Sei sulla pagina 1di 2

ANALISI E PRODUZIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO

Come è difficile essere figli, come è difficile essere genitori


Intervista a Luigi Ballerini, medico e psicanalista

Quali sono oggi i maggiori motivi di disagio per i ragazzi, secondo la sua esperienza?
Si parla spesso di genitori assenti, ma mi sentirei di dire che uno dei motivi di maggiore disagio è,
paradossalmente, l’intrusività dei genitori. I ragazzi vanno a prendere informazioni ai banchetti negli open
day universitari accompagnati da mamma e papà. Quando fanno i test di ingresso alle università, i genitori li
seguono quasi fin dentro ai laboratori informatici, e poi restano fuori ad aspettare.
E non solo: le agenzie per il lavoro dicono che sempre più spesso sono i genitori ad andare in sede per
consegnare i curricula dei loro pargoli. Ma che cosa si può mai pensare di un ragazzo che non si dà una
mossa neanche per venire a presentarsi? Ovviamente quei curricula finiscono ignorati.
Ma che male ci sarebbe, a dare una mano ai figli, quando si può?
A monte di tutto ciò, c’è la propensione dei genitori a vedere i figli fragili, deboli e incapaci. E il non riuscire
a pensarli protagonisti della loro vita in relazione all’età che hanno. Ma se andiamo in profondità, possiamo
vedere che c’è anche la voglia di dare un senso alla propria vita, occupandosi di quella dei figli.
Insomma: è un tentativo di sostituzione. Il desiderio inconsapevole di vivere la vita dei figli perché magari
non si è soddisfatti di come va la propria, di vita. Se un adulto è appagato da quello che fa e che costruisce, si
interessa dei figli ma non è così invadente. Oggi il comportamento intrusivo è equamente distribuito tra tutti i
genitori, e non riguarda solo le madri.
Quali sono le conseguenze?
Alcuni ragazzi sono insofferenti. Altri finiscono per percepirsi e comportarsi effettivamente come fragili.
Altri ancora sviluppano veri e propri sintomi.
Spesso però accade, soprattutto nel caso dei più piccoli, che intervenendo sui genitori, anche proponendo
piccoli cambiamenti e senza nemmeno coinvolgere il figlio, si possono modificare sostanzialmente le cose.
Ecco: la sfida è capire quali per il genitore sono le circostanze che possono innescare un cambiamento, e
favorirle. Un genitore che si dispone a correggersi e a rivedere come pensa al proprio figlio e come si
comporta con lui consegue già un buon primo risultato.
Quali sono i comportamenti dei genitori che andrebbero evitati?
Per semplificare, prendiamo in considerazione quattro modelli di comportamento genitoriale: Chioccia,
Tigre, Elicottero e Spazzaneve. Il genitore Chioccia non riconosce che il figlio è cresciuto e tende a
continuare ad accudirlo oltre ogni ragionevolezza. Il genitore Tigre è autoritario e sovrastante. Il suo
messaggio al figlio è “lo so io qual è il tuo bene, quindi tu devi far tutto quello che ti dico io”. Il genitore
Elicottero è fissato sul controllo, compreso il controllo digitale: deve monitorare il figlio in ogni momento e
sapere tutto di lui. Il genitore Spazzaneve è il modello più recente: è spaventato dalla fatica dei figli e pronto
a tutto per spianare la loro strada. Se un figlio prende 4, non protesta con il figlio, ma con il professore.
Presenta mozioni a scuola perché i compiti sono troppi o perché gli zaini sono troppo pesanti, e per qualsiasi
altra questione, anche minima, che secondo lui può intralciare la strada al figlio.
La soluzione non è adottare un ulteriore modello, ma che i genitori sappiano percepire il figlio come altro da
sé. Che sappiano averne stima e apprezzarlo come un soggetto pensante, che va accompagnato e sostenuto,
ma al quale non bisogna sostituirsi. Un soggetto dotato della facoltà di pensare in proprio, più debole
nell’esperienza per il fatto di essere più giovane, ma non per questo fragile e incapace.

1. Analisi

1.1 Riassumi brevemente il contenuto del testo, indicando i punti salienti delle argomentazioni dell’autore.

1.2 Cosa intende dire l’autore quando afferma che l’interesse dei genitori nei confronti dei figli è un “un
tentativo di sostituzione”?

1.3 L’autore ha scelto le immagini della Chioccia, della Tigre, dell’Elicottero e dello Spazzaneve per
identificare le diverse tipologie di genitori. Spiega con chiarezza il significato di queste scelte.

1.4 Cosa intendere dire l’autore quando afferma che la soluzione al difficile rapporto genitori-figli è che “i
genitori sappiano percepire il figlio come altro da sé”?.
2. Commento

Elabora un testo nel quale sviluppi le tue opinioni sulla questione affrontata nel testo e sulle riflessioni
dell’autore, anche alla luce delle tue conoscenze e della tua personale esperienza.