Sei sulla pagina 1di 1

Prova d’esame 26 gennaio 2017

La parete nord di un appartamento è alta 2,70 m ed è costituita da:


A) intonaco esterno (malta e cemento) avente spessore 2
cm;
B) laterizio poroton (spessore 12 cm);
C) polistirene (spessore 6 cm);
D) intonaco interno (calce e gesso) avente spessore 2 cm;
E) trave in cemento armato ( = 2400 kg/m3), avente
dimensioni 30x30 cm.
In una giornata tipica invernale, si hanno le seguenti
condizioni, ipotizzate stazionarie:
- temperatura dell’aria esterna T∞e=5°C;
- temperatura dell’aria interna T∞i=20°C;
- umidità esterna URe= 80%;
- umidità interna Uri=65%.
Assumendo:
- una conduttanza convettiva esterna pari a 20
W/m2K;
- una conduttanza convettiva interna pari a 4 W/m2K;
si valuti l’andamento della temperatura superficiale sulla parete interna e si verifichi il rischio di
condensa superficiale. Per lo svolgimento dell’esercizio si utilizzino i dati forniti dalle norme di
riferimento.

Prova d’esame 21 giugno 2017


Della parete in figura sono noti i seguenti dati:
t∞
 H1=1,0 m; H2=2,0 m; L1=0,50 m; L2=0,08 m; L3=0,14 m.
G
 a=4,80 W/(mK); b=0,02 W/(mK); c=0,60 W/(mK);
d=6,50 W/(mK).
 t=28 °C; td=36 °C
 G=900 W/m2

Supponendo che la parete esterna (di destra) sia esposta radiativamente ad un ambiente,
approssimabile ad un corpo grigio (∞ = 0,85) alla temperatura pari a quella dell’aria, e supponendo
che la dimensione della parete normale al foglio sia unitaria, calcolare la potenza termica trasmessa
all’interno e la temperatura ta della faccia interna a.