Sei sulla pagina 1di 416

AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.

qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 1

1. Il linguaggio degli insiemi

Algebra
primo anno

1
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 2

Algebra - primo anno

INDICE

1. CAPITOLO 1: IL LINGUAGGIO DEGLI INSIEMI 5. CAPITOLO 5: I MONOMI


1.1 Gli insiemi e la loro rappresentazione .........................5 5.1 Introduzione al calcolo letterale .................................165
1.2 I sottoinsiemi ..............................................................7 5.2 I monomi ..................................................................167
1.3 Insieme delle parti ......................................................8 5.3 Operazioni con i monomi ..........................................169
1.4 Operazioni tra insiemi .................................................9 5.4 Massimo Comun Divisore e
1.4.1 Intersezione di insiemi.................................................9 minimo comune multiplo fra monomi ........................177
1.4.2 Unione di insiemi ........................................................9 … ESERCIZI CAPITOLO 5 .............................................180
1.4.3 Differenza di insiemi..................................................10
1.4.4 Prodotto cartesiano di insiemi ..................................11
1.5 Esercizi di riepilogo...................................................13 6. CAPITOLO 6: I POLINOMI
… ESERCIZI CAPITOLO 1 ...........................................16 6.1 Definizioni .................................................................201
6.2 Operazioni con i polinomi .........................................204
Addizione e sottrazione .............................................204
2. CAPITOLO 2: GLI INSIEMI NUMERICI Moltiplicazione di un monomio per un polinomio .......204
2.1 Il concetto di numero e l’insieme dei numeri naturali ...29 Moltiplicazione di due o più polinomi .........................205
2.2 Operazioni in N ...........................................................29 Prodotti notevoli.........................................................207
2.3 Divisibilità e numeri primi .............................................34 Divisione di un polinomio per un monomio ................214
2.4 Considerazioni sui numeri naturali ...............................37 Divisione fra polinomi .................................................215
2.5 Il sistema di numerazione binario .................................42 Teorema del resto ......................................................220
2.6 L’insieme Z .................................................................45 Regola di Ruffini.........................................................222
2.7 Operazioni in Z ...........................................................47 6.3 Approfondimento: l’insieme M dei monomi ..............224
2.8 L’insieme Q .................................................................51 6.4 Approfondimento: l’insieme P dei polinomi................225
2.9 Operazioni in Qa .........................................................58 … ESERCIZI CAPITOLO 6 .............................................227
2.10 Operazioni in Q ...........................................................60 Scheda riassuntiva prodotti notevoli ..........................255
2.11 Proprietà delle operazioni in Q ....................................72 Scheda di autovalutazione prodotti notevoli...............258
2.12 Gli insiemi N, Z, Q ......................................................72
… ESERCIZI CAPITOLO 2 ..............................................74
7. CAPITOLO 7: SCOMPOSIZIONE IN FATTORI
Introduzione ..............................................................261
3. CAPITOLO 3: LA LOGICA 7.1 Raccoglimento totale ................................................261
3.1 Le proposizioni logiche e i principi della logica ...........105 7.2 Raccoglimento parziale ............................................262
3.2 Operazioni logiche ....................................................106 7.3 Prodotti notevoli ........................................................263
3.3 Espressioni logiche e tavole di verità..........................109 7.4 Trinomio caratteristico ...............................................265
3.4 Tautologie e contraddizioni …....................................111 7.5 Applicazione del teorema di Ruffini ...........................267
3.5 Proposizioni logicamente equivalenti o equiveridiche 112 7.6 Esempi di riepilogo ...................................................270
3.6 Proposizioni aperte … ...............................................112 Come procedere per scomporre un polinomio ..........273
3.7 Schemi di ragionamento … .......................................118 7.7 Massimo comun divisore e
… ESERCIZI CAPITOLO 3 … ........................................120 minimo comune multiplo fra polinomi .......................275
… ESERCIZI CAPITOLO 7 .............................................276
Scheda di autovalutazione scomposizione ................285
4. CAPITOLO 4: LE RELAZIONI
4.1 Le relazioni e la loro rappresentazione ......................129
4.2 Relazione inversa ......................................................132 8. CAPITOLO 8: LE FRAZIONI ALGEBRICHE
4.3 Le relazioni in un insieme e le loro proprietà ..............132 8.1 Introduzione alle frazioni algebriche ...........................287
4.4 Relazioni di equivalenza e relazioni d’ordine...............135 8.2 Operazioni con le frazioni algebriche .........................289
4.5 Funzioni ....................................................................138 Somma algebrica ......................................................289
4.6 Funzioni composte ...................................................141 Moltiplicazione fra frazioni algebriche .........................291
4.7 Funzioni numeriche ...................................................143 Potenza di una frazione algebrica ..............................291
… ESERCIZI CAPITOLO 4 .............................................145 Quoziente fra frazioni algebriche ................................292
Espressioni con le frazioni algebriche.........................293
8.3 Approfondimenti sulle frazioni algebriche ..................294
… ESERCIZI CAPITOLO 8 .............................................295

2
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 3

Book in
progress
Algebra - primo anno

INDICE

9. CAPITOLO 9: EQUAZIONI
9.1 Uguaglianze e identità................................................311
9.2 Equazioni...................................................................312
9.3 Classificazione delle equazioni ...................................315
9.4 Equazioni equivalenti .................................................317
9.5 I principi di equivalenza ............................................. 318
9.6 Forma normale e grado di un’equazione ...................319
9.7 Conseguenze dei principi di equivalenza ...................320
9.8 Equazioni di primo grado in una incognita .................323
9.9 Equazioni frazionarie (o fratte) ....................................325
9.10 Equazioni letterali .......................................................329
9.11 Equazioni in una incognita di grado superiore
al primo .....................................................................333
9.12 Equazioni e problemi .................................................334
… ESERCIZI CAPITOLO 9 .............................................336
Autoverifica equazioni di primo grado ........................361
Autovalutazione problemi...........................................362

10. CAPITOLO 10: DISEQUAZIONI


10.1 Disequazioni .............................................................363
10.2 Rappresentazione dell’insieme soluzione
di una disequazione...................................................365
10.3 Intervalli numerici ......................................................367
10.4 Principi di equivalenza ...............................................368
10.5 Disequazioni numeriche intere di primo grado ..........373
10.6 Disequazioni frazionarie o fratte .................................374
10.7 Disequazioni numeriche intere
di grado superiore al primo .......................................378
10.8 Esempi di riepilogo ....................................................381
… ESERCIZI CAPITOLO 10 ...........................................385

11. CAPITOLO 11:


ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA
11.1 Introduzione ..............................................................397
11.2 Elementi di base .......................................................398
11.3 Rappresentazioni grafiche ........................................400
11.4 Indici di posizione ......................................................401
11.5 Indici di variabilità ......................................................404
… ESERCIZI CAPITOLO 11 ...........................................408

3
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 4

Algebra - primo anno

4
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 5

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

CAPITOLO 1. IL LINGUAGGIO DEGLI INSIEMI

1.1 GLI INSIEMI E LA LORO RAPPRESENTAZIONE


La teoria ingenua degli insiemi1 considera gli insiemi come collezioni ben definite di oggetti, indipendentemente dalla natura
degli elementi che li costituiscono. Gli oggetti che formano un insieme, chiamati elementi dell’insieme, devono essere,
quindi, distinguibili tra loro e individuabili senza ambiguità.
Così le seguenti collezioni di oggetti:
- i pianeti del sistema solare;
- le capitali europee;
- i numeri naturali;
- 3, a, Arno, 127, Roma, Tirreno;
costituiscono ognuna un insieme dal punto di vista matematico; per loro è infatti vera una delle due possibilità:
- un dato oggetto è un elemento dell’insieme considerato,
- un dato oggetto non è un elemento dell’insieme considerato.
Invece, le collezioni di oggetti:
- le ragazze carine dell’ITIS “E. Majorana” di Brindisi nel corrente a.s.;
- i segmenti del piano non troppo lunghi;
- alcuni numeri naturali;
non costituiscono esempi di insiemi per la matematica: nel primo caso la scelta è soggettiva, dipendente dal gusto
personale; nel secondo caso non sappiamo cosa significhi “non troppo lunghi” per cui l’insieme non è ben definito; nel
terzo caso la parola “alcuni” dà la possibilità di costruire collezioni di numeri tra loro diverse e, quindi, non si è in grado di
determinare quali elementi appartengono al nostro “aspirante insieme” e quali no.
Per indicare gli insiemi utilizzeremo le lettere maiuscole dell’alfabeto: A, B, C, D, E, ......
Seguiremo l’usuale convenzione di indicare con N l’insieme dei numeri naturali, con Z quello degli interi relativi, con Q quello
dei razionali e con R quello dei reali.
Gli elementi di un insieme vengono indicati con le lettere minuscole dell’alfabeto: a, b, c, d, e, ........
Per indicare che a è un elemento dell’insieme A si utilizza la notazione simbolica: (si legge “a appartiene ad A”)
Il simbolo è detto “simbolo di appartenenza”.
Per indicare che a non è un elemento dell’insieme A si utilizza la notazione simbolica:
(si legge “a non appartiene ad A”)
Il simbolo è detto “simbolo di non appartenenza”.

Intuitivamente diremo che un insieme è finito se è possibile elencarne tutti gli elementi, in caso contrario si parla di insieme
infinito. Inoltre, due insiemi A e B sono detti uguali, e scriveremo A = B, se hanno gli stessi elementi.

Un insieme può essere rappresentato in tre modi diversi:


1. rappresentazione tabulare (o per estensione o per elencazione):
Secondo tale rappresentazione, gli elementi vengono scritti tutti all’interno di parentesi graffe, uno di seguito all’altro, separati
da virgole o da punti e virgole. Così, l’insieme A dei pianeti del sistema solare viene indicato nel seguente modo:
A = { Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone }
(leggi “A è l'insieme formato dagli elementi Mercurio, Venere, Terra, ………………………...…”), mentre l’insieme B, formato
dagli elementi 0 , 1 , 2 , 3 , 4, viene indicato: B = { 0 , 1 , 2 , 3 , 4 }.
Osserviamo che riusciamo a rappresentare un insieme sotto forma tabulare soltanto se questo contiene un numero finito
di elementi.
1
La teoria ingenua (o intuitiva) degli insiemi venne “creata”, alla fine del XIX secolo, principalmente dal matematico, russo di origine ma
tedesco per formazione, Georg Cantor che aveva riformulato la matematica in modo da fondarla solo sulla nozione di insieme. Nei primi
anni del XX secolo, la Matematica fu scossa sin dalle fondamenta dalla scoperta di contraddizioni, dette paradossi o antinomie, soprattutto
nella teoria degli insiemi per cui, per superare tali problemi, si ricorse all’assiomatizzazione della teoria degli insiemi, cioè ad assiomi che
definivano gli insiemi e le operazioni che si potevano effettuare su di essi (teoria assiomatica degli insiemi).

5
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 31/07/18 08:44 Pagina 6

Algebra - primo anno

L’insieme N dei numeri naturali può, comunque, essere indicato: N = { 0 , 1 , 2 , 3 , 4 , 5 , ….. },


scrivendo, cioè, i “primi” elementi dell’insieme e, poi, aggiungendo i puntini di sospensione; analogamente, quando non si
generano ambiguità, potremo procedere per altri insiemi. Gli elementi di un insieme possono essere elencati in un ordine
qualsiasi; così: {1, 2} = {2, 1}; ed è, inoltre, irrilevante la ripetizione (molteplicità) degli elementi;
cioè: { 1, 2, 2} = {1, 1, 1, 2} = {1, 2}, in quanto gli insiemi risultano uguali perché tutti formati dagli stessi elementi.

2. rappresentazione per proprietà caratteristica:


Per indicare l’insieme X dei numeri naturali multipli di 3 possiamo scrivere: X = {numeri naturali multipli di 3}, oppure,
utilizzando i simboli del linguaggio matematico: X = { x / x = 3 · n , n ∈ N} che si legge: “X è l’insieme degli x tali che x = 3 · n,
con n appartenente all’insieme dei numeri naturali”. In questo modo X è stato rappresentato per proprietà caratteristica.
La rappresentazione per proprietà caratteristica di un insieme consiste nell’individuarlo, in modo inequivocabile, attraverso
la proprietà che caratterizza tutti e soli i suoi elementi. Questo metodo è utile, soprattutto, nel caso in cui
l’insieme da rappresentare sia infinito o contenga un numero elevato di elementi.

3. rappresentazione grafica:
Un insieme può essere rappresentato graficamente mediante i diagrammi di Venn (detti anche diagrammi di Eulero – Venn).
Per rappresentare un insieme con i diagrammi di Eulero – Venn si disegna una linea chiusa, al cui interno vengono posti gli
elementi appartenenti all’insieme; all’esterno, eventuali oggetti che non vi appartengono.
Così, l’insieme A delle vocali dell’alfabeto italiano viene rappresentato come in figura:

INSIEME VUOTO

Consideriamo ora l’insieme X = ,


cioè l’insieme dei numeri naturali il cui quadrato
è uguale a 2. Quali numeri appartengono ad X ?
Nessuno; infatti: 02 = 0 ; 12 = 1 ; 22 = 4 ; 32 = 9 ; ………
Quindi X è un insieme che non contiene alcun elemento: è l’insieme vuoto, indicato con il simbolo Ø oppure con { }, la
sua rappresentazione grafica è

ATTENZIONE
a ≠ {a} in quanto “a” è un elemento di un dato insieme mentre {a} è un insieme il cui unico elemento è a.
Così: {Ø} non è la rappresentazione dell’insieme vuoto, ma quella dell’insieme il cui unico elemento è l’insieme
vuoto.

Esempi
a) I numeri pari sono i multipli di 2 e i numeri dispari sono i successivi dei numeri pari; pertanto:

- la rappresentazione per caratteristica dell’insieme dei numeri pari è

- la rappresentazione per caratteristica dell’insieme dei numeri dispari è

b) Rappresentiamo in forma tabulare e grafica l’insieme

Gli elementi dell’insieme A sono i numeri naturali ottenuti sostituendo alla lettera k, uno alla volta, i numeri 0, 1, 3, 5 così
come indicato nell’insieme; pertanto:
- se k = 0: x = 3 · 0 – 2 = 0 – 2 = - 2; –2 N, quindi -2 A;
- se k = 1: x = 3 · 1 – 2 = 3 – 2 = 1; 1 N , quindi 1 A;
- se k = 3; x = 3 · 3 – 2 = 9 – 2 = 7; 7 N, quindi 7 A;
- se k = 5; x = 3 · 5 – 2 = 15 – 2 = 13; 13 N, quindi 13 A.

La rappresentazione tabulare La rappresentazione grafica di A è la seguente:

di A è quindi:

6
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 7

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

Rappresentiamo in forma tabulare e mediante i diagrammi di Eulero - Venn l’insieme

Prima di tutto determiniamo i valori da assegnare alla lettera a.


La condizione “1 < a ≤ 5, con a N ”, indica che ad a devono essere assegnati i valori da 1 a 5, escluso 1 ed incluso 5;
ad a si attribuiscono, allora, i valori 2, 3, 4, 5. Gli elementi dell’insieme T sono, quindi, i numeri interi ottenuti sostituendo alla
lettera a, uno alla volta, i numeri naturali appena determinati:

- -

- -

La rappresentazione tabulare di T è, dunque: La rappresentazione grafica di T è la seguente:

ATTENZIONE

L’insieme A non è “ben definito” perché non è stato indicato a quale insieme numerico appartiene k.
Non possiamo, quindi, rappresentare l’insieme A.

PROVA TU
1) Rappresenta in forma tabulare e mediante i diagrammi di Eulero - Venn i seguenti insiemi:

2) Dati gli insiemi: A = {3, 6, 9, 12} e B = {a, e, i, o ,u}, rappresentali per proprietà caratteristica.

1.2 I SOTTOINSIEMI
Definizione:
Si dice che un insieme A è un sottoinsieme di un insieme B se tutti gli elementi di A sono elementi di B e si scrive:
A ⊆ B (leggi “A contenuto in B” o “A incluso in B” o, ancora, “A sottoinsieme di B”), oppure
B ⊇ A (leggi anche “B contiene A” o “B include A” ).
Un sottoinsieme A di B si dice proprio se esiste almeno un elemento di B che non appartiene ad A e scriveremo:
A ⊂ B (leggi “A contenuto strettamente in B” o “A incluso strettamente in B” o, ancora, “A sottoinsieme proprio di B”),
oppure B ⊃ A (leggi anche “B include strettamente A”).

Esempio
Dati gli insiemi A = { 1 , 2 , 5 } e B = { 1 , 2 , 3 , 4 , 5 }, si ha che A è un sottoinsieme di B perché tutti gli elementi di A sono
anche elementi di B, quindi A ⊆ B.
B
Poiché esiste almeno un elemento di B (il numero 3 o il numero 4) .1 .2 .4
A
che non appartiene ad A, si ha che A è un .5 .3
sottoinsieme proprio di B, cioè A ⊂ B.

7
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 8

Algebra - primo anno

In base alla definizione data, si ha che ogni insieme A è sottoinsieme di se stesso perché tutti gli elementi di A appartengono
ad A. Possiamo quindi scrivere: A ⊆ A.
Tra i sottoinsiemi di un insieme consideriamo anche l’insieme vuoto. Per la sua particolare caratteristica di non contenere
elementi, si conviene di considerare l’insieme vuoto come sottoinsieme di un qualsiasi insieme.
Possiamo quindi scrivere: Ø ⊆ A, qualunque sia l’insieme A.

In generale:
dato un insieme A , sono chiamati sottoinsiemi impropri (o banali) di A l’insieme A stesso e l’insieme vuoto.
Si può facilmente osservare che c’è una certa analogia tra i simboli ⊆ e ⊂ ed i simboli ≤ e <, così come tra i simboli ⊇ e ⊃
ed i simboli ≥ e > .

Il simbolo “⊄” significa “non è sottoinsieme”; per esempio, dati gli insiemi: F = 2, a, 5, 7, b e G = 2, s, 5, b, 3

si ha che F ⊄ G (F non è sottoinsieme di G ) e che G ⊄ F (G non è sottoinsieme di F) [osserva gli elementi dei due insiemi].

PROVA TU
Rappresenta con i diagrammi di Eulero – Venn gli insiemi
A = {x / x è un numero pari minore di 18} e B = {x / x è un multiplo di 4 minore di 20} e stabilisci se le seguenti affermazioni
sono vere o false:
A⊃B q V q F A⊆B q V q F
B⊆A q V q F B⊂A q V q F

1.3 INSIEME DELLE PARTI


Definizione
Dato un insieme A, si chiama insieme delle parti di A e si indica con P(A), l’insieme di tutti i sottoinsiemi, propri e impropri,
di A.

Esempio
Dato l’insieme A = { a , b , c }, l’insieme delle parti di A è: P(A) = {{ a }, { b }, { c }, { a , b }, { a , c }, { b , c }, Ø , { a , b , c }}.
Quanti sono gli elementi di P(A) ? Gli elementi di P(A) sono ..............................
Quanti sono gli elementi di A? Gli elementi di A sono ..............................

PROVA TU
- Sia B ={a, e}; P(B) = ......................................................................................................................................
- Quanti elementi ha P(B) ? ..................... Quanti elementi ha B? .....................
- Sia C ={2, m, 5} ; P(C) = ......................................................................................................................................
- Quanti elementi ha P(C)? ..................... Quanti elementi ha C? .....................
- Sia D = {3, 6, 9, 15} ; P(D) = ......................................................................................................................................
- Quanti elementi ha P(D) ? ..................... Quanti elementi ha D? .....................
- Esiste una relazione fra il numero degli elementi di un insieme A e il numero degli elementi di P(A)?
Se sì, qual è? ......................................................................................................................................
Si può dimostrare, cioè, che, se A contiene n elementi, P(A) contiene 2− elementi.

8
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 9

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

1.4 OPERAZIONI TRA INSIEMI

1.4.1 INTERSEZIONE DI INSIEMI


Definizione
Dati due insiemi A e B, si dice intersezione dei due insiemi, e si indica con A ∩ B, l’insieme degli elementi che appartengono
sia ad A che a B. In simboli si ha: A ∩ B = { x / x ∈ A ∧ x ∈ B }, (leggi “A intersezione B è l’insieme degli x tali che x ∈ A e
x ∈ B”), dove abbiamo utilizzato il simbolo di congiunzione logica ∧ (leggi “e”) del quale parleremo in seguito.

Esempio
Dati gli insiemi A = { 1 , 2 , 3 , 4 , 5 } e B = { 2 , 4 , 6 , 8 }, si ha: A ∩ B = { 2 , 4 }.
La parte in giallo rappresenta l’intersezione tra i due insiemi.

Osserviamo che:
- se B ⊆ A, allora A ∩ B = B; A ∩B =B

- se A e B non hanno elementi in comune, allora A ∩ B = Ø.


In tal caso i due insiemi A e B si dicono disgiunti. A ∩B =Ø

1.4.2 UNIONE DI INSIEMI


Definizione
Dati due insiemi A e B, si dice unione dei due insiemi, e si indica con A ∪ B, l’insieme degli elementi che appartengono ad
almeno uno degli insiemi dati. In simboli si ha: A ∪ B = { x / x ∈ A ∨ x ∈ B }, ( leggi “A unione B è l’insieme degli x tali
che x ∈ A o x ∈ B”), dove abbiamo utilizzato il simbolo di disgiunzione logica (inclusiva) ∨ (leggi “o”) del quale parleremo
in seguito.
Esempio: Dati gli insiemi A = { 1 , 2 , 3 , 4 , 5 } e B = { 2 , 4 , 6 , 8 }, si ha: A ∪ B = {1, 2, 3, 4, 5, 6, 8}.

La parte colorata rappresenta l’unione tra i due insiemi.

PROVA TU
a) Rappresenta graficamente gli insiemi A = {x / x è una lettera della parola “calcio” } e
B = {x / x è una lettera della parola “circo” }; successivamente colora di rosso l’insieme
C = A ∩ B e di verde l’insieme F = A ∪ B.
b) Verifica con esempi concreti o, astrattamente, mediante i diagrammi di Eulero – Venn, che per le operazioni di intersezione
e unione valgono le seguenti proprietà:

PROPRIETÀ DEFINIZIONE
A∩A=A
Idempotenza
A∪A=A
A∩B=B∩A
Commutativa
A∪B=B∪A
(A ∩ B) ∩ C = A ∩ (B ∩ C) = A ∩ B ∩ C
Associativa
(A ∪ B) ∪ C = A ∪ (B ∪ C) = A ∪ B ∪ C
Distributiva dell’intersezione rispetto all’unione A ∩ (B ∪ C) = (A ∩ B) ∪ (A ∩ C)
Distributiva dell’unione rispetto all’intersezione A ∪ (B ∩ C) = (A ∪ B) ∩ (A ∪ C)

9
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 10

Algebra - primo anno

Partizione di un insieme

PROVA TU
Sia X = {Gaia, Anna, Cosimo, Lucia, Arturo, Luca, Ester, Gabriele, Sara, Laura, Aldo, Elena} e considera i sottoinsiemi di X
formati dai nomi che hanno la stessa iniziale.

Completa: Riporta gli elementi dei sottoinsiemi nel diagramma di Eulero – Venn:
A = {Anna, .........................,.........................}
C = {......................... }
E = {Ester, .........................}
G = {Gaia, .........................}
L = {Luca, ........................., .........................}
S = {.........................}

Osserva che:
- ogni sottoinsieme è diverso dall’insieme vuoto;
- i sottoinsiemi sono a due a due disgiunti;
- l’unione di tutti i sottoinsiemi è l’insieme X.
Si dice che l’insieme {A, C, E, G, L, S} costituisce una partizione dell’insieme X.
In generale, dato un insieme Y, si chiama partizione di Y l’insieme dei sottoinsiemi di Y tali che:
- ogni sottoinsieme è diverso dall’insieme vuoto;
- i sottoinsiemi sono a due a due disgiunti;
- l’unione di tutti i sottoinsiemi è l’insieme Y.

PROVA TU
Dato l’insieme E = { Milano, Torino, Napoli, Firenze, Mantova, Vercelli, Siena, Pisa }, determina una partizione dell’insieme E.

1.4.3 DIFFERENZA DI INSIEMI


Definizione
Dati due insiemi A e B, si dice differenza dei due insiemi, presi nell’ordine, e si indica con A – B, l’insieme degli elementi
che appartengono ad A ma non a B. In simboli si ha: A – B = { x / x ∈ A ∧ x ∉ B }, ( leggi “A meno B è l’insieme degli x
tali che x ∈ A e x ∉ B”).

Esempio
Dati gli insiemi A = { 1 , 2 , 3 , 4 , 5 } e B = { 2 , 4 , 6 , 8 }, si ha:
A – B = { 1 , 3 , 5 } (parte in azzurro della figura), e
B – A = { 6 , 8 } (parte in verde della figura).

Quindi, per la differenza non vale la proprietà commutativa.


Osserviamo che:
- se A ⊆ B allora A – B = Ø;
- se A ∩ B = Ø allora A – B = A e B – A = B .

Se B è un sottoinsieme di un insieme A, l’insieme differenza A – B


viene anche chiamato complementare di B rispetto ad A
ed indicato con il simbolo (parte in rosso della figura).

10
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 11

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

PROVA TU
- Dopo aver rappresentato graficamente gli insiemi:
colora di azzurro l’insieme E – F e di giallo l’insieme F – E.

- Dopo aver verificato che l’insieme


è un sottoinsieme di D = {-5, -3, - 2, 0, 1, 3, 6, 10, 13, 20, 22, 29, 33}, determina l’insieme CD .

1.4.4 PRODOTTO CARTESIANO DI INSIEMI


Definizione
Dati due insiemi A e B, si dice prodotto cartesiano dei due insiemi, presi nell’ordine, e si indica con A × B, l’insieme di
tutte le coppie ordinate (x, y), in cui il primo elemento x appartiene ad A e il secondo elemento y appartiene a B.

In simboli: A × B = {(x , y) / x ∈ A ∧ y ∈ B} ( leggi “il prodotto cartesiano di A per B è l’insieme delle coppie ordinate (x , y)
tali che x ∈ A e y ∈ B ”).
Se A = B, il prodotto cartesiano si indica A × A o A2.

Esempio
Dati gli insiemi A = { a , b , c} e B = { 1 , 2 } si ha:
A × B = {(a , 1) , (a , 2), (b , 1) , (b , 2) , (c , 1) , (c , 2)}.
B × A = {(1 , a) , (1 , b) , (1 , c) , (2 , a ) , (2 , b) , (2, c)}.

Si può facilmente osservare che A × B ≠ B × A, cioè il prodotto cartesiano di due insiemi, non vuoti e distinti, non gode
della proprietà commutativa. Osserviamo, inoltre, che l’insieme A ha 3 elementi, l’insieme B ha 2 elementi e l’insieme A ×
B ha 6 ( = 3 · 2) elementi.

Questa è una proprietà generale:


se un insieme A è formato da m elementi e un insieme B è formato da p elementi, l’insieme A × B è formato da
m · p elementi.

Oltre che elencandone le coppie, il prodotto cartesiano ha alcune interessanti forme di rappresentazione grafica:

1. rappresentazione sagittale ( o a frecce)


Dopo aver disegnato gli insiemi A e B con i diagrammi di Eulero – Venn,
si unisce con un segmento orientato (freccia) ogni elemento del primo
insieme con ciascun elemento del secondo insieme, individuando
in questo modo tutte le coppie ordinate.
Quindi: A × B = {(a, 1), (a, 2), (b, 1), (b, 2), (c, 1), (c, 2)}
Questo metodo è consigliabile solo se gli insiemi hanno un piccolo
numero di elementi, perché altrimenti diventa di difficile lettura.

2. rappresentazione matriciale ( o con tabella a doppia entrata)


B 1 2
Costruiamo una tabella ai cui lati sono posti gli elementi degli insiemi A
A e B (nella prima colonna gli elementi di A e nella prima riga gli elementi di B); a (a;1) (a;2)
ogni coppia ordinata si trova nella casella incrocio della riga e della b (b;1) (b;2)

colonna corrispondenti. c (c;1) (c;2)

Per esempio, la coppia (b;2) deve essere posta all’incrocio


tra la riga b e la colonna 2.

3. rappresentazione cartesiana (o reticolo)


Si disegnano due semirette tra loro perpendicolari aventi la stessa origine:
si indicano sulla semiretta “orizzontale” gli elementi dell’insieme A e
sulla semiretta “verticale” gli elementi dell’insieme B.

11
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 12

Algebra - primo anno

Conducendo le rette che formano la quadrettatura, si rappresentano simbolicamente le coppie con i punti d’intersezione
delle rette verticali con quelle orizzontali (nodi).

4. rappresentazione ad albero
In questo tipo di grafico si parte da un nodo iniziale, detto radice,
e si tracciano tanti segmenti, chiamati rami, per quanti sono gli elementi
del primo insieme, ognuno dei quali termina in un nodo a sua volta ramificato,
con tanti rami quanti sono gli elementi del secondo insieme
radice
(da qui la struttura ad albero).
Percorrendo le ramificazioni, dalla radice al nodo finale, si ottengono tutti
gli elementi del prodotto cartesiano.

PROVA TU
1) Dati gli insiemi A = {1, 4, 5} e B = {3, f, 4, s}, rappresenta in tutti i modi possibili A × B.
2) Dati gli insiemi A = { t, s, m}, B ={ 5, 9 }, C = { a, i, u}, verifica che: - A × (B ∪ C) = (A × B) ∪ (A × C)
- A × (B ∩ C) = (A × B) ∩ (A × C)

OSSERVAZIONE
Tenendo conto dei risultati dell’esercizio 2), possiamo affermare che, per il prodotto cartesiano fra due insiemi, valgono le
seguenti proprietà:
- proprietà distributiva del prodotto cartesiano rispetto all’operazione di unione;
- proprietà distributiva del prodotto cartesiano rispetto all’operazione di intersezione.

Esempi:
Sia A × B = {(-3, 7), (7, 7), (-3, 1), (7, 4), (-3, 4), (7,1)}; determiniamo gli insiemi A e B.
Ricordando la definizione di prodotto cartesiano di due insiemi, osserviamo che gli elementi di A sono quegli elementi che
occupano il primo posto all’interno di ciascuna coppia ordinata e gli elementi di B sono quegli elementi che occupano il
secondo posto sempre all’interno di ciascuna coppia ordinata. Si ha, dunque, A = { -3, 7} e B = {7, 1, 4}.

Nella seguente figura è rappresentato P × Q o Q × P ?

Poiché sulla semiretta orizzontale è rappresentato


l’insieme P e su quella verticale l’insieme Q,
nella figura è rappresentato l’insieme P × Q.

PROVA TU
a) Rappresenta Q × P con la rappresentazione ad albero, con la rappresentazione sagittale e con la rappresentazione
matriciale, essendo P e Q gli insiemi dell’esercizio precedente.

b) Siano

due insiemi. Dopo averli espressi in forma tabulare, rappresenta in tutti i modi possibili A × B.

12
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 13

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

1.5 ESERCIZI DI RIEPILOGO


1) Rappresenta graficamente gli insiemi e

Colora di rosso A ∩ B, colora di verde A ∪ B , colora di giallo A - B , colora di azzurro B - A.


Rappresenta in forma tabulare P(A).

Stabilisci, inoltre, se le seguenti affermazioni sono vere o false:


A⊆B q V q F {-1} ∈ A q V q F
B ⊃ {- 4, 5} q V q F 2⊂B q V q F
B⊃A q V q F Ø⊂A q V q F
0∈A q V q F B⊄A q V q F
{-1} ∈ P(A) q V q F 5∈A∩B q V q F
Ø⊆B q V q F {-1, 5, -3} ⊂ A q V q F
5∈B q V q F A∩B=Ø q V q F

2) Completa inserendo gli elementi mancanti in modo che le seguenti uguaglianze siano vere:
a) {- 3, ........, 5, .......} ∩ {- 9, ......., 2} = { 2, -5}
b) {f , s, p} ∪ {f , ......., ........} = {f , a, p, s, t}
c) {u, ......., .........} × {-1, .......} = {(......, 8), (a, -1), (i, 8), (i, ......), (......, ......), (......, ......)}

3) Inserisci negli insiemi E, F, G gli elementi a, d, m, p, s, t


in modo tale che siano vere le seguenti affermazioni:
- E ∪ F = {a, p , s ,m , t}
- E ∪ G = {a, p ,d ,m , t}
- F ∩ E = {p, t}
- G ∩ E = {m, t}
- F ∩ E ∩ G = {t}

4) Per ciascuna delle seguenti figure, colora l’insieme indicato:


- nella fig. a, l’insieme (A – B) ∪ (B ∪ C) ; - nella fig. b, l’insieme (A ∩ C) ∪ (A - B).

fig. a fig. b

5) Per ciascuna delle seguenti figure, determina un’espressione con le operazioni fra insiemi che rappresenti la parte
colorata:

........................................ ........................................

13
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 14

Algebra - primo anno

ESERCIZIO SVOLTO
E’ stata organizzata una manifestazione di nuoto; i 30 atleti che vi hanno aderito si affrontano sulla distanza di 100 m nei
quattro stili: stile libero, dorso, rana, delfino. Tutti gli iscritti partecipano ad almeno una prova e gli atleti che gareggiano nella
prova a delfino non partecipano ad alcuna altra prova.
Inoltre, si sa che: 12 atleti si sono iscritti alla gara a stile libero; 10 alla gara a rana, 15 alla gara a dorso; 2 atleti gareggiano
nei tre stili: stile libero, dorso e rana; 6 atleti partecipano alle gare a stile libero e dorso; 5 atleti partecipano solo alle gare a
dorso, 3 atleti partecipano alle gare a stile libero e rana.
Stabilisci:
a) quanti sono i partecipanti alla prova a delfino;
b) quanti partecipano solo alla prova a stile libero;
c) quanti partecipano alle prove a rana e dorso, ma non a stile libero.

Per rispondere a queste domande rappresentiamo il problema con un “modello” nel quale inserire le informazioni date.
I partecipanti alla manifestazione possono essere divisi in quattro insiemi: uno per ogni stile di gara
Siano U = {x / x è iscritto alla manifestazione},
L = {x / x partecipa alla gara a stile libero},
D = {x / x partecipa alla gara a dorso},
R = {x / x partecipa alla gara a rana},
F = {x / x partecipa alla gara a delfino}.

Nel rappresentare gli insiemi mediante i diagrammi di Eulero – Venn,


teniamo conto di alcune informazioni contenute nel testo:
- L, D, R, F sono sottoinsiemi di U
- l’insieme F è disgiunto da L, D, R
- (L ∩ D ) ∩ R ≠ Ø
- L ha 12 elementi
- D ha 15 elementi
- R ha 10 elementi

Le questioni poste richiedono di determinare il numero degli elementi di:


a) F (colore giallo nel diagramma)
b) L – ( D ∪ R ) (colore celeste nel diagramma)
c) ( R ∩ D ) – L (colore verde nel diagramma)

Analizziamo, ora, le informazioni date dal problema.

Dai dati del problema emerge che ( L ∩ D ) ∩ R è


formato da 2 elementi; scriviamo, dunque, nella
parte che rappresenta ( L ∩ D ) ∩ R, il numero 2.

Dai dati del problema si ha che L ∩ D è formato da 6


4
elementi; di questi 2 sono elementi di ( L ∩ D ) ∩ R, 5
quindi ( L ∩ D ) – [( L ∩ D ) ∩ R (parte colorata) è
formato da 4 elementi; scriviamo 4 nella parte colorata 1
del diagramma.

14
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 15

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

4
Dai dati del problema si rileva che D – ( L ∪ R ) 5
(parte colorata del diagramma) è formato da 5 elementi;
scriviamo 5 nella parte colorata.

Dai dati del problema deduciamo che L ∩ R è formato da


4
3 elementi; di questi 2 sono elementi di ( L ∩ D ) ∩ R, 5
quindi ( L ∩ D ) – [( L ∩ D ) ∩ R ] (parte colorata del
diagramma) è formato da 1 elemento; scriviamo 1 1
nella parte colorata.

L’ultimo diagramma è il “modello” del problema; in esso sono riportate tutte le informazioni (dati) rilevate dal testo.
Completiamo il diagramma inserendo le informazioni mancanti che possiamo, adesso, dedurre.
I partecipanti alla sola prova a stile libero (cioè il numero di
elementi di L – ( D ∪ R ) (colore celeste del diagramma) sono
12 – (4 + 2 + 1) = 5. Questa è la risposta alla domanda b).
5 4 5
I partecipanti alle prove a rana e dorso, ma non a stile libero,
cioè il numero di elementi di ( R ∩ D ) – L (colore verde del 4 6
diagramma) è 15 – ( 5 + 4 + 2) = 4. Questa è la risposta 1
alla domanda c). 3
I partecipanti alla sola prova a rana, cioè il numero di elementi
di R – ( L ∪ D ) (colore rosso del diagramma) sono 3.
Il numero di partecipanti alla sola prova a delfino, cioè il numero di elementi di F, è dato dalla differenza fra il numero
degli iscritti alla manifestazione (30) e il numero degli elementi di ( L ∪ D ) ∪ R che, come puoi facilmente rilevare dal
diagramma, è 24; l’insieme F è formato da 30 – 24 = 6 elementi.
Questa è la risposta alla domanda a).

PROVA TU
Dall’indagine svolta fra i 60 soci di un circolo sportivo è emerso che alcuni praticano il calcio, altri il basket ed altri ancora il
tennis, ma nessun socio pratica tutti e tre gli sport. Inoltre, 24 soci praticano il basket e 20 il tennis; 15 soci praticano solo
il calcio, mentre 6 soci praticano sia il basket che il calcio, 5 soci praticano sia il calcio che il tennis e 7 soci praticano sia il
basket che il tennis. Quanti soci praticano solo il basket? Quanti soci non praticano alcuno dei tre sport?
(Risolvi il problema con i diagrammi di Eulero – Venn, come nell’esercizio svolto).
I soci del circolo sportivo possono essere divisi nei seguenti insiemi:
U = { x / x è socio del circolo sportivo},
C = { x / x è socio del circolo sportivo che pratica il calcio},
B = { x / x è socio del circolo sportivo che pratica il basket},
T = { x / x è socio del circolo sportivo che pratica il tennis}.

U (…)
Nella rappresentazione grafica è necessario tenere conto delle
seguenti informazioni: (…) C(…)
(…)
- U è formato da ………. elementi
- C, B, T sono sottoinsiemi di U (…)

- (C ∩ B) ∩ T = Ø (…)
(…)
- B è formato da ………. elementi
(…)
- T è formato da ………. elementi T (…)
Completa il seguente diagramma nel quale è colorato di giallo l’insieme B ( … )

dei soci che praticano solo il basket e di celeste l’insieme dei soci che non praticano alcuno sport.

15
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 16

Algebra - primo anno

ESERCIZI CAPITOLO 1

GLI INSIEMI
Conoscenza e comprensione
1) Come può essere “definito” un insieme?
2) Come si indica, in generale, un insieme? E un elemento di un insieme?
3) Scrivi, a fianco di ciascun insieme, il simbolo con il quale esso viene indicato:
a) l’insieme dei numeri naturali: ……
b) l’insieme dei numeri interi relativi: ……
c) l’insieme dei numeri razionali: ……

4) Le seguenti collezioni di oggetti sono insiemi:


a) I colori dell’arcobaleno. q V q F
b) I migliori giocatori di calcio. q V q F
c) Le stelle più luminose dell’Universo. q V q F
d) I minerali della Terra. q V q F
e) Le stelle nane rosse dell’Universo. q V q F

5) Una sola delle seguenti scritture indica che a è un elemento dell’insieme B. Quale?
a) a ⊆ B
b) A ∈ B
c) a ∈ B
d) B ⊃ a
e) B ∈ a

6) Una sola delle seguenti scritture indica che b non è un elemento dell’insieme F. Quale?
a) b ⊄ F
b) b ∉ F
c) b ∈ F
d) F ⊃ b
e) F ∉ b

7) Quali delle seguenti scritture indicano l’insieme vuoto? { } ; {Ø} ; 0 ; {0} ; Ø.


8) In quali modi si può rappresentare un insieme? Fai un esempio per ciascuno di essi.
9) Sia C = {x / x è un colore della bandiera italiana}; completa con i simboli ∈, ∉:
a) bianco ….. C d) nero ….. C
b) rosa ….. C e) viola ….. C
c) rosso ….. C f) azzurro ….. C

10) Sia B = {x ∈ N / x è divisore di 15}. Quale delle seguenti affermazioni è corretta?


a) 1∈ B
b) 15 ∉ B
c) 3 ⊂ B
d) B ⊃ 5
e) {3} ∈ B

11) Sia A = {x / -5 < x < 3}. È possibile rappresentare l’insieme A ? Giustifica la tua risposta.
12) Che cosa si intende per sottoinsieme di un dato insieme?
13) Quando, un sottoinsieme di un insieme si dice proprio? Quali sono i sottoinsiemi impropri?

16
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 17

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

14) Spiega perché le seguenti scritture non sono corrette e, successivamente, riscrivile correttamente:
a) e) Ø ∈ B
b) A ⊂ A f) 4 ∉ {x ∈ Z / -3 < x ≤ 4}
c) {1, 5 } ⊃ {1, 3, 5, 9} g) {a} ∈ {a, e, i, o, u}
d) {0} ∈ {-2, 0, 2} h) B ⊃ Ø

15) Che cos’è l’insieme delle parti di un insieme? Con quale simbolo viene indicato?
16) Se m è il numero degli elementi di un insieme A, qual è il numero degli elementi dell’insieme delle parti di A ?
17) Sia B = {x ∈ N / x = 2 · n, con n ∈ N ∧ 0 ≤ n < 3}. Allora:
a) 0 ∈ P(B) q V q F f) Ø ∈ P(B) q V q F
b) 6 ∈ B q V q F g) {2} ∈ P(B) q V q F
c) B ∈ P(B) q V q F h) {{0},{2}} ⊂ P(B) q V q F
d) {0, 2} ⊂ P(B) q V q F i) 1 ∈ B q V q F
e) 0 ∈ B q V q F l) Ø ⊆ P(B) q V q F

18) Come è definita l’operazione di unione di due insiemi? Scrivila con i simboli del linguaggio matematico.
19) Come è definita l’operazione di intersezione di due insiemi? Scrivila con i simboli del linguaggio matematico.
20) Quali proprietà valgono per l’operazione di unione di due insiemi? E per l’operazione di intersezione?
21) Quando due insiemi si dicono disgiunti?
22) Che cos’è una partizione di un insieme?
23) Sia A un insieme. Esiste una sola partizione di A ? Giustifica la tua risposta.
24) Sia 3 = {-2, -1, 0, 1, 2, 3}. Quale, fra i seguenti insiemi, è una partizione di G ?
a) {{-2}, {0, 2}, {-1, 2}, {1, 3}}.
b) {{-2, 0, 2}, {1}, {-1, 3}, { }}.
c) {{-2, 2}, {0}, {1, 3}, {-1}}.
d) {{-2, 0}, {1, 3}, {-1}}.
e) {{-2}, {0, 2, -1}, {1, 3}, Ø}.

25) Come è definita l’operazione di differenza di due insiemi? Scrivila con i simboli del linguaggio matematico.
26) Siano A e B due insiemi tali che A ⊂ B. Che cosa si intende per insieme complementare di A rispetto a B ?
Con quale simbolo si indica? Scrivi la sua definizione con i simboli del linguaggio matematico.
27) Per la differenza fra insiemi, vale la proprietà commutativa? Giustifica, anche con degli esempi, la tua risposta.
28) Come è definita l’operazione di prodotto cartesiano di due insiemi? Scrivila con i simboli del linguaggio matematico.
29) Come può essere rappresentato il prodotto cartesiano di due insiemi?
30) Quali proprietà valgono per l’operazione di prodotto cartesiano di due insiemi?
31) Siano A = {0, 1, 2, 3, 4} e B = {-3, -2, -1, 0, 1, 2} due insiemi. Completa, inserendo i simboli delle operazioni fra insiemi,
in modo che siano verificate le seguenti uguaglianze:
a) A ….. B = {0, 1, 2}.
b) B ….. A = {-3, -2, -1}.
c) B ….. A = {-3, -2, -1, 0, 1, 2, 3, 4}.
d) (-2, 4) ∈ B ….. A.

Esercizi
Insiemi e rappresentazione di un insieme
1) Stabilisci se le seguenti collezioni di oggetti costituiscono degli insiemi:
a) I ragazzi più alti di Brindisi. d) Le frazioni più piccole.
b) I pianeti del Sistema solare. e) Gli esseri viventi unicellulari della Terra.
c) I numeri naturali maggiori di 298. f) Gli aerei più veloci.

17
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 18

Algebra - primo anno

2) Rappresenta nel modo che ritieni opportuno i seguenti insiemi:


“I numeri naturali minori di 9”;
“I giorni della settimana”;
“I numeri razionali minori 3”;
“Le vocali della parola ‘spazio’ ”;
“I numeri interi relativi maggiori di -14”;
“Le persone residenti a Brindisi”;
“I multipli di 5 minori di 4”;
“I numeri pari multipli di 3”.

3) Rappresenta i seguenti insiemi mediante la rappresentazione tabulare e per caratteristica:


A B
6 C
2 c 3
4 i 11 5
l
10 e
8 o 9 7

4) I seguenti insiemi sono rappresentati in forma tabulare; rappresentali mediante i diagrammi di Venn e per caratteristica:
C = {5, 8, 11, 14, 17};
F = {Mercurio, Venere};
H = {12, 16, 20, 24, 28};
K = {-4, -3, -2, -1, 0, 1, 2, 3, 4}.

5) Rappresenta gli insiemi:


K = {x / x è una lettera della parola “calcio”};
M = {x / x è una consonante della parola “palco”};
S = {x ∈ Z / - 4 ≤ x < 3},
mediante i diagrammi di Venn e completa le seguenti proposizioni inserendo i simboli ∈, ∉:
a) o … K ; f) a … M ;
b) 3 … S ; g) 0 … S ;
c) l …M ; h) a … K ;
d) - 4 … S ; i) p … K ;
e) - 5… S ; l) i … M

6) Rappresenta, sotto forma tabulare e mediante i diagrammi di Venn, gli insiemi:

7) Rappresenta mediante la rappresentazione per caratteristica i seguenti insiemi:


T = {10, 13, 16, 19, 22, 25, 28, 31};
P = {- 4, - 3, - 2, - 1 , 0, 1, 2};
L = {1, 10, 100, 1000, 10000};
E = {16, 8, 0, 20, 12, 4};
F = {2, 5, 10, 17, 26, 37}.

8) Rappresenta, se possibile, mediante i diagrammi di Venn gli insiemi:

18
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 19

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

SOTTOINSIEMI
Esempio

Dati gli insiemi A = {x ∈ Z / - 4 ≤ x < 3} e B = {0, 1, 2}, stabilisci se B è un sottoinsieme di A e rappresenta gli insiemi con
i diagrammi di Venn.
Determiniamo gli elementi di A; essi sono : - 4, - 3, - 2, - 1, 0, 1, 2. Si ottiene la seguente rappresentazione:
Osserviamo che tutti gli elementi di B sono elementi di A, quindi B
è un sottoinsieme di A. Notiamo, anche, che esistono elementi di A
che non appartengono a B; quindi B è un sottoinsieme proprio di A.
Riportiamo gli elementi di A all’interno di una linea chiusa e,
all’interno di tale linea, tracciamo un’altra linea chiusa che racchiuda
gli elementi di B.

9) Rappresenta gli insiemi B = {x / x è una lettera della parola “pali”}, C = {x / x è una lettera della parola “palla”} e
D ={x / x è una lettera della parola “palio”} con i diagrammi di Venn; successivamente stabilisci se:
a) B e C sono sottoinsiemi propri o impropri di D;
b) C è un sottoinsieme proprio o improprio di B.

10) Dopo aver rappresentato graficamente gli insiemi A = {-2, 3, 5, 0, -4} e B = {0, -2, 5}, stabilisci quale delle seguenti
proposizioni è vera: A = B ; A ⊂ B ; B ⊂ A.

11) Sia A = {x / x è una vocale della parola “casa”}; scrivi tutti i sottoinsiemi propri di A.
12) Sia G = {-2, 0, 4}. Scrivi tutti i sottoinsiemi impropri di G.
13) Sia M = {x ∈ Z / -3 < x < 5}. Uno solo dei seguenti insiemi è un sottoinsieme di M. Quale?
a) {-3, -2, -1, 0, 1, 2, 3, 4, 5}
b) {-2, 0, 1, 5, 6}
c) {-3, -2, -1, 3, 4, 5}
d) { -2, -1, 0, 1, 2, 3, 4}
e) { -2, 0, 1, 2, 3, 4, 5}

14) Sia S = {x ∈ N / x = 4 · a + 2, con a = 1, 3, 5, 7}; l’insieme R = {6, 20, 14} è un sottoinsieme di S ?


Giustifica la tua risposta.

15) Osserva la figura e completa:

F 5
6 1 T
15 3
2
4
9
2
3 3

19
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 20

Algebra - primo anno

16) Sia A = {a, b, c, d, e} e B = {x ∈ Z / x2 = -4}. Quale delle seguenti proposizioni è vera? E perché?
a) B ⊆ A; d) A ⊂ B;
b) B ⊂ A; e) A = B.
c) B ⊄ A;

17) Dopo aver rappresentato in forma tabulare e con i diagrammi di Venn gli insiemi:
A = {x / x è una lettera della parola “coppia”};
B = {x / x è una lettera della parola “coppa”};
C = {x / x è una lettera della parola “ceppo”},
stabilisci se le seguenti proposizioni sono vere o false:
a) B ⊆ A q V qF e) A = C q V q F
b) C ⊄ B q V qF f) C = B q V q F
c) B ⊇ C q V qF g) A ⊃ C q V q F
d) C ⊂ B q V qF h) A ⊃ B q V q F

18) Osserva la seguente figura e completa inserendo, in maniera opportuna, i simboli ⊂, ⊆, ⊄, ⊃, ⊇:


a) A …..B ; e) D …..A ; i) E ….. B ;
b) B ….. F ; f) E ….. C ; l) D ….. B ;
c) A ….. F ; g) C ….. F ; m) B ….. C ;
d) F ….. E ; h) Ø ….. B ; n) A ….. A .

19)
Quali delle seguenti proposizioni sono corrette?
A = B; A ⊆ B; A ⊃ B; 2 ∈ A; B ⊆ A; {1} ∈ B; {-1} ⊂ A.

20) Sia M = {m}; quali delle seguenti scritture non sono corrette?
m ∈ M; {m} ⊂ M; Ø ⊆ M; {m} ∈ M; { } ⊂ M.

21) Sia T = {a, e, u}. Scrivi tutti i sottoinsiemi propri di T.


22) Dati gli insiemi:
G = {x ∈ N / x = 3 · n, con n ∈ N e 0 ≤ n ≤ 10};
H = {x ∈ N / x = 4 · n, con n ∈ N e 0 ≤ n < 8},
determina almeno tre insiemi che siano sottoinsiemi sia di G che di H. Rappresenta, successivamente, i sottoinsiemi
trovati per caratteristica.

23) Sia A = {b, c, d}; determina tutti i possibili sottoinsiemi di A e rappresenta in forma tabulare l’insieme P(A).
24) L’insieme A = {{s}, {t},{s, t}} rappresenta l’insieme delle parti di un insieme? Giustifica la tua risposta.
25) Sia P(C) = {{7}, {3}, {0}, {7,3}, {7,0}, {0,3},{ },{3, 7, 0}}; qual è l’insieme C ?
26) Sia D = {x / x è una lettera della parola “catastrofe”}. Quanti sono gli elementi di P(D) ?
27) Sia S = {x ∈ N / x = 2 · n – 5, con n = 0, 1, 2}. Quanti sono gli elementi di P(S)? Elencali.
28) Sia B = {x ∈ Z / x2 = 9} . Uno solo dei seguenti insiemi è l’insieme P(B). Quale?
a) {{3}, {-3}, Ø};
b) {{-3, 3}, {3},{-3}};
c) {{3}, Ø};
d) {{-3}, {3}, { }, {-3, 3}};
e) {-3, 3}.

29) Completa in modo che l’insieme {{7},{7, 9}, Ø, ….. } rappresenti l’insieme delle parti di un insieme.

20
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 21

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

30) Sia dato l’insieme

Una sola proposizione è falsa; quale?


a) B = {0, -2};
b) 0 ∈ B;
c) {0, -2} ⊂ P(B);
d) {0, -2} ⊆ B;
e) {{0}, {-2}} ∈ P(B).

31) Osserva la figura e completa inserendo, in maniera opportuna, i simboli ∈, ∉, ⊂, ⊆, ⊃, ⊇, ⊄:


a) {s, m} ….. B; i) f ….. A;
b) D ….. A; l) 7 ….. B;
c) {o, 3} ….. D; m) h …. A;
d) {m, h, o, e} ….. B; n) {s, f} ….. A;
e) {1, 3, 7, 5} ….. D; o) {m} ….. B;
f) 3 ….. A; p) g ….. B;
g) Ø ….. D; q) A ….. {s, m, g, h, f};
h) e ….. D; r) {1, h} ….. D.

OPERAZIONI TRA INSIEMI


Unione e intersezione
Esempio

Dati A = {x ∈ N / 3 < x < 8} e B = {x ∈ N / x <10 ∧ x è pari}¸ rappresentiamo in forma tabulare e con i diagrammi di Venn
gli insiemi A ∪ B e A ∩ B.

Rappresentiamo, innanzi tutto, in forma tabulare gli insiemi A e B; si ha che: A = {4, 5, 6, 7}; B = {2, 4, 6, 8}.

L’unione di A e B è l’insieme formato dagli elementi che appartengono ad A o a B, riportando una sola volta gli elementi in
comune. La rappresentazione tabulare dell’unione dei due insiemi è la seguente: A ∪ B = {2, 4, 5, 6, 7, 8}.
Rappresentiamo A ∪ B con i diagrammi di Venn (colore celeste della figura)

A tale scopo, osserviamo che gli insiemi A e B hanno alcuni elementi A B


5 4 2
in comune; allora rappresentiamo A e B in modo che le due linee chiuse,
una per l’insieme A ed una per l’insieme B, si intersechino e nella 7 6 8
parte comune inseriamo gli elementi in comune:

L’intersezione di due insiemi è l’insieme formato dagli elementi comuni


A B
ai due insiemi. 5 4 2
La rappresentazione tabulare di A ∩ B è, quindi: A ∩ B = {4, 6}
7 6 8
Rappresentiamo A ∩ B con i diagrammi di Venn (colore giallo della figura):

21
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 22

Algebra - primo anno

32) Per ciascuna delle seguenti coppie di insiemi, rappresenta in forma tabulare e con i diagrammi di Venn gli insiemi
A∩BeA∪B:
a) A = {m, s, a, t, e} e B = {a, b, c, s, e};
b) A = {1, 3, 5, 7} e B = {-2, 0, 2, 3, 5};
c) A = {x / x è una consonante di “ latte”} e B = {x / x è una lettera di “moto”};
d) A = {x ∈ N / 2 < x < 6} e B = {x ∈ N / x = 2 · n, con n = 0, 1, 2, 3};
e) A = {x ∈ N / 2 < x < 8} e B = {x ∈ N / x + 2 = 10}.

33) Dati gli insiemi A = {x / x è una vocale di “podere”}, B = {x / x è una lettera di “dopo”} e
C = {o, p, d, i}. Determina la rappresentazione tabulare dei seguenti insiemi:
A ∩ B ; B ∪ C ; B ∩ C ; A ∩ C ; B ∪ (A ∩ C) ; A ∩ (B ∪ C) .

34) Dati gli insiemi

rappresenta, nel modo che ritieni più opportuno, A ∩ B.

35) Dati gli insiemi A = {x / x è uno dei giorni della settimana che inizia con la lettera “m”} e
B = {Domenica, Lunedì}; determina A ∪ B e A ∩ B.

36) Dati gli insiemi F = {x ∈ N / x + 2 = 0} e G = {-1, 1, 3}, determina F ∪ G e G ∩ F.

37) Siano A = {x ∈ Z / -3 ≤ x < 2} e B = {x ∈ N / 0 ≤ x ≤ 4} due insiemi. Una sola delle seguenti proposizioni è falsa.
Quale?
a) {-3, 3} ⊂ A ∪ B;
b) {0, 1} ⊂ A ∩ B;
c) -2 ∈ A ∪ B;
d) A ∩ B = ∅;
e) 1 ∈ A ∩ B.

Differenza fra insiemi e insieme complementare


38) Per ciascuna delle coppie di insiemi dell’esercizio 32), rappresenta in forma tabulare e mediante la rappresentazione
grafica gli insiemi A – B e B – A.

39) Dati gli insiemi S = {x ∈ N / x è un divisore di 54} e T = {x ∈ N / x è un divisore di 45}, determina gli insiemi S – T e T – S.

40) Siano due insiemi.

Rappresenta, mediante i diagrammi di Venn, l’insieme B – A.

41) Completa il diagramma sapendo che:


A – B = {1, 2, 4};
B – A = {8, 9};
A ∪ B = {1, 2, 4, 7, 8, 9}.

42) Dati gli insiemi M = {-4, -2, 0, 2, 4, 6, 8}, P = {-1, 0, 1, 2, 3, 4} e S = {-3, -1, 1, 3, 5}, rappresenta in forma tabulare i seguenti
insiemi:
a) M - (P ∪ S);
b) (P - M) ∩ S;
c) (M ∩ S) - P;
d) (M - P) ∩ S;
e) (M ∩ P) - S.

43) Completa inserendo gli elementi mancanti: a) {-4, …. , 3, 1} - {…. , 7, 1, 9} = {5, 3}; b) {a, e, …. , g} - {a, b, e, c} = {…. , f}.

22
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 23

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

44) Siano P = {x / x è un mese che inizia con la lettera “a”} e M = {x / x è un mese dell’anno} due insiemi. Rappresenta in forma
tabulare, con i diagrammi di Eulero - Venn e per caratteristica l’insieme PM .

45) Siano dati gli insiemi A = {x ∈ Z / x = k – 3, con k ∈ N ∧ - 3 < k < 2} e B = {-3, -2}. Quali delle seguenti proposizioni sono
false? BA ≠ ∅; AB ≠ ∅; -5 ∈ BA; -3 ∈ B ∩ BA.

46) Qual è il complementare, rispetto ad N, dell’insieme dei numeri dispari?


47) Qual è il complementare, rispetto a Z, dell’insieme N ?
48) Siano A e B due insiemi tali che A ⊂ B; stabilisci se le seguenti proposizioni sono vere o false:
a) A ∪ B = A q V q F
b) AB = ∅ q V q F
c) A ∩ B = A q V q F
d) A ∪ AB = B q V q F
e) A ∩ AB = A q V q F
f) B ∩ AB = AB q V q F

Esempio

A B
Nella seguente figura, coloriamo l’insieme A ∪ (B ∩ C).

A B
In una espressione si risolvono prima le parentesi tonde, quindi coloriamo
di giallo B ∩ C, cioè la parte in comune fra gli insiemi B e C; si ottiene:

Determiniamo, adesso, l’unione fra questo nuovo insieme e l’insieme A;


A B
si ottiene:

L’insieme richiesto è in colore celeste.


C

49) Per ciascuna delle seguenti figure, colora l’insieme indicato:

A B A B A B

C C C

fig. 1: (A ∩ C) ∪ B; fig. 2: (B ∪ C) ∩ A; fig. 3: (B ∩ A) ∪ (B ∩ C).

50) Nel seguente diagramma sono rappresentati gli insiemi P, S, M.


M
Riportalo più volte sul tuo quaderno e colora, se possibile, S
gli insiemi a fianco indicati:
P
a) P – S;
b) (S – P) ∩ M;
c) PM ∩ (P – S);
d) (P ∩ S) ∪ SM .

23
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 24

Algebra - primo anno

51) Riporta più volte sul tuo quaderno il seguente diagramma e colora gli insiemi indicati:
a) (K ∩ G)G ∪ (H - G) ;
F K G
b) (H ­ K) ∪ (K ∩ H)K;
c) (K ∩ G) ∪ (HF ∩ G);
d) (K ∩ G) ∩ (H - G)F.

52) Determina un’espressione con le operazioni fra insiemi che rappresenti la parte colorata nei seguenti diagrammi:

M S D
A B
A B

Partizione

53) Determina una partizione dell’insieme A = {x ∈ N / 0 < x < 10}.


54) Sia M = {x / x è un mese dell’anno}, costruisci una partizione di M con tre sottoinsiemi di M.
55) Siano dati gli insiemi B = {x / x è una lettera della parola “aquilone”}, B1 = {x / x è una lettera della parola “qua”} e
B2 = {x / x è una lettera della parola “Lione”}. L’insieme {B1 , B2} è una partizione di B ? Rappresenta gli insiemi con i
diagrammi di Venn e giustifica la tua risposta.

56) Siano dati gli insiemi A = {x ∈ N / x = 2 · n + 1, con 0 ≤ n < 8 ∧ n ∈ N}, A1 ={x ∈ N / x è un divisore di 9},
A2 = {x ∈ N / 3 < x ≤ 13 ∧ x è primo} e A3 = {x ∈ N / x + 5 = 20}. L’insieme {A1, A2, A3} è una partizione di A ?
Rappresenta gli insiemi con i diagrammi di Venn e giustifica la tua risposta.

57) Dati gli insiemi A = {0, 1, 2, 4, 6, 8, 10}, B = {0, 6,10}, C = {x ∈ N / x è un divisore di 8} e D = {x ∈ N / x + 3 = 1}, l’insieme
{B, C, D} è una partizione di A ? Giustifica la tua risposta.

Prodotto cartesiano

58) Dati gli insiemi A = {-2, 0, 2, 4} e B = {1, 3}, rappresenta in tutti i modi possibili gli insiemi A ×´B e B × A.
59) Siano dati gli insiemi F = {x / x è una lettera della parola “mondo”} ed E = {a, e}.
Rappresenta in tutti i modi possibili l’insieme F × E.
60) Dati gli insiemi C = {x / 3 ≤ x ≤ 7 e x ∈ Z} e D = {x / -1< x ≤ 2 e x ∈ Z} rappresenta in tutti i modi possibili D × C.
61) Siano dati gli insiemi C = {x ∈ Z / x + 4 = 0} e D = {x ∈ N / x è un divisore di 3}.
Rappresenta in forma cartesiana l’insieme D × C.
62) Sia A ×´B = {(1, 2), (3, 0), (1, 0), (3, 2), (5, 2), (5, 0)}. Rappresenta in forma tabulare gli insiemi A e B.
63) Sia A ×´B = {(x, y) / x ∈ N ∧ 0 < x < 6, y = x + 2}. Rappresenta nel modo che ritieni più opportuno gli insiemi A e B.
64) Dati gli insiemi A = {0, 3, 5}, B = {a, e} e C = {4, 7, 9}, rappresenta con un diagramma ad albero ed in forma tabulare i
seguenti insiemi: (A × B) × C ; A × (C × B) ; C × (B × A).
65) Dati gli insiemi A = {x / x è una lettera di “terra”}, B = {x / x è una lettera di “torero”} e C = {x / x è una lettera di “toro”},
rappresenta, con un diagramma ad albero ed in forma tabulare, i seguenti insiemi: A × (B × C) ; B × (C × A) ; (A × B) × C.
66) Dati gli insiemi A = {b}, B = {-5, 1, 3}, C = {2, 4} e D = {a, u}, calcola il prodotto cartesiano di ciascuno di essi per se stesso.

24
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 25

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

67) Inserisci al posto dei puntini le lettere opportune:


a) {…. , m, f} × {a, ….} = {(d, a), (…. , b), (m, ….), (m, b), (…. , a), (f, ….)};
b) {1, …. , 6} × {2, ….} = {(…. , 2), (1, 5), (4, ….), (…. , 5), (6, 2), (6, ….)};
c) ({6, …. , 9} ∩ {7, …. , 4}) × {1, ….} = {(3, ….), (…. , 2)}.
68) Nella seguente figura è rappresentato l’insieme A × B.
Determina le rappresentazioni tabulari di A e di B.

69) Nella seguente figura è rappresentato l’insieme A × B.


Una sola delle seguenti proposizioni è vera. Quale?
a) {b} ⊂ A; d) (f, b) ∈ B × A;
b) (a, g) ∈ A × B; e) {m, h} ⊂ B.
c) {g, h} ⊂ A;

70) Siano dati gli insiemi A = {x ∈ N / x è un divisore di 12} e B = {x / x è un divisore di 30}. Una sola delle seguenti proposizioni
è falsa. Quale?
a) {(2, 1), (6, 3)} ⊂ B × A; d) A × B ⊃ {(4, 5), (3, 6)};
b) {(2, 1), (3, 6)} ⊂ A × B; e) (3, 2) ∈ (A × B) ∩ (B × A).
c) {(2, 12), (4, 3)} ⊂ B × A;

71) Siano dati gli insiemi A = {3, 6, 9}, B = {2, 4, 6, 8} e C = {1, 2, 3, 4, 5, 6}. Rappresenta in forma tabulare i seguenti insiemi:
a) A × ( B ∩ C) ; d) (C - A) × B ;
b) [C - (B ∩ A)] × (B ∩ A) ; e) [(A ∩ B) ∪ (A ∩ C)] × A ;
c) (A × B) ∩ (B × C) ; f) (C × B) - (B × A) .

Esercizi di riepilogo

72) In figura sono rappresentati tre insiemi:


Una sola delle seguenti proposizioni è falsa. Quale?
a) (C - D) ∪ (D - C) = (C ∪ D) - (C ∩ D);
b) C ∪ D ⊂ P(C) ;
c) C - D = DE ∩ C ;
d) (C ∪ D)E ⊂ CE ∪ DE;
e) (C - D)E ∩ D ⊆ D.

73) Sia A = {x ∈ N / x è divisore di 45}; una sola delle seguenti affermazioni è vera. Quale?
a) P(A) ha 12 elementi ; d) (3, 5) ∈ A;
b) (3, 9) ∈ A2 ; e) P(A) è una partizione di A.
c) {1, 15} ∈ A2; d) (3, 5) ∈ A;

74) Siano dati gli insiemi A = {x ∈ N / x è divisore di 45}, B = {x ∈ N / x è divisore di 27} e C = {x ∈ N / x è divisore di 12}; quale
delle seguenti affermazione è falsa?
a) (1, 3, 1) ∈ B2 × C d) {9} ⊂ (A - B)A
b) (A ∩ B) - C = ∅ e) 2 ∈ C - (A ∩ B)
c) (C ∩ B) - A = (A ∩ C) - B

75) Dati gli insiemi A, B e C dell’esercizio precedente; determina i seguenti insiemi:


a) (A ∩ B) × (B ∩ C);
b) (A ∩ C)B ∪ (B - A);
c) B × (C - A).

25
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 26

Algebra - primo anno

76) Siano S e T due insiemi generici; stabilisci se le seguenti proposizioni sono vere o false:
se T ∩ S = S, allora S⊂T q V q F
se T ∪ S = T, allora S⊆T q V q F
se p ∈ T, allora {p} ∈ P(T) q V q F
se S - T = S, allora T=∅ q V q F
se T - S = ∅, allora S⊆T q V q F
se T - S = ∅ allora S⊂T q V q F
se S - T = T - S, allora T=S q V q F
se S × T = T × S, allora S=T q V q F

77) Per ciascuna delle seguenti figure, colora l’insieme indicato:

(B ∩ C) ∪ (A ∩ B) (A - B)A ∪ (B ∩ C) AC ∩ (B ∪ A) [(A ∩ C) ∪ BC ] ∩ (A ∪ B)

78) Per ciascuna delle seguenti figure, determina un’espressione con le operazioni fra insiemi che rappresenti la parte
colorata:

79) Fra i ragazzi di un condominio 25 hanno una bicicletta, 22 hanno i pattini, 20 possiedono uno skateboard e 6 non
possiedono alcuno dei tre giochi; inoltre 9 ragazzi hanno tutti e tre i giochi, 4 soltanto la bicicletta, 2 soltanto lo skateboard
e 6 possiedono sia la bicicletta che i pattini, ma non lo skateboard. Quanti sono i ragazzi del condominio?
(Rappresenta il modello del problema utilizzando i diagrammi di Eulero – Venn).
[40]

80) Il comitato organizzatore della festa patronale del paese di Manigoldia vuole organizzare una serata musicale scegliendo
il genere di musica preferito dalla maggior parte dei 585 ragazzi del paese. Dall’indagine svolta è emerso che 423 ragazzi
sono appassionati di almeno uno fra i generi Rock, House e Reggae; 75 amano Rock e House e, di questi, 45 non
amano il Reggae; inoltre, 93 sono appassionati di House e Reggae e 73 di Rock e Reggae; 133 amano il Rock ma non
la musica House e 130 amano la musica House ma non la musica Reggae. Quale sarà il genere musicale della serata?
(Rappresenta il modello del problema utilizzando i diagrammi di Eulero – Venn).
[House]

81) Il responsabile della biblioteca dell’Istituto “Gobbar” ha avuto l’incarico dal Dirigente Scolastico dell’acquisto di alcuni
libri per favorire la lettura da parte degli alunni dell’Istituto. Agli alunni viene sottoposto un questionario nel quale esprimere
la preferenza fra romanzo storico, romanzo giallo e romanzo d’avventura. Dal questionario è emerso che su 666 alunni:
- 55 alunni gradiscono tutti e tre i generi;
- 127 alunni gradiscono il romanzo giallo e quello d’avventura;
- 95 alunni gradiscono il romanzo storico e quello giallo, ma non quello d’avventura;
- 178 alunni gradiscono il romanzo d’avventura e almeno uno fra il romanzo storico e quello giallo;
- 36 gradiscono solo il romanzo storico;
- 419 almeno uno fra il romanzo storico ed il romanzo giallo;
- 513 alunni gradiscono almeno uno fra il romanzo giallo e quello d’avventura.
A quanti alunni della scuola non piace nessuno dei tre generi?
(Rappresenta il modello del problema utilizzando i diagrammi di Eulero – Venn).
[117]

26
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 27

Book in
progress
1. Il linguaggio degli insiemi

82) Ai 24 alunni della 3C, il professore d’Italiano chiede di vedere un documentario su Dante Alighieri che sarà trasmesso
in televisione quella sera; il professore di Fisica dice ai ragazzi che non devono assolutamente perdere il servizio su
Albert Einstein che sarà trasmesso in serata in televisione.
Per fortuna, le due trasmissioni sono state programmate in orari diversi. Il giorno dopo il professore di Italiano chiede ai
ragazzi se hanno visto la trasmissione su Dante Alighieri. Marco, rappresentante di classe, risponde: Professore, Luigi
è assente; tutti gli altri hanno visto almeno una delle due trasmissioni; in particolare 6 ragazzi hanno visto entrambe le
trasmissioni e 16 hanno visto la trasmissione su Einstein.
Quanti, tra gli alunni presenti, hanno visto soltanto la trasmissione su Dante Alighieri?
[7]

83) Per la festa del Patrono, è stata organizzata una gara podistica che attraversa tutti i rioni della città. Alla gara erano
iscritti 60 atleti e tutti hanno terminato la corsa. Francesco, seduto nella tribuna situata in prossimità del traguardo, ha
notato che le magliette indossate dagli atleti avevano solo tre colori: rosso, giallo e verde.
Osserva anche che 35 atleti indossavano magliette a tinta unita e di questi 15 una maglietta verde; le magliette di 25
atleti avevano almeno due colori e di queste 8 avevano il verde e solo uno fra il rosso e il giallo, 10 non avevano il colore
verde e 3 non avevano il giallo; 32 atleti indossavano magliette nelle quali c’era il rosso.
Quanti atleti avevano la maglietta tutta gialla? [8]
Quanti atleti avevano la maglietta tutta rossa? [12]
Quanti atleti avevano la maglietta con tutti e tre i colori? [7]

84) Il circolo “La sveglia” conta 100 soci tutti presenti alla riunione di venerdì sera. Lucia chiede a Marco di prestargli il
cellulare perché lo ha dimenticato, ma anche Marco non ha il cellulare. Chiedendo agli altri, Lucia si accorge che, al
circolo, i soci hanno cellulari di tre marche: Alka, Binka, Selka. Nota, però, che nessun socio, quella sera, ha un cellulare
di tutte e tre le marche; dei 73 soci che quella sera hanno un solo cellulare, 32 hanno un cellulare Alka, 20 un cellulare
Binka; dei 20 soci che quella sera hanno due cellulari, 7 hanno un cellulare Alka ed uno Binka, 5 hanno un cellulare
Binka ed uno Selka.
Quanti soci, quella sera, erano senza cellulare? [7]
Quanti soci, quella sera, avevano un cellulare Alka ed uno Selka? [8]

TEST DI AUTOVALUTAZIONE
1) Quali dei seguenti gruppi di elementi rappresenta un insieme in senso matematico?
a) I compagni simpatici della tua classe.
b) Le regioni di una nazione.
c) I numeri pari.
d) I numeri grandi.
e) I tuoi amici alti
f) I numeri naturali compresi tra 2 e 8
g) I numeri maggiori di 6

2) Dato l’insieme A = {2, 4, 6, 8} quale delle seguenti scritture è corretta per rappresentarlo?
a) A = {x/ x ∈ P, 2 ≤ x ≤ 8}
b) A = {x/ x è un numero maggiore di due}
c) A = {x/ x è un multiplo di due}
d) A = {x/ 2 < x < 8}

3) Dato l’insieme B = {x/ x è una lettera della parola “professore”} Quale delle seguenti rappresentazione per elencazione
è esatta?
a) B = { p,r o,f,s,s,e,o,r}
b) B = { p,r o,f,s,e,o,r}
c) B = { p,r o,f,s,e}

27
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 28

Algebra - primo anno

4) Dati gli insiemi A = {x/ x è una lettera della parola “esercizio”} e B = {x/ x è una lettera della parola “espressione”}
a) A ∩ B = { e,s,r,i,o}
b) A ∩ B = { e,s,r,i,o,e,s,p,i,o}
c) A ∩ B = { c,z,p,i,n}

5) Dati gli insiemi A = {a,b,c,d,f} e B = {a,b,n,z}


a) A - B = {n,z} b) A - B = {c,d,f} c) A - B = {a,b}

6) Se l’insieme A = {1,7,8,9} e l’insieme B = {2,7,9,3} allora:


a) A ∪ B = {1,7,8,9,2,3,7,9} b) A ∪ B = {7,9} c) A ∪ B = {1,7,8,9,2,3}

7) Quali dei seguenti insiemi sono infiniti?


a) I numeri Naturali d) I numeri razionali compresi tra 0 e 1
b) I punti di una retta e) I numeri pari
c) Le provincie di una regione f) Le lettere dell’alfabeto

8) Data la seguente rappresentazione di Eulero-Venn,


la parte evidenziata corrisponde a:
a) [A - (B ∪ C)] ∪ [(C ∩ B) - ( A ∩ B ∩ C)]
b) (A- B) ∪ (C - B) - (C ∩ B)
c) (C - B) ∪ [A-( A ∪ B)]

9) Ad un raduno di ciclisti partecipano 100 persone, 20 di queste hanno la maglia azzurra, 30 hanno il caschetto giallo,
60 non hanno la maglia azzurra e neppure il caschetto giallo. Quanti ciclisti hanno sia la maglia azzurra che il caschetto
giallo? a) 20 b) 40 c) 10

10) Dati gli insiemi A = {1, 2, 3, 4} e B = {2 ,5} allora:


a) A × B = {1, 3, 4, 2, 5}
b) A × B = {(2, 1); (2, 2); (2, 3); (2, 4); (5, 1); (5, 2); (5, 3); (5, 4)}
c) A × B = {(1, 2); (1, 5); (2, 2); (2, 5); (3, 2); (3, 5); (4, 2); (4, 5)}

11) Dati gli insiemi A = {x ∈ N / x ≥ 3}, B = {x ∈ N / x < 5}, C = {x ∈ N /1< x ≤ 3} calcola:


a) A ∩ B ∩ C b) A ∩ B c) (B ∩ C) ∪ B

12) Siano A = {a, b, c, d, e}, B = {a, b, c}, C = {f, g} stabilisci il valore di verità delle seguenti affermazioni:
a) B ⊂ A b) (B ∪ C) ∩ A = A c) A ∩ C = ∅

Soluzioni
1) b. c. f. g. 5) b. 9) c.
2) a. 6) c. 10) c.
3) c. 7) a. b. d. e. 11) a. {3}; b. {3,4}; c. B
4) a. 8) a. 12) V; F; V

Punteggi assegnati alle domande:


Punti 1 domande 1-2-3-4-5-6-7; punti 2 domande 8-9; punti 1.5 domande 11-12
Valutazione del test
· da 0 a 3 punti: hai una scarsa conoscenza degli argomenti trattati e devi ripassare con attenzione
tutta l'unità didattica;
· da 4 a 5 punti: hai una conoscenza approssimativa e non sufficiente degli argomenti trattati, devi approfondire;
· da 6 a 11 punti: hai conoscenze sufficienti o discrete ma puoi ancora migliorare;
· da 12 a 15 punti: complimenti, hai ottime conoscenze dei contenuti trattati.

28
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 29

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

CAPITOLO 2. GLI INSIEMI NUMERICI

2.1 IL CONCETTO DI NUMERO E L’INSIEME DEI NUMERI NATURALI


Osserva la seguente figura:

Gli insiemi C ed E hanno “qualcosa”


in comune, così come gli insiemi B e D:
gli elementi di C sono “tanti quanti”
gli elementi di E e gli elementi di B sono
“tanti quanti” gli elementi di D.
Questo “qualcosa” (quid come lo definì il
matematico Luigi Campedelli) che hanno
in comune gli insiemi B e D si chiama
numero naturale 5; quello che hanno
in comune gli insiemi C ed E si chiama
numero naturale 3. Così, quel “qualcosa” che hanno in comune gli insiemi
è il numero naturale 1.

Quel “qualcosa” che hanno in comune gli insiemi privi di elementi, cioè gli insiemi vuoti, è chiamato numero naturale 0.
Partendo dall’insieme vuoto, aggiungendo ogni volta un elemento all’insieme considerato, si ottiene l’insieme dei numeri
naturali N = {0, 1, 2, 3, 4, 5, ……….} che prende anche il nome di successione dei numeri naturali.
Si chiama successivo (o consecutivo) di un numero naturale n quel numero che segue “immediatamente” n nella
successione dei naturali.
Si chiama antecedente di un numero naturale m quel numero che precede “immediatamente” m nella successione dei
naturali. Per esempio, 3 è il successivo di 2, 9 è l’antecedente di 10. 0 (zero) non è il successivo di alcun numero naturale.

Con il simbolo N0 indichiamo l’insieme dei naturali dal quale escludiamo lo zero; in simboli: N0 = N - {0}.

Per visualizzare l’insieme N è conveniente rappresentare i suoi elementi su una retta come segue:
si fissa sulla retta un punto come origine (di due semirette) al quale si associa il numero 0, un verso (rappresentato con la
punta di una freccia) per fissarne l’orientamento e un segmento come unità di misura. Per rappresentare il numero 1 si
riporta, a partire dall’origine e nello stesso verso dell’orientamento della retta, una volta il segmento unità; per rappresentare
il numero 2 si riporta, a partire dall’origine e nello stesso verso dell’orientamento della retta, due volte il segmento unità, e
così via come mostrato nella seguente figura:

0 1 2 3 5

In realtà, per rappresentare l’insieme N sarebbe sufficiente una semiretta, ma preferiamo una retta…… in attesa di
“arricchirla”. Osserviamo che ad ogni numero naturale possiamo associare un punto sulla retta, ma non è vero il contrario.

PROVA TU
Rappresenta (su una retta orientata) i seguenti numeri naturali: 3 , 5 , 2 , 10 , 4.

2.2 OPERAZIONI IN N
Come già sai, in N sono definite le operazioni di addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione.

Ricorda:
- L’addizione è quell’operazione che associa a due numeri naturali a e b il numero naturale c che si ottiene contando
tante unità successive ad a quante ne indica b.
I termini di una addizione si chiamano addendi, il risultato si chiama somma.

Esempio 3 + 9 = 12 3 e 9 sono gli addendi, 12 è la somma.

29
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 30

Algebra - primo anno

- La sottrazione è quell’operazione che associa a due numeri a e b, presi nell’ordine, un terzo numero d, se esiste, tale
che, addizionato al secondo, dà come somma il primo. Per questo motivo si dice che la sottrazione è l’operazione
inversa dell’addizione.

Esempio 18 – 5 = 13 perché 13 + 5 = 18.

Nella sottrazione a - b = c, il numero a si chiama minuendo, il numero b sottraendo, il numero c differenza.


Nell’esempio precedente, 18 è il minuendo, 5 è il sottraendo, 13 è la differenza.

· Calcolare il prodotto fra due numeri a e b, con b > 1, vuol dire calcolare la somma di tanti addendi uguali ad a quanti
ne indica b. (L’operazione con la quale, dati due numeri naturali, si trova il loro prodotto è detta moltiplicazione).
Se b = 1, a · 1 = a
Se b = 0, a · 0 = 0

Esempio 2 · 5 = 2 + 2 + 2 + 2 + 2
I termini della moltiplicazione si chiamano fattori, il risultato si chiama prodotto.

Esempio 21 · 15 = 315
I numeri 21 e 15 si chiamano fattori; il numero 315 si chiama prodotto.

La divisione fra due numeri a e b, nell’ordine e con b ≠ 0, è l’operazione che associa un numero q, se esiste, che
moltiplicato per b dà per risultato a (cioè q · b = a). Per questo motivo si dice che la divisione è l’operazione inversa
della moltiplicazione.

Esempio 12 : 4 = 3 perché 3 · 4 = 12
Nella divisione a : b = q , il numero a si chiama dividendo, il numero b divisore, il numero q quoziente.
Nell’esempio, 12 è il dividendo, 4 è il divisore e 3 è il quoziente.
Si dice anche che:
- a è divisibile per b;
- b è divisore di a;
- a è multiplo di b;
- b è sottomultiplo di a.

Osservazione
nella definizione dell’operazione di divisione, abbiamo precisato che il divisore deve essere diverso da zero. Perché?
Si possono presentare due casi:
I. il dividendo diverso da zero e il divisore uguale a zero;
II. il dividendo ed il divisore entrambi uguali a zero.

I. a : 0 = ?
Sappiamo che il quoziente tra due numeri, nei quali il dividendo è non nullo, è quel numero che moltiplicato per il divisore
dà come risultato il dividendo. Ora, se il divisore è il numero “0”, devo trovare un numero che moltiplicato per “0” dà come
risultato un numero diverso da “0”; ma questo numero non esiste perché, per la legge di annullamento del prodotto,
qualsiasi numero moltiplicato per “0” dà come prodotto “0”.

II. 0 : 0 = ?
In tal caso, sempre dalla definizione di divisione, il risultato non sarebbe unico (come lo è il risultato di qualsiasi operazione),
perché qualsiasi numero moltiplicato per 0 dà come risultato 0. Possiamo concludere che, in una divisione, il divisore deve
essere diverso da zero!
Invece, se il dividendo è zero, il quoziente è sempre zero (0 : b = 0 ∀b∈N0). Nella scrittura simbolica hai notato un nuovo
simbolo “∀”: si legge “per ogni”, o “qualunque sia” ed è detto quantificatore universale.

30
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 31

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Riflettiamo insieme sul “comportamento” delle operazioni definite in N.

L’addizione e la moltiplicazione hanno la seguente caratteristica: la somma di due qualsiasi numeri naturali è un numero
naturale; il prodotto di due qualsiasi numeri naturali è un numero naturale. Possiamo, allora, dire che:

Le operazioni di addizione e moltiplicazione sono interne all’insieme N, cioè N è chiuso rispetto alle operazioni di addizione
e moltiplicazione.

Invece la differenza d fra due numeri naturali a e b (d = a – b) è ancora un numero naturale solo se a è maggiore o uguale
a b; il quoziente q fra due numeri naturali s ed r (q = s : r, r ≠ 0) è un numero naturale solo se s è multiplo di r.

Le operazioni di sottrazione e divisione non sono interne all’insieme N, cioè N non è chiuso rispetto alle operazioni di
sottrazione e divisione.

Da questo nasce la necessità di costruire “nuovi” e “più ampi” insiemi numerici: l’insieme dei numeri interi relativi e l’insieme
dei numeri razionali. Di questi insiemi parleremo più avanti.

Le proprietà dell’addizione e della moltiplicazione in N


Sia per l’operazione di addizione che per quella di moltiplicazione valgono le seguenti proprietà:

Proprietà associativa
La somma o il prodotto non cambiano se i numeri a ,b ,c vengono associati in maniera diversa.
In simboli
- ∀ a, b, c ∈ N: (a + b) + c = a + (b + c)
- ∀ a, b, c ∈ N: (a · b) · c = a · (b · c)

Esempi (2 + 7) + 9 = 2 + (7 + 9)
Infatti: (2 + 7) + 9 = 9 + 9 = 18 2 + (7 + 9) = 2 + 16 = 18

(3 · 5) · 8 = 3 · (5 · 8)
Infatti: (3 · 5) · 8 = 15 · 8 = 120 3 · (5 · 8) = 3 · 40 = 120

Proprietà commutativa
La somma di due numeri non cambia se si cambia l’ordine dei numeri; il prodotto di due numeri non cambia se si cambia
l’ordine dei fattori.
In simboli
- ∀ a, b ∈ N: a + b = b + a
- ∀ a, b ∈ N: a · b = b · a

Proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto all’addizione e alla sottrazione


- ∀ a, b, c ∈ N: a · (b + c) = a · b + a · c
- ∀ a, b, c ∈ N, c ≤ b: a · (b − c) = a · b − a · c

Esempio 7 · (3 + 5) = 7 · 3 + 7 · 5
Infatti: 7 · (3 + 5) = 7 · 8 = 56 7 · 3 + 7 · 5 = 21 + 35 = 56

Esempio 4 · 6 + 4 · 7 = 4 · (6 + 7)
Infatti: 4 · 6 + 4 · 7 = 24 + 28 = 52 4 · (6 + 7) = 4 · 13 = 52

Esempio 6 · (7 - 5) = 6 · 7 – 6 · 5
Infatti: 6 · (7 - 5) = 6 · 2 = 12 6 · 7 – 6 · 5 = 42 – 30 =12

Esempio 9 · 6 – 9 · 4 = 9 · (6 – 4)
Infatti: 9 · 6 – 9 · 4 = 54 – 36 = 18 9 · (6 – 4) = 9 · 2 = 18

31
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 32

Algebra - primo anno

Legge di annullamento del prodotto


Il prodotto di due o più fattori è 0 se e solo se almeno uno dei fattori è 0. Questo vuol dire che , qualunque sia il numero
naturale n, risulta: n · 0 = 0
e, viceversa, se risulta: m · n = 0, allora m = 0 o n = 0 oppure sia m che n sono uguali a zero.
Per esempio: 3 · 12 · 45 · 0 · 48 · 2 · 125 = 0

Proprietà della sottrazione e della divisione


Precisiamo che sia per la sottrazione che per la divisione non vale la proprietà commutativa. Puoi facilmente rendertene
conto facendo qualche esempio.

Proprietà invariantiva della sottrazione


La differenza fra due numeri a e b (con a ≥ b) non cambia aggiungendo o sottraendo lo stesso numero c ad entrambi i
termini della sottrazione (con b ≥ c nell’ultimo caso).
Se a ≥ b: a – b = (a + c) – (b + c)
Se a ≥ b e se b ≥ c: a – b = (a – c) – (b – c)

Proprietà invariantiva della divisione


Nelle ipotesi in cui le operazioni siano possibili, si ha:
il quoziente di due numeri naturali a e b (ovviamente b ≠ 0) non cambia se si moltiplicano o si dividono a e b per uno stesso
numero c ≠ 0.
a : b = (a · c) : (b · c)
a : b = (a : c) : (b : c)

Proprietà distributiva della divisione rispetto all’addizione e alla sottrazione


Nelle ipotesi in cui le operazioni siano possibili (ovviamente c ≠ 0), si ha:
(a + b) : c = (a : c) + (b : c)
(a – b) : c = (a : c) – (b : c)
Poichè la divisione non gode della proprietà commutativa, la proprietà distributiva vale solo nel caso in cui l’addizione o la
sottrazione precedono la divisione.

Potenze e proprietà delle potenze


Ricorderai che il prodotto di più fattori uguali tra loro prende il nome di potenza.
Per esempio: 2 · 2 · 2 · 2 · 2 · 2 = 26 (si legge “2 alla sesta”) ; 2 si chiama base della potenza e 6 esponente della potenza.
Si pone:

Per le potenze valgono alcune proprietà di sotto elencate:


- ap × am = ap+m oppure ap+m = ap × am
- ap : am = ap-m oppure ap-m = ap : am (p ≥ m)
- (ap)m = ap·m oppure ap·m = (ap)m = (am)p
- am · bm = (a · b)m oppure (a · b)m = am · bm
- am : bm = (a : b)m oppure (a : b)m = am : bm (ovviamente b ≠ 0)

Osservazione
Le proprietà delle potenze permettono di giustificare, nel caso a ≠ 0, le posizioni fatte per a0 e a1 .
Consideriamo la divisione 81 : 81. Il quoziente fra due numeri uguali è 1, quindi 81 : 81 = 1; d’altra parte, poiché 81 = 34 ,
la stessa divisione si può scrivere come 34 : 34 e, applicando le proprietà delle potenze, si ottiene che 34 : 34 = 34-4 = 30.

In definitiva: 34 : 34 = 81 : 81 = 1
{ 34 : 34 = 34-4 = 30

E’ chiaro che il risultato di un’operazione non può dipendere dal modo con il quale essa viene eseguita, quindi 30 = 1 .
Ovviamente, poi, si può generalizzare al caso in cui la base della potenza è un qualunque numero naturale (diverso da zero).

32
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 33

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Consideriamo, adesso, la seguente divisione: 64 : 32 il cui risultato è 2; d’altra parte, poiché 64 = 26 e 32 = 25,
la stessa divisione si può scrivere come 26 : 25e, applicando le proprietà delle potenze, si ottiene 26 : 25 = 21 .

In definitiva: 26 : 25 = 64 : 32 = 2
{ 26 : 25 = 26-5 = 21

Come osservato in precedenza, il risultato di un’operazione non può dipendere dal modo con il quale essa viene eseguita.
Quindi 21 = 2 . Ovviamente, poi, si può generalizzare al caso in cui la base della potenza è un qualunque numero naturale
(diverso da zero).

Esempi
51 = 5 185 : 65 = (18 : 6)5 = 35
52 · 53 = 55 60 = 1
37 : 32 = 35 79 = 75+4 = 75 ·74
(43)2 = 46 116 = 119-3 = 119 :113
34 · 54 = (3 · 5)4 = 154 1512 = (154)3 = (153)4

PROVA TU
- Applicando le proprietà delle potenze, calcola:
a) 23 · 24 e) 458 : 58
b) 158 :155 f) 120
3 4 2
c) 27 · 27 · 27 g) 59 : 59
5 5
d) 8 · 3 h) 71

- Applicando le proprietà delle potenze, completa:


a) 512 = 58 + .......... = 5 .......... · 5 .......... d) 75 = (21: 3) .......... = 21 .......... : 3 ..........
b) 38 = 3 .........- ......... = 310 : 3 ......... e) 8 .......... = 8 3 +.......... = 8 .......... · 82
c) 183 = (9 ·......)3 = 9 ......... · .......3 f) 95 = (36 : ......)5 = 36. .......... : ........ ..........

Numeri particolari : 0 , 1
Osserva i risultati delle seguenti operazioni:
5+0=5 0+8=8
84 + 0 = 84 107 + 0 = 107
6 ·1 = 6 1 · 56 = 56
48 ·1 = 48 1 · 258 = 258

Generalizzando si ha:
- ∀a ∈ N : a + 0 = a = 0 + a
- ∀b ∈ N : b ·1 = b =1· b

Quindi, se ad un numero a aggiungiamo 0 otteniamo ancora a e se un numero b∈N viene moltiplicato per 1 otteniamo
ancora b. Il numero 0 (per l’addizione) ed il numero 1 (per la moltiplicazione) si comportano nello stesso modo: “non fanno
cambiare il numero”. Ciascuno dei due numeri prende il nome di elemento neutro :

- 0 è l’elemento neutro per l’addizione


- 1 è l’elemento neutro per la moltiplicazione

33
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 34

Algebra - primo anno

2.3 DIVISIBILITÀ E NUMERI PRIMI


Parlando della divisione fra due numeri naturali, abbiamo visto cosa significa che un numero naturale a è divisibile per un
numero naturale b. Senza eseguire la divisione, esistono dei criteri per stabilire se un numero a è divisibile per un numero
b, per particolari valori di b.
Li elenchiamo di seguito:
- Un numero è divisibile per 2 se termina con una cifra pari (0, 2, 4, 6, 8).
- Un numero è divisibile per 3 se lo è la somma delle sue cifre.
- Un numero (di almeno tre cifre) è divisibile per 4 se lo è il numero formato dalle sue due ultime cifre a destra oppure se
termina con due zeri.
- Un numero è divisibile per 5 se termina con 5 o con 0.
- Un numero è divisibile per 9 se lo è la somma delle sue cifre.
- Un numero è divisibile per 11 se la differenza fra la somma delle cifre di posto pari e la somma delle cifre di posto dispari
è 0 oppure è un multiplo di 11.
- Un numero (di almeno tre cifre) è divisibile per 25 se lo è il numero formato dalle ultime sue due cifre oppure se termina
con due zeri.
- Un numero è divisibile per 10 quando termina almeno con uno zero.
- Un numero è divisibile per 100 quando termina almeno con due zeri.
- Un numero è divisibile per 1000 quando …………………………….

Scomposizione in fattori primi


- Un numero naturale maggiore di 1 si dice primo se ha come divisori soltanto se stesso e l’unità
(0 e 1 non sono numeri primi).
- Due numeri naturali si dicono primi fra loro (o coprimi) se hanno come divisore comune soltanto l’unità.

Euclide ha dimostrato che i numeri primi sono infiniti. I numeri primi minori di 100 sono i seguenti:
2; 3; 5; 7; 11; 13; 17, 19; 23; 29; 31; 37; 41; 43; 47; 53; 59; 61; 67; 71; 73; 79; 89; 97

Curiosità
Due numeri primi consecutivi per i quali la differenza è 2 si chiamano numeri primi gemelli. Ad esempio sono numeri primi
gemelli 3 e 5; 11 e 13.
Ogni numero non primo può essere scritto come prodotto di più numeri primi. Il procedimento che consente di scrivere un
numero come prodotto di numeri primi si chiama scomposizione in fattori primi o fattorizzazione. Si ha, per esempio:
72 2 Il fattore 2 si ripete 3 volte ed il fattore 3 si ripete due volte, quindi 72 = 23 · 32
36 2
18 2
9 3
3 3 La scomposizione in fattori primi di ciascun numero naturale maggiore di 1 è unica, a meno dell’ordine.
1

Massimo Comun Divisore e minimo comune multiplo


Consideriamo due numeri naturali, per esempio 45 e 75. Determiniamo tutti i loro divisori.
I divisori di 45 sono: 1, 3, 5, 9, 15, 45
I divisori di 75 sono: 1, 3, 5, 15, 25, 75
Come puoi notare i numeri 1, 3, 5, 15 sono divisori di entrambi; il più grande dei divisori comuni, cioè 15, è chiamato
Massimo Comun Divisore fra 45 e 75 e si indica M.C.D.(45, 75) = 15.
Per determinare il MCD fra due o più numeri non è necessario, tuttavia, determinare tutti i divisori dei numeri dati e poi
scegliere il maggiore fra quelli comuni; esiste, infatti, il seguente “algoritmo” che ne consente la determinazione:
- si scompongono i numeri dati in fattori primi;
- si moltiplicano fra loro i fattori comuni, presi una sola volta, con il minimo esponente con cui compaiono nelle singole
scomposizioni.

34
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 35

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Esempio
MCD (144, 24, 84)
144 = 24 · 32
24 = 23 · 3
84 = 22 · 3 · 7 quindi MCD (144, 24, 84) = 22 · 3 = 12

Consideriamo, adesso i numeri 18 e 24. Determiniamo i loro multipli (diversi da zero: sono infiniti!).
I multipli di 18 sono: 18, 36, 54, 72, 90, 108, 126, 144, 162, 180, 198, 216, 234, ……..
I multipli di 24 sono: 24, 48, 72, 96, 120, 144, 168, 192, 216, 240, 264, …….
Come puoi osservare vi sono multipli comuni dei due numeri (72, 144, 216,…); il più piccolo dei multipli comuni, cioè 72,
è chiamato minimo comune multiplo fra 18 e 24 e si indica: m.c.m.(18, 24) = 72.
Per determinare il mcm fra due o più numeri non è necessario trovare i multipli comuni e, poi, scegliere il minore; esiste,
così come per il MCD, il seguente “algoritmo” che ne consente la determinazione:
- si scompongono i numeri dati in fattori primi;
- si moltiplicano fra loro i fattori comuni e non comuni, presi una sola volta, con il massimo esponente con cui compaiono
nelle singole scomposizioni.”

Esempio
mcm (90, 24)
90 = 2 · 32 · 5
24 = 23 · 3 quindi mcm (90, 24) = 23 · 32 · 5 = 8 · 9 · 5 = 360

Esercizi svolti
Ecco alcuni esempi nei quali è necessario calcolare il MCD fra due numeri.
Riscriviamo la somma 6 + 14 come prodotto fra un fattore esterno ed una addizione fra due numeri in modo che gli addendi
siano coprimi:
- osserviamo che 6 = 2 · 3 e 14 = 2 · 7, quindi 6 + 14 = 2 · 3 + 2 · 7;
- 2 è un divisore sia di 6 che di 14, quindi 2 è un fattore comune ai due numeri; anzi 2 è il Massimo Comun Divisore fra
6 e 14 [MCD (6, 14) = 2]; tale numero è il fattore esterno cercato;
- i termini della somma sono 3 e 7 che sono, rispettivamente, i quozienti fra 6 e 2 (6 : 2 = 3) e fra 14 e 2 (14 : 2 = 7).
Si ottiene, allora applicando la proprietà distributiva, la seguente uguaglianza: 6 + 14 = 2 · 3 + 2 · 7 = 2 · (3 + 7)

Proviamo ancora.
Vogliamo scrivere la sottrazione 30 – 12 come prodotto fra un fattore esterno ed una sottrazione fra due numeri che siano
coprimi. Poiché i termini della sottrazione non devono avere fattori in comune, il fattore esterno deve essere non uno
qualunque dei divisori comuni di 30 e 12, ma deve essere il Massimo Comun Divisore fra 30 e 12 [MCD (30, 12)].
Scomponiamo in fattori primi 30 e 12: 30 = 2 · 3 · 5 12 = 22 · 3
quindi MCD (30, 12) = 2 · 3 = 6 allora 30 – 12 = 6 · (5 – 2) osserva che 5 = 30 : 6 e 2 = 12 : 6.

Proponiamo, adesso, un problema che può essere risolto determinando il mcm fra due numeri.

I Maya
I Maya avevano una grande paura che il tempo potesse finire e temevano grandi catastrofi in coincidenza
con date particolari. Avevano diversi calendari per misurare il tempo, gli stessi usati anche da altri popoli
dell’America Centrale quali i Toltechi. Tra i più importanti vi erano lo Tzolkin, che aveva una durata di 260
giorni e rispondeva ad esigenze di tipo religioso e l'Haab che aveva una durata di 364 giorni più “il giorno
fuori dal tempo” (quindi di circa 365 giorni) e approssimava l'anno solare. Il giorno della coincidenza della
fine dei due calendari era considerato giorno di grande sventura, quindi i Maya temevano che questo
giorno avrebbe potuto segnare la fine della loro civiltà; per questo offrivano sacrifici agli dei.
Supposto che il calendario Haab e il calendario Tzolkin cominciassero insieme, quale era il giorno da temere?

Come possiamo risolvere il problema?


Devo sommare tutti i giorni dei due calendari fino a trovare un valore comune.

35
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 36

Algebra - primo anno

Quindi il fatidico giorno era il numero 18980 corrispondente a


Tzolkin Haab
52 anni del calendario Haab e 73 anni del calendario Tzolkin.
260 365

Certo che questo calcolo è decisamente lungo. 520 730

La matematica non mi può aiutare a fare meno fatica? 780 1095

Cosa rappresenta il numero 18980? 1040 1460

E’ il più piccolo multiplo comune a 52 e 73 che, come ben sai, 1300 1825

in matematica si chiama minimo comune multiplo. ........ ........


........ ........
........ 18980
PROVA TU
18980
Applicando la proprietà distributiva, riscrivi le seguenti operazioni come
prodotto fra un fattore esterno ed una addizione o sottrazione fra due numeri coprimi:
a) 84 + 90 = ………………………………………………
b) 75 – 45 = ………………………………………………
c) 54 - 36 = ………………………………………………

Espressioni in N
Un’espressione aritmetica è una sequenza di numeri legati tra loro dalle operazioni definite nell’insieme dei numeri naturali
e in cui possono essere presenti delle parentesi. In generale, vi sono tre tipi di parentesi: tonde ( ), quadre [ ], graffe { }.
Negli ultimi tempi, con l’avvento di programmi di calcolo, si usano solo parentesi tonde.
Le espressioni possono aiutarci a risolvere dei problemi come nell’esempio seguente.

Quattro amici
Un gruppo di quattro amici parte per una vacanza di 7 giorni avendo a disposizione una
somma totale di 3.000 € e spendono:
- 140 € per il viaggio di andata
- 70 € a testa al giorno per l’albergo
- la metà di quanto rimasto dopo aver pagato viaggio di andata e albergo per un’escursione
- 150 € per il viaggio di ritorno.

Quanto rimane a ciascun ragazzo?


Anche in questo caso la matematica ci può aiutare: il problema può essere risolto con un’espressione.

È possibile scrivere “tutto” in un’unica espressione: {3000 - (140 + 70×7× 4) - [3000 - (140 + 70×7 ×4)] : 2 -150}: 4

Risolviamo l’espressione
{3000 - (140 + 70×7× 4) - [3000 - (140 + 70×7 ×4)] : 2 -150}: 4 =
= {3000 -(140 +1960) - [3000 - (140 +1960)] : 2 -150}: 4 =
= {3000 - 2100 -[3000 - 2100]: 2 -150}: 4 =
= {3000 - 2100 - 900 : 2 -150}: 4 =
= {3000 - 2100 - 450 -150}: 4 =
= 300 : 4 = 75
Il risultato dell’espressione rappresenta la risposta al problema proposto; quindi: ad ogni amico restano 75 €

Esempio
Le seguenti, sono espressioni aritmetiche: 18 + (8 – 3) · 2 ; 17 + 5 – 3 + 2 · 4 ; [(5 + 3) : 4 + 12] · 4 + 3
Semplificare un’espressione vuol dire eseguire le operazioni e determinare il suo valore.
Come avrai sicuramente notato, per semplificare un’espressione è necessario osservare alcune regole:
- se non sono presenti parentesi si eseguono prima le moltiplicazioni e le divisioni nell’ordine in cui si presentano e,
successivamente, le addizioni e le sottrazioni sempre nell’ordine.
- se nell’espressione sono presenti delle parentesi, si eseguono prima le operazioni in esse racchiuse tenendo conto
delle seguenti priorità:
prima si risolvono le operazioni indicate nelle parentesi tonde, poi quelle indicate nelle parentesi quadre ed infine quelle
indicate nelle parentesi graffe, oppure si eseguono prima le operazioni indicate nelle parentesi più interne.
Per eseguire le operazioni all’interno delle parentesi si seguono le regole esposte al punto precedente.

36
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 37

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Esempi
- Semplificare la seguente espressione:
17 + 5 – 3 + 2 · 4 = (si esegue prima la moltiplicazione)
= 17 + 5 – 3 + 8 = (si eseguono addizioni e sottrazioni nell’ordine)
= 22 – 3 + 8 = 19 + 8 = 27

- Semplificare la seguente espressione:


[(5 + 3) : 4 + 12] · 4 + 3 = (si esegue l’operazione indicata nelle parentesi tonde)
= [8 : 4 + 12] · 4 + 3 = (si esegue la divisione all’interno delle parentesi quadre)
= [2 + 12] · 4 + 3 = (si esegue l’operazione indicata nelle parentesi quadre)
= 14 · 4 + 3 = (si esegue la moltiplicazione)
= 56 + 3 = 59

- Semplificare la seguente espressione:


2 · {7 + [(16 – 8) · (12 + 3) + 16] – 10} =
= 2 · {7 + [8 · 15 + 16] – 10} =
= 2 · {7 + [120 + 16] – 10} =
= 2 · {7 + 136 – 10} = 2 · {143 – 10} = 2 · 133 = 266

PROVA TU
Semplifica le seguenti espressioni:
a) (2 ×3 + 5): (6 + 5)- (9 - 4 × 2)
b) [8 – (18 – 15 : 5 × 4)] × 3 – [(12 – 8) × 2 – 7] × 5
c) 23 × 2 – [32 – (72 – 7) : 7 – 50 +2] + {[(22 × 32 +13) : 7] : 7} × 23

Osservazione
Il sistema di numerazione (insieme dei simboli e delle regole per rappresentare i numeri) che noi usiamo è decimale,
perché usiamo dieci simboli: 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 (detti cifre), ed è un sistema posizionale, perché il valore di ciascuna
cifra dipende dalla posizione che occupa all’interno del numero.
Consideriamo i numeri 12 e 21; per scriverli usiamo le stesse cifre (1 e 2) che, però, occupano posizioni diverse. Nel numero
12 , la cifra 1 rappresenta la decina, quindi vale 1 · 10 = 10, la cifra 2 rappresenta le unità ed il suo valore è 2; nel numero
21, la cifra 2 rappresenta il numero delle decine, cioè vale 2 · 10 = 20, la cifra 1 rappresenta le unità ed il suo valore è
proprio 1.
I numeri naturali si possono scrivere come una somma i cui termini sono prodotti fra una potenza di dieci e una cifra
opportuna (scrittura polinomiale):
· 745 = 7 · 102 + 4 · 101 + 5 · 100
· 12654 = 1 · 104 + 2 · 103 + 6 · 102 + 5 · 101 + 4 · 100

PROVA TU
Scrivi in forma polinomiale i seguenti numeri naturali: 567; 7456; 23; 15892

2.4 CONSIDERAZIONI SUI NUMERI NATURALI

0 0 0 0 0 0 0 0 Per avere una maggiore consapevolezza di come funziona il sistema di numerazione


decimale consideriamo un contachilometri formato da otto ingranaggi: su ogni
ingranaggio sono disposte tutte le cifre a nostra disposizione, naturalmente sistemate
in ordine crescente (nel nostro caso da 0 a 9).

0 0 0 0 0 0 0 1 Stabiliamo che sia sempre l’ultimo ingranaggio a dover ruotare autonomamente: così
0 0 0 0 0 0 0 2 sul contachilometri si visualizzerà prima 1, poi 2, in ordine crescente, fino ad arrivare a
................................. 9, senza che gli altri ingranaggi possano subire variazioni. Arrivati a 9, l’ultimo ingranaggio
0 0 0 0 0 0 0 9 non ha altri simboli a disposizione e, quindi, deve ricominciare da 0.

0 0 0 0 0 0 1 0 A questo punto, però, il penultimo ingranaggio fa uno scatto in avanti e diventa 1: questo
succede perché il nostro sistema di numerazione ha base 10.

37
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 38

Algebra - primo anno

0 0 0 0 0 0 1 1 L’ultimo ingranaggio continua a girare autonomamente e così arriverà 1, 2 e così fino a


................................. 9, senza che l’ingranaggio precedente possa ruotare.
0 0 0 0 0 0 1 9 Terminate le cifre a disposizione, si deve ricominciare da 0, ma questo fa ruotare
0 0 0 0 0 0 2 0 l’ingranaggio che precede, per cui si visualizza la cifra 2. E così via, fino ad arrivare a 99.

0 0 0 0 0 0 9 9 E’ sempre l’ultimo ingranaggio a girare autonomamente e, non avendo altri simboli a


0 0 0 0 0 1 0 0 disposizione, ricomincia da 0 ed avvisa l’ingranaggio precedente che deve ruotare.
Ma anch’esso si trova alla fine dei simboli a disposizione e, dovendo ricominciare da 0,
avvisa l’ingranaggio che lo precede (il terzultimo) che deve ruotare portandosi sulla cifra 1.
0 0 0 0 0 9 9 9 Si continua fino a 999 e, con lo stesso meccanismo di prima, il numero successivo
0 0 0 0 1 0 0 0 diventa 1000 e poi 10000, 100000, ecc., senza alcun limite al numero degli ingranaggi,
.............................. cioè al numero delle cifre che compongono il numero che vogliamo scrivere. Il numero
0 0 0 1 0 0 0 0 è costruito a partire dall’ultima cifra, anche se noi siamo abituati a leggere e scrivere il
.............................. numero da sinistra verso destra.
0 0 1 0 0 0 0 0

Naturalmente gli zeri iniziali non hanno valore e quindi non si scrivono e non si leggono. Per una più comoda lettura dei
numeri grandi ogni 3 cifre, a partire dalla destra, possiamo mettere un puntino che, prima dell’avvento del calcolo elettronico,
si poneva manualmente in alto; avendo difficoltà a posizionarlo in alto con la tastiera del computer, ora il puntino si può
posizionare in basso, cioè 1.000, 10.000, 100.000, 1.000.000, ecc.
104 103 102 101 100
5 3 1 7 4 L’ultima cifra (4) del numero 53174 è chiamata unità; la penultima cifra rappresenta quanti
giri completi ha effettuato l’ultimo ingranaggio ed è chiamata decina (il suo valore = 7
5 · 104 = 50.000 + 10); la terzultima cifra rappresenta quanti giri completi ha effettuato il penultimo
3 · 103 = 3.000 + ingranaggio ed è chiamata centinaia (10 10 = 100 = 1 · 102), e così via per le migliaia,
1 · 102 = 100 + decine di migliaia, centinaia di migliaia, ecc.
7 · 101 = 70 +
4 · 100 = 4= Per comodità di calcolo scriviamo sopra ogni cifra la potenza del 10 per cui deve essere
53.174 moltiplicata: 100, 101, 102, 103, ecc., cioè, andando da destra verso sinistra, la base
elevata a 0, 1, 2, 3 e così via.

I numeri naturali si possono scrivere in forma polinomiale, come una somma i cui termini sono i prodotti tra le cifre che
compongono il numero e le corrispondenti potenze del dieci.
Esempi
- 53.174 = 5 · 104 + 3 · 103+ 1 · 102 + 7 · 101+ 4 · 100
- 745 = 7 · 102 + 4 · 101 + 5 · 100
Questo procedimento sarà molto utile quando si dovrà trasformare un numero scritto utilizzando un sistema di numerazione
in base n nello stesso numero scritto nel sistema di numerazione decimale.

ATTENZIONE
I simboli che utilizziamo nell’attuale sistema di numerazione decimale per indicare tutte le cifre hanno avuto nella
loro storia una continua e profonda evoluzione.
Gli Indù (India), a partire dal I secolo d.C., usarono inizialmente solo 9 cifre (da 1 a 9) ed i simboli utilizzati erano
molto diversi da quelli attuali. Verso il IV secolo d.C. introdussero un simbolo per indicare il nulla, lo zero; ma solo a partire dal
VII secolo d.C. il sistema di numerazione è diventato decimale con l’inserimento del simbolo 0 nel “set” completo dei numeri.
L’evoluzione della forma delle cifre è stata continua nel tempo: prima per il contributo degli Arabi che li hanno utilizzati per
primi dopo gli Indù, per arrivare agli Europei nel Medio Evo attraversando la Spagna, fino ad assumere la loro forma attuale
solo intorno agli inizi del XVI secolo d.C., come riportato in fonti ufficiali dell’epoca.

PROVA TU
Inventa dieci simboli diversi: il primo simbolo chiamalo ZERO, il secondo UNO, il terzo DUE, e così via fino all’ultimo che
chiamerai NOVE; comincia a contare come sai, scrivendo però i tuoi simboli e non quelli attualmente in uso. Non cambia
assolutamente la modalità di scrivere i numeri, ma i simboli che li rappresentano graficamente saranno completamente diversi.
In conclusione possiamo dire che un sistema di numerazione è un insieme di simboli e di regole che servono per contare.

38
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 39

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Proviamo ora ad evidenziare le regole che unitamente ai dieci simboli in uso costituiscono il sistema di numerazione
decimale:
- si utilizzano dieci simboli indipendenti uno dall’altro e sistemati rigorosamente in ordine crescente: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9;
- il successivo di un numero naturale si ottiene facendo aumentare di uno l’ultima cifra, lasciando inalterate tutte le cifre
che precedono; solo nel caso in cui l’ultima cifra è pari a 9 (ultima cifra a disposizione) nel numero successivo l’ultima
cifra diventa 0 (si riparte dall’inizio) e la cifra precedente aumenta di 1.
Osserviamo che:
- se un numero è formato solo da cifre pari a 9 il successivo sarà sempre costituito da un 1 seguito da tanti 0 quanti
erano i 9 (dopo 99 troviamo 100, dopo 999 troviamo 1000 ecc.);
- una cifra assume un valore diverso in funzione del posto che occupa: se il 5 occupa l’ultimo posto vale cinque, se
occupa il penultimo posto vale cinquanta, se occupa il terzultimo posto vale cinquecento, e così via; per questo motivo
si dice che il sistema di numerazione decimale è un sistema di numerazione posizionale.

CENNI STORICI

Tra tutti i sistemi di numerazione utilizzati nel tempo dai vari popoli, e di cui sia rimasta traccia, solo tre sono posizionali:
1) La numerazione babilonese (all’inizio del secondo millennio a.C.) ha come base 60 e per contare fino a 60 utilizza solo
due simboli:
- ▼ che vale 1 e si può ripetere 9 volte, disposti al massimo su tre righe;
-  che vale 10 e si può ripetere solo 5 volte, disposto al massimo su due righe;
- lo zero è indicato con il simbolo ´ (60 si scrive ▼ ´ );
- tra una cifra e l’altra si lascia uno spazio per indicare che si passa ad un altro livello.
La procedura per scrivere il numero in forma polinomiale è la seguente:
- si divide il numero assegnato per la base 60: il resto costituisce l’ultima cifra ed il quoziente, se minore di 60, costituisce
la penultima cifra;
- se invece il quoziente è maggiore o uguale a 60 si divide ancora per 60: il resto costituisce la penultima cifra ed il
quoziente, se minore di 60, costituisce la terzultima cifra;
- se invece il quoziente è maggiore o uguale a 60 si divide ancora per 60: il resto costituisce la terzultima cifra ed il
quoziente, se minore di 60, costituisce la quartultima cifra;
- e cosi via, fino a quando si ottiene un quoziente minore della base 60, che costituirà l’ultima cifra (la prima a partire da
sinistra).

Esempi

57 =  ▼▼▼
 ▼▼▼

124 60 → 124 = 2 · 601 + 4 · 600 = ▼▼ ▼▼


▼▼
120 2

5706 60

5700 95 60 → 5706 = 1 · 602 + 35 · 601 + 6 · 600 = ▼  ▼▼▼ ▼▼▼


 ▼▼ ▼▼▼
6 60 1

35
2) La numerazione cinese (I secolo a.C.) alternava due gruppi formati da 9 simboli ciascuna, uno per le cifre di posto
dispari, a partire da destra, e l’altro per le cifre di posto pari:
- per le unità (ultima cifra), le centinaia (terzultima cifra), le decine di migliaia (quintultima cifra), ecc., utilizzava i seguenti
simboli: 1 2 3 4 5 6 7 8 9

39
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 40

Algebra - primo anno

- per le decine (penultima cifra), le migliaia (quartultima cifra), centinaia di migliaia (sestultima cifra), ecc., utilizzava i seguenti
simboli: 10 20 30 40 50 60 70 80 90

- per scrivere numeri contenenti lo zero, per esempio 2061, poiché non avevano un simbolo che valesse 0, tra le cifre 2
e 6 lasciavano uno spazio maggiore.

Esempi

271 =

4.868 =

72.002 =
Questo modo di scrivere i numeri portava spesso ad una grandissima confusione; successivamente, per eliminare questo
problema i numeri maggiori di 99 sono stati scritti introducendo ideogrammi particolari per indicare le potenze del 10
(100, 1000, 10000, ecc.), preceduti dai simboli da 1 a 9 che li moltiplicavano, facendo diventare addizionale il vecchio
sistema di numerazione cinese.

3) La numerazione maya (dal V al IX secolo d.C.) si scriveva dal basso verso l’alto ed aveva come base 20; per scrivere i
numeri fino a 20 utilizzava solo tre simboli:
a) • (chicco di grano) che vale 1 e si può ripetere al massimo 4 volte;
b) (bastone o baccello di fagiolo) che vale 5 e si può ripetere al massimo 3 volte;
c) (conchiglia) per indicare lo zero.
Per ottenere il valore complessivo del numero bisogna addizionare al valore dell’ultima cifra il valore della penultima cifra
moltiplicata per la base 20, il valore della terzultima cifra moltiplicata per 400 (=202) e così via.
La procedura per scrivere il numero in forma polinomiale è la stessa utilizzata per la numerazione babilonese, ricordando
che la base è uguale a 20.

Esempi

124 = 6 · 20 + 4 → • 16.228 = 2 · 203 + 0 · 202 + 11 · 20 + 8 → ••


124 20 •••• 16228 20
120 6 •
16220 811 20
4 •••
8 800 40 20
11 40 2
400 = 1 · 202 + 0 · 20 + 0 → •
400 20
400 20 20
0 20 1
0

Tutti i resti e l’ultimo quoziente delle divisioni continue sono scritti in grassetto per rendere più semplice e immediata la
scrittura del numero naturale in forma polinomiale: il primo resto nella divisione continua rappresenta, come si verifica in
ogni sistema di numerazione posizionale, l’ultima cifra, che nella numerazione maya si scrive in basso; il secondo resto
rappresenta la seconda cifra andando verso l’alto, da moltiplicare per 20 (abbiamo eseguito una sola volta la divisione per
la base); il terzo resto rappresenta la terza cifra da moltiplicare per 202 (abbiamo eseguito due volte la divisione per la base);
e cosi via fino al’ultimo quoziente da moltiplicare per una potenza della base con esponente sempre crescente e che
rappresenta l’ultima cifra in alto nella numerazione maya.
Da notare, infine, come l’uso di un simbolo per indicare lo ZERO renda il sistema di numerazione maya molto simile al
sistema di numerazione decimale.

40
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 41

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Riflettiamo
Il sistema di numerazione decimale offre dei notevoli vantaggi rispetto ai sistemi di numerazione posizionali ora esposti per
due motivi: usa una base 10 e le cifre utilizzate sono tutte indipendenti una dall’altra, il che ha reso molto più semplici e
veloci i calcoli ed ha permesso la sua completa diffusione essendo i numeri più usati in tutto il mondo.

Tutti gli altri sistemi di numerazione sono di tipo additivo, cioè il valore del numero è dato dalla somma di tutti i valori scritti:
- Gli Egiziani usavano diversi geroglifici per indicare 1, 10, e tutte le potenze del 10 fino ad un milione, e che potevano
ripetere al massimo 9 volte; le cifre potevano essere disposte sia in orizzontale (in ordine crescente da sinistra a destra)
sia in verticale (in ordine crescente dal basso verso l’alto).
- I Greci utilizzavano come cifre le 27 lettere dell’alfabeto arcaico (le lettere indicate con * sono sparite nell’alfabeto greco
attuale): nove lettere per i numeri che vanno da 1 a 9; altre nove lettere per i numeri che vanno da 10 a 90 e, infine, le
ultime nove lettere per i numeri che vanno da 100 a 900; non avevano alcun simbolo per indicare lo Zero.

Questi simboli non potevano essere ripetuti,


1 = α (alpha) 10 = ι (iota) 100 = ρ (rho)
si scrivevano da sinistra verso destra in ordine
2 = β (beta) 20 = κ (kappa) 200 = σ (sigma)
decrescente; sommando il loro valore si poteva
contare tranquillamente fino a 999. 3 = γ (gamma) 30 = λ (lambda) 300 = τ (tau)
Per scrivere numeri da 1000 a 9999 anteponevano 4 = δ (delta) 40 = μ (mu) 400 = υ (ypsilon)
ad una delle cifre della prima colonna un apostrofo 5 = ε (epsilon) 50 = ν (nu) 500 = { (phi)
( ’ ) che moltiplicava per 1000 il simbolo che seguiva. 6 = ς (stigma) * 60 = ξ (xi) 600 = χ (chi)
Per ottenere numeri sempre più grandi utilizzavano
7 = ζ (zeta) 70 = ο (omicron) 700 = ψ (psi)
il simbolo M che valeva 10.000; si poteva ottenere
8 = η (eta) 80 = π (pi) 800 = ω (omega)
un suo multiplo qualunque posizionando su M
il numero che doveva essere moltiplicato per 10.000. 9 = θ (theta) 90 = Ϟ (koppa) * 900 = Ϡ (sampi) *

Esempi
’β = 1000 · 2 = 2000; ’γ{ = 1000 · 3 + 500 = 3500;
πδ πδ
M = 10.000 · 84 = 840.000; M’γ{ = 10.000 · 84+1000 · 3+500 = 843.500.

- Il sistema di numerazione romano, che ha subito modifiche essenziali nel tempo, alla fine della sua evoluzione (Medioevo)
utilizzava 7 simboli: I = 1; V= 5; X = 10; L = 50; C= 100; D = 500; M=1000.

Le regole utilizzate per scrivere i numeri romani sono:


- I simboli I, X, C e M si possono ripetere al massimo 3 volte, mentre V, L e D non si possono ripetere;
- le cifre si scrivono in ordine decrescente, dal più grande al più piccolo da sinistra verso destra: essendo un sistema di
numerazione di tipo addizionale tutti questi valori devono essere sommati;
- se invece le cifre I, X e C precedono un’altra cifra che vale di più, devono essere sottratte dalla cifra che segue:
IV = 5 -1 = 4 IX = 10 - 1 = 9 IL = 50 - 1 = 49
IC = 100 - 1 = 99 ID = 500 – 1 = 499 IM = 1000 - 1 = 999
XL = 50 -10 = 40 XC = 100 - 90 = 90 XD = 500 - 10 = 490
XM = 1000 -10 = 990 CD = 500-100 = 400 CM =1000 - 100= 900

Con questi simboli i numeri si possono scrivere fino a 3999; per scrivere numeri più grandi i romani utilizzavano altri simboli
aggiuntivi: una lettera sopra segnata moltiplicava il suo valore originario per mille, una lettera sopra segnata due volte
moltiplicava il suo valore per un milione.

V = 5.000; X = 10.000; L = 50.000; C = 100.000;


D = 500.000; M = 1.000.000; M = 1.000.000.000

I numeri romani sono ancora utilizzati per indicare i numeri ordinali (primo, secondo, ecc.), per indicare i capitoli di un libro,
individuare una sequenza (XII secolo d.C.; Papa Paolo VI, Papa Benedetto XVI), indicare la data di costruzione di edifici
importanti (MCMLXXVI) o sul portale delle chiese (MCCXLIII), ecc.

41
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 42

Algebra - primo anno

2.5 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE BINARIO


Il sistema di numerazione binario merita una particolare attenzione, perché è quello utilizzato nel calcolo numerico elettronico.
Il computer non riesce a distinguere 10 simboli diversi come numeri, ma ha solo una possibilità di scelta: VERO o FALSO,
ON o OFF (in qualche elettrodomestico e in parecchi interruttori di macchinari ci sono due simboli per indicare se il
collegamento è chiuso o aperto : O e I).
Il sistema di numerazione binario utilizza proprio questi due simboli: O (cerchietto) che vale 0 e I (barretta) che vale 1.
Per i due simboli del sistema binario spesso sono utilizzate le cifre 0 (zero) e 1 (uno), ma questo provoca una gran confusione
perché i numeri scritti nel sistema binario si possono leggere nello stesso modo di quelli scritti nel sistema decimale (10 nel
sistema binario non può essere letto dieci).
Il sistema di numerazione binario ha come base 2 ed è del tipo posizionale, come il sistema di numerazione decimale, del
quale ha le stesse regole, anche se la lettura non è altrettanto semplice ed immediata:
- a ruotare autonomamente è sempre l’ultimo ingranaggio;
- nella rotazione da O a I gli ingranaggi precedenti restano fermi;
- I è l’ultima cifra a disposizione (svolge la stessa funzione del 9 nel sistema di numerazione decimale) e per il numero
successivo l’ultimo ingranaggio torna indietro e riparte da O, con la conseguente rotazione dell’ingranaggio precedente,
che da O si porta su I.

Proviamo a contare, utilizzando anche per il sistema binario lo stesso schema del contachilometri.

O Partiamo con 5 ingranaggi su cui sono posizionati solo i due simboli utilizzati; per un controllo
0
I più immediato eliminiamo tutti i cerchietti iniziali, perché altrimenti i numeri sarebbero difficilmente
1
I O 2 identificabili.
I I 3 L’ultima cifra diventa alternativamente cerchietto e barretta e si possono notare le seguenti
I O O 4 caratteristiche:
I O I 5 - se il numero termina con un cerchietto è pari, se termina con una barretta è dispari;
0 I O 6 - tutti i numeri uguali ad una potenza del 2 si scrivono con una barretta seguita da un numero di
0 I I 7 cerchietti pari all’esponente: 2 = 21 → I O ; 4 = 22 → I O O ; 8 = 23 → I O O O
I O O O 8 L’uso di due soli simboli comporta una scrittura del numero 8 con quattro cifre, per cui
I O O I 9 risulterebbe poco pratico per noi utilizzare questo sistema di numerazione per scrivere numeri
I O I O 10 molto grandi.
I O I I 11

PROVA TU
Continua a scrivere da solo in sequenza i numeri controllando che:
- a numeri pari corrispondano sempre numeri che terminano col cerchietto;
- ad ogni numero pari ad una potenza di 2 (2η) corrispondano sempre numeri formati da una barretta e da n cerchietti:
24 = 16 → IOOOO; 25 = 32 → IOOOOO; 26 = 64 → IOOOOOO.
Per la trasformazione di un numero qualsiasi dal sistema decimale a quello binario basta ricavare la forma polinomiale del
numero dato, ricordando che la base è 2.

Esempi

16 → IOIIIII 95 2
94 47 2
1 46 23 2
1 22 11 2
1 10 5 2
1 4 2 2
1 2 1
0

42
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 43

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

150 → IOOIOIIO 150 2


150 75 2
0 74 37 2
1 36 18 2
1 18 9 2
0 8 4 2
1 4 2 2
0 2 1
0

237 → IIIOIIOI 237 2


236 118 2
1 118 59 2
0 58 29 2
1 28 14 2
1 14 7 2
0 6 3 2
1 2 1
1

Il numero scritto nel sistema binario lo puoi ricavare facendo corrispondere all’ultimo quoziente della divisione continua la
prima cifra del numero (da sinistra verso destra), all’ultimo resto la seconda cifra, al penultimo resto la terza cifra e così via.

PROVA TU
Trasforma i seguenti numeri dal sistema di numerazione decimale al sistema di numerazione binario, utilizzando il metodo
della divisione continua per la base 2: 66; 240; 385; 144; 2068.
Per la trasformazione di un numero qualsiasi dal sistema binario a quello decimale bisogna attivare la procedura adottata
per scrivere un numero in forma polinomiale; sapendo che la base è 2, vediamo a quale numero corrisponde nel sistema
decimale il seguente numero: IOIIOIIOI

28 27 26 25 24 23 22 21 20
I O I I O I I O I

Per scrivere il numero in forma polinomiale dobbiamo sommare i prodotti tra le cifre che compongono il numero e le potenze
della base sovrastante; in corrispondenza di ogni cerchietto (che vale 0) il prodotto è nullo per la legge di annullamento del
prodotto e pertanto non dà alcun contributo, mentre in corrispondenza di ogni barretta (che vale 1) il prodotto sarà
esattamente uguale al valore della potenza, per cui avremo:
1 · 28 + 0 · 27 + 1 · 26 + 1 · 25 + 0 · 24 + 1 · 23 + 1 · 22 + 0 · 21 + 1 · 20 = 256 + 64 + 32 + 8 + 4 + 1 = 365.

Per rendere i calcoli sempre più semplici, invece delle potenze della base potremmo scrivere direttamente il loro valore,
annullando quelli in corrispondenza dei cerchietti e cioè:

256 128 64 32 16 8 4 2 1
I O I I O I I O I

PROVA TU
Trasforma i seguenti numeri dal sistema di numerazione binario al sistema di numerazione decimale:
IOIOII; IOOIIII; IIIOOOI; IOIOIOIOI; IIOIIOIIII

43
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 44

Algebra - primo anno

ATTENZIONE
A questo punto dovresti essere abbastanza pratico per costruire un sistema di numerazione ternario utilizzando
come cifre tre figure geometriche: r= 1; = 2 = 3

Il sistema di numerazione geometrico è posizionale, ha base 3 e non ha lo Zero.

Completare la seguente tabella:

1= r 10 = = rr 55 =
2=  11 = = r 99 =
3=  12 = = r 100 =
4= rr 13 = = rr 75 =
5= r 14 = = rr 72 =
6= r 15 = =  123 =
7= r 16 = =  415 =
8=  17 = = rrrrr 365 =
9=  18 = = rrr 222 =

- Per completare la seconda colonna della tabella basta applicare il metodo del contachilometri e contare in maniera
progressiva.
- Per completare la terza colonna della tabella si deve scrivere il numero in forma polinomiale; come esempio, trasformiamo
il primo numero della colonna:

27 9 3 1 - sopra ogni cifra scriviamo il valore assunto dalle potenze della base con esponente
r   r crescente a partire da destra;
1 2 3 1 - sotto ogni cifra scriviamo il proprio valore;
1 · 1 + 3 · 3 + 2 · 9 + 1 · 27 = 55
- Per completare la quarta colonna della tabella si deve eseguire la divisione continua per la base 3, facendo attenzione
che si deve scrivere r quando il resto è 1,  quando il resto è 2,  quando non c’è resto (numero divisibile per 3):

55 = r 55 3
54 18 3
1 18 6 3
i 0 6 2
r i 0 i
 i 

Questa discordanza con la trasformazione di un numero dal sistema ternario al sistema decimale è dovuta al fatto che il
primo non ammette lo Zero al contrario del secondo; il cerchio dovrebbe essere il corrispondente di 3, ma nella divisione
sappiamo che il resto deve essere sempre minore del divisore. Pertanto, la procedura per trasformare un numero dal
sistema ternario a quello decimale diventa la seguente:

55 = rr 55 3
54 18 3
1 18 6-1 = 5 3
i 0 3 1
r i 2 i
 i r

44
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 45

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Quando il resto è 0 (numero divisibile per 3) si deve diminuire di 1 il quoziente corrispondente e poi si può procedere nella
divisione; se ciò avviene nell’ultima divisione anche il quoziente finale diminuisce di 1: da 2 passa a 1 (r) e da 1 passa a 0
(in questo caso all’ultimo quoziente non corrisponde alcun simbolo).

99 = r 99 3
99 33 - 1 = 32 3
0 30 10 3
i 2 9 3 3
 i 1 3 1-1 = 0
 i 0
r i

Ora si può completare la tabella senza ulteriori intoppi.

PROVA TU
Adesso costruisci un sistema ternario con le stesse figure geometriche ma introducendo lo Zero: il sistema ternario diventa
di tipo posizionale, di base 3 e con una cifra di valore nullo.

= 0; r= 1 = 2 Assegna questi valori e completa la stessa tabella di prima e con gli stessi numeri. Le
assonanze che riscontrerai con i sistemi di numerazione decimale e binario ti faranno accorgere quanto sia importante
l’inserimento dello Zero in un sistema di numerazione. Buon divertimento!

2.6 L’INSIEME Z
Quanti sono i numeri naturali?
Sicuramente sono tanti e non si possono contare, solitamente si dice che sono ”infiniti”. Eppure i numeri naturali non sono
sufficienti a descrivere situazioni della realtà ed è, quindi, necessario definire altri “numeri”.
Con un numero naturale possiamo indicare:
- quante persone si trovano sulla metropolitana di Roma alle ore 13;
- quante caramelle ci sono in un sacchetto;
- quanti goal ha segnato Del Piero nel campionato 2008/2009;
- quante stelle ci sono nella bandiera americana.

Esaminiamo la seguente situazione:


Roberta vuole comprare un i-pod nuovo, ma non ha il denaro sufficiente; Giuseppe le presta 200 € e dopo un settimana
Roberta gli restituisce 80 €; qual è il debito di Roberta, e qual è il credito di Giuseppe?
Il debito di Roberta e il credito di Giuseppe sono espressi dallo stesso numero (120 €), ma per Giuseppe e Roberta la
situazione è ben diversa: Roberta deve dare soldi a Giuseppe e Giuseppe deve ricevere soldi da Roberta.
I numeri naturali non sono sufficienti a descrivere questa situazione, così come non sono sufficienti per indicare la
temperatura di località diverse del nostro pianeta : al Polo Nord la temperatura potrebbe essere di 15° al di sotto dello zero,
mentre in Italia potrebbe essere di 15° sopra lo zero.

Analizziamo, inoltre, i seguenti problemi:


1) Qual è quel numero che addizionato a 10 dà come somma 23 ?
2) Qual è quel numero che addizionato a 15 dà come somma 7 ?

Sicuramente sai risolvere rapidamente il problema al punto 1). Il numero che risolve il problema è il numero 13 (perché 23
– 10 = 13) che è un numero naturale. Prova a trovare la soluzione in N del problema al punto 2).
Dopo vari tentativi dovrai arrenderti e ammettere che il problema non ha soluzione in N. Dovresti trovare il risultato di 7 – 15 !
Si rende, dunque, necessario ampliare l’insieme N ed introdurre un nuovo tipo di numero: il numero preceduto dal segno
“+” o dal segno “-”: questi nuovi numeri sono chiamati interi relativi o, semplicemente, interi.
L’insieme degli interi relativi è indicato con Z, cioè: Z = { ………, - 3, -2, - 1, 0, + 1, + 2, + 3, ………}

45
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 46

Algebra - primo anno

Grazie a questo nuovo insieme, il numero che descrive il credito di Giuseppe è +120, quello che descrive il debito di Roberta
-120; la temperatura al Polo Nord è -15°, quella in Italia è +15°. Il problema al punto 2) ha come soluzione il numero -8.

Osservazione
I segni “+” e “-” che precedono il numero intero non sono simboli di addizione e sottrazione, ma sono strettamente legati
al numero.

Definizioni
- I numeri preceduti dal segno “+” sono detti interi positivi.
- I numeri preceduti dal segno “-” sono detti interi negativi.
- Due numeri che hanno lo stesso segno si dicono concordi; due numeri che hanno segno diverso si dicono discordi.
- Il numero 0 si scrive sempre senza segno.

Esempi
(- 7) e (- 12) sono concordi; (+5) e (+14) sono concordi;
(- 89) e (+54) sono discordi; (+45) e (- 21) sono discordi.
Si chiama valore assoluto o modulo di un numero intero il numero stesso senza segno (utilizzeremo indifferentemente e
“volutamente” i due modi di dire).

Per indicare il valore assoluto di un numero si usa scrivere il numero fra due linee verticali.

Esempi
- per indicare il valore assoluto di – 3 si scrive |- 3| ;
- per indicare il valore assoluto di +10 si scrive |+10| .

Valgono, secondo la definizione, le seguenti uguaglianze: |- 5| = 5 ; |+ 24| = 24


- Due interi si dicono uguali se sono concordi ed hanno lo stesso modulo.
- Due interi si dicono opposti se sono discordi ed hanno lo stesso modulo.
Ad esempio: – 47 e + 47 sono due numeri interi opposti.

Il sottoinsieme di Z formato dagli interi positivi si indica con Z+ ; il sottoinsieme di Z formato dagli interi negativi si indica con Z-.
Quindi: Z = Z - ∪ {0} ∪ Z + .

ATTENZIONE
Il numero “- a” indica l’opposto di a e non è detto che sia un numero negativo (non deve ingannare la presenza
del segno “-”):

se a > 0, - a < 0
)
se a < 0, - a > 0

Anche i numeri interi possono essere rappresentati su una retta orientata (cominciamo, così, ad “arricchire” la nostra retta).
Fissiamo, infatti, un punto O su una retta orientata ed un segmento come unità di misura; al numero zero viene associato il
punto O. Per rappresentare il numero +1 riportiamo, a partire dall’origine e nello stesso verso dell’orientamento della retta, una
volta il segmento unità; per rappresentare il numero +2 riportiamo, a partire sempre dall’origine e nello stesso verso
dell’orientamento della retta, due volte il segmento unità; per rappresentare il numero -1 riportiamo, a partire dall’origine e nel
verso opposto all’orientamento della retta, il segmento unità; per rappresentare il numero -3 riportiamo, a partire dall’origine e
nel verso opposto all’orientamento della retta, tre volte il segmento unità; e così via.

-5 -3 -1 0 +1 +2 +4

46
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 47

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Osservazione
Un intero a è maggiore di un intero b (a > b) se a segue b nella successione degli interi (oppure sulla retta).

Un criterio per confrontare due interi a e b è il seguente:


- se a e b sono discordi, è maggiore il numero positivo;
- se a e b sono positivi, è maggiore il numero che ha valore assoluto maggiore;
- se a e b sono entrambi negativi, è maggiore quello che ha valore assoluto minore.

Esempi
- Fra i numeri (+3) e (-1) è maggiore (+3) perché i due numeri sono discordi e (+3) è positivo.
- Fra i numeri (+7) e (+2) è maggiore (+7) perché i due numeri sono positivi e |+7| = 7 è maggiore di |+2| = 2.
- Fra i numeri (-5) e (-14) è maggiore (-5) perché i due numeri sono entrambi negativi e |-5| = 5 è minore di |-14| = 14.

Ti potrai rendere conto, facilmente, di quanto affermato rappresentando i numeri sulla retta.

PROVA TU
- Rappresenta su una retta orientata i seguenti numeri interi: +3; -8; 0; +1; -7; -5; +9
- Confronta i seguenti numeri interi: (- 8) e (+ 5); (+ 4) e (+ 3); (- 6) e (-15)

2.7 OPERAZIONI IN Z

La temperatura
Antonio lavora per il servizio meteorologico e deve registrare la temperatura esterna ogni tre
ore.
Alle 7 del mattino registra una temperatura di − 2°C, 5°C più alta della temperatura rilevata tre
ore prima.
- Qual era la temperatura alle 4 del mattino?
Alle 10 registra una temperatura di 11°C.
- Qual è stato l’incremento della temperatura tra le 7 e le 10?

Per risolvere il problema aiutiamoci con il disegno: se alle 7 la temperatura era più alta di cinque
gradi significa che per ottenere quella delle 4 devo togliere cinque gradi da − 2°C:
la temperatura era, quindi, di −7°C. Perciò -2 - 5 = -7

Per rispondere alla seconda domanda ci aiutiamo sempre con il disegno:


l’incremento della temperatura è stato di 13°C. Quindi 11 – (-2) = 13

La temperatura

Il primo di Agosto il livello dell’acqua in un lago era di -15 metri. Un mese dopo il livello si è
alzato di due metri. Scrivi il nuovo livello dell’acqua. Formalizza matematicamente l’operazione.
.................................................................................................................................................
Osservando con attenzione gli esempi precedenti, possiamo dedurre alcune regole che
consentono di eseguire le operazioni di addizione e sottrazione nell’insieme dei numeri interi.

47
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 48

Algebra - primo anno

In Z l’operazione di addizione è così definita:


- La somma di due numeri interi concordi è un numero intero, concorde con quelli dati, avente per modulo la somma
dei moduli dei numeri dati.
- La somma di due numeri interi discordi è un numero intero che ha per segno il segno del numero che ha modulo
maggiore e per modulo la differenza fra i moduli dei due numeri dati.
Esempi
(+ 53) + (+ 41) = + 94 (+ 25) + (-31) = - 6
(- 56) + (+ 84) = + 28 (-24) + (- 36) = - 60

In Z l’operazione di sottrazione è così definita:


- La sottrazione fra due interi è definita come l’addizione fra il primo numero e l’opposto del secondo.
Esempi
(+ 12) – (+ 5) = (+ 12) + (- 5) = + 7 (- 23) – (+ 15) = (- 23) + (- 15) = - 38
(+ 15) – (+ 7) = (+ 15) + (- 7) = + 8 (- 31) – (- 17) = (- 31) + (+17) = - 14

Dal momento che la sottrazione fra due interi è, comunque, un’addizione, non si fa più distinzione, in Z, fra addizione e
sottrazione e si parla, in generale, di “somma algebrica”.

Per la moltiplicazione in Z vale la seguente regola:


- Il prodotto di due numeri interi concordi è un numero intero positivo che ha per modulo il prodotto dei moduli dei due
fattori.
- Il prodotto di due numeri interi discordi è un numero intero negativo che ha per modulo il prodotto dei moduli dei due
fattori.
In modo molto impreciso, ma efficace, possiamo schematizzare • + -
la regola della moltiplicazione con la seguente tabella: + + -
- - +
Esempi
(+ 12) · (+ 4) = + 48 (-18) · (- 9) = + 162
(- 24) · (+ 3) = -72 (+ 6) · (- 9) = - 54

- il prodotto di più fattori uguali si chiama potenza.

Esempi
(+3) · (+3) · (+3) · (+3) = (+3)4 = +81
(-5) · (-5) · (-5) · (-5) · (-5) · (-5)5 = -3125
(-3)2 = (-3) · (-3) = +9
(+7)3 = (+7) · (+7) · (+7) = +343
(-2)5 = (-2) · (-2) · (-2) · (-2) · (-2) = -32
Osservando gli esempi precedenti, possiamo dedurre le seguenti regole:
- La potenza di un intero positivo è sempre un intero positivo.
- La potenza di un intero negativo è un numero intero positivo se l’esponente è pari.
- La potenza di un intero negativo è un numero intero negativo se l’esponente è dispari.

E’ consuetudine per gli interi positivi “omettere” il segno + davanti al numero; per esempio per indicare il numero intero +5
si scrive semplicemente 5, per indicare il numero +9 si scrive semplicemente 9 e così via; in questo modo gli interi positivi
possono essere “identificati” con i numeri naturali e l’insieme Z è considerato un “ampliamento” dell’insieme N.

ATTENZIONE
Le potenze (- 2)4 e - 24 non sono uguali!
Infatti:
(- 2)4 = (-2) · (-2) · (-2) · (-2) = +16
- 24 = - (2 · 2 · 2 · 2) = -16

48
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 49

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

PROVA TU
(- 3)2 = ………......…… (- 2)5 = ………......……
(+4)3 = ………......…… - 43 = ………......……
(-5)2 = ………......…… - 52 = ………......……

Per la divisione in Z vale la definizione data per la divisione in N: il quoziente q fra due interi m e s è quel numero intero
q (q = m : s) tale che m = q · s.

Esempi
a) (+ 15) : (- 3) = - 5 [perché (- 5) · (- 3) = + 15]
b) (- 15) : (+ 3) = - 5 [perché (- 5) · (+ 3) = - 15]
c) (- 36) : (- 9 ) = + 4 [perché (+ 4) · (- 9) = - 36]
d) (+ 54) : (+ 6) = + 9 [perché (+ 9) · (+ 6) = + 54]
e) (- 63) : (- 3) = + 21 [perché (+21) · (- 3) = - 63]
f) (+ 63) : (+ 3) = + 21 [perché (+21) · (+ 3) = + 63]

Dagli esempi svolti puoi notare che per la divisione fra due interi
: + -
vale la “regola dei segni” come quella della moltiplicazione;
possiamo, quindi, schematizzare la regola con la seguente tabella: + + -
- - +
Facciamo alcune riflessioni sulle operazioni definite in Z,
e poniamoci qualche domanda:
- La somma (algebrica) di due qualsiasi numeri interi è ancora un numero intero?
Sì, la somma algebrica fra due qualsiasi interi è ancora un numero intero!
- Il prodotto di due qualsiasi numeri interi è ancora un numero intero?
Sì, il prodotto fra due qualsiasi interi è ancora un numero intero!
- La divisione fra due qualsiasi numeri interi è ancora un numero intero?
No, la divisione fra due qualsiasi interi non sempre è un numero intero.

Come abbiamo già osservato per le operazioni di addizione e moltiplicazione in N, possiamo affermare che:

- Le operazioni di somma (algebrica) e moltiplicazione sono interne all’insieme Z, cioè Z è chiuso rispetto alle
operazioni di somma (algebrica) e di moltiplicazione.
- L’operazione di divisione non è interna all’insieme Z, cioè Z non è chiuso rispetto all’operazione di divisione.

Le proprietà della somma algebrica e della moltiplicazione in Z


Sia per l’operazione di somma algebrica che per quella di moltiplicazione valgono le seguenti proprietà:

Proprietà associativa
La somma o il prodotto non cambiano se i numeri a, b, c vengono associati in maniera diversa. In simboli:
- ∀a, b, c ∈ Z : (a + b) + c = a + (b + c)
- ∀a, b, c ∈ Z : (a · b) · c = a · (b · c)

Proprietà commutativa
La somma di due numeri non cambia se si cambia l’ordine dei numeri; il prodotto di due numeri non cambia se si cambia
l’ordine dei fattori. In simboli:
- ∀a, b ∈ Z : a+b=b+a
- ∀a, b ∈ Z : a·b=b·a

Proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma algebrica


- ∀a, b,c ∈ Z : a · (b + c) = a · b + a · c
oppure, in modo equivalente
- ∀a, b,c ∈ Z : a · b + a · c = a · ( b + c)

49
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 50

Algebra - primo anno

Esempi
(+5) · (+3 + (- 8)) = (+5) · (+3) + (+5) · (- 8) infatti : (+5) · (+3 + (-8)) = (+5) · (-5) = - 25
(+5) · (+3) + (+5) · (-8)= +15 + (- 40) = - 25

(+4 ) · (+9) – (+4) · (+11) = +4 · (+9 - (+11)) infatti : (+4) · (+9) – (+4) · (+11) = +36 – (+44) = -8
+4 · (+9 – (+11)) = +4 · (-2) = - 8

Anche in Z: vale la legge di annullamento del prodotto, come nell’insieme dei numeri naturali.

Esempi
(- 5) · (+ 2) · 0 · (- 8) = 0

Ancora sulla somma e moltiplicazione in Z


Poniamo ancora la nostra attenzione sui due “numeri particolari”: 0 e 1.
Adesso è facile rendersi conto che anche in Z il numero 0 è l’elemento neutro per la somma algebrica e il numero 1 è
l’elemento neutro per la moltiplicazione. Infatti:
- (+ 3)+ 0 = 0 + (+ 3) = +3 = 3
- (-6) + 0 = 0 + (-6) = - 6
- (+14) · 1 = 1 · (+14) = +14 = 14
- (- 7) · 1 = 1 · (- 7) = -7

In generale:
- ∀a ∈ Z : a + 0 = a = 0 + a
- ∀a ∈ Z : a · 1 = a = 1 · a

Osserva le seguenti operazioni:


(- 5)+ (+ 5) = 0 (+3) + (-3) = 0
(-12)+ (+12) = 0 (+ 56)+ (- 56) = 0
E’ facile generalizzare: la somma fra un numero intero ed il suo opposto è sempre uguale a zero. Quindi:
per qualunque intero a esiste un intero aʹ che sommato con a dà come risultato 0, cioè l’elemento neutro per la somma
algebrica.

In simboli si ha: ∀a ∈ Z, ∃ a'∈ Z / a + a'= a'+ a = 0

dove il simbolo “∃” si legge “esiste almeno” ed è detto quantificatore esistenziale.


In generale, questo elemento aʹ prende il nome di simmetrico di a.
Si può dimostrare che il simmetrico di ogni elemento è unico.
Il simmetrico di un numero intero rispetto all’operazione di somma algebrica è il suo opposto.
Diciamo, allora, che ogni elemento di Z è simmetrizzabile rispetto alla somma algebrica.
Il simmetrico (rispetto all’operazione di somma algebrica) di -3 è +3; il simmetrico (rispetto
all’operazione di somma algebrica) di + 15 è -15; il simmetrico (rispetto ….) di + 54 è - 54, ecc…
Per l’operazione di moltiplicazione esiste il simmetrico di un numero intero?
Per esempio, esiste in Z un numero che moltiplicato per -5 dà per risultato 1, cioè l’elemento neutro
per la moltiplicazione? Oppure, esiste in Z un numero che moltiplicato per +14 dà per risultato 1?

Se riflettiamo per qualche minuto, la risposta è NO! Non riusciamo a trovare in Z numeri che soddisfano la condizione
richiesta. Ma, ricorda, che 0 e 1 sono numeri proprio particolari!
Riflettiamo ancora: esiste in Z un numero che moltiplicato per 1 dà come risultato 1?
Adesso la risposta è SI’. Il numero cercato è 1, perché 1·1 = 1.
Esiste in Z un numero che moltiplicato per -1 dà come risultato 1?
Anche questa volta la risposta è SI’. Il numero cercato è -1, perche (-1) · (-1) = 1
Possiamo affermare che qualunque numero intero, diverso da 1 e da -1, non ammette simmetrico rispetto all’operazione
di moltiplicazione e, quindi, si ha che: non tutti gli elementi di Z sono simmetrizzabili.

50
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 51

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Riguardo la somma algebrica e la moltiplicazione in Z possiamo, quindi, dire che:

L’operazione di somma algebrica, in Z, ammette elemento neutro e ogni elemento di Z è simmetrizzabile.


L’operazione di moltiplicazione, in Z, ammette elemento neutro ma non tutti gli elementi di Z sono simmetrizzabili.

Espressioni in Z
Un’espressione nella quale compaiono numeri interi relativi è detta algebrica.
Per semplificare un’espressione algebrica si seguono le regole già viste per le espressioni aritmetiche.
Dal momento che l’operazione di sottrazione in Z è un’addizione, un’espressione algebrica può essere “liberata” dalle
parentesi seguendo questa semplice regola:
- se la parentesi è preceduta dal segno “ + ” , si tolgono parentesi e segno che la precedono e si scrivono i termini che
vi sono racchiusi con gli stessi segni;
- se la parentesi è preceduta dal segno “ - ”, si tolgono parentesi e segno che la precedono e si scrivono i termini che vi
sono racchiusi con i segni opposti.

Esempi
- – 8 + (+ 7 – 5 + 9) – (+ 3 + 5 – 8) =
(davanti alla prima parentesi tonda c’è il segno “+”, per cui possiamo togliere parentesi e segno e scrivere i termini
racchiusi nella parentesi con gli stessi segni )
= – 8 + 7 – 5 + 9 – (+ 3 + 5 – 8) =
(davanti alla parentesi c’è il segno “–”, togliamo parentesi e segno, trascrivendo tutti i termini racchiusi in parentesi con
il segno opposto)
=–8+7–5+9–3–5+8=3

Ovviamente, possiamo “liberare” dalle due parentesi in un unico passaggio.


- 12 · {2 + (12 – 4 + 6) + 3 · [15 – (23 + 4 – 2)] + 8} =
= 12 · {2 + 12 – 4 + 6 + 3 · [15 – 23 – 4 + 2] + 8} =
= 12 · {16 + 3 · (–10) + 8} =
= 12 · {16 – 30 + 8} =
= 12 · {– 6} = – 72

2.8 L’INSIEME Q
Nell’insieme Z l’operazione di divisione non è interna ed inoltre gli interi relativi non sono adatti a rappresentare alcune
situazioni della realtà.

- Tre amici si vogliono dividere in parti uguali i 20 cioccolatini contenuti in una scatola; quanti cioccolatini avrà ciascuno
di essi?
- Qual è quel numero che moltiplicato per 5 dà come prodotto 3?
Problemi come questi non hanno soluzione nè in N nè in Z. E’ necessario ampliare l’insieme Z !
Nel primo problema devo trovare il risultato di 20 : 3; il secondo problema si riconduce a trovare il quoziente fra 3 e 5
(ricorda la definizione di divisione!).

Il quoziente fra 20 e 3 si indica , il quoziente fra 3 e 5 si indica

In generale, se a e b (b ≠ 0) sono numeri naturali, il quoziente a : b si indica con e si chiama frazione; a è il numeratore
e b il denominatore.

E’ chiaro, dagli esempi, che la linea “ _ ” che separa il numeratore a e il denominatore b ha il significato di divisione.
Se il denominatore di una frazione è 1, la frazione rappresenta un numero intero:

51
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 52

Algebra - primo anno

Ricorda:
- Una frazione si dice propria se il numeratore è minore del denominatore.
- Una frazione si dice impropria se il numeratore è maggiore del denominatore.
- Una frazione si dice apparente se il numeratore è multiplo del denominatore.
- Una frazione propria è sempre minore di 1.
- Una frazione impropria è sempre maggiore di 1.
- Una frazione apparente è, in realtà, un numero intero.

Osserva la seguente figura:


a) A D B ll segmento AD, nel caso a), rappresenta i
del segmento AB,
A D B
b) ll segmento AD, nel caso b), rappresenta i
del segmento AB,

In realtà, il segmento AD, nei due casi, ha la stessa lunghezza; quindi le due frazioni rappresentano lo stesso numero.

Definizione
Due frazioni , (b ≠ 0, d ≠ 0) sono equivalenti se a · d = b · c

Esempi:
- Le frazioni sono equivalenti, infatti: 3 · 21 = 7 · 9 = 63

- Le frazioni sono equivalenti, infatti: 2 · 15 = 3 · 10 = 30

La frazione è equivalente a , ma anche a ed anche a , e potrei continuare a scrivere frazioni equivalenti a

In realtà esistono infinite frazioni equivalenti ad una frazione data e tutte queste frazioni rappresentano la stesso numero.
Allora, nell’insieme di tutte le possibili frazioni, posso costruire dei sottoinsiemi i cui elementi sono tutte le frazioni equivalenti
ad una data frazione; ciascuno di questi sottoinsiemi si chiama classe di frazioni equivalenti.

Tali sottoinsiemi formano una partizione dell’insieme delle frazioni.

Definizione
Si chiama numero razionale assoluto ciascuna classe di frazioni equivalenti.
Per indicare una classe di frazioni equivalenti si scrive, racchiusa fra parentesi quadre, una delle frazioni appartenente ad essa.
Così: è la classe di tutte le frazioni equivalenti a è la classe di tutte le frazioni equivalenti a
In generale, per indicare un numero razionale assoluto, è conveniente scegliere come “rappresentante” quella frazione nella
quale numeratore e denominatore sono coprimi e scriverlo senza usare le parentesi quadre.

Esempi

L’insieme dei numeri razionali assoluti si indica con Qa.


Possiamo estendere il concetto di frazione al caso in cui a e b (b ≠ 0) siano numeri interi relativi.
Ricordando che il quoziente fra a e b è un numero positivo se a e b sono concordi ed è un numero negativo se a e b sono
discordi, esistono frazioni precedute dal segno “+” o dal segno “-” .
L’insieme Qa viene così ampliato, ottenendo l’insieme dei numeri razionali relativi (o semplicemente l’insieme dei numeri
razionali) indicato con Q. Anche l’insieme Q può essere rappresentato su una retta orientata.
Si fissa su una retta orientata un punto origine al quale si associa il numero 0 e si sceglie un segmento come unità al quale
si associa il numero 1.

52
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 53

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

- Per rappresentare un numero razionale positivo si divide l’unità in tante parti uguali quante ne indica il denominatore e,
di queste parti, se ne riportano, nello stesso verso indicato dall’orientamento, tante quante ne indica il numeratore.
- Per rappresentare un numero razionale negativo si procede come nel caso dei numeri razionali positivi, riportando le
parti nel verso opposto a quello indicato dall’orientamento della retta.

Rappresentiamo i numeri

PROVA TU
Rappresenta, su una retta orientata, i seguenti numeri razionali:

Come per gli interi, chiamiamo valore assoluto o modulo di un numero razionale, il numero razionale senza segno, cioè il
numero razionale assoluto e possiamo, inoltre, “identificare” i numeri razionali positivi con i numeri razionali assoluti.

- Qualunque intero relativo è un numero razionale nel quale il denominatore è 1; in simboli:

- Se il numeratore è 0 e il denominatore è un numero diverso da zero, la frazione è equivalente a zero; in simboli

Dalla definizione di frazioni equivalenti, segue la seguente proprietà:

Proprietà invariantiva
Se si moltiplica o si divide numeratore e denominatore di una frazione per uno stesso numero intero, diverso da zero, si
ottiene una frazione equivalente a quella data. In simboli:

oppure (se h è un divisore comune di a e b):

Una frazione si dice ridotta ai minimi termini se numeratore e denominatore sono coprimi.

Usando la proprietà invariantiva, una frazione può essere ridotta ai minimi termini o, come si dice, semplificata.

Per ridurre una frazione ai minimi termini, si determina il MCD fra numeratore e denominatore e, successivamente, si dividono
entrambi per il MCD trovato.

Esempio
18
La frazione non è ridotta ai minimi termini. Infatti, MCD(18, 45) = 9;
45
- dividiamo numeratore e denominatore per 9;
- otteniamo: 18 : 9 = 2 .
45 : 9 5
18 2
Le frazioni e sono equivalenti e, quindi, rappresentano lo stesso numero.
45 5
Spesso, per semplificare una frazione, non si determina il MCD fra numeratore e denominatore, ma si procede per
“semplificazioni successive”, dividendo numeratore e denominatore per un divisore comune e ripetendo la stessa operazione
fino a quando numeratore e denominatore non siano coprimi.
6
18
Nell’esempio della frazione precedente, poiché 18 e 45 sono entrambi divisibili per 3, si ha
2 45
6 15
e ancora: 6 e 15 sono divisibili per 3, quindi: 18 2
= .
4515 5
5

53
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 54

Algebra - primo anno

La proprietà invariantiva si usa anche per ridurre frazioni allo stesso denominatore.

Esempio
5 7
Consideriamo le frazioni e ci proponiamo di scrivere due frazioni equivalenti ad esse che abbiano lo stesso
12 18
denominatore.
Calcoliamo il mcm fra i denominatori: mcm (12,18) = 36.
Questo è il denominatore comune delle due frazioni.
COMPLETA, applicando la proprietà invariantiva: 5 = ......... 7 ........
= .
12 36 18 36
Perché è necessario ridurre due o più frazioni allo stesso denominatore ?
- Per confrontarle, cioè stabilire se sono equivalenti e, se non lo sono, quale è maggiore o minore;
- Per poter calcolare la loro somma algebrica.

Confronto fra numeri razionali relativi


- Consideriamo due numeri razionali positivi; se i due numeri hanno lo stesso denominatore è maggiore il numero razionale
che ha numeratore maggiore; se i due numeri hanno denominatore diverso, prima si riducono allo stesso denominatore
e poi si procede come nel caso precedente.
- Se i due numeri razionali sono negativi, così come per gli interi relativi, è maggiore quello che ha valore assoluto minore.
(Il confronto è, quindi, riconducibile a quello di due numeri interi relativi).
- Se i due numeri razionali sono discordi è maggiore il numero positivo.

Esempi
Nelle seguenti coppie di numeri razionali, individua il numero maggiore:
4 9 3 5 4 3 6 8
a) e b) e c) − e + d) − e −
13 13 8 12 9 8 5 7

a) I due numeri razionali sono entrambi positivi ed hanno lo stesso denominatore: 9 > 4
9 4
quindi: > .
13 13

b) I due numeri sono entrambi positivi, ma hanno denominatore diverso; li riduciamo, prima, allo stesso denominatore e,
successivamente, confrontiamo i numeratori:
mcm (8, 12) = 24 ⇒ 3 = 3 ⋅ 3 = 9 , 5
=
5 ⋅ 2 10 allora: 10 > 9 ⇒ 5 3
= ; > .
8 8 ⋅ 3 24 12 12 ⋅ 2 24 12 8
c) i due numeri razionali sono discordi, quindi: + 3 > − 4 .
8 9
6 8
d) i due numeri sono entrambi negativi; dobbiamo confrontare i loro valori assoluti, cioè e ;
5 7
riduciamo le due frazioni allo stesso denominatore: 6 = 42 e 8 = 40 ;
5 35 7 35
confrontiamo i numeratori: 42 > 40 ⇒ 42 > 40 6
>
8
;
35 35 5 7
8 6
è maggiore il numero razionale con valore assoluto minore, quindi − > − .
7 5
PROVA TU
Confronta le seguenti frazioni: a) − 6 e −
9
c) +
13
e +
19
4 6 12 21
7 21 4 2
b) + e + d) − e +
3 8 5 3
Assegnati due numeri razionali, è possibile, qualche volta, trovare “scorciatoie” per stabilire quale dei due è maggiore?
Se sei un abile osservatore, risponderai SI’. Considera i numeri razionali di cui alla lettera c):
se hai ben compreso il significato di frazione propria ed impropria, ti sarai accorto che è una frazione impropria (quindi
è > 1), è una frazione propria (quindi è < 1). E’ facile, quindi, senza ridurre i numeri razionali allo stesso denominatore,

54
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 55

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

stabilire quale di essi è il maggiore: “è più grande” il numero maggiore di 1 quindi

PROVA TU
Confronta i seguenti numeri razionali:

Frazioni e numeri decimali


Ricorda
- Un numero decimale si dice limitato se il numero di cifre dopo la virgola è finito.
- Un numero decimale si dice illimitato se il numero di cifre dopo la virgola non è finito.
- I numeri decimali illimitati si dividono, a loro volta, in due gruppi:
numeri decimali illimitati “periodici” e numeri decimali illimitati “aperiodici”.

- I numeri periodici (cioè quei numeri che, dopo la virgola, presentano un gruppo di cifre che si ripete e che viene detto
periodo) si dividono in numeri periodici “semplici” e numeri periodici “misti”.
(Un numero è periodico semplice quando il gruppo di cifre che si ripete inizia subito dopo la virgola; un numero è
periodico misto quando il gruppo di cifre che si ripete non inizia subito dopo la virgola e, in questo caso, il gruppo di
cifre che precede il periodo è chiamato antiperiodo).

- Una qualsiasi frazione dà origine ad un numero decimale limitato oppure ad un numero decimale illimitato periodico.
- Anticipiamo che i numeri decimali illimitati “aperiodici” sono chiamati numeri irrazionali.

Consideriamo alcune frazioni e determiniamo, eseguendo la divisione fra numeratore e denominatore, il numero decimale
corrispondente:
4 7
= 0,571428571428571428......= 0, 571428 = 0,466666........ = 0,46
7 15
13 9
= 1,44444.... = 1,4 = 0,45
9 20
5 7
= 0,1923076923076………. = 0,1923076 = 1,75
26 4
5 6
= 0,833333........ = 0,83 = 0,24
6 25
In quali casi il quoziente è un numero decimale limitato?
In quali casi il quoziente è un numero decimale periodico?
In quali casi il quoziente è un numero periodico semplice?
In quali casi il numero è un numero periodico misto?
Fra le frazioni considerate, ne esiste una che origina un numero decimale illimitato aperiodico?

Per rispondere a queste domande dobbiamo fissare la nostra attenzione sui denominatori delle frazioni.
Negli esempi esaminati abbiamo ottenuto:
- un numero decimale limitato con i denominatori 25, 20, 4 (cioè con numeri che, scomposti in fattori primi, contengono
solo potenze di 2 e/o potenze di 5);
- un numero decimale illimitato periodico con i denominatori 15, 26, 6, 7, 9 [cioè con numeri che, scomposti in fattori
primi, contengono solo potenze di numeri primi diversi da 2 e da 5 (in tal caso si ottengono numeri periodici semplici)
o con numeri che, scomposti in fattori primi, contengono, oltre a potenze di 2 e/o di 5, anche potenze di altri numeri
primi (in tal caso si ottengono numeri periodici misti)].

Generalizzando, si ha la seguente proprietà:


- una frazione, ridotta ai minimi termini, che ha per denominatore un numero nella cui scomposizione in fattori primi
compaiono solo potenze di 2 e/o potenze di 5 dà origine ad un numero decimale limitato (perché moltiplicando per una
opportuna potenza di 2 e/o di 5, sia il numeratore che il denominatore, posso ottenere al denominatore una potenza di 10).

55
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 56

Algebra - primo anno

- Una frazione, ridotta ai minimi termini, che ha per denominatore un numero nella cui scomposizione in fattori primi non
compaiono potenze di 2 e/o di 5 dà origine ad un numero decimale periodico semplice.
- Una frazione che ha per denominatore un numero nella cui scomposizione in fattori primi, oltre a potenze di 2 e/o di 5,
compaiono potenze di altri numeri primi dà origine ad un numero decimale periodico misto.
- Nessuna delle frazioni considerate ha generato un numero decimale illimitato aperiodico.

Da frazione decimale a numero decimale


Esempi
- (se moltiplico numeratore e denominatore per 5 ottengo al denominatore 100 = 102) =

- (se moltiplico numeratore e denominatore per 2, il denominatore diventa 10) =

- = (se moltiplico numeratore e denominatore per 22,

il denominatore diventa 100 = 102) =

PROVA TU

Da numero decimale limitato a frazione


Viceversa, ogni numero decimale limitato può essere trasformato in una frazione che ha al numeratore il numero senza la virgola
e al denominatore una potenza di 10 avente per esponente il numero delle cifre decimali.

Esempi
- 45,36 è uguale ad una frazione che ha al numeratore 4536 e al denominatore 102 perchè le cifre dopo la virgola sono 2;
per cui: 45,36 =

- 0,523 è uguale ad una frazione che ha al numeratore 523 e al denominatore 103, perchè le cifre dopo la virgola sono 3;
per cui: 0,523 =

PROVA TU
0,23 = ………… 12,2 = …………… 4,125 = …………

Da numero periodico semplice a frazione


Un numero periodico semplice è uguale ad una frazione che ha per numeratore la differenza fra il numero senza la virgola e la
sua parte intera, e per denominatore tanti 9 quante sono le cifre del periodo.
- Trasformiamo in frazione il numero 2,6
Il numero senza la virgola è 26 e la sua parte intera è 2; il periodo è formato da una sola cifra;
quindi:

- Trasformiamo in frazione il numero 1,23


Il numero senza la virgola è 123 e la sua parte intera è 1; il periodo è formato da due cifre; quindi:

Da numero periodico misto a frazione


Un numero periodico misto è uguale ad una frazione che ha al numeratore la differenza fra il numero senza la virgola e la “parte”
che precede il periodo (compresa la parte intera) e al denominatore il numero formato da tanti 9 per quante sono le cifre del
periodo seguiti da tanti zeri per quante sono le cifre dell’antiperiodo.
- Trasformiamo il numero 1,23
Il numero senza la virgola è 123; la “parte” che precede il periodo è 12; periodo e antiperiodo sono formati, entrambi, da
una sola cifra; seguendo la regola esposta in precedenza si ha :

56
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 57

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

- Trasformiamo il numero 21,54132


Il numero senza la virgola è 2154132; la “parte” che precede il periodo è 2154; il numero di cifre dell’antiperiodo è due; il
numero di cifre del periodo è tre; seguendo la regola esposta in precedenza si ha :

Tentiamo, con alcuni esempi, di giustificare la regola esposta in precedenza.

Sia n = 2,6
Moltiplicando ambo i membri per 10, otteniamo: 10 n = 26,6
Eseguiamo la seguente sottrazione: 10 n – n
10 n – n = 26,66666666666… - 2,666666666666… (le cifre decimali sono uguali).
Mettiamo in colonna: 26,66666666666...... -
2,66666666666...... =
24,00000000000
Quindi 10 n – n = 26 - 2 = 24.
Ma 10 n – n = ( per la proprietà distributiva) = (10 - 1) n = 9 n,
per cui: 9 n = 24 ⇒ n = ; riducendo ai minimi termini si ottiene n =

In definitiva:

Sia n = 1,23
Moltiplicando ambo i membri prima per 10 e poi per 100, otteniamo: 10 n = 12,3 e 100 n = 123,3
Eseguiamo la seguente sottrazione: 100 n – 10 n
100 n – 10 n = 123,3333333……. – 12,3333333…….
Mettiamo in colonna: 123,333333............ -
12,333333............ =
111,000000000000

Quindi, 100 n – 10 n = 111


Ma 100 n – 10 n = (per la proprietà distributiva) = (100 – 10) n = 90 n per cui: 90 n = 111 ⇒
riducendo ai minimi termini, si ottiene

In definitiva:

Se il numero decimale è preceduto dal segno “-”, basta, ovviamente, trasformare in frazione il suo valore assoluto e lasciare lo
stesso segno:

PROVA TU

12,4 = ............ 1,56 = ............. 234,65 = .......... 5,3421 = …………

57
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 58

Algebra - primo anno

2.9 OPERAZIONI IN Qa
Somma e differenza
La somma o la differenza di due frazioni aventi lo stesso denominatore è una frazione che ha per denominatore lo
stesso denominatore e per numeratore, rispettivamente, la somma o la differenza dei numeratori.
In simboli:

Esempi

Se le frazioni hanno denominatore diverso, per calcolare la loro somma o differenza, si riducono le frazioni allo stesso
denominatore e ci ritroviamo, così, nel caso precedente.
- Calcoliamo la somma: riduciamo allo stesso denominatore le due frazioni: mcm (3, 7) = 21, quindi

(per la proprietà invariantiva) =

(per la proprietà invariantiva) =

allora:

Le due frazioni hanno, ora, lo stesso denominatore;


basta, quindi, sommare i numeratori:

- Calcoliamo la differenza: riduciamo allo stesso denominatore le due frazioni: mcm(2, 5) = 10, quindi

(per la proprietà invariantiva) =

(per la proprietà invariantiva) =


allora:

Le due frazioni hanno ora lo stesso denominatore;


basta, quindi, sottrarre i numeratori:

Moltiplicazione in Qa
Il prodotto di due frazioni è una frazione che ha per numeratore il prodotto dei numeratori e per denominatore il prodotto
dei denominatori. In simboli:

- Il prodotto fra é:

- Il prodotto fra é:

In questo caso, il risultato della moltiplicazione è una frazione riducibile [MCD(84, 315) = 21];
quindi, applicando la proprietà invariantiva:

Avremmo ottenuto lo stesso risultato se avessimo “semplificato” le frazioni prima di eseguire la moltiplicazione, con quella
operazione che viene chiamata “semplificazione a croce”.

58
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 59

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Nella moltiplicazione di due frazioni, se il numeratore di una frazione e il denominatore dell’altra hanno divisori in comune,
possiamo dividerli per il loro MCD e, successivamente, eseguire la moltiplicazione.
Calcoliamo lo stesso prodotto:

Osserviamo che:
- MCD(6, 9) = 3 (il numeratore di e il denominatore di sono entrambi divisibili per 3);

- MCD(35,14) = 7 (il denominatore di e il numeratore di sono entrambi divisibili per 7).

Procedendo nelle divisioni descritte, otteniamo:

Prima di eseguire una moltiplicazione, è opportuno semplificare per due motivi:


- la possibilità di eseguire moltiplicazioni fra numeri “più piccoli”;
- il prodotto delle due frazioni (dopo la semplificazione) è una frazione irriducibile.

Quoziente in Qa
Definizione
Si chiama reciproco di un numero razionale quel numero razionale che si ottiene da quello dato scambiando fra loro
numeratore e denominatore.

Esempi
- il reciproco di

- il reciproco di 3 è

- Il reciproco di 1 è 1.

Esiste il reciproco di “0” ? Ricorda che 0 = ; il suo reciproco avrebbe per denominatore 0 e questo non è
possibile. Il reciproco di 0 non esiste

Anche in Qa, come in N e in Z, si definisce quoziente di due numeri razionali assoluti quel numero razionale assoluto che
moltiplicato per il divisore dà come risultato il dividendo.

Come già sai, per calcolare il quoziente fra due frazioni, si calcola il prodotto fra il dividendo ed il reciproco del divisore:

= (dopo aver semplificato) =

Infatti:

= (dopo aver semplificato) =

Per le operazioni di addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione definite in Qa, valgono le proprietà già viste per le
operazioni definite in N e in Z.

59
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 60

Algebra - primo anno

2.10 OPERAZIONI IN Q
Le operazioni definite in Qa si estendono al caso di numeri razionali relativi.
Per eseguire le operazioni fra numeri razionali relativi si seguono i procedimenti già visti per gli interi relativi.

Potenza di un numero razionale


Se in un prodotto ci sono n fattori uguali il prodotto è una potenza, in analogia con quanto detto per i numeri interi.

Esempio:

In generale:

Per le potenze in Q valgono le proprietà già viste per le potenze in Z. Val la pena soffermarsi sulla seguente proprietà:
ap : am = ap-m

Se l’esponente del dividendo è minore dell’esponente del divisore, otteniamo per quoziente una potenza con esponente
negativo. Per esempio: 53 : 55 = 53-5 = 5-2 .
Con quale numero razionale possiamo identificarla?
Abbiamo detto che, in Q, l’operazione di divisione non è altro che la moltiplicazione fra il dividendo ed il reciproco del
divisore, per cui si ha:

(ricordando il significato di potenza) =

Ora, riduciamo l’ultima frazione ai minimi termini, otteniamo:

In definitiva:

Come ben sai, il risultato di una stessa operazione è unico, quindi: Osserva che è il reciproco di 5.

Ancora un esempio:

D’altra parte, per definizione di divisione si ha:

(dopo aver semplificato)

In definitiva: Osserva che è il reciproco di

60
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 61

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Generalizziamo:
Una potenza con esponente negativo è equivalente ad una potenza che ha come base il reciproco della base e come
esponente il valore assoluto dell’esponente.

In simboli:

Esempi

Dal momento che una uguaglianza è vera anche se la leggo “da destra verso sinistra”, si ha che:

se allora

Possiamo, allora, generalizzare:

Esercizi svolti
Applicando le proprietà delle potenze, semplifichiamo le seguenti espressioni:

PROVA TU
Applicando le proprietà delle potenze, semplifica le seguenti espressioni, come negli esempi precedenti:

Esercizi svolti
Giochiamo con le potenze!
a) Calcoliamo il prodotto:

Un osservatore molto superficiale direbbe che le due potenze hanno basi diverse per cui non possono essere applicate le
proprietà delle potenze. Invece…….sei un osservatore molto acuto e ti accorgi che le basi delle due potenze sono “parenti
molto stretti”: trascurando, infatti, il segno “+”, è il reciproco di 2 (potresti tranquillamente affermare il viceversa) e, per
quanto detto a proposito delle potenze con esponente negativo, = 2-1
Sostituendo nel prodotto, otteniamo:

61
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 62

Algebra - primo anno

b) Calcoliamo il prodotto:

Anche in questo caso, in modo frettoloso, diresti che le due potenze hanno basi diverse.
Se osservi attentamente, le due basi, come nel caso precedente, sono “parenti molto stretti”: si differenziano solo per il
“segno”.

Fai molta attenzione alle seguenti considerazioni:


- i numeri razionali positivi si scrivono senza segno (si identificano con il loro modulo);
- qualsiasi numero razionale negativo lo posso considerare come il prodotto fra -1 ed il modulo del numero dato;

quindi sostituendo nel prodotto dato, si ha: e, applicando le proprietà delle

potenze, otteniamo:

c) Calcoliamo il prodotto

Ricordando le considerazioni fatte nell’esercizio precedente, si ha

Sostituendo nel prodotto e applicando le proprietà delle potenze, si ottiene:

Applicando la proprietà commutativa e associativa della moltiplicazione, si ha:

Dagli esempi precedenti, deduciamo che:


- una potenza con base negativa ed esponente dispari è equivalente all’opposto della potenza avente per base il modulo
della base e per esponente lo stesso esponente. In altre parole, meno rigorose dal punto di vista formale, il segno “-” si
porta fuori dalle parentesi.
- Una potenza che ha base negativa ed esponente pari è equivalente ad una potenza avente per base il modulo della
base e per esponente lo stesso esponente. In altre parole, meno rigorose dal punto di vista formale, il segno “-” si
elimina.

Esempi

PROVA TU
Applicando le proprietà delle potenze, semplifica le seguenti espressioni:

Giochiamo ancora con le potenze.


- Riscriviamo la potenza in modo che non vi compaia la linea di frazione. Ricordando che la linea di frazione ha il

significato di divisione e che la divisione fra due numeri razionali si trasforma in moltiplicazione, si ha:

Ma , quindi si ha:

- Riscriviamo la potenza in modo che non vi compaia la linea di frazione. Seguendo il procedimento indicato

nell’esempio precedente, si ha:

62
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 63

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Ormai sei diventato un attento osservatore e non ti sarà certamente sfuggito che la potenza al denominatore è “passata al
numeratore” con esponente opposto.
- Semplifichiamo la seguente espressione:

Osserviamo che e che , quindi:

- Dopo averle riscritte in modo che vi compaiano solo moltiplicazioni, semplifichiamo le seguenti espressioni:

a)

Ricorda che:
- 4 = 22;
-

- la divisione si trasforma in moltiplicazione;


- il denominatore di una potenza “passa” al numeratore con esponente opposto.

Quindi, l’espressione data diventa :

b)

Ricorda che:

- Le potenze che si trovano al denominatore “passano” al numeratore con esponente opposto.

Allora:

Applicando la proprietà commutativa e la proprietà associativa si ottiene:

c)

63
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 64

Algebra - primo anno

Sicuramente ora sei in grado di seguire “consapevolmente” la sequenza dei passaggi e, quindi, puoi completare descrivendo
le proprietà che di volta in volta sono state applicate.

PROVA TU
Semplifica le seguenti espressioni, dopo averle riscritte in modo che vi sia solo l’operazione di moltiplicazione:

Applicazioni delle potenze


E’ evidente che l’utilizzo delle potenze permette di scrivere con pochi simboli numeri “molto grandi” e “molto piccoli”.
In particolare risulta di grande utilità pratica l’uso delle potenze di 10.
Ricorda che una potenza di 10 è uguale al numero formato dall’unità seguita da tanti zeri quanto ne indica l’esponente
della potenza. Così 100 = 1; 101 = 10; 102 = 100, 103 = 1000; ………….
Inoltre

Osserva:
- 2350000 = 235 · 10000 = 235 × 104;
- 300000 = 3 · 105;
- 0,00000027 = 27 · 0,00000001 = 27 · 10-8.

64
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 65

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Su YouTube puoi trovare il filmato “Potenze di dieci” che in 8 minuti mostra in rapida sequenza oggetti dalle diverse
dimensioni, fino al più grande e al più piccolo.
Puoi visitare il sito http://microcosm.web.cern.ch/Microcosm/P10/italian/welcome.html per una pagina interattiva sulle
potenze di dieci.
Multipli e sottomultipli di alcune unità di misura del Sistema internazionale (SI) sono espressi mediante potenze di 10;
qualcuno di essi ti è familiare, come il centimetro, il chilometro; altri, forse, non li conosci ancora. Che cos’è un micron? Un
picometro? E un zettametro?

Nella seguente tabella sono riportati i multipli ed i sottomultipli del metro:

Potenza di 10
Esempio
prefisso simbolo

10 − 18 metri
Dimensioni dell’universo nei primi istanti successivi al Big Bang
1 attometro = 1am

10 − 15 metri
L’elettrone e le particelle che compongono il nucleo
1 femtometro = fm

10 − 12 metri
Siamo all’interno dell’atomo 2,5 · 10−10 m diametro di un atomo di Silicio
1 picometro = 1pm

10 − 9 metri
Le dimensioni di una molecola
1 nanometro= 1nm

10 − 6 metri
Un virus 10 − 5 =10 μm una cellula
1 micrometro o micron =1μm

10 − 3 metri
Un paramecio
1 millimetro = 1mm

100 metri
2 metri, l’altezza di un uomo
1 metro = 1m

103 metri
4810 m l’altezza del Monte Bianco
1 kilometro= 1 km

106 metri
6340 km il raggio della Terra
1 megametro = 1Mm

109 metri
7 · 108 raggio medio del Sole
1 gigametro = 1Gm

1012 metri
6 · 1012 raggio medio dell’orbita di Plutone, siamo ai confini del Sistema Solare
1 terametro = 1Tm

1015 metri 1016 ≅ un anno luce


1 petametro = 1 Pm 4 · 1016 distanza di Proxima Centauri, la stella più vicina alla Terra, dopo il Sole

1018 metri
Stelle della parte più esterna della nostra galassia
1 exametro = 1 Em

1021metri
Diametro della via Lattea
1 zettametro=1 Zm

1026 metri Dimensioni dell’Universo

65
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 66

Algebra - primo anno

Notazione esponenziale e notazione scientifica


Se un numero è scritto come prodotto fra un numero decimale e una potenza di dieci, si dice che è scritto in notazione
esponenziale. Lo stesso numero, in notazione esponenziale, può essere scritto in modi diversi.

Esempi
2350000 = 235 · 10000 = 235 · 104 = 23,5 · 105 = 2350000000 · 10-3;
0,00000027 = 27 · 0,00000001 = 27 · 10-8 = 0,27 · 10-6
3000000 = 30 · 105 = 0,3 · 107 = 3000000000 · 10 –3.
Convenzionalmente, per facilitare ulteriormente calcoli e confronti, quando si scrivono i numeri in notazione esponenziale,
si lascia una sola cifra (diversa da zero) prima della virgola. In questo caso si dice che il numero è scritto in notazione
scientifica.

Esempi
- 0,00000027 = (in notazione esponenziale) = 27 · 10-8 = (in notazione scientifica) = 2,7 · 10-7;
- 0,000000529 = (in notazione esponenziale) = 529 · 10-9 = (in notazione scientifica) = 5,29 · 10-7;
- 6340000 = (in notazione esponenziale) = 6340 · 103 = (in notazione scientifica) 6,34 · 106;
- 0,5 · 1021 = (in notazione scientifica) = 5 · 1020 .

La calcolatrice tascabile e la notazione scientifica


Le diverse aziende produttrici di strumenti di calcolo utilizzano diverse convenzioni per indicare le operazioni meno comuni
(ad esempio l’elevamento a potenza) e per rappresentare i numeri in notazione scientifica. Se vuoi conoscere i simboli da
utilizzare per queste operazioni, devi guardare le istruzioni della tua calcolatrice.
Una calcolatrice scientifica può mostrare i numeri in notazione scientifica in questo modo: se sul display vedi 6. 34E06
allora il numero che precede la lettera E deve essere moltiplicato per la potenza di 10 con esponente il numero che segue
la E cioè 6.34E06 = 6, 34 · 106
La calcolatrice tascabile utilizza automaticamente la notazione scientifica quando il numero delle cifre da rappresentare
supera quello dei posti a disposizione sul display. Puoi fare la prova introducendo 10^24.
Che cosa mostra il display? ……………………….

Ordine di grandezza
Si dice ordine di grandezza di un numero la potenza di dieci più vicina a quel numero.

Esempi
- L’ordine di grandezza del numero 3 · 109 è 109 .
Spieghiamone il motivo: dal momento che 3 ≤ 5 , la potenza di 10 più vicina ad esso è 109.
- L’ordine di grandezza del numero 8 · 109 è 1010.
Spieghiamone il motivo: dal momento che 8 > 5, la potenza di 10 più vicina ad esso è 1010.

PROVA TU
Scrivi in notazione esponenziale e in notazione scientifica i seguenti numeri:
a) 14600000 = …………………. = ……………………… ;
b) 0,0000034 = …………………. = ……………………… ;
c) 0,0234 = …………………. = ……………………… ;
d) 23472100 = …………………. = ……………………… ;

Esempi di operazioni con numeri in notazione esponenziale


a) 3,4 · 107 · 5,87 · 10-3 = (3,4 · 5,87) · (107 · 10-3) = 19,958 · 107+(-3) = 19,958 · 104 = 1,9958 · 105

b)

c)

66
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 67

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

PROVA TU
a) 25,3 · 10-3 · 1,5 · 107 = ………………

b)

c)

PERCENTUALI
Discesa pericolosa: Presegnala un tratto di strada in discesa, secondo il senso di marcia.
La pendenza è espressa in percentuale.
Alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013, la percentuale dei votanti è stata del 75%.
Durante i saldi si effettua uno sconto del 30% sulla merce.
L’IVA applicata è del 20%.

La percentuale non è altro che una frazione a denominatore 100:

Generalmente per rappresentare le percentuali si usa il seguente diagramma, detto “a torta”, che è un particolare
areogramma:

il diagramma rappresenta
l’esito degli scrutini finali in una scuola.

Si voglia trasformare in percentuale la frazione

Osserviamo che per trasformare una frazione in percentuale basta scrivere la frazione, ad essa equivalente, con
denominatore 100; quindi:

Poiché l’uguaglianza tra due rapporti non è altro che una proporzione, si può scrivere:

Pertanto:

IL 5 PER MILLE E L'8 PER MILLE

Il 5a indica una quota di imposta che lo Stato italiano ripartisce, in base alle scelte dei contribuenti, ricavata dall’IRPEF,
fra lo Stato e le diverse confessioni religiose.
L’ 8a indica una quota di imposta che lo Stato italiano ripartisce, in base alle scelte dei contribuenti, ricavata dall’IRPEF,
fra lo Stato e le diverse associazioni no-profit.

Il simbolo ( per mille ) si esprime con una frazione a denominatore 1000.

67
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 68

Algebra - primo anno

PROVA TU
Il 50% di un numero è la sua metà q V q F
Il 10% di 40 è 4 q V q F
Il 2a equivale al 0.2% q V q F
30 è il 20% di 150 q V q F
Il 10% del 30% equivale al 2% q V q F

PROBLEMI SVOLTI
1) In un campeggio con 1200 turisti gli stranieri sono 276, qual è la percentuale degli stranieri?
Si ha: 276 :1200 = x : 100 ⇒ x = 23 ⇒ x = 23%
La percentuale degli stranieri è del 23%.

2) Un paio di scarpe costa 75 €. Se il negoziante decide di applicare uno sconto del 20%, a quale prezzo verranno
vendute? Si può calcolare il 20% di 75 e sottrarlo, poi, a 75 stesso.
Più brevemente: se lo sconto è del 20%, vuol dire che le scarpe vengono pagate l’80% del prezzo iniziale, per cui si ha:

Le scarpe verranno vendute a 60 €.

3) In un negozio di abbigliamento si pratica lo sconto del 30%; se un abito viene venduto al prezzo di 210 €, quanto
costava l’abito? L’abito viene acquistato al prezzo scontato che corrisponde al 70% del costo iniziale dell’abito; si può,
quindi, scrivere: 70 : 100 = 210 : x ⇒ x = 100 . 10 : 70 ⇒ x = 300
L’abito costava 300 €.

4) In un negozio di telefonia il cartellino relativo ad un telefonino porta la scritta: prezzo 240 € “sconto 35% + 10%”.
Quanto verrà pagato il telefonino? Al prezzo scontato, che corrisponde al 65% del prezzo iniziale, viene, cioè, applicato
l’ulteriore sconto del 10%, per cui verrà pagato il 90% del prezzo scontato. Si ha:
90% del 65% di 240 =
Il telefonino verrà pagato 104.4 €.

5) Un problema di saldi
Una polo della Diadora costa 20.00 €. Ai saldi viene venduta a 11.90 €.
Di quanto è stata scontata in percentuale? Se in seguito il negoziante
vuole vendere la maglietta al prezzo iniziale di quanto dovrà aumentarne
il prezzo, in percentuale?
Costruiamo un modello matematico.
Riassumiamo le informazioni a nostra disposizione nella seguente tabella

Le grandezze prezzo iniziale e prezzo scontato costituiscono


due classi di grandezze proporzionali, con costante di Prezzo Prezzo
Sconto
iniziale scontato
proporzionalità 100 – s.
Possiamo affermare che i prezzi iniziali subiscono uno zoom-in
di 100 – s. Osservando la tabella precedente possiamo scrivere 20,00 11,90 s 100 - s
la seguente proporzione: 100 : (100 - s) = P : P'
da cui, per le note proprietà delle proporzioni, si ottiene: 100 ? s 100 - s

P P’ s 100 - s
Sostituendo i dati del problema, si ottiene la proporzione:
100 : (100 – s) = 20,00 : 11,90

68
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 69

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Per determinare s applichiamo la proprietà dello scomporre:


(100 – (100 – s)) : 100 = (20,00 – 11,90) : 20,00
s : 100 = 8,10 : 20,00

La polo è stata scontata del 40,5%.


Troviamo, adesso, la risposta al secondo quesito.
Poniamo: P = prezzo iniziale; P' = prezzo scontato; P'' = prezzo aumentato; a = aumento

Riportiamo, ancora una volta,


le nostre informazioni su una tabella Prezzo Prezzo Prezzo
Sconto
iniziale scontato aumentato
Osservando la tabella possiamo affermare che
i prezzi scontati subiscono uno zoom-out di 100 + a. P P’ a 100 + a P” = P’
Per determinare a impostiamo la seguente proporzione
(modello matematico): (100 + a) :100 = P'' : P'
11,90 a 100 + a 20,00
applicando la proprietà del comporre, otteniamo:
((100 + a) -100):100 = (P''- P') : P'
a :100 = (P''- P') : P' 100 a 100 + a P”

Nel nostro caso, sostituendo i dati della tabella, si ha:

La polo alla fine dovrà essere ricaricata del 68,07%.

6) I ricavi di Facebook : una notevole crescita


“I ricavi di Facebook dello scorso anno sono stati 3,7 miliardi di dollari, ma la cosa più interessante è la sequenza dei
progressivi aumenti del denaro portato in cassa. Nel 2010, solo un anno prima, i ricavi erano stati 1,97 miliardi di dollari
e nel 2009 la società aveva ricavato 777 milioni di dollari. L’utile netto è stato pari a 1 miliardo di dollari nel 2011, circa
400 milioni di dollari in più rispetto al 2010. Nel 2009, invece, l’utile netto fu pari a 229 milioni di dollari. Le cifre comunicate
alla SEC rispecchiano, almeno a grandi linee, le stime più affidabili formulate nel corso degli ultimi anni da analisti e
società finanziarie.” (Fonte : "10 cose che non sapete su Facebook ", il ilpost.it 2/2/2012)

Analizziamo il problema, per capirci un po’ di più.


- Ricavi di Facebook nel 2011: 3,7 miliardi di dollari.
- Ricavi di Facebook nel 2010: 1,97 miliardi di dollari
- Ricavi di Facebook nel 2009: 777 milioni di dollari
- Utile netto di Facebook nel 2011: 1 miliardo di dollari nel 2011
- Circa 400 milioni di dollari in più rispetto al 2010.
- Utile netto di Facebook nel 2009: 229 milioni di dollari.
Confrontiamo i dati e, dopo aver rilevato l’andamento dei ricavi e degli utili netti, facciamo una previsione per il 2012.

1° fase: Costruzione del modello


Riportiamo in una tabella i dati dei ricavi e costruiamone l’istogramma:

Anni Ricavi

2009 777

2010 1970

2011 3700

69
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 70

Algebra - primo anno

Allo stesso modo, riportiamo in una tabella i dati degli utili netti (in milioni di dollari) e costruiamone l’istogramma:

Anni Utile netto

2009 229

2010 600

2011 1000

Media 609,666667

2° fase: studio del modello


Dalle tabelle e dai grafici si evidenzia una crescita sia
dei ricavi sia degli utili negli anni, ma le informazioni
che si ricavano non sono pienamente soddisfacenti.
Rappresentiamo i dati relativi ai ricavi e agli utili con
un altro tipo di grafico (grafico a dispersione):

Da esso si evince che i ricavi non crescono uniformemente


in quanto il suo grafico è più” ripido” nella seconda parte
(2010/2011). Ma in percentuale la crescita è stata maggiore
in tale periodo?
La crescita degli utili netti sembra invece costante. Ma lo è?
Con queste informazioni riusciamo ad effettuare una previsione?

3° fase: validazione del modello


Per poter rispondere alle domande precedenti ed effettuare una previsione occorre integrare questo modello con altre
informazioni.

4° fase: ricostruzione del modello


Aggiungiamo una colonna alle tabelle e riportiamo gli incrementi (differenza dei ricavi o degli utili netti fra due anni successivi),
rispettivamente, dei ricavi e degli utili netti:
Incremento Incremento
Anni Ricavi Anni Utili netti
(Δr) (Δu)

2009 777 2009 229

2010 1970 1193 2010 600 371

2011 3700 1730 2011 1000 400

Osservando gli incrementi degli utili si nota che anch’essi non sono costanti. Calcoliamo la crescita percentuale dei ricavi.

Poniamo: rap = ricavo anno precedente; pr = percentuale incognita.

Determiniamo il quarto proporzionale della seguente proporzione: Δr : rap = pr :100

Relativamente all’anno 2010, si ha la proporzione: 1193 : 777 = pr1 : 100 ⇒

Relativamente all’anno 2011, si ha la proporzione: 1730 : 1970 = pr2 : 100 ⇒

70
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 71

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Calcoliamo, adesso, la crescita percentuale degli utili.


Poniamo: uap = utile anno precedente; pu = percentuale incognita
Determiniamo il quarto proporzionale della seguente proporzione: Δu : uap = pu : 100

Relativamente all’anno 2010, si ha la proporzione: 371 : 229 : pu1 : 100 ⇒

Relativamente all’anno 2011, si ha la proporzione: 400 : 600 = pu2 : 100 ⇒

Supponendo che il trend continui allo stesso modo, cerchiamo di fare delle previsioni.
Riportiamo i dati dei ricavi e degli utili prima determinati in due tabelle, e completiamo la riga di relativa all’anno 2012 di
ciascuna tabella:

Incremento Incremento
Anni Ricavi % Anni Utili netti %
(Δr) (Δu)

2009 777 2009 229

2010 1970 1193 153,54 2010 600 371 162

2011 3700 1730 87,82 2011 1000 400 66,67

2012 ? ? 87,82 2012 ? ? 66,67

Dobbiamo determinare, nuovamente, il quarto proporzionale nelle seguenti proporzioni:

Δri : 3700 : 87,82 : 100 ⇒

Δui : 1000 : 66,67 : 100 ⇒

Siamo, ora in grado di prevedere il ricavo e gli utili del 2012. Basta sommare gli incrementi determinati ai ricavi e agli utili del
2011 e aggiornare le tabelle:

Anni Ricavi Incremento % Anni Utili netti Incremento %

2009 777 2009 229

2010 1970 1193 153,54 2010 600 371 162

2011 3700 1730 87,82 2011 1000 400 66,67

2012 6949,34 3249,34 87,82 2012 1667,7 667,7 66,67

Conclusioni: l’ultimo modello è efficace e ci ha permesso di effettuare la seguente previsione: i ricavi nel 2012 saranno
6949,34 milioni di dollari e gli utili netti saranno pari a 1667,7 milioni di dollari.

71
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 72

Algebra - primo anno

2.11 PROPRIETÀ DELLE OPERAZIONI IN Q


Per le operazioni in Q valgono le proprietà già viste per le operazioni in Z. Nell’insieme Q le operazioni di somma algebrica
e di moltiplicazione sono operazioni interne; infatti la somma algebrica di due qualsiasi numeri razionali è ancora un numero
razionale e il prodotto di due qualsiasi numeri razionali è ancora un numero razionale.
In simboli: ∀a,b ∈ Q: c = a + b ∈ Q ∀a,b ∈ Q: c = a · b ∈ Q
- Per la somma algebrica in Q esiste l’elemento neutro: il numero 0; infatti: ∀a,b ∈ Q, a + 0 = 0 + a = a

- Per la moltiplicazione in Q esiste l’elemento neutro: il numero 1; infatti: ∀a ∈ Q, a · 1 = 1 · a = a

- Ogni numero razionale ammette simmetrico rispetto alla somma algebrica; tale elemento è l’opposto;
infatti ∀a ∈ Q, ∃ a' ∈ Q / a + a'= a'+ a = 0

Si può dimostrare che il simmetrico di un elemento è unico. In Z non esiste il simmetrico di un numero rispetto alla
moltiplicazione; e in Q ?
Ci chiediamo, cioè, se per qualunque numero razionale a esiste un altro numero razionale b tale che a · b = b · a = 1.
Per esempio, consideriamo il numero ; esiste un numero razionale che moltiplicato per dà come risultato 1?
Se rifletti, ti convincerai facilmente che questo numero esiste ed è quello che abbiamo chiamato reciproco; infatti:

Il simmetrico di rispetto all’operazione di moltiplicazione è

Possiamo affermare che tutti i numeri razionali ammettono simmetrico rispetto alla moltiplicazione (cioè sono tutti
simmetrizzabili)? Pensa al numero 0 (ancora lui)!
Se esistesse il simmetrico di 0 rispetto alla moltiplicazione, coerentemente con quanto detto prima, dovrebbe essere il suo
reciproco; allora si avrebbe un numero razionale con denominatore 0 e questo è impossibile; oppure dovrebbe esistere un
numero razionale a tale che a · 0 = 1!
La risposta alla domanda precedente è, quindi, NO! E’ chiaro, allora, che non tutti gli elementi di Q sono simmetrizzabili.
Esiste un insieme numerico per il quale tutti gli elementi sono simmetrizzabili? SÌ! E’ l’insieme dei numeri razionali privato
dello zero, quindi l’insieme Q - {0}.
In simboli: ∀a ∈ Q-{0}: ∃ a' ∈ Q -{0} / a · a' = a · a' = 1
In generale:
- Il simmetrico di un numero razionale (≠ 0) rispetto alla moltiplicazione è il suo reciproco.
Si può dimostrare che tale simmetrico è unico. Per le operazioni in Q possiamo dire che:

L’operazione di somma algebrica, in Q, ammette elemento neutro ed ogni elemento è simmetrizzabile.


L’operazione di moltiplicazione, in Q, ammette elemento neutro, ma non tutti gli elementi ammettono simmetrico.
In Q - {0}, ogni elemento ammette simmetrico rispetto all’operazione di moltiplicazione.

2.12 GLI INSIEMI N, Z, Q


Facciamo una rapida sintesi su quello che abbiamo visto a proposito degli insiemi numerici. Abbiamo visto che, ampliando
l’insieme N, si costruiscono gli altri insiemi numerici Z, Q. Inoltre:
- i numeri relativi positivi si possono “identificare” con i numeri naturali;
- i numeri razionali con denominatore 1 si possono “identificare”
con i numeri interi.

Possiamo, allora, dire che: N


N è sottoinsieme di Z e che Z è sottoinsieme di Q.
Z
In simboli: N ⊂ Z ⊂ Q
Q
Rappresentiamo queste relazioni con i diagrammi di Eulero – Venn:

72
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 73

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

APPROFONDIMENTO
Le operazioni definite in N, Z e Q associano, in modo univoco, a due numeri un altro numero e per questo sono dette
operazioni binarie.

In generale, un’operazione si dice binaria se a due elementi di un dato insieme associa un elemento dello stesso insieme.
Inoltre, avrai sicuramente osservato che, talvolta, le operazioni definite in insiemi diversi hanno le stesse proprietà.

Classifichiamo, allora, gli insiemi numerici in base alle proprietà delle operazioni che in essi sono definite.

L’insieme N è chiuso rispetto alle operazioni di addizione e moltiplicazione; si dice che:


- (N, +) è una struttura algebrica;
- (N, ·) è una struttura algebrica.

L’insieme Z è chiuso rispetto alle operazioni di somma algebrica e di moltiplicazione; quindi:


- (Z, +) è una struttura algebrica;
- (Z, ·) è una struttura algebrica.

L’insieme Q è chiuso rispetto alle operazioni di somma algebrica e di moltiplicazione; quindi:


- (Q, +) è una struttura algebrica;
- (Q, ·) è una struttura algebrica.

Per l’operazione di somma algebrica in Z ed in Q valgono anche altre proprietà:


- l’operazione di somma algebrica è associativa;
- l’operazione di somma algebrica ammette elemento neutro;
- ogni elemento ammette il simmetrico (è, cioè, “simmetrizzabile”).

Allora, si dice che:


- (Z, +) è un gruppo;
- (Q, +) è un gruppo;

Inoltre, la somma algebrica è commutativa; si dice, allora, che:


- (Z, +) è un gruppo abeliano;
- (Q, +) è un gruppo abeliano;

L’operazione di moltiplicazione in Z, pur essendo associativa ed avendo elemento neutro, è tale che ogni elemento di Z
non è simmetrizzabile, quindi (Z, ·) non è un gruppo.
L’operazione di moltiplicazione in Q, pur essendo associativa ed avendo elemento neutro, è tale che ogni elemento di Q
non è simmetrizzabile (ricorda che esiste un numero razionale, lo zero, che non ha simmetrico), quindi (Q, ·) non è un
gruppo.

Si ha, invece, che: (Q - {0}, ·) è un gruppo abeliano.

73
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 74

Algebra - primo anno

ESERCIZI CAPITOLO 2

GLI INSIEMI NUMERICI


Conoscenza e comprensione
1) Completa la seguente tabella, come nell’esempio della seconda riga:

Insieme Simbolo

Numeri naturali N

Numeri interi ……………

……………………………………… N0

Numeri razionali assoluti ……………

Numeri interi negativi ……………

……………………………………… Z+

……………………………………… Q

Numeri razionali positivi ……………

……………………………………… Q-

2) Dopo aver definito il successivo di un numero naturale, completa la seguente tabella come nell’esempio:

n antecedente successivo

3 2 4

…………… 15 ……………

0 …………… ……………

21 …………… ……………

…………… 32 ……………

…………… …………… 32

44 …………… ……………

…………… …………… 101

…………… 0 ……………

3) Come puoi rappresentare i numeri naturali su una retta orientata?


4) Elenca le proprietà dell’addizione e della moltiplicazione in N e fai un esempio per ciascuna di esse.
5) Cosa vuol dire che un insieme è chiuso rispetto ad una operazione?

74
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:22 Pagina 75

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

6) Rispetto a quali operazioni è chiuso l’insieme dei numeri naturali?


7) Quali operazioni non sono interne ad N ?
8) Perché il numero “0” è chiamato elemento neutro dell’addizione in N ?
9) Qual è l’elemento neutro della moltiplicazione in N ?
10) Che cosa si intende per “potenza” di un numero naturale?
11) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:
a) 32 · 34 = 36 q V q F
3 6
b) 5 + 5 = 5 9
q V q F
c) 40 = 0 q V q F
d) 86 : 82 = 84 q V q F
e) 79 - 73 = 76 q V q F
f) 62 · 42 = 244 q V q F
g) 125 : 45 = 35 q V q F
h) 9 · 9 = 3
4 2 10
q V q F
i) 183 : 23 = 36 q V q F
12) Che cos’è il massimo comun divisore fra due o più numeri naturali? Come si indica?
13) Che cos’è il minimo comune multiplo fra due o più numeri naturali? Come si indica?
14) Qual è il procedimento che ti consente di determinare il massimo comun divisore ed il minimo comune multiplo fra
due o più numeri naturali?
15) Perché è stato costruito l’insieme dei numeri interi (relativi)?
16) Quando due numeri interi sono concordi? E quando sono discordi?
17) Scrivi almeno tre coppie di interi concordi e tre coppie di interi discordi.
18) Come rappresenti i numeri interi su una retta orientata?
19) Che cosa si intende per valore assoluto o modulo di un numero intero?
20) Quando due interi si dicono opposti? Scrivi almeno tre coppie di numeri opposti.
21) Che cosa si intende per “somma algebrica” in Z ?
22) Quali operazioni sono interne a Z ? Quali non sono interne a Z ?
23) Quali operazioni, in Z, ammettono elemento neutro? Qual è l’elemento neutro per ciascuna di esse?
24) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:
a) La somma di due numeri concordi è sempre positiva. qV qF
b) La somma di due numeri discordi è sempre concorde con il primo numero. qV qF
c) La differenza fra due numeri discordi è sempre negativa. qV qF
d) Il prodotto di due numeri concordi è sempre positivo. qV qF
e) Il quoziente di due numeri discordi, se esiste, è negativo. qV qF
f) La somma di due numeri discordi ha per modulo la differenza dei moduli dei due numeri. qV qF
25) Cosa significa che ogni elemento di Z è simmetrizzabile rispetto all’operazione di somma algebrica?
26) Ogni elemento di Z è simmetrizzabile rispetto all’operazione di moltiplicazione?
27) Perché è stato necessario “costruire” l’insieme dei numeri razionali?
28) Quali delle seguenti affermazioni sono vere?
a) Una frazione si dice apparente soltanto se numeratore e denominatore sono uguali. q V qF
b) Una frazione si dice impropria soltanto se il denominatore è un multiplo del numeratore. q V qF
c) Una frazione si dice ridotta ai minimi termini se il numeratore è minore del denominatore. q V qF
d) Una frazione si dice impropria se il numeratore è un multiplo del denominatore. q V qF
e) Una frazione si dice apparente se il numeratore è un multiplo del denominatore. q V qF
f) Una frazione si dice propria se il numeratore è minore del denominatore. q V qF
g) Una frazione si dice ridotta ai minimi termini se il numeratore e il denominatore sono numeri primi. q V qF
h) Una frazione si dice ridotta ai minimi termini se numeratore e denominatore sono coprimi. q V qF

75
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 76

Algebra - primo anno

29) Due frazioni sono equivalenti se: a) s · k = p · m b) k · p = m · s c) s - m = k - p d) s + k = p + m

30) Come definisci un numero razionale assoluto?

31) Qual è il significato della scrittura

32) A quale classe appartiene la frazione

33) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:

q V q F q V q F

q V q F q V q F

q V q F q V q F

q V q F q V q F

34) Come rappresenti i numeri razionali su una retta orientata?

35) È possibile stabilire, senza eseguire la divisione, se una frazione genera un numero decimale finito o un numero
periodico? Come procedi per stabilire se il numero è periodico semplice o periodico misto?

36) Quale, delle seguenti relazioni è vera?

37) Come operi per eseguire la somma fra due numeri razionali (distingui i due casi: 1) i numeri hanno lo stesso
denominatore; 2) i numeri hanno denominatore diverso)? E per eseguire la moltiplicazione? E per eseguire la divisione?

38) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:

q V q F q V q F

q V q F q V q F

39) Quali operazioni sono interne all’insieme Q ? E quali ammettono elemento neutro?

40) Ogni elemento di Q è simmetrizzabile rispetto alla somma algebrica? E rispetto alla moltiplicazione?

41) Con quale numero razionale puoi identificare una potenza con esponente negativo?

42) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:


−4
a) 2−3 = −23
4
q V q F 3 5
d) − = − q V q F
−2 5 3
4 52
b) b b = 2 q V q F 2 5 3
5 4 2 5 2
e) − ⋅ − = − q V q F
7 7 5 2 5
1 1
c) − = − q V q F
2 2

76
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 77

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

ESERCIZI
L’insieme N
43) A quali dei seguenti insiemi puoi associare il numero naturale “4”?
A = {x / x è una lettera della parola “collo”};
B = {x / x è una lettera della parola “colla”};
C = {x / x è una lettera della parola “Marta”};
D = {x / x è una lettera della parola “pollo”};
E = {x / x è una lettera della parola “parco”}.

44) Uno solo dei seguenti insiemi non definisce il numero naturale “5”; quale?
A = {x / x è una lettera della parola “roccia”};
B = {x / x è una lettera della parola “marina”};
C = {x / x è uno dei continenti della Terra};
D = {x / x è una lettera della parola “pareo”};
E = {x / x è una lettera della parola “calcio”}.

45) Individua tre insiemi che definiscono, rispettivamente, i numeri naturali 5, 9, 10.
46) Indica se, nell’insieme N, le seguenti affermazioni sono vere o false:
a) 11 è il precedente di 10 q V qF
b) 11 è il successivo di 10 q V qF
c) 12 è il precedente di 14 q V qF
d) 9 < 9 q V qF
e) 2 ≠ 6 q V qF
f) 302 è un numero dispari q V qF
g) 3024 è un numero pari q V qF
h) l’antecedente di un numero pari è dispari q V qF
i) 7 ≥ 7 q V qF
l) 252 è divisibile per 3 q V qF

47) Dire se ciascuna delle seguenti scritture è “corretta” o “non corretta”:


27 > 27 ……………………………
27 = 27 ……………………………
27 ≥ 27 ……………………………
27 < 27 ……………………………
27 ≤ 27 ……………………………

48) Traduci le seguenti frasi nella simbologia matematica:


a) 10 è diverso da 21 ………………………
b) 24 è minore di 27 ………………………
c) 35 è maggiore di 31 ………………………
d) a è maggiore di b ………………………
e) a è maggiore o uguale a b ………………………
f) x è uguale a 23 ………………………
g) x è minore o uguale a 8 ………………………
h) a è maggiore di 2 e minore di 7 ………………………
i) a è maggiore o uguale a b e minore di 10 ………………………
l) a è maggiore di 8 e minore o uguale a 12 ………………………
m) a è maggiore o uguale a 20 e minore o uguale a 30 ………………………
n) a è diverso da b ………………………

77
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 78

Algebra - primo anno

Inserire al posto dei puntini uno dei simboli “<” (minore), “ >” (maggiore), così da ottenere relazioni corrette.
49) 3 …..…. 5 15 ….... 21 12 …..... 10 54) 625 ….... 619 71 …........... 59 184 .......... 183
50) 7 …..…. 0 34 ….... 72 15 ...….. 12 55) 2720 ….. 294 536 …......... 29 444 .......... 356
51) 0 …..…. 7 25 ….... 15 26 …..... 28 56) n - 1 …...... n n ….......... n + 1 n + 3 ….. n + 2
52) 19 …... 41 43 ….... 97 137 ..... 130 57) 2n + 3 …... 2 2n - 1 …....... 2n n - 3 ….... n - 4
53) 2 ….. 640 89 ….... 88 72 ....... 124 58) 2n + 6 …... 5 n - 10 ….. n - 12 5 - 2n …....... 0

59) Disponi in ordine crescente i seguenti numeri: 23 , 5 , 9 , 72 , 624 , 103 , 11 , 499 , 71 .


60) Disponi in ordine decrescente i seguenti numeri: 6 , 83 , 27 , 122 , 101 , 98 , 59 , 77 , 90 , 299 .
61) Scrivi il precedente ed il successivo di ognuno dei seguenti numeri naturali:
1 ; 7 ; 12 ; 152 ; 0 ; 3099 ; 99999 ; n ; n - 1 ; n + 2 .
62) Scrivi i numeri naturali n che soddisfano le seguenti relazioni:
a) n < 5 …………………………....... g) 5 ≤ n < 11 ……………………….....
b) n ≤ 5 …………………………....... h) 5 < n ≤ 11 ……………………….....
c) n > 5 …………………………....... i) 5 < n < 11 ……………………….....
d) n < 1 …………………………....... l) 5 ≤ n ≤ 11 ……………………….....
e) n ≤ 0 …………………………....... m) n ≤ 1 ………………........……….....
f) 5 < n < 6 ………………………..... n) n < 0 ………………........……….....

63) Rappresenta su una retta orientata (ricorda dalla teoria che per rappresentare l’insieme N è sufficiente una semiretta
ma … ) i seguenti numeri: 7, 0, 1, 9, 14, 10, 3 .
64) Rappresenta su una retta orientata i seguenti numeri: 0 , 80 , 160 , 120 , 40 , 100 , 20 .
Perché non è opportuno scegliere come unità di misura la stessa dell’esercizio precedente?
65) Completa la seguente tabella eseguendo in N l’operazione indicata:

+ 0 1 3 5 10 18
0
2
9
10
15
Vi è qualche casella che rimane
18
“vuota”? Cosa puoi dedurre?

66) Completa la seguente tabella eseguendo in N l’operazione indicata:

+ 0 1 3 5 10 18
0
2
9
10
15
Vi è qualche casella che rimane
18
“vuota”? Cosa puoi dedurre?

78
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 79

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

67) Completa la seguente tabella eseguendo l’operazione indicata:

· 0 1 3 5 10 18
0
2
9
10
15
Vi è qualche casella che rimane
18
“vuota”? Cosa puoi dedurre?

68) Completa la seguente tabella eseguendo in N l’operazione indicata:

: 0 1 3 5 10 18
0
2
9
10
15
18
Vi è qualche casella che rimane
20
“vuota”? Cosa puoi dedurre?

69) Riscrivi con i simboli della matematica le seguenti frasi e stabilisci se esse sono vere o false come nell’esempio:

Se dal doppio di 12 si sottrae il triplo di 4 si ottiene 12. 2 · 12 – 3 · 4 = 12 qV q F

a) Aggiungendo 8 al quoziente fra 15 e 3 si ottiene la differenza


q V q F
fra il quadruplo di 5 e il doppio di 3.

b) La somma fra la quarta parte di 24 e il doppio di 3 è uguale


q V q F
alla differenza fra il triplo di 5 e 3.

c) Il doppio della somma fra 7 e 4, diminuito di 5, è uguale al


q V q F
triplo di 6.

d) Il quadrato di 6, diminuito di 20, è uguale al quadrato di 4. qV q F

e) Se al cubo di 3 aggiungi il quadrato di 5 ottieni il triplo di 18. qV q F

f) Se moltiplichi il quadrato della differenza fra 15 e il doppio


di 5 per 3 ottieni un numero uguale alla somma fra il doppio qV q F
di 30 e il triplo di 5.

79
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 80

Algebra - primo anno

70) Inserisci al posto dei puntini il numero mancante e indica l’operazione eseguita per ottenere quel numero:
a) 7 + …...… = 16 l’operazione eseguita è ………………. e il risultato è la …………….
b) 12 – …...… = 3 l’operazione eseguita è …………….…. e il risultato è la …………….
c) ……. + 23 = 35 l’operazione eseguita è ………….……. e il risultato è la …………….
d) …....... · 2 = 88 l’operazione eseguita è ………………. e il risultato è il …………….
e) …......... - 9 = 7 l’operazione eseguita è ………………. e il risultato è la …………….
f) 30 : …....... = 5 l’operazione eseguita è ………………. e il risultato è il …………….
g) .......... · 31 = 0 l’operazione eseguita è ………………. e il risultato è il …………….
h) …....... : 6 = 16 l’operazione eseguita è ………………. e il risultato è il …………….

Calcola le seguenti espressioni in N:


71) 33 – 21 + 16 […]
72) 24 – 3 + 12 – 10 [23]
73) 104 – 36 + 15 [83]
74) 87 – 40 – 27 [20]
75) 18 – 35 : 7 [ ... ]
76) 7·9–6·5 […]
77) 21 : 3 – 14 : 2 […]
78) 10 · 2 – 2 · 3 + 5 – 3 [16]
79) 49 : 7 + 18 : 9 – 20 : 20 [8]
80) 56 + 12 + (30 + 15 – 9) + 4 [108]
81) 34 – (25 – 6 + 10) – 5 [0]
82) (18 + 90 – 73) + 12 – (56 + 34 – 80) [37]
83) (12 + 4 · 2) – (5 · 4 – 5) : 3 [15]
84) (10 · 2 – 2 · 3 – 15 : 15) : (3 · 5 – 28 : 2 – 1) [imp. perchè?]
85) (38 + 97) + [20 + (36 – 12)] + (12 + 72 – 80) [183]
86) 154 – [139 – (54 + 70) + 2] – (86 – 19) [70]
87) (29 + 54 – 10) – [(250 – 138) – (45 + 15 – 20)] [1]
88) 24 · 3 + 12 · 2 – 50 [46]
89) 2 · (12 + 3) + 7 · 2 – 20 [24]
90) 42 – [24 – (2 · 3 + 8)] [32]
91) 7 + [(11 – 2 · 5) + (6 + 3) · 4 – 20] [24]
92) 54 + 3 – [46 – (20 · 3 – 49) – (24 – 10 · 2)] [26]
93) 54 – {36 – [10 + (7 · 3 – 5) – 9] · 2}– 38 [14]
94) (28 – 3 · 7) + {12 · 10 – [9 + (34 · 12 – 26 · 13) – (5 · 12 – 58)]} [50]
95) 12 + 72 : 9 – 3 · 4 + 21 – 14 [15]
96) [18 – 3 · (3 · 8 – 5 · 4)] : (21 – 3 · 5) [1]
97) {[12 – (15 : 3 + 5) + 4 · 5] : 11 + (14 · 5 : 10 + 12 : 4)} : (6 · 8 – 5 · 9) [4]
98) 64 : 16 · {(7 · 5 – 3 · 5) · (7 · 2 – 4) : [(6 · 9 – 27 · 2) + (3 + 22 : 11)] · (13 · 3 – 12 · 3)} [480]
99) [3 + (10 · 4 – 19 · 2 + 3)] : (28 : 7 + 12 : 3) [1]
100) {[21 – (44 : 11 + 24 : 3) + (6 · 7 – 21) · 2] : 17 + 12 · 10 – 23} : (5 · 5 – 15) [10]

80
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 81

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Esempio

Sostituisci x con un numero naturale in modo che le seguenti relazioni siano vere:
a) x – 3 = 0; b) 2 · x = 0; c) 2 · x - 4 = 0.

a) La differenza fra due numeri naturali è 0 quando i due numeri naturali sono uguali; quindi x deve essere uguale a 3.
b) Ricorda la legge di annullamento del prodotto: il numero richiesto è, dunque, 0.
c) La differenza fra due numeri naturali è 0 quando i due numeri naturali sono uguali;
allora deve essere 2 · x = 4. Per ottenere x è sufficiente dividere i prodotto per 2: il numero richiesto è 2.

Sostituisci, se possibile, x con il numero naturale che rende vera ciascuna delle seguenti uguaglianze:
101) 1 · x = 0 x+0=0 x·0=0
102) x + 12 = 18 x : 9 = 27 20 : x = 10
103) 5 · x + 2 = 22 2·x–5=7 10 · x + 1 = 31
104) 5 : 0 = x 0:5=x 0:0=x
105) 20 – (x + 2) = 12 2 · (x – 3) = 0 26 + (x - 4) = 26
106) (x – 3) · (x – 5) = 0 (2 · x - 4) · (x + 7) = 0 5 · (x – 11) = 0
107) 3 · (x + 2) = 0 4 · (x - 1) = 16 9 - (x + 2) · (x -1) = 9
108) (x – 3) : 5 = 0 6 : (x – 1) = 1 (x + 2) : 9 = 2
109) (2 · x + 8) : 6 = 8 (x - 10) : 2 = 10 (4 - x) : 3 = 0

110) Barra con il segno × le caselle corrispondenti alle operazioni che rendono vere le seguenti proposizioni:
a) N è chiuso rispetto all’operazione + - · :

b) 1 è l’elemento neutro per l’operazione + - · :

c) 0 è l’elemento neutro per l’operazione + - · :

d) L’insieme P dei numeri pari è chiuso rispetto all’operazione + - · :

e) L’insieme D dei numeri dispari è chiuso rispetto all’operazione + - · :

f) L’operazione è commutativa in N + - · :

g) L’operazione è associativa in N + - · :

Per ciascuna delle seguenti operazioni indica la proprietà applicata:


111) 5 + 9 = 9 + 5 ………………………………………
112) 3 · 9 · 2 = 27 · 2 ………………………………………
113) 12 + 7 + 13 = 12 + 20 ………………………………………
114) 225 : 45 = 25 : 5 ………………………………………
115) (12 + 5) · 3 = 36 + 15 ………………………………………
116) a · b = b · a ………………………………………
117) (a + b) · c = a · c + b · c ………………………………………

Applicando la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto all’addizione o alla sottrazione e, senza far uso della
calcolatrice, determina il valore delle seguenti espressioni:
118) 15 · (23 + 12) 122) 45 · (157 + 43) 126) (43 + 56 + 21) · 3
119) (34 - 15) · 24 123) 74 · (238 - 145) 127) 13 · (23 + 5 - 12)
120) 36 · (42 + 65) 124) (45 - 21) · 13 128) (35 - 12 + 24) · 17
121) (108 - 76) · 57 125) (32 + 12) · 9

81
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 82

Algebra - primo anno

Applicando la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto all’addizione o sottrazione, completa le seguenti
uguaglianze in modo che risultino vere:
129) 3 · (5 + 4) = 3 · …… + …… · 4 = …… + 12 = 27
130) 6 · (9 - 2) = …… · 9 - 6 · …… = ….... - …… = ……
131) …… · (12 + 3) = 2 · …... + 2 · …... = 24 + …… = 30
132) 7 · (…… - 4) = 7 · ……- 7 · 4 = …… - …… = 42
133) …… · (15 - ……) = 6 · …… - …… · 7 = …... - 42 = 48

Applicando la proprietà distributiva della divisione rispetto all’addizione o alla sottrazione e, senza far uso della calcolatrice,
determina il valore delle seguenti espressioni:
134) (32 + 44) : 4 (225 - 165) : 15
135) (36 + 180) : 12 (72 - 40) : 8
136) (385 - 245) : 14 (64 + 352) : 16

Calcola il valore delle seguenti potenze: 31; 18 ; 32; 25; 42; 40; 53; 120; 07.

137) Completa le seguenti uguaglianze come mostrato nel primo esempio:


105 = 100.000
107 = ………
102 = ………
101 = ………

138) Scrivi i seguenti numeri come potenze che hanno base 10:
10 = ………
1.000 = ………
100.000 = ………
100.000.000 = ………

139) Completa in modo da ottenere uguaglianze vere:


a) 75 · 7… = 79 (35)… = 320
b) 125 : 4…. = 35 3… · 4… = 123
c) (54 · 54) 3 : 5… = 25
d) 164 = (80 : 5)4 = 80… : 5…
e) (2… · 34 ) 2 = 6…
f) 7… = 74 + …. = 7… · 75
g) (72 · 75)2 : (710 · 7…) = 1
h) 37 = (.... : 6)7 = ….. …. : 6 ….

140) Le seguenti relazioni non sono corrette. Correggi gli errori:


a) 25 × 24 : 23 = 217
b) (96 : 92)5 = 915
c) 156 + 154 = 1510
d) 215 : 75 × 32 = 97

82
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 83

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Risolvi applicando le proprietà delle potenze:


141) 32 · 35 ; 67 : 65 ; 25 · 44
142) (135 · 136) : 1310 ; 74 · 79 : 710
143) (162 : 82) · (123: 63)
144) (24 · 23 )2 : 210 [24]
145) (35 : 32 ) · 30 : (32 · 3) [1]
146) (7 · 7 ) : [(7 ) · 7 ] : 7
5 24 32 9 5
[78]
147) 136 : (132 ·134 )· (133)5 [1315]
148) [(34)5 · 33 : (32)0] : (37 · 32)2 · 36 [311]
149) (39 · 33 · 30) : (33)4 [1]
150) [5 · (5 · 5 ) : 5 ]
10 6 5 19 0
[1]
151) {[(57 · 53)2 : 515]2 : 56}3 : 510 [52]
152) [(45 : 25)3 · (123 : 63) ] : 210 [28]

Esempio

Applicando le proprietà delle potenze, calcola il valore delle seguenti espressioni:


a) 23 · (82 : 4) b) 123 · 16 · 92

a) Riscrivi, prima, le basi di ciascuna potenza come potenza di 2 e, successivamente, applica le proprietà delle potenze.
Ottieni: 23 · [(23)2: 22] = 23 · (26 : 22 ) = 23 · 24 = 27
b) Scomponi in fattori le basi di ciascuna potenza e, successivamente, applica le proprietà delle potenze e le proprietà
commutativa e associativa della moltiplicazione.
Ottieni: (22 · 3)3 · 24 · (32 )2 = (22)3 · 33 · 24 · 34 = (26 · 24 )· (33 · 34 ) = 210 · 37

Applicando le proprietà delle potenze, come nell’esempio, calcola il valore delle seguenti espressioni:
153) [274 · 93 : (812 · 9)· 272 ]3 : 815 [322]
154) {43 · [163 : (8 · 64 : 4)]:128}· 322 [214]
155) 183 · 252 · 154 · 8 [26 · 310 · 58]
156) (122 · 63 )4 : (182 · 243 ) [217 · 313]
157) [(36 : 93) · 27]3 : 39 [ …]
158) [242 · (43)5 : 32] · 162 [244]

Calcola il valore delle seguenti espressioni, applicando, se possibile, le proprietà delle potenze:
159) (35 : 27 + 9 · 2) : {35 : 32 · [15 – (4 · 5 – 32) : 11 – (4 · 2 – 50) · 2 + 30]} [1]
160) [(34 – 25 – 52) : 23 + 32 · 5 – 114 : 114 + 25 : 32] : (3 · 24) + (113)0 [2]
161) {[(47 : 45 + 32)2 : 52 – (53 – 11 · 10)2 : 32] : [(53 – 3)0 – (34 : 81)]} + 7 [Priva di significato]
162) {5 : 5 – 10 · 10 : [15 · 15 : 15 – (4 · 8 + 6 – 5 : 5 · 10 – 7 · 3) + 10] } :
3 3 3 4 5 2 4 3 0 2 3 2

: [34 : 32 + 3 · 2]2 [1]


163) {[(37 : 34)5 : (34 · 33)] : 35 – 32 · 2} : [(35)2 : 39] + {[(42 · 3 – 25 + 2) : 6]2 + 30} : 5 [5]

83
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 84

Algebra - primo anno

164) Completa in modo che le seguenti relazioni siano vere (esempi pag. 37):
a) 2 · … + ….. · 10 0 = 23
b) …. · 10 2 + 4 · …. + …. · 10 0 = 240
c) 4 · .… + 2 · …. = 402
d) 1 · …. + … · 10 + 3 · …. = 1063
e) 2 · …. + 3 · …. = 2030

165) Scrivi in forma polinomiale i seguenti numeri naturali: 37; 245; 425; 3678; 12698; 13065; 1001 .

DIVISIBILITA’
166) Stabilisci se le seguenti proposizioni sono vere o false:
a) Un numero è divisibile per 4 se lo è la somma delle sue cifre. q V q F
b) Un numero è divisibile per 5 soltanto se termina con 0. q V q F
c) Se l’ultima cifra di un numero è 6, esso è divisibile per 2. q V q F
d) Un numero che termina con 5 è divisibile per 5. q V q F
e) Un numero è divisibile per 3 se lo è il prodotto delle sue cifre. q V q F
f) Un numero pari è sempre divisibile per 4. q V q F
g) Un numero pari, multiplo di 5, è divisibile per 10. q V q F
h) Un numero pari tale che la somma delle sue cifre è multiplo di 3 è divisibile per 6. q V q F
i) Un numero che termina con 4 o con 8 è divisibile per 4. q V q F

Scomponi in fattori primi i seguenti numeri:


167) 936 ; 2.646 ; 1.296 ; 60.480 ; 42.000 .
168) 12.000 ; 21.168 ; 13.552 ; 43.200 ; 1.690 .
169) 77.077 ; 23.625 ; 201.344 ; 4.900 ; 17.303 .

170) Determina il M.C.D. e il m.c.m. fra i seguenti gruppi di monomi:


a) 792 ; 1080 [72 ; 11.880]
b) 1890 ; 4620 [210 ; 41.580]
c) 3840 ; 2160 ; 540 [60 ; 34.560]
d) 4536 ; 1890 ; 1260 [126 ; 22.680]

Applicando la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto all’addizione o alla sottrazione, riscrivi le seguenti addizioni
o sottrazioni come prodotto fra un fattore esterno ed una addizione o sottrazione fra numeri coprimi:
171) 60 + 198
172) 72 – 48
173) 819 - 294
174) 4500 - 2835
175) 1081 + 2940
176) 340 – 128
177) 216 + 660
178) 2450 + 3600
179) 8624 - 1872
180) 630 + 294
181) 220 + 165 – 330
182) 280 + 385 – 245
183) 210 + 60 + 90

84
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 85

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

L’INSIEME Z
184) Nella seguente tabelle n è un intero relativo; completala:
n precedente successivo
+5 …. ….
…. –8 ….
…. …. +1
– 208 …. ….
…. + 11 ….
…. …. – 17
+ 21 …. ….
…. …. – 101
–a …. ….
a …. ….

185) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:


a) Il successivo di un intero negativo può essere un intero positivo. q V q F
b) Il precedente di un intero positivo può essere un intero negativo. q V q F
c) Il successivo di un intero positivo è sempre un intero positivo. q V q F
d) Il precedente di un intero positivo può essere 0. q V q F
e) Il successivo di un numero non negativo è sempre positivo. q V q F
f) Il successivo di un intero negativo è sempre un intero negativo. q V q F
g) Il precedente di un intero positivo è sempre positivo. q V q F
h) Il successivo di un intero non positivo può essere positivo q V q F
i) Il precedente di un intero negativo è sempre un intero negativo. q V q F
l) Il precedente di un intero non positivo è sempre un intero negativo. q V q F
m) Il successivo di un intero negativo può essere 0. q V q F
n) Se il precedente ed il successivo di un intero n sono entrambi negativi,
allora n è un intero negativo. q V q F
o) Se il precedente ed il successivo di un intero b sono discordi, allora b è 0. q V q F

Inserisci al posto dei puntini uno dei simboli “<”, “ >”, in modo da ottenere relazioni vere:
186) – 3 ….. + 2 ; + 3 ….. + 2 ; 0 ….. – 1 .
187) – 12 ….. – 3 ; + 1 ….. – 4 ; – 5 ..... 0 .
188) – 205 ….. + 1 ; + 5 ….. + 3 ; + 72 ..... – 124.
189) - 5 …. +1 ; - 3…. - 7 ; + 5 …. +1 .

Sapendo che n < 0, completa inserendo al posto dei puntini uno dei simboli “<”, “>”, in modo da ottenere relazioni vere:
190) n …. n - 1 ; - n - 1 …. n ; - n + 1…. 0
191) - n …. 0 ; - n ….. n ; - n + 1…. 1
192) |- n| …. 0 ; - |- n| - 1…. 0 ; |- n| + 1 …. 0

85
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 86

Algebra - primo anno

Scrivi in forma tabulare gli insiemi formati dai numeri interi che soddisfano le seguenti relazioni:
193) – 2 ≤ a ≤ 3 A = { ……………… } 199) + 6 < g < 7 ………………………
194) – 1 ≤ b < 2 B = { ……………… } 200) + 2 < h < + 3 ………………………
195) – 3 < c < + 3 ……………………… 201) – 7 ≤ m ≤ – 1 ………………………
196) – 1 < d ≤ 3 ……………………… 202) - 5 < n < - 4 ………………………
197) – 7 ≤ e < – 1 ……………………… 203) - 1 < p ≤ 0 ………………………
198) + 2 ≤ f < + 3 ………………………

204) Scrivi prima in ordine crescente e, successivamente, in ordine decrescente i seguenti interi:
-4; +3; -5; + 10 ; - 11 ; 0;-1; +2.

205) Rappresenta su una retta orientata i seguenti interi: -5; +4; +1; -3;+6; -2; 0.
206) Completa la seguente tabella:

–7 +1 – 103 –1 –4 0 + 12 –5 +5 + 10
scrivi l’opposto di ciascun
numero
scrivi l’opposto dell’opposto
di ciascun numero
scrivi il modulo di ciascun
numero
scrivi il modulo dell’opposto
di ciascun numero
scrivi l’opposto del modulo
di ciascun numero

LE OPERAZIONI IN Z
207) Completa le seguenti tabelle:

a b a + (– b) -a+b – a + (– b) a b a–b b–a –a–b

–5 –9
– 12 +7
+7 – 12

+1 –4 –6

+8 + 12
–2 – 13 + 15

– 10 +3
+5
+6 –1

Completa in modo che le seguenti relazioni siano corrette:


208) (- 5) + (……) = 0 ; (+12) - (……) = + 16 ; (…..) - (- 15) = + 30 .
209) (+ 18) + (…..) = + 25 ; (…...) + (- 8) = - 20 ; (- 24) - (…..) = 0 .
210) (- 58) - (…..) + (+ 32) = + 7 ; (……) + (- 24) + (- 18) = - 64 .

86
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 87

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Esegui le seguenti addizioni e sottrazioni di numeri interi:


211) (– 10) + (– 8) ; (– 12) + (+ 9) ; (+ 15) + (– 20)
212) (+ 8) – (+ 7) ; (+ 12) – (– 5) ; (+ 4) – (– 9)
213) (+ 7) + (+ 2) ; (+ 12) + (+ 7) ; (– 3) + (+ 3)
214) ( - 4) - (+ 21) ; (+ 32) - (+ 45) ; (-24) - (-9)
215) (– 11) – (+ 4) ; (– 9) – (– 7) ; (- 5) – (– 5)
216) (+7) + (-5) - (+ 6) ; (-3) + (-12) + (+ 21)
217) (– 102) – (– 305); (+ 97) – (– 101) ; (-304) – (– 703)
218) (-12) - (- 45) - (+ 23)
219) (+ 7) + (+ 2) + (– 8) + (– 5) + (+ 3)
220) (– 3) + (– 5) + (– 1) + (– 4) + (– 12)
221) (+ 7) + (+ 1) + (+ 3) + (+ 9)
222) (- 201) + (+ 172) + (– 36) + (+ 55)

223) Completa la seguente tabella:


a b –a –b ∣a∣ ∣b∣ ∣– a∣ ∣– b∣ a+b a + (– b) ∣a∣ + ∣b∣ ∣a + b∣

–7 –4

+3 –5

+2 +6

– 12 + 10

–9 –9

0 – 15

–8 +8

224) Dal confronto delle ultime due colonne dell’esercizio precedente stabilisci quali delle seguenti relazioni è vera:
a) ∣a∣ + ∣b∣ < ∣a + b∣ ; d) ∣a∣ + ∣b∣ ≤ ∣a + b∣ ;
b) ∣a∣ + ∣b∣ > ∣a + b∣ ; e) ∣a∣ + ∣b∣ ≥ ∣a + b∣ .
c) ∣a∣ + ∣b∣ = ∣a + b∣ ;

Esegui le seguenti somme algebriche:


225) (– 7) + (+ 3) – (– 12) + (– 3) – (– 5) [+ 10]
226) (– 23) – (– 21) + (– 2) – (– 13) + (– 12) [– 3]
227) – 8 – 5 – 12 + 7 – 9 + 5 [– 22]
228) – 121 + 102 – 37 – 12 + 47 [– 21]
229) – (– 7 + 2) + (– 9 + 4 – 2) + 2 [0]
230) – { – [– (– 12 + 3) – (– 8 + 9) + (+ 5 – 7)] – 3} – 8 [+ 1]
231) – { – [– (– 1 – 5)] – [– (– 7 + 8)] – 3} – 8 [0]
232) 26 – {– [– 5 – (– 7 – 21 + 6) + (– 9 – 2)] – [– 7 – (– 10 – 7) – (– 3 + 5)] + 5} – 14 [+ 21]

87
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 88

Algebra - primo anno

Riscrivi le seguenti espressioni togliendo tutte le parentesi e, successivamente, calcolane il valore:


233) - [- (5 + 8 - 2) + (7 + 12 - 20 - 4)] - (- 2 + 6 + 11)
234) - {- 15 + [-12 + 3 - ( 7 - 25) + 14] - 21} + 8
235) 32 + {- 15 - [5 + (24 - 16 + 7) – 13] – 20 - (- 7 + 18)}+ 10
236) - {- [- (-2 – 7 – 3) + 21- 4] – 16} + [- (- 5 – 8) + 25] + 1
237) - 3 + {- 1 - [1 – 5 – 12 + (5 – 14 – 6) + 8] – 4} - (- 13 – 21 + 33)

238) Completa la tabella:


a b a·b a · (– b) (– a) · b (– a) · (– b)
–2 +3
– 10 –2
+7 –3
+1 –5
–0 –4
0 0
+3 +5

Esegui le seguenti moltiplicazioni:


239) (+ 7) · (+ 12) ; (- 7) · (+ 9) ; (– 5) · (– 9) .
240) (– 18) · (- 32) ; (+ 15) · (– 12) ; (- 25) · (– 1) .
241) (– 7) · (– 5) · (- 3) ; (– 2) · (+ 3) · (– 4) · (– 1) · (+ 10) .

Calcola il valore delle seguenti espressioni:


242) (+ 3) · (– 5) – {– [– 7 · (– 3 + 2) – 6 · (– 5 + 7)] + 11} · (– 1) + 3 [+ 4]
243) (+ 5 – 3) · [– 2 + (– 2 + 7 + 4) · (– 2)] + (– 2 – 5) · [(– 3) · (– 6 + 10 – 1)] [+ 23]
244) (– 4 + 7) · [– 3 – 2 + (– 3) · (– 5 + 3) · (3 + 5) – 1] + (+ 3) · (– 2) [+ 120]
245) {- 3 · [2 + (- 5 - 3) · 3 - (- 6 + 2)] · (- 2) – 10} · (2 – 4) [+ 236]

246) Completa la seguente tabella:


a b a:b a : (– b) (– a) : (– b) (– a) : b (– a) : (– a)
+ 28 –7
– 33 + 11
– 30 –6
– 35 +5
– 52 – 13
+ 48 +8
0 –6
+ 12 –1

Esegui le seguenti divisioni:


247) (- 9) : (+ 3) ; (+ 24) : (- 8) ; (- 32) : (- 8) ; (+ 49) : (- 7) .
248) (- 252) : (- 9) : (- 4) ; [(- 63) : (- 7)] : (+ 9) ; (- 56) : [(+ 36) : (- 9)] .
249) - 48 : [- 42 : (- 7) ] : [(- 16) : (+ 4)]; + 16 : {[- 20 : (+ 5)] : [- 6 : (- 3)]} : [(- 4) : (- 4)] .

88
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 89

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Completa in modo che le seguenti relazioni siano corrette:


250) (- 4) · (…..) = - 36 ; (… 7) · (+ ….) = - 56 ; (+ ….) · (… 9) = + 63
251) (- ….) · (… 45) = - 45 ; (-….) · (… 42) = + 294 ; (+ 43) × (…..) = 0
252) (+ ….) : (… 8) = - 9 ; (…45) : (+ 3) = - …… ; (- … ) : (… 12) = + 9
253) (+ ….) · (… 1) = - 37 ; (… 27) · (- 13) = …; (- ….) · (…25) = + 100
254) (+ 35) : (…. ) = + 7 ; (- ….) : (… 14) = + 1 ; (……) : (+ 16) = 0
255) (+….) · (…7) · (+ 12) = - 252 ; (- 9) · (… 12) · (- ….) = - 324
256) (+ 12) : (- ….) · (… 7) = + 21; (+ 14) · (- …) : (… 10) = - 7

Calcola il valore delle seguenti espressioni:


257) [3 · (6 - 8) + 10 : (- 2 )] · (- 2) – [3 · 5 + 3 · (- 4) – (+ 20) : (- 5)] – 5 [10]
258) {- [- (- 7 + 4) · (5 – 7) – (- 20) : (- 10)] · (- 10) + (- 10 + 2) · (- 7 – 2 )} : (- 8 + 6) [4]
259) {[- (- 5 + 4) · (- 2) - (- 72) : 3 : (- 6)] · [(- 8) : 2 – (- 4 · 3 + 2)] - 4} : (+ 10) [- 4]
260) {[(- 10) : 5 – 12 : 3 – 8 : (- 2)] · (4 – 10) – (- 12) : ( - 3)} - {[(- 8) : (- 2) +
+ 8 · (- 10) : 5 – (+ 40) : (- 10) : 2] – 2} : (- 2 + 5) – 4 [8]

Traduci in espressioni le seguenti frasi e calcolane il valore:


261) Aggiungi il quadruplo di – 2 alla differenza tra il triplo di – 3 e il doppio di 2. [– 21]
262) Somma il prodotto di 3 per la somma tra 3 e il doppio di – 2 alla differenza tra 9 e il quadruplo di – 2. [+ 14]
263) Sottrai il triplo di - 5 dal prodotto fra 15 e – 9; successivamente dividi il numero ottenuto per l’opposto
della somma fra il doppio di –14 e il triplo di 6. [– 12]
264) Moltiplica per –10 la somma fra il successivo del doppio di –3 con il precedente di 8;
dividi il numero così ottenuto per la quinta parte della differenza fra il quadruplo di 8 e il doppio di 11. [–10]

Sostituisci x con il numero intero che rende vera ciascuna delle seguenti uguaglianze (ricorda l’esempio di pag.81):
265) x + 21 = 0; - x - 10 = 0; - x + 12 = 0; 3 · (- x ) = 0
266) 3 · x + 2 = 14; 4 · (- x ) = 4; - 6 · x = - 6; - 8 · x = 8
267) (x + 3) · (x – 1) = 0; (5 – x ) · (x + 1) = 0
268) x · (2 · x + 6) = 0; - x · (4 · x + 8) = 0
269) (- 5) · (x – 7) = 35; (2 · x – 6 ) · 2 = - 8
270) (+ 7) · (- 5 – x ) = - 49; [2 · (- x ) + 7] · 5 = 25

Applicando la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma algebrica, completa le seguenti uguaglianze
in modo che risultino vere:
271) - 64 + 36 = + 4 · (- …. + 9) ; - 64 + 36 = - 4 · (16 - …. )
272) - 64 - 72 = … 4 · (… 16 + ….) ; …… - 56 = - 8 · (- 9 ... ….)
273) 45 - ….. = ... …. (- 5 … 2) ; - 144 + ….. = … …… (- 9 + 5)

Riscrivi le seguenti somme algebriche come prodotto fra un intero negativo ed una somma algebrica fra interi i cui moduli
siano coprimi:
274) - 45 - 9 ; 243 - 63 ; 125 + 30
275) - 315 + 49 ; -180 + 25 ; - 48 - 96
276) - 81 - 36 ; - 121 + 11 ; 42 - 84

89
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 90

Algebra - primo anno

Riscrivi le seguenti somme algebriche come prodotto fra un intero positivo ed una somma algebrica fra interi i cui moduli
siano coprimi:
277) - 450 + 1620 ; -1323 + 252 ; 675 + 50
278) - 256 - 64 ; 297 - 66 ; 45 - 450
279) 84 + 42 ; - 150 + 65 ; - 120 - 60

Calcola le potenze indicate:


280) (- 2)5 ; (- 1)11 ; (- 1)6 ; - (- 2)4 ; - (- 2)5
281) (+ 7)3 ; (- 5)3 ; (- 4)2 ; - (- 7)2 ; - (- 1)9
282) - 13 ; - 34 ; (- 3)4 ; 05 ; (-12)0 ; - (+ 2)3

Calcola il valore delle seguenti espressioni utilizzando le proprietà delle potenze:


283) (- 3) 5 : (- 3) 2 ; (- 2) 7 : (- 2) 4 ; (- 5) 5 : (+5) 3 ; (- 2) 3 · (- 2) 4

284)

285) [–33]

286) [–1]

287) [33]

288) [0]

289) [86]

L’INSIEME Qa
290) Associa ad ogni classe la frazione ad essa appartenente:

291) Per ciascuna delle seguenti classi scrivi quattro frazioni ad essa appartenenti:

Completa in modo che le seguenti relazioni risultino vere:


292)

293)

294)

295)

90
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 91

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

296) Completa la tabella inserendo in maniera opportuna le frazioni elencate a sinistra:

Frazioni proprie

Frazioni improprie

Frazioni apparenti

Completa in modo da ottenere coppie di frazioni appartenenti alla stessa classe:


297)

298)

299)

Fra le seguenti frazioni individua quelle che non sono ridotte ai minimi termini e riducile:
300)

301)

302)

Completa, inserendo i simboli “ >, <, = ” in modo che le seguenti relazioni siano vere:

303) 306)

304) 307)

305)

308) Completa la seguente tabella:

Numero Frazione generatrice

8,6 ……

3,6 ……

3
……
25
1
……
40
2, 34 ……

7
……
15
0,13 ……

91
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 92

Algebra - primo anno

309) Scrivi in ordine crescente i seguenti numeri razionali assoluti:

310) Scrivi in ordine decrescente i seguenti numeri razionali assoluti:

311) Qual è il maggiore fra i numeri E il minore fra


Esegui le operazioni indicate e, se possibile, riduci ai minimi termini i risultati ottenuti:
312)

313)

314)

315)

316)

317)

318)

319)

Determina il valore delle seguenti espressioni:

320)

321)

322)

323)

324) [1]

325)

326) [2]

327)

92
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 93

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

328)

329)

330) [5]

331)

332) Calcola il valore delle seguenti potenze:

Applicando le proprietà delle potenze, calcola il valore delle seguenti espressioni:

333)

334)

335)

336)

Determina il valore delle seguenti espressioni, applicando, se possibile, le proprietà delle potenze:

337)

338)

339)

340)

341)

342) [5]

93
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 94

Algebra - primo anno

L’INSIEME Q
343) Siano a e b numeri razionali; completa le seguenti tabelle:

a –a

–3

a b a+b a–b a·b a:b

–1

344) Scrivi in ordine decrescente i seguenti numeri razionali:

345) Stabilisci se sono vere o false le seguenti affermazioni:


a) Tutti i numeri razionali ammettono opposto. q V qF
b) Esiste il reciproco di qualsiasi numero razionale. q V qF
c) Esiste un numero razionale che è uguale al suo reciproco. q V qF
d) Il prodotto fra un numero razionale e il suo reciproco è sempre 0. q V qF
e) Il reciproco di un numero razionale a, se esiste, è sempre minore di a. q V qF
f) Il reciproco di un numero razionale, se esiste, è sempre minore di 1. q V qF
g) Un numero razionale e il suo reciproco, se esiste, sono discordi. q V qF
h) Sia a un numero razionale tale che 0 < a < 1, allora > 1. q V qF
i) Siano a, b due numeri razionali, diversi da zero, tali che a < b, allora q V qF
l) Sia a un numero razionale tale che a < - 1, allora < 1. q V qF

Completa, inserendo i simboli “ >, <, = ” in modo che le seguenti relazioni siano vere:

346)

347)

348)

94
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 95

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Esegui le seguenti operazioni:


349)

350)

351)

352)

353)

354)

355)

356)

357)

358)

359)

360)

361)

362)

363)

364)

Stabilisci se sono vere o false le seguenti affermazioni:


365) Aggiungi ai di l’opposto del doppio di ; dividendo, poi, il numero così ottenuto per

il reciproco di 6 ottieni l’opposto di 7. qV qF


366) Se sottrai dai di i della differenza fra 2 e ottieni la metà di qV qF

95
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 96

Algebra - primo anno

367) Il prodotto fra la differenza tra e1ei della somma fra 2 e è maggiore della terza

parte della somma fra q V q F

368) Il quoziente tra la somma di e 2 con i della differenza tra 3 e è uguale alla differenza

tra 3 e q V q F

369) Una sola delle seguenti affermazioni è falsa. Quale?


a) Il cubo dell’opposto di un numero razionale è uguale all’opposto del cubo del numero stesso.
b) Il quadrato dell’opposto di un numero razionale è uguale all’opposto del quadrato del numero stesso.
c) Il quadrato del reciproco di un numero razionale, diverso da zero, è uguale al reciproco del quadrato del numero
stesso.
d) Il cubo di un numero razionale può essere uguale all’opposto del cubo del modulo del numero stesso.
e) L’opposto del quadrato di un numero razionale è uguale all’opposto del quadrato del modulo del numero stesso.

370) Calcola il valore delle seguenti potenze:

Esegui le seguenti operazioni applicando le proprietà delle potenze e lasciando il risultato sotto forma di potenza:

371)

372)

373)

374)

375)

376) Calcola il valore delle seguenti potenze con esponente negativo (esempi, pag. 61):

377) Trasforma le seguenti potenze con esponente negativo in potenze con esponente positivo:

378) Trasforma le seguenti potenze con esponente positivo in potenze con esponente negativo:

Esempio

a) Scriviamo la frazione sotto forma di prodotto.

b) Scriviamo la potenza sotto forma di prodotto.

a) Una frazione è il prodotto fra il numeratore e il reciproco del denominatore; quindi:

b) Per quanto visto al punto a), = (applicando la proprietà distributiva delle potenze) = 2 3 × 7–3.
In definitiva

96
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 97

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

379) Riscrivi le seguenti frazioni sotto forma di prodotto come nell’esempio:

Applicando le proprietà delle potenze, semplifica le seguenti espressioni (esercizi svolti, pag. 61 e successive):

380)

381)

382)

383)

384)

385)

386)

387)

388)

389)

390)

391) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:


q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

97
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 98

Algebra - primo anno

Dopo averle riscritte in modo che non vi siano né l’operazione di divisione né la linea di frazione, semplifica le seguenti
espressioni:

392)
403)

393)
404)
394)

395) 405)

396)
406)

397)

398) 407)

399)

408)
400)

401)
409)

402)

Applica, se possibile, le proprietà delle potenze e determina il valore delle seguenti espressioni:

410)

411)

412)

413)

414)

415)

416)

98
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 99

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

Calcola il valore delle seguenti espressioni sostituendo al posto delle lettere le quantità indicate:

417)

418)

419)

420)

421)

422)

423) Riscrivi i seguenti numeri in notazione esponenziale e in notazione scientifica come mostrato nell’esempio:
a) 2100 = 21 · 102 = 2,1 · 103 e) 60000 = ………
b) 0,075 = 7,5 · 10-2 f) 8150 = ………
c) 3500 = ……… g) 0,14 = ………
d) 0,64 = ……… h) 0,00036 = ………

424) Trasforma le seguenti percentuali in frazioni ridotte ai minimi termini:


15% ; 60% ; 25% ; 48% ; 200% ; 7% ; 100% ; 22% ; 36% ; 5% ;
16% ; 150% ; 24% ; 50% ; 4% ; 14% ; 7.5% ; 1.2% ; 2.5% ; 3.1% .

425) Trasforma le seguenti frazioni in percentuali:

426) Trasforma i seguenti numeri decimali in percentuali:


3.5 ; 1.6 ; 0.3 ; 2.4 ; 2.5 ; 1.1 ; 6.9 ; 7.8 ; 0.52 ; 1.15 .

427) Calcola:
il 15% di 70 ; il 5% di 130 ; il 12% di 620 ; l' 1% di 72 ; il 18% di 7 ;
il 21% di 89 ; il 20% di 170 ; il 35% di 1720 ; il 5 di 7000 ; l' 8 di 3600 .

Problemi
428) Trova i numeri dei quali 120 e 540 rappresentano, rispettivamente, il 6%.
429) Trova i numeri dei quali 350 e 630 rappresentano, rispettivamente, il 7%.
430) Un negoziante acquista 75 kg di pane a 1,25 €/kg e lo rivende con un aumento del 12%. Qual è il guadagno totale ?
[11.25 €]
431) La popolazione dell’Italia nel 1900 era di circa 33.000.000 di abitanti, mentre nel 1961 era di circa 51.000.000 di
abitanti. Sapendo che nel 1900 gli analfabeti erano 19.800.000 e che nel 1961 erano 6.630.000, trova le percentuali
degli analfabeti relative ai due anni. [60%, 13%]
432) Una agenzia immobiliare riceve, come provvigione, il 2% sul prezzo di un appartamento che ha venduto a
115.000 €. Quanto ha guadagnato? [2300 €]

99
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 100

Algebra - primo anno

433) Sapendo che 21 impiegati donne costituiscono il 60% degli impiegati totali, calcola il numero di impiegati. [35]
434) Lo stipendio lordo mensile di un operaio è di 1435 € e su di esso viene effettuata una ritenuta del 7% per contributi
assistenziali. Qual è lo stipendio netto? [1334,55 €]
435) Ad un rappresentante viene concesso il 5% sull’ammontare delle ordinazioni. Se in un mese percepisce 1225 €, qual
è stato l’ammontare delle ordinazioni? [24500 €]
436) Il prezzo della camera di uno studente universitario è passato da 280 € a 350 €. Calcola l’aumento percentuale.
[25%]
437) Un editore concede ad un libraio un compenso pari al 25% del prezzo di copertina dei libri venduti. Sapendo che il
libraio ha guadagnato 2625 €, calcola la somma incassata. [10500 €]
438) In una scuola, 312 alunni sono stati promossi, 120 hanno avuto il giudizio sospeso e gli altri non sono stati ammessi
alla classe successiva. Sapendo che gli alunni sono in tutto 480, calcola la percentuale dei promossi, di quelli che
hanno avuto il giudizio sospeso e dei non ammessi alla classe successiva. [65%, 25%, 10%]
439) Una certa quantità di merce, acquistata per 125.000 €, viene venduta a 140.000 €. Qual è il guadagno percentuale?
[12%]
440) Calcola la quantità di alcool contenuta in 500 litri di un certo liquore che ha gradazione alcolica del 14%? [70 l]
441) Per rinnovo locale, un mobilificio mette in saldo al 40% tutta la merce. Di un modello di divano, che a prezzo pieno
veniva venduto a 1600 €, ne resta uno solo sul quale si applica un ulteriore sconto del 15%. Quanto si risparmia, in
totale, se viene acquistato? [784 €]
442) In un tratto stradale di 16 km vi è un dislivello di 800 m; determina la pendenza del tratto. [5%]
443) Il percorso di una funivia è lungo 2,5 km e la sua pendenza è del 25%. Trova il dislivello tra la stazione di arrivo e
quella di partenza. [606,34 m]
444) Un impiegato percepisce uno stipendio lordo mensile di 2750 € sul quale vengono effettuate delle ritenute varie che
ammontano al 6.5%. Dal prossimo mese verrà concesso all’impiegato un aumento del 12%, mentre le ritenute
raggiungeranno l’8%. Quale sarà l’aumento effettivo dello stipendio? [262,35 €]
445) In un minerale di ferro il metallo puro è presente nella percentuale del 45%. Quante tonnellate di minerale sono
necessarie per estrarre 5 t di ferro? [»11 t]
446) Il prezzo di una certa merce è stato aumentato del 15%. Se ora costa 4140 €, quanto costava inizialmente? [3600 €]
447) Ad un concorso, cui si erano iscritti 600 candidati, solo 372 superarono la prova scritta. Di questi, l’ 85% supera
anche la seconda prova finale. Calcola la percentuale dei candidati che hanno superato il concorso. [52,7%]
3
448) Un commerciante acquista una partita di merce e ne vende i 5 col guadagno del 25% ed il resto col guadagno del
18%. Se complessivamente ha guadagnato 99900 €, quanto ha speso per l’acquisto? [450000 €]
449) Di un libro sono state vendute 32500 copie a 18 € ciascuna. All’autore tocca l’11% ma, dalla somma spettante, gli
deve essere detratto il 20% per l’IVA. Quanto incassa l’autore? [51480 €]
450) Un quotidiano ha segnalato che da aprile a settembre del 2010 le tariffe di una nota compagnia aerea sono salite in
media del 12%, e che da ottobre a marzo, secondo quanto annunciato, sarebbero cresciute di un altro 10%.
“A conti fatti è un +22% in dodici mesi”.
a) È corretta l’affermazione finale? Se non è corretta, calcola l’aumento finale corretto.
b) Se l’aumento finale deve essere +22%, quanto deve essere il secondo aumento? [23,2%; »8,9%]
451) Secondo alcune stime di tecnici del settore, il 23% di un barile (159 litri) di petrolio diventa gasolio auto mentre un
altro 22% benzina.
a) Quanti litri di gasolio auto si ricavano da un barile di petrolio?
b) Quanti litri di benzina si ricavano da un barile di petrolio?
452) Alla domanda “Per prepararti a una verifica, preferisci esercitarti in classe nei giorni precedenti” dei 27 alunni di una
classe ha risposto “molto” il 66,66666…% (periodico) mentre il 14,81 ha indicato che non gradisce le esercitazioni a
casa. Quanti sono tali alunni? (dove: es. percentuali)

100
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 101

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

453) Durante l’estate 2012 il costo del parcheggio, dalle ore 8 alle 20, sul lungomare di Vasto Marina era il seguente:
cinquanta centesimi di euro per la prima ora o frazione di ora, altrettanto per la seconda, un euro per la terza e la
quarta ore, due ore per le successive.
a) Per una sosta della durata di 3 ore e 12 minuti, quanto si è speso?
b) Per una sosta della durata di 76 minuti, quanto si è speso?
c) Per una sosta dalle ore 8 alle 20, quanto si è speso?
454) Le tariffe per depositare i bagagli alla stazione di Bari (deposito aperto dalle ore 7.00 alle 23.00) sono le seguenti:
€ 5,00 per le prime cinque ore, € 0,70/ora dalla 6° alla 12° ora, € 0,30/ora dalla 13° in poi.
a) Per un deposito della durata di 4 ore e 15 minuti, quanto si spende?
b) Per un deposito della durata di 8 ore, quanto si spende?
c) Per un deposito dalle ore 8 alle 22 quanto si è spende?
455) Investire in fotovoltaico conviene: Basandosi sui dati di
Enel Energia ( 2009), si scopre che per un impianto di
Costo montaggio impianto € 14.520
potenza complessiva di 3 kWp occorrono solo pochi Energia prodotta/anno [kWh] 4.050
metri quadri di tetto se i moduli fotovoltaici vengono
orientati verso sud e quindi non c’è un grande Ricavo annuo da Conto Energia € 1.710,72
impatto ambientale. Il costo complessivo dell’impianto Risparmio annuo fornitura energia € 729,00
è 14.520 € .Tenendo conto dei dati riportati in tabella,
valutare in quanti anni l’investimento viene ammortizzato. Totale beneficio annuo € 2.439,72

456) Nel 2011 l’Agenziale Spaziale Europea (ESA) ha dato la notizia che Assisi sta sprofondando al ritmo di 7,5 mm all’anno.
Tenuto conto che l’altezza, sul livello del mare, è 424 m
a) Quando sarà sprofondata di 3 m?
b) Quando raggiungerà l’altezza di Santa Maria degli Angeli (quota 218 m)?
457) Lucia e Barbara si incontrano in profumeria.
Lucia: “Che sorpresa, non pensavo di incontrarti qui proprio oggi, 27 agosto! Sai, entro in questo negozio ogni 12
giorni”.
Barbara: “Anche per me è una sorpresa! Io ci passo ogni 8 giorni. Chissà quando ci incontreremo di nuovo in questo
posto!”
Lucia: “Ma è facile! Basta fare un po’ di conti”.
Barbara, perplessa: “Eh?!”
Quando si incontreranno nuovamente Lucia e Barbara nella profumeria? [20 settembre]
458) Stefano e Francesco hanno terminato di decorare l’albero di Natale con tre serie di lampadine intermittenti: una rossa,
una blu e una verde.
Stefano: “Bello, vero? Pensa, le lampadine rosse si accendono ogni 3 secondi, quelle blu ogni 6 secondi e quelle
verdi ogni 9 secondi”.
Francesco, guardando l’orologio: “Bellissimo! Adesso sono le 20.10 e le lampadine sono tutte accese; io dico che
anche alle 20.30 saranno tutte accese”.
Stefano, dubbioso, pensa per qualche attimo: “Ma che dici! Saranno tutte accese alle 20.40”.
Chi ha ragione? [Stefano]

459) Il gioco del “BOOM”. Marta spiega alla sua amica Giorgia il gioco che ha fatto stamattina a scuola.
“Si conta da 1 a 100, ma quando si deve dire un multiplo di 7 o un numero che contiene la cifra 7 si dice “BOOM”.
Come mi sono divertita; ad un certo punto si diceva solo BOOM!”
Giorgia:“Chissà quante volte avrete detto “BOOM”!
Marta: “Forse 30 volte.”
Marta ha indovinato?
E quante volte si dice BOOM se si conta fino a 300? [si; 92]

101
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 102

Algebra - primo anno

460) Il nome nascosto.


Inserisci, nel seguente schema, i numeri derivanti dalle definizioni.
Riportando nella colonna a fianco, le lettere dell’alfabeto italiano
corrispondenti ai numeri inseriti nelle caselle gialle (esempio A = 1; B = 2;
C = 3; … ), si ottiene un nome di persona.
1. Il numero che sostituito ad x rende vera l’uguaglianza 3 · (2 · x - 14) = 0.
2. Il quadrato del doppio del numero alla definizione 1.
3. Il più piccolo numero palindromo pari di cinque cifre tutte diverse da
zero. (un numero si dice palindromo se letto da sinistra verso destra e
viceversa non cambia).
4. Il quadrato del numero naturale che rende vera la relazione
(x + 3) · (3 · x – 36) = 0.
5. L’elemento neutro della moltiplicazione in Q.

461) Tre amiche vanno regolarmente al parco a correre: la prima ogni 10 giorni; la seconda ogni 15 giorni e la terza ogni
14 giorni. Una domenica si trovano a correre insieme. Dopo quante domeniche si ritroveranno al parco per la prima
volta a correre insieme.
a) 22 b) 25 c) 30 d) 70 e) mai [c]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 2002]
462) Fra le seguenti affermazioni:
(i) 310 è un cubo;
(ii) 310 è dispari;
(iii) 310 è un quadrato
Quali sono quelle corrette?
a) solo (i); b) solo (ii); c) solo (iii); d) (ii) e (iii); e) tutte e tre [d]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 2004]
463) Quanti sono i numeri interi positivi multipli di almeno uno tra 5 e 7 e minori o uguali a 1000?
a) 288; b) 302; c) 314; d) 342; e) 382. [c]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 2008]
464) a, b, c sono tre numeri naturali. Sappiamo che a è divisibile per 15, b è divisibile per 12 e c è divisibile per 21.
Quale delle seguenti affermazioni è sicuramente vera?
a) a2 + b2 + c2 è divisibile per 18;
b) a + b + c è divisibile per 9;
c) a + b + c è divisibile per 2;
d) (a + b + c)2 è divisibile per 9;
e) a2 + b2 + c2 è divisibile per 15. [d]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 2004]
465) Il numero 10100 + 10010 è uguale a:
a) 10020 ;
b) 1020 (1 + 1080);
c) 10100 (1010 + 1);
d) 10120 ;
e) 110110 . [b]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 2007]
466) Quale dei seguenti numeri termina con il maggior numero di zeri?
a) 22 · 33 · 55
b) 23 · 35 · 52
c) 25 · 53 · 32
d) 45 · 56 · 64
e) 46 · 65 · 54 [d]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 1998]

102
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 103

Book in
progress
2. Gli insiemi numerici

467) Dati cinque interi consecutivi, cosa si può dire della cifra delle unità del loro prodotto?
a) Può essere qualunque cifra.
b) Può essere qualunque cifra pari.
c) Può essere 0 oppure 5.
d) E’ sempre 0.
e) Nessuna delle precedenti. [d]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 1996]
468) Ogni mese un grossista spedisce ad un negoziante 24 litri, 32 litri e 40 litri di tre varietà diverse di vino utilizzando il
minimo numero possibile di recipienti tutti uguali e completamente riempiti, ovviamente senza mescolare qualità
diverse di vino nello stesso recipiente. Quanti recipienti riceverà quel negoziante in un anno?
a) 36
b) 72
c) 144
d) 288
e) i dati non sono sufficienti [c]
[Olimpiadi Matematica, giochi di Archimede 2000]
469) Nonostante siano passati parecchi mesi dalle elezioni , nella repubblica delle Banane non si è ancora fatta chiarezza
sui risultati. La nuova commissione che sta esaminando i verbali provenienti dai seggi si trova spesso di fronte a
verbali pasticciati. In uno compare la seguente sottrazione

in cui lettere e simboli rappresentano cifre illeggibili (non è detto che simboli e lettere diversi rappresentino cifre diverse).
Nonostante tutto, la commissione riesce a ricostruire in parte, il calcolo.
Qual è la somma delle cifre corrispondenti alle lettere a, b, c, d ? [31]
[Coppa Fermat, 2007]

103
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 104

Algebra - primo anno

104
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 105

Book in
progress
3. La logica

CAPITOLO 3. LA LOGICA

3.1 LE PROPOSIZIONI LOGICHE E I PRINCIPI DELLA LOGICA


Logica: parte della filosofia che studia i metodi e i principi che consentono di distinguere, nelle loro strutture formali, i
ragionamenti corretti da quelli scorretti (“Vocabolario della lingua italiana” - Zingarelli).
Nel linguaggio comune ci esprimiamo attraverso delle frasi che, a loro volta, sono formate da proposizioni.
Per la logica matematica sono proposizioni soltanto quelle per le quali è possibile stabilire in maniera univoca se sono vere
o false (“proposizioni logiche” o “enunciati”). Per esempio, le seguenti proposizioni sono proposizioni logiche:
a) il Tevere bagna Firenze;
b) il gatto miagola;
c) 3 è un multiplo di 2.
Infatti, per ciascuna di esse è possibile stabilire se è vera o se è falsa: le proposizioni a) e c) sono false; la proposizioni b) è
vera.

Le seguenti proposizioni non sono proposizioni logiche:


a) Il volley è lo sport più bello.
b) Giovanni è simpatico.
c) Quando tornerai?
d) Aspettami!

Per queste proposizioni non è possibile, infatti, stabilire se sono vere o false: a) e b) esprimono dei giudizi personali, per le
proposizioni c) e d) non ha senso chiedersi se sono vere o false.
Quindi, in generale:
le proposizioni logiche sono quelle proposizioni per le quali è possibile stabilire in modo univoco se sono vere o false.
Vero e Falso sono detti valori di verità e sono indicati, rispettivamente, con V (vero) e F (falso).
Indichiamo le proposizioni logiche con le lettere minuscole dell’alfabeto a, b, c, …., p, q, ….. ; di esse interessa solo il loro
valore di verità e non il loro significato.
Nel seguito indicheremo le proposizioni logiche solo con il termine “proposizioni”.

PROVA TU
Stabilisci quali delle seguenti frasi sono proposizioni:
a) Firenze è la città più bella d’Italia.
b) Londra è la capitale della gran Bretagna.
c) Il Po è il fiume più lungo d’Italia.
d) Alberto Sordi è il miglior attore italiano.
e) 45 è multiplo di 8.

Alla base della logica delle proposizioni ci sono tre principi:


- Principio d’identità: ogni oggetto della logica è uguale solo a se stesso.
- Principio di non contraddizione: una proposizione non può essere sia vera che falsa.
- Principio del terzo escluso: una proposizione può essere o vera o falsa; non esiste un terzo valore.
Consideriamo la proposizione “Il Tevere attraversa Firenze”. In tale proposizione si parla del “Tevere” e di “Firenze”: Tevere
e Firenze sono argomenti della proposizione; “attraversa” predica o enuncia la proprietà di cui godono gli argomenti, quindi
“attraversa” prende il nome di predicato (anche per la grammatica italiana “attraversa” è predicato).
In generale, in una proposizione si distinguono due parti: argomento/i e predicato/i.
La proposizione “il gatto miagola” ha un solo argomento (il gatto) ed un solo predicato (miagola).

Consideriamo ora la proposizione: “ Del Piero, chiamato Pinturicchio, gioca nella Juventus.”
La stessa proposizione può essere formulata in un altro modo:
“Del Piero è chiamato Pinturicchio e (Del Piero) gioca nelle Juventus.”
In questa proposizione sono presenti due predicati: “è chiamato”, “gioca”.

105
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 106

Algebra - primo anno

Definizione
- Si chiamano proposizioni atomiche quelle proposizioni che hanno un solo predicato.
- Si chiamano proposizioni molecolari quelle proposizioni che hanno almeno due predicati.

PROVA TU
Stabilisci se le seguenti proposizioni sono atomiche o molecolari ed individuane predicati ed argomenti:
a) I numeri pari sono multipli di 2.
b) 3 è divisore sia di 12 che di 27.
c) Il leone e la balena sono mammiferi.
d) 18 è il minimo comune multiplo fra 9 e 36.
e) Parigi è una città francese o, comunque, europea.

3.2 OPERAZIONI LOGICHE


Congiunzione logica: et
La congiunzione logica è un’operazione binaria che a due proposizioni p e q associa la proposizione p ∧ q (leggi “p e q”
oppure “p et q”) che è vera soltanto se le proposizioni p e q sono vere; è falsa in tutti gli altri casi, come puoi osservare
nella seguente tabella, detta tavola di verità:
Esempi:
p q p∧q
- Date le proposizioni: p: “La luna è un pianeta” e q: “il Sole è una stella”, determiniamo il valore
V V V di verità della proposizione p ∧ q.
La proposizione p ∧ q è falsa perché p è falsa e q è vera, come schematizzato nella seguente
V F F
tabella:
p q p∧q
F V F
F V F
F F F

- Determiniamo il valore di verità della proposizione s: “18 è multiplo sia di 3 che di 6”.
Possiamo riscrivere questa proposizione nella forma s: “18 è multiplo di 3 e 18 è multiplo di
6”, che è vera perché le proposizioni “18 è multiplo di 3” e “18 è multiplo di 6” sono
entrambe vere.
Indicata con a la proposizione: “18 è multiplo di 3” e con b la proposizione: “18 è multiplo di
6”, la proposizione s, scritta con i simboli della logica, è: s = a ∧ b.

Disgiunzione inclusiva: vel

La disgiunzione inclusiva è una operazione binaria che a due proposizioni p e q associa la proposizione p ∨ q (leggi
“p o q”oppure “p vel q”) che è falsa soltanto quando entrambe le proposizioni p e q sono false, è vera in tutti gli altri casi.
La tavola di verità della disgiunzione inclusiva è la seguente:
Esempi:
p q p∨q
- Date le proposizioni: a: “Giove è un pianeta del Sistema Solare” e b: “4 è multiplo di 14”,
V V V determiniamo il valore di verità della proposizione a ∨ b.
La proposizione a ∨ b è vera perché a è vera e b è falsa, come schematizzato nella seguente
V F V
tabella:
F V V
a b p∨q

V F V
F F F

- La proposizione m: “Newton era un matematico o un fisico” è vera perché le proposizioni


“Newton era un matematico” e “Newton era un fisico” sono entrambe vere.
Indicata con f la proposizione: “Newton era un matematico” e con g la proposizione:
“Newton era un fisico”, la proposizione m, scritta con i simboli della logica, è: m = f ∨ g.

106
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 107

Book in
progress
3. La logica

Disgiunzione esclusiva: aut


·
La disgiunzione esclusiva è una operazione binaria che a due proposizioni p e q associa la proposizione p ∨ q, indicata
anche p ⊻ q, (leggi “ o p o q ” oppure “p aut q”) che è vera se una delle due proposizioni è vera e l’altra è falsa; è falsa
se entrambe sono vere o se entrambe sono false.
La tavola di verità della disgiunzione esclusiva è la seguente:

p q · q
p∨ Esempi:
- Date le proposizioni: s: “15 è divisore di 30” e z: “il MCD(24, 30) = 6”,
V V F ·
determiniamo il valore di verità della proposizione s ∨ z.
·
V F V La proposizione s ∨ z è falsa perché le proposizione s e z sono entrambe vere, come
schematizzato nella seguente tabella: s v s∨· v
F V V
V V F
F F F

- La proposizione h: “Il prodotto fra 12 e 15 o è 180 o è 170” è vera perché la proposizione


“Il prodotto fra 12 e 15 è 180” è vera, mentre la proposizione “Il prodotto fra 12 e 15 è 170”
è falsa. Indicata con k la proposizione: “Il prodotto fra 12 e 15 è 180” e con l la proposizione:
· l.
“Il prodotto fra 12 e 15 è 170”, la proposizione h, scritta con i simboli della logica, è: h = k ∨

Negazione logica: non


La negazione logica è un’operazione che associa alla proposizione p la proposizione p , indicata anche K p, (leggi “non
p”) che è falsa se p è vera ed è vera se p è falsa.
La tavola di verità della negazione logica è la seguente:
p p La negazione logica, a differenza delle operazioni definite in precedenza, è un’operazione unaria perché
opera su una sola proposizione.
V F

F V Esempio
Data la proposizione p: “Taranto è bagnata dal Mar Jonio”, la sua negazione è la proposizione p “Taranto
non è bagnata dal Mar Jonio” che è falsa perché p è vera.
Implicazione materiale: se ….. allora …..
L’implicazione materiale è una operazione binaria che a due proposizioni p e q associa la proposizione p → q ( leggi “se
p allora q” oppure “p implica q”) che è falsa solo se p è vera e q è falsa; è vera in tutti gli altri casi. La tavola di verità
dell’implicazione materiale è la seguente:

p q p→q Nell’implicazione materiale p → q la prima proposizione p prende il nome di antecedente o


premessa e la seconda proposizione q prende il nome di conseguente o conseguenza.
V V V

V F F Esempio:
Date le proposizioni p: “12 è minore di 14” e r : “Roma è la capitale della Svizzera”, determiniamo
F V V
il valore di verità della proposizione p → r.
F F V La proposizione p → r è falsa perché p è vera mentre r è falsa, come schematizzato nella
seguente tabella:
p q p→q

V F F

Osservazione
La formalizzazione della proposizione precedente p → r , nel linguaggio comune, è la seguente: “se 12 è minore di 14 allora
Roma è la capitale della Svizzera” che, ovviamente, non ha alcun senso; ma abbiamo premesso che, nella logica delle
proposizioni, non interessa il significato di una proposizione ma solo il suo valore di verità. Considera, ora, una proposizione
del tipo p → q, detta anche proposizione diretta; da essa si possono ottenere altre proposizioni:
- la proposizione q → p che si chiama proposizione inversa;
- la proposizione p → q che si chiama proposizione contraria;
- la proposizione q → p che si chiama controinversa o contronominale.
Incontrerai spesso proposizioni di questo tipo nello studio della geometria.

107
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 108

Algebra - primo anno

PROVA TU
Completa la seguente tavola di verità (fai attenzione all’ordine delle proposizioni):

p q p→q q→p p q p→q q→p

V V V F F V

V F F

F V V V

F F V V

Quali colonne sono uguali? ……………………………………………………………………………………………..


Le proposizioni ………………………………. e ………………………………… hanno la stessa tavola di verità.

Coimplicazione materiale : ..... se e solo se .....


La coimplicazione materiale (o doppia implicazione) è un’operazione binaria che a due proposizioni p e q associa la
proposizione p ↔ q (leggi “p se e solo se q” oppure “p coimplica q”) che è vera se le proposizioni p e q sono entrambe
vere o entrambe false; è falsa se una proposizione è vera e l’altra è falsa.
La tavola di verità della coimplicazione materiale è la seguente:
Esempio:
p q p↔q
Date le proposizioni a: “5 è minore di 10” e b: “Il Tamigi attraversa Londra ”, la proposizione
V V V a ↔ b è vera perché entrambe le proposizioni a e b sono vere, come schematizzato nella
seguente tabella:
V F F a b a↔b

F V F V V V

Anche la proposizione a ↔ b (“5 è minore di 10 se e solo se il Tamigi attraversa Londra”) nel


F F V
linguaggio comune non ha alcun senso.

ATTENZIONE
Non confondere l’implicazione materiale con la deduzione logica e la complicazione materiale con la doppia
deduzione logica. La deduzione logica e la doppia deduzione logica sono usate nel linguaggio comune per
esprimere un rapporto causa - effetto.
L’implicazione materiale e la complicazione materiale sono operazioni logiche che “collegano” due proposizioni e
non esiste il legame causa - effetto fra la premessa e la conseguenza.

PROVA TU
1) Date le proposizioni:
k: “La differenza fra 5 e 9 è un numero naturale”;
h: “16 è multiplo di 4”;
m: “Milano è una città della Lombardia”;
p: “Mosca è la capitale della Polonia”,
determina il valore di verità delle proposizioni: k ∧ m ; p∨h; h→k; · m;
p∨ k↔p; k.

2) Considera le proposizioni:
a: “4 è divisore di 12 ma non di 24”; d: “27 è maggiore o uguale di 23”;
b: “5 o è pari o è dispari”; e: “14 è un numero primo”;
c: “se 13 è dispari allora è pari”; f: “7 non è dispari”,

e, dopo averle scritte con i simboli della logica, stabilisci se sono vere o false.

108
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 109

Book in
progress
3. La logica

3.3 ESPRESSIONI LOGICHE E TAVOLE DI VERITÀ


Le espressioni logiche sono espressioni nelle quali sono presenti le operazioni logiche prima definite.
Hai già incontrato espressioni contenenti operazioni definite negli insiemi numerici e operazioni fra insiemi.
“Risolvere” un’espressione logica significa determinare il valore di verità dell’espressione, al variare del valore di verità delle
proposizioni componenti; in altre parole vuol dire costruire la sua tavola di verità.
Anche nelle espressioni logiche si risolvono, dapprima, le operazioni racchiuse fra parentesi tonde.

Esempi:
a) Determiniamo la tavola di verità della proposizione (p ∧ q) ∨ · p.
E’ necessario, prima di tutto, stabilire il numero di righe e colonne della tabella:
- nell’espressione logica sono presenti le due proposizioni p, q; · p
p q p∧q p (p ∧ q) ∨
quindi le possibili combinazioni di “vero” e “falso”
sono 4. Servono, dunque, 5 righe: una riga per indicare le due
proposizioni e 4 righe per riportare i valori “V” e “F” delle
proposizioni;
- stabiliamo, adesso, il numero di colonne: sono necessarie 2
colonne per le due proposizioni p, q; una colonna per
la proposizione p ∧ q, una colonna per la proposizione p ed
una colonna per la proposizione finale (p ∧ q) ∨ · p.

Sono necessarie, quindi, 5 colonne.


- nelle prime due colonne riportiamo i possibili valori di verità · p
p q p∧q p (p ∧ q) ∨
delle proposizioni p e q:
V V
V F
F V
F F

- nella terza colonna riportiamo i valori di verità della · p


p q p∧q p (p ∧ q) ∨
proposizione p ∧ q:
V V V
V F F
F V F
F F F

- nella quarta colonna riportiamo i valori di verità della


p q p∧q p · p
(p ∧ q) ∨
proposizione p :
V V V F
V F F F
F V F V
F F F V

- nell’ultima colonna riportiamo i valori di verità della p q p∧q p · p


(p ∧ q) ∨
proposizione assegnata osservando la terza e quarta colonna
(in azzurro) della tabella precedente: V V V F V
V F F F F

· pei F V F V V
Questa è la tavola di verità della proposizione (p ∧ q) ∨
suoi valori di verità sono riportati nell’ultima colonna (in giallo). F F F V V

109
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 110

Algebra - primo anno

b) Determiniamo la tavola di verità della proposizione (a → b) ∧ (c ∧ a).


Stabiliamo il numero di righe e colonne che sono necessarie nella tavola di verità:
- nell’espressione logica sono presenti le tre proposizioni a → b c ∧ a (a → b) ∧ (c ∧ a)
a b c
a, b, c; quindi le possibili combinazioni di “vero” e “falso”
sono 8. Servono, dunque, 9 righe: una riga per indicare
le tre proposizioni e 8 righe per riportare i valori “V” e “F”
delle proposizioni;
- sono necessarie 3 colonne per le tre proposizioni a, b,
c; una colonna per la proposizione a → b, una colonna
per la proposizione c ∧ a ed una colonna per la
proposizione assegnata. Sono necessarie, quindi, 6
colonne. Si ottiene la tabella di lato:

scriviamo nelle prime tre colonne le possibili combinazioni di “V” e “F” per le proposizioni a, b, c (ricorda che sono 8) e
ciascuna di esse assumerà quattro volte il valore “V” e quattro volte il valore “F”; per essere sicuri di non dimenticarne
nessuna, o di non scriverne alcune uguali, operiamo in questo modo:
- per completare la prima colonna “a”
a b c a → b c ∧ a (a → b) ∧ (c ∧ a)
scriviamo V V V V F F F F;
V V V
- per completare la seconda colonna “b”, dimezziamo il
V V F
numero di “V” consecutivi e il numero di “F” consecutivi
V F V
della prima colonna e li scriviamo alternati: V V F F V V F F;
- procediamo nello stesso modo per completare la terza V F F
colonna “c”: dimezziamo il numero di “V” consecutivi e F V V
il numero di “F” consecutivi della seconda colonna e li F V F
scriviamo alternati: V F V F V F V F. F F V
Si ha, quindi, la tabella di lato: F F F

Completiamo la quarta colonna “a → b”. Osservando la prima a b c a → b c ∧ a (a → b) ∧ (c ∧ a)


e la seconda colonna, si ottiene:
V V V V
V V F V
V F V F
V F F F
F V V V
F V F V
F F V V
F F F V

Completiamo la quinta colonna “c ∧ a”. Osservando la terza a b c a → b c ∧ a (a → b) ∧ (c ∧ a)


e la prima colonna, si ottiene:
V V V V V
V V F V F
V F V F V
V F F F F
F V V V F
F V F V F
F F V V F
F F F V F

110
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 111

Book in
progress
3. La logica

Completiamo l’ultima colonna (a → b) ∧ (c ∧ a). Osservando a b c a → b c ∧ a (a → b) ∧ (c ∧ a)


la terza e quarta colonna, si ottiene: V V V V V V
V V F V F F
V F V F V F
V F F F F F
F V V V F F
F V F V F F
F F V V F F
F F F V F F

Osservazione
Negli esempi precedenti avrai sicuramente notato che se l’espressione logica è composta da due proposizioni si hanno 4
(22 = 4) possibili combinazioni di “V” e “F”; se l’espressione logica è composta da tre proposizioni si hanno 8 (23 = 8) possibili
combinazioni di “V” e “F”. In generale, se un’espressione logica è composta da n proposizioni, si hanno 2n possibili
combinazioni di “V” e “F”.

PROVA TU
Determina la tavola di verità della proposizione (p ∧ r) ∨ t.

3.4 TAUTOLOGIE E CONTRADDIZIONI


- La tavola relativa alla proposizione (p ∧ q) → p è la seguente:
p q p∧q (p ∧ q) → p

Come puoi osservare, qualunque siano i valori di verità delle V V V V


proposizioni p e q, il valore della proposizione (p ∧ q) → p è “vero”. V F F V
F V F V
F F F V

- La tavola di verità relativa alla proposizione a ∧ (a ∧ b) è la seguente:

a b a a∧b a ∧ (a ∧ b)
Come puoi osservare, qualunque siano i valori di verità delle
V V F F F proposizioni a e b, il valore della proposizione a ∧ (a ∧ b) è
“falso”.
V F F F F
F V V V F
F F V F F

Definizione
- Una proposizione che assume il valore “vero”, qualunque siano i valori di verità delle proposizioni che la compongono,
si chiama tautologia.
- Una proposizione che assume il valore “falso”, qualunque siano i valori di verità delle proposizioni che la compongono,
si chiama contraddizione.

PROVA TU
1) Stabilisci se le seguenti proposizione sono tautologie o contraddizioni:
- (a ∨ b) ∨ a;
- (p ∧ q) ∧ p.
2) Verifica che le seguenti proposizioni sono tautologie:
- [(a → b) ∧ a] → b;
- [(a → b) ∧ b] → a.

111
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 112

Algebra - primo anno

3.5 PROPOSIZIONI LOGICAMENTE EQUIVALENTI O EQUIVERIDICHE.


Nella stessa tavola di verità riportiamo i valori di verità della
a b · b
a↔b a∨ · b
a∨
proposizione a ↔ b e della proposizione a ∨ · b:
V V V F V
Come sicuramente hai notato, le colonne in viola e giallo della tavola
V F F V F
· b sono logicamente
di verità sono uguali: le proposizioni a ↔ b e a ∨
equivalenti o equiveridiche. F V F V F
F F V F V

Definizione
Due proposizioni si dicono logicamente equivalenti o equiveridiche se assumono gli stessi valori di verità, al variare dei
valori di verità delle proposizioni che le compongono.
Per indicare che due proposizioni p e q sono logicamente equivalenti si scrive p ≡ q.

PROVA TU
a) Verifica le seguenti equivalenze logiche che esprimono le proprietà delle operazioni logiche:
- a∧a≡a∨a≡a proprietà di idempotenza;
- a∧b≡b∧a proprietà commutativa della congiunzione;
- (a ∧ b) ∧ c ≡ a ∧ ( b ∧ c) proprietà associativa della congiunzione;
- a∨b≡b∨a proprietà commutativa della disgiunzione inclusiva;
- (a ∨ b) ∨ c ≡ a ∨ ( b ∨ c) proprietà associativa della disgiunzione inclusiva;
- a ∧ ( b ∨ c) ≡ (a ∧ b) ∨ (a ∧ c) proprietà distributiva della congiunzione rispetto alla disgiunzione inclusiva;
- a ∨ ( b ∧ c) ≡ (a ∨ b) ∧ (a ∨ c) proprietà distributiva della disgiunzione inclusiva rispetto alla congiunzione;
- a∧b≡a∨b prima legge di De Morgan;
- a∨b≡a∧b seconda legge di De Morgan.

b) Verifica le seguenti equivalenze logiche:


1) a ≡ a
2) a → b ≡ a ∨ b
3) a ↔ b ≡ (a ∨ b) ∧ (a ∨ b)
4) a ∨ b ≡ a ↔ b

·
c) Servendoti delle proprietà precedenti, dimostra che a ∨ b ≡ (a ∧ b) ∨ (a ∧ b).

Osservazione
Dagli esercizi precedenti possiamo dedurre che le operazioni di disgiunzione esclusiva, implicazione materiale e
coimplicazione materiale si possono esprimere mediante le operazioni di negazione, congiunzione e disgiunzione inclusiva.
Si ha, dunque:

- la negazione, la congiunzione, la disgiunzione inclusiva sono le operazioni fondamentali.

3.6 PROPOSIZIONI APERTE.


Nelle proposizioni:
a) “2 è divisore di 36” ; b) “3 è divisore di 36” ;
c) “5 è divisore di 36” ; d) “18 è divisore di 36” ,
il predicato (“è divisore di”) e uno dei due argomenti (“36”) non cambiano; ma il primo dei due argomenti cambia: è, infatti,
rispettivamente, 2, 3, 5, 18 nelle diverse quattro proposizioni.

Riscrivi, sul tuo quaderno, proposizioni dello stesso tipo in modo tale che il primo argomento sia un numero naturale n ,
con 0 < n < 50; ad esempio:
“1 è divisore di 36” ; “2 è divisore di 36” ; “3 è divisore di 36” ;
“4 è divisore di 36” ; “5 è divisore di 36” ; ……………………

112
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 113

Book in
progress
3. La logica

Quante proposizioni devi scrivere? .............


Immagino che ad un certo punto ti arrenderai e comincerai a chiederti se esiste un modo sintetico per scriverle tutte.

Certamente SI’! Operiamo in questo modo:


- assegniamo un nome alla proposizione: p;
- indichiamo con una lettera minuscola dell’alfabeto l’argomento variabile: x;
- indichiamo l’insieme al quale deve appartenere l’argomento variabile.

Scriviamo, allora: p(x) : “x è divisore di 36”, con x ∈ A = {y ∈ N, 0 < y < 50} (la scrittura p(x) si legge “p di x”) .

Proposizioni di questo tipo si chiamano proposizioni aperte e l’insieme al quale appartiene l’argomento “che varia” si
chiama dominio della proposizione. Per ottenere le proposizioni richieste, devi sostituire ad x, uno alla volta, i valori indicati
nell’insieme A. Così:
p(4) è la proposizione: “4 è divisore di 36”;
p(25) è la proposizione: “25 è divisore di 36”;
p(42) è la proposizione: “42 è divisore di 36”;
p(10) è la proposizione: …………………………………… ;
p(44) è la proposizione: ………….………..……………… .

Attribuisci il valore “V” oppure il valore “F” alle seguenti proposizioni:


a) p(1) q V q F d) p(8) q V qF
b) p(4) q V q F e) p(21) q V qF
c) p(5) q V q F f) p(42) q V qF

Alcune delle precedenti proposizioni sono vere ed altre sono false. Scrivi l’insieme P formato dagli elementi di A che rendono
vera la proposizione p(x): P = {1, 2, …., …., …., …., …., …., ….}.
L’insieme P, così formato, si chiama insieme di verità della proposizione p(x).
E’ facile osservare che P è un sottoinsieme di ………
Che relazione esiste fra l’insieme formato dagli elementi di A che rendono falsa la proposizione p(x) e l’insieme P ?
…………………………………………………………
Generalizzando, si hanno le seguenti:

Definizioni
- Si chiama proposizione aperta una proposizione nella quale uno o più argomenti sono variabili.
- Si chiama dominio della proposizione aperta l’insieme formato dagli elementi da sostituire alle variabili della proposizione
aperta.
- Si chiama insieme di verità di una proposizione aperta il sottoinsieme del dominio formato da quegli elementi che
rendono vera la proposizione.

E’ consuetudine indicare il dominio di una proposizione aperta con D e il suo insieme di verità con la maiuscola della lettera
che indica la proposizione.

Esempio:
Sia m(a, b) : “a è una nazione di b” , con a ∈ F = {Italia, India} e b ∈ G = {Asia, America}.
Determiniamo il suo dominio e l’insieme di verità M.
Poiché la proposizione m(a, b) ha due variabili, il suo dominio è D = F´× G.
Ricorderai che F´× G = {(Italia, Asia), (Italia, ………… ), (……… , Asia), (………. , ……… )}.
Si formano le seguenti proposizioni:
a) “L’Italia è una nazione dell’Asia”; b) “L’Italia è una nazione dell’America”;
c) “L’India è una nazione dell’Asia”; d) “L’India è una nazione dell’America”.

Di esse solo la proposizione c) è vera; quindi l’insieme di verità è M = {(India, Asia)}.

113
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 114

Algebra - primo anno

PROVA TU
1) Determina l’insieme di verità della proposizione
m(x) : “x è un multiplo di 3” , con x ∈ D = {x ∈ N / 1 ≤ x < 15}.
2) Rappresenta in forma tabulare il dominio e l’insieme di verità della proposizione
s(x, y) : “la somma fra x e y dà 15” , con x ∈ A = {5, -2, 7, 20} e y ∈ B = {-4, 7, 8, 10}.

Proposizioni aperte e operazioni logiche


- Consideriamo la proposizione
h(x) : “x è multiplo di 4 e di 5” con x ∈ D = {a ∈ N / 15 < x ≤ 40 }.
Determiniamo il suo insieme di verità H.

La proposizione h(x) è una proposizione molecolare ottenuta dalle proposizioni t(x) : “x è multiplo di 4” e r(x) : “x è multiplo
di 5”, mediante la congiunzione logica.
In simboli: h(x) = t(x) ∧ r(x) .
La proposizione h(x) è vera se entrambe le proposizioni t(x) e r(x) sono vere; quindi l’insieme H è formato dagli elementi che
rendono vera t(x) e dagli elementi che rendono vera r(x).
L’insieme di verità della proposizione t(x) è T = {16, 20, 24, 28, 32, 36, 40 }; l’insieme di verità della proposizione r(x) è
R = {20, 25, 30, 35, 40}; gli elementi che rendono vere entrambe le proposizioni sono quelli che appartengono a
T ∩ R = {20, 40}.

In definitiva H = T ∩ R (colore giallo nella seguente figura):

- Consideriamo, adesso, la proposizione


b(x) : “x è pari o è multiplo di 3” , con x ∈ D = {0, 2, 5, 6, 7, 9,10, 11, 12, 14, 15, 17} .
Determiniamo il suo insieme di verità B.

La proposizione b(x) è una proposizione molecolare ottenuta dalle proposizioni a(x) : “x è pari” e c(x) : “x è multiplo di 3”,
mediante la disgiunzione inclusiva. In simboli: b(x) = a(x) ∨ c(x) .
La proposizione b(x) è vera se almeno una delle due proposizioni a(x) e c(x) è vera;
quindi l’insieme B è formato dagli elementi che rendono vera a(x) oppure dagli
elementi che rendono vera c(x). L’insieme di verità della proposizione a(x) è
A = {0, 2, 6, 10, 12, 14}; l’insieme di verità della proposizione c(x) è C = {0, 6, 9, 12,
15}; quindi gli elementi che rendono vera almeno una delle due proposizioni sono gli
elementi che appartengono ad A ∪ C = {0, 2, 6, 9, 10, 12, 14, 15}.
In definitiva, B = A ∪ C colore rosa nella seguente figura):
- Sia D = {x / x è una provincia della Puglia }
il dominio della proposizione a(x) : “il nome di x
inizia con la lettera b” e A l’insieme di verità di a(x).
Consideriamo la proposizione a(x) : “Il nome di x non inizia
con la lettera b”; il suo insieme di verità è l’insieme
C = {Foggia, Lecce, Taranto} (colore giallo della figura), che,
come si può facilmente notare, è l’insieme complementare
di A rispetto a D.
- Sia l(x): “o x è un numero pari o x è un numero minore di 12”, con x ∈{1, 4, 7, 10, 13, 16 }.
Essa è una proposizione molecolare formata dalle
proposizioni s(x): “x è un numero pari” e dalla
proposizione t(x): “x è un numero minore di 12”,
mediante la disgiunzione esclusiva.
· t(x).
In simboli: l(x) = s(x) ∨

114
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 115

Book in
progress
3. La logica

La proposizione l(x) è vera quando una delle due


proposizioni è vera e l’altra è falsa. L’insieme L, dunque, è
formato dagli elementi che rendono vera s(x) ma non t(x),
o dagli elementi che rendono vera t(x) ma non s(x).
Possiamo, allora, dire che L = (S ∪ T) - (S ∩ T)
(colore verde della figura).

In generale:
- L’insieme di verità della proposizione aperta a(x) ∧ b(x) è l’insieme intersezione degli insiemi di verità di a(x) e b(x);
- L’insieme di verità della proposizione aperta a(x) ∨ b(x) è l’insieme unione degli insiemi di verità delle proposizione
a(x) e b(x).
- L’insieme di verità della proposizione aperta a(x) è l’insieme complementare dell’insieme di verità di a(x) rispetto al
dominio della proposizione a(x).
- L’insieme di verità della proposizione aperta a(x) ∨ · b(x) è l’insieme differenza fra l’unione degli insiemi di verità delle
proposizioni a(x) e b(x) e l’intersezione degli stessi insiemi.

In sintesi:

ad a(x) ∧ b(x) corrisponde A ∩ B


ad a(x) ∨ b(x) corrisponde A ∪ B
ad a(x)corrisponde AD
· b(x) corrisponde (A ∪ B) - (A ∩ B)
ad a(x) ∨

Implicazione logica e coimplicazione logica


- Consideriamo la proposizione
p(x) : “se x è un divisore di 15, allora x è un divisore di 30”, con x ∈ N .

La proposizione p(x) è una proposizione molecolare


ottenuta dalle proposizioni v(x) : “x è un divisore di 15” e
m(x): “x è un divisore di 30”, mediante l’operazione di
implicazione (se …. allora).

L’insieme di verità della proposizione v(x) è


V = {1, 3, 5, 15}; l’insieme di verità della proposizione m(x)
è M = {1, 2, 3, 5, 6, 10, 15, 30}. Come puoi notare, tutti
gli elementi di V sono elementi di M, ma alcuni elementi
di M non sono elementi di V ; quindi V ⊂ M .

In questo caso, l’operazione di implicazione prende il nome di implicazione logica e si dice che v(x) implica logicamente
m(x). In simboli v(x) ⇒ m(x).
In una implicazione logica, la premessa prende il nome di condizione sufficiente per la conseguenza e la conseguenza
prende il nome di condizione necessaria per la premessa.
Infatti “è sufficiente”, cioè basta, essere divisori di 15 per essere anche divisori di 30.

- Consideriamo la proposizione
k(y) : “y è un numero pari se e solo se y è multiplo di 2”, con y ∈ D = {x ∈ N / 1 < x < 12}.

La proposizione k(y) è una proposizione molecolare ottenuta dalle proposizioni a(y): “y è un numero pari” e b(y): “y è multiplo
di 2”, mediante l’operazione logica di coimplicazione (se e solo se).
L’insieme di verità di a(y) è A = {2, 4, 6, 8, 10}; l’insieme di verità di b(y) è B = {2, 4, 6, 8, 10}.
Come puoi notare, A = B.

115
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 116

Algebra - primo anno

In questo caso, l’operazione di coimplicazione prende il nome di coimplicazione logica (o doppia implicazione logica) e si
dice che a(y) e b(y) sono logicamente equivalenti. In simboli a(y) ⇔ b(y).
Se ricordi, (a ↔ b) ≡ (a → b) ∧ (b → a); poiché la coimplicazione logica è una particolare coimplicazione, possiamo dire
che a(x) ⇔ b(x) ≡ [a(x) ⇒ b(x)] ∧ [b(x) ⇒ a(x)].
Nella proposizione a(x) ⇒ b(x), a(x) è la condizione sufficiente per b(x) e b(x) è la condizione necessaria per a(x), ma nella
proposizione b(x) ⇒ a(x) si ha che b(x) è la condizione sufficiente per a(x) e a(x) è la condizione necessaria per b(x).

Si ha, allora: in una coimplicazione logica, sia p(x) che q(x) sono condizioni necessarie e sufficienti.

In modo equivalente, la proposizione a(x) ⇔ b(x) si legge “condizione necessaria e sufficiente affinché a(x) è b(x)” .
Incontrerai questi concetti quando affronterai lo studio della geometria nella quale sono presenti proposizioni del tipo
H ⇒ T o del tipo H ⇔ T chiamati “teoremi”.

In generale:
- Una proposizione aperta a(x) → b(x) è una implicazione logica se e solo se l’insieme di verità di a(x) è un sottoinsieme
dell’insieme di verità di b(x).
- Una proposizione aperta a(x) ↔ b(x) è una coimplicazione logica se l’insieme di verità di a(x) è uguale all’insieme di
verità di b(x).

In sintesi: Se [a(x) ⇒ b(x)] allora A ⊂ B


Se [a(x) ⇔ b(x)] allora A = B

PROVA TU
1) Siano a(x): “x è multiplo di 3” e b(x): “x è divisore di 24” due proposizioni di dominio
D = {y ∈ N / 2 ≤ y ≤ 15 }.
Determina l’insieme di verità delle seguenti proposizioni:
a(x) ∧ b(x) ; a(x) ∨ b(x) .
2) Stabilisci se le seguenti implicazioni sono implicazioni logiche e, in caso affermativo, individuane la condizione necessaria
e la condizione sufficiente:
a) “se x è maggiore di 25 allora x è minore di 100”, con x ∈ N.
b) “se x è multiplo di 8 allora x è multiplo di 4”, con x ∈ N.
3) Stabilisci se le seguenti proposizioni aperte sono coimplicazioni logiche:
a) “ x è multiplo di 3 se e solo se la somma delle sue cifre è un multiplo di 3”, con x ∈ N.
b) “ x è multiplo di 5 se e solo se l’ultima cifra di x è 5”, con x ∈ N.

Quantificatori
Consideriamo la proposizione aperta “x è minore di 24”, con x ∈ N. Per alcuni valori attribuiti ad x la proposizione è vera,
per altri valori la proposizione è falsa.
Possiamo trasformare la proposizione data in una proposizione vera o falsa (e quindi non è più una proposizione aperta)
scrivendo:
“Esiste qualche numero naturale minore di 24” (vera);
“Tutti i numeri naturali sono minori di 24” (falsa).
Consideriamo le seguenti proposizioni:

a) “Tutti i numeri dispari sono divisibili per 3”.


b) “Alcuni numeri naturali sono multipli di 11”.
c) “Esistono numeri interi la cui somma è 3”.
d) “Tutti i numeri naturali sono maggiori di zero”.
e) “Esiste un solo numero naturale minore di 1”.

Quali sono vere? …………………………………. Quali sono false? ……………………………….


I termini “tutti”, “alcuni”, “esistono”, “esiste un solo”… “per ogni”, “esiste almeno uno” sono chiamati quantificatori.

116
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 117

Book in
progress
3. La logica

I quantificatori sono di due tipi: quantificatore esistenziale e quantificatore universale.

Il quantificatore esistenziale si indica con il simbolo ∃ e si legge “esiste almeno”, cioè assicura l’esistenza di almeno un
elemento del dominio che verifica la proprietà indicata successivamente.
Il quantificatore universale si indica con il simbolo ∀ e si legge “per ogni”, cioè assicura che tutti gli elementi del dominio
verificano la proprietà indicata successivamente.

Le precedenti proposizioni possono essere scritte in simboli:


a) ∀ x ∈ N, x dispari: x = 3 n ;
b) ∃ x ∈ N / x = 11 n ;
c) ∃ x, y ∈ Z / x + y = 3 ;
d) ∀ x ∈ N: x > 0 ;
e) ∃ x ∈ N / x < 1 ( il simbolo ∃ significa “esiste ed è unico” ) .

La proposizione c) può essere anche scritta nel modo seguente: ∃ (x, y) ∈ Z 2 / x + y = 3.


Viceversa, la scrittura: ∀ x ∈ Z: x2 ∈ N , nel linguaggio naturale si traduce nella proposizione “il quadrato di tutti i numeri
interi è un numero naturale”.

ATTENZIONE
La negazione della proposizione “Tutti i numeri naturali sono multipli di 5” è la proposizione “Non tutti i numeri
naturali sono multipli di 5”. Questo vuol dire che “esiste almeno un numero naturale che non è multiplo di 5”.
La negazione della proposizione “Alcuni numeri naturali sono multipli di 11” è la proposizione “Tutti i numeri naturali
non sono multipli di 11” che può essere scritta nella forma “Nessun numero naturale è multiplo di 11” oppure
“Non esiste un numero naturale che sia multiplo di 11”.

In generale:
non (∀x ∈ D, p(x)) → ∃ x ∈ D / non p(x))
non (∃ x ∈ D / p(x)) → (∀x ∈ D, non p(x))

La proposizione “Non esiste un numero naturale che sia multiplo di 11” scritta con i simboli della logica diventa:
“∄ x ∈ N / x = 11 · n ”. Il simbolo ∄ si legge “non esiste”.

Se nella proposizione è presente il quantificatore esistenziale “esiste ed è unico”, la sua negazione può essere fatta in
due modi: si può negare l’esistenza oppure si può negare l’unicità; quindi o nessun elemento verifica la proprietà indicata
oppure almeno due elementi verificano la proprietà indicata.
Nella geometria troverai esempi della negazione di una proposizione contenente il quantificatore esistenziale “esiste ed è
unico”.

PROVA TU
1) Scrivi in simboli le seguenti proposizioni:
a) “Tutti i multipli di 4 sono numeri pari”;
b) “Alcuni numeri interi sono maggiori di 10”.
2) Scrivi in linguaggio naturale le seguente proposizioni:
a) ∃ x ∈ Q / x ∈ N;
b) ∀ x ∈ Z: |x| ∈ N.
3) Determina il valore di verità delle proposizioni degli esercizi 1) e 2).
4) Scrivi la negazione delle proposizioni degli esercizi 1) e 2).

117
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 118

Algebra - primo anno

3.7 SCHEMI DI RAGIONAMENTO


- Sapendo che p → q è vera e che p è vera, cosa possiamo dire della proposizione q ?
Osserviamo la tavola di verità dell’implicazione:

p q p→q L’unico caso in cui p → q e p sono vere è espresso dai valori di verità della prima riga;
possiamo, quindi, affermare che anche q è vera.
V V V
Possiamo enunciare la seguente regola detta Modus Ponens:
V F F Se un’implicazione è vera ed è vera la premessa, anche la conseguenza è vera.

F V V

F F V

- Sapendo che p → q è vera e che q è falsa, cosa possiamo dire della proposizione p ?
Osserviamo la tavola di verità dell’implicazione:
p q p→q L’unico caso in cui p → q è vera e q è falsa è espresso dai valori di verità dell’ultima riga;
possiamo affermare che p è falsa.
V V V
Ricorda che se una proposizione è falsa, la sua negazione è vera; quindi se q è falsa, la
V F F proposizione q è vera e, se p è falsa, allora è vera p.
Possiamo, così, enunciare la seguente regola detta Modus Tollens:
F V V
Se un’implicazione è vera e la conseguenza è falsa (o è vera la negazione della
F F V conseguenza), allora possiamo affermare che è falsa la premessa (o che è vera la negazione
della premessa).

Le regole del Modus Ponens e del Modus Tollens possono essere così schematizzate:

Modus Ponens Modus Tollens

p→q p→q

p q

.................. ..................

q p

Esempi:
a) “Se sono maggiorenne posso votare; sono maggiorenne”; quindi “posso votare” (Regola del Modus Ponens).
b) “Se ho almeno la sufficienza in tutte le discipline sono promosso, ma non sono promosso”; quindi “non ho almeno la
sufficienza in tutte le discipline” (Regola del Modus Tollens).

Schematizzando:
a) “sono maggiorenne” → “posso votare”
“sono maggiorenne”
“posso votare”

b) “ho almeno la sufficienza in tutte le discipline” → “sono promosso”


“non ho almeno la sufficienza in tutte le discipline”
“non sono promosso”

Consideriamo le seguenti proposizioni:


“Se domani è domenica, dopodomani vado a scuola”;
“se dopodomani vado a scuola mi alzo presto”.
Da queste due proposizioni posso concludere che:
“Se domani è domenica dopodomani mi alzo presto”.

118
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 119

Book in
progress
3. La logica

Questo è un esempio di una catena di deduzioni:


se due implicazioni, tali che la conseguenza della prima è la premessa della seconda, sono vere, da esse si può
dedurre che l’implicazione, che ha come premessa la premessa della prima e come conseguenza la conseguenza
della seconda, è vera.

Ovviamente si può generalizzare al caso in cui le deduzioni sono più di due.


Possiamo, così, schematizzare la catena di deduzioni:

p→q
q→a
a → ..
.. → t
p→t

Gli schemi di ragionamento ora visti ti saranno utili nello studio della geometria.

PROVA TU
1) Stabilisci se i seguenti ragionamenti sono corretti e, in tali casi, indica quale schema è stato seguito:
a) “Se c’è il sole esco. Esco”. Deduco che “c’è il sole”.
b) “Se viene Anna preparo il caffè. Non preparo il caffè”. Deduco che “Anna non viene”.
c) “Se Gianni torna, giochiamo a pallone. Gianni torna”. Deduco che “giochiamo a pallone”.
d) “Se Maria porta la torta, Mara porta l’aranciata; se Mara porta l’aranciata, Lucia porta i cioccolatini”.
Deduco che “se Maria porta la torta, Lucia porta i cioccolatini”.
e) “Se Monica compra le caramelle, telefona. Monica non compra le caramelle”. Deduco che “Monica non telefona”.

2) Completa i seguenti ragionamenti:


a) “Se la ruota è forata mi fermo. La ruota è forata”. Quindi “……………………..........”.
b) “Se l’aereo arriva in orario, vedo il concerto. Non vedo il concerto”. Quindi “……………………………......................”.
c) “Se il mare è calmo, mi tuffo. Il mare non è calmo”. Quindi “…………………..........”.
d) “Se Luca canta, Fabio suona la chitarra; se Fabio suona la chitarra, Diego suona la tromba”.
Poiché Luca canta, cosa fa Diego ? ………………………

119
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 120

Algebra - primo anno

ESERCIZI CAPITOLO 3

LA LOGICA
Conoscenza e comprensione
1) Quali proposizioni del linguaggio comune sono proposizioni logiche?
2) Quali, delle seguenti proposizioni, sono proposizioni logiche?
a) Il museo del Louvre è il museo più famoso d’Europa.
b) La Costituzione italiana è stata promulgata nel 1949.
c) John Fitzgerald Kennedy è stato presidente degli USA.
d) La Spagna è un paese che aderisce alla Comunità Economica Europea.
e) La fontana di Trevi è la fontana più bella d’Italia.

3) Quali sono gli elementi di una proposizione logica?


4) Nelle seguenti proposizioni, individua gli argomenti ed i predicati:
a) 4 è un numero primo.
b) Il Po attraversa l’Emilia Romagna.
c) La Toscana è più estesa della Val d’Aosta.
d) Lippi allena la nazionale italiana di calcio.

5) Cos’è una proposizione atomica? E una proposizione molecolare?


6) A fianco di ciascuna delle seguenti proposizioni scrivi “A” se è una proposizione atomica , “M” se è una proposizione
molecolare:
a) La Luna ed il Sole sono corpi celesti. ……
b) I numeri primi sono infiniti. ……
c) 4 è divisore sia di 12 che di 20. ……
d) Il Basket è uno sport di squadra. ……

7) Quali sono i principi della Logica?


8) Quali sono le operazioni logiche? Scrivi i simboli con i quali esse sono indicate.
9) Che cos’è la “tavola di verità”?
10) Scrivi la tavola di verità di ciascuna delle operazioni logiche.
11) Nella proposizione p → q, come si chiamano le proposizioni p e q?
12) Data la proposizione p → q, scrivi la proposizione contraria, la proposizione inversa e la proposizione controinversa.
Quali di queste hanno tavola di verità uguale a quella di p → q?
13) Che cos’è una tautologia?
14) Che cos’è una contraddizione?
15) Cosa vuol dire che due proposizioni sono logicamente equivalenti?
16) Che cos’è una proposizione aperta?
17) Che cos’è il dominio di una proposizione aperta?
18) Che cos’è l’insieme di verità di una proposizione aperta?
19) Se c(x) è una proposizione aperta, come si indica, in modo convenzionale, il suo insieme di verità?
20) Siano a(x) e b(x) due proposizioni aperte entrambe di dominio D; A e B gli insiemi di verità di a(x) e b(x).
Stabilisci se sono vere o false le seguenti affermazioni:
a) L’insieme di verità di a(x) ∧ b(x) è un sottoinsieme di A. q V q F
b) L’insieme di verità di a(x) ∨ b(x) è A ∪ B. q V q F
c) L’insieme di verità di a(x) è un sottoinsieme di D. q V q F
d) L’insieme di verità di a(x) ∧ b(x) è un sottoinsieme di A ∪ B. q V q F

120
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 121

Book in
progress
3. La logica

e) L’insieme di verità di a(x) è AD . q V q F


f) L’insieme di verità di a(x) ∨ b(x) è un sottoinsieme di B. q V q F
g) L’insieme di verità di a(x) ∧ b(x) è A ∩ B. q V q F
h) L’insieme di verità di a(x) ∨· b(x) è (A ∩ B) q q
A∪B . V F

21) Qual è la differenza fra implicazione materiale ed implicazione logica? Con quale simbolo si indica l’implicazione logica?
22) Qual è la differenza fra coimplicazione materiale e doppia deduzione logica? Con quale simbolo si indica la doppia
deduzione logica?
23) Data la proposizione p(x) ⇒ q(x), quale nome prende la proposizione p(x) ? E la proposizione q(x)?
24) In quale “operazione” una proposizione è sia condizione necessaria che condizione sufficiente?
25) Quanti e quali sono i quantificatori? Scrivi i loro simboli.
26) E’ corretto affermare che la negazione della proposizione “Esiste un solo numero primo pari” è la proposizione “Tutti i
numeri primi sono dispari”? Giustifica la tua risposta.

Esercizi
Le proposizioni
1) Stabilisci se le seguenti proposizioni sono proposizioni logiche:
a) A che ora è la partita?
b) Il mare è un po’ agitato.
c) L’angolo retto misura 90°.
d) Esistono numeri pari multipli di 3.
e) L’acqua bolle quando raggiunge la temperatura di 120°.
f) Il più grande pittore italiano è Guttuso.
g) E. Majorana è uno scienziato italiano.

2) Completa la tabella come nell’esempio:


Proposizione Atomica Molecolare Argomento/i Predicato/i
Manzoni;
Manzoni ha scritto “I Promessi Sposi”. × I promessi sposi
ha scritto

L’ossigeno e l’idrogeno sono dei gas.

Meucci ha inventato il telefono.

Cile e India sono paesi asiatici.

Leonardo ha dipinto l’ “Ultima Cena”.

Michelangelo ha scolpito la “Pietà”.

Pelè e Kakà sono calciatori brasiliani.

“Ossi di seppia” è una raccolta di


poesie scritta da E. Montale.
La Terra ruota intorno al sole
descrivendo un’ellisse.

L’elio è un gas nobile.

Londra e Bucarest sono capitali europee.

121
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 122

Algebra - primo anno

Operazioni logiche
3) Scrivi in simboli le seguenti proposizioni molecolari, dopo aver indicato con una lettera le proposizioni atomiche che le
compongono:
a) Un parallelogramma è un rettangolo se e solo se ha quattro angoli congruenti.
b) 5 è un numero primo oppure è dispari.
c) Se la Luna ruota intorno alla Terra, allora ruota intorno al Sole.
d) 24 è un numero pari ma non è multiplo di 12.
e) Il vino o è rosso o è bianco.
f) Un quadrilatero è un trapezio se due lati non sono paralleli.
g) Giove e Saturno sono due pianeti.

4) Date le proposizioni: g: “vado in palestra”; h: “vado al cinema”; k: “incontro Luigi”.


traduci in simboli le seguenti espressioni:
a) Se vado al cinema, non vado in palestra e incontro Luigi.
b) Sia che vada al cinema sia che vada in palestra, incontro Luigi.
c) Soltanto se incontro Luigi, vado in palestra.
d) Se non incontro Luigi, vado o al cinema o in palestra.
e) Se non incontro Luigi, vado in palestra, però se lo incontro, vado al cinema.

5) Dopo aver stabilito il valore di verità delle proposizioni f : “6 è multiplo di 3” e g: “6 è divisore di 24”,
scrivi in simboli le seguenti proposizioni e determina, per ciascuna di esse, il valore di verità:
a) “6 è divisore di 24 e multiplo di 3”;
b) “6 è multiplo di 3 oppure divisore di 24”;
c) “o 6 è multiplo di 3 o 6 è divisore di 24”;
d) “6 è multiplo di 3 se e solo se 6 è divisore di 24”.

6) Dopo aver stabilito il valore di verità delle proposizioni a: “G. Boccaccio è uno scrittore del 1300” e b: “G. Boccaccio
è uno scrittore toscano”; scrivi in simboli le seguenti proposizioni e determina, per ciascuna di esse, il valore di verità:
a) “G. Boccaccio è uno scrittore toscano del 1300”;
b) “G. Boccaccio è uno scrittore del 1300 oppure è toscano”;
c) “Se G. Boccaccio è uno scrittore toscano allora è uno scrittore del 1300”;
d) “G. Boccaccio non è toscano e non è uno scrittore del 1300”.

7) Dopo aver stabilito il valore di verità delle proposizioni s: “9 è il quadrato di 3” e t: “18 è multiplo di 9”, determina il
valore di verità delle seguenti proposizioni e riscrivile nel linguaggio comune:
t∧s; t∨s; t∧s; s→t; s↔t; s∧t.

8) Dopo aver stabilito il valore di verità delle proposizioni p: “Olbia è una città della Sardegna”, q: “La Calabria è una
regione italiana” e r: “Il campanile di Giotto è un monumento di Roma”, determina il valore di verità delle seguenti
proposizioni:
(p ∧ q) ∧ r ; p ∨ (r ∧ q) ; · r) ;
p ∧ (q ∨ (q ∨ p) ∧ r .

9) Dopo aver stabilito il valore di verità delle proposizioni m: “Il Monte Bianco è il monte più alto d’Italia”, n: “Il Lago di
Garda è il lago più grande d’Italia” e t: “ Il Tevere è il fiume più lungo d’Italia”, determina il valore di verità delle seguenti
proposizioni:
(m ∨ n) → t ; n↔t; (n ∧ t) → m ; (m ∧ n) ↔ t ; (m ∨· n) ∧ t .

10) Stabilisci il valore di verità delle proposizioni:


d → (b ↔ g) ; (b ∨ g) ∨ (g ∧ d ) ; [d → (g ∨ b) ∧ d] ↔ g ; (g ∨· d) ∧ b ,
sapendo che le proposizioni d e b sono proposizioni vere, mentre g è una proposizione falsa.

11) Siano V, V, F i valori di verità delle proposizioni m, n, q, rispettivamente. Determina il valore di verità delle seguenti
proposizioni: (m ↔ q) → n ; [q ∨ (m → n)] ↔ [(n ∧ q) ∨ m ].

122
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 01/08/18 13:57 Pagina 123

Book in
progress
3. La logica

Espressioni logiche e tavole di verità


12) Completa le seguenti tavole di verità:

a b a a......b a b b a→b a b a......b

V V ......... F ....... V ......... F V V F

....... F F V F V ......... ......... V V V

F V ......... V V ....... ......... V F V V

....... F V F ....... ....... ......... ......... ....... ....... F

13) Osservando gli esempi di pag. 109, costruisci la tavola di verità delle seguenti proposizioni:
a∧b; a∨b; a↔b; (a ∨ · b) ;
a ∧ (b → a) ; (b ∨ a) ∧ a ; (b ∧ a ) ∨ · b; b ↔ (a ∧ b) ;
(a ∨ b) ↔ c ; (b → c) ∧ a ; a↔c; (c ∨ a) ∧ b → a .

Tautologie e contraddizioni
14) Stabilisci se le seguenti proposizioni sono tautologie, contraddizioni o non sono né tautologie, né contraddizioni:
a) a → (a ∨ b ); [T]
b) a ∧ ( a ∧ b); [C]
·
c) (a ∨ b) ∨ ( a ∧ b ); [T]
d) (a ∧ b) → ( a ∧ b );
e) a ↔ b ∨ ( a ∧ b);
f) ( a → b) ∧ (b ∨ a );
g) (a → b ) ∧ (b ∨ a);
h) [( a ∨ b) ∧ b ] ∧ a. [C]

Proposizioni logicamente equivalenti


15) Siano c: “il branzino è un pesce” e d: “il granchio è un crostaceo” due proposizioni; scrivi nel linguaggio comune la
proposizione c → d, la proposizione inversa, la proposizione contraria e la proposizione controinversa.
Verifica, servendoti delle tavole di verità, che soltanto la proposizione controinversa è logicamente equivalente a c → d.
16) Verifica, mediante le tavole di verità, che le seguenti coppie di proposizioni sono logicamente equivalenti:
a) ( a ∧ b) → a; (a ∨ b) ∨ a.
b) (a ↔ b) ; (a ∧ b ) ∨ (a ∨ b).
c) (a ∧ b) ∨ a ; [( a ∨ b) ∧ a].

Proposizioni aperte
17) 17) Sia p(x): “x è minore di 1” una proposizione aperta con x ∈ Z ; scrivi, nel linguaggio comune, le seguenti proposizioni
e determina il loro valore di verità: p(-2); p(0); p(3); p(1); p(-4); p(-1).

18) Sia s(x): “x è maggiore di ” una proposizione aperta di dominio D = Q ; scrivi, nel linguaggio comune, le seguenti
proposizioni e determina il loro valore di verità:

19) Data la proposizione aperta a(x): “x2 = 4” di dominio D = N, il suo insieme di verità è:
a) A = {-2, 2};
b) A = {-2};
c) A = { };
d) A = { 2};
e) A = {-2, 0, 2}.

123
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 124

Algebra - primo anno

20) Data la proposizione aperta c(x): “x2 = 16”, di dominio D = Z , il suo insieme di verità è:
a) C = {8};
b) C = {-4, 4};
c) C = {4};
d) C = {-4};
e) C = {-8, 8}.

21) Determina l’insieme di verità T della proposizione aperta t(x, y): “x + y = -5” di dominio
D = A × B, essendo A = {a ∈ Z / -5 < a ≤ 6} e B = {b ∈ Z / -2 ≤ b < 6}. Rappresenta l’insieme T in forma tabulare.

22) Determina l’insieme di verità V della proposizione aperta v(x, y): “x - y = 4” di dominio
D = F × G, essendo F = {a ∈ Z / -3 < a ≤ 7} e G = {b ∈ Z / -8 ≤ b < 0}.
Rappresenta l’insieme V nel modo che ritieni opportuno.

23) Determina l’insieme di verità B della proposizione aperta b(y): “3 · y = 0” di dominio D = N.

24) Considera le proposizioni aperte


v(x): “x è multiplo di 3” con x ∈ A = {1, 3, 5, 6, 8, 9, 11,12};
t(x): “x è un numero pari” con x ∈ B = {0, 1, 2, 3, 5, 6, 8, 9, 10, 12, 15}.
Sia S l’insieme di verità della proposizione s(x): “x è un numero pari multiplo di 3” di dominio D = A ∪ B.
Una sola delle seguenti proposizioni è falsa, quale?
a) s(x) = t(x) ∧ v(x);
b) S ⊂ A ∪ B ;
c) S = {6, 12};
d) s(x) = t(x) Ú v(x)
e) S = V ∩ T

25) Date le proposizioni aperte


a(x): “x è un numero primo” con x ∈ F = {y ∈ N / 0 < y < 20};
b(x): “La frazione x è propria” con x ∈ F,
13
indica, con un’espressione contenente le operazioni fra insiemi, l’insieme di verità della proposizione aperta d(x):
“Il numeratore della frazione propria x non è primo ”, di dominio D = F.
13
Successivamente, rappresenta l’insieme di verità di d(x) in forma tabulare.

26) Siano m(x) : “x è divisore di 12” e n(x): “x è divisore di 18” due proposizioni aperte, entrambe di dominio
D = {y ∈ N / 0 < y < 21}. Indica, con un’espressione contenente le operazioni fra insiemi, l’insieme di verità delle
proposizioni aperte di dominio D:
b(x): “x è divisore sia di 12 che di 18”;
c(x): “x è divisore di 12 oppure di 18” ;
f(x): “x è divisore o di 12 o di 18”.
Successivamente rappresenta ciascun insieme di verità in forma tabulare.

27) Siano m(x) e n(x) le proposizioni aperte dell’esercizio precedente. Indica, con un’espressione contenente le operazioni
fra insiemi, l’insieme di verità delle proposizioni aperte di dominio D:
g(x): “x non è divisore di 12”;
h(x): “x non è divisore di 18.”;
k(x): “x non è divisore né di 12 né di 18”;
t(x): “x non è divisore di 12, ma è divisore di 18”.
Successivamente rappresenta ciascun insieme di verità in forma tabulare.

124
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 125

Book in
progress
3. La logica

28) Siano f(x): “x è multiplo di 8”, g(x): “x è multiplo di 4” e k(x): “Se x è multiplo di 8, x è multiplo di 4” tre proposizioni
aperte di dominio D = N. Quale delle seguenti affermazioni è vera?
a) g(x) è condizione necessaria e sufficiente per f(x);
b) G ⊂ F, dove G è l’insieme di verità di g(x) e F è l’insieme di verità di f(x);
c) f(x) è condizione necessaria per g(x);
d) g(x) è condizione necessaria per f(x);
e) g(x) è condizione sufficiente per f(x).

29) La proposizione aperta a(x): “Se x è divisore di 15, allora x è divisore di 75” con x ∈ N, è una implicazione logica?
Giustifica la tua risposta servendoti dei diagrammi di Venn.

30) Sia D = {y ∈ N / y > 9} il dominio della proposizione aperta b(x): “x è divisibile per 3 se e solo se lo è la somma delle
sue cifre”. La proposizione b(x) è una coimplicazione logica? Giustifica la tua risposta.

31) Sia D = {y / y è un quadrilatero} il dominio della proposizione h(x): “Se x ha quattro lati congruenti, allora x è un quadrato”.
Spiega perché h(x) non è una implicazione logica.
La sua proposizione inversa è una implicazione logica? In caso affermativo, indica qual è la condizione sufficiente e
quale quella necessaria. Giustifica la tua risposta.

32) Sia D = {y / y è un triangolo} il dominio della proposizione z(x): “Se x è equilatero, x ha tre lati congruenti”. La proposizione
z(x) è un’implicazione logica? Anche la sua inversa è un’implicazione logica? Si può, allora, affermare che la proposizione
“x è equilatero se e solo se x ha tre lati congruenti” è una coimplicazione logica? Giustifica le tue risposte.

Quantificatori
Esempio

a) Sia D = {0, 2, 4, 6, 7, 8, 11, 12} il dominio della proposizione aperta b(x) : “x è primo”. Usando i quantificatori universale
e/o esistenziale (∀, ∃, ∃ ), trasformiamo la proposizione aperta in una proposizione.
Nell’insieme D ci sono alcuni numeri che sono primi e altri che non lo sono; la proposizione aperta b(x) si trasforma
nella proposizione: “Esiste almeno un elemento di D che è primo”.
In simboli: “∃ x ∈ D / x è primo”.

b) Sia D = {3, 6, 9, 12, 18, 24, 30} il dominio della proposizione aperta m(x) “x è multiplo di 3”.
Usando i quantificatori universale e/o esistenziale (∀, ∃, ∃ ), trasformiamo la proposizione aperta in una proposizione.
Tutti gli elementi di D sono multipli di 3, quindi dobbiamo usare il quantificatore “per ogni” (∀); la proposizione aperta
m(x) si trasforma nella proposizione: “∀ x ∈ D, x è multiplo di 3”.

33) Usando i quantificatori universale e/o esistenziale (∀, ∃, ∃ ) , trasforma le seguenti proposizioni aperte in proposizioni:
a) c(x): “x è divisore di 45” con x ∈ S = {1, 3, 5, 9};
b) d(x): “x è il m.c.m. fra 8 e 36” con x ∈ A = {16, 36, 64, 72, 96};
c) p(x): “x è negativo” con x ∈ T = {5, -1, 3, 9 14};
d) s(x): “x - 6 = 10” con x ∈ Z .

Esempio

a) Scriviamo in simboli la proposizione: “Ci sono dei numeri naturali maggiori di 3”.
L’espressione “Ci sono dei ….” significa “esistono …….” che viene tradotto con il simbolo $; il simbolo per indicare
“maggiore di” è “>”. Indicato con x il generico elemento di N, la proposizione data, in simboli, è la seguente:
∃x∈N/x>3
b) Scriviamo in simboli la proposizione: “Tutti i numeri naturali sono positivi”. L’espressione “Tutti …” indica che ogni
numero naturale verifica la proprietà successiva; tale espressione si traduce con “∀”; inoltre un numero è positivo se
è maggiore di zero. Indicato con x il generico elemento di N, la proposizione data, in simboli, è la seguente:
∀ x ∈ N: x > 0
· Scriviamo, nel linguaggio naturale ed in simboli, la negazione delle proposizioni precedenti.

125
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 31/07/18 08:44 Pagina 126

Algebra - primo anno

- Scriviamo, nel linguaggio naturale ed in simboli, la negazione delle proposizioni precedenti.


La negazione della proposizione alla lettera a) è: “Non ci sono numeri naturali maggiori di 3”; questo vuol dire che tutti
i numeri naturali non sono maggiori di 3 e, quindi, tutti i numeri naturali sono minori di 3 oppure uguali a 3. Indicato con
x il generico elemento di N, la negazione della proposizione alla lettera a), in simboli, è la seguente:
∀ x ∈ N: x ≤ 3
La negazione della proposizione alla lettera b) è: “Non tutti i numeri naturali sono positivi”; questo vuol dire che esiste
almeno un numero naturale che non è positivo, cioè esiste almeno un numero naturale che è negativo (minore di zero)
oppure uguale a zero. Indicato con x il generico elemento di N, la negazione della proposizione alla lettera b), in simboli, è
la seguente:
∃x∈N/x≤0

34) Traduci in simboli le seguenti proposizioni e, successivamente, stabilisci quali di esse sono false:
a) Alcuni numeri naturali sono minori di nove.
b) Tutti i numeri razionali sono maggiori di zero.
c) Esiste un solo numero naturale minore di 1.
d) C’è almeno un intero il cui quadrato è trentasei.
e) La differenza fra due qualsiasi numeri interi è un numero intero.
f) Esistono numeri naturali compresi fra dodici e tredici.
g) Il quoziente fra due qualsiasi numeri razionali è un numero razionale.

35) Dopo aver scritto nel linguaggio naturale le seguenti proposizioni, stabilisci se esse sono vere o false:
a) ∃ a ∈ N / 2 · a = 6
b) ∃ y ∈ Z / y 2 = 9
c) ∀ b ∈ Z : 3 · b > b
d) ∀ m ∈ Q : m 3 > 0
e) ∃ x ∈ Z + / 2x = 1
f) ∀ a, b ∈ N : a - b ∈ N
g) ∄ x ∈ N / x + 5 = 3

36) Scrivi, nel linguaggio naturale e in forma simbolica, la negazione delle proposizioni dell’esercizio 33).
Esercizi di riepilogo

37) Sapendo che a è una proposizione vera, che b e c sono proposizioni false, quale delle seguenti affermazioni è vera?
a) la proposizione a ↔ ( b ∧ c) è falsa;
b) la proposizione a ∨ b è falsa;
c) la proposizione (a ∧ b) ∨ c è falsa;
.
d) la proposizione a ∨ (b ∧ c) è falsa;
e) le precedenti affermazioni sono vere.

38) Siano k, m, n tre proposizioni vere; solo una delle seguenti affermazioni è falsa. Quale?
a) la proposizione k ∨ ( m ∧ n ) è vera;
b) la proposizione m → (k → n) è vera;
c) la proposizione (n ∨ m) ↔ k è vera;
d) la proposizione (k ∧ m) ∨ n è vera;
e) una sola delle precedenti affermazioni è falsa.

39) Una sola delle seguenti proposizioni è vera? Quale?


a) (p ∨ q) ∧ (p → q) è una contraddizione;
b) (a ∧ b) ↔ a è una tautologia;
. b) ∨ ( a → b) non è una tautologia;
c) ( a ∨
d) (p → q) ∧ ( p ∨ q) non è una contraddizione;
e) nessuna delle affermazioni precedenti è vera.

126
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 127

Book in
progress
3. La logica

40) Sia D = N il dominio della proposizione aperta t(a): “a = 8 - 2q” con q ∈ N. Il suo insieme di verità T è:
a) l’insieme dei numeri pari;
b) l’insieme dei numeri dispari;
c) l’insieme dei numeri pari minori di 10;
d) l’insieme dei numeri naturali minori di 9;
e) l’insieme vuoto.

41) Determina l’insieme di verità F della proposizione aperta f(x): “(x - 3) · (x + 1) = 0” di dominio D = N.

42) Determina l’insieme di verità G della proposizione aperta g(x): “(x + 5) · (x - 2) = 0” di dominio D = Z.

43) Sia D = N2 il dominio delle proposizioni aperte a(x, y): “La somma del doppio di x con y dà 12” e b(x, y): “il quoziente
fra x e y è un numero naturale”. Rappresenta in forma tabulare l’insieme di verità della proposizione aperta
a(x, y) ∧ b(x, y).

44) Scrivi in forma simbolica la proposizione “Se x è multiplo di 4, allora x è pari”; stabilisci se essa è un’implicazione logica
e, eventualmente, indicane la condizione necessaria e la condizione sufficiente.

45) Scrivi in forma simbolica la proposizione “La somma di due numeri naturali è dispari soltanto se uno è pari e l’altro è
dispari”; stabilisci se essa è una doppia deduzione logica e, eventualmente, indica quali sono la condizione necessaria
e la condizione sufficiente.

46) Scrivi in forma simbolica la proposizione “Talvolta la differenza fra numeri razionali è un numero intero”.

47) Qual è la negazione della proposizione “Tutti i numeri perfetti sono pari”?
a) Tutti i numeri perfetti sono dispari.
b) C’è almeno un numero perfetto dispari.
c) C’è almeno un numero pari che non è perfetto.
d) Nessun numero dispari è perfetto.
e) Nessun numero pari è perfetto. [b]
[Olimpiadi della Matematica, Giochi di Archimede 1998]

48) In un paese abitano solo briganti, che mentono sempre, e cavalieri, che dicono sempre la verità.
Un giornalista intervista quattro abitanti: Arturo, Bernardo, Carlo e Dario che fanno le seguenti dichiarazioni. Arturo:
“Bernardo è un brigante”; Bernardo: “Io sono l’unico cavaliere tra noi quattro”; Carlo: “Almeno uno tra Arturo e Dario
è un brigante”; Dario: “Siamo quattro cavalieri”. Quanti tra i quattro sono cavalieri?
a) Nessuno b) Uno c) Due d) Tre e) Quattro
[Olimpiadi della Matematica, Giochi di Archimede 2007] [c]

49) 100 delegati sono riuniti in un congresso. Non tutti portano la cravatta, ma si sa che comunque se ne scelgano due,
almeno uno dei due la porta. Quanti sono i congressisti con cravatta?
a) Almeno due, ma possono essere meno di 50.
b) Esattamente 50.
c) Più di 50, ma non si può dire esattamente quanti.
d) La situazione descritta è impossibile.
e) Nessuna delle precedenti affermazioni è vera.
[Olimpiadi della Matematica, Gara provinciale 1997] [e]

50) Sappiamo che una sola delle tre seguenti relazioni è vera: x = 5, x > 5, x ≤ 5. Quale delle seguenti affermazioni è
sicuramente vera?
a) x = 5 b) x ≠ 5 c) x > 5 d) x < 5 e) x ≥ 5
[Olimpiadi della Matematica, Giochi di Archimede1998] [b]

127
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 128

Algebra - primo anno

51) Nell’isola dei cavalieri e dei furfanti, i cavalieri dicono sempre la verità ed i furfanti mentono sempre. Supponi di incontrarvi
Andrea che dice: “Bruno afferma che Carlo è un furfante, ma Carlo afferma che Diego è un furfante e Diego afferma
che Bruno è un furfante”. Che cosa puoi dedurne?
a) Bruno, Carlo e Diego sono tutti furfanti.
b) Bruno, Carlo e Diego sono tutti cavalieri.
c) Tra Bruno, Carlo e Diego ci sono due furfanti e un cavaliere.
d) Tra Bruno, Carlo e Diego ci sono due cavalieri e un furfante.
e) Andrea è un furfante.
[Olimpiadi della Matematica, Giochi di Archimede1999] [e]

128
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 129

Book in
progress
4. Le relazioni

CAPITOLO 4. LE RELAZIONI

4.1 LE RELAZIONI E LA LORO RAPPRESENTAZIONE


Siano A = {Roma, Parigi, Valencia, Oslo} e B = {Francia, Italia, Spagna, Cile, Libia} due insiemi;
consideriamo la proposizione aperta p(x , y) : “x è capitale di y”, con x ∈ A e y ∈ B.
Alcuni elementi di A × B, rendono vera la proposizione, altri la rendono falsa.
Per esempio, la coppia ordinata (Roma , Italia) Î A ´ B rende vera la proposizione “Roma è la capitale dell’Italia”; invece la
coppia ordinata (Valencia , Cile) ∈ A × B rende falsa la proposizione “Valencia è la capitale del Cile”.
Diciamo, allora, che esiste una relazione 0 da A verso B e che Roma è in relazione con Italia, ma Valencia non è in relazione
con Cile. Esistono altri modi per dire che “Roma è in relazione con Italia”: “Italia è il corrispondente di Roma”, “a Roma
associa Italia”. Per indicare che “Roma è in relazione con Italia” si scrive “Roma 0 Italia”; per indicare che “Valencia non
è in relazione con Cile” si scrive “Valencia 0 Cile”.

Definizione
Dati due insiemi A e B e una proposizione aperta p(x, y), diciamo che esiste una relazione 0 da A verso B (o che A è in
relazione con B) se esistono elementi di A × B che rendono vera p(x, y).
Sia (a, b) un elemento di A × B tale che a 0 b: b è detta immagine di a e a controimmagine di b.

L’insieme formato dalle coppie (x, y) che rendono vera p(x, y) è un sottoinsieme di A × B che prende il nome di grafico
della relazione ed è indicato con la stessa lettera con la quale si indica la relazione; per questo, è in uso definire una relazione
0 come un qualsiasi sottoinsieme di A × B.
Nell’esempio precedente, Italia è immagine di Roma e Roma è controimmagine di Italia; il grafico 0 della relazione è il
seguente: 0 = {(Roma , Italia), (Parigi , Francia)}.
Come si può notare, alcuni elementi di A (Roma , Parigi) hanno un’immagine in B, mentre altri elementi di A (Valencia , Oslo)
non hanno immagine in B: il sottoinsieme di A, formato da elementi che hanno almeno un’immagine in B, si chiama
dominio della relazione 0 e si indica con D.
In maniera analoga, esistono elementi di B (Italia , Francia) che hanno una controimmagine in A e altri elementi di B (Spagna,
Cile, Libia) che non hanno controimmagine in A: il sottoinsieme di B, formato da elementi che hanno almeno una
controimmagine in A, si chiama codominio della relazione 0 e si indica con C.

In altre parole:
- si chiama dominio di una relazione l’insieme formato dalle controimmagini;
- si chiama codominio di una relazione l’insieme formato dalle immagini.

Nell’esempio considerato D = {Roma , Parigi} e C = {Italia , Francia}

Una relazione tra due insiemi A e B è un sottoinsieme di A × B ;


pertanto può essere rappresentata in diversi modi (pag. 9 e succ.):
- rappresentazione sagittale: si rappresentano gli insiemi A e B
con i diagrammi di Eulero - Venn e si collegano, con un segmento
orientato (freccia), gli elementi di A e di B che sono in relazione.

- rappresentazione mediante tabella a doppia entrata: si riportano


in una tabella gli elementi di A e di B: nella prima colonna si scrivono
gli elementi di A, nella prima riga si scrivono gli elementi di B.

129
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 130

Algebra - primo anno

Nella casella intersezione fra una riga e una colonna si scrive SÌ 0 Italia Cile Francia Libia Spagna
(o si mette una crocetta) se l’elemento della riga e l’elemento
della colonna sono in relazione, altrimenti si scrive NO. Roma SI’ NO NO NO NO

Parigi NO NO SI’ NO NO

Valencia NO NO NO NO NO

Oslo NO NO NO NO NO

In alternativa, nella casella intersezione fra una riga e una


0 Italia Cile Francia Libia Spagna
colonna, si scrive 1 se l’elemento della riga e l’elemento della
colonna sono in relazione, altrimenti si scrive 0. Roma 1 0 0 0 0

Parigi 0 0 1 0 0

Valencia 0 0 0 0 0

Oslo 0 0 0 0 0

Si è soliti, però, scrivere soltanto SI’ o mettere una crocetta o 1, per non “appesantire” la tabella; ad esempio:

0 Italia Cile Francia Libia Spagna 0 Italia Cile Francia Libia Spagna

Roma × Roma 1

Parigi × Parigi 1

Valencia Valencia

Oslo Oslo

- rappresentazione cartesiana:
si disegnano due semirette, tra loro perpendicolari, aventi la
stessa origine. Si riportano sulla semiretta orizzontale gli
elementi di A, cioè gli elementi del primo insieme, e sulla
semiretta verticale gli elementi di B, cioè gli elementi del
secondo insieme. Si conducono, poi, da ciascun elemento
le semirette che formano la quadrettatura e si segna, infine,
una crocetta, od un puntino, all’intersezione delle semirette
condotte dagli elementi che sono in relazione.
- rappresentazione tabulare:
si rappresenta, in forma tabulare, il sottoinsieme del prodotto
cartesiano A × B formato dalle coppie ordinate i cui elementi
sono in relazione. Praticamente, non è altro che il grafico
della relazione.
0 = {(Roma , Italia), (Parigi , Francia)}.
- rappresentazione mediante grafo:
si usa questo tipo di rappresentazione se la relazione è
definita da un insieme A in se stesso; cioè associa ad
elementi di A altri elementi di A. Ciascuno degli elementi di
A viene rappresentato con un puntino; gli elementi che sono
in relazione si collegano con delle frecce.
In figura è rappresentata con un grafo una relazione 0
definita nell’insieme
A = {a, b, c, d} tale che a 0 a, b 0 c e b 0 d.
Il segno ↻ sta ad indicare che un elemento è in relazione
con se stesso.

130
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 131

Book in
progress
4. Le relazioni

Esempi:
a) Dati gli insiemi A = {x ∈ N / 0 < x < 6} e B = {y ∈ Z / -2 ≤ y < 4} , sia 0 la relazione da A verso B definita dalla proposizione
p(x, y) : “x è il quadrato di y”.
Determiniamo dominio e codominio di 0.
Per determinare gli elementi di A × B che rendono vera p(x, y) si opera così: scegliamo un elemento di A, per esempio
1; formiamo, poi, le proposizioni p(1, y) scegliendo y in tutti i modi possibili fra gli elementi di B. Si hanno, così,
proposizioni del tipo:
p(1, -2): “1 è il quadrato di -2” (F);
p(1, -1): “1 è il quadrato di -1” (V);
p(1, 0) : “1 è il quadrato di 0” (F);
p(1, 1) : “1 è il quadrato di 1” (V);
………………………………….;
p(1, 3) : “1 è il quadrato di 3” (F).

Ripetiamo lo stesso procedimento per gli altri elementi di A e,


successivamente, rappresentiamo la relazione 0 in forma sagittale:
Gli elementi di A che hanno almeno un'immagine in B sono 1 e 4;
quindi il dominio della relazione è D = {1, 4}. Gli elementi di B che
hanno almeno una controimmagine in A sono -1, 1, -2, 2; quindi
il codominio della relazione è l’insieme C = {-2, -1, 1, 2}.

b) In figura è rappresentata, mediante tabella a doppia entrata, una relazione 0 da A verso B:


Rappresentiamo gli insiemi A e B in forma tabulare e determiniamo dominio e
0 b c d
codominio della relazione.
a 1 Ricorda che, nella rappresentazione mediante tabella a doppia entrata, gli elementi
del primo insieme (quelli di A) sono riportati nella prima colonna e gli elementi del
e 1
secondo insieme (quelli di B) sono riportati nella prima riga.
i 1 Si ha, dunque: A = {a, e, i, o, u} e B = {b, c, d}.
Osservando la posizione degli “1” si rileva che a 0 b, e 0 c, i 0 b, u 0 c; gli
o elementi di A che hanno almeno un’immagine in B sono a, e, i, u; gli elementi di
u 1 B che hanno almeno una controimmagine in A sono b e c. Allora si ha che il
dominio della relazione è D = {a, e, i, u} e il codominio C = {b, c}.

PROVA TU
1) Siano A = {Anna, Carlo, Ada, Fabio, Marta, Clara} e B = {a, b, c, d, e, f, g} due insiemi e 0 una relazione da A verso B
così definita: x 0 y ⇔ “x inizia con y”. Rappresenta 0 mediante tabella a doppia entrata e con la rappresentazione
cartesiana; determina, successivamente, dominio e codominio di 0.

2) In figura è rappresentata una relazione 0 fra due insiemi E ed F:


a) Rappresenta 0 in forma sagittale ed in forma tabulare;
determina dominio e codominio di 0.
b) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:
- 11 0 m q V q F
- r 0 16 q V q F
- s 0 20 q V q F
- t∈D q V q F
- t∈C q V q F
- (m, 11) ∈ 0 q V q F

131
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 132

Algebra - primo anno

4.2 RELAZIONE INVERSA


Siano A = {x ∈ N / 1 < x ≤ 8} e B = {-3, -1, 2, 3, 4} due insiemi.
Considera le seguenti relazioni:
01, da A verso B, così definita: x 01 y ⇔ “x è il doppio di y”
02, da B verso A, così definita : y 02 x ⇔ “y è la metà di x”

Osservando la rappresentazione sagittale di 01 e di 02, notiamo


che: 4 01 2 e 2 02 4 ,
quindi 2 è immagine di 4 nella relazione 01 e 2 è controimmagine
di 4 nella relazione 02; 6 01 3 e 3 02 6 ,
quindi 3 è immagine di 6 nella relazione 01 e 3 è controimmagine
di 6 nella relazione 02; 8 01 4 e 4 02 8 ,
quindi 4 è immagine di 8 nella relazione 01 e 4 è controimmagine
di 8 nella relazione 02.
In sintesi, ogni volta che x è in relazione con y nella relazione 01,
anche y è in relazione con x nella relazione 02.
Il dominio di 01 è D1 = {4, 6, 8}, il codominio di 01 è
C1 = {2, 3, 4}; mentre il dominio di 02 è
D2 = {2, 3, 4}, il codominio di 02 è C2 = {4, 6, 8}.
Osserviamo, quindi, che D1 = C2 e D2 = C1.
La relazione 02 è chiamata relazione inversa di 01 e si indica con (01)-1.

Definizione
Dati due insiemi A e B ed una relazione 0 da A verso B, si chiama relazione inversa di 0 la relazione 0-1 che ad y ∈ B fa
corrispondere x ∈ A tale che x è la controimmagine di y nella relazione 0 . In simboli: y 0-1 x ⇔ x 0 y.
Come osservato, nell’esempio introduttivo, il dominio di 0-1 è uguale al codominio di 0 ed il codominio di 0-1 è uguale al
dominio di 0.

ATTENZIONE
In figura sono rappresentate due relazioni 01 (colore blu )
e 02 (colore rosso). Osservandole con molta attenzione,
notiamo che il dominio di 01 è uguale al codominio di
02 e, viceversa, il codominio di 01 è uguale al dominio
di 02; le due relazioni non sono, però, una l’inversa dell’altra.
Sai spiegarne il motivo?

4.3 LE RELAZIONI IN UN INSIEME E LE LORO PROPRIETÀ


Siano dati l’insieme A = {mina, casa, gatto, palla, circo, boa} e la relazione 0 definita dalla proposizione aperta p(x, y):
“x ha lo stesso numero di lettere di y”, con (x, y) ∈ A2. Rappresentiamo la relazione mediante grafo:
Osserviamo che:
- per ogni elemento di A c’è una freccetta che torna sull’elemento
stesso e ciò indica che ogni elemento è in relazione con se
stesso: si dice, allora, che vale la proprietà riflessiva.
- alcune coppie di elementi di A, per esempio mina e casa,
sono collegate da due frecce orientate in senso opposto;
questo vuol dire che “mina 0 casa” e, viceversa, “casa 0
mina” e questo si verifica per ogni coppia di elementi che
sono in relazione; infatti, ancora ad esempio, “circo 0 palla”
e “palla 0 circo”: si dice, allora, che vale la proprietà simmetrica.
- I tre elementi circo, palla, gatto sono tali che “circo 0 palla”,
“palla 0 gatto” e “circo 0 gatto”: si dice che vale la
proprietà transitiva.

132
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 133

Book in
progress
4. Le relazioni

Se in una relazione accade che x 0 y e y 0 x, nella


rappresentazione mediante grafo si preferisce collegare x e y con
una linea (anziché con due frecce orientate in senso opposto una
rispetto all’altra), come mostrato nella seguente figura:

Consideriamo, adesso, l’insieme B = {21, 35, 23, 45} e la


relazione 0 definita in B dalla proposizione p(x, y) : “la somma
delle cifre di x è minore della somma delle cifre di y”.
Per esempio, 21 0 35 perché la somma delle cifre di 21 è (2 + 1)
= 3, la somma delle cifre di 35 è (3 + 5) = 8, e 3 < 8. Possiamo
dire che 35 0 21? No, perché 8 < 3 è una proposizione falsa.
In figura è rappresentata con un grafo la relazione 0.

Osserviamo che:
­ nessun elemento ha la freccetta che ritorna su se stesso e quindi nessun elemento è in relazione con se stesso: si
dice, allora, che vale la proprietà antiriflessiva;
­ gli elementi che sono in relazione sono collegati da una sola freccia e non c’è la freccia orientata in senso opposto;
per esempio 21 e 23 sono collegati da una freccia orientata da 21 verso 23, ma non c’è una freccia orientata da 23
verso 21; questo significa che 21 0 23, ma che 23 0 21: si dice che vale la proprietà antisimmetrica.

In generale, si hanno le seguenti definizioni:


Sia 0 una relazione definita in un insieme A:
­ se ∀ x ∈ A : x 0 x, si dice che per 0 vale la proprietà riflessiva;
­ se ∀ x ∈ A : x 0 x, si dice che per 0 vale la proprietà antiriflessiva;
­ se ∀ x, y ∈ A tali che x 0 y anche y 0 x, si dice che per 0 vale la proprietà simmetrica;
­ se ∀ x, y ∈ A, x ≠ y, tali che x 0 y e y 0 x, si dice che per 0 vale la proprietà antisimmetrica;
­ se ∀ x, y, z ∈ A tali che x 0 y ∧ y 0 z, anche x 0 z, si dice che per 0 vale la proprietà transitiva.

ATTENZIONE
In figura è rappresentata una relazione 0 definita in un insieme B.

Osserviamo che:
­ esiste almeno un elemento (il numero 3) che non è in relazione
con se stesso e quindi non vale la proprietà riflessiva;
poiché esiste almeno un elemento (quale?) che, invece, è in
relazione con se stesso, non vale la proprietà antiriflessiva;
­ esiste almeno una coppia (x, y) tale che x 0 y, ma y 0 x
[la coppia (0, 1)] e quindi non vale la proprietà simmetrica;
d’altra parte esiste almeno una coppia (x, y) tale che x 0 y e
y 0 x, quindi non vale la proprietà antisimmetrica;
­ osserviamo che alcune terne, ad es. (5, 2, 3), sono tali che se
x 0 y e y 0 z anche x 0 z [infatti 5 0 2 ∧ 2 0 3 ⇒ 5 0 3], ma
vi è almeno una terna, (0, 1, 2), che non verifica tale proprietà;
quindi non vale la proprietà transitiva.

133
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 134

Algebra - primo anno

Esempi
Nelle figure 1, 2 e 3 sono rappresentate tre relazioni (osserva che, nelle figure 1 e 2, gli elementi
dell’insieme sono riportati nello stesso ordine):

fig. 1 fig. 2 fig. 3

Analizziamo la relazione rappresentata nella fig. 1:


­ in tutte le caselle della “diagonale” (di colore giallo nella figura) c’è “1”; questo vuol dire che ogni elemento è in relazione
con se stesso e, quindi, vale la proprietà riflessiva;
­ le caselle di colore celeste sono disposte simmetricamente rispetto alla diagonale, questo vuol dire che vale la proprietà
simmetrica.
Analizziamo la relazione rappresentata nella fig. 2:
­ esiste un punto sulla ideale “diagonale” sul quale non c’è la crocetta; questo indica che esiste un elemento che non è
in relazione con se stesso, ma esiste qualche elemento che è in relazione con se stesso; dunque, non valgono nè la
proprietà riflessiva né quella antiriflessiva;
­ per ognuna delle crocette in verde non esiste la sua simmetrica rispetto alla diagonale; questo vuol dire che vale la
proprietà antisimmetrica.
Analizziamo la relazione rappresentata nella fig. 3:
­ su nessun elemento c’è la freccia che torna su stessa e questo indica che nessun elemento è in relazione con se stesso:
vale, quindi, la proprietà antiriflessiva;
­ le frecce sono orientate in un solo senso; questo indica che ogni qualvolta un elemento è in relazione con un altro
elemento, quest’ultimo non è in relazione con il primo: vale, quindi, la proprietà antisimmetrica;
­ le frecce formano un “triangolo” (ma è necessario fare attenzione al loro orientamento) e questo indica che “0” è in
relazione con “1”, “1” è in relazione con “3” e “0” è in relazione con “3”: vale, quindi, la proprietà transitiva.

PROVA TU
1) Rappresenta con un grafo le relazioni rappresentate in fig. 1 ed in fig. 2 dell’esempio precedente e stabilisci se per esse
vale la proprietà transitiva.

2) Osserva le seguenti relazioni e stabilisci quali proprietà valgono per esse:

fig. a fig. b fig. c

134
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 135

Book in
progress
4. Le relazioni

4.4 RELAZIONI DI EQUIVALENZA E RELAZIONI D’ORDINE


Definizione
Sia 0 una relazione definita in un insieme A.
0 è una relazione d’equivalenza se per essa valgono le seguenti proprietà:
- proprietà riflessiva;
- proprietà simmetrica;
- proprietà transitiva.

Gli elementi che sono in relazione in una relazione d’equivalenza si dicono equivalenti.
Consideriamo, nuovamente, l’insieme A = {mina, casa, gatto, palla, circo, boa} e la relazione 0 definita dalla proposizione
aperta p(x, y): “x ha lo stesso numero di lettere di y”, con (x, y) ∈ A2.
Abbiamo visto che per 0 valgono le proprietà riflessiva, simmetrica e transitiva: essa è, quindi, una relazione di equivalenza.
Gli elementi equivalenti sono: mina e casa; gatto, palla e circo. Possiamo, allora, determinare dei sottoinsiemi di A formati
da elementi tra loro equivalenti (nella relazione 0).
Si hanno i seguenti sottoinsiemi: A1 = {boa}; A2 = {mina, casa}; A3 = {circo, gatto, palla}.

Adesso, completa le seguenti proposizioni:


A1 ∪ A2 ∪ A3 = ………………………………………………….... ;
ogni sottoinsieme è …………………………… dall’insieme vuoto;
A1 ∩ A2 = ………..; A1 ∩ A3 = …………; A2 ∩ A3 = …………….

Possiamo, allora, dire che l’insieme {A1, A2, A3}


è una …….………………… dell’insieme A.
Ciascuno dei sottoinsiemi A1, A2, A3 si chiama classe di
equivalenza e l’insieme {A1, A2, A3} si chiama insieme
quoziente e si indica con A/0.
Una classe di equivalenza può essere indicata racchiudendo fra
parentesi quadre un elemento del sottoinsieme scelto come
rappresentante; ad esempio, per indicare l’insieme A3 si scrive
[circo]; si ha, dunque:
- A1 = [boa] = {boa}; A2 = [mina] = {mina, casa}; A3 = [circo] =
{circo, gatto, palla}
- A/0 = {[boa], [mina], [circo]}

La simbologia usata per indicare una classe di equivalenza ti è già nota: nello stesso modo abbiamo, infatti, indicato un
insieme formato da frazioni equivalenti che prende il nome di “classe”. Del resto, se rifletti, la relazione “essere equivalenti”
nell’insieme delle frazioni è una relazione d’equivalenza.

In generale:
sia 0 una relazione d’equivalenza definita in un insieme A:
- se x 0 y, allora x è equivalente a y;
- un sottoinsieme di A formato da elementi tra loro equivalenti si chiama classe d’equivalenza e si indica con [x], dove
x è un elemento del sottoinsieme scelto come suo rappresentante;
- l’insieme formato da tutte le classi di equivalenza si chiama insieme quoziente e si indica con la scrittura A/0.

La relazione di equivalenza determina sempre una partizione dell'insieme A.

135
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 136

Algebra - primo anno

Definizione
Sia 0 una relazione definita in un insieme A.
0 è una relazione d’ordine se per essa valgono:
­ la proprietà riflessiva o la proprietà antiriflessiva;
­ la proprietà antisimmetrica;
­ la proprietà transitiva.

In particolare,
­ 0 è una relazione d’ordine stretto se è una relazione d’ordine e per essa vale la proprietà antiriflessiva;
­ 0 è una relazione d’ordine largo se è una relazione d’ordine e per essa vale la proprietà riflessiva.

Riprendiamo in considerazione la relazione 0 definita nell’insieme B = {21, 35, 23, 45} dalla proposizione p(x,y): “la somma
delle cifre di x è minore della somma delle cifre di y” ed analizziamo la sua rappresentazione:

Abbiamo già detto che per questa relazione valgono le proprietà


antiriflessiva e antisimmetrica.
Inoltre, le terne (21, 35, 45) , (23, 35, 45) e (21, 23, 35)
sono tali che:
21 0 35 35 0 45 ed anche 21 0 45
23 0 35 35 0 45 ed anche 23 0 45
21 0 23 23 0 45 ed anche 21 0 45
possiamo, quindi, dire che per 0 vale la proprietà transitiva.
La relazione 0 è, perciò, una relazione d’ordine stretto.

Analizziamo ancora la rappresentazione di 0 ed osserviamo che “se scegliamo a piacere una qualsiasi coppia di elementi
di B, questi sono collegati tra loro da una freccia” e ciò vuol dire che ∀ (x, y) ∈ B2 risulta o x 0 y o y 0 x: si dice che 0 è
una relazione d’ordine totale (cioè, comunque si scelgono due elementi distinti di B, essi sono confrontabili).
Osserviamo ancora: “sull’elemento 45 arrivano le frecce da tutti gli altri elementi: dall’elemento 21 partono le frecce verso
tutti gli altri elementi”. Questo vuol dire che 45 è immagine di tutti gli elementi di B (ovviamente, ad eccezione di se
stesso) e che 21 è controimmagine di tutti gli elementi di B (ovviamente, ad eccezione di se stesso): l’elemento 45 è
chiamato massimo della relazione 0; l’elemento 21 è chiamato minimo della relazione 0.
Sia 01 la relazione definita dalla proposizione aperta q(x, y): “x ha più vocali di y” nell’insieme
E = {gola, occhio, micio, bus} e rappresentata in figura:

COMPLETA
E’ facile dimostrare che 01 è una relazione d’ordine stretto;
infatti per essa valgono le seguenti proprietà:
­ proprietà ……………………………. ,
perché ∀ x ∈ E: x 01 …… ;
­ proprietà antisimmetrica,
perché …………………………………... ;
­ proprietà ……………………… ,
perché ∀ x, y, z ∈ E, se x 01 y e y 01 z, anche x 01 z.
Notiamo che “occhio e micio non sono collegati da alcuna freccia”; questo vuol dire che occhio 01 micio e micio 01 occhio.
Esiste, quindi, almeno una coppia (x, y) ∈ E2 tale che x 01 y ∧ y 01 x.
In questo caso la relazione d’ordine è detta relazione d’ordine parziale (cioè, esistono almeno due elementi di E che non
sono confrontabili).

136
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 137

Book in
progress
4. Le relazioni

Il massimo della relazione è, comunque, “bus” perché “bus” è immagine di tutti gli altri elementi di E; la relazione 01 non
ha minimo).
In generale:
sia 0 una relazione d’ordine definita in un insieme A; essa è:
.
- totale se ∀ (x, y) ∈ A2 : x 0 y ∨ y 0 x;
- parziale se ∃ (x, y) ∈ A2 / x 0 y ∧ y 0 x ;
- y ∈ A è il massimo di 0 se y è immagine di qualsiasi elemento di A (escluso al più y stesso);
- x ∈ A è il minimo di 0 se x è controimmagine di qualsiasi elemento di A (escluso al più x stesso).

Osservazione
Puoi verificare facilmente che le relazioni “essere minore” e “essere maggiore”, definite negli insiemi numerici N, Z, Q, sono
relazioni d’ordine stretto totali; si dice, quindi, che gli insiemi N, Z, Q sono totalmente ordinati.

Esempi
1) Studiamo la relazione rappresentata in figura:

Studiare una relazione vuol dire determinare le proprietà


che valgono per essa e, eventualmente, stabilire di che tipo
è la relazione.
Osserviamo la figura data:
­ in ognuna delle caselle della diagonale (in colore giallo)
c’è una crocetta e ciò indica che ogni elemento è in relazione
con se stesso: vale la proprietà riflessiva;
­ le crocette (nelle caselle in celeste) sono disposte simmetricamente rispetto alla diagonale:
vale la proprietà simmetrica.

Con questo tipo di rappresentazione non è proprio semplice stabilire se vale la proprietà transitiva.
Rappresentiamo, allora, la stessa relazione con un grafo:

Notiamo che gli elementi a, c, f sono collegati in modo da formare


un triangolo; vale, dunque, la proprietà transitiva.
Poiché valgono la proprietà riflessiva, la proprietà simmetrica
e la proprietà transitiva, la relazione è una relazione d’equivalenza.

Le classi di equivalenza sono: [a] = {a, c, f}; [d] = {d, e};


l’insieme quoziente è A/0 = {[a], [d]}.

2) Studiamo la relazione rappresentata in figura:


- nei punti di intersezione appartenenti alla diagonale non ci sono
crocette, quindi nessun elemento è in relazione con se stesso:
vale la proprietà antiriflessiva;
- per ogni crocetta non c’è la sua simmetrica rispetto alla diagonale:
vale la proprietà antisimmetrica.
- Per stabilire se vale la proprietà transitiva, in generale, la cosa più
opportuna è, quindi, quella di rappresentare la relazione con un grafo,
come nell’esempio precedente.

Talvolta un po’ di attenzione può evitare del lavoro in più.

137
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 01/08/18 13:58 Pagina 138

Algebra - primo anno

Se osserviamo attentamente le crocette ci accorgiamo che esistono tre elementi 0, 2, 4 tale che 0 è in relazione con 2, 2
è in relazione con 4, ma 0 non è in relazione con 4.

In simboli si ha:
0 0 2, 2 0 4, ma 0 0 4 : non vale la proprietà transitiva.
La relazione, dunque, non è una relazione d’ordine.

PROVA TU
­ Sia A = {2, 3, 5, 6, 9, 12, 36} e la relazione 0 in esso così definita:
x 0 y ⇔ “x è divisore di y”.
Verifica che 0 è una relazione d’ordine e stabilisci se è d’ordine largo o stretto, se è totale o parziale, se ammette minimo
e/o massimo.
­ Sia B = {41, 56, 401, 74, 35} e 0 una relazione in esso definita dalla proposizione:
q(x, y): “la somma delle cifre di x è uguale alla somma delle cifre di y”.
Verifica che 0 è una relazione d’equivalenza; determina le classi d’equivalenza e l’insieme quoziente.

4.5 FUNZIONI
Dati gli insiemi A = {Alma, Bruno, Carlo, Anna} e B = {a, b, c, d}, sia 0 una relazione da A verso B definita dalla proposizione
aperta p(x, y): “x inizia con la lettera y”.

Rappresentiamo, in forma sagittale, la relazione 0:

Osserviamo che ad ogni elemento di A corrisponde


uno ed un solo elemento di B; in questo caso la relazione
0 prende il nome di funzione.

Definizione
Una relazione 0 da A verso B è una funzione se ogni elemento
di A ha una sola immagine in B;
in simboli: ∀ x ∈ A ∃ y ∈ B / x 0 y.
Riflettiamo sulla definizione di funzione: affinché una relazione 0 da A verso B sia una funzione si deve verificare che:
- il dominio della relazione 0 sia uguale all’insieme A (D = A);
- ogni elemento di A deve avere una sola immagine, cioè la relazione deve essere univoca.
Se una di queste due proprietà non è verificata, la relazione non è una funzione.
Osserva le figure 1 e 2:
- la relazione rappresentata
in fig. 1 non è una funzione
perché l’elemento 0 non ha
immagine in B; quindi D ≠ A;
- la relazione rappresentata in
fig. 2 non è una funzione perché
all’elemento 1 di E corrispondono
due elementi in F (1 e -1), quindi la
fig. 1 fig. 2
relazione non è univoca.
Qual è la proposizione aperta p(x, y) che definisce la relazione in fig. 1 ?
p(x, y): ……………………………………………………………………………………………………………………..……….
Qual è la proposizione aperta q(x, y) che definisce la relazione in fig. 2 ?
q(x, y): ………………………………………………………………………………………………………………………..…….
Osserva la fig. 2: la relazione inversa di quella rappresentata è una funzione? …………………………………………………
Perché? ……………………………………………………………………………………………………………………………..

138
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 139

Book in
progress
4. Le relazioni

Una funzione si indica con una lettera minuscola dell’alfabeto (generalmente la lettera f ) e si può scrivere in vari modi:
­ f : A → B (si legge “la funzione effe da A verso B”);
­ f : x → y (si legge “la funzione effe che ad x associa y”, o “la funzione f che ad x fa corrispondere y”).
Per indicare l’immagine di x tramite una funzione f si scrive f(x) (si legge “effe di x”) e poiché si è soliti indicare il
corrispondente di un elemento con la lettera y, si scrive anche y = f(x).
Useremo indifferentemente y o f(x) per indicare l’immagine di x tramite la funzione f.
Per esempio, per indicare la funzione f da N0 verso Z che a ciascun numero naturale associa il suo opposto, scriveremo
indifferentemente:

f : N0 → Z / y = - x
f:x→y=-x (x ∈ N0 Ù y ∈ Z )
f(x) = - x (x ∈ N0 Ù y ∈ Z )
y=-x (x ∈ N0 Ù y ∈ Z ).

Nelle seguenti figure sono rappresentate tre funzioni:

fig. 3 fig. 4 fig. 5

­ Osserviamo la fig. 3:
non accade mai che due elementi distinti di A abbiano la stessa immagine in B, il che equivale a dire che elementi distinti
di A hanno immagini distinte in B. Funzioni di questo tipo si dicono iniettive.
­ Osserviamo la fig. 4:
il codominio della funzione è l’insieme F (tutti gli elementi di F sono “colpiti” da frecce). Funzioni di questo tipo si dicono
suriettive.
­ Osserviamo la fig. 5:
ha le caratteristiche delle funzioni di cui alle figg. 3 e 4; cioè elementi distinti di Q hanno immagini distinte in P e, inoltre,
il codominio della funzione è l’insieme P; quindi questa funzione è sia iniettiva che suriettiva. Funzioni di questo tipo si
dicono biunivoche.

In generale:
Sia f : A → B una funzione:
­ f è iniettiva se elementi distinti di A hanno immagini distinte in B;
in simboli: f iniettiva ⇔ ∀ x1, x2 ∈ A / x1 ≠ x2 anche f(x1) ≠ f(x2)
oppure, in modo equivalente: f iniettiva ⇔ ∀ y ∈ Cf ∃ x ∈ A / y = f(x)
­ f è suriettiva se ogni elemento di B ha almeno una controimmagine in A;
in simboli: f suriettiva ⇔ ∀ y ∈ B ∃ x ∈ A / y = f(x)
­ f è biunivoca se f è iniettiva e suriettiva;
in simboli:
f biunivoca ⇔ ∀ y ∈ B ∃ x ∈ A / y = f(x)

Osserviamo ancora le funzioni rappresentate nelle figg. 3, 4 e 5 e, per ciascuna di esse, stabiliamo se anche la relazione
inversa è una funzione.

139
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 140

Algebra - primo anno

Fig. 3: poiché Cf ≠ B, l’inversa è soltanto una relazione, perché esiste qualche elemento di B che non ha immagine in A.
Fig. 4: ciascun elemento di F ha due controimmagini in G; l’inversa è soltanto una relazione perché non è univoca.
Fig. 5: ciascun elemento di P ha una sola controimmagine in Q; la relazione inversa, dunque, è una funzione.

La funzione rappresentata in fig. 5 è una funzione biunivoca; possiamo, dunque, affermare che:
se f è una funzione da A verso B, la sua inversa è una funzione se solo se f è biunivoca.
Se f è una funzione biunivoca, si dice, anche, che f è invertibile.
Se f è la lettera usata per indicare la funzione, la funzione inversa si indica con f -1.

Riassumendo:
f invertibile ⇔ f biunivoca
f -1 funzione ⇔ f biunivoca

Esempi
1) Stabiliamo se la relazione rappresentata in figura è una funzione e, in caso affermativo, classifichiamola (classificare una
funzione vuol dire stabilire di che tipo è: generica, iniettiva, suriettiva o biunivoca):

Poniamo A = {0, 1, 2, 3} e B = {0, 1, 2, 3, 4, 5, 6};


0 0 1 2 3 4 5 6
la relazione è, allora, da A verso B.
Fissiamo la nostra attenzione sulla disposizione degli “1”: 0 1
in ogni riga della tabella c’è un solo “1”; significa che ogni
1 1
elemento di A ha una sola immagine in B. La relazione,
dunque, è una funzione. 2 1

3 1
Nella tabella ci sono colonne (1, 3, 5) le cui caselle
non contengono “1”, quindi qualche elemento di B, (1, 3, 5),
non ha controimmagine in A: la funzione non è suriettiva.

Solo in una casella di ciascuna delle rimanenti colonne, (0, 2, 4, 6), c’è “1”; questo vuol dire che gli altri elementi di B
(0, 2, 4, 6) hanno una sola controimmagine in A: la funzione, dunque, è iniettiva.
Non essendo suriettiva, però, la funzione non è biunivoca e la sua inversa non è, quindi, una funzione.

2) Stabiliamo se la relazione rappresentata in figura è una funzione ed,


in caso affermativo, classifichiamola:

Poniamo E = {0, 3, 6, 9, 12} e G = {0, 1, 2, 3, 4}; quindi 0


è una relazione da E verso G.
Ancora una volta, fissiamo la nostra attenzione sulla
disposizione delle crocette nella rappresentazione della relazione.
Su ciascuna semiretta verticale c’è una sola crocetta,
quindi ogni elemento di E ha una sola immagine in G;
la relazione, dunque, è una funzione.
Su ciascuna semiretta orizzontale c’è una crocetta,
quindi tutti gli elementi di G hanno una controimmagine in E;
la funzione è suriettiva.
Se osserviamo con attenzione, su ciascuna semiretta
orizzontale c’è una sola crocetta, quindi ogni elemento di G
ha una sola controimmagine in E; la funzione è anche iniettiva.

Essendo iniettiva e suriettiva, la funzione è biunivoca.


Poiché la funzione è biunivoca, la sua inversa è una funzione.

140
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 141

Book in
progress
4. Le relazioni

PROVA TU
a) Sia 0 la relazione da A = {2, 3, 7, 5} verso B = {4, 25, 9, 49, 11, 17} definita dalla proposizione aperta p(x, y) : “il quadrato
di x è y”. 0 è una funzione? In caso di risposta affermativa, classifica la funzione.
b) Stabilisci se la relazione 0 da N verso N così definita : x 0 y⇔y = 2 · x
è una funzione e, in caso di risposta affermativa, classificala. Stabilisci, inoltre, se la relazione inversa è una funzione.

4.6 FUNZIONI COMPOSTE


Siano A = {Enna, Nizza, Madrid, Roma, Beirut, Lima}, B = {Italia, Libano, Spagna, Francia, Perù}, C = {Europa, Asia, Africa,
America, Oceania} tre insiemi; siano f e g due funzioni così definite:

f : A → B definita dalla proposizione p : “x è una città di y ”,


g : B → C definita dalla proposizione q : “y è una nazione di z”.

In figura sono rappresentate le funzioni f e g in forma sagittale:

Possiamo notare che, se applichiamo una dopo l’altra le funzioni f e g, ogni elemento di A ha un’immagine in C ; per
esempio l’elemento “Enna” di A ha come immagine l’elemento “Europa” di C; l’elemento “Lima” di A ha come immagine
l’elemento “America” di C; e così via.
Si ottiene, quindi, una nuova funzione da A verso C; questa funzione è chiamata funzione composta e si indica con g ° f
(si legge “g composto f ”).

Nell’esempio, la funzione g ° f è definita dalla proposizione t : “x è una città del continente y”.
Per indicare l’elemento di C, immagine di un elemento di A tramite la funzione composta g ° f , si è soliti scrivere anche
y = g(f(x)) (si legge “y è uguale a gi di effe di x”).

In generale:
date due funzioni f : A → B e g : B → C, si chiama funzione composta mediante f e g la funzione g ° f che ad ogni elemento
x di A fa corrispondere un elemento y di C in modo tale che f (x) ∈ B e g(f (x)) ∈ C.

Osserviamo che, per poter parlare della funzione composta g ° f , è necessario che la funzione f sia suriettiva.
Poniamo, ora, la nostra attenzione sul modo di indicare una funzione composta:
la scrittura g ° f indica che prima è stata applicata la funzione f e, successivamente, è stata applicata la funzione g.
Abbiamo, allora, definito un'operazione binaria tra funzioni chiamata operazione “composizione” di funzioni o “prodotto”
tra funzioni e indicata con il simbolo “°”.

141
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 142

Algebra - primo anno

Siano h e k due funzioni così definite:


h : N → N tale che h(x) = x + 1
k : N → N tale che k(x) = 2 · x
- determiniamo h(k(0)), cioè, l’immagine di “0” nella funzione h ° k. Prima si applica la funzione k e, successivamente, la
funzione h; quindi si ottiene: 0 k 2 · 0 = 0 h 0 + 1 = 1, dunque: h(k(0)) = 1;
- determiniamo k(h(0)), cioè, l’immagine di “0” nella funzione k ° h; prima si applica la funzione h e, successivamente, la
funzione k; quindi si ottiene: 0 h 0 + 1 = 1 k 2 × 1 = 2, dunque: k(h(0)) = 2;
possiamo, subito, notare che h(k(0)) ≠ k(h(0)).
- determiniamo h(k(1)), cioè, l’immagine di “1” nella funzione h ° k : 1 k 2 × 1 = 2 h 2 + 1 = 3,
dunque: h(k(1)) = 3;
- determiniamo k(h(1)), cioè, l’immagine di “1” nella funzione k ° h: 1 h 1 + 1 = 2 k 2 × 2 = 4,
dunque: k(h(1)) = 4; notiamo, ancora, che h(k(1)) ≠ k(h(1)).
- determiniamo h(k(2)), cioè, l’immagine di “2” nella funzione h ° k: 2 k 2 × 2 = 4 h 4 + 1 = 5,

dunque: h(k(2)) = 5;
- determiniamo k(h(2)), cioè, l’immagine di “2” nella funzione k ° h: 2 h 2 + 1 = 3 k 2 × 3 = 6,
dunque: k(h(2)) = 6; osserviamo, ancora una volta, che h(k(2)) ≠ k(h(2)).
- determiniamo h(k(3)), cioè, l’immagine di “3” nella funzione h ° k (COMPLETA) :
3 k 2 × ….. = ….. h ….. + 1 = ….., dunque: h(k(3)) = …..;
- determiniamo k(h(3)), cioè, l’immagine di “3” nella funzione k ° h (COMPLETA):
3 h ….. + 1 = ….. k 2 · ….. = ….., dunque: k(h(3)) = ……;
osserviamo che h(k(3))….. k(h(3)) .

In generale, possiamo dire che h(k(x)) ≠ k(h(x)) e, quindi, h ° k ≠ k ° h.


Per l’operazione di composizione di funzioni non vale la proprietà commutativa.
Sia g una funzione da N verso N0 che a ciascun numero naturale associa il suo successivo; in simboli g : N → N0
tale che g(x) = x + 1.
E’ facile verificare che g è una funzione biunivoca e, pertanto, essa è invertibile; la sua inversa è la funzione g -1 che ad ogni
numero naturale, diverso da zero, associa il suo precedente.
In simboli: g -1 : N0 → N tale che g -1 (x) = x - 1.
Consideriamo la funzione composta g -1 ° g :
0 g 0+1=1 g-1 1 - 1 = 0, quindi: g -1(g(0)) = 0;
g g-1
1 1+1=2 2 - 1 = 1, quindi: g -1(g(1)) = 1;
2 g 2+1=3 g-1 3 - 1 = 2, quindi: g -1(g(2)) = 2:
g
3 … + 1 = … … - 1 = …, quindi: g -1(g(3)) = ….

In generale:
x g y=x+1 g-1 y - 1 = (x + 1) - 1 = x + 1 - 1 = x, quindi: g -1(g(x)) = x ;

in altre parole, la funzione g -1 ° g è tale che ad ogni numero naturale associa se stesso.
La funzione che ad un elemento associa se stesso si chiama funzione identità e si indica con la lettera i.

In generale: se f è una funzione invertibile, allora f -1 ° f = i

PROVA TU
1) Dati gli insiemi A = {Milan, Juventus, Real Madrid}, B = {Milano, Torino, Madrid} e
C = {Francia, Italia, Spagna, Argentina}, siano f e g due funzioni :
f : A → B definita dalla proposizione p : “x è una squadra della città y”,
g: B → C definita dalla proposizione q : “y è una città di z”.

Determina la proposizione che definisce la funzione g ° f .

142
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 143

Book in
progress
4. Le relazioni

2) Sia A = {-3, -1, 0, 2, 4}; siano h e k due funzioni così definite:


h : Z → Z tale che h(x) = x - 2,
k : Z → Z tale che k(x) = 3 · x
Determina l’immagine degli elementi di A tramite la funzione h ° k e la funzione k ° h.

4.7 FUNZIONI NUMERICHE


Una funzione f definita da A verso B si dice numerica se gli insiemi A e B sono insiemi numerici.
In alcuni esempi precedenti abbiamo già incontrato funzioni numeriche.
Le seguenti sono funzioni numeriche:
a) f : Q → Q tale che y = x – 5

b) g(x) =

c) s(x) =

In una funzione numerica, x prende il nome di variabile indipendente e y prende il nome di variabile dipendente; infatti
mentre il valore da assegnare ad x può essere scelto a piacere, quello di y dipende da quello assegnato ad x.
Per la funzione al punto a) è stato indicato l’insieme numerico nel quale è definita la funzione, per le funzioni al punto b) e
al punto c) è stata solo indicata la proposizione che definisce la funzione, ma non gli insiemi numerici fra i quali essa è
definita. La funzione al punto b) associa ad un numero il quoziente fra la somma del numero stesso con 2, e il numero 3.

La funzione al punto c) associa ad un numero il quoziente fra il doppio del numero stesso diminuito di 3, ed il numero
stesso. Per queste funzioni, si conviene di considerare come insieme di partenza (cioè come dominio) l’insieme numerico
“più grande” nel quale siano possibili le operazioni da eseguire per determinare il corrispondente di un numero.
Per esempio, il dominio della funzione al punto b) è l’insieme Q ; infatti, le operazioni necessarie per determinare l’immagine
di un qualsiasi numero sono tutte possibili in Q (anche l’operazione di divisione perché il divisore è diverso da zero).
La funzione al punto c) è espressa per mezzo di una frazione il cui denominatore non è un numero fisso, ma dipende dal
valore assegnato ad x. Ora, sappiamo che, in una frazione, il denominatore deve essere diverso da zero.
In questo caso, dunque, deve essere x ≠ 0; il dominio della funzione s è, allora, Q - {0}.

Esempi
1) Determiniamo il dominio della funzione:

La funzione è espressa mediante una frazione; quindi il suo denominatore (x - 1) deve essere diverso da zero.
Quindi: x - 1 = x + (- 1) ≠ 0.
Ora l’unico caso in cui una somma algebrica vale zero è quello in cui i due termini della somma sono opposti. Non sarà,
dunque, possibile attribuire ad x il valore “1” perché in tal caso il denominatore della frazione è “0” e la frazione perde di
significato.
Il dominio della funzione è, allora, Q - {1}.

2) Determiniamo il dominio della funzione:

Anche questa funzione è espressa mediante una frazione; deve essere, dunque, 2x - 1 ≠ 0.
Ma 2x -1 ≠ 0 ⇒ ( l’unico caso in cui una somma algebrica vale zero è quello in cui i termini della somma sono opposti)
2x ≠ 1 ⇒ (il prodotto fra due numeri è “1” solo se i due numeri sono uno il reciproco dell’altro)

Il dominio della funzione h è Q

143
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 144

Algebra - primo anno

3) Determiniamo il dominio della funzione:

Come per le funzioni precedenti, deve essere 3x + 4 ≠ 0.


Ma 3x + 4 ≠ 0 ⇒ 3x ≠ - 4; il numero che moltiplicato per 3 dà come prodotto - 4 è

quindi, dovrà essere

Il dominio della funzione è, allora, Q -

PROVA TU
Determina il dominio delle seguenti funzioni:

- -

- -

- -

144
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 145

Book in
progress
4. Le relazioni

ESERCIZI CAPITOLO 4

LE RELAZIONI
Conoscenza e comprensione
1) Quando due insiemi A e B si dicono in relazione 0?
2) Quale simbolo indica che a è in relazione 0 con b?
3) Quale simbolo indica che d non è in relazione 0 con e?
4) Che cos’è il dominio di una relazione ? E il codominio?
5) Se b è immagine di a tramite la relazione 0, allora:
a) a 0 b q V q F
b) b 0 a q V q F
c) a è un elemento del dominio di 0 q V q F
d) b è un elemento del dominio di 0 q V q F
e) a è un elemento del codominio di 0 q V q F
f) b è un elemento del codominio di 0 q V q F
g) (a, b) è un elemento del grafico di 0 q V q F
h) (b, a) è un elemento del grafico di 0 q V q F
i) a è controimmagine di b q V q F
l) b è controimmagine di a q V q F
[Negli esercizi che seguono, D indica il dominio di 0 e C indica il codominio di 0].

6) Sia 0 una relazione da A verso B. Una sola delle seguenti affermazioni è sempre vera. Quale?
a) D ⊂ A;
b) B ⊃ C ;
c) 0 ⊆ A × B ;
d) D ⊆ A;
e) 0 ⊂ B × A .

7) In quanti e quali modi si può rappresentare una relazione?


8) Se 0 è una relazione da A verso B, come puoi definire la relazione inversa?
9) Osserva la relazione 0 da L verso F rappresentata in figura e completa le seguenti proposizioni:
a) D = { …………………};
b) C = { …………………};
c) 0 …. L … F ;
d) 0 = { …………………………};
e) d ….. m ;
f) a è …………………… di s ;
g) e …… D ;
h) m è ……………… di c ;
i) (t, d) …… 0 ;
l) ..... 0 t ;
m) s è immagine di ….. e di ……;
n) d è …………………………… di s e di ……;
o) D ….. L; C ….. F ;
p) ….. 0 -1 b .

145
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 146

Algebra - primo anno

10) Sia 0 = {(a, 1), (b, 2), (c, 3)} il grafico di una relazione definita da una proposizione aperta p(x, y); le seguenti proposizioni
sono vere o false?
a) {a, c} ⊂ D q V q F
b) 1 0 -1 a q V q F
c) b 0 2 q V q F
d) p(c, 3) è vera q V q F
e) {1, 2, 3} ⊆ C q V q F
f) D ⊃ {a, b, c} q V q F
g) c è immagine di 3 q V q F
h) a è controimmagine di 1 q V q F
i) 2 è controimmagine di b q V q F
l) {(1, a), (2, b), (3, c)} = 0 -1 q V q F
m) p(a, 2) è vera q V q F
n) 0 = D × C q V q F
o) p(1, a) è vera q V q F
p) (a, 1) ∈ C × D q V q F
q) 3 è controimmagine di c q V q F

11) Nella seguente tabella è rappresentata una relazione 0 da S verso T per mezzo di una proposizione aperta p(x,y):
Completa le seguenti proposizioni in modo che esse risultino vere:
a) (1, - 1) …. 0 e ( …. , 9) ∈ 0;
b) 2 … D e 1 …. C ; 0 0 1 3 4 6 9
c) S …. D e C …. T ; -1 1
d) (2, …. ) ∈ 0 e ((1, 3) …. 0 ;
1 1
e) {2, 4} ⊄ …. e {0, 3}⊄ ….;
f) 0 = {(… , …), (… , …), (… , …), (… , …)}; 2 1
g) 0 …. S × T ;
3 1
h) p(x,y): “y è ……………………… di x” ;
i) (1, 1) …. 0 -1 e (1, 1) …. 0 . 4

12) Siano 01 = {(m, p), (s, z), (n, f), (s, p)} e 02 = {(z, s), (p, m), (z, n), (f, s)} le rappresentazioni tabulari delle relazioni
01 e 02; siano D1 e C1 il dominio e codominio di 01, D2 e C2 il dominio e codominio di 02. Una sola delle seguenti
affermazioni è falsa. Quale?
a) D1 = C2
b) C1 = D2
c) 02 = (01) -1
d) m 01 p ∧ p 02 m
e) n 01 f ∨ f 02 n

13) Sia 0 una relazione definita in un insieme A. Quali proprietà possono valere per 0 ? Enuncia tali proprietà.
14) Sia 0 una relazione definita in un insieme A:
a) se ∃ x ∈ A / x 0 x, allora 0 è riflessiva q V q F
b) se ∃ x ∈ A / x 0 x , allora 0 non è antiriflessiva q V q F
c) se ∃ x, y ∈ A / x 0 y e y 0 x, allora 0 è simmetrica q V q F
d) se ∀ x, y ∈ A, x ≠ y : x 0 y e y 0 x, allora 0 è antisimmetrica q V q F
e) se ∃ x, y ∈ A / x 0 y e y 0 x, allora 0 non è simmetrica q V q F
f) se ∃ x, y, z ∈ A / x 0 y, y 0 z e x 0 z, allora 0 è transitiva q V q F
g) se ∄ x ∈ A / x 0 x, allora 0 è riflessiva q V q F

146
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 147

Book in
progress
4. Le relazioni

15) Una sola delle seguenti affermazioni è falsa. Quale?


a) Se 0 è una relazione d’equivalenza, valgono le proprietà simmetrica e transitiva.
b) Se 0 è una relazione d’equivalenza, vale la proprietà riflessiva.
c) Se per una relazione 0 valgono le proprietà riflessiva e transitiva, 0 è una relazione d’equivalenza.
d) Se per una relazione 0 vale la proprietà antiriflessiva, 0 non è una relazione d’equivalenza.
e) Se 0 è una relazione d’equivalenza, valgono le proprietà riflessiva e transitiva.

16) Sia 0 una relazione d’equivalenza definita in un insieme A. Che cos’è una “classe di equivalenza”? Come si indica?

17) Sia 0 una relazione d’equivalenza definita in un insieme A. Che cos’è l’insieme quoziente? Come si indica?
L’insieme quoziente è una partizione ? Motiva la tua risposta.

18) Sia 0 una relazione d’equivalenza definita nell’insieme B = {f, g, h, k, m, n, p, s, t}; allora:
a) se m 0 s allora s 0 m q V q F
b) ∃ x ∈ B / x 0 x q V q F
c) se g 0 h e g 0 k, è sempre vero che h 0 k q V q F
d) ∃ x ∈ B, x 0 x q V q F
e) se m 0 s, allora m ∈ [s] q V q F
f) se g 0 h e k 0 h, è sempre vero che g 0 k q V q F
g) ∃ x, y ∈ B / x 0 y , ma y 0 x q V q F

19) Nella seguente tabella è rappresentata una relazione 0.


Rappresentala in forma sagittale e in forma cartesiana 0 2 4 6 8
e, successivamente, stabilisci se le seguenti affermazioni 2 × ×
sono vere o false:
4 × ×
a) 0 è riflessiva qV q F
b) 0 è simmetrica qV q F 6 × × ×
c) 0 è transitiva qV q F
d) 0 è antisimmetrica qV q F 8 × ×
e) 0 è antiriflessiva qV q F
f) 0 è una relazione d’equivalenza qV q F

20) Quando una relazione è una relazione d’ordine?


21) Quando una relazione si dice di ordine stretto? E quando si dice d’ordine largo?
22) Quando una relazione d’ordine si dice d’ordine totale? E quando di ordine parziale?
23) Che cos’è il massimo di una relazione d’ordine?
24) Che cos’è il minimo di una relazione d’ordine?
25) Stabilisci se sono vere o false le seguenti affermazioni:
a) Se 0 è una relazione d’ordine, vale sicuramente la proprietà antiriflessiva. q V q F
b) Una relazione d’ordine ammette sempre un minimo. q V q F
c) Se 0 è una relazione d’ordine, vale la proprietà transitiva. q V q F
d) Una relazione d’ordine può ammettere un massimo. q V q F
e) Se 0 è una relazione d’ordine, vale la proprietà simmetrica. q V q F

Rappresenta con un grafo:


26) una relazione d’equivalenza;
27) una relazione d’ordine largo totale;
28) una relazione d’ordine stretto totale;
29) una relazione d’ordine largo parziale;
30) una relazione d’ordine stretto parziale.

147
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 148

Algebra - primo anno

31) In figura è rappresentata una relazione 0 definita in un insieme A.


Stabilisci se le seguenti proposizioni sono vere o false:
a) 0 è una relazione d’ordine. q V q F
b) 0 è una relazione d’ordine stretto. q V q F
c) e è il massimo della relazione. q V q F
d) b è il minimo della relazione. q V q F
e) 0 è una relazione d’ordine parziale. q V q F

32) Sia 0 = {(a, b), (a, c), (a, d), (b, d)} il grafico di una relazione 0 definita in un insieme A.
Della relazione 0 si può dire che:
a) è riflessiva q V q F
b) è antisimmetrica q V q F
c) è transitiva q V q F
d) ha un minimo q V q F
e) ha un massimo q V q F
f) è una relazione d’ordine parziale q V q F

33) Quali caratteristiche deve avere una relazione per essere una funzione?
34) Perché la relazione rappresentata in figura non è una funzione?

35) Sia 0 = {(1, a), (2, b), (3, b)} una relazione da A verso B, dove A = {1, 2, 3, 4} e B = {a, b, c}.
La relazione 0 è una funzione? Giustifica la tua risposta.
36) Quando una funzione è iniettiva? E suriettiva?
37) Quando una funzione è biunivoca?
38) Nelle seguenti figure sono rappresentate tre relazioni.
Stabilisci se esse sono delle funzioni e, in caso affermativo, indicane il tipo.

fig. 1 fig. 2 fig. 3

39) Sia f una funzione da S = {-1, 0, 4, 7} verso T = {9, 6, 8}; le seguenti affermazioni sono vere o false?
a) f può essere iniettiva; q V q F
b) f può essere suriettiva; q V q F
c) f può essere biunivoca; q V q F
d) almeno un elemento di A ha più di un’immagine in B; q V q F
e) ciascuno degli elementi di B può avere una sola controimmagine in A. q V q F

148
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 149

Book in
progress
4. Le relazioni

40) Dati gli insiemi D = {-5, -1, 1, 5} e F = {0, 2, 4, 7}, sia g una funzione da F verso D .
Le seguenti affermazioni sono vere o false?
a) g può essere iniettiva; q V q F
b) g può essere suriettiva; q V q F
c) g può essere biunivoca; q V q F
d) se g è suriettiva, almeno un elemento di F ha due immagini in D; q V q F
e) se g è iniettiva, non può essere suriettiva; q V q F
f) la relazione inversa può essere una funzione ; q V q F
g) se g non è suriettiva, g non è iniettiva. q V q F

41) Dati gli insiemi G = {a, b, c} e M = {1, 3, 7, 9, 13} sia h una funzione da M verso G.
Le seguenti affermazioni sono vere o false?
a) h può essere iniettiva; q V q F
b) h può essere suriettiva; q V q F
c) h può essere biunivoca; q V q F
d) se h è suriettiva, almeno un elemento di M ha più di un’immagine in G; q V q F
e) la relazione inversa non può essere una funzione. q V q F

42) Sia f : A → B una funzione. Una sola delle seguenti affermazioni è vera; quale?
a) Se f è suriettiva , almeno un elemento di B non ha controimmagine in A.
b) Se elementi distinti di A hanno immagini distinte, f è biunivoca.
c) Se un elemento di B ha due controimmagini in A, f è iniettiva.
d) Se f è iniettiva, è anche suriettiva.
e) Se f è biunivoca, allora f è iniettiva.

43) Quando l’inversa di una funzione è ancora una funzione?


44) Di seguito sono rappresentate tre funzioni; la relazione inversa è una funzione:

fig. 1 fig. 2 fig. 3

a) Solo in fig. 1
b) Solo in fig. 2
c) Solo in fig. 3
d) In fig. 2 e in fig. 3
e) In fig. 1 e in fig. 3

45) Siano f : A → B e g : B → C due funzioni; cosa indica la scrittura g ° f ? E la scrittura f ° g ?


Stabilisci se le seguenti relazioni sono corrette:
(g ° f )(x) = g( f (x)) ; (f ° g)(x) = g( f (x)) ;
(f ° g)(x) = f (g(x)) ; (g ° f)(x) = f (g(x)) .

46) Per il prodotto fra due funzioni vale la proprietà commutativa?


47) Se una funzione f è invertibile, quale funzione si ottiene dal prodotto fra f e la sua inversa f -1 ?

149
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 150

Algebra - primo anno

48) Siano F = {(1, 5), (2, 5), (3, 6)} e G = {(5, 9), (6, 10)} le rappresentazioni tabulari, rispettivamente, di una funzione f e di
una funzione g. Una sola delle seguenti affermazioni è vera. Quale?
a) {(9, 1), (9, 2), (10, 3)} è la rappresentazione tabulare di g ° f
b) 2 è l’immagine di 9 nella funzione g ° f
c) 1 è la controimmagine di 9 nella funzione g ° f
d) 10 è la controimmagine di 3 nella funzione f ° g
e) La funzione g ° f è invertibile.

Esercizi
Le relazioni
1) Dati gli insiemi
A = {Bari, Milano, Trento, Napoli, Rieti, Ancona, Parma};
B ={Lazio, Marche, Veneto, Puglia, Piemonte, Campania},
sia 0 la relazione da A verso B definita dalla proposizione aperta p(x, y) : “x è una città di y”.
Dopo aver rappresentato la relazione mediante tabella a doppia entrata, determina:
a) il grafico 0 della relazione;
b) il dominio della relazione;
c) il codominio della relazione.
2) Siano E = {mare, neve, ferro, strada, scia, ruota, foglia} e F = {x ∈ N / 1 < x ≤ 7 } due insiemi e 0 una relazione da E
verso F definita dalla proposizione a(x, y) : “x è formata da y lettere”.
Rappresenta la relazione in tutti i modi possibili e, successivamente, determina la rappresentazione tabulare del suo
dominio e del suo codominio.
3) Sia 0 la relazione da S verso T definita dalla proposizione aperta b(x, y) : “x termina con y”, essendo
S = {rosso, nero, celeste, viola, bianco, rosa, verde} e T = {a, e, i. o, u}.
Rappresenta la relazione 0 in forma cartesiana e mediante tabella a doppia entrata; stabilisci se le seguenti affermazioni
sono vere o false:
a) (o, rosso) ∈ 0 q V q F
b) {(viola, a)} ⊂ 0 q V q F
c) u ∉ C q V q F
d) D ⊆ S q V q F
e) a 0 rosa q V q F
f) e è immagine di verde q V q F
g) nero 0 o q V q F
h) C ⊂ T q V q F
i) nero è controimmagine di o q V q F
l) i non ha controimmagine in S q V q F
4) Siano A = {x ∈ Z / -4 ≤ x ≤ 3} e B = {x ∈ N / 1 ≤ x < 10} due insiemi; 0 una relazione da A verso B così definita:
x 0 y ⇔ y = x2.
Dopo aver rappresentato 0 in forma cartesiana, completa le seguenti proposizioni in modo che esse risultino vere:
a) {-2, 1} …. D
b) -4 ∉ ….
c) 2 0 ….
d) 9 è immagine di …. e di ….
e) 6 …. C
f) -1 è controimmagine di ….
g) -2 …. 4
h) {1, 4, 9} = ….
i) 3 …. D
l) 0 ….D
m) -3 è .………………………. di 9
n) 0 …. A × B

150
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 151

Book in
progress
4. Le relazioni

5) Sia 0 = {(a, m), (c, s), (a, d), (e, p), (e, s)} la rappresentazione tabulare di una relazione 0.
Qual è il dominio di 0 ? E il codominio?
6) Rappresenta in forma tabulare il dominio D e il codominio C delle relazioni rappresentate nelle seguenti figure:

fig. a fig. b fig. c


Completa, poi, le seguenti proposizioni:
in fig. a: A…D e C…B
in fig. b: D…M e T…C
in fig. c: D…S e C…P

7) Nelle seguenti figure sono rappresentate alcune relazioni da un insieme A verso un insieme B; per ciascuna di esse
determina:
- l’insieme A e l’insieme B;
- il grafico di 0;
- dominio e codominio.

8) Nella seguente tabella è rappresentata una relazione 0 da A verso B:

rappresentala in forma sagittale ed in forma tabulare; stabilisci, inoltre,


se le seguenti affermazioni sono vere o false: 0 1 5 7
504 q V q F; 607 q V q F 0 ×
205 q V q F; 5∈B q V q F
{1, 5} ⊂ C q V q F; D ⊃ {0, 2} q V q F 2
7∉C q V q F; {0} ⊂ D q V q F 4 ×
(6, 7) ∈ 0 q V q F; (6,1) ∉ 0 q V q F
(1, 0) ∉ 0 q V q F; {0, 4, 6} ⊂ D q V q F 6 ×

151
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 152

Algebra - primo anno

9) Completa le seguenti figure in modo che esse rappresentino la stessa relazione 0 da A verso B.

Siano A = {x ∈ Z / -2 ≤ x < 6} e B = {x ∈ Z / -4 ≤ x < 3 } due insiemi.


Rappresenta, in forma tabulare e cartesiana, le seguenti relazioni e determina, per ciascuna di esse, dominio e
codominio.

10) 0 : x 0 y ⇔ “x - y < 0”.


11) 0: x 0 y ⇔ “x e y sono discordi”.
12) 0: x 0 y ⇔ “x è la metà di y”.
13) 0: x 0 y ⇔ “la differenza fra il doppio di x e y è minore di 1”.
x
14) 0: x0y⇔“ è una frazione apparente”.
y

Sia B = {x ∈ N / x < 15}; rappresenta, in forma tabulare e con un grafo, le seguenti relazioni definite in B:
15) 01: x 01 y ⇔ “x è il triplo di y”.
16) 02: x 02 y ⇔ “x e y sono coprimi”.
17) 03: x 03 y ⇔ “la somma fra x e il doppio di y è maggiore di 15”.
18) 04: x 04 y ⇔ “il prodotto fra x e y è minore di 10”.
19) 05: x 05 y ⇔ “la differenza fra la metà di x e il doppio di y è un numero naturale”.
20) 06: x 06 y ⇔ “il quoziente fra x e y è un numero naturale”.

21) Dati gli insiemi A = {x ∈ N / 2 ≤ x < 18 e x è pari} e B = {x ∈ N / x ≤ 5}, sia 0 la relazione da A verso B definita dalla
proposizione aperta p(x, y) : “y è un divisore di x”.
- Rappresenta 0 mediante tabella a doppia entrata.
- Rappresenta in forma tabulare l’insieme D = {y ∈ B / " x ∈ A, x 0 y} e l’insieme
F = {y ∈ B / " x ∈ A, x 0 y}.
- Determina il sottoinsieme di B formato da elementi che hanno solo due controimmagini in A.
- Determina il sottoinsieme di A formato da elementi che hanno almeno tre immagini in B.

La relazione inversa
22) Sia 0 = {(m, 2), (f, 5), (h, 7), (m, 4), (h, 9} il grafico di una relazione 0. Determina la rappresentazione tabulare di 0-1.

23) Dati gli insiemi A = {x ∈ Z / -4 ≤ x < 5} e B = {x ∈ N / x ≤ 8 }; sia 0 la relazione da A verso B così definita: x 0 y ⇔
“y è la differenza fra 1 e x”.
Rappresenta, in forma tabulare e mediante tabella a doppia entrata, 0-1 . Qual è la proposizione aperta che definisce 0-1?

24) Siano A = {x ∈ N / x = 4n ∧ n = 1, 3, 5, 7 } e B = {1, 3, 5} due insiemi; sia 0 la relazione da A verso B definita dalla
proposizione p(x, y) : “x è multiplo di y”.
Rappresenta 0-1 in forma cartesiana ; determina dominio e codominio di 0-1.

152
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 153

Book in
progress
4. Le relazioni

Stabilisci se sono vere o false le seguenti affermazioni:


a) 4 0 1 q V q F
b) (2,12) ∈ 0-1 ∧ (20, 2) ∈ 0-1 q V q F
c) (4, 3) ∉ 0 q V q F
d) 3 0 12 q V q F
e) 2 è immagine di 4 nella relazione 0 ed è controimmagine di 12 nella relazione 0-1 q V q F
f) 3 non ha controimmagini nella relazione 0 ma ha un’immagine nella relazione 0-1 q V q F
g) D 0 ⊂ C 0-1 q V q F
h) D 0-1 = C 0 q V q F

25) In figura sono rappresentate tre relazioni. Per ciascuna di esse determina la rappresentazione sagittale della relazione
inversa e rappresenta, nel modo che ritieni opportuno, dominio e codominio di 0-1.

(a) (b) (c)

Le relazioni in un insieme
26) Sia 0 = {(1, 1), (1, 4), (1, 2), (2, 4), (2, 2), (2, 3), (3, 3), (4, 1), (4, 4)} la rappresentazione tabulare di una relazione 0 definita
in un insieme A. Rappresenta 0 con un grafo e stabilisci quali proprietà valgono per essa.

27) Le seguenti figure rappresentano delle relazioni definite da un insieme in se stesso.


Individua le proprietà che valgono per ciascuna di esse.

fig. a fig. b fig. c

fig. d fig. e fig. f

fig. g fig. h fig. i

153
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 154

Algebra - primo anno

28) Sia A = {x ∈ N / 0 < x ≤ 8} e 0 una relazione da A in se stesso così definita:


x 0 y ⇔ “il prodotto fra x e y è un numero pari”.
Dopo aver rappresentato la relazione in tutti i modi possibili, individua le proprietà che valgono per essa.

29) Osserva il grafo della relazione 0 definita nell’insieme A e completa le seguenti affermazioni in modo che risultino vere:
a) 0 = {……………………………………………………………………………… };
b) 0 è riflessiva perché ……………………………………………………………..;
c) 0 è ……………………. perché " x, y ∈ A, x ≠ y : se x 0 y anche y 0 x ;
d) 0 è transitiva perché ……………………………………………………………. ;
e) 0 è una relazione ….………………………. perché è ……………….......…….,
…………………………………… e ………………………………….. .
f) [a] = {…, …, …};
g) […] = {b, …};
h) ... 0 = { [a] , [...] , [...] }

30) Osserva il grafo della relazione 0 definita nell’insieme B e completa le seguenti proposizioni in modo che esse risultino
vere:
a) 0 è …………………………….. perché ogni elemento di B non è in relazione con se stesso;
b) 0 è antisimmetrica, perché ……………………………………………….……. ;
c) 0 è transitiva, perché ………………………………………………………..…. ;
d) 0 è una relazione ….. …….…….. …………….. perché è …………………....,
…………………………………… e ……………………………………. ;
e) …… è il massimo della relazione perché è .……..…….. di ogni elemento di ……..;
f) 0 è una relazione … ……………….. parziale, perché …………………..……. .

31) Osserva i seguenti grafi e stabilisci se le relazioni da essi rappresentate sono relazioni di equivalenza o relazioni d’ordine.
Qualora siano relazioni di equivalenza, determina le classi di equivalenza e l’insieme quoziente; qualora siano relazioni
d’ordine, specifica se sono relazioni d’ordine stretto o relazioni d’ordine largo, relazioni d’ordine parziale o relazioni
d’ordine totale e determina l’eventuale massimo e/o minimo della relazione.

fig. 1 fig. 2 fig. 3 fig. 4

Studia la relazione 0 definita nell’insieme indicato. Qualora 0 sia una relazione d’equivalenza, determina l’insieme
quoziente; qualora sia una relazione d’ordine, indica se è d’ordine largo o stretto, parziale o totale e determina, se
possibile, il minimo e/o il massimo della relazione. (Cap. 4, pag 131 e succ., Esempi 1, 2):

32) 0 : x 0 y ⇔ “x termina con la stessa lettera di y”.


A = {mosca, bue, panda, gatto, cane, iena, orso}
Rappresenta 0 con un grafo.

33) 0 : x 0 y ⇔ “x e y iniziano con la stessa cifra”.


B = {23, 456, 201, 43, 37, 44, 65, 232, 48, 60}
Rappresenta 0 con un grafo.

x
34) 0 : x 0 y ⇔ “ è una frazione propria”.
y
C = {x ∈ N / 2 < x < 8}
Rappresenta 0 in forma cartesiana

154
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 155

Book in
progress
4. Le relazioni

35) 0 : x 0 y ⇔ “x è divisore di y”.


D = {x ∈ N / 0 < x ≤ 15}
Rappresenta la relazione mediante tabella a doppia entrata.

36) 0 : x 0 y ⇔ “la somma fra x e y è multiplo di 3”.


E = {x ∈ N / 3 ≤ x ≤ 12}
Rappresenta la relazione con un grafo.

37) 0 : x 0 y ⇔ “il prodotto delle cifre di x è minore del prodotto delle cifre di y”.
F = {13, 67, 25, 28, 43, 428, 301, 182, 92}
Rappresenta 0 con un grafo.

38) Marco, Luigi, Simone e Nicola si sono sfidati in una corsa in bicicletta ed hanno chiesto a Marta di compilare l’ordine di
arrivo. Marta, allora, ha costruito un grafo dove è rappresentata la relazione “x è arrivato dietro a y” (per semplicità ha
riportato solo le iniziali dei nomi dei quattro amici).
Qual è l’ordine di arrivo?

39) Aldo, Luca, Bruno, Enrico, Carlo, Giulio, Dario, Fabio, partecipano ad un torneo di tennis organizzato dal Circolo di
Manigoldia. Il torneo si svolge con incontri ad eliminazione diretta. Il seguente grafo (per semplicità sono state riportate
le iniziali dei nomi dei giocatori)
rappresenta la relazione “x ha vinto con y”.
a) Chi è stato eliminato al primo turno?
b) Quali sono stati gli incontri di semifinale?
c) Chi ha vinto il torneo?

155
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 156

Algebra - primo anno

Funzioni
40) Quali delle relazioni rappresentate nelle seguenti figure sono funzioni? Perché?

fig. 1 fig. 2 fig. 3

fig. 4 fig. 5 fig. 6

fig. 7 fig. 8 fig. 9

fig. 10 fig. 11 fig. 12


41) Dati gli insiemi A = {4, 6, 8, 10, 12} e B = {x ∈ N / x < 7}, sia 0 la relazione da A verso B così definita:
x 0 y ⇔ “y è la metà di x”.
Determina dominio e codominio di 0 e stabilisci se 0 è una funzione.

42) Sia 0 una relazione da A verso B così definita:


x 0 y ⇔ “ x inizia con y”,
dove A = {x / x è una parola della lingua italiana } e B = {x / x è una lettera dell’alfabeto italiano }.
0 è una funzione? Motiva la tua risposta. La relazione inversa è una funzione? Motiva la tua risposta.

43) Siano A l’insieme formato dai cognomi dei tuoi compagni di classe e B l’insieme delle lettere dell’alfabeto italiano; la
relazione da A verso B che ad ogni alunno associa la lettera con cui inizia il cognome è una funzione?
La relazione inversa è una funzione? Motiva le tue risposte.

44) Siano A = {-1, 0, 1, 2} e B = {a, b, c, d} due insiemi e 0 = {(-1, d), (0, c), (2, b), (1, a)} il grafico di una relazione 0.
Rappresenta 0 in forma sagittale e stabilisci se essa è una funzione.

156
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 157

Book in
progress
4. Le relazioni

45) Dati gli insiemi E = {4, 6, 8} e F = {5, 7, 9, 11}, sia 0 = {(4, 5), (6, 7), (8, 9)} la rappresentazione tabulare di una relazione
0 da E verso F. Rappresenta la relazione in forma cartesiana, stabilisci se essa è una funzione e, in caso di risposta
affermativa, determina il suo codominio.

46) Dati gli insiemi G = {m, n, p, s} e H = {a, e, u}, sia 0 una relazione da G verso H tale che: m 0 a , n 0 e , p 0 u .
Rappresenta 0 in forma matriciale; stabilisci se 0 è una funzione e, in caso di risposta affermativa, determina il suo
codominio.

47) Dati gli insiemi M = {-2, -1, 0, 1, 2} e P = {0, 1}, sia 0 la relazione da M verso P tale che ogni numero negativo di M ha
come immagine 0 e ogni numero positivo di M ha come immagine 1.
Dopo aver rappresentato 0, sia in forma sagittale che mediante tabella a doppia entrata, stabilisci se essa è una funzione.
In caso di risposta negativa, determina un sottoinsieme di M in modo tale che la relazione 0 sia una funzione.

48) Nelle seguenti figure sono rappresentate alcune relazioni. Stabilisci se esse sono delle funzioni e, nel caso di risposta
affermativa, classificale. (Ricorda che classificare una funzione vuol dire stabilire se essa è iniettiva, suriettiva, biunivoca)

fig. 1 fig. 2 fig. 3

fig. 4 fig. 5 fig. 6

fig. 7 fig. 8 fig. 9 fig. 10

fig. 11 fig. 12 fig. 13

157
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 158

Algebra - primo anno

49) Nella seguente figura è rappresentata una funzione f :


Completa le seguenti proposizioni:
a) f ( … ) = f ( … ) = 1;
b) a è controimmagine di ……;
c) 3 non ha …………………..;
d) c è ………………….. di 1;
e) f (b) = ……. ;
f) C f = {………………….} ;
g) C f ⊂ …. .

Esempio

Siano A = {- 4, -2, 0, 2} e B = {x ∈ Z / -2 < x < 4} due insiemi e 0 la relazione da A verso B definita dalla proposizione
aperta m(x, y) : “y è uguale alla metà di x, aumentata di 1”.
Stabilisci se 0 è una funzione e, eventualmente, classificala.
x
Rappresentiamo B in forma tabulare: B = {-1, 0, 1, 2, 3}. Riscriviamo la relazione 0 in simboli: x 0 y⇔y = +1
2
e stabiliamo se ogni elemento di A ha un’immagine in B.
Se x = - 4, allora y = -4 + = -2 + 1 = -1; poiché -1 ∈ B, (- 4) 0 (-1) e, quindi, - 4 ha immagine in B;
2

se x = -2, allora y = -2 + 1 = -1 + 1 = 0; poiché 0 ∈ B, (-2) 0 0 e, quindi, -2 ha immagine in B;


2

se x = 0, allora y = 0 +1 = 0 + 1 = 1; poiché 1 ∈ B, 0 0 1 e, quindi, 0 ha immagine in B;


2

se x = 2, allora y = 2 + 1 = 1 + 1 = 2; poiché 2 ∈ B, 2 0 2 e, quindi, 2 ha immagine in B.


2

Tutti gli elementi di A hanno almeno un’immagine in B, quindi la relazione 0 è una funzione.
Rappresentiamo 0 in forma sagittale:

Osserviamo che:
- elementi distinti di A hanno immagini distinte in B, quindi 0 è una funzione iniettiva;
- esiste un elemento di B che non ha controimmagine in A, quindi 0 non è suriettiva e, dunque, non è biunivoca.
La relazione 0 è, pertanto, una funzione iniettiva.

50) Dati gli insiemi A = {x ∈ N / 0 < x < 6} e B = {x ∈ Z / - 4 < x < 7}, sia 0 la relazione da A verso B definita dalla proposizione
aperta: a(x, y) : “ y è uguale al doppio di x, diminuito di 3”.
Dopo aver rappresentato in forma tabulare l’insieme A, il dominio e il codominio di 0, stabilisci se la relazione 0 è una
funzione. Nel caso in cui 0 sia una funzione, classificala.

51) Dati gli insiemi A = {x ∈ Z / x = 3n - 5 con n ∈ N ∧ 0 ≤ n < 6} e B = {x ∈ Z / - 4 < x < 40}, sia 0 la relazione da A verso
B così definita : x 0 y ⇔ “y è uguale al triplo di x, aumentato di 4”.
Dopo aver rappresentato in forma tabulare l’insieme A, il dominio e il codominio di 0, stabilisci se la relazione 0 è una
funzione. Nel caso in cui 0 sia una funzione, classificala.

52) Siano F = {x ∈ Z / -3 < x < 4} e E = {1, 3, 9, 19, 33} due insiemi e 0 una relazione da D verso E definita dalla proposizione
aperta: s(x, y) : “y è uguale alla somma fra il doppio del quadrato di x e 1”.
Dopo aver rappresentato in forma tabulare l’insieme F, il dominio e il codominio di 0, stabilisci se la relazione 0 è una
funzione. Nel caso in cui 0 sia una funzione, classificala.

158
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 159

Book in
progress
4. Le relazioni

53) Sia 0 la relazione da G verso H definita dalla proposizione aperta: r(x, y) : “ y è uguale al doppio della somma fra x e 3”
con G = {x ∈ N / x = 2n + 1 ∧ n ∈ N ∧ 1 ≤ n < 9} e H = {x ∈ N / x = 4n ∧ n ∈ N ∧ 2 ≤ n < 6}.
Dopo aver rappresentato in forma tabulare l’insieme G, il dominio e il codominio di 0, stabilisci se la relazione 0 è una
funzione. Nel caso in cui 0 sia una funzione, classificala.

54) Dati gli insiemi F = {-1, 1, 2, 7} e S = {-3, -2, -1, 0, 1, 2}, sia 0 la relazione da F verso S definita dalla proposizione
aperta: b(x, y): “aggiungendo 2 ad x si ottiene il quadrato di y”.
Dopo aver rappresentato in forma tabulare l’insieme F, il dominio e il codominio di 0, stabilisci se la relazione 0 è una
funzione. Nel caso in cui 0 sia una funzione, classificala.

55) Siano A = {2, 3, 4, 5} e B = {0, 1, 2} due insiemi e f una funzione da A verso B tale che:
f (2) = 2; f (3) = 0; f (4) = 2; f (5) = 0 .
Rappresenta la funzione mediante tabella a doppia entrata e classificala.

56) Sia f una funzione da E = {-3, -2, -1, 0} verso H = {2, 3, 4, 5, 6} tale che:
f (-2) = 6; f (-3) = 2; f (0) = 5; f (-1) = 3 .
Rappresenta f in forma cartesiana e classificala.

57) Sia f una funzione da A = {-2, 0, 3} verso B = {-1, 1}; quale delle seguenti affermazioni è sicuramente vera?
a) Ogni elemento di B ha almeno una controimmagine in A.
b) Esiste almeno un elemento di B che non ha controimmagine.
c) Elementi distinti di A hanno sempre immagini distinte.
d) Ogni elemento di B ha una sola controimmagine in A.
e) Esistono almeno due elementi distinti di A che hanno la stessa immagine in B.

58) Sia g una funzione suriettiva da A = {-1, 0, 1, 2} verso B = {a, b, c} tale che:
f (-1) = f (1) = b; f (0) = c.
A quanto è uguale f (2)? Motiva la tua risposta.

59) Sia h una funzione iniettiva da S = {-4, -2, -1, 1} verso T = {0, 1, 2, 4, 5} tale che:
h(-4) = 4; h (-1) = 0; h (1) = 2.
Una sola delle seguenti affermazioni è sicuramente vera. Quale?
a) h (-2) = 2;
b) h(-2) = 1;
c) h (-2) = 5;
d) h (-2) = 1 ∨ h (-2) = 5;
e) h (-2) = 1 ∧ h (-2) = 5.

60) Sia s una funzione biunivoca da M = {3, 4, 6, 7, 9} verso P = {a, b, c, d, e} tale che:
s (4) = a; s (3) = d; s (7) = e; s (9) = b.
Qual è la controimmagine di c? Motiva la tua risposta.

61) Dati gli insiemi A = {3, 0, 1, 2, -1} e B = {a, b, c, d}, sia f : A → B una funzione suriettiva.
Sapendo che : a, c, d hanno una sola controimmagine;
f (3) = a; f (0) = c; f (-1) = d ,
determina f (2) e f (1).

62) Dati gli insiemi A = {-1, 2, 0, 4} e B = {m, s, p, t}, sia f una funzione iniettiva da A verso B.
Sapendo che: f (2) = s; f (0) = p; f (4) = t,
puoi affermare che f è biunivoca?

159
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 160

Algebra - primo anno

63) Siano A = {x ∈ N / 0 < x < 6} e B = {x ∈ Q / 1 ≤ x ≤ 2} due insiemi e sia 0 la relazione da A verso B così definita:
x 0 y ⇔ y = 2x - 3
x-1
Dopo aver rappresentato in forma tabulare l’insieme A, il dominio ed il codominio di 0, spiega per quale motivo la
relazione 0 non è una funzione. Determina il sottoinsieme A’ di A in modo tale che la relazione 0 da A’ verso B sia una
funzione.

64) Dati gli insiemi A = {x ∈ Z / - 4 ≤ x ≤ 2} e B = {x ∈ Q / -3 ≤ x < 2}, sia 0 la relazione da A verso B così definita:
x0y⇔y= 3x
x2 - 4
Rappresenta in forma tabulare gli insiemi A e B, il dominio e il codominio di 0 e spiega per quale motivo la relazione 0
non è una funzione. Determina il sottoinsieme A’ di A in modo tale che la relazione 0 da A’ verso B sia una funzione.

65) Siano A = {x ∈ Z / -3 < x ≤ 2} e B = {-4, -1, 1, 4} due insiemi; sia 0 una relazione da A verso B così definita:
x 0 y ⇔ “y è uguale alla differenza fra il triplo di x ed il rapporto fra 4 e x stesso”.
Rappresenta in forma tabulare gli insiemi A e B, il dominio e il codominio di 0 e spiega per quale motivo la relazione 0
non è una funzione. Determina il sottoinsieme A’ di A in modo tale che la relazione 0 da A’ verso B sia una funzione.

66) Sia 0 una relazione da N verso N così definita: x 0 y ⇔ y = x-1


2
Rappresenta per caratteristica il dominio di 0 e spiega per quale motivo la relazione 0 non è una funzione.
Determina il sottoinsieme A di N in modo tale che la relazione 0 da A verso N sia una funzione.

67) Siano A = {x ∈ Z / -3 ≤ x ≤ 3} e B = {x ∈ N / 0 ≤ x < 10} due insiemi e sia 0 la relazione da A verso B così definita:
x 0 y ⇔ y = x 2.
Una sola delle seguenti proposizioni è vera; quale?
a) 0 è una funzione suriettiva;
b) 0-1 è una funzione;
c) 0 è una funzione biunivoca;
d) 0 è una funzione iniettiva;
e) 0 è una funzione.

Siano A = {x ∈ Z / x = 3n -4 ∧ n ∈ N ∧ 1 ≤ n < 7} e B = {x ∈ N / 0 < x < 3} due insiemi e sia f la funzione da A verso


n
B tale che f(x) = ∣x∣.
Rappresenta la funzione f in forma sagittale e stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:
a) f è iniettiva q V q F
b) f è suriettiva q V q F
c) f è biunivoca q V q F
d) l’inversa di f è una funzione q V q F
e) C f ⊂ B q V q F
f) ∃ x ∈ A / f(x) = 1 q V q F
g) ∃ x ∈ A / f(x) = 2 q V q F

69) Completa la seguente figura sapendo che f : A → B è una funzione biunivoca e che:
f (1) = 9; f -1 (6) = 3; f -1 (7) = 4.

160
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 161

Book in
progress
4. Le relazioni

70) Completa la seguente figura sapendo che f : A → B è una funzione biunivoca e che:
f (a) = r;
f -1( t) = b;
f (d) = s;
f -1(m) = c.

Esempio
La funzione f : N → N / f (x) = x + 2 non è invertibile.
Affinché una funzione sia invertibile, essa deve essere biunivoca, cioè deve essere iniettiva e suriettiva.
La funzione f è sicuramente iniettiva per definizione di addizione.
Vediamo se f è suriettiva e, a tal fine, determiniamo i corrispondenti di alcuni numeri naturali:
f (0) = 0 + 2 = 2;
f (1) = 1 + 2 = 3;
f (2) = 2 + 2 = 4;
f (3) = 3 + 2 = 5;
..............................
f (9) = 9 + 2 = 11

Osservando i risultati ottenuti, notiamo che, aumentando il valore assegnato ad x, anche il valore del suo corrispondente
aumenta. Si vede, allora, che dal codominio di f sono esclusi i numeri 0 e 1, cioè C f = {x ∈ N / x > 1 }.
La funzione f non è, quindi, suriettiva e, dunque, non è biunivoca.
La funzione f , allora, non è invertibile.
La funzione f è invertibile se è definita da N verso N - {0, 1}, cioè f : N → N - {0, 1}.
Determiniamo, in tal caso, la sua funzione inversa.
La funzione inversa ha come dominio N - {0, 1}, come codominio N ed è tale che:
f -1(2) = 0; f -1(3) = 1; f -1(4) = 2;
L’immagine di x ∈ N - {0, 1} si ottiene sottraendo ad x il valore 2. Del resto, se riflettiamo, la sottrazione è l’operazione
inversa dell’addizione.
La funzione inversa, dunque, è f -1 : N - {0, 1}→ N / f -1 (x) = x - 2.

Spiega perché le seguenti funzioni non sono invertibili. Dopo aver determinato, per ciascuna di esse, un sottoinsieme di
N in modo tale che esse risultino invertibili, scrivi la funzione inversa.
71) f : N → N / f (x) = x + 3
72) f : N → N / f (x) = x + 5
73) f : N → N / f (x) = 2 · x
74) f : N → N / f (x) = 2 · x + 1
75) f : N → N / f (x) = 2 · x + 2
76) f : N0→ N / f (x) = 3 · (x - 1)
77) f : Z → Z / f (x) = 2 · (x - 4)
78) f : Z → Z / f (x) = x 2 - 1
x2 +3
79) f : Z → Z / f (x) =
2
80) f : Z → Z / f (x) = 3 · (x - 2)
81) f : {x ∈ N / x = 2 · n ∧ n ∈ N} → N / f (x) = x +2
2

161
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 162

Algebra - primo anno

Le seguenti funzioni sono invertibili; determina la funzione inversa:


82) f : Z → Z / f(x) = x - 2 88) f : Q → Q / f(x) = 2 · x - 3
83) f : Z → Z / f(x) = x - 5 89) f : Q → Q / f(x) = 2 · x + 5
84) f : Z → Z / f(x) = 8 - x 90) f : Q → Q / f(x) = 2 · (x + 5)
x
85) f : Q → Q / f(x) = 2 · x 91) f : Q → Q /f(x) = +1
2
x x+3
86) f : Q → Q / f(x) = +1 92) f : Q → Q /f(x) =
3 2
x +1
87) f : Q → Q / f(x) = 3

93) Nella seguente figura sono rappresentate le funzioni f : A → B e g : B → C


Completa le seguenti relazioni in modo che esse risultino vere:
a) (g ◦ f )(a) = ……
b) g (f (…)) = 7
c) (g ◦ f )(c) = ……
d) g (f (…)) = g (f (…)) = g (f (…)) = 6
e) g (f ( d )) = g (…) = …

94) Completa la rappresentazione sagittale delle funzioni f : A → B e g : B → C sapendo che:


f (4) = 6; g (5) = 8; (g ◦ f ) (1) = 8;
(g ◦ f ) (2) = 10; g (7) = 9; (g ◦ f ) (3) = 9.

95) Sia F = {(1, 3), (2, 5), (0, 6)} il grafico di una funzione f e sia G = {(5, 9), (3, 7), (6, 4)} il grafico di una funzione g.
Determina: (g ◦ f)(1); (g ◦ f )(2); (g ◦ f )(0)

96) Dato l’insieme A = {2, 4, 6, 8}, siano f e g due funzioni definite in A tali che:
f (2) = 4; f (4) = 6; f (6) = 8; f (8) = 2;
g (2) = 8; g (4) = 2; g (6) = 4; g (8) = 6 .
Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:
a) g (f (2)) = 6 q V q F
b) f (g (0)) = 0 q V q F
c) (g ◦ f ) (4) = 2 q V q F
d) ( f ◦ g) (8) = 8 q V q F
e) g ◦ f = f ◦ g q V q F
f) f ◦ g = i (dove i è la funzione identità) q V q F

97) Siano f e g due funzioni definite nell’insieme A = {0, 1, 2, 3} tali che:


f (0) = 3; f (1) = 1; f (2) = 0; f (3) = 2;
g (0) = 1; g (1) = 0; g (2) = 3; g (3) = 2
Determina:
(g ◦ f )(0); ( f ◦ g)(1); ( f ◦ g)(3); (g ◦ f )(2);
f ( g (0)); g ( f(3)); f ( g (2)); g ( f (1).
E’ vero che g ◦ f = f ◦ g ?

162
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 163

Book in
progress
4. Le relazioni

98) Siano f : Z → Z / y = x + 4 e g : Z → Z / y = x - 2 due funzioni.


Determina f -1 , g -1 , g◦f , f◦g.
Completa:
(g ◦ f ) (0) = ...... ; ( f ◦ g) (-1) = ..... ; (g ◦ f ) (-2) = ..... ;
( f ◦ g) (3) = ...... ; g ( f (...)) = 5; f ( g (1)) = ....... ;
( f ◦ g -1 ) (2) = ..... ; f ( f (-4)) = ..... ; f -1( f (4)) = .....;
g(g( -3)) = .... ; (g -1 ◦ g) (....) = 9 ; ( f -1 ◦ g -1 ) (-7) = ..... ;
g -1( f (-2)) = ….; f (g (….)) = 6 ; f -1(g(-3)) = ….. ;
f ( f -1 (....)) = -1; g( f (....)) = 3 ; g -1 ( f -1 (....)) = 1;
g(g(-5)) = ….. ; f (g(....)) = -3; ( f -1 ◦ f -1 ) (2) = …. .

99) Sia f : Z → Z / y = 4 - x una funzione. Verifica che f ◦ f = i (dove i è la funzione identità).


2
100) Sia g : Q - {0}→ Q - {0} / y = una funzione. Verifica che g ◦ g = i
x
101) Sia f : Z → Z/ y = x 2 + 1. Completa in modo che le seguenti relazioni risultino vere:
f (0) = …..
f (-1) = f (…) = ….
f ( …) = 0
f (…) = f (-2) = 5
f (…) = f (…) = 10
Rifletti sulle relazioni precedenti: f è iniettiva? Giustifica la tua risposta.

102) Siano h : Q → Q / y = 2 · x e k : Q → Q / y = x + 1 due funzioni. Una sola delle seguenti affermazioni è falsa. Quale?
a) (k ◦ h) (-1) = -1;
b) h(k (-2)) = -2;
c) (k ◦ h) (2) = h(k (2));
d) (h-1 ◦ k-1 )(1) = (k ◦ h)-1 (1) ;
e) h ◦ h-1 = k ◦ k -1 .
x
103) Siano f : Q → Q / y = - +1 e h : Q → Q / y = -x due funzioni. Una sola delle seguenti affermazioni è vera. Quale?
3
a) ( f ◦ h)(0) = (h ◦ f )(0) ;
b) f (h(-3)) = h( f (3)) ;
c) h ◦ h ≠ i ;
2
d) h ( f (-1) = ;
3
e) ( f ◦ h)(-1) = - 4
3
2 . Una sola delle seguenti affermazioni è falsa; quale?
104) Sia f : Q -{1}→ Q / f (x) = x-1
a) f (2) = 2; d) ( f ◦ f ) (3) non esiste;
b) f è iniettiva; e) f non è biunivoca.
c) f è suriettiva;

105) Sia f (x) = x Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:


x+1
a) Df = Q + q V q F e) Cf = Q q V q F
b) ∄ x ∈ Q / f (x) = 1 q V q F f) ∃ x ∈ Q / f (x) = 2 q V q F
c) Se x < -1, allora f (x) > 0 q V q F g) f - c 1
2 m = -3 q V q F
d) Se x > 0 , allora 0 < f (x) < 1 q V q F

163
AIE604_C1 Algebra1_rev3_parte1.qxp_Layout 1 30/06/18 08:23 Pagina 164

Algebra - primo anno

Determina il dominio delle seguenti funzioni e, per ciascuna di esse, calcola le immagini dei valori a fianco indicati:

106)

107)

108)

109)

110)

111)

Problemi
112) Anna, Chiara, Elisa, Giulia, Bianca hanno i capelli biondi, neri o castani.
Solo una di loro ha i capelli neri e solo Giulia ha i capelli castani; Elisa e Chiara hanno capelli dello stesso colore, invece
Bianca e Anna hanno capelli di colore diverso; inoltre Bianca ed Elisa non hanno capelli dello stesso colore.
Indica con 0 la relazione “x ha i capelli dello stesso colore di y” e rappresenta il problema con un grafo.
Rispondi ai seguenti quesiti:
a) Qual è il colore dei capelli di Anna?
b) Qual è il colore dei capelli di Bianca?

113) Ad un controllo, il medico ha misurato l’altezza di Lucia, Marta, Francesca, Paola e Rita. Il suo collaboratore ha riportato
su di un foglio le misure rilevate espresse in centimetri: 175, 172, 168, 165, 161; ha però, dimenticato di scrivere a
fianco di ciascuna misura il nome della ragazza; ricorda, però, che:
- Paola è più bassa di Francesca e di Lucia;
- Rita non è più alta di Paola;
- Francesca è più bassa di Marta;
- Marta non è la più alta.
Sapresti indicare l’altezza di ogni ragazza?
(Rappresenta con un grafo la relazione 0 “x è più alta di y”).

114) Arianna, Beatrice, Cecilia, Daniela, Elvira, Giorgia si preparano per andare in pizzeria e non hanno ancora deciso se
indossare una maglia gialla o una maglia rossa. Giorgia, raffreddata, decide di non uscire con le amiche e il giorno
dopo telefona ad Arianna per sapere quale maglia avessero indossato. Arianna risponde in un modo un po’ strano
dicendo: “Tre di noi avevano la maglia rossa; io e Daniela abbiamo indossato maglie di colore diverso, così come
Cecilia ed Elvira; invece Daniela e Beatrice hanno indossato una maglia dello stesso colore, ma diversa da quella di
Elvira.” Qual è il colore della maglia di Arianna?
(Rappresenta con un grafo la relazione 0 “x ha la maglia dello stesso colore di y”).

115) Arturo, Bruno, Claudio e Danilo si sfidano in una gara di tiro con l’arco. Al termine chiedono a Francesco, l’arbitro, chi
ha vinto. Francesco risponde così: “Bruno ha realizzato un punteggio maggiore di quello realizzato da Claudio, ma
minore di quello di Danilo che, comunque, non ha vinto; Antonio ha superato Bruno.”
Indicata con 0 la relazione “x ha realizzato un punteggio maggiore di y”, rappresenta il problema con un grafo e stila
la classifica.

116) Anna, Barbara, Claudia, Debora partecipano ad una gara sui 100 metri. La gara termina senza ex–aequo.
Se Claudia è arrivata subito dopo Debora e Barbara è arrivata seconda, chi è arrivata terza?

117) Delle sei persone, Alberto, Bruna, Cristina, Domenico, Enrico e Fabio, si sa che Domenico e Enrico sono gemelli,
Fabio è il padre di Alberto, Cristina è la madre di Domenico, Bruna è la moglie di Fabio e Enrico è più vecchio di Bruna.
Chi è il più giovane?

164
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 165

Book in
progress
5. I monomi

IL CALCOLO LETTERALE (PRIMA PARTE)

CAPITOLO 5. I MONOMI

5.1 INTRODUZIONE AL CALCOLO LETTERALE


Nel corso dei tuoi studi hai già avuto modo di incontrare lettere al posto di numeri: ad esempio, nelle formule che esprimono
la misura della superficie di una figura geometrica, nelle formule che esprimono il volume di un solido, nella proprietà
caratteristica di un insieme, nell’indicare le proprietà delle operazioni, ecc ...
Così, se vogliamo determinare il perimetro di un quadrato di lato 5 cm, moltiplichiamo per quattro la misura del lato:
Perimetro = (4·5) cm = 20 cm.

Se cambia la misura del lato, per determinare il perimetro del quadrato si moltiplica per quattro la nuova misura. Si può,
allora, trovare un “modo” più generale per esprimere la misura del perimetro di un quadrato, qualunque sia la misura del
suo lato; precisamente: se indichiamo con l il numero che esprime la misura del suo lato, il perimetro del quadrato è
Perimetro = 4·l
Ancora un esempio: l’area di un triangolo di base 6 cm e altezza relativa 9 cm è: A = 6·9 cm2 = 27 cm2.
2

Le operazioni eseguite consentono di determinare l’area di quei triangoli nei quali la base e l’altezza relativa misurano 6 cm
e 9 cm, ma non consentono di esprimere l’area di un qualsiasi triangolo, note le misure della base e dell’altezza relativa:
ecco, allora, che ci vengono in aiuto le lettere.
Se, in un triangolo, indichiamo con b il numero che esprime la misura della base e con h il numero che esprime la misura
dell’altezza relativa, possiamo dire che, in generale, la sua area è:

A = b·h
2

Altra applicazione: La proprietà commutativa della somma algebrica si esprime, in generale, con la scrittura:
a+b=b+a

Possiamo dire, allora, che in situazioni nelle quali è necessario esprimere proprietà generali è più utile usare lettere al posto
di numeri.
L’introduzione del calcolo letterale è stata una vera e propria rivoluzione nello sviluppo della matematica perché ha
implementato il processo di astrazione e di generalizzazione. A questo sviluppo hanno contribuito anche illustri matematici
italiani come Niccolò Fontana, detto Tartaglia, Girolamo Cardano e Luigi Bombelli.

Esempi
Traduciamo alcune frasi del linguaggio naturale in forma simbolica utilizzando lettere per indicare numeri:
a) Il triplo del successivo di un numero naturale.
- Indichiamo con n un numero naturale;
- il suo successivo è n + 1;
- il triplo del suo successivo si ottiene moltiplicando per 3 il numero n +1.
“Il triplo del successivo di un numero naturale”, in forma simbolica, è 3(n + 1), n ∈ N .
b) Il successivo del triplo di un numero naturale.
- Indichiamo con n un numero naturale;
- il suo triplo si ottiene moltiplicandolo per 3, quindi è 3n;
- il successivo del triplo di n si ottiene aggiungendo 1 al triplo di n.
“Il successivo del triplo di un numero naturale”, in forma simbolica, è 3 n + 1, n ∈ N .
c) Al successivo di un numero naturale sottrai la terza parte del suo precedente.
- Indichiamo con n un numero naturale;
- il suo successivo è n + 1;
- il suo precedente è n − 1;

165
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 166

Algebra - primo anno

- ricorda che dividere per 3 significa, anche, moltiplicare per 1 , per cui la terza parte del suo precedente si ottiene
3
moltiplicando per 1 il numero n − 1, quindi 1 (n − 1).
3 3
“Al successivo di un numero naturale sottrai la terza parte del suo precedente”, in forma simbolica è:
(n + 1) − 1 (n − 1), n ∈ N.
3

ATTENZIONE
Negli esempi precedenti, avrai sicuramente notato che per indicare il prodotto a · b si è omesso il puntino ed è
stato scritto semplicemente a b. La stessa cosa non si può fare se si vuole indicare il prodotto fra due numeri:
6 · 2 ≠ 62.

PROVA TU
Traduci in forma simbolica le seguenti frasi del linguaggio naturale:
1) Al doppio del successivo di un numero naturale aggiungi il successivo del doppio del numero stesso.
2) Al quadrato del successivo di un numero intero sottrai il quadrato del numero stesso.
In questo capitolo imparerai ad utilizzare lettere al posto di numeri e ad operare con espressioni contenenti numeri e lettere.

ATTENZIONE
Il calcolo simbolico ha le sue regole che devono essere:
- ben assimilate;
- rispettate;
- usate in modo consapevole.
Cominciamo questo nuovo argomento con una definizione.

Una espressione algebrica è un insieme di numeri e/o lettere legati fra loro da simboli di operazione.

Le lettere presenti in una espressione algebrica sono chiamate variabili.

Una espressione algebrica si dice razionale se in essa sono presenti solo le operazioni di somma algebrica,
moltiplicazione e divisione.

Le espressioni algebriche, in generale, si indicano con le lettere maiuscole dell’alfabeto; se è necessario indicare le variabili
dell’espressione, esse si racchiudono fra parentesi tonde.
Così, ad esempio, possiamo indicare con A(n) l’espressione al punto a) degli esempi precedenti: A(n) = 3(n + 1), n ∈ N .
Inoltre, il valore di un’espressione algebrica dipende dal valore attribuito alle variabili.
Per l’espressione A(n) abbiamo:
- n = 0 ⇒ A(0) = 3 ( 0 + 1) = 3 · 1 = 3;
- n = 1 ⇒ A(1) = 3 ( 1 + 1) = 3 · 2 = 6;
- n = 5 ⇒ A(5) = 3 ( 5 + 1) = 3 · 6 = 18.
Calcoliamo il valore dell’espressione E(a, b) = a · b assegnando alle lettere i valori indicati:
2 2

a-b

- per a = 3 e b = −2 si ottiene: E(3, −2) =

- per a = 1 e b = - 2 si ottiene: =
4 5

= (dopo aver semplificato) = 89 ;


260

- per a = −5 e b = −5 si ottiene: E(−5, −5) =

Questa frazione non ha significato, perché in una divisione il divisore deve essere diverso da 0.
In questa espressione algebrica non possiamo, quindi, attribuire alle variabili uno stesso valore, perché altrimenti il divisore
è nullo e, pertanto, non è possibile eseguire l’operazione di divisione.

166
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 167

Book in
progress
5. I monomi

Possiamo, allora, dire che, in una espressione algebrica, è possibile attribuire alle lettere qualsiasi valore, purchè le operazioni
siano sempre eseguibili.

PROVA TU
1) Calcola il valore delle seguenti espressioni algebriche assegnando alle lettere i valori indicati:

Se x = 1, quale valore non è possibile assegnare a z? Perché?

5.2 I MONOMI
Consideriamo le seguenti espressioni algebriche e vediamo se esistono analogie e differenze fra di esse:

Osserviamo che sono tutte espressioni algebriche razionali e, poiché ci occuperemo solo di tali espressioni algebriche, in
seguito ometteremo l’aggettivo razionale/i.
Le espressioni c) e f ) possono essere scritte in altra forma:

Osserviamo ancora che tra le lettere:


- nelle espressioni c), d), e) è presente la sola operazione di moltiplicazione;
- nelle espressioni a) e b) è presente, oltre alla moltiplicazione, anche l’operazione di somma algebrica;
- nelle espressioni f) e g) è presente, oltre all’operazione di moltiplicazione, anche l’operazione di divisione;
- nell’espressione h) sono presenti le operazioni di somma algebrica, moltiplicazione e divisione.
Quanto sopra permette di dividere le espressioni algebriche in tre gruppi, a seconda delle operazioni che sono in esse
contenute; precisamente:
1) espressioni che contengono solo l’operazione di moltiplicazione;
2) espressioni che contengono le operazioni di moltiplicazione e somma algebrica;
3) espressioni che contengono le operazioni di moltiplicazione, divisione e somma algebrica.
In questo capitolo ci occuperemo solo delle espressioni di cui al punto 1).
Si ha la seguente definizione:

Si chiama monomio una espressione algebrica (razionale) in cui è presente soltanto l’operazione di moltiplicazione.

Alcuni matematici considerano monomi anche espressioni nelle quali sono presenti potenze con esponente negativo oppure
è presente l’operazione di divisione tra lettere chiamano tali espressioni monomi fratti. Per noi sono monomi quelle
espressioni in cui è presente solo la moltiplicazione. Definiremo, nei prossimi capitoli, le espressioni di cui ai punti 2) e 3).
Esempi
2 x3 b5 è un monomio;
5a − 2b non è un monomio, perché è presente l’operazione di somma algebrica;
2 a è un monomio;
3
4a f = 4 · a o non è un monomio, perché è presente l’operazione di divisione fra lettere;
b b
− 3 a− 2 c3 non è un monomio, perché uno degli esponenti è un intero negativo;
2
− 3 f è un monomio.
7

167
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 168

Algebra - primo anno

PROVA TU
Fra le seguenti espressioni algebriche, riconosci quelle che sono monomi:

Definizione
Un monomio si dice scritto in forma normale quando ogni lettera, con eventuale esponente, è presente una sola volta.

- Il monomio 2 x 3 b 5 è scritto in forma normale.


- Il monomio a 2 3 a 3 b non è scritto in forma normale.

Il monomio a 2 3 a 3 b, scritto in forma normale, diventa: [a 2 3 a 3 b = 3 (a 2 a 3) b] = 3 a 5 b


Un monomio, in generale, è formato da un numero e da alcune lettere:
- il numero si chiama coefficiente;
- le lettere formano la parte letterale.

Così, nel monomio 2 x 3 b 5:


- 2 è il coefficiente
- x 3 b 5 è la parte letterale

Se il coefficiente è 1, di solito, si omette: 1 a 3 b = a 3 b

Se il coefficiente è −1, di solito, si omette il numero 1: −1 m 5 s 2 = − m 5 s 2

Si dice monomio nullo, e si indica con 0, un monomio che ha coefficiente 0 (zero).


Si chiama grado relativo (o grado rispetto) ad una lettera l’esponente con cui la lettera è presente nel monomio ridotto
a forma normale.
Si chiama grado complessivo di un monomio la somma dei gradi relativi a ciascuna lettera presente nel monomio.

Considerando ancora il monomio 2 x 3 b 5:


- il grado relativo alla lettera x è 3;
- il grado relativo alla lettera b è 5;
- il grado complessivo è 8.

ATTENZIONE
- Se in un monomio è presente una lettera ‘senza esponente’, è sottointeso che il suo esponente è 1 e,
quindi, il grado relativo a quella lettera è 1.
Per esempio, nel monomio 2 s x 2 la lettera s ‘non ha esponente’; questo vuol dire che il suo esponente è
1 (ricorda che, in generale, a 1 = a) . Il grado relativo ad s è 1.
- Se in un monomio non è presente una lettera, il grado relativo ad essa è 0.
Ad esempio, nel monomio 2 x 3 b 5 il grado relativo ad y è 0.
- Qualsiasi numero razionale (≠ 0) è un monomio di grado 0 rispetto ad una qualsiasi lettera e di grado complessivo 0.

Così:
4 = 4 b 0 c 0 (con b ≠ 0, c ≠ 0) ;
−3 = −3 a 0 d 0 m 0 (con a ≠ 0, d ≠ 0, m ≠ 0).

- Per quanto precedentemente affermato, il numero razionale 0 è il monomio nullo.


- Al monomio nullo non viene attribuito alcun grado.

168
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 169

Book in
progress
5. I monomi

Secondo alcuni matematici, il grado del monomio nullo è indeterminato perché esso può avere parte letterale qualsiasi.

Definizioni
Due monomi non nulli che hanno parte letterale uguale si dicono simili.
I monomi 3 m 2 p e −2 m 2 p sono simili.
I monomi 3 m 2 p e 2 m p 2 non sono simili.

Due monomi simili che hanno coefficienti uguali si dicono uguali.


Due monomi simili che hanno coefficienti opposti si dicono opposti.
Sono uguali i monomi 2 x 2 y 6 e 2 x 2 y 6.
Sono opposti i monomi 4 a 3 b 2 e −4 a 3 b 2.

PROVA TU
1) Completa la seguente tabella:

Grado relativo a
Monomio Coefficiente Parte letterale Grado complessivo
x y z s v

−5v3y

6x8 z3 s
5

2
3

2) Scrivi un monomio di grado complessivo 5 e di quarto grado rispetto alla lettera c.


3) Scrivi un monomio che sia di secondo grado rispetto alla lettera a, di terzo grado rispetto alla lettera b e di primo grado
rispetto alla lettera f .
4) Dati i monomi:

scrivi, per ciascuno di essi,


− tre monomi simili;
− il suo opposto.

5.3 OPERAZIONI CON I MONOMI


Le lettere presenti nei monomi sono numeri razionali; quindi, è possibile definire, fra monomi, le operazioni di somma
algebrica, moltiplicazione e divisione, come negli insiemi numerici.

Somma algebrica
Sul suo lettore MP3, Luigi ha inserito, inizialmente, 10 brani musicali e, successivamente, altri 25;
in tutto, sul suo lettore, Luigi ha inserito 35 brani musicali.
Rappresentiamo in forma simbolica la situazione precedente: se indichiamo con b un brano musicale, Luigi, sul suo lettore
MP3 ha 10 b + 25 b = 35 b
Luigi vuole inserire sul suo lettore MP3 anche 2 film; se indichiamo con f un film, la rappresentazione simbolica del contenuto
del lettore MP3 di Luigi è la seguente: 35 b + 2 f
Certamente non possiamo dire che Luigi ha 37 brani musicali nè che ha 37 film; sul suo lettore Luigi avrà 35 brani musicali
e 2 film; in simboli rimane 35 b + 2 f.

169
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 170

Algebra - primo anno

Questo esempio ci può aiutare a capire meglio come calcolare la somma fra due o più monomi:
- 10 b e 25 b sono due monomi simili: la loro somma è 35 b, cioè ancora un monomio;
- 35 b e 2 f sono due monomi, ma non sono simili; in questo caso la somma dei due monomi (35 b + 2 f ) non è un
monomio.

Osserviamo, allora, che la somma di due monomi dà origine a risultati di tipo diverso; si hanno, infatti, i seguenti casi:
a) somma di monomi simili;
b) somma di monomi non simili.

Somma di monomi simili


Dati i monomi simili 5 s2 e 2 s2, determiniamo la loro somma (5 s2 + 2 s2).
In tutti i monomi è presente la sola operazione di moltiplicazione e, poichè le lettere sono numeri
razionali, vale la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma algebrica: a · b + a · c = a (b + c) .
Nella somma 5 s2 + 2 s2, i monomi 5 s2 e 2 s2 hanno in comune il fattore s2; si ha, dunque:
5 s2 + 2 s2 = s2 (5 + 2) = 7 s2

Analizziamo il risultato ottenuto: 7 s2 è un monomio simile sia a 5 s2 che a 2 s2 e il suo coefficiente è la somma dei coefficienti
dei monomi 5 s2 e 2 s2 .

In generale:
la somma di due o più monomi simili è un monomio, simile a
quelli dati, che ha come coefficiente la somma dei coefficienti
dei monomi dati.

Somma di monomi non simili


Dati i monomi 4 a3 e 3 b2 non simili, determiniamo la loro somma (4 a3 + 3 b2).
Poiché i due monomi non sono simili e non hanno fattori in comune, non è possibile applicare la proprietà distributiva.
E’ possibile solo indicare la loro somma: 4 a3 + 3 b2.
Come puoi notare, in questo caso, la somma dei due monomi non è un monomio.
Un altro esempio.
Dati i monomi 5 m2 e 2 m non simili, determiniamo la loro somma (5 m2 + 2m).
I monomi non sono simili, ma hanno in comune il fattore “m” e, quindi, è possibile applicare la
proprietà distributiva, ottenendo: 5m2 + 2m = m (5 m + 2).
Tale espressione non è, però, un monomio (l’operazione in parentesi non si può, infatti eseguire) e, dunque, anche in
questo caso, è possibile indicare solamente la somma: 5 m2 + 2m.

In generale:
La somma di due o più monomi non simili si indica ponendo fra i due monomi il segno “+”; essa non è un monomio.

Come per i numeri razionali, la differenza fra due monomi è la somma fra il primo monomio e l’opposto del secondo;
ad esempio:
3 a 3 − 6 a 3 = 3 a 3 + (− 6 a 3) = (3 − 6) a 3 = −3 a 3 ;
2 b 5 − (−5 b 5) = 2 b 5 + 5 b 5 = (2 + 5) b 5 = 7 b 5 .
Anche per i monomi non c’è distinzione fra le operazioni di addizione e di sottrazione e si parla di una sola operazione
chiamata somma algebrica.
Le regole esposte e gli esempi precedenti ci permettono di affermare che l’insieme dei monomi non è chiuso rispetto
all’operazione di somma algebrica.

170
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 171

Book in
progress
5. I monomi

ATTENZIONE
Se in una espressione algebrica alcuni termini sono simili e altri non lo sono, si sommano i termini simili seguendo
la regola esposta in precedenza e, successivamente, si lascia indicata la somma algebrica.

Esempi
Semplifichiamo le seguenti espressioni:
a) −3 x y − 3 x y 5 + (−2 x y 5) + 6 x 5 y − ( − 2 x y 5).
5

“Liberiamo” l’espressione dalle parentesi tonde: −3 x 5 y − 3 x y 5 − 2 x y 5 + 6 x 5 y + 2 x y 5.


I monomi non sono tutti simili tra di loro; è conveniente, allora, segnare con uno stesso simbolo i monomi simili ed “eliminare”
gli eventuali monomi opposti. Si ottiene: −3 x 5 y − 3 x y 5 − 2 x y 5 + 6 x 5 y + 2 x y 5 = −3 x 5 y − 3 x y 5 + 6 x 5 y
ed applicando la proprietà commutativa e la proprietà associativa, si ha:
= (−3 x 5 y + 6 x 5 y) − 3 x y 5 = (−3 + 6) x 5 y − 3 x y 5 = 3 x 5 y − 3 x y 5.

b) 4 a 3 b 2 + 6 a 3 b 2 − ( −2 a 3 b 2 ).
“Liberiamo” l’espressione dalle parentesi tonde: 4 a 3 b 2 + 6 a 3 b 2 + 2 a 3 b 2 =
poiché i monomi sono tutti simili tra loro, si ottiene: = (4 + 6 + 2) a 3 b 2 = 12 a 3 b 2.

c)

Osserviamo che i monomi nelle parentesi tonde sono simili tra loro e quindi possiamo determinare la loro somma. Si ottiene:

i monomi in parentesi quadre non sono tutti simili tra loro, per cui, segnando quelli simili con uno stesso simbolo e calcolando
la loro somma, si ottiene:

eliminiamo le parentesi quadre: poiché davanti alle parentesi c’è il segno “−”, dobbiamo cambiare di segno ai termini dentro
le parentesi. Si ha, quindi:

i monomi di questa espressione non sono tutti simili tra loro, per cui, segnando ancora una volta quelli simili con uno stesso
simbolo e calcolando la loro somma, si ottiene:

d)

L’ultimo esempio ci permette di dire che la somma di un generico monomio A con il monomio nullo è ancora il monomio A.

PROVA TU
Semplifica le seguenti espressioni:

Moltiplicazione
Ci proponiamo di determinare il seguente prodotto:
Poiché le lettere sono numeri razionali, possiamo applicare la proprietà commutativa:
Applicando, poi, la proprietà associativa, si ottiene:
Ed infine, applicando le proprietà delle potenze, si ha:
In definitiva :

171
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 172

Algebra - primo anno

Osserva il risultato ottenuto e completa:


- il prodotto dei due monomi è ancora un …………………………………..;
- il grado complessivo del prodotto è uguale alla …………………………. dei gradi complessivi dei monomi dati;
- il coefficiente del prodotto è uguale al …………………………………… dei coefficienti dei monomi dati;
- la parte letterale del prodotto è “formata” da tutte le ……………………………….. presenti nei monomi dati;
- l’esponente della lettera m, presente in entrambi i fattori, è uguale alla ……………………….…. degli esponenti che m
ha nei due fattori.

Possiamo, allora, generalizzare:


- il prodotto di due o più monomi è sempre un monomio che ha:
- il coefficiente uguale al prodotto dei coefficienti dei monomi dati;
- la parte letterale “formata” da tutte le lettere presenti nei fattori; se nei fattori ci sono lettere uguali, tali lettere nel
prodotto hanno esponente uguale alla somma degli esponenti (che esse hanno nei singoli fattori);
- il grado del prodotto di due o più monomi, diversi dal monomio nullo, è uguale alla somma dei gradi dei singoli
fattori.

Esempi

Osservazioni
Le regole esposte e gli esempi precedenti ci permettono di affermare che l’insieme dei monomi è chiuso rispetto
all’operazione di moltiplicazione.
Dall’esempio c) deduciamo che il prodotto di due o più monomi è il monomio nullo se e solo se almeno uno di essi è il
monomio nullo. Anche per i monomi, quindi, vale la legge di annullamento del prodotto.
Osservando l’esempio d) e generalizzando, si può affermare che 1 è l’elemento neutro rispetto alla moltiplicazione tra
monomi.

PROVA TU
Calcola i seguenti prodotti fra monomi:

172
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 173

Book in
progress
5. I monomi

Potenza di un monomio
Come ben sai, il prodotto di più fattori uguali si chiama potenza.
La potenza di un monomio, dunque, non è altro che il prodotto di più monomi uguali fra di loro, ripetuto tante volte quanto
indicato dall’esponente. Calcoliamo la seguente potenza:
Applicando la proprietà commutativa e la proprietà associativa,
si ottiene:
Poiché, il prodotto in ciascuna parentesi tonda è, a sua volta, una potenza, si ottiene:

In definitiva:

Osserva il risultato ottenuto e completa:


la potenza di un monomio è ancora un …………………………………… nel quale:
− il coefficiente numerico è la …………………………………….. del coefficiente numerico;
− ciascuna lettera ha come esponente il ……………………………………. fra l’esponente di ciascuna lettera e l’esponente
della potenza.

Dall’esempio precedente, possiamo dedurre la seguente regola:


Per calcolare la potenza di un monomio, diverso
dal monomio nullo, è sufficiente calcolare la potenza
del coefficiente numerico e moltiplicare ciascun
esponente della parte letterale per l’esponente
della potenza.

Per le potenze di monomi valgono le già note proprietà delle potenze; in particolare ricordiamo che qualsiasi monomio,
diverso dal monomio nullo, “elevato a 0” è sempre uguale a 1!

Esempi

PROVA TU
Calcola le seguenti potenze:

Divisione
Ricorderai che, in precedenza, abbiamo definito il quoziente fra due numeri razionali, come quel numero che moltiplicato
per il divisore (≠ 0) dà per risultato il dividendo.
Allo stesso modo definiamo il quoziente, se esiste, fra due monomi (dove, ovviamente, il divisore è diverso dal monomio
nullo).

173
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 174

Algebra - primo anno

Proviamo, allora, ad eseguire alcune divisioni:


a) determiniamo il quoziente fra i monomi 21 x 6 y 5 e 7 x 2 y 3 .
Dobbiamo trovare un monomio, se esiste, tale che, moltiplicato per 7 x 2 y 3, dia come risultato 21 x 6 y 5.
Per determinare il coefficiente del quoziente, basta dividere fra loro i coefficienti del dividendo e del divisore; per
determinare la parte letterale dividiamo fra loro le potenze con la stessa base.

Si ha, dunque:
In definitiva:
E’ facile, poi, verificare che

b) calcoliamo il risultato della seguente divisione:

Dobbiamo trovare, allora, un monomio, se esiste, tale che, moltiplicato per 9 m2, dia come risultato − 5 m3 p5.
Come nel caso precedente, per ottenere il coefficiente del quoziente, dividiamo fra loro i coefficienti del dividendo e del
divisore; in questo caso il risultato della divisione è un numero razionale dal momento che il primo coefficiente non è multiplo
del secondo.
Per determinare la parte letterale si procede allo stesso modo e, quindi, dividiamo fra loro le potenze con la stessa base.
Osserviamo che, nella parte letterale del divisore, non è presente la lettera p, questo vuol dire che il suo esponente è 0.
Si ha, quindi:

In definitiva:

E’ facile verificare che:

c) calcoliamo il risultato della seguente divisione:


Dobbiamo trovare, quindi, un monomio, se esiste, tale che, moltiplicato per 3 b 2 c 2 d dia come risultato 15 b 3 c d 2.
Procedendo come negli esempi precedenti, si ottiene:

In definitiva:

Il risultato ottenuto non è un monomio perché un esponente della parte letterale è un numero negativo.

d) calcoliamo il risultato della seguente divisione:

Dobbiamo trovare, quindi, un monomio, se esiste, tale che, moltiplicato per 5 f 2m2 dia come risultato

Osserviamo che nel dividendo non è presente la lettera m, quindi il suo esponente è 0.
Procedendo come negli esempi precedenti, si ottiene:

In definitiva:

Anche questa volta, il risultato ottenuto non è un monomio perché un esponente della parte letterale è un numero negativo.

174
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 175

Book in
progress
5. I monomi

PROVA TU
Completa le seguenti uguaglianze:

Dagli esempi e dagli esercizi precedenti, si osserva che non sempre la divisione fra due monomi è ancora un monomio.
Precisamente:
- il quoziente è un monomio negli esempi a) e b) e negli esercizi 1) e 3);
- il quoziente non è un monomio negli esempi c) e d) e negli esercizi 2), 4) e 5).
Analizziamo i risultati ottenuti, prestando attenzione alla parte letterale dei monomi dividendo e divisore:
a) , b) , 1) : nella parte letterale del dividendo sono presenti tutte le lettere della parte letterale del divisore; l’esponente
di ciascuna lettera nel dividendo è maggiore dell’esponente della stessa lettera nel divisore.
Il grado complessivo del quoziente è uguale alla differenza fra i gradi complessivi del dividendo e divisore; l’esponente
di ciascuna lettera nel quoziente è uguale alla differenza fra gli esponenti della stessa lettera nel dividendo e divisore.
3) : nella parte letterale del dividendo sono presenti tutte le lettere della parte letterale del divisore; l’esponente di ciascuna
lettera nel dividendo è maggiore o uguale all’esponente della stessa lettera nel divisore.
Il grado complessivo del quoziente è uguale alla differenza fra i gradi complessivi del dividendo e divisore; l’esponente
di ciascuna lettera nel quoziente è uguale alla differenza fra gli esponenti della stessa lettera nel dividendo e divisore.
c), 2), 4) : nella parte letterale del dividendo sono presenti tutte le lettere della parte letterale del divisore; esiste, però, una
lettera del dividendo che ha esponente minore di quello che ha la stessa lettera nel divisore;
d), 5) : una lettera del divisore non è presente nel dividendo.

Possiamo, allora, generalizzare:


- Il quoziente fra due monomi è un monomio se l’esponente di ciascuna lettera nel dividendo è maggiore o uguale
dell’esponente della stessa lettera nel divisore.
Se il quoziente è un monomio, si ha che:
- Il grado complessivo del quoziente è uguale alla differenza fra i gradi complessivi del dividendo e del divisore.
- Il coefficiente del quoziente è uguale al quoziente fra i coefficienti del dividendo e del divisore.
- L’esponente di ciascuna lettera del quoziente è uguale alla differenza fra gli esponenti che quella lettera ha nel
dividendo e nel divisore.

(nel riquadro, ai fini di una “lettura”


più agevole, è riportato solo il calcolo
dell’esponente per la lettera “x”).

PROVA TU
Quali, fra i seguenti quozienti, sono monomi?

175
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 176

Algebra - primo anno

Espressioni con i monomi


Dal momento che le lettere rappresentano numeri razionali, per le espressioni in cui sono presenti dei
monomi valgono le regole già viste per i numeri razionali; precisamente:
- se nelle espressioni sono presenti delle parentesi, si risolvono prima le parentesi tonde, poi le parentesi quadre e,
successivamente, le parentesi graffe;
- le operazioni di moltiplicazione e divisione si risolvono nell’ordine in cui si presentano e hanno la precedenza
sull’operazione di somma algebrica;
- si eliminano le parentesi precedute dal segno “−”, cambiando il segno a ciascuno dei termini racchiusi dalle parentesi;
- si eliminano le parentesi precedute dal segno “+”, lasciando invariato il segno di ciascuno dei termini racchiusi dalle
parentesi.

Esempi
Semplifica le seguenti espressioni:
1)

(eseguiamo, prima, le operazioni “racchiuse” nelle parentesi tonde e che indicano la somma algebrica di monomi simili)

(poiché la moltiplicazione ha la “precedenza” sulla somma algebrica, eseguiamo i prodotti ricordando la regola dei segni
e semplificando dove possibile)

(poiché i monomi di questa somma algebrica sono tutti simili e, in particolare, due sono opposti)

2)

(risolviamo le potenze indicate)


(ricordiamo che moltiplicazioni e divisioni hanno la “precedenza” sulla somma algebrica e si eseguono nell’ordine in cui
si presentano)
(in parentesi tonda è indicata la somma algebrica di monomi simili; risolviamo, allora, la parentesi tonda)

PROVA TU
Semplifica la seguente espressione:

176
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 177

Book in
progress
5. I monomi

5.4 MASSIMO COMUN DIVISORE E MINIMO COMUNE MULTIPLO FRA MONOMI


Massimo Comun Divisore
Dati due monomi A e B, con B ≠ 0, si dice che A è divisibile per B, o che B è divisore di A, se esiste un monomio C
tale che B · C = A.
In altre parole, un monomio A è divisibile per un monomio B (≠0) se il quoziente fra A e B è ancora un monomio.
Esempio
Il monomio 2a2 è un divisore di 12a3b; infatti 12a3b : 2a2 = 6ab che è un monomio.

Consideriamo, adesso, i seguenti monomi: A = 6a 2b B = 4ab 2c


I divisori di A sono:
a; a2 ; b; a b; a 2 b; 1;
2a; 2a 2 ; 2b; 2a b; 2a 2 b; 2;
3a; 3a 2 ; 3b; 3a b; 3a 2 b; 3;
2 2
6a; 6a ; 6b; 6a b; 6a b; 6.

I divisori di B sono:

In rosso sono indicati i divisori comuni fra i monomi A e B.


Fra i divisori comuni, ce ne sono due che hanno grado maggiore di tutti gli altri: a b e 2ab.
Il monomio 2ab (che ha per coefficiente il MCD fra i coefficienti di A e B) si chiama Massimo Comun Divisore fra A e B
e, come per i numeri naturali, si indica con MCD (A, B).

In generale:
si chiama Massimo Comun Divisore fra due o più monomi il divisore di grado maggiore comune ai monomi dati.
Il coefficiente del MCD fra due o più monomi può essere arbitrario ma si conviene di assumere, se possibile, il MCD fra
i coefficienti dei monomi dati.

Anche fra i monomi, per determinare il Massimo Comun Divisore non è necessario scrivere ogni volta tutti i loro divisori; infatti
esiste una regola pratica, analoga a quella già vista per i numeri naturali.
Il MCD fra due o più monomi è un monomio che ha:
- come coefficiente:
- il MCD fra i valori assoluti dei coefficienti se i coefficienti sono interi;
- 1 se i coefficienti non sono tutti interi;
- come parte letterale il prodotto delle lettere comuni a tutti i monomi, ognuna presa una sola volta e con il minimo
esponente.

Esempi
a) Determiniamo il

- i coefficienti dei monomi non sono interi, quindi il coefficiente del MCD è 1;
- le lettere comuni ai due monomi sono: “m” e “s”; per la lettera m l’esponente più piccolo è 1, per la lettera s l’esponente
più piccolo è 2; quindi la parte letterale del MCD è m s 2.

In definitiva: (in questo caso, il coefficiente 1 non viene solitamente indicato) .

177
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 178

Algebra - primo anno

b) Determiniamo il
- i coefficienti, senza tener conto del segno, pur essendo interi, sono primi fra loro, quindi il loro MCD è 1;
- le parti letterali dei due monomi non hanno lettere in comune.

In definitiva:

PROVA TU
1) Scrivi tre divisori del monomio 8b 3c 2.
2) Determina il MCD fra i seguenti monomi:

Minimo comune multiplo

Dati due monomi A e B, si chiama minimo comune multiplo fra A e B un monomio di grado minimo fra i multipli
comuni ad A e B. Il minimo comune multiplo fra i monomi A e B si indica con mcm(A, B).

Il coefficiente del mcm fra due o più monomi può essere arbitrario, ma, anche in questo caso, si conviene di assumere,
se possibile, il mcm fra i coefficienti dei monomi dati.
Per determinare il minimo comune multiplo fra due o più monomi esiste, così come per il MCD, una regola pratica:
Il mcm fra due o più monomi è un monomio che ha:
- come coefficiente:
- il minimo comune multiplo fra i valori assoluti dei coefficienti, se i coefficienti sono interi;
- 1 se i coefficienti non sono interi;
- come parte letterale il prodotto di tutte le lettere dei monomi, ognuna presa una sola volta e con il massimo
esponente.

Esempi
1) Determiniamo il

- i coefficienti dei monomi non sono interi, quindi il coefficiente del mcm è 1;
- le lettere comuni ai due monomi sono: “m” e “s”; per la lettera m l’esponente più grande è 3, per la lettera s
l’esponente più grande è 3; inoltre la lettera “q” non è comune alle parti letterali dei due monomi; quindi la parte
letterale del mcm è m3 q s 3.

In definitiva:

2) Determiniamo il
- il mcm fra i coefficienti è 6;
- le parti letterali dei due monomi non hanno lettere in comune, quindi la parte letterale del mcm è formata dal prodotto
di tutte le lettere dei due monomi, cioè a 4c2 b 3 f 5 (le lettere possono essere scritte anche in ordine alfabetico).

In definitiva:

3) Determiniamo il
- il mcm (12, 18) = 36, quindi il coefficiente del mcm è 36;
- le parti letterali dei due monomi hanno in comune la lettera “x” e l’esponente maggiore è 4; le lettere “y” e “z” non

178
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 179

Book in
progress
5. I monomi

sono comuni. La parte letterale del mcm è , allora, x 4 y 3 z 2 .

In definitiva:

PROVA TU
Determina il minimo comune multiplo dei seguenti monomi:

179
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 180

Algebra - primo anno

ESERCIZI CAPITOLO 5

I MONOMI
Conoscenza e comprensione
1) Che cos’è un’espressione algebrica?
2) Quando un’espressione algebrica si dice razionale?
3) Che cos’è un monomio?
4) Quali parti si distinguono in un monomio?
5) Quali, fra le seguenti espressioni algebriche, sono monomi?
6) I numeri 5 e 8, intesi come “monomi”, sono simili? Giustifica la tua risposta.
7) Per quali valore di n, con n ∈ N, l’espressione −7 h 3−n k 2 è un monomio?
8) Che cosa si intende per grado relativo ad una lettera di un monomio?
9) Che cosa si intende per grado complessivo di un monomio?
10) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:
a) Qualsiasi numero naturale è un monomio. q V q F
b) Il monomio nullo ha grado complessivo 0. q V q F
c) Il coefficiente di b 2d 5 è 0. q V q F
d) Il monomio 3xy 2 ha grado complessivo 2. q V q F
e) In un monomio, il grado relativo ad una lettera può essere un numero non positivo. q V q F
g) Il grado complessivo di un monomio è sempre un numero positivo. q V q F
h) Il grado complessivo di un monomio può essere un numero non negativo. q V q F
i) Se il grado complessivo di un monomio è 1, la sua parte letterale è formata da una sola lettera. q V q F
l) In un monomio, il grado relativo ad una lettera ed il grado complessivo possono essere uguali. q V q F

11) Quando due monomi sono simili?


12) Uno solo dei seguenti monomi è simile a 4g5k2; quale?

13) Una sola delle seguenti affermazioni è vera; quale?


a) due monomi sono opposti se hanno coefficienti opposti;
b) due monomi sono simili se hanno lo stesso grado complessivo;
c) due monomi simili hanno lo stesso coefficiente;
d) due monomi sono uguali se hanno lo stesso coefficiente;
e) due monomi simili hanno lo stesso grado complessivo.

14) Come operi per determinare la somma o la differenza fra due monomi?
15) Come si esegue la moltiplicazione fra due monomi?
16) In quale caso il quoziente di due monomi è ancora un monomio?
17) Come si esegue la divisione fra due monomi?
18) Una sola delle seguenti affermazioni è falsa; quale?
a) il prodotto fra due monomi è sempre un monomio;
b) la somma fra due monomi opposti è il monomio nullo;
c) il grado complessivo del prodotto fra due monomi simili è il doppio del grado complessivo dei due fattori;
d) il grado complessivo del prodotto fra due monomi è uguale al prodotto dei gradi complessivi dei due fattori;
e) il grado complessivo del quoziente di due monomi simili è 0.

180
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 181

Book in
progress
5. I monomi

19) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:


a) La somma fra due monomi è sempre un monomio. q V q F
b) Se la somma fra due monomi è un monomio, i monomi sono simili. q V q F
c) Il quoziente di due monomi simili è un numero razionale. q V q F
d) Il prodotto di due monomi simili è un monomio simile ai due fattori. q V q F
e) Il quoziente fra due monomi può essere un monomio. q V q F
f) La differenza fra due monomi simili è un numero razionale. q V q F
g) Il grado complessivo della somma fra due monomi simili è uguale alla somma
dei gradi complessivi dei due monomi. q V q F
h) Se il quoziente fra due monomi è un monomio, il suo grado complessivo è uguale
alla differenza fra il grado complessivo del dividendo e il grado complessivo del divisore. q V q F
i) Il grado complessivo del prodotto di due monomi simili è il doppio del grado
complessivo di ciascuno dei fattori. q V q F

20) Come si determina il massimo comun divisore fra due o più monomi?
21) Come si determina il minimo comune multiplo fra due o più monomi?

Esercizi
Espressioni algebriche

Traduci in simboli le seguenti proposizioni:


1) Al doppio di a aggiungi il triplo del quadrato di b.
2) Dividi il doppio del quadrato di g per la somma del triplo di h con il doppio di g.
3) Sottrai dal quadrato di a il cubo della somma tra a e b.
4) Dividi la somma del doppio di z con la quarta parte di p per il triplo della differenza fra z e t.
5) Moltiplica la somma fra x e y per la differenza fra il doppio di x e la quarta parte di y.
6) Sottrai dal cubo della differenza fra s e il quadrato di t, il quadrato della somma fra la metà di s e il quadrato del triplo di t.
7) Aggiungi al quadrato della differenza fra m e k, il triplo della somma del quadrato di m con il doppio di k.

Traduci nel linguaggio naturale le seguenti espressioni scritte nel linguaggio simbolico:
8) 12)

9) 13)

10)
14)

11) 15)

Calcola il valore che assumono le seguenti espressioni algebriche sostituendo alle lettere i valori indicati:

16)

17)

18)

19)

181
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 182

Algebra - primo anno

20)

21)

22) L’espressione perde di significato:

e) mai

23) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

24) Le seguenti affermazioni si riferiscono all’espressione A(k, m) = una sola di esse è falsa. Quale?

25) Solo una, fra le seguenti espressioni, non assume mai il valore zero. Quale?

Per quali valori attribuiti alle lettere, le seguenti espressioni perdono di significato?

26)

27)

28)

182
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 183

Book in
progress
5. I monomi

Monomi
29) Stabilisci quali delle seguenti espressioni algebriche sono monomi e riducile a forma normale:

30) Sia un insieme formato da espressioni algebriche.

Determina la rappresentazione tabulare dell’insieme P = {x ∈ A / x è un monomio}.

31) Dato l’insieme

determina la rappresentazione tabulare di S = {x ∈ B / x è un monomio}. Determina, inoltre, una partizione dell’insieme


B che contenga almeno tre elementi, rappresentando per caratteristica ogni elemento della partizione.

Riduci a forma normale i seguenti monomi:

32)

33)

34)

Per ciascuno dei seguenti monomi indica:


− il coefficiente;
− il grado relativo a ciascuna lettera;
− il grado complessivo.

35)

36)

37)

38)

39)

Scrivi i monomi con le caratteristiche indicate:

40) Coefficiente: grado complessivo: 3; grado rispetto ad x: 2.

41) Coefficiente: grado complessivo: 4; grado rispetto a b: 1; grado rispetto a c: 3.

42) Coefficiente: grado complessivo: 2; grado rispetto a p: 2.

43) Coefficiente: − 2; grado complessivo: 0.

44) Coefficiente: 1; grado complessivo: 6; grado rispetto ad f : 4; grado rispetto a k: 0.

45) Coefficiente: grado complessivo: 4; grado rispetto ad h: 1; grado rispetto ad n: 1.

183
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 184

Algebra - primo anno

46) Sia b ∈ N e A(m, p) = 3 m 4 p2 − b; quali valori puoi assegnare a b affinchè tale espressione sia un monomio? Quale
valore puoi assegnare a b affinchè A(m, p) sia di grado complessivo 5?
47) Sia m ∈ N; quale valore puoi assegnare alla lettera m affinchè l’espressione −3x2m y sia un monomio di grado 6 rispetto
alla lettera x? Quale valore puoi assegnare alla lettera m affinchè la stessa espressione sia un monomio di grado
complessivo 5?
48) Sia h ∈ Z; per quale valore di h l’espressione 4 p2h+5 s 2 è un monomio di grado complessivo 3?
Per quale valore di h la stessa espressione è di grado 3 rispetto alla lettera p?
49) Siano b, c interi; quali valori puoi assegnare alle lettere b e c affinchè l’espressione m3cqb-2 sia un monomio di grado
complessivo 0 ? Per quali valori di b la stessa espressione non è un monomio?
50) Sia b un numero naturale; per quale valore di b l’espressione 7xb+3 z b è un monomio di grado complessivo 2?
51) Una dimensione di un rettangolo è t e l’altra è i suoi ; qual è l’area del rettangolo?
52) Il lato di un triangolo equilatero è 5s; qual è il suo perimetro?
53) Qual è la lunghezza di una circonferenza di raggio r ? E la superficie del cerchio delimitato da tale circonferenza?
54) Qual è il volume del parallelepipedo di dimensioni a, b, c ?
55) Qual è la superficie laterale di un prisma retto avente per base un pentagono regolare di lato h e altezza tripla del lato
del pentagono di base?
56) Qual è la superficie laterale di un cubo di lato l ?
57) L’altezza di una piramide a base quadrata è 2a e il lato di base è la terza parte dell’altezza; qual è il volume della piramide?
58) In un cilindro, il diametro di base misura 3r e l’altezza è il triplo del raggio. Qual è la superficie laterale del cilindro?
E il suo volume?

Fra i seguenti monomi, individua quelli simili:

59)

60)

61)

62)

63) Scrivi tre monomi simili al monomio a2 bc3 .

64) Scrivi tre monomi simili al monomio −5x 2y z6.

65) Scrivi i monomi opposti dei seguenti monomi:

184
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 185

Book in
progress
5. I monomi

66) Completa la seguente tabella: Monomio Monomio opposto Monomio simile

67) Le seguenti affermazioni si riferiscono all’espressione A(a, b, c) =


stabilisci se sono vere o false:
q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

68) Le seguenti affermazioni si riferiscono all’espressione B(m, p) =


stabilisci se sono vere o false:
q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

q V q F

185
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 186

Algebra - primo anno

Operazioni con i monomi

Somma algebrica
Esegui le operazioni indicate:

69)

70)

71)

72)

73)

74)

75)

76)

77)

78)

79)

80)

81)

82)

83)

84)

85)

86)

87)

88)

89)

186
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 187

Book in
progress
5. I monomi

Inserisci al posto dei puntini i monomi che rendono vera l’uguaglianza:


98)
90)
99)
91)
100)
92)
101)
93)

102)
94)
95) 103)

96) 104)

97)
105)

Esempio

Dati i monomi dopo aver sostituito ad A e B le rispettive espressioni,

semplifica l’espressione: − A + B − (A + B).


Nell’espressione assegnata, dobbiamo sostituire alla lettera A e alla lettera B i monomi indicati, facendo molta attenzione
ai segni. Si ottiene:

In definitiva:

Siano tre monomi. Semplifica le seguenti espressioni,

come nell’esempio precedente:

106)
107)
108)
109)
110)
111)

187
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 188

Algebra - primo anno

Moltiplicazione
112) Completa la seguente tabella:

Esegui le seguenti moltiplicazioni fra monomi:


113)

114)

115)

116)

117)

118)

119)

120)

121)

122)

123)

124)

125)

126)

127)

188
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 189

Book in
progress
5. I monomi

Inserisci al posto dei puntini il monomio che rende vera l’uguaglianza:


128)

129)

130)

131)

132)

133)

134)

135)

136)

137)

Esegui le operazioni indicate:

138)

139)

140)

141)

142)

143)

144)

145)

146)

147)

148)

149)

150)

189
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 190

Algebra - primo anno

151)

152)

153)

154)

155)

156)

Siano quattro monomi. Semplifica le seguenti espressioni:

157) 161)
158) 162)

159) 163)

160)

Potenze di monomi
Calcola le seguenti potenze di monomi:

164)

165)

166)

167)

168)

169)

170)

171)

190
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 191

Book in
progress
5. I monomi

172)

173)

Esempio
Calcoliamo le potenze dei seguenti monomi:
a) b)

a) Applicando le proprietà delle potenze, otteniamo:

b) Applicando le proprietà delle potenze, otteniamo:

Per stabilire il segno di dobbiamo distinguere due casi: n pari o n dispari.

- n pari:

- n dispari:

Si ottengono, quindi, i seguenti risultati:

- n pari:

- n dispari:

Calcola le potenze dei seguenti monomi:

174)

175)

176)

Esempio
Completiamo le seguenti uguaglianze:
a) Determiniamo il coefficiente della base della potenza.
Osserviamo che l’esponente della potenza è dispari ed il monomio ottenuto ha coefficiente negativo; deduciamo, allora,
che il coefficiente della base della potenza è preceduto dal segno “−”; inoltre, 8 = 23. La base della potenza ha come
coefficiente −2.
Determiniamo, adesso, la parte letterale.
Poiché per determinare l’esponente della parte letterale di una potenza si moltiplicano fra loro gli esponenti, per calcolare
gli esponenti della parte letterale della base della potenza è necessario eseguire l’operazione inversa; dobbiamo, quindi,
dividere per 3 gli esponenti 6 e 3. Si ottiene:
b) Determiniamo il coefficiente della base della potenza.
Osserviamo che l’esponente della potenza è pari; il coefficiente della base, allora, può essere preceduto dal segno “+”
o dal segno “−”; inoltre 9 = 32. Il coefficiente della base della potenza, allora, è +3 oppure −3.
Per determinare l’esponente della parte letterale, si procede come al punto a); dividiamo, quindi, per 2 gli esponenti 8
e 2. Si ottiene: (3m4 p)2 = 9m8 p2 oppure (− 3m4 p)2 = 9m8 p2

191
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 192

Algebra - primo anno

Completa le seguenti uguaglianze:


177) 181)

178) 182)

179)
183)
180)
184)

Sostituisci al posto dei puntini i termini mancanti in modo da rendere vere le uguaglianze:
185)
192)

186)
193)

187) 194)
188) 195)

189)
196)

190)

191)

Esempio

Semplifichiamo la seguente espressione:

Sommiamo i termini simili racchiusi nelle parentesi tonde; si ha:

Eseguiamo, prima di tutto le potenze

si ottiene:

Procediamo, adesso, eseguendo le moltiplicazioni:

In definitiva:

Semplifica le seguenti espressioni:

197)

198)

199)

192
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 193

Book in
progress
5. I monomi

200)

201)

202)

203)

204)

205)

206)

207)

208)

209)

210)

211)

212)

213)

214)

215)

193
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 194

Algebra - primo anno

Divisione
216) Completa la seguente tabella:

Esempio

Eseguiamo la seguente divisione:

Osserviamo, prima di tutto, che gli esponenti di ciascuna lettera del dividendo sono maggiori o uguali agli esponenti della
stessa lettera nel divisore; quindi, il quoziente è un monomio. Il coefficiente del quoziente si ottiene dividendo fra loro il

coefficiente del dividendo ed il coefficiente del divisore e, poiché sono concordi, il segno del coefficiente è “+”;

la parte letterale è formata dalle lettere del dividendo aventi per esponente la differenza fra gli esponenti del dividendo e

quelli del divisore; si ha, dunque:

ATTENZIONE
Consideriamo la divisione dell’esempio precedente:

Osserviamo che è un grave errore scriverla nel seguente modo:

dove abbiamo “invertito” il coefficiente del divisore e non la parte letterale.

Esegui, se possibile, le seguenti divisioni:

217)

218)

219)

220)

221)

222)

223)

194
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 195

Book in
progress
5. I monomi

224)

225)

226)

227)

228)

229)

230)

231)

232) A quale insieme deve appartenere k affinchè il quoziente della divisione sia un monomio?

233) A quale insieme deve appartenere a affinchè il quoziente della divisione sia un monomio?

234) A quale insieme deve appartenere k affinchè il quoziente della divisione non sia un monomio?

e) per qualsiasi valore di k il quoziente della divisione è un monomio.

Inserisci, se possibile, al posti dei puntini i monomi opportuni in modo che le seguenti uguaglianze risultino vere:

235) 245)

236)
246)
237)

238)

239)

240)

241)

242)

243)

244)

195
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 196

Algebra - primo anno

Semplifica le seguenti espressioni:

247)

248)

249)

250)

251)

252)

253)

254)

255)

256)

257)

258)

259)

260)

261)

262)

263)

264)

265)

266)

196
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:19 Pagina 197

Book in
progress
5. I monomi

267)

268)

269)

270)

271)

272)

273)

274)

275)

MCD e mcm fra monomi


276) Scrivi tutti i divisori del monomio 5ab2 .
277) Scrivi tre divisori del monomio 3k2 b .
278) Le seguenti affermazioni si riferiscono al monomio 3k2 b . Stabilisci se esse sono vere o false:
a) 3k2 b non ha divisori di grado complessivo 0. q V q F
b) I divisori di 3k2 b di grado complessivo 2 sono, al massimo, 2. q V q F
c) Esistono divisori di 3k2 b di grado complessivo 3. q V q F
d) Esistono almeno tre divisori di 3k2 b di grado complessivo 1. q V q F
e) Esiste un solo divisore di 3k2 b che ha grado complessivo 3. q V q F
f) Esiste un solo divisore di 3k2 b di grado 1 rispetto alla lettera k. q V q F
g) Esistono almeno quattro divisori di 3k2 b di grado 1 rispetto alla lettera b. q V q F

279) Sia Solo uno dei seguenti monomi non è un divisore di A; quale?

280) Scrivi tre divisori comuni ai monomi − 6a2 x3 e 4a2 x5 z .


281) Dati i monomi solo uno dei seguenti monomi è un divisore comune ad A e B; quale?

197
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:20 Pagina 198

Algebra - primo anno

282) Completa la seguente tabella e calcola il MCD Determina il MCD fra i seguenti gruppi di monomi:
delle seguenti coppie di monomi:
283)

284)

285)

286)

287)

288)

289)

290) Completa la seguente tabella e calcola il mcm Calcola il mcm tra i seguenti gruppi di monomi:
delle seguenti coppie di monomi:

291)

292)

293)

294)

295)

296)

297)

Calcola il MCD ed il mcm dei seguenti gruppi di monomi:

298)

299)

300)

301)

302)

198
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:20 Pagina 199

Book in
progress
5. I monomi

Problemi
303) Un lato di un triangolo misura 8k e l’altezza ad esso relativa è i suoi
Qual è l’area del triangolo? Determina l’area del triangolo nel caso in cui k = 5 m.
304) Una dimensione di un rettangolo misura 12h e l’altra è i suoi
Determina il perimetro e l’area del rettangolo. Qual è l’area del rettangolo se h = 8 cm?
305) La misura della superficie di un quadrato è 36b2; al suo lato viene aggiunto un segmento
uguale ai suoi Di quanto è aumentata la superficie del quadrato?
Qual è la misura della superficie del nuovo quadrato?
Quanto misura il perimetro di ciascuno dei due quadrati?
306) Il lato di un rettangolo misura a e il suo perimetro è
Qual è l’area del rettangolo che si ottiene triplicando il lato maggiore e dimezzando il lato minore?
307) La base di un triangolo isoscele è 12k e il lato obliquo è i suoi
Qual è il perimetro del triangolo che si ottiene diminuendo la base di un segmento
pari ad del lato obliquo ed aumentando il lato obliquo di un segmento pari ad
della base? Per quale valore di k il perimetro di quest’ultimo triangolo è 204 cm?
308) Antonio e Bruno si danno appuntamento al centro commerciale che dista da casa
di Antonio 144a. Dopo aver percorso del tragitto, Antonio incontra Lucia e si ferma
per salutarla; dopo aver percorso del tratto rimanente si ferma ancora per salutare Giorgio,
un suo vecchio compagno di scuola. Bruno, non vedendolo arrivare, lo chiama sul cellulare:
“Antonio, dove sei? Quanta strada devi fare ancora? ”. Antonio risponde: “Sto arrivando,
devo fare ancora…..”. Cade la linea. Come avrebbe completato la frase Antonio?
Scrivi e semplifica l’espressione che risolve il problema.
309) Marta ha k libri di autori francesi, inglesi, italiani, statunitensi. Marta ha pensato, allora, di
sistemarli in modo che su ogni ripiano della libreria ci siano libri di autori della stessa
nazionalità. Mentre sistemava i libri si è accorta che di questi sono stati scritti da autori
italiani; dei rimanenti, sono di autori di origine inglese e i sono di autori statunitensi.
Quanti sono i libri di scrittori di origine francese?
Quale, fra i seguenti valori, puoi attribuire a k, affinchè il problema abbia soluzione?
a) k = 145 b) k = 260 c) k = 125 d) k = 130 e) k = 135
310) Una piazza della città di Manigoldia ha la forma di un rettangolo in cui una dimensione è 15b
è l’altra è i suoi . In onore di Lamus, grande eroe di Manigoldia, al centro della piazza è stato
costruito un edificio avente per base un triangolo equilatero equivalente ai del rettangolo.
Quanto misura la superficie della piazza esterna all’edificio?
311) Francesco deve plastificare un dado il cui spigolo misura 8q. E’ sufficiente un foglio rettangolare
di dimensioni 32q e 12q? Motiva la tua risposta.
312) Calcola il perimetro e l’area della figura sottotante.

199
AIE604_C1 Algebra cap5_p165_200.qxp_Layout 1 04/07/18 15:20 Pagina 200

Algebra - primo anno

313) Osserva la seguente figura:

Qual è l’area della parte non colorata ?


Qual è l’area della parte colorata?

200
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 201

Book in
progress
6. I polinomi

CAPITOLO 6. I POLINOMI

6.1 DEFINIZIONI
Nella figura a lato è rappresentata la piantina del cortile di un
condominio.
Scrivi un’espressione che indichi il perimetro del cortile:
….…………………………………………………………………... .
Scrivi un’espressione che indichi l’area del cortile:
……………………………………………………………………… .
Entrambe le espressioni precedenti indicano la somma di più monomi non tutti simili tra di loro; tali espressioni prendono
il nome di polinomi.
Si ha, allora, la seguente definizione:
- Si chiama polinomio la somma algebrica di più monomi.
- I monomi che formano il polinomio si chiamano termini del polinomio.

Osserva i termini che formano i seguenti polinomi e completa: e


Il polinomio A contiene ….... monomi ………..….., invece il polinomio B ..….. contiene monomi ………………. . Il polinomio
B si dice ridotto a forma normale.

In generale:
un polinomio si dice ridotto a forma normale se è la somma algebrica di monomi non simili fra di loro.
Inoltre, un polinomio, ridotto a forma normale, si chiama:
- binomio se è la somma algebrica di due monomi;
- trinomio se è la somma algebrica di tre monomi;
- quadrinomio se è la somma algebrica di quattro monomi.

PROVA TU
Stabilisci se i seguenti polinomi sono ridotti a forma normale e, qualora non lo siano, riducili a forma normale:

ATTENZIONE
Osserva i seguenti “polinomi”:

Il polinomio A è la somma di monomi simili, quindi A = 4 f 2; il polinomio B è la somma fra un monomio e altri monomi tutti
nulli, quindi B = − 4 p 3; il polinomio C è la somma fra un numero razionale e monomi nulli, quindi C = infine, il polinomio
D è la somma di monomi nulli, quindi D = 0.

In tutti questi casi, in realtà, i “polinomi” sono dei monomi.


Da questi esempi possiamo dedurre che:
i monomi sono dei particolari polinomi e, poiché, i numeri razionali sono dei monomi, anche i numeri razionali sono
particolari polinomi. Il polinomio formato da monomi nulli è chiamato polinomio nullo.

In modo analogo a quanto fatto per i monomi, anche per i polinomi si definiscono il grado complessivo ed il grado relativo
(ovviamente i polinomi devono essere ridotti a forma normale).

201
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 202

Algebra - primo anno

- Si chiama grado complessivo di un polinomio il maggiore fra i gradi complessivi dei suoi termini.
- Si chiama grado relativo (o grado rispetto) ad una lettera l’esponente maggiore con cui quella lettera compare nel
polinomio.
- Il termine del polinomio di grado (complessivo) zero è chiamato termine noto.
- Se i termini del polinomio hanno lo stesso grado complessivo, il polinomio si dice omogeneo.

Esempi

a) Sia

- L’esponente maggiore della lettera “a” è 4, quindi il grado relativo ad “a” è 4;


- l’esponente maggiore della lettera “b” è 3, quindi il grado rispetto a “b” è 3;

- il monomio ha grado complessivo 5; il monomio 5 a4 b3 ha grado complessivo 7;

- il monomio 6 (termine noto del polinomio) ha grado complessivo 0;


- il maggiore fra i gradi complessivi è 7; allora, il grado complessivo del polinomio A è 7.

b) Sia C = 6m3 − 2m2 p + 5 p3 .


Tutti i termini del polinomio hanno grado complessivo 3; il polinomio è, dunque, un polinomio omogeneo (di terzo grado).

PROVA TU
Per ciascuno dei seguenti polinomi indica il grado complessivo ed il grado relativo a ciascuna lettera; stabilisci, inoltre, se
esso è omogeneo:

Osserva, adesso, i polinomi:

Il polinomio P(x, y) è di terzo grado rispetto alla lettera “x”; inoltre, in esso, la lettera “x” è presente con esponenti 3 (che è
il maggiore), 2, 1, 0 (il termine 6 y è di grado 0 rispetto ad x).
Nel polinomio P(x, y) sono presenti, quindi, tutti gli esponenti di x, dal maggiore (3) fino all’esponente 0.
Si dice, allora, che P(x, y) è completo rispetto alla lettera x.
Nel polinomio Q(m, t), il primo termine è di terzo grado rispetto a m, il secondo termine (− 5m2) è di secondo

grado rispetto a m, l’ultimo termine (− 9) è di grado 0 rispetto a m, cioè i termini del polinomio sono scritti in ordine
decrescente rispetto al grado relativo a m; si dice che il polinomio Q(m, t) è ordinato secondo le potenze
decrescenti di m.
Il polinomio S(a), invece, è ordinato secondo le potenze crescenti di a; infatti il primo termine (5a) è di primo grado
rispetto ad a, il secondo termine (−2a3) è di terzo grado rispetto ad a, l’ultimo termine (– 6a5) è di quinto grado rispetto ad
a.

Infine, il polinomio T(k) è completo rispetto alla lettera k e ordinato secondo le potenze decrescenti della lettera k.
Osserva, adesso, con attenzione i polinomi S(a) e B(a) e completa:
i termini di S(a) sono tutti ….………… a quelli di ………….. ;

202
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 203

Book in
progress
6. I polinomi

osserva i polinomi T(k) e F(k) e completa:


ciascuno dei termini di T(k) è …….………… ai termini di ………….. .
I polinomi S(a) e B(a) si dicono uguali e si scrive S(a) = B(a); i polinomi T(k) e F(k) si dicono opposti.

In generale:
- un polinomio P è completo rispetto ad una lettera se in esso sono presenti tutte le potenze di quella lettera, dalla
maggiore fino a quella con esponente 0;
- un polinomio P è ordinato secondo le potenze decrescenti di una lettera se i suoi termini sono scritti in ordine
decrescente rispetto al grado relativo a quella lettera;
- un polinomio P è ordinato secondo le potenze crescenti di una lettera se i suoi termini sono scritti in ordine
crescente rispetto al grado relativo a quella lettera;
- due polinomi sono uguali se, a parte l’ordine, contengono gli stessi monomi;
- si chiama opposto di un polinomio, il polinomio che si ottiene cambiando di segno a ciascuno dei termini del polinomio
dato. L’opposto di un polinomio A si indica con −A.

Completa
Se un polinomio non è ordinato rispetto ad una lettera, lo si può riscrivere in modo che sia ordinato rispetto a quella lettera
applicando la proprietà ………………..………………………… della ………………………………………. fra monomi.
Se un polinomio non è completo rispetto ad una lettera, lo si può rendere completo rispetto a quella lettera aggiungendo
un monomio che abbia per coefficiente ……... e come parte letterale ………………......... con l’esponente ………………

PROVA TU
a) Ordina il seguente polinomio secondo le potenze crescenti di x e stabilisci se esso è completo rispetto alla lettera y:

b) Ordina il seguente polinomio secondo le potenze decrescenti di y e stabilisci se esso è completo rispetto alla lettera x:

c) Riscrivi il seguente polinomio in modo che sia completo rispetto alla lettera h :

d) Completa i polinomi A(x) e B(x) in modo tale che essi siano uguali:

e) Scrivi il polinomio opposto del polinomio A(x) dell’esercizio precedente.

Anche i polinomi sono delle espressioni algebriche, quindi il loro valore dipende da quelli che vengono attribuiti alle variabili.
Ad esempio: consideriamo il polinomio B(m) = 2m3 − 3m + 2 e determiniamo il valore che esso assume quando alla variabile
m si assegnano i valori 2, 3, −2, 0.
Se m = 2 ⇒ B(2) = 2 · 2 3 − 3 · 2 + 2 = 2 · 8 − 6 + 2 = 16 − 6 + 2 = 12;
se m = 3 ⇒ B(3) = 2 · 3 3 − 3 · 3 + 2 = 2 · 27 − 9 + 2 = 54 − 9 + 2 = 47;
se m = −2 ⇒ B(−2) = 2 · (−2) 3 − 3 · (−2) + 2 = 2 · (−8) + 6 + 2 = −16 + 6 + 2 = −8;
se m = 0 ⇒ B(0) = 2 · 0 3 − 3 · 0 + 2 = 2 · 0 − 0 + 2 = 2.

Per i polinomi vale il seguente Principio d’identità:


Due polinomi nelle stesse variabili sono identici se assumono gli stessi valori qualunque siano i valori attribuiti alle
variabili.

203
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 204

Algebra - primo anno

6.2 OPERAZIONI CON I POLINOMI


Addizione e sottrazione

Si chiama somma di due polinomi A e B, e si indica con A + B, il polinomio che si ottiene addizionando ai monomi di A
i monomi di B.
Per esempio, dati i polinomi
determiniamo la loro somma.
= (eliminando le parentesi) =

(riducendo i termini simili)

Si chiama differenza fra due polinomi A e B, e si indica con A − B, la somma fra il polinomio A e l’opposto del polinomio
B: A − B = A + (− B).
Così, se A(x, y) e B(x, y) sono i polinomi dell’esempio precedente, calcoliamo la loro differenza.

= (eliminando le parentesi)
= (riducendo i termini simili)

Come già visto per le operazioni definite negli insiemi numerici, anche la differenza fra due polinomi si “trasforma” in addizione
e le due operazioni diventano un’unica operazione chiamata somma algebrica.

PROVA TU
Dati i polinomi:

determina:

Completa
Osservando i risultati degli esercizi a) e b), si ha che A(a, b) + D(a, b) …… D(a, b) + A(a, b).
Generalizzando, si può affermare che per l’operazione di somma algebrica fra polinomi vale la proprietà
……………..……………………………………….… .
Osservando i risultati degli esercizi e) e f), si ha che: [D(a, b) + A(a, b)] + C(a, b) ........ D(a, b) + [A(a, b) + C(a, b)].
Generalizzando, si può affermare che per l’operazione di somma algebrica fra polinomi vale la proprietà
……………..……………………………………….… .

Moltiplicazione di un monomio per un polinomio


Calcoliamo il seguente prodotto:
Ricordando che le lettere sono numeri razionali, possiamo applicare la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla
somma algebrica; si ha:

Si ha, dunque, la seguente regola:


Il prodotto di un monomio per un polinomio (o viceversa) è un polinomio i cui termini si ottengono moltiplicando il
monomio per ciascuno dei monomi che formano il polinomio.

204
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 205

Book in
progress
6. I polinomi

PROVA TU
Esegui le seguenti moltiplicazioni:

Completa
Osservando l’esempio introduttivo e i risultati degli esercizi precedenti, si ha che:
- il prodotto di un monomio per un polinomio è un ………………………….. ;
- il grado complessivo del prodotto è uguale alla ……………… dei gradi ……………………… dei due fattori.

Moltiplicazione di due o più polinomi


Ci proponiamo, adesso, di calcolare il seguente prodotto:
Indichiamo il polinomio con la lettera la precedente moltiplicazione diventa:
(applicando la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma algebrica)
(sostituendo a P il polinomio
(applicando nuovamente la proprietà distributiva)

In definitiva:

Se osserviamo la riga (∗), notiamo che essa contiene il prodotto di ciascun termine del primo polinomio per ciascun termine
del secondo polinomio.

Si ha, allora, la seguente regola:


Il prodotto di due polinomi è un polinomio ottenuto moltiplicando ciascun monomio del primo polinomio per ogni
monomio del secondo polinomio. E’ opportuno, poi, ridurlo a forma normale.

ATTENZIONE
- Prima di eseguire la moltiplicazione di due polinomi è opportuno che essi siano ridotti a forma normale.
- Per determinare il prodotto di tre o più polinomi, si esegue il prodotto fra i primi due e, dopo aver ridotto a
forma normale il polinomio ottenuto, lo si moltiplica per il terzo polinomio e così via.
- Se i polinomi sono più di tre, è opportuno applicare la proprietà associativa e moltiplicare i polinomi dati a
due a due; dopo aver ridotto a forma normale, se necessario, i polinomi così ottenuti, si moltiplicano fra di
loro.
- Nel caso della moltiplicazione fra un monomio e due o più polinomi, è opportuno, prima, determinare il prodotto dei
polinomi e, successivamente, moltiplicare il monomio per il polinomio così ottenuto.

Esempi
a) Calcoliamo il seguente prodotto:
Applicando la proprietà associativa, calcoliamo il prodotto fra i primi due polinomi:

(sommiamo i termini simili del polinomio racchiuso nelle prime parentesi tonde):

nell’ultimo polinomio ottenuto non sono presenti monomi simili, quindi:

205
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 206

Algebra - primo anno

b) Calcoliamo il seguente prodotto:


Applichiamo la proprietà associativa come di seguito indicato e determiniamo il prodotto fra il primo e secondo polinomio
ed il prodotto fra il terzo e il quarto:

I polinomi ottenuti non contengono termini simili, possiamo, allora, eseguire la moltiplicazione:

Riduciamo a forma normale il polinomio ottenuto:

c) Calcoliamo il seguente prodotto:

Applichiamo la proprietà associativa e determiniamo, prima, il prodotto dei due polinomi:

Calcoliamo, adesso, il prodotto fra il monomio ed il polinomio ottenuto:

In definitiva si ha:

PROVA TU
1) Esegui le seguenti moltiplicazioni fra polinomi:

Completa
Osservando l’esempio introduttivo e i risultati degli esercizi precedenti, si ha che:
- il prodotto di un polinomio per un polinomio è un ………………………….. ;
- il grado complessivo del prodotto è uguale alla ……………… dei gradi ……………………… dei due fattori.

2) Dati i polinomi
calcola:
a) A · B; B · A;
b) A · (B · C); (A · B) · C;
c) A · 1; B · 0.

Osserva i risultati ottenuti ai punti a), b) e c) dell’esercizio 2) e completa:


- A · B ….. B · A;
- quindi, per la moltiplicazione fra polinomi vale la proprietà …………………………. ;
- A · (B · C) ….. (A · B) · C;
- quindi, per la moltiplicazione fra polinomi vale la proprietà …………………………. ;
- 1 è elemento ……………. rispetto alla moltiplicazione fra polinomi;
- anche per i polinomi vale la legge di …………………………….. del prodotto.

206
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 207

Book in
progress
6. I polinomi

Prodotti notevoli
Completa la seguente tabella come nell’esempio della prima riga:
Osserviamo attentamente la tabella:
- i prodotti indicati in ciascuna casella della prima colonna
sono prodotti fra binomi;
- i binomi sono “particolari”: essi sono formati da due
termini uguali e due opposti;
- eseguendo la moltiplicazione dei binomi, nel prodotto si
ottengono sempre due monomi opposti (seconda
colonna);
- il prodotto è un binomio i cui termini sono due
quadrati, uno dei quali è preceduto dal segno “−” (terza
colonna);
- è preceduto dal segno “−” il quadrato del termine
opposto nei binomi dati.

I prodotti indicati nella tabella prendono il nome di “somma per differenza”.


Infatti, se opportunamente ordinati o riscritti in modo equivalente, si possono sempre ricondurre al prodotto fra la somma
di due termini per la differenza fra gli stessi termini.
Possiamo, quindi, generalizzare:
se A e B sono due monomi, il prodotto fra la loro somma e la loro differenza è uguale alla differenza dei loro quadrati.
In sintesi: (A + B) (A − B) = A2 − B2.

In realtà, il risultato sopra esposto è più generale e vale anche se A e B sono due qualsiasi espressioni algebriche.

Esempi

a) Calcoliamo il seguente prodotto:


Osserviamo che il prodotto indicato è il prodotto fra due binomi formati da un termine uguale (3b2) ed uno opposto
(2k); possiamo, quindi, applicare la regola precedente.
Il risultato è un binomio i cui termini sono (3b2)2 e (2k)2, e, quest’ultimo sarà preceduto dal segno “−” .

Si ottiene:

b) Calcoliamo il seguente prodotto:

Osserviamo che il prodotto indicato è il prodotto fra due binomi formati da un termine uguale (−6) ed uno opposto

possiamo, quindi, applicare la regola precedente.

Il risultato è un binomio i cui termini sono (−6)2 e e, quest’ultimo, sarà preceduto dal segno “−” .

Si ottiene:

c) Calcoliamo il seguente prodotto:


Osserviamo che il prodotto indicato è il prodotto fra due binomi formati da un termine uguale (2s) ed uno opposto (4m);
possiamo, quindi, applicare la regola precedente.
Il risultato è un binomio i cui termini sono (2s)2 e (4m)2 e, quest’ultimo, sarà preceduto dal segno “−” .

Si ottiene:

207
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 208

Algebra - primo anno

PROVA TU
Applicando la regola precedente, calcola i seguenti prodotti:

Completa la seguente tabella come nell’esempio della prima riga:

Osserviamo attentamente la tabella:


- in ciascuna casella della prima colonna è indicato il quadrato di un binomio;
- calcolando il quadrato come prodotto di due fattori uguali, si ottiene un polinomio contenente due termini uguali
(terza colonna);
- ricorda che sommare due termini uguali significa moltiplicare per 2 quel termine (quarta colonna);
- il quadrato di un binomio (quinta colonna) è un trinomio in cui due termini sono i quadrati dei monomi che formano
il binomio e il terzo termine è il loro prodotto moltiplicato per 2.

Possiamo, quindi, generalizzare:


dati i monomi A e B, il quadrato del binomio A + B è un trinomio formato dalla somma dei quadrati dei due termini e
dal doppio prodotto dei termini del binomio. In sintesi: (A + B)2 = A2 + 2AB +B2.

La regola appena esposta è più generale e vale anche se A e B sono due qualsiasi espressioni algebriche.

Esempi

a) Determiniamo il seguente quadrato:


Osserviamo, prima di tutto, che
Si tratta, evidentemente, del quadrato di un binomio formato dai monomi
Applicando la regola esposta in precedenza, si ottiene:

b) Determiniamo il seguente quadrato:

Osserviamo che

Si tratta, allora, del quadrato di un binomio i cui termini sono

Applicando la regola prima definita, si ottiene:

208
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 209

Book in
progress
6. I polinomi

c) Determiniamo il seguente quadrato:


I termini del binomio sono A = 3b e B = 2a.
Applicando la regola prima definita si ottiene:

Osservando la tabella e gli esempi precedenti, notiamo che nello sviluppo del quadrato di un binomio il “doppio prodotto”
è preceduto dal segno “+” se i due monomi sono concordi, dal segno “−” se i due monomi sono discordi.

PROVA TU
Determina il quadrato dei seguenti binomi:

Completa la seguente tabella come nell’esempio della prima riga:

Osserva attentamente la tabella e completa:


- in ciascuna casella della prima colonna sono indicati quadrati di ………………………………………. ;
- calcolando il quadrato come prodotto di ………………………..……. uguali, si ottiene un polinomio contenente alcuni
termini a due a due ……………………………………. (terza colonna);
- ricorda che sommare due termini uguali significa ………………………… …… …. quel termine (quarta colonna);
- il quadrato di un trinomio (quinta colonna) è un ………………………….……… formato da ………… termini: i …
……………………….. dei monomi che formano il trinomio, il prodotto del primo .……………. per il …………….
monomio moltiplicato per ……., il prodotto del primo ……………….. per il …………….. monomio moltiplicato per …
………………, il prodotto del .……….. monomio per il terzo …………….. moltiplicato per ……. .

Possiamo, allora, generalizzare:


Il quadrato di un trinomio è un polinomio formato da sei termini; precisamente da:
- il quadrato di ogni termine;
- il doppio prodotto di ciascun termine per gli altri due.
In sintesi, se A, B, C sono monomi, si ha: (A + B + C)2 = A2 + B2 + C2 + 2AB + 2AC + 2BC.

La regola sopra esposta è più generale e vale anche se A, B, C sono tre qualsiasi espressioni algebriche.

Esempi

a) Calcoliamo il seguente quadrato: (3 + 2h – 4z2)2.


Osserviamo, prima di tutto, che (3 + 2h – 4z2)2 = [(3 + 2h +(– 4z2)]2.
Si tratta, dunque, del quadrato di un trinomio formato dai monomi A = 3, B = 2h e C = – 4z2.
Applichiamo, allora, la regola sopra esposta; si ottiene:

(3 + 2h – 4z2)2 = [(3 + 2h +(– 4z2)]2 = 32 + (2h)2 + (– 4z2)2 + 2 · 3 · 2h + 2 · 3 · (– 4z2) + + 2 ·2h · (– 4z2) =


= 9 + 4h2 + 16z4 + 12h – 24z2 – 16hz2.

209
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 210

Algebra - primo anno

Calcoliamo il seguente quadrato:


E’, evidentemente, il quadrato del trinomio formato dai monomi
Applichiamo la regola esposta in precedenza:

OSSERVAZIONE
Tale procedimento può essere generalizzato per determinare il quadrato di un qualsiasi polinomio:
il quadrato di un polinomio è formato dalla somma dei quadrati di tutti i termini e dei doppi prodotti di ciascun termine
per i termini successivi. Per esempio: (a + b + c + d)2 = a2 + b2 + c 2 + d 2 + 2ab + 2ac + 2ad + 2bc + 2bd + 2cd

PROVA TU
Determina il quadrato dei seguenti trinomi:

Calcola le seguenti potenze come negli esempi:

= ....... + .…... + ..….. + ……. + ….... + ……. = …….. + …..… + …..… + …..… ;

.…....…....…....…....…....…....…....…....…...;

= ……………………………………...………. = …………......……..…………………. ;
(−2d – 3)3 = …………….…………. = ………………………………………………… =
= ………………………………………………. = …………………………………. .

Osserva i risultati ottenuti e completa:


- in ogni potenza hai calcolato il cubo di un …………………… ;
- il risultato è un polinomio formato da ………… termini;
- i termini del polinomio ottenuto sono:
- i ……….. di ciascun termine del binomio dato;
- il ……………….. del quadrato del .……… termine per il .……………. moltiplicato per 3;
- il ……………….. del quadrato del .………..… termine per il ……...….. moltiplicato per 3.

Possiamo, allora, generalizzare:

Il cubo di un binomio è un quadrinomio i cui termini sono:


- il cubo del primo monomio;
- il cubo del secondo monomio;
- il triplo prodotto del quadrato del primo monomio per il secondo monomio;
- il triplo prodotto del primo monomio per il quadrato del secondo monomio.
In sintesi, se A e B sono monomi, si ha: (A + B)3 = A3 + 3A2B + 3AB2 + B3.

210
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 211

Book in
progress
6. I polinomi

La regola sopra esposta è più generale e vale anche se A e B sono due qualsiasi espressioni algebriche.

Esempi

a) Calcoliamo il seguente cubo: (3k 2 − 2 f )3 .


Osserviamo, prima di tutto, che (3k 2 − 2 f )3 = [3k 2 + (− 2 f) ]3
Dobbiamo, allora, calcolare il cubo di un binomio formato dai monomi A = 3k 2 e B = − 2f .
Applicando la regola esposta in precedenza, si ottiene:

b) Calcoliamo il seguente cubo:

E’ evidente che dobbiamo calcolare il cubo di un binomio formato dai monomi e


Applicando la regola esposta in precedenza, si ottiene:

OSSERVAZIONE
Ragionando allo stesso modo, si potrebbe ricavare una regola per determinare il cubo di un trinomio o di un qualsiasi
polinomio. Tale regola, tuttavia, è abbastanza complessa e quindi è preferibile calcolare il cubo di un trinomio o di un qualsiasi
polinomio come prodotto di opportuni fattori.

PROVA TU
Calcola il cubo dei seguenti polinomi:

Adesso sappiamo calcolare il quadrato ed il cubo di un binomio; ma è lecito, comunque, chiedersi:


“Esiste un metodo o una regola per calcolare la potenza di un binomio quando l’esponente è maggiore di 3?”
Esaminiamo, inizialmente, il caso in cui il binomio è formato da due monomi di primo grado con coefficiente 1 e, quindi,
potenze del tipo (a + b)n con n > 3”. Il caso più generale (A + B)n con A e B monomi qualsiasi sarà esaminato in seguito.

Determiniamo, allora, alcune potenze (con esponente maggiore di 3) del binomio (a + b):

Procedendo allo stesso modo, verifica che:

Completa:
............................................................................................................................................... ;
............................................................................................................................................... .

211
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 212

Algebra - primo anno

Per maggiore chiarezza, facciamo un riepilogo:

(a + b)7 = ............................................................................................................................................................................ ;
(a + b)8 = .....................................................................................................................................................................................
Osserva i risultati ottenuti e completa inserendo, al posto dei puntini, una delle voci indicate in rosso:
- se 0 ≤ n ≤ 8, il risultato delle precedenti potenze è un polinomio formato da ………… (n −1, n, n + 1) termini ;
- il grado complessivo del polinomio ottenuto è …………….. (uguale, diverso) …… esponente;
- il polinomio ottenuto è un polinomio ……………………… (omogeneo, non omogeneo);
- il polinomio ottenuto è ordinato secondo le potenze ……..……………….. (crescenti, decrescenti) di a e secondo le
potenze ………………………… (crescenti, decrescenti) di b.

Riepilogando:
la potenza di un binomio del tipo (a + b)n è un polinomio:
- di grado complessivo uguale all’esponente della potenza;
- omogeneo;
- ordinato secondo le potenze decrescenti di una variabile e secondo le potenze crescenti dell’altra.

Ora sappiamo determinare la parte letterale dei monomi che formano il polinomio sviluppo di (a + b)n ; ma come è possibile
determinarne i coefficienti?
Niccolò Fontana (matematico del Cinquecento), detto Tartaglia, eliminando la parte letterale dei monomi, si accorse che i
coefficienti potevano essere disposti in un triangolo, come mostrato nella seguente figura:

Il precedente triangolo prende il nome, ovviamente, di Triangolo di Tartaglia, anche se esso era già noto nell’antica Cina.

Analizziamo le caratteristiche del triangolo di Tartaglia:


- ogni riga inizia e termina con 1;
- i termini equidistanti dagli estremi di ciascuna riga sono uguali;
- ogni elemento di una riga, diverso da un estremo, è la somma dei due elementi della riga precedente fra i quali viene
incolonnato.

212
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 213

Book in
progress
6. I polinomi

Osserva, a tal proposito, la riga 4 e la riga 5 del precedente triangolo [coefficienti di (a + b)4 e (a + b)5] riportata nella figura
sottostante:

Alcune curiosità sul Triangolo di Tartaglia


- La somma degli elementi di ciascuna riga è una potenza di 2; in particolare ∀ n ∈ N, la somma degli elementi della
n− sima riga è uguale a 2n;
- la prima linea parallela a quella obliqua formata da soli 1, contiene tutti i numeri naturali;
- la seconda linea parallela a quella obliqua formata da soli 1, contiene i numeri triangolari (si chiama triangolare un numero
naturale m che è la somma dei primi n numeri naturali consecutivi; ad esempio: 6 = 1 + 2 + 3; quindi 6 è un numero
triangolare); tutti i numeri triangolari sono della forma , con n ∈ N

Esempi
a) Calcoliamo
Lo sviluppo di dà come risultato un polinomio omogeneo di grado 9, formato da 10 termini e ordinato secondo
le potenze decrescenti di a e crescenti di b. Possiamo, dunque, scrivere la parte letterale dei termini che formano il
polinomio:
Per determinare i coefficienti, costruiamo il Triangolo di Tartaglia fino alla riga 9:

Si ha, dunque:

b) Calcoliamo
Questa potenza non sembra del tipo tuttavia possiamo ricondurci ad una potenza dello stesso tipo.
Poniamo 2h = a e 1 = b ; si ha, allora:

Nel polinomio ottenuto, operiamo la stessa sostituzione: al posto di a scriviamo 2h e al posto di b scriviamo 1; si ottiene:

c) Calcoliamo Come nell’esempio precedente, poniamo 2k = a e

Si ha, allora:

Nel polinomio ottenuto, operiamo la stessa sostituzione: al posto di a scriviamo 2k e al posto di b scriviamo

213
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 214

Algebra - primo anno

si ottiene:

PROVA TU
Calcola le seguenti potenze:

Divisione di un polinomio per un monomio


Ricordando che le lettere non sono altro che numeri, in modo analogo a quanto già definito negli insiemi numerici,
si ha che:
un polinomio A è divisibile per un monomio B non nullo se esiste un polinomio P che moltiplicato per il monomio B
dà come prodotto il polinomio A.
Ad esempio, il polinomio è divisibile per il monomio
Infatti, se moltiplichiamo il polinomio per il monomio B otteniamo proprio il polinomio A (verifica tu).

La divisione fra un polinomio ed un monomio non nullo si esegue applicando la proprietà distributiva della divisione
rispetto alla somma algebrica e, quindi, dividendo ogni termine del polinomio per il monomio e sommando i quozienti
ottenuti. Possiamo, allora, dedurre che un polinomio è divisibile per un monomio (≠ 0) se lo è ciascun termine del polinomio.

Esempi

Esegui le seguenti divisioni: a)


Applicando la proprietà distributiva della divisione rispetto alla somma algebrica, si ottiene:

In definitiva:

b)
Applicando la proprietà distributiva della divisione rispetto alla somma algebrica, si ottiene:

Osserviamo che l’ultimo quoziente non è un monomio, quindi il polinomio non è divisibile per il
monomio 2xy.

PROVA TU
Esegui le seguenti divisioni:

214
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 215

Book in
progress
6. I polinomi

Divisione fra polinomi


Per iniziare, consideriamo polinomi in una sola variabile.
Un polinomio P(x) è divisibile per un polinomio T(x) (diverso dal polinomio nullo) se esiste un polinomio Q(x)
tale che Q(x) × T(x) = P(x).
Ad esempio, è divisibile per infatti se moltiplichiamo T(x) per il polinomio S(x)
3
= 2x − 2x + 4 otteniamo il polinomio P(x) (verifica tu).
Se, invece, un polinomio P(x) non è divisibile per un polinomio T(x) (non nullo), si può dimostrare che esistono due polinomi
Q(x) e R(x) tali che P(x) = Q(x)・T(x) + R(x).
Ad esempio, non è divisibile per tuttavia, se consideriamo i
polinomi si ha che (verifica tu).

In analogia con quanto definito per la divisione negli insiemi numerici, il polinomio P(x) prende il nome di dividendo, il
polinomio T(x) (≠ 0) si chiama divisore, il polinomio Q(x) è il quoziente e il polinomio R(x) si chiama resto della divisione.
Ovviamente, se P(x) è divisibile per T(x), il resto R(x) è il polinomio nullo.
Da questi primi esempi, è evidente che, affinché il quoziente fra due polinomi sia ancora un polinomio, il grado complessivo
del dividendo deve essere maggiore o uguale al grado complessivo del divisore (nel caso dell’uguaglianza, il quoziente è
un numero razionale). Se i polinomi A e B contengono più variabili, non sempre il quoziente è ancora un polinomio.

Come procedere per determinare quoziente e resto nella divisione fra polinomi?
Facciamo alcuni esempi:
1) Esaminiamo il caso in cui dividendo e divisore sono polinomi in una sola variabile.
Prima di eseguire la divisione è necessario fare alcune osservazioni:
- il grado complessivo del dividendo deve essere maggiore o uguale al grado complessivo del divisore;
- il dividendo deve essere completo ed ordinato secondo le potenze decrescenti della variabile;
- il divisore deve essere ordinato secondo le potenze decrescenti della variabile e non è necessario che sia
completo.

Dati i polinomi
e determiniamone quoziente e resto.
Disponiamo dividendo e divisore come in figura:

Iniziamo la divisione.
a) Dividiamo il primo termine del dividendo (3h4)
per il primo termine del divisore (h2) ; si ottiene:

Il monomio Q1 = 3h2 così ottenuto


è il primo termine del quoziente.

215
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 216

Algebra - primo anno

b) Moltiplichiamo Q1 per il divisore e riportiamo


il prodotto sotto il dividendo incolonnando i
termini simili; si ottiene la seguente figura:

Adesso determiniamo la differenza fra il dividendo ed il prodotto ottenuto.

La differenza fra due polinomi altro non è che


la somma fra il primo polinomio e l’opposto
del secondo polinomio, quindi dobbiamo cambiare
il segno a tutti i termini del secondo polinomio; si ottiene:

c) Trascriviamo gli ultimi termini del dividendo


ottenendo la seguente figura:

Il polinomio R1 = −4h3 − 2h2 + h − 1 è chiamato primo resto parziale.


Osserviamo che il grado complessivo di R1 è maggiore di quello del divisore; ripetiamo, allora, le operazioni ai punti
a), b) e c) fra il primo resto parziale e il divisore.

Dividiamo, quindi, il primo termine di R1 (−4h3)


per il primo termine del divisore (h2); si ottiene:

Il monomio Q2 = −4h è il secondo termine del quoziente.

216
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 217

Book in
progress
6. I polinomi

Moltiplichiamo Q2 per il divisore e, per il motivo prima indicato,


riportiamo l’opposto del prodotto sotto R1 incolonnando i termini
simili; dopo aver determinato la differenza fra R1 ed il prodotto
ottenuto ed aver trascritto l’ultimo termine di R1,
si ha la situazione in figura:

Il polinomio R2 = 6h2 − 3h − 1 è il secondo resto parziale.


Il grado complessivo di R2 è uguale a quello del divisore,
quindi possiamo continuare la divisione ripetendo le operazioni
ai punti a), b) e c) fra R2 e il divisore.
Dividiamo, dunque, il primo termine di R2 (6h2) per il primo termine
del divisore (h2); si ottiene:

Il monomio Q3 = 6 è il terzo termine del quoziente.


Moltiplichiamo S3 per il divisore e, per il motivo prima indicato,
riportiamo l’opposto del prodotto sotto R2 incolonnando i termini
simili; dopo aver determinato la differenza fra R2 ed il prodotto
ottenuto, si ha la situazione in figura:

Il polinomio R = −15h + 5 ha grado complessivo minore di quello del divisore, quindi non possiamo ripetere l’operazione al
punto a). La divisione è, così, terminata.
Il polinomio Q(h) = 3h2 − 4h + 6 è il quoziente ed il polinomio R(h) = −15h + 5 è il resto della divisione.
In definitiva la divisione fra P(h) = 3h4 + 2h3 − 5h2 + h − 1 e T(h) = h2 + 2h − 1 ha per quoziente il polinomio
Q(h) = 3h2 − 4h + 6 e per resto il polinomio R(h) = −15h + 5. Verifica che P(h) = Q(h) · T(h) + R(h).

Completa:
il grado complessivo di P(h) è …………;
il grado complessivo di T(h) è ………… ;
il grado complessivo di Q(h) è ………… ;
il grado complessivo di R(h) è …..…… ;
possiamo, allora, dedurre che
il grado complessivo di Q(h) è uguale alla ……………… fra i gradi complessivi di P(h) e T(h);
il grado complessivo di R(h) è …………….. del grado complessivo di T(h).

2) Eseguiamo la divisione fra i polinomi A(k) = 2k 3 + 4k + 3k 5 e E(k) = k 2 − k + 3.


Osserviamo che:
- il grado del dividendo è maggiore del grado del divisore;
- il dividendo non è completo rispetto alla variabile k;
- il dividendo non è ordinato secondo le potenze decrescenti di k;
- il divisore è ordinato secondo le potenze decrescenti di k.

217
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 218

Algebra - primo anno

Prima di eseguire la divisione dobbiamo “completare” ed “ordinare” il dividendo; si ottiene:

Procedendo come nell’esempio precedente,


disponiamo i polinomi ed eseguiamo la divisione:

Si ha, quindi, che: Q(k) = 3k3 + 3k2 − k – 7 e R(k) = −k + 14.

In definitiva la divisione fra A(k) = 2k3 + 4k + 3k5 e E(k) = k2 − k + 3 ha per quoziente il polinomio
Q(k) = 3k3 + 3k2 − k – 7 e per resto il polinomio R(k) = −k + 14.
Verifica che A(k) = Q(k) · E(k) + R(k).

Completa:
il grado complessivo di A(k) è ……; il grado complessivo di E(k) è ……;
il grado complessivo di Q(k) è ……; il grado complessivo di R(k) è …..;
possiamo, allora, dedurre che:
il grado complessivo di Q(k) è uguale alla ……………… fra i gradi complessivi di A(k) e E(k);
il grado complessivo di R(k) è …………….. del grado complessivo di E(k).

3) Eseguiamo, adesso, la divisione fra i polinomi:


F(m, k) = 6m3k2 − 3m2k3 + 9mk4 − k5 e S(m, k) = 2mk + k2.
(6m3k2 − 3m2k3 + 9mk4 − k5) : ( 2mk + k2)
I polinomi F e S contengono due variabili.
In questo caso è necessario scegliere rispetto a quale delle due variabili vogliamo eseguire la divisione.

Scegliamo la lettera “m”.


Osserviamo che:
- il grado relativo a “m” di F(m, k) è maggiore del grado relativo a “m” di S(m, k);
- i polinomi F(m, k) e S(m, k) sono ordinati secondo le potenze decrescenti di m;
- il polinomio F(m, k) è completo rispetto a m.
Determiniamo, quindi, quoziente e resto della divisione procedendo come negli esempi precedenti.
La divisione termina quando il grado rispetto a m dell’ultimo resto parziale è minore del grado rispetto ad m del divisore.
Si ottiene:

Si ha: e

218
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 219

Book in
progress
6. I polinomi

In definitiva:
la divisione fra
se scegliamo come variabile la lettera m, ha per quoziente il polinomio
per resto il polinomio

Verifica che

Eseguiamo, adesso, la stessa divisione scegliendo come variabile la lettera “k”.


Osserviamo che:
- il grado relativo a “k” di F(m, k) è maggiore del grado relativo a “k” di S(m, k);
- i polinomi F(m, k) e S(m, k) non sono ordinati secondo le potenze decrescenti di k;
- il polinomio F(m, k) non è completo rispetto a k.
Prima di eseguire la divisione, quindi, è necessario “ordinare” i polinomi F(m, k) e S(m, k) secondo le potenze decrescenti
di k e completare F(m, k) rispetto alla lettera k.
Anche in questo caso la divisione termina quando il grado rispetto a k dell’ultimo resto parziale è minore del grado rispetto
a k del divisore.
Si ottiene:

Si ha:
La divisione fra
quando scegliamo come variabile la lettera k, ha per quoziente il polinomio
e per resto il polinomio

Verifica che
Osserviamo che e che
Le osservazioni fatte per il quoziente ed il resto delle divisioni degli esempi 1) e 2) sono più generali e valgono per il quoziente
ed il resto della divisione fra due polinomi qualsiasi in una variabile:

Nella divisione fra due polinomi in una variabile:


- il grado complessivo del quoziente è uguale alla differenza fra i gradi complessivi, rispettivamente, del dividendo e del
divisore;
- il resto è un polinomio di grado complessivo minore del grado complessivo del divisore.

PROVA TU
Esegui le seguenti divisioni fra polinomi:

219
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 220

Algebra - primo anno

Teorema del resto


Abbiamo già osservato che, assegnati due polinomi nella stessa variabile A e B, esistono due polinomi Q e R tali che
A = Q · B + R ; se R = 0, allora A è divisibile per B.
E’ lecito chiedersi se esistono dei “criteri di divisibilità” tra polinomi come quelli che esistono fra numeri negli insiemi numerici.
In altre parole: è possibile stabilire se un polinomio è divisibile per un altro polinomio senza eseguire la divisione?
A tal proposito, consideriamo polinomi in una variabile e come divisori binomi di primo grado.
Sia P(s) = 2s 3 − 11s 2 + 17s − 6 un polinomio nella variabile s.
Il resto della divisione fra P(s) ed un binomio di primo grado (ovviamente nella stessa variabile) è un polinomio di grado zero
e, quindi, è un numero razionale.
Nella prima riga della tabella 1 sono indicati alcuni divisori di primo grado; completala inserendo nella seconda riga il resto
della divisione fra il polinomio P(s) e il binomio indicato nella prima riga.
Per esempio, dividendo P(s) per il binomio s − 1 si ottiene come resto R = 2.
Completa la tabella 2 inserendo nella seconda riga il valore assunto dal polinomio quando alla variabile s sono assegnati i
valori indicati. Ad esempio, P(1) = 2 · 1 3 – 11 · 12 + 17 · 1 – 6 = 2 – 11 + 17 – 6 = 2

Tab.1 Tab.2

Analizziamo e confrontiamo le due tabelle (completa):


- i divisori della tabella 1 sono binomi di …………… grado dove il coefficiente del termine di primo grado è ………;
- nella tabella 2, i valori assegnati alla variabile sono ……………… al termine noto del divisore;
- la seconda riga della tabella 1 è …………….. alla seconda riga della tabella 2.
Possiamo, allora, dire che il resto della divisione fra P(s) ed un binomio di primo grado, con coefficiente della variabile 1, è
…………….. al valore che assume il polinomio quando alla variabile si assegna il valore ……………… al termine noto del
divisore. Si tratta di una coincidenza casuale, oppure no?
Consideriamo, quindi, un altro polinomio: T(m) = 3m 4 − 11m 3 − 16m 2 + 44m + 16.
Completa le tabelle 3 e 4, simili a quelle precedenti:

Tab.3 Tab.4

Analizziamo e confrontiamo le due tabelle:


- i divisori della tabella 3 sono binomi di …………… grado dove il coefficiente del termine di primo grado è ………;
- nella tabella 4, i valori assegnati alla variabile sono ……………………... termine noto del divisore;
- la seconda riga della tabella 3 è …………….. alla seconda riga della tabella 4.
Anche questa volta, possiamo dire che il resto della divisione fra T(m) ed un binomio di primo grado, con coefficiente della
variabile 1, è …………….. al valore del polinomio quando alla variabile si assegna il valore ……………… al termine noto
del divisore. Non si tratta di una coincidenza, ma di una proprietà generale che vogliamo dimostrare.
Prima di tutto osserviamo che:

I divisori considerati nelle precedenti tabelle, quindi, sono tutti dello stesso tipo; infatti essi sono della forma (x − a) dove la
lettera a indica un qualsiasi numero razionale. Dato il polinomio P(x) ed un binomio del tipo (x − a), esistono due polinomi
Q(x) e R (di grado zero e, perciò, un numero razionale) tali che: assegnando alla lettera x il valore
a (opposto del termine noto del divisore), si ottiene: poiché a − a = 0, la precedente uguaglianza
diventa: e, per la legge di annullamento del prodotto, si ottiene:
ed infine:

220
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 221

Book in
progress
6. I polinomi

Si ha, allora, il seguente teorema, chiamato Teorema del resto:


Il resto della divisione fra un polinomio P(x) ed un binomio del tipo (x − a) è uguale al valore che il polinomio assume
quando alla variabile si assegna il valore opposto al termine noto del divisore.
Dal momento che un polinomio è divisibile per un altro polinomio se il resto della divisione è nullo, per il teorema del resto
si ha che un polinomio P(x) è divisibile per un binomio del tipo (x − a) se P(a) = 0.

In sintesi
P(x) divisibile per (x − a) ⇒ R = 0 ⇒ (per il teorema del resto) P(a) = 0;
viceversa:
P(a) = 0 ⇒ (per il teorema del resto) R = 0 ⇒ P(x) divisibile per (x − a).

Si ha allora il seguente Teorema di Ruffini:


Condizione necessaria e sufficiente affinché un polinomio P(x) sia divisibile per un binomio del tipo (x − a) è che il
polinomio si annulli quando alla variabile si assegna il valore opposto al termine noto del divisore.
I numeri razionali che annullano un polinomio prendono il nome di “zeri” o “radici” del polinomio.

Esempi

1) Senza eseguire la divisione, determiniamo il resto della seguente divisione:


Il divisore è un binomio di primo grado e il coefficiente di b è 1; il termine noto del divisore è 2, quindi il suo opposto
è −2. Indicato con P(b) il dividendo, applichiamo il teorema del resto e, nel dividendo, sostituiamo alla lettera b il valore
− 2; si ottiene:
Si ha, dunque:

2) Dato il polinomio stabiliamo se è divisibile per i seguenti binomi:

a) Stabiliamo se S(h) è divisibile per (h – 4).


Il termine noto del divisore è – 4; il suo opposto è 4. Calcoliamo S(4):

In definitiva: (per il teorema di Ruffini) S(h) è divisibile per (h – 4).


b) Stabiliamo se S(h) è divisibile per (h + 3).
Il termine noto del divisore è 3; il suo opposto è −3. Calcoliamo S(−3):

In definitiva: (per il teorema di Ruffini) S(h) non è divisibile per (h + 3).

c) Stabiliamo se S(h) è divisibile per

Il termine noto del divisore è il suo opposto è Calcoliamo

In definitiva: (per il teorema di Ruffini) S(h) è divisibile per

PROVA TU
1) Senza eseguirla, determina il resto della seguente divisione:
2) Stabilisci se il polinomio è divisibile per (k − 3).

221
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 222

Algebra - primo anno

Nella divisione di un polinomio P(x) per un binomio del tipo (x − a), senza eseguire la divisione, possiamo determinare il resto,
il grado del quoziente e stabilire, inoltre, che esso è un polinomio ordinato secondo le potenze decrescenti della variabile.
Paolo Ruffini, matematico del Settecento, scoprì una regola che consente di determinare i coefficienti dei monomi che
formano il quoziente in una divisione di questo tipo. Questa regola prende il nome di Regola di Ruffini.
Illustriamola con un esempio.

Determiniamo quoziente e resto della divisione (3m 4 − m 3 − 2m 2 + 3m – 6) : (m – 2).

Scriviamo in una riga i coefficienti dei termini del dividendo


ordinato secondo le potenze decrescenti di m e completo rispetto
a m. Tracciamo due linee verticali: una a sinistra del primo
coefficiente del dividendo e l’altra prima del termine noto del
dividendo; saltiamo una riga e tracciamo una linea orizzontale.
Al di sopra della linea orizzontale e a sinistra della prima linea
verticale scriviamo l’opposto del termine noto del divisore (fig.1):

Trascriviamo il primo coefficiente al di sotto la linea orizzontale


(fig. 2):

Moltiplichiamo il numero appena scritto (3) per l’opposto del


termine noto del divisore (in questo caso 3 · 2) e scriviamo il
prodotto sotto il secondo coefficiente (fig. 3):

Scriviamo la somma dei numeri così incolonnati al di sotto della


linea orizzontale (fig. 4):

Moltiplichiamo il numero così ottenuto (5) per l’opposto del


termine noto del divisore (in questo caso 5·2 ) e scriviamo il
prodotto sotto il terzo coefficiente (fig. 5):

Scriviamo la somma dei numeri così incolonnati al di sotto della


linea orizzontale (fig. 6)

222
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 223

Book in
progress
6. I polinomi

Moltiplichiamo il numero così ottenuto (8) per l’opposto del


termine noto del divisore (in questo caso 8 · 2) e scriviamo il
prodotto sotto il quarto coefficiente (fig. 7):

Scriviamo la somma dei numeri così incolonnati al di sotto della


linea orizzontale (fig. 8):

Moltiplichiamo il numero così ottenuto (19) per l’opposto del


termine noto del divisore (in questo caso 19 · 2) e scriviamo il
prodotto sotto il termine noto del dividendo (fig. 9):

Scriviamo la somma dei numeri così incolonnati al di sotto della


linea orizzontale (fig. 10):

L’ultimo numero scritto è il resto della divisione.


I numeri dell’ultima riga all’interno delle due linee verticali sono i coefficienti dei monomi che formano il quoziente.
Scriviamo, allora, il quoziente e il resto della divisione

Esempio
Applicando la regola di Ruffini, determiniamo quoziente e resto delle seguente divisione:
Osserviamo che il dividendo è un polinomio ordinato secondo le potenze decrescenti di p, ma non è completo; è necessario,
quindi, renderlo completo. Si ottiene:

Lo schema per determinare i coefficienti del quoziente è il seguente:

Poiché il dividendo è un polinomio di terzo grado e il divisore è


un binomio di primo grado, il quoziente è un polinomio di secondo
grado; si ottiene quindi:

PROVA TU
Applicando la Regola di Ruffini, determina quoziente e resto delle seguenti divisioni:
a)
b)

223
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 224

Algebra - primo anno

6.3 APPROFONDIMENTO: L’INSIEME M DEI MONOMI


Indichiamo con M l’insieme formato da tutti i possibili monomi: M = {x / x è un monomio}.
Sia ℜ la relazione così definita in M : x ℜ y ⇔ x è simile ad y.
Aiutandoti con degli esempi, verifica che per la relazione ℜ valgono le seguenti proprietà:
(completa)

- riflessiva
infatti, ciascun …………….. è simile a ……………… ;
- simmetrica
infatti, per ogni coppia di monomi (x, y) tale che x è …......… ad y, anche y è …….… ad x;
- transitiva
infatti, per ogni terna di monomi (x, y, z) tale che x è ……..……. ad y e y è ………..……. a z, si verifica che anche x è
…………….. a z.

La relazione “essere simili”, definita nell’insieme M dei monomi, è, dunque, una relazione …………………………… .
L’insieme formato dai sottoinsiemi di M i cui elementi sono monomi simili è, allora, una ………………………. di M.
Analizziamo, adesso, le proprietà delle operazioni definite in M.
Dal momento che le lettere rappresentano dei numeri razionali, le operazioni tra monomi sono delle operazioni tra numeri
razionali; valgono, allora, per esse, le proprietà già viste nell’insieme Q:

Somma algebrica
- L’operazione di somma algebrica non è interna all’insieme M; tuttavia valgono per essa:
- proprietà commutativa;
- proprietà associativa.
- Sia M * un sottoinsieme di M formato da monomi simili.
Verifica con degli esempi e completa le seguenti affermazioni:
- L’operazione di somma algebrica fra monomi simili è un’operazione binaria.
- M * è chiuso rispetto all’operazione di somma algebrica, infatti la somma di monomi simili è ……………………
…….………….………….……….………… ai monomi dati.
- L’operazione di somma algebrica in M * è associativa.
- Sia 0 il monomio nullo, allora ∀ x ∈ M * : x + 0 = x = 0 + x; quindi il monomio nullo è ……….…….…..………… per
la somma algebrica in M *.
- ∀x ∈ M *, ∃ x’ (monomio opposto) ∈ M */ x + x’ = 0 = x’ + x; quindi ogni elemento di M * ammette simmetrico
rispetto alla ……..………………………… .
Possiamo, allora, dire che (M *, +) è un …………..… .
- L’operazione di somma algebrica in M * è commutativa. (M *, +), quindi, è un gruppo …………………….. .

Moltiplicazione
- L’operazione di moltiplicazione fra monomi è un’operazione binaria.
- L’insieme M è chiuso rispetto all’operazione di moltiplicazione.
Come già visto per la somma algebrica, anche per la moltiplicazione in M valgono le seguenti proprietà:
- proprietà commutativa;
- proprietà associativa;
- proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma algebrica;
- legge di annullamento del prodotto.
- Verifica con degli esempi e completa le seguenti affermazioni:
∀ x ∈ M : x · 1 = x = 1 · x; quindi il “monomio 1” è …………………………….. rispetto all’operazione di moltiplicazione
in M.
- Non tutti gli elementi di M ammettono simmetrico rispetto all’operazione di moltiplicazione; infatti, se, per esempio,
consideriamo il monomio 2 a 2, …… ………………… un monomio che …………………….. per 2 a 2 dia per risultato 1.

224
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 225

Book in
progress
6. I polinomi

Possiamo, allora, dire che (M, ·) non è un …………….. rispetto all’operazione di moltiplicazione.
In quali insiemi l’operazione di moltiplicazione gode delle stesse proprietà dell’operazione di moltiplicazione fra monomi?
…………….; ……………… .

6.4 APPROFONDIMENTO: L’INSIEME P DEI POLINOMI.


Nell’insieme P dei polinomi sono state definite le operazioni di somma algebrica e moltiplicazione.

Come detto in precedenza, le lettere rappresentano dei numeri razionali, quindi le operazioni tra polinomi sono delle
operazioni tra numeri razionali; valgono, allora, per esse, le proprietà già viste nell’insieme Q.

Somma algebrica
L’operazione di somma algebrica fra polinomi è un’operazione binaria; inoltre, è un’operazione interna all’insieme P; infatti
la somma algebrica fra due polinomi è ancora un polinomio.

Verifica con degli esempi e completa le seguenti affermazioni:


per la somma algebrica fra polinomi valgono le seguenti proprietà:
- proprietà associativa;
- proprietà commutativa;
- sia 0 il polinomio nullo; allora ∀A ∈ P: A + 0 = A = 0 + A, quindi il polinomio nullo è l’elemento ……..……… per
l’operazione di somma algebrica fra polinomi;
- ∀A ∈ P, ∃ A’ (polinomio opposto) ∈ P / A + A’ = 0 = A’ + A; quindi ogni elemento di P ammette simmetrico rispetto
alla …………….………………………… .
Possiamo, allora, dire che (P, +) è un …………..… ………………………… .

Moltiplicazione
La moltiplicazione fra polinomi è un’operazione binaria; inoltre, l’insieme P dei polinomi è chiuso rispetto all’operazione di
moltiplicazione; infatti, il prodotto fra due polinomi è ancora un polinomio.
Verifica con degli esempi e completa le seguenti affermazioni:
per la moltiplicazione fra polinomi valgono le seguenti proprietà:
- proprietà associativa;
- proprietà commutativa;
- proprietà distributiva rispetto alla somma algebrica;
- legge di annullamento del prodotto;
- sia 1 il “polinomio unità”; allora ∀A ∈ P: A · 1 = A = 1 · A, quindi il polinomio unità è l’elemento …………… per
l’operazione di moltiplicazione fra polinomi;
- non tutti gli elementi di P sono simmetrizzabili rispetto all’operazione di moltiplicazione.
Possiamo, allora, dire che (P, ·) non è un ………...… .

Poniamo, adesso, la nostra attenzione sull’insieme Z degli interi e sull’insieme P dei polinomi e, in particolare, sulle proprietà
delle operazioni definite in Z e in P e vediamo se ci sono analogie e differenze.
Nell’insieme Z sono definite due operazioni interne: somma algebrica (+) e moltiplicazione (·):
- (Z, +) è un gruppo (abeliano);
- (Z, ·) non è un gruppo, perché non tutti gli elementi di Z sono simmetrizzabili;
- per la moltiplicazione in Z vale la proprietà associativa;
- per la moltiplicazione in Z vale la proprietà distributiva rispetto alla somma algebrica.
Diciamo, allora, che (Z, +, ·) è un anello.

Inoltre:
- la moltiplicazione in Z è commutativa, e quindi (Z, +, ·) è un anello abeliano.

Dal momento che


- la moltiplicazione in Z ammette elemento neutro, si dice che (Z, +, ·) è un anello con unità.

225
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 226

Algebra - primo anno

Poichè
- per la moltiplicazione in Z vale la legge di annullamento del prodotto, si dice che (Z, +, ·) è un anello di integrità.

Ricapitolando: (Z, +, ·) è un anello abeliano di integrità con unità.

Nell’insieme P dei polinomi sono definite due operazioni interne: somma algebrica (+) e moltiplicazione (·):
- (P, +) è un gruppo (abeliano);
- (P, ·) non è un gruppo, perché non tutti gli elementi di P sono simmetrizzabili;
- per la moltiplicazione in P vale la proprietà associativa;
- per la moltiplicazione in P vale la proprietà distributiva rispetto alla somma algebrica.
Possiamo dire, allora, che anche (P, +, ·) è un anello.

Inoltre:
- la moltiplicazione in P è commutativa, e quindi anche (P, +, ·) è un anello abeliano.
Dal momento che
- la moltiplicazione in P ammette elemento neutro, anche (P, +, ·) è un anello con unità.
Poichè
- per la moltiplicazione in P vale la legge di annullamento del prodotto, anche (P, +, ·) è un anello di integrità.
Possiamo, pertanto, concludere che (Z, +, ·) e (P, +, ·) hanno la stessa struttura: sono anelli abeliani di integrità con unità.

226
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 227

Book in
progress
6. I polinomi

ESERCIZI CAPITOLO 6

POLINOMI
Conoscenza e comprensione
1) Che cos’è un polinomio?
2) Quando un polinomio si dice ridotto a forma normale?
3) Che cosa si intende per grado complessivo di un polinomio? E per grado relativo a ciascuna lettera?
4) Quando un polinomio si dice ordinato rispetto ad una lettera? E quando si dice completo rispetto ad una lettera?
5) Quando un polinomio si dice omogeneo?
6) Stabilisci se le seguenti proposizioni sono vere o false:
a) I numeri razionali sono polinomi. q V q F
b) I termini di un polinomio, ridotto a forma normale, sono sempre almeno due. q V q F
c) Un polinomio non ha monomi simili. q V q F
d) In un polinomio ridotto a forma normale, il grado rispetto ad una lettera è
uguale alla somma degli esponenti di quella lettera. q V q F
e) In un polinomio ridotto a forma normale, il grado rispetto ad una lettera può
essere uguale al grado complessivo del polinomio. q V q F
f) Il grado complessivo di un polinomio è sempre positivo. q V q F
g) Il grado complessivo di un polinomio è sempre maggiore o uguale al maggiore
dei gradi complessivi dei monomi che lo compongono. q V q F
h) Se, in un polinomio, il grado rispetto a ciascuna lettera è 1,
il grado complessivo del polinomio è 1. q V q F
i) Un polinomio omogeneo è sempre completo. q V q F
l) Un polinomio completo può essere omogeneo. q V q F
m) Un polinomio in una variabile, di grado complessivo 1, non può avere più di due termini. q V q F

7) Le seguenti affermazioni si riferiscono ai polinomi A = 2x2z + xz −1 e B = −4b3 + 7b2 −5b + 2.


Solo una di esse è falsa; quale?
a) I due polinomi hanno lo stesso grado complessivo.
b) Entrambi i polinomi sono ordinati.
c) Nessuno dei due polinomi è omogeneo.
d) Soltanto il polinomio B è completo.
e) Soltanto il polinomio A è un trinomio.

8) Che cosa afferma il principio di identità dei polinomi?


9) Come operi per calcolare la somma di due polinomi? E per calcolare la differenza?
10) Quale proprietà applichi per calcolare il prodotto fra un monomio ed un polinomio?
Applichi la stessa proprietà per calcolare il prodotto fra due polinomi?
11) Quale proprietà delle potenze applichi per determinare il prodotto di due polinomi?
12) Siano A e B due polinomi tali che il grado complessivo di A sia maggiore del grado complessivo di B;
una sola delle seguenti affermazioni è vera; quale?
a) Il grado complessivo di A + B è uguale alla somma dei gradi complessivi di A e B.
b) Il grado complessivo di A + B è uguale al grado complessivo di A.
c) Il grado complessivo di A − B è uguale al grado complessivo di B.
d) Il grado complessivo di A − B è uguale alla differenza fra gradi complessivi di A e B.
e) Nessuna delle precedenti affermazioni è corretta.

227
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 228

Algebra - primo anno

13) Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:


a) Il grado complessivo della somma di due polinomi è zero soltanto se i due polinomi
sono opposti. q V q F
b) La somma di due polinomi omogenei è ancora un polinomio omogeneo. q V q F
c) Se due polinomi sono opposti la loro differenza è il polinomio nullo. q V q F
d) Il grado complessivo del prodotto di due polinomi è uguale alla somma
dei gradi complessivi dei due fattori. q V q F
e) Il grado complessivo del prodotto fra due polinomi è uguale al grado
complessivo di uno dei fattori soltanto se uno dei due fattori ha grado complessivo zero. q V q F
f) Il quoziente di due polinomi è sempre un polinomio. q V q F
g) Se due polinomi sono divisibili fra loro, il grado complessivo del
quoziente è uguale alla differenza fra i gradi complessivi del dividendo e del divisore. q V q F
h) Il grado complessivo del quoziente di due polinomi opposti è sempre uguale a zero. q V q F

14) Esponi le regole che consentono di determinare il quadrato e il cubo di un binomio.


15) Che cos’è e a cosa serve il triangolo di Tartaglia?
16) Come procedi per determinare la potenza di un binomio del tipo (a + b)n ?
17) Che cosa afferma il teorema del resto? E il teorema di Ruffini?
18) Quale operazione fra polinomi è possibile eseguire mediante la regola di Ruffini? In quale caso può essere usata?

Esercizi

19) Esprimi sotto forma di polinomi le seguenti proposizioni:


a) Ad un numero pari aggiungi i suoi tre successivi pari.
b) Ad un numero dispari aggiungi il suo successivo.
c) Ad un multiplo di 4 sottrai il suo precedente.
d) Al doppio di un numero b aggiungi il triplo del suo quadrato.
e) Ai 2 di un numero x sottrai il doppio di un numero y.
3
f) Al triplo di un numero t sottrai la terza parte del cubo di un numero s, quindi aggiungi il doppio prodotto fra t e s.
g) Alla somma del doppio del quadrato di un numero a con il triplo di un numero b sottrai la quarta parte del cubo di b.
20) Esprimi con un polinomio il perimetro delle seguenti figure:

21) Esprimi l’area della regione colorata con un polinomio:

228
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 229

Book in
progress
6. I polinomi

22) Completa la seguente tabella, come nell’esempio della prima riga:

23) Quali dei seguenti polinomi sono ridotti a forma normale? Riduci a forma normale quelli che non lo sono:

Dei seguenti polinomi determina il grado complessivo ed il grado relativo a ciascuna lettera:

24)

25)

26)

27)

28)
29) Per quale valore di h il polinomio ha grado 6 rispetto alla lettera b?
Per quale valore di h ha grado 5 rispetto alla lettera c?

30) Per quale valore di n i polinomi hanno grado uguale?

229
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 230

Algebra - primo anno

Stabilisci quali dei seguenti polinomi sono omogenei:

31)

32)

33)

34) Scrivi un trinomio omogeneo di grado complessivo 3 e di grado 2 rispetto ad x e ad y.

35) Scrivi un binomio omogeneo di grado complessivo 3, di grado 1 rispetto alla lettera c e di grado 2 rispetto alla lettera f.
36) Scrivi un binomio omogeneo di grado complessivo 4, di grado 3 rispetto alla lettera m, di grado 2 rispetto alla lettera k
e di grado 1 rispetto alla lettera s.
37) Sia
a) Per quali valori di k l’espressione B è un polinomio?
b) Per quali valori di k il grado relativo alla lettera a è 0?
c) Per quali valori di k il grado relativo alla lettera a è 3?
d) Per quali valori di k il grado relativo alla lettera a è 5?
e) Esistono valori di k per i quali il grado relativo alla lettera a è un numero dispari maggiore di 3? Perché?
f) Per quale valore di k il grado complessivo di B è 4?
g) Per quale valore di k l’espressione B è un polinomio omogeneo?
h) Per quale valore di k il grado complessivo di B è 6?
i) Esistono valori di k per i quali il grado complessivo di B è un numero dispari? Perché?
38) Sia
a) Per quali valori di h l’espressione A è un polinomio?
b) Per quali valori di h il grado complessivo di A è 5?
c) Per quali valori di h il polinomio A è omogeneo?
d) Esiste un valore di h per il quale il grado complessivo di A è minore di 4? Perché?
e) Per quali valori di h il grado relativo ad y è 0?
f) Per quali valori di h il grado relativo ad y è 2?
g) Esiste un valore di h per il quale il grado relativo ad y è maggiore di 3?
39) Rispetto a quali lettere i seguenti polinomi sono ordinati?

40) Scrivi i seguenti polinomi in modo che siano ordinati secondo le potenze decrescenti di x:

41) Scrivi i polinomi dell’esercizio 40) in modo che siano ordinati secondo le potenze crescenti di x.
42) Siano una sola delle seguenti affermazioni è vera. Quale?
a) A e B sono completi rispetto a ciascuna delle lettere che in essi vi compaiono.
b) A e B sono completi rispetto ad almeno una delle lettere che in essi vi compaiono.
c) A è completo rispetto ad entrambe le lettere e B non è completo rispetto ad alcuna lettera.
d) A non è completo rispetto a b e B non è completo rispetto a y.
e) A e B non sono completi rispetto ad alcuna lettera.

230
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 231

Book in
progress
6. I polinomi

Completa i seguenti polinomi inserendo al posto dei puntini monomi, scelti a piacere, in modo che il polinomio risulti
completo; scrivi, successivamente, l’opposto di ciascuno dei polinomi ottenuti:
43) 45)

44) 46)

Completa i seguenti polinomi inserendo al posto dei puntini monomi, scelti a piacere, in modo che il polinomio risulti
omogeneo e completo rispetto a ciascuna lettera:

47)

48)

49)

50)

51)

52) Riscrivi i polinomi degli esercizi 45), 46), 47), 48), 49) in modo che risultino ordinati. Che cosa osservi?
53) Sia Stabilisci se le seguenti affermazioni sono vere o false:
è un polinomio. q V q F
è completo. q V q F
è un polinomio completo di grado complessivo 3. q V q F

Esempio

a) Siano due polinomi. Per quali valori di b e h i polinomi sono identici?


b) Siano due polinomi. Per quali valori di k e m i polinomi F e G
sono opposti?

a) Per il principio di identità dei polinomi, due polinomi sono identici se assumono lo stesso valore qualunque siano i valori
attribuiti alle variabili. In pratica, affinchè due polinomi siano identici è necessario che i polinomi siano formati da monomi
uguali.
I termini che hanno grado uguale, allora, devono avere coefficienti uguali. Si ha, quindi:
I valori richiesti sono:
b) Due polinomi sono opposti se sono opposti i monomi che li compongono e, quindi, i monomi simili devono avere
coefficienti opposti. Si ha, allora: I valori richiesti sono:

54) Per quali valori di k e m il polinomio è identico al polinomio

55) Per quali valori di a e b i polinomi sono identici?

56) Per quali valori di c e h i polinomi sono identici?


57) Per quale valore di m i polinomi sono identici?
58) Per quale valore di k i polinomi sono identici?
59) Determina i valori di a, b, c per i quali il polinomio è identico al polinomio

60) Per quali valori di b e c i polinomi sono opposti?


61) Per quali valori di h e k i polinomi sono opposti?
62) Per quali valori di m e p i polinomi sono opposti?
63) Per quale valore di h i polinomi sono opposti?

231
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 232

Algebra - primo anno

64) Sia Determina:

65) Sia Determina:

66) Sia Determina:

67) Sia Determina:

68) Siano due polinomi; per quale valore di h risulta

Operazioni con i polinomi


Somma algebrica
Esegui le seguenti operazioni fra polinomi e riduci i termini simili:
69)

70)

71)

72)

73)

74)

75)

76)

77)

78)

79)

80)

81)

82)

83)

84)

85)

86)

232
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 233

Book in
progress
6. I polinomi

87)

88)

Inserisci al posto dei puntini un monomio opportuno in modo che le seguenti uguaglianze siano vere:
89)

90)

91)

92)

93)

94)

95) Sia determina:

a) un polinomio B(k) tale che A(k) + B(k) =

b) un polinomio C(k) tale che A(k) − C(k) =

c) un polinomio F(k) tale che F(k) − A(k) =


d) un polinomio G(k) tale che A(k) + G(k) = 0;
e) un polinomio P(k) tale che A(k) − P(k) = −3;
f) un polinomio T(k) tale che A(k) + T(k) = 2k;
g) un polinomio D(k) tale che D(k) − A(k) = −1.

96) Siano

tre polinomi; una sola delle seguenti affermazioni è vera. Quale?


a) A + B − C ha grado complessivo 2.
b) A − C + B ha grado complessivo 1.
c) A − (B + C) è il polinomio nullo.
d) (A − B) + C ha grado complessivo 0.
e) Nessuna delle precedenti affermazioni è vera.
97) Siano A, B, C i polinomi dell’esercizio precedente; determina e semplifica le seguenti espressioni:
a) − (B − A) + (A − C)
b) C − [−(A + B) + (C − A)]
c) (B + C) – (A − B) − (C + A)
d) (B − C) + A − (B + C)
e) − {B − [−(A − B) + C ] − (C +A)} + C

233
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 234

Algebra - primo anno

Moltiplicazione di un monomio per un polinomio


98) Completa la seguente tabella:

Esegui le operazioni indicate:


99)

100)

101)

102)

103)

104)

105)

106)

107)

108)

109)

110)

111)

112)

113)

234
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 235

Book in
progress
6. I polinomi

114)

115)

116)

117)

118)

119) Completa la seguente tabella, dove A è un monomio e B un polinomio:

Inserisci al posto dei puntini i monomi mancanti:

120)

121)

122)

123)

124)

125)

126)

127)

128)

129)

130)

235
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 236

Algebra - primo anno

Traduci in simboli le seguenti proposizioni e semplifica le espressioni ottenute:


131) Al prodotto di due numeri consecutivi aggiungi il precedente del numero più piccolo.
132) Moltiplica un numero pari per il suo successivo pari.
133) Moltiplica un numero pari per la terza parte del suo successivo.
134) Ai di un numero dispari aggiungi il triplo di un numero pari.

135) Dai di un numero a sottrai la somma fra il doppio di a e la metà di un numero b; moltiplica il risultato ottenuto per

il triplo di b.
136) Il lato di un triangolo misura 3l e l’altezza ad esso relativa è uguale alla sua metà aumentata di 2.
Esprimi l’area del triangolo.
137) Esprimi l’area di un rettangolo avente una dimensione di misura 2k e tale che la differenza fra le due dimensioni è k + 2.
138) Esprimi il volume di un parallelepipedo sapendo che una delle dimensioni di base misura 3q, che l’altra è i suoi
e che la somma della dimensione maggiore della base e dell’altezza è 5q + 3.

Prodotto fra polinomi


139) Esprimi l’area delle seguenti figure mediante un polinomio:

140) Completa la seguente tabella:

Esegui le operazioni indicate e riduci, eventualmente, i termini simili:


141) 147)

142)
148)
143)
149)
144)
150)
145)

146) 151)

236
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 237

Book in
progress
6. I polinomi

152)

153)

154)

155)

156)

157)

158)

159)

160)

161)

162)

163)

164)

165)

166)

167)

168)

169)

170)

171)

172)

173)

174)

175)

237
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 238

Algebra - primo anno

Traduci in simboli le seguenti proposizioni e semplifica le espressioni ottenute:


176) Siano a, b numeri naturali; moltiplica la differenza fra la metà di a e la terza parte di b per il successivo di a.
177) Siano m un intero positivo e k un numero pari; aggiungi al doppio di m il triplo della differenza fra il successivo di m e
la metà di k, moltiplica il risultato ottenuto per il successivo della metà di k.
178) Siano x e y numeri interi; moltiplica la differenza fra il doppio di x ed il successivo di y per la somma fra il triplo di y ed
il precedente di x.

179) Moltiplica la differenza fra i di un numero h e la metà di un numero s per la somma fra la metà di h e i di s;
aggiungi al prodotto così ottenuto la somma fra la metà di h e il doppio di s.
180) Moltiplica la differenza fra il numero c aumentato di 2 ed il numero b per la terza parte di c aumentata di 1; al risultato
così ottenuto, aggiungi il prodotto fra la somma del doppio di c e b per la differenza fra c e il triplo di b.
181) La madre di Luca ha k anni ed il padre ha 5 anni più della madre; Luca ha la metà degli anni della madre. Quale sarà
il prodotto degli anni di Luca e dei suoi genitori fra 3 anni?
182) Esprimi l’area di un parallelogramma sapendo che la differenza fra un lato, di misura 2b + 3, e l’altezza ad esso relativa
è b + 2.
183) Esprimi la superficie totale di un parallelepipedo a base quadrata sapendo che il lato della base misura 3h e l’altezza
supera il lato di base di 5.
184) Esprimi il volume di una piramide a base rettangolare sapendo che una dimensione di base misura h, l’altra dimensione
è i suoi diminuiti di 2 e l’altezza è i della dimensione minore della base.

Prodotti notevoli
Somma per differenza
Calcola i seguenti prodotti:
185) 200)
186)
201)
187)

188) 202)

189) 203)

190) 204)
191)
205)
192)
206)

193) 207)

194) 208)

209)
195)

196)

197)

198)

199)

238
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 239

Book in
progress
6. I polinomi

Semplifica le seguenti espressioni:


210)

211)

212)

213)

214)

215)

216)

217)

218)

219)

220)

221)

Inserisci al posto dei puntini i monomi mancanti:


222) 228)

223)
229)

224)
230)
225)
231)
226)

227) 232)

Esempio

Scriviamo il binomio 4h 2 − 9 come prodotto di due fattori.


Osserviamo che i termini del binomio sono “particolari”; infatti:
4h2 = (2h)2 oppure 4h2 = (−2h)2
9 = 32 oppure 9 = (−3)2
Il binomio 4h2 − 9 è, perciò, la differenza di due quadrati e, quindi è del tipo A2 − B2 [in questo caso A = 2h e B = 3 oppure
(completa) A = …….…….…….. e B = ……….…….………. ].
Ricordiamo che A2 − B2 = (A + B) (A − B); si ha, dunque:
4h 2 − 9 = (2h + 3) (2h – 3)
oppure
4h 2 − 9 = [−2h + (− 3)] [−2h – (−3)] = (−2h − 3) (−2h + 3)

239
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 240

Algebra - primo anno

Scrivi, se possibile, i seguenti binomi come prodotto di due fattori:


233)

234)

235)

236)

237)

238)

239)

240)

241)

242)

243)

Esempio

a) Osserviamo che:

si ottiene:

a) Osserviamo che:

si ottiene:

Calcola in modo rapido, come nell’esempio, i seguenti prodotti:


244)
245)
246)

Quadrato di un binomio
Esempio

Determiniamo il quadrato dei seguenti binomi:


Ricordiamo, prima di tutto, la regola che ci permette di determinare il quadrato di un binomio:
a) Osserva che Poniamo
applicando la regola indicata:

b) Osserva che Poniamo


applicando la regola indicata:

240
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 241

Book in
progress
6. I polinomi

Determina il quadrato dei seguenti binomi come nell’esempio precedente:


247)

248)

249)

250)

251)

252)

253)

254)

255)

256)

257)

258)

259)

Esempio

Calcoliamo in modo rapido


a) Osserviamo che 51 = 50 + 1; quindi:
b) Osserviamo che 82 = 80 + 2; quindi:
c) Osserviamo che 59 = 60 − 1; quindi:
d) Osserviamo che:

Si ottiene, dunque:

Calcola, in modo rapido, i seguenti quadrati:

260)

261)

262)

263)

264)

241
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 242

Algebra - primo anno

Semplifica le seguenti espressioni:

265)

266)

267)

268)

269)

270)

271)

272)

273)

274)

275)

Inserisci i monomi mancanti in modo che le seguenti uguaglianze siano vere:

276) 283)
277)
284)
278)

279) 285)
280)
286)
281)

287)
282)

288)

Esempi
Calcoliamo i seguenti prodotti:

In tutti i casi dobbiamo eseguire il prodotto tra due polinomi che, ormai, dovresti essere in grado di calcolare senza alcuna
difficoltà. Scrivi, pertanto, il risultato dei prodotti indicati:

Un’attenta analisi dei termini dei polinomi, ci può permettere di determinarne il prodotto in modo più rapido.

242
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 243

Book in
progress
6. I polinomi

a) I polinomi (2a +b −c) e (2a +b + c) sono formati da due termini uguali, (2a + b), e un termine opposto, (c). Applicando
la proprietà associativa, otteniamo:
Poniamo A = 2a + b; il prodotto precedente diventa:
)

)
A A

Operiamo la sostituzione inversa; si ottiene:


In definitiva:
Come sicuramente avrai notato, è lo stesso risultato ottenuto in precedenza.
b) I polinomi (k − 2m+1) e (k −1− 2m) hanno due termini uguali, (k − 2m), ed un termine opposto, (1). Applicando la
proprietà commutativa e la proprietà associativa, otteniamo:
Poniamo A = k − 2m; il prodotto diventa:
)

A A

Operiamo la sostituzione inversa; si ottiene:


In definitiva:
Come sicuramente avrai notato, è lo stesso risultato ottenuto in precedenza.
c) I polinomi (1+ h − s) e (1− h + s) hanno un termine uguale (1) e due opposti (h – s). Applicando a proprietà associativa,
possiamo scrivere:

Calcola i seguenti prodotti come nell’esempio precedente:

289) 293)
290)

291) 294)

292) 295)

Semplifica le seguenti espressioni:


296)

297)

298)

299)

300)

301)

302)

243
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 244

Algebra - primo anno

Quadrato di un polinomio

Determiniamo il quadrato dei seguenti polinomi:


a) Dobbiamo determinare il quadrato di un trinomio; ricordiamo la regola:

b) Dobbiamo determinare il quadrato di un polinomio; ricordiamo la regola:

Determina il quadrato dei seguenti polinomi:

303)
307)

304)
308)

305)
309)

306)
310)

311)

Inserisci i monomi mancanti in modo che le seguenti uguaglianze risultino vere:

312)

313)

314)

315)

316)

317)

Semplifica le seguenti espressioni:

318)

319)

320)

321)

244
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 245

Book in
progress
6. I polinomi

322)

323)

Cubo di un binomio
Esempio

Calcoliamo il cubo dei seguenti binomi:

Ricordiamo la regola che consente di determinare il cubo di un binomio:


a) In questo caso: sostituendo si ottiene:
ù
ù

ù
A B A3 A2 B A B2 B3

b) In questo caso: sostituendo si ottiene:


ù
ù

A B A3 A2 B A B2 B3

Calcola i seguenti cubi:


324) 330)

325)
331)

326)
332)

327) 333)

334)
328)

335)
329)

Inserisci al posto dei puntini i monomi mancanti in modo che le seguenti uguaglianze risultino vere:
336) 341)

342)
337)
343)

338)
344)

339)
345)

340)

245
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 246

Algebra - primo anno

Semplifica le seguenti espressioni:

346)

347)

348)

349)

350)

351)

352)

353)

354)

Seguendo gli esempi di pag. 208-209, calcola le seguenti potenze:


355)

356)

357)

Semplifica le seguenti espressioni:

358)

359)

360)

361)

362)

363)

364)

365)

366)

367)

368)

369)

246
AIE604_C1 Algebra cap6_p201_260.qxp_Layout 1 29/06/18 17:01 Pagina 247

Book in
progress
6. I polinomi

370)

371)

372)

373)

374)

375)

376)

377)

378)

379)

380)

381)

382)

383)

384)

385)

386)

387)

388)

389)

390)

391)

392)

247
AIE604_C1 Algebra