Sei sulla pagina 1di 1

Tabella.

CASI (sostantivi)
Táblázat. Esetek (f ő 
ő névek)
 

Caso Suffisso Esempio


 Eset  Rag Pelda
nominativo
- ház casa
nominativus
1
accusativo
-et, -ot, -öt házat casa
accusativus
2
dativo
-nak, -nek háznak della casa
dativus
strumentale
-val, -vel 3 házzal con la casa
instrumentalis-comitativus
causale
-ért házért per la casa
causalis-finalis
traslativo
-vá, -vé3 házzá in una casa
translativus(-factivus)
superessivo
-en, –on, -ön házon sopra la casa (stato)
superessivus
sullativo
-ra, -re házra sulla casa (moto)
sublativus
delativo
-ról, -ről házról da sopra la casa (moto)
delativus
inessivo
-ban, -ben házban nella casa (stato)
inessivus
elativo
-ból, -ből házból fuori di casa (moto)
elativus
illativo
-ba, -be házba in casa (moto)
illativus
adessivo
-nál, -nél háznál a casa (stato)
adessivus
allativo
-hez, -hoz, -höz házhoz alla casa (moto)
allativus
ablativo
-tól, -től háztól dalla casa (moto)
ablativus
terminativo
-ig házig fino alla casa (moto)
terminativus
formativo
-ként ház come una casa
essivus-formalis

Ogni suffisso ungherese ha più p reposizioni italiane corrispondenti e, in genere, è usato per più casi.
I 17 suffissi di caso  sopra elencati si aggiungono a tutte le radici nominali (pronome, nome proprio, aggettivo, numerale, radice
suffissata). Ecco gli altri 9 casi “discutibili”, che non hanno tutte le combinazioni (la “V” sta per una vocale, bassa o alta a seconda
dell’armonia vocalica): modale/ essivus-modalis
essivus-modalis (-Vl); distributivo/ distributivus
distributivus (-nként); temporale-distributivo/ distributivus-
distributivus-
temporalis (-VntV); formale/   formalis (-képp/-képpen); associativo/ sociativus
sociativus (-VstVl); locativo/ locativus
locativus (-t/-Vtt);
temporale/ temporalis
temporalis (-kor); moltiplicativo/ multiplicativus
multiplicativus (-szVr); modale-essivo/ modalis-essivus
modalis-essivus (-lVg).
NOTE
1) Il suffisso accusativo (-Vt) può essere omesso nel caso che sia preceduto da un suffisso possessivo (es.: “Vendo la mia casa” ,
ungh. eladom a házam ma anche eladom a házamat ). ).
2) Il suffisso dativo (che segna l’oggetto indiretto) è usato anche per il genitivo/ genitivus
genitivus (segna il possessore), che si forma in due
modi possibili, es.: “la casa di Giovanni”, ungh. a Jonás háza oppure a Jonásnak a háza.
3) Con parole terminanti in consonante, quest’ultima raddoppia e tali suffissi perdono la v.

2014 - a cura di Giuseppe Dimola per il blog: http://amicizia-italo-ungherese.blogspot.it

Potrebbero piacerti anche