Sei sulla pagina 1di 23

Dipartimento di

Osteopatia Cranio-Sacrale

MENINGI E MEMBRANE
A TENSIONE RECIPROCA

© 2011 Tutti i diritti sono riservati


Meningi e membrane a tensione reciproca

MENINGI E MEMBRANE A TENSIONE RECIPROCA

1. INTRODUZIONE

Le meningi rappresentano il rivestimento di protezione e nutrizione del sistema nervoso


centrale, sia a livello dell’encefalo che del midollo spinale.

Dall’esterno all’interno distinguiamo due tipi di membrane (meninge=madre):


- la pachimenige: è la dura madre, fibrosa e di protezione;
- le leptomeningi, o meningi molli:
aracnoide, sierosa costituita da due foglietti
pia madre, avente funzione di nutrizione per il nevrasse (pia=delicata).

Questi tre strati membranosi determinano la formazione di tre spazi tra la parete ossea ed il
nevrasse. Gli spazi situati tra le meningi sono:
- spazio extra-durale: tra la diploe e la dura madre;
- spazio sub-durale o sotto-durale: tra la dura madre e l’aracnoide;
- spazio sub-aracnoideo o sotto-aracnoideo: tra l’aracnoide e la pia madre, in cui circola il
liquido cefalo-rachidiano.
- La pia madre è intimamente adesa al tessuto nervoso.

Rapporti tra le meningi ed i nervi cranici e rachidei:


Tutti i nervi, ad eccezione del nervo olfattivo (I n.c.) e del nervo ottico (II n.c.), sono in stretto
contatto con le meningi.
La dura madre aderisce al periostio rivestendo completamente la faccia interna del cranio e il
canale rachideo, contornando i forami attraverso cui passano i nervi sia cranici che rachidei.
Si prolunga ,inoltre, fuori dal nevrasse formando l’epinevrio dei nervi.
La pia madre aderisce intimamente al tessuto cerebrale inguainando le radici dei nervi a livello
degli orifizi, e si prolunga al di fuori del nevrasse formando lo strato interno del nevrilemma dei
nervi.

2
Meningi e membrane a tensione reciproca

Figura 1- Le membrane a tensione reciproca

4. LA DURA MADRE (DURA MATER ENCEPHALI)

La dura madre è la più superficiale delle tre meningi, è la più spessa e resistente, è di colore
bluastro ed ha consistenza fibrosa. Viene anatomicamente distinta in dura madre cranica e dura
madre spinale (core link). La prima ricopre la faccia interna della scatola cranica unendosi
intimamente al periostio endocranico; la seconda si estende dal cranio fino alla parte media del
canale sacrale (S2).

3
Meningi e membrane a tensione reciproca

2.1 Dura madre cranica

Presenta uno spessore di 1 o 2 mm ed è formata da 2 foglietti:

 Il foglietto esterno è adeso alla parete interna del cranio, ma con diverse modalità:
- A livello della volta la dura madre tappezza tutta l’estensione della faccia interna delle
placche ossee, ma con una aderenza relativa, mentre aderisce fortemente lungo il
decorso delle suture.
- A livello della base cranica, invece, essa aderisce molto fortemente alle pareti ossee; tale
unione è particolarmente potente a livello delle salienze ossee intracraniche e degli
orifizi di passaggio per i nervi e i vasi cranici. Aderisce in modo considerevole ai margini
del foro occipitale e alle prime tre vertebre cervicali.
 Il foglietto interno emette dei prolungamenti e dei ripiegamenti che dividono in setti la
cavità cranica e contornano i seni venosi. Questi prendono il nome di membrane a tensione
reciproca (M.T.R.).

La dura-madre nel suo spessore contiene:

 Le arterie e le vene meningee


 I “laghi” sanguigni
 I seni venosi

2.1.1 MTR, membrane a tensione reciproca


Esse sono delle espansioni della dura madre cranica e hanno origine a partire dal foglietto
interno della dura madre stessa. Tali setti suddividono il cranio formando delle cavità.
A livello delle inserzioni ossee, le membrane si sdoppiano in due foglietti e costituiscono i seni
venosi. Le membrane principali sono quattro:
 falce del cervello;
 falce del cervelletto;
 tentorio del cervelletto;
 diaframma della sella o tenda dell’ipofisi.

4
Meningi e membrane a tensione reciproca

Falce del cervello (Falx Cerebri o grande falce)


E’ un setto sagittale mediano della dura madre. Ha la forma di una falce e separa i due emisferi
cerebrali. Presenta:
 Una base, obliqua dall’alto in basso e dall’avanti in dietro, perpendicolare alla parte
mediana del tentorio del cervelletto. E’ percorsa per tutta la sua lunghezza, dall’avanti in
dietro, dal seno retto.
 Un’estremità anteriore che si inserisce sulla crista-galli etmoidale e sul foro cieco del
frontale.
 Un margine superiore, convesso in alto, che origina dal forame cieco del frontale
inserendosi poi, tramite uno sdoppiamento sulla linea mediana, sui margini della doccia
del seno longitudinale superiore fino alla protuberanza occipitale interna.
 Il margine inferiore, concavo e libero, che corrisponde alla superficie superiore del corpo
calloso e contiene nel suo spessore il seno sagittale inferiore.
 Due facce laterali che corrispondono alle facce interne dei due emisferi cerebrali.

Falce del cervelletto (Falx cerebelli o piccola falce)


E’ anch’essa un setto verticale e mediano, posto nella fossa cranica posteriore, tra i due emisferi
del cervelletto. Presenta:
 Le facce laterali corrispondono agli emisferi cerebellari.
 Il margine posteriore, convesso e aderente al periostio, si inserisce sulla cresta occipitale
interna e accoglie il seno occipitale.
 Il margine anteriore è concavo e libero, corrisponde alla grande scissura mediana del
cervelletto (verme cerebellare).
 La base è superiore, aderente alla faccia inferiore mediana del tentorio cerebellare e in
continuità con la falce cerebrale.
 L’apice è diretto in basso e in avanti, si biforca a livello del grande forame occipitale.

Tentorio del cervelletto (Tentorium Cerebelli)


E’ un setto trasversale situato nella fossa cranica posteriore, esso separa il cervello dal
sottostante cervelletto. E’ convesso verso l’alto e fortemente inclinato dall’alto in basso e
dall’avanti all’indietro. Ha la forma di mezzaluna a concavità anteriore e presenta:

5
Meningi e membrane a tensione reciproca

 Una faccia superiore di supporto per i lobi occipitali. Sulla linea mediana dà inserzione alla
base della falce del cervello, al di sopra del seno retto.
 Una faccia inferiore che ricopre il cervelletto, a cui aderisce sulla linea mediana la falce del
cervelletto.
 Un margine posteriore, detto anche grande circonferenza di Vicq d’Azir; è convesso
posteriormente, fortemente adeso alla scatola cranica e rappresenta un elemento molto
importante per la cinetica della base cranica. Si inserisce:
- Con la sua parte posteriore sulla protuberanza occipitale interna e sulle due labbra
della doccia dei seni laterali, accogliendo nei suoi sdoppiamenti questi seni.
- Con le sue parti laterali si inserisce a livello degli angoli inferiori – posteriori dei
parietali, sul margine superiore della rocca petrosa circondando il seno petroso
superiore. Passa poi a ponte sull’incisura del nervo trigemino (V n.c.) formando un
orifizio osteo-fibroso; infine termina anteriormente sui processi clinoidei posteriori
dello sfenoide.
 Un margine anteriore, o piccola circonferenza di Vicq d’Azir, libero e concavo
anteriormente. Esso limita, insieme alla lamina quadrilatera dello sfenoide e alla doccia
basilare dell’occipite, il forame ovale di Pacchioni, che consente il passaggio del tronco
cerebrale. Anteriormente si inserisce sullo sfenoide a livello dei processi clinoidei anteriori.

 Le estremità anteriori della piccola e della grande circonferenza formano, dopo il loro
incrocio, delle espansioni triangolari che formano le pareti interne ed esterne del seno
cavernoso. Nella parte esterna di tale seno si trovano il nervo oculomotore (III n.c.), il
nervo trocleare (IV n.c.), la branca oftalmica del nervo trigemino (V 1 n.c.). Tra la parete
esterna e quella interna si situa il seno cavernoso propriamente detto che offre passaggio
all’arteria carotide interna e al nervo abducente (VI n.c.).

Tenda dell’ipofisi (Diaframma sellae)


E’ un setto orizzontale, di forma quadrilatera, teso al di sopra della sella turcica e dell’ipofisi. Si
inserisce saldamente al dorso della sella, al margine posteriore della doccia ottica e alle quattro
apofisi clinoidee. E’ costituita da due foglietti, uno profondo che discende nella sella turcica e
uno superficiale a livello della doccia ottica. E’ attraversata nella zona centrale da un orificio
circolare per il passaggio del peduncolo ipofisario e contiene nel suo sdoppiamento il seno
coronale.

6
Meningi e membrane a tensione reciproca

Le quattro membrane sono in continuità tra loro e con i prolungamenti durali spinali. Prima della
nascita sono le M.T.R. che mantengono la stabilità della base e delle placche ossee della volta.
Nell’adulto esse mantengono l’equilibrio tensionale delle differenti componenti ossee del cranio
tra loro e in rapporto al resto della struttura scheletrica. Il punto risultante di queste tensioni
meccaniche si pone a livello del fulcro di Sutherland. Questa zona si localizza nel punto di
inserzione della falce del cervello, della falce del cervelletto con il tentorio del cervelletto. Questa
zona, inoltre, è un importante punto di raccolta di tutto il sangue venoso per la presenza del
seno retto. La zona del seno retto ha dunque un ruolo importante sia per l’emodinamica che la
cibernetica corporea.

I prolungamenti della dura madre, inoltre, partecipano alla formazione della cavità di Meckel,
dove riposa il ganglio di Gasser, e del sacco endolinfatico.

Figura 2- MTR: visione coronale

7
Meningi e membrane a tensione reciproca

2.2 Dura madre spinale (Dura Mater Spinalis o core link)

Forma un manicotto cilindrico situato all’interno del canale midollare rachideo. Occupa
pressoché la totalità dell’altezza del canale rachideo e si estende dall’occipite ad S2, mentre il
midollo spinale non oltrepassa il livello di L2.

Si inserisce in alto sulla circonferenza del forame occipitale, prolungando la sua inserzione sulla
faccia posteriore del corpo di C2 e in basso sulla faccia posteriore del corpo di S2.
E’ separata dal canale osseo dallo spazio epidurale. Tale spazio, più largo posteriormente, è
riempito da un grasso molto fluido ed attraversato da voluminose vene dei plessi venosi intra-
rachidei e dalle arterie destinate al midollo e alle meningi.
Nella parte inferiore del cul di sacco durale, tra L2 e S2 si trova la cauda equina. Il sacco durale
termina caudalmente nel filum terminalis del midollo spinale, lungo circa 10-15 cm. Il filum
terminale discende per fissarsi alla parte posteriore del coccige con il nome di legamento
coccigeo.

Ad ogni livello vertebrale, la dura madre emette due espansioni cilindriche che circondano le
radici nervose e si continuano poi nei nervi periferici.

Figura 3- MTR: visione laterale

8
Meningi e membrane a tensione reciproca

3. L’ARACNOIDE

3.1 Aracnoide cranica (Arachnoidea Encephali)

E’ una membrana connettiva sierosa, sottile, areata come una garza e situata tra dura madre e
pia madre. Superiormente ed inferiormente all’aracnoide si distinguono:
 Lo spazio sovra-aracnoideo, situato tra l’aracnoide e la dura madre; è una cavità linfatica
quasi virtuale che concede passaggio alle vene e ai nervi del nevrasse e ad alcune arterie
cerebrali.
 Lo spazio sub-aracnoideo, situato tra l’aracnoide e la pia madre, molto sinuoso e riempito
di L.C.R.

In alcune zone lo spazio sub-aracnoideo si allarga a formare dei “laghi” o canali, assumendo dei
nomi differenti:
- rivulus (piccolo ruscello): per l’irrigazione di un piccolo solco cerebrale;
- rivus (ruscello): per l’irrigazione di un grande solco;
- flumen (fiume): per l’irrigazione di una scissura;
- canale di confluenza (lago): funge da cisterna di deposito di liquor.

Si distinguono:
 la confluenza antero-superiore opto-chiasmatica, che si estende dal chiasma ottico alla
protuberanza anulare;
 la confluenza antero-inferiore o cisterna basale, in continuità con la confluenza opto-
chiasmatica, dal bulbo alla protuberanza anulare;
 la confluenza antero-laterale o del Silvio, a livello del segmento inferiore della scissura del
Silvio;
 la confluenza postero-inferiore o bulbo-cerebellare o grande cisterna, tra bulbo e cervelletto;
 la confluenza postero-superiore o lago cerebellare, tra la protuberanza anulare e il
cervelletto;
 la confluenza postero-laterale o ponto-cerebellare, tra la protuberanza anulare e il
cervelletto;
 la confluenza midollare, che circonda il midollo, dal bulbo al cul di sacco della dura madre.

9
Meningi e membrane a tensione reciproca

3.2 Aracnoide spinale

Essa è il prolungamento della grande cisterna cranica. E’ molto spessa a livello e rachide, dove il
diametro del midollo spinale è inferiore rispetto a quello del canale rachideo. La spazio rachideo
è riempito dal L.C.R. che bagna le radici nervose e la cauda equina, prolungandosi fino al cul di
sacco durale. E’ diviso in setti mediante i legamenti dentati, che sono un’espansione laterale
della pia madre. A livello dei forami di coniugazione l’aracnoide invia un prolungamento che
accompagna le radici nervose.

4. LA PIA MADRE (PIA MATER)

4.1 La pia madre cranica

Sottile, trasparente, molto vascolarizzata, essa ricopre interamente e intimamente l’encefalo,


fino ai più profondi recessi, pur senza aderire al tessuto nervoso. Essa costituisce, a livello della
fessura di Bichat, i plessi corioidei, per la produzione del L.C.R.

4.2 La pia madre spinale

Forma una guaina cilindrica aderente al tessuto nervoso e tappezza i diversi solchi del midollo.
Lateralmente, a livello delle radici nervose è in contatto con il nevrilemma dei nervi.
Tra l’emergenza delle radici anteriori e posteriori, essa emette trasversalmente un
prolungamento “a festoni”: il legamento dentellato che separa le due radici nervose e termina
sulla faccia interna del manicotto durale.

10
Meningi e membrane a tensione reciproca

5. VASCOLARIZZAZIONE MENINGEA

5.1 Meningi craniche

 La dura madre nel suo spessore riceve la vascolarizzazione arteriosa delle arterie meningee.
Si distinguono:
- Le arterie meningee anteriori (branche delle arterie etmoidali).
- Le arterie meningee medie e piccole (rami dell’arteria mascellare interna).
- Le arterie meningee posteriori (rami dell’arteria vertebrale).

 Le vene di ritorno delle meningi della dura madre, disposte in una rete superficiale e in una
rete profonda, sono satelliti delle arterie meningee e si riversano al di fuori del cranio
tramite:
- I seni venosi della dura madre (via di ritorno intra-cranica).
- Le vene oftalmiche in avanti.
- Il plesso pterigoideo e le vene mascellari interne (via di ritorno extra-cranica).

5.2 Meningi rachidee

 Le arterie vertebrali.
Nascono dall’arteria succlavia, risalgono all’interno del canale trasversario, al di fuori del canale
rachideo, quindi contornano le masse laterali dell’atlante per perforare successivamente la dura
madre e penetrare nel cranio dal foro occipitale. Esse danno origine alle arterie spinali anteriori
e posteriori e si continuano poi in un tronco comune: il tronco basilare.
Oltre alla parte posteriore del cranio, esse irrorano le meningi e il midollo cervicale con le arterie
del rigonfiamento cervicale.

 Le arterie spinali.
- A livello toracico il midollo e le meningi sono vascolarizzate dall’arteria radicolare dorsale di
D7-D8 e dai rami dorso-spinali delle arterie intercostali.
- Il midollo e le meningi lombo-sacrali sono vascolarizzati dalle arterie radicolari lombari e
sacrali.

 Le vene spinali.
Le vene sono tutte di piccolo calibro e sfociano nei plessi venosi intrarachidei.

11
Meningi e membrane a tensione reciproca

6. INNERVAZIONE DELLE MENINGI

6.1 Meningi craniche

 Per la fossa cranica anteriore. (Parte anteriore della dura madre e della tenda del
cervelletto):
- Fibre del nervo etmoidale del ramo nasale dell’oftalmico (V 1 n.c.) e nervo ricorrente di
Arnold per la tenda del cervelletto.
- Fibre orto-simpatiche provenienti dalla rete orto-simpatica peri-arteriosa carotidea (in
relazione con il ganglio cervicale superiore).

 Per la fossa cranica media.


Provenienti dal nervo trigemino, si applicano sull’arteria meningea media e ne seguono la
distribuzione, ricevendo anastomosi dalle fibre simpatiche che accompagnano questo vaso.
Si distinguono:
- il nervo mascellare superiore, per la regione media;
- il nervo mascellare inferiore, per la regione della grande ala dello sfenoide e le cellule
mastoidee del temporale.

 Per la fossa cranica posteriore.


- Fibre sensitive provenienti dai nervi glosso-faringeo (IX n.c.), vago (X n.c.), e ipoglosso
(XII n.c.) per la dura-madre posteriore.
- Nervi del tentorio o ricorrenti di Arnold: nascono dall’oftalmico (V1 n.c.), prima che
questo nervo entri nell’orbita, incrociano o perforano il trocleare (IV n.c.), che è loro
accollato e, piegando indietro, penetrano nello spessore del tentorio cerebellare.

 L’aracnoide e la pia-madre sono innervate da filetti orto-simpatici che accompagnano il


decorso dei vasi.

6.2 Meningi Spinali

Le meningi rachidee sono innervate dai nervi seno-vertebrali o nervi di Luschka o rami meningei.
Ciascun nervo seno-vertebrale penetra all’interno del canale rachideo attraverso il foro di
coniugazione corrispondente e possiede un ramo simpatico proveniente dalla catena latero-
vertebrale ed un ramo sensitivo proveniente dalla radice posteriore del nervo rachideo.

12
Meningi e membrane a tensione reciproca

7. FISIOLOGIA DELLE MEMBRANE A TENSIONE RECIPROCA

Le membrane a tensione reciproca hanno, in base alle loro inserzioni e alla loro disposizione, un
ruolo di riequilibrio all’interno del cranio. Questo ruolo si estende al sacro e a tutto il corpo.
Mentre il L.C.R. consente una trasmissione fluida del M.R.P., le membrane a tensione reciproca
sono l’elemento vettore della trasmissione meccanica del M.R.P. alle componenti ossee del
cranio e del sacro, cosi come l’elemento meccanico di sostegno sono le fasce.

Nel corso dell’INSPIRAZIONE PRIMARIA della S.S.B.:

 La falce del cervello.

Descrive un leggero movimento in un piano antero-posteriore:


- La parte anteriore del suo polo d’inserzione anteriore, situata tra il foro cieco e l’inizio
della cresta frontale, parte in avanti e in basso, inducendo la glabella nella stessa
direzione.
- La parte posteriore del polo d’inserzione anteriore, situata a livello dell’apofisi crista galli,
parte verso il dietro e verso l’alto. L’etmoide bascula verso dietro e il nasion si affossa.
- Il polo d’inserzione posteriore, situato a livello della protuberanza occipitale interna,
discende verso il basso-dietro, come anche la squama occipitale.
- Il bordo superiore, a livello sutura metopica, parte all’indietro e traziona posteriormente
le labbra della sutura stessa. Questo arretramento della sutura metopica, serve da
contrappoggio al movimento di rotazione esterna degli emi-frontali.
- Il bordo inferiore libero della falce parte indietro e in basso. Il bordo d’inserzione con la
tenda del cervelletto discende.
Di conseguenza la falce del cervello discende, inducendo verso il basso le labbra della sutura
inter-parietale e permettendo per la contro forza un movimento di apertura in rotazione
esterna dei parietali.
La volta nel complesso quindi si abbassa.

 La tenda del cervelletto.

Quando il tetto è deteso per la discesa del bordo inferiore della falce e, quando le inserzioni
occipitali discendono con la squama occipitale, la tenda si affossa, si appiattisce. Essa è costituita
da due tipi di fibre:
13
Meningi e membrane a tensione reciproca

- le fibre oblique quasi trasversali;


- le fibre oblique quasi longitudinali.
Questi due tipi di fibre conducono i temporali nei movimenti di rotazione e di apertura e
chiusura .
- I suoi punti d’inserzione clinoidei, sotto l’impulso dello sfenoide, partono in avanti e in
alto, aumentando ancora l’affossamento della tenda.
- I suoi poli d’inserzione laterale si anteriorizzano e si portano lateralmente, portando in
questo modo i temporali ad effettuare un movimento di rotazione esterna sui pivot
petro-giugulari e sui binari petro-basilari.

 La tenda dell’ipofisi.

Risale per l’intermediazione del movimento ascensionale della sella turcica;

L’arco inferiore osseo costituito dall’occipite, dalle rocche, da etmoide e sfenoide costituisce la
base, mentre quello superiore, membranoso, è costituito dalla falce del cervello e dal tentorio
del cervelletto. L’arco membranoso adatta le tensioni della base e le ossa della volta seguono,
con i loro movimenti adattativi, le tensioni reciproche del cranio.

 La dura madre spinale – core-link.

S’inserisce fortemente al forame occipitale e alla parte posteriore di S2-S3. Essendo inestensibile
per natura, ricopre un ruolo di vettore di trasmissione meccanica dell’M.R.P. dal cranio al sacro.
Il movimento di risalita del foro occipitale nel corso dell’inspirazione primaria cranica, provoca
l’ascensione della dura madre, la quale porterà il sacro in una posizione di flessione attorno
all’asse respiratorio di Sutherland passante per S2, in alto e indietro rispetto all’inserzione della
dura madre. L’apice sacrale si anteriorizza mentre la base, al contrario, si posteriorizza. Nel
complesso il sacro durante la fase inspiratoria primaria cranica tende a verticalizzarsi. Le
componenti di tensione meccanica membranosa cranica del M.R.P. sono dunque trasmesse al
sacro e viceversa il sacro trasmette le sue tensioni meccaniche alle membrane craniche.

14
Meningi e membrane a tensione reciproca

Le tensioni reciproche inter-membranose saranno dunque risultanti di tutti i parametri meccanici


del cranio e del sacro.
Il sacro si adatta da una parte al bacino e agli arti inferiori, dall’altra alla colonna; il cranio si
adatta a sua volta al sacro, alla colonna e agli arti superiori. Cranio, colonna e sacro sono inoltre
in relazione con le catene fasciali; dunque le tensioni reciproche di queste membrane sono, in
effetti, la risultante di tutti i parametri di tensione meccanica del corpo.

Il punto di equilibrio di queste tensioni si situa sulla linea d’inserzione del bordo inferiore della
falce del cervello con il tentorio del cervelletto, a livello dell’estremità anteriore del seno retto.
Questo punto di equilibrio cambia posizione su questa linea in funzione delle tensioni
meccaniche del corpo. Questo è il “Fulcro di Sutherland”, il punto di fulcro ideale è il punto
risultante dell’equilibrio perfetto della struttura meccanica.
Le catene fasciali profonde seguono anch’esse un movimento ascensionale nel corso della fase
inspiratoria primaria, anch’esse cioè risalgono verso il cranio favorendo l’ascensione della SSB.
Le catene fasciali superficiali al contrario hanno un movimento opposto di fluttuazione e di
conseguenza discendono durante la fase inspiratoria cranica.

In conclusione tutti gli squilibri di tensione reciproca di queste membrane saranno segni di una
perturbazione dell’omeoresi che si ripercuoteranno con una disfunzione nella struttura muscolo-
sheletrico-fasciale. Analogamente ogni correzione effettuata su una disfunzione della struttura
muscolo-scheletrica-fasciale parteciperà alla riarmonizzazione delle tensioni di queste
membrane e al ristabilirsi dell’omeoresi, elemento essenziale dell’omeostesi, fattore essenziale
del metabolismo cellulare, che a sua volta è fattore primordiale della prevenzione e della
conservazione dello stato di salute.

15
Meningi e membrane a tensione reciproca

Figura 4- Movimento fisiologico delle MTR.

16
Figura 5- Le radici rachidee e i legamenti dentati.

1. Cordone laterale del midollo


2. Cordone anteriore del midollo
3. Scissura mediana anteriore
4. Scissura collaterale anteriore
5. Dura madre
6. Legamenti dentati
7. Nervi seno-vertebrali
8. Branca anteriore del nervo rachideo
9. Branca posteriore del nervo rachideo
10. Nervo rachideo
11. Radice rachidea anteriore
12. Radice rachidea posteriore
13. Corno anteriore del midollo
14. Canale ependimale
15. Corno posteriore del midollo
Figura 6- Disposizione delle
meningi craniche (secondo
Bourrer e Louis). A sinistra:
concezione moderna. A destra:
concezione classica (di Bichat).

1. Diploe
2. Dura madre
3. Foglietto parietale
aracnoideo
4. Foglietto viscerale
aracnoideo
5. Pia madre
6. Corteccia encefalica
a. Spazio extra-durale
b. Spazio sotto-durale
c. Spazio sotto-
aracnoideo

Figura 7- Rappresentazione schematica


del cul di sacco durale (taglio frontale).

1. 11a vertebra dorsale


2. Midollo spinale
3. 2a vertebra lombare
4. Spazio sotto-aracnoideo
5. 1a vertebra sacrale
6. 2a vertebra sacrale
7. Spazio epidurale
8. Legamento coccigeo
8’ Filum terminale
9. Cul di sacco durale
10. Aracnoide
11. Legamento dentato
Figura 8- Taglio trasversale del midollo e delle meningi rachidee (schema).
1. Spazio epidurale 7. Legamento dentato
2. Dura madre 8. Pia madre
3. Pia madre 9. Vena longitudinale posteriore
4. Corpo vertebrale 10. Spazio sotto-aracnoideo
5. Vena longitudinale anteriore 11. Aracnoide
6. Nevrilemma del nervo rachideo 12. Spazio sovra-aracnoideo

Figura 9- La dura madre rachidea


(taglio orizzontale della colonna
vertebrale).

1. Corpo vertebrale
2. Legamento vertebrale comune
posteriore
3. Opercolo della dura madre
4. Guaina della dura madre attorno
al nervo rachideo
5. Dura madre
6. Spazio epi-durale
7. Arco vertebrale posteriore
8. Legamento anteriore della
fodera durale
1. Radice rachidea posteriore
2. Radice rachidea anteriore
3. Ganglio spinale
4. Arteria radicolare
5. Nervo rachideo
6. Legamento dentato
7. Rete arteriosa della pia madre
8. Aracnoide
9. Spazio aracnoideo
10. Guaina durale del nervo rachideo
11. Radice simpatica del nervo seno-
vertebrale
12. Nervo seno-vertebrale
13. Plesso venoso intra-rachideo
14. Pia madre
15. Arterie spinali anteriori
16. Scissura mediana anteriore del
midollo e arteria solco-
commessurale
17. Sostanza grigia midollare
18. Arteria inter-fascicolare
19. Arteria spinale posteriore
20. Tronco venoso mediano anteriore
21. Tronco venoso antero-laterale
22. Tronco venoso postero-laterale
Figura 10- Le guaine del midollo (secondo 23. Tronco venoso mediano posteriore
Paturet).

Figura 11- Le guaine meningee del midollo (lato sinistro, segmento inferiore del taglio passante
per le radici del lato sinistro).
1. Sacco durale 6. Ganglio spinale
2. Aracnoide 7. Pia-madre
3. Legamento dentato 8. Tessuto sotto-aracnoideo
4. Scissura mediana anteriore 9. Setto mediano posteriore
5. Nervo rachideo 10. Midollo cervicale
Figura 12- Spazi sotto-aracnoidei.
d. Aracnoide 12. Chiasma ottico
e. Pia-madre 13. Tubercolo mammillare
1. Cervelletto 14. Ipofisi
2. Tubercolo quadrigemino anteriore 15. Acquedotto di Silvio
3. Epifisi 16. Quarto ventricolo
4. Commessura bianca posteriore 17. Protuberanza anulare
5. Abenula 18. Bulbo rachideo
6. Terzo ventricolo 19. Confluenza anteriore (opto-
7. Commessura grigia chiasmatica)
8. Setto pellucido 20. Confluenza inferiore (cisterna basale)
9. Trigono cerebrale 21. Confluenza posteriore
10. Forame di Monro 22. Confluenza superiore
11. Commessura bianca
Figura 13- I territori arteriosi
del midollo (secondo Lazorthes).
i. Territorio arterioso superiore
ii. Territorio dorsale
iii. Territorio inferiore
1. Arteria vertebrale
2. Arteria radicolare
3. Arteria sotto-claveare
4. Arteria radicolare dorsale
5. Aorta discendente
6. Grande arteria radicolare di Adamckievicz
1. Legamento longitudinale anteriore
2. Vena emi-azigos inferiore
3. Tronco basi-vertebrale (vena irradiata)
4. Vena longitudinale anteriore
5. Branca posteriore del nervo
intercostale
6. Plesso venoso del foro di coniugazione
7. Plesso extra-rachideo posteriore
8. Plesso trasverso posteriore
9. Vena longitudinale posteriore
10. Vena intercostale posteriore
11. Nervo intercostale
12. Plesso trasverso anteriore
13. Tronco collettore principale
13’. Grande vena azigos
14. Vene diploiche
15. Plesso extra-rachideo anteriore

Figura 14- I plessi venosi rachidei (secondo


Paturet).

Figura 15- Vascolarizzazione


arteriosa del midollo (taglio
trasversale).
1. Arteria solco-commessurale
2. Cerchio peri-midollare
3. Rami arteriosi
4. Rami laterali
5. Rami posteriori
6. Arterie intra-fascicolari
7. Anastomosi longitudinali
8. Arterie radicolari posteriori