Sei sulla pagina 1di 51

Radioestesia

evolutiva
Manuale gratuito introduttivo

Simone Savina
www.radioestesiaevolutiva.it
Copyright | www.radioestesiaevolutiva.it
INTRODUZIONE ALLA RADIOESTESIA

La Radioestesia è una disciplina che studia la misteriosa capacità della mente


umana di avere accesso ad informazioni nascoste o inaccessibili.
Vi siete mai chiesti come fa il Rabdomante a sapere esattamente dove scavare
un pozzo per trovare l’acqua? La risposta è: “nel suo corpo, nelle sue sensazioni”.
La Radioestesia è un’arte antichissima usata da molti popoli antichi per finalità
diverse. Quelle più conosciute sono naturalmente la ricerca dell’acqua sottoterra
o di giacimenti minerari, ma ce ne sono moltissime altre, alcune che non avreste
mai immaginato possibili.
Nella storia la radioestesia è stata descritta come una particolare sensibilità alle
radiazioni emesse dai corpi da cui il nome Radioestesia, dal latino “radius” –
raggio o radiazione, e dal greco “àistesis” – sensibilità. Scopriremo tuttavia che
forse non è proprio cosi, ma molto di più..

COSA È LA RADIOESTESIA

La Radioestesia è una forma di intuizione focalizzata, basata sul principio del


movimento ideo-motorio: ossia la capacità della mente inconscia di comunicare
con la mente conscia attraverso movimenti fisici involontari.
Quando una persona si focalizza su una domanda, una parte della sua coscienza
(l’inconscio) è in grado di spingersi oltre i limiti di tempo e spazio e trovare accesso
alla risposta in modo istantaneo (non-località), e, se la persona è sufficientemente
rilassata e ricettiva, è possibile rendere tale risposta fruibile a livello conscio
attraverso i movimenti ideo-motori del corpo e degli strumenti che amplifichino ed
esagerino questi micro-movimenti, in modo da renderli facilmente interpretabili;
ma tutto questo avviene anche attraverso visioni e percezioni extra-sensoriali
come nel caso di sciamani, veggenti o sensitivi.
Poniamo l’esempio del pendolino: la superstizione popolare porta a credere
che ci sia un qualche tipo di entità o di potere soprannaturale che anima il suo
movimento, mentre invece non è cosi: è solo la mano del radioestesista che si
muove con piccoli e impercettibili micromovimenti. Questi movimenti  non
sono volontari, scelti e intesi dall’operatore, ma sono movimenti involontari
detti appunto ideo-motori, ossia modulati dalla mente inconscia. Il modo di
comportarsi dello strumento radioestesico, il suo senso di oscillazione e rotazione
sono determinati da un codice di comportamento “programmato” dall’operatore
per essere in grado di interpretare le risposte correttamente.
Come è possibile accedere ad informazioni esterne a noi?
Alcune antiche tradizioni e la moderna fisica quantistica convergono verso
un paradigma di interpretazione della realtà che vede la coscienza come un

3
“fenomeno quantistico non locale”, totalmente integrato nella struttura della
realtà e capace di muoversi nel tempo e nello spazio. In questo modello della realtà
ogni cosa è interconnessa in un campo dove tutte le informazioni sono accessibili.
La nostra più grande illusione percettiva è quella di essere degli oggetti separati
all’interno di una scatola chiamata universo spazio-temporale, mentre non è
affatto così: noi siamo parte integrante di questa struttura, siamo fatti di spazio,
di tempo e di energia, ecco perché quella parte della nostra coscienza (inconscia)
possiede caratteristiche quantistiche e può accedere a tutte le informazioni su
cui ci focalizziamo.
Alla luce delle scoperte della moderna fisica quantistica, possiamo intuire che la
Radioestesia altro non è che l’abilità di accedere in modo non locale ad un database
di informazioni universale a cui siamo sempre connessi ed in cui riversiamo tutta
la nostra esperienza, in qualità di esseri percettori consapevoli.
Nell’universo tutto è interconnesso in modo indivisibile.
Ad un livello più profondo della realtà, non esiste separazione e isolabilità alcuna
fra i corpi: la nostra coscienza è parte di una coscienza più grande, è parte del
tutto, nulla è escluso dalla coscienza universale; noi abbiamo l’illusione di essere
separati dagli altri e dal mondo, di essere oggetti isolati che fluttuano e girano
nell’universo, ma la verità è che siamo ologrammi del tutto: dentro di noi abbiamo
accesso ad ogni informazione possibile, proprio perché siamo il tutto, che si
esprime in una piccola parte.

Tu non sei dentro l’universo, sei parte dell’universo


In ogni singola parte del tutto è rappresentato il tutto stesso. Ogni essere ha un
accesso “inconsapevole” ad ogni informazione riguardante cose, fatti, persone,
eventi passati, presenti e futuri.
Talvolta questo database viene chiamato Etere o Akasha.
Quando riceviamo un’intuizione, ad esempio per la soluzione ad un problema,
questa proviene direttamente dall’intelligenza collettiva, che oltre a calcolare
tutte le variabili del caso, usa come riferimento un numero infinito di soluzioni
ed esperienze condivise fra tutti gli esseri, proprio come l’istinto per gli animali;
è per questo che è possibile conoscere cosa è meglio fare in ogni determinata
circostanza, il nostro inconscio percepisce tutti gli scenari possibili collegati ad
ogni scelta.

CHI PUÒ PRATICARE RADIOESTESIA

Tutti possono praticarla, non ci sono limiti se non l’eccessiva razionalità,


superstizione o convinzione contraria.
Il sistema cognitivo e percettivo dell’essere umano moderno ha subito un forte

4
condizionamento nei millenni che ha gradualmente assopito la sua capacità del
tutto istintiva e naturale di essere a contatto diretto con il mondo e di ricevere
informazioni oggettive da esso sotto forma di percezioni, intuizioni e comprensioni
non basate sul pensiero logico-razionale o la memoria personale, spingendolo ad
affidarsi sempre di più alla ragione, al calcolo, alla razionalità.
La razionalità si erge su un principio di non contraddizione: “una cosa è se stessa
e non altro“
Il secondo è il principio di causalità: “una cosa accade a causa di un altra“
Questo processo degenerativo dell’essere umano ha lavorato per millenni,
contribuendo a creare una prigione di idee, religioni, opinioni, convinzioni e
tradizioni che di fatto rende l’essere umano, una creatura monca, priva di una
parte fondamentale, ossia l’anello di collegamento con il mondo: è come guidare
guardando sempre e solo il gps e mai fuori dal finestrino.
Ci sono culture che sono sopravvissute a questo processo di condizionamento
le quali hanno preservato questa capacità e su di essa hanno costruito le loro
tradizione senza mai però intaccare la loro capacità di percepire il mondo in modo
diretto.
Scopriremo che la Radioestesia è infatti un tentativo ben riuscito di riuscire ad
accedere alle nostre reali potenzialità, pur non rinunciando al condizionamento
percettivo che abbiamo subito.
Possiamo considerarla un espediente, un trucco… in realtà sarebbe possibile per
ogni essere umano rieducare la propria percezione, in modo tale da ottenere
accesso a questo potere in modo diretto, senza l’uso di strumenti, senza mediazioni
ma appunto direttamente attraverso la consapevolezza.
Di questo aspetto riparleremo alla fine.

ONDE CEREBRALI

La capacità di fare radioestesia è legata agli stati di coscienza in cui riusciamo


a portarci, stati dove le onde cerebrali cambiano da quelle tipiche della veglia a
quelle di uno stato meditativo leggero.
Da un punto di vista prettamente scientifico, gli stati di coscienza che viviamo
sono dovuti all’incessante attività elettrochimica del cervello, che si manifesta
attraverso “onde elettromagnetiche”: le onde cerebrali.
La frequenza di tali onde, calcolata in ‘cicli al secondo’ o Hertz (Hz), varia a
seconda del tipo di attività in cui il cervello è impegnato e può essere misurata
con apparecchi elettronici. Gli scienziati suddividono comunemente le onde in
quattro “bande”, che corrispondono a quattro fasce di frequenza e che riflettono
le diverse “attività del cervello”.
Onde beta, da 14 a 30 Hz: sono associate alle normali attività del dialogo interno,

5
concentrazione sui problemi, reazioni di stress e ansia. Le onde beta sono infatti
alla base delle nostre fondamentali attività di sopravvivenza, di ordinamento, di
selezione e valutazione degli stimoli che provengono dal mondo che ci circonda.
Onde alfa, da 8 a 14 Hz: sono associate ad uno stato di coscienza vigile ma
rilassata. La mente, calma e ricettiva, diminuisce l’uso della razionalità e si lascia
più spazio alla creatività, l’attenzione è concentrata e agganciata su stimoli interni
o esterni o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero. Le onde alfa
dominano nei momenti introspettivi o in quelli in cui più acuta è la concentrazione
per raggiungere un obiettivo preciso. In questa fase sono possibili le intuizioni:
quando si pratica radioestesia le onde dominanti sono onde alpha.
Onde theta e delta tra i 0,5 e gli 8 Hz: sono proprie della mente impegnata in
attività di sogno, immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa fino al
profondo rilassamento e sonno.

STRUMENTI E SISTEMA IDEOMOTORIO

La maggior parte delle persone è abituata a oscillare su onde beta in modo


semi permanente. In questo stato le persone tendono ad essere meno intuitive,
più abitudinarie, si sentono disconnesse dal mondo di cui invece sono parte
integrante, sono intente e concentrate a fare solo i loro interessi fittizi o a cercare
gratificazione.
Chi riesce ad accorgersi di come stanno veramente le cose cerca naturalmente
di invertire questo processo di disconnessione, imparando a riscoprire e allenare
l’intelligenza intuitiva, che consente di ritornare al nostro stato naturale di
risonanza e ricettività.
Lo strumento radioestesico non ha potere, il pendolo ad esempio è solo un peso
legato ad un filo; è l’inconscio che muove in modo intelligente la mano, con micro-
stimoli ideomotori che permettono all’operatore di comprendere la risposta.
In alcuni casi lo strumento radioestesico invece può avere potere, ma di questo
parleremo nel capitolo: “oggetti di potere”.

Fra gli strumenti radioestesici principali troviamo:

‣‣ Il pendolo
‣‣ Il biotensor
‣‣ Le bacchette a L
‣‣ la forcella da rabdomante
‣‣ Il test kinesiologico
‣‣ il corpo stesso
‣‣ quadranti di analisi

6
QUADRANTI DI ANALISI:

Il modo più efficace e veloce di condurre analisi radioestesiche è quello di usare


quadranti (particolari fogli contenenti tante risposte disposte a semicerchio),
con i quali è possibile individuare informazioni precise su moltissimi argomenti.
Basterà porre il pendolo al centro, esprimere la domanda e il pendolo oscillerà
subito sulla risposta corretta (ricorda che non è il pendolo ad avere potere, ma
la mente inconscia). I quadranti consentono di estrarre un’ampia gamma di
informazioni utili altrimenti inaccessibili, al fine di potersi fare un’idea più precisa
e chiara di ogni situazione che si andrà ad analizzare e possono essere considerati
veramente uno strumento di diagnosi completo.
Le reali potenzialità di questa disciplina, vanno molto di là dal trovare oggetti
nascosti o falde acquifere: leggi sotto per averne un assaggio. La Radioestesia è
un’arte che può essere imparata e padroneggiata da tutti, nessuno escluso, basta
un po’ di buona volontà.

IL TESTIMONE

In Radioestesia per “testimone” si intende il soggetto su cui si sta ponendo la


domanda: può essere una persona, un luogo, un oggetto, un animale, un evento.
Il suggerimento è quello di imparare a visualizzare o tenere a mente il soggetto
in analisi; se avete difficoltà potete scriverlo su carta e tenerlo di fronte, cosi da
facilitarvi il lavoro, oppure stampare una foto se proprio è necessario.

LA RADIOESTESIA EVOLUTIVA

La Radioestesia Evolutiva è un metodo di analisi radioestesica che pone come suo


oggetto di indagine l’uomo e il suo processo evolutivo.
Evoluzione non in senso biologico, ma in senso psichico - cognitivo - percettivo
ed energetico.

‣‣ Questa disciplina ha 3 differenti finalità:


‣‣ Conoscere se stessi
‣‣ Sviluppare la propria consapevolezza
‣‣ Imparare a cambiare e integrare ciò che non funziona

Lo scopo trasversale di questa disciplina è quello di fornire uno possibile metodo


per lavorare su di se stessi e per potersi conoscere meglio. Essere in grado di
prendere coscienza di questi aspetti di noi e del mondo è il primo passo per ottenere
un cambiamento e quindi un eventuale evoluzione interiore.

7
Questa disciplina permette di raggiungere una maggiore conoscenza di sé e delle
persone che frequentiamo, di iniziare a vivere in una realtà un poco più oggettiva
invece che proiettare una realtà artificiale, sterile, distorta e generalizzata del
mondo.
Ci aiuta a rieducare ed ampliare la propria percezione, ad aumentare il
grado di attenzione che abbiamo nella vita di tutti i giorni, a svilupparte un
maggiore autocontrollo, per comprendere fino in fondo il proprio sentiero di
autorealizzazione.

SVILUPPARE LA CONSAPEVOLEZZA

Con la Radioestesia possiamo accedere ad un gran quantitativo di informazioni


utili, ma poi cosa ce ne facciamo di queste informazioni?
Sviluppare la consapevolezza significa conoscere se stessi e il mondo che ci
circonda, accorgersi di dettagli e saperli riconoscere.
Essere consapevoli significa conoscere le proprie abitudini interne ed esterne.

Essere consapevoli significa:

‣‣ Conoscere i tuoi punti di forza


‣‣ Conoscere i tuoi punti deboli
‣‣ Conoscere la personalità
‣‣ Conoscere i tuoi desideri, quelli acquisiti per moda e quelli autentici
‣‣ Conoscere i tuoi bisogni reali e quelli che le persone disattendono, deludendo
le tue aspettative
‣‣ Conoscere i tuoi blocchi enegrgetici
‣‣ Conoscere le tue preferenze
‣‣ Conoscere in quali situazioni ti trovi bene e quali no
‣‣ Conoscere le tue paure
‣‣ Conoscere i traumi che hai subito e le ferite che porti con te
‣‣ Conoscere le cause dello stress
‣‣ Conoscere i tuoi talenti
‣‣ Conoscere quale cammino di vita vorresti intraprendere
‣‣ Conoscere le tue convinzioni limitanti
‣‣ Conoscere i giudizi percepiti interiorizzati e le reazioni connesse
‣‣ Conoscere le tue ansie e preoccupazioni
‣‣ Conoscere il tuo ego
‣‣ Conoscere i tuoi obiettivi
‣‣ Conoscere le tue Resistenze
‣‣ Conoscere i tuoi Sabotaggi

8
‣‣ Conoscere come ti relazione con amici, parenti e conoscenti
‣‣ Conoscere le cause dei disturbi
‣‣ Conoscere quale alimentazione preferisce il tuo corpo
‣‣ Conoscere quali terapie sono ideali per te
‣‣ Conoscere le motivazione delle altre persone
‣‣ Conoscere come le altre persone ti vedono e percepiscono
‣‣ Conoscere come potresti cambiare

Per conoscere non si intende “sapere” che dentro di noi ci sono questi aspetti,
ma conoscere in senso più ampio:

1. Accorgersi di questo aspetto quando si manifesta o dopo che si è manifestato e prima


che stia per manifestarsi.
2. Saper richiamare l’esperienza soggettiva di riferimento, attraverso le sensazioni
connesse, il ricordo, la memoria, la visualizzazione e la fisiologia (postura, respiro etc)
3. Sapere il nome con cui è possibile descrivere tale fenomeno interno, al fine ragionare,
descrivere e confrontarsi.

L’unica cosa che esiste è l’energia, non c’è nulla nell’esistenza che non sia un
aspetto dell’energia: Essere consapevoli significa sapersi accorgere di aspetti
molto diversi fra loro.
La consapevolezza è la qualità di base che permette di raffinare l’attenzione, quella
caratteristica della nostra coscienza che ci permette di accorgerci di qualcosa.

Possiamo accorgerci di molte cose su piani molto diversi fra loro:

‣‣ Se l’attenzione è all’interno o all’esterno


‣‣ Come sto respirando
‣‣ Quale stato d’animo sto provando
‣‣ In che modo sto reagendo
‣‣ Cosa sto credendo vero
‣‣ Cosa cerco di nascondere
‣‣ Cosa ho giudicato di questa persona
‣‣ Su cosa la mia attenzione rimane fissata o incollata
‣‣ Cosa accetto o non accetto
‣‣ Come scorre l’energia nel corpo
‣‣ Come scorre l’energia fuori dal corpo
‣‣ Come scorre l’energia in un certo ambiente
‣‣ Come scorre l’energia fra certe persone
‣‣ Cosa sta per accadere (precognizione)

9
‣‣ Come risolvere un problema (ragionamento o insight)
‣‣ e molto molto altro

Non c’è vera evoluzione se non si migliorare la propria capacità di accorgerci e


conoscere ciò accade dentro e fuori di noi.

COSA È POSSIBILE INDAGARE CON LA RADIOESTESIA

APPLICAZIONI BASE

‣‣ Conoscere risposte a domande in termini di Sì e No


‣‣ Trovare oggetti, animali e persone scomparsi
‣‣ Sapere dove trovare acqua, petrolio, oro e altre risorse sottoterra
‣‣ Comunicare con piante, animali ed altri elementi del cosmo

APPLICAZIONI PER LA SALUTE

Aiutare la persona a comprendere le cause psichiche responsabili della comparsa


dei sintomi e identificare il percorso migliore di risoluzione del disturbo per il
paziente.

‣‣ Trovare la reale causa di una malattia (biologica, o psico-emotiva)


‣‣ Identificare quali sono i rimedi e le terapie migliori per te
‣‣ Scoprire le cause della stanchezza per aumentare i livelli di energia e vitalità
‣‣ Come potenziare il sistema immunitario
‣‣ Creare una dieta basata sui bisogni del corpo
‣‣ Sapere quali sono i fabbisogni fisici di vitamine e minerali
‣‣ Come fare a perdere peso velocemente (con il tuo metabolismo)
‣‣ Quale emozione o memoria è intrappolata in una parte del corpo o organo

SALUTE PSICOLOGICA E CRESCITA PERSONALE

Sfruttare la capacità di sondare l’inconscio dell’individuo per estrarre e portare


a coscienza tutte le convinzioni limitanti, le ferite, i traumi, i giudizi subiti, i
bisogni repressi che causano blocchi energetici, percorsi karmici di sfortuna e
problematiche di ogni tipo.

‣‣ Comprendere bene le proprie emozioni e conflitti


‣‣ Identificare e sciogliere blocchi inconsci, traumi e abusi
‣‣ Trovare le convinzioni limitanti in relazione a persone, contesti e argomenti

10
specifici
‣‣ Scoprire condizionamenti e abitudini che ti limitano
‣‣ Fare luce sulle ferite emotive che porti con te
‣‣ Tagliare corde psichiche e sciogliere legami

ARMONIA NELLE RELAZIONI

È possibile lavorare sulle motivazioni inconsce di più persone legate da un vincolo


di relazione, presente, passato ed anche futuro, comprendere in modo diretto e
senza interpretazione le cause dei conflitti e le strategie di riarmonizzazione ideali
per ogni singolo membro.

‣‣ Comprendere i reali bisogni delle persone attorno a te


‣‣ Quale aspetto della tua personalità certe persone trovano spiacevole
‣‣ Quale è il comportamento più idoneo per sanare un conflitto
‣‣ Capire meglio i propri familiari, figli e parenti

APPLICAZIONI ENERGETICHE

‣‣ Pulire energie negative e congeste da persone, case o luoghi


‣‣ Identificare eventuali forme pensiero attive presenti nell’ambiente
‣‣ Tracciare con precisione nodi energetici positivi e negativi

APPLICAZIONI SPIRITUALI

È possibile conoscere quale è la missione dell’individuo in questa vita, quali


sfide deve affrontare, quali lezioni deve imparare, a quali identificazioni, giudizi
e attaccamenti deve rinunciare per progredire, quale attributo o atteggiamento
deve sviluppare per raggiungere un determinato obiettivo. È possibile anche
identificare quali sono i talenti, i valori e persino la professione ideale da svolgere.

‣‣ Scopri quale è la tua missione in questa vita


‣‣ Comunicare con la tua anima e spiriti alleati
‣‣ Integrare una lezione di vita che sta generando karma
‣‣ Trovare la pratica spirituale più in risonanza con te
‣‣ Investigare le tue vite passate, future e parallele

SOGNI, OBIETTIVI E VITA QUOTIDIANA

‣‣ Trovare lo scopo profondo della tua vita e comprendere gli step per realizzarlo

11
‣‣ Prendere decisioni migliori basandoti su informazioni importanti
‣‣ Trovare i tuoi veri talenti
‣‣ Come risolvere un problema che non sai come risolvere
‣‣ Come superare un’ansia o una paura

PREDIRE IL FUTURO

‣‣ Tracciare la specifica probabilità di un evento


‣‣ Cosa puoi fare per aumentare tale probabilità
‣‣ Verifica la compatibilità fra persone, luoghi, scelte, obiettivi professionali
‣‣ Comprendere cosa ti ostacola nel raggiungere un obiettivo
‣‣ Misura da 1 a 10 quanto sei disposto a credere che qualcosa di positivo possa
avvenire
‣‣ Scopri quanto permetti alle cose che desideri di accadere senza fatica

La vera arte non è riuscire a far muovere lo strumento radioestesico, ma saper


esprimere la domanda giusta, ed è questo che si impara in un corso di Radioestesia
Evolutiva, la domanda è il segugio che permette alla risposta migliore di arrivare.

QUALI BENEFICI SI OTTENGONO PRATICANDO RADIOESTESIA?

Il primo fra tutti come ho già detto in precedenza è quello di iniziare a farsi nuove
domande, il cui effetto trascende il processo radioestesico ma va ad incidere
notevolmente nel modo in cui gestiamo la nostra vita.
Il secondo è rappresentato dalla capacità di prendere un maggiore contatto con
la realtà, e con i dati oggettivi che essa ci offre costantemente, ma che spesso
ignoriamo per distrazione, per ignoranza o perché siamo troppo occupati a filtrare
le informazioni con convinzioni, opinioni, filtri e suggerimenti vari.
Bisogna comprendere che la radioestesia altro non è che l’utilizzo consapevole
e focalizzato dell’intuizione, ossia quella facoltà della mente di attingere alla
conoscenza senza un processo di pensiero che la richiami.
Il beneficio comune è rappresentato dal poter accedere ad informazioni che hanno
in sé il potenziale di migliorare la nostra vita in qualche modo.
I benefici della pratica radioestesica ci sono solo se le informazioni che emergono
durante l’analisi vengono prese sul serio, e assimilate nella vita quotidiana.

12
I VANTAGGI DI CHI CERCA DI AUMENTARE
LA PROPRIA CONSAPEVOLEZZA SONO:

‣‣ Salute fisica, energetica e psicologica


‣‣ Auto-perfezionamento di sé, crescita ed evoluzione personale
‣‣ Armonizzazione delle relazioni sia familiari che interpersonali
‣‣ Conoscere la propria missione e quindi scegliere il proprio lavoro di
conseguenza
‣‣ Rimuoverei blocchi inconsci ed energetici
‣‣ Comprendere i propri talenti e capacità inespressi
‣‣ Capire come portare avanti progetti, idee ed obiettivi

L’ARTE DI SAPER FARE LA GIUSTA DOMANDA

Il maggiore contributo che offre questa disciplina, è quello di insegnare alle


persone a farsi domande che non si sono mai fatti, e quindi di accedere ad
informazioni e flussi di ragionamento nuovi.
Facciamo un esempio, poniamo di voler sapere qualcosa di preciso sulle
convinzioni di una persona su un argomento specifico o su un’altra persona,
prenderemo il quadrante relativo alle convinzioni limitanti e cominceremo
l’analisi con alcune domande come:

‣‣ Quale è la convinzione che questa persona ha nei confronti di questo


argomento?
‣‣ Quale è la convinzione negativa che questa persona ha su questa persona?
‣‣ Quale è la convinzione negativa che tale persona ha di se stesso?
‣‣ Quale è la prima convinzione? quale è la seconda, la terza e così via…
‣‣ Quale idea hanno gli altri su di lui/lei? (genitori, amici, colleghi, partner)
‣‣ Che idea si è fatta questa persona specifica su di lui/lei?
‣‣ Su quale convinzione dovrebbe lavorare prima?
‣‣ Quale convinzione dovrebbe trasformare al fine di poter raggiungere questo
obiettivo?
‣‣ Quale è il metodo migliore affinché questa persona possa trasformare questa
convinzione?

Come potete constatare, da questo tipo di domande escono fuori molte


informazioni, sfumature e implicazionile che rispecchiano la complessità naturale
di ogni sistema.

13
ALCUNI SUGGERIMENTI PRATICI PRIMA DI INIZIARE

1. RILASSAMENTO: tecniche per raggiungere un livello alpha

L’effetto che generalmente cerchiamo con qualsiasi esercizio preparatorio


è di ottenere un lieve ma efficace rilassamento, provocare uno spostamento
dell’attenzione dal dialogo interno al corpo, e di innescare un processo che stimoli
un riequilibrio fra i due emisferi cerebrarli.

Esercizio: Visualizzare il simbolo dell’infinito nell’aria davanti a sé, grande a


circa un metro, che raggiunga la vista periferica e scorrerlo da un lato all’altro in
entrambe le due direzioni.
Procedere per qualche minuto fin che non ci si accorge facilmente della parte
periferica del nostro campo visivo.

2. CHIEDERE IL PERMESSO

È una buona abitudine per chi pratica radioestesia quella di chiedere il permesso
allo spirito, ogni volta che si fa un indagine, spesso quando ci facciamo gli affari
degli altri, dobbiamo sapere se è nel bene di tutti accedere a certe informazioni.

(Cosa si intende qui per spirito: la sorgente di tutte le cose, l’intelligenza creativa
universale che è dietro le quinte di tutto, di cui noi non siamo altro che piccole cellule)

Alcune delle frasi da utilizzare sono:


‣‣ Ho il permesso di condurre questa analisi radioestesica ora su questo
soggetto?
‣‣ È nel bene più grande di tutto e tutti che io esegua questa analisi radioestesica
ora?

È molto facile quando si pratica radioestesia violare i confini della privacy di


qualcun altro, ma qui deve vigere una morale illuminata.
Le persone sono solite mascherare e nascondere tutti i lati oscuri della propria
personalità. Ogni volta che l’intento dell’analisi è volto ad un miglioramento e ad
un’evoluzione collettiva si riceverà sempre il permesso di sondare. Per lo spirito
non ci sono segreti, non esistono territori da difendere, o giudizi da emettere.

14
3. QUALI DOMANDE NON FARE

Ecco le 8 tipologie di domande da non fare, se volete che il vostro percorso con la
radioestesia vi porti lontano e vi dia sobrietà d’animo.

‣‣ 1. non formulare domande poco chiare o ambigue


‣‣ 2. non formulare domande con interrogativi doppi come: “domani sarà
soleggiato o nuvoloso?” 
‣‣ 3. non formulare domande impostate negativamente
‣‣ 4. non ponete mai domande la cui risposta vi è già nota
‣‣ 5. non fate mai domande mossi dalla curiosità, bensì da un autentico E
SINCERO interesse
‣‣ 6. non ponete mai domande che volutamente o no potrebbero ferire o nuocere
agli altri
‣‣ 7. non chiedete mai “perché” ma bensì formulate la domanda in modo che la
risposta possa essere “SI” o “NO” o usate quadranti specifici
‣‣ 8. non usate mai il pendolo per avere il risultato di scommesse, giochi
d’azzardo, lotto, ecc… (in futuro vi spiegherò il perchè)

4.CONSIGLI UTILI

‣‣ 1) Quando esprimente una domanda, fatelo marcando bene l’aspetto acustico


dell’interrogativa.
‣‣ 2) Prima di esprimere la domanda, siate certi di averla formulata nel giusto
modo, e che vi ritorni un senso di chiarezza sulla tipologia di risposta che volete
ottenere.
‣‣ 3) Una volta espressa la domanda, fate come se foste al telefono in attesa che
l’interlocutore risponda.
‣‣ 4) Bevete acqua, l’esercizio della radioestesia canalizza e concentra
l’attenzione, e quindi usa molta della vostra energia per funzionare, e per
ottenere risultati accurati senza che vi venga il mal di testa, bevete, tanto.
‣‣ 5) Imparate a rilassarvi, quando fate radioestesia portate l’attenzione sul
corpo e non nel dialogo interno per qualche secondo, almeno 10...
‣‣ 6) Quando chiedete informazioni su un oggetto o su un altra persona dovete
visualizzarla o comunque avere ben in mente per chi state chiedendo..
‣‣ 7) Ricordati di non incrociare gambe e braccia, perche si inibisce crea una
chiusura energetica e tal volta potrebbe deviare i risultati.

15
INIZIAMO A FARE SUL SERIO: PARTE PRATICA

Ecco gli step necessari per far un analisi radioestesica:

‣‣ Step 1 Prendi il pendolo


‣‣ Step 2 Ponilo davanti a te, all’altezza dello sterno
‣‣ Step 3 o polino al centro di un quadrante
‣‣ Step 4 chiedi la domanda “ ... “
‣‣ Stap 5 attendi che il pendolo inizi a muoversi e interpreta la risposta

Ma prima iniziamo con la procedura preliminare.

1. PROGRAMMARE LA MENTE INCONSCIA A RICONOSCERE I


MOVIMENTI DEL PENDOLO

Per prima cosa dobbiamo avere un pendolino.

I movimenti del pendolo, si orientano in funzione di un codice arbitrario che noi


decidiamo di associare a questi movimenti.
Ricordate che il pendolino si muoverà sempre in funzione di un modello che voi
utilizzerete come riferimento, che siano i sensi di rotazione, o delle scritte su un
foglio come da foto o dei quadranti con molte possibili risposte, esso si sposterà
sempre in funzione di ciò che avete davanti come binario.

I movimenti di base standard:

‣‣ L’oscillazione verticale rappresenta un sì


‣‣ L’oscillazione orizzontale rappresenta un no
‣‣ La rotazione in senso orario rappresenta un sì
‣‣ La rotazione in senso anti-orario rappresenta un no

Il consiglio in questa fase è di dialogare apertamente con la vostra mente inconscia,


essendo consapevoli che lei è sempre li con voi, e ascolta tutto quello che le dite.
Parlatele come se fosse una persona, fatele delle richieste e datele dei comandi.
Per programmare questi movimenti bisognerà esplicitamente muovere il pendolo
in una delle 4 direzioni. Ad esempio si farà oscillare il pendolo in senso verticale e
pronunciare mentalmente “mente inconscia, questo movimento è un si” (mentre
pronunciate la frase state ben attenti e concentrati sulla sensazione fisica che vi
da tale movimento verticale del pendolo).
Si ripeterà questo processo un pò di volte per dare il tempo all’inconscio di

16
accogliere e assorbire il comando.
Dopo di che si proverà ad utilizzare alcune domande di controllo come:
Il mio nome è Mario? (usa il tuo nome) il pendolo dovrà iniziare di conseguenza
a oscillare in senso verticale o ruotare in in senso orario.
Il mio nome è Belzebu? il pendolo dovrà iniziare a muoversi in senso orizzontale
o anti-orario.
Si prosegue con varie domande di cui si conosce chiaramente la risposta, al fine
di attivare e risvegliare l’abilità.

Fate domande semplici come:

‣‣ Il colore delle mie calze è blu?


‣‣ In questo momento mi trovo in casa?
‣‣ Oggi il cielo è sereno?
‣‣ Ieri a cena ho mangiato l’insalata?

Tutte domande di cui sapete la risposta, provate sia quelle affermative che negative.

2. QUANDO IL PENDOLO NON SI MUOVE

Potrebbe essere in funzione di uno di questi 6 casi, puoi anche trasformare questa
lista in un piccolo quadrante e chiedere.

‣‣ 1) Risposta non ben formulata


‣‣ 2) Non hai il permesso di sondare questo argomento
‣‣ 3) Non hai energia per analizzare ora
‣‣ 4) Sei troppo coivolto
‣‣ 5) Hai bisogno di fare pratica, il corpo non risponde ancora bene
‣‣ 6) Cambia il modo in cui formuli la domanda

Importante: non tutte le risposte presenti in un potenziale quadrante saranno


corrette al 100% per le nostre domande, ma le risposte che otteniamo dai quadranti
sono quelle che hanno maggiore risonanza e somiglianza con la risposta corretta.

3. L’USO DEI QUADRANTI

I quadranti sono dei grafici a spicchio contenenti una lista di possibili risposte
divise per argomenti. Il pendolo viene posizionato al centro del quadrante con il
quale si vuole lavorare.
Quando ci si focalizza su una domanda precisa, il pendolo inizia ad oscillare

17
nella direzione corrispondete allo spicchio contenete la risposta corretta o più in
risonanza con la verità. I quadranti sono capaci di fornirci molte informazioni
utili quando si cercano informazioni precise, e sono molto più veloci delle analisi
Si e No.

Come si usano i quadranti:


Fase preliminare: conoscere il quadrante, sapere cosa c’è scritto dentro e quale è
il contesto specifico a cui si riferiscono le risposte presenti dentro esso.

‣‣ Fase 1: Centrare se stessi, rilassarsi, portarsi in uno stato di profonda


neutralità e assenza di giudizio
‣‣ Fase 2: Formulare una domanda chiara e specifica nella mente e rimanere in
attesa come quando si attende al telefono, ossia in fase di ricezione.
‣‣ Fase 3: Poni il pendolo al centro del quadrante e attendi finché non comincia
ad oscillare verso lo spicchio con la risposta corretta (o più in risonanza con
l’eventuale risposta)

Ce ne sono di molti tipi, io ne ho sviluppata una collezione di circa 101 quadranti


solo per il lavoro sull’inconscio ad esempio.

4. LA TECNICA DELLE DIREZIONI

Quando facciamo domande, la nostra mente inconscia si orienta a trovare la


risposta nello spazio e istantaneamente cerca il modo di segnalarcela, ed è in grado
di usare qualsiasi riferimento come guida per far oscillare il pendolo.
Immaginiamo di avere 3 bicchieri d’acqua davanti a noi, in uno di questi bicchieri
è stata versata una medicina, se noi poniamo il pendolo a circa una 20ina di
centimetri da questi 3 bicchieri e chiediamo, “dentro quale di questi 3 bicchieri è
presente la medicina?”, il pendolo inizierà ad oscillare nella direzione del bicchiere
corretto.
Questo significa che la mente inconscia è sensibile alle direzioni e può usare la
diagonale di oscillazione per segnalarci qualcosa nello spazio.

5. SI E NO SU FOGLIO

Ora prenderemo un foglio e scriveremo un si e un no come da immagine, e


posizioneremo il pendolino esattamente sotto il si e il no, sul puntino, dopo di
chè inizieremo a fare delle domande che possono avere una risposta affermativa o
negativa, intendendo che ad ogni domanda, il pendolino si muova sulla diagonale
di riferimento per il si o per il no.

18
6. ALCUNE MODELLI DI DOMANDE DA FARE:

‣‣ È vero che...?
‣‣ È utile che io faccia la tale cosa?
‣‣ La “tale” persona ha ”tale” problema?
‣‣ È positivo e propizio per me compiere questa azione?
‣‣ È positivo e propizio per questa persona fare questa cosa?
‣‣ È deleterio, nefasto, opportuno, che …..
‣‣ È vantaggioso per ”tale persona” che avvenga ”tale” evento?
‣‣ È costruttivo che tale persona faccia tale azione ?
‣‣ È favorevole che ...

7. USARE GLI OPPOSTI

È possibile utilizzare due parole al posto del Sì e del No che rappresentano due
poli opposti per eseguire un analisi radioestesica. Ad esempio: benefico/nocivo –
positivo/negativo – giusta/sbagliato - iutile/inutile – probabile/improbabile
Anche in questo caso, basta scriverle distanziate su un foglio come da immagine
e procedere con le domande, che in questo caso dovranno essere formulate
correttamente:

‣‣ Questo cibo per me è benefico o nocivo?


‣‣ Questa scelta per porterà qualcosa di positivo o negativo?
‣‣ Per guarire questo disturbo, questa medicina giusta o sbagliata?

Attendere che il pendolo inizi ad oscillare sulla risposta corretta.

8. LAVORARE CON LE SCALE DI PROBABILITÀ E PERCENTUALE

La nostra mente inconscia è molto brava a misurare le cose, è in grado di fornirci


informazioni molto precise e dettagliate in termini di percentuali, probabilità,
quantità, qualità.
Non potendo fare misurazioni precise con la mente conscia, non siamo abituati
a ragionare in termini di percentuali, e quindi rappresenta una novità per molti.
Come fare: Crea un quadrante con numeri da 0 a 100 (come da immagine).

19
Esempi di domande:

‣‣ In una scala da 0 a 100, quale è la percentuale del livello della mia energia vitale?
‣‣ In una scala da 0 a 100, quale è il livello di idratazione del mio corpo in questo
momento?
‣‣ In una scala da 0 a 10, in che percentuale questo cibo è di beneficio per il mio
corpo?
‣‣ In una scala da 0 a 100, quale è la probabilità che questo evento si realizzi?

Ogni volta che si utilizza un quadrante, bisogna tenere conto dell’intento mentale
con il quale vogliamo utilizzarlo. Se abbiamo un quadrante da 1 a 10 e vogliamo
utilizzarlo per ricevere dei dati come da 100 a 1000, ci basterà esprimere l’intento
mentalmente che l’1 rappresenta il 100.

9. MISURAZIONI PRECISE

È possibile utilizzare quadranti che consentano di ricevere informazioni precise


su ogni tipo di scala o unità di misura. Se volessimo sapere a quanti metri di
profondità è presente una falda acquiferà potremmo utilizzare una scala in metri
o in km.

Esempio: misurare il grado di acidità del ph nel sangue


Abbiamo bisogno di un quadrante 2 quadranti:
Uno numerico che contenga in numeri da 0 a 14 che contenga
Uno che vada da 4.0 e salga (4.1 – 4.2 – 4.3) fino a 10.0
Così sarà possibile ottenere una misurazione efficacie del ph
Consiglio: creati dei quadranti personalizzati per misurazioni specifiche.

10. MISURAZIONE EQUILIBRIO

L’obiettivo di questa analisi è quello di comprendere il grado di equilibrio di


qualcosa.
La scala passa da -10 allo 0 e al +10

-10 significa che c’è una mancanza


0 significa completo equilibrio
+10 significa che c’è un eccesso

20
Con un quadrante del genere potete fare un infinità di domande interessanti:

‣‣ Quale è il grado di equilibrio del mio ph?


‣‣ Quale è il grado di equilibrio della mia flora intestinale?
‣‣ Quale è il grado di equilibrio del 1° chakra?

La misurazione con questo quadrante può variare in una tipologia di misurazione


più ampia, dove il – 10 è considerata una condizione negativa, lo 0 è considerato
qualcosa di neutro o ininfluente e il +10 una condizione positiva, come da esempio:

-10 nocivo +10 benefico


-10 inutile +10 utile
-10 incompatibile +10 compatibile
-10 improbabile +10 probabile

11. PREVEDERE IL FUTURO

La tentazione di tutte le persone che prendono in mano un pendolo, è quella di


iniziare a sondare il futuro, cercando di prevedere gli eventi e cercare conferme
su ciò che speriamo accada.
Bisogna capire alcuni presupposti fondamentali per riuscire a sondare il futuro.
- Presupposto n°1: Il futuro si crea dal presente, quindi è molto più importante
lavorare sul presente e lasciare che il futuro ci sorprenda.
- Presupposto n°2: Il futuro non è ancora scritto. Una qualsiasi previsione del futuro
consiste in un analisi dell’energia presente al momento della predizione, il nostro
inconscio capta e calcola un infinito numero di variabili del campo, che è ancora
in totale fluttuazione. Ci sono eventi che sono già calcolabili e decifrabili con un
alta percentuale di attendibilità in funzione del fatto che noi esseri umani siamo
creature molto abitudinarie, ed il futuro si costituisce proprio di queste abitudini,
(esempio: quanto è probabile da 0 a 100 che giovannino, quando esce di casa per
andare a lavoro fa lo stesso tragitto?). Ecco perchè alcune volte possiamo avere
delle premonizioni e quelle si verificano, perchè le variabili corrispondenti ad un
determinato evento sono stabili (grazie alle scelte tipiche che ogniuno tende a
prendere in funzione di convinzioni, idee, giudizi, carattere etc).
Ogni volta che una domanda cerca di ottenere informazioni dal futuro, non
bisogna mai chiedere se un certo evento accadrà, ma bensì: quale è la probabilità
che questo evento si manifesti da 0 a 100%? (quadrante misurazioni e percentuale)

21
12. ESSERE PROATTIVI IN RELAZIONE AL FUTURO

Suggerisco di iniziare a pensare al futuro come qualcosa che cambia costantemente


e quindi iniziate a chiedervi domande come:

‣‣ Cosa posso fare io per aumentare le probabilità che questo evento si


manifesti?
‣‣ Esiste un aspetto della mia personalità che sta impedendo a questo evento di
manifestarsi?
‣‣ Quali sono gli ostacoli presenti che non permettono a questo evento di
manifestarsi?
‣‣ Quali sono le persone attorno a me, che repelgono questo evento dal
manifestarsi?

Tutte domande che vi danno potere.

Non dobbiamo vedere il futuro con passività, la radioestesia ci consente di


prepararci e di adottare strategie precise per raggiungere i nostri obiettivi ed
evitare catastrofi.

Naturalmente, per lavorare bene con il futuro sarebbe opportuno lavorare con
quadranti adeguati a fornirci le risposte necessarie. Vi ricordo che lavorare con
il si e no è un processo molto lento e poco preciso, mentre i quadranti forniscono
velocità e precisione.

ELEMENTI DI PSICOLOGIA RADIOESTESICA

La Radioestesia Evolutiva ha come obiettivo primario aiutare le persone a


migliorare la propria psicologia, aumentando la consapevolezza, al fine di
integrare tutte le proprie ombre.
Lo scopo generale della pratica naturalmente è quello di risolvere problemi. Quindi
la nostra attenzione si focalizzerà maggiormente sul recupero di informazioni
rilevanti concernenti le cause che hanno originato il problema. Per addentrarsi
bene in questa tipologia di lavoro, bisogna avere un minimo di preparazione. I
capitoli seguenti hanno lo scopo di insegnare le base del protocollo radioestesico
evolutivo.

La Radioestesia ci offre la possibilità di sondare e analizzare tutta una serie di


informazioni preziose.

22
COSA POSSIAMO IDENTIFICARE, TRACCIARE E MAPPARE?

‣‣ Dinamiche emotive dominanti


‣‣ Mappatura della personalità e dell’anima
‣‣ Blocchi energetici inconsci
‣‣ Traumi e ferite emozionali
‣‣ Cause dello stress
‣‣ Talenti – Cammino di vita – Destino
‣‣ Convinzioni limitanti
‣‣ Giudizi percepiti interiorizzati e reazioni abituali
‣‣ Paure, ansie e preoccupazioni
‣‣ Tendenze egoiche
‣‣ Obiettivi – resistenze – sabotaggi
‣‣ Mappatura delle abitudini emotive relazionali
‣‣ Mappatura degli archetipi dominanti
‣‣ Cause di malattie e disturbi
‣‣ Individuare la tua professione ideale
‣‣ La giusta alimentazione
‣‣ Le terapie ideali per la persona
‣‣ Comprendere le altre persone
‣‣ Comprendere come le altre persone ti vedono
‣‣ Trovare le strategie di cambiamento più adatte a te
‣‣ Capire quali sono i tuoi bisogni insoddisfatti
‣‣ Capire i bisogni insoddisfatti delle persone attorno a te
‣‣ Rimuovere influenze energetiche negative
‣‣ Mappare le influenze esterne che ti condizionano

CONDIZIONAMENTO E CAMBIAMENTO

Durante l’infanzia le onde cerebrali dei bambini si muovono sempre fra il delta
e il theta, questo significa che a livello cognitivo i bambini sono sempre posti
in una specie di trance ipnotica dove il sub-conscio lascia passare ogni nuova
informazione, e non ci sono filtri che bloccano. Questo processo di apprendimento
inconscio fa si che i bambini incamerino codici da ogni sorgente disponibile,
principalmente dai genitori e dall’ambiente.
Un adulto si ritrova nell’inconscio senza nemmeno saperlo una moltitudine
di condizionamenti, convinzioni, programmazioni che non sono state scelte
consapevolmente ma che sono stato installate da altri e che lavorano nell’ombra,
influenzando ogni aspetto della sua vita.

23
L’analisi radioestesica ci consente di aumentare il grado di consapevolezza tutte
le programmazioni ed i condizionamenti ricevuti durante l’infanzia.
Il primo passo per ogni cambiamento è la consapevolezza, ossia, essere
consapevoli del problema anche se non ci sono ancora chiare le cause, anche se
non riusciamo ancora a farci niente.
La Consapevolezza è una qualità della mente che permette di accorgersi di
qualcosa. Quando essa è mantenuta in funzione, spesso attraverso uno sforzo,
l’individuo si accorge dei suoi processi cognitivi, come se essi diventassero
l’oggetto di osservazione.
La consapevolezza quindi funziona come un anti-virus capace di individuare tutti
i processi inconsci disfunzionali della mente, quando essi si attivano.

QUALI FATTORI POSSONO FACILITARE UN CAMBIAMENTO?

‣‣ Svuotare il proprio inconscio dalle memorie e librare energia


‣‣ Cancellare la storia personale
‣‣ Alterare la codifica delle proprie rappresentazioni interne
‣‣ Abilità nello spostare il focus dal problema alla soluzione
‣‣ Fare domande per ottenere informazioni più precise e ampie
‣‣ Cambiamento consapevole del proprio dialogo interno e dei pensieri
dominanti
‣‣ Rielaborazione del vissuto emotivo per produrre distacco dall’identificazione
‣‣ Cambiare posizione percettiva

Esistono comportamenti interni ed esterni, ad esempio:


Il dialogo interno è comportamento interno.
Alla base di ogni pensiero ci sono memorie e convinzioni che mantengono attiva
una certa interpretazione della realtà.

COME CREARE UN CAMBIAMENTO

1) Accorgiti di un tuo comportamento interno o esterno


2) Chiediti cosa vuoi ottenere di importante con questo comportamento
3) Trova almeno 5 opzioni di comportamento diverso per ottenere lo stesso
obiettivo
4) Immaginati e visualizzati in tutte e 5 le nuove strategie
5) Provane 1 e raccogli i risultati

24
COME CONDURRE UN’ANALISI RADIOESTESICA

Nel condurre un’analisi radioestesica, per noi, o per un’altra persona, dobbiamo
farci una mappa più chiara possibile del problema che il soggetto sta attraversando
e ci sono alcune informazioni che dobbiamo recuperare e possiamo farlo seguendo
uno schema come quello riportato qui sotto.
Ogni domanda può essere espressa in generale oppure in relazione ad uno
specifico problema:

‣‣ Quale è il problema?
‣‣ Come si sente?
‣‣ Di cosa è convinto? - Cosa pensa o crede
‣‣ Quale dinamica sta affrontando?
‣‣ Di cosa ha bisogno?
‣‣ Quale bisogno è stato ignorato?
‣‣ Valori - Cosa è importante per lui/lei?
‣‣ Quale è l’obiettivo che cerca di raggiungere con questa parte di sè?
‣‣ Competenze - Cosa sa o non sa fare
‣‣ Quale meccanismo di difesa si è attiva
‣‣ Quale blocco energetico o comportamentale è present
‣‣ Quale tratto della personalità si attiva
‣‣ Quale è il suo stato d’animo dominante
‣‣ Quali sono i suoi pregi e difetti
‣‣ Quali sono le sue attitudini e atteggiamenti
‣‣ Quali sono i suoi schemi di reazione e comportamento
‣‣ Quale è l’emozione intrappolata nel corpo?
‣‣ Come si è sentito giudicato?
‣‣ Quale è la sensazione negativa di fondo
‣‣ Come reagisce a questo giudizio?
‣‣ Quali sono i suoi guadagni?
‣‣ Quali sono le sue le paure?
‣‣ Quali convinzioni limitanti ha sviluppato attraverso tale giudizio?
‣‣ Con chi si è vissuto quel trauma emotivo e quando
‣‣ Quale è la vera natura della persona
‣‣ Quali sono i suoi talenti e le sue predilezioni
‣‣ Quale è la missione della sua anima
‣‣ Quanto è pronto a rilasciare il blocco?
‣‣ Quale è la lezione che deve imparare?
‣‣ Quale è il metodo migliore per sbloccare e guarire?
‣‣ Quale strategia gli permette di soddisfare un bisogno ?

25
‣‣ In quale modo può cambiare questa situazione?
‣‣ Quale nuova decisione dovrebbe prendere?
‣‣ Quali atteggiamenti e attributi deve sviluppare?
‣‣ Quali abitudini linguistiche dovrebbe abbandonare o sostituire

Per ognuna di queste domande, viene utilizzato il libro dei quadranti (disponibile
in vendita sul sito www.radioestesiaevolutiva.it), così facendo otteniamo una
mappa precisa della situazione presente, e quindi capire come poter affrontare il
problema per risolverlo in modo più efficacie.

SIAMO COME DEI CACCIATORI IN AGGUATO, IN CERCA DI:

‣‣ Schemi di Pensiero
‣‣ Emozioni e sentimenti
‣‣ Convinzioni
‣‣ Atteggiamenti
‣‣ Abitudini
‣‣ Traumi e Blocchi
‣‣ Principi
‣‣ Memorie significative
‣‣ Valori
‣‣ Reazioni tipiche

Queste informazioni ci servono per farci un’idea sempre più precisa della
situazione che stiamo analizzando, andranno elaborate e messe in relazione le
une con le altre fino a identificare il percorso migliore per risolvere il problema.

RILASCIARE EMOZIONI ACCUMULATE

Spesso emozioni come paura, rabbia, senso di colpa, disgusto rimangono


intrappolate nel corpo fisico ed energetico, quando l’esperienza che le ha generate
non viene completamente “digerita“ e possono influenzare negativamente la
nostra salute fisica, psicologica ed energetica.
Bisogna considerare che la maggior parte delle persone, conserva nel suo
inconscio una moltitudine di emozioni inespresse, esperienze troppo dolorose
per essere vissute completamente e lasciate andare; queste emozioni intrappolate
rappresentano la causa principale di malattie, problemi comportamentali,
malessere di vivere e molto altro.
Esistono delle tecniche, fra cui l’ipnosi, la meditazione, la ricapitolazione
sciamanica e molte altr che hanno lo scopo di farci trovare dentro di noi quale è

26
l’emozione a cui siamo la nostra attenzione è rimasta agganciata e permetterci
di lasciarla andare. Ognuno troverà la tecnica o la modalità che funziona meglio,
ma l’importante è trovarla, praticarla per un tempo sufficiente a farla diventare
naturale.

MISURAZIONE DI EMOZIONI E SENTIMENTI

Ognuno di noi ha vissuto nella vita un innumerevole quantità di esperienze, che


hanno lasciato il segno, alcune positive, altre negative, altre talmente negative da
rimanere intrappolate nel corpo, in una sorta di memoria cellulare, poi trasformate
in condizionamenti con il passare del tempo.
Con la Radioestesia oltre a poter conoscere quale è il sentimento negativo
dominante che stiamo vivendo di più in questo periodo, è possibile tracciare i
sentimenti negativi che abbiamo sperimentato maggiormente nella vita e che sono
rimasti cristallizzati nel nostro inconscio. Inoltre è possibile identificare quale
sentimento siamo abituati ad usare per reagire a contesti e situazioni specifiche.

Perchè ho scritto “Usare?”

Siamo soliti credere che i sentimenti non si scelgono, e che debbano essere
spontanei e autentici, anche quando sono negativi.
Questo secondo me non corrisponde al vero, mi spiego meglio.
Ogni qualvolta reagiamo ad una situazione, finiamo per reagire come abbiamo
sempre reagito, confermando e replicando noi stessi, magari giustificandoci in vari
modi, come ad esempio con la convinzione che ad una certa età è difficile cambiare.
Non è cosi, i sentimenti sono direttamente collegati alle nostre convinzioni sul
mondo, su noi stessi e su gli altri. La maggior parte delle nostre convinzioni sono
basate su principi di importanza personale, auto-commiserazione, vittimismo e
via dicendo. Se non decidiamo di ripulire il nostro inconscio da queste memorie
inutili, replicheremo sempre noi stessi, e sinceramente credo che sia piùttosto
noioso.
Dentro il nostro corpo c’è stipata tutta la nostra memoria emotiva, che è come un
grande magazzino, con tanti scaffali e scatole.
Le emozioni che abbiamo inglobato hanno un peso, una quantità.
E quindi possono essere misurate in termini di quantità, usando un quadrante in
scala da 0 a 10, ad esempio:

‣‣ In scala da 0 a 10, quanta rabbia c’è accumulata dentro di me?


‣‣ In scala da 0 a 10, quanta ansia e paura c’è accumulata dentro di me?

27
Ricordiamo che ogniuno di questi contenitori fa riferimento ad una tipologia
di esperienza di vita sulla quale non abbiamo ancora sviluppato abbastanza
consapevolezza, e di conseguenza creiamo karma, il che significa che
continueremo ad attirare a noi, situazioni, contesti, persone che ci permetteranno
di sperimentare, ancora e ancora e ancora questi sentimenti.
Quando avremo acquisito abbastanza consapevolezza, cercheremo anche di
comprendere quale è la convinzione che ha sempre alimentato questi sentimenti,
ed iniziamo a metterle in discussione, cercando di vedere in che modo sono
obsolete e limitanti, e sforzandoci di analizzare quali sono i punti di vista
alternativi.
Quindi le domande da fare sul quandrante dei conflitti o dei sentimenti negativi
saranno:

‣‣ Quale è il primo sentimento negativo che ho accumulato maggiormente nel


mio corpo?
‣‣ Quale è il secondo, e il terzo?
‣‣ Da 0 a 100 % quanto “sentimento“ è presente dentro di me?

IDENTIFICAZIONE DEI CONFLITTI DOMINANTI

Ogni giorno, a casa, a lavoro viviamo una serie di conflitti, problemi vari che ci
portano a espriemere tante emozioni negative.
Alcuni conflitti sono diventati parte dell’identità e del carattere di una persona,
e si fanno sentire in modo più o meno costante.
La maggior parte di questi conflitti viene vissuta in modo inconscio, in modo
reattivo ma senza la consapevolezza che si sta vivendo un conflitto ed una strategia
per dipanarlo o risolverlo.
L’uso della radioestesia per questo genere di cose oltre che indirizzarci meglio
per ottenere un qualche miglioramento, ci stimola ad imparare a porci nuove
domande.
Facendoci domande diverse ogni giorno gli effetti sul nostro stato cambiano in
meglio.
All’interno del quadrante dei conflitti troverete problemi di varia natura. Lo scopo
di questo quadrante è di farti mettere l’attenzione e la consapevolezza su ciò che
stai vivendo.
Le domande da fare su questo quadrante sono ad esempio:

‣‣ Quale è la problematica dominante nella mia vita, o nella vita di “tale


persona”?
‣‣ Quale dinamica deve risolvere prima di poter avere successo in “quest’area

28
della vita”?
‣‣ Quale conflitto sto vivendo, attraverso la relazione con la “tale persona”
‣‣ Quale tipo di problema lui crea nella vita di “tale persona”?
‣‣ Di quale problema devo diventare consapevole ora?
‣‣ Quale atteggiamento o comportamento emotivo è la causa indiretta di questo
“disturbo fisico”?
‣‣ Quale problematica “questa persona” deve risolvere per prima?
‣‣ Quale dinamica ho vissuto maggiormente nella mia infanzia?
‣‣ Su quale dinamica ho maggiori convinzioni limitanti da trasformare?
‣‣ Quale dinamica tendo ad attirare in un potenziale partner?
‣‣ Quale dinamica espressa dagli altri mi genera reazioni incontrollate di
rabbia-tristezza rifiuto-offesa etc?
‣‣ Quale problema evito come la peste?
‣‣ Quali problemi fra questi ho già risolto con successo?

Quale è il punto fondamentale di tutta la faccenda?

La consapevolezza

Una volta che avete “saputo” e “riconosciuto” che state vivendo un certo conflitto,
dovete cercare di ricordarlo nel momento in lo state sperimentando.
La consapevolezza è qualcosa che accade in tutto il corpo, non ha a che fare con
il sapere o il conoscere, ma è un accorgersi.

In seguito, si può aumentare il grado di conoscienza che riguarda tale conflitto,


utilizzando anche altre tavole radioestesiche che vedremo in seguito, facendo una
ricerca capace di dare alla nostra mente le risposte giuste, affichè non processi le
stesse circostanze sempre nello stesso modo.
L’accesso all’informazioni non basta, dovete accorgervi e sentire nel corpo cosa
provate, e scegliere se volete provarlo ancora e ancora o volete fare qualcosa di
utile per risolvere. Ricordate di essere specifici

Se volete sapere quale è il conflitto che state vivendo sul lavoro, o con chi di
specifico, mettetelo nella domanda, questo è un passaggio molto importante.
Se si vuole migliorare qualche ambito della propria vita, il segreto è diventare
specifici e non ambigui.

29
AREE DELLA VITA

Il quadrante delle aree della vita è uno dei quadranti più versatili che ci sia. Può
essere utilizzato in molti modi, principalmente lo si usa per capire in quale area
la persona ha maggiori problematiche o in quale area dovrebbe dirigere le sue
priorità.

‣‣ In quale area della vita ho maggiori problematiche in questo periodo?


(elencarle tutte in ordine)
‣‣ In quale area della vita ho maggiore sicurezza in me stesso?
‣‣ In quale area della vita è più opportuno che io adotti dei cambiamenti?
‣‣ In quale area della vita ho maggiori convinzioni limitanti?
‣‣ In quale area della vita vivo maggiormente le mie ferite inconsce?
‣‣ In quale area della vita creo maggiore sabotaggio?
‣‣ In quale area della vita ho ereditato problemi dai miei genitori?
‣‣ In quale area della vita si esplica maggiormente la mia missione?
‣‣ In quale area della vita la persona sta riscontrando più problemi?
‣‣ Quale è la prima? la seconda etc…
‣‣ In quale settore la persona esprimerà al meglio la sua essenza?
‣‣ In quale settore la persona esprimerà al meglio la sua personalità?
‣‣ In quale settore la persona è più sensibile e ricettiva?
‣‣ Dove cercherà di soddisfare il suo bisogno di sicurezza emotiva?
‣‣ In quale settore la persona impiegherà maggiormente le sue facoltà
intellettive e comunicative?
‣‣ In quale settore manifesterà maggiormente i propri sentimenti?
‣‣ In quale settore tenderà a cercare e/o trovare piacere, benessere e armonia?
‣‣ In quale settore verrà espresso l’istinto all’azione e all’autoaffermazione
individuale, che stimolerà maggiormente il desiderio e le passioni?
‣‣ In quale settore troverà soddisfazione e appagamento?
‣‣ In quale settore si sente maggiormente responsabile?
‣‣ In quale settore la persona si crea maggiori auto sabotaggi?
‣‣ In quale settore è più probabile che la persona debba subire frustrazioni o
limitazioni?
‣‣ In quale settore la persona può esprimere al meglio il proprio talento
inventivo?
‣‣ In quale settore può più facilmente trovare libertà d’azione e di espressione?
‣‣ In quale settore la persona manifesta i suoi ideali e i sensi superiori?
‣‣ In quale settore la persona ricerca significati superiori riguardo all’esistenza?
‣‣ In quale settore verrà maggiormente espresso il potenziale creativo nascosto
e il potere personale?

30
‣‣ In quale settore è indirizzato il percorso karmico-evolutivo della persona?
‣‣ In quale settore la persona ha maggiormente operato nelle incarnazioni
anteriori più recenti?
‣‣ In quale settore la persona ha rimorsi e/o rimpianti che condizionano
inconsciamente la vita attuale?
‣‣ In quale area della vita io posso essere di aiuto per “tale persona”?
‣‣ In quale area della vita “tale persona” può essermi di aiuto?

COSA DEVO ANALIZZARE

Questo quadrante consente di conoscere cosa è più importante conoscere o di


cosa si deve prendere coscienza. Può essere usato in generale o per un problema
specifico.

• Cosa devo analizzare in generale?


• Di cosa devo diventare consapevole?
• Cosa devo risolvere e capire per poter risolvere tale problematica?
• Cosa mi blocca in questa precisa area della vita?
• Cosa devo analizzare nella tale persona?
• Di cosa devo divenire consapevole di tale persona in questo preciso ambito?

COSA BISOGNA IDENTIFICARE

Questo quadrante consente di identifica su quali quadranti è consigliabile


coordinare e dirigere l’analisi. Lo scopo di questo quadrante è di mettere il focus
su ciò che è importante identificare

‣‣ Cosa è utile identificare?


‣‣ Cosa è utile identificare nell’analisi con questa persona?
‣‣ Su cosa è utile lavorare per risolvere questo problema?
‣‣ Cosa causa questo problema?

DI COSA HA BISOGNA LA PERSONA

Questo quadrante consente di identificare con precisione di cosa ha bisogno un


eventuale cliente in termini di analisi radioestesica, o noi stessi se siamo il soggetto
dell’analisi.

‣‣ Di cosa ha maggiormente bisogno ora “tale persona”?


‣‣ In cosa posso aiutare “tale persona” a fare?

31
‣‣ Di cosa ho bisogno per risolvere “tale problema”?

SITUAZIONE DEL CLIENTE

Questo quadrante consente di identificare la situazione emozionale e psichica in


cui il soggetto si trova. È possibile usare questo quadrante con una grande quantità
di domande.

‣‣ In quale stato si trova la persona?


‣‣ In quale situazione si trova la persona?
‣‣ Quale è la mia situazione ora?
‣‣ Quale è la mia situazione in relazione a questo problema, o quest’area?
‣‣ Come rispondo a questo problema?

PERSONE COIVOLTE O RESPONSABILI

Questo quadrante serve per rintracciare le persone coinvolte in un determinato


problema. Spesso è utile poter usare le persone come punto di riferimento per
comprendere alcune cose su di noi.

‣‣ Con quale persona vado più d’accordo


‣‣ Con quale persona vano meno d’accordo
‣‣ Quale persona mi destabilizza maggiormente?
‣‣ Quale persone viene destabilizzata da me maggiormente?
‣‣ Con quale persona ho più questioni irrisolte?
‣‣ Con quale persona ho più traumi?
‣‣ Quale è la persona che mi stima di più?
‣‣ Quale è la persona che mi stima di meno?
‣‣ Quale persona mi stressa di più?
‣‣ Chi può essermi di aiuto in risolvere questa questione?
‣‣ Chi è positivo che assista?
‣‣ Chi è stato la causa di questo problema?

*risulta molto utile crearsi un quadrante con tutte le persone connesse alla nostra
cerchia di relazioni .

QUADRANTE DEI CONFLITTI

Questo quadrante consente di identificare un grande numero di problematiche,


di tipo emozionale. Quasi ogni problema che la persona riscontra nella sua vita ha

32
una causa latente in una dinamica emozionale connessa ad un vissuto non risolto.
Con questo quadrante possiamo capire quale è il vissuto, quale è il problema, ed
in parte possiamo capire quale dinamica lo causa.

‣‣ Quale è la problematica dominante nella vita di “tale persona”?


‣‣ Quale dinamica deve risolvere prima di poter avere successo in “quest’area
della vita”?
‣‣ Quale problema è stato causato da sua madre-padre-persona?
‣‣ Quale tipo di problema lui crea nella vita di “tale persona”?
‣‣ Di quale problema devo diventare consapevole ora?
‣‣ Quale atteggiamento o comportamento emotivo è la causa indiretta di questo
“disturbo fisico”?
‣‣ Quale problematica “questa persona” deve risolvere per prima?
‣‣ Quale dinamica ho vissuto maggiormente nella mia infanzia?
‣‣ Su quale dinamica ho maggiori convinzioni limitanti da trasformare?
‣‣ Quale dinamica attraggo in un potenziale partner?
‣‣ Quale dinamica espressa dagli altri mi genera reazioni incontrollate di
rabbia-tristezza rifiuto-offesa etc?
‣‣ Quale problema evito come la peste?
‣‣ Quali problemi fra questi ho già risolto con successo?

COMPORTAMENTI EMOZIONALI

Ogni volta che viviamo un’emozione intensa negativa, un certo tipo di energia
viene intrappolata in specifiche parti del corpo, in attesa di essere rielaborata e
sbloccata; questa energia crea una distorsione nel campo energetico umano, che
può essere la causa di dolori, malfunzionamenti ed ogni tipo di malattia.

SENTIMENTI NEGATIVI

‣‣ Quale è l’emozione negativa che mi causa più problemi?


‣‣ Quale è l’emozione dovuta all’interazione con “questa persona”?
‣‣ Quale è l‘emozione che tendenzialmente “questa persona” prova interagendo
con me?
‣‣ Quale emozione si è intrappolata quando ho vissuto “questo evento”?
‣‣ Quale emozione intrappolata è pronta per essere sciolta?
‣‣ Quale emozione negativa devo ricapitolare?
‣‣ Quale è l’emozione negativa che provo più spesso?
‣‣ Quali o quale emozione negativa provo in questo contesto?
‣‣ Quale emozione negativa provo quando interagisco con “questa persona”?

33
‣‣ Quali o quale emozione negativa “questa persona” prova quando interagisce
con me?
‣‣ Che tipo di emozione specifica provo in “questa situazione”?
‣‣ “Questa persona” come mi fa sentire?
‣‣ Come faccio sentire “questa persona”?
‣‣ Quali emozioni rappresentano il karma che devo sbloccare?
‣‣ Quali esperienze emozionali attraggo a causa del mio karma?
‣‣ Grazie al mio karma troverò sulla mia strada persone che con me saranno...?
‣‣ Quale emozione provo nei confronti di me stesso in relazione a “questa
persona”?
‣‣ Con quale emozione questa persona risponde alle mie emozioni?
‣‣ Quale emozione mi impedisce di migliorare in “questo ambito”?
‣‣ Quale attributo mia madre o padre ha sempre avuto con me che io sottovaluto
o non prendo in considerazione?

SENTIMENTI POSITIVI

‣‣ Quale esperienza positiva devo richiamare nella mia vita?


‣‣ Con quale stato dovrei affrontare “questa circostanza”?
‣‣ Quale è mio pregio maggiore?
‣‣ Quale attributo le persone riconoscono in me?
‣‣ Quale attributo riconosco in “tale persona”?
‣‣ Quale attributo mia madre o padre ha sempre avuto con me che io sottovaluto
o non prendo in considerazione?

CONVINZIONI NEGATIVE LIMITANTI

Ci sono tre tipologie di convinzioni che definiscono la nostra visione del mondo.

‣‣ Quello che dicono gli altri


‣‣ Quello che penso io senza averlo sperimentato
‣‣ Quello che credo in base alla mia esperienza

Le convinzioni sono i mattoncini base che usiamo per creare i nostri pensieri, esse
sono il mezzo con cui interpretiamo la realtà, come su una mappa. Nessuno può
mai vedere la realtà per quello che è, ma la si può solo interpretare, quindi migliore
è la mappa, migliore sarà la nostra conoscenza del territorio.
I nostri pensieri creano il mondo (realtà soggettiva).
I nostri pensieri sono formati dalle nostre convinzioni.
Le nostre convinzioni possono limitarci e bloccare la nostra crescita, oppure

34
possono aprirci, espanderci verso direzioni di possibile esperienza ancor a
noi ignote. Gran parte della nostra vita dipende dalle nostre convinzioni,
le quali determinano il nostro stato d’animo, le nostre aspettative ed i nostri
comportamenti. Le credenze hanno un enorme potere su di noi, sulla nostra vita
e sugli altri.
Non esistono convinzioni giuste o sbagliate, vere o non vere. Esistono solo
convinzioni, e la realtà individuale ruota intorno a queste credenze, qualsiasi
esse siano!
Da quando nasciamo e cresciamo assimiliamo miliardi di informazioni che
arrivano dall’esterno, dalla famiglia, dagli insegnanti, dalla scuola, dalla società,
dalle amicizie ecc… e attraverso le nostre personali informazioni plasmiamo la
nostra realtà individuale. Una realtà “nostra” con la quale vediamo, sentiamo e
percepiamo noi stessi, gli altri, le cose, gli eventi ed il mondo. Per migliorare la
nostra realtà dobbiamo solo migliorare le nostre convinzioni.

DOMANDE RADIOESTESICHE PER SCOVARE CONVINZIONI

‣‣ Cosa credo essere vero?


‣‣ Cosa non voglio vedere di me?
‣‣ Quale regola o convinzione limita la mia abilità di iniziare a perseguire tale
scopo?
‣‣ Quale pensiero pessimistico si attiva nella mia testa quando penso a voler
raggiungere questo obiettivo o sogno?
‣‣ Quale asserzione non necessaria faccio sul voler raggiungere questo scopo?
‣‣ Cosa mi suggerisce il mio dialogo interno?
‣‣ Quali stereotipi o miti culturali mi condizionano?
‣‣ Quale convinzione entra in conflitto con ciò che voglio ottenere?
‣‣ Quale significato auto-distruttivo ho creato basandomi sulle mie esperienze
passate in relazione ai miei obiettivi?
‣‣ Quale copione mentale attivo ogni volta per scoraggiarmi?
‣‣ Quale filosofia “bianco o nero” mi sta tenendo bloccato?
‣‣ Cosa “questa persona” crede su di me?
‣‣ Cosa credo io di “questa persona” che non è vero?
‣‣ Cosa lascio intendere ad altri con questo atteggiamento?
‣‣ Quale è la mia convinzione peggiore?
‣‣ Quali sono i miei fraintendimenti su me stesso? (primo, secondo, terzo e cosi
via...)
‣‣ Quale convinzione si attiva in relazione a “questa persona”?
‣‣ Quale convinzione si attiva in “questa persona” quando interagisce con me?
‣‣ Quale è la convinzione generale che “questa persona” ha di se stessa?

35
‣‣ Quale convinzione proietto su “tale persona” che in realtà non è vera
‣‣ Quale difetto penso di avere che invece non ho?
‣‣ Quale convinzione devo trasformare per eliminare il karma in questo
contesto specifico?
‣‣ Quale convinzione ho ereditato dall’esperienza con “tale persona”? (genitori,
amici, nemici)
‣‣ Quando “questa persona” mi descrive, cosa crede di me?
‣‣ Quali sono le mie convinzioni profonde che non mi permettono di essere
felice?
‣‣ In riferimento a persona | circostanza | paura | quale è convinzione profonda
che si attiva.

COSA È MEGLIO FARE PER RISOLVERE IL PROBLEMA?

Questo è un quadrante di soluzioni e strategie generali per risolvere potenziali


problemi.

‣‣ Come posso risolvere “questo problema”?


‣‣ Come posso migliorare in “questo contesto”?
‣‣ Come deve cambiare “questa persona” per migliorare la sua vita?
‣‣ Cosa deve fare “questa persona” per risolvere “questo problema”?

36
37
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Quadrante delle misurazioni
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Misurazioni 2
N
oc 50 Neutro o
45
fic

55
i
40

60
vo ne
35

Be

65
30

70
25
75
equilibrio
0
20

1+
-1

2+
80

-2

3+
-3

4+
15 -5
-4
-6 5+ 85
10 6+
-7 7+ 90
5 -8 8+ 95
-9 9+
Estremamente 0 -10 10+ 100 Estremamente
nocivo benefico
Si No
Nocivo Benefico
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Aree della vita
Crescita personale


uni
Pas

om
te
e Salu
sio

la c
Spirit

re
n

tu
per
i pe
La
So

en
Corpo
v

ualità
ld
or

rso

izio

vv
o

i
e fi
e e

ea
pr de

Ser
ei

na
o

ali

gi
fes ti

nz

ag
Re si et
la o

Vi
og

e
zi o ne
ni d
'a Pr
m ore sa azion
e
Ca ealizz
Famig autor
one e
l ia Missi
Sì No
Amicizie e relazioni Altro
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Cosa devo analizzare?
Diffi

nte
il prese
coltà

Preoccupazione per gli altri


ad es

se per
M
an

prim

Manca za cognitiva
Schemi disfu ionali
ca

Proble

interes
to

ere i nza me stimaa


ric

Res ssa a isat ole e


on

Id

As

i r pare
os

iste
e

mi rela ogni
prop
nt

nza di
Ba iva d deb ion
pe cer rov
ci

o
it

re ca da s ità
m

a d up
os
i

tta ta
à i e ap
itt

Dissonan
en

il
ri bis ntale

ip
nzionali

Ab uen a

ss nz vil
n
nfl

M ilità zab
to

Infl rtezz
M

z
a co

uto tes
Ri nia

Ince ra
fiu ee

Pau
d ol ica

p
o az
Bis to d i co pp etg
og i q nt tra ner

St an
Em Pau no d ual roll ico a e za o
ozio ra is co o Ps us ran ion
i / Eg
n e epre irrazi attes sa ale
r
ss on o Ca tolle tizzaz person
Co In a za
n v inzio a e neg ale Somportan ugie
Ma ne li ata
n ca n z a di inf mitante Im eti o b
ormaz Segr a biologica
Evento Traum ioni Caus
atico Valori
Abusi subiti Sì No
Preconcetti
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Cosa bisogna identificare
Consente di sapere con precisione quale informazione bisogna trovare per prima
eratorio)
gno (atto lib

ere
rend
Identi

mento

be p
Metodo migliore per sanare il blocco
ficare

fare un biso

ambia

vreb

pare

re
se il cl

lup
e do
Quale Lezio
Tipo

na
ia di c

e
i

do
v

tar
lient

ve s


logia

come soddis

an
iente è

aiu

ici
Mis

strateg

bb
e
e il c

el
ero
ti d

nf
aa
ei

di bl
sion

l’i
lic rebb
i/l

ibu
Att

ne deve imp

ed
pronto

e ch

el
Co

Ve
egg lu

ed
Tal ura

Nuo ficare una


e an pred per vol
n

attr
er

ch
i

t
ra
a vi

po
c
me

Ab ali qu cision

ità
ep

en

co e
nz

isti
na
nt nt

de he
Strategia su

MVisu tudin alità e


o i

imi
ti e lla in
o

t
co

a rilas ale

ra zza ngu
ni rta e

fe
far

c
rr

moz karm i
i l

ne ni
ca e lezio na
s po sai

lla
i

Qu e de
po Id m

de è co

isu ali i li
zio zio
nd ita n

Ch
en im

arare

Identi
no

i
e ific nti tiva

ciare
o
nte t a è l) io

i so to

v
i
i at

n
al a sv os (pn sa sa lità
s
v issu re i ilu – C gici – Co a
ante

i
n

a
to gu pp rso

n
ri e min
Sch trau ada ate lo li lo nze la p o do
e m g Va ivel pete to del anim
Giud ma re atic ni L m at to d’
iz a o Co ale tr suo sta difetti
i o p erce ttivo Qu le è il i pregi
e
pit Qua li sono i suo mento
Caus o e comporta
Bisogno no Qua i di reazione
n soddisfatta i suoi schem
o Quali sono
Emozione intrappolata Quali sono le sue attitudini e atteggiamenti
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Di cosa ha bisogno la persona?
oni
cisi
Reinterpr

nto

e de
Trovare causa del problema

ntime

uov
Din

Sbloc

etare un e

re n
e o se
am

S od

oscienza

e
ich

co de

le
n
ozion

ea
ee

disf

pre
a ri
vit

id
a
ide

mo

vento pas ni

i
lle re isogno i
di

cr era terap

to
are
es

re a

en
Le

re em
ne id

o
Prendere c
ive
pr

eg

m
un b nan i
ttu are
io

a
ro

p
T
iss

tta
Pr as liare
Tr

Co oraggi
r ip

re
do

ressio
ra
ac

ov

tra
re

a
I c m

d
mi lent i
d ia la

Liber
ca e

sato
e

Sm sig
e

re
nt re re tifi tich

es ch
i ta occ
i

ive
fi ca l'in ica den auten

Inc
ib

n
un o i

l
r f
Asc e i tr anz

t
Tra le
sfor au ia m ire aro sato

h
m a
o
re c lto at mi Co opr re p pas
o t Sc olta e il
n v inzi ivo Asc pitola
r zione
Camb o alizza
i o p a r adigmni Rica izi di visu
Risve g li lla coscien a Eserc linguaggio
o d e il proprio
za Cambiare
Mappatura della personalità Sì No
Altro
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Quale è la situazione attuale?
e
o di s
dentr
cade
he ac
arsi
coraggi

ello c
Sente di non

Ha un dialogo interno molto negativo

su qu
Ritie

oli per s
Prova
ne d

Si sente

zione
nuovi obiettivi
Ce

Vuo

ranco
i do

avere abbasta
rca

vi ostac

se
n
ento
Ha
le a

or
No

e
ver
Si s

ris
s
nc

t
olo

in colp
n

t
re e b
ver

ra
’a

rie
or
vu

icam
b

en

fatic ne su ualc ltri

sicu
is o

orre l
pre nuo
No

al

e ra ano d deg sen lità

op
ol

gn

te l
ea

’ap

pr
o n

isogn
are

i rad
di

e
g

a per q ivalsa
on zion ch sab
cc

es

Stenta a porsi

le
pr

bas
q

io

Man riesce a p
u H et

pr

n
a

nza energia
alc

per ualco sa
ta
an

co
im ue

va ello on

d
un

m
o di r biare

D siv za di
re
Èp c

tto
o

i c ne
o

Ma canza
e q res

e
ra

l
ron ch No

ualcosa
es

Cerca s

ta
a d zio
a
e m

a
u

q
t

an -sv ità
o l ol t n s

on
Pa can
os

e
ad

q
o e

Au istru ità
l

nz ta
os id tic zia

M to tiv
e

Non
es

ca alu
e te ng resis a il ge en o

n
g i
e l'

t
uir o

p
er ore car sm

l
e a

i a te
p ad cisi

e i

s
sa
t
u na n el enz erm en l cu nza er v nar
zio
n
ca e
e tr mbi e du esso co de cie che p ità,
oc o os e titiv
Èp as am b Bl locc di c fantil ompe
ro nto form ent bi B to in ,c
È pr
ont a reali trice
a o Sta gica rismo iva
o a z Lo cent gnit
È pro d inte zare Ego ra co assat
o e
nt gr s u l p e forzar
o a d accet are Chiu camento
a atizzare
dramm
È pronto
a camb re
ta Attac a, tendenza a
È pronto a perdon re
ia Urgenz a
are Sì No
Pigrizia e inerzi
Ha piena coscienza ma mente Totale inconsapevolezza
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Persone coinvolte o responsabili
Lontano Parente

co
Con ntro uni
Inco naggi

ne
Cugino
Nipote
Frate lla

so
Am iuge
Amici
Perso
Sor lio

Co ante

er
Zia

Ca llega
Zio

ip
Fig lia no a
e
llo
Co Fig dre rig str

nn pi d
In

Pa dre i at
m lla

Gr po
ta
M an
s

pa ti / p re tra
eg

No up
g F a t

i
no P rat na a o on
/s
d a e
i s rtn lli n te ign tro
on
inc
c e An tr as
a l l an
A uo r M ate cor
Fam Ex co mic la Fr ino a an
ig li
n
a d iuge
o Vic rson nte
e Pe egna
P Nem ll'ex Ins tesso
a re nte s ico Tu s to
Socio tretto Spiri
d'affa
Conoscen ri Dio e
Figura di autorità
te Istituzion
Sì No Maestro spirituale
Animale Altro
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Sentimenti negativi
Complesso d

a
po iud ivit rsec ulsiv
o ne
uzi
Im reg sess di pe comp
i inferioritào
Disprezzo

Ossrdita e
I

Po aniassione
din
Solitu o
Fru

Gelosia
t

Giudizi

te izi à
e
Ostil o
r
str Pau ia

nz o
i
Avi one

s
Odiità
Um

azi ra

M e

a
Im ne

ità
d

Pe
I
io io
ili
ba
n
gl az mo

P s
vidone
D az
r ne
e a go egn nis o azio
i
p r z
e ss Eg zo Or ass fezio ment pprov
Tra Inga ioneo R r i a
Apatia / dime nno Pe isent no di
p ssivnto
R g o
Bis tezza ione
a iseraz
Ansità Tris -comm
Rabb ia Autoinazione
Aggressioniea Ost
Violenza
Sì No Preoccupazione
Abbandono
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Sentimenti positivi
Umorismo

Paz imis ne
Gra erosilità

Mot stia
Gen rdia mo

Ott ivazio

Or ranqenza o
Modeltà
Onestàà

Amore

m
Felicine
titud tà
En Em azio
Co sias atia e

ss io à
D

Gioia

la gl llit
et

Fede
tu p n
er

ne

Ri go ui

za
it
m

M io

ez
T i
Ap C era in
az

at
pag ora vig isf za
Fid a me ggi lia dd ez
u c o So icurza na
i a i S nt S r li
A u
n se tim o Fo iscip
to -c stes a D e
Com ontrol si Fed iltà
p a s sionlo Um pore
Allegriae Stu
Fiducia
Calma
Sì No Autenticità
Affetto Impegno
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Quadrante dei conflitti
Convinzion

Rabbia e coestazione
Aspettativa disattesa
Co

negata
Critiche Paura
nd

llera

o
Dialo fferen ia

oni

ttat
izio

Fal ento in sichico


Dipendente
e che limuittae

Ansia da Pr

Dolo ccupazi

Pov lime aspe


na

Indi ustiz e

e
M

go in

n
me mp tazioione e
Sep ti ricetenzae
an

ricev
Ingi razionuti

Preocore
Emozio

Eg ertà nto
Ev re p

Id nvid ia a o lu ivo
ca

r io

tto
n o
Sv ili azi es

a
I

ternoa
ta

ito

t
Ran
alu az on a

An rdi ga
Um rov Off
ap

rr to

ta
Pe o ne
te lu le
z
p

er
v el vo sua

I s t

nc
Is a d on es

en ia
ài
In In ola Pa n ci n e s i ità

tit
a de ama mennic ac to on ch egr
Bis in tat zi or int
o g In gua bil to o M on stra si sp a di
no n Ab visi tez ità C u r z
Fr nti an cità
o n s bandbilit za Se anc tenti ativ
o
ne
o à neg azio
d dif ono M u e
S en a Ina tes nto la rel ssi
so Rifiu tto Pre time a nel ste
Tra di col to Senoblem a con se
Sfrut dimentpa Pr lem
tam o Problleranza
Cont ento Into ento
Violaziroollo Evitam ericolosi
Vergogna
ne Segreti p gica
Causa Biolo
Giudizio Sì No Causa Energetica
Attacco Altro
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Convinzioni limitanti
Io non lo sop rfetta/o (devo piacere a tutti)
Non

Non
va b

Non riesco
riesc on ries are le peric difen essu izioo
ene

Io no

Io sono un fallimento che voglio


sen

oat

e
N

rm
suno
fare
tire

n ho

a ottenere q
irar f o a star roprieolo, è dermno

pe
Non posso avere successo
Io son trollo dell ho dentola
/mo o sono riesc rmi d io gi e steabil lio
No

cosa

Laa genposso ualco o per m li altri

no
Nonbisogno d armi di nes
il con ello che edi da zioni
uori

ile
n r on

va
n più erg os etta ntire
c
s
I
N

tr

M ent so c te do on d gliare terrib


o impo

ro
ies

e
So c so cos i sapere
on

li a mi
rg
qu

porto

ip
N
co

e
No o fid del di maffi me liat

r
ta on a la e r e m
po arm arm no i erlo sba

Non pinadeguata

Noccadr a è me glio pe

ltr
uello
a fi li

Devo essere pe

S os en e n sba a di
n
ss

So c osa è a fare
po
fig

e in

vi erv a tu trol ebb rebb


in
p

tente o

d
d

no o en re c isp
ro itori

è g s ia a g
sso

osso fi

s
gli
Av fatt

o
lo
H

(io fallirò)
Io

me
pi emo nita i

no debo

La i s o l on vr ov
re o q ei en
o

fi

a
o

a mia ro
s

i
d
o id u
no Avr ar ro g sto

a
ov alc

sfigaittoa

sta i
d ei

L n àq
am i lo e giu

iu old
S

Sono
ut os

m
Io iver dov

o
i n
ro re on do

A os
os a

v
be a isi mo

n d s e

Ho
s
m so u

le
fi
I S

P g t
o

ap di
s on o no e rit (no to fa eb am ec in

u
os in o n r vr ro a d te
t u pid signi M d
i m i es app qu
e do be un ien

d
fi Io ri eb re e n nte cca

s
o c s s
(n a o e e
n a nte ( no u rito re i rtenlcos
a a ito ovr de far ge scio

g o
g
o
bb n en i d ren a e la are fare
Io s
o a poc na di fe go a
s m I g figl vo p iesco uder mbr e da po
n o br t anza o impdelu orilice ) I r l e s
u t s r De on o deglio s pe co za tem
to (il m Non mintell ortanionee N oss vo rop stan no
M i o ig t P n t a og
Io no i merito corpoe lo m entee) ) Noi sono’è abb ai bis e
n s o s
o bu olo coseè bruttrito
e C n c ah te felic felice
n
ono No di cosgo nien renderti per essere
a cat o) So val mio tner
Io sono u Sono u Io non son bbastantzive Noncompito di un par
na person na pers
a inutile ona veo amabilea E’ s o g no
, s e n z a valore, in rgognosa Ho bilpa mia
Io sono un adeguata E’ co ne io
a pe rs on a te rribile Ho ragio o nulla
Io sono una persona catt Non valg sso farlo
iva
Sì No Se non ho .............. non po
Io non merito l'amore La mia vita non ha scopo
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Quadranti di Radioestesia Evolutiva®
...................................................................................................................................................................................................................
Cosa è meglio fare per risolvere il problema?
biamento
Cambia il
Sme

Visualizza ciò che vu

o per il cam

e
ne
Dichi

olat
to in step
tti d

Aiuatica andare ualità p Intenzio


tuo dialog

ni
app

tto
ara e
i pe
Cre

bo
intr
Tr duca qual erdon emozi tive
Ca

rder oto e s e il bu icorr ativa a

oi
ccio
ite di temp
a

Traduci il cambiamen
comu

aa
Impara dal fallimento
Fai tuoi bbi ntirt onsa am vero

osi
Dagl

oni
mb

i tu
i

Identifi
l vu

o interno in blema
e en

v
Camb di il giudizio
appro
cos
ia i

e,
t i
i me con i tu menteo

ch
Las nca le t Aspetta
nica i mportantrip

o
ergi egni l onsen nti
a ti ensie iù in in c bilit co

eti
e e fond
Pr iedi ciò

oi raggiungere
ca il pro isogni
en

rg
Ch bi

o
dic

il tuo
a

le
Datti un lim

eq
o
p

ne
le

la ir e f pro
di on che

p
Ca

Re

pi d le op ti
t
N

na
A se p n r

u
i

ca a a ca sc ma
ti l sig c

Ele bia da

In den a il e in no
m

u
on e re ad i pe

oi b
d so

to ag tu o
positivo
e t lio re
c

en er

all
Ri izi tifi tuo for
a
Sospen

cu
a

lp
d
u

ep
ri r izi lp à

i
o ti ii si p i

a
gin

i
o

Cam

a
co nc

i
n s ie ma

zi e
to ero

I ov ti
za

e
ap

E ta

on
No d er a im

e
c

Pr
n e
u
giu ll’o on d
e t tu à

o
d p te nt la rit ro
i cart P por ste ra ul teg tà ince

i
Ca L i av erd un so
t s ad ra s a in brie e s
Tien Fai mbia avor vile ona ità Qu avo upp a so ntico ina
i men ordine punt aci so dot ti
n L il p te pl
a Sv vilup ù au disci uno
te n o d p i S pi a lc ile
Fai q lo sco ella tu i vist ra Sii lupp qua ccab senz
a
Tie u a lc
po e a vi
a Svi iedi a impe la pr
e
pi
n i o cchi osa di cola met ta Ch enta ratica zione ggrap
eo a Div dita e p ua condi ui ti a
Credic recchie a creto
n ciò a c
Libera e
nerg i inte perti Me tta la t o a mollare
ia in t ra ppolata nsamente Acce e i pront p e r to
nel p Non s iutare da un es ompilo
Dai retta a te assato Fatti a ore e interr
critico interi
Chiedi aiuto agli altri
stesso Riconosci il
Sì No Ammetti i tuoi errori
Liberati dei pesi morti Sii disponibile a rischiare
COPYRIGHT | È vietata la condivisione su internet - www.radioestesiaevolutiva.it
Per avere la collezione
completa dei quadranti
controllare sul sito

www.radioestesiaevolutiva.it