Sei sulla pagina 1di 4

Fabio Frizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questa voce o sezione sugli argomenti compositori italiani e attori
italiani non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono
insufficienti.
Fabio Frizzi (Bologna, 2 luglio 1951) è un compositore e autore di colonne
sonore italiano.

Fratello maggiore del noto conduttore televisivo Fabrizio Frizzi (1958-2018), è


uno dei collaboratori storici del regista Lucio Fulci.[1] Per lui ha composto infatti
le colonne sonore di film divenuti cult quali Zombi 2, Paura nella città dei morti
viventi e ...E tu vivrai nel terrore! L'aldilà.

Nel 2003 Quentin Tarantino ha inserito nella colonna sonora del suo Kill Bill:
Volume 1 un brano scritto da Frizzi presente in Sette note in nero, diretto da Fulci
nel 1977.

In veste di attore ha interpretato due film: Lacrime d'amore e Amore Formula 2,


entrambi nel 1970.

Fabio Frizzi nel 2011


Indice
Biografia
F2F - "Frizzi To Fulci"
Filmografia
Note
Collegamenti esterni

Biografia
Fabio Frizzi iniziò a prendere lezioni di chitarra a 14 anni, quindi fondò un gruppo rock.

Nel 1975 arrivò il grande successo, grazie alla colonna sonora di Fantozzi. Nel 1976 compose insieme a Franco Bixio e Vince
Tempera le musiche de Il secondo tragico Fantozzi. Con i suddetti compose, tra l'altro, le colonne sonore di Febbre da cavallo,
per la regia di Steno, e I quattro dell'apocalisse, per la regia di Lucio Fulci.

Nel 1979 curò la colonna sonora dell'horror di Lucio Fulci Zombi 2.

Nel 2002, Frizzi tornò a collaborare con Bixio e Tempera in occasione della colonna sonora di Febbre da cavallo - La
mandrakata, sequel di Febbre da cavallo diretto dal figlio di Steno, Carlo Vanzina.
F2F - "Frizzi To Fulci"
Dopo una lunga fase di preparazione e riarrangiamento, nel 2012 Frizzi mette in scena il progetto musicale "F2F - Frizzi To
Fulci", una "orchestra rock" formata da 8 elementi diretta dal maestro in cui vengono riproposte le colonne sonore che il maestro
realizzò per i film horror diretti dal regista Lucio Fulci[2]. Lo spettacolo propone le suite riarrangiate ed eseguite dal vivo durante
la proiezione degli spezzoni dei più importanti film del celebre regista tra cui Zombi 2, Luca Il Contrabbandiere, L'Aldilà, Sette
Note In Nero, Paura Nella Città Dei Morti Viventi ed altre ancora. La band riceve consensi in Italia (con la partecipazione per due
anni di seguito, nel 2013 e 2014, all'Italian Horror Fest[3]) e all'estero, registrando tutto esaurito agli spettacoli di Londra del
2013 alla Union Chapel e del 2014 al Barbican Theather e al Supermassive Festival di Helsinki sempre nello stesso anno.

Nel'ottobre 2015 la band si sposta nel Nord America facendo tappa ad Austin, Los Angeles nello storico Grauman's Egyptian
Theatre nei pressi di Hollywood, San Francisco, Toronto e Philadelphia, poi nel novembre ad Aberystwith in Galles. La
formazione vede il maestro Fabio Frizzi alle chitarre, ai synth e alla direzione, Roberto Fasciani al basso, Alessandro Errichetti e
Riccardo Rocchi alle chitarre, Enrico Scopa e Alessio Contorni alle tastiere, Federico Tacchia alla batteria e alle percussioni e
Giulietta Zanardi alla voce.

Filmografia
Ed ora... raccomanda l'anima a Dio!, regia di Demofilo Fidani (1968)
Amore libero - Free Love, regia di Pier Ludovico Pavoni (1974)
Carambola, filotto... tutti in buca, regia di Ferdinando Baldi (1975)
Fantozzi, regia di Luciano Salce (1975)
Giro girotondo... con il sesso è bello il mondo, regia di Oscar Brazzi (1975)
I quattro dell'apocalisse, regia di Lucio Fulci (1975)
Il cav. Costante Nicosia demoniaco ovvero: Dracula in Brianza, regia di Lucio Fulci (1975)
Vai gorilla, regia di Tonino Valerii (1975)
Get Mean, regia di Ferdinando Baldi (1975)
La peccatrice, regia di Pier Ludovico Pavoni (1975)
Le avventure e gli amori di Scaramouche, regia di Enzo G. Castellari (1976)
La fine dell'innocenza, regia di Massimo Dallamano (1976)
Il secondo tragico Fantozzi, regia di Luciano Salce (1976)
Geometra Prinetti selvaggiamente Osvaldo, regia di Ferdinando Baldi (1976)
Roma, l'altra faccia della violenza, regia di Marino Girolami (1976)
Tutto suo padre, regia di Maurizio Lucidi (1976)
Febbre da cavallo, regia di Steno (1976)
L'ultima volta, regia di Aldo Lado (1976)
Pasión, regia di Tonino Ricci (1977)
Operazione Kappa: sparate a vista, regia di Luigi Petrini (1977)
Sette note in nero, regia di Lucio Fulci (1977)
La sorprendente eredità del tontodimammà, regia di Roberto Bianchi Montero (1977)
Melodrammore, regia di Maurizio Costanzo (1977)
Godzilla il re dei mostri, regia di Luigi Cozzi, Ishirô Honda e Terry O. Morse (1977)
Delirio d'amore, regia di Tonino Ricci (1977)
Ring, regia di Luigi Petrini (1977)
Sella d'argento, regia di Lucio Fulci (1978)
Amanti miei, regia di Aldo Grimaldi (1979)
Zombi 2, regia di Lucio Fulci (1979)
Sette ragazze di classe, regia di Pedro Lazaga (1979)
Manaos, regia di Alberto Vázquez-Figueroa (1979)
Delitto in Via Teulada - film TV (1980)
Luca il contrabbandiere, regia di Lucio Fulci (1980)
Paura nella città dei morti viventi, regia di Lucio Fulci (1980)
Prestami tua moglie, regia di Giuliano Carnimeo (1980)
...E tu vivrai nel terrore! L'aldilà, regia di Lucio Fulci (1981)
Carlotta, regia di Stefano Rolla (1981)
Vieni avanti cretino, regia di Luciano Salce (1982)
Manhattan Baby, regia di Lucio Fulci (1982)
Pieces, regia di Juan Piquer Simón (1982)
Giovani, belle... probabilmente ricche, regia di Michele Massimo Tarantini (1982)
Assassinio al cimitero etrusco, regia di Sergio Martino (1982)
La gorilla, regia di Romolo Guerrieri (1982)
Senza un attimo di respiro, regia di José María Sánchez Álvaro (1983)
Se tutto va bene siamo rovinati, regia di Sergio Martino (1983)
Delitto in Formula Uno, regia di Bruno Corbucci (1984)
Rolf, regia di Mario Siciliano (1984)
Blastfighter, regia di Lamberto Bava (1984)
Delitto al Blue Gay, regia di Bruno Corbucci (1984)
Shark: Rosso nell'oceano, regia di Lamberto Bava (1984)
Sensi, regia di Gabriele Lavia (1986)
Superfantagenio, regia di Bruno Corbucci (1986)
Un ponte per l'inferno, regia di Umberto Lenzi (1986)
Le volpi della notte - film TV (1986)
Tempi di guerra, regia di Umberto Lenzi (1987)
Immagina - film TV (1987)
Tentazione, regia di Sergio Bergonzelli (1987)
Classe di ferro - serie TV, 12 episodi (1989)
Un gatto nel cervello, regia di Lucio Fulci (1990)
Professione fantasma - serie TV (1998)
Non lasciamoci più - serie TV (1999)
Fantozzi 2000 - La clonazione, regia di Domenico Saverni (1999)
Zana, regia di Daniela Alviani e Corrado Lannaioli (2001)
Febbre da cavallo - La mandrakata, regia di Carlo Vanzina (2002)
Madre come te - film TV (2004)
Un ciclone in famiglia - serie TV (2005)
Il capitano - serie TV (2005)
Regina dei fiori - film TV (2005)
Il mondo è meraviglioso - film TV (2005)
Butta la luna - miniserie TV, 8 episodi (2006–2007)
Le ragazze di San Frediano - film TV (2007)
Per una notte d'amore - film TV (2008)
Una sera d'ottobre - film TV (2009)
Fratelli Benvenuti - serie TV, 1 episodio (2010)
La ragazza americana - film TV (2011)
House of Forbidden Secrets, regia di Todd Sheets (2013)
Abbraccialo per me, regia di Vittorio Sindoni (2016)
Puppet Master: The Littlest Reich, regia di Sonny Laguna e Tommy Wiklund (2018)

Note
1. ^ Sangue, terrore e morti viventi: intervista al maestro delle colonne sonore horror Fabio Frizzi, su Rockit.it. URL
consultato il 10 novembre 2015.
2. ^ Sangue, terrore e morti viventi: intervista al maestro delle colonne sonore horror Fabio Frizzi, su Rockit.it. URL
consultato il 23 maggio 2016.
3. ^ Frizzi 2 Fulci - ITALIAN HORROR FEST (http://www.italianhorrorfest.com/frizzi-2-fulci.html) Archiviato (https://w
eb.archive.org/web/20150703091430/http://www.italianhorrorfest.com/frizzi-2-fulci.html) il 3 luglio 2015 in Internet
Archive.

Collegamenti esterni

Fabio Frizzi / Fabio Frizzi (altra versione), su Discografia nazionale della canzone italiana, Istituto centrale per i
beni sonori ed audiovisivi.
(EN) Fabio Frizzi, su Discogs, Zink Media.
(EN) Fabio Frizzi, su MusicBrainz, MetaBrainz Foundation.
(EN) Fabio Frizzi, su Internet Movie Database, IMDb.com.
(FR) Interview exclusive avec Fabio Frizzi, su luciofulci.fr (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2012).
VIAF (EN) 217507 (https://viaf.org/viaf/217507) · ISNI (EN) 0000 0000 5951 5229 (htt
p://isni.org/isni/0000000059515229) · SBN IT\ICCU\UBOV\482790 (https://opac.sbn.i
Controllo di t/opacsbn/opac/iccu/scheda_authority.jsp?bid=IT\ICCU\UBOV\482790) · LCCN
autorità (EN) n95118538 (http://id.loc.gov/authorities/names/n95118538) · BNF
(FR) cb140992082 (https://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb140992082) (data) (https://d
ata.bnf.fr/ark:/12148/cb140992082)

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Fabio_Frizzi&oldid=103712861"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 1 apr 2019 alle 20:03.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono
applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.