Sei sulla pagina 1di 4

FOCUS

UN’INDAGINE SVELA COME PERCEPIAMO LA REGIONE

Veneto:
giù la maschera
A più della metà degli italiani piace, ma i manager hanno
molto da ridire. Potenzialità e aspetti critici. Al di là degli
stereotipi e dei pregiudizi, il conservatorismo non ostacola
la sete di innovazione e la voglia di guidare il paese verso la
ripresa

Davide Mura

olte immagini saltano alla mente quando si


La ricerca Il Veneto visto dagli italiani e dai
manager - Presente e futuro della regione
è stata effettuata da AstraRicerche per Ma-
M pensa al Veneto. Piazza San Marco a Venezia.
L’Arena di Verona. Romeo e Giulietta. Le scul-
ture del Canova... Arte, paesaggi, pandori, chiacchiere e
coriandoli. Una cartolina un po’ sbiadita dell’Italia della
nageritalia lo scorso febbraio su un doppio cultura, del romanticismo e del vivere bene. Ma c’è an-
che il Veneto delle piccole e medie imprese. Alcune di-
campione: da una parte rappresentativo dei ventate in una manciata di anni importanti multinazio-
cittadini italiani 14-79enni sondato tramite nali. Tra gli aspetti oscuri, ecco che compaiono il razzi-
smo, la mentalità provinciale, il Veneto bigotto e “po-
1.000 interviste telefoniche. Dall’altra un se- lentone” che può infastidire o far sorridere. Qual è l’idea
oggi più diffusa della regione? Manageritalia l’ha sco-
condo campione di 300 manager per il 90%
perto grazie a una recente indagine in collaborazione con
uomini, tra i 30 e i 60 anni, che risiedono o AstraRicerche. Un’iniziativa importante: l’organizzazio-
ne dei manager del terziario dà infatti ancora una volta
lavorano in Veneto e di cui il 76% in attività e
un contributo per capire la società e l’economia dell’Ita-
il 10% in pensione. lia dei nostri giorni. In questo caso l’analisi ha riguarda-
to una regione complessa e ha sgomberato il campo da
Manageritalia ha già svolto indagini simili su cliché e pregiudizi. Due i punti di vista, quello degli ita-
altre città dove hanno sede le sue Associa- liani e quello dei manager. In particolare, questi ultimi
hanno tracciato un quadro abbastanza preciso delle ri-
zioni territoriali (Milano, Roma, Torino, Bolo- sorse della regione e delle sue criticità.
gna). In questo caso, vista la particolarità del-
Gli italiani “promuovono” la regione
la regione e della nostra organizzazione, che Gli italiani hanno un’immagine senz’altro positiva
qui conta ben tre Associazioni territoriali, l’in- della regione (49,4% gli estimatori e gli appassiona-
ti). Più della metà la conoscono per esperienza diret-
dagine è stata estesa a tutto il Veneto. ta. Chi va nel Veneto lo fa soprattutto per turismo,
visite a parenti e amici, svago, shopping e cultura. Ma

12 䡵 DIRIGENTE 6|2009
anche per lavoro, studio e cura della salute. Le sue I tasti dolenti
attrattive principali sembrano le città d’arte e la na- Come una “casalinga disperata” che cerca di salva-
tura. Non ci sono però solo musei, fiumi e colline. La guardare le apparenze e di nascondere la polvere sot-
lusinghiera opinione degli italiani vede la regione co- to il tappeto senza riuscirci sempre, il Veneto lascia
me produttiva, ricca e benestante. tuttavia intravedere i suoi difetti. Il traffico è un pro-
Sempre la maggioranza la giudica ben tenuta (79%), blema per il 38% del campione e a uno sguardo at-
accogliente e generosa, ben governata e amministra- tento la tradizione cattolica sembra sgretolarsi (54%),
ta (55%). Chi l’avrebbe mai detto: solo un quarto la così come la sensibilità e le iniziative sociali. Tra i fat-
considera intollerante e razzista. tori critici più marcati c’è inoltre la scarsa in- 䊳

I MOTIVI DI VISITA (risposte multiple)

Turismo 57,2%
Lavoro 45,8%
Visite a familiari o amici 45,8%
Divertimento, svago non connesso alla cultura (spettacoli, concerti ecc.) 39,8%
Acquisti, shopping 36,3%
Transito per andare in altre destinazioni o tornare da esse 33,3%
Motivi culturali non connessi al turismo 31,8%
Studio 17,9%
Motivi di cura della salute 16,9%
Motivi sportivi 14,4%
Motivi religiosi 12,9%
Motivi politici 6,5%
Servizio militare, attività militari 4,5% Fonte: AstraRicerche - campione italiani

DIRIGENTE 6|2009 䡵 13
FOCUS VENETO LA CONOSCENZA DELLE PROVINCE VENETE
(risposte multiple)
novazione. Tanto è vero che solo un terzo degli ita- Venezia 72,8%
liani considera la regione locomotiva economica
d’Italia. L’economia sembra aver avuto una crescita Verona 55,4%
troppo veloce, squilibrata e iniqua (24%).
Padova 48,5%
Le eccellenze secondo i dirigenti
E i manager cosa dicono? Interrogati sulle eccellenze
Vicenza 28,7%
del Veneto, mettono al primo posto la piccola indu-
stria (82%), al secondo la sanità (62%), al terzo la me-
Treviso 26,0%
dia industria (57%). Scorrendo la classifica troviamo
poi gli imprenditori (43%), l’occupazione (41%), l’in-
Belluno 21,4%
novazione tecnologica (23%) e, dato su cui occorre ri-
flettere, solo al 18esimo se stessi (21%). È in partico-
lare il settore terziario la pecora nera: solo il 15% dei Rovigo 15,5%

dirigenti pensa di avere un ruolo predominante nel-


Fonte: AstraRicerche - campione italiani
lo sviluppo economico regionale.

Scuola, ricerca e turismo: occorre investire di più re nella regione, che secondo il 50% rischia di andare in
Appena al 55% dei manager piacerebbe restare a lavora- crisi anche per l’insufficienza della cultura gestiona-
le/manageriale. Il 45% del campione è invece deluso e
vorrebbe fare la valigia. I maggiori ostacoli che hanno
impedito al Veneto di sbocciare? I politici nazionali e re-
gionali, le infrastrutture carenti, l’eccessiva burocrazia,
il governo e lo Stato, i sindacati. Si dovrebbe investire di
più in scuola, università e centri di ricerca (52%) e quasi
a pari merito nel turismo (50%), seguito dall’innovazio-
ne tecnologica (45%), dai trasporti e dalle infrastrutture
(38%), dalla cultura gestional-manageriale nelle imprese
private (35%) e dalla ricerca scientifica (32%).

La crisi economica e il Veneto


Il 51% dei manager dichiara che la regione risentirà del-
la crisi meno del resto del paese. I settori più colpiti?
Secondo l’opinione sono e saranno il tessile/abbiglia-
mento (47%), l’industria metalmeccanica (37%), l’edili-
zia (33%), le calzature e gli accessori (28%), le piccole im-
L’interno di Palazzo Bo, sede storica dell’Università di Padova. prese overall (27%) e il commercio al dettaglio (24%).

IL GRADO DI APPREZZAMENTO DEL VENETO


Fonte: AstraRicerche - campione italiani

I supercritici informatissimi e severi I lontanissimi ignoranti e poco simpatetici


12,9% 17,2%

I fan informati, estimatori e innamorati Gli estimatori semi-informati e ottimisti I lontani poco informati e semi-estimatori
26,4% 23,0% 20,5%

14 䡵 DIRIGENTE 6|2009
LE ATTIVITÀ IN CUI IL VENETO DOVREBBE INVESTIRE tive (23%) e il deficit di cultura gestionale-manageriale
(risposte multiple) di troppi dirigenti (23%). Senza contare poi l’inadegua-
La scuola, l’università, i centri di ricerca 52% tezza culturale e professionale di troppi manager. I ma-
nager sono critici verso gli imprenditori e le imprese
Il turismo 50% ma sono anche molto severi verso se stessi.

L’innovazione tecnologica 45%


Da manager a imprenditore?
Per cogliere le opportunità del proprio futuro nei
prossimi anni quasi tutti i dirigenti intervistati si so-
I trasporti, le infrastrutture 38%
no attivati, seppure con progetti programmati diver-
sissimi: dunque ben il 18% pensa di abbandonare il
La cultura manageriale nelle imprese private 35%
ruolo manageriale per diventare imprenditore o con-
Fonte: AstraRicerche - campione dirigenti sulente oppure per pensionarsi; il 23% ipotizza di
cambiare azienda (restando in Veneto ma anche, in
Oltre alla difficoltà nell’accesso al credito (42%), le gra- quasi la metà dei casi, andando a operare in un’altra
vi inadeguatezze sui terreni dell’energia e delle infra- regione italiana o all’estero). Il 12% è intenzionato a
strutture (36%) e la debolezza complessiva del “sistema cambiare il proprio incarico all’interno dell’azienda
Paese” (21%), altri riguardano più direttamente la con- mentre il 46% sta investendo nella propria formazio-
dizione professionale dei dirigenti intervistati. ne, nel seguire programmi di sviluppo professionale
e di carriera, nel cercare a ogni costo un aggiorna-
Poca cultura manageriale mento e un arricchimento professionali.
Il vero problema del Veneto è infatti la scarsa cultura
manageriale delle imprese. I dirigenti sottolineano Le richieste a Manageritalia
l’inadeguata delega da parte dell’imprenditore (46%), la Infine, ecco le richieste dei manager veneti alla Fe-
difficoltà di reperire collaboratori capaci (24%), il già ci- derazione. Svettano in testa la formazione e l’aggior-
tato scarso numero di dirigenti nelle imprese produt- namento, il sostegno nella ricerca di nuove opportu-
nità professionali, lo sviluppo di networking, l’incre-
I PROBLEMI PIÙ GRAVI DELL’ECONOMIA VENETA mento delle informazioni e degli studi messi a di-
(risposte multiple) sposizione degli associati. Così come l’incremento
dell’assistenza sindacale e una più marcata interna-
Scarsa delega da parte dell’imprenditore, della proprietà 46%
zionalizzazione.
I manager non vogliono lasciarsi sfuggire le opportu-
Difficoltà nel reperire collaboratori capaci 24%
nità di un’organizzazione di rappresentanza come Ma-
nageritalia e dei servizi mirati, come ad esempio quel-
Deficit di cultura gestional-manageriale di troppi dirigenti 23% lo di job placement (vedi a pagina 17).
Ma allo stesso tempo non rinunciano a rimboccarsi le
Scarso numero di dirigenti nelle imprese/organizzazioni 23% maniche, a fare i manager insomma, offrendo una va-
lida collaborazione agli imprenditori che si ispirano al
Fonte: AstraRicerche - campione dirigenti
principio del “faso tuto mi”. 䡵

DIRIGENTE 6|2009 䡵 15

Interessi correlati