Sei sulla pagina 1di 43

Autonomia

Le 100 domande
dei veneti
a Luca Zaia
Autonomia
Le 100 domande
dei veneti
a Luca Zaia
Comitato vota quelle che ci avete posto possa essere uno strumento
SI al referendum come “Comitato per il Sì”. utile a comprendere che
del 22 ottobre Domande che non possono il 22 ottobre non ci si recherà
per l’autonomia rimanere dunque senza al seggio per il referendum
del Veneto risposta. di Zaia o di qualche forza
politica, ma si andrà a
Abbiamo così riunito tutti decidere del futuro del
i quesiti sul referendum e Veneto. E che, votando “Sì”,
sull’autonomia, ne abbiamo avremo finalmente la libertà
selezionati i 100 più di dirci padroni a casa nostra
significativi e di carattere senza che un neocentralismo
Girando per città, paesi, è chiaro che si va alle urne, generale, e abbiamo girato ormai anacronistico continui
strade e piazze del nostro non altrettanto evidenti il materiale al Presidente a mettere le mani sulle
meraviglioso Veneto, sono i motivi, le ragioni, Zaia - che del referendum risorse che produciamo
incontrando il nostro i percorsi amministrativi, è stato sostenitore e col sudore e con la fatica
popolo partecipe e generoso, gli obiettivi, gli scopi e le promotore - affinché, con di veneti per cui il lavoro
ascoltando le tante domande conseguenze di un voto esperti costituzionalisti e l’intraprendere, la
che ci sono state rivolte in che per la prima volta nella ed economisti, rispondesse solidarietà e la generosità,
questi ultimi mesi e leggendo storia repubblicana (se con chiarezza e concretezza. la virtù e il risparmio, sono
il sempre vivace dibattito vincerà il “Sì”, come tutti In modo che sia evidente fattori quasi genetici.
che si svolge sui social auspichiamo e con una a tutti la posta in gioco.
network, noi del “Comitato affluenza che dovrà essere Per la prima volta i veneti
per il Sì” abbiamo maturato imponente) impegna Ne è scaturita una potranno dire a Roma: basta
contemporaneamente governo e Parlamento pubblicazione, un’agevole gettare i nostri soldi in bocca
una intuizione e un a garantire al Veneto la guida, che ci auguriamo agli spreconi!
convincimento. possibilità di avere tante
competenze attualmente
Abbiamo intuito che gestite dallo Stato.
i cittadini veneti hanno
piena consapevolezza Cosa accadrà il giorno
che il 22 ottobre, data del successivo al voto
referendum sull’autonomia referendario? Quando
del Veneto, rappresenterà potremo finalmente
un appuntamento storico dirci autonomi? Perché
perché saranno chiamati autonomia sì e non
a esprimersi in una indipendenza? Cosa
consultazione che inciderà cambierà nella mia vita e in
in modo determinante quella delle famiglie venete?
sul loro futuro, su quello Pagheremo meno tasse?
dei loro figli. Avremo più assistenza?

Ma abbiamo altresì maturato Domande semplici, le più


la netta sensazione che, se varie, comunque tante,
Indice 11. Con quali motivazioni il governo l’ha
impugnata?
pag. 23

12. Perché la Corte Costituzionale ha, invece, pag. 23


respinto l’impugnativa del governo? Con
quali motivazioni?

13. Come sarà formulato il quesito referendario? pag. 24

14. Non si poteva andare al voto con un quesito pag. 24


I - Autonomia vuol dire più democrazia pag. 15 più articolato rispetto a quello più generico
ammesso dalla Consulta?
1. Presidente Zaia, come si può definire pag. 16
l’autonomia? 15. Perché il governo non ha voluto trattare pag. 25
sul quesito?
2. Presidente, cos’è, allora, l’indipendenza? pag. 16
16. Perché il referendum del 22 ottobre pag. 25
3. Qual è la differenza tra autonomia pag. 16 sull’autonomia del Veneto prevede il
e indipendenza? Sarà una consultazione quorum?
come quella sull’uscita della Gran Bretagna
dalla UE, la Brexit? 17. Dal giorno successivo a un’eventuale vittoria pag. 26
del “Sì”, quali strumenti metterete in campo
4. Perché è possibile raggiungere l’autonomia? pag. 17 per avviare una trattativa?

5. Cosa si intende per autonomia differenziata? pag. 17 18. Quali saranno i contenuti della trattativa? pag. 26

6. Nessuno ha ancora chiesto di avviare questa pag. 18 19. Ci sarà bisogno di un provvedimento di legge pag. 28
procedura? affinché la trattativa col governo - come
previsto dall’articolo 116 della Costituzione
- renda operativa l’autonomia del Veneto?
II - La conquista dell’autonomia pag. 20
20. Nel caso in cui un governo non dovesse pag. 28
7. Quale valore avrà il referendum del Veneto? pag. 21 accettare la trattativa, quali strumenti
abbiamo per far sì che ci venga concessa?
8. Il referendum veneto sarà solo un voto pag. 21
di protesta senza efficacia? 21. È vero che Zaia ha organizzato il referendum pag. 29
soltanto per mettere in difficoltà la sinistra?
9. La Regione del Veneto aveva fatto altri pag. 21
tentativi per ottenere l’autonomia? 22. Quali tempi si prevedono per arrivare pag. 29
all’autonomia?
10. Cosa prevede la legge regionale 15 del giugno pag. 22
2014 che disciplina il referendum 23. Come si incardinerà la trattativa in caso pag. 30
sull’autonomia? di vittoria del “Sì”?
III - Autonomia: spesa virtuosa, crescita, pag. 31 34. Il Veneto vuole l’autonomia perché è egoista? pag. 40
meno fisco, più welfare
35. Quant’è il debito pubblico dei Veneti? pag. 42
24. La richiesta di autonomia poggia anche pag. 34 Con l’autonomia cambierà qualche cosa?
sulla capacità del Veneto di spendere bene
le proprie risorse? 36. Ma fanno più debito pubblico le regioni pag. 42
o lo Stato?
25. In quali settori il Veneto è migliore delle altre pag. 34
regioni nella gestione della spesa pubblica? 37. È vero che le amministrazioni locali del pag. 43
Veneto sono tra le meno indebitate d’Italia?
26. Se tutta la Pubblica Amministrazione italiana pag. 34
raggiungesse la qualità della Pubblica 38. Con l’autonomia del Veneto, potremo far pag. 43
Amministrazione del Veneto, quanti soldi sentire meglio la nostra voce in Europa?
risparmierebbero i cittadini italiani?
E di quanti miliardi si potrebbero abbassare 39. Non è un referendum antistorico che va pag. 44
le imposte che i veneti pagano? contro l’europeismo e la globalizzazione,
quando le piccole patrie sono destinate
27. Cosa si potrebbe fare con i soldi risparmiati pag. 36 a soccombere?
se la Pubblica Amministrazione italiana
“copiasse” il “modello Veneto”? 40. Con il Veneto autonomo si potrebbero evitare pag. 44
le crisi economiche?
28. Quali sarebbero gli effetti di una maggiore pag. 36
autonomia sulla ricchezza? Perché si dice 41. Perché ripudiare l’Italia che ha consentito pag. 44
che l’autonomia porti maggiore ricchezza? al Veneto di diventare ricco e potente?

29. L’autonomia darà al Veneto maggiori risorse? pag. 38 42. Autonomia per tenerci tutti gli immigrati, pag. 45
Perché con l’autonomia queste risorse non finti profughi che lo Stato continuerebbe
andrebbero sprecate? a inviarci?

30. Se il Veneto, una volta ottenuta l’autonomia, pag. 38 43. Lei dice che ognuno deve avere l’autonomia pag. 45
manterrà più risorse sul territorio, non che gli spetta. Non finirà che creeremo
metterà in crisi l’Italia intera? disuguaglianze attraverso le stesse
autonomie regionali? Che qualcuno
31. Quali e quante sarebbero le competenze pag. 39 diventerà più autonomo di altri perché
che potrebbero essere ottenute dal Veneto? più forte politicamente?

32. L’autonomia che otterrebbe il Veneto a seguito pag. 40 44. Una volta che si aprirà questo vaso di pag. 46
di una trattativa sarebbe paragonabile, nei fatti, Pandora che è l’articolo 116 sulle maggiori
all’autonomia delle regioni a statuto speciale? competenze regionali, con il Veneto che
farà da apripista, andremo verso una
33. Finirà che con l’autonomia le imposte e le pag. 40 confederazione di regioni autonome con
tasse ce le imporranno Zaia e amici invece lo Stato al centro? Che fine farebbe una
dell’Italia? Cosa cambierebbe in fondo? Repubblica come quella italiana?
45. La Lega era una delle sostenitrici a spada pag. 47 56. Quanto è stato penalizzato il Veneto dalle pag. 52
tratta della riforma del 2001. Come mai fino manovre economiche fatte dai governi negli
ad adesso le regioni, anche quelle più ultimi anni?
autonomiste, non hanno fatto nulla su
questo fronte? 57. I tagli delle leggi di finanza hanno penalizzato pag. 54
chi ha speso di più e punito chi ha speso di
46. Come può incidere l’autonomia sul corpus di pag. 47 meno come il Veneto?
leggi inutili, sovrapposizione di norme, ecc, di
cui gli imprenditori continuano a lamentarsi? 58. È vero che il Veneto è trascurato da Roma? pag. 54

47. Non crede che con l’autonomia, molti degli pag. 48 59. La sperequazione finirebbe con l’autonomia? pag. 56
impiegati pubblici statali, a fronte di un
trasferimento delle competenze, finirebbero 60. Quanto danno i veneti in solidarietà alle pag. 56
nelle file regionali, perpetuando una sorta altre regioni d’Italia (residuo fiscale)?
di burocrazia borbonica? Con l’autonomia cosa cambierebbe?

48. Quanti dipendenti pubblici in meno si pag. 48 61. Quali sono le regioni che tengono in piedi pag. 56
avrebbero se l’Italia “copiasse” il Veneto? il Paese? Quali, invece, hanno un residuo
fiscale negativo?
49. Con l’autonomia acquisiremo anche la pag. 49
competenza in materia di istruzione? 62. Il debito pubblico continua ad aumentare, pag. 57
è tutta colpa degli enti locali o è anche
50. Con poche risorse disponibili, com’è pag. 49 colpa delle regioni?
la preparazione degli studenti veneti?
Migliorerà con l’autonomia? 63. Sanità: il Veneto è egoista o solidale pag. 58
con le altre regioni?
51. Con l’autonomia, gli studenti e gli insegnanti pag. 50
veneti otterrebbero dei vantaggi? Avremo 64. È possibile avere un’idea di quanti soldi pag. 58
scuole più sicure? in più ci sarebbero per la sanità veneta
con l’autonomia?
52. Con l’autonomia potremmo avere insegnanti pag. 50
meglio pagati? 65. Si legge che mancano medici e infermieri. pag. 59
Con l’autonomia si potranno assumere?
53. Quali benefici potrebbe portare l’autonomia pag. 51
all’università? 66. Negli ultimi anni ci sono stati tagli di fondi pag. 59
dallo Stato per la sanità veneta.
54. Con l’autonomia, gli studenti universitari pag. 51 Con l’autonomia non ci saranno più?
veneti potranno continuare a studiare
all’estero? 67. Con l’autonomia, sarà la volta buona che non pag. 59
avremo più a che fare con le liste d’attesa?
55. Con l’autonomia pagheremo meno tasse? pag. 52
E per quanto riguarda la TASI, l’IMU e gli altri 68. Con l’autonomia continueremo a pagare pag. 60
tributi? il ticket?
69. Ho un malato cronico grave in famiglia, pag. 60 81. Con l’autonomia, i pensionati veneti pag. 66
con l’autonomia potrà migliorare di domani avranno assegni più pesanti?
l’assistenza?
82. Perché imprese venete e artigiani con pag. 66
70. La medicina del territorio potrà essere pag. 61 l’autonomia ci guadagnerebbero?
migliorata con l’autonomia?
83. Siamo la prima regione turistica d’Italia: pag. 67
71. Tutti dicono che si investe poco sulla pag. 61 perché con l’autonomia potremmo
prevenzione, con l’autonomia è in migliorare e avere un sistema turistico
programma di potenziarla e di aumentare più integrato?
gli screening?
84. Con l’autonomia, l’export del Veneto potrebbe pag. 67
72. Con l’autonomia, i nostri giovani che vogliono pag. 62 risentirne? L’autonomia potrà aiutarlo?
studiare medicina o fare gli infermieri o i
tecnici sanitari potranno studiare in Veneto 85. Con l’autonomia, i prodotti realizzati pag. 68
senza problemi? nei nostri distretti industriali saranno
maggiormente valorizzati?
73. Abito in una zona del Veneto in cui tutti i pag. 62
giorni si sente parlare di pericolo di chiusura 86. Con l’autonomia, quali effetti positivi pag. 68
dell’ospedale. Cambierà qualcosa con si potranno osservare nel campo delle
l’autonomia? infrastrutture viarie?

74. Posso sperare che la ricerca sanitaria con pag. 63 87. Qual è la situazione in Veneto delle pag. 69
l’autonomia riceva più sostegno per la cura infrastrutture telematiche? Potremo
dei tumori? investire di più con l’autonomia?

75. Il Veneto è autonomo dal punto di vista pag. 63 88. Il Veneto negli ultimi anni è stato colpito pag. 69
energetico? Se fossimo autosufficienti, le da molte calamità naturali: alluvioni,
nostre bollette sarebbero meno costose? tornado, smottamenti, terremoto, ecc.
Perché l’autonomia può favorire la
76. Perché sarà più facile, con l’autonomia, pag. 64 prevenzione e/o la ricostruzione delle
per i giovani veneti trovare lavoro? realtà colpite da queste tragedie?

77. Il Veneto vuole più autonomia per coprire pag. 64 89. Con l’autonomia, le famiglie potranno pag. 70
l’evasione e il lavoro nero? beneficiare di maggiori risorse?

78. A quanto ammonta l’evasione fiscale in pag. 65 90. Le famiglie con disabili a carico o con anziani pag. 70
Veneto? non autosufficienti avranno maggiori
benefici?
79. In Veneto quanti sono i lavoratori irregolari? pag. 65
91. A quanto ammontano i tagli statali ai fondi pag. 71
80. Vogliamo l’autonomia per pagare le pag. 65 per anziani, disabili e non autosufficienti?
pensioni? Caleranno con l’autonomia?
Autonomia
92. Con il predominio dello Stato centrale, pag. 72 Le 100 domande dei veneti
la nostra Regione riceve risorse inferiori a Luca Zaia
alla media nazionale?

93. Come accaduto a Trieste, potremmo pag. 72


beneficiare anche noi di un Porto franco
con un’area industriale libera dalle tasse? Autonomia
94. I nostri beni culturali riceveranno più risorse
con l’autonomia?
pag. 73
vuol dire
95. Sarà possibile fare più prevenzione contro
gli infortuni sul lavoro e gli incidenti stradali?
pag. 73 più democrazia
96. Il Veneto potrebbe avere più potere anche pag. 73
in materia di giustizia?

97. Con i soldi in più che sarebbero lasciati pag. 74


al Veneto se fosse come Bolzano potrei
avere più soldi per pagare la retta dell’asilo?

98. Con le risorse in più lasciate al Veneto pag. 74


se avessimo lo stesso grado di autonomia
di Bolzano potrei acquistare nuovi
macchinari per la mia azienda?

99. Con le risorse in più lasciate al Veneto pag. 74


se avessimo lo stesso grado di autonomia
di Bolzano potrei avere con più facilità
e a interessi più bassi un prestito o un fido
per la mia azienda?

100. Con i soldi in più che sarebbero lasciati pag. 75


al Veneto se fosse come Bolzano potrei
avere un prestito agevolato per l’acquisto
della prima casa come giovane coppia?

IV - Le regole del voto pag. 77


16 17
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

1. 3. Il referendum è, infatti, l’autonomia ordinaria;


Presidente Zaia, come si Qual è la differenza tra perfettamente in linea con l’autonomia speciale, cioè
può definire l’autonomia? autonomia e indipendenza? la Costituzione italiana, di delle regioni a statuto
Sarà una consultazione cui è diretto a promuovere speciale (Friuli Venezia Giulia,
Per autonomia si intende come quella sull’uscita l’attuazione di un importante Trentino-Alto Adige con le
che un ente territoriale, della Gran Bretagna dalla articolo (il 116), e non solo, due Province autonome di
come la regione, possiede UE, la Brexit? che è sempre stato Trento e Bolzano, Valle
propri poteri legislativi, indebitamente ignorato; d’Aosta, Sicilia e Sardegna);
amministrativi e impositivi Si tratta di una differenza anche a livello europeo il l’autonomia differenziata,
riconosciuti dalla radicale. L’indipendenza referendum veneto non può ovvero quella prevista
Costituzione italiana. I poteri indica, infatti, un nuovo che essere guardato con dall’articolo 116, III comma,
sono costituzionalmente Stato, quindi un ente sovrano favore, perché essendo della Costituzione.
garantiti a favore della e non più autonomo. Nel diretto a mantenere più
regione, la quale quindi gode momento in cui il Veneto risorse su un territorio ad 5.
di una sfera di funzioni a essa dovesse diventare alta produttività favorisce Cosa si intende per
direttamente assegnate. indipendente, avrebbe tutte in tutti i sensi lo sviluppo autonomia differenziata?
In sintesi, autonomia vuol le funzioni che oggi esercita economico e sociale; per
dire la capacità di gestire in lo Stato italiano. In questo questo motivo anche sui L’autonomia differenziata
proprio determinate funzioni caso la Regione del Veneto mercati dovrebbe, a è appunto quella prevista
amministrative, legislative si dovrebbe far carico di tutte differenza di quello sulla dall’articolo 116, III comma,
e impositive. quelle competenze statali Brexit, avere un impatto della Costituzione. Esso
che, in un quadro di positivo. Dal punto di vista prevede che una regione
2. autonomia, continuerebbero sostanziale è certamente ordinaria può richiedere
Presidente, cos’è, allora, a essere esercitate, invece, un referendum che avrà maggiori competenze
l’indipendenza? dallo Stato (per esempio le un impatto storico su un all’interno del cosiddetto
forze dell’ordine, la difesa, sistema istituzionale “catalogo” di tutte le
L’indipendenza è un il debito pubblico, i giudici, anchilosato come quello competenze concorrenti
processo differente ecc…). Dal punto di vista italiano: nel senso che e in una serie di materie
dall’autonomia. Col termine giuridico e formale non anche quello veneto è un di competenza esclusiva
indipendenza ci si riferisce c’è nessuna analogia con il referendum destinato ad dello Stato. L’introduzione
a un ente non più legato referendum sulla Brexit: gli avere un forte impatto. dell’autonomia differenziata
a uno Stato specifico, bensì oggetti sono radicalmente è una delle parti meglio
la regione si configura come diversi. Il referendum veneto 4. riuscite, ma mai attuate,
uno Stato vero e proprio. non pone nessuna questione Perché è possibile della riforma del titolo V
Indipendenza significa, di rottura né rispetto al raggiungere l’autonomia? della Costituzione varata nel
quindi, una separazione diritto sovrannazionale, 2001. Nelle intenzioni del
dallo Stato italiano con la né rispetto al diritto L’autonomia è prevista legislatore, avrebbe dovuto
conseguente creazione di internazionale, né rispetto al dalla Costituzione italiana. riportare equilibrio in un
un nuovo Stato a sé stante. diritto costituzionale italiano. È disciplinata in tre forme: sistema, come quello italiano,
18 19
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

in cui esistono regioni Rappresenterebbe, quindi, infatti, che senza referendum


ordinarie trattate tutte un modello altamente la politica nazionale rimane
alla stessa stregua, senza funzionale per un riequilibrio sorda alle istanze delle
prendere in considerazione ragionevole del sistema regioni.
il loro virtuosismo. L’unico repubblicano.
elemento di differenziazione
è dato, infatti, esclusivamente 6.
dalla specialità, concetto Nessuno ha ancora
che risale a remote chiesto di avviare questa
ragioni storiche, ma che, procedura?
al giorno d’oggi, risultano
completamente obsolete. La procedura per
La specialità, per esempio, l’autonomia differenziata
venne data alla Regione venne chiesta dalle Regioni
Siciliana nel 1946 con Veneto e Lombardia
lo scopo di “calmare” i rispettivamente nel 2008
movimenti separatisti. Per e nel 2007, però nessuna
quanto riguarda, invece, le delle due riuscì ad ottenerla.
Province autonome di Trento Recentemente la Regione
e Bolzano, l’autonomia Emilia-Romagna ha chiesto
speciale venne concessa di aprire il negoziato. Siamo,
loro nel 1919 perché il Tirolo tuttavia, a fine legislatura
del Sud era stato annesso e di conseguenza
all’Italia e, successivamente l’attuazione dell’articolo
alla seconda guerra 116 del 2001, che è
mondiale, si decise che particolarmente complessa,
sarebbe rimasto italiano non potrà essere portato
soltanto con una maggiore a termine entro la data di
autonomia. L’autonomia svolgimento delle elezioni
differenziata del 2001, se politiche. Quello della
fosse stata pienamente Regione Emilia-Romagna
attuata, avrebbe consentito appare, in realtà, come un
di riequilibrare il gap tra tentativo piuttosto maldestro
regioni ordinarie e regioni di cercare di dimostrare
speciali. L’articolo 116 l’inutilità dei referendum
prevede una differenziazione del Veneto e della Lombardia.
che nasce da ragioni I sedici anni di non
meritocratiche e non attuazione del regionalismo
più politico-storiche. differenziato insegnano,
21
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

7. 8.

La conquista Quale valore avrà il


referendum del Veneto?
Il referendum veneto sarà
solo un voto di protesta
senza efficacia?
dell’autonomia Il referendum è consultivo
ed è sempre un atto con L’impatto del referendum
valore legale. Si tratta di sarà politicamente
una consultazione dal fortissimo. La Corte
fortissimo peso politico. Costituzionale, per ben due
Sarà, senz’altro, il primo volte, sostenne in sentenze
atto concreto e “minimo” che referendum di questo
per avviare lo sblocco tipo non si potevano svolgere
dell’attuazione dell’articolo perché avrebbero avuto
116, considerato che fino effetti dirompenti. Nel 2015,
a ora nessuno è mai stato finalmente, la Corte si
in grado di ottenere le è convinta che questa
competenze previste consultazione avrebbe
in Costituzione. Se il potuto essere la chiave
referendum del 22 ottobre per sbloccare l’articolo
dovesse raggiungere un alto 116 della Costituzione.
grado di partecipazione Lo ha legittimato con la
e il “Sì” registrasse una forte consapevolezza che non
vittoria, la politica nazionale si tratterrà di una semplice
si troverebbe davvero manifestazione di opinione,
costretta a fare i conti ma di un referendum,
per la prima volta con il destinato ad avere un
regionalismo differenziato. notevole impatto sulla
La consultazione avrà anche politica nazionale.
un valore storico, perché
è la prima volta che si 9.
effettua una chiamata alle La Regione del Veneto
urne di questo tipo in tutta aveva fatto altri tentativi
la vicenda repubblicana. per ottenere l’autonomia?
Possiamo dire quindi che
questo referendum avrà Sì. La Regione del Veneto
un valore “costituente”. fece un tentativo nel 2008
chiedendo l’attuazione
dell’articolo 116, III comma,
e indicando anche una serie
22 23
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

di materie sulle quali attribuite ulteriori forme 11. 12.


ottenere l’autonomia e condizioni particolari di Con quali motivazioni Perché la Corte
differenziata (tra cui: autonomia?”; 2) “Vuoi che il governo l’ha impugnata? Costituzionale ha, invece,
rapporti internazionali della una percentuale non inferiore respinto l’impugnativa
Regione, tutela della salute, all’ottanta per cento dei Secondo il governo, la legge del governo? Con quali
istruzione, ricerca scientifica tributi pagati annualmente 15/2014 era in contrasto con motivazioni?
e tecnologica e sostegno dai cittadini veneti diversi articoli della
all’innovazione per i all’amministrazione centrale Costituzione (3, 5, 116, 117, La Corte Costituzionale
settori produttivi, polizia venga utilizzata nel territorio 119 e 138 della Costituzione) nella sentenza 118/2015 ha
regionale e locale, tutela regionale in termini di beni nonché con gli articoli 26 e dichiarato illegittimi gli altri
e valorizzazione dei beni e servizi?”; 3) “Vuoi che la 27 dello Statuto del Veneto. Il quesiti, ma ha respinto
culturali e ambientali, Regione mantenga almeno governo si appoggiò, inoltre, l’impugnativa del governo
organizzazione della giustizia l’ottanta per cento dei tributi anche alla giurisprudenza sul primo quesito della legge
di pace). Non venne dato, riscossi nel territorio costituzionale precedente, regionale 15/2014 (quello
però, alcun seguito, da parte regionale?”; 4) “Vuoi che che fino a quel momento non sulla maggiore autonomia),
del governo, alla richiesta, il gettito derivante dalle aveva ammesso referendum riconoscendolo conforme
pertanto non si arrivò mai fonti di finanziamento della consultivi regionali di questo alla Costituzione e allo
a un’intesa: tutto rimase Regione non sia soggetto tipo. La Corte aveva sancito Statuto del Veneto, in
lettera morta. Questi due a vincoli di destinazione?”; ciò sia nel 1992, sia nel 2000, quanto anche riconducibile
tentativi dimostrano che, 5) “Vuoi che la Regione del con due sentenze (470/1992 all’articolo 116, III comma,
per imporsi sul piano politico, Veneto diventi una regione e 496/2000) relative a due della Costituzione. Da questo
per ottenere una maggiore a statuto speciale?”. La legge iniziative della Regione del punto di vista, attraverso
autonomia è imprescindibile regionale venne impugnata Veneto con le quali si voleva la sentenza, la Corte ha
un ulteriore passaggio, ossia dal governo e la Corte chiedere al corpo elettorale effettuato un cambiamento
l’indizione del referendum costituzionale, con la se era d’accordo che il di orientamento, rispetto ai
regionale. sentenza 118/2015, “salvò” Veneto diventasse una precedenti. Pur consapevole
solamente il primo quesito, regione a statuto speciale. In che il referendum del 22
10. quello contenente la queste precedenti occasioni, ottobre 2017 avrà la forza di
Cosa prevede la legge domanda sulla maggiore la Corte Costituzionale, pur condizionare il sistema
regionale n. 15 del autonomia, in quanto riconoscendo che si sarebbe politico nazionale, la Corte
giugno 2014 che indice i giudici lo ricondussero trattato di referendum costituzionale lo ha quindi
il referendum all’articolo 116, III comma, meramente consultivi, legittimato. Probabilmente,
sull’autonomia? della Costituzione. Tale affermò che essi avrebbero sulla decisione della Corte
quesito sarà lo stesso che gli avuto un effetto dirompente ha anche pesato il fatto che
La legge regionale 15/2014 elettori veneti si ritroveranno sul sistema istituzionale l’articolo 116, III comma,
presentava, in origine, cinque sulla scheda elettorale. perché avrebbero potuto dopo 15 anni, in assenza
quesiti referendari. Erano condizionare sia il governo di referendum regionali, non
i seguenti: 1) “Vuoi che alla che il Parlamento. è mai stato attuato. I giudici
Regione del Veneto siano della Corte sembrano quindi
24 25
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

aver preso consapevolezza per un quesito il referendum si svolgerà sulle materie si possa aprire
che, senza una forte spinta maggiormente articolato. su un quesito più generico solo dopo il referendum.
politica proveniente dagli (“Vuoi che alla Regione del Se quindi la Regione avesse
elettori della regione, 14. Veneto siano attribuite acconsentito alla
istanze pur legittime Non si poteva andare al ulteriori forme e condizioni controproposta del governo,
costituzionalmente, come voto con un quesito più particolari di autonomia?”) cioè non trattare sul quesito
quella per una maggiore articolato rispetto a quello e non su quesiti più ma negoziare direttamente
autonomia, difficilmente più generico ammesso dettagliati. sulle materie, ciò avrebbe
vengono prese in dalla Consulta? precluso definitivamente
considerazione dai 15. ogni possibilità di svolgere
governi centrali. La Regione voleva procedere Perché il governo non ha il referendum. Intuendo la
al referendum presentando voluto trattare sul quesito? trappola che si nascondeva
13. al corpo elettorale quesiti nella controproposta
Come sarà formulato più articolati. Nel marzo Il governo non ha spiegato governativa, la Regione non
il quesito referendario? del 2017, infatti, ha esposto le ragioni per cui non ha l’ha accettata. Se è vero che,
il suo programma di voluto negoziare in merito da un lato avremmo avuto
Il quesito sarà formulato autonomia differenziata al al quesito. Tuttavia, nella l’apertura alla trattativa,
in modo molto semplice: fine di negoziare (si tratta del stessa risposta ha proposto dall’altro, senza referendum
“Vuoi che alla Regione del “primo” negoziato previsto di aprire un altro negoziato regionale, la maggiore
Veneto siano attribuite dalla legge regionale e cioè quello direttamente autonomia non ha alcuna
ulteriori forme e condizioni 15/2014) con il governo una sulle materie di competenza. possibilità di essere
particolari di autonomia?”. serie di specifici quesiti su Ma accettare questa portata al traguardo,
È stato stabilito dalla Corte singole competenze o gruppi proposta non era possibile, come dimostrano 16 anni
Costituzionale che ha di competenze, quali ad se non al prezzo di di inattuazione dell’articolo
legittimato la domanda come esempio la regionalizzazione precludere la possibilità 116, III comma, della
era prevista nella legge totale dell’istruzione o stessa di celebrare il Costituzione.
regionale del Veneto. della sanità, ecc. Di fronte referendum. La Corte
Di fronte, infatti, alla a questa richiesta, tuttavia, Costituzionale, infatti, 16.
documentata proposta il Ministro degli Affari nella sentenza 118/2015, Perché il referendum del
di trattativa sul quesito Regionali ha risposto ha precisato con estrema 22 ottobre sull’autonomia
referendario che la Regione con un categorico “no”, chiarezza che il referendum del Veneto prevede
del Veneto aveva avanzato, affermando che l’unico regionale deve riguardare il quorum?
la risposta del governo è quesito che accettava era una fase “anteriore”
stata secca. Ci è stato quello generico, che la legge e totalmente distinta Il quorum per il referendum
risposto che era sufficiente regionale 15/2014 prevede dall’attuazione dell’articolo del 22 ottobre è previsto
il quesito legittimato dalla che si utilizzi se il governo 116, III comma, della dalla legge regionale
Consulta. Il governo si è, rifiuta quesiti più articolati. Costituzione. La stessa 15/2014 che ha deciso
insomma, rifiutato di Pertanto, è a seguito del legge regionale 15/2014 la consultazione dei veneti
accettare un negoziato rifiuto governativo che prevede che il negoziato e che il governo aveva
26 Tabella 1
Autonomia
Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia Residuo fiscale delle Amministrazioni Pubbliche
Anno 2015

impugnato di fronte affermazione del “Sì”, Classifica Regioni Entrate Spese Residuo
alla Corte Costituzionale. evidenziando un forte (mln di €) (mln di €) fiscale
La legge prevede all’articolo consenso da parte di tutti (mln di €)
2, II comma, che la proposta i cittadini per una maggiore 1 Lombardia 178.317 126.122 +52.195
referendaria viene infatti autonomia. Se il governo
approvata se alla dovesse limitare le richieste 2 Emilia Romagna 74.415 55.554 +18.861
consultazione partecipa del Veneto o dovesse
la maggioranza degli aventi rifiutarsi di garantire 3 Veneto 71.843 56.385 +15.458
diritto e viene raggiunta risorse adeguate al loro
4 Piemonte 63.664 55.058 +8.606
la maggioranza dei voti finanziamento, farebbe
validamente espressi. un “autogol” politico. 5 Toscana 53.273 47.851 +5.422
In questo caso viene
proposto al Consiglio 18. 6 Lazio 94.393 90.618 +3.775
regionale un negoziato Quali saranno i contenuti
7 Marche 19.983 17.956 +2.027
con il governo. della trattativa?
8 Prov. Aut Bolzano 9.752 8.651 +1.100
17. Innanzitutto, la
Dal giorno successivo regionalizzazione di tutta 9 Liguria 23.396 22.786 +610
a un’eventuale vittoria l’istruzione pubblica e di
del “Sì”, quali strumenti tutto il personale insegnante, 10 Friuli Venezia Giulia 18.207 17.681 +526

metterete in campo per che verrà interamente 11 Valle d'Aosta 2.315 2.250 +65
avviare una trattativa? pagato dalla regione, come
oggi avviene nelle province 12 Umbria 11.214 11.296 -82
Gli strumenti, come detto autonome di Trento e
inizialmente, sono quelli Bolzano. Verrebbe poi 13 Prov. Aut. Trento 8.632 8.881 -249
previsti dall’articolo 116. regionalizzata tutta la sanità,
14 Molise 3.018 3.632 -614
Bisogna, innanzitutto, uscendo finalmente dal
avviare una trattativa con circuito dei tagli lineari 15 Basilicata 5.282 6.543 -1.261
il governo per chiedere le del governo, ovvero dalla
competenze e le risorse non applicazione dei 16 Abruzzo 15.040 16.341 -1.301
necessarie al loro costi standard e dalla
17 Sardegna 15.781 21.043 -5.262
finanziamento, arrivando penalizzazione dei sistemi
a un’intesa. È evidente che virtuosi. La trattativa 18 Campania 51.229 56.934 -5.705
il potere contrattuale della comprende anche la
Regione del Veneto si regionalizzazione dei fondi 19 Calabria 16.283 22.155 -5.871
rafforzerà se il referendum per le imprese. Oggi, infatti,
farà registrare una fortissima essi vengono gestiti da Roma 20 Puglia 36.466 42.885 -6.419

partecipazione e una e, in particolare, da soggetti 21 Sicilia 43.198 53.815 -10.617


altrettanto robusta che non conoscono affatto
28 29
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

il territorio. Poterli gestire prese (e spesso perse) trattativa. La trattativa è una raccoglie da sempre una
direttamente in Veneto dal centro – che servono questione eminentemente messe di consensi, dovrà
eviterebbe la dispersione a finanziarle. politica, ma non bisogna collocare l’autonomia del
di risorse e permetterebbe sottovalutare affatto il peso Veneto fra i punti principali
a questi interventi di 19. politico che può avere una da realizzare senza indugi.
diventare molto più mirati. Ci sarà bisogno di un vittoria del “Sì” in un
Verrebbero regionalizzate provvedimento di legge referendum di questo tipo. 22.
alcune amministrazioni che affinché la trattativa col Si tratta di una consultazione Quali tempi si prevedono
oggi sono statali, come le governo - come previsto che si svolge per la prima per arrivare all’autonomia?
sovrintendenze o l’agenzia dall’articolo 116 della volta nella storia della
del demanio. Trasformare Costituzione - renda Repubblica, con un’eco Entra in gioco, al riguardo,
tali soggetti da nazionali operativa l’autonomia di tipo costituente e quindi il procedimento dell’articolo
in regionali, come avviene del Veneto? dall’impatto sicuramente 116, III comma, della
in Trentino-Alto Adige, dirompente. Costituzione, che prevede
vuol dire eliminare pesante Servirà una legge che dovrà che la Regione avvii un
burocrazia che crea ostacoli tradurre in norma l’intesa 21. negoziato con il governo per
allo sviluppo economico del raggiunta con il governo. È vero che Zaia ha la definizione delle materie e
territorio. Esistono, infine, Una legge che dovrà essere organizzato il referendum delle risorse rispetto alle
una serie di enti e materie approvata a maggioranza soltanto per mettere quali richiede una maggiore
che potrebbero passare assoluta, a differenza delle in difficoltà la sinistra? autonomia (questo specifico
all’amministrazione leggi ordinarie per le quali negoziato secondo la legge
regionale in tutti gli ambiti è sufficiente la maggioranza La sinistra ha impugnato regionale 15/2014 deve
delle 23 competenze semplice. La maggioranza davanti alla Consulta la legge avvenire dopo il referendum).
considerate dall’articolo 116. assoluta è un fattore che del Consiglio regionale che Il negoziato si conclude poi
Se tutti i processi venissero garantisce anche maggiore indice il referendum. Poi, con una intesa con il governo
regionalizzati, vorrebbe dire stabilità all’autonomia ha sostenuto il referendum e quindi con la presentazione
che la regione potrebbe differenziata, perché leggi costituzionale del 4 dicembre di un disegno di legge al
conoscere una straordinaria ordinarie non potranno 2016, un provvedimento che Parlamento che ratifichi con
semplificazione normativa derogarvi. ricentralizzava moltissime una legge rinforzata l’intesa
e avere una straordinaria competenze togliendole raggiunta, dando al Veneto
dinamicità nello sviluppo 20. anche alle regioni virtuose lo status di Regione ad
del proprio territorio. Si Nel caso in cui un governo e depotenziava l’articolo 116 autonomia differenziata.
aprirebbe una straordinaria non dovesse accettare la della Costituzione, riducendo I tempi con cui questo
possibilità di sviluppo del trattativa, quali strumenti drasticamente le materie procedimento si concluderà
territorio regionale, anche abbiamo per far sì che essa in cui le regioni possono dipenderanno, in realtà,
perché regionalizzare tutte ci venga concessa? chiedere l’autonomia dall’affluenza degli elettori
queste competenze vuol dire differenziata. Quanto alle urne e dalla percentuale
trattenere sul territorio tutte Non c’è uno strumento al centrodestra (compresa del “Sì”. Il procedimento
le risorse – che oggi vengono concreto per aprire la la Lega), che in Veneto dell’articolo 116, infatti, se
30
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

da un lato è disciplinato dalla Presidente della Regione


Costituzione, dall’altro è un
procedimento con un elevato
tasso di politicità. I tempi, sia
di sedersi al tavolo della
trattativa con un peso
politico rilevante. A questo
Autonomia:
della trattativa con il governo,
sia dell’approvazione
punto, qualsiasi governo
che cercasse di limitare o di
spesa virtuosa,
parlamentare, dipendono
da questo fattore. Tanto più
schiacciante sarà l’esito del
ridurre le materie o le risorse,
andrebbe contro la volontà
degli elettori, assumendosi
crescita, meno fisco,
referendum, tanto più i tempi
risulteranno veloci. Tuttavia,
tutta la responsabilità di
questa decisione. Ciò
più welfare
tra trattativa e successiva vorrebbe dire che in Veneto
legge, difficilmente si riuscirà non potrebbe più sperare
a chiudere il processo prima di essere eletto un politico
di un anno. appartenente a un governo
che avesse ristretto
23. o pesantemente ridotto
Come si incardinerà la la proposta regionale.
trattativa in caso di vittoria
del “Sì”?

La trattativa sulle materie


di competenza è appunto
il “secondo” negoziato
previsto dalla legge regionale
15/2014. Una volta svolto
il referendum e affermatosi
il “Sì”, la legge prevede che
il Presidente della Giunta
avvii una serie di negoziati
con Roma per definire, sia
le materie sulle quali viene
richiesta una maggiore
autonomia, sia le risorse
per finanziarla. Se il
referendum dovesse ottenere
un’altissima affluenza e una
fortissima vittoria del “Sì”,
ciò permetterebbe al
32 33
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

Tabella 2
Indice di virtuosità della spesa regionale:
i risultati degli indicatori

Regioni Incidenza Spesa Spese di Equilibrio Personale Velocità di Scostamento Sostenibilità Tempi di Risultato
spesa corrente funziona- corrente ogni pagamento della spesa del debito pagamento di esercizio
per il sul PIL mento (%) 100 mila (%) prevista (%) regionale nella sanità sanitario (%)
personale (euro abitanti (%) (gg)
(%) procapite) (unità)

Abruzzo 16,2 10,4 86 93,6 118 83,3 10,1 16,1 136 0

Basilicata 13,1 13 183 101,3 228 80,5 10,6 14,2 139 -0,9

Calabria 12,2 14,3 352 102,5 138 78,8 9,8 8,1 575 -1,8

Campania 9,8 13,4 337 99,4 88 83,5 7,3 66 292 0,3

Emilia 9,8 7,2 125 101,1 64 84,7 9,2 3,4 117 0


Romagna

Lazio 10,4 7,8 86 103,9 70 80,9 7,2 31,8 176 -3,6

Liguria 9,4 7,9 64 103,7 88 89,8 6,1 17,7 104 -3,3

Lombardia 3,7 6,3 108 99,6 32 75,8 6 8,5 86 0

Marche 11,8 8,6 84 105,4 87 89,9 12,9 10,9 91 2

Molise 22,1 14,3 213 102 192 89 16,1 12,2 629 -7,5

Piemonte 8,6 8 100 109 59 84,3 12,7 7,2 216 -0,1

Puglia 9,1 13,1 152 101,6 62 89,2 25,3 9,6 177 -0,8

Toscana 9,6 7,9 186 103 65 75,2 21 5 157 -1

Umbria 13,3 10,1 296 102,2 157 88,3 9,9 12,2 119 0,1

Veneto 8,9 6,9 80 104,5 52 82,3 8 2,8 108 0

Media Rso 8,9 8,3 150 102,2 70 81,9 11 15,5 208 -0,7
34 Tabella 3
Autonomia
Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia Le spese di funzionamento della PA: i parametri
analizzati (media 2013-2015)

24. La Regione del Veneto si Regioni Consumi Costo medio Dipendenti


La richiesta di autonomia distingue anche per il basso intermedi per il personale pubblici ogni
poggia anche sulla capacità livello di spesa corrente procapite (€) (€) mille abitanti
del Veneto di spendere (6,9% del Pil), per avere Abruzzo 2.057 37.412 54
bene le proprie risorse? spese di funzionamento
molto contenute (80 euro Basilicata 2.005 34.279 59
Sì, è vero. È stato realizzato per abitante) e per avere un
Calabria 2.042 35.560 57
uno studio della CGIA di numero di personale
Mestre sulla capacità di regionale molto al di sotto Campania 2.029 36.738 50
gestione della spesa da parte della media (52 dipendenti
delle quindici regioni a ogni mille abitanti). Emilia Romagna 2.160 33.497 50
statuto ordinario: per farlo Friuli Venezia Giulia 2.245 34.358 69
si è tenuto conto di molti 26.
elementi utili, come il saldo Se tutta la Pubblica Lazio* 2.684 32.836 50
di bilancio, i costi del Amministrazione italiana
Liguria 2.364 34.070 62
personale, la puntualità raggiungesse la qualità
nel pagare i fornitori, il livello della Pubblica Lombardia 2.486 34.073 41
del debito. Ebbene, il Veneto Amministrazione del
figura al primo posto Veneto, quanti soldi Marche 1.920 35.138 52
in classifica, davanti risparmierebbero i cittadini Molise 2.163 35.321 60
a Lombardia, Marche, italiani? E di quanti miliardi
Piemonte ed Emilia- si potrebbero abbassare Piemonte 2.128 34.696 49
Romagna. le imposte che i veneti
Puglia 2.112 36.739 51
pagano?
25. Sardegna 2.362 34.864 66
In quali settori il Veneto I costi di funzionamento
è migliore delle altre dell’intera Pubblica Sicilia 1.930 38.018 55
regioni nella gestione Amministrazione in Veneto Toscana 1.998 34.147 55
della spesa pubblica? (centrale, regionale e locale)
sono i più bassi d’Italia: più Trentino Alto Adige 2.396 37.294 76
Sono molte le eccellenze precisamente, 3.497 euro
Umbria 2.098 34.375 55
della Regione del Veneto: per abitante a fronte di una
ne citiamo alcune. Il Veneto media nazionale di quasi Valle d'Aosta 3.385 34.847 93
è prima per sostenibilità 4.000 euro a cittadino e
del debito: le spese per gli contro i 6.793 euro della Veneto 1.915 34.595 46
interessi e delle rate dei Valle d’Aosta, i 5.234 euro Totale 2.201 35.082 51
mutui incidono appena per del Trentino-Alto Adige
il 2,8% sulle entrate proprie e i 4.144 euro del Lazio (*) al netto della spesa connessa alla presenza delle istituzioni della Repubblica (stima)
Nota: in rosso i valori superiori media; in verde i valori inferiori alla media. Elaborazioni Ufficio Studi CGIA
della regione (media 15,5%). e via scorrendo. Se, per su dati Agenzia per la Coesione Territoriale, Ragioneria Generale dello Stato e Istat.
36 37
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

ipotesi, tutta l’Italia “copiasse” competenza centrale (come Tabella 4


il modello della Pubblica la difesa, l’ordine pubblico L’effetto moltiplicatore dell’autonomia sul PIL:
Amministrazione veneta e la giustizia), si avrebbe alcune ipotesi
si potrebbero risparmiare un “effetto moltiplicatore”
33 miliardi di euro, con una che farebbe aumentare la Veneto Regioni
riduzione complessiva della ricchezza prodotta in Veneto ordinarie
spesa del 14%. di circa 600 milioni di euro
Funzioni che potrebbero essere decentrate 3.353 32.643
in un anno. In pratica il Pil (milioni di euro)
27. del Veneto nell’arco di 5 anni
Cosa si potrebbe fare con crescerebbe di 3 miliardi di Grado di sussidiarietà verticale attuale 27,2% 27,7%
i soldi risparmiati se la euro. E questo avrebbe un
Grado di sussidiarietà verticale 33,2% 33,6%
Pubblica Amministrazione effetto positivo anche per
italiana “copiasse” il l’intero territorio nazionale, Aumento grado di sussidiarietà verticale +6,0% +5,9%
“modello Veneto”? in quanto l’effetto con l'autonomia
moltiplicatore farebbe
Maggiore PIL pro capite con l'autonomia +123 +108
Le risorse che si potrebbero aumentare le entrate dello (euro)
teoricamente risparmiare Stato a causa della maggiore
grazie al “modello Veneto” ricchezza prodotta. Aumento annuo del PIL con l'autonomia +601 +4.796
equivalgono al 2% del Pil Attribuire, infatti, maggiori (milioni di euro)
nazionale. Se tutti i risparmi competenze alle regioni che Maggiore PIL in 5 anni con l'autonomia +3.007 +23.979
fossero indirizzati alla abbiano dimostrato di sapere (milioni di euro)
riduzione delle tasse, la gestire in maniera efficiente
(*) non si è compreso il Lazio per la presenza delle Istituzioni della Repubblica, elemento che incide sui volumi
pressione fiscale italiana la cosa pubblica, può avere di spesa da decentrare. Fonte: elaborazioni Ufficio Studi CGIA su dati Agenzia per la Coesione Territoriale,
scenderebbe dal 42,3% al effetti positivi anche per Ragioneria Generale dello Stato, Istat, Prometeia e Fondazione per la Sussidiarietà.

40,3% del Pil, tornando in l’intero sistema economico.


pratica al livello del 2006. È l’applicazione del Tabella 5
cosiddetto “principio di Il Veneto come la Provincia Autonoma di Bolzano: un’ipotesi
28. sussidiarietà”, secondo cui
Quali sarebbero gli effetti i poteri devono essere dati Intervento Criterio Stima
di una maggiore autonomia all’ente il più vicino possibile utilizzato (milioni di euro)
sulla ricchezza? Perché si ai cittadini ed essere
Spostamento di Distribuzione spesa 16.053
dice che l’autonomia porti attribuiti a enti di livello competenze dallo Stato pubblica Centro-Periferia
maggiore ricchezza? superiore solo se questi verso la Regione come P.A. Bolzano
possono erogare il servizio
Maggiori risorse per Livello di spesa pubblica 3.814
Ipotizzando una Regione in maniera più efficiente ed equiparare il Veneto sul PIL come P.A. Bolzano
del Veneto con una maggiore economica. A tale proposito, alla P.A. di Bolzano
autonomia, con lo Stato che uno studio della “Fondazione
Risorse aggiuntive da attribuire alla Regione Veneto 19.867
mantiene i propri poteri nelle per la Sussidiarietà” ha
materie tradizionalmente di dimostrato che un incremento Fonte: elaborazioni Ufficio Studi CGIA su dati Istat, Agenzia per la Coesione Territoriale e Prometeia.
38 39
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

del 10% dell’autonomia il Veneto allo stesso livello con l’autonomia verrebbero 4. istruzione;
locale genera un aumento di spesa del Trentino-Alto amministrate dalla regione. 5. professioni;
del Pil dello 0,64%. Per Adige. Il rafforzamento Anzi, se tutta la Pubblica 6. ricerca scientifica
esempio con una maggiore dell’autonomia, inoltre, Amministrazione italiana, e tecnologica e sostegno
sussidiarietà verticale stimolerebbe ancora di centrale e locale, adottasse il all’innovazione per i
del 6%, il Pil del Veneto più la responsabilità e con cosiddetto “modello Veneto”, settori produttivi;
aumenterebbe di 601 essa il buon funzionamento e cioè se si adeguasse ai 7. tutela della salute;
milioni di euro all’anno dei servizi pubblici. Con parametri di spesa e di 8. alimentazione;
(3 miliardi in 5 anni). l’autonomia, infatti, i cittadini efficienza della Pubblica 9. ordinamento sportivo;
avrebbero una maggiore Amministrazione del Veneto, 10. protezione civile;
29. consapevolezza di come si otterrebbero risparmi per 11. governo del territorio;
L’autonomia darà al Veneto vengono spesi i loro soldi 33 miliardi di euro, ovvero 12. porti e aeroporti civili;
maggiori risorse? Perché e gli amministratori un terzo degli oneri che 13. grandi reti di trasporto
con l’autonomia queste sarebbero premiati o puniti lo Stato paga annualmente e di navigazione;
risorse non andrebbero alle elezioni sulla base per interessi sul debito 14. ordinamento della
sprecate? di quello che hanno pubblico, con una riduzione comunicazione;
concretamente realizzato. complessiva della spesa del 15. produzione, trasporto
Oggi il Veneto è la regione Nel caso della nostra regione 14%, derivante dal taglio alle e distribuzione nazionale
che spende meno con 2.227 è dimostrato che il Veneto spese di funzionamento e il dell’energia;
euro per abitante, a fronte spende meno e meglio di resto grazie alla diminuzione 16. previdenza
di una media nazionale di quasi tutte le altre regioni; di circa 373.000 dipendenti complementare
2.862 euro: con l’autonomia infatti il Veneto è la prima pubblici (studi CGIA Mestre e integrativa;
questa differenza verrebbe regione per livello quali- e Unioncamere Veneto). 17. armonizzazione dei bilanci
sostanzialmente colmata. quantitativo dei servizi in pubblici e coordinamento
Se poi il modello di Italia e il dato emerge dallo 31. della finanza pubblica
autonomia fosse quello delle studio “Taxpayer Italia 2017”, Quali e quante sarebbero e del sistema tributario;
vicine Province autonome di pubblicato ogni anno da le competenze che 18. valorizzazione dei beni
Trento e Bolzano, al Veneto Il Sole 24 ore. potrebbero essere culturali e ambientali
verrebbero destinati circa ottenute dal Veneto? e promozione
19,9 miliardi di euro (da non 30. e organizzazione
confondere con il residuo Se il Veneto, una volta Il Veneto potrebbe avere di attività culturali;
fiscale del Veneto che ottenuta l’autonomia, potere esclusivo su materie 19. casse di risparmio, casse
ammonta a 15,4 miliardi di manterrà più risorse sul specifiche: rurali, aziende di credito
euro) di cui 16,1 miliardi per territorio, non metterà 1. rapporti internazionali a carattere regionale;
lo spostamento di risorse dal in crisi l’Italia intera? e con l’Unione europea 20. enti di credito fondiario
Centro alla Periferia (nessun delle Regioni; e agrario a carattere
costo per i conti pubblici) No, semplicemente alcune 2. commercio con l’estero; regionale;
più 3,8 miliardi: risorse materie che oggi vengono 3. tutela e sicurezza del 21. organizzazione della
aggiuntive per portare gestite dallo Stato centrale, lavoro; giustizia di pace;
40 41
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

22. norme generali e Alto Adige trattengono Tabella 6


sull’istruzione; nove decimi di quanto I possibili risparmi di spesa se la PA adottasse
23. tutela dell’ambiente, riscosso nel loro territorio i parametri del Veneto (media 2013-2015)
dell’ecosistema e dei beni in termini di imposte, è equo
culturali. che l’accordo col governo Consumi Spesa per il Numero
Lo Stato centrale riconosca lo stesso intermedi (a) personale (b) dipendenti
pubblici
continuerebbe a mantenere trattamento anche alla
la gestione di materie di Regione del Veneto. Si Parametri PA 1.915 euro 34.595 euro per 46 ogni
interesse nazionale come tratterrebbe, altrimenti, Veneto procapite dipendente 1.000 ab.
la difesa, l’ordine pubblico, di un’ingiustificabile
Risparmi con -17.255 -15.437 -372.557
la giustizia. discriminazione all’interno parametri del
del sistema. Veneto (milioni euro)
32.
Risparmi con -13% -14% -12%
L’autonomia che otterrebbe 33. parametri del
il Veneto a seguito Finirà che con l’autonomia Veneto (in %)
di una trattativa sarebbe le imposte e le tasse ce
Risparmi totali -32.692 milioni di euro
paragonabile, nei fatti, le imporranno Zaia e amici con parametri -14%
all’autonomia delle regioni invece dell’Italia? Cosa del Veneto (a+b)
a statuto speciale? cambierebbe in fondo? Elaborazioni Ufficio Studi CGIA su dati Agenzia per la Coesione Territoriale, Ragioneria Generale
dello Stato e Istat.

L’autonomia che otterrebbe Con l’autonomia, il Veneto


il Veneto sarebbe avrà a disposizione maggiori Tabella 7
paragonabile a quella risorse grazie alle quali la Ripartizione debito pubblico per livello di governo
delle Province autonome di regione potrebbe ridurre le
Trento e Bolzano, in quanto tasse. Con maggiori risorse Livello di amministrazione 31 dicembre 31 dicembre 31 maggio
2007 2011 2017
le verrebbero concesse i rappresentanti del popolo
analoghe competenze, per Veneto saranno messi in
esempio la regionalizzazione grado di ridurre le aliquote, Amm. Centrali 93,00% 93,90% 96,00%
del personale insegnante di quei tributi posti sotto
Amm. Locali 6,90% 6,09% 3,90%
e del finanziamento di tutta il loro controllo, tra cui, ad
la sanità. Prendendo in esempio, eliminare l’Irap Enti di previdenza 0,10% 0,01% 0,10%
considerazione tutte le alle imprese e le altre tasse.
materie che è possibile Totale debito pubblico 100,00% 100,00% 100,00%
ottenere in base alla 34.
Costituzione vigente, Il Veneto vuole l’autonomia Il debito pubblico per livello di governo
si arriva a un livello perché è egoista?
decisamente speculare 4% la quota di debito pubblico ascrivibile alle Amministrazioni locali
a quello di Trento e Bolzano. Il popolo Veneto è formato
96% la quota di debito pubblico di competenza statale
Considerato che Trentino da gente generosa, integrata
42 43
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

socialmente, pronta ad aiutare come potrebbe essere il negli ultimi dieci anni il peso dimensione reale del debito
gli altri. L’analisi dei dati farsi carico di una parte del del debito locale si è ridotto è necessario rapportarlo
statistici ci fa vedere come debito pubblico nazionale. significativamente: nel al numero di abitanti
nella nostra Regione sia forte Oltretutto, è verosimile 2007, era pari al 6,9%, di ciascuna regione.
la “partecipazione sociale”: che i Veneti non siano successivamente è sceso In Piemonte, Lazio e Valle
nel 2016, 3 veneti su 10 “responsabili” del debito al 6,1% nel 2011 mentre d’Aosta il livello del debito
hanno svolto almeno pubblico italiano poiché attualmente, come ricordato, locale supera ampiamente
un’attività sociale, meglio danno (e hanno dato) più di è al 4%. i 2.000 euro per abitante:
di noi solo il Trentino-Alto quello che ricevono (e hanno più precisamente, le
Adige e il Friuli Venezia Giulia. ricevuto): tuttavia, tenendo 37. Amministrazioni locali del
Inoltre, nel 2016 il 17% dei conto delle ragioni di È vero che le Piemonte hanno un debito
Veneti ha svolto un’attività solidarietà e responsabilità, amministrazioni locali pari a 2.863 euro pro capite,
di volontariato gratuita, il è stato stimato in 128 del Veneto sono tra quelle del Lazio 2.385 euro,
dato Veneto è nettamente miliardi il debito pubblico le meno indebitate mentre in Valle d’Aosta
superiore alla media nazionale attribuibile al Veneto (82,4% d’Italia? 2.096 euro.
pari al 10,7%, siamo superati del Pil), valore inferiore
solo dal Trentino-Alto Adige. alla media europea. Sì, è vero. Al 31 dicembre 38.
Sulla stessa linea i dati Basterebbero, ad esempio, 2016 il debito delle Con l’autonomia del
relativi al sostegno economico circa 8 anni al Veneto per Amministrazioni locali del Veneto, potremo far sentire
alle attività di volontariato: liberarsi di tutto il debito Veneto (vale a dire Regione, meglio la nostra voce
siamo la quinta regione nella a esso attribuibile, grazie Province, Comuni) risultava in Europa?
classifica della generosità. al proprio residuo fiscale essere di 4,7 miliardi di euro.
Infine, con un numero di di oltre 15,4 miliardi di euro Se rapportato al numero di Oggi la Costituzione prevede
44 Veneti su 1.000, siamo annui e godere, però in abitanti, il debito locale del che, per un preciso elenco
tra le regioni con maggior cambio, di una ampissima Veneto è di 967 euro, valore di materie, le regioni possano
frequenza di iscritti all’AIDO autonomia. tra i più bassi in Italia: solo scrivere leggi all’interno del
(Associazione Italiana Trentino-Alto Adige e Puglia quadro normativo stabilito
Donatori Organi), superati 36. hanno un importo pro capite dallo Stato. Una di queste
solo dalla Valle d’Aosta (47 Ma fanno più debito inferiore. Il debito locale materie è quella inerente
iscritti su 1.000 residenti). pubblico le regioni delle Amministrazioni locali ai “rapporti internazionali
o lo Stato? del Veneto è più basso della e con l’Unione Europea delle
35. media nazionale di oltre Regioni”. Con l’autonomia,
Quant’è il debito Le regioni ne fanno molto 500 euro per abitante. il Veneto avrebbe maggiori
pubblico dei Veneti? Con poco. Nel 2017 il debito delle Con 14,1 miliardi di euro spazi di manovra in Europa,
l’autonomia cambierà Amministrazioni locali è il Lazio ad avere il debito sviluppando ulteriormente
qualche cosa? ammonta a 90 miliardi di locale maggiore, seguito da le attività promozionali e
euro: equivale ad appena Piemonte (12,6 miliardi) e stringendo accordi con Stati
Non ci saranno “costi il 4% del totale del debito Lombardia (10,8 miliardi). esteri, sempre nel rispetto
aggiuntivi” per il Veneto, pubblico italiano. Inoltre, Tuttavia, per avere una delle leggi della Repubblica.
44 45
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

39. ha sfiorato il 73% mentre realtà già ben avviate e maggior controllo regionale
Non è un referendum i disoccupati erano meno permetterebbe di eliminare in relazione alle specificità
antistorico che va contro del 4%. E a Bolzano c’è stato tanta inutile burocrazia e alle esigenze di lavoro
l’europeismo e la un solo anno di recessione statale. Allo stesso tempo, caratteristiche del Veneto.
globalizzazione, quando (2009) e oggi il Pil è lo Stato dovrebbe potenziarsi
le piccole patrie sono superiore di circa l’8% al Sud dove, attualmente, 43.
destinate a soccombere? rispetto a prima della crisi. è gravemente assente. Lei dice che ognuno
Nel 2017 non è più tollerabile deve avere l’autonomia
Quello che gli elettori 41. l’incapacità di molte regioni che gli spetta. Non
veneti affronteranno è un Perché ripudiare l’Italia che di gestire i fondi comunitari, finirà che creeremo
referendum per l’autonomia. ha consentito al Veneto di l’illegalità, l’abbandono di disuguaglianze attraverso
Un referendum per un diventare ricco e potente? risorse straordinarie come le stesse autonomie
federalismo serio, come il turismo, l’inefficienza della regionali? Che qualcuno
quello della Germania. Semplicemente, si tratta sanità che costringe tanti diventerà più autonomo
Anche proprio il suo assetto di un ripudio dello statalismo malati a emigrare verso il di altri perché più forte
di tipo federale ha permesso con cui i governi negli ultimi Nord per farsi curare con un politicamente?
a Berlino di resistere alla crisi anni hanno sistematicamente saldo netto annuale di ben 100
ed essere il traino per tutta maltrattato la Regione milioni di euro per il Veneto. Lo diceva uno dei padri
l’Europa. del Veneto, imponendo Maggiore autonomia delle costituenti, Einaudi, nel ’48.
normative assolutamente realtà efficienti e più Stato Le esperienze internazionali
40. irrazionali che hanno in quelle inefficienti significa ci insegnano che i processi
Con il Veneto autonomo o avrebbero portato evitare una grandissima di autonomia partono dal
si potrebbero evitare inefficienza. Per esempio, dispersione di risorse. basso e, spesso, sono a
le crisi economiche? la riforma Madia è stata geometria variabile, ovvero
dichiarata incostituzionale 42. ci sono territori appartenenti
Sì, perché le regioni perché riportava a Roma Autonomia per tenerci allo stesso Paese che avviano
autonome possono reagire la nomina dei dirigenti della tutti gli immigrati, finti questo percorso prima degli
meglio agli shock economici sanità. Il governo italiano profughi che lo Stato altri, dando luogo a effetti
contenendo gli effetti continua a essere invasivo continuerebbe a inviarci? emulativi tra le realtà
negativi delle crisi che si nelle regioni efficienti del inizialmente più restie al
verificano ciclicamente. Nord, come il Veneto, L’articolo 116 non prevede cambiamento. Recenti studi
Non è curioso che proprio e assente in molte regioni la possibilità di avere (Unioncamere Veneto) hanno
in Trentino-Alto Adige, del Sud. Questa è la logica maggiori competenze in dimostrato che l’applicazione
in particolare in provincia che il referendum vuole materia di immigrazione. di un sistema differenziato
di Bolzano, la crisi economica ribaltare. Diminuire lo Tuttavia, all’interno della di autonomia regionale
sia solo un ricordo? Si statalismo nel Nord del rivendicazione di una è in grado di portare benefici
pensi che nella provincia Paese semplificherebbe maggiore autonomia rientra al Paese pari a 10,2 miliardi
altoatesina il tasso di il sistema e permetterebbe anche la possibilità di avere di euro l’anno, dovuti in parte
occupazione nel 2016 un ulteriore sviluppo di più influenza, attraverso un alla maggiore ricchezza
46 47
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

generata dall’autonomia velocità: rapida e lenta. paradigma sarebbe utile il punto critico di una vicenda
delle regioni virtuose (5,8 Quando nel 1978 è caduto per risollevare alcune regioni ridotta a una questione fra
miliardi di euro) e in parte il regime di Franco, la Spagna italiane, dove, invece, lo “palazzi” romani, dove la
da una riduzione degli non diede, infatti, a tutte le Stato centrale è oggi voce del popolo non è mai
sprechi in quelle non virtuose regioni la stessa autonomia. latitante. In ogni caso questi potuta entrare. Nel momento
(4,4 miliardi di euro). Senza Alcune effettuarono dei esempi dimostrano come in cui gli elettori potranno
con ciò il venir meno della referendum, decisero il regionalismo differenziato prendere parte al processo,
solidarietà nei confronti l’accesso attraverso la sia la forma moderna le cose cambieranno
delle regioni cosiddette più via rapida (per esempio di un modello efficiente radicalmente. E se vincerà il
povere, che continueranno, l’Andalusia e la Catalogna) e meritocratico. “Sì”, nessun politico potrebbe
in diversa misura, ad essere e ottennero maggiori L’autonomia va potenziata più mettere piede in Veneto
aiutate da quelle più ricche. competenze. Quelle a chi è virtuoso, va ridotta se il suo partito risultasse
competenze che, invece, a chi la esercita in modo contrario all’autonomia
44. non sono state subito dissipativo. Oggi in Italia, chiesta a gran voce dal
Una volta che si aprirà concesse alle regioni più invece, assistiamo al popolo. Ciò trasforma
questo vaso di Pandora, arretrate, dando origine paradosso di uno Stato l’attuazione dell’articolo 116
che è l’articolo 116 sulle a un sistema articolato, che si ritira dal Sud per da una questione di “palazzo”
maggiori competenze ma virtuoso. Il principio di diventare più invasivo al a una questione di “voti”,
regionali, con il Veneto che differenziazione è poi stato Nord, quando dovrebbe facendo diventare la politica
farà da apripista, andremo di fatto applicato anche in essere esattamente il necessariamente sensibile
verso una confederazione Germania al momento della contrario. al tema.
di regioni autonome con riunificazione: non si è data
lo Stato al centro? Che fine subito ai nuovi Länder 45. 46.
farebbe una Repubblica dell’Est la stessa autonomia La Lega era una delle Come può incidere
come quella italiana? che avevano quelli dell’Ovest. sostenitrici a spada tratta l’autonomia sul corpus
È stato realizzato un della riforma del 2001. di leggi inutili,
Con un modello di imponente processo di Come mai fino ad adesso sovrapposizione di norme,
regionalismo differenziato si commissariamento che, le regioni, anche quelle più ecc, di cui gli imprenditori
verrebbe a creare un sistema assieme a forti investimenti, autonomiste, non hanno continuano a lamentarsi?
finalmente moderno come ha in pochi anni fatto nulla su questo
esiste da tempo in altri Paesi letteralmente ribaltato quella fronte? Il modello Trento e Bolzano
europei. Non è quindi una che era una situazione in non significa solamente
ipotesi peregrina, ma già rovina. Dopo, quando si È mancato lo strumento che trattenere nove decimi delle
attuata da altri ordinamenti. sono ricreate le condizioni facesse sentire la voce del risorse sui territori, ma
Ad esempio in Spagna, per una amministrazione popolo, ossia il referendum. anche, prendendo in
questo percorso è stato regionale efficace è stata La mancanza della considerazione tutte le
avviato con l’istituzione delle riconosciuta, di fatto, consultazione referendaria, competenze di cui godono
comunità autonome, ovvero l’autonomia ai Länder che il 22 ottobre si va a le due Province autonome,
le regioni spagnole, con due dell’Est. Forse lo stesso celebrare, ha rappresentato ridurre drasticamente il
48 49
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

livello di burocrazia statale. vengono regionalizzati è ci potrebbero essere efficiente, facendo diventare
La Regione del Veneto ha necessaria una mappatura 373.000 dipendenti pubblici l’istruzione un’altra delle
preparato questo percorso di ciò che effettivamente in meno. Ovviamente è un nostre eccellenze.
per l’autonomia identificando serve in termini di personale. esercizio teorico, ma che
anche tutti i procedimenti La Regione del Veneto è una rende bene l’idea delle 50.
burocratici centrali che regione che ha un numero di differenze che ci sono Con poche risorse
costituiscono un freno allo dipendenti e dirigenti fra i più nel Paese. disponibili, com’è la
sviluppo e all’imprenditoria. bassi di tutta Italia in preparazione degli studenti
L’autonomia veneta sarà proporzione alla popolazione, 49. veneti? Migliorerà con
volta a eliminare tutta la anche in termini di costi. Con l’autonomia l’autonomia?
burocrazia-ostacolo oggi È, quindi, evidente che sulla acquisiremo anche la
esistente, burocrazia che parte di amministrazione competenza in materia Nonostante le poche risorse
è prevalentemente statale. che verrà regionalizzata di istruzione? a disposizione delle scuole,
Se un cittadino vuole si dovrà attuare questo la preparazione degli
aprire un’attività/impresa tipo di programma. Per quanto riguarda la studenti veneti è molto
a Trento e Bolzano, non regionalizzazione del elevata. Nei punteggi
soltanto gode di straordinari 48. personale insegnante, anche ottenuti nelle prove Invalsi,
incentivi a fondo perduto, Quanti dipendenti pubblici in questo caso un modello e relativamente agli alunni
ma affronta anche meno in meno si avrebbero molto eloquente è quello alle porte del triennio di
burocrazia dal momento se l’Italia “copiasse” di Trento e Bolzano. Con scuole superiori (15-16 anni),
che tante competenze il Veneto? l’autonomia, è possibile una si registrano in Veneto tra
non sono più esercitate razionalizzazione del i migliori risultati d’Italia sia
dall’amministrazione statale, Oggi in Italia ci sono poco personale insegnante molto in matematica che in italiano
ma dalle amministrazioni più di 3 milioni di dipendenti più funzionale alle esigenze (2° posto per gli alunni
provinciali. pubblici, dato che di famiglie e studenti. Oggi veneti). E guardando ai soli
comprende quelli che il Veneto subisce l’effetto istituti professionali che
47. lavorano presso i Ministeri, dei trasferimenti dei docenti, rappresentano quel tipo
Non crede che con le Asl, le regioni e gli enti o con ritardo, o per le di “palestra” che garantisce
l’autonomia, molti locali. È un numero in linea carenze tecniche del un collegamento diretto tra
degli impiegati pubblici con la media europea: Ministero, o per le la scuola e il mondo del
statali, a fronte di un tuttavia, il personale conseguenze delle richieste lavoro, i punteggi degli alunni
trasferimento delle pubblico non è distribuito di assegnazione al Sud, sono i più elevati d’Italia sia
competenze, finirebbero in maniera uniforme sul col risultato che le cattedre in italiano che in matematica
nelle file regionali, territorio nazionale, con una rimangono scoperte. Una (1° posto). Con maggiori
perpetuando una sorta maggiore presenza al Sud. volta che l’istruzione dovesse risorse Il Veneto potrebbe
di burocrazia borbonica? In Veneto vi sono 46 essere regionalizzata, il migliorare le proprie scuole
dipendenti pubblici ogni processo verrebbe gestito e potenziare maggiormente
No. Innanzitutto, una volta mille abitanti: se tutta autonomamente con il proprio sistema educativo,
che i dipendenti statali l’Italia “copiasse” il Veneto un’offerta educativa più rendendolo ancor più
50 51
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

aderente ai bisogni delle scuole e renderle, oltre che 53. all’università, avere maggiori
imprese, aumentando, più sicure (adeguamento Quali benefici potrebbe risorse a disposizione,
per esempio, i momenti impianti antincendio, portare l’autonomia poter creare un sistema
di incontro tra studenti antisismica, efficienza all’università? universitario specificamente
e mondo produttivo energetica, ecc.) anche calibrato sulle esigenze
e sostenendoli anche al passo con i più moderni Due eccellenze universitarie delle imprese del Veneto,
con contributi. apparecchi digitali, a livello nazionale e potenziando in questo modo
consentendo un miglior internazionale sono quelle le proprie eccellenze.
51. percorso didattico e di Trento e Bolzano, che
Con l’autonomia, gli maggiori risultati di studio. hanno chiesto di essere 54.
studenti e gli insegnanti sganciate dal finanziamento Con l’autonomia, gli
veneti otterrebbero dei 52. nazionale e vengono studenti universitari
vantaggi? Avremo scuole Con l’autonomia potremmo finanziate direttamente dalle veneti potranno continuare
più sicure? avere insegnanti meglio Province autonome. Questo a studiare all’estero?
pagati? permette loro di avere una
Sì, in quanto la maggiore dotazione di fondi e una Certamente, con l’autonomia
autonomia porterebbe L’autonomia in materia loro capacità di utilizzo non ci sarebbero delle
maggiori risorse ma di istruzione consentirebbe straordinariamente diversa limitazioni. Le Università
anche nuovi modelli di predisporre bandi per il da quella delle altre regioni. del Veneto sono tra le
di organizzazione della reclutamento del personale Microsoft, per esempio, ha migliori d’Italia e secondo
didattica; a quella di base docente su base regionale, deciso, proprio per questo, la classifica stilata
si potrebbero unire ulteriori prevedendo che la cattedra di investire in una sede annualmente da Il Sole 24
progettazioni e attività sarà assegnata soltanto ai universitaria e ha scelto Ore nel 2016 quella di Verona
sperimentali collegando di docenti che si impegneranno l’Università di Trento. risulta in cima alla classifica
più la scuola con il mondo a risiedere e a esercitare in La regionalizzazione del con Padova e Venezia che
dell’imprenditoria veneta. Veneto la propria professione finanziamento all’università, rientrano nei primi 10 posti.
Inoltre, i docenti più preparati per almeno 10 anni. attraverso il meccanismo I rapporti internazionali tra
e volenterosi verrebbero A fronte di tale impegno la dei nove decimi di risorse queste università e le altre
coinvolti nello sviluppo regione potrebbe prevedere che rimangono sul territorio, nel mondo sono consolidati
di percorsi didattici per un maggior compenso permetterebbe alla Regione e proficui. Con l’autonomia
rispondere alle sfide del grazie ad appositi accordi del Veneto di incrementare semmai queste partnership
futuro in un mondo del lavoro cosiddetti di secondo i propri poli universitari potrebbero rafforzarsi
sempre più internazionale, livello con i sindacati. (che già sono delle nell’ottica di facilitare
del web e dell’industria 4.0., La continuità didattica, eccellenze) in un processo l’inserimento lavorativo degli
ricavandone una maggiore inoltre, contribuirebbe a speculare a quello attuato studenti e dare alle imprese
retribuzione. Il Veneto migliorare ulteriormente da Trento e Bolzano. nuove competenze e capacità
potrebbe, peraltro, rilanciare l’offerta didattica, attraendo Vorrebbe dire non vedersi di risolvere i problemi.
un piano di investimenti per anche da altri territori nuovi applicare più tagli lineari
modernizzare le proprie studenti. per il finanziamento
52 53
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

55. potrebbe portare benefici Tabella 8


Con l’autonomia anche alle casse comunali e Regioni ordinarie: distribuzione delle manovre finanziarie
pagheremo meno tasse? di conseguenza si potrebbe (tagli) e della spesa (milioni di euro)
E per quanto riguarda assistere a un alleggerimento
la TASI, l’IMU e gli altri di questi tributi. Tuttavia
tributi? deve essere chiaro che non Regioni Totale Distribu- Spesa Distribuzione
manovre zione non spesa non
vi sarà una influenza diretta. 2011-17 totale Sanitaria sanitaria
Con l’autonomia potrebbero manovre (*) (B)
diminuire quei tributi in 56. (A)

relazione ai quali la regione Quanto è stato


Piemonte 1.088 9,20% 3.282 8,80%
ha la possibilità di ridurre penalizzato il Veneto
l’aliquota o introdurre sconti dalle manovre economiche Lombardia 1.986 16,80% 6.004 16,20%
e deduzioni. I più noti sono fatte dai governi negli
l’Irap, l’addizionale regionale ultimi anni? Liguria 405 3,40% 1.243 3,30%
Irpef e il bollo auto. Occorre Veneto 971 8,20% 2.568 6,90%
precisare che questa I fondi statali assegnati
possibilità esiste già adesso, alle regioni negli ultimi Emilia 997 8,40% 2.739 7,40%
Romagna
e la Regione del Veneto ne anni hanno subìto tagli
ha fatto buon uso; si pensi, significativi. Basti pensare Toscana 947 8,00% 3.012 8,10%
infatti, che è l’unica realtà che rispetto a quanto
a Stato ordinario a non avere stabilito nell’ultimo “Patto Umbria 267 2,30% 693 1,90%
aumentato l’addizionale per la salute”, il finanziamento
Marche 375 3,20% 1.011 2,70%
regionale Irpef, lasciando sanitario a livello nazionale
così nelle tasche dei veneti, è stato ridotto di circa 6,5 Lazio 1.431 12,10% 4.599 12,40%
grazie alla non applicazione miliardi di euro. Anche il
Abruzzo 377 3,20% 1.008 2,70%
di “tasse regionali”, più di Veneto ha dovuto, dunque,
1 miliardo di euro l’anno. far fronte al taglio delle Molise 121 1,00% 459 1,20%
Tuttavia, la disponibilità risorse in ambito sanitario:
di ulteriori risorse, grazie tuttavia, è rimasta una delle Campania 1.230 10,40% 4.844 13,00%
all’autonomia, consentirebbe regioni di riferimento nella
Puglia 895 7,50% 2.850 7,70%
di abbassare ulteriormente il sanità, assicurando sempre i
prelievo. Per quanto riguarda livelli essenziali di assistenza. Basilicata 251 2,10% 971 2,70%
altri tributi, come per esempio In totale è di quasi 1 miliardo
Calabria 512 4,20% 1.847 5,00%
TASI e IMU, maggiori risorse di euro la cifra dei tagli subiti
potrebbero influenzare dalla Regione del Veneto in Regioni 11.853 100,00% 37.131 100,00%
indirettamente anche le poche annualità sul riparto ordinarie
finanze comunali, nel senso del Fondo Sanitario Nazionale. (*) spesa regionale riferita all’anno precedente l’avvio dei tagli (corrente + investimenti al netto sanità).
che un maggior intervento Tra il 2011 e il 2017 lo sforzo Elaborazioni Ufficio Studi CGIA su dati Corte dei Conti, decreti ministeriali di riparto e atti Conferenza
Stato-Regioni.
della regione sul territorio, richiesto ai Veneti per il
54 55
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

risanamento dei conti pubblici totale dei tagli a carico Tabella 9


nazionali ammonta a 971 delle regioni a statuto La spesa dello Stato centrale nei territori.
milioni di euro, pari a 198 ordinario: tuttavia, il Veneto Valori in % sul PIL (media 2013-2015)
euro per cittadino. rappresenta solo il 6,9%
In particolare, negli stessi del totale della spesa delle
anni i trasferimenti statali regioni. Se i tagli avessero Spesa statale nelle Regioni Spesa statale nelle Regioni
ordinarie a Statuto Speciale
alla Regione del Veneto sono seguito la distribuzione
stati tagliati del 47%, a fronte delle spese regionali,
Calabria 25,40% Sardegna 27,50%
di una riduzione complessiva il Veneto avrebbe potuto
a tutte le regioni del 29%. beneficiare di un alleggeri- Molise 23,50% Sicilia 25,40%
Con una maggiore autonomia, mento delle manovre pari
il Veneto potrebbe rafforzare a 151 milioni di euro. Campania 21,50% Valle d'Aosta 22,60%
il proprio sistema sanitario, Basilicata 20,50% Trentino-Alto Adige 21,50%
sostenere le imprese e il 58.
lavoro e in generale intervenire È vero che il Veneto Puglia 20,10% Friuli Venezia Giulia 17,40%
con maggiore efficacia in è trascurato da Roma?
Lazio (*) 19,20% Media regioni 12,4%
tutti i settori economici e ordinarie
produttivi, indipendentemente Sì, è vero. Il Veneto occupa Abruzzo 18,60%
da eventuali tagli da parte il terzultimo posto nella
dello Stato. classifica della spesa statale. Umbria 13,90% Nord 9,50%
Lo Stato centrale, infatti, Liguria 12,20% Centro (*) 15,40%
57. spende in Veneto 2.816 euro
I tagli delle leggi di finanza per abitante, a fronte di una Marche 11,70% Sud 22,80%
hanno penalizzato chi media nazionale di 3.689
Piemonte 11,20% Media Italia 13,7%
ha speso di più e punito euro per cittadino e contro
chi ha speso di meno i 4.150 euro della Calabria Toscana 10,60%
come il Veneto? e gli 8.092 del Trentino-Alto
Adige. Si tratta di soldi che Veneto 9,20%
Purtroppo no. I tagli da vanno a coprire i costi dei Emilia Romagna 8,40%
parte dello Stato centrale servizi erogati direttamente
sono stati attuati senza dai Ministeri (istruzione, Lombardia 6,70%
considerare la buona difesa, giustizia, ordine (*) il dato risente dei costi derivanti dalla presenza dei Ministeri. Nota: la spesa è al netto degli interessi
gestione amministrativa, pubblico…) e dei trasferimenti sul debito. Elaborazioni Ufficio CGIA su dati Ragioneria Generale dello Stato e ISTAT.

premiando in questo modo centrali verso regioni ed enti


le regioni che hanno speso locali. In pratica, i territori
in maniera eccessiva. non sono tutti uguali di fronte
Un esempio è molto utile. allo Stato. In estrema sintesi
I tagli subìti dal Veneto è di quasi 1.000 euro per
equivalgono all’8,2% del abitante lo scarto Sud-Nord
56 57
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

rispetto a quanto lo Stato contributi e balzelli vari consumati sul territorio). pari al 20% della ricchezza
spende nei territori, mentre è pari a 15,4 miliardi di euro Le regioni che hanno un che produce; cifre analoghe
è di 3.084 euro la spesa (residuo fiscale). Si tratta residuo fiscale positivo per la Sardegna che registra
pro capite dello Stato verso di una cifra importante, pari sono 10 a cui si aggiunge un residuo fiscale di 5,2
i territori del Nord contro al 11,4% del valore aggiunto la Provincia Autonoma di miliardi corrispondente
4.020 euro pro capite prodotto nella nostra Bolzano: Lombardia, Emilia- al 18% del suo valore
per il Sud. Regione, possiamo quindi Romagna, Veneto, Piemonte, aggiunto. Le ragioni di questa
affermare che ogni anno Toscana, Lazio, Marche, situazione sono molteplici,
59. la “famiglia Veneto” destina Liguria, Friuli Venezia Giulia, e derivano sia da una non
La sperequazione finirebbe una fetta del proprio reddito Valle d’Aosta. In particolare, il ottimale gestione della cosa
con l’autonomia? (l’11,4%) per aiutare la Veneto si trova ai vertici della pubblica (inefficienze,
“comunità Italia”. Si tratta classifica, in terza posizione sprechi, ecc.), ma anche da
A parte il Lazio, nel quale di un sacrificio importante, con un residuo fiscale di 15,4 una situazione economica
ricadono le sedi dei Ministeri, in pratica (banalizzando) è miliardi di euro (11,4% del di estrema difficoltà.
il territorio in cui lo Stato come se ogni Veneto a fronte valore aggiunto regionale),
spende di più è l’Abruzzo, di un esborso medio annuo dietro all’ Emilia-Romagna 62.
con 4.414 euro per abitante di 14.580 euro (tra imposte, che ha un residuo fiscale di Il debito pubblico continua
all’anno. A seguire, il Molise contributi e altri balzelli), 18,8 miliardi (14,1% del ad aumentare, è tutta colpa
con 4.382 euro, la Calabria ricevesse 11.443 euro in valore aggiunto regionale), degli enti locali o è anche
con 4.150 e la Basilicata servizi pubblici, la differenza mentre in prima posizione si colpa delle regioni?
con 3.931 euro. pari a 3.137 euro è il trova la Lombardia il cui
contributo di ogni Veneto residuo fiscale è pari a 52,1 No, non è colpa degli enti
60. alle finanze pubbliche. miliardi di euro (16,3% del locali. Tra il 2007 e il 2017
Quanto danno i veneti valore aggiunto regionale). il debito pubblico italiano
in solidarietà alle 61. Le regioni che hanno, invece, è aumentato di oltre 670
altre regioni d’Italia Quali sono le regioni un residuo fiscale negativo, miliardi di euro, con una
(residuo fiscale)? che tengono in piedi cioè che consumano variazione del +42%. Nello
Con l’autonomia cosa il Paese? Quali, invece, maggiori risorse pubbliche stesso periodo la parte di
cambierebbe? hanno un residuo fiscale rispetto al loro prelievo competenza dello Stato
negativo? fiscale, sono 9 a cui si centrale è cresciuta del
Il Veneto è una regione aggiunge la Provincia 46%, mentre il debito delle
generosa che da sempre Le regioni che tengono in Autonoma di Trento: Umbria, Amministrazioni locali è
ha sostenuto le finanze piedi il Paese sono quelle che Molise, Basilicata, Abruzzo, diminuito del 19%. Nello
pubbliche, contribuendo presentano un residuo fiscale Sardegna, Campania, specifico, il debito delle
con le proprie risorse agli positivo, cioè che danno Calabria, Puglia, Sicilia. regioni è crollato del 32%,
equilibri finanziari nazionali. (in termini di imposte, tasse, In particolare, tra le ultime quello delle Province è calato
La differenza tra quanto contributi ed altri balzelli) posizioni si segnala la del 15%, mentre il debito
viene prelevato ogni anno più di quello che ricevono Calabria con un residuo comunale si è ridotto
a titolo di imposte, tributi, (in termini di servizi fiscale di 5,8 miliardi di euro, dell’11%.
58 59
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

63. verosimile dei flussi di risorse fare di più e meglio per la 66.
Sanità: il Veneto è egoista avvenuti tra un territorio salute dei veneti. Negli ultimi anni ci sono
o solidale con le altre e l’altro. stati tagli di fondi dallo
regioni? 65. Stato per la sanità veneta.
64. Si legge che mancano Con l’autonomia non ci
Il Veneto è una delle regioni È possibile avere un’idea medici e infermieri. Con saranno più?
più “solidali”: infatti, insieme di quanti soldi in più ci l’autonomia si potranno
a Lombardia, Lazio, sarebbero per la sanità assumere? Uno Stato in queste
Emilia-Romagna, Piemonte veneta con l’autonomia? condizioni finanziarie
e Toscana finanzia il fondo Quello del personale è uno continuerà a tagliare e
sanitario al quale le regioni Le tasse pagate dai veneti dei grandi lacci che vogliamo purtroppo, in sanità, fino
con minori disponibilità non tornano in Veneto sotto sciogliere con l’autonomia. a oggi lo ha fatto senza
economiche attingono per forma di investimenti Ci servono almeno mille applicare i costi standard
finanziare i propri servizi o contributi allo sviluppo medici e duemila infermieri, per i quali combattiamo da
sanitari. Tra il 2001 e il 2015 economico, alla sanità, ma da Roma non arrivano anni su tutti i tavoli romani.
il Veneto ha “versato” a alle politiche sociali per i soldi sufficienti attraverso Significa che una siringa
questo fondo circa 13,5 anziani. Oggi i soldi per far il Fondo Sanitario Nazionale deve costare lo stesso in
miliardi di euro: in pratica funzionare gli ospedali e che, invece, viene tagliato Veneto come in Sicilia. Invece
è come se ogni Veneto tutta la medicina sul ogni anno dalle leggi non è così, con il risultato
avesse donato alla sanità territorio, come i distretti finanziarie nazionali che che, a forza di tagli, l’Italia
delle regioni più “povere” e i medici di famiglia, si susseguono. A questo è uno dei Paesi europei dove
ben 188 euro ogni anno per arrivano da una suddivisione bisogna sommare gli errori la spesa dedicata alla sanità
15 anni. Utilizzando questo fatta a livello nazionale che, di programmazione del rispetto al Prodotto Interno
approccio, risulta che dei anno dopo anno, ha subito Ministero che non prevede Lordo, il Pil, è più bassa.
13,5 miliardi che il Veneto tanti tagli lineari che hanno posti sufficienti di medici Ci stanno portando più vicini
ha “versato” alla solidarietà colpito il Veneto, dove la e specialisti a coprire il turn alla Grecia che all’Olanda
interregionale, 5,1 miliardi sanità funziona e i conti sono over che nei prossimi anni o alla Germania, dove la
sono andati alla Campania, in ordine, alla pari di regioni sarà massiccio per effetto spesa sanitaria arriva vicino
3,6 miliardi alla Puglia, 2,1 sprecone dove anche i pasti dei pensionamenti. Già nel al 10% del Pil.
miliardi alla Calabria, 777 in ospedale o i cerotti e le 2015 avevamo pronta
milioni all’Abruzzo, 733 garze costano molti di più un’operazione per assumere 67.
milioni alla Basilicata, 398 che da noi. In alcuni casi si cinquecento camici bianchi Con l’autonomia, sarà
milioni al Molise, 395 milioni arriva fino al 600% in più del tra medici e infermieri, ma la volta buona che non
all’Umbria, 182 milioni alle netto medio corrisposto ai il taglio che arrivò dalla avremo più a che fare
Marche e 142 milioni alla fornitori del Veneto. La sanità finanziaria nazionale ci con le liste d’attesa?
Liguria. Ovviamente, si tratta è uno dei settori più rilevanti negò i fondi per farlo.
di un esercizio statistico che, sui quali si incentra la nostra Con l’autonomia su sanità e Ridurre le liste d’attesa è uno
tuttavia, è in grado di fornire richiesta di autonomia. istruzione avremo finalmente degli obiettivi principali della
una rappresentazione La risposta è quindi: potremo le leve per decidere da soli. Regione del Veneto, e per
60 61
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

questo abbiamo avviato, del tempo, dalle finanziarie buon padre di famiglia, 71.
primi in Italia, l’apertura nazionali. In questo balzello che non può spendere più Tutti dicono che si investe
degli ospedali anche di notte odioso la regione, quindi, non di quello che guadagna poco sulla prevenzione,
e nei giorni prefestivi e festivi c’entra niente. Ciò nonostante, al mese e, anche in questo con l’autonomia è in
per poter offrire alla gente siamo pronti a fare tutto il caso, i finanziamenti da programma di potenziarla
tempi più ampi per fare possibile perché anche i Roma sono sempre meno, e di aumentare gli
gli esami, soprattutto con ticket nazionali possano in conseguenza dei screening?
i grandi macchinari come essere eliminati, lasciando gravissimi tagli al fondo
Tac e Risonanze Magnetiche, eventualmente solo quelli sanitario e al fondo Sociale. La prevenzione è la madre
e le visite. È ovvio che, per le prestazioni improprie, di tutte le battaglie contro
quando disporremo dei come le cure nei pronto 70. le malattie, perché
maggiori fondi grazie soccorso per prestazioni La medicina del territorio individuare una patologia
all’autonomia, potremo che non rivestono carattere potrà essere migliorata prima che cresca è come
assumere più personale d’urgenza. Parte dei maggiori con l’autonomia? sconfiggerla prima che faccia
e acquistare più macchinari fondi che deriveranno troppi danni. In Veneto ci
(già oggi ne compriamo ogni dall’autonomia li useremo I Distretti socio sanitari e la stiamo riuscendo molto bene
anno per 70 milioni di euro, con questo scopo. I ticket rete dei medici di famiglia con gli screening per il
ma non basta mai), allungare potranno sparire o diminuire sono la spina dorsale di tumore al seno e quelli
ancora i tempi a disposizione tantissimo, fino a zero per quell’assistenza che va data dell’utero e del colon.
della gente per visite ed le persone meno abbienti. alla gente vicino a casa, fuori Si può e si deve fare di più,
esami e diminuire, se non dagli ospedali dove è giusto lavorando anche sui
azzerare le liste d’attesa. 69. curare solo le malattie acute. giovani per prevenire i
La risposta è quindi che Ho un malato cronico Il Veneto ha già una buona comportamenti non salutari
con l’autonomia potremo grave in famiglia, con organizzazione complessiva come l’alcol, il fumo e l’uso
aggredire ancora di più l’autonomia potrà e sta rafforzando la medicina di stupefacenti. In Italia
e meglio i tempi d’attesa. migliorare l’assistenza? di base con la creazione si investe molto meno del
delle Medicine di gruppo 5% indicato come soglia
68. L’assistenza domiciliare Integrate, nelle quali più minima di spesa sanitaria
Con l’autonomia, e l’aiuto alle famiglie è medici lavorano in maniera da dedicare alla prevenzione.
continueremo a pagare considerata dalla regione associata e grazie alla quali E quindi una regione che
il ticket? una questione di civiltà: il cittadino trova un medico possa disporre in piena
lasciare una persona malata disponibile, minimo 12 ore autonomia di maggiori fondi
Prima di tutto sgomberiamo a casa e curarla nell’ambito al giorno e anche al sabato. e competenze ha l’obbligo
il campo da una grossa famigliare è un obiettivo Anche in questo caso, con morale di investire. La
bugia: in Veneto non si che perseguiamo in tutte le maggiori investimenti prevenzione potrà essere
pagano ticket imposti dalla nostre scelte amministrative. derivanti dall’autonomia, potenziata, così come
regione. Quelli che gravano Anche in questo caso, l’intero sistema potrà l’offerta gratuita dei vaccini.
sulle tasse dei veneti, sono purtroppo, dobbiamo essere potenziato.
stati tutti imposti, nel corso comportarci come un
62 63
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

72. 73. 74. Se fossimo autosufficienti


Con l’autonomia, i nostri Abito in una zona del Posso sperare che la le nostre bollette sarebbero
giovani che vogliono Veneto in cui tutti i giorni ricerca sanitaria con meno costose?
studiare medicina o fare si sente parlare di pericolo l’autonomia riceva
gli infermieri o i tecnici di chiusura dell’ospedale. più sostegno per la cura No, il Veneto come l’Italia
sanitari potranno studiare Cambierà qualcosa con dei tumori? è un territorio che importa
in Veneto senza problemi? l’autonomia? energia e che dipende da
Abbiamo in Veneto grandi altri paesi per petrolio, gas
È una battaglia con Roma Quella della chiusura o del Università, con importanti ed energia elettrica. Sul
che stiamo conducendo da ridimensionamento di alcuni facoltà di medicina come fronte dell’energia elettrica,
anni e una prima vittoria ospedali è la peggior bugia Padova e Verona, due Aziende nel 2015, il Veneto contava
l’abbiamo ottenuta: la Corte che si è sentita in questi Ospedaliere Universitarie cui uno dei più bassi gradi
Costituzionale ci ha dato anni. Non è vero e non lo si aggiungono l’Istituto di autosufficienza d’Italia
ragione in un ricorso che sarà mai! Con la nostra Oncologico Veneto (IOV) (<60%); tale situazione
aveva fatto il governo contro programmazione sanitaria e la rete oncologica veneta è stata determinata dalla
la nostra decisione di niente chiude e niente viene che coinvolge tutti i principali decisione di non riconvertire
assegnare a giovani che ridimensionato. La prova ospedali ed è il nostro fiore la centrale di Porto Tolle.
hanno studiato nelle sono forti investimenti che all’occhiello a livello nazionale. Con un Veneto autonomo
università venete un abbiamo fatto in ospedali Già oggi otteniamo risultati si potrebbe ripensare alla
centinaio di borse di studio che i soliti catastrofisti di valore internazionale questione energetica
per le specialità mediche giuravano che sarebbero grazie alla tenacia e alla incentivando, per esempio,
finanziate direttamente dalla stati tagliati. È chiaro però preparazione scientifica dei l’autoproduzione energetica,
regione. Lo stesso vale per che per sostenere la qualità nostri ricercatori, ma siamo favorendo il risparmio grazie
le professioni sanitarie non e la diffusione delle nostre frenati dalle poche risorse alle nuove tecnologie di
mediche, i cui posti di strutture sanitarie occorrono che lo Stato (che per costruzione delle case
specialità vengono decisi fondi che dallo Stato arrivano legge dovrebbe finanziare e degli edifici in generale,
da Roma, con suddivisioni sempre più con il contagocce. direttamente la ricerca) sostenendo la ricerca
a volte assurde, come quella Per recuperare circa 90 investe. Con i maggiori di mezzi di produzione puliti
di un recente decreto che milioni l’anno abbiamo fondi che deriveranno ed efficienti. Sulla bolletta
tagliava cinquemila posti a ridotto le Ulss da 22 a 9, dall’autonomia vogliamo elettrica di un cittadino
tutte le regioni per assegnarli diminuendo all’osso i costi anche sostenere e sviluppare o di una piccola impresa
alle Università del Lazio. amministrativi. In Veneto la ricerca veneta, i cui in Italia grava una delle
Con l’autonomia vogliamo al massimo si tagliano risultati si rivolgono non tassazioni più elevate
poterci pagare la formazione scrivanie, non servizi. solo ai nostri cittadini, ma d’Europa. Per una famiglia
che serve per le figure Con l’autonomia potremo a tutto il mondo. italiana fatto 100 il costo
professionali di cui c’è rafforzare il miglioramento della bolletta, più della metà
più bisogno in sanità e, delle strutture e dei servizi. 75. se ne va in tasse, oneri
naturalmente, pensare Il Veneto è autonomo dal e costi di distribuzione.
prima ai nostri giovani. punto di vista energetico? Con l’autonomia si potrebbe
64 65
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

avviare un percorso per 77. 78. Il Veneto è la regione con


ridurne il costo, in particolare Il Veneto vuole più A quanto ammonta la minore incidenza di
sugli oneri sostenuti per lo autonomia per coprire l’evasione fiscale in Veneto? lavoratori irregolari sul totale
sviluppo delle fonti rinnovabili l’evasione e il lavoro nero? degli occupati. Nella nostra
che vengono utilizzati a In Veneto si stima che Regione i circa 190 mila
copertura degli investimenti Il Veneto si merita maggiore l’evasione, intesa come lavoratori non in regola
effettuati nelle 20 regioni autonomia proprio perché redditi non dichiarati (valore con la normativa fiscale/
italiane (al Sud gli impianti i suoi cittadini sono tra i più aggiunto) sia circa 17 miliardi contributiva rappresentano
hanno più resa e alcune regioni ligi nel rispetto delle “regole di euro. Il dato nazionale è l’8,8% dell’occupazione. Si
possono sfruttarli di più). fiscali”. Da uno Studio della invece pari a 211 miliardi di tratta del tasso di irregolarità
CGIA di Mestre risulta che euro corrispondente al 14,5% più basso tra le regioni
76. il senso civico fiscale dei della ricchezza prodotta italiane, 4,5 punti in meno
Perché sarà più facile, con contribuenti veneti è tra (valore aggiunto). Si tratta del valore nazionale (13,3%).
l’autonomia, per i giovani i più alti di Italia. Per misurarlo di una cifra importante, ma Il dato Veneto si colloca
veneti trovare lavoro? è stato calcolato l’“Indice di per capirne le dimensioni a un livello inferiore persino
Fedeltà Fiscale” che sintetizza deve essere rapportata alla a quello registrato nella
Con maggiori competenze 6 diversi indicatori tra cui la ricchezza prodotta nella Provincia autonoma di
nel campo dell’istruzione percentuale di lavoro nero, nostra regione e confrontata Bolzano (9,1%), meglio
sarà più agevole avvicinare l’incidenza dell’evasione con le altre realtà territoriali. della Valle d’Aosta (9,9%)
la scuola veneta al mondo nell’economia, il rapporto Se si compie questa e dell’Emilia-Romagna
del lavoro. Oggi, ad eccezione tra i redditi dichiarati e i operazione, si scopre che (10%). All’estremo opposto
degli indirizzi professionali, consumi, il tasso di litigiosità il Veneto è tra le regioni con si trovano tre regioni del Sud:
l’integrazione tra la scuola fiscale e quello di invio dei meno evasione: l’economia Calabria, Campania e Sicilia
media superiore/università dati richiesti dal fisco. sommersa è pari al 12,7% con un tasso di irregolarità
e le imprese private è ancora Ebbene fatto 100 il valore del valore aggiunto Veneto. rispettivamente del 23%,
insufficiente. Investendo Italia, l’indice assume per Meglio di noi solo la 21,5% e del 20,3%, più del
su progetti che favoriscono il Veneto il valore di 130,8; Lombardia (11,5%) e il doppio di quello del Veneto.
l’avvio di percorsi formativi superato solo dal Trentino- Trentino-Alto Adige (11,3%).
suggeriti/concordati con Alto Adige (valore 159,2). Si tratta di valori molto 80.
il mondo produttivo, si Grazie a questo indicatore distanti da quelli registrati Vogliamo l’autonomia
potrebbe consentire a molti si è potuto rilevare come in Sicilia, Campania e per pagare le pensioni?
ragazzi di entrare in tempi i contribuenti Veneti siano Calabria che presentano
rapidi nel mercato del lavoro, particolarmente corretti, un’incidenza del sommerso La questione dello squilibrio
riducendo la disoccupazione non solo nel dichiarare il attorno al 20% della previdenziale, cioè il deficit
giovanile, aumentando giusto, ma anche nel rispetto ricchezza prodotta. esistente in Italia tra i
la platea degli occupati e dei numerosi e spesso contributi pagati e le
favorendo la redistribuzione complicati adempimenti 79. prestazioni ricevute, è elevato:
del reddito. richiesti dal fisco. In Veneto quanti sono secondo i bilanci degli enti
i lavoratori irregolari? previdenziali il saldo italiano
66 67
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

sarebbe negativo per 85 fra qualche decennio queste (+141 euro pro capite). Con l’autonomia e più
miliardi di euro. All’interno persone che lasceranno Dal punto di vista fiscale risorse, il Veneto potrebbe
di questo squilibrio ci sono il lavoro per raggiunti limiti e finanziario, la disponibilità scalare ancora la classifica
anche le funzioni assistenziali di età potranno affiancare da parte dell’ente regione europea in quanto i servizi
(assegno di disoccupazione, all’assegno pubblico, di maggiori risorse migliorerebbero e il territorio
oggi Naspi, pensioni sociali, maturato con il versamento consentirebbe sia di porre veneto diverrebbe un
cassa integrazione, ecc), dei contributi previdenziali in atto politiche tese a marchio capace di attrarre
che gli enti previdenziali durante l’attività lavorativa, incentivare gli investimenti nuovi cittadini dei paesi in via
gestiscono. Le regioni del anche quello riconducibile con bandi, agevolazioni, di sviluppo e nuovi ricchi del
Mezzogiorno hanno in capo alla previdenza comple- finanziamenti agevolati, mondo che hanno elevata
più della metà di questo mentare. Una materia, sia in prospettiva di ridurre capacità di spesa. In nessuna
squilibrio; se si potesse quest’ultima, che con le imposte “regionali”. altra parte del Paese, infatti,
ragionare a livello regionale, l’autonomia diventerà di Nell’ipotesi fossero possiamo contare su
il Veneto evidenzia un tasso competenza della Regione cancellate sia l’Irap sia un’offerta turistica così
di copertura abbastanza del Veneto. l’addizionale regionale Irpef, completa e di alta qualità.
buono e quindi ipoteticamente un piccolo imprenditore Le nostre città d’arte, le
avrebbe meno problemi 82. veneto con un reddito di spiagge, le terme, le
a gestire la previdenza Perché imprese venete 30.000 euro risparmierebbe montagne e i laghi presenti
liberando quindi risorse per e artigiani con l’autonomia poco più di 1.000 euro nel nostro territorio non
erogare maggiori prestazioni ci guadagnerebbero? di tasse all’anno. hanno eguali al mondo.
sociali. Il Veneto, infatti, è al Soffriamo, però, della
quarto posto per numero Le piccole imprese, artigiani 83. mancanza di una politica
di pensionati ogni 100 e commercianti, con Siamo la prima regione dei flussi turistici in grado
occupati (61,8), in linea con l’autonomia avrebbero degli turistica d’Italia: perché di mettere a sistema queste
la Lombardia (61,4), mentre indubbi benefici, le ragioni con l’autonomia potremmo risorse. Grazie ad una
nel Sud d’Italia c’è una sono economiche, fiscali migliorare e avere un maggiore autonomia nel
incidenza elevatissima (84,2). e finanziarie. Dal punto sistema turistico più settore delle grandi reti di
di vista economico, integrato? trasporto, nel governo di
81. queste imprese operano porti, aeroporti civili e la
Con l’autonomia, principalmente sul mercato Il Veneto è la prima regione valorizzazione dei beni
i pensionati veneti interno e quindi maggiori turistica italiana con più culturali/ambientali
di domani avranno risorse impiegate sul nostro di 65 milioni di presenze possiamo ambire nel giro
assegni più pesanti? territorio significherebbero nel 2016. Forse non tutti di un decennio a diventare
maggiore domanda e quindi sanno che il Veneto è la la regione più turistica
Grazie alla possibilità di potenziale incremento sesta regione europea per d’Europa.
disporre di maggiori risorse del giro di affari. A questo presenze turistiche e insidia
regionali da investire nella proposito si stima un le posizioni di tutta la parte 84.
previdenza integrativa a aumento del Pil veneto adriatica della Croazia Con l’autonomia, l’export
vantaggio dei giovani veneti, di quasi 700 milioni annui e delle Isole Baleari. del Veneto potrebbe
68 69
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

risentirne? L’autonomia competitività e la loro potranno migliorare le reti delle unità immobiliari
potrà aiutarlo? capacità di esportare. infrastrutturali della regione in grado di connettersi
che, nonostante la capacità e utilizzare la “rete veloce”
Assolutamente no. Il Veneto 85. e la velocità di sviluppare è del 40%. Un dato,
contribuisce già al 14% Con l’autonomia, i prodotti infrastrutture con poche quest’ultimo, sostenuto
del totale export italiano e, realizzati nei nostri risorse pubbliche (si pensi dalle regioni meridionali che,
nonostante il diffusissimo distretti industriali saranno al passante di Mestre), grazie ai finanziamenti
tessuto di piccole e medie maggiormente valorizzati? sconta un gap sensibile con europei, hanno “cablato”
imprese, il saldo commerciale le altre regioni. Sapevate che gran parte del Sud. Con
(dato dalla differenza tra Il Veneto è una delle regioni nelle reti ferroviarie il Veneto più autonomia e, quindi, con
l’export e l’import) supera d’Italia a più alta vocazione è solo al 16° posto in Italia più soldi a disposizione da
i 16 miliardi di euro l’anno. all’export. Con una politica con 24,5 km ogni 100 mila investire, nel giro di qualche
L’autonomia non influirà del commercio con l’estero abitanti (meno della anno il Veneto potrebbe
negativamente sui rapporti più vicina ai territori dove si Sicilia, mentre in Calabria colmare questo differenziale
internazionali tra il Veneto e i produce, i nostri 17 distretti l’indicatore pesato per negativo.
suoi partner; anzi, attraverso industriali (calzature della gli abitanti è quasi il doppio
le maggiori risorse, Riviera del Brenta, Inox Valley di quello Veneto?). 88.
infrastrutture e piattaforme di Conegliano, Sportsystem Il Veneto negli ultimi anni
logistiche più efficienti si di Montebelluna, occhiale di 87. è stato colpito da molte
potranno ridurre i tempi di Belluno, concia dell’Alto Qual è la situazione in calamità naturali: alluvioni,
trasporto favorendo i ricavi Vicentino, termomeccanica Veneto delle infrastrutture tornado, smottamenti,
delle imprese. L’autonomia di Verona, orafo di Vicenza, telematiche? Potremo terremoto, ecc. Perché
potrà, quindi, aiutare l’export etc.) avrebbero delle ulteriori investire di più con l’autonomia può favorire
del Veneto. Il commercio con possibilità di crescita presso l’autonomia? la prevenzione e/o la
l’estero è una delle materie i nuovi paesi emergenti, ricostruzione delle realtà
che la Regione del Veneto attraverso lo sviluppo di Attualmente solo il 24,2% colpite da queste tragedie?
può chiedere allo Stato, nuove relazioni commerciali delle unità immobiliari
sulla base di quanto previsto promosse e coordinate dalla presenti in Veneto sono Con l’autonomia la Regione
dalla Costituzione. Grazie regione e dai suoi attori “coperte” dalla banda ultra del Veneto avrà maggiori
alla piena potestà legislativa economici. larga, anche se recentemente poteri nell’ambito della
in materia, la regione potrà sono stati finanziati protezione civile e del
approvare leggi e strumenti 86. investimenti pari a 398 governo del territorio.
maggiormente “mirati” sulle Con l’autonomia, quali milioni di euro di cui 83 In questo modo, potrà
esigenze delle imprese venete. effetti positivi si potranno da parte della Regione migliorare ulteriormente
Senza contare che, con la osservare nel campo delle del Veneto; una situazione le opere relative alla messa
riduzione della pressione infrastrutture viarie? che vede la nostra regione in sicurezza idrogeologica,
fiscale e l’aumento dei servizi in ritardo (anche se in forte con una forte azione di
pubblici, le imprese venete Con maggiori competenze recupero), se si considera prevenzione dei disastri
vedranno crescere la loro e potere legislativo si che il dato medio nazionale naturali. Inoltre, in caso
70 71
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

di calamità naturali, il Veneto Ci potranno essere spazi 91. per continuare a garantire
avrà maggiori spazi di finanziari per adottare A quanto ammontano le prestazioni assistenziali
manovra nella gestione dei misure di sostegno alle i tagli statali ai fondi ad anziani, disabili, non
soccorsi, delle emergenze famiglie con bambini per anziani, disabili autosufficienti. Da anni
e più poteri e risorse nella o a quelle numerose. e non autosufficienti? la regione, con sacrifici nel
fase di ricostruzione. Caleranno con proprio bilancio, è riuscita
Potremo finalmente 90. l’autonomia? a mantenere costante il
finanziare il “piano D’Alpaos” Le famiglie con disabili plafond unico regionale
da due miliardi e mezzo di a carico o con anziani non Il Fondo nazionale per le per la non autosufficienza,
euro per la definitiva messa autosufficienti avranno politiche sociali, cioè la assicurandogli una dotazione
in sicurezza del Veneto dal maggiori benefici? dotazione strutturale che lo finanziaria di circa 750
punto di vista idrogeologico. Stato trasferisce alle regioni milioni di euro: risorse
Con le nostre risorse Le famiglie con un disabile per servizi a famiglia, minori, indispensabili per assicurare
abbiamo comunque o con un anziano non poveri e per l’integrazione continuità ai contributi alle
aperti 925 cantieri per un autosufficiente a carico delle persone a rischio di rette dei 25 mila anziani
ammontare di 600 milioni sono sempre più numerose esclusione sociale, nel 2017 assistiti in casa di riposo, agli
di euro di opere grandi e necessitano di particolari sarà ridotto a meno di un oltre 48 mila a domicilio, per
(bacini di laminazione attenzioni, soprattutto dal terzo rispetto all’anno i progetti di vita indipendente
attesi da decenni) e piccole punto di vista economico. precedente: dai 311,6 milioni delle persone disabili, per
già finanziate. Già oggi la Regione del del 2016 si passa agli 99,8 i centri diurni, per gli oltre
Veneto eroga contributi promessi per il 2017. Con 100 centri sollievo attivi
89. alle famiglie per l’assistenza un simile taglio la regione si nel territorio, per la rete
Con l’autonomia, di persone disabili o non troverà nell’impossibilità di dei Caffè Alzheimer. La
le famiglie potranno autosufficienti attraverso dare continuità a progetti contrazione dei trasferimenti
beneficiare di maggiori l’impegnativa di cura e servizi previsti dai piani statali mette a rischio la
risorse? domiciliare. Con più risorse di zona e attuati con Ulss prosecuzione ordinaria dei
a disposizione si potrebbe e Comuni. Poco meglio va servizi. Se per ‘spesa sociale’
La buona capacità incentivare maggiormente per il Fondo nazionale per la si intende l’intervento
amministrativa del Veneto la permanenza, ove possibile, non autosufficienza. Il taglio pubblico per salute, casa e
si estenderà anche a servizi di queste persone all’interno statale rispetto all’anno scuola, spiccano anche i tagli
attualmente gestiti dallo del nucleo familiare. precedente ammonta a 50 al fondo statale per i canoni
Stato. Grazie ai risparmi che Alleggerendo così la spesa milioni (dai 500 milioni del di locazione, praticamente
ne deriveranno si potranno delle famiglie e quella 2016 si passa a 450) con una dimezzato (da 1,4 milioni a
avere risorse in più da pubblica per la non penalizzazione per il Veneto 700 mila euro i contributi
destinare ad una serie di autosufficienza che in questi stimata nell’ordine di 4,5 trasferiti al Veneto) e a quello
azioni, come la riduzione del ultimi anni è in costante milioni: da circa 30 milioni per l’acquisto dei libri di
carico fiscale, finalizzate ad crescita e consentendo, così annui si scenderà quindi a testo: dei 3,4 milioni del 2016
aumentare il reddito ai propri cari di vivere in casa 25,5. Toccherà alla regione quest’anno ne arriveranno
disponibile delle famiglie. assieme alle persone amate. reperire le risorse mancanti 1,6. Inoltre risultano
72 73
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

praticamente azzerati i fondi ma anche per alcune funzioni 94. risorse a disposizione
nazionali per le famiglie in come l’istruzione (-55 euro) I nostri beni culturali saremmo in grado di
difficoltà: il trasferimento che dovrebbero essere riceveranno più risorse incentivare le campagne
arriva a 500 mila euro per espressione dell’uguaglianza con l’autonomia? e le attività formative per
una regione che conta dei cittadini italiani. contrastare il fenomeno
quasi 5 milioni di abitanti Il Veneto è una regione ricca delle morti nei luoghi di
e 800 mila persone a rischio 93. di beni artistici, culturali e lavoro e con la messa in
di povertà. Come accaduto a Trieste, paesaggistici. Si tratta di un sicurezza delle nostre
potremmo beneficiare patrimonio di inestimabile infrastrutture viarie, limitare
92. anche noi di un Porto franco valore, che non si limita ai siti anche il numero degli
Con il predominio dello con un’area industriale artistici e culturali più noti, incidenti stradali.
Stato centrale, la nostra libera dalle tasse? ma che in qualche modo
Regione riceve risorse coinvolge tutto il territorio 96.
inferiori alla media Con la “nuova via della regionale. Questo patrimonio Il Veneto potrebbe avere
nazionale? seta”, nei prossimi decenni ha bisogno di essere tutelato più potere anche in materia
i porti dell’Alto Adriatico mediante cure costanti di giustizia?
Se si analizza come lo Stato diventeranno un punto e di essere ulteriormente
spende le proprie risorse di snodo importantissimo valorizzato attraverso una Molto dipenderà dall’esito
nei territori, si scopre che per le merci provenienti dal promozione mirata: sono del tavolo delle trattative
il Veneto è penalizzato. canale di Suez e destinate azioni che potranno essere con lo Stato: tuttavia, è
Confrontandoci con le altre al centro dell’Europa. Così svolte dalla regione grazie doveroso ricordare che tra
regioni a Statuto ordinario, come è successo qualche alla possibilità di ottenere le materie che le regioni
si rileva che l’unica funzione settimana fa a Trieste, anche dallo Stato pieni poteri possono chiedere allo
di spesa in cui il Veneto Venezia, vista la grande in materia. Stato centrale vi è anche
riceve risorse superiori alla disponibilità di aree nelle “l’organizzazione della
media è quella dell’”Assetto zona di Porto Marghera, 95. giustizia di pace”.
territoriale”, settore nel potrebbe aumentare Sarà possibile fare più Attualmente è una materia
quale si registra uno scarto enormemente il numero prevenzione contro gli completamente in capo allo
positivo di 35 euro per di banchine da destinare al infortuni sul lavoro e gli Stato: con l’autonomia, la
abitante. In tutte le altre Porto franco e, in particolar incidenti stradali? Regione del Veneto potrebbe
nove funzioni, invece, la modo, individuare aree riorganizzare il settore,
spesa pro capite in Veneto libere da tasse in cui ospitare La prevenzione degli infortuni rendendolo più efficiente
è inferiore. In particolare, attività manifatturiere sul lavoro e il controllo a tutto vantaggio di cittadini
si segnalano differenziali di trasformazione e delle grandi reti di trasporto e imprese che vivono la
importanti non solo nelle assemblaggio. Con una sono due ambiti che con lunghezza del servizio-
funzioni “istituzionali” – regione autonoma, questo l’autonomia potrebbero giustizia come il principale
servizi generali (-294 euro), obiettivo è più facilmente diventare di stretta fattore che toglie
difesa (-72 euro), ordine raggiungibile. competenza della Regione competitività ai territori.
pubblico (-111 euro) –, del Veneto. Con maggiori
74 75
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

97. per l’acquisto di macchinari particolare alle micro-imprese


Con i soldi in più che da parte di aziende agricole costituite anche da una sola
sarebbero lasciati al e del settore manifatturiero persona, basti pensare alle
Veneto, se fosse come o di aziende che svolgono migliaia di partite IVA colpite
Bolzano potrei avere più attività particolarmente fortemente dalla crisi e oggi
soldi per pagare la retta innovative e ad alto tasso più che mai in difficoltà.
dell’asilo? di occupazione.
100.
Potendo contare su circa Con i soldi in più che
19,9 miliardi di euro in più 99. sarebbero lasciati al
(le risorse che il veneto Con le risorse in più Veneto, se fosse come
potrebbe avere se avesse lasciate al Veneto, se Bolzano potrei avere un
l’autonomia del Trentino-Alto avessimo lo stesso grado prestito agevolato per
Adige), la Regione del Veneto di autonomia di Bolzano l’acquisto della prima casa
potrebbe erogare contributi potrei avere con più facilità come giovane coppia?
alle famiglie per integrare e a interessi più bassi un
o rimborsare la retta di prestito o un fido per la Con maggiori risorse la
iscrizione agli asili pubblici mia azienda? regione offrirà un concreto
e privati o per fruire del aiuto alle giovani coppie che
servizio di prolungamento La contrazione del credito intendono acquistare la loro
dell’orario degli asili, come, alle imprese, soprattutto prima casa, attraverso la
peraltro, già avviene in quelle di piccole dimensioni, concessione di contributi per
Trentino-Alto Adige. costituisce un grave problema prestiti agevolati anche fino
che è esploso con la crisi al 90% del costo di acquisto.
98. economica e che anche oggi La regione, potrebbe, inoltre
Con le risorse in più lasciate non trova adeguata risposta. mettere a disposizione
al Veneto, se avessimo lo La Regione del Veneto garanzie in caso di mancato
stesso grado di autonomia potrebbe, grazie all’autonomia, pagamento, così da rendere
di Bolzano potrei acquistare e quindi alle maggiori risorse, più facile l’accesso al mutuo.
nuovi macchinari per la mia implementare i fondi per
azienda? l’accesso agevolato al credito
(anche di piccoli importi)
Le risorse aggiuntive che a favore delle imprese anche
la regione si troverebbe ad attraverso la propria finanziaria
impiegare grazie alla maggiore regionale Veneto Sviluppo
autonomia, potrebbero essere SpA. Potrebbe aumentare
impiegate per concedere anche i fondi di garanzia per
prestiti quinquennali o la concessione dei prestiti
decennali anche fino al 100%, alle piccole imprese e in
76
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

Le regole
del voto
78 79
Autonomia Autonomia
Le 100 domande dei veneti Le 100 domande dei veneti
a Luca Zaia a Luca Zaia

Per maggiori informazioni sulle modalità di voto Fac simile della scheda elettorale:
(che comunque trovate riassunte di seguito) e sulle
normative inerenti il referendum, consultare l’indirizzo:
www.referendum.regione.veneto.it I LE
M REFERENDUM REGIONALE CONSULTIVO
SI SULL’AUTONOMIA DEL VENETO
C
Oggetto del quesito: Come si vota: FA
• Possono partecipare
Vuoi che alla al referendum consultivo
“Vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite
ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?”
regione del i cittadini iscritti nelle
liste elettorali dei comuni
Veneto siano
attribuite
della Regione.
I LE
ulteriori forme • Le operazioni di voto SI NO SI
M
C
FA
avranno inizio alle ore 7
e condizioni di domenica 22 ottobre
2017 e termineranno alle
particolari di ore 23 dello stesso giorno. Normativa:
autonomia?
• L’elettore vota tracciando Legge regionale 19 giugno 2014, n. 15 Legge regionale 12 gennaio 1973, n. 1
sulla scheda con la matita “Referendum consultivo sull’autonomia Norme per l’iniziativa popolare
del Veneto” (Testo vigente) per le leggi ed i regolamenti regionali,
Quorum: un segno sulla risposta da sul referendum abrogativo e sui
lui prescelta e, comunque, Legge regionale 19 giugno 2014, n. 15 referendum consultivi regionali
“Referendum consultivo sull’autonomia
La proposta sottoposta nel rettangolo che la del Veneto”(Testo storico) Legge 25 maggio 1970, n. 352
a Referendum è approvata contiene. Norme sui referendum previsti
Art. 25 Legge regionale 23 febbraio dalla Costituzione e sulla iniziativa
se ha partecipato alla 2016, n. 7 “Legge di stabilità regionale legislativa del popolo
votazione la maggioranza • L’elettore, per votare, 2016”
Decreto del Presidente della Giunta
degli aventi diritto dovrà presentarsi al Legge regionale 28 febbraio 2017, n.7 regionale n. 50 del 24 aprile 2017
e se è stata raggiunta seggio indicato nella Modifiche alla legge regionale 19 Indizione del referendum consultivo
la maggioranza dei voti propria tessera elettorale giugno 2014, n. 15 “Referendum di cui alla Legge regionale 19 giugno
consultivo sull’autonomia del Veneto” 2014, n. 15 “Referendum consultivo
espressi. munito di un documento sull’autonomia del Veneto”
di riconoscimento valido.
SOSTIENI
L’AUTONOMIA
DEL VENETO
Effettua un bonifico IBAN:
IT02O0302501601CC8880000206

Comitato Vota SI al Referendum del 22 Ottobre


per l’Autonomia del Veneto
Banca Profilo Milano

Tinaba è la App completamente


gratuita per inviare, condividere
e gestire il tuo denaro in modo social,
semplice e veloce. Senza commissioni
o costi nascosti. Registrati e tocca
con mano il futuro.
“Sarà il referendum

Committente responsabile Gianfranco Vivian - Stampa: G.N.G. Sandrigo VI


dei veneti, non dei partiti
e nemmeno di Zaia,
sarà un grande momento
di democrazia e di
partecipazione”.
Luca Zaia, Presidente
della Regione del Veneto

Per salvaguardare l’ambiente, non gettate questa brochure per terra. Usate gli appositi cestini.

Comitato vota SI al referendum del 22 ottobre per l’autonomia


del Veneto via Panà, 56/TER- 35027 Noventa Padovana (PD)

www.autonomiaveneto.org Sì Autonomia Veneto