Sei sulla pagina 1di 37

Dall’apparato di Golgi originano i lisosomi

Dall’apparato di Golgi originano i lisosomi

I LISOSOMI

I lisosomi sono organuli specializzati per

la digestione intracellulare. Hanno forma

e dimensioni varie e contengono enzimi idrolitici che agiscono in maniera

ottimale ad un pH prossimo a 5. Si distinguono due classi di lisosomi:

- primari

- secondari

I lisosomi

I lisosomi primari sono quelli

neoformati che non hanno mai incontrato un substrato da digerire.

I lisosomi secondari derivano dalla fusione di lisosomi primari con

substrati racchiusi dentro vescicole

di endocitosi

I lisosomi sono responsabili dell’autolisi cellulare

e della distruzione delle parti invecchiate della

cellula

I lisosomi sono responsabili dell’autolisi cellulare e della distruzione delle parti invecchiate della cellula

I perossisomi

Originano per gemmazione dal reticolo

endoplasmatico liscio e sono specializzati

nello svolgimento di reazioni

ossidative.Insieme ai mitocondri, rappresentano il principale sito di

utilizzazione dell’ossigeno, senza però

produzione di energia.

I perossisomi

Sono in grado di impiegare l’ossigeno molecolare per asportare atomi di

idrogeno da substrati specifici, formando il

perossido di idrogeno.

Il perossido di idrogeno prodotto viene

utilizzato per ossidare numerosi substrati

o viene convertito in acqua.

Sono responsabili della beta-ossidazione

degli acidi grassi.

I mitocondri ed il nucleo sono organuli avvolti da due membrane distinte.

La presenza di due membrane

concentriche crea due compartimenti

separati all’interno di questi organuli

I mitocondri

I mitocondri

Morfologia delle creste

mitocondriali

1- creste lamellari

2- creste tubulari 3- creste prismatiche

Morfologia delle creste mitocondriali 1- creste lamellari 2- creste tubulari 3- creste prismatiche

Metabolismo del glucosio nella cellula

Metabolismo del glucosio nella cellula

La degradazione dei glucidi e dei grassi nel citosol produce dei metaboliti che

alimentano il metabolismo ossidativo dei

mitocondri. Infatti, i prodotti di degradazione dei glucidi e dei grassi

entrano nei mitocondri e, nella matrice

mitocondriale, vengono ulteriormente demoliti

DNA RNA TRASCRIZIONE TRADUZIONE PROTEINE
DNA RNA TRASCRIZIONE TRADUZIONE PROTEINE

DNA

RNA

TRASCRIZIONE

TRADUZIONE

PROTEINE

Il nucleo

Il nucleo

La membrana nucleare

La membrana nucleare

La cromatina

E’ costituita da DNA (acido

desossiribonucleico) e da proteine.

Le proteine associate alla cromatina, rappresentate dagli istoni e da proteine non istoniche regolano la funzione genica e stabilizzano la struttura dei cromosomi

Eterocromatina ed eucromatina

costituiscono le

due forme del materiale

genetico

all’interno del

nucleo.

Eterocromatina ed eucromatina costituiscono le due forme del materiale genetico all’interno del nucleo.

DNA

Acido

Desossiribonucleico

DNA Acido Desossiribonucleico

DNA

DNA

DNA

e RNA

DNA e RNA

La cromatina

E’ costituita da tutto il DNA presente

nel nucleo e da due classi di proteine:

gli istoni e le proteine non istoniche.

La cromatina

Le subunità

elementari

della cromatina

sono i nucleosomi, formati da un

cilindretto di

istoni e dal DNA

avvolto sulla sua

superficie

elementari della cromatina sono i nucleosomi, formati da un cilindretto di istoni e dal DNA avvolto

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA

Funzioni del DNA

Il DNA:

1- duplica se stesso in modo da

trasmettere alle nuove cellule le stessa informazione genetica

2- trascrive la sua informazione su molecole di RNA, in particolare su

mRNA, le quali, a loro volta, vengono tradotte in proteine

RNA

Oltre al DNA, nella cellula sono presenti

altri

acidi nucleici, tra cui l’acido ribonucleico o RNA.

Solo il 5% dell’ RNA si trova nel nucleo e rappresenta il precursore dell’RNA citoplasmatico

RNA

L’RNA presenta delle differenze

rispetto al DNA.

Infatti è formato da un solo filamento polinucleotidico in cui la timina è sostituita da un altro composto azotato, l’uracile, e il desossiribosio è sostituito dal ribosio

Sintesi dell’RNA

Sintesi dell’RNA

RNA

Si conoscono tre tipi principali di RNA . Essi intervengono nella sintesi proteica,

ciascuno con funzioni diverse:

1- RNA messaggero o mRNA

2- RNA transfer o tRNA 3- RNA ribosomiale o rRNA

Sull’RNA messaggero il DNA trascrive i codoni di una proteina

L’RNA transfer serve per il trasporto degli aminoacidi da assemblare in proteina

L’RNA ribosomiale forma, insieme a proteine, i ribosomi, sui quali avviene la costruzione della proteina

I tre tipi di RNA cooperano nella sintesi delle proteine

L’alfabeto genetico

L’alfabeto genetico è composto da 4 lettere: A, T, G, C.

Poiché esistono 20 tipi diversi di aminoacidi che

nelle proteine devono succedersi in maniera

corretta (le proteine si distinguono tra loro per la

sequenza degli aminoacidi), le lettere vengono prese tre alla volta e formano 64 combinazioni

differenti tra loro, più che sufficienti a codificare

i 20 aminoacidi

I codoni

Ciascuna proteina è codificata sul DNA sotto forma di sequenze nucleotidiche

che, a tre a tre (triplette di nucleotidi o

codoni), corrispondono alle sequenze di

ciascun aminoacido di tale proteina

Dei 64 codoni possibili, tre (detti codoni di stop) non corrispondono ad alcun

aminoacido.

I cromosomi

I cromosomi

Morfologia dei cromosomi

Morfologia dei cromosomi

I cromosomi

Nel nucleo delle cellula umane sono presenti

23 coppie di cromosomi.

I cromosomi di ciascuna coppia si chiamano

omologhi

In 22 delle 23 coppie, i cromosomi omologhi sono uguali nei due sessi e si

definiscono autosomi

La ventitreesima coppia è formata da

cromosomi morfologicamente diversi nei

due sessi: i cromosomi sessuali o eterocromosomi

Mappa cromosomica nel maschio

Mappa cromosomica nel maschio

Mappa cromosomica nella femmina

Mappa cromosomica nella femmina