Sei sulla pagina 1di 1

Il legante ha proprietà coesive ed adesive

possono essere di natura organica (all’interno della sua struttura contiene almeno un atomo di
carbonio e un di idrogeno) e inorganica.
I leganti inorganici
1. leganti aerei: impastati da acque e induriscono solo all’aria;
2. leganti idraulici: possono indurire sia all’acqua che all’aria.
Il legante idraulico più importante, pur con le sue limitazioni prestazionali, è il cemento Portland
che è costituito dall’unione del clinker di Portland e del gesso.
Il clinker viene prodotto dalla macinazione, miscelazione nel giusto dosaggio e cottura fino a circa
1500°C di materiali poco nobili ed abbondanti in nautra quali il carbonato di calcio e le argille.
Il giusto dosaggio è costituto dal 76-78% di calcare e 22-24% argilla.
Vi sono ancvora ossidi alcalini (Na2O e K2O) che non sono liberi ma combinati nel componenti
maggiori. La loro presenza aumenta notevolmente la fase liquida e inoltre può risultare dannosa, se
superasse lo 0,6%.
PRODUZIONE DEL CLINKER
Riportiamo le ultime due reazioni che avvengono nel forno:
1340°C: 3CaOAl2O3+CaOFe2O3 → 4CaOAl2O3Fe2O3
1450°C: CaO+2CaSiO2 → 3CaSiO2
Dopo essersi stabilite queste due reazioni il clinker è pronto ad uscire dal forno. Una volta estratto,
viene raffreddato velocemente, ovvero viene temprato con aria. Successivamente si aggiunge gesso,
si macina il composto e si ottiene il cemento.
La tempra serve in modo che la seconda reazione non torni indietro. Questo perché il silicato
tricalcico è tabile solo al di sopra di 1250°C, mentre sotto tale temperatura (700°C) si decompone in
silicato bicalcico e calce. Per questo, si raffredda bruscamente il clinker per evitarlo.
Inoltre, se non avvenisse la tempratura, aumenterebbe la % di CaO libero che genera espansione e
fessuratura, non riespettando la normativa che ci dice che la % di CaO deve essere < 2%.
I composti facenti parte del clinker sono essenzialmente:
silicato bicalcico 2CaO*SiO2 (C2S) (20%)
silicato tricalcico 3CaO*SiO2 (C3S) (60%)
alluminto tricalcico 3CaO*Al2O3 (C3A) (12%)
fase ferritica 4CaO*Al2O3*Fe2O3 (C4AF) ( 8%)
Tra i costituenti secondari ricordiamo che spesso il clinker contiene una piccola quantità di
magnesio libero, non combinato cioè sotto forma di silicati o alluminati. l’ossido di magnesio è
presente nel clinker perché il calcare di partenza contiene sempre una piccola quantità di MgCO3.
Nella cottura queto si trasforma in ossido (MgCO3 → MgO+CO2) il quale in parte si scioglie nei
costituenti fondamentali, in parte rimane libero come MgO (periclasio).
Poiché il clinker viene cotto a temperature assai elevate e nella fase finale sono presenti notevoli
quantità di liquido,