Sei sulla pagina 1di 190

TO R IN O

■TE C A R IO

rGNERIA
Radu Boj oi - Luca Ferrari s

ESERCIZI DI
MACCHINE ELETTRICHE

CLIP
Indice
1. Circuiti m agnetici............................................................................................
1.1. Richiami teorici.......................................................................................... '
1.1.1. Richiami analitici........................................................................ '
1.1.2. Materiali ferromagnetici..............................................................2
1.1.3. Magneti permanenti...................................................................5
1.1.4. Effetti elettrici e meccanici.........................................................6
1.2. Esercizio 1 - Circuito magnetico............................................................... 7
1.3. Esercizio 2 - Circuito magnetico toroidale................................................. 8
1.4. Esercizio 3 - Circuito magnetico e induttanza......................................... 10
1.5. Esercizio 4 - Riluttanze........................................................................... 12
1.6. Esercizio 5 - Magnete permanente........................................................ 14
1.7. Esercizio 6 - Relè differenziale................................................................ 17
1.8. Esercizio 7 - Induttore............................................................................. 19
1.9. Esercizio 8 - Induttore............................................................................. 21
1.10. Esercizio 9 - Elettromagnete.................................................................. 23
1.11. Esercizio 10 - Elettromagnete................................................................ 26

2. T rasform atore................................................................................................ 29
2.1. Richiami teorici........................................................................................ 29
2.1.1. Circuito equivalente.................................................................29
2.1.2. Prove sperimentali per la determinazione dei parametri....... 32
2.1.3. Caduta di tensione da vuoto a carico......................................33
2.1.4. Rendimento..............................................................................34
2.2. Esercizio 1 - Elaborazione dati trasformatore monofase....................... 37
2.3. Esercizio 2 - Trasformatore monofase con carico................................. 43
2.4. Esercizio 3 - Trasformatore monofase con carico..................................48
2.5. Esercizio 4 - Trasformatore monofase con carico..................................53
2.6. Esercizio 5 - Trasformatore trifase.......................................................... 59
2.7. Esercizio 6 - Trasformatore trifase con carico........................................82
2.8. Esercizio 7 - Trasformatore trifase............................................................
2.9. Esercizio 8 - Trasformatore trifase............................................................
2.10. Esercizio 9 - Scelta di trasformatore trifase.............................................73
2.11. Esercizio 10 - Scelta di trasformatore trifase.........................................75
2.12. Esercizio 11 - Parallelo di trasformatori trifase........................................79
2.13. Esercizio 12 - Parallelo di trasformatori trifase........................................83
IV Indice

2.14. Esercizio 13 - Scelta di trasf. trifase per parallelo....................................88

3. Macchina in corrente continua............................................................... 93


3.1. Richiami teorici......................................................................................... 93
3.1.1. Macchina in corrente continuaad eccitazione separata.......... 93
3.1.2. Macchina in corrente continuaad eccitazione sene.................96
3.2. Macchina DC separata Es. 1 - Perdite nella macchina D C .................... 99
3.3. Macchina DC separata Es. 2 - Perdite e rendimento............................. 101
3.4. Macchina DC separata Es. 3 - Locomotore: dinamo e motore............. 104
3.5. Macchina DC separata Es. 4 - Macchina a magneti permanenti..........107
3.6. Macchina DC separata Es. 5 - Regolazione velocità............................. 110
3.7. Macchina DC separata Es. 6 - Regolazione flusso................................ 114
3.8. Macchina DC separata Es. 7 ................................................................. 118
3.9. Macchina DC separata Es. 8 - Regolazione velocità............................. 120
3.10. Macchina DC serie Es. 1........................................................................125
3.11. Macchina DC serie Es. 2........................................................................128
3.12. Macchina DC serie Es. 3....................................................................... 133

4. Riscaldamento delle macchine................................................................... 137


4.1. Richiami teorici...................................................................................... 137
4.1.1. Modello termico semplificato..................................................137
4.1.2. Transitori termici.....................................................................138
4.1.3. Tipi di servizio.........................................................................139
4.2. Esercizio 1: sovraccarico limitato...........................................................141
4.3. Esercizio 2 ............................................................................................. 143

5. Macchina asincrona......................................................................................147
5.1. Richiami teorici.......................................................................................147
5.1.1. Circuito equivalente monofase e bilancio di potenza............. 147
5.1.2. Caratteristiche di coppia......................................................... 149
5.1.3. Coppia massima e coppia di avviamento...............................752
5.1.4. Diagramma circolare................................................................754
5.2. Elaborazione dati prove macchina asincrona....................................... 156
5.3. Esercizio 1...............................................................................................166
5.4. Esercizio 2 ...............................................................................................170
5.5. Esercizio 3 ............................................................................................... 173
5.6. Esercizio 4 .............................................................................................. .
5.7. Esercizio 5 ...................................................... 178
5.8. Esercizio 6 .............. 181
5.9. Esercizio 7 ............................................................................................... 184
1. Circuiti magnetici

1.1. Richiami teorici

I circuiti magnetici rappresentano il “cuore” delle macchine elettriche; ad essi è


deputato il compito di convogliare le linee di induzione magnetica dove queste
dovranno intervenire per portare a compimento la conversione energetica che le
macchine sono chiamate ad effettuare.
La descrizione dei fenomeni che riguardano i circuiti magnetici coinvolge delle
grandezze prettamente magnetiche, mentre l’origine di tali fenomeni può essere
duplice: mediante l’adozione di materiali dotati di particolari proprietà, magneti
permanenti, oppure l’impiego di correnti opportunamente guidate.
La conoscenza completa del circuito magnetico implica che siano note le
caratteristiche del materiale che lo costituisce, le sue prerogative magnetiche ed
energetiche.

1.1.1. Richiami analitici

Le grandezze utilizzate per descrivere i fenomeni magnetici sono essenzialmente tre:


• il vettore campo magnetico H [A/m]
• il vettore induzione magnetica (o densità di flusso) B [T] o [Wb/m2]
• lo scalare flusso magnetico <t> [Wb].

Lo schema logico di pensiero può essere cosi semplificato: la corrente che fluisce in
un conduttore produce un campo magnetico H (legge della circuitazione magnetica),
il campo H produce l’induzione B {caratteristica costitutiva del mezzo), l’induzione
magnetica B produce effetti elettrici (tensioni indotte) e meccanici (forze) (leggi di
Lenz e Lorentz).
La legge della circuitazione magnetica (o legge di Ampere) lega il campo magnetico
alla corrente che lo produce; tale legge dice che “la circuitazione del vettore H lungo
la linea chiusa £ è pari alla corrente complessivamente abbracciata dalla linea
stessa". Analiticamente tale definizione è così descritta:

|H x d j? = l

Questa relazione si lega all’importante concetto di forza magneto motrice (f.m.m.),


ovvero della produzione di campi magnetici grazie all’impiego di avvolgimenti con N
spire percorse da corrente /; in tale caso l’espressione analitica di cui sopra diventa:
2 Circuiti magnetici

§H x M = N x I
t

Le suddette relazioni consentono di calcolare agevolmente il campo magnetico solo


in casi particolari di simmetria geometrica, ove si possa ipotizzare la forma delle linee
del campo magnetico H; sotto tali ipotesi, scomponendo il circuito magnetico nei vari
tratti di cui si compone, sarà possibile scrivere:

£ ( H l x < 1) = N x l ■ ^

ed ottenere quindi il valore di campo magnetico cercato.

Il legame tra il campo magnetico H e l’induzione magnetica B dipende dalle


caratteristiche del mezzo in cui il campo è stato generato. Nel caso in cui il mezzo sia
magneticamente inerte, come ad esempio l’aria, le due grandezze sono tra loro
legate dal valore della permeabilità magnetica p0:

B = Po x H •

Qualora invece il mezzo sia di tipo “magnetico”, sarà richiesta la conoscenza delle
sue caratteristiche, come meglio descritto nel prossimo Paragrafo 1.1.2.

In associazione alla presenza del vettore induzione magnetica B si può definire il


flusso di tale vettore attraverso una superficie S come:

O = JB x dS.
s

Dal concetto di flusso si può poi passare a quello di flusso concatenato da un


avvolgimento, inteso come la somma dei flussi che attraversano le sue singole spire;
tale grandezza sarà utile nella descrizione della forza elettromotrice indotta ai capi di
un avvolgimento.

1.1.2. Materiali ferromagnetici

Dal punto di vista dei fenomeni magnetici, i materiali si possono sostanzialmente


dividere in due grosse famiglie:
• i materiali paramagnetici
• i materiali ferromagnetici.

Quelli di interesse per i circuiti magnetici sono i materiali ferromagnetici “dolci”,


contraddistinti da un valore di permeabilità magnetica p diversi ordini di grandezza
Esercizi di Macchine Elettriche 3

maggiore rispetto a quella del vuoto (po = 4rcx10'7 H/m) ed inoltre non costante, ma
dipendente dal valore del campo magnetico H.
Tali materiali infatti sono dotati di una struttura cristallina in grado di interagire con il
campo magnetico esterno: i domini di Weiss di cui è possibile immaginare realizzata
la struttura tendono ad allinearsi secondo la sollecitazione imposta dal campo
magnetico esterno e a far assumere al materiale una magnetizzazione via via
crescente. Al crescere del campo esterno cresce la magnetizzazione del materiale,
ma non in modo lineare, se non al di sotto di un certo valore; quando tutti i domini
risultassero allineati al campo magnetico esterno il materiale si dirà aver raggiunto la
saturazione magnetica.
Per tali materiali ferromagnetici non è quindi possibile assumere un valore univoco di
permeabilità magnetica, ma sarà necessario fornire, come informazione completa, la
caratteristica B(H), ovvero la caratteristica di magnetizzazione riportata in Figura 1: si
evidenziano tre zone:
• un tratto iniziale dove il materiale si comporta in maniera lineare
• un tratto finale in cui il materiale è magneticamente saturo
• il tratto di raccordo, definito come il ginocchio della caratteristica, ovvero la zona
per uno sfruttamento ottimale.

Figura 1 Caratteristica di magnetizzazione

La permeabilità magnetica del materiale, definita come p = — , risulta quindi essere


non costante, ma dipendente dal valore del campo magnetico imposto; in particolare
il valore della permeabilità risulta elevato (e circa costante) nel tratto iniziale della
caratteristica, per poi decrescere via via che il materiale viene spinto sempre più in
saturazione.
Una inversione del campo magnetico porterebbe ad evidenziare il fenomeno
dell’isteresi magnetica, ovvero il ritardo del materiale a rispondere alla sollecitazione
esterna: in presenza di campo magnetico nullo il materiale risulta ancora presentare
una induzione residua Br, per annullare la quale è necessario applicare un campo
magnetico coercitivo di segno opposto (-Hc). Proseguendo nella magnetizzazione e
smagnetizzazione del materiale si otterrà il cosiddetto ciclo di isteresi riportato in
4 Circuiti magnetici

Figura 2; tale ciclo è quello che viene ad esempio percorso per ogni periodo di una
eventuale alimentazione alternata con grandezza periodica (tipicamente sinusoidale).
La curva normale di magnetizzazione risulta essere il luogo dei vertici dei cicli di
isteresi descritti dal materiale per sollecitazioni via via crescenti di campo magnetico
H.

L’area del ciclo di isteresi assume anche significati energetici: essa infatti è
proporzionale all’energia volumica [J/m3] dissipata dal materiale a causa dell’isteresi
ogni volta che un ciclo viene compiuto. Per ridurre tale dissipazione le lamiere di ferro
che costituiscono i materiali per i circuiti magnetici sono spesso addizionate di una
piccola percentuale di silicio che contribuisce a ridurre l’area del suddetto ciclo.
Le perdite per isteresi dipendono dalla induzione magnetica elevata ad un esponente
t| variabile tra 1,6 e 2,2, e dalla frequenza in maniera lineare.

L’altra voce di dissipazione energetica è rappresentata dalle perdite per correnti


parassite (o correnti di Focault), associate ai fenomeni di induzione dovuti ai flussi
variabili nel tempo interessanti il materiale magnetico; per ridurre queste perdite si
ricorre alla laminazione dei nuclei magnetici.
Le perdite per correnti parassite dipendono dal quadrato della induzione magnetica e
dal quadrato della frequenza.

Complessivamente le perdite nel ferro possono quindi essere scritte come:

pFe = k Bn f+ h è 2 f 2. | ' ! i l '

Per poter confrontare la qualità di materiali diversi si adotta un coefficiente, detto cifra
di perdita del materiale, definito come “la potenza dissipata in 1 kg di materiale
sottoposto a magnetizzazione alternata sinusoidale alla frequenza di 50 Hz con una
induzione magnetica massima pari ad 1 T” (talvolta ci si può riferire ad 1,5 T).
Esercizi di Macchine Elettriche 5

1.1.3. Magneti permanenti

Oltre ai materiali ferromagnetici dolci vi sono i cosiddetti materiali “duri", altrimenti


detti magneti permanenti; tali materiali sono talvolta adottati in sostituzione degli
avvolgimenti di eccitazione per la realizzazione di strutture elettromagnetiche più
compatte ed efficienti.
Caratteristica principale di questi materiali è l’ampio ciclo di isteresi, con elevati valori
sia della induzione residua Br che del campo coercitivo Hc.
Nella Figura 3 sono rappresentati i cicli di isteresi di diversi magneti permanenti; sono
riportati gli andamenti nel solo II0 quadrante in quanto essi si trovano sempre a
lavorare in condizioni di smagnetizzazione, ovvero con segni discordi di induzione B
e campo magnetico H.

Figura 3 Esempi di magneti permanenti

La realizzazione di tali magneti richiede l’impiego di elementi costosi, facenti parte


delle cosiddette terre rare. Una volta realizzata la forma desiderata è necessario
procedere alla magnetizzazione mediante l’applicazione di un intenso campo
magnetico ottenuto con un’apposita bobina attraverso la quale si fa scaricare
l’energia immagazzinata in banchi di condensatori.

Il calcolo di un magnete permanente può prevedere due diversi obiettivi:


• la determinazione del suo punto di lavoro nel piano BH in funzione della
geometria del circuito magnetico in cui è inserito, ed in particolare del traferro in
aria; oppure
• la determinazione del volume di magnete necessario a mantenere un certo
valore di flusso al traferro, quando sia noto il punto di lavoro del magnete.
6 Circuiti magnetici

Nel seguente Paragrafo 1.6 è riportato un esempio numerico completo di calcolo di


magnete permanente.

1.1.4. Effetti elettrici e meccanici

La disponibilità di un campo di induzione magnetica B rappresenta condizione


indispensabile al principio di funzionamento delle macchine elettriche.
Grazie alla presenza di induzione magnetica è infatti possibile indurre forze elettro-
motrici (f.e.m.) ai capi di conduttori o avvolgimenti, oppure generare forze
meccaniche su conduttori percorsi da corrente.

• La induzione di f.e.m. può avvenire secondo due modalità:


• f.e.m. indotta trasformatorica: ai capi del conduttore o avvolgimento
sottoposto ad un campo magnetico variabile nel tempo, viene indotta una
tensione pari alla derivata del flusso concatenato (legge di Lenz):

dt

• f.e.m. indotta mozionale: ai capi del conduttore o avvolgimento in movimento


all’interno di un campo magnetico stazionario viene indotta una tensione
proporzionale all’induzione ed alla velocità (legge di Lorentz):

• La produzione di forze meccaniche su conduttori percorsi da corrente (principio


base del funzionamento di un motore elettrico) è regolata dalla seguente
espressione (legge di Lorentz):
Esercizi di Macchine Elettriche 7

1.2. Esercizio 1 - Circuito magnetico

Nel circuito magnetico di Figura 4, la lunghezza media complessiva del cammino è


4» = 40 cm, il traferro ha uno spessore di 1,5 mm, si consideri la sezione del circuito
costante e pari a 8 cm2 e si trascuri lo sfioccamento del traferro; si consideri la
caratteristica di magnetizzazione lineare fino alla saturazione con pfer = 1000, Bmax =
1,5 T, po = 47C-10'7 H/m.
Alimentando la bobina di eccitazione con corrente continua di 1 A, calcolare il
numero di spire necessario affinché si lavori a Bmax.

La forza magnetomotrice messa in gioco daH’awolgimento percorso da corrente,


secondo la legge della circuitazione magnetica è pari alla somma delle cadute di
tensione magnetica nei vari tratti di cui si compone il circuito magnetico:

N x l'. jH iX / ,
i

La struttura presentata rappresenta un tubo di flusso; l’ipotesi di poter trascurare lo


sfioccamento delle linee di induzione magnetica al traferro fa sì che l’induzione
magnetica B nel tratto in aria sia pari a quella nel tratto in ferro; nell’ipotesi di lavorare
al valor massimo dell’induzione magnetica B:

B aria = B ferro = B max


8 C ircuiti magnetici

Pertanto la legge della circuitazione magnetica si potrà scrivere come:

i » i Pi
l
Pferro Paria
I
d p
_ “ max .. , , “ max w t
------------- x ( fe + -------- x r-\t
Pr x Po PO

È possibile quindi calcolare il numero di spire che deve comporre l’avvogimento


affinché una corrente di 1 ampere produca l’effetto magnetico indicato:

\
“ max ( jj e
+ *tr
PO V Pr
N= = 2268
I

1.3. Esercizio 2 - Circuito magnetico toroidale

Un anello di lamierini a grano orientato (nr = 3673), avente una sezione quadrata con
lato di 10 cm ha il diametro interno di 40 cm e quello esterno di 60 cm. L’anello porta
un avvolgimento magnetizzante di 500 spire (Figura 5).
Determinare la corrente necessaria per produrre nell’anello un flusso di 0,015 Wb.
Determinare inoltre quale valore deve assumere la corrente per mantenere ancora lo
stesso flusso, dopò aver procurato nell’anello un traferro dello spessore di 3 mm.
*tr

Figura 5 Circuito m agnetico toroidale


Esercizi di Macchine Elettriche 9

Soluzione

Per il calcolo della corrente necessaria alla produzione di un certo valore di flusso O
si applica la legge della circuitazione magnetica:

N xl = YH, x (i

Dalla conoscenza del flusso che si desidera imporre all’interno della struttura si
calcolano l’induzione magnetica B, il campo magnetico H ed infine la corrente:

Sfe = 0,12 =10~2 m2

B = _®_= a o i 5 = 1 5 W b /
S fe 0,01 / m2

Noto il valore di permeabilità magnetica relativa pr si calcola il campo magnetico H


necessario a sostenere quel valore di induzione:

H = — - — = --------- —------- -- = 325


Mt x Po 3673 x 4n • 10

La lunghezza media della linea magnetica viene considerata al centro della struttura
e risulta quindi essere una circonferenza avente per raggio il raggio medio della
struttura:

= ti x —^ —— = 1,57 m

Applicando la legge della circuitazione magnetica si ottiene:

| = H& x i i = 51025
N 500

L’inserimento di un traferro in aria farà crescere il valore di corrente necessario a


mantenere ancora lo stesso flusso. In particolare, riscrivendo la legge della
circuitazione magnetica:
10 Circuiti magnetici

risulta essere molto oneroso l’ultimo termine aggiunto; la nuova corrente risulterà
quindi:

325 x 1,567 + — x 3 • IO"3


l*=----------------- 47t110r---------------= 8,18 A
500

1.4. Esercizio 3 - Circuito magnetico e induttanza


Si ha un nucleo magnetico in lamierini a grano orientato e ad alta permeabilità
rappresentato in Figura 6. Con tale nucleo si vuol realizzare un’induttanza di 0,1 H,
con la condizione che facendo attraversare l’avvolgimento da una corrente di 20 A
l'induzione nei lamierini resti contenuta nel limite di 0,5 Wb/m2 (=> H = 7,9 A/m).
Calcolare il numero delle spire da avvolgere e lo spessore del traferro.

28 cm

Figura 6 Circuito magnetico


Esercizi di Macchine Elettriche 11

Soluzione

Si definisce “auto induttanza” presentata da un avvolgimento il rapporto tra il flusso


concatenato dalle spire deH’awolgimento stesso e la corrente che percorre tale
avvolgimento:

Lxl = Nx O

Sarà quindi necessario calcolare il flusso e di conseguenza ottenere il numero di


spire necessario:

Sfe = 0,082 = 6,4- IO-3 m2

O = B x S fe = 0,5x6,4-10~3 = 3,2- IO'3 Wb

N = I ^ L . 0,1x 20 = 625
<I> 3,2 -IO '3

Dalla caratteristica magnetica del materiale si ricava che per ottenere 0,5 T è
necessario produrre un campo magnetico pari a 7,9 A/m; la lunghezza del tratto di
circuito magnetico in ferro è pari a:

£fe = 1,02 m

Applicando la legge della circuitazione magnetica:

N x I —H fe x tfe + H aria x ^ arja

si ricava:

N x I - Hfe x ^ f 12500-7,9x1,02 ,._ 2


aria = ----------- —= ------------—=?---- 1— = 3,14 -10 c m
B 0,5
Mo 4 tc• 10 -7

Questa rappresenta la lunghezza complessiva del tratto in aria: il traferro vale


pertanto la metà:

/.„ = l in i. - 1,57 cm
2
Circuiti magnetici
12

1<5. Esercizio 4 - Riluttanze

'•ella struttura magnetica illustrata in Figura 7, i tre rami in ferro A,B,C hanno i
seguenti valori di riluttanza:
« A = 250000 H '\ <Rb = 800000 H'1, 9tc = 400000 H'1.
Il traferro presente nel ramo A ha una riluttanza pari a 9tt = 2750000 HP.
Le bobine sono costituite rispettivamente da NA = 200 e NB = 50 spire.

Figura 7 Circuito magnetico

Quesiti:
a) Calcolare le auto induttanze delle bobine A e B.
b) Quale valore deve assumere la corrente continua nella bobina A, affinché il flusso
nel ramo C sia nullo, quando lB = 5 A ?

Soluzione

a) Per calcolare l’auto-induttanza presentata dalle bobine è necessario valutare


preliminarmente la riluttanza totale “vista” daH’awolgimento in esame.

Cominciando dalla riluttanza equivalente “vista” dalla bobina disposta sul ramo “A”,
essa si compone della serie delle riluttanze del tratto A e del traferro, in serie con il
parallelo delle riluttanze dei tratti B e C:
/ \ 9?o -9?r -
9?Aea = ( ^ A + ^ t ) + — §-----— = 3 266 667 H'1
Aeq V A U <Kb +<Rc

L’auto-induttanza presentata dalla bobina si calcola come il suo numero di spire al


quadrato diviso per la riluttanza totale:

= 12,24mH
Aeq
Esercizi di Macchine Elettriche 13

Analogamente, la riluttanza equivalente “vista” dalla bobina disposta sul ramo “B” si
calcola come:

'^Beq = + I I I +9*t) * c = 1152 941 H'1


9?a + +*c

LB - ^ - = 2,17mH
*Beq

b) Per ottenere un flusso complessivamente nullo nella colonna centrale “C" è


necessario che i contributi dovuti ai 2 avvolgimenti siano uguali e contrari; applicando
il principio di sovrapposizione degli effetti si possono calcolare i due flussi parziali e
poi sommarli imponendo che il risultato sia nullo:

91Atot l-B ' *B ^ 91Atot


(D r = O B
9* Atot + *C V NB , 9* Atot + * C
91B "La V 91
Or — O
*B + *C ^ Na , * B + * c

imponendo O c + Oc = 0 l’unica incognita risulta essere la corrente iA, e pertanto si


ottiene:

• _ j ^~B Na 91Atot ^ b + ^ c = 4,693 A


*A ~ 8 La Nb 91Atot +9?c «B
14 Circuiti m agnetici

1.6. Esercizio 5 - Magnete permanente

Sia dato un circuito magnetico come in Figura 8, con un tratto di materiale ad elevato
ciclo d’isteresi (magnete) di sezione Sm e lunghezza (m. Tra le espansioni polari del
nucleo di materiale ferromagnetico a ciclo di isteresi stretto è impostato un traferro.

S N

&

| i
— H h—
*x

Figura 8 Circuito magnetico

Calcolare il volume minimo, la sezione minima e la lunghezza minima del magnete


permanente nel caso del materiale: KOERMAX 160, avendo Bt = 0,8 T, l x = 0,2 cm e
St = 10 cm2.
Esercizi di Macchine Elettriche 15

Soluzione

Il circuito magnetico in esame si compone di 3 tratti differenti: il tratto costituito da


magnete permanente, il tratto in materiale ferromagnetico “dolce” ed il traferro in aria.
Il punto di lavoro cui il magnete permanente viene portato dipende dalle condizioni di
“carico” imposte, ovvero dalle caratteristiche geometriche del restante circuito; in
particolare, le condizioni di lavoro sono fortemente influenzate dalle caratteristiche
del tratto in aria (o traferro).

È possibile scrivere 2 equazioni che legano le diverse grandezze presenti:


1. la legge della circuitazione magnetica: non si hanno avvolgimenti di
eccitazione e quindi la risultante è pari a 0;
2. l’espressione del flusso magnetico, considerato costante in tutti i tratti del
circuito (tubo di flusso)

Hm + H t * t + H Fe ^ F e . = °

Elaborando le 2 equazioni sopra scritte si può ricavare l’espressione della induzione


magnetica nel magnete permanente Bm in funzione del campo magnetico Hm:

Tale relazione, di primo grado, rappresenta la retta di carico del magnete; essa ha
pendenza negativa, ed interseca il ciclo di isteresi del materiale magnetico “duro” in
quello che risulterà essere il punto di lavoro del circuito. Si evidenzia che il magnete
permanente si trova a lavorare nel tratto di smagnetizzazione, ovvero nel 2°
quadrante del proprio ciclo di isteresi, come rappresentato nella Figura 10.
Bm
Retta di carico
del magnete
Br induzione residua

Hc campo coercitivo

Figura 10 Punto di lavoro del circuito magnetico


16 Circuiti magnetici

Il volum e di m agnete necessario può essere calcolato come:

V -< 5 / B ,s , H , l, B?V,
v m » « •« .. B m ' Hm " h. K . - B J

T a le volum e risulterà essere minimo quando sarà massimo il prodotto (Hm Bm),
a ven te il significato di energia volumica [J/m3]; ovvero massimizzare la densità di
en erg ia consentirà di ridurre il volume di magnete necessario a raggiungere lo scopo.
Il d atash eet del materiale riportato in Figura 9, contiene le curve rappresentanti il
prodotto (H m -B m) = c o s t., che risultano essere delle iperboli equilatere
(tratteggiate).
Il punto di lavoro ottimale sarà quello determinato dall’intersezione più elevata
possibile tra la curva del magnete e le iperboli equilatere suddette: la massima
densità di energia si otterrà per la iperbole tangente alla caratteristica del materiale;
nel caso in esam e il punto di lavoro risulta essere:

Bm = 0,45T
H m = - 3 5 6 • IO 3 A /m

È quindi possibile calcolare il conseguente volume di materiale magnetico


necessario:

vm - 0.82 0.002 0.001 6 |3 5 8 . 10-s m3


4 -n -IO " 7 (356.000 0,45)

La sezione del magnete si ottiene dalla relazione che considera il circuito come un
tubo di flusso:

_ B tS t 0,8 0,001 „ _ 0 . n_3 3


S m = —-——= —------!----- = 1,78-10 rrr
Bm 0,45 ‘

e conseguentem ente la lunghezza del magnete:

f m = —2L
o
= 3 ,5 8 -1 0 “3m
Esercizi di Macchine Elettriche 17

1.7. Esercizio 6 - Relè differenziale

Lo schema di principio di un relè differenziale è realizzato mediante una struttura


magnetica di forma toroidale (Figura 11 ) con raggio medio 5 cm e sezione circolare
di area 5 cm2.
Le due bobine principali sono costituite da 10 spire e la permeabilità relativa del ferro
si può ritenere pari a 5000.

Calcolare:
a) Il numero di spire Ns della bobina di sgancio affinché, alla frequenza di 50 Hz, uno
squilibrio di corrente di 30 mA (valore efficace) dia luogo a una tensione Es di 2 V
(valore efficace).
b) Lo squilibrio di corrente necessario ad ottenere, alla frequenza di 60 Hz, lo stesso
valore di tensione Es sulla bobina di sgancio.

Figura 11 Schema di un relè differenziale

Soluzione

Il circuito magnetico del presente esercizio rappresenta lo schema funzionale di un


relè differenziale, ovvero di un dispositivo atto ad intervenire in caso di squilibrio tra le
correnti che percorrono le due bobine principali.
Tale dispositivo è comunemente utilizzato allo scopo di proteggere le persone in
caso di guasto agli isolanti di apparecchiature elettriche con conseguente fuga di
corrente verso terra. In tali condizioni si avrà una differenza tra la corrente di ingresso
e quella di uscita, che genererà una circolazione di flusso (altrimenti nullo) nella
struttura magnetica e quindi una f.e.m. indotta ai capi della bobina di sgancio.
18 Circuiti magnetici

Il dimensionamento di tale bobina passa per il calcolo del flusso magnetico prodotto
dallo squilibrio di 30 mA e dalla conoscenza che servono 2 V efficaci ai suoi capi per
intervenire ed aprire il circuito.

a) Riluttanza totale del toroide:

| - l _ 2 ' rc' rm ______ 2-71-0,05_______ = 105 H-1


Aeq pxS pr xp0 xS 5000x4-7i-10"7 x5-10"4

In presenza di guasto si ha uno squilibrio di corrente Al tra ingresso ed uscita ed il


conseguente insorgere di un flusso magnetico (che in condizioni normali è nullo):

<d(a|) = ^ ^ = 3-10"6 Wb
9?

La tensione indotta ai capi della bobina di sgancio vale, secondo la Legge di Lenz:

E„ = dcpc = coxNs x<1)(a|)


dt

e quindi il numero di spire di tale bobina risulterà:

NL - Es = 2122 spire
COxO(Al) 2 - ti -50 x 3-10“6

b) A frequenza maggiore è sufficiente un minor flusso per indurre 2 V ai capi della


stessa bobina, in quanto è più rapida la sua variazione nel tempo; risulterà quindi:

coA x<5 a =cob x<Db

dove i flussi dipendono dalle correnti di squilibrio e quindi:

<b a x A IA = © B x A I b

f 50
A I b = A I a x — = 0,03 x — = 25 mA
B A fB 60

Risulta pertanto che in un circuito alimentato a 60 Hz il dispositivo interviene in


presenza di una corrente dispersa inferiore rispetto al caso della frequenza di 50 Hz
per cui è stato progettato.
Esercizi di Macchine Elettriche 19

1.8, Esercizio 7 - Induttore

Un induttore è realizzato con due coppie di nuclei a “C” in lamierino, come mostrato
in Figura 12.

Figura 12 Schema di realizzazione di un induttore

Dati:
N = 500 spire, L = 2,5H, S& = 9cm2 (area complessiva della superficie mediamente
concatenata da ogni spira), B* = 1,7T, f = 50Hz.

Trascurando le perdite nel rame e nel ferro e considerando lineare la caratteristica


magnetica del materiale magnetico fino alla saturazione:

a) calcolare il valore efficace della tensione e della corrente per i quali il nucleo
satura.

Si introduce un traferro pari a 0,5mm complessivi per ogni coppia di nuclei:


b) calcolare il nuovo valore dell’induttanza L’.
c) rispondere al quesito a) in presenza del traferro.

Soluzione

Il circuito magnetico del presente esercizio rappresenta la pratica realizzazione di un


induttore.
In tale configurazione il valore della riluttanza totale (quindi del solo circuito in ferro)
vale:

5002
*». = IO5 H*1
2,5

Trascurando la resistenza dell’avvolgimento di eccitazione è possibile uguagliare la


tensione applicata ai morsetti dell'avvolgimento (studiato con la convenzione di
20 Circuiti magnetici

segno degli utilizzatori) e la f.e.m. indotta per effetto della variazione di flusso
concatenato dalle spire deH’awolgimento.

O
4

v(t) L

Figura 13 F.e.m. ai capi dell’avvolgimento

v ( t) = e ( t) = ^ = N M )
w ■ dt dt

Il valore efficace della tensione sarà pertanto:

V = N x co x -^=r = N x 2 ■ti • 5 0 x • S fe =
V2 V2

= 500x2 n - 5 0 x ^ - 9 - 1 0 '4 =170 V


V2

I-- V - 17„° , =0,216A


cox L 2 • n • 50 x 2,5

b) Praticare un traferro in aria pari a complessivi 0,5 mm per ciascuna “C ” significa


introdurre due riluttanze in aria, uguali tra loro ed in parallelo, che vanno ad
aggiungersi all’Immutata riluttanza dovuta al tratto in ferro:

i tr 0 ,5 -IO"3
« I r = *" tr = = 442097 H '1
p0 xS fe 4 - tt-10~7 x 9-10~4

9?tot * = 2 x 9?^ = 884194 H*1

Il nuovo valore presentato dall’induttanza dell’avvolgimento in presenza del traferr°


sarà quindi:

______ 500
L’= = 0,254 H
TOT tr 984194
Esercizi di Macchine Elettriche 21

A parità di tensione di alimentazione, la nuova corrente che porterà il nucleo in


saturazione vale:

--------------------- = 213 A
coxL' 2 n- 50 x0 ,25 4

1.9. Esercizio 8 - Induttore

È data una bobina di 500 spire avvolta su un nucleo ferromagnetico toroidale di


sezione quadrata, con lato h = 5 mm (Figura 14); i raggi interno ed esterno del
toroide sono rispettivamente = 15 mm e R2 = 25 mm. La permeabilità magnetica
relativa del materiale è pari a 5000.

Si calcoli l’induttanza della bobina.

Figura 14 Induttore toroidale


Circuiti magnetici
22

Soluzione

Si applica la definizione generale di induttanza:

X_NO
“ I ~ I

Calcolo della circuitazione magnetica lungo una linea di campo di raggio r:

j>fH x d i = N x I

Hx2-rcr = Nxl=> H = _N^J_


2nr

B = pxH = nr -p0 x - ------


2 -Ti-r

Il flusso magnetico viene calcolato integrando l’induzione magnetica attraverso la


sezione del toroide:

<t, = Js§ * d § = C § x h ' df = C (> 1' ' ^ x ^ - r x h d r


Nxl . R2
= Pr •fio * 7;— xh-ln—2-
2-n R.

X NO N
L= —
r==“ f - = x T ~ xhx ln7T - = 6.385 mH
1 1 2-n R1
Esercizi di Macchine Elettriche 23

1.10. Esercizio 9 - Elettromagnete

L’elettromagnete mostrato in Figura 15 ha un nucleo fisso (superiore) con una bobina


alimentata in corrente continua; la bobina presenta 500 spire ed una resistenza
elettrica pari a 15 Q.
Il nucleo mobile ha una massa pari a 8 kg ed è mantenuto in posizione di riposo, ad
una distanza y = 0,5 mm, dalla forza di gravità. Entrambi i nuclei, di spessore s = 40
mm, sono costituiti di ferro con riluttanza trascurabile fino all’induzione di saturazione
Bs = 1,4 T.

Figura 15 Elettromagnete

Trascurando gli sfioccamenti di flusso e le perdite nel ferro, si calcoli:


af l’autoinduttanza del sistema (in posizione di riposo e in assenza di saturazione)
* o ) il massimo valore di corrente che può circolare nella bobina senza produrre
saturazione (in posizione di riposo) e la forza da essa prodotta
c) il valore minimo di corrente per muovere l’equipaggio mobile dalla posizione di
riposo.

\JL O o Mix)
It i
24 Circuiti magnetici

Soluzione

a) Il circuito risulta essere simmetrico rispetto all’asse della colonna centrale (Figura
16); la riluttanza equivalente sarà pertanto il parallelo delle riluttanze dei due
percorsi:

Figura 16 Esemplificazione del circuito magnetico

9ti 9U 1 2 -v 1 2 v i
9?tot 1 B 3 1 3 1 i -------■ 1 ------- È H ----- H 1 2 4 8 6 8 0 h :1
2 2 2 p0 x S fe 2 x (4 0 . 10-3j2

L’induttanza presentata dall’avvolgimento disposto intorno alla colonna centrale varrà


pertanto:

n| 5002
Lo 1,005 H
*tot 248680

b) Per determinare il massimo valore di corrente ammissibile nell’avvolgim ento per


non arrivare a saturazione ci si pone proprio nelle condizioni limite, im ponendo che
nel materiale magnetico si abbia Bsat = 1,4 T:

N x ^ijiax = ^tot x = 9ttot x B sat x S ^max = 2,23 A

c) L’energia elettromagnetica è immagazzinata nei traferri in aria sotto la colonna


centrale ed in corrispondenza delle colonne laterali; ragionando secondo il principio
dei lavori virtuali si immagina di compiere uno spostamento dx dell’equipaggio mobile
dell’elettromagnete: il lavoro compiuto F*dx deve essere uguale alla variazione di
energia elettromagnetica complessiva AE. Tenendo conto che la densità di energia
vale:

2 no Lm3
Esercizi di Macchine Elettriche 25

la variazione di energia associata allo spostamento dx vale:

AE = — Bo • d V - ì . B§

"O
X
X
B tot
2 Po 2 Po

_ 1 B§
F x dx = AE => F
2 Po

• la forza risultante è da intendersi pari al peso dell’equipaggio mobile


• Stot è la sezione totale di traferro, ovvero SCOionna + 2 Sp0ii = 6 ,4 *IO'3 m2

1 Bq _ Ì2 x u Qx m x g _____
m xg = - — Stot => B0 = ---- ^ ------- = 0,175 T
2 Po V s tot

Il valore di corrente necessario ad instaurare tale livello di induzione si ricava


facilmente dalla Legge di Hopkinson:

N x l0 =SRtotx 4 >0 => ,o = iBt°t,<B° X Scolonn» _ 0 279 A


Circuiti magnetici
26

1.11. Esercizio 10 - Elettromagnete

È dato il circuito magnetico riportato in Figura 17, rappresentante un elettromagnete


costituito da un nucleo ed un’ancora in ferro entrambi di sezione Spe; i dati relativi al
circuito sono i seguenti:

N, =40
N2 = 60
li = I2 = 10 A
SFe = 100 cm2
do = 5 mm
Mo = 47i-IO '7 H /m

Mfe » Mo

Nell’ipotesi di trascurare i flussi dispersi, si determinino:


1) Il flusso magnetico <J>,
2) La forza F con cui viene attratta l’ancora dall’elettromagnete
3) Se rispetto alla condizione precedente la distanza do raddoppia e la corrente
l2 rimane costante, determinare il valore che deve avere la corrente li in
modo che la forza F non vari.

Figura 17 Elettromagnete
Esercizi di Macchine Elettriche 27

Soluzione

1) La forza magneto motrice complessivamente agente sul circuito vale

X (N x |) = * x O

da qui è possibile quindi ricavare il valore del flusso magnetico:

# = N1x l1-t.N2 xl2 = N , x l , + N 2 xl2


9? 2xd0
Po*S

2) Come già visto nel precedente esercizio 1.10, l’analisi della condizione di equilibrio
dell’ancora mobile attratta dall’elettromagnete viene svolta secondo il principio dei
lavori virtuali, immaginando di bilanciare il lavoro eventualmente compiuto per far
muovere l’ancora (F*dx) con la variazione di energia magnetica immagazzinata nel
traferro, che vale:

1 B:
a e = 1 . M dV = —- Stot x dx = F x d x .
2 Po 2 Po

La densità di flusso è valutabile come B0 = — , mentre la sezione interessata per la


S
valutazione dell’energia magnetica, Stot. è quella sotto le due colonne, e quindi pari a
2xS; ne consegue:

1 B2
F = 2 x — --^-S = 125,66 N
2 Po

3) Volendo mantenere la forza F costante, significa che dovrà rimanere costante


anche l’induzione magnetica B e quindi il flusso <&:

Ni x T1+N2 xl2 = 5R'x<t>

da cui:

— - — x <D-N2
Po XS
= 35 A
Ni
2. Trasformatore

2.1. Richiami teorici

Il trasformatore è una macchina elettrica che trasforma potenza elettrica in potenza


elettrica; la macchina non ha parti in movimento e basa il suo principio di
funzionamento sull’accoppiamento magnetico tra due sistemi di avvolgimenti isolati
tra loro.
L’impiego principale del trasformatore è legato al trasporto e distribuzione
dell’energia elettrica ai valori di tensione e di corrente più convenienti dal punto di
vista tecnico ed economico. Il panorama completo delle applicazioni di tale macchina
comprende inoltre utilizzi legati alla sicurezza (trasformatore di isolamento
galvanico), alle misure elettriche (trasformatori amperometrici e voltmetrici) ed
all’adattamento di impedenze.
Condizione fondamentale per il funzionamento è l’alimentazione in corrente alternata
di uno dei due sistemi di avvolgimenti: il conseguente flusso magnetico alternato,
guidato dal circuito costituito dal nucleo ferromagnetico ad alta permeabilità,
concatena le spire degli avvolgimenti disposti sulle colonne della macchina e genera
in essi, secondo la legge di Lenz, delle forze elettromotrici indotte.
La forza elettromotrice indotta nel sistema di avvolgimenti non direttamente
alimentato diventa a sua volta la sorgente di alimentazione per il carico che si intende
collegare al trasformatore ed al quale si trasferisce potenza elettrica.
Nel seguito vengono sinteticamente riportate alcune note riguardanti il circuito
equivalente della macchina, la modalità di determinazione dei suoi parametri,
l’utilizzo del circuito equivalente per il calcolo della caduta di tensione da vuoto a
carico e del rendimento della conversione energetica.

2.1.1. Circuito equivalente

Per circuito equivalente di una macchina elettrica si intende una rete di bipoli capace
di modellizzare dal punto di vista energetico il funzionamento della macchina.
Il circuito equivalente del trasformatore può essere dedotto a partire da quello che
descrive il funzionamento del trasformatore ideale, ovvero di una macchina il cui
nucleo è realizzato con un materiale avente permeabilità magnetica infinita e senza
perdite e senza dispersioni di flusso magnetico, ed i cui avvolgimenti non presentano
resistenza.
Tale macchina trasforma perfettamente i valori di tensione e di corrente secondo
quello che è il rapporto del numero di spire degli avvolgimenti primario e secondario;
il suo circuito equivalente è rappresentato nella Figura 18:
Trasformatore
30

Figura 18 Circuito equivalente del trasformatore ideale

La eliminazione delle ipotesi su cui si basa la macchina ideale porta ad introdurre dei
bipoli per la modellizzazione dei fenomeni reali; in particolare vengono introdotti:
• le resistenze ohmiche degli avvolgimenti Ri ed R2
• le induttanze che tengono conto della dispersione dei flussi magnetici X id ed X2d
• l’induttanza legata alla magnetizzazione del nucleo Xm
• la resistenza fittizia che modellizza le perdite nel ferro Rfe.

Il circuito equivalente completo del trasformatore reale risulta pertanto essere quello
rappresentato in Figura 19, dove la rappresentazione coi vettori sottintende
l’adozione di grandezze sinusoidali:

Figura 19 Circuito equivalente del trasformatore reale

Questo circuito può essere elaborato e semplificato notevolmente tenendo conto del
fatto che la corrente assorbita nel caso di funzionamento a vuoto risulta essere molto
piccola (2-^5%), il che consente di spostare i parametri trasversali Rfe ed Xm a monte
dei parametri longitudinali di primario (Figura 20) senza introdurre significativi errori
nelle valutazioni numeriche, ma consentendo una notevole semplificazione circuitale.
Esercizi di Macchine Elettriche 31

A tale circuito è infatti possibile apportare delle semplici ma significative variazioni


spostando i parametri longitudinali da primario a secondario (o viceversa) dividendoli
per t2 (o moltiplicandoli per t2) e quindi sommandoli in serie con i parametri
longitudinali secondari, ottenendo i cosiddetti parametri di corto circuito (Figura 21 e
Figura 22):

R1 y" Xld
R"i =
t * 6 M
nit yh R„ X2d
R 1 A 1d k
^ A /v y ìM ^ l

v.

Figura 21 Circuito equivalente con parametri a secondario

R'ee = R"1+R2 e X"cc = X"1d+X 2d


32 T m sfw nw tuiìì

Figura 22 Circuito equivalente con parametri di corto circuito a secondario

2.1.2. Prove sperimentali per la determinazione del parametri

I valori dei parametri del circuito equivalente non vengono forniti dal costruttore della
macchina; essi possono essere determinati sostanzialmente in due modi:
• per via analitica dalla conoscenza dei dati geometrici e delle caratteristiche dei
materiali
• per via sperimentale.

La strada sicuramente più efficace è quella sperimentale: vengono condotte delle


misure di laboratorio secondo il seguente ordine:
• misura della resistenza in corrente continua degli avvolgimenti
• prova a vuoto
• prova in corto circuito.

La misura della resistenza degli avvolgimenti deve essere condotta in corrente


continua al fine di valutare la effettiva resistenza ohmica; tale misura deve essere
effettuata con correnti non superiori al 10% della corrente nominale di ciascun
avvolgimento per evitare fenomeni di riscaldamento che modificherebbero il valore
della resistività del materiale conduttore, dipendente dalla temperatura, e falsando
quindi la misura in quanto essa va riferita alla temperatura esatta del materiale che sì
desume essere pari a quella dell’ambiente di prova.

La prova a vuoto viene condotta alimentando un avvolgimento della macchina fino


alla tensione nominale, lasciando i morsetti dell’altro avvolgimento aperti. La scelta
circa quale avvolgimento alimentare è del tutto libera e legata eventualmente a
ragioni di opportunità: disponibilità di adeguata sorgente di tensione o degli strumenti
di misura idonei.
II fatto di mantenere i morsetti aperti fa si che non si abbia circolazione di corrente in
queH’awolgimento e che anche nell’altro venga a circolare soltanto la corrente a
Esercizi di Macchine Elettriche 33

vuoto; tale corrente, necessaria alla magnetizzazione del nucleo, risulta essere
nell’ordine di pochi % della corrente nominale.
In tali condizioni di funzionamento la macchina assorbe una piccola potenza attiva,
pari all’entità delle perdite nel nucleo magnetico per isteresi e correnti parassite.
Dalla elaborazione dei dati di tale prova si determinano i parametri trasversali Rfe ed
Xa*

La prova in corto circuito viene condotta cortocircuitando i morsetti di un


avvolgimento ed alimentando l’altro avvolgimento fino all’assorbimento della corrente
nominale. La tensione di alimentazione necessaria è molto piccola, inferiore al 10%
di quella nominale, e viene chiamata tensione di corto circuito. Il fatto che tale valore
sia piccolo porta il nucleo magnetico a lavorare con piccoli valori di induzione e quindi
nel tratto iniziale lineare della caratteristica magnetica
Dalla elaborazione dei dati di tale prova si d e te rm in a n o i p a ra m e tri lo n g itu d in ali di
corto circuito Rcc édXcc.

Nell’esempio numerico del seguente Paragrafo 2.2 è presentata la elaborazione


completa dei dati delle prove che porta alla determinazione dei parametri del circuito
equivalente.

2.1.3. Caduta di tensione da vuoto a carico

Per caduta di tensione da vuoto a carico si intende la differenza dei valori della
tensione ai morsetti secondari tra il funzionamento a vuoto (morsetti aperti) e quello
con carico collegato: tale condizione prevede infatti lo scorrere di una corrente negli
avvolgimenti primari e secondari che determina una caduta di tensione.
È possibile valutare tale c.d.t. partendo dal circuito equivalente di Figura 23:

Figura 23 Circuito equivalente per il calcolo della c.d.t. da vuoto a carico


34 Trasformatore

Il diagramma vettoriale corrispondente a tale situazione circuitale è rappresentato in


Figura 24: partendo dalle grandezze tensione e corrente al carico si risale al valore
della tensione a vuoto V 2o-

Le proporzioni delle cadute di tensione sulla resistenza e la reattanza di corto circuito


sono esagerate, ma servono a descrivere la modalità di calcolo; considerando di
trascurare il segmento CE della Figura 24 (errore minimo), la c.d.t. da vuoto a carico
(o c.d.t. industriale) può essere calcolata come la somma dei segmenti AB e BC:

A V = V 20 - V 2 » b ' (R"cc ' c o s 9 2 + X-cc sen(p2 ) = a • bn • (R " cc *c o s 9 2 + X " cc sen<p2 )

dove con a si indica il fattore di carico, inteso come il rapporto tra la corrente erogata
e la corrente nominale secondaria.

2.1.4. Rendimento

Il rendimento del trasformatore può essere descritto con una espressione ricavata a
partire dalla definizione generale:

p
1 uscita
r} = p -------------
1 ingresso

ed elaborandola, costruendo la potenza in ingresso come la somma di quella in


uscita e di quelle perdute all’interno della macchina, si ottiene:
Esercizi di Macchine Elettriche 35

uscita uscita uscita


r\ =
ingresso uscita + L P perse uscita + ^Fe + P

Le perdite nel ferro, dipendenti dal quadrato del valore di tensione, e non dipendenti
dalla corrente erogata dalla macchina, sono coincidenti con la potenza assorbita a
vuoto dalla macchina:

mentre le perdite joule, legate al quadrato della corrente che scorre negli
avvolgimenti, possono essere correlate alla potenza assorbita dalla macchina nel
corso della prova di corto circuito:

P jffc - P ,*

La potenza in uscita può essere scritta come:

f i A
Pu = V2l2 coscp2 = V2l2n — coscp2 = (V2l2n)-acoscp2 = Sn • a ■cos<p2
V’ 2n J

Sostituendo nella espressione del rendimento si ottiene:

Sn • a • coscp2
Sn • a • coscp2 + P0 + a 2 • Pcc

ovvero una relazione molto semplice, dipendente da grandezze note quali la potenza
di targa della macchina, e le potenze a vuoto ed in corto circuito, e dalla conoscenza
del carico (a e costp).
In Figura 25 è rappresentata la variazione del rendimento in funzione del carico
applicato alla macchina; è presentato un ampio campo di esplorazione al variare di a
per significare il fatto che il rendimento è nullo nelle condizioni di funzionamento a
vuoto ed in corto circuito e raggiunge un valore massimo quando le perdite joule
negli avvolgimenti uguagliano le perdite nel ferro.
36 Trasformatore

1,0

0,9

0,8

0,7

0,6

0,5

0,4
° '01 0,1 “ i 10

Figura 25 Rendimento al variare del carico


Esercizi di Macchine Elettriche 37

2.2. Esercizio 1 - Elaborazione dati trasformatore monofase

Su di un trasformatore monofase avente i seguenti dati di targa:

potenza apparente nominale SN = 3000 VA


tensioni nominali V1N = 380 V, V2N = 220 V

sono state eseguite le prove sperimentali di caratterizzazione con i seguenti risultati.


Resistenza degli avvolgimenti: R10C = 0,796 Q R2dc = 0,334 Q

Prova a vuoto (lato a 2 2 0 V ) Prova in corto circuito (lato a 3 8 0 V )

V0 lo Po Vice lec P ce
2,1 5 0 ,0 4 0 0,0 2 1,14 0 ,5 5 3 0 ,5 5
8,5 0 ,0 7 9 0,2 4 3,52 1,684 5 ,0 2
20,81 0 ,1 0 4 1,07 5,52 2 ,6 4 9 1 2 ,4 3
4 3 ,3 0 ,1 3 2 3,4 7 7 ,1 7 3 ,4 3 8 2 0 ,9 5
6 0 ,6 8 0 ,1 4 8 5,85 11,35 5 ,4 4 5 2 ,5
75,4 0 ,1 5 8 8,1 3 13,78 6 ,5 9 6 7 7 .3
90,39 0,171 10,8 16,39 7 ,8 3 2 1 0 9 ,2
116,11 0 ,1 9 3 16,03
136,36 0 ,2 1 2 2 0 ,7 8
151,6 0 ,2 2 8 2 4 ,7 6
176,8 0 ,2 5 7 32 ,14
20 1,3 0 ,2 9 5 4 0 ,3 5
21 4,5 0 ,3 1 9 4 5 ,2 3
2 2 0 ,2 0 ,3 3 0 4 7 ,4 9
22 9,6 0 ,3 5 3 51 ,32
241 0,3 82 5 6 ,3 6
25 0,2 0 ,4 1 2 6 0 ,7 3
2 5 9 ,3 0 ,4 4 4 65,41

Nel corso della prova a vuoto è stato anche determinato sperimentalmente il vero
rapporto spire t della macchina, pari a: t = 380/230 = 1,65.

Determinare:
• i parametri del circuito equivalente della macchina
• la caduta di tensione ed il rendimento del trasformatore nel caso di alimentazione
di un carico con fattore di carico a = l2/l2N = 0,9 e cos<p = 0,8;
• la corrente assorbita a primario nel caso di corto circuito franco al secondario.
38 Trasformatore

Soluzione

I parametri trasversali, dipendenti dalla magnetizzazione e dalle perdite nel ferro, si


determinano partendo dai dati della prova a vuoto; nel caso in oggetto è stato
alimentato l’avvolgimento secondario.
Nelle Figure che seguono sono diagrammati gli andamenti della corrente (Figura 26)
e della potenza (Figura 27) assorbite dalla macchina in funzione della tensione di
alimentazione. Si notano l’andamento non lineare della corrente, dipendente dal fatto
che i lamierini del nucleo magnetico del trasformatore al crescere della tensione
(induzione magnetica) tendono a saturare, e l’andamento parabolico della potenza,
tutta dissipata in perdite nel ferro del nucleo magnetico, e quindi dipendenti dal
quadrato della induzione magnetica.

0,50
lo[A]
0,45
0,40
0,35
0,30
0,25
0,20
0,15
0,10
0,05
0,00 Vq[V]
150 200 250 300

Figura 26 Corrente a vuoto

70
P0[W]
60

50
f 47,49
40 /

30

20

10
V0[V]
0
0 50 100 150 200 250 300

Figura 27 Potenza a vuoto


Esercizi di Macchine Elettriche 39

Il circuito equivalente della macchina in queste condizioni di funzionamento è


rappresentato in Figura 28

Figura 28 Circuito equivalente nella prova a vuoto

La valutazione dei parametri viene fatta in corrispondenza del valore di tensione più
prossimo a quello nominale. La corrente assorbita a vuoto vale l2o = 0,33 A, mentre
la potenza è pari a P0 = 47,49 W.

Il valore della corrente nominale secondaria è:

Sn
2N 225£=13,64A
^ 2N 220

Pertanto l’entità percentuale della corrente assorbita a vuoto è pari a:

I n
l0% = -22. x 100 = x 100 = 2,4 %
l2N 13,64

Un valore così piccolo di corrente determina sui parametri longitudinale


deH’avvolgimento una caduta di tensione del tutto trascurabile, che consente di
semplificare il precedente circuito, come rappresentato in Figura 29.
ho +

Figura 29 Circuito equivalente semplificato nella prova a vuoto


40 Trasformatore

È semplice a questo punto calcolare il valore dei parametri trasversali (sul lato
secondario):

COS(pQ =
Po
0 = 0,65
V 2N X »20

R"fe = = 1020 Q
P0 47,49

X"m= -5-k- = 880 Q


tgcpo

Il riporto dei parametri a primario si effettua moltiplicandone il valore per t2:

R'fe = t2 xR"fe= 2800 0


X’m= t2 x X"m= 2400 n

I parametri longitudinali degli avvolgimenti si determinano partendo dai dati della


prova in corto circuito; nel caso in esame viene cortocircuitato l’avvolgimento
secondario.
Nelle Figure che seguono sono diagrammati gli andamenti della tensione (Figura 30)
e della potenza (Figura 31) assorbite dalla macchina in funzione della corrente. Si
notano l’andamento lineare della tensione, indice di linearità magnetica del nucleo
del trasformatore, e l’andamento parabolico della potenza, tutta dissipata in perdite
joule, e quindi dipendenti dal quadrato della corrente.

18
,6 V“ [V1 , 16.39
m

0 2 4 6 8 10

Figura 30 Tensione di corto circuito


Esercizi di Macchine Elettriche 41

120
PccIW]
109,2
100

80
/
/
60 1
7
/
40 S
/
20

0 Ice [A]
0 2 4 6 8 10

Figura 31 Potenza in corto circuito

La tensione di corto circuito percentuale della macchina è pari a:

Vcc% =^ x 100 = x 100 = 4,3 %


“ % V1N 380

i lamierini magnetici si trovano pertanto a lavorare nel primissimo tratto della


caratteristica magnetica e le perdite nel ferro possono essere trascurate.
In tali condizioni di lavoro il circuito equivalente della macchina può essere
rappresentato come in Figura 32: nella figura a sinistra sono evidenziati i parametri di
primario e secondario, mentre a destra essi sono sintetizzati in quelli che si chiamano
i parametri di corto circuito della macchina.

R'ec
*1N +
■>o
A A A ^ W -

cc

V Icc

Figura 32 Circuito equivalente in corto circuito

Si procede a calcolare il valore dei parametri longitudinali (sul lato primario):

CC = 0,85
cosmee =
Vice x hoc
42 Trasformatore

109,2
= 1,78 Q
7,832

x ’cc^R'cc^gtpcc = 1.1n

Il riporto dei parametri a secondario si effettua dividendone il valore per t2:

R"oc = % = ° . 6 5 n

X"
/N cc _ lice
2 _ o4 Q

Quando al trasformatore viene collegato il carico il circuito si presenta come in Figura


33:

Figura 33 Circuito del trasformatore e del carico

La caduta di tensione da vuoto a carico può essere calcolata con la formula della
caduta di tensione industriale:

AV = a x l2N x (R"ccxC0S(p+ X'^xsentp) =0,9-13,64 •(0,65 •0,8 + 0,4 •0,6) = 9,3 V

Calcolo del rendimento con l’espressione convenzionale:

Sn cos(p2a 3000 0,8 0,9_________= 0941


Sn cos (p2a + P0 + a 2Pcc 3000 • 0,8 • 0,9 + 47,49 + 0,92 -109,2

Nel caso di corto circuito franco al secondario (Figura 34), la corrente assorbita dai
morsetti primari (trascurando la piccola corrente l,0 ) varrebbe:
Esercizi di Macchine Elettriche 43

_ W _ 1 J V20 1 230
'ig — —x301,4 A = 182,7 A
t t r * 1,65 * 0,763 1,65

Figura 34 Corrente di guasto in caso di corto circuito

Esercizio 2 - Trasformatore monofase con carico

È dato un trasformatore con i seguenti valori di targa: SN = 20 kVA, VN = 1000/250 V.


Dati della prova in corto circuito: V , ^ = 5, cosmee = 0.3
Dati della prova a vuoto (effettuata a secondario): V0 = 240 V, l0 = 6 A, P0 = 350 W.
Il trasformatore è inserito nella rete riportata nella Figura 35. Il carico A assorbe una
potenza PA = 14 kW con c o s c p a = 0.8 con una corrente lA = 75 A. Il carico B è
costituito dalla serie di un resistore RB = 18 e di una reattanza induttiva XB = 20 Q.

Figura 35 Trasformatore con carichi

Calcolare:
a. i parametri del circuito equivalente del trasformatore (a primario).
b. il rendimento del trasformatore e la corrente che entra nei morsetti primari.
c. la tensione, la corrente e la potenza attiva ai morsetti H e $ .
^ b
44 Trasformatore

Soluzione

a. Parametri del circuito equivalente.


Elaborazione prova a vuoto:

Figura 36 Circuito equivalente semplificato nella prova a vuoto

S0 = V0 x l0 =1440 VA

Q0 = y j s l - P ^ = 1396,8 Var

I parametri di magnetizzazione del trasformatore (visti a secondario) sono perciò:

2402
= 164,6 n
350

Y” - V0
2402
= 41,24 Q
1396,8

Il riporto dei parametri a primario si effettua moltiplicandone il valore per t2:

R'fe = t2 x R"fe = 2633 Q


X'm= t2 x X"m= 660 Ct

Elaborazione prova in corto circuito:


la tensione di corto circuito primaria, la corrente nominale primaria e la potenza di
corto circuito valgono rispettivamente:

\/ _ Vcc%
- I gg “ x V1N= 50 V
00 100
Esercizi di Macchine Elettriche 45

S n = 20 A
Vin

Pcc = v icc x >1N x cos Cpcc = 300 W

Qcc = Pcc x tgtpcc = 954 Var

- r*
^ cc
y ’ cc
^

— r - v v v W -

cc

V Icc

Figura 37 Parametri di corto circuito

CC 300
R’ CC = ,2 = 0,75 n
IN 20 2

X'cc = R'ccxtg<Pcc = 2.385 n

b. rendimento del trasformatore e la corrente che entra nei morsetti primari.


Si può procedere con il metodo di Boucherot, ricostruendo le potenze in gioco
risalendo dal carico fino ai morsetti di ingresso (Figura 38).

Figura 38 Applicazione del metodo delle potenze

La tensione ai capi del carico A è:


46 Tfà&fofFfiSftittì

VA = ----- — ------- = 233,33 V


lA x COS<pA

La potenza apparente e quella reattiva valgono rispettivamente:

SA = VA x lA = 17,5 kVA

QA = >/sA- P A = 10,5 kVar

Passando al primario del trasformatore la tensione e la corrente valgono

E1 = t x VA = 933,33 V

l’A = — = 18,75 A
A t

Ricostruite tutte le grandezze, è ora possibile risalire a monte del parametri


longitudinali di corto circuito, alla sezione Z-Z’:

P zz = P a + R ’ccxI a = 14263,7 W

Qzz' = Q A + X’cc xl A = 11338,5 Var

Szz- = Vpzz' + Qzz1 = 18221,3 VA

La tensione alla sezione 1-1’, coincidente con quella di alimentazione del


trasformatore, sarà pertanto:

V, = - S - = 971,8 V
1 r1A

La corrente in ingresso al trasformatore potrà essere determinata valutando prima le


potenze a monte delllmpedenza trasversale Z'0 , sezione Y-Y’:

p
■YY' -~pr ZZ' +
+ -^7“
v ' = 14622,4 W
K fe
Esercizi di Macchine Elettriche 47

_ V?
Q yy' —Q 77' + — —12769,4 Vsr

SYy' - -y/P^y + Qyy1 = 19413,2 VA

La corrente li sarà pertanto:

I = ^ Y L = 19,98A
V,

Il rendimento della macchina è pari al rapporto tra la potenza erogata al carico PA e


quella appena calcolata in ingresso PYr:

h trasf = 0,957
Pyr
C b
c. Tensione, corrente e potenza attiva ai morsetti ff e
Per calcolare la corrente e la potenza all’ingresso della linea è necessario
determinare l’assorbimento del carico B, costituito dalla serie di una resistenza ed
una reattanza induttiva, e poi ricostruire il triangolo delle potenze alla sezione CD.

Tc h

= 36,12 A

Le potenze attiva e reattiva del carico B valgono rispettivamente:

PB = R b x l| =23480 W

Q b = X b x || =26088 Var
Trasformatore
48

Pertanto alla sezione CO si avranno:

Pco » Pyr + Pb » 38102 W

Q cd QYr + Q h = 38857 Var

SCD - Vpco + Q cd = 54421 VA

La corrente all'ingresso della linea, le, sarà pertanto:

lc « ®£0 , 56 A

2.4. Esercizio 3 - Trasformatore monofase con carico

È dato un trasformatore con I seguenti valori di targa: SN = 30 kVA, VN = 1000/250 V.


La prova a vuoto effettuata sul 11° ha fornito i seguenti dati:
V0 = 250 V l0 = 7,5 A P0 = 375 W.
La prova di corto circuito effettuata sul 1° ha fornito i seguenti dati:
Vcc = 50 V Icc = 30 A Pcc = 750 W.

In condizioni di funzionamento a carico gli strumenti collegati al primario del


trasformatore hanno misurato i seguenti dati:
Vi - 900 V I, = 27 A Pi « 19,5 kW.

Determinare:
• i parametri del circuito equivalente del trasformatore
• l’impedenza del carico collegato Zc
• la tensione sul carico
• il rendimento del trasformatore
Fserclzl di Macchine Elettriche

Soluzione

• Parametri del circuito equivalente.


Elaborazione dati prova a vuoto:

Figura 40 Circuito equivalente semplificato nella prova a vuoto

COS(p0 = 0,2
Vq x Iq

Q0 = P0 x tgcpo ì= 1837 Var

1parametri di magnetizzazione del trasformatore (a secondario) sono perciò:

P V02 2502
= 166,67 f i
fe P0 375

y» _ Vq ^ = 34Q
X 9o 1837

Riporto dei parametri a primario:

R'fe = t2 x R"fa = 2667 D

X'm = t2 x X"m= 544 Cì

Elaborazione dati prova in corto circuito:


Trasformatore

50

Figura 41 Parametri di corto circuito

P
coscpee ——££— = 0,5
VccXlcc

Qcc=Pccxtg(Pcc=1299Var

— = o,83 Q
30 2

Qcc 1299
X' cc — — = 1,44 n
i2
"cc 30 2

Riporto dei parametri a secondario:

= 0,052 ft
t2

X"cc = - f - = 0,090 Q

• Funzionamento a carico.
Per valutare la natura del carico e le condizioni di funzionamento generali si può fare
riferimento alla seguente Figura 42, dove per il trasformatore si riportano tutti i
parametri a secondario:
Esercizi di Macchine Elettriche 51

Figura 42 Funzionamento a carico del trasformatore

Si procede con il metodo delle potenze:


dai dati misurati in ingresso è possibile ricavare la potenza reattiva Qi necessaria per
ricostruire le successive potenze e conseguenti grandezze elettriche:

p
costp-, = —- L - = 0,8
V |x h

Q, = Pj x tgcp-, = 14500 Var

Passando al secondario, i valori di tensione e corrente valgono rispettivamente:

V,0 = ^ - = 225V

1"1ì=I1 x t = 108 A

Si possono calcolare le potenze imputabili ai parametri trasversali:

p» = y h - =2251 - = 304 W
0 R"fe 166,67

Q- = ^20_ = 2 2 5 ^ = 149Q Vgr


m . X"m 34

E quindi le potenze alla sezione Y-Y’:

Pyt = P ì - P " o = 19196 W


52 Trasform atore

Qyy. = Q 1 - Q " 0 = 13010 Var

La corrente in ingresso da tale sezione, coincidente con la corrente del carico, varrà:

I. » « ì 03 a . ^ ? i 1i
V 20

P e r arrivare alla determinazione del carico è necessario valutare le potenze relative


ai param etri longitudinali di corto circuito e sottrarle a quelle entranti nella sezione Y-
n
Pc = P YY. - R ”cox l | = 18644 W

Q c = Q yy. - X''ccxl£ = 12055 Var

Il carico sarà quindi assimilabile ad una impedenza avente i seguenti parametri reale
ed immaginario:

R c * — = 1,75 Q e X c = ^ - = 1,13n
° |2 1 v ,2
'C »C

La tensione ai capi di tale carico risulta:

Vc = 215,4 V
•c

Con questo carico il rendimento del trasformatore vale:

Tltrasf = ~ = 0.956
^1
Esercizi di Macchine Elettriche 53

0
\j 2.5. Esercizio 4 - Trasformatore monofase con carico

È dato un trasformatore con i seguenti valori di targa: SN = 5 kVA, VN = 660/110 V.


La prova a vuoto effettuata sul II0 ha fornito i seguenti dati:
V0 = 100 V lo = 2,5 A P0 = 80 W.
La prova di corto circuito effettuata sul 1° ha fornito i seguenti dati:
Vcc = 30 V Ice = 9 A Pcc = 80 W.

Determinare:
• i parametri del circuito equivalente visti a primario
• la tensione di cortocircuito percentuale
• la corrente che sarebbe assorbita nella prova a vuoto se questa fosse effettuata
a primario con tensione di alimentazione nominale.

Il trasformatore è alimentato con una tensione di 650V e il secondario è collegato ad


un carico; in queste condizioni la corrente assorbita dal primario del trasformatore è
di 6,5 A con fattore di potenza 0,75 (ritardo).

• Calcolare i parametri del carico, la tensione ai morsetti secondari e il rendimento


del trasformatore.

Mantenendo inalterata la tensione di alimentazione al valore di 650V, si dispone in


parallelo al carico una capacità C, in modo da ottenere ai morsetti del carico un
fattore di potenza pari a 0,9.

\ ^ • Calcolare il valore di C, la tensione ai morsetti secondari e il rendimento del


qo trasformatore.

Soluzione

• Parametri del circuito equivalente.


Le elaborazioni dei dati della prova a vuoto e di quella di corto circuito seguono il
procedimento dell’esercizio 2.4; non vengono pertanto riportate le varie figure ma
soltanto i calcoli necessari.

Prova a vuoto:

cos cp0 = - ^ — = 0,32


Vq x lo

Qq = Pq x tgcpo = 236,85 Var


Trtìnfoniiotort)
54

R'i. = ts K R"ts 4500 0


■375 9 1

2502 ,2 x X l.m _ :i5 2 0 n


X"m = 42,22 f i
1837

Prova in corto circuito:

coscpcc= — ^ — = 0,296
y » x cc

Qcc=Pccxtgcpcc= 257,9 Var

R'cc = % - = ^ 7 = 0,9881 R“ ce - - 0.027 £ì


& 92 t2

X’cc i ■ i ÉÌ& = 3,18 1 X"cc 1 = 0,088 1


i 92 C t2
A
La tensione di corto circuito viene definita come il valore di tensione necessario a far
circolare negli avvolgimenti di un trasformatore in corto circuito la corrente nominale.
Immaginando di rimanere a fare le considerazioni sul lato primario del trasformatore,
la corrente nominale vale:

S!1 = 5000 = 7,576 A


V 1N 660

E quindi la tensione ai capi della impedenza di corto circuito vale:

Vcc = Z'ccxl1N = Vo.9882 +3,182 x 7,576 = 25,22 V

V < * » - ^ x 1 0 0 - 3,82% i t i t i I
V 1N

La corrente primaria che il trasformatore assorbirebbe a vuoto se fosse alimentato


alla tensione nominale si calcola tenendo conto dei soli parametri trasversali R’fe ed
X’m; le componenti di corrente assorbite da questi 2 parametri sono tra loro
ortogonali, ed il valore efficace della corrente complessiva si determina pertanto:
Esercizi di Macchine Elettriche 55

V 1N V 1N
ho - + = 0,458 A
fe ) y m;
VA

• Funzionamento a carico.
Come per il precedente esercizio 2.4, si può risolvere il problema con il metodo delle
potenze (Figura 43):

Figura 43 Funzionamento a carico del trasformatore

Rj = V| x x cos cpi = 3169 W

Q1= P, x tgcpì = 2795 Var

I valori di tensione e corrente al secondario valgono rispettivamente:

V20 = ^ - = 108,33 V

= L, x t = 39 A

Potenze imputabili ai parametri trasversali:

V20 108,33
P"n = = 93,9 W
R" fe 125

Q" o - V » = 278 Var


X"m 42,22

E quindi le potenze alla sezione Y-Y’:


56 Trasformatore

Pyy ' = P1 - P"0 = 3075,1 W

Q yy > = Q , - Q"0 = 2517 Var

La corrente in ingresso da tale sezione, coincidente con la corrente del carico, varrà
pertanto:

= _3974_ = 3

V20 108,33

Per arrivare alla determinazione del carico è necessario valutare le potenze relative
ai parametri longitudinali di corto circuito e sottrarle a quelle entranti nella sezione Y-
V:
Pc = PYY. - R ' ^ xIq = 3038,8 W

Q c = Q w - X’^ x l l = 2398,6 Var

Il carico sarà quindi assimilabile ad una impedenza avente i seguenti parametri:

R c = — = 2,258 0
le

Qr
Xc = —— = 1,782 Q
|2
■c

La tensione ai capi di tale carico risulta:

V c = — = 105,54 V
•c

Con questo carico il rendimento del trasformatore vale:

Titrasf = = v * ' - ^
n

• Rifasamento del carico.


Il condensatore di rifasamento inserito in parallelo al carico modifica l’impedenza
totale Z tot all’uscita del trasformatore; il circuito, alimentato sempre alla tensione
primaria di 650 V si presenta come in potenze (Figura 44):
Esercizi di Macchine Elettriche 57

Figura 44 Funzionamento con carico rifasato

L’impedenza complessiva Z tot all’uscita del trasformatore vale:

7 tot = Z O / / - jiX Rif = + J' (*c ' / ~ * *Rìf


\0 ~ Re ' )
R c + ( x c - x rì()2

dove XRif è l’incognita che si potrà determinare i


potenza pari a 0,9:

arg(ztot ) = tg(arccos(0,9)) -►

*C ' *Rif i * c • X Rif - Re • XRif _ i


Re ■*Rif

X Rif = 12,019 Q -> Crk = 264,8 pF.

È ora possibile calcolare l’impedenza totale all’uscita del trasformatore:

Z tot = Z c / / - jX Rif = (2,258 + j • 1,728)//(- j • XRif ) = (2,968 + j • 1,438)Q

In tali condizioni, mantenendo la tensione di ingresso pari a 650 V, vengono ora


calcolate la tensione ai capi del carico ed il rendimento del trasformatore. Si
supponga di porre la tensione secondaria a vuoto V20 sull’asse reale:

V20 = 108,33 V . =
58 Trasformatore

Tale tensione “vede” una impedenza complessiva Z data dal parallelo di Z " 0 con la
serie di Z"cc e Z tot ; la corrente al secondario del trasformatore ideale vale:

T”, - ^ 2 - = 34,22 [ _ 3 0 i1 6 . 1 A

La nuova potenza all’ingresso del trasformatore varrà pertanto:

P'., = V 20 x I V c o s ( - 30,16°) * 3205,16 W

Per determinare il rendimento della macchina è necessario ricalcolare la potenza


trasmessa al carico; la nuova corrente T'tot che fluisce verso l’uscita vale:

i» V 20
1 tot ” = 32,23 L2 7 0 I A
7" 4 -7
^ cc^^tot

La tensione al carico sarà:

V'c - Z totT'tot - 106,29[_115oj V

e la corrente nel carico:

V,
= 36,95[_39 4oj A

per una nuova potenza attiva P’c trasferita pari a:

P'c = R c x |*| = 3083,2 W .

Il nuovo rendimento del trasformatore risulta quindi

P'
q trasf ■ —- = 0,962
Esercizi di Macchine Elettriche 59

^ 2.6. Esercizio 5 - Trasformatore trifase

Di un trasformatore trifase sono noti i seguenti dati:

Potenza nominale SN = 200 kVA


Tensione primaria V1N = 20 kV
Tensione secondaria V2n = 400 V
Corrente a vuoto 2,5%
Perdite a vuoto 0,25%
Tensione di corto circuito 4%
Perdite di corto circuito 1%

Determinare i parametri del circuito equivalente di fase riferito al primario e al


secondario.

Soluzione

Per determinare i parametri del circuito equivalente monofase del trasformatore si


immagina di condurre sia la prova a vuoto che quella di corto circuito sul lato primario
della macchina.
La corrente nominale primaria vale:

I-in
-A - = 5i77 A
V3 x V-|n

Prova a vuoto.
Nel funzionamento a vuoto, la piccola entità della corrente assorbita fa sì che si
possano trascurare gli effetti, in termini di caduta di tensione e di perdite, dei
parametri longitudinali; il circuito equivalente può quindi semplificarsi come in Figura
45:

Figura 45 Circuito equivalente monofase della prova a vuoto


60 Trasform atore

La corrente assorbita a vuoto al primario alim entato alla tensione nom inale vale:

1,0 = ì o o xl,N = 0,144 A

e in tali condizioni la potenza assorbita vale:

P0 = - ^ - x SN = 500 W
0 100 N

con un fattore di potenza pari a:

p
COS (p0 | - - -------1-----------1 0 ,1 .
V3 x V 1N x l10
Calcolo dei parametri trasversali:

V2 /
v2 1NA R'
R'fe = = — — = 800 k n R"fe = = 320 Q
po / po / t2
/3 /3

X’m = — - = 80,4 kQ X"m = ^ - = 32,2 Q


tgq>o t2

Prova in corto circuito.


L’esiguità della tensione di alimentazione, pari al 4% della tensione nominale,
necessaria alla circolazione della corrente nominale, consente di trascurare gli effetti
dei param etri trasversali relativi alle perdite nel ferro ed alla magnetizzazione.
Il circuito equivalente da considerare per la determinazione dei param etri longitudinali
è quindi quello rappresentato in Figura 46:

Figura 46 Circuito equivalente monofase del trasform atore in corto circuito


Esercizi di Macchine Elettriche
61

La tensione concatenata di corto circuito necessaria a far circolare la corrente


nominale varrà:

v icc = ^qq x V1N = 800 V

e in tali condizioni la potenza assorbita vale:

Poc ~ ^qq x = 2000 W

con un fattore di potenza pari a:

p
costpee | — -----1 --------= 0,25 .
|t x V 1cc x I-HM

Calcolo dei parametri longitudinali:

R"cc = — = 0,08Q

X"cc = - y - = 0,031 Q
62 Trasformatore

\ j 2.7. Esercizio 6 - Trasformatore trifase con carico

È dato un trasform atore trifase appartenente al gruppo Y d l l , con i seguenti dati di


targa:
S N = 200 kVA, V 1N = 20 kV, V 2N = 400 V.
La prova di corto circuito ha fornito i seguenti dati:
Vcc% = 5% COScpcc = 0,4.

Il trasform atore alimenta, mediante una linea trifase (Figura 47) avente i seguenti
param etri: RL = 0,1 Q, X L = 0,2 Q, un carico trifase ad impedenza costante che
presenta i seguenti dati di targa:
P cn = 100 kW, V cN = 500 V, costpc = 0,85 (ritardo).

Figura 47 Schema del trasformatore trifase collegato al carico

S upponendo che il trasformatore sia alimentato alla propria tensione nominale e


trascurando i parametri a vuoto, determinare:
• la tensione concatenata di alimentazione del carico
• la corrente assorbita dal carico
• il rendim ento della linea
• il rendim ento del trasformatore
• il rendim ento complessivo deirimpianto.

Soluzione

Param etri del circuito equivalente.


Potendo trascurare i parametri a vuoto della macchina, si devono determinare
solam ente quelli di corto circuito; la tensione di corto circuito è fornita in percentuale,
pertanto è possibile immaginare di aver condotto la prova sul lato del trasformatore in
m odo da ricavare i parametri nella forma più comoda per i calcoli richiesti, ovvero a
secondario.
L ’elaborazione dei dati viene ovviamente svolta sul circuito equivalente monofase del
trasform atore (Figura 48):
Esercizi di Macchine Elettriche 63

Figura 48 Circuito equivalente monofase del trasformatore in corto circuito

La corrente nominale secondaria vale:

l2N = - 3 l — = 288,68 A
V 3 x V2N

La tensione concatenata di corto circuito necessaria a far circolare la corrente


nominale varrà:

V2cc
2CC = %
100x V 2N
2N = 20 V

Pcc = V3 x V2cc x l2N x cosmee = 4000 W

R"cc = - V = 0,016fì
II; 3 x,2N

I X,,cc = R,,ccxtg<Pcc= 0,0370

Parametri del carico.


II carico, qualunque esso sia, può essere schematizzato con la serie di una
resistenza Rc ed una reattanza Xc (in questo caso induttiva), i cui valori possono
essere determinati dalla conoscenza dei dati nominali.
La corrente nominale del carico è:

lcN = - = ------- H ----------= 135,85 A


V3 X VcN x COS(pc
64 Trasformatore

Xc = Rc x tg<pc = 1 ,1 2 0

Il c irc u ito c o m p le to m o n o fa se è rappresentato in Figura 49:

F ig u ra 4 9 C ircu ito m onofase del trasform atore collegato alfa linea ed al carico

La te n s io n e di fa s e ai capi del carico può essere calcolata col partitore di tensione:

Zc
* c fase ~ ^ 2 0 fase x -
Z"cc+ZL + z,

in m o d u lo :

V c fase - ^ 2 0 fase x
400 * 2 = 1 2 5 .208,61V V
Z V + Z l+ Z c H 2’352

La te n s io n e co n ca te n a ta sarà pertanto:

V c<We = V 3 * V cfase = 361,33 V

La c o rre n te al ca rico varrà:

le 98,17 A
Zc

La v a lu ta z io n e dei rendim enti può essere agevolmente effettuata partendo dalla


p o te n z a tra s fe rita al calcolo ed aggiungendo a ritroso le varie componenti di potenza
p e rd u ta .
P o te n z a al carico:
Esercizi di Macchine Elettriche 65

Pc = 3 x Rc x \l = 52223 W

Perdite sulla linea:

PL = 3 x R L xl j = 2891W

Perdite nel trasformatore:

Ptrasf —^ * P cc —463 W

Rendimento della linea

*1l f = 0,948
Pc +P l

Rendimento del trasformatore:

Pc +P l = 0,992
'Htrasf
P. + P, + Ptrasf

Rendimento complessivo dell’impianto:

imp = Il trasf XTlL =


0,94.
Pc Pl Ptrasf
66 Trasformatore

\( 2.8. Esercizio7 -Trasformatoretrifase

Di un trasformatore trifase sono noti i dati nominali riportati nella tabella sottostante
insieme ai parametri del circuito equivalente di Figura 50:

Potenza nominale SN = 100 kVA


Tensione primaria V 1N = 20 kV
Tensione secondaria V2N = 400 V
R”cc = 40 mQ X V = 60 mQ
R’fe = 450 k n X’m = 230 kn

Figura 50 Circuito equivalente monofase del trasformatore

• Determinare i dati di targa relativi alla prova in corto circuito in valore percentuale
Vcc% © Pcc%-
• Determinare i dati di targa relativi alla prova a vuoto in valore percentuale lo% e
Po%-

Le fasi primarie e secondarie sono collegate come in Figura 51 ; determinare:


• il rapporto spire
• il gruppo orario del trasformatore.

liiiiÉ — 9
V 12

3-i— ±JSH®r

Figura 51 Collegamento delle fasi del trasformatore


Esercizi di Macchine Elettriche 67

Soluzione
Prova di corto circuito
Per determinare i valori della tensione e della potenza assorbita nel corso della prova
di corto circuito è necessario calcolare prima l'impedenza di corto circuito:

Z"co - VFt"|c+X',|c = 72,11 m n

I parametri sono forniti al secondario, pertanto si ipotizza che la prova sia stata svolta
alimentando tale avvolgimento in maniera tale da fargli circolare la corrente nominale
I2n , con l’altro avvolgimento corto-circuitato:

l2N = —= — ------= 144,34 A


-v3 x V2n

La tensione necessaria a far circolare la corrente nominale neH'awolgimento in corto


circuito varrà pertanto:

V2cc = V 3 x Z -ccxl2N =18,02 V

e di conseguenza il suo valore percentuale sarà:

I V«* = x i oo = 4,5 %. É jÉ , ‘M I j M
V 2N

La potenza attiva assorbita, e interamente dissipata in perdite per effetto joule, vale:

Pcc = 3 x R "ccx llN =2500W

e percentualmente:

Pce% = 5 ^ x 1 0 0 = 2,5%

Prova a vuoto
Dalla conoscenza dei parametri trasversali è possibile calcolare le potenze attiva e
reattiva in gioco durante la prova a vuoto:

u=
P0 n» = 888,9 W
•Me
68
Trasformatore

Q o=— L= 1739,1 Var


^ m

Per determinare la corrente assorbita a vuoto è necessario calcolare il fattore di


potenza costp0:

tgcpo = — = 1,956
“o

cos<p0 = 0,455

da cui la corrente:

l10 = =o,056A
V3 x V1Nx coscpo

La corrente nominale primaria vale:

I in = - p - * — = 2,89 A
v3 x V1N

e quindi percentualmente la corrente a vuoto sarà:

|0% = — x 100 = 1,95 %


'IN

La potenza a vuoto viene riferita alla potenza nominale della macchina:

P0% = f L x 100 = 0,89%

Rapporto spire
Il rapporto del numero di spire viene determinato rapportando le tensioni ai capi di
ciascun avvolgimento, pertanto le tensioni di fase; il primario è collegato a triangolo e
quindi la tensione di fase coincide con quella concatenata (20000 volt), mentre il
secondario è connesso a stella:

N1 = 20000
86,6
N2 E"
Esercizi di Macchine Elettriche 69

Gruppo orario
Per la determinazione del gruppo orario del trasformatore così collegato è necessario
confrontare le posizioni di vettori di tensioni concatenate “omonime” primarie e
secondarie. Nella Figura 52 sono rappresentati i vettori delle tensioni di fase e di
linea per il caso in oggetto; immaginando ad esempio di voler confrontare le tensioni
di linea V 12 e tenendo conto della indicazione dei segni delle tensioni ai capi degli
avvolgimenti disposti sulle stesse colonne, risulta che la tensione concatenata
primaria V '12 è pari all’opposto della tensione ai capi deH’avvolgimento disposto sulla
seconda colonna É'2. La tensione concatenata secondaria V'12 risulta essere la
differenza delle tensioni di fase É '^ -É '^ :

Figura 52 Vettori delle tensioni per la ricostruzione del gruppo orario

Dalle considerazioni svolte discende quindi che il gruppo del trasformatore deriverà
dal confronto delle tensioni V '12 e V '12, e dalla conseguente rotazione oraria che
deve compiere il vettore di tensione concatenata primaria per sovrapporsi
aH’omonimo vettore di tensione concatenata secondaria:

^ V 12 -E 2 1 Ni i30,
Gruppo = -r -—- = —— è— = —j= x —- x eJ
V "12 È \ - è ’2 & N2

La rotazione necessaria è pertanto pari a 30°, il che porterebbe ad assumere che il


gruppo di appartenenza della macchina sia 1*1; in base a quelli che sono i gruppi
fondamentali definiti, il gruppo 1 coincide con il numero 5, pertanto il gruppo orario
risultante sarà: Ay5.
70 Trasformatore

2.9. Esercizio 8 - Trasformatore trifase

Un trasformatore trifase con i seguenti dati di targa:

Potenza nominale SN = 210 kVA


Tensione primaria V1N= 12 kV
Tensione secondaria V2N = 628 V
Tensione di corto circuito Vcc% = 4,8 %
Potenza di corto circuito Pcc% = 3 %
Potenza a vuoto Po %= 3,5 %

alimenta mediante una linea di lunghezza pari a 600 metri con un conduttore in rame
di sezione 100 mm2 (p = 0,0178 ohm mm2/m) ed avente una reattanza di 0,18
ohm/km tre carichi monofase collegati a triangolo; ogni carico monofase assorbe una
corrente 1* pari a 94 A con costpc = 0,8.

Determinare:
W a) la variazione di tensione ai morsetti dell’utilizzatore quando la corrente passa da
oo zero al valore di funzionamento;
il rendimento della linea con il carico allacciato;
1 °) il rendimento del trasformatore;
d) il rendimento complessivo dell’impianto.

V2o

Figura 53 Circuito equivalente del trasformatore collegato al carico

Soluzione

Dai dati di prova è possibile ricavare le perdite nel ferro del nucleo ferromagnetico,
che serviranno successivamente per il calcolo del rendimento della macchina:

Po*Ph = - ) ^ x S N =7,5kW
Esercizi di Macchine Elettnche 71

Parametri del trasformatore:


I parametri del circuito equivalente della macchina da considerare in base ai dati di
prova forniti saranno soltanto quelli longitudinale, determinabili dalla prova di corto
circuito.
I dati sono forniti in forma percentuale ed è pertanto possibile assumere che la prova
sia stata condotta sul lato che si preferisce o che risulti più comodo per i calcoli
successivi, ovvero il secondario; la corrente nominale risulta:

l2N = ~7=—- — = 193 A


v 3 x V2N

La potenza assorbita in corto circuito vale:

Ree = X SN = 6,3 kW
100 N

mentre la tensione da applicare all’avvolgimento per farlo percorrere dalla suddetta


corrente nominale varrà:

V2cc
2cc = —
1Q0 x V 2N
2N = 30,14 V

II fattore di potenza della macchina in queste condizioni di prova risulta essere:

cos(pcc = —= ----- —-------- = 0,625


v3 x V2cc x l2N

I parametri longitudinali di corto circuito a secondario varranno:

R" =— = 56,34 mQ
H 3 x |2n

IL X-cc = R-cc xtgtpcc = 70,37 mQ

Parametri della linea:


I parametri di linea sono forniti mediante le caratteristiche del cavo per ciò che
riguarda la resistenza ed in “per unità” per ciò che attiene alla reattanza; i valori di tali
parametri sono pertanto:

£
Ri = p x — = 106,8 mQ
L K S
72 Trasformatore

X L - x L x i = 108 mO

In assenza di corrente la tensione ai morsetti dell’utilizzatore coincide con la tensione


secondaria a vuoto del trasformatore, V20 = 628 V.
La caduta di tensione da vuoto a carico può essere calcolata con la formula della
caduta di tensione industriale:

AV = >/3 x lrf x[(R "cc+ R ,)xco s(p + (X "cc+ X jx s e n ( p ] = 6^ 8 8 V

E quindi la tensione ai capi del carico risulterà:

Vc a V20 - AV = 561V

Rendimento della linea:


Per valutare il rendimento della linea è necessario calcolare la potenza trasferita al
carico e quella dissipata dalla linea nel trasferirla.
È nota la corrente assorbita da ciascun carico monofase 1*, pertanto la corrente che
percorre la linea sarà pari a:

Icl = ‘v /3 x lcf =162,81 A

La potenza trasferita al carico vale pertanto:

Pc = V3 x V c x lcL x cos <pc = 126,56 kW

m entre le perdite sulla linea valgono:

PL = 3 x Rl x & = 8,49kW

Il conseguente rendimento delia linea vale:

Pc 0,937
tI l =
Pc + P l

P er calcolare il rendim ento del trasformatore è necessario determ inare le perdite al


suo interno; esse sono di duplice natura: per effetto joule, dipendente dalla effettiva
corrente erogata, e quelle nel ferro calcolate precedentem ente:

Pm * = 3 x R "„ + Pfe = 11,83 kW


Esercizi di Macchine Elettriche 73

= 0 ,9 1 9

Rendimento complessivo dell’impianto:

Pc
^imp p ?p 7p ^Itrasf x ^ÌL — 0 ,8 6 1 .
*c "L Mrasf

| 2.10. Esercizio 9 - Scelta di trasformatore trifase

Dalla consultazione di alcuni cataloghi sono emerse tre possibilità di scelta per
trasformatori trifasi per l'alimentazione di uno stabilimento industriale, assimilabile ad
un carico con i seguenti dati di targa:

Vn = 380V
Pn= 150 kW
COSepn = 0.85

I dati nominali dei tre trasformatori risultano:

Trasformatore 1 Trasformatore 2 Trasformatore 3


An= 200 kVA An= 210 kVA An= 220 kVA
V1NA/2N = 15000/400 V V1NA/2N = 15000/400 V V1NA/2N = 15000/400 V
Vcc%= 4% Vcc% = 4,5% Vcco/o= 5 %
cosmee = 0,35 costpee = 0,45 C0S(pcc - 0,4

Determinare:
a) il trasformatore che minimizza la caduta di tensione;
b) il trasformatore che minimizza la corrente di corto circuito.

! Ipotizzando di utilizzare il trasformatore che minimizza la caduta di tensione e


!. sapendo che tra trasformatore e stabilimento è inserito un cavo con resistenza pari a
li 0,05 fì, calcolare:
I c) la corrente assorbita dallo stabilimento;
( d) la corrente di corto circuito a fondo cavo.
Trasformatore
74

Figura 54 Schema del trasformatore con linea e carico

Soluzione

La caduta di tensione nel passaggio da vuoto a carico e la corrente di corto circuito


sono quantità entrambe dipendenti (in ragione inversa) dalla impedenza di corto
circuito del trasformatore, la quale dipende dalla tensione di corto circuito.
A valle di queste osservazioni è quindi possibile affermare che:
a) il trasformatore che minimizza la caduta di tensione è quello che presenta la
minor tensione di corto circuito, ovvero il trasformatore 1;
b) il trasformatore che minimizza la corrente di corto circuito è quello che presenta la
impedenza di corto circuito maggiore e quindi la maggior tensione di corto
circuito, ovvero il trasformatore 3.

Collegamento alla linea ed al carico


La scelta per l’alimentazione dello stabilimento industriale cade sul trasformatore che
minimizza la caduta di tensione, ovvero il numero 1.
Al fine di calcolare le grandezze richieste sarà necessario prima di tutto determinare
il valore dei parametri dell’impedenza longitudinale della macchina (i parametri
trasversali relativi al funzionamento a vuoto possono essere evidentemente
trascurati).

La corrente nominale secondaria vale:

l2N = — = 288,68 A
■v/3 x V2n

La tensione concatenata di corto circuito necessaria a far circolare la corrente


nominale varrà:

V2cc=^ xV2N=16V
Pcc ~~ V 3 x V2CC x ^2N x = 2800 W
Esercizi di Macchine Elettriche 75

P cc
R" CC 0,011 n
3 x IÌ n

x ,,cc = R "c c x tg<Pcc = o ,0 3 o d

Parametri del carico.


Il carico può essere schematizzato con la serie di una resistenza Re ed una reattanza
Xc da determinarsi Sulla base dei dati nominali.
La corrente nominale del carico vale:

cN ~ =1268,12 A
V3 x V cN x cos<pc

RC — — = 0,695 O
3 x >cN
X c = R c x tgcpc = 0,431 Q

Il circuito completo monofase è rappresentato in Figura 55:

Figura 55 Circuito monofase del trasformatore con la linea ed il carico

La corrente assorbita dal carico è quindi facilmente calcolabile:


^ 20f _____________ 230,9______________
le 260,81 A
Z "cc + R l +
|(0,011 + 0,05 + 0,695)+ j (0,03 + 0,43i j

In caso di corto circuito a fine linea, la corrente risulterebbe limitata soltanto dai
parametri longitudinali del trasformatore e da quelli della linea:

^ 20f ______ 230,9


'e = 3397 A
Z" cc+R l |(0,011 + 0,05)+ j 0,03
n\
Trasformatore

y \ 2.11. Esercizio 10 - Scelta di trasformatore trifase

E doto un trasform atore trifase di cui sono noti seguenti dati:

A n ■ 1,2 MVA
V i N/V 2n * 15000/400 V
R'f* ■ 25000 a
X'm ■ 5000 n
R"oo ■ 4,28 m n
X"efl * 10,66 m n

Quesiti:
a) calcolare la corrente assorbita a vuoto e il fattore di potenza;
b) calcolare la tensione di corto circuito.

Si ipotizzi che il trasformatore stia alimentando un carico equilibrato assorbendo al


prim ario una corrente li = 40 A ed una potenza attiva Pi = 700 kW con la tensione
nom inale.
Determ inare:
c) I param etri del carico;
d) il rendim ento del trasformatore.

Soluzione

G randezze di prova
Dalla conoscenza dei parametri trasversali è possibile calcolare le potenze attiva e
reattiva in gioco durante la prova a vuoto:

P0
V
- D I
= 9000 W

Q 0 « ^%/t
2 i = 45000 Var
^ m

e da queste ricavare la potenza apparente per poi risalire alla corrente assorbita a
vuoto ed il conseguente fattore di potenza:

S 0 = VPo + 3f * 45890 VA
Esercizi di Macchine Elettriche 77

l0 = 7 ^ -------- 1.77 A
V 3 X V - jN

COS (p0 = 0,196 A

I parametri longitudinali sono forniti al secondario, la cui corrente nominale vale:

l2N = - — — = 1732 A
V 3 X V 2N

L’impedenza di corto circuito a secondario vale:

Z'cc = VR" « + x 1e = 11,48 mn

La tensione necessaria a far circolare la corrente nominale neH'awolgimento in corto


circuito varrà pertanto:

V2cc = V 3 x Z " ccxl2N =34,44 V

che riportata al primario sarebbe:

Vice = t x V 2cc = 1291,5 V

Funzionamento a carico
Lo schema circuitale è quello rappresentato in Figura 56:

Figura 56 Circuito del trasformatore e del carico con indicazione delle misure

Per poter determinare i parametri del carico si può procedere valutando le potenze
che esso assorbe, partendo dalla conoscenza delle grandezze a primario.
78 Trasformatore

cos 9 -, = - 7=— ------- = 0,673


VàxV^xlì

Qi = P ix tg<p1= 768,1 kVar

Delle potenze in ingresso una quota è da imputare al trasformatore: potenze attiva e


reattiva del funzionamento a vuoto sono quelle determinate poco sopra, mentre
quelle relative ai parametri di corto circuito vanno calcolate in funzione della effettiva
corrente che interessa il trasformatore.
Si riportano quindi a primario i parametri di corto circuito moltiplicandone il valore per
t2:

R 'c c = t 2 xR-,cc = 6 «
X’cc = t 2 x X "cc = 15Q

Le potenze al carico saranno:

Pc = P1- P 0 - 3 x R'cexl2 = 662,2 kW

Qc = Q 1- Q 0 - 3 x X'^xl? = 651,1 kVar

La corrente che fluisce verso il carico lc coincide con la corrente nel secondario del
trasformatore ed è quindi legata alla corrente primaria dal rapporto di trasformazione:

3 . ’) Ic = t x I., = 1500A
gl i
Si può ora calcolare il valore della resistenza che modellizza il carico attribuendole
tutta la potenza attiva che il carico assorbe:

RC — — I 98,1 m fi
3xl|

La reattanza del carico è pertanto:

Xc = Rc x tgcpc = 96,5 m£ì


Esercizi di Macchine Eletthche 79

T \J 2.12. Esercizio 11 - Parallelo di trasformatori trifase


0
Due trasformatori trifase A e B sono collegati in parallelo tra loro e, alimentati a
tensione e frequenza nominali, alimentano un carico trifase costituito da tre
impedenze eguali e di valore Zc = (0,5 + j 0,5) Q.

Le caratteristiche dei due trasformatori sono:


Trasf. A Trasf. B
Potenza nominale SN 140 100 kVA
Tensione nominale primaria V1N 20 20 kV
Tensione secondaria a vuoto V2o 400 392 V
Frequenza nominale fN 50 50 Hz
Gruppo Y d ll Y d ll
Perdite di corto circuito Pcc 3000 1600 W
Tensione di corto circuito V2oc 40 28,8 V

Determinare:
a] la corrente di circolazione a vuoto
b] la corrente assorbita dal carico
c] la tensione concatenata ai capi del carico

Soluzione

Figura 57 Parallelo dei trasformatori che alimentano il carico


80 Trasformatore

Parametri del circuito equivalente


La corrente nominale secondaria vale:

lag = ■
f . Sw I2NA = 202 A I2Nb = 147,3 A
\3 x V2N

Il fattore di potenza nel corso della prova in corto circuito è così determ inato:

COScp„ --------- COStpccA = 0 ,2 1 4 coscpcc a = 0,218


V3xV2coxl2N

I parametri di corto circuito valgono rispettivamente:

R" R ”ccA = 0 ,0 2 4 5 Q R ”ccB = 0,0246 Q


3 x l2N

X ,,cc = R,,ccXtg(Pcc X"ccA = 0 , 1 1 2 n X ”ccB = 0,11 Q

Corrente di circolazione a vuoto


Si passi al circuito equivalente monofase del trasform atore trifa se, utilizzando le
tensioni di fase; si possono rappresentare i due trasform atori c o m e d u e sorgenti di
tensione sinusoidale in serie alle im pedenze di corto circuito ripo rtate al secondario
(Figura 58).

^c0

Figura 58 Schem a m onofase equivalente del p a ra llelo d e i tra s fo rm a to ri a vuoto

Non essendo rispettata una delle condizioni di p a ra lle lo p e rfe tto tra i due
trasformatori, in quanto le tensioni secon darie non co in c id o n o , si a v rà u n a corrente di
circolazione a vuoto il cui valore è d eterm inab ile scriven d o u n 'e q u a z io n e alla maglia
rappresentata dai due secondari dei trasform atori affac ciati.
Le tensioni di fase per le due m acchine valgono:
m m m m ani

Esercizi di Macchine Elettriche 81

e _ ^ 2N E20A = 231 V E20 = 226 V


b

20' V 3

La corrente di circolazione a vuoto vale quindi:

*c0 f '2°.A 3 20B = 4 39 + j 19 8 = 20,3 • e'j77,5 A


7" 4 -7 "
ccA ~r£ - ccB

Corrente assorbita dal carico


Una volta che il carico viene collegato il circuito si presenta come in Figura 59; la
determinazione delle grandezze che interessano il carico passa per il semplificare
tale circuito ad esempio sostituendo quanto “visto” dai morsetti del carico con
l’equivalente di Thévenin (il circuito si presenterebbe esattamente come riportato in
Figura 58).

2A 2B

Z" ccB

20 B

Figura 59 Schema monofase equivalente del parallelo dei trasformatori con carico

Tensione del generatore equivalente di Thévenin: si può calcolare applicando


Teorema di Millmann:

■20A >-20 B
7" 7"
ccA ccB
20 eq = 229 V
i i
4-
Z" ccA 7"
ccB

L’impedenza equivalente di Thévenin risulta essere il parallelo delle due impedenze


di corto circuito:

Z” eq _ q 01 + j 0 0 5 5 Q
7" 4-7"
ccA ccB
82 T ra s fo rm a to re

Ricomponendo il circuito collegando il carico, esso si presenterà come in Figura 60.

Z" eq

Figura 60 Schema del circuito col carico collegato al generatore equivalente di


Thévenin

La corrente nel carico vale quindi:

U = _ E20{KL = 205 - j 222 = 303 • e'j47'3 A


7" 4-7
^ e q + z -C

Tensione concatenata ai capi del carico


La tensione di fase ai capi deirimpedenza del carico vale:

Ec = ìc • Zc = 214 - j 8,65 = 214 • e~jZ3 V

e conseguentemente quella concatenata:

Vc = V 3 x E c = 371V
Esercizi di Macchine Elettriche 83

2.13. Esercizio 12 - Parallelo di trasformatori trifase

Due trasformatori trifase, A e B, appartenenti allo stesso gruppo ed aventi le seguenti


caratteristiche vengono collegati in parallelo.
Le caratteristiche dei due trasformatori sono:

Trasf. A Trasf. B
Potenza nominale SN 134 250 kVA
Tensione nominale primaria V 1N 20 20 kV
Tensione secondaria a vuoto V2o 400 400 V
Resistenza di corto circuito (equivalente secondario) R"» 26 14 mfì
Reattanza di corto circuito (equivalente secondario) X”® 104 56 mfì
Perdite a vuoto P0 1600 2250 W
Fattore di potenza a vuoto cos<p0 0,1 0,12 V

I due trasformatori, alimentati a 20 kV, alimentano un carico trifase che assorbe 444
ampere con un fattore di potenza pari a 0,866 (in ritardo).

Determinare:
a] la tensione di alimentazione del carico
b] la corrente assorbita dalla linea a 20 kV
c] i rendimenti dei singoli trasformatori ed il rendimento totale dell’impianto

Soluzione

Sono noti i parametri del circuito equivalente delle due macchine, ed è pertanto
possibile immaginare che la situazione circuitale sia quella rappresentata in Figura
61, dove l’impedenza del carico non è nota, ma è nota la corrente che assorbe ed il
suo fattore di potenza.
DM V» Y" P"
r ' ccA A ccA A ccB ccB
84 Trasformatore

Figura 61 Parallelo dei trasformatori che alimentano un carico

Si può procedere sostituendo il circuito “visto" dai morsetti del carico con il suo
equivalente di Thévenin (Figura 62 e Figura 63).

*2A ^2B

Figura 62 Schema monofase equivalente del parallelo dei trasformatori con carico

La tensione del generatore equivalente di Thévenin può essere calcolata applicando


il Teorema di Millmann:

^ 20A E2qb

Z Z “fi.. - V = 231 v
=J_ +=1_ S
7"ccA 7" ccB
Lo stesso risultato poteva essere ottenuto considerando che i due trasfqrmatori
hanno la medesima tensione secondaria a vuoto, che quindi coincide corj la Veqt
determinata.
L’impedenza equivalente di Thévenin risulta essere il parallelo delle due impedenze
di corto circuito:

Z"eq = Ì — = 0,009 + j0,036 Q = 0,0375)76o Q


ccA"*”^- ccB

Ricomponendo il circuito collegando il carico, esso si presenterà come in Figura 63.


Esercizi di Macchine Elettriche 85

Z" eq

Figura 63 Schema del circuito col carico collegato al generatore equivalente di


Thévenin

Si può scrivere un’equazione alla maglia, lasciando come incognita l’impedenza Z^

t Vegf = 231
■ C ZHeq+Zc 0,0375|76* + Z c!30e

|231|
444 = ________________________ ! 1_________________________ -
|(0,009 + j 0,036) + (0,866 ■Zc + j 0,5 •Zc j|

________________ 231______________
Jjfjf V(0,0°9 1 0,866 • Zc f +(0,036 +0,5 •Zc)2
Da tale equazione si ricavano due valori di Zc, di cui uno solo accettabile in quanto
l’altro è negativo e quindi da scartare; il modulo dell’impedenza di carico è pertanto:

Zc = 0.493 Q

e quindi in termini complessi:

Z c = (0,427 + j 0,247) Q = 0,493|30o Q

L’impedenza totale sarà quindi:

Ztot = Z'eq+Zc = (0,436 + j 0,283)n = 0,52|33o Q

La tensione concatenata ai capi dell’impedenza di carico sarà pertanto:


86 Trasformatore

0 4Q 3
= 400 x = 380 V
0,52

| I due trasformatori hanno lo stesso cos(pCCl il che significa che erogano correnti verso
! j il carico tra loro in fase, ed in fase ovviamente con quella del carico (situazione ideale
\ I per massimizzare il trasferimento di potenza o minimizzare le perdite negli
q / avvolgimenti a parità di corrente al carico).
Ripartizione delle correnti:

0,0577 i7 6 o

= T_ x --------- !— = 0,35x1
0,1649 j7 6 o

28 = 0,65 x lc

e conseguente i moduli:

l2A =0,35x444 = 155,4 A

l2B = 0,6 5x4 4 4 = 288,6 A

b] Per determinare la corrente assorbita dalla linea di alimentazione prim aria si può
procedere con il metodo delle potenze, partendo dal carico e risalendo alla linea
primaria aggiungendo i vari contributi di potenze nei due trasformatori.

Potenze al carico:

f p c = y/3 x V c x lc x cos(pc = 253,08 kW

Jqc =V 3 x Vc x lcx s e n < p c = 1 4 6 ,1 1 6 k V a r

Potenze sui parametri di corto circuito nei due trasformatori:

a /P"cca= 3 x R“ccAx||a = 1883,6 W


Q " oca = 3 x X " coA x||a = 7 5 3 4 ,5 V a r

b JP" ocb = 3 x R''oob4 b 3 4 9 8 ,2 W

l®"ccB = 3 x X "ccBx ||e = 4 0 5 7 Var

Potenze a vuoto nei due trasformatori:


Esercizi di Macchine Elettriche 87

P0A = 1600 W
A
Q qa = Pqa x tg(PoA = 15920 Var

P0B = 2250 W
B
Q qb —^ ob x ^99ob = 18614,5 Var

Potenze totali:

Pinput = Z p i = 262,31 kW
i
Q input = S Q i =192,24 kVar

S,input 1.2 . Q2 325.21 kVA


“ i/ 1input ~ w input

La corrente assorbita dalla linea primaria sarà quindi


S input
= 9.39 A
V3 x Vi

c] Per determinare i rendimenti dei due trasformatori, dal momento che essi erogano
correnti tra loro in fase e nel rapporto sopra determinato, si può ipotizzare che anche
le potenze rispettivamente erogate al carico siano nello stesso rapporto:

Pca =0,35 xPc = 88,58 kW

PcB = 0,65 xPc = 164,5 kW

Pertanto i rendimenti dei due trasformatori saranno:

cA = 0,9622
htrA
PcA + P "ccA + P()A

cB = 0.9662
htrB
PCB + P"ccB+P()B

Mentre in rendimento totale dell’impianto sarà:


P„
^TOT - = 0,9648
input
88 Trasformatore

^1 2.14. Esercizio 13 - Scelta di trasf. trifase per parallelo


Uno stabilimento vuole ampliare la propria potenza a 500 kVA inserendo in parallelo
ad un trasformatore già esistente un secondo trasformatore.
Il trasformatore esistente presenta i seguenti dati di targa:

Sn= 250kVA t= 15000/400 V VoC%= 4% costpa== 0.35 gruppo 5

Dai cataloghi disponibili sono emerse le seguenti possibilità:

1) Sn = 230kVA t = 15000/400 V Va* = 4 % costpoc = 0.35 gruppo 5

2) Sf, = 260 kVA t= 15000/410 V Voc%= 4.2 % COStpa; = 0.4 gruppo 5

3) Sh = 250 kVA t = 15000/400 V V a * = 3.8 % COS(pcc = 0.4 gruppo 1


4) Sn = 280 kVA t = 15000/405 V V a * = 4.1 % COS(pa: = 0.36 gruppo 5

5) Sn = 260kVA t= 15000/402 V V a * = 4 .3 % costpoc = 0.36 gruppo 5

6) Sn = 280kVA t = 15000/400 V V a * = 4 .5 % COSCpa; = 0.45 gruppo 6 ^

Quesiti:
a) determinare il trasformatore più adatto per il parallelo evidenziando i motivi di
scarto dei trasformatori ritenuti non adatti. Il parallelo deve soddisfare la richièsta
di potenza e minimizzare le corrente di circolazione;
b) calcolare la corrente di circolazione tra i due trasformatori in parallelo;
c) calcolare i moduli delle correnti erogate dai due trasformatori quando lo
stabilimento richiede una corrente di 650 A (trascurare la corrente di circolazióne);
d) calcolare la corrente di corto circuito prima e dopo il parallelo.

Soluzione

La scelta del trasformatore più idoneo ad affiancare in parallelo quello già esistente
può essere fatta iniziando ad effettuare delle esclusioni:
• è possibile collegare in parallelo soltanto trasformatori trifasi appartenenti allo
stesso gruppo orario; da tale considerazione discende quindi l’esclusione delle
macchine numero 3 e 6;
• la macchina non dovrà avere potenza nominale inferiore a 250 kVA in quanto il
carico massimo previsto deve essere di 500 kVA; la macchina proposta numero
1 è pertanto insufficiente e viene esclusa;
• i rapporti di trasformazione devono essere il più possibile vicini a quello della
macchina di partenza, in modo tale da minimizzare la corrente di circolazione a
Esercizi di Macchine Elettriche 89

vuoto; il trasformatore numero 2 se ne discosta un po’ troppo e viene pertanto


scartato in quanto presenta una tensione secondaria troppo elevata;
• rimangono le macchine 4 e 5: entrambe possono essere affiancate al
trasformatore di partenza; dovendo sceglierne una, la scelta ricadrebbe sulla
numero 5, che presenta una tensione secondaria più vicina a quella del
trasformatore da mettere in parallelo. Volendo trovare una ulteriore motivazione
che rafforzi tale scelta si potrebbe considerare che la macchina 5 presenta una
tensione di corto circuito percentuale maggiore e pertanto una corrente in caso di
guasto minore della numero 4 (va detto però che tale scelta prevede che si abbia
una maggior caduta di tensione da vuoto a carico, dipendente soltanto dai
parametri di corto circuito).

Sulla scorta delle considerazioni svolte viene quindi scelta la macchina numero 5.
Per procedere a rispondere ai quesiti è necessario prima di tutto determinare il valore
dei parametri del circuito equivalente riportato a secondario delle due macchine; la
macchina originaria viene battezzata come “A” mentre la numero 5 appena scelta
come “B".

Le correnti nominali secondarie dei due trasformatori sono così calcolate:

| =— ----- >2na = 360,8 A I2NB= 373,4 A


fa # x v a

Le tensioni di corto circuito per le due macchine valgono:

V, Vcc%_ x v V2ccA = 16 V V2ccB = 17,3 V


2cc 100 2N

Si possono pertanto calcolare le potenze attive assorbite dalle due macchine nel
corso della prova di corto circuito:

Pcc = >/3 x V2cc x l2N x cosmee Pcca = 3500 W PccB = 4028 W

Da cui ricavare le resistenze di corto circuito a secondario:

R" _ Pcc R”cca = 9 m fì R ccb = 9,6 m fì


I P ” q x |2
« x *2N

e le reattanze di corto circuito a secondario:

X
"cc=R "cc*l9<Pcc X-cca = 24 m n X"ccB = 25 mO
90 Trasformatore

Le impedenze di corto circuito dei due trasformatori possono pertanto essere così
scritte:

Z c c - Z cc|<Pcc Z cca —25.6,6940 m fl Z ccb —26.8,690 m fi

Corrente di circolazione a vuoto


Scollegando il carico, a causa della differenza tra le tensioni secondarie dei due
trasformatori, si presenterà una indesiderata corrente di circolazione; per valutarne
l’entità si può fare riferimento al circuito di Figura 64, dove sono evidenziati i
parametri necessari al calcolo scrivendo un’equazione alla maglia rappresentata dai
due secondari dei trasformatori affacciati.

IcO

Figura 64 Schema monofase equivalente per il calcolo della corrente di circolazione


a vuoto

Le tensioni di fase per le due macchine valgono:

E20=^pS- E2„A = 2 3 1 V E20 b = 232 V


V3

entrambe assunte con fase 0°.


La corrente di circolazione a vuoto vale quindi:

j = f 20A ~3>ob = 7 82 _ j 20 6 = 22 • e 'j69° A


v'v/ -711 17 "
ccA ccB

Ripartizione delle correnti a carico


Nella condizione di carico ipotizzata, con assorbimento di 650 A, la ripartizione delle
correnti tra i due trasformatori in parallelo (Figura 65) può essere valutata con il
partitore di corrente.
Esercizi di Macchine Elettriche 91

*2A

ccB

20 B

Figura 65 Ripartizione delle correnti tra i due trasformatori in parallelo

7”
'2A L x — ^ <** = 332,12 A
7 ». 711
ccA ccB

Z" ccA
'2B x— = 317,88 A
7" -4-7”
ccA ccB

Corrente di corto circuito prima e dopo il parallelo.


Con il solo trasformatore originale che alimenta lo stabilimento, la corrente di corto
circuito trifase in caso di guasto è facilmente calcolata facendo riferimento al circuito
di Figura 66:

7”
ccA

Figura 66 Corrente di corto circuito prima del parallelo

La = 9009 • e '*69'4 A
^ ccA

Dopo l’inserzione del secondo trasformatore in parallelo con quello originario le


condizioni circuitali mutano, venendo ad aversi come impedenza che limita la
92 Trasformatore

corrente in caso di guasto quella rappresentata dal parallelo delle due impedenze di
corto circuito

Figura 67 Corrente di corto circuito con i due trasformatori in parallelo

^20 A ^20B
7 ”ccA 7 " ccB
E20 eq 231,5 V
1 1
7" 7»
ccA ccB

— 7" .7 ”
7« _ f i ccA ccB
^ 7« ,7« 13,1j692c
^ ccAccB

E pertanto la corrente in caso di guasto vale:

\ ^20eq
_
'ccAB-y; = 17676 e'1692 A
^ eq
3. Macchina in corrente continua

3.1. Richiami teorici

La macchina in corrente continua basa il suo principio di funzionamento


sull'interazione del campo magnetico stazionario generato dalla parte fissa della
macchina (statore) e la parte mobile della macchina (rotore, indotto o armatura). A
seconda che tale parte mobile venga portata in movimento da un motore primo,
oppure venga alimentata in modo da avere correnti negli avvolgimenti, la macchina si
comporterà da generatore o da motore.
In entrambe le modalità di funzionamento l’interazione e la conversione di energia è
resa possibile dal particolare sistema di collegamento tra l’avvolgimento sul rotore ed
il sistema di alimentazione esterno; il collegamento è reso possibile da un sistema di
contatti strisciante spazzole/collettore: il collettore a lamelle ruota solidale al rotore ed
è il terminale delle spire disposte nelle sue cave, mentre le spazzole sono mantenute
in posizione fissa e strisciando sulle lamelle del collettore garantiscono la continuità
elettrica per il funzionamento della macchina.
La parte fissa della macchina è deputata a produrre il campo magnetico necessario
alla conversione elettromeccanica dell’energia mediante la disposizione lungo la
periferia dello statore (o induttore) di poli magnetici. In base alla tipologia di
alimentazione dei circuiti di magnetizzazione, ovvero alla adozione di magneti
permanenti, la macchina in corrente continua presenterà modalità di funzionamento
diverse. Nel seguito sono brevemente introdotte le principali tipologie di macchina in
corrente continua.

3.1.1. Macchina in corrente continua ad eccitazione separata

Tale macchina, di cui quella a magneti permanenti può essere inteso come un
sottocaso particolare, prevede che l’alimentazione del circuito di armatura sia
separata dal quella del circuito di eccitazione dei poli magnetici.
Il funzionamento di questa macchina può essere modellizzato secondo il seguente
circuito equivalente (Figura 68): il circuito di sinistra è il circuito di armatura e
comprende un parametro resistivo Ra dovuto alla resistenza dell’avvolgimento ed un
parametro induttivo La legato alla disposizione dell’avvolgimento su di un circuito
magnetico. Qualora si vogliano considerare_solamente fenomeni di natura
stazionaria, dove quindi la corrente sia da ritenersi <òostanfg) il parametro induttivo
non introduce alcun contributo e può quindi essere trascurato; la stessa cosa può
dirsi per il circuito di magnetizzazione rappresentato suTlà destra"
Là parte rotante, fécàntèTavvoTgimento nel quale sorgono f.e.m. indotte Ea dovute al
movimento, è rappresentata dalla parte finale del circuito di destra, evidenziando la

93
94 Macchina in corrente continua

presenza delle spazzole striscianti sul collettore, ai capi delle quali viene raccolta la
f.e.m. indotta complessiva Ea.

Ra \ La

©co

o o
Figura 68 Circuito equivalente della macchina DC ad eccitazione separata

Le equazioni descrittive del funzionamento di questa macchina sono estremamente


semplici e riguardano un’equazione elettrica della magli del circuito di armatura,
un’equazione di generazione di f.e.m. indotta ed un’equazione di generazione della
coppia meccanica all’albero come effetto della composizione delle forze che nascono
sui vari conduttori percorsi da corrente. Nel seguito sono riportate tali equazioni:

v
E = kT xcor
C = k j x la

La costante kT nelle precedenti equazioni può anche essere scritta come k <P, dove k
dipende solamente da parametri dell’avvolgimento e <Z> è il flusso magnetico al
traferro della macchina, dipendente esclusivamente dalla corrente nel circuito di
eccitazione /8CC.
Lo studio della macchina può essere svolto attraverso l’analisi delle caratteristiche
elettromeccaniche, ovvero delle espressioni di corrente, cqppia, potenza e
rendimento in funzione della velocità angolare del rotore; tali espressioni (che
dipendono dal tipo di eccitazione della macchina) possono essere ricavate con facili
passaggi dalle equazioni sopra scritte.
Ad esempio gli andamenti della corrente e della coppia, ipotizzando un certo valore
per la tensione di alimentazione Va e per il flusso 0, risultano essere:

*
Esercizi di Macchine Elettriche 95

ovvero possono essere entrambe rappresentate da due linee rette (Figura 69), aventi
pendenza negativa, passanti per lo stesso punto di velocità a vuoto (oq ed aventi i
valori allo spunto lsp e Csp nel seguito riportati:

Figura 69 Caratt. elettromeccaniche della macchina DC ad eccitazione separata

V.
\
R.

Analizzando la caratteristica della coppia si può osservare che la sua pendenza


dipende esclusivamente dal valore del flusso magnetico: le intersezioni con gli assi
sono entrambe direttamente proporzionali alla tensione di alimentazione, mentre
dipendono in maniera opposta dal flusso.
Nella Figura 70 sono rappresentate le possibili modalità di regolazione della velocità
al variare della tensione di alimentazione e del flusso magnetico; la sola regolazione
della tensione di alimentazione produce come effetto una traslazione della
caratteristica meccanica (figura di sinistra), mentre la sola regolazione del flusso ne
produce una rototraslazione (figura di destra).
96 Macchina in corrente continua

Figura 70 Regolazione di velocità della macchina DC ad eccitazione separata

3.1.2. Macchina in corrente continua ad eccitazione serie

Nel motore ad eccitazione serie, i due avvolgimenti di armatura e di eccitazione sono


collegati in serie e alimentati da una unica sorgente, come mostrato nella Figura 71.

la +
----►€>

Va

Figura 71. Schema di alimentazione di un motore a corrente continua


ad eccitazione serie.

L’armatura e l’eccitazione sono percorse dalla stessa corrente, quindi il


dimensionamento della macchina è diverso rispetto alla macchina ad eccitazione
separata; l’avvolgimento di eccitazione deve avere conduttori di dimensioni adeguate
per sopportare l’intera corrente di armatura.
Il circuito equivalente della macchina è evidenziato nella Figura 72. Dato il
collegamento serie tra l’armatura e l’eccitazione, il circuito equivalente contiene la
somma delle resistenze e delle induttanze dei circuiti di armatura e di eccitazione.
Per un funzionamento a regime con alimentazione in continua con corrente costante,
l’induttanza totale può essere trascurata, quindi il circuito equivalente sarà la serie tra
la resistenza totale Rt=Ra+Recc e un generatore di forza elettromotrice Ea indotta
neH’armatura.
Esercizi di Macchine Elettriche 97

Ra+Recc
1mi *'ecc *-a —ecc

M’■► i
R, U a

v.

o o

Figura 72. Circuito equivalente della macchina ad eccitazione serie.

Come si può notare, il circuito equivalente non è sostanzialmente diverso da quello


della macchina ad eccitazione separata mostrato nella Figura 68. La differenza è
data dall’espressione della resistenza totale del circuito e dal fatto che il flusso utile di
eccitazione dipende dalla corrente di armatura.
Per poter ottenere le equazioni descrittive del funzionamento di questa macchina, è
necessario stabilire la legge che lega il flusso utile alla corrente di armatura
(caratteristica di eccitazione) Trascurando il fenomeno di saturazione magnetica, si
può considerare una caratteristica di eccitazione lineare. In questo caso, le equazioni
di macchina sono

r
E ,(= k • <t>u • c o i^ k • M • l„ l-cor = Kt la cor
, Kt = k M
C= k 'M ,
Va | R, • | + Ea = Rt • la + K t • la - <ùr

Le caratteristiche elettromeccaniche di corrente, di forza elettromotrice e di coppia in


funzione della velocità, nell’ipotesi di linearità magnetica e ipotizzando una tensione
di alimentazione costante, si ricavano dalle seguenti equazioni ottenute dalle
equazioni precedenti mediante dei semplici passaggi:

Le caratteristiche elettromeccaniche sono mostrate nella Figura 73. Come si può


notare facilmente anche dalle equazioni, l’andamento della corrente e della coppia è
98 Macchina in corrente continua

di tipo iperbolico (avente come asintoto orizzontale l’asse della velocità) in assenza
della saturazione magnetica. In caso di saturazione magnetica invece, il flusso
rimane all’incirca costante all’aumento della corrente, quindi il le caratteristiche
tendono a diventare delle rette, come accade per la macchina ad eccitazione
separata (dove il flusso era costante).

0 0

Figura 73. Caratteristiche elettromeccaniche della macchina ad eccitazione serie.

La velocità a vuoto, la corrente e la coppia allo spunto sono

La velocità a vuoto tende teoricamente all’infinito, significando il fatto che la


macchina ad eccitazione serie non deve mai funzionare a vuoto. Infatti, in assenza di
una coppia frenante, la velocità aumenterebbe notevolmente, con gravi conseguenze
sulla parte meccanica e sul sistema collettore-spazzole.
In presenza della saturazione magnetica, la coppia di spunto reale è inferiore alla
coppia di spunto teorica ottenuta in assenza della saturazione.
La macchina ad eccitazione serie può funzionare anche in corrente alternata in
quanto il segno della coppia non dipende dal verso della corrente e della tensione di
alimentazione. Per questo motivo, la macchina viene chiamata anche m otore
universale. Ovviamente, in caso di funzionamento in corrente alternata, bisogna
tenere conto della induttanza totale Lt=La+U « nel circuito equivalente mostrato nella
Figura 72.
Esercizi di Macchine Elettriche 99

w
3.2. Macchina DC separata Es. 1 - Perdite nella macchina DC

Un motore a corrente contìnua ad eccitazione separata avente potenza nominale pari


a 12 kW aziona un carico meccanico alla velocità di 800 rpm mentre è alimentato a
120 V ed assorbe una corrente di 50 A con un rendimento pari a 0,78. La resistenza
del circuito d’indotto Ra vale 0,2 Q. Sì trascurino le perdite per eccitazione.

Quesiti:
a) calcolare la potenza erogata dal motore;
b) calcolare le perdite Joule dì armatura;
c) calcolare la somma delle perdite meccaniche e nel ferro;
d) calcolare la tensione dì alimentazione necessaria per raddoppiare la velocità del
motore quando la corrente assorbita è di 40 A.

Soluzione

Lo schema della macchina proposta è rappresentato nelle Figura che segue, dove è
indicato anche il circuito di eccitazione sebbene questo sia da considerarsi ideale
(senza perdite).

Figura 74 Schema della macchina in corrente continua ad eccitazione separata

a) La macchina assorbe al circuito di armatura una potenza elettrica pari a:

Pa = Va x la = 6000 W

e poiché possono essere trascurate le perdite del circuito di eccitazione, questa


risulta essere la potenza elettrica totalmente assorbita; la potenza effettivamente
erogata in uscita all'albero meccanico può quindi essere calcolata grazie alla
conoscenza del valore del rendimento della conversione energetica:

P| « P, X n = 4680 W
100 Macchina in corrente continua

Complessivamente, quindi, nel convertire l’energia viene dissipata una quantità di


potenza pari alla differenza tra ingresso e uscita:

Pp=Pa - P u = 1 3 2 0 W

b) Le perdite Joule negli avvolgimenti del circuito di armatura valgono:

Pja=Ra*la=500W

c) La rimanente quota di potenza perduta sarà dissipata a causa delle perdite


meccaniche (per attrito e ventilazione) e delle perdite nel materiale ferromagnetico: la
somma di questi due contributi può essere dedotta sottraendo dalle perdite
complessive l’ammontare delle perdite per effetto Joule nell’indotto:

Pav+f e = P p - P j a = 8 2 0 W

d) Per la regolazione di velocità è in generale possibile procedere sia con la


regolazione della tensione di armatura che con la variazione del flusso mediante il
circuito di eccitazione: nel caso proposto non viene fatto cenno alla regolazione del
flusso magnetico e si supponga quindi che questo sia mantenuto invariato rispetto al
caso di funzionamento appena considerato.
Nelle condizioni nominali, la f.e.m. indotta alle spazzole può essere calcolata
sottraendo la caduta di tensione sulla resistenza di armatura dalla tensione di
alimentazione:

E a n = V a - R a xla = 1 1 0 V

Tale f.e.m. è la tensione indotta nel circuito di armatura in conseguenza della sua
rotazione: i conduttori disposti sul rotore si muovono rispetto alle linee del campo di
induzione magnetica statica prodotta dal circuito di eccitazione e diventano quindi
sede di una f.e.m. indotta che presenta la seguente espressione:

Ean =kOxcon = 110 V

Considerando che il flusso non venga modificato, raddoppiare la velocità, w’ = 2wn,


significa raddoppiare la f.e.m. indotta:

E'a = 2 x Ean = 220 V

Per determinare il necessario valore di tensione di alimentazione che sostiene la


nuova condizione di funzionamento basterà aggiungere alla nuova f.e.m. indotta la
c.d.t. sulla resistenza per effetto della nuova corrente di armatura (pari a 40 A):

V'a = E'a+Ra x I' = 228 V .


Esercizi di Macchine Elettriche 101

y 3.3. Macchina DC separata Es. 2 - Perdite e rendimento

Un motore a corrente continua con eccitazione separata alimentato alla tensione di


Va = 500 V e Vece = 500 V sviluppa all’albero una potenza Pu = 24 kW, mentre
assorbe una corrente la = 55 A .
La resistenza di armatura vale Ra = 0,3 Q, mentre il circuito di eccitazione presenta
una resistenza complessiva Recc = 300 Q (Figura 75).

Figura 75 Schema della macchina in corrente continua ad eccitazione separata

Quesiti:
a) determinare le diverse perdite nel motore;
b) determinare la corrente l0 che la macchina assorbe a vuoto;
c) determinare il rendimento quando la potenza meccanica resa è pari a 24 kW;
d) determinare la resistenza termica macchina-ambiente (R th) se la
sovratemperatura a regime di servizio continuativo SI è pari a 100 °C quando la
potenza meccanica resa è 24 kW.

Soluzione

a) La macchina assorbe ai morsetti del circuito di armatura una potenza pari a:

Pa = V a xla =27,5kW

Di questa potenza solo la quota pari alla potenza resa all’albero Pu viene convertita
utilmente; la rimanente parte Pd viene dissipata sotto forma di perdite Joule, perdite
nel ferro e perdite meccaniche per attrito e ventilazione:

Pa = Pa - P u = 3 5 0 0 W (=Pfe + Pav + ?ja. )/


\

Le perdite Joule nel circuito di armatura possono essere agevolmente calcolate:


102 Macchina in corrente continua

Pja = R a xl 2 = 907,5 W

La rimanente parte di potenza persa è da ritenersi quella assorbita a vuoto dalla


macchina, P0, e determinabile per sottrazione:

Po = Pfe + P a v = P d - P j a = 2592,5 W

In aggiunta a queste voci di perdita vanno considerate anche le dissipazioni di


potenza nel circuito di eccitazione, quantificabili come:

V2
Pjecc * — = 833,3 W

b) Nel suo funzionamento a vuoto la macchina, pur non essendo caricata all’albero
meccanico, assorbe al circuito di armatura una potenza che è stata sopra calcolata;
significa che la macchina si troverà ad assorbire una corrente d’armatura non nulla e
pari a:
il o 0^0 X
In = = 5,185 A
V, ? 30
o t m a

c) Per valutare il rendimento della conversione energetica nelle condizioni di


funzionamento indicate, con potenza erogata pari a 24 kW, è sufficiente mettere in
relazione tra loro le quantità appena calcolate; non bisogna dimenticarsi di
considerare la potenza assorbita (e dissipata) dal circuito di eccitazione, perché
senza di essa la macchina non funzionerebbe.
Il rendimento risulta essere:

= P =— L
Pa— I---- R
La i 84,7%
Pj Pa + Pece Pu Pja P q + Pece

d) Se la macchina viene fatta funzionare in servizio continuativo S I, significa che


lavorerà per un tempo sufficientemente lungo da raggiungere la condizione di regime
termico, ovvero completerà il transitorio di crescita esponenziale della temperatura a
partire dalla condizione ambientale e crescendo di una quantità che dipende dalla
resistenza termica tra la macchina e l’ambiente e dall’entità della potenza dissipata:
Esercizi di Macchine Elettriche 103

Figura 76 Riscaldamento della macchina in servizio continuativo SI

Il valore della resistenza termica tra macchina ed ambiente si determina quindi come
il rapporto tra il salto di temperatura complessivo, A9reg, e la potenza
complessivamente dissipata dalla macchina Pd:

AOrea 100 °C
Rth = — ^ - = ------- — ------- = 0,023 —
th Pd 3500 + 833,3 W
104 Macchina in corrente continua

I ì 3.4. Macchina DC separata Es. 3 - Locomotore: dinamo e


0
motore

Un locomotore diesel elettrico è equipaggiato con un motore diesel e due macchine


identiche in corrente continua con eccitazione separata. Il motore diesel mette in
rotazione una macchina in corrente continua che viene a funzionare da dinamo. La
dinamo a sua volta alimenta la seconda macchina in corrente continua funzionante
da motore elettrico.
Dei dati di targa delle macchine in corrente continua si conoscono i seguenti valori:
• Ra = 0,15 Q; Recc = 10 Q.

Una prova a vuoto effettuata con una macchina funzionante da motore ha fornito i
seguenti dati:
• V0 = 1200 V; l0 = 25 A; n0 = 900 rpm.

Una prova a carico sulla macchina funzionante da motore ha fornito i seguenti dati:
• Valim= 1200 V; lass = 300 A; lecc = 80 A.

Con il carico indicato le correnti di eccitazione della dinamo e del motore sono uguali
e pari a 80 A; le perdite a vuoto nelle due macchine possono ritenersi uguali e
costanti.

Quesiti:
a) calcolare la velocità del motore a carico;
b) calcolare la coppia di carico del motore;
c) calcolare la forza elettromotrice prodotta dalla dinamo a carico;
d) calcolare la potenza erogata dal motore diesel;
e) calcolare il rendimento del sistema complessivo.
Soluzione
Lo schema di funzionamento del sistema locomotore è rappresentato in Figura 77.

Figura 77 Locomotore diesel: motore diesel e due macchine DC


Esercizi di Macchine Elettriche 105

Prima di poter rispondere puntualmente ai quesiti è necessario calcolare alcuni


parametri delle macchine che non sono stati fomiti in maniera esplicita.
Dai dati forniti riguardanti il funzionamento a vuoto della macchina (usata come
motore) è possibile determinare le perdite a vuoto alle spazzole della macchina (che
serviranno per il calcolo della effettiva coppia erogata dal motore a carico) e del
coefficiente di proporzionalità tra f.e.m. alle spazzole e velocità del motore.

Nel funzionamento a vuoto del motore, ai capi delle spazzole si avrà una f.e.m.
indotta che può essere valutata come differenza tra la tensione applicata ai morsetti
di armatura V0 e la caduta di tensione per effetto della corrente circolante l0:
4
E0 = V0 - R a x l 0 = 1X96,25 V

In tali condizioni di funzionamento le perdite a vuoto alle spazzole delle macchine,


ovvero la potenza richiesta per sopperire alle perdite meccaniche per attrito e
ventilazione e le perdite nel ferro, valgono:

P0 = E0 x l0 = 29,9 kW

Il coefficiente di proporzionalità tra f.e.m. alle spazzole e velocità del motore è così
definito:

Kv = - ^ . = 12,692 V/rad/s
(ÙQ

Si può quindi procedere a rispondere ai quesiti proposti,

a) Funzionamento del motore a carico.


La corrente assorbita dal motore è significativamente più alta di quella assorbita a
vuoto; ne consegue che sarà maggiore la c.d.t. suH’awolgimento di armatura e quindi
più piccola la f.e.m. indotta e conseguentemente la velocità di rotazione.
La f.e.m. indotta vale:

Emot= V a - R a x|a =1155V

da questa è possibile calcolare la velocità di rotazione:

■ «mot = — 1 = 91 rad/s
K-V

e in giri al minuto:
60
Pmot ®mot X = 869 rpm
2 • 7t
106 Macchina in corrente continua

b) Per valutare la coppia effettivamente erogata al carico dal motore, bisogna tener
conto delle perdite a vuoto alle spazzole della macchina; si può procedere valutando
la potenza utile, come differenza tra la potenza alle spazzole nel funzionamento a
carico e a vuoto, e dividerla per la velocità di rotazione:

Cmot = (Em?*.* la = 3479,1 Nm


®mot

c) La dinamo viene trascinata in rotazione dal motore diesel per generare la potenza
elettrica necessaria al funzionamento del motore di trazione in corrente continua. La
tensione fornita ai capi del motore è nota, e pari a Va = 1200 V; pertanto la f.e.m. alle
spazzole della macchina funzionante come dinamo vale:

Edi n=Va + R a xla =1245V

d) Il motore diesel si deve fare carico di fornire tutta la potenza necessaria al


funzionamento del locomotore; si può immaginare di partire a valutare le potenze
necessarie dal lato del carico e risalire fino all’albero della dinamo.
f Considerando che l’alimentazione dei circuiti di eccitazione sia indipendente, il
bilancio comprenderà la potenza alle spazzole del motore in corrente continua, le
perdite Joule sia nel circuito del motore che in quello della dinamo, e le perdite
meccaniche e nel ferro della macchina funzionante da dinamo (per il motore tale
contributo è compreso nella valutazione della potenza alle spazzole):

^diesel —^mot x ^a 2 x Ra x |g + Podinamo = 403,4 kW

e) Per valutare il rendimento complessivo del sistema locomotore, tutte le potenze


necessarie sono già state calcolate, salvo quelle necessarie ai due circuiti di
eccitazione; la potenza in uscita è pari alla potenza erogata al carico all’albero
meccanico, la potenza totale in ingresso sarà la somma di quella fornita dal motore
diesel e di quella dei circuiti di eccitazione.
Il rendimento sarà quindi pari a:

^ _________ ^motore_________ ^m ot * ^mot______ __ q ggg


^diesel + 2 x Pecorone Pdjese| + 2 x Recc x lecc
Esercizi di Macchine Elettriche 107

\ j 3.5. Macchina DC separata Es. 4 - Macchina a magneti


permanenti

Sia dato un motore a corrente continua a magneti permanenti caratterizzato dai


seguenti parametri:

costante di coppia kT = 0,8 Nm/A


resistenza di armatura Ra = 0,75 Q

Supponendo di alimentare il motore con una tensione Vanm = 200 V, si calcolino la


potenza elettrica assorbita e la potenza meccanica resa nelle seguenti condizioni di
rotazione (assenza di attriti):

1° cor = 230 [rad/s]


2° cor = 280 [rad/s]

Calcolare inoltre la velocità di rotazione del motore quando questo è chiamato a


sollevare, attraverso un opportuno sistema di riduzione, un carico di massa m = 500
kg (il sistema di riduzione consente l'innalzamento del carico di 2 cm per ogni giro
completo del motore).

Soluzione

La prima parte dell’esercizio è molto semplice e serve ad introdurre le equazioni


essenziali per la descrizione del funzionamento della macchina in corrente continua.
In questo caso è una macchina a magneti permanenti e non sarà quindi possibile
pensare di agire sul flusso per regolare la velocità di rotazione.
Si considerino con ordine le due velocità di funzionamento proposte.

1° cor = 230 [rad/s].

La f.e.m. indotta alle spazzole, note la velocità e la costante kTl sarà pari a:

E = kT xcor =0, 8x230 = 184 V .

Scrivendo un’equazione alla maglia del circuito di armatura è possibile ricavare la


corrente circolante:

2 0 0 -1 8 4
'a = 21,33 A
0,75

e da questa calcolare la coppia meccanica prodotta all’albero meccanico:


108 Macchina in corrente continua

C = kT xla =0,8x21,33 = 17,06 Nm.

La potenza elettrica assorbita ai morsetti del circuito di armatura vale:

Pert = va X la = 200 X 21,33 = 4266,6 W

mentre la potenza meccanica resa all’albero è:

Pmecc =Cxcor =17,06x230 = 3925 W .

2° cor = 280 [rad/s]

I calcoli sono identici rispetto al caso precedente e si ricava:

E = kT xa>r =0,8x280 = 224 V;

essendo la f.e.m. appena determinata maggiore della tenatóBa^di alimentazione


d’armatura, significa che la macchina sta funzionando come^pmanjìffi e che quindi il
verso della corrente non sarà entrante, bensì uscente daimTOTsetti del motore;
immaginando di continuare a studiare la macchina con la convenzione di segno degli
utilizzatori tale corrente sarà quindi negativa:

Va "E 200-224
la = -32 A .
Ra 0,75

La coppia meccanica all’albero risulterà di conseguenza negativa:

C = kT x la = -25,6 Nm

il che significa che viene fornita all’albero della macchina da un motore primo non
meglio specificato.
La potenza meccanica sarà quindi anch’essa negativa, intendendo cioè che la
macchina in corrente continua la riceve dal motore primo collegato all’albero
meccanico:

Pmecc =Cxa>r =-7168 W .

Analogamente, la valutazione della potenza elettrica assorbita dal circuito di


armatura porterà ad un risultato negativo, ovvero di potenza che in realtà viene
erogata ai morsetti elettrici deH’armatura:
Esercizi di Macchine Elettriche 109

Peit - Va x la = -6400 W

In ultimo si chiede di calcolare la velocità di rotazione quando il motore è chiamato a


sollevare una massa di peso noto; si supponga che le condizioni di alimentazione
rimangano invariate.
Il carico di 500 kg viene innalzato di 2 cm per ogni giro del motore, cioè sale di 2 cm
ogni volta che il motore effettua una rotazione pari a 2% radianti.
Si può risolvere il problema ragionando in termini di lavoro compiuto; la forza peso da
sollevare è pari a:

F = m xg = 500x9,81 = 4905 N .

Il lavoro compiuto da questa forza per ogni giro completo della macchina è uguale al
prodotto della forza per lo spostamento verticale, ovvero anche al prodotto della
coppia per la rotazione compiuta:

Lavoro = F x s = C x 9.

Da qui è semplice quindi ricavare la coppia meccanica:

4905x0.02
2n

e la corrente assorbita dall’armatura per compiere questo lavoro:

Una volta determinata la corrente circolante nel motore si può calcolare la f.e.m.
corrispondente a questa condizione di lavoro:

E = Va - R a xla =200-0,75x19,51 = 185,36 V

ed infine la velocità di rotazione:

_E 185,36
co= = 231,7 rad/s.
kT 0,8
110 Macchina in corrente continua

V8/
M 3.6. Macchina DC separata Es. 5 - Regolazione velocità

Un motore in corrente continua ad eccitazione separata presenta i seguenti dati


nominali:
• Vn = 1000 V; ln = 450 A; con = 1500 rpm; Ra = 0,4 Q; Vecc = 200 V; Recc = 4 0 .

Quesiti:
a) calcolare la coppia nominale;
b) calcolare il rendimento nelle condizioni nominali;
c) calcolare la velocità di rotazione con tensione e coppia nominali, quando la
tensione di eccitazione viene ridotta a 160 V.

Se si fa funzionare la macchina da generatore con una tensione ed una velocità pari


ai valori nominali determinare, affinché la potenza elettrica erogata risulti di 450 kW:
d) la tensione di eccitazione;
e) la coppia meccanica applicata.

Soluzione

a) Per calcolare la coppia nominale si deve prima determinare il coefficiente di


proporzionalità tra coppia e corrente o tra f.e.m. indotta e velocità. La f.e.m. indotta
alle spazzole si può calcolare partendo dalla tensione ai morsetti e sottraendo la
caduta di tensione dovuta al passaggio della corrente nominale (trattandosi di
verificare il punto di funzionamento nominale la corrente da considerare è proprio
quelf'''-

Il rapporto tra la f.e.m. indotta nominale e la velocità nominale è pari al coefficiente di


proporzionalità cercato:

KTn = - ^ = 5,22 V/rad/s


<°n

Di qui il semplice calcolo della coppia nominale:

Cn = K Tn xln =2349,13 Nm

b) Il rendimento della macchina è pari al rapporto tra la potenza meccanica utile,


prodotto di coppia e velocità nominali, e la potenza elettrica complessivamente
impiegata.
Esercizi di Macchine Elettriche 111

Cn xcon 369000
nn = 0,802
V2 2002
VnxL+^ssc 1000 x 450 + ———
R
1xecc 4
^

c) Si chiede di determinare la velocità di rotazione, mantenendo la tensione di


alimentazione e la coppia resa pari ai valori nominali, e considerando una
diminuzione del flusso magnetico mediante riduzione della tensione del circuito di
eccitazione. Ipotizzando che i materiali che compongono i[_circuito magnetico si
comportinofTinearmenfe^al diminuire della tensione di alimentazione diminuisce in
maniera proporzionale anche ikTfussfoe con esso la costante dic£oppià erf e .m j: nella
nuova condizione di alimentazione del circuito di eccitazione, la costante di
proporzionalità diventa quindi:

K't = -tses. x KXn = 4,177 Nm/A . ■ m


*eccn

Affinché la macchina produca all’albero meccànico la coppia nominale, sarà richiesto


quindi un maggiore assorbimento di corrente:

Conseguentemente la nuova f.e.m. indotta varrà:

E'= Vn - R a xl'= 775 V

e la nuova velocità di rotazione:

(ù'= — = 185,57 rad/s


m k 't
in giri al minuto:

n ^ fo 'x — = 1772,1 rpm


2 • TC

La condizione appena determinata è rappresentata in Figura 78: la riduzione del


flusso, a parità di tensione d’armatura provoca una roto-traslazione della
caratteristica meccanica, con una pendenza ridotta rispetto alle condizioni
magnetiche nominali.
112 Macchina in corrente continua

C*

Figura 78 Variazione della caratteristica elettromeccanica in deflussaggio

d) Volendo far funzionare la medesima macchina come un generatore, con tensione


e velocità di rotazione pari ai rispettivi valori nominali, e richiedendo un certo valore di
potenza elettrica, prima di tutto si potrà calcolare la corrente che, come
rappresentato in Figura 79, sarà uscente dai morsetti d’armatura.

Figura 79 Schema della macchina in funzionamento da generatore

l"= f?[Ei.=:450A
Vn

la conoscenza della corrente permette di calcolare la f.e.m. indotta alle spazzole:

E"= Vn +R a xl"=1180 V .

La costante di proporzionalità coppia-corrente assumerà un valore k”T che sarà


maggiore di quello che aveva in condizioni di magnetizzazione nominali nello stesso
rapporto in cui è variata la f.e.m. a parità di velocità di rotazione:
Esercizi di Macchine Elettriche

k"T = ~ * 7,51 V/rad/s

Mantenendo l’ipotesi dì linearità magnetica, tale aumento di | | sarà legato ad un


proporzionale aumento della tensione del circuito di eccitazione (v Figura BO)

V " * * = v 8ccnx ^ l = 287,8 V .

Nelle nuove condizioni di magnetizzazione la coppia prodotta all’albero vale:

C = K"t x |" =3380,45 Nm

Figura 80 Variazione della caratteristica elettromeccanica con flusso aumentato


114 Macchina in corrente continua

\J 3.7. Macchina DC separata Es. 6 - Regolazione flusso

Un motore ad eccitazione separata presenta i seguenti dati di targa:


• Vn = 150 V: ln = 45 A; ton = 2000 rpm; Vecc = 80 V; Reco = 30 Q,

Da misure effettuate si conosce che il motor&^wiaro con una tensione ridotta pari a
60 V assorbe 150 A. Si trascurino le perdite a vsefa

Quesiti:
a) calcolare la resistenza di armatura del motore ed il valore del coefficiente di
proporzionalità tra forza elettromotrice e velocità:
b) calcolare la coppia nominale ed il rendimento nelle condizioni nominali;
c) calcolare la velocità del motore con una coppia 1,5 volte Iq coppia nominale a
parità di tensione d’armatura ed eccitazione nominale:
d) calcolare il valore della tensione di eccitazione per avere la coppia
precedentemente calcolata alla velocità di 2000 rpm.

Soluzione

a) Al momento deH’awiamento la velocità, e quindi la f.e.m. alle spazzole del motore,


è nulla; pertanto la tensione applicata ai morsetti del motore si trova tutta ai capi della
resistenza (Figura 81), che quindi è facilmente determinabile:

Figura 81 Schema elettrico del circuito di armatura all’avviamento

Ra = | _ o,4 Q
'avv

Una volta calcolata la resistenza di armatura, ponendosi nelle condizioni di


funzionamento nominali, per determinare la costante di proporzionalità kv sarà
necessario valutare la f.e.m. indotta alle spazzole in tali condizioni:

= Vn - Ra x ln = 132 V
Esercizi di Macchine Elettriche 115

da cui:

kv = J=n- = 0,63 V/rad/s

b) Il calcolo della coppia nominale è a questo punto molto semplice nota la costante

Cn = Kv x|n =28,36 Nm.

La valutazione del rendimento energetico nelle condizioni di funzionamento nominali


deve tenere conto della potenza dissipata dal circuito di eccitazione; la potenza in
uscita sarà la potenza meccanica all’albero, mentre la potenza complessivamente
impiegata sarà la somma di quella assorbita al circuito di armatura ed al circuito di
eccitazione:

c) A parità di eccitazione la costante di coppia rimane invariata e quindi all’aumento


della coppia del 50% corrisponde un equivalente aumento della corrente assorbita:

Per effetto dell’aumento di corrente, aumenterà anche la caduta di tensione sulla


resistenza di armatura e conseguentemente diminuirà la f.e.m. indotta alle spazzole:

che sarà attribuibile ad una velocità di rotazione pari a:

co' = — = 195,16 rad/s

in giri al minuto:

n^co'x— = 1863,6 r p m .
2 • 71
116 Macchina in corrente continua

d) In questo caso viene chiesto di variare la tensione di eccitazione, quindi il flusso; di


conseguenza cambierà anche la costante kv, che assumerà un nuovo valore k”v.
Sarà necessario scrivere le equazioni della macchina in funzione della grandezza
incognita k”v e poi risolverle per determinarla.
La f.e.m. indotta vale:

E"= k"vxco"

La corrente necessaria a mantenere la coppia del punto precedente dipenderà dalla


nuova costante k”v:

k"
K V

L’equazione elettrica del circuito di armatura, sostituendo le due espressioni sopra


ricavate, diventa:

v„ 1 1 Xr+E"= R, XG l 1 1 ’i § J
K v

dove l’unica variabile è k”v:

Vn x k"v = Ra x C'+k'vxco"

©''xk'v - Vn x k"v +Ra x C = 0

... + Vn ± - 4 x Ra xC W
K v_ T M

k"Vi = 0,575 V/rad/s


con 2 possibili soluzioni <
k"V2 = 0,141 V/rad/s

Supponendo condizioni di linearità magnetica e quindi proporzionalità tra flusso e


tensione di eccitazione, ci saranno due possibili valori di tale tensione che :
Esercizi di Macchine Elettriche 117

f i s t t = V ^ c XS i = 72,97 V

V " . cc2 = V . cc„ x ^ 2 - = 17,94V

In Figura 82 sono riportate in tratteggio le due possibili caratteristiche


elettromeccaniche relative ai due diversi valori di tensione del circuito di eccitazione:

Figura 82 Regolazione della velocità con due differenti entità di deflussaggio


118 Macchina in corrente continua

Macchina DC separata Es. 7

Un motore in corrente continua ad eccitazione separata per trazione ferroviaria


presenta i seguenti dati di targa:
Pn = 1600 kW Vn =2000V ln = 850A lew* 1100A
Ra = 0,138 Q <fln =990rpm comax = 1650 rpm

Il motore viene alimentato sull’indotto mediante un regolatore elettronico che


permette di ottenere una regolazione continua della tensione di armatura da 0 alla
tensione nominale. Nel campo di funzionamento tra velocità nulla e velocità
nominale, la corrente di eccitazione viene regolata in modo automatico in maniera
che sia sempre: lece= 0,235 la.

Calcolare:
a) La coppia nominale del motore
b) La tensione di alimentazione del motore quando ruota a 500 rpm ed eroga la
coppia nominale
c) La coppia erogata quando il motore assorbe una corrente di 500 A

Durante le fasi di frenatura, il motore viene fatto funzionare come generatore


scollegando il convertitore elettronico di alimentazione di armatura e collegando un
reostato di frenatura. La corrente di eccitazione viene mantenuta costante al valore
IT che aveva prima di iniziare il processo di frenatura.
d) Calcolare il valore della resistenza necessaria per poter frenare con una
corrente massima pari alla corrente di avviamento lavv se in precedenza il
motore funzionava con tensione e corrente nominali.

Soluzione

a) La coppia nominale del motore è facilmente determinata dalla conoscenza della


potenza e della velocità di rotazione nominale:

C nom -Bi2nL = i5 4 33 N m
®nom

b) La regolazione del flusso con una corrente di eccitazione proporzionale alla


corrente di armatura fa si che la macchina “somigli" ad una macchina ad eccitazione
“serie", dove il flusso è quindi proporzionale alla corrente di armatura:
Esercizi di Macchine Elettriche 119

Ne consegue che le espressioni della forza elettromotrice e della coppia diventano:

E = k<D • co = k • k e • ka la • co = kT • la • co
C = kO • la =±k • ke • ka U U = k j - la

Il punto di lavoro a 500 rpm è alla coppia nominale, ovvero alla corrente nominale ln,
per la quale il flusso è quello corrispondente alla condizione di funzionamento
nominale; il rapporto tra f.e.m. e velocità è pertanto da intendersi mantenuto
costante:

— = c o s t. .
co

Sarà quindi sufficiente valutare la f.e.m. nelle condizioni nominali riportate nei dati del
problema e ricavarne il nuovo valore alla velocità specificata:

En = V n - R a xl n =r1882,7V

Esoo = En ■— = E„ • ~ = 950,8 V
con n 990

La tensione di alimentazione necessaria nel nuovo punto di funzionamento sarà

V500 - E500 + '^n ~ 1068 V

c) La particolarità della macchina, ovvero il rapporto costante kT tra la coppia ed il


quadrato della corrente di armatura, permette di valutare la coppia erogata per una
corrente nota; si ricavi innanzitutto kT dai dati di funzionamento nominali, e
conseguentemente la coppia:

C„=kT £ => kT =5n. = 0,0214H

C 500 = k T • 5002 = 5340 Nm

d) Un attimo prima di iniziare la frenatura il motore sta lavorando nelle condizioni


nominali, il ché significa che anche il flu s s i è pari a quello nominale e
conseguentemente anche la^T é rn ^ la conoscenza di q uest’ulti ma è fondamenta Ie~
poiché, come si vede nella Figura'03, questa diventa la tensione di alimentazione del
circuito nel momento in cu] inizia la frenatura:
120 Macchina In corrente continua

Figura 83 Rappresentazione circuitale della fase di frenatura

Dalla equazione elettrica alla maglia, assumendo che la massima corrente


ammissibile in frenatura sia pari a quella di avviamento, si trova quindi che:

da cui:

3.9. Macchina DC separata Es. 8 - Regolazione velocità


Una macchina operatrice presenta le seguenti caratteristiche meccaniche:
• velocità 0 + 1000 rpm con coppia pari a 120 Nm; velocità > 1000 rpm con
coppia decrescente con la velocità sino ad una velocità massima di 4000
rpm con coppia pari a 30 Nm.
Nel caso che venga utilizzato il seguente motore ad eccitazione separata:
• Pn = 15 kW; Vn = 300 V: ln= 40 A; nn = 1100 rpm a flusso nominale; Ra = 0,8
n; v #cc = 150 V; W= 4 A
calcolare:
a) la coppia nominale del motore con il flusso pari al flusso nominale;
b) la corrente assorbita per erogare 120 Nm con flusso nominale;
c) la tensione dì alimentazione per ruotare a 1000 rpm con una coppia di 120 Nm e
flusso nominale;
d) la velocità di rotazione dimezzando la corrente di eccitazione con una tensione
pari alla tensione calcolata al punto c) ed una coppia di 50 Nm;
e) la potenza minima di un motore in corrente continua a magneti permanenti atto a
motorizzare la macchina operatrice;
f) la potenza minima di un motore in corrente continua con eccitazione separata
atto a motorizzare la macchina operatrice.
Esercizi di Macchine Elettriche 121

Soluzione
La caratteristica meccanica della macchina,operatrice è rappresentata in Figura 84.
150

o
0 1000 2000 3000 4000

Figura 84 Caratteristica C(co) della macchina operatrice

a) La coppia nominale del motore in corrente continua è facilmente determinata dai


dati di targa:

Cn = - ^ - = 130,22 Nm
®n

in queste condizioni la f.e.m. alle spazzole vale:

En = V n - R a x l n = 2 6 8 V

b) Per determinare la corrente necessaria all’erogazione della coppia richiesta, è


necessario calcolare preliminarmente il valore della costante di coppia kr nelle
condizioni di flusso nominali:

kT = — = 3,255 Nm/A
T L

e da qui la corrente I’ per la nuova coppia (sapendo che i flusso è pari a quello
nominale):
Macchina in corrente continua

- 36,86 A

m tt flusso <è quello nominale, quindi il coefficiente di coppia K| rimane invariato al


vak'ie calcolato sopra e di conseguenza anche la corrente | in quanto la coppia è la
«tessa
t a r e m indotta alle spazzole dipende quindi soltanto dalla velocità di rotazione, che
è tonare di quella nominale:

l? = En x — ^ 243,64 V

Ot conseguenza la tensione d’armatura necessaria vale:

V't = E'-rRa x f= 309,86 V

dr Nell'Ipotesi di poter considerare lineare il circuito magnetico, il dimezzamento della


conente di eccitazione porta a dimezzare il flusso, e con esso anche la costante di
coppia, che pertanto diventa:

K \ = ~ x K t = 1,628 Nm/A.
2 T

la corrente necessaria all’erogazione della coppia C” = 50 Nm vale:

P= *=30,72 A ;
K*t

da questa, e dalla tensione pari alla V’a sopra calcolata, I quindi possibile
detenninare la f.e.m. E’’a e da questa la velocità di rotazione co":

EH» -R a x r = 248,55 V

* r £ - * 152,7 rad/s
K V '

s *2
«—• 71 = 1458-2 rPm •
Esercizi di Macchine Elettriche 123

e) Se si sceglie di adottare un motore a magneti permanenti per motorizzare


l'applicazione proposta, l’unica modalità di regolazione della velocità sarà fa
regolazione della tensione di armatura; le caratteristiche elettromeccaniche che si
ottengono saranno tutte parallele tra loro (Figura 85),

150

0 1000 \ 2000 3000 4000

Figura 85 Caratteristiche C(<o) con la regolazione della sola VH

Tale regolazione, in cui il flusso della macchina ò sempre costante a pari a quello
nominale, consente di operare nella cosiddetta modalità a ‘fcobolir còsfantéT. ciò
significa che il motore da scegliersi dovrà essere In grado di fornire la coppia
richiesta nel primo tratto (120 Nm) e di poterla sostenere fino alla massima velocità
richiesta. La potenza di dimensionamento del motore sarà allora il prodotto della
coppia del tratto costante e della massima velocità:

pmot = C cost max


= 5 0 ,2

6 kW .

f) Se invece si sceglie di adottare un motore ad eccitazione separata per motorizzare


l’applicazione proposta, le possibilità di regolazione della velocità saranno la
regolazione della tensione di armatura e la regolazione del campo a partire dalla
velopità base; le caratteristiche elettromeccaniche che si ottengono saranno tutte
parallele tra loro (Figura 86)
124 Macchina in corrente continua

150 T\ T ®base

0 1000 2000 3000 4000

Figura 86 Caratteristiche C((o) con la regolazione di Va e del campo

L’opportuna combinazione delle due regolazioni, aumentando la/tensione/di armatura


da zero fino al valore nominate in corrispondenza della Velocità basoTe là successiva
diminuzione del |tiussp[della macchina mantenendo costante la tensione d’armatura
raggiunta, consente di .ottimizzare .]) dimensionamento del motore. Infatti, nel primo
tratto di rego[azione la macchina sarà in grado di esprimere la piena^coppTà,„cosj
come richiesto dall’applicazione, mentre nel tratto successivo, al crescere della
velocità ridurrà in maniera inver&arpente proporzionale la coppja_esprimibile,
mantenendo pertantolnaìterata Idjfootenzji:

Pmo=t C cost x cd
base = Cmin x max =12,57
cd
’ kW.

Grazie alla possibilità di effettuare il deflussaggio, la potenza di dimensionamento


della macchina ad eccitazione separata è esattamente pari ad un quarto della
potenza che sarebbe necessaria nel caso di motore a magneti permanenti.
Esercizi di Macchine Elettriche 125

\j 3.10. Macchina DC serie Es. 1

Un motore in corrente continua ad eccitazione serie è alimentato con la tensione


nominale VaN di 1000V. Il motore è awiato inserendo in serie un reostato da 2,2 Q
fornendo una coppia di awiamento di 7000 Nm ed assorbendo una corrente pari a
400 A (Figura 87).

| °aw Ra"*" ^ecc


•a +
?— \A A /V — \A /W

V,

Figura 87. Circuito equivalente della macchina a corrente continua ad eccitazione


serie con reostato di awiamento.

Nell’ipotesi di linearità magnetica, calcolare:

a) i parametri del circuito equivalente ( Recc - Ra - Kt ) sapendo che la resistenza di


eccitazione è pari alla resistenza di armatura (Kt rappresenta il coefficiente di
proporzionalità tra E e I).
Disinserito il reostato di awiamento il motore forniscé in condizioni nominali una
coppia di 3600 Nm. Calcolare:

b) la velocità di rotazione (rpm)


c) la tensione di alimentazione necessaria per aumentare la velocità del 10%
ipotizzando una coppia resistente proporzionale alla velocità.

Soluzione

(a) All’awiamento, la velocità e la forza elettromotrice sono pari a zero. Di


conseguenza, la tensione applicata (pari al valore nominale) si ritrova ai capi della
resistenza complessiva del circuito (Raw+Ra+Recc) che limita la corrente di
awiamento

^a,N = U w ' (^ a w ^ecc


126 Macchina in corrente continua

I-» O V«,N
D D 1000 o o _ n o r»
Rt ’ Race + Ra ~ . ‘Raw ~ ^ .2 0.3 Q
■avv *ruu

Dai dati fomiti la resistenza di armatura è pari alla resistenza di eccitazione, quindi

R*cc
wvv = Rd
a =—
^ =—2 = 0.15Q

Il coefficiente Kt viene calcolato dall’equazione della coppia di avviamento

Ctvv = Kt l2w ^ K, =~ = 0.04375 Nm/A2


|■aw
2 4002

(b) Disinserito il reostato di avviamento, il circuito equivalente della macchina è


mostrato nella Figura 8 8 .

Figura 8 8 . Circuito equivalente a regime della macchina a corrente continua ad


eccitazione serie.

Essendo fornita la coppia nominale, la corrente nominale si può calcolare


dall’equazione della coppia

=K 286.9 A

Nota la corrente assorbita in condizioni nominali, la velocità di rotazione sarà


calcolata mediante la forza elettromotrice ricavata dall’equazione di tensione in
condizioni nominali

^a,N ~ R t ' U,N ^a,N = R t * U,N * U,N ' ®r,N


Esercizi di Macchine Elettriche 127

* a ,N ~ ° t ‘ U ,N 1 0 0 0 -0 .3 -2 8 6 .9 0
® r ,N = --------------------------- = 72.8 rad/s
’ 'a .N 0.04375 • 286.9

30 30
nrN =*----- corN = ------ 72.8 =695.2 rpm
n n

(c) Nell’ipotesi di una coppia resistente proporzionale alla velocità, un aumento della
velocità del 1 0 % rispetto alla velocità nominale significa una coppia resistente
maggiore del 1 0 % rispetto alla coppia nominale che la macchina deve produrre a
regime. In queste condizioni, l’equazione di coppia diventa

c '= i.i-c n =k, ia 2

La corrente assorbita dalla macchina sarà

11. 1-3600
300.9 A
V 0.04375

Nota la corrente assorbita e la velocità di rotazione, la tensione di alimentazione


necessaria si ottiene dall’equazione di tensione di armatura

Va = R( • la + Kt • Ig * C0r = R| • Ig + Kt • lg *1.1- 00pfg

Va
9
= 0 .3 -3 0 0 .9 + 0.04375-300.9-1.1-72.8 =1144.5 V
128 Mat i lìitia in cornante continua

3 .1 1 . Macchina D C a e ri# I ». 3

Un locomotore che deve essate alimentato alla tensione di linea Vl®3000V è


equipaggiato con 12 motori in coi tante continua ad eccitazione serie con i seguenti
dati di targa :

Pn-300 kW Va,N*1000\< la ^ d ftt) A


R*=0,15Q R*v=0,25ià nt 1 0 0 0 rpm

Sapendo che all'avviamento tutti i motori vengono collegati in serie, calcolare:


(a) la resistenza del reostato di avviamento R*w affinché la corrente assorbita allo
spunto risulti limitata a 500 A,
(b) la velocità dei motori quando, escluso il tuoniate di avviamento, la corrente
assorbita è pari alla corrente nominale.

Per ottenere la massima velocità del Incoinotelo j motori vengono collegati in modo
da formare 4 paralleli di tre motori in sene

In queste condizioni calcolare


(c) la velocità dei motori quando, essendo ancora Inserito In serie al sistema cosi
formato il reostato precedentemente calcolato, I motori assorbono la corrente
nominale.

Ipotizzato infine per ciascun motore un funzionamento a potenza costante pari alla
potenza nominale con alimentazione alla tensione nominalo, calcolare:

(d) la velocità dei motori quando il flusso del motori stessi viene ridotto della metà
cortocircuitando metà delle spire dall'avvolgimento di eccitazione (si consideri Recc
proporzionale al numero dì spire).

Soluzione

(a) AH’avviamento, tutti i motori vengono collegati in serie, come mostrato nella
Figura 89. Siccome le forze elettromotrici sono nulle aH’avviamento, la corrente di
avviamento sarà limitata esclusivamente dal reostato di avviamento e dalle
resistenze totali dei motori in sene

VL = ,aw (Raw + 1 2 -R ,) dove Rt - R M r R * * - 0.15 r 0 .2 5 = 0 .4 0

R aw
129
128 Macchina in corrente continua

3.11. Macchina DC serie Es. 2

Un locomotore che deve essere alimentato alla tensione di linea VL=3000V è


equipaggiato con 12 motori in corrente continua ad eccitazione serie con i seguenti
dati di targa :

Pn=300 kW Va,N=1000 V la,N=350 A


Ra=0,15Q Recc=0,25Q nr,N=1000 rpm

Sapendo che all’avviamento tutti i motori vengono collegati in serie, calcolare:


(a) la resistenza del reostato di avviamento Raw affinché la corrente assorbita allo
spunto risulti limitata a 500 A;
(b) la velocità dei motori quando, escluso il reostato di avviamento, la corrente
assorbita è pari alla corrente nominale.

Per ottenere la massima velocità del locomotore i motori vengono collegati in modo
da formare 4 paralleli di tre motori in serie.

In queste condizioni calcolare:


(c) la velocità dei motori quando, essendo ancora inserito in serie al sistema così
formato il reostato precedentemente calcolato, i motori assorbono la corrente
nominale.

Ipotizzato infine per ciascun motore un funzionamento a potenza costante pari alia
potenza nominale con alimentazione alla tensione nominale, calcolare:

(d) la velocità dei motori quando il flusso dei motori stessi viene ridotto della metà
cortocircuitando metà delle spire deH’avvolgimento di eccitazione (si consideri Recc
proporzionale al numero di spire).

Soluzione

(a) AH’avviamento, tutti i motori vengono collegati in serie, come mostrato nella
Figura 89. Siccome le forze elettromotrici sono nulle all’avviamento, la corrente di
avviamento sarà limitata esclusivamente dal reostato di avviamento e dalle
resistenze totali dei motori in serie

VL = law (Ravv +12-R ,) dove Rt = R a + R ecc = 0.15 + 0.25 =0.4Q

Ravv
avv
129
Esercizi di Macchine Elettriche

^avv ^

?— v A A /V —

Figura 89. Collegamento dei motori all’a w iam ento.

b) L’equazione di tensione per 12 motori collegati in serie (senza il reostato di


avviamento) che assorbono la corrente nominale è

VL = 1 2 -R t - laN + 1 2 - K t laN cor

Per poter determinare la velocità di rotazione, bisogna calcolare la costante Kt d alla


condizione nominale di funzionamento

rc • n r,N
V a,N - R t ' U,N + K t • l a,N ' ® r,N - R t ■U,N + K t - U.N
30

^a,N Rt ' *a,N 30 V a,N ~ R t ‘ U,N 30 1 0 0 0 -0 .4 -3 5 0


Kt = 0.02346 V /(A rad/s)
* ' n r,N K U,N ‘ n r,N n ' 350-1000
,aN* ~ W

La velocità di rotazione per i 12 motori in serie che assorbono la corrente nom inale
sarà

VL —1 2 R f l a,N 3 0 0 0 -1 2 -0.4 -350 . ..


----------------------------- = 13.4 rad/s
12 K t -laN 12-0.02346-350

nr = — cor = — • 13.4 = 128 rpm


n n

(c) Lo schema elettrico in cui i motori vengono collegati in modo da fo rm are 4


paralleli di tre motori in serie e con l’inserimento in serie del reostato di avviam ento, è
mostrato nella Figura 90.
Ipotizzando un funzionamento identico per tutte le macchine, la corrente tota le
assorbita sarà 4 volte la corrente assorbita da una serie di tre motori.
130
Macchina in corrente continua

Figura 90. Lo schema elettrico con 4 paralleli di tre motori in serie


e con l’inserimento in serie del reostato di avviamento

Se I m otori assorbono la corrente nominale, la lla legge di Kirchhoff per una maglia
co stituita d a ll’alim entazione, il reostato di avviamento e 3 motori in serie sarà

V[_ ■ 4 • R .w • l„ n + 3 • (Rt • Ia,N ‘ ^a,N ‘ )

V l - 4 • R lw • I,,n ~ 3 • R t -laiN 3000 - 4 • 1.2 • 350 - 3 • 0.4 • 350 = 36 5 rad/s


r " 3 • K t • laN 3 0.02346-350

30 30
n r - ~ . co- = — ■36.5 * 348.5 rpm
n k

(d) Un funzionam ento dei motori alla tensione nominale significa uno schema di
a lim e n tazion e con 4 paralleli di tre motori in serie senza reostato di avviamento,
co m e m ostrato nella Figura 91. Questo schema di alimentazione consente di
o tte n e re la m assim a velocità di rotazione e ciascun motore sarà alimentato alla sua
te n sio n e nom inale.
La co ndizione di funzionam ento prevista dall’esercizio prevede una riduzione del
flu sso dei m otori della metà cortocircuitando metà delle spire dell’avvolgimento di
e ccita zio n e . In questo caso, saranno modificati i parametri Kt e Rt

Ki « o .o i 173 V/(A rad/s)

R eco 0 25
R, - R , ss 0.15 + —— = 0.275 Q
2 2
Esercizi di Macchine Elettriche 131

4 la +

Figura 91. Lo schema elettrico con 4 paralleli di tre motori in serie


per ottenere la massima velocità di rotazione.

Un funzionamento a potenza costante pari alla potenza nominale significa un


funzionamento in cui per ogni motore
« |
C • G)r = C N • C0r N = F*n

Trascurando le perdite meccaniche e le perdite nel ferro di rotore, si può considerare


che la potenza nominale è pari alla potenza elettrica convertita in condizioni di
funzionamento nominali

p _p « _ p' _s p' _
r N ~ c a,N *a.N ~ c a 'a ^ c a ~ -
'a

Infatti, se calcoliamo la forza elettromotrice indotta in condizioni nominali si ottiene

EaN = Va N - R t • laN = 1 0 0 0 - 0.4 • 350 = 860 V

La potenza elettrica convertita in condizioni nominali sarà

i i EaN • laN = 860 • 350 = 301000 s 300000 = Pm

Ipotizzando un funzionamento a potenza elettrica convertita costante con


alimentazione a tensione nominale, l’equazione di tensione per un motore sarà
132 Macchina in corrente continua

Si ottiene un’equazione di secondo grado dove l’incognita è la corrente assorbita:

0.275 • la2 -1 0 0 0 - la + 300000 = 0

Risolvendo l’equazione di secondo grado, si ottiene

f 329 9
la12=J => f = 329.9 A (l’unica soluzione possibile)
[3306.4

La forza elettromotrice sarà

i PN 300000
= 909.4 V
f_ ~ 329.9

La velocità di rotazione che corrisponde alla forza elettromotrice calcolata si


determina come
i
909.4
= 235 rad/s
0.01173-329.9

30 30
• co • 235 = 2244 rpm
K K
Esercizi di Macchine Elettriche 133

3.12. Macchina DC serie Es. 3

Un motore in corrente continua ad eccitazione serie da 20 kW e 380V ha un


rendimento al carico nominale di 0.936 ed una velocità di 1185 rpm. La resistenza
totale (Ra+Recc) è pari a 0.4 Q. La caratteristica coppia-corrente C=f(la) è definita dai
seguenti punti:

■a (A) 20 40 60 80
C (Nm) 25.6 91.5 177.5 273

Calcolare:
(a) La corrente nominale
(b) La coppia nominale
(c) La velocità di rotazione quando il motore eroga una coppia di 100 Nm
(d) La velocità di rotazione quando il motore assorbe una corrente di 30 A

Nota: usare una interpolazione lineare (retta passante per 2 punti) per utilizzare i dati
della caratteristica C=f(la) fornita.

Soluzione

(a) Per ottenere la corrente nominale, bisogna calcolare la potenza assorbita in


condizioni nominali mediante la potenza nominale e il rendimento nominale

fN .« 2 0 0 0 0 = 2 1 3 6 7 w
Pass,N
r|N 0.936

ass.N
^a.N 21367= 56.2 A
v^T 380

(b) La coppia nominale si calcola facilmente dalla potenza nominale e dalla velocità
nominale

PN _ PN _30 PN , 30 20000 _ 1612Mm


corN n n nrN n 1185
n' N ' 30

(c) E’ necessario calcolare la corrente assorbita usando la caratteristica inversa


la=f(C) e una interpolazione lineare tra i punti A(91.5,40) e B(177.5, 60). L’equazione
della retta che passa per i punti A e B è definita dall’equazione
yB 60-40
y = YA + — - ( x - x A) = 40 + • (x - 91.5)
xB - X 177.5-91.5
134 Macchina in corrente continua

y = 40+ 0.232 ( x - 91.5)

La corrente assorbita per una coppia pari a 100 Nm si ottiene usando l’equazione
precedente per x=100

la = 40 + 0.232 ( C - 91.5) = 4 0 + 0.232 (100-91.5) = 42 A

Nota la corrente assorbita e la coppia per il punto di funzionamento considerato, si


trova la costante di coppia (k<t>), che dipende dal carico (in assenza di saturazione
magnetica) in quanto si tratta di una macchina ad eccitazione serie

C = (k<t>)-la => (k<D) = — = — =2.38 Nm/A


lg
Noto il termine (ko), la velocità di rotazione si ottiene dall’equazione di tensione per
il punto di funzionamento considerato

Va_N —R| -la + E a =*Rt 'U +(kG>) •«>,.

v a.N ~ Rt *U 380 - 0.4 • 42


cor = = 152.6 rad/s
M ) 2.38

nr = — -o>r = - -152.6 = 1457 rpm


n n

(d) Il punto di funzionamento è diverso da quello precedente, quindi bisogna


ricalcolare la costante di coppia (costante di forza elettromotrice) (k<J>). Stavolta è
nota la corrente assorbita (30A), quindi è necessario calcolare la coppia prodotta
mediante la caratteristica C=f(la) e una interpolazione lineare tra i punti A’(20,25.6) e
B’(40,91.5). L’equazione della retta che passa per i punti A ’ e B’ è definita
dall’equazione

91.5-25.6
y'= yA, + Y.Z—2 * . (x*—x A.)= 25.6 + (x’- 20)
X B’ ~ X A' 40-20

y’ = 25.6 + 3.295 (x-20)

La coppia prodotta per una corrente assorbita pari a 30 A si ottiene usando


l’equazione precedente per x’=30

C'= 25.6 + 3.295 - (30 - 20) = 58.6 Nm


E s e rc iti di M a c c h in e E lettriche 135

L a c o s ta n te di c o p p ia per il nuovo p u n to d i fu n z io n a m e n t o c o n s id e r a to si
calcola im m e d ia ta m e n te co m e

(k O )' = — = * i .9 5 3 N m / A
L 30

Noto il t e m i i n e ( k < t> ) , l a v e l o c i t à d i r o t a z i o n e s i o t t i e n e d a l l ’e q u a z i o n e d i t e n s i o n e p e r

il nuovo p u n t o d i f u n z io n a m e n t o c o n s id e r a to

V „ N = R t la + E a = R t U ’ + ( k o ) ’ - co;

H I * _ ~ R t llf L = 38Q : M .:.3 0 = 1 8 8 . 4 ra d /s

I (k<p)* 1953 ■ •

3 0 • 3 0 i g g 4 s 18 0 0 rp m
n , ----------» r = — 10° K
se K
4. Riscaldamento delle macchine

4.1. Richiami teorici

Durante il normale funzionamento tutte le macchine elettriche dissipano potenza a


causa delle diverse perdite che hanno sede aH’interno della macchina: perdite per
effetto Joule nei conduttori, perdite nel materiale magnetico per isteresi e correnti
parassite, perdite per attrito e ventilazione nelle macchine con parti in movimento.
L’energia dissipata si trasforma in calore e porta come conseguenza il riscaldamento
della macchina.
La parte più delicata delle macchine è rappresentata dai materiali isolanti, il cui
eventuale degrado potrebbe determinare un prematuro cedimento della macchina;
l’invecchiamento dei materiali dielettrici può essere ricondotto ad azioni chimiche, di
umidità, a sovratensioni, ma soprattutto all’azione della temperatura.
Se il suddetto riscaldamento diventasse eccessivo i materiali isolanti utilizzati nella
costruzione della macchina perderebbero le loro proprietà d’isolamento portando ad
un probabile danneggiamento.
Il dimensionamento delle macchine è pertanto da intendersi in senso “termico”,
ovvero la potenza nominale indicata sulla targa della macchina rappresenta la
potenza che può essere erogata al carico, nelle modalità previste dalla tipologia di
servizio di funzionamento indicato sulla stessa targa, senza superare il limite di
temperatura corrispondente alla classe di isolamento della macchina.
I vari tipi di servizio sono contenuti nella Norma CEI EN 60034-1, mentre le classi di
isolamento sono contenute nella Norma CEI EN 60085.

4.1.1. Modello termico semplificato

Per avere una stima della temperatura di servizio occorre studiare i fenomeni termici
che avvengono in una macchina; la realizzazione di un modello termico rigoroso è
alquanto difficoltosa: esso dovrebbe tenere conto della geometria della macchina, dei
materiali che la compongono e del loro comportamento termico, delle varie modalità
di scambio di calore (conduzione, convezione ed irraggiamento) e delle condizioni
dell’ambiente esterno della macchina.
Tutto ciò richiede una modellizzazione molto fine e strumenti di calcolo adeguati. Al
fine di avere una valutazione abbastanza precisa della temperatura della macchina,
senza la pretesa di individuarne e distinguerne le temperature riferite alle varie parti,
è possibile assumere alcune ipotesi semplificative che permetteranno di ottenere un
modello di facile realizzazione e dai risultati accettabili.
Per analizzare il transitorio termico si può ritenere che la macchina sia costituita da
materiale omogeneo, che la temperatura al suo interno sia uniforme, che il

137
138 Riscaldamento delle macchine

traiferlmento di calore dalla macchina all’ambiente awenga solo per convezione e


che la temperatura ambiente si mantenga costante nel lasso di tempo considerato.
Il modello cui si può fare riferimento è riportato in Figura 92, dove:
• è la temperatura dell’ambiente, modellizzata come un generatore di
tensione costante;
• Pd è l’insieme delle potenze dissipate dalla macchina, modellizzate come un
generatore di corrente;
• Rth è la resistenza termica tra la macchina e l’ambiente (dipende dal
coefficiente di scambio termico per convezione e dalla superficie di scambio),
quanto più è bassa e tanto migliore è lo smaltimento di calore verso
l’ambiente; la resistenza termica è una caratteristica della macchina, e non
dipende dalle condizioni di utilizzo;
• Cth è la capacità termica della macchina, ovvero il suo indice di accumulo del
calore.

Figura 92 Modello termico semplificato

4.1.2. Transitori termici

Se si analizza il transitorio di riscaldamento dovuto al funzionamento della macchina,


ipotizzando che all’istante 0 la sua temperatura fosse pari a quella dell’ambiente,
l’equazione che rappresenta tale evoluzione è la seguente:

&m W s d a + P d R th • 1- e / t
V J
dove:
• t la costante di tempo termica
è

• Pd Rth è la sovratemperatura a regime A9.

Ipotizzando che la temperatura ambiente sia costante e che le perdite siano


modellizzabili come un gradino di ampiezza costante, l’equazione può anche essere
scritta come:
Esercizi di Macchine Elettriche 139

9 m © = ( 9 o - 3 « ) 'e ~ ^ + 8„

con:

®0 ~ ^iniziale

9co = 9 a + Pd -Rth

L’andamento della temperatura è rappresentato in Figura 93: dopo un tempo pari a


5t il transitorio ha compiuto il 99,3% della sua evoluzione e può pertanto
ragionevolmente ritenersi concluso.

Figura 93 Transitorio termico di riscaldamento

4.1.3. Tipi di servizio

In base al tipo di lavoro che la macchina sarà chiamata a compiere, funzione del
carico e della sua durata, sono definiti e codificati i cosiddetti “tipi di servizio”.
I vari tipi di servizio sono definiti dalla norma CEI EN 60034-1/IEC 34 —1 e sono di
seguito elencati:
• S I - servizio continuo: la macchina lavora a carico costante per un tempo
sicuramente maggiore di 5x e pertanto si intenderà esaurito il suo transitorio
termico;
• S2 - servizio di durata limitata: funzionamento a carico costante per un periodo di
tempo limitato, insufficiente a raggiungere l’equilibrio termico, seguito da un
periodo di riposo sufficiente a riportare il motore a temperatura ambiente;
• S3 - servizio intermittente periodico: funzionamento secondo un ciclo
comprendente un periodo a carico costante (Atp) ed un periodo di riposo (Afe); la
corrente di avviamento non influisce sulla temperatura
• S4 - servizio intermittente periodico con avviamenti che influenzano il
riscaldamento: ciclo costituito da un tempo di avviamento notevole (Afe), un
periodo a carico costante (Afe) e un periodo di riposo (Afe);
140 Riscaldamento dalle macchine

• S5 - servizio intermittente periodico con avviamenti e frenature che influenzano II


riscaldamento: come per il servizio S4 con l’aggiunta di un tempo in cui si ha
frenatura elettrica (AtF)
• S6 - servizio ininterrotto periodico: il ciclo comprende un periodo di
funzionamento a carico costante ed un periodo a vuoto senza alcun tempo di
riposo;
• S7 - servizio ininterrotto periodico con frenatura elettrica
• S8 - servizio ininterrotto periodico con variazioni correlate di velocità e carico:
ciclo comprendente un periodo di funzionamento a carico costante seguito da uri
altro con diverso carico e diversa velocità, senza periodo di riposo;
• S9 - servizio con variazioni non periodiche di carico e di velocità: servizio in cui
generalmente il carico e la velocità variano in modo non periodico nel campo di
funzionamento ammissibile; questo servizio comprende s o v r a c c a r ic h i
frequentemente applicati che possono essere largamente superiori ai valori di
pieno carico.
Esercizi di Macchine Elettriche 141

4.2. Esercizio 1 : sovraccarico limitato

Un’applicazione richiede una potenza di 10 kW per un tempo pari a 20 minuti, seguiti


da 90 minuti di riposo.
Si dispone di un motore con i seguenti dati di targa:
Pn = 8 kW
Servizio SI
ri = 85% (lo si ritenga costante al variare del carico)
0max = 200 °C
Tth = 900 s
O'amb = 50 °C

Verificare se tale motore può andare comunque bene alle richieste dell’applicazione.

Soluzione

Il motore disponibile, targato per un servizio SI da 8 kW, non potrebbe essere


utilizzato qualora l’applicazione richiedesse una potenza continuativa pari a 10 kW.
Dal momento che però il tempo di lavoro richiesto è inferiore a 5xth, e soprattutto è
seguito da un tempo sufficientemente lungo (> 5tth) a tornare alla temperatura
dell’ambiente, si tratta di verificare se al termine dei 20 minuti di sovraccarico la
temperatura raggiunta dalla macchina sarà inferiore o superiore al limite termico della
macchina pari a 200 °C.

Dai dati di targa del motore si può calcolare il valore della sua resistenza termica Rth,
ovvero dell’attitudine della macchina a smaltire il calore verso l’ambiente esterno:

Rni

è però necessario valutare prima la potenza dissipata nel funzionamento a regime:

Pd =8000• f,0,85
1 = 1412 W

da cui: R * = 9max = 2°°AJ ~ i 0,10625 °C/W .


Pd 1412

Nota la resistenza termica della macchina si può procedere a valutarne il


comportamento in sovraccarico; la temperatura della macchina al termine del tempo
di lavoro dipende dalla potenza dissipata nelle effettive condizioni operative:
142 Riscaldamento delle macchine

P’-f -i - 1À = 10000- f 1 m)
1 =1765W
In J f 0,85 )

Scrivendo l’equazione del transitorio termico:

8m( t ) = 3 a +Pd Rt h ( l - e ^ ' '


V

per il caso in esame si avrà (Figura 94):

f -1200/ \
/900
8m(20’) =50 + 1765- 0,10625 • 1- e = 188 °C.

Figura 94 Transitorio termico del motore in sovraccarico limitato S2

Da ciò si desume che il motore a disposizione può essere utilizzato in sovraccarico


per il tempo ridotto richiesto dall’applicazione.
Esercizi di Macchine Elettriche 143

4.3. Esercizio 2

Si consideri un motore elettrico targato SI (servizio continuativo) avente la potenza


nominale Pn =10 kW ed un rendimento dell’87% (considerato costante al variare del
carico); la temperatura massima in condizioni nominali è uguale a 200 °C, la
temperatura ambiente è di 50 °C. La costante di tempo termica della macchina è pari
a t = 1000 s.

Quesiti:
1. calcolare Rth e Cth
2. determinare la nuova potenza nominale (potenza di targa) P’n per il servizio di
tipo S2 - 20 minuti.
3. determinare la potenza nominale (di targa) P”n per il servizio S3 (intermittente)
con durata del ciclo T = 500 s e rapporto di intermittenza pari a 5 = 0,5.

Soluzione

1. La resistenza termica può essere calcolata dalla relazione tra sovratemperatura a


regime nominale e potenza dissipata in tali condizioni:

p _ A & M &rnax “ $a 200-50


K th ~ ------------- f 1 = 0,1 °c/w
Pn- 1 -1 10000 -

li . 0,87

La capacità termica è legata alla resistenza termica dalla costante di tempo t :

Cu, = ^ - = 10.000
Rth

2. Si chiede di valutare quale sarebbe la potenza di targa del motore P’n secondo un
servizio di tipo S2, con un tempo di lavoro pari a 20 minuti seguiti da un tempo di
riposo sufficiente a riportare la macchina alla temperatura ambiente.
In sostanza si tratta di valutare quale sia il massimo sovraccarico applicabile al
motore per il tempo limitato di 20 minuti. Per fare ciò si supporrà di scrivere
l’equazione del transitorio di riscaldamento avente come incognita la potenza
dissipata nelle nuove condizioni di utilizzo P’d, e di imporre che dopo un tempo pari a
20 minuti la temperatura sia pari a quella massima tollerabile dalla macchina 8max-

( _t/> f .1 2 0 0 / 'N
| _ e 71000
9m (t)= 9.+ P 'd«1h- 1- e -» 200 = 50 + P'd-0,1-
v ) S. J
144 Riscaldamento delle macchine

200-50
P'
r d -~ = 2147 W
.1200/
0 1 1- e
, -
1000

cui corrisponde una potenza erogata pari a:

P'n = 7— ^ - = 14,37 kW.


--1
\n )

3. Si chiede di valutare quale sarebbe la potenza di targa del motore P”n secondo un
servizio di tipo S3 (intermittente) con durata del ciclo T = 500 s e duty cycle 5 = 0,5.
In questo caso, sia il temo di lavoro che quello di riposo sono inferiori a 5 x th, il che
significa che né il transitorio di riscaldamento, né quello di raffreddamento potranno
arrivare a regime, ma verranno interrotti prima per innescare un nuovo transitorio.
La condizione di lavoro è rappresentata in Figura 95: i cicli di lavoro sono
rappresentati con un’onda a gradini; dopo un certo numero di cicli di lavoro la
temperatura di inizio e fine dei transitori si stabilizza ai valori indicati in figura con 3-i e
32.

Figura 95 Transitorio termico del motore in servizio S3

Per determinare la nuova potenza nominale della macchina P”n per questo servizio
S3 si imporrà che la temperatura raggiunta dalla macchina nella fase di
riscaldamento sia pari a 9maxi come riportato in Figura 96.
145
Esercizi di Macchine Elettriche

Figura 96 Particolare del transitorio termico del motore in servizio S3

Conoscendo le condizioni iniziali e finali dei transitori di riscaldamento e di


raffreddamento, se ne possono scrivere le equazioni:

<
&i = (02 - $oo)-e *
/ „ X J o Ff/

= ($1 “ &amb ) ' e T + $amb

La temperatura di regime d», è pari alla somma della temperatura ambiente e della
sovratemperatura legata alle perdite effettive P”d:

&oo — &amb + P " d R th

che sostituita nel precedente sistema:

di - (d2 - $amb " P "d R th ) ‘ e T + &amb + P "d R th


. . - ‘o ff/
d2 = (» i-d a m b )-e A +»amb

sostituendo d2 nella prima equazione:

_ l OFF, ON,
Il = (di ~ d amb)- T + a amb ~ ^ a m b - p V R th e + 9 a m b + P " d R th

_T, .^on/ ^
= ( 9 i- 9 ,m b ) - e '/ '+ P " d R th - 1- e amb
146 Riscaldamento delle macchine

Imponendo 9i = 200 °C, ovvero la condizione limite per la macchina:

200 = (200 - 50)- e-0,5 + P"d 0,1 • (l - e“025)+ 50

Si possono determinare le perdite ammissibili P”d per tale servizio di lavoro S3:

P"d = 2658 W

da cui la potenza nominale della macchina P”n:

P"n = 17,78 kW
5. Macchina asincrona

5.1. Richiami teorici

La macchina asincrona utilizza il principio del campo magnetico rotante prodotto


da un avvolgimento (di solito trifase) ancorato ad una struttura magnetica fissa
(statore) alimentato in corrente alternata. La velocità del campo magnetico rotante
viene chiamata velocità di sincronismo. Il campo magnetico rotante induce un
sistema di f.e.m. e di correnti in avvolgimento polifase ancorato ad una struttura
magnetica mobile (rotore).
L’interazione tra il campo magnetico rotante e il sistema di correnti rotoriche
produce una coppia motrice che tende a sincronizzare il rotore con il campo
magnetico rotante. La macchina viene denominata asincrona perché la coppia
motrice esiste solo se esiste velocità relativa (scorrimento) tra il campo magnetico
rotante e il rotore. Se il rotore ruota alla velocità di sincronismo, il campo magnetico
rotante risulta fisso rispetto al rotore e di conseguenza le f.e.m e le correnti rotoriche
sarebbero nulle e quindi la coppia motrice diventerebbe nulla. Di seguito saranno
richiamati i principali aspetti teorici relativi al funzionamento a regime della macchina
asincrona.

5.1.1. Circuito equivalente monofase e bilancio di potenza

Il circuito equivalente monofase, ipotizzando un’alimentazione simmetrica ed


un funzionamento equilibrato, è mostrato nella Figura 97. Gli elementi del circuito
equivalente monofase sono i seguenti:
Rs è la resistenza di fase di statore;
Xds è la reattanza di dispersione di statore;

Rr è la resistenza di rotore riportata allo statore;

Xdr è la reattanza di dispersione di rotore riportata allo statore;

Xm è la reattanza di magnetizzazione;
Rfe è la resistenza di perdite nel ferro;
cds - cor , ,
s = ----------- e lo scorrimento di macchina, dove a>s è la velocità del
< °3

campo magnetico rotante mentre corè la velocità di rotore.

147
148 Macchina asincrona

Il bilancio energetico, evidenziato nella Figura 97, utilizza le seguenti


potenze:

Ptl* ■ v3 • Vg *1, cosO rappresenta la potenza elettrica fornita allo


statore, dove V8 è il valore efficace della tensione concatenata, ls è il
valore efficace della corrente di linea assorbita, mentre c o s o è il fattore
di potenza;

Pj» ~ 3 R8 I* rappresenta le perdite Joule negli avvolgimenti di statore;

Pie rappresenta le perdite nel ferro, localizzate prevalentemente nella


struttura magnetica di statore;

R_ ,12
Pt * 3 • — • lr è la potenza trasmessa da statore a rotore;
s
, -2 . . . .
Pjr ■ 3 •Rr •lr rappresenta le perdite Joule negli avvolgimenti di rotore;

■ Pmecc rappresenta le perdite meccaniche per attrito e ventilazione;


Putii* è la potenza meccanica utile fornita al carico.

Pjs

Figura 97. Circuito equivalente monofase della macchina asincrona e


il bilancio di potenza basato sul circuito equivalente.

i
Esercizi di Macchine Elettriche 149

È utile menzionare il fatto che, a causa di fenomeni non rappresentati dal circuito
equivalente (come la presenza delle armoniche spaziali di campo magnetico), esiste
un termine Padd che rappresenta le perdite addizionali nella macchina. Questo
termine può essere ricavato da prove sperimentali a carico.

5.1.2. Caratteristiche di coppia

Le caratteristiche di coppia sono le variazioni di coppia elettromagnetica in


funzione dello scorrimento C=f(s) oppure in funzione della velocità di rotore C=f(cor).
Per ricavare le caratteristiche di coppia bisogna modificare il circuito equivalente
monofase. Il primo passo è di disegnare il circuito equivalente a 3 impedenze, come
mostrato nella Figura 98.

Zs — ■1"j *X(js

Zfr(s) —“ + j ' X'dr


Z 'r(s)
j • R fe - X m
Z„
Rfe "F J *

Figura 98. Circuito equivalente monofase a 3 impedenze.

Considerando come carico l’impedenza Zr(s), si ottiene il generatore


equivalente di Thévenin, come mostrato nella Figura 99.

Zs -Z0
Zs + Z0

"Fj ’ ^eq
Z 'A S )

V
vs ---------Z0
= — "—
eq V3 Z0+ Zs

Figura 99. Circuito equivalente monofase con il generatore equivalente di Thévenin.


150 Macchina asincrona

La coppia elettrom agnetica si calcola com e il rap po rto tra la potenza


tra s m e s s a e la velocità di sincronism o cos , qualunque sia la ve lo cità di rotazione del
rotore:

C = Pt
r
R eq
s
V

F issate le condizioni di alim entazione (tensione e frequenza) e con parametri


del m odello equivalente noti, la coppia elettrom agnetica si può calcolare al variare
dello scorrim ento fissando un intervallo di variazione di q ue st’ultim o. Un esempio di
caratteristica C=f(s) per un intervallo di variazione dello scorrim ento di [-4,4] è
m ostrato nella Figura 100.

Figura 100. Esempio di caratteristica coppia-scorrim ento per un m otore asincrono


alimentato a tensione e frequenza nominali.

La coppia prodotta è nulla a scorrim ento nullo (funzionamento a


sincronismo). La coppia presenta due limiti estremi (uno positivo e uno negativo) che
si ottengono per due valori di scorrimento uguali ed opposti.
Esercizi di Macchine Elettriche 151

La macchina funziona da motore per valori positivi di scorrimento, mentre il


funzionamento da generatore (freno) corrisponde a valori di scorrimento negativi.
La caratteristica coppia-velocità si ottiene immediatamente considerando che
la velocità di rotore è pari a:

0>r = 0>s • ( l “ s )

La caratteristica coppia-velocità che corrisponde alla caratteristica coppia-


scorrimento mostrata precedentemente è presentata nella Figura 101.

Figura 101. Esempio di caratteristica coppia-velocità per un motore asincrono


alimentato a tensione e frequenza nominali.

La coppia prodotta è nulla a velocità di rotore pari alla velocità di sincronismo


(scorrimento nullo). La macchina funziona da motore per velocità inferiori alla velocità
di sincronismo (scorrimento positivo), mentre il funzionamento da generatore (freno)
corrisponde a valori di velocità di rotore superiori alla velocità di sincronismo
(scorrimento negativo).
152 Macchina asincrona

5.1.3. Coppia massima e coppia di avviamento

I valori massimi di coppia si ottengono per 2 valori di scorrimento uguali e


opposti, chiamati scorrimenti di coppia massima sCmax- Lo scorrimento di coppia
massima si può calcolare imponendo

ds

Un approccio più semplice per ottenere lo scorrimento di coppia massima è


basato sul teorema del massimo trasferimento di potenza tra un generatore
equivalente e un carico Rr / s, come mostrato nella Figura 102.

Req xtq X 'dr : 77


-►o
A vw v

O
Figura 102. Circuito equivalente monofase con il generatore equivalente di Thévenin
per il calcolo dello scorrimento di coppia massima.

Il massimo trasferimento di potenza, corrispondente allo scorrimento di


coppia massima, è ottenuto quando la resistenza fittizia Rr / s è uguale al modulo
dell’impedenza totale a monte

*Cmax

Scm ax=±K A ^ i )

I valori di coppia massima si ottengono dall’espressione generica della


coppia in cui si utilizza lo scorrimento di coppia massima
Esercszi di Macchine Elettriche 153

3 -P = coppia massima motore

V
ve2q
C«wt2 ~ 3 I . J 1 =coppia massima generatore
<0 SCmax |
R« , - (*eq + Xdr )
Cmax

I due valori assoluti di coppia massima non sono uguali e dipendono dalle
condizioni dì alimentazione e dai parametri di macchina.
La coppia di avviamento è la coppia prodotta a scorrimento unitario (velocità
nulla) e si ottiene dall’espressione generica della coppia imponendo s=1.

r -d d
_ o P. r .
_________Vifs________
2
~ Hs=1 ~ ó m Kr ' / . \2 / . \2
\Req+Rrf +(Xeq+ Xdr)
I valori di coppia massima e di avviamento sono mostrati nella Figura 103.

Figura 103. Esempio di caratteristica coppia-scorrimento per un motore asincrono,


evidenziando i punti di scorrimento di massima coppia e la coppia di avviamento.

I calcoli eseguiti sul circuito equivalente sono validi per un funzionamento a regime
della macchina per una certa alimentazione in termini di tensione e di frequenza e
ipotizzando parametri costanti. Bisogna sottolineare che i parametri del circuito
equrvalente dipendono dalle condizioni di funzionamento:
154 Macchina asincrona

• la reattanza di magnetizzazione dipende dalla saturazione magnetica


• le resistenze del circuito dipendono dalla temperatura
• la reattanza di dispersione di rotore è variabile con il carico per le macchine
con rotore a cave chiuse

5.1.4. Diagramma circolare

Il diagramma circolare della macchina ad induzione, noto anche come “il


diagramma di Heyland” è il luogo descritto dal vettore corrente di statore al variare
dello scorrimento (idealmente tra -qo e +oo), per una condizione nota di alimentazione
e considerando parametri di macchina costanti.
Con riferimento alla Figura 98 e nota la corrente di rotore usando il circuito
equivalente di Thevenin (Figura 99), la corrente a vuoto si calcola come

\
-7" + j - X dr
s J
lo
Z0

La corrente di statore sarà ottenuta come la somma vettoriale tra la corrente di rotore
e la corrente a vuoto •

Il diagramma di Heyland può essere ottenuto comodamente ripetendo i calcoli


effettuati sul circuito equivalente per diversi valori di scorrimento e rappresentando in
unico grafico nel piano complesso il vettore corrente di statore. Un esempio di
diagramma circolare è mostrato nella Figura 104, considerando il vettore tensione di
alimentazione come origine di fase e orientato in direzione verticale.
Esercizi di Macchine Elettriche 155

Figura 104. Esempio di diagramma circolare ottenuta per una variazione di


scorrimento [-20,20] e alimentazione nominale.

Una volta costruito, il diagramma circolare può essere utilizzato per valutare
quantitativamente le caratteristiche della macchina in diverse condizioni di
funzionamento a scorrimento variabile. Per esempio, si può determinare facilmente
per via grafica la corrente assorbita per un valore noto di scorrimento. Il vettore di
corrente assorbita sarà la somma tra la corrente a vuoto e la corrente di rotore, come
mostrato nella Figura 104 per il punto M di scorrimento generico s.
156 Macchina asincrona

5.2. Elaborazione dati prove macchina asincrona

Su una macchina asincrona con le fasi connesse a stella ed avente i seguenti dati di
targa:

potenza nominale PN= 4 kW


tensione nominale VN= 400 V
corrente nominale lsN = 8.8 A
velocità nominale nN= 1410rpm
numero di coppie polari p=2
fattore di potenza nominale cos<t>N= 0.85

sono state eseguite le prove sperimentali di caratterizzazione con i seguenti risultati.


La misura in corrente continua della resistenza di statore è stata eseguita alla
temperatura ambiente di 25°C, alimentando due fasi con una tensione VDc =14V e
con una corrente lDc = 5A.

Prova a vuoto
V ,[V ] 1,0 [A] COSOo Po [W ]
433.1 5.54 0.111 460.9
400 4 .3 8 0 .1 2 3 3 7 4 .8 2
363.7 3.64 0.137 314.04
328.8 3.14 0.149 266.65
276.9 2.56 0.170 208.71
207.5 1.93 0.214 148.46
120.6 1.27 0.356 94.6
85.9 1.07 0.495 79.13
59.82 1.02 0.664 70.33

Prova in cortocircuito
Vcc [V ] 1» [A ] COSOcc Pcc [W ]
5.6 0.521 0.451 2.3
10.6 1.016 0.465 8.7
20.7 2.0 0.461 33.2
34.3 3.31 0.484 95.4
6 8 .4 6 .5 7 0 .4 9 2 383
103 9.96 0.505 898

Determinare i parametri del circuito equivalente trascurando il riscaldamento della


macchina durante le prove a vuoto e in cortocircuito.
Esercizi di Macchine Elettriche 157

Soluzione

Il primo passo è il calcolo della resistenza di statore, tenendo in conto il fatto che
durante la prova di misura in continua il generatore di tensione alimenta 2 fasi
collegate in serie:

RS 1 Vpc 1.4Q
2 Idc

La resistenza di statore calcolata è riferita alla temperatura della prova di 25°C.


Il passo successivo è il calcolo dei parametri longitudinali del circuito equivalente,
Y f f usando la prova in cortocircuito. Nella prova In cortocircuito, il rotore viene bloccato
J/ (s=1) e lo statore è alimentato alla frequenza nominale con una tensione crescente
I I da zero fino all’assorbimento della corrente nominale. Il circuito equivalente usato
0 nella prova a cortocircuito è mostrato nella Figura 105.

ìs Ree x dt
— — WW— —
/ V ' — Ree
%
V3
o---------------------------------
Figura 105 Circuito equivalente monofase in cortocircuito della macchina asincrona.

I parametri trasversali del circuito equivalente sono stati trascurati in quanto la


tensione applicata è decisamente molto bassa e quindi la corrente magnetizzante e
le perdite nel ferro si possono trascurare ai fini pratici.
La valutazione dei parametri longitudinali viene fatta in corrispondenza del valore di
corrente di prova prossima e inferiore alla corrente nominale, pari a 8.8A. Dalla
tabella, si sceglie la corrente di prova lcc=6.57 A, a cui corrispondono la tensione di
cortocircuito Vcc=68.37V e la potenza di cortocircuito Pcc=383 W.
Le perdite nel ferro sono state trascurate e la potenza meccanica è nulla (rotore
bloccato). Di conseguenza, la potenza attiva in cortocircuito è la potenza dissipata
sulla somma tra la resistenza di statore e la resistenza di rotore riportata allo statore.
La resistenza totale di cortocircuito si calcola come

|2 ... p _ Pcc 383


Pcc = 3 • Ree 'ce IAcc o |2 2.96 Q
^ * *cc 3 • 6.572

Di solito, alla fine della prova in cortocircuito viene eseguita una prova in corrente
continua per tenere conto di un eventuale riscaldamento della macchina. In assenza
158 Macchina asincrona

di tale prova, la resistenza di statore è considerata pari al valore ottenuto alla


tem peratura di 25°C.

R r = R cc - R s = 1 -5 6 0

La reattanza di cortocircuito (reattanza di dispersione totale) si calcola come

Xdt = R cc • tg(«I>Cc ) = Xdt = 2.96 • tg[arccos(0.492)] = 5.237 O

Convenzionalm ente, la reattanza di dispersione totale viene equamente suddivisa tra


la reattanza di dispersione di statore e la reattanza di dispersione di rotore riportata
allo statore:

XdS = Xd r= | x d t= 2 .6 1 8 n

La prova a vuoto viene eseguita con la macchina che ruota a regime a vuoto (rotore
scollegato dal carico) e con una alimentazione alla frequenza nominale e con una
tensione crescente ad un valore poco superiore alla tensione nominale. Una volta
raggiunta la condizione di funzionamento a regime a vuoto alla massima tensione, la
tensione viene ridotta gradualmente fino a quando un abbassamento della tensione
provoca un aumento delle corrente assorbita. Per ogni punto di funzionamento a
vuoto a tensione variabile, si misurano la corrente a vuoto e la potenza elettrica
assorbite, com e mostrato nella Figura 106 e nella Figura 107. Di solito, alla fine della
prova vuoto viene eseguita una prova in corrente continua per determinare la
resistenza di statore durante la prova.

Figura 106 Corrente assorbita a vuoto.


Esercizi di Macchine Elettriche 159

500

0 100 200 300 400 500

Figura 107. Potenza assorbita a vuoto.

Durante la prova a vuoto, la velocità della macchina è poco inferiore alla velocità di
sincronismo perché le coppie resistenti interne, dovute ad attriti ed effetti di
ventilazione, sono molto piccole. Di conseguenza, lo scorrimento della macchina è
quasi nullo e per questo motivo nel circuito equivalente a vuoto la corrente di rotore
viene trascurata, come mostrato nella Figura 108.
Rjso

(sO Rs V * ds A Ir ' = 0
— ►o— v/WV—

Figura 108. Circuito equivalente monofase semplificato a vuoto della macchina


asincrona e diagramma fasoriale di riferimento.

Come si può notare dalla Figura 108, la prova a vuoto consente di determinare i
parametri trasversali dal circuito equivalente. A differenza del trasformatore, per la
prova a vuoto si devono tenere in conto i parametri longitudinali di statore.
Durante il funzionamento a vuoto, la potenza assorbita a vuoto consiste in 3 parti
principali: le perdite joule di statore PjS0, le perdite nel ferro PFe e le perdite
meccaniche Pmecc (attrito e ventilazione). Dalla potenza misurata nella prova a vuoto
si deve calcolare la somma delle perdite meccaniche e nel ferro, usando la
resistenza di statore determinata dalla prova si misura in corrente continua a fine
160 Macchina asincrona

prova. In assenza di tale prova, si usa la resistenza determinata alla temperatura


ambiente di 25°C.

Rnecc + Pfe = Po “ 3 • Rs • ^s0

I risultati ottenuti sono mostrati nella Tabella seguente.

Vs(V) Iso (A) Pmecc"*”Pfe


433.1 5.54 332.0
400 4.38 294.2
363.7 3.64 258.4
328.8 3.14 225.2
276.9 2.56 181.2
207.5 1.93 132.8
120.6 1.27 87.8
85.9 1.07 74.3
59.82 1.02 66.0

L’andamento della somma delle perdite meccaniche e nel ferro in funzione della
tensione di alimentazione è riportato nella Figura 109.
350 — ----------- !-------------- !------ :------- !-------------- !--------------- !

0 100 200 300 400 500

Figura 109. Somma delle perdite meccaniche e nel ferro durante la prova a vuoto.

Considerando che le perdite meccaniche siano indipendenti dalla tensione di


alimentazione, la determinazione delle perdite meccaniche si può fare estrapolando
la curva riportata nella Figura 109. Tenendo in conto che di fatto le perdite nel ferro
sono proporzionali al quadrato della tensione, è utile rappresentare la somma delle
perdite meccaniche e nel ferro in funzione del quadrato della tensione, come
mostrato nella Figura 110.
Esercizi di Macchine Elettriche 161

350

migliaia
y = 9E-15x3 - 4E-09x2 + 0.0018x + 60.93

Figura 110. Somma delle perdite meccaniche e nel ferro durante


la prova a vuoto in funzione del quadrato della tensione.

Con una interpolazione polinomiale del terzo ordine della curva mostrata nella Figura
110, le perdite meccaniche siano uguali al termine libero dell’equazione di
interpolazione:

Pm ecc=61W

Per la interpolazione si possono usare gli interpolatori forniti da Microsoft Excel


oppure Matlab con risultati soddisfacenti.
I calcoli eseguiti per determinare i parametri trasversali se devono fare per una
tensione pari alla tensione nominale (400V). Le perdite nel ferro alla tensione
nominale si calcolano come

Fe,N = Pr Vs=400V - 3 • R. • Is0 Vs=400 - Pmecc = 374.8 - 3-1.4 - 4.382 - 52 = 233.2 W

I parametri trasversali si possono determinare usando 2 metodi diversi, come


mostrato in seguito.

A) Procedura di calcolo parametri trasversali a partire dal diagramma fasoriale

In base al diagramma fasoriale mostrato nella Figura 108, la forza elettromotrice


concatenata ai capi dei parametri trasversali si calcola come

80 N = l/k N - 1 I1 I cosO 0 + X ds • sinO 0) - ls0N f + [V 3 -(X ds •cosOq - R s -sinfPo)^

i
l
162 Macchina asincrona

Dalla tabella fornita per la prova a vuoto cos<t>0 =0.124 <t»0 = 82 9 La forza
elettrom otrice concatenata diventa:

sO. N = J 400 - V3 • (l .4 0 . 124 + 2.618 0.992) 4.38^ + [ j ì -(2.618 0.124 - 1 .4 0.992^4 381

E 8o.n = 3 7 9 V

La resistenza di perdite nel ferro si calcola immediatamente dalla forza elettromotrice


concatenata e dalle perdite nel ferro calcolate precedentemente come:

F2
^sO.N 3792
—— — = 616 Q
PFe 2 3 3 .2

In base al diagramma fasoriale a vuoto, la corrente equivalente di perdite nel ferro e


la corrente di magnetizzazione si calcolano come

n _ = 379 = 0 355 A
*Fe
V 3 R Fe V3-616

'm V 's O .N -'F e = V 4 . 3 8 2 - 0 . 3 5 5 2 4.36 A

La reattanza di magnetizzazione si calcola immediatamente dalla forza elettromotrice


concatenata a vuoto e dalla corrente di magnetizzazione

IB iilj© -------- 5 0 .2
V3 • lm V3 • 4.36
Q

B) Procedura di calcolo dei parametri trasversali con il bilancio di potenze

La forza elettromotrice concatenata viene calcolata mediante un bilancio di potenza


basato sul calcolo della potenza apparente ai morsetti AB dei parametri trasversali.

S 0|
•iN= >/3 • VsN • ls0N = >/3 • 400 • 4.38 = 3034.6 VA

= V3034.62 - 374.822 = 3011.3 VAR

-3 R s * 'sO = 374.82 - 3 • 1.4 • 4.382 = 294.2 W


V ..N
Esercizi di Macchine Elettriche 163

Q ab - 3 Xds g0N = 3011.3 - 3 • 2.618 • 4.382 = 2860.6 VAR

S AB = V p AB + Q ab = V294.22 + 2860.62 = 2875.7 VA

E sO,N 3 ^ g 2875.7 = 379V


V3 ' U n V3 • 4.38

Il calcolo dei parametri trasversali è basato esclusivamente sul bilancio di potenza:

3792
- 616 Q
233.2

^sO,N 3792
50.2 Q
Q ab 2860.6

In conclusione, i parametri del circuito equivalente della macchina sono i seguenti:


Rs =1.4 Cì (riferita a 25°C), Rr=1.56 Q (riferita a 25°C), Xds = Xdr =2.618 fi,
X m=50.2 Q, RFe =616 Q.

Per la macchina identificata, si possono tracciare le caratteristiche di coppia e il


diagramma circolare in condizioni di alimentazione nominali e usando i parametri
ottenuti dalle prove di identificazione.
164
Macchina asincrona

Figura 111. Caratteristica coppia-scorrimento della macchina identificata


in condizioni di alimentazione nominali.

Figura 112. Caratteristica coppia-velocità della macchina identificata


in condizioni di alim entazione nominali.
Esercizi di Macchine Elettriche 165

Figura 113. Diagramma circolare della macchina identificata per una variazione di
scorrimento [-20,20] e alimentazione nominale.
166 Macchina asincrona

\J|5.3. Esercizio 1 , | ^

Un motore asincrono trifase a 4 poli con collegamento delle fasi a stella presenta i
seguenti dati di targa:

Potenza nominale PN= 1 5 kW


Tensione nominale V,n = 380 V
Corrente nominale I sn = 31 A
Velocità nominale nN = 1460 rpm
Frequenze nominale fN= 50 Hz
La resistenza di statore è pari a 0.24 Q.

Nella prova a rotore bloccato con la corrente nominale, si è rilevato:


Vcc = 74.8 V, Pcc = 1960 W, cosmee = 0.488

Nella prova vuoto, eseguita alla tensione nominale, si è misurato:


Po = 6 3 0 W, l80 = 1 4 .3 A, cos<t>0 = 0 .0 6 7 , perdite meccaniche P mecc = 260 W.

Determinare:
a) I parametri del circuito equivalente
b) La coppia nominale del motore
c) La coppia di avviamento in condizioni nominali di alimentazione e trascurando i
parametri trasversali del circuito equivalente
d) La velocità del campo magnetico rotante alla frequenza di alimentazione di 20
Hz

Soluzione

(a) Il calcolo dei parametri del circuito equivalente inizia con la determinazione dei
parametri longitudinali dalla prova in cortocircuito, seguita dall’elaborazione dei dati
della prova a vuoto.

_ _ _ ,2 r-. Pcc 1960 _ __ _


Pcc
CC = 3 • Rcccc• I«nSN=> Ree
cc = —
3 j2n = -------T
3 - 3 1 2 = 0-68 Q

La resistenza di statore è pari a 0.24 Q, quindi la resistenza di rotore riportata allo


statore

R ;= R a - R s = 0 .6 8 -0 .2 4 = 0.44 Q

La reattanza di cortocircuito (reattanza di dispersione totale) si calcola come

X * = Ree •tgfd)^ ) = 0.68 •tg[arccos(0.488)] = 1.216 Q


Esercizi di Macchine Elettriche 167

Come metodo alternativo di calcolo della reattanza di dispersione totale, si può


calcolare l’impedenza di cortocircuito totale:

Zcc= ^ = = 1.393 Q
V3 • lsN V3 • 31

La reattanza di dispersione totale si calcola dal triangolo delle impedenze come

x dt = - F& = Vi .3932 - 0.682 = 1.216 Q

Le reattanze di dispersione di statore e di rotore sono ciascuna metà della reattanza


di dispersione totale

Xd» = Xa, = i x dt= - 1.216 = 0.608 0

Nella prova a vuoto, si calcola la somma delle perdite nel ferro e nelle perdite
meccaniche

Pmecc+PFe = P o -3 Rs • & = 630 - 3 • 0.24 • 14.32 = 482.7 W

Le perdite meccaniche sono pari a 260 W, quindi le perdite nel ferro diventano

PFe = 482.7 - 260 = 222.7 W

Il calcolo della forza elettromotrice concatenata di statore può essere effettuato in


base al diagramma fasoriale, come mostrato nell’esercizio precedente. Lo
sfasamento tra la tensione e la corrente a vuoto è <J>0 = arccos(0.067)= 86.16°.
La forza elettromotrice si calcola come

E s0,n = V K n - V 3 (Rs cosd>o + X ds sinO0) ls0Nf + [V 3 -(X ds cos<D0 - R s sin<D0)-

Es0N = V[380 - V3 •(0.24 •0.067 + 0.608 •0.997)-14.3^ + [ S •(0.608 •0.067 - 0.24 •0.997)-1

E so.n = 364.6 V

La resistenza di perdite nel ferro si calcola immediatamente dalla forza elettromotrice


concatenata e dalle perdite nel ferro calcolate precedentemente come
168 Macchina asincrona

364.62
= 596.9 Q
222.7

La corrente equivalente di perdite nel ferro e la corrente di magnetizzazione sono

lFe= ^ s0N = - 7?64-6 =0.352 A


V3 • RFe V3 • 596.9

I ! IH H I Vl4.32 -0 .35 2 2 1 14.29 A

La reattanza di magnetizzazione viene calcolata come

Xm = - ! ^ = .- 3 64-6 = 14,73 ci
V3 • lm V3 14.29

I parametri del circuito equivalente della macchina calcolati in base alle prove fornite
sono i seguenti:

Rs= 0 .2 4 a R, =0.44 0, Xdg = Xdr =0.608 Cì, Xm=14.71 Q, RF# =596.9 Q

(b) La coppia nominale si calcola come il rapporto tra la potenza nominale e la


velocità nominale

Ch - S l — 3 ^ j ° ^ 3 0 -1500(U 8 . 1 Nm
«n _ 7t-nN tc-1460
n '3 0

(c) Il circuito equivalente delia macchina trascurando i parametri trasversali è


mostrato nella Figura 114.

Figura 114. Circuito equivalente semplificato del motore asincrono


ottenuto trascurando i parametri trasversali.
Esercizi di Macchine Elettriche 169

La potenza trasmessa da statore a rotore è pari a

V. V.
P f L = 3 Rr Rr
S

V3 Rs + + X dt

La coppia motrice è il rapporto tra la potenza trasmessa e la velocità di sincronismo

p* Pt R, V.
n
wm = Nm
CO, (co/p) 2 • 71• f s
rD Rr '
Rs + — + X dt

All’avviamento lo scorrimento è pari a 1, quindi la coppia di avviamento in condizioni


nominali di alimentazione si calcola come

VsN VsN
•R, •
2 • 71• fN •Rr*
avv
+ X dt 2 • 7t ■fN r R 2 4- Y 2
K cc + A dt
(r . + r

L’esercizio non fornisce in modo esplicito il numero di coppie polari della macchina.
Visti i valori della frequenza nominale e della velocità nominale, il numero di coppie
polari non può essere che pari 2. Infatti, con p = 2 la velocità di sincronismo nominale
sarà

60 fN 60-50
^sN ------ ^ = ----------= 1500 rpm

Constale velocità di sincronismo, lo scorrimento nominale risulterebbe compatibile


con i valori usuali di scorrimento nominale delle macchine asincrone (3 +5 %):

= Us— Qn = 1500 !1§Q = 0.0266


’N
nN 1500

Trovato il numero di coppie polari, la coppia di avviamento si calcola come

n « 380'
^avv " •0.44 = 208.4 Nm
2-71-50 0.682 +1.2162
170 Macchina asincrona

(d) La velocità del campo magnetico rotante (rpm) alla frequenza di alimentazione
pari a 20 Hz si calcola come

6 0 •f 60-20
= 600 rpm (giri/min)
P = 2

E s e r c iz io 2

Durante una prova a carico nominale, un motore asincrono trifase a 6 poli alimentato
alla tensione nominale di 380 V e alla frequenza nominale di 50 Hz assorbe una
potenza di 23.2 kW con coso pari a 0.88 e ruota con una velocità di 960 rpm.
Durante una prova a vuoto sono state misurate una potenza assorbita di 1.1 kW e
una corrente assorbita di 13.5 A. La resistenza di fase è pari a 0.27 Q mentre le
perdite meccaniche risultano un terzo delle perdite a vuoto. Considerando che le
perdite nel ferro durante la prova a carico nominale siano uguali alle perdite nel ferro
nella prova a vuoto, determinare:

a) la corrente nominale
b) la potenza nominale (u n it)
c) la coppia nominale
d) il rendimento nominale
e) la coppia erogata a vuoto trascurando lo scorrimento a vuoto

Soluzione

Il circuito equivalente monofase della macchina che mette in evidenza il bilancio di


potenza è mostrato nella Figura 115.
Pjs
l5 Rs %ds
ds lr /'
1 %dr
p /W H t ...... -*»►■fj W - —
D =^>P t
K
/ V ^
J4.
V3
Prmecc
o

Figura 115. Circuito equivalente monofase della macchina asincrona.

(a) La potenza assorbita in condizioni nominali è


Esercizi di Macchine Elettriche 171

Pass.N ~ V 3 * V sN • lsN ■COS<DN

La corrente nominale si calcola come

ass.N
'sN 23200 = 40 A
V 3 V sN • COS<|)N V3 • 380 • 0.88

(b) La potenza nominale (potenza meccanica utile) si può determinare solamente se


le perdite nel ferro sono note. Dal testo dell’esercizio si ipotizza che le perdite nel
ferro durante la prova a carico nominale siano pari alle perdite nel ferro durante la
prova a vuoto.
Il bilancio di potenza durante la prova a vuoto sarà

Pass.O = PjsO + FVe + ^mecc = 3 ' R s ■IgO + ^Fe + X ^ass.O W .

Le perdite nel ferro si calcolano immediatamente

Pf© = Pass,o - 3 ■Rs - lg0 = ^ ■1100 - 3 - 0.27 ■13.52 = 586 W

Una volta determinate le perdite nel ferro, si calcola la potenza trasmessa da statore
a rotore per la prova a carico nominale

Pt = PassN - 3 • Rs • |JN - PFe = 23200 - 3 • 0.27 • 402 - 586 = 21318 W

Dal circuito equivalente presentato nella Figura 115, la potenza trasmessa è la


potenza che corrisponde alla resistenza fittizia Rr/s . Per il caso particolare della
prova a carico nominale

p, = 3 ■f L • c 2 => p „ = 3 • r ; • c 2 =/sN ■p ,\w


SN V

La velocità nominale della macchina è pari a 960 rpm. quindi il numero di coppie
polari non può che essere pari a($) caso in cui la velocità di sincronismo nominale
sarebbe

60 • fN 60 ■50
n s,N ~ 1000 rpm (giri/min).

Lo scorrimento nominale si calcola immediatamente come


172 Macchina asincrona

s _ ns . N - n r,N 1 0 0 0 - 9 6 0 ^ QCM
N nsN 1000

Le perdite Joule di rotore in condizioni nominali si ottengono dalla potenza


trasmessa e dallo scorrimento nominale

Pjr.N = sN -Pt =0.04-21318 = 853 W

Dal bilancio di potenza applicato al rotore (Figura 115) si calcola immediatamente la


potenza nominale (utile)

PN = Pt - Pjr,N - Pmecc = Pt - Pjr.N - - P ass,o = 21318 - 853 - - • 1100 s 20100 W

(c) Una volta determinata la potenza nominale, la coppia nominale si determina come

Pn N _ 30• Pn _ 30•20100 2QQ


CN= Nm
(0r.N 2n k • nr.N 7i • 960
nr,N '
60

(d) Il rendimento nominale si calcola immediatamente dalla potenza assorbita e dalla


potenza nominale

PN 20100
0.866
% ” Pass,N " 23200

(e) Se si trascura lo scorrimento a vuoto, la velocità di rotazione a vuoto sarà pari alla
velocità di sincronismo. In questo caso, la coppia erogata a vuoto, che corrisponde
alle perdite meccaniche a vuoto, si calcola come

30 • —Pass,0 30 • - -1100
C _p 1mecc mecc 3
o -------- 3.5 Nm
^s.N 2n 7t • nsN Tc-1000
ns,N
60

\
Esercizi di Macchine Elettriche 173

\j 5.5. Esercizio 3

Un motore asincrono trifase con i seguenti dati di targa:

PN = 7.5 kW VsN =380V lsN = 15.8 A


4 poli nr>N=1450 rpm Rs = 0.73Q
rendimento nominale pari a 0.85

presenta i seguenti dati di corto circuito:


Vcc = 80V, Pcc = 1100W, cosmee = 0.5.

Trascurando i parametri legati alla prova a vuoto, calcolare:


a) la coppia di avviamento;
b) lo scorrimento di coppia massima;
c) la coppia massima;
d) il fattore nominale di potenza.

Soluzione

Trascurare i parametri a vuoto significa trascurare i parametri trasversali nel circuito


equivalente monofase, come mostrato nella Figura 116.

Figura 116. Circuito equivalente monofase semplificato del motore asincrono


ottenuto trascurando i parametri trasversali.

(a) Il primo passo è il calcolo dei parametri del circuito equivalente. Nella prova in
cortocircuito (prova a rotore bloccato con corrente assorbita nominale) lo scorrimento
è unitario e quindi

3 • • IgN => R‘CC


Pcc _ 1100 _ 117
OC
3 - l2N 3-15.82

Ree = R 5 +R^ =>Rr = R cc-R r = 1 .4 7 -0 .7 3 = 0.74 f i


174 Macchina asincrona

La reattanza di cortocircuito (reattanza di dispersione totale) si calcola come

Xm= Xfc + Xd, =RCC•tg(<&w) = 1.47 tg(arccos(0.5)]= 2.54 Q

Come già dimostrato nell’Esercizio 1, la coppia di avviamento in condizioni nominali è

V V sN
sN
aw R •Rr’
2 -n -1 N ' (r . + R ' jT + X ^ 1 R?c + Xd,

„ 2 3802 ..
C_,
aw = ----------0.74------ =------- = 79 Nm
2-11-50 1.472 + 2.542

(b) Lo scorrim ento di coppia massima si ottiene dalla condizione di uguaglianza tra la
resistenza fittizia R r/s Cmax e il modulo dell’impedenza a monte R s + jX dt :

—^ ^Cmax ~ 074 — = Q,28


®Cmax VO.732 + 2.542

(c ) La form ula generale della coppia motrice, quando si trascurano i parametri


trasversali, è stata dimostrata nell’Esercizio 1:

R, V2
VS

2-u-f s

La coppia massima si ottiene quando lo scorrimento nella formula precedente è pari


allo scorrimento di coppia massima in condizione di alimentazione nominali

R. VsN
max
2 • u • fN Se max

r 2 074 3802
= 136.3 Nm
max 2 -n-50 0.28 0 7 4 A2
(o.73 + + 2.542
0.28 j
Esercizi di Macchine Elettriche 175

(d) Dalla potenza nominale e dal rendimento nominale si calcola facilmente la


potenza assorbita in condizioni nominali

ass.N Ek = ZE22. = 8824 (W)


' ass.N %, 0.85

La potenza assorbita nominale è calcolata dalla tensione nominale, la corrente


assorbita nominale e dal fattore di potenza in condizioni nominali

^ass,N = V3 • VsN • Ig^ • COS =>

COS<Dn = _. Pass'N---- = ■ ■ 8824------- = 0.848


V3 VsN IsN V3 -380-15.8

i 5.6. Esercizio 4

Un motore asincrono trifase con collegamento a triangolo presenta i seguenti dati


nominali:

PN = 8 kW VsN = 380V 4 poli


50 Hz cos<l>N = 0.85 rendimento nominale0.82
sN = 4.5 %.

Il costruttore indica sulla targa i seguenti dati alla tensione nominale:


coppia di avviamento = 1.2 volte la coppia nominale
coppia massima = 1.8 volte coppia nominale
corrente di avviamento = 5 volte la corrente nominale

Ipotizzando una variazione della coppia con il quadrato della tensione applicata ed
una variazione lineare della corrente con la tensione di alimentazione (a parità di
scorrimento), calcolare:
a) la corrente nominale;
b) la coppia nominale;
c) la coppia di avviamento con collegamento a stella;
d) la coppia massima concollegamento a stella;
e) la corrente di avviamento concollegamento a stella.
176 Macchina asincrona

S o lu z io n e

(a) Per calcolare la corrente nominale bisogna prima determinare la potenza


assorbita a partire dalla potenza nominale (utile) e il rendimento nominale

F ^ = 8000 =9756
ass.N
'ass.N tin 0.82

La corrente nominale si calcola immediatamente come

PaSS.N ‘'/ 3 ■VgN • Igfg • COS Ojg

Pass.N _ 9756 -I? i A


V 3 -V sN •cos<I>N V3 • 380 0.85

(b) La coppia nominale si trova facilmente dalla potenza nominale e dalla velocità
nominale che viene trovata mediante la velocità di sincronismo nominale e lo
scorrimento nominale

CD 2 ' 7t ' f^ 2 - n ■5 0 . r\c% / ■# \


®s,N ~ -------- - = ------------= 157.08 (rad/s)
P p 2

ocy n = cdsN(l - sN) = 157.08 • (l - 0.045) = 150 (rad/s)

8000
= 53.3 (Nm)
®r,N 150

Per risolvere i punti (c),(d) e (e) si usano i legami tra le tensioni (correnti) per i
collegamenti a stella e a triangolo, come mostrato in Figura 117.
Esercizi di Macchine Elettriche 177

* fa s e à

r ^ ?f a s e A
T 1---------r — “
V
O- 1 1
z
1—

o~- r i
z
\

§ § != v
/a = V 3 - / ^ = V 3 - -

Figura 117. Collegamento a triangolo e a stella di un carico trifase equilibrato.

Come si può notare dalla Figura 117, i rapporti delle tensione di fase e delle correnti
di linea assorbite (valori efficaci) per i due casi di collegamento sono:

Vfase.A _ /g~ | a__ o


Vfase.Y ly

(c) Si deve prima trovare la coppia di avviamento con collegamento a triangolo,


usando i dati supplementari di targa:

Caw.A = 1-2 • CN = 1.2 • 53.3 = 63.9 (Nm)

La coppia è proporzionale al quadrato della tensione, quindi la coppia di avviamento


per un collegamento a stella sarà

n (V ^ 63.9
^avv,A v fase,A
=3
aw,A
= 21.3 Nm
aw.Y
Cavv.Y ^ Vfase.Y )

(d) In modo analogo al punto precedente, si deve prima trovare la coppia massima
con collegamento a triangolo, usando i dati supplementari di targa:

c max,A = 1.8 •CN = 1.8 •53.3 = 95.94 Nm

La coppia massima per un collegamento a stella sarà


178 Macchina asincrona

c. (V \
v max,A v fase,A
=3 ^ ^max.A ^ ^ = 32 Nm
^max.Y
^max.Y v Vfase.Y j 3 3

(e) In modo analogo ai punti precedenti, si deve prima trovare la corrente di


avviamento con collegamento a triangolo, usando i dati supplementari di targa:

law,a = 5 • lsN = 5 • 17.4 = 87 A

Come dimostrato nella Figura 117, la corrente di linea assorbita da un carico


collegato a stella è un terzo rispetto alla corrente assorbita dal carico collegato a
triangolo

'aw,A
Iavv,Y “* A
3

5.7, Esercizio 5
u

Un motore asincrono trifase presenta i seguenti dati di targa:

Pn=9 kW V sN=380V IsN=18.3A


50 Hz sN = 3.5 % rendimento nominale 0.85

A vuoto il motore assorbe una corrente pari ad un terzo della corrente nominale ed
una potenza pari al 35% delle perdite totali a pieno carico. Calcolare:

a) La coppia nominale
b) Il fattore di potenza a vuoto
c) Per una frequenza di alimentazione pari a 30 Hz, calcolare la tensione di
alimentazione che determina un funzionamento del motore con flusso al
traferro all’incirca costante
d) Determinare la velocità di rotazione con la condizione di alimentazione
precedente e con carico nominale
Esercizi di Macchine Elettriche 179

S o lu z io n e

(a) La coppia nominale si determina dalla potenza nominale (fornita) e dalla velocità
nominale da calcolare usando la velocità di sincronismo e lo scorrimento nominale

=157.08 rad/s
2

(^, n = ®s,n(1- sn) = 157.08 (1-0.035) = 151.6 rad/s

(b) La potenza attiva assorbita a vuoto è

Pass.O = V 3 • V sN • ls0 • cos <ì>0

Il fattore i potenza a vuoto si può determinare se si calcola la potenza assorbita a


vuoto e la corrente assorbita a vuoto. La potenza assorbita a vuoto è pari a 35%
delle perdite totali a pieno carico, quindi

Pass.o = 0.35 • PdN = 555.9 W

La corrente assorbita a vuoto

ls ° = - |sN = - - 18-3 = 6-1 A

Il fattore di potenza a vuoto si trova immediatamente

cos<D0 = -^ Pass0-----= r 555:9— = 0.138


V3 • VsN • ls0 V 3 -380-6.1

(c) Per mantenere il flusso al traferro all’incirca costante al variare della frequenza
bisogna mantenere costante il rapporto tensione-frequenza (legge di regolazione V/f
= costante)
180 Macchina asincrona

a V«N ^ V» * i 'V ,N^ ' 380 « 228 V


? fN * fN 50

(d) Se la macchina lavora a flusso costante (mantenendo costante il rapporto


tensione-frequen/n), lo caratteristiche coppia-velocità ottenute hanno i tratti compresi
tra coppia nulla e coppia nominale paralleli, come mostrato nella Figura 118.

Figura 118. Caratteristiche coppia-velocità ottenute per una frequenza nominale e


per una frequenza inferiore, mantenendo costante il rapporto tensione-frequenza.

Tratti di caratteristica paralleli implicano il fatto che si ottengono le stesse velocità di


scorrimento a parità di coppia. Come mostrato nella Figura 118, si verifica che

O)SC co,M “ (0rN = 157.08 -151.6 = 5.48 ='cosc = co, - t o r rad/s


t ip | l § f 3 - Mz 4 tv
La velocità di sincronismo per la frequenza di 30 Hz sarà
■ ilH p ^
co 2 - n - n • 2 • n • 30 u > S, ^ a r r - £ s
co, = 94.24 rad/s
PI P / " 2

Di conseguenza, la velocità di rotore desiderata si trova immediatamente come

cor = co, - co,c = (o, - (o,c - 94.24 - 5.48 = 88.76 rad/s


Esercizi di Macchine Eletthche 181

i
Esercizio 6

Un motore asincrono trifase presenta i seguenti dati nominali:

PN = 7.5 kW CN = 49.4 Nm sN = 3.33%


V ,N = 380V Un = 15.5° 50 Hz
4 poli rendimento nominale 0.84

Inoltre, la targa della macchina indica:


coppia di avviamento = 2.5 volte la coppia nominale
corrente di avviamento = 7.2 volte la corrente nominale
corrente assorbita a vuoto = 42% della corrente nominale

Si considera il circuito equivalente monofase semplificato mostrato nella Figura 119.


Rispetto al circuito equivalente monofase convenzionale, è stata trascurata la
resistenza di perdite nel ferro e l’impedenza di statore è stata spostata a valle della
reattanza di magnetizzazione.

Rs %ds ^ dr //

Vs_
V3

o-
Figura 119. Circuito equivalente monofase semplificato della macchina asincrona.

Trascurando le perdite meccaniche e nel ferro e inoltre la corrente di


magnetizzazione allo spunto, calcolare:

a) La reattanza di magnetizzazione
b) La reattanza di dispersione totale
c) La resistenza di statore e la resistenza di rotore
182 Macchina asincrona

Soluzione

(a) Trascurando la corrente di rotore a vuoto, il circuito equivalente semplificato a


vuoto è mostrato nella Figura 120.

/so V =0

Ji
V3

Figura 120. Circuito equivalente monofase semplificato della macchina asincrona a


vuoto considerando solamente la reattanza di magnetizzazione.

A vuoto, l’unica impedenza vista dall’alimentazione è la reattanza di


magnetizzazione:

VsN ___ ______ L _____380_____= 337 Q


V 3 l s0 V3 • 0.42 • lsN a/3 0.42 -15.5

(b) Per trovare la reattanza di dispersione totale bisogna considerare il bilancio di


potenza della macchina in condizioni di funzionamento nominali, come mostrato nella
Figura 121.

sN Rs X ds X dr l rN
♦ o- vV V V ^W —
t P.assN m P’ = PassN
Qn Q' Qn - Qm Rr
m
SN $'
V3

Figura 121. Circuito equivalente monofase semplificato della macchina asincrona


evidenziando le potenze attiva, reattiva e apparente.
Esercizi di Macchine Elettriche 183

La potenza assorbita nominale si trova facilmente dalla potenza nominale (utile) e il


rendimento in condizioni nominali:

Pn Pn
n n 1 P ^ P
1 ass,N ^ ^ = 8929 W
1 ass,N tÌN 0.84
La potenza apparente nominale e la potenza reattiva nominale sono

Sn = >/3 - VsN • lsN = yfz ■380 -15.5 = 10202 VA

° n = >/S N - PassN = V102022 -8 9 2 9 2 = 4935 VAR

La reattanza di magnetizzazione modifica la potenza reattiva, mentre la potenza


attiva rimane invariata.
fw
v sN
V3
Q —Qn 1 Qm —Qn ~ 3 = Qn - ^ = 4935 ^ ^ - = 650 VAR
Xm km 33.7

S = ^P£ss,n + Q’2 = a/89292 + 6502 = 8953 VA

La corrente di rotore si calcola immediatamente dalla potenza apparente

s'
S —3/3 - VsN *lr ®?52- = 13.6 a
V 3 -V sN V 3 -380

La potenza reattiva assorbita Q’ corrisponde alla reattanza di dispersione totale


percorsa dalla corrente lr N

Q
Q =3 X - “ “ * -1 .1 7 l i
3
0 • I*r.N
2 3-13.62

(c) E’ necessario trovare una modalità per ottenere separatamente Rs e R’r . La


resistenza di rotore si può trovare dalla condizione di avviamento (l’esercizio trascura
la corrente di magnetizzazione all’avviamento, quindi lsaw 1 l'raw )

= 2 .5 Cn = 2.5-49.4 = 123.5 Nm

[sra w = Caw i 7 .2 1fsN = 7.2 • 15.5 = 111.6 A


84 Macchina asincrona

Considerando l’espressione generica della coppia di awiamento

C - f t - P • 3 • Rr • Law
u aw ~~
(Ù. co

R’ = m ,c aw = 2 • n •f • c aw = 2 • n • 50 • 123.5 = o 52 Q
r 3 p i; jw 3 p i;|w 3 2 -111.62

La resistenza di statore lai ottiene considerando che, in condizioni nominali, la


potenza assorbita corrisponde alla resistenza totale Rs + Rr/s N (vedi Figura 121)

Rr ' '2 ' ass.N R. 8929 0.52


ass.N = 3- R- + —- r.N Rs = 3 .i'2
= 0.48 Ci
SN ó t,N 'N 3 • 13.62 0.0333

\] | 5.9. Esercizio 7

Un motore asincrono trifase con rotore avvolto presenta i seguenti dati di targa e
parametri del circuito equivalente:

PN = 150 kW VsN = 400V 4 poli 50Hz


Rs = 0.01 Q R’r = 0 .0 1 ia Xds = 0.06 Q X ’dr = 0.068 CI
Xm = 2.5 CI RFe = 49.5 H

Determinare: (\\ml\vlWro
a) la coppia r^a^§ima (trascurando i parametri trasversali)
b) il fattore di potenza a vuoto
c) la resistenza di avviamento (riportata allo statore) da inserire in serie con il
rotore per ottenere una coppia di avviamento pari alla coppia massima.
Esercizi di Macchine Elettriche 185

Soluzione

(a) Il circuito equivalente della macchina trascurando i param etri tra sve rsa li è
mostrato nella Figura 122.

Figura 122. Circuito equivalente semplificato del m otore asincrono


ottenuto trascurando i parametri trasversali.

(a) La coppia di avviamento in condizioni nominali è la potenza trasm essa d ivisa con
la velocità di sincronismo nominale (s=1)

P. rV VsN _ .P. o r' ________ VsN________


' ( r 5 + r ; M x „ + x J

400
n _ ___ 0.011 - = 665.9 Nm
w aVV o _ rn
2 • 7T• 50 0.0212 + 0.1282

(b) Il circuito equivalente monofase semplificato a vuoto è mostrato nella Figura 123.

Aso

Figura 123. Circuito equivalente monofase sem plificato a vuoto.


186 Macchina asincrona

In assenza di informazioni relative al bilancio di potenza, il fattore di potenza si può


calcolare come il coseno dell’argomento dell’impedenza totale a vuoto vista ai
morsetti di alimentazione:
49.5 j -2.5
4 tO ^s + Z q = R S + j X ds + ^Fe ' Ì \ n = 0.01 + j 0.06 + = 0.136 + j2.553 Q
^Fe 1" ì \ n 49.5 + j -2. 5

4-0 = ZZ,0 = a r c t s / | ~ | J = 86.95 «

cos 0 O= cos(86.95) = 0.053

(c) L’inserimento di una resistenza in serie con il rotore ha come risultato un aumento
dello scorrimento di coppia massima, mentre la velocità di sincronismo e la coppia
massima rimangono invariate. Aumentando in modo opportuno la resistenza totale di
rotore, la coppia di avviamento può diventare pari alla coppia massima, come
mostrato nella Figura 124.
C(Nm)

Figura 124. Caratteristica coppia-velocità nominale e caratteristica coppia-velocità di


avviamento, ottenuta con una resistenza di avviamento supplementare R’aw per
ottenere una coppia di avviamento pari alla coppia massima.

A ll’avviamento, lo scorrimento è pari a 1. Per avere la coppia di avviam ento pari alla
coppia massima, bisogna impostare la condizione di avere uno scorrim ento di coppia
massima pari all’unità:

i
s Cmax

Raw =V o.012+ 0.1282 -0.011 = 0.118 n