Sei sulla pagina 1di 91

A PRODUCT FROM TALLYGENICOM

T6200 Series
Serie T6200
Manuale per l’operatore
Line Printer Operator Manual
Stampante
Serial • Parallel di effetio
• Twinax • Coaxdella riga
• TCP/IP
Seriale · Parallela · Twinax · Coasalale· TCP/IP

Including IPDS
compreso IPDS
Questo manuale è stato pubblicato dalla Tally Printer Corporation per l’uso con la stampante per computer qui
descritta. La traduzione, la ristampa e la copia del presente manuale, in tutto o in parte, tramite qualsiasi mezzo
e in qualsiasi forma sono permesse solo previa esplicita autorizzazione della Tally Printer Corporation. La Tally
Printer Corporation si riserva il diritto di aggiornare questo manuale per qualsiasi ragione senza preavviso. Ciò
include, ma non a titolo esclusivo, l’uso di nuove tecnologie all’avanguardia e cambiamenti nelle attrezzature o
nella configurazione delle medesime. Si nega la responsabilità per eventuali difficoltà causate da limitazioni
tecniche sconosciute o impreviste.

Avviso FCC
Questo apparecchio è stato sottoposto a prove e trovato essere conforme ai limiti stabiliti per i dispositivi digitali
di Classe A, secondo la Sezione 15, Sottosezione B delle Norme FCC statunitensi. Questi limiti sono stati
definiti per offrire una ragionevole protezione da interferenze dannose durante l’azionamento dell’apparecchio in
ambienti industriali. Questo apparecchio genera, usa e può emettere energia a radiofrequenza e, se non è
installato e utilizzato secondo quanto indicato nel manuale di istruzioni, potrebbe causare interferenze dannose
alle comunicazioni radio. Il funzionamento di questo apparecchio in un’area residenziale può causare
interferenze dannose, a cui l’utente deve porre rimedio a proprie spese.

AVVERTENZA
È permesso esclusivamente a personale addestrato e qualificato aprire coperchi e rimuovere componenti che nel
manuale di istruzioni non siano indicati e definiti esplicitamente come parti a cui l’operatore può accedere.

Please Note:

Printer drivers for various operating systems are available on the Internet at our Web Page
www.tallygenicom.com or www.tallygenicom/worldwide or at your Tally distributor.

Druckertreiber für verschiedene Betriebssysteme finden Sie im Internet unter


www.tallygenicom.com/worldwide oder bei Ihrem Tally-Händler.

Des pilotes d’imprimantes pour divers systèmes d’exploitation sont disponibles sur le rèseau
Internet sous l’adresse www.tallygenicom.com/worldwide ou chez votre distributeur Tally.

I driver per le stampanti Tally per moliti sistemi operativi diversi sono disponibili via Internet
all’indrizzo www.tallygenicom.com/worldwide o dal vostro rivenditore.

Los drivers para las impresoras de Tally de la mayoria de los sistemas operativos se
pueden conseguir via Internet en la direcciòn www.tallygenicom.com/worldwide o a travès
de su distribuidor.

RINGRAZIAMENTI:
“IBM” e “Proprinter” sono marchi di fabbrica della International Business Machines Corporation.
“DEC” è un marchio di fabbrica della Compaq Computer Corp.
“Printronix” e “PGL” sono marchi di fabbrica della Printronix, Inc.
“Epson” è un marchio di fabbrica della Seiko Epson Corp.
“QMS” e “Code V” sono marchi di fabbrica della Minolta-QMS Inc.
“HP” è un marchio di fabbrica della Hewlett-Packard Company.
“Genicom” è un marchio di fabbrica della Genicom L.L.C.

T6200 Series Operator Manual


© February 2005
Tutti i diritti riservati

TallyGenicom
6020 S. 190th St
Kent, Washington 98032
Indice

Indice
Prefazione ................................................................... Pref–1
Introduzione ......................................................................................... Pref–1
Informazioni su questo manuale ...................................................... Pref–2

Capitolo 1 .........................................................................1–1
Preparazione del luogo ............................................................................1–1
Disimballaggio della stampante ..............................................................1–2
Nuovo imballaggio ............................................................................................ 1–2
Sportelli rovesciabili .......................................................................................... 1–2
Figura 1–1. Sportelli rovesciabili ...................................................... 1–2
Rimozione della bulloneria di spedizione ........................................................... 1–2
Figura 1–2. Ubicazione delle viti di spedizione ................................ 1–3
Installazione delle catene di accatastamento carta .................................1–3
Figura 1–3. Catene di accatastamento carta.................................... 1–3

Connessioni di interfaccia ed accensione ............................................1–4


Connettori di interfaccia...........................................................................1–4
Lunghezza massima cavo interfaccia ................................................................ 1–4
Solo seriale/parallelo .............................................................................. 1–4
Twinax .................................................................................................... 1–4
Coassiale .............................................................................................. 1–4
Figura 1–4. Connettori seriali/paralleli ed interfaccia FourPlex
(veduta posteriore) ........................................................................... 1–4
Collegamento I/O .............................................................................................. 1–5
Seriale/Parallela ..................................................................................... 1–5
Connettore Twinax .................................................................................. 1–5
Figura 1–5. Collegamento del connettore host Smart T ................... 1–5
Connettore coassiale ............................................................................. 1–6
Figura 1–6. Collegamento con l’adattatore BNC. ............................. 1–6
Accensione .............................................................................................1–7
Figura 1–7. Stampante (veduta posteriore) ...................................... 1–7

Indice–1
Manuale per l'operatore

Sistema carta .............................................................................................1–8


Componenti del sistema carta ................................................................1–8
Figura 1–8. Componenti del sistema carta ...................................... 1–8
Set dispositivi di trazione .................................................................................. 1–8
Figura 1–9. Apertura, bloccaggio e sbloccaggio dei dispositivi di
trazione ............................................................................................ 1–8
Ruota e leva distanza cilindro ............................................................................ 1–9
Figura 1–10. Ruota e leva di regolazione distanza cilindro .............. 1–9
Rilevamento distanza cilindro .......................................................................... 1–10
Leva tensione carta ......................................................................................... 1–10
Figura 1–11. Leva tensione carta ................................................... 1–10
Installazione della cartuccia a nastro .....................................................1–11
Figura 1–12. Rimozione del gioco del nastro ................................. 1–11
Figura 1–13. Installazione della cartuccia a nastro ........................ 1–11
Caricamento carta ................................................................................ 1–12
Figura 1–14. Specifiche dimensione carta ..................................... 1–12
Caratteristiche del foglio ................................................................................. 1–12
Figura 1–15. Posizionamento della scatola di carta e percorso
carta ............................................................................................... 1–13
Figura 1–16. Scala allineamento colonna ..................................... 1–14
Controlliamo ......................................................................................... 1–15

Capitolo 2 .........................................................................2–1
Introduzione ...............................................................................................2–1
Componenti del pannello di controllo ....................................................2–1
Figura 2–1. Pannello di controllo ..................................................... 2–1
Indicatori LCD .........................................................................................2–1
LCD (Display a cristalli liquidi) .................................................................2–2
Figura 2–2. Display pannello di controllo ......................................... 2–2
Stato attuale ...................................................................................................... 2–2
Opzioni ............................................................................................................. 2–2
Indicatore selezione attuale ............................................................................... 2–2
Indicatori carta .................................................................................................. 2–3
Tabella 2–1. Indicatori peso carta .................................................... 2–3
Funzioni dei tasti ......................................................................................2–4
Tasto Online/Offline ........................................................................................... 2–4
Tasto LF (Avanzamento righe) ........................................................................... 2–4
Tasto FF (Avanzamento di foglio) ...................................................................... 2–4
Tasto TOF (Top of Form) ................................................................................... 2–5
Figura 2–3 Allineamento del foglio sui dispositivi di trazione ........... 2–5
Tasto View ........................................................................................................ 2–5

Indice–2
Indice

Tasti frecce direzionali verso l’alto e il basso ..................................................... 2–5


Tasto Menu/Back .............................................................................................. 2–6
Tasto Enter ........................................................................................................ 2–6
Tasto Clear ....................................................................................................... 2–6
Menu Clear ....................................................................................................... 2–6
Tasto Config ...................................................................................................... 2–7

Capitolo 3 .........................................................................3–1
Introduzione ...............................................................................................3–1
Menu del pannello di controllo................................................................3–1
Figura 3–1. Navigazione pannello di controllo ................................. 3–1
Categorie, parametri e selezioni .............................................................3–2
Utilizzo dei menu .....................................................................................3–2
Come stampare un rapporto di selezioni del pannello di controllo ...................... 3–4
Menu operatore .........................................................................................3–5
Categoria di font ......................................................................................3–5
Lingua Ser/Par .................................................................................................. 3–5
Lingua Tx/Cx (visualizzazione solo sulle stampanti Twinax/coassiali) ................. 3–5
Lingua IPDS (visualizzazione solo se è installato IPDS) .................................... 3–6
Set di caratteri ser/par (Ser/Par CharSet) ......................................................... 3–6
Matrice (Matrix) ................................................................................................. 3–7
Stile Ser/Par ..................................................................................................... 3–7
Stile Tx/Cx ......................................................................................................... 3–7
Stile IPDS ......................................................................................................... 3–8
CPI ................................................................................................................... 3–8
Lingua Pannello (Panel Language) .................................................................... 3–8
Standard OCR .................................................................................................. 3–8
Zero .................................................................................................................. 3–8
8 Compresso (Compressed 8) ......................................................................... 3–8
Categoria foglio .......................................................................................3–9
Lunghezza del foglio.......................................................................................... 3–9
LPI .................................................................................................................... 3–9
Margine superiore (Top Margin) ........................................................................ 3–9
Margine inferiore (Bottom Margin) ..................................................................... 3–9
Margine SX ...................................................................................................... 3–9
Margine DX .................................................................................................... 3–10
Stampa alla Fine del foglio (EOF) ................................................................... 3–10
Accesso rapido (Quick Access) ...................................................................... 3–11
Distanza di espulsione .................................................................................... 3–11
Pausa accesso rapido (Eject Delay) ............................................................... 3–11
Impatto (Impact) .............................................................................................. 3–12
Peso carta (Paper Weight) ............................................................................. 3–12

Indice–3
Manuale per l'operatore

Rotazione rapida (Fast Slew) .......................................................................... 3–13


Doppia battuta ................................................................................................ 3–13
Qualità (solo T6218)........................................................................................ 3–13
RibbonMonitor (Monitoraggio nastro) .............................................................. 3–13
RibnMon Thresh (Limite monitoraggio nastro) ................................................. 3–14
Funzionamento del monitoraggio del nastro (Ribbon Monitor)............... 3–14
Categoria Unità formato verticale (VFU) .............................................. 3–15
VFU Abilitata .................................................................................................. 3–15
Canale di tabulazione verticale (VT) ................................................................ 3–15
Salta Quando .................................................................................................. 3–15

Menu di configurazione ........................................................................ 3–16


Categoria stampante ............................................................................ 3–16
Accensione ..................................................................................................... 3–16
Emulaz. ser/par ............................................................................................... 3–16
Emulazione LAN (solo interfaccia LAN) ........................................................... 3–17
Emul. Twinax (solo Twinax/coassiale) .............................................................. 3–17
Modalità dump (Mod Dmp) ............................................................................. 3–17
Interfaccia Twinax ................................................................................. 3–17
Interfaccia coassiale............................................................................. 3–17
Opzione IPDS ...................................................................................... 3–17
Attesa IO ......................................................................................................... 3–17
IRS (Sistema a nastro intelligente) .................................................................. 3–17
Listato ............................................................................................................. 3–18
Config. corrente (Current Config) .................................................................... 3–18
Tutte le configurazioni ...................................................................................... 3–18
Configurazioni 1–10 ........................................................................................ 3–18
Calibrazioni .................................................................................................... 3–18
Ultimo errore ................................................................................................... 3–18
Versione ......................................................................................................... 3–18
Categoria codici ................................................................................... 3–19
LF autom. (Avanzamento righe) (Auto LF) ....................................................... 3–19
CR autom. (Ritorno a margine) (Auto RF) ........................................................ 3–19
A capo autom. ................................................................................................. 3–19
Avanzamento righe automatico (LF Auto) ........................................................ 3–19
Stampa su CR (Print on CR) ........................................................................... 3–20
Avanzamento foglio al TOF (Form Feed at TOF) ............................................. 3–20
ESC ............................................................................................................... 3–20
Alt ESC (Alternate Escape)............................................................................. 3–20
Solo maiuscolo (Upper Only) ........................................................................... 3–21
Codice 7F....................................................................................................... 3–21
Stampare i codici esadecimali da 80 a 9F (Print 80-9F Hex) .......................... 3–21
Ignora car. (Ignore Char) .................................................................................. 3–21
Sub carattere da (Sub Char From) .................................................................. 3–21
Sub carattere a (Sub Char To) ......................................................................... 3–21

Indice–4
Indice

PTX SFCC ..................................................................................................... 3–21


PTX ALS......................................................................................................... 3–22
Categoria di grafica (Graphics) ............................................................ 3–22
Carattere di comando codice V (CVCC) (Code V Cmd Char) ........................ 3–22
Dimensioni lisce ............................................................................................. 3–22
Dupo PY ......................................................................................................... 3–22
PN allora (PN Then) ........................................................................................ 3–22
Barra scura ..................................................................................................... 3–23
Tabella 3–1. Densità punti codice a barre ...................................... 3–23
PlotMod .......................................................................................................... 3–23

Figura 3–2. Esempio PlotMod ....................................................... 3–23


Versione ......................................................................................................... 3–23
Discendente (Descender) ............................................................................... 3–24
Scala verticale (Vertical Scale) ........................................................................ 3–24
Zero ................................................................................................................ 3–24
Carattere di comando di funzioni speciali PGL (SFCC) ................................... 3–24
Linguaggio di codice V (Code V Language) ................................................... 3–24
Linguaggio PGL (PGL Language) ................................................................... 3–24
Formato libero (Free Format) .......................................................................... 3–25
PY automatico (Automatic PY) ........................................................................ 3–25
Barra MTPL .................................................................................................... 3–25
Protetto ........................................................................................................... 3–25
Densità Postnet .............................................................................................. 3–25
Categoria di configurazioni ................................................................... 3–26
Salva .............................................................................................................. 3–26
Carico............................................................................................................. 3–26
Configurazione accensione (Powerup Config) ................................................. 3–26
Etichetta conf. n - (dove n = da 1 a 10) ............................................................ 3–27
Come identificare uno slot di configurazione ........................................ 3–27
Categoria I/O seriale ............................................................................ 3–28
Baud (Velocita) ............................................................................................... 3–28
Bit di dati (Data Bits) ....................................................................................... 3–28
Bit di stop (Stop Bits) ...................................................................................... 3–28
Parità .............................................................................................................. 3–28
Ottavo bit ........................................................................................................ 3–28
Protocollo ....................................................................................................... 3–28
Interrogazione di stato (Status Enquiry)............................................................ 3–29
Funzione DTR (DTR Function)......................................................................... 3–30
Polarità DTR (DTR Polarity) ............................................................................ 3–30
Polarità occupato (Pol Bsy) ............................................................................. 3–30
Funzione RTS (RTS Function) ......................................................................... 3–30
Xon robusto (Robust Xon) ............................................................................... 3–31
Dimensione buffer (Buffer Size) ...................................................................... 3–31
Categoria I/O parallelo ......................................................................... 3–32

Indice–5
Manuale per l'operatore

Comando stampa su carta (POPC) ................................................................ 3–32


Ottavo bit ........................................................................................................ 3–32
Dimensione buffer (Buffer Size) ...................................................................... 3–32
Bufferizzazione fissa ....................................................................................... 3–32
Categoria Twinax/Coax......................................................................... 3–33
Invio di PA (solo coassiale) (Send PA) ............................................................ 3–33
Indirizzo (solo Twinax) ..................................................................................... 3–33
SPD (solo coassiale) ...................................................................................... 3–33
SCD (solo Twinax) .......................................................................................... 3–33
SLD ................................................................................................................ 3–33
Stile (font) host (solo Twinax) ........................................................................... 3–34
Dimensione dello schermo (schermo) (solo coassiale) (Screen Size) ............. 3–34
Lettera (solo coassiale) (Case) ....................................................................... 3–34
Commutatori di compatibilità (solo coassiali) .................................................. 3–34
Ritardo IR (solo coassiale) (IR Delay) .............................................................. 3–35
Passthrough esadecimale (Hex Passthrough) ................................................. 3–35
EPC ............................................................................................................... 3–36
Grafici AVM .................................................................................................... 3–36
Categoria IPDS (solo IPDS) ................................................................ 3–37
Indirizzo (solo Twinax) ..................................................................................... 3–37
Densità (Density) ............................................................................................ 3–37
Barra Scura .................................................................................................... 3–37
Dimensioni Lisce ............................................................................................ 3–37
Zero ................................................................................................................ 3–37
Override host (Host Override) .......................................................................... 3–37
Menu TCP/IP - solo interfaccia LAN..................................................... 3–38
Indirizzo IP............................................................................................ 3–38
Gateway ................................................................................................ 3–38
Sottorete ............................................................................................... 3–38
Menu test ................................................................................................. 3–39
Categoria modello ................................................................................ 3–39
Stampa ........................................................................................................... 3–39
Categoria override guasto .............................................................................. 3–39
Movimento carta ............................................................................................. 3–40

Appendice A ................................................................... A–1


Introduzione .............................................................................................. A–1
Messaggi ................................................................................................... A–1
Guasti ..................................................................................................... A–1
Procedura per il rimedio ................................................................................... A–1
Tabella A–1. Messaggi di display .................................................... A–2

Indice–6
Indice

Tabella A–2. Rimedio stampa/carta ................................................. A–6

Specifiche ................................................................. Spec–1


Emulazioni ........................................................................................ Spec–1
Stili di caratteri tipografici .................................................................. Spec–1
Gothic e Courier .......................................................................................... Spec–1
Draft e Data Processing ............................................................................. Spec–1
OCR–A ed OCR–B ..................................................................................... Spec–1
Caratteri Per Pollice ......................................................................... Spec–1
Densità di punti e velocità di traccia ................................................. Spec–2
Tabella S–1. Prestazioni testo ................................................... Spec–2
Righe Per Pollice ............................................................................. Spec–3
Velocità movimento carta ................................................................. Spec–3
Lingue e set di caratteri .................................................................... Spec–3
Configurazioni fisiche ....................................................................... Spec–3
Peso ................................................................................................. Spec–3
Descrizione carta.............................................................................. Spec–3
Acustica ............................................................................................ Spec–3
Memoria non volatile......................................................................... Spec–3
Alimentazione ................................................................................... Spec–4
Tabella S–2. Requisiti di potenza ............................................... Spec–4
Manutenzione ................................................................................... Spec–4
Sicurezza .......................................................................................... Spec–4
Sistema di raffreddamento............................................................... Spec–4
Ambiente .......................................................................................... Spec–5
Operativa .................................................................................................... Spec–5
Non operativa ............................................................................................. Spec–5
Contributo carico di calore ............................................................... Spec–5
Tabella S–3. Contributi carico di calore ..................................... Spec–5
Dimensioni della stampante ............................................................. Spec–6
Figura S–1. Dimensioni fisiche .................................................. Spec–6
Standard industriali e d’agenzia ........................................................ Spec–7
Emissioni elettromagnetiche ....................................................................... Spec–7
Immunità elettromagnetica .......................................................................... Spec–7
Energy Conservation ................................................................................... Spec–7
Sicurezza .................................................................................................... Spec–7
Acustica ...................................................................................................... Spec–7
Marcatura ................................................................................................... Spec–7

Indice–7
Manuale per l'operatore

Pagina
vuota

Indice–8
Prefazione

Prefazione

Introduzione
La serie T6200 offre i seguenti moduli di
configurazione I/O (Moduli):

• Standard Seriale/Parallela
• FourPlex (Standard più Twinax/
coassiale)
• FourPlex IPDS
• LANPlex (Standard più Ethernet
10/100 BASE-T)
• LANPlex IPDS

In meno di cinque minuti è possibile aggiungere


altre configurazioni inserendo un nuovo modulo.
Le istruzioni di installazione sono accluse al modulo.

Tutte le configurazioni di interfaccia e le impostazioni della stampante vengono


effettuate attraverso il pannello di controllo. Inoltre, la configurazione operativa
della stampante è memorizzata in una memoria non volatile; non dovrete mai
riconfigurare la stampante a causa di una perdita di corrente.

Pref–1
Manuale per l'operatore

Informazioni su questo manuale


Capitolo 1: Impostazione della stampante

Nel Capitolo 1 vengono fornite istruzioni su come impostare la stampante. Si


troveranno criteri per la selezione del luogo, istruzioni per rimuovere
l’attrezzatura protettiva di spedizione per la stampante, e le collocazioni dei
connettori per la stampante alle comunicazioni host e per i collegamenti
elettrici. Inoltre si troveranno istruzioni su come installare il nastro a inchiostro,
caricare la carta e regolare i meccanismi di movimento carta.

Capitolo 2: Pannello di controllo della stampante

Questo capitolo spiega i vari componenti del pannello di controllo e le loro


funzioni nelle diverse modalità della stampante.

Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

Il Capitolo 3 spiega i diversi menu disponibili sulla stampante e tutti i parametri


contenuti al loro interno. Inoltre presenta le istruzioni di menu che mostrano
come eseguire una varietà di diverse operazioni di menu.

Appendice A: Localizzazione guasti

L’Appendice A contiene un elenco dei messaggi di errore e di guasto che


possono comparire sul display del pannello di controllo e varie procedure di
localizzazione guasti e di rimedio.

Specifiche

Questa sezione elenca e spiega aspetti tecnici della prestazione della


stampante e specifiche generali di design.

Convenzioni

Utilizziamo le seguenti convenzioni all’interno di tutto il manuale.

Gli appunti sono ulteriori informazioni importanti o utili.

ATTENZION
Questo simbolo contrassegna le informazioni riguardanti azioni che possono
danneggiare l’attrezzatura o causare infortuni all’utente.

Pref–2
Capitolo 1: Installazione della stampante

Capitolo 1
Preparazione del luogo
La scelta del luogo per la stampante è importante, in quanto l’ambiente
influenza la qualità di stampa. Il miglior luogo è uno protetto dalle impurità e
dalla polvere abbondante con una gamma di temperatura e di umidità
moderata. Inoltre, l’alimentatore dovrebbe essere adeguato per il
funzionamento della stampante e protetto da sovracorrente momentanea.

Quando si sceglie una collocazione considerare i seguenti fattori:

Mantenere la temperatura ambientale di esercizio tra i 10°C ed i 40°C.

Non collocare la stampante vicino a condizionatori di aria, finestre aperte,


radiatori e nemmeno in zone in cui la temperatura cambia improvvisamente.

L’umidità relativa dovrebbe trovarsi tra il 10% ed il 90% (senza condensa).


Accertarsi di collocare la stampante lontano da qualsiasi fonte di umidità,
quale rubinetti per acqua, frigoriferi ed umidificatori.

Il contributo di carico di calore all’ambiente è di 188 BTU all’ora se inattiva e


può arrivare fino a 2050 BTU all’ora in condizioni di stampa continua a pieno
carico.

Tenere la stampante lontana da polvere, impurità e fiamme aperte.

Collegare la stampante ad una presa collegata a terra (a 3 poli).

La minima superficie d’ingombro consigliata per la stampante è di 91,4 cm in


larghezza e 91,4 cm in profondità per consentire il movimento dell’aria
intorno alla stampante. Riservare inoltre sufficiente spazio per aprire gli
sportelli della stampante (2,0 m).

1–1
Manuale per l'operatore

Disimballaggio della stampante


Le istruzioni per il disimballaggio della stampante si trovano all’esterno del
contenitore di spedizione. Dopo avere tolto la stampante dal suo contenitore,
immagazzinare i materiali di spedizione per un utilizzo successivo.

Nuovo imballaggio
Il nuovo imballaggio della stampante per immagazzinamento o spedizione
avviene nell’ordine inverso del disimballaggio. Se sono necessari materiali di
spedizione, è possibile riordinarli dal rivenditore.

Sportelli rovesciabili
Entrambi gli sportelli anteriori e posteriori possono essere installati con
apertura a destra o a sinistra:

Figura 1–1. Sportelli rovesciabili

Rimozione della bulloneria di spedizione


La bulloneria di spedizione consiste di 4 viti, identificate da linguette rosse, che
fissano la base della stampante al meccanismo interno. Dispositivi di sicurezza
fissano le catene di accatastamento carta al rack di uscita filo dentro lo
sportello posteriore della stampante.

Vi è inoltre una cintura di gomma che tiene aperto il cilindro. Toglierla per far
chiudere il cilindro.
ATTENZION
NON accendere la stampante prima di aver tolto le viti di
spedizione.

1–2
Capitolo 1: Installazione della stampante

Figura 1–2. Ubicazione delle viti di spedizione

Installazione delle catene di accatastamento carta


La carta esce dall’area di stampa mediante un set di catene passive di
accatastamento carta che aiutano a piegare e ad accatastare i moduli stampati
in maniera uniforme. Un caricamento adeguato della carta nei trattori migliora
l’accatastamento della carta (ved. Caricamento carta).

Sganciare i dispositivi di sicurezza assicurando le catene alle guide del filo.


Accertarsi che le catene non siano angolate.

La catene diritte devono


essere posizionate
ESTERNAMENTE
rispetto alle catene
avvolte

Figura 1–3. Catene di accatastamento carta

1–3
Manuale per l'operatore

Connessioni di interfaccia ed accensione


Connettori di interfaccia
Fissare adeguatamente il cavo alla stampante utilizzando i connettori corretti
(ved. pag. successiva).
ATTENZION
Per essere conformi ai regolamenti FCC utilizzare cavi schermati
I/O su tutte le installazioni.

Lunghezza massima cavo interfaccia


Solo seriale/parallelo
La stampante dovrebbe essere posizionata entro 15,2 metri di distanza dal
computer nel caso di un’interfaccia seriale o a 2 metri nel caso di interfacce
parallele. Distanze di comunicazione superiori a queste possono causare
problemi di trasmissione dati ed errori di stampa.

Twinax
L’interfaccia Twinax consente un massimo di 1,5 km tra il computer host e
l’ultimo dispositivo. Distanze superiori a questa possono causare problemi di
trasmissione ed errori nei dati.

Coassiale
L’interfaccia coassiale consente un massimo di 1,5 km tra il computer host e la
stampante. Distanze superiori a questa possono causare problemi di
trasmissione ed errori nei dati.

Connettore I/O seriale

Connettore I/O parallelo

Twinax Smart “T”


Connettore I/O seriale

le Connettore I/O parallelo


ssia
x/coa
ina
Tw
tore
Adattatore BNC (coassiale) net
Con

Figura 1–4. Connettori seriali/paralleli ed interfaccia FourPlex (veduta


posteriore)

1–4
Capitolo 1: Installazione della stampante

Collegamento I/O
Dopo avere collegato ciascuna interfaccia alla stampante, fare eseguire un
lavoro di stampa dal computer host per verificare il funzionamento corretto
della stampante.

Seriale/Parallela
L’interfaccia seriale gestisce fino a 38,4 kBaud ed utilizza un connettore cavo
seriale DB 25 standard e segnali RS-232-C standard.
La porta parallela Centronics è conforme a IEEE-1284 ed utilizza un
connettore di tipo B 1284 a 36-pin (AMP 555119-1 o equivalente).
Per collegare il cavo I/O seriale o parallelo, inserire il cavo al connettore
adeguato sul pannello I/O.

Connettore Twinax
Per collegare la stampante ad un sistema host Twinax, utilizzare il connettore
Smart T. Inserire il connettore DB-15 nella spina interfaccia host sul pannello I/
O della stampante.
Se si sta installando una stampante su un sistema attivo, prima di collegare il/i
cavo/i Twinax passare in rassegna la seguente lista.
• Verificare che l’indirizzo della stampante corrisponda a quello dato
nell’host e che non vengano duplicati indirizzi in alcun punto della linea.
E’ possibile verificare l’indirizzo della stampante accedendo al menu
GUIDA sul pannello di controllo della stampante e stampando uno
stampato delle selezioni del pannello di controllo (ved. Capitolo 3).
• Accertarsi che la stampante sia spenta.
• Interrompere il dispositivo immediatamente a monte del cavo (tra la
stampante e l’host) dalla stampante.
• Qualsiasi lavoro che vada ai dispositivi a valle del cavo (tra la
stampante e la fine della rete) deve essere messo in posizione HOLD.
• Porre qualsiasi dispositivo che sia a valle del cavo dalla stampante
OFFLINE.
Ora collegare il cavo dal connettore esterno del dispositivo del cavo a uno dei due
lati del connettore host Smart T e se ci sono dei dispositivi a valle del cavo, colle-
gare il cavo andando verso di loro sull’altro lato dello SmartT. Lo Smart T si prende
cura automaticamente di terminare la linea Twinax o di permettere la capacità di
trattamento dei dati ai dispositivi situati a valle del cavo dalla stampante.
Co
nn
ett
o
re
Sma
rt
T

Connettore del
dispositivo a monte
del cavo

Figura 1–5. Collegamento del connettore host Smart T

1–5
Manuale per l'operatore

Lo schema Twinax ora è completo; testare la stampante per verificarne il


funzionamento. Caricare la stampante con la carta e con un nastro
inchiostrato. Fare eseguire il test di verifica stampante IBM. Se il test ha
successo, l’installazione sarà completa.

Lista di controllo guasti Twinax


Se il test di verifica stampante non ha successo, verificare quanto segue:

• La stampante ha l’impostazione corretta di indirizzo?


• L’indirizzo nella configurazione di sistema corrisponde all’impostazione
sulla stampante?
• Il tipo di dispositivo nella configurazione di sistema è corretto per il tipo
di stampante che viene emulata?
• Il cavo verso il dispositivo subito a monte del cavo sulla linea Twinax è
collegato correttamente?
• I dispositivi a valle del cavo funzionano adeguatamente?
• L’ultimo dispositivo sulla linea è adeguatamente terminato?
• La stampante è configurata adeguatamente?

Se è stato controllato tutto e si verificano ancora problemi, chiamare il


rappresentante del supporto clienti.

Connettore coassiale
La stampante utilizza un DB-15 ad un ponticello flessibile di connettore
coassiale.

Per collegare la stampante a un sistema coassiale, utilizzare l’adattatore BNC.


Collegare l’adattatore alla presa interfaccia host sull’entrata-uscita della
stampante. Accertarsi che la stampante sia spenta, quindi attaccare il cavo
coassiale all’adattatore BNC.
Ad
att

Ca
ad

vo
or
eB

co
as
NC

sia
le

Figura 1–6. Collegamento con l’adattatore BNC.

1–6
Capitolo 1: Installazione della stampante

Accensione
L’interruttore è posizionato sul lato sinistro della stampante; i connettori di
interfaccia ed elettrici sono all’interno della struttura della stampante e sono
accessibili mediante lo sportello posteriore.

Interruttore
On/Off

Connettore
alimentazione
AC

Figura 1–7. Stampante (veduta posteriore)

Passo 1.
Accertarsi che la stampante sia spenta. Collegare il cordone di alimentazione
dentro l’armadietto, e farlo scorrere attraverso l’apertura sul fondo della
stampante. Collegare il cordone di alimentazione ad una presa di corrente.

Utilizzare sempre una presa monofase con messa a terra


tripolare).

Passo 2.
Accendere.
La stampante esegue una procedura di autodiagnosi ogni volta che viene
accesa per controllare il processore principale ed i buffer per eventuali errori.
Notare che quando questa volta si accende la stampante, si visualizza l’errore
Fine carta. Non allarmiamoci, ci interesseremo di ciò al caricamento della carta.
Se nel display non compaiono altri messaggi di errore, fare riferimento
all’Appendice A per una descrizione dell’errore e dei rimedi necessari.
Quando questa volta ci si collega all’interfaccia Twinax, altri messaggi che
possono comparire sono Indirizzo di installazione e Sincronizzazione persa
(28). Questi messaggi compaiono perché l’interfaccia stampante/host non è
stata installata adeguatamente. Se non si può collegare l’interfaccia in questo
momento, si possono testare ancora certi aspetti della prestazione della
stampante mettendo la stampante in Offline (premere il tasto Online/Offline),
poi immettendo la modalità Menu. Mentre si è in modalità Menu è possibile
selezionare stampa ed i parametri di funzionamento o testare certi sistemi della
stampante.

1–7
Manuale per l'operatore

Sistema carta
Componenti del sistema carta
I dispositivi di trazione, la ruota e la leva di regolazione distanza cilindro, la leva
di tensione carta e la cartuccia del nastro sono tutte parti del sistema carta. I
primi due elementi servono a spostare la carta attraverso il meccanismo di
stampa e nella stampante.

Dispositivo
di trazione
dx superiore Cartuccia a nastro

Dispositivo
di trazione
sx superiore

Figura 1–8. Componenti del sistema carta

Set dispositivi di trazione


La stampante è dotata di quattro dispositivi di trazione per il controllo del
movimento della carta, due posizionati al di sopra dell’area di stampa e due al
di sotto dell’area di stampa.

Una leva su ciascun dispositivo di trazione lo tiene bloccato in sede su un’asta


orizzontale. Per riposizionare un dispositivo, sbloccarlo e spostarlo
orizzontalmente sull’asta (ved. Caricamento della carta).

Bloccaggio
Sbloccaggio

Chiuso Dispositivi
di trazione
superiori

Bloccaggio
Sbloccaggio

Dispositivi
Aperto di trazione
inferiori

Figura 1–9. Apertura, bloccaggio e sbloccaggio dei dispositivi di trazione

1–8
Capitolo 1: Installazione della stampante

Ruota e leva distanza cilindro


La leva distanza cilindro apre e chiude la distanza cilindro per il caricamento
della carta o una cartuccia a nastro.

La ruota gira per permettere il posizionamento di diversi spessori di carta. Più


alta è la lettera, maggiore sarà la distanza cilindro. Una volta impostata, non è
necessario regolarla di nuovo a meno che non si debba caricare carta con uno
spessore diverso.

Ruota di regola-
zione distanza
cilindro

Leva distanza
cilindro Per un'unica forma
della parte, impostare
la ruota Platen sull'indi-
catore verde

Figura 1–10. Ruota e leva di regolazione distanza cilindro

Prima di caricare la carta o una cartuccia a nastro, utilizzare la leva distanza


cilindro per aprire la distanza cilindro. Dopo avere terminato di caricare la
carta, chiudere la distanza cilindro. Se questo è un nuovo spessore di carta,
regolare la ruota finché non è aderente al foglio, ma non troppo serrata.
Eseguire un test di stampa e regolare la ruota distanza cilindro per ottenere
una qualità di stampa ed un movimento carta ottimali. La stampa deve essere
ben leggibile e scura, senza imbrattamenti. La carta deve scorrere
agevolmente attraverso il meccanismo di stampa. Seguono alcune cose da
tenere presente:

• Se la distanza cilindro è eccessiva, la stampa potrebbe cominciare a


sbiadire soprattutto sull’ultimo foglio di un modulo suddiviso in più parti.
• Se la distanza cilindro è troppo stretta, il nastro può iniziare a
imbrattare inchiostro sulla pagina, soprattutto se il nastro si muove e la
carta no. In casi estremi, lo shuttle può bloccarsi provocando
l’inceppamento della carta.

1–9
Manuale per l'operatore

Rilevamento distanza cilindro


La stampante ha un meccanismo che rileva la distanza cilindro. Le impostazioni
sono utilizzate in abbinamento al Peso carta ed ai Parametri di impatto per
controllare il movimento della carta e la forza di impatto del martello. Questo
viene spiegato nel Capitolo 3.

Quando il cilindro è aperto, viene rilevata la posizione, viene disabilitata la


stampa e sul pannello di controllo appare il messaggio Cilindro aperto.

Leva tensione carta


La leva tensione carta controlla la tensione verticale tra i set di dispositivi di
trazione superiori ed inferiori.

Leva tensione
carta

Figura 1–11. Leva tensione carta

La tensione carta può avere ripercussioni sulla qualità di stampa. L’elevazione


e l’abbassamento della leva tensione carta durante un test di stampa è un
metodo che può essere utilizzato per ottenere una qualità di stampa ottimale.
Seguono alcune cose da tenere presente quando si inizia a stampare.

• Se la tensione carta è troppo lenta, le colonne dei puntini e le file dei


puntini potrebbero non essere allineate.
• Se la tensione carta è troppo serrata, i fori della carta inizieranno ad
allungarsi verticalmente e possono strapparsi. Questo può anche
portare ad un inadeguato accatastamento della carta ed a
inceppamenti.

1–10
Capitolo 1: Installazione della stampante

Installazione della cartuccia a nastro


Passo 1.
Accertarsi che la stampante sia in Offline o che l’alimentazione sia spenta.
Aprire il coperchio della stampante e la distanza cilindro utilizzando la leva,
quindi rimuovere il vecchio nastro sollevandolo verso l’alto al di fuori della
piattaforma del nastro.

Passo 2.
Rimuovere il gioco nel nuovo nastro girando la manopola sulla cartuccia a
nastro in senso antiorario, poi fare scivolare il nastro sulle due guide nastro e
tra i pannelli anteriori e posteriori dello schermo del nastro sulla stampante.

Manopola di
avanzamento
nastro

Figura 1–12. Rimozione del gioco del nastro

Passo 3.
Premere leggermente sulla cartuccia mentre si gira il nastro in senso antiorario
finché non appoggi sui morsetti di guida della cartuccia. Accertarsi che il nastro
non si attorcigli o si pieghi.

Tenere il nastro Cartuccia a nastro


tra i due schermi
del nastro

Schermo
posteriore del
nastro

Alloggiamento
Piattaforma
banco di martelli
del nastro

Figura 1–13. Installazione della cartuccia a nastro

Passo 4.
Chiudere la leva distanza cilindro.

1–11
Manuale per l'operatore

Caricamento carta
La presente stampante è stata studiata per essere utilizzata con un foglio di
tipo continuo e carta alimentata tramite dentini. Può gestire:

• Fogli a 6 copie (1 originale e 5 copie) con uno spessore massimo di


0,6 mm.
• Grandezze pagina da 6,4 cm a 45,7 cm.

"C" MIN
POSICIONI DI STAMPA (345,2 mm/13.6")

"C" MAX
POSICIONI DI STAMPA (345,2 mm/13.6")

Figura 1–14. Specifiche dimensione carta

Caratteristiche del foglio


Larghezza minima foglio - "A" 2,50" 64 mm
Larghezza massima foglio - "A" 18,00" 457 mm
Regolazione orizzontale foglio - "C"
Senza scala orizzontale
Minimo 0,16" 4,1 mm
Massimo 1,80" 45,7 mm
Con scala orizzontale - Fogli < 15,86"
Minimo 0,16" 4,1 mm
Massimo 1,80" 45,7 mm
With Horizontal Vernier - Fogli > 15,86"
Minimo "A" - 15,70" "A" - 399 mm
Massimo 1,80" 45,7 mm
Dal foro del dispositivo di trazione al bordo carta (secondo ISO 2784) - "D"
Minimo 0,208" 5,3 mm
Massimo 0,264" 6,7 mm

1–12
Capitolo 1: Installazione della stampante

Passo 1.
Accertarsi che la stampante sia in Offline o che l’alimentazione sia spenta.

Passo 2.
Aprire la nuova scatola di carta. Rimuovere la parte superiore, in modo che la
carta possa essere tirata fuori liberamente, quindi posizionare la nuova scatola
di carta sotto la stampante.

Guida carta

Dispositivi di trazione
superiori (aperti)
Dispositivi
di trazione
superiori Meccanismo
Dispositivi Schermo di stampa
di trazione nastro
inferiori
Carta
Mecca-
nismo di
stampa Cilindro

Nastro

Dispositivi
Carta di trazione
inferiori (aperti)
Carta

Figura 1–15. Posizionamento della scatola di carta e percorso carta

Passo 3.
Sollevare il coperchio della stampante, aprire la distanza cilindro e le feritoie su
tutti i dispositivi di trazione.

Passo 4.
Alimentare la carta attraverso la stampante, come indicato in precedenza.

Passo 5.
Mettere i fori della carta del lato sinistro nei dentini del dispositivo di trazione
sinistro superiore e chiudere l’apertura del dispositivo.

1–13
Manuale per l'operatore
ATTENZION
L’estremità sinistra della scala (5 & 10 CPI) sulla piattaforma del
nastro contrassegna la posizione della Colonna 1. Prima di
stampare accertarsi che questo indicatore sia allineato con la
posizione desiderata sul foglio. Per allineare la carta
sull’indicatore della colonna, sbloccare il dispositivo e farlo
scivolare fino alla posizione desiderata, poi bloccarlo in sede.

Colonna 1

Figura 1–16. Scala allineamento colonna

Passo 6.
Sbloccare il dispositivo di trazione destro e spostarlo in modo che i fori della
carta si allineino direttamente sui dentini del dispositivo di trazione, quindi
chiudere l’apertura del dispositivo di trazione. Spingere gentilmente il
dispositivo di trazione a destra finché la carta non è liscia e ragionevolmente
tesa, quindi bloccare il dispositivo di trazione.

Passo 7.
Sbloccare i dispositivi inferiori, posizionare la carta sui piedini del dispositivo di
trazione, quindi regolare i dispositivi in modo che i piedini siano allineati ai fori
della carta. Chiudere i dispositivi e bloccarli.

Passo 8
Regolare la distanza cilindro, quindi utilizzare la leva tensione carta per
regolare la tensione sul foglio tra i dispositivi di trazione superiori ed inferiori.
Prima di procedere con la stampa non dimenticare di resettare il limite
superiore del foglio (TOF) (ved. Capitolo 2).

1–14
Capitolo 1: Installazione della stampante

Controlliamo
Prima di iniziare un lavoro di stampa, controllare quanto segue:

• Che tutte le leve di bloccaggio del dispositivo di trazione siano bloccate.


• Che i dentini di trascinamento del dispositivo superiore siano serrati
contro la parte superiore di ciascun foro di carta. Che i dentini di
trascinamento del dispositivo inferiore siano serrati contro il fondo di
ciascun foro di carta. I fori di carta non dovrebbero essere allungati o
strappati orizzontalmente o verticalmente.
• Che i dispositivi di trazione stiano alimentando correttamente.
• Che la carta sia instradata propriamente attraverso il meccanismo di
stampa e tra le catene di accatastamento carta.
• Accertarsi che le catene di accatastamento carta stiano appese
propriamente senza essere aggrovigliate.

Ora che la stampante è stata installata correttamente e caricata con il nastro


ad inchiostro e carta, si è pronti a configurarla perché funzioni adeguatamente
nel sistema in dotazione. Il capitolo 2 presenta i componenti del pannello di
controllo ed il loro funzionamento . Il capitolo 3 elenca e spiega tutti i parametri
di menu disponibili per la configurazione della stampante.

1–15
Manuale per l'operatore

Pagina
vuota

1–16
Capitolo 2: Pannello di controllo della stampante

Capitolo 2
Introduzione
Questo capitolo contiene informazioni sul Pannello di Controllo della stampante
e sul modo in cui viene utilizzato per controllare le funzioni della stampante.

Componenti del pannello di controllo


Il pannello di controllo è posizionato sul coperchio superiore. E’ possibile
utilizzarlo per programmare e dirigere la maggior parte delle funzioni della
stampante.

Display a 2-righe 3 indicatori 11 tasti


a 32-carattero LED di controllo

Comprede un avvisatore acutico

Figura 2–1. Pannello di controllo

Indicatori LCD
L’indicatore verde POWER si illumina ogni volta che vi è alimentazione alla
stampante.

L’indicatore rosso FAULT si illumina quando viene rilevato un errore o un


guasto. Inoltre sul display compare un messaggio ad indicare che tipo di
guasto è presente (ved. Appendice A per spiegazioni di tutti i messaggi di
errore e di guasto).

L’indicatore giallo ON LINE si illumina ad indicare quando la stampante è


pronta ad accettare i dati.

2–1
Manuale per l'operatore

LCD (Display a cristalli liquidi)


Il display è posizionato a sinistra del pannello di controllo. Indica lo stato della
stampante, le selezioni di menu ed i messaggi di stato normale, guasto e di
errore. Il display è suddiviso in quattro aree principali. Ciascuna area visualizza
uno dei campi seguenti: stato attuale, indicatori carta, opzioni e indicatore
selezione attuale.

Indicatore
Stato carta
corrente

Offline
Menu Operatore
Opzioni
Indicatore
selezione
corrente

Figura 2–2. Display pannello di controllo

Stato attuale
Lo stato attuale compare nelle posizioni 1–15 della prima riga del display.
Durante il funzionamento normale, questa area visualizza Online, Offline o un
messaggio di errore. Se si sta utilizzando il menu della stampante, qui
compariranno anche le voci menu, categoria o parametro.

Opzioni
Le opzioni compaiono nelle posizioni 1–15 della seconda riga del display.
Durante il funzionamento normale, questa area è vuota; tuttavia quando si
accede al menu della stampante, mostra ogni voce mentre si scorre il menu.

Quando si è in modalità Offline utilizzando il tasto Config, questa area


visualizza le etichette di configurazione mentre si passa per ciascuna (ved.
funzioni tasto in questo capitolo).

Indicatore selezione attuale


L’indicatore selezione attuale occupa la posizione 16 della seconda riga del
display. In modalità menu quando si scorrono le opzioni e si arriva al parametro
attualmente selezionato appare un asterisco.

2–2
Capitolo 2: Pannello di controllo della stampante

Indicatori carta
Gli indicatori carta occupano la posizione 16 della prima riga del display. La
tabella 2–1 mostra il significato di ciascun indicatore.

Indicatore Peso carta Impatto


Il cylindro si trova nella zona Il cylindro si trova nella zona di
peso leggero quando il peso impatto normale quando
(vuoto)
carta è posto su Auto o Impatto è su Auto o su
Leggero. Normale.
Il cylindro si trova nella zona Il cylindro si trova nella zona di
peso medio quando il peso impatto normale quando
h carta è posto su Auto o Impatto è su Auto o su
Medio. Normale.
Il cylindro si trova nella zona di
Il peso carta è posto su impatto normale quando
H Pesante. Impatto è su Auto o su
Normale.
Il cylindro si trova nella zona Il cylindro si trova nella zona di
peso medio quando il peso impatto elevato quando
h carta è posto su Auto o Impatto è su Auto o su
Medio. Elevato.
Il cylindro si trova nella zona Il cylindro si trova nella zona di
peso pesante quando il peso impatto elevato quando
H carta è posto su Auto o Impatto è su Auto o su
Pesante. Elevato.
Il cylindro si trova nella zona
peso leggero quando il peso
– carta è posto su Auto o
Impato è su Elevato.
Leggero.

Tabella 2–1. Indicatori peso carta

2–3
Manuale per l'operatore

Funzioni dei tasti


Tasto Online/Offline
Questo tasto cambia lo stato di funzionamento della stampante passando dallo
stato Online a Offline e viceversa, o esce dal menu direttamente ad uno stato
Online. Quando la stampante è Online, l’indicatore si illumina e la stampante è
pronta ad accettare dati dall’host. Quando è Offline, non può accettare dati
host. Nello stato Offline, è possibile cambiare le selezioni dei parametri,
caricare la carta e così via.

Tasto LF (Avanzamento righe)


Questo tasto fa avanzare la carta di una riga. Effettua la stessa funzione sia
che la stampante sia Online sia Offline. E’ possibile ripetere automaticamente
questo comando tenendo premuto il tasto.

Mentre si è Online con i dati bufferizzati


Qualsiasi dato bufferizzato che cada nella prossima riga (come definito
dall’impostazione attuale LPI), si stampa. Questo si ripete premendo
conseguentemente LF finché ci siano dati nei buffer. Se viene premuto mentre
la stampa è in svolgimento, la stampante ignora il comando del tasto e
mantiene la posizione Limite superiore del foglio.

Mentre si è Online senza dati bufferizzati


La carta avanza di una riga. Mentre la stampa è in svolgimento, la stampante
ignora il comando e mantiene la posizione Limite superiore del foglio.

Mentre si è in una condizione di guasto


La carta avanza di una riga. Non viene stampato alcun dato e la posizione
limite superiore del foglio si sposta di una riga. Questo permette l’utilizzo del
tasto LF per far avanzare la carta mentre si trova in una condizione di fine
carta senza stampare alcun dato bufferizzato.

Tasto FF (Avanzamento di foglio)


Questo tasto esegue la stessa funzione sia che la stampante sia Online che
Offline.

Mentre si è Online con i dati bufferizzati


Qualsiasi dato bufferizzato tra la posizione attuale del foglio ed il limite
superiore del foglio successivo (come definito dall’impostazione attuale
lunghezza foglio), si stampa.Questa funzione si ripete premendo FF finché non
ci sono dati nei buffer. Mentre la stampa è in svolgimento, la stampante ignora
il comando del tasto e mantiene la posizione di limite superiore del foglio.

Mentre si è Offline senza dati bufferizzati


La carta avanza fino al limite superiore del foglio successivo. Mentre la stampa
è in svolgimento, la stampante ignora questo comando e mantiene la posizione
di limite superiore del foglio.

2–4
Capitolo 2: Pannello di controllo della stampante

Mentre si è in una condizione di guasto


La pressione del tasto FF mentre ci si trova in una condizione di guasto fa
avanzare la carta di un foglio. Non viene stampato alcun dato e viene
mantenuta la posizione di limite superiore del foglio. Questo permette l’utilizzo
del tasto FF per far avanzare la carta mentre si trova in una condizione di fine
carta senza stampare alcun dato bufferizzato.

Tasto TOF (Top of Form)


Quando si carica la carta, si allinea il limite superiore del foglio (di solito la
perforazione) con la posizione indicata sul dispositivo di trazione (ved. Figura
2–3). Una volta caricata la carta, la pressione di questo tasto sposta la carta,
così da far iniziare la stampa nella posizione giusta sul foglio.

Alinee la posición de inicia


del formulario (TOF) aquí

10 CPI 10 20 30
5 CPI 5 10 15

Figura 2–3. Allineamento del foglio sui dispositivi di trazione

Tasto View
Tenendo premuto questo tasto si sposta la carta verso l’alto, in modo da poter
vedere l’ultima riga che è stata stampata. Se lo si preme mentre si sta stam-
pando un lavoro, sospenderà il lavoro di stampa finché il tasto non viene
rilasciato.

Tasti frecce direzionali verso l’alto e il basso


Online, questi tasti eseguono piccole regolazioni alla posizione di limite
superiore del foglio.

Offline, questi tasti posizionano la carta in preparazione per regolare la


posizione di limite superiore del foglio. (In questa modalità, questi tasti
agiranno automaticamente se li si tiene premuti.) Servono anche per scorrere
attraverso le voci del Menu (ved. tasto Menu/Back, successivo).

Dopo aver fatto le regolazioni, non è necessario resettare il limite


superiore del foglio (a meno che non sia richiesto un margine del
limite superiore diverso per un nuovo foglio).

2–5
Manuale per l'operatore

Nelle modalità Operator, Config, o Test, le frecce direzionali verso l’alto e il


basso esaminano liste di categorie, parametri e selezioni.

Tasto Menu/Back
Premendo questo tasto potete accedere alle selezioni di menu, che potete fare
scorrere utilizzando le frecce direzionali verso l’alto e il basso. Premendo il
tasto Menu/Back si ritorna ad una selezione precedente. Questo comando del
tasto è disponibile soltanto quando la stampante è in una modalità Offline.

Tasto Enter
In uno qualsiasi dei menu, questo tasto vi permette di immettere un livello
minore, di assegnare una selezione ad un parametro o di compiere una
funzione di menu.

Quando la stampante si trova in una condizione di


malfunzionamento di fine carta ed il parametro PrntEOF è posto su
Off, premendo il tasto Enter si può stampare alla fine del foglio
attuale. Quando PrntEOF è posto su On, la stampante stampa
automaticamente alla fine del foglio attuale.

Tasto Clear
Online, premendo il tasto Clear si corregge qualsiasi errore nel pannello che
non fa andare la stampante Offline, quale “Errore parità”.

Offline, se la stampante è in una condizione di guasto azzerabile, premere il


tasto Clear per porvi rimedio. Se non è in una condizione di guasto azzerabile,
l’atto di premere il tasto Clear porta in evidenza il menu Clear.

Nei menu Operatore, Config, Test o Guida, premendo questo tasto si riporta
la stampante allo stato Offline.

Menu Clear
Azzera i buffer (non in Twinax o coassiale)
Azzera tutti i buffer. Inoltre resetta il compito di applicazione al suo stato
iniziale.

Azzera conteggio del nastro


Se si utilizza la funzione Ribbon Monitor (Monitoraggio nastro), questa opzione
può essere selezionata per azzerare il conteggio del nastro alla sostituzione di
quest’ultimo. Vedere l’impostazione RibbonMonitor e RibnMon Thresh nella
categoria Fogli dell’Operator Menu nel capitolo 3.

Azzera tutte le configurazioni


Copia le impostazioni della configurazione di default in tutte le configurazioni
salvate. I parametri non elencati nel rapporto di configurazione (ved.
Capitolo 3), quali i caratteri speciali scaricati dal computer host, non vengono
toccati.

2–6
Capitolo 2: Pannello di controllo della stampante

Azzera la configurazione attuale


Copia le impostazioni di configurazione di default nella configurazione attuale. I
parametri non elencati nel rapporto di configurazione, quali i caratteri speciali
scaricati dal computer host, non vengono toccati.

Azzera Reset
Il controllore della stampante esegue un reset hardware. E’ possibile utilizzare
questo invece del potere di iterazione alla stampante. Come con il potere di
iterazione, la configurazione di accensione viene caricata come configurazione
attuale (ved. Capitolo 3).

Azzera Annulla (solo Twinax e coassiale)


Permette di inviare un messaggio di Annulla lavoro all’host tramite l’I/O mentre
la stampante è Offline. Compie la stessa funzione della richiesta di Annulla
lavoro quando la stampante è Online. Sul display compare “Annulla lavoro” e la
stampante resta Offline.

Per coassiale, questa funzione è valida solo in modalità NonSCS.

Azzera ristampa (solo coassiale)


Questo vi permette di ristampare i precedenti contenuti del buffer. Dopo avere
ristampato il buffer, la stampante ritorna nella condizione Abilita stampa e
continua a stampare il resto del lavoro. Questa opzione è conveniente nei casi
di inceppamento carta e quando non sia necessario inviare il lavoro completo.

Questa funzione è valida solo in modalità Non SCS. Se la si


seleziona in modalità SCS, per alcuni secondi appare un
messaggio di errore Tasto non valido.

Tasto Config
Offline
Questa è una scorciatoia per andare alla voce di menu Carica configurazioni
(ved. Capitolo 3), permettendo di immettere un menu dove le dieci
configurazioni salvate possono essere caricate nella configurazione attuale.

Utilizzare i tasti con frecce direzionali verso l’alto e il basso per scorrere
attraverso le configurazioni. Con il tasto Enter si carica quella che scegliete.

2–7
Manuale per l'operatore

Pagina
vuota

2–8
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

Capitolo 3
Introduzione
In questo capitolo si verrà a conoscenza delle modalità della stampante, dei
menu multilivello, dei parametri, dei valori dei parametri e di come selezionare e
memorizzare tali valori come parte di una configurazione. Si imparerà anche a
ottenere stampati che mostrino tutti i parametri disponibili, le impostazioni di
configurazione correnti e le informazioni tecniche quali il tempo di elaborazione
accumulato e le soglie operative.

Inoltre, qualsiasi volta sia necessario rivedere le selezioni attive in ciascuna


configurazione, è possibile farlo stampando il rapporto di configurazione (v. menu
Configurazione). Questo rapporto mostra tutte le configurazioni e come sono
installate.

Figura 3-1 Navigazione pannello di controllo

3–1
Manuale per l'operatore
Menu del pannello di controllo
Questa sezione discute i menu e come accedere a e selezionare i valori dei
parametri per la formattazione dei documenti, il controllo delle operazioni di stampa
o per testare la stampante. I quattro menu principali sono Operatore, Config,
Test e Guida.

Categorie, parametri e selezioni


All’interno dei menu Operatore, Config e Test, esistono diverse categorie.
All’interno di ogni categoria, c’è un elenco di parametri. In alcuni casi, un
parametro può compiere una funzione se si preme Enter o, in altri casi, viene
visualizzato un altro elenco di selezioni per quel parametro.

Il menu Guida non ha categorie o parametri. Utilizzare questo menu per stampare
un elenco di tutti i menu, categorie, parametri e selezioni. Leggere “Come
stampare un rapporto di selezioni del pannello di controllo” in questo capitolo

Utilizzo dei menu


Ora si è pronti per imparare ad accedere ai menu. Ecco alcune cose da ricordare:

• Innanzitutto occorre trovarsi nello stato Offline.


• Il tasto Online/Offline porta la stampante Online e Offline.
• Lo scorrimento avviene tramite i tasti freccia SU e GIÙ.
• Il tasto Enter seleziona i valori dei parametri o inizia una procedura
desiderata.
• Le selezioni attive sono contrassegnate da un asterisco (*).
• Per uscire dalla modalità Menu senza effettuare cambiamenti, premere il
tasto Clear o il tasto Online/Offline.

Quando la stampante è Online, il display visualizza:


Online

Il nome dell’ultima configurazione caricata compare nella riga inferiore.

In questo stato, gli unici tasti che rispondono sono:

• Frecce direzionali verso l’alto e il basso


• LF
• FF
• Clear
• View
• Online/Offline

Quando la stampante è Offline, il display visualizza:

Fuori Linea

3–2
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Nello stato Offline, premendo il tasto Menu si ha accesso al primo livello del
sistema dei menu. Dopo questa azione, il display visualizza:
Fuori Linea
Operator Menu

Ora, nello stato Offline, è possibile accedere a uno dei quattro menu disponibili
(Operatore, Config, Test e Guida) premendo i tasti con frecce direzionali verso
l’alto e il basso, seguiti da Enter.

Mentre si scorre la sequenza (con Operatore che viene visualizzato per primo)
il display visualizzerà nell’ordine:

Fuori Linea
Config Menu

Fuori Linea
Test Menu

Fuori Linea
Help Menu

Ognuno di questi menu, tranne quello di Guida, ha livelli multipli di categorie,


selezioni e parametri. Vi si può accedere scorrendo gli elenchi con le frecce
direzionali verso l’alto e il basso e premendo Enter quando si vede la categoria,
il parametro o la selezione che si desidera.

Esempio: Cambio di lunghezza foglio utilizzando il sistema dei menu

Il sistema dei menu funziona nel seguente modo. Se, ad esempio, si vuole
modificare la lunghezza a 65 righe, rispetto a quella di default di 66 righe,
procedere nel modo seguente:

1. Accertarsi che la stampante sia in uno stato Offline, altrimenti premere il


tasto Online/Offline.

2. Premere il tasto Menu. Il display visualizza:

Fuori Linea
Operator Menu

3. Premere Enter per selezionare il menu Operatore. Il display visualizza:


Operator Menu
Tipo Carattere
4. Premere il tasto Enter per selezionare il menu Operatore e premere il
tasto freccia GIÙ finché non appare Forms (Fogli).
Operator Menu
Foglio

3–3
Manuale per l'operatore

5. Premere il tasto Enter. Il display visualizza in seguito:

Foglio
Lungh. Foglio

6. La lunghezza del foglio è la selezione desiderata, pertanto premere il


tasto Enter. Il display visualizza:
(L’asterisco indica che 66 è la selezione corrente).
Lungh. Foglio
66*
7. Lo si desidera cambiare a 65. Premere una volta la freccia direzionale
verso il basso ed il display visualizzerà:
Lungh. Foglio
65

8. Premere il tasto Enter. La lunghezza del foglio viene posta a 65. Uscire
dalla modalità menu premendo il tasto Clear.

Tenere presente che in qualsiasi momento è possibile uscire da un menu in uno


di due modi.

• Premere il tasto Clear per abbandonare la modalità Menu e restare


Offline.
• Premere il tasto Online/Offline per abbandonare la modalità Menu e
riportare la stampante ad Online.

Come stampare un rapporto di selezioni del pannello di controllo


L’organizzazione dei menu multilivello è indicata nello stampato delle selezioni del
pannello di controllo. Tutte le selezioni attive sono contrassegnate da un asterisco
(*).

1. Accertarsi che la stampante sia Offline.


2. Premere il tasto Menu/Back.
3. Utilizzare i tasti con frecce direzionali finché non si vede il Menu Guida sul
display.
4. Premere il tasto Enter.

Il rapporto di selezioni del pannello di controllo inizia la stampa. Una volta terminata,
premere il tasto FF, staccare il foglio e utilizzarlo per acquisire familiarità con le voci
del menu.

Tutte le voci del menu e le spiegazioni sono inoltre elencate nelle pagine seguenti
di questo capitolo.

3–4
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Menu Operatore
In seguito sono riportate tutte le spiegazioni di ogni categoria e parametro del
menu.

Categoria Tipo carattere


Questa categoria contiene i parametri che controllano l’aspetto di una stampa su
una pagina e la lingua del display. Le intestazioni del Livello 2 sono le seguenti:

Lingua Ser/Par
Permette di selezionare la lingua utilizzata dalle emulazioni collegate alla porta
parallela, seriale e LAN (tranne per LAN-IPDS). La selezione della lingua definisce
le sostituzioni dei caratteri nelle posizioni esadecimali 23, 24, 40, 5B, 5C, 5D, 5E,
60, 7B, 7C, 7D e 7E. La selezione di default è US.

Le informazioni dettagliate sulle sostituzioni dei caratteri sono illustrate nel manuale
Line Printer Applications (Applicazioni della stampante in linea). Le opzioni possibili
sono:

IRV US German
Norwegian/Dan French UK
Spanish Swedish/Finish Italian
Japanese Portuguese Canadian
Hungarian Chinese French T6
Swedish T6 Italian T6 Canadian Alt
Swedish Basic French Withdrwn Nor/Dan T6
UK LG Dutch LG Finnish LG
Swiss LG JIS Roman LG Nor/Dan LG
Swedish LG Turkish LG Cro-ASCII
Nor/Dan Epson French Epson UK Epson
Spanish Epson Italian Epson Norwegian Epson
Danish Epson Spanish 2 Epson Lat Amer Epson

Lingua Tx/Cx (visualizzato solo sulle stampanti Twinax/coassiali)


Questo parametro definisce la lingua utilizzata dalle emulazioni collegate alle
porte Twinax e coassiale (tranne IPDS). La selezione di default è US.

*Le informazioni dettagliate sui set di caratteri sono illustrate nel manuale Line
Printer Applications (Applicazioni della stampante in linea). Le opzioni possibili
sono:

US Tedesco Norvegese/Dan
Francese GB Spagnolo
Sve/Fin Italiano Giapponese
Portoghese Canadese Belga
Brasiliano Spagnolo Parl. Code Page 905
Code Page 1026 Katakana Multinazionale

3–5
Manuale per l'operatore

Lingua IPDS (visualizzato solo dopo l’installazione di IPDS)


Definisce la lingua utilizzata dall’emulazione IPDS. La selezione di default è US.

Le informazioni dettagliate sui set di caratteri sono illustrate nel manuale Line
Printer Applications (Applicazioni della stampante in linea). Le opzioni possibili
sono:

Internat’l 500 English US 037 Aus/German 273


Nor/Dan 277 French 297 English UK 285
Spanish 284 Fin/Swedish 278 Italian 280
Jap/English 281 Portuguese 037 Canadian 037
Belgian 500 Brazilian 275 Spanish Spk 284
Katakana 290 Portuguese 282 Swiss 500
Icelandic 871 Latin2 870 Cyrillic 880
Turkish 905 Turkish 1026

Set di caratteri Ser/Par


Permette di selezionare un set di caratteri che occupa posizioni esadecimali da
80 a FF utilizzato dalle emulazioni collegate alla porta parallela, seriale e LAN
(tranne per IPDS su LAN). La selezione di default dipende da quanto segue:

Emulazioni Set di caratteri predefinito


DEC LG, P600, P6000, P5000 Latin 1 8859-1
IBM Proprinter, MTPL, Genicom4800, Genicom5000 Code Page 437
Epson FX-1180 Corsivo
DEC LG DEC MultiNation
HP2564C Roman-8

Le informazioni dettagliate sui set di caratteri sono illustrate nel manuale Line
Printer Applications (Applicazioni della stampante in linea). Le opzioni possibili
sono:

Latino1 8859-1 Latino2 8859-2 Latino9 8859-15


Cyrillic 8859-5 Greek 8859-7 Turkish 8859-9
Code Page 437 Code Page 850 Code Page 851
Code Page 852 Code Page 855 Code Page 857
Code Page 863 Code Page 866 Code Page 869
Code Page 928 Code Page 437G Code Page 866B
Code Page 1250 Code Page 1251 Code Page 1252
Code Page 1253 Code Page 1254 DEC MultiNation
DEC Turkish Siemens Turkish DEC Technical
DEC Supplemental Greek Supplemental Turkish Supplemental
Mazovia Kamenicky Roman-8
Katakana ISO 13 Line Draw Italic

Matrice
Esistono due modalità di tipi di carattere disponibili sulla stampante. Una modalità
è chiamata Estesa e l’altra è chiamata Densità costante. I caratteri estesi includono
Draft e Data processing, Near Letter Quality (Gothic e Courier) e i tipi di carattere
di riconoscimento ottico (OCR-A e OCR-B). I tipi di carattere a densità costante

3–6
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
includono solo Draft e Data processing. Inoltre, le selezioni CPI disponibili sono
diverse per ciascuna modalità.

Quando questo parametro viene posto su Estesa, i caratteri stampati a 12, 13.3,
15 e 17.14 utilizzeranno una matrice di caratteri più densa di quella della matrice
CDF di default. Se questo parametro è impostato su CDF e non è disponibile una
matrice del tipo di carattere CDF per lo stile di tipo di carattere corrente e per il
valore di CPI, verrà selezionata la matrice estesa.

La selezione CPI è limitata alla modalità Densità costante. La sezione


sulle specifiche in questo manuale contiene un elenco delle selezioni CPI
disponibili nei tipi di carattere a densità costante. Se si seleziona un valore
di CPI, tramite il pannello di controllo o una sequenza di uscita dal com-
puter host, che non è disponibile nella modalità Densità costante, la
stampante passerà automaticamente alla modalità Estesa per l’output dei
dati della stampante.

Densità OCRA
Questo parametro imposta la densità per il tipo di carattere OCRA. Sono disponibili
tre opzioni: Standard, Estesa e Alta. Standard è l’opzione di default e stampa a 85
DPI verticali. La scelta dell’opzione Estesa ottiene la stampa del tipo di carattere
OCR-A a 96 DPI verticali. La scelta dell’opzione Alta ottiene la stampa del tipo di
carattere OCR-A a 144 DPI verticali. La velocità di stampa per le opzioni Standard
ed Estesa è uguale, ma il tipo di carattere in modalità estesa risulta lievemente
più corto rispetto alla modalità Standard. La modalità Alta stampa a velocità inferiore.
Stile Ser/Par
Permette di selezionare lo stile del tipo di carattere utilizzato dalle emulazioni
collegate alla porta parallela, seriale e LAN (tranne che per LAN-IPDS). Per
emulazioni che supportano i tipi di carattere scaricati, è possibile utilizzare questo
parametro per selezionare il tipo di carattere di scaricamento. La selezione di
default è DP.
Selezioni di stile
Bozza (alta velocità)
DP (Data Processing, selezione di default)
Gotico (Sans Serif NLQ)
Courier (Serif NLQ)
OCR-A (Optical Character Recognition – Riconoscimento ottico dei caratteri)
OCR-B (Optical Character Recognition – Riconoscimento ottico dei caratteri)
Scarica (seleziona il tipo di carattere scaricato)

Stile Tx/Cx
Consente di selezionare lo stile del tipo di carattere predefinito utilizzato dalle
emulazioni collegate alle porte Twinax e coassiale (eccetto IPDS).
Selezioni di stile
Bozza (alta velocità)
DP (Data Processing, selezione di default)
Gotico (Sans Serif NLQ)
Courier (Serif NLQ)
OCR-A (Optical Character Recognition – Riconoscimento ottico dei caratteri)
OCR-B (Optical Character Recognition – Riconoscimento ottico dei caratteri)
Download (seleziona il tipo di carattere scaricato)

3–7
Manuale per l'operatore
Stile IPDS
Permette di selezionare lo stile del tipo di carattere utilizzato dall’emulazione IPDS.

Selezioni di stile
Bozza (alta velocità)
DP (Data Processing, selezione di default)
Gotico (Sans Serif NLQ)
Courier (Serif NLQ)
CPI
Questo parametro permette di selezionare le impostazioni di caratteri per pollice
(CPI). Le opzioni possibili sono 5, 6, 6.67, 7.5, 8.33, 8.57, 10, 12, 13.33, 15,
16.67, 17.14 e 20. La selezione di default è 10 CPI.

Lingua Pannello
Questa opzione permette di impostare la stampante per visualizzare i messaggi
sul pannello di controllo in una lingua particolare. Inoltre i rapporti stampati vengono
visualizzati nella lingua scelta. Le opzioni possibili sono: inglese (default), tedesco,
francese, italiano, svedese/finlandese e spagnolo.

Standard OCR
Questo parametro definisce la combinazione di standard ANSI e DIN che devono
essere utilizzati per i set di caratteri OCR-A e OCR-B. Il valore predefinito dipende
dall’emulazione. Le opzioni possibili sono:

A: ANSI B:ANSI Indica ANSI OCR-A e ANSI OCR-B


A: DIN B:ANSI Indica DIN OCR-A e ANSI OCR-B
A: ANSI B:DIN Indica ANSI OCR-A e DIN OCR-B
A: DIN B:DIN Indica DIN OCR-A e DIN OCR-B
Zero
Per aiutare a distinguere gli zero dalla lettera O maiuscola, è possibile scegliere
di barrare gli zero (Ø). Il valore di default è uno zero aperto (non barrato).

8 compresso
Utilizzare questa opzione per impostazioni di righe per pollice più alte e diminuire
lo spazio tra le file di punti dei caratteri stampati. Ciò aumenta la spaziatura
verticale tra ogni riga stampata, per facilitare la leggibilità senza modificare le
impostazioni LPI correnti. 8 compresso funziona a 8 LPI e oltre (a qualsiasi CPI).
L’impostazione di questo parametro su ON fa sì che tutti i caratteri stampati a 8,
9,10 o 12 LPI siano compressi verticalmente. Il default è Disattivato (OFF).

Categoria Foglio
Questa categoria viene utilizzata per impostare le specifiche dei fogli.

Lunghezza (righe)
Se si desidera definire la lunghezza del foglio in righe, è possibile selezionare
una lunghezza di foglio compresa tra 1 e 255. La selezione di default è 66.

Lunghezza (pollici)
Se si desidera definire la lunghezza del foglio in pollici, è possibile selezionare
una lunghezza di foglio compresa tra 0,1 e 255 pollici. La selezione di default è
11 pollici.

3–8
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

LPI
Permette di impostare le righe per pollice. Le opzioni possibili sono 1.5, 2, 3, 4, 5,
6, 8, 9, 10 e 12. L’impostazione di default è 6 LPI.

Margine superiore
Questo parametro indica il punto in cui è posizionata la prima riga sulla pagina.
La posizione del margine superiore viene misurata in righe dalla posizione corrente
del limite superiore del foglio. La gamma è compresa tra 0 e 255, con il valore di
default a 0.

IPDS
Nell’emulazione IPDS, il valore impostato in questa categoria non viene utilizzato,
in quanto il valore è impostato nel flusso di dati.

Margine inferiore
Questo parametro permette di impostare il margine inferiore. La posizione del
margine inferiore viene misurata in righe dalla posizione corrente del limite
superiore del foglio. La gamma è compresa tra 0 e 255, con il valore di default a
66.

IPDS
Nell’emulazione IPDS, il valore impostato in questa categoria non viene utilizzato,
in quanto il valore è impostato nel flusso di dati.

Le selezioni del margine inferiore e del margine superiore sono tradotte


in una posizione fisica sulla pagina. Cambiamenti successivi del valore
di LPI influenzano questa posizione. Se la nuova posizione non
corrisponde esattamente a una posizione di riga, come indicatore di
“impostazione corrente” non viene presentato alcun asterisco.

Ad esempio:
La selezione iniziale del margine inferiore era la riga 60 e il valore di LPI corrente
era 6. La posizione del margine inferiore sarebbe a 10 pollici dal limite superiore
del foglio. Se il valore di LPI venisse dunque cambiato a 10 LPI, la selezione per
il margine inferiore diventerebbe la riga 100.

Margine sinistro
È possibile posizionare il margine sinistro in qualsiasi numero di colonna all’interno
della pagina, utilizzando le selezioni da 1 a 272. La gamma delle selezioni per
questo parametro dipende dall’impostazione CPI. (La colonna 1 è l’opzione di
default). Il margine sinistro dev’essere inferiore o uguale al margine destro.

IPDS
Nell’emulazione IPDS, le impostazioni dei margini sono assolute per quanto
riguarda il numero di colonne; di conseguenza, cambiando l’impostazione CPI si
cambia anche la posizione fisica del margine.

3–9
Manuale per l'operatore

Margine destro
È possibile posizionare il margine destro in qualsiasi numero di colonna all’interno
della pagina. Come per il margine sinistro, la gamma di questo valore dipende
dal valore di CPI. (La colonna 136 è l’opzione di default). Il margine destro
dev’essere superiore o uguale al margine sinistro.

IPDS
Nell’emulazione IPDS, le impostazioni dei margini sono assolute per quanto
riguarda il numero di colonne; di conseguenza, cambiando l’impostazione CPI si
cambia anche la posizione fisica del margine.

Se un’impostazione del margine richiesta indica un numero di colonne


superiore al massimo ammesso per il CPI corrente, la stampante userà
per default l’ultima impostazione valida.

Il valore corrente dei margini destro e sinistro riflette una posizione fisica
sul foglio, perciò cambia quando cambia l’impostazione di CPI. Se la
posizione fisica del margine destro o sinistro non corrisponde
esattamente a una posizione di riga dopo aver cambiato l’impostazione
di CPI (caratteri per pollice), non apparirà alcun indicatore di impostazione
corrente (asterisco).

Regola oriz
La posizione di stampa sul foglio può essere regolata orizzontalmente in
incrementi di 1/30esimo di pollice. La selezione di default è 0.

Regola vert
La posizione di stampa sul foglio può essere regolata verticalmente in incrementi
di 1/72esimo di pollice. La selezione di default è 0.

Stampa fino EOF


Prima di cambiare la carta è meglio stampare fino alla fine del foglio corrente.
Questo parametro consente di impostare la stampante per stampare
automaticamente fino alla fine del foglio. Le impostazioni sono Attivato e
Disattivato, con Disattivato come selezione di default.

Per ottenere il corretto funzionamento della stampa fino alla fine del foglio,
l’ultima riga di stampa del foglio deve precedere la perforazione. Se
l’impostazione della lunghezza del foglio permette la stampa sopra una
perforazione, è possibile che la stampante continui a stampare anche in
una situazione di carta esaurita, causando eventuali danni alla stampante.

Se Stampa fino EOF è ON:

ATTENZION La stampante stampa automaticamente fino alla fine del foglio e poi si ferma. Il
display visualizza Fine carta, l’allarme suona e si illumina l’indicatore GUASTO.
A questo punto è possibile caricare altra carta nella stampante. Dopo aver caricato
la carta, accertarsi che la distanza cilindro sia chiusa, regolare la posizione del
limite superiore del foglio e verificare l’adeguato avanzamento della carta. Una

3–10
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
volta pronti, premere il tasto Clear per azzerare la condizione di guasto, quindi
mettere la stampante Online e continuare la stampa.

Se Stampa fino EOF è disattivata, sono disponibili due opzioni:

Opzione 1:
Caricare una nuova risma di carta nella stampante. Una volta caricata la carta,
impostare la posizione corretta del limite superiore del foglio e verificare l’adeguato
avanzamento della carta. Una volta pronti, premere il tasto Clear per azzerare la
condizione di guasto, quindi mettere la stampante Online e continuare la stampa.

La stampante riprenderà la stampa da dove è stata interrotta, il che


potrebbe causare un allineamento improprio della posizione di stampa e
di foglio.

Opzione 2:
Premere il tasto Enter. La stampante stampa fino alla fine del foglio corrente e poi
il display visualizza Fine carta e si illumina l’indicatore di guasto. A questo punto
è possibile caricare altra carta nella stampante. Dopo il caricamento della carta,
impostare la posizione corretta del limite superiore del foglio e verificare l’adeguato
avanzamento della carta. Una volta pronti, premere il tasto Clear per azzerare la
condizione di guasto, quindi mettere la stampante Online e continuare la stampa.

Il sensore di Fine carta non funzionerà se la posizione del limite superiore


del foglio non è stata impostata correttamente (v. Capitolo 2).

Accesso rapido
Questo parametro permette di impostare la stampante per un accesso rapido ai
fogli stampati. Quando Accesso rapido è attivato e la stampante è Offline, premendo
il tasto Enter si rimuove l’ultimo foglio stampato. Quando si utilizza la funzione di
Accesso rapido, si dovrebbe impostare un margine superiore pari alla distanza
dal banco dei martelli alla parte superiore del foglio restante nei dispositivi di
trazione, al fine di espellere l’intero foglio e rimuoverlo in maniera precisa. Il
valore predefinito per questa impostazione è Disabilitato. La distanza di espulsione
è impostata con il parametro successivo, Distanza di espulsione.

Distanza di espulsione
La distanza di espulsione permette di selezionare la distanza per l’uscita della
carta durante l’uso di Accesso rapido oppure se è stato selezionato Zero Tear
Paper Path. Dopo la selezione di Zero Tear Paper Path, la distanza di esplusione
specifica la distanza di spostamento per il foglio in modo da raggiungere la posizione
di distacco. Le unità sono in decimi di pollice: da 0,0 a 25,5.

Pausa accesso rapido (Eject Delay)


Questo parametro specifica l’intervallo per la ripresa della stampa dopo un
accesso rapido (in secondi). Disponibile solo quando viene ordinato un
accesso rapido mentre la stampante è in linea.

3–11
Manuale per l'operatore
Impatto
Impatto è il livello di energia relativa dell’impatto del martello sul foglio che viene
stampato. Su Auto (default), la stampante percepisce lo spessore del foglio dalla
distanza del cilindro e varia automaticamente l’impostazione da Normale ad Alto.
Se si desidera ignorarlo, è possibile impostarlo a Normale o Alto (v. nota dopo
Peso carta).

Peso carta (Paper Weight)


Il parametro Peso carta definisce gli “spostamenti della carta” – il rapporto tra il
movimento della carta e la stampa in base allo spessore della carta. Se ci si trova
su Auto (default), la selezione varierà da Leggero a Pesante, a seconda della
posizione del cilindro.

La tabella seguente illustra l’effetto di ciascun parametro sulla corrispondente


funzione della stampante (Impulso, Spostamenti carta e Velocità di rotazione). Se
tutti questi parametri sono impostati su Auto, Impact (Impatto) e Paper Weight
(Peso carta) variano in base a quanto indicato alla stampante dal sensore
distanza cilindro. La Velocità di rotazione (Slew Speed) varia da 25 IPS a 40
IPS, a seconda dell’impostazione Paper Weight (Peso carta).

Impulso Velocità di Velocità di


Parametri Selezione martello movimento rotazione

Impatto Alto Colpo N.D. N.D.


Normale Battito
Peso carta Pesante N.D. Varia a 31 IPS
Medio seconda 35 IPS
Leggero dei casi 35 IPS

Rotazione Abilitato N.D N.D. 31-35 IPS


Disabilitato

Sull’impostazione Auto, i parametri Impatto e Peso carta sono speculari, in quanto


entrambi i parametri utilizzano la distanza cilindro per rilevare quanto necessario.
Comunque, in alcuni casi è possibile che si preferisca impostarli ognuno
manualmente. Ad esempio, quando si stampa su uno stock
di schede spesse, sarà necessario un peso carta
“pesante” ma solo un “impatto normale”. ula
rio
m
For ueso
gr
La figura seguente mostra come la distanza o
alt
cilindro influisca sia su Impact (Impatto) che ac
to
p
su Paper Weight (Peso carta). Se nella Im
ado
Pes
stampante è stato inserito un foglio no
al edia
spesso e sia Impact che Paper n o rm
pe som
Weight sono impostati su tor el d
e
p ac P ap
Im ero
Auto, il sensore Lig
distanza cilindro lari
o
mu
For lgado
de

3–12
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
indica alla stampante di impostare Paper Weight su Heavy (Pesante) e Impact su
High (Alto).

Rotazione rapida (Fast Slew)


Rotazione si riferisce al movimento della carta ad alta velocità che si verifica ogni
volta che la stampante sposta la carta per una distanza superiore a una riga. Se
i fogli sono particolarmente sottili o fragili e di conseguenza costituiscono un
problema per l’accatastamento della carta in uscita, la velocità di rotazione della
stampante può essere ridotta impostando questo parametro su Disabilitato.
L’impostazione di default è Abilitato.

Doppia battuta
Dopo l’impostazione di questa opzione su Abilitata, la stampante ripete due volte
la battuta per creare ogni punto. Utilizzare questa caratteristica per ottenere una
migliore qualità di stampa quando si sta stampando su un foglio particolarmente
spesso. Il valore di default è Disabilitato.

L’abilitazione di questa opzione rallenta di circa il 50% la produttività della


stampante.

Qualità (solo T6218)


L’opzione di impostazione del menu pannello Qualità riguarda solo la stampa su
fogli pesanti con il modello T6218. Se l’impostazione Paper Weight (Peso carta)
è Light (Leggera), la velocità di stampa viene sempre mantenuta a un livello
ottimale.

Se l’impostazione Paper Weight è Medium (Media) oppure Heavy (Pesante) e


se l’impostazione Quality è Enhanced (Avanzata), la velocità di stampa viene
ridotta per assicurare una qualità ottimale. La riduzione di produttività in seguito
all’impostazione Heavy Paper Weight (Peso carta pesante) è superiore rispetto
a quella che si riscontra impostando Medium Paper Weight (Peso carta medio).

RibbonMonitor (Monitoraggio nastro)


Abilita la funzione Ribbon Monitor. Le opzioni sono Abilitato e Disabilitato (de-
fault).

La funzione Ribbon Monitor consente all’operatore della stampante di determinare


quando sostituire il nastro per avere una qualità di stampa ottimale e costante.
Funziona contando il numero stimato di caratteri stampati nel corso dei lavori di
stampa. Poiché la durata dei nastri è basata su un numero stimato di caratteri,
quando il conteggio dei caratteri raggiunge il limite per il nastro corrente, l’operatore
viene avvisato tramite il pannello della necessità di sostituire il nastro.

Ribbon Monitor può essere disabilitato in qualsiasi momento. Tuttavia, il conteggio


di caratteri stampati viene azzerato tutte le volte che Ribbon Monitor viene attivato;
pertanto si consiglia di attivare la funzione solo al momento dell’installazione di un
nastro nuovo.

3–13
Manuale per l'operatore

Se si verifica un errore Ribbon Monitor Fault e questo viene eliminato senza


aumentare il limite di durata del nastro o senza azzerare il conteggio del nastro,
il messaggio Replace Ribbon (Sostituire il nastro) riappare dopo circa ogni milione
di caratteri finché una di queste operazioni non viene effettuata. Inoltre, questo
messaggio appare all’accensione se il conteggio del nastro ha già superato il
limite previsto.

RibnMon Thresh (Limite monitoraggio nastro)


Imposta il limite di durata del nastro per la funzione Ribbon Monitor. L’impostazione
di default è 40, presumendo che si utilizzi un nastro da 40 milioni di caratteri. Tale
impostazione deve essere portata a 60 o 250 se si utilizza un nastro da 60 milioni
o 250 milioni di caratteri. L’impostazione può essere ulteriormente precisata in
base al tipo di lavoro di stampa.

Funzionamento del monitoraggio del nastro (Ribbon Monitor)


Quando il numero di caratteri stampati raggiunge il limite di durata del nastro, il
lavoro di stampa in corso viene interrotto, l’indicatore di guasto si accende e
compare il messaggio Replace Ribbon (Sostituire nastro). In questo caso:

Eliminare l’errore con il tasto Clear. L’indicatore di guasto e il messaggio


Replace Ribbon dovrebbero disattivarsi.

Osservare le ultime stampe effettuate per determinare se il nastro è esaurito.


Se la qualità della stampa è ancora accettabile, è possibile aumentare il
limite di durata del nastro tramite l’opzione RibnMon Thresh. La stampante
può in seguito essere rimessa online ed è possibile proseguire la stampa.

Se la qualità di stampa è insoddisfacente, significa che il nastro è esaurito.


Sostituire il nastro e azzerare il conteggio del nastro con l’opzione Clear
Menu Ribbon Count (Azzera conteggio nastro). La stampante può quindi
essere rimessa Online per proseguire la stampa.

Se la stampa in corso è particolarmente impegnativa, potrebbe essere


necessario ridurre il limite di durata del nastro.

Lo stato corrente del Ribbon Monitor può essere visualizzato stampando il Listato
calibrazioni (v. menu Configurazione - Categoria Stampante - Opzione Listato). Il
listato indica se il Ribbon Monitor è attivato, il numero stimato di caratteri stampati
dall’ultimo ripristino del Ribbon Monitor e il limite selezionato.

Se è installata l’interfaccia LAN, lo stato del Ribbon Monitor può essere visualizzato
graficamente nel WebPanel sotto forma di un “indicatore di livello”. La dimensione
della barra dell’indicatore si riduce sotto forma di percentuale della durata re-
sidua del nastro prevista. Il colore della barra è verde quando la durata residua
prevista del nastro è compresa tra il 51% e il 100%, giallo tra il 26% e il 50% e
rosso se è inferiore al 25%.

WebPanel può essere inoltre configurato per inviare un avviso tramite e-mail
quando la durata residua prevista del nastro raggiunge il 25%.

3–14
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Unità formato verticale (VFU)
VFU Abilitata
Un’unità di formato verticale è un mezzo per caricare set di tabulazioni verticali.
Queste tabulazioni verticali definiscono vari parametri di un foglio. Questo
parametro si applica solo alle emulazioni che fanno uso esplicito dei canali VFU.
L’impostazione di questo parametro ad Abilitato fa in modo che la stampante
utilizzi l’ultimo EVFU caricato, anziché usare le impostazioni Lunghezza foglio,
Margine superiore e Margine inferiore. Quando viene caricata una EVFU, questo
parametro è impostato automaticamente su Abilitato. Il valore predefinito è
Disabilitato.

Canale di tabulazione verticale (VT)


È possibile selezionare quale canale VFU è definito come canale di tabulazione
verticale. Questo parametro si applica solo alle emulazioni che fanno un uso
esplicito dei canali VFU. Le selezioni sono 1–12 e Non usato. Il valore di de-
fault dipende dall’emulazione definita nella tabella al parametro di selezione
Emulazione.

Salta Quando
Questo parametro si applica solo alle emulazioni che fanno uso esplicito dei canali
VFU. Questo parametro definisce dove inizierà la distanza di lunghezza del salto
- prima o dopo il canale Limite inferiore del foglio. La collocazione del salto viene
determinata utilizzando il canale designato Limite inferiore del foglio nel canale
VFU scaricato. Il parametro “Salta quando” funziona solo quando l’ambiente
VFU è attivato. Il valore di default dipende dall’emulazione definita nella tabella al
parametro di selezione Emulazione.

3–15
Manuale per l'operatore

Menu di configurazione
La seguente tabella riporta tutte le spiegazioni di ogni categoria e parametro del
menu. Per tutte le selezioni disponibili sotto ogni parametro, consultare lo stampato
del menu Guida.

Categoria Stampante
Accensione
Questo parametro porta la stampante Online o Offline quando viene acceso
l’interruttore. Questa impostazione di parametro viene automaticamente salvata
nella configurazione di accensione quando viene modificata. Il valore predefinito
è Offline.

Emulaz. Ser/Par
Questo parametro permette di definire quale set di comandi di controllo stampante
verranno emulati per i dati ricevuti sulla porta seriale e parallela (tranne LANIPDS).
Questa impostazione di parametro viene salvata automaticamente nella
configurazione di accensione. DEC LG è la selezione di default.

Quando viene immesso un nuovo parametro di emulazione tramite il pannello di


controllo della stampante, i parametri dipendenti dall’emulazione nella
configurazione corrente e di accensione vengono modificati per corrispondere
alle impostazioni di default per l’emulazione selezionata. La seguente tabella
elenca quei parametri per emulazione:

Parametro Tally ANSI Genicom ANSI P5000 P6000 P600

Set caratteri Latin1 Code Pg 437 Code Pg 850 Latin1 Latin1


OCR-A ANSI ANSI ANSI ANSI ANSI
OCR-B ANSI ANSI ANSI ANSI ANSI
Auto CR OFF ON ON ON OFF
A Capo autom. OFF ON OFF OFF OFF
Av. riga autom. OFF ON OFF OFF OFF
Codice 7F Riempi Riempi Spazio Spazio Spazio
Canale VT 2 12 N.D. 12 12
Salta Quando Prima Prima N.D. Dopo Dopo

Parametro HP 2564C DEC LG01 Epson FX-1180 IBM Proprinter MTPL

Set caratteri Roman-8 DEC Corsivo Code Pg 437 Code Pg 437


OCR-A ANSI ANSI ANSI ANSI ANSI
OCR-B ANSI DIN ANSI ANSI ANSI
Auto CR OFF OFF ON ON ON
A Capo autom. OFF OFF ON ON ON
Av. riga autom. OFF OFF ON ON ON
Codice 7F Riempi Riempi Cancella car Ignora Cancella buffer
Canale VT 12 12 N.D. N.D. N.D.
Salta Quando Dopo Dopo N.D. N.D. N.D.

3–16
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

Emulazione LAN (solo interfaccia LAN)


Utilizzata per selezionare l’emulazione collegata alla porta Ethernet quando si
utilizza l’interfaccia LANPlex. Le possibili selezioni sono le stesse dell’opzione
Emulaz. Ser/Par.

Emul. Twinax (solo Twinax/coassiale)


Utilizzato per selezionare l’emulazione Twinax se si utilizza l’interfaccia FourPlex.
Le impostazioni possibili sono IBM 4234, IBM 4210 e IBM 5225. Il default è IBM
4234. L’emulazione Coax sarà sempre IBM 4234.

Modalità Dump
La modalità Dump viene utilizzata per individuare i problemi che possono sorgere
durante l’elaborazione dei dati. Mette la stampante in una modalità Dump esadec.
È possibile selezionare tre stili di stampati per utilizzarli come strumenti di ricerca
degli errori. Le opzioni standard sono:

OFF: La modalità Dump è disabilitata. (Selezione di default)


Stile 1: Stampato dei dati a due colonne. Il testo, gli spazi e i codici di controllo sono stampati
in formato codice esadecimale in una colonna, con gli equivalenti ASCII in un’altra
colonna.
Stile 2: Solo i codici di controllo sono stampati in formato esadecimale. I caratteri ASCII
sono stampati come sono e le sequenze di escape forzano una nuova riga.
Stile 3: I codici di controllo e gli spazi vengono stampati in formato esadecimale. I caratteri
ASCII sono stampati come sono e le sequenze di uscita forzano una nuova riga.

Interfaccia Twinax
Esiste solo uno stile per Twinax. È simile allo Stile 1 seriale/parallelo, tranne che i
codici esadecimali sono EBCDIC anziché ACSII.

Interfaccia coassiale
Esiste solo uno stile per coassiale. È una modalità Dump particolare che stampa
i contenuti del buffer PCIA associati a ciascun buffer dei dati.

Opzione IPDS
Se è installata l’opzione IPDS, il dump dal flusso dati IPDS verrà formattato in
modo particolare, indipendentemente dalla selezione della modalità Dump.

Attesa I/O
Questo parametro permette di impostare il periodo di tempo durante il quale la
stampante rimane bloccata nell’I/O sul quale sta ricevendo i dati dopo la conclusione
della trasmissione dei dati. È possibile impostarla a 5-600 secondi (selezione di
default = 30 secondi).

3–17
Manuale per l'operatore
Listato
È possibile utilizzare questo parametro per stampare o visualizzare un rapporto.

Current Config (Config. corrente)


Questa selezione produce un rapporto stampato della configurazione corrente
della stampante. Il rapporto contiene un’intestazione, che identifica il software
installato e l’interfaccia, qualsiasi opzione installata e le statistiche per il tempo di
accensione, di stampa e il totale di righe stampate.

Tutte le configurazioni
Produce un rapporto stampato di tutte le configurazioni salvate della stampante.
Il rapporto contiene un’intestazione, che identifica il software installato e
l’interfaccia, qualsiasi opzione installata e le statistiche per il tempo di accensione,
di stampa e il totale di righe stampate.

Configurazioni 1–10
Produce un rapporto stampato di una qualsiasi delle configurazioni salvate della
stampante. Il rapporto contiene un’intestazione, che identifica il software installato
e l’interfaccia, qualsiasi opzione installata e le statistiche per il tempo di accensione,
di stampa e il totale di righe stampate.

Calibrazioni
Produce un rapporto stampato delle impostazioni di calibrazione della stampante.
Il rapporto contiene un’intestazione che identifica il software installato e l’interfaccia,
oltre alle statistiche per il tempo di accensione, di stampa e il totale di righe
stampate. I valori correnti di calibrazione del sensore e della temporizzazione di
stampa vengono presentati nel contenuto del rapporto. Contiene inoltre un rapporto
dello stato di Ribbon Monitor.

Ribbon Count (Conteggio nastro):


Visualizza l’ultimo messaggio di guasto sul display del pannello di controllo.

Ultimo errore
Visualizza l’ultimo messaggio di guasto sul display del pannello di controllo.

Pagina azioni stampante


Presenta il registro degli errori.

Versione
Visualizza i numeri di versione del software installato sul display del pannello di
controllo.

Intellifilter
Stampa l’Intellifilter attualmente scaricato.

Modo Cicalino
Quando si verifica un errore, il cicalino emette un segnale sonoro. Sono disponibili
due opzioni: Singolo o Persistente. In modo Singolo, per ogni evento di errore il
cicalino emette un segnale sonoro singolo di breve durata. In modo Persistente,
per ogni evento di errore il cicalino emette segnali sonori periodici, di breve durata,
ripetuti una volta ogni secondo fino all’eliminazione dell’errore.

3–18
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Categoria Codici
In questa categoria rientrano i parametri che permettono di determinare la risposta
della stampante a determinate condizioni e di assegnare valori a parametri che
vengono utilizzati da altri comandi o sequenze di uscita. Per l’emulazione IPDS,
queste opzioni non hanno funzione.

LF Auto (Avanzamento riga autom.)


LF Auto indica alla stampante di eseguire un avanzamento riga ogni volta che
riceve un codice di controllo di ritorno a capo. Questo parametro è disponibile
per i sistemi host che non possono inviare un codice di controllo avanzamento
riga.

Alcuni computer generano automaticamente un avanzamento di riga al margine


destro. Se il sistema in dotazione esegue questa operazione e se è attivata
l’opzione Auto LF, si otterrà un doppio spazio tra le righe di stampa. Consultare
il manuale del computer per determinare se questa funzione dev’essere attivata
o disattivata. Il valore predefinito è OFF.

RC Auto (Ritorno a capo automatico)


RC Auto permette alla stampante di effettuare un ritorno a capo (sposta la
posizione di stampa al margine sinistro) quando riceve un codice di controllo di
Avanzamento riga o di Tab. verticale. La selezione di default è OFF. Il valore di
default dipende dall’emulazione (v. Emul. sotto il menu Configurazione, categoria
Stampante).

A capo autom.
Se la stampante raggiunge il margine destro senza ricevere un comando di
movimento carta, il parametro A capo autom. determina come verrà trattato il
resto dei dati. Se A capo autom. è su OFF, i caratteri in eccesso andranno persi.
Se si trova su ON, la risposta della stampante viene determinata dal parametro
Avanzamento riga automatico (v. sotto).

Se A capo autom. è su ON e Avanzamento riga automatico è su OFF, la stampante


effettua solo un Ritorno carrello e può verificarsi una sovrastampa.

Se A capo autom. è su ON e Avanzamento riga automatico è su ON, la stampante


effettua sia un Ritorno carrello che un Avanzamento riga e i caratteri in eccesso
sono stampati su una riga nuova al margine sinistro.

Il valore di default dipende dall’emulazione (v. Emul. sotto il menu Configurazione,


categoria Stampante).

Avanzamento riga automatico


Questo parametro funziona in abbinamento al parametro A capo autom., come
sopra. Il valore di default dipende dall’emulazione (v. Emul. sotto il menu
Configurazione, categoria Stampante).

3–19
Manuale per l'operatore

Print on CR (Stampa su CR)


Questo parametro è previsto per le applicazioni che per mettere i caratteri in
grassetto utilizzano esclusivamente un metodo di ritorno a capo per ristampare in
modo selettivo una riga intera o una parte di essa.

Off: Ignora il grassetto, stampa come testo normale


(impostazione di default)

Doppia battuta: Stampa la riga, quindi torna indietro per ripetere la


stampa (grassetto tramite sovrascrittura)

Grassetto: Stampa la riga una volta, con le parti in grassetto


stampate in stile “grassetto” avanzato

Ad esempio, l’applicazione può mettere in grassetto la parola “grassetto”


nella seguente frase inviando:

Questo è grassetto<CR> grassetto<CR><LF>

“Doppia battuta” corrisponde alla precedente impostazione POCR=ON.


Selezionando “Doppia battuta”, il grassetto viene ottenuto ristampando i caratteri
due volte nelle medesime posizioni di punto. Pertanto, la stampante deve tornare
indietro sulla riga dopo la stampa di ciascun passaggio <CR>; alcune applicazioni
utilizzano molte passate per stampare una singola riga in grassetto e quindi la
produttività di stampa può risultare proporzionalmente ridotta.

Selezionando “Grassetto”, il grassetto viene ottenuto generando i caratteri due


volte, uno con un piccolo offset per creare un effetto “ombreggiato”. La stampa
risultante è più spessa e risulta quindi più scura. Si tratta della stessa tecnica
utilizzata con l’attributo carattere “bold” (grassetto), selezionato tramite sequenze
di escape di emulazione.

Form Feed at TOF (Avanzamento foglio al TOF)


Questo parametro detta il modo in cui la stampante risponderà al codice di controllo
Avanzamento foglio, ricevuto dal computer host quando è già in una posizione di
limite superiore del foglio. Se impostato su Disabilitato, la stampante ignora il
codice di controllo avanzamento foglio inviato dall’host. Se impostato su Abilitato
(selezione di default), la stampante effettua l’avanzamento foglio richiesto e procede
fino al successivo limite superiore del foglio.

ESC
Questo parametro è valido solo nelle emulazioni MT660 e LG01. Se impostato su
Disabilitato, il carattere di controllo ESC viene ignorato. Il valore predefinito è
Abilitato.

Alt ESC (Alternate Escape)


Questo parametro è valido solo nelle emulazioni MT660 e LG01. Se impostato su
Abilitato, si può utilizzare un carattere “^” (segno di omissione) nella colonna 1
(margine sinistro) seguito da un CR o da un CR LF al posto del codice di controllo
ESC. Il valore predefinito è Disabilitato. Inoltre, ESC (v. sopra) deve essere attivato
per questa procedura.

3–20
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

Upper Only (Solo maiuscolo)


Questo parametro permette di impostare la stampante per stampare solo in caratteri
maiuscoli dal set caratteri attivo. Quando questo parametro è attivato, i caratteri
minuscoli nelle posizioni esadecimali da 61 a 7A vengono sovrascritti dai caratteri
maiuscoli nelle posizioni da 41 a 5A. La selezione di default è Disabilitato.

Codice 7F
Questo parametro permette di determinare il modo in cui la stampante reagisce
quando riceve un codice esadecimale 7F. Il valore di default dipende
dall’emulazione (v. Parametro di emulazione, presentato precedentemente in
questo capitolo.)

Ignora: Il codice è ignorato.


Cancella car.: Il carattere precedente è cancellato.
Cancella buffer: I caratteri precedenti nella riga corrente di stampa
sono cancellati.
Spazio: Viene sostituito un carattere spazio.
Riempi: Viene sostituito un carattere di riempimento.

Print 80 to 9F Hex (Stampa da 80 a 9F esad.)


Questo parametro definisce se le posizioni da 80 a 9F esadecimali devono essere
trattate come caratteri di controllo o caratteri stampabili. La funzione dei caratteri
di controllo in quest’area dipende dall’emulazione. Le selezioni sono ON (caratteri
stampabili) o OFF (caratteri di controllo). Il valore di default è ON.

Ignore Char (Ignora car.)


Questo parametro permette di selezionare un carattere che sarà ignorato nel
flusso dati in arrivo. Questo parametro funziona in tutte le emulazioni e nelle
modalità di stampa non scaricabili. Non funziona in modalità Plot, scaricamento
del tipo di carattere o scaricamento VFU. Le selezioni sono 0-255, riferendosi al
valore decimale di qualsiasi carattere a 8 bit o OFF. Il valore di default è OFF.

Sub Char From (Sost carattere da)


Questo parametro permette di selezionare un carattere che sostituirà il carattere
designato dal parametro Sub Char To. Questo parametro funziona in tutte le
emulazioni e nelle modalità di stampa non scaricabili. Non funziona in modalità
Plot, scaricamento del tipo di carattere o scaricamento VFU. Il valore predefinito
è OFF.

Sub Char To (Sost carattere a)


Questo parametro permette di selezionare il carattere che sostituirà il carattere
designato dal parametro Sub Char From. Questo parametro funziona in tutte le
emulazioni e nelle modalità di stampa non scaricabili. Non funziona in modalità
Plot, scaricamento del tipo di carattere o scaricamento VFU. Il valore di default è
OFF.

PTX SFCC
Definisce il parametro Special Function Control Character (Carattere di controllo
funzione speciale) utilizzato dall’emulazione Printronix P5000. Viene immesso il
valore decimale del codice carattere ASCII. Il valore di default è 1 (SOH).

3–21
Manuale per l'operatore

PTX ALS
Definisce il parametro Alternate Line Spacing (Spaziatura riga singola alternata)
utilizzato dal comando ACK (Hex 06) nell’emulazione Printronix P5000. Le opzioni
possibili sono 8 o 10.3 e definiscono la densità della riga. Il valore di default è 8.

Le opzioni PTX SFCC e PTX ALS compaiono solo se l’emulazione


Printronix P5000 viene selezionata con l’opzione Emulaz. Ser/Par del
pannello di controllo.

Categoria Grafica
Questa categoria permette di configurare determinati aspetti delle opzioni di
elaborazione grafica sulla stampante.

Code V Cmd Char (Carattere di comando codice V)


Questo parametro permette di modificare il CVCC. Il valore di default per questo
parametro è il carattere di omissione ASCII (^, Decimale 94, Esad. 5E).

Dimensioni lisce
Questo parametro controlla la dimensione alla quale i caratteri in stampatello sono
“uniformati”. Il valore di default è 3, vale a dire che i caratteri grandi di dimensione
3 saranno uniformati, contrariamente ai caratteri grandi di dimensione 2. Questo
parametro viene utilizzato dal Codice V e PGL.

PY Then (Dopo PY)


Questo parametro definisce la risposta della stampante ai caratteri che seguono il
comando ^PY sulla stessa riga.

Niente: Tutti i dati, più il terminatore di riga, sono ignorati


(opzione di default)
Tutti: Tutti i dati sono eseguiti
Term: Tutti sono ignorati, eccetto il terminatore
Formato libero: Dipende dallo stato per la modalità Formato libero

PN Then (Dopo PN)


Questo comando definisce la risposta della stampante ai caratteri che seguono il
comando ^PN sulla stessa riga.

Niente: Tutti i dati, più il terminatore di riga, sono ignorati


(opzione di default)
Tutti: Tutti i dati sono eseguiti
Formato libero: Dipende dallo stato per la modalità Formato libero

Per PY Then e PN Then: anche se la documentazione per codice V dichiara


che tutti gli altri dati sulla riga sono ignorati, alcune installazioni di codice
V non seguono questa regola.

3–22
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Barra scura
Questo parametro permette di impostare la densità di punti base alla quale i codici
a barre stamperanno. Il valore di default è Basso.

Tutti i codici a barre sono stampati alla densità selezionata, a meno che il pro-
gramma utente non richieda una densità maggiore. Quando il programma utente
richiede una densità maggiore, la stampante passerà alla densità maggiore
successiva rispetto alla densità base. La seguente tabella mostra le selezioni di
densità e come esse cambiano quando la stampante riceve una richiesta di pro-
gramma per una densità maggiore:

Tabella 3–1. Densità punti codice a barre

Selezione barra scura Mod. “normale” Mod. “scura”


Basso 60 x 72 60 (120) x 144
Medio (default) 60(120) x 144 120 x 144
Alto 120 x 144 120 x 144

PlotMod
Questo parametro elimina la necessità di inviare un comando Allinea al confine
riga (MT660) o un codice di controllo (Printronix) extra Avanzamento riga (LF)
quando si esce dalla modalità Plot. Se si sta utilizzando la modalità Plot in queste
emulazioni, impostare questo parametro su ON per evitare problemi di allineamento
testo e grafica. (La selezione di default è PlotMod ON). La selezione di default è
Abilitato. Oltre alla grafica PGL e codice V, questo parametro si applica alla grafica
di stile MT660 e Printronix. Non si applica al testo che segue grafica Epson o
Proprinter.

Riga 1: Dati carattere


On Riga 2: Dati plot
Riga 3: Dati carattere

Riga 1: Dati carattere


Off Riga 2: Dati plot
Riga 3: Dati carattere
Figura 3–2. Esempio PlotMod

Versione
Questo parametro controlla la versione del codice V emulato dalla stampante. La
selezione di default è Versione 2.

3–23
Manuale per l'operatore
Descender (Discendente)
Questo parametro controlla l’inserimento dello spazio discendente del carattere
tra le righe di stampa.

Fisso: L’intervallo discendente è sempre inserito dopo la riga ogni volta


che la modalità Discendente è su ON, indipendentemente dal fatto
che i discendenti siano presenti o meno (selezione di default).
Auto: La distanza discendente è inserita solo dopo le righe contenenti
caratteri con discendenti.

Vertical Scale (Scala verticale)


Questo parametro determina se i caratteri in stampatello verticali verranno graduati
alle stesse dimensioni dei caratteri in stampatello orizzontali. La selezione di
default è Stile 1.

Stile 1: Aggiunge l’intervallo intercarattere dopo che il carattere è


stato ruotato.
Stile 2: Non aggiunge la distanza
Off: I caratteri in stampatello verticali verranno compressi
verticalmente a causa della densità verticale maggiore (72
DPI contro 60 DPI).
Zero
Per aiutare a distinguere gli zero dalla lettera O maiuscola, è possibile scegliere
di barrare gli zero (Ø). La selezione di default è il barrato. Questo parametro
viene utilizzato dal codice V e da PGL.

SFCC
Questo parametro permette di modificare il parametro SFCC. Il valore di default
per questo parametro è il carattere tilde ASCII ( ~, Decimale 126, Esad. 7E). Le
selezioni sono 1–255 (designatori decimali per i caratteri ASCII).

Carattere di comando di funzioni speciali PGL (SFCC)


Questo parametro permette di modificare SFCC. Il valore predefinito per questo
parametro è il carattere tilde ASCII ( ~, Decimale 126, Esad. 7E). Le selezioni
sono 1–255 (designatori decimali per i caratteri ASCII).

Code V Language (Linguaggio di codice V)


Questo parametro permette di selezionare il set di caratteri di lingua che verrà
utilizzato per la stampa del testo in modalità grafica Printronix. La selezione di
default è US. Le opzioni disponibili sono:

US GB Sve/Fin
Norvegese/Dan Giapponese Tedesco
Francese Italiano Spagnolo

3–24
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

PGL Language (Linguaggio PGL)


Questo parametro permette di selezionare il set di caratteri di lingua che verrà
utilizzato per la stampa del testo in modalità grafica Printronix. Il valore di default
è ASCII. Le opzioni disponibili sono:

ASCII Tedesco Svedese


Danese Norvegese Finlandese
Inglese Olandese Francese
Spagnolo Italiano Turco

Free Format (Formato libero)


Questo parametro attiva il formato libero nella grafica codice V ogni volta che si
incontra un ^PY. La modalità Free Format (Formato libero) rimane attiva finché
non viene ricevuto un comando ^PN o ^O (disattivazione modalità formato libero).
Il valore di default è Off.

Automatic PY (PY automatico)


Se è PY automatico è attivato, la stampante si trova automaticamente in modalità
grafica codice V e non è necessario un comando ^PY nel file che viene inviato
alla stampante per iniziare la grafica codice V. Il valore di default è Disabilitato.

MTPL Bar (Barra MTPL)


L’impostazione di questo parametro stamperà i codici a barre per MTPL. Altrimenti,
le sequenze verranno stampate come solo testo. Le selezioni sono ON e OFF,
con OFF come default. Questo parametro influenza solo l’emulazione MTPL.

Secured (Protetto)
In modalità protetta (ON), i caratteri di testo normale possono essere stampati a
destra o a sinistra dei codici a barre. In modalità non protetta (OFF), non è
possibile stampare più di una riga con i caratteri normali nella riga dei codici a
barre. Il valore di default è ON. Questo parametro influenza solo l’emulazione
MTPL.

Terminatore IGP
Questo parametro seleziona il Terminatore per IGP. Dopo l’impostazione a CR,
tutti i comandi IGP devono essere terminati con un ritorno di carrello. Dopo
l’impostazione a CR/LF, tutti i comandi IGP devono essere terminati con un ritorno
di carrello e un avanzamento di riga.

BlkMaxH
BlkMaxV
BlkMinH
BlkMinV
Questi quattro parametri offrono l’opportunità di creare caratteri in stampatello
usando i tipi di carattere FreeType. L’utente potrebbe però notare che i caratteri
FreeType molto piccoli potrebbero non essere leggibili e quelli molto grandi causano
un eccessivo rallentamento della stampa. Questi quattro parametri consentono
all’utente di selezionare le dimensioni orizzontali e verticali minime e massime dei
caratteri grandi che verranno generate usando i caratteri FreeType.

3–25
Manuale per l'operatore

Densità Postnet
Determina se i codici a barre POSTNET devono essere stampati a densità bassa
(72 DPI) o a densità alta (144 DPI). Densità bassa è l’impostazione di default. I
codici a barre POSTNET realizzati ad alta densità vengono stampati a velocità
dimezzata rispetto a quelli stampati a bassa densità.

Terminatore PGL
Determina se un terminatore CR-LF per i comandi PGL genera un
avanzamento riga.

CR: consente avanzamenti di riga dopo un ritorno di carrello.


Esempio: ~EXECUTE;TEST<cr><lf>
<cr><lf>
~NORMAL<cr><lf>

L’esempio precedente esegue tre avanzamenti di riga dopo il lavoro.

CR-LF: NON esegue avanzamenti di riga dopo un ritorno di carrello.


Nell’esempio precedente, non si verificano avanzamenti di riga.

Ignore Term (Ignora termine)


Determina se un avanzamento di riga dopo il terminatore CR, un comando
SFOFF o un comando IGOFF genera un avanzamento di riga. Sono disponibili
due opzioni: Abilitato (opzione predefinita) e Disabilitato.

Disabilitato: Si verifica un avanzamento riga dopo il terminatore CR, il


comando SFOFF o IGOFF.
Esempio: ~SFOFF<cr><lf>
~IGOFF<cr><lf>

Abilitato: nell’esempio precedente non si verifica un avanzamento di riga dopo


il terminatore CR.

Categoria Configurazioni
La stampante può salvare fino a dieci configurazioni personalizzate, per cui non
è necessario ricreare le configurazioni utilizzate frequentemente. Inoltre, ogni
configurazione memorizzata può essere contrassegnata con un’etichetta con un
massimo di 15 caratteri. Quando si riceve la stampante, ciascuna etichetta è una
“CONFIG” generica, seguita da un numero da 1 a 10 (v. Come memorizzare le
configurazioni, qui di seguito).

Salva
Se si dispone di una configurazione da utilizzare ripetutamente, è consigliabile
memorizzarla. Questo parametro consente di eseguire questa procedura.

Come memorizzare le configurazioni


1. Impostare i parametri stampante nel modo desiderato.
2. Accertarsi che la stampante sia Offline (premere il tasto Online/Offline), e
premere il tasto Menu/Back per accedere alla modalità menu.

3–26
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

3. Utilizzare il tasto freccia direzionale verso l’alto o il basso per trovare il


menu configurazioni, e premere Enter.
4. Scorrere attraverso l’elenco configurazioni. Se non sono state
contrassegnate (v. Etichetta conf. n), saranno elencate come CONFIG 1
- CONFIG 10. Premere Enter per memorizzare la configurazione in una
di queste posizioni.

La prossima volta che si vuole utilizzare questa configurazione, utilizzare il


parametro Carico.

Carico
Si utilizzerà questo parametro per caricare una qualsiasi delle configurazioni
memorizzate nella configurazione corrente. Utilizzare il parametro Carico per
scegliere le configurazioni memorizzate in precedenza.

Config Accensione
Si utilizzerà questo parametro per designare una qualsiasi delle configurazioni
memorizzate come configurazione che viene caricata all’accensione della
stampante. Scorrere attraverso il parametro di configurazione di accensione per
selezionare la configurazione che si vuole utilizzare, quindi premere Enter. Il
valore di default per la Configurazione accensione è CONFIG1. Il valore di de-
fault è CONFIG1.

Etichetta conf. n- (dove n = da 1 a 10)


È possibile che si vogliano definire le configurazioni in un modo più intuitivo di
CONFIG da 1 a 10. Questo parametro viene utilizzato per impostare etichette di
15 caratteri per ogni posizione di configurazione.

Come identificare una posizione di configurazione


1. Accertarsi che la stampante sia Offline.
2. Premere il tasto Menu/Back per accedere alla modalità menu.
3. Utilizzare i tasti con le frecce direzionali verso l’alto e il basso per arrivare
al menu Config e poi premere Enter.
4. Fare scorrere finché non si vedrà Configurazioni e poi premere Enter.
5. Fare scorrere finché non si vedrà Etichetta conf. n, dove n è il numero
della configurazione che si vuole identificare (1–10).
6. Premere Enter.
7. Comparirà un cursore al di sotto della prima lettera (C). Usare i tasti
freccia per raggiungere il numero o la lettera da usare. Ripetere fino a
un massimo di 15 caratteri, premendo Enter dopo ogni lettera. Occorre
premere Enter 15 volte, anche se l’etichetta fosse più corta.
8. Premere Clear o Menu per salvare. Ora, quando si utilizzeranno i parametri
Salva o Carico, questo nome di configurazione apparirà nella posizione
scelta.

3–27
Manuale per l'operatore
Categoria I/O seriale
L’interfaccia seriale è uno stile di comunicazioni I/O tra il computer host e la
stampante. Richiede la corretta impostazione di determinati parametri per
permettere la comunicazione tra la stampante e il computer host.
Velocità
Il parametro Velocità permette all’utente di impostare la stampante per ricevere
dati a differenti velocità di trasmissione. La velocità di trasmissione in baud deve
avere lo stesso valore a entrambe le estremità della linea di comunicazione. 9600
è la selezione di default.
Data Bits (Bit di dati)
È possibile scegliere il numero di bit di dati per byte. 8 bit è la selezione di default.
Stop Bits (Bit di stop)
Questo parametro imposta il numero di bit di stop seriali. 1 è la selezione di
default.
Parità
Parità è un metodo che la stampante utilizza per verificare che ciascun byte di
dati che riceve sia esattamente quello che il computer host ha trasmesso. Una
volta selezionata, controlla il numero di bit alti in ciascun byte (pari o dispari).
Niente è il valore di default.
La stampante deve avere la stessa parità del computer host.
Ottavo bit
Se viene selezionato 8 bit per byte sotto Data Bits (Bit di dati), come indicato
sopra, si utilizza questo parametro per determinare in che modo dev’essere
utilizzato l’ottavo bit. Se questo bit va ignorato, il parametro deve essere impostato
a non usato. Se il bit va utilizzato, il parametro dovrebbe essere impostato su
Dati. Dati è il valore di default, utilizzato per caratteri di 8 bit.
Protocollo
La stampante e il computer host devono stabilire segnali comuni, compresi da
entrambe le unità, per indicare quando inviare nuovi dati e quando interrompere
l’invio dei dati. Per l’IPDS, questo parametro permette l’impostazione del protocollo
seriale su Pronto/Occupato o su XON/XOFF. Per tutte le altre stampanti, ci sono
sei ulteriori protocolli. Gli otto protocolli sono:
Pronto/Occupato (Selezione di default)
Xon/Xoff
Enq/Ack (interrogazione/conferma)
Etx/Ack (fine testo/conferma)
Etx/Ack/Nak (fine testo/conferma/conferma negativa)
Ack/Nak (conferma/conferma negativa)
Xon/off/Etx/Ack (XON/XOFF/fine testo/conferma)
Xon/off/Enq/Ack (XON/XOFF/interrogazione/conferma)
I protocolli precedenti sono spiegati in dettaglio nel Manuale delle applicazioni.

3–28
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Status Enquiry (Interrogazione di stato)
Quando questa opzione è attivata, l’host può inviare un pacchetto di interrogazioni
alla stampante che richiede lo stato. La stampante poi invierà indietro un pacchetto
di 1 byte che denota lo stato della stampante. Se questa opzione è impostata su
OFF (default), nessun pacchetto verrà rinviato. Il parametro Status Enquiry può
essere attivato insieme a qualsiasi altro protocollo. Quando è attivato e l’host
invia un carattere ENQ, la stampante risponde inviando un byte di stato stampante.
Il byte di stato è stato progettato per essere un codice stampabile ed è l’unico
codice stampabile che la stampante può trasmettere.
Il modello di bit è il seguente:

Bit Significato/Valore
7 Parità, se sono stati attivati dati a 7 bit e parità (MSB)
6 Sempre 1
5 1 se Overrun dati
4 Sempre 0
3 1 se Errore parità
2 1 se Errore di sistema carta o Cilindro aperto
1 1 se Offline
0 1 se Occupato (guasto o buffer pieno) (LSB)

Il parametro Interrogazione di stato è leggermente diverso quando l’emulazione


corrente è HP2564C. Invece di rispondere al carattere ENQ, la stampante
risponderà alla sequenza ESC ? DC1. Il modello di bit della risposta di stato è il
seguente:

Bit Significato/Valore
7 Parità, se sono stati attivati dati a 7 bit e parità (MSB)
6 Sempre 0
5 Sempre 1
4 Sempre 1
3 0 se Errore di parità, Overrun dati oppure Overflow buffer
2 1 se Offline
1 1 se Occupato (guasto o buffer pieno)
0 1 se Errore di sistema carta o Cilindro aperto (LSB)

3–29
Manuale per l'operatore

DTR Function (Funzione DTR)


Questo parametro permette all’utente di modificare il funzionamento della linea
Data Terminal Ready (DTR) nell’interfaccia della stampante. La riga DTR viene
utilizzata per indicare lo stato della stampante al computer host.

Busy (Occupato) - (selezione di default)

In questa modalità la riga DTR viene utilizzata per segnalare all’host di interrompere
l’invio di dati perché il buffer della stampante è pieno all’85%. Alcuni sistemi di
cablaggio richiedono però che la riga DTR della stampante sia configurata
diversamente. Questo schema di cablaggio può interferire con la trasmissione
della stampante o con la ricezione da parte dell’host del segnale Xoff quando si
utilizza il protocollo seriale Xon/Xoff. Questa situazione può causare un Overflow
buffer e Overrun dati e la conseguente perdita di dati.

Offline

Quando questa selezione è attiva, la riga DTR viene utilizzata per segnalare solo
che la stampante è Online o Offline. Diversamente dalla selezione Occupato, la
selezione Offline non interferirà con il funzionamento del protocollo di
comunicazione Xon/Xoff.

Alimentazione

Quando questa selezione è attiva, la riga DTR viene utilizzata per segnalare
all’host che la stampante è accesa. Questa selezione DTR non interferirà con la
ricezione dell’host del protocollo seriale Xoff/Xon perché, diversamente dalla
selezione Busy (Occupato), il segnale DTR non viene alternato
contemporaneamente al segnale Xoff. Quando si utilizza questa selezione, il
parametro polarità DTR dev’essere impostato su Actv Hi.

Se il sistema è configurato per utilizzare il protocollo Xon/Xoff, l’uso della


selezione Occupato descritto in precedenza causerà interferenze nelle
comunicazioni tra la stampante e l’host. È comunque possibile utilizzare
la riga DTR per segnalare all’host che la stampante è Offline o che la
stampante è accesa (rispettivamente, selezioni Offline e Alimentazione).

DTR Polarity (Polarità DTR)


Questo parametro viene usato per impostare la polarità del segnale DTR. Attivo
basso è la selezione di default.
Polarità Busy
Questo parametro permette di controllare la polarità del segnale di occupato.
Attivo basso è la selezione di default.
Funzione RTS
La riga RTS dell’interfaccia seriale è stata utilizzata per indicare Occupato, in
aggiunta alla riga DTR. Questa opzione permette alla riga RTS di essere
continuamente alta o di funzionare come occupato (selezione di default).

3–30
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Robust Xon
Questo parametro si comporta alla stesso modo di un normale protocollo Xon/
Xoff, eccetto che dopo l’attivazione di questo parametro, il codice Xon sarà inviato
ogni 5 secondi quando la stampante è pronta ad accettare i dati. OFF è la selezione
di default.

Buffer Size (Dimensioni buffer)


Questo parametro permette di configurare la dimensione del buffer di dati seriali.
La selezione di default è Dinamico.
Operazioni di buffer
Ci sono due schemi di bufferizzazione di base utilizzati dalla stampante: Fisso o
Dinamico.
Bufferizzazione fissa
Per la bufferizzazione fissa, la stampante utilizza un buffer a input singolo per
accettare i dati ricevuti dall’host. Quando l’host ha riempito il buffer di input, la
stampante invia il segnale di occupato e non accetta altro input. La stampante
poi elabora e stampa i dati bufferizzati prima di accettare altri nuovi dati dall’host.
Quando si usa la bufferizzazione fissa, sono disponibili otto selezioni per la
dimensione buffer utilizzata dalla stampante (da 128 a 16 K). La dimensione
selezionata dovrebbe essere il doppio della dimensione del blocco dati host quando
possibile per un’ottimale gestione dei dati.
La bufferizzazione fissa è più efficace quando si utilizzano dei protocolli modalità
blocco per il trasferimento dei dati. I protocolli modalità blocco sono spiegati in
precedenza sotto il parametro Protocollo.
Bufferizzazione dinamica (selezione di default)
Per la bufferizzazione dinamica, la stampante utilizza due buffer per il trasferimento
dei dati. Quando l’host riempie un buffer, la stampante passa all’altro buffer per
il trasferimento dei dati mentre elabora e stampa il primo buffer. La stampante
invia il segnale di occupato all’host solo se entrambi i buffer sono pieni.
La dimensione dei buffer utilizzati per la bufferizzazione dinamica dipende dall’I/
O che si sta utilizzando. Nelle operazioni I/O seriali, la dimensione buffer è
impostata su 2 K per ciascun buffer. Nelle operazioni I/O parallele, la dimensione
buffer è impostata a 1 K per ciascun buffer.
L’impostazione per un I/O è indipendente dall’impostazione per l’altro I/O. L’I/O
seriale può essere impostato per una bufferizzazione fissa, mentre il parallelo è
impostato per la bufferizzazione dinamica e viceversa.

Categoria I/O parallelo


La categoria parallela sulla stampante ha tre parametri che possono essere
modificati in base alle necessità dell’utente.

3–31
Manuale per l'operatore

Comando Stampa su carta (POPC)


Il parametro POPC può essere impostato in modo che ogni volta che viene ricevuto
un comando di avanzamento carta (come Avanzamento riga, Avanzamento foglio
o Tab. verticale), qualsiasi dato correntemente presente nel buffer verrà stampato
prima che venga eseguito il comando. La selezione di default è On.

Ottavo bit
L’ottavo bit può servire a diverse funzioni, a seconda del produttore del software.
Verificare il manuale del software per informazioni riguardanti le funzioni di questo
bit. La selezione di default è Dati.

Dimensione buffer
Questo parametro permette di configurare la dimensione del buffer dati parallelo.
La selezione di default è Dinamico.

Operazioni di buffer
Ci sono due schemi di bufferizzazione di base utilizzati dalla stampante: Fisso o
Dinamico.

Bufferizzazione fissa
Durante la bufferizzazione fissa, la stampante utilizza un buffer di input singolo
per accettare i dati dall’host. Quando l’host ha riempito il buffer di input, la stampante
invia il segnale di occupato e non accetta altro input. La stampante poi elabora e
stampa i dati bufferizzati prima di accettare altri nuovi dati dall’host.

Quando si utilizza la bufferizzazione fissa, ci sono otto selezioni disponibili per la


dimensione buffer che la stampante utilizzerà (da 128 a 16K). La dimensione
selezionata dovrebbe essere il doppio della dimensione del blocco dati host quando
possibile per un’ottimale gestione dei dati.

Bufferizzazione dinamica (selezione di default)


Durante la bufferizzazione dinamica la stampante utilizza due buffer per il
trasferimento dei dati. Quando l’host riempie un buffer, la stampante passa all’altro
buffer per il trasferimento dei dati mentre elabora e stampa il primo buffer. La
stampante invia il segnale di occupato all’host solo se entrambi i buffer sono pieni.

La dimensione dei buffer utilizzati per la bufferizzazione dinamica dipende dall’I/O


che si sta utilizzando. Nelle operazioni I/O seriali, la dimensione buffer è impostata
su 2 K per ciascun buffer. Nelle operazioni I/O parallele, la dimensione buffer è
impostata a 1 K per ciascun buffer.

L’impostazione per un I/O è indipendente dall’impostazione per l’altro I/O. L’I/O


seriale può essere impostato per una bufferizzazione fissa, mentre il parallelo è
impostato per la bufferizzazione dinamica e viceversa.

3–32
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

Categoria Intellifilter
Intellifilter è una funzione programmabile, standard per le stampanti di riga
TallyGenicom. Senza richiedere modifiche a un sistema host che funziona
correttamente, Intellifilter consente agli utenti di liberare i loro computer dalla
dipendenza da un codice di programma per una specifica stampante che non
può più essere mantenuto o che non è più in grado di soddisfare le esigenze
applicative.

Seriale
Parallello
Twinax/Coassiale
LAN
Questi quattro parametri possono essere impostati su Abilita o Disabilita Intellifilter
nelle rispettive porte.

Categoria Twinax/Coassiale
Invio di PA (solo coassiale)
Sono disponibili due opzioni per questa categoria: PA1 e PA2. Queste opzioni
hanno significato solo quando la stampante è in modalità SCS. Se sono
selezionate mentre la stampante è in modalità non SCS, comparirà brevemente il
messaggio di errore Tasto non valido. Queste opzioni eseguono funzioni speciali
che cambiano da un’applicazione software a un’altra. La selezione di una di
queste opzioni mentre la stampante sta funzionando in modalità SCS Mode fa sì
che la stampante:

• Visualizzi il codice di stato PA1 Key (61) o PA2 Key (62).


• Invii una risposta di attenzione al computer host.
• Invii una richiesta operatore speciale al programma di applicazione e
attenda una risposta di ritorno.

Determinati programmi di applicazione possono richiedere di selezionare l’opzione


PA1 o PA2 in questa categoria. In questo caso:

• Il display della stampante visualizzerà Immetti tasto PA (63).


• L’allarme udibile suona di continuo.
• L’host assegna un periodo di 10 minuti per la selezione di una delle opzioni
PA. Se non viene selezionata l’opzione PA corretta durante questo tempo,
il display si azzera, l’allarme udibile si interrompe e la stampante invia un
messaggio di Nessun tasto PA al computer host. L’effetto di questo
messaggio dipende dall’applicazione. La pressione del tasto Online/Offline
azzera questa condizione.

3–33
Manuale per l'operatore
Indirizzo (solo Twinax)
Imposta l’indirizzo del dispositivo Twinax per la stampante. Il valore di default è
Non definito.

SPD (solo coassiale)


Quando impostato su Disabilitato, questo parametro fa sì che il comando host
Imposta densità di stampa venga ignorato. Questo parametro viene utilizzato
per impedire che l’host ignori le impostazioni CPI del pannello di controllo. Il
valore di default è Abilitato.

SCD (solo Twinax)


Quando impostato su Disabilitato, questo parametro fa sì che il comando host
Imposta densità di carattere venga ignorato. Questo parametro viene utilizzato
per impedire che l’host ignori le impostazioni CPI del pannello di controllo. Il
valore di default è Abilitato.

IPDS: Questa opzione non è disponibile.


SLD
Quando questo parametro è impostato su Disabilitato, il comando host Imposta
densità di riga è ignorato. Questo impedisce che l’host ignori le impostazioni LPI
del pannello di controllo. Il valore di default è Abilitato.

IPDS: Questa opzione non è disponibile.

Host Font Style (Tipo carattere host) - (solo Twinax)


Quando si imposta questo parametro su Disabilitato, il comando host Mezzi di
presentazione pagina è ignorato. Viene utilizzato quando si vuole impedire che
l’host ignori le impostazioni di Stile tipo del pannello di controllo. Il valore di
default è Abilitato.

IPDS: Questa opzione non è disponibile.

Dimensione schermo (Schermo) (solo coassiale)


Il parametro permette di impostare la dimensione dello schermo per la funzione
di copia schermo coassiale (solo in modalità non SCS). Il valore di default è
1920.

Case (Maiusc/minusc) - (solo coassiale)


Se si imposta questo parametro a Mono, vengono stampati tutti i caratteri maiuscoli.
Nella modalità Duplice, vengono stampati i caratteri maiuscoli e minuscoli. Questo
parametro riguarda solo la modalità non SCS. Il valore di default è Duplice.

Commutatori di compatibilità (solo coassiale)


Le impostazioni dei commutatori di compatibilità definiscono come la stampante
risponde ai codici Avanzamento foglio (FF), Ritorno a capo (CR) e Nuova riga
(NL – Ritorno a capo più Avanzamento riga). La funzione di alcuni di questi
commutatori dipende dal termine del buffer o dalla stampa oltre il margine destro.
Questo parametro si applica solo alla modalità non SCS. Tutti i commutatori di
compatibilità hanno OFF come valore di default.

3–34
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante
Commutatore di compatibilità 1
Questo commutatore determina la risposta della stampante a un comando CR
situato al margine destro più una posizione di carattere. Se su OFF, la stampante
esegue solo un CR e inizia a stampare sulla stessa riga senza fare avanzare la
carta. Se su ON, la stampante compie una funzione NL, poi inizia la stampa.

Commutatore di compatibilità 2
Questo commutatore determina la risposta della stampante a un comando NL
situato alla massima posizione di stampa più una posizione di carattere. Se su
OFF, la stampante compie una funzione NL. Se su ON, la stampante compie due
funzioni NL.

Commutatore di compatibilità 3
Questo commutatore determina se uno spazio viene inserito o meno all’inizio della
prima riga di stampa su ciascun foglio. Questo commutatore funziona insieme al
Commutatore di compatibilità 6, che determina il modo in cui la stampante risponde
a un comando FF. Se su OFF, la stampante compie la funzione FF e una funzione
di spazio. La stampa inizia uno spazio dopo il margine sinistro sulla prima riga del
foglio successivo.

Commutatore di compatibilità 4
Le impostazioni di questo commutatore sono funzionali solo se il commutatore di
compatibilità 7 è impostato su OFF. Il commutatore di compatibilità 4 determina la
risposta della stampante a un comando FF situato al termine di un buffer. Se su
OFF, la stampante compie solo un FF. La nuova posizione di stampa è la prima
posizione sul foglio successivo. Se su ON, la stampante esegue un FF più un NL.
L’ubicazione della stampa è la prima posizione di stampa più una riga.

Commutatore di compatibilità 5
Questo commutatore determina la risposta della stampante a righe di stampa
formattate, interamente composte da caratteri non stampabili (quali i comandi di
controllo e di formattazione). Se su OFF, e il bit Ignora nel PCIA è ON, la riga non
viene stampata e non viene eseguita la funzione NL. Se su ON, la stampante
stampa una riga vuota in risposta a una riga di caratteri non stampabili, ed esegue
una funzione NL.

Commutatore di compatibilità 6
Questo commutatore determina la risposta della stampante a un comando FF, a
seconda di dove è situato nel flusso dati. Se su OFF, la stampante esegue una
funzione FF solo se il comando FF è nella prima posizione di stampa o al margine
destro, più una colonna. I comandi FF in qualsiasi altra posizione sono trattati
come spazi vuoti. Se su ON, la stampante riconosce i comandi FF in qualsiasi
momento essi siano parte di un flusso dati.

Commutatore di compatibilità 7
Questo commutatore determina la risposta della stampante a un comando FF e
opera insieme al commutatore di compatibilità 4. Se su OFF, e il comando FF è
l’ultimo byte in un ordine di stampa, la stampante risponde a seconda
dell’impostazione del commutatore di compatibilità 4. Se il comando FF non è
l’ultimo byte nei dati di stampa e la posizione corrente di stampa non è già nella

3–35
Manuale per l'operatore

colonna 1, la stampante compie una funzione NL dopo ciascun lavoro di stampa.


Se su ON, la stampante esegue una funzione FF dopo ciascun lavoro di stampa
se la posizione di stampa non è al limite superiore del foglio.

Commutatore di compatibilità 8
Questo commutatore determina la risposta della stampante a un comando FF, in
congiunzione con il Commutatore di compatibilità 7. La selezione di default è OFF.

OFF Al termine della stampa di tutti i dati di un lavoro di stampa, la


stampante esegue un comando NL o FF, a seconda dell’impostazione
del Commutatore di compatibilità 7.
ON La stampante esegue una funzione FF dopo una copia locale avviata
dall’operatore (ad es., un comando Stampa schermo dall’operatore).
Questo commutatore esclude il Commutatore di compatibilità 7 quando
è attivato.

IR Delay (Ritardo IR) - (solo coassiale)


Questo parametro definisce il periodo di tempo dal momento in cui viene ricevuto
un guasto sul pannello di controllo della stampante fino alla segnalazione all’host.
Questo parametro viene utilizzato principalmente per consentire di cambiare la
carta prima che l’host cancelli il lavoro di stampa. Il valore di default è 10 minuti.

Hex Passthrough (Passthrough esadecimale)


Quando questo parametro è impostato su On, la stampante traduce determinati
flussi di caratteri EBCDIC in comandi di sequenza di uscita ASCII, ed esegue i
comandi. Si possono trovare i particolari nel Manuale delle applicazioni Twinax/
Coassiali. Il valore di default è OFF.

IPDS: Questa opzione non è disponibile.


EPC
Il parametro EPC (Early Print Complete) consente di impostare lo schema di
bufferizzazione dei dati della stampante per emulare le caratteristiche di gestione
dei dati 4234. Quando questo parametro è impostato su OFF (selezione di de-
fault), la stampante emula lo schema di bufferizzazione della stampante IBM 4234,
che risulta in una gestione di errori standard IBM 4234. La stampante segnala
all’host quando ha finito di elaborare il buffer di stampa ed è pronta ad accettare
altri dati. L’host invia in seguito un altro buffer per un massimo di 4 K di dati.
Questa modalità di elaborazione causa brevi pause durante il lavoro di stampa in
seguito all’attesa tra la notifica dell’host e l’invio del buffer successivo da parte
dell’host.

Quando questo parametro è impostato su ON, la stampante avvisa l’host prima


che sia finita l’elaborazione del buffer di stampa. Questo permette un’elaborazione
più veloce, in quanto il buffer di testo è impostato dall’host prima che il buffer
corrente sia completamente elaborato e non si verifica alcun ritardo tra
l’elaborazione di un buffer e il buffer successivo. Questa modalità di elaborazione
sveltisce la gestione dati, ma può avere come risultato una gestione degli errori
leggermente diversa.

3–36
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

GrAVM (Grafica AVM)


L’opzione di impostazione del menu del pannello Graphics AVM (Grafici AVM)
riguarda esclusivamente il modo in cui il comando Twinax AVM è gestito all’interno
di un processo grafico Code V, PGL o Hex Pass-Through.

Un comando Tx/Cx Absolute Vertical Move (AVM) sposta verticalmente la posizione


di stampa corrente (solo in avanti) a un numero di riga specificato dal comando,
senza modificare la posizione di stampa orizzontale. Quando il numero di riga è
inferiore rispetto alla posizione della riga corrente, la riga viene spostata nella
corretta posizione alla pagina successiva. Qualora il numero di riga sia superiore
al numero di righe della pagina (lunghezza foglio) si attiva un errore di gamma
non valida. Tally fornisce due tipi di risposte al comando AVM.

Stile 1: La posizione di stampa si sposta in avanti, rispetto all’ultima voce


di testo o al comando di spostamento carta precedente al comando
AVM. La nuova posizione della riga viene calcolata sottraendo
l’altezza (in righe) di qualsiasi elemento grafico precedente l’AVM
dal numero di riga specificato nel comando AVM. Questo stile ha
lo scopo di offrire compatibilità con stampanti che utilizzano
un’interfaccia Twinax esterna o non integrata. Questa è
l’impostazione di default.

Stile 2: La posizione di stampa si sposta in avanti fino al numero di riga


preciso specificato dal comando AVM. La presenza o l’assenza di
elementi grafici precedenti ad AVM non influenza la posizione del
testo e/o della grafica successiva all’AVM.

Categoria IPDS (solo IPDS)


Indirizzo (solo Twinax)
Questo parametro imposta l’indirizzo di dispositivo Twinax IPDS per la stampante.
Questa funzione permette all’emulazione IPDS di risiedere in un indirizzo diverso
rispetto all’emulazione standard SCS Twinax, fornendo così due stampanti virtuali
Twinax. Il valore predefinito è Non definito.

Density (Densità)
Questo parametro definisce la densità di punti dell’output IPDS. Basso è 60 x 72;
Alto è 144 x 144. Medio (120 x 144) è il valore di default.

Barra scura
Questo parametro ha tre possibili impostazioni: Basso, Medio e Alto, con Basso
come valore di default. Questo influenza la densità di stampa (e la velocità di
stampa) dei codici a barre selezionati mediante una qualsiasi emulazione del
linguaggio di grafica come segue: Basso (60 x 72), Medio (120 a mezzo spazio x
144) e Alto (120 a spazio intero x 144). Questa funzione opera inoltre insieme
alla selezione della densità dei codici a barre utilizzata da Codice V e PGL (Normale
rispetto a Scuro). Le densità verranno impostate basandosi sulla tabella di
selezione barra scura precedente.

3–37
Manuale per l'operatore

Dimensioni lisce
Questo parametro definisce la dimensione del carattere al quale viene invocato
l’algoritmo per uniformare i caratteri in stampatello. Il valore di default è 3, vale a
dire che i caratteri grandi di dimensione 3 saranno uniformati, ma i caratteri grandi
di dimensione 2 non lo saranno.

Zero
Fornisce la stampa dei caratteri in stampatello zero aperto o barrato. L’impostazione
di default è barrato.

Host Override (Esclusione host)


Il parametro Override host offre la possibilità di permettere all’host di controllare il
DPI per la grafica e i codici a barre o di controllare la grafica e la densità dei codici
a barre mediante il pannello di controllo. Quando Host Override è su ON, l’host
controlla i DPI per grafica e codici a barre con il comando XOA (Execute Order
Anystate) e il sottocomando di controllo di qualità stampa (PQC). Quando Host
Override è su OFF, DPI per grafica e codici a barre è controllato mediante le
impostazioni del pannello di controllo per i parametri densità e barra scura. La
selezione di default è On.

Menu TCP/IP - solo interfaccia LAN


Il menu TCP/IP compare solo se viene installata una scheda di interfaccia rete TCP/
IP LAN nella stampante.

Indirizzo IP
Questa opzione permette di impostare i quattro OTTETTI dell’indirizzo IP.

Categoria Parametro
OTTETTO IP 1 0-255
OTTETTO IP 2 0-255
OTTETTO IP 3 0-255
OTTETTO IP 4 0-255

Gateway
Questa opzione permette di impostare i quattro OTTETTI del gateway.

Categoria Parametro
OTTETTO IP 1 0-255
OTTETTO IP 2 0-255
OTTETTO IP 3 0-255
OTTETTO IP 4 0-255

3–38
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

Subnet (Sottorete)
Questa opzione permette di impostare i quattro OTTETTI della maschera di
sottorete.

Categoria Parametro
OTTETTO IP 1 0-255
OTTETTO IP 2 0-255
OTTETTO IP 3 0-255
OTTETTO IP 4 0-255

Assicurarsi che il cavo LAN sia collegato all’accensione della stampante.


In caso contrario, collegare il cavo e spegnere/riaccendere la stampante.

Menu Test
Nel MENU Test si troveranno campioni di stampa di test diagnostici utilizzati per
verificare le funzioni della stampante e un parametro che consente di controllare
il rilevamento di moto della carta.

Utilizzare i tasti frecce direzionali verso l’alto e il basso per raggiungere la selezione
desiderata. Per spostarsi verso il basso nel menu, utilizzare la freccia verso l’alto.

Categoria Campione
La categoria Campione ha una serie di autodiagnosi stampante che hanno
campioni predefiniti, utilizzati per testare la funzionalità di base della stampante.
La selezione dei campioni si esegue scorrendo con i tasti frecce direzionali verso
l’alto e il basso fino all’opzione richiesta e premendo il tasto Enter. Il test inizia
basandosi sui margini e sulle informazioni del tipo di carattere correnti selezionati.
Tutti i tasti del pannello sono disabilitati mentre il test è in esecuzione, tranne per
il tasto View e i tasti Enter e Clear, che concludono il test. Una volta terminato il
test, vengono attivati tutti i tasti.

Stampa
Opzione Stampa
Maiusc. Caratteri ASCII scorrevoli tra 0x20 e 0x5E.
Tutti i caratteri Tutti i caratteri dai set caratteri disponibili.
63/69 63 caratteri maiuscoli seguiti da 69 spazi.
ECMA Un campione specificato dalla European Computer Manu-
facturers Association. Utilizzato per il test acustico.
Colonne Numero di colonne sulla riga, basato sulle distanze di
margine.

3–39
Manuale per l'operatore

Categoria Fault Override


Questa categoria riguarda la configurazione delle informazioni di guasto dal gestore
del motore e dal processore di controllo. Se l’opzione è impostata su On, il guasto
viene ignorato e non sarà riportato sul pannello. Se l’opzione è impostata su Off,
l’esclusione è disabilitata e il guasto viene riportato, se si verifica.

Movimento carta
Controlla lo stato di segnalazione del guasto nel movimento della carta. Questa
impostazione è memorizzata in NVRAM in modo da non richiederne l’impostazione
a ogni accensione.

Automatic Paper Motion Fault Retry (Riprova automaticamente in caso di


errore movimento carta) è una funzione implementata per eliminare errori
di spostamento carta intermittenti falsi. Quando viene rilevato un errore
di movimento carta durante il lavoro di stampa, la carta viene fatta arretrare
di circa 7,6 cm (3 in) e quindi spostata nuovamente in avanti. Se il guasto
di movimento carta non si risolve, la stampante viene messa Offline e il
guasto viene segnalato. Questa funzione può eliminare errori di
spostamento della carta falsi, causati da rumori elettrici casuali o coriandoli/
polvere che possono essere rimossi spostando all’indietro la carta.

Categoria Diag
Questa è una categoria di diagnostica e calibrazione.

Cal-Paper (Calibrazione carta in uscita)


Questo parametro consente di calibrare il sensore di rilevamento della carta in
uscita, se l’impostazione definita in fabbrica non è in grado di rilevare l’effettiva
uscita della carta, oppure quando si verificano dei guasti in seguito a segnalazioni
false di carta esaurita. La pressione di Enter avvia una serie di messaggi per
segnalare all’operatore di calibrare il sensore di rilevamento.

• Togliere la carta dalla stampante, chiudere lo sportello del dispositivo di


trazione e premere Enter. Il display mostra brevemente un valore
numerico. Un nuovo messaggio indica all’utente di caricare la carta
nella stampante.
• Premere il tasto Enter. Un nuovo valore numerico appare per breve
tempo, concludendo la sequenza di calibrazione.

Menu Guida
Questo menu non include alcuna categoria. Ha lo scopo di consentire all’utente di
stampare un elenco di tutte le opzioni selezionate in un singolo rapporto. Leggere
l’inizio di questo capitolo.

3–40
Capitolo 3: Menu stampante e configurazione della stampante

Pagina
vuota

3–41
Appendice A: Localizzazione guasti

Appendice A
Introduzione
Questo capitolo tratta i problemi di localizzazione guasti su una stampante della
serie T6200. Contiene una spiegazione dei messaggi che indicano i guasti e gli
errori della stampante e i rimedi relativi. Vengono anche spiegati quei pochi
problemi di gestione carta e qualità di stampa che possono verificarsi.

Messaggi
I messaggi sul display del pannello di controllo riportano sia le situazioni di
normale funzionamento che di guasto. Nella Tabella A–1 presentiamo un
elenco dei messaggi del display che necessitano di spiegazione o rimedio da
parte dell’operatore o del tecnico. Ogni elenco di messaggi comprende le
cause ed i rimedi da apportare dove necessario.

Guasti
Quando si verifica un guasto, questo provocherà l’interruzione del funziona-
mento della stampante che andrà Offline. L’allarme della stampante suonerà, si
illuminerà l’indicatore di guasto ed il display riporterà un messaggio di guasto.
In alcuni casi è possibile azzerare un messaggio di errore e continuare ad
utilizzare la stampante premendo il tasto Clear. Tuttavia la qualità della stampa
potrebbe risentirne e si potrebbero verificare danni collaterali ad altre parti. Se
ritorna il messaggio di guasto, eseguire il rimedio richiesto.
Se si verifica un guasto non grave a metà della stampa di un documento,
potrebbe perdersi una riga di testo una volta corretta la condizione di errore e
ripristinata la stampante su Online.

Se il guasto avviene nel pannello di controllo o nel collegamento


interprocessore, è possibile che il messaggio di guasto non si
visualizzi, e l’avvisatore acustico ed il LED di guasto potrebbero
non funzionare.

Procedura per il rimedio


Passo 1. Prima di tutto controllare il messaggio di guasto sul display del pannello di
controllo e fare riferimento alle tabelle di messaggio guasto riportate qui.
Passo 2. Apportare il rimedio richiesto. Alcuni messaggi di guasto e di errore si
azzereranno automaticamente una volta risolto il problema (ad es., il
messaggio di Cilindro aperto si azzererà quando la ruota di regolazione
distanza cilindro viene fatta ruotare allo spessore adeguato).
Passo 3. Se viene indicato un componente hardware come guasto, chiamare il
rappresentante assistenza clienti per una riparazione.
Passo 4. Se sul display compare qualsiasi altro guasto dopo avere risolto il problema
originale, ritornare al Passo 1 ed eseguire i rimedi richiesti. Altrimenti rimettere
la stampante Online e testarla durante le normali operazioni di stampa.

A–1
Manuale per l'operatore

Tabella A–1. Messaggi di display


MESSAGGIO Spiegazione e rimedio
ATTENTION Spiegazione: L’host ha inviato il comando bell
Rimedio: Il rimedio dipende dal motivo per cui il comando bell è stato inviato.
Contattare l’operatore di sistema.
Err. canale VFU Spiegazione: E’ stato ricevuto un comando di canale VFU dall’host che richiede
un canale illegale.
Rimedio: 1. Correggere i dati provenienti dall’host e ritrasmettere.
2. Assicurare l’integrità del collegamento a terra della stampante.
Err. cont. VFU Spiegazione: E’ stato rilevato un numero scorretto di byte in uno scaricam. VFU.
Rimedio: Correggere i dati provenienti dall’host e ritrasmettere.
Overflow buffer Spiegazione: Un overflow buffer è stato rilevato sull’interfaccia host
correntemente attiva. Ciò è molto probabilmente causato da un
malfunzionamento dell’host nel rispondere ad un segnale di
occupato.
Rimedio: 1. Verificare che sia stato selezionato il protocollo corretto.
2. Verificare il cablaggio del cavo I/O tra l’host e la stampante (ved.
Manuale delle applicazioni per una spiegazione dettagliata).
CAN Non Trovato Spiegazione: Il canale VFU richiesto dal computer host non può essere trovato.
Rimedio: 1. Correggere i dati provenienti dall’host, poi ritrasmetterli alla
stampante.
2. Assicurare l’integrità del collegamento a terra della stampante.
Contr. errore Spiegazione: Questo messaggio indica che si è verificato un guasto fatale nel
processore di controllo.
Rimedio: Chiamare il rappresentante assistenza clienti per la riparazione.
Contr. err. coll. Spiegazione: Il processore di controllo ha rilevato un guasto nel processore
principale al collegamento processore di controllo.
Rimedio: Chiamare il rappresentante assistenza clienti per la riparazione.
Overrun dati Spiegazione: Un overrun dati è stato rilevato sull’interfaccia host correntemente
attiva. Ciò è molto probabilmente causato da una velocità dati
seriale, bit di dati o parità configurate male.
Rimedio: Verificare il settaggio nei parametri di velocità dati seriale, bit di
dati e parità attraverso il pannello di controllo della stampante.
Err. scaric. Tipo Spiegazione: E’ stato rilevato un errore durante uno scaricamento di font.
Rimedio: Correggere i dati e ritrasmettere dall’host.
Graphic Check Spiegazione: Questo messaggio indica che la stampante ha ricevuto un segno
grafico non stampabile. Compare solo se Imposta il comando di
azione errore grafico è stato impostato correttamente.
Rimedio: Azzerare il messaggio (tasto Clear), quindi rimettere la stampante
Online. Confermare con l’host perché è stato inviato un messaggio
di verifica grafica.
Heap Overflow Spiegazione: Lo spazio memoria grafica è pieno e la stampante non può
accettare o elaborare dati. La stampante effettuerà un reset ed i
dati andranno persi.
Rimedio: Inserire dei terminatori di linea nel flusso dati così che la
stampante elaborerà i dati e poi li ritrasmetterà.

A–2
Appendice A: Localizzazione guasti

Key Disabled Spiegazione: Il tasto non ha alcuna funzione per questo modello di stampante o
modalità di funzionamento.
Rimedio: Nessuna rimedio.
Indir. perso (27) Spiegazione: Certi segnali di comunicazione si sono persi tra la stampante ed il
computer host.
Rimedio: Verificare collegam. cavi, impostaz. di host e impostaz. indir.
stampante.
Sincr. persa (28) Spiegazione: L’host non sta comunicando con la stampante.
Rimedio: Verificare indirizzo del computer e impostazione host. Verificare i
cavi I/O.
Quando viene visaulizzato questo messaggio durante
l’installazione della stampante, è possibile continuare a
testare la stampante ponendola Offline ed immettendo la
modalità Menu per selezionare i test di stampa o le routine
di calibrazione.
Errore CPU princ. Spiegazione: E’ stato rilevato un guasto nel processore principale durante la
diagnostica di accensione.
Rimedio: Chiamare il rappresentante assistenza clienti per la riparazione.
VFU non caricat Spiegazione: E’ stato ricevuto un comando VFU dall’host prima di scaricare un
VFU.
Rimedio: Scaricare le informazioni VFU richieste, quindi ritrasmettere i dati.
Errore NVRAM Spiegazione: Il checksum dati non volatile è fallito per una delle seguenti
condizioni:
(1) E’ stata installata una nuova RAM.
(2) E’ stato installato un nuovo software con diverse variabili non
volatili.
(3) I valori variabili sono stati alterati in maniera distruttiva.
Rimedio: Premere il tasto Clear. Se il messaggio non si azzera, mettere fuori
tensione la stampante. Se il messaggio non si azzera ancora,
chiamare il rappresentante assistenza clienti per la riparazione.
Offline Data In Spiegazione: La stampante è in condizione Offline ed i dati non stampati sono
nel buffer.
Rimedio: Non è richiesto alcun rimedio. In condizioni normali, la stampante
continua a stampare quando è rimessa Online. Se non si desidera
la stampa dei dati bufferizzati, accedere al menu Clear premendo il
tasto Clear prima di ritornare Online e selezionare l’immissione
Azzera i buffer per azzerare i dati bufferizzati.
Offline Dump On Spiegazione: La stampante è in condizione Offline ed è abilitata la modalità
Dump.
Rimedio: Non è necessario alcun rimedio. Rimettere la stampante Online
quando si è pronti a stampare.
Online Download Spiegazione: La stampante sta ricevendo font scaricati o informazioni VFU.
Rimedio: Questo messaggio si azzererà una volta completato lo
scaricamento.
Online Dump On Spiegazione: La stampante è pronta ad accettare e stampare i dati dall’host
tramite modalità Dump. Tutti i dati ricevuti dall’host saranno
stampati in formato esadecimale.
Rimedio: Non è richiesto alcun rimedio.

A–3
Manuale per l'operatore

Err Lung VFU Spiegazione: Un numero eccessivo di byte è stato inviato dall’host in uno
scaricamento VFU.
Rimedio: Correggere i dati e ritrasmettere dall’host.
Hammer Time Spiegazione: Il software che controlla la temporizzazione dei martelli di stampa
ha rilevato una inconsistenza interna.
Rimedio: Premere il tasto Clear. Se dà ripetutamente un errore, chiamare il
rappresentante assistenza clienti e passare al lavoro di stampa
successivo.
Hammer Voltage Spiegazione: Uno dei circuiti di comando martelli è stato acceso quando non
avrebbe dovuto, per cui tutta la stampa è stata disabilitata. Si tratta
solitamente di un transistor di comando guasto.
Rimedio: Chiamare il rappresentante assistenza clienti per la riparazione.
Err movim carta Spiegazione: Il processore di controllo ha rilevato che la carta non è riuscita a
spostarsi alla distanza richiesta dopo l’invio di un comando al
motore trasmissione carta.
Rimedio: Verificare eventuali problemi di avanzamento carta. Se ci sono
problemi di avanzamento carta, correggerli, quindi premere il tasto
Clear per azzerare il guasto. Se non ci sono problemi di
avanzamento carta e la condizione non si azzera, chiamare il
rappresentante assistenza clienti per la riparazione.
Fine carta Spiegazione: La carta non è stata rilevata dal sensore Fine carta.
Rimedio: Se questo messaggio è corretto, fare riferimento alla sezione tasto
Enter del Capitolo 1, quindi caricare la carta.
Se il guasto non si azzera, chiamare il rappresentante assistenza
clienti.
Errore Parità Spiegazione: La parità è abilitata ed è stata rilevata una discrepanza sul bit 8,
tra il computer e la stampante, sull’interfaccia host correntemente
attiva.
Rimedio: Se c’è una discrepanza tra l’impostazione della stampante e quella
dell’host, è possibile cambiare la parità della stampante facendo
riferimento alla sezione Menu di configurazione del Capitolo 2.
Se non c’è discrepanza tra le impostazioni della stampante e
dell’host, i dati inviati dall’host sono stati corrotti. Ritrasmettere i
dati dall’host. Se la condizione si ripete, impostare la stampante
per la modalità dump (nella sezione Menu di configurazione
nel Capitolo 2) e ritrasmettere i dati. Se non si riscontrano errori
nei dati modalità dump, chiamare il rappresentante assistenza
clienti.
Cilindro aperto Spiegazione: La distanza cilindro è oltre l’impostazione massima permessa per
lo spessore carta. Questo messaggio si visualizzerà quando si sta
caricando carta o una cartuccia a nastro nella stampante. Questa
condizione disabilita la stampante e gli unici tasti che
funzioneranno sul pannello di controllo sono i tasti di movimento
foglio.
Rimedio: Quando si sta caricando la carta o una cartuccia a nastro, questo
messaggio si azzererà quando si chiude la distanza cilindro. Se
questo messaggio appare in altri momenti o non si azzererà,
chiamare il rappresentante assistenza clienti.

A–4
Appendice A: Localizzazione guasti

Print Fault Spiegazione: Si è verificata una comunicazione difettosa tra il processore


principale e di controllo causando una stampa sbagliata di una fila
di punti. La stampante risolve automaticamente questa condizione.
Rimedio: In circostanze normali non vi è un altro rimedio oltre a premere il
tasto Clear per rimuovere il messaggio di guasto dal display. Se
comunque questo problema persiste, chiamare il rappresentante
assistenza clienti per la riparazione.
Ribbon Fault Spiegazione: Il rilevatore di guasto nastro non legge alcun movimento nel nastro
ad inchiostro della stampante.
Rimedio: Premere il tasto Clear e riprovare a stampare. Se il guasto
persiste, provare a girare la manopola del nastro. Se questa non
gira, controllare che il nastro non sia bloccato sul banco dei
martelli o su uno degli altri meccanismi attraverso i quali si sposta
il nastro. Se la manopola del nastro non gira e il nastro non è
bloccato da qualche parte, installare una nuova cartuccia del
nastro. Se la manopola del nastro gira e il guasto non si azzera,
rivolgersi al rappresentante dell’assistenza clienti per la
riparazione.
Testing Hardware Spiegazione: La stampante compie test di diagnostica interna quando viene
accesa.
Rimedio: Se il messaggio non si azzera dopo pochi secondi, la CPU
principale non reagisce. In circostanze normali non esiste alcun
rimedio. Se il messaggio non si azzera automaticamente,
chiamare il rappresentante assistenza clienti per la riparazione.
Indir. di installaz. Spiegazione: L’indirizzo della stampante non è stato impostato o è stata caricata
una configurazione con l’indirizzo posto su UNDEFIN (non definito).
Rimedio: Impostare l’indirizzo della stampante utilizzando i menu multilivello
sulla stampante. La procedura si trova al Capitolo 2, sotto il
Menu di configurazione.
Errore shuttle Spiegazione: Se il processore di controllo rileva lo shuttle che funziona al di
sopra o al di sotto della frequenza adeguata, interrompe lo shuttle
e cerca di riavviarlo. Se lo shuttle ancora non funziona
correttamente dopo tre tentativi consecutivi, il processore di
controllo va Offline, e viene visualizzato il messaggio di guasto
shuttle.
Rimedio: Premere il tasto Clear, poi rimettere la stampante Online. Se il
problema non si risolve, spegnere e poi riaccendere il sistema. Se
la condizione di errore persiste dopo aver compiuto le azioni
precedenti, rivolgersi al rappresentante dell’assistenza clienti per la
riparazione.
Errore termico Spiegazione: La temperatura ambiente ha superato il limite (Max T).
Rimedio: Spegnere la stampante e lasciare raffreddare l’unità. Dopo alcuni
minuti, riaccendere e riprovare la stampante. Se anche questa
prova fallisce, chiamare il rappresentante assistenza clienti.

A–5
Manuale per l'operatore

Problema Causa Rimedio


I fori carta sono più grandi del La tensione orizzontale carta è Sbloccare e regolare nuovamente i
normale dopo il passaggio nei troppo forte. dispositivi di trazione.
dispositivi di trazione.

I caratteri stampati su carta La distanza cilindro non è Aprire il dispositivo distanza cilindro.
pesante o a moduli sono impostata correttamente.
macchiati.

I caratteri stampati sono La distanza cilindro è regolata male Regolare nuovamente la distanza
troppo leggeri. o il nastro è esaurito. cilindro. Se questo non risolve il
problema, sostituire la cartuccia a
nastro con una nuova.

I caratteri stampati non sono La distanza cilindro non è Regolare la distanza cilindro.
stabili. correttamente impostata.

I caratteri stampati in una riga La tensione verticale carta è Spostare la leva tensione carta finché
sono più corti del normale. troppo lenta. la carta non è tesa ma non troppo
serrata.

I fori della carta sono allungati La tensione verticale carta è Spostare la leva tensione carta
dopo il passaggio attraverso i troppo intensa. finché la carta non è tesa ma non
dispositivi di trazione. troppo serrata.

La carta esce dai dispositivi di (1) La tensione carta verticale o Per modificare la tensione verticale,
trazione o la carta si lacera ai orizzontale non è corretta. sollevare la leva tensione carta per
fori dx o sx lungo i bordi. aumentare la tensione, e abbassarla
per diminuirla.
Per modificare la tensione orizzonta-
le, sbloccare il dispositivo di trazione
superiore dx e/o inferiore dx e
spostarlo a dx o a sx per la
regolazione necessaria.
(2) I dispositivi di trazione sono Sbloccare e riallineare i dispositivi
troppo distanti. di trazione.

(3) Dispositivi di trazione Sbloccare e riallineare i dispositivi


superiori non allineati con i di trazione così che il set inferiore
dispositivi di trazione inferiori sia direttamente sotto il set
superiore.
(4) La distanza cilindro non è Aprire il dispositivo distanza cilindro.
impostata correttamente.

A–6
Specifiche

Specifiche

Emulazioni
Le emulazioni disponibili nella stampante sono: MT660, Printronix P600,
Printronix P6000, Printronix P5000, Epson FX-1180, IBM Proprinter III XL, IBM
4234 (solo Twinax e coassiale), IBM 4210 e 5225 (solo Twinax), DEC LG01,
HP2564C, MTPL, Genicom ANSI, PJL, Code V, PGL, IPDS.

Stili di caratteri tipografici


Ci sono sei stili di caratteri tipografici a disposizione nella stampante.
Comprendono Gothic, Courier, Data Processing, Draft, OCR-A e OCR-B. Tutti
gli stili di caratteri tipografici e le due modalità di emissione (per Draft e DP)
sono selezionabili mediante il pannello di controllo della stampante.

Gothic e Courier
Questi due stili di caratteri tipografici forniscono una stampa Near Letter
Quality (NLQ).
Stampano a densità maggiori di punti ed utilizzano matrici di carattere più
dense per una migliore leggibilità.

Draft e Data Processing


Gli stili di caratteri tipografici Draft e Data Processing stampano in due
modalità: Font a densità costante (CDF) e Estesa.
I font a densità costante stampano alla stessa densità di punti
indipendentemente dal CPI. Questo produce una velocità di stampa regolare
anche quando si passa da un CPI ad un altro.
La modalità estesa fornisce una risoluzione superiore ed una gamma maggiore
di CPI rispetto alla modalità CDF. Poiché la modalità estesa utilizza una varietà
di densità di punti, si dovrebbe prevedere un cambiamento in velocità di
stampa del testo quando si passa da un CPI ad un altro.

OCR–A ed OCR–B
Questi stampano solo a 10 CPI, soprattutto per applicazioni OCR
(riconoscimento di caratteri ottici).

Caratteri Per Pollice


Questa stampante offre una varietà di CPI da utilizzare nei vari risultati di
stampa. I CPI disponibili sono dettati dallo stile di carattere tipografico
selezionato. Ogni CPI si basa su una delle 12 matrici di carattere e 12 densità
di punti. Ogni matrice utilizza un numero specifico di colonne di punti per la
composizione dei caratteri e per la distanza tra i caratteri. I CPI sono
raggruppati in un qualsiasi stile di carattere tipografico a seconda della matrice
di base CPI utilizzata per il gruppo. Quei CPI di base sono 10, 12 e 15.

Spec–1
Manuale per l'operatore

Densità di punti e velocità di traccia


La stampante supporta tracce di file orizzontali (fila singola e multipla), tracce
colonne verticali e tracce grafiche specializzate.

La stampante supporta i seguenti DPI orizzontali: 40, 48, 60, 80, 90, 120, 180
e 240. Densità scalate disponibili sulla stampante sono: 50, 72, 75, 96, 100,
144, 150, 160 e 200. Tutte le altre selezioni verranno approssimate per
conversione alla densità superiore successiva.

La stampante supporta i seguenti DPI verticali: 48, 72, 96, 144 e 288. Tutte le
altre selezioni sono emulate mediante l’uso di tecniche di cambiamento di
scala.

Tabella S–1. Prestazioni testo

Produttività testo – Righe al minuto T6218 T6215 T6212


Maiuscolo/Minuscolo
Draft 10 CPI 1800/1500 1500/1285 1200/1000
15 CPI 1800/1500 1500/1285 1200/1000
17.14 CPI 1800/1500 1500/1285 1200/1000
Data Processing 10 CPI 1350/1080 1125/900 900/720
15 CPI 1350/1080 1125/900 900/720
17.14 CPI 1350/1080 1125/900 900/720
Gothic 10 CPI 720/600 600/500 480/400
15 CPI 540/450 450/375 360/300
17.14 CPI 540/450 450/375 360/300
Produttività immagini – Pollici al minuto
60 X 48 225 187 150
60 X 72 150 125 100
120 X 72 DPI 75 62 50
Benchmark applicazione
AIAG 2-up Normal/PGL - Label/Hrt 4392 3660 2928
AIAG 2-up Read/Right/PGL - Labels/Hr 2788 2460 1968
POSTNET 6LPI Labels/Hr Draft 70,266 62,000 49,600
ECMA 132 - Pagine l'ora
#2 Letter Performance 10 CPI Draft 1864 1645 1316
#3 Letter Performance 10 CPI NLQ 878 775 620
#4 Letter Endurance 10 CPI NLQ 884 780 624
#5 Spreadsheet Perf. 17 CPI Draft 2493 2200 1760
#6a Spreadsheet Perf. 17 CPI Draft 2493 2200 1760
#6b Spreadsheet Perf. 17 CPI NLQ 994 780 624
#7 Graphics Performance 1122 990 792

Spec–2
Specifiche

Righe Per Pollice


Sono disponibili dieci impostazioni righe per pollice (LPI) mediante il pannello di
controllo. Comprendono 1.5, 2, 3, 4, 5, 6, 8, 9, 10 e 12 LPI. In alcune
emulazioni la disponibilità di certi LPI è limitata.

Velocità movimento carta


La stampante ha un velocità normale di rotazione rapida di 36 pollici al
secondo. Quando si stampa in modalità fogli pesanti, la velocità massima di
rotazione rapida viene diminuita a 20 pollici al secondo.

Lingue e set di caratteri


Sulla stampante sono disponibili fino a 34 set di caratteri lingua, ognuno con un
massimo di 192 caratteri (alcune emulazioni hanno meno set di caratteri con
256 caratteri). Inoltre, i set di caratteri ANSI e DIN sono disponibili per essere
utilizzati con gli stili di caratteri tipografici OCR-A e OCR-B0.

Ad eccezione di ANSI e DIN, i set di caratteri lingua possono essere stampati in


quattro stili diversi di caratteri tipografici: Gothic, Courier, Data Processing e
Draft. I caratteri ANSI e DIN possono essere utilizzati soltanto con gli stili di
caratteri tipografici OCR-A e OCR-B0 e sono selezionabili in quattro
combinazioni mediante il pannello di controllo della stampante.

Configurazioni fisiche
Solo la Vostra stampante è disponibile in un cabinet insonorizzato.

Peso
La stampante ha un peso reale di 84 kg ed un peso di spedizione di 96 kg.

Descrizione carta
La stampante utilizza carta a modulo continuo, del tipo ad avanzamento a
dentini, di larghezza esterna da 64 mm a 457 mm e lunghezza da 76 mm a
305 mm. Può essere utilizzata carta da una a sei parti con uno spessore
massimo di 0,64 mm. (Specifiche di riferimento: ISO 2784, DIN 9771 e
DIN 6721.)

Acustica
La potenza acustica della stampante è 6,7 Bel (media di 9 posizioni per
ISO 7779) con un livello di pressione acustica inferiore a 52,0 dBA (media di
4 posizioni, per ISO 9296).

Memoria non volatile


La stampante memorizza fino a 10 configurazioni stampante in EEPROM non
volatile.

Spec–3
Manuale per l'operatore

Alimentazione
La stampante richiede una fase singola, da 47 a 63 Hz. Alimentazione
d’ingresso da 90 a 264 VCA. L’alimentatore universale della stampante si
regola automaticamente ai valori corretti. Viene fornito un fusibile per
interrompere l’elettricità all’alimentatore. La seguente tabella fornisce i valori
corrente tipici.

Tabella S–2. Requisiti di potenza


Alimentazione esterna Requisiti di corrente/wattaggio @ tensione nominale

Volt CA Frequenza Media Picco Media Media


(RMS) (Hz) Funzionamento Funzionamento a vuoto <5 min. a vuoto >5 min.

110 50 2,0 A/215 W 5,5 A/600 W 0,5 A/55 W 0,3 A/30 W

110 60 2,0 A/215 W 5,5 A/600 W 0,5 A/55 W 0,3 A/30 W

220 50 1,0 A/215 W 2,8 A/600 W 0,3 A/55 W 0,2 A/30 W

Manutenzione
Questa stampante è realizzata per eliminare la richiesta di procedure di
manutenzione programmate, quali l’allineamento, la regolazione o la
lubrificazione. La manutenzione preventiva si limita ad una pulizia periodica.
Rimuovere la polvere e le fibre di carta periodicamente con un panno morbido
e spazzola o con un aspirapolvere. Pulire l’involucro con un panno umido ed
acqua e sapone. NON utilizzare detersivi abrasivi o solventi, per non
danneggiare l’involucro.

Sicurezza
Le zone a rischio per il personale hanno un accesso limitato con adeguate
etichette di avvertenza. Le funzioni protettive nelle zone principali di potenziale
da sovraccarico impediscono danni catastrofici.

Sistema di raffreddamento
Il malfunzionamento del sistema di raffreddamento viene rilevato con un guasto
nel movimento shuttle, movimento carta e nelle funzioni di stampa inibite. Il
malfunzionamento sarà riportato sul display del pannello di controllo.

Spec–4
Specifiche

Ambiente
Operativa
Temperatura

bulbo secco: da 10°C a 40°C

Umidità: da 10 a 90% a scarico libero con una temperatura


massima a bulbo bagnato di 28°C ed una temperatura di
condensa minima di 2°C

Altitudine: A 2438 metri

Non operativa
Temperatura

Se confezionata: da -40°C a 66°C

Se non confezionata: da -10°C a 50°C

Umidità: da 10 a 95% a scarico libero

Altitudine: fino a 3048 metri

Shock termico: 20°C l’ora

Vibrazione: Le unità soddisfano i requisiti NSTA


(National Safe Transit Association).

Contributo carico di calore


Il contributo carico di calore medio all’ambiente è di circa 735 BTU l’ora
(215 Watt). Il contributo carico di calore minimo è di circa 100 BTU l’ora
(30 watt). Quello massimo è di 2050 BTU l’ora (600 Watt), in condizioni
continue di stampa a pieno carico.

Tabella S–3. Contributi carico di calore

Condizioni di stampa (110 VAC/60 Hz) Wattaggio BTU/ora

Acceso, non in stampa 55 W 188

100% ASCII rotante maiuscolo 400 W 1370

Traccia pagina nera 600 W 2050

Spec–5
Manuale per l'operatore

Dimensioni della stampante

28.3"
(718.8 mm)

Vista superior

28.8"
(731.5 mm)

62.2"
(1579.9 mm)

40.0"
(1016.0 mm)

Vista posterior (y delantera) Vista lateral

Figura S–1. Dimensioni fisiche

Spec–6
Specifiche

Standard industriali e d’agenzia


La stampante è realizzata per soddisfare i requisiti di parecchi standard
industriali e di agenzie governative.

Emissioni elettromagnetiche
EMI: FCC parte 15, sottoparte J, Classe A
e EN5022 Classe B
Harmonics: EN 61000-3-2
Flicker: EN 61000-3-3

Immunità elettromagnetica
ESD: EN 61000-4-2
RF EMF: EN 61000-4-3
EFT/B: EN 61000-4-4
Surge: EN 61000-4-5
RF CM: EN 61000-4-6
PF MF: EN 61000-4-8
V Dips/Int: EN 61000-4-11

Energy Conservation
Conforme a Energy Star®

Sicurezza
IEC 60950:1991 più emendamento 1, 2, 3, e, 4 e variazioni nazionali AT,
AU, BE, CA, CH, CZ, DE, DK, ES, FI, FR, GB, GR, HU, IE, IT, JP, KR,
NL, NO, SE, SG, SL, US e differenze gruppo per bollettino CB 94AI(Mar
99).

ANSI UL 1990-95, e EN60950:1992, CAN/CSA-C22.2 No. 950-95, e


EN60950:1992 più emendamento 1, 2, 3, e 4 requisiti di sicurezza.

Acustica
ISO 7779:1988(E)
ISO 9296:1988(E)

Marcatura
La stampante è conforme ai requisiti di marcatura CE, secondo le
norme europee.

Spec–7
Manuale per l'operatore

Pagina
vuota

Spec–8