Sei sulla pagina 1di 24

Chiesaviva

MENSILE DI FORMAZIONE E CULTURA


ANNO XL - N° 424
FEBBRAIO 2010

Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003


DIRETTORE responsabile: sac. dott. Luigi Villa «LA VERITÀ VI FARÀ LIBERI» (conv. L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 2, DCB Brescia.
Direzione - Redazione - Amministrazione: Abbonamento annuo:
Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà (Jo. 8, 32) ordinario Euro 35, sostenitore Euro 65 una copia Euro 3, arretrata Euro 3,5
Via G. Galilei, 121 25123 Brescia - Tel. e fax (030) 3700003 (inviare francobolli). Per l’estero Euro 65 + sovrattassa postale
www.chiesaviva.com
Autor. Trib. Brescia n. 58/1990 - 16-11-1990
Le richieste devono essere inviate a: Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà
25123 Brescia, Via G. Galilei, 121 - C.C.P. n. 11193257
Fotocomposizione in proprio - Stampa: Com & Print (BS)
contiene I. R. I manoscritti, anche se non pubblicati, non vengono restituiti
www.chiesaviva.com e-mail: omieditricecivilta@libero.it Ogni Autore scrive sotto la sua personale responsabilità

Uieni, Vergine Maria!


a
Nostra Signora
del
Buon Successo
nel 400° anniversario della preparazione
e consacrazione della Sua Statua Sacra,
nel Convento dell’Immacolata Concezione di Quito

del sac. dott. Luigi Villa

Vieni, Vergine Maria! “Sì”, Noi sappiamo che dobbiamo:

L’umanità non riesce più a superare – ascoltare i tuoi consigli di cam-


le sue colpe che lei stessa si è biamento di vita, rispettando le
create, cercando di impedire a TE Leggi di Dio;
di vincere la battaglia dello spirito. – avere generosità nel sacrificio,
Manda i tuoi Angeli, o Vergine Im- per attenuare la collera di Dio;
macolata, a illuminare di nuovo la – avere fede nella potenza del
nostra notte! Rosario;
Quanti cuori, Vergine, Ti attendo- – avere devozione al tuo Cuore
no, perché TU viva e regni nei loro Immacolato!
cuori.
L’ora è grave! Il mondo vive sotto
la minaccia e la paura della guerra
Vieni, Vergine Santa! atomica e batteriologica e delle ro-
vine apocalittiche; ma al di sopra
TU che hai visto risuscitato il tuo dei mezzi umani di difesa, Noi ab-
Gesù. È a Te, o Maria, che Noi of- biamo i mezzi spirituali, sorretti
friamo le nostre anime, i nostri cuori dall’intercessione del Cuore Addo-
e le nostre speranze! lorato e Immacolato di Maria.

2 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010


Per ottenere, però, l’azione della Misericordia di Dio, (Papa Benedetto XVI).
dobbiamo, tutti i primi sabati del mese: “Chiesa viva” vuole questo tempo insieme con Te, o
Nostra Signora del Buon Successo, affinché la
– accostarsi alla confessione; Chiesa torni ancora ad essere “Vangelo”!
– ricevere la Santa Comunione in grazia di Dio; La Chiesa di Cristo ha sempre ritenuto che la recita
– recitare ogni giorno il Santo Rosario in famiglia; del Santo Rosario sia la preghiera per eccellenza al-
– fare, o rinnovare, la Consacrazione delle nostre la Vergine.
famiglie al Cuore Immacolato di Maria; Nel secolo XV, Pio V pubblicò 5 Costituzioni apostoli-
– vivere apertamente lo spirito di questa devozio- che sul Santo Rosario. Dopo la vittoria di Lepanto,
ne, lo spirito di carità, dell’amore di Dio e del nell’ottobre del 1571, il santo Pontefice istituì, per il 7
prossimo, per rinnovare il mondo malato nella Ve- Ottobre di ogni anno, la “Festa di Nostra Signora
rità e nella Giustizia del Santo Vangelo. della Vittoria”.
Il suo successore, Gregorio XIII, trasferì questa fe-
Saremo, allora, gli Apo- sta alla prima domenica
stoli del Cuore Immaco- di Ottobre, sotto il titolo
lato di Maria! di “Festa del Santo Ro-
Ella, la “Tota Pulcra”, la sario”.
Vergine purissima, che Il Papa Leone XIII pub-
ha concepito nel suo se- blicò ben 23 documenti
no il Redentore degli pontifici, tra cui 11 enci-
uomini e che è stata pre- cliche, per riconoscere
servata da ogni macchia nel Santo Rosario la
originale, vuole essere il preghiera dell’individuo,
sigillo definitivo del no- della famiglia, della so-
stro incontro con Dio, no- cietà e della Chiesa. Do-
stro Salvatore. Non c’è po la Crociata vittoriosa
frutto della Grazia, nella contro gli Albigesi, la de-
storia della salvezza, che vozione del santo Rosa-
non abbia, come stru- rio fiorì in tutta l’Europa
mento necessario, la me- cattolica. Essa divenne
diazione di Nostra Signo- la devozione mariana
ra e Regina! per eccellenza. I “fatti
Come suonano attuali straordinari” di Lour-
per Noi, che viviamo in des e di Fatima hanno
un’epoca piena di edoni- confermato, con i mira-
smo, le parole scritte nel- coli, questa devozione
la formula di consacra- per l’illuminazione della
zione: «Toglimi piutto- fede con la salda dottrina
sto la vita, prima che io e fervente pietà.
offenda il tuo benedetto L’anima soprannaturale
Figliuolo, mio Signo- di questa devozione è
re!». nella sua dottrina di ve-
Il mondo, oggi, ha biso- rità e di vita!
gno di vite limpide, di ani- La Sacra Statua di Nostra Signora del Buon Successo, Pio XII scrisse: «Non
nel Convento dell’Immacolata Concezione di Quito (Ecuador).
me chiare, che rifiutino di con la forza, non con le
essere considerate crea- armi, non con l’umana
ture-oggetto di piacere. È potenza, ma con l’aiuto
necessario dire “no!” a divino ottenuto per
quei mezzi di comunicazione sociale che mettono in mezzo di questa preghiera; forte come Davide
ridicolo la santità del matrimonio e la verginità prima con la sua fionda, la Chiesa potrà affrontare im-
del matrimonio. pavida il nemico infernale».
La Madonna del Rosario sarà la migliore difesa Perché il santo Rosario è una preghiera evangelica,
contro i mali che affliggono la nostra vita, perché la chiesta dalla Vergine a Lourdes e a Fatima, per la
devozione mariana è la sicura garanzia di prote- pace e la salvezza del mondo per l’amore vero nella
zione materna e di tutela nell’ora della tentazione famiglia, per la conversioni dei peccatori e per la
“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 3
santità della Chiesa. gnazione alla Volontà divina, potremo pure rag-
È evidente che il mondo contemporaneo tiene i cri- giungerLa in Cielo» (Magne dei Matris, FVS & 1731).
stiani legati alle preoccupazioni della vita e alle va-
nità di questo mondo, per cui abbiamo bisogno del Queste considerazioni devono incoraggiarci alla ge-
santo Rosario per “nu- nerosità, all’appello da
trire” la nostra fede in Noi già suggerito alla
Gesù, per mezzo della Crociata del Rosario
materna mediazione di da offrire ogni giorno a
Maria Santissima. Maria, per contribuire al-
Scrisse Leone XIII: la vittoria della Chiesa.
«Nel guardare e con- Questa Crociata ci aiu-
templare Maria, le no- terà a formare lo spirito
stre anime restano co- di preghiera e di peni-
me abbagliate dai ful- tenza, tanto necessari
gori della maestà divi- al giorno d’oggi. Le pa-
na, bensì allettati da role di Suor Lucia, in
una comunanza di na- una sua lettera, fanno
tura, ci sentiamo esor- paura: «Il peggio è che
tati meglio all’imitazio- (il demonio) è riuscito
ne. Se sorretti da Lei, ci ad illudere e ad ingan-
applicheremo alacre- nare anime piene di
mente ad imitarLa, riu- responsabilità per la
sciremo certamente a carica che occupa-
riprodurre in noi alme- no!».
no i principali linea-
menti di tanta virtù e Ma Noi, con il santo
perfezione, e dopo aver Rosario, affretteremo
imitato quella piena e il trionfo del Cuore Im-
ammirabile sua rasse- macolato di Maria!

Appunti critici sul Vaticano II - 5 NO


sac. dott. Luigi Villa
(pp. 72 - Euro 10) VIT
À
Questo mio 5° libro “Appunti critici sul Vaticano II” vuole chiarire la ve-
rità e l’oggettività a riguardo dell’abbandono della Tradizione da parte del-
la stessa Gerarchia ecclesiastica, ma che nello stesso tempo, nega che il
Vaticano II non sia più nella tradizione.
Noi, allora, ci domandiamo: perché il Vaticano II ha lanciato una “Nuova
Religione”, ha “aperto al mondo”, al “Modernismo”, alla “Massone-
ria”, alla “Democrazia Universale”, alla “Tolleranza”, al “Comuni-
smo”, benché tutte queste aperture fossero già state condannate dal Ma-
gistero di sempre?..
Noi, questo tradimento, lo poniamo alla riflessione dei nostri lettori!

Per richieste, rivolgersi a:

Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà


Via G. Galilei, 121 - 25123 Brescia Tel. e Fax. 030. 37.00.00.3 - C.C.P. n° 11193257

4 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010


Il

teologo

OBBLIGHI E IMPEGNI SOLENNI


NELLA COSTITUZIONE LITURGICA

Gli obblighi stabiliti dalla Costituzione Liturgica sono:

1. l’uso della lingua latina è la “norma”, non


l’eccezione;
2. I sacerdoti devono provvedere che i fedeli sap-
piano leggere e cantare, in lingua latina, le parti
della Messa e dell’Ordinario... (art. 54 Cost. Lit.);
3. La piena efficienza delle “scholae cantorum” Calice: in luogo di “Sanguinis mei... qui pro vobis
per eseguire, soprattutto, la musica gregoriana e et pro multis effundetur”, fu imposta la traduzione:
polifonica della tradizione; “Questo è il Calice del mio Sangue”... e poi di nuo-
4. Il posto principale è da darsi al canto gregoria- vo ripetuta la parola: sangue, ripetizione che non c’è
no (art. 116, Cost. Lit.). nel testo latino. “È il sangue sparso” (participio
passato, in luogo del tempo futuro: sarà sparso:
Papa Innocenzo XI, condannando 65 proposizio- “effundetur”) “per voi e per tutti”, in luogo di “per
ni, contenenti altrettanti errori di morale lassa, ha voi e per molti” del corrispondente testo latino.
stabilito il principio, obbligante la coscienza “sub A conclusione, voglio ricordare il diritto che ha ogni
gravi”, che non è lecito seguire una opinione proba- sacerdote; diritto che gli conferisce anche il Vaticano
bile, bensì è necessario seguire la sentenza più sicu- II, al capo 2 della “Declaratio de libertate religio-
ra quando si tratta della validità dei Sacramenti... sa”, che dice:
Ci riempie di indignazione il modo in cui fu tradotto, e
poi imposto di dire in volgare, dalle Conferenze Epi- «... in materia religiosa nessuno sia sforzato ad
scopali, durante la Consacrazione delle sacre spe- agire contro la sua coscienza, né sia impedito,
cie, il testo della formula consacratoria: in luogo di entro i debiti limiti, di agire in conformità ad essa
“Corpus meum, quod pro vobis tradetur” = per (coscienza)... privatamente o pubblicamente, in
voi tradito, o consegnato, fu tradotto: “mio Corpo, forma individuale o associata...».
per voi offerto” (participio passato che indica solo
un ricordo, un “memoriale”, smentito dalla circo- Confidiamo nell’Immacolata, la sterminatrice di tutte
stanza “pridie quam pateretur”!). le eresie!
Peggio ancora nella formula di consacrazione del (fine)

“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 5


Karol Wojtyla “beato”?
NO!
minenza, Eccellenza, Monsi- “Fede e Costituzione” desse l’avvio

E gnore, Sacerdote, Laico mio let-


tore, voglio invitarVi a prende-
re in considerazione questi 20 artico-
ad un nuovo studio sulla questione
di un ministro (la minuscola è nel te-
sto!) universale dell’unità cristiana,
li, che io avevo già scritto per “Chie- che può non essere, necessariamente,
sa viva”, per sottolineare l’impossi- il Papa cattolico (cfr. “Ut Unum
bilità di beatificare e canonizzare sint”, n. 5.5.1995).
Giovanni Paolo II. Invito tutti, perciò, a prendere in se-
Vi prego di leggere con attenzione ria considerazione quanto abbiamo
questi articoli. Sulla base di quello scritto in questi 20 articoli, appunto
che leggerete, vedrete che, in questa per verificare l’impossibile “santità
ottica, Wojtyla non è da altare, dopo da altare” di quel Papa Wojtyla che
aver declassato la Chiesa, Una, San- fu un “attore” di teatro, prima, e che
ta, Cattolica, Apostolica e Romana, tale rimase anche da Papa; che amò
in semplice “Chiesa di Roma”, di il ballo, e che ballò anche da Papa;
Pietro e Paolo”, tradendo, così, il che amò l’arte anche da Papa, predi-
“mandato” affidato a Pietro e ai ligendo anche quell’arte di nudo
suoi successori, dichiarando espres- immorale e scandaloso... Un Papa,
samente che “la questione del Pri- Giovanni Paolo II. insomma, che lasciò in eredità una
mato del Vescovo di Roma è attual- Chiesa sicuramente diversa da
mente divenuta oggetto di studio quella che gli era stata affidata il 16
immediato”, aderendo, così, alla rac- ottobre del 1978! Che lo Spirito San-
comandazione del “Consiglio Ecumenico delle Chie- to ci illumini!
se” (organo protestante) affinché la Commissione sac. dott. Luigi Villa

Elenco degli articoli su Giovanni Paolo II già apparsi su “Chiesa viva”


(I testi si possono leggere e scaricare nel nostro sito: www.chiesaviva.com)

N° 337 Assisi-bis: 24 genn. 2002 Ecumenismo massonico luciferino N° 380 Giovanni Paolo II… santo?
N° 341 Assisi-bis 24 gennaio 2002 N° 383 Giovanni Paolo II il “Grande”?
N° 372 Giovanni Paolo II è morto N° 384 Giovanni Paolo II: una catechesi da ossessione erotica!
N° 373 Un libro ignoto del sacerdote Karol Wojtyla N° 386 Giovanni Paolo II (… un “San Karol”?)
N° 375 Sulla ventilata beatificazione di Wojtyla N° 388 Confermato: Wojtyla era ebreo (forse frankista)
N° 376 Giovanni Paolo II ha persino cambiato la “dottrina Mariana” N° 393 Ombre nella fede di Karol Wojtyla
N° 377 Giovanni Paolo II: un pontificato enigma N° 394 Giovanni Paolo II: cosa pensarne?
N° 378 Giovanni Paolo II: una lettera-accusa alla Sacra Congrega- N° 401 Inferno o purgatorio?
zione della Fede N° 404 Giovanni Paolo II… nelle fiamme?
N° 379 Una prova storica dell’esistenza del libro ignoto ed eretico di N° 408 Giovanni Paolo II:un Papa idolatrato
Karol Wojtyla N° 408 Giovanni Paolo II sui rapporti tra Chiesa e Stato

6 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010


CERVELLI
denocciolati
di A. Z.

L
a risposta dell’Ingegner sone card. Francesco Marchisa-
Franco Adessa a Mons. no e di Mons. Crispino Valen-
Panteghini sul tempio ziano. In tale Commissione ri-
satanico di Padergnone (BS) sultava anche il card. Carlo Ma-
non ha bisogno di commenti. ria Martini (“Chiesa viva” lu-
Parlano i fatti e i documenti glio-agosto 2009, pp. 2s). Cer-
ineccepibili. velli denocciolati!
Oggi, al mercato si trovano pru- Il tempio massonico di Fatima
gne senza nocciolo, pesche sen- è sorto col benestare del Rettore
za nocciolo, datteri senza noc- del Santuario di Fatima e del
ciolo, e altro. Quando si denoc- Cardinale di Lisbona. Altri cer-
ciola una prugna, essa rimane velli denocciolati!
vuota e viene consumata, ma il Poi, sono ormai noti i Prelati
suo nocciolo, portato lontano massoni arrampicati sull’albero
dal vento, può dare vita a un’in- della cuccagna vaticana: come
tera selva di prugne. possono essere Prelati e masso-
Oggi, sono molti i cervelli de- ni senza il “nocciolo”?
nocciolati. Molti hanno la testa Il male peggiore dei templi
vuota, ma il suo nocciolo è vivo Copertina del dossier:
“Risposta a Mons. Ivo Panteghini”.
massonici non sta nelle loro
ed è questo: Cristo e Satana so- mura e nei loro simboli, ma nei
no diventati amici, quindi non cervelli denocciolati che hanno
importa che il tempio sia cri- perso il discernimento e non
stiano o massonico: Satana sanno più distinguere il bene dal male, il Dio vero
concelebra con Cristo, si danno la pace e si spartisco- da Mammona, e pensano che ormai Cristo e Satana
no le entrate. Dio e Mammona si sono abbracciati! siano diventati amici.
Nocciolo assurdo? Niete affatto! Pensi forse che il Questo nocciolo ideologico non è, forse, patrimonio
nocciolo resti senza fecondità? Ti posso dimostrare il mentale di tutti quei Vescovi e preti e cristiani che giu-
contrario. Le idee giuste camminano a passo d’uomo, dicano il comunismo alleato alla fede cristina, compo-
ma le idee sbagliate si diffondono con la velocità del- nibile col Battesimo e l’Eucarestia? I cervelli denoccio-
la luce. lati si sono moltiplicati, molto di più di quanto appari-
Il tempio di Padergnone non è l’unico. rebbe a prima vista: sono l’epidemia del nostro tempo,
Il tempio satanico dedicato a San Padre Pio è sorto in una tragedia planetaria, che va trasformando l’esisten-
Vaticano dalla “Pontificia Commissione dei Beni za umana in inferno.
Culturali della Chiesa” sotto la Presidenza del mas- A quando la fine?
“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 7
La nuova Chiesa?
della dott.ssa Pia Mancini

i eravamo illusi, pensando gare le coscienze sulla base dei

C che quella del terzo millen-


nio fosse una Chiesa solo
parallela. Non è così: è stata mo-
suoi opinabili insegnamenti.
Nella diocesi di Campobasso-
Boiano, dunque, ricorrendo al ri-
dellata lentamente, caparbiamente, catto della prima Comunione che
una Chiesa nuova, più umana, che senza il cammino comunitario di
ha sostituito la precedente e che si cinque anni non può essere fatta,
esprime, ormai, ricorrendo a forme s’intende iniziare, sin dalla più te-
liturgiche e catechetiche modifica- nera età, a plasmare il popolo di
te, in completa rottura con l’orto- Dio caro ai modernisti, perché
dossia della fede Cattolica. senza discernimento, passivamen-
Parroci e Vescovi, sempre più te obbediente ed in grado di assi-
aperti al cambiamento e allo spiri- curare una quieta uniformità nella
to pluralista dei movimenti reli- sequela dei dettati di Kiko
giosi sviluppatisi negli ultimi de- Argüello e dei suoi adepti, Clero e
cenni, tra i quali il meno accettabi- laici, intronizzatisi prepotente-
le è il cammino neocatecumenale, mente nelle parrocchie, senza che
sembrano aver adottato la linea alcuno intervenisse.
ebraico-protestante di quest’ulti- È biasimevole il fatto che gli spro-
mo, senza premurarsi di ap- positi neocatecumenali vengano
profondirne gli errori dottrinali, incoraggiati, benedetti, condivisi e
peraltro spesso denunciati alla diffusi proprio da chi dovrebbe di-
Santa Sede da numerosi fedeli e fendere la nostra fede.
Sacerdoti autorevoli. Imporli anche alle piccole menti
Certe affermazioni, che si leggono indifese, supportandoli con argo-
Mons. GianCarlo Bregantini,
negli Orientamenti di Kiko Vescovo di Campobasso-Boiano.
mentazioni ambigue e devianti,
Argüello ai suoi catechisti, si di- falsamente improntate allo zelo
scostano infatti dai secolari princì- per la salvezza delle anime, ele-
pi della Chiesa e del Vangelo. vandoli oltretutto a condizione ne-
Sarebbe inutile rielencarli: troppo cessaria per la prima Comunione,
se ne è parlato e se ne parla; troppi è l’inganno più diabolico che si
Pastori sono ostinati nella loro sor- formazione, presenziato dal Ve- potesse escogitare per annientare
dità e cecità! scovo di Campobasso, Mons. Bre- la Tradizione, tanto in odio alla
Il programma catechetico, inte- gantini, mostra senza ombra di maggior parte dei clericali di oggi.
gralmente qui riportato, consegna- dubbio i piani del Clero locale, Con quale diritto s’impone ai fe-
to ad uno dei presenti al campo di sempre più determinato a omolo- deli della Diocesi di Campobasso-
8 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010
Boiano l’accettazione della prassi e gnore, presente nel Santissimo Sa- sioni in merito. Va, tuttavia, preci-
del modo di credere neocatecume- cramento? sato che la sbandierata libertà di
nale? Con quale autorità il Clero molisa- coscienza dal Clero conciliare non
Quale dovere si ha di seguire le no ha deciso di vietare che i picco- è ammessa per i Cattolici, obbliga-
prescrizioni di parroci e catechisti, li imparino a memoria le preghie- ti ogni giorno di più ad asseconda-
devastanti per l’anima dei nostri re e i precetti e s’istruiscano sui re i novatori intellettualisti dell’ul-
figli? Non è incongruente la prepa- testi editi dalla C.E.I. al fine di tima ora che non sembrano aver
razione alla prima Comunione in privilegiare una sorta di catechi- alcun rispetto per il loro mandato
un ambiente che debba addirittura smo ludico? ed agiscono, ormai allo scoperto,
ricordare la sinagoga che ha ucciso Ciascuno che legge il documento senza rimorsi, senza vergogna e
e tuttora nega proprio Cristo-Si- può da sé trarre le debite conclu- senza onestà.

Campo diocesano
per catechisti
(Castelpetroso, 31 luglio-1/2 agosto 2009)

I campo di formazione e ag- Trento), come hanno spiegato su-

I giornamento rivolto ai catechi-


sti della diocesi di Campobas-
so-Boiano, organizzato dall’Uffi-
bito le due relatrici Rosella e Con-
cetta, questo modello parte dal
concetto che il catechismo tradi-
cio Catechistico Diocesano (diret- zionale soffre di alcuni punti de-
to da don Michele Socci) e svolto- boli, proprio gli stessi che sono
si a Castelpetroso fra il 31 luglio e stati evidenziati durante il pome-
il 2 agosto 2009, ha visto la parteci- riggio del 31 luglio dai catechisti
pazione di una ventina di parroc- della diocesi che, chiamati da
chie e la presenza costante di Mons. Bregantini a raccontarsi e a
Mons. GianCarlo Bregantini, af- illustrare luci ed ombre della loro
fiancato dalla prof.ssa Emilia Di attività, hanno lamentato l’assenza
Biase, moderatrice e animatrice delle famiglie o il disagio di gesti-
dell’appuntamento estivo. re le “nuove famiglie” (conviven-
Sua, infatti, è stata l’iniziativa di ze, separazioni), il mancato contat-
incoraggiare, nella nostra diocesi, to fra catechisti e pastorale familia-
la diffusione di un innovativo iti- re, il raro lavoro di squadra fra gli
nerario di formazione per i bambi- stessi catechisti, la carenza delle
ni che si apprestano a ricevere strutture, la presenza talvolta poco
l’Eucarestia, itinerario che è stato collaborativa dei parroci, l’inade-
presentato nelle sue linee essenzia- guatezza dei sussidi (il cui lin-
li già a maggio (in un incontro guaggio e i cui contenuti sono po-
informativo svoltosi nella sala Ce- co rispondenti alle esigenze e ai
lestino V, a Campobasso) e poi am- vissuti del bambini di oggi), il cre-
piamente illustrato, durante il Mons. GianCarlo Bregantini, scente disinteresse dei piccoli, che
campo, da due catechiste della Vescovo di Campobasso-Boiano.
diventa demotivazione negli anni
parrocchia calabrese di Bovarino, che sfiorano la preadolescenza e
nella Locride, ormai da otto anni spesso si traduce anche in compor-
alle prese con un modello di cate- tamenti indisciplinati.
chesi del tutto originale e comple- Lanciato alcuni anni fa dalla par- Proprio in risposta a queste diffi-
tamente rinnovato. rocchia di Mattarello (diocesi di coltà - condivise e vissute anche
“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 9
dalla comunità di Bovarino, che l’Eucarestia, infatti, è il “clou” tri”, per giunta di durata varia-
ad esse aggiunge la presenza di dell’iniziazione cristiana, e deve bile (se un’ora non basta, all’oc-
piaghe sociali quali una diffusa pertanto giungere in seguito alla correnza ci si trattiene per due!);
contaminazione mafiosa e la pre- Conferma del Battesimo, che av- – non più “insegnamento”, ma
senza di fenomeni di criminalità - viene mediante la Cresima. “accompagnamento” dei bam-
il nuovo itinerario di formazione Abbiamo precisato che i due sa- bini e delle famiglie;
catechistica vorrebbe innanzitut- cramenti si ricevono in corrispon- – non più “sussidi” tradizionali
to coinvolgere in maniera attiva e denza della classe quinta elemen- della CEI (Io sono con voi, Venite
protagonista le famiglie (si vedrà tare, ma è un’indicazione di massi- con me. Sarete miei testimoni), ma
più avanti come) e nel contempo ma ed orientativa, in quanto tali preferenza per il “fare”, ossia
trasformare la “catechesi” (intesa tappe non sono assolutamente ina- per le attività laboratoriali che
come trasmissione piuttosto tradi- movibili, si adattano anzi elastica- aiutano a comprendere i conti-
zionale di saperi, di istruzione reli- mente alla maturità e alle esigenze nui riferimenti alla Parola attra-
giosa, di nozioni bibliche, che per di ciascuno. verso i giochi, la manualità e
giunta si esaurisce nello spazio di Cerchiamo ora innanzitutto di sin- delle semplici spiegazioni;
un paio d’anni) in “iniziazione tetizzare brevemente le più evi- – non “precetti di morale” come
cristiana” permanente, ossia in un denti novità introdotte dall’itine- buone maniere, ma “fede” e “in-
cammino di vita che coinvolga il rario di iniziazione cristiana di contro con Gesù” che ispirano
bambino in modo consapevole, Mattarello, per poi entrare in una spontaneamente i comporta-
portandolo ad una scelta di fede illustrazione più specifica. menti sani e giusti; è l’incontro,
adulta, convinta, che abbia delle Una serie di parole-chiave, dalle l’integrazione tra fede e vita, è
ricadute positive su tutto il suo quali le relatrici sono partite per il modo di far scaturire stili di
cammino esistenziale e anche sulla sintetizzare lo spirito e l’ispirazio- vita cristiani dalla fede;
vita coniugale dei genitori. ne del nuovo itinerario, sono le se- – non “programmi standard” da
guenti: seguire in modo pedissequo, ma
Nel corso di questo cammino (che itinerari calibrati sui gruppi e
parte dalla cura delle famiglie fin – non si parla più di “iscrizione” rispondenti alle esigenze diverse
dal battesimo e si conclude, per il dei bambini al corso di catechi- dei bambini e dei contesti;
fanciullo, a 14 anni), al termine smo, ma di “festa dell’acco- – non “date prestabilite” per i sa-
della scuola elementare il bambino glienza”: massima cura è dedi- cramenti, ma date flessibili che
riceve contemporaneamente la cata proprio all’inizio del per- vengono concordate quando tut-
Confermazione, prima, e l’Euca- corso, che viene festeggiato con to il gruppo dei bambini ha rag-
restia poi, secondo l’ordine con un momento di gioco, canto e giunto la maturità e il grado di
cui dovrebbero effettivamente es- animazione in cui sono presenti consapevolezza atteso;
sere somministrati i sacramenti e il parroco, le catechiste, le fami- – non un “corso”, dunque, ma un
che invece è abitualmente inverti- glie e naturalmente i bambini; “percorso di vita”.
to ormai nella prassi comune: – non più “lezioni”, ma “incon- (continua)

LA SÈTTA CARISMATICA
sac. dott. Luigi Villa
(pp. 68 - Euro 10)

Il compito che mi sono prefisso, scrivendo queste pagine, è di far conoscere il Mo-
vimento carismatico per quello che realmente è, e non per come si presenta,
con le sue posizioni dottrinali non molto chiare, per gli orientamenti rischiosi - sia
pure con retta intenzione - e spinto da uno “Spirito Santo” che, come un vento im-
petuoso, deve spazzare via ogni nube, o, come un fuoco divorante, deve bruciare
tutta la terra. A voi, lettori, queste mie pagine perché non ignoriate né confondiate
i loro giudizi col vero “Rinnovamento dello Spirito” che è solo la Chiesa Catto-
lica, in una totale e incondizionata ubbidienza alla nostra Fede, fondata non sui
carismi, ma sui dogmi.

Per richieste, rivolgersi a:

Operaie di Maria Immacolata e Editrice Civiltà


Via G. Galilei, 121 - 25123 Brescia Tel. e Fax. 030. 37.00.00.3 - C.C.P. n° 11193257

10 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010


Occhi sulla Politica
La verità sull’evoluzione
POVERO ADAMO!
e l’origine dell’uomo
A causa della “nube”, il Ministero di Pier Carlo Landucci
Le rape ci ha proibito e l’insalata. 23
Povera umanità dov’è arrivata!
Povero Adamo sì borioso e altero!
GENETICA
Si crede un Padreterno ed è uno zero IMPOSSIBILITÀ DELL’EVOLUZIONE SPONTANEA
Tal che, per “troppa scienza”, male usata, Impossibilità radicale generale.
Con le sue stesse mani sì è scavata
La fossa, ed un immenso cimitero Basta riassumere gli aspetti fondamentali della vita: la sapiente ed
elastica (non rigidamente geometrica, come nei cristalli) organizza-
Farà del bel pianeta, sulla soglia, zione, perfettamente finalizzata a vantaggio del soggetto e delle
sue mirabili strutture, che non può derivare dal puro cieco, rigido e
Ormai, della totale distruzione,
unidirezionale dinamismo fisico-chimico; il ciclo immanente im-
Cui perverrà, con indicibil doglia, presso alle attività fisico-chimiche, in quanto partono dal soggetto e
vi ritornano per conservarlo nella sua identità, difenderlo, ripararlo,
Se il cielo non si muove a compassione moltiplicarlo, non producendo nei suoi contatti attivi con la materia
Della umana demenza. Dio non voglia esterna una terza entità, come nelle reazioni chimiche tra sostanze
Permettere la gran tribolazione! inanimate, ma restando sempre se stesso; l’elevazione del mate-
riale preso dall’esterno alla superiore complessità e minore sta-
bilità del soggetto (corruttibilità del vivente), contro la tendenza a
Prof. Arturo Sardini minor complessità e maggior stabilità dei composti inanimati (pro-
cesso antientropico contro il processo entropico)1.
Ora un tale principio vitale che trascende così a fondo il piano pu-
ramente fisico-chimico non può spontaneamente derivare da
esso2. Esso postula un intervento creativo dell’Artefice sommo.
CONTRO IL BULLISMO Bene Salvador Dalì, davanti alle scoperte sui geni poté dire:
“Questa è per me la vera prova della esistenza di Dio”.
Il bullismo è un fenomeno attuale,
Che si scatena, specie nella scuola,
Dove, talor, s’arriva alla pistola, 1 Si dice entropico un processo fisico in cui aumenta l’entropia. Questa è
Come negli U.S.A.: cosa “naturale”, una entità termodinamica introdotta da Clasius (1822-1888), che aumenta
al diminuire della capacità di un sistema fisico di fornire lavoro. Si ha au-
In una società senza morale, mento di entropia, e quindi diminuzione di tale
capacità di lavoro in ogni attività fisica in con-
Violenta, degradata e rissaiola, seguenza della degradazione dell’energia per
Che ignora l’evangelica parola, dispersione di calore e per la tendenza di ogni
Guidata dallo spirito del Male! sistema a stabilizzarsi (come per una costruzio-
ne che crolla) a livelli inferiori, meno ordinati.
2 Il fallimento di ogni tentativo di produrre artifi-
I giovani, fautori del bullismo, cialmente un qualsiasi grumo vivente ne è una
Credonsi eroi, ma sono solo schiavi, conferma. La produzione artificiale, sopra ac-
Inconsciamente, del materialismo, cennata, di qualche sostanza organica non è
ancora la vita. Più recentemente si è anche riu-
sciti a produrre un DNA cromosomico, capace
Che reputa una colpa l’esser bravi, di attiva moltiplicazione. Ma esso da solo non è
Nel tempo in cui trionfa il nichilismo, un vivente e la moltiplicazione è avvenuta entro
Con previsioni veramente gravi! una cellula batterica, cioè in virtù della già esi-
stente vita di essa.

Prof. Arturo Sardini (continua)

“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 11


DOCUMENTA FACTA

LA MADONNA
È STATA OLTRAGGIATA
DAI RELIGIOSI STIMMATINI

Non è poca l’agitazione inte- E mi domando anche: che


riore che io provo per quel fanno ora, il Vaticano e i
gravissimo oltraggio fatto al- Vescovi?.. Interverranno?..
la Madonna Immacolata, la Sarebbe grave se l’Autorità
Tutta Pura, la Madre di Dio. Ecclesiastica tollerasse que-
Ella è stata vilmente oltrag- sta satanica provocazione!
giata non da infedeli, ma da Comunque, attenzione!..
cristiani, anzi da Preti Reli- Dalla Storia della Chiesa ri-
giosi, gli Stimmatini, che vi- sulta che DIO NON HA
vono in un convento del 500, MAI PERDONATO A CHI
costruito da Monaci Oliveta- HA OFFESO SUA MADRE,
ni. ma è sempre intervenuto
È qui dentro che quegli in- con gravissimi castighi!
noninabili Religiosi Stim-
matini di Sezano (Verona) Ora, non ho più parole, per-
hanno oltraggiato, satanica- ché sono profondamente in-
mente, la Madonna Imma- diganato, e mi chiedo: ma
colata, presentandola in un davvero dobbiamo toccare
nudo integrale, e con il pan- La statua degli Stimmatini di Sezano che hanno proprio il fondo?.. Certo, Sa-
satanicamente oltraggiato la Madonna Immacolata.
cione, nell’“aula liturgica”, tana sa che il trionfo della
come un segno dell’Avvento, Chiesa dovrà arrivare pro-
in un atteggiamento volgare prio dall’IMMACOLATA
e dissacrante. Madre di Dio. Infatti, «DIO
Domandiamoci: qual è la VUOLE STABILIRE NEL
motivazione che li ha portati ad esporre questa MONDO LA DEVOZIONE AL SUO CUORE IM-
scultura “sacra” in un luogo “sacro”? MACOLATO».
VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA! O Vergine Santa, Noi crediamo e confidiamo in
TE. Aiuta la nostra incapacità e debolezza. Fa che
Io credo che questi impuri Religiosi Stimmatini possiamo farti conoscere e amare da tutti. Fidenti
di Sezano, ora debbano essere cacciati via, assie- nel tuo amore, vogliampo continuare a combatte-
me al loro ignobile scultore, il Signor M. Danie- re il “Male” in noi e nel mondo, per la tua gloria e
lon. la nostra salvezza!

12 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010


IL VESCOVO DI UDINE: costantemente dichiarato che “gli Come cortesia vuole, non poteva
I DIRITTI VANNO RICONO- atti di omosessualità sono intrin- mancare il saluto dell’Arcivesco-
SCIUTI ANCHE AI GAY secamente disordinati”, perché vo.
sono contrari alla legge naturale,
Il Vescovo di Udine, lasciando perché chiudono l’atto sessuale al «Vostra Maestà,
l’Arcidiocesi, rilasciò a un quoti- dono della vita, perché non proce- pochi mesi fa, quando ho avuto il
diano locale, il “Messaggero Ve- dono da una vera complementa- privilegio di pregare per voi in
neto” (del 10 ottobre 2009) una rietà affettiva e sessuale, per cui, un’altra occasione in questa capi-
lunga intervista in cui si pronun- in nessun caso, possono essere ap- tale, ho chiesto ad Allah, il com-
ciò anche sugli omosessuali; e do- provati. (Cfr. N. 2357). passionevole e misericordioso Si-
po aver dichiaro che “i diritti van- Per mons. Brollo, invece, ritiene gnore di tutto il mondo, di bene-
come “diritto” l’omosessualità; dirvi e di aiutarvi (…) oggi, ascol-
un “diritto delle minoranze”, tando le vostre parole, credo che
quindi un “diritto da approvare”. la mia preghiera sia stata esaudi-
Mons. Brollo, quindi, si schiera ta. Infatti, il Messaggio di Am-
contro la Fede della Chiesa. man di novembre dello scorso
A Noi resta il dubbio che mons. anno è un progetto ed una sfida
Brollo sia davvero un Vescovo non solo per il grande mondo
cattolico! dell’Islam, ma per tutto il genere
umano. … (un pressante invito) a
tutti noi, soprattutto ai popoli del
CARDINALE AMERICANO Libro, la famiglia di Abramo, che
PREGA ALLAH condividono tante cose e che so-
no chiamati ad essere fratelli e
Il 13 settembre del 2005, a Wa- sorelle nell’unica famiglia umana
shington. D. C., nel Byron Audito- di Dio. (…).
rium, la Columbus School of Law Avete preso a cuore le parole del
della Catholic University of Ame- Papa Benedetto XVI, quando si è
rica, ricevette la prima visita di un rivolto ai leader musulmani riu-
Capo di Stato straniero. Si trattata- niti con lui in Germania il mese
va del Re di Giordania, Abd Al- scorso… L’invito di Vostra Mae-
lâh II ibn al-Husayn, che, insieme stà e quello del Santo Padre sono
con la moglie e alcuni dignitari, alla loro maniera la stessa cosa.
venne ricevuto ed accompagnato Possa Allah, il misericordioso e
Il vescovo di Udine, Mons. Pietro Brollo. dall’allora Arcivescovo di Wa- compassionevole, continuare a
shington, il cardinale Theodore guidare i vostri passi lungo que-
Edgar McCarrick, oggi 79enne Ar- sto nobile percorso. Voglia Egli
civescovo emerito. guidarvi e proteggervi…In nome
no riconosciuti a tutte le mino- Il Re Abdullah presentò un inter- di Allah, il Dio misericordioso e
ranze”, al giornalista che gli chiese vento preparato per la bisogna: compassionevole, noi preghiamo.
“anche ai gay?”, mons. Pietro “Traditional Islam: The Path to Amen».
Brollo, rispose: «Anche agli omo- Peace”, cioè “Islam tradizionale:
sessuali, certo. Se la loro natura è la via alla pace”, centrato sulla ne- ***
quella, va rispettata; ma quello cessità che le religioni si impegni-
non vuol dire che debba essere no per la pace. Che Allah protegga questo Cardi-
esaltata come accade in molte ma- Iniziò dicendo: «Bismillah ar- nale di Santa Romana Chiesa, così
nifestazioni. Un conto è protesta- Rahman Ar-Rahim (In nome di disinvolto e così comprensivo, così
re contro l’omofobia, un conto Dio, il compassionevole, il miseri- strafottente e così preso dalla pace
sfilare ai gay-pride». cordioso), As-Salaamu ‘alaykum a tutti costi!
Si vede che mons. Brollo non co- (La pace sia con voi)». Dopo il concilio Vaticano II, una
nosceva neppure il Catechismo «L’obiettivo - disse il Re - è che la prassi siffatta è stata la prassi del-
della Chiesa, emanato con la Co- nostra religione si liberi degli la Chiesa conciliare, papi in testa,
stituzione apostolica “Fidei depo- estremisti verbali, violenti e igno- e per dirla tutta, dopo Assisi, il
situm” dell’11 ottobre 1992, che in- ranti, che hanno cercato di dirotta- Cardinale McCarrick fa solo la fi-
segna che, pur rimanendo in parte re l’Islam negli ultimi cento anni. gura del discepolo diligente. Ma la
inspiegabile la sua genesi psichica, … costoro non parlano a nome blasfemia resta, e nessuno può
l’omosessualità è una depravazio- dell’Islam, non più di quanto parli evitare di pensare che questo
ne grave. a nome della Cristianità un terro- chierico non debba renderne con-
La Scrittura e la Tradizione hanno rista cristiano». to a Dio, a suo tempo!
“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 13
Il segreto
della “tomba vuota”
di Padre Pio
a cura del dott. F.A.

PADRE PIO ministratore Apostolico, P. Clemente


È STATO AVVELENATO? da Santa Maria in Punta.
«Verso la metà di luglio del 1965, il
Il 23 agosto del 1963, la Congrega- dott. Fausto Gianni, già Capo di Ga-
zione dei Religiosi nomina Ammini- binetto dell’on. Mattarella, Ministro
stratore Apostolico della Provincia dei Trasporti, essendo di passaggio a
cappuccina di Foggia padre Clemente Rapallo, si recò a far visita al card.
da Santa Maria in Punta. Ottaviani, che era solito trascorrere le
«Negli ultimi anni di vita di Padre ferie in una comunità religiosa di quel
Pio, l’autorità di governo della Pro- luogo, e gli parlò di Padre Pio e gli fe-
vincia cappuccina di Foggia è accen- ce presente la mia preghiera (del re-
trata esclusivamente nelle mani di pa- dattore vaticano, dott. Mario Cinelli)
dre Clemente da Santa Maria in perché padre Pellegrino da Sant’Elia
Punta il quale, in quanto Amministra- a Pianisi, che era già stato assistente
tore Apostolico, ha, in sede provincia- Copertina del libro di Luigi Peroni: di Padre Pio, fosse nuovamente man-
le, un’autorità superiore a quella “Padre Pio da Pietrelcina”. dato a San Giovanni Rotondo con tale
del Generale dell’Ordine»8. incarico. Il Cardinale richiese una mia
Il 22 gennaio 1964, ingannando il lettera, alla quale ricevetti la seguente
card. Ottaviani del Sant’Uffizio, p. risposta: “Carissimo Cinelli, ho rice-
Clemente fa eleggere, come padre vuto la sua lettera del 30 luglio e sono
Guardiano del Convento di San Gio- lieto di porterle assicurare che ho da-
vanni Rotondo, padre Carmelo da In questo ultimo periodo, l’assistenza to disposizione ai Superiori perché
San Giovanni in Galdo, il suo subor- a Padre Pio veniva effettuata da alcuni mandino subito il padre Pellegrino
dinato e succube esecutore dei suoi suoi confratelli, ma anche queste scel- a San Giovanni Rotondo”.
ordini. te dovevano passare sempre dall’Am- Il 14 agosto, gli mandai un telegram-
14 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010
ma: “A San Giovanni Rotondo, fi- tutte le parti del mondo. Perciò, le
no ad oggi, nulla di nuovo”. autorità religiose locali fanno
Sentii poi dire che il padre Pelle- diffondere a tutti i giornali, a mez-
grino era stato chiamato dai Su- zo di un’agenzia stampa, la notizia
periori ed invitato a scrivere una che il Padre è stato visitato dal
lettera nella quale pregava di di- prof. Valdoni, il quale ha formula-
spensarlo dal recarsi a San Gio- to una diagnosi rassicurante. Ma lo
vanni Rotondo e che egli aveva studio del prof. Valdoni, in Roma,
rifiutato. Cioè l’obbedientissimo smentisce. I frati, allora, correggo-
padre Clemente da Santa Maria no: la visita non è stata eseguita da
in Punta, così sempre sollecito nel Valdoni, ma dal prof. Pontoni di
cautelarsi dicendo che lui eseguiva Napoli. Nel frattempo, i medici
gli ordini dei superiori, diede ese- della Casa Sollievo della Sofferen-
cuzione all’ordine del Cardinale za, preoccupati, chiamano a con-
Ottaviani solo due mesi e mezzo sulto il prof. Cassano di Roma. Il
dopo: il padre Pellegrino, infatti, celebre clinico sta rientrando pro-
giunse a San Giovanni Rotondo so- prio ora dagli USA, ove ha seguito,
lo il 25 ottobre 1965»9. come medico di fiducia, il Presi-
dente del Consiglio Italiano, Aldo
Nel 1964, p. Clemente aveva sot- Moro. Il Ministero dell’Aereonau-
toposto a Padre Pio due documenti tica Militare gli mette subito a di-
(Testamento e Legato) affinché sposizione un aereo per condurlo
egli sottoscrivesse quello che rite- all’aeroporto dell’Amendola di
neva più idoneo per costituire la Foggia, da dove in auto, raggiun-
Santa Sede erede universale di tutti gerà San Giovanni Rotondo.
L’Amministratore Apostolico, Padre Clemente di
i beni mobili e immobili inerenti Santa Maria in Punta, impose a Padre Pio di non È la sera del 29 aprile: sono ad at-
alla Casa Sollievo della Sofferen- farsi più visitare .... tenderlo il Primario del Reparto di
za, togliendo di mezzo l’ente giuri- Medicina di Casa Sollievo, prof.
dico che era stato creato col Testa- Glauco Torlontano e il prof. Giu-
mento redatto da Padre Pio, il 4 otto- seppe Gusso, direttore sanitario della
bre 1960, subito dopo la conclusione clinica. Con essi, il prof. Cassano si
della missione di Mons. Maccari, a male ed ha un collasso. Non si cono- dirige subito in convento, ma, tra lo
San Giovanni Rotondo. sce l’oggetto del colloquio. Sembre- sbigottimento di tutti, gli si fa incon-
L’11 maggio 1964, Padre Pio li firmò rebbe, secondo voci attendibili, che al tro un padre che gli dice: «Non si può
tutte e due, lasciando ai superiori la Padre siano state date precise di- visitare Padre Pio, perché il padre
facoltà di scelta. sposizioni circa la condotta che Guardiano non vuole». Si manda a
Essi sceglieranno il Testamento. avrebbe dovuto tenere nei riguardi cercare il Guardiano che, però, è irre-
della clinica, nei rapporti con i me- peribile.
«Dalla Pasqua del 1965, ha inizio dici e le autorità di essa, e, in parti- Il professore rimane in silenzio, addo-
una lunga agonia del Padre che du- colare, con i clinici suoi amici, an- lorato, ma non offeso. Poi, chiede il
rerà tre anni e mezzo, fino al trapas- che illustri, dai quali gli è fatto di- permesso di poter soltanto salutare il
so. vieto di farsi visitare. Padre. Entrato nella cella n. 1, “si in-
Già dal 10 aprile, si avverte un qual- Nonostante il malessere della mattina, ginocchia davanti al Padre e rimane in
che cosa di eccezionale nello sfini- nel pomeriggio, il Padre vuole confes- ginocchio mentre parla con lui”. Du-
mento fisico del Padre. A tratti, dà sare gli uomini. rante il colloquio, Padre Pio ripete
l’impressione di essere un corpo iner- Eligio gli chiede: “Padre, si sente un per tre volte al professore, che tanto
te, come di uno profondamente asso- po’ meglio?”. lo venera: “Non posso farmi visitare
pito; è pallido e un sudore freddo im- “Peggio, figlio mio!.. Pregate la Ma- da lei perché il padre Guardiano
perla il volto solcato da profonde ru- donna che mi porti con sé”. non vuole”.
ghe, mentre gli occhi belli di lui ap- Il giorno di Pasqua, 18 aprile, celebra, Ma la verità è un’altra. (…) si vuole
paiono come infossati nelle cavità ma poi rimane in cella fino a tutto il impedire che altri medici visitino il
cerchiate di nero. Negli ultimi giorni lunedì. Padre e indaghino sui medicinali a
della settimana santa (15, 16, 17), al- La mattina del martedì 20, chiede ai lui somministrati.
lontanandosi dall’altare, piange. confratelli di sorreggerlo perché vuole
Nella mattinata del 17 aprile, padre celebrare, ma sugli ultimi gradini si
Clemente da Santa Maria in Punta appesantisce e, a braccia, è ricondotto 8 Luigi Peroni, “Padre Pio da Pietrelcina”, Ediz.
si intrattiene, per un quarto d’ora nella sua cameretta. A metà del corri- Borla, Roma 1994, p. 553.
9 Diario segreto de dott. Mario Cinelli (cfr. E.
in colloquio con Padre Pio, nella sua doio sviene e cade a terra. Malatesta, “L’ultimo segreto di Padre Pio”, Ed.
cella. Subito dopo, il Padre si sente I figli spirituali chiedono notizie da Piemme, 1997, pp. 156-157.

“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 15


Crolla il mito
di
Medjugorje
di Biljana Vukicevic
(fonte: “Rinascita Bacanica)

dagli anni ottanta che a

È
Andare in chiesa equivaleva ad
Medjugorje, con le pre- essere estromessi dal Partito, dal-
sunte apparizioni “maria- le cariche pubbliche e, in non po-
ne”, ogni anno i credenti arrivano chi casi, si rischiava anche la vita.
a milioni. Il credere o non credere In quegli anni, iniziava a spirare,
all’autenticità dei fatti non cambia però, un leggero vento di cambia-
questo dato; rammentiamo, però, menti dall’URSS con l’inizio della
che queste apparizioni non sono “glasnost” e della “perestroijka”; in
mai state accettate dalle più alte Polonia, con la presenza sempre
gerarchie cattoliche, e non sono più forte di Solidarnosch, e la cap-
entrate a far parte della dottrina pa del terrore staliniano stava per
ortodossa né della catechesi. andare in soffitta seguendo la
Il piccolo e povero paese di stessa sorte dei regimi nazisti e fa-
Medjugorje di allora, col tempo è scisti, della dittatura franchista, di
andato trasformandosi in un oasi quella di Salazar in Portogallo e
con ville, alberghi con ogni dei colonnelli in Grecia.
comfort; il reddito medio si è alza- Perciò, alle apparizioni di allora, il
to molto, rispetto al resto della Partito socialista che era al pote-
Croazia, ed anche i piccoli veg- re, lasciò la scena libera alla
genti, ormai adulti, vivono in condi- Padre Tomislav Vlasic, principale sostenito- Chiesa Cattolica, apostrofando il
zioni economiche decisamente mi- re dei veggenti di Medjugorje è stato cacciato
dall’Ordine Francescano, sospeso a divi- caso con supponenza e con la so-
gliori di allora, dopo aver continua- nis ed ha ricevuto, per volontà di Benedetto lita frase presa dalla dottrina di
XVI, il divieto di fare alcuna dichiarazione
to ad essere soggetti alle visioni pubblica in merito alle presunte “apparizioni”. Karl Marx: «la religione è l’oppio
ed averne ricevute circa 40.000, dei popoli».
cosa assolutamente inedita, come I piccoli veggenti dicevano che
numero, rispetto ad ogni evento si- nelle apparizioni veniva loro detto
mile registrato. Le visioni di Fatima Bisogna ricordare la situazione che la Madonna avrebbe portato
furono ben più esigue di numero e politica di allora, durante il regime la pace. Purtroppo, furono triste-
cessarono in breve tempo. post-titino. mente smentiti in capo a pochi an-
16 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010

Il
ni, con una guerra fratricida che ri- bambino. guerra mondiale, sia nella guerra
sollevò antichi rancori, mai sopiti, Dalla diocesi di Mostar, siamo Iugoslava, ai danni di ebrei, serbi
che covavano sotto la cenere co- venuti a conoscenza che il vesco- e zingari.
me carboni ardenti, dai fatti della vo locale, Ratko Peric, si è sem- Ricordiamo che gli Ustasha, cat-
seconda guerra mondiale. pre opposto a quel culto mariano; tolici croati, si schierarono aperta-
Odio e sete di vendetta, mai risolti molti libri sono stati scritti, in questi mente col nazifascismo. Personal-
e mai completamente dimenticati, anni, da giornalisti ed esperti, ed il mente, abbiamo avuto modo di ve-
partorirono una guerra “civile” tenore è stato, per la maggioran- dere le foto dei soldati Ustasha
nel cuore dell’Europa che, dopo za, un affossamento del culto, co- esposti nel monastero a Siroki
40 anni, spaccò definitivamente me falsità orchestrate anche per Brijeg, mentre durante la Messa
la Iugoslavia, dove un tempo ragioni politiche. nella Chiesa del monastero, Jozo
croati e serbi, insieme, frequenta- Citiamo, ad esempio, quelli di E. Zovko teneva sull’altare la ban-
vano le stesse scuole e le stesse Michael Jones: “Inganno di diera croata e l’emblema degli
istituzioni. Medjugorje” e “Medjugorje: la Ustasha.
Negli anni, molti, a Medjugorje, storia non raccontata”, entrambi Forse, la presa di posizione tardi-
dicono di aver trovato la pace pubblicati in America, dove ap- va della Chiesa Cattolica è avve-
nell’anima; molti di aver trovato paiono forti collegamenti tra il pro- nuta in un momento favorevole.
consolazione, altri, dicono di aver tettore dei veggenti, il francescano Probabilmente, questo culto ma-
visto migliorare la loro salute; altri Vlasic, ed un altro frate, Jozo riano è stato utile, finora, perché
dicono di non aver trovato che un collimava con le logiche politiche
semplice posto, come ce ne sono della Chiesa Cattolica e, quindi,
altri. sopportato e strumentalizzato, a
Ma, un paio di giorni fa, è accadu- proprio vantaggio, per rafforzare
to qualcosa di inconsueto: per la posizioni di fede in una zona di
prima volta dalle “apparizioni”, la confine col mondo ortodosso e
Chiesa Cattolica - e direttamente quello islamico europeo.
per decisione del Pontefice Be- Secondo Michael Jones, autore
nedetto XVI, Joseph Ratzinger - dei libri sopracitati, questo caso
ha preso una posizione drastica può essere annoverato nel filone
che segna un netto distacco da dei “preti maghi” che, con il loro
tutta la faccenda. A Tomislav Vla- carisma e le loro capacità psichi-
sic, il frate francescano che sin che, hanno manipolato dei giovani
dall’inizio ha supportato i piccoli innocenti per tornaconto loro per-
veggenti e le loro visioni, è stato sonale, ma soprattutto politico, da-
fatto divieto di parlare ancora di to che un altro effetto che ebbero,
tali miracoli e di fare qualsiasi di- da subito, tali apparizioni fu quello
chiarazione pubblica in proposito. di indurre litigi tra le comunità e le
In sostanza, la Chiesa Cattolica gerarchie cattoliche e ortodosse,
ha preso le distanze con forza, che da sempre convivevano pacifi-
e Vlasic è finito con l’essere so- camente sul territorio. «Quando si
speso “a divinis”, poi con l’esse- Padre Jozo Zovko, protettore dei veggenti di
frantumò la Iugoslavia, Tudjman
re estromesso completamente Medjugorje noto anche per i suoi forti collega- visitò Medjugorje. Quello non fu
menti con gli Ustasha croati famosi per gli
dalla Gerarchia ecclesiastica, eccidi perpetrati, durante la Seconda Guerra un semplice pellegrinaggio, ma
mentre già da tempo era stato mondiale e nella più recente guerra coi serbi, una manipolazione politica». Lo
a danno di ebrei, serbi e zingari.
espulso dall’Ordine francescano, conferma Jones nel suo nuovo li-
al quale apparteneva Hose Rodri- bro dal titolo: “Dionyso’s Rising”
ges Karbalo, priore dei france- (Il risveglio di Dioniso). L’autore fe-
scani, a causa della sua iniziativa ce poi tappa a Belgrado, dove pre-
di creare, presso Parma, una sua senziò in una Conferenza: “Il fal-
propria comunità religiosa. Negli Zovko - altro simbolo di Medju- so fenomeno di Medjugorje”.
anni, i rapporti che aveva con i gorje, ritiratosi sull’isola di Badija, Scoprire la verità, forse, aiuterà a
piccoli veggenti andarono deterio- vicino a Korcula in Croazia - con sanare vecchie ferite tuttora lace-
randosi. Ebbe anche una relazio- le componenti degli Ustasha ranti tra popolo croato e serbo, tra
ne stabile con una Suora, che croati, tristemente famosi per gli due confessioni della cristianità, la
portò anche alla nascita di un eccidi perpetrati, sia nella seconda cattolica e l’ortodossa.
“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 17
PIO XII
del sac. dott. Luigi Villa
(da “Pio XII - Un grande pontificato”, Ed. Civiltà, Brescia, 1964).

ualche giorno fa ho casione di sperimentare la grande

«Q avuto l’incarico di re-


carmi a Berchtesgar-
den, dove sono stato ricevuto da
compassionevole bontà e magnani-
mità del Papa, negli anni infelici
della persecuzione e del terrore,
Hitler. Appena ho toccato la que- quando sembrava che per noi non
stione degli ebrei e del giudaismo, ci fosse più alcuno scampo».
la serenità dell’incontro è scom- – La Comunità israelitica di Ro-
parsa di colpo. Hitler mi ha voltato ma (dove è sempre vivissimo il
le spalle e se ne è andato alla fine- senso di gratitudine per quello che
stra, dove si è messo a tambureg- la Santa Sede ha sempre fatto in fa-
giare con le dita sui vetri. Potete vore degli Ebrei romani) ci ha auto-
immaginare quanto penosa fosse la rizzato a riferire, nella maniera più
mia situazione, avendo dovuto esplicita, la convinzione che quanto
esporre le mie richieste ad un in- è stato fatto dal Clero, dagli Istituti
terlocutore che mi volgeva le spal- religiosi e dalle Associazioni catto-
le. Tuttavia, assolsi egualmente al liche, per proteggere i perseguitati,
mio compito. Hitler; allora, si girò non può essere avvenuto che con
di colpo, si avvicinò a una tavola l’espressa approvazione di Pio XII.
Papa Pio XII.
sulla quale stava un bicchiere
d’acqua, ed afferratolo, lo scagliò – Il Ministro degli Affari esteri,
a terra con furore. Avanti questo ge- Golda Meir, alla morte di Pio XII,
sto, squisitamente diplomatico, ho do- esternò la sua gratitudine e quella di
vuto considerare la mia missione co- tutto il popolo ebraico a Colui che
me terminata». (Mons. Cesare Orseni- aveva alzato la voce e tanto operato in
go, Nunzio Apostolico a Berlino, no- Israele, affermò che Pio XII salvò, favore dei perseguitati.
vembre 1943) personalmente, o per mezzo di eccle-
– Il Gran Maestro dei B’nai B’rith,
siastici, non meno di 150.000 ebrei,
dott. J.L. Lichten, scrisse: «Nessuno
*** e, forse, più del doppio.
di coloro che conoscono il complesso
– Il Rabbino di Roma, Israele Zolli, dell’opera di soccorso espletata da Pio
Tutto iI mondo ebraico riconobbe a ringraziò Pio XII per la Sua opera in XII, può ritenere giusta codesta accu-
Pio XII i Suoi altissimi meriti e Gli favore degli ebrei, a nome di tutti i sa (di Hochhuth). L’opera di Pio XII
tributò le attestazioni più commosse. suoi correligionari. fu di un valore incalcolabile».
– Pihas Lapid, poco prima di essere – Il Capo Rabbino Elio Toaff, scris- – Il dott. Marcus Melchior, Rabbi-
al Ministero degli Affari esteri di se: «Più degli altri abbiamo avuto oc- no-capo della Comunità ebraica di
18 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010
Danimarca, scrisse: «È veramente tri- smo umano e da odio di razza». no dal Vaticano, raccomandando alle
ste quello che noi dobbiamo vedere Chiese Nazionali di intervenire a fa-
– Nel giornale da campo della “Bri- vore degli ebrei»2.
oggi: che si offenda la memoria di un
gata ebraica”, combattente con la
morto che non ha alcuna possibilità di
VIII armata, si legge: «... A perenne – Al Presidente delle Associazioni
difendersi. Ritengo che solo un errore
onore del popolo di Roma e della ebraiche di Baltimora, Harry Green-
di intelligenza possa suggerire a qual-
Chiesa Cattolica Romana, la sorte de- stein, che Gli portava i ringraziamenti
cuno l’idea che Pio XII avrebbe potu-
gli ebrei è stata mitigata, grazie alla del suo amico, il grande rabbino
to esercitare un qualche influsso sul
loro offerta, veramente cristiana, di Herzog di Gerusalemme, per tutti gli
cervello di un uomo tarato (Hitler). Se
aiuto e di ricovero... Per evidenti mo- sforzi da Lui fatti per salvare e aiutare
solamente il Papa avesse aperto la
tivi non può essere ancora raccontata gli ebrei, Pio XII rispose: «Il mio uni-
bocca (e sappiamo che l’ha aperta so-
tutta la storia degli aiuti concessi dalla co rammarico è di non essere stato ca-
vente, a suo tempo!), Hitler avrebbe,
Chiesa cattolica al nostro popolo... ». pace di salvare un numero più grande
forse, ucciso molto di più che sei mi-
di ebrei»!
lioni di ebrei trucidati; forse avrebbe – Lo storico Leone Poliakov, nella
ucciso altrettanti cattolici, solo se si sua opera “Harvest of Hate”, affer- – Uno degli ebrei salvati dall’inter-
fosse convinto di guadagnarci qualco- ma: «.. contro il terrore hitleriano, la vento di Pio XII in Ungheria, Leone
sa»1. Kubowitzki, rifugiato in Israele, mu-
tato il suo nome in quello di Kubowi,
– Pinhas Lapile, Console d’Israele a
il 21 settembre 1945, ricevuto da Pio
Milano durante il pontificato di Pio
XII nella sua qualità di Segretario
XII, in seguito alto funzionario del
Generale del Congresso Ebraico
Ministero degli Esteri, afferma: «...
Mondiale, offrì al Papa, per le opere
Dallo stesso comandante del campo
di assistenza della Santa Sede, la som-
(di Framenti-Trasia) appresi con com-
ma di due milioni di lire, in segno di
mozione quanto aveva fatto il Papa
“riconoscenza” per l’opera compiuta
Pio XII, intervenendo, personalmen-
da Pio XII a favore degli ebrei.
te, a favore dei 3.200 ebrei ivi interna-
ti. Questi sentimenti trovarono una – La Comunità israelitica di Roma
toccante espressione nella lettera di «ha autorizzato a riferire, nella manie-
ringraziamento consegnata allo stesso ra più esplicita, la convinzione che
Pontefice, il 29 ottobre 1944, dallo quanto è stato fatto dal Clero, dagli
Stesso direttore del campo, Giovanni Istituti Religiosi e dalle Associazioni
Herrmann, e dal rappresentante di Cattoliche per proteggere i perseguita-
questa comunità israelitica, dott. Max ti, non può essere avvenuto che con la
Perels, con altri superstiti, il 29 otto- espressa approvazione di Pio XII».
bre 1944». «Quando nel 1942 erava-
mo minacciati di deportazione in Po- – È ancora iI Console Pinhas Lapide
lonia, la Santità Vostra ha steso pro- che, al giornale parigino “Le Monde”
tettrice e paterna la Sua mano, impe- Papa Pio XII. del 13 dicembre 1963, scriveva: «Pos-
dendo la deportazione degli Ebrei in- so affermare che il Papa personalmen-
ternati in Italia e salvandoci da morte te, la Santa Sede, i Nunzi e tutta la
quasi sicura». Chiesa Cattolica hanno salvato da
150. 000 a 400. 000 Ebrei da morte
– Nell’inverno 1944-45, tre Delega- Chiesa ha svolto un’attività instanca- sicura. Quando, a Venezia, fu ricevuto
zioni ebraiche vennero a Roma, per bile ed indimenticabile sul campo dal Cardinal Roncalli, che sarebbe
ringraziare il Pontefice. dell’azione umanitaria diretta, con divenuto Giovanni XXIII, e gli dissi
l’approvazione e sulle insistenze del la riconoscenza del mio Paese per
– ll 29 novembre 1945, un gruppo di
Vaticano». Leone Poliakov, storico quanto aveva fatto, allorché era Nun-
12 ebrei, ex internati in Germania,
imparziale dell’antisemitismo, evo- zio in Turchia, m’interruppe più volte
presentarono a Pio XII, in segno di ri-
cando quello che Pio XII fece in fa- per ricordarmi che ogni volta aveva
conoscenza, albi, scritti biblici e altre
vore degli ebrei d’Italia, scrisse: agito su ordini precisi di Pio XII».
piccole cose che avevano potuto sal-
«Questo aiuto accordato dal Papa,
vare nella catastrofe.
nella Sua qualità di Vescovo di Roma, (continua)
– Nella primavera seguente, un altro agli ebrei perseguitati, non era che
folto gruppo di ebrei Lo ringraziò l’espressione simbolica di una attività
«per la Sua generosità d’animo nel che si estendeva all’Europa tutta inte-
1 A conferma di questo, si può citare la testimo-
periodo della persecuzione». Pio XII ra, incoraggiando e stimolando gli
nianza di un colonnello deIle S.S. naziste, Flugen
rispose, commosso, che la Chiesa sforzi spiegati dalle Chiese cattoliche Dollmann. Scrisse: «Nessuno ha fatto, per gli
«può elevarsi al di sopra di ogni barrie- nella maggior parte dei Paesi. È certo ebrei, più di quanto ha fatto il Papa Pio XII».
2 Cfr. “Mond Juif”, dicembre 1950.
ra stretta, dispotica, formata dall’egoi- che delle istruzioni segrete perveniva-
“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 19
Qual è
la vera Chiesa?
di Ciro di Conza

(10-11) LA GERARCHIA (13) LA SANTA MESSA

Si dice che non deve esistere una ge- I fedeli si radunano in preghiera per-
rarchia, perché ogni battezzato è au- ché nella preghiera comune è assi-
tomaticamente sacerdote. È vero; ma curata la presenza di Gesù. Infatti
c’è una profonda differenza tra que- Egli disse: “Dove sono due o tre
sto sacerdozio e quello dei preti. Il riuniti nel mio nome, lo sono in
sacerdozio dei battezzati è il sacer- mezzo a loro” (Mt. 18,20).
dozio comune dei credenti; quello L’atto più significativo della comunità
dei preti è “sacerdozio ministeria- cristiana riunita in preghiera è la San-
le”; la sua funzione specifica è quella ta Messa, con la quale si rinnova il
di servire - a Nome ed in Persona di Sacrificio di Cristo. Nell’ultima ce-
Cristo - la comunità dei fedeli. Il sa- na, Gesù diede agli Apostoli il suo
cerdozio ministeriale viene conferito Corpo ed il suo Sangue sotto la for-
dal Vescovo mediante il Sacramento ma del pane e del vino: “Prendete e
dell’Ordine, che dà al sacerdote l’au- mangiate, questo è il mio Corpo...
torità di insegnare, di celebrare il cul- prendete e bevetene tutti... questo
to divino, di governare pastoralmente. e il mio Sangue...” (Mt. 26, 26-28).
La gerarchia si formò fin dall’origine Alcuni mettono in dubbio la transu-
della Chiesa. stanziazione, cioè che il pane e il vi-
Non dimentichiamo che Gesù conferì no, pur rimanendo apparentemente
il primato a Pietro e che gli Apostoli tali, diventano - nella sostanza - il
nominarono i primi diaconi. Ecco, Corpo ed il Sangue di Cristo. E co-
dunque, la gerarchia: Pietro, Apostoli, storo sostituiscono il verbo “è”, pro-
diaconi. (12) LA CHIESA nunziato da Gesù, con il “significa”
Dopo la morte degli Apostoli, la ge- E LE AUTORITÀ CIVILI o “rappresenta”, Ma Gesù disse
rarchia fu - e lo è tuttora - formata da proprio “è”, come si legge nel testo
Vescovi, sacerdoti, diaconi. Inoltre si Circa il governo della Chiesa affidato greco di Luca: “esti” (Lc. 22, 19-20).
deve tener presente che Pietro deve alle autorità civili, si può fare riferi- Nei medesimi versetti leggiamo che
“confermare i fratelli”, cioè avere mento al n. 5. Non può esserci diffe- lo stesso Gesù comandò che si ripe-
autorità su di essi; e perciò deve ave- renza tra un re ed altre autorità civili, tesse e perpetuasse il suo sacrificio:
re anche il primato. È lui il grado più perché nessuno di essi ha ricevuto il “Fate questo in memoria di Me”
elevato della gerarchia. Sacramento dell’Ordine. (Lc. 22,19).

20 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010


E la Chiesa, giustamente, ha obbedi- (15) LA PREDESTINAZIONE ma abbia la vita eterna...” (Gv. 3,15-
to al suo comando con la celebrazio- 21). Ancora in Giovanni si legge:
ne della Messa. In questo rito, Gesù Il termine “predestinazione” non “Chi crede nel Figlio ha la vita eter-
è realmente presente sotto le specie esiste nel Vangelo, ma fa parte del na” (Gv. 2,36; cfr. anche Gv. 5,24;
del pane e del vino; ed il Sacrificio pensiero del protestante Calvino. Se- 6,40-43-50-51).
della Croce si rinnova sull’altare, ma condo lui, l’uomo non è in grado di Inoltre, è possibile pensare che Dio
in modo incruento. salvarsi, ma Dio, con la sua bontà, possa predestinare alla salvezza uno
Il sacerdote, che celebra la Messa e salva coloro che ha eletti fin dall’eter- che non collabora con la sua Grazia?
ripete le parole di Cristo durante la nità. Questa, per la Chiesa, è una Ciò è inimmaginabile, perché sappia-
consacrazione, è solo un esecutore dottrina eretica, perché “Dio vuole mo che Gesù definisce Dio come
del desiderio di Gesù; ma chi in realtà che tutti gli uomini siano salvati e “Padre giusto” (Gv. 17, 25) e che ci
agisce e rinnova il Sacrificio del Golgo- arrivino alla conoscenza della ve- giudica con la stessa misura con la
ta - sia pure senza spargimento di san- rità” (1 Tim. 2,4). quale noi giudichiamo gli altri (Mt. 7,
gue - è sempre Lui, il Signore Gesù. Probabilmente, Calvino non consi- 2; cfr. anche Mc. 4, 24; Lc. 6, 37-38;
La Santa Messa non è solo una ceri- derò che, se l’uomo - con le sue sole Lc. 18, 7-8).
monia, poiché Gesù è realmente vi- possibilità - è incapace di salvarsi, è
vo e presente nell’Ostia consacra- però aiutato dalla Grazia. Questa vie-
ta: lo dimostra una serie di miracoli ne conferita con i Sacramenti, ma il CONCLUSIONE
eucaristici (almeno una ventina, rego- fedele deve cooperare anche perso-
larmente accertati e documentati), Nella Prima parte di questo scritto,
la maggior parte dei quali verificati- ho dimostrato sufficientemente che
si nel corso dei secoli passati, ma la vera Chiesa è la Chiesa Catto-
alcuni addirittura recentissimi. lica, fondata da Gesù.
Nella seconda parte, ho cercato di
confutare i maggiori errori delle
(14) IL BATTESIMO Chiese non cattoliche e dei suoi
DEI BAMBINI promotori.
Viene ora spontanea la domanda:
Osserviamo subito: Gesù afferma se i fedeli delle Chiese non cattoli-
che il Regno dei Cieli è dei bambi- che si possono salvare o no. La ri-
ni e di chi accoglie il Regno di Dio sposta è positiva, se i fedeli sono in
come un bambino (Mt. 19,14; Lc. buona fede e non cospirano contro
18,15 ss.). la Chiesa Cattolica. La responsabi-
Però, si entra nel Regno di Dio at- lità, semmai, è di chi, nel passato,
traverso il Battesimo (cfr. Gv. 3,5). ha allontanato i fedeli dalla vera
Perché dovremmo impedire ad un Chiesa. Tutti si possono salvare;
bambino, che muore in età infanti- Gesù è venuto nel mondo appunto
le, di entrare nel Regno di Dio? per questo.
Tanto più che, non essendo ancora Ma bisogna aggiungere due consi-
in grado di ragionare, non può derazioni importanti: la prima è
neanche avvalersi del Battesimo che solo la Chiesa cattolica dà le
di desiderio. In nessun brano dei maggiori garanzie di salvezza, per-
Vangeli è indicata un’età in cui sia ché dispone di tutti i mezzi (Sacra-
conveniente ricevere il Battesimo; menti) sovrabbondanti per tra-
per tale motivo fu amministrato an- smettere la Grazia e l’amicizia di
che ai bambini fin dalla nascita del- Dio.
la Chiesa. La seconda è che Gesù non vole-
Una certa Lidia di Filippi si fece Gesù, Buon Pastore. va nessuna divisione tra i suoi se-
battezzare da S. Paolo con tutta la guaci; quindi, bisogna fare di tutto
famiglia (At. 16,14); anche un car- per eliminare non solo gli errori, ma
ceriere che teneva prigioniero Pao- per raccogliere tutti i credenti in
lo e Sila “si fece battezzare con un’unica vera Chiesa, ossia, come
tutti i suoi” (At. 16,33). Lo stesso disse appunto Gesù, formare un
Paolo dice di aver battezzato la fami- nalmente con la sua buona condotta, solo ovile sotto un solo pastore. “Ho
glia di Stefana (1 Cor. 1,16); la “fami- con le sue azioni virtuose, con la pre- ancora altre pecore che non sono
glia” comprende anche i bambini. ghiera. Gesù non dice che si salverà di questo recinto, anche queste bi-
Quindi, il Battesimo dei bambini non solo chi è predestinato, ma “chi cre- sogna che io conduca... e divente-
è un’idea recente della Chiesa. Di derà e sarà battezzato sarà salvo, ranno un solo gregge, un solo pa-
conseguenza, i genitori che fanno ma chi non crederà sarà condan- store” (Gv. 10, 16).
battezzare i loro bambini e le perso- nato” (Mt. 16,16). Preghiamo, quindi, affinché ciò si av-
ne, che si assumono il compito di pa- Leggiamo in Giovanni: “... Dio ha veri presto e che non sorgano invece
drini e madrine, hanno il dovere di tanto amato il mondo da mandare altre comunità o sètte di protestanti.
educare cristianamente i battezzati in il suo Figlio unigenito, perché
età infantile. chiunque crede in Lui non muoia, (fine)

“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 21


Conoscere la Massoneria
del dott. Franco Adessa

GIUSEPPE MAZZINI E GLI EBREI

«A Torino, il movimento mazziniano è finanziato dalla fa-


miglia Todros. Davis Levi di Chieri, il banchiere poeta, scri-
ve un’ode in memoria del fratelli Bandiera, la cui nonna pare
fose un’ebrea di Ancona.
A Livorno, si fonda una società capeggiata da due ebrei;
Cottolenghi e Montefiore: “I veri italiani”, ma gli animatori
vengono arrestati.
«Tutti gli ebrei anelavano al conseguimento delle libertà civili.
Nel 1842, all’imperatore Ferdinando d’Asburgo in visita a Giuseppe Mazzini.
Milano, una deputazione delle comunità israelitiche del Lom-
bardo-Veneto chiede l’abolizione delle restrizioni. L’anno se-
guente, le comunità israelitiche inviarono due rappresentanti ti”, ha ricordato Carlo Alianello. L’esercito “italiano” oc-
a Vienna per intercedere presso il Governo austriaco perché cupò per decenni con 120.000 soldati il Sud “liberato”.
fossero abrogate le più odiose interdizioni, ma, malgrado l’in- Non per caso dal 1876 al 1914, ben 14 milioni di meridio-
tervento del barone Salomon Rothschild presso il principe nali trovarono scampo nell’emigrazione alla miseria prodotta
di Metternich, essi non ottengono che vane promesse. dall’occupazione e dalle angherie. C’è stato un esodo, c’è
«Ma se tutti gli ebrei lottavano per l’unità e l’indipendenza stato un esilio - e quasi un genocidio - di cui non è consentito
d’Italia, anche tutti i patrioti, dal canto loro, erano favore- coltivare la memoria!»1.
voli agli ebrei: l’emancipazione ebraica è considerata un
atto di giustizia che fa parte delle rivendicazioni italiane; ***
lo studio della storia ebraica può far comprendere la storia di
tutti i popoli se si esamina l’atteggiamento da questi tenuto «Nella seconda metà del 1832, per le pressioni esercitate dai
verso gli ebrei. governi d’Austria e del Regno di Sardegna, Luigi Filippo di
Nel 1830, Gabriele Pepe scrive su questo argomento un ar- Francia espulse tutti gli esiliati di Marsiglia, tra i quali vi era
ticolo sulla “Antologia”; nel 1836, Carlo Cattaneo pubblica anche Giuseppe Mazzini.
uno studio che intitola: “Ricerche economiche sulle inter- Dopo un breve periodo trascorso a Lione, per ingannare la
dizioni imposte agli israeliti”; Vincezo Gioberti, nel suo polizia, Mazzini tornò a Marsiglia alloggiando, per un breve
“Primato civile degli italiani”, sostiene che gli ebrei devono periodo, a casa di Giuditta Sicoli che divenne “la grande
essere emancipati; Niccolò Tommaseo, Angelo Brofferio, passione della sua vita”, e poi a casa di un certo Démo-
Cesare Balbo, tutti sono ardenti fautori dell’emancipazione sthéne Olliver, padre del futuro Presidente del Consiglio di
ebraica; i due fratelli D’Azeglio esplicano la loro attività in Napoleone III, Émile Olliver. Questo fu il periodo in cui
favore degli ebrei, il primo, con scritti (“Della emancipazio- Mazzini ebbe un figlio da Giuditta; un figlio la cui esistenza
ne civile degli israeliti”, dedicato al Papa); il secondo, ado- fu persino negata dai “devoti” mazziniani che la considerava-
perandosi con fervore per l’emancipazione degli acattolici. no inconsistente con la purezza d’anima del loro eroe»2.
«A tanta sollecitudine per i diritti degli ebrei, nei patrioti ita-
liani non corrispose, però, una pari sensibilità per i diritti
degli italiani del Sud! Dal periodo gennaio-ottobre 1861,
l’esercito “italiano” (savoiardo) “liberatore” delle Due Sici- 1 Cfr. Maurizio Blondet, “Cronache dell’Anticristo 1666-1999”, Ef-
lie, si abbandonò a un pogrom di concittadini meridionali: fedieffe Edizioni, Milano 2001. pp. 28-30.
“9.860 fucilati, 980 case arse, 6 paesi bruciati, 12 chiese 2 Cfr. E.E.Y. Hales, “Mazzini and the secret societies” Eyre &
predate, 40 donne e 60 ragazzi uccisi, 13.629 imprigiona- Spottiswoode, London 1956, pp. 71-73 e 218.

22 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010


In Libreria
Lettere «Guardati dall’uomo che

alla Direzione
ha letto un solo libro».
(S. Tommaso d’Aquino)

SEGNALIAMO:

Rev.do Don Villa, fetto, per cui riconoscenti, ringraziamo la NICHITARONCALLI


non Le sarò mai abbastanza grato per Sua generosità, perseveranza e disponi- di Franco Bellegrandi
la sua lunga, strenua, appassionata, vigo- bilità, nel condividere con noi, semplici
rosa lotta in difesa della vera Chiesa. battezzati, quel cumulo immenso di verità Acconsento volentieri a tenere a
Complimenti per il lavoro così preciso e fondamentali ed esperienze di vita religio- battesimo questo libro di cui mi di-
dettagliato, frutto di attento e sicuramente sa, raccolte in tutta una vita e condensate chiaro ispiratore e, senza mezzi ter-
difficoltoso studio del suo speciale colla- nella tanto attesa Rivista “Chiesa viva”,
boratore dott. Franco Adessa, riferito al permanente punto di riferimento, oggi e mini, moralmente padrino.
tempio massonico satanico della nuova in futuro, su temi assai difficili da trovare Ma ci voleva un “puro folle” come
Chiesa parrocchiale di Padergnone... altrove, perché scomodi, talvolta segreti, l’Autore, il cui coraggio rasenta la
Che il Signore ricompensi e protegga Lei, impopolari, ignoti ai più. Veramente re- temerarietà, per scrivere agli odier-
le sue gentili e laboriose Suore, i suoi va- stiamo grati a tanto sforzo, assieme al re- ni chiari di luna, la leale e appassio-
lidi e coraggiosi collaboratori, in primis il sto dei collaboratori. nata testimonianza di eventi che
dott. Adessa. Quanto bene ha da fare ancora, Monsi- hanno irrevocabilmente influito sul-
Grazie di tutto e che tutti Dio Vi benedica gnore, la sua Rivista... la toria dell’umanità e drammatica-
per la santa battaglia che conducete. Con l’ammirazione e la stima di sempre, mente pesato sui destini della Chie-
(U. Z. - Roma) preghiamo il Signore perché Le manten- sa cattolica aspostolica romana.
ga la forza e il coraggio dimostrato in tutti
*** questi anni, predisponendo a rilevarLa Dal suo punto d’osservazione tanto
paulatinamente dallo sforzo... vicino a Giovanni XXIII da leggergli
Egr. Don Villa, Suo dev.mo in Cristo Nostro Signore e nello sguardo e da udirne il respiro,
mi è capitato casualmente tra le ma- Maria SS.ma! l’Autore, attillato nell’antico costu-
ni il suo giornale “Chiesa Viva” e devo (Ing. Sergio Eminiam Martini - Brasile) me che fu dei Grandi di Spagna, ha
effettivamente ammettere che la Masso- visto e ascoltato e la sua penna, fe-
neria, con il suo ideale di civiltà della *** dele alla Tradizione e senza incer-
conoscenza che dimentichi totalmente tezze, compiendo un buon servizio
la dimensione divina della Provvidenza, Egregio Don Villa, alla caduca memoria dell’uomo e
sia un pericolo più che mai alle nostre (...) Io prego per Lei. È una fonte di alla Storia, ha riempito di fatti, im-
porte. grandi vedute, una fonte dove ci si può
A tal proposito, ritengo assai intelligente veramente assetare. Lei è un Apostolo di pressioni ed emozioni le pagine di
e lungimirante la sua opera di sensibiliz- Gesù; da Lui è molto amato! questo scomodissimo libro, che az-
zazione che a volte, non nascondo, sem- Le auguro ogni bene e salute, a Lei e alla zarda un profilo inedito e inquietan-
bra caratterizzata da un eccesso di zelo sua Comunità. te del Papa di Sotto il Monte, forse
e sospetto, pur tuttavia non senza fonda- Mi benedica! il più imponente sovvertitore nella
mento, vista la copiosa documentazione (Suor E. F. - LU). storia dell’umanità.
“probatoria” che sorregge le sue pubbli- Scomodissimo libro, dicevo, e mi
cazioni. *** domando se troverà un editore dal
Cordiali saluti cuor di leone, in questo tempo di
(M. G. - A. S. ). Care Suore, ruffiani e lacché, disposto a stam-
Vi auguro un “Sereno Natale” e un Fe-
lice “Anno Nuovo”. parlo. Glielo auguro, ma con spe-
*** Vi chiedo di estendere gli auguri a Don ranza avarissima.
Villa, che ammiro per la sua tenacia nel Dalla Casina Valadier in vista der
Carissimo Mons. Luigi Villa, proclamare la “Verità”! cuppolone, nell’Ottobre dell’anno
innanzi tutto, riceva il nostro devoto af- (St. C. - Bergamo) senza grazia 1977.

Fabrizio Sarazani

RAGAZZE e SIGNORINE
in cerca vocazionale, se desiderate diventare
Religiose-Missionarie” Per richieste:
– sia in terra di missione, sia restando in Italia –
per opere apostoliche, con la preghiera e il sacrificio, Edizioni Grafiche Manfredi snc
potete mettervi in contatto, scrivendo o telefonando a: Via G. Mazzoni, 39/A
00166 Roma
“ISTITUTO RELIGIOSO MISSIONARIO”
Via Galileo Galilei, 121 - 25123 Brescia - Tel. e Fax: 030 3700003

“Chiesa viva” *** Febbraio 2010 23


Conoscere il Comunismo blea e, portatosi dietro al sacerdote, lo
colpì al cranio con un’accetta. Caduto im-
mediatamente a terra, altri uomini lo fini-
contro Dio... rono a colpi di bastone. P. Li venne ripor-
tato in prigione.

Chen Yushi Giuseppe


Sacerdote. Nato intorno al 1912, era sta-
to ordinato sacerdote nel 1939. È stato
picchiato a morte a Shierlizhuang, il 23
luglio 1947.

Li Yuhai Antonio
Sacerdote. Nato intorno al 1915, era sta-
to ordinato sacerdote intorno al 1941. È
stato ucciso a Shierlizhuang, nel settem-
bre 1947.
(continua)

FEBBRAIO 2010
... contro l’uomo
SOMMARIO N. 424

Martiri in Cina Vieni, Maria!


di Giancarlo Politi 2 A Nostra Signora del Buon
Successo
del sac. dott. Luigi Villa
MARTIRI nella Provincia di Shaanxi
5 Il Teologo

6 Karol Wojtyla “beato”? NO!


del sac. Luigi Villa
Li Pacifico Haettig Augustin
Sacerdote, Ofm. Vicario generale della Sacerdote, Svd. Era nato a Kuhbach, in 7 Cervelli denocciolati
diocesi. Arrestato nel 1953, restò in pri- Germania, il 22.8.1898. Entrato tra i Ver- di A.Z.
gione fino alla morte, avvenuta nel 1979. biti il 29.9.1921, era stato ordinato sacer-
dote il 26.5.1927. Fu ucciso il 20, o il 21 8 La nuova Chiesa? (1)
Yu Isabella giugno, 1942. della dott.ssa. Pia Mancini
Religiosa, Fmm. Di Luozhuang. Soffrì 11 Occhi sulla Politica
molto durante la rivoluzione culturale. Mueffer Agostino
Morì nel gennaio 1980, in fama di santità. Sacerdote. Nato a Dassburg Fl settembre 12 Documenta Facta
1912, era entrato tra i Verbiti il 1° maggio
Diocesi di Heze (Tsaochow) 1935. Venne ordinato sacerdote il 10 set- 14 Il segreto della “tomba vuota”
Il Vicariato Apostolico venne staccato da tem bre 1939. È stato ucciso il 18 maggio di Padre Pio (9)
Yanzhou il 12 novembre 1934 e affidato 1944, festa dell’Ascensione del Signore. a cura di F.A.
ai missionari Verbiti (Svd).
Wang 16 Crolla il mito di Medjugorje
di Biljana Vukicevic
Bayerle Giuseppe Laico, sposato. Nato intorno al 1898,
Sacerdote, Svd. Originario di Speyar, in venne giustiziato tra l’autunno 1946 e l’in- 18 Pio XII (1)
Germania, era nato il 15 maggio 1899. verno del 1947, nel distretto di Ishui. di L.V.
Entrato tra i verbiti il 29 settembre 1921,
era stato ordinato sacerdote il 26 maggio Prefettura Apostolica di Linqing 20 Qual è la vera Chiesa? (3)
1927. È stato ucciso da guerriglieri, il 23 La Prefettura Apostolica venne staccata di Ciro Di Conza
aprile 1941, nel distretto di Chengwu. da Jinan il 5 aprile 1931 e affidata al clero
secolare locale. 22 Conoscere la Massoneria
Polefka Bernard 23 Lettere alla Direzione
Sacerdote, Verbita. Sepolto vivo il 21 di- Fang Giuseppe In Libreria
cembre 1942. Sacerdote. Fucilato a Liucheng, prefettu-
ra apostolica di Linqmg, nel febbraio 24 Conoscere il Comunismo
Walburg John 1946.
Sacerdote. Originario di Bochum, in Ger-
mania, Svd. Era nato il 14.5.1892, ed en- Zheng Xinhua Giuseppe SCHEMI DI PREDICAZIONE
trò nei Verbiti il 13.1.1920. Ordinato sa- Sacerdote. Il mattino del 23 luglio 1947, Epistole e Vangeli
cerdote il 28.1.1923, fu giustiziato a con i padri Chen Yiushi e Li Dongming
(imprigionati il 12 luglio), fu condotto, le- Anno C
Majiazi, l’8 agosto 1947.
gato come gli altri, ad un’assemblea po- di mons. Nicolino Sarale
Diocesi di Liny (Ichow) polare a Shierlizhuang e condannato a (DallA IV Domenica di Quaresima
Il Vicariato Apostolico venne staccato da morte. Dopo la lettura pubblica dei sup- alla Domenica di Pasqua)
Qingdao il 1° luglio 1937 e affidato ai mis- posti crimini di p. Zheng, un uomo di no-
sionari Verbiti (Svd). me Wang si alzò nel mezzo dell’assem-

24 “Chiesa viva” *** Febbraio 2010