Sei sulla pagina 1di 84

2018

UN PROGRAMMA NONLINEARE AD ELEMENTI FINITI PER L’ANALISI DI


STRUTTURE DI SOSTEGNO FLESSIBILI

Novembre 2017

MODULO PARATIE - TEORIA


CeAS
C ENTR O D I ANALI SI STR UTTU RALE S. R . L .

viale Giustiniano 10
20129 Milano
www.ceas.it

tel. +39-02-20.20.22.1 www.ceas.it


Modulo PARATIE - Teoria

INDICE
1 PREMESSA ............................................................................................................................... 5
2 LA STRUTTURA DI PARATIE.................................................................................................... 7
3 FASI TIPICHE DELL’ANALISI .................................................................................................... 9
3.1 LA FASE ZERO ................................................................................................................................... 9
3.2 UNA FASE DI SCAVO ........................................................................................................................... 9
3.3 LA SIMULAZIONE DI UN RINTERRO ....................................................................................................... 9
3.4 L’APPLICAZIONE DI TIRANTI O DI PUNTONI .......................................................................................... 10
3.5 APPLICAZIONE DI CARICHI ESTERNI E VINCOLI .................................................................................... 11
4 IL MODELLO DEL TERRENO .................................................................................................. 13
4.1 CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA SCELTA DEI PARAMETRI. ............................................................... 13
4.2 PARAMETRI CHE CARATTERIZZANO IL MODELLO ................................................................................. 14
4.3 MODELLO PER TERRENI GRANULARI CON O SENZA COESIONE EFFICACE. ............................................. 17
4.4 MODELLO PER ARGILLE IN CONDIZIONI DRENATE O NON DRENATE ....................................................... 21
4.4.1 Il criterio di rottura in termini efficaci ...................................................................................... 21
4.4.2 Comportamento in condizioni drenate ................................................................................... 22
4.4.3 Comportamento in condizioni non drenate ............................................................................ 23
4.4.4 Passaggio da condizioni non drenate a drenate.................................................................... 24
4.4.5 Comportamento semplificato in condizioni non drenate ........................................................ 25
4.4.6 Come iniziare l’analisi se si usa il modello per argille ............................................................ 25
4.5 RIASSUNTO DEI MODELLI PER LA SIMULAZIONE DEL TERRENO ............................................................. 26
5 LA PRESENZA DI ACQUA NEL TERRENO ............................................................................. 27
5.1 CALCOLO DELLE PRESSIONI INTERSTIZIALI NEL CASO DI FILTRAZIONE ................................................. 27
5.2 CALCOLO DELLE PRESSIONI INTERSTIZIALI IN PRESENZA DI TERRENO IN CONDIZIONI NON DRENATE....... 31
5.3 CONDIZIONI DI STABILITÀ DEL FONDO SCAVO E USO DELLA “LINING OPTION” ........................................ 34
5.3.1 Simulazione di un tampone di fondo attraverso uno strato impervio. .................................... 34
5.3.2 Utilizzo della “Lining Option” .................................................................................................. 35
5.4 UTILIZZO DELLE PRESSIONI INTERSTIZIALI DATE PER PUNTI ................................................................. 35
5.4.1 Interfaccia con il modulo di filtrazione 2D .............................................................................. 37
6 VALUTAZIONE DEI CEDIMENTI VERTICALI .......................................................................... 38
6.1 PREMESSA ...................................................................................................................................... 38
6.2 METODO PARATIE PLUS................................................................................................................... 38
6.3 METODO DI BOONE & WESTLAND (2006) .......................................................................................... 41
6.4 METODO KJHH KUNG ET AL. (2007) ................................................................................................ 43
7 L’EFFETTO DI CARICHI NASTRIFORMI ................................................................................. 45
7.1 CARICHI PREESISTENTI ALLO SCAVO ..................................................................................... 45
7.1.1 Descrizione del metodo di simulazione ................................................................................. 45
7.1.2 Avvertenza importante ........................................................................................................... 48
7.2 CARICHI NASTRIFORMI APPLICATI IN UNA FASE SUCCESSIVA ........................................... 48
7.3 RIMOZIONE DI CARICHI NASTRIFORMI .................................................................................... 48
8 EFFETTO ARCO NEL TERRENO ............................................................................................ 49
9 TECNICHE RISOLUTIVE PER MODELLAZIONI PARTICOLARI .............................................. 51
9.1 GLI ELEMENTI SLAVE ................................................................................................................. 51
9.2 METODI PER IMPORRE CONDIZIONI AL CONTORNO NON LINEARI .......................................................... 52
9.3 MODELLAZIONE DI CERNIERE PLASTICHE ........................................................................................... 56
10 VALUTAZIONE DEL COEFFICIENTE DI SICUREZZA ............................................................. 59
11 L'ELEMENTO PARETE COMBINATA (CWALL) ....................................................................... 61
11.1 PREMESSA .................................................................................................................................. 61
11.2 FORMULAZIONE DELL'ELEMENTO .................................................................................................. 62

Ce.A.S. s.r.l. 3
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

11.3 AVVERTENZE NELL'USO DELL'ELEMENTO CWALL ......................................................................... 64


11.4 RISULTATI................................................................................................................................... 65
11.5 UN SEMPLICE ESEMPIO ................................................................................................................ 66
12 ANALISI SISMICHE ................................................................................................................. 67
12.1 PREMESSA ................................................................................................................................. 67
12.2 SCELTA DELL'ACCELERAZIONE DI PROGETTO ................................................................................ 68
12.2.1 Eurocodice 8...................................................................................................................... 68
12.2.2 NTC2008 ........................................................................................................................... 69
12.2.3 Metodi basati sul controllo delle deformazioni .................................................................. 70
12.3 CALCOLO DELLE SPINTE IN CONDIZIONI SISMICHE .......................................................................... 72
12.3.1 Spinte Attive secondo il metodo di Mononobe e Okabe generalizzato ............................. 73
12.3.2 Coefficienti di spinta passiva sismici ................................................................................. 74
12.3.3 Caso di terreno stratificato ................................................................................................ 74
12.3.4 Terrapieno parzialmente immerso .................................................................................... 75
12.3.5 Presenza di un invaso ....................................................................................................... 76
12.4 SPINTE SU MURI RIGIDI: IL METODO DI WOOD ................................................................................ 77
12.5 APPLICAZIONE DELLE SPINTE SISMICHE PSEUDO-STATICHE ............................................................ 78
12.5.1 Applicazione spinte sismiche attive ................................................................................... 78
12.5.2 Applicazione spinte sismiche elastiche (Wood) ................................................................ 78
12.5.3 Commenti .......................................................................................................................... 78
12.6 IL METODO DI CALCOLO AUTOMATICO DI PARATIE .......................................................... 79
12.6.1 Premessa .......................................................................................................................... 79
12.7 LA PROCEDURA AUTOMATICA PASSO DOPO PASSO ........................................................................ 79
13 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI................................................................................................ 82

4 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

1 PREMESSA
Questo manuale descrive sinteticamente i metodi di calcolo implementati nel modulo PARATIE, il motore
di calcolo non lineare di PARATIE PLUS. Nello stesso tempo sono proposti suggerimenti sull'uso del
programma con riferimento alle diverse situazioni che possono presentarsi nella pratica.
Ogni capitolo ha un taglio monografico: non è quindi necessario leggere in modo sequenziale tutto il
manuale, ma è possibile di volta in volta consultare la parte riguardante il singolo problema. Le eventuali
ripetizioni vanno quindi giustificate alla luce di questa impostazione.
È importante sottolineare quanto segue:
• L'utente di PARATIE PLUS deve possedere una discreta preparazione nel campo della Meccanica del
Terreno. Alcuni tipi di analisi possibili con PARATIE PLUS richiedono una buona padronanza della
Geotecnica, soprattutto per quanto riguarda la simulazione di terreni in falda.
• L'utilizzo del programma da parte di persone non consce di questa problematica può portare a
conclusioni prive di riscontro fisico e a scelte progettuali inappropriate.
• Le indicazioni qui riportate sui criteri per la valutazione dei parametri geotecnici e, più in generale, sui
metodi di calcolo delle opere di sostegno, vanno comprese ed accettate dall’utilizzatore del
programma che è titolare esclusivo di ogni responsabilità su qualunque conseguenza che ne può
derivare.

In questo manuale, utilizzeremo il termine PARATIE per riferirci al modulo di analisi non lineare con il
metodo delle molle monodimensionali, facente parte del più ampio ambiente di calcolo offerto da
PARATIE PLUS.

Ce.A.S. s.r.l. 5
Modulo PARATIE - Teoria

2 LA STRUTTURA DI PARATIE
PARATIE è un codice agli elementi finiti che simula il problema di uno scavo sostenuto da diaframmi
flessibili e permette di valutare il comportamento della parete di sostegno durante tutte le fasi intermedie e
nella configurazione finale.
Il problema è visto ad un problema piano in cui viene analizzata una “fetta” di parete di larghezza unitaria,
come mostrato nella Figura 2-1. PARATIE non è quindi idoneo a studiare problemi in cui vi siano
importanti effetti tridimensionali.

Figura 2-1
La modellazione numerica dell’interazione terreno-struttura è del tipo “TRAVE SU SUOLO ELASTICO”: le
pareti di sostegno vengono rappresentate con elementi finiti trave il cui comportamento è definito dalla
rigidezza flessionale EJ, mentre il terreno viene simulato attraverso elementi elastoplastici
monodimensionali (molle) connessi ai nodi delle paratie: ad ogni nodo convergono uno o al massimo due
elementi terreno.

PROBLEMA REALE MODELLO DI CALCOLO


CON PARATIE

ELEMENTI BEAM CHE SIMULANO


TERRENO RIMOSSO PRIMA LA PARETE FLESSIBILE IN C.A. O ACCIAIO
DI INSTALLARE IL TIRANTE
PIANO CAMPAGNA INIZIALE

SCAVO INTERMEDIO SCAVO INTERMEDIO ELEMENTO MOLLA CHE


PER POSA TIRANTE PER POSA TIRANTE SIMULA IL TIRANTE ATTIVO
TIRANTE

 TERRENO RIMOSSO DOPO


L'INSTALLAZIONE DEL TIRANTE
FONDO SCAVO FINALE
FONDO SCAVO FINALE

TERRENO DI MONTE

CUNEO DI VALLE

Figura 2-2

Ce.A.S. s.r.l. 7
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Il limite di questo schema sta nell’ammettere che ogni porzione di terreno, schematizzata da una “molla”,
abbia comportamento del tutto indipendente dalle porzioni adiacenti; l'interazione fra le varie regioni di
terreno è affidata alla rigidezza flessionale della parete.
La realizzazione dello scavo sostenuto da una o due paratie, eventualmente tirantate, viene seguita in
tutte le varie fasi attraverso un'analisi STATICA INCREMENTALE: ogni passo di carico coincide con una
ben precisa configurazione caratterizzata da una certa quota di scavo, da un certo insieme di tiranti
applicati, da una ben precisa disposizione di carichi applicati. Poiché il comportamento degli elementi finiti
è di tipo elasto-plastico, ogni configurazione dipende in generale dalle configurazioni precedenti e lo
sviluppo di deformazioni plastiche ad un certo passo condiziona la risposta della struttura nei passi
successivi. La soluzione ad ogni nuova configurazione (step) viene raggiunta attraverso un calcolo
iterativo alla Newton-Raphson (Bathe (1996))
L'analisi ha lo scopo di indagare la risposta strutturale in termini di deformazioni laterali subite dalla parete
durante le varie fasi di scavo e di conseguenza la variazione delle pressioni orizzontali nel terreno. Per far
questo, in corrispondenza di ogni nodo è necessario definire due soli gradi di libertà, cioè lo spostamento
orizzontale e la rotazione attorno all’asse X ortogonale al piano della struttura (positiva se antioraria)
Ne consegue che con questo strumento non possono essere valutati:
• cedimenti o innalzamenti verticali del terreno in vicinanza dello scavo1.
• condizioni di stabilità generale del complesso parete+ terreno+tiranti
In questa impostazione particolare, inoltre, gli sforzi verticali nel terreno non sono per ipotesi influenzati
dal comportamento deformativo orizzontale, ma sono una variabile del tutto indipendente, legata ad un
calcolo basato sulle classiche ipotesi di distribuzione geostatica.
Queste e altre osservazioni che verranno qua e là evidenziate devono mettere in guardia l’utilizzatore sui
limiti intrinseci di questo approccio ed invitare ad un’analisi critica dei risultati che il codice produce.

1 Esistono diversi metodi per correlare cedimenti verticali alle deformazioni laterali: si veda Nova,

Becci (1987) o il capitolo 6 di questo manuale.

8 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

3 FASI TIPICHE DELL’ANALISI


Si elencano, nel seguito, le fasi tipiche di una modellazione di scavo affrontata con PARATIE. La grande
flessibilità del programma permette anche altre possibilità di simulazione.
3.1 La fase zero
La simulazione numerica di un generico problema geotecnico richiede generalmente che sia prevista una
fase zero coincidente con la configurazione a riposo nella quale viene riprodotto lo stato tensionale
supposto esistente nel terreno prima di ogni intervento. In PARATIE, la configurazione zero deve
prevedere uno step di carico in cui tutti gli elementi terreno siano presenti e bilanciati tra monte e valle; la
quota di scavo coincide inoltre con la quota del piano di campagna e la freatica a monte e a valle sono
alla stessa quota.
La soluzione nel primo step porta ad un campo di spostamenti nodali ovunque nullo e quindi ad uno stato
tensionale nullo negli elementi trave che simulano i diaframmi. Negli elementi terreno vi sarà per contro
uno stato tensionale non nullo ma relativo a condizioni indisturbate, cioè la pressione verticale funzione
della quota del piano di campagna e dei sovraccarichi ed una pressione orizzontale legata alla
precedente attraverso il coefficiente di spinta a RIPOSO.
Alla pressione orizzontale così calcolata si sommano gli effetti di pressioni iniziali dovute a sovraccarichi
concentrati calcolate sulla base di formule della teoria dell'Elasticità.
Si suppone in pratica che l’inserimento della parete, prima dello scavo, perturbi di poco lo stato tensionale
nel terreno.
Il solutore risolve la fase zero impiegando al massimo due iterazioni di equilibrio: se al primo passo sono
necessarie più iterazioni, i dati di input normalmente non sono corretti.
3.2 Una fase di scavo
Un passo dell'analisi incrementale coincidente con l'abbassamento della quota di fondo scavo viene
simulato come segue. Viene assegnata—per questo passo—una quota di fondo scavo inferiore a quella dei
passi precedenti; PARATIE rimuove automaticamente gli elementi terreno al di sopra della quota di fondo
scavo, perturbando la configurazione di equilibrio nella fase precedente. L’equilibrio viene ristabilito, con
una procedura iterativa, a prezzo di una variazione del quadro deformativo. Se non è possibile
raggiungere una nuova configurazione rispettosa sia dell’equilibrio sia della condizione di rottura del
terreno, il processo iterativo non converge.
Durante una fase di scavo, può essere prescritto l’abbassamento della freatica all’interno dello scavo.
Inoltre può essere simulata la realizzazione di un tampone di fondo tramite il miglioramento del terreno
naturale con tecnologie quali il jet-grouting o simili.
3.3 La simulazione di un rinterro
Una porzione di terreno, dopo essere stata rimossa, in seguito ad un scavo, può essere riattivata: in
questo modo viene simulato un rinterro. Lo stato di sforzo negli elementi finiti appena riattivati viene
calcolato nel seguente modo:
la componente verticale efficace viene calcolata tenendo conto della componente geostatica, del
sovraccarico uniformemente distribuito e degli effetti di eventuali fondazioni nastriformi, secondo i
criteri esposti nel capitolo 7;
la componente orizzontale efficace viene calcolata moltiplicando per il coefficiente di spinta a riposo
K0NC, lo sforzo verticale efficace dovuto alla componente geostatica ed al sovraccarico
uniformemente distribuito, ma non agli effetti di eventuali carichi nastriformi;
la pressione dell’acqua viene valutata come in qualsiasi altro elemento.
Tutto questo alla prima iterazione del passo in cui avviene la riattivazione: alla fine del processo iterativo
che porta alla soluzione equilibrata, lo sforzo efficace orizzontale può differire dal valore di spinta a riposo,
se in terreno appena riattivato subisce delle deformazioni.

Ce.A.S. s.r.l. 9
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Per specificare un rinterro, è sufficiente assegnare una quota di fondo scavo (o di piano campagna),
superiore a quella della fase precedente.
È possibile simulare—in via approssimata—anche l’effetto di una compattazione, applicando, e poi
rimuovendo, un sovraccarico uniformemente distribuito equivalente al rullaggio stesso.
3.4 L’applicazione di tiranti o di puntoni
La messa in opera di un ordine di tiranti va generalmente simulata con uno step a se stante, se non altro
per poter valutare le conseguenze di questa variazione, al netto di altri effetti collaterali di disturbo.
L’applicazione di un tirante, di solito, viene preceduta da una fase nella quale lo scavo è approfondito
appena al di sotto della quota di inserimento dell’ancoraggio. In questo modo il vero processo realizzativo
è simulato in modo abbastanza fedele. Invece, attivando il tirante contemporaneamente
all’approfondimento dello scavo, si perde la possibilità di valutare una fase intermedia che talora potrebbe
essere critica.

Figura 3-1

Il tirante applicato è un elemento finito che diviene attivo a partire da questo step e che può
eventualmente essere rimosso in seguito. La sua “nascita” provoca nel modello due effetti:
1. sorge una forza al nodo di applicazione del tirante, forza dovuta allo stato di coazione (la pretensione)
con cui l'elemento nasce;
2. la rigidezza globale della struttura riceve un contributo dovuto alla rigidezza estensionale del tirante
stesso. Quando, nelle fasi successive, il nodo ove il tirante è connesso, subirà ulteriori spostamenti, la
forza nel tirante subirà mutamenti.
Un tirante attivo viene caratterizzato anche da una rigidezza assiale data da un’espressione del tipo:

K=E(A/L)

ove E è il modulo elastico della barra, A l’area per unità di larghezza della barra nel tratto deformabile e L
la lunghezza del tratto deformabile del tirante, che può essere stimata come indicato nella figura che
segue.

10 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

 L free

L bond

L = Lfree + L bond   (  < 1)

Figura 3-2
Calcoliamo, per esempio, il rapporto A/L per un tirante da 600 kN disposto, in orizzontale ogni 2.5 m: sia
amm=800 MPa (tensione ammissibile del trefolo, valore tipico); L=15 m;
si avrà quindi: A=(600103)/(2.5103800)=0.3 mm2/mm; A/L=0.3/15000=2.10-5 (adimensionale)
Se il tirante viene imposto senza una pretensione iniziale, nel modello non si hanno ripercussioni. In
modo analogo, la simulazione della messa in opera di un puntone (un elemento TRUSS) o di una soletta
(elemento SLAB) che collega punti di due diaframmi opposti, non provoca di per se stessa variazioni e
quindi non vale la pena prevedere uno step dell'analisi per questo solo motivo.
Per l'elemento TRUSS che collega due nodi, è possibile definire un comportamento “gap”, cioè prevedere
resistenza nulla a trazione.
3.5 Applicazione di carichi esterni e vincoli
Generalmente la simulazione del processo realizzativo di un diaframma non necessita la definizione di
forze esterne. La struttura è sollecitata dalla differente distribuzione di coazioni negli elementi terreno a
monte e a valle della paratia.
È comunque possibile definire anche forze laterali esterne, concentrate e distribuite, facendole variare
durante le varie fasi.
Infine conviene ricordare che i sovraccarichi verticali non vengono trattati come carichi esterni, ma
servono esclusivamente a determinare uno stato geostatico nel terreno.
Quanto all’imposizione di condizioni di vincolo, PARATIE permette di specificare condizioni al contorno
che impongono un ben preciso valore di spostamento o rotazione (assoluta o incrementale rispetto al
passo di attivazione del vincolo) ad una generica quota. Questa opzione può essere usata per svariati
scopi, tra i quali:
* simulazione di puntelli rigidi;
* simulazione di tiranti attivi, in una fase di predimensionamento.

Ce.A.S. s.r.l. 11
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

12 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

4 IL MODELLO DEL TERRENO


4.1 Considerazioni generali sulla scelta dei parametri.
Il problema dell'interazione tra terreno e struttura nel caso di paratie a mensola o tirantate si presenta
come molto complesso e può essere affrontato a diversi livelli di sofisticazione. Il metodo forse più
comunemente usato è quello di schematizzare il problema come piano nelle deformazioni e di condurre
un'analisi tensionale con elementi finiti bidimensionali. Questo metodo consente di descrivere
adeguatamente la variabilità locale del terreno, nonché cambiamenti di geometria anche complessi e di
tener conto della presenza di sovrastrutture nelle vicinanze della paratia. Ha però il limite di essere
oneroso, per cui esso può di fatto venire impiegato solo come verifica a posteriori di una struttura
altrimenti progettata. Inoltre, affinché il costo dell'analisi sia abbordabile, la legge costitutiva del terreno
che viene impiegata nell'analisi deve essere semplice. In genere vengono usate leggi del tipo elastico
perfettamente plastico che danno del terreno un quadro assai lontano dalla realtà sperimentale.
La strategia seguita nella definizione del programma PARATIE è diversa: si è voluto infatti produrre uno
strumento utile anche in fase progettuale, che consentisse un'analisi delle azioni su una paratia in “tempo
reale”. A questo scopo si è schematizzato il terreno come un letto di molle, come già fatto da molti autori,
vedi ad esempio Bowles (1988). La novità rispetto a precedenti lavori consiste nella legge costitutiva che
tiene conto dei più importanti aspetti del comportamento sperimentale osservato.
Il limite dei modelli a molle tradizionali consiste infatti nella semplificazione eccessiva che essi danno del
comportamento del terreno. Perché questi modelli forniscano risultati in buon accordo con l'evidenza
sperimentale, è necessario che la rigidezza delle molle dipenda non solo dalle caratteristiche meccaniche
del terreno, ma anche dal grado di vincolo della paratia e dalle sue caratteristiche di snellezza e
deformabilità: vedi ad esempio Jamiolkowski e Pasqualini (1979). Poiché queste quantità sono note solo
a progetto ultimato, è ovvio che la soluzione non può che essere ottenuta iterativamente e che per
utilizzare questo metodo è necessario avere una buona esperienza che permetta di scegliere
correttamente il valore della rigidezza delle molle.
In PARATIE, malgrado la legge costitutiva tenga conto di fenomeni complessi quali la storia geologica e il
conseguente stato tensionale iniziale, il differente comportamento in fase di carico vergine o di scarico-
ricarico, il comportamento a rottura, l'utente deve utilizzare come dati di ingresso solo parametri consueti
per un ingegnere che si occupi di problemi geotecnici. La rapidità di esecuzione dei calcoli e la semplicità
formale dei dati di ingresso non devono però trarre in inganno: la legge costitutiva utilizzata è
relativamente complessa perché complesso è il comportamento meccanico del terreno. La scelta dei
parametri deve quindi essere fatta da una persona che ne abbia chiaro il significato fisico. Va da sé che
se i dati di ingresso sono forniti in modo formalmente corretto ma concettualmente improprio, i risultati del
programma possono essere anche lontani da quelli osservati sulla struttura reale.
Per facilitare il compito dell'utente verranno brevemente richiamati il tipo dei parametri impiegati, il loro
significato fisico e il campo di variabilità dei valori. Si noti a questo proposito che poiché i terreni possono
essere caratterizzati da valori di resistenza e deformabilità assai diverse, l'intervallo dei valori dei
parametri può essere molto ampio. Specialmente per opere importanti è indispensabile che la scelta dei
parametri sia effettuata sulla scorta di un'indagine geotecnica correttamente condotta.

Ce.A.S. s.r.l. 13
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

4.2 Parametri che caratterizzano il modello


I parametri che identificano il tipo di legge costitutiva possono essere distinti in due sottoclassi: parametri
di spinta e parametri di deformabilità del terreno.
I parametri di spinta sono il coefficiente di spinta a riposo K0, il coefficiente di spinta attiva KA e il
coefficiente di spinta passiva KP.

Il coefficiente di spinta a riposo fornisce lo stato tensionale presente in sito prima delle operazioni di
scavo. Esso lega la tensione orizzontale efficace 'h a quella verticale 'v attraverso la relazione:

 ' h  K0  ' v
K0 dipende dalla resistenza del terreno, attraverso il suo angolo di attrito efficace ' e dalla sua storia
geologica. Si può assumere che:

K0  K0NC (OCR) m
dove:

K0NC  1  sin '


è il coefficiente di spinta a riposo per un terreno normalconsolidato (OCR=1). OCR è il grado di
sovraconsolidazione e m è un parametro empirico, di solito compreso tra 0.4 e 0.7. Ladd et al. (1977),
Jamiolkowski et al. (1979) forniscono valori di m per argille italiane.
Il coefficiente di spinta attiva e passiva sono dati secondo Rankine per una parete liscia, da

K A  tan 2  45 ' /2

K P  tan 2  45 ' /2


Attraverso valori opportuni di KA e KP si può tener conto dell'angolo di attrito  tra paratia e terreno e della
pendenza del terreno a monte ed entro la luce di scavo; si possono usare a questo scopo i valori desunti
da NAVFAC (1986)) o quelle elaborate da Caquot e Kerisel (1948)
Il valore limite della tensione orizzontale sarà dato da
𝜎𝐴′ = 𝐾𝐴 𝜎𝑣′ − 2𝑐 ′ √𝐾𝐴 oppure

𝜎𝑃′ = 𝐾𝑃 𝜎𝑣′ + 2𝑐 ′ √𝐾𝑃


a seconda che il collasso avvenga in spinta attiva o passiva rispettivamente. c' è la coesione drenata del
terreno. Nel caso in cui si voglia tenere conto dell’adesione 𝑎 tra parete e terreno, i limiti attivo e passivo
si modificano come segue.
𝜎𝐴′ = 𝐾𝐴 𝜎𝑣′ − 𝑐 ′ 𝐾𝑎𝑐 con 𝐾𝑎𝑐 = 2√𝐾𝐴 (1 + 𝑎⁄𝑐 ′ ) ≤ 2.56√𝐾𝐴

𝜎𝑃′ = 𝐾𝑃 𝜎𝑣′ + 𝑐 ′ 𝐾𝑝𝑐 con 𝐾𝑝𝑐 = 2√𝐾𝑃 (1 + 𝑎⁄𝑐 ′ ) ≤ 2.56√𝐾𝑃


I parametri di deformabilità del terreno compaiono nella definizione della rigidezza delle molle. Per un
letto di molle distribuite la rigidezza di ciascuna di esse, k, è data da
k E/L
ove E è un modulo di rigidezza del terreno mentre L è una grandezza geometrica caratteristica. Poiché
nel programma PARATIE le molle sono posizionate a distanze finite , la rigidezza di ogni molla è
E
K
L

14 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Il valore di  è fornito dalla schematizzazione ad elementi finiti. Il valore di L è fissato automaticamente


dal programma. Esso rappresenta una grandezza caratteristica che è diversa a valle e a monte della
paratia perché diversa è la zona di terreno coinvolta dal movimento in zona attiva e passiva. Si è scelto, in
zona attiva (uphill):

LA  23 A tan45' /2
e in zona passiva (downhill):

LP  23 P tan45' /2
dove A e P sono rispettivamente:
A  minl ,2 H ;

P  minl  H , H 
e dove l = altezza totale della paratia e H = altezza corrente dello scavo. La logica di questa scelta è
illustrata nella pubblicazione di Becci e Nova (1987).
Si assume in ogni caso un valore di H non minore di 1/10 dell’altezza totale della parete.
Il parametro E dipende dalla storia tensionale del sito nonché dall'incremento locale dello stato tensionale
come illustrato in Becci e Nova (1987).

Il modulo E può essere considerato dipendente dalla pressione media p   '


v 
  'h / 2 secondo la
legge

E  R p pa 
n

in cui pa è la pressione atmosferica mentre R e n sono quantità determinabili sperimentalmente. È ovvio


che ponendo n=0 si può considerare il caso di modulo costante, mentre se n è posto pari a 1, si ha il
caso, tipico delle argille normalconsolidate, in cui il modulo varia linearmente con la profondità.
Il valore R è diverso in condizioni di carico vergine o di scarico-ricarico. Valori indicativi di R e n sono dati
da Janbu (1963). La variabilità di questi parametri è grandissima. Per una sabbia n può variare tra 0.2 e
1.0 e R tra 8 e 200 MPa (un esempio di utilizzo di PARATIE per terreni sabbiosi si può trovare in BARLA e
altri, (1988)). Per un'argilla normalmente consolidata n1. I valori di R per argille italiane possono essere
dedotti da Jamiolkowski et al. (1979).
Si noti inoltre che, poiché lo stato tensionale iniziale vergine non è isotropo, la rigidezza del terreno in
condizioni di carico vergine è minore di quella che si può misurare in prove triassiali drenate
isotropicamente consolidate.
Nel caso in cui n=0, il valore del modulo R in condizioni di carico vergine può essere considerato
identico al valore del modulo elastico inteso tradizionalmente. Per una correlazione con i risultati delle più
comuni prove in sito si veda ad esempio Bowles (1988). Per terreni sabbiosi, una stima di del modulo
elastico E può essere ottenuta attraverso una delle seguenti relazioni.
E  2  3  NSPT (MPa) ,
oppure
E  0.8 1 G0
in cui Nspt è il numero di colpi ricavato per mezzo della prova SPT e G0 è il modulo di taglio a piccolissime
deformazioni, che può essere stimato ad esempio tramite la misura della velocità delle onde di taglio, con
indagini in sito quali le prove Cross-Hole.
Il modulo di scarico-ricarico è da 3 a 10 volte maggiore nel caso di argille, mentre è in genere da 1.5 a 3
volte più grande nel caso di sabbie.

Ce.A.S. s.r.l. 15
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Si noti infine che il programma può essere utilizzato, rinunciando peraltro a buona parte delle sue
possibilità, anche per esaminare paratie su letto di molle alla Winkler. I valori della costante di sottofondo
da utilizzare sono ad esempio indicati nel testo di Cestelli-Guidi (1984), in quello di Scott (1981) oppure in
Bowles (1988).

16 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

4.3 Modello per terreni granulari con o senza coesione efficace.


Le due componenti di sforzo efficace, verticale ed orizzontale, ’v e ’h, vengono intese come sforzi
principali. In un piano a due dimensioni i cui assi rappresentano le componenti di sforzo, viene definita
una funzione di plasticità che esprime i confini di una regione entro la quale il generico punto tensione
deve trovarsi. Una legge di incrudimento inoltre definisce le modalità secondo le quali questa regione può
mutare (vedi figura 4-1).

V-C

D V-C
P=stress point

h' F
v,max

'v >0
UL-RL
'

A
v'

C E

'v <0
G
h' B

h'
h'
h,max
'

Figura 4-1: il piano delle tensioni per un elemento terreno (SOIL) in condizioni drenate
A seconda della regione in cui il punto tensione si trova, si definisce un determinato stato (o fase) che
stabilisce caratteristiche di rigidezza dell’elemento.
Sono possibili tre situazioni:
Fase elastica: l'elemento si comporta elasticamente; questa fase corrisponde ad una porzione di
terreno in fase di scarico-ricarico, sollecitato a livelli di sforzo al di sotto dei massimi
livelli precedentemente sperimentati (si pensi al comportamento di un terreno
sovraconsolidato). Questa fase viene identificata con la sigla UL-RL (Unloading-
Reloading). Generalmente, a questo stato, corrisponde la rigidezza più elevata.
Fase incrudente:l'elemento viene sollecitato a livelli di tensione mai ancora sperimentati. È questo per
esempio il caso di terreni durante la fase di deposizione del banco di materiale a cui
appartengono. Secondo la teoria della plasticità, questo comportamento può essere
visto come incrudente. La rigidezza con cui reagisce il terreno è inferiore a quella
relativa alla fase precedente, ma non nulla. Inoltre, qualora il processo di carico
tendesse ad invertirsi, il terreno andrebbe in fase di scarico-ricarico. La fase
incrudente è identificata dalla sigla V-C (Virgin Compression).
Collasso: il terreno è sottoposto ad uno stato di sollecitazione coincidente con i limiti minimo o
massimo dettati dalla resistenza del materiale (espressi attraverso coesione e
coefficienti di spinta). Questa fase corrisponde a quelle che solitamente vengono
chiamate condizioni di spinta attiva o passiva. Non sono tanto importanti i valori delle
singole componenti principali di sforzo, quanto la differenza fra essi (che rappresenta il
massimo sforzo di taglio). Il collasso viene identificato attraverso la parola ACTIVE o
PASSIVE.

Ce.A.S. s.r.l. 17
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Per caratterizzare lo stato tensionale all'inizio dell'analisi, viene calcolato lo sforzo verticale efficace ad
ogni quota in base alla configurazione geometrica (quota del piano campagna), alla stratigrafia, al livello
di falda ed all'eventuale sovraccarico. Lo sforzo orizzontale è quindi calcolato moltiplicando lo sforzo
verticale per il coefficiente di spinta a riposo K0. Ad esso vengono sommati gli eventuali contributi
provenienti da distribuzioni di sforzi iniziali provocati da carichi concentrati.
Per stabilire se l'elemento, inizialmente, è in compressione vergine (V-C) oppure in fase elastica (UL-RL),
si confronta lo sforzo a riposo con i valori massimi di sforzo:

 'v ,max  OCR 'v , step 1

 'h,max  K 0NC 'v ,max


Nelle fasi successive, lo stato tensionale della molla generica è calcolato come segue:
La pressione verticale è sempre ricalcolata tenendo conto della configurazione geometrica al passo
(della quota del piano campagna se la molla simula il terreno “a monte”; della
quota del fondo scavo se essa simula il terreno all'interno della luce di scavo),
della falda, dell'eventuale moto di filtrazione e del sovraccarico.
Lo sforzo orizzontale invece è calcolato indipendentemente come conseguenza delle deformazioni
che il generico elemento ha subito, a partire dalla fase iniziale. I limiti di
plasticizzazione minimo (spinta attiva) e massimo (spinta passiva) dipendono poi
dallo sforzo verticale corrente: essi quindi variano ad ogni passo.
Allo sforzo orizzontale efficace è sommata la pressione dell'acqua alla quota corrispondente alla
posizione dell'elemento.

Tra ’h e ’v (le due componenti efficaci di sforzo (orizzontale e verticale) il legame dipende dallo stato
in cui l’elemento si trova:
• in condizioni iniziali il legame dipende da K0;

• in condizioni di equilibrio limite, ’h e ’v sono legate dall'esigenza di rispettare il criterio di rottura.
• nel generico passo, per un percorso di carico all’interno del dominio e corrispondente ad
incrementi nulli di deformazioni laterali, l’incremento di sforzo orizzontale efficace ’h è legato
all’incremento di sforzo verticale efficace ’v attraverso K0NC, ’v,max e ’h,max. A tal proposito si
faccia riferimento alla Figura 4-2 2, in cui sono rappresentati alcuni stress path a deformazione
laterale bloccata: se ’v è positivo ed il punto tensione, corrispondente ad uno stato
normalmente consolidato, si trova sul dominio elastico delimitato dalle rette ’v’v,max e
’h’h,max, ’h è calcolato come ’h = K0NC’v; questa condizione si verifica per gli stress
path da 0 a 2, oppure da 4 a 5 oppure da 7 a 8. Se il punto tensione corrisponde ad un terreno
sovraconsolidato che viene ricompresso (stress path da 3 a 4 oppure da 6 a 7), oppure nel caso
di scarico (da 0 a 1), ’h è valutato attraverso una relazione non lineare che, nel caso di
situazione edometrica, riproduca la condizione

’h = K0NC(’v,max’v )n ’v cioè ’h = K0NC(OCR)n ’v


Nel caso infine di compressione partendo da uno stato sovraconsolidato, si ha un legame misto fra i
due sopra descritti (stress path da 6 a 8, passando per 7, oppure da 3 a 5 passando per 4).

2 Nella figura ’v,max=’v,0 e ’h,max=’h,0

18 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

v' K 0,NC

2
K 0,NC n
v,0
8
'
0 K 0 = K 0,NC
v,1
7
'
5
6
1
4 K 0,NC
v,0
'

v,1
3

'
h'
h,0
'

Figura 4-2: percorsi di carico a deformazione laterale bloccata.


Seguono ora alcuni altri esempi che dovrebbero chiarire ancor meglio il legame costitutivo implementato.

h' 'v = K P
h' h'
4, 6 4 6
Vergin Compression
3
3
h' 'v = K 0 K VC
2 2
K UR
5
5
K UR
1 1
h' 'v = K A

v'

Unloading-Reloading

Figura 4-3

Seguiamo, nella Figura 4-3, un percorso di carico nel piano ’v-’h e nel piano -’h con  =
spostamento orizzontale del punto (positivo se comprime l’elemento terreno). Il punto 1 corrisponde a
condizioni a riposo per un elemento di materiale incoerente sovraconsolidato (infatti il punto 1 è all’interno
della frontiera che divide la fase elastica da quella di compressione vergine). I successivi punti
rappresentano un’evoluzione dello stato di sforzo a parità di ’v: comprimendo l’elemento viene dapprima
raggiunta la frontiere della compressione vergine (punto 2) e da 1 a 2 la rigidezza della molla è quella a
scarico-ricarico. Continuando a comprimere si ha, da 2 a 3, una risposta in termini di rigidezza in
compressione vergine, quindi da 3 a 4 un puro scorrimento plastico perché il punto tensione si mantiene
in condizioni di spinta passiva; il percorso da 4 a 5 rappresenta uno scarico (con rigidezza elastica)
mentre quello da 5 a 6 un successivo ricarico.

Ce.A.S. s.r.l. 19
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

h' 'v = K P
h' h'
5 5
Vergin Compression
3
3
K VC
h' 'v = K 0 2 2

K UR
4
4
1 1
h' 'v = K A K UR

v'

Unloading-Reloading

Figura 4-4
Nella Figura 4-4 è rappresentato un percorso analogo al precedente, con la sola differenza che lo scarico
(da 3 a 4) avviene prima che il punto tensione raggiunga la condizione limite di spinta passiva: nel
successivo ricarico da 4 a 5 si ha un tratto elastico (da 4 a 3), un tratto incrudente (da 3 al raggiungimento
del limite) ed un tratto perfettamente plastico.

h' 'v = K P
3
h' h' 3

Vergin Compression
2 2

h' 'v = K 0

K UR
1
K VC
1
4 4
K UR
h' 'v = K A

v'

Unloading-Reloading

Figura 4-5
Nella Figura 4-5 è rappresentato un percorso di carico in cui il punto 1 corrisponde a condizioni a riposo
per un elemento di materiale incoerente normalmente consolidato: infatti il punto 1 stabilisce la frontiera
tra fase elastica e fase di compressione vergine. I successivi punti 2 e 3 rappresentano un’evoluzione
dello stato di sforzo a parità di ’v in cui si comprime l’elemento portandolo in condizioni di spinta passiva
(punto 3); il percorso da 3 a 4 rappresenta uno scarico in termini di ’v ed un allentamento (con rigidezza
elastica) fino al raggiungimento di condizioni attive.
Altri dettagli ed esempi sono contenuti nell'articolo di Becci e Nova (1987).

20 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

4.4 Modello per argille in condizioni drenate o non drenate


Il legame costitutivo previsto in PARATIE per le argille esprime il criterio di rottura in termini dei soli
parametri efficaci e permette di modellare il comportamento sia in condizioni drenate che non drenate,
nonché il passaggio dalle une alle altre e viceversa.
Nel caso di comportamento drenato, il modello si differenzia assai poco dal modello adatto ai terreni
granulari: l’unica differenza consiste nel fatto che non viene utilizzata una coesione c’ fissa, ma questa
evolve al variare della pressione di preconsolidazione.
Nel caso di comportamento non drenato, viene monitorato sia lo stato di sforzo efficace, che deve
soddisfare il proprio criterio di rottura, sia lo stato di sforzo totale. Il percorso del punto tensione efficace
(ESP) è molto diverso dal percorso che seguirebbe il punto in condizioni drenate perché viene imposto un
vincolo cinematico che esprime la condizione di variazione nulla di volume. Potendo seguire l’evoluzione
sia dello sforzo totale (TSP) che efficace (ESP), è possibile calcolare per differenza, l’evoluzione delle
pressioni interstiziali, la cui variazione, in condizioni non drenate, dipende dalle deformazioni subite dallo
scheletro solido.
4.4.1 Il criterio di rottura in termini efficaci
Analizziamo dapprima il criterio di rottura in termini efficaci. Il dominio è rappresentato nella Figura 4-6:
sostanzialmente dipende da quattro parametri di spinta (KA,cv, KA,peak, KP,cv, KP,peak) e dal livello di
preconsolidazione (’v,max, ’h,max).

v'

ELASTIC DOMAIN EVOLUTION


K A,cv

A 0
ELASTIC DOMAIN
K A,peak
v,max

A'

K P,cv
'

K P,peak P

ELASTIC DOMAIN EVOLUTION

h'
O P'
INTERCEPTS ON AXES
PROPORTIONAL
TO APPARENT COHESION
h,max
'

Figura 4-6: dominio di rottura per le argille

Al variare di ’v,max o ’h,max, si determinano i punti A e P sulle rette rispettivamente ’h= KA,cv’v e ’h=
KP,cv’v.

Da questi punti vengono determinate le intersezioni A’ e P’, sugli assi ( ’h= 0 e ’v=0), di due rette che si
dipartono da A e P con pendenza rispettivamente KA,peak e KP,peak ). Il dominio elastico è l’esagono
irregolare (A’A0PP’O) così determinato. I segmenti O-A’ e O-P’ rappresentano la presenza di coesione
(capacità di resistenza a taglio a sforzo normale nullo). Al crescere di ’v,max o ’h,max, i punti A o P
traslano: il dominio si espandeva ma non può contrarsi.

Ce.A.S. s.r.l. 21
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Le rette ’h= KA,cv’v e ’h= KP,cv’v sono analoghe alla retta dello stato critico ed esprimono, in termini
di parametri spinta, la condizione di rottura ultima (a grandi deformazioni). K A,cv e KP,cv sono i coefficienti di
spinta attiva e passiva funzione dell’angolo di attrito ’cv e dell’angolo di attrito terra-muro KA,peak e KP,peak
sono i coefficienti angolari di rette che linearizzano il dominio di rottura in prossimità dell’origine e sono i
coefficienti di spinta attiva e passiva funzione di un angolo di attrito ’p (e dell’angolo di attrito terra-muro)
minore di ’cv. Il concetto è illustrato, per analogia, riferendosi al piano di Mohr, nella seguente figura.


 c'+  ' tan  'p
 ' tan  'cv

'

Figura 4-7: dominio di rottura nel piano di Mohr


Si noti che la caratterizzazione dell’argilla può, in prima approssimazione, essere completata fornendo
solamente ’cv che di norma è funzione dell’indice di plasticità PI; in questo caso, PARATIE calcola ’p
ponendo:
tan(’p)=tan(’cv)/1.5
e determina i coefficienti di spinta relativi ai due angoli utilizzando le classiche formule di Rankine.
4.4.2 Comportamento in condizioni drenate
Nel caso di comportamento drenato, come già detto, non si hanno particolari differenze rispetto al legame
costitutivo per terreni granulari (con o senza parametro di coesione c’ costante). In particolare, valgono
tutte le avvertenze fatte nel paragrafo 4.3.
Nella figura seguente si illustrano alcuni percorsi di carico (stress path) nel caso di comportamento
drenato.

v'
K 0,NC
K A,cv
stress path at v' =const. DRAINED STRESS PATHS

1 0 2

stress path at null lateral


K A,peak incremental deformation
v,0

4 3
'

K P,cv
K P,peak

h'
5 6

h,0
'

Figura 4-8: alcuni stress path, caso drenato


In condizioni drenate si utilizzano i moduli elastici efficaci, come forniti dall’utente.

22 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

4.4.3 Comportamento in condizioni non drenate


Nel caso di condizioni non drenate, il vincolo di variazione nulla di volume determina il comportamento del
generico punto tensione, come brevemente descritto nel seguito.
• Si assume che inizialmente si abbiano comunque condizioni drenate:
h,0=K0(v,0 – u) + u + effetti fondazioni preesistenti
• nelle fasi successive, se la deformazione laterale è bloccata, ogni incremento di sforzo verticale
totale provoca un eguale incremento di sforzo orizzontale totale ed una variazione nulla dello
sforzo efficace: l’incremento di carico grava esclusivamente sulla pressione dell’acqua.
• Quando si hanno incrementi nelle deformazioni laterali e conseguenti variazioni dello sforzo
orizzontale totale (a variazione nulla di sforzo verticale totale), all’interno del dominio elastico,
deve verificarsi la condizione:

’v+’h =0
affinché la deformazione volumetrica elastica sia nulla. Questa condizione determina la pendenza
di uno stress path efficace all’interno del dominio elastico.
• Quando si raggiunge la frontiera del dominio, possono aversi diversi comportamenti a seconda
dei casi e l’entità delle deformazioni plastiche è determinata ipotizzando la legge di normalità.
Senza entrare eccessivamente nei dettagli del legame, possono verificarsi percorsi di carico quali
quelli illustrati nella Figura 4-9 (nella quale si evidenzia una pendenza ’v/’h = -1 all’interno
del dominio elastico ed una pendenza diversa in caso di evoluzione verso condizioni di
compressione vergine,in cui ’v/’h = - oppure -1/ , a seconda dei casi, con =Eur/Evc)
• la pressione dell’acqua viene calcolata per differenza tra lo sforzo totale e quello efficace (vedi
Figura 4-10, in cui si può notare che, ad esempio, nel punto C, la pressione uc è negativa)
• il terreno ha permeabilità nulla.

v'

K A,cv K 0,NC
EFFECTIVE STRESS PATHS DURING
UNDRAINED CONDITIONS AT
13  12

K A,peak 5
6 3
1
1
1
0
v = 0
1
11
2

10
9
1
4
v,0

K P,cv
'

8
K P,peak 1
7

h'
h,0
'

Figura 4-9: alcuni stress path, caso non drenato


Si noti che, in linea di principio, non è necessario specificare una resistenza al taglio non drenata S u. È
tuttavia possibile fare in modo che, contemporaneamente allo sforzo efficace, PARATIE controlli anche lo
sforzo totale, confrontandolo con la resistenza al taglio non drenata Su fornita dall’utente. Il programma
arresterà il percorso di carico quando il primo fra i due avrà raggiunto la propria frontiera.
Guardando la Figura 4-10, possiamo notare, ad esempio, che il punto tensione 0 potrebbe evolvere fino
ad A’, ma si deve arrestare in A, poiché lo stress path totale (TSP), raggiunge la frontiera stabilita dallo
coesione non drenata Su (indicata con linea spessa); per contro lo stress path efficace (ESP), partendo da

Ce.A.S. s.r.l. 23
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

1, evolve fino a raggiungere la frontiera stabilita dai parametri efficaci (percorso 1-B-C), mentre il relativo
stress path totale raggiunge il punto C ancora all’interno del dominio funzione di S u.
Perché il percorso di carico non sia condizionato da Su, è necessario specificare un valore molto elevato
della resistenza a taglio.

v' v v = 0 TS BOUNDARY

u0

0 TSP A

u0
uC 0

uA
C
uC

TSP 1
C
ES  ES
B
u1

P
P
1

1 A
2su

u1
A' uA

2su
ES BOUNDARY h' h

Figura 4-10: esempi di evoluzione dello stress path in condizioni non drenate
La rigidezza delle molle, in condizioni non drenate, è calcolata internamente da PARATIE, in base ai
moduli elastici efficaci.
4.4.4 Passaggio da condizioni non drenate a drenate
Uno strato di argilla può passare da comportamento iniziale non drenato a comportamento drenato e
viceversa: in queste circostanze, PARATIE opera come segue:
Passaggio da comportamento non drenato a drenato:
Durante le fasi in cui si assume comportamento non drenato, PARATIE può calcolare sia
l’evoluzione degli sforzi totali che di quelli efficaci e di conseguenza l’evoluzione delle pressioni
interstiziali che, in condizioni non drenate, dipendono dalle deformazioni subite dal terreno.
Il passaggio da condizioni non drenate a drenate consiste quindi semplicemente nel cambio di
logica alla base della valutazione degli incrementi di sforzo. In particolare, le pressioni dell’acqua
non dipendono più dalle deformazioni subite dal terreno, ma dalle sole condizioni idrauliche.
OSSERVAZIONE IMPORTANTE: nel caso in cui l’utente abbia disattivato l’opzione che indica a
PARATIE di stimare l’evoluzione degli sforzi efficaci in condizioni non drenate (vedi paragrafo
4.4.5), non è possibile simulare il passaggio a condizioni drenate.
Passaggio da comportamento drenato a non drenato:
all’inizio della fase i-esima in cui è avvenuto il passaggio, PARATIE calcola lo sforzo orizzontale
totale h,i ponendolo uguale allo sforzo totale nell’elemento nella fase precedente:
h,i=h,i-1 con
h,i-1=’h,(i-1) + ui-1
ove
’h,(i-1) sforzo orizzontale efficace nell’elemento terreno alla fine del passo precedente (i-1),
nel quale l’elemento si trovava in condizioni drenate
ui-1 pressione interstiziale nel terreno funzione della configurazione nel passo precedente

24 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Durante il processo iterativo nella fase i-esima, h,i verrà poi aggiornato in funzione degli
incrementi di deformazione che l’elemento subirà.
4.4.5 Comportamento semplificato in condizioni non drenate
In condizioni non drenate non è necessario fornire la coesione non drenata S u (fatte salve le avvertenze
sopra riportate), né il modulo elastico Eu.
È tuttavia possibile fare un’analisi semplificata specificando i soli parametri Su ed Eu. In questo caso
PARATIE controllerà il solo stato di sforzo totale, ignorando il criterio di rottura in termini di parametri
efficaci. In questo caso non è tuttavia possibile simulare il passaggio da condizioni non drenate a drenate.

4.4.6 Come iniziare l’analisi se si usa il modello per argille


Con questo modello, è necessario simulare il più correttamente possibile le condizioni iniziali dell’argilla,
perché da queste dipende la resistenza a taglio, sia in condizioni drenate che non drenate.
Nel caso un banco di argilla normalmente consolidata, si può iniziare l’analisi del processo di scavo senza
particolari accorgimenti.
Nel caso di argilla sovraconsolidata, si deve assegnare il grado di sovraconsolidazione (OCR). In questo
caso si può operare in due modi:
1. si assegna un valore di OCR>1 valevole per tutto il banco di argilla e si inizia l’analisi senza
ulteriori accorgimenti (in condizioni drenate o non drenate, a seconda dei casi) oppure,
2. si assegna un valore OCR=1 , ma prima di iniziale la simulazione del processo di scavo vero e
proprio, si deve simulare il vero processo di consolidazione e cioè:
a. si definisce un passo iniziale in cui l’argilla è in condizioni drenate e si assegna un
sovraccarico tale da riprodurre, nelle fasi successive, il grado di sovraconsolidazione
b. si definisce un secondo passo nel quale si rimuove detto sovraccarico, assicurandosi che
l’argilla si trovi ancora in condizioni drenate
c. si inizia l’analisi di scavo attuale, mantenendo condizioni drenate, oppure attivando
l’opzione di comportamento non drenato, in funzione di quel che l’utente vuole simulare.
Il secondo modo di operare è nettamente preferibile al primo in quanto riproduce con maggior precisione
la variazione di OCR con la profondità, fornendo una distribuzione più realistica della resistenza a taglio.

Q>0 Q=0 Q=0

ZSC ZPC ZWT ZSC ZPC ZWT ZPC ZWT

Clay in drained Clay in drained Clay in undrained


conditions conditions conditions
ZSC

OCR=1

v' v' OCR OCR


1 2 3 4 5 1 2 3 4 5
STEP 1 STEP 2 STEP 3

Figura 4-11: procedura per la simulazione di condizioni iniziali in argille


Nella Figura 4-11, lo step 1 rappresenta condizioni passate nelle quali il banco di argilla era sottoposto a
pressioni verticali efficaci maggiori rispetto a quelle attuali. Lo step 2 rappresenta le condizioni attuali in
situ, nelle quali la rimozione del sovraccarico Q riproduce il fenomeno geologico che ha portato alle
condizioni odierne (ad esempio un fenomeno di erosione). Dallo step 3 in poi inizia la simulazione dello
scavo vero e proprio. Se il processo di scavo avvenisse in condizioni drenate (diversamente da quanto

Ce.A.S. s.r.l. 25
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

previsto in figura), si potrebbe passare direttamente dallo step 1 allo step 3. Viceversa, assumendo
condizioni non drenate durante le fasi di scavo, la simulazione dello step 2 è necessaria, altrimenti le
condizioni iniziali attuali (ovviamente drenate) non sarebbero riprodotte correttamente.

4.5 Riassunto dei modelli per la simulazione del terreno


Nella seguente tabella riportiamo molto sinteticamente le possibilità offerte dai tre tipi di modello per la
simulazione del comportamento dei terreni, nonché una guida che orienta alla scelta più adatta al
problema in esame.

modello per terreni modello per argille modello semplice


granulari per argille non
drenate

condizioni drenate   —

condizioni non drenate —  

passaggio da drenato a non drenato —  

passaggio da non drenato a drenato —  —

parametri di resistenza in condizioni drenate c’, ’ ’cv , ’p —

parametri di resistenza in condizioni non drenate — ’cv , ’p , Su Su

parametri di deformabilità in condizioni drenate Eur, Evc Eur, Evc —

parametri di deformabilità in condizioni non — Eur, Evc Eu


drenate

modifica parametri di resistenza durante l’analisi  — 

modifica parametri di deformabilità durante   


l’analisi

calcolo delle pressioni interstiziali   —

permeabilità  — —

simulazione di terreni incoerenti (sabbie, ghiaie)   —

simulazione di argille in condizioni drenate semplificata  —

simulazione di argille in condizioni non drenate —  semplificata

simulazione di sabbie cementate  — —

simulazione di tamponi di fondo (jetgrouting o consigliato


simile)

simulazione di rocce caratterizzate dalla consigliato


resistenza a rottura non confinata

26 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

5 LA PRESENZA DI ACQUA NEL TERRENO


Nel tenere conto della presenza di acqua nel terreno PARATIE assume che il terreno immerso sia saturo
(grado di saturazione 100%).
Il calcolo della pressione dell’acqua nei pori è, per ipotesi, del tutto indipendente da qualsiasi
deformazione e conseguente stato di sforzo nello scheletro solido del terreno. Nel solo caso in cui uno
strato di terreno (immerso nella falda) venga dichiarato come non drenato, in questa zona la pressione
dell’acqua non viene definita.
Sono ignorati effetti quali la consolidazione (trasferimento graduale di sforzi dall'acqua allo scheletro
solido).
Possono darsi due condizioni da intendersi come stazionarie:
1. condizioni di acqua in quiete, in cui la distribuzione delle pressioni è idrostatica;
2. condizioni di moto stazionario di acqua in un mezzo poroso, in cui la distribuzione delle pressioni
non è idrostatica ma tiene conto della dissipazione di energia potenziale causata dalla filtrazione.
Il primo caso è banale, mentre nel secondo caso si ricorre ad uno schema semplificato illustrato nel
paragrafo seguente.
5.1 Calcolo delle pressioni interstiziali nel caso di filtrazione
Nel caso in cui l'utente specifichi un abbassamento della freatica a valle (parametro DZWT), si instaura un
regime di filtrazione stazionario. Le pressioni interstiziali ed i gradienti idraulici sono calcolati attraverso lo
schema semplificato qui di seguito illustrato.
ZWT

ZPC
DZWT

LAYER 1
ZWT-DZWT
LAYER 2

ZSC
u(Z) = pore pressure
Z

LAYER 3 LAYER 3

LAYER 4 LAYER 4

ZBALANCE

Figura 5-1:lo schema di filtrazione in PARATIE

Si assume che il flusso sia verticale, da monte verso valle e che la lunghezza totale L del tubo di flusso
sia pari alla lunghezza del tratto di diaframma immerso nel terreno in falda a monte più la lunghezza del
tratto a valle: si noti che PARATIE assume, come tratto impervio, un diaframma ipotetico, di spessore
trascurabile, fino alla profondità ZBALANCE in cui si ipotizza che il flusso si inverta. Questa
approssimazione mette in conto il minimo possibile percorso di flusso (sulla validità di tale scelta, per altro
obbligata, si consulti Lancellotta (1988)).
Sia:

Ce.A.S. s.r.l. 27
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

DH= perdita totale di carico idraulico (DH = DZWT)


v= velocità del fluido
Ki = permeabilità del generico strato i-esimo attraversato dal tubo di flusso
Li = altezza del generico strato i-esimo attraversato dal tubo di flusso
DHi = perdita di carico dissipata nello strato i-esimo

Gli strati attraversati a monte e a valle vanno contati due volte. Si imponga la legge di Darcy, l’equazione
di continuità e la condizione approssimata che il gradiente idraulico sia costante all’interno del generico
strato: per ogni tratto i-esimo, possiamo dire che:
DHi
v  Ki ed osservando che:
Li
DH   j DH j , si elimina l'incognita v e si risolve rispetto alla generica perdita di carico DHi

Li
Ki
DHi  DH
L
 j Kj
j

La sommatoria va estesa a tutti i tratti a monte, fino al piede impermeabile, e per tutti gli strati a valle, dal
piede impermeabile, fino alla quota più alta del terreno in falda.
Nota, in ogni punto, la perdita di carico, possiamo calcolare la pressione dell'acqua, applicando il teorema
di Bernoulli:

u  u( Z )   w ( ZWT  Z   k DHk )

in questa relazione la sommatoria deve essere estesa a tutti i tratti attraversati dal flusso per giungere in
questa posizione.
PARATIE assume che la filtrazione sia impedita da uno strato in condizioni non drenate: in questo caso si
determinano condizioni di tipo idrostatico e le pressioni interstiziali sono calcolate secondo i criteri esposti
nel paragrafo 5.2.
Alcune osservazioni:
• Questa soluzione è di prima approssimazione ma è accettabile, soprattutto nel caso di una sola
parete, perché in genere è in favore di sicurezza in quanto sovrastrima i gradienti idraulici, quindi le
forze di filtrazione; è pertanto pessimistica riguardo a condizioni di sifonamento (quick conditions) a
valle.
• D'altra parte, si può dimostrare che la distribuzione delle pressioni interstiziali sul diaframma è meno
gravosa che non nella soluzione esatta: ma questo fattore, di solito, gioca un ruolo meno importante
della componente efficace delle forze sulla parete.
• Se per uno strato non è definita la permeabilità, PARATIE considera tale strato praticamente
impermeabile (poiché assume un valore di default molto basso). Se non è mai definita la permeabilità,
per tutti gli strati è messo in conto il valore di default cosicché la filtrazione avviene in un mezzo
omogeneo (si noti che PARATIE assume che il moto di filtrazione si instauri comunque).
• Non è strettamente necessario che le unità di misura per la permeabilità siano congruenti con le unità
di misura delle altre grandezze ma è necessario che siano rispettati i rapporti fra i valori relativi ai
diversi strati.

28 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

• L'utente può esplicitamente definire il valore di ZBALANCE, modificando la scelta di default di PARATIE
(il programma assumerebbe, per ZBALANCE, la quota corrispondente all’estremità inferiore della
paratia): agendo su questo dato, si possono simulare varie situazioni, tra le quali:
a) Ponendo ZBALANCE ad una quota molto bassa, si ricostituisce una situazione in cui il regime
delle pressioni è totalmente disaccoppiato fra monte e valle (come se il piede del diaframma
fosse immerso in uno strato impermeabile): infatti, in questo caso la lunghezza L del tubo di
flusso tende ad un valore molto elevato, quindi il gradiente idraulico tende a zero; in definitiva
il fenomeno della filtrazione diviene trascurabile.
b) Ponendo ZBALANCE ad una quota più bassa rispetto al piede del diaframma, è possibile
“allungare” arbitrariamente il tubo di flusso: in tal modo è possibile riprodurre, con un po' di
tentativi, la distribuzione delle pressioni interstiziali nota attraverso un reticolo di filtrazione.
• Nel caso in cui esistano elementi SOIL al di sotto di ZBALANCE, a queste quote la pressione
dell'acqua viene calcolata ridefinendo, di volta in volta, la lunghezza del tubo di flusso (si suppone che
il tubo di flusso cambi direzione alla quota corrente in cui si trova l'elemento).
La figura 5-2 illustra alcune situazioni tipiche.
È necessario specificare, per tutti gli strati di terreno, il peso dell'acqua tenendo presente che PARATIE
non fa alcun controllo sul valore introdotto dall’utente.

Ce.A.S. s.r.l. 29
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

ZPC ZWT

ZPC

DZWT = 0 ZWT

DZWT
ZSC

ZSC ZWT-DZWT

ZBALANCE

In questo caso le pressioni dell’acqua sono le


La pressione interstiziale è uguale a monte e
medesime a monte e valle: potrebbero essere a valle a Z=ZBALANCE
ignorate nel bilancio delle forze orizzontali sulla
parete.

ZPC

ZWT

ZWT
DZWT>0

ZWT-DZWT ZWT-DZWT

ZSC

IMPERVIOUS SOIL
BY IMPROVEMENT

k << k

IMPERVIOUS SOIL
Nel caso si specifichi una permeabilità
molto bassa in una zona del terreno, le
Una situazione del genere si può simulare perdite di carico si concentrano
ponendo ZBALANCE=- essenzialmente nello strato impervio ed
altrove si mantiene una distribuzione
idrostatica. Lo strato impervio, di norma,
deve possedere una buona coesione.

Figura 5-2: alcuni casi tipici affrontabili con PARATIE

30 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

5.2 Calcolo delle pressioni interstiziali in presenza di terreno in condizioni non drenate
In generale, PARATIE assume che la presenza di una o più regioni di terreno in condizioni non drenate
impedisca l’instaurarsi di un moto di filtrazione.
Analizziamo dapprima il caso in cui esista una sola regione di terreno non drenato nel tratto interessato
dall’ipotetico tubo di flusso: è questo il caso in cui sono state attivate condizioni non drenate in un solo
strato, da una sola parte della parete.
In questo caso lo strato non drenato funge da barriera di separazione fra due regioni, una in diretta
comunicazione idraulica con il pelo libero a monte e l’altra con il pelo libero a valle.
In una generica regione di terreno in condizioni drenate, la pressione dell’acqua verrà calcolata mettendo
in conto il battente idraulico relativo alla parte on cui la regione è in diretta comunicazione. Nella figura
seguente sono illustrati alcuni casi possibili in questa situazione.

CASO 1 CASO 2

ZWT ZWT

ZWT-DZWT ZWT-DZWT

STRATO IN CONDIZIONI
NON DRENATE

STRATO IN CONDIZIONI
NON DRENATE

CASO 3 CASO 4

ZWT ZWT ZWT

STRATO IN CONDIZIONI
NON DRENATE

STRATO IN CONDIZIONI
NON DRENATE

ZWT-DZWT

Figura 5-3: casi in cui esiste una sola regione non drenata
Nel caso 1, ad esempio la regione 3 di terreno è a monte ma in comunicazione idraulica con la freatica di
valle; nel caso 2 viceversa, la regione 2 di valle è in comunicazione idraulica con il battente di monte; nel
caso 3 le regioni 3, 4 e 5 sono in comunicazione idraulica con la freatica di valle ed in particolare nella
regione 3 la pressione negli interstizi è ovunque nulla. Nel caso 4 infine si hanno ovunque le medesime
condizioni di battente idraulico.
Ovviamente nelle regioni in condizioni non drenate la pressione interstiziale è nulla, o meglio non è
definita.
Analizziamo ora il caso in cui vi siano più regioni in condizioni non drenate: in questo caso, in generale,
potranno esistere regioni di terreno drenato comprese fra due regioni non drenate e quindi non in diretta
comunicazione né con la freatica di monte né con quella di valle.

Ce.A.S. s.r.l. 31
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

In linea di principio non è quindi possibile calcolare, per queste regioni, la pressione idrostatica. In questo
caso tuttavia PARATIE opera nel seguente modo:
• se si tratta del primo step dell’analisi (T=0), e quindi alle condizioni iniziali dell’analisi, PARATIE
attribuisce a queste regioni una quota della freatica corrispondente alla media tra la freatica di
monte e quella di valle.
CASO 1 - T = 0 CASO 2 - T = 0

ZWT (DZWT=0) ZWT ZWT

=
ZWT - DZWT/2

=
ZWT - DZWT

STRATO IN CONDIZIONI
NON DRENATE
STRATO STRATO
IN CONDIZIONI IN CONDIZIONI STRATO IN CONDIZIONI
NON DRENATE NON DRENATE NON DRENATE

CASO 3 - T = 0 CASO 4 - T = 0

ZWT (DZWT=0) ZWT ZWT

=
= ZWT - DZWT/2

ZWT - DZWT

STRATO STRATO
IN CONDIZIONI STRATI IN CONDIZIONI IN CONDIZIONI STRATI IN CONDIZIONI
NON DRENATE NON DRENATE NON DRENATE NON DRENATE

Figura 5-4: pressioni interstiziali iniziali, caso con più regioni di terreno non drenate

• se si tratta di uno step successivo al primo, PARATIE attribuisce a queste regioni un valore di
pressione corrispondente allo step precedente.

CASO 1 - T = i ( i >1) CASO 2 - T = i ( i >1)

ZWT (DZWT=0) ZWT ZWT

ZWT - DZWT

STRATI IN CONDIZIONI
STRATI IN CONDIZIONI NON DRENATE
NON DRENATE

STRATO
STRATO IN CONDIZIONI
IN CONDIZIONI NON DRENATE
NON DRENATE

si conservano le pressioni si conservano le pressioni


interstiziali del passo i-1 interstiziali del passo i-1

Figura 5-5: pressioni interstiziali nel generico passo i, caso con più regioni di terreno non drenate
È vivamente consigliato imporre, nelle condizioni iniziali, lo stesso battente idraulico a monte ed a valle.

32 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Consideriamo infine la situazione in cui esistono regioni di terreno in condizioni non drenate non
interferenti con il tubo di flusso.

ZWT

ZWT-DZWT

STRATO IN CONDIZIONI
NON DRENATE

Figura 5-6: strato non drenato che non impedisce la filtrazione


In questo caso la filtrazione non è bloccata.

Ce.A.S. s.r.l. 33
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

5.3 Condizioni di stabilità del fondo scavo e uso della “Lining Option”
La simulazione dell’impermeabilizzazione del fondo scavo da parte di un elemento impervio può essere
fatta sostanzialmente in due modi:
1. simulando un “tampone”, cioè una porzione di terreno con permeabilità molto bassa rispetto
alla permeabilità del terreno naturale.
2. utilizzando la “Lining Option"
5.3.1 Simulazione di un tampone di fondo attraverso uno strato impervio.
Assumiamo che, a partire da una certa fase in poi, sia stata simulata la realizzazione di un tampone
impervio; per semplicità assumiamo che il terreno naturale sia incoerente.
L’acqua all’interno dello scavo viene “rimossa” specificando un abbassamento DZWT>0 della freatica di
valle.
Nel caso in cui la freatica di valle sia portata al di sotto dell’intradosso del tampone (caso A in Figura 5-7),
vi sarà filtrazione nel solo terreno naturale e non vi saranno pressioni dell’acqua tali da vincere il peso del
tampone, il quale di per sé sarà stabile; il terreno al di sotto del tampone potrà contribuire alla resistenza
della parete se le forze di filtrazione (verso l’alto) non annullano lo sforzo verticale efficace.
Se la freatica a valle è al di sopra dell’intradosso del tampone (caso B in Figura 5-7), la perdita di altezza
piezometrica si dissiperà essenzialmente all’interno del tampone; nel terreno naturale vi sarà il battente
idrostatico di monte, ma le forze di filtrazione saranno trascurabili; questa situazione è fisicamente
possibile solo se la risultante delle pressioni dell’acqua all’intradosso del tampone non supera il peso
totale del tampone. Ponendo:
t= peso specifico totale del tampone,
detta condizione si verifica se:
t·ht w·zt
Se il peso del tampone è inferiore alla pressione dell’acqua all’intradosso del tampone stesso, questo va
stabilizzato con una zavorra o con tiranti, il cui effetto va introdotto in PARATIE attraverso un sovraccarico
equivalente qs a fondo scavo: tale sovraccarico deve essere maggiore o uguale a (w·ztt·ht)

ZPC ZPC

ZWT ZWT ZWT

IMPERVIOUS SOIL
zt

ZWT-DZWT
DZWT > 0
ZSC ZSC
ht

ZWT-DZWT
DZWT > 0
IMPERVIOUS SOIL u

A B

Figura 5-7: presenza di un tampone di fondo

34 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

5.3.2 Utilizzo della “Lining Option”


Attivando l’opzione Lining Option, PARATIE rimuove le pressioni dell’acqua degli elementi sopra quota
fondo scavo e non considera il peso dell’acqua al di sopra di tale quota, quando valuta lo sforzo verticale
totale nel terreno sotto il fondo scavo.

ZPC

ZWT ZWT

DZWT = 0

ZSC

IMPERVIOUS BOUNDARY

Lining Option

Figura 5-8: la "lining option"


Affinché tale modellazione corrisponda ad una situazione realistica, è necessario applicare da parte
dell’utente un sovraccarico qs a fondo scavo maggiore o uguale alla pressione idrostatica alla quota del
fondo scavo stessa, calcolata con il battente di monte.
Questa opzione va usata con grande cautela.

5.4 Utilizzo delle pressioni interstiziali date per punti


In alternativa a tutto quanto descritto in precedenza, è possibile fornire il profilo delle pressioni
interstiziali, per punti lungo l’altezza della parete, a monte ed a valle.

Valle (Downhill) Monte (Uphill)

un zn

A monte e valle la quota della freatica è posta


in corrispondenza della massima quota a cui
è assegnata una pressione interstiziale

ui zi
Profilo delle pressioni interstiziali assegnate
per punti: le coppie di valori (zi, ui) vanno
introdotte ordinandole per valori crescenti
z della quota z; possono essere assegnati al
massimo 100 punti per ogni lato
u1 z1
z1 u1
y
Figura 5-9: definizione delle pressioni interstiziali per punti

Ce.A.S. s.r.l. 35
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

In questo caso, PARATIE fa le seguenti assunzioni (vedi Figura 5-9):


• Per ogni lato, la quota della freatica è assunta pari alla massima quota in cui è definito un
valore tabellare
• Al di sotto della quota della freatica così definita, il terreno è pensato saturo, anche nei tratti in
cui sono date pressioni interstiziali nulle
• Al di fuori dell’intervallo di definizione dei valori tabellari, le pressioni interstiziali sono
considerate nulle
PARATIE non fa alcun controllo di merito sui valori introdotti dall’Utente, che è quindi totalmente
responsabile della modellazione prodotta con questa opzione. Pertanto questa opzione va usata con
molta cautela, da parte di utilizzatori sicuramente esperti.
Si osservi che la definizione delle pressioni interstiziali in modo tabellare prevale sulla definizione del
regime di falda introdotto secondo le modalità standard; per ogni fase per la quale si desidera assegnare
le pressioni in modo tabellare, è necessario introdurre esplicitamente i valori, anche se non differiscono
dai quelli relativi alla fase precedente: in altre parole, PARATIE utilizza i parametri standard di definizione
della freatica a meno che non trovi l’esplicita definizione delle pressioni in forma tabellare. È poi possibile
passare, da uno step all’altro, dalla definizione tabellare a quella standard e viceversa.
Questa modalità di introduzione delle pressioni interstiziali può essere utile, ad esempio, nei seguenti
casi:
• simulazione della filtrazione studiata per altra via: si pensi ad esempio al caso di un moto di
filtrazione analizzato con la tecnica del flow net;
• simulazione di particolari situazioni non riproducibili con le modalità standard offerte da
PARATIE: si pensi ad esempio alla simulazione di una falda sospesa (Figura 5-10) o di una
falda artesiana (Figura 5-11).

u2 z2 u2 z2

z Falda sospesa z Falda


z1 artesiana z1
u1 u1

Strato
y impermeabile y Strati
impermeabili

Figura 5-10: la simulazione di una falda sospesa Figura 5-11: la simulazione di una falda artesiana

In ogni punto lungo la parete, all'interno dell'intervallo lungo quale sono assegnati i valori tabellari,
PARATIE valuta il gradiente idraulico locale nel seguente modo: si calcolano le pressioni u A e uB in due
punti A e B vicini al punto in esame, tali che ZA < ZB. Il gradiente idraulico nel punto di coordinata Z
compresa tra ZA e ZB è dato dalla seguente espressione

i
u A  u B    w  Z B  Z A 
 w  Z B  Z A 
Localmente si possono evidenziare discontinuità.

36 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

5.4.1 Interfaccia con il modulo di filtrazione 2D


L'opzione che consente di assegnare le pressioni neutre viene anche utilizzata, dall'interfaccia grafica,
per assegnare a PARATIE le pressioni calcolate con il modulo di filtrazione 2D.
La procedura è la seguente
1. PARATIE PLUS, sulla base della geometria bidimensionale e delle condizioni al contorno
idrauliche, genera un reticolo ad elementi finiti lineari a quattro o tre nodi per mezzo del quale
risolve il problema di campo relativo ad un moto di filtrazione stazionario in mezzo non
omogeneo. Le equazioni risolventi del sistema sono descritte, ad esempio, in Bathe (1996) e
sono implementate nel codice ad elementi finiti Xfinest. Grazie ad un particolare algoritmo
(Bathe & Khoshgoftaar (1979)) il codice permette di determinare anche condizioni relative a
moti non confinati, vale a dire moti di filtrazione con freatica non predeterminata.
2. Una volta svolto, per ogni passo richiesto, il calcolo ad elementi finiti, PARATIE PLUS
determina le pressioni totali agenti lungo le linee corrispondenti alle facce della parete e le
trasmette a PARATIE
3. PARATIE legge in forma tabellare tali pressioni e ne tiene conto nel calcolo. Alla generica
quota PARATIE valuta anche il gradiente idraulico locale, successivamente diagrammabile
tramite PARATIE PLUS.
Si deve tenere presente quanto segue:

a) Ai fini del calcolo della filtrazione, si assume sempre che la paratia, a tutta altezza, rappresenti
una barriera impermeabile. In ogni step il programma considera impermeabile il diaframma
che si forma a seconda degli elementi di parete attivi in quello step.

b) Una volta determinate le pressioni, PARATIE PLUS assegna pressioni (eventualmente nulle)
a tutto il tratto compreso tra la freatica e il piede del diaframma. Nel caso di falda libera
(condizioni non confinate) le pressioni sono applicate a tutta la quota parte di parete immersa
nel terreno: con riferimento alla figura seguente, le pressioni sono assegnate lungo tutti i
segmenti tratteggiati. Al di sopra della freatica verrà assegnato un valore di pressione nullo,
ma il terreno sarà comunque considerato saturo.

Ce.A.S. s.r.l. 37
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

6 VALUTAZIONE DEI CEDIMENTI VERTICALI


6.1 Premessa
PARATIE si limita ad analizzare il comportamento orizzontale nell'interazione terreno-struttura: è infatti
tale componente che condiziona, per lo più, lo stato tensionale nella parete, in tiranti e puntoni e nel
terreno stesso.
Per altro, se la struttura in esame è in area urbana e comunque in adiacenza ad edifici, è importante
avere una stima dei cedimenti (spostamenti verticali) conseguenti alle deformazioni laterali della parete.
In termini generali, in queste circostanze sarebbe senz'altro opportuno ricorrere a metodi di analisi più
generali. Tuttavia, nonostante la semplicità e le notevoli semplificazioni che caratterizzano PARATIE
PLUS, questo semplice strumento può essere d'aiuto per una stima indiretta di prima approssimazione
dei cedimenti verticali.
Va infatti segnalata l’esistenza di correlazione empiriche che permettono di legare le deformazioni laterali
della parete di sostegno ai cedimenti del piano campagna a monte dello scavo. Questi metodi sono assai
spesso usati nella pratica progettuale e sono certamente molto utili anche solo per un raffronto con
risultati ottenuti tramite strumenti in teoria più raffinati: in proposito si citano i lavori di Bransby e Milligan
(1975), Clough e O’Rourke (1990) ed il lavoro di Kung et al. (2007).
In tale ambito, PARATIE PLUS offre, come strumento di post-processing, a valle di un'usuale calcolo, un
collegamento tra gli usuali risultati prodotti dall'analisi del comportamento laterale e, appunto, i cedimenti
in superficie, sfruttando alcune delle correlazioni di letteratura.
Viste le grandi approssimazioni insite in tali procedure, vale senza dubbio la pena raccomandare un
attento esame delle stime ottenute, prima di poter emettere un giudizio finale sul progetto in esame.
.
6.2 Metodo Paratie Plus
Proponiamo nel seguito, un metodo semplificato che permette una stima dei cedimenti verticali in modo
molto semplice: si noti che questa procedura vale solo per terreni non coesivi (sabbie e ghiaie).
Facendo riferimento alla simbologia in figura 6-1, relativa ad una paratia a mensola, i cedimenti della
superficie libera del terreno a monte e a valle possono essere stimati calcolando il volume di terreno che
subisce uno spostamento
orizzontale.  m
m
Si calcoli l'area A del triangolo A B D

ABC sulla base degli um


spostamenti laterali
B'
(interpolando linearmente tra il v
punto C di spostamento nullo e m
il punto di spostamento
G'
massimo). In prima E F
approssimazione si può G
ammettere che il terreno oltre 

le linee CD e CE non subisca v
deformazioni. Se il volume
rimanesse costante durante la
C
deformazione, si potrebbe
pensare di distribuire il
cedimento linearmente tra B e
D in modo tale che l'area BB'D Figura 6-1 : valutazione dei cedimenti in terreni incoerenti
= A, per cui .
BB ′ = 2A⁄λm
Discorso analogo potrebbe essere ripetuto per la zona EGC facendo riferimento all'area di valle.

38 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

In realtà però il terreno, deformandosi, tende a dilatare. Definito ψ l'angolo di dilatanza, tra la
deformazione volumetrica v = (εv + εh )⁄2 e lo scorrimento massimo γ = |(εv − εh )⁄2| esiste una semplice
relazione di proporzionalità:
1 − tan ψ
v = −γ ∙ tan ψ ⟶ εv = −εh ∙
1 + tan ψ
Se si assume che la deformata sia lineare, si può calcolare la deformazione media di monte:
εM
h = δm ⁄λm = costante

si ha allora
M 1−tan ψ
εM
v = −εh ∙ 1+tan ψ

il cedimento verticale in superficie, fra B e D varierà linearmente da un valore massimo in B, pari a:


𝐮 𝐦 = εM
v ∙ ℓm

ossia
1 − tan ψ ℓm
𝐮𝐦 = −δm ( )∙
1 + tan ψ λm
ed un valore nullo in D.
ℓm
Il rapporto è cot BĈD vale a dire la cotangente dell'angolo che la presunta linea di demarcazione tra la
λm
regione che subisce deformazioni ed il resto del terreno forma con la verticale.
Il valore di ψ da assumere nei calcoli è il valore della dilatanza a collasso. In mancanza di dati più precisi
si può assumere
ψ = ϕ − ϕcv
ove ϕcv è l'angolo di attrito a volume costante che per terreni sabbiosi può essere assunto uguale a 30°;
ψ non può mai essere negativo.
Questo approccio ingegneristico non può essere generalizzato: quando l'interazione terreno-struttura è
complessa, uno schema semplice come quello proposto da PARATIE può non essere aderente alla
realtà; in tal caso è bene ricorrere ad una schematizzazione del continuo bidimensionale con un
approccio agli elementi finiti piani, o con un metodo alle differenze finite. Tuttavia si propone una semplice
estensione per applicare il metodo anche a diverse situazioni di vincolo della parete.
Consideriamo un generico punto C sulla parete, a quota z: la rotazione della parete 𝜃𝐶 in questa posizione
definisce la direzione della tangente alla deformata in C (Figura 6-2, a sinistra).

Consideriamo ora una fittizia paratia a mensola, rappresentata da quella tangente, al di sopra di C, che
ruota rigidamente attorno a C. Se assumiamo che la parete sia rigida, lo spostamento laterale fittizio a
testa paratia, associato a tale rotazione è
𝑦𝑍𝐶𝑇𝑂𝑃 = 𝜃𝐶 ∙ (𝑧𝑇𝑂𝑃 − 𝑧𝐶 )
A questo problema fittizio, possiamo quindi applicare le equazioni prima ricavate e valutare i cedimenti
associati a tale deformata, prendendo ℓm = (𝑧𝑇𝑂𝑃 − 𝑧𝐶 ). Se ripetiamo tale procedura per una serie di punti
C differenti lungo la parete, possiamo sommare algebricamente tutti i contributi, ottenendo così un profilo
complessivo dei cedimenti in superficie che incorpora, in qualche modo, la deformata non di mensola
della paratia.
Quando il piede della parete subisce un movimento significativo, è necessaria un'ulteriore correzione:
viene generato (quando possibile) un punto fittizio (chiamato pivot nel seguito) legato allo spostamento e
alla rotazione del piede (P in Figura 6-2). Applicando le medesime equazioni con riferimento a tale
problema, si ottiene un ulteriore termine da sommare algebricamente al resto dei contributi.

Ce.A.S. s.r.l. 39
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Si pone poi il dubbio se sia lecito applicare o meno lo stesso fattore correttivo legato alla dilatanza e il

medesimo rapporto m a tutti i contributi parziali. Alla luce delle drastiche approssimazioni insite in questo
λm
metodo, PARATIE PLUS non fa alcuna distinzione e utilizza sempre i medesimi fattori.
Secondo la Figura 6-2, a destra, talora non è possibile definire P, con ciò rendendo impossibile
l'applicazione di questo metodo.

𝑦𝑍𝐶𝑇𝑂𝑃

𝑧𝑇𝑂𝑃 − 𝑧𝐶
𝜃𝐶

TOE
P non può essere
𝑦(𝑧𝐶 ) calcolato
C

TOE
TOE
P P può essere
calcolato

Figura 6-2: metodo PARATIE PLUS - aggiunta successive correzioni

40 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

6.3 Metodo di Boone & Westland (2006)


Boone & Westland (2005) propongono un metodo per stimare gli spostamenti sia laterali sia verticali
indotti da uno scavo profondo, e lo traducono in un insieme di equazioni in forma chiusa.
Questo metodo può essere usato come strumento autonomo, senza l'ausilio di analisi numeriche. In
particolare, esso può dare un valido aiuto ai progettisti al fine di verificare la qualità dei risultati ottenuti
con altri metodi di analisi, come quello offerto da PARATIE PLUS. Per ulteriori dettagli, si rimanda al
documento citato.
In sostanza il metodo di Boone & Westland può essere riassunto nei seguenti passi.

Figura 6-3: Symbols and concepts in Boone & Westland (2005) method
1. Sulla base della geometria dell'opera e delle caratteristiche del terreno, si calcolano il massimo
spostamento laterale della parete 𝛿ℎ𝑚𝑎𝑥 e della superficie 𝛿ℎ𝑠𝑚𝑎𝑥 .

2. La deformata della parete viene suddivisa in due contributi principali, ossia uno spostamento
rigido (spandrel displacement) e una deformazione convessa legata alla deformabilità della
parete. Per ciascun contributo viene calcolata l'area sottesa al diagramma delle deformazioni (A hs
e Ahc) attraverso opportune equazioni.

3. I cedimenti verticali, a loro volta suddivisi in due contributi apportati dalle due componenti della
deformata, vengono stimati a partire dal calcolo dell'area sottesa a ciascuno di essi (Avs per la
componente rigida e Avc per quella convessa), come un'opportuna percentuale di Ahs o Ahc.

4. Noti Avs e Avc h, i massimi cedimenti 𝛿𝑣𝑠𝑚𝑎𝑥 e 𝛿𝑣𝑐𝑚𝑎𝑥 sono calcolati sulla base di andamenti noti
lungo la superficie.

5. Infine, il cedimento totale, nel generico punto in superficie ad una distanza 𝑑 dalla parete, è
calcolato sommando i due contributi: vale a dire 𝛿𝑣 (𝑑) = 𝛿𝑣𝑠 (𝑑) + 𝛿𝑣𝑐 (𝑑) .
Per la stima dei cedimenti nell'ambito di PARATIE PLUS, si utilizzeranno solo in parte le indicazioni di
questo metodo, come illustrato nel seguito.
Prima di tutto, occorre osservare che, nell'ambito di PARATIE PLUS, gli spostamenti laterali 𝑦(𝑧) are
sono calcolati tramite l'usuale procedura numerica non lineare. Tale calcolo, quindi, si sostituisce alle
valutazioni di cui ai punti 1 e 2 sopra elencati.
Pertanto, l'area Aht sottesa alla deformata totale è:
𝑧
Aht = ∫𝑧 𝑡𝑜𝑝 𝑦(𝑧)𝑑𝑧
𝑡𝑜𝑒

La parte Ahs associata a roto-traslazione rigida (spandrel) è approssimata dalla seguente espressione
(vedi Figura 6-3):

Ce.A.S. s.r.l. 41
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Ahs = 12[𝑦(𝑧𝑡𝑜𝑝 ) + 𝑦(𝑧𝑡𝑜𝑒 )] ∙ 𝐻𝑤


L'area convessa è quindi
Ahs = Aht — Ahs
Le aree sottese alle distribuzioni dei cedimenti verticali della superficie sono valutate dalla seguente
espressione:
Avs Avc
= =η
Ahs Ahc
dove η, in PARATIE PLUS, di default, è pari a 1 (in Boone & Westland (2005), sono indicati valori
leggermente diversi, a seconda delle condizioni di vincolo della parete).
Dato che Avs dipende linearmente da 𝛿𝑣𝑠𝑚𝑎𝑥 , (che quindi può essere visto come un fattore di scala da
applicarsi a un'area normalizzata), le componenti ad essa associate possono esser calcolate come:
3∙𝐴𝑣𝑠 𝐷𝑠 −𝑑 2
𝛿𝑣𝑠𝑚𝑎𝑥 = ; 𝛿𝑣𝑠 (𝑑) = 𝛿𝑣𝑠𝑚𝑎𝑥 ∙ ( )
𝐷𝑠 𝐷𝑠

dove si assume 𝐷𝑠 ≈ 1.2 𝐻𝑒 . Si noti che 𝐻𝑒 è valutato come l'altezza di una parete virtuale al di sopra di
un punto di rotazione (al di sotto del piede, coincidente con P in Figura 6-2).
Analogamente, i contributi associati alla parte convessa, sono calcolati tramite le seguenti equazioni:
2
1 𝐴𝑣𝑐 1 𝑑−𝑑𝑚𝑖𝑛
𝛿𝑣𝑐𝑚𝑎𝑥 = ; 𝛿𝑣𝑐 (𝑑) = 𝛿𝑣𝑐𝑚𝑎𝑥 ∙ 𝑒 −2( 𝑖
)
2 [1−Φ(0,𝑑𝑚𝑖𝑛 ,𝑖)]√2𝜋∙𝑖

dove si assume
𝑥−𝑑𝑚𝑖𝑛 2
𝐷𝑐 −𝑑𝑚𝑖𝑛 𝑑 1 −1
2( )
𝐷𝑐 ≈ 2 ∙ (0.6 ∙ 𝐻𝑤 ); 𝑑𝑚𝑖𝑛 ≈ 0.35 ∙ 𝐻𝑤 ; 𝑖 = ; Φ(0, 𝑑𝑚𝑖𝑛 , 𝑖) = ∫0 𝑚𝑖𝑛 𝑒 𝑖 𝑑𝑥
4.5 𝑖∙√2𝜋

𝐷𝑠 , 𝐷𝑐 e 𝑑𝑚𝑖𝑛 nelle espressioni qui sopra differiscono leggermente da quelle indicate in origine (vedi
Figura 6-4 e il riferimento citato).

𝐷𝑠 𝐷𝐶
𝑑 𝑦(𝑧𝑡𝑜𝑝 ) 𝑑
𝐻𝑒𝑥𝑐𝑎𝑣𝑎𝑡𝑖𝑜𝑛

𝐻𝑒𝑥𝑐𝑎𝑣𝑎𝑡𝑖𝑜𝑛
≈ 0.6 𝐻𝑤

𝛿𝑣𝑐 (𝑑)
𝛿𝑣𝑠 (𝑑)
𝐻𝑤

𝐻𝑤

𝑖 𝑑𝑚𝑖𝑛
𝐻𝑒

Thrust resultant

𝑦(𝑧𝑡𝑜𝑒 )

Spandrel part Convex part

Figura 6-4: Metodo di Boone & Westland (2005) - assunzioni Paratie Plus

42 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

6.4 Metodo KJHH Kung et al. (2007)


Kung et al. (2007) presentano un riesame approfondito di diverse case histories relative a scavi profondi
in terreni fini, integrando il proprio esame sperimentale con lo studio parametrico tramite analisi FEM.
Come nel lavoro citato nel paragrafo 6.3, anche in questo caso si giunge a proporre una serie di
equazioni in forma chiusa che consentono di stimare sia le deformazioni laterali sia i cedimenti verticali
per diverse configurazioni di opera di sostegno.
Come nel caso precedente, nell'ambito PARATIE PLUS prenderemo in considerazioni le sole equazioni
relative ai cedimenti verticali, affidandoci ai risultati PARATIE per quel che riguarda le deformazioni
laterali della parete.
Viene introdotto un coefficiente di deformazione 𝑅 definito come segue
𝛿𝑉𝑚𝑎𝑥
𝑅=
𝛿𝐻𝑚𝑎𝑥
dove 𝛿𝑉𝑚𝑎𝑥 e 𝛿𝐻𝑚𝑎𝑥 sono, rispettivamente il massimo cedimento verticale e li massimo spostamento
laterale della parete, quest'ultimo appunto derivato dall'analisi PARATIE.
𝑅 è dato dalla seguente equazione:
𝑅 = 𝑐0 + 𝑐1 𝑌1 + 𝑐2 𝑌2 + 𝑐3 𝑌3 + 𝑐4 𝑌1 𝑌2 + 𝑐5 𝑌1 𝑌3 + 𝑐6 𝑌2 𝑌3 + 𝑐7 𝑌3 2 + 𝑐8 𝑌1 𝑌2 𝑌3
in cui 𝑐0 ⋯ 𝑐8 sono coefficienti da un'analisi dei dati disponibili (si veda il riferimento citato). I dati che
caratterizzano il problema sono individuati nei tre coefficienti 𝑌1 , 𝑌2 e 𝑌3 :
∑ 𝐻𝑐𝑙𝑎𝑦 𝑆𝑢 𝐸𝑖
𝑌1 = 𝑌2 = 𝑌3 =
𝐻𝑤𝑎𝑙𝑙 𝜎𝑣′ 1000𝜎𝑣′

𝐸𝑖 è il modulo elastico iniziale (ossia a piccole deformazioni) della formazione argillosa. Tali parametri
possono essere difficilmente messi in relazioni con i dati standard previsti da PARATIE PLUS: pertanto
devono essere assegnati dall'utente fra le proprietà di analisi (eventualmente accettando i default
proposti).
Noto 𝛿𝑉𝑚𝑎𝑥 , il profilo dei cedimenti a monte dello scavo è valutato sulla base del seguente schema
trilineare:

𝑑/𝐻𝑒

4 3 2 1
0.
𝛿𝑣 /𝛿𝑣𝑚𝑎𝑥

0.1 0.2

0.4
𝐻𝑒

0.6
0.8
1

Figura 6-5: Metodo KJHH


Si ricorda che tale strumento vale, in linea di principio, solo per scavi in materiali prevalentemente argillosi
(in condizioni a breve termine).

Ce.A.S. s.r.l. 43
Modulo PARATIE - Teoria

7 L’EFFETTO DI CARICHI NASTRIFORMI


7.1 CARICHI PREESISTENTI ALLO SCAVO
7.1.1 Descrizione del metodo di simulazione
Lo sforzo verticale efficace ’v nel terreno è calcolato, in PARATIE, indipendentemente dalle deformazioni
alle quali la parete va incontro: è cioè ricavato attraverso semplici formule che tengono conto, fase per
fase, della quota del piano campagna, di un sovraccarico uniformemente distribuito, ecc.
Nella fase iniziale, lo sforzo orizzontale efficace nel generico elemento terreno è calcolato come:

’h= K0’v (step 1)


in cui K0 è il coefficiente di spinta a riposo. Nelle fasi successive, ’h si modifica tenendo conto della
deformazione laterale subita.
Questa impostazione cade in difetto se lo stato tensionale all'inizio non è descrivibile con le semplici
formule sopra illustrate. Questa situazione si verifica se esistono fondazioni di dimensioni ridotte molto
vicine alla parete.

Figura 7-1: sovraccarico uniforme equivalente ad una fondazione

In tal caso, il contributo allo stato tensionale verticale e orizzontale nel terreno, dovuto al solo plinto, è
rappresentato da una distribuzione complessa. Sforzi verticali ed orizzontali di intensità significativa
perturbano lo stato di sforzo geostatico in una zona di influenza limitata.
Per tener conto di questo effetto, in PARATIE si può operare in due modi:
1. Se il plinto è distante dalla parete e il carico non è troppo elevato, si può schematizzare tale
effetto attraverso un carico Q equivalente, oppure
2. si può assumere che il carico concentrato induca, nel terreno, prima di uno scavo, uno stato di
sforzo addizionale, che si somma a quello geostatico, all'inizio dell'analisi.

Nella seconda ipotesi, lo sforzo orizzontale efficace ’h nella prima fase dell'analisi, in tutti gli elementi
molla (sia a monte che a valle), è calcolato come:

’h= K0’v (step 1)+ ’h


Nella formula precedente,’v non tiene conto dell'incremento di tensione verticale dovuto ad una
fondazione nastriforme. ’h è calcolato, nel caso di problema piano nelle deformazioni (opzione di
default) , attraverso la soluzione del semispazio elastico, figura 7-2.

Ce.A.S. s.r.l. 45
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

  
 h,' el  q   sencos2 
'
h,el
 v,' el  q   sencos2 

Figura 7-2: soluzione del semispazio elastico omogeneo


Nel caso di problema assialsimmetrico, la fondazione nastriforme rappresenta, di fatto, una fondazione
anulare, ossia una corona circolare caricata uniformemente da una pressione q (Figura 7-3).


q

r1
r2

Figura 7-3: fondazione nastriforme nel caso di problema assialsimmetrico

In questo caso, per determinare ’h, occorre avvalersi di una formulazione relativa ad un problema
assialsimmetrico: PARATIE utilizza le equazioni riportate da Poulos & Davis (1974) e relative ad una
fondazione circolare su semi-spazio elastico omogeneo ed isotropo. La soluzione per fondazione anulare
è ricavata per differenza tra due soluzioni relative a fondazioni di raggi r2 ed r1. La soluzione in questo
caso dipende dal coefficiente di Poisson del terreno, per il quale PARATIE assume un valore fisso pari a
0.20.Occorre notare che la valutazione di tali formule comporta l'integrazione di complesse funzioni
matematiche, con metodi numerici che talora non convergono. In queste circostanze il programma
subisce una repentina interruzione.

Ritornando ad un problema piano nelle deformazioni, negli elementi a valle, ’v non risente della
presenza di fondazioni nastriformi; a monte, invece, si tiene conto, in tutte le fasi, di un incremento ’v
calcolato nel seguente modo.

46 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

dy
DY B y

QF
ZF QF(y)

 

ZETA

L(y)

Figura 7-4

Con riferimento alla Figura 7-4, si calcola dapprima la grandezza ’v,1


se ZETA > ZF - DY tg() allora

’v,1 = 0
se ZETA < ZF - DY tg()
DY  B
QF(y)
’v,1 = 
DY
L(y)
dy

ove
QF(y)=QF se y (ZF-ZETA)/tg()
QF(y)=0 se y<(ZF-ZETA)/tg()
L(y) = y + (ZF-ZETA)/tg()

Si confronta tale valore con quello fornito dalla relazione in figura 7-2 e si sceglie il massimo:

’v = max (’v,1,’v,el)


Viceversa, nel caso di problema assialsimmetrico, ’v è calcolato solo tramite la soluzione elastica
prima discussa.

Ce.A.S. s.r.l. 47
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

7.1.2 Avvertenza importante


Quando applica, dall’inizio, la distribuzione di pressioni laterali e verticali aggiuntive sopra descritte,
PARATIE non controlla, nella fase iniziale, il rispetto del criterio di rottura. In altre parole, in fase iniziale,
le pressioni laterali conseguenti al peso del terreno ed ai carichi potrebbero violare il criterio di rottura in
termini di spinta attiva o passiva.
Nelle fasi successive, grazie al processo iterativo, il rispetto delle condizioni di rottura viene comunque
ristabilito.

7.2 CARICHI NASTRIFORMI APPLICATI IN UNA FASE SUCCESSIVA


È possibile assegnare un carico nastriforme, a monte del diaframma, in una fase successiva alla prima. In
questo caso il comportamento di PARATIE differisce da quello descritto nel paragrafo 7.1, come segue:
Per i soli elementi terreno a monte della parete:

- allo sforzo verticale geostatico viene aggiunto ’v = max(’v,1,’v,el) valutato secondo i criteri
esposti nel paragrafo 7.1 (Figura 7-2, Figura 7-3Figura 7-4);
- lo sforzo laterale ’h varia di conseguenza, in funzione dell’incremento di carico verticale, secondo i
criteri esposti nel paragrafo 4.3: in pratica l’incremento di sforzo orizzontale è legato ’v attraverso
un coefficiente che dipende da K0 o dai coefficienti di spinta a rottura.
In pratica, l’applicazione di un sovraccarico nastriforme, in una fase successiva alla fase zero, determina,
a monte della parete, un incremento di sforzo verticale secondo una distribuzione particolare. Gli
incrementi di sforzo laterale seguono il medesimo criterio applicato agli incrementi dovuti, ad esempio, ad
una variazione di sforzo litostatico.
7.3 RIMOZIONE DI CARICHI NASTRIFORMI
Ogni carico nastriforme può essere rimosso. La sua scomparsa determina la rimozione, a monte della
paratia, della distribuzione di sforzi verticali aggiuntivi a quelli geostatici. Di conseguenza, a causa di un
decremento di ’v, lo sforzo ’h decresce secondo i criteri esposti nel paragrafo 4.3

48 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

8 EFFETTO ARCO NEL TERRENO


Il calcolo delle spinte limite attive e passive basato sul classico approccio descritto nel cap. 4, spesso
richiamato come metodo del fluido equivalente (Equivalent fluid method) può talvolta comportare una
sovrastima delle reali spinte, specie nei tratti intermedi fra due successivi ancoraggi, nel caso di pareti
molto flessibili. Di conseguenza, anche le azioni flettenti nella parete possono essere sovrastimate.
Questo limite, quando ritenuto eccessivamente gravoso, può essere oggi superato affrontando il
calcolo con simulazioni numeriche avanzate, tramite simulazione del continuo (bi- o tridimensionale) vero
e proprio. In alternativa possono essere apportate correzioni a posteriori ai risultati in conformità a metodi
empirici e convenzionali disponibili in letteratura, a discrezione del progettista e delle tradizioni di calcolo
locali.
Un'altra possibilità è rappresentata dal metodo proposto da Pappin et al. (1985) brevemente descritto
nel seguito.

In sostanza, il rispetto delle condizioni limite attive e/o passive sono imposti lungo tratti finiti di parete
piuttosto che in ciascun elemento terreno. Più in particolare, come per ogni elemento terreno a quota Z, la
pressione limite minima (limite attivo) viene calcolata in modo da garantire le seguenti due condizioni
(Figura 8-1):

1. La spinta complessiva tra la parte superiore della parete e la quota Z deve essere maggiore o
uguale alla spinta attiva complessiva calcolata secondo la classica assunzione del fluido
equivalente;

 
0 0
SA ,MIN    'A (z)  dz   K A  ( 'v (z)  2c' K A  dz
Z Z

2. Prendendo in esame ogni possibile porzione di terreno tra la quota Z e una generica quota Zj>
Z, occorre garantire che la risultante delle spinte sulla parete verticale di questo cuneo sia
compatibile con le condizioni di equilibrio limite del cuneo stesso, assumendo che alla quota
superiore di questo agisca uno sforzo verticale (diverso da quello calcolato secondo l'ipotesi
del fluido equivalente) ma che sia in grado di rispettare le condizioni limite attive tra lo sforzo
orizzontale (noto) e quello verticale a quota Zj. La risultante attiva che rappresenta il valore
minimo "locale" da garantire è calcolata attraverso la seguente espressione:

 K  q 
Zj

SA ,MIN, j  A min 
  'v (z)   'v ( Z j )  2c' K A dz
Z
con qmin calcolato come indicato in (Figura 8-1) (2):

(1) (2)
0 0

Zj qminKA·'h(Zj)-2 c' KA


h 'h(h)

Z Z '
'A(h)

'v c'

qmin

'h

'h(Zj)

Figura 8-1 : arching effects

Ce.A.S. s.r.l. 49
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

La pressione limite attiva alla generica quota viene quindi determinata come il minimo valore in grado
di soddisfare entrambe le condizioni. Si noti che il rispetto della seconda condizione comporta il calcolo
della risultante delle spinte attive relative a tutti i possibili conci che si possono formare tra una generica
quota al di sotto del piano campagna e la quota in esame. L'algoritmo comporta quindi un onere di calcolo
maggiore e in genere un maggior numero d'iterazioni rispetto al metodo classico. L'algoritmo impone che
tutti gli elementi SOIL relativi a un lato della parete appartengano ad un solo gruppo e che siano ordinati
dall'alto verso il basso.
Il progettista deve inoltre ricordare che le azioni interne nella parete stimate con questo metodo sono
in genere minori di quelle valutate con l'approccio classico.
L'utente può specificare un valore minimo oltre al quale non ridurre la spinta limite: tale valore viene
espresso come una percentuale della spinta attiva classica.
Tra le limitazioni all'uso di questo metodo, la più importante è l'impossibilità di attivarlo in presenza di
elementi CLAY in condizioni non drenate.
Diamo infine atto che questi criteri sono stati proposti dagli Autori citati (Pappin et al. (1985)) i quali,
oltre ad avere presentato tale proposta in diversi pubblicazioni, hanno anche incluso tale metodo in un
loro programma di analisi per opere di sostegno, Frew, un concorrente riconosciuto del nostro codice.
Tuttavia, facciamo notare che esistono differenze piuttosto rilevanti tra PARATIE e Frew, in modo da
rendere l'implementazione di tali algoritmi differenti così come i risultati ottenuti non uguali. Per quanto di
nostra conoscenza, tali algoritmi non sono coperti da alcun brevetto.

50 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

9 TECNICHE RISOLUTIVE PER MODELLAZIONI PARTICOLARI


9.1 GLI ELEMENTI SLAVE
Ad ogni nodo della parete, vengono generati due entità geometriche cinematicamente indipendenti, il
nodo master e il nodo slave. Master e slave condividono la stessa posizione geometrica (e lo stesso
numero di nodo), ma hanno spostamenti laterali rotazioni indipendenti.
In questo modo si può modellare un semplice contatto tra nodo master e nodo slave. Si noti che di
default il contatto viene considerato olonomo, cioè la forza scambiata tra i due nodi può essere di contatto
ma anche di trazione.
Tuttavia, attivando l'opzione GAP (CONTROL NOTENSION), il vincolo diviene monolatere, vale a dire
viene rimosso quando la azione tra i due nodi è di trazione, vale a dire quando i due nodi tendono ad
allontanarsi. In questo caso occorre stabilire chiaramente il movimento relativo tra i due nodi. Se la
proiezione della quantità (yslave – ymaster) sulla normale uscente è positiva, il gap si sta aprendo e il vincolo
interno deve essere rimosso.

Definiamo il gap tra i due nodi in questo come


la differenza tra i due spostamenti laterali y , Wall
proiettata sulla normale uscente dalla parete
  
g  y slave y master   n
n
Chiamando  la forza di contatto, devono
essere rispettate le seguenti condizioni Master node
Slave node
g≥0
≤0
g·=0
Z
Per imporre nodo per nodo questa condizione
di vincolo non lineare, PARATIE utilizza una
tecnica numerica nota come metodo dei
moltiplicatori di Lagrange. Y

Figura 9-1 : opzione gap


Il modello master-slave può essere utile per modellare un comportamento simile a quello mostrato
nella figura che segue: parete esterna (1a fase) e parete interna hanno gli stessi spostamenti laterali, ma
rotazioni indipendenti. In questo modo, si ottengono diagrammi di momento continui in entrambe le pareti.
Le due pareti adiacenti interagiscono attraverso i vincoli interni tra nodo master e slave. Si noti che la
prima parete, quella contro-terra, deve essere collegata ai nodi master, mentre le strutture interne sono
collegate ai nodo slave.

2nd stage permanent


structure progressively
built up by underpinning

1st
stage
temporary
wall

Figura 9-2: construction method requiring master/slave logic

Ce.A.S. s.r.l. 51
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Si raccomanda in generale di condurre un calcolo preliminare disattivando l'opzione GAP non lineare,
la quale andrà eventualmente utilizzata solo successivamente, se necessario.
Il manuale degli esempi comprende un esempio molto semplice che illustra la logica di questo
algoritmo.
9.2 Metodi per imporre condizioni al contorno non lineari
Il metodo dei moltiplicatori di Lagrange prima accennato è un metodo matematico largamente in uso
nella Meccanica Razionale, per imporre dei vincoli lineari o non lineari. Se applicato nell'ambito di un
programma strutturale agli elementi finiti, il metodo richiede l'attivazione, tra i gradi di libertà nel modello,
di nuove variabili corrispondenti con le forze di vincolo. Per una brevissima introduzione a questo metodo,
consideriamo un semplice modello strutturale di 2 nodi, e supponiamo che per ogni nodo la sola
traslazione laterale q sia attiva come grado di libertà. Se dovessimo voler imporre che lo spostamento
laterale dei due nodi sia lo stesso, potremmo scrivere:

g  q2  q1  0
Supponiamo ora che le equazioni di equilibrio possano essere ottenute imponendo la stazionarietà di
una certa funzione potenziale W (ad esempio, nella classica Scienza delle Costruzioni, questo funzionale
corrisponde all'energia potenziale totale) Se vogliamo che valga la condizione g = 0, possiamo
considerare una funzione "aumentata" WL = W +  • g, in cui abbiamo introdotto l'ulteriore parametro
ignoto . Nulla viene aggiunto a W a patto che condizione vincolo g = 0. sia garantita. Se assumiamo che
 sia anch'essa una variabile indipendente (un nuovo grado di libertà) del problema, dobbiamo imporre la
stazionarietà della funzione aumentata rispetto anche a questa variabile. Otteniamo in questo modo
un'equazione in più che permette di determinare simultaneamente gli spostamenti q, rispettosi del
vincolo, e la variabile , che assume il significato di reazione nel vincolo stesso.
Esempio:
L'energia potenziale totale W = E -U = energia elastica meno potenziale carichi, è:

 3  EJ   3  EJ 
W  12  3 1 q12  12  3 2 q22  F1  q1  F2  q2
 L   L 
La funzione aumentata WL è

 3  EJ   3  EJ 
WL  12  3 1 q12  12  3 2 q 22  F1  q1  F2  q 2    q2  q1 
 L   L 
Le condizioni di stazionarietà sono
WL 3  EJ1 constraint g= q2- q1=0
0 q 1  F1    0
q 1 L3 F1 q1 F2 q2
WL 3  EJ 2
0 q 2  F2    0
q 2 L3
WL
 0  q 2  q 1   0 EJ1 EJ2 L

In forma matriciale il sistema risolvente è

52 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

 3  EJ1 
 L3 0 1 
 3  EJ 2   q1  F1 
 0    
1   q 2   F2 
 L3     
    0
 1 1 0 
 
Lo Jacobiano (matrice di rigidezza) è ancora simmetrico, ma un termine diagonale nullo appare in
corrispondenza della terza equazione. Tuttavia il sistema può essere risolto facilmente, se il modello
strutturale è stabile. Occorre notare che la terza non è un'equazione di equilibrio, ma una condizione di
congruenza.
In analisi non lineari con il contatto, sorgono molti altri aspetti delicati a causa della natura altamente
non lineare dei vincoli. Tale metodo deve quindi essere utilizzato in forma incrementale, nei processi
iterativi. In alcuni casi, secondo la natura del vincolo, la simmetria della matrice Jacobiana viene persa e
la quantità di memoria per memorizzare le matrici può crescere significativamente.
Per modellare condizioni di vincolo complesse, nei codici di calcolo general purpose vengono spesso
preferiti altri metodi (Penalty Method e Augmented Lagragian Method ) principalmente perché non
richiedono l'introduzione di ulteriori incognite.
Il PENALTY METHOD impone le condizioni di vincolo volute correggendo opportunamente la matrice
di rigidezza del sistema privo di vincoli; è un modo molto semplice ed efficace soprattutto se si tratta di
applicare dei vincoli esterni, ma può comportare difficoltà numeriche specie quando devono essere forzati
vincoli interni. In PARATIE questo metodo è utilizzato per applicare condizioni di vincolo esterne.
L'AUGMENTED LAGRAGIAN METHOD è un algoritmo che consente di forzare le condizioni di vincolo
con una tecnica assimilabile al PENALTY METHOD senza peggiorare il condizionamento numerico delle
matrici del sistema risolvente.
Vediamo in dettaglio questo metodo, con riferimento all'esempio di prima. Consideriamo la seguente
q2  q1 
1 2
versione della funzione aumentata, a cui aggiungiamo ora un nuovo termine, 2 , detto
penalty, anch'esso nullo se il vincolo è rispettato.

 3  EJ   3  EJ 
WL  21  3 1 q12  21  3 2 q22  F1  q1  F2  q2    q2  q1   21 q2  q1 
2

 L   L 
Imponendo la stazionarietà si ha
WL 3  EJ1
0 q1  F1    q1  q2   0
q1 L3
WL 3  EJ2
0 q2  F2    q2  q1   0
q2 L3
WL
 0  q2  q1   0

in termini matriciali

 3  EJ1 
 L3    1   q  F 
 3  EJ2   1  1
   1   q2   F2 
 L3     
 1 1 0     0 
 

Ce.A.S. s.r.l. 53
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Di per sé, l'introduzione del termine di penalty non semplifica la soluzione. Tuttavia fornisce uno
spunto per risolvere il problema, per via iterativa, senza esplicitamente introdurre, come variabile
indipendente, 
Riscriviamo il sistema, limitatamente alle prime due equazioni, in questo modo

 3  EJ1 
 L3      q1  F1   
 3  EJ2   
    q 2  F2   
 L3 
È semplice rendersi conto che la forza che nasce per effetto del vincolo è

  q2  q1 
e si compone di due contributi, il primo rappresentato dal moltiplicatore di Lagrange e il secondo
legato al penalty: quest'ultimo diminuisce al crescere della precisione con la quale è rispettato il vincolo.
Pensiamo di conoscere una stima iniziale di : possiamo valutare, tramite le due equazioni nelle
sole incognite cinematiche, una stima di q1 e q2.
Possiamo poi aggiornare  ottenendo una nuova stima 

1  0  q2  q1 
Quindi possiamo calcolare una nuova stima di q1 e q2, e procedere iterativamente fino al
raggiungimento di una soluzione con tolleranza voluta. La velocità di convergenza cresce all'aumentare
del parametro . Se quest'ultimo è di parecchi ordini di grandezza superiore ai termini della matrice di
rigidezza non vincolata, l'algoritmo degenera nel metodo PENALTY, algoritmo che tuttavia presenta
problemi di arrotondamento che possono compromettere la qualità della soluzione. Viceversa, pur
accettando un maggior numero di iterazioni, con la tecnica qui presentata è, in genere, possibile ottenere
una soluzione rispettosa dei vincoli introducendo valori di  non troppo elevati (solo di uno o due ordini di
grandezza superiori ai termini della matrice di rigidezza non vincolata).
Si osservi che questo modo di procedere si basa su un appoccio (algoritmo di Uzawa) molto generale
adatto per la soluzione di problemi con struttura matematica simile a quello in esame.
Poniamo, a titolo d'esempio

E=30000 L=1000 J1=1.5107 J2=5106 F1=9000 F2=18000

da cui si ha
3  EJ1 3  EJ2
K11= =1350 K22= =450
L3 L3
Con il metodo dei moltiplicatori di Lagrange, la soluzione è
q1 =q2 = 15 ; =11250
La soluzione, ottenuta iterativamente, con il metodo AUGMENTED LAGRAGIAN, converge tanto più
rapidamente, quanto maggiore è 
Poniamo
 K 11  K 22
 con K e   1, 
K 2

54 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Vediamo, dai grafici seguenti, che la soluzione converge alla soluzione esatta con poche iterazioni, già
per un valore basso del penalty dello stesso ordine di grandezza dei termini della matrice di rigidezza
strutturale (=1). Con =100, ossia con un penalty di due ordini di grandezza maggiore, la convergenza è
immediata.
15.5 25

15 20

14.5
15

q2
q1

14
10
(β/K)=1 (β/K)=10 (β/K)=100
13.5 (β/K)=1 (β/K)=10 (β/K)=100
5
13

0
12.5
0 2 4 6 8 10 12 14 16
0 2 4 6 8 10 12 14 16
n ite n ite

12000

10000

8000

6000 (β/K)=1 (β/K)=10 (β/K)=100


λ

4000

2000

0
0 2 4 6 8 10 12 14 16

n ite

Riassumendo, l'AUGMENTED LAGRAGIAN METHOD consente di imporre condizioni di vincolo senza


dovere introdurre, fra le variabili indipendenti, i moltiplicatori di Lagrange ma, allo stesso tempo, senza la
necessità di forzare le condizioni con valori di penalty molto elevati: ha quindi il vantaggio di non
richiedere profonde modifiche alla struttura del solutore, a prezzo di maggiori oneri computazionali.
Come già ricordato, PARATIE utilizza il metodo dei moltiplicatori di Lagrange per forzare il vincolo tra
nodi master e nodi slave in contatto. Viceversa il modulo Seepage del solutore Xfinest utilizza
L'AUGMENTED LAGRANGIAN METHOD per imporre alcune condizioni al contorno relative all'analisi
filtrazione, precisamente le condizioni al contorno non lineari lungo una possibile linea di emersione del
flusso lungo un pendio.
Maggiori dettagli di questi algoritmi sono disponibili in diversi testi specialistici dedicati all'analisi
numerica: si può fare ad esempio riferimento a Belytschko et al (2000) oppure a Zavarise et al (2010).

Ce.A.S. s.r.l. 55
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

9.3 Modellazione di cerniere plastiche


È possibile assegnare un comportamento elastoplastico agli elementi
parete verticali: all'estremità di ogni elemento finito che compone il singolo
tratto di parete si può formare una cerniera plastica, ossia una zona (di
lunghezza nulla) in cui si concentrano rotazioni plastiche R quando, nella
sezione, è raggiunta la capacità portante flessionale MP. Tra due cerniere
plastica, la singola asta è pensata scarica e indefinitamente elastica. MP
Questa modellazione è un modo
approssimato per simulare il R MP
R M
comportamento reale di un elemento
+MP soggetto a flessione: ha tuttavia il
pregio di non richiedere una
M
complessa descrizione della sezione
di parete; inoltre non necessita di
R
dovere ricorrere a tecniche risolutive
-MP dispendiose, quali l'integrazione numerica in una serie di
posizioni all'interno di svariate sezione lungo l'asta.
Il legame tra momento e rotazione è di tipo rigido-plastico. Il
contributo elastico è fornito dall'asta che collega i due nodi di estremità.
Per definire compiutamente la cinematica dell'elemento, vengono introdotti i seguenti gradi di libertà:
𝑢1 e 𝑢2 = spostamento laterale e rotazione del primo nodo
𝑢3 e 𝑢4 = spostamento laterale e rotazione del secondo nodo
𝑢5 e 𝑢6 = rotazione interna dell'estremità elastica dell'asta al primo e al secondo nodo
I primi quattro g.d.l. coincidono con i g.d.l. nodali che
l'elemento condivide con altri elementi della mesh. Le due 𝜃𝑅,1 = 𝑢5 − 𝑢2
rotazioni 𝑢5 e 𝑢6 sono invece g.d.l. interni. 𝑢5
Per descrivere compiutamente, oltre alla cinemetica, 𝑢1 1 𝑢2
anche la statica dell'elemento, è necessario introdurre
altre due incognite, 𝑢7 e 𝑢8 , corrispondenti, questa volta,
ai momenti trasmessi dalle cerniere plastiche ad ogni
nodo.
È ora possibile imporre la compatibilità con il legame
costitutivo rigido-plastico sopra definito. Ad esempio, con
riferimento al nodo 1, in termini incrementali, l'equazione
associata al g.d.l. 𝑢7 è
𝜃𝑅,2 = 𝑢6 − 𝑢4
se la cerniera è bloccata 𝛿𝜃𝑅,1 = 𝛿𝑢5 − 𝛿𝑢2 = 0
se la cerniera può ruotare 𝑢7 + 𝛿𝑢7 = 𝑀𝑃 𝑢3 𝑢4
Nel primo caso, l'equazione esprime il rispetto del
vincolo. Quando invece è stata raggiunta la resistenza
2 𝑢6
𝑀𝑃 la cerniera può ruotare. In tal caso l'azione 𝑢7 + 𝛿𝑢7
deve rispettare la compatibilità con il legame costitutivo.
Le equazioni associate a 𝑢7 e 𝑢8 sono analoghe a quelle necessarie ad imporre condizioni di contatto
(discusse nel paragrafo 9.2). Inoltre, come per i g.d.l. 𝑢5 e 𝑢6 , anche queste richiedono termini relativi al
solo elemento cui si riferiscono. Per tale ragione, i gradi di libertà da 𝑢5 a 𝑢8 possono essere eliminati
tramite condensazione statica. In questo modo, ai fini dell'interazione con gli altri elementi presenti nel
modello, l'elemento interagisce tramite i soli gradi di libertà esterni 𝑢1 ... 𝑢4 .
Pertanto, ad ogni iterazione, una volta la soluzione in termini incrementali,
𝛿𝑢𝐹 = {𝛿𝑢1 𝛿𝑢1 𝛿𝑢3 𝛿𝑢4 }

56 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

all'interno dell'elemento si ricostruiscono, grazie alla memorizzazione dei necessari operatori matriciali
relativi al passo precedente, le variabili incrementali interne
𝛿𝑢𝐵 = {𝛿𝑢5 𝛿𝑢6 𝛿𝑢7 𝛿𝑢8 }
è quindi possibile controllare il rispetto del legame costitutivo delle cerniere e, eventualmente,
modificarne lo stato.
Sulla base della nuova configurazione per le cerniere plastiche, possono ora essere aggiornate la
matrice di rigidezza e le forze nodali equivalenti, relative a tutti i gradi di libertà da 𝑢1 a 𝑢8 .
𝐾𝐹𝐹 𝐾𝐹𝐵 𝑅
𝐾=[ 𝑡 ] e 𝑅 = [ 𝐹]
𝐾𝐹𝐵 𝐾𝐵𝐵 𝑅𝐵
dove 𝐾𝐹𝐹 , 𝐾𝐹𝐵 e 𝐾𝐵𝐵 sono sottomatrici quadrate di ordine 4.
Infine, i termini relativi ai g.d.l. da 𝑢5 ... 𝑢8 vengono eliminati. La matrice di rigidezza e le forze nodali
condensate sono quindi assemblate nel sistema generale. Ad esempio la matrice di rigidezza condensata
̂ è data dall'espressione:
𝐾
̂ = 𝐾𝐹𝐹 − 𝐾𝐹𝐵 ∙ 𝐾𝐵𝐵
𝐾 −1 𝑡
∙ 𝐾𝐹𝐵
È importante osservare che la condensazione statica è sempre possibile perché 𝐾𝐵𝐵 è sempre
̂ è identicamente nulla (in
invertibile. Ovviamente se entrambe le cerniere sono in condizione plastica, 𝐾
assenza di incrudimento).
Questo modo di procedere è quello di default (METHOD=0). In alternativa, l'utente può selezionare
altri due algoritmi, precisamente:
1 PENALTY (METHOD=1): in questo caso, in corrispondenza di ogni
cerniera interna viene applicata una molla rotazionale elastoplastica. La
rigidezza di tale molla è valutata internamente dal programma, come
𝐸∙𝐽
𝐾𝑠𝑝𝑟𝑖𝑛𝑔 =
𝐿ℎ

con
𝐿ℎ = lunghezza fittizia della tratto in cui si può pensare si sviluppino
deformazioni plastiche. PARATIE assume

3 12𝐽
𝐿ℎ = min (5%𝐿, √ ) 𝐾𝑠𝑝𝑟𝑖𝑛𝑔
𝐵

con L=lunghezza dell'elemento e B=larghezza della trave (pari a 1).

2 DIRETTO (METHOD=2): viene implementata, in questo caso, la formulazione suggerita da


Krishnan & Hall (2006). Secondo tale formulazione, non è necessario introdurre gradi di libertà
interni: le rotazioni plastiche sono valutate, alle due estremità dell'asta, imponendo il rispetto
delle condizioni di plasticità. Questo metodo riproduce un comportamento concettualmente
identico a quello del metodo dei moltiplicatori di Lagrange che, tuttavia, da diverse prove
numeriche, appare numericamente più robusto.
In tutti i casi è inoltre possibile assegnare un parametro di incrudimento ℎ, applicato come segue:
• Internamente Paratie calcola una rigidezza elastica della zona plastica, esattamente come nel
caso del penalty method sopra descritto.

• Il parametro di incrudimento è quindi posto pari a

Ce.A.S. s.r.l. 57
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

𝐸∙𝐽
𝐾ℎ𝑎𝑟𝑑 = ℎ ∙ 𝐾𝑠𝑝𝑟𝑖𝑛𝑔 = ℎ ∙
𝐿ℎ

Il legame costitutivo della cerniera plastica


(nel caso rigido-plastico, ossia per METHOD=0
o METHOD=2) si modifica come in figura. R M
Infine, attraverso un parametro definibile
dall'utente, è possibile fare in modo che
𝐾ℎ𝑎𝑟𝑑
PARATIE corregga la matrice di rigidezza,
𝐾̂ aggiungendovi una quota parte della matrice
+MP
elastica, nel caso in cui entrambe le cerniere si M
trovino in regime plastico.
R
Tale correzione, in base ad esperimenti -MP
numerici effettuati su modelli semplici, può
agevolare la convergenza in caso di zone 𝐾ℎ𝑎𝑟𝑑
plastiche diffuse. Si consiglia di assegnare un
valore compreso tra 0.02 e 0.05.
La ridefinizione dei parametri sopra descritti
è possibile attraverso l'opzione CONTROL HINGES (vedi Interfacing Manual).

58 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

10 VALUTAZIONE DEL COEFFICIENTE DI SICUREZZA


Con alcune possibilità offerte da PARATIE, è possibile determinare il grado di sicurezza dell'opera, a
seconda dell'ambito in cui si opera.
Occorre in primo luogo chiarire che cosa si intende per coefficiente di sicurezza, nel caso di un'opera di
sostegno come una paratia. Si può ad esempio (limitatamente a paratie a mensola o mono-tirantate)
calcolare la profondità minima di infissione mettendo in gioco il coefficiente di spinta passiva affetto da un
opportuno coefficiente riduttivo. È per contro più comune valutare la profondità di infissione introducendo
nelle equazioni (che esprimono l'equilibrio a collasso) i coefficienti di spinta reali ed in seguito
incrementare la profondità così calcolata. Talora, il coefficiente di sicurezza non è applicato al
coefficiente di spinta passiva, ma alla differenza tra spinte attive e passive. A seconda di come viene
introdotto, il coefficiente di sicurezza, a parità di geometria dell'opere e di parametri di resistenza del
terreno, può assumere valori notevolmente diversi (Vedi Simpson (1992))
Vi sono poi opere per le quali la determinazione del coefficiente di sicurezza rispetto al collasso non ha di
fatto interesse pratico. Tipico è il caso delle paratie multitirantate per le quali il parametro di progetto più
rilevante è la deformabilità della struttura di sostegno in relazione a ciò che le sta intorno.
Per le tipologie più semplici (paratie a mensola o monotirantate) è possibile, con PARATIE, una
procedura che può portare alla definizione del coefficiente di sicurezza nei confronti del collasso.
Si studia la struttura (in una o meglio in più fasi) nella configurazione di progetto. La paratia è spinta alla
profondità reale di infissione.
Da questo momento in poi vengono analizzate fasi successive nelle quali la profondità dello scavo, i
sovraccarichi ecc. vengono mantenuti costanti; per contro vengono progressivamente rimossi elementi di
paratia a partire dalla quota di infissione iniziale.
Per attivare questa procedura, l’utente deve:
attivare l’opzione Find Safety Factor
definire, ad ogni passo, la “quota di taglio”, dando il valore nel campo Z cut.
In una certa fase, il programma troverà una labilità generale (tutta la risorsa plastica degli elementi
terreno non riesce a garantire condizioni di equilibrio); oppure gli spostamenti laterali subiranno un
incremento abnorme (e solitamente il processo iterativo non converge). La profondità di infissione relativa
all'istante nel quale è raggiunto il collasso può quindi essere confrontata con la profondità di infissione
reale.
In modo analogo si può cercare di raggiungere il collasso incrementando il sovraccarico, oppure
abbassando ulteriormente la quota di fondo scavo, oppure variando la quota di falda ecc.
È possibile poi raggiungere il collasso di una struttura anche ridefinendo i parametri di resistenza: questo
approccio assume un particolare significato quando si opera secondo il metodo agli Stati Limite.
Quando lo schema è iperstatico, è impossibile definire un meccanismo di collasso ammettendo che il solo
terreno si plasticizzi: è necessario in questo caso ipotizzare condizioni limite anche per tiranti o puntoni.
Solo così la struttura diventa isostatica (condizione necessaria per impiegare il metodo dell'equilibrio
limite).
Un approccio diverso, in queste situazioni, consiste nel definire un coefficiente di sicurezza in termini di
rapporto di mobilitazione della spinta passiva. Non ci si preoccupa tanto dell'equilibrio globale dell'opera
(quando sono previsti almeno due tiranti o puntelli, questa condizione è sempre possibile, a prezzo di un
maggior impiego di materiale), quanto di valutare la percentuale di spinta passiva mobilitata nel tratto
infisso.
Il rapporto:
risultante spinte passive
risultante spinte effettive
nel tratto di parete infisso dà un'idea di quanto la struttura disti da condizioni limite. Naturalmente tale
rapporto deve essere maggiore o uguale a 1 (affinché non sia violato il criterio di resistenza): valori

Ce.A.S. s.r.l. 59
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

accettabili devono essere stabiliti di volta in volta, tenendo conto delle ipotesi fatte nell'introdurre i
parametri di calcolo.
Nel valutare il grado di sicurezza del progetto, non ci si deve comunque limitare a questo tipo di verifiche.
È necessario garantire anche la stabilità dell'insieme parete-terreno, analizzando meccanismi di collasso
quali quello nella figura seguente.

Figura 10-1: meccanismo di collasso non individuabile da PARATIE


A questo proposito, si dovrà ricorrere ai noti metodi dell'equilibrio limite usualmente impiegati per la
stabilità dei pendii (come proposti in PARATIE PLUS) oppure a codici di calcolo alle differenze finite o agli
elementi finiti, in grado di affrontare questo tipo di analisi.
Analogamente PARATIE non dà, per esempio, informazioni sul grado di sicurezza dei tiranti: a questo
proposito si ricorda che il progetto di questi elementi richiede un'attenta valutazione di aspetti al di fuori
dello scopo di questo programma.
Nel caso in cui lo scavo preveda operazioni di abbassamento della falda, dovranno essere analizzati
ulteriori aspetti quali, ad esempio:
• il rischio di sollevamento del fondo scavo
• la verifica a sifonamento
• il dimensionamento del sistema di emungimento delle acque.

60 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

11 L'ELEMENTO PARETE COMBINATA (CWALL)


11.1 Premessa
Normalmente l'opera di sostegno flessibile può essere modellata come una trave elastica compatta,
caratterizzata da un'inerzia flessionale EJ. Vi sono tuttavia situazioni per le quali questo modello non è
realistico: classico è il caso di palancole del tipo Larssen (Figura 11-1), costituite da elementi a U collegati
tramite una giunzione verticale disposta in corrispondenza del piano baricentrico della sezione trasversale
della sezione complessiva. Ammettere che una parete cosiffatta possa essere trattata come una sezione
solida avente l'inerzia della sezione complessiva è un'ipotesi manifestamente irrealistica.

Figura 11-1: palancole a U con giunto posto nel piano medio


Casi del genere, nella pratica corrente, sono affrontati, in prima approssimazione, modellando la
parete ancora come una parete solida avente, tuttavia una rigidezza flessionale EJ e un modulo
resistente ridotti. Tra le varie indicazioni a disposizione del progettista per affrontare casi del genere, è
possibile riferirsi ad esempio all'Eurocodice 3, parte 5.
Oltre alle palancole, però, esistono altre tipologie di opere di sostegno per le quali è opportuno, da un
lato, mettere in conto il contributo favorevole fornito dal distanziare alcuni elementi rispetto agli altri, così
da ottenere, a parità di materiale utilizzato, una sezione più rigida; dall'altro lato, però, è necessario poter
valutare quanto conti, in termini di comportamento complessivo, il fatto che l'interazione fra elementi
contrapposti dipende una una connessione non perfettamente rigida e con resistenza limitata. L'esempio
più comune è costituito da berlinesi di pali disposti a quinconce, o su due schiere sfalsate.

Figura 11-2: parete composta da pali a quinconce


Per la modellazione di queste tipologie, PARATIE offre un elemento finito particolare in grado di
mettere in conto, in modo esplicito la deformabilità e la resistenza della giunzione tra due elementi
compatti contrapposti.

Ce.A.S. s.r.l. 61
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

11.2 Formulazione dell'elemento


Il singolo elemento è monodimensionale e, esattamente come l'elemento BEAM classico, ha due nodi
di incidenza (i, j) cui corrispondono, come al solito i due gradi di libertà 𝑢, 𝜃.

NODE j
j uj d

Inertia,Area

i
ui

NODE i

Figura 11-3: l'elemento CWALL


Internamente però, l'elemento è costituito dall'assemblaggio di due sotto-parti, singolarmente due
elementi BEAM solidi, aventi modulo elastico E, momenti d'inerzia I e area A. Gli assi baricentrici delle
due sotto-parti sono posti ad una distanza mutua d, ossia, l'estremità di ogni parte dista d/2 dall'asse
mediano dell'elemento.
Se le due parti fossero vincolate in modo tale che la sezione trasversale complessiva resti piana,
sarebbe possibile calcolare, alla luce dei soli gradi di libertà (𝑢𝑘 , 𝜃𝑘 ) del nodo di incidenza k-esimo, lo
spostamento assiale 𝑤 subito dall'estremità di ogni parte:
𝑑
𝑤𝐴,𝐵 = ∓ (𝜃𝑘 ∙ )
2

Ipotizziamo ora che tra le due parti, in corrispondenza dell'asse mediano, si sviluppi uno scorrimento
relativo verticale 𝑠, tra le due parti come indicato nella Figura 11-4. Assumendo per ipotesi, che la
rotazione della faccia di ciascuna sottoparte sia pari a 𝜃, ossia alla rotazione complessiva, con riferimento
alla figura seguente, possiamo quindi esprimere gli spostamenti dei punti A e B di estremità delle due
sotto-parti, in funzione dei gradi di libertà 𝑢𝑘 , 𝜃𝑘 , 𝑠𝑘 del nodo di incidenza k-esimo.
𝑢𝐴,𝐵 = 𝑢𝑘 spostamento laterale
𝜃𝐴,𝐵 = 𝜃𝑘    rotazione
𝑑 𝑠
𝑤𝐴,𝐵 = ∓ (𝜃𝑘 ∙ + 𝑘 ) spostamento verticale (positivo verso l'alto)
2 2

w
B sk /2
uk sk /2
 u
A B
k
k A

d d
2 2

Figura 11-4: l'elemento CWALL - deformazione per scorrimento della sezione trasversale

62 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

È importante notare che 𝑠𝑘 , in questa formulazione, è un ulteriore grado di libertà nodale, condiviso da
tutti gli elementi convergenti al nodo 𝑘. In altre parole, per ogni nodo viene introdotta una nuova
equazione nel sistema risolvente.
In base alle relazioni cinematiche precedenti, partendo dalla classica matrice di rigidezza di un
elemento trave (colonna) corrispondente alla singola sottoparte, è possibile calcolare i contributi alle forze
nodali e alla matrice di rigidezza dell'elemento nel suo complesso.
Per ottenere, tuttavia, un elemento che, nel complesso incorpori il comportamento del giunto, è
necessario aggiungere, alle matrici complessive dell'elemento, i contributi legati al legame costitutivo del
giunto stesso.
Ipotizziamo quindi che la rigidezza della giunzione possa esprimersi attraverso un parametro costante
𝑘 che lega l'azione q per unità di lunghezza che le due parti si scambiano attraverso il giunto. Con
ulteriore approssimazione, assumiamo che tale effetto possa essere concentrato ai nodi di estremità,
attraverso l'introduzione di molle concentrate di rigidezza
𝐿
𝐾=𝑘∙ con L=lunghezza dell'elemento.
2

In sostanza, gli effetti delle giunzioni sono concentrati ai nodi, pensando che la forza di scorrimento
scambiata in corrispondenza del generico nodo dipenda solo dallo scorrimento che si sviluppa in quel
nodo. Tale ipotesi è necessaria per coerenza con il fatto che la l'azione assiale lungo il sotto-elemento è
costante.
Pertanto, in presenza di uno scorrimento 𝑠𝑘 , l'azione concentrata scambiata tra le due sotto-parti, sarà
pari a
𝑄𝑘 = 𝐾 ∙ 𝑠𝑘

𝑄𝑘 B

𝑠𝑘
A

𝑄𝑘

e il contributo alla matrice di rigidezza, in questo caso relativo al solo termine diagonale associato al
grado di libertà 𝑠𝑘 , sarà pari a 𝐾.
Con il semplice legame di cui sopra, è anche possibile tenere conto di un comportamento elasto-
plastico della giunzione: chiamata py la resistenza unitaria della giunzione, la resistenza relativa al nodo è
pari a
𝐿
𝑃𝑦 = 𝑝𝑦 ∙
2

ed il legame può essere espresso dalla legge rappresentata in forma grafica nella seguente figura. In
questo caso si possono stimare gli scorrimenti irreversibili che si sviluppano lungo il giunto.

𝑄
𝑃𝑦

𝐾
𝑠

−𝑃𝑦

Figura 11-5: legame costitutivo del giunto

Ce.A.S. s.r.l. 63
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

11.3 Avvertenze nell'uso dell'elemento CWALL


Lo scorrimento 𝑠 può essere o lasciato libero oppure vincolato in determinate posizioni: ad esempio,
nel problema illustrato nella figura seguente, in sommità alla palancola, la presenza di una struttura di
coronamento impedisce lo scorrimento in quella posizione. Per vincolare (elasticamente) tale
scorrimento, PARATIE consente, tramite l'elemento CSLIP, l'applicazione di una molla di rigidezza voluta,
relativa al grado di libertà 𝑠 del nodo.

capping beamscorrimento impedito


usare elemento CSLIP

giunzione

U sheetpiles

Figura 11-6: introduzione di elementi che impediscono localmente gli scorrimenti

Sussistono le seguenti limitazioni:


1. Elementi CWALL non possono essere applicati ai nodi slave
2. Non possono essere utilizzati in analisi assialsimmetrica
3. le proprietà del materiale (modulo di Young) non sono influenzate dalle modifiche al materiale
associato

Inoltre, l'utente deve essere consapevole del fatto che, a causa della formulazione numerica sopra
descritta, talora può insorgere una situazione particolare nella quale l'analisi numerica rileva un collasso
complessivo dell'opera, incontra cioè un pivot negativo durante la soluzione del sistema di equazioni. Tale
circostanza si verifica quando si determinano le seguenti condizioni:
- Tutti gli elementi CWALL in un modello hanno una rigidezza della giunzione nulla oppure
quando, ovunque lungo la parete, la giunzione diviene plastica e, contemporaneamente
- Non esiste alcun elemento CSLIP per fissare almeno un grado di libertà 𝑠.

In tal caso può svilupparsi il meccanismo ad energia di deformazione nulla illustrato nella figura
seguente.

Figura 11-7: possibile meccanismo spurio

64 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Sebbene l'utente debba essere a conoscenza di questo comportamento, si può notare che tale
circostanza è abbastanza insolita in modelli ordinari.
Per le stesse ragioni di cui sopra, un modello di parete in cui non venga assegnata alcuna rigidezza
allo scorrimento e sia assegnato un solo elemento CSLIP è stabile (cioè la soluzione è possibile), ma il
comportamento a parete combinata non è attivato: in altre parole non sorgono forze assiali in entrambi
elementi solidi.
Nel manuale in linea e nell'interfaccia sono disponibili alcune procedure che permettono di stimare i
parametri di resistenza e deformabilirtà della giunzione nel caso di palancole a U o nel caso di berlinesi di
pali secanti.

11.4 Risultati
In corrispondenza di ogni nodo, sono calcolati i seguenti risultati:

cwall_moment

axial_right_leg
axial_left_leg
z
one_leg _moment
one_leg _shear one_leg _moment
one_leg _shear

joint_unit_shear_force

joint_ plastic_deformation

Figura 11-8: risultati elemento CWALL

one_leg_moment (o one_leg_shear) è l'azione flettente (o tagliante) che sollecita in modo uguale


ciascuna delle due parti dell'elemento
axial_left_leg e axial_right_leg sono le azioni assiali nella gamba di sinistra e in quella di
destra: sono certamente uguali i valore assoluto ma opposte
in segno
cwall_moment Momento risultante relativo all'intera sezione

joint_unit_shear_force Forza per unità di lunghezza lungo il giunto


joint_plastic_deformation Eventuale componente plastica dello scorrimento

Ce.A.S. s.r.l. 65
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

11.5 Un semplice esempio


Per valutare la correttezza della formulazione consideriamo un semplice esempio, relativo ad una
mensola di altezza h sollecitata da un carico distribuito uniforme.
Ai lati della parete il terreno è scavato fino alla base: pertanto questo modello, in cui non è presente
alcun effetto legato alla modellazione del terreno, può essere studiato anche con i normali metodi della
Scienza delle Costruzioni, al fine di ottenere una soluzione in forma chiusa.
Si considerano due sotto-componenti aventi una sezione trasversale rettangolare di spessore t (nel
piano di sollecitazione) e dimensione unitaria fuori-piano. La distanza d tra gli assi baricentrici dei due
sotto-elementi è posta pari a t, in modo tale che le due parti siano sostanzialmente accostate.
Nel caso in cui si trascuri la giunzione tra i due elementi, la soluzione, espressa in termini di freccia in
sommità, può essere ottenuta pensando che le due parti, di spessore t, del tutto uguali, agiscano in
parallelo contribuendo in maniera eguale alla rigidezza del sistema. Se invece la rigidezza della
giunzione è infinita, la mensola si comporta come una trave compatta di spessore 2·t.
𝑞∙ℎ4 𝑡3 𝑡3 (2𝑡)3
Pertanto 𝑓 = con 𝐼 = 2 × = in assenza di giunzione e 𝐼 = = 23𝑡 3 se la giunzione è molto
8𝐸𝐼 12 6 12
rigida.
Ponendo 𝐸 = 30𝐺𝑃𝑎 𝑞 = 90 𝑘𝑃𝑎 ℎ = 5𝑚 𝑡 = 30 𝑐𝑚 si ottiene
𝑓 = 52.08 𝑚𝑚 in assenza di giunzione e 𝑓 = 13.02 𝑚𝑚 nel caso di giunzione indeformabile.
Al variare della rigidezza k, con un modello composta da 50 elementi CWALL equispaziati lungo
l'altezza si ottengono i risultati in Figura 11-9 (curva y-tip). Alla base, oltre ai vincoli alla traslazione e alla
rotazione, è assegnato un elemento CSLIP molto rigido che blocca anche lo scorrimento.
𝐺
Nel caso di sezione quasi compatta, la rigidezza 𝑘 potrebbe essere stimata come 𝑘~ e, con
𝑑
𝐺𝑁
𝐺 = 13𝐺𝑃𝑎, 𝑑 = 0.30 𝑚 si avrebbe 𝑘~43 (tale valore è indicato con Ktheo in figura).
𝑚3

Figura 11-9 : esempio di mensola con elementi CWALL


Si può osservare che i risultati forniti dal modello ricadono entro i limiti previsti. Il modello è
memorizzato come glue_var_theory.pplus.

66 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

12 ANALISI SISMICHE
12.1 Premessa
PARATIE consente analisi sismiche secondo il metodo pseudo-statico, del quale daremo nel seguito
brevi cenni, fornendo, per prima cosa, una brevissima anteprima degli aspetti salienti.
L'Analisi sismica pseudo-statica è un metodo ampiamente utilizzato nella progettazione di opere di
sostegno. Trae origine dalla proposta pionieristica di Mononobe & Okabe (M-O nel seguito), a cui si sono
aggiunte, nel corso degli ultimi decenni, diverse estensioni pubblicate, al fine di poter comprendere la
maggior parte degli aspetti che possono sorgere nella pratica. In sostanza il metodo consiste
nell'applicare staticamente alla parete e alla massa di terreno che interagisce con essa, un'accelerazione
sismica uniforme con componenti orizzontali e verticali. Il metodo M-O e sue estensioni offrono una
soluzione in forma chiusa della spinta totale terreno sulla parete, assumendo che la massa di terreno
spingente subisca scorrimenti plastici durante evento sismico, considerando così una parete sottoposta a
deformazioni rilevanti.
Per rendersi conto immediatamente dell'entità delle spinte sismiche previste da questo metodo, è
conveniente riferirsi alla proposta da Seed & Whitman ( 1970), secondo cui l'incremento sismico alle
pressioni statiche attive può essere approssimato da una distribuzione di pressione costante data dalla
seguente espressione
a
p E ,M O  0.375  H (12-1)
g

dove H è l'altezza della parete ,  il peso specifico medio del riempimento e a/g l'accelerazione sismica
normalizzata. La (12-1) vale rigorosamente per un riempimento granulare secco con un angolo di attrito
'= 35 ° ed un angolo di terreno - parete  = ½ '.
Altri metodi, incluso il metodo di Wood ampiamente utilizzato nella pratica (Wood, 1973) ), forniscono
invece l'incremento sismico della spinta del terreno su una parete rigidamente vincolata in modo da
impedire apprezzabili deformazioni dell'insieme. Tale incremento è rappresentato da una distribuzione
costante di pressione data da:
a
p E ,Wood  H (12-2)
g

Confrontando le formulazioni di cui sopra, ci si rende conto che, a parità di accelerazione, l'incremento
sismico della spinta per pareti rigide (12-2) può superare l'incremento di M-O (12-1) di un fattore
superiore a 2.5.
Alla luce di queste brevissime considerazioni, ci si rende immediatamente conto di quanto sia
importante selezionare il metodo appropriato per valutare le spinte sismiche, alla luce del comportamento
parete in esame; ma prima ancora è necessario stabilire il più appropriato valore dell'accelerazione da
introdurre nel calcolo, che nel seguito chiameremo ac, in rapporto all'accelerazione massima amax sismica
attesa per il sito in cui è posta l'opera.
Grazie alle opere fondamentali di Richard & Elms (1979), Whitman e Liao (1985) e in seguito altri
lavori, è stato chiaramente messo in luce il fatto che l'accelerazione di calcolo ac , minore di amax , deve
essere associata alle prestazioni richieste al muro piuttosto che alla massima intensità sito. La
prestazione richiesta, a sua volta, è stata identificata con il massimo valore tollerabile della deformazione
irreversibile subita dal muro in occasione dell'evento sismico di progetto.
Da allora, la maggior parte degli standard di progettazione come l'Eurocodice sono conformi a questo
approccio, noto come Metodo Prestazionale (Performance Design). Gli sforzi della ricerca sono stati
dedicati a estendere questo metodo, originariamente proposto per muri a gravità e, prima ancora, per il
pendii, ad altri tipi di strutture di sostegno, quali paratie a sbalzo o ancorate.
Questo aspetto pone problemi non trascurabili ad istituire criteri di calcolo generali, perché il metodo di
progettazione prestazionale, ossia quello appena definito, richiede il calcolo di una capacità ultima

Ce.A.S. s.r.l. 67
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

dell'opera: in altre parole, operando secondo quest'approccio, dovrebbero essenzialmente essere


applicati metodi di analisi rigido-plastica, come ad esempio il metodo Blum o estensioni simili ( ad es.
Conti & Viggiani, (2013 ) , Callisto ( 2014) ). In altre parole, l'accelerazione ridotta ac dovrebbe essere
applicata solo se gli incrementi sismici sono determinati attraverso un metodo come quello di M-O (12-1),
ma non, ad esempio, tramite la (12-2) o qualsiasi altro metodo elastico. A questo proposito, è evidente
che, per molti tipi di pareti come le paratie multi-ancorate, un'analisi sismica secondo il metodo
prestazionale con approccio pseudo-statico richiede particolare attenzione e, probabilmente, alcuni
chiarimenti teorici che dovranno giungere dalla ricerca applicata.
Infine, nell'ambito della progettazione con approccio prestazionale:
p E , Wood a
 2.67  max (12-3)
p E , M  O ac

Pertanto le spinte incrementali sismiche attive possono ridursi fino a una percentuale piuttosto bassa
delle spinte elastiche: per esempio, assumendo ac / amax  0,70, secondo l'equazione (12-3) , l'incremento
sismico di spinta attiva è solo il 26 % dell'incremento basato su un'ipotesi elastica.
Per affrontare un'analisi sismica pseudo-statica, occorre quindi chiarire due aspetti, in successione
logica:
1) quale valore di accelerazione deve essere considerata?
2) una volta stabilito il livello di accelerazione di progetto, come può essere applicata l'azione sismica?
Nei successivi paragrafi illustreremo brevemente i criteri per rispondere a queste domande.

12.2 Scelta dell'accelerazione di progetto


L’accelerazione orizzontale da applicare, staticamente, al sistema terreno+opera di sostegno, è legata
principalmente a due fattori:
1. l’intensità e durata del sisma atteso in rapporto alla sismicità del sito;
2. la tipologia dell’opera di sostegno in termini di maggiore o minore capacità di adattamento a
deformazioni permanenti.
Operando nell'ambito normativo (secondo Eurocodice 8, NTC2008 ecc.) è possibile stabilire
direttamente l'accelerazione di progetto in termini sommari, attraverso l’introduzione di coefficienti
correttivi dell’accelerazione massima del terremoto di progetto, come discusso nei seguenti punti 12.2.1 e
12.2.2.
È tuttavia possibile ricorrere a correlazioni più generali (sulle quali per altre si basano anche le
indicazioni delle Normative) che permettono di stimare l'accelerazione per la quale progettare un'opera di
sostegno affinché la deformazione che essa accumulerà in caso di sisma sia inferiore al limite desiderato.
Alcune delle formulazioni più utilizzate sono discusse al punto 12.2.3.
È opportuno sottolineare che l'introduzione di accelerazioni di calcolo minori di a max presuppone il fatto
che la parete possa registrare notevoli deformazioni plastiche durante il sisma, ossia che l'azione sismica
attivi meccanismi di dissipazione energetica. Quanto la tipologia di parete o l'insieme parete+terreno sia
tale da rendere incerto o poco verosimile un apprezzabile comportamento del genere, è bene non tenere
conto di tali riduzioni.
12.2.1 Eurocodice 8
In accordo con la simbologia dell’EC8, la componente orizzontale ah dell’accelerazione ac a cui è
assoggettato, staticamente, l’ammasso di terreno direttamente interagente con l’opera di sostegno è
espressa come ah= ±kh·g , con

S  (a g / g ) S ag
kh  cioè ah  (12-4)
r r

68 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Il termine S·ag è l’accelerazione amax al piano campagna (dove si pensa sia posta più o meno l’opera di
sostegno) legata all’intensità sismica del sito (ag) ed al coefficiente d’amplificazione S funzione della
stratigrafia locale.
Il coefficiente r 1 è un parametro che permette di scalare l’intensità dell’azione sismica nel calcolo
delle azioni di progetto della struttura, e può assumere valori compresi fra 1 e 2, a seconda della tipologia
dell’opera in relazione al comportamento durante il sisma ed al danno permanente tollerabile.
Nel caso di opere di sostegno, EC8 propone alcune correlazioni che permettono di legare r all’entità
della deformazione accettabile dr. Allo scopo, è possibile utilizzare l’abaco della Figura 12-1, ricordando
tuttavia che, in presenza di terreni incoerenti saturi, si dovrà assumere comunque r=1.

  ag / g

Figura 12-1: legame tra il coefficiente r e lo spostamento ammissibile secondo EC8 (tratta da Simonelli
(2004))

12.2.2 NTC2008
L'accelerazione di calcolo ah è legata all'accelerazione massima amax = S·ag dalla relazione:

a h  k h  g      a max     0.2 (12-5)

nella quale
= coefficiente che tiene conto dell'asincronicità del moto lungo la parete

=coefficiente che tiene conto della duttilità della struttura:

Ce.A.S. s.r.l. 69
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

 1.80 
  0.12658  ln   (12-6)
 u s [ m] 
con
us = deformazione anelastica che l’opera può tollerare senza riduzioni di resistenza, il cui valore deve
essere stabilito dal Progettista ma non deve superare lo 0.5% dell'altezza della parete.

12.2.3 Metodi basati sul controllo delle deformazioni

Richards ed Elms (1979) forniscono una correlazione del tipo:

v 2max a 3max
d perm  0.087 
a 4y (12-7)

con
dperm = spostamento irreversibile del muro
vmax e amax = rispettivamente velocità ed accelerazione di picco del moto sismico alla base
ay = accelerazione che determina condizioni d’equilibrio limite del muro
ay potrà essere usato in luogo del valore di ah da introdurre nel calcolo delle spinte sismiche. In
analogia con NTC2008, il rapporto tra accelerazione di calcolo e massima accelerazione è dato dalla
seguente espressione
1
 v 2max 
4
ay
   0.087  (12-8)
a max  a maxd perm 

Per l’uso di questa relazione, è necessario valutare v max , mentre amax può essere eguagliata ad S·ag.
Per una prima valutazione di vmax, è possibile fare riferimento alla Tabella 12-1.
Tabella 12-1: valori orientativi del rapporto vmax/amax
Stratigrafia vmax / amax
roccia pressoché affiorante >0.05 sec
0.10÷0.15 sec
terreno deformabile su substrato rigido (crescente al crescere della potenza dello strato
deformabile)

In alternativa può essere usata la correlazione fornita da NTC2008:


vg = 0.16 · S ·Tc· ag (12-9)

70 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

con vg velocità massima del suolo e Tc [sec] parametro di definizione dello spettro elastico,
dipendente, come S, dalla categoria del terreno di fondazione.
Successivamente, Whitman e Liao (1985), proposero la seguente correlazione:
 9.4 a y 
 
v2  a max 
d perm  37  max  e (12-10)
a max
Gli stessi Whitman e Liao (1985), introdussero dei coefficienti correttivi per tenere conto delle varie
sorgenti d’incertezza. Assumendo un coefficiente di sicurezza pari a 4, equivalente ad una probabilità del
95% di non superamento della soglia desiderata, proposero la seguente correlazione

ay 1 d a 
  0.66   ln  all 2 max  (12-11)
a max 9.4  v max 
è bene ricordare che entrambe le formule qui riportate si riferiscono a muri di sostegno a gravità. Sono
da ritenersi pertanto puramente indicative se utilizzate per il calcolo di opere flessibili.
Rampello e Callisto (2008) propongono il seguente legame tra  e lo spostamento sismico, chiamato
questa volta us:
u 
ln  s 
  
ay B
 (12-12)
a max A

Le costanti A e B nell'espressione precedente, discusse in dettaglio in Rampello e Callisto (2008),


sono parzialmente riportate per comodità nella Tabella 12-2. In base a questi valori si sono determinati i
coefficienti m indicati da NTC2008 per i muri di sostegno.

Tabella 12-2: Coefficienti A e B per Rampello e Callisto (2008)


sottosuolo Cat A Cat B Cat C, D, E
ag / g A B [m] A B [m] A B [m]
0.3 – 0.4 -7.50 1.69 -7.90 1.59 -7.40 0.75
0.2 – 0.3 -7.42 1.79 -7.79 1.66 -7.54 0.78
0.1 – 0.2 -7.48 0.91 -7.86 1.09 -8.05 1.16
≤ 0.1 -7.87 0.39 -7.86 0.45 -8.07 0.59

Per le paratie, Callisto & Aversa (2008) raccomandano di porre A = -7.90 e B = 1.80 m, valori in base
ai quali è stato ricavato il grafico in figura 7.11.3 delle NTC2008, la cui espressione analitica è quella
riportata al paragrafo 12.2.2.
Un’ampia discussione sulla validità di questi e altri metodi simili è ritrovabile nel testo di Kramer
(1996), nelle Linee Guida dell’AGI (2005), nel Commentario ANIDIS-SSN (1998) oppure in Steedman
(1998).

Ce.A.S. s.r.l. 71
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

12.3 Calcolo delle spinte in condizioni sismiche


L'approccio di calcolo su cui si basa PARATIE consente di introdurre le spinte in condizioni sismiche in
vari modi. Osservando, come vedremo in seguito, che i coefficienti di spinta attiva e passiva, in condizioni
sismiche, si modificano, le due modalità classiche sono le seguenti
a) vengono semplicemente ridefiniti i coefficienti KA e KP a monte e a valle della parete, oppure
b) solo a valle (cuneo resistente) viene ridotto il coefficiente di spinta passiva K P, mentre a monte
viene applicata, come azione esterna, una distribuzione di pressioni rappresentante la
differenza tra la spinta attiva sismica e la spinta attiva statica, entrambe calcolate prendendo
in considerazione l'intera parete.
Il metodo a) è in genere sconsigliato perché dà luogo a sollecitazioni sismiche accettabili solo in quei
casi in cui gran parte delle spinte sulla parete, in condizioni antecedenti all'evento sismico, si trovi già in
condizioni attive. Per queste ragioni, si raccomanda in genere il ricorso al secondo metodo nel quale,
tuttavia, la scelta di quale spinta introdurre va fatta a priori e quindi implica il non poter considerare il
comportamento deformativo della parete.
PARATIE prevede inoltre un metodo alternativo, che permette invece di legare l'entità delle spinte alla
deformabilità della parete.
Indipendentemente dal metodo che si adotterà, è necessario in via preliminare, definire in termini
generici, richiamare i metodi classici di calcolo delle spinte sismiche pseudo-statiche, in base ai quali
vengono definiti i valori dei coefficienti di spinta, o le spinte complessive, utilizzati da PARATIE.

72 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

12.3.1 Spinte Attive secondo il metodo di Mononobe e Okabe generalizzato


Nel caso di un rilevato con superficie rettilinea (orizzontale o inclinata) composto da terreno
omogeneo, asciutto e puramente granulare, assoggettato ad un’azione sismica con componenti
orizzontale e verticale, in aggiunta al peso proprio, la soluzione al problema posto in questi termini è
fornita dal metodo di Mononobe e Okabe (Mononobe e Matsuo (1929), Okabe (1926)) (chiamato nel
seguito con la sigla M-O) Tra le diverse estensioni, il lavoro di Matsuzawa et al. (1985) ha portato
all’approccio recepito da EC8 stesso, nell’Annesso F della parte 5. Nel seguito di questo manuale,
l’insieme di queste formule saranno ancora richiamate come il metodo di M-O (generalizzato).
La spinta complessiva sulla parete di altezza pari ad H, è data da un’espressione del tipo

E d  12  * (1  k v )K A ,EH2  E ws  E wd (12-13)

Il primo termine è la spinta attiva dovuta allo scheletro solido, il secondo termine E ws è la risultante
delle pressioni idrostatiche ed il terzo Ewd è la risultante delle sovrappressioni interstiziali.
I coefficienti di spinta attiva sono dati dalle seguenti espressioni:
sen 2 (      )
     : K A,E  2
 sen(    )sen(      ) 
cos sen  sen(      )1 
2

 sen(      )sen(    )  

sen 2 (ψ    θ) (12-14)
     : K A,E  
cos θsen 2 ψsen(ψ  θ  δ)



Operando nell’ambito del metodo agli stati limite, nelle formule precedenti, va introdotto l’angolo
d’attrito di calcolo, cioè tan(d)=tan(k) / M.
A seconda della definizione del peso specifico  del cuneo e dell’angolo  definito come l’angolo,
rispetto alla verticale, fra le azioni esterne orizzontali e quelle verticali agenti sul cuneo di spinta,
l’espressione generale può essere utilizzata per tre diverse condizioni nelle quali può trovarsi il rilevato.
Rilevato asciutto

Non c’è alcuna azione dovuta all’acqua: corrisponde alla configurazione originale ipotizzata da M-
O. Come peso specifico si deve assumere il peso secco d ; la forza orizzontale Fh è pari alla
massa del terreno moltiplicata per l’accelerazione orizzontale mentre la forza verticale F v è il peso
del cuneo incrementato o decrementato dall’accelerazione sismica verticale; quindi:
=d

Fh kh  V  d k
tan     h (12-15)
Fv (1  k v )  V   d 1  k v
ws = Ewd=0

Rilevato saturo a grana fine (dinamicamente impervio: k<5·10-4 m/s)

In sostanza si assume che l’acqua, imprigionata negli interstizi, si muova insieme con il terreno:
l’accelerazione sismica agirà quindi sulla massa unitaria complessiva (terreno+acqua) del cuneo,
pari a sat. Si ammette che le pressioni interstiziali non subiscano variazioni ai fini del calcolo delle
azioni sulla parete. In questo caso l’equilibrio limite del cuneo è fatto al netto della risultante delle
azioni idrostatiche e quindi, nelle formule generali, si assumerà:

Ce.A.S. s.r.l. 73
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

=’

Fh' k h  V   sat  kh
tan     sat' (12-16)
Fv'
(1  k v )  V   '
 1 k v
Alla spinta efficace dovrà essere aggiunta la spinta idrostatica dell’acqua, mentre, per ipotesi, la
componente idrodinamica non può svilupparsi. Quindi:

ws = 12  w H
2

Ewd=0
Rilevato saturo a grana grossa (dinamicamente permeabile: k5·10-4 m/s)

Si ammette che l’acqua negli interstizi possa muoversi liberamente, indipendentemente dalle
deformazioni subite dal terreno: l’accelerazione sismica agirà quindi sulla massa della sola parte
solida del cuneo, pari a d. L’equilibrio limite del cuneo è fatto al netto della risultante delle
pressioni interstiziali e quindi, nelle formule generali, si assumerà:
=’

Fh' kh  V  d  kh
tan     d' (12-17)
Fv'
(1  k v )  V   '
 1 k v
In questo caso dovranno essere aggiunte sia la spinta idrostatica sia la sovraspinta idrodinamica
della stessa acqua di falda.

ws = 12  w H
2

Ewd= 7
12
k h  w H'2 con H’ = altezza della freatica dal piede del muro
I coefficienti di spinta attiva determinati tramite la (12-14) sono usati da PARATIE sostituendoli a quelli
statici, nel caso di analisi sismica.
12.3.2 Coefficienti di spinta passiva sismici
Il metodo M-O fornisce anche una soluzione per condizioni passive, soluzione che tuttavia può non
essere conservativa quando si vuole tenere conto dell'attrito tra muro e terreno. Occorre quindi riferirsi ad
altre soluzioni.
Possono essere utilizzati, ad esempio, il metodo di Soubra (2000) oppure il metodo di Lancellotta
(2007): entrambi si basano sullo sviluppo di superficie di scorrimento curve e permettono una stima
ragionevole dei coefficienti di spinta passiva anche nel caso di parete scabra, al contrario del metodo di
M-O.
Il metodo di Soubra (2000) è da ritenersi un approccio cinematico nell’ambito dell’analisi limite:
pertanto i valori determinati da ritenersi stime per eccesso dei valori reali. Per questo motivo si
raccomanda cautela, specie nella valutazione dei parametri  e  ai cui i coefficienti Kp sono associati.
Il metodo di Lancellotta (2007) corrisponde invece ad un approccio statico che fornisce, quindi, una
stima per difetto della capacità portante: quindi una valutazione conservativa. L'interfaccia PARATIE
PLUS utilizzata questo metodo.
12.3.3 Caso di terreno stratificato
Nel caso di terreno stratificato si assegnano ai diversi strati di terreno i coefficienti KA e KP calcolati,
tramite le formule di M-O o attraverso le soluzioni alternative, in funzione dei parametri geotecnici dello
strato di pertinenza.

74 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Questo metodo è un'approssimazione ma è riconosciuto da vari Autori e linee guida (cfr. ad esempio
AGI (2005), oppure Callisto (2006)) ed è esplicitamente delineato anche da Normative Sismiche
internazionali, come, ad esempio, la Normativa Turca (NT (1998)).

12.3.4 Terrapieno parzialmente immerso


Ebeling e Morrison (1992) indicano il modo per utilizzare, anche in questo caso, le equazioni di M-O:
sostanzialmente questo caso può essere assimilato a quello di un terrapieno completamente immerso
omogeneo, avente un peso specifico equivalente. Tale metodo fornisce la soluzione esatta della spinta
complessiva ma non permette di determinare una distribuzione di pressioni attive "locali" distinguendo le
regioni sopra falda da quelle sottofalda, come richiesto per un utilizzo secondo un metodo come quello di
PARATIE. D'altra parte si può dimostrare che l'applicazione dei coefficienti relativi a terreno secco per la
parte soprafalda e relativi a terreno in falda per la restante parte darebbe luogo ad una distribuzione di
pressioni attive discontinue in corrispondenza della freatica, oltre che ad una risultante non corretta.
Si consideri invece la seguente distribuzione di pressioni

'A z   (1  k v )K d A , E  'V z  se z zw

  
 'A z   (1  k v ) K d A ,E   'V z w   K w A ,E   'V z    'V z w  se z > zw
(12-18)

in cui z è crescente con la profondità, z w la posizione della freatica, KdA, E e KwA, E sono i coefficienti di
spinta attiva calcolati dalla (12-14) rispettivamente per rilevato omogeneo completamente secco e
completamente sommerso.
Tale distribuzione di spinte attive è continua ed ha una risultante che si avvicina con sufficiente
approssimazione alla risultante esatta calcolata con il metodo di Ebeling e Morrison.
La (12-18) è utilizzata in PARATIE con l’opzione di calcolo automatico delle spinte sismiche. Nel caso
passivo è utilizzata un’ovvia estensione della (12-18) in cui ai coefficienti di spinta attiva sono sostituiti
quelli di spinta passiva.

Ce.A.S. s.r.l. 75
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

12.3.5 Presenza di un invaso


In presenza di acqua libera, si dovrà tenere conto della sovraspinta idraulica che questa esercita sulla
parete. Tale sovraspinta, la cui entità è pari a quello di Ewd prima definito, va sommata alla spinta
dell'acqua, nel modo più sfavorevole come in Figura 12-2.

z
1
2 * ( 1 k v )K A ,E H 2


H'
Ews Ews
Ewd Ww·kh Ewd
0.4 H'

Figura 12-2 presenza di un invaso a valle della parete


7
wd= k h γ w H'2 (12-19)
12

questa spinta viene distribuita usando la seguente distribuzione (da monte verso valle):
7
qwd(z)=  k h γ w H'z (12-20)
8

È opportuno ricordare che il valore di kh da introdurre in queste formule non dovrebbe tenere conto
delle riduzioni per effetto di eventuali dissipazioni plastiche di cui ai punti 12.2.1, 12.2.2 e 12.2.3.

76 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

12.4 Spinte su muri rigidi: il metodo di Wood


Questo metodo (Wood (1973)) fornisce la sovraspinta sismica del terreno su una parete interrata
soggetta a deformazioni molto contenute, tali da potere assumere che il terreno, si trovi in fase elastica
sia in condizioni statiche sia durante il sisma.
In situazioni del genere, relative a manufatti scatolari interrati, pozzi d’aggottamento, manufatti di
stazione di metropolitane, la spinta sismica da assumersi (per una parete di sviluppo unitario, come in
SOVRAPPRESSIONI SISMICHE
Figura 12-3.) è data dall’espressione

ag Pd = (ag/g)
ΔPd  Sγ  H 2
E (12-21)
g = peso spec

=
Pd ✓ non dipende dal

rigido
in cui  è il peso specifico del terreno. H resistenza del te
Pd ha punto di applicazione a metà rimane elastico)
dell'altezza H del muro, il ché equivale ad

=
✓ può essere intro
applicare una pressione uniforme pressione unifor
ag
Δp d  Sγ  H (12-22) ✓ va moltiplicata p
g
Figura 12-3 : il metodo di Wood

Questa formulazione ha il pregio di fornire


indicazioni, pur approssimate, tuttavia utili per tipologie di pareti per le quali l’applicazione di M-O non ha
alcun senso. La formula, in teoria, vale per terreno omogeneo, in assenza d’acqua di falda e per manufatti
di altezza contenuta mentre, per manufatti molto profondi, sarebbe opportuna una valutazione con metodi
più rigorosi.
Non copre il caso, per altro molto frequente, di manufatto parzialmente in falda. Per questa situazione,
di grande rilievo progettuale, è tuttavia ragionevole utilizzare la medesima espressione, correggendo il
valore del peso specifico in accordo con i criteri discussi a proposito del metodo di M-O.
La formulazione di Wood ha un ruolo importante nella formulazione del metodo di calcolo automatico
previsto da PARATIE.

Ce.A.S. s.r.l. 77
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

12.5 Applicazione delle spinte sismiche pseudo-statiche


Una volta stabilita l'accelerazione di calcolo e la tipologia di spinta più coerente con il comportamento
atteso della parete, i metodi suggeriti per introdurre le spinte in un codice di modellazione come PARATIE
sono riassunti nei seguenti punti
12.5.1 Applicazione spinte sismiche attive

TERRENO A MONTE (RILEVATO SOSTENUTO DALLA PARETE):


1. si calcola la spinta attiva in condizioni statiche (SA,S)
2. si calcola spinta attiva sismica SA,E utilizzando le indicazioni contenute
3. si calcola l’incremento di spinta dovuto alla terra in caso di sisma (componente efficace):
SA= SA,E - SA,S
1. Si ipotizza una distribuzione sulla parete. In genere si assume una distribuzione trapezia, o
uniforme in quest'ultimo caso, si può applicare un carico uniformemente distribuito pari a:
q = SA / H
2. Se il terreno è dinamicamente permeabile (permeabilità k>510-4 m/sec), si calcola
l’incremento di spinta dell’acqua per il caso di sisma (come descritto al punto 12.3),
distribuendola sulla parete da monte verso valle secondo l'equazione (12-20).
NB: avendo applicato le azioni SA , i coefficienti di spinta attiva non vanno ridefinite a monte
TERRENO A VALLE (CUNEO IN SPINTA PASSIVA)
In realtà il cuneo di valle non è quasi mai in condizioni limite. Non ha quindi senso seguire una
procedura simile a quella da usare per le spinte a monte. Si può operare come segue:
1. Si valuta il coefficiente di spinta passiva KP,E;
2. si sostituisce il coefficiente di spinta passiva statico con quello sismico KP,E  (1±kv)
3. Se il terreno è dinamicamente permeabile (permeabilità k>510-4 m/sec), si calcola
l’incremento di spinta dell’acqua caso di sisma utilizzando le medesime formule utilizzate per
il paramento di monte (tale azione va applicata da monte verso valle)

12.5.2 Applicazione spinte sismiche elastiche (Wood)

TERRENO A MONTE (RILEVATO SOSTENUTO DALLA PARETE):


1. si calcola l’incremento di spinta dovuto alla terra in caso di sisma attraverso la (12-21 e la si
applica come distribuzione uniforme.
2. Se il terreno è dinamicamente permeabile, si aggiunge la sovrappressione dell'acqua come
descritto al punto 12.5.1
TERRENO A VALLE (CUNEO IN SPINTA PASSIVA)
Si opera esattamente come per il caso precedente, punto 12.5.1

12.5.3 Commenti
Tutte le azioni qui descritte possono essere applicate al modello di PARATIE come carichi esterni. Nel
caso di applicazioni di sovraspinte sismiche attive (M-O), gli incrementi sismici possono essere valutati,
nel caso di rilevato asciutto, utilizzando direttamente l'approssimazione di Seed e Whitman (1970) (eq.
(12-1)). PARATIE PLUS permette di applicare tale spinta con una distribuzione trapezia generica.

78 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

12.6 IL METODO DI CALCOLO AUTOMATICO DI PARATIE


12.6.1 Premessa
In alternativa all’introduzione di azioni esterne aggiuntive, PARATIE propone una procedura
semiautomatica per il calcolo sismico di opere di sostegno flessibili (Becci & Carni (2014))

12.7 La procedura automatica passo dopo passo


L’idea di base è la seguente: consideriamo una porzione di terreno dal lato di monte della paratia, in
condizioni di equilibrio statico nella configurazione raggiunta al termine dello scavo oppure nella fase
intermedia critica in corrispondenza della quale si pensa intervenga l’azione sismica. Nel brevissimo lasso
di tempo tra l’intervento dell’azione sismica e la risposta dell’insieme terreno-parete, possiamo pensare
che le deformazioni incrementali siano trascurabili. Questo breve intervallo, difficilmente valutabile, può
essere assimilato, con grande approssimazione, alla prima iterazione del metodo di Newton Raphson in
base al quale PARATIE cerca di determinare, la soluzione conforme con la nuova sollecitazione
imposta.Ne consegue che, per questo breve periodo transitorio, la sollecitazione sismica può essere
assimilata alla spinta che si determinerebbe su un muro rigido, spinta per la quale è disponibile, ad
esempio, la soluzione di Wood (12-21). Il successivo sviluppo di deformazioni addizionali deve tuttavia
consentire una diminuzione di questa sollecitazione, fino a che, esattamente come nel caso statico, non si
determinino condizioni d’equilibrio limite al di sotto di cui le spinte non possono scendere.
Quindi, in estrema sintesi, è pensabile di operare nel seguente modo:
1. relativamente ad ogni molla di monte, congelando momentaneamente le deformazioni, è
applicato un incremento di sforzo orizzontale efficace pari a quello fornito dalla teoria di Wood:
poiché questo è un incremento di sforzo a deformazione nulla, può essere assimilato ad una
coazione anelastica;
2. all’iterazione successiva, è rimosso il vincolo sull’incremento di deformazione e,
contemporaneamente, è ridefinito il limite attivo, portandolo dal valore statico a quello dinamico.

Il processo iterativo farà in modo che la coazione, impressa alla prima iterazione, si sfoghi in modo più
o meno rilevante in funzione dell’elasticità del sistema e delle deformazioni incrementali, assicurando
tuttavia che la spinta non scenda al di sotto del valore limite attivo sismico di M-O.
In Figura 12-4 sono riportati alcuni stress path percorsi da elementi molla a monte di una parete,
all’atto dell’applicazione delle sollecitazioni sismiche con il metodo automatico.

Percorso A-B-C-D: corrisponde Spinta passiva


al caso di un elemento ’h J
di terreno che, pur pd
soggetto ad un K
I
allentamento verso
pd = coazione
valle (<0), prima del Spinta attiva (Wood) alla
sisma è in fase elastica Sismica (M-O) B 1^ iterazione
(punto A); l’applicazione F pd
della coazione, cioè G
D C
dell’incremento di A
H
sforzo a deformazione E
 
nulla, è rappresentata
Spinta attiva
dal segmento A-B; il statica deformazione della molla, positiva se
’h
successivo rilascio comprime la molla
elastico è il tratto B-C
mentre la deformazione
plastica una volta Figura 12-4: alcuni stress path di elementi molla di monte in
raggiunta la nuova accordo con la procedura sismica automatica di PARATIE
condizione limite attiva
sismica è il segmento C-D. Si osservi che, a parità di sforzo verticale efficace, la condizione limite
di minima spinta aumenta rispetto al caso statico.

Ce.A.S. s.r.l. 79
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Percorso E-F-G-H: corrisponde al caso di un elemento terreno già in condizioni di spinta attiva statica
(punto E); l’applicazione della coazione è rappresentata dal segmento E-F, che determina un
temporaneo ritorno in fase elastica; il successivo rilascio elastico è il tratto F-G mentre la
deformazione plastica una volta raggiunta la nuova condizione limite attiva sismica è il segmento
G-H.
Percorso I-J-K: corrisponde al caso di un elemento terreno che, pur trovandosi dal lato di monte, ha
subito una compressione (>0, punto I); l’applicazione della coazione è rappresentata dal
segmento I-J,ed il successivo rilascio elastico è J-K.

Il calcolo delle condizioni limite attive sismiche è fatto in accordo con i criteri generali, utilizzando in
particolare l’espressione (12-18), nella quale tuttavia lo sforzo verticale efficace ’v tiene conto anche del
sovraccarico e degli eventuali effetti di fondazioni nastriformi valutati secondo la normale procedura
implementata nel codice.
Nel caso in cui sia prescritto un coefficiente d’incremento dinamico delle pressioni neutre r u inteso
come rapporto fra la sovrappressione interstiziale u e e lo sforzo verticale efficace, il valore di ’v è valutato
stimando ue sulla base dello sforzo verticale efficace ’v,0 precedente all’applicazione del sisma e quindi
ricalcolando il nuovo valore sulla base delle nuove pressioni interstiziali; in altri termini la procedura è la
seguente:

u e (z)  ru  'V , 0 z 
u (z)  u 0 (z)  u e (z)
'V z    v z   u (z)
il ché equivale a porre

'V z   'V ,0 z   1  ru 
Va osservato che il decremento di sforzo verticale

'V z   ru  'V , 0 z 


determina anche un decremento elastico dello sforzo orizzontale efficace, secondo la procedura
standard prevista da PARATIE.
Le eventuali sovrappressioni dinamiche alla Westergaard, sono aggiunta dall’interfaccia come carico
esterno, come anche le azioni d’inerzia associate alla massa della parete.
La procedura automatica è attivata solo per modelli nei quali non sono presenti strati di terreno a cui è
associato il modello CLAY.
Riguardo alle molle di valle, la procedura implementata prevede la semplice sostituzione dei
coefficienti di spinta passiva con i corrispondenti valori sismici, che sono ridefiniti da PARATIE in accordo
con i criteri discussi al punto 12.3.2. Anche in questo caso deve essere eventualmente aggiunta tramite
carichi esterni, la distribuzione delle sovrappressioni dinamiche alla Westergaard, in modo tale da
assicurare la condizione di carico più gravosa ai fini della stabilità complessiva della parete. La Figura
12-5 riassume la procedura.

80 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

APPLICAZIONE COAZIONI
RIDEFINIZIONE INIZIALI
RESISTENZA PASSIVA
+
RIDEFINIZIONE LIMITE
ATTIVO

Figura 12-5: rappresentazione sintetica della procedura sismica di PARATIE


È possibile osservare come questo modo di procedere permetta di sollecitare sismicamente tutte le
tipologie di parete lasciando all’algoritmo di calcolo la valutazione dell’azione sismica intermedia fra le
due ipotesi estreme; nel caso di parete molto flessibile, l’applicazione della spinta di M-O è comunque
garantita, in linea, per tutto quanto detto in precedenza, con le ipotesi usuali adottate nella grande
maggioranza dei casi pratici. Nel caso di pareti per le quali, precedentemente al sisma, non si erano
instaurate condizioni limite, questo algoritmo consente in ogni caso di sollecitare il sistema. La
ridistribuzione delle azioni iniziali è condotta utilizzando le rigidezze statiche, il ché è certamente
un’approssimazione che rende tuttavia il calcolo coerente con le analisi statiche. Infine, accettando le
approssimazioni dell’algoritmo, il metodo permette di studiare anche pareti che sostengono scavi in
terreni coesivi, in condizioni non drenate, cosa non possibile con un’applicazione del metodo di M-O.
Per contro, con questo metodo non è possibile imporre un punto d’applicazione della risultante delle
sovrappressioni sismiche, la cui distribuzione dipende, per lo meno nelle condizioni di equilibrio limite,
dalla distribuzione degli sforzi verticali efficaci e dall’andamento stratigrafico dei parametri di calcolo.
La procedura sismica va attivata come ultimo passo dell’analisi incrementale e, preferibilmente, in una
fase nella quale non vengono prescritte altre variazioni alla configurazione della parete.

Ce.A.S. s.r.l. 81
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

13 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
A.G.I. (2005) –Associazione Geotecnica Italiana, Aspetti Geotecnici della Progettazione in Zona Sismica-
Linee Guida, ed. Pàtron, Bologna - http://www.associazionegeotecnica.it/~agi/

ANIDIS – SSN (1998), Commentario al D.M. 16.1.1996 e alla Circ. n.65/AA.GG. del 10.4.1997 del
Ministero LL.PP.

Barla G., Becci B., Colombo A., Nova R., Peduzzi R. (1988) “A method for the analysis and design of
flexible retaining structures. Application to a strutted excavation” , Proceedings of the Sixth
Conference on Numerical Methods in Geomechanics, Innsbruck, Vol. 3, pp. 1635-1640.

Bathe,K.J. (1996), “Finite element procedure”, Prentice Hall

Bathe K.J., Khoshgoftaar M.R (1979), “Finite Element Free Surface Seepage Analysis without Mesh
Iteration”, Int. J. for Num. and Anal. Meth. in Geomechanics, 3,13-22, 1979

Becci B., Carni M., (2014), "Pseudo-Static Analysis Of Flexible Retaining Structures Including Seismic
Thrust Dependency On Wall Deformation", Proc Conf. ISSMGE - TC207 “Soil-Structure Interaction.
Underground Structures and Retaining walls, Saint Petersburg, June 16-18, pp. 277-284

Becci B., Nova R. (1987) “Un metodo di calcolo automatico per il progetto di paratie”, Rivista Italiana di
Geotecnica,1,33-47

Belytschko T., Wing K. L and Moran B. (2000) Nonlinear Finite Elements for Continua and Structures ,
Wiley

Boone, S.J. 2003. Design of Deep Excavations in Urban Environments . Ph.D. Thesis. Toronto: University
of Toronto.

Boone S. J, Westland J., (2005) "Estimating displacements associated with deep excavations",
Proceedings of the 5th International Symposium TC28 Geotechnical Aspects of Underground
Construction in Soft Ground. Amsterdam, the Netherlands, 15-17 June 2005, pp. 817-822,
Taylor&Francis

Bowles J.E. (1988) ,”Foundation Analysis and design”, 4th ed. McGraw-Hill

Bransby P.L.,Milligan G.W.E. (1975) “Soil Deformations near Cantilever Sheet Pile Walls”, Geotechnique
25, 2, 175-195.

Callisto L. (2006), Pseudo-static seismic design of embedded retaining structures ETC-12 Workshop ,
Atene, January

Callisto, L. (2014). Capacity design of embedded retaining structures, Géotechnique, Vol. 64, No. 3, pp
204–214.

Callisto L. e Aversa S. (2008). Dimensionamento di opere di sostegno soggette ad azioni sismiche. In:
Opere geotecniche in condizioni sismiche, MIR 2008. Pàtron, Bologna, 273-308.

Caquot A. & Kerisel J. (1948) “Tables for the Calculation of Passive Pressure, Active Pressure and
Bearing Capacity of Foundations”, Gautiers-Villars, Paris

Caquot A., Kerisel J., Absi E., (1973) “Tables de butée et de poussée”, Gautiers-Villars, Paris

Cestelli-Guidi C. (1984) “Geotecnica e tecnica delle fondazioni ”, Hoepli

82 Ce.A.S. s.r.l.
Modulo PARATIE - Teoria

Clough, G. W. And O’Rourke, T. D. (1990). “Construction induced movements of in-situ walls.” Design and
Performance of Earth Retaining Structures, Proceedings of a Specialty Conference at Cornell University,
ASCE, New York, 439-470.

COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE (CEN) (1994) “ ENV 1997 - EUROCODICE 7 - Progettazione


geotecnica” Parte 1: Regole generali (Norma UNI ENV 1997-1, aprile 1997).

Conti, R. & Viggiani, G. (2013). A new limit equilibrium method for the pseudostatic design of embedded
cantilevered retaining walls, Soil Dynamics and Earthquake Engineering, Vol.50, pp. 143–150.

Ebeling Robert M. and Morrison, Ernest E. Jr. (1992), The Seismic Design of Waterfront Retaining
Structures, Technical Report ITL-92-11 , NCEL TR-939, U.S. Army Engineer Waterways Experiment
Station, Vicksburg, Mississippi.

Jamiolkowski M., Lancellotta R., Marchetti S., Nova R., Pasqualini E. (1979) “Design parameters for soft
clays” 7 ECSMFE, Brighton, 5,27-57

Jamiolkowski M., Pasqualini E. (1979) “Introduzione ai diversi metodi di calcolo dei diaframmi con
riferimento ai parametri geotecnici che vi intervengono e alla loro determinazione sperimentale” Atti
Istituto Scienza delle Costruzioni, Politecnico di Torino,n. 451

Janbu N. (1963) “Soil compressibility as determined by oedometer and triaxial tests” 3 ECSMFE,
Wiesbaden, 1,19-25

Kramer, S. L. (1996) “Geotechnical Earthquake Engineering”, Prentice Hall.

Krishnan S. & Hall J. F., (2006) "Modeling Steel Frame Buildings in Three Dimensions. I: Panel Zone and
Plastic Hinge Beam Elements", ASCE J. of Engineering Mechanics, Vol. 132, No. 4, pp 345-358

Kung G. T. C., Juang C. H., Hsiao E. C. L., And Y. M. A. Hashash (2007) “Simplified Model for Wall
Deflection and Ground-Surface Settlement Caused by Braced Excavation in Clays” ASCE J. Geotech.
and Geoenvir. Engrg., Vol. 133, No 6, pp. 731-747

Ladd C.C., Foot R., Ishihara K., Scallosser F, Poulos H.G, (1977) “Stress-deformation and Strength
characteristics” State-of-the-art volume 9 ICSMFE, Tokyo, 421-494

Lambe T.W., Whitman R.V. (1969) “Soil Mechanics”, John Wiley & Sons, Inc.

Lancellotta R., (1988) “Geotecnica”, Zanichelli

Lancellotta R., (2007) “Lower-bound approach for seismic passive earth resistance”, Géotechnique, Vol.
57, No. 3, pp. 319-321

Matsuzawa, H., Ishibashi, I., and Kawamura, M. (1985), "Dynamic Soil and Water Pressures of
Submerged Soils," Journal of Geotechnical Engineering, ASCE, Vol. 111, No. 10, Oct., pp. 1161-
1176.

Mononobe, N., and Matsuo, H. (1929) “On the determination of earth pressure during earthquakes”.
Proceedings of World Engineering Conference, Vol 9.

NAVFAC (1986) “Design Manual D:M 7.02 -Foundations and earth structures”, USA

Nova,R. , (1978) “Geotecnica”,ed. CLUP, Milano

Nova,R.,Becci,B. (1987) “A method for analysis and design for flexible retaining structures”, Proc. Conf.
INTERACTIONS SOLS-STRUCTURES, pp. 657-664

NT (1998) Specification for Structures to be Built in Disaster Areas PART III - EARTHQUAKE DISASTER
PREVENTION Ministry of Public Works and Settlement Government of Republic of Turkey

Ce.A.S. s.r.l. 83
PARATIE PLUS 2018 Novembre 2017

Okabe, S. (1926). “General theory of earth pressure”. Journal, Japanese Society of Civil Engineers , Vol.
12, No. 1

Pappin J W, Simpson B, Felton P J, And Raison C (1985). Numerical analysis of flexible retaining walls.
Proc NUMETA '85, University College, Swansea, pp 789-802.

Poulos H. G. & Davis E. H., (1974) Elastic Solutions for Soil and Rock Mechanics, J. Wiley a& Sons, Inc
(Reprinted in 1991 by Centre for geotechnical research, University of Sidney).

Rampello S. e Callisto L. (2008). Stabilità dei pendii in condizioni sismiche. In: Opere geotecniche in
condizioni sismiche, MIR 2008. Pàtron, Bologna, 241-271

Scott R.F. (1981) “Foundation analysis”, Prentice Hall

Seed, H. B., and Whitman, R. V., (1970), Design of earth retaining structures for dynamic loads.
Proceedings of ASCE Special Conference on Lateral Stresses, Ground Displacement and Earth
Retaining Structures, Ithaca, N.Y., pp. 103 - 147.

Simonelli A.L. (2004), Eurocodice 8: Valutazione delle azioni sismiche al suolo ed effetti sulla spinta dei
terreni – Rivista Italiana di Geotecnica, anno XXXVIII, n. 3

Simpson, B. (1992) retaining Structures: displacement and design, Geotechnique, 42, 4, 541-576

Soubra, A. H. (2000) Static and seismic passive earth pressure coefficients on rigid retaining structures -
Can. Geotech. Journal. Vol. 37, pp. 463–478

Steedman, R. S. (1998) ”Seismic design of retaining walls”, Geotechnical Engineering, Vol. 131, Jan. , pp.
12-22

Timoshenko, S. P., Goodier, J. N. (1970), “Theory of Elasticity”, 3th ed. McGraw-Hill

Viggiani G. & Atkinson J. H., (1995) “Stiffness of fine-grained soil at very small strains” , Geotechnique,
45, 2, 249-265

Whitman, R. V. and Liao, S. (1985), “Seismic design of retaining walls”, Miscellaneous Paper GL-85-1,
U.S. Army Engineer Waterways Experiment Station, Vicksburg, Mississippi.

Wood, J. H. (1973). “Earthquake Induced Soil Pressures on Structures,” Doctoral Dissertation, EERL 73-
05, California Institute of Technology, Pasadena, CA

Zavarise G., Wriggers P, Nackenhorst U., (2010), A Guide for Engineers to Computational Contact
Mechanics, Consorzio TCN Scarl, Trento

84 Ce.A.S. s.r.l.