Sei sulla pagina 1di 2

Le nuove Rome

Un nuovo tipo di potere

Roma, caso forse unico nella storia, ha rappresentato almeno in due periodi distinti della storia il centro
del potere a livello mondiale: la prima volta con l'impero romano, la seconda come centro della
cristianità mondiale soprattutto nel periodo tra il 1400 e il 1700.

In entrambe i casi il potere, come capacità di influenzare la vita di molti popoli e stati, era un potere
soprattutto politico, militare, culturale, radicato nel territorio, che solo di conseguenza diventava anche
un potere economico.

Mi sono chiesto quali sono le Rome di oggi, le città simbolo e sede del potere mondiale oggi.

Mi sono reso conto che nel frattempo, nella nostra società di tipo capitalistico, il potere è cambiato,
diventando un potere soprattutto economico, che si esercita attraverso il commercio e l'influenza dei
consumatori, che non è più soprattutto politico e militare (anche perché si identifica meglio con le
multinazionali che con i singoli stati nazionali), e che diffonde la propria cultura di massa attraverso la
pubblicità sui media, vincolata ancora una volta al commercio.

Il mondo globalizzato

Questo cambiamento profondo si è manifestato in modo definitivo a partire dagli anni '80 del
Novecento, quando si è verificata una crescita senza precedenti dei flussi commerciale delle informazioni
tra i vari paesi del mondo. Questo fenomeno è stato definito Globalizzazione, e è stato possibile per due
motivi molto importanti:

1) crescita economica di paesi emergenti, come Cina, India, Sud-Est asiatico, ecc.
2) sviluppo delle tecnologie di comunicazione telematica.

Questa combinazione di fattori ha permesso alle aziende di "delocalizzare", cioé di spostare la


produzione di prodotti in altre parti del mondo e abbassare i costi.

Oggi perciò i protagonisti della globalizzazione sono le multinazionali, le grandi banche e le borse. Gli
Stati nazionali sono stati superati dai mercati internazionali, perciò hanno meno importanza del passato
nella gestione del potere.

I nuovi centri di potere

Ciononostante, è ancora possibile trovare città che, seppure su basi diverse, rappresentano oggi il potere
di influenzare la vita dei popoli come un tempo ha fatto Roma. La rivista online Money.it nel Giugno 2018
ha pubblicato una classifica delle città piú influenti del mondo, basandosi su una serie di parametri:
 attività commerciali
 ricchezza di capitale umano
 possibilità di scambiare informazioni
 vitalità culturale e politica

In base a questi criteri non esiste una sola città, ma alcuni centri di potere, situati negli Stati Uniti, in
Europa e in Estremo Oriente.

Le nuove Rome sono oggi:

1. New York, sede dell'ONU, del World Trade Center, e I Wall Street, la più grande e potente borsa
del mondo;
2. Londra, capitale dell'impero britannico e sede della borsa più ricca d'Europa;
3. Parigi, importantissimo centro di scambi culturali e di informazioni, riferimento per il mondo
arabo e africano;
4. Tokyo, simbolo delle immense città orientali emergenti, con enormi risorse umane ben formate
e con grande voglia di lavorare e impegnarsi.

Come si vede da questo planisfero


notturno, le nuove Rome si trovano
nelle aree più sviluppate, dove le
attività umane non si fermano neanche di
notte, dove ci sono più consumi, più collegamenti, più infrastrutture, e non ce ne è soltanto una, come è
stato per la Roma imperiale, ma sono tanti: il mondo globalizzato non ha un solo centro, ma molti.