Sei sulla pagina 1di 17

Prove con LPCT e ACE917

Cosa è un LPCT ?

● LPCT = Low Power Current Transformers (Trasformatori di corrente di


bassa potenza), anche chiamati trasformatori di corrente elettronici
nella norma 60044-8
● Si tratta di TA magnetici « classici » e non di toroidi tipo Rogowski
● Contrariamente al TA standard che è caricato dalla fileria che lo collega
al relè e dall’impedenza di entrata di quest’ultimo, il TA LPCT
● integra il proprio carico sotto forma di resistenza :

● Il suo segnale di uscita è dunque


una tensione proporzionale alla
corrente primaria.
Per i modelli Schneider 22.5mV
corrispondenti a In

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 2


Le caratteristiche di un LPCT Schneider

● Corrente primaria nominale : si tratta della corrente primaria per la


quale la tensione di uscita è uguale a 22,5mV
● Corrente nominale estesa : la classe di precisione « misura » 0.5 è
garantita fino a questa corrente
● Fattore limite di precisione (FLP) : moltiplicatore della corrente primaria
nominale che indica il limite a partire dal quale l’errore massimo è
raggiunto. La saturatione avviene oltre questo punto. La classe di
precisione « protezione » è garantita fino a questo punto. Da notare
che la differenza del FLP è di 400 o 500 invece dei valori da 10 a 30
abituali.

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 3


Connessione al Sepam

● Un connettore CCA670/671 deve essere utilizzato


al posto del CCA630/634 per ricevere i cavi con
connettori RJ45 degli LPCT.
● CCA670 : prese laterali, per Sepam serie 20 e 40.
● CCA671 : prese
prese radiali,
radiali, per
per Sepam
Sepam serie 60 e 80.

● Gli LPCT possono essere utilizzati con tutti i Sepam,


salvo i modelli che integrano la protezione differenziale
trasformatore (T87, M88, G88).
● Sulla protezione differenziale di macchina (M87, G87)
i TA std e gli LPCT possono essere misti.

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 4


Connessione al Sepam

● Il collegamento di uno o due sensori LPCT non è consentito e provoca


la messa in posizione di ripristino del Sepam (come per l’assenza del
connettore CCA630).

● Il cavo termina con una presa RJ45. Esce direttamente dal sensore
e la sua lunghezza di 6,5 metri non è modificabile (nè più corto nè più
lungo, senza possibilità
lungo, possibilità di prolunga)
prolunga)

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 5


Sepam: modifica della corrente nominale

● Sulla gamma LPCT la corrente nominale di targa è di 100A per tutti i


modelli.
● Con Sepam è possibile modificare la corrente nominale in modo di
adattare il campo di misura al bisogno (da 0,05 o 0,1 a 24 In) tra i valori
di In (A) = 25, 50, 100, 125, 133, 200, 250, 320, 400, 500, 630, 666,
1000, 1600, 2000*, 3150*. * Attenzione alle correnti limite di precisione di 40 e 50kA
● La regolazione avviene in 2 fasi:
● Selezionare la In desiderata con il

SW SFT2841 (o da display frontale)

● Posizionare i microinterruttori del CCA670/1 in conformità


al valore impostato.
Ogni combinazione dei microinterruttori dà accesso a 2 valori
di In, ma è la regolazione sul Sepam che determina quello
utilizzato (tramite selezione x1 ou x5 del’ingresso)

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 6


Iniezione di corrente al secondario

● E’ possibile realizzare un’iniezione di


corrente al secondario utilizzando
gli accessori:
4 Presa test mobile CCA613, montata ad
incasso sul fronte dell
dell’armadio,
’armadio, dotata
di un cavo lungo 3m da collegare sulla
presa test del connettore CCA670 /
CCA671 (subD 9 pin).
(Questo accessorio è opzionale, l’ACE917 può
essere connesso direttamente sul CCA670/671)
5 Adattatore di iniezione ACE917
6 Cassetta di iniezione standard.

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 7


Iniezione al secondario : ACE917

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 8


Iniezione al secondario : ACE917

● Permette di iniettare le correnti sulle 3 fasi.

● L’iniezione viene effettuata sulla base di una


corrente nominale di 1A o 5A a seconda del
calibro nominale selezionato sul Sepam

Sepam
(non tenere conto dell’indicazione
)

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 9


Iniezione al secondario : ACE917

● Il selettore deve essere impostato sulla stessa posizione dei micro­


interruttori del connettore CCA670/671
● Es: In=100A, 3° microinterruttore in ON su CCA670 e selettore
« output calibrator » in posizione 3

● Nota: le posizioni da 8 a 12 sono equivalenti

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 10


Iniezione al secondario : ACE917

Esempio :

3° microinterruttore in ON su CCA670 e selettore in posizione 3

● In regolata su 100A :

Iniettando 1A il Sepam rileva 100A

Iniettando 3A il Sepam rileva 300A

● In regolata su 500A :
Iniettando 1A il Sepam rileva 100A
Iniettando 3A il Sepam rileva 300A
Iniettando 5A il Sepam rileva 500A

Si deve quindi iniettare una corrente 5 volte superiore


per le In della colonna di destra.
Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 11
Iniezione al secondario : ACE917

● La corrente massima ammissibile dall’ACE917 è teoricamente la stessa


di quella del connettore CCA630 (20A permanenti; 100A/1s)
● Tuttavia gli attachi a banana ed i loro collegamenti saldati obbligano a
limitare le iniezioni di correnti elevate per tempi i più brevi possibili
● D’altra parte,
parte, essendo l’uscita in tensione limitata a 9V, 9V, la corrente
massima iniettabile in posizione 8 è limitata a 70A per 1s :

(100A in posizione 8 non è distruttiva ma il segnale non è più in scala)

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 12


Iniezione al secondario : ACE917

● Per le In inferiori a 630/3150A è possibile diminuire la corrente da


iniettare cambiando la posizione del selettore.
● La corrente iniettata genera allora un segnale multiplicato per il
rapporto:
In nuova posizione / In posizione normale

Esempio :
3° microinterruttore in ON su CCA670
e selettore in posizione 5
Il rapporto è 200/100 = 2

● In regolata su 100A :
Iniettando 1A il Sepam rileva 200A
Iniettando 3A il Sepam rileva 600A

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 13


Informazioni aggiuntive

● Rif. catalogo Sepam:


http://cid.schneiderelectric.it/z_images/LEESCAD700HI.PDF

● Rif. Manuali Sepam serie 20, 40, 60, 80:


http://download.schneider­
electric.com/files?p_File_Id=214607552&p_File_Name=LEESMAM720EI.pdf
http://download.schneider-
http://download.schneider­
electric.com/files?p_File_Id=214607519&p_File_Name=LEESMAM740EI.pdf
http://download.schneider­
electric.com/files?p_File_Id=214606670&p_File_Name=LEESMAD760BI.pdf
http://download.schneider­
electric.com/files?p_File_Id=214606850&p_File_Name=LEESGTD780EI.pdf
http://download.schneider­
electric.com/files?p_File_Id=214607578&p_File_Name=LEESGTD781EI.pdf

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 14


Internet – Schneider Electric Italia
Supporto Tecnico
http://www.schneider-electric.it/sites/italy/it/supporto/contatti/supporto-tecnico.page

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 15


Internet – Schneider Electric Italia

http://www.schneider-electric.it/sites/italy/it/supporto/normative/Norma-CEI-0-16.page
Supporto a CEI 0-16:

- Dichiarazioni Conformità

- Altre dichiarazioni

- Link ad “Approfondisci Sepam”

- Note regolazioni Sepam CEI 0-16

Schneider Electric Supporto Tecnico Italia 21/04/2015 16


Grazie dell’attenzione