Sei sulla pagina 1di 2

EPIDEMIOLOGIA VETERINARIA

1. Come si calcola sensibilità e specificità?

2. Soglia di Kendall

3. Presenza infezione malattia

4. Malattia endemica, sporadica, epidemia, pandemia

5. Causa necessaria e sufficiente

6. Moda, media, mediana non influente?

7. Postulati di Evans-Koch
Secondo i postulati di Henle-Koch per essere ritenuto causa della malattia, l’agente deve:
(1) Essere presente in tutti i casi di quella malattia
(2) Non essere presente in altre malattie né in individui sani
(3) Essere isolato in coltura pura dai tessuti colpiti
(4) Riprodurre quella malattia se inoculato sperimentalmente ad un ospite recettivo
Questi postulati però presentano un limite che è quello di non considerare le malattie
multifattoriali né il fatto che alcuni agenti possono essere causa di diverse malattie, in più non si
tiene conto di altri fattori determinanti che agiscono di concerto con l’agente;
i postulati di Evans sono un insieme di 9 o 10 criteri, ciascuno dei quali contribuisce in una certa
misura alla dimostrazione dell’esistenza di un rapporto causa-effetto fra un presunto determinante
e la comparsa di una malattia. Riassumendo abbiamo in 7:
(1) L’incidenza o la prevalenza dovrebbero essere più elevate negli esposti che nei non-esposti
(2) L’esposizione dovrebbe essere più comune negli ammalati che nei sani
(3) L’esposizione dovrebbe precedere la malattia
(4) L’ospite esposto dovrebbe reagire con uno spettro di risposte misurabili
(5) La rimozione dell’esposizione dovrebbe indurre una diminuzione della frequenza della malattia
(6) La prevenzione o la modifica della risposta dell’ospite dovrebbero ridurre o eliminare la
malattia
(7) La malattia dovrebbe essere riproducibile in condizione sperimentali
I postulati di Evans servono da linea guida per lo stabilire rapporto di causa-effeto, ma non sono
fissi;
8. Test retrospettivi
Negli studi retrospettivi lo sperimentatore inizia raccogliendo i cosiddetti “casi”, ossia gli individui
che presentano la malattia in studio. Viene anche scelto un adatto gruppo di paragone, detto
controllo, che comprenderà individui sani. Quindi all’inizio dello studio, l’evento esposizione e
l’evento malattia sono già avvenuti. Si inizia selezionando dalla popolazione un campione di
ammalati e un campione di non ammalati; quindi attraverso l’anamnesi si stabilisce quanti casi
sono stati esposti e quanti controlli sono stati esposti; infine si verifica se l’esposizione è avvenuta
più frequentemente nei casi o nei controlli.
9. Confondimento

10. Test in Successione

11. Es CR

12. Stadi evolutivi della malattia

13. EBM