Sei sulla pagina 1di 11

Il conflitto israelo palestinese

la guerra «infinita»
La terra di canaan e le 12 tribù

Cannaan era terra caratterizzata da una posizione strategica,


importante via transito, abitata da popolazioni semite, gli ebrei
erano una di queste, i quali dopo essere stati cacciati dall’ Egitto
conquistarono lentamente la Palestina , adattandosi ad uno stile di
vita sedentario, dividendo il territorio in 12 tribù.
Il regno di israele
Questo territorio conquistato dagli ebrei originò vari conflitti tra le
altre popolazioni semite interessate al suo controllo, ciò portò alla
nascita del regno di Israele con Saul, al quale seguirono David e
Salomone, con la morte di quest’ ultimo il territorio si divise in
due regni diversi, i quali ben presto caddero , insieme ai loro
popoli, sotto la conquista dei popoli mesopotamici.
La grande diaspora

Con il termine «diaspora» si intende la dispersione del


popolo ebraico dopo la conquista del territorio palestinese
da parte dei sovrani eredi di Alessandro Magno ,alla quale
appunto seguì la migrazione degli ebrei verso i vari stati del
Mediterraneo, dove vennero fondate varie comunità.
La nascita dello stato d’ Israele

Tutto iniziò nel 1947 con l’ affidamento del mandato palestinese


britannico nelle mani delle Nazioni Unite e dell’ ONU, a questo
passaggio seguì la nascita dell’ UNSCOP il quale votò per l’
attuale divisone dello stato, decisione successivamente
approvata dalle Nazioni Unite , le quali il 29 novembre 1947
presero la decisione finale in merito al fatto con l’approvazione
della risoluzione 181 , alla quale seguirono degli scontri , infine il
14 maggio 1948 venne proclamata la nascita di Israele.
Lo sviluppo del conflitto
I principali conflitti
-Conflitto arabo israeliano del 1948 -49 , caratterizzato da azioni di
guerriglia e disordini vari, con l’ occupazione della Palestina
Cisgiordana da parte di alcuni stati del vicino oriente.

-La guerra dei sei giorni , scoppiata il 5 giugno 1967 e terminata il


10 , con la distruzione della flotta aerea egiziana da parte delle forze
armate israeliane e la conquista di vari territori del vicino oriente.

-La guerra del Kippur scoppiata nel 1973 e terminata pochi mesi dopo
, il conflitto vede l’ unione tra Siria ed Egitto contro Israele per
riconquistare i territori perduti nel ‘67, le tensioni terminano con degli
accordi sulla smilitarizzazione dei territori sottratti ai due stati.
L’ intifada
Intifada è un termine arabo che nella fattispecie significa «rivolta»
«sollevazione». Nel corso del conflitto israelo palestinese si sono
sviluppate tre intifade:
-prima intifada , verificatasi nel 1987 sotto forma di atti spontanei di
protesta e terminata nel 1993 con gli Accordi di Oslo.

-seconda intifada iniziata il 28 settembre 2000 con l’entrata di Ariel


Sharon nella spianata delle moschee e conclusa il 5 febbraio 2005.

-terza intifada annunciata tra il 2008 e il 2009 ma non ancora


ufficialmente iniziata .
La situazione odierna
Al giorno d’ oggi continuano le tensioni fra Israele e Palestina , tra
attentai terroristici , bombardamenti ed operazioni delle forze
militari, la maggior parte dei quali causanti decine di morti e feriti ,
azioni molto spesso rivendicate da vari gruppi armati o dalla
stessa Hamas . Purtroppo non si è ancora giunti a dei solidi accordi
di pace per porre la parola fine a questo conflitto ormai in atto da
decine e decine di anni.
I campi profughi
I primi campi profughi palestinesi sono nati nel 1947, con la
proclamazione dello stato d’ Israele. Nel corso degli anni , il
numero dei profughi palestinesi è notevolmente aumentato . Ad
oggi l’ agenzia UNRAW conta 59 campi distribuita tra : Libano,
Giordania , Siria, Cisgiordania e Gaza . Purtroppo le condizioni di
vita all’ interno dei campi sono più che precarie difatti la
maggior parte dei rifugiati non riesce ad accedere all’ istruzione
di base, con difficili condizioni igienico sanitarie e mancanza di
cibo ed acqua..

Potrebbero piacerti anche