Sei sulla pagina 1di 14

I

BO LL ET TI NO DI S T UDI L AT INI
Periodico semestrale d’informazione bibliografica
fondato da Fabio Cupaiuolo
Comitato direttivo: G. Aricò, M. Armisen-Marchetti, G. Cupaiuolo,
P. Fedeli, A. Ghiselli, G. Polara, K. Smolak, R. Tabacco, V. Viparelli
Redazione: A. Borgo, S. Condorelli, F. Ficca, M. Onorato
Direttore responsabile: G. Cupaiuolo; Condirettore: V. Viparelli
Anno XLVIII - fascicolo I - Gennaio-Giugno 2018
I NDI C E
Articoli:
Alfonso Traina, Lorenzo Nosarti, Prouerbia in forma metrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Manuel Galzerano, Machina mundi: significato e fortuna di una iunctura da Lucrezio alla tarda antichità . . 10
Emanuele Riccardo D’Amanti, Simposio e antisimposio nelle Odi oraziane. Considerazioni su III 8, III 19 e I 18 35
Serena Cannavale, Spettacolo e intrattenimento nei Campi Flegrei in età romana . . . . . . . . . . . . . . . 59
Fabio Gasti, Floro storiografo fra retorica e lingua poetica: a proposito di praef. 3 e di 1,1,16-18 . . . . . . . 75
Sabina Tuzzo, La castità di Didone (Epigr. Bob. 45 Sp.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Armando Bisanti, Questioni cronologico-attributive e tecnica compositiva del Carmen de Hastingae proelio di
Guy d’Amiens . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105

Note e discussioni:
Alessio Torino, Note filologiche sui Captiui di Plauto: la mano B3 nel codice Palatino latino 1615 (prima parte:
il testo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
Grazia Maria Masselli, Un fratello per nemico: il tragicomico desiderio di una machaera. A proposito di Plaut.
Mil. 5-8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Irma Ciccarelli, Nota a Prop. 4,10,42 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
Immacolata Eramo, Ammiano, l’Historia Augusta e uno strano caso di fornai a cavallo . . . . . . . . . . . . . 173
Raffaella Tabacco, Liduna e malina in Marcello Empirico: nota critica a De medicamentis 36,49. . . . . . . 183
Anita Di Stefano, La Iohannis di Corippo: note al testo della praefatio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
Loriano Zurli, Modi ‘profani’ di editare i Carmina profana di Draconzio. A margine della recente edizione
Zwierlein . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198

Cronache:
La peinture murale antique: méthodes et apports d’une approche technique : Louvain-la-Neuve, 21 avril 2017 (M. Ca-
valieri, 211). – La confusion des genres dans la Pharsale de Lucain. L’identité de l’épopée mise en question. Perspectives
littéraires, linguistiques et stylistiques: Aix-en-Provence, 18-19 mai 2017 (P.-A. Caltot, 216). – Stadt und Umland: Eich-
stätt, 5-8 Juli 2017 (B. M. Altomare, 216). – La réception du théâtre antique dans les travaux savants de l’Europe de la
première modernité: Montréal, 19-22 Juillet 2017 (Abstracts degli autori, raccolti da P. Paré-Rey, 220). – Sapiens Ubique
Civis: Szeged, 30 August – 2 September 2017 (O. Schwazer, 224). – Confucius and Cicero. Old ideas for a new world
– new ideas for an old world: Torino 5-6 settembre 2017 (S. Mollea, 224). – La ricerca interdisciplinare in Europa e in
Italia: problemi e prospettive: Venezia, 26 settembre 2017 (E. Della Calce, 226). – Un ‘piede’ in biblioteca e uno sul
palcoscenico. Ludi Plautini Sarsinates: personaggi in scena. Il miles: Sarsina, 30 settembre 2017 (G. Bandini, 228). –
Viuam! Simposio de Estudios Ovidianos – Symposium on Ovidian Studies: Huelva, 5-6 octubre 2017 (L. Rivero García,
231). – “Il n’est guère de matière si vaste que celle des monuments de l’Antiquité”. Étude et réception de l’Antiquité
romaine au siècle des Lumières: perspectives croisées: Louvain-la-Neuve, 6 octobre 2017 (M. Cavalieri, 233). – “Attua-
lizzare” il passato. Percorsi della cultura moderna fra storiografia e saperi degli antichi: Firenze, 13 ottobre 2017 (I. G.
Mastrorosa, 237). – Städte verbinden? Kommunikationswege auf der Iberischen Halbinsel. – ¿Conectando ciudades?
Vías de comunicación en la Península Ibérica: Hamburg 26.-28. Oktober 2017 (D. Kloss, S. Panzram, 241). – La récept-
ion d’Ausone dans les littératures européennes: Paris, 26-27 octobre 2017 (M. Onorato, 245). – Livius noster. Convegno
internazionale di studi su Tito Livio: Padova, 6-10 novembre 2017 (E. Della Calce, 248). – Lectures rhétoriques des
poètes augustéens: Clermont-Ferrand, 9 et 10 novembre 2017 (H. Vial, 254). – Regards croisés sur les couples exception-
nels dans l’Antiquité: Lausanne, 9 et 10 novembre 2017 (A. Bielman Sánchez, S. Tamburini, 255). – La Poesia di Ovidio:
Letteratura e Immagini: Napoli, 9-10 novembre 2017 (S. Fascione, 261). – Gli affetti e i gesti della retorica. Aspetti
dell’influenza di Quintiliano tra Antichità e Rinascimento: Bologna 10 novembre 2017 (F. Giunta, 265). – Épistolaire
antique et prolongements européens: Tours, 16 et 17 novembre 2017 (É. Gavoille, 266). – Prospettive sidoniane: Bari, 20
novembre 2017 (A. Lagioia, 269). – Mémoires en scène. Incarnation et matérialisation du passé dans le théâtre grec et
II

latin: Montpellier, 23-24 novembre 2017 (I. David, 274). – Il codice Pal. lat. 1615 e la sua revisione medioevale: Urbino,
24 novembre 2017 (C. Pentericci, 278). – Il ver condito: caratteri e ambiti della poesia didascalica nel mondo antico:
Pavia, 29 - 30 novembre 2017 (I. Leonardis, 280). – Change and Resilience: The Occupation of Mediterranean Islands
in Late Antiquity: Providence, Rhode Island, December 1-3, 2017 (L. R. Gosner, 284). – La cultura scritta dell’Egitto
Bizantino: Torino, 5-6 dicembre 2017 (S. Rozzi, 288). – Greek Literary Criticism and Latin Texts: Connections and In-
teractions: Leiden 7-8 dicembre 2017 (A. De March, C. De Jonge, 291). – Fiscality and Imperialism in the Middle Ro-
man Republic: Cambridge, 11th – 12th December 2017 (M. Adamo, S. Piacentin, 296). – In toto semper ut orbe canar.
Ovidio: il poeta, l’arte, la tradizione: Chieti, 14-16 dicembre 2017 (A. Gelsumini, 298).

Recensioni e schede bibliografiche:


A. Rolle, Dall’Oriente a Roma: Cibele, Iside e Serapide nell’opera di Varrone, 2017 (R. Miranda, 303). – Cicerone,
Aratea e Prognostica, a cura di D. Pellacani, 2015 (F. Feraco, 305). – P. Ovidio Nasone, Epistulae ex Ponto. Libro III,
a cura di C. Formicola, 2017 (M. Lentano, 308). – L. Annaeus Seneca, De clementia, edidit H. Malaspina, 2016 (G.
Abbamonte, 312). – Aa.Vv., A Companion to the Flavian Age of Imperial Rome, ed. A. Zissos, 2016 (T. Leoni, 316). – M.
Onorato, La seduzione del libellus. Metapoetica e intertestualità in Marziale, 2017 (A. Borgo, 320). – Silius Italicus,
Punica 2. Edited with an Intr., Transl., and Comm. by N. W. Bernstein, 2017 (C. Laudani, 321). – H.-Ch. Günther,
Zwei Liebesgedichte vom Ausgang der lateinischen Antike: Ausonius’ Bissula und das Pervirgilium Veneris, 2017 (S.
Santelia, 326). – F. R. Nocchi, Commento agli Epigrammata Bobiensia, 2016 (M. Onorato, 328). – Aa. Vv., Corippe. Un
poète latin entre deux mondes. Actes rassemblés et édités par B. Goldlust, 2015 (S. Condorelli, 330). – E. Flores,
Nelle traiettorie del tempo e del segno. Studi di letteratura greca e latina, 2015 (N. Scippacercola, 333). – G. Corazza,
Gli Augustales della Campania romana, 2016 (A. Di Meglio, 336). – Aa. Vv., In gara col modello. Studi sull’idea di
competizione nella letteratura latina, a cura di M. Formisano e R. R. Marchese, 2017 (S. Rozzi, 338). – E. Cantarel-
la, Come uccidere il padre. Genitori e figli da Roma a oggi, 2017 (L. Sandirocco, 340). – Aa. Vv. Formas de acceso al
saber en la Antigüedad Tardía y la Alta Edad Media. La transmisión del conocimiento dentro y fuera de la escuela, edd.
D. Paniagua, M. A. Andrés Sanz, 2016 (S. Fascione, 345). – Per la valorizzazione del patrimonio culturale della
Campania. Il contributo degli studi medio- e neo-latini, a cura di G. Germano, 2016 (J. Ottobre, 348). – A. Iacono,
Porcelio de’ Pandoni: l’umanista e i suoi mecenati. Momenti di storia e di poesia, con un’Appendice di testi, 2017 (J.
Ottobre, 352). – C. V. Tufano, Lingue tecniche e retorica dei generi letterari nelle Eclogae di G. Pontano, 2015 (N.
Rozza, 354).

Rassegna delle riviste, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357


Notiziario bibliografico (2016/2017) a cura di G. Cupaiuolo, . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415

Amministrazione: Paolo Loffredo - Iniziative Editoriali SRL - Via U. Palermo, 6 - 80128 Napoli
(Italia) - email: iniziativeditoriali@libero.it – www.paololoffredo.it
Abbonamento 2018 (2 fascicoli, annata XLVIII): Italia € 73,00 - Estero € 94,00
Vendita versione digitale su Torrossa.it ISSN (e) 2035-2611
I versamenti vanno effettuati a mezzo bonifico bancario: IBAN: IT 42 G 07601 03400 001027258399 BIC/
swift BPPIITRR: Banco Posta spa; oppure su conto corrente postale 001027258399
Norme per i collaboratori: Si veda la pagina web: http://www.bollettinodistudilatini.it. I contributi vanno
inviati in stesura definitiva al dir. responsabile, prof. Giovanni Cupaiuolo, Via Castellana 36, 98158 Faro
Superiore - Messina (Italia). - La responsabilità dei lavori pubblicati impegna esclusivamente gli autori. -
Gli autori effettueranno la correzione tipografica solamente delle prime bozze; le successive correzioni sa-
ranno effettuate a cura della redazione; non si accettano aggiunte né modifiche sulle bozze di stampa. - I
collaboratori avranno 10 estratti gratuiti con copertina per gli articoli.
La rivista recensirà o segnalerà tutte le pubblicazioni ricevute. Libri e articoli da recensire o da segnalare deb-
bono essere inviati (possibilmente in duplice copia) al direttore responsabile, prof. Giovanni Cupaiuolo, Via
Castellana 36, 98158 Faro Superiore - Messina (Italia), con l’indicazione “Per il Bollettino di Studi Latini”.
Il Bollettino di studi latini è sottoposto alla procedura di peer review, secondo gli standard internazionali
Reg. Trib. di Napoli n. 2206 del 20-2-1971. - Reg. al Registro Nazionale della Stampa n. 9307 del 26-11-1999

Impaginazione: Graphic Olisterno, Portici - Stampa: Grafica Elettronica srl, Napoli


Finito di stampare nel mese di marzo 2018
173

Ammiano, l’Historia Augusta


e uno strano caso di fornai a cavallo*

La prima occorrenza del lessema clibanarius databile con certezza in ambito lette-
rario è nel panegirico di Nazario a Costantino, pronunciato il 1° marzo del 321 (cliba-
nariis in exercitu nomen est: superne hominibus tectis, equorum pectoribus demissa
lorica et crurum tenus pendens sine impedimento gressus a noxa vulneris vindicabat).1
Il luogo offre in sintesi un’immagine fedele di questo tipo di cavalieri corazzati, cor-
roborata a livello iconografico dal noto graffito di Dura-Europos, e riscontrabile anche
nella puntuale descrizione che Eliodoro fa dell’equipaggiamento dei : un
elmo compatto, che copre testa e collo in un unico pezzo, lasciando solo una fessura
per gli occhi; una corazza formata da piastre unite l’una all’altra agli orli e con cernie-
re alle giunture, che aderisce al corpo ma permette libertà di movimento, dal collo alle
ginocchia, con apertura in prossimità delle cosce, per permettere al cavaliere di mon-
tare; gli schinieri sulla parte inferiore della gamba, dal collo del piede fino al ginoc-
chio. Un’armatura è prevista anche per il cavallo: gambali per le zampe; testa, dorso,
ventre e fianchi sono coperti da una gualdrappa lamellare di ferro.2 Da questa spiega-
zione sembrerebbe che clibanarii e si identifichino, ma la questione è
tuttora oggetto di dibattito: per taluni si distinguono nell’equipaggiamento, secondo
altri non ci sarebbero sostanziali difformità, altri ancora focalizzano l’attenzione su
specifiche peculiarità di ordine tattico.3 In effetti, le fonti non forniscono chiari e spe-

* Questo contributo è nato da una proficua discussione con Giusto Traina, che ringrazio per i suggeri-
menti forniti nel corso della sua elaborazione. Altrettanto preziosa è stata la consulenza linguistica di Clau-
dia Ciancaglini.
1
Paneg. IV [X], 22, 4, su cui L. Cracco Ruggini, Fatto storico e coloritura letteraria (da passi della
“Historia Augusta”), «BHAC» 1972/1974, Bonn 1976, 119-121 e C. Laudani, Nazario. Panegirico in
onore di Costantino, Bari 2014, 267-271.
2
Heliod. Aeth. IX, 15. Sul graffito di Dura Europos vd. M.I. Rostovtzeff, The Excavations at Du-
ra-Europos. Preliminary Report of Fourth Season of Work, October 1930-March 1931, New Haven 1933,
208-209, 216-217 e fig. XXII,2; J.W. Eadie, The Development of Roman Mailed Cavalry, «JRS», 57, 1967,
170; A. Hyland, Equus. The Horse in the Roman World, London 1990, 148-151.
3
Tra i primi: M.I. Rostovtzeff, cit., 217-221; J.W. Eadie, cit., 172-173; O. Gamber, Kataphrakten,
Clibanarien, Normannenreiter, «Jahrbuch der kunsthistorischen Sammlungen in Wien», 64, 1968, 31-32;
D. Hoffman, Epigraphische Studien. VII, Das spätrömische Bewegungsheer und die Notitia dignitatum,
Düsseldorf 1969, I, 265-266; V.P. Nikonorov, Cataphracti, catafractarii and clibanarii: another look at the
old problem of their identification, in Military Archaeology. Weaponry and Warfare in the Historical and
Social Perspective. Materials of the International Conference, 2-5 September 1998, St. Petersburg 1998,
131-138, spec. 137-138. Ritengono che clibanarii siano sostanzialmente dei cavalieri corazzati E. Gabba,
174 Immacolata Eramo

cifici elementi di distinzione, evidentemente in quanto non ne individuano; per es. in


Paneg. IV [X], 22, 4 e 23, 5 le stesse milizie, quelle che Costantino riesce accortamen-
te a sbaragliare, sono chiamate prima clibanarii poi catafracti; Amm. XVI, 12, 7 e 12,
22 usa per lo stesso contingente nel primo luogo il termine cataphractarii, nel secondo
clibanarius per uno dei componenti.4
Per l’origine del termine clibanarius, una testimonianza cruciale sembrerebbe un
passo della Historia Augusta, all’interno del discorso che Alessandro Severo avrebbe
tenuto all’indomani della vittoria su Ardaš r I. Fra le perdite inflitte al nemico, egli
annovera anche l’uccisione di cavalieri corazzati: catafractarios, quos illi [i.e. Persae]
clibanarios vocant, decem milia in bello interemimus, eorum armis nostros armavi-
mus (Hist. Aug. Alex. 56, 4).5 La questione è da tempo dibattuta: già Casaubon propen-
deva per l’origine straniera (“non est vox Graeca, sed Barbara e re imposita”), laddove
Saumase difendeva la provenienza greca (“falso sibi persuaserunt eruditissimi viri,
vocem clibanarios non Latinam esse, sed Persicam: in quo, ut dixi, valide falluntur.
Res quidem ipsa Persica”).6
Secondo l’opinione più diffusa e condivisa dai classicisti, clibanarius deriverebbe
dal greco , in senso proprio ‘forno’.7 Il calco latino sarebbe l’esito di una
traslazione semantica fortemente connotata, nella fattispecie un Soldatenwitz: si im-

Sulle influenze reciproche degli ordinamenti militari dei Parti e dei Romani, in La Persia e il mondo gre-
co-romano, Roma, 11-14 aprile 1965, Roma 1966, 65 n. 66 (= Per la storia dell’esercito romano in età
imperiale, Bologna 1974, 28-29 n. 66); M.P. Speidel, Catafractarii Clibanarii and the Rise of the Later
Roman Mailed Cavalry. A Gravestone from Claudiopolis in Bithynia, «EA», 4, 1984, 152-154 (Roman
Army Studies, Stuttgart 1992, II, 407-409); M. Michalak, The Origins and Development of Sassanian
Heavy Cavalry, «Folia Orientalia», 24, 1987, 77. Di differenze tattiche parla M. Mielczarek, Cataphracti
and Clibanarii. Studies on the Heavy Armoured Cavalry of the Ancient World, Łód 1993, 42-50. Descri-
zione e varianti anche in J.M. Diethart - P. Dintsis, Die Leontoklibanarier. Versuch einer archäologisch-
papyrologischen Zusammenschau, in . Festschrift für Herbert Hunger zum 70. Geburtstag, hrsg.
von W. Hörander (et al.), Wien 1984, 67-79; A. Hyland, cit., pp. 145-156; P. Skupniewicz, The Himya-
rite “knight” and Partho-Sasanian Art, «Historia i wiat», 5, 2016, 57-75.
4
Vd. M.I. Rostovtzeff, cit., 217-218; J.M. Diethart - P. Dintsis, cit., 70-71; M.P. Speidel, cit., 154;
M. Mielczarek, cit., 10; V.P. Nikonorov, cit., 136 (questi ultimi offrono anche una rassegna delle fonti,
rispettivamente a 19-40 e 131-132). Di catafractarii clibanarii parla un’epigrafe di Klaudioupolis (AE
1984, 0825) databile tra il 284 e il 324 d.C., su cui M.P. Speidel, cit., 151-156.
5
Che Alessandro Severo sia stato responsabile di una larga acquisizione di truppe orientali tra gli auxi-
lia degli eserciti romani o del loro equipaggiamento (come suggerisce questo luogo della Historia Augusta)
è opinione che L. Cracco Ruggini, cit., 124 nn. 40 e 42 condivide con E. Gabba, cit., 65 (ma vd. anche F.
Rundgren, Über einige iranische Lehnwörter im Lateinischen und Griechischen, «Or. Suecana», 6, 1957,
35), sulla scorta di Hdn. VI, 7, 8-10 e 8, 9; VII, 1, 9 e 2, 1. Testi ufficiali come il Codex Theodosianus (XIV,
17, 9, 26 luglio 389) e la Notitia Dignitatum, oltre a fonti documentarie su papiro o epigrafe, ne attestano,
infatti, la presenza alla fine del IV sec. (vd. L. Cracco Ruggini, cit., 129 e n. 52).
6
Historiae Augustae Scriptores VI. Aelius Spartianus. Vulc. Gallicanus. Julius Capitolinus. Trebell.
Pollio. Aelius Lampridius. Flavius Vopiscus, cum integris noti I. Casauboni, Cl. Salmasii et J. Gruteri, I,
Lugduni Batavorum 1671, 1019. L’intento di Casaubon di esporre la questione in altro luogo (“ut alibi,
volente Deo, sumus dicturi”) risultò disatteso, mentre Saumase diede vita a una nota più articolata, nella
quale propendeva per l’ipotesi (su cui infra).
7
L’ipotesi fu per la prima volta formulata da H. Rönsch, Clibanus = Kürass, «Zeitsch. österr. Gymna-
sien», 34, 1883, 407-408; seguì R.M. Rattenbury, An ancient armoured force, «CR», 56, 1942, 114; J.W.
Eadie, cit., 169; D. Hoffman, cit., 267-268. Tutte seriori al IV sec. sono le attestazioni di clibanus con
accezione militare: Serm. Arr. frg. II, 12 (in homine<m> tectum clibano) e Anon. de mach. bell. 15 (primum
lorica vel clivanus), dove il clivanus, che differisce dalla lorica (vd. anche infra), è assegnato genericamen-
te a soldati di fanteria: vd. A. Giardina, Anonimo. Le cose della guerra, Milano 1989, 91-92.
Ammiano, l’Historia Augusta e uno strano caso di fornai a cavallo 175

magina che, agli occhi dei Romani, l’armatura imponente dei clibanarii apparisse così
bizzarra da potersi assimilare a un forno di ferro, nel quale il corpo del combattente
risultava quasi incassato.8 Un’ipotesi alternativa a supporto dell’origine greca si sof-
ferma sugli effetti generati dall’armatura, in grado di sviluppare, al suo interno, tem-
perature così alte da dare al malcapitato cavaliere l’impressione di essere in un forno.9
Questa spiegazione lascia qualche punto oscuro, già a partire dal notevole sforzo im-
maginativo che il traslato impone. Qualora l’origine di clibanarius fosse (att.
), infatti, ma sempre per il tramite di clibanus, comunque attestato con signi-
ficato pari al greco, si dovrebbe annoverare quest’ultimo termine, all’interno del sermo
castrensis, tra le espressioni gergali, colorite e allusive, che i soldati utilizzavano per
individuare elementi all’apparenza bizzarri, o quanto meno allotrii, attraverso un’asso-
ciazione analogica con oggetti o realtà familiari.10 Il clibanus indicava generalmente
un recipiente di terracotta (ma anche di altri materiali), a corpo globoso e rastremato
verso l’alto, con fori per la regolazione della temperatura, utilizzato per cuocere il
pane o altre vivande e mantenerle calde.11 Si dovrebbe dunque comprendere quale
eventuale suggestione il clibanus avesse potuto produrre, a livello evocativo, nell’im-
maginazione dei soldati, che è difficile credere avvezzi a questo strumento: il calore
prodotto al suo interno, la compattezza della struttura, la forma, il richiamo a usi per-
cepiti come esotici. Del tutto peregrina sembra, poi, la posizione di chi vuole giustifi-
care l’origine greca supponendo, sulla base di una paretimologia di Giovanni Lido
( ),
che clibanarius derivi da (mai altrimenti attestato), calco da c lo, c lamen,
e indichi il corpo del cavaliere che viene protetto, e quindi coperto e nascosto dall’ar-
matura.12
Secondo i sostenitori dell’origine persiana, i Romani avrebbero coniato il termine
clibanarius aggiungendo il suffisso d’agente -arius a un lemma di origine iranica, ap-
punto per designare combattenti di quella provenienza.13 Fu Frithiof Rundgren, sulla

8
Così J.C. Rolfe, Ammianus Marcellinus, I, London-Cambridge (Mass.) 1924, 246 n. 1; J.W. Eadie,
cit., 169; L. Cracco Ruggini, cit., 123 n. 38.
9
D. Magie, The Scriptores Historiae Augustae, II, Cambridge (Mass.)-London 1960, 290-291 n. 3; D.
Hoffman, cit., 268; A. Hyland, cit., 149; ma anche G.T. Dennis, The Taktika of Leo VI, Washington 20142
(2010), 651. Fondate sono le obiezioni di M. Michalak, cit., 76-77 e G. Traina, La tecnica in Grecia e a
Roma, Roma-Bari 1994, 147 n. 50.
10
Per le caratteristiche del cd. ‘sermo castrensis’ vd. W. Heraeus, Die römische Soldatensprache,
«ALL», 12.2, 1901, 255-280; Io.G. Kempf, Romanorum sermonis castrensis. Reliquiae collectae et illu-
stratae, Lipsiae 1901, spec. 342-346; M.G. Mosci Sassi, Il sermo castrensis, Bologna 1983, 23-32; C. De
Meo, Lingue tecniche del latino, Bologna 20053, 187-197.
11
Colum. V, 1, 4; Plin. Nat. XVIII, 105; Dsc. I, 72, 4; II, 171, 1; III, 86, 1; Petron. 35, 6; Cassiod. In
Psalm. 20, 9; vd. ThLL, s.v.; LSJ, s.v. ; DAGR, s.v.; OLD2, s.v. Per descrizione e usi: H. Quentin,
Clibanus. Pigella. Panis Artopticius, «RPAA», 4, 1925-26, 81-89; A.L. Cubberly - J.A. Lloyd - P.C. Ro-
berts, Testa and Clibani: The Baking Covers of Classical Italy, «PBSR», 56, 1988, 98-119; A. Cubberley,
Bread-baking in Ancient Italy. Clibanus and sub testu in the Roman world: further thoughts, in Food in
Antiquity, ed. by J. Wilkins, D. Harvey and M. Dobson, forew. by A. Davidson, Exeter 1995, 55-68.
12
Lyd. Mag. I, 46; vd. GLRBP, s.v. . Etimo difeso già da G.J. Vossius (Etymologicon Lin-
guae Latinae, Amstelodami 1662, 141-142, nonché da H. Rönsch, cit., 408.
13
Sul suffisso d’agente -arius, che identifica chi per professione si occupa dell’entità rappresentata dal
lessema, vd. C. Arias Abellán, Les dérivés latins en - rius, in Grammaire fondamentale du Latin. IX,
Création lexicale: la formation des noms par derivation suffixale, textes rass. et éd. par C. Kircher-Du-
rand, Louvain-Paris-Dudley (MA) 2002, 161-170; M. Fruyt, Word-Formation in Classical Latin, in A
176 Immacolata Eramo

scorta delle Gesammelte Abhandlungen di Paul de Lagarde, a individuare la genesi nel


medioiranico gr w-b n, lett. ‘protezione del collo’, a sua volta derivato da gr w, ‘ani-
ma’, ma anche ‘vita’, ‘collo’.14 La trasposizione semantica da ‘protezione per il collo’
a ‘gorgiera’ e quindi ‘corazza’ e ‘armatura’ era, a parere di Rundgren, del tutto legitti-
ma, in considerazione sia del valore che nell’armatura del clibanarius – e del ca-
taphractus in generale, come è evidente dalla descrizione di Eliodoro sopra citata –
riveste la parte superiore dell’armatura, che protegge il capo ma anche il collo, sia del
fatto che nelle lingue iraniche (ma anche in greco) la parola che identifica il collo può
assumere anche, per metonimia, il valore di ‘corpo’, quindi pure ‘persona’.15 Tale in-
terpretazione sembrerebbe più convincente dell’immagine bizzarra dei ‘fornai’ a ca-
vallo, tanto più in quanto supportata dalla Historia Augusta, che esplicitamente attri-
buisce un’origine persiana al termine clibanarius.16 Ma tale fonte merita una partico-
lare attenzione. Anzitutto, il discorso di Alessandro Severo è un’invenzione dell’auto-
re, a fronte di una vicenda non propriamente edificante per i Romani, come si può
evincere dal diverso trattamento che le fonti greche le riservano.17 Ciò vale per tutto il
discorso e in special modo per il § 56, 5, esemplato su un luogo delle Res gestae di
Ammiano Marcellino (XVI, 10, 8), anch’esso inserito in un contesto di propaganda
imperiale: il corteo trionfale con cui Costanzo II fece il suo ingresso a Roma, nel 357,

Companion to the Latin Language, ed. by. J. Clackson, Malden (MA) 2011, 174. Tra i sostenitori di questa
ipotesi: O. Fiebiger, s.v. Clibanarii 2), RE, IV,1, 1900, col. 22; F. Rundgren, cit., 31-65; O. Szemerényi,
Rec. P. Chantraine, Dictionnaire étymologique de la langue grecque, Paris 1968, 1970, «Gnomon», 43,
1971, 674; A.D.H. Bivar, Cavalry Equipment and Tactics on the Euphrates Frontier, «DOP», 26, 1972,
277-278 n. 28; J. André, nelle Additions et corrections alla IV rist. del DELG, 1985, p. 829; A. Sh. Shahba-
zi, s.v. Army I. Pre-Islamic Iran, «Encyclopaedia Iranica», II.5, 1986, 489-499; G. Traina, Notes classi-
co-orientales 4-5, «Electrum», 10, 2005, 91-92.
14
Vd. D.N. MacKenzie, A Concise Pahlavi Dictionary, London 1971, 37, s.v. gr wb n: “neck-guard,
gorget”.
15
P. de Lagarde, Gesammelte Abhandlungen, Leipzig 1866, spec. 50-51; F. Rundgren, cit., 44-51;
W. Sundermann, s.v. gr w, «Encyclopaedia Iranica», XI.4, 2002, 364-368; vd. anche H.W. Bailey, Ira-
nian ropanak, in Studi linguistici in onore di Vittore Pisani, I, Brescia 1969, 91: „gr v-p n ‘neck-guard’ in
the gloss gr v-p n n ha targ ap zr h bast ‘the neck-guard is that armour which is fastened, back
from the helmet to the neck’”. Per il greco si veda in Antiphanes fr. 315, dove indica un tipo di
tunica (Hesych. 8507 ).
16
Del tutto problematica risulta l’ipotesi della connessione con l’iranico tan r, ‘forno’, cui accenna
Galletier (Ammien Marcellin. Histoire. I, Livres XIV-XVI, texte ét. et trad. par É. Galletier, avec la coll.
de J. Fontaine, Paris 1968, 276-277), che comunque propende per l’eziologia greca, su segnalazione
dell’iranista Gilbert Lazard. L’ipotesi era già stata avanzata da Th. Nöldeke, Geschichte der Perser und
Araber zur Zeit des Sasaniden aus der Arabischen Chronik des Tabari, Leyden 1879, 164-165 n. 5 (ma vd.
anche Frisk, s.v. ), al quale fondate obiezioni furono levate da A. Christensen, L’empire des
Sassanides. Le peuple, l’état, la cour, København 1907, 60 e F. Rundgren, cit., 40-47.
17
Una vera e propria débâcle fu secondo Hdn. VI, 5, 10 (
). Delle fonti latine, soltanto Fest. brev. 22 cita il trionfo (de Persis Romae
pompa spectabili triumphavit); nessun cenno invece nelle altre (e.g. Aur. Vict. Caes. 24, 2; Eutr. VIII, 23),
che pure parlano di vittoria gloriosa: L. Cracco Ruggini, cit., 124 n. 40; C. Bertrand-Dagenbach, Le
triomphe de Sévère Alexandre, «Ktèma», 38, 2013, 341-346 e Ead., Histoire Auguste. III,2, Vie d’Alexandre
Sévère, Paris 2014, 160-162. Su tali eventi vd. A. Rösger, Die Darstellung des Perserfeldzugs des Severus
Alexander in der Historia Augusta, «BHAC» 1975/1976, Bonn 1978, 167-174; J. Wiesehöfer, s.v. Ardaš r
I. History, «Encyclopaedia Iranica», II.4, 1986, 371-376; L. Mecella - U. Roberto, tra Roma e
la Persia: una testimonianza dell’età di Severo Alessandro, in Parole in movimento. Linguaggio politico e
lessico storiografico nel mondo ellenistico. Atti del Convegno internazionale, Roma, 21-23 febbraio 2011,
a c. di M. Mari e J. Thornton («Studi ellenistici» 17), Pisa-Roma 2013, 99-104, 107-108.
Ammiano, l’Historia Augusta e uno strano caso di fornai a cavallo 177

nel quale sfilarono, tra i soldati parati a festa, le imponenti figure dei cavalieri catafrat-
ti.18 Sarebbe dunque Ammiano, dal quale la Historia Augusta dipende, il testimone
dell’origine persiana del termine clibanarius. A questa ipotesi si riferivano sia il Glos-
sarium del Du Cange (“ex his duobus locis posterioribus [scil.: Historia Augusta e
Ammiano] liquet Clibanarii vocem esse Persicam”), sia il lemma clibanarii nei
di William Burton (“Persis olim dicebantur cataphracti equites. Ammianus
Marcellinus Histor. Lib. XVI: […] quos clibanarios dictitant Persae”);19 il quale, a sua
volta, si richiamava al parere espresso da Bernabé Brisson (“ex aliqua gentium orien-
talium lingua in Latium invectum esse hoc vocabulum suspicatur”).20 L’autorità di
questi studiosi ha influenzato, direttamente o indirettamente, i successivi sostenitori
dell’origine persiana.
Il luogo di Ammiano, tuttavia, merita un esame più approfondito. Se ne propone
qui il testo dell’edizione Teubner di Seyfarth (1978):
et incedebat hinc inde ordo geminus armatorum clipeatus atque cristatus corusco lu-
mine radians nitidis loricis indutus sparsique catafracti equites, quos clibanarios dicti-
tant, personati thoracum muniti tegminibus et limbis ferreis cincti, ut Praxitelis manu po-
lita crederes simulacra, non viros.
personati VE def. Kell. Müller personatim BA Persae G

A ragione Seyfarth stampa personati, concordemente riportato dai manoscritti, per


questa pericope tràdita dal Fuldensis (Vat. Lat. 1873, IX sec.: V) e da tutti i suoi apo-
grafi, diretti e indiretti, compreso l’optimus Vat. Lat. 2969 (1445: E).21 I precedenti

18
L’individuazione di questo luogo tra quelli che la Historia Augusta esempla su Ammiano, in aggiun-
ta ai riscontri già considerati da Ronald Syme, si deve and André Chastagnol (ma vd. anche infra), nella rec.
all’Ammianus and the Historia Augusta («RPh», s. III, 43, 1969, 269; ma era già stata proposta a fine n. 325,
p. 277, nell’edizione Budé di Galletier e Fontaine 1968); seguito da L. Cracco Ruggini, cit., 129-130;
M.A. Villacampa Rubio, El valor histórico de la Vita Alexandri Severi en los Scriptores Historiae Augu-
stae, Zaragoza 1988, 338-339 e V.P. Nikonorov, cit., 133. Sui rapporti tra le Res gestae e l’Historia Augu-
sta vd., oltre J. Straub, Studien zur Historia Augusta, Bernae 1952, 19-39, e R. Syme, Ammianus and the
Historia Augusta, Oxford 1968, spec. 39-42, J.F. Gilliam, Ammianus and the Historia Augusta: The lost
books and the period 117-285, «BHAC» 1970, Bonn 1972, 125-147 (che tuttavia non include questo passo
tra i loci similes).
19
Glossarium ad scriptores mediae et infimae Latinitatis, […] Du Cange, Lutetiae Parisiorum 1678,
II, p. 396, s.v. clibanarii; W. Burton, veteris linguae Persicae, quae apud priscos scriptores,
Graecos et Latinos, reperiri potuerunt, […] Lubecae 1720, 30-31.
20
B. Brisson, De verborum quae ad ius civile pertinent significatione, Parisiis 1596 (Halae Magdebur-
gicae 1743, 201-202); ma vd. anche Id., De regio Persarum principatu libri tres, [s.l.] 1595 (cura et opera
Jo. H. Lederlin, Argentorati 1710, 673-680).
21
Sulla tradizione delle Res gestae vd. L. Traube, Die Ueberlieferung des Ammianus Marcellinus, in
Mélanges Boissier. Recueil de mémoires concernant la littérature et les antiquités romaines dédié a Gaston
Boissier à l’occasion de son 80e anniversaire, Paris 1903, 443-448; C.U. Clark, The Text Tradition of
Ammianus Marcellinus, New Haven 1904; W. Seyfarth, Der Codex Fuldensis und der Codex E des Am-
mianus Marcellinus. Zur Frage der handschriftlichen Überlieferung des Werkes des letzten römischen Ge-
schichtsschreibers, Berlin 1962; Id., Philologische Probleme um Ammianus Marcellinus. Gedanken über
die handschriftliche Überlieferung und eine moderne Textgestaltung, «Klio», 48, 1967, 213-226; Id., Am-
miani Marcellini Rerum gestarum libri quae supersunt, adiuv. L. Jacob-Karau et I. Ulmann, I, libri XIV-
XXV, Leipzig 1978, v-xv; L.D. Reynolds, Ammianus Marcellinus, in Texts and Transmission. A Survey of
the Latin Classics, ed. by L.D. Reynolds, Oxford 1983, 6-8; H. Broszinski - H.C. Teitler, Einige neuer-
dings entdeckten Fragmente der Hersfelder Handschrift des Ammianus Marcellinus, «Mnemosyne», s. IV,
178 Immacolata Eramo

editori proposero, invece, diverse soluzioni: personatim stampava il bolognese Pietro


Castelli (1517), seguito da Accursio (1533); personas Eyssenhardt (1871); preferì
espungerlo Gardthausen (1874); Clark (1910) si chiedeva se fosse opportuno integrare
ut prima di personati. In effetti personatus, in senso proprio, assume il valore di ‘ma-
scherato’, del tutto incongruo a un contesto militare.22 Fu il Gelenius (Zidmung Hrubý
z Jelení) il primo a riportare, nell’edizione che curò nel 1533 per l’editore Froben di
Basilea, Persae, soluzione che riscontrò un discreto seguito, pur ingenerando una serie
di dubbi e proposte: Boxhorn stampò Persae, ma nelle animadversiones a fine testo
propose di emendare il tràdito personati in Persae nati; stessa cosa fece Wagner, che
nelle note individuò come “verissima lectio” il personatim dell’edizione bolognese,
“i.e. singuli, singulae eorum personae”, non cogliendo il senso del testo.23 Persae, in-
fatti, non solo sembra ben attagliarsi al contesto, ma per di più ha il pregio di attribui-
re alla fonte della Historia Augusta la dichiarazione di ‘paternità’ persiana del termine
clibanarius, perciò recepito sia da Du Cange sia da Burton.
In realtà, a differenza di Wagner, il Gelenius non fraintese affatto il testo di Ammia-
24
no. L’edizione era inserita in un corpus di storici latini, già edito per gli stessi tipi
Froben nel 1518 sotto l’egida di Erasmo (che nessuna parte tuttavia ricoprì in questa
operazione), comprendente anche Svetonio, Erodiano, Cassio Dione, l’Historia Augu-
sta e Aurelio Vittore. Gelenius poté avvalersi dell’Hersfeldensis (M), testimone quasi
completo che era stato prestato a Froben dall’abate di Hersfeld proprio in occasione di
questo lavoro, e collazionarlo con l’edizione del 1518, che per Ammiano era sostan-
zialmente esemplata sulla bolognese del 1517. Immediatamente dopo, e in circostanze
più che sospette, il manoscritto scomparve, salvo poi riapparire, in soli sei fogli,
nell’Archivio di Marburg.25 Fin dalla data della pubblicazione di questi lacerti, si è
accordato all’Hersfeldensis un ruolo cruciale nella constitutio del testo di Ammiano.
Restavano da definire i suoi rapporti con il Fuldensis: se questo fosse apografo
dell’Hersfeldensis, diretto o, meno plausibilmente, tramite intermediari (la presenza di
lacune in V colmate da Gelenius proprio grazie a M dimostra l’impossibilità che V ne

43, 1990, 408-42; G. Kelly - J. Stover, The Hersfeldensis and the Fuldensis of Ammianus Marcellinus: A
Reconsideration, «Cambr. Class. Journ.», 62, 2016, 108-129.
22
ThLL, X 1, 1732, 18: persona indutus, ornatus.
23
Ammiani Marcellini Rerum Gestarum quae exstat, M. Boxhorn Zuerius recensuit et animadversio-
nibus illustravit, Lugduni Batavorum 1632, 128 e 860; Ammiani Marcellini quae supersunt, cum notis inte-
gris Fr. Lindenbrogii, […] adiecit Io.A. Wagner, Lipsiae 1808, 211.
24
Sul lavoro del Gelenius e la genesi dell’edizione vd. W. Seyfarth, Ammiani Marcellini Rerum ge-
starum libri, cit., xi-xii; P. Petitmengin, Gelenius (Sigismundus), in Centuriae Latinae. II, Cent une figu-
res humanistes de la Renaissance aux Lumières. A la mémoire de Marie-Madeleine de la Garanaderie,
réun. par C. Nativel, avec la coll. de C. Magnien [et al.], Genève 2006, 337-351; D. den Hengst, Vir
utriusque literaturae non vulgariter callens emunctaeque naris. Sur Ghelen, éditeur d’Ammien Marcellin, in
Historiae Augustae Colloquium Genevense in honorem F. Paschoud septuagenarii. Les traditions historio-
graphiques de l’antituité tardive: idéologie, propagande, fiction, réalité, a c. di L. Galli Mili , N. Hec-
quet-Noti, Bari 2010, 153-163 (= Emperors and Historiography. Collected Essays on the Literature of the
Roman Empire, intr. and ed. by D.W.P. Burgersdijk and J.A. van Waarden, Leiden-Boston 2010, 293-
305); F.W. Jenkins, Ammianus Marcellinus. An Annotated Bibliography. 1474 to the Present, Leiden-Bo-
ston 2017, 15. Ipotizza un fraintendimento L. Cracco Ruggini, cit., 130 n. 53.
25
I lacerti ammianei, tratti dai libri XXIII, XXXVII, XXVIII e XXX, furono poi pubblicati da H. Nis-
sen, Ammiani Marcellini Fragmenta Marburgensia, Berolini 1876, 1-12.
Ammiano, l’Historia Augusta e uno strano caso di fornai a cavallo 179

sia antigrafo), ovvero se i due manoscritti fossero testimoni indipendenti.26 Negli ulti-
mi anni, a seguito del ritrovamento di un bifolio nella legatura di un manoscritto con-
servato nella Landesbibliothek di Kassel, si è appurato che i due codici sono copie
indipendenti di uno stesso esemplare.27
L’edizione del Gelenius fu condotta in tutta fretta. Nello stesso torno di tempo si
stava ultimando, ad Augsburg a cura di Mariangelo Accursio, un’edizione che si prean-
nunciava di gran lunga migliore delle precedenti. Essa, infatti, a differenza della editio
princeps (a cura di Angelo Sabino: Roma 1474) e della bolognese di Pietro Castelli,
basate su un testimone deterior (nella fattispecie il Reg. Lat. 1994, XV sec.), si avvale-
va sia del Fuldensis sia del Vat. Lat. 2969. Inoltre pubblicava per la prima volta, grazie
a quei testimoni, gli ultimi cinque libri delle Res gestae.28 L’edizione Otmar di Accur-
sio uscì a maggio, quella Froben del Gelenius un mese dopo. In considerazione dei
tempi serrati, si può ragionevolmente credere che questi effettuò una collazione super-
ficiale e non sistematica del manoscritto, cui ricorse soprattutto in occasione delle non
infrequenti lacune (è il caso, ad es., del lungo brano in greco a XVII, 4, 18-23) o quan-
do il testo non restituiva un senso soddisfacente; e questo nonostante la professione di
fedeltà al testimone vantata in sede di prefazione dallo stesso Hieronymus Froben.29
Purtroppo il Gelenius, “se in fondo era uno studioso onesto, era anche congetturatore
abilissimo e praticissimo di lingua e stile, ma anche altrettanto audace”: in questo,
come in tutti gli altri casi, non si peritò di lasciare distinta la lezione del codice che
andava collazionando dai suoi personali interventi.30 Per XVI, 10, 8, si può credere non
tanto a un fraintendimento, bensì a un intervento consapevole, verosimilmente dettato
dalla difficoltà di intendere personati. A ciò si aggiunga la suggestione che può aver

26
Più accreditata risultò per lungo tempo l’ipotesi che il Fuldensis fosse copia dell’Hersfeldensis: avan-
zata da Th. Mommsen, Über den kritischen Apparat zum Ammianus, «Hermes», 6, 1872, 231-242 (= Ge-
sammelte Schriften. VII, Philologische Schriften, Berlin-Zürich 19652, 363-374), seguito da H. Nissen, cit.,
18-24, fu articolata più nel dettaglio da R.P. Robinson, The Hersfeldensis and the Fuldensis of Ammianus
Marcellinus, «The University of Missouri Studies», 11.3, 1936, 118-140 e accolta da W. Seyfarth, Der
Codex Fuldensis, cit., 8 n. 1; Id., Philologische Probleme um Ammianus Marcellinus, cit., 214; Id., Ammia-
ni Marcellini Rerum gestarum libri, cit., vii e L.D. Reynolds, cit., 7. L’ipotesi dell’antenato comune fu
invece difesa da L. Traube, cit., 447-448 e accolta da C.U. Clark, cit., 62-63.
27
G. Kelly - J. Stover, cit., 111-120. Il bifolio riporta il testo corrispondente a XVIII,5.1 e 3 (1r-v),
XVIII,6.12-17 (2r-v). Edito nel 1990 da H. Broszinski - H.C. Teitler, cit., è stato collazionato con il Ful-
densis da G. Kelly - J. Stover, cit., spec. 112-125, con in app., a 127-128, la trascrizione diplomatica.
28
Di una vicenda di ‘spionaggio industriale’ parla D. den Hengst, cit., 157, secondo il quale il Gele-
nius avrebbe avuto accesso al lavoro di Accursio (e non viceversa) e se ne sarebbe giovato (vd. anche H.
Nissen, cit., 24-25 e W. Seyfarth, Der Codex Fuldensis, cit., 64-66).
29
“Nos nacti vetustum exemplar manu descriptum innumera loca castigavimus, lacunas aliquot exple-
vimus, scribarum incuria praetermissas, et in his versus interdum integros restituimus, graeca omnia quae
vel prorsus aberant, vel sic aderant, ut frustra adessent, quum vix a Sibylla quid esset scriptum divinari
posset, reposuimus. Nihil autem horum ex inani coniectura, quae saepe fallit, dum in suo quisque commen-
to sibi pulcher est, sed ex fide vetusti codicis. […] Nos quanquam inter Scyllam et Charybdim medium
cursum tenere studuimus, tamen in priorem partem maluimus esse proniores” (C. Suetonius Tranquillus.
Dion Cassius. Aelius Spartianus. Iulius Capitolinus. Aelius Lampridius. Vulcatius Gallicanus. Trebellius
Pollio. Flavius Vopiscus. Herodianus Politiano interp. Sex. Aurelius Victor. Pomponius Laetus. Io. Baptista
Egnatius. Ammianus Marcellinus quatuor libris auctus, cum indicibus copiosis, Basileae 1533, 546).
30
G. Pasquali, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze 19522, 81-83 (la citazione è tratta da
p. 82); L.D. Reynolds, cit., 8; H. Broszinski - H.C. Teitler, cit., 415; D. den Hengst, cit., 157-158; G.
Kelly - G. Stover, cit., 126.
180 Immacolata Eramo

operato nell’editore proprio il par. 56, 5 della Historia Augusta, poco più avanti nella
stessa edizione. Fu già il Gelenius, dunque, a individuare la familiarità tra i due testi e
a esserne influenzato; non la esplicitò ma operò di conseguenza, con la sua consueta
disinvoltura. Certo non si può escludere a priori che egli abbia letto Persae nell’Her-
sfeldensis. Se così fosse, però, saremmo di fronte a una lectio facilior rispetto a perso-
nati, del tutto giustificabile quale corruzione di questo, non viceversa.
L’elemento dirimente è proprio il significato specificamente militare che personati
assume soltanto in questo luogo, ovvero ‘con il volto coperto dall’elmo come una ma-
schera’.31 Nella sua unicità, questa accezione non è del tutto peregrina, ma trova piena
giustificazione negli usi espressivi propri di Ammiano, che non di rado indulge a les-
semi con forte valenza metaforica e icastica. Inoltre il valore di personati è chiarito
non solo dal paragone che Ammiano instaura immediatamente dopo tra i clibanarii e
le statue di Prassitele, ma soprattutto da XXV, 1, 12, dove, in occasione della campa-
gna persiana di Giuliano, egli descrive l’equipaggiamento dei cavalieri avversari, sof-
fermandosi in modo particolare sull’elmo: humanorum vultuum simulacra, ita capiti-
bus diligenter aptata, ut inbratteatis corporibus solidis, ibi tantum incidentia tela pos-
sint haerere, qua per cavernas minutas, et orbibus oculorum affixas, parcius visitur,
vel per supremitates narium angusti spiritus emittuntur, dove humanorum vultuum
simulacra corrisponde chiaramente al personati di XVI, 10, 8, nel delineare l’immagi-
ne dell’elmo così saldamente aderente al volto e al collo del combattente da sembrare
una maschera; figura che si aggiunge al frequente cliché del combattente assimilato a
una statua per l’imponente rigidità della figura.32 Quanto al nome, è evidente che con
clibanarios di XVI, 10, 8 Ammiano stia facendo riferimento a unità romane, per giun-
ta richiamando una iunctura utilizzata da Livio per i soldati di Antioco III del 192 a.C.
(XXXV, 48, 3: loricatos, quos cataphractos vocant).33 La convergenza dei due luoghi
e l’usus scribendi di Ammiano tolgono pertanto ogni dubbio sulla genuinità del testo

31
“Masked”: M.P. Speidel, cit., 151; “personati, d. h. mit Visierhelm ausgerüstet”: R. Grosse, Römis-
che Militärgeschichte von Gallienus bis zum Beginn der byzantinischen Themenverfassung, Berlin 1920,
326; “provided with a helmet, like a mask”: P. de Jonge, Philological and Historical Commentary on
Ammianus Marcellinus XVI, Groningen 1972, 119.
32
Vd. Heliod. Aeth. IX, 15 (in part. § 1: ),
di cui supra, ma anche Claudian. carm. mai. V, 359-360 Hall; Jul. Or. I, 30 (con il comm. di I. Tantillo,
La prima orazione di Giuliano a Costanzo, Roma 1997, 360-363; ma già A. Müller, Die neueren Arbeiten
über Tracht und Bewaffnung des römischen Heeres in der Kaiserzeit, «Philologus», 47, 1888, 723-724;
R.M. Rattenbury, cit., 114-115; D. Hoffman, cit., 111 n. 607; G.W. Bowersock, La storia inventata.
Immaginazione e sogno da Nerone a Giuliano, Roma 2000 [Fiction as History. Nero to Julian, Berke-
ley-Los Angeles-London 1994], 146-148); III, 7; Theophyl. Hist. III, 14, 5. Sulla rappresentazione dei ca-
valieri persiani da parte di Ammiano: R. MacMullen, Some pictures in Ammianus Marcellinus, «ABull»,
46, 1964, 438-441; J.W. Drijvers, A Roman Image of the “Barbarian” Sasanians, in Romans, Barbarians,
and the Tranformation of the Roman World. Cultural Interaction and the Creation of Identity in Late Anti-
quity, ed. by R.W. Mathisen and D. Shanzer, Farnham 2011, 69-72, con bibl. citata.
33
Una reminiscenza letteraria da Veg. III, 24, 7 (quibus insidentes clibanarii sarisas, […] in elephantos
dirigebant) ravvisa A. Rösger, cit., 173; ma sembra più sensato ritenere che Ammiano stia descrivendo
questi corpi adottando il lessico adeguato (così anche M.A. Villacampa Rubio, cit., 339). Un’eco dell’im-
magine dei clibanarii del corteo del 357 è presente nell’ di Giuliano (Or. I, 30), che elaborò il suo
encomio per Costanzo nella stessa occasione o comunque nello stesso torno di tempo: vd. I. Tantillo, cit.,
39-40, 361-362; una vis polemica vi individua G. Sabbah, La méthode d’Ammien Marcellin. Recherches
sur la construction du discours historique dans les Res gestae, Paris 1978, 306-308.
Ammiano, l’Historia Augusta e uno strano caso di fornai a cavallo 181

e la congruità di personati.34 In ultima analisi, la Historia Augusta potrebbe aver frain-


teso la sua fonte, in quanto verosimilmente influenzata dal contesto, che inquadrava il
riferimento di partenza – la menzione dei cavalieri catafratti e la loro descrizione nel
corteo trionfale di Costanzo II – in un’occasione ugualmente celebrativa, ma stretta-
mente connessa alla vittoria di Alessandro Severo sui Persiani. Non è però escluso che
l’autore abbia operato con consapevolezza, perché effettivamente al corrente dell’ori-
gine del termine. Resta, infine, l’ipotesi remota della banalizzazione Persae nel testi-
mone che l’autore della Historia Augusta avrebbe utilizzato. Ma su questo punto non
si può che sospendere ogni elemento di giudizio.
Appurato che i sostenitori dell’origine persiana abbiano fondato le loro argomenta-
zioni su un presupposto erroneo, o quanto meno problematico, la loro ipotesi non
perde peraltro di validità; infatti che clibanarius non possa essere esemplato dal greco
ma viceversa sembra potersi dedurre da un altro corollario, di natura propriamente
linguistica. Il greco non conosce l’accezione militare di prima dell’ingresso
del termine clibanarius nel lessico latino. Nelle fonti epigrafiche e papirologiche
e sono attestati non prima del V sec., per l’area egizia anche
nella variante .35 Nella letteratura militare il lemma è presente sol-
tanto nei manuali del IX-X sec., laddove la prima produzione polemografica bizantina
ignora anche e .36 Dai manuali, che non forniscono alcuna spe-
cifica indicazione in merito, si deduce che è il termine d’uso corrente corri-
spondente al classico (Leo Tact. 6, 4:
; 6, 31: ) per indicare una particolare corazza, di tipo
lamellare, distinta dal , generalmente di metallo, ma anche di osso o di cuoio,
in uso non solo per la cavalleria, ma anche per i fanti, pesanti e leggeri.37 Tale adozione
del nuovo significato del tema - nella lingua greca soggiacque alle caratteristi-
che proprie del lessico castrense in uso nell’Impero romano d’Oriente. È noto, infatti,

34
Vd. già A. Kellerbauer, Kritische Kleinigkeiten (zu Ammianus Marcellinus), «Blätter Bayer. Gym-
nas.», 9, 1873, 86, ma anche A. Müller, Militaria aus Ammianus Marcellinus, «Philologus», 64, 1905,
586-587; P. de Jonge, cit., 118-119.
35
Vd., e.g., SEG 20, 332; CPR VIII 61 ( ); XXIV 18 ( ); P.Oxy.
16 1882 ( ); P.Oxy. 72 4919 ( ): L. Cracco Ruggini, cit., 129 n. 52; J.M.
Diethart - P. Dintsis, cit., 79-84.
36
L’unica eccezione, in De re strategica 35, si può giustificare alla luce dello stretto rapporto che il
manuale instaura con la tradizione dei tattici (vd., infatti, Ael. 2, 11 e 15; Arr. Tact. 4, 1 e 19, 4: I. Eramo,
Omero e I Maccabei: nella biblioteca di Siriano , «AFLB», 51, 2008, spec. 130-131).
37
Vd. Leo Tact. 5, 3; 6, 26 (cavalleria), 30 e 31 (fanti pesanti e leggeri); 9, 56; 18, 110; 19, 14; Syll.Tact.
30, 2; 38, 4 e 7 per i fanti; 31, 1; 39, 1 e 6 per i cavalieri; Const. Porph. De cer. 101, 14; 402, 1; 500, 10
Reiske (= C 753 Haldon); De adm. 15; 51; Nic. Ph. Prae. 2, 3; 3, 4-5 e 8 in dotazione alla fanteria; 4, 1-3
per la cavalleria; Nic. Uran. Tact. 57, 5; 60, 4-5 e 8; 61, 2-3. Vd. J. Haldon, Some Aspects of Byzantine
Military Technology from the Sixth to the Tenth Centuries, «BMGS», 1, 1975, 34-35; Id., Constantine Por-
phyrogenitus. Three Treatises on Imperial Military Expeditions, Wien 1990, 278-279; Id., A Critical Com-
mentary on the Taktika of Leo VI, Washington 2014, 187; T.G. Kolias, Byzantinische Waffen. Ein Beitrag
zur byzantinischen Waffenkunde von den Anfängen bis zur lateinischen Eroberung, Wien 1988, 44-45; E.
McGeer, Sowing the Dragon’s Teeth: Byzantine Warfare in the Tenth Century, Washington 1995, 67; T.
Dawson, Kremasmata, Kabadion, Klibanion: Some aspects of middle Byzantine military equipment recon-
sidered, «BMGS», 22, 1998, 42-50; P. Grotowski, Arms and Armour of the Warrior Saints. Tradition and
Innovation in Byzantine Iconography (843-1261), Leiden-Boston 2010, 137-151 e fig. 35; G. Chatzelis -
J. Harris, A Tenth-Century Byzantine Military Manual: The Sylloge Tacticorum, London-New York 2017,
125 n. 136, con ulteriore bibl. citata.
182 Immacolata Eramo

che il latino fu la lingua dell’esercito di Bisanzio fin dai primordi della fondazione
della Nuova Roma e che il greco ereditò dal latino molti termini tecnici, compresi
quelli che il latino aveva a sua volta tratto da altre lingue, quali ad es.
.38 Queste parole appartenevano al gergo militare, ovvero a una lingua, di
matrice popolare, penetrata nell’esercito per via orale, tramite soldati e ufficiali stra-
nieri che militavano nelle sue file. Tale modalità di diffusione di vocaboli stranieri
avallerebbe fondatamente l’ipotesi della penetrazione del persiano gr w-b n, che poté
generare, nell’udito dei soldati romani (complice anche l’analogia con il più familiare
clibanus?) l’esito cliban- e dunque il latino cliban-arius.

Immacolata Eramo

Riassunto: L’origine del termine clibanarius è ancora oggi oggetto di discussione. Secon-
do alcuni è il risultato di una costruzione metaforica derivata dal greco , ‘forno’, altri
ritengono che l’origine sia il medio persiano gr w-b n, ‘protezione del collo’. L’analisi di
SHA Alex. 56, 5 e Amm. XVI, 10, 8 mette in luce il fraintendimento che è alla base dell’ipo-
tesi persiana e che risale ai lemmi di Du Cange e William Burton. Purtuttavia, questa ricostru-
zione risulta essere la più attendibile anche in considerazione degli esiti linguistici nella pra-
tica militare dell’Impero romano d’Oriente.

Abstract: The origin of Lat. clibanarius is still under discussion. Some scholars claim that
clibanarius is a metaphoric coinage related to Gr. ‘oven’; according to the others, it
is a word which derives from M. Pers. gr w-b n (‘neck protection’). A close examination of
the literary evidence, and in particular of SHA Alex. 56, 5 and Amm. XVI, 10, 8, reveals that
the Persian hypothesis is based on a misunderstanding which goes back to Du Cange and
William Burton. Nevertheless, this theory seems to be the most likely solution, especially if
we take in consideration the linguistic context of the Eastern Roman army.

38
Eus. Const. IV, 19: vd., oltre L. Hahn, Zum Sprachenkampf im römischen Reich bis auf die Zeit Ju-
stinians. Eine Skizze, Leipzig 1907, 701-703, A. Dain, [Sine nomine], «REL», 20, 1942, 12; B. Rochette,
Le latin dans le monde grec. Recherches sur la diffusion de la langue et des lettres latines dans les provinces
hellénophones de l’Empire romain, Bruxelles 1997, 143-150, 143-150; J.N. Adams, Bilingualism and the
Latin Language, Cambridge 2003, 608-623, 760-761.