Sei sulla pagina 1di 12

Antropologia culturale 22/02/2019

Ci sono tanti rami dell’antropologia.

1. Antropologia culturale
I. antropologia applicata
II. Antropologia medica Etnografia
III. Antropologia urbana
IV. Antropologia dello sviluppo

2. Archeologia
I. archeologia storica
II. Archeologia industriale
III. Archeologia settoriale

3. Linguistica antropologica
I. linguistica storica
II. Linguistica descrittiva
III. Sociolinguistica

4. Antropologia fisica
I. Primatologia
II. Paleontologia umana
III. Antropologia criminale
IV. Genetica dei popoli

5. Antropologia

6. Etnologia

7. Antropologia sociale (base teoriche della scuola di Francoforte, dinamica sociale, individuo dentro
questa dinamica sociale)

8. Antropologia culturale (tradizione americana, si occupa più di cultura)


I. Antropologia religione (come def la religione)
II. Etnostoria (etnologia del passato, )
III. Antropologia politica e legale
IV. Antropologia psicologica/etnopsichiatria
V. Antropologia della parentela
VI. Antropologia economica

9. Etnografia (ricerca sul campo)


Il concetto di cultura

 Definizioni
 Trasmissione della cultura (limiti della trasmissione culturale)
 Diffusione
 Relativismo culturale
 Aspetti mentali (profondità)/ aspetti comportsmentali
 Punto di vista emico e etico
 Modelli universali: aspetti transculturali delle culture)
o Infrastruttura (modo di produzione e riproduzione)
o Struttura (attività eco, politiche, etniche e comportamentali)
o Sovrastruttura ( attività artistiche, ludiche, religiose, intellettuali)
 Cultura: indica le tradizioni socialm apprese e acquisite e i modi di vivere dei membri di una società,
inclusa la loro maniera strutturata e reiterata di pensare, sentire e agire (di comportarsi)
 Taylor: 1871> la cultura intesa nel suo ampio senso etnografico è quell insieme complesso che
include la conoscenza le credenze , l arte, la morale, ildiritto, il costume e qualsiasi altra capacità e
abitudine acquisita dall’uomo come membro di una società . a condizione della cultura nelle varie
società del genere umano, nella misura in cui puo essere indagata sulla scorta di principi genrali e
un argometno che si presta allo studio delle leggi del pensiero e dell’agire umani
 Società è un gruppo di persone che condividono un habitat comune e che diffonodo l una dall’altra
per la propria sopravvivenza e per il proprio benessere
 (appunti: modelli universali) : sepolti (prossemica),., vicino a livelli di coscienza e esplicite (penali)

Prossemica e scambi verbali (info), etica (osservatore)|emici (osservato) + confronto, punto di vista
locale

Visione etnocentrica : ogni cultura è convinta di essere LA cultura, ‘noi, gli uomini, al centro’, radicata in
tutti i gruppi. Va decostruito continuamente. Insegnamento scolastico limita queste conoscenze.
Questo non significa o non cambia la capacità intellettuale- manipolazioni politiche. Differenze cultursli
possini scatenare una reazione positiva o negativa .

Diritti umani che non applicabili in contesti diversi. (somalia sud- matrimonio, è adatto al tipo di vita)
(bolivia. abbassare Lavoro minorile)

Diffusionismo di elementi culturali- non ce una evoluzione unica ma ogni cultura puo attraverso stadi
diverso da luogo a luogo (impero inca), non abbiamo tutti reperti e non tutte passano alo stesso stadio
e non un punto più civilizzato dell altro. Unica direzione. Aspetti tecnologici non determinano il livello di
civiltà.

Declino ambientale -> qi più basso e autismo (malattia di diamond); la biodiversità scompare

Le popolazioni posso avere un declino in diversi modi


27/02/2019

Modelli universali: aspetti transculturali delle culture

Siamo partiti dal diffusionismo che però è stato controbattuto dal fatto che il grado di civiltà non è
determinato dall’avanzamento tecnologico. Sono stati fatti degli studi su come l’evoluzione di una cultura
con aspetti sociali molto complessi che poi sono scomparsi (dovuto alla sovrapproduzione e sfruttamento
delle risorse, declino ambientale e delle biodiversità, vedi sequoie giganti millenarie della California che se
vengono disboscate ci voglio altri 2000 anni per rigenerarle, hanno sviluppato un proprio microclima e
capacità di adattarsi in esso/ sussidio ai pescatori oceanici per favorire il commercio). L’inquinamento
climatico scatena autismo e abbassamento del QI. Si sa da anni di questo problema (PBC) ma hanno
insabbiato tutto per poter vendere di più.

Primo modello culturale : MATERIALISMO CULTURALE.

Un paradigma che è stato utilizzato che si basa su alcune idee del materialismo storico marxista:
Materialismo culturale (harris). Si tratta di una evoluzione che è iniziata da società primitive, contadine
urbane, divise in classi sociali e via via industriali. Questo modello, in realta, non si è verificato storicamente
in tutte le culture- russia, cina, albania etc. l’unico caso che si è verificato è cuba, è un paese nel quale si
verifica un’istruzione più sviluppata ma è stato boicottato da interventi militaristici e rallentamento di aiuti
umanitari. È molto squilibrata. Solo ora acquista importanza nel commercio di tipo occidentale.
I diritti umani, in paesi socialisti sono diversi da quelli sociali e economici e non sono distribuiti
omogeneamente. (colpo di stato in Guatemala e guerra civile per 40 anni. Ancora sistema latifondista)
Ci sono esperimenti più o meno positivi ma gli antropologi non hanno lasciato da parte questo modello ,
anni 70, la base materiale è indispensabile affinché ci sia cultura.

Marx divideva la società in due sistemi:

 Struttura, sistema economico, mezzi e modi di produzione


 Sovrastruttura ideologia, attività artistiche, ludiche e filosofiche in senso di ideologia, come
‘falsa coscienza’, qualcosa che ti faccia pensare all’esistenza del trascendentale e che
inganni l’uomo etc.

Gli antropologi hanno adottato un sistema simile a quello marxista ma includono i cambiamenti delle
diverse culture. Non era solo una evoluzione unica verso la civiltà.
Lo studio delle diverse culture invece cambia (società africane, studiate da antropologi francesi fecero
ricerche sul campo. Non bastava osservarle da lontano. Il passaggio evolutivo non è così ovvio.

Il materialismo culturale è pensato in una struttura tripartita:

 Infrastruttura : questo elemento è innovativo


vengono inclusi i modi di produzione dell’energia e risorse -> consiste nelle attività etiche e
comportamentali con cui ogni società soddisfa bisogni minimi di sussistenza (sistema di
caccia e raccolta; includiamo anche il sistema di raccolta di pesca- sostengono sistemi
ambientali diversi, sono società grandi ma che vivono in gruppi piccoli; sistema di
agricoltura a regime piovasco o sistemi di agricoltura a regime di irrigazione; sistema di
agricoltura con concime e senza; sistemi di produzione pastorale; modo di produzione
industriale).
modi di riproduzione -> con cui le società regola la crescita delle popolazione. (controllo
della situazione demografica e discendenza– decidere quanti figli avere per forza di lavoro
o risparmio negli spostamenti etc.). La prima cosa che si studia di una cultura e
l’infrastruttura.

 Struttura-> consiste nelle attività etiche, economiche, politiche e comportamentali con cui
ogni società si organizza in gruppi che ripartiscono, regolano e scambiano merci e lavoro
(scambi economici -denaro, credito o baratto, forme di mercato). Proprietà privata vs
condivisa (isole del pacifico- collane)/ credito sull’affidabilità o garanzia (africa)

 Sovrastruttura -> consiste in comportamento e pensiero volto ad attività ludiche, religiose,


intellettuali, artistiche oltre che in tutti gli aspetti mentali ed emici di una struttura e
infrastruttura culturale. (filosofia, cosmologia, forma di culto). Sono forme che
rispecchiano e accompagnano l’infrastruttura.

In questa maniera si studiano modelli universali, comparandola a tutte le società simili, in questo modo è
più semplice.

Secondo modello culturale: FUNZIONALISMO.

Un altro paradigma che è stato utilizzato è quello funzionalista per spiegare come funziona una società.
Nasce a partire dagli studi di Malinowski (1884-1942),fondatore della antropologia sociale. Deve andare in
esilio in un’isola del pacifico e rimane li per tre anni: inventa il sistema dell’osservazione partecipante (cioè
si possono osservare società da lontano oppure fare ricerche sul campo per capire meglio il funzionamento
delle attività.) c’è anche un modello esplicativo. In quell’epoca in inghilterra c’era la teoria darwinista, le
specie si adattano e hanno uno sviluppo di caratteri specifici adatti alla sopravvivenza (Galapagos – animali
cge non sono venuti in contatto con altre specie hanno mantenuto i propri caratteri dove in altri sono
scomparsi. Es, topi che non hanno paura dei gatti perché sull’isola non ci sono). C’è una nuova teoria
scientifica rivolta all’evoluzione della specie umana: cercare di comparare le società umane con un sistema
scientifico.

I modelli universali : 21.24 SECONDA ORA.


Vedi foto dello schema
Bisogni fondamentali della specie umana
Metabolismo (mangiare)
Riproduzione e continuo della pecie
Protezione del corpo (vestiti e casa)
Sicurezza (attacco e difesa – armi, villaggi e mura/spine e recinzioni- pericolo sovrannaturale
(veleni) - malattie)
Movimento
Sviluppo (età)
Salute

Risposte culturali (diverse da cultura a cultura)


Vettovagliamento (come mangiare)
Parentela di sangue (aristocrazia.. comunità)
Ricovero (casa)
Protezione
Attività
Istruzione (formale, accompagnamento o iniziazione)
Igiene

Studiare le diverse risposte culturali ai bisogni primari + soddisfazioni e forme tipiche. Si organizzano in
imperativi (economia, controllo sociale- regole formali e informali- , educazione- istruzione etc
organizzazione politica centralizzata, decentrata acefale- senza governo centrale, vedi foto)

Simbolismo: fondamentale per l organizzazione, mezzo per il quale si rende costume ogni attività essenziale
della propria vita e consente di ……..

Linguaggio – comunicazione -…….. accordo sui valori

Studio sulle risposte culturali e le sue istituzioni (oridn………..)

Sistema sociale……….

Ogni elemento ha una funzione specifica nel sistema organico e ha un suo equilibrio. È stato criticato
perché con l azione coloniale si è infranto questo equilibrio e cambia alcuni sistemi. Non è mai stato fisso
quindi questo sistema non spiega alcuni elementi e cambiamenti. (società dell’isola)

Obbligo morale della sofferenza degli indigeni nei confronti dei colonizzatori. (stregoneria/magia come
controllo sociale?) infranti equilibrio o cambiamenti.

 22 marzo – 11 aprile conferenza ‘ ragazzi perduti del sudan \17 aprile

Religione

Vedi foto

Taylor, primitive culture – teoria dell anima – animismo + culture

Animismo e mana
01/03/2019

La categorizazzionr tra magie scienza non funziona

Quindi

Organizzazione di credenze e pratiche religiose (wallace)

1. Culti individuali (eschimesi: caccia da soli, - modelli di produzione, spiriti invisibili- canto o
preghiera + amuleti)
2. Culti sciamatici (siberia) entrano in contatto con gli spiriti e li controllano, predisposti a
trance allucinogena
3. Culti comunitari (fasce d’età-…)
4. Culti Ecclesiastici clero professionale, a tempo pieno, classe sacerdotale, controllo del
tempio, controllo spiriti avversi

Religione e economia politica

Revivalismo tensione politico-militare e religione

Danza degli spiriti / culto del peyote/ culti dl cargo (2gm- nuova guinea) vedi foto

I fatti religiosi dsono difficili da classififcare, nasce epr spiegare alcuni fenomeni, motivazione intellettuale
ma anche rifleeso della organizzazione sociale (società complessa o semplice) modo per classi agiate pe
avere il consesno, - foto
06/03/2019

RIFUGIATI E ASILO: migrazione forzata, cioè migranti non volontari.

 Motivazioni: disastri ambientali/catastrofi (nucleari, tsunami, carestie..)


 Disastri causati dagli UOMINI (GUERRE, CONFLITTI..)
 MOTIVI DI SVILUPPO (COSTRUZIONE DI DIGHGE, AUTOSTRADE)

Sono protetti da:

 Internally displaced peoples (IDP) – no istituzioni che se occupa, chiunque diventa sfollato
(protezione civile o altro) aiuti umanitari o ong/croce rossa internazionale- diritto di entrare in ogni
contesto di guerra, neutralità
 Rifugiati (coloro che attraversano I confini internazionali )
- Protetti dalla convezione delle nazioni unite sullo status dei rifugiati 1951

I campi sono luoghi temporanei, organizzati in file e ogni quartiere viene ridistribuito risorse primarie (mais,
olio, fagioli e acqua pulita)

Una persona che risiede fuori dal paese del quale è cittadina e non può o non vuole ritornarci. ‘temendo a
ragione di essere perseguitata per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un determinato
gruppo sociale o per le sue opinioni politiche’ . dove si riconoscono i diritti – controllo simile ai campi di
concentramento

 Convenzione di 1951 e il protocollo del 1967

I paesi firmatari si impegnano a proteggere i rifugiati a rispettare il principio di : NON-REFOULEMENT – NON


RESPINGIMENTO per non farli tornare in un paese dove potrebbero essere perseguitati.

Nel 2006 147 dei 192 paesi dell’ONU avevano firmato protocollo e/o convenzione impegnandosi a
rispettare il principio di non refoulement.

Paesi di primo asilo: il primo paese dove arrivano persone che fuggono dal proprio paese come rifugiati

Richiedenti asilo: persone che hanno attraversato un confine internazionale per cercare protezione e il loro
status di rifugiati non è ancora stato determinato

Reinsediamento: si riferisce a quei rifugiati a cui è permesso spostarsi dal primo paese di asilo ad altri paesi
in grado di offrire protezione e assistenza a lungo termine

Il ricongiungimento famigliare è un’altra disposizione, si ha il diritto di avere il ricongiungimento famigliare


una volta insediamento in un nuovo paese, enorme interesse

o Legislazione internazionale
o Legislazione domestiche
o Ruolo dell’ACNHUR

RIFUGIATI ECONOMICI: crisi economiche, andati in italia perché è scoppiata la guerra in libia – decreto per
la protezione umanitaria, garanzia

Argentina e chile – in europa e italia (dittatura, motivi politici)


retaggio coloniale (somalia, eritrea) – politica di accoglienza
14/03/2019

Dinamica culturale

Ci sono tre definizioni:

inculturazione: processo attraverso il quale si entra all’interno della società, nell’ambito della famiglia
famigliarizza con alcuni aspetti per imitazione o gioco e continua per tutta la vita ad applicarli,
inculturazione formale (iniziazioni tribali, puberale, misterica, scolastica, sportiva, accademica, militare) e
informale

sono legati alla maturità fisica e fisiologica

può avvenire per : istruttiva, drammatica (teatro) , per visione

stadi dell’iniziazione: prova fisica , separazione dal mondo attuale, marginalità (né grande nè piccolo),
riaggregazione (riportato a piena vita e reintegrato come adulto)

effetti : (ordine psicologico e strutturale per iniziare una nuova vita, avendo già passato delle difficoltà
poteva fare tutto/ cambia lo status)

 Patrilinearità – matrilinearità

acculturazione: si riferisce allo scambio tra culture, no accumulazione di cultura, trasmissione culturale in
corso (cultur contact vs acculturation)

 Simbiosi culturale – convivenza di 2+ culture


 Osmosi culturale – contatti di vicinanza e politiche di confine (alleanze matrimoniali, scontri bellici e
commerci) tratti culturali che si muovono da una cultura all’altra per motivi storici
 Fusione culturale – gruppi meticci che non si possono separare (Messico, Guatemala), nuove
stratificazioni /
o segregazione razziale- rifiuto politico dell’acculturazione (apartheid) /
o autarchia - rifiuto commerciale dell’acculturazione (Albania) vs canali privilegiati (interessi
commerciali)
o sincretismi – nuove religioni che nascono dall’insieme di più elementi religiosi (Video –
Candomblé, religione mescolata)

Fattori acculturanti

 Attività missionaria: intaccare la forma di vedere la cosmologia e ideologia. Alcune usate in senso
politico da parte dalla chiesa (gesuiti), genocidio,
 Colonialismo: islam tramite mercanti commercianti a comprare schiavi e stoffe o compagnie
mercantili /governanti coloniali – guerre cambiano le religioni (ong- prediche- mecca)
Falsamente scopo umanitario: Eliminazione della schiavitù (berlino, con problemi- controllo della
manodopera femminile) - (bomba atomica in iraq per portare diritti umani in una dittatura)
Settler permanenti nelle colonie- strategie divrese per la colonizzazione. – riserve

Effetti
o Sterminio: malattie
o Assimilazione: mescolanze di progenie
o Equilibrio relativo: berberi

Movimenti religiosi di riforma + registrazione diletta

Selettività dell’acculturazione
Deculturazione

Aspetto negativo della dinamica culturale, la sottrazione a del patrimonio culturale

a)
b) Traumatica

Discriminazione razziale
15/03/2019

Gli indiani d’america (popoli originari) vengono coinvolti nella colonizzazione

‘scouts of the national army in the west’ – schizzo di henry lovie for il frank leslie’s illustrated, 1862- gli
indiani Delaware (odierna Oklahoma) prima della guerra civile erano ricercati come guide per il commercio
delle pellicce, per spedizioni scientifiche all’ovest e per le carovane di carri, durante la guerra di secessione
essi continuarono a servire come scout nell’esercito dell’unione nei reparti che operavano oltre il
mississippi

20/03/2019

L’immigrazione viene manipolata politicamente. (modelli positivi e negativi) – lettura ‘erano solo ragazzi in
cammino’, la vita in campo è molto dura e bisogna sottostare ad alcune regole. Non si tratta di una politica
di sinistra l’ospitalità diffusa’, è una procedura normalissima.

Teorie della migrazione:

sono un fenomeno che avviene da sempre. (legate a guerre, cioè i veterani si spostavano)

 Teorie economiche della migrazione


Teoria neoclassica
- Dominante economia
- Prime teorie sistemiche della migrazione (geografo ottocentesco Ravenstein) v.
foto
o Teoria push-pull : le cause delle migrazioni sono una combinazione di
 Fattori di espulsione
 Fattori di attrazione
 Caratteristiche:
 Modello individualistico
 Modello antistorico
Assume che i migranti :
 Conoscano l’andamento dei salari

CAPITALE UMANO : le persone investono nell’immigrazione cosi come potrebbero investire nell’istruzione o

‘’ la teoria neoclassica ipotizza che gli individui massimizzino l’utilità : essi ‘cercano’ il paese di residenza che
massimizzi il loro benessere..

Critiche alle teorie neoclassiche:

le TN sono in grado di spiegare i movimenti reali e predire quelli futuri

1. Es. perché gli algerini vanno in francia e non in germania


2. Es. perché olanda e germania, densamente popolate, sono luogo di immigrazione?

In realtà il comportamento dei migranti è fortemente influenzato da esperienze storiche, dinamiche


familiari e della comunità. (colonie francese, conoscenza della lingua e assimilazione dei territori e offerte
specifiche per i lavoratori) non hanno informazioni complete su quello che verrà. Non c’è garanzia di
lavoro. La linea familiare è importante per salvarsi dal mercato, situazioni gravi. manca ciò in questa teoria.
Teoria duale o segmentata del mercato del lavoro (piore 1979)

La migrazione internazionale è causata dalla domanda di lavoratori sia specializzati sia manuali

 Altri autori hanno asserito che non esiste solo un dualismo ma una complessa segmentazione del
mercato del lavoro secondo razza, etnia, genere. (porte e bach 1985)
 Enclaves economiche (light, bonacich 1988 e waldinger et al 1990) -> lavoro specializzato
 Nicche di mercato per imprenditori di una determinata etnia

Nuova economia del mercato del lavoro , anni 80 (Taylor 1987 e stark 1991)

Le decisioni migratorie non sono prese da individui isolati BENSI’ da nuclei familiari, abitativi o persino da
comunità intere per poter contribuire nel reddito famigliare

Il ruolo delle rimesse non può essere compreso attarverso il semplice studio del comportamento dei soli
migranti BENSI’ si devono esaminare le conseguenze a lungo termine su investimenti, lavoro e rapporti
sociali in tutta la comunità

(massey et al) es: agricoltori messicani possono migrare negli USA perché., nonostante abbaino la terra a
sufficienza non possiedono il capitale necessario per renderla produttiva

Ora il gruppo sociale conta.

Somaliland – earn money for call

Differenti approcci conducono ad altrettante idee diverse di politica migratoria

Neoclassica

 Decisione di migrare individuali – tensione alla massimizzazione del salario


 Si basa sulla offerta migratoria

Nuova economia

 Decisione dipende dal gruppo sociale e da vari altri fattori


 Si basa sull’offerta migratoria

POLITICHE:

 Influenzare le decisioni migratorie sostenendo politiche per il mercato di assicurazioni e


credito
 Provocare opportunità di investimento nei paesi d’origine

Neclassico: frontiere aperte/libertà di migrazione a lungo termine si arriva a un equilibrio

 Borjas 1990 1 posizione: deregomentare il mercato migratorio ma con il rischio di diminuzione degli
stipendi anche nel paese di immigrazione dtaa l’inflazione

Mercato segmentato : si concentra sulla domanda del lavoro

FORTE DOMANDA DI LAVORO NON SPECIALIZZATO

 Mette a repentaglio il controllo delle frontiere


 Mercato nero del migrante – opportunità per trafficanti di persone
Possibili politiche:

 Togliere gli incentivi alla assunzione di lavoratori senza documentazione di ingresso


 Rischio che questo possa far scomparire settori di economia ad alta intensità di lavoro

Approccio storico- culturale , anni 70, 80

‘la migrazione come il mezzo per mettere in movimento manodopera a basso costo per il capitale’, basata
sulla teoria della dipendenza, di ispirazione marxista (sottosviluppo diretta conseguenza dello sfruttamento
di risorse fatta dal colonialismo)

Critiche alle teorie storico-strutturali

Neoclassico trascurava CAUSE STORICHE E RUOLO DELLO STATO

Storico- funzionale EVIDEN

TEORIA DEI SISTEMI MIGRATORI

 Un sistema migratorio è costituito da 2+ paesi tra i quali esistono flussi di migranti


 Un paese può far parte di diversi sistemi migratori (pacifico meridionale, africa occidentale)

MICRO:

o reti sociali, usanze, credenze


o catene migratorie,
o CAPITALE CULTURALE
o CAPITALE SOCIALE

MACRO:

 economia politica (sviluppo di produzione, distribuzione e scambio),


 prassi per controllare la migrazione e insediamenti migratori
 relazioni internazionali che hanno facilitato o meno certi flussi

seconda generazione------- vedi foto