Sei sulla pagina 1di 457

Aurelio Ghersi

IL CEMENTO
ARMATO
Dalle tensioni ammissibili
agli stati limite: un approccio unitario
• Criteri di sicurezza, dalie tensioni
ammissibili agli stati limite
• I materiali: calcestruzzo e acciaio
• Sforzo normale
• Flessione semplice
• Presso e tensoflessione
• Taglio, punzonamento, torsione
• Stati limite di esercizio
Aurelio Ghersi

IL CEMENTO ARMATO
Dalle tensioni ammissibili agli stati limite:
un approccio unitario

DARIO
FLACCOVIO
EDITORE
Aurelio Ghersi
IL CEMENTO ARMATO
DALLE TENSIONI AMMISSIBILI AGLI STATI LIMITE! UN APPROCCIO UNITARIO
ÌSBN 88-7758-612-5
Prima edizione: febbraio 2005
© 2005 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 091202533 - fax 091227702
www.darioflaccovio.it e-mail info@darioflaccovio.it

Tutti i diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica e di riproduzione sono riservati per tutti i paesi.
Nessuna parte di questo può essere riprodotta in alcuna forma, compresi microfilm e le copie fotostatiche, né
memorizzata tramite alcun mezzo, senza il permesso scritto dell’Editore.

Aurelio Ghersi < 1951 >


II cemento armato : dalie tensioni ammissibili àgli stati limite: un approccio unitario /
Aurelio Ghersi. — Palermo : D. Flaccovio, 2005.
ISBN 88-7758-612-5.
1. Cemento armato.
693.54 CDD-20
CIP - Biblioteca centrale delia Regione siciliana "Alberto Bombace "

Stampa: Prillila» Palermo, febbraio 2005

AGGIORNAMENTI - ERRATA CORRIGE - ADDENDUM


Eventuali integrazioni o revisioni al presente testo saranno disponibili alPindìrizzo www.danoflaccovio.it/aggiomainentL
È pertanto consigliabile visitare periodicamente tale pagina o iscriversi dalla home page www.darioflaccovio.it alla newsletter
gratuita informazioni editoriali, che riporta, tra le altre informazioni, anche gli eventuali aggiornamenti.
Indice
Premessa...............................................v......................................... *................ 11
Capitolo 1
INTRODUZIONE............................................................................ :.......... .... 15
1. Dall’arte del costruire alla Scienza e Tecnica delle costruzioni................. 15
2. Definizione del modello di calcolo............................................ .............. ... 18
3. Analisi strutturale.......................................................... ............................. 20
4. Verifica delle sezioni............................................... ................................... 23
Capitolo 2
METODI DI VERIFICA...................................................... ,.............................25
1. Modello del materiale.................................. .................................................25
2. Modello dei carichi.................................................. ......................... ......... ..28
3. Sicurezza strutturale....................................................... ............................ .29
4. Metodo delle tensioni ammissibili.............................................. .......... ...... 29
5. Calcolo a rottura.......................................................... .......................... ...... 32
6. Approccio probabilistico.............................................................. .............. .33
7. Approccio semiprobabilistico..................................................................... .36
8. Metodo degli stati limite :..................................................... ........ :........... .38
8.1. Verifiche allo stato limite ultimo....................................................... .39
8.2. Verifiche allo stato lìmite di esercìzio............................................... .39
Capitolo 3
NORMATIVA............................................................................................. ...... 41
1. Normativa tecnica........................................ .................................. ............ .41
1.1. Normativa italiana...............................................................................42
1.2. Normativa europea........................................................ .................... .44
2. Panoramica delle principali normative..........................................................44
2.1. Decreto Ministeriale 9/1/96............................... .......... .................... .44
2.2. Eurocodiee 2...... .......... ............................................... .............. ...... .46
2.3. Eurocodiee 3......................... ................... .... .................................... .47
6 Indice

3. Azioni e loro valore di calcolo.................................................................... 49


3.1. Classificazione delle azioni................................................................ 49
3.2. Valori di calcolo per verifiche agli stati limite ultimi........................ 50
3.3. Valori di calcolo per verifiche agli stati limite di esercizio............... 51
Capitolo 4
BREVE STORIA DEL CALCESTRUZZO (ARMATO)................ .................59
1. La preistoria del calcestruzzo...................................................................... .59
2. La muratura romana: l’opus caementicium..................................................61
3. La composizione, da Vitruvio al mix design................................................66
4. Il calcestruzzo nella rivoluzione industriale.................................................68
5. Il calcestruzzo, i nuovi elementi strutturali e le nuove forme..................... .75
6. Calcestruzzi strutturali ad alta resistenza: il futuro (?)............................... .82
Capitolo 5
IL CALCESTRUZZO................................................................... ................... 85
1. Aspetti tecnologici....................................................................................... 85
2. Comportamento sotto carichi di breve durata............................................ . 88
2.1. Resistenza a compressione.................... ...................................... :..... 88
2.2. Resistenza a trazione...................................................... ...... .......... 92
2.3. Modulo elastico.................................................................................. 94
3. Indicazioni di normativa................. ............................................................ 94
3.1. Limiti di Rck e controlli di accettazione...................... ............... . 94
3.2. Modulo elastico.................................................................................. 95
3.3. Resistenza a trazione.............................................................. ............ 95
3.4. Resistenza a compressione: limiti per TA e SLU.............................. 96
3.5. Legame tensioni-deformazioni per SLU............................................ 97
4. Comportamento del calcestruzzo nel tempo............................................... 101
4.1. Stagionatura e resistenza............................................................ ........101
4.2. Ritiro.............. ................................................ ....................................102
4.3. Scorrimento viscoso........................................................................... 106
4.4. Variazione delle proprietà chimiche (carbonatazione).......................109
Capitolo 6
L'ACCIAIO PER CEMENTO ARMATO ORDINARIO.................................111
1. Caratteristiche del materiale............................................... .........................111
2. Indicazioni di normativa............................................................................. . 113
2.1. Metodo delle tensioni ammissibili............................ ........................ 113
2.2. Verifiche allo stato limite ultimo........................................................114
3. Aderenza acciaio-calcestruzzo......................... ...........................................115
3.1. Tensioni di aderenza............................................................ ..............115
3.2. Lunghezza di ancoraggio .......................................... ........................117
3.3. Giunzioni per sovrapposizione...........................................................120
Indice 7

4. Ricoprimento e distanza tra le barre................................................... ........122

Capitolo 7
FLESSIONE COMPOSTA - GENERALITÀ....................:............................ 123
1. Simbologia e convenzione dei segni.......................................................... 123
2. Sistemi di misura...................................................................................... .. 125
3. La flessione composta nel cemento armato................................................ 126
4. Comportamento elastico lineare............................................. ................... 131
4.1. Calcestruzzo reagente a trazione (1° stadio).................................... . 131
4.2. Calcestruzzo non reagente a trazione (2° stadio).............................. 133
5. Comportamento non lineare (3° stadio)..................................................... 135
6. Diagrammi limite.....................................................................................136
7. Deformazioni, tensioni e caratteristiche della sollecitazione..................... 137

Capitolo 8 '
SFORZO NORMALE............................. ................................ ........................ 141
1. Modello lineare - calcestruzzo resistente a trazione............................... 141
2. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a trazione............ ............... 143
2.1. Trazione....................................................................................... .... 143
2.2. Compressione - verifica della sezione....... ...................... ......... .......145
3. Progetto di una sezione compressa e prescrizioni di normativa................ 146
4. Modello non lineare................................................................................... 149
4.1. Trazione............................................................................................. 149
4.2. Compressione - verifica della sezione........ .................... .................. 150
5. Progetto di una sezione compressa e prescrizioni di nòrmativa.................151
6. Pilastri cerchiati.......................................................................................... 154

Capitolo 9
FLESSIONE SEMPLICE..........................................................:..... ............... . 159
1. Modello lineare - calcestruzzo resistente a trazione... ............................... 159
2. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a trazione............................ 164
3. Verifica a flessione retta............................... .............................................. 164
3.1. Sezione rettangolare........................... ...................... .............. ..........164
3.2. Sezioni riconducibili" alla rettangolare.....................:............ ;......... 172
3.3. Sezione generica................................................................. .... ......... 174
4. Progetto della sezione.................. :............................. ...................... ^........179
. 4.1. Progetto di sezione rettangolare a semplice armatura................... !...... 179
4.2. Progetto di sezione rettangolare a doppia armatura...........................183
4.3. Valori dei coefficienti r ed f - metodo delle tensioni ammissibili... 186
4.4. Indicazioni progettuali....................................................................... 188
5. Modello non lineare.................................................................................. 191
8 Indice

6. Verifica a flessione retta.............................................................................. 192


6.1. Valori di β e κ per sezione parzializzata........... ................................ 193
6.2. Sezione rettangolare...................................................... .................... 197
6.3. Sezione generica.................................................................................201
7. Progetto della sezione.................................................................................. 204
7.1. Comportamento ultimo e duttilità.................................. ................... 204
7.2. Progetto di sezione rettangolare a semplice armatura........................208
7.3. Progetto di sezione rettangolare a doppia armatura...........................210
7.4. Valori dei coefficienti r ed r' per lo stato limite ultimo......................211
7.5. Indicazioni progettuali................................ ....................................... 212
8. Considerazioni finali....................................................................................216

Capitolo 10
PRESSO E TENSOFLESSIONE...................................................................... 219
1. La presso e tensoflessione in una sezione omogenea................. .................219
2. Modello lineare - calcestruzzo resistente a trazione................... ...... ..........224.
3. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a.trazione.............................227
4. Verifica a presso o tensoflessione retta....................................................... 229
4.1. Sezione rettangolare..................................... :............................. .......229
4.2. Sezioni riconducibili alla rettangolare.............................................. . 239
4.3. Sezione circolare................................................... ............,............... 244
4.4. Sezione generica.................................................................................247
5. Domini M-N................................................................................................. 252
5.1. Diagrammi limite e campi di comportamento................................... 252
5.2. Campi di comportamento per modello lineare del materiale.............252
5.3. Costruzione dei domini M-N............................................................... 254
5.4. Domini M-N per sezione rettangolare................................................ 255
5.5. Considerazioni generali e indicazioni progettuali.......................... . 261
5.6. Presso e tensoflessione deviata..................................................... .....264
6. Modello non lineare..................................................................................... 266
7. Verifica a presso o tensoflessione retta.........................................................266
7.1. Valori di β e κ per sezione tutta compressa....................................... 268
7.2. Sezione rettangolare.......................................... .............................. 272
7.3. Sezione circolare........................................................................... .....276
8. Domini M-N........ .........................................................................................280
8.1. Diagrammi limite e campi di comportamento....................................280
8.2. Campi di comportamento per modello non lineare del materiale... 280
8.3. Costruzione dei domini M-N............. ...................................... ..........282
8.4. Domini M-N per sezione rettangolare................................................ 283
8.5. Sezione rettangolare e circolare - formule semplificate.....................287
8.6. Presso e tensoflessione deviata...........................................................305
9. Confronto tra tensioni ammissibili e stato limite ultimo............................. 308
Indice 9

Capitolo 11
TAGLIO............................................................................................................313
1. Il taglio in una sezione omogenea.............................................................. 313
1.1. Sezione rettangolare................................................................ ......... 317
1.2. Sezione circolare................................................................................318
1.3. Sezione triangolare............................................................................ 319
1.4. Sezione a doppio T............................................................................320
2. Modello lineare - calcestruzzo resistente a trazione...................................322
3. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a trazione............................323
3.1. Sezione rettangolare................... ........................ ......................... . 324
3.2. Altri tipi di sezione.................................................................. ..........327
3.3. Considerazioni sullo stato tensionale................................................ 329
3.4. Limiti a taglio nel metodo delle tensioni ammissibili....................... 332
4. Modello lineare - armatura a taglio.................... ................ ........................334
4.1. Armatura con sagomati a 45°.................................... ....................... 335
4.2. Armatura con staffe e ferri di parete................................................. 338
4.3. Armatura con staffe............................................................................340
4.4. Un approccio unificato.......................................................................343
4.5. Minimi di armatura nel metodo delle tensioni ammissibili.........:.... 346
5. Meccanismi e modelli di comportamento oltre il limite lineare.......... ..348
6. Modello non lineare - resistenza in assenza di armature............................ 352
6.1. Il modello “a pettine”.........................................................................352
6.2. Altri contributi alla resistenza del dente........................................ . 355
6.3. Prescrizioni della normativa.............................................................. 357
7. Modello non lineare - armatura a taglio..................................................... 360
7.1. Metodo normale................................................................................. 360
7.2. Metodo dell'inclinazione variabile del traliccio.................................365
7.3. Modello dei campi di tensione...........................................................370
7.4. Traslazione del diagramma dei momenti...........................................372
7.5. Considerazioni sull'armatura con staffe e ferri di parete.................. 374
7.6. Minimi di armatura nel metodo degli stati limite............................. 377
8. Confronto tra stato limite ultimo e tensioni ammissibili ...........................378
Capitolo 12
PUNZONAMENTO......................................................................................... 383
1. Taglio e punzonamento...............................................................................383
2. Modello lineare............................................................................. ............. 384
3. Modello non lineare.................................................................................... 386
3.1. Normativa italiana..................................... ........................................ 386
3.2. Normativa europea............................................................................. 387
4. Confronto tra stato limite ultimo e tensioni ammissibili............................ 393
10 Indice

Capitolo 13
TORSIONE....................................................... ........... .................................... 395
1. La torsione in una sezione omogenea..........................................................395
2. Torsione per congruenza e torsione per equilibrio...................................... 399
3. Modello lineare - stato tensionale................................................................400
3.1. Determinazione dello stato tensionale............................................... 400
3.2. Limiti tensionali nel metodo delle tensioni ammissibili.................... 401
4. Modello lineare - armatura a torsione..........................................................405
4.1. Armatura a spirale, a 45°.................................................................... 406
4.2. Armatura con staffe e barre longitudinali......................:...... ............ 408
4.3. Minimi di armatura nel metodo delle tensioni ammissibili............... 413
5. Modello non lineare..................................................................................... 415
6. Torsione e taglio..................................................*............................... .......421
6.1. Mo dello lineare.................................................................................. 421
6.2. Modello non lineare........................................................................... 422
Capitolo 14
STATI LIMITE DI ESERCIZIO....................................................................... 425
1. Generalità........ .......................................................................................... .. 425
2. Stato limite di fessurazione..........................................................................426
2.1. Comportamento di un'asta tesa al crescere dei carichi.......................426
2.2. Ampiezza delle fessure, secondo la normativa.................................. 434
2.3,. Controllo della fessurazione senza calcolo diretto.............................. 437
3. Stato limite di deformazione........................................................................440
4. Limitazione delle tensioni in esercizio........................................................ 446
Bibliografia........................................................................................................ 451
Appendice........................................................................................................... 453
E giunti alla fine.............................................. ,................................................. 459
Premessa

Viviamo in un mondo in cui tutto sembra cambiare con rapidità incredi­


bile e la progettazione strutturale subisce anch’essa gli effetti di tale e-
voluzione. Nuove normative sostituiscono quelle a cui siamo abituati,
proponendo impostazioni che ci lasciano disorientati ed imponendo cal­
coli sempre più laboriosi. Nuovi simboli e nuove unità di misura accrer
scono la confusione (il taglio ora è V 9 non T, ed il Newton sostituisce il
vecchio chilogrammo). Certo la sostanza rimane la stessa, ma che fatica
aggiornarsi! E che incubo passare da un libro a un altro e trovare ap­
procci e simboli differenti e quasi mai coincidenti con quelli della nor­
mativa! “Fortunatamente” i programmi per computer vengono in nostro
soccorso, ma diventa sempre più forte il rischio di delegare tutto a loro,
tanto da non capire più cosa si sta facendo. E i venditori di software
fanno bene il loro mestiere e rincarano la dose, cercando di convincerci
che senza programmi non si può più fare niente. .
In realtà, è vero che i programmi di calcolo sono uno strumento in­
dispensabile, ma è anche vero che essi sono — e devono restare — solo
uno strumento. E le novità, che tanto ci spaventano, sembrano così
complicate solo perché non le conosciamo a fondo. Il metodo degli stati
limite e le verifiche allo stato limite ultimo presentano alcune differenze
concettuali rispetto al metodo delle tensioni ammissibili, ma dal punto
di vista operativo continuano a seguire le stesse impostazione del passa­
to e sono addirittura più semplici nelle applicazioni. E anche vero che i
libri sull’argomento spesso appaiono complicati, pieni di simboli adi-
mensionalizzati rappresentati con lettere greche e di formule lunghis­
sime; ma spesso chi scrive un libro scientifico tende, anche inconscia-
12 Premessa

mente, a mostrare quanto è bravo e quanto ha approfondito l’argomento,


fino ai minimi dettagli. Il tempo fa da filtro e anni di pratica professio­
nale consentono di accantonare tutto quello che non serve e lasciare il
nucleo fondamentale, semplice e concreto. Questo è avvenuto per il me­
todo delle tensioni ammissibili, che sta per compiere cento anni, ed ini­
zia ora ad avvenire anche per il metodo degli stati limite, che è ancora
un giovincello.
Quando, nel marzo 1995, ho iniziato a tenere il còrso di Tecnica del­
le costruzioni ho passato in rassegna i testi “classici” e quelli più recenti,
ma alla fine ho scelto una mia impostazione, che mirava soprattutto a
evidenziare l’unitarietà dei diversi metodi di verifica (tensioni ammissi­
bili e stato limite ultimo). Non ho pretese di originalità (tanti colleghi in
altre università operano come me e meglio di me) ma song rimasto sod­
disfatto della risposta degli studenti e questo mi conforta nell’idea che la
mia sia una delle possibili vie dà seguire per' l'aggiornamento della di­
dattica in questo settore.
Fin dal primo anno ho sentito la necessità di lasciare agli studenti
qualche traccia scritta di quello che andavo insegnando, sotto forma di
schemi sintetici degli argomenti principali. Pian piano sono andato or­
ganizzando il materiale didattico, fino a dargli la veste che qui si può
vedere. Sono stati anni intensi, di grande e a volte anche travagliata
maturazione. Ricordo ancora il giorno in cui durante Una lezione, nel bel
mezzo di una dimostrazione sull’armatura a taglio, mi sono reso conto
che lo sviluppo logico della dimostrazione avrebbe portato a conclusioni
ben diverse da quelle che davo per scontate. “The show must go on” e in
quell'occasione da bravo attore ho portato a termine la lezione sorvolan­
do un po’ (“con semplici passaggi si arriva all’espressione finale...”), per
poi riprendere il discorso una settimana dopo per esporre, con aria umi­
le e pentita, il frutto di numerose ore di laceranti rifLessioiii ed autocriti­
che. Ricordo i momenti entusiasmanti, ed i fine settimana frenetici, di
riflessione sulla pressoflessione, che con lo stimolo e l'aiuto di Marco
Muratore hanno portato a formule di verifica e progetto di una semplici­
tà sconcertante. E chi ha avuto per le mani vecchie versióni, provvisorie,
di questo testo si accorgerà di quante pagine sulla flessione semplice so­
no state buttate via, quando mi sono réso conto di essere caduto anch’io
Premessa 13

nella trappola della pulizia formale, che porta a formule piene di lettere
greche che rappresentano quantità adimensionalizzate, estremamente
sintetiche... ma quasi del tutto incomprensibili per il comune lettore.
Certo, un lavoro come questo non può mai-dirsi pienamente compiu­
to. Rileggo le pagine che ho scritto e mi verrebbe voglia di modificarle
ancora, di tagliare qualcosa qui o. di aggiungere qualcos’altro lì. Sono pe­
rò contento di questa mia insoddisfazione, perché finché si è vivi c’è
tempo per migliorare, e finché c’è voglia di migliorare si è veramente vi­
vi. Prima o poi ci rimetterò mano, ma è arrivato il momento di conge­
darsi da queste bozze e pensare ad altro.
Per concludere, vorrei ringraziare tantissime persone. Prima di tut­
to, i miei studenti, che tanto mi hanno insegnato e mi hanno fatto riflet­
tere con le loro domande. Li ringrazio per aver colto il mio entusiasmo
verso questa materia e per essersi a loro volta appassionati e, spero, an­
che un po’ divertiti nello studiarla. Li ringrazio per il bel rapporto uma­
no che si è creato tra noi, per la stima reciproca e l’amicizia che va al di
là del rapporto docente-studente. Molti di loro hanno contribuito indi­
rettamente a questo libro, mettendo a disposizione i loro appunti, tratti
dalle mie lezioni ma conditi di giuste riflessioni o stimolanti dubbi; o ri­
leggendo e commentando le pagine di testo che andavo via via scrivendo.
Tanti non hanno contrassegnato col loro nome le pagine che mi hanno
messo a disposizione, e mi spiace non poterli citare. Ma ricordo e ringra­
zio espressamente Calogero Colina, Claudio Cravotta, Carla Bongiorno,
Andrea Garofalo e Michele Privitera. Nessuno di loro ha avuto un voto
altissimo in Tecnica delle costruzioni, ma la stima e l’apprezzamento
che ho delle persone sono legati alle loro qualità umane, alla volontà di
impegnarsi ed alle capacità complessive, ben più che all’esito di un esame.
Sono poi grato a tutti coloro che mi hanno dato una mano nel corso:
Nino D’Ave ni, Pier Paolo Rossi, Fabio Neri, Bruno Biondi, Edoardo Ma­
rino, Sebastiano Costa, Maria Garofalo, Giuliana Mangano, Marco Mu­
ratore, Salvo Pantano, Melina Bosco, Anna Lombardo si sono susseguiti
nel tempo; il corso di Tecnica delle costruzioni è frutto anche delle loro
idee e del loro impegno. E cito a parte Antonio Perretti, che ha in comu­
ne con me una' smisurata passione per la didattica e che su vari argo­
menti costituisce un mio punto, di riferimento; non per niente ho affidato
14 Premessa

a lui il compita descrivere un intero capitolo del testo; ed è un peccato


che ancora nessuna università abbia voluto utilizzare stabilmente le sue
grandi capacità.
Non può-mancare un pensiero affettuoso agli amici deiruniversità
di Napoli, in particolare a Bruno Calderoni, Zila Rinaldi (ora a Roma) e
Pietro Lenza, che si sono sentiti un po’ abbandonati da quando sto a Ca-
tania ma mi hanno sempre sostenuto e aiutato nella ricerca scientifica;
le discussioni avute con loro sono state spesso determinanti per chia­
rirmi le idee su vari argomenti (anche se non sono ancora riuscito a con­
vincere Bruno con le mie riflessioni sul taglio). Un “grazie” di cuore an­
che a Carlo Majorano, grande amico prima ancora che grande professio­
nista, che ha discusso a lungo al telefono con me del taglio e si è “divora­
to” le pagine della prima edizione del relativo capitolo, fornendomi utili
suggerimenti e spunti.
In ultimo, il ringraziamento più grande a mia moglie Lia, anche per
la pazienza con la quale sopporta il fatto che io lavori a 900 chilometri
da casa e che dedichi tanto tempo al lavoro anche nei fine settimana.
Vorrei infine dedicare questo mio lavoro ad Aurelio Giliberti. La sua
scomparsa ha lasciato un vuoto nel cuore di tutti coloro che sono stati
suoi studenti. Indipendentemente dai riconoscimenti accademici, la sen­
sibilità strutturale, la concretezza, la chiarezza didattica e le grandi doti
umane che l’hanno contraddistinto hanno plasmato generazioni di inge­
gneri.
Capitolo 1
INTRODUZIONE

1. DalFarte del costruir e alla Scienza e Tecnica dèlie costruzioni

L’uomo ha realizzato costruzioni fin da tempi antichissimi. Alcune opere


hanno resistito per migliaia, di anni e destano tuttora la nostra ammirai
zione. Si pensi ad esempio alle piramidi di Giza e ai templi di Luxor in
Egitto, ai templi greci, alle costruzioni civili e religiose romane; o, an^
dando a tempi relativamente più recenti,. alle cattedrali gotiche con le
loro mirabili forme slanciate. Nessuna di queste costruzioni è frutto di
un “calcolo”, nel senso che diamo noi oggi a tale parola. Le dimensioni
degli elementi ed i particolari costruttivi erano infatti dettati da regole
empiriche che si erano andate via via definendo nel tempo. Queste era­
no basate sull'esame del comportamento delle strutture realizzate e dei
problemi da esse presentati. 0gni dissesto dava origine a modifiche che
quando mostravano di essere efficaci venivano incorporate nelle regole
costruttive. Si è trattato in un certo senso di una continua sperimenta­
zione dal vero sulle cui basi è stata fondata l’arte del costruire. Il ricordo
di tale modo di procedere permane anche oggi, tanto che una costruzio­
ne ben realizzata viene detta “fatta a regola d’arte”.
I primi tentativi di tradurre tali regole in formulazioni matematiche
risalgono al 17° e 18° secolo. Fu infatti nel 1638 che Galileo propose le
prime formulazioni téoriche della resistenza a rottura di travi inflesse
mentre oltre un secolo dopo, nel 1773, Coulomb cercò di definire quanti­
tativamente la resistenza a rottura di archi in muratura. Il principio di
16 Capitolo 1

elasticità lineare, destinato ad essere uno dei pilastri della Scienza delle
costruzioni, fu invece formulato da Hooke nel 1678.
Il 19° secolo vide giungere a piena maturità la teoria dell’elasticità.
Nel 1826 Navier propose un metodo organico per il dimensionamento di
strutture, basato sull’ipotesi di comportamento linearmente elastico dei
materiali costitutivi, e intorno al 1855 De Saint Venant formulò il suo
noto principio e fornì la soluzione del problema della relazione tra carat­
teristiche della sollecitazione e stato deformativo e tensionale in travi
prismatiche. Verso la fine del secolo furono infine sviluppati i criteri di
resistenza basati sulla crisi puntuale del materiale (Raìikine, 1875;
Mohr, 1882; Tresca, 1871).
Parallelamente venne affrontato il problema della valutazione delle
caratteristiche della sollecitazione nelle strutture iperstatiche. I con­
tributi più rilevatiti in questo secolo furono quelli rivolti alla risoluzione
di schemi di travi continue col metodo delle forze (Clapeyron, 1852;
Mohr, 1860; Bresse, 1865),
All’inizio del 20° secolo vennero redatte le prime normative tecniche
(Francia, 1906; Italia, 1907) che seguendo l’impostaziorie di Navier im­
ponevano un’analisi lineare elastica. Grazie alla linearità di comporta­
mento, il margine di sicurezza tra carico di rottura e carico di esercizio
può essere garantito lavorando in termini di tensioni; ciò portò a deno­
minare tale modo di procedere “metodo delle tensióni ammissibili”. Suc­
cessivi sviluppi portarono al limit design o calcolo a rottura, finalizzato
alla valutazione della capacità portante ultima della sezione (anni ’40 e
’50), all’approccio probabilistico, che tiene conto della variabilità dei ca­
richi e delle caratteristiche dei materiali, e al metodo semiprobabilistico
(anni ’50 e ’60).
Per quanto riguarda la risoluzione di schemi iperstàtici, nella prima
metà del secolo ebbero ampio sviluppo i metodi iterativi, che consenti­
vano l’analisi manuale di telai (Cross, 1930; Grinter, 1937). Il progredire
della tecnologia diede infine impulso alla metodologia matriciale, che
sfrutta in maniera ottimale le potenzialità offerte dai calcolatori elet­
tronici (anni ’60 e ’70).
Il progresso teorico, brevemente delineato nelle pagine precedenti,
ha portato ad una chiara indicazione del modo coti cui il progettista deve
Introduzione 17

affrontare lesame di una struttura. Il primo problema è quello della de­


finizione di un modello per lo schema geometrico, per il materiale e per i
carichi. L’oggetto reale è sempre abbastanza complesso e nel tradurlo in
modello matematico è inevitabile fare una serie di semplificazioni; spes­
so le incertezze sono tali da rendere necessario l’uso di più modelli limi­
te, per individuare una fascia entro cui sia compreso il reale comporta­
mento della struttura. Una volta definito lo schema geometrico e di cari­
co occorre passare alla sua risoluzione, cioè alla‘determinazione di de­
formazioni e tensioni (o di spostamenti e caratteristiche di sollecitazio­
ni); questa fase viene usualmente denominata analisi strutturale anche
se questo termine è a volte utilizzato con una accezione più ampia. Infi­
ne occorre effettuare una verifica per controllare che la struttura sia in
grado di sopportare le azioni che la solleciteranno durante la sua vita.
Le tre fasi qui indicate sono riferite allo studio di una struttura esisten­
te o comunque già idealmente definita dal progettista. Nel caso di co­
struzioni ancora da realizzare, un compito preliminare è quello del di­
mensionamento degli elementi strutturali; questo viene spesso fatto me­
diante un calcolo che segue le linee generali innanzi indicate, ma con
modelli estremamente semplificati, anche se nelle situazioni più comuni
è l’esperienza stessa del progettista, eventualmente tradotta in formule
semplici e di uso immediato, a suggerire le dimensioni da adottare.
In tempi ormai lontani tutte le problematiche e le conoscenze teori­
che citate erano racchiuse in un’unica disciplina, la Scienza delle co­
struzioni. Con tale nome è intitolata l’opera di Belluzzi1, che nonostante
gli anni trascorsi (la sua prima edizione risale al 1941) costituisce tutto-
ra, secondo me, un valido riferimento per numerosissimi problemi di
Scienza e, Tecnica delle costruzioni. Il progressivo aumento delle cono­
scenze ha reso necessario la suddivisione in due filoni, per l’appunto
Scienza e Tecnica delle costruzioni, che costituiscono nell’attuale ordi­
namento universitario italiano due raggruppamenti disciplinari, capeg­
giati dalle omonime discipline, che includono materie quali Calcolo ane­
lastico e a rottura, Teoria delle strutture e Dinamica (gruppo Scienza) o
Costruzioni di ponti, Progetto di strutture e Ingegneria sismica (gruppo
Tecnica).

1 O. Belluzzi, Scienza delle costruzioni, 4 volumi, Zanichelli, Bologna.


18 Capitolo 1

Proprio per la loro origine comune, Scienza e Tecnica delle costru­


zioni si presentano nel segno di una unitarietà che non sempre consente
una netta distinzione tra l’una e l’altra. Si può dire in linea di massima
che la Scienza delle costruzioni fornisce le basi teoriche generali. Essa
ad esempio affronta in maniera esaustiva la teoria della trave, di De
Saint Venant, per materiale omogeneo, isotropo, linearmente elastico e
sviluppa le relazioni tra caratteristiche della sollecitazione, spostamen­
ti, deformazioni e tensioni. Per quanto riguarda l’analisi strutturale, af­
fronta lo studio di base dei sistemi isostatici (reazioni vincolari, dia­
grammi delle caratteristiche di sollecitazione) e iperstatici (metodo delle
forze, metodo degli spostaménti) e fornisce strumenti essenziali quali il
principio dei lavori virtuali e i teoremi di deformazione per sistemi ela­
stici. La Tecnica delle costruzioni passa ad applicazioni “tecniche”, più
legate alla realtà concreta. Ad esempio affronta il problema della non
omogeneità del materiale (tipico del cemento armato) e dell'influenza di
legami costitutivi ϭ-ε del materiale non linearmente elastici. Nell’ambi-
to dell’analisi strutturale, analizza procedimenti numerici specifici per
la risoluzione di schemi strutturali più comuni (travi continue, telai a
maglie rettangolari) per passare poi all'impostazione generalizzata del-
l’analisi matriciale (ma in questo caso la distinzione tra Scienza e Tecni­
ca delle costruzioni diventa meno netta, perché questo argomento può
far parte anche del corso di Teoria delle strutture, del gruppo Scienza).
Nel corso di Tecnica vengono inoltre presentati i primi approcci al pas­
saggio da oggetti reali a schemi di calcolo. I corsi successivi del gruppo
Tecnica partono invece espressamente dall’esame di oggetti reali (ponte,
edifìcio, ecc.) e studiano quali modelli, teorici e tecnici, utilizzare per de­
terminare le caratteristiche di sollecitazione e verificare o progettare le
sezioni, nonché tutti i dettagli costruttivi necessari per una corretta ese­
cuzione dell’opera.

2. Definizione del modello di calcolo

La definizione del modello di calcolo è il primo passo necessario per ana­


lizzare una struttura. Più precisamente, occorre definire uno schema
Introduzione 19

geometrico ed un modello per i carichi, ma anche un legame costitutivo


per il materiale nonché il tipo di analisi da svolgere.
Nel passato le potenzialità di calcolo erano molto limitate ed era ne­
cessario adottare modelli molto semplici. Ad esempio, le travi ed i pila­
stri di un edifìcio soggetto a soli carichi verticali venivano analizzati se­
paratamente (con lo schema di trave continua le prime, come singole a -
ste soggette a sforzo assiale i secondi). In presenza di azioni orizzontali
si rendeva necessario ricorrere a modelli più complessi, che tenessero
conto delle interazioni tra i diversi elementi, ma diffìcilmente si andava
oltre lo schema di telaio piano. Ovviamente, il progettista era ben con­
sapevole dei limiti del modello utilizzato e cercava di compensarne la
grossolanità abbondando nelle sezioni e nelle armature.
Con l'avvento dei calcolatori elettronici è diventato facile utilizzare
modelli anche notevolmente complessi, che ci forniscono indicazioni più
dettagliate sul comportamento delle strutture. Non dobbiamo però tra­
scurare alcuni rischi connessi a questa evoluzione. Innanzitutto, il pro­
blema della modellazione è diventato molto più rilevante proprio perché
molto più numerose di prima sono le possibilità a disposizione; la scelta
è ora più delicata ed il rischio di adottare un modello non appropriato è
maggiore. In secondo luogo, il computer non commette errori di calcolo
ma chi lo utilizza può sbagliare a fornirgli i dati; tanto più il modello è
complicato tanto maggiore sarà, in genere, la quantità di informazioni
da fornire e corrispondentemente crescerà la "possibilità di un errore. In­
fine, la disponibilità di modelli sofisticati può generare la falsa convin­
zione di poter conoscere veramente il comportamento delle strutture;
non bisogna invece dimenticare che anche il programma di calcolo più
avanzato fornisce solo una vaga immagine della realtà* perché quest’ul-
tima è sempre molto più complessa di qualsiasi modello.
Qual è allora il modo più giusto di operare? A costo di sembrare ba­
nale, io sono convinto che occorra usare in ogni situazione il modello più
semplice (tra quelli validi per il caso in esame) e soprattutto usare solo
modelli di cui si capisca bene il significato. Contemporaneamente, è im­
portante usare modelli, anche grossolani, che forniscano immediata­
mente l’ordine di grandezza delle sollecitazioni, in modo da poter con­
trollare i risultati forniti dai modelli più “esatti”.
20 Capitolo 1

3. Analisi strutturale

Un primo aspetto da chiarire nel parlare' di analisi strutturale è se e


eome il comportamento della struttura-è influenzato dal modo in cui le
azioni che la cimentano variano nel tempo. In generale, una volta supe­
rata la fase transitoria di costruzione una parte dei carichi (ad esempio
il peso proprio degli elementi strutturali) si può considerare permanen­
te; un'altra parte invece (i cosiddetti sovraccarichi) varia nel tempo, ma
in maniera abbastanza lenta. Si parla in questo caso di carichi statici.
Ben diverso è l'effetto delle raffiche di vento su elementi deformabili,
come antenne e tralicci, o del moto del terreno durante un sisma. Si par­
la in tal caso di carichi dinamici ed una analisi che tenga espressamen­
te conto della rapida variazione delle azioni nel tempo è detta analisi
dinamica.
In secondo luogo., occorre esaminare in che modo il comportamento
della struttura è influenzato dalla legge costitutiva dei materiali di cui
sonò costituiti gli elementi che la compongono. Un legame elastico linea­
re consente di ipotizzare una analoga relazione lineare tra azioni e de­
formazioni. In caso contrario si deve effettuare un’analisi che tenga con­
to delle non linearità meccaniche.
Affinché la relazione tra azioni e d:eformazioni sia effettivamente li­
neare è anche necessario che siano trascurabili gli effetti del secondo
ordine, ovvero che lo spostamento del punto di applicazione dei carichi
non influenzi sostanzialmente l'equilibrio. Quando ciò non avviene, oc­
corre effettuare un'analisi che tenga conto delle non linearità geometri­
che. Altri termini usati per far riferimento a questo problema sono: ef­
fètto P-8, dai simboli utilizzati per la forza assiale e lo spostamento or­
togonale all'asse nelle prime trattazioni, oppure effetto instabilizzante
dei carichi verticali, perché un caso molto comune è l'incremento di sol­
lecitazioni flessionali nei pilastri a causa dello sbandamento orizzontale
dei traversi su cui sono applicati carichi verticali (fig. 1).
Il tipo di analisi effettuato in assenza di complicazioni di tipo mec­
canico o geometrico è denominato analisi lineare. Un aspetto molto im­
portante è: che in essa valgono il principio di sovrapposizione degli effetti
e di unicità della soluzione. Ciò comporta vantaggi operativi tali da ren­
dere questo approccio estremamente conveniente. Si finisce così col ri-
Introduzione 21

Fig. 1 - effetto P- 8 o effetto instabilizzante dei carichi verticali

correre ad esso anche in situazioni in cui non sarebbe rigorosamente


applicabile. Ad esempio, nel metodo degli stati limite, di cui si tratterà
più avanti, che mira a valutare la resistenza ultima della struttura si
usa convenzionalmente un'analisi lineare per determinare le caratteri­
stiche della sollecitazione indòtte dai carichi e si tiene conto della reale
non linearità della legge costitutiva del materiale solo nella fase finale
di verifica delle sezioni.
Per tenere conto delle non linearità meccaniche occorre innanzitutto
definire il legame costitutivo ϭ-ε del materiale e le conseguenti relazioni
tra momento M e curvatura χ per la sezione. Ad esempio, per una sezio­
ne a doppio T in acciaio (fig. 2) il momento cresce linearmente con χ fino
al valore My, che corrisponde alla curvatura Xy per la quale si raggiunge
lo snervamento nel bordo dalla sezione. all'ulteriore crescere di χ la ten­
sione nell’ala rimane costante ed il momento cresce di poco, per il con­
tributo della sola anima. Solo col raggiungimento della curvatura χh per
la quale inizia rincrudimento dell'acciaio nelle fibre di bordo il momento
riprende a crescere in maniera significativa..
L’andamento del diagramma momento-curvatura si presta ad esse­
re schematizzato con una bilatera, cioè ipotizzando un tratto elastico ed
uno perfettamente plastico. Si può così immaginare che, una volta rag­
giunto il momento massimo, all’ulteriore crescere del carico il concio di
trave si potrà deformare con rotazione relativa tra Le sue facce senza in­
cremento di momento, come se fosse presente una cerniera. Si può allo­
ra suddividere l’analisi di una generica struttura in più fasi lineari. Ini­
zialmente si risolve lo schema di struttura integra e si valuta il carico
22 Capitolo 1

Fig. 2 - diagramma momento-curvatura per una sezione a doppio T in acciaio

per il quale si raggiunge il momento limite nella sezione più sollecitata.


Poi si considera uno schema variato, che contiene una cerniera nella se­
zione plasticizzata e si valuta con esso rincremento di sollecitazione in­
dotto da un incremento di carico, sommando i valori del momento a
quelli ottenuti nella prima fase. Si continua quindi a variare lo schema
finché la struttura diventa labile oppure si raggiunge in corrispondenza
di una cerniera un valore di rotazione relativa tanto elevato da portare
alla sua rottura completa. Nelle diverse fasi occorre però controllare che
la rotazione di ciascuna cerniera continui a crescere nello stesso verso;
in caso di inversione, infatti, lo scarico del materiale sarebbe elastico e
la sezione si comporterebbe in maniera monolitica. Il termine comune­
mente utilizzato per indicare questo modello di comportamento della se­
zione è cerniera plastica, per differenziarlo dalla cerniera reale che con­
sente rotazioni relative in entrambi i versi. Un'analisi siffatta è deno­
minata analisi elastico-verfettamente plastica. .
La figura 3 mostra un semplice esempio di analisi elastico-perfette­
mente plastica. Lo schema è quello di trave continua a due campate di
luce uguale, una volta iperstatica, con carico uniformemente distribuito.
Nella prima fase il momento massimo si ha in corrispondenza dell’ap­
poggio centrale. Quando tale valore è raggiunto, l’incremento di carico
agisce su uno schema nel quale le due campate non sono più continue
(nel senso che la rotazione degli estremi di trave a sinistra e a destra
dell'appoggio centrale non sono più uguali) e produce quindi solo mo­
mento positivo. Complessivamente si hanno, rispetto all’analisi lineare,
valori minori del momento negativo all’appoggio centrale e valori mag­
giori del momento positivo in campata.
Introduzione 23

Fig. 3 - analisi lineare e non lineare di una trave continua

Dai risultati ora mostrati si possono trarre indicazioni utilizzabili


anche senza svolgere effettivamente un’analisi elasto-plastica. Quando i
risultati di un’analisi elastica mostrano in una sezione Valori del mo­
mento flettente un po’ più alti del dovuto, è possibile accettarli comun­
que invocando il comportamento plastico, purché vi sia una sufficiente
riserva di resistenza in quelle sezioni nelle quali il momento aumente­
rebbe e a condizione che la sezione abbia sufficiente capacità deformati-
va plastica (duttilità). Questo mòdo di procedere è sempre stato seguito
dagli ingegneri esperti ed è ora codificato nella normativa europea che
lo denomina analisi elastica con ridistribuzione e ne definisce i limiti di
applicabilità.
L'analisi elastico-perfettamente plastica è solo una dei possibili mo­
di per tenere conto delle non linearità meccaniche. Spesso, specie per
strutture in cemento armato, il comportamento della sezione è molto
lontano da quello che porta al modello di cerniere plastiche. Un’analisi
non lineare più sofisticata potrebbe essere svolta suddividendo ogni asta
in conci molto piccoli ed utilizzando la reale legge momento-curvatura
per determinare la relazione complessiva tra carichi, caratteristiche del­
la sollecitazione e deformazioni. L’onere numerico di tale impostazione
la rende però, almeno per ora, inadatta ad applicazioni professionali.

4. Verifica delle sezioni

La verifica delle sezioni è l’ultimo passo per esprimere un giudizio sulla


sicurezza della struttura. Mi sembra interessante mettere in evidenza
come il concetto di sicurezza sia variato negli anni.
24 Capitolo 1

Il Belluzzi nella prima pagina del suo testo afferma che “La Scienza
delle costruzioni studia gli effetti prodotti dalle forze che sollecitano una
costruzione e determina le condizioni cui devono soddisfare le diverse
parti di questa affinché possano sopportare tali forze ”
Cinquantanni dopo, la normativa europea (Eurocodice 2, punto 2:1)
fissa, come requisito fondamentale della progettazione, il principio che
“Una struttura deve essere progettata e costruita in modo che:
- con accettabile probabilità rimanga adatta alVuso per il quale è previ­
sta, tenendo nel dovuto conto la sua vita presupposta e il suo costo;
- con adeguati livelli di accettabilità sia in grado di sopportare tutte le
azioni o influenze, cui possa essere sottoposta, durante la sua realizza­
zione e il suo esercizio, e abbia adeguata durabilità in relazione ai co­
sti di manutenzione”
Si può notare una differenza fondamentale tra le due impostazioni.
Nella prima si parla di condizioni da soddisfare per sopportare le forze,
in una visione deterministica di relazione: causa-effetto. Nella seconda si
passa invece ad un approccio probabilistico (accettabile probabilità, ade­
guati livelli di accettabilità). Inoltre nel primo caso ci si preoccupatolo,
della resistenza, mentre nel secondo si evidenzia una duplicità di pro­
blemi, legati a fatti quotidiani (rimanere adatta all’uso) ed eccezionali
(sopportare tutte le azioni). Queste differenze rispecchiano l'evoluzione
di pensiero, cui si è già accennato nel primo paragrafo e che sarà oggetto
del prossimo capitolo, che ha portato al cosiddetto “metodo probabilistico
degli stati limite”.
Capitolo 2
METODI DI VERIFICA

1. Modello del materiale

Nel capitolo precedente si è evidenziato che, per effettuare una analisi


quantitativa di una struttura reale al fine di garantirne la sicurezza, è
necessario definire un modello per la struttura, per il materiale e per i
carichi.
Soffermiamoci sul materiale, prendendo come esempio l’acciaio che
è utilizzato sia da solo, per un’ampia gamma di costruzioni metalliche,
che insieme al calcestruzzo nelle costruzioni in cemento armato. La fi­
gura 1 mostra un tipico legame costitutivo cr-s ottenuto sottoponendo
una barra metallica ad una prova di trazione.

Fig. 1 - diagramma sperimentale tensioni-deformazioni per l'acciaio


26 Capitolo 2

Come è ben noto, il legame costitutivo è chiaramente non lineare,


perché costituito da un primo tratto elastico lineare che cresce con pen­
denza Es (modulo elastico dell'acciaio) fino alla tensione di snervamento
fy (in inglese yield strength); da un tratto orizzontale in cui Taccialo
snervato si deforma sotto tensione costante; da un tratto di nuovo cre­
scente ma con pendenza variabile (incrudimento, in inglese hardening)
fino alla tensione massima, o di rottura, fu (in inglese ultimate strength).
Oltre tale valore si ha il fenomeno della strizione, cioè una forte ridu­
zione della sezione traversale (la tensione, valutata convenzionalmente
come rapporto tra forza applicata e sezione nominale, appare quindi de­
crescente, ma se si facesse riferimento alla sezione reale risulterebbe
ancora crescente). Occorre notare che effettuando una prova di trazione
su più barre di acciaio i diagrammi ottenuti differiscono non' nella pen­
denza del tratto elastico E$ ma nei valori della tensione di snervamento
fy e di rottura fu. Ciò avviene, nonostante l’accuratezza della produzione
industriale* anche per barre ottenute dalla, stessa colata di acciaio. Nel
definire un modello per il materiale occorre quindi tener conto in qual­
che modo sia della non linearità del legame costitutivo che delle incer­
tezze sui valori della resistenza. Queste ultime possono essere tenute in
conto usando alcuni concetti base della teoria della probabilità, che qui
si richiamano.

Richiami di teoria delle probabilità


Si definisce variabile aleatoria, qui indicata col simbolo X, una variabile che
rappresenta il risultato di un esperimento che può fornire valori “casuali”, in­
tendendo con ciò valori non definibili a priori. Il generico valore assunto da es­
sa sarà indicato col simbolo Xi. Come esempio di variabile aleatoria si può cita­
re, nel nostro ambito tecnico, il valore fy della tensione di snervamento fornito
da una prova a trazione di una barra di acciaio.
Dato un insieme di n valori casuali Xi ... Xn è possibile suddividerli in un
numero finito di intervalli (classi). Si indica col termine frequenza il numero di
valori che ricadono in una classe, mentre con distribuzione di frequenza si in­
tende l'istogramma che rappresenta i valori della frequenza nelle diverse classi
(fig. 2a). Quando si aumenta l'ampiezza del campione (cioè il numero di valori)
e si riduce l’ampiezza delle classi l’istogramma tende ad una curva continua
che viene detta funzione di densità di probabilità (fig. 2b). L’area sottesa da un
tratto di curva, compreso tra i valori Xa e Xb, rappresenta la probabilità di otte-
Metodi di verifica 27

Fig-. 2 - tensione di snervamento fornito da una prova a trazione


di una barra di acciaio

nere un valore compreso in tale intervallo. L’intera curva sottende un’area uni­
taria, perché in questo caso l’intervallo comprende tutti i campioni (1 indica il
100% dei campioni).
Due parametri molto importanti per esaminare un insieme di valori casua­
li sono il valore medio jj. e lo scarto quadratico medio ϭ, definiti rispettivamente da

Si definisce inoltre come frattile il valore al di sotto del quale ricade una asse­
gnata percentuale dei valori aleatori. Ad esempio, il frattile 5% è il valore al di
sotto del quale ricade solo il 5% dei valori aleatori, mentre frattile 95% è quello
al di sotto del quale ricade il 95% dei valori.
Una distribuzione statistica molto utilizzata, sia perché ad essa sono ri­
conducibili molti fenomeni aleatori che per le proprietà di cui gode, è la distri­
buzione normale Gaussiana, la cui funzione di densità di probabilità ha un ca-
28 Capitato 2

ratteristico aspetto a campana. Questo tipo di distribuzione è definita in ma­


niera completa se si conoscono ϭ e μ ed ha come equazione

Per tale distribuzione, un qualsiasi frattile può essere calcolato a partire da ϭ e


μ. Si ha ad esempio

frattile 5% = μ - 1.64 ϭ frattile 95% = μ + 1.64 ϭ


Appare evidente che per tener conto delle incertezze sui valori della re­
sistenza si debba utilizzare nelle analisi numeriche il valore corrispon­
dente ad un opportuno frattile. Prendere il valore medio non sarebbe
adeguato, perché in troppi casi la resistenza reale sarebbe minore di
quella utilizzata. Di conseguenza si è deciso di far riferimento ad un va­
lore che sia garantito con buona probabilità e si è scelto quindi il frattile
5% (così solo nel 5% dei casi si avrà una resistenza inferiore). Tale valo-
re è denominato valore caratteristico ed è contraddistinto.con il pedice k.
Pertanto, indipendentemente dal metodo di. verifica, si utilizza come
riferimento fondamentale per la resistenza del materiale il valore carat­
teristico della tensione (in genere, quella di snervamento per 1'acciaio,
quella di rottura per il calcestruzzo).

2. Modello dei carichi

Passando ai carichi, si può notare che alcuni di essi sono intrinsecamen­


te variabili, ad esempio il carico portato da un solaio (persone ed ogget­
ti). Spesso parliamo di “carico massimo”, ma questa dizione è sicura­
mente impropria perché qualunque valore scegliamo c'è sempre una sia
pur piccola possibilità che esso venga superato., Questi carichi devono
quindi essere necessariamente analizzati in maniera probabilistica.
Altri carichi, invece, appaiono definiti in maniera apparentemente
indiscutibile. Ad esempio, una volta stabilita la sezione di un solaio in
cemento armato (altezza delle pignatte, spessore della soletta, ecc.) il re­
lativo peso può essere determinato immediatamente, con precisione. Ma
quello che noi valutiamo è solo il peso di quello che noi pensiamo debba
essere il solaio. Chi ci garantisce che nel realizzarlo la soletta sarà esat-
Metodi di verifica 29

tamente di 4 cm, come abbiamo previsto? Anche valori di questo genere,


che di solito vengono denominati “nominali” possono variare con una
certa aleatorietà (benché con scarti minori rispetto ai carichi variabili).
Di conseguenza, nelle analisi dobbiamo utilizzare un valore dei ca­
richi corrispondente ad un opportuno frattile. In particolare, occorre sce­
glierne uno che abbia bassa probabilità di essere superato; si usa quindi
il frattile 95% — e lo si denomina valore caratteristico. Anche se non espres­
samente indicato, sono da intendersi come valori caratteristici sia il va­
lore dei carichi variabili prescritti dalla normativa che i valori nominali
dei pesi propri degli elementi strutturali. Solo le normative più recenti
sottolineano ciò usando il pedice k per contraddistinguere tali valori.

3. Sicurezza strutturale

Una volta chiarito il significato dei valori usati come riferimento per re­
sistenze e carichi, si capisce come non sia possibile utilizzare diretta-
mente tali valori nei calcoli. La possibilità di avere una resistenza mino­
re o un carico maggióre, rispetto ai valori usati, comporta un rischio di
danni o collasso strutturale non accettabile, perché non sufficientemen­
te basso. Per ora conviene accettare questa affermazione basandosi
semplicemente sull'intuizione; più avanti, nel paragrafo dedicato alle
analisi probabilistiche, si mostrerà còme valutare quantitativamente la
probabilità di collasso, in modo da avere una conferma numerica di
quanto ora sostenuto.
Come ottenere, allora, una adeguata sicurezza strutturale? Il modo
più ovvio consiste nell’applicare un coefficiente di sicurezza; ma come e
a chi applicarlo può essere oggetto di discussione ed è, in sostanza^ alla
base delle differenze tra i diversi metodi di verifica.

4. Metodo delle tensioni ammissibili

Il metodo delle tensioni ammissibili ha avuto un’importanza fondamen­


tale per tutto il 20° secolo. Esso è infatti nato con le prime normative
tecniche, promulgate a inizio secolo, ed è ancora oggi utilizzato dalla
quasi totalità degli ingegneri italiani. Nonostante tanta gloria, il metodo
30 Capitolo 2

sembra però avviato ad un rapido declino. Gli Eurocodici, norme tecni­


che europee», non lo prendono proprio in considerazione ed anche il de­
creto ministeriale del 1996, pur consentendone l’uso, non fornisce indi­
cazioni aggiornate ma si limita a rinviare a un-decreto precedente. Le
resistenze da parte di chi non vuole cambiare, soprattutto per la fatica
che comporta il rimettersi a studiare ed il doversi abituare a un nuovo
modo di procedere, sono state e sono ancora molto forti. Ciò è testimo­
niato anche dal dibattito suscitato dalla nuova norma sismica italiana,
emanata come ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri
(quindi senza seguire il consueto iter burocratico), che esclude del tutto
la possibilità di usare il metodo delle tensioni ammissibili. Nonostante
alcuni sperino ancora che tale divieto sia revocato, il fiorire di corsi di
aggiornamento per laureati che chiariscono le nuove impostazioni nor­
mative rende facile prevedere che tra pochi anni chi non si sarà adegua­
to resterà inesorabilmente tagliato fuori dal mercato.
Per quanto riguarda l'uso dei coefficienti di sicurezza, il metodo del­
le tensioni ammissibili si basa sull’idea di controllare che in nessun
punto lo stato tensionale superi un valore limite, detto appunto “tensio­
ne ammissibile”, nettamente inferiore a quello di rottura. I valori am­
missibili delle tensioni sono pari al valore di rottura diviso per un op­
portuno coefficiente di sicurezza, che dipende dal materiale stesso. In
particolare, la tensione ammissibile ϭS dell’acciaio è pari a circa i due
terzi della sua tensione di snervamento caratteristica fyk mentre la ten­
sione ammissibile ac del calcestruzzo è circa un terzo della sua resi­
stenza cubica caratteristica RCk (fig. 3).

Fig. 3 - tensioni ammissibili per acciaio e calcestruzzo


Metodi di verifica 31

Un’immediata conseguenza di questa scelta è la possibilità di ipo­


tizzare che il legame costitutivo ϭ-ε del materiale sia linearmente elasti­
co. Ciò consente di effettuare un’analisi lineare e rende applicabile tutti
i principi studiati nel corso di Scienza delle costruzioni, a condizione che
il' materiale sia omogeneo; in particolare, nel caso molto frequente di
strutture costituite da aste monodimensionali è possibile utilizzare la
teoria di De Saint Venant, che fornisce agevolmente lo stato tensionale
corrispondente alle caratteristiche della sollecitazione ottenute dal cal­
colo.
Data l’entità dei coefficienti di sicurezza assunti, si può ritenere che
l’ipotesi di linearità del legame costitutivo sia verosimile nel valutare lo
stato tensionale indotto dai carichi di esercizio. Il metodo non fornisce
però informazioni sufficienti sul margine di sicurezza rispetto al collas­
so, perché al crescere del carico la non linearità del materiale diventa
rilevante. Il rapporto tra carico di collasso e carico di esercizio può quin­
di essere molto diverso^ in dipendenza dalla forma della sezione, e. dal
materiale che la costituisce. Si pensi ad esempio a sezioni in acciaio,
materiale per il quale la linearità della legge ϭ-ε si mantiene fino allo
snervamento, al quale segue un ampio tratto plastico con deformazioni à
tensione costante. Per una sezione a doppio T soggetta a flessione sem­
plice il momento ultimo Mu è maggiore di circa il 15% rispetto al mo­
mento My corrispondente al raggiungimento della tensione di snerva­
mento nelle fibre estreme; la differenza è dovuta al contributo dell’ano
ma, nella quale lo stato tensionale può ulteriormente crescere dopo che
l’ala si è snervata. Se la sezione fosse rettangolare (piena) questo contri­
buto sarebbe più rilevante ed il momento ultimo Mu sarebbe maggiore
del 50% rispetto a My.
Nonostante questi limiti, il metodo delle tensioni ammissibili è si­
curamente affidabile. I valori ammissibili delle tensioni sono stati defi­
niti usando coefficienti ben calibrati; inoltre i progettisti esperti adotta­
no semplici regole di ‘"buona progettazione” che aiutano a superare i li­
miti del metodo e ad evitare grossi errori. A riprova di ciò, il comporta­
mento delle strutture ben progettate si è sempre rivelato soddisfacente.
Occorre infine osservare che, anche se il metodo delle tensioni am­
missibili tende ormai ad essere considerato come “sorpassato”, l’ipotesi
32 Capitolo 2

di elasticità lineare rimane comunque, dal punto di vista didattico, un


ottimo punto di partenza per affrontare il problema della verifica delle
sezioni. Inoltre questa metodologia deve essere applicata in tutte le veri­
fiche relative agli stati limite di-esercizio, che costituiscono un aspetto
non trascurabile del metodo degli stati limite.

5. Calcolo a rottura

Il calcolo a rottura è stato sviluppato intorno alla metà del XX secolo,


con l'obiettivo di valutare la resistenza ultima delle strutture. Nella sua
impostazione più generale esso consiste nella determinazione del mec­
canismo di collasso dell'intera strutturale del carico che porta ad esso, a
partire dalla conoscenza dei valori delle caratteristiche di sollecitazione
che inducono la plasticizzazione e la rottura di ciascuna sezione. Queste
sono ovviamente determinate tenendo conto della non linearità del le­
game costitutivo a-e del materiale. La verifica di sicurezza consiste
quindi nel controllare che il carico agente sulla struttura sia adeguata-
mente più basso rispetto al carico di collasso, cioè nell'applicare il coeffi­
ciente di sicurezza ai carichi.
In alcune applicazioni, più semplicemente, si utilizza un'analisi
strutturale lineare e si controlla che in ogni sezione le sollecitazioni in­
dotte da carichi maggiorati mediante un coefficiente di sicurezza siano
minori del valore di collasso della sezione stessa. Data la linearità
dell'analisi, ciò equivale a confrontare le caratteristiche di sollecitazione
indotte dai carichi di esercizio con valori pari a quelli di rottura divisi
per il coefficiente di sicurezza.
Il calcolo a rottura riesce ad ovviare ad alcune critiche rivolte al me­
todo delle tensioni ammissibili, ma non è esso stesso esente da problemi.
In particolare, nel caso di strutture in cemento armato si impone lo
stesso margine di sicurezza ad acciaio e calcestruzzo, che offrono invece
garanzie ben diverse. Inoltre esso trascura del tutto le condizioni di e-
sercizio, che possono invece presentare problemi di diverso genere.
La normativa italiana non ha mai pienamente recepito questo me­
todo per la verifica strutturale. È invece interessante notare come que­
sto approccio sia invece lo standard nella verifica geotecnica delle fonda-
Metodi di verifica 33

zioni. Per esse, infatti, si determina il carico limite del plinto o del palo
(cioè il carico che porterebbe a collasso il terreno) e si considera accetta­
bile un carico pari ad una opportuna frazione di tale valore.

6. Approccio probabilistico

L’approccio probabilistico, sviluppato anch’esso intorno alla metà del XX


secolo, mira a valutare la probabilità di collasso ed a controllare che es­
sa sia inferiore ad un valore (molto piccolo) considerato accettabile. Per
far ciò occorre innanzitutto conoscere la funzione di densità di probabili­
tà dei carichi e della resistenza dei materiali. Si deve quindi determina­
re la relazione tra queste funzioni è la probabilità di collasso, tenendo
conto della non linearità del legame costitutivo ϭ-ε del materiale. Se il
metodo di analisi strutturale è lineare questo viene fatto separatamente
per ciascuna sezione; se è non lineare occorre farlo globalmente per
l'intera struttura.
Questo modo di procedere può essere chiarito con un semplice esem­
pio. Si consideri uno schema isostatico, una mensola con una forza all’e-
stremo (fig. 4), e si faccia riferimento solo alla sezione di incastro, nella
quale il momento flettente è massimo. In realtà questo non è del tutto
corretto perché per la casualità della resistenza la rottura potrebbe av­
venire in un’altra sezione, meno sollecitata ma più debole; per semplici­
tà trascuriamo questa eventualità.
Immaginiamo che la distribuzione probabilistica della forza F sia
gaussiana, con un valore medio di 25 kN ed uno scarto quadratico medio
di 10.98 kN. Il valore caratteristico è in tal caso Fk = 43 kN. La densità
di probabilità ipotizzata per il carico F è mostrata nella figura j5a.

Fig. 4 - schema considerato nelTesempio


34 Capitolo 2

Fig. 5 - densità di probabilità di carico e momento sollecitante

La densità di probabilità p(Ms) del momento die sollecita la sezione


di incastro Ms (fig. 5b) può essere ricavata immediatamente, poiché il
momento è ottenuto moltiplicando la forza per la lunghezza della men­
sola (l = 2.00 m, che si suppone assegnata in maniera deterministica). Il
suo valore medio è quindi 50 kNm, lo scarto quadratico medio 21.96 kNm,
il valore caratteristico è Msk — 86.0 kNm ed è espressa da

Ipotizziamo che Tasta sia un profilato IPE 240 in acciaio Fe360.


Facciamo riferimento alla tensione di snervamento, che si suppone ab­
bia anch’essa una distribuzione gaussiana, con valor medio 250 MPa,
scarto quadratico medio 9.15 MPa, valore caratteristico 235 MPa (fig. 6a).
Il momento resistente può essere ricavato moltiplicando la tensione di
snervamento per il modulo di resistenza plastico (Wpl = 366.6 cm3, che si
suppone assegnato in maniera deterministica). Il suo valore medio è
quindi 91.65 kNm, lo scarto quadratico medio 3.35 kNm, il valore carat­
teristico è Mnk — 86.2 kNm. La funzione densità di probabilità p(Mr) del
momento resistente è mostrata nella figura 6b ed è espressa da

Fig. 6 - densità di probabilità di resistenza e momento resistente


Metodi di verifica 35

Occorre ora confrontare il momento sollecitante col momento di rot­


tura. Un approccio possibile sarebbe quello di prendere a caso un valore
del carico ed uno della resistenza (conformemente alla densità di proba­
bilità) e vedere se la sezione riesce a sopportare le sollecitazioni indotte
dal carico. Ripetendo questa operazione un numero estremamente
grande di volte e conteggiando in quanti casi la sollecitazione supera la
resistenza si avrebbe una indicazione della probabilità di collasso.
Se le espressioni analitiche delle funzioni densità di probabilità del
momento sollecitante e del momento resistente sono note, lo stesso ri­
sultato può essere ottenuto più direttamente. Con riferimento a un ge­
nerico valore Mi del momento, la probabilità che Ms sia uguale a Mi, o
più precisamente che sia contenuto in un intervallo di ampiezza dM
centrato su Mi, è pari al valore della funzione densità di probabilità in
Mi moltiplicata per dM, cioè all’area tratteggiata in figura 7. Analoga­
mente la probabilità che Mr sia minore di Mi è fornita dall’area sottesa
dalla parte della curva densità di probabilità di Mr posta a sinistra di
Mi, che si può ottenere come integrale di p(Mr) esteso da -oo a Mi. La
possibilità che entrambe le condizioni si verifichino è data dal prodotto i
delle due aree e la probabilità di avere Mr < Ms è fornita dall’integrale
del prodotto delle due aree, cioè dall’integrale doppio

Nell’esempio proposto, effettuando il calcolo si ottiene una probabi­


lità di collasso appena superiore al 3%. Tale valore, pur basso, è sicura­
mente inaccettabile. Poiché i dati erano stati scelti in modo da avere un
valore Msk leggermente inferiore a Mrk , si ha con ciò una conferma della
necessità di adottare un coefficiente di sicurezza.
L’approccio probabilistico è comunque un po’ troppo complesso per
un uso comune. Esistono soluzioni analitiche del problema solo per casi
semplici, in particolare in ambito lineare, mentre la soluzione numerica
è sempre possibile ma estremamente onerosa. Per questi motivi esso
viene utilizzato solo in ambito di ricerca.
Capitolo 2

Fig. 7 - densità di probabilità di momento sollecitante e momento resistente


e valutazione della probabilità di collasso

7. Approccio semiprobabilistico

Il fatto che la probabilità di collasso sia calcolabile come integrale del


prodotto della due aree innanzi descritte porta alla considerazione, sem­
plice ed intuitiva, che essa sarà tanto più bassa quanto più “disgiunte”
saranno le due funzioni di densità di probabilità. Ciò può essere fatto
confrontando il momento sollecitante dovuto a un carico corrispondente
ad un opportuno frattile, maggiore del 95%, con il momento resistente
garantito da una tensione di snervamento corrispondente ad un frattile
Metodi di verifica 37

minore del 5%. Nell'esempio precedente, se si usa il frattile 0.995 per i


carichi e 0.005 per la tensione di snervamento la probabilità di collasso
diventa 10-3, mentre se si usano rispettivamente i frattili 0.9998 e
0.0002 la probabilità scende a 10'5.
Da questa considerazione nasce un'impostazione che è detta semi-
probabilistica perché consente di. effettuare una verifica che abbia una
valenza probabilistica ma sia eseguita seguendo la stessa metodologia
utilizzata in situazioni “deterministiche”. Allo schema vengono infatti
assegnati carichi ben definiti (corrispondenti al frattile prescelto) ed in
base ad essi si determinano le caratteristiche della sollecitazione (con
analisi lineare o non lineare). Separatamente vengono calcolati i valori
limite delle caratteristiche di sollecitazione nella sezione, sulla base di
valori assegnati della resistenza ed utilizzando un opportuno legame co­
stitutivo non lineare per il materiale. Il confronto tra caratteristiche di
sollecitazioni di calcolo e caratteristiche di sollecitazioni limite consente
di esprimere un giudizio sulla sicurezza della struttura (fig. 8).

Fig. 8 - verifica semiprobabilistica, mediante confronto tra momento


sollecitante e momento resistente di calcolo
38 Capitolo 2

I valori del carico e della resistenza da utilizzare sono denominati


valori di calcolo e sono indicati col pedice d (iniziale della parola inglese
design, cioè progetto) e possono essere messi in relazione con i valori ca­
ratteristici mediante opportuni coefficienti. In particolare, il valore di
calcolo Fd di una azione è ottenuto amplificando il valore caratteristico
Fk mediante un coefficiente yf, mentre il valore di calcolo fd della resi­
stenza è messo in relazione al valore caratteristico fk mediante un coef­
ficiente riduttivo

I valori più idonei per yf e ym possono essere determinati mediante


analisi probabilistiche. In effetti numerosi sono stati gli studi effettuati
per ottenere indicazione quantitative, ma i valori proposti dalla norma­
tiva sono stati definiti anche in maniera tale da avere una buona con­
cordanza con il metodo delle tensioni ammissibili.
Si noti che a differenza del metodo delle tensioni ammissibili e del
calcolo a rottura, che applicano il coefficiente di sicurezza rispettiva­
mente al materiale e ai carichi, il metodo semiprobabilistico applica con­
temporaneamente coefficienti di sicurezza ad entrambe le grandezze.
Per questo motivo esso è detto anche metodo dei coefficienti parziali.
8. Metodo degli stati limite

Il metodo degli stati limite rappresenta la formulazione completa del


criterio di verifica, alternativo al metodo delle tensioni ammissibili, che
integra l'approccio semiprobabilistico con verifiche nelle condizioni di
Cy A"*JL 'ir1" -------- ------------------------------------------------------------------------

esercizio. Si definisce in generale come stato limite uno stato al di là del


quale la struttura, o una sua parte, non soddisfa più le esigenze di com­
portamento per le quali è stata progettata.
Occorre distinguere tra due situazioni limite completamente diffe­
renti, denominate rispettivamente stato limite ultimo e stato limite di
esercizio. Lo stato limite ultimo corrisponde al valore estremo della ca­
pacità portante (limite di collasso) o ad altre forme di cedimento strut­
turale che possono mettere in pericolo la sicurezza delle persone (quali
Metodi di verifica 39

ribaltamento o instabilità). Lo stato limite di esercizio, è uno stato al di


là del quale non risultano più soddisfatti i requisiti di esercizio prescrit­
ti; comprende quindi situazioni che comportano un rapido deteriora­
mento della struttura (come tensioni di compressione eccessive o fessu­
razione, per il calcestruzzo) o la perdita di funzionalità (deformazioni o
vibrazioni eccessive).

8.1. Verifiche allo stato limite ultimo


Per garantire una sufficiente sicurezza nei confronti del collasso sarebbe
a rigore necessario esaminare il comportamento della struttura con ana­
lisi non lineari, ma ciò comporterebbe un onere di calcolo non accettabile
per un comune progettista. È quindi prassi comune adottare l'analisi li­
neare anche quando ci si preoccupa dello stato limite ultimo. Le norma­
tive consentono anche di effettuare, in casi particolari, redistribuzioni
del momento per tener conto in maniera approssimata di un comporta­
mento inelastico globale. Ovviamente un'analisi non lineare è sempre
consentita, ma tale possibilità non è in genere sfruttata.
Il criterio di verifica adottato è quello già definito come metodo se­
miprobabilistico o metodo dei coefficienti parziali. Il valore di calcolo
della generica azione F è quindi determinato moltiplicando il valore ca­
ratteristico Fk per il coefficiente parziale yf, mente il valore di calcolo
della generica proprietà / del materiale (resistenza o altro) è ottenuto
dividendo il valore caratteristico fk per il coefficiente parziale jm. Nel va­
lutare le caratteristiche limite della sollecitazione in una sezione si uti­
lizza sempre una legge costitutiva ϭ-ε del materiale non lineare.

8.2. Verifiche allo stato limite di esercizio


Poiché in condizioni di esercizio lo stato tensionale è ben distante dai
valori di rottura, sia la legge costitutiva ϭ-ε del materiale che il metodo
di analisi strutturale adottato sono sempre lineari. In quanto ai carichi,
si utilizzano per essi valori aventi una probabilità di essere superati
maggiore rispetto a quelli utilizzati per le verifiche allo stato limite ul­
timo (e quindi più bassi). Si distinguono condizioni di carico rare, fre­
quenti o quasi permanenti, con probabilità di superamento via via mag­
giori e valori del carico progressivamente minori.
40 Capitolo 2

Confronto tra i diversi metodi di verifica

Metodo delle tensioni ammissibili


~ si assegna il carico, come valore caratteristico
- si definisce la resistenza del materiale, come valore ammissibile ridotto ri­
spetto al caratteristico mediante un coefficiente di sicurezza
- si determinano le caratteristiche di sollecitazione, con analisi lineare
- si determina lo stato tensionale, con legge costitutiva del materiale lineare
- si confronta la tensione massima con il valore ammissibile
simbolicamente

Calcolo a rottura
- si assegna il carico, come valore caratteristico, ed il coefficiente di' sicurezza
nei confronti del carico di collasso
- si definisce la resistenza del materiale, come valore caratteristico
- si determinano i valori ultimi delle caratteristiclie di sollecitazione, con leg­
ge costitutiva del materiale non lineare
- si determina il carico di collasso, corrispondente ai valori ultimi delle carata
teristiche di sollecitazione, con analisi non lineare
- si confronta il valore caratteristico del carico con il valore di collasso diviso
per il coefficiente di sicurezza
simbolicamente

Verifica allo stato limite ultimo - metodo semiprobabilistico


- si assegna il carico, come valore di calcolo amplificato rispetto al caratteri­
stico mediante un coefficiente di sicurezza
- si definisce la resistènza del materiale, come valore di calcolo ridotto rispet­
to al caratteristico mediante un coefficiente di sicurezza
- si determinano i valori resistenti delle caratteristiche di sollecitazione, con
legge costitutiva del materiale non lineare
- si determinano i valori sollecitanti delle caratteristiche di sollecitazione, con
analisi lineare o non lineare
- si confrontano i valori sollecitanti delle caratteristiche di sollecitazione con i
valori resistenti

simbolicamente
Capitolo 3
NORMATIVA

1. Normativa tecnica

“Le regole servono a chi non sa regolarsiHo sentito citare più volte
questa frase, attribuita di volta in volta a differenti personaggi, tutti au­
torevoli, e non saprei a chi darne realmente la paternità. Come ogni fra­
se presa a se stante, si presta a numerose interpretazioni, anche contra­
stanti. A me piace citarla per ricordare che la responsabilità di un pror
getto è sempre del singolo ingegnere e ciò che è veramente importante è
la sua capacità di affrontare e risolvere un problema con la sua testa.
Con ciò non intendo dire che le norme non contano. Ritengo anzi che la
normativa debba essere vista come una guida autorevole, da prendere
sempre in considerazione. Essa però non deve mai essere accettata in
maniera acritica: per fare un buon progetto non è sufficiente rispettarla
alla lettera, ma occorre a volte integrarla e interpretarla; inoltre ogni
norma contiene anche prescrizioni prive di validità generale, la cui ap­
plicazione può essere a volte inutile.
Non tutti concordano con questa mia visione della norma. In parti­
colare, per quanto riguarda le norme tecniche italiane l’interpretazione
più comune è che esse debbano considerarsi cogenti, cioè che le regole
applicative in esse contenute devono essere obbligatoriamente rispetta­
te, fin nei dettagli. La frase che ho citato all’inizio può forse essere vista
anche come un segno di insofferenza nei confronti di una impostazione
tanto restrittiva.
42 Capitolo 3

La normativa tecnica europea è stata invece concepita con una im­


postazione prestazionale, che privilegia gli obiettivi da conseguire. In
essa vi è una chiara distinzione tra principi, cioè affermazioni generali,
requisisti e modelli analitici per i quali non è ammessa alternativa, e
regole di applicazione, che hanno più un carattere orientativo e possono
essere sostituite da altre, che consentano di raggiungere gli stessi obiet­
tivi. Questo almeno nelle intenzioni del legislatore, perché in realtà la
classificazione fatta per i singoli punti della norma non è del tutto esen­
te da critiche.

1.1. Normativa italiana


L’attuale normativa italiana è basata su due leggi:
- Legge 5/11/71. n. 108.6 Norme per la disciplina delle opere di conglo­
merato cementizio armato, normale e precompresso, ed a struttura
metallica;
- Legge 2/2/74 n.64: Provvedimenti per le costruzioni con particolari
prescrizioni per le zone sismiche.
Queste leggi definiscono i principi generali e affidano al ministero dei
lavori pubblici il compito di emettere periodicamente decreti ministeria­
li contenenti indicazioni più specifiche.
Gli ultimi decreti emessi sulla base delle indicazioni della legge
1086_sono:
- D.M 1.4/2/92: Norme tecniche per l’esecuzione delle opere in c.a. nor­
male e precompresso e per le strutture metalliche;
- D.M. .9/1/96: Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo
delle strutture in c.a. normale e precompresso e per le strutture me­
talliche.
Il decreto del 96 ha sostituito il precedente, che però è rimasto valido
per la parte che riguarda le verifiche col metodo delle tensioni ammissi­
bili. Esso inoltre ha consentito l’uso degli Eurocodici 2 e 3.
, Sulla base delle indicazioni della legge 64 sono stati emessi i se­
guenti decreti:
- D.M. 16/1/96: Norme tecniche relative ai “criteri generali per la veri­
fica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”;
- D.M. 16/1/96: Norme tecniche per le costruzioni in zona sismica.
Normativa 43

Esistono inoltre documenti preparati dal Consiglio Nazionale delle


Ricerche (Istruzioni CNR) che sono solo orientativi e non hanno valore
di normativa, anche se in qualche caso i decreti ministeriali fanno e-
spressamente riferimento ad essi. In particolare:
- CNR 10011/96: Costruzioni in acciaio. Istruzioni per il calcolo, l'ese­
cuzione, il collaudo e la manutenzione;
~ CNR 10022/84: Costruzioni di profilati di acciaio formati a freddo. I-
struzioni per l’impiego;
- CNR 10024/86: Analisi mediante elaboratore: impostazione e reda­
zione delle relazioni di calcolo.
In definitiva, per quanto riguarda i metodi di verifica strutturale
l'attuale normativa italiana consente queste tre possibilità:
- metodo delle tensioni ammissibili, regolato dal D.M. 14/21/92;
- metodo degli stati limite, regolato dal D.M. 9/1/96;
- metodo degli stati limite, regolato dagli Eurocodici 2 e 3, con i para­
metri fissati dal D.M. 9/1/96.
La tendenza normativa è però chiaramente orientata verso un completo
recepimento degli Eurocodici. Ciò è stato sottolineato da una recente
norma, che ha suscitato un ampio dibattito, sia per il contenuto che per
il fatto di essere stata emessa senza seguire riter tradizionale. Si tratta
infatti di una ordinanza del presidente del consiglio dei ministri:
- O.P.C.M. n. 3274 del 20/3/03: Primi elementi in materia di criteri ge­
nerali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di nor­
mative tecniche per le costruzioni in zona sismica.
Essa contiene innanzitutto i “Criteri per ¡’individuazione delle zone si­
smiche — Individuazione, formazione ed aggiornamento degli elenchi
nelle medesime zone” che, introducendo una quarta zona a bassa sismi­
cità, estendono di fatto a tutto il territorio nazionale l’obbligo di rispet­
tare la normativa sismica. Essa poi contiene “Norme tecniche per il pro­
getto, la valutazione e l’adeguamento sismico degli edifici”, “Norme tec­
niche per il progetto sismico dei ponti”, “Norme tecniche per il progetto
sismico delle opere di fondazione e sostegno dei terreni” che ricalcano la
normativa sismica europea (Eurocodice 8), basata sul metodo degli stati
limite. Quando, e se, questa norma entrerà pienamente in vigore non
sarà più possibile utilizzare il metodo delle tensioni ammissibili.
44 Capitolo 3

1.2. .Normativa europea


Col procedere dell’unificazione europea si è sentito il bisogno di norme
tecniche che guidassero i progettisti strutturali in maniera unica in tut­
ti i paesi dell'Unione Europea. Sono così nati gli Eurocodici, che stanno
man mano affiancando le normative nazionali, con l'obiettivo di sosti­
tuirle del tutto. Sono pronti, o in fase di completamento, una norma ge­
nerale, che fissa criteri di base, e nove norme relative ai diversi materia­
li o problemi strutturali:
- EN 1990: Basi della progettazione strutturale;
- EN 1991, Eurocodice 1: Azioni sulle strutture;
- EN 1992, Eurocodice 2: Progettazione delle strutture di calcestruzzo;
- EN 1993, Eurocodice 3, Progettazione delle strutture di acciaio;
- EN 1994, Eurocodice 4, Progettazione di strutture miste acciaio-calce-
struzzo;
- EN 1995, Eurocodice 5, Progettazione di strutture in legno;
- EN 1996, Eurocodice 6, Progettazione di strutture in muratura;
- EN 1997, Eurocodice 7, Progettazione geotecnica;
- EN 1998, Eurocodice 8, Progettazione di strutture in zona sismica;
- EN 1999, Eurocodice 9, Progettazione di strutture in alluminio.
Queste norme sono ancora nella fase ENV (norme europee provvisorie)
ma stanno ormai per diventare norme definitive. Esse dovranno venire
recepite dai governi dei singoli stati membri delFUnione Europea, che
nel farlo devono integrarle con documento di applicazione nazionale
(NAD, National Application Document).
In Italia sono state recepite, al momento, solo la parte 1.1 delTEuro-
codice 2 e dell'Eurocodice 3 (Regole generali e regole per gli edifici). Il
D.M. 9/1/96 indica infatti, espressamente, che è possibile utilizzarle e
contiene i relativi NAD come sezióne III della parte I e della parte II.

2. Panoramica delle principali normative.

2.1. Decreto Ministeriale. 9/1/96


Il decreto è stato pubblicato sul supplemento ordinario alla “Gazzetta
Ufficiale” n.29 del 5/2/96. Esso è organizzato nel modo seguente:
Normativa 45

Decreto
contiene le formule di rito di approvazione delle norme tecniche riportate in
allegato;
nell’art.l specifica che è ammesso l’uso del metodo degli stati limite, del me­
todo delle tensioni ammissibili (secondo le indicazioni del D.M. 14/2/92) e
delle -norme europee sperimentali Eurocodice 2, parte 1-1 ed Eurocodice 3,
parte 1-1;
nell’art.2 impone che il progettista adotti in maniera unitaria ed integrale
uno (e uno solo) dei metodi citati.
Parte generale
contiene le considerazioni generali, comuni al cemento armato e all'acciaio;
rinvia al D.M. 14/2/92 per quanto riguarda il metodo delle tensioni ammissi­
bili;
>
fornisce indicazioni sulle combinazioni delle azioni da considerare per le ve­
rifiche agli stati limite ultimi ed agli stati limite di esercizio.
Parte I. Cemento armato normale e precompresso
.. Simbologia
Sezione I. Prescrizioni generali e comuni
fornisce indicazioni su calcestruzzo (par. 2.1), acciaio da cemento armato
normale (par. 2.2) e acciaio da cemento armato precompresso (par. 2.3), non­
ché prescrizioni sul collaudo statico (par. 3)
Sezione II. Calcolo ed esecuzione
fornisce indicazioni sui metodi per il calcolo delle sollecitazioni (par. 4.1),
sulle verifiche allo stato limite ultimo (par. 4.2) e sulle verifiche allo stato
limite di esercizio (par. 4.3);
contiene inoltre regole pratiche di progettazione (par. 5), norme_di esecuzio­
ne (par. 6) e norme complementari relative ai solai (par. 7).
Sezione III. Eurocodice 2
costituisce il Documento di Applicazione Nazionale (o NAD, National Appli­
cation Document) dell’Eurocodice 2 e contiene le prescrizioni sostitutive, in­
tegrative o soppressive da applicare nell'utilizzare tale normativa in Italia.
Parte II. Acciaio
Simbologia
Sezione I. Prescrizioni generali e comuni
fornisce indicazioni sull'acciaio (par. 2.1-2.3), sulle saldature (par. 2.4), su
bulloni e chiodi (par. 2.5-2.7), nonché prescrizioni sul collaudo statico (par. 3)
46 Capitolo 3

Sezione II. Calcolo ed esecuzione


fornisce tra l’altro indicazioni sugli stati limite (par. 4.0), sul materiale base
(par. 4.1), sulle unioni con bulloni e chiodi (par. 4.2-4.4), sulle unioni saldate
(4.5);
contiene inoltre norme di calcolo relative alla verifica di stabilità (par-, 5),
indicazioni sulle prove su strutture e modelli (par. 6) e regole pratiche di
progettazione e di esecuzione (par. 7).
Sezione III. Eurocodice 3
contiene le prescrizioni sostitutive, integrative o soppressive da applicare
nell’utilizzazione decEurocodice 3.
Parte IIL Manufatti prefabbricati prodotti in serie
Parte IV. Costruzioni composte da elementi in metallo diversi dall'acciaio
Parte V. Norme per travi composte "'acciaio-calcestruzzo”
Allegati 1-7
prescrivono i controlli da effettuare sui divèrsi materiali.

2.2. Eurocodice 2
L’Èurocodice 2, parte 1-1, è stato approvato dal Comitato europeo di
normalizzazione (CEN) nel dicembre 1991 come norma europea provvi­
soria (ENV). La traduzione ufficiale italiana è stata pubblicata nel gen­
naio 1993 dall'UNI (ente italiano di unificazione).
Il già citato D.M. 9/1/96 autorizza Fuso di tale norma e fornisce spe­
cifiche prescrizioni integrative, sostitutive e soppressive delle indicazio­
ni contenute neirEurocodice stesso; la parte I, sezione III, del decreto
costituisce il Documento di Applicazione Nazionale (NAD) previsto dal
Comitato europeo di normalizzazione. L’Eurocodice 2 è organizzato nel
seguente modo:

Cap. 1. Introduzione
indica lo scopo dell’Eurocodice e riporta la simbologia.
Cap. 2. Basi del progetto
. riporta i requisiti fondamentali (punto 2.1), le definizioni generali relative a
stati limite, azioni e proprietà dei materiali (punto 2.2), le combinazioni di
carico da usare per verifiche agli stati limite ultimi e agli stati limite di e-
sercizio (punto 2.3), indicazioni sulla schematizzazione della struttura e sui
metodi di analisi (punto 2.5).
Normativa 47

Cap. 3. • Proprietà dei materiali


fornisce indicazioni sul calcestruzzo (punto 3.1), sugli acciai per armature
(punto 3.2), sugli acciai per precompressione (punto 3.3) e sui dispositivi di
precompressione (punto 3.4); Finterò capitolo è sostituito dai punti 2.1, 2.2,
2.3 e 4.3.4.1 del D.M. 9/1/96.
Cap. 4. Progetto delle sezioni e degli elementi
fornisce indicazioni sui requisiti di durabilità (punto 4.1), riporta i dati di
progetto per i materiali (punto 4.2), le prescrizioni da seguire per gli stati
limite ultimi (punto 4.3) e per gli stati limite di esercizio (punto 4.4).
Cap. 5. Prescrizioni costruttive
fornisce tra l’altro indicazioni sulla disposizione delle armature, ancoraggi e
sovrapposizioni (punto 5.2) e sugli elementi strutturali (punto 5.4).
Cap. 6. Esecuzione e qualità delVesecuzione
Cap. 7. Controllo di qualità •
Appendici 1-4
riportano ulteriori disposizioni relative agli effetti della deformazione del cal­
cestruzzo dipendenti dal tempo, all’analisi non lineare, agli stati limite ultimi
indotti da deformazioni strutturali, alla determinazione delle deformazioni.

2.8. Eurocodice 3
UEurocodice 3, parte 1-1, è stato approvato dal Comitato europeo di
normalizzazione (CEN) nell’aprile 1992 come norma europea provvisoria
(ENV). La traduzione ufficiale italiana è stata pubblicata nel giugno
1994 dall'UNI (ente italiano di unificazione).
Il già citato D.M. 9/1/96 autorizza l'uso di tale norma e fornisce spe­
cifiche prescrizioni integrative, sostitutive e soppressive delle indicazio­
ni contenute nell'Eurocodice stesso; la parte II, sezione III, del decreto
costituisce il Documento di Applicazione Nazionale (NAD) previsto dal
Comitato europeo di normalizzazione. l'Eurocodice 3 è organizzato nel
seguente modo:
Cap. 1. Introduzione
indica lo scopo dell'Eurocodice e riporta la simbologia.
Cap. 2. Principi di progettazione
riporta i requisiti fóndamentali (punto 2.1), le definizioni generali relative a
stati limite, azioni e proprietà dei materiali (punto 2.2), le combinazioni di *
carico da usare per verifiche agli stati limite ultimi e agli stati limite di e-
48 Capitolo 3

sercizio (punto 2.3), indicazioni sulla durabilità (punto 2.4) e sulla resistenza
al fuoco (punto 2:5).
Cap. 3. Materiali
fornisce indicazioni sull’acciaio strutturale (punto 3.2) e sugli elementi di
giunzione, come bulloni e chiodi (punto 3.3).
Cap. 4. Stati limite di servizio
fornisce principalmente i valori limite degli spostamenti verticali ed orizzon­
tali.
Cap. 5. Stati limite ultimi
fornisce i valori dei coefficienti parziali γm ed i criteri generali di verifica
(punto 5.1) e indicazioni sui metodi di anàlisi, sulla schematizzazione, sulle
imperfezioni e sui problèmi di stabilità (punto 5.2); riporta una classificazio­
ne delle sezioni trasversali in base alla capacità di deformazione plastica
(punto 5.3); fornisce le prescrizioni da seguire per verificare la resistenza
delle sezioni trasversali (punto 5.4), la resistenza delle membrature
all'instabilità (punto 5.5), la resistenza all'instabilità per taglio (punto 5.6),
la resistenza dell'anima alle forze trasversali (punto 5.7), nonché prescrizio-
ni specifiche per strutture a maglie triangolari (punto 5.8) e membrature
composte (punto 5.9).
Cap. 6. Collegamenti soggetti a carichi statici
fornisce tra l’altro i valori dei coefficienti parziali γm da usare nella verifica
dei collegamenti . (punto 6.1), una classificazione dei collegamenti stessi
(punto 6.4), indicazioni sui collegamenti bullonati (punto 6.5) e saldati (pun­
to 6.6), nonché prescrizioni specifiche per i collegamenti trave-colonna (pun­
to (6.9) e per i giunti di base (punto 6.11).
Cap. 7. Fabbricazione e montaggio.
riporta indicazioni sulle tolleranze nella preparazione dei pezzi e nel mon­
taggio
Cap. 8. Progettazione integrata da prove
Cap. 9. Fatica
Appendici
riportano ulteriori disposizioni, normative o informative, relative a problemi
specifici; nel documento approvato dal CEN sono state inserite solo le ap­
pendici B, C, E, F, J, K, L, M, Y.
Si tenga presente che le indicazioni qui riportate si riferiscono alla
versione ENV. Sono attualmente pronte per entrambi gli Eurocodici le
versioni EN, da sottoporre al voto dei membri dell’Unione Europea.
Normativa 49

3. Azioni e loro valore di calcolo

Le problematiche fondamentali relative alle azioni vengono prese in e-


same nella parte generale del D.M. 9/1/96 e, in maniera un po’ più det­
tagliata, nei punti 2.2.2 e 2.3 degli Eurocodici 2 e 3. L’entità delle azioni
(carichi variabili, neve, vento, variazioni termiche) è definita nel D.M.
16/1/96: Norme tecniche relative ai “criteri generali per la verifica di si­
curezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”. La norma euro­
pea corrispondente a quest’ultimo è l’Eurocodice 1, non ancora utilizza­
bile in Italia.

3.1. Classificazione delle azioni


Le azioni vengono distinte principalmente secondo la loro vàriazione nel
tempo. Si ha:
- azioni permanenti G peso proprio, carichi fissi
- azioni variabili Q carichi variabili di esercizio, carichi di
vento o di neve
- azioni eccezionali A esplosioni, urto di veicoli
- precompressione P
Quest’ultima è in realtà un’azione permanente, ma viene trattata sepa­
ratamente per ragioni pratiche.
Le azioni possono però essere distinte anche in base alla loro varia­
zione nello spazio. Si ha:
- azioni fisse se sono applicate in una posizione ben definita (per
esempio il peso proprio)
- azioni libere se possono essere applicate in posti diversi, dando
luogo a diverse disposizioni di carico (carichi mobili)
Si indica col pedice k il valore caratteristico delle azioni (Gk Qk Ak
Pk ) che viene definito in genere dalle norme e coincide col valore utiliz­
zato nel metodo delle tensioni ammissibili. Per le azioni variabili, oltre
, al valore caratteristico si considerano altri valori, corrispondenti ad una
probabilità di superamento via via maggióre:
- valore di combinazione
- valore frequente
- valore quasi permanente
50 Capitolo 3

I coefficientiψ sono definiti dalle norme; il D.M. 9/1/96 prescrive:

3.2. Valori di calcolo per verifiche agli stati limite ultimi


Il valore di calcolo del carico è ottenuto amplificando il valore caratteri­
stico mediante il coefficiente yp . In presenza di più carichi variabili in­
dipendenti occorre sceglierne uno come principale e ridurre gli altri
prendendone il valore di combinazione; questa scelta sarà ovviamente
fatta in modo da massimizzare le caratteristiche di sollecitazione ed in
caso di incertezza occorrerà provare le diverse alternative. In maniera
simbolica il valore di calcolo del carico è fornito dall’espressione

Gli Eurocodici 2 e 3 (punto 2.2.2.z) precisano che per le azioni per­


manenti occorre definire normalmente un unico valore caratteristico; in
particolare, il peso proprio di un elemento può essere valutato in base
N

alle sue dimensioni nominali ed al peso specifico medio del materiale. E


necessario definire due valori caratteristici distinti, uno superiore Gk,sup
ed uno inferiore Gk,inf, solo nel caso di azioni permanenti caratterizzate
da un valore elevato del coefficiente di variazione o che sono suscettibili
di variazione durante la vita della struttura (per esempio alcuni càrichi
permanenti addizionali).
I valori di calcolo .superiore ed inferiore delle azioni permanenti so­
no ottenuti mediante il valore massimo e minimo del coefficiente yg
(punto 2.2.2.4). E' necessario considerare indipendenti la parte favorevo-
Normativa 51

le e quella sfavorevole delle azioni permanenti, utilizzando quindi valori


di calcolo differenti, solo quando ciò è veramente rilevante, in particola­
re nel caso di verifiche di equilibrio statico (punto 2.3.2.3). In tutti gli al­
tri casi, in particolare per travi continue e telai, si deve applicare uno
stesso valore di calcolo delle azioni permanenti per tutte le parti della
struttura (quello che risulta più gravoso).
Si noti che alcuni autorevoli personaggi suggeriscono di differenzia­
re sempre i carichi permanenti superiore ed inferiore, per massimizzare
le caratteristiche di sollecitazione. Personalmente, ritengo estremamen­
te improbabile dal punto di vista statistico una tale variazione, almeno
nei casi quotidiani. Àd esempio, la soletta di un solaio può avere uno
spessore diverso dal previsto (in più o in meno), ma è difficile riscon­
trarne sensibili variazioni tra una campata e l'altra di uno stesso solaio.
Pertanto io seguo le indicazioni del punto 2.3.2.3.(2) e, ad esempio, in
una trave continua moltiplico il peso proprio ed i carichi fissi per 1.4 in
tutte le campate, anche quando metto i carichi variabili solo in alcune
campate per massimizzare i momenti positivi o negativi.

3.3. Calori di calcolo per verifiche agli stati limite di esercizio


Nelle verifiche agli stati limite di esercizio si possono definire tre com­
binazioni di carico:
- combinazione rara

- combinazione frequente

- combinazione quasi permanente

Si utilizzerà l’una o l’altra di queste combinazioni in funzione del tipo di


verifica da effettuare e delle indicazioni della normativa.
Quando vi è un solo carico variabile, il valore di calcolo del carico è
definito in maniera univoca. Invece quando vi sono più carichi variabili
indipendenti occorre scegliere come carico variabile principale quello
che genera le massime caratteristiche di sollecitazione; non sempre è
immediato capire quale sia la situazione più gravosa e in caso di incer­
tezza è necessario provare tra più alternative.
52 Capitolo 3

Esempio 1. Dato un solaio a due campate,,di.luce 5.50 m e 4.50 m, avente peso


proprio gik—2.5 kN/m2, altri carichi permanenti g2k=2.3 kN/m2, carichi variabi­
li (per abitazione) qk-2.0 kN/m2, si determini il valore del massimo momento
flettente negativo da usare nel metodo delle-tensioni ammissìbili ed i valori da
usare nel metodo degli stati limite; per verifiche allo stato limite ultimo ed agli
stati limite di esercizio.
Il massimo momento negativo all’appoggio centrale si ottiene applicando il ca­
rico massimo in entrambe le campate. Se si opera col metodo delle tensioni
ammissibili si ha (fig. 1)
q = 2.5 + 2.3 + 2.0 = 6.8 kN/m2
e risolvendo lo schema di trave continua si ottiene neirappoggio centrale
M = -21.9kNm
Per una verifica allo stato limite ultimo occorre incrementare, i carichi perma­
nenti mediante il coefficiente yg —1.4 ed i carichi variabili mediante il coefficien­
te yq= 1.5; Si ha quindi
q ± 1.4 x (2.5 + 2.3) +1.5 x 2.0 = 9.72 kN/m2 M --31.3 kNm
Il massimo momento negativo (ottenuto con analisi lineare) è quindi quasi il
45% in più rispetto al valore ottenuto per le tensioni ammissibili.
Per quanto riguarda gli stati limite di esercizio, per la combinazione rara
si usano i valori caratteristici del carico, quindi gli stessi delle tensioni ammis­
sibili. Per la combinazione frequente e quella quasi permanente occorre invece
ridurre il carico variabile, rispettivamente mediante il coefficiente ψ1 = 0.5 e
ψ2 = 0.2, ottenendo così per la combinazione frequente
q = 2.5 + 2.3 + 0.5 x 2.0 = 5.8 kN/m2 M = -18.7 kNm
e per quella quasi permanente
q = 2.5 + 2.3 + 0.2 x 2.0 = 5.2 kN/m2 M = -16.7 kNm

Fig. 1 - schema geometrico e carichi del solaio


Normativa 53

Fig. 2 - carichi del solaio che rendono massimo il momento in campata

Esempio 2. Con riferimento al solaio dell’esempio precedente, si determini il


valore del massimo momento flettente positivo nella prima campata da usare
nel metodo delle tensioni ammissibili ed i valori da usare nel metodo degli stati
limite, per verifiche allo stato limite ultimo ed agli stati limite di esercizio.
Il massimo momento positivo nella prima campata si ottiene applicando in essa
il carico massimo e nell’altra il carico minimo, cioè peso proprio ed altri carichi
permanenti. Se si opera col metodo delle tensioni ammissibili si ha (fig. 2)
qx = 6.8 kN/m2 q2 =2.5+ 2.3 = 4.8kN/m2
e risolvendo lo schema di trave continua si ottiene come massimo momento po­
sitivo nella prima campata il valore
M —16.8 KNm
Per una verifica allo stato limite ultimo, il carico massimo nella prima campata
è ottenuto incrementando i carichi permanenti e variabili mediante i coefficien­
ti yg e 7g. Nella seconda campata occorre invece considerare i soli carichi per­
manenti, incrementati di yg. Si ha quindi
q{ = 9.72 kN/m2 <?2 = 1.4 x (2.5+ 2.3) = 6.72 kN/m 2
Si noti che l'incremento y§ è stato applicato ad entrambe le campate, conforme­
mente alle indicazioni del punto 2.3.2.3.(2) delTEurocodice 2. Si ottiene il mo­
mento
M = 24.1 kNm
che anche in questo caso è quasi il 45% in più rispetto al valore ottenuto per le
tensioni ammissibili.
Per quanto riguarda gli stati limite di esercizio, i valori per la combinazio­
ne rara coincidono ancora con quelli delle tensioni ammissibili. Per la combina­
zione frequente e quella quasi permanente, utilizzando i coefficienti \j/i - 0.5 e
xj/2 = 0.2 si ottiene rispettivamente
q{ =5.8 kN/m2 ‘ q2 =4.8 kN/m2 M~ 14.0 kNm
q , =5.2 kN/m2 q 2 = 4.8 kN/m2 M = 12.4 kNm
54 Capitolo 3

Esempio 3. Si consideri lo stesso sehema di solaio degli esempi precedenti, con


gik=2.5 kN/m2, g2k-2.3 kN-Zm2,destinato a copertura non praticabile e quindi
con carico variabile qik~0S-kN/m2 e carico da neve q2k=1.2 kN/m2. Utilizzando
le regole generali di combinazione dei carichi previste dagli Eurocodici, si de­
termini il valore del massimo momento flettente negativo da usare per verifiche
allo stato limite ultimo ed agli stati limite di esercizio.
In realtà il D.M. 16/1/96, relativo ai carichi, indica espressamente di non cumu­
lare il carico da neve con gli altri carichi variabili. In questo esempio lo si fa per
mostrare il criterio generale di combinazione di più carichi variabili.
Poiché i due carichi variabili sono analoghi (entrambi carichi distribuiti) è
immediato individuare quale è il più gravoso, da assumere come carico princi­
pale. Si noti però che la scelta può essere diversa a seconda della combinazione
che si considera, perché deve tener conto dei coefficienti vj/x e \|/2, che dipendono
dal tipo di carico.
Verifiche allo stato limite ultimo
E maggiore il carico da neve. Si ha quindi
q = 1.4 x (2.5 + 2.3) +1.5 x (1.2 + 0.7 x 0.5) = 9.05 kN/m2 M = -29.1 kNm
Verifiche allo stato limite di esercizio, combinazione rara
È maggiore il carico da neve. Si ha quindi
q = 2.5 + 2.3 +1.2 + 0.5 x 0.7 = 6.35 kN/m2 M = -20.4 kNm
Verifiche allo stato limite di esercizio, combinazione frequente
Usando per il primo carico variabile i valori di previsti per abitazione, si ha
ψ1 q1k = 0.5x0.5 = 0.25 kN/m2 ψ2 qlk = 0.2 x 0.5 = 0.10 kN/m2
ψ1 q2k = 0.2x1.2 = 0.24 kN/m2 ψ2 q2k = 0.0 x 1.2 = 0.00 kN/m2
Occorre accoppiare un carico con ψ1 e l’altro con ψ2. E più gravoso, anche se di
poco, considerare come principale il carico da neve. Si ha quindi
q = 2.5 + 2.3 + 0.24+ 0.7 x 0.10 = 5.11 kN/m2 M = -16.4 kNm
Verifiche allo stato limite di esercizio, combinazione quasi permanente
In questo caso entrambi i carichi variabili vanno moltiplicati per \|/2. Si ha
quindi
q = 2.5 + 2.3 + 0.10 + 0 = 4.9 kN/m2 M = -15.8 kNm

Esempio 4. Si consideri una trave ad unica campata, che funge da copertura di


un capannone e sostiene anche un carico sospeso. Su di essa agiscono un carico
permanente gik e tre carichi variabili indipendenti, due uniformemente distri­
buiti, qik e q2k, ed uno concentrato, Q3k. I valori dei carichi e dei coefficienti ψ
Normativa 55

sono indicati in figura 3. Si determini il valore del massimo momento flettente


positivo da usare per verifiche allo stato limite ultimo ed agli stati limite di e-
sercizio.
Negli esempi precedenti la scelta del carico-variabile principale è stata imme­
diata, o addirittura non necessaria perché ne agiva uno solo. Il caso in esame è
particolarmente complesso, perché il momento prodotto dai carichi distribuiti è
calcolato con espressioni diverse da quelle utilizzate per il carico concentrato. E
quindi opportuno prendere di volta in volta uno dei tre carichi variabili come
carico principale.
Verifiche allo stato limite ultimo
Se si considera come carico principale il secondo (dello stesso tipo, ma maggiore
del primo) si ha

Il primo valore ottenuto è il più gravoso e verrà utilizzato per la verifica della
struttura.
Verifiche allo stato limite di esercizio, combinazione rara
Se si considera come carico principale il secondo si ha

Fig. 3 - schema geometrico e carichi della trave di copertura


56 Capitolo 3

Se si considera-come carico principale il terzo si ha


q = 4.0 + 0.7 x 1.6 + 0.7 x 1.0 = 5.82 kN/m
F = 11 kN M - 204.9 kNm
Anche in questo caso è più gravoso il primo valore.
Verifiche allo stato limite di esercizio, combinazione frequente
Tenendo conto dei valori di ψ indicati, si ha
ψ1 q1k = 0.5 x 1.0 = 0.5 kN/m ψ2 qìk = 0.2 x 1.0 = 0.2 kN/m
ψ1 q2k = 0.2x 1.6 = 0.32 kN/m ψ2 q2k = 0.0x 1.6 = 0.0 kN/m
ψ1 Q3k = 0.6x11 = 6.6kN ψ2 Q3k =0.3x11 = 3.3kN
Confrontando i due carichi permanenti, si vede che è più gravoso, anche se di
poco, considerare come principale il secondo, perché ψ2 qik + ψ1 q2k è maggiore
di ψ1 q1k + ψ2 q2k. Si ha così
q = 4.0 + 0.2 + 0.32 = 4.52 kN/m
F = 3.3kN M = 139.5 kNm
Se si considera come carico principale il terzo si ha invece
q = 4.0 + 0.2 + 0 = 4.2 kN/m
F = 6.6 kN M = 142.9 kNm
In questo caso è più gravoso il secondo valore ed è quindi il carico sospeso a do­
ver essere considerato come carico principale.
Verifiche allo stato limite di esercizio, combinazione quasi permanente
In questo caso tutti i carichi variabili vanno moltiplicati per \j/2. Si ha quindi
q = 4.0 +0.2+ 0 = 4.2 kN/m
F = 3.3 kN M = 130.5 kNm

Esempio 5. Si consideri il portale (telaio ad un piano ed una campata) mostra­


to in figura 4. Sulla trave agisce un carico permanente gk = 30 kN/m ed un ca­
rico variabile qu — 12 kN/m. Sul traverso agisce inoltre una forza orizzontale
dovuta al vento Fk - 18 kN, che può essere diretta verso destra o verso sinistra.
Si valuti il massimo momento flettente da usare per verifiche allo stato limite
ultimo nelle sezioni più significative del telaio.
In questo caso, ancor più che nell'esempio precedente, non è possibile indivi­
duare a priori il carico principale perché i due carichi variabili gk ed Fk provo­
cano momenti flettenti con andamento molto diverso. Sezione per sezione, può
essere più gravoso, e quindi da considerare principale, l’uno o l’altro dei carichi
variabili. Si può procedere in più modi diversi, equivalenti ai fini del risultato.
Quello che io preferisco è risolvere lo schema separatamente per i singoli cari-
Normativa 57

Fig. 4 - schema, diagramma e valori (kNm) del momento flettente nel portale

chi (gd, qd, Fd) e poi, sezione per sezione, sommarne gli effetti, applicandoci co-
efficiente ψo e scegliendo il segno di Fd in modo da massimizzare il risultato.
Una alternativa molto usata consiste nel risolvere lo schema per più combina­
zioni di carico, considerando tutte le possibili combinazioni nell'applicazione di
\|/o e nella scelta del segno di Fd, e poi, sezione per sezione, individuare quale dà
l’effetto maggiore. Il numero di combinazioni può però diventare veramente al­
to; nell’esempio, bisogna considerare gd + qd + 0.7 Fd, gd + qd- 0.7 Fd, gd + 0.7 qd +
Fd, gd + 0.7 qd - Fd, ma anche gd + qd, gd + Fd, gd - Fd, gd, per tener conto della
possibile assenza di un carico, variabile o di entrambi.
Seguendo la prima via, si è risolto lo schema soggetto a tre condizioni di
carico: un carico distribuito gd - 42 kN/m, un carico distribuito qd = 18 kN/m,
una forza concentrata Fd = 27 kN (fig. 4). Le sezioni più significative, che si
prendono in considerazione, sono l'estremo della trave (cha ha lo stesso momen­
to della testa del pilastro), la mezzeria della campata della trave, il piede del
pilastro. I valori ottenuti con le tre condizioni di carico sono riportati in tabella 1.
In ciascuna sezione il momento flettente complessivo prodotto dai carichi
potrebbe essere sia positivo che negativo. Occorre esaminare separatamente
entrambe le possibilità e si può procedere come segue.
- si valuta il massimo contributo che possono dare, separatamente, i carichi
variabili al momento col segno che si sta considerando; ad esempio, all’estre-
58 Capitolo 3

Tab. 1 - momenti flettenti nelle sezioni più significative


Cai.colo di M+ Cai colo di M-
sezione gd qd Fd qd Fd M+ Qd Fd M-
estremo trave -42.9 -18.4 17.9 0.0 17.9 -25.0 -18.4 -17.9 -73.9
campata trave 63.4 27.2 0.0 27.2 0.0 90.5 0.0 0.0 63.4
piede pilastro 21.5 9.2 -22.6 9.2 22.6 50.5 0.0 -22.6 -1.1

mo della trave il carico qa non contribuisce al momento positivo (perché è


negativo), mentre Fd può dare un contributo di 17.9 kNm; entrambi i cariehi
possono invece contribuire al momento negativo (rispettivamente con —18.4
e -17.9 kNm);
si confrontano i contributi per individuare quale è il maggiore; questo si
prende interamente mentre l’altro si riduce di ψo; ad esempio, all’estremo
della trave vi è solo un contributo per il momento positivo (17.9 kNm) che
viene considerato senza riduzioni; per il momento negativo, è maggiore il
contributo di qd (—18.4 kNm), quindi l’altro (—17.9 kNm) viene moltiplicato
per 0.7.
Si ha così:
estremo trave
momento positivo (minimo negativo) M = -42.9 +17.9 = -25.0 kNm
momento negativo M = -42.9 - 18.4 - 0.7 x 17.9 = -13.9 kNm
campata trave
momento positivo M = 63.4 + 27.2 = 90.5 kNm
momento negativo (minimo positivo) M = 63.4 kNm
piede pilastro
momento positivo M = 21.5 + 22.6 + 0.7 x 9.2 = 50.5 kNm
momento negativo M = 21.5 - 22.6 = -1.1 kNm
Capitolo 4
BREVE STORIA DEL CALCESTRUZZO (ARMATO)
Dal Pantheon alle travi di ghisa armata: Vinvenzione di un materiale

Antonio Perretti

Ogni materiale nuovo provoca, al suo apparire, una forte opposi­


zione da parte degli spiriti imbevuti di classicismo, inclini ad at­
tribuire valore esclusivo alle forme ancestrali. Il calcestruzzo non
sfuggì a tale regola [...] sono ancora al mondo coloro a cui fu in-'
segnato nelle scuole che era dolce pazzia pretendere di sostituire ■
la nobile pietra con un ripugnante miscuglio chimico, prodotto
malsano e meccanico di un’epoca artificiosa, pronta ad adorare
qualsiasi succedaneo.

E. Torroja, Hazon y ser de los tipos estructurales, Ed. 1957

1. La preistoria del calcestruzzo

Il calcestruzzo era impiegato dai romani già dal secondo secolo a.C., ma
del suo uso consapevole non v’è datazione certa. Potremmo affermare
che, al pari di altri elementi o materiali dell’edilizia, i romani probabil­
mente sfruttarono un’idea già diffusa portando al massimo splendore il
suo impiego. Il calcestruzzo, quello romano, è un prodotto evoluto, per­
ché il suo uso avviene quando, dal punto di vista concettuale, era già
avvenuto il passaggio dal semplice legante aereo (la calce spenta) al
composto a più componenti miscelati in proporzioni ben definite.
Dalla chimica sono noti i processi che stanno alla base delle tra­
sformazioni che subiscono i carbonati con l’alta temperatura ed i succes-
60 Capitolo 4

sivi processi di idratazione al contatto con l’acqua, tutti fenomeni cer­


tamente osservati casualmente e sfruttati nel tempo dall'uomo. Infatti,
cosa c’è di più casuale delle trasformazioni subite dalle rocce (calcaree)
disposte intorno al fuoco e degli effetti provocati sulle rocce cotte, ad e-
sempio dalla pioggia. In termini chimici, con la cottura il carbonato di
calcio libera, come gas, l’anidride carbonica; resta l’ossido di calcio che a
contatto con l’acqua diviene idrossido di calcio o calce spenta. Questa, a
sua volta, dopo l’impasto reagirà nuovamente con l’anidride carbonica
atmosferica. Anche l’origine del termine calce è significativa, probabile
mente deriva dal greco chàlikos che indica il ciottolo.
Per tali fatti, potremmo dire spontanei, l’inizio dello sfruttamento di
un processo fisico ha sempre generato dubbi sulla datazione.
I primi esempi dell’impiego della malta di calce risalgono ad oltre
dodicimila anni a.C. nell’oriente europeo, in Turchia, dove ad oggi sono
stati trovati i più antichi reperti di costruzioni in muratura con calce
come legante. L’impiego di malta di calce, come legante aereo, con l’ag­
giunta di sabbia o altri inerti è proseguito quasi senza modifiche per ol­
tre diecimila anni. Lo testimoniano reperti archeologici trovati in Egitto,
in Palestina, a Troia ed in tutta l’area orientale del Mediterraneo. Fat­
tore accomunante i reperti è la destinazione d’uso; per diversi millenni
la costruzione di murature con malta di calce è stata destinata preva­
lentemente agli edifici pubblici o di culto.
Andando alla ricerca dei fatti più significativi che riguardano l’evo­
luzione della composizione del moderno calcestruzzo, dobbiamo fare un
salto di altri millenni per giungere alle prime tracce di legante idraulico.
I reperti sono attribuiti ai Fenici che intorno all’anno 1000 a.C. scopri­
rono che la malta di calce prodotta nei millenni precedenti, se confezio­
nata con pietra vulcanica, acquisiva la capacità di resistere all’acqua.
Anche questa scoperta è avvenuta casualmente in quanto i Fenici utiliz­
zavano la sabbia dell’isola di Santorini, isola di origine vulcanica a sud
di Atene. Per tale ragione la sabbia non era chimicamente inerte, ma
era affine alla pozzolana che qualche secolo dopo i romani cominceranno
ad utilizzare per le loro costruzioni.
Questa tecnologia molto semplice ebbe una applicazione in tutti i
paesi del Mediterraneo dove fu impiegata per tutte le opere idrauliche,
Breve storia del calcestruzzo (armato) 61

cisterne e canali, nei cui ruderi ne sono ancora visibili e resistenti le


\
tracce. E dunque intorno all’anno mille a.C. che si diffonde tra le popo­
lazioni del mediterraneo la coscienza che la malta di calce additivata
con altri materiali (sabbia vulcanica, polvere di marmo, argilla ed altro)
acquisiva caratteristiche meccaniche molto più rilevanti del semplice
ossido di calcio cotto a legna.
Questo avveniva nel vecchio continente, e fino alle grandi costruzio­
ni dell’impero Romano non accade più nulla di rilievo. Qualcosa però
stava accadendo anche nell’estremo oriente. Un altro modo, meno noto,
di impiegare la calce avveniva nel trecento a.C. in Cina, dove, in nuce, è
stata usata in ambito geotecnico: una sorta di jet grounding, cioè quella
tecnica moderna utilizzata per migliorare le caratteristiche meccaniche
dei terreni sciolti, attraverso l’apporto di legante e mescolamento del
terreno che funge da scheletro solido. Nella costruzione della muraglia
cinese, in alcune zone dove le caratteristiche del terreno erano partico­
larmente scadenti, prima di realizzare le fondazioni fu infatti mescolata
della calce agli strati superficiali del terreno per migliorarne le caratte­
ristiche medie e quindi per aumentare il carico limite complessivo.

2. La muratura romana: l'opus caementieium

Si è detto che le caratteristiche idrauliche conferite al calcestruzzo dalla


sabbia vulcanica èrano note da tempo. Durante l’impero romano il ma­
teriale a grana grossa era prevalentemente estratto presso la città di
Pozzuoli, da cui ha assunto il nome la pozzolana, materiale piroclastico
alterato, che ha fatto la fortuna di questa città, ma allo stesso modo nel
tempo forse è stato il principale limite per l’uso dell'opus caementieium
nei secoli successivi alla caduta dell’impero.
All’inizio dell’era romana il calcestruzzo si impiegava solo per ele­
menti poco sollecitati, ovvero prevalentemente per le fondazioni degli
edifici pubblici o per il culto. Quando, col tempo, se ne apprezzarono le
caratteristiche di resistenza, divenne il materiale col quale si riempiva
la parte interna dei muri, dopo aver costruito i paramenti esterni con
mattoni o pietra da taglio, marmo o travertino, nelle tante varianti di
opus.
62 Capitolo 4

Fig. 1 - Pompei: muratura romana - l’opus caementicium

Alla fine del terzo secolo a.C. comincia a diffondersi questa tipologia
di muratura, definita opus caementicium (fig. 1); dunque il calcestruzzo
non è usato per la realizzazione di un materiale lapideo artificiale, ma
nasce come parte di nuova muratura, definibile a sacco, ma con il nucleo
interno di materiale molto resistente. Col termine muratura a sacco si
indica, più in generale, una muratura nella quale la parte interna è co­
stituita da materiale poco coerente, caotico, di forma e pezzatura non
organizzata, poco legata, di resistenza complessiva molto variabile da
punto a punto.
Si precisa che, dal punto di vista tecnologico, la parte solida era co­
stituita da frammenti di roccia di sfrido della lavorazione delle pietre da
taglio e da scarti di laterizio. Il vero impasto avveniva dopo la posa in
opera in quanto gli strati entravano in intimo contatto grazie al costi­
pamento manuale eseguito per strati. Questa operazione certamente na­
ta per eliminare o ridurre i vuoti tra i blocchi, era essenziale all’innesco
delle reazioni chimiche tra i diversi componenti, reazioni che, nel tempo,
portavano la miscela ad avere resistenze ultime simili a quelle dei mo­
derni calcestruzzi cementizi. La stabilità del complesso dei paramenti e
del calcestruzzo fluido, fino all’indurimento, era assicurata dal sistema
diatonicòn, ovvero di collegamento dei due paramenti murari, che fun­
gevano da casseri a perdere, con elementi lapidei ortogonali. Tale siste­
ma era noto ai greci, anzi probabilmente era di origine greca, laddove
però si adottava per realizzare la muratura a sacco.
Nello spirito di questa breve storia del calcestruzzo, anche le opere
sono esaminate in relazione al contributo dato alla comprensione del
Breve storia del calcestruzzo (armato) 63

Fig. 2 - il Pantheon - prospetto e sezione

materiale e della statica delle strutture. Pertanto tra tante costruzioni


d’epoca romana, emblematico è il Pantheon (fig. 2) che è anche l’opera
meglio conservata dell’Impero.
Nel 27 a.C. il console Marco Agrippa, architetto, genero di Augusto,
costruisce un piccolo tempio quadrato ispirato nella composizione all’ar­
chitettura greca, il Pantheon, in onore di tutti gli dei. L’ingresso è sul la­
to sud, presso le sue terme nel Campo Marzio a Roma, di fronte a un va­
sto complesso che comprende terme, basilica e giardini. Agrippa però fu
molto sfortunato, poiché il suo tempio fu colpito da fulmini e quasi di­
strutto dagli incendi conseguenti. Per questa ragione il Pàntheon diven­
ta famoso per la sua ricostruzione, avvenuta nel periodo 118-125 d.C.
grazie all’imperatore Adriano, anch’egli architettò, che incorpora il por­
tico del tempio di Agrippa e apre un nuovo ingresso a nord in quello che
sostanzialmente è visibile oggi.
Tra tutte le opere progettate, la più famosa di Adriano dal punto di
vista strutturale è l’enorme cupola di oltre 43 metri di diametro (fig. 3),
con un grande foro in sommità, di nove metri di diametro, chiamato ocu-
lus. Al contrario di tante cupole sferiche costruite nei secoli, questa non
ha mai avuto necessità di incatenamenti lungo i paralleli, grazie all’or-
ganizzazione interna della muratura nello spessore della cupola e ad
una geniale intuizione di Adriano. Egli divise la struttura in una serie
, di strati sovrapposti, ognuno di materiale di peso specifico e spessore
decrescente, che diventano più leggeri e sottili in sommità. La base è di
travertino, l’anello superiore di circa 6 metri di spessore, costituito di
travertino e tufo vulcanico; quello successivo è più sottile di tufo e mat­
toni. Segue un anello di soli mattoni, poi mattoni e pietra pomice, e infi-
64 Capitolo 4

Fig 3 - pianta e sezióne della cupola

ne il perimetro dell'oculus contiene vasi di terracotta vuoti su uno strato


di pomice. '
In conclusione, viste le straordinarie intuizioni di Adriano, appare
riduttivo citare il Pantheon solo per l'evoluzione del calcestruzzo. Tutta­
via è necessaria questa citazione in quanto è la prima opera della storia
nella quale l'uso e il confezionamento del conglomerato appare consape­
vole anche nel più piccolo dettaglio. Ad . esempio le cavità presenti su
tutta la superficie interna, oltre alla funzione estetica, incrementando la
superficie specifica, assolvono la funzione di accelerare la presa della
malta aerea che ha necessità di reagire con l'anidride carbonica atmo­
sferica e quindi di maggiore superficie esposta all'aria. Questo processo
non era compreso dal punto di vista chimico, ma da quello fisico risulta­
va loro chiarissimo.
Per concludere il discorso sull'opus caementicium si citano due ope­
re che non hanno necessità di molte descrizioni: il Colosseo e la Torre di
Pisa. Il più grande anfiteatro di Roma (fig. 4) fu fatto erigere da Vespa­
siano nel periodo 69-79 d.C. nella valle compresa tra Palatino Esquilino,
nella zona che era stata la Domus Aurea di Nerone, una conca lacustre.
Volendo esaminare l’opera solo dal punto di vista del contributo all’im­
piego del calcestruzzo, è utile descrivere le fondazioni: un’opera ciclopi­
ca. Esse furono scavate parzialmente nell'argilla per circa sei metri di
profondità e costruite fuori terra per altrettanti metri. Il risultato è una
immensa corona ellittica di diametro massimo di 160 m circa' con fon­
dazione superficiale di sezione trasversale rettangolare di soli 60 m di
Breve storia del calcestruzzo (armato) 65

Fig. 4 - semi pianta del Colosseo

base per 13 m di altezza circa. Le fondazioni sono state realizzate con un


conglomerato denominato caementa, ottenuto da inerti di roccia vulcani­
ca molto dura (tefrite). La struttura fuori terra, non necessita di partico­
lari menzione in quanto è realizzata con tecnologia classica, con blocchi
di travertino e muratura di laterizi pieni, e non presenta nessuna so­
stanziale innovazione rispetto a quanto già descritto in precedenza.
La Torre di Pisa (fig. 5), realizzata con muratura classica, non pre­
senta alcuna innovazione costruttiva, ma si cita per ricordare che per

Fig. 5 - la torre di Pisa


66 Capitolo 4

oltre un millennio la muratura romana non ha subito modifiche tecnolo­


giche o chimiche. Inoltre la torre rappresenta l’edificio col quale di fatto
si conclude il lunghissimo ciclo dell’architettura romana. La costruzione
della Torre, iniziata il 9 agosto dell'anno 1173, si è protratta per oltre
due secoli, durante i quali viene incrementato il numero di piani e si
tenta di correggere l'asse già pendente.
Il declino di un genere architettonico può essere generato da molti
fattori, politici, culturali o tecnologici. La pozzolana che aveva rappre­
sentato l'ingrediente essenziale per confezionare il calcestruzzo, dopo
essere stata impiegato per un millennio, forse anche per l’onere del tra­
sporto, della reperibilità e dello scavo di grandi quantità, fu quasi igno­
rata in Italia fino alla rivoluzione industriale. Quando poi il calcestruzzo
fu riscoperto, i tecnici tentarono innanzitutto di affrancarsi dalla pozzo­
lana impiegando altri prodotti naturali e di migliorarne le proprietà
meccaniche con l’aggiunta di prodotti artificiali, come le scorie di ferro,
ma tutto ciò, e ancora per molto, solo con l’ausilio deli-intuito.

3. La composizione, da Vitruvio al mix design

Il mix design nel nome è una disciplina giovane, nata da qualche decen­
nio, che studia la corretta miscelazione dei componenti del calcestruzzo
per esaltarne alcune caratteristiche, quali resistenza o durabilità; ma
dal punto di vista storico, è antica come il calcestruzzo. Si escluda però
il periodo medioevale nel quale il mix design rasentava la stregoneria,
con l'impiego di latte o vino come additivi.
Il problema, in nuce, nasce nel 200 a.C. da Marco Porcio Catone che
indica le proporzioni ottimali per confezionare la malta aerea, una parte
di calce spenta e due di sabbia. Solo due secoli più tardi, l’onnipresente
Vitruvio codifica le modalità di confezionamento della malta e del calce-
struzzo con caratteristiche idrauliche. Si potrebbe dire che per la prima
volta si descrive l’importanza deirassortimento granulometrico per l’ot-
tenimento di un calcestruzzo compatto e resistente.
Le conoscenze tecniche avevano diffusione solo grazie alla trattati­
stica e per centinaia d’anni furono le corporazioni di artigiani e i maestri
d’arte a conservare memoria delle regole del costruire. Per questo moti-
Breve storia del calcestruzzo (armato) 67

vo, con la fine dell’impero romano, nell'oscuro medio evo vanno perse
molte regole del costruire romano, e in particolare i vari tipi di opus. Fi­
no alla metà del 1700, i maestri muratori non sapendo ricreare un pro­
dotto paragonabile al calcestruzzo romano, aggiungono di tutto al con­
glomerato, dall'aceto al latte, o del buon vino locale come fecero per le
murature del duomo di Vienna iniziato nel XII secolo, completato par­
zialmente nel 1433, ma ultimato solo nel XVIII.
Dal 1400 al 1700 si riscoprono lentamente le caratteristiche idrauli­
che fornite dalla pietra vulcanica macinata, il cosiddetto trass, e la tec­
nica di pestare i laterizi così come facevano i romani. Solo nel 1755 J.
Smeaton, inglese, produsse il primo legante realmente idraulico utiliz­
zando oltre ai componenti classici anche scorie di ferro compresse. Egli
ottenne, per la ricostruzione del faro di Eddystone (fig. 6), un legante
dalla caratteristiche spiccatamente idrauliche, ma senza riuscire ancora
a dare una spiegazione chimica del fenomeno.
Per la comprensione chimica dei fenomeni si deve attendere fino al
1815, quando per la prima volta, il chimico tedesco J. Friedrich, stu­
diando la composizione di murature storiche, comprese che la cottura ad
alta temperatura dei componenti era alla base del fenomeno della presa.
Nel 1824 nasce il termine Portland grazie ad un maestro d’arte che per
realizzare il suo calcestruzzo impiegò una originale miscela di argilla e

Fig. 6 - il faro di Eddystone


68 Capitolo 4

calcare, in perfetta analogia a quanto facciamo ancora oggi per la pro­


duzione del cemento in polvere. J. Aspdin, suo creatore, lo battezzo Port-
land-Cement dal nome della località inglese da cui aveva prelevato il
materiale inerte per la sua produzione.
Con il perfezionamento del sistema di produzione del cemento con
cottura ad alta temperatura, introdotto da un altro inglese J. Johnson
nel 1844, nasce il cemento moderno, che da questo momento in poi subi­
rà solo perfezionamenti nei quantitativi dei componenti e nella granu­
lometria.

4. Il calcestruzzo nella rivoluzione industriale

La storia del progresso scientifico è ricca di aneddoti sulla casualità di


eventi che poi sono stati posti quali fondamenti di importanti scoperte
per l'umanità. Dalla caduta di frutti che hanno disturbato il riposino
pomeridiano di illustri fisici, alle muffe che si sviluppano in laboratorio
l’elenco è lunghissimo, e tra gli aneddoti se ne potrebbe annoverare an­
che uno per chi si occupa di strutture, quello del giardiniere Joseph Mo-
nier. Intorno al 1850, per evitare che i suoi vasi di malta cementizia si
rompessero miseramente, provvide ad inserire una rete metallica nel
getto di malta cementizia (fig. 7). Questo fatto, citato negli scritti di sto­
ria del cemento armato, non rende giustizia ad altri personaggi coevi e
soprattutto non rende ridea della ventata di modernità che giungeva
sulla cultura scientifica del vecchio continente nella metà dell’ottocento.
Per tale ragione non deve apparire strano se è opinione di chi scrive
che si possano trovare le origini concettuali del cemento armato nella ri­
lettura della storia degli elementi inflessi in ghisa e in generale delle co-

Fig. 7 - J. Monier: vasi e recipienti brevettati


Breve storia del calcestruzzo (armato) 69

struzioni metalliche. In particolare ci si riferisce alle vicende degli inge­


gneri inglesi ottocenteschi, eccezionali progettisti di costruzioni metalli­
che; personaggi che incarnavano l’essenza dell’ingegnere che, pur in as­
senza di supporto teorico, con l’aiuto dell’intuito e della sperimentazio­
ne, stava fondando le basi della moderna ingegneria strutturale. Perso­
naggi che con orgoglio ed ironia, nei confronti dei colleghi “teorici” fran­
cesi, amavano definirsi the practical men.
Nell’ambiente scientifico della rivoluzione industriale non ancora
globalizzato, le nuove idee erano divulgate essenzialmente in Germania,
Inghilterra, Francia e Italia. In un'area così ristretta, le idee sviluppate
dagli ingegneri inglesi per la comprensione del funzionamento degli e-
lementi strutturali inflessi in ghisa, probabilmente sono state impiegate
dai tecnici che per primi cercavano di interpretare il comportamento del
calcestruzzo. L'antico materiale eteroresistente era stato riscoperto e
reinventato grazie all'introduzione delle armature metalliche.
Nelle prime esperienze col calcestruzzo armato è possibile indivi­
duare due strade, una prettamente intuitiva ed un’altra, invece, che
cerca di darsi un supporto teorico anche se non ancora evoluto.
Per tale ragione, non deve sembrare strano se l’incipit della storia
del calcestruzzo armato potrebbe trovare le radici nella storia delle co­
struzioni metalliche. Dalla lettura della storia sorge la domanda se le
idee per il funzionamento del cemento armato normale e precompresso,
siano nate insieme alle o dalle ricerche per la comprensione del funzio­
namento degli elementi strutturali inflessi in ghisa.
Il personaggio che ha avuto meno popolarità dei suoi coevi, ma non
meno importante, è l'inglese P.W. Barlow, che nel 1847 propose, per la
realizzazione di piccoli ponti ferroviari, la prima trave armata della sto­
ria. La trave di figura 8 è realizzata in ghisa, materiale eteroresistente

Fig. 8 - trave di ghisa armata con nastri di acciaio fucinato


70 Capitolo 4

Fig. 9 - Stephenson: travi di ghisa armate e presollecitate (1846)

per eccellenza, con bassa resistenza a trazione, nella quale, per ridurre
od eliminare la fessurazione, Barlow introdusse in due incavi, nell’ala
tesa, delle barre forgiate di ferro dolce. Dunque l’armatura di ferro dolce
compensava la fragilità della ghisa e alterava la modalità di collasso;
con tale accorgimento il momento ultimo della sezione aumentava del
cinquanta per cento circa. Osservando il profilo, notiamo che la posizio-
ne, dimensione e modalità di applicazione dei nastri di acciaio dolce
nell’ala tesa del profilo, le proporzioni tra ala compressa più tozza e
quindi più stabile, sono tutt’altro che casuali o fortuiti. Con questa solu­
zione si ha finalmente la possibilità di impiegare materiali eteroresi-
stenti anche per realizzare travi inflesse di grande luce e non più solo
tozzi pulvini di romana memoria.
Anche il sistema di precompressione è nato negli stessi anni, nel
1845, ad opera di un altro inglese, Stephenson, che realizza travi in ghi­
sa di 30 metri di luce, costruite per conci, nelle quali barre di ferro ad
asse rettilineo o ad andamento trapezio, presollecitate, annullavano le
tensioni di trazione nell’ala inferiore (fig. 9).
Quanto all’impiego di armature metalliche applicate ai materiali
non resistenti a trazione, si tenga presente che nel 1770 Rondelet ebbe
l’idea di armare la muratura con barre metalliche per la costruzione del
Pantheon (fig. 10), ma questa invenzione la possiamo inserire tra quelle

Fig. 10 - Rondelet: muratura armata del Pantheon (1770)


Breve storia del calcestruzzo (armato) 71

dettate solo dall’intuito, poiché si è ben lontani dall’uso consapevole dal­


le armature. Queste ricordano ancora molto le cuciture con grappe me­
talliche dei blocchi lapidei, come facevano anche i romani: forse-non è
molto noto, ma si stima che nel Colosseo siano state impiegate ben 300 t
di ferro dolce per realizzare le grappe che collegano i blocchi di travertino.
Tornando alla rivoluzione industriale, l’ambiente culturale nel qua­
le si sono sviluppate le nuove tecniche costruttive era già maturo; il fat­
tore accomunante è stato il ferro, finalmente disponibile a costo relati­
vamente basso ed in diversi formati, utilizzabile per annullare la fragili­
tà a flessione di qualsiasi materiale eteroresistente e in particolare del
calcestruzzo. Pertanto i vasi di Joseph Monier, di malta cementizia ar­
mata, appaiono riduttivi di un momento culturale unico nella storia
dell’ingegneria; ma soprattutto questo, come altri fatti nati solo dall’e­
sperienza, creerebbero una discontinuità concettuale e temporale nello
sviluppo della teoria e tecnica delle costruzioni che probabilmente non
c’è mai stata.
Prima di essere utilizzato nell'edilizia, il cemento armato fu impie­
gato in settori molto diversi. Il francese J.L. Lambot, avvocato, nel 1848
costruì una barca con una rete metallica ricoperta di malta di cemento,
che presentò all’Esposizione di Parigi del 1855 (fig. 11). Quarant'anni
dopo anche un italiano, C. Gabellini, si cimentò nella costruzioni di pic­
cole imbarcazioni in cemento armato. L’avvocato Lambot non si limitò
alla costruzione di barche; si dedicò infatti alla costruzione degli oggetti
più diversi e singolari, tutti erano accomunati solo dalla presenza del­
l’armatura reticolare, non proporzionata, che doveva assorbire gli sforzi
di trazione rilevati probabilmente dalle fessure individuate su prototipi
non armati.

Fig. 11 - oggetti ideati da J. L. Lambot: barche, serbatoi, lastre


72 Capitolo 4

Fig. 12 - W.B. Wilkinson: solaio armato con funi metalliche

Nel filone empirico si collocano i solai brevettati nel 1854 da un ar­


tigiano inglese W.B. Wilkinson; egli, al fine di realizzare orizzontamenti
resistenti al fuoco, ne propose uno nel quale le armature erano costituite
da funi metalliche, disposte intuitivamente nelle zone tese, secondo le
geometria imposta dalla forza di gravità ai cavi (fig. 12).
Un costruttore edile francese, F. Coignet, nel 1854 brevetta gli ele­
menti costruttivi per la realizzazione di solai in calcestruzzo armato
(fig. 13) e con questi l'anno dopo costruisce la prima abitazione in c.a. di
ben tre piani. A conferma che questi impieghi erano dettati molto dal­
l'intuito, si segnala che Coignet, ispirandosi a costruzioni primitive rea­
lizzate con terra e paglia, propose anche un calcestruzzo battuto che, po­
sto in opera con la consistenza di terra bagnata, si poteva adattare a
tutte le superfici.
Negli anni seguenti, intorno al 1870, J. Monier, giardiniere ma di
grande intuito, brevettò moltissimi dettagli ed elementi costruttivi, tan­
to da creare quasi un genere: in Germania ed Austria il termine mo-

Fig. 13 - elementi strutturali brevettati da F. Coignet


Breve storia del calcestruzzo (armato) 73

Fig. 14 - elementi strutturali brevettati da J. Monier

nierbau era l'equivalente di strutture in c.a. Si cimentò anche nella pro­


gettazione di ponti in c.a., ma con risultati meno brillanti, infatti la di­
sposizione delle armature appare poco efficace (fig. 14).
Tanto nell’acciaio che nel cemento armato, ma di più nel secondo, il
fattore tecnologico ed il nuovo business prevalgono sugli aspetti scienti­
fici, tant’è che esistevano solo prodotti legati al titolare del brevetto
piuttosto che legati agli aspetti statici ancora poco noti, per cui si privi­
legiavano gli aspetti prestazionali.
Dal punto di vista della regolamentazione dell'impiego del calce-
struzzo, la prima nazione ad introdurla è la Germania che nel 1877 e-
mana norme per le costruzioni in calcestruzzo non armato. I primi rego­
lamenti sull'impiego del c.a. verranno pubblicati solo trenta anni dopo,
quando ci saranno i. contributi teorici alla comprensione dei meccanismi
resistenti, fra cui fondamentali quelli di Mörsch.
Nel nuovo continente molto importante fu il contributo di un altro
avvocato, l'americano Hyatt che, intorno al 1875, brevettò molti elemen­
ti strutturali armati con ferri a nastro e tondi ortogonali (fig. 15), affer­
mando, per pubblicizzare i suoi prodotti, che “in calcestruzzo di cemento
armato con ferri a nastro e ferri tondi vengono prodotte lastre, travi e

Fig. 15 - armature, travi e solai brevettati da Hyatt (1875)


74 Capitolo 4

volte, impiegando il ferro solo dalla parte in trazione”. Hyatt sfruttò le


sue invenzioni soprattutto per realizzare travi resistenti al fuoco; al­
l’epoca il problema degli incendi, infatti, era molto sentito sia in Ameri­
ca che in Europa.
Dal punto di vista del cosiddetto mix design, il costruttore Coignet,
nel 1880, migliora decisamente le prestazioni del calcestruzzo; attraver­
so esperienze di laboratorio egli perfeziona vari aspetti, quali il rapporto
ottimale acqua-cemento, la durata della miscelazione dei componenti, la
vibratura del calcestruzzo fluido.
Le esperienze condotte sul campo in Europa e America erano ormai
tali da non dare dubbi sulla resistenza degli elementi in c.a. anche se
mancava ancora quasi del tutto il supporto teorico per il calcolo analitico
degli elementi strutturali. L’approccio fìsico prevaleva anche, in relazio­
ne ai problemi apparentemente secondari come quello della fessurazione
del calcestruzzo. A proposito delle travi di ghisa armate e presollecitate
è stato citato Stephenson, che nel 1846 aveva realizzato un sistema per
ridurre le tensioni di trazione al lembo inferiore di travi isostatiche in­
flesse di ghisa. Vent'anni dopo, lamericano J. Jackson elabora il primo
procedimento di precompressione del calcestruzzo, ma solo al fine di ri­
durre la formazione delle fessure in zona tesa, non comprendendo a pie­
no l’effetto di incremento di portanza delle travi post-sollecitate. Pur­
troppo per Jackson i risultati furono poco soddisfacenti perché ancora
dipendenti da molti fattori, quali: la mancanza di acciaio ad elevato li­
mite elastico, di apparecchi di ancoraggio efficaci e di calcestruzzo con
elevata tensione di rottura.
Il diciannovesimo secolo si conclude con tante scoperte e ricerche:
quella sul rigonfiamento del calcestruzzo immerso in acqua e la varia­
zione di volume conseguente al fenomeno di presa (Schumann, 1900); la
deformazione sotto carichi applicati per lungo tempo (successivamente
compreso e denominato fluage). Nel 1902 M. Koenen pubblica Principi
dei calcoli statici per gli edifici in calcestruzzo e in calcestruzzo armato,
òpera fondamentale in quanto sarà rielaborata da Emil Mörsch che
pubblicherà le basi della teoria del cemento armato (E. Mörsch, Eisenbe-
tonbau, 1902).
Breve storia del calcestruzzo (armato) 75

5. Il calcestruzzo, i nuovi elementi strutturali e le nuove forme

Dal punto di vista costruttivo, il secalo si conclude con un personaggio


molto noto, l'ingegnere francese F. Hennebique, famoso per aver svilup­
pato un sistema costruttivo per sub componenti, nei quali ogni elemento
strutturale è dotato di armatura. (disposta correttamente) con chiaro
funzionamento statico. Dal 1890 Hennebique costruisce strutture con
sistemi modulari (fig. 16), sperimentando anche la prefabbricazione; nel
1896 progetta un casello ferroviario interamente prefabbricato, dando
vita a questa nuova tipologia costruttiva. Purtroppo la genialità di Hen­
nebique è stata limitata dal momento storico in cui ha operato, quando
ancora non era stato compreso completamente il comportamento di tutti
gli elementi strutturali ancora monodimensionali. Infatti la sua opera,

Fig. 16 - Hennebique: solai e sistemi a telaio brevettati, abitazione, il ponte


Risorgimento a Roma (1908).
76 Capitolo 4

al di là del famoso ponte Risorgimento a Roma, è consistita nel perfezio­


namento dei sistemi a telaio, anche se egli li concepì ancora come som­
ma di sistemi a trilite. Questo passaggio attraverso i sistemi monodi-
mensionali era obbligato perché da sempre l’uomo ha impiegato i tron­
chi per le sue costruzioni; dopo il legno, anche l’acciaio è stato utilizzato
con questo approccio, quindi anche il c.a. non poteva sfuggire a questi
aviti modelli mentali.
Il primo a comprendere le nuove potenzialità compositive è Auguste
Perret (1874-1954), definito “poeta del c.a ”, che grazie a strutture inte­
laiate realizza quella che a livello architettonico sarà definita “pianta
libera”, tanto cara a Le Corbusier; finalmente ci si liberava, dal punto di
vista compositivo, dei pesanti ed inamovibili muri portanti e di tutte le
strutture spingenti, volte ed archi. In questa direzione la prima opera,
la più famosa, è la casa di Rue Franklin, del 1903 (fig. 17), nella quale,
con chiara divisione dei ruoli tra elementi di decoro e portanti, Perret
proietta i telai sulla facciata secondo il principio della “sincerità costrut­
tiva”, condivisa successivamente da Mies Van der Rohe e Le Corbusier.
In definitiva l’opera di Perret* collocata architettonicamente nel proto­
razionalismo, ha avuto il merito dì aver acquisito all’architettura la tec­
nica del c.a.
Le Corbusier, il più grande architetto del secolo scorso, che in tutte
le opere ha usato in maniera sapiente tutte le potenzialità strutturali e

Fig. 17 - A. Perret: Parigi, casa in Rue Franklin (1903)


Breve storia del calcestruzzo-(armato) 77

compositive del calcestruzzo (dalla Ville Savoie, 1929, alla Unité d’Habi-
tation, 1953), non a caso aveva frequentato lo studio di A. Perret negli
anni 1908-09. Le Corbusier nel 1914 progetta una interessante casa
modulare Dom-Ino da costruire in serie, con ossatura intelaiata stan­
dardizzata (fig. 18).
Altri segni importanti nella composizione architettonica di Le Cor-
busier sono i pilotis, ed il cosiddetto tetto giardino, consentiti solo dal­
l’uso del cemento armato. A tal proposito diceva: “risolvere un problema
in maniera scientifica significa innanzi tutto distinguere i suoi elementi.
In una costruzione si possono senza dubbio separare le parti portanti e
non. Al posto delle primitive fondamenta, sulle quali poggiavano setti
murari, il cemento armato permette di usare fondamenta puntiformi e al
posto dei muri pilastri. I pilotis sollevano la casa dal suolo, gli spazi
vengono sottratti alVumidità del terreno e hanno luce ed aria. La super­
ficie occupata dalla costruzione rimane al giardino che passa sotto, alla
casa, il giardino è anche sopra la casa, sul tetto
Alla fine del 1800, tutto quanto è compreso sul cemento armato può
essere riassunto dalle parole di Torroja: “nel cemento armato, Inacciaio
conferisce struttura fibrosa alla pietra, mentre il calcestruzzo conferisce
massa all'acciaio". L’affermazione forse appare ovvia, ma la seconda

Fig. 18 - Le Corbusier: Casa Dom-Ino, Ville Savoie, Unite ¿’Habitation


78 Capitolo 4

parte di certo ha richiesto molti anni per la completa teorizzazione ed


applicazione. Ci si riferisce alle strutture bidimensionali sottili, instabili
e difficili o impossibili da realizzare in acciaio. Infatti, solo nel 1939 R.
Maillart realizza la prima membrana in c.a., un guscio a botte alto 12 m
e spesso solo 6 cm, la “Zementhalle” (fig. 19), purtroppo demolita alla fi­
ne della Esposizione Nazionale Svizzera per cui era stata costruita. Fino
a questo momento il cemento armato era stato usato come se si trattas­
se di un materiale tradizionale, come il ferro e il legno, creando struttu­
re fatte di travi e pilastri monodimensionali.
Le caratteristiche peculiari del nuovo materiale furono comprese
grazie alla genialità dell'ingegnere svizzero Robert Maillart (1872-1940),
che non ancora trentenne incontra Hennebique. La sua fantasia, asso­
ciata alle conoscenze teoriche del suo maestro, gli consentirà di creare
nuove forme e soprattutto di abbandonare il sistema monodimensionale
e l'impostazione classica degli archi. Maillart riflette molto sulle carat­
teristiche del nuovo materiale ed in particolare, per primo, sulla “conti­
nuità” del materiale, ovvero sull’intrinseca iperstaticità degli oggetti re­
alizzati in calcestruzzo armato. Egli diceva: “il calcestruzzo non cresce
come il legno, non viene laminato come l’acciaio o messo insieme come la
muratura, è essenzialmente un materiale colato in forme. Per questo suo
aspetto è paragonabile alla ghisa, e forse possiamo proprio apprendere
qualche cosa osservando le forme ottenute con la ghisa nelle quali non
esistono passaggi bruschi fra i vari elementi, ma questi sono fra loro col­
legati in modo progressivo e continuo" Questa è una concezione globale
e non del singolo elemento costruttivo.

Fig. 19 - Maillart: Zementhalle, pilastri a fungo


78 Capitolo 4

parte di certo ha richiesto molti anni per la completa teorizzazione ed


applicazione. Ci si riferisce alle strutture bidimensionali sottili, instabili
e difficili o impossibili da realizzare in acciaio. Infatti, solo nel 1939 R.
Maillart realizza la prima membrana in c.a., un guscio a botte alto 12 m
e spesso solo 6 cm, la “Zementhalle” (fig. 19), purtroppo demolita alla fi­
ne della Esposizione Nazionale Svizzera per cui era stata costruita. Fino
a questo momento il cemento armato era stato usato come se si trattas­
se di un materiale tradizionale, come il ferro e il legno, creando struttu­
re fatte di travi e pilastri monodimensionali.
Le caratteristiche peculiari del nuovo materiale furono comprese
grazie alla genialità dell'ingegnere svizzero Robert Maillart (1872-1940),
che non ancora trentenne incontra Hennebique. La sua fantasia, asso­
ciata alle conoscenze teoriche del suo maestro, gli consentirà di creare
nuove forme e soprattutto di abbandonare il sistema monodimensionale
e l’impostazione classica degli archi. Maillart riflette molto sulle carat­
teristiche del nuovo materiale ed in particolare, per primo, sulla “conti­
nuità” del materiale, ovvero sull’intrinseca iperstaticità degli oggetti re­
alizzati in calcestruzzo armato. Egli diceva: “il calcestruzzo non cresce
come il legno, non viene laminato come l'acciaio o messo insieme come la
muratura, è essenzialmente un materiale colato in forme. Per questo suo
aspetto è paragonabile alla ghisa, e forse possiamo proprio apprendere
qualche cosa osservando le forme ottenute con la ghisa nelle quali non
esistono passaggi bruschi fra i vari elementi, ma questi sono fra loro col­
legati in modo progressivo e continuo}\ Questa è una concezione globale
e non del singolo elemento costruttivo.

Fig. 19 - Maillart: Zementhalle, pilastri a fungo


80 Capitolo 4

fatti Maillart nel 1911 succedette ad E. Mörsch al Politecnico Federale


di Zurigo.
A conclusione di questa troppo breve citazione di Maillart, si segna­
la che la sua genialità, come spesso è accaduto ai grandi, non è stata
compresa, soprattutto dai molti funzionari esaminatori dei suoi progetti
i quali bocciavano o relegavano i suoi ponti in zone secondarie perché a
favore di forme tradizionali dalla sicurezza ancestrale.
Nello spirito di questa storia potremmo dire che nulla di radical­
mente nuovo accadrà dopo Maillart, nel senso che tutti gli strumenti per
la progettazione erano stati ideati. Negli anni successivi ci saranno solo
applicazioni e perfezionamenti di quanto già esistente, in particolare
delle membrane, delle grandi coperture, con varianti legate alla sensibi­
lità ed alla cultura di origine dei progettisti. Occorre citare a questo
punto solo i contributi teorici allo studio delle membrane. Innanzitutto
quello del tedesco Dischinger (allievo di Bitter), che fornì l'approccio a-
nalitico allo studio delle superfici curve e in particolare a quelle di rivo­
luzione; lo studio analitico fu poi esteso alle membrane di forma qual­
siasi col contributo del tedesco Finsterwalder.
Nello spirito di una storia minima della comprensione del calce-
struzzo armato, ci si è soffermati solo sui contributi particolarmente ori­
ginali; infatti, tra i tanti progettisti, si è scelto di citare solo quelli che
hanno sfruttato il “nuovo” materiale per creare nuove forme o nuovo
linguaggio architettonico.
Poche le opere progettate attraverso una personale interpretazione
delle potenzialità delle nuove forme nate grazie all’avvènto del c.a., co­
me quelle di E. Torroja (fig. 21). Egli diede un contributo fondamentale

Fig. 21 - E. Torroja: Ippodromo Zarzuela (1935), Mercato Algericias (1933)


Breve storia del calcestruzzo (armato) 81

Fig. 22 - F. Candela: ristorante Xochimilco (1958)

alla diffusione dei sistemi a guscio, con opere come la tribuna dell’ippo-
dromo La Zarzuela (1935) o la copertura del mercato copertp di Algeri-
cias (1933).
Molto originale l’opera dell’ingegnere spagnolo Felix Candela, che
realizzò coperture con gusci di varia forma, grazie alla sua preparazione
tecnica e grazie al grande intuito; l’opera più nota è il ristorante Xochi-
milco a Mantiales (1958) composto da una successione di paraboloidi i-
perbolici (fig. 22).
Contemporaneamente in Italia si affermava una grande figura,
quella di Pier Luigi Nervi (1891-1979), con un approccio al nuovo mate­
riale e alle nuove forme che potrebbe dirsi rinascimentale. L’approccio
intuitivo-empirico era fondamentale, e infatti dai suoi scritti emerge
come considerasse il supporto matematico quasi un vincolo alla creativi­
tà. Opere molto originali sono le aviorimesse realizzate intorno al 1939 e
il Palazzetto dello Sport di Roma costruito nel 1957 (fig. 23). Di grande
effetto estetico le piastre nervate che Nervi ha realizzato con sistemi
semiprefabbricati, nelle quali le costole armate sono disposte secondo le
direzioni principali di flessione.

Fig. 23 - P.L. Nervi: hangar Orvieto (1937), Palazzetto dello Sport di Roma (1957)
: . ? v.i
82 Capitolo 4

Fig. 24 - E. Freyssinet: ponte di Le Veurdre (1911), hangar Orly (1916)

Vicenda scientifica quasi autonoma è quella di un grande ingegnere


francese, E. Freyssinet (1879-1962). Égli fu tra i creatori di alcune nuo­
ve forme strutturali in architettura agli inizi del novecento, in quanto fu
il primo a usare il cemento armato precompresso, migliorando le presta­
zioni di alcuni elementi strutturali che assunsero, così, dimensioni ina­
spettate e inimmaginabili fino ad allora. La possibilità di applicare la
precompressione si presentò casualmente a Freyssinet nel 1911 in occa­
sione della costruzione del Pont di Le Veurdre (fig. 24), una struttura a
tre campate su archi in calcestruzzo armato di circa una settantina di
metri di luce ciascuna. Alla fine dei lavori le grandi arcate iniziarono a
cedere, evidenziando un probabile errore di progettazione al quale
Freyssinet ovviò inserendo dei martinetti idraulici per indurre uno stato
di coazione e riportare in assetto geometrico le arcate. Tra le sue princi­
pali opere c’è da ricordare anche l’hangar dell'aeroporto di Orly (1916),
dove usò archi e membrane paraboliche di cemento armato.
Con questi personaggi si chiude probabilmente la “stagione della
comprensione del calcestruzzo armato”, durata quasi un secolo. Tutti i
successivi illustri personaggi hanno creato nuovi spazi architettonici*
nuovi segni, reinterpretato oggetti e forme, ma dal punto di vista concet­
tuale più nulla è stato aggiunto, sia per quanto riguarda l’interpretazio­
ne dei meccanismi che le nuove forme strutturali.

6. Calcestruzzi strutturali ad alta resistenza: il futuro (?)

Nemmeno con Tausiliq dei calcestruzzi ad alta resistenza, già impiegati


da un decennio (cori Rck> 100 MPa), si potrà rivivere un momento di
prosperità e di entusiasmo paragonabile a quello vissuto nel trentennio
1900-30 grazie al calcestruzzo armato. A breve si potranno realizzare
Breve storia del calcestruzzo (armato) 83

Fig. 25 - Cesar Pelli: Petronas Twin Towers, Malesia, h = 432 m

strutture più snelle, più efficienti e leggere, si potranno realizzare grat­


tacieli in c.a. piuttosto che in acciaio, come le Petronas Twin Towers
(fig. 25) di Cesar Pelli in Malesia (1997) o addirittura travi senza arma­
tura grazie a calcestruzzi con resistenza maggiore di 200 MPa. Ma un
calcestruzzo più resistente non potrà, da solo, creare nuove emozioni,.
come fu per il primo ponte a membrana irrigidita di Maillart, svuotato,
quasi trasparente rispetto ai ponti romani, o per il primo edificio inte­
laiato di Perret. Oggi che le strade dell’ingegneria e dell'architettura so­
no definitivamente separate e che lo iato segnalato anche da P.L. Nervi
nel 1940 è divenuto incolmabile, l’auspicio è che la moderna ingegneria
dei materiali, quella dei super calcestruzzi e dei metalli a memoria di
forma, incroci la sua strada con quella dei grandi architetti che ne valo­
rizzino le potenzialità creando, magari, un nuovo linguaggio architetto­
nico.
In conclusione, senza un linguaggio architettonico, un grattacielo
rimarrà tale, anche se fatto di calcestruzzo ad alta resistenza. Quindi la
speranza per il futuro è che gli inguaribili strutturisti non si emozionino
mai davanti ad un cubetto di calcestruzzo, anche quando questo rag­
giungerà i 400 MPa.
84 Capitolo 4

Bibliografia

1. Adam J.P., L’arte di costruire presso i romani, Longanesi, Milano, 1990.


2. Benvenuto E., La scienza delle costruzioni e il suo sviluppo storico, Sansoni,
Firenze, 1981.
3. Di Pasquale S., L'arte del costruire, Marsilio, Venezia, 1996.
4. Fink J.K., Storia dell’ingegneria, Sansoni, Firenze, 1962.
5. Giedion S., Spazio, Tempo, Architettura, Hoepli, Milano, 1984.
6. lori I., Principi statici e tecniche costruttive nel loro sviluppo storico, Heve-
lius Ed., Benevento, 2000.
7. Nascè V., La progettazione strutturale e la costruzione metallica dalle origini
al periodo 1850-1860, in Contributi alla Stòria Della Costruzione Metallica,
Alinea Ed., Firenze, 1982.
8. Nervi P.L., Costruire Correttamente, Hoepli, Milano, 1966.
9. Pizzetti G., Zorgno Trisciuglio A.M., Principi statici e forme strutturali, Utet,
Torino, 1980.
10. Sparacio R. La scienza e i tempi del costruire, Utet, Torino, 1999.
ll. Torroja E., La concezione strutturale, Utet, Torino, 1966.

Un vivo ringraziamento al prof. Aurelio Ghersi per avermi dato ospitalità nel
suo nuovo testo ed un grazie agli studenti della Facoltà di Architettura di Sira­
cusa per essere stati costruttivamente cavie delle mie riflessioni. A.P.
Capitolo 5
IL CALCESTRUZZO

1. Aspetti tecnologici

Il calcestruzzo, o conglomerato cementizio (in francese béton, in inglese;


concrete), è costituito da un aggregato, di inerti (sabbia e ghiaia o pietri­
sco) legati da una pasta cementizia costituita da acqua e cemento. La
composizione del calcestruzzo può essere abbastanza varia. Solo a livello
indicativo, si può dire che per ottenere un metro cubo di calcestruzzo di
caratteristiche normali occorrono 0.8 m3 di inerti grossi, 0.4 m3 di inerti
fini, da 3 a 3.6 kN di cemento, da 120 a 180 litri di acqua.
Il comportamento del calcestruzzo è studiato, a livello microscopico,
dalla meccanica della frattura che mette in relazione il comportamento
al crescere del carico e la rottura con i difetti presenti all'interno del ma­
teriale (microfessure dovute al ritiro, pori capillari, vuoti maggiori dovu­
ti a imperfetta costipazione). Per gli scopi applicativi è però più agevole
analizzare il calcestruzzo a livello macroscopico e considerarlo nei mo­
delli di calcolo come un materiale omogeneo^ con projprietà rappresenta­
tive del comportamento medio di un volume sufficientemente grande.
Le caratteristiche meccaniche del calcestruzzo sono determinate da
tutti i suoi componenti: esse variano quindi in funzione della qualità e do­
satura di cemento, della percentuale d’acqua, della qualità degli inerti, del­
la granulometria della miscela, ma dipendono anche dalla stagionatura.
Il cemento è un legante idraulico, costituito essenzialmente da sili­
cati e alluminati di calcio che reagiscono chimicamente con l’acqua (i-
86 Capitolo 5

dratazione). Man mano che la reazione chimica procede, la pasta cemen­


tizia fa presa e si indurisce, fino a prendere una consistenza simile alla
pietra. In condizioni normali di temperatura la presa inizia circa un’ora
dopo il mescolamento di acqua e cemento e si considera terminata quan­
do l’impasto ha consistenza tale da sopportare una certa pressione (in
genere dopo tre o quattro ore). L’idratazione, e quindi l’indurimento,
continuano però per lungo tempo. Le caratteristiche meccaniche cui u-
sualmente si fa riferimento sono convenzionalmente riferite ad una sta-
gionatura di 28 giorni.
Per una completa, idratazione del cemento è teoricamente necessa­
ria una quantità di acqua oari a circa il 20% del cemento, in peso {rap­
porto acqua-cemento - 0.20). In realtà ne occorre una quantità maggio­
re, per consentire all’acqua una mobilità sufficiente a raggiungere tutte
le particelle di cemento e per garantire una adeguata lavorabilità del­
l’impasto. Il rapporto acqua-cemento è quindi in genere compreso tra
0.40 e 0.60. Al crescere di tale rapporto aumenta la fluidità del co amasia
ma si riduce notevolmente là sua resistenza a compressione.
Gli inerti possono essere naturali (materiali di cava, fluviali, di
\

frantoio) oppure artificiali (scorie d’altoforno, ecc.). E opportuno che essi


abbiano buone caratteristiche meccaniche, superiori a quelle della pasta
cementizia; si possono però utilizzare anche materiali con basso peso
specifico, come l’argilla espansa, che consentono di ottenere calcestruzzi
leggeri ma di minore resistenza. Gli inerti devono avere una forma rego­
lare, tondeggiante, ed una superficie pulita, priva di impurità che po­
trebbero ritardare l’idratazione o riuscire in altro modo dannose.
In un calcestruzzo normale la pasta cementizia è l’elemento più de­
bole. Di conseguenza, per ottenere un prodotto compatto e di buona resi-
stenza gli inerti devono essere ben assortiti come dimensioni, in modo
che gli elementi più-piccoli vadano ad occupare lo spazio libero tra gli e-
lementi di dimensione maggiore. Numerosi sono gli studi volti a definire
la granulometria ottimale (diagramma di Füller, ecc.), ma questo testo
non è la sede più adatta per approfondire l’argomento.
Il calcestruzzo viene normalmente prodotto in impianti di betonag­
gio, che consentono un accurato controllo della dosatura dei componenti.
Il trasporto a piè d’opera viene effettuato mediante autobetoniere, che
Il calcestruzzo 87

continuano a rimescolare ed agitare l’impasto fino all'arrivo in cantiere.


Il trasporto è sempre un punto critico e può influire notevolmente sulle
caratteristiche meccaniche del prodotto; uno degli errori più comuni è
l’aggiunta di acqua per mantenerne la fluidità dell’impasto, che causa
una sensibile riduzione della resistenza (per l’aumento del rapporto ac­
qua-cemento).
Il calcestruzzo viene posto in opera in apposite casseforme, nelle
quali sono già disposte le armature. La posa in opera, o getto, viene fatta
a strati successivi e l’impasto viene battuto o vibrato, con appositi vibra­
tori, in modo da occupare completamente lo spazio nelle casseforme,
senza lasciare vuoti. Una eccessiva vibrazione può però portare alla se­
parazione dei componenti: la ghiaia tende a depositarsi sul fondo, men­
tre l’acqua tende ad affiorare, con conseguente peggioramento delle ca­
ratteristiche meccaniche. I giunti di ripresa, cioè le superfici di separa-
zione tra getti effettuati in tempi successivi, non possono essere evitati,
ma devono essere oggetto di particolare cura.
Anche la fase di stagionatura del calcestruzzo è importante ai fini
della resistenza che esso acquista. L’idratazione è una reazione chimica*
che produce calore, in quantità particolarmente elevata nei primi giorni.
Se il calore non viene adeguatamente dissipato, si ha un incremento di
temperatura ed un aumento di volume del calcestruzzo, e quindi una
successiva forte contrazione col raffreddamento, che può produrre serie
lesioni inoltre una prematura essiccazione del calcestruzzo può compor­
tare una perdita di resistenza. E quindi necessario mantenere umide le
superfici esposte del getto, spruzzandole di acqua almeno per i primi tre
giorni. Anche un abbassamento della temperatura ambientale al di sót­
to di 5°C nei primi 7-14 giorni di stagionatura può ridurre la resistenza
finale del prodotto.
Per intervenire sul comportamento del calcestruzzo fresco è possibi­
le utilizzare opportuni additivi: acceleranti, ritardanti, aeranti, plasti-
cizzanti. I primi riducono il tempo di presa e consentono di ottenere una
'maggiore resistenza nella fase iniziale (per limitare i problemi di getto
con tempo freddo o per ridurre i tempi di disarmo delle casseforme). I
secondi, viceversa, vengono usati per aumentare il tempo di presa e di­
minuire la velocità indurimento nelle fasi iniziali (per contrastare l’ef-
88 Capitolo 5

fetto di temperature elevate o per ridurre i problemi dovuti all’essicca­


zione in corrispondenza dei giunti di ripresa). Gli aeranti facilitano-l'in-
corporamento di aria nel calcestruzzo durante l’impasto; si ottiene un
prodotto molto resistente al gelo e ben lavorabile; la maggior quantità-di
vuoti presenti riduce la resistenza, ma questo può essere in parte com­
pensato dalla possibilità di ridurre il rapporto acqua-cemento grazie alla
maggiore lavorabilità dell’impasto. I plasticizzanti aumentano anch’essi
la lavorabilità dell’impasto.

2. Comportamento sotto carichi di breve durata \

2.1. Resistenza a compressione

Prova a compressione
La resistenza a compressione viene determinata applicando una forza di
compressione crescente, fino alla rottura, a provini di forma cubica o ci­
lindrica. La prova può essere condotta per determinare esclusivamente
il valore della resistenza, oppure per tracciare in maniera completa il
legame tra tensione e deformazione (fig. 1). In questo secondo caso è op­
portuno operare a deformazione imposta, applicando spostamenti (non
forze) in modo da seguire il tratto decrescente, in cui all’incremento di
deformazione corrisponde una riduzione della forza applicata (softening).
L'andamento tipico del legame tensione-deformazione è marcata-
mente non lineare. In effetti, esaminando il comportamento a livello mi­
croscopico si possono distinguere tre fasi:

Fig. 1 - legame sperimentale tra tensioni e deformazioni assiali


Il calcestruzzo 89

- fase iniziale, fino ad un carico pari a circa il 40% di quello di rottura;


in questa fase l'incremento di carico non ha una sensibile influenza
sulle microfessure che inevitabilmente esistono nel calcestruzzo; il com­
portamento macroscopico è quindi prossimo a quello elastico lineare:
~ fase successiva, con carico compreso approssimativamente tra il 40%
e l'85% di quello di rottura; in questa fase le microfessure si propaga­
no al crescere del carico, ma la propagazione si arresta giungendo ad
un nuovo assetto stabile; la rigidezza diminuisce man mano che le
fessure si ampliano; il comportamento macroscopico è sempre più
marcatamente non lineare;
- fase finale, dall'85% del carico di rottura in su; in questa fase la pro­
pagazione delle microfessure diventa instabile; esse possono esten­
dersi nel tempo sotto carico costante, portando alla rottura (per que-
sto motivo la resistenza misurata con prove di breve durata è mag-
giore della resistenza che si rileva per carichi di lunga durata).
Quando si raggiunge il carico massimo le fessure diventano evidenti a
livello macroscopico e si ha una rottura fragile del provino; se la prova
avviene con applicazione di spostamento, e non di carico, si nota una ri­
duzione della forza resistente al crescere della deformazione (tratto de­
crescente del diagramma ϭ-ε).
In Italia la resistenza a compressione viene usualmente determina­
ta utilizzando provini di forma cubica, con lato di 16 cm (o 20 cm, nel ca­
so di inerti molto grossi). Si parla in tal caso di resistenza cubica, indica­
ta col simbolo Rc. Nel resto dell’Europa si preferisce usare provini di
forma cilindrica, aventi altezza pari al doppio del diametro (ad esempio
30 cm di altezza, 15 cm di diametro). In questo caso si parla di resisten­
za cilindrica, indicata col simbolo fc. In entrambi i casi le prove sono ef-
fettuate su calcestruzzo con 28 giorni di stagionatura.
A parità di calcestruzzo la resistenza cilindrica minore di quella
cubica. Ciò è dovuto al differente rapporto altezza/larghezza dei provini
e alla inevitabile presenza di attrito tra le facce del provino e i piatti del­
la macchina di prova. La dilatazione trasversale (legata alla compres­
sione) è localmente impedita dall’attrito, che provoca un effetto di con­
tenimento laterale aumentando la resistenza della parte terminale;
questo effetto è rilevante nel provino cubico mentre in quello cilindrico
90 Capitolo 5

(che ha un’altezza almeno doppia rispetto alle dimensioni della-base) la


parte centrale si rompe senza risentire di questo effetto.
Il rapporto tra resistenza cilindrica e cubica è pari a circa 0.80-0.85;
convenzionalmente si utilizza la relazione

Nei calcoli occorre far riferimento al valore caratteristico della resi­


stenza (frattile 5%), indicato col pedice k. Lo scarto quadratico medio
della distribuzione di resistenze dipende dalla qualità del calcestruzzo e
dalle modalità di confezionamento. In situazioni ordinarie si può ritene­
re, orientativamente, che il valore medio sia legato al valore caratteri­

stico dalle relazioni

Prove su strutture esistenti


Uno dei problemi più comuni che può incontrare il professionista è l’in­
tervento su strutture esistenti, per valutarne le caratteristiche statiche
o progettare interventi di ristrutturazione, miglioramento o adeguamen­
to sismico. In questi casi è essenziale, per una qualsiasi valutazione
numerica, una corretta individuazione delle caratteristiche del calce-
struzzo. Le indagini su strutture esistenti sono distinte in distruttive e
non distruttive.
Le prove non distruttive più comuni sono quelle sclerometriche, che
sfruttano la corrispondenza esistente tra il carico di rottura a compres-
sione e la durezza superficiale del conglomerato. Gli apparecchi utilizza­
ti per tali prove sono denominati sclerometri. Il loro funzionamento è
molto semplice: una massa scorrevole viene trascinata da una molla
contro un elemento di acciaio disposto a contatto della superficie in cal­
cestruzzo; in seguito all’urto si ha una ridistribuzione dell’energia cine­
tica iniziale, che in parte è dissipata dalla deformazione plastica della
superficie del calcestruzzo ed in parte è restituita alla massa mobile, che
rimbalza per un tratto proporzionale all’energia restituita, e quindi alla
durezza superficiale. Per una corretta esecuzione delle prove è impor­
tante la preparazione delle superfici da esaminare: l’eventuale intonaco
deve essere rimosso; la superfìcie messa a nudo deve essere livellata per
Il calcestruzzo 91

mezzo della pietra abrasiva in dotazione dello strumento. È inoltre op­


portuno effettuare periodicamente un controllo della taratura dello
strumento, mediante battute su un provino standard, di resistenza nota.
La prova sclerometrica su una singola superficie consiste in genere nel­
l'effettuazione di dodici battute; tra i valori ottenuti si scartalo il più
basso ed il più alto, per limitare gli errori dovuti a battute su zòne poro-
se o, viceversa, su grossi inerti o in prossimità di barre metàlliche; il va­
lore medio delle dieci battute limaste, o una elaborazione più complessa
per eliminare altri valori estremi, fornisce l’indice di rimbalzo dal quale,
con una opportuna scala, si ricava la resistenza nel punto in esame.
Altra indagine non distruttiva è quella ultrasonica. Questa tecnica-
di analisi si fonda sullo studio della propagazione di impulsi di vibrazio­
ne meccanica, onde ultrasoniche longitudinali aventi frequenza variabi­
le tra i 40 ed i 120 kHz, lungo traiettorie all’interno della struttura da
analizzare. La velocità di propagazione dipende dalle caratteristiche del
materiale (elasticità, densità, presenza di vuoti, microfessurazioni, etc.).
Le prove consentono quindi sia di valutare il modulo elastico, e quindi
indirettamente la resistenza, che di individuare la presenza di eventuali
imperfezioni esecutive localizzate.
Indagini sclerometriche ed ultrasoniche possono anche essere ac­
coppiate, in modo da superare i limiti intrinseci nella misura di parame­
tri quali durezza superficiale e velocità ultrasoniche (metodo Sonreb).
Un tipo di prova, a volte denominata semidistruttiva, è quella di
pull-out. Essa consiste nell’effettuare col trapano un foro, per inserire
un tassello standardizzato, e quindi estrarlo, insieme ad un cono di cal­
cestruzzo, per mezzo di un estrattore. La forza di estrazione dei tasselli
è messa in relazione con la resistenza a compressione del calcestruzzo.
Infine, la prova distruttiva per eccellenza è l’estrazione di carote,
cioè di elementi cilindrici, che viene fatta per mezzo di una carotatrice a
rotazione. Il foro prodotto per l’estrazione della carota viene poi richiuso
con malta cementizia a ritiro controllato. Le carote sono sottoposte a
prova di compressione, come un normale provino cilindrico; la loro di­
mensione è però in genere minore rispetto a quella dei provini usati per
calcestruzzi in fase di getto, sia per i limiti della carotatrice che per la
necessità di evitare eccessivo disturbo alla struttura esistente.
92 Capitolo 5

2.2. Resistenza a trazione


La resistenza a trazione è molto minore di quella a compressione. Esi-
stono tre tipi di prove con le quali essa può essere determinata.

Prova a trazione centrata


Consiste nell’applicare una forza di trazione crescente, fino alla rottura,
a provini cilindrici o prismatici (fig. 2) Presenta qualche difficoltà nei
collegare il provino alla macchina, problema risolto in genere incollando
il provino mediante resine epossidiche. Poiché lo stato tensionale nella
sezione è uniforme, la resistenza a trazione fct,ax si ottiene come rapporto
tra la forza che porta a rottura il provino e l'area della sua sezione tra­
sversale.

Prova a trazione indiretta (prova brasiliana o splitting test)


Viene effettuata in maniera analoga alla usuale prova a compressione,
ma il provino, di forma cilindrica, viene disposto coricato nella macchi­
na, in modo da applicare una compressione lungo due generatrici dia­
metralmente opposte (fìg. 3). Si genera in questo modo uno stato tensio­
nale di trazione in gran parte del piano diametrale contenente il carico.
La resistenza a trazione fct,sP si calcola con la relazione

I valori della resistenza a trazione determinati con la prova brasiliana


sono quasi uguali a quelli fomiti dalla prova a trazione centrata. L’Euro-
codice 2 (punto 3.1.2.3) suggerisce cautelativamente di valutare la resi-

Fig. 2 - prova a trazione diretta


Il calcestruzzo 93

r = raggio della sezione


/ = lunghezza dei-provino

Fig. 3 - prova a trazione indiretta

stenza a trazione in funzione di quella determinata mediante la prova


brasiliana usando la relazione
fct,ax = 0.9 fct,sp

Prova di flessione
(

Consiste nell’applicare a un provino prismatico semplicemente appog­


giato due forze, che generano una sollecitazione di flessione (fig. 4). Se si
ipotizza un comportamento elastico lineare, la resistenza a trazione fci.fi
si può determinare in funzione del momento provocato dalla forza che
porta a rottura il provino, mediante la relazione

In realtà il comportamento del materiale a trazione è non lineare. Il valore


calcolato con la formula innanzi indicata è quindi sensibilmente maggiore
(dal 50 al 70% in più) di quello reale. l'Eurocodice 2 (punto 3.1.2.3) sug­
gerisce cautelativamente di valutare la resistenza a trazione in funzione
di quella determinata mediante la prova di flessione usando la relazione

Fig. 4 - prova di flessione


94 Capitolo 5*

/ 2.3. Mòdulo elastico. y


Il modulo elastico viene-determinato applicando una forza di compres­
sione a un provino cilìndrico o prismatico e valutando l’accorciamento
provocato da un carico pari a circa il 40% di quello di rottura. In questo
modo si ottiene in realtà un modulo secante; si può ritenere che il modu­
lo elastico tangente all’origine sia maggiore di circa il 10% del valore co­
sì determinato.

3. Indicazioni di normativa

3.1. Limiti di Rck e controlli di accettazione


La normativa italiana impone di utilizzare come riferimento il valore
caratteristico della resistenza cubica Rck misurata su provini cubici con
28 giorni di maturazione.
Il par. 5.2 del D.M. 9/1/96 definisce i valori minimi e massimi della
resistenza caratteristica: non è ammesso l'uso di calcestruzzi con Rck
minore di 15 MPa per opere in cemento armato normale o minore di
30 MPa per opere in cemento armato precompresso; quando si usa un
Rck >= 40 MPa sono richiesti controlli statistici sia preliminari che in cor­
so d’impiego, nonché calcolazioni accurate delle strutture; non è ammes-
. so considerare una resistenza caratteristica maggiore di 55 MPa.
L’allegato 2 dello stesso decreto impone le modalità da seguire per il
controllo di accettazione del calcestruzzo utilizzato per la costruzione.
Occorre effettuare un prelievo ogni 100 m3 di getto, realizzando con il
calcestruzzo prelevato due provini; la media delle resistenze dei due
provini costituisce il valore mediante il quale eseguire i controlli del
conglomerato. Usualmente ogni controllo di accettazione è rappresenta­
to da tre provini (quindi si effettua un controllo al massimo ogni 300 m2
di getto). Dette Ri, R2, R3 le resistenze di prelievo, con Ri <= R2 <= R3, se
ne calcola il valore medio

Il controllo ha esito positivo se sono verificate entrambe le disequaglianze


Rm > Rck + 3.5 MPa Rx > Rck - 3.5 MPa
Il calcestruzzo 95

In alternativa, per costruzioni con volume di getto più elevato è ammes­


so un controllo statistico, da effettuare ogni 1500 m3 di getto e sempre
con un prelievo ogni 100 m3 di getto. Indicando con Ri il valore minimo,
Rn il valore medio ed s lo scarto quadratico medio dei 15 o più prelievi, il
controllo è positivo se sono verificate entrambe le disequaglianze
Rm >= Rck + 1.4 s R1 >= Rck - 3.5 MPa
L’Eurocodice 2 considera invece come riferimento primario il valore
caratteristico della resistenza cilindrica fck ed individua il calcestruzzo
con una sigla che contiene due numeri, il primo dei quali indica la resi­
stenza caratteristica cilindrica ed il secondo quella cubica. Ad esempio,
la sigla C 20/25 indica che fck - 20 MPa e Rck = 25 MPa. Tale calcestruz­
zo equivale quindi al calcestruzzo classificato in Italia come di classe
RCk~ 25 MPa. Nell’utilizzare in Italia l'Eurocodice 2 occorre comunque
tenere presente che il documento di applicazione nazionale (NAD) ita­
liano impone di far riferimento, come valore base, alla resistenza cubica
e di ricavare da questa tutte gli altri valori necessari per il calcolo

3.2. Modulo elastico


Il modulo elastico del calcestruzzo è tanto più alto quanto maggiore è la
resistenza a compressione. Il D.M. 9/1/96 (par. 2.1.3) consente quindi di
valutare il modulo tangente all'origine Ec mediante la relazione
Ec =5700
UEurocodice 2 riporta nel capitolo 3 una relazione tra modulo elastico e
resistenza cilindrica. Il documento di applicazione nazionale italiano
impone però di utilizzare in ogni caso la formula sopra riportata.

3.3. Resistenza a trazione


La resistenza a trazione può essere messa in relazione con quella a
compressione. II D.M. 9/1/96 (par. 2.1.2) impone le seguenti relazioni
- resistenza media a trazione
- resistenza caratteristica (frattile 5%)
Per sezioni soggette a flessione, occorrerebbe tener conto della non line-
arità del calcestruzzo teso. E però molto più agevole ipotizzare che il suo
96 Capitolo 5

comportamento sia lineare. Per compensare l’approssimazione di tale


approccio occorre usare una resistenza fìttiziamente maggiorata. La
normativa definisce quindi
- resistenza a trazione per flessione
L’Eurocodice 2 riporta nel capitolo 3 formule per il calcolo della re­
sistenza a trazione del calcestruzzo in funzione della resistenza a com­
pressione analoghe ma non coincidenti con quelle previste dal D.M.
9/1/96. Il documento di applicazione nazionale italiano impone però di
seguire le indicazioni sui materiali-contenuti nel . D.M. 9/1/96 anche
quando si utilizza l'Eurocodice 2.

3.4. /Resistenza a compressione: limiti per TA e SLU


Per chi applica il metodo delle tensioni ammissibili, il D.M. 14/2/92 for­
nisce nel par. 3.1.3 e 3.1.4 le espressioni con le quali calcolare i valori
delle tensioni ammissibili per il calcestruzzo, in funzione della sua resi­
stenza cubica caratteristica RCk.
In presenza di flessione, semplice o composta, il valore ammissibile
della tensione normale a, espresso in MPa, è:

In presenza di taglio o di torsione vengono definiti due valori della


tensione tangenziale t, che rappresentano rispettivamente il limite al di
sotto del quale non è necessario calcolare un’armatura a taglio o torsio­
ne e il limite al di sopra del quale la sezione non è adeguata:

Quest’ultimo valore può essere incrementato del 10% nel caso di presen­
za contemporanea di taglio e torsione.
Quando si applica il metodo degli stati limite occorre utilizzare nei
calcoli la resistenza cilindrica. Secondo il NAD italiano, questa deve es­
sere determinata a partire dalla resistenza cubica, con la relazione

Il valore di calcolo è ottenuto dividendo il valore caratteristico per il co-


efficiente di sicurezza parziale del calcestruzzo γc. Per tener conto della
Il calcestruzzo 97

riduzione di resistenza per effetto di carichi di lunga durata occorre i-


noltre ridurre la tensione di calcolo a compressione mediante un coeffi­
ciente α=0.85. Si deve quindi usare il valore

Anche 1 coefficienti parziali di sicurezza del calcestruzzo sono in parte


modificati dal NAD italiano, rispetto ai valori proposti in sede europea.
Nelle verifiche allo stato limite ultimo si deve infatti usare un coefficien-
te yc pari a 1.5 per il cemento armato precompresso e 1.6 per il cemento
armato ordinario (o in caso di precompressione parziale). Per le verifiche agli stati
limite di esercizio il coeff. yc vale sempre 1.

3.5. Legame tensioni-deformazioni per SLU


Si è già fatto notare, con riferimento ai dati sperimentali, che la prova a
compressione monoassiale mostra che il diagramma tensioni-deforma­
zioni ha un andamento crescente curvilineo che raggiunge il massimo fc
per deformazioni εci prossime a 0.0021. Sé la prova è condotta imponen­
do deformazioni (non carichi) si nota uh successivo tratto discendente,
fino al valore di rottura εCu < La pendenza di questo tratto e la deforma­
zione di rottura dipendono dalla resistenza massima del calcestruzzo (i
materiali più resistenti sono meno duttili, cioè hanno minori deforma­
zioni a rottura); ma dipende, soprattutto, dalla eventuale presenza di
armature di confinamento (staffe).
Numerosi ricercatori hanno proposto formule che esprimono in ma­
niera analitica il legame costitutivo del calcestruzzo. Sargin ha suggeri­
to una espressione molto generale

con

ed ha fornito indicazioni per collegare i coefficienti A e D a i dati geome­


trici dell’elemento ed a caratteristiche del calcestruzzo ricavabili speri-

1 La convenzione dei segai usata nel testo considera negativa la tensione di com­
pressione e la deformazione di accorciamento; tuttavia, per semplicità, in questo
capìtolo si riporta la formulazione del legame costitutivo prescindendo dal segno.
98 Capitolo 5

mentalmente. Kent e Park hanno proposto una legge nella quale il trat­
to crescente è parabolico mentre quello decrescente è lineare, con una
estensione e pendenza dipendenti dalla quantità di armature di confi­
namento, e termina con un tratto costante fino alla e di rottura.
L’Eurocodice 2 suggerisce di utilizzare per un’analisi strutturale
non lineare o plastica la seguente legge (fig. 5)

Ec0 modulo tangente all’origine


che è derivata da quella di Sargin, ponendo A—k e D=0.
Nella verifica allo stato limite ultimo delle sezioni trasversali sia
l’Eurocodice 2 (punto 4.2.1.3.3) che la norma italiana (par. 4.0.2 e
4.2.1.3) impongono Fuso di un diagramma tensioni-deformazioni con­
venzionale, costituito da un tratto parabolico ed uno costante (fig. 6); le
deformazioni limite valgono
εCI. = 0.0020 εcu =0.0035

Fig. 5 - legame costitutivo per il calcestruzzo, da utilizzare


per analisi non lineari
Il calcestruzzo 99

Fig. 6 - legame costitutivo per il calcestruzzo, da utilizzare


per la verifica delle sezioni trasversali
(

La tensione massima è pari ad a f d col coefficiente a=0.85 che tiene


c

conto dell’effetto dei carichi di lunga durata e con

L’equazione del tratto parabolico si scrive

L’Eurocodice 2 consente anche l’uso di diagrammi semplificati, qua­


le quello bilineare (nel quale il tratto parabolico è sostituito da un tratto
lineare che raggiunge il massimo per sc = 0.00135) oppure l’uso di una
distribuzione di tensione costante (pari ad a fcd) per un’altezza corri­
spondente all'80% della zona compressa.

Esempio Determinare il modulo elastico e la resistenza a trazione per calce-


struzzi di classe Rck — 2530, 35 MPa.
Per un calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa si ha

In maniera analoga si procede per le altre classi di calcestruzzo. I valori ottenu­


ti sono riepilogati nella tabella 1.
100 Capitolo 5

Tab. 1 - modulo elastico e resistenza a trazione del calcestruzzo

Esempio 2. Determinare i valori ammissibili delle tensioni normali e tangen­


ziali per calcestruzzi di classe Rck — 25, 30, 35 MPa.
Per un calcestruzzo di classe Rck — 25 MPa si ha

In maniera analoga si procede per le altre classi di calcestruzzo. I valori ottenu­


ti sono riepilogati nella tabella 2.

Tab. 2 - tensioni ammissibili per il calcestruzzo

Esempio 3. Determinare i valori di calcolo della resistenza a trazione e a com­


pressione per opere in cemento armato ordinario con calcestruzzi di classe
Rck =25, 30, 35 MPa.
Per un calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa si ha
I-l-ealeestruzzo 101

In maniera analoga si procede per le altre classi di calcestruzzo. I valori ottenu­


ti sono riepilogati nella tabella 3.

Tab. 3 - valori di calcolo delle tensioni per cemento armato ordinario

Esempio 4. Determinare i valori di calcolo della resistenza a trazione e a com­


pressione per opere in cemento armato precompresso con calcestruzzi di classe
Rck = 30, 35, 40 MPa.
Si opera come nell’esempio precedente, ma utilizzando il valore γc = 1.5.1 valori
ottenuti sono riepilogati nella tabella 4.

Tab. 4 - valori di calcolo delle tensioni per cemento armato precompresso

4. Comportamento del calcestruzzo nel tempo:

4.1. Stagionatura e resistenza


La resistenza varia con la stagionatura del calcestruzzo. In genere si fa
riferimento al valore fc misurato dopo 28 giorni dal getto. Il valore fc,i a
un tempo t (in giorni) diverso può essere espresso da
102 Capitolo 5

Fig. 7 - andamento della resistenza a compressione nel tempo

Il valore di p dipende dal tipo di cemento e da come avviene la matura­


zione; per cementi normali si può assumere (3=0.25, mentre in caso di
maturazione forzata (spesso usata per elementi prefabbricati) è più cor­
retto il valore p=0.10. Il conseguente andamento della resistenza nel
tempo è mostrato nella figura 7. La resistenza finale (a tempo infinito)
vale nei due casi rispettivamente 1.28 fc e 1.11 fc.

4.2. Ritiro
Per essere lavorabile, il calcestruzzo deve contenere una quantità d'ac­
qua maggiore di quella strettamente necessaria per l'idratazione del
cemento. Quando il calcestruzzo, durante la stagionatura, è esposto
all'aria una buona parte di quest'acqua evapora e ciò comporta una ri­
duzione del suo volume. Questo fenomeno è detto ritiro (in inglese
shrinkage). Se invece il calcestruzzo è immerso in acqua esso assorbe ul­
teriore acqua ed aumenta di volume.
Il fenomeno del ritiro è particolarmente rilevante nelle prime setti­
mane di stagionatura, ma continua in misura via via minore per parec­
chi mesi. Esso è sicuramente dannoso per le strutture, in quanto può
provocare uno stato tensionale di trazione anche elevato, perché l'ac-
corciamento è in genere impedito dall'iperstaticità dello schema. Piccole
lesioni da ritiro sono inevitabili, ma talvolta le dimensioni delle fessure
possono
\
essere rilevanti e indurre un prematuro degrado delle strutture.
E quindi indispensabile, più ancora che tenerne conto effettuando speci­
Il calcestruzzo 103

fici calcoli, cercare di limitarne gli effetti negativi con opportuni provve­
dimenti:
- evitando, un eccessivo contenuto di acqua nell'impasto;
- evitando getti di estensione molto elevata, e quindi dividendo le
strutture che hanno una estensione pianimetrica superiore ai 30-40
metri in blocchi indipendenti, mediante i cosiddetti “giunti termici”;
- disponendo - fuori calcolo - in tutti gli elementi armature idonee ad
assorbire le caratteristiche di sollecitazione provocate dal ritiro (prin-
cipalmente trazione in travi e solai, flessione nei pilastri).
Con tali accorgimenti una specifica valutazione delle deformazioni da
ritiro diventa non essenziale per le strutture in cemento armato ordina-
rio, mentre deve sempre essere effettuata nel caso di elementi in cemen-
to armato precompresso.
L’accorciamento unitario dovuto al ritiro può andare da 0.20xl0-3 a
0.40xl0'3, ed anche oltre. Poiché il coefficiente di dilatazione termica del
calcestruzzo è circa 1x1O-5, il ritiro equivale quindi ad una variazione
termica negativa di 20-40° C.
Oltre che dalla quantità d’acqua presente nell’impasto, l’entità del
ritiro dipende dall’umidità dell’ambiente in cui avviene la stagionatura
e dall’estensione della superficie esposta all’aria. Indicazioni quantitati­
ve sono fornite dal punto 2.1.6 del D.M. 9/1/96 (e devono essere utilizza­
te anche in sostituzione di quanto indicato nel punto 3.1.2.5.5 dell’Euro-
codice 2). L’accorciamento finale eCs (too-t0) misurato a partire dal tempo
io, è indicato nella tabella 5 in funzione dell'umidità relativa e del pa­
rametro a, che tiene conto del rapporto tra area Ac di calcestruzzo e pe­
rimetro u della superficie di calcestruzzo esposta all’aria
104 Capitolo 5

Per valori intermedi tra quelli indicati in tabella si dovrà interpolare li­
nearmente.
Indicazioni molto più dettagliate sono contenute neirappendice 1
deirEurocodice 2. Il coefficiente nominale di ritiro ε cso può essere otte­
nuto con l'espressione
εcso=εs(fcm) βrh
nella quale ε s(fcm) è il fattore che tiene conto della resistenza media a
compressione del calcestruzzo (alla stagionatura di 28 giorni)
εs(fcm) =[160+βsc(90-fcm)]x10-6
con βsc = 4, 5 o 8 rispettivamente per calcestruzzo a indurimento lento,
indurimento normale o rapido oppure indurimento rapido ed alta resi­
stenza
e βrh il fattore che tiene conto dell’umidità relativa ambientale RH
βrh =-1.55[1-(RH/100)3 per calcestruzzo esposto all’aria
βrh =+0.25 per calcestruzzo immerso in acqua
Lo sviluppo del ritiro nel tempo può essere valutato moltiplicando il co-
efficiente nominale di ritiro per un coefficiente βs(t-ts) fornito dall’e-
spressione

βs(t-ts)=√(t-ts / 0.035h20+ t-ts)


nella quale ho è il parametro indicato con a dalla normativa italiana (e-
spresso in mm).

Esempio 5. Per una trave di sezione 30x60; emergente da un solaio di spessore


24 cm, stagionata in ambiente con umidità relativa 60%, si valuti l'accorcia­
mento unitario da ritiro da 28 giorni a tempo infinito, secondo le indicazioni del
DM. 9/1/96.
L'area della sezione della trave è
A c =30x60 = 1800cm2
Il perimetro esposto all’aria deve essere valutato escludendo il tratto di trave a
contatto col solaio
u = (60 — 24) x 2 + 30 x 2 = 132 cm
Il parametro a vale quindi
Il calcestruzzo 105

Con riferimento ad una età compresa tra 8 e 60 giorni, interpolando tra i valori
di umidità del 55 e 75% per ottenere il valore corrispondente al 60%, si ha

Interpolando tra questi due valori, si ha per a=27.27 cm

Ovviamente, se la trave è libera di deformarsi si ha proprio questo accorcia­


mento, senza che nascano tensioni. In strutture iperstatiche, raccorciamento è
limitato dagli altri elementi strutturali ed insorgerà quindi uno stato tensiona-
le più o meno rilevante.

Esempio 6. Per la stessa trave dell’esempio precedente, realizzata in calcestruz­


zo di classe Rck = 25 MPa con indurimento normale, si valuti l'andamento del-
l'accorciamento unitario da ritiro nel tempo, secondo le indicazioni dell'appen-
dice 1 dell'Eurocodice 2.
Per un calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa, il valore caratteristico della resi­
stenza cilindrica è

Fig. 8 - andamento nel tempo dell'accorciamento unitario da ritiro


secondo l’appendice 1 dell’Eurocodice 2)
106 Capitolo 5

4.3. Scorrimento viscoso


Quando si applicano carichi ad una struttura in cemento armato, si ve-
rificano istantaneamente deformazioni elastiche che rispettano il lega-
me cr-e descritto nel paragrafo 3.5. Sotto carichi di lunga durata avviene
pero nel tempo un rilevante incremento di deformazioni. Questo feno­
meno, causato principalmente dalla migrazione ed evaporazione dell’ac­
qua presente nei pori del calcestruzzo, è indicato col termine viscosità
(in francese fluage, in inglese creep). L’entità delle deformazioni viscose
dipende dalla composizione del calcestruzzo, dalle dimensioni dell’ele-
mento e dall’umidità relativa dell'ambiente ma anche dall’entità dei ca­
richi di lunga durata applicati alla struttura e dalla maturazione del
calcestruzzo al momento dell’applicazione dei carichi. _
Le deformazioni viscose a tempo infinito sono veramente rilevanti,
potendo arrivare a valori pari a 2-3 volte le deformazioni elastiche. Nel­
la comune prassi progettuale non si effettuano specifici calcoli per valu­
tare l’effetto dello scorrimento viscoso. Di esso si tiene però implicita­
mente conto in numerosi casi; ad esempio nel metodo delle tensioni
ammissibili, quando si usa un valore convenzionale del rapporto dei
moduli elastici n=Es IEC.
Il calcestruzzo 107

Una specifica valutazione delle deformazioni viscose è invece impor­


tante quando si impone la congruenza tra elementi in calcestruzzo ed
clementi in acciaio: ciò avviene sia per le strutture miste acciaio-calce­
struzzo che nel caso di elementi in cemento armato precompresso.
Indicazioni quantitative sono fornite dal punto 2.1.7 del D.M. 9/1/96
(e devono essere utilizzate anche in sostituzione di quanto indicato nel
punto 3.1.2.5.5 dell'Eurocodice 2). Il coefficiente finale di viscosità φ(to0,-to),
misurato a partire dal tempo io di messa in carico, è indicato nella tabel­
la 6 in funzione dell’umidità relativa e del parametro a, già definito. Per
valori intermedi tra quelli indicati in tabella si dovrà interpolare line­
armente.
Indicazioni molto più dettagliate sono contenute nell'appendice 1
dell’Eurocodice 2. Il coefficiente nominale di viscosità ϕo,' cioè il moltipli­
catore delle deformazioni elastiche per tener conto delle deformazioni
viscose a tempo infinito, può essere ottenuto con l’espressione

dove
essendo io l’età del calcestruzzo, in giorni, al momento di applicazione
del carico. L’andamento della deformazione viscosa nel tempo può essere
valutato moltiplicando il predetto valore per

nella quale il termine βh che tiene conto dell’umidità relativa, vale


108 Capitolo 5

L'effetto di temperature alte o basse e del tipo di indurimento del calce-


struzzo (lento o rapido) può essere pure tenuto in conto, correggendo il
valore di io con ulteriori espressioni, riportate ai punti 1.1.2 (2) e (3) del­
l’appendice 1 deH?Eurocodice 2.

Esempio. 7. Per la stessa trave dell’esempio 5, si valuti il coefficiente finale di


viscosità per un. carico applicato a 28 giorni di stagionatura, secondo le
indicazioni del D.M. 9/1/96„
Il parametro a, già calcolato nell’esempio 5, vale
a = 27.27 cm
Con riferimento ad una età compresa tra 8 e 60 giorni, interpolando tra i valori
di umidità del 55 e 75% per ottenere il valore corrispondente al 60%, si ha

Esempio 8. Per la stessa trave dell’esempio 5, realizzata in calcestruzzo di clas­


se Rck — 25 MPa, si valuti l’andamento della deformazione viscosa nel tempo.,-
secondo le indicazioni dell’appendice 1 dell’Eurocodice 2.
Il fattore che tiene conto dell’umidità relativa ambientale (RH~60%) vale

Il fattore che tiene conto dell’età del calcestruzzo al momento di applicazione


del carico è

Il valore medio della resistenza cilindrica del calcestruzzo, già valutata nell’e­
sempio 6, è fcm — 28.75 MPa
Il fattore che tiene conto di tale resistenza vale

Il coefficiente nominale di viscosità ϕo è quindi


Il calcestruzzo 109

Fig. 9 - andamento nel tempo della deformazione totale (elastica più viscosa)
secondo l’appendice 1 dell’Eurocodiee 2)

Tenendo conto degli effetti viscosi, la deformazione finale sarà quindi quasi tre
volte e mezzo quella istantanea, riscontrata all’applicazione del carico. L’anda­
mento della deformazione nel tempo, ottenuto moltiplicando il coefficiente (|>o
per il fattore βc (t-to), è mostrato nella figura 9.

4.4. Variazione delle proprietà chimiche (carbonatazione)


La carbonatazione è una delle cause di natura chimica del degrado del
calcestruzzo armato. Nel tempo, l’anidride carbonica presente nell’aria
reagisce con gli strati superficiali del calcestruzzo. La reazione di neu­
tralizzazione tra sostanze acide provenienti dall’ambiente esterno, CO2,
e componenti alcalini, Ca(OH)2, costituenti il calcestruzzo abbassa il pH
iniziale dal valore 13-14 a valori minori di 12.5. La riduzione del grado
di alcalinità del calcestruzzo, compromette l’ambiente passivante che co-
stituisce la naturale protezione delle barre di armatura. La carbonata­
zione del calcestruzzo, pertanto, non è un fenomeno allarmante di per
sé, ma diventa tale in quanto la sua evoluzione temporale favorisce la
corrosione dell’acciaio.
Il fenomeno della carbonatazione è molto lento e compare, dopo anni
o decenni, ed è importante conoscere la sua velocità di avanzamento,
cioè lo spessore di calcestruzzo coinvolto dalla carbonatazione.
110 Capitolo 5

Le condizioni ambientali sono determinanti nel processo di carbona­


tazione. Un calcestruzzo in atmosfera molto umida (umidità relativa
superiore all’80%) non può essere soggetto a carbonatazione perché,
sebbene saturo di acqua, l’anidride carbonica si diffonde- nell’acqua con
una velocità bassissima. D’altro canto anche un calcestruzzo in ambien­
te molto secco (umidità relativa inferiore al 50%) non può subire la car­
bonatazione perché i suoi pori sono secchi e quindi privi di acqua. Le
condizioni ambientali critiche per il fenomeno della carbonatazione sono
quelle con umidità relativa tra il 60% e il 70%, perché il quantitativo di
acqua nei pori è tale da far procedere il fenomeno con la massima veloci­
tà verso gli strati più interni del calcestruzzo.
La carbonatazione è constatabile spruzzando sulla superficie del
calcestruzzo una soluzione all’1% di fenolftaleina in alcool etilico: le zone
che non si colorano di rosso sono zone affette da carbonatazione. La pro­
va con la fenolftaleina viene eseguita in sito, sulla struttura messa a
nudo rimovendo l’intonaco e lo strato superficiale di calcestruzzo, oppu­
re su carote estratte dalla struttura, in modo da accertare quanto sia e-
steso in profondità lo stato di carbonatazione del calcestruzzo.
Capitolo 6
L’ACCIAIO PER CEMENTO ARMATO ORDINARIO

1. Caratteristiche del materiale

L’acciaio è, come ben noto, una lega di ferro e carbonio. Quello utilizzato
per cemento armato ordinario è un acciaio dolce, nel quale la percentua^
le di carbonio è molto bassa, circa lo 0.2%; ciò consente una notevole
duttilità del materiale, cioè grandi deformazioni a rottura. L’acciaio pre­
senta uguale resistenza a trazione e a compressione, ma le prove per va­
lutarla sono sempre effettuate sottoponendo a trazione barre di lun­
ghezza standardizzata; non si effettuano prove a compressione perché si
avrebbero rilevanti problemi di instabilità. Il tipico diagramma tensio­
ne-deformazione dell’acciaio è mostrato in figura 1. Esso presenta un
primo tratto linearmente elastico, fino al raggiungimento di una valore

Fig. 1 - diagramma sperimentale tensioni-deformazioni per l’acciaio


112 Capitolo 6

fy detto tensione di snervamento (in inglese snervamento si dice yiel-_


ding, da cui il pedice y). A questo seguono rilevanti deformazioni sotto
tensione costante e poi a partire dalla deformazione εh una ripresa detta
incrudimento (in inglese hardening, da curii pedice h). La tensione può
così crescere fino al valore massimo fu (in inglese ultimate strensth)1 cor­
rispondente alla deformazione Su, superato il quale si possono avere ul­
teriori deformazioni con carico decrescente (per valutarle occorre effet­
tuare la prova imponendo un allungamento crescente e misurando il ca­
rico corrispondente e non viceversa). La deformazione unitaria di rottu­
ra è indicata col simbolo εt.
L’acciaio per cemento armato ordinario è prodotto in barre dritte o
in reti elettrosaldate. Il D.M. 9/1/96 (allegato 4) impone controlli siste­
matici da effettuare in stabilimento per la qualificazione dei tipi di ac­
ciaio. Tutti i prodotti devono essere forniti di un marchio dal quale risul­
ti, in modo inequivocabile, il riferimento all’azienda produttrice, allo
stabilimento, al tipo di acciaio ed alla sua eventuale saldabilità.
I tipi di acciaio il cui uso è consentito in Italia sono individuati dalla
normativa (par. 2.2) e sono contraddistinti da una sigla che ne indica la
tensione di snervamento. Nel passato si utilizzavano barre a sezione cir­
colare, lisce, realizzate con acciai estremamente duttili ma non partico­
larmente resistenti. Queste sono ancora consentite, ma in pratica non
più utilizzate. I corrispondenti tipi di acciaio sono:
- Fe B 22 k con tensione di snervamento fyk > 215 MPqi e di rottura
fuk > 335 MPa, allungamento a rottura > 24%;
- Fe B 32 k con tensione di snervamento fyk> 315 MPa e di rottura
fuk > 490 MPa, allungamento a rottura > 23%.
Attualmente si utilizzano barre ad aderenza migliorata, nelle quali sono
presenti nervature elicoidali che rendono più difficile lo sfilamento della
barra dal calcestruzzo. La norma prevede, per le barre ad aderenza mi­
gliorata, i seguenti tipi di acciaio:
- Fe B 38 k con tensione di snervamento fyk >375 MPa e di rottura
fuk > 450 MPa, allungamento a rottura > 14%;

1 II valore massimo è a volte indicato anche con fi (in questo caso il pedice t fa
riferimento al termine inglese tensile strength, resistenza a trazione)
L’acciaio per cemento armato ordinario 113

- Fe B 44 k con tensione di snervamento fyk >= 430 MPa e di rottura


fuk >= 540 MPa, allungamento a rottura > 12%.
~i -----
Entrambi i tipi di acciaio hanno una duttilità molto alta. Col tempo sta
diventando sempre più prevalente l'uso del secondo (Fe B 44_k)‘ e spesso
anche l’acciaio classificato come Fe B 38 k è solo una partita di acciaio
Fe B 44 k che non ha superato le prove di qualificazione.
L’acciaio per reti elettrosaldate deve avere una tensione-di snerva­
mento fyk non inferiore a 390 MPa e di rottura fuk non inferiore a 450 MPa,
mentre la deformazione a rottura deve essere almeno pari all’8%.
In alcuni stati dell’Unione Europea sono prodotti acciai molto meno
duttili di quelli italiani e ciò ha provocato lunghe discussione in fase di
stesura delle norme europee. Attualmente l'Eurocodice 2 (punto 3.2.4.2)
classifica gli acciai, in base alla deformazione sotto carico massimo εuk,
come acciai ad alta duttilità (quando Suk > 0.05) e a normale duttilità
(quando εuk > 0.025).
Le barre di acciaio italiane, solitamente di 12 m di lunghezza, sono
disponibili nei diametri pari, da 6 a 30 mm (o, come si scrive in genere,
da 06 a 030) per jFeB38k e da 06 a 026 per FeB44k. Le reti elettrosal­
date, fornite in pannelli larghi da 2 a 3 metri e lunghi da 3 a 6 metri,
sono costituite da fili di diametro da 4 a 12 mm.
Gli acciai per cemento armato possono essere, o no, saldabili. Quan-
do lo sono, ciò è comprovato da un apposito marchio. In assenza di que­
sto sono proibite le giunzioni mediante saldatura (par. 2.2.6). Rispettare
questa prescrizione è molto importante, perché le forti variazioni termi­
che indotte dal procedimento di saldatura, nonché le reazioni chimiche
dell’acciaio fuso con Faria, possono rendere l'acciaio estremamente fragi­
le e ciò può essere evitato solo intervenendo nella composizione chimica
dell’acciaio.

2. Indicazioni di normativa

2.1. Metodo delle tensioni ammissibili


Per chi applica il metodo delle, tensioni ammissibili, il D.M. 14/2/92 for­
nisce nel par. 3.1.6 i valori delle tensioni ammissibili per i diversi tipi di
acciaio. Si ha:
114 Capitolo 6

- per acciaio Fe B 38 k a5 = 215 MPa


- per acciaio Fe B 44 k a5 = 255 MPa

2.2. Verifiche allo stato limite ultimo


Nella verifica allo stato limite ultimo delle sezioni trasversali è possibile
utilizzare più diagrammi tensioni-deformazioni, che rappresentano una
semplificazione del diagramma sperimentale. II diagramma che veniva
classicamente suggerito era costituito da un tratto elastico ed uno per­
fettamente plastico, fino al limite convenzionale εsu = 0.010 (fig. 2 a); que­
sto limite è molto lontano dalle reali capacità deformative dell'acciaio,
ma veniva imposto perché si riteneva che oltre tale valore la fessurazio­
ne del calcestruzzo diventasse eccessiva e l'aderenza tra acciaio e calce-
struzzo non fosse più garantita;.
L'Eurocodice 2 (punto 4.2.2.3.2) consente l'utilizzo di un diagramma
ϭ-ε nel quale il tratto plastico è inclinato,, con inclinazione tale da rag­
giungere il valore fud per una deformazione εsu = 0.010 (fig. 2 b). Si può in
questo modo tener conto dell'incremento di resistenza dovuto all'incrudi-
mento del materiale.
Infine, l'Eurocodice consente di utilizzare un diagramma costituito
da un tratto elastico ed uno perfettamente plastico, senza limiti alla de-
' formazione dell'acciaio (fig. 3). I risultati ottenuti mediante questo le­
game costitutivo sono sostanzialmente coincidenti con quelli ottenuti
con l'impostazione “classica", ma Fassenza di limiti per la deformazione
dell’acciaio consente numerose utili semplificazioni nella trattazione
analitica. Pertanto, nel presente testo userò questo legame costitutivo.

Fig. 2 - possibili diagramma di calcolo tensioni-deformazioni per l’acciaio


L’acciaio per cemento armato ordinario 115

Fig. 3 - diagramma di calcolo tensioni-deformazioni per l’acciaio

Il valore di calcolo della tensione di snervamento, ed ove occorre di


quella di calcolo, sono ottenuti dividendo i valori caratteristici per il co­
efficiente parziale di sicurezza ys

e quindi
- per acciaio Fe B 38 k fyd = 326.1 MPa fvd =391.3 MPa
- per acciaio Fe B 44 k fyd =373.9 MPa fud - 469.6 MPa
Il valore del modulo elastico Es dell’acciaio è usualmente posto pari (
a 206000 MPa, ma l’Eurocodice 2 suggerisce di utilizzare il valore (arro­
tondato) di 200000 MPa. La deformazione corrispondente allo snerva­
mento si ottiene dividendo la tensione di snervamento per il modulo ela-
stico. Utilizzando il valore di Es suggerito dalTEurocodice, si ha quindi
- per acciaio Fe B 38 k εyk = 0.00188 εyd = 0.00164
- per acciaio Fe B 44 k εyk = 0.00215 ε yd= 0.00187

3. Aderenza acciaio-calcestruzzo

3.1. Tensioni di aderenza


La solidarietà tra calcestruzzo e barre di acciaio è garantita dall’ade­
renza (in inglese bond) che si sviluppa lungo la superficie di una barra
immersa nel calcestruzzo assicurando la trasmissione di sforzi di scor­
rimento (tensioni di aderenza) tra i due materiali. Essa è dovuta sia
116 Capitolo 6

all’adesione chimica molecolare che alla compenetrazione geometrica


dovuta alla scabrosità delle superfici di contatto, accentuata da apposite
nervature nelle barre ad aderenza migliorata.
Il valore massimo della tensione di aderenza che può essere tra­
smessa tra acciaio e calcestruzzo dipende dal profilo della barra (liscia o
ad aderenza migliorata), dalla posizione e dall’inclinazione della barra
durante il getto ed anche dalle dimensioni dell’elemento in cui è posta la
barra. In particolare, la vibrazione del calcestruzzo fatta dopo il getto
tende a separare acqua e inerti; la parte superiore dell’elemento (specie
se questo è di grandi dimensioni) sarà costituita da più acqua e meno
inerte ed avrà quindi caratteristiche meccaniche peggiori e potrà svi­
luppare una minore aderenza.
L’Eurocodice 2 (punto 5.2.2) e, meno dettagliatamente, il D.M. 9/1/96
considerano buone le condizioni di aderenza che si sviluppano quando:
- la barra ha un’inclinazione rispetto all'orizzontale di 45-90°;
- la barra è posta nella metà inferiore di un elemento, o comunque a
una distanza di almeno 30 cm dal bordo superiore dell’elemento;
- la barra è posta in un elemento la cui altezza nella direzione del getto
è non maggiore di 25 cm.
In questi casi il valore di calcolo della tensione ultima di aderenza fbd
può essere-valutato, secondo il D.M. 9/1/96, par. 5.3.3, con l’espressione:

- per barre lisce

- per barre ad aderenza migliorata

Si noti che le formule originariamente proposte dall’Eurocodice 2 fanno


riferimento, nel caso di barre lisce, ad fck anziché ad Rck, mentre coinci­
dono formalmente con quelle italiane per barre ad aderenza migliorata
(ma il valore di riferimento fctk è leggermente differente); poiché il NAD
italiano sostituisce le formule del D.M. 9/1/96 a quelle del capitolo 3 del-
l’Eurocodice, anche nel calcolo di fbd si deve far riferimento ad esse.
Se le condizioni di aderenza non sono buone, occorre ridurre il valo-
re innanzi riportato: secondo la norma italiana “in maniera congrua, fi­
no al 50%”; secondo l’Eurocodice 2 del 30%.
L'acciaio per cemento armato ordinario 117

3.2. Lunghezza di ancoraggio


Per impedire lo sfilamento di una barra da un blocco di calcestruzzo è ne­
cessario che essa sia immersa per una lunghezza tale da consentire la tra-
smissione al calcestruzzo dell’intera forza di trazione esercitata sulla barra.
Un valore base di riferimento lb può essere calcolato ipotizzando la
barra sollecitata dalla tensione di progetto fya ed una aderenza tra ac­
ciaio e calcestruzzo pari al valore ultimo fbd (fig. 4). Dall’equilibrio alla
traslazione si ottiene, indicando con ϕ il diametro della barra

Fig. 4 - ancoraggio di una barra


118 Capitolo 6

Si possono da ciò trarre facili regole mnemoniche, come il dire che per
barre in acciaio Fe B 44 k poste in un calcestruzzo di classe Rck = 2h MPa
la lunghezza di ancoraggio di base è poco più di 40 diametri (vedi anche
l'esempio 2).
L'ancoraggio di una barra può essere realizzato in diversi modi. Il
più semplice, che consiste nel mantenere la barra diritta (fìg. 5 a), è nor­
malmente usato quando si ha sufficiente spazio per sviluppare Finterà
lunghezza di ancoraggio. In alternativa è possibile piegare l'estremità
della barra (fig. 5 b), in modo da ridurre la lunghezza del tratto rettiline-
o; ciò diventa necessario per gli ancoraggi nella parte terminale di ele­
menti (ad esempio nell’appoggio di estremità di una trave continua). La
lunghezza della piega deve essere almeno pari a 5 0 perché essa sia ef­
ficace e comunque per motivazioni pratiche non la si fa mai inferiore a
10 cm; in ancoraggi di estremità è consigliabile piegare la barra con un
angolo leggermente maggiore ai 90°, per evitare che in caso di errato po­
sizionamento della barra la piega risulti tutta a contatto con la cassa-
forma e quindi esposta alla corrosione. E infine possibile piegare l'estre-
mo della barra con un angolo superiore a 150° (fìg. 5 c), realizzando quel­
lo che viene denominato gancio; una tale soluzione è adottata normal­
mente solo per le barre lisce.

Fig. 5 - sàgome di ancoraggio


L'acciaio per cemento-armato ordinario 119

L'ancoraggio delle staffe è invece realizzato normalmente con ganci.


disponendo sempre una barra longitudinale all'interno del gancio. L'uso
di pieghe a 90° è consentito ma è accettabile solo se la piega è posiziona­
ta all'interno di un blocco di calcestruzzo; deve essere invece evitato se
la piega è posta- nella zona di ricoprimento, perché questo potrebbe sal­
tare e in tal caso si perderebbe l'efficacia dell'ancoraggio.
L'effettiva lunghezza di ancoraggio lb.net deve tenere conto del tasso
di lavoro della barra (che può essere anche minore di fyd ), della condi­
zione di aderenza (che può non essere buona e quindi imporre la ridu­
zione di fbd) e della sagoma della parte di ancoraggio della barra (diritta
o piegata). L’Eurocodice 2 (punto 5.2.3) suggerisce di valutare tale lun­
ghezza con l'espressione

nella quale il rapporto tra area di ferro richiesta e area di ferro disposta
equivale al tasso di lavoro della barra, mentre il coefficiente αa, che tie­
ne conto della sagoma, vale 1 per barre diritte, 0.7 per barre in trazione-
piegate o con gancio, purché vi sia un sufficiente ricoprimento, almeno
pari a 3 0, misurato ortogonalmente al piano di piega.
Il valore della lunghezza di ancoraggio non deve comunque essere
minore di 0.3 e di 10 0 (per ancoraggi in trazione) o di 0.6 lb e 10 cm
(per ancoraggi in compressione). La norma italiana pone invece come
minimi 20 0 e 15 cm.

Esempio 2. Calcolare la lunghezza base di ancoraggio per barre ad aderenza


migliorata in acciaio Fe B 44 k. poste in calcestruzzi di classe Rck = B5, 30, 35
MPa (per opere in cemento armato ordinario).
Per l’acciaio Fe B 44 k il valore di calcolo della tensione di snervamento è

Utilizzando i valori della tensione di aderenza calcolati nell'esempio 1, si ha per


calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa

In maniera analoga si trova


120 Capitolo 6

Consigli pratici
Le indicazioni di normativa sono fin troppo dettagliate. In effetti, calcolare per
ogni barra l’effettivo tasso di lavoro (o il rapporto tra area disposta e area ri­
chiesta) risulterebbe fin troppo oneroso. Io in genere uso come riferimento un
valore arrotondato della lunghezza di ancoraggio di base, ad esempio 40 diame­
tri, e lo incremento “a occhio” se sono in situazione di cattiva aderenza, o even­
tualmente lo riduco (ma senza scendere al di sotto di 20 o 25 0) quando il tasso
di lavoro dell'armatura mi sembra abbastanza basso.
Si noti inoltre che negli appoggi di estremità di una trave continua, dove si
usano sempre barre piegate, spesso non è possibile garantire un tratto orizzon­
tale di lunghezza sufficiente, anche usando αa= 0.7. In questo caso io faccio rife­
rimento all'intera lunghezza di ancoraggio, compresa la lunghezza della piega,
assumendo però αa= 1.

3.3. Giunzioni per sovrapposizione


Poiché le barre hanno lunghezza limitata, è spesso necessario effettuare
delle giunzioni affiancando (“sovrapponendo”) due barre (fig. 6). Nella
zona di sovrapposizione si hà un graduale trasferiménto di tensioni dal­
la prima barra al calcestruzzo e da questo alla seconda barra; si può così
ritenere che la tensione di lavoro della prima barra diminuisca man
mano e contemporaneamente aumenti della stessa quantità la tensione
di lavoro nella seconda, in modo che ai finì pratici l'elemento strutturale
si comporti come se in esso vi fosse un'unica barra non interrotta.
In generale, le sovrapposizioni dovranno essere fatte nelle zone di
minor tasso di lavoro delle barre ed occorre evitare di interrompere nel­
la stessa sezione un numero elevato di barre.
Indicazioni dettagliate sono riportate nell’Eurocodice 2 (punto 5.2.4),
che valuta la lunghezza di sovrapposizione ls con l'espressione
Ls = lb,netα1
nella quale ai vale 1 se le barre sono compresse; se le barre sono tese, ai
vale 1 se sono contemporaneamente rispettate le due condizioni

Fig. 6 - giunzione per sovrapposizione


L-aeeiaio per cemento armato ordinario 121

- meno del 30 % delle barre sono interrotte in quella sezione;


- la distanza tra coppie di barre sovrapposte è non inferiore a 10 ϕ;
se una di queste condizioni non è rispettata si deve assumere α1 = 1.4,
mentre se entrambe non sono verificate è α1 = 2.
In ogni caso, la lunghezza di sovrapposizione non deve essere mino­
re di 15 0, né di 150 min.

Esempio 3. In una trave 30x60 in calcestruzzo di classe Rck - 25 MPa sono di­
sposte superiormente 4 barre 020 in acciaio Fe B 44 k. Due di queste barre sono
interrotte, e sovrapposte ad altri 2ϕ20, in una sezione nella quale sarebbe suffi­
ciente avere solo 1020. Calcolare la lunghezza di sovrapposizione.
Poiché le barre sono orizzontali e si trovano nella parte superiore di un elemen­
to di altezza superiore a 25 cm le condizioni di aderenza non sono buone. Occor­
re ridurre del 30% la tensione di aderenza ed aumentare l’ancoraggio base

Tenendo conto che nella sezione di sovrapposizione l’armatura necessaria e un


quarto di quella disposta, la lunghezza di ancoraggio necessaria diventa

Le barre interrotte sono due su quattro, quindi più del 30% delle barre della se­
zione. Inoltre, quasi sicuramente la loro distanza è superiore a 10 ϕ (20 cm).
Quindi la lunghezza di sovrapposizione deve essere

Consigli pratici
Anche per la sovrapposizione un po’ di semplificazione non guasta. La cosa più
importante è evitare di interrompere le barre nelle sezioni più sollecitate. E i-
noltre opportuno interrompere le barre ad una ad una, o al massimo a due o tre
per volta se sono molte. Così facendo si può ancora usare come riferimento per
la sovrapposizione lo stesso valore arrotondato della lunghezza base di anco­
raggio (ad esempio 40 diametri).
Spesso si potrebbe scendere al di sotto di tale valore, se il tasso di lavoro del­
l’armatura è sufficientemente basso, ma io di solito non lo faccio, se non in casi
eccezionali. Bisogna prestare attenzione alle rare occasioni in cui la sovrapposizio­
ne deve essere maggiore: nel caso delle travi inflesse ciò avviene solo se la sovrap­
posizione è fatta — nonostante ì consigli — nella sezione dove il momento è mas-
simo, o quasi; può capitare più frequentemente nei tiranti^ perché in essi lo sforzo
normale è costante e quindi il tasso di lavoro dell’armatura è sempre elevato.
122 Capitolo 6

4. Ricoprimento e distanza tra le barre

Per assicurare la corretta trasmissione delle forze di aderenza e una a-


deguata protezione dell'armatura dalla corrosione è necessario che la
superficie esterna di tutte le armature (incluse le staffe) sia posta ad
una distanza dalla superficie di calcestruzzo più vicina non inferiore ad
un adeguato valore. Per indicare la quantità di calcestruzzo che ricopre
le armature si userà il termine ricoprimento; si userà invece la parola
copriferro per indicare la distanza tra il bordo della sezione e l'asse delle
armature (fig. 7). Questa distinzione di termini non è seguita da tutti,
perché c’è chi usa copriferro indifferentemente per le due quantità, ma
ciò comporta il rischio di confusione.
La normativa italiana impone un ricoprimento minimo di 0.8 cm nel
caso di solette e di 2 cm per tutti gli altri elementi costruttivi. L’Euro-
codice 2 (punto 4.1.3.3 e prospetto 4.2) richiede un ricoprimento non in­
feriore al diametro della barra e pari almeno a 1.5 cm in ambienti secchi
(interno di abitazione); valori più alti sono imposti nel caso di ambienti
umidi e corrosivi.
La distanza tra le barre (interferro) deve essere non minore del
diametro ed almeno pari a 2 cm. Le barre sovrapposte possono essere a
v

contatto per tutta la lunghezza di sovrapposizione. E anche possibile di­


sporre le barre a coppie, purché si raddoppi l'interferro. Quando in una
sezione sono necessarie molte barre, esse possono essere disposte anche
in più strati, ma occorre prestare particolare attenzione alla loro dispo­
sizione, lasciando un adeguato spazio per consentire il passaggio di un
apparecchio vibratore.
Capitolo 7
FLESSIONE COMPOSTA - GENERALITÀ

1. Simbologia e convenzione dei segni

Assi di riferimento, azioni esterne e componenti dì movimento


Si assume come sistema di riferimento locale per un’asta una terna di
assi avente l’origine nel baricentro geometrico della sezióne e l’asse z pa­
rallelo all’asse dell’asta ed orientato dal primo verso il secondo estremo
(da sinistra verso destra in figura 1). Nel piano della sezione, l’asse x è
orizzontale ed orientato da destra verso sinistra, l'asse y verticale ed o-
rientato dall’alto verso il basso. Si considera come direzione positiva de­
gli spostamenti u, v, w quella concorde col verso positivo degli assi; come
verso positivo di rotazione quello che porta x su y, y su z e z su x. Analo­
ga convenzione vale per le azioni esterne (forze concentrate, coppie, ca­
richi distribuiti); in questo modo se l’asse dell’asta è orizzontale i carichi
gravitazionali sono positivi.
124 Capitolo 7

Deformazioni e tensioni
Coerentemente con le convenzioni utilizzate nell’ambito della Scienza
delle costruzioni, si considerano positive le deformazioni unitarie s di al-
lungamento e le tensioni normali a di trazione. Questa convenzione è a
volte scomoda nello studio di strutture in cemento armato, perché il cal­
cestruzzo è soggetto prevalentemente a compressione e le relative ten­
sioni ϭc hanno segno negativo. Occasionalmente nelle applicazioni nu­
meriche il segno negativo delle tensioni del calcestruzzo verrà omesso,
quando non vi è il rischio di confusione.

Caratteristiche della sollecitazione


Coerentemente con la convenzione usata per le rotazioni, si considera
positivo il momento.flettente Mx se l'azione agente sulla faccia di norma­
le uscente positiva ha il verso che porta y su z\ esso quindi tende le fibre,
inferiori (fig. 2). Analogamente My si considera positivo se ha il verso che
porta z su x. Il pedice sarà omesso ed il momento indicato semplicemen­
te con M in situazioni semplici, ma frequenti, in cui abbiamo solo fles­
sione retta nel piano y-z. Lo sforzo normale N si considera positivo se dL
trazione; nella maggior parte dei casi pratici lo sforzo normale è di com­
pressione e quindi ha segno negativo, anche se spesso in situazioni che
non creano ambiguità tale segno sarà omesso.
Il taglio è indicato col simbolo V. Nella, faccia di normale uscente
concorde con z la componente Vy nel piano y-z è positiva se diretta verso
il basso (fig. 3). Il momento torcente è indicato col simbolo T ed è consi­
derato positivo se nel verso che porta x su y.

Fig. 2 - verso positivo dello sforzo normale e del momento flettente


Flessione composta - generalità 125

Fig. 3 - verso positivo del taglio e del momento torcente

In conseguenza alla convenzione dei segni qui definite, le equazioni


differenziali che legano carichi, caratteristiche di sollecitazione e com­
ponenti di movimento in uno schema piano si scrivono

essendo n, q ed m il carico distribuito rispettivamente in direzione as­


siale, ortogonale all’asse e flettente.

2. Sistemi di misura

Già da molti anni la normativa italiana ha recepito le direttive europee


che impongono l'uso in tutti gli atti pubblici del sistema internazionale
(SI o MKS), che considera come unità fondamentali il metro (per le lun­
ghezze), il chilogrammo (per le masse) e il secondo (per i tempi). L'unità
di misura per le forze è il Newton (N); per le tensioni il Pascal (Pa) pari
a un Newton su metro quadro (N m 2). Nelle applicazioni numeriche è
più comodo utilizzare multipli di tali grandezze; in particolare si userà
126 Capitolo 7

Negli studi professionali è ancora molto diffuso Fuso del sistema


tecnico (ST), che considera come unità fondamentali il metro (per le lun­
ghezze), il chilogrammo peso (per le forze) e il secondo (per i tempi).
Secondo tale sistema i momenti sono espressi in kgm (chilogrammi me­
tro) e le tensioni in kg cm2 (chilogrammi su centimetro quadro). Nel fare
le conversioni tra i due sistemi, si tenga presente che un Newton è ap­
prossimativamente pari al peso di una massa di 100 g. Le attuali nor­
mative vietano però l'uso di tale sistema di misura; in tutte le applica­
zioni si utilizzerà quindi esclusivamente il sistema internazionale.

3. (La flessione composta nel cemento armato

Il cemento armato è costituito inglobando barre di acciaio in una massa


di calcestruzzo. La presenza dell'acciaio ha principalmente lo scopo di
fornire quella resistenza a trazione che il calcestruzzo non è in grado di
offrire, mentre a quest’ultimo è demandato sostanzialmente il compito
di sopportare la compressione, per la quale Faccialo è meno idoneo a
causa di problemi di instabilità. La presenza di barre longitudinali e ar-
matura trasversale (staffe) influisce sensibilmente sul comportamento
del calcestruzzo. Si è già accennato (cap. 4, par. 1.4) al fatto che la pen-
denza del tratto decrescente nel legame ϭ-ε e la deformazione massima
raggiungibile dal calcestruzzo prima della rottura è dipendente dalla
quantità di armatura di confinamento; si vedrà in seguito come la resi­
stenza stessa del calcestruzzo può essere incrementata con una adegua­
ta staffatura. In definitiva, occorre sempre ricordare che affinché il ce­
mento armato si comporti come tale è necessaria la presenza di armatu­
re longitudinali e trasversali ben disposte.
Nonostante l'eterogeneità dei materiali componenti, nell'esaminare
il comportamento di una sezione in cemento armato soggetta ad uno
sforzo normale N ed un momento flettente M vengono formulate due i-
potesi: perfetta aderenza tra calcestruzzo e armatura e conservazione
delle sezioni piane. La prima implica che i due materiali abbiano uguale
deformazione ε nei punti di contatto. In linea teorica, ciò si ottiene anco­
rando sufficientemente le barre. Occorre però notare che essa perde di
validità, oltre che nei tratti in cui vi sono barre in fase di ancoraggio,
Flessione composta - generalità 127

anche in prossimità delle fessure, che comportano una discontinuità nel


calcestruzzo ma non nell’acciaio1. La seconda ipotesi è quella classica
della Scienza delle costruzioni, che vale per un materiale omogeneo ed
isotropo. Il calcestruzzo non lo è certamente a livello microscopico, ma
può essere considerato tale a livello macroscopico, cioè per un blocco di
dimensioni sufficientemente grandi, almeno finché non si hanno fessure
molto estese; la presenza di armatura costituisce una ulteriore disomo­
geneità, che può essere in parte superata grazie all’ipotesi di perfetta
aderenza.
Per l’ipotesi di conservazione delle sezioni piane, il diagramma delle
deformazioni longitudinali ez è rappresentato da un piano nello spazio
xyεz La deformazione in un punto della sezione è quindi legata alle co­
ordinate x e y del punto dalla relazione lineare

nella quale si è indicata con


la deformazione del punto O, origine degli assi; coeren­
temente con quanto si fa in Scienza delle costruzioni,
esso in genere coincide con il baricentro G della sezione
(e in tal caso si utilizzerà il simbolo sg); per le sezioni in
cemento armato è a volte preferibile riferirsi al baricen­
tro della sezione geometrica del solo calcestruzzo
la curvatura nel piano x-z (derivata di εz rispetto a x)

la curvatura nel piano y-z (derivata di εz rispetto a y)

II diagramma delle deformazioni della sezione, valido sia per racciaio


che per il calcestruzzo per l’ipotesi di perfetta aderenza, è quindi defini­
to dai tre parametri εo, χx e χy - Conoscendo il legame costitutivo ϭ-ε dèi
materiale, anche la tensione normale o z è definita univocamente (ma in
maniera distinta, per acciaio e calcestruzzo) in ciascun punto della se-

1 Un modello più verosimile del comportamento della trave in prossimità delle


fessure è presentato nel capitolo relativo alla fessurazione.
128 Capitolo 7

zione in funzione della deformazione ez e quindi dei tre parametri sopra


indicati.
Noto lo stato tensionale, le caratteristiche della sollecitazione nella
sezione N, Mx ed My sono determinate come risultante delle tensioni
mediante le relazioni

Nel'applicare queste espressioni, il legame costitutivo ϭ-ε speri-


mentale del materiale (fig. 4) viene sostituito da rappresentazioni sem­
plificate, definite in base all’entità delle tensioni e delle deformazioni
provocate dai carichi. In particolare sì possono distinguere tre stadi di
comportamento, per ciascuno dei quali viene proposto un diverso model­
lo dei materiali.

Primo stadia
Per carichi molto bassi (deformazioni e tensioni molto piccole) si può i-
potizzare per acciaio e calcestruzzo un comportamento elastico lineare
sia a trazione che a compressione. La linearità di comportamento è per­
fettamente valida per Facciaio e sostanzialmente anche per il calce-
struzzo compresso. Il calcestruzzo teso presenta invece, anche per de­
formazioni molto piccole, un andamento delle tensioni non lineare al
crescere delle deformazioni.

Fig. 4 - legami costitutivi sperimentali per acciaio e calcestruzzo


Flessione composta - generalità 129

Nel passato, si tendeva a schematizzarlo ipotizzando un comportamento


elastico lineare medio con modulo di elasticità più basso di quello a
compressione. Oggi invece si preferisce mantenere il modello elastico li­
neare con uguale modulo a trazione e compressione, assumendo nel caso
di elementi inflessi una resistenza a “trazione per flessione” fcf fittizia-
mente maggiore di quella a trazione pura fct (fig. 5),
Questo modello viene, utilizzato quando occorre valutare la caratte­
ristica di sollecitazione che porta alla rottura per trazione. Lo incontre­
remo ad esempio nelle verifiche a fessurazione, per calcolare il momento
di prima fessurazione; oppure nel valutare Fazione che porta a rottura il
“dente” del modello a pettine usato nel valutare la resistenza a taglio di
sezioni non armate.

Secondo stadio
Per i valori più consueti del carico si può ipotizzare un comportamento
elastico lineare per l’acciaio (teso e compresso) e per il calcestruzzo com­
presso e ritenere invece del tutto trascurabile la resistenza del calce-
struzzo teso (fig. 6). .La prima ipotesi è verosimile per l’acciaio fino a va­
lori molto alti, in pratica fino alla tensione di snervamento fy, per il cal­
cestruzzo fino a valori pari a circa il 40% della resistenza a compressio­
ne fc. La seconda corrisponde al fatto che, ovunque si supera la resisten­
za a trazione, si formano lesioni che impediscono la trasmissione di ten­
sioni; questa incapacità rimane anche quando si ha un parziale scarico,
perché in questo caso l’ampiezza della lesione si riduce o si annulla, ma
la frattura non si può saldare.
130 Capitolo 7

Questo modello viene utilizzato sia per le verifiche alle tensioni


ammissibili che per la maggior parte delle verifiche agli stati limite di
esercizio (in particolare per la verifica allo stato limite di tensioni di e-
sercizio).

Terzo stadio
Per valori più alti del carico diventa indispensabile tenere conto della non
linearità del comportamento dell'acciaio e del calcestruzzo compresso
(fig. 7). Per il primo si usa un modello elastico-perfettamente plastico
senza limiti di deformazioni, anche se talvolta si fa riferimento al limite
tradizionale di 1O-3 (cap. 5, par. 2); per il secondo si assume invece un
andamento ϭ-ε parabola-rettangolo (cap. 4, par. 1.4). Il contributo del
calcestruzzo teso è trascurato, per le stesse motivazioni già discusse a
proposito del secondo stadio.
Questo modello è utilizzato per le verifiche allo stato limite ultimo.
Flessione composta - generalità 131

4. Comportamento elastico lineare

4.1. /Calcestruzzo reagente; a trazione (1° stadio)


Pur ipotizzando che il calcestruzzo sia omogeneo ed isotropo (a livello
macroscopico) ed abbia un comportamento elastico lineare sia a trazione
che a compressione, rimane, come ostacolo all'applicazione del modello
analizzato dalla Scienza delle costruzioni, il problema della presenza
nella sezione di un ulteriore materiale, l'acciaio, che ha caratteristiche
elastiche nettamente differenti da quelle del calcestruzzo. Questo pro­
blema può essere aggirato grazie alla ipotesi di perfetta aderenza tra
acciaio e calcestruzzo. Infatti in due aree elementari dAc di calcestruzzo
e dAs di acciaio, mutuamente a contatto, a parità di deformazione e si
hanno tensioni ϭc e ϭs che valgono rispettivamente

La tensione nell'acciaio si può quindi esprimere come

avendo indicato con n il rapporto tra i moduli elastici dei due materiali.
Il contributo delle due aree elementari allo sforzo normale è rispet­
tivamente

Confrontando la seconda espressione con la prima si vede che il contri­


buto dell'area di acciaio dAs, soggetta alla tensione as, è equivalente a
quello che darebbe un’area di calcestruzzo n volte maggiore, n dAs, sog­
getta alla tensione ac. Si può allora considerare la sezione “omogenea”,
cioè costituita da un solo materiale, purché si valutino le sue caratteri­
stiche geometriche (area, posizione del baricentro, momenti d'inerzia)
amplificando con h il contributo dell'acciaio. Il diagramma delle tensioni
nella sezione, lineare, sarà rappresentativo delle tensioni del calcestruz­
zo (ϭc) e contemporaneamente di quelle dell'acciaio divise per n (ϭs / n).
Il coefficiente n viene chiamato coefficiente di omogeneizzazione e la se­
zione ottenuta amplificando mediante esso il contributo dell'acciaio vie­
ne detta sezione omogeneizzata.
132 Capitolo 7

Il valore del modulo elastico dell'acciaio è univocamente definito,


indipendentemente dal tipo di carichi e dallo stato tensionale, mentre
quello del calcestruzzo è in realtà variabile in funzione della deforma­
zione e condizionato anche dai fenomeni viscosi Quando si considerano
carichi di breve durata e di modesta entità è corretto considerare, ai fini
dell'omogeneizzazione, il valore del modulo elastico tangente all’origine
e quindi un coefficiente di omogeneizzazione circa pari a 7; ad esempio
per calcestruzzo di classe Rck — 25 MPa si ha Ec~ 28500 MPa e quindi
ti — 206000 / 28500 = 7.23, mentre per un calcestruzzo con Rck = 35 MPa
si ha Ec — 33720 MPa e quindi n = 6.11. Se i carichi sono di lunga durata,
rincremento di deformazione dovuto alla viscosità equivale ad una ridu­
zione del modulo elastico ed è quindi più corretto usare valori di n mag­
giori, ad esempio h,=15.
Grazie alla “omogeneizzazione” dell’acciaio è possibile applicare alle
sezioni in cemento armato nel 1° stadio tutte le espressioni studiate nel
corso di Scienza delle costruzioni, facendo riferimento ad una sezione
convenzionale (sezione omogeneizzata) ma definita a priori, per la quale
sono cioè immediatamente calcolabili le caratteristiche geometriche. Si
ha infatti
Flessione composta - generalità 133

Il luogo dei punti per i quali ϭ = 0 costituisce una retta nel piano della
sezione; tale retta è detta asse neutro ed indicata col simbolo n.
Si noti che l’approccio utilizzato nel passato, che assegnava al calce-
struzzo teso un modulo elàstico diverso da quello compresso, rendeva
necessaria una ulteriore omogeneizzazione, tra calcestruzzo teso e com­
presso, mediante un coefficiente n’= Ecti Ec. Poiché, però, in genere non
è nota a priori quale parte della sezione sia tesa, sorgono gli stessi pro­
blemi applicativi che vengono discussi in seguito con riferimento al se­
condo stadio.

4.2. Calcestruzzo non reagente a trazione (2° stadio)


Il ritenere il calcestruzzo incapace di reagire a trazione introduce nella
sezione una ulteriore eterogeneità. Questa complicazione può essere su­
perata se si pensa che una volta definita la posizione dell’asse neutro è
chiaramente individuata la parte di calcestruzzo compressa, che è in
grado di trasmettere tensioni ovvero di “reagire” alle azioni esterne, e
quella tesa, che rimane inerte. Si può allora considerare del tutto inesi­
stente la parte di calcestruzzo tesa e far riferimento ad una sezione co­
stituita dal calcestruzzo reagente e dalle armature (queste ultime “omo­
geneizzate” mediante il coefficiente n per essere equiparate al calce-
struzzo).

Sezione reale Sezione reagente

Fig. 8 - sezione reale e sezione considerata nel calcolo


134 Capitolo 7

La sezione così definita viene detta- sezione reagente omogeneizzata o,


più brevemente, sezione reagente (fig.8). Ad essa sono applicabili tutte le
relazioni definite dalla Scienza=dèlle costruzioni per materiale omogeneo
e linearmente elastico.
La differenza fondamental tra questo caso (sezione di calcestruzzo
parzialmente reagente o, come si suole dire, sezione parzializzata) e
quello precedentemente trattato (sezione di calcestruzzo totalmente re­
agente) sta nel fatto che in genere non è noto a priori quale sia la sezio-
ne reagente. La determinazione della posizione dell’asse neutro è quindi
un punto preliminare che va sempre affrontato prima di determinare lo
stato tensionale nella sezione.
Un possibile approccio generale potrebbe basarsi sul fatto che
l’espressione generale che fornisce l'asse neutro è

Queste ultime costituiscono un sistema di tre equazioni nelle quali le


quantità A, I* ed Iy sono esprimibili a loro volta in funzione dei parame­
tri a, b e c che individuano la posizione dell’asse neutro (con la compli­
cazione dovuta al fatto che baricentro e assi di riferimento dipendono
anch’essi da a, b e c). In genere si utilizzano però approcci più specifici,
che portano a relazioni risolubili analiticamente, in forma chiusa (per se­
zioni semplici) o con procedimenti numerici, iterativi (per sezioni com­
plesse).
Ulteriori considerazioni sono necessarie per il valore da attribuire al
coefficiente di omogeneizzazione n. Il modello di comportamento elastico
lineare con calcestruzzo non reagente a trazione è utilizzato in presenza
di deformazioni maggiori, rispetto al caso di calcestruzzo reagente a tra­
zione, o addirittura, come nel caso delle verifiche alle tensioni ammissi-
\

bili, con riferimento indiretto al comportamento ultimo. E quindi neces­


sario considerare il modulo elastico secante del calcestruzzo, anziché quel­
lo tangente all’origine; inoltre non può in genere essere trascurato l’effetto
delle deformazioni viscose. Per questo motivo la norma italiana prescrive
di utilizzare, nelle verifiche alle tensioni ammissibili o allo stato limite
di tensioni di esercizio, un valore convenzionale n= 15.
Flessione composta - generalità 135

Il fatto che la parte reagente della sezione non sia-definita a priori,


ma si ottenga piuttosto come esito finale di un calcolo, dà origine ad un
altro problema, piuttosto rilevante. Nella risoluzione di schemi ipersta-
tici è necessario definire preliminarmente area e momento d’inèrzia del­
la sezione, che intervengono nella risoluzione dello schema. In tal modo
si ottengono, alla fine del calcolo, le caratteristiche della sollecitazione,
valutate rispetto al baricentro della sezione. La risoluzione di strutture
iperstatiche in cemento armato dovrebbe quindi essere fatta con un pro­
cedimento iterativo, nel quale si ipotizza quale sia la parte reagente, si
risolve lo schema trovando le caratteristiche di sollecitazione, si deter­
mina in base ad esse la parte reagente in ogni sezione, che sarà in gène­
re diversa da quella ipotizzata, e sì ripete il calcolo fino ad avere una
coincidenza tra valori ipotizzati e valori effettivi. In realtà ciò non viene
fatto (se non in situazioni estremamente particolari) e si fa convenzio-
nalmente riferimento alle caratteristiche della sezione geometrica costi-
tuita dal solo calcestruzzo. Per coerenza a questo, nell’effettuare le veri-
fiche bisogna però tenere conto che lo sforzo normale è una forza assiale
a

applicata nel baricentro della sezione geometrica, e non nel baricentro


delia sezione reagente.

5. Comportamento non lineare (3° stadio)

Le relazioni della Scienza delle costruzioni, valide per materiale linear­


mente elastico, non sono più applicabili in questo caso. Bisogna quindi
rifarsi alle espressioni generali

nelle quali ϭ dipende in maniera non lineare da e. Occorrerebbe quindi


trovare i valori dei parametri εg, χx e χy (che definiscono la deformazione
della sezione) per i quali la risultante delle tensioni coincide con le carat­
teristiche di sollecitazione agenti. La verifica (allo stato limite ultimo) in
questo caso consisterebbe nel controllare che in nessun punto della sezio-
136 Capitolo 7

ne siano superate le deformazioni limite dei materiali (in particolare del


calcestruzzo, εcu). Effetto che il legame costitutivo ϭ-ε sia non lineare, e
soprattutto che non sia biunivoco, comporta notevoli complicazioni. Si pre­
ferisce quindi risòlvere il problema in maniera inversa, , cioè determinare
le caratteristiche di sollecitazione “resistenti”, corrispondenti a diagram­
mi limite di deformazione (diagrammi nei quali si raggiunge in un punto
la deformazione limite), e verificare che le caratteristiche di sollecitazione^
effettivamente agenti siano minori di esse.

6. Diagrammi limite

Col termine “diagramma limite” si intende un diagramma, di tensioni o


deformazioni, che presenta in tutti i punti della sezione valori accettabi­
li ma raggiunge in almeno un punto un valore limite.
In caso di modello lineare di comportamento del materiale (con o
senza resistenza del calcestruzzo a trazione) si fa riferimento a dia­
grammi limite di tensione, cioè diagrammi corrispondenti al raggiungi­
mento della tensione di riferimento, dell’acciaio o del calcestruzzo, nei
punti più sollecitati della sezione (resistenza a trazione del calcestruzzo,
nelle verifiche a fessurazione; tensioni ammissibili nel metodo che da
esse prende il nome; tensioni limite per le verifiche allo stato limite di
tensioni di esercizio).
In caso di modello non lineare si fa invece riferimento a diagrammi
limite di deformazione, cioè diagrammi corrispondenti al raggiungimen­
to della deformazione ultima (in particolare del calcestruzzo, ma a volte
anche dell’acciaio) nei punti estremi della sezione.
Il riferimento a diagrammi limite non è strettamente necessario nel
caso di modello lineare, perché le verifiche di resistenza vengono tipi­
camente effettuate calcolando i valori massimi delle tensioni provocati
nel calcestruzzo e nell’acciaio da assegnate caratteristiche di sollecita-
s
zione e controllando che essi siano inferiori ai valori di riferimento. E
però utile per ottenere formule di progetto nei casi semplici (sforzo nor­
male centrato, flessione semplice), ma soprattutto nei casi più generali
(come la flessione composta) perché una visione globale del comporta­
mento della sezione. In caso di modello non lineare del materiale, inve-
Flessione composta - generalità 137

ce, la determinazione delle caratteristiche di sollecitazione limite a par­


tire da diagrammi limite è sempre il procedimento base sia per la verifi­
ca che per il progetto della sezione.

7. Deformazioni, tensioni e caratteristiche della sollecitazione

Per un’assegnata sezione, a ciascun diagramma limite corrisponde un


ben preciso valore delle caratteristiche di sollecitazione M, N. E quindi
utile richiamare brevemente le formulazioni analitiche che consentono
di passare dallo stato deformativo alle caratteristiche di sollecitazione.
Nel caso di flessione retta nel piano y-z ciascun diagramma di de­
formazione può essere individuato mediante due parametri, la deforma­
zione so del punto O, origine degli assi di riferimento, e la curvatura χ
Si ha infatti

Alla deformazione di ciascun punto corrisponde un valore della tensio­


ne, determinato in base ai legami costitutivi, differenti a seconda che si .
adotti un modello lineare o non lineare dei materiali. La funzione ϭ(y)
così ottenuta sarà utilizzata per calcolare, mediante integrazione, i valo­
ri di M ed N, somma delle aliquote Mc Nc ed Ns Ms dovute rispettiva­
mente al calcestruzzo ed all’armatura.

Modello lineare del materiale


La tensione nel calcestruzzo è proporzionale alla deformazione, tramite il mo­
dulo elastico Ec Si ha

funzione lineare in y. Le aliquote delle caratteristiche di sollecitazione dovute


al calcestruzzo, Nc ed Me, valgono quindi

Gli integrafi sono estesi alla parte compressa di calcestruzzo. Nel caso di sezione
tutta compressa i limiti di integrazione sono, ovviamente, le ordinate dei due
bordi, mentre per sezione parzializzata sono l’ordinata del bordo compresso e
138 Capitolo 7
Flessione composta - generalità 139
140 Capitolo 7

Modelli di comportamento del materiale

Primo stadio
- calcestruzzo: elastico lineare, sia a trazione che a compressione
- acciaio: elastico lineare
- le formule della Scienza delle costruzioni per la determinazione dello
stato tensionale possono essere applicate alla sezione omogeneizzata
(nota a priori)
- usato per: comportamento prima della fessurazione; verifica al­
lo stato limite di esercizio di fessurazione

Secondo stadio
- calcestruzzo: elastico lineare, resistente solo a compressione
- acciaio: elastico lineare
- le formule della Scienza delle costruzioni per la determinazione dello
stato tensionale possono essere applicate alla sezione reagente omo­
geneizzata (non conosciuta a priori)
- il primo passo della verifica è la determinazione della posizione del­
l’asse neutro
- usato per: verifiche alle tensioni ammissibili; verifiche agli sta­
ti limite di esercizio (dopo la fessurazione)

Terzo stadio
- calcestruzzo: non lineare, resistente solo a compressione
- acciaio: non lineare
- le formule della Scienza delle costruzioni per la determinazione dello
stato tensionale non possono essere applicate; occorre rifarsi alla de­
finizione generale di caratteristiche della sollecitazione come risul­
tante delle tensioni
- il primo passo della verifica è la determinazione della posizione del­
l'asse neutro
- usato per: verifiche allo stato limite ultimo
Capitolo 8
SFORZO NORMALE

1. (Modellò Ime - calcestruzzo resistente a trazione

Come già indicato nel capitolo precedente, in questo caso valgono inte­
gralmente le formule della Scienza delle costruzioni purché le si applichi
alla sezione omogeneizzata, cioè a una sezione nella quale ogni elemento
di acciaio è idealmente sostituito da un’area di calcestruzzo n volte
maggiore (posta nella stessa posizione).
L’assenza di momento flettente comporta l'annullarsi della curvatura

lì diagramma delle deformazioni e quello delle tensioni sono quindi co­


stanti, indipendentemente dal fatto che queste ultime siano di trazione
oppure di compressione

In queste espressioni il contributo dell'armatura è conglobato in quello


del calcestruzzo definendo un’area ideale di calcestruzzo
Aci = Ac + nAs,tot
Il coefficiente di omogeneizzazione n viene assunto pari al rapporto tra i
moduli elastici di acciaio e calcestruzzo oppure al valore convenzionale
n= 15, a seconda che si voglia tener conto o no delle deformazioni visco­
se del calcestruzzo-
142 Capitolo 8

Fig. 1 - diagramma delle tensioni per sforzo normale: comportamento


lineare con calcestruzzo reagente a trazione

Si noti che, essendo ϭs = n ϭc, il diagramma delle tensioni nel calce-


struzzo (fig. 1) può essere utilizzato anche per rappresentare, a meno del
coefficiente di omogeneizzazione n, i corrispondenti valori neiracciaio.

Esempio 1. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo Rck—25MPa


armata con 6020 in acciaio FeB44k, si determini lo stato tensionale provocato
da uno sforzo normale di trazione N = 160 kN ipotizzando che la sezione non sia
fessurata; si verifichi se la tensione di trazione supera la resistenza a trazione
del calcestruzzo.
Parlare di sezione non fessurata equivale a ritenere il calcestruzzo nel primo
stadio, cioè ipotizzare che esso sia resistente sia a trazione che a compressione
ed abbia una relazione g-s lineare. Nel primo stadio si applicano le formule no­
te dalla Scienza delle costruzioni alla sezione costituita da tutto il calcestruzzo
più l'armatura omogeneizzata. Il coefficiente di omogeneizzazione n=Es/Ec può
essere assunto proprio pari al rapporto tra i due moduli elastici, ritenendo che
ci si riferisca ad un© stato tensionale modesto ed a carichi di breve durata nel
tempo. Per il calcestruzzo in esame si ha quindi
n = 200000/28500 = 7.02
Si noti che la normativa potrebbe prescrivere valori (convenzionali) leggermen­
te diversi da questo; ad esempio, la normativa italiana impone per le verifiche
a fessurazione il valore n=6, indipendentemente dal tipo di calcestruzzo (anche
se questo valore viene inserito tra le prescrizioni relative al cemento armato
precompresso, che ha caratteristiche di resistenza e modulo elastico maggiore
rispetto al calcestruzzo qui considerato).
Lo stato tensionale provocato dallo sforzo normale N è costante. Per de­
terminarne il valore occorre calcolare l’area A della sezione omogeneizzata
Sforzo normale 143

Pér giudicare se si è superata la resistenza a trazione del calcestruzzo ba­


sta confrontare la tensione di trazione nel calcestruzzo ϭc con il valore caratte­
ristico della resistenza del calcestruzzo a trazione fctk che, per il calcestruzzo
dell'esempio, vale 1.62 MPa. Poiché il primo è inferiore al secondo, per lo sforzo
normale N= 160 kN la sezione non è ancora fessurata.

Esempio 2. Con riferimento alla sezione dell'esempio 1, si determini il valore


dello sforzo normale che provocherebbe la rottura a trazione del calcestruzzo.
L’area della sezione omogeneizzata è già stata calcolata nell'esempio 1. L’e­
spressione che fornisce la tensione nel calcestruzzo può essere utilizzata per
determinare il valore dello sforzo normale Nfess, che provocherebbe la rottura a
trazione del calcestruzzo, imponendo

Si ha così

Poiché la relazione tra tensioni e caratteristica della sollecitazione è linea­


re, lo sforzo normale Nfess poteva anche essere calcolato immediatamente dai
risultati dell'esercizio 1, con una semplice proporzione

Per tale sforzo normale la tensione nell’acciaio vale

2. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a trazione

2.1. Trazione
I casi di sezioni in c.a. soggette a trazione sono in verità mólto rari, per­
ché in tali condizioni il calcestruzzo, per la sua scarsa resistenza a tra­
zione, fornisce alla sezione un contributo praticamente irrilevante. Oc-
144 Capitolo 8

corre inoltre notare che, se in un qualunque momento della vita della


struttura una sezione tesa si fessura, il calcestruzzo in essa presente
non sarà più in grado di trasmettere trazione, neanche se, per una ridu­
zione dei carichi, lo sforzo normale di trazione ritorna inferiore a quello
di fessurazione. Elementi strutturali soggetti a trazione sono quindi ge­
neralmente realizzati in acciaio oppure in cemento armato precompresso.
In una sezione tesa nella quale si sia superata la resistenza a tra­
zione del calcestruzzo occorre fare riferimento alle sole armature. Uno
sforzo normale centrato (rispetto al baricentro delle armature) provoca
deformazioni e tensioni uniformi nella sezione

avendo indicato col simbolo As,tot l’area di armatura totale presente nella
sezione.
Operando col metodo delle tensioni ammissibili, la verifica di una
sezione tesa sarà semplicemente fatta calcolando la tensione ϭs e con­
frontando tale valore con quello ammissibile ϭs. Il massimo sforzo nor­
male di trazione sopportabile dalla sezione è quindi

Occorre prestare attenzione al fatto che nell’ambito del cemento


armato le caratteristiche della sollecitazione sono in genere ottenute
dalla risoluzione di uno schema strutturale nel quale si sono utilizzate
le dimensioni geometriche delle sezioni, trascurando la presenza di ar­
mature e la mancanza di contributo da parte del calcestruzzo teso. Di
conseguenza si intende di solito per sforzo normale una forza assiale
applicata al baricentro della sezione geometrica di calcestruzzo, anche
V

quando, come nel caso in esame, questo non fornisce alcun contributo. E
buona norma progettuale, nel caso di sezioni seggette a sforzo assiale,
disporre le armature in maniera tale che il loro baricentro coincida con
quello della sezione geometrica. Se ciò non avviene, occorrerà verificare
la sezione a flessione composta e non a sforzo normale centrato, tenendo
conto del momento flettente dovuto all’eccentricità tra i due baricentri.
Sforzo normale 145

Esempio 3. Con riferimento alla sezione dell’esempio 1, si determini il valore


della tensione nell'acciaio che si ha per lo sforzo normale di fessurazione dopo la
rottura a trazione del calcestruzzo.
Utilizzando l’espressione sopra riportata, si ha

Si noti, confrontando questo valore con quello ottenuto nell’esempio 2, che la


fessurazione provoca un incremento delle tensioni nell'acciaio veramente note­
vole (in questo caso di oltre 10 volte).

2.2. Compressione - verifica della sezione


Nel caso di compressione centrata la sezione è soggetta ad una deforma­
zione uniforme s di accorciamento ed il calcestruzzo è ovviamente tutto
reagente. Valgono quindi le espressioni già indicate per il modello de­
nominato primo stadio

In questo caso, per il coefficiente di omogeneizzazione si adotta usual­


mente il valore n = 15, ipotizzando che le tensioni siano più elevate e che
gli effetti viscosi nel calcestruzzo non possano essere trascurati.
La verifica di una sezione compressa col metodo delle tensioni ammis­
sibili consisterà quindi semplicemente nel determinare la tensione nel
calcestruzzo e confrontare tale valore con un limite che, secondo le pre­
scrizioni del D.M. 14/2/92, punto 3.1.3, è pari al 70% della tensione am­
missibile ϭc (un limite ancora più basso è richiesto per sezioni con di­
mensione inferiore a 25 cm). Questa riduzione rispetto al valore consen­
tito in caso di flessione semplice e composta nasce dall’evidenza speri­
mentale di un peggior comportamento di una sezione tutta compressa,
ma nello stesso tempo consente ad una sezione progettata per solo sfor­
zo normale di sopportare anche la contemporanea presenza di un mo­
mento flettente non trascurabile. La verifica dell’armatura è in questo
caso superflua, perché in essa la tensione, essendo pari a n volte quella
del calcestruzzo, non può superare il valore n 0.7 ϭc, che è sempre sicu­
ramente molto minore di ϭs
146 Capitolo 8

Esempio 4. Con riferimento alla sezione dell esempio 1, si determini lo stato


tensionale provocato da uno sforzo normale di compressione N = 1000 kN e si
verifichi se esso soddisfa i limiti imposti dal metodo delle tensioni ammissibili.
Utilizzando il valore convenzionale n = 15, l'area di calcestruzzo ideale, ovvero
l'area della sezione omogeneizzata, vale

Si ha quindi

La tensione nel calcestruzzo è di poco inferiore al limite di normativa

L’acciaio ha invece una tensione di molto inferiore al limite

tanto che - come detto — non è mai necessario fare questo controllo.

3. Progetto di una sezione compressa e prescrizioni di normativa

In fase di progetto sono incognite le due quantità As,tot ed Ac. Definendo


col simbolo p la percentuale geometrica di armatura, ovvero il rapporto

l'area ideale di calcestruzzo può essere espressa da

e lo sforzo normale massimo sopportabile dalla sezione con

La percentuale geometrica di armatura non deve essere troppo bassa,


perché il comportamento del cemento armato differisce da quello del cal­
cestruzzo semplice proprio grazie alla presenza dell’armatura; essa non
deve però essere nemmeno troppo alta, perché un’armatura eccessiva
comporterebbe difficoltà di getto. Il progetto viene generalmente con­
dotto assegnando un opportuno valore a ρ e determinando l’area di cal-
Sforzo normale 147

cestruzzo strettamente necessaria mediante la relazione inversa della


precedente, cioè con

La normativa relativa al metodo delle tensioni ammissibili (D.M.


14/2/92, punto 5.3.4) impone per i pilastri (che sono tipicamente gli ele­
menti soggetti a compressione) la presenza di un’armatura longitudina­
le “non minore dello 0.8% della sezione di conglomerato strettamente
necessaria per carico assiale”. Assumendo ρ =0.008 e ricordando che
n =15, si ha in definitiva

La normativa impone come ulteriore condizione che l’armatura lon­


gitudinale sia compresa tra lo 0.3% ed il 6% (o 10%. in zone di sovrappo­
sizione di barre) della sezione effettiva.
Il primo limite può diventare vincolante solo quando la sezione ef­
fettivamente adottata è molto maggiore di quella strettamente necessa­
ria. Personalmente, io ritengo opportuno non allontanarsi mai troppo
dallo 0.8% della sezione effettiva, perché l’armatura contribuisce note­
volmente alla capacità della sezione di sopportare momenti flettenti che,
anche se non esplicitamente previsti dal calcolo, prima o poi cimente­
ranno sicuramente la struttura; faccio presente che sia la norma sismica
europea che una circolare del 1997, esplicativa della norma sismica ita­
liana, fissano all’1% della sezione effettiva la quantità minima di arma­
tura longitudinale da disporre in pilastri di edifici antisismici.
Il secondo limite è veramente alto. Anche con una quantità minore
di armatura la disposizione delle barre e il getto del calcestruzzo posso­
no risultare difficoltosi ed è quindi consigliabile mantenersi ben lontani
da esso.
Con riferimento ai pilastri realizzati in opera, la normativa impone
inoltre una limitazione al diametro delle barre longitudinali, che non
può essere inferiore a 12 mm, nonché al diametro delle staffe (almeno
6 mm e 1/4 del diametro massimo delle barre longitudinali) ed al loro
passo (non maggiore di 15 volte il diametro minimo delle barre longitu-
148 Capitolo 8

dinali, né di 25 cm). Prescrizioni differenti, ma sostanzialmente analo­


ghe, sono fornite per pilastri prefabbricati e per pareti in c.a.
Obiettivo fondamentale di tali limitazioni è evitare che le barre di
armatura compresse si instabilizzino per raggiungimento del carico cri­
tico Euleriano, Il calcestruzzo di ricoprimento non dà sufficienti garan-
zie verso tale fenomeno, perché esso potrebbe deteriorarsi nel tempo. Il
rischio di instabilità è tanto maggiore quanto più piccolo è il raggio d’i­
nerzia della barra (da ciò deriva la restrizione relativa al suo diametro).
Le staffe costituiscono un vincolo per le barre, ..determinandone la lun­
ghezza libera d'inflessione e per far ciò “devono essere chiuse e confor­
mate in modo da contrastare efficacemente, lavorando a trazione, gli
spostamenti delle barre longitudinali verso l'esterno” (D.M. 14/2/92,
punto 5.3.4). Al crescere del numero di barre è opportuno passare da
una singola staffa ad una doppia staffa (fig. 2) ed aggiungere tirantini.
Questi ultimi sono più difficili da montare e quindi la loro presenza e
posizione va opportunamente studiata, imponendoli ove necessari, in
particolare per barre che distino più di 15 cm da una barra bloccata me­
diante staffe o tirantini, ed eventualmente disponendoli in maniera
alternata (una staffa si ed una no).
La presenza di staffe ha inoltre un effetto positivo sia sulla resi­
stenza che sulla duttilità della sezione. Esse hanno un effetto cerchian-
te, di contenimento laterale, che aumenta la resistenza, come verrà
spiegato dettagliatamente in seguito con riferimento ai pilastri cerchia­
ti. Inoltre consentono al calcestruzzo di sopportare deformazioni notevo-
li, oltre il limite convenzionale εcu= 0.0035. mantenendo almeno in parte
la capacità portante; ciò è fondamentale soprattutto per strutture anti­
sismiche, per le quali viene quindi in genere prescritta una staratura
ancora più fitta.
Sforzo normale 149

Esempio 5. Si progetti col metodo delle tensioni ammissibili la sezione e l'ar­


matura di un pilastro, da realizzare in calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa e con
acciaio FeB44k, sapendo che esso deve portare uno sforzo normale di compres­
sione N = 1100 kN.
Utilizzando l'espressione proposta si ottiene

Se si vuole utilizzare una sezione rettangolare con un lato pari a 30 cm, l’altro
lato dovrà essere almeno di 60 cm (normalmente si usano dimensioni multiple
di 10 o - più raramente — di 5 cm). L’area di acciaio dovrà essere almeno

Le barre devono essere sempre in numero pari; consiglio inoltre di disporle ad


una distanza mutua non superiore a 25 cm. Nel caso in esame si potranno usa­
re 10 012 (pari a 13.6 cm2), 10 014 (pari a 15.4 cm2) o 8 016 (pari a 16.1 cm2).
Aggiungo che io trovo più comodo calcolare l’armatura necessaria facendo
riferimento all’area della sezione scelta (nell’esempio, 1800 cm2) e non all’area
strettamente necessaria (nell’esempio, 1651 cm2). Ciò può comportare à volte
l’uso di un numero maggiore di barre, ma ha il vantaggio di semplificare sia i
calcoli che l’esecuzione della struttura, perché tutti i pilastri di uguale sezione
hanno così la stessa armatura.

4. Modello non lineare

4.1. Trazione
Quando si adotta per l’acciaio un modello elastico - perfettamente plasti­
co, la possibile escursione in campo plastico interessa solo dal punto di
vista deformativo ma non comporta incrementi di resistenza oltre quella
corrispondente allo snervamento. Nelle verifiche allo stato limite ultimo
il massimo sforzo normale di trazione-sopportabile dalla sezione è per­
tanto

E facile notare che per qualunque tipo di acciaio il valore limite fyd è cir
ca una volta e mezzo il valore ammissibile ϭs; poiché approssimativa
mente tale è anche il rappoto tra i carichi utilizzati nelle due situazio­
ni, si può prevedere che non vi saranno sostanziali differenze tra i risul-
150 Capitolo 8

tati delle verifiche condotte secondo l’uno o l’altro dei due metodi, alme­
no finché il tipo di analisi strutturale utilizzato è quello lineare.

4.2. Compressione - verifica della sezione


Nel caso di compressione centrata occorre considerare un diagramma di
deformazioni uniforme, con valore pari a sci (D.M. 9/1/96, punto 4.2.1.1,
ed Eurocodice 2, punto 4.3.1.2). A tale deformazione corrisponde per il
calcestruzzo la tensione a f c d y mentre l'acciaio sarà snervato {almeno per
i tipi usati in Italia) e quindi con tensione pari a f y d (fig. 3).
Lo sforzo normale limite per la sezione è ottenuto sommando il con­
tributo di calcestruzzo ed acciaio e vale

La norma italiana prescrive inoltre che Io sforzo normale sia “mino­


re di quello calcolato per compressioni centrate con una maggiorazione
del 25% del coefficiente yc” (punto 4.2.1.2). Pertanto se si segue la norma
italiana occorre usare in tale espressione un valore fcd ridotto di 1.25 ri­
spetto a quello usuale. Questa riduzione non è prevista dall’Eurocodice
2, ma ritengo opportuno imporla in fase di progetto per garantire che la
sezione compressa abbia la capacità di sopportare anche momenti flet­
tenti di una certa entità. I valori di α fcd e del rapporto fyd! a fcd, per le
classi di calcestruzzo più comunemente usate per cemento armato ordi­
nàrio sono riportati in tabella 1.

Fig. 3 - diagramma di deformazioni e tensioni per sforzo normale:


comportamento non lineare
Sforzo normale 151

Tab. 1 - valori di a fcd del rapporto fyd / a fcd, per cemento armato ordinario

Confrontando questa espressione con quella in precedenza indicata


per verifiche alle tensioni ammissibili sì constata che la riduzione di f d C

imposta dalla norma italiana porta ad un ottima corrispondenza nel


contributo del calcestruzzo, che è ora circa una volta e mezzo maggiore
(perché tanto vale, più o meno, il rapporto tra a fcd e 0:7 a.c), cioè nello
stesso rapporto esistente tra i carichi da considerare nei due casi. Il con­
tributo dell'acciaio compresso è invece sensibilmente maggiore, perché il
rapporto fyd I a fcd che compare in questa espressione è nettamente più
grande del valore ri che compariva in quella delle tensioni ammissibili.

Esempio 6. Si verifichi se la sezione descritta nell'esempio 1 è in grado di por­


tare allo stato limite ultimo uno sforzo normale di compressione Nsd = 1500 kN.
Se si fa riferimento all'Eurocodice 2, si ha

Se si fa riferimento alla norma italiana, si ha invece

In entrambi i casi, comunque, la sezione è verificata, perché Nm è maggiore di


Nsd.

5. Progetto di una sezione compressa e prescrizioni di normativa

Prima di proporre una formula di progetto occorre richiamare le prescri­


zioni della normativa agli stati limite (italiana ed europea) relative ai
limiti minimi di armatura longitudinale, che presentano alcune diffe­
renze rispetto a quelli delle tensioni ammissibili.
L’Eurocodice 2 (punto 5.4.1.2.1) impone che la sezione dell’armatura
longitudinale sia non minore di 0.15 Nsd / fyd, cioè porti almeno il 15%
152 Capitolo 8

dello sforzo normale1- La. restante parte. (85%) deve essere affidata, al
calcestruzzo. Se si usa l'armatura strettamente necessaria, le formule di
progetto diventano quindi

Anche se non richiesto dall'Eurocodice, nella prima espressione è oppor­


tuno utilizzare un valore ridotto di fcd, come suggerito dalla norma ita­
liana, in modo da garantire che la sezione possa portare un adeguato
momento flettente. In caso contrario sarebbe necessario valutare atten­
tamente il massimo momento flettente che può sollecitare la sezione,
tenendo conto anche di problemi costruttivi quali la possibile eccentrici­
tà del pilastro immediatamente superiore. Per evitare equivoci legati al
far corrispondere allo stesso simbolo valori pieni e valori ridotti, sugge­
risco di sottolineare la riduzione di fcd, riscrivendo l’espressione

Si noti che seguendo queste indicazioni la percentuale geometrica di


armatura da disporre vale

ed è quindi circa lo 0.4 o 0.5%, valore nettamente inferiore allo 0.8% ri­
chiesto dalla normativa precedente (metodo delle tensioni ammissibili).
In definitiva, il maggior contributo dell’armatura compressa nelle verifi­
che secondo il metodo degli stati limite può portare a riduzioni di entità
non trascurabile della sezione oppure dell’armatura. Sento però dovero­
so aggiungere che, probabilmente a causa delle esperienze personali su­
gli effetti delle azioni sismiche sugli edifici in cemento armato, io tendo
ad essere sempre molto prudente nel dimensionare i pilastri e quindi,

1 La norma italiana (punto 5.3.4) indica la stessa espressione, ma prescrive di


far riferimento allo sforzo normale calcolato per la condizione di carico rara.
Sforzo normale 153

anche in assenza di azioni orizzontali, ho sempre suggerito di utilizzale


l’espressione di progetto del calcestruzzo, sopra riportata, ma disporre
poi un’armatura avente area compresa tra 0.6% e 0.8% dell’area della
sezione di calcestruzzo (tendenzialmente il secondo limite), senza sfrut­
tare a pieno le riduzioni che la norma consentirebbe.
Le indicazioni di normativa sono state nettamente modifícate dalla
Ordinanza 3274 del 2003, che ha classificato come zone a bassissima si­
smicità quelle zone che erano in precedenza considerate non sismiche.
Come conseguenza, è ormai obbligatorio disporre — in ogni caso - una
armatura nei pilastri non inferiore all’1% della sezione di calcestruzzo.
Anche se la presenza di tanta armatura potrebbe portare ad una più
marcata riduzione della sezione del pilastro, io suggerisco di tenerne
conto ritoccando solo leggermente la formula di progetto^ usando in de­
finitiva

Altri limiti di normativa, come la richiesta che l’area di ferro sia non
inferiore allo 0.3% della sezione effettiva, nonché i limiti nei diametri
delle barre longitudinali e delle staffe sono invariati. Solo per quanto ri­
guarda il passo delle staffe l'Eurocodice 2 (punto 5.4.1.2.2) impone che
esso sia non superiore a: 12 volte il diametro minimo delle barre; il lato
minore della sezione del pilastro; 30 cm. Ad esempio, usando come dia­
metro minimo il 014 il passo delle staffe dovrà essere al più 16.8 cm (e
quindi, facendo cifra tonda, si useranno staffe 08 ogni 15 cm). Inoltre
per le zone di estremità del pilastro, per un tratto pari alla maggiore
dimensione della sezione del pilastro, ed in prossimità delle giunzioni
per sovrapposizione il passo deve essere ridotto mediante un fattore 0,6.
Nell’esempio precedente si useranno quindi in tali tratti staffe 08 ogni
10 cm.

Esempio 7. Si progetti col metodo degli stati limite, tenendo conto anche delle
prescrizioni dell'Ordinanza 3274, la sezione e l'armatura di un pilastro, da rea­
lizzare in calcestruzzo di classe Rck — 25 MPa e con acciaio FeB44k, sapendo che
esso deve portare uno sforzo normale di compressione Nsd = 1600 kN.
154 Capitolo 8

Utilizzando l’espressione proposta si ottiene

Se si vuole utilizzare una sezione rettangolare con un lato pari a 30 cm, l’altro
lato dovrà essere almeno di 50 cm. L’area_dì acciaio dovrà essere almeno

Dovendo disporre barre in numero pari e ad una distanza mutua non superiore
a 25 cm (ma neanche troppo bassa), nel caso in esame si potrebbero usare 4
020 agli spigoli e 2 014 al centro del lato lungo, che danno un’area totale pari
a 15.6 cm2.

6. Pilastri cerchiati

Elementi strutturali come i pilastri sono soggetti nella quasi totalità dei
casi a compressione uniassiale. E però ben noto che la resistenza del
calcestruzzo aumenta notevolmente se esso è compresso anche in dire­
zione trasversale, cioè è soggetto a compressione triassiale. In particola­
re si può ritenere che non si avrà rottura quando la tensione di com­
pressione trasversale ϭc,trasv è una opportuna aliquota della tensione lon­
gitudinale ϭc,ax, cioè se ϭc ax = t ϭc trasv . Per alcuni studiosi2 la tensione
trasversale deve essere tale da annullare la deformazione trasversale
prodotta dal carico longitudinale; poiché questa vale v e si ha in tal
caso t = 1 / v, cioè un valore compreso tra 5 e 10 perché v può variare tra
0.1 e 0.2. Altri3 citano invece prove sperimentali in base alle quali si do-
vrebbe assumere f=4.1.
Su tale base si può dire che quando a un elemento compresso assial­
mente mediante una forza Nax, e quindi soggetto a una tensione longi­
tudinale ϭc,ax = Nax / Ac , è applicata una tensione di compressióne tra­
sversale ϭc,trasv non si ha rischio di rottura finché lo sforzo assiale non su­
pera il valore N'ax = t ϭc,rasv Ac. Se lo sforzo assiale è maggiore, il collasso
può essere dovuto solo all’aliquota Nax — N'ax ed è solo questa, pertanto,
a dover essere portata dal calcestruzzo e dalle armature longitudinali.

2 E. Giangreco, Teoria e tecnica delle costruzioni, voi. primo, Liguori, Napoli


3 E.F. Radogna, Tecnica delle costruzioni, Masson, Milano
Sforzo normale 155

Fig. 4 - azione mutua tra spirale e calcestruzzo in un pilastro cerchiato

In pratica, il modo più semplice per applicare una compressione tra­


sversale a pilastri di sezione circolare, o di forma prossima a questa,
consiste nel disporre a mo’ di staffe una spirale metallica di passo con­
venientemente piccolo. L’effetto fisico è evidente: quando il pilastro si
dilata a causa delibazione assiale la spirale è costretta a dilatarsi
anch’essa e quindi esercita sul calcestruzzo una azione di costrizione.
Indicando ancora con ϭ trasv la tensione trasmessa dalla spirale-ai
Cj

calcestruzzo e con p il passo della spirale, Fazione trasmessa dal calce-


struzzo ad un tratto ds della spirale è pari a ϭc trasv p ds . La relazione tra
ϭc,trasv e la tensione ϭs nella spirale si ricava sezionando la spirale lungo
un diametro e imponendo l’equilibrio alla traslazione (fig. 4). Indicando
con r il raggio della spirale e con a l’angolo che individua la posizione
del tratto, si ha ds=r da, mentre la componente dell’azione sulla spirale
ortogonale al diametro considerato vale ϭc trasv p ds sin a. La condizione
di equilibrio diventa quindi

L'aliquota di forza assiale che non provoca rischio di rottura vale


pertanto

La quantità 2πr As rappresenta il volume della spirale contenuta in un


tratto p del pilastro. Se si considera un'armatura longitudinale As,i di-
156 Capitolo 8

sposta nello stesso tratto, il suo volume sarebbe p As'k . Si è quindi soliti
indicare il rapporto

col termine area longitudinale equivalente (o equipesante) ed esprimere


la forza N’ax come

La normativa italiana relativa al metodo delle tensioni ammissibili


(D.M. 14/2/92, punto 3.1.11) consente di tenere conto della cerchiatura,
purché la spirale abbia un passo non maggiore di 1/5 del diametro del
nucleo cerchiato, assumendo come area ideale resistente quella del nu­
cleo cerchiato aumentata di n volte quella della sezione delle barre lon­
gitudinali e di 2 n volte quella della sezione di un’armatura fittizia lon­
gitudinale di peso uguale a quella della spirale (con n.“15, coefficiente di
omogeneizzazione). Questo equivale ad usare l’espressione sopra ripor­
tata assumendo t/2 = 2. Appare evidente che, a parità di quantità di ac­
ciaio, è più conveniente usare una spirale cerchiante piuttosto che au­
mentare l’armatura longitudinale. Si noti però che nel calcolo deve esse-
re presa in, considerazione solo l’area di calcestruzzo cerchiata e mm.
l’area dell’intera sezione, per premunirsi dal rischio che la parte ester­
na, di ricoprimento, salti via e non fornisca più il suo contributo.
Il D.M. 9/1/96, relativamente allo stato limite ultimo, indica invece
di tenere conto della spirale sommando al contributo del nucleo cerchia­
to e dell’armatura longitudinale quello “di una sezione fittizia longitudi­
nale di peso uguale a quello della spirale” (punto 4.2.1.5) senza alcun
coefficiente di incremento. Ai fini economici diventa quindi indifferente
disporre barre longitudinali o spirale e la scelta di quest’ultima sarà
dettata principalmente da esigenze tecnologiche (necessità di sezione
del pilastro più piccola ma non troppo affollata da armatura longitudi­
nale). Si noti però che l’aver equiparato la spirale all’armatura longitu­
dinale deriva non tanto dalla volontà di penalizzare la spirale quanto
dal fatto che operando allo stato limite ultimo l’armatura longitudinale
dà già, di per se, un contributo circa doppio di quello che forniva secondo
il metodo delle tensioni ammissibili.
Sforzo normale 157
Capitolo 9
FLESSIONE SEMPLICE

1. Modello lineare - calcestruzzo resistente a trazione

Come già visto in precedenza, in questo caso valgono integralmente le


formule della Scienza delle costruzioni purché le si applichi alla sezione
omogeneizzata, cioè a una sezione nella quale ogni elemento di acciaio è
idealmente sostituito da un’area di calcestruzzo n volte maggiore (posta
nella stessa posizione). La soluzione del problema della flessione sempli­
ce per una sezione costituita da materiale omogeneo ed isotropo è ben no­
ta, ma ritengo utile richiamarla in maniera sintetica.
Il piano in cui agisce il momento M, somma delle due componenti
Mx ed My, è detto piano di sollecitazione e la sua traccia sul piano della
sezione è detto asse di sollecitazione s. (fig. 1). Dall’espressione, prece­
dentemente richiamata nel caso generale di flessione composta,

si deduce che in caso di flessione semplice, essendo N= 0, la deforma­


zione longitudinale in corrispondenza del baricentro sg è nulla. Anche la
tensione normale, proporzionale alla deformazione, sarà nulla e quindi
l’asse neutro n passa per il baricentro. L’espressione generale che forni­
sce la tensione in un punto si riduce a
160 Capitolo 9

La deformazione e varia linearmente con la distanza dall’asse neu­


tro; se questa è misurata parallelamente a s, si può scrivere

essendo

La tensione, proporzionale alla deformazione, vale

Se si prendono in esame i momenti M n e M S ) cioè il momento delle


tensioni agenti nelle aree elementari dA rispetto agli assi n ed s (con di­
stanze misurate parallelamente a tali assi), il primo di questi deve vale­
re M mentre il secondo deve essere nullo. Si ha quindi

La prima relazione consente di scrivere


Flessione-semplice 161

Fig. 2 - flessione retta nel caso di comportamento lineare


con calcestruzzo reagente a trazione

In essa il segno positivo corrisponde al fatto che, se si assume positivo il


momento M quando ha il verso che porta s su z, tensioni positive a di­
stanza positiva danno un contributo positivo al momento.
La seconda relazione equivale ad imporre che il momento centrifugo
della sezione rispetto agli assi baricentrici s ed n sia nullo; le due rette
sono quindi assi coniugati dell’ellisse centrale d’inerzia della sezione.
Quando il momento agisce in un piano principale d’inerzia, Tasse
neutro è perpendicolare all’asse di sollecitazione. In tal caso la sollecita­
zione viene denominata flessione retta. Ad esempio, se M=MX e My~ 0,
Tasse di sollecitazione coincide con Tasse y e Tasse neutro con Tasse x
(fig. 2). In questo capitolo si fa riferimento esclusivamente alla flessione
retta. La flessione deviata può essere vista come caso particolare della
flessione composta deviata, trattata nel capitolo seguente.

Esempio 1. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo RCk=25MPa


armata con 4020 inferiori e 2014 superiori in acciaio FeB44ki con copriferro
c=4 cm, si determini lo stato tensionale provocato dal momento flettente M=
Mx=50 kNm ipotizzando che la sezione non sia fessurata; si verifichi se la ten­
sione di trazione supera la resistenza a trazione del calcestruzzo.
Parlare di sezione non fessurata equivale a ritenere il calcestruzzo nel primo
stadio, cioè ipotizzare che esso sia resistente sia a trazione che a compressione
ed abbia una relazione a-e lineare. Nel primo stadio si applicano le formule nò-
te dalla Scienza delle costruzioni alla sezione costituita da tutto il calcestruzzo
più l'armatura omogeneizzata. Il coefficiente di omogeneizzazione n=EsIEc può
162 Capitolo 9

essere assunto proprio pari al rapporto tra i due moduli elastici, ritenendo che
ci si riferisca ad uno stato tensionale modesto ed a carichi di breve durata nel
tempo. Per il calcestruzzo in esame si ha quindi n = 200000/28500 - 7.02. In
alternativa, si potrebbero usare valori convenzionali, come il valore n=6 impo­
sto dalla normativa italiana perle verifiche a fessurazione, indipendentemente
dal tipo di calcestruzzo.
In base a quanto visto per una sezione omogenea, lo stato tensionale provo­
cato dal momento flettente M è lineare, nullo in corrispondenza del baricentro. Il
valore della tensione in un punto generico è valutato mediante l’espressioni

nella quale I è il momento d’inerzia della sezione omogeneizzata (rispetto al­


l’asse x) ed y la distanza del punto dal baricentro.
La sezione cui fare riferimento è costituita dal calcestruzzo più le armatu­
re omogeneizzate. Poiché le armature non sono simmetriche (As=12.56 cm2,
As=3.08 cm2) è necessario valutare preliminarmente la posizione del baricen- -
tro. Per ottenerlo occorre calcolare l’area A della sezione ed il suo momento sta­
tico S rispetto ad un asse qualsiasi. Si ha

e, facendo riferimento al bordo superiore della sezione

La distanza del baricentro dal bordo inferiore e superiore è quindi

Come si vede, il baricentro è leggermente spostato verso il basso, rispetto a


matura inferiore.
Il momento d’inerzia I della sezione omogeneizzata rispetto al suo baricen­
tro vale
Flessione semplice 163

La tensione del calcestruzzo al bordo superiore (compresso) ed inferiore


(teso) vale, di conseguenza

e la tensione nelle armature

Per giudicare se si è superata la resistenza a trazione del calcestruzzo ba-


sta confrontare la tensione massima di trazione ϭc,inf con il valore caratteristico
delia resistenza del calcestruzzo a trazione per flession'é f c f k che, per il calce-
struzzo dell’esempio, vale 1.94 MPa. Poiché il primo è nettamente maggiore del
secondo, per il momento flettente M= 50 kNm la sezione è stia fessurata.

Esempio 2. Con riferimento alla sezione dell'esempio 1, si determini il valore


del momento flettente che provocherebbe la rottura a trazione del calcestruzzo.
La posizione del baricentro ed il momento d’inerzia della sezione omogeneizza­
ta sono già stati calcolati nell'esempio 1. L’espressione che fornisce la tensione
nel calcestruzzo può essere utilizzata per determinare il valore del momento di
fessurazione Mr, cioè del momento flettente che provocherebbe la rottura a tra­
zione del calcestruzzo, imponendo

Si ha così

Poiché la relazione tra tensioni e caratteristica della sollecitazione è linea­


re, il momento di fessurazione Mr poteva anche essere calcolato immediata­
mente dai risultati dell'esercizio 1, con una semplice proporzione
164 Capitolo 9

Fig. 3 - flessione retta nel caso di comportamento lineare


con calcestruzzo non reagente a trazione

2. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a trazione

Valgono ancora le formule della Scienza delle costruzioni, purché le si


applichi alla sezione reagente omogeneizzata, ovvero alla sezione costi­
tuita dal calcestruzzo compresso e dall’armatura (tesa e compressa) “o-
mogeneizzata”, cioè amplificata mediante il coefficiente n. A differenza
del caso precedente, non è noto a priori quale sia la sezione alla quale
applicare le formule, perché non si può sapere (se non dopo un calcolo)
quale sia la sezione reagente. Il primo problema da affrontare è quindi
la determinazione della posizione dell’asse neutro. Nei due paragrafi che
seguono verrà mostrato come effettuare la verifica e il progetto nel caso
di flessione retta (fig. 3).
Il caso della flessione deviata non presenta problemi concettuali ma
solo difficoltà analitiche, che non ho ritenuto opportuno affrontare in
questa sede.

3. Verifica a flessione retta

3.1. Sezione rettangolare


Nel caso di flessione retta con un momento agente nel piano verticale,
y-z, cioè con M = Mx, Tasse neutro è orizzontale. La sua posizione è indi-
Flessione semplice 165

viduata da un solo parametro, la distanza dal bordo compresso, che è


indicata nell’Eurocodice col simbolo x (in alcuni testi di Tecnica delle co­
struzioni sono usati simboli differenti; useremo questo, per coerenza con
la normativa, anche se è un po’ ambiguo perché si potrebbe confondere
con il nome dell’asse orizzontale nella sezione).
Nella trattazione che segue si fa riferimento ad un momento positi­
vo, per il quale le fibre di calcestruzzo compresse, che reagiscono, sono
quelle superiori; i risultati e le considerazioni valgono anche per un
momento negativo, purché si scambi “superiore” con “inferiore”. Si indi­
ca col termine sezione a semplice armatura una sezione nella quale vi è
solo armatura tesa; si parla invece di sezione a doppia armatura quando
in essa vi è armatura sia tesa che compressa.
Nella trattazione si useranno i simboli di seguito definiti, il cui si­
gnificato è illustrato in figura 4.
b base della sezione
h altezza della sezione
c copriferro, inteso come distanza tra il bordo della sezione e
Tasse delle armature; per indicare la quantità di calcestruzzo
che ricopre le armature si userà il termine ricoprimento, anche
se alcuni usano anche per questo la parola copriferro, col rischio
di confusione
d distanza dell’armatura tesa dal bordo compresso, ovvero altezza
utile della sezione

Fig. 4 - sezione rettangolare - simboli utilizzati


166 Capitolo 9

x distanza dell’asse neutro dal bordo compresso


z braccio della coppia interna
As armatura tesa
Il armatura compressa
Il modo in cui viene effettuata la verifica è lo stesso, sia quando si
opera col metodo delle tensioni ammissibili che quando si tratta lo stato
limite di tensioni di esercizio. Il procedimento può essere diviso in tre
fasi:
- determinazione della distanza x dell'asse neutro dal bordo compresso,
utilizzando la condizione che esso sia baricentrico per la sezione rea­
gente;
- calcolo del momento d’inerzia I della sezione reagente;
- calcolo della tensione massima nel calcestruzzo compresso e nell’ac­
ciaio teso e confronto con i valori ammissibili.
Si noti che se la tensione nel calcestruzzo è accettabile lo è sicuramente
anche quella nell’armatura compressa. Questa è infatti pari a n volte
quella del calcestruzzo adiacente, ma la tensione ammissibile per l’ac­
ciaio è sempre molto maggiore rispetto a quella del calcestruzzo; ad e-
sempio, nel caso di calcestruzzo con Rck “ 25 MPa ed acciaio FeB44k nel­
le verifiche alle tensioni ammissibili si ha ac=8.5MPa, as=255MPa e
quindi quest’ultima è 30 volte più grande di oc.

Posizione dell’asse neutro


Poiché l’asse neutro deve essere baricentrico per la sezione reagente
omogeneizzata, la sua posizione si determina imponendo che il momento
statico della parte compressa e dell’armatura omogeneizzata rispetto ad
esso sia nullo. Con riferimento alla figura 4, si può scrivere
Flessione semplice 167

Risolvendo questa equazione di secondo grado si ha, scartando la radice


negativa

L'espressione si può scrivere in maniera più sintetica ponendo

percentuale elastica di armatura, cioè rapporto


tra l’area di acciaio omogeneizzata e l'area della
sezione (utile) in calcestruzzo

distanza del baricentro delle armature dal bordo


compresso (per sezioni a semplice armatura si ha
dG,s = d)

ed ottenendo

Si noti che in caso di flessione la posizione dell’asse neutro dipende solo


dai dati geometrici (sezione ed armature) e non dall’entità del momento
flettente.

Momento d’inerzia della sezione reagente


Il momento d’inerzia della sezione reagente è fornito dall’espressione

Tensioni massime
Sono fornite (tenendo anche conto del segno) dalle seguenti espressioni,
che utilizzano i valori di x ed I calcolati in precedenza
168 Capitolo 9

Massimo momento flettente sopportabile dalla sezione


Le espressioni innanzi indicate possono essere utilizzate anche per de­
terminare il massimo momento flettente che la sezione può sopportare.
Con riferimento, ad esempio, ai limiti imposti dal metodo delle tensioni
ammissibili, imponendo che la massima tensione nel calcestruzzo e
quella nell’armatura tesa siano uguali rispettivamente a ϭc e ϭs si ha

I due momenti flettenti così calcolati sono usualmente denominati mo­


mento resistente del calcestruzzo e momento resistente dell'acciaio perché
rappresentano il valore che manda in crisi il calcestruzzo e Taccialo, ri­
spettivamente. Il momento sopportabile dalla sezione è, ovviamente, il
più piccolo dei due. Più avanti verranno mostrate formule, approssimate
ma più semplici, che consentono di calcolare con immediatezza i mo­
menti resistenti.

Esempio 3. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo Rck=25 MPa


armata con 4020 inferiori e 2ϕ14 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro
c=4 cm, si determini lo stato tensionale provocato, per carichi di breve durata,
dal momento flettente M=50 kNm ipotizzando che la sezione sia fessurata ma il
calcestruzzo compresso sia ancora in regime lineare.
Parlare di sezione fessurata ma con calcestruzzo compresso in regime lineare
equivale a ritenere il calcestruzzo nel secondo stadio. In questo caso si applica­
no le formule note dalla Scienza delle costruzioni alla sezione costituita dal cal­
cestruzzo compresso più l’armatura omogeneizzata. Il coefficiente di omoge­
neizzazione n-Es/Ec deve in questo caso essere assunto proprio pari al rapporto
tra i due moduli elastici (n=7.02), perché ci si riferisca ad uno stato tensionale
modesto ed a carichi di breve durata nel tempo.
Occorre preliminarmente determinare quale sia la parte di calcestruzzo
compresso, ovvero la distanza x dell’asse neutro dal bordo compresso, mediante
la relazione

Usando il valore n=7.02 si ha


Flessione semplice 169

Il momento d’inerzia I della sezione reagente omogeneizzata rispetto al


suo baricentro vale

e si ha quindi

Confrontando questi valori con quello ottenuti nell'esempio 3 si nota che, men­
tre nel primo stadio l'asse neutro era non lontano dal baricentro del rettangolo,
a causa della limitata influenza delle armature, nel secondo stadio esso è posto
molto più in alto. Il momento d’inerzia è molto minore rispetto a quello prima
calcolato, poiché ora non si è considerata una notevole porzione del calcestruz­
zo. La tensione nel calcestruzzo compresso è cresciuta, ma ancora di più è au­
mentata la tensione nelTarmatura tesa (nell’esempio, più che quadruplicata).

Esempio 4. Si verifichi col metodo delle tensioni ammissibili la sezione dell’e-


sempio 3 soggetta al momento flettente M=50 kNm*
In questo caso si deve assumere per il coefficiente di omogeneizzazione il valore
n=15. Si ha
170 Capitolo 9

La sezione è verificata perché si ha

Si noti che considerare n= 15 anziché n=7.02 amplifica il contributo dell’ar­


matura. L’asse neutro è un po’ più in basso rispetto a quello ottenuto nelFe-
sempio precedente, ma sempre ben distante da quello che si aveva nel primo
stadio. Il momento d’inerzia della sezione reagente è aumentato, con conse­
guente riduzione della tensione di compressione nel calcestruzzo. È invece mo­
desta la variazione di tensione nell’armatura tesa, perché i due effetti opposti
(aumento di n e riduzione di ϭc) si bilanciano.

Esempio 5. Si determini il massimo, momento flettente che può essere sopportato


dalla sezione dell'esempio precedente per il metodo delle tensioni ammissibili.
La posizione dell’asse neutro ed il momento d’inerzia della sezione reagente
omogeneizzata sono già stati calcolati nell’esempio precedente, Si ha quindi

La sezione può quindi sopportare un momento flettente massimo di 103.3 kNm.

Considerazioni
La posizione dell’asse neutro è stata ricavata imponendo che esso sia
baricentrico per la sezione reagente omogeneizzata, condizione a sua
volta ottenuta, nel corso di Scienza delle costruzioni, imponendo l’equili­
brio tra tensioni e caratteristiche della sollecitazione e sfruttando la li­
nearità della relazione ϭ-ε Ritengo utile mostrare come si possa deter­
minare la posizione dell’asse neutro ed effettuare la verifica rifacendosi
direttamente alle condizioni di equilibrio, anche perché tale via deve es­
sere necessariamente seguita quando la legge costitutiva del materiale
non è più lineare.
Flessione semplice 171

Il diagramma delle deformazioni, e quindi quello delle tensioni, è


univocamente definito se è nota la distanza x dell'asse neutro dal bordo
compresso ed il valore della curvatura χ (inclinazione del diagramma
delle e). Si ha

E possibile esprimere in funzione di x e χ la risultante delle tensioni


di compressione Nc nel calcestruzzo ed N’s nell'armatura compressa e la
forza di trazione Ns nell'armatura tesa ed imporre le condizioni di equi­
librio alla traslazione ed alla rotazione. La forza NC, risultante delle for­
ze infinitesime ϭc b dy, si ricava facilmente perché, essendo b costante,
essa è proporzionale all'area sottesa dal diagramma delle tensioni. Le
forze N’s ed Ns si ottengono moltiplicando l'area di acciaio per la tensio­
ne. Si ha così

Fig. 5 - risultante delle tensioni agenti nella sezione


172 Capitolo 9

Nella figura 5 le tre forze sono mostrate col loro verso effettivo, deter­
minato dal segno delle tensioni ϭcmax ϭs e ϭ's .
Le condizioni di equilibrio devono essere scritte con riferimento al
verso positivo delle forze, perché il segno è già contenuto nelle relazioni
innanzi scritte. La condizione di equilibrio alla traslazione

consente di ricavare x; essa è identica alla relazione scritta imponendo


che il momento statico rispetto all’asse neutro sia nullo, a parte la pre­
senza del fattore Ec χ che è presente in tutti i termini e può essere tolto.
La condizione di equilibrio alla rotazione rispetto a un punto qual­
siasi, ad esempio il bordo superiore,

fornisce poi il valore di Ec χ e quindi ϭcmax, ϭs e ϭ’s in funzione del valore


del momento M.
Questo modo di procedere consente, in particolare, di ottenere diret­
tamente la tensione nell’armatura, determinando la posizione della ri­
sultante delle forze di compressione ed imponendo l'equilibrio alla rota­
zione rispetto ad esso. La distanza tra questo punto e l'annatura tesa è
detto braccio della coppia interna ed è indicata nell'Eurocodice col sim-
bolo z (alcuni testi di Tecnica delle costruzioni usano simboli differenti,
ma per coerenza con la normativa useremo questo, anche se un po’ am­
biguo perché potrebbe confondersi con Tasse ortogonale al piano della
sezione). Si ha così

3.2. Sezioni riconducibili alla rettangolare


Le espressioni ricavate per la sezione rettangolare sono di grande utilità
perché la forma rettangolare è quella più comunemente usata per travi
inflesse. Inoltre esse sono ancora rigorosamente applicabili, indipenden­
temente dalla forma della sezione, purché la parte compressa abbia
forma rettangolare. E questo il caso, ad esempio, delle sezioni a T se in
Flessione semplice 173

Fig. 6 - casi in cui si possono applicare rigorosamente le formule


della sezione rettangolare

esse è compressa solo una parte dell’ala o una parte dell’anima, o delle
sezioni scatolari se l’asse neutro taglia la soletta (fig. 6).
Le formule ricavate per sezione rettangolare forniscono, poi risultati
approssimati ma in genere accettabili quando la parte compressa non è
esattamente rettangolare, ma differisce poco da tale forma. E il caso, ad
esempio, di una sezione a T nella quale l’asse neutro è appena al di sotto
della soletta (fig. 7); la parte che manca per avere una parte compressa
esattamente rettangolare è piccola e darebbe uno scarso contributo per-
ché prossima all’asse neutro e quindi con tensioni molto basse. Anche in
una sezione di forma trapezia l'approssimazione può essere accettabile
se l’inclinazione dei bordi verticali è minima e la variazione di larghezza
è conseguentemente modesta.
In tutti i casi in cui si pensa che le formule per sezione rettangolare
potrebbero essere valide anche se la sezione ha una forma diversa è con­
sigliabile determinare innanzi tutto la posizione dell’asse neutro, con le
formule- della sezione rettangolare e poi controllare se la parte compressa
ha effettivamente (esattamente o con buona approssimazione) tale forma.

Fig. 7 - casi in cui si possono applicare con buona approssimazione


le formule della sezione rettangolare
174 Capitolo 9

Esempio 6. Si verifichi col metodo delle tensioni ammissibili una sezione a T,


avente b=30 cm, n=60 cm, ala di larghezza B=50 cm e spessore s=20 cm ed ar­
mata con 4ϕ20 inferiori e 2ϕ14 superiori. La-sezione, soggetta al momento flet­
tente M=120 kNm (positivo), è in calcestruzzo Hck-25 MPa e le barre, in acciaio
FeB44k, hanno copriferro c=4 cm.
Poiché la sezione è soggetta ad un momento positivo sono compresse le fibre
superiori, cioè l'ala. Essa può essere analizzata, almeno in prima approssima­
zione, come una sezione rettangolare avente la stessa larghezza dell'ala, cioè
una sezione 50x00 Usando le formule valide per sezione rettangolare, con
n=15, si ottiene

Poiché tale valore è inferiore allo spessore dell’ala, la sezione può rigorosamen­
te considerarsi come rettangolare, ottenendo

La sezione è verificata perché si ha

3.3. Sezione generica


Il procedimento analitico descritto per sezione rettangolare può essere
ripetuto per. sezioni di forma diversa; l'unica difficoltà sta nella maggio­
re complessità delle formule che forniscono il momento statico ed il mo­
mento d’inerzia della parte di calcestruzzo.
Flessione semplice 175

Fig. 8 - sezione a T con asse neutro al di sotto dell5ala

Soluzione analitica
Espressioni analitiche della posizione dell’asse neutro possono essere determi­
nate abbastanza facilmente per sezioni a T, scomponibili in due rettangoli- In
esse c’è solo la complicazione di dover utilizzare due espressioni diverse a se­
conda che l'asse neutro tagli o no l’ala. Nel primo caso, valgono le formule già
scritte per una sezione rettangolare. Nel secondo, la condizione che l'asse neu-
tro sia baricentrico per la sezione reagente si può scrivere, utilizzando i simboli
mostrati in figura 8,

ottenendo così ancora un’equazione di secondo grado, anche se più complicata


di quella relativa alla sezione rettangolare. Per effettuare la verifica si userà in
genere prima la formula della sezione rettangolare, più semplice, e si confron­
terà il valore trovato per x con l'altezza s dell'ala. Se x è minore di s il valore
trovato è esatto, altrimenti si passerà ad utilizzare la seconda espressione.
Per sezioni di forma triangolare o trapezia la larghezza è variabile linear­
mente e di conseguenza l'equazione risolutiva sarà di terzo grado. Anche per
sezioni circolari la soluzione analitica è possibile, poiché sono note (e ritrovabili
in qualunque manuale) le formule che danno area, momento statico e momento
d’inerzia di un segmento circolare, ma l'equazione sarà ovviamente trigonome­
trica. In tutti gli altri casi è in genere preferibile una soluzione numerica.

Esempio 7. Si verifichi col metodo delle tensioni ammissibili una sezione a T,


avente b=30 cm, h—80 cm, ala di larghezza B=50 cm e spessore s=15 cm ed ar­
mata con 6020 inferiori e 2014 superiori. La sezione, soggetta al momento flet-
176 Capitolo 9

tenie M=320 kNm (positivo), è in calcestruzzo Rck-25 MPa e le barre, in acciaio


FeB44k, hanno copriferro c=4-cm.
Poiché la sezione è soggetta- ad un momento positivo sono compresse le fibre
superiori, cioè l’ala. Come nell’esempio 5, si inizia col considerare la sezione
come rettangolare, cioè una sezione 50x80. Usando le formule valide per sezio­
ne rettangolare, con n=15, si ottiene

Poiché tale valore è superiore allo spessore dell’ala,i valori che si ottengono
considerando la sezione come rettangolare

non sono rigorosi. Risolvendo l'equazione di secondo grado scritta in preceden­


za per una sezione a T, si ottiene

Il momento d'inerzia I è fornito dall'espressione

Si ottiene così

Si può osservare come, almeno in questo caso, le differenze tra soluzione rigo­
rosa e soluzione approssimata non siano molto rilevanti.

Soluzione numerica
Quando la soluzione analitica appare difficilmente perseguibile, la posizione
delTasse neutro può essere determinata numericamente mediante un generico
procedimento iterativo o col metodo del dimezzamento, che è un metodo gene­
rale per determinare il punto di nullo di una funzione continua.
Flessione semplice 177

Fig. 9 - individuazione dell’asse neutro con un procedimento iterativo


A) procedimento iterativo
- si assegna una posizione di tentativo dell’asse neutro n, ovvero un valore
della sua distanza x dal bordo compresso;
- si calcola la posizione del baricentro G della sezione reagente; se si calcola
l’area A ed il momento statico rispetto al bordo compresso S della sezione
reagente, la distanza x del baricentro dal bordo superiore vale x = S / A ;
- si considera una nuova posizione di tentativo dell’asse neutro n’ passante
per G;
- si ripetono i passi precedenti finché n è quasi coincidente con n .

Esempio 8. Si determini in maniera iterativa la posizione dell’asse neutro, per


la sezione deUesempio 7.
Per farlo occorre preliminarmente scrivere le espressioni di area A e momento
statico S della sezione reagente omogeneizzata rispetto al bordo superiore per
una generica posizione dell’asse neutro. Si ha

Si procede quindi, partendo da un valore qualsiasi (in questo caso da x=0),


ottenendo i valori di seguito riportati
178 Capitolo 9

Fig. 10 - individuazione dell'asse neutro con il metodo del dimezzamento

B) metodo-dei dimezzamento
— si assegnano le posizioni limite iniziali dell’asse neutro ni coincidente col
bordo compresso ed n2 coincidente con quello teso;
— si calcola il valore del momento statico della sezione reagente rispetto ad m
ed n2; è sicuramente Sn1 < 0 e Sn.2 > 0 perché nel primo caso la sezione rea­
gente, costituita solo dalle armature omogeneizzate, è tutta al di sotto
dell’asse neutro, mentre nel secondo la sezione reagente (tutto il calcestruz­
zo più le armature omogeneizzate) è al di sopra dell’asse neutro;
— si considera una posizione dell’asse neutro n intermedia tra m e n2 (di solito
esattamente a metà, ma questo non è indispensabile) e si calcola il momento
statico Sn della sezione reagente rispetto a tale asse;
— se Sn è uguale a 0, n è l’asse neutro; se è maggiore di 0 il punto di nullo di S
deve trovarsi tra m en , quindi si può iterare ponendo n2~ n; se è minore di
0 il punto di nullo di S deve trovarsi tra n e n2, quindi si può iterare ponen­
do n1 = n.
Il procedimento viene ripetuto finché Sn.2 = 0 oppure m e m sono molto vicini
tra loro.

Esempio 9. Si determini col metodo del dimezzamento la posizione dell’asse


neutro per la sezione dell'esempio 7.
Per farlo occorre preliminarmente scrivere le espressioni del memento statico
Sn della sezione reagente omogeneizzata rispetto all’asse neutro, per una sua
generica posizione. Si ha

Si procede quindi partendo dai valori estremi (x=0 e x=80 cm) e scegliendo
poi via via valori intermedi per x, come di seguito riportato
Flessione semplice 179

4. Progetto della sezione

4.1. Progetto di sezione rettangolare a semplice armatura


Quando si progetta la sezione si assumono come dati di partenza il mo­
mento flettente M ed i valori massimi della tensione che si vuole rag­
giungere nel calcestruzzo e nell'acciaio. Questi valori, qui indicati gene­
ricamente con ϭcmax e ϭsma3, sono di solito i valori ammissibile ϭc e ϭs
quando si segue il metodo delle tensioni ammissibili o i valori limite di
normativa quando si effettuano verifiche allo stato limite di tensioni di
esercizio; il progettista potrebbe però, in determinate situazioni, preferi­
re valori più bassi. Sono invece incognite del problema le dimensioni
della sezione b, h e l’armatura As.
La distanza x dell’asse neutro dal bórdo compresso è geometrica­
mente definita in funzione di ϭcmax, ϭsmax e d (fig. 11)

ovvero

Fig. 11 - progetto di sezione rettangolare a semplice armatura


£80 Capitolo 9

indicando col simbolo ξ la distanza dell’asse neutro dal bordo compresso,


adimensionalizzata rispetto all’altezza utile d.

Progetto della sezione


La forza di compressione Nc, risultante delle tensioni nel calcestruzzo,
vale, in modulo

ovverò

avendo indicato col simbolo p, detto fattore di riempimento, il rapporto


tra Nc ed la risultante di compressione che si avrebbe per una distribu­
zione di tensione uniforme e pari a ϭcmax.
Essa è applicata in un punto che dista x/S (o, più in generale, kx) dal
bordo superiore. Il braccio z della coppia interna vale pertanto

ovvero

o anche

indicando col simbolo C, il valore del braccio della coppia interna adi-
mensionalizzato rispetto all’altezza utile d.
La condizione di equilibrio alla rotazione rispetto all’armatura tesa
si scrive, tenendo conto del verso di Nc

e ponendo
Flessione semplice 181

si ha

In questa forma l'espressione fornisce il massimo momento accettabile


per una sezione assegnata. Essa può essere scritta anche in diversi altri
modi, secondo lo scopo che si vuole ottenere:
che consente di determinare d in funzione di M se si
assegna il valore di b; questa formula è usata nel pro­
getto di travi emergenti, per le quali la larghezza è in
genere predefinita;
che consente di determinare b in funzione di M se si
assegna il valore di d; questa formula è usata nel pro­
getto di travi a spessore, per le quali è invece definita
l’altezza, pari allo spessore del solaio;
che consente di verificare se la sezione è accettabile; la
verifica ha esito positivo se r è maggiore del valore cor­
rispondente a ϭCmax e ϭSmax.
Si noti che, mentre i parametri ξ, e ξ sono adimensionali, r è funzio­
ne della tensione acmax e dipende quindi dalle unità di misura utilizzate.
Ad esempio, con riferimento al metodo delle tensioni ammissibili, ad un
calcestruzzo di classe Rck- 25 MPa e ad un acciaio FeB 44 k si ha

e quindi

Se si vuole esprimere M in kNm e b, d in metri, nel calcolare r il valore


di ϭcmax deve essere espresso in kN nr2 (ovvero kPa), cioè vale in questo
caso 8.5xl03. Quindi
182 Capitolo 9

Progetto dell’armatura
La risultante N$ delle tensioni di trazione nell'acciaio vale As ϭsmax. Poi­
ché essa è posta a una distanza z dal punto di applicazione della forza di
compressione Nc, la condizione di equilibrio alla rotazione rispetto a ta­
le punto si scrive
ovvero
N t p
#
E quindi necessaria nella sezione una quantità di armatura pan a

Tenendo presente che ξ = 0.3 e z = 0.9 d ; si può usare come formula


per il progetto delle armature

Questa formula è sempre sufficientemente approssimata. Per il calce-


struzzo e l'acciaio usati come esempio, z vale 0.889 d se entrambi i ma­
teriali lavorano al massimo; considerare z = 0.9 d comporta quindi un
errore (a svantaggio di sicurezza) di meno del 2%. Se il calcestruzzo la­
vora a meno del massimo ξ, diminuisce e 2 aumenta, riducendo ancora lo
scarto; per valori di ac ancora più bassi la formula diventa a vantaggio
di sicurezza, ma la differenza non può mai superare il 10% perché se
ϭc tende a zero z tende a d.
max

La formula trovata per il progetto dell’armatura potrebbe essere combina­


ta con quella del progetto dell’altezza, ottenendo

e quindi

L’uso di questa formula è meno semplice di quanto potrebbe sembrare in appa­


renza. Occorre infatti notare che la sezione di una trave, dimensionata per il
momento massimo, viene poi mantenuta costante. In una sezione generica,
quindi, la tensione massima nel calcestruzzo sarà minore rispetto a quella
ammissibile. Si dovrebbe pertanto prima calcolare il valore di r corrispondente
Flessione semplice 183

al momento agente nella sezione e poi, da questo, ricavare il valore di t. Per


questo motivo ritengo che sia sempre molto più semplice utilizzare l’espressio-
ne approssimata ricavata in precedenza.

4.2. Progetto di sezione rettangolare a doppia armatura


Rispetto al caso della sezione a semplice armatura, vi è in questo caso
un’ulteriore incognita, l’armatura compressa A’s. In genere questa viene
definita come aliquota dell’armatura tesa, ponendo A' = u As.
Così come per la sezione a semplice armatura, la distanza dell’asse
neutro dal bordo compresso è geometricamente definita in funzione del­
le tensioni massime nel bordo compresso e nell’armatura tesa e vale an­
cora x = ξ, d. Il braccio della coppia interna z deve essere valutato come
distanza tra l’armatura tesa e la risultante delle forze di compressione
No e N’s (fig. 12) e pertanto non vale più (l — k ξ) d. Si noti però che quasi
sempre le due forze di compressione sono molto vicine l’una all’altra e
quindi 2 non è molto diverso da tale valore. Si userà comunque il simbo­
lo ζ per indicare il valore del braccio della coppia interna adimensiona-
lizzato rispetto all’altezza utile d.
La forza risultante nell’armatura tesa Ns vale anche in questo caso
Asϭmaxs. Quella nell’armatura compressa Ns vale A' . Data la lineari­
tà del diagramma di tensioni, la tensione nell’armatura compressa ϭ's è
legata a quella nell’armatura tesa ϭmaxs dalla relazione

Fig. 12 - progetto di sezione rettangolare a doppia armatura


184 Capitolo 9

ed avendo indicato col simbolo s' il rapporto tra la tensione nell’armatu-


ra compressa e la massima tensione ritenuta accettabile e con y il valore
del copriferro adimensionalizzato rispetto all’altezza utile d. Si noti che
nel ricavare la relazione si è dato per scontato che l’armatura superiore
sia compressa e nel valutare il rapporto si è considerata la tensione di
questa armatura cambiata di segno, per far sì che la quantità s’risulti
positiva. In casi estremamente rari anche l’armatura superiore può es­
sere tesa; ciò accade per travi molto basse e con copriferro eccessivo e
certamente non è segno di buona impostazione della sezione. In tali con­
dizioni ir valore di s’ diventa negativo. La forza di compressione nell’ar­
matura può in definitiva scriversi

La risultante delle forze nelle armature tesa e compressa, Ns + N’s, è


applicata al di sotto di Ns, ad una distanza di. Questa può calcolarsi
imponendo l’equilibrio alla rotazione di Ns e N’s rispetto al punto di ap­
plicazione della loro risultante

Esprimendo N's in funzione di Ns e semplificando si ottiene

e quindi

Progetto della sezione


La formula per il progetto della sezione si ottiene imponendo la condi­
zione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto di applicazione della
risultante delle forze nelle armature

e quindi
Flessione semplice 185

Avendo già definito

e ponendo

si ottiene

con

Questa espressione è analoga a quella che fornisce il massimo momento


accettabile per una sezione a semplice armatura. La presenza di arma­
tura in compressione comporta solo la variazione del coefficiente r, sosti­
tuito da r\
Si noti che le due quantità 1-y e 1-kξ, rispettivamente proporzio­
nali alla distanza tra armatura tesa e compressa ed alla distanza tra
armatura tesa e risultante della compressione nel calcestruzzo, non dif­
feriscono molto l'una dall’altra. Si può quindi valutare il coefficiente k in
maniera approssimata come

da cui si ottiene

ovvero, in definitiva

Progetto dell’armatura
Per determinare l’armatura necessaria si può imporre l’equilibrio alla
rotazione rispetto al punto di applicazione della forza di compressione
nel calcestruzzo, scrivendo
186 Capitolo 9

e quindi ancora

con
È facile notare che la presenza di armatura in compressione non in­
fluisce in maniera rilevante sul braccio della coppia interna. La risul­
tante delle tensioni di compressioni è in genere molto vicina all'armatu­
ra compressa e le due quantità K ξ e y sono spesso quasi coincidenti. Si
può quindi continuare ad usare come formula per il progetto delle arma­
ture l’espressione

4.3. Valori dei coefficienti r ed r'— metodo delle tensioni ammissibili


I valori dipendono dal tipo di calcestruzzo e di acciaio, dalla percentuale
u di armatura compressa e dal rapporto y tra copriferro ed altezza utile;
quest’ultimo vale circa 0.05 nelle travi emergenti, 0.10 nei solai (che
hanno altezza modesta ma per i quali si usa di solito un copriferro mi­
nore) e 0.15-0.20 per le travi a spessore. Si riportano nelle tabelle 1 e 2 i
valori relativi al calcestruzzo di classe Rck—25 MPa, valore molto utiliz­
zato nelle strutture in cemento armato ordinario, e ai due tipi di acciaio
previsti dalle norme italiane.
Le tabelle contengono anche i valori di ξ,ζ ed s' Si può così notare
che effettivamente il braccio della coppia interna è sempre prossimo a
0.9 d e che il tasso di lavoro dell’armatura compressa scende da
0.4 - 0.5 gs (per travi emergenti) a 0.20-0.25 ϭs (per travi a spessore).
Flessione semplice 187
188 Capitolo 9

4.4. Indicazioni progettuali


Personalmente ritengo che nel progettare secondo il metodo delle ten­
sioni ammissibili l’altezza di una sezione, dopo aver stimato in maniera
approssimata il momento sollecitante, sia opportuno tenere conto del
fatto che una piccola quantità di armatura in compressione è sempre
presente. Consiglio quindi di utilizzare valori leggermente minori a
quelli calcolati per r, approssimativamente gli r’ corrispondenti ad
u=0.25. Per calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa si potrebbero forse sug­
gerire, anche come cifre “tonde” e facile a ricordare, i valori 0.026 per
travi emergenti e 0.027 per travi a spessore, nel caso di barre in acciaio
FeB44k (o, rispettivamente, 0.025 e 0.026 per FeB38k).
Per quanto riguarda il progetto dell’armatura tesa, considerare il
braccio della coppia interna pari a 0.9 d fornisce sempre valori accetta­
bili e non molto discosti da quelli ottenibili con calcoli rigorosi.
L’armatura compressa, quando necessaria, può essere valutata co­
me percentuale di quella tesa, calcolando il valore di r' corrispondente al
momento di calcolo e confrontandolo con quello noto per i diversi valori
di u. Come alternativa, si può valutare la differenza AM tra il momento
di calcolo e quello resistente per u= 0 e calcolare l’area necessaria con la
formula

ipotizzando un opportuno valore per s’ (0.4-0.5 per travi emergenti;


0.20-0.25 nel caso di travi a spessore) o calcolandolo con riferimento al
diagramma di tensioni di progetto

Esempio 10. Si progetti la sezione di una trave emergente, da realizzare con


calcestruzzo di classe Rck=25 MPa ed acciaio FeB44k, idonea a sopportare un
momento flettente M=120 kNm.
Poiché il momento M non è particolarmente elevato, si ritiene che basti una
larghezza b=30 cm (valore molto usato nelle travi di edifici). Seguendo i consi­
gli, si può utilizzare il valore r'=0.026 ottenendo così
Flessione semplice 189

Considerando un copriferro c=4 cm, è necessaria un'altezza h-56 cm; si adotte­


rà quindi una sezione 30x60.

Esempio 11. Si valuti se è possibile realizzare la trave deU’esempio precedente


con una sezione 30x50 e che percentuale di armatura compressa sarebbe in tal
caso necessaria.
Essendo noti sia il momento flettente che le dimensioni della sezione, si può
ricavare il coefficiente r’

Poiché il rapporto y=c!d vale in questo caso 0.087, dalla tabella 2 si desume che
è necessaria una percentuale di armatura compressa u compresa tra 0.75 e
1.00. Per ricavarne un valore più preciso occorre innanzitutto stimare il tasso
di lavoro dell’armatura compressa. Facendo riferimento al diagramma di ten­
sioni di progetto, si ha

Poiché

si ha

Questa percentuale è alquanto elevata e normalmente non utilizzata. È però


possibile, se veramente necessario, forzare la situazione e realizzare la trave
con sezione 30x50.

Esempio 12. Si determini l'armatura tesa e l'armatura compressa necessaria


per la sezione dell'esempio precedente.
L'armatura tesa necessaria vale
190 Capitolo 9

L’armatura compressa necessaria può essere ricavata come percentuale di


quella tesa. In base ai risultati dell’esempio precedente, si ha

Un procedimento alternativo per valutare l’armatura compressa consiste


nel valutare preliminarmente il momento che può portare la sezione con sem­
plice armatura

e calcolare poi l’armatura necessaria

che risulta praticamente coincidente con quella innanzi determinata.


Se si vogliono utilizzare, ad esempio, barre 014 e 020, occorre disporre
almeno 4020 (12.6 cm2) come armatura tesa e 8020+1014 (11.0 cm2) come ar­
matura compressa.

Esempio 13. Si progetti la sezione e l'armatura di una trave a spessore di al­


tezza h=24 cm, da realizzare con calcestruzzo di classe Rck=25 MPa ed acciaio
FeB44k, idonea a sopportare un momento flettente M=75 kNm.
In questo caso è fissata l’altezza h e quindi, assumendo un copriferro c=4 cm,
anche l’altezza utile d=20 cm. Seguendo i consigli, si può utilizzare il valore
r'=0.027 ottenendo così

Si adotterà quindi una sezione 140x24. L’armatura tesa necessaria vale

e potrà essere realizzata, ad esempio, con 5020+1014 (17.2 cm2). Per quanto
riguarda l’armatura compressa, essendo y=c/d=0.20 il valore utilizzato per r
corrisponde ad una percentuale di armatura compressa di poco inferiore ad
u=0.50. Se si vuole essere un po’ più precisi, si ha
Flessione semplice 191

5. Modello non lineare

Quando il legame tensioni-deformazioni non è lineare non è più possibi­


le applicare le formule della Scienza delle costruzioni ma occorre rifarsi
direttamente alle condizioni di equilibrio tra tensioni e deformazioni, e
in particolare alle due relazioni

perché nel caso di flessione semplice è N=0. In generale, quindi, si ana­


lizzerà il comportamento della sezione soggetta a deformazioni aventi
un andamento lineare, si ricaverà in ogni punto la tensione a corrispon­
dente alla deformazione e e si controllerà che le condizioni di equilibrio
siano soddisfatte. Nell'effettuare le verifiche occorre tenere presente che
mentre nel caso lineare la corrispondenza tra caratteristiche delle solle­
citazione e diagramma delle deformazioni è biunivoca, ciò non è garanti­
to quando la legge g-s non è lineare. La verifica viene quindi effettuata
calcolando i valori limite delle caratteristiche di sollecitazione, cioè i va­
lori corrispondenti a diagrammi delle ε che raggiungono a un estremo
un valore limite, e confrontando i valori che sollecitano la struttura con
tali caratteristiche limite.
Per il calcestruzzo si utilizza la relazione tensioni-deformazioni co­
stituita da un tratto parabolico ed uno costante, espressa analiticamen­
te dalle relazioni

essendo

Per l’acciaio si utilizza un modello elastico-perfettamente plastico,


espresso analiticamente dalle relazioni
192 Capitolo 9

Fig. 13 - flessione deviata nel caso di comportamento a-s non lineare

Nel caso della flessione deviata si deve determinare un dominio li­


mite nel piano M x — M y, nel quale ciascuna coppia corrisponde ad una
diversa direzione dell’asse neutro. Fissata una direzione, si deve vedere
quale tra le infinite posizioni dell’asse neutro parallele ad essa compor­
tano un valore nullo dello sforzo assiale risultante. Si proveranno quindi
successive posizioni di tentativo. ( n 1 ed n2 in figura 13) determinando per
ciascuna lo stato tensionale e le caratteristiche di sollecitazione conse­
guenti, fino ad avere un valore nullo di N . Una volta determinate le
coppie M X , M y limite, la verifica consiste nel controllare che i valori di
calcolo rientrino all'interno del dominio. Il procedimento è concettual­
mente semplice, ma la risoluzione numerica è onerosa. Nel seguito ci si
soffermerà in dettaglio solo sul caso della flessione retta.

6. Verifica a flessione retta

Nel caso di flessione retta con un momento agente nel piano verticale,
y - z , cioè con M = M x , Tasse neutro è orizzontale (fig. 14). La sua posizio­
ne è individuata da un solo parametro, la distanza x dal bordo compres­
so. Per un assegnato valore di x è immediatamente definito il diagram­
ma limite di s, che corrisponde al raggiungimento del valore εcu nel cal­
cestruzzo. Per determinare x occorre valutare in funzione di esso la ri­
sultante delle tensioni di compressione N c e le forze nell’armatura tesa
N s e nell’armatura compressa N ’ s ed imporre che la loro somma sia nulla.
Flessione semplice 193

Fig. 14 - flessione retta nel caso di comportamento non lineare

Usualmente si esprime Nc come frazione del valore che si avrebbe se


tutto il calcestruzzo compresso fosse soggetto alla tensione massima

utilizzando il coefficiente p che può essere denominato fattore di riem­


pimento. La distanza di Nc dal bordo compresso viene espressa come ali­
quota k della distanza x dell'asse neutro dal bordo. Si noti che i simboli
P e k sono già stati usati, con lo stesso significato, nel caso di modello li­
neare con calcestruzzo non reagente a trazione (par. 4).

6.1. Valori di β e k per sezione parzializzata


Per calcolare la risultante Nc delle tensioni di compressione e la sua po­
sizione si possono usare le espressioni scritte alla fine del capitolo 7.
L’origine O del sistema di riferimento può essere posta in corrisponden­
za del punto in cui la deformazione assume il valore εc1 = -0.0020. Poi­
ché nella flessione semplice la sezione è parzializzata, la deformazione
limite al bordo compresso è pari a εCu= -0.0035 (fig. 15). Il diagramma di
deformazione è quindi definito dai due parametri

La risultante delle tensioni nel calcestruzzo Nc ed il loro momento ri­


spetto all’asse neutro Mc si determinano quindi mediante gli integrali
194 Capitolo 9
Flessione semplice 195

Fig. 16 - sezione con larghezza variàbile linearmente

Espressioni di β e k per sezione con larghezza variabile linearmente


Indicando con bo la larghezza in corrispondenza dell’asse neutro e con b1
la differenza di larghezza del bordo superiore rispetto alla precedente, la
larghezza alla generica quota y è

Sostituendo questa espressione negli integrali, si ottiene (con passaggi


concettualmente semplici ma onerosi)

Nella tabella 3 sono riportati i valori che si ottengono per alcuni casi
particolari.

Tab. 3 - valori di β e k per diverse forme della parte compressa


196 Capitolo 9

Considerazioni e indicazioni opmatiue


La dipendenza di β e k dalla forma della sezione può complicare note­
volmente la verifica a flessione quando si ha a che fare con sezioni di
forma diversa da quella rettangolare. Una notevole semplificazione,
consentita dalla normativa europea, consiste nel sostituire al diagram­
ma parabola-rettangolo un diagramma di tensioni costante applicato
N

per un tratto pari all'80% della parte compressa, a partire dal bordo. E
immediato constatare la validità di questa semplificazione nel caso di
sezione rettangolare; ad essa infatti corrisponderebbero i valori β=0.80 e
k =0.40, molto prossimi a quelli forniti dal diagramma parabola-rettan­
golo. Ma l'approssimazione è buona anche per sezioni con larghezza va­
riabile linearmente, come mostrato nella tabella 4, La risultante di
compressione è in genere leggermente sottostimata (ma meno del 5%) e
questo errore è inoltre parzialmente compensato da una sottostima di k
che porta ad un leggero aumento del braccio della coppia interna.
In definitiva, anche se per sezioni rettangolari si useranno i valori
rigorosi di β e k, si ritiene pienamente accettabile adottare in tutti gli
altri casi il diagramma di tensione costante applicato all’80% della parte
\

compressa. E opportuno aggiungere che la normativa europea, nel con­


sentire questa semplificazione, impone una riduzione del coefficiente a
(0.80 anziché 0.85) se la larghezza della zona compressa diminuisce pro­
cedendo nella direzione della fibra estrema. Bisogna infine ricordare che
la validità di questa semplificazione è legata al fatto che la deformazione
nel calcestruzzo raggiunge al bordo proprio il valore massimo.

Tab. 4 - valori di β e k ottenuti con diagramma costante applicato


sull'80% della sezione compressa
Flessione semplice 197

6.2. Sezione rettangolare


Il procedimento generale per la verifica a flessione allo stato limite ul­
timo consiste nell’esprimere la risultante delle tensioni di compressione
e trazione in funzione della posizione dell’asse neutro, calcolare questa
imponendo l'equilibrio alla traslazione

e determinare infine dalla condizione di equilibrio alla rotazione il mo­


mento massimo sopportabile dalla sezione.
Poiché la sezione è rettangolare, la parte compressa ha un'area b x
(fig. 17) e la risultante delle tensioni di compressione vale

mentre le forze esplicate dall’armatura tesa e compressa possono essere


espresse in generale come

con

Le tensioni ϭs e ϭ's devono essere ricavate dalle deformazioni εs ed


ε's. Il diagramma delle deformazioni, lineare anche allo stato limite ul­
timo, può essere espresso (come già visto nel caso di modello lineare) in

Fig. 17 - sezione rettangolare a doppia armatura nella verifica con modello


non lineare del materiale
198 Capitolo 9

funzione della distanza x dell’asse neutro dal bordo compresso e della


curvatura χ (inclinazione del diagramma delle e). Poiché il diagramma
limite comporta il raggiungimento della deformazione εCu al bordo com­
presso, si ha

Tenendo conto del legame costitutivo elastico-perfettamente plastico


dell’acciaio, si ha

Sezione a semplice armatura


In una sezione ben progettata l'armatura inferiore deve essere sempre
snervata, cioè deve essere s=l. L’equazione di equilibrio alla traslazione
diventa quindi

e consente di ricavare immediatamente la posizione dell’asse neutro

Una volta individuata la posizione dell’asse neutro, la condizione di e-


quilibrio alla rotazione rispetto al punto di applicazione di Nc fornisce il
momento resistente della sezione

Sezione a doppia armatura


L’armatura superiore è snervata quando
Flessione semplice 199

ovvero
x >= 1.87 c per acciaio FeB38k
x >= 2.15 c per acciaio FeB44k
La distanza dell’asse neutro dal bordo compresso può essere inferio­
re al limite sopra indicato nel caso di sezioni molto basse, o meglio con
un elevato rapporto y = c l d (ad esempio in alcune travi a spessore), op­
pure in sezioni con una notevole quantità di armatura in compressione.
Nella maggior parte dei casi, però, anche l’armatura compressa è sner­
vata. Conviene pertanto effettuare la verifica partendo dairipotesi che
entrambe le armature siano snervate. In tal caso la condizione di equili­
brio alla traslazione è
- α fcd b x β - A's fyd + As fyd = 0
e la posizione dell’asse neutro

Confrontando il valore ottenuto con il limite innanzi indicato, si può a-


vere una conferma del fatto che l'armatura compressa è snervata.
Nel caso non lo sia, si ha

e la condizione di equilibrio diventa


200 Capitolo 9

Questa equazione può essere scritta in maniera più sintetica indicando


col simbolo co la quantità

che viene denominata percentuale meccanica di armatura perché tiene


conto sia del rapporto tra l’area di acciaio e quella del calcestruzzo che
delle differenti caratteristiche meccaniche dei due materiali. Ponendc
inoltre

l’equazione diventa
βx2 - ω(1-u1) dx - ωu1 cd = 0
ed ha come soluzione

Una volta individuata la posizione dell’asse neutro, la condizione di e-


quilibrio alla rotazione rispetto al punto di applicazione di Nc
M - Ns (d — k x) - Nrs (k x - c)
fornisce il valore del momento resistente
MRd = [As ( d - K x ) + s ' A ' s ( k x - c ) ] f f d
che si può anche scrivere

Esempio 14. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo Rck~25 MPa
armata con 4ϕ20 inferiori e 2ϕ14 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro
c=4 cm, si trovi la posizione dell'asse neutro per flessione semplice allo stato li­
mite ultimo ed il momento limite corrispondente.
Ipotizzando che l’armatura compressa sia snervata, si determina la posizione
dell’asse neutro
Flessione semplice 201

Poiché tale valore è maggiore. di 2.15 c = 8.6 cm, l’armatura compressa è effet­
tivamente snervata ett il valore trovato è esatto. Si può quindi calcolare il mo­
mento resistente
MRi = [l2.56x (46 - 0.416 X 13.24) + 3.08 x(0.416 x 13.24 - 4)]x 373.9 x IO-3 =
= 191.9 kNm

Esempio 15. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo Rck=25 MPa
armata con 4ϕ20 inferiori e 2ϕ20 + 1ϕ14 superiori in acciaio FeB44k, con co­
priferro c-4 cm, si trovi la posizione dell'asse neutro per flessione semplice allo
stato limite ultimo ed il momento limite corrispondente.
In questo caso l’armatura compressa è molto maggiore (7.82 cm2). Ipotizzando
che essa sia snervata, si determina la posizione dell’asse neutro

Questa volta il valore trovato è minore di 2.15 c = 8.6 cm e l’armatura compres­


sa rimane in campo elastico. Il valore di x è quindi sbagliato e per trovarlo oc­
corre risolvere una equazione di secondo grado. Si ha

6.3. Sezione generica


Per verificare una sezione di forma qualsiasi, si può, in generale, proce­
dere per tentativi, assegnando una posizione x per l’asse neutro, indivi­
duando il corrispondente diagramma limite ed il relativo stato tensiona-
202 Capitolo 9

le. Calcolate le tre forze Nc, Ns, N’s (usando per la prima l'approssima­
zione di applicare una tensione costante all’80% della parte compressa —
misurato in altezza a partire dal bordo compresso) si può controllare se
la loro somma algebrica è nulla. Se ciò è vero la posizione dell’asse neu­
tro è esatta, perché la condizione di equilibrio è rispettata. In caso con­
trario occorrerà provare con una nuova posizione, più vicina al bordo
compresso se prevaleva la compressione, più lontana se prevaleva la
trazione. Quando si è trovata la posizione esatta, l'equilibrio alla rota­
zione rispetto ad un punto qualsiasi fornisce il momento resistente; op­
pure, si può calcolare la posizione della risultante di Nc e N’s e quindi il
braccio della coppia interna, che moltiplicato per il valore di Ns fornisce
il momento resistente della sezione.

Esempio 16. Data una sezione circolare di raggio r-20 cm in calcestruzzo


Rck=25 MPa armata con 6ϕ14 in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, si trovi
la posizione delVasse neutro per flessione semplice allo stato limite ultimo ed il
momento limite corrispondente.
La forma circolare non è molto usata in elementi soggetti a flessione, ma può
ritrovarsi in casi particolari, come i pali di una paratia. Le barre di armatura
sono disposte con spaziatura regolare lungo una circonferenza di raggio rs = r - c.
Le armature aventi una stessa ordinata y sono soggette alle stesse tensioni; si
può quindi considerare l'annatura come costituita da 4 strati, di area As1 = As4=
1.54 cm2 e As2 - As3 = 3.08 cm2, posti alle quote indicate in figura 18r
Assegnando una distanza x dell'asse neutro dal bordo superiore si defini­
sce un diagramma di deformazioni, individuato dalle quantità

Fig. 18 - sezione circolare


Flessione semplice 203

Fig. 20 - area e posizione del baricentro di un segmento circolare


204 Capitolo 9

7. Progetto della sezione

7.1. Comportamento ultimo e duttilità


A parità di momento resistente, il comportamento a collasso di differenti
sezioni può essere molto diverso. Un parametro fondamentale nel valu­
tare tale comportamento è la duttilità, definita come rapporto tra la ro­
tazione ultima e la rotazione corrispondente allo snervamento dell’ar­
matura tesa. Una sezione che presenti una rottura duttile dà chiari se­
gnali di preavviso (elevata fessurazione, notevole incremento della de­
formazione) che possono mettere in allarme e consentire interventi pri­
ma del crollo. Inoltre in zona sismica la capacità di deformarsi plastica­
mente permette di dissipare con cicli isteretici delle sezioni l’energia
Flessione semplice 205

trasmessa dal sisma alla struttura; grazie a ciò è possibile utilizzare a-


zioni di progetto molto minori di quelle che sarebbero necessarie se si
volessero mantenere le sezioni in campo elastico, realizzando quindi un
notevole risparmio economico. Al contrario, una sezione priva di duttili­
tà ha un comportamento fragile, raggiunge il collasso senza un evidente
preavviso ed ha una capacità di dissipare ciclicamente energia pratica-
mente nulla.
La duttilità di una sezione è strettamente legata al diagramma li­
mite col quale essa giunge al collasso. Per mostrare con un esempio con­
creto tale relazione, prendiamo in esame una sezione 30x50 in calce-
struzzo di classe Rck~25 MPa ed acciaio FeB44k. Come si vedrà meglio
nel paragrafo successivo, questa sezione, se dotata di una quantità non
eccessiva di armatura tesa, può agevolmente portare un momento flet-
\
%
tente pari a circa 130 kNm. E però possibile farle sopportare un momen­
to ben più alto, ad esempio 300 kNm, aggiungendo rilevanti armature in
compressione o in trazione. Si sono presi in esame più casi, corrispon­
denti al raggiungimento dello stato limite in campi diversi, ottenuti uti­
lizzando quattro percentuali di armatura compressa: u=0.6, u=0.3,
u=0.08 e u=0 (fig. 21). La quantità di ferro necessaria è ovviamente
sempre alta ed in particolare nel quarto caso sicuramente improponibi­
le, da usare solo per considerazioni teoriche.
Nel primo dei casi sopra elencati, l'armatura tesa arriva a snervarsi
(εs=0.00187) quando nella sezione è presente un diagramma di deformazioni
ben lontano da quello ultimo (χ - -0.000073, εc= -0.00156); l'asse neutro è
a 21.2 cm dal bordo superiore ed il momento flettente corrispondente a
tale diagramma è pari a 280.9 kNm. Il diagramma momento-curvatura
è, fino a tale valore, praticamente lineare. Per i successivi incrementi di
deformazione, la forza di trazione non cambia più ed il momento fletten­
te varia leggermente, fino ad arrivare a 300 kNm, solo a causa del cre­
scere del braccio della coppia interna. Si raggiunge lo. stato limite ultimo
(εc = εcu = -0.0035 al bordo superiore) per una curvatura χ = -0.000312
ed una deformazione dell’armatura inferiore εs = 0.0109, con Tasse neu­
tro a 11.0 cm dal bordo superiore. La sezione subisce forti deformazioni
con momento flettente quasi costante ed ha quindi una elevata duttilità
(la curvatura ultima è circa quattro volte quella di snervamento).
206 Capitolo 9

Fig. 21 - diagrammi momento-curvatura e diagrammi di deformazione limite


per una sezione 30x50 con differenti percentuali di armatura compressa
Flessione semplice 207

Nel secondo caso, Tannatura tesa si snerva per un diagramma di


deformazioni avente curvatura χ = -0.000084 ed εc= -0.00204; Tasse neu­
tro è a 24.3 cm dal bordo superiore ed il momento flettente corrispon­
dente a tale diagramma è pari a 291.1 kNm. L’andamento del diagram­
ma momento-curvatura è, fino a tale valore, ancora abbastanza prossimo
ad una retta. Dopo lo snervamento dell'armatura tesa il momento varia di
poco e si raggiunge lo stato limite ultimo per una curvatura χ = -0.000174
ed 0.00449, con Tasse neutro a 20.2 cm dal bordo superiore. La se­
zione ha una limitata capacità di deformazione plastica (la curvatura ul­
tima è circa il doppio di quella di snervamento).
Nel terzo caso, il momento flettente cresce con la deformazione in
maniera che si discosta dalla lineare solo nel tratto terminale, ed in ma­
niera non molto evidente. Si raggiunge il collasso per un diagramma di
deformazioni avente curvatura χ = -0.000116 ed ss= 0.00187, con Tasse
neutro a 30.3 cm dal bordo superiore, senza che la sezione presenti al­
cuna capacità plastica.
Il quarto caso, infine, mostra un comportamento analogo al prece­
dente. Si raggiunge però il collasso per un diagramma di deformazioni
avente curvatura ancora minore, χ = -0.000097, con armatura tesa ben al
di sotto del limite di snervamento, εs= 0.00094, ed asse neutro a 36.2 cm
dal bordo superiore..
Sulla base di tali considerazioni e tenendo conto del fatto che è la
quantità di armatura tesa presente nella sezione a determinare in quale
campo si avrà il collasso le sezioni possono essere denominate
- sezioni ad alta duttilità, o sezioni a debole armatura, quando si rag­
giunge la resistenza ultima con deformazione nell’acciaio teso supe­
riore al limite (convenzionale) di 0.01;
- sezioni a media duttilità, o sezioni a media armatura, quando si rag­
giunge la resistenza ultima con acciaio teso snervato ma deformazio­
ne inferiore al limite (convenzionale) di 0.01;
- sezioni a bassa duttilità, o sezioni a forte armatura, quando si rag­
giunge la resistenza ultima con acciaio teso ancora in campo elastico.
In fase di progetto è sempre bene mirare ad ottenere una buona duttili­
tà e quindi ad avere l'acciaio teso ampiamente in campo plastico, con de­
formazione pari a 0.01 o comunque non molto inferiore a tale valore.
208 Capitolo 9

7.2. Progetto di sezione rettangolare a semplice armatura


Quando si progetta la sezione con modello del materiale non lineare si
assumono come dati di partenza il momento flettente M e il diagramma
limite di deformazioni che si vuole ottenere; sono invece incognite le di­
mensioni della sezione b,h e l’armatura As.
Si consideri un qualsiasi diagramma limite di deformazioni, indivi­
duato dalla distanza x dell’asse neutro dal bordo superiore (fig. 22). La
forza di compressione vale
N c =-α f c i b x β
ed è applicata ad una distanza k x dal bordo compresso.
La condizione di equilibrio alla rotazione rispetto all’armatura tesa
si scrive, in maniera formalmente analoga a quanto fatto nel caso di
modello lineare del materiale,
M = - N c (d - K x ) = b d 2 βξ (l - kξ) αf c d
e ponendo

Fig. 22 - progetto di sezione rettangolare a semplice armatura


per modello di comportamento non lineare
Flessione semplice 209

Per conferire alla sezione una buona duttilità è opportuno assumere


come riferimento un diagramma di deformazioni avente in corrispon­
denza dell'armatura tesa una deformazione εs = εsu = 0.01. Si noti che in
questo modo si recupera il limite di deformazioni tradizionalmente uti­
lizzato per l'acciaio. La posizione delibasse neutro può in tal caso rica­
varsi con una semplice proporzione

ottenendo ξ=0.259, indipendentemente dalla classe del calcestruzzo e


dal tipo di acciaio. Il valore di r dipende invece dalla resistenza del cal­
cestruzzo utilizzato. Per un calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa si ha

Si noti che questo valore è circa il 20% più piccolo di quello calcolato
nel caso di modello lineare del materiale. Poiché nel caso di progetto allo
stato limite ultimo il valore di calcolo del carico (e quindi del momento
flettente) è maggiore di circa il 40-50% rispetto a quando si progetta col
metodo delle tensioni ammissibili, il prodotto r-/M assume in entrambi
i casi all'incirca lo stesso valore e quindi l’altezza d calcolata mediante
la formula è sostanzialmente la stessa in entrambi i casi.
Per quanto riguarda il progetto delle armature, l'equilibrio alla ro­
tazione rispetto al punto di applicazione di Nc fornisce l'espressione

che è perfettamente analoga a quella ricavata nel caso di modello linea­


re del materiale. Per il diagramma di deformazioni scelto, è ζ = 0.8923 e
si può quindi ancora usare l’espressione approssimata

Si. noti che questa espressione, da usare nel caso di stato limite ul­
timo, differisce da quella usata nel metodo delle tensioni ammissibili so­
lo per la presenza di fyd anziché ϭs. Il rapporto tra questi due valori è
circa pari al rapporto tra i carichi che si utilizzano nei due metodi; le
armature da disporre risulteranno quindi sostanzialmente coincidenti.
210 Capitolo 9

Fig. 23 - progetto di sezione rettangolare a doppia armatura


per modello di comportamento non lineare

7.3. Progetto di sezione rettangolare a doppia armatura


In caso di sezione a doppia armatura (fig. 23) si procede in maniera for­
malmente identica a quella seguita nel caso di materiale a comporta­
mento lineare. Il contributo dell'armatura compressa N's si può sempre
esprimere come -s’uNs ; la risultante delle forze nelle armature è sempre
applicata al di sotto dell'armatura tesa, ad una distanza di che vale

Imponendo la condizione di equilibrio alla rotazione rispetto al punto


di applicazione della risultante delle forze nelle armature si ottiene ancora

con rr = k r e

o, con sufficiente approssimazione,


Occorre però notare che, mentre in caso di comportamento lineare
del materiale il rapporto tra le tensioni nell’armatura compressa e tesa
vale s'=0.40-0.50, nel caso di modello non lineare per il diagramma di
deformazioni scelto si ha quasi sempre (tranne che per sezioni molto
basse) s,=l. Il contributo dell'armatura compressa è quindi sensibilmen-
Flessione semplice 211
212 Capitolo 9

7.5. Indicazioni progettuali


Analogamente a quanto detto per il metodo delle tensioni ammissibili,
ritengo che nel progettare l'altezza di una sezione (dopo aver stimato in
maniera approssimata il. momento sollecitante) sia opportuno tenere
conto del fatto che una piccola quantità di armatura in compressione è
sempre presente ed utilizzare quindi valori leggermente minori di quelli
calcolati per r, approssimativamente gli r’ corrispondenti ad u=0.25. Per
calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa si può suggerire, anche come cifra
Flessione semplice 213

“tonda” e facile a ricordare, il valore 0.020, indipendentemente dal tipo


di acciaio; solo per travi a spessore molto basse potrebbe essere più op­
portuno il valore 0.021. Se si è costretti a ridurre fortemente le dimen­
sioni della sezione e quindi ad utilizzare valori di r3 più bassi, ricordo
che in questi casi potrebbe essere più vincolante la limitazione indotta
dalla quantità di armatura tesa che è possibile disporre nella sezione.
Consiglio quindi di valutare l’armatura massima Asmax e ricavare un ul­
teriore limite inferiore per l’altezza della sezione invertendo la formula
di progetto dell’armatura, cioè calcolando

Per quanto riguarda il progetto dell’armatura tesa, considerare il


braccio della coppia interna pari a 0.9 d fornisce sempre valori accetta­
bili e non molto discosti da quelli ottenibili con calcoli rigorosi. Si noti
però che se si usasse come obiettivo di progetto un diagramma di defor­
mazioni diverso da quello indicato (con minori deformazioni dell’acciaio
teso) il braccio della coppia interna potrebbe ridursi a 0.8 d.
L’armatura compressa, quando necessaria, può essere determinata
con gli stessi criteri enunciati per il metodo delle tensioni ammissibili.
La si può valutare come percentuale di quella tesa, calcolando il valore
di r* corrispondente al momento di calcolo e confrontandolo con quello
noto per i diversi valori di u, o meglio ancora ricavandolo dal rapporto
r'/ r con la relazione approssimata

Oppure si può calcolare la differenza ΔM tra il momento di calcolo e


quello resistente per u=0 e valutare l’area necessaria conia formula

ipotizzando un opportuno valore per s’ (per travi emergenti 1 nel caso di


stato limite ultimo, 0.4-0.5 per travi a spessore) o calcolandolo con rife­
rimento al diagramma di tensioni di progetto
214 Capitolo 9
Flessione semplice 215
216 Capitolo 9

8. Considerazioni finali

I valori proposti per il coefficiente r, e quindi per la valutazione dell’al­


tezza necessaria della sezione, sono stati calcolati con riferimento a ben
precisi diagrammi di tensione o deformazione. Ritengo opportuna qual­
che ulteriore considerazione sulla convenienza delle scelte fatte, sia dal
punto di vista economico (risparmio nelle quantità di materiale) che di
comportamento.
Nel caso di modello lineare del materiale, con riferiménto al metodo
delle tensioni ammissibili, si sono utilizzati come valori limite le tensio­
ni ammissibili ϭc e ϭs. Si può facilmente constatare che usando come
valore massimo per il calcestruzzo una tensione minore di ϭc la parte
compressa risulta percentualmente più piccola, Nc diminuisce e di con­
seguenza aumenta l’altezza necessaria (r diventa più grande). Vicever­
sa, usando come valore limite per l’acciaio una tensione minore di ϭs la
parte compressa aumenta e l’altezza necessaria diminuisce. La riduzio­
ne di tensione rende però necessaria una quantità di armatura maggio­
re (perché occorre ottenere lo stesso Ns, anzi un valore maggiore a causa
della riduzione del braccio della coppia interna), sproporzionata al van­
taggio che potrebbe comportare la riduzione di sezione. Ad esempio, di­
mezzando la tensione di lavoro dell’armatura (e quindi più che raddop­
piando l’area di ferro teso) si può ridurre l’altezza di appena il 15%. Vo­
lendo diminuire l’altezza, è sicuramente più conveniente aggiungere
armatura in compressione, ma anche questo non è troppo vantaggioso se
si pensa che per u=1, cioè con uguale armatura in compressione e in
trazione, si può avere una riduzione dell’altezza di circa il 30% (ma con
un’armatura totale quasi triplicata, se si tiene conto anche dell’effetto
Flessione semplice 217

della riduzione dell'altezza). In definitiva i margini di manovra del pro­


gettista sono alquanto limitati.
Nel caso di modello del materiale non lineare, cioè nell’ambito dello
stato limite ultimo, si è suggerito di far riferimento al diagramma C, col.
quale si raggiungono contemporaneamente le deformazioni limite di ac­
ciaio e calcestruzzo. Anche in questo caso, usare un valore limite più
basso per il calcestruzzo comporta una riduzione della parte compressa
ed un aumento dell’altezza necessaria. Se invece si riduce la deforma­
zione dell'armatura tesa, la sua tensione di lavoro non cambia (almeno
fin quando non si scende al di sotto del limite di snervamento) mentre
cresce, anche notevolmente, il contributo del calcestruzzo compresso. Di
conseguenza, se si raddoppia l’area di ferro teso il momento resistente
cresce, a parità di sezione, dell’80% ovvero, a parità di momento, si può
ridurre di oltre il 30% l’altezza necessaria. Se si prende in esame solo
l’aspetto economico, potrebbe sembrare quindi conveniente realizzare
sezioni più basse e molto armate. Si è però già spiegato che ciò comporta
una netta riduzione della duttilità; l’economia che si avrebbe è pertanto
solo apparente, perché il prodotto sarebbe dì qualità inferiore. Invece il
contributo dell’armatura in compressione, anche se in apparenza leg-
germente meno rilevante di quello dell’armatura tesa, è sicuramente
molto maggiore che nel caso del modello lineare (circa il doppio) ed ha il
vantaggio di non ridurre la duttilità.
218 Capitolo 9
Capitolo 10
PRESSO E TENSOFLESSIONE

1. La presso e tensoflessione in una sezione omogenea

Una sezione è sollecitata a flessione composta quando in essa agiscono


contemporaneamente lo sforzo normale N ed il momento flettente M,
con le sue due componenti Mx ed My. Queste azioni equivalgono alla sola
forza assiale N applicata in un punto C, detto centro di sollecitazione,
spostato rispetto al baricentro G della sezione delle quantità

Il piano in cui agisce il momento M, somma delle due componenti


Mx ed My, è detto piano di sollecitazione; la sua traccia sul piano della
sezione, detto asse di sollecitazione s, passa per i punti C e G (fig. 1). Le
espressioni generali che forniscono la deformazione e la tensione in un
punto della sezione, già richiamate nel capitolo 7

mostrano che quando lo sforzo normale è diverso da zero anche la de­


formazione longitudinale e la tensione normale in corrispondenza del
baricentro sono diverse da zero. L’asse neutro n (luogo dei punti per i
quali la tensione è nulla) non passa quindi per il baricentro.
220 Capitolo 10
Presso e tensoflessione 221

e quindi le relazioni monomie tra tensioni e caratteristiche di sollecita­


zione

La terza espressione mostra che, essendo Ms=0, il momento centri­


fugo delle aree rispetto agli assi s ed n è nullo e che quindi s e d / i sono
coniugati rispetto all’ellisse centrale d’inerzia della sezione.
Cosa sia l’ellisse centrale d’inerzia dovrebbe essere già noto, ma ritengo uti­
le fare qualche breve richiamo.
Si definisce centro relativo di un sistema di masse (o di aree) rispetto ad
un asse il baricentro dei momenti statici delle masse (o aree) rispetto all’asse.
Questo punto è indipendente dalla direzione secondo la quale si misurano le
distanze. Pertanto ad ogni retta r del piano corrisponde un determinato centro
relativo R. Si dimostra che questa corrispondenza è una polarità, perché se il
centro Ri relativo alla retta n sta su una retta r2, il centro R2 relativo alla retta
T2 deve stare sulla retta ri. Il punto R viene detto polo della retta r e la retta r
viene detta polare di R. In particolare, il baricentro del sistema di masse (o a-
ree) è il polo della retta all'infinito. In generale il luogo dei punti autoconiugati,
cioè dei poli che stanno sulla propria polare, è una conica, che in questo caso
non ha punti reali.
Più utile è esaminare la corrispondenza tra una retta r ed il punto R’,
simmetrico del centro relativo R rispetto al baricentro. Anche questa corri­
spondenza è una polarità, che ha come conica fondamentale, reale, un’ellisse
(denominata ellisse centrale d’inerzia) il cui centro coincide col baricentro del
sistema di masse (o aree). La corrispondenza tra una retta r ed il suo centro re­
lativo R è quindi una antipolarità rispetto all’ellisse centrale d’inerzia.
Due rette r1 ed r2 si dicono coniugate rispetto all’ellisse centrale d’inerzia
se ciascuna passa .per il centro relativo dell’altra retta. Si dimostra che il mo­
mento centrifugo del sistema rispetto a due rette è nullo se, e solo se, esse sono
coniugate. Gli assi dell’ellisse centrale d’inerzia sono gli assi principali d’iner­
zia del sistema e la lunghezza di ciascun semiasse è pari al raggio d’inerzia del
sistema rispetto all’altro asse.
Infine, si definisce nocciolo centrale d’inerzia di una figura il luogo dei
punti che, rispetto all’ellisse centrale d’inerzia, sono antipoli delle rette che in­
viluppano la figura senza tagliarla (questa precisazione è fatta per escludere,
nel caso di una figura in parte concava, quelle rette tangenti nella parte rien­
trante che taglierebbero la figura). Il nocciolo è sempre una figura convessa. Se
il contorno della figura data ha un tratto rettilineo oppure un vertice il nocciolo
ha corrispondentemente un vertice oppure un tratto rettilineo.
222 Capitolo 10

Tornando alla sezione soggetta a flessione composta, si può notare


che il centro di sollecitazione C, punto di applicazione di N, è il baricen­
tro delle forze elementari a dA ovvero E χs s dA. Esso è quindi il bari­
centro dei momenti statici delle aree elementari dA rispetto all’asse
neutro, ovvero l’antipolo di n rispetto all’ellisse centrale d’inerzia della
sezione. Per le proprietà del nocciolo centrale d'inerzia, si può conclude­
re che:
- se il centro di sollecitazione C è sul contorno del nocciolo l’asse neutro
sarà tangente alla sezione;
- se il centro di sollecitazione C è interno al nocciolo l’asse neutro sarà
esterno alla sezione;
- se il centro di sollecitazione C è esterno al nocciolo l’asse neutro ta-
glierà la sezione.
Nei primi due casi la sezione sarà quindi tutta tesa o tutta compressa
(secondo il segno di N ) mentre nel terzo caso essa sarà in parte tesa e in
parte compressa.
Quando il momento agisce in un piano principale d’inerzia, l’asse
neutro è perpendicolare all’asse di sollecitazione. In tal caso la sollecita­
zione viene denominata presso o tensoflessione retta. Ad esempio, se
M= Mx e My = 0, l’asse di sollecitazione coincide con l’asse y e l’asse neu­
tro è parallelo all’asse re (fig. 2).
Le relazioni generali tra tensioni e caratteristiche della sollecitazio­
ne diventano in questo caso

Fig. 2 - presso o tensoflessione retta, per sezione omogenea


Presso e tensoflessione 223

mentre restano formalmente inalterate le relazioni monomie

In presenza di flessione composta retta non è necessario conoscere


l’intero nocciolo d’inerzia per giudicare se l'asse neutro taglia la sezione.
v
E infatti sufficiente determinare solo la posizione degli estremi Ci e C2
dei raggi di nocciolo lungo Tasse di sollecitazione, cioè le distanze e\ ed ez
di tali punti dal baricentro (fig. 3).
Ciò può essere fatto immediatamente ricordando le proprietà del
nocciolo: quando il centro di sollecitazione coincide con l'estremo supe­
riore Ci del nocciolo il corrispondente asse neutro m deve essere tangen­
te al bordo inferiore della sezione*
Utilizzando la relazione binomia tra tensioni e caratteristiche di sol­
lecitazione, con M = -Ne1, ed imponendo.che ϭ(dG,inf) = 0 si ottiene
224 Capitolo 10
Presso e tensoflessione 225

Fig. 4 - presso o tensofiessione retta per sezione omogeneizzata

Esempio 1. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo RCk=25 MPa


armata con 4020 inferiori e 2014 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro
c=4 cm, si determini lo stato tensionale provocato dalle caratteristiche di solleci­
tazione M = Mz — 50 kNm, N = -100 kN ipotizzando che la sezione non sia fessu­
rata; si verifichi se la tensione di trazione supera la resistenza a trazione del
calcestruzzo.
A parte la presenza di sforzo normale, i dati dell'esempio coincidono con quelli
usati nel primo esempio relativo alla flessione semplice, al quale si rinvia per
alcuni passaggi numerici.
Parlare di sezione non fessurata equivale a ritenere il calcestruzzo nel
primo stadio, cioè ipotizzare che esso sia resistente sia a trazione che a com­
pressione ed abbia una relazione a-e lineare. Nel primo stadio si applicano le
formule note dalla Scienza delle costruzioni alla sezione costituita da tutto il
calcestruzzo più l’armatura omogeneizzata. Il coefficiente di omogeneizzazione
n=Es/Ec può essere assunto proprio pari al rapporto tra i due moduli elastici,
ritenendo che ci si riferisca ad uno stato tensionale modesto ed a carichi di bre­
ve durata nel tempo. Per il calcestruzzo in esame si ha quindi n-7.02.
La sezione cui fare riferimento è costituita dal calcestruzzo più le armature
omogeneizzate. Poiché queste non sono simmetriche (As=12.56 cm2, As=3.08 cm2)
è necessario valutare preliminarmente la posizione del baricentro. Per ottener­
lo occorre calcolare l'area A della sezione ed il suo momento statico S rispetto
ad un asse qualsiasi, ad esempio al bordo superiore della sezione. Come già vi­
sto nell’esempio citato, si ha
A = 1609.8 cm2
S = 41642 cm3
226 Capitolo 10
Presso e tensoflessione 227

3. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a trazione

Quando il comportamento del materiale è lineare ma il calcestruzzo non


resiste a trazione, le formule della Scienza delle costruzioni vanno ap-
plicate alla sezione “reagente omogeneizzata”, cioè alla sezione costitui­
ta dal calcestruzzo compresso e dall’armatura (tesa e compressa) ampli­
ficata mediante il coefficiente n. A differenza della sezione nel primo
stadio, in questo caso non si sa a priori a quale sezione ci si debba riferi­
re, perché non si può conoscere (se non dopo un calcolo) quale sia la par­
te di calcestruzzo reagente. Per verificare una sezione nel secondo stadio
occorre quindi, innanzi tutto, controllare se essa sia tutta tesa, tutta
compressa oppure parzializzata (in parte tesa, in parte compressa).
In linea teorica, per fare ciò basta confrontare la posizione del cen­
tro di sollecitazione rispetto al nocciolo centrale d'inerzia della sezione.
In realtà il problema è un po' più complesso di quanto appare da questa
affermazione. Occorre infatti distinguere i casi in cui lo sforzo normale è
di trazione da quelli in cui si ha compressione.
In presenza di trazione, la sezione potrebbe essere tutta tesa. In
questo caso la sezione di riferimento sarebbe costituita dalle sole arma­
ture. Di conseguenza si deve determinare innanzitutto il nocciolo d’iner­
zia delle sole armature e valutare se il centro di sollecitazione è interno
ad esso. In caso affermativo, si utilizzeranno le formule della Scienza
delle costruzioni facendo riferimento al baricentro, all’area e ai momen­
to d’inerzia delle sole armature.
In presenza di compressione, la sezione potrebbe invece essere tutta
compressa ed in tal caso si dovrebbe far riferimento alla sezione com­
posta da tutto il calcestruzzo più le armature omogeneizzate. Di conse­
guenza si deve determinare innanzitutto il nocciolo d’inerzia di tale se­
zione e valutare se il centro di sollecitazione è interno ad esso. In caso
228 Capitolo IO

affermativo, si utilizzeranno le formule della Scienza delle costruzioni


facendo riferimento al baricentro, all’area e al momento d'inerzia di tut­
to il calcestruzzo più le armature omogeneizzate.
Infine, se in un caso o nell’altro si trova che il centro di sollecitazio­
ne è esterno al nocciolo considerato si desume che l'asse neutro taglia la
sezione e questa è quindi parzializzata. Occorre perciò determinare la
posizione dell’asse neutro; ciò può essere fatto sfruttando la relazione
en=In/Sn nella quale tutte le grandezze possono essere espresse in fun­
zione dell'unica incognita x (distanza dell'asse neutro dal bordo com­
presso).
Nei paragrafi che seguono, queste brevi indicazioni sono esplicitate
con riferimento a sollecitazioni di presso e tensoflessione retta, prima
per sezioni rettangolari e poi per sezioni di forma più complessa. Il caso
della flessione composta deviata non presenta problemi concettuali ma
solo difficoltà analitiche e verrà affrontato più avanti con riferimento ai
domini M-N.
Una ulteriore precisazione appare però importante. Una trave in
cemento armato viene vista, sezione per sezione, come costituita sola­
mente dal calcestruzzo compresso e dalle armature omogeneizzate. Poi­
ché lungo l'asse della trave variano le caratteristiche della sollecitazione
e spesso anche le armature, la trave stessa dovrebbe essere considerata
come un solido a sezione variabile anche quando la sezione geometrica
del calcestruzzo rimane costante. Inoltre la sezione reagente non è nota
a priori perché dipende dalle caratteristiche di sollecitazione, e ciò cree­
rebbe problemi di calcolo piuttosto seri per schemi iperstatici. Per ovvia­
re a ciò si usa analizzare le strutture in cemento armato facendo riferi­
mento, nella risoluzione dello schema, alla sezione geometrica di calce-
struzzo (per intero, indipendentemente dalla sua possibile parzializza­
zione, e senza tenere conto delle armature). Questo modo di procedere è
puramente convenzionale ed in casi particolari può portare a contraddi­
zioni e a risultati paradossali (ricordo polemici dibattiti in recenti con­
vegni circa la resistenza e duttilità di setti in c.a. in edifici antisismici).
Nella maggior parte dei casi, però, l'approssimazione è tutto sommato
accettabile e questo rimane, in fondo, l’unico modo possibile per proce­
dere speditamente. Questa impostazione ha una conseguènza immedia-
Presso e tensoflessione 229

ta sulle verifiche a flessione composta: lo sforzo normale deve intendersi


sempre come una forza assiale applicata nel baricentro della sezione ge­
ometrica di calcestruzzo, indipendentemente da quale sia l’effettiva se­
zione reagente.

4. Verifica a presso o tensoflessione retta

4.1. Sezione rettangolare


Come già detto in generale, occorre distinguere il caso di sforzo di tra­
zione da quello di compressione e valutare se il centro di sollecitazione è
interno al nocciolo rispettivamente delle sole armature e di calcestruzzo
più armature omogeneizzate.

Sforzo normale di trazione interno al nocciolo (bassa eccentricità)


Facendo riferimento alle sole armature (fig. 5), si calcola l’area ed il
momento statico rispetto al bordo superiore e quindi la posizione del ba­
ricentro Gs delle armature
230 Capitolo 10

Si noti che il nocciolo d'inerzia della sezione costituita da due arma­


ture non coincide col nocciolo determinato per due masse o aree concen­
trate. In quel caso, infatti, il punto in cui è posta un’area è l’antipolo di
una retta passante per l’altra area e gli estremi del nocciolo d’inerzia
sono quindi coincidenti con la posizione delle aree. In una sezione in
cemento armato con doppia armatura, invece, la presenza del calce-
struzzo è condizionante anche quando esso non reagisce, perché l’estre­
mo del nocciolo deve essere l’antipolo di una retta passante per il bordo
della sezione e quindi più eccentrica rispetto all'armatura. Come conse­
guenza, la dimensione del nocciolo d’inerzia è sempre minore, anche se
non di molto della distanza tra le armature.
Una volta individuato il nocciolo è possibile esaminare la posizione
del centro di sollecitazione. Ci si deve riferire all’eccentricità ex,s di C ri­
spetto alla nuova origine del sistema di riferimento, Gs, che è la diffe-
Presso e tensofiessioné 231

renza tra l'eccentricità originaria Mx / N e la distanza doG tra i punti Gs


edL0

Il centro di sollecitazione è interno al nocciolo se -ei < eX,S < e2. In tal
caso la tensione nell'armatura è fornita dall’espressione

nella quale y è la coordinata rispetto al punto Gs ed A, IX , eX,S sono fornite


dalle espressioni riportate in precedenza.

Esempio 3. Si verifichi col metodo delle tensioni ammissibili una sezione ret­
tangolare 30x60 in calcestruzzo RCk=25 MPa armata con 10 cm2 inferiori e 6 cm2
superiori in acciaio FeB44k, con copriferro c—4 cm, soggetta alle caratteristiche
di sollecitazione M~30 kNm, N—200 kN.
Come prima cosa si deve valutare l’eccentricità, che è pari a

Forse si potrebbe già dire, a occhio, che l’eccentricità è bassa ed il centro di sol­
lecitazione interno al nocciolo, perché avendo uno sforzo di trazione si deve far
riferimento al nocciolo d’inerzia delle sole armature, più ampio. Nel dubbio,
comunque, è necessario calcolare la dimensione del nocciolo e controllare. Pro­
cedendo in ordine, innanzi tutto si determina la posizione del baricentro delle
armature

Il baricentro Gs delle armature è situato, come prevedibile, più in basso ri­


spetto al centro della sezione geometrica perché l’armatura inferiore è maggio­
re di quella superiore. Il momento d’inerzia rispetto al baricentro vale
I = 10x10-4 x (0.235-0.04)2 + 6x10-4 x (0.365-0.04)2 =0.0001014m4
ed i raggi di nocciolo
232 Capitolo 10

cioè distano rispettivamente 6.14 cm dal bordo inferiore e 9.53 cm dal bordo
superiore. La distanza-dei centro di sollecitazione dal baricentro delle armature
e
ex,s =0.15-(0.30- 0.235)=0.085 m = 8.5 cm
Si ha così la conferma che il centro di sollecitazione è interno al nocciolo,
essendo -e\ < ez,s<e2 (-26.97 < 8.5 < 17.36). La sezione è quindi tutta tesa e le
tensioni nell’armatura inferiore e superiore valgono

Dovendo effettuare la verifica col metodo delle tensioni ammissibili, questi


valori vanno confrontati con la tensione ammissibile dell’acciaio. Essendo que­
sta pari a 255 MPa la verifica ha esito positivo.

Sforzo normale di compressione interno al nocciolo (bassa eccentricità)


Facendo riferimento alle armature omogeneizzate e a tutto il calce-
struzzo (fig. 6), si calcola l’area ed il momento statico rispetto al bordo
superiore, la posizione del baricentro Gc+s ed il momento d’inerzia bari­
centrico

La distanza degli estremi del nocciolo C1,c+s e C2,c+s dal baricentro


Gc+s si ottiene utilizzando le espressioni generali
Presso e tensoflessione 233

Fig. 6 - raggi dì nocciolo di armature omogeneizzate e calcestruzzo

Le dimensioni del nocciolo d’inerzia che si ottengono in questo caso


saranno sicuramente maggiori, anche se non di molto, di quelle della so­
la sezione rettangolare (per la quale e 1 = e 2 = h / 6 ) perché le armature
sono più centrifugate rispetto alla sezione in calcestruzzo.
Una volta individuato il nocciolo è possibile esaminare la posizione
del centro di sollecitazione. Anche qui l’eccentricità di C deve essere ri­
ferita alla nuova origine del sistema di riferimento, Gc+s, ed è quindi for­
nita dalla relazione, formalmente identica a quella vista in caso di
trazione

Il centro di sollecitazione è interno al nocciolo se -ei < ex,c+s < e2. In


tal caso le tensioni nel calcestruzzo e nell’armatura sono fornite dalle
espressioni
234 Capitolo 10

nella quale y è la coordinata rispetto appunto Gc+s ed A, IXi ex,c+s sono


fornite dalle espressioni riportate in precedenza.

Esempio 4. Si verifichi la sezione deli-esempio 3, soggetta alle caratteristiche di


sollecitazione M-40 kNm, N=-500 kN.
L'eccentricità vale

Anche in questo caso si potrebbe dire, a occhio, che l'eccentricità è bassa ed il


centro di sollecitazione internò al nocciolo d'inerzia, perché già il raggio di noc­
ciolo del solo calcestruzzo (h/6, cioè 10 cm) è più ampio. Per completezza, si è
comunque calcolata la dimensione del nocciolo. La posizione del baricentro di tut­
to il calcestruzzo più le armature (omogeneizzate con n=15) si determina, calco­
lando area e momento statico

Il baricentro Gc+s non dista molto dal baricentro del solo calcestruzzo, per­
ché la quantità di armatura presente è abbastanza piccola rispetto al calce-
struzzo. Il momento d’inerzia rispetto al baricentro vale

ed i raggi di nocciolo

cioè sono leggermente maggiori del raggio di nocciolo della sola sezione rettan­
golare. La distanza del centro di sollecitazione dal baricentro è
e x,c+s = -0.08 - (0.30 - 0.2924)=-0.0876 m = - 8.76 cm
Si ha così la conferma che il centro di sollecitazione è interno al nocciolo,
essendo -e 1< e x,c+s < e 2 (-11.75 < -8.76 < 11.17). La sezione è quindi tutta com-
Presso e tensoflessione 235

In questo caso le tensioni sono tutte negative, cioè di compressione, e van­


no confrontate rispettivamente con la tensione ammissibile del calcestruzzo
(8.5 MPa) e dell'acciaio (255 MPa). La verifica ha esito positivo.
Si noti che non è mai necessario verificare l’armatura compressa, perché
essa ha una tensione 15 volte maggiore di quella del calcestruzzo a contatto con
le barre, mentre il rapporto tra le tensioni ammissibili dei due materiali è pari
a 30.

Sforzo normale esterno al nocciolo (forte eccentricità)


Nella trattazione che segue si fa riferimento a una sezione nella quale le
fibre compresse siano quelle superiori, cioè soggetta ad uno sforzo nor­
male di trazione applicato al di sotto di C2,s oppure ad uno sforzo di com­
pressione applicato al di sopra di Ci,c+s (fig. 7). I risultati e le considera­
zioni valgono, ovviamente, anche per sezione compressa inferiormente.
Come prima cosa occorre determinare la posizione dell’asse neutro.
Nella trattazione si usano i seguenti simboli, in aggiunta a quelli adot­
tati in precedenza
dc distanza del centro di sollecitazione C dal bordo superiore (posi­
tiva se C si trova al di sotto del bordo)
en distanza del centro di sollecitazione C dall’asse neutro (positiva
se C si trova al di sotto di tale asse)
x distanza dell’asse neutro dal bordo superiore (priva di segno,
ovvero sempre positiva)
Queste tre grandezze sono legate tra loro dalla relazione
en = d C ~X

mentre de è legata all'eccentricità e x dalla relazione


236 Capitolo 10
Presso e tensoflessione' 237

Una volta determinata la posizione dell’asse neutro, si può utilizza­


re la relazione monomia tra tensioni e caratteristiche di sollecitazione
per ricavare la tensione in un punto qualsiasi, in funzione della sua di­
stanza s dall’asse neutro

Esempio 5. Si verifichi la sezione dell'esempio 3, soggetta alle caratteristiche di


sol lecitazione M-l 80 kNm, N=—450 kN.
L’eccentricità vale

In questo caso il centro di sollecitazione è esterno alla sezione e quindi sicu­


ramente esterno al nocciolo d’inerzia. La sezione è parzializzata ed occorre de­
terminare la posizione dell'asse neutro risolvendo un'equazione di terzo grado. Si‘
ha
dc = -0.40 + 0.60/2 = -0.10 m = -10 cm
e l'equazione si scrive (esprimendo tutte le lunghezze in metri)

La risoluzione può essere fatta per tentativi, assegnando un valore a x,


calcolando il conseguente valore F del primo membro e proseguendo per suc­
cessive approssimazioni fino ad azzerare F
x 0 0.60 0.30 0.28 0.2862
F -0.11189 0.34603 0.00907 -0.00392 0.00001
o, molto più rapidamente, usando la funzione ricerca obiettivo di Excel.
Noto x, si determina il momento statico della sezione reagente rispetto al­
l’asse neutro
238 Capitolo 10

e, utilizzando la formula monomia, le tensioni nel calcestruzzo (al bordo- supe­


riore) e nell'acciaio teso (armatura inferiore)

Il confronto tra i valori così trovati e quelli ammissibili mostra che la veri­
fica della sezione non è soddisfatta, perché la tensione di compressione nel cal­
cestruzzo (12.39 MPa) supera di molto il valore ammissibile (8.5 MPa).

Esempio 6. Si verifichi la sezione delVesempio 3, soggetta alle caratteristiche di


sollecitazione M=-180 kNm, N=-450 kN.
Rispetto all'esempio precedente, si è solo cambiato segno al momento flettente.
L'eccentricità ex vale quindi 0.40 m = 40 cm ed anche in questo caso il centro di
sollecitazione è esterno alla sezione e quindi sicuramente esterno al nocciolo
d’inerzia. Bisogna però prestare un attimo di attenzione per non cadere in un
errore grossolano (ma fatale): ora la sezione è compressa inferiormente e non è
quindi possibile applicare l'espressione scritta per sezione compressa superior­
mente. Se lo si facesse, operando meccanicamente, si troverebbe come soluzione
x=0.085 m, valore completamente diverso da quello reale. Per ricavare corretta-
mente la posizione dell’asse neutro si potrebbe riscrivere la condizione Sn en = In
tenendo conto di quale è la parte compressa nel valutare Sn ed In. Oppure, più
semplicemente, si può analizzare una sezione ribaltata rispetto all’asse x, cioè
con As = 6.cm2 ed A's = 10 cm2 e soggetta ad un momento positivo. Così facendo
si ha ex = -0.40 m = -40 cm e quindi
dc = -0.40 + 0.60/2 = -0.10 m - -10 cm
e l'equazione si scrive (esprimendo tutte le lunghezze in metri)
Presso e tensoflessione 239

e, utilizzando la formula monomia, le tensioni nel calcestruzzo-(al bordo supe­


riore) e. nell'acciaio teso (armatura inferiore)
ϭc = -12.60 MPa
ϭS = 257.9 MPa
La verifica della sezione non è soddisfatta, perché sia la tensione di com­
pressione nel calcestruzzo che quella di trazione neiracciaio superano i valori
ammissibili (rispettivamente 8.5 MPa e 255 MPa).

4.2. Sezioni riconducibili alla rettangolare


Per sezioni di forma diversa da quella rettangolare rimangono validi il
procedimento e le formule generali per la determinazione del nocciolo
d’inerzia, che però devono essere particolareggiate tenendo conto della
forma della sezione. In caso di parzializzazione la posizione dell’asse
neutro sarà sempre ricavata dalla relazione Sn en = In, che però in gene­
rale porterà ad equazioni più complicate di quella scritta per la sezione
rettangolare.
Quell'equazione rimane però valida in alcuni casi, cioè quando la
parte compressa ha forma rettangolare. Ad esempio per ima sezione a
forma di croce, come quella mostrata in figura 8, a seconda del valore
delle caratteristiche di sollecitazione M ed N, o meglio del loro rapporto,
la parte compressa della sezione può avere forma rettangolare (fig. 8a),
a T (fig. 8b) oppure a croce (fig. 8c). In tutti i casi in cui si ritiene possibi­
le che la parte compressa sia rettangolare conviene quindi determinare
la posizione dell’asse neutro in questa ipotesi e controllare se il valore
così trovato comporta effettivamente che la parte compressa abbia que­
sta forma. Solo in caso contrario si cercheranno le formulazioni analiti­
che specifiche della situazione in cui ci si trova.

Fig. 8 - possibili posizioni dell’asse neutro per una sezione a croce


240 Capitolo 10

Esempio 7.-Si verifichi col metodo delle tensioni ammissibili la sezione a forma
di croce, mostrata in figura 9, soggetta alle caratteristiche di sollecitazione
M=40 kNm, N=400 kN; la sezione è in calcestruzzo Rck-25 MPa ed è armata con
barre-in-acciaio FeB44k.
La sezione è soggetta a sforzo normale positivo, cioè di trazione. L'eccentricità è
pari a

Il centro di sollecitazione è quindi il punto Ca di figura 9. Poiché la sezione è te­


sa occorre fare riferimento al nocciolo delle sole armature ed appare abbastan­
za evidente che il centro di sollecitazione sia interno al nocciolo. Lo stato ten-
sionale viene determinato con riferimento alle sole armature, per le quali è
A = 20 cm2 Ix =2xl0x612 =74420 cm4 dGsup=65cm
Si ha quindi

Fig. 9 - sezione a croce, con vari centri di sollecitazione


Presso e tensoHessione 241

Le tensioni nell'armatura non superano il valore ammissibile. La verifica della


sezione è soddisfatta.

Esempio 8. Si verifichi la sezione dell’esempio 7, soggetta alle caratteristiche di


sollecitazione M-160 kNm, N-400 kN.
In questo caso l’eccentricità è pari a

Il centro di sollecitazione è quindi il punto Cb di figura 9. A occhio, sembra pro­


babile che esso sia interno al nocciolo delle sole armature. E' comunque oppor­
tuno verificare questa impressione, calcolando i raggi di nocciolo. Si ha

e quindi, effettivamente, il centro di sollecitazione è interno al nocciolo. La ten­


sione nelle armature vale quindi

La tensione nell’armatura inferiore supera il valore ammissibile. La verifica


della sezione non è soddisfatta.

Esempio 9. Si verifichi la sezione dell'esempio 7soggetta alle caratteristiche di


sollecitazione M=400 kNm, N=400 kN.
In questo caso l’eccentricità è pari a

Il centro di sollecitazione è quindi il punto Cc di figura 9. L’eccentricità è mag­


giore del raggio di nocciolo, determinato nell’esempio precedente. La sezione è
quindi parzializzata, compressa superiormente. L’asse neutro potrebbe tagliare
il braccio superiore della croce e in tal caso la sezione sarebbe assimilabile a
quella rettangolare (fig. 8a). Applicando l’espressione valida per tale tipo di se­
zione si ottiene l’equazione
x3 - 4.95 2 - 0.60 x - 0.16674 = 0
la cui soluzione è x = 0.1339 m = 13.39 cm, valore minore di 50 cm. La parte
compressa della sezione è effettivamente rettangolare e questa è quindi real­
mente la posizione dell'asse neutro.
242 Capitolo 10

Noto x, si determina il momento statico della sezione reagente rispetto al­


l’asse neutro

e, utilizzando la formula monomia, le tensioni nel calcestruzzo (al bordo supe­


riore) e nell’acciaio teso (armatura inferiore)

La tensione nel calcestruzzo è accettabile, mentre quella nell’armatura inferio­


re supera di molto il valore ammissibile. La verifica della sezione non è soddi­
sfatta.

Esempio 10. Sì verifichi la sezione dell’esempio 7, soggetta alle caratteristiche


di sollecitazione M-200 kNm, N=-2000 kN.
La sezione è soggetta a sforzo normale negativo, cioè di compressione. L’eccen­
tricità è pari a

Il centro di sollecitazione è quindi il punto Cd di figura 9. Poiché la sezione è


compressa occorre fare riferimento al nocciolo di tutto il calcestruzzo più le ar­
mature omogeneizzate. L’eccentricità è abbastanza piccola, ma per essere sicu­
ri che il centro di sollecitazione sia interno al nocciolo occorre determinare il
raggio di nocciolo. Si ha

e quindi

Si noti che il raggio di nocciolo è nettamente minore di quello di una sezione


rettangolare 30x130 con le stesse armature, che sarebbe pari a 24.2 cm. Ciò è
dovuto alla presenza dei bracci orizzontali, che forniscono un’area più vicina al
baricentro della sezione e quindi contribuiscono poco al momento d’inerzia.
Presso e tensoflessione 243

Nel caso in esame il centro di sollecitazione è quindi effettivamente inter­


no al nocciolo d’inerzia e la sezione è tutta compressa. Lo stato tensionale deve
essere ricavato utilizzando la formula classica della Scienza delle costruzioni

calcolando tutte le grandezze con riferimento alla sezione costituita da tutto il


calcestruzzo più le armature omogeneizzate (e moltiplicando per n per ottenere
la tensione nell’acciaio). Si ha

Le tensioni nel calcestruzzo e nell1 armatura non superano il valore ammissibi­


le. La verifica della sezione è soddisfatta.

Esempio 11. Si verifichi la sezione dell’esempio 7, soggetta alle caratteristiche


di sollecitazione M-800 kNm, N=-2000 kN.
In questo caso l’eccentricità è pari a

Il centro di sollecitazione è quindi il punto Ce di figura 9. L’eccentricità è mag­


giore del raggio di nocciolo, determinato nell’esempio precedente. La sezione è
quindi parzializzata, compressa superiormente. L’asse neutro potrebbe tagliare
il braccio superiore della croce e in tal caso la sezione sarebbe assimilabile a
quella rettangolare (fig. 7a). Applicando l’espressione valida per tale tipo di se­
zione si ottiene l’equazione
x3 - 0.75 x2 + 0.24 x - 0.37926 = 0
la cui soluzione è x = 0.9303 m = 93.03 cm, valore maggiore di 50 cm. La parte
compressa della sezione non è rettangolare, quindi il valore trovato non indica
la reale posizione dell’asse neutro. Per trovare la soluzione esatta bisognerebbe
riscrivere l’equazione Sn en = In tenendo conto della reale forma della sezione.
Si rinvia per questo all’esempio 14.

Esempio 12. Si verifichi la sezione dell'esempio 7, soggetta alle caratteristiche


di sollecitazione M=2000 kNm, N=-2000 kN.
244 Capitolo 10

In questo caso l’eccentricità è pari a

Il centro di sollecitazione è quindi il punto Cf di figura 9, esterno alla sezione e


quindi anche al nocciolo. La sezione è quindi parzializzata, compressa supe­
riormente. Essendo l’eccentricità molto maggiore rispetto al caso precedente
l'asse neutro potrebbe tagliare il braccio superiore della croce. Applicando 1’ e-
spressione valida per sezione rettangolare si ottiene l’equazione
X3 +1.05 x2 + 0.60 x - 0.61326 = 0
la cui soluzione è x = 0.4680 m = 46.80 cm. Poiché questo valore è, anche se di
poco, minore di 50 cm la parte compressa della sezione è effettivamente rettan­
golare e questa è quindi realmente la posizione dell’asse neutro. Noto x, si de­
termina il momento statico della sezione reagente rispetto all’asse neutro

e, utilizzando la formula monomia, le tensioni nel calcestruzzo (al bordo supe­


riore) e neiracciaio teso (armatura inferiore)

La tensione supera di molto il valore ammissibile sia nel calcestruzzo che nel­
l’armatura. La verifica della sezione non è soddisfatta.

4.3. Sezione circolare


La forma circolare è utilizzata per la sezione di vari elementi soggetti a
sforzo normale e momento flettente, ad esempio per pilastri ai quali si
vuol dare una forma interessante dal punto di vista architettonico, op­
pure per pali di fondazione. L’armatura è costituita da barre disposte
secondo una circonferenza (almeno 6). Quando le barre sono numerose
conviene considerarle come un’armatura uniformemente diffusa secondo
una circonferenza di raggio pari a quello r del cerchio meno il copriferro
c (fig. 10). Per calcolare il raggio di nocciolo, con la solita espressione
Presso e tensoflessione 245

Fig. 10 - sezione circolare

occorre conoscere le espressioni che forniscono area e momento d'inerzia


di una circonferenza (per le armature) e di un cerchio (per il calcestruzzo).
Per l'armatura si ha: A = As

Si ottiene così come raggio di nocciolo delle sole armature

e come raggio di nocciolo di calcestruzzo più armature

Quando il centro di sollecitazione è esterno al nocciolo d’inerzia la


sezione è parzializzata e per scrivere l'equazione risolutiva Snen = In oc­
corre conoscere le espressioni del momento statico e d’inerzia rispetto
alTasse neutro. Per l'armatura basta applicare i teoremi del trasporto
246 Capitolo 10

mentre per il calcestruzzo le formule sono più complesse e sono espresse


(vedi figura 10) in funzione dell’angolo ϴ = arc cos (1 -x/r)

Effettuando i necessari passaggi si giungerebbe ad un’equazione trigo­


nometrica molto complicata, della quale sarebbe forse impossibile trova-
re una soluzione analitica. E quindi necessario adottare un procedimen­
to numerico iterativo con un chiaro significato fisico, come quello de­
scritto per sezioni generiche, o utilizzare programmi matematici apposi­
ti (ad esempio la funzione ricerca obiettivo di Excel).

Esempio 13. Si verifichi col metodo delle tensioni ammissibili una sezione cir­
colare di diametro d=30 cm in calcestruzzo Rck=25 MPa, armata con 8ϕ14 in
acciaio FeB44k, con copriferro 4 cm, soggetta alle caratteristiche di sollecitazio­
ne M=12 kNm, N=-200 kN.
La sezione è soggetta a sforzo normale di compressione. L'eccentricità è pari a

Poiché la sezione è compressa occorre fare riferimento al nocciolo di tutto il cal­


cestruzzo più le armature omogeneizzate. Si ha
Presso e tensoflessione 247

Il centro di sollecitazione è esterno al nocciolo, quindi la sezione è parzializzat


Scrivendo in funzione di x le espressioni per ϴ, Ac, do, d1, Sn, Izo, In ed impone
do la condizione Snen = In. si ottiene x = 23.50 cm. Infatti per tale valore di x è
e n = e x + r - x = -6 +15-23.50 = -14.50 cm
ϴ = arccos (1-23.50/15) = 2.173
Si ha così per il calcestruzzo

Una volta determinato x} la tensione può essere calcolata mediante la formula

La sezione è quasi interamente compressa (e quindi con tensioni molto basse


nell’armatura tesa) e lo stato tensionale è ammissibile.

4.4. Sezione generica


Nel caso di sezioni dì forma più complessa occorre seguire la stessa pro­
cedura utilizzata per sezioni più semplici. Riepilogandola in maniera
schematica, si procederà coi seguenti passi.
248 Capitolo 10

1. Segno dello sforzo normale


Si controlla il segno dello sforzo normale; se esso è di trazione le opera­
zioni descritte ai punti 2, 3 e 4 sono riferite alle sole armature, se è di
compressione sono riferite a tutto il calcestruzzo più le armature omo­
geneizzate.

2. Nocciolo d’inerzia
Si determina l’area A della sezione, il momento statico S rispetto al bor­
do superiore, la posizione del baricentro G calcolata come dG,sup = S / A .
Si calcola il momento d’inerzia Ix della sezione rispetto ad un asse x pas­
sante per il baricentro G ed infine i raggi di nocciolo

3. Eccentricità del centro di sollecitazione


Si determina l’eccentricità ex, tenendo conto anche della distanza doG tra
il centro geometrico O della sezione (in cui si considera convenzional­
mente applicato lo sforzo normale) e il baricentro G

Si confronta l’eccentricità ex con i raggi di nocciolo. Se -ei <= ex <= e2 il cen­


tro di sollecitazione è interno al nocciolo e la sezione è tutta tesa o com­
pressa: si continua con le indicazioni riportate al punto 4. In caso con­
trario la sezione è parzializzata: si continua con le indicazioni riportate
al punto 5.

4. Sezione tutta tesa o compressa


Si determina lo stato tensionale usando l’espressione binomia

nella quale l'ordinata y è riferita al baricentro G.


Presso e tensoflessione 249

5. Sezione parzializzata
Si individua quale è la parte compressa della sezione. La sezione è com­
pressa superiormente se il momento flettente è positivo, cioè se N > 0
(trazione) ed ex < -ex oppure N < 0 (compressione) ed ex > -e2. In caso
contrario (M < 0) la sezione è compressa inferiormente.
Si determina la distanza x dell’asse neutro dal bordo superiore come
soluzione dell’equazione

nella quale Sn ed In sono il momento statico ed il momento d’inerzia del­


la sezione reagente omogeneizzata, dipendenti dalla posizione dell’asse
neutro e da quale è la parte compressa; yo è la distanza del centro geo­
metrico dal bordo superiore. Si può procedere per tentativi ragionati, as­
segnando un valore di x, valutando il primo membro dell’equazione e ri­
provando con un nuovo x finché questo non si annulla. Oppure applicare
il metodo del dimezzamento, già citato per la flessione semplice (parar
grafo 3.3).
Si determina infine lo stato tensionale usando l’espressione monomia

nella quale l’ordinata s è riferita all’asse neutro.

Esempio 14« Si determini la posizione delVasse neutro per la sezione già esa­
minata nell'esempio 11 ed il conseguente stato tensionale.
I primi tre passi sono già stati seguiti nella discussione degli esempi numerati
da 7 a 12 e vengono quindi solo brevemente riepilogati.
1. Lo sforzo normale è negativo, cioè di compressione; occorre quindi fare ri­
ferimento alla sezione costituita da tutto il calcestruzzo più le armature
omogeneizzate. _
2. Il baricentro della sezione (G, coincidente con O per la simmetria) dista
65 cm dal bordo superiore; i raggi di nocciolo sono: e1 = e2 = 14.60 cm.
3. L’eccentricità del centro di sollecitazione è ex = -40 cm; il centro di solleci­
tazione è esterno al nocciolo e la sezione è quindi parzializzata.
Per procedere col passo 5, occorre trovare le espressioni che forniscono il mo­
mento statico Sn e il momento d’inerzia In della sezione reagente omogeneizza­
ta rispetto all’asse neutro, in funzione della posizione x dell’asse neutro. Tali
250 Capitola 10

espressioni sono riportate in figura 11. La posizione dell’asse neutro viene


quindi calcolata col metodo del dimezzamento, come di seguito riportato.

Fig. 11 - momento statico e momento d’inerzia rispetto all’asse neutro


della sezione reagente omogeneizzata
Presso-e-tensofles sione 251

Poiché il valore massimo della tensione nel calcestruzzo supera il valore am­
missibile, la verifica della sezione non è soddisfatta.

Alternativa, per sezione parzializzata


Un'altra via per determinare la posizione x dell'asse neutro e lo stato
tensionale nella sezione consiste nell’imporre l'equilibrio tra tensioni e
caratteristiche della sollecitazione. Nel caso in esame (calcestruzzo nel
secondo stadio) si sfrutterà la linearità della relazione ϭ—ε. L’interesse
di questa procedura sta però soprattutto nel fatto che essa è analoga a
quella che dovrà essere seguita quando la legge costitutiva del materiale
non è più lineare.
Si usa come origine del sistema di riferimento il punto O, baricentro della
sezione geometrica di calcestruzzo, che dista una quantità do,suP dal bordo su­
periore- La risoluzione procederà secondo i seguenti passi:
- si assegna un valore di x, compreso tra 0 e h perché là sezione è parzializzata;
- l'espressione generale che fornisce le deformazioni e è e = so + χ y; si ricava
quindi so dalla condizione che s sia nulla per y = x do,sup ; si ha
-

- utilizzando le espressioni generali riportate nel paragrafo 7 del capitolo 7, si


ricavano, a meno di χ, le caratteristiche di sollecitazione M* ed N*, risultanti
dello stato tensionale;
- si calcola l’eccentricità ex* corrispondente alle caratteristiche di sollecitazio­
ne trovate

si noti che il valore del rapporto M* / N* non dipende da x;


- si confronta l’eccentricità trovata con quella corrispondente alla coppia M, N
che sollecita la sezione;
- si varia x per fare in modo che le due eccentricità coincidano;
- una volta trovato x, si determina χ imponendo che la risultante delle tensio­
ni coincida con lo sforzo normale sollecitante N; 1

- dalle deformazioni e si risale alle tensioni ϭc e ϭs.


252 Capitolo 10

5. Domini M-N

5.1. Diagrammi limite e campi di comportamento


In caso di modello lineare di comportamento del materiale (con o senza
resistenza del calcestruzzo a trazione), le verifiche di resistenza vengono
tipicamente effettuate calcolando i valori massimi delle tensioni pro­
vocati nel calcestruzzo e nell’acciaio da assegnate caratteristiche di sol­
lecitazione e controllando che essi siano inferiori ad opportuni valori di
riferimento (tensione di progetto del calcestruzzo a trazione, nelle verifi­
che a fessurazione; tensioni ammissibili nel metodo che da esse prende
il nome; tensioni limite per le verifiche allo stato limite di tensioni di
esercizio).
Data la linearità del modello, sarebbe perfettamente equivalente
determinare i valori delle caratteristiche di sollecitazione che portano al
raggiungimento della tensione di riferimento e verificare che essi non
siano superati da quelli effettivamente agenti nella sezione. Per far ciò
occorre individuare diagrammi limite di tensione, cioè diagrammi corri­
spondenti al raggiungimento della tensione di riferimento (dell’acciaio o
del calcestruzzo) nei punti più sollecitati della sezione. Tra gli infiniti
diagrammi limite se ne possono individuare alcuni aventi particolare si­
gnificato, che racchiudono un insieme di diagrammi corrispondenti ad
uno specifico comportamento (campi di comportamento). Questo approc­
cio è usato nei casi semplici (sforzo normale centrato, flessione semplice)
per ottenere formule di progetto, ma è particolarmente utile nei casi più
generali (come la flessione composta) e consente comunque una visione
globale del comportamento della sezione. Vorrei però sottolineare che il
parlare di campi di comportamento deve essere visto solo come un ap­
proccio strumentale, utile se chiarisce il comportamento della sezione,
ma non essenziale ai fini dell'effettuazione delle verifiche. Tale argo­
mento pertanto merita certamente attenzione, ma forse non il peso al­
cuni gli danno.

5.2. Campi di comportamento per modello lineare del materiale


Il modello di comportamento denominato “primo stadio” richiede solo un
controllo della tensione di trazione nel calcestruzzo e non presenta par-
Presso e. tensoflessione 253

ticolarità che si prestino all’individuazione di specifici campi di compor­


tamento. Il discorso viene quindi limitato al caso del modello di “secondo
stadio”. Esso è usato sia nelle verifiche col metodo delle tensioni ammis­
sibili, nel quale i limiti tensionali sono ϭs per l'acciaio e crc per il calce-
struzzo, che nelle verifiche allo stato limite di tensioni di esercizio, che
impone limiti differenti. Nella trattazione che segue si usano i simboli
relativi al metodo delle tensioni ammissibili, ma l’estensione al secondo
caso richiede solo un cambio di simboli. Si noti inoltre che la linearità
del legame costitutivo consentirebbe di descrivere gli stessi diagrammi
in termini di deformazioni, facendo riferimento ai valori εs = ϭs / Es e

Per semplicità, la figura che si mostra (fig. 12) è relativa al caso di


flessione composta retta per una sezione in cemento armato generica ma
con un asse di simmetria, in modo da aver già definita la direzione
dell’asse neutro n. Nel caso di flessione composta deviata il discorso va­
le, identico, per un’assegnata direzione di n ma si deve poi ripetere per
tutte le infinite direzioni possibili. La figura è riferita al caso di momen^
to positivo, ma ribaltandola si ottiene un analoga descrizione del com­
portamento della sezione per momento negativo.

tensioni
(o deformazioni)

Fig. 12 - diagrammi limite e campi di comportamento


per modello lineare del materiale
254 Capitolo 10

Nel caso di sezione soggetta (eventualmente) a momento positivo, si


possono evidenziare i seguenti diagrammi limite di tensione:
A) sezione tutta tesa, con tensione pari a ϭ5 sia nell’armatura inferiore
che in quella superiore;
B) sezione tutta tesa, con tensione pari a ϭs nell’armatura inferiore e
nulla al bordo superiore;
C) sezione parzializzata, con tensione pari a ϭs nell’armatura inferiore e
ϭc al bordo superiore;
D) sezione tutta compressa, con tensione nulla al bordo inferiore e ϭc a
quello superiore;
E) sezione tutta compressa, con tensione pari a 0.7ϭc sia al bordo infe­
riore che a quello superiore; questo limite ridotto è legato ad una pre­
scrizione della normativa italiana relativa al metodo delle tensioni
ammissibili, che impone che “la tensione media dell’intera sezione non
deve superare la tensione ammissibile per compressione semplice”.
I suddetti diagrammi limite individuano i seguenti campi di com­
portamento:
1) compreso tra A e B: sezione tutta tesa, con tensione pari a ϭs nell’ar-
matura inferiore;
2) compreso tra B e C: sezione parzializzata, con tensione pari a ϭs
nell’armatura inferiore;
3) compreso tra C e D: sezione parzializzata, con tensione pari a ϭc al
bordo superiore;
4) compreso tra D ed E: sezione tutta compressa, con tensione pari a ϭc
al bordo superiore oppure 0.7 ac in corrispondenza del baricentro G
(il diagramma E’ rappresenta la separazione tra le due condizioni).
Diagrammi e campi analoghi a quelli riportati in figura 12 possono
essere tracciati per una sezione soggetta a momento negativo (e quindi
compressa inferiormente).

5.3. Costruzione dei domini M-N


Assegnando un qualsiasi diagramma limite, sia uno di quelli particolari
individuati con le lettere da A ad E che uno generico interno ad uno dei
campi innanzi definiti, è possibile determinare le caratteristiche di sol­
lecitazione M ed N ad esso corrispondente. Esse costituiscono una cop­
Presso e tensoflessionè 255

pia al limite dell'accettabilità (se vogliamo fare esplicito riferimento al


metodo di verifica, la potremmo chiamare coppia “ammissibile”) che può
essere riportata in_un diagramma avente come ascisse gli sforzi normali
e come ordinate i momenti flettenti. Seguendo una tradizione della Tec­
nica delle costruzioni, riporteremo a destra i valori di compressione (ne­
gativi, per la convenzione dei segni adottata) e a sinistra quelli di tra­
zione. L'asse N è quindi orientato da destra verso sinistra.
Assegnando un altro diagramma limite sì ottiene una nuova coppia
ammissibile. Prendendo in considerazione tutti gli infiniti diagrammi
limite si ottengono infiniti punti, che formano una linea chiusa alla qua­
le daremo il nome di diagramma M-N limite (oppure ammissibile, se vo­
gliamo sottolineare il metodo di verifica), o anche curva di interazione
M-N. La superficie delimitata da tale curva, inclusa la curva stessa,
viene denominata dominio M-N limite (oppure ammissibile). Una coppia
M-N interna a tale dominio rappresenta una coppia di caratteristiche
della sollecitazione ammissibili (cioè per le quali non si superano le ten­
sioni ammissibili in alcun punto della sezione). Una coppia sul contorno
è al limite dell'ammissibilità, nel senso che le tensioni ammissibili sono
raggiunte in uno o più punti della sezione, ma non vengono mai supera­
te. Una coppia esterna al dominio rappresenta caratteristiche della sol­
lecitazione non accettabili, perché implicano il superamento delle ten­
sioni ammissibili.

5.4. Domini M-N per sezione rettangolare


Il procedimento generale innanzi descritto può essere utilizzato per co­
struire il dominio M-N per una sezione rettangolare (fig. 13), che, per
maggior generalità si ipotizza avere armatura dissimmetrica (As != A’s).
Lo sviluppo analitico, concettualmente semplice ma abbastanza oneroso,
è qui riportato come esempio applicativo.

Diagramma A
La sezione è soggetta a trazione uniforme, con ϭ=ϭs . Si ha quindi
256 Capitolo 10

Fig. 13 - diagrammi limite e campi di comportamento per sezione rettangolare

Si noti che il momento è nullo solo se le armature sono simmetriche. Se invece


As != A’s il momento flettente è diverso da zero, nonostante il diagramma di ten­
sione sia uniforme, perché esso è calcolato rispetto al centro geometrico della
sezione e non al baricentro delle armature. In particolare, il momento è positi­
vo se As > As, negativo se As < A’s.

Campo 1

Si può notare che ricavando as,sup dalla prima espressione e sostituendo nella
seconda si ottiene una relazione lineare tra N ed M. Ciò corrisponde al fatto
che il modello di comportamento è lineare e la sezione cui ci si deve riferire non
cambia nell'ambito del campo 1, essendo costituita dalle sole armatine.
Presso e tensoflessiòne 257
258 CapitololO
Presso e tensoflessione 259

Si può notare che ricavando ϭc,inf dalla prima espressione e sostituendo nella
seconda si ottiene una relazione lineare tra N ed M. Ciò corrisponde al fatto
che nell'ambito del campo 4 la sezione cui ci si deve riferire non cambia, essen­
do costituita da tutto il calcestruzzo più le armature omogeneizzate.

Diagramma E’
La normativa italiana alle tensioni ammissibili impone, come ulteriore condi­
zione, che lo sforzo normale non superi il valore corrispondente alla tensione
260 Capitolo 10

0.7 ϭc. Le espressioni sopra indicate valgono quindi fino al raggiungimento del
valore
N = -(b h + n As +n A1 s) 0.7 ac
cioè fino al diagramma E' (fig. 13) che corrisponde al raggiungimento della ten­
sione 0.7 ϭc nel baricentro Gc+S di calcestruzzo ed armature omogeneizzate. Il
passaggio da E’ ad E equivale all’aggiunta di un diagramma a farfalla, nullo
nel baricentro della sezione reagente omogeneizzata, e quindi alla variazione
del solo momento flettente. Il baricentro Gc+s dista dal centro geometrico O del­
la quantità doG

Sostituendo tale valore nell’espressione che fornisce il momento flettente nel


campo 4, si ottiene il valore di M per il diagramma E’.

Diagramma E
Il diagramma corrisponde ad uno stato tensionale uniforme, con tensione nel
calcestruzzo pari a 0.7 ϭc . Si ha

Si noti che, analogamente a quanto visto per il diagramma A, il momento flet­


tente è nullo solo se le armature sono simmetriche. Se invece As ^ As il momen­
to flettente è diverso da zero, con segno opposto a quello del diagramma A, ma
valore nettamente inferiore perché la tensione nelle armature è qui condiziona­
ta dalla congruenza col calcestruzzo.

Esempio 15. Si determini il dominio M-N per verifiche col metodo delle tensio­
ni ammissibili, per una sezione retiangolare 30x60 in calcestruzzo Rck=25 MPa
armata con 10 cm2 inferiori e 6 cm2 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro
c=4 cm.
Applicando le espressioni riportate nel paragrafo, si ottiene il dominio M-N
mostrato in figura 14. La parte corrispondente al momento negativo è stata ot­
tenuta con le stesse espressioni, ma invertendo tra loro As ed As e cambiando
segno al momento ottenuto.
Presso e tensoflessione 261

Fig. 14 - dominio M-N per sezione rettangolare con armatura non simmetrica

5.5. Considerazioni generali e indicazioni progettuali


L’esame di un dominio M-N, come quello mostrato in figura 14, consente
alcune considerazioni, utili anche per trarre indicazioni progettuali. An­
dando da sinistra verso destra, cioè dalla trazione alla compressione, il
tratto AB rettilineo e quello BC, leggermente curvilineo, mostrano che
la resistenza flessionale della sezione aumenta man mano che si passa
da trazione a compressione. Tenendo presente questo, sezioni con basso
sforzo normale possono essere dimensionate utilizzando le espressioni
della flessione semplice e riducendo un po’ le dimensioni o le armature,
rispetto ai valori calcolati, se vi è compressione, oppure aumentandole
se vi è trazione.
Il punto C è un punto di cuspide, in genere abbastanza marcata, e
comporta il raggiungimento della tensione ammissìbile contemporane­
amente nel calcestruzzo e nell'acciaio. Ad esso a volte corrisponde la
massima resistenza flessionale, specialmente nelle sezioni con abbon­
dante armatura. Il successivo tratto CD è sempre nettamente curviline-
o, a volte decrescente e a volte con andamento ondulato. Si nota comun­
que che permane una buona resistenza flessionale fino a valori di sforzo
normale corrispondenti ad una tensione media nel calcestruzzo superio­
re alla metà della tensione ammissibile. Tenendo presente questo, si
262 Capitolo 10

consiglia di dimensionare sezioni pressoinflesse, soggette contempora­


neamente a valori elevati di sforzo normale e momento flettente, facen­
dole lavorare a compressione con una tensione media pari a 0.3 + 0.6 gc .
Oltre a dipendere dalla tensione media nella sezione, la resistenza è
fortemente condizionata anche dalla quantità di armatura disposta. Le
espressioni riportate nel paragrafo precedente mostrano che il contribu­
to dell’armatura è proporzionale al valore di As ed A’s. Questa dipenden­
za lineare è evidente se si riportano in una stessa immagine (fig. 15) le
curve di interazione corrispondenti ad una sezione priva di armatura ed
alla stessa sezione con quantità di armatura via via crescenti (con pro­
porzione costante tra As ed As). In particolare, si nota che i punti corri­
spondenti ad uno stesso diagramma di tensioni (e armature proporzio­
nalmente crescenti) sono allineati e posti ad intervallo costante.
Riportare in una stessa immagine l’insieme di domini corrisponden­
te a più armature, fino al limite massimo che si ritiene accettabile per la
sezione, fornisce un ottimo strumento progettuale. Disegnando sulla
stessa immagine la coppia M-N che sollecita la sezione, o meglio le varie
coppie corrispondenti alle diverse combinazioni di carico, si riesce infatti
a valutare, a colpo d’occhio, se la sezione è accettabile e quali armature
occorrono.

Fig. 15 - domini M-N corrispondenti a diverse quantità di armatura


Presso e tensoflessione .263

Esempio 16. Si utilizzino i domini M-N per verifiche col metodo delle tensioni
ammissibili, per una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo Rckr=25~MPa con
armatura simmetrica in acciaio FeB44k, con copriferro c—4 cm, per verificare
l'accettabilità della sezione e definire le armature necessarie, sapendo-ehe le di­
verse condizioni di carico provocano le seguenti coppie: MN1 = 131 kNm,
-720kN; MN2 = 120kNm, -950 kN; MN3 = 88kNm, -1050kN

I domini M-N sono stati ricavati con le espressioni riportate nel paragrafo pre­
cedente, considerando un'armatura simmetrica (As = i'5) e con valore di As va­
riabile da 0 a 18 cm2, con passo di incremento pari a 3 cm2. Il valore massimo
(18 cm2) è stato scelto con la considerazione che esso equivale a circa 6020,
armatura molto alta ma che, al limite, può ancora disporsi in un lato di 30 cm.
In figura 16 sono riportati i domini ottenuti, facendo riferimento al solo mo­
mento positivo (data la simmetria della sezione e delle armature).
Nella stessa figura sono stati aggiunti i punti corrispóndenti alle tre cop­
pie M-N assegnate. Si constata innanzitutto che le tutte le coppie rientrano nel
dominio più ampio. La sezione è quindi accettabile.
La coppia MN1 indica la necessità di un’armatura di circa 12 cm2. La cop­
pia MN2, pur presentando un momento flettente minore, richiede 15 cm2, es­
sendo maggiore la compressione. La coppia MN3, infine, mostra la necessità di
10 cm2. In definitiva, la situazione più gravosa è quella corrispondente alla se­
conda coppia. Si disporranno quindi 5ϕ20 su ciascuno dei due lati corti della
sezione. Verranno aggiunte, fuori calcolo, ulteriori barre (di diametro minore,
ad esempio 014) nei lati lunghi, in modo da avere una distanza tra le barre
non superiore a 25 cm.

Fig. 16 - domini M-iV per sezione 30x60 con diverse quantità dì armatura
264 Capitolo 10

IM>. Presso e tensoflessione deviata


Il procedimento per la costruzione del dominio limite Mx-My-N ricalca
concettualmente quello già descritto per la pressofiessione retta, ma si
presenta notevolmente più complicato a causa della possibile inclinazio­
ne dell’asse neutro. Dal punto di vista geometrico, inoltre, occorre tenere
presente che le armature sono disposte lungo tutti i quattro lati della
sezione rettangolare (nella pressofiessione retta si considerano, di solito,
solo le armature su due lati). In generale, per una assegnata inclinazio­
ne dell’asse neutro si possono prendere in considerazione gli infiniti dia-
grammi limite di tensione, già descritti, ricavando per ciascuno di essi le
corrispondenti caratteristiche di sollecitazione Mx, My ed N (fig. 17). Fa­
cendo variare l’inclinazione dell’asse neutro si ottiene una superficie
nello spazio Mx-My-N, che delimita il dominio ammissibile per presso e
tensoflessione deviata.
Il dominio che. si ottiene (fig. 18) ha una forma “spigolosa” con forti
variazioni di inclinazione in corrispondenza delle intersezioni con i piani
Mx- N ed My-N ed ha una sezione trasversale, ottenuta assegnando un
valore ad N, che è approssimativamente un rombo.

Fig. 17 - determinazione delle coppie My.-My-N per una assegnata


inclinazione dell’asse neutro
Presso e tensofLessione 265

La forma della sezione trasversale mostra che l’interazione tra le


due componenti del momento, Mx ed M y , è molto forte. In effetti, se ad
una sezione sollecitata a pressoflessione retta viene aggiunto un mo­
mento trasversale si ha un netto peggioramento dello stato tensionale
nello spigolo della sezione in cui l’effetto dei due momenti si cumula. La
pressoflessione deviata appare quindi molto gravosa, anche se — in veri­
tà - ci si dovrebbe chiedere quanto sia realmente preoccupante il rag­
giungimento della tensione ammissibile in una zona molto limitata, co­
me lo spigolo della sezione.
Effettuare una verifica rigorosa a presso o tensoflessione deviata è
sicuramente complicato, se non si ha a disposizione un apposito pro­
gramma di calcolo. Né è semplice utilizzare domini tridimensionali, qua­
li quelli che si otterrebbero in questo caso. Un approccio semplice, anche
se non rigoroso, potrebbe nascere dalla forma approssimativamente
rombica della sezione trasversale del dominio, che indica una relazione
quasi lineare tra i due momenti. Si potrebbero infatti determinare i va­
lori del momento ammissibile per pressoflessione retta nei due piani,
M x e M y corrispondenti allo sforzo normale sollecitante N e verificare
l'accettabilità dei momenti con la relazione lineare
266 Capitolo 10

6. Modello non lineare

Quando il legame tensioni-deformazioni non è lineare occorre rifarsi di­


rettamente alle condizioni di equilibrio tra tensioni e deformazioni

I limiti da non superare sono, in questo caso, espressi in termini di de­


formazioni (in particolare del calcestruzzo, avendo scelto di non porre
limiti alla deformazione dell'acciaio). La verifica, viene quindi effettuata
calcolando i valori limite delle caratteristiche di sollecitazione, cioè i va­
lori corrispondenti a diagrammi delle e che raggiungono un valore limi­
te, e confrontando i valori che sollecitano la struttura con tali caratteri­
stiche limite. Nel caso più generale, di presso o tensoflessione deviata,
occorre determinare il dominio limite nello spazio Mx-My-N e controllare
che la terna di valori sollecitanti sia interna a tale dominio. Questo pro­
cedimento è abbastanza oneroso, ma nel testo sono fornite in un para­
grafo conclusivo semplici indicazioni applicative per le sezioni di uso più
comune (sezioni rettangolari con armatura simmetrica). Si esamina in­
vece più in dettaglio il caso della presso e tensoflessione retta.

7, Verifica a presso o tensoflessione retta

Quando il momento My è nullo, ed M=MX, la verifica può essere effet­


tuata determinando il dominio resistente (o dominio limite) Mrd-Nrd e
controllando se la coppia sollecitante Msd-Nsd è interna ad esso. Si può
però procedere anche direttamente, senza costruire l'interò dominio. La
via concettualmente più corretta consiste nel ricercare la coppia resi­
stente "che ha la stessa eccentricità e x = M / N dàlia coppia sollecitante e
confrontare Msd col momento Mrd trovato. alternativa, si può cercare
la coppia resistente che ha lo stesso valore dello sforzo normale solleci-
tante, cioè ha Nsd = Nrd. ed effettuare poi il confronto tra momenti, co­
me nel primo caso. In questo secondo caso la coppia cercata potrebbe
anche non esistere, se lo sforzo normale sollecitante è troppo alto, ma
questo già indica che la verifica non è soddisfatta. Il procedimento è ite­
rativo, perché occorre assegnare un diagramma limite di tentativo, rica­
vare la coppia Mrd, Nrd e controllare se risponde ai requisiti richiesti.
Presso e tensoflessione 267

Fig. 19 - presso o tensoflessione retta, sezione parzializzata

La sezione potrebbe essere parzializzata (fig. 19), e in questo caso il


diagramma è individuato univocamente dalla distanza x dell’asse neu­
tro dal bordo compresso, poiché la deformazione al bordo deve essere pa­
ri a εcu. Oppure può essere tutta compressa (fig. 20), e in questo caso il
diagramma è individuato univocamente dalla deformazione minima
£c>min perché la deformazione in un punto posto a 3/7 dell’altezza, a parti-,
re dal bordo più compresso, deve essere pari a εc1.) La sezione può anche
essere tutta tesa, ma questa è solo una situazione limite della sezione
parzializzata, nella quale l'asse neutro passa per il bordo superiore.
Per un assegnato diagramma limite, è possibile ricavare la risultan­
te delle tensioni di compressione Nc e le forze nelle armature, che posso­
no essere indicate in generale con Ns,i (oppure con Ns ed Ns quando vi è
solo un’armatura inferiore As ed una superiore A’s). La risultante Nc è
espressa in genere come frazione del valore che si avrebbe se tutto il
calcestruzzo compresso fosse soggetto alla tensione massima
Nc= -αfcD Ac,comp β
Il fattore di riempimento p è stato già presentato nel caso della flessione
semplice. In quella occasione si è fatto notare che è possibile determina­
re Nc applicando la tensione massima α fcd all’80% della parte compres­
sa. Ciò è in realtà corretto solo finché la sezione è parzializzata. In una
sezione tutta compressa occorre determinare Nc rifacendosi alle espres­
sioni integrali, di validità generale, riportate alla fine del capitolo 7, co­
me indicato più avanti.
268 Capitolo 10

Fig. 20 - pressoflessione retta, sezione tutta compressa

Se si segue la prima alternativa, per determinare l'eccentricità della


coppia resistente ed imporre che essa coincida con quella della coppia
sollecitante occorre calcolare anche il momento flettente prodotto da
queste forze. La seconda alternativa, che io preferisco, richiede invece
inizialmente il calcolo del solo sforzo normale, dovendo ricavare il dia­
gramma limite cercato imponendo la condizione

Il valore del momento flettente resistente Mm viene in questo caso cal­


colato una sola volta, al termine del procedimento, per confrontarlo con
quello sollecitante. Si ricordi che anche per quanto riguarda la posizione
di Nc le espressioni di k fornite nel capitolo della flessione semplice o
l'uso di un diagramma costante applicato all'80% della parte compressa
forniscono valori corretti solo se la sezione è parzializzata.

7.1. Valori di β e k per sezione tutta compressa


La risultante Nc delle tensioni di compressione e la sua posizione posso­
no essere determinate utilizzando le espressioni scritte alla fine del ca­
pitolo 7, analogamente a quanto fatto per sezione parzializzata nel capi­
tolo relativo alla flessione. Nella trattazione che segue l’origine O del si­
stema di riferimento è posta, per comodità, in corrispondenza del punto
in cui la deformazione assume il valore εci= -0.0020 (fig. 21). Indicando
con εc,min il valore della deformazione al bordo meno compresso, il dia­
gramma di deformazione è definito dai due parametri
Presso e tensofiessione 269
270 Capitolo 10
Presso e tensoflessione 271

Considerazioni e indicazioni operative


La dipendenza di β e k dalla forma della sezione oltre che dalla defor­
mazione minima complica notevolmente la verifica a presso e tensofies­
sione, specialmente quando si ha a che fare con sezioni di forma diversa
da quella rettangolare. L’indicazione della normativa europea, di sosti­
tuire al diagramma parabola-rettangolo un diagramma di tensioni co­
stante applicato per un tratto pari all'80% della parte compressa a par-
tire dal bordo, vale solo per sezione parzializzata. E' però possibile gene­
ralizzarla, per estenderla alla sezione tutta compressa.
272 Capitolo 10

Fig. 22 - valori esatti ed approssimati di β e k per sezioni di varia forma

Si può infatti determinare un'altezza K mediante Tespressione

e sostituire al diagramma parabola-rettangolo un diagramma di tensio­


ni costante, con valore pari a a fcd, applicato per una parte della sezione
di altezza h\ misurata a partire dal bordo più compresso. Nel caso di se­
zione parzializzata è ηmin = 0 e l’indicazione coincide con quella della
normativa europea perché fornisce h' = 0.8 h. La figura 22 mostra che
all’aumentare di ηmin lo scarto tra valori esatti ed approssimati si riduce
man mano, rispetto ai valori - già modesti — ottenuti per sezione parzia­
lizzata e riportati nella tab. 4 del capitolo precedente.

7.2. Sezione rettangolare


In una sezione rettangolare, l'origine O del sistema di riferimento da u-
tilizzare nella verifica a presso o tensoflessione coincide coi baricentro
del rettangolo, posto a distanza hl2 dal bordo. La trattazione che segue è
riferita al caso di sezione soggetta a momento positivo, quindi con fibre
inferiori tese, ma si estende con facilità al caso di sezione soggetta a
momento negativo.
Se la sezione è parzializzata (fig. 23), il diagramma limite delle s è
individuato univocamente dalla distanza x dell’asse neutro dal bordo
superiore. Per la linearità del diagramma delle s, le deformazioni es ed
ε's in corrispondenza delle armature inferiori e superiori valgono
Presso e tensoflessione 273
274 Capitolo 10
Presso e tensoflessione 275
276 Capitelo 10
Presso e tensoflessione 277
278 Capitolo 10
Presso e tensoflessione 279
280 Capitolo 10

8. Domini M-N

8.1. Diagrammi limite e campi di-comportamento


In caso di modello non lineare del materiale, le caratteristiche di solleci­
tazione resistenti si determinano sempre a partire da diagrammi limite,
espressi in termini di deformazione (e non di tensione, come invece si fa
in caso di modello lineare). Anche in questo caso, per una migliore visio­
ne globale del comportamento della sezione, può essere utile individuare
tra gli infiniti diagrammi limite alcuni aventi particolare significato, che
racchiudono un insieme di diagrammi corrispondenti a specifici campi
di comportamento.

8.2. Campi di comportamento per modello non lineare del materiale


L’impostazione classica, adottata dalla normativa italiana, prevedeva
limiti sia per la deformazione del calcestruzzo, εCu per sezione parzializ-
zata o εci per sezione uniformemente compressa, che per quella dell’ac-
ciaio, εsu. Particolàre rilievo veniva dato anche al raggiungimento della
deformazione limite di snervamento syd nell’acciaio.
Secondo questa impostazione, si individuavano numerosi diagrammi limi­
te particolari (fìg. 27).
A) sezione tutta tesa, con deformazione pari a sSu sia nell’armatura inferiore
che in quella superiore;
deformazioni

(allungamento) (accorciamento)
Fig. 27 - diagrammi limite e campi di comportamento per modello non lineare
del materiale, secondo l’impostazione tradizionale
Presso e tensoflessione 281

A’) sezione tutta tesa, con deformazione pari a εsu nell’armatura inferiore e εyd
in quella superiore;
B) sezione tutta tesa, con deformazione pari a εSu nell’armatura inferiore e nul­
la al bordo superiore;
C) sezione parzializzata, con deformazione pari a εSu nell’armatura inferiore e εcu
al bordo superiore;
C’) sezione parzializzata, con deformazione pari a εyd nell’armatura inferiore e εcu
al bordo superiore;
D) sezione tutta compressa, con deformazione nulla al bordo inferiore e εcu. a
quello superiore;
E) sezione tutta compressa, con deformazione pari a εc1 sia al bordo inferiore
che a quello superiore.
I suddetti diagrammi limite individuavano i seguenti campi di comporta­
mento:
1) compreso tra A e B: sezione tutta tesa, con deformazione pari a εsu nell’ar­
matura inferiore;
2) compreso tra B e C: sezione parzializzata, con deformazione pari a εsu nel­
l’armatura inferiore;
3) compreso tra C e C’: sezione parzializzata, con deformazione pari a εcu al
bordo superiore e deformazione compresa tra εyd e εsu al bordo inferiore;
4) compreso tra C’ e D: sezione parzializzata, con deformazione pari a εcu al
bordo superiore e deformazione minore di εyd al bordo inferiore;
5) compreso tra D ed E: sezione tutta compressa, con deformazione pari a εc1 in
un punto situato a 3/7 dell’altezza rispetto al bordo superiore.
La zona compresa tra A ed A’ non rappresenta un campo significativo, per­
ché in essa le armature sono sempre oltre il limite di snervamento e quindi sog­
gette in ogni caso alla stessa tensione.
I diagrammi riportati in figura 27 si riferiscono ad una sezione compressa
superiormente; analoghi diagrammi e campi possono essere tracciati per una
sezione compressa inferiormente.
L’impostazione seguita nel testo, coerentemente alle indicazioni del-
l’Eurocodice 2, prevede limiti solo per la deformazione del calcestruzzo.
Si possono individuare, in sostanza, due soli campi di comportamento
(fig. 28).
1) sezione parzializzata, con deformazione pari a εcu al bordo superiore;
2) sezione tutta compressa, con deformazione pari a εc1 in un punto si­
tuato a 3/7 dell'altezza rispetto al bordo superiore.
Il primo campo è delimitato superiormente dal diagramma A, che cor­
risponde ad un asse neutro passante per il bordo superiore e quindi, in
282 Capitolo 10

deformazioni

(allungamento) (accorciamento)
Fig. 28 - diagrammi limite e campi di comportamento per modello non lineare
del materiale, secondo l’impostazione seguita nel testo

pratica, ad una sezione tutta tesa (come il diagramma A dell’imposta­


zione classica). La separazione tra i due campi è costituita dal dia­
gramma D, che presenta deformazione nulla al bordo inferiore e εcu a
quello superiore. L’altro estremo del secondo campo è costituito dal dia­
gramma E, cioè ad una sezione tutta compressa con deformazione pari a
εc1 sia al bordo inferiore che a quello superiore. All’interno del campo 1
si possono comunque individuare alcuni diagrammi di maggiore interes­
se; in particolare
C',+) sezione parzializzata, con deformazione pari a εyd nell’armatura
superiore e εcu al bordo superiore;
C's_) sezione parzializzata, con deformazione pari a -εyd nell’armatura
superiore e εcu al bordo superiore;
C) sezione parzializzata, con deformazione pari a εsu nell’armatura in­
feriore e εcu al bordo superiore, utilizzato come riferimento nella
progettazione dì sezioni soggette a flessione semplice;
C') sezione parzializzata, con deformazione pari a εyd néll'armatura in­
feriore e εcu al bordo superiore.

8.3. Costruzione dei domini M-N


Assegnando un qualsiasi diagramma limite di deformazione, sia uno di
quelli particolari che uno generico interno ad uno dei campi innanzi de-
Presso e tensoflessione 283

finiti, è possibile determinare i corrispondente diagrammi di tensione,


separatamente per calcestruzzo ed acciaio., e calcolare quindi le caratte­
ristiche di sollecitazione M ed N ad essi corrispondenti. Si ricorda che il
momento flettente viene valutato rispetto-ai punto 0, centro geometrico
della sezione (baricentro del solo calcestruzzo). Si ottiene così una cop­
pia limite, che può essere riportata in un diagramma avente come ascis­
se gli sforzi normali e come ordinate i momenti flettenti. Seguendo una
tradizione della Tecnica delle costruzioni, riporteremo a destra i valori
di compressione (negativi, per la convenzione dei segni adottata) e a si­
nistra quelli di trazione. L’asse N è quindi orientato da destra verso si­
nistra.
Assegnando un altro diagramma limite di deformazione si ottiene
una nuova coppia limite. Prendendo in considerazione tutti gli infiniti
diagrammi limite si ottengono infiniti punti, che formano una linea
chiusa denominata diagramma M-N limite, o anche curva di interazione
M-N. La superficie delimitata da tale curva, inclusa la curva stessa, co­
stituisce il dominio M-N limite, o dominio resistente. Se una coppia sol­
lecitante Msd-Nsd è interna a tale dominio, essa può essere sopportata
dalla sezione. Una coppia sul contorno è al limite dell'accettabilità, nel
senso che la deformazione limite è raggiunta in un punto della sezione,
ma non viene superata negli altri punti. Una coppia esterna al dominio
rappresenta caratteristiche della sollecitazione non accettabili, perché
implicano il superamento della deformazione limite.

8.4. Domini M-N per sezione rettangolare


Il procedimento generale innanzi descritto può essere utilizzato per co­
struire il dominio M-N per una sezione rettangolare (fig. 29), che per
maggior generalità si ipotizza avere armatura dissimmetrici (As != A's).
Lo sviluppo analitico è ancora più semplice di quello mostrato nel caso
di comportamento lineare.

Diagramma A
La sezione è soggetta ad allungamento con deformazioni infinite e quindi con
tensione nell'acciaio pari a fyd- Si ha pertanto
284 Capitolo 10

deformazioni

Fig. 29 - diagrammi limite e campi di comportamento per sezione rettangolare

Si noti che il momento è nullo solo se le armature sono simmetriche. Se invece


As != A's il momento flettente è diverso da zero, nonostante il diagramma di ten­
sione sia uniforme, perché esso è calcolato rispetto al centro geometrico della
sezione e non al baricentro delle armature. In particolare, il momento è positi­
vo se As > As, negativo se As < A's.

Campo 1
La sezione è parzializzata con εc, sup = εcu ed è quindi soggetta ad un diagramma
di tensioni parabola-rettangolo. Il generico diagramma limite di deformazione è
univocamente individuato dalla distanza x dell’asse neutro dal bordo superiore.
Le deformazioni εs ed ε's in corrispondenza delle armature inferiori e superiori
valgono -
Presso e tensoflessione 285
2-86 Capitolo 10
Presso e tensofLessione 287

Esempio 22. Si determini il dominio M-N per verifiche allo stato limite ultimo,
per una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo Rck = 25 MPa armata con 10
cm2 inferiori e 6 cm2 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm.
Applicando le espressioni riportate nel paragrafo, si ottiene il dominio M-N
mostrato in figura 30. La parte corrispondente al momento negativo è stata ot­
tenuta con le stesse espressioni, ma invertendo tra loro As ed A’s e cambiando
segno al momento ottenuto.

8.5. Sezione rettangolare e circolare - formule semplificate


Nella pratica professionale le sezioni più frequentemente utilizzate per
elementi pressoinflessi sono quelle rettangolari con armatura simmetri­
ca, As - A\ (comunemente utilizzate per pilastri di edifici antisismici),
e quelle circolari con armatura distribuita anularmente (usate soprat­
tutto per pali e paratie). Per queste sezioni è possibile descrivere diret­
tamente il dominio M-N mediante espressioni analitiche non molto
complesse1. Si hanno in tal modo a disposizione sia formule per la verifi­
ca che formule per il progetto della sezione o dell'armatura.

Dominio M-N, sezione rettangolare con armatura simmetrica


Nel paragrafo precedente si è mostrato che il contributo del calcestruzzo
alla resistenza della sezione è dato da

Queste espressioni sono valide sia per sezione parzializzata (con (3 e k


costanti) che per sezione tutta compressa (con (3 e k dipendenti dalla de­
formazione al bordo meno compresso e con x = h). Ricavando dalla prima
equazione la x in funzione di Nc e sostituendo nella seconda, si ottiene

1 Si vedano gli articoli:


A. Ghersi, M. Muratore, Verifica e progetto allo stato limite ultimo di pilastri in
c.a. a sezione rettangolare: un metodo semplificato, Ingegneria sismica, n.3, 2004.
A. Ghersi, M. Muratore, Analytical formulation of M-N domains for rectangu-
lar and circular cross sections, proposto alla rivista ACI Structural Journal.
288 Capitolo 10

Se la sezione è parzializzata questa è l'equazione di una parabola, per­


ché β e k costanti. Ciò non è vero nel caso di sezione parzializzata, ma
anche in questo caso la curva non si discosta molto da un andamento
parabolico (Fig. 31). Il momento flettente è massimo quando la sua deri­
vata rispetto ad N c si annulla, cioè per

con

Questo valore si ottiene per sezione parzializzata, con una posizione xm

dell'asse neutro

e ad esso corrisponde il momento flettente

Il massimo contributo flessionale dell'armatura è invece


M s,max = As (h-2c) fyd
ed è ottenuto quando entrambe le armature sono snervate, cioè per tutti
i diagrammi limite compresi tra C's e C' Essendo il contributo dell’ac­
ciaio costante in tale intervallo, il dominio M-N complessivo ha anch'es-
so, per un tratto, andamento parabolico (Fig. 31).
Si può facilmente controllare che per la posizione xm dell'asse neutro
le armature sono entrambe snervate a condizione che sia

ovvero, essendo εcu=-0.0035, per c <= 0.078 h se si usa un acciaio FeB44k


(εyd = -0.00187) e per c <= 0.119 h se si usa un acciaio FeB38k (εyd=-0.00163).
Sotto tale condizione, il massimo momento flettente che può portare la
sezione è somma dei massimi contributi di calcestruzzo ed armature.
> iVjS' >• .......•' .•^LTUV--

Presso e tensoflessione 289

Fig. 31 - Valori base per la costruzione del dominio limite M-N

Ciò può non essere vero solo per pilastri sollecitati nel piano di inerzia
minima, ma l’errore che si commette nel ritenerlo valido anche in questo
caso è comunque molto modesto.
Partendo dalla relazione tra M e d N innanzi ricavata, oltre che da
un esame visivo del dominio, si può ritenere che la frontiera del dominio
limite M-N possa essere approssimata mediante una curva costituita da
tre tratti:
- un tratto lineare, per valori dello sforzo normale positivi (cioè di trazione);
- un tratto parabolico, per valori dello sforzo normale di compressione,
compresi tra 0 e lo sforzo normale corrispondente al punto di massimo;
~ un tratto con esponente dipendente dalla quantità di armatura (pa­
rabolico per solo calcestruzzo, ma via via più prossimo al lineare al
crescere dell’armatura) per valori dello sforzo normale di compressio­
ne superiori a quello corrispondente al punto di massimo.
L’equazione dei tre tratti può essere espressa in funzione dei valori ot­
tenuti in precedenza, nonché dei massimi contributi allo sforzo normale
di calcestruzzo ed acciaio, che si indicano con i simboli
290 Capitolo 10

La relazione tra momento limite MRd e sforzo normale limite Nitd può
essere espressa mediante le relazioni seguenti
- per NRd maggiore di 0 (tensoflessione)

- per Nm minore di 0 (pressoflessione) e | Nm I compreso tra 0 e vm A/c, max

- per NRd minore di 0 (pressoflessione) e | NRd | maggiore di vm Nc,max

La figura 32 riporta nella parte superiore, con linea più marcata, le cur­
ve corrispondenti a tali equazioni, mostrando che esse sostanzialmente
coincidono con le curve ottenute in maniera rigorosa.
Un’alternativa, meno precisa, consiste nel considerare un’unica cur­
va con esponente dipendente dalla quantità di armatura (parabolica per
solo calcestruzzo, ma via via più prossima al lineare al crescere dell’ar­
matura), utilizzando per tutti i valori di N l’espressione

La figura 32 riporta nella parte inferiore, con linea più marcata, la cur­
va corrispondente a tale equazione. Le differenze rispetto alla curva ri­
gorosa sono modeste e quindi pienamente accettabili. I vantaggi connes­
si all’avere una unica relazione sono notevoli, quindi consiglio di riser­
vare la prima alternativa ai casi in cui si usa un computer ed utilizzare
la seconda quando occorre effettuare un rapido controllo di una sezione.
Presso e tensoflessione 291
292 Capitolo 10

Una stima più precisa del momento resistente può essere ottenuta notando che lo
sforzo normale, di compressione, è compreso in valore assoluto tra 0 e vm Nc, max
e quindi usando l’espressione

Quest’ultimo valore coincide con quanto fornito da una analisi rigorosa.

Dominio M-N, sezione circolare con armatura anulare


La valutazione rigorosa del contributo del calcestruzzo alla resistenza di
una sezione circolare di diametro D è alquanto complessa e non si riesce
ad esprimere direttamente, in forma analitica, la relazione tra Mc ed Nc.
Ciò nonostante, si può riscontrare che anche in questo caso la relazione
è approssimativamente parabolica (Fig. 33) ed ha un massimo per

Questo valore si ottiene per sezione parzializzata, con una posizione xm

dell'asse neutro

con h= D, e ad esso corrisponde il momento flettente

L'armatura As,tot disposta nella sezione, che si immagina distribuita


uniformemente secondo un anello di copriferro c, dà il suo massimo con­
tributo flessionale in corrispondenza ad uno sforzo normale

con le armature non totalmente snervate. Il momento flettente massimo


dipende anche dal copriferro e si può ritenere che valga

Poiché i massimi contributi flessionali di calcestruzzo ed acciaio corri­


spondono in questo caso a sforzi normali diversi, si può assumere che la
massima resistenza flessionale della sezione venga raggiunta per uno
sforzo normale
Presso e tensoflessione 293

Fig. 33 - Dominio M-N per sezione circolare D = 50 cm allo stato limite ultimo,
esatto e approssimato

Si può però ritenere, poiché i massimi non sono molto distanti, che la
massima resistenza flessionale della sezione sia ancora somma dei mas­
simi contributi di calcestruzzo ed armature.
Partendo dalle considerazioni innanzi esposte, si può approssimare
la frontiera del dominio limite M-N mediante due tratti curvilinei, la cui
equazione può essere espressa in funzione dei valori ottenuti in prece­
denza, nonché dei massimi contributi allo sforzo normale di calcestruzzo
ed acciaio
N c,max = Ac α f cd N s,max = As,tot fyd
La relazione tra momento limite MRd e sforzo normale limite Nnd può
essere espressa mediante le relazioni seguènti
294 Capitolo IO

- per NRd maggiore di 0 (tensoflessione), oppure per NRd minore di 0


(pressoflessione) e | NRd | compreso tra 0 e vm Nc,max

- per NRd minore di 0 (pressoflessione) e | NRd | maggiore di vm Nc,max

La figura 33 riporta nella parte superiore, con linea più marcata, le cur­
ve corrispondenti a tali equazioni, mostrando che esse sostanzialmente
coincidono con le curve ottenute in maniera rigorosa.
Un'alternativa, meno precisa, consiste nel considerare un’unica cur­
va con esponente dipendente dalla quantità di armatura (parabolica per
solo calcestruzzo, ma via via più prossima al lineare al crescere dell’ar­
matura), utilizzando per tutti i valori di N l’espressione

La figura 33 riporta nella parte inferiore, con linea più marcata, la cur­
va corrispondente a tale equazione. Le differenze rispetto alla curva ri­
gorosa sono modeste e quindi ancora accettabili.

Esempio 24. Si determini il massimo momento flettente che può portare allo sta­
to limite ultimo una sezione circolare di diametro D = 4 0 cm in calcestruzzo
Rck=25 MPa armata con 16 cm2 in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, sog­
getta ad uno sforzo normale Nsd=800 kN.
L’area della sezione è
Presso e tensoflessione

Una analisi rigorosa fornisce il valore Mm = 105.5 kNm, leggermente inferiore


ma ai fini pratici sostanzialmente coincidente con quello trovato.

Verifica della sezione


Galcolare il momento resistente di una sezione, corrispondente ad un
assegnato valore dello sforzo normale, è già un modo per effettuare la
verifica. Partendo dalle formule più semplici (equazione unica) è però
possibile proporre un approccio unitario alla verifica di sezioni rettango­
lari e circolari, che ricalca la procedura adottata per sezioni in acciaio.
Occorre determinare preliminarmente i valori base di riferimento Nc,max,
Mc,max, Ns,max e Ms,max nonché l’esponente m, usando le formule indicate
296 Capitolo 10
t-'/'v--'' A A-. 'V.Vk •:■ .i ■'■/' .V

Presso e tensoflessione 297

Esempio 26. Si verifichi allo stato limite ultimo la sezione dell'esempio 24, sog­
getta alle caratteristiche di sollecitazione Msd=90 kNm, Nsd=-800 kN.
Si ha

Progetto dell’armatura
Si è fatto notare in precedenza che la frontiera del dominio di una sezio­
ne con armatura è ottenuta, almeno con riferimento alla sezione rettan­
golare e per un certo intervallo di valori di N, traslando la curva che si
ha per il solo calcestruzzo di una quantità pari al contributo flessionale
massimo dell’armatura.
Ciò consente di ottenere delle semplici formule per il progetto del­
l'armatura. Basta infatti calcolare il momento che deve essere affidato
alle armature

e poi determinare l'armatura necessaria per portare tale momento con


la formula
298 Capitolo 10

nella quale zs,eq è il braccio della coppia interna costituita dalle armatu­
re, o meglio il braccio che si dovrebbe considerare se esse le armature
tese e compresse fossero totalmente snervate. Esso vale
zSteq = h - 2 c per sezione rettangolare
zs, , = 0-6 (h - 2.4 c) per sezione circolare
eq

Nel caso di sezione rettangolare questa formula di progetto è valida,


a rigore, solo con Nsd compreso, in valore assoluto, tra 0 e 0.5 Nc,max, ma
può fornire un utile riferimento anche al di là di tale intervallo. Essa è a
svantaggio di sicurezza quando Nsd è di compressione ma compreso, in
valore assoluto, tra 0.5 Nc, max e Nc,max,\ diventa invece cautelativa in caso
di tensoflessione o per compressione molto forte.
Nel caso di sezione circolare la formula fornisce valori affidabili in
caso di pressoflessione con Nsa compreso, in valore assoluto, all’incirca
tra 0.3 Nc,max e 0.7 Nc,max. Al di fuori di questo intervallo essa è troppo
cautelativa; per Nsd sempre di compressione e non superiore, in valore
assoluto, ad Nc,max si ottengono valori più corretti usando come braccio
della coppia interna il valore

Così ad esempio, in caso di flessione semplice, si può usare come braccio


della coppia interna il valore 0.9 (h—2.4 c).

Esempio 27. Si determini l’armatura strettamente necessaria per la sezione de­


gli esempi 23 e 25, soggetta alle caratteristiche di sollecitazione Msd=210 kNm,
Nsd= -600 kN.
Come già calcolato nell’esempio 25, per questa sezione si ha
Nc,max =2314.2kN_ Mc,max = 194.4 kNm
Il braccio della coppia interna di armatura è
zs,eq = 70 - 2 x 4 = 62 cm = 0.62 m
Il momento da affidare alle armature è

e quindi l’armatura totale necessaria è


Presso e tensofiessione 299

ovvero As = A’s = 2.4 cm2. Poiché Nsd è minore, in valore assoluto, di 0.5 Nc,max,
il valore così determinato è sicuramente corretto.

Esempio 28. Si determini l'armatura strettamente necessaria per la sezione del-


Vesempio precedente, soggetta alle caratteristiche di sollecitazione Msd=210kNm,
Nsd=-l800 kN.
Anche in questo caso si ha
Nc,max = 2314.2 kN Mc,max = 194.4 kNm
zs,eq= 0.62 m
Il momento da affidare alle armature è

e quindi l’armatura totale necessaria è

ovvero As = As = 3.9 cm2. In questo caso, però, la formula non è a vantaggio di


sicurezza ed è opportuno prevedere un'armatura un po’ maggiore. Un calcolo
rigoroso mostra che sono necessari 4.4 cm2 per lato. La differenza è comunque
inferiore al 15%.

Esempio 29. Si determini Vàrmatura strettamente necessaria perla sezione de­


gli esempi 24 e 26, soggetta alle caratteristiche di sollecitazione Msd~90 kNm,
Nsd=-800 kN.
Come già calcolato nell’esempio 26, per questa sezione si ha
Nc,max = 1384.8 kN Mc,max = 55.4 kNm
Il braccio della coppia interna di armatura è
zseq - 0.6 (50 - 2.4 x 4) = 18.2 cm = 0.182 m
Il momento da affidare alle armature è

e quindi l’armatura totale necessaria è


300 Capitolo 10

Poiché Nsd è prossimo, in valore assoluto, a 0.6 Nc,max, il valore così determinato
è sufficientemente affidabile. Un calcolo rigoroso mostra che sono necessari
11.4 cm2.

Esempio 30. Si determini Varmatura strettamente necessaria per la sezione del­


l'esempio precedente, soggetta a flessione semplice Msd=90 kNm, Nsd = 0,
Poiché si tratta di flessione semplice per sezione circolare, è consigliabile usare
come braccio della coppia interna di armatura il valore
zs eq - 0.9 (50 - 2.4x 4) = 27.4 cm = 0.274 m
Il momento va affidato interamente all’armatura e quindi l'armatura totale ne­
cessaria è

Il valore così determinato è sufficientemente affidabile. Un calcolo rigoroso mo­


stra che sono necessari 17.9 cm2.

Progetto della sezione


In molte situazioni la coppia di caratteristiche sollecitanti M-N non è
nota a priori, ma è ottenuta alla fine di un calcolo ed è condizionata, in
particolare quando si ha a che fare con strutture iperstatiche, dalle di­
mensioni ipotizzate per le sezioni. Di solito in questi casi è il momento
flettente ad essere fortemente variabile, mentre lo sforzo normale è ap­
prossimativamente noto. Nel dimensionamento è opportuno scegliere
una sezione in grado di sopportare bene la flessione e quindi tale che lo
sforzo normale non sia molto discosto dal valore che corrisponde al mas­
simo momento flettente resistente. Si consiglia pertanto di dimensiona­
re la sezione partendo dallo sforzo normale, con l’espressione

usando come tensione di riferimento ϭrif un valore prossimo a 0.5 α fcd.


Quando, invece, entrambe le caratteristiche di sollecitazione Msd-
Nsd sono note, si può suggerire un procedimento di progetto che ha la
stessa semplicità di quello proposto per la flessione semplice, anche se
può richiedere delle iterazioni. Le espressioni che approssimano la cur­
va di frontiera del dominio M-N possono infatti essere trasformate in
Presso e tensoflessione 301

formule per il progetto della sezione, ottenendo per la sezione rettango­


lare una relazione formalmente analoga a quella proposta per flessione
semplice (a meno dell'uso di h al posto di d e di r" al posto di r o r')

e per la sezione circolare una espressione equivalente

Il coefficiente r" è in questo caso dipendente dalla forma della sezione,


dallo sforzo normale adimensionalizzato v e della percentuale meccanica
di armatura co che si vuole disporre, oltre che dalle caratteristiche del
calcestruzzo e dal rapporto y tra copriferro ed altezza della sezione.

Se si adimensionalizzano sforzi normali e momenti flettenti ponendo

e si usano i valori adimensionalizzati delle resistenze di calcestruzzo e acciaio


μc,max, νs,max (che è uguale alla percentuale meccanica di armatura totale ωtot) e
μs,max, le espressioni che forniscono la frontiera del dominio consentono di de­
terminare il momento flettente μ in funzione dello sforzo normale v. Ma poiché
con le posizioni fatte è
M = μ Ac h α fcd
si può ottenere per la sezione rettangolare (in cui A c = b h)

e quindi la formula di progetto innanzi citata. In maniera analoga, per la se­


zione circolare (in cui A c = k D 2 / 4) si ha

e quindi la corrispondente formula di progetto.

Nelle tabelle 3 e 4 sono riportati i valori di r", ottenuti per la classe di


calcestruzzo e per un valore del rapporto y tra copriferro ed altezza della
sezione di uso più comune.
302 Capitolo 10

Occorre osservare che, a differenza della flessione semplice, la for­


mula di progetto non è in questo caso risolutiva. La percentuale di ar­
matura può essere facilmente fissata a priori, basandosi anche su indi­
cazioni di normativa. Lo sforzo normale adimensionalizzato deve invece
Presso e tensoflessione 303

essere definito preliminarmente e, dopo aver trovato le dimensioni della


sezione, occorre calcolarne il valore esatto e modificare di conseguenza il
valore di r", cambiando la sezione, oppure la percentuale di armatura.

Esempio 31. Si progetti, allo stato limite ultimo, una sezione rettangolare in cal­
cestruzzo Rck=25 MPa armata simmetricamente con barre in acciaio FeB44k,
con copriferro c=4 cm, soggetta alle caratteristiche di sollecitazione Msd~210 kNm,
Nsd=—600 kN.
Per
,
utilizzare la tabella 3, occorre definire innanzitutto
v
la percentuale mecca-
¥ #

mca di armatura superiore ed inferiore. E opportuno tener conto delle indica­


zioni della più recente normativa italiana, che indica come percentuale minima
dell’armatura totale rispetto all’area di calcestruzzo il valore 0,01; poiché per i
materiali indicati il rapporto fyd / a fCd è pari a 33.9, essa, corrisponde ad una
percentuale meccanica pari a circa 0.34; immaginando di disporre tale armatu­
ra principalmente nel. lato superiore ed inferiore e solo in misura minore negli
altri due lati, si può ritenere che sia ω tot = 0.3. Il valore di r" non varia troppo
neirintervallo 0.3 <= v <= 0.6. Si può quindi scegliere orientativamente un valore
r” = 0.020. Con tale valore, assumendo 6=30 cm si ha

Si può quindi scegliere una sezione 30x60. Per questa è

Per tale valore di v si ha r" = 0.0201, praticamente coincidente col valore usato
per il dimensionamento. Invertendo la formula di progetto, si ha

che per v = 0.302,"interpolando i valori della tabella 3, corrisponde ad una per­


centuale di armatura ω pari a circa 0.182. L’armatura totale da disporre è
quindi

ovvero As = A s = 4.9 cm2. E, in effetti, usando le formule di progetto dell’arma­


tura risulta necessaria As = A’s = 4.5 cm2, pari a ω = 0.168.
In alternativa, si sarebbe potuto usare anche una sezione 30x50. In questo
caso si avrebbe
Nc,Rd = 1653.0 kN v = 0.363
304 Capitolo 10

Invertendo la formula di progetto, si ha

che. per v = 0.363, corrisponde ad una percentuale di armatura od pari a circa


0.354. L’armatura totale da disporre è quindi

ovvero As = A's = 7.8 cm2. Usando le formule di progetto dell’armatura risulta in


questo caso necessaria un’armatura As = A's= 7.4 cm2, pari a a co = 0.333. An­
che questa soluzione è quindi accettabile.

Esempio 32. Si progetti, allo stato limite ultimo, una sezione circolare in calce-
struzzo Rck=25 MPa armata con barre in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm,
soggetta alle caratteristiche di sollecitazione Msd=120 kNm, Nsd=-1800 kN.
Con le stesse considerazioni dell’esempio precedente, si assume ωtot = 0.3. Dalla
tabella 4 si osserva che il valore di r" non varia troppo neirìntervallo 0.3 < v <
0.6; si sceglie quindi un valore r" = 0.089. Con esso si ha

Si può quindi scegliere una sezione con diametro 45 cm. Per questa è

Per tale valore di v si ha r" = 0.108, abbastanza più alto del valore assunto in
partenza. Occorrerebbe aumentare la sezione o la percentuale di armatura. Se
si mantiene la sezione scelta si ha, invertendo la formula di progetto

che per v = 1.027, interpolando i valori della tabella 4, corrisponde ad una per­
centuale di armatura ω pari a circa 0.567. L'armatura totale da disporre è
quindi

Usando le formule di progetto dell’armatura si valuta come necessaria un ar­


matura. totale compresa tra 22.8 e 36.2 cm2, a seconda che si consideri o trascu­
ri il termine k. Il valore esatto fornito da un programma è As,tot = 26.1 cm2.
Se invece si aumenta la sezione, portandola ad un diametro di 50 cm, si ha
Presso e tensoflessione 305

Invertendo la formula di progetto si ha

che per v = 0.832 corrisponde ad una percentuale di armatura co pari a circa


0.226. L’armatura totale da disporre è quindi

Usando le formule di progetto dell'armatura si valuta come necessaria un ar­


matura totale compresa tra 13.2 e 15.4 cm2, a seconda che si consideri o trascu­
ri il termine k. Il valore esatto fornito da un programma è As,tot = 12.8 cm2.

8.6. Presso e tensoflessione deviata


Anche allo stato limite ultimo il procedimento di costruzione del domi­
nio limite Mx-My-N è concettualmente analogo a quello descritto per la
pressoflessione retta, ma numericamente più complicato a causa dèlia
possibile inclinazione dell’asse neutro, nonché della necessità di tener
conto delle armature disposte lungo tutti i lati della sezione (nella pres­
soflessione retta si considerano di solito, almeno per la sezione rettango­
lare, solo le armature superiori ed inferiori).

Fig. 34 - determinazione di Mx-My-N per assegnati valori dell’inclinazione


e della posizione dell'asse neutro
306 Capitolo 10

Fig. 35 - dominio Mx-My-N per sezione rettangolare allo stato limite ultimo

Per una assegnata inclinazione e posizione dell’asse neutro si pos­


sono ricavare le tensioni corrispondenti al diagramma di deformazione
limite e le corrispondenti caratteristiche di sollecitazione Mx, My ed N
(fig. 34). Facendo variare l’inclinazione e la posizione si ottiene una su­
perficie nello spazio Mx-My-N, che delimita, il dominio ammissibile per
presso e tensoflessione deviata.
A differenza di quanto mostrato per le tensioni ammissibili, il do­
minio che si ottiene allo stato limite ultimo (fig. 35) ha una forma molto
più tondeggiante. Una sua qualsiasi sezione trasversale, ottenuta asse­
gnando un valore ad N9 è approssimativamente un’ellisse e può essere
descritta, in generale, da un’equazione del tipo

con una opportuna scelta degli esponenti p e q. Nell’espressione innanzi


scritta, Mx,Rd,N ed My> Rd,N sono il valore resistente del momento flettente
Mx ed My per il valore assegnato di N.
Il valore minimo dell’esponente (circa 1.5) si raggiunge in corri­
spondenza dello sforzo normale che rende massimo il momento flettente
(Nsd ≈ 0.5 Nc,Rd,). L’esponente cresce al variare di N, arrivando a valori
superiori a 2 per sforzi normali di trazione e prossimi a 2 anche per
compressione veramente elevata. In via cautelativa, si suggerisce di uti­
lizzare l’esponente 1.5 per qualsiasi valore dello sforzo normale.
Presso e tensoflessione 307

Nel caso di sezione rettangolare, le espressioni fornite nel paragrafo


precedente possono essere utilizzate per determinare le quantità M ,Ed,N x

ed My,Rd,N e quindi procedere alla verifica a pressoflessione deviata. In


esse si potrebbe anche tener conto del fatto che l’armatura è presente su
tutti e quattro i lati. Per far ciò si può notare che Tannatura “seconda­
ria” (quella laterale) dà un contributo pieno alla resistenza assiale, men­
tre il suo contributo alla resistenza flessionale è ridotto al 40% circa,
non potendo essere tutta contemporaneamente snervata. È comunque a
vantaggio di sicurezza trascurare questo contributo.

Esempio 33. Si verifichi allo stato limite ultimo una sezione rettangolare 30x70
in calcestruzzo RCk=25 MPa armata simmetricamente con 4020 inferiori e al­
trettanti superiori, nonché ulteriori 3014 su ciascun lato verticale, in acciaio
FeB44k, con copriferro c=4 cm, soggetta alle caratteristiche di sollecitazione
Mx,Sd=210 kNm, My,sd=50 kNm, Nsd=-600 kN.
Per semplicità e a vantaggio di sicurezza, nel valutare il momento resistente
rispetto a ciascun asse si tiene conto solo dell’armatura disposta nei lati paral­
leli all'asse. Nel valutare M Rd si assume quindi A s - A's = 4ϕ20 = 12.56 cm2;
Xf

nel valutare My,Rdsi considera A s = A's = 2ϕ20 + 3ϕ14 = 10.9 cm2 (tenendo con-
to anche dei 020 disposti allo spigolo). Si ha così
Nc, max =2314.2kN
rispetto all’asse x
308 Capitolo 10

9. Confronto tra tensioni ammissibili e stato limite ultimo

Per concludere, è opportuno un breve confronto tra i risultati che si ot­


tengono nella verifica a presso o tensoflessione, operando col metodo
delle tensioni ammissibili oppure allo stato limite ultimo. Nella figura
36 sono sovrapposti i domini M-N ottenuti con i due metodi (amplifican­
do di 1.45 i valori delle tensioni ammissibili, per tener conto della diffe­
renza dei valori del carico nei due metodi).
Si può innanzitutto notare che in assenza di armatura (curve inter -
ne) le differenze non sono molto forti, specialmente se si tronca il domi­
nio SLU (linea tratteggiata) per tener conto delle indicazioni della nor­
mativa italiana (non valide per l'Eurocodice 2, ma accettate come utile
suggerimento) di amplificare di 1.25 il coefficiente parziale di sicurezza
del calcestruzzo in caso di sforzo normale centrato. Lo stato limite ulti­
mo mostra una resistenza flessionale maggiore, con scarti che possono
superare il 20% in caso di forte compressione, ma una differenza di que­
sto ordine di grandezza non stravolge il giudizio che un professionista
può dare su una sezione.
In presenza _di armatura, ma con sforzi normali di trazione, i dia-
grammi sono sostanzialmente coincidenti, perché la differenza di tasso
di lavoro delle armature è sostanzialmente coincidente con il rapporto
\

tra i carichi usati nei due metodi. E invece enorme la differenza che si
riscontra per la sezione compressa. Lo scarto dipende dalla quantità di
armatura e dall’entità dello sforzo normale, ma non è infrequente ri-
scontrare, in situazioni ordinarie, che la sezione progettata allo stato
limite ultimo porti momenti flettenti superiori del 70-80% rispettosa
Presso e tensoflessione 3:99

quelli accettati se si usa il metodo delle tensioni ammissibili. Scarto, si


ribadisce, che già tiene conto della diversità di carico.
Le differenze qui evidenziate contrastano con la discreta coincidem-
za dei risultati forniti dai due metodi nel caso di sezioni soggette a fles­
sione semplice. Ciò comporta problemi nel passaggio da un metodo al­
l'altro, particolarmente rilevanti nella progettazione di edifici antisismi-
ci. Modificare la normativa come era stato fatto nel 1996, semplicemen­
te aumentando proporzionalmente l’entità di carichi verticali ed oriz­
zontali, comporta una insufficiente sicurezza nella progettazioni., dei pi-
lastri, che sono invece i punti più delicati e vulnerabili di un edificio.
Basterebbe ciò a giustificare l’esigenza di una nuova normativa sismica,
in linea con le indicazioni dell'Eurocodice 8 (come quella proposta con
l'Ordinanza 3274). E ritengo che le differenze qui evidenziate rendano
troppo complicato predisporre una norma che garantisca uguale sicu­
rezza consentendo di applicare, a scelta, il metodo delle tensioni ammis­
sibili o quello degli stati limite. Questa è, secondo me, runica vera moti-
vazione che può essere addotta per abbandonare del tutto il metodo del-
le tensioni ammissibili.

Fig, 36 - confronto tra domini M-N per tensioni ammissibili e stato limite ultimo
(sezione 30x70, con e senza armatura)
310 Capitolo 10
Presso e tensoflessione 311
Capitolo 11
TAGLIO

1. Il taglio in una sezione omogenea

Nelle travi non vi può mai essere solo taglio, in quanto questo è legato
alla variazione del momento flettente. Si può avere esclusivamente ta­
glio in una singola sezione, nella quale il momento si annulla, ma nelle
sezioni adiacenti il momento sarà sicuramente diverso da zero. Per que­
sto motivo alcuni autori preferiscono parlare di sollecitazione composta
di flessione e taglio e non semplicemente di taglio. La teoria del taglio
utilizzata nell’ambito della Scienza delle costruzioni, per materiale o-
mogeneo ed isotropo a comportamento elastico lineare, fornisce risultati
indipendenti dal valore del momento flettente M. L’estensione di tale
teoria ad un materiale come il cemento armato richiede invece la cono-
scenza delle caratteristiche di sollecitazione M ed N, anche se si man-
tiene l’ipotesi di comportamento lineare,perché da queste dipende l'am-
piezza della parte di calcestruzzo reagente. Ma si vedrà, come differenza
ancora più. rilevante, che in realtà non è possibile pensare al taglio riella
singola sezione, ma bisogna esaminare il comportamento dell’intera tra­
ve, o almeno di conci di essa.
La trattazione rigorosa del taglio per materiale omogeneo, linear­
mente elastico e senza limiti di resistenza è stata sviluppata da De
Saint Venant (1856). Nelle applicazioni pratiche si segue però la tratta­
zione semplificata proposta da Jourawski (ancora nel 1856). Si consideri
una trave soggetta ad un taglio Vy (diretto secondo Tasse y, cioè vertica-
314 Capitolo 11

Fig. 1 - scorrimento tra le assi di una trave in legno

le, e positivo, cioè orientato verso il basso nella faccia di normale uscen­
te positiva). Esso dà origine a tensioni tangenziali τ che avranno nel
piano della sezione una componente verticale xzy ed una orizzontale τzx ;
la risultante delle tensioni xzy deve essere pari a Vy, mentre la risultante
delle tensioni τzx deve essere nulla. Se si considera un cubetto elementa­
re, alla τzy corrisponde una τyz, agente sulla faccia orizzontale e diretta
parallelamente all’asse della trave; per l’equilibrio alla rotazione del cu­
betto la τyz deve essere uguale in valore alla τzy. Le tensioni τyz hanno la
funzione di evitare gli scorrimenti tra le fibre longitudinali, come quelli
che si avrebbero in una trave in legno costituita da più assi sovrapposte
non collegate l’un l’altra (fig. 1). La risultante delle τyz in un tratto, che
viene da alcuni denominata forza di scorrimento, interviene, come ve­
dremo subito, nella trattazione semplificata del taglio; la sua valutazio­
ne è inoltre necessaria in alcuni casi specifici, come ad esempio nel cal­
colo dei connettori posti nelle sezioni composte (come una trave mista
acciaio-calcestruzzo, costituita da un profilato in acciaio ed una soletta
in calcestruzzo, ma anche - più banalmente - una trave in legno realiz­
zata inchiodando più assi), i quali hanno proprio il compito di evitare lo
scorrimento.
La trattazione di Jourawski parte dall’esame di un concio di trave
di lunghezza dz (fig. 2) alle cui estremità agiscono rispettivamente un
momento flettente Mx ed un momento Mx+dMx ; dall’equilibrio alla rota­
zione del concio si ricava la ben nota relazione tra momento flettente e
taglio dMx - Vy dz. Le tensioni normali prodotte dal momento flettente
nelle due facce sono rispettivamente ϭz e ϭz+dϭz e valgono, coerentemen­
te alle convenzioni dei segni stabilite in precedenza

la differenza tra le tensioni sulle due facce vale quindi


Taglio 315

Fig. 2 - relazione tra tensioni tangenziali % zy e normali Oz

Se si divide il concio in due parti mediante un taglio orizzontale e si


analizza l’equilibrio alla traslazione orizzontale di una di esse, si può
determinare la relazione tra le tensioni tangenziali τyz e la variazione di
tensioni normali dϭz. Facendo riferimento al valore medio di τyz nella
sezione orizzontale la condizione di equilibrio alla traslazione si scrive

e quindi

cioè, in definitiva, essendo Sx il momento statico della parte di sezione


sottostante la corda individuata mediante il taglio orizzontale

Questa espressione mostra che il valore medio di τzy lungo una corda di­
pende dal taglio Vy e dal momento d’inerzia Ix dell’intera sezione rispet­
to all’asse baricentrico x (quantità che non dipendono dalla corda in con­
siderazione), nonché dal momento statico Sx. della parte di sezione sotto­
stante calcolato rispetto all’asse baricentrico x e dalla larghezza b (che
invece dipendono da questa).
316 Capitolo 11

Fig. 3 - relazione tra τzy e τzx

Il valore ottenuto mediante la formula sopra riportata è rigorosa­


mente valido come valore medio. Nella trattazione approssimata del ta­
glio si assume che la τzy sia costante lungo la corda. Ciò è corretto nel
caso di sezioni molto sottili ed è ancora accettabile nel caso delle sezioni
rettangolari più comunemente adottate, per le quali la larghezza è mi­
nore dell’altezza. La trattazione rigorosa mostra invece che τzy varia
lungo la corda ed è massima nei punti estremi. Nel caso di una sezione
rettangolare con h = 2 b lo scarto è di circa il 3 %, per sezione quadrata è
di circa il 12 % mentre per travi a spessóre la differenza può essere mol­
to più rilevante1.
All’estremo della corda la tensione tangenziale x è parallela al bordo
deila sezione (fig. 3). Se il bordo è verticale, come nella sezione rettango­
lare, la τ coincide con la sua componente τzy , mentre τzx è nulla. In caso
contrario, τzx deve essere tale da rendere la x parallela al bordo; se si in­
dica con a l’angolo formato dal bordo rispetto all’orizzontale, si ha
τzx = τzy / tg α.
Nella trattazione approssimata si assume per semplicità che τzx vari
linearmente lungo la corda; in particolare' quando il bordo è verticale ad
entrambi gli estremi della corda si assume che τzx sia nulla lungo tutta
la corda.
L’espressione innanzi ricavata per τzy mostra che il prodotto τzy b è
massimo quando Sx è massimo, cioè per una corda che passa per il bari­
centro. Quando b è variabile non si può dire a priori in quale corda si

1 Si veda ad esempio Belluzzi, Scienza delle costruzioni, voi. I, cap. VIII.


Taglio 317

avrà la massima τzy; solo per una sezione rettangolare, che ha larghezza
costante, la x zy è sempre massima in corrispondenza al baricentro.
Una ulteriore espressione che fornisce direttamente la τzy in corri­
spondenza del baricentro può essere ricavata utilizzando espressioni già
citate per la flessione semplice. La risultante N c delle tensioni di com­
pressione vale

con l'integrale esteso a tutta la parte compressa della sezione, cioè quel­
la posta al di sopra (o al di sotto, se M è negativo) di un asse baricentri­
co. Essendo ϭz = E χ y y, si ha

Nella trattazione generale della flessione composta si è già richia­


mata la relazione

ed essendo M= N c z (con z braccio della coppia interna), si ha

La tensione tangenziale in corrispondenza al baricentro è quindi da­


ta dal rapporto tra il taglio ed il prodotto tra larghezza della sezione e
braccio della coppia interna. Si noti che la trattazione del taglio non è
influenzata dalla presenza di sforzo normale, né dal valore del momento
flettente; il riferimento al braccio della coppia interna (grandezza che ha
senso solo in caso di flessione) è qui usato, indipendentemente dal valo­
re di N ed M, solo in quanto equivalente al rapporto I x f S x.

1.1. Sezione rettangolare


Per una generica corda posta a distanza y dal baricentro (fig. 4) il mo­
mento statico Sx vale
318 Capitolo 11

Fig. 4 - diagramma delle τzy per sezione rettangolare

Il momento d'inerzia Ix vale

Il diagramma delle tensioni tangenziali varia con y con legge para­


bolica; il massimo si ha in corrispondenza del baricentro (y=0) e vale

cioè è superiore del 50% al valore medio ottenuto dividendo il taglio per
l'area della sezione.

1.2. Sezione circolare


Per una generica corda posta a distanza y dal baricentro (fig. 5), e quindi
individuata da un angolo 0 = arc cos y/r, il momento statico Sx vale

La larghezza b, espressa in funzione dell’angolo ϴ, vale b = 2 r sin ϴ.


Taglio 319

Fig. 5 - diagramma delle τzy per sezione circolare

Il diagramma delle tensioni tangenziali in questo caso non è parabo­


lico, anche se la differenza rispetto ad una parabola non è notevole ed
anzi a prima vista il diagramma sembra quasi coincidente con quello
della sezione rettangolare; il massimo si ha ancora in corrispondenza
del baricentro (y=0, ϴ=π/2) e vale

cioè è superiore del 33% al valore mediò ottenuto dividendo il taglio per
l’area della sezione.

1.3. Sezione triangolare


Il baricentro della sezione triangolare è posto a 2/3 dell'altezza h. La
larghezza b(y) della generica corda varia con l’or dinata y (fig. 6) ed è e-
spressa da

mentre il momento statico Sx vale


320 Capitolo 11

Fig. 6 - diagramma di τzy b e di τzy per sezione triangolare

In questo caso il prodotto τzy b varia con legge cubica, raggiungendo


il massimo in corrispondenza del baricentro, mentre il diagramma delle
tensioni tangenziali è parabolico. Il valore massimo di τzy si ha quando
la derivata di τzy rispetto a y si annulla, cioè per

e vale

cioè è, come nel caso della sezione rettangolare, superiore del 50% al va­
lore medio ottenuto dividendo il taglio per l'area della sezione.

1.4. Sezione a doppio T


L’espressione del momento statico è diversa a seconda che si consideri
una corda che tagli o no l’ala superiore. Nel primo caso si ha

mentre nel secondo


Taglio 321

Il prodotto τzy b varia parabolicamente ma con due distinte leggi; il


suo diagramma (fig. 7) è quindi continuo ma ha una discontinuità nella
derivata in corrispondenza del passaggio tra ala e anima. Il diagramma
delle tensioni tangenziali è anch’esso parabolico ma presenta un salto in
corrispondenza del passaggio tra ala e anima, dovuto alla brusca varia­
zione della larghezza. La tangente immediatamente prima e dopo il sal­
to ha invece la stessa inclinazione; ciò è dovuto al fatto che la variazione
di τzy dipende dalla variazione del rapporto S x ib che si mantiene costan­
te, essendo d S x = b y d y e quindi d S x I b = y d y indipendente da b. Que­
sta situazione (salto delle xzy ma costanza deH’inclíñazione) si ripete i-
dentica in tutti i casi di brusca variazione della larghezza.
Esaminando il diagramma delle τzy si nota che il contributo delle ali
è quasi trascurabile e che i valori nell'anima variano molto meno di
quanto si ha per gli altri tipi di sezione precedentemente esaminati. Per
tale motivo la tensione tangenziale massima non differisce molto dal va-
lore medio ottenuto dividendo il taglio per l'area della sola anima.
Occorre infine osservare che la trattazione approssimata risulta
molto imprecisa per quanto riguarda il valore delle τzy nell'ala. Esse in­
fatti hanno valori ben più alti di quello medio in corrispondenza dell'at-
322 Capitolo 11

tacco con l’anima e si riducono rapidamente all’allontanarsi da questa.


Diventano inoltre rilevanti le τ2 X , che variano linearmente nell’ala con
valori che possono essere determinati applicando anche per queste la
formula di Jourawski.

2. Modello lineare - calcestruzzo resistente a trazione

Quando il calcestruzzo ha comportamento lineare ed è reagente anche a


trazione (primo stadio), si può studiare il comportamento a taglio di una
sezione in cemento armato applicando i modelli validi per materiale o-
mogeneo (in questo caso la teoria di Jourawski) alla sezione omogeneiz­
zata. Per fare ciò occorre innanzitutto determinare la posizione del barP
centro della sezione omogeneizzata.. per poi scrivere le espressioni del
momento statico S x (y) e del momento d’inerzia I x . La presenza di arma­
ture concentrate crea una discontinuità del momento statico e quindi in
corrispondenza ad esse vi sarà una variazione brusca anche delle τzy .
Ad esempio per una sezione rettangolare con doppia armatura sim-
metrica (As=A's) il baricentro coincide con quello della sezione geome­
trica e si ha

Fig. 8 - diagramma delle iZy per sezione rettangolare a doppia armatura


simmetrica, con calcestruzzo interamente reagente
Taglio 323

Il diagramma delle τzy assume l'aspetto mostrato in figura 8, ancora pa­


rabolico ma con discontinuità (nel valore, non nella derivata) di entità
dipendente dalla quantità di armatura presente.

Esempio 1. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo con R ck =25MPa


armata con 4020 inferiori e 2014 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro
c=4 cm, si determini il valore massimo della tensione tangenziale provocata dal
taglio V= 50 kN, ipotizzando che la sezione non sia fessurata.
I dati dell’esempio coincidono con quelli usati nel primo esempio relativo alla
flessione semplice, al quale si rinvia per alcuni passaggi numerici. Si ritiene di
essere in presenza di uno stato tensionale modesto e di carichi di breve durata
nel tempo e quindi si assume n = Es/Ec = 7.02.
In questo caso la sezione non è simmetrica, a causa della differenza tra
armatura inferiore e superiore. La distanza del baricentro dai bordi superiore
ed inferiore della sezione ed il momento d'inerzia della sezione omogeneizzata
rispetto ad un asse baricentrico, già calcolati nell'esempio citato, valgono
dG,inf =24.13 cm dG,supf = 25.87 cm I x - 364558 cm4.
Poiché la larghezza b è costante, la tensione tangenziale è massima in corri­
spondenza del baricentro. Il momento statico della parte di sezione al di sotto
del baricentro., rispetto al baricentro stesso, vale

3. Modello lineare - calcestruzzo non resistente a trazione

Se si considera il calcestruzzo non resistente a trazione (secondo stadio)


sembrerebbe logico continuare ad usare la formula di Jourawski, facen­
do però riferimento alla sezione reagente omogeneizzata. Si noti che in
324 Capitolo 11

questo caso il diagramma delle tensioni tangenziali provocate dal taglio


dipende dal valore di N ed M, perché da questi (o, meglio ancora, dal lo­
ro rapporto) dipende l'entità della sezione reagente. Se la sezione è tutta
compressa a causa della presenza di sforzo normale si possono applicare
integralmente le espressioni valide per il primo stadio. In caso contrario
occorre modificarle, per riferirsi solo alia parte compressa del calce-

L'idea di utilizzare ancora la trattazione di Jourawski è alla base


delle formule che si utilizzano nel metodo delle tensioni ammissibili, ma
si precisa fin d’ora che essa rappresenta una estrema semplificazione
del comportamento reale di una trave in cemento armato, non esente da
critiche e contraddizioni.

3.1. Sezione rettangolare


Si consideri una sezione rettangolare a doppia armatura, soggetta a
momento flettente positivo e quindi compressa superiórmente (la posi­
zione dell’asse neutro in figura 9 corrisponde al caso di pressoflessione,
ma le formule che si sviluppano sono valide in generale; se la sezione
fosse soggetta a momento negativo la trattazione sarebbe invariata, a
patto di scambiare tra loro bordo superiore ed inferiore). Si indica con O
il centro della sezione geometrica e con G il baricentro della sezione rea­
gente omogeneizzata. La "trattazione analitica è resa più complessa dal
fatto che la posizione del baricentro varia in funzione della posizione
dell’asse neutro e che il momento statico della parte di sezione al di sot-
to della corda è dipendente dalla posizione x dell’asse neutro. Per corno-
dità di calcolo si fa quindi riferimento ad un sistema di assi cartesiani x-y
avente come origine il punto O (anziché G). Inoltre si determina Sx cal­
colando il momento statico della parte di sezione al di sopra della corda
e cambiandolo di segno (cosa possibile perché Sx,sup + Sx,inf =0)-
Occorre innanzitutto calcolare la posizione del baricentro G. L’area
A e il momento statico So rispetto al bordo superiore della sezione rea­
gente omogeneizzata valgono
A = b x + n (As + A's )
Taglio 325

Fig. 9 - sezione rettangolare a doppia armatura, nel secondo stadio

e quindi la distanza cIg di G dal bordo superiore vale

Per calcolare il momento d’inerzia Ix rispetto a G conviene calcolare


prima il momento d'inerzia Io rispetto al bordo superiore

e poi applicare il teorema del trasporto, ottenendo così

Per determinare le τzy in una corda a distanza y da O occorre poi


calcolare il momento statico della parte di sezione reagente posta al di
sopra della corda rispetto al baricentro G (cambiato di segno). Finché la
corda taglia la zona compressa, l'aliquota di momento statico dovuta al
calcestruzzo vale

A questo si deve aggiungere il contributo dell’armatura compressa,


se la corda è al di sotto di essa

Se la corda è al di sotto dell’asse neutro, il momento statico non va­


ria rispetto al valore calcolato quando la corda coincide con l'asse neu­
tro, perché non viene aggiunta ulteriore area reagente. Solo quando la
326 Capitolo 11

corda va al di sotto dell’armatura inferiore il momento statico si annul­


la, perché in tal caso tutta la parte reagente è al di sopra della corda.
Il diagramma delle x è quindi parabolico nel tratto di sezione rea­
gente, con un salto in corrispondenza dell’armatura compressa, e co­
stante nella parte di sezione non reagente, fino all’armatura tesa. Poi­
ché b è costante il massimo si raggiunge sempre in corrispondenza del
baricentro della sezione reagente omogeneizzata.
In caso di flessione semplice (fig. 10) questo corrisponde all’asse
neutro e quindi il tratto parabolico è tangente al tratto costante nel
punto di contatto; il valore massimo della τzy è dato da

cioè è superiore di solo il 10% circa rispetto al valore medio ottenuto di-
videndo il taglio per l’area “utile” b d della sezione.
In caso di pressoflessione il baricentro della sezione reagente omo­
geneizzata è situato all'interno della parte compressa; al valore massi­
mo segue quindi un tratto con x z y decrescenti fino all’asse neutro, per poi
diventare costanti.
In caso di tensofiessione, infine, il baricentro della sezione reagente
omogeneizzata è situato nella parte tesa; il tratto parabolico del dia­
gramma delle τzy è troncato bruscamente dal tratto costante, prima di
raggiungere il massimo relativo, e si ha quindi una discontinuità della
tangente in corrispondenza dell’asse neutro.

Fig. 10 - diagramma delle Xzy per una sezione rettangolare a doppia armatura,
nel secondo stadio (sezione 30x60, As=As=10 cm2)
Taglio 327

Esempio 2. Con riferimento alla sezione dell’esempio 1, ai fini di una verifica col
metodo delle tensioni ammissibili si determini il valore massimo della tensione
tangenziale provocata dal taglio V - 150 kN in presenza di flessione semplice,
ipotizzando che la sezione sia fessurata.
La stessa sezione, soggetta a flessione semplice, è già stata esaminata nell'e-
sempio 4 del capitolo 9. Il riferimento al metodo delle tensioni ammissibili indi­
ca chiaramente che per il coefficiente di omogeneizzazione si deve utilizzare il
valore n-15. Nell’esempio si era ottenuto
x = 17.70 cm I = 21501 l e m 4
Poiché la larghezza b è costante, la tensione tangenziale è massima in corri­
spondenza del baricentro. Il momento statico della parte di sezione al di sopra
del baricentro rispetto al baricentro stesso, cambiato di segno, vale

La tensione tangenziale massima può essere determinata rigorosamente come

Utilizzando la formula approssimata

si sarebbe ottenuto un risultato analogo, ma senza la fatica di calcolare posi­


zione dell’asse neutro, momento d’inerzia e momento statico.

3.2. Altri tipi di sezione


Per sezioni diverse dalla rettangolare si procede in maniera analoga.
Nei tratti in cui b è costante τzy varia con legge parabolica (se la zona è
compressa) o rimane costante (se la zona è tesa). A variazioni localizzate
della larghezza, come nel caso della sezione a T, corrisponde una anàlo­
ga variazione delle τzy (dimezzandosi b si raddoppia τzy). Quando la lar­
ghezza varia con continuità (ad esempio per sezioni trapezoidali) la ten­
sione tangenziale varia con legge dipendente da quella di b; in particola­
re, a variazioni lineari di b in zona tesa corrispondono variazioni di x con
legge iperbolica (momento statico costante diviso per la funzione lineare
di b) perché la tensione tangenziale tenderebbe all'infinito (e quindi a-
vrebbe un asintoto) nel punto in cui b si annulla.
328 Capitolo 11

Fig. 11 - diagramma di τzy b e di τzy per una sezione triangolare


a semplice armatura, nel secondo stadio

Sezione triangolare
Si consideri una sezione triangolare a semplice armatura, soggetta a
flessione semplice con fibre compresse superiori (fig. 11). La posizione
del baricentro della sezione reagente omogeneizzata si calcola imponendo
che l'asse neutro sia baricentrico; ciò porta all’equazione di terzo grado

Come già visto nel caso di sezione omogenea (paragrafo 1.3), finché
si è al di sopra dell'asse neutro il momento statico della parte al di sopra
della corda varia con legge cubica, mentre il rapporto SI b varia con leg­
ge parabolica.
Anche in questo caso, quindi, mentre il prodotto τ b è sempre massimo
in corrispondenza del baricentro (e quindi dell'asse neutro) la τzy è mas­
sima in una corda al di sopra di tale posizione (per l'esattezza a 0.75 x).
A differenza della sezione omogenea, al di sotto delFasse neutro il mo­
mento statico si mantiene costante e poiché b cresce linearmente la τzy
decresce con legge iperbolica.

Sezioni a T e trapezie
In figura 12 sono mostrati i diagrammi delle tensioni τzy per sezioni di
forma varia, con variazione brusca o graduale della larghezza. Sono ri­
portati separatamente i diagrammi relativi al caso di flessione semplice,
tensoflessione e pressoflessione. Da essi si possono immediatamente
trovare conferme alle considerazioni fatte in precedenza.
Taglio 329

Fig. 12 - diagramma delle τzy per sezioni con variazione brusca o gr


della larghezza (la linea tratteggiata indica la posizione deli

3.3. Considerazioni sullo stato tensionale


Si è finora parlato separatamente di momento flettente (che induce
sioni normali ϭz ) e di taglio (che induce tensioni tangenziali τzy). In
ti, come già si è detto, le caratteristiche di sollecitazione fless
glio sono sempre accoppiate ed è quindi indispensabile analizzare
temporaneamente lo stato tensionale indotto da esse.
330 Capitolo 11

Fig. 13 - diagramma delle tensioni normali e tangenziali in una sezione


rettangolare soggetta a flessione e taglio, con calcestruzzo
a) reagente a trazione; b) non reagente a trazione

In figura 13 è mostrato l'andamento delle tensioni normali σ2 e delle


tensioni tangenziali τzy indotte in una sezione rettangolare a semplice
armatura rispettivamente dalla flessione e dal taglio, nel caso di calce-
struzzo a comportamento lineare reagente (a) e non reagente (b) a tra­
zione.
Si consideri innanzitutto un elemento infinitesimo posto in corri-
spondenza dell’asse neutro, o anche - nel caso di sezione parzializzata -
un qualsiasi elemento posto tra l'asse neutro e l'armatura tesa. Esso è
soggetto solo a tensioni tangenziali τzy sulla faccia verticale e τyz su quel­
la orizzontale. Il cerchio di Mohr (fig. Ì4, elemento 1) mostra che la dire­
zione principale di trazione è a 45° e che la tensione principale di tra-
zione è uguale in valore alla τzy.
Al di sopra dell'asse neutro (fig. 14, elemento 2), la presenza con-
temporanea di una tensione di compressione sulla faccia verticale, unita
alla riduzione del valore delle τzy, aumenta l'inclinazione rispetta
all'asse della trave e riduce il valore della tensione principale di trazio­
ne. Vicevèrsa, nel caso di calcestruzzo reagente a trazione la presenza di
tensioni normali di trazione riduce l'inclinazione rispetto all'asse ed
aumenta il valore della tensione principale di trazione negli elementi si-
Taglio 331

Fig. 14 - tensioni principali in zona tesa e in zona compressa

tuati al di sotto dell’asse neutro (fig. 14, elemento 3). Per calcestruzzo,
non reagente a trazione, in corrispondenza dell'armatura tesa le τzy si
annullano e la direzione principale di trazione diventa orizzontale.
Poiché il calcestruzzo non è in grado di sopportare rilevanti valori
della tensione di trazione, si formano in esso lesioni che rispecchiano
l’andamento ora descritto. Si possono infatti riscontrare lesioni a 45° in
prossimità dell’asse neutro (lesioni a taglio puro, fig. 15 a), oppure lesio­
ni che nascono al bordo teso con direzione verticale (a causa della ten­
sione normale di trazione) e si propagano verso il centro inclinandosi via
via, fino a raggiungere i 45° in. corrispondenza dell’asse neutro (lesioni a
flessione e taglio, fig. 15 b). La presenza di queste lesioni mette in evi­
denza una incongruenza con le ipotesi base con le quali si è estesa la te-
oria del taglio, valida per materiale omogeneo, al cemento armato nel
secondo stadio. Le tensioni tangenziali τzy sono infatti state ricavate ap­
plicando la formula di Jourawski alla sezione reagente omogeneizzata,
cioè ipotizzando che il calcestruzzo non sia in grado di sopportare una
qualsiasi tensione di trazione. Ma la presenza di tensioni tangenziali
porta in ogni caso alì’insorgere di una tensione principale di trazione,
incompatibile,con l’ipotesi fatta.
In definitiva, non è possibile giustificare in maniera rigorosa la re­
sistenza a taglio nell'ambito di un modello di comportamento lineare con
calcestruzzo non reagente a trazione. Una possibile scappatoia è quella
332 Capitolo 11

Fig. 15 - lesioni nelle travi

di invocare per il taglio la resistenza a trazione che il calcestruzzo sicuramente ha,


almeno per valori molto bassi della tensione. Poiché le ten­
sioni tangenziali sono in genere piccole rispetto a quelle normali si può
quindi ritenere che il calcestruzzo si fessuri (e non reagisca a trazione)
per la flessione e rimanga invece integro per il taglio. Seguendo questo
criterio, la normativa italiana alle tensioni ammissibili impone un limite
per il valore massimo della tensione tangenziale nella sezione, indicato
col simbolo τc0, al di sotto del quale si può ritenere che il calcestruzzo sop­
porti da solerle tensioni indotte dal taglio. Quando la tensione tangenziale
è più elevata diventa invece necessario disporre specifiche armature per il
taglio e proporre nuovi modelli con i quali valutare il comportamento del­
la trave armata a taglio. Si noti che nell'ambito di un modello lineare del
materiale non si può giustificare in alcun modo la resistenza di una trave
privaci armatura a taglio nella quale si siano formate lesioni, mentre ta­
le resistenza è stata comprovata sperimentalmente.

3.4, Limiti a taglio nel metodo delle tensioni ammissibili


La normativa italiana2 relativa al metodo delle tensioni ammissibili
(D.M. 14/2/92') precisa (punto 3.1.4) che
“Non è richiesta la verifica delle armature al taglio ed alla torsione
quando le tensioni tangenziali massime nel conglomerato, prodotte da
tali caratteristiche di sollecitazione. non superano i valori di τc0 ottenuti
con l'espressione

2 Le frasi riportate in corsivo sono estratte dalla normativa


Taglio 333

Nella zona ove le tensioni tangenziali superano τc0 gli sforzi tangenziali
devono essere integralmente assorbiti da armature metalliche, affidando
alle staffe non meno del 40% dello sforzo globale di scorrimento” (cioè del
taglio).
Si noti che ciò vuol dire che, se la x è inferiore a tale limite, non è
necessario calcolare le armature a taglio (e a torsione) ma si dovranno
comunque disporre le armature minime imposte dalla norma; solo nel
caso dei solai è consentito non disporre alcuna armatura a taglio se
τ < τc0 (punto 7.1.4.8).
La norma aggiunge poi, sempre al punto 3.1.4, che
“La massima tensione tangenziale per solo taglio non delle_superare il
valore

Se tale valore è superato, la sezione non è accettabile e deve quindi essere ridimensionata.
Ai fini pratici, poiché nella progettazione di una struttura costituita
da numerose aste occorre confrontare con i limiti τc0 e τcl i valori delle
tensioni tangenziali di ciascuna sezione e dato che normalmente si uti­
lizza un numero estremamente limitato di sezioni diverse in modo da
semplificare le operazioni in cantiere, può essere conveniente determi­
nare per ciascun tipo di sezione i valori del taglio corrispondenti alle x
limite
In tal modo, se si è in presenza di solo taglio (senza torsione) si può

immediatamente riconoscere se è possibile disporre le armature minime


senza calcolo (se V > Vcl), se è necessario calcolare tali armature (se
Vco<V< Vci) o se la sezione è inammissibile (se V > Vcl).
Esempio 3* Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo con Rck =25MPa

armata con copriferro c=4 cm, si determini il valore del taglio


corrispondente al
raggiungimento dei valori limiti della tensione tangenziale prescritti dalla nor­
mativa italiana.
334 Capitolo 11

Per il calcestruzzo indicato, i limiti tensionali sono

Si ha quindi

Esempio 4. Data una sezione rettangolare 80x24 in calcestruzzo con Rck= 25MPa
armata con copriferro c=4 cm, si determini il valore del taglio corrispondente al
raggiungimento dei valori limiti della tensione tangenziale prescritti dalla nor­
mativa italiana.
I limiti tensionali sono gli stessi delFesempio precedente. In questo caso si ha

4. Modello lineare - armatura a taglio

Quando la tensione principale di trazione provocata dal taglio supera la


resistenza a trazione del calcestruzzo, il modello lineare con calcestruzzo
non resistente atrazione non è in grado di giustificare la capacità di una
trave a sopportare taglio. Occorre quindi disporre una specifica armatura
per tale caratteristica di sollecitazione. Tutti i modelli utilizzati nell’ambi-
to del metodo delle tensioni ammissibili per valutare il comportamento
della trave armata a taglio tengono conto esclusivamente del contributo
di questa armatura, trascurando il possibile contributo del calcestruzzo.
Poiché in presenza di taglio puro la tensione principale di trazione è
inclinata a 45°, la prima idea che viene in mente è di disporre delle bar­
re proprio con tale inclinazione. In effetti nel passato, quando il costo del
materiale era più condizionante del costo della manodopera, era consue­
tudine sagomare le barre, in modo da averle inferiormente in mezzeria
di una trave e superiormente agli appoggi, coerentemente con l’anda­
mento del diagramma del momento flettente. Ciò comportava, còme ul­
teriore vantaggio, la presenza di un tratto inclinato, di passaggio da sot­
to a sopra, in grado di fungere da armatura a taglio.
Taglio 335

L'incremento dei costi connessi alla sagomatura delle barre ha por­


tato oggi ad un utilizzo quasi esclusivo di barre dritte come armatura a
flessione, e quindi all’abbandono dei sagomati come armatura a taglio.
Partendo dalla considerazione che la risultante a 45° delle tensioni di
trazione dovute al taglio può essere efficacemente assorbita da ferri o-
rizzontali e verticali, si è diffusa nell'Italia centro-meridionale una tipo­
logia di armatura a taglio che prevede l’uso contemporaneo di staffe ver-
ticali e ferri longitudinali disposti in maniera diffusa lungo l’altezza del­
la sezione (ferri di parete).
Questa tipologia appare invece quasi del tutto ignorata nella pratica
progettuale dell’Italia settentrionale e dall’ampia sperimentazione sul
taglio svolta in particolare al Pohtecnico di Milano, che fa riferimento
all’uso di sole staffe. Si mostrerà però più avanti che i modelli teorici
corrispondenti alle due tipologie citate (staffe e ferri di parete oppure so­
lo staffe) portano a conclusioni sostanzialmente analoghe.
X

E da ribadire infine che le staffe svolgono numerose funzioni, oltre a


quella di sopportare il taglio. Esse infatti servono per tenere in posa le
armature flessionali superiori ed inferiori ed hanno un importante effet­
to di cerchiatura del calcestruzzo, che ne aumenta la resistenza, e so-
prattutto le duttilità

4.1. Armatura con sagomati a 45°


Per definire quale armatura disporre per il taglio e quale sia il compor­
tamento di una trave armata a taglio si possono utilizzare due distinti
modelli, che fortunatamente danno risultati concordi: si può partire dal­
l’analisi dello stato tensionale oppure schematizzare le parti tese e com­
presse della trave come un tralìccio .

Dallo stato tensionale all'armatura a taglio


Un primo modello per giustificare le armature a taglio, abbastanza coe­
rente con la linearità del modello del materiale, consiste nel valutare le
tensioni principali di trazione ϭξ, che il calcestruzzo non è in grado di
sopportare, ed affidarle la forza corrispondente alla risultante di tali ten­
sioni ad armature diffuse, opportunamente disposte lungo la direzione
di trazione. Questo approccio non è esclusivo delle travi, ma è seguito in
336 Capitolo 11

Fig. 16 - armatura a taglio con sagomati a 45°

numerosi altri casi, come ad esempio nelle volte sottili in cemento arma-
tocche vengono calcolate come se fossero costituite da materiale omoge­
neo e poi armate con barre disposte lungo le isostatiche di trazione.
Nel caso di travi, quando a causa della flessione ci si trova nel se­
condo stadio appare logico valutare le tensioni tangenziali facendo rife­
rimento alla sezione parzializzata. In tutta la parte al di sotto dell’asse
neutro le isostatiche di trazione sono inclinate a 45° rispetto all’asse del­
la trave e la tensione di trazione è pari alla τzy max; Nella parte compres­
sa l’inclinazione varia, ma le tensioni principali ,di trazione sono meno
rilevanti e quindi si ritiene a vantaggio di sicurezza continuare ad ar­
mare come nella zona sottostante. L’armatura ideale è quindi costituita
da barre disposte con un angolo di 45° rispetto all’asse della trave, in
gradò di assorbire.la totalità della forza di trazione che deve essere tra­
smessa a causa del taglio attraverso una faccia inclinata a 45°.
Si consideri l’armatura inclinata disposta in un tratto orizzontale di
lunghezza s (fig. 16); essa intercetta la faccia inclinata per un tratto pari
a s/√2. La tensione principale di trazione è pari alla τz y max (al di sotto
dell’asse neutro e in assenza di sforzo normale) è quindi vale

La risultante di trazione nell’area considerata vale quindi

Si noti che mentre la τz y max può variare in dipendenza di b il prodot­


to τzy max b è costante anche per sezioni con larghezza non costante.
L’area necessaria di ferri sagomati a 45° da disporre in un tratto s si ot-
Taglio 337

tiene dividendo tale forza per la tensione cui si vuol far lavorare
l'armatura. Facendo riferimento ai limiti prescritti dal metodo delle ten­
sioni ammissibili, l'armatura necessaria vale pertanto

dove, con buona approssimazione, si può assumere z = 0.9 d.

Il traliccio di Mörsch
Allo stesso risultato si può giungere utilizzando un modello proposto a-
gli inizi del ‘900 da Mörsch. La trave può essere vista come un traliccio
(fig. 17) i cui correnti sono la parte compressa di calcestruzzo e l'arma-
tura tesa, mentre le aste di parete sono costituite dai puntoni di calce-
struzzo, corrispondenti alla direzione principale di compressione, e dalle
barre disposta secondo la direzione di trazione (che in questo caso si
suppongono concentrate mentre in realtà sono diffuse).
L’altezza della travatura reticolare è pari a z (braccio della coppia
interna) e la distanza tra due successivi puntoni compressi (o tra due
diagonali tese) misurata in orizzontale è pari a 2 z. Lo schema è isosta­
tico e perché si abbia equilibrio alla traslazione verticale la forza di tra-

i*ig. 17 - traliccio di Mòrsch per armatura a taglio con sagomati a 45°


338 Capitolo 11

zione nell’armatura inclinata a 45° deve valere V . L’area di ferri sa­


gomati necessaria per il tratto 2 z è quindi pari a

e per un generico tratto s si ha

cioè la stessa espressione ricavata a partire dall’analisi dello stato ten-


sionale. La forza di compressione nel puntone è uguale a quella di tra­
zione nell’armatura inclinata e vale ancora √2 V .

4.2. Armatura con staffe e ferri di parete


Questa armatura nasce, come già detto, dalla considerazione che la ri­
sultante delle tensioni di trazione può essere assorbita, in alternativa ai
ferri inclinati di 45°, da ferri orizzontali e verticali. I riferimenti
bibliografici più vecchi riconducono, a quanto mi risulta, alla nota di
M. Pagano “Una più semplice disposizione dei ferri nelle travi in
cemento armato”, Ingegneri, n.16, 1963 ed al libro di M. Pagano “Teoria
degli edifici, voi II, Edifici in cemento armato”, Liguori, 1968. L’efficacia
di questa disposizione è discussa ampiamente nella nota di M. Pagano
“Sul comportamento a rottura di travi in cemento armato in regime
flessotagliante”, Industria Italiana del Cemento, n.11, 1973. Un po’ più
recente è il riferimento che si trova nel libro di A. Raithel “Metodo
semiprobabilistico agli stati limite. Verifica delle sezioni in cemento
armato”, Liguori, 1982.
Partendo da quanto mostrato per i sagomati nel paragrafo preceden­
te, si può notare che la forza V s/√2 z, che agisce sul tratto inclinato
lungo s / √2 , può essere scomposta in due aliquote, orizzontale e vertica­
le, ciascuna pari alla forza divisa per 42 e quindi pari a V s/2 z (fig. 18).
Si noti però che queste armature sono disposte su un tratto, vertica­
le od orizzontale, di lunghezza s/2, mentre i corrispondenti sagomati e-
rano disposti lungo un tratto orizzontale s. Di conseguenza la compo­
nente orizzontale e verticale che agisce sulle barre poste in un tratto s
vale V s/ z >
Taglio 339

Fig, 18 - armatura a taglio con staffe e ferri di parete

Dividendo tale forza per la tensione cui si vuol far lavorare l'armatura si
ottiene l'area, di staffe necessaria per il tratto s

Si noti che le staffe standard, di forma rettangolare, hanno due bracci


che attraversano una sezione orizzontale; è possibile inoltre disporre
staffe con più di due bracci (doppie staffe o staffe più tirantini). Nel de­
finire quali staffe effettivamente disporre occorre ricordare che ciascuna
staffa va contata tante volte quanti sono i suoi bracci. Si può quindi dire
che l'area di staffe da disporre in un tratto s vale

L'area di ferri di parete da disporre per tutta l'altezza della sezione si


ricava dalla formula precedente ponendo s = z e vale

Nel libro di Pagano è aggiunto al denominatore di queste formule


un coefficiente a, in modo da tener conto delle discrepanze tra modelli
teorici e risultati sperimentali; questi ultimi mostrano infatti una resi­
stenza a taglio reale molto maggiore di quella fornita dai modelli. Il co­
efficiente è però assunto pari ad 1 “in attesa che la bibliografia divenga
uniforme”. Nella prima nota citata dello stesso Pagano e nel libro di Rai-
thel le stesse formule vengono invece riportate con un coefficiente 2 al
denominatore. Le formule così modificate, richiedenti quindi un'area di
ferri dimezzata, sono quelle in genere usate nell'attuale prassi pro­
gettuale e richiamate anche nel mio libro “Edifici antisismici con strut-
340 Capitolo 11

tura intelaiata in cemento armato”, CUEN, 1986. Nel corso degli anni il
coefficiente a è quindi diventato stabilmente pari a 2 e, dimenticando la
motivazione “sperimentale”, se ne è cercata una giustificazione teorica,
basata sulla scomposizione della forza di trazione, che in realtà è priva
di significato ed errata (forse derivata dal non aver preso in considera­
zione la differenza tra le due lunghezze, s e s/2, innanzi richiamate).

4.3. Armatura con staffe


Un’armatura costituita da sole staffe verticali non è coerente con l’idea
di assorbire la risultante delle tensioni di trazione dovute al taglio, per­
ché non può sopportare la componente orizzontale di tale forza. Essa è
però giustificabile con il modello di traliccio. In questo caso (fig. 19) la
distanza tra due successivi puntoni compressi (o tra due staffe tese) mi­
surata in orizzontale è pari a z.
Lo schema è isostatico ed effettuando una sezione inclinata che tagli
il ferro verticale e i due correnti si vede che per l'equilibrio alla trasla­
zione verticale la forza di trazione nella staffa è pari al taglio V. L’area
di staffe da disporre in un tratto s vale quindi, tenendo conto del nume­
ro n di bracci

Fig. 19 - traliccio di Mörsch per armatura a taglio con staffe


Taglio 341

La forza di compressione nel puntone inclinato può essere determi­


nata effettuando una sezione verticale ed imponendo l'equilibrio alla
traslazione verticale. Si ottiene anche in questo caso una forza pari a
√2 V, che però agisce su puntoni di ampiezza dimezzata rispetto al caso
precedente. La tensione di compressione nei puntoni è quindi doppia
quando si usano staffe verticali rispetto a quando si usano ferri inclinati
a 45°.

Traslazione del diagramma dei momenti


L’uso del modello di traliccio con aste verticali (staffe) comporta un pro­
blema che era stato trascurato nell’ambito del metodo delle tensioni
ammissibili ed è stato messo in luce nelle trattazioni allo stato limite ul­
timo, tanto che spesso viene associato a quest’ultimo metodo dimenti­
cando che si riferisce invece al modello di traliccio.
Nella trattazione della teoria dell’elasticità, riferita a materiali o-
mogenei ed isotropi, si fa sempre riferimento sezioni trasversali, per­
pendicolari all’asse della trave (fig. 20 a). Così, in una sezione con ordi­
nata z1, nella quale agisce il momento flettente M(zi), la forza di trazio­
ne nelle armature può essere ricavata dall’equilibrio alla rotazione ri­
spetto al punto P, in cui è applicata la risultante di compressione, e vale

Nelle travi in cemento armato occorre invece far riferimento ad una se­
zione che segue l’andamento della lesione a taglio. Quando l’armatura a
taglio è costituita da sagomati (fig. 20 b), l’asta inclinata che rappresenta
tale armatura nel traliccio converge nello stesso punto P e non modificar
l'equilibrio alla rotazione ed il valore di Ns. In presenza di staffe, invece,
la condizione di equilibrio alla rotazione rispetto a P diventa (fig. 20 c)

e quindi lo sforzo normale nelle armature è incrementato, rispetto al va­


lore previsto dalla teoria dell’elasticità, della quantità VI2.
342 Capitolo 11

Fig. 20 - sollecitazione nell'armatura a. flessione con diversi modelli

Ciò equivale a dire che l'annatura a flessione deve essere progettata


per il valore del .momento flettente che si ha in una sezione posta a di­
stanza zi2, ovvero che bisogna “traslare” di tale quantità il diagramma
del momento per ottenere i valori da usare nel dimensionamento delle
armature.

Solo staffe, oppure staffe e ferri di parete?


Confrontando le formule innanzi ricavate si nota che, se si prescinde
dall'eventuale coefficiente correttivo a, la quantità di staffe da disporre
non è condizionata dalla presenza di ferri di parete. Ma è anche vero che
il modello di traliccio con sole staffe richiede un incremento dell'armatu-
ra a flessione, a conferma del fatto che il taglio richiede anche barre lon­
gitudinali, sia che le si metta inferiormente o come ferri di parete.
Per quanto riguarda l’opportunità di usare un coefficiente riduttivo,
la sperimentazione mostra che i modelli utilizzati nel metodo delle ten­
sioni ammissibili sottostimano la resistenza a taglio della sezione arma­
ta. Per una maggior esattezza occorrerebbero modelli più realistici, co­
Taglio 343

me quelli proposti per le verifiche allo stato limite ultimo.. Questi mo­
strano che la riduzione citata, che porta ad un dimezzamento delle staf­
fe, è in effetti possibile, ma rimane il fatto che essa non ha una giustifi­
cazione teorica nell’ambito del metodo delle tensioni ammissibili.
Occorre infine notare che usando staffe e ferri di parete (equivalenti
ai sagomati) la tensione di compressione nel puntone è dimezzata ri­
spetto a quella che nasce usando solo staffe. Nell’ambito del metodo del­
le tensioni ammissibili ciò non ha alcuna importanza, perché il limite
imposto (τ < τc1) garantisce in ogni caso che la tensione di compressione
nel puntone sia accettabile» Allo stato limite ultimo, invece, il modello di
traliccio con inclinazione variabile del puntone prevede che la capacità
portante a taglio corrisponda all’angolo per il quale la resistenza del
puntone uguaglia quella delle armature. Avere una sollecitazione mino­
re nel puntone (come nel caso di sagomati o di staffe più ferri di parete)
consente di arrivare al collasso con una inclinazione del puntone più
piccola e quindi con sollecitazioni più basse nelle armature a taglio.
Personalmente ritengo quindi migliore il comportamento di un’ar­
matura costituita da staffe e ferri di parete rispetto ad una con sole staf­
fe e consiglio di disporre, anche fuori calcolo, almeno una coppia di ferri
di parete in tutte le travi emergenti. Questi ferri risultano utili anche
per assorbire eventuali sollecitazioni di trazione, prodotte dal ritiro o da
variazioni termiche, e limitano la possibilità di fessurazione della trave.

4.4. Un approccio unificato


Le armature a taglio nel metodo delle tensioni ammissibili vengono tra­
dizionalmente giustificate con i due modelli citati nei paragrafi prece­
denti (armatura per assorbire la risultante delle tensioni principali di
trazione, oppure il traliccio di Mörsch). Ma mi sembra opportuno intro­
durre fin d’ora un ulteriore modello, che è stato sviluppato per lo stato
limite ultimo ma che si adatta anche alle tensioni ammissibili. Il citarlo
qui può apparire come un appesantimento del testo, ma mi piace farlo
perché aiuta ad una comprensione unitaria di tensioni ammissibili e
stato limite ultimo. In effetti, la discretizzazione della trave in aste (in­
trodotta col traliccio di Mörsch) appare un po’ una forzatura perché an­
nulla la continuità del materiale tipica della teoria di elasticità lineare,
344 Capitolo 11

ma i indispensabile per giustificare l’uso delle staffe come armatura a


taglio. E però possibile sostituire le aste discretizzate del traliccio con
distribuzioni continue di tensione (campi di tensione). Ciò è quanto re­
almente avviene nel calcestruzzo, che presenta tensioni di compressione
inclinate a 45°; riguardare il contributo delle armature a taglio come a
tensioni distribuite è invece una semplificazione, verosimile se le arma­
ture sono abbastanza fitte.
Il modello che si considera prevede quindi: l’armatura tesa per la
flessione, con risultante Ns; le tensioni di compressione per flessione, so­
stituite dalla loro risultante Nc; le tensioni ϭc di compressione a 45° do­
vute al taglio; le tensioni ϭs di trazione dovuta all’armatura a taglio As,
disposta con passo s ed inclinazione a (con α=45° per sagomati, α=90°
per staffe).
Se si effettua una sezione orizzontale lungo la trave e si prende in
esame un tratto lungo dz (fig. 21 a), in esso agiscono le tensioni ϭc che
hanno come risultante Fc
Fc = b dz sin 45° ϭc

Fig. 21 - campi di tensione in sezioni orizzontali e verticali della trave


Taglio 345

e le tensioni as che hanno come risultante Fs

La componente orizzontale di queste due forze rappresenta la forza di


scorrimento (già citata nel ricavare la relazione di Jourawski). La com­
ponente verticale risultante deve invece essere nulla, per garantire
l'equilibrio alla traslazione verticale. Deve quindi essere
Fc sin45° = FS sina
e quindi

Se si effettua una sezione verticale (fig. 21 b) e si considera il tratto


di altezza z (braccio della coppia interna), la risultante Fc delle tensioni
ϭ vale
Fc = b z cos45° ac
mentre la risultante Fs delle tensioni vale

La componente verticale risultante delle due forze deve essere pari al


taglio V. Si ha quindi
V = FC sin 45° + Fs sin a
ovvero

Sfruttando la relazione tra ϭc e ϭs, trovata per l’equilibrio della se­


zione orizzontale, si ottiene infine

con una espressione che riunisce quelle ricavate per sagomati e per staffe.
346 Capitolo 11

4.5. Minimi di armatura nel metodo delle tensioni ammissibili


La normativa italiana3 relativa al metodo delle tensioni ammissibili
(D.M. 14/2/92) prescrive (punto 5.3.2) che
“Nelle travi si devono prevedere staffe aventi sezione complessiva non in-
feriore a 0.10 (3 cm2/m, essendo p la larghezza corrispondente a
τ = τc0, con un minimo di tre staffe al metro e comunque passo non supe­
riore a 0,8 volte l'altezza utile della sezione”
Il riferimento normativo alla ‘larghezza corrispondente a τ = τc0”
non è il massimo della chiarezza; interpretandolo come “la larghezza per
la quale si avrebbe τ = τc0” ed essendo il valore massimo della tensione
tangenziale direttamente proporzionale alla larghezza, il limite equivale
a 0.10 b τ / τc 0 cm2/m, con b espressa in cm. Inoltre la parola “sezione
complessiva” fa ritenere che nel confrontare l’area disposta con questo
minimo si debba tenere conto del numero di bracci delle staffe che, come
si è visto, interviene nel calcolo dell’armatura a taglio (ma non in quella
per la torsione). Il limite del passo (“non superiore a 0.8 volte l’altezza
utile della sezione”) è necessario per garantire che una lesione a 45° in­
contri almeno una staffa; esso è praticamente irrilevante per travi e-
mergenti, per le quali il limite di tre staffe a metro già garantisce tale
risultato, mentre è particolarmente significativo per le travi a spessore.
La norma aggiunge poi, nello stesso punto, che
“In prossimità di carichi concentrati o delle zone d'appoggio, per una
lunghezza pari all'altezza utile della sezione da ciascuna parte del carico
concentrato, il passo delle staffe non dovrà superare il valore 12 0, es­
sendo 0 il diametro minimo dell'armatura longitudinale
Questa indicazione può risultare particolarmente condizionante nel
caso di travi emergenti. Se si sono usate barre 014, anche se insieme a
barre di diametro maggiore, il passo delle staffe dovrà essere al massi­
mo 12x1.4=16.8 cm (arrotondato in pratica a 15 cm) e tale valore risulta
più che sufficiente ad assorbire il taglio, almeno in presenza dei normali
valori di luci e carichi che si riscontrano negli edifici per civile abitazione.
Si ricorda infine che la norma prescrive che almeno il 40% del taglio
sia affidato alle staffe (vedi paragrafo 3.4).

3 Le frasi riportate in corsivo sono estratte dalla normativa


Taglio 347

Esempio 5. Data una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo con Eck = 25MPa
armata con barre in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, si determini la quanti­
tà di staffe necessaria per sopportare un taglio V -120 kN.
Si noti che il taglio da utilizzare potrebbe essere il valore medio nel tratto con­
siderato (anche se può essere più comodo far riferimento al taglio massimo).
E buona norma controllare preliminarmente se la sezione è accettabile e se
è necessario effettuare il calcolo delle armature a taglio. Occorre quindi calcola­
re la tensione tangenziale massima, che vale

Disponendo staffe 08 a due bracci, ciascuna delle quali fornisce un’area 2x0.5 =
1.0 cm2 (perché un 08 ha un’area di 0.5 cm2), occorre disporre 10ϕ8 per metro,
cioè un 08 ogni 10 cm.

Esempio 6. Data una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo con Rck=25MPa


armata con barre in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, si determini il valore
del taglio che può essere sopportato da staffe a due bracci ϕ8/10, ϕ8/15, ϕ8/20.
È spesso conveniente calcolare una volta per tutte il taglio che può essere sop­
portato dalle staffe più comunemente adoperate, come quelle indicate. Si calco­
la innanzitutto l’area corrispondente alle staffe
348 Capitolo 11

Esempio 7. Data una sezione rettangolare.8.0x24 in calcestruzzo con RCk=25MPa


armata con barre in acciaio FeB44k,con copriferro c=4 cm, nella quale sono dispo­
sti 4014 sagomati in un metro, si determini la quantità di staffe da aggiungere
per sopportare un taglio V=120 kN..l
Dopo aver controllato che la sezione è accettabile e che occorre calcolare l'arma-
tura, si determina il taglio che prtò .essere sopportato dai sagomati disposti. La
loro area è
Asag =4x1.54 = 6.16 cm2/m
ed il taglio che possono portare, ottenuto invertendo la formula di progetto, è

Il taglio da affidare alle staffe è quindi


Vst =V - Vsag =80-28.3 = 51.7 kN
Si noti che se il taglio ottenuto fosse risultato inferiore al 40% del taglio agente
(32 kN) si sarebbe dovuto calcolare le staffe per quest’ultimo valore. Si ha

Non è sufficiente disporre staffe 08/10 a 2 bracci (pari a 10.0 cm2/m). Per non
ridurre ulteriormente il passo, è preferibile adottare staffe 08/15 a 4 bracci (pari
a 13.3 cm2/m).

5. Meccanismi e modelli di comportamento oltre il limite lineare

I modelli utilizzati per esaminare una trave in c.a. soggetta a flessione e


taglio nelle ipotesi di comportamento lineare lasciano alquanto insoddi­
sfatti. In assenza di una specifica armatura a taglio, ha senso determi­
nare lo stato tensionale mediante la trattazione di Jourawski solo fino al
raggiungimento della resistenza a trazione del calcestruzzo, cioè per va­
lori molto bassi del taglio. Discutibili appaiono anche i modelli usati in
presenza di armatura a taglio. Il riferimento alla risultante delle ten­
sioni principali di trazione risente del limite di validità delle formule
con cui tali tensioni sono ricavate; ed il modello di traliccio di Mörsch
parte da un comportamento di trave fessurata ben lontano dalle ipotesi
di comportamento lineare del materiale. Inoltre Tevidenza sperimentale
mostra che tali modelli forniscono risultati cautelativi, ma spesso ben
Taglio 349

lontani dal vero. Occorre quindi riesaminare il comportamento di una


trave soggetta a flessione e taglio per individuare modelli che, superan­
do il limite lineare, risultino più verosimili.
\

E opportuno innanzitutto ricordare che la teoria di De Saint Venant


non vale per aste tozze né in prossimità di carichi concentrati (e quindi
degli appoggi), cioè proprio nelle situazioni in cui il taglio può essere più
preoccupante. Per comprendere il meccanismo di comportamento in tali
situazioni si può fare una analogia col comportamento di una parete in
muratura. Anche questo materiale, come il calcestruzzo, è dotato di una
bassissima resistenza a trazione. Quando si verifica un cedimento loca­
lizzato al di sotto di una parete muraria, l'andamento delle lesioni
(fig. 22) mostra il raggiungimento di una nuova configurazione di equili­
brio, nella quale la parte superiore della muratura è sostenuta mediante
un meccanismo ad arco. L'arco è infatti uno schema statico nel quale i
carichi verticali producono esclusivamente sforzo normale (purché esso
abbia una forma opportuna, cioè sia funicolare dei carichi). In maniera
analoga nelle zone di una trave in cui sono applicate forze concentrate, o
in prossimità degli appoggi (fig. 23), le azioni vengono trasmesse me­
diante puntoni compressi (trasferimento diretto del carico, o “effetto ar­
co”). L’ampiezza della zona interessata è direttamente proporzionale
all’altezza della trave. In questa zona non ha senso parlare di flessione e
taglio. Si noti che per l’equilibrio dell'estremità dell’arco occorrono azio­
ni orizzontali che nel caso della parete muraria sono fornite dal vincolo
di base, assimilabile ad un incastro. In altre situazioni queste azioni
vengono assorbite da un apposito tirante orizzontale. Nella trave la fun-

Fig. 22 - lesioni in una parete muraria soggetta a cedimento verticale localizzato


350 Capìtolo 11

Fig. 23 - Effetto arco: puntoni compressi in una trave

zione di tirante è svolta dall’armatura inferiore, disposta per la flessio­


ne, e si può dimostrare che i due modelli (flessionale o ad arco) richiedo­
no sostanzialmente la stessa quantità di barre. Per mensole molto corte
si adotta esplicitamente un modello “strut and tie”, cioè puntone e tirante.
Ad una distanza dagli appoggi, o da forze concentrate, superiore al­
l'altezza utile d occorre invece far riferimento al comportamento a fles­
sione e taglio. In assenza di specifiche armature a taglio, finché il carico
è molto basso le sollecitazioni taglianti sono assorbite grazie alla resi­
stenza del calcestruzzo a trazione. Appena questo cresce un po' si for­
mano le tipiche lesioni a taglio e flessione. Sperimentalmente si può di­
mostrare che la trave è in grado di sopportare ulteriori incrementi di ca­
rico, fino al formarsi di lesioni che mostrano la rottura per pressofles-
sione del puntone inclinato compreso tra due fessure (fig. 24 a) o la rot­
tura del corrente compresso per compressione e taglio (fig. 24 b). Per de­
scrivere il comportamento a taglio in questa fase è stato proposto, nel­
l'ambito dello stato limite ultimo, un modello, detto “a pettine”, che par­
te da una base teorica ed è opportunamente tarato in maniera tale da
rappresentare adeguatamente i dati sperimentali.
In presenza di armature a taglio, si è cercato di cogliere il compor­
tamento reale della trave con modelli che rappresentano una evoluzione
del traliccio di Mörsch. Considerando un vincolo di incastro tra puntone
compresso e corrente compresso, più verosimile della cerniera prevista
nel modello a traliccio tradizionale, in un ambito non lineare si riesce a
tener conto del contributo resistente del calcestruzzo (trascurato nel me­
todo delle tensioni ammissibili). Il modello inizialmente proposto, che
sommava direttamente questo contributo a quello dell’armatura (deno­
minato “metodo normale”) è stato affiancato, anzi superato, da un mo-
Taglio 351

Fig. 24 - rottura di una trave non armata a taglio

dello che tiene conto della variazione di inclinazione delle tensioni di


compressione (“metodo dell inclinazione variabile del traliccio”). Equiva­
lente a quest’ultimo ai fini pratici, ma non concettualmente, è il modello
di “campi di tensione”, che supera la limitazione introdotta dall’uso di
aste “discrete” del traliccio al posto del reale “continuo” strutturale4..

E f f e t t o arco - indicazioni di normativa


Per tenere conto dell'effetto arco, l'Eurocodice 2 (punto 4.3.2.2) consente
di incrementare la resistenza di una trave priva di armature a tagliò, in
presenza di forze concentrate situate ad una distanza x<=2.5 d dal filo
dell’appoggio, moltiplicando la resistenza del calcestruzzo τRd. per un fat­
tore β pari a
β= 2.5 d/x, con 1.0 <= β <= 5.0
Per lo stesso motivo, nel caso di travi con carico uniformemente distri­
buito è ritenuto generalmente cautelativo assumere come taglio massi­
mo nel tratto di estremità della campata il valore di Vsd calcolato alla
distanza d dall’appoggio.
La normativa italiana (D.M. 9/1/96, punto 4.2.2.4.2) indica invece di
ridurre il taglio all’appoggio provocato da forze-concentrate applicate ad
una distanza x < = 2 d dall’appoggio stesso nel rapporto x / 2 d , a condizione
che le armature tese (che servono per la flessione o come tirante per
1 arco) siano adeguatamente ancorate.

4Si veda l'articolo di Nielsen, Braestrup e Bach, Rational Analysis of Shear in


Reinforced Concrete Beams, IABSE Proceedings P-15/78
352 Capitolo 11

6. Modello non lineare - resistenza in assenza di armatee

6.1. Il modello “a pettine”


Il modello a pettine nasce dall’osservazione che una trave fessurata
a taglio può vedersi come costituita da un corrente compresso, corri­
spondente alla costola del pettine, e dagli elementi compresi tra le lesio­
ni, corrispondenti ai denti del pettine, inclinati a 45 gradi rispetto alla
costola (fig. 25). I denti del pettine sono attraversati, nella parte inferio­
re, dall’armatura disposta per la flessione (la figura si riferisce ad una
trave appoggiata agli estremi, sollecitata da un momento flettente posi­
tivo; se il momento fosse negativo la costola sarebbe posta inferiormente
ed i denti superiormente, ma le formule non cambierebbero). L’arma­
tura è soggetta ad una forza di trazione proporzionale al momento flet­
tente M e pari a

essendo 2 il braccio della coppia interna. Questa azione varia di sezione


in sezione, al variare di M. In un modello lineare, in assenza di fessura­
zione, la variazione di Ns è bilanciata dalle τ di aderenza, come già mo­
strato nel paragrafo 1. In presenza di fessurazione la variazione di Ns
diventa invece un’azione orizzontale ΔNs sul dente (fig. 26). Ricordando
che la variazione del momento flettente è legata al taglio (ΔM= V Δz), si ha

Fig. 25 - modello “a pettine”


Taglio

Fig. 26 - dente del pettine

Verifica del dente.


La forza orizzontale ΔNs genera nel dente uno sforzo normale di com­
pressione ed un momento flettente rispetto alla sezione d’incastro, trat­
teggiata in figura. La resistenza del dente, e quindi la capacità della se­
zione di sopportare taglio, può essere determinata esprimendo in fun­
zione di V la massima tensione di trazione e confrontandola con la resi­
stenza a trazione del calcestruzzo. Nel fare ciò si devono applicare le
formule valide per calcestruzzo nel primo stadio, cioè capace di resistere
a trazione.
Le caratteristiche della sollecitazione provocate dalla forza ΔNs val­
gono

La sezione resistente ha base b ed altezza Δz/√2 ; la sua area è quindi


A = b Δz / √2 ed il modulo di resistenza W = b (Δz/√2) 2 / 6 . La massi­
ma tensione di trazione è di conseguenza pari a
35.4 Capitolo 11

In base a considerazioni sperimentali si può assumere che sia


Az — d
x = 0.2d e quindi d - x = 0.8 d
Si ottiene così

e, considerando la resistenza a trazione per flessione pari a 1.6 fctd, si


ottiene
VM = 0.25 b d frJd

Verifica del corrente compresso.


Se si prende in esame il concio di estremità della trave in corrisponden­
za dell’appoggio, delimitato dalla prima lesione a taglio (fig. 27), si rica­
va dall’equilibrio alla rotazione rispetto all’appoggio
NC = V
La sezione del corrente è soggetta a sforzo normale di compressione e
taglio. Supponendo per semplicità che le tensioni dovute a ciascuna del­
le caratteristiche di sollecitazione siano costanti nella sezione, si ha

Fig. 27 - equilibrio del concio di estremità della trave


Taglio 355

e quindi ϭ = τ. Il cerchio di Mohr corrispondente a questo stato tensiona-


le ha per centro il punto

e per raggio

La tensione principale vale

e sostituendo in questa espressione i valori innanzi determinati si ha

ϭξ = 0.62 τ = 0.62 V/bx

Se si impone che la tensione principale di trazione sìa uguale al va­


lore di resistenza a trazione del calcestruzzo si ottiene un valore limite
del taglio pari a
VRd= 1.6bxfctd
Man mano che ci si sposta verso il centro della campata lo sforzo norma­
le aumenta mentre il taglio diminuisce. Ciò comporta una riduzione della
tensione principale di trazione ed un aumento della resistenza del corrente.
Confrontando il valore ora determinato con quello fornito dalla veri­
fica del dente, si ha che la resistenza del corrente compresso è minore di
quella del dente se 1.6 x < 0.25 d , ovvero se x < 0.156 d . Questa situazio­
ne normalmente non si verifica in. sezioni soggette a flessione semplice,
a meno che l'armatura a flessione non sia estremamente bassa; diventa
invece molto probabile se la sezione è soggetta a tensoflessione.

6.2. Altri contributi alla resistenza del dente


Tutti gli studi sperimentali sulla rottura di sezioni non armate a taglio
mostrano valori in genere maggiori di quelli forniti dalle espressioni ri­
cavate mediante il modello a pettine. Occorre quindi integrare il modello
con ulteriori considerazioni.
356 Capitolo 11

Fig. 28 - a) ingranamento degli inerti; b) effetto spinotto

Ingranamento degli inerti.


Le lesioni non sono mai perfettamente lisce; quando i denti si deformano
a pressoflessione, lo scorrimento tra le due facce della fessura (mostrato
in scala molto amplificata nella figura 28 a) viene limitato dall’attrito
dovuto alla scabrosità delle superfici e soprattutto dal contatto diretto
tra gli inerti. Le azioni mutue così generate riducono l’entità del mo­
mento flettente e limitano la deformazione del dente. Questo effetto,
detto di ingranamento degli inerti, è particolarmente rilevante per travi
basse, per le quali le fessure sono particolarmente strette; al crescere
dell’altezza della trave l’ampiezza della lesione aumenta e l’effetto del-
l’ingranamento si riduce.

Effetto spinotto.
Lo scorrimento tra le due facce di una fessura comporta anche una de­
formazione dell’armatura flessionale, mostrata in maniera esagerata-
mente accentuata nella figura 28 b, che però comporta che salti almeno
in parte il calcestruzzo di ricoprimento. Anche le barre di armatura e-
sercitano quindi un’azione mutua che riduce il momento flettente nel
dente e ne aumentano la resistenza (effetto spinotto, o effetto bietta). Il
contributo delle barre longitudinali può essere quantizzato proprio valu­
tando la resistenza del calcestruzzo di ricoprimento e dipende dalla
quantità di armatura disposta.

Effetto dello sforzo assiale.


La presenza di uno sforzo assiale di compressione incrementa la resi­
stenza a taglio di una sezione non armata. Esso infatti aumenta le di­
mensioni del corrente superiore rendendone più difficile la rottura; con­

V.-:
Taglio 357

temporaneamente i denti del modello a pettine vengono accorciati e si


riduce in essi l'effetto flettente.
Il contrario accade in presenza di trazione: la diminuzione di di­
mensione del corrente compresso e l'incremento di flessione nel dente
riducono sensibilmente la capacità di portare taglio, rendendo quasi
sempre necessaria la disposizione di specifiche armature per il taglio.

6.3. Prescrizioni della normativa

Eurocodice 2
L’Eurocodice 2 (punto 4.3.2.3) indica col simbolo VRd1 il valore di calcolo
della resistenza a taglio di un elemento strutturale privo di una specifi­
ca armatura a taglio. Questa è fornita dall'espressione

VRd1 = [ τRd k (1.2 + 40 ρ1) + 0.15 ϭcp] bw d


nella quale bw è la larghezza minima della sezione e τRd. è la resistenza
unitaria a taglio di calcolo di riferimento, pari a 0.25 fctd =0.25 fctk0,05 / γc .
Nella formula si può riconoscere innanzi tutto il contributo base del
modello a pettine, 0.25 b d f c t d , già mostrato in precedenza. Esso è molti­
plicato per due termini, che rappresentano il contributo dell'ingrana-
mento degli inerti e dell'effetto spinotto. Il primo è espresso mediante il
coefficiente k che vale
k = l6-d
con d altezza utile della sezione espressa in metri, a condizione che sia
d < 0.6 m e che almeno il 50% dell'armatura inferiore sia portata fino
all'appoggio e ben ancorata (in caso contrario si assume k = 1). L'effetto
bietta è invece valutato mediante il termine
1.2 + 40 ρ1
nel quale p/ è la percentuale geometrica di armatura

ed A.sl è l'area delle armature di trazione ben ancorate rispetto alla se-
zione in esame. Si noti che la normativa consente di attribuire a ρ1 al
massimo il valore 0.02 (nel senso che se l'armatura è maggiore solo que-
358 Capitolo 11

sta aliquota si considera effìcace). Il coefficiente moltiplicativo per Per­


fetto bietta vana quindi da un minimo di 1.2 ad un massimo di 2.
Il termine aggiuntivo 0.15 ϭcp b d rappresenta infine la variazione
di resistenza tagliante per effetto di una forza assiale Nsd ; ϭcp = Nsd / Ac è
infatti la tensione media nella sezione, da considerare positiva se di
compressione, negativa se di trazione.

Normativa italiana
La norma italiana (D.M. 9/1/96, punto 4.2.2.2.2) prescrive come limite
della resistenza a taglio di una sezione priva di armature a taglio il va­
lore
0.25 fctd r (1+50 ρ1) bw d δ
In questa espressione i due fattori r e 1+50 ρ1 rappresentano rispettiva­
mente il contributo dell'ingranamento degli inerti e dell’effetto bietta. Il
fattore r coincide con il k dell’Eurocodice 2 e ρ1 è la percentuale geome­
trica di armatura tesa, definita in precedenza.
Completamente diverso è invece il modo in cui si tiene conto della
presenza di uno sforzo assiale. In assenza di questo, il coefficiente 5 è
pari ad 1. In presenza di un apprezzabile sforzo normale di trazione si
deve assumere 8=0, cioè considerare nulla la resistenza a taglio. In pre­
senza di compressione si assume invece

essendo Msd il momento sollecitante e Mo il momento di decompressione,


cioè il valore di M che, unitamente allo sforzo normale Nsd, porta a un
diagramma triangolare di tensioni (passaggio tra sezione tutta compres­
sa e sezione parzializzata). Se per effetto di Nsd e di Msd la sezione è tut­
ta compressa, si assume δ=2.

Esempio 8. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo con Rck=25MPa


armata a flessione con 4014 con copriferro c-4 cm, si determini il valore del taglio
al di sotto del quale, operando allo stato limite ultimo, non è necessario calcola­
re Varmatura a taglio.
Per il calcestruzzo utilizzato si ha
τRd = 0.25 fctd = 0.25 x 1.01 ≈ 0.25 MPa
Taglio 359

La percentuale geometrica di armatura a flessione è

Il termine che tiene conto dell'effetto spinotto vale quindi


1.2+40 ρl = 1.2+40x0.00446 = 1.379
L’effetto dell’ingranamento degli inerti è
k = 1.6 - d = 1.6 -0.46 = 1.14
Si ha quindi
VRd1 =0.25x1.14 x 1.379 X 30 X 46 X IO-1 =54.2kN

Esempio 9. Dato un solaio in calcestruzzo con Rck~25MPa di spessore h=24 cm,


con due travetti a metro da 10 cm armati in prossimità dell'appoggio con 1010 e
1ϕ14 con copriferro c=2 cm, sollecitato allo stato limite ultimo, a filo della fascia
piena, con un taglio Vsd=28 kN, si valuti se è possibile non disporre un’armatura
a taglio. - '
La sezione da considerare (per una fascia di solaio larga un metro) è quella co­
stituita dai soli due travetti, cioè 20x24 e l’altezza utile è d = 22 cm. Per il cal­
cestruzzo utilizzato si ha τRd = 0.25 MPa. La percentuale geometrica di armatu­
ra a flessione è

Il termine che tiene conto dell’effetto spinotto vale quindi


1.2 + 40 ρ1, =1.2 + 40x0.01059 = 1.624
L’effetto dell'ingranamento degli inerti è
k = 1.6-d = 1.6-0.22 = 1.38
Si ha quindi
VRdì = 0.25 X 1.38 X1.624 x 20 x 22 x 10-1 =24.6kN
Poiché il taglio agente supera VRd1 la sezione andrebbe armata a taglio. Se nel
tratto considerato sono presenti sagomati se ne può tener conto. In caso contra­
rio può essere preferibile aumentare VRd1 modificando la larghezza della sezio­
ne, realizzando una fascia semipiena, anziché disporre realmente armatura a
taglio (poiché mettere staffe nei travetti del solaio è veramente scomodo).
Realizzando una fascia semipiena al posto dei soli travetti la larghezza b si
triplica, passando da 20 a 60 cm, ed il taglio resistente VRd1 ha una analoga va­
riazione e diventa pari a 73.8 kN. In questo modo esso supera ampiamente il
taglio agente Vsd ed è effettivamente possibile non disporre armatura a taglio.
360 Capitolo 11

7. Modello non lineare - armatura a taglio

7.1. Metodo normale


Il modello di traliccio, proposto da Mörsch ed utilizzato per il metodo
delle tensioni ammissibili, fa in realtà riferimento ad una situazione ben
diversa da quella di materiale omogeneo ed isotropo, perché le diagonali
compresse (puntoni inclinati di calcestruzzo) sono individuate dalle fes­
sure provocate dal taglio. Appare quindi logico utilizzare tale modello
anche nell'ambito delle verifiche allo stato limite ultimo. Occorre però
notare che il modello proposto da Mörsch è un traliccio isostatico, nel
quale tutte le aste sono incernierate nei nodi. Nella realtà il puntone
diagonale compresso è incastrato al corrente superiore (come già detto
parlando di dente e dorso del pettine); appare quindi più corretto tenere
conto di tale vincolo utilizzando un modello di traliccio iperstatico.
Il cosiddetto “metodo normale” per la valutazione della resistenza a
taglio di una trave dotata di specifica armatura per il taglio consiste
nell’analizzare il modello di traliccio iperstatico, con puntoni compressi
inclinati a 45° ed incastrati nel corrente compresso (fig. 29). Le diagonali
tese possono essere costituite da ferri sagomati o da staffe; nella tratta­
zione si indicherà genericamente con a l’inclinazione di tali elementi ri­
spetto all'orizzontale, essendo quindi a=45° per i sagomati e a=90° per
le staffe.
Finché il comportamento si mantiene in campo elastico, lo schema
iperstatico lavora sostanzialmente come il traliccio isostatico. Infatti la
rigidezza estensionale è molto maggiore rispetto a quella flessionale e si
può quindi trascurare la flessione che nasce nelle aste. Al crescere del
taglio, si può giungere allo schiacciamento del puntone o allo snerva-

Fig. 29 - traliccio iperstatico


Taglio 361

mento dell’armatura a taglio. Nel primo caso si ha una rottura fragile,


con piccole deformazioni. Nel secondo caso, invece, si può sfruttare l’i-
perstaticità iniziale dello schema: l’armatura snervata si deforma ed i
puntoni inclinati iniziano a lavorare a flessione. Il collasso avviene, alla
fine, per la rottura a pressoflessione del dente, in presenza di grandi de­
formazioni.

Schiacciamento del puntone


Come appena detto, le sollecitazioni nel puntone in fase elastica possono
essere determinate trascurando l’iperstaticità del traliccio. La forza di
compressione che in esso agisce, NpUn, può essere determinata effet­
tuando una sezione verticale ed imponendo che la sua componente ver­
ticale sia uguale al taglio. Si ha così

Poiché la distanza tra i puntoni, misurata in orizzontale, è pari a


z (1+cotα), la loro sezione trasversale ha altezza z (1+cotα)/√2 e lar­
ghezza ò. La rottura per schiacciamento si avrà quando la tensione rag­
giunge il valore v fcd, essendo v un opportuno fattore che tiene conto del­
la riduzione di resistenza per la presenza contemporanea di tensioni di
trazione nella direzione perpendicolare. Per l’Eurocodice 2 esso vale

La rottura a compressione si ha quindi quando

cioè per un valore del taglio, che indicheremo col simbolo VRd2, pari a

L’Eurocodice 2, nell’imporre questa formula, precisa che si deve uti­


lizzare cautelativamente il valore α = 90° (e quindi cot α=0) in presenza
di sagomati, perché la piega della sagomatura induce, localmente valori
più elevati di tensione nel calcestruzzo; si userà pertanto un valore di
362 Capitolo 11

cot a maggiore di zero solo se vi sono staffe inclinate (tipologia normal­


mente non utilizzata in Italia). La norma italiana fornisce una espres­
sione analoga, nella quale è però indicato il valore 0.30-al posto di v/2.

Snervamento dell'armatura
Finché si mantiene in regime elastico, nel traliccio iperstatico sono pre­
ponderanti le azioni assiali ed è molto piccolo il momento flettente nel
puntone. Quando nell’armatura a taglio si raggiunge la tensione di sner­
vamento, gli ulteriori incrementi di carico producono un incremento
della sollecitazione flessionale nel puntone inclinato, fino alla sua rottu­
ra, mentre Tannatura si deforma a tensione costante. Il valore del taglio
che porta alla rottura, che indichiamo con è quindi somma del va­
lore Vwd che si avrebbe in uno schema isostatico e dell’aliquota VCd dovu­
ta alla resistenza del puntone compresso (visto come dente del pettine)

La forza di trazione Ndiag nella diagonale tesa del traliccio è data, in


base alle condizioni di equilibrio, da

Se si indica con Asw; Tarea di armatura a taglio disposta in un tratto s,


l’area della diagonale tesa è

ed imponendo che la tensione nella diagonale, Ndiag / Adiag, sia pari a f yd


si determina il taglio che provoca lo snervamento dell’armatura

Il contributo del puntone compresso è valutato, secondo TEurocodice 2,


con il già descritto modello di pettine. Si ha quindi
Vcd = Vrd1
Per la normativa italiana il contributo del puntone compresso deve
invece essere determinato mediante l’espressione
Vcd = 0.60 f ctd bw d δ
Taglio 363

nella quale il coefficiente δ tiene conto della presenza di uno sforzo as­
siale. La normative impone inoltre di non fare affidamento su un valore
di Vcd superiore a Vwd. Per essa si ha quindi, più precisamente
VRd3 = min ( Vwd + Vcd; 2 Vwd )

Verifica della sezione e progetto dell’armatura


In base a quanto esposto, la resistenza a taglio di una sezione è il mino­
re tra i valori di VRd2 e VRd3. La verifica di una sezione, con armatura a
taglio assegnata, consiste quindi semplicemente nel confrontare il taglio
sollecitante col VRd2 e VRd3 e controllare che sia più piccolo di entrambi.
Usualmente, però, si ha a che fare con sezioni già dimensionate (per
la flessione) e bisogna quindi controllare la correttezza del dimensiona­
mento e calcolare le armature necessarie.
In questo caso, una volta deciso se usare staffe verticali o inclinate
si deve calcolare il valore di VRd2, confrontandolo col taglio agente Vsd,
verificare l’accettabilità della sezione. Se essa va bene, si deve calcolare
il valore di Vcd e quindi la resistenza a taglio necessaria per l’armatura
V wd, nec = Vsd -Vcd

Infine si deve calcolare l’area di armatura a taglio necessaria utilizzan­

do la formula inversa
Ovviamente quando l’armatura è costituita da staffe occorre tenere con­
to anche del numero di bracci, come già mostrato per il modello lineare.
In alternativa si può ricavare preliminarmente, con la formula mo­
strata in precedenza, la resistenza corrispondente alle più comuni di­
sposizioni di staffe (ad esempio ϕ8/10, ϕ8/15, ϕ8/20 cm) e confrontare
tali valori con la resistenza necessaria.
Si noti che le formule usate coincidono (a meno dell’ovvia variazione
della tensione di riferimento) con la formula generale ottenuta nel me­
todo delle tensioni ammissibili. Esse sono però riferite alla sola aliquota
Vwd e non al taglio totale Vsd, perché il modello usato allo stato limite ul­
timo affida una parte del taglio al calcestruzzo, a differenza del metodo
delle tensioni ammissibili che lo affidava totalmente all’armatura.
364 Capitolo 11

Esempio 10. Data una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo con Rck =25MPa
armata a flessione con 4014 in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, si determini
il valore del taglio che può essere sopportato allo stato limite ultimo da staffe a
due bracci ϕ8/10, ϕ8/15, ϕ8/20, usando il metodo normale.
Taglio 365

7J£. Metodo dell'inclinazione variabile del traliccio


Le prove di carico condotte su travi, fino alla rottura per taglio, mostra­
no che l’inclinazione delle isostatiche di compressione rispetto all’oriz­
zontale tende a ridursi dopo lo snervamento dell'armatura a taglio. Fin­
ché le armature sono in campo elastico, si può ritenere che lo stato ten-
sionale sia quello determinato col cerchio di Mohr a partire dalle sole x
(fig. 30 a), perché quando si formano le lesioni a 45° le tensioni principali
di trazione sono sopportate dalle armature a taglio. Quando queste si
snervano tendono ad esserci sensibili scorrimenti lungo le lesioni a ta­
glio; per l'ingranamento degli inerti viene così trasmessa una tensione
tangenziale xi. Aggiungendo queste tensioni il cerchio di Mohr si modifi­
ca (fig. 30 b) e le direzioni principali di compressione non sono più a 45°,
ma sono inclinate rispetto all'orizzontale di un angolo 9, più piccolo.
Partendo da questa constatazione, si può schematizzare la trave
come un traliccio isostatico, generalizzazione di quello di Mörsch, nel
quale il puntone compresso ha una generica inclinazione ϴ; f armatura a
taglio può sempre essere costituita da sagomati e staffe e quindi se ne
indica l'inclinazione con a (fig. 31). Raggiunto lo snervamento dell’arma­
tura il taglio può ancora crescere, grazie al progressivo inclinarsi del
puntone, fino a quando questo arriverò allo schiacciamento. La norma­
tiva parla quindi di “metodo di inclinazione variabile del traliccio” (an­
che se sarebbe più corretto dire “inclinazione variabile del puntone”). Si
noti che anche in questo modo si tiene contro del contributo del calce-

a) cerchio di Mohr per sole τ, ovvero in b) cerchio di Mohr ottenuto consideran­


assenza di azioni trasmesse tra le due do le azioni trasmesse tra le due facce
facce della lesione della lesione

Fig. 30 - variazione delle isostatiche di compressione


1*3 f> rr-.’

366 Capitolo 11

Fig. 31 - traliccio isostatico con inclinazione variabile del puntone

struzzo, trascurato nel metodo delle tensioni ammissibili. Lo si fa però


non sommando la resistenza a flessione del puntone (come nel metodo
normale, che considera un traliccio iperstatico) bensì considerando va­
riabile l'inclinazione del puntone stesso.
La resistenza a schiacciamento del puntone e quella a snervamento
dell'armatura possono essere valutate immediatamente, generalizzando
le espressioni determinate per il metodo normale. Si ha infatti

e l’altezza della sezione del puntone è z (cot ϴ + cot α) sin ϴ. Quindi il


taglio che porta a rottura il puntone è
Taglio 367

Dalle due espressioni si può notare che, partendo da un’inclinazione


del puntone ϴ=45° (cioè cot ϴ=1), se si riduce il valore di 0 (e cresce cot 0)
si ha una riduzione di VRd2 ed un aumento di VRd3. Si può allora pensare
che nelle fasi iniziali del processo di carico le isostatiche di compressione
siano a 45°. Quando, dopo aver raggiunto lo snervamento, si incremen­
tano ulteriormente i carichi iniziano a verificarsi grosse deformazioni e
scorrimenti tra le fessure e le isostatiche di compressione si inclinano.
In questo modo l’armatura può portare un taglio maggiore. Contempo­
raneamente si riduce la resistenza del puntone compresso ed il collasso
sarà sempre dovuto allo schiacciamento di questo e sarà raggiunto per
quel valore di 0 per il quale VRd2 e VRd3 diventano uguali. Nelle applica­
zioni pratiche occorre però mettere un limite inferiore a 0, ovvero un li­
mite superiore a cot 0, che per il decreto di applicazione nazionale ita­
liano dell’Eurocodice 2 è cot ϴ=2.

Verìfica della sezione e progetto dell'armatura


In base a quanto esposto, la resistenza a taglio di una sezione è il valore
comune di VRd2 e VRd3, determinato per un opportuno valore di 0, oppure
il minore tra i due valori determinati per cot ϴ=2. Operativamente, con­
viene iniziare a calcolare il valore di VRd2 e VRd3 per cot ϴ=2. Se entrambi
sono maggiori del taglio sollecitante, la sezione è sicuramente verificata,
mentre se VRd3 è minore di Vsd la sezione non va bene. Nelle altre situa­
zioni, occorre trovare il valore di 0 che massimizza la resistenza impo­
nendo la condizione
VRd2 = VRd3
Si ottiene

che deve essere eventualmente limitato rispettando le indicazioni del


NAD italiano (1 <= cot ϴ <= 2). Usando questo valore si calcola la resisten­
za a taglio, da confrontare con l’azione sollecitante.
Di solito però le armature sono incognite del problema. In tal caso,
si può calcolare innanzitutto il valore di VRd2 con cot ϴ=2. Se, come quasi
sempre accade, questo valore è maggiore di Vsd la sezione è sovrabbon-
368 Capitolo 11

\
dante. E allora possibile calcolare, con la formula ricavata in precedenza
e con cot 0=2, la resistenza corrispondente alle più comuni disposizioni
di staffe (ad esempio ϕ8/10, ϕ8/15, ϕ8/20 cm) in modo da individuare
quella necessaria. Oppure si determinerà l'area di armatura a taglio ne­
cessaria utilizzando la formula inversa

Solo nei casi in cui il valore di VRd2 calcolato con cot ϴ=2 risulta infe­
riore a Vsd occorre determinare 0 imponendo la condizione
VRd2 = VSd
e poi verificare la sezione e progettare Tannatura col valore di 0 così
trovato.

Esempio 11. Si verifichi col metodo di inclinazione variabile del traliccio una
sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo con Rck = 25 MPa armata con staffe
ϕ8/15 a due bracci in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, soggetta al taglio
Vsd = 250 kN;
L'area corrispondente alle staffe è

Si inizia calcolando la resistenza VRd2 del calcestruzzo, ponendo cot ϕ = 2. Essendo


v = 0.596 ez= 41.4 cm, si ha

La resistenza VRd3 dell’armatura, calcolata ponendo cot ϴ = 2, è

Poiché il taglio sollecitante è minore sia di VRd2 che VRd3 la sezione è verificata.

Esempio 12. Si verifichi col metodo di inclinazione variabile del traliccio una
sezione rettangolare 60x24 in calcestruzzo con Rck=25MPa armata con staffe
08/ 7.5 a quattro bracci in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, soggetta al ta­
glio Vsd = 350 kN.
L’area corrispondente alle staffe è
Taglio 369

La resistenza VRd2 del calcestruzzo, calcolata ponendo cotϴ=2 e tenendo conto che
v = 0.596 e z = 18 cm, vale

La resistenza VRd3 dell'armatura, calcolata ponendo cot ϴ = 2, è

In questo caso, poiché Vsd < VRd3 ma Vsd > VRd2 occorre calcolare il valore di 0
che massimizza la resistenza. Si ha

Con tale valore si determina

Poiché questo valore è inferiore a Vsd la sezione non è verificata.

Esempio 13. Data una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo con Rck= 25 MPa
armata con barre in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, si determini col metodo
di inclinazione variabile del traliccio la quantità di staffe necessaria per soppor­
tare un taglio V = 180 kN.
Anche in questo caso conviene partire col calcolo di VRd2, ipotizzando cot 0 = 2.
Essendo v = 0.596 e z= 50.4 cm, si ha

Poiché questo valore è maggiore del taglio sollecitante è corretto usare cot 0 = 2.
L'armatura necessaria in un tratto di un metro vale quindi

Disponendo staffe 08 a due bracci, ciascuna delle quali fornisce un’area 2x0.5 =
1.0 cm2, occorre disporre 508 per metro, cioè un 08 ogni 20 cm.

Esempio 14, Data una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo con Rck=25MPa
armata con barre in acciaio FeB44k, con copriferro c=4 cm, si determini il valore
del taglio che può essere sopportato allo stato limite ultimo da staffe a due bracci
ϕ8/10, ϕ8/15, ϕ8/20, usando il metodo di inclinazione variabile del traliccio.
370 Capitolo 11

7.3. Modello dèi campi di tensione


Gli stessi risultati del metodo di inclinazione variabile del traliccio si ot­
tengono con un modello proposto dalla scuola danese (Nielsen, Brae-
strup e Bach) che sostituisce le aste discretizzate del traliccio con distri­
buzioni continue di tensione (campi di tensione). Esso considera presen­
te: l'armatura tesa per la flessione, con risultante Ns; le tensioni di com­
pressione per flessioni, sostituite dalla loro risultante Nc; le tensioni ac
dir compressione dovute al taglio, inclinate di un generico angolo ϴ; le
tensioni ϭs di trazione dovuta all’armatura a tàglio ASy disposta con pas­
so s ed inclinazione α (con α=45° per sagomati, α=90° per staffe).
Se si effettua una sezione orizzontale lungo la trave e si prende in
esame un tratto lungo dz (fig. 32 a), in esso agiscono le tensioni ϭc che
hanno come risultante Fc
Fc=b dz sin ϴ ϭc
e le tensioni <rs che hanno come risultante Fs
Taglio 371

Fig. 32 - campi di tensione in sezioni orizzontali e verticali della trave

La componente verticale risultante deve essere nulla, per garantire


l'equilibrio alla traslazione verticale. Deve quindi essere
Fc sin ϴ = Fs sin a
e quindi

Se si effettua una sezione verticale (fig. 32 b) e si considera il tratto


di altezza z (braccio della coppia interna), la risultante Fc delle tensioni
crc vale
Fc = b z cos ϴ ϭ
mentre la risultante Fs delle tensioni ϭs vale

La componente verticale risultante delle due forze deve essere pari al


taglio V. Si ha quindi
V = Fc sinϴ + Fs sin α
372 Capitolo 11

ovvero

Se si sfrutta la relazione tra ϭc e ϭs, trovata per l’equilibrio della sezione


orizzontale, per eliminare ϭs nell’espressione, si ottiene
V = b z sin2 ϴ (cot ϴ + cot α) ϭc
Ponendo ϭc =v f e c d e 1 + cot2 ϴ = 1 / sin2 ϴ, si ritrova l’espressione di VRd2

Se invece la si sfrutta per eliminare ϭc nell’espressione, si ottiene

e ponendo ϭs = fyd si ritrova l’espressione di VRd3

7.4, Traslazione del diagramma dei momenti


Si è già fatto notare con riferimento al comportamento lineare che i mo­
delli utilizzati per analizzare il comportamento a taglio della sezione

Fig. 33 - sollecitazione nell’armatura a flessione nel modello “a pettine”


Taglio 373

hanno dei risvolti anche sul comportamento flessionale. Ciò vale anche
per lo stato limite ultimo; meglio ancora, il problema è stato sollevato
proprio analizzando la trave allo stato limite ultimo.
Si consideri il modello a pettine, usato per valutare la resistenza a
taglio in assenza di specifiche armature per tale caratteristica (fig. 33).
La forza di trazione Ns costituisce, insieme con la forza di compressione
Nc, una coppia che bilancia il momento flettente M2. La forza Ns non è
però applicata sulla stessa verticale di Nc bensì ad una distanza
Δz=d-x≈z. Si può quindi concludere che in una sezione che dista zi
dall’appoggio l’armatura fissionale è sollecitata non dal momento Mi
corrispondente ma dal momento M2 calcolato ad una distanza Az.
Un problema analogo sussiste anche in presenza di armatura a ta­
glio. Si consideri una sezione con ordinata zi, nella quale agisce il mo­
mento flettente M(zi). La forza di trazione nelle armature può essere ri­
cavata dall’equilibrio alla rotazione rispetto al punto P, in cui è applica­
ta la risultante di compressione, e vale, in un modello tradizionale
(fig. 34 a)

Tenendo conto dell'inclinazione 0 del puntone compresso e a dell’arma­


tura (fig. 34 b), la condizione di equilibrio alla rotazione rispetto a P di­
venta invece

Fig. 34 - sollecitazione nell’armatura a flessione


374 Capitolo 11

e quindi lo sforzo normale nelle armature è incrementato, rispetto al va­


lore previsto dalla teoria dell’elasticità, della quantità VI2 (cot ϴ - cotα).
Ciò equivale a dire che l’armatura a flessione deve essere progettata
per il valore del momento flettente che si ha in una sezione posta a di­
stanza Δz = z/2 (cotϴ - cotα), ovvero che bisogna “traslare” di tale quan­
tità il diagramma del momento per ottenere i valori da usare nel dimen­
sionamento delle armature. Si noti che quando si usano staffe questa
quantità può valere al massimo z (se cot ϴ = 2), mentre quando si usano
sagomati oppure staffe e ferri di parete essa è nulla se cot ϴ =1 e arriva a
zi2 quando cotϴ =2.

7.5. Considerazioni sull'armatura con staffe e ferri di parete


Nel paragrafo 4.2 si è descritta la tipologia di armatura a taglio costitui­
ta da staffe e ferri di parete e si è mostrato come essa possa considerarsi
equivalente a barre inclinate a 45°. Più in generale, si può studiare la
relazione tra tale disposizione e quella con barre inclinate di un angolo
a generico ed al suo comportamento in presenza di un puntone inclinato
di un angolo 0.
Procedendo in maniera analoga a quanto fatto in precedenza, si fa riferi­
mento alle armature inclinate di un angolo a e disposte in un tratto s , misura­
to in orizzontale, ovvero s sin α misurato ortogonalmente alle armature. La for­
za Nsag che esse sopportano può essere scomposta secondo la verticale e l’oriz­
zontale (fig. 35); le due componenti

Fig. 35 - scomposizione della forza di trazione tra staffe e ferri di parete


Taglio 375

possono essere affidate alle staffe ed ai ferri di parete disposti in un tratto cor­
rispondente alla proiezione orizzontale e verticale del tratto s sin a, cioè di lun­
ghezza rispettivamente
s sin2 α e s sin α cos α
Si può constatare che il rapporto tra forza nelle staffe (o nei ferri di parete) e
tratto in cui questi ferri sono disposti è lo stesso per i due gruppi di armature,
cioè le staffe ed i ferri di parete devono essere disposti uniformemente con la
stessa “densità” indipendentemente dal valore dell’angolo a. Infatti Npar è tanto
più piccolo quanto più oc si avvicina a 90°, ma si riduce corrispondentemente
anche la dimensione del tratto verticale rispetto a quella del tratto orizzontale.
Analiticamente, si ha

La forza che può essere sopportata dalle staffe si ricava moltiplicando l’area di
staffe per unità di lunghezza Ast /s per la lunghezza del tratto orizzontale e per
la tensione limite dell'acciaio

e quindi

Analogamente, la forza che può essere sopportata dati ferri di parete si ri­
cava moltiplicando l’area di ferri di parete disposti su tutta l’altezza utile z, Apar,
per il rapporto tra la lunghezza del tratto verticale e l’altezza utile e per la ten­
sione limite dell'acciaio

e quindi

ed essendo Nsag = Asag fyd si ha


376 Capitolo 11

Queste due espressioni possono essere utilizzate come formule di progetto.


Invertendole e tenendo presente che, con questo modello, staffe e ferri di parete
sono necessari contemporaneamente, si può ricavare la resistenza fornita da tali
armature

Nel caso in cui vi siano più staffe che ferri di parete, cioè quando il taglio
limite VRd3,sta è maggiore di VRd3,par, si può ritenere che una parte delle staffe
assorbano da sole il taglio. Tale aliquota vale

e per essa si applicano le espressioni relative ad armatura con sole staffe. La


stessa cosà non è ovviamente possibile quando capita il contrario, cioè se i ferri
di parete sono presenti in quantità maggiore delle staffe.
Le espressioni ora ricavate mostrano che il contributo di staffe e ferri di
parete è legato all’angolo a. Staffe e ferri di parete non corrispondono però ad
una armatura inclinata di un angolo a specifico, perché possono essere equiva­
lenti a barre disposte con un angolo qualsiasi. Si può quindi determinare quale
sia l’angolo che ne massimizza il contributo, ovvero che rende massima la
quantità
f = (cot ϴ + cot α) sin2 α= cot ϴ sin2 α + sin α cos α
Imponendo che la derivata di questa quantità si annulli, si ottiene
Taglio 377

Tabella 1- contributo dei ferri di parete alla resistenza a taglio

In corrispondenza a questo valore di a si ottiene il valore massimo di f ; tenendo


conto che

La resistenza a taglio fornita dalla presenza contemporanea di staffe e fer­


ri di parete, proporzionale a /max, può essere confrontata con quella di un’arma­
tura costituita da sole staffe, che è proporzionale a cot ϴ (Tab. 1). Si può conclu­
dere che quando ϴ=45°, cot ϴ=1, cioè nel caso delle tensioni ammissibili o nel
metodo “normale” dello stato limite ultimo, il contributo dei ferri di parete non
è trascurabile, essendo superiore al 20%. Quando, invece, nel metodo dell’incli-
nazione variabile del traliccio si riduce l’inclinazione del puntone il loro contri­
buto diventa meno rilevante, riducendosi a meno del 6% quando cot ϴ=2, valore
massimo consentito dal decreto italiano di applicazione dell'Eurocodice 2; ri­
mane però, come fatto positivo, la riduzione di compressione nel puntone che
può, nel caso di sezioni sottodimensionate, consentire una inclinazione del pun­
tone compresso altrimenti impossibile.

7.6. Minimi di armatura nel metodo degli stati limite


La normativa italiana allo stato limite ultimo (D.M. 9/1/96) richiede
(punto 5.3.2) che siano disposte “staffe aventi sezione complessiva non
inferiore a
Asi =0.10 (1 + 0.15 d / b ) b cm2/m
378 Capitolo 11

essendo d l'altezza utile della sezione e b lo spessore minimo dell'anima


in cm, con un minimo di tre staffe al metro77. La norma ribadisce poi le
indicazioni relative al passo massimo già citate con riferimento al meto­
do delle tensioni ammissibili (mai superiore a 0.8 volte l’altezza utile
della sezione, con l'ulteriore limite di 12 0 in prossimità di carichi con­
centrati e delle zone di appoggio). .
L’Eurocodice 2 (punto 5.4.2.2) indica col simbolo pm la percentuale di
armatura a taglio

e ne prescrive il valore minimo accettabile in funzione delle caratteristi­


che del calcestruzzo e dell’acciaio. Ad esempio, per calcestruzzo C20/25,
equivalente ad RCk = 25 MPa, ed acciaio S400. sostanzialmente analogo
agli acciai italiani, si ha ρw = 0.0009 e l'area minima di staffe (sin α=l)
da disporre in un metro (s=100 cm) è pari a 0.09 b, valore leggermente
minore di quello imposto dalla norma italiana.
Il massimo passo accettabile tra le staffe di una trave è espresso in
funzione del rapporto tra taglio agente Vsd e taglio limite VRd2 come
- min(0.8 d; 30 cm) se Vsd / VRd2 <= 0.20
- min(0.6 d: 30 cm) se 0.20 <= Vsd / VRd2 <= 0.67
- min(0.3 d; 20 cm) se Vsd / Vnd2 >= 0.67
Nel caso di travi emergenti, che sono quasi sempre sovradimensio­
nate rispetto al taglio, ciò può portare a staffe più distanziate rispetto a
quanto prescritto dalla norma italiana (ma io consiglio di continuare a
mantenere un passo di 15 cm agli appoggi); le indicazioni possono invece
diventare più gravose nel caso di travi a spessore.
L’Eurocodice 2 fornisce anche indicazioni sulla massima distanza
longitudinale tra barre sagomate, che è 0.6 d (1+cot α), cioè 1.2 d nel ca­
so di barre piegate a 45°.

8. Confronto tra stato limite ultimo e tensioni ammissibili

Per avere un’idea delle differenze che si hanno applicando il metodo de­
gli stati limite anziché quello delle tensioni ammissibili, si possono con-
Taglio 379

sperare a titolo di esempio due casi rappresentativi di situazioni che


possono riscontrarsi in edifici: una sezione di trave a spessore 80x24 ed
ma emergente 30x60, entrambe con copriferro di 4 cm, realizzate con
calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa; le due sezioni hanno un'area sostan­
zialmente coincidente. Le verifiche a taglio nei confronti dei tre valori
VRd1, VRd2 e VRd3, definiti allo stato limite ultimo, corrispondono rispet­
tivamente al confronto di τ con i valori limite τc0 e τc1 ed alla verifica
dell'armatura a taglio, effettuati nel metodo delle tensioni ammissibili.

Resistenza della sezione in assenza di armatura


Ipotizzando un’armatura tesa per flessione pari a 4ϕ20 e quindi una
percentuale di armatura longitudinale ρl ≈ 0.075 si ha
trave a spessore VRd1 = 85.6 kN
trave emergente VRd1 = 66.1 kN
La differenza tra le due sezioni è dovuta solo al termine k (ingranamen-
to degli inerti).
Se si opera alle tensioni ammissibili, il valore τc0 viene raggiunto
per entrambe le sezioni per un taglio V ≈ 80 kN; a questo corrisponde­
rebbe nel caso di stato limite ultimo, tenendo conto della differenza nei
carichi, il valore 80x1.45=116 kN.
\
E evidente che la resistenza fornita dal modello a pettine è molto più
bassa di quella corrispondente al raggiungimento della τc0 , in particola­
re per le sezioni di maggiore altezza. Ciò non comporta veri problemi per
le travi, per le quali un'armatura a taglio viene sempre disposta, mentre
può essere condizionante nei solai, per i quali si cerca di solito di non di­
sporre armatura a taglio confidando sulla resistenza della sezione.

Resistenza della sezione in presenza dì armatura a taglio.


Considerando un'armatura a taglio costituita da sole staffe (α=90°) ed
una inclinazione del puntone ϴ=45° (cot ϴ=1) e ϴ=26.6° (cot ϴ=2) si ha ri­
spettivamente
trave a spessore VRd2= 556.7 kN e 445.4 kN
trave emergente VRd2= 584.6 kN e 467.7 kN
In presenza di staffe inclinate, anziché verticali, la resistenza sarebbe
ancora maggiore.
380 Capitolo 11

Operando alle tensioni ammissibili, si raggiunge il valore τc1 per un


taglio V = 255 kN, al quale corrisponderebbe nel caso di stato limite ul­
timo il valore 255x1.45=370 kN, indipendentemente dall'inclinazione
delle staffe.
\

E evidente che la resistenza valutata allo stato limite ultimo è mol­


to maggiore di quella corrispondente al raggiungimento della τc1.

Resistenza dell’armatura a taglio.


Considerando due diverse quantità di staffe (08/10 e 08/20, a due brac­
ci, di acciaio FeB44k) si ha utilizzando rispettivamente il metodo di in­
clinazione variabile del traliccio o quello normale
trave a spessore, ϕ8/10 VRd3 =134.6 kN o 152.9 kN
trave a spessore, ϕ8/20 VRd3 = 67.3 kN o 119.3 kN
trave emergente, ϕ8/10 VRd3 =376.9 kN o 254.6 kN
trave emergente, ϕ8/20 VRd3 =188.5 kN o 160.4 kN
con valori abbastanza diversi a seconda del mètodo usato, maggiori col
metodo di inclinazione variabile del traliccio nel caso di travi emergenti.
Operando alle tensioni ammissibili si ha invece come taglio per il
quale si raggiunge la tensione ammissibile nell’armatura
trave a spessore, ϕ8/10 Vmax = 45.9 kN x 1.45 = 66.6 kN
trave a spessore, ϕ08/20 Vmax = 23.0 kN x 1.45 = 33.3 kN
trave emergente, ϕ8/10 Vmax =128.5 kN x 1.45 = 186.4 kN
trave emergente, ϕ8/20 Vmax = 64.3 kN x 1.45 = 93.2 kN.
v
E immediato constatare quanto il metodo delle tensioni ammissibili
sottovaluti la resistenza dell'armatura.
Taglio 381
382 Capitolo 11
Capitolo 12
PUNZONAMENTO

1. Taglio e punzonamento

Si parla di punzonamento quando una forza concentrata agisce su un


punto, o meglio su una superficie non troppo estesa, di un elemento bi­
dimensionale (piastra). In effetti si tratta di un problema analogo a
quello dell’effetto di una forza applicata ad un elemento monodimensio­
nale (trave), studiato nel capitolo precedente. Si è visto che localmente
la forza si diffonde direttamente, con il cosiddetto effetto arco; superata
una certa distanza dal punto di applicazione, il comportamento della se­
zione della trave a taglio in regime lineare è stato valutato con la teoria
di De Saint Venant (o di Jourawski), mentre modelli di traliccio (o di
campi di tensione) sono stati usati per cogliere il comportamento del

Fig. 1 - trave soggetta a forza concentrata


384 Capitolo 12

Fig. 2 - piastra soggetta a forza concentrata (nella figura è mostrato


solo il concio di piastra che sostiene, la forza)

concio di trave allo stato limite ultimo (fig. 1). Si noti che allontanandosi
dalla forza rimangono inalterati sia la caratteristica di sollecitazione da
trasmettere che la sezione resistente; di conseguenza tutta la trave va
verificata, e se necessario armata, a taglio.
Passando ad un elemento bidimensionale la sostanza non cambia.
Si può pensare che la forza sia sostenuta dalle tensioni tangenziali x che
agiscono sulle quattro facce laterali di un parallelepipedo (fig. 2 a) oppu­
re da campi inclinati di tensione che agiscono sulle quattro facce di un
tronco di piramide (fig. 2 b). In questo caso, però, man mano che ci si al­
lontana dalla forza la superficie laterale resistente aumenta e si riduce
lo stato tensionale. A differenza del taglio nella trave, quindi, il rischio
di punzonamento è limitato alla zona critica immediatamente circostan­
te la forza applicata.

2. Modello lineare

L’impostazione tradizionale, utilizzata nelle verifiche col metodo delle


tensioni ammissibili, prevede la determinazione delle tensioni tangen­
ziali x con un modello lineare e con riferimento ad una sezione a filo
dell’area caricata. Detto u il perimetro dell’area caricata, h lo spessore
dell’elemento bidimensionale, e quindi d la sua altezza utile e z il brac-
Punzonamento 385

cio della coppia interna, la massima tensione tangenziale è fornita dal­


l'espressione

a seconda che si consideri la sezione tutta reagente o parzializzata. Spes­


so però, un po’ meno cautelativamente, la si valuta come

Se questo valore è inferiore a τc0 l'elemento è in grado di resistere al


punzonamento anche senza specifiche armature. Se è superiore a τc1 la
sezione non è accettabile (occorre aumentare lo spessore dell'elemento).
In situazioni intermedie, la forza F sarà assorbita da un’apposita arma­
tura disposta secondo le isostatiche di trazione, e quindi inclinata a, 45°.
L’armatura totale As,pun deve avere una componente verticale pari ad F e
deve quindi essere pari a

Esempio 1. Su un solaio pieno in c.a. di spessore 18 cm, realizzato con calce-


struzzo di classe Rck=25 MPa ed armato come una piastra con barre in acciaio
FeB44k, è stato realizzato un soppalco usato come deposito, che scarica una for­
za di 40 kN su un'area d'impronta di 20x20 cm. Verificare il solaio a punzona­
mento col metodo delle tensioni ammissibili.
Il perimetro dell’area caricata è u=80 cm. Seguendo la prassi, anche se non cau­
telativa, si ha

questo valore è inferiore a τc0, che per il calcestruzzo usato vale 0.53 MPa. La se­
zione è verificata a punzonamento e non è necessario disporre specifiche armature.

Esempio 2. Su una platea di fondazione in c.a. di spessore 50 cm, realizzata


con calcestruzzo di classe Rck=25 MPa ed armata a piastra con barre in acciaio
FeB44k, scaricano pilastri di sezione 30x70, posti secondo una maglia regolare
di 4 m per 5 m. Ciascun pilastro ha uno sforzo normale di 1100 kN. Verificare
386 Capitolo 12

la platea a punzonamento col metodo delle tensioni ammissibili e determinare,


se necessaria, Varmatiira da disporre.
Il perimetro dell'area caricata è u=200 cm. Nel valutare le tensioni tangenziali
si può tener conto del fatto che la reazione del terreno bilancia in parte lo sforzo
normale e quindi riduce la forza di punzonamento. Se si ipotizza che la platea
sia rigida rispetto al terreno, la forza di 1100 kN agisce su una superficie di 4x5
= 20 m2 e quindi la tensione nel terréno è

La forza che si trasmette attraverso là superficie laterale è quindi


F' = 1100 - (30x70x100)x0.055x10-3= 1088.5 kN
quasi coincidente con lo sforzo normale trasmesso dal pilastro. Si ha quindi

Questo valore è compreso tra t o (0.53 MPa) e τc1 (1.69 MPa). La sezione è veri­
c

ficata a punzonamento, ma occorre disporre un’armatura

Si tratta di un’armatura molto forte, equivalente a 20020. La si può realizzare


disponendo al di sotto del pilastro 5 barre 020 in una direzione e 5 nell’altra,
sagomate a 45° verso l’alto ad entrambe le estremità.

3. Modello non lineare

3.1. Normativa italiana


Far riferimento ad una sezione a filo dell’area caricata, come nel metodo
delle tensioni ammissibili, è in verità eccessivamente cautelativo. Par-
lando dell'effetto arco nel capitolo precedente si è detto che un carico
concentrato si diffonde, con un angolo che potrebbe essere compreso tra
30 e 45°, e solo all’esterno di tale zona ha senso preoccuparsi del taglio o
del punzonamento. Ciò è riconosciuto, almeno in parte, già nel D.M.
9/1/96, che definisce come perimetro u di riferimento per il punzona­
mento quello ottenuto diffondendo l’area caricata a 45° fino al piano
medio della sezione (fig. 3). La resistenza a punzonamento in assenza di
apposita armatura è quindi (secondo il punto 4.2.2.5)
Punzonamento 387

Questa espressione deriva dal considerare la tensione tangenziale pari a


F l uh ed accettare una tensione principale di trazione (uguale alla x)
non superiore alla metà della resistenza a trazione del calcestruzzo.

Esempio 3. Verificare allo stato limite ultimo secondo le indicazioni del D.M.
9/1/96 la platea dell'esempio 2, assumendo che il valore di calcolo dello sforzo
normale trasmesso da ciascun pilastro sia 1600 kN.
I lati del perimetro critico misurano a = 30+50 = 80 cm e b = 70+50 = 120 cm. Il
perimetro critico è quindi w = 400 cm. La tensione sul terreno è

La forza che si trasmette attraverso la superficie laterale è quindi


F' = 1600-(80x120x100)x0.080x10-3 = 1523.2 kN
cioè è inferiore di circa il 5% rispetto allo sforzo normale trasmesso dal pilastro.
Poiché per il calcestruzzo utilizzato la resistenza a trazione vale fctd= 1.01 MPa,
la resistenza a punzonamento in assenza di armature è quindi
FRd = 0.5 x 400 x 50 x 1.01 x 10-1 = 1010 kN
Poiché la forza trasmessa attraverso la superficie critica è superiore a tale vaio-
re, occorre disporre un’armatura a punzonamento.

3.2. Normativa europea


L’Eurocodice 2 compie un ulteriore passo avanti, perché considera una
diffusione del carico con angolo di circa 33° rispetto all’orizzontale, più
precisamente con un rapporto larghezza/altezza pari a 1.5, anziché i 45°
del D.M. 96; inoltre la diffusione è estesa fino alle armature inferiori e
388 Capitolo 12

Fig. 4 - perimetro e sezione critica secondo l’Eurocodice 2

non fino al piano medio (fig. 4a). Il perimetro critico è quindi ottenuto
traslando le linee di contorno dell’area caricata (o di una figura convessa
che la racchiude) di una quantità pari a 1.5 d e raccordandole con archi
di circonferenza (fig. 4b). Ad esempio, se l'area caricata è un rettangolo
di lati a e b il perimetro critico misura
u = 2a+2b+3πd.
Se Tarea caricata è in prossimità di uno o più bordi liberi, il perime­
tro critico termina con tratti perpendicolari al bordo (ed il bordo libero
ovviamente non è conteggiato nel perimetro), se così facendo si ottiene
una lunghezza minore di quella ottenuta in assenza di bordo (fig. 5).

Fig. 5 - riduzione del perimetro criticò in prossimità del bordo


Punzonamento 389

Fig. 6 - riduzione del perimetro critico in prossimità di fori o per pilastri allungati

Ulteriori riduzioni devono essere fatte se Farea caricata è situata in


prossimità di fori o aperture della piastra (fig. 6 a). Nel caso di aree cari­
cate di forma rettangolare molto allungata, con rapporto tra i lati a e b
maggiore di 2, o con perimetro maggiore di 10 d, la forza viene trasmes­
sa in misura maggiore in prossimità degli spigoli. Il perimetro critico
viene in tal caso individuato con riferimento a lunghezze ridotte ai e bi
(fig. 6b).
Una volta-individuato il perimetro critico, la resistenza a punzona­
mento è sostanzialmente riconducibile alle formule utilizzate per il ta­
glio. L’Eurocodice preferisce far riferimento alle forze sollecitanti e resi­
stenti valutate per unità di lunghezza del perimetro critico ed utilizza
per tali forze la lettera V, come per il taglio, ma minuscola (quindi v).
L’azione sollecitante a punzonamento è quindi

se Vsd è Fazione da trasmettere attraverso il perimetro critico (pari alla


forza concentrata diminuita, nel caso di fondazioni, della reazione del
terreno valutata per tutta Farea racchiusa dal perimetro critico). Se il
carico concentrato può presentare un’eccentricità se ne deve tener conto
incrementando vsd mediante un coefficiente p. In mancanza di calcoli
specifici, nel caso di pilastri posti in prossimità di un bordo o di uno spi>
golo di una piastra si può assumere rispettivamente β=1.4 e β=1.5.
390 Capitolo 12

Per quanto riguarda la resistenza a punzonamento, si possono valu­


tare, come per il taglio, le tre quantità
URd1 resistenza di calcolo della sezione, per unità di lunghezza di peri­
metro critico, in assenza di specifica armatura a punzonamento;
URd2 resistenza di calcolo della sezione, per unità di lunghezza di peri­
metro critico, in presenza di specifica armatura a punzonamento;
URd3 resistenza di calcolo, per unità di lunghezza di perimetro critico,
dell’armatura a punzonamento.
Se vsd è minore di URd1 non è necessario disporre armatura per il punzo­
namento; se è compresa tra URd1 e URd2 occorre disporre un’armatura tale
da avere vsd <= URd1; infine, se vsd è maggiore di URd2 la sezione non è ac­
cettabile.
La resistenza della sezione in assenza di armatura a punzonamento
è valutata con le stesse espressioni ottenute, nel caso di taglio, col mo­
dello a pettine. Si ha infatti
URd1 = τRd k (1.2+40ρl) d
In questa espressione, τRd è la resistenza unitaria a taglio di calcolo di
riferimento, già definita nel capitolo precedente, pari a 0.25 fctd. Le
quantità k, ρl d sono anch’esse già state definite in precedenza; occorre
solo osservare che, se le armature longitudinali tese sono disposte in
due direzioni ortogonali x ed y e con percentuali geometriche ρx e ρy , la
percentuale di armatura va valutata come

Si tenga presente, inoltre, che nelle verifiche a punzonamento la norma­


tiva consente di assumere per ρl al massimo il valore di 0.015 (e non
0.02 come per il taglio). Se la piastra non ha spessore costante, l’altezza
utile d sarà valutata come media geometrica delle altezze utili nelle due
direzioni ortogonali, misurate dove il perimetro critico interseca l’arma­
tura longitudinale.
In presenza di armatura a punzonamento, la resistenza della sezio­
ne è definita in funzione di URd1 come
URd2 = 1.6 URd1
La resistenza legata alle armature è invece valutata col metodo norma­
le, sommando la resistenza del dente del pettine a quella delle armature
Punzonamento 391

Si noti solo, come differenza formale ma non sostanziale, che nel caso
del taglio la resistenza dell’armatura, calcolata per il traliccio, era stata
riportata a resistenza per unità di lunghezza della trave, cosa non ne­
cessaria nel caso di punzonamento in cui, come detto, là verifica va fatta
solo per la sezione critica. L'armatura deve essere disposta all’interno
dell’area critica; se necessario, si effettuerà il controllo a punzonamento
anche considerando ulteriori perimetri critici.

Esempio 4. Verificare allo stato limite ultimo secondo le indicazioni dell'Euro-


codice 2 il solaio dell'esempio 1, assumendo che il valore di calcolo della forza
scaricata sia 60 kN e che sia presente nel solaio un'armatura tesa costituita da
1014 ogni 20 cm in entrambe le direzioni.
Ipotizzando un copriferro c=2 cm, l’altezza utile del solaio è d=16 cm. La diffu­
sione del carico si ha per un tratto 1.5 d = 24 cm. Il perimetro critico è quindi
u = 2 x 2 0 + 2 x 2 0 + 3x3.14 x 16 = 230.8 cm
L’azione sollecitante per unità di lunghezza è

Per calcolare la resistenza della sezione non armata a punzonamento, si deter­


mina innanzitutto la percentuale geometrica di armatura. In direzione x, aven­
do 1014 (1.54 cm2) ogni 20 cm si ha

Poiché l’armatura è uguale nelle due direzioni si ha

Inoltre è

e quindi

La resistenza è abbondantemente superiore alla sollecitazione; non occorre


quindi armatura a punzonamento.
Esempio 5. Verificare allo stato limite ultimo secondo le indicazioni dell'Euro-
codice 2 la platea dell'esempio 2, assumendo che il valore di calcolò dello sforzo
pormale trasmesso da ciascun pilastro sia 1600 kN e che sia presente nella pia-
392 Capitolo 12

tea un’armatura tesa .costituita da 1ϕ20 ogni 25 cm in una direzione e 1ϕ14


ogni 20 cm nell’altra.
Ipotizzando un copriferro c=4 cm, l’altezza utile della platea è d=46 cm e la dif­
fusione del carico si ha per un tratto 1.5 d = 69 cm. Il rapporto tra i lati del­
l’area caricata-è in questo caso maggiore di 2. Occorre quindi calcolare
b1 = MIN (30,2.8 x 46) = 30 cm
a1 = MIN (70,2 x 30,5.6 x 46 - 30) = 60 cm
Il perimetro critico è quindi
u = 2 x 3 0 + 2 x 60 + 3x3.14 x 46 = 613.5 cm
L’area racchiusa dal perimetro critico (trascurando in questa valutazione la dif­
ferenza tra ai ed a) è
A = 30x70 +2x30x69 + 2x 70x69 +3.14x46 2 =22548cm 2
Poiché la tensione sul terreno è ϭt = 0.080 MPa, la forza che si trasmette attra­
verso la superficie laterale è
F‘= 1600 - (22548 x 100) x 0.080 x 10-3 =1419.6 kN
Si noti che ìa riduzione della forza è percentualmente molto più rilevante, ri­
spetto a quanto visto negli esempi 2 e 3, perché l’area racchiusa dal perimetro
critico è molto più ampia. L’azione sollecitante per unità di lunghezza è

Per calcolare la resistenza della sezione, non armata a punzonamento, si deter­


mina innanzitutto la percentuale geometrica .di armatura. In direzione x si ha
1020 (3.14 cm2) ogni 250 cm, in direzione y 1014 (1.54 cm2) ogni 20 cm. Quindi

e nel complesso delle due direzioni

Inoltre è

e quindi
vRdì = 0.25 x 1.14 x (1.2 + 40 x 0.00320) x 46 x 10 = 174.1 kN/m
La resistenza è inferiore alla sollecitazione; occorre quindi controllare che la se­
zione armata a punzonamento si accettabile e quanta armatura disporre.
La resistenza della sezione, adeguatamente armata, è
vRd2 = 1.6 X174.1 = 278.6 kN/m
Punzonamento 393

Poiché questo valore è maggiore dell’azione sollecitante, la sezione è accettabi­


le. L’armatura necessaria può essere valutata imponendo la condizione di resi­
stenza URd3 >= USd

L’armatura così ottenuta è molto minore di quella calcolata nell’esempio 2. Ba­


sterebbe infatti disporre al di sotto, del pilastro 3 barre 014 in una direzione e 3
nell’altra, sagomate a 45° verso l’alto ad entrambe le estremità.

4. Confronto tra stato limite ultimo e tensioni ammissibili

Il punzonamento è forse l'argomento per il quale sono maggiori le diffe­


renze, in termini di risultati, tra stato limite ultimo (secondo l'Eurocodi-
ce 2) e tensioni ammissibili. Ciò è dovuto principalmente all'enorme in­
cremento del perimetro critico, che aumenta la sezione resistente ed i~
noltre, nel caso di fondazioni, riduce in maniera non trascurabile l'azio­
ne da trasmettere attraverso essa. Sono di conseguenza molto frequenti
rcasi in cui, passando dalla normativa italiana all'Eurocodice, non è più
necessario armare a punzonamento. Ma anche quando una armatura
deve essere disposta il risparmio è notevole: la resistenza dell'armatura
è, in se, analoga nei due casi, ma allo stato limite ultimo si tiene conto
anche del contributo del calcestruzzo, sempre rilevante e tale da ridurre
l'armatura necessaria a meno della metà.
394 Capitolo 12
Capitolo 13
TORSIONE

1. La torsione in una sezione omogenea

Nelle costruzioni reali non si riscontra quasi mai la presenza del solo
momento torcente T. Per i modelli lineari, di sezione omogenea ed iso-
tropa, vale il principio di sovrapposizione degli effetti e quindi l’effetto
della torsione è valutato separatamente e poi sommato a quello delle al­
tre caratteristiche di sollecitazione. I modelli non lineari dovrebbero in­
vece tener conto della contemporanea presenza di più caratteristiche di
sollecitazione, ma la carenza di dati sperimentali e di modelli teorici
spinge a considerare ancora la torsione come un fenomeno a se stante e
ad accoppiarlo al taglio con formule molto semplificate.
I primi studi sulla torsione risalgono a Coulomb (1784), che risolse
il caso della sezione circolare. La teoria generale sviluppata successiva­
mente da De Saint Venant è valida per elementi a sezione compatta (e
anche per sezioni chiuse di qualunque spessore) e cade in difetto per se­
zioni aperte di spessore sottile, come molti profilati in acciaio. Quando lo
spessore è estremamente sottile si deve applicare la teoria delle aree
settoriali, sviluppata da Vlasov. Si parla quindi in genere di torsione pu­
ra, alla De Saint Veriant, contrapposta alla torsione non uniforme, alla
Vlasov. In elementi sottili, ma non sottilissimi, il comportamento è in­
termedio. Si suol dire in tal caso che il momento torcente è portato in
parte come torsione primaria, alla De Saint Venant, ed in parte come'
torsione secondaria, alla Vlasov.
396 Capitolo 13

Come esempio elementare di torsione pura si può considerare un’a­


sta tubolare, con sezione a forma di anello di raggio r e di spessore sotti­
le (fig. 1). Un generico elemento infinitesimo sarà soggetto a tensioni
tangenziali x e subirà una deformazione angolare (scorrimento) y; ten­
sioni e deformazioni sono legate dalla relazione
τ = Gy
con G modulo di elasticità tangenziale. Essendo lo spessore piccolo, si
può assumere che la x non vari lungo lo spessore. Data la simmetria, i-
noltre, tutti gli elementi saranno soggetti alla stessa tensione e defor­
mazione. In definitiva, l’asse dell’asta rimane rettilineo, le fibre trasver­
sali (anulari) ruotano rigidamente, mentre le fibre longitudinali si de­
formano trasformandosi in eliche che si avvolgono lungo il cilindro.
L’angolo unitario di rotazione ϴ, cioè la rotazione relativa tra le due fac­
ce di un concio di lunghezza unitaria, può essere determinato facilmente
come rapporto tra lo spostamento provoca dallo scorrimento y, su un
tratto unitario, ed il raggio

Se si considera un’asta a sezione circolare piena (fig. 2) di raggio R,


ciascuna sezione trasversale ruota anche in questo caso in maniera rigi­
da. A parità di rotazione, punti appartenenti ad anelli di raggio r diver­
so subiscono spostamenti diversi, via via crescenti con r, e quindi le fibre
longitudinali subiscono uno scorrimento y crescente con r. Anche le ten­
sioni tangenziali variano alla stessa maniera e si può scrivere
Torsione 397

Fig. 2 - asta a sezione circolare soggetta a torsione

se τmax è la tensione tangenziale lungo il bordo del cerchio. Imponendo la


condizione di equilibrio alla rotazione tra la caratteristica di sollecita­
zione T e le tensioni agenti nella sezione, si ottiene la relazione

essendo IP il momento d’inerzia polare della sezione, che nel caso in e-


same è

Di conseguenza, la massima tensione tangenziale ed il massimo scorri­


mento valgono rispettivamente

e l’angolo unitario di rotazione 0

In sezioni con forma diversa dalla circolare o anulare lo scorrimento


y non può variare con la stessa legge, crescendo linearmente con la di­
stanza dal baricentro. Basti pensare che le tensioni tangenziali devono
essere sempre parallele al contorno e quindi devono annullarsi agli spi­
goli; di conseguenza anche lo scorrimento deve essere nullo negli spigoli,
nonostante questi siano molto lontani dal centro. Per questo motivo la
sezione trasversale, oltre a ruotare nel suo piano, deve presentare anche
defbrinazioni fuori piano (ingobbimento).
Ad esempio, nel caso di una sezione rettangolare di lati a e b, con
α >= b (fig. 3)? la tensione tangenziale t cresce lungo le mediane in manie-
398 Capitolo 13

Fig. 3 - andamento delle x in una sezione rettangolare soggetta a torsione

ra più rapida rispetto alla legge lineare, ed in misura diversa a seconda


della mediana. Lungo le diagonali la x cresce fino ad un certo punto, poi
diminuisce e si annulla ai vertici. Lungo i lati la τ varia da zero, in cor­
rispondenza degli spigoli, fino ad un valore massimo al centro del lato,
con valori maggiori nel lato lungo e minori nel lato corto. Il valore mas­
simo della tensione tangenziale è

Il coefficiente ψ varia quindi da 4.8, per sezione quadrata, a 3.0, per se­
zione rettangolare molto allungata.
Nel caso di sezione tubolare di forma qualsiasi e spessore t variabi­
le, ma sottile (fig. 4), si può assumere (come già fatto per la sezione anu-
lare) che la τ non vari lungo lo spessore. E' immediato constatare, pen­
sando all'equilibrio di una porzione limitata da due sezioni trasversali e
due sezioni longitudinali, che il prodotto τ t è costante e quindi la x va­
ria, in una sezione, in misura inversamente proporzionale allo spessore.
Imponendo la condizione di equilibrio alla rotazione tra la caratteristica
di sollecitazione T e le tensioni agenti nella sezione, si ottiene la relazione

essendo Ak l'area racchiusa dalla linea media della sezione tubolare. In­
fatti il prodotto r ds non è altro che il doppio dell'area dAk del triangolo
infinitesimo tratteggiato in figura.
Torsione 399

Fig. 4 - asta a sezione tubolare soggetta a torsione

La massima tensione tangenziale vale quindi (formula di Bredt)

2. Torsione per congruenza e torsione per equilibrio

Prima di procedere con lo studio del comportamento di sezioni in cemen­


to armato soggette a torsione, è opportuna una breve riflessione sulla
importanza - e diffusione — di tale caratteristica di sollecitazione nelle
strutture.
Teoricamente, quasi tutti gli elementi strutturali sono soggetti a
torsione. Si pensi, ad esempio, all’insieme costituito da travi e solai di
un edificio. Lo schema di calcolo adottato per il solaio, usualmente quel­
lo di trave continua, mostra la presenza di rotazione in corrispondenza
degli appoggi, in particolare in quelli di estremità. Ma l’appoggio altri
non è che la trave, che deve ruotare intorno all’asse e quindi, essendo
vincolata dai pilastri, essere soggetta a torsione. La torsione in questo
caso nasce esclusivamente per la congruenza tra elementi strutturali
adiacenti, ma non è indispensabile per l’equilibrio. Spesso essa non vie­
ne evidenziata dal calcolo, specialmente finché usiamo modelli più sem­
plici che analizzano i diversi elementi separatamente l’uno dall’altro.
Ma c’è, e se volessimo essere coerenti fino in fondo con i modelli di ana­
lisi e di comportamento lineari dovremmo trovare il modo di valutarla,
tossiamo farne a meno — ed è quanto avviene nella pratica professionale —
per due ragioni. Innanzitutto, perché le regole di buona progettazione
pongono di disporre in ogni caso armature (staffe e barre longitudina­
li) che servono anche per la torsione. In secondo luogo, perché superato
400 Capitolo 13

il limite lineare la rigidezza a torsione, già di per se bassa, si riduce ul­


teriormente e quindi diventa inessenziale per una verifica allo stato li­
mite ultimo.
Vi sono però dei casi in cui la torsione diventa necessaria per garan­
tire l'equilibrio. Si pensi, ad esempio, alla trave a ginocchio che regge i
gradini a sbalzo di una scala. Oppure ad una trave che sostiene una
pensilina non simmetrica. Anche se non molto frequenti, questi sono ca­
si in cui l’incapacità della trave a sopportare la torsione si tradurrebbe
in una impossibilità di sostenere i carichi agenti.
Nella pratica professionale attuale, ancora molto basata sul metodo
delle tensioni ammissibili, la torsione per congruenza non viene mai
presa in considerazione, tranne forse da qualche progettista molto pru­
dente, anche se questo modo di fare non è coerente con la modellazione
lineare tipica del metodo di verifica usato. L/Eurocodice ribadisce la va­
lidità di questa semplificazione, sottolineando (punto 4.3.3.1) che “sarà
necessario un calcolo completo della torsione... qualora Vequilibrio stati­
co di una struttura dipenda dalla resistenza torsionale degli elementi
che la compongono” e che “qualora, in strutture iperstatiche, la torsione
insorga solo per esigenze di compatibilità e la stabilità della struttura
non dipenda dalla resistenza torsionale, non sarà generalmente necessa­
rio considerare la torsione allo stato limite ultimo”, anche se tale torsio­
ne “può richiedere adeguati accorgimenti per limitare un'eccessiva
fessurazione allo stato limite di esercizio”.

3. Modello lineare - stato tensionale

3.1. Determinazione dello stato tensionale


"Finché lo stato tensionale è molto basso, si può applicare ad una sezione
in cemento armato la stessa trattazione valida per sezione omogenea.
Più precisamente, questo viene fatto trascurando del tutto l’eventuale
presenza di armature e facendo riferimento alla sola sezione di calce-
struzzo. Essendo in presenza di sole τ, le direzioni principali sono incli­
nate a 45° rispetto all’asse della trave e la tensione principale di trazio­
ne, ϭξ, è uguale alla τ.
Torsione 401

a
Fig, 5 - sezione reale e sezione tubolare utilizzata dopo la fessurazione

Quando la tensione principale di trazione supera la resistenza a


trazione del calcestruzzo si formano fessure che presentano un anda­
mento a spirale lungo la trave. Diventa indispensabile la presenza di
apposite armature, che per le usuali sezioni piene vengono disposte in
prossimità della superficie esterna. La sperimentazione mostra che in
tal caso solo la porzione esterna di calcestruzzo, per uno spessore abba­
stanza sottile, risulta collaborante. Ne deriva l’idea di considerare la
trave come se fosse tubolare, con un opportuno spessore t (fig. 5). La
parte racchiusa dalla linea media del tubo viene detta usualmente “nu­
cleo cerchiato”.
Lo spessore t della sezione tubolare potrebbe essere considerato,
molto semplicemente, pari al doppio del copriferro di calcolo c. Indica­
zioni bibliografiche1 suggeriscono di usare, nel caso di sezione rettango­
lare di lati a e b, con a > b, il più piccolo tra b/6 e b1/5, essendo b1 = b-2 c.
Ulteriori indicazioni si ritrovano, con riferimento allo stato limite ulti­
mo, nella normativa italiana (che suggerisce b1/6) e nell'Eurocodice 2
(che consente un qualsiasi valore compreso tra 2 c e A/u, dove A ed u so­
no rispettivamente area e perimetro della sezione).

3.2. Limiti tensionali nel metodo delle tensioni ammissibili


"I limiti previsti dal D.M. 14/2/92 riguardano sia taglio che torsione e so-
no già stati richiamati nel capitolo 11. In sostanza, non è richiesta la ve-
rifica delle armature finché la massima tensione tangenziale è inferiore
a τco ; se la massima tensione tangenziale supera τc1 la sezione non è

F. Leonhardt, E. Mönnig, Le basi del dimensionamento nelle costruzioni in


cemento armato, Edizioni di Scienza e Tecnica, Milano
402 Capitolo 13

accettabile; in situazioni intermedie occorre affidare la torsione, come il


taglio, interamente ad apposite armature.
Vorrei sottolineare che la normativa non indica quali modelli utiliz­
zare per determinare le τ. Per il taglio si è fatto riferimento alla sezione
nel secondo stadio (sezione parzializzata, a causa della flessione). Per
quanto riguarda la torsione, ho riscontrato prassi diverse in differenti
zone d'Italia. La scuola napoletana2 determina le τ considerando la se­
zione geometrica, e quindi prima della fessurazione (anche quando poi
somma questi valori alle tensioni dovute al taglio, calcolate per sezione
fessurata). In altre regioni si fa invece riferimento alla sezione tubolare.
Se dovessi proprio azzardare una mia opinione, direi che sarebbe concet­
tualmente più corretto determinare le τ con riferimento alla sezione in­
tegra quando si vuole verificare il limite τ < τco ed usare invece la sezio­
ne parzializzata per il taglio, e quella tubolare per la torsione, per veri­
ficare il limite τ < τc1. In pratica, la formula per torsione in sezione ret­
tangolare fornisce di solito valori più cautelativi rispetto a quella per se­
zione tubolare, se si usa t = 2 c, e questo potrebbe giustificare la scelta
della scuola napoletana (ma se si usano i valori indicati da Leonhardt le
x risultano ancora maggiori). La sostanza comunque non cambia e que­
ste differenze servono solo a sottolineare quel pizzico di convenzionalità,
ed anche di soggettività, che c'è nell'applicazione di qualsiasi norma.

Esempio 1. Data una sezione rettangolare 40x60 in calcestruzzo con Rck—25 MPa
con copriferro di calcolo c=4 cm, si determini la massima tensione tangenziale
prodotta da un momento torcente T=25 kNm e la si confronti con i limiti indica­
ti dalla normativa italiana alle tensioni ammissibili.
Indicando con a e 6 rispettivamente il lato maggiore e il lato minore della se­
zione, si ha a=60 cm, 6=40 cm. Usando le formule valide per sezione rettango­
lare, si ottiene

e quindi

2 E. Giangreco, Teoria e tecnica delle costruzioni, voi. primo, Liguori, Napoli


Torsione 403
404 Capitolo 13

Questo valore è compreso tra τco (0.53 MPa) e τc1 (1.69 MPa); la sezione è
quindi accettàbile ma occorre calcolare l'armatura a torsione.
Se invece si fa riferimento alla sezione tubolare, seguendo le indicazioni
bibliografiche citate si ha

Il nucleo cerchiato ha lati ak = 72 cm e bk = 16 cm e la massima tensione tan­


genziale è in tal caso

Seguendo le altre indicazioni si ha invece t = 8 cm oi = 9.23 cm, e corrisponden­


temente Tmax = 0.81 MPa O τmax = 0.78 MPa.
Questo esempio evidenzia, più ancora del precedente, di quanto possa va­
riare la tensione tangenziale a seconda del modello di comportamento e dello
schema geometrico usato per determinarla.

Esempio 3. Si dimensioni, secondo il metodo delle tensioni ammissibili, una


sezione rettangolare in calcestruzzo con Rck-25 MPa che deve portare un mo­
mento torcente T=31 kNm.
La tensione tangenziale non deve superare il valore xcX (1.69 MPa); per como­
dità si utilizzano le formule che forniscono le tensioni per una sezione rettango­
lare. Le incognite sono i due lati a e b ed il coefficiente \j/ che dipende dal loro
rapporto. Se la sezione fosse quadrata, sarebbe ψ=4.8 e si ricaverebbe immedia­
tamente la lunghezza del lato

Sarebbe quindi sufficiente una sezione quadrata di lato 45 cm. Se si vuole rea­
lizzare invece una sezione rettangolare con b=40 cm, si può ricavare a con Te-
spressione

Se si usasse ancora ψ=4.8 si otterrebbe

In realtà, al crescere del rapporto a/b il valore di diminuisce. Procedendo ite­


rativamente, o per tentativi, si trova come soluzione a=51.64 cm e ψ=4.493. Si
può usare quindi una sezione 40x55 (o 40x60).
Torsione 405

4. Modello lineare - armatura a torsione

Quando la tensione principale di trazione provocata dalla torsione supe­


ra la resistenza a trazione del calcestruzzo, diventa indispensabile di­
sporre una specifica armatura affinché la sezione sia in grado di portare
il momento torcente.
Poiché la tensione principale di trazione è inclinata a 45°, la prima
idea che viene in mente è disporre un’armatura proprio con tale inclina­
zione (fig. 6). Si noti che l’angolo è lo stesso su tutti i lati della sezione e
quindi le barre dovrebbero essere disposte in modo da formare una spi­
rale che si avvolge intorno alla trave. Data l’entità dell’angolo, è prati­
camente impossibile disporre una tale armatura; questa soluzione ri­
mane quindi solo un’idea teorica.
La trazione inclinata a 45° può però essere assorbita se si dispongo­
no contemporaneamente barre in due direzioni ortogonali, e quindi staf­
fe e barre longitudinali. Questa è la soluzione che è stata adottata nella
pratica professionale. Il problema è sostanzialmente lo stesso del taglio,
ma si nota una incongruenza tra le scelte effettuate: per la torsione, tut­
ti accettano l’idea di disporre contemporaneamente staffe e barre longi­
tudinali, nel taglio prevale invece l’idea di disporre solo staffe (giustifi­
cate col modello a traliccio di Mörsch), anche se in realtà si dispone lo
stesso una ulteriore armatura longitudinale, vista però come incremento
dell’armatura a flessione, conseguente alla traslazione del diagramma
del momento flettente.
Tornando alla torsione, la quantità di armatura da disporre può es­
sere valutata con diversi modelli, che portano agli stessi risultati: il
punto di partenza, comune, è immaginare la trave come un elemento

Fig. 6 - armatura a torsione con barre a spirale a 45c


406 Capitolo 13

tubolare; si può quindi affidare all'armatura la risultante delle tensioni


principali di trazione indotte dalia torsione; oppure, si può modellare
l'insieme di parti tese e parti compresse della trave come un traliccio,
che a differenza di quello di Mòrsch ha un andamento tridimensionale;
si può, infine, usare il modello di campi di tensione, che in fondo costi­
tuisce una sintesi molto elegante degli altri modelli.

4.1. Armatura a spirale, a 45°

Dallo stato tensionale all'armatura a torsione


Il momento torcente provoca nella trave uno stato tensionale, uniforme se
si immagina la trave some una sezione tubolare a spessore sottile (fig. 6)

Questo corrisponde a tensioni principali inclinate a 45°, con ϭξ=τ. Le


lesioni che si formano quando viene superata la resistenza a trazione si
avvolgono a spirale intorno alla trave, come mostrato in figura. Se si di­
spongono barre inclinate per assorbire la trazione che il calcestruzzo
non è in grado di sopportare, l'armatura disposta in un tratto orizzonta­
le di lunghezza s intercetta la lesione per un tratto di lunghezza s / √2 e
di larghezza i. La risultante Ns delle tensioni di trazione nell'area consi­
derata vale

L'armatura da disporre può essere valutata dividendo la forza di trazio­


ne per la tensione ammissibile dell'acciaio; si ottiene

E traliccio spaziale dì Rausch


Una possibile alternativa consiste nel considerare la trave come un in­
sieme spaziale di aste, tese e compresse, che realizzano un traliccio spa­
ziale (fig. 7). Questo modello, proposto da Rausch, può in verità essere
rappresentato graficamente solo se la sezione della trave è quadrata. In
Torsione 407

Fig. 7 - Traliccio spaziale, in presenza di barre a 45°

questo caso, infatti, disegnando su pareti e spigoli della trave una gri­
glia tratteggiata, di passo pari al lato del quadrato, le aste tese (linea
più sottile) e quelle compresse (linea più spessa) si intersecano nei nodi
della griglia. Nel caso di trave a sezione rettangolare, c’è chi propone, e
prova a disegnare, un traliccio con serie multiple di diagonali, ma l'im-
magine che ne deriva è, francamente, tutt’altro che comprensibile. Per
una migliore visualizzazione dei modello spaziale, e per apprezzare me­
glio quello che avviene sulle facce nascoste, consiglio di costruire un mo­
dellino della trave ripiegando un foglio di carta e disegnandogli sopra,
con colore diverso, le aste inclinate tese e compresse.
In un generico nodo, come quello indicato dalla lettera À, convergo­
no 4 aste, due poste in un piano verticale e due in un piano orizzontale.
L’equilibrio alla traslazione in direzione perpendicolare allo spigolo, in
verticale o in orizzontale, mostra che la forza nella diagonale tesa Ns de­
ve essere uguale a quella nella diagonale compressa Nc (fìg. 8 a). Consi­
derando invece una sezione perpendicolare all’asse, le componenti delle
forze in questo piano (Ns / √2 e Nc / √2 ) devono essere equivalenti alla
eoppia torcente T (fig. 8 b) . Si ha quindi

Fig- 8 - equilibrio nel nodo ed equilibrio alla rotazione intorno all’asse della trave
408 Capitolo 13

ma tenendo conto del fatto che la distanza tra una diagonale tesa e
l’altra, misurata in orizzontale, è pari al doppio del lato si può dire che
Tannatura da disporre per un tratto di lunghezza s è, come già visto

4.2. Armatura con staffe e barre longitudinali

Dallo stato tensionale alVarmatura a torsione


Analogamente a quanto già visto per il taglio, la risultante N s delle ten­
sioni di trazione può essere scomposta in due aliquote, una orizzontale
ed una verticale, ciascuna pari a N s / √2 . Questa forza è assorbita dalle
staffe, o dai ferri di parete, disposti per un tratto di lunghezza s/2 (fig. 9).
La forza che agisce sulle staffe o sui ferri di parete disposti in un tratto
di lunghezza s sarà il doppio, e quindi vale

L’armatura da disporre può essere valutata dividendo la forza di trazio­


ne per la tensione ammissibile delTacciaio; si ottiene così come staffe

sii

N,

Fig. 9 - armatura a torsione con staffe e barre longitudinali


Torsione 409

e come armatura longitudinale da disporre nell’intera sezione (cioè per s


uguale ad uk, perimetro del nucleo cerchiato)

U traliccio spaziale di Raus,ch


Volendo passare ad un insieme di aste che portano le azioni, prima viste
come stato tensionale diffuso, si può pensare al traliccio spaziale mo­
strato in figura 10. In questo caso è necessaria la presenza di aste tese
sia perpendicolarmente all’asse (le staffe) che in senso longitudinale (in
questo modello, concentrate negli spigoli). Si noti che la figura è ancora
una volta riferita ad una sezione quadrata, per evitare i quasi insor­
montabili problemi grafici che si avrebbero nel caso di lati diversi.
In un generico nodo, come quello indicato dalla lettera A, convergo­
no ora 6 aste, due lungo lo spigolo, due poste in un piano verticale e due
in un piano orizzontale. L’equilibrio alla traslazione in direzione per­
pendicolare allo spigolo, in verticale o in orizzontale, mostra che la forza
nella staffa Nst deve essere pari a Nc/√2 (fig. Ila). Considerando invece
una sezione perpendicolare all’asse, si ha innanzitutto che per l’equili-
brio alla traslazione in senso longitudinale (che deve dare N-0) anche la
forza nella barra di spigolo Ns,lon deve essere pari a Nc/√2 . Inoltre, per
l'equilibrio alla rotazione le componenti delle forze di compressione in
410 Capitolo 13

Fig. 11 - equilibrio nel nodo ed equilibrio alla rotazione intorno all’asse della trave

questo piano (Nc/√2) devono essere equivalenti alla coppia torcente T


(fig. 11 b) . Si ha quindi

ovvero

Dividendo la forza di trazione per la tensione ammissibile dell'acciaio si


ottiene l'area di armatura necessaria. Tenendo conto del fatto che la di­
stanza tra una staffa e l'altra è pari al lato, l'area di staffe necessaria
per un tratto di lunghezza s è quindi

e in maniera analoga, tenendo conto che Tarea totale di armatura longi­


tudinale è pari a quattro volte quella necessaria nel singolo spigolo,
nonché del fatto che uk = 4 bk, si può scrivere

Campi di tensione
L’approccio mediante campi di tensione, originariamente proposto da
Nielsen, Braestrup e Bach per il taglio allo stato limite ultimo, si adatta
molto bene anche alla torsione. E' anzi un ottimo sostituto del modello di
traliccio, perché supera i problemi legati alla forma della sezione, evi­
denziati per quel modello.
Torsione 411

Il modello prevede la presenza di tensioni di compressione ϭc a 45°,


dovute alla torsione, tensioni di trazione in direzione verticale ϭst dovu-
te alle staffe, tensioni di trazione in direzione orizzontale ϭc,lon, dovute
alle barre longitudinali. La trave è vista sempre come una sezione tubo­
lare, di spessore t. Se si effettua una sezione orizzontale lungo la trave e
si prende in esame un tratto lungo dz (fig. 12 a), in esso agiscono le ten­
sioni ϭcche hanno come risultante Fc
Fc = t dz sin45° ϭc
e le tensioni ϭst che hanno come risultante Fst

Poiché siamo in presenza di sola torsione, nel tratto sezionato non vi


può essere una forza risultante perpendicolare alla sezione. Deve essere
allora
Fc sin 45° = Fst
e quindi

Fig. 12 - campi di tensione in sezioni orizzontali e verticali della trave


412 Capitolo 13

Se si effettua una sezione verticale (fig. 12-b) e si considera un tratto


lungo duk, la risultante F c delle tensioni ϭc vale
Fc = t duk cos 45° ϭc
mentre la risultante Fs,lon delle tensioni ϭc,lon vale

Anche qui non vi può essere una forza risultante perpendicolare alla se­
zione. Deve essere pertanto

La componente di Fc nel piano della sezione, che vale


t duk cos 45° sin 45° ac
deve contribuire airequilibrio alla rotazione intorno all’asse. Indicando
con r la distanza della linea media del tratto duk rispetto al baricentro,
si ha

Dalle ultime due espressioni, ponendo ϭst = ϭs,lon - ϭs si ottengono


le formule di progetto per staffe ed armatura longitudinale, identiche a
quelle ricavate in precedenza.
Torsione 413

4.3. Minimi di armatura nel metodo delle tensioni ammissibili


La normativa italiana relativa al metodo delle tensioni ammissibili
(DJVL 14/2/92) prescrive (punto 5.3.2) che
“In presenza di torsione dovranno disporsi nelle travi staffe aventi sezio­
ne complessiva, per metro lineare, non inferiore a 0.15 b cm2 per staffe ad
aderenza migliorata e 0.25 b cm2 per staffe lisce, essendo b lo spessore
minimo dell'anima misurato in centimetri. Inoltre il passo delle staffe
non dovrà superare 1/8 della lunghezza della linea media della sezione
anulare resistente e comunque 20 cm. Le staffe devono essere collegate da
apposite armature longitudinali
Le indicazioni sono sufficientemente chiare. Ad esempio, per una tra­
ve larga 30 cm la quantità di staffe da disporre in un metro è 4.5 cm2 e
quindi, in pratica, un ϕ8 ogni 10 cm, essendo l'area del 08 pari a 0.5 cm2.
Si noti che, mentre nel taglio le staffe contavano per quante volte attra­
versavano una sezione verticale (e quindi si parlava di staffe a due brac­
ci, o a quattro bracci, e si moltiplicava per due o quattro il loro contribu­
to), nel caso della torsione la staffa viene usata per assorbire trazione su
ciascuno dei lati e conta sempre una sola volta; né avrebbe senso realiz­
zare staffe con più bracci, perché i bracci interni non darebbero alcun
contributo alla torsione.

Esempio 4. Data una sezione rettangolare 40x60 in calcestruzzo con Rck=25 MPa
con copriferro di calcolo c=4 cm, soggetta ad un momento torcente T=25 kNm e
progettata col metodo delle tensioni ammissibili, si determini l'armatura da di-
sporre, realizzata con barre in acciaio FeB44k, tenendo conto anche dei limiti
indicati dalla normativa italiana.
La sezione è quella dell’esempio 1, nel quale si è già constatato che le dimen­
sioni sono accettabili ma occorre disporre un’armatura a torsione. Nel calcolo
dell'armatura interviene l’area Ak del nucleo cerchiato ma non il suo spessore t,
che può variare notevolmente a seconda delle indicazioni bibliografiche seguite.
La prassi più comunemente seguita nel metodo delle tensioni ammissibili con­
sidera come nucleo cerchiato quello racchiuso dalle armature. Quindi per una
sezione di lati a e b, con barre aventi copriferro di calcolo c, come quella in esa­
me, Tarea e il perimetro del nucleo cerchiato valgono
Ak = (a - 2 c) (b — 2 c) = (60 — 2 x 4) x (40 — 2 x 4) = 52 x 32 = 1664 cm2
u k = 2 ( a - 2 c + b - 2 c ) = 2 x (52 + 32) = 168 cm
414 Capitolo 13

Le staffe da disporre in un metro sono quindi

Basterebbe quindi disporre 6 staffe 08 in un metro, o meglio staffe 08/15 (6.6


staffe a metro). I limiti minimi di normativa sono però, essendo la dimensione
minima 6=40 cm, 0.15x40 = 6 cm2 a metro, cioè il doppio del valore calcolato. Si
dovrebbero disporre staffe 08/8 (che in verità sono fin troppo fitte) oppure
010/12 (anche se le barre 010 sono usate più raramente come staffe, perché
meno facili a piegarsi.
L’armatura longitudinale è invece

Si dovrà dispórre almeno una barra ad ogni spigolo e, date le dimensioni dei la­
ti, almeno una barra al centro di ogni lato. Se non occorre altra armatura longi­
tudinale, si potrebbero quindi disporre in tutto 80.10 .(8x0.79 = 6.3 cm2).

Esempio 5. Con riferimento all’esempio 2, si determini l’armatura da disporre,


realizzata con barre in acciaio FeB44k, tenendo conio anche dei limiti indicati
dalla normativa italiana.
Anche in questo caso si è già riscontrato che la sezione è accettabile ma deve
essere armata a torsione. L’area e il perimetro del nucleo cerchiato sono
Ak = (80 - 2 x 4) x (24 - 2 x 4) = 72 x 16 = 1152 cm2
uk = 2 x (72 +16) = 176 cm
Le staffe da disporre in un metro sono quindi

I minimi di normativa sono, essendo la dimensione minima b=24 cm, 0.15x24 =


3.6 cm2 a metro, un po’ maggiori del valore calcolato. Si possono disporre, ab­
bondando un po’, staffe 08/10.
L’armatura longitudinale è invece

Si dovrà disporre almeno una barra ad ogni spigolo e, date le dimensioni dei la­
ti, almeno due barre lungo il lato di dimensioni maggiori. Se non occorre altra
armatura longitudinale, si potrebbero quindi disporre in tutto 8010. Si noti
che, essendo la trave molto bassa, non ha in questo caso senso disporre ulteriori
barre lungo l’altezza (l’armatura longitudinale dovrebbe essere distribuita più o
meno con lo stesso passo lungo tutto il perimetro).
Torsione 415

5. Modello non lineare

A differenza di quanto visto per il taglio, che prevede il modello a petti­


ne per valutare la resistenza ultima di una sezione priva di armatura a
taglio, non esiste un modello che giustifichi la resistenza di una sezione
soggetta a torsione in assenza di una armatura specifica per tale carat­
teristica di sollecitazione. L’analisi di una trave soggetta a torsione allo
stato limite ultimo si riconduce quindi ad un unico modello, che è quello
di traliccio spaziale (o, in maniera equivalente e forse anche più chiara,
di campi di tensione). Questo modello viene usato sia per determinare la
resistenza della sezione in se, legata allo schiacciamento del calcestruz­
zo, che la resistenza complessiva tenendo conto dello snervamento del­
l’armatura. Unica modifica rispetto a quanto detto nel paragrafo prece­
dente è il fatto che, una volta createsi le fessure a spirale dovute alla
torsione, le forti deformazioni consentite dallo snervamento dell’armatura
provocano la trasmissione di tensioni, per ingranamento degli inerti, che
fanno variare la direzione principale di compressione. Il fenomeno è per­
fettamente corrispondente a quello descritto per il taglio: si può quindi
parlare anche qui di traliccio con puntone ad inclinazione 0 variabile.
La trattazione analitica non differisce da quella mostrata nel paragra­
fo precedente. La si riporta quindi solo per il modello di campi di tensione.
Il modello prevede ancora la presenza di tensioni di compressione ϭc
dovute alla torsione, ora inclinate con un angolo 0 generico, tensioni di
trazione in direzione verticale ϭst, dovute alle staffe, tensioni di trazione
in direzione orizzontale ϭs, lon, dovute alle barre longitudinali. La trave è
vista sempre come una sezione tubolare, di spessore t. L’equilibrio alla
traslazione in direzione perpendicolare ad una sezione orizzontale lungo
la trave (fig. 13 a) fornisce in questo caso la relazione tra tensioni nel
calcestruzzo e tensioni nelle staffe

L’equilibrio alla traslazione in direzione perpendicolare ad una sezione


verticale (fig. 13b) fornisce la relazione tra tensioni nel calcestruzzo e
tensioni nelle barre longitudinali
416 Capitolo 13

Fig. 13 - campi di tensione, con puntone compresso inclinato di un .angolo 9

L'equilibrio alla rotazione intorno all'asse fornisce infine la relazione tra


tensioni nel calcestruzzo e momento torcente
T = 2t A k sin ϴ cos ϴ ϭc
e quindi

Resistenza della sezione


Imponendo che sia ϭc = v fcd, si può ricavare il valore TRd1 del momento
torcente che porta a rottura per compressione il calcestruzzo

Anche in questo caso v è il coefficiente che tiene conto della riduzione di


resistenza per la presenza contemporanea di trazione nella direzione
Torsione 417

perpendicolare. L’Eurocodice 2 precisa però che si può utilizzare il valo­


re già indicato per il taglio

solo nel caso di sezioni a cassone nelle quali le staffe sono disposte su
entrambe le facce di ogni elemento. Nelle sezioni comuni, le staffe sono
disposte solo lungo il perimetro esterno e questa dissimmetria comporta
una riduzione della resistenza. Si deve considerare per esse

Il valore di TRd1 è fortemente influenzato dal valore assunto per lo spes­


sore t della sezione tubolare. Si ricorda a tal proposito che l'Eurocodice 2
consente di utilizzare il valore

che è di solito il più alto fra i possibili valori citati in bibliografia e quin­
di assegna la massima resistenza al calcestruzzo. Aumentare t riduce
però l’area del nucleo cerchiato, e questo comporta un incremento del­
l’armatura da disporre. Se la sezione è sovrabbondante, può quindi esse­
re conveniente utilizzare per t il valore minimo consentito dalla norma
t~2c

Resistenza delVarmatura
Imponendo invece che sia ϭst = ϭs,lon = fyd, si può ricavare la resistenza a
torsione TRd2 della sezione armata, oppure le formule di progetto dell’ar­
matura.
La resistenza TRd2 corrisponde al più piccolo tra i valori che manda­
no in crisi le staffe o le barre longitudinali
418 Capitolo 13

Si noti che il primo valore cresce proporzionalmente con cot ϴ, mentre il


secondo si riduce. Se le armature sono note, si può ricavare il valore di 0
per il quale le due espressioni forniscono lo stesso valore di TRd2

Se questo valore rientra nell’intervallo previsto dalla normativa (1 <


cot 0 < 2), si ha di conseguenza

Nell'assumere un valore di cot 0 superiore all’unità si ricordi però che al


crescere di 0 si riduce contemporaneamente la resistenza TRd1 è quindi
buona norma controllare preliminarmente qual è il massimo valore di
cot 0 compatibile con la resistenza della sezione.
Le formule di progetto sono molto simili a quelle ricavate per il mo­
dello lineare

Si noti che all’aumentare di cot 0 si riduce la quantità di staffe necessa­


ria, analogamente a quanto visto per il taglio, ma aumenta quella delle
barre longitudinali. Nel caso della torsione, quindi, spesso non c’è una
reale convenienza a tener cónto dell'inclinazione variabile del puntone.
Si noti infine che, se si assume cot 0=1, le armature trasversali e
longitudinali coincidono sostanzialmente con quelle fornite dal metodo
delle tensioni ammissibili. —

Minimi di armatura nel metodo degli stati limite


L’Eurocodice 2 si limita a richiamare le indicazioni già fomite per il ta­
glio, in particolare la percentuale minima di armatura costituita da staf­
fe, e ad aggiungere che la distanza tra le staffe non deve essere superio­
re a uk / 8 e quella tra le barre longitudinali non superiore a 350 mm.
Torsione 419

Esempio 6. Si verifichi allo stato limite ultimo una sezione rettangolare 40x60 in
calcestruzzo con Rck=25 MPa con copriferro di calcolo c—4 cm, soggetta ad un
momento torcente Tsd=35 kNm.
Verificare che la sezione sia accettabile vuol dire controllare che Tsd sia minore
di TRd1 Secondo l’Eurocodice 2, lo spessore della sezione tubolare può essere un
qualsiasi valore compreso tra

Se si considera, a vantaggio di sicurezza per il calcestruzzo, il valore minore,


t=8 cm, si ha
ak = 60-8 = 52 cm bk -40 —8 = 32 cm Ak =52x32 = 1664 cm2
Per un calcestruzzo di classe Rck — 25 MPa, si ha fck - 20.75 MPa, fcd - 13.0 MPa.
Il coefficiente v vale in questo caso

La resistenza a torsione della sezione è quindi

Tsa è in ogni caso minore di Tndi, quindi la sezione è verificata ed è possibile usare
qualsiasi valore di cot 9 compreso tra 1 e 2 nel calcolo delle armature a torsione.

Esempio 7. Per lo stesso caso dell'esempio precedente, si determini l’armatura


necessaria a torsione, da realizzare in acciaio FeB44k.
Facendo riferimento al nucleo cerchiato definito nell'esempio precedente, se si
usa cot ϴ=1 si determina, come staffe da mettere in un metro

Si può controllare che i valori così ottenuto sono quasi coincidenti con quelli de­
terminati nell'esempio 4, che si riferiva alla stessa sezione sollecitata alle ten­
sioni ammissibili.
In questo caso sarebbe però possibile usare un valore di cot 0 maggiore, fi­
no a 2. Ciò comporterebbe al limite il dimezzamento dell’area di staffe ed il
raddoppio di quella delle barre longitudinali necessarie.
420 Capitolo 13

Ad esempio, se si dispongono staffe 08/20, pari a 2.5 cm2 al metro, che è un.
po’ meno di quanto richiesto per cot 0=1, per valutare l'armatura longitudinale
occorre calcolare il valore di cot 0 imponendo

Esempio 8. Data una sezione rettangolare 80x24 in calcestruzzo con Rck=25 MPa
con copriferro di calcolo c=4 cm, armata con staffe ϕ8/20 e con 8 barre longitu­
dinali ϕ10 in acciaio FeB44k, si determini qual è il massimo momento torcente
che la sezione può portare allo stato limite ultimo
Lo spessore della sezione tubolare può essere un qualsiasi valore compreso tra

Se si considera, a vantaggio di sicurezza per il calcestruzzo, il valore minore,


t=8 cm, si ha
ak = 72 cm bk = 16 cm Ak =1152 cm2 uk =176 cm
La resistenza a torsione della sezione è

e quindi TRd1 - 49.9 kNm per cot 0=1, TRd1 =39.9 kNm per cot 0=2.
Poiché le armature disposte hanno Ast = 2.5 cm2 al metro, As,lon = 6.32 cm2,
il valore di cot 0 che massimizza TRd2è

Questo valore è compreso tra 1 e 2, quindi accettabile. La resistenza dell’arma-


tura è quindi
Torsione 421

Il valore di TRd1 corrispondente a cot 0=1.198 è sicuramente superiore a TRd2.


La massima torsione che la sezione può sopportare, con l’armatura disposta, è
quindi proprio 25.81 kNm.

Esempio 9. Si dimensioni allo stato limite ultimo una sezione rettangolare in


calcestruzzo con Rck=25 MPa che deve portare un momento torcente Tsd=46 kNm.
Il dimensionamento è molto semplice se si assume t=2 c, e quindi con gli usuali
valori del copriferro di calcolo t=S cm. Consiglio inoltre di partire, cautelativa-
mente, da un valore cot 0=2. Si ha così, invertendo l’espressione che fornisce TRd1

ed essendo per il calcestruzzo assegnato v=0.417 e fcd, = 13.0 MPa si ha

Si potrebbe utilizzare una sezione quadrata con lato

e quindi una sezione 45x45. Oppure, scegliendo come lato minore b=40 cm, ov­
vero bk=32 cm si ha

e quindi occorre usare una sezione 40x50. Ricordo comunque che, in caso di ne­
cessità, sarebbe possibile adottare una sezione più piccola, utilizzando nel di­
mensionamento cot ϴ=1 ed incrementando t fino al valore Alu.

6. Torsione e taglio

6.1. Modello lineare


Come già detto all'inizio del capitolo, non esistono modelli teorici che de­
scrivano il comportamento di una trave soggetta contemporaneamente a
torsione e taglio. Lo stato tensionale viene determinato separatamente
per le due caratteristiche di sollecitazione (a volte, nella prassi, anche
con incongruenze nel modello di riferimento) e direttamente sommato.
Ciò è plausibile ai fini della valutazione della tensione massima, ma si
ricordi che l'andamento delle τ è diverso nei due casi, e vi sono quindi
punti in cui le tensioni si sottraggono anziché sommarsi. Per quanto ri­
guarda i limiti imposti dalla normativa, si tenga presente che i valori
422 Capitolo 13

τc0 e τc1 sono all’effetto della singola caratteristica di sollecitazione. In


presenza di entrambe, il limite che deve essere rispettato dalla τmax,
somma degli effetti di torsione e taglio, è incrementato del 10% ed è
quindi pari a 1.1 τc1.
Anche le armature vengono valutate separatamente, usando il mo­
dello di traliccio di Mӧrsch per il taglio e di traliccio spaziale di Rausch
per la torsione, e poi sommate. Si invita a fare attenzione, nel fare la
somma, al fatto che le staffe nel taglio contano in funzione del numero
di bracci presenti, mentre per la torsione contano solo una volta.

6.2. Modello non lineare


La resistenza a torsione e taglio di una trave, secondo l’Eurocodice 2, è
valutata mediante un dominio a forma ellittica, cioè con l’espressione

Si noti che TRd1 e VRd2, nonostante la differenza del numero che compare
nel pedice, rappresentano quantità concettualmente analoghe (valore
del momento torcente o del taglio che portano a rottura il calcestruzzo
del puntone compresso). La differenza nasce solo dal fatto che per il ta­
glio esiste un modello per valutare la resistenza in assenza di armature
(VRd1) e quindi le resistenze ultime di sezione ed armatura sono state
contraddistinte con i pedici 2 e 3, rispettivamente; nella torsione, invece,
manca un modello per la trave non armata e quindi alle resistenze ulti­
me di sezione ed armatura sono stati assegnati i pedici 1 e 2 (secondo
-me, questa è una piccola cattiveria da parte di chi ha redatto l’Eurocodi-
ce 2, perché crea un minimo di confusione e costringe ad un maggior
sforzo mnemonico; io avrei suggerito di usare i simboli VRD0, VRd1 e VRd2
per il taglio, TRd1 e TRd2 per la torsione, usando il pedice 0 per la resi­
stenza della sezione non armata).
Le armature devono essere valutate separatamente per taglio e tor­
sione, con i rispettivi modelli, e poi sommate. Unica accortezza deve es­
sere l'assumere uno stesso valore dell’inclinazione ϴ del puntone per en­
trambi i casi. Questa indicazione rende un po' più interessante la possi­
bilità di usare cot ϴ=2 anche per la torsione, nonostante il conseguente
incremento di armatura longitudinale.
Torsione 423

Esempio 10. Si verifichi allo stato limite ultimo e si determini l'armatura per
una sezione rettangolare 30x60 in calcestruzzo con Rck=25 MPa, soggetta alle
caratteristiche di sollecitazione Tsd=32 kNm e Vsd=68 kN.
Si può determinare, almeno inizialmente, la resistenza della sezione assumen-
do cot ϴ=2 ed usando t=2 c per la torsione. Così facendo si ottiene per la torsione
t= 8cm ' Ak =1144cm2 uk= 148 cm
e quindi TRd1 = 39.6 kNm; per quanto riguarda il taglio, essendo z = 50.4 cm si
ottiene VRd2 = 467.7 kN. Poiché

La sezione va bene e si può considerare qualsiasi valore di cot ϴ sia opportuno.


L’armatura necessaria per torsione è

Le staffe necessarie a taglio, considerando staffe a due bracci, sono

Se si usasse cot ϴ=1 si dovrebbero disporre staffe per 3.74+1.80=5.54 cm2 al me­
tro; questa quantità potrebbe dimezzarsi se si usasse cot 0=2. Se si decide di
usare, ad esempio staffe 08/10, pari a 5.0 cm2/m, queste corrispondono a

e quindi occorre incrementare nella stessa misura l’armatura longitudinale e


disporre

Questa armatura deve essere distribuita in teoria lungo i lati, in proporzione


alle loro lunghezze. In pratica (se non occorre altra armatura longitudinale per
la flessione) si potrebbero mettere 6012 (6.78 cm2), quattro agli spigoli e due a
metà del lato lungo.
Se invece si usassero staffe 08/15, pari a 3.33 cm2/m, si avrebbe

e diventa necessaria una armatura longitudinale As,ion=9.22 cm2, che può essere
realizzata con 6014 (9.24 cm2).
424 Capitolo 13
Capitolo 14
STATI LIMITE DI ESERCIZIO

1. Generalità

Gli stati limite di esercizio corrispondono a situazioni limite oltre le qua­


li non sono più soddisfatti i requisiti di esercizio prescritti, cioè situazio­
ni che comportano un rapido deterioramento oppure la perdita di fun­
zionalità della struttura. Nel caso del cemento armato, possono essere
rilevanti dal punto di vista dell'esercizio i seguenti problemi:
- fessurazione del calcestruzzo, che può influire negativamente sia
sull’aspetto che sulla durabilità dell’opera (agevolando la corrosione
delle armature);
- deformazioni, che possono pregiudicare l’uso della struttura o dan­
neggiare gli elementi non strutturali;
- vibrazioni, che possono causare anch’esse disturbi o danni;
- danneggiamento del calcestruzzo per eccessiva compressione, che può
influire negativamente sulla durabilità della struttura;
- eccessivo stato tensionale nel calcestruzzo, che può incrementare le
già rilevanti deformazioni viscose.
Si prendono pertanto in considerazione i seguenti stati limite di eserci­
zio:
- stato limite di fessurazione, che esamina il primo problema;
- stato limite di deformazione, che esamina il secondo e terzo problema;
- stato limite di tensioni in esercizio, che esamina gli ultimi due pro­
blemi.
426 Capitolo 14

Nelle verifiche agli stati limite di esercizio i carichi permanenti sono


sempre considerati con il loro-valore caratteristico: per quanto riguarda
i carichi variabili si distinguono tre combinazioni di carico differenti,
corrispondenti a diverse probabilità di occorrenza: combinazione rara,
combinazione frequente e combinazione quasi permanente. Indicazioni
più dettagliate sui valori del carico variabile da considerare nei tre di­
versi casi sono riportate nel capitolo 3.
Data l’entità dei carichi, nelle verifiche agli stati limite di esercizio
occorre sempre far riferimento ad un modello di comportamento lineare
(primo o secondo stadio, a seconda dei casi) ed effettuare un’analisi
strutturale lineare (dal punto di vista meccanico).

2. Stato limite di fessurazione

2.1. Comportamento di un’asta tesa al crescere dei carichi


Per comprendere a pieno in che modo avviene la fessurazione, è utile
seguire il comportamento di una trave al crescere dei carichi. In partico­
lare, fissiamo l'attenzione su un’asta soggetta a trazione, ad esempio la
catena di un arco. Si è preferito usare questo esempio, anziché riferirsi
ad una trave inflessa, perché il comportamento di un’asta tesa è più
semplice, essendo lo stato tensionale uniforme in tutti i punti della se­
zione.
Sappiamo bene che il legame costitutivo del calcestruzzo non è line­
are (fig. 1 a). Per semplicità consideriamo però, almeno all’inizio, un mo­
dello semplificato, linearmente elastico (fig. 1 b).

Fig. 1 - legame costitutivo del calcestruzzo


Stati limite di esercizio 427

Fig. 2 - asta soggetta a trazione

Mi sembra utile sviluppare un esempio anche numericamente. Sup­


poniamo quindi che Tasta che stiamo prendendo in esame abbia sezione
20x20, in calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa, e sia armata con 4 barre
ϕ14 di acciaio FeB44k (fig. 2).

Prima della fessurazione


Per bassi valori del carico si può ipotizzare una perfetta aderenza tra
calcestruzzo e barre di acciaio. In questa fase tutti i punti dell’asta sono
soggetti alla medesima deformazione e di conseguenza la tensione nel-
l’acciaio è n volte maggiore di quella del calcestruzzo, essendo n il coeffi­
ciente di omogeneizzazione

Si ha così

e la relazione tra forza N e allungamento Al è lineare, come quella tra


tensione e deformazione.

Formazione della prima fessura


Il comportamento lineare prosegue fino al raggiungimento della tensio­
ne di rottura per trazione del calcestruzzo fctk = 1.62 MPa. Il corrispon-
dente valore della tensione nell’acciaio è
ϭ s = n ϭ c =7.02x1.62 = 11.37 MPa
Il valore della forza assiale per cui si raggiunge tale tensione (fig. 3) è
denominato sforzo normale di fessurazione, N r, e vale
Nr = fctk (Ac+nAs)=1.62x(400+7.02x6.16)x10-1=71.8 kN
428 Capitolo 14

Fig. 3 - stato tensionale subito prima della fessurazione

Il calcestruzzo è ovunque ugualmente sollecitato, quindi la rottura per


trazione dovrebbe avvenire nello stesso istante in tutte le sezioni. In
realtà le proprietà del materiale sono diverse da punto a punto; la prima
fessura si innescherà quindi nella sezione meno resistente, che non pos­
siamo individuare con considerazioni teoriche (fig* 4), In corrispondenza
della fessura, il calcestruzzo non reagisce; il modello di comportamento
corrisponde a quello che viene denominato “secondo stadio” e la forza di
trazione è portata solo dalle armature, che lavorano quindi alla tensione

Si noti che il comportamento delle barre in prossimità della fessura è


quello di una barra immersa nel calcestruzzo e soggetta ad una forza
che tende a sfilarla. Nascono quindi, per aderenza, tensioni fbk tra ac-
ciaio e calcestruzzo, che, scaricano l'acciaio, riducendone la tensione, e
inducono trazione nel calcestruzzo.
La diffusione delle tensioni nel calcestruzzo non è in realtà unifor­
me, ma possiamo per semplicità -ritenere che il fenomeno sia circoscritto
ad un’area di calcestruzzo, Ac,eff, da definire opportunamente, e che in
tale area la tensione ϭc sia uniforme. Per l’equilibrio, ad una distanza Az
dalla fessura si ha
Stati limite di esercizio 429

Fig. 4 - comportamento in prossimità della fessura

Ipotizzando per semplicità che vi siano m barre uguali, si ha.

La trazione nel calcestruzzo cresce man mano che ci si allontana dalla


fessura, fino a raggiungere nuovamente il valore fctk ad una distanza^

Contemporaneamente la tensione nell'acciaio si riduce. Se tutta la se­


zione di calcestruzzo è soggetta a trazione (Ac,eff = Ac)> ad una distanza lr
dalla fessura anche la tensione nell’acciaio ritorna al valore che aveva
subito prima della fessurazione (fig. 5).

Fig. 5 - stato tensionale dopo la formazione della prima fessura


430 Capitolo 14

Fig. 6 - formazione progressiva delle fessure

Formazione della successive fessure


Sotto uno sforzo assiale praticamente costante (o, più realisticamente,
che cresce di pochissimo) si formeranno via via altre fessure. Si noti che
la distanza sr tra due fessure deve essere almeno pari a Zr, perché per un
tratto di ampiezza lr a destra e a sinistra di una fessura esistente la
tensione è inferiore a fctk e quindi non si può avere rottura del calce-
struzzo per trazione.
Se due fessure sono a distanza superiore al doppio di Zr, tra loro si
potranno formare altre fessure, perché c’è un tratto in cui ϭc = fctk. Se in­
vece la distanza è inferiore a 2 lr non si potrà formare tra loro una ulte­
riore fessura, perché il calcestruzzo non raggiunge la tensione di rottura
(fig. 6). La distanza sr tra le fessure sarà quindi compresa tra l r e 2 Ir.

Considerazioni sui modelli di comportamento


La descrizione delle pagine precedenti mostra che il comportamento di
un elemento strutturale in cemento armato è più complesso rispetto a
quanto assunto nei modelli semplificati usati nelle verifiche. All’inizio
della trattazione sul cemento armato si è distinto il comportamento del
calcestruzzo con tre modelli, indicati come I, II e III stadio. Nel caso di
un’asta tesa questo corrisponde ad ipotizzare che inizialmente il calce-
Stati limite di esercizio 431

struzzo possa sopportare tensioni di trazione, con un legame costitutivo


lineare, e ciò porta ad un crescere delle deformazioni proporzionalmente
all'aumentare della forza assiale (tratto O A in figura 7). Il passaggio tra
I e II stadio, corrispondente alla rottura del calcestruzzo per trazione,
corrisponde però ad una discontinuità di comportamento. Nella tratta­
zione semplificata, il calcestruzzo smette istantaneamente di lavorare a
trazione (tratto AB) e da allora in poi la forza è assorbita solo dalle ar­
mature (tratto BB?). In realtà quando si sono formate tutte le fessure
(fìg. 8), per uno sforzo normale sempre sostanzialmente coincidente con
Nr7 lo stato tensionale e deformativo non è più uniforme nelle diverse
sezioni. La tensione nel calcestruzzo varia da 0 fino ad un massimo mi­
nore o uguale a fctk; corrispondentemente, là sua deformazione varia da
O al valore εcr1 = fctk / Ec, che aveva raggiunto subito prima della forma­
zione delle fessure. Il comportamento complessivo può essere analizzato
in termini di deformazione media εcrm e questa può essere espressa come
aliquota della deformazione che si aveva un attimo prima del formarsi
delle fessure
εcrm = β εcr1
Contemporaneamente la tensione nell’acciaio varia dal valore σsr2, corri­
spondente al modello di II stadio, fino ad un minimo non inferiore a σsr1,
corrispondente al modello di I stadio; analogamente, la sua deformazio­
ne varia da σsr2 al valore σsr1, coincidente con σcr1. La deformazione media
432 Capitolo 14

Fig. 8 - asta interamente fessurata

εsrm sarà ridotta, rispetto alla deformazione massima εsr2, con la stessa
proporzione con cui la deformazione media del calcestruzzo cresce da 0 a
£crm. Si avrà quindi

In definitiva, mentre il trattò OA rappresenta il comportamento di cal­


cestruzzo e acciaio in tutti i punti dell'asta prima della fessurazione, do­
po la fessurazione è possibile parlare solo di valori medi della deforma­
zione ed occorre distinguere il comportamento del calcestruzzo (tratto
A C) da quello dell'acciaio (tratto A S).

Comportamento dopo la fessurazione


Si è mostrato che all'atto della fessurazione il calcestruzzo continua a
dare un contributo, anche se limitato ai tratti compresi tra una fessura
è l'altra. Ciò fa sì che l'asta tesa risulti più rigida rispetto a quanto ap­
parirebbe dal modello di comportamento di II stadio. Questo contributo
irrigidente del calcestruzzo teso è denominato tension stiffening.
All'ulteriore crescere della forza di trazione il contributo del calce-
struzzo teso si riduce progressivamente. Si può ipotizzare che la defor­
mazione media εcm vari in maniera inversamente proporzionale al cre­
scere di N con la relazione
Stati limite di esercizio 433

Fig. 9 - relazione tra forza assiale e deformazione dopo la fessurazione

Contemporaneamente la deformazione media εsm deiracciaio tende ad


avvicinarsi al valore εs2 previsto dal modello di II stadio e può essere e-
spressa da

L’andamento complessivo dei diagrammi forza-deformazione è mostrato


in figura 9.

Valore medio della deformazione relativa


Come visto, l'accialo ha un allungamento maggiore del calcestruzzo. L’am­
piezza delle fessure sarà proporzionale alla differenza di allungamento

Ma, con riferimento al comportamento di II stadio, si ha


434 Capitolo 14

2.2. Ampiezza delle fessure, secondo la normativa


L'ampiezza media delle fessure può essere determinata moltiplicando la
distanza media tra/le fessure Srmy per la differenza di deformazione me­
dia acciaio-calcestruzzo (denominata ema che sarebbe forse più cor­
retto chiamare Δεm)

Il valore caratteristico (Trattile 5%) dell’ampiezza delle fessure può esse­


re determinato amplificando il valore medio con un opportuno coeffi­
ciente

Per fessurazione indotta dai carichi si deve assumere, secondo l’Euroco-


dice 2, sempre β=1.7. Per fessurazione indotta da deformazione impedi-
ta si deve invece assumere β=1.7 in sezioni con dimensione minima
maggiore di 800 mm, β=1.3 quando la dimensione minima è minore di
300 mm, un valore interpolato per dimensioni intermedie.
Sulla base delle considerazioni riportate nel paragrafo precedente,
ma anche di dati sperimentali, l’Eurocodice 2 indica come distanza me­
dia (in mm) tra due fessure il valore

Il coefficiente, k1 tiene conto delle proprietà di aderenza delle barre e de-


ve essere assunto pari a 0.8 nel caso di barre ad aderenza migliorata,
1.6 per barre lisce. Il coefficiente k2 tiene conto della forma del dia-
gramma delle deformazioni ed è pari a 1.0 nel caso di trazione pura. 0.5
per flessione semplice; nel caso di tensoflessione, con deformazioni ei ed
82 ai bordi (con ε1 > ε2) sì può assumere un valore intermedio

Si noti che nel caso di trazione con barre ad aderenza migliorata, cui si
riferisce l'esempio trattato, il rapporto fctk / fbk quindi il pro-
dotto k1 k2, pari a 0.8, indica il riferimento ad un valore prossimo a 2 Ir.
La percentuale geometrica di armatura pr deve essere calcolata come
rapporto tra l'area di armatura tesa e l'area “efficace" di calcestruzzo,
Stati limite di esercizio 435

Fig. 10 - area “efficace” di calcestruzzo

cioè l?area che circonda tale armatura; per quest’ultima si può fare rife­
rimento ad un tratto di altezza pari a 2.5 c, essendo c, copriferro di cal­
colo, la distanza tra baricentro dell'armatura e bordo teso (fig. 10).
La differenza di deformazione media acciaio-calcestruzzo deve esse­
re calcolata con l’espressione

nella quale tutte le tensioni sono determinate con riferimento al modello


di II stadio. Il coefficiente β1 tiene conto delle proprietà di aderenza del­
le barre e vale 1.0 per barre ad aderenza migliorata, 0.5 per barre lisce.
Il coefficiente β2 tiene conto della durata di carico e vale 1.0 per un singolo
carico di breve durata, 0.5 per carico di lunga durata o più cicli di carico.

Limiti all'ampiezza delle fessure


La normativa italiana agli stati limite indica precisi valori dell'ampiezza
massima delle fessure (0.1, 0.2, 0.4 mm), differenziati a seconda della
maggiore o minore aggressività dell’ambiente, nonché della combinazio-
ne di carico e della sensibilità dell'armatura alla corrosione. In alcuni
casi particolari impone addirittura che la sezione risulti totalmente
compressa (cosa possibile, ovviamente, solo se vi è uno sforzo normale di
compressione, mai in presenza di flessione semplice).
L’Eurocodice 2 asserisce invece, come principio generale, che i limiti
di apertura delle fessure andrebbero concordati col committente, tenen­
do conto della funzione e della natura della struttura e dei costi inerenti
al contenimento delle fessure. Aggiunge però che, in assenza di requisiti
436 Capitolo 14

specifici e di particolare aggressività dell’ambiente, un limite di 0.3 mm


nella combinazione di carico quasi permanente può essere considerato
soddisfacente nei riguardi sia dell’aspetto che della durabilità.

Esempio 1. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo Rck=25 MPa


armata con 4ϕ20 inferiori e 2ϕ14 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro
c=4 cm, si determini l'ampiezza delle fessure nella combinazione di carico quasi
permanente, per la quale il momento flettente e. M=90 kNm
Questa sezione è già stata esaminata negli esempi da 1 a 5 del capitolo 9, ai
quali si rimanda per la determinazione dello stato tensionale prima e dopo la
fessurazione e del momento di fessurazione. In particolare, nell’esempio 2 si è
determinato il momento di fessurazione, Mr = 28.9 kNm mentre usando i valo­
ri dell’esempio 4 si può trovare immediatamente lo stato tensionale provocato
dal momento M= 90 kNm, in particolare la tensione nell’acciaio σs = 177.7 MPa.
Faccio notare che, al di là di un calcolo rigoroso, una stima rapida ma effi­
cace della tensione nell’armatura tesa potrebbe essere ottenuta invertendo la
formula di progetto dell’armatura

Nella sezione in esame, l’armatura tesa è costituita da 4 barre 020 e per­


tanto il diametro da usare nel calcolo della distanza media tra le fessure è ϕ =
20 mm (se le barre fossero state diverse si sarebbe fatta una media pesata dei
diametri). L’area dell’armatura tesa è As = 12.56 cm2, mentre l’area della sezio­
ne tesa efficace è
Act = 30 x (2.5 x 4) = 300 cm2
e quindi la percentuale geometrica di armatura è

Si ha inoltre k1 = 0.8 perché le barre sono ad aderenza migliorata e k2 = 0:5


perché la sezione è soggetta a flessione semplice. La distanza media tra le fes­
sure è quindi

cioè quasi 10 cm. Tenendo conto che β1 = 1 perché le barre sono ad aderenza
migliorata e β2 = 0.5 perché il carico è di lunga durata (essendo la combinazione
quasi permanente), nonché del fatto che
Stati limite di esercizio 437

data la linearità comportamento nel secondo stadio (col quale devono essere
calcolate le tensioni σsr e σs La deformazione media è

Come si può notare, in questo caso si sarebbe potuto trascurare l’effetto del ten-
sion stiffening, che incide sulla deformazione media solo per il 5%.
Il valore-caratteristico dell’ampiezza delle fessure è
wk = 1.7 x 97.8 x 0.000843 = 0.14 mm
Si può ritenere accettabile questo valore, perché inferiore a 0.3 mm.

2.3. Controllo della fessurazione senza calcolo diretto


Finché i limiti allo stato fessurativo non sono troppo stringenti è possi­
bile contenere l'ampiezza delle fessure seguendo semplici accorgimenti
pratici. Indicazioni in tal senso fanno parte delle “regole di buona pro­
gettazione” che gli ingegneri esperti si tramandano, e l'Eurocodice 2
prova a tradurle in precise prescrizioni.

Percentuale minima di armatura


Un primo problema è facilmente comprensibile ripensando all'evoluzio­
ne dello stato fessurativo, descritta in precedenza.
- Prima che sì formi una fessura, la maggior parte della trazione nella
sezione è portata dal calcestruzzo, tanto che lo stato tensionale nel­
l'acciaio è irrisorio.
- Con la formazione della fessura, tutta la trazione portata prima dal
calcestruzzo passa all'acciaio, che ha un incremento notevole della
tensione. Di per se, niente vieta che l'acciaio possa addirittura sner­
varsi: le verifiche allo stato limite ultimo prevedono proprio che, sotto
carichi elevati, l'armatura tesa sia snervata; data la non linearità del
comportamento ultimo, niente si può dire con certezza — a priori - sul
comportamento in esercizio.
- Perché si formi una successiva fessura è necessario incrementare, anche
se di poco, i carichi. Ma se le armature nella prima sezione fessurata
sono snervate questo incremento non è possibile se prima non si arri­
va all'incrudimento delle armature. E' quindi necessaria una forte de­
formazione, à cui corrisponde una rilevante ampiezza della fessura.
438 Capitolo 14

Diventa quindi di fondamentale importanza limitare lo stato tensionale


nell'armature subito dopo la fessurazione. Pensando ancora, per sempli­
cità, ad un'asta tesa si può calcolare la forza di trazione Fc sopportata
dal calcestruzzo teso al momento della fessurazione

Quando, dopo la fessurazione, questa forza viene passata all'acciaio, es­


sa produce una tensione

e quindi, invertendo la formula, si ha

E in effetti la formula prescritta dall'Eurocodice 2 (punto 4.4.2.2) è so­


stanzialmente analoga

In questa formula, A c t è l'area di calcestruzzo nella zona tesa (prima del­


la formazione delle fessure), k c un coefficiente che tiene conto del tipo di
distribuzione di tensioni nella sezione subito prima della fessurazione
(kc = 1 in caso di trazione pura, k c = 0.4 in caso di flessione semplice).
Per quanto riguarda la tensione di trazione fct,eff, resistenza a trazione
del calcestruzzo al momento della fessurazione, si noti che la situazione
è tanto più preoccupante quanto maggiore è questo valore; sarebbe
quindi sbagliato far riferimento al frattile 5% e bisognerebbe considera­
re, semmai, il frattile 95%. Per questo motivo l'Eurocodice suggerisce di
usare il valore f ct,eff — 3 MPa. La tensione nell'acciaio, invece, secondo il
NAD italiano non deve superare il valore 0.9 f y k (cioè il 90% del valore
caratteristico della tensione di snervamento). Rimane da definire il va­
lore k, introdotto per tener conto degli effetti di tensioni auto-equilibrate
non uniformi; il suo valore può andare da 0.5 ad 1, ma io confesso di
prendere sempre, per semplicità, il valore maggiore.
Se si fanno quattro conti, si vede che la prescrizione porta, in caso di
sezione inflessa, ad un valore non molto discosto dallo 0.15% della se-
Stati limite di esercizio 439

zione totale di calcestruzzo, prescrizione questa già presente da tempo


nella normativa italiana. Questo valore è abbastanza basso, almeno per
le comuni travi di un edificio. Ad esempio, per una sezione 30x60 equi­
vale a richiedere sul lato teso 2.7 cm2 di armatura, cioè 2ϕ14. Il limite
può diventare rilevante nel caso di travi di fondazione, che hanno spesso
una dimensione notevole. In tal caso io conteggio, però, tutta l’armatura
che è disposta nella zona tesa, compresa quindi l’armatura di parete.

Diametro massimo e distanza massima tra le barre


Ulteriori indicazioni si ricavano pensando al fatto che, a parità di stato
tensionale, le fessure hanno ampiezza tanto maggiore quanto più gran­
de è la loro distanza media, e che questa distanza cresce con il diametro
0 e si riduce all'aumentare della percentuale di armatura ρr. E quindi
opportuno, a parità di area di armatura da disporre, limitare il diametro
delle barre ed anche la distanza tra di esse (minore distanza potrebbe
equivalere in teoria a minore area efficace e quindi percentuale di arma­
tura maggiore).
L’Eurocodice 2 prescrive quindi di calcolare la tensione nell'armatu-
ra, con riferimento alla combinazione di carico quasi permanente, e di
valutare diametro massimo e distanza massima tra le barre in funzione
di tale tensione, secondo i valori indicati in tabella 1.

Tab. 1 - diametri massimi e spaziature massime (barre ad aderenza migliorata)


440 Capitolo 14

Analoghe prescrizioni sono fornite per diametri e spaziature delle


barre longitudinali da disporre in strutture in cemento armato precom­
presso, nonché per il passo delle staffe.
Si noti che nella maggior parte dei casi che si incontrano nella pra­
tica professionale disporre barre non superiori ai 020 e distanziarle di
non più di 20 cm (in caso di flessione) garantisce che le fessure abbiano
un'ampiezza accettabile.

Esempio 2. Data una sezione rettangolare 30x50 in calcestruzzo Rck=25 MPa


armata con 4ϕ20 inferiori e 2ϕ14 superiori in acciaio FeB44k, con copriferro
c=4 cm, per la quale il momento flettente è M=90 kNm nella combinazione di
carico quasi permanente, si determinino i limiti di normativa per un controllo
della fessurazione senza calcolo diretto e si verifichi se sono rispettati,
La minima armatura che deve essere presente in zona tesa è

L'armatura disposta è abbondantemente superiore a tale valore (si noti che nel
calcolo si è assunto per semplicità che l’area tesa sia metà della sezione; in re­
altà, essendo l’armatura non simmetrica, Tasse neutro non è esattamente a me­
tà, ma la differenza è irrilevante).
La tensione provocata dal momento flettente M= 90 kNm è 177.7 MPa (co­
me visto nell'esempio precedente). Interpolando a occhio i valori della tabella 1,
si ha come diametro massimo 28 mm e come spaziatura massima 275 mm. Poi­
ché nel caso in esame le barre in zona tesa hanno diametro 020 e distanza mu­
tua di meno di 10 cm, le indicazioni sono ampiamente rispettate.

3. Stato limite di deformazione

Una eccessiva deformazione degli elementi strutturali può comportare


seri problemi di funzionalità. Questo appare chiaro a chiunque abbia vi­
sitato vecchi edifici con solai in legno, specie se di luce notevole e degra­
dati nel tempo: la deformazione è visibile a occhio nudo (e una pallina
posta sul pavimento rotola verso il centro della stanza) e camminando si
sente il solaio che oscilla (e certi soprammobili iniziano a tintinnare per
le vibrazioni indotte dal nostro passo). Ma, oltre a questo fastidio, abba­
stanza soggettivo, le deformazioni hanno conseguenze oggettive. Ad e-
sempio i tramezzi, rigidi, poggiati su un tale solaio non riescono a se­
Stati limite di esercizio 441

guirne elasticamente le deformazioni e di conseguenza si fessurano. In


qualche caso, poi, macchinari o impianti particolari possono avere pro­
blemi di funzionamento se la loro posizione si discosta troppo dall’oriz­
zontale. Ed in casi, fortunatamente rarissimi, si sono avuti crolli per il
cosiddetto effetto piscina: una copertura con pendenza quasi nulla .se
molto deformabile consente il ristagno dell’acqua nell'avvallamento; ma
l’acqua pesa ed aumenta la freccia; ciò consente l’accumulo di ulteriore
acqua, quindi un ulteriore incremento della freccia, e così via con un ef­
fetto a catena. Infine, anche le vibrazioni sono pericolose, perché po­
trebbero indurre un effetto di risonanza che potrebbe portare al crollo
(per questo motivo una truppa in marcia rompe il passo quando deve at­
traversare un ponte).
L’Eurocodice 2 asserisce, come principio generale, che i limiti di de­
formazione andrebbero concordati col committente, tenendo conto della
natura della struttura, delle finiture, dei tramezzi, nonché delle funzioni
della struttura stessa. Aggiunge però che l’aspetto e la funzionalità della
struttura possono essere pregiudicati se la freccia dovuta ai carichi qua­
si permanenti supera 1/250 della luce; le inflessioni possono causare
danni ai tramezzi se la freccia, dovuta ai carichi applicati dopo la co­
struzione di tali elementi, supera 1/500 della luce.
Una valutazione rigorosa della freccia in strutture in cemento ar­
mato è molto più complessa di quanto non lo sia per le strutture in ac­
ciaio. Infatti:
- di solito le armature disposte variano lungo la trave; quindi, anche se
la sua sezione geometrica si mantiene costante essa deve essere vista
come trave a sezione variabile;
- alcune zone della trave sono sicuramente fessurate, mentre altre pos­
sono non esserlo; nel primo caso occorre far riferimento alla sezione
reagente omogeneizzata, nel secondo all’intera sezione geometrica
più le armature omogeneizzate; si noti che la fessurazione dipende
dai carichi applicati durante la vita della struttura e non solo da
quelli applicati al momento che si considera;
la zona compresa tra due fessure non è inerte; bisogna quindi tener
conto dell’effetto irrigidente del calcestruzzo teso (tension stiffening);
- il modulo elastico del calcestruzzo varia con la stagionatura;
442 Capitolo 14

— occorre tener conto degli effetti viscosi, che dipendono dalla storia di
carico e dalle condizioni ambientali.
Per ovviare a questi problemi l’Eurocodice 2 consente di usare regole
semplici per limitare la freccia, che consistono nel rispettare adeguati
limiti del rapporto tra luce ed altezza della trave. I valori base del rap­
porto luce/altezza utile sono riportati in tabella 2. Come si vede, essi so­
no legati innanzitutto allo schema strutturale, perché ad esempio una
trave semplicemente appoggiata ha, a parità di luce e carico, frecce
maggiori di una campata intermedia di trave continua. Ma i limiti de­
vono anche dipendere dall’entità del carico e quindi, indirettamente, dal
fatto che le travi siano molto o poco sollecitate. Il modo più semplice per
giudicare quanto una trave sia sollecitata è esaminarne l'armatura, per­
ché sicuramente una trave molto sollecitata sarà anche molto armata.
Per questo motivo l’Eurocodice 2 definisce “poco sollecitato” un elemento
in cui la percentuale di armatura nella sezione

è inferiore a 0.5%, “molto sollecitato” un elemento con p maggiore di 1.5%.


Se è noto il rapporto di armatura, si possono ottenere per interpolazione
valori intermedi tra i casi di calcestruzzo molto o poco sollecitato. I valor
indicati in tabella devono essere ridotti (ovvero si deve aumentare l’al­
tezza della sezione) per travi di luce maggiore di 7 m e piastre di luce
maggiore di 8.5 m.

Tab. 2 - valori base del rapporto luce/altezza utile per travi in c.a.
Stati limite di esercizio 443

Se le indicazioni sul rapporto luce/altezza utile non sono rispettate,


oppure se il committente richiede limiti di deformazione più stringenti,
occorre effettuare il calcolo della freccia, usando un modello adeguato.
L’appendice 4 dell’Eurocodice 2 fornisce alcune indicazioni utili, anche
se non tali da superare tutti i problemi. La via più semplice può essere
codificata nella seguente procedura:
a) determinare la freccia fu nell’ipotesi di sezione fessurata (secondo
stadio), cioè determinando il momento d’inerzia In della sezione co­
stituita dal calcestruzzo compresso più le armature (omogeneizzate
con n=15); per tener conto della viscosità, si deve utilizzare come
modulo elastico il valore E c ,eff, ridotto in funzione del coefficiente di
viscosità ϕ

b) determinare la freccia fi nell’ipotesi di sezione non fessurata (primo


stadio), cioè determinando il momento d’inerzia li della sezione co­
stituita da tutto il calcestruzzo più le armature (omogeneizzate con
n=15); anche in questo caso si deve utilizzare il modulo elastico effi­
cace Ec,eff' }
c) determinare il coefficiente ζ,

che tiene conto del tensìon stiffening e consente di valutare quanto il


comportamento reale sia intermedio tra i due casi limite considerati
in precedenza; nell’espressione, Mr è il momento di fessurazione, M
il momento agente, βi e β2 assumono i valori già indicati con riferi­
mento alla fessurazione (par. 2.2). Per quanto riguarda il momento
di fessurazione, l’Eurocodice 2 suggerisce di valutarlo col valore me­
dio della resistenza a trazione; per quanto riguarda il momento a-
gente, credo sia più corretto considerare un valore medio del mo­
mento lungo la trave, dato che l’obiettivo è di tener conto dell’in­
fluenza media del tension stiffening nella trave;
444 Capitolo 14

d) determinare infine la freccia f della trave come valore intermedio


tra i due valori limite, con l'espressione

Si noti che, poiché è sempre fII > f > fI, se il primo valore già rispetta i
limiti è inutile proseguire con i passi successivi della procedura.
Una maniera più sofisticata potrebbe consistere nel suddividere la
trave in conci di lunghezza non elevata ed utilizzare la procedura in­
nanzi descritta per calcolare la curvatura in ciascun concio. In tal modo
si tiene conto sezione per sezione di quanto il momento sia superiore a
quello di fessurazione. L’inflessione viene poi calcolata mediante inte­
grazione numerica delle curvature. L'onere richiesto da questo calcolo è
però notevole, come si può facilmente intuire, e quindi nelle situazioni
ordinarie non vale la pena seguire questa via.

Esempio 3. Una trave continua di due campate, ciascuna di luce 5.20 my ha


sezione 70x24 ed è armata con 6ϕ20 superiori ed altrettanti inferiori. Verificare
con le indicazioni semplificate dell'Eurocodice 2 se le inflessioni sono accettabili.
Occorre innanzitutto determinare la percentuale di armatura, per giudicare se
la trave è poco o molto sollecitata. Poiché, pensando a un copriferro di calcolo
c=4 cm, l’altezza utile è d=20 cm, si ha

Questo valore è di poco inferiore a quello che definisce la trave come molto sol­
lecitata. Poiché lo schema è di due campate, ognuna può considerarsi come
campata di estremità di uno schema di trave continua. I limiti del rapporto L!d
sono 32 e 23, rispettivamente per calcestruzzo poco e molto sollecitato. Interpo­
lando, si ottiene per p=1.35% , il valore limite L/d — 24.4.
Nella situazione in esame si ha

Poiché questo valore è superiore al limite, non si può ritenere direttamente accet­
tabile l'inflessione della trave ed occorrerà effettuare un calcolo più rigoroso.
In alternativa, si dovrà aumentare l’altezza utile della sezione della trave
portandola a

Si dovrebbe quindi usare una sezione alta 26 cm anziché 24 cm.


Stati limite di esercizio «5

Esempio 4. Si verifichi l’ammissibilità della freccia della trave dell’esempio


precedente, seguendo le indicazioni dell’appendice 4 dell’Eurocodice 2 e sapendo,
che la trave è in calcestruzzo di classe RCk = 25 MPa, che nella combinazione di
carico quasi permanente il carico agente è 18 k N / m e che il coefficiente fìnale di
viscosità è ϕ=2.95.
Si calcola innanzitutto il momento d’inerzia nella sezione fessurata. Usando le
espressioni riportate nel par. 3.1 del capitolo 9 si ricava la distanza x dell'asse
neutro dal bordo compresso

Poiché la freccia fu è già inferiore al limite si può dire, senza ulteriori calcoli,
che la trave rispetta i limiti deformativi di normativa.
Se si vuole comunque proseguire il calcolo per stimare la freccia tenendo
conto del tension stiffening, si deve calcolare la freccia per trave non fessurata.
In quésto caso, data la simmetria delle armature, il baricentro della sezione
omogeneizzata si trova a metà altezza ed il momento d’inerzia vale
446 Capitolo 14

Il momento di fessurazione si ricava imponendo che la tensione di trazione


massima nel calcestruzzo sia uguale alla sua resistenza a trazione

Il momento d’inerzia dovrebbe probabilmente essere calcolato con n = Es/Ec=7.02


e non n = 15, quindi vale I = 97572 cm4. Contemporaneamente, seguendo i sug­
gerimenti dell'Eurocodice è opportuno usare il valore medio della resistenza a
trazione, fctm =2.31 MPa, al posto del valore caratteristico. Si ottiene così

Il momento flettente massimo provocato dal carico è

Posso ritenere che una stima sufficientemente rappresentativa del valore me­
dio del momento lungo la trave sia la metà di tale valore, quindi M = 30.42 kNm.
Essendo β1 = 1 perché le barre sono ad aderenza migliorata e β2 = 0.5 perché il
carico è sostanzialmente permanente, il coefficiente. ζ, vale

La freccia vale quindi

4. Limitazione delle tensioni in esercizio

I primi due stati limite di esercizio presi in considerazione, fessurazione


e deformazione, rappresentano problemi già noti anche a chi opera col
metodo delle tensioni ammissibili. Quest'ultimo stato limite è invece ri­
ferito solo a chi opera col metodo degli stati limite, perché il metodo delle
tensioni ammissibili già di per sé impone limiti alle tensioni di esercizio.
L'esigenza di tenere sotto controllo lo stato tensionale in esercizio
nasce, come già detto all'inizio, da due problemi. Innanzitutto, forti ten­
sioni di compressione possono produrre fessure parallele alla direzione
di compressione; un tal tipo di lesioni non è preso in considerazione nel­
lo stato limite di fessurazione, ma comporta gli stessi problemi (estetici
ma soprattutto di durabilità, per la possibile corrosione delle armature)
lì considerati. Ma anche eccessive tensioni di trazione nell'acciaio posso-
Stati limite di esercizio 447

no portare a deformazioni clastiche che comporterebbero fessure ampie


e permanentemente aperte. L'altro aspetto è quello delle deformazioni
viscose, che possono crescere più del previsto se lo stato tensionale è
particolarmente elevato.
La versione originaria dell'Eurocodice 2 impone limiti allo stato ten-
sionale in esercizio che in verità non sono particolarmente condizionanti,
tanto che è espressamente . detto che una verifica dello stato tensionale in
esercizio non è necessaria se si sono seguite tutte le prescrizioni genera­
li della norma (modalità di calcolo e dettagli esecutivi) e non si è fatta
una ridistribuzione superiore al 30% nel calcolo allo stato limite ultimo.
Il NAD italiano è intervenuto pesantemente su questo punto della
norma, imponendo limiti più bassi e cancellando quel riferimento che
consentiva di evitare la verifica. I limiti da rispettare, per elementi
strutturali in cemento armato ordinario, sono riportati in tabella 3.
Lo stato tensionale deve essere, determinato ipotizzando che il ma­
teriale abbia un comportamento elastico lineare, ma che il calcestruzzo
sia incapace di resistere a trazione (secondo stadio); l'omogeneizzazione
delle armature deve essere fatta utilizzando un coefficiente n = 15„
Nonostante l’abbassamento dei limiti, si può notare che questi sono
comunque maggiori rispetto alle tensioni ammissibili. La verifica allo
stato tensionale in esercizio è quindi sicuramente rispettata nei casi in
cui tensioni ammissibili e stato limite ultimo portano agli stessi risultati
(ad esempio, travi inflesse a semplice, armatura). Potrebbe invece non
esserlo nei casi in cui si sono sfruttati pesantemente i vantaggi dello

Tab. 3 - limiti dello stato tensionale in esercizio, secondo il NAD italiano


448 Capitolo 14

stato limite ultimo (ad esempio, per travi inflesse con forte armatura in
compressione, oppure quando nell’analisi si è fatta una rilevante ridi­
stribuzione dei momenti flettenti). Operativamente, conviene individua­
re i casi più significativi nella struttura che si è calcolata (nel numero
minimo possibile), effettuare solo per essi la verifica e, se soddisfatta,
concludere che la struttura rispetta i requisiti tensionali in esercizio.

Esempio 5. Una trave di sezione 30x60 in calcestruzzo di classe Rck = 25 MPa è


armata con 2ϕ14 superiori e 4020 inferiori, in acciaio FeB44k. Verificare se la
trave rispetta i limiti di tensioni in esercizio, sapendo che essa è posta in am­
biente marino ed è sollecitata da un momento M= 150 kNm nella combinazione
di carico rara e M= 120 kNm nella combinazione quasi permanente.
La determinazione dello stato tensionale segue lo stesso procedimento già visto
per le verifiche a flessione nel secondo stadio. La posizione x dell’asse neutro è

ed il momento d’inerzia della sezione reagente omogeneizzata

Nella combinazione di carico rara, la tensione massima nel calcestruzzo è

e quella nell'acciaio

I limiti previsti dal NAD italiano (per ambiente marino) sono:

Entrambi i limiti sono rispettati. Nella combinazione di carico quasi permanen­


te, la tensione massima nel calcestruzzo è

Il limite previsto dal NAD italiano (per ambiente marino) è:

Anche questo limite è rispettato.


Stati limite di esercizio 449

Esempio 6. Per sopportare le stesse sollecitazioni, la trave poteva essere realiz­


zata anche, forzando un po’ il dimensionamento, con sezione 30x50 ed armatura
superiore costituita da 4014, inferiore da 5ϕ20. Verificare se anche in questo
caso la trave rispetta i limiti di tensioni in esercizio.
Il procedimento da seguire è lo stesso. La posizione dell’asse neutro è

ed il momento d’inerzia della sezione reagente omogeneizzata

Nella combinazione di carico rara, la tensione massima nel calcestruzzo è

e quella nell’acciaio

In questo caso la verifica è rispettata per l’acciaio ma non per il calcestruzzo,


anche se di poco. Nella combinazione di carico quasi permanente, la tensione
massima nel calcestruzzo è

Anche questo valore supera, sia pure di poco, il limite imposto dal NAD. In
questo caso, quindi, lo stato tensionale in esercizio risulta non accettabile. La
verifica sarebbe invece pienamente soddisfatta se l’elemento fosse posto in am­
biente non aggressivo.
450 Capitolo 14
Bibliografìa

1. 0. Belluzzi, Scienza delle costruzioni, Ed. Zanichelli, Bologna.


2. R. Calzona, C. Cestelli Guidi, Il calcolo del cemento armato con i me­
todi delle tensioni ammissibili e degli stati limite, Hoepli, Milano.
3. P. Foraboschi, Elementi di tecnica delle costruzioni, McGraw-Hill,
Milano.
4. E. Giangreco, Teoria e Tecnica delle costruzioni, vol. 1, Liguori,
Napoli.
5. F. Leonhardt, E. Mӧnnig, CA e CAP, calcolo di progetto e tecniche
costruttive. Vol.1. Le basi del dimensionamento nelle costruzioni in
cemento armato, Edizioni di Scienza e Tecnica, Milano.
6. A. Migliacci, F. Mola, Progetto agli stati limite delle strutture in c.a.,
Masson, Milano.
7. A.H. Nilson, Design of concrete structures, McGraw Hill
8. R. Park, T. Paulay, Reinforced Concrete Structures, John Wiley &
Sons, Inc.
9. P. Pozzati, Teoria e tecnica delle strutture, UTET, Torino.
10. E. Pozzo, Teoria e tecnica delle strutture. Vol. 2. Calcolo del cemento
armato, Pitagora, Bologna.
11. E.F. Radogna, Tecnica delle costruzioni. Vol. 2. Costruzioni compo­
ste acciaio-calcestruzzo, cemento armato e cemento armato precom­
presso, Masson, Milano.
12. L. Santarella, Il cemento armato, Hoepli, Milano.
13. G. Toniolo, Cemento armato, voll. 2A e 2B, Masson, Milano.
Appendice

Ormai da parecchi anni metto a disposizione il materiale didattico e


scientifico, da me prodotto o raccolto, nel sito dell’Università di Catania
“www.dica.unict.it/users/aghersi/index.htm”. Poiché il materiale è via
via cresciuto, negli ultimi anni ho organizzato il tutto, parallelamente,
in un CD1. Sito e CD sono, in sostanza, la stessa cosa ma un certo numero
di file, più ingombranti e meno importanti, sono presenti solo nel CD (ma
il link ad essi compare anche nel sito).
Abbondante è il materiale relativo al cemento armato. Mi sembra
quindi utile dare, in coda al testo, qualche indicazione su cosa può esse­
re trovato nel sito. Gli argomenti più strettamente correlati a questo li­
bro sono riepilogati in una pagina che parla del libro, alla quale si acce­
de mediante un link dalla pagina principale del sito (fig. 1).
Innanzitutto, sono disponibili i file Excel che ho utilizzato per tutti
gli esempi numerici del libro. Grazie ad essi è possibile vedere in che
modo ho svolto i calcoli (poi riportati nel libro), ma anche, cambiando i
dati, vedere cosa succede per sezioni diverse, o diversamente sollecitate
o armate.
E poi disponibile, in formato pdf, un testo di 128 pagine:- “A. Ghersi,
L. Blandini. Progetto di elementi strutturali in cemento armato, CUEN”.
Il testo, attualmente non in commercio, è nato con finalità didattiche,
per fornire agli studenti una guida nello svolgimento del progetto — col

1 La maggior parte del materiale è già presente nel sito. Comunque, se qual­
cuno è veramente interessato al CD può richiederlo al mio indirizzo email
aghersi@dica.unict.it”. Non garantisco niente, ma se posso cercherò di inviarlo
454 Appendice

Fig. 1 - pagina iniziale del sito e del CD

metodo degli stati limite — di un edificio in c.a, soggetto prevalentemen­


te a carichi verticali (con i suoi elementi base: solaio, trave, pilastri, tra­
ve di fondazione). Sono anche disponibili i relativi elaborati grafici, in
formato dwg. L’esempio era nato come relazione di calcolo, alla quale
sono stati aggiunti man mano dei commenti operativi. Può costituire
Appendice 455

una guida utile anche per un professionista, purché non ci si dimentichi


della sua origine “didattica”. Faccio inoltre presente che in alcuni punti
non è perfettamente concordante col presente libro, sia perché l'esempio
era stato preparato prima dell’Ordinanza 3274 (che comporta comunque
condizionamenti, anche prescindendo dalla sismicità della zona), sia
perché nel tempo ho apportato alcune semplificazioni procedurali (ad
esempio nella verifica a flessione).
Infine, un utile strumento per effettuare la verifica o il progetto di
sezioni in c.a., e per confrontare quello che si ottiene usando i diversi
metodi (tensioni ammissibili o stati limite), è un programma che ho rea­
lizzato nell'ormai lontano 1997. Il programma, denominato EC2 (fig. 2),
consente di effettuare verifiche a flessione retta, semplice e composta,
taglio, torsione, fessurazione; consente anche il progetto delle armature,
per sezioni di dimensioni assegnate. Prevede tutti i tipi più comuni di
sezione, ma consente di descrivere anche una sezione generica, purché
dotata di un asse di simmetria. Avevo iniziato a preparare un manuale
d'uso, ma come spesso capita il lavoro è rimasto incompiuto ed il manua­
le non è disponibile. L'uso del programma è abbastanza intuitivo, ma
colgo l'occasione per fornire qualche indicazione.

Fig. 2 - finestra principale del programma EC2


456 Appendice

Il programma consente di effettuare calcoli utilizzando il sistema di


misura tecnico o quello internazionale e riferendosi all'Eurocodice 2, con
o senza le modifiche del NAD italiano, al calcolo agli stati limite secondo
il D.M. 9/-1/96 o al metodo delle tensioni ammissibili secondo il D.M.
14/2/92. La scelta del sistema di misura e della normativa da utilizzare
può essere fatta mediante le corrispondenti voci nel menu Opzioni. Al
primo avvio le scelte di default sono: “sistema di misura internazionale”
ed “Euroeodice 2, con modifiche del NAD italiano”. Per evitare di cam­
biare queste impostazioni ogni volta, è possibile settare l'opzione Salva
impostazioni in uscita, sempre nel menu Opzioni. Così facendo vengono me­
morizzate, in un file EC2.cfg, sia le opzioni anzidette che altre informa­
zioni, relative all'ultima sezione utilizzata o a modifiche di parametri di
controllo richiesti nelle verifiche. Vorrei però invitare a fare un po' di at­
tenzione se si è settata l'opzione Salva impostazioni in uscita. Capita a volte
di modificare qualche parametro e poi di non ricordarsene più. Se
l’opzione è settata, si ritroverà il parametro modificato anche al succes­
sivo avvio del programma, magari senza ricordarselo, e questo a volte
può dar luogo a problemi. In caso di dubbio, suggerisco di cancellare il
file EC2.cfg, che viene posto nella cartella del programma, assegnata in
fase di installazione (in genere C:\Programmi\EC2).
Il programma consente di modificare le caratteristiche dei materiali
(voci Calcestruzzo e Acciaiò del menu Materiale). Consente anche di modifi­
care i fattori di sicurezza parziali e le deformazioni limite del materiale
(sempre dal menu Materiale), giusto per dare maggiore varietà d’uso, an­
che se non credo che queste possibilità siano mai state usate in pratica.
Aggiungo, a titolo informativo, che il programma è stato realizzato pen~

Fig. 3 - armatura longitudinale, con strati aggiuntivi


Appendice 457

sando al limite “tradizionale” di deformazione εsu= 10 x IO*3 per l’acciaio,


mentre nel testo ho preferito non mettere alcun limite, ma i risultati
non cambiano.
Per quanto riguarda le armature, il programma prevede armature
longitudinali, staffe, armature di parete, barre inclinate. Le prime sono
quelle utilizzate per flessione, semplice e composta; il programma con­
sente di assegnare, oltre all’armatura superiore ed inferiore, anche altri
strati di armatura (fig. 3). Le staffe e le armature di parete sono utiliz­
zate per taglio e torsione, le barre inclinate per il taglio. L’armatura può
essere definita come cm2 o come barre (usando il tasto f per 0).
Per quanto riguarda la flessione, nella verifica il programma tiene
conto degli eventuali altri strati di armatura. Nel progettare l’armatura,
assegnando se si vuole sia un momento negativo che uno positivo, il pro­
gramma minimizza la quantità di armatura totale (superiore e inferio­
re) e non considera altri strati di armatura. Si tenga presente che a vol­
te, allo stato limite ultimo, per minimizzare l'armatura totale la solu­
zione andrebbe verso sezioni a forte armatura tesa, meno duttili. Per
controllare ciò è inserita una opzione, che assegna un valore limite del
rapporto tra posizione dell’asse neutro ed altezza utile. Consiglio di la­
sciare il valore di default, o aumentarlo solo rendendosi conto bene di
quello che si sta facendo.
Per quanto riguarda la pressoflessione, il programma consente la
verifica o il progetto delle armature. In questo secondo caso, le armature
sono variate proporzionalmente, rispetto ai valori assegnati (superiori,
inferiori ed eventuali altri strati) in modo da soddisfare le condizioni li­
mite di tensione o deformazione, a seconda del metodo di verifica; nel
caso non siano state assegnate armature, impone che le armature supe­
riori ed inferiori siano uguali. Il programma consente anche di visualiz­
zare i domini M-N (fig. 4), disegnando più curve corrispondenti a diverse
quantità di armature (sempre in proporzione a quelle assegnate), e di
tracciare una crocetta sui domini, corrispondente ad una qualsiasi cop­
pia M-N. In questo modo è semplice visualizzare l’effetto di varie coppie
M-N e comprendere quale armatura si debba disporre. E inoltre possibi­
le salvare il dominio M-Ny sia come immagine (come file dxf) che come
file di testo, che contiene le diverse coppie che costituiscono il dominio.
458 Appendice

Fig. 4 - Domini M-N

La parte relativa al taglio consente sia la verifica che il progetto del­


le armature, con la possibilità di scegliere tra staffe, staffe e ferri di pa­
rete, staffe e sagomati. Nel caso dello stato limite ultimo, è anche possi­
bile scegliere tra metodo normale e metodo di inclinazione variabile del
traliccio.
La parte relativa alla torsione ed alla fessurazione sono state ag­
giunte per ultime, ed al momento della compilazione del programma e-
rano state controllate ma non testate a sufficienza. Per questo motivo
era stata aggiunta una nota di avviso, che è rimasta anche se ormai il
programma è stato ampiamente collaudato anche su questi argomenti.
Una nota finale è necessaria per l’output. In tutte le finestre che
mostrano risultati è presente il tasto Stampa, ma occorre precisare che
mediante esso i risultati vengono scritti in una finestra all'interno di
quella principale del programma (vedi fig. 2). Il contenuto di questa fi­
nestra dovrà essere salvato poi in un file e quindi manipolato o stampa­
to come un qualsiasi file di testo.
E giunti alla fíne...

C'era una volta un contadino, che viveva nella zona più povera del pae­
se. Una sera il contadino stava per tornare a casa, con una fascina di
legna che aveva raccolto, quando una farfalla si posò su un rametto.
Non riuscendo a mandarla via, lui pensò: “la porterò ai miei bambini,
così potranno giocare con lei' e la legò alla fascina con un filino d’erba.
Dopo un po’il contadino incontrò una vecchietta, che teneva per mano
il nipotino. Quando il bambino vide la farfalla, cominciò a piangere e ,
pestare i piedi, perché la voleva per sé. Il contadino si disse: “non posso
far piangere questo bambino” e gli regalò la farfalla. Il bambino ora
sorrideva e la nonna, grata, diede al contadino tre arance. “Bene”, pen­
sò il contadino, “le porterò ai miei bambini, che non le assaggiano da
tanto tempo”. Ma continuando a camminare dopo un po’ egli vide Un
uomo accasciato contro un albero; era tutto impolverato e sicuramente
veniva da lontano. Gli si avvicinò e capì che l’uomo stava quasi moren­
do per la sete. “Cosa posso fare per lui?” si chiese, e pensò di dargli le
arance. L’uomo, finalmente dissetato, si rialzò e, grato, diede al conta­
dino una pezza di seta che aveva con sé. “Bene”, pensò il contadino, “co­
sì potrò fare un vestito nuovo per i miei bambini”. Continuò a cammi­
nare e dopo un po’ vide una splendida portantina, seguita da un gran­
de corteo. Era la principessa, figlia del re, che tornava al suo palazzo.
Quando la portantina passò vicino a lui la principessa si girò a guar­
darlo e gli fece cenno di avvicinarsi. “Cose questa pezza di stoffa che
hai con te?” chiese. “È seta, principessa”, rispose il contadino, “e se ti
piace te la regalo”. La principessa accettò e, grata, gli diede una pesan­
te borsa. Era ormai quasi buio ed il contadino proseguì verso casa sen-
460 E giunti alla fine..

za nemmeno aprirla. Quando arrivò si accorse che la borsa era piena di


monete dyoro. Con queste poté comprare dei campi per la sua famiglia e
per tutte le famiglie vicine, e da allora in poi la povertà divenne solo un
lontano ricordo per quella zona del paese.
Caro lettore, ti sento un po’ perplesso. Cosa c'entra questa favoletta
con un libro sul cemento armato? C’entra, perché nessuno è soltanto un
tecnico; siamo esseri umani, e come tali dobbiamo porci anche problemi
diversi da quelli puramente tecnici.
La favola1, pur nella sua semplicità infantile, sottolinea quanto sia
importante essere disponibili nei confronti degli altri, e quanto bene può
venire a tutti dalla disponibilità reciproca. Un proverbio indiano2 dice
ututto ciò che non viene donato va perduto. Ed il brano del vangelo3 che

abbiamo scelto, tanti anni fa, come lettura in occasione del nostro ma­
trimonio, parlando del giovane ricco che chiede a Gesù cosa fare per ot­
tenere la vita eterna dice: “Gesù lo guardò con grande simpatia e gli dis­
se: Ti manca soltanto una cosa: vai a vendere tutto quello che possiedi, e
i soldi che prendi dalli ai poveri. Allora avrai un tesoro presso Dio. Poi
vieni e seguimi!" Ed aggiunge una conclusione molto amara: “A queste
parole l'uomo si trovò a disagio e se ne andò via triste, perché era molto
ricco”.
Il succo di tutto questo è che se saremo pronti a donare agli altri
quello che possediamo anche noi ci arricchiremo. Dovremo però impara­
re innanzitutto a donare noi stessi, cercando di essere disponibili nei
confronti di tutti, di ascoltare e di capire veramente gli altri, di dare un
sorriso a chi ne ha bisogno. Dovremo vivere il nostro lavoro, di docenti,
di professionisti, o qualunque esso sia, come un servizio nei confronti
della società, ma soprattutto delle singole persone. E poi dovremo essere
pronti a guardarci intorno veramente, a notare che-vicino a noi c’è chi
ha bisogno. Quante volte ci è capitato di vedere un barbone, buttato in
un angolo di una strada o di una stazione ferroviaria, e di passare rapi­
damente oltre con lo sguardo, come se la mente si rifiutasse di cogliere

1 Liberamente adattata da un racconto di Bruno Ferrero


2 II proverbio è citato più volte nei libri di Dominique Lapierre.
3 Marco, 10,17-31, traduzione interconfessionale in lingùa corrente.
E giunti alla fine.. 461

quell'immagine di miseria? Ecco, se riusciremo a vedere in queste per­


sone un nostro fratello che ha bisogno saremo sicuramente pronti a ri-
nunciare a qualcosa di quello che abbiamo, anche a quello che ritenia­
mo, spesso erroneamente, indispensabile.
Anche questo libro, che è un tentativo di mettere a disposizione di
tutti le esperienze e le riflessioni di un certo numero di anni di attività
professionale, di ricerca e di insegnamento, vuole essere un piccolo dono
per te, lettore. E sappi che acquistando questo libro anche tu stai dando
indirettamente un contributo economico concreto a qualcuno che ne ha
bisogno, perché il 10% del prezzo di copertina sarà destinato ai “Laici
Terzo Mondo”, un’associazione di volontariato internazionale senza sco­
po di lucro che dal 1972 è impegnata nel campo della cooperazione allo
sviluppo e della solidarietà internazionale ed ha realizzato interventi in
alcuni paesi africani (Benin, Camerun e Madagascar). Potrai trovare
maggiori informazioni su questa associazione nel sito awww.ltmong.org”.
E, se vuoi, puoi dare anche tu direttamente un contributo a questa or­
ganizzazione, o ad altre di cui tu hai fiducia.

Aurelio Ghersi e Lia Tarricone