,
impavido e implacabile. La geografia li considerava essenzialmente come abitanti dell'Occi-
dente, ma anche dell'Europa centrale e del nord fino alla terra degli Sciti. I gruppi germanici
che abitavano al di là di questa "cintura celtica", al sud rimasero in gran parte sconosciuti,
e quando qualche notizia filtrava fino al Mediterraneo, anche essi venivano considerati come
celtici. Ciò avvenne fino all'epoca dei Cimbri e dei Teutoni e anche oltre.
Anche per altri popoli, sin dal IV secolo a.c., i Celti costituivano un costante pericolo, anzi
il loro nome divenne sinonimo stesso di minaccia di orde barbariche saccheggiatrici; tra gli

37
F=
I

altri questo è il caso degli Italici e di Roma. Roma aveva fondato la sua grandezza proprio
attraverso il suo ruolo di avamposto e di protettrice dei contadini italici dalla continua minac-
cia di attacchi militari e di scorrerie da parte dei Galli. La forza scatenata del mondo celtico,
incarnata in particolare dalla forza bruta dei Gesati, fu domata da Roma. La città sul Tevere
passò dalla difesa all' attacco e a partire dalla metà del III secolo a. C. iniziò la conquista della
Gallia Cisalpina. Alla fine del III secolo a.c. risale anche l'inizio della storiografia latina. Si
hanno così re prime testimonianze scritte sull'immagine che i Romani avevano dei Celti. Tut-
tavia, a parte alcuni frammenti, l'intera annalistica preliviana è andata perduta; va qui citata
ad esempio la descrizione del duello tra Tito Manlio Torquato e un gallo riportata da Claudio
Quadrigario (frg. 10a e b Peter; cfr. anche frg. 12, che forse è da attribuire a Valerio
Antias). Anche l'opera storiografica di Catone il Vecchio, del II secolo a.c., purtroppo è an-
data perduta. In quest' opera egli seguiva le tracce tramandate dalla tradizione sui popoli e
le città dell'Italia e, da quanto traspare dai frammenti, si occupò anche dei popoli celti dell'I-
talia settentrionale. Famosa è la sua caratterizzazione dei Celti: due sono gli ideali che i Galli
perseguono con grande fervore, le virtù guerresche e il discorrere con senno (frg. 34 Peter).
Per il resto possiamo far ci un'idea della più antica immagine che i Romani avevano dei Celti,
solo da quanto riportato da Livio in età augustea e dalla tradizione rappresentata da Polibio.
L'opera di questo storico greco del II secolo a. c., che trascorse molti anni della sua vita a
Roma, è conservata in gran parte in originale. Ad essa non dobbiamo solo una serie di efficaci
resoconti, come la grandiosa descrizione dei Gesati e della battaglia di Talamone del 225 a.c.
(Polibio 2,27-31), ma anche una breve ma interessantissima descrizione etnografica dei Celti
dell'Italia settentrionale (2,17,3-12). Polibio fornisce una sintetica ma efficace descrizione del
sistema gerarchico celtico, per quanto egli tenda all' esagerazione quando ad esempio attribui-
sce ai Galli solo villaggi non fortificati e abitazioni prive di masserizie e suppellettili. Tale
descrizione sicuramente non ha validità per quanto riguarda i Celti dell'Italia settentrionale
del II secolo a. C.; è presumibile che egli l'abbia tratta dalla più antica letteratura romana (Fa-
bio Pittore e altri). Nella sua esagerata primitività essa riflette infatti l'immagine del celta
predone e barbarico diffusa nella mentalità dei contadini italici. È possibile che vi abbiano
esercitato la loro influenza anche alcuni stereotipi della letteratura greca.
Roma spezzò il potere dei Celti. Ciò vale per l'Italia settentrionale, per i Galati dell' Asia Mi-
nore, per i Celtiberi e infine anche per la Gallia propria. Dopo la vittoria sugli Allobrogi nel
121 a.c. Roma distrusse il potente regno degli Arverni di re Bituito che si estendeva dai Pire-
nei al Reno. Gli Arverni rimasero liberi, ma la valle del Rodano e la costa mediterranea fran-
cese divennero Provincia romana. Nell'orazione Pro Fonteio (69 a.c.), con un linguaggio reto-
ricamente colorito, Cicerone ha fornito una interessante descrizione di come, cinquant' anni
dopo la conquista, la nuova Provincia fosse economicamente sottomessa e sfruttata dai Roma-
ni: altissimo era il numero di mercanti romani che vi operavano, nessun gallo poteva fare un
affare se non con un cittadino romano, nessuna moneta cambiava proprietario senza i libri
di commercio dei cittadini romani (§ 11). Nella stessa orazione Cicerone non risparmia nean-
che giudizi spregiativi sulle cara~teristiche nazionali dei Galli.
Le guerre contro gli Arverni e la conquista della Gallia Narbonense avevano risvegliato l'inte-
resse nei confronti del mondo celtico, e la colonizzazione della nuova Provincia offrì molte
nuove possibilità di conoscenza. Poco dopo, un pericolo mortale riportò prepotentemente alla
coscienza il significato del barbaricum europeo. Verso la fine del II secolo a.c. le tribù germa-
niche dei Cimbri e dei Teutoni invasero la Gallia N arbonense e l'Italia stessa. A quell' epoca
Romani e Greci non conoscevano ancora il concetto di "Germani" né disponevano di un no-
me specifico per indicare tali popolazioni. Quei popoli migranti erano quindi considerati co-
me Celti, e quella minaccia rappresentava ai loro occhi una prosecuzione delle ondate galli che
del IV e III secolo a.c.
Tale accresciuto interesse raggiunse il livello più elevato negli studi del grande erudito Posido-
nio (all'incirca 135-51/50 a.C.), che fu non solo un grande filosofo stoico e un acuto storico
e geografo, ma anche uno dei più importanti etnografi di tutti i tempi. Conosceva i Celti dai

38
Le fonti letterarie

suoi viaggi che lo condussero per lo meno fin nella Gallia Narbonense e riferì su di essi per
esperienza diretta (FGrHist 87 frg. 15; 16; 17; 18; 33; 55). Delle sue descrizioni etnografiche
dei Celti ci sono rimasti ampi frammenti. Inoltre le tracce dei suoi resoconti si ritrovano an-
che nelle descrizioni pervenuteci per opera di Strabone e Diodoro. Posidonio si distingue per
una particolare sensibilità per le caratteristiche etniche e culturali. Descrive la loro indole ri-
cettiva e coraggiosa, la loro franchezza e un certo fare borioso, la loro passione per gli orna-
menti, la loro smania di onori, le loro usanze conviviali, le loro credenze ultraterrene, la loro
facile eccitabilità, i loro sacerdoti, i loro bardi che cantavano le gesta dei re e dei signori in
versi improvvisati. Egli mette in rilievo anche l'importanza che l'aristocrazia celtica attribui-
sce alla consuetudine di conservare come trofei i crani dei nemici uccisi in battaglia (frg. 55;
Strab. 4,4,5; Diod. 5,29,4-5). Posidonio riformò la precedente lacunosa immagine dei Celti
creandone una ben più ricca e differenziata, che per molti aspetti rimase l'immagine classica
dei Celti diffusa nell' antichità. Le preziose descrizioni di Posidonio illuminano gli oscuri albo-
ri della storia dei Celti. Solo attraverso la sua opera le tombe, gli oggetti inanimati e i ritrova-
menti tombali del tardo periodo lateniano ritornano in vita. Attraverso di lui, dietro i ritrova-
menti archeologici riconosciamo degli esseri umani vivi.
Come curiosità ricordiamo qui la testimonianza di Cicerone, che riferisce come l'eduo Divi-
ziaco, egli stesso un druida, nel 61 a.c. soggiornasse a Roma dove entrò in contatto con Cice-
rone e suo fratello e con loro conversò sui contenuti della dottrina druidica.
A partire dal 61 a.c., probabilmente proveniente dalla Gallia del nord, a Roma inizia a dif-
fondersi il nome di "Germani" per designare le tribù non celtiche a est del Reno. Tuttavia
tale innovazione romana stenta ad affermarsi tra i Greci, cosicché anche in epoche successive
i Germani vengono da loro definiti come Celti. Non deve quindi confonderei il fatto che ad
esempio Dione definisca Ariovisto un celta.
Un approccio del tutto nuovo alla ricerca sui Celti si schiude con la campagna militare in Gal-
lia di Cesare (58-51 a.c.). Con questa, sia politicamente che economicamente, la Gallia divie-
ne parte del mondo romano, e l'esercito romano si spinge fin nella quasi leggendaria Britannia
e nelle regioni oltre il Reno. I Germani vengono allora riconosciuti nella loro diversità rispet-
to ai Celti, divenendo un fattore politico ben definito. Queste nuove conoscenze si riflettero-
no innanzitutto sul resoconto bellico dei Commentarii di Cesare, che fortunatamente non so-
no andati perduti. Accanto ad una serie di notizie isolate va menzionata la grande digressione
del sesto libro, in cui Cesare, al fine di distinguere i due popoli l'uno dall' altro, propone un
confronto tra Galli e Germani (D.b.g. 6, 11-24; il passo sulla selva ercinia non è autentico).
A Cesare va il merito di aver introdotto il concetto di "Germani" nella letteratura scientifica
dell'antichità. Dedicò una descrizione anche ai Britanni (D.b.g. 5, 12-14, la cui autenticità
appare tuttavia in parte dubbia). Ma le maggiori conoscenze Cesare le possiede sulla Gallia,
e nei suoi resoconti egli rivela eccellenti qualità etnografiche, che non temono il confronto
con i più grandi maestri di questa disciplina. La moderna ricerca è in genere propensa a crede-
re che Cesare abbia attinto a precedenti fonti letterarie e in particolare a Posidonio. Ma ciò
non mi pare in alcun modo dimostrato. L'esposizione di Cesare possiede invece tratti del tut-
to originali. Degli argomenti da lui trattati si trovano pochissimi riscontri nell' opera di Posi-
donio, così come invece Posidonio fornisce un'infinità di notizie preziose e dettagliate, di cui
non si trova traccia nell'opera di Cesare. Può darsi quindi che con la sua etnografia gallica
egli abbia inteso fornire un completamento all'opera del grande erudito. Tre sono gli aspetti
su cui si concentra l'interesse di Cesare: politica, società e religione. E per quanto attiene
al campo politico-sociologico le sue riflessioni e informazioni sono tra le più acute e importan-
ti che possediamo sui Celti. La sua descrizione del sistema clientelare e della quasi totale di-
pendenza della massa popolare dal ceto aristocratico (D.b.g. 6, 13,1-2) è stata spesso conside-
rata come distorta e in contraddizione con ciò che comunemente si sa sull'organizzazione ge-
rarchica della società celtica. Ma Cesare (che in altre parti descrive le istituzioni "clientelari"
in modo del tutto obiettivo) non intende qui fornirne una descrizione in generale, bensì si
limita a un periodo circoscritto della storia della Gallia, e più precisamente della Gallia cen-

39
r
trale. Nel II secolo e all'inizio del I secolo a.c. aveva avuto luogo un rivolgimento gravido
di conseguenze: la fanteria, che ancora insieme al carro da guerra aveva avuto precedentemen-
te il ruolo principale in battaglia, aveva perso gran parte della sua importanza a favore della
cavalleria. Di conseguenza si ridimensionò il peso politico dell' assemblea popolare, e il domi-
nio militare, politico ed economico passò all' aristocrazia dei cavalieri, che all'interno della
maggior parte delle comunità riuscì anche a rovesciare il vecchio sistema monarchico concen-
trando tutto il potere nelle proprie mani. Cesare descrive la degenerazione delle antiche forme
delle clientele, una situazione estrema che di fatto si rivelò una miscela particolarmente esplosi-
va dal punto di vista politico-sociale; le repubbliche aristocratiche galliche erano infatti in parte
caratterizzate da grande instabilità interna. Proprio per quanto riguarda tali aspetti le descrizio-
ni di Cesare appaiono del tutto attendibili nella loro penetrante e illuminante sinteticità.
Le nostre conoscenze del mondo celtico si basano dunque su tre fonti principali: Posidonio,
Cesare e quelle ricognizioni che, ora che la Gallia era romana, erano diventate facilmente at-
tuabili e di cui si trovano echi con notizie isolate nell' opera degli autori successivi. Su queste
tre fonti si basarono anche le etnografie celtiche degli autori dell' epoca imperiale, ed è per
noi importante sapere che le loro notizie sono degne di fiducia.
Vanno qui menzionati soprattutto gli storici e i geografi dell' età augustea. Perduta è purtrop-
po l'opera del greco Timagene, della quale si trova tuttavia un ampio resoconto negli scritti
dello storiografo tardo-antico Ammiano Marcellino (FGrHist 88 frg. 2). Timagene potrebbe
avere avuto comunque un ruolo importante nella rielaborazione e nella trasmissione dell' ere-
dità di Posidonio. Dettagliate descrizioni etnologiche e geografiche della Gallia e della Britan-
nia ci sono offerte dallo storico Diodoro (5,21-22; 24-32) e dal geografo Strabone (4,1-4;
4,5,1-4). Entrambe sono conservate (Diodoro per lo meno in parte) ed entrambe attingono
direttamente o indirettamente - in parte forse attraverso Timagene - a Posidonio, arricchen-
do questo materiale, in particolare Strabone, con osservazioni sulla Gallia e la Britannia con-
temporanee. Si tratta comunque delle più lunghe ed esaurienti etnografie sui Celti tramanda-
teci dall' antichità. All' annalistica romana attinse anche Dionisio da Alicarnasso nella sua nar-
razione dell'assalto dei Celti contro Roma (ant. Rom. 13,6-12; cfr. anche la descrizione della
Gallia 14,1). Il più importante bacino di raccolta della tradizione annalistica è costituito tut-
tavia dalle parti rimasteci della monumentale opera storiografica di Livio (solo per gli anni
che vanno dalla fondazione di Roma fino al 293 e per il periodo tra il 218 e il 16 7 a.c.). Qui
egli tratta in modo dettagliato tutti gli scontri di Roma con i Galli dell'Italia settentrionale,
ma anche alcuni episodi particolari come l'invasione celtica nel Veneto, proveniente dalle Al-
pi orientali, del 186 a.c. Per quanto riguarda le battaglie dei Romani contro i Galli dell' Asia
Minore è probabile che la sua fonte sia stata Polibio. Di particolare interesse sono le saghe
sulle invasioni galliche (Liv. 5,33,2-35,3); si notano qui gli influssi di Cesare, ma per quanto
riguarda la parte principale egli attinge invece probabilmente alle dettagliate informazioni di
qualche autore più antico, forse Catone il Vecchio. Dopo Livio una grande storia del mondo
fu scritta da Pompeo Trogo, egli stesso un celta della Gallia Narbonense, di cui purtroppo
ci è rimasto solo un breve estratto riportato da Giustino (III secolo d.C.); egli fornisce alcune
interessanti notizie sulla Gallia, attinte in parte a una storia cittadina massaliota. La sua leg-
genda sulle invasioni celtiche (Giust. 24,4,1-25,11; cfr. inoltre 20,5,4-9; 32,3,6-12; 43,4,1-2)
è prodotto di speculazioni astratte, forse sviluppate da lui stesso, o forse tratte da una fonte
tardo-ellenistica/tardo-repubblicana o dei primi anni dell'età imperiale (Timagene?).
In età postaugustea, nel primo secolo d.C., va citato il passo sulla Gallia che il geografo roma-
no Pomponio Mela ha inserito nella sua opera. Valerio Massimo invece riferisce della fede
dei Celti in una vita dopo la morte (2,6,10). Al poeta epico Lucano dobbiamo le informazioni
su alcuni culti gallici dedicati a diverse divinità (1,444-465). Anche Plinio il Vecchio ha tra-
mandato importanti notizie sui Celti, tra cui vanno citate le informazioni sulla pratica druidi-
ca (Nat. Hist. 16,249-251); possiamo qui renderci conto in modo chiaro di quanto dettagliato
materiale gli autori antichi poterono disporre dopo la conquista della Gallia e della Britannia.
L'imperatore Claudio aveva iniziato nel 43 d.C. con l'annessione della Britannia, mentre Cn.

40
Le fonti letterarie

Giulio Agricola, il suocero dello storico Tacito, portò le armi romane a nord, fino alla Scozia.
Quando alla fine del I secolo Tacito scrisse una biografia di Agricola, che ci è rimasta, vi trac-
ciò anche la storia della conquista romana, con importanti notizie sui Celti britannici.
Del n secolo d.C. è anche Plutarco, la cui opera contiene episodicamente qualche cenno sui
Celti (come ad esempio nella vita di Camillo, 15-16). Anche allo scrittore militare Polyainos
dobbiamo alcune notizie isolate (ad esempio 7,50; 8,7,2). Nella sua geografia il greco Tolomeo
cita una grande quantità di toponimi delle terre abitate dai Celti. Simili informazioni sono
contenute del resto anche nella Tabula Peutingeriana il cui nucleo di base risale probabilmente
al periodo augusteo. Molto materiale sull'incursione dei Celti in Grecia nel 279 a.C. è conte-
nuto nella descrizione della Grecia fatta da Pausania quattro secoli dopo; le sue conoscenze
risalgono a opere della storiografia greca andate perdute. Una posizione particolare è quella
di Appiano, autore di una storia romana suddivisa in singole monografie. Nella parte dedicata
ai Celti egli offre una panoramica sulle battaglie dei Romani contro i popoli celtici e germani-
ci; purtroppo la sua opera è conservata solo in frammenti. Essa contiene molte preziose infor-
mazioni, come ad esempio la superba descrizione di un aristocratico lateniano nel frammento
12, per la quale attinse direttamente o indirettamente a Posidonio.
Delle terre abitate dai Celti solo l'Irlanda e la Scozia erano rimaste libere, ma non suscitarono
grande interesse tra gli autori antichi, al punto che, a parte forse Tolomeo, ne possediamo
solo alcune sporadiche notizie (la prima menzione dei Pitti è del 300 d.C. nel Laterculus Vero-
nensis, Geographi Latini minores, ed. A. Riese p. 128). Tutte le altre zone erano state assorbi-
te nell'Impero Romano, e la loro storia divenne parte della storia dell'Impero stesso. Elencare
le relative fonti letterarie non è possibile per motivi di spazio, così come non possono venire
riportate tutte le singole citazioni etnologiche. Ma ad esempio nell'opera di Eliano e di Ate-
neo, autori della prima parte del In secolo d.C. con grandi interessi nei confronti dell' antichi-
tà, si possono trovare alcune notizie isolate. Le Ethniche di Stefano da Bisanzio (VI secolo
d.C.) hanno salvato molte citazioni di autori più antichi. Un altro storico della tarda antichità
che dimostra interesse etnografico nei confronti dei Celti è il già citato Ammiano Marcellino
(seconda metà del IV secolo d.C.), che nella sua opera storiografica inserì una digressione sui
Celti (15,9-12), ripresa da Timagene e da altri autori successivi, forse a lui contemporanei.
Ma a quel punto l'interesse degli studiosi romani dai Celti si era spostato sui Germani. Tale
mutamento di prospettiva del resto si era già annunciato con la Germania di Tacito.
Complessivamente, la tradizione antica, per quanto giunta a noi solo in modo frammentario,
ci offre dunque una quantità sorprendentemente ricca e viva di materiale sulla storia e l'etno-
grafia cel tica.
Alla fine dell'antichità, come s'è detto, l'interesse per i Germani aveva in generale preso il
posto di quello per i Celti. Le fonti dell' antica tradizione mediterranea si esauriscono, ma pre-
sto prende avvio la tradizione altomedievale con notizie sulla Scozia, il Galles, la Bretagna
e soprattutto sull'Irlanda. Per la prima volta la parola va qui ai Celti stessi e non dipendiamo
più dalla tradizione - spesso di parte - basata su testimonianze indirette di popoli estranei.
Sappiamo che anche gli antichi Celti possedevano una ricca tradizione poetica, che abbraccia
narrazioni religiose, saghe, dottrine filosofico-mitiche e poesie d'occasione. Ma tutto ciò ri-
mase affidato alla tradizione orale, basata sulla memoria, per cui purtroppo a noi non è perve-
nuto nulla. Attraverso la cristianizzazione, tuttavia, anche presso i Celti si diffuse la cultura
scritta, che fissò sui libri anche materiali dell' antica tradizione, come ad esempio le saghe.
Ciò che così veniamo a sapere sul carattere popolare come sui tratti tipici della cultura celtica,
ad esempio sui bardi, molto spesso rivela una sorprendente corrispondenza con ciò che ci è
dato di apprendere dai materiali antichi negli scavi, dalle rare iscrizioni e da ciò che Greci
e Romani, spesso in qualità di interpreti della tradizione celtica, ci hanno tramandato.

41
~

Luana Kruta Poppi Le fonti archeologiche

Le vestigia archeologi che della seconda Età del Ferro nelle regioni che le fonti storiche ci di-
cono abitate dai Celti antichi costituiscono la memoria materiale della loro storia. Testimo-
nianze dirette ma mute, preservate dal suolo che queste genti hanno abitato, coltivato, co-
struito, dalle acque che hanno solcato le diverse fonti - necropoli, abitati, fortificazioni, im-
pianti industriali, luoghi di culto, strade, ponti, porti fluviali, monete e materiali isolati - for-
niscono della realtà del loro tempo immagini parziali, a differenti livelli, che non permettono
di cogliere la globalità della cultura ma soltanto uno o alcuni dei suoi molteplici aspetti. Tanto
meno permettono, in generale, di essere riferite ad avvenimenti precisi, a personaggi determi-
nati e la storia che contribuiscono a tracciare, senza il sostegno di una specifica fonte scritta,
è per definizione anonima.
Differente è anche il valore delle diverse evidenze, condizionate dalla loro stessa natura, se-
condo le circostanze del ritrovamento, il tipo di suolo e il diverso grado di percezione e di
considerazione che l'archeologo ne ha avuto nell' evoluzione della disciplina. I progressi del-
l'archeologia finiscono infatti per essere un riflesso della maturazione della mentalità degli
archeologi.
Fu nelle regioni dell'Europa cosiddetta "barbara", dove meno evidenti erano i resti monu-
mentali in confronto alle ricche civiltà mediterranee e mediorientali e dove l'uso della scrittu-
ra era arrivato tardivamente, che l'archeologia perse il carattere di pura illustrazione della sto-
ria, per diventare una fonte autonoma con metodi e concetti suoi propri. In poco più di un
secolo, dalle indistinte "Antichità celtiche e antidiluviane" di una archeologia antiquaria, non
scevra di risvolti nazionalistici, si arriverà, sulla scia dell' evoluzionismo positivistico, ad una

Vista aerea del tumulo


di Grossmugl (Bassa Austria)
altezza 16 metri, diametro 55 metri
Ancora non scavato
ricopre probabilmente una tomba
del VI secolo a. C.

42
Le fonti archeologi che

archeologia tassonomica nella quale i manufatti si evolvono, sincronicamente o diacronica-


mente, per classi di materie, per famiglie di tipi. Questo legame con le scienze;naturali, appan-
naggio soprattutto della pre-protostoria, è rimasto una delle componenti della tendenza attua-
le per una archeologia come storia antropologica globale nella quale le scienze ambientalisti-
che - geologia, palinologia, sedimentologia, paleozoologia, paleobotanica - si incontrano con
le scienze antropologiche - biologia, etnologia, demografia, sociologia - e con quelle economi-
che, tecnologiche, informatiche, semiologiche e linguistiche.
Le applicazioni di queste scienze collaterali si estendono a tutto il ciclo delle attività archeolo-
giche, dalla fase ricognitiva a quella esplorativa, dall' analisi delle materie, ai procedimenti di
datazione, di conservazione e di restauro.
L'opinione comune suole identificare la ricerca archeologica con lo scavo. Questa semplifica-
zione, parzialmente irrazionale per quel tanto di avventuroso, imprevedibile e affascinante
che è legato alla scoperta di ciò che è sepolto, è però giustificata dal fatto che lo scavo ha
una reale preminenza perché è quasi sempre l'unico mezzo che permette una conoscenza com-
pleta. Ma, a parte i ritrovamenti fortuiti, come procedere allo scavo, con quali mezzi, con
quali fini?
Complementari e preliminari allo scavo sono le tecniche di prospezione archeologica che per-
Vistaaerea,prima dello scavo mettono di guidare 1'esplorazione a ragion veduta, rilevando sia le vestigia visibili che quelle
dellanecropolia recinti quadrangolari invisibili .
e circolari di La Perrière
a Saint-Benoit-sur-Seine (Aube) Parte delle testimonianze archeologi che di cui disponiamo proviene non tanto dal sottosuolo,
Il! secoloa.C. ma dal soprasuolo. Si tratta di monumenti isolati, talvolta ancora in situ, come i cippi di grani-

43
F

to bretoni, talaltra integrati o ricuperati in contesti cristiani, in qualche caso noti già in anti-
co, come il pilastro di Pfalzfeld in Renania che appare in un disegno del 1608. Altri monu-
menti esterni consistono in spesse muraglie a secco che si ergono ancora a sbarramento di
promontori sull' Atlantico o a cinta dei fortini caratteristici dell'Età del Ferro irlandese. Al-
trove è l'intero paesaggio che è modellato dai resti delle vestigia antiche: valli, fortificazioni,
tumuli si add~nsano intorno alle residenze dei principi hallstattiani, come attorno alla fortez-
za della Heuneburg sul Danubio o a quella di Hohenasperg presso Stoccarda. Anche il paesag-
gio agrario conserva l'impronta delle antiche partizioni. Nelle campagne della Gran Bretagna,
dei Paesi Bassi, della Germania, fino alla Danimarca, si riconoscono suddivisioni parcellari fos-
sili, caratterizzate da un microrilievo che separa i campi tra di loro, denominate "ce/tic fields".
Nella prospezione del terreno, la transizione tra le vestigia visibili e quelle invisibili è offerta
da una tecnica che si è sviluppata a partire dagli anni trenta-quaranta: l'aerofotografia. Le
riprese, perpendicolari al suolo o oblique, permettono di fissare, selezionare e chiarire l'anda-
mento delle tracce di superficie che, per la loro frammentarietà o per gli accidenti del terreno,
appaiono, ad un esame ravvicinato, sconnesse e confuse. Mettendo in risalto cambiamenti di
colorazione nel terreno e di intensità di sviluppo nella vegetazione - dovuti al diverso assorbi-
mento dell'umidità - permettono inoltre di riconoscere l'esistenza sotto il livello del suolo
di strutture in muratura, cavità, fosse, lastricati e terrapieni. Con questo metodo si sono sco-
perte numerose tracce di epoca celtica: abitati, fattorie isolate, necropoli, santuari.
Analisi chimiche e geofisiche possono a loro volta guidare l'individuazione e determinare l'e-
Recinti della necropoli
di La Perrière
a Saint-Benoit-sur-Seine (Aube)
in corso di scavo
III secolo a.C.

stensione di antichi abitati, le prime misurandone la percentuale di elementi organici, special-


mente il tenore in anidride fosforica, le seconde le differenze di resistività elettrica tra strati
sciolti e rocce compatte, oppure le variazioni del campo elettromagnetico nei diversi corpi.
Questi metodi sono particolarmente utili per la loro rapidità e sicurezza di risultati nell'esplo-
razione di grandi superfici dove tradizionalmente si praticavano una serie di scassi esplorativi
preliminari con mezzi meccanici prima di arrivare allo scavo dettagliato di un settore. È stato
il caso, tra gli altri, dell'oppidum di Manching negli anni 1960-70, in cui si sono aperti ben
otto chilometri di trincee prima di passare allo scavo fine ed estensivo.
Tecniche di analisi si applicano praticamente a tutti i materiali in tutte le classi di oggetti,
utilitari come decorativi (tessuti, terrecotte, metalli e loro leghe, ambra, avorio, corallo, ve-
tro), resti vegetali e animali. Lo scopo non è solo una generica identificazione, ma una acquisi-
zione di dati essenziali dal punto di vista storico ed economico: la materia di tale manufatto
può chiarire la sua provenienza, indicare le correnti e le rotte commerciali, comprovare la sua

44
Le fonti archeologiche

pertinenza culturale... Allo stesso modo resti vegetali e animali non permettono soltanto di
distinguere tra specie selvatiche e domesticate ma di leggere come era gestita la coltura dei
campi, come era gestito l'allevamento, se si trattava di animali da lavoro o da carne, se vi
era una selezione di specie e di razze.
Un altro settore di analisi che negli ultimi anni ha avuto uno sviluppo enorme è rappresentato
dalle tecniche di datazione. Metodologicamente esse rappresentano una novità fondamentale
perché contrappongono un concetto di cronologia assoluta a una stima del tempo che era sem-
pre stata relativa.
Ab Urbe condita, cioè dalla fondazione di Roma, si contava nel mondo romano. Al 3100 a.c.
risalgono gli egittologi percorrendo le liste dei faraoni. Al 1500 a.c. venivano datati di conse-
guenza gli oggetti egiziani ritrovati a Micene da Flinders Petrie all'inizio del secolo. Al 2000
a.c. poteva poi essere fissato da Montelius l'inizio dell'Età del Bronzo europeo quando nel
1906 riuscì a realizzare una cronologia incrociata tra materiali rinvenuti a El Amarna in Egit-
Vistaaereadegli scavi to, a Micene, nel Tirolo, in Pomerania e in Svezia. Questo procedimento diventato classico
dellanecropolidel Diirrnberg
pressoHallein (5alzburg)
in archeologia, per cui la data attribuita all'importazione costituisce un termine post quem per
l'insieme al quale appartiene, ha, tra gli altri, il difetto che i cardini delle datazioni si allenta-
no man mano ci si allontana dalla fascia mediterranea. Le nuove tecniche di datazione assolu-
ta permettono finalmente di controllarlo.
Il metodo del radiocarbonio, che si basa sul calcolo della differenza tra la quantità di un isoto-
po raro del carbone (C14) assorbito dagli organismi durante il ciclo vitale e la sua disintegra-
Tombaa inumazionen. 1
dellanecropolidi Les Vignettes
a Marson(Marne),in corso di scavo
V secoloa.C.

zione, lenta e regolare, dopo la loro morte, offre, per il periodo che ci interessa, una approssi-
mazione di oltre cento anni, troppo larga dunque per essere utile. La dendrocronologia invece
ci fornisce capisaldi precisi. Elaborata all'inizio del secolo da Douglass, si basa sulle osserva-
zioni delle successioni anulari, più o meno regolari, che si possono osservare su un tronco o
su un ramo tagliato trasversalmente. Ciascun anello corrisponde a una crescita annua che è
variabile sec~ndo l'umidità o la siccità delle annate. Le sequenze di anelli di diverso spessore
da datare sono comparate con campioni di riferimento. La larghezza degli anelli varia però
secondo le specie e i luoghi, per cui per costruire delle osservazioni concatenate nel tempo
occorre limitarsi a un determinato ambito e a una determinata specie. La campionatura della
cronologia centroeuropea della quercia risale attualmente fino al 7683 a.c.
L'analisi può indicare non solo l'anno di abbattimento degli alberi ma fornire anche informa-
zioni sulle vicende climatologiche. La datazione ottenuta costituisce per l'archeologo un ter-
minus ad quem.

45
lIII'

Tavola cronologica

Champagne Svizzera Europa Centrale


600 a.c.
Hallstatt
finale I Hallstatt DI

Periodo Hallstatt
finale Ila
hallstattiano Hallstatt II Hallstatt D2
500 a.C. recente

Hallstatt
finale Ilb

Hallstatt D3

-460-440 a.c. La Tène


antico la

La Tène A
La Tène
La Tène la
antico lb

400 a.C.
Fase
La Tène pre-Duchcov
antico Ila

Periodo La Tène B1
lateniano La Tène lb
La Tène
antico antico Ilb

Fase
La Tène
antico Illa Duchcov-Miinsingen
La Tène le La Tène B2
300 a.c.

La Tène
antico lIlb

- 270-250a.C

La Tène Ila La Tène Cl


Periodo
lateniano
200 a.c. medio La Tène
medio

La Tène Ilb La Tène C2

- 160-140 a.c.

La Tène DI
La Tène
finale I
Periodo La Tène IIl
100 a.c. lateniano Civilità
recente degli oppida
La Tène La Tène D2
finale II

- 50-10 a.c.

Gallo romano La Tène D3

46
Arte celtica Avvenimenti storici

450 a.c. ca. Erodoto parla di Celti stanziari in Europa occidentale e


Primo Stile presso le sorgenti del Danubio.
Temi e motivi orientalizzanti, ispirati al repertorio etrusco, decorazioni
a compasso.
Composizioni a simmetria assiale.
Fibule "a maschera", torques d'oro, guarnizioni di carro e falere, ganci
di cinturone, foderi, brocche da vino, sculture.

400 a. C. ca. Celti transalpini invadono 1'I talia settentrionale.


387-386 a.C. Battaglia sull'AlIia. I Celti a Roma.
369-368 a.c. Mercenari celti in Grecia.
~tile vegetale continuo
E detto anche di Waldalgesheim. Al fondo già costituito si aggiungonc
elementi ispirati al repertorio italiota: uso del racemo e della "pèlta"
(palmetta celtica).
Alle composizioni a simmetria assiale si aggiungono composizioni a
335 a.C. Alessandro Magno riceve sul Danubio un'ambasciata celtica.
simmetria per rotazione.
Uso del corallo e primi smalti in rosso.
Elmi, foderi, guarnizioni di carro, torques e bracciali, fibule a
decorazione vegetale, brocche da vino, vasi dipinti a figure rosse.

298 a.c. Spedizione celtica in Tracia e sconfitta sul monte Haemus


(Stara Planina in Bulgaria).
295 a.c. Sconfitta dei Senoni a Sentinum.
283 a.c. Vittoria definitiva dei Romani sui Senoni.
Stile plastico e Stile delle spade 279 a.c. I Celti a Delfi. .
Culmine della "metamorfosi plastica" (misto di forme umane, animali, 278-277 a.c. Gruppi celtici passano in Asia Minore.
vegetali e astratte). 275 a.c. Vittoria di Antioco I Sotere sui Galati d'Asia Minore.
Influenze ellenistiche.
Composizioni complesse che associano diversi tipi di simmetria.
Apogeo della fusione a cera persa, della "falsa filigrana" e del pastillage
(imitazione in bronzo della granulazione), bracciali e perle in vetro 233-232 a.c. Guerre di Attalo I di Pergamo contro i Galati.
policromo. 225 a.C. Vittoria romana sui Boi, Insubri e Gesati a Talamone.
Foderi, torques, bracciali e anelli da caviglia, fibule, guarnizioni di 213 a.ç. ca. Fine probabile del regno celtico di Tylis in Tracia. Il

carro, brocca di Brno-Malomerice, calderone di Bra.


Prime immagini monetarie.
Sono direttamente ispirate da modelli macedoni o ellenistici. 191 a. C. Sconfitta definitiva dei Boi cispadani. Una parte di loro torna
in Europa Centrale.

125 a.c. Creazione della Provincia (Gallia Narbonese).


120 a.c. ca. I Cimbri germanici e i Teutoni attraversano territori
celtici.

Arte celtica continentale dell' epoca degli oppida


Influenze dell' arte e dell' artigianato romano. 101 a.c. Sconfitta dei Cimbri a Vercelli.
Vasellame dipinto, sculture del sud della Gallia, sculture di legno, 85 a.c. ca. Vittoria romana sugli Scordisci danubiani.
statuaria gallica in lamina di bronzo. 70 a.c. ca. I Germani di Ariovisto nell'est della Gallia.
Apogeo dell' arte monetaria. 58-51 a.c. La Gallia conquistata da Cesare.
50 a.C. ca. Vittoria dei Daci sui Boi della Pannonia.

15 a.C. Spedizione alpina di Druso.


Roma conquista i territori celtici a sud del Danubio.
9 a.c. Conquista romana del Norico.

47
r
. .- -

Alcune date mostrano l'interesse del metodo per il periodo lateniano: 430 a.C. per un legno
proveniente dalla pira della tomba principesca di Altrier, 251 a.c. per una trave del cosiddet-
to ponte Vouga a La Tène, 229 a.c. per uno scudo proveniente dallo stesso sito, 224 a.C.
per la terza pila del ponte di Cornaux, a valle di La Tène, da 120 a 116 a.c. per la seconda
pila dello stesso ponte, da 225 a 65 a.c. per i legni raccolti nelle saline di Bad Nauheim, 123
a.c. per il rivestimento interno del pozzo del santuario di Fellbach-Schmiden, 105 a.C. per
una struttura messa in luce davanti alla porta orientale dell' oppidum di Manching, 33 d. C.
per una scultura lignea dal deposito votivo delle sorgenti della Senna. La maggior parte delle
indicazioni cronologiche - seppure di tipo relativo - ci vengono dalla pratica stessa dello scavo
quando è condotto con metodo stratigrafico. Questo concetto, mutuat~ dalle scienze naturali-
stiche e utilizzato dagli albori dell' archeologia scientifica, è fondato sulla constatazione che
i resti della vita e delle culture umane si accumulano progressivamente e determinano la for-
mazione di livelli di terreno - gli strati - di maggiore o minore spessore secondo la durata
nel tempo e le condizioni ambientali. Semplificando, si può dire che, in condizioni di giacitu-
ra orizzontale, agli strati più profondi corrispondono i resti più antichi e che la presenza di La necropoli di Mannersdorf
(Bassa Austria), in corso di scavo
vestigia diverse nello stesso strato prova che datano della stessa epoca. Il metodo stratigrafico
fornisce dunque due sorta di informazioni: l'una diacronica, l'altra sincronica.
L'idea della contemporaneità si è venuta affinando nel corso dell' evoluzione della disciplina.
Uno strato archeologico se è antico e di grosso spessore può corrispondere a una durata di
tempo assai lunga: anni e talvolta secoli. Al contrario in taluni casi è stato possibile isolare
degli insiemi cronologicamente puntuali che corrispondono a un solo passaggio, a una fre-
quentazione limitata nel tempo: alcune ore, qualche giorno, qualche mese. È il caso dei "suoli
di occupazione temporanea" e degli "insiemi chiusi".
Una sepoltura individuale è un "insieme chiuso" per eccellenza; è cioè un' associazione di ele-
menti - il corredo e le offerte - da considerare come un'entità omogenea. La suppellettile
e le parure d'accompagnamento, pur non essendo necessariamente fabbricate insieme - come
fu il caso per i manufatti in oro della tomba principesca di Hochdorf di cui si sono trovate
le tracce di lavorazione in loco - tuttavia sono state depositate contemporaneamente. Perciò
le sepolture costituiscono per l'archeologo il punto di partenza di un sistema cronologico fon-
dato sull' evoluzione delle forme degli oggetti associati nel corredo, che si modificano nel tem-
po secondo la moda e la successione delle generazioni, permettendoci di ricostruire - almeno
in teoria - lo svolgimento delle necropoli e di cogliere il ritmo e la durata di vita del gruppo
umano. In realtà l'affidabilità di tale ricostruzione resta limitata per numerose ragioni: incer-
tezze sulla durata di utilizzazione di certi tipi di manufatti, talvolta poco sensibili alle varia-
zioni di moda, difficoltà nel distinguere le differenze tra prodotti di diversa mano o di diverso
atelier da quelle dovute all'evoluzione cronologica. La cronologia tipologica ha i suoi limiti
nella variabilità delle fogge degli oggetti che in alcuni periodi evolve molto velocemente, men-
tre in altri si mantiene a lungo. Questi cambi che per gli archeologi si traducono in tagli crono- Il gruppo di tombe galliche
a inumazione di Bologna-Arcoveggio
logici non si distribuiscono necessariamente in modo regolare nel tempo. Si può pensare di in corso di scavo
essere in presenza di una fase nuova quando il cambio è abbastanza deciso e interessa diverse (inverno 1987-1988)
Prima metà del III secolo a.C.
categorie di oggetti.
L'elaborazione di sistemi cronologici basati su variazioni tipologiche cominciò ovviamente
con le distinzioni più evidenti come la materia principale con cui erano fabbricati i diversi
complessi. Così, ChristianJurgensen Thomsen, curatore del Museo nazionale di Copenhagen,
ordinò dal 1816 le raccolte archeologiche nazionali secondo tre grandi periodi: Età della Pie-
tra, Età del Bronzo, Età del Ferro. Quest'ultima, dopo la metà del secolo, venne attribuita
ai Celti. La sua prima suddivisione si fondò sulla differenza tra i materiali della necropoli di
Hallstatt in Austria, pubblicata per la prima volta nel 1868 e quelli del sito lacustre di La
Tène in Svizzera, esplorato dal 1858. Così, l'archeologo svedese Hans Hildebrand distinse
nel 1872 una prima Età del Ferro, che si denominò da Hallstatt, e una seconda Età del Ferro
che prese il nome dal sito svizzero che già al Congresso Internazionale di Antropologia e Ar-
cheologia Preistorica di Bologna (1871) aveva potuto essere collegato ai Celti citati dalle fonti.

- 48
Le fonti archeologiche

A sua volta, nel 1885, Otto Tischler divise il periodo di La Tène in tre fasi - La Tène antico
(I), medio (Il), recente (III) - prendendo in considerazione le diverse fogge di fibule e di spa-
de: la prima fase era caratterizzata da fibule a piede libero e spade relativamente corte con
fodero a puntale di solito traforato, la seconda da fibule a piede fissato sull'arco e da spade
più lunghe con fodero a puntale pieno, la terza da fibule a staffa traforata e da spade molto
lunghe, spesso con punta arrotondata e fodero rinforzato da numerose sbarrette orizzontali
"a scaletta".
Il sistema, valido nelle sue linee generali, nonostante le molte eccezioni, fu adottato ovunque
e perfezionato ulteriormente da diversi studiosi seguendo le realtà regionali. Poté adattarsi
senza grosse modifiche ai materiali della Francia (Joseph Déchelette nel 1914) e della Svizzera
(Jakob Wiedmer-Stern nel 1908 e David Viollier nel 1911). In quest'ultima, l'esplorazione
della necropoli di Munsingen permise di suddividere ancora le due prime fasi (La Tène lA,
IB, IC, IIA, IIB). Diversa era invece la situazione in Baviera, dove l'esistenza di due gruppi
ben distinti di materiali della prima fase del Tischler - un gruppo più antico proveniente da
tumuli, uno più recente da inumazioni in necropoli del tipo già noto nella Champagne, nella
Svizzera e nella Boemia - portò Paul Reinecke a proporre la distinzione di una fase iniziale
databile al V secolo a.c. (La Tène A). Le seguenti - La Tène B, C e D - riprendevano all'in-
circa lo svolgimento tipologico del TiscWer. Questo schema cronologico, particolarmente
"' '''' amato dagli studiosi tedeschi, fu ulteriormente affinato da Werner Kramer (1964), Hardmut
, ,'Ia,~ Polenz (1971) e da altri. Situazioni regionali o di singole necropoli - come ad esempio la
::
,

,,1,a..~-' ~, -.. Champagne (Hatt-Roualet 1976), l'Italia (Kruta 1980) o la necropoli di Jenisuv Ùjezd in Boe-
,
,

. mia (Kruta 1976) - suggerirono l'elaborazione di altre cronologie dettagliate. Oggi tuttavia,
Vistaaereadella necropoti l'indispensabile aggancio alla realtà storica, particolarmente sentito per popoli a contatto con
a recintoquadrangolare
di Orgevala Sommesous(Marne)
il mondo classico, porta a superare la schematizzazione delle fasi tipologiche a favore della
III secoloa.C. datazione assoluta.
Se l'ordinamento cronologico offre la griglia obbligata di incasellamento dei fenomeni archeo-
logici, non esaurisce però le possibilità della ricerca. Una sepoltura non è solo un'unità indivi-
duale ma di solito è parte di un insieme - la necropoli - che è il riflesso della comunità sociale
in un determinato tempo. Le abitudini vestimentarie ed ergologiche di un gruppo umano non
sono però necessariamente illustrate in maniera esaustiva nel corredo della sepoltura, che rap-
presenta una scelta simbolica di cui ci sfuggono solitamente i criteri. Ad esempio il torquis,
citato in tutte le fonti antiche come elemento distintivo del costume celtico maschile, non
è presente in nessuna sepoltura di guerriero celtico del IV-III secolo a.C. Sole eccezioni, che
si contano su una mano, poche tombe con torques atipici di ferro.
Tuttavia, le informazioni che possiamo trarre dalle necropoli nel loro insieme sono molteplici:
il modo di organizzazione e di utilizzazione dei terreni occupati dal sepolcreto, lo sviluppo
cronologico, la tipologia tombale, i rituali funerari, i dati antropologici e quelli demografici.
L'osservazione statistica della discontinuità nell'uso delle necropoli in determinate regioni
della Celtica, come la Champagne, la Boemia e la Baviera tra la fine del V e l'inizio del IV
secolo a.c., può a ragione essere collegata con le grandi migrazioni verso l'Italia e i Balcani.
In queste zone dove l'espansione è documentata dalle fonti storiche si pone il problema di
come distinguere archeologicamente le sepolture dei nuovi arrivati da quelle indigene. A parte
pochi casi isolati e antichi in cui le sepolture degli invasori si contrappongono nettamente a
quelle autoctone, il loro inserimento va di pari passo con la loro acculturazione. Attualmente,
l'analisi spaziaIe delle necropoli e della loro collocazione nel territorio costituisce una delle
priorità nella ricerca.
Gli abitati offrono una fonte di informazione, sfruttata in passato in modo ineguale e asiste-
matico, ma altrettanto preziosa delle necropoli. Dal punto di vista archeologico però sono il
risultato di un fenomeno contrario. Mentre le tombe, allo stesso modo dei tesoretti o dei de-
positi votivi, sono delle deposizioni simultanee, quindi degli "insiemi chiusi" , l'abitato è inve-
ce il prodotto di una sedimentazione, di una accumulazione di elementi successivi: oggetti
persi, gettati, abbandonati. L'insediamento celtico, come la maggior parte degli agglomerati

49
---

dell'età dei metalli, lascia al suolo soltanto tracce minime: fosse colme di detriti, resti di foco-
lari, buche di pali. La loro lettura è particolarmente ardua in siti dove la continuità abitativa
rende probabili, nelle costruzioni, sovrapposizioni, ristrutturazioni, cambiamenti di orienta-
zione. Queste tracce sullo stesso piano, che forniscono agli archeologi la cosiddetta "stratigra-
fia orizzontale", permettono di determinare l'anteriorità o la posteriorità degli edifici soltanto
quando sono sovrapposte. Tuttavia, le indicazioni di stratigrafia verticale sono pressoché ine-
sistenti negli ~bitati celtici. Anche i grandi oppida, come Manching o Staré Hradisko, presen-
Scavi dell'oppidum
tano uno strato antropico relativamente sottile che ricopre il suolo vergine in cui affondano di Staré Hradisko (Moravia)
le tracce delle costruzioni successive.
Generazioni di archeologi trascurarono in passato a causa di queste difficoltà lo scavo degli

Vista aerea dell'oppidum


a pianta circolare detto
Camp de la Cheppe (Marne)
Il-I secolo a.c.

insediamenti protostorici. L'eccezione era costituita dagli abitati fortificati, specialmente gli
oppida. La facile reperibilità nel terreno delle muraglie e dei valli difensivi, la sicura concen-
trazione di vestigia che poteva assicurare scoperte interessanti e soprattutto l'abbondanza di
monete, attirò su di loro l'attenzione non dei soli archeologi professionisti ma di amatori, col-
lezionisti e mercanti, che talvolta - come nel caso dell' oppidum boemo di Stradonice - rischiò
di sconvolgerli completamente.
Lo scavo degli abitati cambiò completamente dopo l'ultima guerra, con l'esplorazione di vaste
superfici per mezzo di macchinari pesanti. Le differenze di colore e di consistenza del terreno
sotto il livello arativo, a contatto col suolo vergine, permisero di riconoscere anche abitati
rurali e la loro organizzazione nel territorio. Gli impianti tecnici, situati al di fuori degli abita-
ti - porti fluviali, strade, ponti - e industriali - miniere, saline, estrazioni a cielo aperto di
sapropelite - pur essendo poco diffusi, cominciano ad essere maggiormente conosciuti.
L'identificazione dei luoghi di culto resta uno dei problemi più delicati, in quanto è giustifica-
ta solo nel caso in cui le tracce di un' attività religiosa siano inconfondibili. Nella storia della
disciplina, invece, l'aggettivo "cultuale", applicato a oggetti come a strutture, è comparso so-
vente per mascherare ignoranze e incapacità di trovare altra spiegazione.
Alla luce delle recenti scoperte cominciano ad apparire le caratteristiche archeologiche dei
luoghi di culto celtici: santuari a cielo aperto delimitati da recinti quadrati, pozzi sacrificali,
sorgenti sacre, templi con cella porticata.
Anche per i depositi d'oggetti - monete, parure, armi... - sono possibili a priori diverse inter-
pretazioni: perdita accidentale, nascondiglio, offerta votiva... Il contesto e la natura del luogo
può talvolta suggerire l'interpretazione corretta, come nel caso del "tesoro di Duchcov" in
Boemia, per il quale le circa duemilacinquecento fibule, bracciali e anelli, depositati in una
sorgente termale, fanno pensare a un atto votivo. Le armi invece, ritrovate in grande numero
nel sito eponimo di La Tène, restano ancora di interpretazione discussa: luogo di culto, pedag-
gio, atelier artigianali distrutti da una alluvione?
I ritrovamenti isolati hanno sovente un interesse che oltrepassa il loro valore intrinseco per
suggerire percorsi, scambi, frequentazioni.

50
AldoLuigi Prosdocimi Lingua e scrittura dei primi Celti

I parametri definitori della celticità sono storici, linguistici, archeologici e culturali; io parlo
da una angolazione linguistica e, in questa, con scelte settoriali ma non del tutto arbitrarie:
devo anche aggiungere che l'angolazione disciplinare non esclude la storia globale che è un
diritto, e più ancora un dovere, di chi operi là dove c'entri l'uomo.
Se è vero, come è ormai certo, quanto da tempo sostengo sulla presenza in Italia di lingua
celtica - parlata da popolazioni stanziate e non da singoli individui - ben anteriore a quel
fatidico anno del sacco di Roma da parte di Brenno (circa 390 a.c.), il fatto ha delle ripercus-
sioni incalcolabili non solo per la celticità in Italia, ma per la celticità tout court nel suo essere,
che per me è sinonimo del suo farsi. A partire dalla fine degli anni quaranta, con intensifica-
zione nell'ultimo ventennio, ci sono state grosse novità, per certi aspetti sconvolgenti (e que-
sta non è una esagerazione), che sono venute da aree diverse dalla celticità "canonica", detta
anche "insulare" perché riferita alle isole britanniche che hanno conservato fino a oggi, o a
un passato prossimo, lingue e dialetti celtici parlati. Ricordo en passant che il bretone della
Bretagna francese è di norma considerato insulare perché ritenuto riflusso di Celti dalle aree
prospicienti dell'Inghilterra (vi è tuttavia qualche voce dissenziente). Prima di passare alle no-
vità, e per apprezzarle nella giusta luce, mi pare doveroso proporre la vulgata fondata sostan-
zialmente sul celtico insulare - cioè recente - con qualche apporto del celtico continentale,
in pratica il gallico (antico) com'era noto all'inizio di questo secolo. Questa vulgata risale in-
fatti agli inizi del secolo e si fonda su due opere di eccezionale valore, ancora fondamentali
e comunque non sostituite: la Vergleichende Grammatik der keltischen Sprachen di Holger Pe-
dersen e lo Handbuch des Altirischen di Rudolph Thurneysen. Lavori successivi sulla Langue
Gauloise (Dottin 1920) e sui Dialects 0/ Ancient Gaul (Whatmough 1950 sgg.) non hanno mo-
dificato il quadro, né forse potevano farlo, come possono invece - e in parte stanno facendo
- le novità dell'ultimo quarantennio. Ma prima, come detto, il quadro canonico. La classifica-
zione linguistica divide il gruppo celtico in insulare, tuttora parlato, e in continentale, costi-
tuito di lingue estinte nell' antichità e trasmesse da testimonianze epigrafiche e da onomastica.
In realtà la linguistica tradizionale ha basato la classificazione quasi esclusivamente sulle lin-
gue appartenenti al celtico insulare; ciò ha determinato una suddivisione delle lingue celtiche
in due gruppi, suddivisione che assume come discriminante il diverso esito della labiovelare
sorda indeuropea 1<kw.Questa si è evoluta o in velare (q) o in labiale (p); di qui la distinzione
tra un "q-celtico" (o goidelico) e un "p-celtico" (o brittonico).
Al Goidelico appartiene in primo luogo l'irlandese che ha tra i suoi documenti più antichi
le iscrizioni dette ogamiche (dal tipo di alfabeto adoperato) databili al IV secolo dopo Cristo;
si distinguono in seguito tre fasi: l'antico irlandese (fino al X secolo), il medio irlandese (dal
X al XV secolo), l'irlandese moderno (dal XV secolo a oggi); lingue goideliche sono poi il goi-
delico scozzese, portato in Scozia nel XVI secolo da parlanti provenienti dall'Irlanda, e la
lingua dell'isola di Man, ora estinta. Il gruppo Brittonico comprende le lingue celtiche origi-
narie della Britannia, ossia il gallese o cimrico, e il cornico della Cornovaglia (estinto questo
nel XVIII secolo); inoltre, come detto, pare ne faccia parte il bretone, parlato nell'estremo
nord-ovest della Francia (l'ipotesi è che sia stato portato, verso il V secolo, da Britanni che
avevano oltrepassato la Manica sotto la spinta dell'invasione anglosassone).
A causa della sproporzione esistente tra attestazioni del celtico continentale - scarse e di diffi-
cile interpretazione - e fonti del celtico insulare - costituite in gran parte da lingue viventi
e per il resto portate da una ricchissima tradizione - la grammatica comparata ha operato so-
stanzialmente sulla base del celtico insulare, che è così diventato sinonimo di celtico tout
court; ma è evidente che operazioni ricostruttive fondate esclusivamente su questa base non
possono che essere parziali, e comunque è da prevedere a priori che parametri classificatori
- come l'opposizione q - p ad esempio - dedotti all'interno del solo celtico insulare (se si ec-
cettua qualche apporto gallico) non possono essere applicati acriticamente al resto delle varie-
tà linguistiche, e, tanto meno, costituire una discriminante fondamentale per l'attribuzione
o meno di una data varietà al gruppo celtico. Pertanto, anche in questo quadro tradizionale,
il celtico continentale non dovrebbe essere inteso soltanto come una serie di dati aggiuntivi,

51
F==

)
ma come un motivo di revisione e ripensamento sulla stessa definizione linguistica di celtico.
Nella celtologia tradizionale, il celtico continentale veniva di fatto identificato col gallico, do-
cumentariamente esiguo e poco perspicuo; negli ultimi decenni rivisitazioni e nuove scoperte
hanno ampliato enormemente le fonti galliche e hanno di fatto (ri)scoperti altri due ambiti
che hanno restituito per trasmissione epigrafica (e in parte onomastica e toponomastica) varie-
tà di celtico:)'Iberia, in particolare con le iscrizioni celtiberiche, e l'Italia nord-occidentale
con le iscrizioni "leponzie" (e galliche). Le novità più rilevanti vengono da questi domini: non
si tratta, per di più, di acquisizioni riferite esclusivamente alle lingue, in quanto, se pur dedot-
ti dalla documentazione linguistica, i dati vanno comunque valutati nei riflessi storici che ne
conseguono: è il caso della datazione della prima celticità d'Italia, anticipata rispetto alla vul-
gata grazie alla revisione del materiale epigrafico.
Le novità recenti del "gallico" sono apparentemente solo documentarie, per incremento di
materiali quantitativamente e qualitativamente eccezionali quali sono l'iscrizione di Chama-
lière e più ancora quella del Larzac (il riferimento ovvio sono le Études Celtiques, i Monuments
Piot e il Recueil des inscriptions gauloises}l.
Le vere novità sono quindi quelle indotte da queste acquisizioni, dalla revisione di vecchie
conoscenze, dal recupero di gallicità indiretta e da altro del genere: sono novità teoriche e
metodologiche che fanno rivedere un gallico linguisticamente compatto da opporre ad altro
celtico non-gallico: il gallico non è linguisticamente compatto, ma variegato come era da
aspettarsi dai presupposti storici - purtroppo sottovalutati se non ignorati dai linguisti - per
cui i Galli erano sottodivisi in genti (o tribù o simili) in misura forse non eccezionale per la
realtà antica, ma certo non prevista né prevedibile per chi usa l'etichetta "Galli" tout court.
Più ancora: non solo i Galli erano sottodivisi, ma le unità di queste sottodivisioni si frammen-
tavano a loro volta con mobilità e spostamenti che portavano a grande distanza queste sotto-
-sottodivisioni. Malgrado questo quadro storico e malgrado la varietà dialettale come si mani-
festa, dalla documentazione nuova (e antica rivisitata), all'interno del cosiddetto gallico, tarda
a farsi strada fra i linguisti il concetto di varietà: il ripensamento dovrebbe portare a rimesco-
lare le carte della varietà linguistica entro il celtico e non tra unità celtiche indebitamente
intese come compatte e altre varietà considerate, in modo parimenti indebito, compatte.

Sulla celticità in Italia


Per una storiografia consolidata "Celti in Italia" significa Galli, cioè una realtà etnica transal-
pina arrivata, per invasioni, intorno al 400 a.C. Questo quadro cronologico è decisamente
errato; tuttavia il quadro storiografico sotto stante le novità, che sono essenzialmente lingui-
stiche, non è ancora chiaro, anche per l'eredità negativa delle ricostruzioni del passato.
Il "leponzio" - con questo nome (semi)-convenzionale ci si riferisce alla lingua, notata in alfa-
beto non latino, di iscrizioni preromane concentrate specialmente sui laghi 10mbardi - è senza
dubbio celtico (Prosdocimi 1967; Lejeune 1971; revisioni concettuali sono in corso: Prosdoci-
mi passim). Tradizionalmente non ascritta ai Galli, questa celticità è anteriore al V secolo co-
me pone l'ante quem dell'iscrizione di Prestino e la conferma che è in xosioiso del VI a.c.
dell'iscrizione di Castelletto Ticin02; con la possibilità di risalire fino al VII a.c. con l'iscri-
zione di Sesto Calende 3.
Con tutte le restrizioni possibili quello delleponzio resta comunque il caso di un celtico di
almeno fine VI secolo non ascritto alla gallicità storica e anteriore alla gallicità archeologica
identificata nel La Tène.
Un paio di esempi per evidenziare l'importanza di questo ambito non solo per le specifiche
acquisizioni di nuovi materiali e elementi di lingua, ma anche per la possibilità connessa di
rivedere le premesse teoriche di approccio al rinnovato quadro generale della celticità.
uv AMO-KOZISnell'iscrizione di Prestino è stato etimologizzato come ;'upamo; da questo (p> h
O; st> tS) traevo la prova princeps della celticità dell'iscrizione di Prestino (e con essa ovvia-
mente delleponzio). ;'Upamo è virtualità di langue di ogni lingua indeuropea tra cui il celtico.
'<Ghostis (Prosdocimi 1986 "Prestino") non è virtualità di langue e tuttavia è termine di uno

52
Lingua e scrittura dei primi Celti

Le duefacce della stele di strato celtico in Italia, con assenza in tutte le altre lingue celtiche note e con presenza in altre
travertinocon iscrizione bilingue
In celticoe latino, da Todi lingue indeuropee dell'Italia antica. Si può attribuire la presenza di -GHOSTI- a un prestito
Il secoloa.C. nel celtico d'Italia da altre parlate indeuropee in data anteriore st> t: ma, secondo il modello
Roma,MuseoGregoriano
del celtico come farsi su precedenti partizioni dialettali dell'indeuropeo, si può anche porre
GHOSTI-come proprio dell'area dialettale dell'indeuropeo o degli indeuropei d'Italia, una cui
parte ha partecipato al fenomeno del farsi del celtico 4.
L'alfabeto cosiddetto "leponzio" è stato anche usato per notare il gallico di Il-I a.C. in Italia;
questo aspetto è stato ripreso da Lejeune nella edizione testé uscita (1988, RIG II, 1): egli
ha dato sotto l'etichetta di "gallico d'Italia" cinque iscrizioni dalla zona che definisce "sublé-
pontique" (Briona, Vercelli, Gropello Cairoli, Garlasco) e l'iscrizione con indiscutibili caratte-
ri gallici proveniente da Todi in Umbria. Le monete invece non rientrano nel suo orizzonte
editoriale: tuttavia le legende monetali non possono essere accantonate quando si parla di al-
fabeto in chiave ideologica (alfabeto nazionale o simili) perché le legende in alfabeto leponzio
su monete di area non leponzia sono al proposito della massima significatività. Sono implicate
questioni importanti: ad esempio l'automatismo dell'acquisizione dell'alfabeto leponzio da
parte dei Galli quando vogliono scrivere in diverse condizioni spaziali, temporali e culturali,
implica un automatismo di riconoscimento etnico-culturale: ciò non può non avere riflessi nel-
la separazione del leponzio dal gallico o la separazione deve essere giustificata ben oltre la
prospettiva storiografica (da non confondersi con "storica") già antica e poi moderna.

Vi sono poi testimonianze di celticità diretta, ma con alfabeto di altra tradizione, che si posso-
no tipizzare nel modo seguente:
- iscrizioni in un contesto culturale autonomo.
Es.: "ligure epigrafico" (da distinguere dalligure "onomastico" su cui appresso): designo così
convenzionalmente la lingua delle iscrizioni su stele della Lunigiana, da porre intorno al 500
a.C., in alfabeto etrusco non adattato, che hanno, malgrado il numero ristretto e la illeggibili-
tà di alcune, tratti decisamente celtici (Maggiani, Prosdocimi 1976; Prosdocimi 1983; Mag-
giani 1987).

53
F=

- iscrizioni isolate in un contesto culturale non autonomo.


Es.: DUBNIDANAUBI (Negau A; alfabeto venetico: Prosdocimi 1976)
Es.: UUJVERNA (opp. ULUGERNA; alfabeto sudpiceno di fine III secolo a.c.: Marinetti 1978)

Ancora vi sono testimonianze indirette di varia gradualità:


a) lingua no)) celtica (alfabeto corrispondente) con onomastica celtica:
- Etrusco: es. MI NEMETIES'
- Venetico: es. MEGO DOTO VERONDARNATIVALEI BELLENEI (vedi scheda relativa); PADROSPOM-
PETAGUAIOS;
b) prestiti lessicali in lingue dell'Italia antica, specialmente (ma non esclusivamente) latino.
c) onomastica celtica in tradizione greca o latina (autori, iscrizioni).
d) toponomastica celtica in tradizione greca o latina (autori, iscrizioni).
e) toponomastica celtica nella toponomastica medievale e moderna.
È da notare che la diversità della documentazione esige caso per caso una valutazione storico-
culturale, relativamente al senso della presenza dell' elemento celtico: cosa significa questa cel-
ticità? da chi è portata? in quale contesto?
Questi preliminari metodologici sono particolarmente importanti, meglio indispensabili, per
le attestazioni - vere o presunte - di celticità in contesto estraneo in data anteriore al 390
a.c. (data del La Tène del nord e dei Senoni di Brenno a Roma).
Vi sono poi dei casi ancora sub iudice per i quali la supposta celticitàallo stato attuale delle
conoscenze non è né escludibile né provabile in via definitiva.
Mi riferisco a casi come KATAKINAe VERCENA/VIRCENA nella Orvieto del VI sec.5, TRUTITIS
dalla dedica del Marte di Todi (Vetter 230), cioè a cavallo del 400 a.C.6, o MI CELOESTRA
graffito su una ciotola di bucchero di tardo VI secolo proveniente dall'area urbana di
Caere 7.
Lasciamo da parte il resto della documentazione indiretta (per cui c'è un progetto in gestazio-
ne: vedi intanto I Celti d'Italia del 1981); ritengo però opportuno, se non necessario, porre
l'attenzione a filoni linguistici che definirei "paraceltici". Un caso italiano è quello che ho
definito "ligure onomastico" (ill "leponzio" di Devoto)8.
Il "ligure onomastico" copre la lingua o le lingue della Liguria degli antichi (ben più estesa,
specialmente al nord, dell'attuale Liguria), con documentazione solo indiretta di massima
onomastica o paraonomastica (geonimi e microtoponimi, come tali "parlanti" e quindi, sotto
certi aspetti, ancora facenti parte del lessico). Il "ligure onomastico" può avere fenomeni celti-
ci (tipo *gw > b) ma ha certamente fenomeni non celtici (tipo p conservato). In questo ligure
- data la cronologia che ammette (la Sententia Minuciorum documento princeps è del 117 a.c.)
e le notizie storiche che testimoniano inserimento o sovrapposizioni di Galli - vi può essere
della celticità gallica: salvo casi eccezionali, come la possibile labializzazione di "gWh, per
principio, tratti celtizzanti, in quanto ascrivibili a Galli sopravvenuti, non dicono niente per
una eventuale celticità pregallica di questo ligure. Restano pertanto solo i tratti non celtici
(tipo p); è però importante aggiungere che non vi è nessun tratto "anticeltico". Non mi soffer-
mo su questo punto che pure sarebbe essenziale, qui e altrove, quando vi siano questioni clas-
sificatorie in cui sia determinante la funzione "tempo", per cui le realtà storiche siano viste
come il risultato di un farsi precedente e non come semplice continuazione di realtà esistenti,
nei limiti che si presentano già ab origine: rimando perciò per questo aspetto e, in genere,
per i criteri di attribuzione tra celticità, non celticità e anticelticità, a Prosdocimi 1985 "Celti
in Italia prima e dopo il V secolo a. C." .
Il farsi di una celticità cisalpina, come caso del più ampio farsi della celticità europea, non
è provato ma è un'ipotesi di lavoro sufficientemente motivata speculativamente, forse con
qualche conferma fattuale. Il precedente logico è il modello della celticità come farsi, e questo
non è solo speculativo: è un a priori logico dell' evoluzione nel tempo; le riprove fattuali della
sequenzialità dell' apparire dei fenomeni consistono nel loro non apparire in tutti i dialetti,
ma non sono vere riprove perché l'a priori, come logicamente necessario, non deve essere pro-

54
.,
Lingua e scrittura dei primi Celti

vato; è invece in base a questo a priori, e ad un adeguato modello che lo rappresenti, che
può essere spiegata la fenomenologia che ci si presenta. Tale fenomenologia pone la questione
non, come nel passato, in termini dicotomici di "celticità-non celticità" ma in termini di "iso-
glosse celtiche presenti", da intendere come grado di celticità e/o come cronologia di celticità
(anche su questi aspetti vedi Prosdocimi 1987).
Il celtiberico è trattato qui da uno dei massimi specialisti (con cui quasi sempre concordo);
ciò mi esime dalla specificità ma non dal contemplare il celtiberico nel quadro generale del

Ciottolonecon iscrizione
sinistroversa
TIVALEI BELLENEI
dall'areadella necropoli
delPiovego(Padova)
V secoloa,c' (l)
Padova, MuseoArcheologico
delLiviano

55
f

./
celtismo linguistico. Il celtiberico è certamente celtico ma, in quanto non partecipa di fenome-
ni fonetici panceltici, o li associa in modo diverso dalle altre varietà (o dalla vulgata su esse
varietà costituita), ripropone la definizione di celticità non nel suo essere da sempre, e quindi
in una sua arcaicità, ma nel suo farsi diverso e/o alternativo.
Si tratta cioè di riconsiderare alcuni parametri definitori: è possibile che, accanto ad alcuni
tratti arcaizzanti, vi siano parimenti tratti innovativi, che non vengono considerati perché
non focalizzati a questo titolo.
Tutto questo è collegato, per quanto concerne l'Iberia, alla questione della celticità o non cel-
ticità dellusitano; e la questione a mio giudizio è un caso di una questione più generale. Per
la celticità o meno dellusitano i dati sono variamente interpretabili e le posizioni degli studio-
si sono discordi. In un articolo recente 9 ho portato un argomento, credo forte se non decisi-
vo, a favore della celticità, ma il problema è a monte. L'incertezza attributiva è sintomatica
di una questione metodologica che precede e che concerne la celticità in generale: cosa signifi-
chi attribuzione di celticità, se si possa usare a questo fine un criterio dicotomico rispetto
a un parametro linguistico, considerando solo la presenza/assenza, o non sia preferibile e più
vantaggioso adottare un criterio di gradualità, per cui - posti alcuni parametri - si arrivi a
parlare non di celticità o non-celticità, ma di grado di celticità.
Ho posto la stessa questione a proposito del "ligure onomastico" (sopra) come area marginale,
non raggiunta dalle isoglosse fonetiche individuanti la celticità optimo iure, ma non essa stes-
sa nullo iure.
Illusitano, quale ci si presenta, fa parte del gruppo dei dialetti indeuropei occidentali, alcuni
dei quali hanno poi evoluto in modo tale da essere raggruppati optimo iure sotto l'etichetta
"celtico" .

Prospettive
Sono necessarie revisioni radicali e non semplici aggiustamenti: 1) in prima istanza in ambito
italiano; 2) in seconda istanza in ambito europeo e, all'interno, secondo i vari parametri: a)
storiografici, b) archeologici, c) linguistici. Mi rendo conto che le partizioni 1 e 2 sono di co-
modo e forzano la realtà ma credo siano utili proprio per mostrare come la celticità in Italia
implichi comunque la celticità in Europa; le partizioni a, b, c sono necessarie contro l'unità
della "storia" che le comprende perché non abbiamo la "storia", ma concettualizzazioni e co-
struzioni storiche basate su parametri che non si ricoprono e che prevalgono alternativamente
al fine di costruire un quadro storico unitario ottenuto al prezzo di essere una rappezzatura
di costruzioni parziali e angolate.
C'è in Italia una celticità pre-La Tène. L'implicazione è la necessità di ripensare il rapporto
tra cultura materiale e identità etnica, di cui componente primaria, anche se disattesa nella
sua centralità, è la lingua.
La questione si pone in terrpini chiari e perentori: o la celticità pre-La Tène è arrivata nelle
aree al di qua delle Alpi con un modulo invasionistico tale che 1'archeologia non permette
di individuarlo; oppure l'archeologia non può individuarlo perché l'invasione (o l'espansione,
o l'arrivo, o altro) non esiste, o non esiste in termini propri: e allora il tutto va ripensato pro-
fondamente, compatibilmente con questo presupposto, per esempio immaginando un arrivo
di cultura-lingua senza espansioni e invasioni. Ma ciò vuoI dire un processo di celtizzazione
linguistica e culturale, quindi non una celticità compiuta ma un farsi della celticità: in questa
prospettiva è un farsi italiano-cisalpino di una celticità già fatta altrove? o non sarà il farsi
ai margini di una celticità che si fa e basta, cioè senza iati posti dalle Alpi? Anche e più che
in altri casi, il fenomeno italiano non può essere ristretto soltanto all'Italia e ha inoltre chance
di apportare elementi essenziali per il quadro generale e, qui specialmente, per l'apparato con-
cettuale.
La lingua del celtico pre 400 a.c. ha caratteristiche comuni col gallico noto. Il modello per
spiegare ciò è stato visto in una duplice stratificazione, prima leponzia, poi gallica parzialmen-
te sovrapposta (Lejeune); non è una spiegazione in termini linguistici propri, ma è una reifica-

56
Lingua e scrittura dei primi Celti

zione storica, mediante un modello, ben noto all'indoeuropeistica, di ~na presunta dicotomia
nell' appartenenza linguistica. Ma è precisamente la dicotomicità linguistica che è prima da
provare e da saggiare nei termini di consistenza. Per esempio: posti alcuni tratti come diffe-
renzianti nelleponzio, detti tratti sono tali rispetto a un gallico compatto? Se il gallico non
è compatto, con quale diritto lo si contrappone alleponzio e invece non si rimescolano le carte
e si rivede la posizione dialettale di tutta questa sezione del celtico continentale? Quale sia
la risposta, anche da questo punto di vista, il problema italiano si identifica con il problema
generale.
Vorrei poi esorcizzare un modello interpretativo dell' espansione gallica, quello che definisco
il "modello Brenno", e cioè l'idea che i Galli in Italia, altri Celti altrove (per esempio i Gala-
ti), si presentino sempre come orde guerriere. Certo il sacco di Roma ha impressionato tutta
la storiografica antica e moderna; parimenti le guerre imperialiste mosse da Roma nel Nord-
italia nel III secolo a.c. hanno visto ancora una volta i Galli come formidabili guerrieri e i
nemici di sempre; ma è forse una prospettiva rovesciata; se noi guardiamo tramite onomastica
e prosopografia la realtà "quotidiana" d'espansione della celticità in ambienti diversi - Reti
e Veneti - non solo non appare traumatica, ma si configura come capillare, con inserimento
senza iati culturali, e ciò a partire dalla fase pregallica di VI-V secolo a.c., fino alla fase imme-
diatamente precedente alla romanizzazione (ciò non è contraddetto da Livio X.2 su uno stato
di guerra tra Veneti e Galli, se la notizia è fede degna si tratterebbe di belligeranza tra unità
politiche e non tra unità etniche). Ci sarebbe tutto un capitolo, meglio un libro, da scrivere,
non solo su questa inversione prospettica, ma sul fatto che questa contribuisce, se non deter-
mina, la presa di coscienza della etnicità gallica (celtica) anche come politica. Anna
Marinetti 10ha mostrato che le legende delle monete galliche della N arbonense non assumo-
no l'alfabeto greco ma quello leponzio, così come quelle del Noricum non assumono il prossi-
mo alfabeto venetico ma quello leponzio; ho proseguito su questa via mostrando come le iscri-
zioni galliche d'Italia non usino l'alfabeto latino ma quello leponzio: evidentemente perché
questo era ideologizzato come alfabeto nazionale. La questione si allarga alla presunta ostilità
all' alfabeto della cultura druidica: è probabile che questa ostilità, se c'è stata, fosse non origi-
naria ma indotta dal rifiuto di alfabeti di culture sentite estranee. Resta però il fatto che i
Celti, pur a contatto per secoli con culture provviste di alfabeto (greco in Gallia e in Iberia,
iberico in Iberia), lo usino tardivamente e - salvo il caso dei Celti d'Italia del VI secolo a.c.
- lo adottino in epoca di romanizzazione; non è però usato l'alfabeto latino, evidentemente
perché la romanità deve essere negata per una affermazione ideologica di autoidentità
poli tico-culturale.
L'ultimo caso è costituito dalla creazione dell'alfabeto ogamico nel IV secolo d.C.: è evidente-
mente sollecitata dalla conoscenza dell' alfabeto latino, ma è una creazione assolutamente ori-
ginale (forse con un co-modello runico); il tutto è segno che vi è volontà ideologica di autoi-
dentificazione nazionale.

TIVALEIBELLENEIda Padova e SEKENEIda Bagnolo San Vita


TIVALEIBELLENEIè una formula onomastica bimembre (nome individuale-appositivo) al dati-
vo; è esclusa la giustapposizione di due nomi individuali (Prosdocimi 1982). Uscita da un con-
testo per cui non dovrebbe essere posteriore al V secolo a.c., è ascrivibile al celtismo per ne-
gativo (restrizione) e per positivo (indizi specifici).
1) Negativo.
a) Entrambi i termini sono formalmente difficiliores dal punto di vista venetico: b di BELLE-
NEI è improbabile per fonetica vene tic a per voci ereditarie: ie. *bh-, *gW-hanno altri esiti;
non conosciamo quello di ie. *ghW-ma, a priori, non dovrebbe essere b-; ie. 1'b- che solo po-
trebbe dare venetico b- è, come noto, fonema rarissimo in indeuropeo. tiv- è ignoto al veneti-
co; -al- è presente ma seriore, raro e in certi casi quale formante per basi estranee (BOIALNA
in una iscrizione inedita).
b) La formula è anomala perché l'appositivo non è in -io-, il che si avvera in un altro caso

57
"

di VI-V secolo a.c. (PUPONEIRAKOI;Pa 1). Una spiegazione può essere che uno straniero assu-
me un appositivo di questo tipo perché non può assumere quello locale per non averne diritto.
Questa possibilità diventa probabilità per una prosopografia che, in questo caso eccezionale,
si può ricostruire e (appresso) indica l'inserimento di un allotrio in ambiente venetico. Nessun
argomento in sé è probante, ma la concentrazione non può essere casuale.
2) BELLEN- corrisponde al primo membro dei nomi in Bello- cui appartiene il mitico Bellove-
sus (cfr. Schmidt 1965, p. 147). Questo rapporto ha un parallelo in una iscrizione di Bagnolo
(ora edita da R. De Marinis in REE in "SF", LI, 1984, pp. 202-204) che ha SEKENE.I.:dalla
puntuazione dovrebbe essere venetica. Luciano Agostiniani ha riportato questo SEKEN-ai no-
mi celtici in Sego/Seco- tra cui il mitico fratello di Belloveso, Segovesus. Malgrado problemi
grafici, l'identificazione pare sicura, anche se resta da porre la qualificazione della precisa si-
tuazione sociolinguistica di questa forma tra celtico, vene tic o ed etrusco nel centro etrusco
di Bagnolo al V secolo a.c. Ciottolo con iscrizione
FUGIOI TIVALIOI... da Trambache
Una storia da una prosopografia? Veggiano (Padova)
Fine del V - inizio del IV secolo a.c.
"'Pa 25 con TIVALEIBELLENEInon è isolata, ma si collega con altre iscrizioni in modo tale che Este, Museo Nazionale Atestino
è possibile costruire lina prosopografia e così schizzare, sotto la storia istituzionale, una
(micro-)storia avvenimentale. Nel rimandare per le premesse istituzionali a Prosdocimi 1982
(e in scritti successivi), riprendo qui la proposta di storia avvenimentale sottesa alle seguenti
iscrizioni (date in grafia interpretativa e in disposizione di cronologia relativa e - ove è possi-
bile, e sia pure a maglia larga - con indicazioni di cronologia assoluta);
"'Pa 25: TIVALEIBELLENEI(V secolo a.c.)
*Pa 26; FUGIOITIVALIOIANDETIOIVKU EKUPETARISEGO (V-VIsecolo a.C.).
'''Pa 28: VOLTIGEN(E)IANDETIAIOIEKUPETARISFREMAISTOI(KV)E
VOLTIGENEIOI(V-IV secolo
a.c.).
"'Pa 21: FUGIAI FUGINIAI ANDETINAI EPPETARIS (?).
Bl 1; ENONIONTEIAPPIOISSELBOISSELBOI ECVUPETARIS(Il-I secolo a.c.).
ANDETICOBOS
Di qui una possibile ricostruzione avvenimentale.
1) TIVAL-BELLEN-viene a Padova dal di fuori (Andes?); come estraneo non ha la normale for-
mula onomastica ma, per un appositivo a un epiteto (o simili), o per non poter avere o per
non avere interesse ad avere la formula onomastica locale (naturalmente con diversità rispetto
alla situazione istituzionale locale in rapporto alla possibilità di atteggiamenti personali).
2) FUGIO-TIVALlO-figlio di Tival- assume la formula onomastica locale come espressione di
un diverso status giuridico (concesso/acquisito o volutamente espresso); per questa non è o Ciottolo con iscrizione
non è ritenuto sufficiente il patronimico (Tivalio) come appositivo di formula binomia, perché VOLTIGEN[e]rANDETIAIOI...
da Trambache, Veggiano (Padova)
di persona giuridica non avente diritto (quale straniero = cittadino non optimo iure), a dare Fine del V - inizio del IV secolo a.C.
un patronimico con valore di manus (= illius iuris, quindi sui iuris) e, pertanto, assume un Este, Museo Nazionale Atestino
secondo appositivo (dall'area di origine, Andes?), con una morfologia di aQQositiva, ANDETlO-
(il che presuppone, come detto, che accanto all' appositivo patronimico ci sia già l'appositivo
gentilizio).
3) FUGIOTIVALIOANDETIOha un figlio di una schiava ("'Andetia; nome da colui che ha la ma-
nus) che chiama col vene tic o (e "aristocratico"?) nome di "'Voltigenes; segno della sua (rag-
giunta) posizione sociale, causa/effetto della sua formula onomastica.
4) a. VOLTIGENES ANDETIAIO-figlio (-io) di una schiava (Andetia-) di Fugio, ha a sua volta un
figlio che assume l'appositivo (-io-) dal nome individuale del padre (Voltigene-) per impossibi-
lità di avere quello del (probabile) nonno, Andetio-, perché il tramite - una schiava - non
lo permette.
b. A Cà Oddo una FUGIAdi nascita Fuginia entra (-na) nella manus di un Andetio-: quindi
per cronologia moglie di un discendente di Fugio, con -ina che designa la manus della gens
in cui è entrata; se, come pare, è moglie di un Andetio- di generazioni posteriori a Fugio Tiva-
lio, si conferma che Andetio è già gentili zio per l'improbabilità del riproporsi di un nome indi-
viduale, donde gli appositivi. Quindi col seguente albero genealogico:

58
Lingua e scrittura dei primi Celti

TIVAL-(BELLEN-)
!
[ANDETIA] ~ + Fugio Tivalio Andetio~'
!
VOLTIGENES ANDETIAIO
!
FREMAISTO VOLTIGENEIO

*Dal nodo Fugio Tivalio Andetio si può avere:


1) una moglie legittima (pare escluso per cronologia):
FUGIA (ANDETINA) FUGINIA +-+ FUGIO TIV ALlO ANDETIO
2) FUGIO TIVALIO ANDETIO
!
FUGIA(Andetina) FUGINIA+-+X (discendente)
(Tra AND-di Es 17 e gli ANDETICO-di ElI c'è sicuramente un legame onomastico ma questo
non può dare adito ad un qualsivoglia legame storico per la distanza cronologica e spaziale.

Note

1. È in stampa (tre volumi comparsi fino adesso) la grande impresa di edizione delle iscrizioni galliche
di più che trentennale gestazione e firmata da nomi prestigio si come Jean Paul Duval, Michel Lejeune,
].B. Colbert de Beaulieu; quest'opera monumentale esclude la celticità italiana non gallica - cioèquella
detta leponzia, "ligure" e altra anonima - mentre include sei iscrizioni galliche sul suolo italiano. Sulla
validità dei criteri di compartimentazione mi esprimo in altra sede. Qui vorrei solo anticipare un proget-
to, rispondente ad una necessità scientifica, di una edizione integrale ed integrata delle iscrizioni celti-
che d'Italia, nonché di un recupero di tutta la celticità italiana attestata spesso in forma indiretta (iscri-
zioni venetiche, retiche, latine, glosse, toponomastica, lessico latino, lessico romantico ecc.).
2. L'iscrizione è stata vista direttamente da Colonna e rimando alla sua esauriente illustrazione in "Il
bicchiere con iscrizione arcaica", Sto Etr. LIV, 1988, pp. 130-164. Vedi però anche le mie "Note sul
celtico in Italia".
3. La più antica iscrizione transpadana è appunto quella di fine VII a.c. da Sesto Calende che Colonna
(p. 140 dell'articolo citato alla nota 2) riprende opportunamente dopo averla già valorizzata in preceden-
za in Sto Etr. XLIX, 1981, p. 91 nota 37, tav. XXIII a (lì la bibliografia precedente). Vedi però anche
le mie "Note sul celtico in Italia".
4. Un caso analogo dovrebbe essere quello di *dhug(h)Hter, il classico nome indeuroEeo della figlia,
ignoto al celtico continentale e ora attestato da una iscrizione dalla Gallia (edita nelle Etudes Celtiques
1985).
5. Ho mostrato altrove (Prosdocimi 1986, in Atti del Secondo Convegno Archeologico Lombardo, Corno)
come a mio parere De Simone (1978, Un nuovo gentilizio etrusco di Orvieto (katakina) e la cronologia
dellapenetrazione celtica (gallica)in Italia, pp. 370-395) non abbia provato la celticità di questi due termi-
ni nella Orvieto di VI a.c.
6. Sul Marte di Todi si può vedere Roncalli 1973, Il Marte di Todi. Bronzistica etruscae ispirazioneclassi-
ca, Mem. Pont. Acc. XI ma anche A.L. Prosdocimi in "Celti in Italia prima e dopo il V secolo a.c.",
Atti del colloquio internazionale Celti ed Etruschi nell'Italia settentrionaledal V sec. a.C. alla romanizza-
zione, Bologna 1987.
7. Giovanni Colonna, durante il convegno "Il commercio etrusco arcaico" a Roma nel 1983 (Quaderni
del Centro Studi per l'Archeologia etrusco-italica9, Roma, 1985, pp. 270-271) ha proposto di riconoscere
la trasposizione di un greco xtÀ'tò, in mi kelgestra; nella stessa sede (p. 271) e poi, più diffusamente,
nella Rivista di epigrafiaetruscadi "Studi Etruschi" Mauro Cristofani contesta l'interpretazione, ma vedi
anche A.L. Prosdocimi 1987.
8. G. Devoto "Leponzi", Scritti Minori, II, Firenze, 1967, pp. 324-335 = Pour l'histoire de l'indo-
européanisation de l'Italie septentrionale: Quelques étymologies lépontiques, Rev. de Phil. LXXXVIII
(1962), pp. 197-208.
9. Idg. Forse. 94, 1989.
10. Il contributo di A. Marinetti comparirà negli atti del convegno "Numismatica e archeologia nel cel-
tismo padano" svoltosi a Saint Vincent nel settembre del 1989.

59
F----

60
l
BemardAndreae L'immagine dei Celti nel mondo antico: arte ellenistica

Stele
funerariaetruscadi arenaria I Galli o, come si autodefinivano, i Celti, non soltanto avevano statura imponente, ma con
daBologna.Nel riquadro inferiore:
cavaliere
etrusco un particolare trattamento dei capelli si davano un aspetto terrorizzante.
incombattimentocon fante gallo Riferisce l'autore classico Diodoro (5,28,2-3): "I Galli si bagnano sempre i capelli con acqua
Vsecoloa.C.
Bologna,MuseoCivico nella quale sciolgono del gesso e li tirano all'indietro, dalla fronte verso le tempie e la nuca,
sl che il loro aspetto ricorda quello dei satiri e dei Pan. Grazie a questo trattamento, la chioma
diviene sempre più compatta, al punto da non distinguersi da una criniera di cavallo".
Raffigurazioni di Galli, illustranti non soltanto la struttura corporea ma anche la chioma a
ciuffi, sono reperibili soltanto nell' arte mimetica dei Greci, degli Etruschi e dei Romani, quel-
la cioè che mira all'imitazione della natura.
Questi tre popoli erano anche i più minacciati dalle migrazioni dei Galli.
Toccò per primi agli Etruschi, che a partire dal VI secolo a.c. vennero cacciati dai Celti dalla
pianura padana, territorio che in seguito i Romani chiamarono Gallia Cisalpina, vale a dire
Gallia al di qua delle Alpi. Nessuna raffigurazione dei Galli ci giunge ancora dalla prima fase
dell'arte etrusca: nel contesto delle scelte artistiche arcaiche non erano immaginabili differen-
ziazioni di fenotipi razziali. Quella che è probabilmente la raffigurazione dei Galli più antica
a noi pervenuta si trova su uno stamnos (recipiente panciuto con due anse orizzontali) falisco,
vale a dire etrusco meridionale, del primo quarto del IV secolo a.C. conservato all'Akademi-
sches Kunstmuseum di Bonn (] .D. Beazley, Etruscan Vase Painting, 1947, pago 96). Tra un
guerriero etrusco (o romano?) a piedi e un cavaliere che indubbiamente è un gallo e che viene
assalito da destra, compare un altro guerriero nudo. Questi indossa soltanto una cintura in
vita, dalla quale pende a destra un lungo fodero di spada; imbraccia uno scudo ovale e brandi-
sce la spada con la destra. Stava seguendo con passi elastici il cavaliere, quando all'improvviso
si è reso conto della presenza dell'avversario alle sue spalle, e volge il capo a guardarlo. Le
figure dei guerrieri che assalgono da destra il gruppo dei Galli risultano parzialmente perdute
per una lacuna, ma è ancora riconoscibile l'atteggiamento di chi si è di colpo bloccato e il
gesto per coprirsi con lo scudo. Sotto il cavaliere giace a terra un morto nudo al quale un av-
voltoio, che gli sta appollaiato sul petto, strappa i visceri. Il caduto e il guerriero con la cintu-
ra, da cui pende il fodero della spada, sono chiaramente caratterizzati come Galli dalla chioma
rigidamente tesa all'indietro. Anche il cavaliere, glabro come gli altri due, ha i capelli a ciuffo,
mentre l'assalitore, proveniente da sinistra, ha capelli ricciuti ed è barbuto com'è da aspettar-
si in italici dell'epoca. La figurazione sul vaso fornisce una vivace rappresentazione dei com-
battimenti del periodo in cui i Galli sotto la guida di Brenno giunsero fino a Roma, che nel
387-386 assediarono per sette mesi senza però riuscire a conquistare il Campidoglio, ritiran-
dosi dietro pagamento di un grosso riscatto.
Il secondo evento epocale del confronto tra Galli e popolazioni mediterranee fu l'attacco con-
tro il santuario di Apollo a Delfi, che i Galli, aggirato il passo delle Termopili nel 279 a.c.,
riuscirono a saccheggiare. Ma i Focesi e gli Etoli, ai quali spettava la difesa del santuario,
riuscirono ad accorrere prontamente in aiuto e a scacciare i Galli. In seguito venne diffusa
la voce che Apollo in persona, sua sorella Artemide e Atena Pronaia erano accorsi in difesa
del santuario, mettendo in fuga gli invasori. Questa mitica enfatizzazione dell' evento storico
è sottesa alla raffigurazione del fregio fittile etrusco da Civitalba, nei pressi di Sentino, dove
un esercito romano guidato dal console Quinto Fabio Massimo Rulliano e da Publio Decio
Mure nel 295 a.C. riportò una vittoria decisiva sui Galli, alleati di Etruschi, Umbri e Sanniti.
Il fregio fittile, con le sue figure alte 45 centimetri, proviene da un tempio italico, certamente
eretto solo dopo il trionfo di Publio Cornelio sui Galli Boi nel 191 a.c. e il ritorno di Manlio
Vulsio dall'impresa contro i Galati in Asia Minore nel 189-187 a.C., probabilmente anzi solo
verso il 160 a.c. Si riferisce quindi, in una fase di nuovi scontri dei Romani con i Galli che
nell' oriente greco erano chiamati Galati, a un evento più antico di oltre un secolo ma mai
dimenticato. I Galli in preda al terrore fuggono di fronte alla vittoriosa apparizione degli dei,
dei quali nel fregio restano soltanto Artemide e Atena Pronaia; ma anche Apollo doveva es-
servi senza dubbio raffigurato. Le divinità incalzano minacciando con le armi, Atena da sini-
stra brandendo la lancia, Artemide tendendo l'arco a destra. Essa ha colpito un gallo che si

61
.. .

affloscia fra le braccia di un compagno, motivo che ricorda il Patroclo morto del cosiddetto
gruppo di Pasquino (D. Andreae, Antike Plastik 14, 1974, pagg. 87-95), creato a Pergamo ver-
so il 170 a.c. Dietro la dea è visibile un altro gallo vestito con un sagos (tunica in pelle di
animale) che cerca di fuggire con un' anfora d'oro sotto il braccio e volge il capo all'indietro
perché si sente inseguito. Con ogni probabilità, la figura di Apollo va integrata all'estremità
destra del fregio. All' estremità di sinistra fuggono due galli nudi, riconoscibili dai torques che
portano al collo, dalle cinture in vita, dagli scudi ovali e allungati con costolatura centrale,
dalla chioma compatta e dai lunghi baffi. Al centro del fregio sono dei Galli a piedi e il loro
capo su una biga, assaliti dalle dee. È tramandato come dato storico che il capo Brenno nel
corso dei combattimenti a Delfi restò ferito e si suicidò durante la fuga.
A proposito di questo interessante monumento è stata avanzata l'ipotesi che esso avrebbe
avuto cOI?emodello un monumento gallico del re di Pergamo Attalo I, che lo avrebbe dedica-
to verso il 200 a.C. a De1fi; anche se l'ipotesi non è per il momento dimostrabile, l'influenza
dell' arte pergamena su quest'opera italica è inconfondibile.

Particolare di uno stamnos falisco


a figure rosse: combattimento
tra guerrieri galli e ita/ici
IV secolo a. C.
Bonn, Akademisches Kunstmuseum

Prima di occuparci dell'arte di Pergamo, nel contesto della quale a partire dal 230 a.C. circa
sono state create le più impressionanti raffigurazioni di Galli, sarà opportuno riferire un epi-
sodio del 275 a.c., al quale dobbiamo un'immagine dei Galli assai caratteristica. Quell'anno,
quattromila mercenari, assoldati da Tolomeo II d'Egitto nella guerra contro il viceré Magas
di Cirene, si ammutinarono. Si trattava di superstiti dell' esercito di Brenno che era stato di-
sfatto in Grecia. Pausania (1,7,2) afferma che i mercenari volevano impadronirsi del potere
sull'Egitto mentre un commentatore di Callimaco (4,175-187) sostiene che intendevano im-
padronirsi del tesoro regale. Probabilmente, il sovrano non aveva versato loro il soldo, poiché
non si era giunti alla guerra contro Magas. Tolomeo II riuscì a bloccare gli ammutinati su
un'isola deserta nel braccio sebennitico del Nilo, assediandoli e facendoli morire di fame. L'e-
vento venne celebrato dal poeta di corte Callimaco nel suo inno a Delo dove l'azione del fa-
raone egiziano contro i Galli insorti viene paragonata all'intervento di Apollo di tre anni pri-
ma contro le orde di Brenno a Delfi. Callimaco definisce i Galli "il temerario popolo degli
ultimi nati tra i titani", volutamente facendo propria la frequente confusione dei titani con

62
L'immagine dei Celti nel mondo antico: arte ellenistica

Partedelfregio fittile di Civitalba


(Marche), raffiguranteGalli in fuga
dopoil saccheggio di un santuario
Inizidel II secoloa.C.
Ancona
MuseoNazionaledelle Marche

i giganti, perché ciò gli permette un gioco di parole con titanos, cioè titanite (nell'antichità
classica, probabilmente gesso) mediante la quale i Galli usavano impastarsi i capelli trasfor-
mandoli in una massa compatta di ciocche rigide.
La repressione di quella sollevazione di mercenari non venne però celebrata solo da un inno
poetico, ma raffigurata anche da un monumento, il cui unico resto è costituito da una grandio-
sa testa di gallo marmorea conservata al museo del Cairo (P. Laubscher, Antike Kunst 30,
1987, 131-134). La scultura offre un'immagine assai pregnante del fenotipo razziale dei Galli,
che doveva risultare con ancor maggiore evidenza quando la presupponibile coloritura mette-
va in risalto la tinta chiara della pelle, i capelli biondi, resi ancora più chiari dalla titanite,
e gli occhi azzurri. La chioma irsuta che si allunga sulla nuca e che dalla fronte si espande
da tutte le parti in rigide ciocche, la stessa fronte sfuggente, gli occhi acuti, profondamente
incavati, sovrastati da sopracciglia quasi orizzontali, e i baffi che coprono il labbro superiore
rivelano in maniera inequivocabile che si ha a che fare con un celta. La testa è il documento
di scultura monumentale più antico a noi pervenuto di questo gruppo etnico e si colloca all'i-
nizio di un'intera serie di simili raffigurazioni.
Le immagini più efficaci di Celti o, come li chiamavano i Greci, di Galati a figura intera ap-
partengono all' arte pergamena. La celebre lettera dell' apostolo Paolo ai Galati era diretta ai
discendenti di quei gruppi celtici che nel 287-286 a.c., chiamati da re Nicomede I di Bitinia,
si trasferirono in Asia Minore, stanziandosi nella Frigia orientale, cioè nel territorio centroa-
natolico tra l'attuale Ankara e Pessinous, tra i fiumi Halys a oriente e il Sangarios a ovest.
Da qui essi muovevano per compiere spedizioni di saccheggio fino alle coste e, stando a Poli-
bio (18,41), costituivano un "flagello per tutti". Da varie parti vennero assoldati come merce-
nari, e gli stati vicini erano costretti a versare loro un tributo. Contemporaneamente, in Lidia,
nelle immediate vicinanze della zona occupata dai Galli, la città di Pergamo riuscl a costituire
un regno in rapida espansione. Dopo la battaglia di Kurupedion del 281 a.c., l'ufficiale mace-
done Filetero di Tio, che doveva custodire la cassa militare del diadoco Lisimaco nella fortez-
za di Pergamo, si era un po' alla volta reso indipendente e aveva fondato la dinastia degli
Attalidi, così chiamata dal nome di suo padre Attalo. In un primo tempo, anche Pergamo fu
tributaria dei Galati, ma nel 230 a.c. il secondo discendente del fondatore della dinastia, At-
talo I, osò affrontare per primo i Celti in campo aperto. Inflisse loro numerose sconfitte in
una serie di battaglie la prima delle quali, combattuta alle sorgenti del Kaikos, sul cui corso
inferiore sorge Pergamo, assurse a mitica celebrità. Al più tardi nel 223 a.c., Attalo I fece
erigere un grande monumento alla vittoria sull'Acropoli di Pergamo, del quale ci sono perve-
nute alcune figure in copie marmoree romane (M. Mattei, Il Galata Capitolino, 1987) che of-
frono la raffigurazione più perspicua della imponente figura e della singolare acconciatura dei
capelli di questi barbari nient'affatto incivili. Si tratta delle celebri statue, conservate inte-
gralmente, del gallo morente del Museo Capitolino, e del gruppo del capo gallo che uccide

63
p

Calata morente, dal gruppo dedicato


I !1i:
da Attalo I al santuario
di Athena Nikephoros a Pergamo.
Copia in marmo di un originale
in bronzo della seconda metà
del III secolo a. C.
Roma, Musei Capito lini

la moglie e si suicida conservato al Museo Nazionale Romano, nonché di una testa di gallo
in Vaticano e di un torso a Dresda. Gli avversari dei Pergameni in queste sculture non sono
oggetto di disprezzo, ma anzi appaiono raffigurati con cura e con grande capacità di osserva-
zione. Il capo che vede perduta la sua causa ha ucciso la moglie squarciandole la gola e adesso
si immerge la spada nel cuore attraverso la fossa clavicolare. Protendendo la gamba sinistra
per offrire un ultimo sostegno alla compagna, che sorregge per il braccio sinistro mentre ella
si affloscia in senso contrario, tende il suo corpo dalle dita del piede destro, verso 1'alto, fino
alla mano girata in una possente torsione. Intanto getta indietro in un gesto impetuoso la testa
per bloccare con il furore dello sguardo un possibile inseguitore. L'intera figura appare così
fortemente inserita nello spazio dal movimento di torsione che il gruppo non può essere valu-
tato nella sua unità da nessun punto, ma bisogna girargli attorno. Commovente è la contrap-
posizione tra il corpo della donna privo di vita, completamente afflosciato, che crolla a capo
chino di fronte allo spettatore, e il corpo atletico, muscoloso, teso fino all'ultima fibra, del-
l'uomo. La cassa toracica si contrae con il margine delle costole sull' addome, i muscoli si ten-
dono, la vita si afferma per un'ultima volta in questo condotti ero che consacra se stesso alla
morte. La clamide che gli pende dalle spalle non si muove più di tanto all'indietro, ma sottoli-
nea, tramite il momento d'inerzia che la blocca in quella posizione prima della caduta, la vio-
lenza del movimento dell'uomo, ponendosi in dissonante contrapposizione nella composizio-
ne generale con la testa e con il braccio destro. In quest'uomo e nella donna dalle forme piene,
i capelli a ciocche e il volto dalle ampie superfici, si cela alcunché di gigantesco, una sfida
caparbia alla superiorità dei nemici e una selvaggia dedizione alla morte che impressiona pro-
fondamente.
Dello stesso donario, le cui grandi figure probabilmente erano poste nella Acropoli di Perga-
mo, al centro del santuario di Atena, sopra una base rotonda alta 2,75 metri, fa parte anche
il celebre gallo morente del Campidoglio. Il guerriero è stato mortalmente ferito al fegato e
siede sul proprio scudo deposto a terra, in attesa della morte. La parte superiore del corpo Testa di Calata
Marmo
minaccia di crollare in avanti, ma con le sue ultime forze la ben costruita figura virile si sostie- Roma, Musei Vaticani
ne appoggiandosi con il braccio destro al terreno. Anche il braccio sinistro e la mano che egli
ha posato sulla coscia appoggiata al suolo sostengono il torso impedendogli di ruotare. Il gi-
nocchio è piegato e la gamba destra è fatta incrociare con il piede che posa sull' orlo. La gamba
sinistra è solo leggermente piegata e poggia il piede ancora con tutta la pianta al suolo. Essa

64
--.....

L'immagine dei Celti nel mondo antico: arte ellenistica

Gallosuicida con la moglie


dalgruppodedicato da Attalo I
al santuariodi Athena Nikephoros
a Pergamo
Copiain marmo di un originale
in bronzodella seconda metà
del[[[ secoloa.C.
Roma,Museo Nazionale Romano

~""" ,.
~
~
iii::;

l .,..

"'~~"""""..."
!;..
Ju

65
8!!!

'

forma un ponte sopra il piede destro e la tromba curvata che il gallo morente protegge, insie-
me alle armi, con il proprio corpo. La gamba allungata in fuori fa da contrappeso alla pesante
testa che crolla in avanti, con lo sguardo volto a terra. Il trombettiere ha al collo un torquis
a torciglione, i capelli sono scompigliati, scomposti in ciocche irrigidite che dietro giungono
sino alla nuca. Il forte volto sul collo massiccio mostra sopracciglia contratte dal dolore, folti
baffi ben pettinati sulle labbra piene e guance ovali, completamente rasate. La bellezza virile
di questo tipo razziale viene consapevolmente messa in risalto dall' artista che glorifica gli av-
versari nella sconfitta a maggiore esaltazione della propria vittoria. Questo ferito seduto a
terra in termini di così piena plasticità formava, con altri Galli che stanno cadendo o già cadu-
ti, un gruppo di vinti raccolto a cerchio attorno alla figura emergente del capo. Le linee che
si dipartono da un pentagramma costruito intorno a un cerchio concentrico, che appare trac-
ciato sul piedestallo del gallo morente, probabilmente danno un'indicazione su come doveva-
no essere disposte le figure copiate nella prima metà del II secolo d.C.
Due generazioni dopo questo monumento gallico con figure di grandi proporzioni, i Pergame-
Calata nudo inginocchiato
ni, dopo la definitiva sconfitta da loro inflitta ai Galli nel corso di una feroce guerra durata Marmo
dal 168 al 166 a.c., eressero un secondo monumento, questa volta sull'Acropoli di Atene (B. Parigi, Louvre
Palma, "Il piccolo donario pergameno", in Xenia 1, 1980, pago 56 e segg.) che inseriva l'an-
nientamento dei Galli nell' Asia Minore in un' ampia sequenza di vittorie mitiche e storiche
riportate dai Greci su potenze barbariche. Pausania (1,25,2) lo vide nel quarto decennio del
II secolo d.C. al suo posto e lo descrisse come segue: "Sul muro meridionale, Attalo ha collo-
cato la lotta contro i giganti, che un tempo vivevano in Tracia e sulla penisola di Pallene,
la lotta degli Ateniesi contro le Amazzoni, la battaglia di Maratona contro i Persiani e l'an-
nientamento dei Galli in Misia, ed ogni figura è alta due cubiti". Poiché contro i giganti ave-
vano combattuto dodici dei ed Eracle, e almeno altrettanti avversari dovevano essere rappre-
sentati, e siccome è da supporre che i quattro diversi gruppi con i combattimenti contro i
giganti, le Amazzoni, i Persiani e i Galli avessero le stesse dimensioni, si ha un totale di cento
e più figure. Questo cospicuo numero spiega la singolare scelta delle dimensioni delle piccole
statue, alte circa 1,20 metri, pari a due cubiti fileterei. Poiché risulta che Dioniso era stato
strappato da una tempesta dalla gigantomachia ed era precipitato nel teatro a lui dedicato sul

Calata ferito
Marmo
Napoli, Museo Nazionale

66
L'immagine dei Celti nel mondo antico: arte ellenistica

versante meridionale dell'Acropoli, si deve supporre che le numerosissime figure fossero tutte
allineate a corona nel muro meridionale dell' Acropoli. Viste da lontano e soprattutto dal bas-
so, da dove le figure in prospettiva potevano apparire di dimensioni naturali, l'intera, enorme
composizione doveva fare l'effetto di un vero e proprio campo di battaglia. L'ultima battaglia
tra i Pergameni e i Galati incitati contro di essi da Roma, fu uno scontro per la vita e la morte,
e i Pergameni ne uscirono vincitori dando fondo a tutte le loro energie, dopo essere stati a
loro volta sull'orlo della sconfitta. Polieno nei suoi Stratagemata (4,8,1) riferisce della dispera-
ta situazione in cui venne a trovarsi re Eumene II, che si salvò quasi per un miracolo. In segui-
to ad un attentato subito nel 172 a.C., il sovrano era fisicamente menomato e dovette farsi
portare sul campo di battaglia su una lettiga. Nel corso di una fase difensiva della battaglia
il suo esercito fu volto in fuga dai Galli. Gli inseguitori giungevano sempre più vicino alla
lettiga del re. Questi allora, rassegnato al proprio destino, ordinò che deponessero la lettiga
su una altura di fianco alla strada. Quando i Galati se ne avvidero, furono all'improvviso colti
dalla paura che si trattasse semplicemente di uno stratagemma militare e che nei pressi si na-
scondessero cospicui reparti di rinforzo, per cui rinunciarono all'inseguimento.
Eumene II, dopo la vittoria definitiva sui Galli, ha rielaborato questo evento nella raffigura-
zione del grande fregio sull' altare di Pergamo, oggi a Berlino, in cui Zeus, Atena e altri dei
vincono nello stesso modo i giganti. Il paragone con i Galli, che già Callimaco (Inno, 4, 184)
aveva definito "il temerario popolo degli ultimi nati tra i titani", qui resta limitato ai giganti.
Ad Atene, invece, Eumene II e suo fratello e successore Attalo II fecero raHigurare la vittoria
definitiva sui Galli come un avvenimento con un significato storico di portata mondiale. Mito
e storia vengono chiamati in causa per mettere nella giusta luce l'impresa dei Pergameni. Di
particolare interesse è un paragone tra il monumento, definito a causa del formato delle sta-
tue, come piccolo donario di Attalo (mentre invece è in realtà un monumento di vaste dimen-
sioni), e il grande donario di Attalo I sulla Acropoli di Pergamo. Delle oltre cento figure del
più recente donario ne sono sopravvissute purtroppo solo dieci, e pure soltanto di vinti, in
copie marmo ree romane: un gigante e un' Amazzone a Napoli, tre persiani rispettivamente
a Napoli, in Vaticano e ad Aix-en-Provence, infine cinque galli, uno a Napoli, uno al Louvre
a Parigi e tre a Venezia. Tutte le dieci figure provengono da Roma e costituiscono solo una
scelta del monumento complessivo, creato, come risulta da Plinio (34,84), dagli scultori Eisi-
gonos, Phyromachos, Stratonikos e Antigonos.
Rispetto al grande donario di Attalo, risulta evidente quanto siano mutati lo stile plastico e
il modo di vedere le cose sia del committente che degli artisti durante i settant' anni che sepa-
rano l'erezione dei due monumenti. La magnanimità con cui nel più antico era raffigurata
la sconfitta di grandi nemici, nell' altro ha ceduto il posto a uno spietato realismo e a un accen-

Galata morto
Marmo
Venezia,Museo Archeologico

67
B:

tuato espressionismo. La gigantesca corporatura dei Galli è messa in evidenza solo dai muscoli
ipertrofici, i capelli appaiono più compatti e irti, i volti sono irrigiditi in maschere di dolore.
È interessante tuttavia osservare con quanta chiarezza il fenotipo razziale dei Galli venga di-
stinto da quello dei giganti, delle Amazzoni e dei Persiani.
La tipologia dei giganti è quella stessa dell' altare di Pergamo, dove i figli della terra, combi-
nando tratti dell'iconografia gallica e delle divinità originarie greche Zeus, Plutone, Poseido-
ne e Asclepio, vengono fatti apparire come una stirpe contrapposta alla divina. L'Amazzone
è una possente donna androgina con il seno ben formato e i capelli accuratamente raccolti.
I Persiani hanno membra più esili dei Galli, volti singolarmente larghi e brevi e capelli corti,
arricciati sulla fronte. Due di essi sono vestiti, solo uno è nudo. I Galli sono nudi e glabri,
eccezion fatta per il loro capo che sta cadendo, che, in quanto più anziano, è barbuto e vestito
di un chitone che gli pende libero dalla spalla. Il braccio destro risulta erroneamente restaura-
to: probabilmente, in origine il personaggio si conficcava da solo la spada nel petto. In questa
scultura risulta con particolare chiarezza l'amplificazione che essa subiva agli occhi dell' osser-
vatore: viste dal basso queste immagini allineate a coronare un muro si stagliavano quasi come
silhouette.
Il monumento dei Galli dedicato dai Pergameni sull' Acropoli di Atene, che eternandone la
sconfitta, non fu affatto l'ultima raffigurazione di Celti nell' arte antica. Per influsso delle raf-
figurazioni pergamene di lotta contro i Galli, nel 160 a.c. a Efeso venne creato un fregio
con lo stesso motivo (W. Oberleitner, "Ein hellenisticher Galaterfries aus Ephesos" in Jahr-
buch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien 77, 1981, 57-104). Di qualità artigianale, ci
è pervenuto solo in forma frammentaria che tuttavia permette di cogliere, nella confusione
selvaggia della battaglia, quella esasperazione che caratterizzava gli scontri tra Pergameni e
Galata barbato in ginocchio
Galli. L'arte pergamena ha improntato di sé questi confronti, influendo profondamente sulle Marmo
rappresentazioni di battaglie romane e occidentali. Quando, nel sesto decennio del II secolo Venezia, Museo Archeologico

68
L'immagine dei Celti nel mondo antico; arte ellenistica

Galata in atto di cadere


Marmo
Venezia, Museo Archeologico

d.C., i Romani all'improvviso dovettero respingere un attacco dei Germani danubiani, si rife-
cero, per le raffigurazioni di questo evento, a un ciclo di dipinti pergameni (B. Andreae, Ren-
diconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia 41, 1968/9, 145-166), e li tradussero
a bassorilievo in una serie di sarcofagi romani di comandanti militari che avevano combattuto
sul fronte danubiano; si tratta probabilmente dei dipinti realizzati a Pergamo raffiguranti bat-
taglie contro i Galli, cui accenna Pausania 1,4,6. Qui, a trecentotrent' anni dagli eventi, torna-
no ad acquistare vita le battaglie dei Pergameni contro i Galati, uomo contro uomo; e si hanno
gli stessi tipi di guerrieri nudi, di dimensioni grandiose, con i capelli irti e i torques al collo,
che ci sono noti dai donari attalici. Come in essi, anche qui il capo che vede perduta la propria
causa si dà spontaneamente la morte. E la sua figura appare talmente simile a quella del gallo
che sta cadendo di Venezia, che vie n fatto di chiedersi se il creatore di una parte del piccolo
donario di Attalo, Phyromachos, che era sia scultore che pittore, non fosse anche il creatore
del dipinto con tema gallico copiato sui sarcofagi romani. Certo è comunque che i sarcofagi
ancora una volta evocano la forza e il coraggio dei guerrieri celti che avevano tenuto col fiato
sospeso il mondo antico, dalla pianura padana a Roma, dal Danubio a Delfi, a Pergamo e fino
all'Egitto. Il metus gallicus, la paura dei Galli, a Roma era divenuto proverbiale, e ci fu un
momento in cui i Romani per scongiurare il pericolo sacrificarono un gallo e una galla seppel-
lendoli vivi nel Foro Boario (H. Bellen, "Metus Gallicus-Metus Punicus. Zum Furchtmotiv
in der romischen Republik", in Abhandlungen der Akademie der Wissenscha/ten und der Litera-
tur, Mainz 1985, Nr. 3, 12f.).

69
.
Il galata capitolino
Marina Mattei

Un guerriero galata rappresentato nell'ulti- il bordo, concentrico ad esso, è raffigurato l'integrazione) una piega anatomica in pros-
mo istante di resistenza al dolore sembra es- un corno spezzato in due parti riunite dal simità dell' ascella è conseguenza dello spo-
sere un'immagine impietrita nel tempo. cinto. La faccia scolpita non è piana ma ri- stamento all'indietro dell'arto.
Un livello descrittivo e simbolico così eleva- produce la convessità di uno scudo; al di Dai dati qui riportati si desume che l'imma-
to si accompagna alla capacità dell' artista sotto, invece, è lavorata a gradina, piana, e gine del guerriero fosse colta nel momento
che scolpì un'immagine visibile da ogni lato, non presenta alcun foro; il bordo laterale della resistenza prima dell' accasciarsi del
ma che reca immediatamente emergenti gli posteriore (originale e non resecato) non è corpo sullo scudo. La programmaticità del
attributi fisionomici celtici e le armi di con- rifinito come il bordo laterale sinistro; la la- messaggio che si doveva comunicare è,
cezione galli~a nella visione lievemente an- vorazione del bordo anteriore è riconducibi- quindi, criterio che informa anche la com-
golata lungo una direttrice ottica da destra le a restauro successivo. posizione: lo scudo era (come è riferito da
verso sinistra. Si può, dunque, pensare che in origine il molti autori antichi) l'arma con la quale i
Dallo studio e dal restauro, di recente ulti- plinto fosse inserito in una base progettata Celti si opponevano al nemico, celando il
mati, è emerso come la scultura sia costruita ad hoc dalla quale emergesse la parte con- corpo nudo sotto la sua inusitata grandezza,
nello spazio con precisione geometrica. Ad vessa dello scudo, vero centro per l'inseri- e l'aver assunto questo come base inutile
una tale deduzione si è giunti attraverso la mento dell'immagine. L'avvenuta integra- per il corpo denudato è un preciso riferi-
composizione e la scomposizione delle parti zione del plinto ne ha dunque modificato mento all'impossibilità di ogni difesa del
che la compongono, potendo eliminare (solo l' andamen to originale convesso. guerriero che al di sopra emerge con caratte-
graficamente!) durante il restauro elementi Al poco accorto integratore si devono anche ristiche di indubbia "celticità".
aggiunti nel corso dei secoli. le armi e la cintura delle quali si ignora la ef- Dal plinto, infatti, si staglia il combattente,
Tutto questo consente oggi di individuare il fettiva esistenza nella parte oggi mancante. in posizione semisdraiata con il torso flesso
pezzo all'interno dell' architettura della qua- Forse a completamento dello scudo era la e ruotato verso destra a far risaltare l'inci-
le era parte e di comprendere gli espedienti spada, ma per questa non è possibile soste- sione della ferita. Il braccio sinistro è piega-
tecnici attuati dallo, scultore per la sua collo- nere una collocazione precisa, mentre è da to e desinente nella mano appoggiata e in
cazione di origine. E possibile sostenere che escludere che fosse riproducente quella at- pressione sulla coscia destra. I glutei sono
a un diverso grado di finitura e raffinatezza tuale. ben disegnati e mostrano la contrattura do-
delle superfici dovesse corrispondere la pos- Durante il restauro, sotto la stucca tura del vuta al concentrarsi in quel punto di gran
sibilità che queste fossero diversamente vi- braccio destro - non originale - è stato rin- parte del peso del corpo. La testa è attual-
sibili. venuto un foro di fissaggio del perno che mente riconnessa dopo una frattura e nel
Il plinto è conservato per poco più della me- chiarisce come, invece, nell'originale il punto di innesto alla base del collo è resa a
tà (nella parte sinistra) e reca sull'intera su- braccio fosse più accostato al torace e quin- rilievo la collana celtica (torquis).
perficie uno scudo con umbone centrale di maggiormente in appoggio. Sulla nuca, verso sinistra, un foro attual-
sporgente e motivo a "cani correnti"; lungo Inoltre (sempre al di sotto dello stucco del- mente ristuccato denuncia una leggera mo-

~
~ ~

70
dificaavvenuta con precedenti restauri ri-
spetto alla posizione originale. Il volto del
personaggio è reso con estrema accuratezza
e vi sono scolpite con precisione le peculiari- .
tà somatiche delle popolazioni celtiche: lab-
bra ben disegnate e carnose leggermente
serrate dalle quali si intravvede una denta-
tura superiore (resa a sottile incisione); baffi
folti e non pettinati; naso sottile e ben dise-
gnato (la riconnessione è quasi certamente
avvenuta con la parte originale fratturata);
gli zigomi sono pronunciati e gli occhi pre-
sentano uno spazio orbitale non caratteriz-
zato. Evidenti rughe sulla fronte o un legge-
ro rigonfiamento delle tempie, soprattutto
percepibili nella visione di profilo, suggeri-
scono la volontà di rendere l'idea di resi-
stenza al dolore nell' attimo estremo della
morte.
La capigliatura è anch'essa fortemente ca-
ratterizzata e di notevole volume: le ciocche
vi risultano scomparti te, lunghe e pesanti,
rilevate rispetto al volume della testa con
fratture numerose e localizzate dovunque,
maggiormente sulla sommità del capo. Ai Ia-
ti del viso la lavorazione doveva essere a tra-
foro: in essa evidenti sono i segni dello scal-
pello, assai rari quelli del trapano. La parte
superiore della capigliatura non è ben rifini-
ta e le superfici sono appena abbozzate, la-
vorate con minor cura. Probabilmente que- '"
sta parte non era ben visibile come può far
pensare anche la lieve inclinazione in avanti
non della sola testa ma dell'intera figura.
I! guerriero gallo, dunque, in nulla sembra
esprimere l'idea della rassegnazione o del-
l'abbandono alla morte.
L'esame del volto con il corrugamento della
fronte e il richiamo dei muscoli sopracciliari
esprime resistenza al dolore e non prono ab-
bandono.
Sembra che si sia voluto rendere un atteg-
giamento di fierezza e alterigia. Ma la di-
sposizione della ferita in un punto mortale ta Capitolino si collega ai Galati del Museo restauro è stato possibile analizzare il mar-
tanto evidente garantiva l'inutilità della re- Nazionale Romano pertinenti allo stesso do- mo che è risultato essere proveniente dalle
sistenza, mentre sul plinto il corno spezzato nario. La narrazione scultorea riprende sor- cave dell' Asia Minore e che quindi contri-
denunciava ormai impossibile il richiamo ai prendente mente i racconti degli storici: buisce a confermare la provenienza della
compagni. ... "neppure a quelli che erano feriti ai quali scultura da quell'area geografica.
Gli aspetti tecnici e formali concordano rimaneva il respiro si calmava il furore... né Infine, la corrispondenza sorprendente con
ineccepibilmente con la tesi che vuole la coloro che erano feriti dalle spade e dalle la propaganda attuata nel donario degli atta-
scultura appartenente al donario fatto eri- lance... deponevano la rabbia finché restava lidi, oltre alla già esposta ubbidienza a un
gere a Pergamo da Attalo I dopo l'anno loro un momento di vita..." preciso rigore formale che ne doveva deter-
228 a.C. Il Galata Capitolino non cede la sua fierezza minare !'inserimento nello spazio, permet-
A perenne memoria della sconfitta perpe- ma, guerriero non sottomesso, si astrae dal- tono di avanzare l'idea che possa trattarsi
trata sui Galati minacciosi nei confronti del- la morte e sembra isolarai da ogni contesto. non di una copia ma di uno degli originali
le città dell'Asia Minore e più generalmente Molto si discute riguardo a una attribuzione pergameni.
per la civiltà ellenica, Attalo dedicava le im- cronologica della scultura. Ritenuta copia Il Galata Capitolino fu comprato dai Princi-
magini dei vinti inserendole nelle basi con romana è stata situata in età traianea, adria- pi Ludovisi nel 1737, dopo lunghe trattati-
iscrizione rinvenute lungo il terrazzamento nea, cesanana. ve e a caro prezzo, e fu portato in Francia
sud del tempio di Athena. Si è considerata, infatti, probante la deriva- da Napoleone Bonaparte. Da allora è espo-
Il Galata Capitolino sembra una summa del- zione della scultura marmorea da un origi- sto al Centro della Sala del Museo Capitoli-
le peculiarità morali e sociali che lo storico nale bronzeo secondo una interpretazione no, da tutti apprezzato come una delle più
Pausania individua come proprie dei Galli: del passo di Plinio relativo agli scultori di significative opere dell' antichità.
barbari, assimilabili a bestie piuttosto che a opere in bronzo. Anche l'attribuzione del- Ne sono state tratte numerose copie in va-
uomini e che egli condanna per la fierezza l'originale ad Epigonon è motivo di disser- rio materiale in scala e a misura e ne so-
minacciosa e per la sprezzante alterigia an- tazione. no stati redatti disegni e incisioni. Difficile
che nella sconfitta. In tal senso oltre che per A tutt'oggi non è comunque emersa prova deve essere stato per tutti, è evidente, ri-
la quantità del marmo, per la concezione relativa al fatto che gli originali dovessero produrre un'opera così complessa e carica di
strutturale e per la tes:nica scultorea il Gala- essere necessariamente in bronzo. Dopo il pathos.

71
~
~,

(
o
:0 (~

.
Les Jogasses
Donau

\J
Bourges
.
Zo/~

~
il' ,
.r'
.
Golasecca
'Corno I

.M'k
iMant
.
(I

Ig

l"
~

t?

72
.
Il tempo dei principi
VI secolo a.C.

"

Rilievo al di sopra dei 500 m

100
I
200
J
chilometri

WÙ;ii
/\
')
J o
~,
""

~\
'10

I Bylany
lÌ! .
~burg Zavist

lt
Bad
mnstatt DO/lal/
l!>

rr
'"
'v<
(
,li
Diirrnberg
. . Hallstatt

~
I
Imo

Danubio

I"
'-~

'-

Roma
o u'
D
GJ
\ Q o
I
;'
~ '0

73
.

Sfinge d'osso col viso in ambra


dalla tomba principesca del tumulo
detto Grafenbuhl presso Asperg
(Baden- Wurttemberg).
Lavoro greco-italico della fine
del VII secolo a. C.
Stoccarda
Wurttembergisches Landesmuseum

74
Otto Hermann Prey "I primi principi celti" nel VI secolo a.c.

Gli oggetti più antichi si differenziano nettamente da quelli delle epoche successive, e ciò vale
soprattutto per le opere d'arte. Mancano le tipiche decorazioni curvilinee, al posto delle quali
figurano, sulle ceramiche o sui lavori in metallo, semplici mitivi geometrici, e i pochi figurati-
vi, qua e là sparsi, non presentano connessioni con le opere successive.
Se si vuole considerare la produzione artistica come un'espressione caratteristica delle tradi-
zioni comuni di un popolo, suscettibile di gettar luce anche su altri aspetti della sua vita, c'è
da chiedersi se i materiali del VI secolo a.C. siano da attribuire senz'altro ai Celti. La doman-
da da porsi è dunque: I "principi" del VI secolo a.c. erano già celti?
Per rispondere all'interrogativo in passato si è spesso avanzata l'ipotesi che i Celti fossero
penetrati nell'Europa centrale solo nel V-IV secolo a.c. provenendo da occidente (da quale
zona esattamente, non si era in grado di dirlo). Nel VI secolo a.c., in Europa centrale si sa-
rebbe dunque avuto a che fare con altre popolazioni. Oggi invece siamo del parere che, nono-
stante manifesti cambiamenti avvenuti nelle espressioni culturali, nella Germania occidenta-
le, in Svizzera e in certe regioni della Francia si debba presumere una forte continuità etnica.
Stanno a provarlo il perdurare di stanziamenti indipendentemente dalla svolta culturale, l'i-
dentità di usanze relative al costume, le analogie nei rituali funerari e altro.
Ma allora, perché proprio le espressioni culturali del VI secolo a. C. hanno tanta importanza?
Vari legami di continuità non risalgono a molto più indietro? Per esempio, la formazione della
lingua celtica deve aver avuto inizio in epoche molto più antiche. Non si dovrebbe dunque
cominciare, delineando lo sviluppo culturale, da tempi preistorici ben più lontani? Indubbia-
mente, in un tentativo del genere diversi fattori, che caratterizzano i Celti successivi, perde-
rebbero del tutto i loro contorni, già di per sé alquanto vaghi. Se però risaliamo al VI secolo,
siamo in grado di mettere in evidenza alcune radici della successiva celticità.
I sempre più intensi scambi di beni di un ricco ceto dominante con l'ambito mediterraneo
possono già allora aver assicurato, a Etruschi e Greci, una precoce conoscenza delle popola-
zioni transalpine. È probabile quindi che Etruschi e Greci già allora si fossero fatti una certa
idea dei Celti, sebbene le tradizioni sicure più antiche a noi pervenute dei geografi e degli
storici classici risalgano solo al V secolo a. C. Ecco perché quest' epoca, che da molti punti di
vista rappresenta una frattura e un nuovo inizio, va considerata più attentamente quale intro-
duzione al tema.

Gioielli d'oro della tomba


femminile di Dit:àngen-Schdckingen
(comprensorio di H ohenasperg
Baden- Wiirttemberg)
Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
Wiirttembergisches Landesmuseum

75
f -

Hallstatt, un nome per un'epoca

In archeologia si parla di periodo di Hallstatt. La denominazione deriva da una necropoli con


oltre mille sepolture riconosciute, che contenevano ricchissimi corredi funerari. Già verso la
metà dell'Ottocento furono compiuti scavi nei pressi appunto di Hallstatt, nell' Alta Austria,
in una valle alpina, la Salzbergtal sovrastante lo Hallstatter See (Lago di Hallstatt). Fu il sale
ad attrarre gli uomini di allora in questo luogo nascosto tra i monti, posto a un' altezza di circa
mille metri' sul livello del mare, nonostante la lunghezza dell'inverno, le difficoltà dell' acces-
so, l'attività agricola impossibile e nonostante il bestiame potesse esservi tenuto soltanto nei
mesi estivi.
Depositi di salgemma sono presenti in varie zone alpine. Ricorderemo, accanto a Hallstatt,
il Diirrnberg nei pressi di Hallein, a sud di Salisburgo, oppure il vicino Bad Reichenhall. An-
che se queste due località sono importanti siti archeologici celti, Hallstatt sembra essere il
più antico.
Quanto prezioso fosse il sale per gli uomini d'allora, risulta già dal fatto che uno stanziamento
a carattere permanente, destinato a minatori, sorgesse in una zona alpina lontana dai grandi
valichi e difficilmente raggiungibile. Deve essersi trattato di una comunità relativamente co-
spicua, che si dedicava a varie attività lavorative, oltre alla mineraria vera e propria, con lo
scavo e il trasporto, nonché l'opera dei falegnami incaricati di collocare le armature di soste-
gno delle gallerie. Il legname doveva essere procurato nella zona, non soltanto per lo scopo
che s'è detto, ma anche per l'enorme quantità di torce necessarie all'illuminazione sotterra-
nea. Inoltre, legnami scelti erano indispensabili per immanicare gli attrezzi per la cui manu-
tenzione dovevano esserci anche fabbri. Venivano poi i vari compiti relativi al trasporto. La
popolazione doveva dunque essere fatta venire in larga misura dall' esterno. Bisognava tra-
sportare il sale estratto a grandi distanze, lungo difficili sentieri attraverso le Alpi. Infine l'at-
tività mineraria e il trasporto del materiale imponevano opportune difese.
Dal costume e dalle armi di alcuni defunti risulta chiaro che a Hallstatt giungevano uomini
provenienti da luoghi molto lontani, come per esempio le zone prealpine orientale, settentrio-
nale e nordoccidentale. Certi oggetti di corredo funerario rendono evidente l'esistenza di con-
tatti ancora più remoti, addirittura con l'Italia settentrionale, cosa che mette in chiaro risalto
il carattere transregionale del centro minerario.
Il sale era un prodotto indispensabile per gli esseri umani di allora: non soltanto per insaporire
gli alimenti, ma anche, e in misura ben maggiore, per la conservazione degli stessi. A questo
s'aggiungeva la lavorazione del cuoio che richiedeva un cospicuo impiego di sale.
In questo contesto appare di particolare importanza il fatto che l'estrazione e il commercio
del minerale richiedevano un' organizzazione molto complessa. Quali ne fossero i singoli mo-
menti e come venissero suddivisi i compiti resta in larga misura ignoto e aperto solo a ipotesi.
Ricerche precise dovevano venir compiute già prima che si potesse iniziare l'estrazione del
sale. Con un lavoro che richiedeva certamente anni, bisognava innanzitutto forare strati di
roccia dello spessore di molti metri. Senza scendere in ulteriori particolari, basterà dire che
la soluzione di questi problemi nel remoto stanziamento minerario dimostra come l'iniziativa
economica in quell'epoca avesse già raggiunto livelli sorprendenti.
La definizione di epoca di Hallstatt, di solito suddivisa in una fase più antica e in una più
recente, corrisponde al quadro della necropoli di Hallstatt. La seconda fase si presta a un'ulte-
riore articolazione, per cui possiamo parlare nel complesso di un periodo di Hallstatt antico,
recente e finale (gli archeologi ricorrono alle designazioni di Hallstatt C, Hallstatt DI e Hall-
statt D2-3). Soltanto questi due ultimi periodi verranno più diffusamente trattati in questa
sede.
La necropoli non ha dato soltanto nome all' epoca: i ritrovamenti hanno indotto a parlare di
una "cultura hallstattiana". Tuttavia, assai presto si sono riconosciute precise differenze re-
gionali, e soprattutto si è ritenuto di poter distinguere un ambito hallstattiano orientale, aven-
te il proprio centro nel territorio alpino orientale, e un ambito occidentale; soltanto in que-
st'ultimo si cerca di individuare le cellule generatrici dei successivi Celti. Per quanto riguarda

76
T "I primi priq.cipi celti" nel VI secolo a.c.

il periodo di Hallstatt nell'Europa centrale dobbiamo dunque pensare più a un "gusto d'epo-
ca" che non a una grande cultura compatta in senso archeologico.
La località di Hallstatt è situata quasi al confine tra ambito occidentale e ambito orientale.
I materiali della necropoli sono da attribuire prevalentemente all' orizzonte formale occidenta-
le, ma non sono certo pochi i contatti con l'est. Prendiamo per primo in considerazione l'am-
bito occidentale, tentando di individuare più esattamente il ruolo che ha avuto nella genesi
della cultura celtica.

Il nucleo originario territoriale dei Celti


Il cosiddetto ambito hallstattiano occidentale si estende dalla Boemia al Massiccio Centrale
e dalle Alpi ai Milltelgebirge. All'interno di questo grande territorio con le sue molte regioni,
si distingue di solito una "zona centrale" nella quale, durante il VI secolo a.C., un gruppo
Il
sociale si distingue dalla massa per la propria ricchezza. Siccome in questo periodo ricchezza
e rango sono tutt'uno, è probabile che questo gruppo abbia influito in misura decisiva sullo
sviluppo culturale.
Il gruppo è chiaramente riconoscibile, nel caso dei materiali funerari, per la presenza nelle
tombe di vari oggetti in oro. Tipici sono soprattutto i torques di lamina d'oro che dovevano
essere una sorta di segno distintivo dei capi. Uno dei complessi più importanti proviene da
Hundersingen sull' alto Danubio. Le ricche sepolture della località, scavate già durante il setti-
mo decennio dell'Ottocento, furono allora definite "tombe principesche", termine che, com'è
Particolare della coppa d'oro ovvio, non serviva a indicare con esattezza la condizione sociale dei defunti; la definizione
dalla tomba principesca a carro
n. 1 di Bad Cannstatt si è tuttavia conservata. È degno di nota il fatto che in parecchi luoghi nei pressi di queste
(Baden-Wurttemberg) tombe sono venuti alla luce stanziamenti fortificati, che di conseguenza vengono indicati qua-
VI secolo a. C.
Stoccarda li "sedi principesche".
Wurttembergisches
Landesmuseum Gran parte delle "tombe principesche" note furono aperte già nel secolo scorso alla ricerca
dei preziosi corredi funerari, mentre dopo la seconda guerra mondiale gli stanziamenti relativi
sono stati oggetto di più attenta indagine. Al contrario delle sepolture che si sapeva in antici-
po contenere un corredo con oggetti preziosi destinati alla "sopravvivenza" del defunto nel-
l'aldilà, ci si poteva soltanto aspettare materiali casuali e relativamente privi di valore: ossa
di animali, frammenti di recipienti in terracotta, piccoli oggetti ornamentali. Nel caso però
di distruzione violenta si sono a volte conservati sotto le rovine quantità cospicue di oggetti
ancora intatti.

La Heuneburg e i suoi "principi" defunti


Gli scavi di massima estensione in una "sede principesca", iniziati negli anni cinquanta, sono
stati condotti nella Heuneburg nei pressi di Hundersingen, da ricollegarsi ai già citati ricchi
tu muli funerari. La roccaforte fu abitata durante l'intero periodo hallstattiano recente e finale
vale a dire per oltre centocinquant' anni. Dopo una prima fortificazione del sito rispondente
alla tradizione locale, si procedette sempre durante lo Hallstatt recente (Ha DI) alla costru-
zione di un significativo muro in mattoni crudi su una base in pietra, con torri a pianta qua-
drangolare sporgenti all' esterno. È una cinta muraria di ampie dimensioni, finora senza paral-
leli in Europa centrale. Senza dubbio, servirono da modello fortificazioni greche, e le cono-
scenze in merito giunsero ai signori hallstattiani attraverso la colonia greca di Massalia, una
fondazione focese presso la foce del Rodano, l'attuale Marsiglia. Al contrario, le mura supper-
giù della stessa epoca dell'Italia settentrionale e centrale erano prive di torri.
Il fitto insediamento interno della Heuneburg ha potuto essere studiato estensivamente solo
nella parte meridionale. Qui non è venuto alla luce il quartiere residenziale del gruppo domi-
nante, ma una zona destinata alla produzione metallurgica, con edifici disposti sul terreno
seguendo regole precise. Dell'impianto faceva parte, in quest' epoca, uno stanziamento ester-
no, che superava la zona fortificata quanto a estensione. Dopo circa due generazioni, l'intero
complesso fu distrutto da un gigantesco incendio.
Durante lo Hallstatt finale (Ha D2- 3) il sito venne poi fortificato ricorrendo a una tecnica

77
~-

diffusa nell'Europa centrale, con l'impiego di legno, pietre e terra. In quest'epoca, numerose
furono le innovazioni. Poi anche la seconda fase costruttiva subì una distruzione violenta,
e il nuovo muro fu abbattuto da un incendio. La riedificazione interna avvenne modificando
i piani, ma ancora una volta nelle aree scavate non sono state identificate "case signorili".
È impossibile stabilire in maniera inequivocabile quale fosse l'estensione dello stanziamento
all'esterno qelle fortificazioni.
Che anche in questa fase vi fossero stretti legami con la Massalia greca è provato da anfore
vinarie focesi e da ceramica grigia, pure focese; non manca neppure un certo numero di fram-
menti ceramici attici a figure nere tarde. È certo tuttavia che i legami con l'ambito mediterra-
neo non avevano luogo solo tramite Massalia. Alcuni oggetti di importazione o di imitazione
di quelli, provenienti dal Norditalia etrusco, appartengono proprio all'ultima fase dello Hall-
statt. Nello stanziamento sono numerose le tracce di attività artigianali differenziate; veniva-
no lavorate anche materie prime straniere provenienti da grande distanza, come ambra e co-
rallo. Con ogni evidenza i "principi" avevano alloro servizio artigiani altamente specializzati
e artisti.
Quale ruolo spettasse ai "principi" hallstattiani è rivelato con maggiore evidenza dai ritrova-
menti funerari. La Heuneburg è circondata da una corona di grandi tumuli funerari che sorgo-
no isolati oppure in gruppi, a volte su terreno sgombro, sì da risultare visibili da lontano. È
interessante notare che le "tombe principesche" contenenti anelli d'oro appartengono tutte
allo Hallstatt finale. Alla fortezza più antica con l'eccezionale muro in mattoni crudi non si
riferiscono sepoltur~ con questi simboli di status. Come dunque distinguere, in questo perio-
do, le sepolture dei membri del ceto dominante?
È indubbio che nei grandi tumuli funerari, che racchiudono grandi , camere di tavoloni in le-

Carta di distribuzione

o
delle anfore massaliote

"

o
<J

78
.
"I primi principi ceIri" nel VI secolo a.c.

Il

Pugnale di ferro rivestito gno, come lo Hohmichele o il Rauhen Lehen, venissero sepolte persone appartenenti alla cer-
di foglia d'oro lavorata
e coppetta d'oro dalla tomba chia dei signori. Esaminiamo un po' più a fondo lo Hohmichele. La camera in legno centrale
principesca di Eberdingen-Hochdorf risulta saccheggiata, cosa tutt' altro che rara nello Hallstatt recente e finale, e già questo per-
(comprensorio di Hohenasperg
Baden- W iirttemberg) mette di constatare quanto prezioso fosse considerato il corredo funerario. La galleria scavata
Seconda metà del VI secolo a. C. dagli antichi ladri di tombe è stata identificata in tutta la sua lunghezza grazie alla presenza
Stoccarda
Wiirttembergisches Landesmuseum di piccole perline di vetro il cui filo si era spezzato mentre chi le portava vi strisciava dentro.
Saccheggiata fu anche la camera centrale di un altro grande tumulo della Germania meridio-
nale, suppergiù della stessa epoca, il Magdalenenberg presso Villingen, al margine orientale
della Foresta Nera. Le strutture e altri oggetti in legno sono risultati perfettamente conservati
grazie alla forte umidità. Nella camera sono state scoperte tre vanghe in legno abbandonate
dai ladri. Si sono potuti contare gli anelli di crescita annui del legno (si è compiuta quindi
una ricerca dendrocronologica) ed è risultato che questi attrezzi erano stati fabbricati quaran-
tasette anni o poco più dopo la costruzione della camera. Abbiamo dunque un valido elemento
che permette di stabilire quando i ladri sono penetrati nella camera, all' epoca ancora intatta.
È risultato anche che i defunti avevano trovato pace solo pochi anni prima dell' opera compiu-
ta dai saccheggiatori. In un tumulo funerario più recente, nelle immediate vicinanze della
Heuneburg, sono state scoperte le ossa di un cadavere profanato e gettato a lato e la cui putre-
fazione non doveva essersi ancora compiuta, tant'è che le ossa si trovavano ancora nell'origi-
naria connessione anatomica. Si deve supporre che in questo caso il saccheggio sia stato con-
temporaneo alla seconda distruzione della fortezza?
Ma torniamo alla sepoltura dello Hohmichele. Con ogni probabilità la grande camera, che
misurava ben cinque metri per tre e mezzo, era destinata a due defunti. Del prezioso corredo
funerario erano presenti ormai solo pochi residui, per esempio un pezzo di cinghia d'oro in-
trecciata in una cintura. Le pareti della camera erano rivestite di tessuti, e di un carro che
faceva parte del corredo funerario non restavano che scarsi resti.
Oltre a un notevole numero di deposizioni secondarie con corredi funerari più semplici, in
parte incinerazioni sul pavimento, cotto dal rogo, o tombe con casse di legno circondate di
Sito del tumulo di Magdalenenberg pietre, lo Hohmichele conteneva una seconda grande camera collocata in posizione un po'
presso Villingen (Baden- W iirttemberg)
eccentrica nel tumulo e che è giunta intatta fino a noi. Anche in questo caso gli scavatori si
sono imbattuti in due defunti, un uomo e una donna, giacenti l'uno accanto all'altra su pelli
stese sul pavimento della camera. I loro abiti erano fermati da fibule cosiddette ad arco ser-
peggiante, forma tipica dell'epoca, presente anche in molte tombe semplici. Cosa notevole,
la donna non portava alcun ornamento sulla testa né torques né bracciali o simili, bensì una
lunga collana di vaghi in vetro e ambra, evidentemente passata più volte attorno al collo, che

79
- .

la distingueva da altri defunti. È stato ritrovato anche un pezzo di corallo. L'uomo aveva un
collare di ferro e la sua cintura era ornata di una lamina piatta in bronzo, come quelle che
venivano portate dagli uomini durante tutto lo Hallstatt recente, ma anche e soprattutto dalle
donne, anche in esemplari riccamente ornati. Un grande coltello completava l'armamento del-
l'uomo per l'aldilà, in aggiunta a una faretra piena di frecce, che presuppone un lungo arco;
infatti, accanto al morto era riconoscibile una cordicella, forse un residuo appunto della corda
dell'arco. Probabilmente si trattava di un armamento piuttosto da caccia che non da guerra.
Il corpo della donna era sopra un carro a quattro ruote, sontuosamente otnato di guarnizioni
in bronzo e in ferro, tipico componente del corredo di tombe del ceto dominante. Sul carro
i defunti dovevano essere portati alla loro ultima dimora, non diversamente da quello che av-

Gioielli e coppa d'oro dalle tombe


principesche a carro di Bad
Cannstatt (Baden- Wiirttemberg).
VI secolo a. C.
Stoccarda
Wiirttembergisches Landesmuseum

veniva per esempio in Grecia, come risulta dalle raffigurazioni su vasi tardogeometrici. Alcu-
ni particolari tecnici di questi carri hallstattiani possono essere stati importati direttamente
dall'Italia, dove i carri, tuttavia prevalentemente a due ruote, facevano spesso parte del corre-
do di ricchi defunti, sicché in entrambi questi ambiti culturali abbiamo a che fare con conce-
zioni simili. Oltre al carro, nella tomba erano stati deposti anche i finimenti dei cavalli.
Infine, la camera dello Hohmichele conteneva parecchi recipienti in bronzo, un grande calde-
rone con attacchi in ferro e anelli per il trasporto, un piccolo vaso per bere e una tazza che
lungo il margine presenta una duplice corona perlinata in rilievo. Ai piedi dell'uomo era stato
deposto un cesto di vimini, riconoscibile ancora da tracce, che doveva aver contenuto frutta.
Grandi calderoni fanno tipicamente parte dei corredi delle "tombe principesche" dell'ambito
hallstattiano occidentale. Recipienti del genere sono noti anche nell'Etruria, da dove proba-
bilmente derivava la costumanza di deporre accanto al defunto un oggetto del genere con il
corrispondente contenuto. Anche la tazza con la doppia perlina tura sull' orlo trova equivalenti Ricostruzione della tomba a camera
n. VI, a doppia deposizione
nell'Italia centrale, senza i quali i pezzi a nord delle Alpi non sarebbero concepibili. Il terzo, del tumulo di Hohmichele presso la
piccolo recipiente corrisponde invece, quanto a forma, a contenitori in terracotta hallstattiani Heunehurg (Baden- Wiirttemherg)
Seconda metà del VI secoloa.c.
e prova l'esistenza di una attività bronzistica locale ad alto livello.
Per concludere, bisogna spendere due parole su un altro ritrovamento nella tomba. All'abito
della donna si riferisce un resto di tessuto ricamato con fili di seta originaria della Cina, ciò
che induce immediatamente alla constatazione che i signori della fortezza dovevano già allora
disporre di cospicui legami con zone lontane, superiori a ogni aspettativa. Impossibile, dun-

80
I "I primi principi celti" nel VI secolo a.C.

Tumulocon stele bifronte que, dubitare che i defunti sepolti con oggetti del genere appartenessero al ceto dominante.
di Tiibingen-Kitchberg
(Baden- Wiirttemberg) ricostruito Lo Hohmichele è stato esplorato poco prima della seconda guerra mondiale seguendo un at-
nello statodel VI secolo a.C.
tento programma di scavo, ciò che spiega come se ne siano ricavate tante e così particolareg-
giate osservazioni. Diversamente stanno le cose per quanto riguarda i più recenti tumuli fune-
rari nei dintorni della Heuneburg, aperti già nell'Ottocento. Spiccano tra essi soprattutto
quattro grandi tumuli: il gruppo Giessiibel- T alhau, costruito nelle immediate vicinanze della
. fortezza al di sopra dello stanzia mento esterno distrutto, risalente all' epoca del muro di mat-
toni crudi. Anche in questo caso al centro del tumulo sono state scoperte grandi camere di
tavoloni in legno con accanto sepolture più tarde, collocate nel tumulo a un livello più alto,
contenenti corredi funerari non meno sontuosi, e infine sepolture secondarie più semplici. In-
tere "stirpi" ebbero dunque qui il loro ultimo riposo. In queste "tombe principesche" sono
stati trovati anche carri da parata, oltre a grandi calderoni di bronzo e altri recipienti dello
stesso metallo, tra cui tazze con semplice orlo perlinato. Dovrebbe trattarsi senz' ombra di
dubbio di oggetti importati dall'Italia.
Accanto ai defunti di sesso maschile erano state deposte armi, precisamente parecchie lance
e pugnali. Questi ultimi sono prodotti dell'industria metallurgica locale di livello difficilmente
superabile per la sontuosità della fabbricazione e dell' ornamentazione. È impossibile parlare,
in questo caso, di semplici armi da guerra. Nell' ambito hallstattiano occidentale non era diffu-
sa la costumanza di deporre accanto ai defunti la completa panoplia dei guerrieri per la vita
nell' aldilà; i preziosi pugnali sono piuttosto da interpretare quali contrassegni distintivi del-

81
,
~
Carta di distribuzione dei calderoni
di bronzo.
VII. VI secolo a.C.

o. tl' ..' .

Forme analoghe o

l'uomo di rango, che competevano anche al morto. L'archeologo considera i pugnali cronolo-
gicamente indicativi dello Hallstatt recente e finale. Degno di nota è il fatto che nella Germa-
nia sudoccidentale, durante la prima di tali fasi, risultano ancora abbastanza ampiamente di-
stribuiti, mentre più tardi compaiono quasi esclusivamente nelle "tombe principesche".
Molte v'c\!i'c\'l.ioni
\)\:e.~e.ntano,
nd \)e.riodofinale (Ha D2-3) le fibule, cioè l'ornamento che più
di altri subiva le fluttuazioni della moda, e che pertanto ancora una volta offre all' archeologo
validissimi elementi di attribuzione temporale e spaziale. Accanto a fibule ad arco serpeggian-
te più recenti, con piede modificato, si hanno varie forme di fibule "a timpano" con piede
decorato, tutti oggetti che fanno parte del corredo funerario sia di tombe ricche che di altre
più semplici. Non di rado esse portano inclusi di corallo. Si hanno anche altri ornamenti dello
stesso materiale oltre che di ambra. Elementi frequenti per l'ornamentazione personale sono
le lamine per cinture, i bracciali, gli anelli da caviglia e simili. Anelli d'oro, più volte trovati
in questi tumuli, vanno invece interpretati esclusivamente quali caratteristici delle "tombe
principesche" mentre i torques cavi in oro erano contrassegni degli uomini.
La Heuneburg con i tu muli funerari che la circondano è la "sede principesca" dello Hallstatt
recente e finale meglio studiata; non è però isolata, trovando anzi tutta una serie di paralleli.

82
r -
"I primi principi celti" nel VI secolo a.c.

Carta
di distribuzione dei bacili
di bronzo di tipo Hohmichele (e),
di forme analoghe
con bordo perlato (O)
e delle brocche da vino di bronzo (.t.)
di provenienza magno-greca
VII- VI secolo a. C.

Uomini di alto rango dello Hallstatt recente


Per lo Hallstatt recente (Ha DI) non mancano altri centri che presentano ricche tombe. Si
è già accennato al Magdalenenberg nei pressi di Villingen. Si tratta di un imponente tumulo
del diametro di oltre cento metri e che in origine aveva un' altezza di otto. Le dimensioni della
camera centrale, fatta di tronchi di quercia squadrati, sono di otto metri per cinque per un' al-
tezza di circa un metro e mezzo. La camera era inglobata in un ammasso di pietre del diame-
tro di poco meno di trenta metri, sopra la quale insisteva il tumulo in terra, in cui nel corso
di brevi ricerche collaterali sono state scoperte altre centoventisei inumazioni secondarie (in
origine dovevano essere circa centoquaranta). Sicché, anche in questo caso si è data sepoltura
nel tumulo a un'intera comunità, con i defunti di maggiore importanza deposti nella grande
camera lignea. Purtroppo questa, come si è già detto, era stata saccheggiata, e soltanto alcuni
oggetti sparsi qua e là, tra cui resti di un carro e di finimenti da cavallo, rivelano che il sepol-
creto appartiene all'epoca della fondazione dello Heuneburg. Inoltre, lo scheletro di un mai a-
lino indica che il defunto veniva accompagnato da offerte alimentari. Gli ornamenti e le armi
dei sepolcri secondari tipizzano bene lo Hallstatt recente. Un ritrovamento particolarmente
degno di nota è costituito da un gancio di cintura, perché si tratta di un tipico oggetto prove-
niente dalle regioni settentrionali della penisola iberica; forse è giunto nella Germania sudoc-
cidentale col suo portatore originario. Interessante anche una lamina da cintura ornata prove-
niente da un' altra tomba, che presenta tra l'altro rosette puntinate imitanti prodotti di origi-
ne greca o etrusca.
A quattro chilometri dal tumulo si trova il Kapf, uno stanziamento fortificato su altura. Gli
scavi compiutivi si sono però limitati a superfici assai ridotte. Sulla scorta della ceramica recu-
perata, lo stanziamento deve ritenersi coevo alle sepolture del Magdalenenberg, per cui si de-
ve supporre una contemporaneità tra l'insediamento e il tumulo funerario. Tuttavia in que-

83
Ricostruzione degli elementi
del corredo della tomba principesca
del tumulo Heiligenbuck
presso Hugelsheim
Seconda metà del VI secolo a. C.

st'ultimo mancano ritrovamenti specifici indicativi di una residenza "principesca". Non è


chiaro quindi quale rapporto si possa stabilire tra la costruzione di una fortezza del genere
e quello che è senz' altro il più grande impianto funerario di un uomo hallstattiano appartenen-
te senza dubbio al ceto dominante.
Un altro esempio di ricca deposizione è costituito dal cosiddetto Heiligenbuck nei pressi di
Hiigelsheim, nella valle del Reno a poca distanza da Rastatt, che purtroppo è stato scavato
nel secolo scorso senza una regi$trazione particolareggiata delle osservazioni compiute. È una
sepoltura da attribuire a un periodo un po' più tardo; anche in questo caso, il grande tumulo
ospitava una camera lignea che, nonostante una protezione in pietre, risultava saccheggiata.
Sulla scorta degli scarsi resti rimasti del corredo è possibile ricostruire la presenza di un carro
oltre a un "servizio" in bronzo: ancora un grande calderone e una tazza con orlo a doppia
peflinatura, simili a quelli dello Hohmichele, nonché una brocchetta di produzione locale e
una cosiddetta "cista cordonata". Le armi dell'uomo sono testimoniate dal frammento di un
pomolo di pugnale. Si è conservata anche una fibula ad arco serpeggiante. L'importante corre-
do, il carro e il "servizio" in bronzo lasciano anche in questo caso supporre che si tratti della
sepoltura di un uomo appartenente al ceto dominante dell'epoca, per la quale è lecito parlare
di "tomba principesca".
La ricca sepoltura non era del tutto isolata: a soli ottocento metri di distanza, nei pressi del
villaggio di Sollingen, gli scavatori del secolo scorso hanno trovato in un altro tumulo un brac-
ciale d'oro, insieme con un torquis di bronzo, due fibule ad arco serpeggiante e una perla
d'ambra. Il bracciale d'oro distingue chiaramente la morta da altre donne. In questo caso non
è stato scoperto uno stanziamento che potesse riferirsi alle sepolture.
Va ricordato infine l'importante ritrovamento funerario di Vilsingen nella zona di Sigmarin-
gen, non lontano dal Danubio, ulteriore, tipico esempio di questa fase; anche in questo caso
.manca una documentazione soddisfacente degli scavi compiuti nel secolo scorso e non è più
possibile stabilire con precisione se si tratta di un "complesso" di ritrovamenti provenienti
davvero tutti da un'unica tomba o di oggetti di varie provenienze confusi e, ancora, se per
caso non si abbia a che fare con una doppia deposizione. Certo è che nel tumulo era stato
deposto un carro da parata con le sue decorazioni, caratteristiche per quest' epoca, poi un cal-
derone éneo, due tipiche tazze con orlo a doppia perlinatura e altri recipienti in bronzo, tra
Brocca da vino di bronzo di origine
cui una brocca probabilmente etrusca ma eseguita su modelli greci. magno-greca dalla tomba
principesca a carro
Brocche del genere sono numerose nell'Italia centrale e sono finora rappresentate a nord delle di Inzigkofen- Vilsingen
Alpi da due altri esemplari, associati ad altri elementi di corredo caratteristici del periodo, (Baden- Wurttemberg)
nella Germania sudoccidentale. Fine del VII secolo a.c.
Sigmaringen
Nel secolo scorso, nelle immediate vicinanze sono state riportate alla luce altre tombe i cui Furstl. Hohenzollerische Sammlungen

84
"I primi principi celti" nel VI secolo a.c.

materiali, tra i quali parti di carro, sono stati in larga misura confusi. L'insediamento relativo
è forse l'Amalienfels nei pressi di Inzigkofen, ipotesi convalidata finora però soltanto da alcu-
ni cocci hallstattiani raccolti in superficie.
Quasi tutti gli scavi sono vecchi e mal documentati, per cui solo in termini relativi è riconosci-
bile una delle costanti regolari nei corredi di queste grandi tombe a camera con preziosi orna-
menti, carri da parata e "servizi" di bronzo per il banchetto e il simposio. Pure sembra carat-
teristico il collegamento con gli stanziamenti fortificati, senza tuttavia che se ne possano defi-
nire chiaramente i termini. Interessante è il fatto che defunti del genere, di condizione sociale
senza dubbio elevata, si trovino in numero notevole soltanto nella Germania sudoccidentale,
dove le relative sepolture erano distribuite in modo relativamente rado. Una idea della loro
diffusione è fornita dalla carta distributiva delle tombe a carro.
Le radici di questo sviluppo affondano nella fase più antica dello Hallstatt, nella quale si han-
no pure tombe a carro con ricchi servizi per simposio. Tuttavia, a caratterizzare il periodo
di cui ci occupiamo è la comparsa delle fortezze, alle quali non di rado si accompagna la fonda-
zione di nuovi insediamenti. La Heuneburg, nei cui dintorni mancano reperti del più antico
periodo di Hallstatt, costituisce a tale proposito un ottimo esempio. Inoltre, i contatti con
l'Italia assunsero allora dimensioni ben diverse, deducibili ad esempio dal costume. Come in

Carta di distribuzione delle tombe


a ca"o della fase hallstattiana media

Italia, si diffonde l'usanza di fibule per fermare gli abiti; ad altri aspetti si è già accennato.
È un quadro che si presta a essere tratteggiato con ancor maggiore esattezza sulla scorta delle
trasformazioni economiche e dagli aspetti ad esse collegati.
Le strutture politiche e sociali durante lo Hallstatt recente (Ha Dl), cui si è qui accennato,
non ebbero lunga durata. Per quanto riguarda la Heuneburg, come si è detto, quest'epoca
fu conclusa da un grande incendio. Lo stanziamento successivo, appartenente allo Hallstatt
finale, mostra fortificazioni di altro tipo, un' altra struttura urbanistica e altri aspetti diversi.
L'area dello stanziamento esterno, ad esempio, viene adesso utilizzata per una necropoli. An-
che altri centri della Germania sudoccidentale vanno incontro alla loro estinzione. Il potere,
quale si trova riflesso nelle fortezze e nelle tombe, si concentra in pochi siti, i cui inizi risalgo-
no prevalentemente allo Hallstatt finale (Ha D2-3).

L'oro dei "principi" dello Hallstatt finale


Accanto alla Heuneburg si forma un nuovo centro nei pressi dello Hohenasperg, nel distretto
di Ludwigsburg (Wiirttemberg settentrionale). Lo Hohenasperg è un'altura isolata, che acco-
glieva indubbiamente una "sede principesca", anche se le tracce protostoriche sono state pra-

85
ticamente cancellate dalla città medievale e dalla fortezza rinascimentale. Il motivo che indu-
ce a ritenerlo è la presenza di parecchi "tumuli funerari principeschi" disposti a formare una
vasta corona attorno all' altura.
La sepoltura più antica dell'insieme è la tomba, giunta fino a noi intatta, di Eberdingen-
Hochdorf, che nel 1978-79 è stata esplorata in maniera sistematica. Il grande tumulo contene-
va una doppia camera lignea, il cui interno misurava 4,7 x 4,7 x 1,2 metri. Il pavimento era
coperto da te~ssuti e altre stoffe pendevano alle pareti, tenute insieme da fibule bronzee. Lun-
go una parete della camera si trovava un sofà in bronzo sul quale giaceva il morto, la cui testa
era sostenuta da un guanciale riempito di erbe; si sono conservate anche parti dell' abito oltre
a tessuti e pelli che lo coprivano; un cappello conico di corteccia di betulla è certamente da
interpretare quale una sorta di insegna sociale. Il rango del defunto è rivelato soprattutto dal
tipico torquis d'oro. In una borsa si trovavano oggetti da toilette e tre ami da pesca. Una fare-
tra con frecce pendeva alla parete al di sopra di lui. Il morto portava anche un pugnale il cui
lato rivolto verso l'alto era ricoperto d'oro ed è del pari da interpretare quale insegna. D'oro
erano rivestiti anche la cintura e i calzari a punta rostrata. Sono stati trovati inoltre un alto
bracciale d'oro e due fibule dello stesso metallo. Come dimostrano gli scarti di officina rimasti
nel tumulo, gli ornamenti aurei - a parte il torquis - sono stati eseguiti espressamente per il
corredo funerario.
Il sofà, del tutto insolito in ambito hallstattiano, è munito di uno schienale di forma simile
a quello delle seggiole etrusche. Il più valido rimando a una localizzazione è costituito da par-
ticolari dell' ornamentazione dello schienale stesso, che rimandano senz' altro alla regione a
sud delle Alpi; è lecito supporre un'importazione del mobile sontuoso o, piuttosto, la presenza
di un artigiano straniero in questa zona. La tomba conteneva inoltre un carro da parata e un
"servizio" da banchetto e da simposio: nove corni potori erano appesi alla parete della camera
e sul carro stavano nove piatti in bronzo con tre vassoi dello stesso metallo di notevoli dimen-
sioni. Era stato dunque predisposto un banchetto funebre per nove persone. La bevanda -
dall' analisi è risultato trattarsi di idromele - era invece contenuta in un calderone éneo greco,
sul cui orlo riposano tre leoni. Due di essi sono senz' altro originari del sud, mentre il terzo
è un'imitazione eseguita da un artista locale. Inoltre, successivamente, accanto al margine fu-
rono applicate assai grossolanamente, mediante chiodi in ferro, tre anse evidentemente appar-

Ricostruzione della sepoltura


principesca a carro sotto tumulo
di Eberdingen-Hochdorf
(comprensorio di Hohenasperg
Baden- W iirttemberg)
Seconda metà del VI secolo a.C.

86
...

"I primi principi celri" nel VI secolo a.c.

Particolare della decorazione


dello schienale del letto di bronzo
dalla tomba principesca
di Eberdingen-Hochdorf
(Baden- W urttemberg)
Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
Wurttembergisches Landt:.smuseum

tenenti a un altro recipiente in bronzo importato. Accanto al bacile si trovava inoltre una taz-
za d'oro (da libagione?). Già dall'elenco dell'importantissimo corredo risulta evidente che si
tratta senz' altro del più ricco di ambito hallstattiano giunto fino a noi.
Circa le fibule che fermavano le stoffe pendenti dalla parete della camera, si tratta di fibule
ad arco serpeggiante tarde e di una fibula "a timpano" in base alle quali il complesso è databile
alla fase di transizione allo Hallstatt finale. È impossibile stabilire in maniera univoca come
questa tomba sia da collegare alla presunta "sede principesca" sullo Hohenasperg che dista
circa nove chilometri. Si pone anche qui il problema se la residenza dei "principi" dovesse
essere comunque in un impianto fortificato: non si può supporre che una sede del genere si
presentasse anche in altre forme? È una domanda che per il momento non trova una risposta
soddisfacente.
Altre ricche tombe degli immediati dintorni purtroppo risultano in parte saccheggiate già in
tempi antichi oppure scavate in passato in maniera assai poco sistematica. Ci soffermeremo
qui su una scoperta risalente agli anni sessanta.
Si tratta del Grafenbi.ihl, immediatamente ai piedi dello Hohenasperg. I saccheggia tori del-
l'antichità hanno lasciato così pochi resti del corredo funerario della tomba centrale, che 1'e-
norme ricchezza del complesso è ormai ipotizzabile solo con difficoltà. Dalla veste del morto
provengono fili d'oro che inducono a supporre una stoffa di broccato. Della cintura, ricoperta
d'oro, si ha solo il gancio; si hanno inoltre due fibule placcate d'oro. È senz' altro da supporre
che 1'oro finito nelle mani dei saccheggia tori fosse assai più abbondante. Anche in questo ca-
so, del corredo funerario fanno parte un carro da parata e un servizio per simposio e banchet-
to, testimoniato però ormai soltanto da un frammento di calderone, da un tripode importato
dal sud con elementi di sostegno in ferro su zampe leoni ne in bronzo che, collocato nella ca-
mera bassa, era sprofondato nel terreno. All' epoca del saccheggio il ferro era ormai a tal punto
corroso che, asportandolo dalla tomba, due piedi si sono rotti e sono rimasti nel terreno. Che
aspetto avesse il tripode, lo rivela un esemplare integralmente conservato si, proveniente da
un'altra "tomba principesca" suppergiù coeva, quella di La Garenne/Sainte Colombe nei pres-
si di Chiìtillon-sur-Seine.
La scoperta più sorprendente è costituita dalla decorazione in osso e avorio di un letto con

87
....
r

intarsiate palmette e altri elementi decorativi di ambra. Senza dubbio, questa kline venne im-
portata dall'ambito greco. Un suo equivalente proviene da una tomba nella necropoli del Ce-
ramico ad Atene. Un mobile del genere evidentemente era tenuto in altissimo conto dai "prin-
cipi hallstattiani" tant'è che, con l'ausilio dei frammenti che permettono una buona ricostru-
zione del letto del Grafenbiihl, sono individuabili altri letti del genere tra gli scarsi resti di
due altre tombe, uno proveniente da uno dei "tumuli principeschi" più recenti della Heune-
burg, l'altro dal cosiddetto Romerhiigel, pure nei pressi dello Hohenasperg. Rimangono inol-
tre due sfingi, una in avorio, l'altra, giunta fino a noi intatta, in osso, che reca incastonato
il volto in ambra. Due grandi chiodi, infitti nelle ali e muniti di testa in oro, provano che
un artista hallstattiano le ha riutilizzate per decorare un oggetto non meglio identificato. È
stata avanzata l'ipotesi che questi intagli a rilievo provengano da un'officina dell'antica Ta-
ranto. Inoltre si ha un disco in avorio, forse il resto di un manico di specchio, lavoro orientale
che può essere di origine siriaca.
Sebbene questi oggetti di importazione risalgano alla fine del VII-prima metà del VI secolo,
sulla scorta delle fibule a piede decorato la sepoltura è da datarsi solo alla fine del tardo Hall-
statt, attorno al 500 a.c.; quei preziosi oggetti sono stati quindi conservati molto a lungo.
Va ricordato ancora un altro tumulo funerario del Wiirttemberg settentrionale, che però con-
teneva solo reperti modesti e che sorge a distanza maggiore dallo Hohenasperg. È il tumulo
di Hirschlanden, nel circondario di Leonberg, dove si è conservata, eccezionalmente, una ste-
le in pietra, come quelle che con ogni probabilità in origine coronavano molti tumuli. L'imma-
gine, una figura di grandezza poco inferiore a quella naturale, è di un uomo in nudità eroica
con il fallo eretto. Sul capo reca un elmo o cappello conico, simile a quello del defunto di
Hochdorf. Anche dalla vicina "tomba principesca" 2 di Stuttgart-Bad Cannstatt provengono
resti del genere, evidente insegna di rango. Allo stesso modo sono da interpretare il pesante
torquis, che indubbiamente allude a un oggetto d'oro, e il pugnale. Impossibile stabilire con
precisione se il volto dell'uomo era coperto da un maschera. Si tratta senza dubbio dell'imma-
gine di un defunto eroizzato, ornato delle tipiche insegne di un "principe". Quanto all' aspetto
formale, esso è ovviamente ripreso da modelli stranieri, più esattamente dalla plastica italica
quale quella che ci è nota dagli Abruzzi o anche da Nesazio in Istria. Anche da questo sito
provengono figure di giovani itifallici in posa esattamente corrispondente.
Si è già detto che nella Germania sudoccidentale il numero complessivo dei centri che si pos-
sono collegare al ceto dominante sembra diminuire rispetto all'epoca precedente. In compen-
so aumenta la ricchezza dei corredi fune rari in oro e beni di lusso importati dal mondo medi-
terraneo. Christopher Pare ha interpretato il fenomeno quale "concentrazione del potere".
Negli stanziamenti, le ceramiche atti che e le anfore vinarie appartengono in larga misura a
questa fase tardiva, anch' essi rivelando un aumento di contatti con il sud. Mentre gli equiva-
lenti complessi di ritrovamenti del periodo precedente si limitavano quasi esclusivamente alla
Germania sudoccidentale, durante il tardo Hallstatt si diffondono al di là di questa zona in
direzione est, nord e ovest. Lo dimostrano la mappa delle corrispondenti tombe a carro e
quella dei ritrovamenti aurei, appartenenti in larghissima misura solo a questa tarda fase.
II~
Il Un torquis d'oro tipico proviene da Uttendorf, nell'Alta Austria. Tombe a carro ci sono note
I
adesso anche dalla bassa valle della Mosa. Lungo il corso superiore del Reno e nella Svizzera
Il occidentale, in centri che si formano in questa fase, si trovano tombe con carri e torques d'oro. Statua di pietra di un guerriero

Per quanto riguarda l'Alsazia, basterà ricordare Hatten e Ensisheim, e per la Svizzera le tom- che sovrastava al tumulo
di Ditzingen-Hirschlanden
be di Allenliiften e di Hermrigen nel cantone di Berna, di Chatonnay nel cantone di Friburgo (Baden- W iirttemberg)
e di Payerne nel cantone di Waadt. "Sedi principesche" con beni di importazione mediterra- Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
nea sono state riconosciute per esempio sul Miinsterhiigel presso Breisach oppure a Chatillon- W iirttembergisches Landesmuseum
sur-Glane nel cantone di Friburgo. Nella Francia orientale si conoscono ora complessi archeo-
logici di non minore ricchezza di quelli della Germania sudoccidentale, e basti ricordare le
tombe con torques d'oro di Apremont, Mercey-sur-Saone e Savoyeux, tutte nel dipartimento
della Haute-Saone.
L'esempio più significativo è senza dubbio fornito dall' insediamento sul Mont Lassois nei

88
"I primi principi celti" nel VI secolo a.c.

pressi di Chatillon-sur-Seine con le circostanti "tombe principesche" di Vix, Sainte-Colombe


e probabilmente Cerilly. L'insediamento sul Mont Lassois, una altura isolata nella valle della
Senna, è databile al passaggio dallo Hallstatt recente allo Hallstatt finale. Le tombe hanno
restituito numerosi frammenti di ceramica greca di alta qualità, precisamente attica a figure
nere nonché, altrettanto tipica, ceramica grigia prodotta al tornio proveniente da Massalia,
oltre ad anfore vinarie della stessa origine. Le ricerche non forniscono un quadro molto chiaro
a causa delle condizioni infelici del terreno, ma possiamo comunque affermare che si tratta
di un impianto paragonabile a quello, più recente, della Heuneburg.
Si è già citato il tripode proveniente dalla "tomba principesca" di La GarennefSainte Colom-
be, al quale si riferisce un calderone con pro tomi di grifoni. Verosimilmente si tratta di un
lavoro etrusco. Ma il miglior esempio di ricco corredo funerario di una donna del ceto superio-
re è offerto dalla tomba di Vix, scoperta nel 1952: la donna era sontuosamente ornata, e parti-
colare attenzione merita il pesante torquis d'oro ornato di cavallini alati, evidente opera di
un artista formatosi a sud. Anche questa defunta era stata corredata con un carro. Ma più
di ogni altra cosa è da mettere in rilievo il prezioso servizio per banchetto e simposio di prove-
nienza in parte greca e in parte etrusca. A suscitare la massima meraviglia è l'enorme cratere
bronzeo, il più grande giunto fino a noi dall'antichità. In base alle fibule, anche questa tomba
appartiene alla fine del periodo di Hallstatt.
Soprattutto le carte distributive delle tombe a carro autorizzano la conclusione che, in parte
almeno, la spinta alla dilatazione dell' ambito hallstattiano finale sia giunta dal territorio tede- .
sco sudoccidentale, dove possono essersi create forme di stratificazioni sociali e fors' anche
di potere politico che hanno determinato il quadro del periodo più tardo. Probabilmente si
trattò di un evento complesso con molte sfaccettature. Se è vero che l'insieme sembra collo-
carsi in un orizzonte cronologico unitario, è certo d'altra parte che l'articolazione spazi aIe del
materiale archeologico propone ricorrenti associazioni di determinati oggetti, che sono per-
I li
tanto considerati coevi e che sono presenti anche in altre associazioni. Ordiniamo così i mate-
riali disponibili in livelli cronologici, sebbene molto spesso si debba tener conto di sviluppi
complessi, con combinazioni incrociate tra di loro in termini molto vari. 1111

La cornice temporale
I precisi limiti temporali degli eventi cui si è accennato si prestano sempre a essere determina-
ti nella maniera migliore dagli oggetti importati dal mondo classico benché, come s'è già det-
to, questi venissero non di rado conservati a lungo prima di essere deposti nella tomba. Gli
Frammenti di statue di pietra
da Nesazio oggetti più antichi risalgono al tardo VII secolo a.c., i più recenti all'inizio del V. Il calderone
Pola, Arheoloski Muzej fstre della tomba di Hochdorf, rappresentativo dell'inizio dello Hallstatt finale, potrebbe essere
stato fabbricato nel 540-530 a.c. A partire da questi valori, è possibile solo ipotizzare la collo-
cazione temporale dei prodotti indigeni che lo accompagnavano e l'epoca della loro deposizio-
ne nella tomba.
Quando il legno è ben conservato, è possibile stabilire il periodo della costruzione di un im-
pianto anche in base al conteggio degli anelli annuali. Purtroppo, proprio per l'epoca di Hall-
statt a tutt'oggi disponiamo solo di pochissime analisi. Il ritrovamento migliore è offerto dal
Magdalenenberg presso Villingen, la cui camera lignea centrale individua l'inizio dello Hall-
statt recente. I tronchi di quercia usati per la costruzione sono ora datati, dopo varie correzio-
ni, al 622 a.c. per quanto riguarda il probabile momento dell'abbattimento, il che corrispon-
de bene alla testimonianza degli oggetti di importazione.

I rapporti con il sud


Gli oggetti di lusso provenienti dal mondo classico che noi troviamo nelle tombe hallstattiane
costituiscono solo una piccola scelta di beni di prestigio. Questi sono indicativi, più che di
un commercio sviluppato, di una provenienza come doni giunti fino alle mani del ceto domi-
nante hallstattiano, intesi a ottenere vantaggi mediante lo scambio di regali. Solo in maniera
approssimativa siamo in grado di far ci un'idea di come si stabilissero i contatti.

89
Al sud, un punto di irradiazione di legami del genere era la colonia greca di Massalia, l'attuale
Marsiglia, fondata verso il 600 a.c., non lungi dalle foci del Rodano, da focesi provenienti
dall' Asia minore. In seguito sorsero anche altre piccole sub-colonie greche sulla costa della
Francia meridionale, dove si produsse anche una integrazione con la popolazione indigena,
in altre parole una forte grecizzazione della zona. Già verso la fine del VII secolo e nella prima
metà del VI, in questa regione si trovano notevoli quantità di prodotti etruschi. Appena dopo
la metà del VI secolo a.c. si verificarono forti attriti e di conseguenza una spartizione delle
zone di influenza greca ed etrusca.
In questo tardo periodo tali legami sono testimoniati soprattutto da frammenti di anfore vina-
rie massaliote, forse una precoce indicazione della successiva proverbiale tendenza al bere dei
barbari celti, documentata da più tarde testimonianze. Il fatto che gli abitanti dell'Europa
centrale abbiano fatto il loro ingresso abbastanza precocemente nella sfera greca, al di là della
valle del Rodano, è comprovato già dal primo muro di mattoni crudi della Heuneburg, eretto
verso il 600 a.C., derivato inequivocabilmente, come già accennato, da fortificazioni greche.
Ancora più antichi sono i contatti dello spazio hallstattiano con l'Etruria. Tuttavia, nel VII
e nella prima metà del VI secolo a.C.I'Italia settentrionale, con i suoi gruppi culturali regiona-
li, si era inserita tra i due territori a guisa di filtro, cosa che però non ha impedito il crearsi
di un vivace scambio culturale che senza dubbio presenta in molti tratti i caratteri sfumati
di questa zona intermedia. Solo dopo la metà del VI secolo a.c. ebbe inizio una penetrazione
degli etruschi centroitalici, appartenenti a una civiltà molto più sviluppata, in direzione nord,
al di là degli Appennini, e basterà ricordare a questo proposito Bologna, 1'etrusca Felsina, e
altri centri minori, tra cui città portuali come Adria e Spina, popolate in misura tutt' altro
che insignificante anche da Greci. Il commercio e la produzione di beni di alto valore, in que-
ste città più vicine al mondo hallstattiano, comportò un ulteriore aumento dell' attività di ba-
ratto, e ne costituiscono un' eloquente testimonianza recipienti énei etruschi restituiti dalle
già citate "tombe principesche" di Hatten, Conliège, Mercey-sur-Saone, Vix e altre.
Colpisce il fatto che siano soprattutto materiali scoperti nella attuale Francia a mettere in ri-
salto questi contatti. E in direzione opposta, quasi quale risposta all' arrivo dei beni di lusso

Carta di distribuzione di due tipi


di fibule hallstattiane della fine'
del VI-inizi del V secolo a. C.

~ L'area di diffusione principale


a nord delle Alpi
è indicata a tratteggio

90
"I primi principi celti" nel VI secolo a.c.

e ~
al nord al di là delle Alpi, nel nord Italia e in parte anche nelle città etrusche sono state trova-
te tipiche fibule tardohallstattiane. Le fibule tuttavia non costituiscono un "bene commercia-
le", ed è lecito piuttosto supporre che i loro portatori siano giunti in Italia dall'Europa centra-
le. Difficile pensare, a tale proposito, a una invasione militare; piuttosto, il ritrovamento di
materiali sempre isolati nell' ambito di culture straniere lascia supporre una certa mobilità di
persone, con incontri che avvicinavano sempre più il mondo hallstattiano al nord dell'Italia.

~ ~ Come si collegano questi contatti con le altre antiche culture presenti nello spazio intermedio
dell'Italia centrale?

.
Com'è ovvio, gli abitanti hallstattiani dell'Europa centrale intrattenevano anche altri rappor-
ti, per esempio con le regioni del nord da cui ricevevano ambra. Che si procurassero anche
seta dall'Estremo Oriente, lo abbiamo già constatato a proposito di un residuo di tessuto dallo
~ Hohmichele.

~ Sussistevano anche contatti con la penisola iberica, che in antico disponeva di cospicue riser-
ve di metalli preziosi, con le relative conseguenze per la produzione artistica. L'alto bracciale
d'oro con cinque cordoni decorati dalla tomba di Hochdorf trova un buon equivalente in un
torquis aureo dal tesoro di EI Carambolo (Siviglia). Allo stesso modo, lavori in oro dalle "tom-
be principesche" attorno al Mont Lassois trovano confronti con altri, prodotti a sud dei Pire-
nei. Nel complesso, tuttavia, tutti questi legami sembrano aver inciso solo limitatamente sugli

~ 1& sviluppi culturali dell'Europa centrale. Ben diversamente vanno invece interpretati i rapporti
con il mondo mediterraneo.
Abbiamo già accennato al fatto che questi collegamenti all'inizio dello Hallstatt recente han-
no avuto per effetto un mutamento del costume. Gli abiti vengono adesso fermati non più
con spilloni, bensì con fibule, le forme delle quali rimandano inequivocabilmente a suggeri-
,.;
{f"i,?
~8 ~ menti dall' ambito italico. Con lo Hallstatt finale, lo sviluppo delle fibule assume aspetti più
peculiari. Tuttavia certi particolari, come per esempio gli inclusi di corallo nell' arco, testimo-
niano dell'esistenza in questa fase di tendenze della moda analoghe a nord e a sud delle Alpi.
Allo stesso modo, in questa tarda fase il simbolismo dell'uccello acquatico ritorna in forma
di teste di anatra ad ornamento di fibule nell' ambito hallstattiano occidentale.

~~ ~ Particolarmente chiari risultano i contatti transalpini per quanto riguarda i motivi impressi
sulle lamine riccamente decorate delle cinture. Non si tratta, in questo caso, di semplici ele-
menti decorativi, perché si hanno anche rappresentazioni figurative, ed è interessante consta-
tare che esse si sostituiscono ad altri simboli tradizionali; ci sono immagini di animali e di
esseri umani, questi ultimi mostrati frontalmente a gambe larghe e con piedi rivolti all' ester-
no, quali quelli che si trovano sulla ceramica di Bologna decorata a stampo. Tra gli animali,
è presente il cervo che procede a passo lento con il capo ben sollevato e i palchi all'indietro
paralleli alla schiena. Non di rado dalla bocca gli pende ancora una pianta. Abbiamo qui uno
schema iconografico, caratteristico per l'inizio dell'orientalizzante in Etruria, da cui derivano
rimpiccioliti i moduli a stampo.
L'ambito hallstattiano adotta poi anche innovazioni tecniche. Basti citare, come esempio del-
Nella colonna di sinistra lo Hallstatt finale, l'introduzione del tornio da vasaio. Importante il fatto che la ceramica pro-
motivi da oggetti hallstattiani dotta al tornio, di alta qualità, finora sia stata trovata esclusivamente in "sedi principesche" ,
decorati a sbalzo e, a destra
i loro prototipi su ceramiche come per esempio sulla Heuneburg, a Chatillon-sur-Glane o sul Mont Lassois: realtà questa
e bronzi di Este, Padova
da cui possiamo dedurre che queste tecniche progredite erano in collegamento con il ceto do-
e Bologna.
In basso, cervo da un vaso minante, in grado di mantenere al proprio servizio artigiani specializzati e di controllare il
di bucchero etrusco
commercio su grandi distanze.
Anche altri ritrovamenti avevano già provato che, soprattutto nell' ambito dei "principi", era
andata costituendosi una tradizione artigianale di alto livello, basti ricordare i prodotti di ore-
ficeria. Vanno ricordate anche altre isolate testimonianze particolarmente eloquenti: a propo-
sito della tomba di Hochdorf, si è già richiamata l'attenzione sul fatto che sul grande caldero-
ne i due leo~i greci erano stati accompagnati da un terzo leone eseguito da un artista hallstat-
tiano. Sotto il profilo tecnico esso è un capolavoro chiaramente superiore, quanto a esecuzio-
ne, ai due pezzi importati. Per ciò che attiene alla forma, invece, il tentativo di imitare i mo-

91
delli greci ha avuto scarso successo. Manca una stilizzazione che possa essere valutata positi-
vamente, che lasci trasparire un intervento artistico autonomo e consapevole.
Abbiamo già visto che l'insolito sofà della tomba di Hochdorf non può che derivare da mobili
di origine italica, come è provato dall' ornamentazione della spalliera. Per le parti portanti -
otto figure di donna collocate su rotelle, per cui il mobile poteva essere spostato avanti e in-
dietro - è invece probabile un'origine centroeuropea. È stato già posto l'interrogativo se non
si debba, nel ,caso specifico, pensare addirittura a un artista straniero, operante sul posto al
servizio del "principe" di Hochdorf.
Una matrice per fusione della Heuneburg era servita per produrre, su imitazione di una broc-
ca etrusca, attacchi con testa di satiro. Poiché la matrice è stata fabbricata sicuramente con
argilla locale, anche in questo caso dobbiamo supporre l'integrazione o la rielaborazione di
prodotti mediterranei, che ancora una volta mettono in risalto la particolare propensione del-
l'artigianato locale verso modelli stranieri.
Tutto ciò prova quanto i committenti del ceto dominante hallstattiano apprezzassero i pro-
dotti del mondo classico. In questo contesto va ricordato ancora una volta il muro di mattoni Fibula di bronzo a forma di uccello
dalla tomba n. 70/2 del Eisfeld
crudi della Heuneburg con torri su modello greco, che indubbiamente non aveva soltanto una
al Diirrnberg presso Hallein
cospicua valenza difensiva ma anche notevoli funzioni di rappresentanza. (Salzburg)
V secolo a. C.
Si è già più volte richiamata l'attenzione su vari oggetti di importazione particolarmente pre- Hallein, Keltenmuseum
stigiosi provenienti dalle "tombe principesche", come pure su tracce di merci di lusso negli
insediamenti, per esempio frammenti di coppe greche, recipienti per mescolare vino e acqua
e anfore vinarie. Anche in questo caso si deve tener conto di altri aspetti, cioè di un sicuro
adeguamento a costumanze mediterranee per quanto attiene al bere. Lo prova, accanto ad
altri ritrovamenti, la ceramica locale prodotta al tornio, nella quale si dif~ondono nuove forme
di vasi fino a quel momento estranee al mondo hallstattiano, ad esempio brocche su modello
greco o etrusco.
L'archeologo può dedurre gli eventi storici solo sulla scorta della scarsa documentazione resi-
dua conservata in insediamenti e tombe; ma restano solitamente celati i processi spirituali cor-
rispondenti, benché le trasformazioni in ambito materiale permettano di congetturare l'acco-
glimento di nuove idee. Soprattutto per quanto riguarda il ceto dominante, bisogna tener con-
to di questo graduale adeguamento a esperienze e stili di vita del mondo classico. Questo
mondo però, dalle vicende alla fine del periodo di Hallstatt e poco dopo, verrà avviato ad
una svolta.

92
Raffaele Carlo De Marinis I Celti golasecchiani

Fin da quando, negli anni sessanta e settanta del secolo scorso, iniziarono le ricerche scientifi-
che sulla cultura di Golasecca, gli studiosi non tralasciarono di formulare ipotesi di attribuzio-
ne etnica, compito tutt' altro che semplice poiché, per quanto riguarda lo spazio geografico
interessato dalla diffusione di questa cultura, le fonti antiche non sono né copiose né molto
esplicite. L'orientamento degli studiosi si polarizzò subito su due ipotesi schematicamente
contrapposte: gli uni riconoscevano nei portatori della cultura di Golasecca popolazioni celti-
che, gli altri popolazioni liguri di stirpe mediterranea precedenti la grande invasione gallica
del 400 a.C.
Tra i sostenitori della prima tesi annoveriamo il glottologo Bernardino Biondelli, a cui si deve
la pubblicazione della tomba di guerriero scoperta nel 1867 a Sesto Calende, Alfonso Garova-
glio, gli studiosi francesi Alexandre Bertrand e Salomon Reinach, tra i paladini della seconda
tesi innanzi tutto Pompeo Castelfranco e Luigi Pigorini.
L'attribuzione ai Liguri fu generalmente accettata e condivisa in seguito anche da studiosi
come Randall Mc Iver, Giovanni Patroni e Pia Laviosa Zambotti.
Tuttavia anche i sostenitori della tesi ligure oscillarono frequentemente verso posizioni più
sfumate, con motivazioni del tutto diverse tra loro che non è il caso di riprendere dettagliata-
mente in esame. Già nel 1892 Pigorini avanzava l'ipotesi che si trattasse di popolazioni celti-
che e non liguri, mentre il Castelfranco espresse l'opinione che i Golasecchiani altro non fos-

Carta dei ritrovamenti della cultura


di Golasecca. IX- V secolo a.C.
Tratteggiatii comprensoriprotourbani S. Gottardo
)l ;[ Lucomagno
di SestoCalende-Golasecca-
Castelletto Ticino e di Como
No~e:",/ . ". II Spluga

) ( Septimer
I
! SB~Y ~
" llMal"ia

.J/
I
.

rS

93
AA IL
M1\
t
a a
u -

! z
f(
-
0 {J

{,
!

t
JJ { J

Steledi pietrafigurataframmentaria Alfabeto "leponzio",della cultura


V1 IlJ
1YL
1
da Bormio (Sondrio)
V secolo a.c.
Como
MuseoCivicoArcheologicoGiovio
di Golasecca
A sinistra: alfabeto del VI- V secolo
a destra:alfabetodel III-1I secolo
"n
V\
10 /p

MM s P<ltx1M
/

(11 '1
v
Q
S
s
) )
X t= t ><
-W
V \J] V
X W
00 Cf OOQ
94
I Celti golasecchi~ni

sero che gli Insubri, popolazione celto-italica già da tempo stanziata nel territorio del Ticirro
quando si verificarono le prime invasioni galliche di età storica. Anche Patroni sosterrà che
entro la vasta e largamente diffusa stirpe ligure i Golasecchiani costituivano "un ethnos spe-
ciale e localizzato, con propria individualità" da identificare con gli Insubri, e Laviosa Zam-
botti, che in un primo tempo aveva sostenuto l'importanza dell' ethnos ligure nella cultura
di Golasecca, più tardi ammetterà di dover esaminare la possibilità della sua lenta trasforma-
zione in ethnos celtico.
Nel frattempo diventava gradualmente disponibile per una parte del territorio interessato dal
fenomeno cultura di Golasecca una documentazione epigrafica che, per quanto limitata, poco
fruttuosa e tarda (Il-I secolo a.c.), costituiva un inevitabile punto di riferimento per affronta-
re questo problema. Le iscrizioni cosiddette leponzie, redatte nell' alfabeto di Lugano e raccol-
te organicamente in un corpus da Joshua Whatmough (1933), mostravano, accanto a tracce
di uno strato non indoeuropeo attribuito al Ligure, numerosi elementi indoeuropei, per cui
sembrava di poter riconoscere una lingua in cui il processo di indoeuropeizzazione non era.
ancora completamente affermato e veniva quindi creata per queste popolazioni l'etichetta di
"Celto-Liguri", non priva di rispondenza in qualche fonte antica (Strabone, IV, 6-3).
È noto come si debba al Devoto la definizione di un peculiare strato indoeuropeo denominato
"leponzio", che avrebbe costituito il primo processo di indoeuropeizzazione del mondo ligu-
re, e come alcuni studiosi abbiano proposto di ricollegare questo fenomeno alla cultura di Ca-
negrate e a quella di Golasecca, che ne costituisce l'ulteriore sviluppo nell'Età del Ferro (Lud-
wig Pauli 1971).
Il concetto di leponzio ha poi via via assunto significati diversi, legando si sempre più alle iscri-
zioni redatte in alfabeto di Lugano e diffuse soprattutto nel Comasco, nella VaI d'Ossola e
nel Canton Ticino. Michel Lejeune ha potuto stabilire, in maniera ormai definitiva, l'apparte-
nenza di questa lingua alla famiglia delle lingue celtiche, mentre quei fenomeni fonetici che
costituivano la peculiarità delleponzio di Giacomo Devoto e che sono documentati soltanto
a livello onomastico e toponomastico devono essere ascritri alligure propriamente detto.
Gli sviluppi assunti dalla questione leponzia in campo linguis,tico h~nno tardato a ripercuoter-
si sul problema etnografico della cultura di Golasecca a causa dell' errata convinzione ~he nes-
suna iscrizione leponzia fosse più antica del IV secolo a.c., anzi che la stessa iscrizione di
Prestino presentasse, per quanto riguarda la grafia, innovazioni recenziori rispetto al più anti-
co alfabeto di Lugano. Se così fosse stato, niente avrebbe impedito di vedere nella gallicità
delle iscrizioni leponzie un riflesso dell' avvenuto stanziamento dei Galli nella pianura padana
in seguito all'invasione del 388 a.c.
Ma così non era. Negli ultimi dieci anni, attraverso la revisi6ne dei contesti delle vecchie s<Xì-
perte e grazie a nuove scoperte nell' abitato protostorico dei dintorni di Corno e a Castellerto
Ticino, si sono accumulate testimonianze evidenti secondo le quali le più antiche iscrizioni
leponzie risalgono al VI e al V secolo a.c. e sono da riferire alle genti della cultura di Golasec-
ca. Attualmente è possibile distinguere tra un alfabeto più antico, del VI-V secolo, e uno re-
cente, databile al IIl-I secolo a.c. Il primo è caratterizzato dalla presenza del digamma e del
theta puntato e dalla lettera A resa con la barretta trasversale che unisce le due aste da sinistra
verso destra, come nell'alfabeto etrusco. Nel più recente, essendo scomparso il digamma, la
lettera A diventa simile a quella di un digamma più o meno inclinato. In entrambi gli alfabeti
coesistono tre segni per le sibilanti: sigma a quattro tratti, sigma a tre tratti e san a farfalht.
La scomparsa del digamma deve essere avvenuta assai presto poiché in un'iscrizione incisa
su una Schnabelkanne bronzea da Giubiasco, di fabbrica locale e databile alla seconda metà
del IV secolo a.c., è già testimoniata la nuova grafia di A.
Le iscrizioni di IV e III secolo a.c. sono pochissime, per cui i due gruppi di testimonianze
epigrafiche leponzie sono separati da un non piccolo intervallo temporale.
Acquisito il fatto che i Golasecchiani del VI e V secolo a.c., vale a dire dei periodi G. II
e III A, parlavano un dialetto di tipo celtico, ci si può interrogare sulla data di introduzione
nell'Italia nordoccidentale di questo dialetto: è avvenuta verso il 600 a.c. o in epoca più re-

95
Bicchieri golasecchiani di ceramica
dalla Ca' Morta (Coma)
V secolo a. C.
Coma
Museo Civico Archeologico Giovio

mota? Nel primo caso verrebbe confermata la notizia di Tito Livio (V, 34) di una prima inva-
sione gallica Prisco Tarquinio Romae regnante. La verifica di questa ipotesi può essere fatta
soltanto attraverso l'esame della documentazione archeologica, ma non tutti gli studiosi sono
concordi nell'interpretarla. Alcuni sono propensi a riconoscere negli influssi hallstattiani av-
vertibili a Golasecca verso la fine del VII e gli inizi del VI secolo la prova di una immigrazione
di genti celtiche. La documentazione decisiva in questo senso sarebbe fornita dalle due tombe
di guerriero di Sesto Calende.
Altri sostengono che non è riscontrabile nella documentazione archeologica alcuna cesura che
interrompa la continuità dello sviluppo culturale, in particolare tra VII e VI secolo, per cui
non sarebbe giustificabile l'ipotesi di una immigrazione di genti transalpine in questo momen-
to. Di conseguenza il dialetto celtico della cultura di Golasecca rappresenterebbe la prova di
una celticità pregallica nell'Italia nordoccidentale, attribuibile a popolazioni note dalle fonti
antiche come Insubres, Oromobii (o Orumbovii) e Lepontii, e il cui processo di formazione do-
vrebbe risalire molto più indietro nel tempo, fino all'Età del Bronzo.
Se c'è un momento in cui si avverte una soluzione di continuità nello sviluppo culturale dell'a-
rea in esame, questo è da riconoscere nel corso del XIII secolo a.c. con l'avvento della cultura
di Canegrate.
L'aspetto innovativo non è rappresentato, come si è a volte creduto, dal rito incineratorio,
che si era già affermato con la precedente cultura Scamozzina-Monza, ma da un orientamento
culturale completamente nuovo, indicato dalla ceramica e dai bronzi. Sia le fogge vascolari,
in particolare le urnette biconico-lenticolari, sia lo stile decorativo caratterizzato dalle scana-
lature leggere disposte in serie continua, orizzontali, oblique o verticali, lungo la spalla e la
massima espansione del vaso, fanno di Canegrate una tipica manifestazione occidentale delle
culture dei Campi di Urne, in particolare dei gruppi a ceramiche scanalate precursori della
cultura Reno-Svizzera-Francia Orientale.
Ceramica tipo Canegrate è stata, d'altra parte, ritrovata anche al di là delle Alpi, soprattutto
nel Vallese, nella Savoia- Delfinato e nell' alta Provenza.

96
I Celti golasecchiani

Anche gli oggetti di bronzo (spilloni del gruppo Yonne, spilloni a testa di papavero, armille
tipo Reventin-La Poype e Canegrate, coltelli tipo Mels, ganci discoidali da cintura, collari a
capi aperti tipo Wangen a.d. Aare) non fanno che confermare gli stretti rapporti esistenti in
questo momento tra Italia nordoccidentale e area Reno-Svizzera-Francia Orientale.
Nei tre secoli del Bronzo Finale (XII-XI-X secolo a.C.), la successiva evoluzione opera nel
senso di una progressiva integrazione del gruppo di Canegrate nell'ambito del mondo cultura-
le sudalpino, fatto che determina sviluppi completamente divergenti rispetto alla cultura dei
Campi di Urne del gruppo RSFO.
Non mancano tra XII e IX secolo a.c. elementi culturali comuni a nord e a sud delle Alpi
e neppure prove di attività di scambio, ma è soltanto a partire dall'VIII secolo a.c. con l'in-
tensificarsi dei rapporti tra Etruria e territori a nord del Po e a nord delle Alpi, che la cultura
di Golasecca inizia a svolgere quel ruolo di ponte di collegamento tra Mediterraneo ed Europa
centrale grazie al controllo delle vie di accesso a importanti valichi alpini quali il San Gottar-
do e il San Bernardino.
I rapporti tra "Celti golasecchiani" e Celti transalpini diventeranno così sempre più stretti,
mentre la crescente importanza degli scambi costituì la base stessa per una più marcata diffe-
renziazione sociale e per l'emergere di un ceto aristocratico dominante.
È verosimile che il ruolo svolto dalla cultura di Golasecca negli scambi nord-sud sia stato fa-
vorito, oltre che dallo sfruttamento di una vocazione naturale del territorio, anche dalla affi-
nità etnica con i Celti transalpini, per cui intensi e reciproci influssi culturali si accompagnaro-
no al fenomeno strettamente commerciale.
Nel VII secolo a.c. il principale ruolo nei commerci etruschi verso il nord è svolto da Vetulo-
nia, mentre Bologna è il centro da cui si irradia la rete dei rapporti con i territori transpadani,
alpini e transalpini. In questo periodo le importazioni nelle culture hallstattiana occidentale
e di Golasecca non sono numericamente rilevanti, ma è significativa la loro qualità di beni
di prestigio: coppe bronzee baccellate (Ca' Morta, Poiseul-Ia-Ville, Appenwihr, Frankurt-
Stadtwald), situle con attacchi semilunati (Golasecca, Frankfurt-Stadtwald, Brasy, Obe-
rempt), una pisside bronzea con coperchio con presa a calice flore aie (Appenwihr), un bacile
di doppia lamina bronzea con figure di sfingi e leoni (Castelletto Ticino), un kyathos di impa-
sto buccheroide decorato a rilievo con fregi animalistici (Sesto Calende), perle d'oro decorate
a granulazione (Jegenstorf e Ins), una cista a cordoni di tipo Arnoaldi (Magny Lambert), attin-
gitoi a manico aperto (Ca' Morta, Magny Lambert).
Ritrovare gli stessi manufatti o prodotti provenienti dai medesimi centri, soprattutto Vetulo-
nia e Bologna, tanto a nord delle Alpi quanto nell' area di Golasecca dimostra che gli scambi
tra mondo mediterraneo e Celti transalpini passavano già in quest'epoca attraverso i valichi
alpini controllati dalle genti della cultura di Golasecca.
Lo sviluppo della cultura hallstattiana occidentale e di quella di Golasecca appare fortemente
influenzato dai loro contatti determinati dall' apertura degli scambi con il mondo etrusco della
Carro della Ca' Morta (Corno)
penisola italiana. Reciproci influssi si possono osservare in diversi aspetti della cultura mate-
V secolo a.c. riale e appaiono più vistosamente nei corredi delle tombe più ricche.
Corno
I carri a quattro ruote delle tombe hallstattiane, come hanno dimostrato i recenti studi di
Museo Civico Archeologico Giovio
Christopher Pare, hanno un' origine locale e si inseriscono in una tradizione che risale agli
inizi dei Campi di Urne. Tuttavia, cerchioni di ferro, mozzi, acciarini, guarnizioni metalliche
della cassa denotano un influsso tecnologico proveniente dall'Italia centrale. La via attraverso
cui si è stabilito questo rapporto è indicata dal carro della seconda tomba di guerriero di Sesto
Calende, che per la forma dei mozzi delle ruote trova puntuali confronti a nord delle Alpi
nei carri di tipo 5 del Pare.
I morsi equini, invece, indicano un influsso in senso inverso: i morsi tipo Platenitz della tom-
ba del carrettino della Ca' Morta (ca. 700 a.c.) e quelli con sostegni laterali a forma di U
della seconda tomba di guerriero di Sesto Calende (inizi del VI secolo a.c.) appartengono a
tipi diffusi nell'Europa centrale ma non a sud delle Alpi, tranne che nel caso della cultura
di Golasecca.

97
r
I
I Spade a impugnatura antropoide
da Como (in alto a sinistra)
I Brembate Sotto (in alto a destra)
e Champberceau (Haute-Marne)
(in basso)
V secolo a, C.
Como
Museo Civico Archeologico Giovio
Bergamo, Museo Civico Archeologico

Un altro aspetto di questi scambi culturali è illustrato dal diffondersi nel corso del periodo )""
G. I C (VII secolo) tanto a Golasecca quanto a Como della ceramica a superficie rossa con
motivi dipinti in nero, una classe ceramica ben nota nella cultura hallstattiana del VII e VI
secolo a.c. ."
W ,."
I !~.i
L'armamento costituisce un' evidenza di prim' ordine per indagare le relazioni culturali instau-
rate si tra Celti transalpini e Celti golasecchiani. Le spade corte e i pugnali della cultura di ~
Golasecc~ nel corso del VII, VI e V secolo a.c. sono sempre di tipo hallstattiano o, dopo
la metà del V secolo, di tipo La Tène A. Nel periodo I C (VII sec.) abbiamo a Golasecca due
tipi di spade ad antenne: uno con impugnatura cilindrica in un sol pezzo, che è diffuso soprat- l,I
tutto nell' altipiano elvetico, nella Germania sud occidentale e in Borgogna, l'altro con impu-
gnatura composta, che si ritrova soltanto in Baviera e ad Hallstatt. Nel G. II le spade corte
e i pugnali tipo Neuenegg della seconda tomba di guerriero di Sesto Calende e della Ca' Mor-
ta dimostrano ancora una volta rapporti molto stretti con la Svizzera, mentre agli inizi del
G. III A (ca. 480/475 - 450/440 a.c.) le spade sono ancora di tipo tardo-hallstattiano, come
dimostrano le spade a impugnatura pseudo-antropoide della Ca' Morta (tomba dell'elmo), di
Brembate Sotto e di provenienza ignota al museo di Como, che hanno un riscontro straordi-
nariamente preciso nella spada della tomba 4 del tumulo di Champberceau, poco a sud di Lan-
gres, nella regione delle sorgenti della Marna.
Sempre nel G. III A 1, corrispondente alla fase più recente dell'Ha D 3 (orizzonte 8-a di Par-
zinger 1988), la tomba con carro a quattro ruote della Ca' Morta indirizza nuovamente verso
il mondo hallstattiano occidentale, in particolare verso la regione dell' alto corso della Senna
e della Marna. Non solo i dettagli tecnici e formali accomunano il carro della Ca' Morta a
quello della tomba principesca di Vix, ma in questo caso si è avuta un' adesione, nell' ambito
della sfera dei riti funerari, al costume hallstattiano del carro a quattro ruote per le tombe
della classe superiore, con l'abbandono dell'uso tradizionale del carro a due ruote di origine
meridionale.
Verso il 480/475 a.C., con l'inizio del G. III A, il grande abitato protostorico dei dintorni
di Como, esteso più di cento ettari, diventa il fulcro dei traffici con i Celti d'Oltralpe che
si svolgono sempre più intensi duraJ1te tutta l'ultima fase tardo-hallstattiana (orizzonte 8-a
di Parzinger) e durante il La Tène A soprattutto con i territori dalla Borgogna al Berry, dalla
Champagne alle vallate della Mosella e del medio corso del Reno. I percorsi utilizzati da que-
sti traffici passano attraverso i valichi del San Bernardino, che dava accesso all'Hinter Rhein,
e del San Gottardo, che dava accesso alla Reuss e quindi al Reno, ma da cui si poteva raggiun-
gere anche il Rodano a ovest e il Vorder Rhein a est.
La dispersione di oggetti golasecchiani (fibule, pendagli a secchiello, anelli a globetti) in questi
territori dimostra con chiarezza i percorsi utilizzati. Recenti scoperte hanno poi dimostrato
la presenza di ceramiche del G. III A nel sito tardo-hallstattiano e La Tène A di Bragny-sur-
Saòne.
Situle e ciste a cordoni di fabbrica golasecchiana sono disperse su un ampio spazio geografico
dal Berry a ovest fino alla Germania settentrionale, ma è interessante osservare che soprattut-
to nei territori a nord-ovest del Giura si trovano numerose testimonianze di relazioni con la
cultura di Golasecca. Si tratta di quell'area che nel I secolo a.c. apparirà occupata da Biturigi,
Edui e Senoni, alcune delle popolazioni che secondo Tito Livio (V, 34) contribuirono alla pri-
ma invasione gallica dell'Italia settentrionale. tJ ,li
Molte delle situle dette di tipo renano-ticinese debbono essere considerate importazioni dal- ""1 X
l'area di Golasecca (ad esempio Kiirlich, Irlich, Melsbach, Pernant, Sto Denis de Palin). L'ar-
j (1
gomento opposto da Ludwig Pauli di una diversità per quanto riguarda il materiale utilizzato
per il rinforzo dell' orlo (prevalentemente ferro in Europa centrale e piombo a Golasecca) cade
il
di fronte alla constatazione che nessuno degli oltre venti esemplari di situle renano-ticinesi <'.
scoperte nell'area di Golasecca e databili al G. II B e III A 1-2 (525-400 a.c. ca.) ha un rinfor-
zo in piombo, che si diffonderà soltanto con il IV secolo nell' ambito dell' alto Ticino e per
situle tipologicamente differenti.

98
/

I Celti goIasecchiani

Per quanto riguarda le ciste a cordoni già definite di tipo ticinese dalla Stjernquist, i nuovi
ritrovamenti di Garlasco e della tomba 294 della Ca' Morta contribuiscono a meglio definirne
l'origine e la cronologia.

L'ampia circolazione di manufatti golasecchiani a nord delle Alpi è in stretto rapporto con
l'espandersi e l'aumento del volume dei commerci dell'Etruria Padana, con la Grecia da un
lato e con i Celti dall' altro. Di questo commercio conosciamo soprattutto i prodotti di lusso
e i beni di prestigio che pervenivano sia nell' area della cultura di Golasecca che in quella celti-
ca transalpina, ma certamente l'estesa e complessa rete di traffici comprendeva materie prime
(metalli, soprattutto lo stagno che è all' origine dei rapporti tra Mediterraneo ed Europa
centro-settentrionale, ambra, corallo, incenso) e beni commestibili (vino, olio, cereali, carne
salata) e su questi aspetti le scoperte del Forcello di Bagnolo San Vito hanno cominciato a
fornire alcuni dati significativi.
Scambi sistematici e organizzati sono evidenziati dal fatto che gli stessi tipi di vasellame bron-
zeo etrusco pervengono nell' ambito golasecchiano e a nord delle Alpi e ciò che più conta con
la stessa scansione cronologica. Nell'Ha D 3 e nel G. III A 1 troviamo Schnabelkannen con
attacchi a serpenti (Brembate t. XI, Ca' Morta, Molinazzo, Mercey-sur-Saòne, Franca Con-
te a) e situle stamnoidi con attacchi a palmetta stilizzata (Ca' Morta t. V/1926; Brembate t.
VIII; Gourgy). Poco più tardi, nel La Tène A e nel G. III A 2 troviamo Schnabelkannen con
attacchi a spirali e decorazione a fiori di loto, boccioli e palmette incise sul collo e alla base
e figure di cavalli sull'orlo (Ca' Morta t. 114, Cerinasca t. 118; Eygenbilsen, Hermeskeil, Bes-
seringen, Rascheid, Berschweiler, Morthomièrs).
Particolare dell'impugnatura Ancora un esempio ci mostra l'importanza del ruolo delle genti di Golasecca nei traffici tran-
antropoide della spada di ferro salpini. La fiasca bronzea da pellegrino della tomba di Rodenbach rimanda a un tipo caratteri-
di Brembate Sotto (Bergamo)
V secolo a. C. stico delle botteghe artigianali golasecchiane, formato da due dischi decorati con borchia cen-
Bergamo trale e cordonature concentriche, tenuti insieme da una fascia bronzea larga 8-10 centimetri
Museo Civico Archeologico Giovio
e fissata a incastro agli orli dei dischi. Un esemplare di questo genere, frammentario, è stato
scoperto a Rebbio, nei pressi della Villa Giovio, in una tomba del G. III A 1, e un altro,
inornato, nella necropoli di Castione nel Canton Ticino.
J
Con il V secolo a. C. l'organizzazione del territorio golasecchiano subisce importanti cambia-
menti e sviluppi. A un modello incentrato su due grandi "comprensori proto-urbani" quali
Golasecca-Sesto Calende-Castelletto Ticino e Como e dintorni, subentra un' articolazione più
complessa. I punti nodali delle vie percorse dai traffici tra l'Etruria padana e i Celti transalpi-
ni diventano sede di abitati destinati a essere in seguito importanti oppida gallici e quindi le
principali città romane della regione: Como, Milano, Lodi, Bergamo e Brescia.
Gli scavi condotti nell'ultimo decennio a Milano e Bergamo hanno accertato che la più antica
fase insediativa risale al G. III A, mentre a Brescia, che ha conosciuto una significativa occu-
pazione già nella prima Età del Ferro, la fase del V secolo rappresenta un momento decisivo
dello sviluppo urbano. In tutti questi siti sono venuti alla luce documenti di importazione,
in particolare ceramica attica. Ad esempio a Milano (un minuscolo frammento, pertinente
probabilmente a un kantharos, da via Moneta; un frammento di coppa a figure rosse dalla
Biblioteca Ambrosiana); a Bergamo (un frammento di skyphos a civetta dal convento di San
L Francesco); a Brescia (una coppa a vernice nera, del tipo senza stelo e con risega interna, dal
~::~ ! Capitolium; un piccolo frammento di vaso di forma chiusa a figure rosse da via A. Mario;
--. altri frammenti fra cui quello di uno skyphos
in via Musei).
Fiasca da pellegrino frammentaria Nella prima Età del Ferro Brescia non faceva parte del territorio golasecchiano. Le sue carat-
di bronzo da Rebbio (Como)
V secolo a. C. teristiche etnico-culturali nel V secolo a. C. sono ancora da definire, poiché i livelli di quest' e-
Como poca hanno restituito sia ceramica etrusco-padana sia ceramica del G. III A. È possibile quin-
Museo Civico Archeologico Giovio
di che Brescia rappresentasse ~n punto di incontro tra Celti golasecchiani ed Etruschi, una
sorta di port 0/ trade. È da segnalare, tuttavia, che dal collegio Arici proviene una ciotola con
iscrizione sul fondo esterno redatta in alfabeto di Lugano e che si legge: takos, un termine
indubbiamente leponzio e gallico, già noto nella più recente iscrizione lapidea di San Bernar-

99
Veduta laterale e particolare
con la decorazione dell'orlo
dell'imboccatura di una brocca
da vino in bronzo
di fabbrica etrusca dalla tomba
n. 114 della Ca' Morta (Como)
Seconda metà V secolo a. C.
Como
Museo Civico Archeologico Giovio

dino di Briona (takos toutas), dove designa una funzione di "reggitore della comunità", e che
attesta la presenza di genti golasecchiane ben organizzate a Brescia.
In definitiva i Celti golasecchiani appaiono i primi fondatori di città in Lombardia, o per lo
meno di centri che svolgevano alcune delle funzioni tipiche della città.
Se Como, alla luce della documentazione disponibile, appare come il centro più importante
nel V secolo a.c., le nuove scoperte stanno gradatamente dimostrando il ruolo di Milano, sul-
la celticità del cui nome non possono esserci dubbi.
Verso il 480-475 a.c. al declino del grande comprensorio di Golasecca-Sesto-Castelletto cor-
risponde il sorgere di un nuovo esteso centro a Milano. Ritrovamenti di ceramiche e bronzi
riferibili al G. III A sono avvenuti nel cortile di Palazzo Reale, in via Moneta, alla Biblioteca
Ambrosiana, in via Meravigli e al Cordusio, mentre quelli dell'Ospedale di Sant'Antonino,
al di fuori della cerchia medievale dei Navigli, sono da riferire a un' ara cimiteriale. I diversi
punti delle scoperte si dispongono su un asse nord-ovest-sud-est per la lunghezza di 750 metri
con un'ampiezza massima di 300, e sembrano quindi indiziare un abitato di grande estensione
valutabile ad almeno venti ettari (di contro ai novanta della città romana del I sec. d.C.).
Nel corso del G. III A 2-3, corrispondenti al La Tène A (ca. 450-440 - primi decenni del
IV sec. a.c.), continua la tradizionale dipendenza delle genti di Golasecca dai modelli transal-
pini per quanto riguarda l'armamento offensivo. Tutte le spade di quest' epoca ritrovate nel-
l'ambito golasecchiano sono di tipo LT A (Gravellona Toce t. 15; Cerinasca d'Arbedo t. 108;
Castione d'Arbedo) e a Molinazzo d'Arbedo vi è anche un elmo La Tène di ferro. Ma l'aspet-

100
...

I Celti golasecchiani

to più interessante dei rapporti con i Celti transalpini è senza dubbio quello dei ganci a trafo-
ro e degli anelli con gancio mobile (Koppelringe).Un gancio bronzeo a traforo con motivo flo-
'~'
, / ~-_. '
reale, scoperto a Melegnano, è certamente un'importazione dalla regione della Marna. I ganci
a traforo e i Koppelringesono frequenti anche in ambito paleoveneto (Este IlI-tardo) e nella
cultura tardo-hallstattiana della Slovenia. La loro diffusione ha inizio verso la metà del V se-
colo a.c. per poi proseguire fino a tutto il primo quarto del IV secolo.
Secondo Otto Hermann Frey l'origine di questi oggetti è da porre nell'Europa centrale e la
loro comparsa nell'Italia settentrionale viene considerata una possibile prova dell'inizio del-
l'invasione gallica, un processo complesso e non breve che non può essere fissato unicamente
nell' arco di uno o due anni.
I modelli di ganci a traforo diffusi a nord e a sud delle Alpi sono però sostanzialmente diversi.
Nell' ambito celtico transalpino vi sono due tipi principali: a ovest i ganci in bronzo a fiore
Frammento di ciotola con iscrizioni
in caratteri nordetruschi da Brescia di loto, soprattutto nella Champagne; più a est, principalmente nell' area della cultura
(scavi 1974) Hunsriick-Eifel i ganci a palmetta stilizzata.
A sud delle Alpi nell'orizzonte G. III A 2 i ganci di ferro con trafori circolari (tipo Gazzo)
sono diffusi nell'area della cultura di Golasecca (Brembate t. VI), nel mondo paleoveneto
(Gazzo Veronese, Este-Benvenuti 110 e 116 e Capodaglio 31) e nella cultura tardo-
hallstattiana slovena. Ad Este, inoltre, vi sono ganci in bronzo a traforo con motivi a grifoni
(Rebato 152, Benvenuti 116) o a uccelli contrapposti (tomba Palazzina), che a nord delle Alpi
compaiono come importazioni (Somme-Bionne) o come imitazioni (Hauviné, Sto Rémy-sur-
Bussy, Sto Denis de Palin).
Nella cultura di Golasecca il gancio a traforo in bronzo, figurato con il motivo dei dragoni
contrapposti, presenta due varietà, una con al centro una figura umana, il cosiddetto "signore
delle fiere" (Castaneda 75, Sesto Calende), l'altra con al centro una sorta di croce di Lorena
(Giubiasco, Castione, Molinazzo). Questo tipo è datato al G. III A 3 (inizi IV secolo) da un
solo contesto, quello della tomba 75 di Castaneda.
A Este, tuttavia, i ganci figurati a traforo possono essere più antichi, come sembrano indicare
la tomba Palazzina, quelle Benvenuti 117 e 116, da datare per la tipologia delle fibule ancora
entro la seconda metà del V secolo a.c.
Recentemente un frammento di gancio di tipo ticinese, confrontabile con Castaneda 75, è
stato scoperto a Bozzolo, non lontano dalla confluenza dell'Oglio nel Po in un contesto di
tombe a inumazione con corredi di ceramica attica ed etrusco-padana. Il sito aveva già resti-
tuito un frammento ceramico con iscrizione etrusca. Sfortunatamente le tombe sono state
sconvolte dai lavori estrattivi di una cava e i resti dei corredi recuperati con un intervento
di "emergenza". È così sfumata una preziosa occasione per poter meglio precisare la cronolo-
gia di questi oggetti.
In conclusione soltanto i ganci traforati a fiore di loto da Melegnano e da Bologna (necropoli
Particolare sviluppato
Arnoaldi) parlano a favore della discesa di genti galliche a sud delle Alpi, mentre per quanto
dell'ornamentazione a sbalzo riguarda il costume dei ganci a traforo e dei Koppelringenel suo insieme non ci sono elementi
della situla di bronzo
di Treno d'Adda
sufficienti per affermare la priorità di un' area culturale rispetto a un' altra.
Fine del VI-inizio del V secolo a, C. Molti fatti, comunque, dimostrano che i Celti transalpini erano avvezzi a frequentare l'Italia,
Milano, Civiche Raccolte
soprattutto a motivo di commerci, primo fra tutti la diffusione fra il 500 e il 450-440 a.c.
Archeologiche del Castello Sforzesco
, delle fibule tardo-hallstattiane occidentali. Se per le fibule con staffa a testa d'uccello e incro-
stazione di corallo sul becco è possibile ipotizzare un' origine in ambito norditaliano o per altri
casi pensare a rielaborazioni locali, in molti altri si tratta sicuramente di fibule fabbricate a
nord delle Alpi. Nel centro etrusco del Forcello di Bagnolo San Vito, nel solo settore R-S
17-18 in corso di scavo, sono già state ritrovate ben sei fibule tardo-hallstattiane ed altre tre
provengono da raccolte di superficie. L'esemplare più antico, una doppel Pauken/ibel di tipo
Mansfeld dP 1/2, proviene dalla fase E, databile al 500-480 a.c., le altre cinque dalle fasi
D e C, del secondo quarto o della metà del V secolo. Poiché dalla fase B proviene un fram-
mento di fibula La Tène A in ferro, sembra di poter concludere che i Celti d'Oltralpe fre-
quentassero regolarmente il centro etrusco del Forcello.

101

ìI
-

Qualche considerazione di carattere più generale può aiutarci a meglio collocare la cultura di
Golasecca nell' ambito delle civiltà vicine e contemporanee. L'irradiamento della civiltà etru-
sca verso nord trasformò sensibilmente le culture protostoriche dell'Italia settentrionale e del-
l'Europa centrale con esiti diversi secondo l'epoca, l'intensità dei contatti e naturalmente la
capacità ricettiva e la disponibilità al cambiamento da parte delle popolazioni locali.
Si è perciò prodotto un quadro regionalmente differenziato, in cui di volta in volta alcuni
fenomeni sonp unici oppure comuni a due o più gruppi, in un gioco di somiglianze e divergen-
ze che rende difficile tracciare le frontiere di raggruppamenti più generali. In questo quadro,
tuttavia, è indubbio che la cultura di Golasecca presenti i legami più stretti e le maggiori affi-
nità con la cultura hallstattiana occidentale, pur con differenze a volte fondamentali.
L'esempio più chiaro delle divergenze culturali fra territori a nord e a sud delle Alpi è quello
della scrittura, a partire dal VI secolo a.c. adottata da Golasecchiani, Paleoveneti e popola-
zioni retiche. Le culture di Este e di Golasecca sono poi accomunate, a partire dall'VIII seco-
lo a. C. da un' organizzazione del territorio abbastanza simile, con la formazione di pochi gran-
di comprensori "proto-urbani", mentre il fenomeno delle residenze principesche fortificate
è caratteristico del mondo hallstattiano.
Dopo l'VIII secolo a Este i personaggi di rango elevato non sono più seppelliti con armi e
del tutto sconosciuto rimane l'uso delle tombe a carro, ignoto anche nell' area hallstattiana
slovena. A Golasecca e nella cultura hallstattiana occidentale, invece, i guerrieri sono seppelli-
ti con le armi, ma con significative differenze: a Golasecca alle armi offensive si accompagna-
no anche equipaggiamenti difensivi (elmi, schinieri), secondo un uso ben attestato nella peni-
sola italiana, e il carro a due ruote rimarca ulteriormente la condizione di guerriero del defun-
to. Nella cultura hallstattiana occidentale il carro è sempre a quattro ruote e non ha quindi
connessione con il ruolo di guerriero del defunto; nel periodo tardo-hallstattiano non verran-
no più deposte neppure armi da guerra, ma solo elaborati pugnali che indicano il rango sociale
del defunto. Soltanto con il La Tène A si avrà una generale adozione, per i guerrieri, della
tomba con carro a due ruote e del corredo di armi offensive e difensive.
Mentre a Este, nel mondo centro-alpino e alpino sudorientale gli influssi provenienti dalla
penisola italiana trasformano profondamente l'espressione artistica, portando alla nascita di
un linguaggio figurativo e narrativo che culminerà con l'arte delle situle del V sec. a.c., i me-
desimi influssi operano meno efficacemente a Golasecca, dove permane la tecnica di delineare
le figure con puntini e borchie a sbalzo, tipica dell' età dei Campi di Urne e dove permangono
a lungo, ancora in pieno V secolo a.c., i vecchi simboli solari e dell'uccello acquatico, come
dimostrano ad esempio i caratteristici pendagli ad anatrelle.
A nord delle Alpi la cultura hallstattiana occidentale rimane ancorata all' ornamentazione geo-
metrica, senza mai pervenire alla narrazione figurativa.
Altrettanto profonde sembrano essere le differenze nel campo della religiosità, dal momento
che finora nessuna testimonianza paragonabile a quella dei santuari paleoveneti o centro-
alpini è conosciuta nell' ambito delle culture di Golasecca e hallstattiana occidentale. Gli in-
flussi mediterranei sembrano qui avere agito meno in profondità. Come ha osservato recente-
mente Herman Parzinger, non è neppure sicuro che gli usi meridionali di bere il vino con
crateri e stdmnoi, brocche e coppe fossero compresi e adottati dai Celti golasecchiani e da
quelli transalpini, come sembra indicare la composizione dei corredi. In entrambi i territori
il prezioso vasellame bronzeo importato dall'Etruria è spesso deposto nelle tombe isolato e
come contenitore per le ossa combuste.

102
Jean-Pierre Mohen Le tombe principesche della Borgogna

La Borgogna, antica provincia della Francia orientale, comprende attualmente i dipartimenti


della Yonne, della Cote d'Or, della Saone-et-Loire e dell'Ain, e corrisponde a una regione
di importanti contatti: la valle della Saone facilita i rapporti con l'Alsazia, la Svizzera e la
Germania verso nord, ma anche con la Valle del Rodano e il mondo mediterraneo verso sud.
La valle della Senna costituisce un accesso al bacino parigino e alla regione atlantica. Questi
grandi assi hanno avuto un'importanza essenziale nello sviluppo, durante la prima Età del
Ferro, di una grande cultura borgognona, di cui le tombe principesche sotto tumulo restano
la testimonianza più notevole. A quanto sembra, questi principi, che amavano circondarsi di
vasi greci ed etruschi, erano definiti "Celti" nelle prime fonti letterarie intorno al 500 a.C.
Essi hanno svolto un ruolo determinante nella costituzione di quella koiné celtica che si mani-
festa a partire dal IV secolo a.c.
Il sito del Mont Lassois (Cate d'Or)

Le prime, straordinarie scoperte hanno avuto luogo alla fine del XIX secolo: il tumulo di
Monceau-Laurent a Magny-Lambert (Cote d'Or) è stato scavato nel 1872 con il patrocinio
della Commission de la topographie des Gaules e sotto la direzione di Alexandre Bertrand.
Un'altra tomba importante, a poca distanza dalla Borgogna, è stata esplorata nel 1879 ad
Apremont (Haute-Saone). Lo splendore dei corredi di tali sepolture è emerso nel 1953 quan-
do R. Joffroy e M. Moisson, in pieno inverno, riportarono alla luce la camera funeraria del
tumulo di Vix, nei pressi di Chàtillon-sur-Seine (Cote d'Or), contenente tra gli oggetti di cor-
redo un cratere greco, un carro e un collare d'oro. Furono allora avviati studi approfonditi
per conoscere meglio la cultura delle tombe principesche della Borgogna che rivela stretti lega-
mi con altre tombe della Franca Contea, della Lorena, dell' Alsazia, della Germania meridio-
nale e della Svizzera. Nuovi, importanti ritrovamenti sono dovuti a René Joffroy e alla sua
équipe che negli anni settanta hanno scavato la necropoli di Poiseul-Ia- Ville (Cote d'Or).
Nell' evoluzione delle tombe principesche di Borgogna si possono distinguere tre fasi.
La prima, la più antica, va dalla fine dell'VIII all'inizio del VII secolo e comporta tumuli co-
stituiti da un accumulo di pietrame, e, al centro, da una cassa rettangolare delimitata da picco-
le lastre verticali, contenente un corpo disteso accompagnato da offerte. Il tumulo di Magny-
Lambert è tipico; le sue dimensioni sono cospicue: 32 metri di diametro e quasi 6 d'altezza.
Il defunto è un uomo, un guerriero, accanto al quale era stata deposta la grande spada in ferro.
Dietro la sua testa, sono stati riuniti alcuni oggetti in bronzo: un rasoio, una coppa per bere
e un grande recipiente cilindrico, chiamato "cista a cordoni", all'interno del quale si trovava

103
.. ..---

Grande situla di bronzo Grande cratere di bronzo, fabbricato


da uno dei tumuli di Poiseul-/a- Ville probabilmente in Magna Grecia
(Cate d'Or) dalla tomba principesca di Vix
VII secolo a. C. (Cate d'Or)
Chlitillon-sur-Seine, Musée Archéologique Fine del VI secolo a. C.
Chlitillon-sur-Seine, Musée Archéologique

un ramaiolo o attingitoio. La spada e il rasoio erano, all' epoca, gli attributi classici del perso-
naggio di rango elevato il cui prestigio era sottolineato dalla presenza del servizio da libagio-
ne. Di questo fanno parte tutti i recipienti della tomba, il più grande dei quali era destinato
alla preparazione della bevanda ottenuta allungando con acqua il vino concentrato e denso.
Se è possibile che i componenti del servizio siano stati fabbricati sul posto, è comunque vero
che essi si ispirano a produzioni italiche, come risulta evidente dalla cista a cordoni. Sicché,
verso il 700 a.c., l'uomo ricco e potente aveva fatto propria l'usanza mediterranea del simpo-
sio funebre, banchetto accompagnato da bevande inebrianti, soprattutto da vino che veniva
allora esportato in terra celtica.
I quattro tu muli di Poiseul illustrano la stessa situazione. Ciascuno di essi copre lo scheletro
di un guerriero con un braccialetto in ferro o in bronzo e una lunga spada di ferro superiore
al metro, da molti ritenuta un'arma da cavaliere. Da tre sepolture provengono tre rasoi in
bronzo; in una di esse è stata trovata una falera di bronzo, mentre le altre due contengono
vasellame di lamina bronzea: un calderone globulare con due anse mobili e una grande situla
associata a una coppa di forma particolare detta phiale con decorazione costolata. Mentre le
sepolture ricche della fine dell'Età del Bronzo, del tipo di Saint-Romain-de-Jalionas (Isère),
sono rare, i tumuli ricchi o principeschi dell'inizio dell'Età del Ferro sono più numerosi e si
concentrano in alcune regioni-chiave come la Borgogna e il Giura; questi guerrieri-cavalieri
detengono il controllo del nuovo metallo, il ferro - elevato a simbolo della potenza sociale
- e degli scambi a distanza con il Mediterraneo.
La seconda fase dell' evoluzione delle tombe principesche nella Francia dell' est si colloca verso
il 600 a.c. Essa è esemplificata dalla tomba di Apremont (Haute-Saone) che domina la valle
della Saone e fa parte di una serie di tumuli eretti nella zona circostante la cittadella di Gray.
Il tumulo, di 70 metri di diametro e 4 di altezza, è stato scavato nel 1879 da E. Perron. La
camera funeraria, collocata al centro, è rivestita di tavole fissate mediante madieri spessi 15
centimetri; la sua pianta è un rettangolo di 3,20 x 2,80 metri; non è stato possibile stabilire
l'altezza del soffitto crollato. Gli scavatori fecero un rilievo abbastanza preciso dei ritrova-
menti, in base al quale, sulla scorta di uno studio sistematico e di parziali restauri, nel 1985

104
Le tombe principesche della Borgogna

è stato possibile proporre la ricostituzione degli oggetti della tomba. Lo scheletro era allunga-
to con la testa in direzione nord-est; portava una grande collana in oro con decorazione a
stampo. Accanto a questa parure, quattro vaghi d'ambra. Al livello del petto del principe era-
no raccolti piccoli ornamenti in oro, tre elementi cruciformi e due applique circolari. All' altez-
za della cintura, tre anellini d'avorio e a fianco un bastoncino dello stesso materiale; due fram-
menti di placca da cintura in ferro stampato provengono senza dubbio dallo stesso settore.
Verso i piedi e accanto al corpo, E. Perron ha identificato, in un mucchio di ceneri e di fram-
menti ossei, una lunga spada piegata, in ferro, e un rasoio dello stesso metallo. Questo insieme
di oggetti era disposto sul pianale di un carro a quattro ruote, sopra il quale era collocato il
defunto. Tutte le componenti funzionali e decorative metalliche del carro sono in ferro. Gra-
zie allo studio minuzioso compiuto da H. Masurel sui tessuti inglobati nella ruggine, che av-
volgevano i pezzi del carro, all' esame di ognuno dei frammenti metallici, delle tracce di legno
che aderendo al ferro si è mineralizzato, J.-M. Bouard ha proposto una ricostruzione a gran-
dezza naturale del carro. La cassa, che si presenta a forma di letto, è fissata sui due assi di
quattro grandi ruote con cerchioni di ferro, i cui raggi e i lunghi rivestimenti del mozzo sono
del pari formati di lamina di ferro forgiato.
Il timone, anch' esso ornato di una cerchia tura in ferro, era stato smontato e fatto scorrere
sotto il cassone. Non sembra che fosse articolato. Tra le ruote del carro verso il lato nord-
ovest della tomba, un grande bacile in bronzo munito di tre anse in ferro conteneva una coppa
d'oro con un lieve ombelico. Il corredo della tomba di Apremont sembra leggermente anterio-
re a quello della tomba di Hochdorf nella Germania del sud, a causa della presenza della spada
che a Hochdorf è sostituita da un pugnale. I due complessi funerari hanno d'altra parte nume-
rosi caratteri comuni: carro a quattro ruote, coppa d'oro, bacile per la preparazione della be-
vanda, placca di cinturone, rasoio, piccole parure in oro, vaghi d'ambra e grande collana in
foglia d'oro con decorazione a stampo. In entrambi i casi predomina la componente celtica
locale. Ad Apremont, a determinare la ricchezza del principe non sono le importazioni medi-
terranee, presenti invece a Hochdorf con due dei tre leoni che decorano il calderone. In base
al vasellame da libagione si può anche immaginare il rito del simposio funerario, anche se a
Hochdorf quelle che sono state identificate, sul fondo del bacile, non sono tracce di vino,
bensì di un'altra bevanda alcolica tipicamente celtica, l'idromele prodotto con miele della
Germania meridionale. La capacità del calderone di Hochdorf è di 500 litri, e di poco minore
è quella di Apremont. Le bevande inebrianti venivano preparate per cerimonie collettive, co-
me è rivelato da corni da libagione di Hochdorf, il più grande dei quali, in ferro, è lungo oltre
un metro; forse era riservato al principe defunto. La consuetudine mediterranea del simposio,
magari più o meno deformata, si è imposta come privilegio del principe. Ad Apremont, anche
la spada in ferro costituisce l'emblema del potere sociale maschile, mentre 1'oro diviene a que-
sto punto elemento per distinguere la ricchezza. Il materiale stesso è principesco e gli orafi
che lavorarono per ornare il principe di Hochdorf, da morto, lasciarono nella terra di riporto
del tumulo gli scarti di foglia d'oro derivati dal loro lavoro. I collari d'oro sono dunque emble-
mi inequivocabili.
La terza tappa dell'evoluzione delle tombe principesche di Borgogna, verso il 500, è rappre-
sentata dal tumulo della principessa di Vix. Nel gennaio 1953, le condizioni di scavo del tu-
mulo spianato, di 40 metri di diametro, non erano certo facili, sotto la neve e in un terreno
con infiltrazioni d'acqua già a scarsa profondità. René Joffroy raccolse il massimo d'informa-
zioni possibile e pubblicò un rilievo dei resti archeologici contenuti all'interno di una camera
cubica di 3 metri di lato, scavata nel suolo. Questa era rivestita di tavole, con il soffitto for-
mato da travi che avevano ceduto sotto il peso del pietrame del tumulo. Nell'angolo nord-
I
occidentale era collocato un cratere in bronzo munito di coperchio, che costituisce il vaso de-
corato più imponente che si conosca nell'antichità: ha un'altezza di 1,64 metri e pesa 208,600
I chili. Le due anse contrapposte sono formate da una doppia voluta che inquadra il busto di
una gorgone anguipede; due serpenti fuoriescono dai fianchi e la loro testa posa sulla spalla
i
del recipiente; altri due serpenti si drizzano da sotto le braccia; tra la voluta dell' ansa e il

105

I .
collo del cratere si trova un leone che volge il capo all'indietro. Il fregio del collo è costituito
da statuette applicate raffiguranti alternativamente opliti e aurighi. Il grande recipiente, della
capacità di 1100 litri, è stato ottenuto con una foglia di bronzo privo di impurità. Il piede,
fuso, è decorato da modanature. Il coperchio-filtro è munito di due impugnature contrappo-
ste; al centro è ornato da una statuetta femminile vestita di un lungo abito, il capo coperto
da uno scialle che le giunge alla vita. Il grande vaso serviva a mescolare il vino, l'acqua e le
erbe aroma~iche filtrate dal coperchio-colino. Su di esso erano state deposte una coppa in ar-
gento con ombelico dorato e due coppe attiche in ceramica dipinta, una delle quali a figure
nere con scena di combattimento tra guerrieri greci e amazzoni; originariamente vi doveva
essere anche l' oinoch6e in bronzo, e cioè il recipiente fornito di manico e beccuccio. L'insieme
di questo vasellame era destinato al liquido da bere collettivamente durante il simposio. Lun-
go la parete ovest erano allineati un grande bacile a ombelico e due baciIi in bronzo con anse
verticali decorate. Al centro della camera funeraria si trovavano gli elementi decorativi in
bronzo della cassa del carro sulla quale era stata deposta la salma della principessa. Le ruote
smontate erano appoggiate alla parete est. Il timone era stato senza dubbio fatto scorrere sot-
to la cassa. La defunta era decorata di gioielli: un grande collare aperto in oro, con alle estre-
mità due voluminosi tamponi ornati di un cavallino alato è stato trovato attorno alla testa,
che era ricaduta all'indietro; un grande anello in bronzo, trovato sul petto, costituiva una se-
conda collana; una terza era formata da perle d'ambra, diorite e serpentino. Otto fibule di
piccole dimensioni fermavano fini indumenti; parecchie sono ornate di corallo. Un braccialet-
to in lignite e un altro in bronzo ornavano entrambi i polsi della defunta, mentre, attorno
alla caviglia, stava un anello in bronzo.
Oltre alla sorpresa provocata dalla scoperta di oggetti unici come il cratere e il collare d'oro,
all'epoca definito "diadema", la tomba di Vix ha provocato una duplice emozione, perché si
trattava della sepoltura di una donna e perché conteneva un gran numero di cospicui oggetti
importati dal Mediterraneo.
In quell' epoca, la presenza di una tomba principesca femminile non costituisce una eccezione; D!!u

infatti, il tumulo di Sainte-Colombe, vicino a quello di Vix, era stato eretto per una principes- .,
mu
rìJ
sa con braccialetti e orecchini d'oro, deposta su un carro a quattro ruote. Altre donne sembra- '\, "1.,,
..
no presenti nel tumulo di La Motte-Saint- Valentin (Haute-Marne) e in quello di La Ronce '0
(Loiret). Lo studio antropologico della Dama di Vix, condotto da R. Langlois, ha permesso ' ~.~,:
.~ "< &,.':"
di ricostruire i tratti del volto di questa donna di circa trentacinque anni, che aveva sofferto /'" 1j ,:00
,:~
una malattia dentale. Gli elementi mediterranei della tomba di Vix sono il cratere in bronzo :«8
di lavorazione greca, le coppe attiche in ceramica dipinta, i bacili e l' oinoch6e etruschi in
bronzo e il corallo italico delle fibule. Il collare in oro con i cavallini alati in forma di Pegaso
r
è ritenuto, in seguito al recente studio di Christiane Eluère, un' opera di oreficeria di ispira- Pianta della tomba principesca
zione mediterranea ma di produzione probabilmente locale. Verso il 500 a.c., gli oggetti im- di Vix (Còte d'Or)
Fine del VI-inizi del V secolo a. C.
portati dalla Grecia o dall'Italia si moltiplicano in ambito celtico e riguardano soprattutto i
servizi da bevande inebrianti e pertanto, ancora una volta, gli utensili del simposio. L'inven-
tario dei frammenti di ceramica greca, prima a figure nere poi a figure rosse, ne prova la pre-
senza, non solo nelle tombe ma anche negli abitati di pianura come Bragny (Saone-et-Loire)
e Bourges (Loir-et-Cher) e nei promontori fortificati come la Heuneburg (Baden-
Wiirttemberg), il Camp du Chiìteau (Giura) e il Mont Lassois (Cote d'Or), la cittadella della
Dama di Vix. Questi frammenti di vasellame di lusso accompagnano spesso nei centri abitati
i frammenti di anfore greche o massaliote che venivano importate piene di vino mediterraneo
(i vigneti borgognoni vennero piantati parecchi secoli dopo). L'impressione di ricchezza non
è data solo dalle importazioni: esistono anche imitazioni locali di recipienti etruschi, come
le splendide oinoch6ai di Basse Yutz nella Mosella o gli oggetti d'oreficeria come il collare
di Vix. Prodotti non meno preziosi giungevano in Borgogna dalle regioni nordiche - come
l'ambra e senza dubbio le pellicce, di cui restano alcune tracce - dall'Europa centrale - come
il salgemma, estratto ad Hallstatt, e i cavalli - e dalle zone atlantiche - come il famoso stagno
della Cornovaglia inglese o della Bretagna. La facilità di rapporti a lunga distanza ha favorito

106

I
Le tombe principesche della Borgogna

Ricostruzionedel carro di Vix il fiorire della civiltà dei Celti antichi, della quale la Borgogna era parte integrante. Un altro
(Cate d'Or)
Magonza fattore favorevole allo sviluppo culturale di questa regione era costituito dall' ambiente pacifi-
Romischgerrnanisches Zentralmuseum co allora predominante. Le tombe maschili più recenti non contengono più la grande spada
in ferro ma un pugnale di predominante valenza simbolica, quale quello presente nel tumulo
di Hochdorf. L'arma è assente anche nelle tombe di La Garenne a Sainte-Colombe (Cote
d'Or) e di Klein Aspergle (Baden-Wiirttemberg). Ci si può domandare, forse, se il ridimensio-
namento della funzione guerriera dei principi non abbia permesso l'ascesa sociale delle princi-
pesse. La cittadella fortificata, come quella del Mont Lassois, continua a essere il punto di
convergenza tradizionale della popolazione e dei mercanti. Alcuni centri, veri e propri empori
commerciali, sorgono in pianura nei pressi di un fiume, come Bragny sulle rive della Saone.
Verso la metà del V secolo la situazione cambia; a quanto pare, l'aristocrazia dei Celti antichi
crolla e nuovi centri di sviluppo fanno la propria comparsa alla periferia della zona principesca
attorno al 500 a.c. Tutto questo è spiegato dal fatto che alcune tombe ricche trovate a Gurgy
nella Yonne, in una necropoli di tipo nuovo, e le tombe di Altrier nel Lussemburgo e del
Diirrnberg a Hallein in Austria, tornano a presentare armi - spade, punte di lancia ed elmi
(Diirrnberg) - che sono quelle dei Celti classici che cominciano in questa fase un' espansione
guerriera in tutt'Europa, testimoniata dai testi antichi. La Borgogna allora non è più quell' ec-
cezionale centro di sintesi culturale e di creazione di forme e di stile celtici che era stata attor-
no al 500 a.c., assieme all'est della Francia, alla Svizzera occidentale e alla Germania meri-
dionale.

107
-
]O"rgBiel I principi celti del Baden-Wiirttemberg

Al centro delle pianure rese fertili dallO"ssnella regione del medio corso del Neckar tra Stoc-
carda e Heilbronn, si eleva sul paesaggio circostante per circa cento metri lo Hohenasperg,
che fa parte del gruppo del Gipskeuper. Oggi vi sorge una possente fortificazione rinascimen-
tale. Durante il Medioevo anche la città di Asperg sorgeva sull' altura, per cui le sovrapposi-
zioni moderne hanno in larga misura distrutto i resti archeologici. Per tale motivo, non sono
noti ritrovamenti dallo Hohenasperg. È tuttavia indubbio che qui, durante il tardo Hallstatt,
si trovava una sede principesca la cui importanza è pari a quelle della Heuneburg e del Mont
Lassois nei pressi di Chàtillon-sur-Seine in Borgogna. Lo si arguisce già dalla posizione dell' al-
tura, ampiamente dominante la zona circostante, assai simile a quella del Mont Lassois. L'an-
tica superficie sommitale, oggi assai trasformata dagli interventi edilizi, doveva comprendere
circa sei ettari, ed è così due volte maggiore di quella della Heuneburg. A tutt'oggi, però,
sullo Hohenasperg non sono state individuate tracce di un insediamento esterno analogo a
quello della Heuneburg. Si hanno certamente resti di stanziamenti nella zona orientale di
Asperg, ma essi non sono assolutamente paragonabili con il sobborgo della Heuneburg.

I luoghi di sepoltura
A sud dello Hohenasperg si trova un'intera serie di tumuli funerari e di ricche sepolture: il
cosiddetto Grafenbi.ihl al piede orientale dell' altura, il Kleinaspergle, un altro tumulo comple-
tamente spianato e due grandi tumuli non ancora esplorati sull' altipiano tra Asperg e Moglin-
gen. Infine, a quattro chilometri di distanza si leva la Romerhiigel nei pressi di Ludwigsburg.
Può darsi che anche le ricche tombe di Cannstatt, Schockingen e Hochdorf siano da mettere
in relazione allo Hohenasperg, dal quale tutte queste località sono visibili. Degno di nota è
il fatto che a nord dello Hohenasperg finora non siano venute alla luce tombe ricche simili,
e le sepolture che vi si trovano siano dotate solo di corredi poveri.

Il Grafenbi.ihl
Vicinissimo allo Hohenasperg, nella parte orientale della città, tra i numeri lO e 16 della
Teckstrasse, sorgeva la collina artificiale nota come Grafenbiihl, oggi distrutta da sovrapposi-
zioni edilizie. Nel 1964-65 è stata esplorata da H. Ziirn. Il tumulo doveva avere un diametro

Rivestimento, in foglia d'oro


decorata a sbalzo, delle scarpe
del principe sepolto nel tumulo
di Eberdingen-Hochdorf
(Baden- Wiirttemberg)
Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
Wiirttembergisches Landesmuseum

108
-
I principi celti del Baden-Wiirttemberg

di 40 metri e il terrapieno ancora un'altezza di 2,5 metri. La camera funeraria centrale emer-
geva per 70 centimetri al di sopra dell' antico piano di campagna e sprofondava per circa 80
centimetri nel terreno. Il pavimento a tavole della camera posava su tre travi portanti e la
copertura era sorretta da un palo centrale. Le dimensioni della camera erano di 4,5 x 4,5 me-
tri. Impossibile era ormai stabilire l'altezza originaria. In tempi antichi, non molto dopo la
deposizione, la sepoltura era già stata saccheggiata, per cui vi s'i trovavano ormai soltanto i
resti del corredo originario. Nell' angolo sud occidentale della camera giaceva lo scheletro di
un uomo di circa trent'anni completamente distrutto. Durante il saccheggio, con ogni eviden-
za effettuato con molta fretta, i ladri avevano frantumato gli oggetti di dimensioni maggiori
della tomba, ma qualcosa era loro sfuggito ed è giunto pertanto fino a noi.
Bracciale e fibule d'oro dalla tomba
Dall' abito del defunto dovevano provenire sottili fili d'oro che, inseriti nella stoffa, formava-
principesca di Eberdingen-Hochdorf
(Baden- Wiirttemberg) no una sorta di broccato. Della cintura resta ancora soltanto la fibbia in ferro placcata d'oro;
Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
due fibule bronzee placcate d'oro sono quanto rimane degli ornamenti del defunto, mentre
Wiirttembergisches Landesmuseum mancano completamente gli ornamenti d'oro che senza dubbio dovevano essere presenti. Al
corredo appartiene anche un servizio da simposio, di cui restano soltanto il frammento del-
l'ansa di un bacile in bronzo di produzione locale e parti del sostegno che appare invece im-
portato: si tratta di due massicci piedi di leone fusi in bronzo appartenenti al tripode alto I'I
circa 80 centimetri, evidentemente fabbricato nel Peloponneso. Numerosi frammenti, soprat- li
tutto in ferro, testimoniano la presenza di un carro; sono parti del rivestimento in ferro dei III
mozzi con anche un fermamozzo e parti dei cerchioni delle ruote. In un quadrato di 0,4 x 0,4
lii
metri si trovano elementi in osso e bronzo che sono interpretati quali parti di un sedile. Diver- ,
si oggetti d'ambra, avorio e osso rivelano la presenza nella tomba di elementi di corredo im- l,
Il
portati. Un piede leonino intagliato in avorio appartiene senza dubbio a uno scrigno o casset- l'
ta, forse ornata di rosette in osso, mentre può darsi che palmette intagliate in ambra apparte-
,I
nessero a una kline. In seguito al nuovo ritrovamento di Hochdorf quest'interpretazione ac- I
quista credibilità. Pure importato, e precisamente dalla Siria, è il frammento di un manico
di specchio intagliato in avorio.
I pezzi più belli sono due sfingi intagliate in osso con volti di ambra applicati e successivamen-
te fissati con ribattini di bronzo dorato. Anche questi pezzi probabilmente appartenevano a
un mobile e sono stati prodotti a Taranto.
Nonostante il radicale saccheggio subito dalla tomba, ci sono tuttavia pervenuti i residui di
un corredo straordinariamente ricco, sulla cui composizione originaria è possibile formulare
qualche ipotesi. La tomba del Grafenbiihl doveva essere ricca almeno quanto quella di Vix
e grazie alla fibula può essere datata a una tarda fase dell' epoca di Hallstatt (Ha D 2-3). Gli
oggetti di importazione sono invece nettamente più antichi (il manico di specchio è fabbricato
nel VII secolo a.c.) e sono entrati a far parte del corredo già come pezzi d'epoca. Costituisco-
no comunque la riprova dei rapporti commerciali ad ampio raggio dei principi dello Hohena-
sperg. Nel Grafenbiihl si trovano inoltre 33 sepolture secondarie del tardo Hallstatt e del La
Tène antico, contenenti i soliti, ricchi corredi con ornamenti in bronzo.

La Romerhiigel ovvero Belle Remise a Ludwigsburg


Nella parte meridionale della città sorge sull'altura detta Romerhiigel un tumulo che un tem-
po aveva un'altezza di 6 metri e un diametro di 60, oggi completamente sconvolto dalla co-
struzione di una cisterna d'acqua. Un po' più a ovest si riconosce, in una zona coltivata, un
tumulo notevolmente più piccolo, ormai spianato e che non è ancora stato esplorato. Il primo
si trova dietro alla cisterna, quello minore si trova a ovest del recinto, al di fuori di questo.
La cisterna venne scavata nel tumulo nel 1877 e durante i lavori evidentemente ci si imbatté
in una camera secondaria scavata nel terreno agricolo superficiale e coperta da grandi pietre.
Un pavimento quadrato in legno, di 3,5 metri di lato, era rafforzato lungo i lati da travi che
sostenevano le pareti in legno. Deposto parallelamente al lato ovest giaceva lo scheletro del
defunto con la testa ,verso est. Accanto al cranio era un torquis d'oro, sull' anca un pugnale
e una cote, vicino al piede destro una lamina d'oro. Ai piedi del morto erano quattro recipien-

109
ti di bronzo, precisamente una cista a cordoni, un grande calderone, una coppa e un piatto
con orlo perlinato. Nella parte orientale della camera erano i resti di un carro a quattro ruote
in parte ornato di lamine in bronzo. Della relativa bardatura del cavallo si sono conservati
un morso di ferro e quattro dischi di bronzo.
Una seconda camera funeraria, evidentemente la principale, era nel terreno adiacente, con
una profondità di 1,2 metri. Venne liberata solo superficialmente e vi vennero ritrovati nastri
in lamina d'oro, un manico di coltello e placchette d'ambra che evidentemente era'no state
applicate su legno, forse su un mobile o uno scrigno.
Quando, nel 1926, la cisterna venne ampliata verso sud, si trovarono in tutto quindici tombe
secondarie, tutte a inumazione, in parte prive di corredo in parte invece contenenti i soliti
ornamenti bronzei del tardo Hallstatt. Oltre a torques e ad armille, si hanno alcune fibule
e una cuspide di lancia. Una fiasca in ceramica al tornio potrebbe essere datata già al La Tène Calderone di bronzo
antico. di fabbricaZione greca, dalla tomba
principesca di Eberdingen-Hochdorf
(Baden- Wiirttemberg)
Il tumulo funerario principesco di Eberdingen-Hochdorf Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
A est di Hochdorf, nella campagna detta "Biegel", sorge un grande tumulo funerario isolato. Wiirttembergisches Landesmuseum
Questo venne esplorato nel 1978-79 e restituì, accanto a dati straordinari e sorprendenti rela-
tivi alla costruzione del tumulo stesso, anche una camera funeraria centrale, non saccheggiata,
con un ricco corredo. Il restauro dei materiali e la loro interpretazione scientifica sono lungi
dall' essere conclusi, per cui in questa sede dobbiamo limitarci a una panoramica riassuntiva.
Il tumulo, del diametro di 60 metri, era circondato da una struttura perimetrale in pietra nella
quale erano inseriti pali in legno. Verso nord, questa struttura è più compatta e più alta; due
strutture in pietra conducono al centro del tumulo; tra di esse è inserita una rampa in terra
rivestita di pietre. Può darsi si tratti di un ingresso attraverso il quale il morto venne portato
nella camera funeraria, in un secondo tempo ricoperto con la terra di riporto che forma il
tumulo, costituito nelle sue parti più profonde da zolle erbose avulse dal terreno, mentre le
parti superiori consistono di terra di scavo e delloss giallo affiorante mescolati. La tomba per
cui venne eretto questo monumento er} al centro del tumulo, in una fossa di Il x Il metri
profonda 2 metri; la terra di riporto si trova attorno alla fossa stessa, così come vi venne scari-
cata. La camera funeraria è protetta dai saccheggi mediante una complessa costruzione, non
ancora documentata in questa forma nell' area hallstattiana occidentale; la camera vera e pro-
pria in legno, di 4,7 x 4,7 metri, è inserita in una camera più ampia, pure in legno, di 7,4 x 7,5
metri; l'intercapedine tra le pareti delle due camere è colmata da una grande massa di breccia-
me mentre il soffitto era rafforzato da travi disposte longitudinalmente e trasversalmente.
Così la tomba era protetta come in un tesoro. È probabile che il soffitto, che non era sostenu-
to da pali, sia ben presto crollato sotto la pressione dell' enorme peso sovrastante.
Grazie a circostanze particolarmente favorevoli, le condizioni di conservazione dei materiali
organici in questa camera funeraria erano eccezionali. Da un lato i molti oggetti metallici che
formavano il corredo hanno ostacolato, con i propri ossidi tossici, l'azione demolitrice dei bat-
teri, dall' altro i compatti strati di copertura del soffitto non hanno permesso infiltrazioni di
acqua nella fossa. In conclusione, parti delle camere lignee ed elementi in legno, cuoio, e so-
prattutto in tessuto, si erano conservati in misura sorprendente. Abbiamo quindi a che fare
con reperri che in condizioni normali sarebbero andati distrutti.
Vi era sepolto un uomo di circa quarant'anni, alto 1,83 metri, e pertanto di statura decisa-
mente superiore a quella dei suoi contemporanei. Accanto al ricco corredo e agli addobbi del
defunto la tomba conteneva tre importanti complessi: un servizio da simposio composto da
molti pezzi, un servizio da mensa con gli attrezzi relativi e un carro a quattro ruote con le
bardature di due cavalli. Accanto a questi tradizionali doni funerari era sorprendente la pre-
senza di un letto lungo circa 3 metri sul quale era disteso il morto. Il defunto coperto di orna-
menti d'oro era stato presentato al popolo su questo eccezionale mobile. Al collo l'uomo por-
tava un anello d'oro, il simbolo consueto di status sociale di questi principi celti, che ci è noto
da altre ricche tombe. Gli altri oggetti in oro sono invece inconsueti e, come hanno rivelato

110
I principi celti del Baden-Wurttemberg

le ricerche approfondite, prodotti espressamente per questa sepoltura. Si tratta di due fibule
ad arco serpeggiante d'oro, un' armilla portata al braccio destro, una cintura in cuoio con
un'ampia lamina d'oro, un pugnale ricoperto di lamina d'oro e guarnizioni da scarpa in oro.
Dalla forma di queste lamine si deduce che il morto portava calzari rostrati. Dei suoi orna-
menti personali faceva parte inoltre un cappello basso di forma conica, formato da due dischi
rotondi di corteccia di betulla cuciti assieme, riccamente ornato di motivi a cerchio e a punzo-
natura. Un grande rasoio di ferro e una forbice per )Jnghie fanno parte di un servizio da toilet-
te, e tre ami da pesca, ritrovati in una tasca sul petto, mostrano che il defunto era un appassio-
nato pescatore. Una faretra con frecce - non è stato rinvenuto il relativo arco - è da interpre-
tarsi come arma da caccia. L'abito non era più ricostruibile nei particolari, ma l'esame di cam-
pioni del tessuto e del cuoio ha permesso di giungere a qualche conclusione.
Ricchissimo è il servizio da simposio. Alla parete sud della camera funeraria erano appesi com-
plessivamente nove corni potori, uno dei quali in ferro della lunghezza di circa 1 metro, ricca-
mente ornato di fasce d'oro e munito di un manico al quale erano appese perline d'osso di
varia forma. Degli altri otto corni, evidentemente di osso, si sono conservati soltanto i manici
in bronzo, le fasce d'oro che ornavano l'imboccatura, nonché grosse palle di osso decorate
che erano collocate alle estremità. Del servizio fa parte anche un grande calderone di bronzo
che stava all'angolo nord-ovest della camera su un piedistallo ligneo. Questo calderone è orna-
to sulla spalla da tre grandi leoni in bronzo tra i quali sono inserite tre massicce anse. Proviene
da un' officina greca e dunque si tratta di un oggetto importato dal sud. Sottoposti ad anàlisi,
resti trovati sul fondo del bacile si sono rivelati pollini di fiori, in altre parole tracce di una
bevanda a base di miele o idromele. Nel calderone stava una coppa emisferica del diametro
di 15 centimetri in lamina di ferro sbalzato, che doveva servire per bere o come attingitoio.
Ai nove corni potori corrispondevano nove piatti in bronzo che, insieme con tre grandi piatti
o bacili sempre in bronzo, erano stati impilati sul pianale del carro. Si tratta di piatti con orlo
punzonato che ci sono noti anche da altre tombe. Da attribuire a questo servizio da banchetto
è anche un' ascia in ferro, con un manico in legno assai ben conservato, che doveva servire
per abbattere animali, oltre a una cuspide di lancia e a due grandi coltelli in ferro per tagliare
la carne. Il carro a quattro ruote aveva una lunga, stretta piattaforma, quattro grosse ruote
con massicci mozzi e un lungo timone. L'intero veicolo era ricoperto di lamina di ferro deco-
rata, per cui lo si può facilmente ricostruire in tutti i suoi particolari tecnici. Sul pianale erano
le bardature di due cavalli, un giogo doppio in legno con ricca decorazione in bronzo, due
finimenti per la testa con morso in ferro le cui redini in cuoio erano fittamente ricoperte con
dischi bronzei, e infine un pungolo in legno lungo 1,90 metri con punta in bronzo per sprona-
re i cavalli. Si tratta, ancora una volta, di oggetti dei quali in condizioni normali sarebbero
rimaste soltanto le parti metalliche.

Carro con applicazionidi ferro


dalla tomba principesca
di Eberdingen-Hochdorf
(Baden- W urttemberg)
Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
Wurttembergisches Landesmuseum

--
...-

111
.

L'oggetto più importante sembra tuttavia essere il letto bronzeo su cui riposava il morto. La
superficie e lo schienale sono composti da sei lamine in bronzo collegate assieme da ribattini,
mentre le parti laterali sono ripiegate come in un sofà Biedermeier. Il mobile è ornato sulla
fronte con scene a punzonatura: alle due estremità è raffigurato un carro a quattro ruote tirato
da due cavalli uniti da un doppio giogo. Sul carro, un uomo con scudo e pungolo o lancia.
Tra i due carri, tre gruppi composti ognuno da due uomini che si fronteggiano impugnando
una spada neJla mano spostata all'indietro mentre in quella in posizione anteriore reggono
un oggetto ancora non identificato. Le figure hanno lunghi capelli spioventi e singolari gonne
o grembiuli, e non sembrano combattere ma piuttosto danzare.
Il piano è sorretto da otto massicce figure femminili fuse che lo reggono con le mani sollevate.
Le figure sono poste su rotelle, per cui il mobile poteva essere spostato avanti e indietro. Le
figure sono collegate tra loro da traverse in ferro, sì da conferire all'insieme stabilità e solidi-
tà. Il ripiano e lo schienale del mobile erano ricoperti di pelli d'animali, cuoio e stoffa, e il
capo del defunto giaceva su un guanciale di paglia intrecciata.
Si tratta di un pezzo singolare del quale finora non conosciamo confronti, che rivela forti in-
flussi provenienti dalla regione alpina sudorientale, benché non sia da escludere neppure
un' origine locale.
Le pareti e il pavimento della camera funeraria erano ricoperti di stoffe, fissate al legno me-
diante grappe in ferro, e tenute insieme e drappeggiate con venti fibule in bronzo.
La datazione della tomba è indiscutibilmente alla fase di passaggio dall'Ha DI all'Ha D2, cioè
verso il 530 a.c.
Altre sepolture posteriori nel tumulo di Hochdorf, risultate piuttosto povere, sono state in
gran parte distrutte dalla costante utilizzazione agricola del sito. In tutto sono state trovate
tre sepolture secondarie, due delle quali scavate nel terreno durante la costruzione del tumulo
stesso.
La tomba di Hochdorf, che si trova a dieci chilometri di distanza dallo Hohenasperg, è senza
dubbio da porsi in diretta relazione con questa residenza principesca. È finora la sepoltura
più antica scoperta nella zona di Asperg e testimonia della ricchezza del locale ceto principe-
sco tardohallstattiano.

Di tzingen -Schockingen Letto di bronzo dalla tomba


principesca di Eberdingen-Hochdorf
Nel 1951, nel corso di lavori di restauro di un granaio nel mezzo del villaggio, circa 100 metri (Baden- Wurttemberg)
a sud del castello, vennero alla luce i resti di una tomba femminile con ricco corredo. Lo sche- Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda
letro di una donna di circa venticinque anni era deposto a scarsa profondità, sotto le fonda- Wurttembergisches Landesmuseum

~-

112
I principi celti del Baden-Wiirttemberg

menta di un muro, con orientamento sud (testa)-nord. Accanto al cranio erano nove anellini
d'oro, sei spilloni di bronzo con le teste di lamina d'oro decorata, quattro teste di spilloni
in corallo, nonché un collare in bronzo piatto e chiuso e una collana di otto perle di corallo,
oltre a una grossa palla di corallo formata di singoli pezzi uniti tra loro. A ognuno degli avam-
bracci la morta portava tre armille d'oro con decorazione costolata e alla caviglia destra un
anello di bronzo. Durante lo scavo furono rinvenuti inoltre tre armille a spirali con terminali
a forma di teste di serpente e il frammento di un ulteriore anello del genere, due palle di coral-
lo e parte di una testa di spillo ne d'oro.

Di tzingen -Hirschlanden
Nel 1963-64 circa due chilometri a ovest-sud-ovest della località, nel corso di lavori di siste-
mazione fondiaria si procedette all' esplorazione di un tumulo funerario già pesantemente
spianato (1,2 metri di altezza, 32 metri di diametro). Un secondo tumulo, posto 80 metri a
est del primo, venne pure esplorato e risultò ormai completamente distrutto. Le sorprese ven-
nero dalla struttura del tumulo. La collina artificiale di terra era delimitata da un cerchio di
pietre del diametro di 19 metri. Tra lastre piantate verticalmente, a distanza di circa 1 metro
Cariatide di bronzo incrostato l'una dall' altra, erano stati eretti muretti a secco che formavano un tutto continuo. Probabil-
di corallo, uno degli otto sostegni
del letto dalla tomba principesca mente anche il pendio del tumulo era un tempo coperto da lastre di pietra. Per la costruzione
di Eberdingen-Hochdorf del muro si erano usate pietre scelte di calcare nummolitico presente abbondantemente nei
(Baden- Wiirttemberg)
Seconda metà del VI secolo a. C. dintorni. Nel tumulo stesso si scoprirono altre sedici tombe, alcune delle quali dovevano esse-
Stoccarda re sepolture secondarie. Attorno alla tomba 1, collocata in posizione centrale, erano state di-
W iirttembergisches Landesmuseum
sposte, in duplice cerchia, sepolture secondarie (tombe 2-7 e 9-11). Un'ulteriore sepoltura se-
condaria era stata scavata al centro del tumulo (tomba 13), anche in questo caso circondata
da un cerchio, però incompleto, di sepolture secondarie (tombe 14-16). Gran parte delle depo-
sizioni erano chiaramente in una semplice camera lignea (lunghezza 1,8-2 metri, larghezza
0,4-0,85 metri). Si tratta esclusivamente di inumazioni, con corredi fune rari mediocri. La
tomba più antica (tomba 1) fu scavata verso il 550 a.c., durante lo Ha DI; le sepolture secon-
darie più recenti sono da attribuire già al passaggio al La Tène antico (verso il 450 a.c.).
Il ritrovamento di gran lunga più importante è però costituito da una stele litica lavorata a
tutto tondo, raffigurante un guerriero hallstattiano. È in grandezza naturale e i piedi sono
spezzati e mancanti (altezza del reperto 1,50 metri). La figura è in arenaria e rappresenta un
uomo nudo. In testa porta un copri capo a punta senza tesa e al collo un grosso anello che
forse è uno dei torques noti dalle tombe principesche. Probabilmente la figura indossa una
maschera perché il volto è ampiamente deformato nella parte inferiore. A una cintura compo-
sta da due cerchi porta un coltello con impugnatura ad antenne. Le gambe, soprattutto nella
faccia posteriore, ricordano molto da vicino le raffigurazioni classiche dei kuroi. La stele gia-
ceva esternamente al margine nord del cerchio di pietre e un tempo coronava il tumulo; in
seguito i piedi si sono spezzati e la stele è rotolata in basso spezzandosi in due.

Conclusione
Come nel caso della Heuneburg, anche a Hohenasperg i tu muli più recenti sono più vicini
all'insediamento di quelli più antichi. Il Grafenbuhl e soprattutto il Kleinaspergle apparten-
gono a un livello insediativo più recente della fortezza, mentre le tombe più lontane, di
Ludwigsburg-Romerhugel e Hochdorf, sono chiaramente precedenti. Finora, tuttavia, manca
lo strato di sepolture più antiche, come per esempio quello dello Hohmichele oppure di
Ertringen-Rauher Lehen, sicché si deve probabilmente attribuire l'insediamento sullo Hohe-
nasperg a una fase più tarda rispetto a quello sulla Heuneburg. Va comunque tenuto presente
che molti tumuli non sono stati ancora esplorati sistematicamente e che nuovi ritrovamenti
possono rapidamente mutare questo quadro. L'ambito del potere dei signori dello Hohena-
sperg doveva spaziare dalla Foresta Nera allo Schwabischen Wald e fino all' Albvorland, men-
tre verso nord è difficile tracciare un confine. Nonostante la moderna attività edilizia lo Ho-
henasperg con i suoi tumuli funerari costituisce ancora oggi una testimonianza imponente.

113
-
La fortezza di Heuneburg Pianta della fortezza di Heuneburg
(Baden- Wiirttemberg)
e le tombe principesche dell' alto Danubio del VI secolo a. C.
Wolfgang Kimmig Nell'angolo superiore sinistro
quattro tumuli ricoprono un abitato
non fortificato più antico

Alle manifestazioni storico-archeologiche di


rilevante importanza del mondo celtico an- HEUNEBURG
tico dell'Europa occidentale, appartiene il
cosiddetto Fiirstengrdberkreis (cerchia delle
---
ii
tombe principesche) che compare all'inizio
del tardo Hallstatt, verso il 650 a.c. e ter- I I! ';/
mina, altrettanto improvvisamente, attorno ,Il f
11
1'1'
I

1
1

al 400 a.c. Il quadro che ce ne facciamo si ~ ---


fonda esclusivamente sui risultati della ri-
cerca archeologica, ma le notizie fornite da
Erodoto e da Ecateo di Mileto sulla Keltike
dell'alto Danubio costituiscono un attendi-
bile sfondo storico. Il nome di "cerchia o
cultura delle tombe principesche" è stato
coniato già alla fine del secolo scorso per in-
fluenza degli scavi compiuti a Micene da
Schliemann. Le ricche sepolture, che a tut-
t'oggi sono una cinquantina, erano per lo
più a tumulo; più rare le "tombe piatte".
Dal momento che molto spesso sono state
trovate in correlazione con vicini borghi
fortificati, è lecito parlare di esse come delle
tombe dei signori delle fortezze.
L'esempio classico di un antico centro forti-
ficato celtico del genere, con le relative tom-
be principesche, è costituito dalla Heune-
burg sull'alto Danubio a est di Sigmaringen.
La Heuneburg è sita al di sopra della valle
percorsa dal fiume, un tempo ricco di mean- 200m
dri, e alla sua posizione dominante aggiunge
==
o 50 100
=
una funzione di centro commerciale aperto
al mondo circostante. La Heuneburg domi-
nava la antichissima strada commerciale del na, durata al massimo duecento anni, ha co- non è sopravvissuto alla catastrofe toccata
Danubio che correva in direzione ovest-est, nosciuto vicende alterne che trovano rifles- alla Heuneburg alla fine del IV a e a diffe-
ma sicuramente anche tutta una serie di col- so in una stratigrafia, comprendente quat- renza di questa non è stato ricostruito. La
legamenti verso il sud, con il vicino lago di tordici livelli, che si inizia con il cosiddetto zona in cui sorgeva venne spianata e sfrutta-
Costanza e, a partire da esso, con il Giura "Heuneburg IV-I" (il conteggio comincia ta quale luogo di sepoltura dai nuovi signori
svizzero e i passi delle Alpi centrali. dal basso). Dopo una fase di avvio (IV c) si della fortezza (periodi 111-1). I resti dell' an-
Tra il 1950 e il 1979 l'impianto è stato siste- arriva ben presto al periodo di fioritura del- tico insediamento furono utilizzati in quel
maticamente esplorato, su iniziativa di Kurt la fortezza (IV boa), al quale appartiene tra contesto come materiale da costruzione di
Bittel, da parte dell'Istituto di preistoria e l'altro il ben noto muro in mattoni crudi. quattro grandi tumuli funerari.
protostoria dell'Università di Tiibingen, ri- Un incendio catastrofico, che ha devastato Nulla potrebbe definire il carattere della
portando ne però alla luce solo metà. Già as- l'intera fortezza (fine del IV a), è stato se- Heuneburg, quale sede di un gruppo nobi-
sai precocemente, la Deutsche Forschungs- guito da una ricostruzione dell'impianto liare protoceltico, meglio della corona di
gemeinschaft (DFG) di Bad Godesberg si è (111boa), anch'esso cancellato tuttavia da un grandi tumuli fune rari dimostrativamente
assunta la responsabilità del "progetto Heu- incendio (fine del 111 a). Ricostruita un'ulti- disposta attorno alla fortezza, le cui camere
neburg" e, dopo la conclusione degli scavi ma volta (Il-I), la Heuneburg di epoca hall- funerarie centrali in struttura lignea non
nel 1979, ha provveduto a far sì che i ricer- stattiana è andata incontro alla sua scom- possono essere interpretate che come quelle
catori potessero iniziare la pubblicazione parsa definitiva in seguito a un nuovo, vasto dei signori della rocca. I corredi funerari ric-
dei notevoli risultati ottenuti, presentati ne- incendio (I a), nella seconda metà del V se- chi d'oro di queste tombe, purtroppo spesso
gli Heuneburgstudien. colo a.c. La causa delle distruzioni va forse saccheggiate, permettono non soltanto de-
Gli scavi sulla Heuneburg hanno dimostra- cercata nei diffusi disordini che possono ri- duzioni circa la posizione di privilegio socia-
to che la collina fortificata, protesa verso il collegarsi alle migrazioni dei gruppi celtici le di cui godevano i loro titolari, ma rivela-
Danubio, lunga circa 300 metri per una lar- verso sud ed est. no anche qualcosa a proposito del dispen-
ghezza fino a 150, è stata luogo di insedia- La Heuneburg quale centro di un gruppo dioso culto dei morti di cui erano fatti og-
mento in periodi distinti. A una fase del protoceltico riesce pienamente comprensi- getto i nobili defunti protoceltici. È un cul-
Bronzo medio-tardo (circa 1500-1200 a.C.) bile solo se la si mette in rapporto con i mo- to che conserva ancora tratti arcaici, che ri-
segue nel VII secolo un insediamento da numenti che la circondano. Ne fanno parte, sultano evidenti se rileggiamo quanto dice
parte di un gruppo protoceltico o del suo ce- a nord della fortezza, un ampio insediamen- Omero a proposito dei funerali di Patroclo
to dominante, che nella seconda metà del V to esterno che probabilmente comprendeva o di Ettore oppure le informazioni fornite
secolo viene distrutto da un grande incen- un' area più vasta di quella della fortezza da Erodoto circa le mostruose cerimonie fu-
dio. Il sito rimane poi deserto, a eccezione stessa e che era strutturato come un sobbor- nerarie dei re scitici. Se però ci rivolgiamo
di brevi occupazioni in epoca tardoceltica e go del centro fortificato; esso può essere alle tombe di Vix, ben documentate nella
protoromana, finché durante l'alto Medioe- sorto unicamente in uno stretto rapporto di Francia orientale, o di Hochdorf nella zona
vo (circa VIII-XI secolo d.C.) conosce una collaborazione con i signori della fortezza. di Stoccarda, ecco che il rituale funerario
nuova, tarda fioritura. A partire dal XII se- Comunque, gli impianti edilizi e i materiali protoceltico assume contorni decisamente
colo, sulla Heuneburg hanno avuto luogo dell'insediamento esterno corrispondono in più umani. Qui non c'è infatti traccia di
attività agricole che continuano tuttora. pieno a quelli del periodo di fioritura della spaventosi sacrifici di prigionieri o di schia-
Questa fortezza celtica di epoca hallstattia- fortezza (IV boa). L'insediamento esterno vi, evento che invece era evidentemente del

114
... ..

Collari e bracciali d'oro dai tumuli dei dintorni


della Heuneburg (Baden- Wiirttemberg)
Seconda metà del VI secolo a. C.
Stoccarda, Wiirttembergisches Landesmuseum

tutto normale nel vicino Oriente. Neppure


il cavallo, in pieno contrasto con le uccisioni
funerarie in massa di cavalli presso gli Sciti,
ha seguito il nobile celta nella tomba. Ci si
è infatti accontentati della deposizione di
parte dei finimenti e di un sontuoso carro
destinato al defunto. Soltanto la tomba
doppia, con un ricco corredo destinato a un
uomo e a una donna della non saccheggiata
camera a struttura lignea VI del più grande
tumulo funerario della zona di Heuneburg,
il cosiddetto "Hohmichele", alto 13 metri,
induce a riflessioni sulle cause del decesso.
La donna ornata di 2360 perle di vetro do-
veva essere la moglie, non certo una schia-
va, dell'uomo che le giace a fianco; ma chi
potrebbe escludere che la coppia non sia ri-
masta vittima di malattia o addirittura di un
atto di violenza?
L'idea che gli antichi Celti si facevano della
vita dopo la morte non corrispondeva alla
cupa immagine dei Greci di un regno sotter-
raneo in cui le anime conducevano una esi-
stenza da ombre. Nelle tombe dei nobili cel-
ti si trovano infatti sempre allusioni a una
visione completamente diversa dell' aldilà.
Nella camera funeraria di Hochdorf erano
stati deposti corni da libagione, vasellame di
bronzo e quanto occorreva per un solenne flusso meridionale. Con l'erezione del muro il Ticino e con la cultura di Golasecca, qui
banchetto per otto simbolici compagni, e un e la relativa edificazione pianificata interna, ampiamente diffusa. È solo possibile ipotiz-
grande calderone in bronzo conteneva i re- il signore di questa fortezza ha fatto propria zare quali fossero i doni offerti in cambio
sti di circa quattrocento litri di idromele, consapevolmente una concezione di insedia- dei preziosi beni del sud, quasi sempre pre-
una bevanda inebriante: tutti elementi di mento che gli era estranea, appartenente a senti nelle tombe di ricchi nobili. Accanto a
un corredo destinato a facilitare al nobile una civiltà superiore che, insieme con il già prodotti agricoli e ad ambra, si potrebbe
defunto e ai suoi compagni di viaggio il pas- citato sobborgo a nord della fortezza, mo- pensare anche a schiavi.
saggio in un altro mondo. Molte cose stanno stra un chiaro carattere protourbano. La Heunèburg sull'alto Danubio è a tutt'og-
a indicare che una concezione del genere, Il muro di mattoni dopo la sua distruzione, gi l'unico impianto fortificato dell'Europa
che alludeva a un festino nella tomba, a un avvenuta in concomitanza con la catastrofe centrale, del VI-V secolo a.c., che sia stato
simposio funerario, provenisse dall'Etruria del periodo IV a, non venne ricostruito ma sottoposto ad adeguate indagini archeologi-
dove le camere funerarie dell'epoca erano anzi abbattuto e, durante i periodi 111-1, so- che. Con l'ausilio dei risultati così ottenuti,
decorate con immagini di gioie terrene. stituito da sistemi di difesa che rimandano è possibile desumere, dai numerosi impianti
Il richiamo all'Etruria rimanda a un aspetto chiaramente a costruzioni di antica tradizio- fortificati preistorici, una credibile tipologia
che ha portato la Heuneburg alla ribalta del- ne europea in legno, pietra e terra, sistema di fortificazioni corrispondente alla Heune-
la ricerca sugli antichi Celti. Intendiamo ri- che si sarebbe in seguito evoluto nel murus burg il cui centro principale di diffusione va
ferirei ai legami con il sud che hanno confe- gallicus. collocato nella zona prealpina nordocciden-
rito un' impronta particolare a questo sito e I legami con il sud non vennero tuttavia mai tale. Qui non resta che lasciare senza rispo-
che in questo periodo documentano i rap- interrotti. La comparsa a tutt' oggi di circa sta l'interrogativo se le fortezze simili, si-
porti dell'Europa centrale con l'ambito me- cento frammenti di vasi a figure nere, per lo tuate nelle Alpi orientali, vadano interpre-
diterraneo. più attici, in associazione con almeno una tate quali celtiche oppure illiriche.
La scoperta di un muro di cinta che circon- dozzina di anfore da trasporto greco- Delle particolari caratteristiche della tipolo-
da l'intera superficie della fortezza, largo 3 provenzali, rende evidentissimo che gli abi- gia "Heuneburg" fa parte la sua posizione di
metri e munito di torri a pianta quadrata ag- tanti della Heuneburg mantennero vivaci centro di scambi aperto, con la tanto spesso
gettanti, su zoccolo di pietre accuratamente rapporti commerciali di ogni genere con sottolineata collocazione lungo fiumi; poi la
connesse che sorregge un elevato di mattoni l'ambito mediterraneo occidentale. In que- presenza di tombe principesche nelle imme-
crudi alto 4 metri, rivela chiaramente la pro- sto campo il commercio del vino deve aver diate vicinanze dell'impianto abitativo for-
pria generica origine mediterranea. È accer- avuto un ruolo di primo piano. La diffusio- tificato; infine, i numerosi rapporti con il
tata la sua appartenenza al periodo IV della ne delle anfore rende pertanto probabile sud che fanno di questa tipologia con ogni
Heuneburg, databile alla prima metà del VI che quello che gli archeologi francesi chia- evidenza l'espressione del potere di uno
secolo a.c., e non ha molta importanza sta- mano Couloir Rhodanien, il "corridoio del strato sociale privilegiato.
bilire se questa struttura sia stata concepita Rodano", vale a dire il sistema fluviale del E non si sbaglia certo interpretando gli ipote-
da un architetto meridionale o se la si deve Rodano, della Saone e del Doubs, fosse la tici "signori della fortezza" quali nobili o prin-
a capomastri locali che avevano imparato il via commerciale preferita. Accanto a essa cipi protoceltici, come quelli che secoli dopo
mestiere al sud, come non individuare la re- doveva esserci una strada che seguiva il Ro- vengono nominati frequentemente da Giulio
gione mediterranea che avrebbe fornito il dano fino al lago di Ginevra e da qui, a est Cesare. Le fortezze stesse si possono intende-
modello del muro di cinta della Heuneburg. dell'arco del Giura, portava al Danubio su- re quali centri di gruppi umani che con ogni
Ciò che conta davvero è che il muro in mat- periore passando per la zona dei laghi di probabilità disponevano anche di un mercato
toni crudi della fortezza non può essere Neuchatel, Biel e Costanza. A questo s'ag- e di un santuario della comunità, e in cui forse
un'invenzione centroeuropea, e che la con- giungeva senza alcun dubbio un traffico di- si possono vedere i predecessori dei successivi
cezione e l'origine si devono a un diretto in- retto, attraverso i passi alpini centrali, con e maggiori oppida citati da Cesare.

115
L'abitato di Vix
e la tomba della principessa
NadineBerthelier-Ajot

Quando si parla di Vix nel suo insieme - si- La Senna, che scorre ai piedi del sito, en- fortificazioni che associavano fossati, ba-
to fortificato e tumuli - è più esatto parlare trando nella valle diventa praticabile alle stioni e argini. Un fossato di sezione trian-
di complesso del Mont Lassois. piccole imbarcazioni. La posizione del mon- golare, profondo 5,70 metri e largo 19 me-
Il sito fortificato di Mont Lassois utilizza te è dunque eccezionale dal punto di vista tri, correva praticamente al piede della colli-
una collina che, nonostante le sue difese sia strategico che economico. La via che se- na, cingendola ai lati nord, ovest - dov'era
geografiche naturali, è stata dotata di un si- gue la valle ai piedi del Mont Lassois è infat- praticato un passaggio a zigzag - sud e est.
stema di fortificazioni alquanto elaborato. ti uno dei passaggi obbligati di un intenso Questo fossato si dirigeva verso la Senna,
Il Mont Lassois si erge con i suoi 109 metri traffico: dal nord (Cornovaglia, Devon, iso- senza però raggiungerla. Il passaggio a zig-
di calcare marJlOSO sulla riva sinistra della le Cassiteridi) veniva lo stagno; dal sud sali- zag praticato sul lato ovest offriva la possi-
Senna. Questa piccola altura è di difficile vano prodotti del bacino mediterraneo. bilità di una facile sorveglianza, grazie alla
accesso, in quanto l'altipiano che ne copre Non mancava quindi nulla per fare di que- rottura della pendenza, completata da una
la cima è accessibile solo salendo per fianchi sto sito un luogo di primaria importanza. torre quadrata di 3,5 metri di lato che con-
scoscesi, mentre il fondovalle che lo costeg- L'accesso alla cittadella era reso molto diffi- trollava l'accesso.
gia a est è paludoso. cile, oltre che dal ripido pendio, da possenti Al fossato era associato un bastione, nella

Frammenti di ceramica dipinta e decorata


a rilievo dal sito di Mont Lassois (Còte d'Or)
Fine del VI-inizi del V secolo a. C.
Chdtillon-sur-Seine, Musée Archéologique

116
T
T orquis d'oro dalla tomba principesca di Vix
(C6te d'Or)
Fine del VI-inizi del V secolo a. C.
Chdtillon-sur-Seine, Musée Archéologique

costruzione del quale si erano utilizzati i


materiali ricavati dallo scavo del fossato
stesso. Largo da 13 a 20 metri alla base, rag-
giungeva sino a 3 metri di altezza. Mancano
i pali che dovevano sormontarlo, cosa èhe ci
impedisce di stimarne l'altezza totale. Que-
sto bastione terminava in prossimità della
Senna, raggiungendo a nord un guado. Due
argini si inerpicavano sul fianco est, parten-
do ognuno da una sorgente, quasi a proteg-
gere gli altri lati. Questi argini misuravano
da 20 a 35 metri di larghezza alla base e da
2 a 4 metri d'altezza. Così elaborato, il si-
stema di fortificazione racchiudeva da un
lato la superficie dell'altopiano, come pure
i declivi della collina e i punti d'accesso al-
l'acqua indispensabili alla vita e alle attività
degli abitanti, e dall' altro un grande accesso
di almeno 500 metri sulla riva della Senna.
L'imponenza del sistema difensIvo e l'esten-
sione della superficie protetta implicano un
abitato abbastanza denso che è stato finora
solo intravisto. Il sito era occupato sulla
sommità dell' altopiano, sui fianchi della col-
lina come pure alla base del fianco est, in
prossimità della Senna, verso le regioni ac-
quitrinose. Le poche vestigia di occupazio-
ne ci si presentano sotto forma di buche per
pali che disegnano il perimetro di "capan-
ne" rettangolari di 5 metri per 2,50 formate
con incannucciato rivestito di intonaco e
con un focolare al centro.
In compenso, gli oggetti della vita quotidia-
na sono molti e svariati: fibule, spilloni, tadella, i principi celti non ci hanno lascia- distanza col Tonnerrois (sanguigna) e col
gioielli, armi, cocci di ceramica attica, cocci to, a testimonianza dei loro fasti, altro che Morvan (granito) e senza dubbio un com-
di vasellame locale... A questo proposito è le loro ricche sepolture. Deposto su un carro mercio più complesso col Baltico o con l'A-
interessante notare che la varietà di forme e cerimoniale, il defunto portava con sé og- driatico (ambra), col Mediterraneo (corallo,
decorazioni (incise, dipinte ecc.) delle cera- getti di ornamento e vasellame. I principi ceramica, oggetti di lusso) e con le isole Cas-
miche locali è impressionante. apprezzavano a quanto pare gli oggetti di siteridi, sulla Manica (stagno).
Si è potuta localizzare una sola zona specia- lusso prodotti in Grecia (per esempio il le- La principessa di Vix fu probabilmente fra
lizzata, sul fianco ovest: si tratterebbe di un bete di Sainte-Colombe-Ia-Garenne, il cra- le ultime principesse del Mont Lassois.
quartiere in cui si praticava l'artigianato al- tere di Vix) , ma non disdegnavano le produ- Questo dovette in effetti la sua prosperità a .
l'aperto. Vi sono stati trovati una quantità zioni locali (orecchini e braccialetti di un tipo di economia ben determinato che
di scorie di ferro, scarti di bronzo, schegge Sainte-Colombe-Ia-Butte. ..), create proba- venne meno con l'arrivo dei Lateniani, i
d'osso lavorato. bilmente in officine accanto alla loro quali imposero un altro tipo di commercio
Questa modesta conoscenza dei luoghi è do- "corte" . in cui siti come quello di Mont Lassois non
vuta in gran parte al fatto che solo una fra- Quale immagine si potrebbe dare del Mont avevano più ragione di esistere.
zione molto piccola della superficie è stata Lassois all'epoca di Hallstatt? L'aspetto mo-
oggetto di scavi sistematici. numentale è difficile da percepire nella si-
Il carattere casuale dell' esplorazione non ci tuazionale attuale, ma la cittadella era dife-
ha permesso di acquisire informazioni sui sa da possenti fortificazioni. Questa robusta
luoghi in cui si svolgevano le transazioni barriera materiale non impediva all'agglo-
commerciali che mettevano a disposizione merato racchiuso al suo interno di essere
degli abitanti della cittadella, fra altri ogget- commercialmente molto attivo e opulento.
ti importati, ceramiche attiche e anfore A un commercio basato sull'immediato re-
massaliote. troterra (ferro, lana, legno, coloranti come
Inumati sotto tumuli, al piede della loro cit- l'ocra) si combinava un commercio di media

117
Bragny. Centro di produzione Pendaglio di tipo golasecchiano
e di scambi elemento di fibbia e fibule di bronzo
Jean-Loup Flouest dall'abitato di Bragny-sur-Saòne
(Saòne-et-Loire)
Fine del VI-inizi del V secolo a. C.
Chalon-sur-Saòne, Musée Denon

Posto una ventina di chilometri a nord-est di


Chalon-sur-Saone, il sito archeologico di Bra-
gny si trova su una terrazza argillo-sabbiosa
della riva destra della Saone, nei pressi della
confluenza dei tre fiumi, la Saone stessa, il
Doubs e la Dheune.
Tra il 1968 e il 1979 Guillot ha provato in
maniera inconfutabile, nonostante la limita-
ta estensione degli scavi, l'importanza che nel
sito avevano la lavorazione del ferro e del
bronzo, oltre alla grande quantità di impor-
tazioni mediterranee. L'occupazione del si-
to risultava databile alla fine del VI-inizio del
V secolo a.c., vale a dire al periodo dello
Hallstatt finale.

La cronologia relativa e assoluta del sito


Nella Borgogna e nella Franca Contea, i siti
dello Hallstatt finale (fine del VI-inizio del
V secolo a.C.) tra cui quello celebre di Vix,
sono abbondanti e hanno permesso di defi-
nire una cronologia relativa particolareggia-
ta, che si basa essenzialmente sull'evoluzio-
ne della moda nei gioielli, come le fibule, al-
cuni dei quali sono risultati databili grazie alla
presenza simultanea, per esempio, di cerami-
ca greca.
Ma gli archeologi hanno anche notato che in
queste zone i siti della cultura successiva, de-
finita del La Tène antico (fine del V-IV se-
colo a.c.), erano troppo rari rispetto, per

ùt'
esempio, alla Champagne. La moda dei gioiel-
li hallstattiani non sarà durata più a lungo in
queste regioni?
A Bragny, le ricerche recenti hanno provato
che, contrariamente alle prime conclusioni,
il sito presenta almeno due grandi fasi di oc-
cupazione nettamente separate da un breve
periodo di abbandono.
I livelli più antichi sono stati scavati con estre-
ma cura: oggetti diversi, come ad esempio ce-
ramica pseudoionica, ceramica attica della fi- Fibula zoomorfa e fibula
di tipo lateniano in bronzo
ne del VI-inizio del V secolo a.C., anfore di
dall'abitato di Bragny-sur-Saòne
Marsiglia di tipo antico, indicano che il villag- (Saòne-et-Loire)
gio era già saldamente impiantato durante lo V secolo a. C.
Hallstatt finale. Chalon-sur-Saòne, Musée Denon
I! periodo di abbandono è facilmente visua-
lizzabile. In seguito alla distruzione delle co-
perture in paglia dei tetti, l'erosione pluvia-
le ha provocato il crollo delle pareti delle
cantine-sotterranei, profondamente scavate
nel suolo argillo-sabbioso.
L'ultima fase di occupazione è caratterizza-
ta dalla costruzione di officine metallurgiche
e dalla riutilizzazione più o meno sommaria
delle case precedenti, e soprattutto da abbon-
danti depositi di scarti metallurgici mischia-
ti a ceneri nere ben identificabili. La presenza
in questi strati di numerosi oggetti di chiara
provenienza norditalica, appartenenti alla cul-
tura di Golasecca, databili alla seconda me-
tà del V secolo a.c., attesta con ogni evidenza
un' occupazione corrispondente alla seconda
Età del Ferro.
Frammenti di balsamari in vetro
I! sito di Bragny può dunque permettere di
stabilire una distinzione e una datazione ab- policromo e scalpello di ferro
dall'abitato di Bragny-sur-Saòne
bastanza precisa del periodo di transizione (Saòne-et-Loire)
del V secolo, "cerniera" della storia dei po- Fine del VI-inizi del V secolo a. C.
poli celtici. Chalon-sur-Saòne, Musée Denon

118

.
T

La conoscenza della metallurgia cevano soprattutto fibule e calderoni o situle. si della presenza, forse temporanea, di indi-
Negli oppida, come quello di Vix, spesso so- Le ricerche quantitative sugli scarti (quasi due vidui o gruppi di individui stranieri origina-
no rilevabili tracce di lavorazione di metalli, tonnellate su una superficie di 400 metri qua- ri dalla Cisalpina.
e sembra lecita l'affermazione che officine drati) autorizzano l'affermazione che a Bra- Questi rapporti privilegiati con l'Italia set-
esistessero in quasi tutti i grandi centri. A gny gli artigiani avevano raggiunto un livel- tentrionale sono provati, per la fase antica
Bragny l'attività metallurgica è onnipresen- lo produttivo che implicava sbocchi commer- del villaggio, dalla scoperta di due fibule an-
te sui tre ettari del sito; il ferro e il bronzo ciali extraregionali e che pone il problema del- ch'esse italiche, la prima zoomorfa e la se-
venivano lavorati negli stessi locali, forse da- la natura e dell'intensità degli scambi con i conda a testa d'anatra nella variante con
gli stessi artigiani. grandi centri economici come Marsiglia e il perla di corallo nel becco.
li materiale ferroso proveniva verosimilmente Norditalia. Contrariamente alla tesi della cessazione to-
da giacimenti vicini; veniva ridotto, raffina- tale del commercio con Marsiglia, sostituito
to e trasformato in oggetti come fibule a tim- I rapporti socio-economici con il mondo dagli scambi con l'Etruria attraverso l'alti-
balloo troussesda toilette. Non è stato tut- mediterraneo piano svizzero, il sito di Bragny comporta,
tavia rinvenuto nessuno dei caratteristici lin- Fin dalle prime scoperte, il ruolo di Marsiglia nella sua ultima fase, la presenza sincronica
gotti. Le dimensioni dei forni in argilla e l'e- è apparso fondamentale accanto a quello del- di anfore massaliote della seconda metà del
sistenza di ugelli sostituibili comprovano la l'asse Rodano-Saone. Tuttavia, un pendaglio V secolo a.c. e di materiali della cultura di
grande maestria dei fondi tori. in bronzo originario di Golasecca era stato Golasecca, fase III A.
Il minerale di rame non era ricavato né ri- già identificato da M. Feugère, a testimo- Oltre al problema del confronto delle crono-
dotto in loeo. Oltre che in piccoli crogioli ben nianza del commercio tardo instaurato si con logie del Norditalia e del Mezzogiorno della
noti, cospicui quantitativi di bronzo, a quanto il Norditalia attraverso i passi alpini. Francia che così si pone, si è senz'altro co-
sembra, venivano fusi in grandi ricettacoli di Le ricerche recenti hanno provato un' asso- stretti ad ammettere che il sito di Bragny
argilla. Le tecniche di lavorazione riconosciu- ciazione molto stretta tra l'ultima fase del era dotato di un cospicuo potere di attrazio-
te rispondono a un'ampia gamma: matrici bi- sito e l'abbondanza di oggetti tipici della ne economica; la commercializzazione del
valvi in pietra, matrici a cera persa, fusione cultura di Golasecca: fibule del tipo Certosa ferro sembra, per il momento, esserne la r~-
di placche spesse, ritagliate col bulino, mar- (variante ticinese), fibule a sanguisuga e a gione più plausibile.
tellate e poi montate mediante ribatti tura e navicella, pendenti imbutiformi, bicchieri Si può aggiungere che i giacimenti di sal-
forse mediante brasatura, come lasciano sup- decorati di cerchi concentrici o, tra i reperti gemma di Lons-Ie-Saunier distavano solo
porre gocce di .stagno e di piombo. provenienti dagli scavi antichi, bicchieri de- cinquanta chilometri e sessanta quelli analo-
Le operazioni di finitura e di decorazione dei corati con cavallini stampigliati. ghi di Salins.
prodotti erano realizzate al tornio, col buli- La presenza di questi oggetti di vita quoti- L'assenza di resti di architettura difensiva e
no e eon la pietra pomice. diana ritrovati in abitazioni, contrapposti di tombe rilevabile intorno a Bragny raffor-
Gli oggetti incompleti o in corso di fabbri- agli oggetti di lusso restituiti dalle sepolture za per il momento la tesi dell'esistenza di un
c?zione dimostrano che gli artigiani produ- dei capi celti, permette di formulare l'ipote- centro politico in altra zona.

Frammenti di anfora commerciale massaliota Proiettili per fionda in ceramica e bicchiere


in ceramica dall'abitato di Bragny-sur-Saone di tipo golasecchiano dall'abitato
V secolo a. C. di Bragny-sur-Saone (Saone-et-Loire)
Chalon-sur-Saone, Musée Denon V secolo a. C.
Chalon-sur-Saone, Musée Denon

119
Bourges. Un complesso di abitati
sul promontorio
S. Delabessee Jacques Troadec

Le numerose scoperte compiute nella città e (metà e seconda metà del V secolo a.c.) re-
negli immediati dintorni già nell'Ottocento stituiti dal sito di rue de la Nation scavato
rendevano evidente l'importanza del sito di nel 1989.
Bourges alla fine della prima Età del Ferro. Un' altra caratteristica messa in evidenza da-
Le vestigia hallstattiane riportate allora alla gli studi più recenti è l'adozione di tecniche
luce provenivano dallo scavo di tu muli; tra importate per la fabbricazione di ceramiche
esse si contavano bronzi di origine etrusco- indigene, una parte delle quali (copie di mo-
italica (ciste, situle, oinoch6ai...), formanti delli etruschi e greci) eseguita al tornio.
uno dei più considerevoli complessi impor- La relativa abbondanza e la qualità del va-
tati a nord delle Alpi. sellame di importazione sul sito di Bourges,
Il sito di Bourges è su un basso promontorio al pari dell'impiego del tornio da vasaio nel-
che domina la confluenza dello Yèvre e del- la produzione locale hanno grande significa-
l'Auron, entrambi affluenti dello Cher (ciò to culturale. Si tratta infatti di fenomeni di
che spiega l'etimologia dell'antico nome del- acculturazione che presuppongono contatti
la città: Avaricum, che significherebbe regolari e saldi con culture lontane, soprat-
"Porta dello Yèvre"). Alla fine della secon- tutto mediterranee, ma anche la formazione
da Età del Ferro, Avaricum, capitale dei Bi- di una gerarchia sociale complessa dominata
turigi, era di importanza tale che Cesare nel da una potente élite. Questi fenomeni, sin-
De bello gallico non esita a definirla "città" tomi di una mutazione di vasto respiro delle
(urbs): "una città che è, starei per dire, la cognizioni tecniche e delle strutture econo-
più bella di tutta la Gallia e la forza e l'orna- miche, testimoniano un processo di passag- Abitati e necropoli del sito di Bourges (Cher)
mento del loro paese". gio a una cultura protourbana. Abitati: 1. Collège Littré, 2. Rue de la Nation
Le vestigia frutto delle vecchie scoperte ri- La distribuzione dei giacimenti archeologici 3. Saint Martin des Champs
velano molteplici influenze dell'Età del di epoca hallstattiana (insediamenti e sepol- Tombe con oggetti d'importazione
Bronzo finale, fenomeno che si spiega per la ture) a Bourges e nelle immediate vicinanze 4. Les Fonds Gaydons, 5. Saint Célestin
6. Route de Dun. Altre tombe, 7. Mazière
posizione strategica del sito di Bourges nel permette di impostare lo studio approfondi-
8. Pyrotechnie (localizzazione incerta
bacino della Loira. Si tratta infatti di uno to dell' organizzazione territoriale di un sito non indicata). L'area punteggiata corrisponde
dei passaggi obbligati degli scambi tra le la cui estensione e il cui ruolo politico spie- al complesso di santuari e di necropoli
aree continentali, mediterranee e atlanti- gherebbero i numerosi riferimenti nei testi della prima e della seconda Età del Ferro
che; e appare accettabile l'ipotesi che una antichi (Tito Livio, Cesare...)
delle vie di comunicazione tra il corridoio Infine, l'occupazione permanente del sito di
del Rodano e le ricche regioni stagnifere Bourges a partire dalla prima Età del Ferro
dell' Armorica passasse per il sito di Bour- - l'origine dell'insediamento è stata datata
ges. Durante la prima Età del Ferro, il con- almeno alla fine del VI secolo a.c. - com-
trollo di questo crocevia condizionò lo svi- prova che Avaricum è uno dei più antichi
luppo economico del sito e l'evoluzione del- oppida gallici e uno dei più notevoli.
la sua organizzazione politica con l'affer-
marsi di un gruppo dominante caratterizza-
to dall'uso di vasellame di lusso importato.
L'importanza che il sito aveva in epoca hall-
stattiana è ampiamente confermata dai re-
centi scavi condotti in tre punti dell' attuale
città a partire dal 1984. Sono stati studiati
livelli di occupazione della fine della prima
Età del Ferro, e sono così venute alla luce
ceramiche di importazione: anfore vinarie
di origine massaliota ma anche ceramica at-
tica di notevole qualità.
Queste sono rappresentate da frammenti di
coppe a figure nere con decorazione a pal-
mette (verso il 520 a.C.) e a figure rosse
(verso il 480-470 a.C.), da anfore a figure
rosse (verso il 480-470 a.c.) e da stdmnoi
(verso il 480-470 a.c.), tutti restituiti dallo
scavo del Collège Littré dove nel 1986 sono
state studiate tre fasi di occupazione succes-
sive della prima Età del Ferro; ancora da
frammenti di una coppa a figure rosse (verso
il 480-470 a.c.), di uno skyphos a figure ros-
se (seconda metà del V secolo a.c.), di una
coppa bassa a vernice nera (ultimo quarto
del V secolo a.c.) restituiti dal sito di Saint-
Martin-des-Champs scavato nel 1984; non-
ché da frammenti di vasi attici a figure rosse

Ceramica in situ sugli scavi dell'abitato


del Collège Littré a Bourges (Cher)
Fine del VI secolo a.C.

120
....

La fortezza del Kemmelberg Chiavetta fermamozzo di ferro placato di bronzo


André van Doorselaer dal Kemmelberg (Fiandre occidentali)
V secolo a. C.
Gand, proprietà privata

Il Kemmelberg gode di fama internazionale


dalla prima guerra mondiale grazie all'im-
portanza strategica della sua posizione, evi-
denziatasi durante la battaglia delle Fian-
dre. In seguito, l'archeologia ne ha rinnova-
to la celebrità riportando alla luce, nel corso
di prospezioni compiute tra il 1965 e il 196 7
e di successivi scavi (1968-80), un'impor-
tante fortificazione celtica. Il sito si colloca
al margine ~ordoccidentale dell'area inte-
ressata dal fenomeno dell' aristocrazia celti-
ca e allo stesso tempo costituisce il punto
più settentrionale delle importazioni di ce-
ramica greca nel VI e V secolo a.c.

I! sito
Il Kemmelberg appartiene al gruppo delle
alture occidentali delle Fiandre. Si colloca
sullo spartiacque tra l'Yser e la Lys, e rag-
giunge un'altezza di 155 metri. La sommità
si presenta a forma di pianoro ellittico, di
tre ettari se ci si rifà all'isoipsa dei centocin-
quanta metri o di otto ettari alla quota di
140 metri.
Il sito ha restituito materiali che vanno dal
Paleolitico medio al Neolitico.

L'oppidum celtico lame fine, per lo più lucente e con pareti tipo di situla allungata o di cratere, analoghi
Le tracce di una fortificazione. Un centinaio particolarmente sottili (da 1 a 4 mm), che a quelli dei recenti ritrovamenti effettuati a
di sondaggi ha rivelato tracce di terrazza- apparteneva soprattutto a vasi-situle e a bic- Kooigem (in comune di Courtrai, nella
mento, appartenenti a un sistema difensivo chieri carenati, a volte con decorazione geo- Fiandra occidentale).
abbastanza complesso, costruito e riadatta- metrica, e a scodelle e coppe carenate. La Altri ritrovamenti degni di nota. È opportuno
to a più riprese. A tale scopo, gli occupanti ceramica comune è generalmente da beige a s,egnalare due perle vitree, una azzurra l'al-
hanno saputo approfittare delle caratteristi- grigio-marrone, liscia o rugosa. Il repertorio tra olivastra, una perla costolata costituita
che topografiche del sito; così, per esempio, delle forme, abbastanza ampio, presenta so- da una foglia d'oro montata su un'anima di
un fossato largo e profondo venne scavato al prattutto coppe, bicchieri e grandi recipien- bronzo, un frammento di foglia d'oro recan-
margine del pendio e la sua terra di riporto ti per provviste. La ceramica comune ha te una decorazione plastica a gocce con un
è servita all' erezione dei bastioni. I terrapie- motivi geometrici, incisioni a pettine, im- motivo perlinato sul margine, un ornamento
ni erano a volte consolidati alla base da pressioni con il dito o con la spatola, protu- composito in bronzo, una caviglia in ferro
mucchi di pietre, e abbiamo trovato anche beranze allineate, nonché straordinari moti- (fermamozzo) di un carro munito di una
tracce di palizzate. Purtroppo, l'erosione e vi stampigliati composti da cerchietti e 10- placca decorativa in bronzo, un frammento
le opere compiute durante la guerra del sanghe con decorazione cruciforme. di braccialetto in scisto, un pezzo di fibula
1914-18 hanno livellato queste strutture di- L'insieme del materiale risale agli inizi del in bronzo, una applique in bronzo con moti-
fensive, come pure la maggior parte dei resti La Tène, come è rivelato soprattutto da una vo a conchiglia, che ha un parallelo in una
delle abitazioni. Una via di accesso era pos- cista e da un bicchiere "jogassiano" con de- oinoch6e di una tomba di San Martino in
sibile attraversasse i fossati a nord della col- corazione dipinta, che rivelano l'influenza Gattara presso Ravenna. Questo esemplare,
lina, ma non risulta fosse utilizzata durante marniana. Va ricordata anche l'importante come pure il frammento di ceramica attica,
tutta l'occupazione celtica. scoperta di un frammento di ceramica attica testimoniano i rapporti che gli abitanti della
Attività artigianale. Una terrazza del settore a vernice nera. fortezza intrattenevano con il mondo medi-
nord ha restituito tracce di produzione di Infine, il sito di Kemmelberg è caratterizza- terraneo.
ceramica dipinta, con scarti di cottura. to dalla presenza di abbondante ceramica L'impianto del sito è degno di nota per la
I! tumulo. Settecentoquaranta metri a sud- dipinta di produzione locale; si tratta di va- sua posizione strategica. Il Kemmelberg do-
est del centro dell' oppidum si ha un rialzo sellame di grandi dimensioni con pareti di mina infatti sia la campagna circostante sia
artificiale di 3,50 metri e di 30 metri di dia- uno o due centimetri di spessore, ben cotto la pianura costiera con l'estuario dell'Yser,
metro. Gli scavi hanno rivelato l'esistenza e formato da argilla impastata con materiali e ha potuto anche avere la funzione di cen-
di una fossa con orientamento est-ovest di organici, "chamotte", nonché granuli di tro di controllo del commercio marittimo, e
3 x 2 metri di lato e scavata per 0,75 metri quarzo o di selce frantumata. La superficie allo stesso tempo connessioni con l'attività
nel suolo vergine; siccome non abbiamo ri- esterna presenta scanalature orizzontali e agricola in corso nella piana, con lo sfrutta-
trovato né corredo né resti umani - il suolo motivi geometrici ravvivati da pittura rosso- mento di giacimenti di ferro delle colline
non era stato manomesso - supponiamo che vinaccia o marrone scuro, stesa sopra un in- terziarie e con la produzione del sale, di cui
il tumulo sia stato eretto in funzione di ce- gobbio beige. Questa ceramica ha un largo sono state ritrovate tracce a La Panne, Bru-
notafio. bordo caratteristico, con una scanalatura ges e Furnes. Il Kemmelberg riuniva pertan-
La ceramica. La ceramica è molto ricca e va- destinata ad accogliere un coperchio. Un to in sé le caratteristiche indispensabili a
ria. Comporta una grande quantità di vasel- frammento carenato induce a ipotizzare un ospitare un' aristocrazia celtica.

122
La fortezza di Chatillon-sur-Glane
Hanni Schwab

Da tempo erano note residenze principe- teri a figure nere, ky!ikes e skyphoi, molti Lesney sulla Loue, Bragny presso la con-
sche di epoca hallstattiana, con evidenti frammenti di anfore di varia qualità prove- fluenza del Doubs e della Saone e il Mont
contatti con il mondo mediterraneo, nella nienti dalla Francia meridionale e dall'Italia Lassois con un porto a Vix sull'alta Senna.
Germania meridionale (Heuneburg) e in e alcuni frammenti di vasi focesi, pseudofo- Indubbiamente lungo questa via dovevano
Francia (Mont Lassois), senza che nell'Alti- cesi e ionici. Inoltre, vi erano situle di tipo trovarsi anche altri centri di scambio, per
piano svizzero se ne fossero trovati paralle- atestino, con ogni probabilità di fabbrica- esempio sul lago di Neuenburg, che però so-
li. Anche se nel secolo scorso sull'Uetliberg, zione locale, e ceramica dipinta di rosso del no ancora da scoprire. Chàtillon permetteva
presso Zurigo, era stato scoperto un grande tipo Mont Lassois. certo un collegamento con il Reno passando
frammentO' di cratere greco a figure nere, Ceramica e fibule autorizzano un rimando per la Saane e l'Aare. Quale via seguissero
l'insediamento restava ancora da esplorare. culturale allo Hallstatt D2/D3 e pertanto le importazioni dalla Francia meridionale
Da parecchi tumuli dell'Altipiano svizzero una datazione dell'occupazione di Chàtil- per giungere nella valle della Saane e a Chà-
provenivano oggetti preziosi importati dal- lon-sur-Glàne in un periodo tra il 550 e il tillon, non è stato ancora scoperto.
l'ambito mediterraneo, ma mancavano pur 480 a.c. Importanti tombe a tumulo principesche
sempre i relativi insediamenti. Solo nel Chàtillon-sur-Glàne sorgeva lungo un'im- negli immediati dintorni di Chàtillon dimo-
1973 si giunse alla scoperta di Chàtillon- portante via commerciale che univa la Gre- strano la grande importanza di questo im-
sur-Glàne, allorché un ricercatore dilettante cia alla Bretagna e all'isola Cormouaille, pianto fortificato e non lasciano più dubbi
rinvenne su un cumulo di terra sei fram- nell'Inghilterra meridionale, ricche di sta- circa il fatto che si trattava di una sede prin-
menti di ceramica attica a figure nere, con gno allora richiesto in grandi quantitativi in cipesca del tardo Hallstatt.
frammenti di vasi decorati a incisione, e una Grecia per l'ingente produzione di bronzo. La collina che sorge nel Bois Murat, 2,4 chi-
fibula bronzea a doppio timballo, su uno In quel periodo i trasporti, anche per la lometri a ovest di Chàtillon, fu esplorata nel
sperone roccioso protetto da vallo e fossato, "rotta terrestre", nei limiti del possibile ve- 1909, in occasione di lavori edilizi, sotto la
alla confluenza della Saane e della Glàne. nivano effettuati su barche. Per cui i centri guida dell' Abbé Breuil. Qualche centinaio
Successivamente, grazie al generoso appog- di scambio avevano grande importanza, dal di metri più a sud, di recente, sono state
gio dello Schweizerischer Nationalfond fur momento che il trasferimento delle merci da scoperte, nei pressi di Matran, tre grandi
Wissenschaftliche Forschung e della Lote- battelli su carri e bestie da soma doveva ve- tombe con tumuli quasi completamente
rie Romande, ogni anno dal 1974 al 1988 nire protetto da attacchi. Per questa ragione spianati dai lavori agricoli. Il tumulo mag-
ebbero luogo scavi di sondaggio di parec- lungo la rotta commerciale che, passando giore sorge 1.800 metri a nord di Chàtillon
chie settimane i cui risultati sono quanto per il Norditalia, il passo del Gran San Ber- nel Bois de Moncor; aveva in origine un'al-
mai istruttivi. Il livello finora esplorato con- nardo, il Col des Mosses, la valle dello Hon- tezza di lO metri, e ancora oggi ha un dia-
teneva numerosi oggetti, purtroppo in parte grin e della Saane, l'Altipiano svizzero, il metro di 85 metri. Un sondaggio parziale ha
assai danneggiati, in bronzo, ferro e sapro- Giura, le valli del Doubs, della Saone e della dimostrato che si tratta effettivamente di
pelite, soprattutto fibule e armille, oltre a Senna, congiungeva la Grecia con la Breta- una formazione artificiale, ma attende una
una massa cospicua di cocci di argilla cotta, gna, si trovava una serie di centri di scam- ricerca più approfondita al pari di altri gran-
tra cui recipienti locali per derrate alimenta- bio che devono essere stati creati suppergiù di tumuli funerari nelle Daillettes e ad Au
ri, e di ceramica fine con vasi e tazze deco- nella stessa epoca. Essi sono Chàtillon-sur- Port. Dei tumuli di dimensioni minori della
rati a incisione. Per le importazioni dal sud, Glàne con un porto sulla Saane, Le Camp- necropoli nello Chàtillonwald, per il mo-
vanno ricordati oltre cinquanta cocci di cra- du-Chàteau de Sallin con il porto di Port mento ne è stato scavato uno solo.

?,.
~
~ 4 , .
. . ..
. ~: . .
",.
..

Ceramiche attiche a figure nere ritrovate Veduta aerea


a Chàtillon-sur-Gldne del sito di Chdtillon-sur-Gldne

123
.

oD
"
\~
Ni(

~"'eri

- "~
r
Kemmelberg - ~~ fal l
~
"
Eygenbllsen zt eld Steinsj:JUrg

L'Eglise-
Ameis- iesbaeh
pstiidten
)Weiskirehen
.
,
~~ arheh
. osth~im

_Waldgallseheid l
\

l
.'
'

~,
G . " !l
Ferseh~eller-
Altner- ~ ,
Se rzen che-
Rod nbaeH ~
berg

St Jean-sur- Tourbe
Somme-Bionne
-
la Chepp~
l;3esseringen-

Freisen- Heid berg


/ Ba
Il -.
tirkheim
~I
~/;"'e
iLes Jogasses- - _Mar on
Mair y .
Sehwieberd' gen.
Reinheim-
. [ Par:
I.
Villeneu e-Renneville-
KI '

el sperge /Donal
Vert-Ia- aVelle

~La
\
Motte-St val
.
in A,
HaI gerlingeJ' 1
CriesbachI
. .~
ZO?;"e~ - -Aig.,ay-Ie-I)ue Obeoottfghtil1sen
Vix_, ~ ",

St Denis-de-P:lin~Besinçon-

./
\) ~co
.
Bormi~

ti

"V'
- Corno
Golaseeea ti
Po
San Polo
~
d'Enzal

.
Ensérune-

~'i

q
-
La formazione della cultura lateniana
V secolo a.C.

OZ C:J

1;';)
\1' Rilievo al di sopra dei 500 m

~ "
o ]00
I
chilometri
200
,

WÙ/à

0.0

~
IO Urg

~
l
:th im
' Borsch. Panen€k
.1 " Kadan. Tyne
:id .. Horovicky8 .
~rg ,Manètin8" /J /:8C h 'ILipenicy
:h(\ ) .!MatZhaU Sen"" 8'
.t8_l yn O v ' .

~ '\j KSlce .Z(j;yi~t , ,,


"'-
,
elm
~ Nova Hut HoroviCè
,
"""", ,
Hlubyne8,.
"

'
' . .DraZ'i 'C'"'k.Y
Hradiste
Parsberg u Pisku
" ,
i. . .Roseldorf
!
l£",
,, DonauKut:Iem

erzogenburg
.
.

.. !t'
. ,. . . .""".
,
"
. .Stupava
eopoldau-
,

Bucany
lUSen Skt p o Itèn
lDiirrnberg
. .
Hallstatt

~
30rmio8

)mo
J.;;qbq

m Polo
l'Enza8
~
~
\i

"\ ~
D =
==' '"

==
~
Ròma
o O
D
c;!J
O
(\

L \ )n <J
..
Otto Hermann Prey La formazione della cultura
di La Tène nel V secolo a. C.

Vista del tumulo di Kleinaspergle La nuova epoca prende nome da un celebre sito archeologico della Svizzera. Ancora una volta
(Baden- Wurttemberg)
V secolo a.c. sono soprattutto ritrovamenti nelle necropoli a fornirci un'immagine dei Celti. A essi si ag-
giungono gli stanziamenti, nessuno dei quali è stato però indagato in maniera neppure lonta-
namente paragonabile a quello della Heuneburg dello Hallstatt finale. Vanno inoltre ricordati
materiali deposti in acque o in altri depositi cultuali. Mancano tuttavia testimonianze scritte.
Caratteristica per questa nuova epoca è una produzione artistica ancora una volta soggetta
a evidenti influenze dell' ambito mediterraneo, che tuttavia non portarono solo a imitazioni,
più o meno ben riuscite, di modelli greci o etruschi, come possiamo considerare alcune opere
del "mondo dei principi" dell' epoca di Hallstatt, ma diedero il via a nuove creazioni all'inter-
no di una produzione artistica inconfondibile e originale.
Si tratta, ancora una volta, solo di arte minore, ornamenti, recipienti, armi, parti di carro,
e oggetti simili. Sculture litiche di maggiori dimensioni, per lo più stele, ci sono pervenute
solo sporadicamente, ma anche esse per la resa delle teste che le coronano o per le braccia
solo accennate, non vanno interpretate come rappresentazioni plastiche vere e proprie, bensì, "-
come è ben dimostrato dal pilastro di Pfalzfeld, sostanzialmente solo come supporti di una
decorazione.
Come è ovvio, tra i materiali si hanno anche altri segni di una svolta di ampia portata che
delimita i confini dell'epoca. Si formano nuovi centri di importanza regionale. Nelle tombe
maschili compare un armamento di nuovo tipo ed è riconoscibile anche un rituale funerario
frutto di concezioni mutate. Nelle tombe non venivano più deposte, come all'epoca di Hall-
statt, soltanto poche armi tipiche, da interpretare soprattutto quali simboli di posizione socia-
le; ora invece il defunto fa il suo ingresso nell' aldilà quale guerriero armato di tutto punto.
Allo stesso modo, i "carri da guerra" a due ruote prendono il posto dei carri funerari a quattro
ruote di Hallstatt nel caso di uomini ricchi, e non di rado anche in forma di veicoli più leggeri
per le donne.
Più avanti si giunse a un cambiamento nel costume. Del corredo dell'uomo fa parte adesso
un cinturone con ganci caratteristici; e anche le fibule, che tanto risentono della moda, mo-
strano forme chiaramente diverse. Può trattarsi solo di una manifestazione esteriore del pri-
mo periodo del La Tène, ma anche in ambito territoriale più vasto si notano accenni a nuove
idee o a cambiamenti politici o sociali.

Destino storico dei "principi" del mondo hallstattiano occidentale


Come si è manifestato questo cambiamento nel territorio che era stato il cuore del mondo
hallstattiano occidentale, che aveva determinato in così ampia misura lo sviluppo culturale
dell'Europa centrale? Sulla soglia della nuova epoca un incendio catastrofico aveva distrutto
la Heuneburg, e neppure le necropoli dei dintorni hanno restituito reperti appartenenti al pri-
mo periodo del La Tène.
Ben diversamente si presenta il quadro nella regione dello Hohenasperg. Circa un chilometro
a sud dell'altura si trova il Kleinaspergle, anch'esso una tipica "tomba principesca" a tumulo
e anch'essa esplorata già nel secolo scorso. La camera principale era stata saccheggiata, ma
era rimasta intatta una grande camera laterale in cui si trovavano, quale corredo funerario
di uno o più defunti, due coppe greche della metà del V secolo, uno stamnos bronzeo etrusco,
una brocca di produzione locale su modello etrusco, due corni potori, una cista cordonata e
un grande bacile, che componevano dunque un cospicuo servizio da simposio. A questi ogget-
ti si aggiungevano ornamenti in oro, un gancio da cinturone in ferro e altro ancora. L'inventa-
rio della tomba richiama immediatamente alla memoria quelli di vicine "tombe principesche"
hallstattiane.
Ancora una volta i vasi potori importati dall' estero giocano un ruolo importante; tuttavia si
tratta adesso, nel caso della brocca di produzione centroeuropea e degli oggetti da abbiglia-
mento, di tipici prodotti del La Tène iniziale.
Il nuovo linguaggio artistico è ben rivelato dalla brocca che imita una brocca a becco etrusca,
(Schnabelkanne), come quelle che ci sono note dalla tomba hallstattiana di Vix in Francia o

127
da altre inumazioni del La Tène iniziale. La forma però è affatto diversa, nel senso che le
proporzioni sono alterate, acquisendo carattere dinamico: la spalla aggetta quasi orizzontal-
mente, la parte inferiore è allungata e presenta una lieve curvatura. Ma è soprattutto l'ansa
a rivelare divergenze rispetto ai modelli etruschi. Per la testa all' attaccatura inferiore dell' an-
sa si potrebbe pensare, a causa delle orecchie appuntite, a un satiro come quello sulle attacca-
ture dello stamnos etrusco della stessa tomba; tuttavia le orecchie, anziché essere collocate
lateralmente, .si drizzano al di sopra del capo. Non soltanto gli occhi, ma anche fronte, guan-
ce, naso e mento si espandono in volumi sferici e la barba fluisce, senza chiare delimitazioni,
in un ornamento a forma di foglie di palmette sovrapposte. Volti deformati allo stesso modo
mediante un' eccessiva accentuazione delle singole parti si trovano nella parte superiore del-
l'ansa. Mentre la deformazione delle teste di animali nei prolungamenti laterali dell' ansa risul-
ta meno evidente, la "testa umana" posta in mezzo ci appare quale una raffigurazione grotte-
sca che non può essere più interpretata, nella sua esagerazione, quale riproduzione di alcunché
di reale.
Teste fantastiche del genere, che ci introducono al particolare mondo della raffigurazione cel-
tica, sono presenti su vari prodotti della cultura artistica lateniana antica. Anche la brocca
stessa ha confronti assai vicini in ritrovamenti del Diirrnberg nei pressi di Hallein, della Bor-
scher Aue nei pressi di Salzungen e di Basse-Yutz sulla Mosella. Quanto a proporzioni e deco-
razioni, esse si distaccano nettamente dai loro modelli meridionali. H difficile lavoro di sbalzo Intero e particolare di una brocca
e i procedimenti di fusione impiegati mostrano, nel caso specifico, il più alto livello qualitati- di bronzo da vino di origine etrusca
con decorazione celtica
vo per quanto concerne la lavorazione del bronzo dell' epoca e inducono a pensare a ottime finemente incisa
officine. Se ci si rifà alle splendide opere in metallo delle "tombe principesche" dell' epoca agli inizi del IV secolo a. C.
Provenienza ignota
di Hallstatt, nonostante il cambiamentò stilistico, si potrebbe ipotizzare una tradizione arti- Besançon
gianale senza soluzione di continuità. Musée des Beaux-Arts et d'Archéologie

Le due coppe greche devono essere apparse ai Celti estremamente preziose, dal momento che
antiche fratture risultano riparate con graffe di bronzo e le linee di frattura sono in parte rico-
perte con placchette d'oro foggiate a comporre una singolare ornamentazione aggiuntiva. So-

128
r La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a.c.

no riconoscibili singole foglie o elementi a forma di foglia che confluiscono l'uno nell' altro,
ma anche elementi a forma di fiore composti interamente da foglie del genere, simili alla bar-
ba a palmette della testa all' attaccatura inferiore della brocca bronzea. Gli artigiani che lavo-
ravano il bronzo e gli orafi traevano dunque lo spunto dallo stesso repertorio di prototipi.
Indubbiamente gli elementi a forma di foglia sono da riferire alla decorazione fitomorfa classi-
ca. Pure essi sono ormai indipendenti dai motivi originari. Al contrario, per esempio l' "imma-
gine a forma di fiore" mostra le foglie collegate in maniera nuova in esatti archi di cerchio.
Altri oggetti d'oro restituiti dalla tomba rispondono a principi compositivi simili.
A tutt' oggi, la camera laterale del Kleinaspergle rappresenta l'unica "tomba principesca" indi-
viduata nella zona attorno allo Hohenasperg appartenente già all' antico La Tène. Con ogni
probabilità essa è espressione dell'ultima fase della dinastia che regnava sull' Asperg. Ben dif-
ficilmenteinfatti il complesso può essere diviso da un lungo lasso di tempo dalle tombe tardo-
hallstattiane, come quella del Grafenbi.ihl o del Romerhi.igel. Il nuovo stile decorativo, propo-

A
~rr;;
.~.
sto dai lavori in bronzo e in oro, compare per noi all'improvviso senza che, almeno in questo
territorio, sia riconoscibile una prolungata fase sperimentale. A dare il via a una così rapida
mutazione della produzione artistica sono stati singoli artisti geniali formatisi nell' ottima tra-
dizione artigianale locale? Oppure la genesi del nuovo stile va ricercata in un' altra regione,
forse il territorio mediorenano? Sono interrogativi che in questa sede non possono venire ul-

~~ ~
teriormente approfonditi. Tuttavia, nel territorio centrale di quello che era stato l'ambito
hallstattiano occidentale si hanno "tombe principesche" più tarde, che provano come non
ovunque si sia verificata una &attura nello sviluppo, ma come altri centri hallstattiani abbiano
continuato a sussistere anche durante il primo periodo del La Tène.

~~Q~
Solo pochi anni fa sull'Uetliberg sovrastante Zurigo sono stati trovati, in una grande tomba
a tumulo saccheggiata, due piccoli dischi ornamentali in oro la cui decorazione fitomorfa risul-
o o ta strettamente collegata a quella del Kleinaspergle. Due "tombe principesche" con oggetti
Particolari ornamentali degli oggetti
di corredo di importazione mediterranea, una delle quali era la sepoltura di un uomo armato
di Kleinaspergle e l'altra una tomba femminile contenente tra l'altro uno specchio bronzeo, del pari riconduci-
(comprensorio di Hohenasperg
Baden- W iirttemberg)
bile a prototipi classici, sono state scoperte nel grandioso tumulo "La Motte-St.-Valentin",
Seconda metà del V secolo a. C. nei pressi di Courcelles-en-Montagne nel dipartimento dell'alta Marna. Più a oriente, singole
Stoccarda
W iirttembergisches Landesmuseum
inumazioni del Di.irrnberg nei pressi di Hallein, allora il centro più importante del Salzberg-
bau, nel quale si è avuta anche una concentrazione di diversi, numerosi rami di attività indu-
striale, possono essere designate quali "tombe principesche". Un po' più lontano, anche la
necropoli di Hallstatt ha restituito una "tomba principesca" del La Tène antico. Il fatto che
in diverse località le S:-'.utture sociali, che riconosciamo dalle "sepolture principesche", conti-
nuassero a sussistere ancora in epoca del La Tène antico è provato da altri prodotti, di livello
artistico particolarmente elevato, provenienti da tombe più semplici o anche da stanziamenti;
per cui possono essere stati creati solo da artigiani specializzati nell' ambito di una società con
una stratificazione culturale differenziata.

Decorazione antropomorfa
Tra i prodotti che compaiono con maggiore frequenza, vanno ricordati in primo luogo le fibu-
le ornate con teste umane, di animali o di creature fantastiche simili a quelle che decorano
la brocca bronzea del Kleinaspergle. Per le teste umane o le immagini di fantasia, si è fatto
ricorso alla definizione di "maschere". Di conseguenza si parla di fibule a maschera. Sebbene
riemerga di continuo la tendenza a scomporre i volti umani in singole forme, per esempio ac-
centuando fortemente le sopracciglia, gonfiando gli occhi, i nasi e le guance e soprattutto le
bocche - sovente con l'aggiunta di barbe - tuttavia si hanno numerose opere in cui la defor-
mazione è minore. La ricchezza del repertorio è notevole, tutti i pezzi risultano individual-
mente fusi con successiva rifinitura delle loro superfici. Barbe e capelli non di rado si trasfor-
Fibula di bronzo "a maschere" mano in composizioni fitomorfe, pur non mancando l'accenno ad acconciature vere e proprie.
da una tomba di Obenvittighausen
Seconda metà del V secolo a. C. Molto spesso le teste presentano lateralmente grandi riccioli. Le orecchie, solo di rado indica-
Karlsruhe, Badisches Landesmuseum te, possono, trasformate in appuntite orecchie animalesche, spostarsi sopra il capo. Le grandi

129
Fibula a maschere di bronzo Fibula a maschere di bronzo Fibula a maschere di bronzo
da Kfice (Boemia) da Novd Hut' (Boemia) con incrostazioni di corallo
Seconda metà del V secolo a. C. Seconda metà del V secolo a. C. da Chynov (Boemia)
Pilsen, Zdpadoceské Muzeum Pilsen, Zdpadoceské Muzeum Seconda metà del V secolo a. C.
Praga, Ndrodni Muzeum

strutture a forma di foglia accanto o al di sopra della testa - a volte simili a orecchie gigante-
sche - sono tipiche dell' epoca e devono aver avuto un particolare significato simbolico, a pro-
posito del quale possiamo formulare solo ipotesi. Alcuni volti appaiono glabri, ma per lo più
portano baffi quali quelli che in seguito divennero una caratteristica individuante dei Celti.
Pure, la barba completa è più frequente.
Sono rarissime le figure umane intere. Un buon esempio è fornito dalla fibbia di Manetln
nei pressi di Pilsen in Boemia. Il corpo, sovrastato da una testa quanto mai espressiva, è appe-
na accennato. Le braccia sono rattrappite e piccole cavità nel petto ospitavano un tempo in-
serti di corallo o di ambra. Al pari di un etrusco, l'uomo raffigurato indossa pantaloni corti
decorati da solchi destinati ad accogliere intarsi. Assai meglio sono eseguite le gambe. Ai piedi
la figura porta calzari con la punta ricurva di derivazione etrusca.
Ancora più interessante è una fibula del Diirrnberg sulla quale compare un uomo tutto vesti-
to. È riconoscibile una sottoveste coperta da una veste con davanti i lembi leggermente so-
vrapposti, cui s'aggiungono ampi calzoni a pieghe, un esempio delle celebri bracae galliche
quali ci sono note, in epoca successiva, da testimonianze romane. Non è del tutto chiaro se
anche quest'uomo ha ai piedi calzari con la punta ricurva.
Solo poche altre opere di questa epoca forniscono immagini dettagliate dei primi Celti. Dal
margine settentrionale del territorio fin qui trattato, precisamente da una tomba di Kiirlich
nei pressi di Coblenza, proviene un piccolo elemento a forma di cavaliere, ritagliato in una
lamina di bronzo. Capelli e barba sono accennati mediante una sottile punzonatura, non tutte
le linee della quale risultano chiaramente interpretabili. Altre linee dovrebbero delineare la
muscolatura. È anche presente un fallo in erezione. Un lieve ingrossamento sull'avambraccio
indica probabilmente un bracciale. La mano regge le redini. Le gambe, eccessivamente corte,
sono riconoscibili sul corpo del cavallo. Il cavaliere porta a tracolla una tipica spada lateniana
antica. Del massimo interesse è un altro oggetto di forma sferica che pende dal polso. Si tratta
senza dubbio della testa mozza di un nemico, un tipico segno di vittoria di cui danno notizia
parecchi storici antichi per le epoche più tarde. Così per esempio, Strabone (IV, 4.5) riferisce,
citando Posidonio: "Al ritorno dalla battaglia, essi appendono le teste dei nemici uccisi al col-
lo dei cavalli e le portano con sé per inchiodarle all'ingresso della propria casa".

130
l'''

La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a. C.

Parte centrale del fodero di bronzo Senza dubbio le raffigurazioni più interessanti dei primi Celti sono quelle incise sul fodero
a decorazione incisa, dalla tomba
n. 994 di Hallstatt (Alta Austria) della celebre spada proveniente dalla necropoli di Hallstatt. La tomba, anch' essa definibile
Seconda metà del V secolo a. C.
come sepoltura principesca, ha restituito anche due lance, un elmo in ferro e un grande coltel-
Vienna, Naturhistorisches Museum
lo. Tra i vasi potori è giunto fino a noi un imbuto munito di colino che serviva a filtrare una
bevanda inebriante prodotta con erbe aromatiche, o forse vino importato dal sud. Imbuti si-)
mili sono ampiamente testimoniati nell'Italia centrale.
La spada porta una complessa raffigurazione scenica, unica nel mondo celtico iniziale e che
si spiega solo sulla scorta di influssi irradiati dalla toreutica dell'Italia settentrionale e dell' am-
bito alpino sudorientale, la cosiddetta arte delle situle, che in ultima analisi si riconnette alla
produzione artistica etrusca. Nella campitura più ampia del fodero compare un corteo di guer-
rieri, indubbiamente celti. A tre fanti con calzari a punta rostrata, armati con lance e con
il tipico scudo ovale, fanno seguito quattro cavalieri, il secondo dei quali trafigge con una lan-
cia un nemico giacente al suolo. I cavalieri appartengono senz' altro alla classe dominante, co-
me è rivelato dal loro migliore armamento. Oltre che di lancia, uno di essi è munito anche
di una caratteristica spada. Inoltre, i cavalieri indossano elmi in tutto e per tutto simili a quel-
lo di ferro trovato nella stessa tomba. Non è del tutto chiaro se la parte superiore dei corpi
sia protetta da una corazza di un tessuto a quadretti o di cuoio - protezione indispensabile
per i cavalieri privi di scudo - sotto la quale compare una camicia più lunga, sempreché - come
risulterebbe dal secondo cavaliere - non si tratti semplicemente di un solo indumento con
cintura. Caratteristici sono i calzoni operati, in questo caso aderenti, e ancora una volta si
hanno calzari a punta rostrata. Degno di nota, infine, uno stendardo sulla spalla del primo
cavaliere, che lo indica quale comandante. Insegne del genere ci sono note, anche in questo
caso, in Italia; le redini sono ornate di dischi; in particolare il treno posteriore dei cavalli è
eseguito nel tipico stile ornamentale celtico.
L'eccezionale raffigurazione, in cui si mescolano elementi stranieri e celtici, offre dunque
l'immagine più antica di uno di quegli eserciti celti tanto temuti, come risulta dai resoconti
più tardi. Diversamente dal mondo mediterraneo, dove ancora in quell' epoca a decidere delle
sorti della battaglia erano solitamente soldati appiedati, pesantemente corazzati e in forma-
zione serrata (la falange), qui i fanti appaiono armati alla leggera e pertanto più mobili e pronti
all' attacco. Particolarmente efficaci sembrano i ben armati cavalieri, evidenti predecessori dei
temibili cavalieri nobili sui quali richiama l'attenzione Cesare nella sua cronistoria della guer-
ra gallica.
Ben poco possiamo dire, invece, circa le altre scene raffigurate sul fodero della spada. Nelle
campiture che incorniciano la sfilata dei guerrieri sono rappresentati due uomini riccamente
vestiti che reggono una ruota tra loro. Si tratta forse di un simbolo divino? Non siamo in
grado di interpretare le immagini e altrettanto può dirsi del gruppo dei tre uomini intenti a
Fibula antropomorfa di bronzo combattere tra loro nella campi tura sulla punta del fodero.
dalla tomba n. 71/1 dell'area
dell'Eisfeld, Diirrnberg
presso Hallein (Salzburg) Animali ed esseri fantastici
Seconda metà del V secolo a. C.
Hallein, Keltenmuseum Dalla insolita successione di immagini sceniche della spada di Hallstatt torniamo adesso alle
fibule riccamente ornate e ad altre opere pure decorate con particolari figurativi.
In questa fase iniziale sono ancora rare immagini zoomorfe intere. A essere relativamente fre-
quenti sono solo fibule a forma di cavallino, che soprattutto in Italia hanno una lunga tradi-

131
r

Fibula di bronzo a doppia testa Fibula di bronzo a forma di scarpa


d'uccello con applicazioni di corallo da Wien-Leopoldau (Austria)
dal VaI de Travers (Neuchatel) Seconda metà del V secolo a. C.
Seconda metà del V secolo a.c. Vienna, Naturhistorisches Museum
Neuchatel
Musée Cantonal d'Archéologie

zione e nell'Europa centrale sono presenti già in ambito hallstattiano. La loro struttura forma-
le è però adesso adeguata ai nuovi tempi, come è rivelato dalla più forte accentuazione delle
singole parti del corpo. Sono note a tutt' oggi solo dal Diirrnberg fibule con l'arco a forma
di cinghiale. Tra i ricchi ritrovamenti di questo sito si hanno inoltre più volte fibule in forma
di uccello in volo. Una fibula con gallo proviene dalla "tomba principesca" di Reinheim nel
Saarland. In un' altra fibula di Langenlonsheim nella media Rèfiania è forse riconoscibile un
leone il cui capo presenta tuttavia tratti umani. Grandi animali da preda ornano le già citate
brocche a becco del Diirrnberg, della Borscher Aue e di Basse-Yutz.
In queste ultime raffigurazioni è inconfondibile il carattere mediterraneo delle immagini leo-
nine, e ciò vale anche per altri animali favolosi presi a prestito dall' ambito mediterraneo. Al-
cuni animali da preda si presentano alati, come per esempio i leoni sul fermaglio di cinturone
di Stupava nella Slovacchia occidentale. Sul gancio di cinturone di Weiskirchen nel Saarland
I
due coppie di sfingi barbute incorniciano una testa umana. Infine, sulle fibbie di cintura della
Champagne sono rappresentati grifoni.
Accanto a questi compaiono figure fantastiche, a quanto sembra appartenenti in esclusiva al
repertorio celtico. Basterà ricordare, oltre alla già citata fibula con leone con volto umano
di Langenlonsheim, una figura equina con volto umano barbuto che orna il coperchio della
brocca proveniente dalla tomba di Reinheim nel Saarland. Cavalli con testa umana compaio-
no più tardi anche su monete celtiche.
Solo assai di rado in ambito lateniano antico orientale ci si imbatte in rappresentazioni zoo-
morfe paragonabili alle scene sul fodero della spada di Hallstatt. L'esempio migliore è offerto
dalla fiasca di terracotta di Matzhausen nel Palatinato superiore, sulla cui spalla è inciso un
fregio con animali selvatici. Probabilmente si tratta di quattro coppie di bestie maschili e fem- Fibula a maschere di bronzo
minili, un cinghiale e una scrofa, un cervo e una cerva, due caprioli e due oche di sesso oppo- da Slovenské Pravno (Slovacchia)
Seconda metà del V secolo a. C.
sto. A questo s'aggiunge un animale da preda intento a dare la caccia a una lepre.
Nitra, Archeologicky ustav SAV
Per lo più a ornare i fermagli per abiti e altri oggetti sono solo teste di animali. Le più frequen-
ti sono quelle di uccello. Molto spesso sono rese in maniera così sintetica, da rendere impossi-
bile un'interpretazione esatta. Più volte tuttavia è possibile distinguere con esattezza uccelli
acquatici, antico simbolo ricorrente già alla fine del periodo di Hallstatt nell' ambito occiden-
tale di questa cultura. Più frequenti sono tuttavia uccelli da preda - prima ignoti - muniti
di becco ricurvo. Per quanto riguarda altre teste di animali, sono documentate in misura note-
vole solo quelle di ariete. Inoltre, spesso motivi a lira si aggiungono a teste di grifoni. Elevato
è infine il numero delle teste di creature fantastiche con orecchie appunti te e tratti del volto
esagerati.
Più volte, animali favolosi fiancheggiano maschere umane. Basterà ricordare ancora una volta
il fermaglio di cintura di Stupava, il gancio di cinturone di Weiskirchen, oppure un anello
d'oro di Rodenbach nel Palatinato. Ancora, per esempio sulle fibule, si hanno anche combina-

132
f..
-
Gancio di cinturone in bronzo Gancio di cinturone in bronzo
da Stupava (Slovacchia) da Zelkovice (Boemia)
Seconda metà del V secolo a. C. Seconda metà del V secolo a. C.
Bratislava Praga, Ndrodni Muzeum
Slovenské Ndrodné Muzeum

zioni di maschere umane e di teste di creature fantastiche, ma non mancano neppure masche-
re accoppiate-a teste di uccelli o di arieti. Così, per esempio, l'attaccatura superiore dell' ansa
della brocca di Reinheim è ornata da una testa d'ariete sotto una maschera umana, motivo
che ricorre ridotto sulla brocca proveniente dalla tomba di Waldalgesheim sul medio Reno,
documentato anche in epoca successiva sugli ornamenti in argento di Manerbio, in provincia
di Brescia. Il torquis d'oro proveniente dalla tomba di Reinheim mostra invece teste di falchi
sovrastanti teste umane.
Senza dubbio queste raffigurazioni, sia singole che nelle combinazioni, al di là della resa reali-
stica, sono parte integrante del complesso repertorio di immagini magiche del mondo celtico.
Non sono mancati tentativi di spiegare alcuni motivi alla luce della documentazione che ci
giunge dalle epoche successive, per esempio vedendo negli animali attributi di precise divinità
ovvero gli dei stessi. Il cavallo a testa umana di Reinheim potrebbe essere Taranis, i motivi
a foggia di ariete sarebbero da attribuire a Teutates, e via dicendo. Comunque, a causa del
lungo intervallo di tempo che separa queste immagini dalla più tarda documentazione, nel cor-
so del quale molte cose possono essere cambiate, queste dirette connessioni non possono che
restare a tal punto ipotetiche da rendere impossibile una più precisa determinazione.
Tuttavia il significato che i Celti attribuivano a queste piccole opere d'arte figurative, come
le fibule con maschere, è reso evidente anche dal fatto che in Germania un numero tutt' altro
che insignificante di esse proviene da stanziamenti. È difficilmente ipotizzabile che si tratti
di casuali perdite di queste componenti relativamente preziose del vestiario. Qualora non sia-
no finite nel terreno durante distruzioni dell' abitato, è lecito pensare quindi a depositi inten-
zionali, per motivi religiosi.
Fibula di bronzo con uccello I prodotti figurativi di questa fase precoce della cultura di La Tène si prestano ad essere orga-
e testa ovina, da Panensky Tynec nizzati in gruppi regionali, nell' ambito dei quali avevano sede le officine, e a rendere ciò parti-
(Boemia)
Fine del V secolo a. C.
colarmente manifesto sono le fibule. Così, per esempio, forme simmetriche con maschera
Praga, Ndrodni Muzeum doppia si concentrano nel medio territorio renano, mentre invece altre con arco asimmetrico
e allungato si trovano più a oriente. Non soltanto determinati motivi, come il cinghiale o l'uc-
cello in volo - ma vi sono anche fibule non figurative a forma di scarpa - ma pure la disposi-
zione della decorazione figurativa provano che queste opere venivano prodotte nel già più
volte citato sito centrale del Diirrnberg, nei pressi di Hallein. Una fibula a maschera rimasta
incompiuta è stata trovata sul Kleiner Knetzberg nella bassa Franconia e testimonia di una
corrispondente attività artigianale in questo stanziamento fortificato su altura.
Se si prendono a esempio le maschere umane, è facile constatare come i pezzi ornamentali
e altri oggetti con decorazione figurativa non si concentrano solo nel precedente territorio
hallstattiano nella Germania sudoccidentale, ma anche e soprattutto nella zona renana media,
sulla quale ci soffermeremo ancora, e più a est. In Svizzera e in Francia, al contrario, mancano
quasi del tutto, come si può desumere da una carta distributiva delle fibule a maschera. Solo

133
!
oJ
nel periodo successivo questo motivo ornamentale risulta capillarmente diffuso anche a ovest,
e lo stesso può dirsi per la decorazione con teste di animali e con animali interi. Un' eccezione
è costituita dai grifoni, reperibili proprio nella Champagne.

Influenze dall'Italia
Nel primo periodo del La Tène, fu il Norditalia a costituire il più importante terreno di con-
tatto tra i Celti e le culture mediterranee. Già a partire dalla seconda metà del VI secolo a.c.,
~
nella regione si aveva una forte presenza di Etruschi che vi avevano fondato numerose colo-
nie. Inoltre, nel territorio veneto, nell' alta valle dell' Adige e più a est ancora, fino in Slove-
nia, si era sviluppata una produzione artistica, la cosiddetta arte delle situle, che, per esempio
nelle sue rappresentazioni figurali sceniche, rivela stretti nessi con le creazioni artistiche
greco-etrusche.
È stato ampiamente dimostrato che i Celti solo in via eccezionale prendevano dal ricco lin-
guaggio figurativo del sud intere scene e che al contrario l'ornamentazione figurativa delle
loro opere andava da un realismo decorativo al magico-simbolico. Casi particolari si spiegano
con suggerimenti provenienti dall' ambito dell' arte delle situle. Che con questo esistessero

~
rapporti, è rivelato senz' ombra di dubbio dall' esecuzione formale di singoli motivi, in partico-
lare i leporetti impressi su una tazza in terracotta di Libkovice in Boemia, come pure una
lepre su una lamina di cintura di Vace in Slovenia e l'ornamento in osso a forma di uccello

~
s...::'O
del Diirrnberg, accostabile a un uccello volante della situI a di Vace.
Ulteriori contatti attraverso le Alpi sono resi evidenti per esempio dalla forma di numerose .

fibule a maschera, il cui arco ricorda quello delle fibule norditaliche. Gli specchi delle ricche
dame celtiche non possono che risalire a modelli etruschi. Si è già ripetutamente richiamata
l'attenzione su vasellame éneo etrusco importato e sulle sue imitazioni celtiche. Anche nella

~
resa di singole figure trovano inequivocabile riflesso precedenti etruschi. Basterà citare alcuni
esempi: i numerosi volti umani dove i capelli sono delimitati da una linea orizzontale hanno
esatte corrispondenze in Etruria. Un esempio particolarmente degno di nota è offerto dalla
guarnizione in oro di una "tomba principesca" di Schwarzenbach nel Saarland, dove in corri-
spondenza di questa linea compaiono ancora piccoli riccioli. Che i grandi riccioli pendenti

Motivi zoomorfi. Dall'alto: oggetto


in osso dal Diirrnberg, situla
di bronzo di Vace,
placca di bronzo di Vace
stampiglia su ceramica da Libkovice
V secolo a. C.

Carta di distribuzione delle fibule


lateniane a maschere
del V secolo a.C.

134
..

Guarnizione di una coppa in foglia La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a.c.
d'oro traforata e lavorata a sbalzo
dalla tomba principesca del tumulo
n. 1 di Schwarzenbach (Renania)
Seconda metà del V secolo a. C.
Berlino,
Staatliche Museen. Antikensammlung
Preussischer Kulturbesitz

135
Particolare e relativa ricostruzione
della guarnizione figurata
in foglia d'oro lavorata
a sbalzo, dalla tomba
principesca del tumulo n. 1
di Schwarzenbach (Renania)
Seconda metà del V secolo a.c.
Berlino,
Staatliche Museen, Antikensammlung
Preussischer Kulturbesitz

lateralmente abbiano la stessa origine, lo si è già detto, e lo stesso vale per gli animali da preda
di aspetto leonino. Le loro lingue pendule, come per esempio sul fermaglio da cintura di Stu-
pava - ma anche i leoni sull' orlo della Schnabelkannedel Diirrnberg presentano lingue o viticci
uscenti dalle fauci - costituiscono da questo punto di vista un particolare eloquente. Da Wei-
skirchen nel Saarland proviene un frammento di fibula con un leone munito di doppio corpo,
e in Etruria analoghe figure doppie sono frequentissime. La testa tuttavia ricorda più quella
di una civetta, che ripetutamente compare su opere celtiche. Pure, la stilizzazione rimanda
inequivocabilmente all'immagine leone-pantera.
Si potrebbero moltiplicare confronti del genere, a dimostrazione che i Celti si lasciarono in-
fluenzare soprattutto dal lessico figurativo di provenienza dall'Italia, elaborando ne le forme
onde pervenire a una specifica espressione del loro mondo figurativo.

Possibili influenze orientali


È stato soprattutto il grande archeologo Paul Jacobsthal a ipotizzare, nei suoi fondamentali
studi sull' arte celtica, oltre a radici etrusche del lessico formale celtico, anche altre di origine
orientale, appartenenti all' ambito scita-tracico, che a loro volta rivelano influssi persiani. Nel
complesso, tuttavia, oggi si attribuisce scarsa importanza a questi contatti.
Indubbiamente però non mancavano concezioni che costituivano un punto di convergenza
tra Celti e popoli dei cavalieri orientali. Non soltanto presso i Celti, ma anche presso gli Sciti
era diffusa la caccia alle teste, sede della forza vitale, e ne testimonia Erodoto (IV, 65-66).
Basterà l'esempio di una cintura molto antica, proveniente dal territorio caucasico, sulla quale
è raffigurato un guerriero a cavallo che torna a casa. Dalle redini del suo cavallo pende il capo
mozzo di un nemico. Il pensiero corre immediatamente al cavaliere di Karlich.
I corni potori, tanto amati dai Celti, sono caratteristici pure degli Sciti e di altre popolazioni
orientali, come i Traci, mentre in Grecia essi appartengono esclusivamente all' ambito mitico,
In alto: Placca di bronzo
ai centauri e a Dioniso accompagnato dai satiri. In Italia sono quasi ignoti. Nei Kurgane sciti raffigurante un cavaliere
ne sono stati trovati numerosi esemplari in metallo nobile con teste di animali, eseguiti per da Kiirlich (Renania)
In basso: Cavaliere raffigurato
i barbari da artigiani greco-orientali nella regione del Ponto. Per la ricca decorazione aurea su un cinturone dalla necropoli
dei corni potori del Kleinaspergle, si può pensare solo a lavori tipicamente celtici, ma le teste di Tli (Caucaso)

136
La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a.c.

d'ariete non vanno ricollegate immediatamente alle opere greco-scitiche della Russia meridio-
nale? È improbabile che con i loro vicini orientali i Celti avessero avviato un reale sistema
di scambi commerciali di prodotti di lusso, come invece nel caso dell'Italia da cui derivavano
forti influenze sull'attività artistica. Ma non è ipotizzabile, per il motivo del corno potorio,
un tramite da riconoscere nei doni di ospitalità, che avevano un ruolo tanto importante presso
le popolazioni antiche?
Gli animali che ornano l'ansa della brocca di Basse-Yutz presentano orecchie accartocciate,
e in numerose fibule zoomorfe le labbra appaiono del pari retratte come in raffigurazioni sciti-
che. Altri animali presentano artigli come le belve favolose orientali. Non si deve supporre
che anche gli uccelli da preda siano giunti dall'Oriente? Tutto questo dimost;a che, con ogni
probabilità, al livello dei gruppi dominanti sussistevano contatti, e che si deve tener conto
anche di certi parallelismi in fatto di espressione "artistica" generati da comuni aspetti del
loro stile di vita.

Il cambiamento del V secolo


Si è già detto che nel territorio occidentale della cultura hallstattiana, che consideriamo una
delle aree originarie dei Celti, sono riconoscibili solo poche "tombe principesche" del La Tène
iniziale. Alcuni centri caratterizzati da inumazioni del genere subirono una forte crisi proprio
al limite di questa fase. Soltanto alcuni sembrano essere sopravvissuti nella nuova epoca, per
tramontare a loro volta durante la prima fase del La Tène.
In ampie zone, i relativi ritrovamenti non possono che essere collegati a una crisi degli stanzia-
menti. Non soltanto centri fortificati posti su alture, ma anche i villaggi che esistevano già in
epoca hallstattiana hanno fine in questa fase. Inoltre sono frequenti, nelle tombe a tumulo hall-
stattiane dell'epoca, sepolture secondarie. Solo durante o al termine della prima fase del La Tè-
ne, si nota un cambiamento delle aree funerarie. Aumenta il numero delle "tombe piatte" e van-
no formandosi estese necropoli, il cui utilizzo è constatabile sino al La Tène medio.
Le tombe maschili di queste prime necropoli restituiscono uniformi corredi di armi, con la
spada e un'unica lancia. Anche la qualità della lavorazione artistica, alla quale si dovevano
splendidi prodotti come le fibule a maschera, sembra in un primo momento subire un declino.
È lecito supporre che si sia avuta una trasformazione sociale di ampia portata, che spieghereb-
be la fine delle "tombe principesche"? Oppure queste manifestazioni nell'ambito hallstattia-
no occidentale si ricollegano ai disordini che portarono alla dilatazione del territorio cultural-
mente celtico verso est e sud, e che noi ricolleghiamo ai movimenti migra tori storicamente'
Coppa ansata di ceramica testimoniati? A questo punto bisogna, sia pure assai brevemente, delineare complessi eventi
dalla tomba n. 18 della necropoli che presentano importanti sfumature regionali e che richiedono un'interpretazione molto ben
di Buéany (Slovacchia)
Seconda metà del V secolo a. C. differenziata.
Nitra, Archeologichy ustav SA V

Protocelti sui confini orientali dell'Europa centrale


Come si è più volte accennato, l'ambito hallstattiano occidentale è considerato una importan-
te area originaria dei Celti. Lo sviluppo dell' ambito hallstattiano orientale segui strade diver-
se, cosa che si è tentato di spiegare con l'ipotesi di un diverso sostrato etnico e con ipotesi
simili. Risultati sorprendenti hanno però dato nuovi scavi, condotti soprattutto nella Slovac-
chia occidentale e nella Bassa Austria, che hanno moltiplicato in maniera decisiva il numero
dei ritrovamenti celtici del V secolo, prima dell'inizio delle grandi necropoli a "tombe piatte".
Sono cosi venuti alla luce capolavori della primissima arte del La Tène, come per esempio
un mozzo di ruota trovato nei dintorni di Sankt Polten la cui testa presenta una maschera
umana tra lire terminanti con teste di uccelli. Dalla stessa zona provengono una fibula in for-
ma di essere favoloso, una spada ornata di una maschera sul pomo ed altri oggetti. Se a questi
Coppa ansata di ceramica si aggiungono i ritrovamenti precedenti nello stesso ambito, ci si trova a disporre già oggi di
dalla tomba n. 2 della necropoli un orizzonte archeologico molto fitto, le cui necropoli nella maggior parte dei casi si concludo-
di Buéany (Slovacchia)
Secondo terzo del V secolo a. C. no con la fine di questa fase iniziale. Si ha dunque a che fare con un fenomeno simile a quello
Nitra, Archeologicky ustav SA V nel quale ci siamo già imbattuti nella Germania meridionale.

137
Singoli elementi del corredo funerario di queste tombe mostrano ancora chiare reminiscenze
hallstattiane, come per esempio le tazze con anse cornute che tuttavia già presentano orna-
menti a stampo tipici dell'epoca del La Tène. Di particolare interesse è l'unica grande necro-
poli pubblicata, quella di Bucany in Slovacchia, nella quale, come in occidente, è constatabile
la assoluta continuità dal tardo periodo hallstattiano al primissimo La Tène.
È possibile che lo sviluppo del popolamento di questa zona sia stato erroneamente interpreta-
to? Dobbiamo forse allora intenderla come parte delle aree originarie del mondo celtico, a
differenza della Slovenia dove, in una cultura hallstattiana sopravvissuta senza soluzione di
continuità fino al IV secolo, hanno trovato accoglienza solo aspetti isolati nell' ambito dell' ar-
mamento di una cultura celtica intesa come straniera?

Le tombe principeschedel V secolo


Poche sono le "tombe principesche" appartenenti al territorio dell'ambito hallstattiano occi-
dentale che raggiungono il La Tène iniziale. Diversamente vanno le cose in un' ampia zona

Elmo di bronzo con decorazione


incisa, dalla tomba a carro
di Berru (Marne)
Inizi del IV secolo a. C.
Saint-Germain-en-Laye
Musée des Antiquités Nationales

Il

III

Il

"

138
La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a.C.

a nord, che si estende dalla Champagne alla Boemia e dove si trovano sepolture in ampie ca-
mere lignee, non di rado isolate dalle tombe semplici, caratterizzate da un servizio per simpo-
sio che spesso contiene prodotti deUa regione mediterranea, dalla presenza di un "carro da
guerra" quale veicolo per il defunto e non di rado anche da ornamenti aurei.
La diffusione di queste tombe è esattamente parallela a quella dei carri, che tuttavia nella
Champagne compaiono anche in sepolture meno chiaramente caratterizzate. Oggetti di im-
portazione etrusca, esemplificati dalle Schnabelkanne in bronzo, sono invece numerosi nella
zona mediorenana.
Anche in queste tombe sono rilevabili differenze regionali, riguardanti soprattutto la compo-
Fregi di palmette e fiori di loto: sizione del corredo funerario. Così per esempio nella Champagne accanto al carro venivano
dall'alto, su una idria ceretana sulla
guarnizione di Eigenbilzen deposti anche i finimenti dei cavalli, cosa che non è nell'uso nella regione mediorenana. Il
su una guarnizione di Schwarzenbach
fatto che pure in questa si usassero finimenti simili ci è noto infatti solo da alcuni esemplari
deposti in acqua per motivi chiaramente religiosi. Anche nel Diirrnberg mancano i finimenti,
che però ritroviamo nelle "tombe principesche" boeme. Lo stesso può dirsi a proposito degli
elmi metallici. Nella zona della Marna, infatti, numerose sono le tombe che li contengono,
mentre mancano nella Germania occidentale e meridionale. Tuttavia, un ritrovamento fluvia-
le della bassa Franconia comprova che gli elmi erano ben noti. Sono nuovamente presenti nel
Diirrnberg, a Hallstatt e in Slovacchia, e assenti invece nelle tombe boeme.
Tutt' altro che uniforme è anche la scelta delle altre armi deposte nelle tombe. È tipico il fatto
che accanto ai "principi" venissero deposte, oltre alla spada, anche parecchie lance, compresi
giavellotti che evidentemente venivano scagliati dai carri da guerra. Anche tombe semplici
della regione hanno restituito corredi di armi che inducono a pensare più a combattenti isolati
che non a guerrieri organizzati in formazioni compatte. In Boemia, dove si hanno sepolture
maschili in cui si trova solo la spada, nelle "tombe principesche" note sono presenti, quali
Guarnizione di corno potorio armi offensive, unicamente pesanti lance.
in foglia d'oro trajorata e lavorata
a sbalzo, dalla tomba principesca
di Eigenbilzen (Limbourg) Orafi del medio Reno
Seconda metà del V secolo a. C.
Bruxelles Le "tombe principesche" più importanti giunte fino a noi sono quelle della regione tra il me-
MuséesRoyaux d'Art et d'Histoire dio Reno e la Mosa. Se nel tardo hallstattiano le tombe ricche sono più frequenti nelle vici-

139
nanze del Reno, all'inizio del periodo del La Tène la loro area di diffusione si estende nel
territorio molto differenziato posto più a ovest. In numerose vallate si ha uno stanziamento
fortificato su altura, che possiamo definire "sede principesca", con le corrispondenti tombe.
~
Caratteristici di queste "tombe principesche" sono lavori in oro, in cui è particolarmente chia-
ra la ripresa dell' ornamentazione fitomorfa mediterranea da parte di artisti celti. Com' è ov- ~
vio, si har;no anche opere decorate allo stesso modo in bronzo e persino in ferro. Quale anda- ~
mento abbia avuto il processo di trasformazione è reso evidente da alcuni esempi. Da Dorth
"W aldgallscheid", nei pressi del Reno, provengono due fasce in lamina traforata d'oro, che
~W~W~\YJ~
costituivano la decorazione dell' orlo di due corni potori. Vi compaiono grandi viticci a S, tra
i quali fuoriescono palmette.
Se lo schema decorativo può essere senz' altro descritto quale greco, il linguaggio formale è
~
~
tuttavia chiaramente diverso. Non si tratta di viticci continui, bensì di singole forme statiche,
carnose. Le palmette sono ridotte a tre foglie. Ma ancora più caratteristico è un elemento del- ~
~~
lo stesso tipo proveniente da Eigenbilzen, nel Limburgo belga. Senza dubbio si tratta di un
fregio con palmette e fiori di loto, quale ci è noto da numerose opere antiche. Ma anche in
questo caso il viticcio non ha un andamento lineare, con segmenti rigonfi che vengono uniti
l'uno all' altro mediante piccoli dischi anziché con spirali avvolte. Inoltre le palmette sono ri-
dotte a tre foglie e i fiori di loto mancano del petalo centrale. Al posto di questo è inserito
tra i grandi petali un elemento a forma di buco di serratura, come nel fregio a linguette del-
~
l'orlo, divenuto quasi irriconoscibile. Ritroviamo di continuo questo disinvolto utilizzo di sin-
'I gole forme riprese da antichi motivi fitomorfi.
Una delle opere più belle è la tazza d'oro di Schwarzenbach nel Saarland. Qui ci interessano
soltanto le due fasce ornamentali a traforo, che si presentano quale un reticolo di forme vege-
tali intrecciate. Fondamentale è il fatto che le fasce risultano a tal punto ricoperte di linee
~o
o
o

Q
o o
00

o o
o

~ M
o o
e foglie, da annullare quasi completamente la differenza tra primo e secondo piano. Anche
o o o o
qui, nella zona inferiore si hanno ancora fiori di loto, più vicini però ai loro modelli classici, o o o o

grazie ai piccoli sepali, rispetto ai fiori di Eigenbilzen. Tra l'uno e l'altro, pendenti dalle punte
Motivi dell'arte celtica renana
dei sepali, sono palmette a tre foglie completamente riempite d'oro. Il racemo di collegamen- del V secolo a. C.
to, indispensabile in una composizione classica, è qui completamente tagliato. Nella zona su- Dall'alto: tre motivi
dalle guarnizioni di Schwarzenbach,
periore si vedono fiori di loto dimezzati - i piccoli sepali non lasciano dubbi in merito - in decorazione incisa dalla brocca
una composizione variata. Un disegno delle due fasce mette meglio in risalto la tipica compo- di Waldalgesheim, dal colino
di Hoppstiidten, dal fodero
sizione celtica della decorazione fitomorfa. Un ruolo particolare spetta ai piccoli dischi d'oro di Bavilliers, due motivi
ai quali la rete della decorazione sembra appesa. dalle guarnizioni di Schwarzenbach,
un altro motivo dal fodero
i,1 Anche nel resto del territorio re nano è stata trovata tutta una serie di decorazioni del genere. di Bavilliers, dalla brocca
Si tratta di ornamenti in parte in oro in parte in bronzo, e di quale ricchezza possono essere di Reinheim

queste decorazioni a "tappeto" è rivelato chiaramente dalla brocca a becco cilindrico di Wal-
dalgesheim. Sono opere caratterizzate non da un modulo continuo, ma da un insieme di singo-
le foglie o elementi a forma di S pendenti da piccoli dischi, posti a comporre lire, girandole
a tre o quattro braccia, festoni di foglie e simili. Non è d'altra parte difficile rendersi conto
che numerosi elementi sono disposti insieme entro semicerchi eseguiti col compasso.
Abbiamo qui una tecnica compositiva che ebbe presso i Celti grande significato. Insieme con
altre acquisizioni tecniche, nel V secolo a.c. diviene usuale l'impiego del compasso, mediante
il quale in tutto il territorio del La Tène si elaborano con facilità i più diversi ornamenti, come
fregi composti di cerchi e archi che si sovrappongono sino a divenire complessi motivi a stella.
Che col compasso si lavorasse direttamente su oggetti metallici e anche sulla ceramica è rivela-
to dalla presenza di piccoli fori nel centro dei cerchi, perfettamente visibili per esempio sui
rivestimenti bronzei della tomba di Chlum in Boemia o sulla fiasca da pellegrino del Durrn-
berg presso Hallein. Molto spesso a essere eseguito con il compasso è soltanto l'abbozzo che
poi veniva inciso sul metallo con un altro strumento. Schema dell'ornamentazione
Le più belle composizioni a compasso, che sviluppano successivamente con piena libertà le costruita a compasso della falera
di bronzo di Somme-Bionne (Marne)
immagini ottenute in forme che avevano analogia unicamente con i fiori, sono quelle dei di- Seconda metà del V secolo a.c.
schi ornamentali dei finimenti da cavallo. Si tratta tuttavia di oggetti poco frequenti in ambi- Londra, British Museum

140

~
La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a.C.

Falera di bronzo, cerchiata di ferro


decorata a sbalzo, dalla tomba
a carro di H orovicky (Boemia)
Seconda metà del V secolo a. C.
Praga, Ndrodni Muzeum -

to mediorenano perché, come si è detto, non venivano deposti nelle tombe. Sono invece am-
piamente testimoniati in altre regioni del mondo celtico. Senza scendere in particolari, baste-
rà ricordare, per questa decorazione a çerchi, i due dischi di Cuperly e di Somme-Bionne,
entrambi provenienti dalla regione della Marna.
T orniamo adesso alle opere del tipo Schwarzenbach, nelle quali le singole foglie e gli altri ele-
menti della decorazione sono disposti in file solitamente collegate da dischi. Con queste com-
posizioni si può determinare un intero ambito artistico, il cui centro è costituito dalla regione
mediorenana con prolungamenti in quello che era l'ambito di Hallstatt e fino al Giura svizze-
ro. Se ne hanno diramazioni anche a oriente. Soltanto nell' ambito la tenia no antico orientale
si usa, nella ceramica, la decorazione a stampo nei cui modelli si aggiungono talvolta elementi
a foglia secondo una tradizione il cui centro di diffusione si trova più a est. Questa primissima
manifestazione dell' attività artistica celtica ha avuto solo un limitato sviluppo nella decorazio-
ne della ceramica e in generale ne è constatabile la scomparsa, in questo territorio, durante
Brocca da vino in bronzo
dalla tomba priricipesca
il periodo successivo.
di Waldalgesheim (Renania) Le creazioni originali degli artisti celti sono senza dubbio strettamente legate alla produzione
IV secolo a. C.
Bonn, Rheinisches Landesmuseum
mediterranea, soprattutto quella etrusca, sia nella derivazione di singole forme sia nella ripre-
(disegno di Kimming) sa di intere composizioni, sebbene si siano rapidamente allontanate dai prototipi classici. La
grande quantità di oggetti provenienti dall'Etruria trovati nelle tombe principesche rivelano
chiaramente da dove abbiano tratto i loro modelli gli orafi specializzati al servizio delle corti.
Si tratta esclusivamente di oggetti importati nel V secolo a.c., sicché, anche se ignoriamo
per quanto tempo venissero conservati questi preziosi lavori stranieri, questa fase stilistica
dell'arte celtica non va molto al di là del V secolo a.C.

"Principi" celti nella Champagne


Questa provincia artistica ebbe scarse irradiazioni verso occidente dove, all'inizio del periodo
del La Tène, si verificò uno sviluppo diverso sebbene non del tutto autonomo. Si è già accen-
nato alla mancanza della tipica ornamentazione figurativa su fibbie e altri oggetti; eccezioni
sono costituite però dalle rappresentazioni di grifoni, tipiche di questa regione. Tuttavia, so-
prattutto dai corredi funerari delle "tombe principesche", risulta evidente un non meno in-

141
!!!!

tenso contatto con l'Italia. Anche qui si hanno recipienti etruschi in bronzo e dall' ambito me-
diterraneo provenivano anche determinati riti. Così per esempio, secondo l'usanza italica, de-
funti "principeschi" vengono sepolti con spiedi in ferro perché possano avere tutto il necessa-
rio per accogliere ospiti nell'aldilà: costumanza che ci è ignota in epoca precedente in questa
regione. Ma sono soprattutto i lavori in metallo artisticamente decorati, per lo più in bronzo,
che provano un'apertura verso il mondo mediterraneo, poiché anch'essi rivelano un'iniziale
imitazione d~ll' ornamentazione fitomorfa classica, che ancora una volta, senza riguardo per
il significato originario, viene scomposta in singoli elementi inseriti poi in nuove composizio-
ni. I viticci si gonfiano in forme pesanti, elementi in positivo e altri, analoghi ma in negativo,
leggibili soltanto nello sfondo esattamente contornato, divengono intercambiabili. Degno di
nota è soprattutto il fatto che i motivi, a differenza di quanto avviene in ambito renano, non
sono semplicemente giustapposti l'uno all'altro, ma collegati in moduli continui. S. Verger
ha proposto a tale proposito la designazione di "premier style continu" (primo stile continuo).
Il diverso principio compositivo risulta subito evidente se si paragonano i moduli a lira fluenti
A sinistra: guarnizione d'oro
l'uno nell'altro di un rivestimento di giogo da Somme-Tombe, "La Bouvandeau", nel diparti- di Kleinaspergle. A destra:
mento della Marna, con quelli di una fascia ornamentale in oro del Kleinaspergle, nella quale placca traforata da La Gorge-Meillet
Somme-Tourbe (Marne)
le singole immagini sono collegate da cerchi. V secolo a. C.
Un complicato fregio con palmette a tre foglie volte verso il basso e verso l'alto da un "vitic-
cio" ondulante orna il margine inferiore di un elmo della "tomba principesca" di Berru, nel
dipartimento della Marna. Sebbene i "segmenti di viticcio" e le palmette non confluiscano
direttamente gli uni negli altri, tuttavia le palmette iscritte in un contorno semicircolare com-

Ornamentazioni incise sulla


sommità della calotta dell'elmo
di bronzo dalla tomba a carro
di Berru (Marne)
Inizi del IV secolo a. C.
Saint-Germain-en-Laye
Musée des Antiquités Nationales

Gancio di cinturone di ferro


traforato, da Roseldor/ (Bassa Austria)
Seconda metà del V secolo a. C.
Vienna, NaturhistorischesMuseum

142
'-

La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a.C.

pongono un'immagine continua con le foglie appuntite laterali. E che i Celti conferissero un
ritmo nuovo all' ornamentazione è perfettamente esemplificato dal coprinuca, dove la foglia
centrale delle palmette è eliminata e le foglie laterali, più ondulate e disposte tutte sulla stessa
altezza, esprimono un movimento d'altro genere.
L'esempio migliore di questo stile decorativo è dato dalla decorazione di una brocca a becco
bronzea etrusca conservata nel museo di Besançon, ricoperta completamente da incisioni ese-
guite da un celta. La decorazione è un labirinto nel quale il primo piano e lo sfondo hanno
la stessa valenza.
Il collo della brocca è riempito da una palmetta che si sviluppa da una doppia voluta. Il corri-
spondente modello etrusco, dal collo di un' anfora bronzea simile, evidenzia la scomposizione
e la trasformazione che il motivo ha subito a opera degli artisti "barbari".
L'ampio corpo della brocca presenta un ricco sviluppo della medesima composizione di base
che abbiamo trovato nell'elmo di Berru. Una particolarità importante è però costituita dal
Schema dell'ornamentazione fatto che le grandi foglie sono riempite da piccoli motivi a foglia. Il fatto che motivi a viticcio
traforata della guarnizione
di bronzo di un carro
più grandi siano colmati da altri, diviene un elemento caratteristico nello sviluppo successivo
da La Bouvandeau a Somme- dell' arte celtica.
Tourbe (Marne)
Fine del V - inizi del IV secolo a. C.
Un particolare assai interessante è costituito da una foglia racchiusa in un triangolo formato
Saint-Germain-en-Laye da segmenti sferici, aggiunto alla foglia centrale della grande palmetta inscritta. Si tratta in
Musée des Antiquités Nationales
questo caso dello sfondo di una palmetta a tre foglie incorniciata, avulso dal contesto e assurto
a nuovo motivo. In questo particolare, a colpire è soprattutto la straordinaria fantasia rivelata
dall' artista nell' esecuzione della sua opera.
Caratteristici dell' attività estetica celtica sono motivi a girandola, uno dei quali orna il fondo
/~..~
della brocca con l'impiego di forme che si armonizzano con il resto della decorazione.
'.'
Infine, merita attenzione la zona della spalla della brocca, dove su un fondo liscio palmette
a tre foglie, ritte o pendenti, sono raccolte in semicerchi. Si ha qui un preludio del "ventaglio"
celtico, un leitmotiv del cosiddetto stile di Waldalgesheim che caratterizza la successiva fase
di sviluppo dell' arte celtica. E acquista pertanto esemplare evidenza !'importanza che questo
"premier style continu" ha avuto nell'ulteriore sviluppo dell' attività artistica celtica, che in
.?~.;,.
questa regione ha avuto assoluta continuità.

Decorazione incisa su una


delle guarnizioni di bronzo
di Comacchio (a sinistra)
e particolare della decorazione
incisa sulla brocca di provenienza
ignota del museo di Besançon
(a destra)
Inizi del IV secolo a. C.

Ornamentazioni incise sotto


il becco della brocca di provenienza
ignota del museo di Besançon
e il suo prototipo greco-etrusco
Inizi del IV secolo a. C.

143
,Composizioni simili sono testimoniate da parecchie opere provenienti da tombe della Cham-
pagne, ancorché in questo caso non si tratta di un ambito artistico esattamente delimitato,
ma si hanno anche contatti e contaminazioni con creazioni di zone più a oriente del territorio r
celtico. Che sussistessero anche stretti rapporti con modelli classici è illustrato da una lamina
ornamentale in ferro traforato, proveniente dalla tomba principesca di La Gorge-Meillet nel
dipartiment? della Marna, che presenta un tralcio ondulato con polloni laterali, ad essi stret-
tamente apparentato.

La discesa dei Celti nella penisola italica nel V secolo a. C.


Si è già accennato al fatto che, in concomitanza con l'inizio del periodo del La Tène, compaio-
no ganci con funzione di fermagli per la cintura che sosteneva le armi. Erano di solito associa-
ti a due o quattro anelli, ai quali venivano appese le armi, che a volte però si trasformavano
in puri elementi ornamentali. Sebbene questi ganci siano presenti, sia pure di rado, anche
in tombe femminili, si tratta di un tipico accessorio del guerriero celta. Gancio di cintura in bronzo
tra/arato, da San Polo d'Enza
Sorprende il fatto che ganci del genere siano reperibili anche al di fuori del territorio centrale (Reggia Emilia)
celtico. Nelle tombe attorno all' abitato su altura di Ensérune nella Linguadoca, ne sono stati V secolo a. C.
Reggia Emilia
scoperti numerosi esemplari che corrispondono esattamente a quelli della Champagne. Se ne Museo Civico Archeologico
deve dedurre che in seno a un'altra popolazione, già nel V secolo a.C., si erano stanziati guer-
rieri celti, ipotesi a favore della quale militerebbero anche alcuni aspetti dell' armamento e
altri oggetti?
Ganci da cinturone traforati del genere sono venuti alla luce, in numero piuttosto cospicuo,
pure in associazioni archeologiche tipiche del tardo La Tène in Slovenia, dove si constata an-
che presenza di spade celtiche. Poiché può essere considerata normale l'adozione, da parte
di guerrieri di alto rango, di un armamento straniero migliore (così per esempio in Slovenia
sono giunti anche elementi della panoplia dei popoli dei cavalieri orientali), se ne deve conclu-
dere che guerrieri celti già nel V secolo erano noti e temuti in questa regione e che il loro
armamento veniva imitato.
Ma soprattutto nel Norditalia sono stati trovati ganci da cinturone traforati dello stesso gene-
re. Non mancano neppure le tipiche spade del La Tène antico, ma sono rarissime, perché se-
condo le costumanze tradizionali non era diffusa l'usanza di deporre armi nella tomba accanto
al defunto. I ganci da cinturone dimostrano tuttavia in maniera inequivocabile che l'arma-
mento tipico del guerriero celta era noto. Questi ganci sono numerosi soprattutto in sepolture
del territorio veneto, sebbene questo, stando alle affermazioni degli storici classici, non sia
mai stato occupato dai Celti. Tuttavia, i Vene ti in molte cose hanno fatto proprie abitudini
dei Celti loro vicini. I ganci di cinturone, anche se qui si trovano più spesso in tombe femmi-
nili, pure presuppongono la conoscenza dell' armamento dei temuti avversari. Quanto forte
sia divenuto, con l'andar del tempo, questo processo di assimilazione, lo si deduce da un'af- Falera di ferro tra/arata
fermazione dello storico Polibio (Il, 17,5), del II secolo a. C., stando alla quale i Veneti erano dalla tomba a carro
di La Gorge-Meillet
"ben poco diversi dai Celti in fatto di costumanze e indumenti", sebbene parlassero un' altra a Somme-Tourbe (Mame)
lingua. Inizi del IV secolo a. C.
Saint-Germain-en-Laye
I ganci sono diffusi in tutto il Norditalia, soprattutto nelle zone alpine meridionali, ma anche Musée des Antiquités Nationales
in centri etruschi come Felsina (Bologna). Alcuni hanno precisi paralleli nella Champagne.
Dobbiamo dedurne che furono portati da Celti penetrati in questo territorio da oltre le Alpi
occidentali? Altri comunque vennero prodotti sul posto, e rientrano nel novero dei prodotti
particolarmente riusciti con raffigurazioni di grifoni, a volte domati da un uomo, oppure di
uccelli ai lati di un albero della vita. Possono essere stati fabbricati da artigiani qualificati
locali per guerrieri stranieri secondo il gusto celtico. Da questa prima produzione artistica di
gusto celtico derivarono impulsi alla produzione iniziale lateniana dell'Europa centrale, come
per esempio di ganci con lire terminanti con teste di grifoni, e altri motivi. Nel Norditalia
si ha dunque, fin dagli esordi del La Tène, una zona di contatti di primaria importanza.
Questi più antichi documenti celtici norditaliani sono databili tra la metà del V e l'inizio del
IV secolo a.C. Comunque, questi ganci non si trovano più nelle sepolture del IV secolo, che

144
La formazione della cultura di La Tène nel V secolo a. C.

Carta di distribuzione dei ganci


di cinturone della seconda metà

i del V secolo a. C.
a forma di fiore di loto e di grifi
in disposizione araldica

Carta di distribuzione dei ganci


di cinturone della seconda metà
I del V secolo a. C.
I a forma di palmetta

Il

I
I

145
---
l

Fiasca ceramica a decorazione


stampigliata e incisa
da Hlubyne (Boemia)
Seconda metà del V secolo a.C.
Praga, Ndrodni Muzeum

di solito usiamo mettere in rapporto con le invasioni celtiche. Ma allora, quale interpretazione
dare a questi più antichi ritrovamenti? In Polibio e in altri storici classici, le vicende della
migrazione celtica sembrano concentrate in un breve lasso di tempo. Ma non si tratta di una
semplificazione? Non avevamo forse già nel V secolo gruppi di mercenari, chiamati da oltral-
pe da potentati norditaliani per utilizzarli in guerra in Italia? E questi mercenari non furono
per caso a tal punto attratti dallo stile di vita che trovarono nella pianura padana, da affluirvi
sempre più numerosi, tanto da mutare i rapporti di potere e da provocare alla fine la migrazio-
ne di intere stirpi? Oppure la presenza del tipico cinturone celtico in questo territorio costi-
tuisce la riprova che già nel V secolo gruppi di Celti vi agivano come briganti, sebbene non
fossero ancora in grado di impadronirsi anche delle città fortificate? In ogni caso, questi mate-
riali significano che il quadro delle invasioni celtiche, che avevano sparso il terrore in zone
sempre più ampie del mondo classico, non può essere concepito in termini troppo semplicisti-
ci. Infatti, già all'inizio del periodo del La Tène è lecito dedurre dai ritrovamenti un' espansio-
ne interpretabile solo nel contesto di una più lunga catena di eventi.

146
Pierre Roualet La "facies marniana" della Champagne

Migliaia di tombe celtiche


Nessuna regione del mondo celtico ha restituito tante vestigia quante la Champagne. I rinve-
nimenti sono stati particolarmente fitti nel dipartimento della Marna, e in misura minore in
due dipartimenti vicini, la parte meridionale delle Ardenne e quella orientale dell' Aisne. In
questa regione i siti scoperti si contano a centinaia e le sepolture a migliaia.
Un gran numero di tombe, facili da individuare, sono state scavate dai contadini in tutte le
epoche, ciò che ha causato danni considerevoli. Così per esempio all'inizio del secolo scorso
sono state aperte alcune tombe a Bergères-Ies- Vertus per raccogliere e vendere il bronzo che
contenevano; allora se ne ignorava 1'età e a quale civiltà potessero appartenere.
Bisognò attendere il 1865 perché si capisse che si trattava di vestigia dell' epoca celtica prero-
mana; a partire da quella data e fino al 1914, gli scavi si succedettero a ritmo frenetico, con-
dotti in maniera quasi sempre anarchica da contadini per c~nto di collezionisti locali.
Lo scavo si riduceva allora a una raccolta selettiva di oggetti, armi e gioielli, con preferenza
per quelli che sembravano di carattere eccezionale, tralasciando i siti scarsamente suscettibili

Scelta di forme ceramiche


della facies mamiana
Seconda metà del V secolo a. C.
Epernay, Musée Municipal

di restituirne, gli abitati e le necropoli a incinerazione. Questa prima archeologia, fondata


sullo studio dell' oggetto considerato in base al suo valore documentario intrinseco, non era
priva d'interesse, ma anzi costituisce una delle basi della ricerca attuale. Ha permesso di defi-
nire, nel giro di qualche anno, un quadro cronologico molto generale e di formulare fruttuose
comparazioni con altre regioni. È stato così che la scoperta di oinochoai etrusche a Somme-
Bionne, Somme-Tourbe e Sept-Saulx ha messo in evidenza i rapporti tra la Champagne e l'I-
talia ben prima della conquista di Cesare. Ma poco ci si curava di scavi esaustivi e dell'integri-
tà dei corredi funerari, e i resoconti, quando venivano pubblicati, erano quanto mai laconici.
Gli scavi compiuti da una quarantina d'anni a questa parte permettono di colmare alcune la-
cune. Tra quelli pubblicati, ricorderemo gli scavi di Pernant nell'Aisne, Manre e Aure nelle
Ardenne, Beine "L'Argentelle" e Villeneuve-Renneville nella Marna.
Si tratti di scavi antichi o recenti, una constatazione si impone, ed è l'eccezionale abbondanza
delle vestigia del V secolo a.c., che da sole rappresentano molto più di tutto ciò che è stato
ritrovato nella regione relativamente ai secoli successivi fino alla conquista romana; indivi-
duano una cultura originale alla quale giustamente è stato dato il nome di marniana.

Le necropoli marniane
Il rito costantemente praticato nel V secolo a.c. era quello dell'inumazione in "tomba piatta".
I cimiteri sono spesso situati su lievi alture dominanti la pianura gessosa, al limite di comunità

147
Grande bicchiere ceramico
con decorazione incisa di coppie
di mostri anguiformi
da La Cheppe (Marne)
Seconda metà del V secolo a. C.
Saint-Germain-en-Laye
Musée des Antiquités Nationales

- -- -- -- -- ----
I- -

..

148
...

La "facies marniana" della Champagne

o in prossimità di antiche strade. Il numero delle sepolture è variabile, ma in generale oscilla


tra venti e cento, con un' organizzazione spazi aIe che muta notevolmente da un sito all' altro.
Possono essere ravvicinate tra loro (Pernant) e persino allineate in file abbastanza regolari
(Villeneuve-Renneville), ma per lo più sono molto disperse, con qualche decina di tombe oc-
cupanti uno spazio di un ettaro o anche più.
Da lungo tempo si è constatata, in numerose necropoli, la presenza di gruppi di sepolture se-
parati da spazi liberi, generalmente interpretati come gruppi familiari; ipotesi che sembra
plausibile nel caso di Beine "L' Argentelle", ma è lungi dall' apparire accettabile per gran parte
degli altri siti noti.
Da segnalare è anche la presenza molto frequente di fosse circolari di 10-20 metri di diametro,
la cui datazione è per lo più problematica. Se alcune possono essere coeve delle tombe circo-
stanti, sembra che nella maggior parte dei casi testimoninò un' occupazione precedente.
Le fosse contenenti i corpi, scavate con cura nel gesso del sottosuolo, hanno dimensioni abba-
Vaso ceramico di forma troncoconica stanza costanti. Sono di forma rettangolare, con una lunghezza media di due metri, una lar-
con fregio inciso di grilli
da Suippes (Mame) ghezza di 0,70 e una profondità di 0,60. Gli angoli possono essere arrotondati o a spigolo
Seconda metà del V secolo a. C. vivo. A volte è rilevabile la presenza di banchine, di nicchie intagliate nelle pareti o di fori
Saint-Germain-en- Laye
Musée des Antiquités Nationales
di pali.
I corpi venivano deposti in decubito dorsale, con le mani lungo il corpo o incrociate sull' addo-
me. Abbastanza costante è 1'orientamento: i piedi sono volti verso est, con variazioni tra
nord-est e sud-est. Le fosse risultano colmate non già con il gesso estratto al momento del
loro scavo ma con una terra nera molto fine che somiglia a humus.

I corredi funerari
Tra gli oggetti scoperti nelle sepolture, conviene distinguere quelli che costituiscono il corre-
do personale dei defunti dalle offerte, identiche per i due sessi e che consistono di depositi
alimentari rivelati da ossa di animali (maiali, pecore...) e di recipienti di terracotta, alcuni dei
quali, sebbene in realtà non si sia mai riusciti a provarlo, dovevano contenere bevande. Que-
sti vasi sono il tipo di oggetti più frequente nelle tombe, ma la loro presenza non doveva tutta-
via rispondere a un obbligo assoluto. Si constata infatti che il quindici, venti per cento delle
sepolture ne era privo; la grande maggioranza delle altre ne conteneva solo uno o due esempla-
ri. I complessi ceramici importanti di cinque vasi o più erano riservati a sepolture di carattere
eccezionale. I vasi risultano modellati senza tornio e lisciati con cura. Alcuni presentano una
decorazione geometrica incisa o dipinta. Le forme più frequenti sembrano ispirate da modelli
italo-greci, come crateri, anfore, situle e ciste, generalmente utilizzate per il trasporto e il con-
sumo del vino.
Il corredo femminile è costituito da elementi di parure, alcuni dei quali aventi funzione utili-
taria, per tenere chiusi gli abiti (fibbie di cinture e fibule) mentre altri erano una sorta di inse-
gna (torques, braccialetti). I torques portati da metà delle donne a partire dall'adolescenza
sembrano avere avuto importanza particolare. La loro varietà nell'insieme dei siti non corri-
sponde a origini etniche diverse, come invece accade alla fine del IV e nel III secolo a.c. La
composizione dei corredi permette di individuare una gerarchia tra le tombe femminili, alcu-
ne delle quali hanno restituito una parure completa, con torquis, braccialetti e a volte orecchi-
ni e pendenti. Altre comportavano un solo elemento, per lo più un paio di braccialetti, e altre
infine non contenevano nessun gioiello.
Allo stesso modo è constatabile una gerarchia nelle tombe maschili. Il gruppo più ricco è for-
mato da sepolture di guerrieri inumati sul loro carro. Ne sono state scoperte oltre centocin-
quanta soprattutto nella Champagne nordorientale, di cui cinque a Recy e quattordici a
Mairy-Sogny, che tuttavia rappresentano solo una piccolissima percentuale delle tombe sco-
perte (non più dello 0,5 per cento). Quasi tutte sono state saccheggiate in epoca antica, e solo
alcune sono state trovate intatte alla fine dell'Ottocento o all'inizio del nostro secolo. Le fosse
risultano scavate a dimensione dei carri con nicchie per alloggiare le due ruote e il timone.
I guerrieri sono inumati con le loro armi, spada, giavellotti, coltello e a volte un elmo in bron-

149
Torquis di bronzo con motivo Torquis di bronzo con coppia Fibula di bronzo incrostata
di uccelli intorno all'Albero d'uccelli intorno a un motivo di corallo a testa di Ariete
della vita, da Breuvery (Marne) simbolico, dalla tomba n. 13 da Suippes (Marne)
Seconda metà del V secolo a. C. di Sarry (Marne) Seconda metà del V secolo a. C.
Saint-Germain-en-Laye Seconda metà del V secolo a. C. Saint-Germain-en-Laye
Musée des Antiquités Nationales Chéilons-sur-Marne, Musée Municipal Musée des Antiquités Nationales

150
La "facies marniana" della Champagne

Fibula a maschere di bronzo


trovata nel letto della Mame presso
Port-à-Binson (Mame)
Seconda metà del V secolo a. C.
Collezione privata

...

Falere di bronzo tra/arato


da Ville-sur-Retoume (Ardennes)
Seconda metà del V secolo a. C.
Reims, Musée Saint-Remi

zo finemente decorato (Berru, Somme-Tourbe, Prunay...). Il vasellame è in generale abbon-


dante e può comprendere esemplari in bronzo; situla, bacile e filtro a Pernant, oinochoai etru-
sche a becco trilobato a Somme-Tourbe, Somme-Bionne e Sept-Saulx. Del carro resta solo
qualche elemento in ferro, cerchioni, fermamozzi, guarnizioni degli assi. Gli elementi più ric-
chi appartengono spesso alla bardatura dei cavalli, con magnifici dischi o faIere in bronzo de-
corato (Cuperly, Somme-Tourbe, Saint-Jean-sur-Tourbe, Somme-Bionne...).
È poi riconoscibile una seconda categoria sociale di cui facevano parte fanti armati di una
spada e di un pugnale e di lance e giavellotti; le loro tombe, più numerose delle precedenti,
rappresentano tuttavia meno del cinque per cento della popolazione sepolta nelle necropoli.
Più numerosi i defunti accompagnati soltanto da armi da lancio, spesso a gruppi di due (gia-
vellotti) o di tre (una lancia e due giavellotti).
Si hanno infine numerose tombe, presumibilmente maschili, del tutto prive di armi.

Mondo dei morti, mondo dei vivi


Lo studio dei cimiteri rappresenta l'unica fonte di documentazione disponibile per l'indagine
sulla popolazione marniana del V secolo a.c. I pochi dati ricavati dai rari scavi di abitati pub-
blicati, non possono essere di grande aiuto, e d'altro canto ciò che si ricava dagli autori greci
e latini riguarda un periodo più recente e, con ogni evidenza, una società assai diversa.
I dati degli scavi delle necropoli vanno però utilizzati con prudenza. Le indicazioni antropolo-
giche provengono tutte dagli scava tori e da non specialisti qualificati. Come se non bastasse,
nulla sappiamo delle regole rigidissime e delle proibizioni che dovevano regolamentare i fune-
rali; constatazione esemplarmente illustrata da una palese anomalia: lo scarso numero di se-

151
polture di bambini, che sono per esempio solo il tredici per cento a Manre e a Pernant, cifra
che non corrisponde affatto a quella che doveva essere all' epoca la mortalità infantile.
Un'altra anomalia risulta evidente nei siti meglio documentati, Pernant, Manre, Aure,
Villeneuve-Renneville: la sovrabbondanza di tombe femminili rispetto alle maschili. Lo squi-
librio pare essere conseguenza di un' altra causa: la possibile partenza di una parte degli uomi-
ni alla fine del V secolo, poco prima che i cimiteri venissero abbandonati. Comunque, dallo
studio dell'insieme dei siti noti si può ricavare un certo numero di constatazioni.
1. Durante un periodo di tre quarti di secolo tra il 475 e il 400 a.c. circa, vale a dire per
quattro generazioni, la popolazione è stata caratterizzata da grande stabilità.
2. Notevole è l'identità culturale in tutta la regione della Marna, dell'Aisne e delle Ardenne
in cui sono stati scoperti cimiteri del V secolo a.c. Le differenze rilevabili tra siti distanziati
l'uno dall' altro non sono più notevoli di quelle sussistenti tra due siti vicini, e con ogni proba-
bilità sono effetto del particolarismo di artigiani locali.
3. La società marniana sembra abbastanza egualitaria. Se si ha gerarchia nelle tombe, essa non
implica necessariamente l'esistenza di classi sociali ben distinte. Nei cimiteri, le sepolture più
modeste sono mescolate alle più ricche, e niente d'altra parte rivela la presenza di una casta
aristocratica quale può essere esistita in altre regioni del mondo celtico. Difficile supporre che
i guerrieri delle tombe a carro fossero capi di classi o di tribù: se così fosse, bisognerebbe
ammettere che in certe regioni vi fosse una pletora di capi, almeno sei o sette contemporanea-
mente per il solo clan di Mairy-Sogny, ad esempio, e una loro completa assenza in altri luoghi.
4. Se si prende in considerazione l'insieme dei cimiteri marniani, non si può non constatare
un'innegabile predominanza di tombe femminili ricche che, almeno in parte, potrebbe trova-
re spiegazione nella scarsità di tombe maschili dianzi citata. È impossibile d'altra parte esclu-
dere a priori l'esistenza di una società di tipo matriarcale.
5. Bisogna ammettere, almeno come ipotesi verosimile, che la società marniana avesse a fon-
damento cellule familiari. Ogni cimitero era quello di una comunità di villaggio composta da
più famiglie legate l'una all' altra da nessi cogenti e privilegiati, stanziata su un territorio che
poteva misurare parecchie centinaia di ettari.
Per quanto abbondanti siano i ritrovamenti, essi comunque rispecchiano una scarsa densità
demografica.

I
Origine ed evoluzione del Marniano
Fino a poco tempo fa si ammetteva generalmente che i marniani della Champagne fossero
invasori provenienti da est, che si sarebbero qui stanziati all'inizio del V secolo a.c., e ciò
Il
Il
Scelta di forme ceramiche
della facies marniana
Seconda metà del V secolo a. C.
Epernay. Musée Municipal

l'
I

152
Pugnale con fodero di bronzo, ferro Pugnale con fodero di bronzo Armi di ferro, dalla tomba
e legno, decorato da incisioni decorato di incisioni a compasso n. 6 bis di Vert-la-Gravelle
a compasso, da Bouy (Marne) da Vraux (Marne) (Marne)
Secondo terzo del V secolo a. C. Secondo terzo del V secolo a.C. Seconda metà del V secolo a.C.
Saint-Germain-en- Laye Chàlons-sur-Marne, Musée Municipal Epernay, Musée Municipal
Musée des Antiquités Nationales

153
Scelta di forme caratteristiche
di torques di bronzo
della facies marniana
Secondo e terzo terzo del V secolo a.c.
Epernay, Musée Municipal

perché si ignorava 1'esistenza nella regione di una popolazione autoctona da parecchi secoli,
a partire dalla fine dell'Età del Bronzo. È in questo contesto che, verso il 530 a.c., ha fatto
la propria comparsa una cultura straniera, senza dubbio portata da piccoli gruppi venuti dal
sud, che presentano evidenti affinità con la cultura di Vix-Ie-Mont Lassois. Il gruppo più im-
portante è stato scoperto nel cimitero delle Jogasses nei pressi di Epernay, donde il nome di
jogassiana attribuito a questa cultura che costituisce un vero e proprio "protomarniano": si
può ammettere che il marniano sia frutto della assimilazione di questa cultura straniera da
parte della popolazione locale.
I cimiteri marniani del resto portano molto spesso i segni di un'utilizzazione precedente. Così
per esempio, la maggior parte di quelli in cui sono stati rilevati recinti circolari sono serviti
da luogo di sepoltura nei due primi terzi del V secolo a.c. o in un'epoca ancora precedente.
~~
,I
Lo si constata ad esempio a Manre, ad Acy-Romance, a Dormans, a Vert-Ia-Gravelle "Char-
mont" e "Le Moulin". Molti altri si sono sviluppati da un primitivo nucleo jogassiano, come
&~~
nel caso del cimitero delle Jogasses che ha avuto un prolungamento nel marniano, ma anche
in quello di Prosnes "Les Vingt de Bruyères", Bouy "Les Varilles" e in decine di altri siti. Scelta di forme caratteristiche
III di fibule di bronzo
Se l'epoca marniana è stata caratterizzata da grande stabilità, d'altro canto lo studio degli della facies marniana
I
I oggetti conservati permette di rilevare un'evoluzione lenta e continua, che ha seguito due ten- Seconda metà del V secolo a.C.
Epernay, Musée Municipal
denze. È in primo luogo constatabile una standardizzazione delle forme che porta a modelli
Il, univoci o ampiamente dominanti per certi tipi di oggetti: piccoli torques a tamponi, fibule
;11
cosiddette "di Marzabotto", spade lunghe in foderi con puntali a traforo. L'altra tendenza,
concernente soprattutto la ceramica, si esplica in un'interpretazione sempre più libera dei mo-
delli esotici, che si conclude in forme originali agili e slanciate.
È difficile riconoscere nei corredi delle tombe della fine del V secolo a.c. i segni premonitori
di una crisi, ragion per cui è difficile spiegarsi che cosa abbia potuto causare la partenza in
massa, pressoché simultanea, di gran parte della popolazione verso il 400 a.C. o poco dopo,
evento della massima importanza nella storia della Champagne celtica.

154
Alfred Hallner Le tombe principesche del medio Reno

A partire dal secolo scorso, le tombe del VI-IV secolo a.c. con corredi di oggetti d'oro e di
vasellame di bronzo sono definite come "tombe principesche". Tutti i tentativi di sostituire
questo termine, ricco di connotazioni, con concetti come tomba di capo, tomba aristocratica,
tomba sontuosa e tomba ricca, sono falliti, vuoi perché ugualmente connotativi rispetto alla
prima definizione oppure, come nel caso dei due ultimi termini, perché non tengono conto,
o lo fanno solo parzialmente, della realtà concreta. Anche qui pertanto si parlerà di tombe
principesche, con l'avvertimento che nel frattempo la ricerca archeologica è riuscita soltanto
a fornire la prova che gli uomini, le donne e i bambini sepolti in esse appartenevano a un
gruppo sociale che esercitava il predominio in campo politico, militare, economico e probabil-
mente anche religioso; questo gruppo ha avuto influenza decisiva sull' arte e l'artigianato, sia
mediante commesse sia lavorando creativamente in proprio. Se si cercano paragoni letterari
che possano servire alla caratterizzazione del ceto dominante protoceltico, a convalidare l'in-
terpretazione non è certo la nobiltà del Medioevo o deWinizio dell'Era moderna, ma conviene
piuttosto rifarsi alla classe superiore aristocratica quale è descritta da Omero nell' Iliade poi-
ché ci permette di riconoscere il massimo di riferimenti e di collegamenti indiretti. Ciò vale
non soltanto per il ceto dominante di cui si trova il riflesso nelle tombe principesche della
Renania, ma per tutti i centri protoceltici.
La zona centrale dello Schiefergebirge renano, tra la Lorena, il Lussemburgo e il medio Reno,
è particolarmente ricca di siti di epoca hallstattiana e lateniana. Soprattutto le tombe a tumu-
lo del VII-III secolo pervenute numerose fino a noi hanno attirato ricercatori dilettanti e ar-
cheologi professionisti fin dall'inizio dell'Ottocento. In particolare la scoperta di tombe con
ricchi corredi di oggetti d'oro, recipienti di bronzo e parti di carro, individuate per lo più
in grandi tumuli funerari, ha portato ad appassionate e lunghe controversie circa 1'attribuzio-
ne temporale, il rango sociale e l'appartenenza etnica dei defunti qui seppelliti. Soltanto negli
ultimi decenni del XIX secolo e all'inizio del nostro, ricercatori come Ernst aus'm Weerth
e Paul Reinecke sono riusciti a identificare i defunti delle tombe principesche quali membri
dell' aristocrazia celtica del V e IV secolo, la maggior parte dei recipienti in bronzo come etru-
schi o per lo meno italici e a riconoscere, nella ricca ornamentazione di numerosi ritrovamen-
ti, l'espressione di una concezione artistica celtica autoctona soggetta a influenze greco-
etrusche.
È questa un' opinione che ha ancora pieno corso, sebbene nuove generazioni di ricercatori ab-
Carta di distribuzione biano contribuito in maniera cospicua all' allargamento contenutistico e alla precisazione del
delle tombe principesche
del VI e degli inizi del V secolo a. C. concetto di "tomba principesca" celtiç:a. Hanno potuto farlo grazie all' esame sistematico e
alla documentazione di impianti funerari di nuova scoperta. Di conseguenza, il gruppo delle
Carta di distribuzione
delle tombe principesche lateniane
tombe principesche ha cessato di essere isolato, ma è stato esaminato alla luce dell'intero qua-
del V-IV secolo a. C. dro funerario coevo. Si è cosÌ tenuto conto in misura maggiore degli insediamenti, del modulo

155
distributivo delle tombe e degli abitati nelle singole regioni in contesti territoriali naturalmen-
te limitati e infine dell'intero quadro dei fenomeni archeologici dei gruppi culturali.
Tombe principesche tardohallstattiane del VI e inizi del V secolo paragonabili a quelle della
Germania sudoccidentale e della Borgogna (Asperg, Hochdorf, Vix, ecc.) finora non sono ve-
nute alla luce in territorio mediorenano, e una loro scoperta non è ipotizzabile neppure in
futuro. Qui, nell'ambito della cultura di Hunsruck-Eifel, un gruppo culturale tardohallstattia-
no con caratteristiche assai particolari localizzato alla periferia settentrionale dell' area cultu-
rale tardohallstattiana della regione alpina nordoccidentale, ci è noto soltanto un piccolo Ricostruzione del carro di Beli
gruppo di tombe della zona orientale, vicina al corso del Reno, il corredo e le modalità co- (Renania)
V secolo a. C.
struttive delle quali documentano che verso la fine del VI secolo si è formato un ceto sociale
Bonn, Rheinisches Landesmuseum
che tentava di imitare il grandioso modello del gruppo dominante della tarda cultura alpina-
nordoccidentale. Camere funerarie al posto di semplici bare in legno, tumuli più sontuosi del-
la media, carri a quattro e a volte anche a due ruote, situle di bronzo del tipo renano, costitui-
scono le caratteristiche di questo gruppo di tombe principesche più antiche del territorio me-
diorenano. A differenza dei tu muli fune rari principeschi del La Tène antico, quelli tardohall-
stattiani sono più spesso integrati in più vasti campi di tu muli con corredi funerari semplici
e una più lunga durata dell'utilizzazione. Per q\lanto si può stabilire con strumenti archeologi-
ci, i morti non cremati sepolti nelle tombe principesche sono per lo più di sesso maschile.
Ecco due esempi di tombe principesche scavate in maniera esemplare e ben documentate del
periodo attorno al 500 a.c.: nel 1938, in uno dei tumuli, di 22 metri di diametro, dell'area
funeraria di BelI im Hunsruck venne scoperta una camera, collocata al centro, in legno, delle
dimensioni di 2,5 x 1,8 metri, con orientamento all'incirca ovest-est. Il morto, accompagnato Fibula a maschere di bronzo
da lancia e situla in bronzo, era stato deposto su un carro a quattro ruote del quale restavano e anello di cinturone di bronzo
incrostato di corallo, dalla tomba
soltanto i rivestimenti decorativi in ferro. Una convincente ricostruzione è stata fornita di
principesca n. 1 di Weiskirchen
recente da Hans-Eckart Joachim. (Renania)
Seconda metà del V secolo a. C.
Al pari della tomba di Bell, anche quelle a carro di Hundheim im Hunsruck appartengono Treviri, Rheinisches Landesmuseum
ad aree funerarie con tumuli il cui principale periodo di utilizzazione è da collocare con sicu-
Gancio di cinturone di bronzo
rezza nel La Tène antico. Nei tumuli 1 e 2, gli scavi del 1937 portarono alla luce camere fune-
traforato e incrostato di corallo
rarie in legno e pietra di 4 x 2 metri. Entrambe erano maschili e corredate di carri a due ruote; dalla tomba principesca n. 1
I di Weiskirchen (Renania)
R durante l'intero periodo lateniano (dal 475 ca. al 20 a.c.) questo veicolo leggero e veloce, Seconda metà del V secolo a.C.
secondo quanto risulta dalle fonti archeologiche, letterarie e numismatiche, ha continuato a Treviri, Rheinisches Landesmuseum

i
I
I.

156
Le tombe principesche del medio Reno

essere uno dei più importanti status symbol del ceto dominante celtico, in vita come in morte.
Con l'inizio del La Tène antico verso i1475 a.c. si constata, tra Mosa e medio Reno, un note-
~ vole ampliamento dell' area interessata dagli usi funerari principeschi. La principale' zona di
diffusione rientra nell'ambito della fase recente della cultura di Hunsriick-Eifel; con ogni evi-
t denza, rispetto alla prima fase della cultura di Hunsriick-Eifel appartenente al periodo tardo-
hallstattiano, nel suo settore occidentale, vale a dire nella zona tra Saar e Mosella, è andato
costituendosi un importante centro di sviluppo. Qui sono state scoperte in gran numero le
tombe principesche più significative sotto il profilo qualitativo del periodo tra il 475 e il
350 a.c.
Torques e armille, fibule e parti di cinture d'oro, bronzo e ferro, ma anche rivestimenti di
bronzo, di ferro, di carri, nonché decorazioni d'oro di corni potori e armi, portano una ricca
ornamentazione nel primo stile dell' arte celtica. A tutt' oggi resta oscura la genesi dello stile
artistico celtico. Stando alle odierne conoscenze, la più convincente mi sembra l'interpreta-
zione che ne danno F. Fischer e W. Kimmig, secondo i quali lo stile lateniano si sviluppò
in ambito tedesco sudoccidentale, uno dei centri della cultura tardohallstattiana alpina nor-
doccidentale. Qui i contatti con l'Etruria erano da lungo tempo particolarmente intensi, qui
si definì, in ambito tardohallstattiano, una fase di stile La Tène antico, qui esistevano, dal
punto di vista sociologico, favorevoli premesse per il sorgere di una forma di espressione arti-
stica documentata quasi esclusivamente dai beni materiali posseduti dal ceto dominante.
Coltello di ferro, vaso e kydthos
etrusco di bronzo dal tumulo 9 Quasi tutti i manufatti, siano essi d'oro, bronzo o ferro, sono capolavori dell' attività artistica
di Bescheid
Fine del V - inizi del IV secolo a. C.
celtica e dimostrano la creatività degli artigiani attivi nella parte centrale della zona montana
renana. Inoltre, sulla base dei reperti di Weiskirchen, si può affermare che i motivi figurativi
e decorativi sui recipienti di importazione greco-etrusca hanno esercitato diretta influenza
sulla ornamentazione dei ganci da cinturone in bronzo locali, per cui si può dedurre l'esisten-
za di un'officina funzionante in loco. In questa "officina di Weiskirchen" furono create, con
ogni probabilità, anche le brocche a becco di Basse-Yutz.
Se dunque non può sussistere dubbio circa il fatto che nell' ambito della cultura di Hunsriick-
Eifel e nella zona della Lorena e del Palatinato immediatamente adiacente a sud vi sia stato
un centro artigianale che produceva secondo il "primo stile", bisogna tuttavia guardarsi da
frettolose interpretazioni del quadro di diffusione degli oggetti contraddistinti da questo tipo
di decorazione; occorre pertanto evitare di attribuire senz' altro un ruolo di guida a questa
regione, dal momento che la carta distributiva rispecchia in primo luogo l'ambito di diffusio-
ne di un aspetto degli usi funerari, precisamente quello delle tombe principesche del V e IV
secolo. La diffusione effettiva, originaria, del "primo stile" può essere stata assai più vasta
e incisiva, interessando ampie zone della Gallia e dell'intera fascia meridionale mitteleuropea.
Nonostante l'alto numero di tombe principesche nella zona montuosa mediorenana, e sebbe-
ne generazioni di archeologi se ne siano occupati, la situazione della ricerca lascia ancora aper-
ti molti interrogativi. I motivi sono noti: ben più della metà delle tombe principesche del La
Tène antico sono state scoperte nel XIX secolo, scavate in maniera non ortodossa e non docu-
mentate o documentate in maniera insufficiente. Ne consegue che la completezza e la coeren-
za dei corredi sono lontane dall' essere garantite; inoltre, i primi tentativi di restauro non di
rado sono stati più fonte di danni che di risultati positivi. Ma anche la maggior parte delle
tombe scoperte ~el nostro secolo ha permesso solo limitati progressi; per lo più risultano di-
strutte o saccheggiate. Solo per pochi impianti funerari o campi di tumuli, come per esempio
quelli di Hillesheim nell'Eifel, di Reinheim nel Saarland meridionale, oppure di Bescheid o
di Hochscheid im Hunsriick, si dispone di una buona documentazione dei ritrovamenti e gli
oggetti sono stati restaurati in maniera soddisfacente.
Nonostante queste limitazioni, per quanto riguarda collocazione temporale, posizione, strut-
tura delle tombe, corredo funerario, rapporto spaziale con insediamenti e con altri campi di
tumuli, le tombe principesche del V e inizi del IV secolo mostrano caratteristiche comuni.
Nel valutare e interpretare questa comune impostazione dobbiamo tuttavia tenere sempre
presente che non esisteva una normativa sovraregionale degli usi funerari, sicché la mancanza

157
Elementi di cinturone di ferro
tra/arato dal tumulo 1
di Hochscheid (Renania)
Seconda metà del V secolo a. C.
Treviri, Rheinisches Landesmuseum

- --
di singoli particolari relativi al corredo o alla posizione delle tombe non pregiudica affatto
l'appartenenza al gruppo delle tombe principesche.
La maggioranza delle tombe principesche del La Tène antico si presenta in forma di tu muli
funerari isolati o di piccoli gruppi non superiori a tre. Finora, possono essere definite necro-
poli con tombe principesche soltanto Hochscheid con cinque impianti (originariamente in nu-
mero maggiore), Hoppstadten con undici e Bescheid con sedici. Si tratta sempre di necropoli
separate, chiaramente divise dalle aree funerarie del resto della popolazione. I tu muli sorgono
per lo più in punti elevati dai quali lo sguardo spazia ampiamente, nell'immediata vicinanza
di antiche e importanti vie commerciali. Molto spesso è chiaro il rapporto topo grafico con (~)~-,/ ~ .C
.' ~.o~)
'.~"",-,
gli insediamenti fortificati su altura coevi situati nelle vicinanze, specie per i campi di maggio-
ri dimensioni, del VII-III secolo a.c. Esemplari per questa concomitanza di posizione favore-
vole dal punto di vista geografico e delle comunicazioni, dell' esistenza di fortificazioni e della
.
0
01
"-.',~,,,",-,
'~'.~

'\
.T~
(

.
.
' ~"'-"'.'
r_".,,---=-u

~""'"

(lJr,
(..1~'=~,
presenza relativamente fitta di abitati sono le zone di Theley e Schwarzenbach-Otzenhausen. C~

Nei dintorni di Schwarzenbach - e anche questo è tipico di un gran numero di gruppi di tom- Q~
be principesche - era presente una notevole quantità di depositi di minerali ferro si adatti alla
lavorazione. Soprattutto J. Direhaus e R. Schindler hanno raccolto una massa di indizi che
(O 0
rendono probabile una intensa attività siderurgica nell'Hunsriick e nell'Eifel durante il La (:;f'~'a (::C9 10
Tène antico. Ricerche paleobotaniche hanno dato risultati simili, nel senso che a partire dall'i- .".,~)1"""i'!~:--.'.=9 ~
nizio del V secolo a.c. è stata registrata una cospicua, evidentissima riduzione delle superfici
a foresta. Fibule, torquis, bracciali, anelli
ed elementi di cinturone di ferro
I tumuli delle tombe principesche, sempre a paragone con la massa delle tombe semplici, pos- e di bronzo dal tumulo 9 di Bescheid
sono essere definiti di grandi dimensioni. Si presentano con un diametro da 25 a 50 metri Fine del V - inizi del IV secolo a.C.
e un' altezza da 2,50 a 6 metri, e dunque con notevoli differenze dimensionali, forse relative
a diverse funzioni all'interno del ceto dominante e della società. Lo stesso vale per le camere
funerarie, in legno e in pietra, poste di solito in posizione centrale nei tumuli. La loro superfi-
cie oscilla dagli 8 ai 20 metri quadrati.
Salvo rare eccezioni, i defunti venivano inumati senza essere cremati. Le poche tombe a inci-
nerazione accertate - Schwarzenbach 1, Besseringen, Hillesheim - corrispondono, quanto a
struttura e corredo, alle tombe a inumazione. Non si può pertanto escludere che si abbia a
che fare con sepolture doppie, nel senso che un individuo venne cremato, un altro deposto
senza esserlo, ma i loro scheletri, come di solito avviene nei terreni acidi dello Schiefergebirge

158
Le tombe principesche del medio Reno

renano, sono andati completamente distrutti e quindi è ormai impossibile rilevare questa di-
stinzione. È invece certo che nelle necropoli a tombe principesche di Bescheid e di Hoch-
scheid le sepolture a incinerazione erano più recenti. I defunti venivano deposti sulla pira in-
sieme con le offerte funerarie, e nel punto in cui aveva avuto luogo la cremazione veniva suc-
cessivamente elevato il tumulo funerario. A Bescheid, soltanto la scoperta di residui di oggetti
d'oro, argento e bronzo fusi ha permesso pulendo i resti del rogo una sicura attribuzione al
gruppo delle tombe principesche. Queste vanno datate a una tarda fase del La Tène antico,
all'incirca tra il 320 e il 250 a.c., in un periodo in cui, eccezion fatta per Waldalgesheim,
stando alla situazione attuale della ricerca, non venivano più costruite tombe principesche.
Un aspetto importante degli usi funerari, vale a dire il passaggio al rito della cremazione in
forma di "tombe piatte" con deposte le ceneri, o di tombe a cremazione in sito, quale risulta
dalle semplici tombe della cultura di Hunsriick-Eifel, rende àncora più ardua la ricostruzione
degli usi funerari delle tombe principesche.
Ricostituzione della placca d'oro Nel gruppo delle tombe principesche del territorio mediorenano sono documentate sepolture
del tumulo 1 di Weiskirchen
(Renania) maschili, femminili e più raramente infantili. Di particolare interesse è la constatazione che
Fine del V-inizi del IV secolo a. C.
nell'ambito della fase precedente della cultura di Hunsriick-Eifel, a parte Waldalgesheim,
non sono identicabili con sicurezza tombe femminili, in pieno contrasto con la cultura del
La Tène antico nel Palatinato immediatamente a sud, dove le tombe femminili con ricco cor-
redo di Bad Diirkheim, Reinheim e Worms-Herrnscheim ammontano addirittura al cinquan-
ta per cento delle tombe principesche finora scoperte. Le cause di questo diverso trattamento
riservato all'uomo e alla donna dopo la morte non sono ancora chiarite. Non è tuttavia da
escludere che nell' ambito del gruppo meridionale delle tombe principesche mediorenane le
donne del ceto dominante potessero svolgere funzioni politiche e religiose alle quali, nella fase
recente della cultura di Hunsriick-Eifel, avevano accesso invece soltanto uomini.
È da sottolineare ancora una volta che non si avevano usi funerari unitari e regolamentati.
La tendenza all' individualismo, tanto evidente nei capolavori dell' arte celtica, è riconoscibile
anche in tale ambito e si può supporre che fosse avvertibile anche in molti altri aspetti dell' esi-
stenza quotidiana, archeologicamente non documentabili.
Una grossa sorpresa è stata, durante gli scavi del 1979 a Bescheid, la scoperta di una tomba

Fibula di bronzo a "maschere"


dal tumulo 2 di Bescheid (Renania)
Seconda metà del V secolo a. C.

159
"""""
infantile. Nel tumulo 9 della necropoli a tombe principesche ci si imbatté nella sepoltura di
una bambina di circa otto anni, con orientamento ovest-est. La defunta presentava ricchi or-
namenti di bronzo (cerchietti per capelli, una collana, due armille identiche), un bracciale di
ferro e una cintura con piccolo fermaglio di ferro e due graziosi anelli. Sul petto, l'abito era
fermato da tre fibule in bronzo. Ai piedi erano stati deposti un coltello, una coppa su piede
o!~
ceramica di alta qualità, nonché una coppa etrusca di bronzo della fine del V secolo, quest'ul-
tima di una Jipologia insolita a nord delle Alpi. La gamma dei recipienti importati dall'Etruria
era dunque più ampia di quanto si fosse in precedenza supposto.
Finora non è stato trovato nulla di paragonabile alla tomba della bambina di Bescheid, datata ~
a poco dopo il 400 a.c. Che a volte anche bambini venissero accompagnati da corredi tanto ~~
sontuosi è comprovato da una antica relazione sullo scavo del tumulo 1 di Hoppstiidten, dove ~~
il bambino era accompagnato da una spada, da cuspidi di lancia e di freccia nonché da una
Schnabelkanne etrusca di bronzo.
~
A Hochscheid nel 1975-76 vennero scoperte quattro tombe maschili del periodo tra il 450 'Fibule di bronzo, bottone
di bronzo per scarpe, oggetti
e il 400 a.c., sepolture centrali in tu muli già ampiamente spianati del diametro di 20-25 me- da toilette, coltello di ferro
tri. Due dei tumuli erano circondati da un ampio cerchio di altre tombe. Fibule doppie a testa vaso dipinto e brocca estrusca
di bronzo da tumuli di Hochscheid
di uccello e fibule a maschera bronzee, con ricca ornamentazione in corallo, ganci da cintura
in ferro a giorno e in bronzo a cassetta, bottoni ornamentali dei calzari in cuoio, una fibula
a disco d'oro con incastonature in corallo, un disco d'oro del tipo Weiskirchen usato come
ornamento di un mantello o di una cappa, nonché alcune armille, forniscono un quadro carat-
teristico del costume personale del gruppo delle tombe principesche. Per quanto riguarda il
disco d'oro, se ne ha un equivalente più sontuoso dal tumulo 1 di Weiskirchen nel Saarland.
Tra le armi di Hochscheid, particolare attenzione spetta alla spada dal tumulo 2. La lama in
ferro con impugnatura decorata di coralli è infilata in un fodero di bronzo con motivi flore ali
e zoomorfi del "primo stile", decorato con coralli.

Disco d'oro dal tumulo 6


di Bescheid (Renania)
Seconda metà del V secolo a. C.
Treviri, Rheinisches Landesmuseum

160
... '"

Le tombe principesche del medio Reno

Due dei guerrieri di Hochscheid erano accompagnati ciascuno, oltre che da ceramica di alta
qualità di produzione locale, anche da una Schnabelkanne bronzea etrusca. Le Schnabelkannen
d'importazione sono di gran lunga gli oggetti di corredo in cui ci si imbatte più di frequente.
Quale recipiente con cui versare e mescere una bevanda importante nelle occasioni profane
e religiose, probabilmente vino italiano, alla Schnabelkanne spetta una funzione di particolare
rilievo negli usi funerari della nobiltà celtica. Essa poteva assurgere a simbolo dell'intero rito
del simposio, e veniva pertanto deposta nella tomba in rappresentanza dell'intero servizio da
simposio. La sua valenza è sottolineata dal fatto che, unico tipo di recipiente di importazione,
viene imitata in argilla e legno e anche dal fatto che altri tipi di recipienti in bronzo, come
quelli documentati a Schwarzenbach 2 e Weiskirchen 1, sono stati trasformati in Schnabel-
kannen.
La più grande necropoli di tombe principesche, con sedici tumuli, è stata scavata tra il 1977
e il 1979 nella zona di Bescheid presso Trevjri. Sebbene parecchi tu muli siano stati saccheg-
giati già nell'Ottocento, le ricerche hanno portato a numerosi ritrovamenti. Si è già accennato
alla tomba della bambina del tumulo 9 e alle tombe a incinerazione, contenenti tutto il mate-
Brocche etrusche di bronzo riale della pira e sorprendentemente tarde (IV e III secolo). A Bescheid si è potuto per la pri-
dai tumuli 1 e 4 di Hochscheid ma volta fornire la riprova che l'uso delle tombe principesche è stato mantenuto continuativa-
Dietro: imitazione in terracotta
da Sien (Renania) mente da una comunità locale approssimativamente tra il 475 e il 250 a.c.
Seconda metà del V secolo a. C. Intatto, e pertanto particolarmente significativo, era il tumulo 6, dove il defunto era stato
Treviri, Rheinisches Landesmuseum
deposto in posizione supina con la testa verso ovest in una camera funeraria di 2,50 x 4 metri.
Il pavimento e le pareti erano ricoperti di stoffe. Il morto era vestito e portava una cintura
con un gancio di ferro con intarsi di corallo e due anelli decorati da un motivo floreale. I calza-
ri di cuoio erano ornati con bottoni di bronzo decorato e potevano essere chiusi con piccoli
gancetti di ferro. A destra del defunto era stato deposto un abito del quale si era conservato
soltanto un disco ornamentale in oro. Sempre a destra, era deposta la spada con fodero di
ferro ornato di coralli. Il pomo dell'impugnatura si presenta in forma di testa umana a tutto
tondo, probabilmente la raffigurazione di un dio della guerra o di un eroe celtico. Della pano-
plia facevano parte inoltre tre lance con grosse cuspidi in ferro nonché tre frecce con immani-
catura a cannone. L'arco che s'accompagnava alle frecce doveva essere in legno, e pertanto
è andato completamente distrutto. Lo stesso vale per lo scudo.
Particolare attenzione meritano proprio gli oggetti. meno vistosi, le punte di freccia, dal mo-
mento che, uniche tra le armi presenti nel tumulo 6, non si trovano in tombe semplici ma
sono invece tutt' altro che rare in quelle principesche. Dedurne che l'aristocrazia forniva in
guerra gli arcieri sarebbe certamente troppo semplicistico; piuttosto, le punte di freccia sem-
brano indicative del fatto che la caccia - non soltanto quale fonte alimentare, bensì come for-
ma di sport, forse anche un privilegio sociale - svolgeva un ruolo importante nella vita degli
aristocratici.
Ai piedi del morto erano state deposte le offerte alimentari e le bevande. Lo dimostrano un
piccolo coltello in ferro a un solo taglio e una decorazione in lamina d'orto del "primo stile"
sull'orlo di un corno potorio. Tutt'altro che improbabile è che qui si trovasse anche una broc-
ca in legno.
La deposizione di corni potori per lo più in combinazione con vasellame etrusco in bronzo,
Pomolo di bronzo in forma di testa
umana da una spada dal tumulo 6 era riservata ai membri del ceto dominante. I corni potori tra i barbari settentrionali, gli Sciti,
di Bescheid (Renania) i Traci, gli Illiri e i Celti, assumevano il ruolo delle tazze e delle coppe che erano invece com-
Fine del V secolo a. C.
Treviri, Rheinisches Landesmuseum ponenti importanti dei servizi da simposio mediterranei. Fonti iconografiche sciti che compro-
vano l'importanza particolare che i corni potori avevano nel culto.
A differenza delle tombe di Hochscheid, quella del tumulo 6 di Bescheid conteneva un carro.
Oltre quaranta applique in ferro provengono dal timone, dal pianale e dalle ruote di un veico-
lo a un unico asse che, agile e veloce, era particolarmente indicato quale carro da guerra oltre
che da viaggio. J. Metzler ne ha tentato di recente una ricostruzione con l'aiuto del ritrova-
mento a Gorosbous-Vichten in Lussemburgo di un veicolo non molleggiato, quale quello di
Bescheid. A parte la versione semplice trovata in questo sito, ne è nota anche una sontuosa,

161
r
Applique in foglia d'oro lavorata Guarnizioni di corni potori
a sbalzo, da Ferschweiler (Renania) in foglia d'oro lavorata a sbalzo
Seconda metà del V secolo a. C. dalla tomba principesca di
Treviri, Rheinisches Landesmuseum Reinheim (Saarland)
Sarbrucken, Landesmuseum
fur V or-und Frnhgeschichte

Ricostruzione dei corni potori


con decorazioni soprattutto in bronzo e con intarsi di coralli. Con quella pratica, la funzione con applicazioni in foglia d'oro
di rappresentanza del carro aveva evidentemente un ruolo importante. dalla tomba principesca
di Schwarzenbach (Renania)
A conclusione della nostra breve descrizione delle tombe principesche del La Tène antico, Seconda metà del V secolo a. C.
vale la pena di accennare a una particolarità della necropoli di Bescheid. Entrambi i gruppi Berlino, Staatliche Museen
Antikensammlung Preussischer
dei campi di tombe a tumulo sono collegati da un terrapieno artificiale lungo 250 metri, largo Kulturbesitz
4 e alto quasi 1, che comincia presso il tumulo 4 e termina presso il tumulo 6. In entrambi
sono state ritrovate tombe a carro quasi identiche. Terrapieni simili all'interno di campi di
tombe a tumulo non sono affatto rari nell'ambito della cultura di Hunsriick-Eifel, ma la loro
funzione finora non è stata chiarita. A Bescheid parecchi elementi parlano a favore del fatto
che il terrapieno debba essere visto in rapporto diretto con le due tombe a carro, in quanto
rappresenta un collegamento stradale tra i tumuli, simboleggiando con ogni probabilità una
strada processionale.

Conclusione
Alla fine del tardo Hallstatt (verso il 500 a.C.)
Eifel è riconoscibile archeologicamente un ceto
ne sociale al di là della morte con la costruzione
nell'ambito della prima cultura di Hunsriick-
nobiliare che manifesta la sua elevata posizio-
delle tombe e con il corredo funerario, suben-
&--~~
do l'influenza del ceto dominante della cultura tardohallstattiana della zona alpina nordocci-
dentale. Solo un paio di generazioni più tardi è riconoscibile uno sviluppo simile anche nella
parte occidentale. I cimiteri del ceto dominante sono adesso necropoli separate: il distacco
~/=~f.!D
dal resto della popolazione viene conservato anche in morte. Favorevoli situazioni geografi-
che e commerciali, impianti fortificati, depositi di metalli ferro si e una densità di popolazione
relativamente elevata nelle immediate vicinanze delle necropoli a tombe principesche sono
indicativi, in rapporto con la dispendiosa costruzione degli impianti funerari, della posizione
dominante in campo militare, economico e politico dei defunti deposti in queste sepolture.
Status symbol come dischi d'oro del tipo Weiskirchen, vasellame di bronzo etrusco, corni po-
tori e carri nonché armi artisticamente decorate ed elementi del vestiario, testimoniano di
uno stile di vita autonomo, anche se legato a influssi ideologici mediterranei.

162