Sei sulla pagina 1di 4

Atti Parlamentari — 1 — Camera dei Deputati

XVI LEGISLATURA — DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI — DOCUMENTI

N. 3772
CAMERA DEI DEPUTATI —

PROPOSTA DI LEGGE
D’INIZIATIVA DEI DEPUTATI

PICCOLO, CUOMO, CIRIELLO, NICOLAIS, MAZZARELLA

Estinzione dell’Istituto « SS. Trinità e Paradiso » di Vico


Equense e trasferimento del relativo patrimonio al
comune di Vico Equense

Presentata il 13 ottobre 2010

ONOREVOLI COLLEGHI ! — Già nella XIV Recentemente è sorto, per iniziativa


legislatura, ad iniziativa di alcuni deputati spontanea, un comitato civico locale che
di diverso schieramento politico, fu pre- ha raccolto migliaia di adesioni a una
sentata una proposta di legge (atto Camera petizione popolare mirata a salvaguardare
n. 3217) avente ad oggetto l’estinzione del- il predetto complesso dal degrado e dal-
l’Istituto « SS. Trinità e Paradiso » e il l’abbandono, oltre che a tutelarlo da pos-
trasferimento del relativo patrimonio al sibili disegni speculativi.
comune di Vico Equense (Napoli). Tale Di tale esplicita volontà popolare si è
proposta di legge, purtroppo, non riuscì a reso interprete il consiglio comunale di
completare il suo iter, per la scadenza Vico Equense che, nella seduta dell’8 luglio
della legislatura. 2010, ha deliberato con larghissima mag-
La comunità locale mantiene estrema- gioranza (con soli tre voti di astensione e
mente vivo l’interesse per il destino del con nessun voto contrario) di « richiedere
complesso monumentale, manifestando ai competenti Ministeri il trasferimento
forte preoccupazione per l’inarrestabile nel patrimonio del comune di Vico
declino dello stesso e temendo, altresì, che Equense, anche alla luce dell’evoluzione
esso possa essere utilizzato in futuro per normativa in essere ed in particolare del
qualche uso improprio, tale da deturparne decreto legislativo 28 maggio 2010, n. 85,
l’inestimabile valore storico-culturale. con il vincolo di garantirne la massima
Atti Parlamentari — 2 — Camera dei Deputati — 3772
XVI LEGISLATURA — DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI — DOCUMENTI

valorizzazione funzionale, del complesso sissimi fondi agricoli di proprietà dell’ente


monumentale SS. Trinità e Paradiso » (de- sono stati negli anni ceduti con contratti di
libera consiliare n. 28 dell’8 luglio 2010). enfiteusi; parte di tali contratti si sono
L’Istituto « SS. Trinità e Paradiso » na- risolti con l’affranco e la definitiva perdita
sce nel 1677 per volontà di Monsignor di proprietà; altri forniscono rendite irri-
Giambattista Repucci, già Vescovo della levanti.
città di Vico Equense. Il presule, infatti, Il bilancio consuntivo al 31 dicembre
con atto pubblico del 26 maggio 1677, 2009 rileva un disavanzo accertato di oltre
rogato Cioffi, diede vita al Conservatorio 840.000 euro.
femminile detto, appunto, della « SS. Tri- Con delibera n. 11 del 23 novembre
nità e Paradiso », il cui fine primario era 2002, il consiglio di amministrazione al-
quello di provvedere alla educazione ed l’epoca in carica, accertò e dichiarò l’esau-
istruzione di fanciulle appartenenti a fa- rimento dello scopo statutario (le istitu-
miglie di civile condizione. zioni scolastiche avevano cessato di ope-
L’Istituto « SS. Trinità e Paradiso » è rare dall’anno scolastico 2000/2001) e ri-
uno degli Istituti della Campania che, chiese la « trasformazione » dell’ente al
insieme agli educandati, ai collegi di Maria Ministero della pubblica istruzione.
e ad alcuni altri istituti, costituiscono il Nel 2004 lo stesso Ministero, inopina-
complesso degli istituti pubblici di educa- tamente, nominò un nuovo consiglio di
zione femminile esistenti in Italia. amministrazione che, dopo qualche tempo,
Tali istituti erano stati ordinati dal regio si dimise per la gravità della situazione
decreto 23 dicembre 1929, n. 2392, e dal finanziaria e la conseguente ingestibilità
regio decreto 1° ottobre 1931, n. 1312 (ora dell’ente.
abrogati). Di conseguenza, l’Istituto « SS. A seguito di tali dimissioni, il Ministero,
Trinità e Paradiso », come tutti gli altri nell’agosto del 2008, procedette alla no-
compresi nella tabella 4 allegata al citato mina di un commissario straordinario e,
regio decreto n. 1312 del 1931, è da consi- successivamente, con decreto ministeriale
derare pubblico non statale e, come tale, del 26 ottobre 2009, alla nomina di un
soggetto alla normativa degli enti pubblici, nuovo consiglio di amministrazione, attri-
anche sotto il profilo patrimoniale. buendo la funzione di presidente al sud-
Esso è amministrato da un consiglio di detto commissario straordinario.
amministrazione, composto da un presi- L’Istituto, ad oggi, non svolge e non è in
dente e da due consiglieri, nominato dal grado di svolgere più alcuna attività e non
Ministero dell’istruzione, dell’università e si vede quale prospettiva si possa preve-
della ricerca. L’articolo 6 del regio decreto dere per esso, se resta nell’attuale, gravis-
n. 2392 del 1929 prevedeva che il consiglio sima condizione. Peraltro, esso si trova in
poteva essere sciolto e, in tal caso, il uno stato di conservazione assolutamente
governo dell’ente affidato a un commissa- precario e necessita di urgenti lavori di
rio straordinario per la durata massima di ristrutturazione e restauro.
un anno. Per quanto esposto, risulta inevitabile,
Nel corso degli anni si sono succeduti come già avvenuto per casi analoghi (ad
molteplici consigli di amministrazione e esempio, con la legge 5 febbraio 1992,
gestioni commissariali, senza che siano n. 176, che dispose l’estinzione del conser-
stati conseguiti i risultati previsti dallo vatorio delle Montalve alla Quiete di Fi-
statuto, con una proficua ed efficiente renze e il trasferimento del relativo patri-
gestione del patrimonio immobiliare. monio all’università degli studi di Firenze),
Del cospicuo patrimonio immobiliare procedere all’estinzione dell’Istituto pub-
dell’ente risultano disponibili, a tutt’oggi, blico di educazione femminile « SS. Trinità
solamente il fabbricato nel quale ha sede e Paradiso » e prevederne il trasferimento,
l’ente (peraltro, in precario stato di con- con tutto il suo patrimonio, al comune di
servazione) e l’annessa Chiesa, non agibile Vico Equense, salvaguardandone in tal
a seguito del sisma del 1980. I numero- modo l’immenso valore artistico e storico
Atti Parlamentari — 3 — Camera dei Deputati — 3772
XVI LEGISLATURA — DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI — DOCUMENTI

e rispettando, altresì, la volontà e gli L’articolo 1 sancisce l’estinzione del-


orientamenti dei fondatori, nonché l’una- l’istituto e trasferisce il suo patrimonio
nime sollecitazione della pubblica opi- mobiliare e immobiliare al comune di Vico
nione locale che desidera fortemente che Equense, che subentra in tutti i rapporti
l’Istituto « SS. Trinità e Paradiso » possa attivi e passivi dell’Istituto. Lo stesso ar-
continuare ad assolvere la sua funzione ticolo vincola l’utilizzo del patrimonio del-
educativa e culturale e sia sottratto ad l’Istituto esclusivamente a scopi di istru-
ogni tentazione di speculazione affaristica. zione e culturali, preservandone le finalità
La presente proposta di legge consta di originarie.
due articoli e intende realizzare gli obiet- L’articolo 2 stabilisce l’esenzione fiscale
tivi descritti. degli atti necessari.
Atti Parlamentari — 4 — Camera dei Deputati — 3772
XVI LEGISLATURA — DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI — DOCUMENTI

PROPOSTA DI LEGGE
__

ART. 1.

1. L’Istituto « SS. Trinità e Paradiso » di


Vico Equense, dichiarato istituto di edu-
cazione e istruzione femminile ai sensi del
regio decreto 18 novembre 1869, n. 2301,
nonché dei regi decreti 23 dicembre 1929,
n. 2392, e 1o ottobre 1931, n. 1312, è
estinto.
2. Il patrimonio mobiliare e immobi-
liare dell’Istituto « SS. Trinità e Paradiso »
è trasferito in proprietà al comune di Vico
Equense che subentra in tutti i rapporti
attivi e passivi dell’Istituto stesso.
3. Alle operazioni di consegna al co-
mune di Vico Equense effettuate in attua-
zione del comma 2 provvede il presidente
del consiglio di amministrazione dell’Isti-
tuto « SS. Trinità e Paradiso », d’intesa con
il dirigente scolastico regionale per la
Campania.
4. Il patrimonio dell’Istituto « SS. Tri-
nità e Paradiso » è utilizzato dal comune
di Vico Equense per fini di istruzione e
culturali, in attuazione delle volontà dei
fondatori dell’Istituto medesimo.

ART. 2.

1. Il trasferimento di cui alla presente


legge e i relativi atti sono esenti da ogni
tributo.

€ 1,00
*16PDL0042350*
*16PDL0042350*