Sei sulla pagina 1di 48

Casi di prova per la validazione del software di

calcolo strutturale Sismicad versione 12.14

Elementi di fondazione

Concrete s.r.l. Aprile 2019


Copyright © 2019 by Concrete s.r.l.
Tutti i diritti riservati a norma di legge.
Indice

1  Plinto superficiale in TA ........................................................................................................................4 


1.1  Scopo dell’esempio ............................................................................................................................4 
1.2  File associati all’esempio ....................................................................................................................4 
1.3  Descrizione del plinto .........................................................................................................................4 
1.4  Verifica strutturale del plinto ...............................................................................................................6 
1.5  Verifiche geotecniche del suolo ..........................................................................................................9 
1.6  Riepilogo dei risultati ........................................................................................................................11 
2  Plinto superficiale con bicchiere in D.M. 2018 ..................................................................................12 
2.1  Scopo dell’esempio ..........................................................................................................................12 
2.2  File associati all’esempio ..................................................................................................................12 
2.3  Descrizione del plinto .......................................................................................................................12 
2.4  Verifica della suola di fondazione .....................................................................................................14 
2.5  Verifiche del bicchiere ......................................................................................................................16 
2.6  Riepilogo dei risultati ........................................................................................................................18 
3  Palo di fondazione in D.M. 2018..........................................................................................................20 
3.1  Scopo dell’esempio ..........................................................................................................................20 
3.2  File associati all’esempio ..................................................................................................................20 
3.3  Descrizione del palo .........................................................................................................................20 
3.4  Relazione di calcolo prodotta dal Sismicad ......................................................................................23 
3.5  Verifica strutturale del palo ...............................................................................................................24 
3.6  Verifiche geotecniche del suolo ........................................................................................................29 
3.7  Riepilogo dei risultati ........................................................................................................................33 
3.8  Bibliografia ........................................................................................................................................33 
4  Gruppi di pali di fondazione in D.M. 2018 ..........................................................................................34 
4.1  Scopo dell’esempio ..........................................................................................................................34 
4.2  File associati all’esempio ..................................................................................................................34 
4.3  Descrizione della palificata ...............................................................................................................34 
4.4  Relazione di calcolo prodotta dal Sismicad ......................................................................................36 
4.5  Verifica strutturale del palo ...............................................................................................................38 
4.6  Verifiche geotecniche del suolo ........................................................................................................38 
4.7  Riepilogo dei risultati ........................................................................................................................41 
5  Valutazione dei cedimenti dei pali ......................................................................................................43 
5.1  Scopo dell’esempio ..........................................................................................................................43 
5.2  File associati all’esempio ..................................................................................................................43 
5.3  Descrizione della fondazione............................................................................................................43 
5.4  Descrizione del modello ...................................................................................................................44 
5.5  Riepilogo dei risultati ........................................................................................................................45 
6  Valutazione dei cedimenti di consolidazione ....................................................................................46 
6.1  Scopo dell’esempio ..........................................................................................................................46 
6.2  File associati all’esempio ..................................................................................................................46 
6.3  Descrizione della fondazione............................................................................................................46 
6.4  Riepilogo dei risultati ........................................................................................................................48 
1 Plinto superficiale in TA

1.1 SCOPO DELL’ESEMPIO


Con il seguente esempio ci si prefigge di controllare le seguenti caratteristiche del programma:
• pressioni sul terreno massime e minime;
• valutazione delle sollecitazioni nelle sezioni di verifica a filo pilastro;
• verifica delle sezioni in c.a.
• verifiche geotecniche di scorrimento e portanza
• valutazione cedimenti

1.2 FILE ASSOCIATI ALL’ESEMPIO


La commessa di Sismicad 12 relativa a questa struttura è ‘Plinto superficiale in TA’, presente nella
cartella “..\Documenti\Concrete\Sismicad 12.xx\Esempi\Casi validazione\6 - Fondazioni” del profilo
utente.

1.3 DESCRIZIONE DEL PLINTO


Si vuole verificare un plinto rettangolare superficiale di dimensioni 200 x 200 cm e di spessore pari
45 cm. Il pilastro che spicca dal plinto ha sezione 40 x 40.

Il pilastro trasmette alla base uno sforzo normale di 80500 daN, un taglio pari a 10000 daN ed un
1 Plinto superficiale in TA Sismicad 12.13 – Validazione

momento pari a 1550000; avendo richiesto nelle preferenze del suolo delle fondazioni superficiali la
traslazione della sollecitazione sul piano di posa e sommando il peso proprio del plinto stesso:
peso proprio = 200 · 200 · 45 · 0.0025 = 4500 daN
abbiamo una risultante al suolo pari a:

N = 85000 daN
Ty = 10000 daN
Mx = 2000000 daN·cm

Armiamo il plinto con la proposta di armatura seguente:

5
Sismicad 12.13 – Validazione 1.4 Verifica strutturale del plinto

1.4 VERIFICA STRUTTURALE DEL PLINTO


Si ricavano come prima cosa le pressioni al suolo, successivamente si conducono le verifiche a
flessione della suola, nelle sezioni A ed A’ in entrambe le direzioni.

A' A

1.4.1 Calcolo manuale

Pressioni sul terreno.

L’eccentricità al suolo è pari a:


M 2000000
e= = =
N 80500+ 4500 23.53 cm
l ' = l − 2 ⋅ e = 200 − 2 ⋅ 23 .53 = 152.94 cm
6
1 Plinto superficiale in TA Sismicad 12.13 – Validazione

Per calcolare le tensioni utilizziamo la formula


N M
σ max,min = ±
A W
Dove A = l = 40000 cm2
2

h Bh 3 2 Bh 2 l 3
e w= J = ⋅ = = = 1333333 cm3
2 12 h 6 6
80500+ 4500 2000000
σ max,min = ± = 2.125 ± 1.5 = 3.625e 0.625daN/cm2
40000 1333333
Verifica sezione a filo pilastro parallela ad X
σ max − σ min
σ A, A ' = x + σ min
l
dove per la sezione A x = 120 cm mentre per la sezione A’ x = 80 cm.
3.625 − 0.625
σ A, A' = x + 0.625 = 2.425 e 1.825 daN/cm2
2
⎡ x x x⎤
M A' = ⎢(σ A' − σ min ) ⋅ ⋅ + σ min ⋅ x ⋅ ⎥ ⋅ l
⎣ 2 3 2⎦
⎡ 80 80 80 ⎤
M A' = ⎢(1.825 − 0.625) ⋅ ⋅ + 0.625 ⋅ 80 ⋅ ⎥ ⋅ 200
⎣ 2 3 2⎦ =656000 daNcm
⎡ x x x⎤
M A = ⎢(σ A ⋅ x ⋅ + (σ max − σ A ) ⋅ ⋅ 2 ⋅ ⎥ ⋅ l
⎣ 2 2 3⎦
⎡ 80 80 80 ⎤
M A = ⎢(2.425 ⋅ 80 ⋅ + (3.625 − 2.425) ⋅ ⋅ 2 ⋅ ⎥ ⋅ 200 =
⎣ 2 2 3⎦ 2064000 daNcm
La verifica verrà quindi effettuata nella sezione A.
M Psuola = 200 ⋅ 80 ⋅ 45 ⋅ 0.0025 ⋅ 40 = 72000 daNcm
Mverifica= 2064000 – 72000 = 1992000 daNcm

Utilizzando la formula (1.1) tratta da Giovanni Falchi Delitala, Calcolo delle sezioni in cemento
armato, Ed Hoepli:
Calcolo dell’asse neutro della sezione 30x40.
x = ii (-1 + (1+(2ka /ii))1/2)
A1 = Area acciaio tesa = 25.45 cm2 (10Ø18)
A2 = Area acciaio compressa = 4.52 cm2 (4Ø12)
C1 = 4 cm
C2 = 4 cm
d = 41 cm
i1 = (n (A1 + A2))/b = 15·(25.45+4.52)/200=2.24775 cm
ka = (A1 d + A2 C2)/(A1 + A2) =(25.45·41+4.52·4)/(25.45+4.52)=35.42
x =2.24775 (-1 + (1+(2·35.42 /2.24775))1/2)
x = distanza dell’asse neutro dal bordo compresso = 10.5695 cm

J = bx3 / 3 + n A1 (d – x)2 + n A2 (x – C2)2


J = 200·10.56953/ 3 + 15·25.45·(41– 10.5695)2 + 15·4.52·(10.5695 – 4)2=435150.128 cm3

Utilizzando i valori di x e di J è possibile calcolare i valori delle tensioni nel cls e nell’acciaio:
σc = M x / J = 1992000·10.5695/435150.128=-48.38 daN/cmq
σf = n M (d – x)/J = 15·1992000·(41-10.5695)/ 435150.128= 2089.54 daN/cmq
σ’f = (48.38 · (10.5695-4) / 10.5695) · 15= 451.06 daN/cmq

Verifica della sezione a filo pilastro parallela ad Y


l x 200 80
M B = M B' = (σ max + σ min ) ⋅ ⋅ x ⋅ = (3.625 + 0.625) ⋅ ⋅ 80 ⋅ =
2 2 2 2 1360000 daNcm
7
Sismicad 12.13 – Validazione 1.4 Verifica strutturale del plinto

Mverifica= 1360000 – 72000 = 1288000 daNcm


x = ii (-1 + (1+(2ka /ii))1/2)
A1 = Area acciaio tesa = 15.27 cm2 (6Ø18)
A2 = Area acciaio compressa = 4.52 cm2 (4Ø12)
C1 = 4 cm
C2 = 4 cm
d = 41 cm
i1 = (n (A1 + A2))/b = 15·(15.27+4.52)/200=1.48425 cm
ka = (A1 d + A2 C2)/(A1 + A2) =(15.27·41+4.52·4)/(15.27+4.52)=32.549
x =1.48425 (-1 + (1+(2·32.549 /1.48425))1/2)
x = distanza dell’asse neutro dal bordo compresso = 8.4568 cm

J = bx3 / 3 + n A1 (d – x)2 + n A2 (x – C2)2


J = 200·8. 45683/ 3 + 15·15.27·(41– 8. 4568)2 + 15·4.52·(8. 4568 – 4)2=284244.9722 cm3

Utilizzando i valori di x e di J è possibile calcolare i valori delle tensioni nel cls e nell’acciaio:
σc = M x / J = 1288000·8.4568/284244.9722=-38.32 daN/cmq
σf = n M (d – x)/J = 15·1288000·(41-8.4568)/ 284244.9722= 2211.95 daN/cmq
σ’f = (38.32 · (8.4568-4) / 8.4568) · 15= 302.92 daN/cmq

1.4.2 Calcolo automatico


Si riportano di seguito i risultati forniti dal programma:
PRESSIONI RAGGIUNTE SUL TERRENO
comb. st max st min st verifica
UN 1 -0.62 -3.63 -4

VERIFICHE DELLA SUOLA


Superficie su cui è valutata la pressione del suolo: rettangolare a filo pilastro
Non sono state richieste le verifiche a taglio della suola
armatura inferiore in direzione X 6 diam.18 armatura superiore in direzione X 4 diam.12
armatura inferiore in direzione Y 10 diam.18 armatura superiore in direzione Y 4 diam.12

Famiglia di combinazioni Famiglia "Famiglia Unica"


Tensioni ammissibili: sigmac amm. 97.5 sigmaf amm. 2550 tau amm. 6
Coefficiente di sicurezza minimo a flessione 1.13
desc. tipo sez. comb. M sigmac sigmaf
norm.X- filo pil. UN 1 1288000 -38.9 2266.4
norm.X+ filo pil. UN 1 1288000 -38.9 2266.4
norm.Y+ filo pil. UN 1 1992000 -53.7 2251.1
norm.Y- filo pil. UN 1 584000 -15.8 660

VERIFICHE GEOTECNICHE DI SCORRIMENTO E CAPACITA' PORTANTE


VERIFICA DI SCORRIMENTO
Famiglia di combinazioni Famiglia "Famiglia Unica"
Coefficiente di sicurezza minimo a scorrimento 2.97
comb. Azione Azione Condizione Adesione Attrito Laterale GammaR Rd Ed Rd/Ed
orizzontale verticale
UN 1 10000 -85000 LT 0 24 3.89 1.3 29710 10000 2.97

VERIFICA DI CAPACITA' PORTANTE


Famiglia di combinazioni Famiglia "Famiglia Unica"
Coefficiente di sicurezza minimo per portanza 1.05
comb. Fx Fy Fz Mx My ex ey B' L' Condizione Attrito Peso Sovraccarico Amax GammaR Rd Ed Rd/Ed
UN 1 0 10000 - - 0 0 -24 153 200 LT 36 0.00195 0.09 0 3 89417 85000 1.05
85000 2000000

Fattori di capacità portante in Famiglia "Famiglia Unica"


Nq Nc Ng Sq Sc Sg Dq Dc Dg Iq Ic Ig Pq Pc Pg Eq Ec Eg
38 51 56 1.56 1.57 0.69 1.06 1.09 1 0.82 0.82 0.73 1 1 1 1 1 1

1.4.3 Calcolo cedimenti fondazioni


Si riporta un estratto della relazione di calcolo di Sismicad:

Nodo Spostamento nodale massimo Cedimento elastico Cedimento edometrico


Ind. Cont. uz Press. Cont. v. Cont. v.

8
1 Plinto superficiale in TA Sismicad 12.13 – Validazione

Nodo Spostamento nodale massimo Cedimento elastico Cedimento edometrico


Ind. Cont. uz Press. Cont. v. Cont. v.
14 UN 1 -1.49462 -2.125 UN 1 1.05993

1.5 VERIFICHE GEOTECNICHE DEL SUOLO

1.5.1 Verifica allo scorrimento della fondazione

Si esegue la verifica su una superficie di scorrimento coincidente con la parte inferiore della
fondazione.
Il terreno dichiarato in fondazione e sovrastante il piano di posa ha attrito all’interfaccia delta = 24°
(2/3 phi); come parametri di resistenza si considera quindi un coefficiente di attrito μ = 0.445 per
l’attrito terreno-fondazione e si considera il 50% della resistenza passiva laterale.

Lo sforzo sul piano di posa vale:


N = 85000 daN; T = 10000 daN

Le forze stabilizzanti di progetto risultano quindi:


Ra = μ / γM(attrito) · N = 0.445/1·85000 = 37844 daN; Rc = 0
⎛ φ⎞
k p = tg 2 ⎜ 45o + ⎟ = 3.85
⎝ 2⎠
Rp = 0.5·γsoil·h2·kp·L = 0.5·0.00195·452·3.85·200 = 1520 daN
Rd = (Ra + Rc + Rp·Coeff%) / γR(scorrimento) = (37844 + 1520·0.5) / 1.3 = 29695 daN

Il coefficiente di sicurezza conseguente vale:


FSs = Rd / Ed = 2.97 (> 1 verificato)

1.5.2 Verifica al carico limite della fondazione

La verifica al carico limite viene condotta sulla base della teoria di Vesic, la cui formula generalizzata
fornisce la capacità portante limite del terreno sui cui appoggia la fondazione. La portanza unitaria
limite (come pressione) è espressa da questa equazione:

qlim = 0.5 γt B (Nγ·Sγ·Iγ·Gγ) + Ct (Nc·Sc·Ic·Dc·Gc) + Qt (Nq·Sq·Iq·Dq·Gq)

Il carico limite per la fondazione in oggetto è quindi:


Qlim = B·L·qlim

Nelle espressioni testè riportate ed in quelle seguenti si devono intendere:


B = larghezza efficace della fondazione
L = lunghezza efficace della fondazione
Lf, Bf = dimensioni geometriche della fondazione
D = profondità minima del piano di posa della fondazione
T = componente orizzontale del carico trasmesso sul piano di posa della fondazione
N = componente verticale del carico trasmesso sul piano di posa della fondazione
φ = angolo di attrito dello strato di fondazione
ca = aderenza alla base della fondazione, prodotto di coesione per coeff. di adesione
η = inclinazione del piano di posa della fondazione sull’orizzontale (η = 0 se orizzontale)
β = inclinazione del pendio fuori dalla fondazione

Il carico applicato alla fondazione è contemporaneamente inclinato ed eccentrico; si trovano le


sollecitazioni normali e tangenziali al piano di posa:
N = 85000 daN
T = 10000 daN
M = 2000000 daN·cm
Inclinazione = ArcTan(T/N) = 6.7°
Eccentricità di carico: e = ⏐M⏐ / N = 23.53 cm
I parametri di calcolo sono quindi:
B = Bf - 2e = 200-2·23.53 = 152.9 cm

9
Sismicad 12.13 – Validazione 1.5 Verifiche geotecniche del suolo

L = Lf = 200 cm
D = 45 cm (terreno all’estradosso della suola)
I parametri di resistenza del terreno sono:
peso specifico di progetto del suolo γ = 1950 daN/m3
angolo di attrito φd=36°

Gli altri termini sono dei coefficienti calcolati come segue:


B
D 2+
k= = 45/200 = 0.225; m = L = 1.567
Bf B
1+
L
- fattori di capacità portante (per φd=36°):
⎛ φ⎞
( ) ( )
N q = tg 2 ⎜ 45 o + ⎟ ⋅ e (π ⋅tgϕ ) = 37.75; N c = N q − 1 ⋅ ctgφ = 50.6; Nγ = 2 ⋅ N q + 1 ⋅ tgφ = 56.3
⎝ 2⎠
- fattori di forma (B=153 cm; L = 200 cm):
B Nq B B
sc = 1 + ⋅ = 1.57; sq =1 + ⋅ tgφ = 1.56; sγ = 1 − 0.4 ⋅ = 0.694
L Nc L L
- fattori di profondità (D = 45 cm; Bf=200 cm):
d c = 1 + 0.4 ⋅ k = 1.09; d q = 1 + 2 ⋅ k ⋅ tgφ ⋅ (1 − sin φ )2 = 1.055; dγ = 1
- fattori di inclinazione della risultante (H=10000; V=85000):
1 − iq
m
⎛ H ⎞
ic = i q − iq = ⎜⎜1 − ⎟⎟
Nq −1
= 0.817; ⎝ V + B ⋅ L ⋅ c a ⋅ ctg φ ⎠ = 0.822;
m +1
⎛ H ⎞
iγ = ⎜⎜1 − ⎟⎟
⎝ V + B ⋅ L ⋅ c a ⋅ ctg φ ⎠ = 0.725

In questo caso non ci sono fattori di inclinazione del piano di posa della fondazione e del piano di
campagna.

Con tali coefficienti si ha:


sovraccarico qt = 0.00195·45 = 0.08775 daN/cm2
qlim = 0.5·γt·B·Nγ·sγ·iγ + qt·Nq·dq·sq·iq =
0.5·0.00195·152.9·56.3·0.694·0.725 + 0.08775·37.75·1.055·1.56·0.822 = 4.223 + 4.481 = 8.704
daN/cm2

Qlim = q BL = 266046 daN (carico limite del plinto)

Di conseguenza il coefficiente di sicurezza vale


Rd = Qlim / γcp = 88682 daN/cm
Ed = V = 85000 daN/cm
FScp = Rd / Ed = 1.04 (> 1 verificato)

1.5.3 Valutazione dei cedimenti teorici della fondazione


Il plinto viene discretizzato nel modello mediante 25 punti di appoggio; il programma valuta il
cedimento teorico sulle verticali passanti per tali nodi, tenendo conto dell’influenza reciproca di tutti i
punti caricati.
I punti, essendo soggetti a compressioni diverse, non avranno il medesimo cedimento; tuttavia, vista
la linearità considerata nella diffusione delle tensioni e la simmetria del plinto, il cedimento nel punto
centrale deve risultare coincidente con quello di un plinto soggetto al medesimo carico centrato.
Si calcola quindi con procedimento manuale il cedimento elastico teorico del seguente plinto:
Area quadrata B = L = 200 cm
Pressione uniforme q = 85000/2002 = 2.125 daN/cm2
Peso specifico del suolo γ = 1950 daN/m3
Modulo elastico per cedimento E = 400 daN/cm2

10
1 Plinto superficiale in TA Sismicad 12.13 – Validazione

Si spinge il calcolo fino alla profondità max di 8 m, su 4 suddivisioni da 200 cm ciascuna. Il


cedimento è determinato dall’incremento di tensione verticale efficace, valutata nel punto medio
dello strato; l’entità per il singolo strato è dato quindi dal rapporto δH = H · δσ / E.
Si riporta in tabella il calcolo analitico condotto sui 4 strati, dove si sono usati i seguenti simboli:

H = spessore dello strato di calcolo


d = distanza dal piano di posa al centro dello strato
γ = peso specifico del suolo
σV’ = tensione verticale efficace
d/B = rapporto di profondità
I = fattore di influenza, ricavato da abaco delle tensioni (alla Boussinesq) sotto fondazioni quadrate
ΔσV’ = incremento di tensione verticale efficace causato dai carichi
ΔΗ = cedimento elastico dello strato

Strato H d σv’ d/B Δσv’


sovraccarico 45 - 0.00195 0.088*
1 200 100 0.00195 0.283 0.5 0.7 1.488 0.744
2 200 300 0.00195 0.673 1.5 0.19 0.404 0.202
3 200 500 0.00195 1.063 2.5 0.07 0.149 0.074
4 200 700 0.00195 1.453 3.5 0.04 0.085 0.043
* valore alla base dello strato sovrastante il piano di posa Totale 1.06

1.6 RIEPILOGO DEI RISULTATI


Con il programma Sismicad si sono ottenuti i risultati riportati di seguito:

Sismicad Analitico Scarto


Momento di verifica sezione par Y 1288000 daNcm 1288000 daNcm 0.0%
2 2
σc 38.9 daN/cm 38.32 daN/cm 1.5%
2 2
σf 2266.4 daN/cm 2211.96 daN/cm 2.4 %
Pressione max -3.63 daN -3.625 daN 0.0 %
Pressione min -0.62 daN -0.625 daN 0.0%
Carico limite di progetto del plinto 89417 daN 88682 daN 0.9%
Resistenza a scorrimento 29710 daN 29695 daN 0.05%
Cedimento nel punto centrale 1.06 cm 1.06 cm 0.0%

11
2 Plinto superficiale con bicchiere in D.M. 2018

E’ stata condotta una verifica per controllare la correttezza dei risultati di Sismicad.
A questo scopo, si è deciso di studiare un plinto superficiale risolvendolo sia con Sismicad sia con
metodi di calcolo manuali.
Si adotta il metodo in SL secondo il D.M. 17/01/2018 (NTC), con Rck=300 daN/cm2 e fyk=4500
daN/cm2.

2.1 SCOPO DELL’ESEMPIO


Con il seguente esempio ci si prefigge di controllare le seguenti caratteristiche del programma:
• calcolo dei momenti di verifica;
• verifica a pressoflessione della suola di fondazione;
• verifica a tensoflessione della parete del bicchiere;
• verifica funzionamento verticale a biella della parete del bicchiere.

2.2 FILE ASSOCIATI ALL’ESEMPIO


L’esempio è riferito alla commessa denominata “Plinto superficiale DM2018”, presente nella cartella
“..\Documenti\Concrete\Sismicad 12.xx\Esempi\Casi validazione\6 - Fondazioni” del profilo utente.
Per il controllo della verifica a presso flessione di una sezione in c.a. si utilizza un altro software
Concrete, Presfle+.
Il file relativo alla verifica di tale sezione è:
- “Presfle sezione inflessa a filo pilastro.flx”
Per il controllo della verifica della parete del bicchiere il file relativo è:
- “Presfle sezione tensoinflessa parete bicchiere.flx”
I file di Presfle+ sono contenuti nella medesima cartella contenente la commessa.

2.3 DESCRIZIONE DEL PLINTO


Dimensioni del plinto superficiale e del bicchiere
Si considera il plinto superficiale con bicchiere avente le dimensioni visualizzate nell’immagine
seguente:
2 Plinto superficiale con bicchiere in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Pilastro rettangolare 30x30 cm


Dado 80x80x80 cm
Foro bicchiere 40x40 cm, profondità 80 cm
Suola 200x200 cm, h=80 cm
Materiale plinto C25/30 con Rck 300, classe di esposizione X0, armature B450C

Carichi del plinto


I carichi gravanti sul plinto, assegnati mediante un carico concentrato posto in sommità del bicchiere,
sono i seguenti:

Viene definita una sola combinazione per la verifica SLU, assegnando un coeff. parziale sui pesi
strutturali pari a 1.3 (per il peso proprio del plinto), unitario in tutti gli altri casi.

13
Sismicad 12.13 – Validazione 2.4 Verifica della suola di fondazione

2.4 VERIFICA DELLA SUOLA DI FONDAZIONE


Pressioni al suolo
Con le sollecitazioni di calcolo trasmesse dal pilastro e con l’effetto del peso proprio valutabile come

p = (2 · 2 · 0.8 + 0.8 · 0.8 · 0.8) · 2500· 1.3 = 12064 daN

si ottengono i seguenti valori di tensione sul terreno (solo utilizzati per il calcolo delle sollecitazioni
agenti per le sezioni in c.a. e non per la verifica della pressione di contatto):

σtmax = (NP / A) + M / (bh2 / 6) = (12064 / (200 · 200)) + 360000 / (200 · 2002 / 6) = 1.3216 daN/cm²
σtmin = (NP / A) - M / (bh2 / 6) = (12064 / (200 · 200)) - 360000 / (200 · 2002 / 6) = 0.7816 daN/cm²

Sollecitazioni agenti
Si scelga come modalità di calcolo per la flessione quella riportata in figura, ove la verifica viene
condotta in asse al pilastro.

In tal modo si ottengono i seguenti momenti di verifica:


Momento da peso proprio suola
Mpp = (b·b/2·hsuola·b/4 + d·d/2·hdado·d/4)·0.0025·1.3 = 276640 daNcm
Sezione in asse al pilastro parallela ad X
Msd = [(σmid·b/2)·b/4 + (σmax - σmid)·(b/2)(1/2)(2/3)(b/2)]·h – MPP = 955360 daNcm
Sezione in asse al pilastro parallela ad Y=
Msd = (σmid ·b/2)·b/4·h – MPP = 775360 daNcm
Armatura della suola
Si fissino rispettivamente a 4 e a 3 cm i copriferri in fondazione e del bicchiere. Il plinto viene armato
con 4∅12 superiori e 8∅12 inferiori, in ambedue le direzioni (assi X,Y).

14
2 Plinto superficiale con bicchiere in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Verifiche della suola


Valutiamo la sezione a filo pilastro, che è a T rovescio.
Si hanno i seguenti parametri di sollecitazione:
M = 955106 daN cm (usiamo il valore trovato dal programma)
N = 0 daN

Il calcolo del dominio di resistenza è stato condotto con il programma PresFle.


I risultati riportati di seguito sono visibili anche nell’immagine della schermata riportata sotto.
Dal calcolo risulta un coeff. di sicurezza di 7.08 ed un momento ultimo di 6762048 daN cm.

Il programma Sismicad ha fornito i seguenti risultati:


Famiglia "Limite ultimo"
Si stampano le 5 situazioni più gravose per tipo di verifica
Coefficiente di sicurezza minimo a flessione 7.06

15
Sismicad 12.13 – Validazione 2.5 Verifiche del bicchiere

Desc. Tipo sez. Comb. M Mu Verifica


norm.Y- asse pil. SLU 1 955106 6744975 Si
norm.Y- filo ris. SLU 1 362789 2577510 Si
norm.X+ asse pil. SLU 1 775106 6765188 Si
norm.X- asse pil. SLU 1 775106 6765188 Si
norm.X+ filo ris. SLU 1 285029 2613652 Si

2.5 VERIFICHE DEL BICCHIERE


Si considera, per la verifica del bicchiere, un telaio a nodi fissi costituito da tre lati del bicchiere. Lo
schema di calcolo risulta una trave, di lunghezza L = 60 cm, incastrata alle due estremità e
sollecitata da un carico supposto uniforme su una ampiezza a = 30 cm.
Considerando la forza che il pilastro trasmette al bicchiere, con CNR 10025/84 §2.1.1.1 si trova:
F = 3/2 (M/h + 11/12 V) = 3/2 (360000 / 80 + 0) = 6750 daN
Dividendo questa forza per la larghezza del pilastro (30 cm) si trova il carico distribuito q agente sulla
trave incastrata:
q = F/L =225 daN/cm
Verifica tensoflessione pareti
Il momento massimo (di estremità) si trova con la formula esatta di incastro perfetto con carico
uniforme agente su un tratto parziale della trave (reperibile su numerosi prontuari):
M = q·a / (8l)·(l2-a2/3) = 46406 daN cm
La sezione di verifica è sulle pareti ortogonali a quella sollecitata, dove oltre al momento flettente
agisce anche lo sforzo normale Ny di trazione derivante dal carico q interno alle pareti.
N = F /2 = 6750 / 2 = 3375 daN

Si considera una sezione con base di 40 cm (la metà superiore del bicchiere) ed altezza di 20 cm
(spessore della parete) soggetta a tensoflessione semplice ed armata con 4 φ12 sui due lati.

Sezione parallela a x

16
2 Plinto superficiale con bicchiere in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Dal calcolo con PresFle risulta un coeff. di sicurezza di 3.73, con un momento ultimo di 173167
daN·cm ed uno sforzo normale ultimo di 12594 daN.
Sezione parallela a y
La sezione ortogonale alla precedente ha uguale momento con sforzo normale nullo, cioè flessione
pura.

Dal calcolo con PresFle risulta un coeff. di sicurezza di 5.62, con un momento ultimo di 260846
daN·cm.
Verifica tensoflessione pareti fornite da Sismicad
Il programma Sismicad ha fornito i seguenti risultati:
Verifiche delle pareti per tensoflessione del bordo superiore
Sezione B=40 H=20
Armatura interna 4 diam.12 armatura esterna 4 diam.12
Famiglia "Limite ultimo"
Coefficiente di sicurezza minimo a tensoflessione 3.73
Sezione
di Comb. N pil. Fx pil. Fy pil. Mx pil. My pil. N par M par Nu par Mu par Verifica
normale
Y SLU 1 -30006 0 0 360000 0 3375 46406 12590 173108 Si
X SLU 1 -30006 0 0 360000 0 0 46406 0 260849 Si

Verifica funzionamento verticale a biella

17
Sismicad 12.13 – Validazione 2.6 Riepilogo dei risultati

Si considera la formazione sulle pareti di un meccanismo resistente costituito da una biella tesa di
acciaio (barre verticali) ed un puntone diagonale compresso di cls.
L’inclinazione β e l’ampiezza a del puntone, calcolata conformemente alla CNR 10025/84 vale:
β = arctg ((3/4 h)/(0.85 l – t/2)) = arctg (60/(68 – 10)) = 46°
a = 2 · 0.15 · B · sen(β) = 0.3 · 80 · 0.719 = 17.256 cm
L’azione orizzontale da assorbire vale:
F/2 = 3375 (metà azione orizzontale assorbita da ciascuna delle due pareti parallele)

Calcoliamo lo sforzo nelle barre verticali del bicchiere con la seguente formula:
Nsd,tirante = (F/2) · tg(β) = 3491 daN
Considerando presenti nello spigolo 4ϕ12 si ottiene:
Af = π · (1.2)2 = 4.524 cm2
σtirante = 3491 / 4.524 = 772 daN/cm2
σU,tirante = 4500 / 1.15 = 3913 daN/cm2
NU,tirante = 4.524 · 3913 = 17702 daN

Calcoliamo lo sforzo nel puntone in cls con la seguente formula:


Ncls = (F/2) / cos(β) = 4856 daN
Acls = a · t = 17.256 · 20 = 345.1 cm2
NU,puntone = 345.1 · 211.65 / 1.15 = 48696 daN

Verifica funzionamento verticale a biella fornite da Sismicad

Il programma Sismicad ha fornito i seguenti risultati:


Verifiche delle pareti nel funzionamento tirante-puntone
Famiglia "Limite ultimo"
Coefficiente di sicurezza minimo 6.34
Direzione X
Comb. Fx pil. Fy pil. Mx pil. My pil. β F'sd/2 Compr. Compr. limite Trazione Area tirante
SLU 1 0 0 360000 0 46 0 0 48696 0 5.65

Direzione Y
Comb. Fx pil. Fy pil. Mx pil. My pil. β F'sd/2 Compr. Compr. limite Trazione Area tirante
SLU 1 0 0 360000 0 46 3375 4856 48696 3491 5.65

Comb. Fx pil. Fy pil. Mx pil. My pil. σx+σy σ limite Verifica


SLU 1 0 0 360000 0 772 3913 Si

2.6 RIEPILOGO DEI RISULTATI


Sismicad Analitico Scarto
σt max 1.32 daN/cmq 1.3216 daN/cmq 0.1 %
σt min 0.78 daN/cmq 0.7816 daN/cmq 0.2 %
M || x 955106 daNcm 955360 daNcm 0.03 %
M || y 775106 daNcm 775360 daNcm 0.03 %
Mu || x 6744975 daNcm 6762048 daNcm 0.25 %
Momento per verifica bicchiere || x 46406 daNcm 46406 daNcm 0.0 %
N per verifica bicchiere || x 3375 daN 3375 daN 0.0 %
Momento ultimo || x 173108 daNcm 173167 daNcm 0.03 %
Sforzo normale ultimo || x 12590 daN 12594 daN 0.0 %
Momento per verifica bicchiere|| y 46406 daNcm 46406 daNcm 0.0 %
Momento ultimo || y 260849 daNcm 260846 daNcm 0.0 %
Verifica biella tesa, N tirante 3491 daN 3491 daN 0.0 %
Verifica biella tesa, N puntone 4856 daN 4856 daN 0.0 %
2 2
σ tirante 772 daN/cm 772 daN/cm 0.0 %

18
2 Plinto superficiale con bicchiere in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

N ultimo tirante 17702 daN 17702 daN 0.0 %


N ultimo puntone cls 48696 daN 48696 daN 0.0 %

19
3 Palo di fondazione in D.M. 2018

Si sviluppa il calcolo di un palo di fondazione in analisi statica lineare secondo il D.M. 17/01/2018 e
si eseguono le verifiche secondo il medesimo D.M.

3.1 SCOPO DELL’ESEMPIO


Con il seguente esempio ci si prefigge di controllare le seguenti caratteristiche del programma:
• verifica strutturale delle sezioni in c.a.
• verifiche geotecniche di portanza assiale e trasversale

3.2 FILE ASSOCIATI ALL’ESEMPIO


La cartella della commessa di Sismicad 12 relativa a questa struttura è ‘Palo di fondazione DM2018’
per la verifica con Sismicad presente nella cartella “\Documenti\Concrete\Sismicad
12.xx\Esempi\Casi validazione\6 - Fondazioni” del profilo utente. Vengono forniti anche i file ‘Sezione
testa palo_SLU.flx’, ‘Sezione testa palo_SLV.flx’ e ‘Sezione testa palo_SLE.flx’ per la eventuale
verifica dei risultati con il programma PresFLE.

3.3 DESCRIZIONE DEL PALO


Si vuole verificare un palo trivellato di diametro 50 cm e di lunghezza pari 1000 cm. Il plinto a cui è
collegato il palo ha dimensioni in pianta 110 x 110 ed un’altezza di 40 cm.
Il palo è armato per l’intera lunghezza con 12φ14 barre e con staffa elicoidale φ10/10.

Le caratteristiche della stratigrafia e del terreno utilizzate per definire le condizioni al contorno del
palo sono di seguito illustrate
3 Palo di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Inoltre, per le pressione limite e la constante K della punta del palo sono stati utilizzati i parametri
definiti nelle Preferenze come illustrate di seguito

21
Sismicad 12.13 – Validazione 3.3 Descrizione del palo

3.3.1 Analisi dei carichi


Si assume che la sovrastruttura trasmette all’elemento di fondazione oggetto di verifica, nella
condizione Pesi strutturali, uno sforzo normale di 30000 daN, un taglio pari a 2000 daN e un
momento pari a 400000 daN·cm.

Considerando il peso proprio del plinto pari a 110 · 110 · 40 · 0.0025 = 1210 daN e la presenza di
una coppia aggiuntiva data dal taglio per la distanza tra la testa del palo ed il punto FEM in cui è
applicato il carico concentrato, 2000·20 = 40000 daNcm, in corrispondenza della testa del palo si
ottiene:
N = 31210 daN
Ty = 2000 daN
Mx = 440000 daN·cm
Considerando anche il peso proprio del palo pari a 50·50·3.14/4·1000·0.0025 = 4908.7 daN si ottiene
il carico verticale massimo N = 36118.7 daN.

22
3 Palo di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

3.3.2 Combinazioni dell’analisi


Consideriamo un’unica combinazione con valore unitario per la famiglia SLU, SLE rara, SLE
frequente, SLE quasi permanente e SLV fondazioni.

3.4 RELAZIONE DI CALCOLO PRODOTTA DAL SISMICAD


1 Palo trivellato D 50 di plinto su pali (0; 0)

Caratteristiche geometriche:
Diametro 50 cm
Lunghezza 1000 cm

Caratteristiche dei materiali:


Calcestruzzo C20/25, Rck 250
Acciaio B450C, fyk 4500

Verifiche a pressoflessione
Quota … As Cop. Mx My N SmidFcd MultM Comb. C.S. Verifica
0 … 18.47 6.2 -440000 0 -31210 SLU 1 4.14 Si
0 … 18.47 6.2 -440000 0 -31210 SLV FO 1 3.33 Si
… …

Verifiche delle tensioni nella famiglia Rara


Tensione limite del calcestruzzo: 124.5
Tensione limite dell'acciaio: 3600
Coefficiente di omogeneizzazione impiegato: Es / Ec = 6.82
Quota Mx My N Comb. Sc,max Mx My N Comb. Sf,max Verifica
0 -440000 0 -31210 SLE RA 1 -59.3 -440000 0 -31210 SLE RA 1 202.8 Si

Verifiche delle tensioni nella famiglia Quasi permanenti


Tensione limite del calcestruzzo: 93.4
Coefficiente di omogeneizzazione impiegato: Es * (1 + φ) / Ec = 6.82
Coefficiente di viscosità: φ = 0
Quota Mx My N Comb. Sc,max Verifica
0 -440000 0 -31210 SLE QP 1 -59.3 Si

Verifiche delle fessure nella famiglia Esercizio quasi permanente


Valore limite di controllo: 0.3 mm
Coefficiente di omogeneizzazione impiegato: Es · (1 + φ) / Ec = 6.82
Coefficiente di viscosità: φ = 0
Quota Mx My N Comb. Fess Wka,mm Wk,mm Sm,cm Verifica
0 -440000 0 -31210 SLE QP 1 si 0.3 0.026 43.9 Si

Verifiche a taglio

23
Sismicad 12.13 – Validazione 3.5 Verifica strutturale del palo

Quota Tx Ty N MultT Vrd,4.1.1 VRsd,4.1. VRcd,4.1. Cotg Comb. C.S. Verifica


4 18 19
0 0 -2000 -31210 10123 21083 50718 1 SLU 1 10.54 Si

Verifica di capacità portante per la famiglia SLU


Verifica di capacità portante verticale riferita al palo singolo
Fattore di correlazione ψ scelto in base alla conoscenza del sito = 1.7
Peso del palo = 4908.7 · 1
γR laterale γR punta Pl,d Pp,d Def.vol Comb. Cnd N Ed Rd C.S. Verifica
1.15 1.35 19812 17111 SLU 1 lungo -31210 -36119 36923 1.02 Si
Verifica di capacità portante trasversale riferita al palo singolo
Fattore di correlazione ψ scelto in base alla conoscenza del sito = 1.7
γR trasversale LRF Comb. Cnd Rd Ed (T) C.S. Verifica
1.3 1 SLU 1 D 8808.8 2000 4.4 Si
Parametri utilizzati nel calcolo
Coes. Fi P.spec T max Mecc.coll. M.plast.sup. Quota sup. N sup. M.plast.inf. Quota inf. N inf.
0 28 0.0018 19468 PLV 1596869 -40 -31333 1544614 -271.3 -25051

3.5 VERIFICA STRUTTURALE DEL PALO

3.5.1 Verifiche a pressoflessione


A titolo esemplificativo viene condotta la verifica in testa al palo con il programma PresFLE nella
combinazione SLU1 (vedi file Sezione testa palo_SLU.flx) e SLV1 (vedi file Sezione testa
palo_SLV.flx).

In condizioni ultime SLU, il coefficiente di sicurezza per le sollecitazioni di calcolo in testa al palo (N
= 31210 daN, Mx = 440000 daN·cm) risulta pari a 4.15.

Nella combinazione sismica SLV1 la sollecitazione in questo caso è la medesima, ma la sezione è


dimensionata per restare in campo sostanzialmente elastico.

24
3 Palo di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

In questo caso il coefficiente di sicurezza per le sollecitazioni di calcolo in testa al palo (N = 31210
daN, Mx = 440000 daN·cm) risulta pari a 3.32.

3.5.2 Verifiche delle tensioni in esercizio


Anche le verifiche delle tensioni sono condotte nella sezione in testa al palo (N = 31210 daN, Mx =
440000 daN·cm). Di seguito si riporta il calcolo eseguito con il programma PresFLE ponendosi nelle
medesime condizioni (vedi file Sezione testa palo_SLE.flx).

25
Sismicad 12.13 – Validazione 3.5 Verifica strutturale del palo

Le tensioni massime sui materiali risultano:


59,25 / 202.82 /

Tali tensioni risultano inferiori ai massimi valori consentiti di seguito riportati

CALCESTRUZZO
0,6 124.5 / per combinazione rara [cfr. 4.1.15]

0,45 93.37 / per combinazione quasi permanente [cfr. 4.1.16]

ACCIAIO
0,8 3600 / per combinazione rara. [cfr. 4.1.17]

3.5.3 Verifica di fessurazione


In presenza di armature poco sensibili è necessario verificare che l’apertura delle fessure non sia
maggiore dei valori limite riportati al paragrafo 4.1.2.2.4.4 del D.M. 17/01/2018. In particolare per
condizioni ambientali ordinarie (classe di esposizione XC2) per la combinazione frequente
( 0.4 ) e per la combinazione quasi permanente 0.3 .
Il valore di calcolo dell’apertura delle fessure può essere ottenuto con la seguente relazione

1.7 · ·∆ ·∆ [cfr. 4.1.14 e NTC08 C4.1.15]

dove

è la deformazione unitaria media delle barre d’armatura


∆ è la distanza media tra le fessure

∆ è la distanza massima tra le fessure.

può essere calcolata attraverso la seguente relazione dell’eurocodice:

·
0.6 [cfr. EC2 (7.9)]

in cui

è il rapporto 6.821

è il rapporto A / ,

, è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza , che viene assunta
pari al minore tra 2.5 · , /3 o /2

0.4 per carichi di lunga durata.

La distanza massima tra le fessure ∆ , nel caso in cui l’armatura è disposta con una spaziatura
non superiore a 5 /2 , come nel caso in esame, può essere valutata attraverso la seguente
relazione dell’eurocodice:

∆ [cfr. EC2 (7.11)]

dove

0.8 per barre ad aderenza migliorata

0.5 nel caso di flessione

3.4 (valore raccomandato)

26
3 Palo di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

0.425 (valore raccomandato)

Anche le verifiche di fessurazione sono condotte nella sezione in testa al palo (N = 31210 daN, Mx =
440000 daN·cm). Di seguito si riporta il calcolo eseguito con il programma PresFLE ponendosi nelle
medesime condizioni (vedi file Sezione testa palo_SLE.flx).

Come visto nel calcolo delle tensioni in esercizio, considerando la sezione fessurata, risulta:
29.165 (ampiezza zona compressa)
43.8 (altezza utile)

202.82 / (tensione nell’armatura tesa)

Quindi:
50 29.165 50
, min 2.5 · 50 43.8 ; ; 6.945
3 2

, 165.18

Nella zona soggetta a fessurazione ricade quindi una sola barra φ14, per cui
1.539

1.539
0.0093
165.18

La distanza massima tra le fessura risulta


4.5 1 5.5

1.4
∆ 3.4 · 5.5 0.8 · 0.5 · 0.425 · 44.291
0.0093

La deformazione unitaria media della barre risulta


/
, 0.3 20 2.21 22.1 /

22.1
202.82 0.4 1 6.821 · 0.0093 202.82
0.0093 0.6 5.91 · 10
2060000 2060000

L’apertura caratteristica delle fessure, in mm, risulta:

27
Sismicad 12.13 – Validazione 3.5 Verifica strutturale del palo

5.91 · 10 · 44.291 · 10 0.026 .

La verifica risulta quindi soddisfatta.

3.5.4 Verifica a taglio


Viene condotta considerando un sezione quadrata equivalente (avente la stessa superficie).
La resistenza di calcolo a “taglio trazione” si calcola come segue:
0,9 · · · · · sin [4.1.27]

comunque non inferiore a quella per elementi senza armature trasversali resistenti a taglio:
/
0,18 · · 100 · · / 0,15 · · · 0,15 · · · [4.1.23]

dove
/
1 200/ 2

/ /
0,035 · ·

/ · è il rapporto geometrico di armatura longitudinale 0,02 (a vantaggio di


sicurezza in Sismicad si considera nullo)

/ è la tensione media di compressione nella sezione 0,2 ·


1.59

, devono essere espressi in

. .
1963.5 44.311cm 443.11 mm

d 44.311 5.5 0.5 · 1.4 38.111 cm 381.11 mm

· 14
12 14 12 · 1847.26
4

· 1,0

4
0,9 · 381.11 · · 3913 · 0 1 ·1 210825 21082.5
10
/
1 200/381.11 1.724

0.035 · 1.724 · 0,83 · 25 0.361 /

0.361 0.15 · 1.59 · 443.11 · 381.11 101244 10124.4

Con riferimento al calcestruzzo d’anima, la resistenza di calcolo a “taglio compressione” si calcola


come segue:

0,9 · · · · · / 1 [4.1.28]

dove

è la resistenza a compressione ridotta del calcestruzzo d’anima


· 0.5 · 0.5 · 11.758 / 5.879 /

è un coefficiente maggiorativo che risulta 1 / per 0 0.25


0 1
0,9 · 381.11 · 443.11 · 1.135 · 5.879 · 507076.79 50707.68
1 1

28
3 Palo di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Il coefficiente di sicurezza per le sollecitazioni di calcolo in testa al palo (T= 2000 daN) risulta
min , 21082.5
. . 10.54
2000

3.6 VERIFICHE GEOTECNICHE DEL SUOLO

3.6.1 Verifica di capacità portante verticale


La portanza verticale del palo è dato dalla somma del contributo laterale e del contributo alla punta.
La capacità portante laterale calcolata con una formulazione statica, in funzione della coesione e
dell’attrito laterale dei terreni incontrati lungo il fusto del palo (valutata nel punto medio di ciascuno
strato omogeneo presente), è data dalla sommatoria:

· · · tan ·

In particolare, per il caso in esame, in cui si è considerato un unico strato di terreno omogeneo, si
hanno i seguenti valori:

• il coefficiente di spinta a riposo 0.53


• l’angolo di attrito interno efficace 28°
• la coesione efficace e non drenata 0, 0
• la pressione litostatica verticale totale nel punto a quota -500 cm · 0.00175 · 500
0.875
• la superficiale laterale · · 3.14 · 50 · 1000 157000

0.53 · 0.875 · tan 28° · 157000 38713.1

La capacità portante alla punta del palo è assunta pari alla pressione limite di rottura in punta
moltiplicata per l’area della punta del palo.
Avendo considerato una pressione limite di rottura pari a 20 / la capacità portante alla punta
risulta:
3.14
· 50 · · 20 39269.9
4

Come specificato al paragrafo 6.4.3.1.1 del D.M. 17/01/2018 il valore caratteristico della resistenza
, è ottenuta applicando alle resistenze calcolate , , ottenute attraverso le procedure analitiche
che prevedono l’utilizzo dei parametri geotecnici, i fattori di correlazione che sono definiti in
funzione del numero di verticali indagate. Nel caso in esame avendo realizzato una sola verticale il
fattore di correlazione da utilizzare risulta 1.7.
Inoltre al fine di definire i valori della resistenza di progetto a partire dai valori caratteristici
vengono applicati i coefficienti parziali . In particolare, per pali trivellati, i coefficienti parziali da
utilizzare risultano:
• per la resistenza di Base (R3)=1.35;
• per la resistenza Laterale in compressione (R3)=1.15.

.
La portanza laterale di progetto risulta 19802.1
. · .

.
La portanza di punta di progetto risulta 17111.1
. · .
Quindi la resistenza totale di progetto è pari a 19802.1 17111.1 36913.2
In combinazione SLU1 il carico totale di progetto risulta 36118.7 .
Il coefficiente di sicurezza, per la verifica di capacità portante verticale a breve e lungo termine
(entrambe in condizioni drenate dato che il terreno incontrato lungo lo sviluppo del palo è un
granulare incoerente) in combinazione SLU1 risulta: . . 1.02 .

29
Sismicad 12.13 – Validazione 3.6 Verifiche geotecniche del suolo

3.6.2 Verifica di capacità portante trasversale


La capacità portante trasversale viene calcolata secondo la teoria di Broms, in funzione della
geometria, delle condizioni di vincolo in testa, del terreno presente lungo il fusto del palo, della
sollecitazione agente e della resistenza esibita dal palo stesso.
Anche in tal caso il calcolo viene condotto in condizioni drenate dato che il terreno considerato nel
calcolo è un granulare incoerente.
La verifica viene condotta come palo a rotazione in testa impedita in assenza di falda acquifera.
Inizialmente si fa l’ipotesi di palo corto:

per cui dall’equilibrio alla traslazione si determina il valore limite della forza orizzontale :

1.5 · · · ·
dove
°
• è il coefficiente di spinta passiva pari a 2.77
°

• è il peso specifico naturale pari a 0.00175 /


da cui si ottiene
1.5 · 1000 · 2.77 · 0.00175 · 50 363539.3

Occorre verificare che il momento massimo, in tal caso in testa al palo, sia inferiore al momento di
plasticizzazione .
A tal fine si determina il momento massimo:
2 2
· · · 363539.3 · 1000 242359533
3 3

Al fine di definire il momento di plasticizzazione, viene definito lo sforzo normale in cui potrebbe
formarsi la cerniera plastica, pari a 0.5 · 25 .
,
Lo sforzo normale, a quota -25 cm, risulta: 31210 50 · · 25 · 0.0025 31332.7
Il momento, a quota -25 cm, risulta: 440000 25 · 2000 490000
Di seguito si riporta il calcolo del momento ultimo eseguito con il programma PresFLE ponendosi
nelle medesime condizioni

30
3 Palo di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Il momento ultimo My a sforzo N costante risulta: 1589962.87 .


Dato che l’ipotesi di palo corto non è rispettata.
Si effettua ora l’ipotesi di palo intermedio, in cui si ipotizza la formazione di una sola cerniera plastica
all’attacco con la struttura di fondazione.

Imponendo l’equilibrio alla traslazione orizzontale si ottiene


3
· · · ·
2
e imponendo l’equilibrio alla rotazione attorno alla cerniera plastica
1
· · · · 0
2
da cui si ricava il valore limite

1546683 0.5 · 1000 · 2.77 · 0.00175 · 50


122734
1000

31
Sismicad 12.13 – Validazione 3.6 Verifiche geotecniche del suolo

Anche in tal caso occorre verificare che il momento massimo, lungo il fusto del palo, sia inferiore al
momento di plasticizzazione .
Calcolando il momento lungo il palo si può notare come questo risulti maggiore del momento di
plasticizzazione . Quindi anche l’ipotesi di palo intermedio non è corretta. In definitiva, il
comportamento del palo in esame è lungo. In tal caso, il massimo momento lungo il fusto uguaglia il
momento di plasticizzazione, con la conseguente formazione di una seconda cerniera plastica.

Dall’equilibrio alla rotazione del tratto di palo compreso tra le due cerniere plastiche si ottiene
2
· · 2·
3
Inoltre ponendo alla profondità lo sforzo di taglio nullo si ricava

3
· · · 0 0.816
2 · ·

Quindi è possibile ricavare lo sforzo orizzontale limite , ipotizzando, ai soli fini esemplificativi, che il
momento plastico in testa coincida con il momento plastico a quota

3.676 · · · ·

In particolare, nel caso in esame si ottiene

3.676 · 1589963 · 2.77 · 0.00175 · 50 20230.4

e la distanza dalla testa del palo, in cui si verifica la seconda cerniera plastica, risulta

20230.4
0.816 235.75
2.77 · 0.00175 · 50

La distanza della cerniera plastica dalla sommità del plinto risulta 235.75 40 275.75 .
Come già specificato per la verifica di capacità portante verticale, al fine di definire il valore
caratteristico della resistenza , si utilizzano i fattori di correlazione . Anche il tal caso il fattore di
correlazione utilizzato vale 1.7.
Inoltre al fine di definire i valori della resistenza di progetto a partire dai valori caratteristici
vengono applicati i coefficienti parziali . In particolare per la definizione della resistenza dei pali
soggetti a carichi trasversali risulta 1.3 come specificato al paragrafo 6.4.3.1.2.
.
In definitiva la portanza trasversale di progetto risulta 9154
. · .
In combinazione SLU1 lo sforzo trasversale di progetto risulta 2000 .
Il coefficiente di sicurezza, per la verificata di capacità portante trasversale a breve e lungo termine
in combinazione SLU1 risulta: . . 4.577.

32
3 Palo di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

3.7 RIEPILOGO DEI RISULTATI


Con il programma Sismicad si sono ottenuti i risultati riportati di seguito:

Sismicad Analitico Scarto


Coefficiente di sicurezza a
4.14 4.15 0.24%
pressoflessione SLU (Quota 0)
Coefficiente di sicurezza a
3.33 3.32 0.3%
pressoflessione SLV (Quota 0)
Tensione massima sul calcestruzzo
-59.3 daN/cm2 -59.25 daN/cm2 0.08%
(Quota 0)
Tensione massima sul acciaio 2
202.8 daN/cm 202.82 daN/cm2 0.01%
(Quota 0)
Distanza tra le fessure (Quota 0) 43.9 cm 44.291 cm 0.88 %
Apertura delle fessure (Quota 0) 0.026 mm 0.026 mm 0.0%
Coefficiente di sicurezza a taglio
10.54 10.54 0.0 %
(Quota 0)
Coefficiente di sicurezza per
1.02 1.02 0.0 %
capacità portante verticale SLU
Coefficiente di sicurezza per
4.4 4.577* 3.87 %
capacità portante trasversale SLU
* dato ricavato con l’ipotesi semplificativa di momento plastico My costante

3.8 BIBLIOGRAFIA
Poulos, Davis, Analisi e Progettazione di Fondazioni Su Pali, Ed Flaccovio

33
4 Gruppi di pali di fondazione in D.M. 2018

Si sviluppa il calcolo di più gruppi di pali di fondazione in analisi statica lineare secondo il D.M.
17/01/2018 e si eseguono le verifiche secondo il medesimo D.M.

4.1 SCOPO DELL’ESEMPIO


Con il seguente esempio ci si prefigge di controllare le seguenti caratteristiche del programma:
• verifiche geotecniche di portanza verticale sui gruppi di pali (palificate)

4.2 FILE ASSOCIATI ALL’ESEMPIO


La cartella della commessa di Sismicad 12 relativa a questa struttura è ‘Palificata su argilla DM2018’
per la verifica con Sismicad presente nella cartella “\Documenti\Concrete\Sismicad
12.xx\Esempi\Casi prova valutazione affidabilità\6 - Fondazioni” del profilo utente.

4.3 DESCRIZIONE DELLA PALIFICATA


Si vuole verificare la palificata, costituita da pali trivellati di diametro 40 cm e di lunghezza pari 800
cm. I pali sono collegati ad una piastra di spessore 40 cm ed a due plinti su pali di spessore 80 cm.

La disposizione dei pali in pianta è la seguente, con i pali della piastra ad interasse 200 (i/d=5);
fanno eccezione due pali del gruppo che risultano ad interasse inferiore. I tre pali dei plinti sono ad
interasse 120 cm (i/d=3).
4 Gruppi di pali di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Le caratteristiche della stratigrafia e del terreno utilizzate per definire le condizioni al contorno del
palo sono di seguito illustrate

Come si vede i pali sono galleggianti in terreno eminentemente coesivo; la verifica viene condotta
quindi per la condizione a breve termine (BT) in condizioni non drenate.

35
Sismicad 12.13 – Validazione 4.4 Relazione di calcolo prodotta dal Sismicad

4.3.1 Combinazioni dell’analisi


La struttura è caricata con dei carichi permanenti e variabili. La combinazione più gravosa come
carico verticale risulta quindi la SLU4.

4.4 RELAZIONE DI CALCOLO PRODOTTA DAL SISMICAD


22 pali "Palo trivellato D 40" gruppo 1
Verifiche condotte secondo D.M. 17-01-18 (NTC)

<omiss. Descrizione geometrica>

<omiss. Verifiche strutturali>


Verifica di capacità portante dei gruppi di pali per la famiglia SLU
Gruppo costituito da 16 pali
Verifica di capacità portante verticale riferita al gruppo di pali:
Palo a filo 1, coordinate 15, 0
Palo a coordinate 15, 200
Palo a coordinate 15, 400
Palo a filo 2, coordinate 15, 600
Palo a coordinate 215, 600
Palo a coordinate 415, 600
Palo a filo 4, coordinate 550, 585
Palo a coordinate 615, 400
Palo a coordinate 415, 400
Palo a coordinate 215, 400
Palo a coordinate 615, 200
Palo a coordinate 415, 200
Palo a coordinate 215, 200
Palo a filo 3, coordinate 550, 15
Palo a coordinate 415, 0
Palo a coordinate 215, 0
Fattore di correlazione ψ scelto in base alla conoscenza del sito = 1.7
Coeff. parziale di sicurezza sulla resistenza laterale = 1.15
Coeff. parziale di sicurezza sulla resistenza alla punta = 1.35
Verifica peggiore condotta in combinazione SLU 4 per la condizione a breve termine (BT)
Portanza minima ottenuta valutando il gruppo come somma di pali
Sforzo normale complessivo = -144810
Peso del pali = 40212
Fattore parziale del peso dei pali = 1.3
Carico totale di progetto (Ed) = -197086
Resistenza totale di progetto (Rd) = 197751
Coefficiente di sicurezza = 1 > 1 - SODDISFATTA
Parametri del gruppo di pali
Diametro medio = 40

36
4 Gruppi di pali di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

Lunghezza infissa media = 800


Rapporto diametro/interasse usato in valutazione efficienza (Converse-Labarre) = 0.21
Numero righe equivalenti usato in valutazione efficienza = 4
Numero colonne equivalenti usato in valutazione efficienza = 4
Efficienza considerata per il gruppo = 0.81
Portanza laterale complessiva dei pali, al netto dell'efficienza = 324423
Portanza alla punta complessiva dei pali, al netto dell'efficienza = 72995
Gruppo costituito da 3 pali
Palo di plinto a filo 6, indice 1, coordinate 1025, 550
Palo di plinto a filo 6, indice 2, coordinate 1145, 550
Palo di plinto a filo 6, indice 3, coordinate 1085, 654
Fattore di correlazione ψ scelto in base alla conoscenza del sito = 1.7
Coeff. parziale di sicurezza sulla resistenza laterale = 1.15
Coeff. parziale di sicurezza sulla resistenza alla punta = 1.35
Verifica peggiore condotta in combinazione SLU 4 per la condizione a breve termine (BT)
Portanza minima ottenuta valutando il gruppo come blocco unico
Sforzo normale complessivo = -17980
Peso del pali = 7540
Fattore parziale del peso dei pali = 1.3
Carico totale di progetto (Ed) = -27782
Resistenza totale di progetto (Rd) = 77849
Coefficiente di sicurezza = 2.8 > 1 - SODDISFATTA
Parametri del gruppo di pali
Diametro medio = 40
Lunghezza infissa media = 800
Lunghezza media infissa in terreno coesivo = 800
Coesione media nel tratto laterale coesivo = 0.25
Coesione media alla punta dei pali = 0.5
Fattore di capacità portante Nc per coesione = 8.8
Portanza laterale complessiva del blocco = 97133
Portanza alla base complessiva del blocco = 64638
Geometria del blocco unico sotteso dai pali (Fondazione equivalente)
Coordinate dei pali: (1025,550)(1145,550)(1085,654)
Perimetro del poligono esterno = 360
Area del poligono esterno = 6235.4
Rettangolo equivalente al poligono esterno = 130 x 113
Fattore di forma del rettangolo equivalente = 0.85
Gruppo costituito da 3 pali
Verifica di capacità portante verticale riferita al gruppo di pali:
Palo di plinto a filo 5, indice 1, coordinate 1025, -20
Palo di plinto a filo 5, indice 2, coordinate 1145, -20
Palo di plinto a filo 5, indice 3, coordinate 1085, 84
Fattore di correlazione ψ scelto in base alla conoscenza del sito = 1.7
Coeff. parziale di sicurezza sulla resistenza laterale = 1.15
Coeff. parziale di sicurezza sulla resistenza alla punta = 1.35
Verifica peggiore condotta in combinazione SLU 4 per la condizione a breve termine (BT)
Portanza minima ottenuta valutando il gruppo come somma di pali
Sforzo normale complessivo = -17981
Peso del pali = 7540
Fattore parziale del peso dei pali = 1.3
Carico totale di progetto (Ed) = -27783
Resistenza totale di progetto (Rd) = 32613
Coefficiente di sicurezza = 1.17 > 1 - SODDISFATTA
Parametri del gruppo di pali
Diametro medio = 40
Lunghezza infissa media = 800
Rapporto diametro/interasse usato in valutazione efficienza (Converse-Labarre) = 0.49
Numero righe equivalenti usato in valutazione efficienza = 2
Numero colonne equivalenti usato in valutazione efficienza = 2
Efficienza considerata per il gruppo = 0.71
Portanza laterale complessiva dei pali, al netto dell'efficienza = 53503
Portanza alla punta complessiva dei pali, al netto dell'efficienza = 12038

<omiss. Verifiche in SLD>

37
Sismicad 12.13 – Validazione 4.5 Verifica strutturale del palo

<omiss. Verifiche in SLV>

4.5 VERIFICA STRUTTURALE DEL PALO


In questo esempio non ci interessa valutare la verifica strutturale, in quanto viene condotta come per
il palo singolo; si veda a riguardo l’esempio relativo al palo singolo.

4.6 VERIFICHE GEOTECNICHE DEL SUOLO

4.6.1 Verifica di capacità portante verticale dei gruppi di pali


La portanza verticale come gruppo di pali viene condotta per gruppi omogenei che rispettano la
distanza limite scelta come preferenza di verifica.
Con la scelta di un rapporto interasse/diametro i/d=6 si individuano in questo esempio 3 distinti
gruppi di pali, un primo gruppo per i pali sotto la piastra e due gruppi corrispondenti ai due plinti.
La verifica per ogni gruppo si conduce raffrontando l’azione di progetto complessiva Ed agente sui
pali del gruppo con la resistenza complessiva offerta dal gruppo.
Gruppo di 16 pali
Dal modello ad elementi finiti possiamo ricavare la sollecitazione normale (F1) di massima
compressione (Tabella N minimo), nella sezione di sommità (Posizione 1).
Sollecitazioni con sforzo normale (N) minimo
Asta Cont. Pos. Posizione Soll.traslazionale
Ind. N.br. X Y Z F1
70 SLU 4 1 550 15 -20 -11677
130 SLU 4 1 550 585 -20 -11676
95 SLU 4 1 15 400 -20 -10343
75 SLU 4 1 15 200 -20 -10340
115 SLU 4 1 15 600 -20 -10205
55 SLU 4 1 15 0 -20 -10200
125 SLU 4 1 415 600 -20 -9267
65 SLU 4 1 415 0 -20 -9267
90 SLU 4 1 615 200 -20 -8204
110 SLU 4 1 615 400 -20 -8196
60 SLU 4 1 215 0 -20 -7747
120 SLU 4 1 215 600 -20 -7742
100 SLU 4 1 215 400 -20 -7607
80 SLU 4 1 215 200 -20 -7602
105 SLU 4 1 415 400 -20 -7371
85 SLU 4 1 415 200 -20 -7366

La somma del carico verticale porta a 144810 daN.


Il peso proprio dei 16 pali vale:
3.1416
16 · · · 16 · 40 · · 800 · 0.0025 40212
4

Usando lo stesso gamma dei permanenti strutturali (1.3) l’azione di progetto Ed risulta:
144810 1.3 · 40212 197086

La resistenza di progetto Rd del gruppo è data dalla somma delle resistenze dei singoli pali,
moltiplicata per il fattore di efficienza della palificata.
La resistenza di calcolo del palo singolo è visibile fin dall’inserimento del palo nel disegno, ed è
calcolata come dettagliatamente spiegato nell’esempio relativo al palo singolo. Altresì tale resistenza
può essere stata inserita manualmente dall’utente, sempre nelle viste di disegno.
L’efficienza del gruppo può essere calcolata in automatico, mediante la formula di Converse-
Labarre, oppure anch’essa dichiarata dall’utente nelle preferenze di verifica.

Calcoliamo i vari termini.


L’efficienza del gruppo su coesivo si può ricavare dall’espressione empirica di Converse-Labarre, in
funzione delle spaziature dei pali:

E gruppo = 1 −
ϑ°

[(m − 1) ⋅ n + (n − 1) ⋅ m]
90° n⋅m

38
4 Gruppi di pali di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

dove θ°=arcTan(d/i) ed m,n è il numero di righe e colonne in cui è disposta la palificata.


Per d=40 cm; i=200 cm Æ θ°=arcTan(d/i)= arcTan(40/200)=11.31°
m=n=4
11.31° 3 · 4 3 · 4 3
1 · 1 0.125 · 0.8115
90° 16 2

La resistenza di progetto del gruppo si ottiene dalla sommatoria delle resistenze di progetto dei
singoli pali, moltiplicata per l’efficienza E del gruppo. Come specificato al paragrafo 6.4.3.1.1 del
D.M. 17/01/2018 il valore caratteristico della resistenza , è ottenuta applicando alle resistenze
calcolate , , ottenute attraverso le procedure analitiche che prevedono l’utilizzo dei parametri
geotecnici, i fattori di correlazione che sono definiti in funzione del numero di verticali indagate.
Nel caso in esame avendo realizzato una sola verticale il fattore di correlazione da utilizzare risulta
1.7.
Inoltre al fine di definire i valori della resistenza di progetto a partire dai valori caratteristici
vengono applicati i coefficienti parziali . In particolare, per pali trivellati, i coefficienti parziali da
utilizzare risultano:
• per la resistenza di Base (R3)=1.35;
• per la resistenza Laterale in compressione (R3)=1.15.
La portanza laterale di progetto di ogni palo risulta 12855.8
. · .

La portanza di punta di progetto di ogni palo risulta 2464.1


. · .

Quindi la resistenza totale Rd di progetto del gruppo di 16 pali è pari a:


16 12855.8 2464.1 0.8115 198914

Il coefficiente di sicurezza, per la verificata di capacità portante verticale a breve termine in


combinazione SLU4, risulta . . 198914/197086 1.009.
Non viene effettuato il calcolo a lungo termine dato che il terreno incontrato lungo lo sviluppo del
palo è eminentemente coesivo.

Gruppo di 3 pali al plinto 5


I tre pali al plinto 5 costituiscono uno dei gruppi in verifica. Analogamente a prima, dal modello ad
elementi finiti possiamo ricavare la sollecitazione normale (F1) di massima compressione (Tabella N
minimo), nella sezione di sommità (Pos. 1).
Sollecitazioni con sforzo normale (N) minimo

Asta Cont. Pos. Posizione Soll.traslazionale


Ind. N.br. X Y Z F1
45 SLU 4 1 1145 -20 -80 -6212
50 SLU 4 1 1085 84 -80 -5916
40 SLU 4 1 1025 -20 -80 -5852

La somma del carico verticale porta a 17980 daN.


Il peso proprio dei 3 pali vale:
3.1416
3· · · 3 · 40 · · 800 · 0.0025 7540
4

Usando lo stesso gamma dei permanenti strutturali l’azione di progetto Ed risulta:


17980 1.3 · 7540 27782

La resistenza di progetto Rd del gruppo è data dalla somma delle resistenze dei singoli pali,
moltiplicata per il fattore di efficienza della palificata. L’efficienza del gruppo su coesivo si può
ricavare dall’espressione empirica di Converse-Labarre, in funzione delle spaziature dei pali:

E gruppo = 1 −
ϑ°

[(m − 1) ⋅ n + (n − 1) ⋅ m]
90° n⋅m

dove θ°=arcTan(d/i) ed m,n è il numero di righe e colonne in cui è disposta la palificata. In questo
caso di pali disposti irregolarmente (triangolo) ragioniamo su una fondazione equivalente, cioè il
rettangolo che meglio approssima la forma del poligono esterno, scalato ad avere stessa area.

39
Sismicad 12.13 – Validazione 4.6 Verifiche geotecniche del suolo

In questo caso l’area del poligono sotteso dal centro dei pali è Atriangolo=120·104/2=6235, a cui
aggiungiamo l’ingombro esterno dei pali. L’area esatta del gruppo è quindi:
40 3.1416
6235 3 · 120 · 40 · 6235 7200 1256 14692
2 4

da cui ricaviamo un lato medio del rettangolo equivalente di 121 cm, che al netto del diametro dei
pali (40) significa un interasse medio i=81 cm. In questo modo i 3 pali disposti ad interasse 120 cm
risultano equivalenti, in termini di area di base e di efficienza, a 4 pali disposti ad interasse 81 cm.
Per d=40 cm; i=81 cm Æ θ = arcTan(d/i) = arcTan(40/81) = 26.3°
m=n=2
26.3° 1 · 2 1 · 2
1 · 1 0.292 0.71
90° 4

La resistenza di progetto del gruppo si ottiene dalla sommatoria delle resistenze di progetto dei
singoli pali, moltiplicata per l’efficienza del gruppo. Come specificato al paragrafo 6.4.3.1.1 del D.M.
17/01/2018 il valore caratteristico della resistenza , è ottenuta applicando alle resistenze calcolate
, , ottenute attraverso le procedure analitiche che prevedono l’utilizzo dei parametri geotecnici, i
fattori di correlazione che sono definiti in funzione del numero di verticali indagate.
Nel caso in esame avendo realizzato una sola verticale il fattore di correlazione da utilizzare risulta
1.7.
Inoltre al fine di definire i valori della resistenza di progetto a partire dai valori caratteristici
vengono applicati i coefficienti parziali . In particolare, per pali trivellati, i coefficienti parziali da
utilizzare risultano:
• per la resistenza di Base (R3)=1.35;
• per la resistenza Laterale in compressione (R3)=1.15.
La portanza laterale di progetto di ogni palo risulta 12855.8
. · .

La portanza di punta di progetto di ogni palo risulta 2464.1


. · .

Quindi la resistenza totale Rd di progetto del gruppo di 3 pali è pari a:


3 12855.8 2464.1 0.71 32631

Il coefficiente di sicurezza, per la verificata di capacità portante verticale a breve termine (non viene
effettuato il calcolo a lungo termine dato che il terreno incontrato lungo lo sviluppo del palo è
eminentemente coesivo) in combinazione SLU4 risulta . . 32631/27782 1.1745.
Gruppo di 3 pali al plinto 6
I tre pali al plinto 6 costituiscono uno dei gruppi in verifica. Analogamente a prima, dal modello ad
elementi finiti possiamo ricavare la sollecitazione normale (F1) di massima compressione (Tabella N
minimo), nella sezione di sommità (Pos. 1).

Sollecitazioni con sforzo normale (N) minimo


Asta Cont. Pos. Posizione Soll.traslazionale
Ind. N.br. X Y Z F1
30 SLU 4 1 1145 550 -80 -6136
35 SLU 4 1 1085 654 -80 -6070
25 SLU 4 1 1025 550 -80 -5774

La somma del carico verticale porta a 17969 daN.


Il peso proprio dei 3 pali vale:
3.1416
3· · · 3 · 40 · · 800 · 0.0025 7540
4

Usando lo stesso gamma dei permanenti strutturali l’azione di progetto Ed risulta:


17969 1.3 · 7540 27771

La resistenza di progetto Rd del gruppo è data dalla somma delle resistenze dei singoli pali;
utilizzando i valori proposti di default si otterrebbe lo stesso valore trovato al precedente plinto 5. Sul
plinto 6 sono invece inseriti dei valori maggiorati delle rispettive portanze, in modo che il
meccanismo che fornisce la minore portanza sia certamente quello del blocco equivalente. La
capacità portante del gruppo considerata in verifica è infatti la più piccola tra quella offerta come
40
4 Gruppi di pali di fondazione in D.M. 2018 Sismicad 12.13 – Validazione

sommatoria delle singole resistenze e quella ottenuta considerando il meccanismo come singolo
blocco di terreno racchiuso tra i pali (block failure).
Con il blocco equivalente la resistenza laterale è quella offerta dall’adesione del terreno coesivo sulla
superficie laterale del poligono convesso che racchiude il gruppo di pali. La resistenza alla base del
blocco è invece quella offerta dalla coesione non drenata del terreno sotto la punta dei pali,
moltiplicata per il fattore di capacità portante coesivo Nc.
La fondazione equivalente è il rettangolo che meglio approssima il poligono convesso; in questo
caso, essendo il poligono un triangolo equilatero, il rettangolo esterno ha dimensioni 120x104.
Scalandolo in modo da avere l’area esatta del gruppo di pali (14692 cm2, come visto in precedenza),
esso diventa 130x112.8 (rettangolo equivalente).
Calcoliamo il perimetro Pgruppo e quindi la resistenza laterale PV,k caratteristica:
3 · 120 40 · 3.1416 485.7

, · · 485.7 · 800 · 0.5 · 0.5 97132

La portanza laterale di progetto risulta 49684


. · .

Calcoliamo la resistenza alla base del gruppo. Il fattore di capacità portante coesivo Nc viene
calcolato alla Terzaghi-Peck mediante la relazione di Skempton, interpolando i dati della tabella
omonima:

L/B2 Nc
B1/B2=1 (quadrato o cerchio) B1/B2>10 (striscia)
0.25 6.7 5.6
0.50 7.1 5.9
0.75 7.4 6.2
1 7.7 6.4
1.5 8.1 6.8
2 8.4 7.0
2.5 8.6 7.2
3 8.8 7.4
>4 9.0 7.5

Dove L è la profondità cui è posta la base del blocco, B1 la dimensione maggiore e B2 la dimensione
minore. Nel nostro caso l’approfondimento L/B2 è maggiore di 4 (800/113=7), mentre la forma B1/B2
è prossima ad 1 (130/113=1.15). Assumiamo quindi il valore Nc=9.
Calcoliamo la resistenza di base Ppu,k caratteristica:
, · · 14692 · 0.5 · 9 66114

La portanza alla base di progetto risulta 28808


. · .

Quindi la resistenza totale Rd di progetto del gruppo di 3 pali è pari a:


49684 28808 78492

Il coefficiente di sicurezza, per la verificata di capacità portante verticale a breve termine (non viene
effettuato il calcolo a lungo termine dato che il terreno incontrato lungo lo sviluppo del palo è
eminentemente coesivo) in combinazione SLU4 risulta . . 78492/27771 2.826.

4.7 RIEPILOGO DEI RISULTATI


Con il programma Sismicad si sono ottenuti i risultati riportati di seguito:

Sismicad Analitico Scarto


Palificata 1 (16 pali)
0.81 0.8115 0.2 %
Efficienza per capacità portante
Palificata 1 (16 pali)
197656 198914 0.6 %
Rd per capacità portante

41
Sismicad 12.13 – Validazione 4.7 Riepilogo dei risultati

Palificata 1 (16 pali)


Coefficiente di sicurezza per 1.0 1.009 0.9 %
capacità portante
Plinto 5 (3 pali)
0.71 0.71 0%
Efficienza per capacità portante
Plinto 5 (3 pali)
32613 32631 0.05 %
Rd per capacità portante
Plinto 5 (3 pali)
Coefficiente di sicurezza per 1.17 1.1745 0.4 %
capacità portante
Plinto 6 (3 pali, block failure)
Portanza laterale complessiva del 97133 97132 0%
blocco
Plinto 6 (3 pali, block failure)
Portanza alla base complessiva del 64638 66114 2.2 %
blocco
Plinto 6 (3 pali, block failure)
Coefficiente di sicurezza per 2.8 2.826 0.9 %
capacità portante

42
5 Valutazione dei cedimenti dei pali

5.1 SCOPO DELL’ESEMPIO


Con il seguente esempio ci si prefigge di controllare le seguenti caratteristiche del programma:
• valutazione dei cedimenti elastici teorici dei pali di fondazione

5.2 FILE ASSOCIATI ALL’ESEMPIO


La cartella della commessa di Sismicad 12 relativa a questa struttura è “Cedimento pali”, per la
verifica con Sismicad presente nella cartella “\Documenti\Concrete\Sismicad 12.xx\Esempi\Casi
validazione\6 - Fondazioni” del profilo utente.

5.3 DESCRIZIONE DELLA FONDAZIONE


Si vuole determinare il cedimento teorico di una serie di pali di fondazione. Nell’esempio ci si
riferisce ad alcuni confronti tra cedimenti osservati e previsti, pubblicati nella letteratura geotecnica.
In particolare vengono riprodotti 2 pali delle prove di Darragh e Bell (1969) e 2 pali delle prove di
Mansur e Kaufman, descritte nel testo di Poulos e Davis1.

Prove di Darragh e Bell (1969)


Sono state eseguite su un terreno paludoso, composto da 120 ft (36.6 m) di argille e limi, seguito da
un banco profondo di ghiaia sabbiosa. Il terreno superficiale ha un modulo elastico medio ricavato di
6500 psi (448 daN/cm2), mentre per il banco profondo si ipotizza un modulo elastico doppio.
Palo n°9, tubolare, portante lateralmente (sospeso)
• Lunghezza=100 ft (30.5 m)
• Diametro=12”3/4 (32 cm)
• Spessore parete=0.188” (0.48 cm)
• Carico applicato=40 tons (39856 daN)
• Cedimento misurato in sommità=0.10” (0.254 cm)
• Cedimento misurato alla base (punta palo)=0.015” (0.0381 cm)
Palo n°10, tubolare, portante prevalentemente di punta
• Lunghezza=120 ft (36.6 m)
• Diametro=12”3/4 (32 cm)
• Spessore parete=0.188” (0.48 cm)
• Carico applicato=80 tons (79712 daN)
• Cedimento misurato in sommità=0.17” (0.4318 cm)
• Cedimento misurato alla base (punta palo)=0.02” (0.0508 cm)

Prove di Mansur e Kaufman (1956)


Sono state eseguite su un terreno stratificato, composto da 65 ft (19.8 m) di limi sabbiosi e sabbie
limose, seguito da un banco profondo di sabbia densa. Il terreno superficiale ha un modulo elastico
medio ricavato di 10000 psi (448 daN/cm2), mentre per il banco profondo si ipotizza un modulo
elastico triplo.
Palo n°5, tubolare, portante lateralmente (sospeso)
• Lunghezza=45 ft (13.7 m)
• Diametro=17” (43.2 cm)
Sismicad 12.13 – Validazione 5.4 Descrizione del modello

• Spessore parete=0.188” (0.48 cm)


• Carico applicato=75 tons (74730 daN)
• Cedimento misurato in sommità=0.10” (0.254 cm)
Palo n°6, tubolare, portante prevalentemente di punta
• Lunghezza=65 ft (19.8 m)
• Diametro=19” (48 cm)
• Spessore parete=0.188” (0.48 cm)
• Carico applicato=125 tons (124551 daN)
• Cedimento misurato in sommità=0.13” (0.33 cm)

5.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO


Nel file di esempio sono stati inseriti 4 pali di geometria analoga ai due casi citati, e caricati nello
stesso modo. I 4 pali sono riconoscibili nella vista struttura dall’etichetta apposta, recante la
descrizione rappresentata in figura, nonché dal diverso colore del carico applicato.

Nelle preferenze del suolo si sono settati i parametri ai valori predefiniti, ad eccezione della distanza
di influenza del cedimento; questa è stata posta ad un valore piccolo, in modo da escludere per
questo modello l’interazione reciproca tra pali.

44
5 Valutazione dei cedimenti dei pali Sismicad 12.13 – Validazione

Con tale modello si sono ottenuti i seguenti cedimenti:

Nodo Cont. Componenti


Ind. n.br. Totale Da carico laterale Da carico punta Da accorciamento
62 RA 1 0.46905 0.13488 0.00026 0.33391
60 RA 1 0.35962 0.18713 0.00068 0.1718
59 RA 1 0.26661 0.16866 0.00115 0.0968
61 RA 1 0.2265 0.07992 0.00002 0.14656

5.5 RIEPILOGO DEI RISULTATI


Confrontiamo i risultati forniti dal programma Sismicad con i valori trovati negli esempi di letteratura
geotecnica. Ricordiamo che questi ultimi sono valori previsti, usando la teoria dell’elasticità, e valori
effettivamente misurati su pali di prova.
Dal confronto si può vedere come vengono riprodotti sostanzialmente gli stessi valori, con uno scarto
medio minore dell’8%.

Sismicad Previsto Scarto Misurato Scarto


Nodo 59, Palo 5 Mansur e Kaufman 0.267 cm 0.254 cm 5.1% 0.254 cm 5.1%
Nodo 60, Palo 6 Mansur e Kaufman 0.360 cm 0.381 cm 5.8% 0.330 cm 9.0%
Nodo 61, Palo 9 Darragh e Bell 0.227 cm 0.229 cm 0.9 % 0.254 cm 11.9 %
Nodo 62, Palo 10 Darragh e Bell 0.469 cm 0.406 cm 15.5 % 0.432 cm 8.6 %

45
6 Valutazione dei cedimenti di consolidazione

6.1 SCOPO DELL’ESEMPIO


Con il seguente esempio ci si prefigge di controllare le seguenti caratteristiche del programma:
• valutazione dei cedimenti teorici di consolidazione primaria delle fondazioni superficiali

6.2 FILE ASSOCIATI ALL’ESEMPIO


La cartella della commessa di Sismicad 12 relativa a questa struttura è “Cedimento fondazione
circolare”, per la verifica con Sismicad presente nella cartella “\Documenti\Concrete\Sismicad
12.xx\Esempi\Casi validazione\6 - Fondazioni” del profilo utente.

6.3 DESCRIZIONE DELLA FONDAZIONE


Si vuole determinare il cedimento teorico di una fondazione circolare di raggio=2 m e spessore pari a
50 cm, soggetta ad un carico uniforme di 150 kN/m2 e poggiante su un banco argilloso di spessore 5
m. La fondazione è stata schematizzata mediante una piastra poligonale a 16 lati, la cui mesh è
costituita da 1521 nodi. La piastra ed il relativo modello è rappresentata in figura.

I nodi di fondazione sono posizionati a quota z=0 m, poggianti nella mezzeria di un banco
superficiale di sabbia di spessore 2 m; da quota -1 a -6 troviamo un banco argilloso di spessore pari
quindi a 5 m, attestato su banco roccioso (bedrock). La falda freatica è posta appena sotto al piano
di fondazione, a quota -0.5 m. Tutti gli strati contribuiscono ad un cedimento elastico a breve
termine, che avviene fin dalla costruzione della fondazione, mentre il cedimento a lungo termine è
dovuto principalmente alla consolidazione primaria dello strato coesivo argilloso. Per tale strato si
sono assunti i seguenti parametri di compressibilità:
• Coefficiente di compressione vergine Cc = 0.16
• Indice dei vuoti E0 = 0.85
6 Valutazione dei cedimenti di consolidazione Sismicad 12.13 – Validazione

• Indice di sovra consolidazione OCR = 1 (terreno NC normal-consolidato)

6.3.1 Calcolo cedimenti fondazioni


Si riporta un estratto della relazione di calcolo di Sismicad:

Nodo spostamento nodale massimo spostamento nodale minimo Cedimento di


consolidazione
Ind. Posizione Cont. uz Press. Cont. uz Press. Cont. v.
X Y
763 0 0 UN 1 -0.50002 -1.50005 UN 1 -0.50002 -1.50005 UN 1 14.29255

6.3.2 Valutazione dei cedimenti teorici della fondazione

La piastra viene discretizzata nel modello mediante 1521 punti di appoggio; il programma valuta il
cedimento teorico sulle verticali passanti per tali nodi, tenendo conto dell’influenza reciproca di tutti i
punti caricati.
Vista la sovrapposizione degli effetti tra tutti i nodi ed il loro elevato numero, la valutazione
dell’incremento di tensione verticale sotto al punto centrale della piastra viene a coincidere con le
soluzioni in forma chiusa note per le principali impronte, ottenute per integrazione della formulazione
alla Boussinesq per carico puntuale. Si calcola quindi con procedimento manuale il cedimento
teorico di consolidazione sotto al punto centrale di una fondazione circolare:
Area circolare di raggio R = 2 m
Pressione uniforme q = 150 kN/m2
Il calcolo viene condotto su 5 suddivisioni da 100 cm ciascuna dello strato coesivo. Il cedimento è
determinato dall’espulsione dell’acqua capillare in seguito all’incremento di tensione verticale
efficace, quest’ultima valutata nel punto medio dello strato.
L’espressione generale del cedimento di un singolo strato, nel caso di terreno NC (normal
consolidato) è la seguente:

H0 ⎡ σ '+dσ ' ⎤
dH = ⋅ ⎢CC ⋅ Log10 o
1 + e0 ⎣ σ o ' ⎥⎦

Dove:
dH = cedimento dello strato
H0 = spessore iniziale dello strato di calcolo
e0 = indice dei vuoti nel centro dello strato
CC = coefficiente di compressione vergine
σo‘= tensione verticale efficace nello stato iniziale (consolidazione attuale del suolo)
dσ‘= incremento di tensione verticale causato dai carichi
Il cedimento così calcolato è quello finale, cioè quello che si ha al termine del processo di
consolidazione.

Si riporta in tabella il calcolo analitico condotto sui 5 strati, dove si sono usati i seguenti simboli:

H = spessore dello strato di calcolo


d = distanza dal piano di posa al centro dello strato (quota di calcolo)
47
Sismicad 12.13 – Validazione 6.4 Riepilogo dei risultati

γ = peso specifico del suolo


σV’ = tensione verticale efficace (al netto degli effetti della falda acquifera)
d/R = rapporto di profondità
I = fattore di influenza, ricavato da abaco delle tensioni (alla Boussinesq) sotto fondazioni circolari
ΔσV’ = incremento di tensione verticale efficace causato dai carichi
ΔΗ = cedimento di consolidazione dello strato

Strato H d γ σv’ d/R I Δσv’ Cc e0 ΔH


sovraccarico 2 - 1900 33.10 * - - - - - -
1 1 1.5 1850 37.44 0.75 0.78 117 0.16 0.85 0.053
2 1 2.5 1850 46.13 1.25 0.50 75 0.16 0.85 0.036
3 1 3.5 1850 54.82 1.75 0.36 54 0.16 0.85 0.026
4 1 4.5 1850 63.51 2.25 0.25 37.5 0.16 0.85 0.017
5 1 5.5 1850 72.20 2.75 0.175 26.25 0.16 0.85 0.012
* valore efficace alla base dello strato sabbioso, rappresenta un sovraccarico per
Totale 0.144
lo strato coesivo sottostante

6.4 RIEPILOGO DEI RISULTATI


Con il programma Sismicad si sono ottenuti i risultati riportati di seguito:

Cedimento di consolidazione estremo massimo 0.1429255 al nodo di indice 762, di coordinate x = 0,


y = 0, z = 0, nel contesto Unica 1.

Sismicad Analitico Scarto


Cedimento di consolidazione nel punto centrale
0.143 m 0.144 m 0.7%
della piastra

48