Sei sulla pagina 1di 66

ESERCITAZIONI di CHIMICA GENERALE

Quaderno degli esercizi

1) Reazioni redox ...................................................................... pag. 1


2) Unità chimiche di massa – Moli ............................................ pag. 3
3) Calcoli stechiometrici fondamentali ...................................... pag. 5
4) Leggi dei gas ..........................................................................pag. 10
5) Reazioni riguardanti gas ........................................................ pag. 13
6) Peso equivalente, valenza, peso atomico ............................... pag. 15
7) Concentrazione delle soluzioni .............................................. pag. 18
8) Reazioni e analisi titrimetrica ................................................ pag. 21
9) Proprietà colligative ...............................................................pag. 26
10) Analisi indiretta ......................................................................pag. 29
11) Equilibri chimici ................................................................... pag. 32
12) Equilibri in soluzione ............................................................ pag. 38
13) Esercizi di termodinamica ..................................................... pag. 46
14) Esercizi di elettrochimica (1) ................................................. pag. 50
15) Esercizi di elettrochimica (2) ................................................. pag. 55
Tabella potenziali elettrodici standard di riduzione a 25°C. ........... pag. 58
Alcune appendici. .......................................................................... pag. 59
REAZIONI REDOX
[NOTA: In moltissime reazioni redox spesso si formano molteplici prodotti, per semplificare il
bilancio useremo solo i prodotti più abbondanti come se fossero gli unici possibili. Nei seguenti
esercizi vengono forniti, quasi sempre, i prodotti di reazione, ad esclusione di quelli proposti in
aula che, pertanto, devono essere conosciuti ]

1) Ossidazione del rame a solfato di rame mediante acido solforico a caldo (il
prodotto di riduzione è SO2).

2) Reazione tra nitrato ferroso e acido nitrico diluito

3) Reazione tra bromuro di potassio e dicromato di potassio in ambiente acido per


acido solforico. (il bromuro viene ossidato a bromo)

4) Reazione tra dicromato di potassio e acido solforoso in soluzione acida per


acido solforico.

5) Riduzione del permanganato di potassio con acqua ossigenata in ambiente


acido per acido solforico.

6) Ossidazione dello iodio con acido nitrico diluito (lo iodio viene ossidato ad
acido iodico)

7) Ossidazione dello zolfo a solfato mediante acido nitrico concentrato

8) Ossidazione dell’alcol etilico (CH3CH2OH) ad aldeide acetica (CH3CHO)


con dicromato di potassio in ambiente acido per acido solforico.

9) Ossidazione dello iodio ad acido iodico mediante clorato di potassio in


ambiente acido per acido solforico (il clorato si riduce a cloruro).

10) Ossidazione dell’arsenico ad arseniato mediante ipoclorito di sodio in


soluzione alcalina per NaOH. (il prodotto di riduzione dell’ipoclorito è il
cloruro)

11) Dismutazione del cloro in presenza di NaOH, a freddo. Il prodotto di


ossidazione è l’ipoclorito.

12) Dismutazione del cloro in presenza di NaOH, a caldo. Il prodotto di


ossidazione è il clorato.

13) Dismutazione dello zolfo in presenza di NaOH. Si formano solfuro e


tiosolfato.

-1-
14) Dismutazione del fosforo in presenza di NaOH. Si formano fosfina (fosfano) e
ipofosfito.

15) Riduzione dell’anidride arseniosa ad arsina (arsano) in ambiente acido per


azione dello zinco metallico. (Per bilanciare in forma molecolare usare l’acido solforico
come acido)

16) Reazione tra arsenico e ipoclorito di potassio in ambiente basico per KOH.
L’arsenico viene ossidato ad arseniato ed il cloro dell’ipoclorito ridotto a
cloruro.

17) Il diossido di manganese viene ossidato a permanganato dal clorato di potassio,


in ambiente basico per KOH. Il prodotto di riduzione è il cloruro.

18) Il dicromato di potassio, in ambiente acido per acido solforico, ossida


l’ossalato di sodio (Na2C2O4) a CO2.

19) Bilanciare opportunamente il seguente processo:


K2Cr2O7 + SO2 + H2SO4 K2SO4 + Cr2(SO4)3 + H 2O

20) Reazione tra permanganato di potassio e ioduro di potassio in ambiente acido


per acido perclorico. Lo ioduro viene ossidato a iodio elementare.

21) Reazione tra permanganato di potassio e solfato ferroso in soluzione acida per
acido solforico

22) Ossidazione del solfuro di piombo(II) a solfato mediante acido nitrico


concentrato.

23) Reazione tra solfato ferroso e dicromato di potassio in ambiente acido per
acido solforico.

24 Reazione tra idrossido di cromo e perossido di sodio. Si formano cromato ed


NaOH.

25) Ossidazione dello iodio a iodato mediante acido nitrico diluito.

26) Ossidazione a solfato del solfito di potassio mediante permanganato di potassio


in soluzione alcalina per KOH.

27) Ossidazione dello zolfo a solfato mediante acido nitrico concentrato

28) Ossidazione dell’acido ossalico (H2C2O4) a CO2 mediante permanganato di


potassio in presenza di acido solforico.

-2-
UNITÀ CHIMICHE DI MASSA - MOLI
[NOTE: con il termine "moli", nel testo vengono spesso genericamente sottintesi i termini
"grammomolecole", "grammoatomi", "grammoioni", "grammoformule".
Le espressioni "vi sono in", "contenuti in", "in" con riferimento alla relazione moli<->grammi di
specifiche sostanze sono da intendersi come "corrispondono a" ]

1) Quante moli di zolfo, S, “vi sono in” 80.25 g di zolfo ?

2) Quante moli di CdCl2 “vi sono in” 62.32 g di questo sale ?

3) a) - Quanti grammi di acido solforico "vi sono in" 0.25 moli di H2SO4 ?
b) - quante moli di idrogeno (H) e di zolfo (S) ?
c) - quanti grammi di idrogeno e zolfo ?

4) Calcolare:
a) - i grammi di solfato di alluminio “contenuti in” 0.25 moli di questo sale
b) - il numero di moli di solfato di alluminio in 126.65 g di sale.

5) Convertire in moli:
a) - 0.18 kg di clorato di bario
b) - 24 g di solfato di rame pentaidrato [rame(II)]
c) - 260 mg di nitrato di rame [rame(II)]

6) Vi sono più molecole in:


a) - 4 millimoli di acido nitrico o in 80 mg di questo acido ?
b) - 4 moli di nitrato di calcio o in 1 kg di cloruro di piombo ? [piombo(II)]
c) - 16 g di cloruro di sodio o in 20 g di cloruro di potassio ?

7) Convertire:
a) - 3 moli di acqua in kg ed in molecole;
b) - 1.7 moli di acido cloridrico in molecole; [cloruro di idrogeno]
c) - 6000 molecole di fosfato tricalcico in tonnellate;
16
d) - 6.0 ×10 molecole di diossido di carbonio in moli.

8) Quante moli di ferro e zolfo “sono contenute”:


a) - in una mole di FeS2 (pirite);
b) - in 1 kg di questo composto ?
19
9) 2.71 ×10 molecole di un composto hanno massa di 3.76 mg. Qual è il peso
molecolare ?
19
10) 1.8 ×10 molecole di NO2 vengono "allontanate" da 10 mg di NO2 ; quante
moli di NO2 rimangono ?

-3-
11) Un campione è costituito da 214 g di clorato di bario monoidrato. Calcolare:
a) quante moli di bario e di cloro e
b) quante molecole di acqua sono in esso contenuti.

12) Una certa quantità di borace (tetraborato di sodio Na 2B4O 7) “contiene” 0.33
moli di ossigeno, O. Quante millimoli di boro, B, sono in essa “contenute” ?

13) Calcolare il peso atomico del gallio, sapendo che il 60 % degli atomi di gallio
ha un numero di massa 69 e il 40 % numero di massa 71.

16) Quanti atomi di idrogeno e di ossigeno vi sono in 25 g di acqua.


3 3
17) Quanti atomi vi sono in 1 cm di piombo, la cui densità è 11.3 g / cm ?

18) Qual è il peso in microgrammi di 1 miliardo di atomi di oro.


-1
19) Il rame è costituito da due isotopi con masse molari 62.96 g mol (70.5%) e
-1
64.96 g mol (29.5%). Calcolare il peso atomico del rame.

SOLUZIONI

1) 2.5 2) 0.34
3) a - 24.5 g b - 0.5 moli H; 0.25 moli S; c - 0.5 g idrogeno; 8.0 g S
4) a - 85.6 g b - 0.37 moli
-3
5) a - 0.59 moli b - 0.096 moli c - 1.38 ×10
6) a - 0.4 mmoli HNO3 b - 4 moli Ca(NO3)2 c - 16 g NaCl
24 23
7) a - 0.054 Kg; 1.8 ×10 b - 1.02 ×10 molecole
-24 -7
c - 3.4 ×10 tonn. d - 1.15 ×10 moli
8) a - 1 mole di Fe e 2 moli di S b - 8.33 moli di Fe e 16.7 moli di S
-4
9) 83.5 g/mol 10) 1.87 ×10 moli di NO2
11) a - 0.664 moli di Ba e 1.328 moli di Cl
23
b - 4 ×10 molecole di acqua
12) 189 mmoli di boro 13) p.atomico gallio 69.8 u.m.a.
23 23
16) 16.744 ×10 atomi di H e 8.372 ×10 atomi di ossigeno
22 -7
17) 3.28 ×10 18) 3.3 ×10 µg
19) 63.55 g/mol

-4-
CALCOLI STECHIOMETRICI FONDAMENTALI
[NOTA: le percentuali, se non altrimenti specificato, sono da considerarsi “% in massa”]

1) Calcolare la percentuale del cromo nel carbonato di cromo (allo stato di ossid.
stabile).

2) Determinare la composizione percentuale dell'allume ferrico:


K2SO4 Fe2(SO4)3.24 H2O

3) Un ossicloruro di vanadio ha la seguente composizione:


V = 36.9% O = 11.6% Cl = 51.5%
Calcolare la formula più semplice che può essere assegnata a questo sale.

4) Un fluoruro di argento contiene l'85.0% di argento. Qual è la formula più


semplice di questo composto ?

5) Calcolare la percentuale di azoto nell'esanitro cerato di ammonio


(NH4)2Ce(NO3)6

6) Un composto costituito da silicio, ossigeno e bromo venne analizzato; il


contenuto in silicio e bromo era rispettivamente 10.2% e 86.85%. Qual è la
formula più semplice attribuibile a questo composto ?

7) Quante moli di CO2 si possono preparare da 150 g di carbonato ferrico ?

8) Calcolare la composizione percentuale dell'arsenito di magnesio Mg3(AsO3)2

9) In grammi 1.5 di un campione di un minerale di zolfo, lo zolfo venne


trasformato in solfato e precipitato come solfato di bario: si ottennero 755 mg
di precipitato. Calcolare la percentuale di zolfo nel campione.

10) Grammi 2.0 di una miscela di cloruro di sodio e cloruro di bario biidrato è
riscaldata a 200°C per disidratare il cloruro di bario. Si ottengono 1.9 g di
prodotto anidro. Calcolare la composizione della miscela.

11) Un composto ha dato all'analisi i seguenti risultati: Fe = 28%; S = 24%;


O = 48%. Calcolare la formula più semplice del composto..

12) In un ottone venne determinato il rame come solfuro rameico e lo zinco come
pirofosfato. Da un campione di 0.9 g si ottennero 1.095 g di solfuro rameico e
0.4 g di pirofosfato di zinco. Calcolare il contenuto in rame e zinco.

-5-
13) Dall'analisi di g 1.00 di un sale di rame si ottennero grammi 0.4724 di rame.
Quale dei seguenti sali è stato analizzato? {CuSO4, CuCl2, CuBr2, Cu(NO3)2 }.

14) Il contenuto di arsenico di un insetticida è espresso come 28% in As2O5. Qual


è il contenuto percentuale di arsenico nell'insetticida ?

15) Grammi 14.0 di una miscela di cloruro di potassio e cloruro di sodio contiene
0.12 moli di cloruro di potassio. Calcolare la percentuale di cloruro di sodio.

16) Quanto ferro si può ottenere dalla riduzione di una tonnellata di ematite
all'80% ? [ematite: Fe 2 O3]

17) Quanti grammi di acido fosforico al 30% devono essere pesati per avere tre
moli di anidride fosforica, P4O10 ?

18) Calcolare il numero di moli di anidride borica presenti in 1000 g di acido


borico al 70%. [presenti in = possibile ottenere da]

19) Si ha una miscela costituita da 1.5 moli di K2SO4 e 4 moli di KCl. Calcolare la
percentuale di potassio nella miscela.

20) Un ossido di ferro contiene 24.12% di ferro allo stato ferroso e 48.24% allo
stato ferrico. Calcolare la formula più semplice.

21) Grammi 0.5 di una miscela di Fe2O3 e Al2O3 contiene 0.0946 g di ferro.
Calcolare il peso di Al2O3 nella miscela. [peso = intende massa ]
(a)
22) Da 1.00 g di un campione di solfato ferroso parzialmente sfiorito si ottenne
(b)
dopo precipitazione e calcinazione un precipitato costituito da g 0.389 di
ossido ferrico. Calcolare la percentuale di acqua nel campione.
(a) Un composto cristallino puro, se esposto all'aria, può perdere la sua lucentezza a causa di
assunzione di umidità o per reazione con inquinanti
(b) La sostanza, contenuta in un recipiente adeguato (resistente al fuoco) viene sottoposta a
riscaldamento per tempi prolungati mediante fiamma.

23) Quanti grammi di un composto di magnesio contenente 43.13% di magnesio si


debbono pesare per ottenere dalla loro combustione 50 g di ossido di
magnesio ?

24) Riscaldando ad elevata temperatura rame e zolfo si forma solfuro rameoso. Se


una carica è costituita da 60 parti di rame e 40 parti di zolfo, calcolare
l'elemento che rimane in eccesso e la percentuale di questo che non si combina.
[La carica rappresenta la quantità delle sostanze che si pongono (con cui si carica) il
contenitore che funge da reattore. Le parti sono intese come parti percentuali in massa]

-6-
25) Calcolare la quantità in peso di acqua che si ottiene dalla disidratazione di 5.00
g di carbonato sodico cristallizzato. [ Na2CO3.10 H2O ]
[La disidratazione si ottiene ponendo il campione in una stufa a temperature superiori a 120°C]

26) Dalla combustione di 1.07 g di un composto contenente carbonio, idrogeno ed


ossigeno si ottennero 2.354 g di anidride carbonica e 1.284 g di acqua. Calcolare:
a) - la composizione percentuale del composto ;
b) - la formula più semplice che esso può avere.

27) Un composto possiede la formula KClOx. Dopo riscaldamento e totale


eliminazione dell'ossigeno, da un campione di 1.46 g si ottenne un residuo di
0.88 g. Calcolare la formula del composto.

28) Il cromo può formare tre composti con l'ossigeno. Stabilire la formula più
semplice di questi composti sapendo che i rapporti di combinazione fra cromo
ed ossigeno sono, per 1 g di cromo, rispettivamente g 0.3077, g 0.4615 e
g 0.924 di ossigeno

29) Il fosforo viene preparato facendo reagire in un forno elettrico fosfato


tricalcico, silice e carbonio. Calcolare la carica di una fornace in cui si debbono
ridurre 4 kg di fosfato di calcio e calcolare i grammi di fosforo che si
producono in questa preparazione.
[ Reazione da bilanciare: Ca 3 (PO4) 2 + SiO 2 + C P + CO 2 + CaSiO3 ]

30) Determinare la formula empirica corrispondente ai composti aventi la seguente


composizione:
a) 21.8% Mg, 27.9% P, 50.3% O
b) 40.2% K, 26.9% Cr, 32.9% O
c) 52.8% Sn, 12.4% Fe, 16.0% C, 18.8% N

31) Una miscela di solfato di bario e di solfuro di zinco prende il nome di litopone
e viene preparato mescolando quantità equimolecolari dei due composti.
Quanto solfuro di bario e solfato di zinco debbono essere mescolati insieme per
ottenere 1.0 Kg di litopone ? [Le quantità devono essere espresse come massa]

32) Uno dei primi metodi per determinare il peso molecolare delle proteine era
basato sull'analisi chimica. Sapendo che una macromolecola biologica ha un
atomo di ferro, e che il suo contenuto in ferro è 0.335%, calcolare il peso
molecolare della macromolecola.

-7-
33) La densità allo stato liquido di un composto contenente zolfo per l'84% risulta
pari a 1.26 g / cm3. Quanti centimetri cubi di questo composto debbono essere
bruciati per ottenere 5.0 g di anidride solforosa ?

34) Qual è la percentuale di carbonio di una miscela se il peso dell'anidride


carbonica formata dalla sua combustione è pari ad 1/5 del peso della miscela
originale ?

35) Una soluzione di acido cloridrico contenente 20.01 grammi di HCl viene
aggiunta a 20.01 grammi di carbonato di calcio.
a) Quale sostanza è in eccesso e di quante moli ?
b) Quanti grammi di cloruro di calcio si formano ?

36) Derivare la formula empirica dei minerali che hanno la seguente composizione:
a) H2O = 9.48% Na = 12.10% Al = 14.19% Si = 22.14% O = 42.09%
b) H2O = 12.14% MgO = 27.16% SiO2 = 60.70%

37) 9.33 mg di un composto organico contenente carbonio, idrogeno, ossigeno e


zolfo sono stati sottoposti a combustione: si sono ottenuti 19.50 mg di CO2 e
3.99 mg di H2O.
Altri 11.05 mg della stessa sostanza sono stati fusi con Na2O2 ed il solfato
risultante precipitato come solfato di bario: si sono ottenuti 20.4 mg di
precipitato.
La quantità di ossigeno presente nel composto è stata determinata per
differenza. Fornire la formula empirica del composto.

38) Quanti grammi di bisolfito di sodio si debbono far reagire con acido cloridrico
per preparare 10 grammi di anidride solforosa ?
["bisolfito" leggasi "idrogeno solfito"]

–3
39) Il metanolo, CH3OH, è un liquido la cui densità è 0.792 g cm . Si calcoli la
2 3
massa di idrogeno contenuta in 6.50 ×10 cm di metanolo.

40) 35 grammi di acido solforico all'85% vengono fatti reagire con 22 grammi di
ossido di alluminio per formare solfato di alluminio e acqua. Determinare quale
dei due reagenti è in eccesso, e di quanti grammi.

-8-
SOLUZIONI
1) 36.7 %
2) K : 7.7 % Fe : 11.0 % S : 12.7 % O : 63.9 % H : 4.7 %
3) VOCl 2
4) AgF
5) azoto : 20.4 %
6) Si 2 Br 6 O
7) 1.54 moli
8) As : 47.1 % Mg : 22.9 % O : 30.0 %
9) zolfo ; 6.9 %
10) BaCl 2.2 H2O : 0.68 g NaCl : 1.32 g
11) Fe2 (SO4) 3
12) Cu : 81.0 % Zn : 19.1 %
13) CuCl2 14) As : 18.25 %
15) NaCl: 36.1 % 16) 560 Kg
17) 3920 g 18) 5.65 mol
19) K : 49 %
20) FeO-Fe 2 O3 = Fe 3 O 4
21) g 0.371 Al 2O 3
22) H 2 O : 25.9 %
23) 69.7 g
24) S : 62.17 %
25) H 2 O : 3.15 g
26) a) C : 59.8 % H : 13.1 % O : 27.1 % b) H 8 C 3 O
27) KClO 3
28) CrO ; Cr 2 O 3 ; CrO 3
29) a) C = 0.775 Kg ; SiO 2 = 2.325 Kg b) P = 0.8 Kg
30) a) Mg 2 P 2 O 7 b) K2 CrO4 c) Sn 2 Fe(CN) 6
31) BaSO4 : 512.2 g ZnS : 487.8 g
4
32) 1.67 ×10
3
33) 2.36 cm
34) 5.45 %
35) a) HCl in eccesso di 0.149 moli b) 22.2 g
36) a) Na 2 Al 2 Si 3 O 10 .2 H 2O b) 2 MgO .3 SiO 2 .2 H 2 O
37) C 6 H 6 OS 38) 16.25 g NaHSO 3
39) 64.3 g 40) L’ossido, di 11.69 g

-9-
LEGGI DEI GAS
[NOTA: Per condizioni normali o standard si intende: 0°C e 1 bar (per questa serie di esercizi
usare 1 atm = 760 mmHg).
Nel presente testo vengono usati i seguenti acronimi e sigle:
c.n.= condizioni normali; PM = peso molecolare = massa molare in u.m.a. = g/mol = dalton]

1) Calcolare nella seguente tabella i valori incogniti relativi a sistemi gassosi nelle
condizioni di temperatura e pressione indicate:
Piniz. Viniz. Tiniz. Pfinale Vfinale Tfinale
(mmHg) (mL) (°C) (mmHg) (mL) (°C)

520 100 130 ? 180 30


700 360 80 450 ? 0
600 430 3 510 250 ?

2) Un volume di azoto viene raccolto alla pressione di 758 mmHg ed alla


temperatura di 19°C. A che pressione il volume risulta triplicato se la
temperatura viene portata a 100°C ?

3) Una massa di ossigeno a 20°C e 740 mmHg di pressione occupa un volume di


1290 mL. Che pressione è necessaria per ridurre il suo volume a 860 mL ?
[ T= costante]

4) Nei seguenti problemi quale dato manca per poter calcolare la risposta:
a) Un certo gas a temperatura costante viene fatto espandere dalla pressione
di 10 atmosfere ad 1 atmosfera. Calcolare il volume finale.
b) 80 mL di un gas vengono riscaldati da -38°C a 40°C. La pressione finale
è di 800 mmHg. Quale era la pressione iniziale ?
c) Che volume occuperanno 15 mL di gas quando si raffreddano a -30°C a
pressione costante ?
-9
6) In un recipiente da 1 litro è stato fatto un vuoto di 10 mmHg. Calcolare il
numero di molecole presenti per millilitro a 0°C.

8) Calcolare il peso molecolare di un composto organico di cui 0.716 g


trasformati in gas occupano un volume di 243 mL a 200°C e 750 mmHg.

10) Calcolare la densità dell'ossigeno, in grammi per litro, alla pressione di 400
mmHg ed a 15°C.

12) Un litro di aria pesa 1.293 g a condizioni normali. A quale temperatura un litro
di aria pesa 1.0 g se la pressione è di 690 mmHg ?

- 10 -
13) 820 mL di un gas, a 35°C e 800 mmHg, pesano 2.46 g. Calcolare il peso
molecolare del gas.

14) La densità dell'elio a 0°C ed 1 atmosfera è 0.1785 g/litro. Calcolare la sua


densità a 100°C e 200 atmosfere.

15) Calcolare la densità di una miscela a condizioni normali costituita da 20 mL di


azoto e 80 mL di idrogeno.

16) Una miscela gassosa ha la seguente composizione in volume: 30% H 2,


50% CO 2 e 20% N 2. Calcolare:
a) la composizione percentuale in peso;
b) la densità gassosa a c.n.

18) Considerando che la molecola dello zolfo a 500°C in fase vapore sia
ottoatomica, calcolare il volume occupato dalla vaporizzazione di 5 g di zolfo a
questa temperatura ed alla pressione di 1 atmosfera.
3
19) La densità del cloro è 3.17 mg / cm a condizioni normali. Calcolare la sua
densità a 100°C e 700 mmHg.

20) Si osserva che la densità di un certo gas è 2.5 volte maggiore di quella
dell'ossigeno alla stessa temperatura e pressione. Quale è il suo peso
molecolare ?

22) Un composto ha la seguente composizione percentuale:


carbonio : 14.3 % idrogeno : 1.2 % cloro : 84.5 %
1 g di questo composto, vaporizzato a 120°C e 752 mmHg, occupa un volume
3
di 194 cm . Calcolare la formula molecolare del composto.
3 3
23) Nelle stesse condizioni di temperatura e di pressione 100 cm di H2 e 100 cm
di un gas X diffondono rispettivamente in 10 sec e 55.3 sec. Qual è il peso
molecolare del gas X ?

27) Determinare la composizione percentuale ed il peso di un litro a condizioni


normali di un miscuglio costituito da N 2 O4 e NO 2 la cui densità rispetto
all'idrogeno è 30.

28) Una miscela di 0.287 g di etere (PM = 74) e 0.568 di cloroformio (PM = 119.5)
viene vaporizzata a 100°C in un recipiente chiuso del volume di un litro in cui
era stato fatto il vuoto. Calcolare le pressioni parziali dell'etere e del
cloroformio.

- 11 -
29) L’ossido di mercurio (HgO) si decompone ad alta temperatura negli elementi
costituenti entrambi in fase gassosa. 866.4 mg di ossido di mercurio, dopo
essere stati posti sotto vuoto in un recipiente di 0.5 litri, vengono
completamente decomposti a 800 K. La miscela gassosa risultante esercita una
pressione pari a 0.788 atmosfere. In base ai dati forniti, verificare se il mercurio
gassoso, a quella temperatura, è monoatomico o biatomico.

30) Gli isotopi dell'uranio di massa 238 e 235 sono stati separati sfruttando le
differenti velocità di diffusione dei rispettivi fluoruri. Quali sono le relative
velocità di diffusione di queste due molecole ?

SOLUZIONI

1) a) p = 217.2 mmHg b) V = 433.1 mL c) T = 136.39 K


2) p = 322.8 mmHg
3) p = 1110 mmHg
4) a) vol. iniziale b) vol. finale c) temperatura iniziale
7
6) 3.54 ×10 molecole
-1
8) PM = 115.94 g mol
-3
10) d = 0.7123 g dm
12) 48°C
-1
13) PM = 71.97 g mol
14) d = 26.13 g / litro
15) d = 0.3213 g / litro
16) H 2 = 2.15 %; CO 2 = 78.0 % N 2 = 19.9 % d = 1.26 g / litro
18) V = 1.239 litri
3
19) d = 2.14 mg / cm
-1
20) PM = 80.0 g mol
22) C 2 H 2 Cl 4
-1
23) PM = 61 g mol
27) d = 2.68 g / litro N 2 O 4 = 30.4 % NO 2 = 69.6 %
28) Petere = 0.1187 atm; Pcloroformio = 0.1454 atm.
29) monoatomico
235 238
30) UF6 con U è più veloce di un fattore 1.004 di UF6 con U

- 12 -
REAZIONI riguardanti GAS
[NOTA: Per condizioni normali o standard si intende: 0°C e 1 bar (per questa serie di esercizi
usare 1 atm = 760 mmHg). Nel presente testo vengono usati i seguenti acronimi e sigle:
c.n.= condizioni normali; PM = peso molecolare ovvero massa molare in u.m.a. = g/mol ]

1) Che volume di ossigeno misurato a c.n. si può ottenere dal riscaldamento di 10


grammi di clorato di potassio al 90% ?

2) L'alcool etilico brucia all'aria formando diossido di carbonio e vapore acqueo.


Calcolare il volume, a condizioni normali, dei prodotti gassosi ottenuti dalla
combustione di una mole di alcool (alcol etilico: C2H5OH).

3) 15 g di alluminio reagiscono con acido cloridrico liberando idrogeno. Calcolare


il volume di idrogeno misurato a 20° C e 780 mmHg

4) Il carbonato di calcio si decompone, per riscaldamento, secondo la reazione:


CaCO3(solido) CaO(solido) + CO2(gas)
Si calcoli il volume di anidride carbonica (misurato a 20°C e 760 mmHg) che
si svolge per ogni grammo di carbonato di calcio decomposto. Si calcoli inoltre
la perdita percentuale in peso che subisce la sostanza solida.

5) Quanti litri a condizioni normali di ossido di carbonio e di diossido di carbonio


e quanti grammi di ossido di calcio si ottengono per riscaldamento di 10 g di
ossalato di calcio ?
[ipotizzare la seguente reazione: CaC2O4 CaO + CO + CO2 ]

6) Alla pressione di 742 mmHg ed alla temperatura di 27 °C, del diossido di


carbonio secco viene fatto assorbire su di una soluzione di potassa caustica.
Viene osservato un aumento di peso della soluzione pari a 2.3 g. Calcolare il
volume di diossido di carbonio assorbito.

7) 18 g di magnesio vengono fatti reagire con 100 mL di acido solforico diluito


contenente 200 g di acido per litro. Calcolare:
a) se si scioglierà tutto il magnesio o quanto ne rimarrà indisciolto;
b) il volume di idrogeno sviluppato misurato a condizioni normali.

8) Quanti litri di cloro, misurati a c.n., si possono ottenere dal trattamento di 1 Kg


di pirolusite, che ha un titolo del 78.5 % in MnO2, con acido cloridrico in
eccesso rispetto al rapporto stechiometrico.
(redox da bilanciare: MnO2 + HCl MnCl2 + Cl2 )

9) Quante ore di illuminazione si possono avere con una lampada ad acetilene


caricata con 1 kg di carburo di calcio, sapendo che la lampada consuma 50 litri
all'ora di acetilene a 25 °C e 743 mmHg ?
[CaC2 + H2O = idrossido di calcio + acetilene (o etino)]

- 13 -
9b) 10 grammi di una certa varietà di calcare contenente il 90% di carbonato di
calcio vengono trattati con acido solforico diluito in eccesso. Calcolare la
massa di solfato di calcio ed il volume di CO2 liberato a 20°C e 760 mmHg.
10) Quando il formiato di sodio viene trattato con acido solforico concentrato si
libera ossido di carbonio secondo l'equazione:
HCOONa + H2SO4 = NaHSO4 + H2O + CO
Che volume di CO si ottiene da 5 g di formiato di sodio alla pressione di
756 mmHg ed alla temperatura di 14°C ?
11) Un carbon fossile contiene 2.2 % di zolfo in peso. Che volume di diossido di
zolfo, misurato a c.n., si forma dalla combustione di una tonnellata di questo
carbone ?
12) Calcolare quanto clorato di potassio necessita per la produzione di 10 litri di
ossigeno misurati a 27°C e 780 mmHg.
13) Per combustione di 1.64 grammi di una miscela contenente zolfo e un
materiale inerte, si sono ottenuti 952 mL di SO2 a 25°C e 0.850 atm.
Determinare la percentuale di zolfo nella miscela.
14) Quanti grammi di ossigeno occorrono per trasformare in CO2 tutto il carbonio
contenuto in 100 Kg di ghisa il cui contenuto in carbonio è 1.7% ?
15) Il cloro può essere preparato per reazione del diossido di manganese con acido
cloridrico. Dopo aver bilanciato la semplice reazione redox, determinare quanti
grammi di diossido di manganese hanno reagito se si sono sviluppati 10.0 litri
di cloro a 1200 torr e 18 °C.
16) Calcolare la percentuale di ammoniaca contenuta in una miscela di composti
sapendo che 0.15 g di tale miscela hanno dato all'analisi 7.9 mL di azoto
misurati a 25°C e 735 mmHg.

SOLUZIONI

1) 2.47 Litri 2) 44.8 L CO 2; 67.2 L H 2 O (??..)


3) 19.6 Litri 4) a) 0.24 litri; b) 44%
5) 4.375 g CaO ; 1.75 Litri CO ; 1.75 Litri CO 2
6) 1.31 Litri 7) Mg indisciolto = 13.2 g ; H2 = 4.57 L
8) 202.3 Litri 9) 7 ore e 49 minuti
9) a) 12.25 g; b) 2.16 litri 10) 1.74 Litri
3
11) 15.4 ×10 Litri 12) 34 g
13) 64.6% 14) 4533 g
15) 57.45 16) 7%

- 14 -
Peso equivalente, valenza, peso atomico
[NOTA: ove non dichiarato esplicitamente o implicitamente sottinteso, considerare reazioni non
redox]

1) Un ossido di alluminio contiene il 52.91 % di alluminio. Determinare il peso


equivalente e la valenza dell'alluminio.

2) Determinare il peso equivalente del rame in Cu 2O ed in CuO.

3) 1.08 g di un ossido metallico per riscaldamento si decompongono nel metallo


ed in ossigeno; si ottengono 56.0 mL di ossigeno, misurato a condizioni
normali. Qual è il peso equivalente del metallo ?

4) 2.94 g di nichel (valenza = 2 ) si combinano con un elemento X per formare


4.49 g di un composto. Calcolare il peso equivalente dell'elemento X.

5) In base al principio dell'equivalenza calcolare, senza bilanciare l'equazione di


reazione:
a) quanto solfato di rame reagisce con 2.4 g di solfuro di sodio per produrre
solfuro rameico e solfato di sodio ? (reaz. scambio)
b) quanti grammi di zinco reagiscono con 11 g di idrossido di sodio
formando idrogeno e zincato di sodio ? (reaz. redox)
c) quanti grammi di idrossido di sodio reagiscono con 30 g di solfato di
alluminio ? (reaz. acido-base)

6) Determinare il peso equivalente di NaAl(SO 4 )2 .12 H 2 O quando viene


considerato rispetto al suo contenuto in :
a ) sodio b ) alluminio c ) solfato

7) Determinare il peso equivalente e la valenza dello stagno


a) nell'ossido che contiene 88.13% di Sn
b) nell'ossido che contiene 78.77% di Sn

8) Determinare il peso equivalente del cloroplatinato di sodio Na 2[PtCl 6]


secondo che esso venga usato
a) per il suo contenuto in sodio
b) per il suo contenuto in platino [NOTA: Pt(IV)]
a) per il suo contenuto in cloro
3
9) Quando 3.5 g di un metallo reagiscono con un acido, si sviluppano 250 cm di
idrogeno a condizioni normali. Calcolare il peso equivalente del metallo.

- 15 -
10) 6.842 g di polvere di rame furono riscaldati in corrente di ossigeno. L'ossido
che venne ottenuto pesava 8.567 grammi. Calcolare il peso equivalente del
rame.

12) Un pezzo di zinco viene immerso in una soluzione contenente g 1.896 di


cloruro stannoso. Terminata la reazione, lo stagno precipitato pesava 1.187 g e
lo zinco aveva subito una perdita di peso pari a 0.6537 g. Calcolare il peso
equivalente dello stagno e dello zinco.

13a) L’elemento X forma un cloruro di formando XCl4 che contiene il 74.78 in


massa di cloro Qual è la massa atomica dell'elemento X ?.

13) Un elemento X si combina con il cloro formando un composto XCl n in cui è


contenuto per il 22.75 %. La densità del composto gassoso è 4.74 rispetto
all'aria. Calcolare il peso atomico dell'elemento.

14) Grammi 0.5219 del solfito di un metallo vennero ossidati a solfato e quindi
trattati con un eccesso di una soluzione di cloruro di bario. Il solfato di bario
formato pesava 1.167 grammi. Qual è il peso equivalente del metallo ?

15) Il cloruro di un elemento fu trasformato quantitativamente nel corrispondente


ossido e si ottennero da g 0.1827 di cloruro, g 0.1057 di ossido. Calcolare il
peso equivalente dell'elemento.

17) Il carbonio forma tre ossidi contenenti il carbonio nelle seguenti percentuali:
a) 27.27 % b) 42.85 % c) 52.94 % .
Calcolare il peso equivalente del carbonio in questi tre composti.

18) Il fosforo si combina con il cloro formando due composti "a" e "b". Sottoposti
ad analisi fornirono i seguenti risultati percentuali:
a) P : 22.4 Cl : 77.6
b) P : 14.7 Cl : 85.3
Calcolare il peso equivalente del fosforo nei due composti sapendo che il peso
equivalente del cloro è pari a 35.5.

19) Macinando in un mortaio il mercurio e lo iodio si ottenne un composto di color


verde. "Dopo accurata purificazione", un campione di g 0.5 del sale verde
ottenuto venne analizzato e venne determinato che il suo contenuto in mercurio
era di 0.3059 grammi. Calcolare il peso equivalente del mercurio sapendo che
il peso equivalente dello iodio è 127.

- 16 -
25) 5 composti contengono un elemento nelle seguenti percentuali: 82.35 %;
63.65 %; 87.50 %; 97.44 %; 42.42 % . La densità rispetto all'aria del secondo è
1.523 e del quarto 1.488. Del terzo composto si sa che un litro, a 0 °C e 760
mmHg, pesa 1.428 grammi. Si è calcolato inoltre che a 80 °C e 700 mmHg
3
1403 cm del quinto composto pesano 5.8928 grammi. Determinare il peso
atomico dell'elemento.
["un elemento" leggasi "lo stesso elemento"; "Determinare" vale quasi "ipotizzare"]

26) 1.86 grammi di ferro "spostano" 843.2 mL di idrogeno da una soluzione acida
a 40 °C ed alla pressione di 775 mmHg. Calcolare il peso equivalente del ferro.

30) Per trasformare in nitrato 1.5 grammi di un ossido di un metallo trivalente sono
occorsi 5.558 g di acido nitrico. Calcolare il peso atomico del metallo.

SOLUZIONI

1) 8.99; 3
2) 63.54; 31.78
3) 100
4) 15.5
5) a) 4.9 g CuSO4 b) 9.0 g Zn c) 21.0 g NaOH
6) a) 458.29 b) 152.76 c) 114.57
7) a) 59.35 b) 29.68; 4
8) a) 226.98 b) 113.49 c) 75.66
9) 156.8
10) 1.74
12) Sn : 59.34; Zn : 32.65
-1
13a) 49.7 g mol (Titanio)
13) 31.2
14) 12.155 (Magnesio)
15) 29.74
17) 3; 6; 9
18) a) 10.34 b) 6.21
19) 200.6
25) 14.0
26) 27.8
30) 27

- 17 -
CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI
[NOTA: ove non altrimenti specificato, le soluzioni sono da intendersi “acquose” e le
concentrazioni espresse in percentuale sono da intendersi in massa ]

1) Eseguire le conversioni delle concentrazioni delle seguenti soluzioni indicate:


a) H2SO4 3 M in normalità; b) Ca(OH)2 0.35 N in molarità;
c) Na2SO4 5 g/litro in molarità; d) CuSO4 20 mg/mL in molarità;
e) NaCl al 5% (massa) in moli di NaCl/kg di solvente (molalità);
f) NaCl 1 molale in % in peso [massa]

2) Quante moli di solfato di alluminio vi sono in 20 mL di una soluzione 3 M ?

3) Quanti grammi di idrossido di calcio vi sono in 800 mL di una soluzione


0.12 N ? Quante millimoli e quanti milliequivalenti ?

4) Per una reazione sono necessari 12 g di acido solforico. Quanti millilitri di una
soluzione 1.8 N si debbono usare ?

5) Preparare da una soluzione di CuSO4 M, 80 mL di soluzione con


concentrazione pari a 20 mg/mL

6) L'ammoniaca concentrata è una soluzione [acquosa] al 26 % in massa di NH3; la


sua densità è 0.904 g/mL. Qual è la sua molarità e la sua normalità [intesa come
base] ?

7) Dell'ammoniaca gassosa viene fatta gorgogliare in acqua dando luogo ad una


soluzione con peso specifico 0.93 g/mL e contenente il 18.6 % in peso di NH3.
Quale è il peso di ammoniaca per mL di soluzione ?
3
8) Che volume di alcool [etilico] al 95 % in peso (d = 0.809 g / cm ) si deve usare
3
per preparare 150 mL di alcool al 30 % in peso (d = 0.957 g / cm ) ?
[alcool etilico C2H5OH]

9) Che volumi di acido cloridrico 12 N e 3 N si debbono mescolare per avere un


litro di HCl 6 N ?

10) Determinare le frazioni molari dei componenti l'alcool etilico al 95 % .


[i componenti sono acqua e alcool etilico C2H5OH]

10b) In una soluzione acquosa di alcool metilico (CH3OH), l’alcool è presente con la
frazione molare pari a 0.2. Determinare la molalità dell’alcool nella soluzione.

11) Che volume di acido solforico concentrato (d = 1.84 g / mL) si deve aggiungere
a 100 mL di acqua per ottenere una miscela con una densità di 1.07 g / mL ?
[bisogna ammettere che d = 1.84 g / mL sia per H2SO4 al 100% e che la funzione densità vs.
% in massa sia perfettamente lineare. Fornisce come risultato la massa, non il volume]

- 18 -
12) A che volume si devono diluire 10 mL di acido nitrico 0.333 N in modo da
avere una concentrazione di acido nitrico pari a 0.01 g / mL ?
3
13) Che volume di acido solforico (d soluz. = 1.84 g / cm ) al 98 % è necessario per
preparare 500 mL di una soluzione di acido solforico 0.426 N ?
14) Quanto idrossido di sodio è necessario per preparare 300 mL di NaOH
0.037 N ? ["Quanto" leggasi circa "Che massa di"]
15) Una soluzione al 10 % di solfato di rame ["rameico"] ha una densità di
1.16 g / mL. Quanto solfato di rame pentaidrato si può ottenere da un litro di
questa soluzione ?
16) Quale è la composizione percentuale in peso di idrossido di sodio presente in
3
una soluzione 4 N di NaOH che ha una densità pari a 1.15 g / cm ?
17) A quale volume devono essere portati 500 mL di H2SO4 al 90 % per ottenere
una soluzione 10 normale ? La densità dell'acido solforico al 90 % è di
1.81 g / mL.
18) Quanti grammi di acqua devono essere aggiunti a 10 mL di H2SO4 36 N,
densità 1.8 g / mL, per ottenere una soluzione al 5 % ?
19) 10 mL di acido solforico diluito di densità 1.1 g / mL forniscono per trattamento
con cloruro di bario, un precipitato di solfato di bario dal peso di 0.378 g.
Calcolare:
a) la percentuale in peso dell'acido solforico;
b) la molarità;
c) l'acqua che deve essere aggiunta ad un campione di 10 mL per avere una
soluzione all ' 1 %.
20) La densità di una soluzione di KCl contenente 246 g di sale in 1000 g di acqua
è di 1.131 g/mL a 21 °C. A questa temperatura la densità del KCl solido è
1.984 g/mL. Calcolare:
a) la molarità; b) la normalità; c) la molalità; d) la frazione molare
e) la percentuale in peso; f) la percentuale in volume.
21) 17.62 mg di AgCl vengono ottenuti aggiungendo un eccesso di AgNO3 a
80 mL di una soluzione di cloruro di calcio. Calcolare la normalità della
soluzione di CaCl 2.
22) Che peso di NaCl si può ottenere da 50 mL di una soluzione 0.234 N di HCl
cui si aggiunge un eccesso di NaOH ?
23) Che peso di HCl è equivalente al peso di H 2SO 4 contenuto in 50 mL di una
soluzione di H 2SO 4 0.526 M ?
24) Quanti grammi di acqua sono necessari per preparare una soluzione al 25% in
sale anidro partendo da 100 g di Na3PO4. 12H2O ?
- 19 -
24b) Da 100 g di MgCl 2 . 6 H 2O si deve preparare una soluzione al 20% in sale
anidro. Quanta acqua si deve aggiungere ?
25) 1 g di zinco viene disciolto in 50 mL di HCl 0.645 N. Calcolare la normalità
dell'acido dopo la dissoluzione dello zinco ed il peso di ZnCl 2 formato.
26) Completare la seguente tabella per soluzioni acquose:
soluto Massa di soluto Volume (dm3) Molarità (mol dm-3)
NaHCO3 2.52 0.125 (a)
C3H8O3 (b) 0.800 3.50
SrCl2 2.30 (c) 1.45
Fe(NO3)3 (d) 0.300 0.275

27) Quale sarà la concentrazione della soluzione ottenuta mescolando 250 mL di


NaOH 0.22 M con 150 mL di NaOH 0.1 M ? [Considerare additivi i volumi]
28) Siano dati, a 20°C, 250 mL di soluzione di acido fosforico contenenti 33.81 g
di acido. La densità di tale soluzione è pari a 1.0764 g cm–3. Calcolare la
molalità e la molarità della soluzione e le normalità della stessa relative alla
formazione di tutti i sali possibili per reazione con KOH.

SOLUZIONI
1) a) 6 N b) 0.175 M c) 0.035 M d) 0.125 M e) 0.9 molale f) 5.53 %
2) 0.06 moli 3) 3.55 g = 48 mmoli = 96 meq
4) 136 mL
5) aggiungere 70 mL di H2O a 10 mL di CuSO4 1 M
6) 13.8 M ; 13.8 N 7) 173 mg / mL
8) 56 mL
9) 333.3 mL HCl 12 N ; 666.6 mL HCl 3 N
-1
10) χ etanolo = 0.881; χ H2O = 0.119 10b) m CH3OH = 13.87 mol kg
11) 9.2 mL [mio 9.1 g = 4.94 mL] 12) 21 mL
13) 5.8 mL 14) 0.444 g
15) 182 g 16) 13.9 %
17) 1662 mL 18) 334.8 g
19) a) 1.44% b) 0.162 M c) 4.4 mL
20) a) 3 M b) 3 N c) 3.29 molale d) 5.6 % e) 19.7 % f) 11.25 %
-3
21) 1.54 ×10 22) 0.685 g
23) 1.92 g 24) 72.64 g 24b) 134 g
-2
25) 3.5 ×10 N ; 2.07 g 26) a) 0.24 b) 258 c) 0.01 d) 14.8
27) 0.175 M
28) a) 1.38 M b) 1.43 m c) 1.38 N d) 2.76 N e) 4.14 N
- 20 -
REAZIONI E ANALISI TITRIMETICA
--
[NOTA: L'anione tetrationato è S 4 O6 (si forma generalmente per ossidazione del tiosolfato) ;
--
l'anione ossalato è C 2 O4 (la sua ossidazione produce CO 2)]

1) Calcolare il peso di soluto espresso in grammi presente nelle seguenti


soluzioni:
a) 30 mL di AgNO3 0.05 N; b) 2 Litri di HCl 2.5 N
3
c) 3 dm di H2SO4 1. 5 N d) 1. 5 Litri di Na2CO3 2 N

2) Come può essere preparata ciascuna delle seguenti soluzioni:


a) 150 mL 0.1 N di NaOH partendo da NaOH solido;
b) 100 mL 0.1 N di NH3 partendo da una soluzione 1.1 N;
3
c) 1.5 dm 0.05 N di Ba(OH)2 partendo da BaO solido;
d) 150 mL 0.15 N di HCl partendo da HCl 12 N.

3) Che quantità delle sostanze elencate reagisce con 20 mL di NaOH 0.1 N:


a) 0.05 N di HCl; b) 0.05 N di H2SO4 ; c) mg di HCl; d) mg di H2SO4

4) Che quantità di sostanza sulla colonna destra reagisce con la corrispondente


quantità indicata sulla sinistra:
a) 30 mL 0.15 N di KMnO4 (soluz. acida) a) ? mg di Na2C2O4
b) 30 mL 0.15 N di KMnO4 b) ? mL 0.1 M di H2S (a zolfo elementare)
c) 30 mL 0.15 M di KMnO4 c) ? mL 0.1 M di H2S (a zolfo elementare)
2+
d) 0.15 g di Fe (soluz. acida) d) ? mL 0.1 N di K2Cr2O7
e) 0.25 g di KBrO3 (a bromuro) e) ? mL 0.1 N di Na2S2O3 (a tetrationato)
f) 40 mL 0.1 N di KMnO4 (soluz. acida) f) ? mg di H2O 2

5) Calcolare la normalità e la molarità di ciascuna delle seguenti soluzioni


acquose:
-3 -3
a) HCl 24% d = 1.12 g cm d) H2SO4 72% in SO3 d = 1.80 g cm
-3 -3
b) HNO3 72% d = 1.42 g cm e) NH3 30% d = 0.89 g cm
-3 -3
c) H2SO4 95% d = 1.83 g cm f) NaOH 10% d = 1.1 g cm

6) A che volume si devono diluire 50 mL di acido nitrico al 78% in peso


-3
(d = 1.445 g cm ) per avere una soluzione che contenga 10 g di HNO3 per 100
mL di soluzione ?

7) Quanti grammi per litro di permanganato di potassio si devono usare per


preparare una soluzione equivalente ad una di dicromato di potassio contenente
4.206 g per litro ?

- 21 -
8) Quanti mg di carbonato di calcio vengono neutralizzati da 30.0 mL di HCl
1. 5 N ?

9) Un campione di idrossido di sodio contiene il 2% di acqua e 5% di carbonato


di sodio. Un campione di grammi 1.00 di questo prodotto viene disciolto in
acqua e portato al volume di 250 mL. Calcolare la normalità della soluzione
come base.

10) Grammi 1.25 di carbonato sodico che ha una purezza del 99.5 %, viene
disciolto in acqua e la soluzione portata a 250 mL. Sono occorsi 45.0 mL di
questa soluzione per titolare 40 mL di una soluzione di acido solforico.
Calcolare la normalità e la molarità della soluzione di acido solforico.

11) 16.24 mL di aceto (d = 1.06 g/mL) hanno richiesto 48.24 mL di idrossido di


potassio 0.3564 N per la titolazione. Calcolare la percentuale di acido acetico
nell'aceto.

12) Da una aliquota di 30.0 mL di una soluzione di acido solforico si ottengono,


per aggiunta di una soluzione di cloruro di bario, grammi 0.3842 di solfato di
bario. A che volume si deve diluire un litro di soluzione dell'acido perchè sia
esattamente 0.1 normale ?

13) Tabulare il valore del peso equivalente e la concentrazione in mg/mL di una


soluzione 0,1250 N delle seguenti sostanze (ox = ossidante; rid = riducente)
a) KMnO 4 (ox in soluz. acida) b) K2Cr2O 7 (ox in soluz. acida )
c) Na2S2O 3.5 H2O (rid -
S 4 O6 )
-
d) H2SO 3 (rid H2SO 4 )
e) SO 2 (rid SO 3 ) f) HNO 2 (rid HNO 3 )
g) Na2C2O4 (rid CO 2 )

14) Determinare il peso equivalente delle seguenti sostanze relativamente alle


reazioni a fianco indicate (non bilanciate)
3- 3- – +
a) As 2 O 3 AsO3 + I2 + H2O AsO4 + I + H
2- + – 2-
b) K2SeO4 SeO4 + H + Cl SeO3 + Cl2 + H2O
++ –
c) Cu2O Cu + I CuI + I2

15) Calcolare la normalità e la molarità delle 3 seguenti soluzioni di permanganato


di cui:
a) 28.63 mL sono equivalenti a 1.182 g di FeSO4 (NH4) 2SO 4.16 H2O
b) 34.27 mL sono equivalenti a 0.2106 g di ferro (purezza 99.4%)
c) 37.62 mL sono equivalenti a 0.1892 g di H2C2O4.2 H2O al 98.2 %

- 22 -
16) Un campione di un minerale di stibite (Sb2S3) di grammi 0.2643 è portato in
soluzione. Viene allontanato l'idrogeno solforato e per l'ossidazione [completa]
dell'antimonio vengono impiegati 25.2 mL di una soluzione di permanganato di
-2
potassio 2.084 ×10 molare. Calcolare la percentuale di antimonio nel
minerale.

17) Quanti milligrammi di CuS vengono ossidati a zolfo da 210 mg di acido nitrico
(acido diluito, prodotto di riduzione NO).

18) 16.4 mL di una soluzione 0.33 M di dicromato di potassio ossidano


[completamente] 24.0 mL di una soluzione di cloruro ferroso a cloruro ferrico.
Qual è la molarità della soluzione di cloruro ferroso ?

19) Quanti millilitri di una soluzione 0.24 M di solfito di sodio vengono ossidati a
solfato di sodio da 180 mL di una soluzione 0.32 M di permanganato di
potassio ? [la reazione viene effettuata in ambiente piuttosto acido].

20) Quanti millilitri di una soluzione 0.085 M di tiosolfato sodico vengono ossidati
a tetrationato di sodio da 180 mL di una soluzione 0.16 M di KClO3 ?
[il prodotto di riduzione è il cloruro]

21) 90.0 mL di una soluzione 0.430 M di acqua ossigenata ossidano


[completamente] 64.0 mL di una soluzione di ioduro di sodio. Qual è la
molarità della soluzione di ioduro di sodio ?

22) Calcolare il grado di purezza di un campione di bromuro di potassio sapendo


che per la precipitazione completa di una campione del peso di 0.350 g sono
occorsi 28.0 mL di nitrato di argento 0.1 normale. Risolvere il problema nei
due casi in cui l'unica impurezza sia rispettivamente a) NaNO3 e b) KI .
[NOTA: il caso b è una analisi indiretta]

23) Calcolare la percentuale di magnetite Fe3O4 in un campione di minerale di


ferro, sapendo che 0.2413 g di esso dopo dissoluzione e riduzione dello ione
ferrico a ferroso richiese 21.23 mL di permanganato 0.0218 M per la completa
ossidazione.

24) Un campione di grammi 0.2352 di pirolusite [diossido di manganese] viene


riscaldato con un eccesso di acido cloridrico. Il gas che viene liberato gorgoglia
in una soluzione contenente ioduro di potassio liberando iodio. Per la
titolazione di quest'ultimo occorrono 47.82 mL di una soluzione 0.1123 N di
tiosolfato sodico. Calcolare la percentuale di diossido di manganese nella
pirolusite in esame. [NOTA: il tiosolfato viene ossidato a tetrationato ]

- 23 -
25) Calcolare la percentuale di ferro in un minerale di cui un campione di 0.4216 g
ha richiesto per la titolazione 43.16 mL di dicromato di potassio 0.01687 M.
[NOTA: secondo l'autore si dovrebbe intuire che il ferro è allo stato ferroso ]

26) 35.62 mL di soluzione di tiosolfato vengono impiegati per titolare lo iodio


liberato per l'aggiunta di 0.2982 g di iodato potassico ad una soluzione acida di
ioduro di potassio. Scrivere la reazione e calcolare la normalità del tiosolfato.
[NOTA: il tiosolfato viene ossidato a tetrationato ]

27) Grammi 10.57 di cloruro di calce (ipoclorito di calcio) vennero dispersi in


acqua e la soluzione portata ad un litro. Vennero aggiunti 50 mL di una
soluzione acida di ioduro di potassio e lo iodio liberato venne titolato con
arsenito sodico N/10; vennero impiegati 44.36 mL. Scrivere le reazioni e
calcolare i grammi di As2O 3 impiegati e la percentuale di cloro attivo.

28) La determinazione del cloruro di calcio contenuto in una data soluzione viene
eseguita precipitando il calcio sotto forma di ossalato (CaC2O4 ). Il precipitato
venne disciolto con acido solforico diluito e la soluzione richiese per
l'ossidazione 30.0 mL di permanganato di potassio 0.1 molare. Calcolare il
contenuto di CaCl 2 nella soluzione data.

29) Per determinare il cloruro di sodio contenuto in una soluzione di questo sale vi
vennero aggiunti 50 mL di una soluzione di nitrato di argento 0.1 N. L'eccesso
-2
di ione argento venne titolato con solfocianato potassico (KSCN) 5 ×10 M; ne
vennero impiegati 24.0 mL. Calcolare il contenuto di NaCl della soluzione.
[NOTA: le reazioni utilizzate sono tutte di precipitazione di composti poco solubili di Ag]

30) Un campione di 20 mL di una soluzione di acido ossalico e di ossalato di sodio


neutro richiese per la neutralizzazione 9.3 mL di NaOH 0.1 N e per
l'ossidazione 24.7 mL di KMnO4 0.1 N [NOTA: il termine "neutralizzazione" è
ambiguo perchè qui assume il significato "per la completa titolazione dell'acido"].
Determinare le concentrazioni, in grammi per litro, delle due sostanze presenti
in soluzione.

32) Calcolare la percentuale in peso ed in volume di ozono nell'aria a 13°C e


760 mmHg sapendo che 3 litri di aria secca ozonizzata liberano, da una
soluzione acida di ioduro, una quantità di iodio che ossida [quantitativamente]
15.3 mL di una soluzione 0.1 N di tiosolfato. [NOTA: L'ozono si riduce a ossigeno e
acqua in ambiente acido. Il tiosolfato viene ossidato a tetrationato ]

- 24 -
SOLUZIONI
1) a) 0.2535 g b) 182.3 g c) 220.7 g d) 159 g
2) a) disciogliere 0.60 g di NaOH in acqua e portare il volume a 150 mL
b) diluire 9.09 mL a 100 mL
c) disciogliere 5.752 g di BaO e diluire a 1.5 Litri
d) diluire 1.88 mL a 150 mL
3) a) 40 mL b) 40 mL c) 72.92 mg d) 98.08 mg
4) a) 301.5 mg b) 22.50 mL c) 112.5 mL
d) 26.86 mL e) 89.90 f) 68.0 mg
5) a) 7.37 M e N b) 16.2 M e N c) 17.8 M e 35.5 N
d) 16.18 M e 32.36 N e) 15.7 M e N f) 27.5 M e N
6) 563.6 mL 7) 2.711 g
8) 2252 mg 9) 0.0968 N
10) 0.1056 N ; 0.0528 M
11) 5.99 % 12) al volume di 1097 mL
13) a) 31.6 ; 3.951 mg/mL b) 49.0 ; 6.130 mg/mL
c) 248 ; 31.02 mg/mL d) 41.4 ; 5.130 mg/mL
e) 32 ; 4.004 mg/mL f) 23.5; 2.939 mg/mL
g) 67 ; 8.735 mg/mL
14) a) As 2 O 3 / 4 = 49.46 b) K 2 SeO 4 / 2 =110.6 c) Cu 2O / 2 = 71.57
15) a) 0.1053 N ; 0.02106 M b) 0.1094 N ; 0.0219 M
c) 0.0783 N ; 0.0157 M
16) 60.56 % Sb 17) 478 mg CuS
18) 1.36 M FeCl2 19) 600 mL
20) 2030 mL 21) 1.21 M
22) a) 95.2 % b) 83.2 %
23) 74.15 % 24) 99.23 MnO2
25) 57.87 %
3- - +
26) IO + 5I + 6H = 3 I2 + 3 H 2 O 0.2347 N
+1 - -
27) Cl + 2 I = Cl + I2 0.2196 g As 2 O 3
3- 3- + -
I2 + AsO3 + H 2 O = AsO4 + 2 H + 2 I 1.49 % di cloro attivo
28) 0.8275 g
29) 0.2223 g
30) 2.093 g di H 2 C 2 O 4 5.15 g di Na 2 C 2 O 4
32) 0.99 % in peso 0.60 % in volume

- 25 -
Proprietà Colligative
1) La pressione osmotica di una soluzione di zucchero è di 22.7 atmosfere a 60°C.
Calcolare la concentrazione della soluzione in moli per litro.
2) g 0.743 di un composto organico sono disciolti in acqua a 15°C e portati al
volume di 150 mL; questa soluzione ha una pressione osmotica di 1. 535
atmosfere. Calcolare il peso molecolare del composto.
-1
3) g 68.4 di zucchero (peso molec. 342 g mol ) sono disciolti in un litro di
soluzione. Calcolare la pressione osmotica della soluzione a 20°C.
4) Una soluzione di g 11. 346 di un composto organico in 100 g di etere
(C 2 H 5)2O ha una tensione di vapore di 360.1 mmHg. Alla temperatura
dell'esperienza la tensione di vapore dell'etere puro è di 383 mmHg. Calcolare
il peso molecolare del composto organico.
5) A 20°C la tensione di vapore dell'etere è di 442 mmHg. Quando 6.1 grammi di
una sostanza vengono disciolti in 50 grammi di etere la tensione di vapore
diminuisce di 32 mmHg. Qual è il peso molecolare della sostanza?
6) A 80°C la tensione di vapore di una soluzione contenente 2.47 g di un
composto organico in 100 g di benzolo [ = benzene, C6H6] è 742.6 mmHg; la
tensione di vapore del benzolo puro a 80°C è 751.86 mmHg. Calcolare il peso
molecolare del composto.
7) Una soluzione contenente 1.346 g di una proteina per 100 g di acqua ha una
pressione osmotica di 9.69 cm di acqua a 25°C. Calcolare il peso molecolare
della proteina. [Si suppone che la proteina non subisce alcuna dissociazione]
8) La pressione osmotica di una soluzione di grammi 10 di benzofenone in 200
mL di etere è di 6.15 atmosfere a 0°C. Calcolare il peso molecolare del
benzofenone.
9) Una soluzione contenente g 3.85 di zucchero per litro è isotonica con una
soluzione contenente g 1.0 di urea CO(NH 2 )2 in 649 g di acqua. Calcolare il
peso molecolare dello zucchero.
10) Calcolare i grammi di glicerina (C3H8O3) da aggiungere a 100 g di acqua
affinché il punto di congelamento della soluzione sia di -0.25 °C.
-
(Kcr H2O = 1.86 °C Kg mol 1 )
10b) Il costo per chilo della glicerina (C 3 H 8 O3 ) e dell'alcool metilico (CH 3 OH) è
lo stesso; se queste sostanze vengono usate per preparare soluzioni
anticongelanti per radiatori di auto, quale ritenete sia più conveniente?
10c) A 25°C, la pressione osmotica di una soluzione acquosa contenente 2.65 g di
un elettrolita forte AB2 in 500 mL, vale 354637 Pa. Determinare la massa
molare della sostanza.

- 26 -
11) 10 grammi di acqua vengono disciolti in 80 g di alcool metilico. Sapendo che
le tensioni di vapore dell'acqua e dell'alcool metilico, a 30°C, valgono
rispettivamente 31.8 e 55.0 torr, calcolare la tensione di vapore della miscela e
la composizione del vapore in equilibrio con la soluzione esprimendola in
frazione molare.
-1
12) La tensione di vapore di un liquido A, il cui peso molecolare è 120 g mol , è di
70 mmHg a 25°C. Quanti grammi di C 6 H 4Cl 2 si debbono aggiungere a 30 g di
A affinchè la tensione di vapore risulti 55 mmHg ?
-1
13) La tensione di vapore di un liquido A (PM=72 g mol ) è di 38.96 torr a 0°C e
-1
quella di un liquido B (PM=87 g mol ) è di 27.32 torr alla stessa temperatura.
Calcolare la tensione di vapore a 0°C di una miscela di 20 g di A e 40 g di B
sapendo che i liquidi sono completamente miscibili e supponendo un
comportamento ideale della miscela.

14) A 80°C la tensione di vapore del butirrato di metile è 361 mmHg e quella
dell'acetato di etile 833 mmHg. Qual è la percentuale in peso di acetato di etile
in una miscela di acetato di etile e di butirrato di metile che bolle a 80°C ?
[NOTA: forse è il più tosto]

15) 0.504 g di una sostanza disciolta in 42.0 g di benzene innalzano il punto di


ebollizione del benzene di 0.715°C al di sopra del suo valore normale che è
80.2°C. Calcolare il peso molecolare del soluto (Keb benzene = 2.57 °C Kg/mole).

16) 17.930 g di mannite disciolti in 1000 g di acqua abbassano la tensione di


vapore dell'acqua di 0.0307 mmHg; la tensione di vapore dell'acqua alla
temperatura dell'esperienza è di 17.19 mmHg. Calcolare il peso molecolare
della mannite.

17) Calcolare la temperatura di congelamento della soluzione acquosa di cloruro di


-1
calcio al 4% in massa. (Kcr,H2O = 1.86 °C Kg mol )

18) Un composto organico contenente carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto fornì


all’analisi elementare i seguenti risultati: C: 48.6%; H: 6.4%; N: 8.1%.
La soluzione ottenuta sciogliendo 1.258 g di questo composto in 65 g di
benzene congela a 4.83°C. Determinare la formula del composto sapendo che il
-1
benzene congela a 5.4 °C e che la sua costante crioscopia vale 5.12 °C kg mol .

20) Una soluzione di 0.08 moli di acido cloroacetico in 1000 grammi di acqua è
ionizzata per il 13%. Calcolare l’abbassamento del punto di gelo,
l’innalzamento del punto di ebollizione e la tensione di vapore a 25°C della
soluzione. La tensione di vapore dell’acqua a 25°C è di 23.75 mmHg.
[NOTA: il testo non considera che la costante di dissociazione dell’acido varia con la
temperatura, pertanto il fatto di ritenerla costante fornirà un risultato molto approssimato].

- 27 -
31) Calcolare la tensione di vapore, a 22 °C, di una soluzione preparata sciogliendo
3.85 g di iodio in 70.8 mL di CCl4 sapendo che a tale temperatura la tensione
di vapore di CCl4 è pari a 90.5 Torr e la sua densità è dCCl4 = 1.594 g/mL.
32) Un composto è costituito esclusivamente da P e S, quest’ultimo per il 43.5% in
massa. Determinare il suo peso molecolare sapendo che 10.5 g del composto
sciolti in 150 g di cloroformio (CHCl3) ne abbassano la tensione di vapore, a
25°C, da 172.0 a 165.8 mmHg.
34) Calcolare la temperatura normale di ebollizione di una soluzione acquosa
contenente 1.95 g di glicole etilenico (C2H6O2, non volatile e indissociato) in
175 mL di acqua (dH2O=0.996 g/mL). La temperatura normale di ebollizione
-1
dell’acqua è 100°C e la sua costante ebullioscopica molale è 0.512 °C Kg mol
39) 700 mL di una soluzione acquosa contengono 2 g di glucosio (C6H12O6) e una
quantità incognita di saccarosio (C12H22O11). Calcolare la quantità di
saccarosio presente in soluzione sapendo che essa presenta, a 27°C, una
pressione osmotica di 492 mmHg.
43) Calcolare la pressione osmotica, a 32°C, di una soluzione 0.8 molale in
CaCl2.2 H2O sapendo che la densità della soluzione, alla stessa temperatura,
vale 1.066 g/mL.
44) Ammettendo un comportamento ideale, calcolare la tensione di vapore di una
soluzione acquosa 1 molale di urea [CO(NH2)2] a 50°C, a 75°C, a 90 e a 100°C.
La tensione vapore dell'acqua, in mmHg, vale (50°C: 92.51), (75°C: 289.1), (90°C: 525.76)

SOLUZIONI
1) 0.8273 moli/litro 2) PM = 76,4 g/mol
3) 4.805 atm. 4) PM = 131.82 g/mol
5) PM = 115.6 g/mol 6) PM = 154.5 g/mol
7) PM = 35000 g/mol 8) PM = 182.2 g/mol (C13H10O )
9) PM = 150 g/mol 10) 1.236 g
10b) Alcool metilico 10c) 111. 2 g/mol
11) 50.8 mmHg; frazione molare H2O nel vapore = 0.114
frazione molare CH3OH nel vapore = 0.886
12) g 10 C 6 H 4Cl 2 13) 31.71 mmHg
14) 82.5 % 15) PM = 43.1 g/mol
16) PM = 180.5 g/mol 17) -2.09 °C
18) C7H11O4N 20) -0.168°C; 0.047°C; 23.7 mmHg
31) 88.7 Torr 32) P4S3
34) 100.09 °C 39) 2. 50 g
43) 57.3 atm 44) 90.84; 283.9; 516.3; 746.3 (mmHg)

- 28 -
ANALISI INDIRETTA
NOTA: per questa serie di esercizi si raccomanda di utilizzare 4 cifre significative per valori
minori di 1 e 3 cifre decimali per i valori maggiori di 1. I valori di riferimento saranno comunque
in difetto. Spesso viene utilizzato il termine peso per indicare massa.

1) Una miscela di anidride carbonica e di anidride solforosa pesa 3.0 grammi.


Sapendo che la percentuale di ossigeno nella miscela è 65.2%, calcolare la
percentuale di anidride solforosa presente nella miscela. [le % sono in massa]

2) Un campione di g 2.00 di una miscela di solfuro di rame e di solfuro di


manganese viene trattato con acido solforico. Si ottiene una miscela di solfati
che pesa 3.38 g.
Calcolare il contenuto [in massa] di rame e manganese nella miscela.

3) Un campione di una miscela di cloruro di potassio e di ammonio che pesa


0.6534 g fornisce dopo dissoluzione in acqua ed aggiunta di nitrato di argento
un precipitato che pesa 1.433 g. Calcolare la percentuale di KCl nel campione.

4) Un campione di g 1.54 di una mescolanza di ossido di bario e ossido di calcio


ha richiesto 40.0 mL di HCl N per essere trasformato in cloruri. Calcolare la
percentuale [in massa] dei due ossidi nella miscela.

5) Una miscela di cloruro stannoso e cloruro stannico che pesa 15.95 grammi
viene portata in soluzione; per la precipitazione dello stagno come solfuro
occorre tanto H2S quanto se ne può sviluppare da 8.8 g di FeS. Quanto SnCl2 e
SnCl4 è contenuto nella miscela ? [richiede la massa dei componenti]

6) In che proporzione si devono mescolare il cloruro di potassio e il cloruro di


sodio per avere una miscela che contenga il 59% [in massa] di cloro ?

7) Un campione di g 0.74 di una miscela di cloruro e bromuro potassico viene


disciolto in acqua e portato al volume di 500 mL; 50 mL di questa soluzione
richiedono per la titolazione 19.52 mL di AgNO3 0.05 N. Calcolare la
composizione percentuale [in massa] della miscela.

8) Un campione di 0.500 g di una miscela costituita da (NH4)2SO4 e da sale di


Mohr [ FeSO4(NH4)2SO4 . 6 H2O ] ha fornito dopo dissoluzione in acqua e
aggiunta di BaCl2 un precipitato di BaSO4 pari a 0.750 grammi. Calcolare:
a) la composizione percentuale della miscela [in massa];
b) il peso di Fe2O3 che si otterrebbe per calcinazione di un campione di
200 mg di questa miscela

- 29 -
9) Un campione di 25.0 mL di una soluzione di cloruro di sodio, cloruro di
potassio e cloruro di ammonio richiese 39.0 mL di nitrato di argento 0.1 N per
la completa precipitazione. Un campione di 20.0 mL delle stessa soluzione
dopo prolungata ebollizione con idrossido di sodio sviluppò una quantità di
ammoniaca che veniva titolata con 9.8 mL di acido solforico 0.1 N. Un altro
campione di 40.0 mL venne evaporato e dopo calcinazione fornì un residuo di
0.28 g. Calcolare la composizione della soluzione originale in grammi per litro.
[NOTA: NH4Cl sublima a 520°C, pertanto viene eliminato durante la calcinazione]

10) Un campione di 20.0 mL di una soluzione di carbonato di sodio e di carbonato


di potassio richiese 31. 5 mL di HCl 0.1 N per la neutralizzazione; il liquido
risultante venne evaporato e fornì un residuo di 0. 21 g. Calcolare la
composizione della soluzione in grammi per litro.

11) BaO2 e PbO2 per riscaldamento danno luogo a BaO e PbO. Un campione di
14.650 g costituito da una miscela di BaO2 e PbO2 dette un residuo di
13. 522 grammi. Qual è il peso di PbO2 nella miscela originale?

12) Per riscaldamento BaO2 viene decomposto in BaO e O2 mentre il carbonato di


bario viene decomposto in BaO e CO2 . Una miscela di BaO2 e BaCO3 dal
peso di 14. 53 g venne riscaldata fino a decomposizione completa. Il residuo
pesava 12. 365 grammi. Calcolare:
a) la composizione della miscela iniziale [% in massa]
b) il volume di gas sviluppato misurato a 0°C e 1 atm.
c) la composizione in volume del gas sviluppato

13) 1. 234 grammi di una miscela di cloruro di sodio e di bromuro di sodio viene
riscaldata in presenza di cloro gassoso. A fine reazione, quando tutto il
bromuro di sodio viene trasformato completamente in cloruro di sodio, la
massa solida totale risulta pari a 1.129 grammi. Si chiede di calcolare la
composizione percentuale [in massa] dei due sali nella miscela originaria.

14) Una miscela di ossido di piombo(II) e di ossido di piombo(IV) contiene il


90.7% di piombo. Determinare la composizione percentuale [in massa] della
miscela

15) Una miscela è costituita da FeSO4.7 H2O e Fe2(SO4)3.9 H2O. Un campione di


tale miscela venne disidratato e si osservò una perdita in peso pari al 42.4 %.
Determinare la composizione percentuale [in massa] della miscela

- 30 -
16) Una miscela è costituita da NaCl e KCl. Un campione di 1.0 g della miscela,
sciolto in acqua, ha richiesto per la completa precipitazione dei cloruri sotto
forma di AgCl, 51.92 mL di nitrato di argento 0.3 molare. Determinare la
composizione percentuale [in massa] della miscela.

17) Un litro di miscela gassosa costituita da elio e ossigeno, alla temperatura di


25°C ed alla pressione di 721 mmHg, presenta la densità di 0.518 g dm-3.
Calcolare la frazione molare e la percentuale in massa di elio nella miscela.

18) Una miscela di cloruro di calcio e glucosio (C6H12O6), avente la massa di


8.214 g, viene usata per preparare 150 mL di soluzione acquosa che, A 27°C,
presenta una pressione osmotica pari a 4.928 atmosfere. Determinare la
composizione della miscela originaria.

SOLUZIONI

1) SO 2: 33.3 %
2) Cu: 920 ± 5 mg Mn: 393 ± 5 mg
3) 64.17 %
4) BaO: 43. 51 CaO: 56.49
5) SnCl 4: 6. 56 g SnCl 2: 9.39 g
6) NaCl : KCl = 6.88 : 1
7) KCl: 67.7 % KBr: 31. 3 %
8) a) Sale di Mohr: 46. 28% b) Fe 2 O 3: 18.84 mg
9) NH 4Cl: 2.622 g/Litro KCl: 3.44 g/Litro NaCl: 3. 56 g/Litro
10) K 2 CO 3: 5. 54 g/Litro Na 2 CO 3: 4.08 g/Litro
11) PbO 2: 9. 3 g
12) a) BaO 2: 57.4 % b) 1. 254 L c) O 2: 44.1 % CO 2: 55. 9 %
13) NaCl: 65. 9 % NaBr: 34.1 %
14) PbO : 66 % PbO 2: 34 %
15) FeSO4.7 H2O: 82 % Fe2(SO4) 3.9 H2O: 18%
16) 58.5 % NaCl 41.5 % KCl
17) χHe = 0.668 % He = 20 % [in massa]
18) CaCl2: 2.22 g glucosio: 1.8 g

- 31 -
Equilibri Chimici
NOTE: [ Gli es. 1, 2, 3, 4, 8, 13, 15, 19, 23, 24, 30, 32 non prevedono l'uso di pressioni parziali ]

1) La costante di equilibrio "Kc" della reazione A + B C + D è uguale a


"0.5". Calcolare le quantità di ogni sostanza presenti quando si raggiunge
l'equilibrio mettendo a reagire una mole di A e 2 moli di B.

2) Calcolare il numero di moli di cloro che si ottengono riscaldando 1 mole di


PCl 5 a 250 °C in un recipiente da 1 litro sapendo che la costante di equilibrio,
Kc, è 0.41 a questa temperatura.

3) Ad una certa temperatura la costante di equilibrio relativa alla reazione:


I 2(g) + H 2(g) 2 HI(g)
é Kc = "0.02". Calcolare le moli di ogni sostanza presenti all'equilibrio
mescolando 0.48 moli di idrogeno e 0.48 moli di iodio.

4) Nella reazione A + B C + D si raggiunge l'equilibrio quando,


partendo da una mole di A ed una mole di B, rimangono 1/4 di mole di A ed
1/4 di mole di B. Calcolare la costante di equilibrio.

4b) In un recipiente di 3.5 litri vengono immesse 0.4 moli di H2 e 0.2 moli di I2.e
successivamente il sistema viene portato alla temperatura di 600K. Calcolare la
Kc della seguente reazione I2(g) + H2(g) 2 HI(g) sapendo che ad
equilibrio raggiunto risultano presenti 0.3 moli di H2.

5) A 2200 °C ed alla pressione di 0.9 atmosfere la densità del diossido di carbonio


è 0.190 g/Litro. Calcolare la frazione di CO 2 decomposto in ossido di carbonio
e ossigeno.

6) A 3000 °C ed una atmosfera l'idrogeno è dissociato per il 9.03 % in atomi di


idrogeno. Quale è la densità del gas ?

7) 10 g di acido iodidrico vengono riscaldati a 450 °C in un recipiente del volume


di un litro in cui era stato fatto il vuoto. A questa temperatura il gas è dissociato
per il 54 % in idrogeno e iodio. Calcolare le pressioni parziali dei gas.

8) La composizione all'equilibrio di una miscela che ha reagito secondo la


reazione:
SO2 (g) + NO 2 (g) SO 3 (g) + NO (g)
e che si trova in un recipiente da un litro è 0.600 moli di SO 3, 0.400 moli di
NO, 0.100 moli di NO 2 e 0.800 moli di SO2 . Quante moli di NO si debbono
introdurre in questo recipiente perchè la quantità di NO 2 aumenti a 0.3 moli ?

- 32 -
8b) L’anidride solforica è un liquido che bolle a 44.5°C. A temperature più elevate
si decompone secondo il seguente equilibrio: 2 SO3 (g) 2 SO2 (g) + O2 (g).
Quando 0.05 moli di anidride solforica si introducono in un speciale recipiente
di 2 litri e portate ad una certa temperatura, ad equilibrio raggiunto, si
decompone per il 16%. Calcolare, a quella temperatura, la costante di
equilibrio Kc della reazione di decomposizione.

9) La densità del pentacloruro di fosforo riferita all'idrogeno è 57.77 a 250 °C e


alla pressione di una atmosfera. Calcolare il grado di dissociazione del
pentacloruro di fosforo in tricloruro di fosforo e cloro a questa temperatura.

10) Il tetrossido di diazoto si dissocia per riscaldamento in ipoazotide [NO2]. Fu


determinato in una esperienza che un recipiente pieno di questa miscela
gassosa a 50 °C e 500 mmHg di pressione pesava 71.981 grammi e che lo
stesso recipiente dopo evacuazione della miscela gassosa pesava 71.217
-3
grammi, mentre pieno con acqua (d acqua = 0.997 g cm ) pesava 555.9 grammi.
In che percentuale si trova nella miscela gassosa l'ipoazotide ?

11) Il bicarbonato di ammonio si decompone per riscaldamento in acqua, anidride


carbonica ed ammoniaca. Sapendo che 6 g di sostanza completamente
gassificata occupano, alla pressione di 700 mmHg ed alla temperatura di
300 °C, un volume di 11.5 litri, calcolare il grado di dissociazione.
["bicarbonato" leggasi "idrogeno carbonato".]

12) A 600 °C e 700 mmHg l'acido iodidrico è parzialmente dissociato e la


pressione parziale dello iodio è di 3. 2 mmHg. Calcolare il grado di
dissociazione.

13) A 1000 °C la costante di equilibrio Kc per la reazione


I 2(g) 2 I(g)
-3
è 0.165 " mol dm ". Calcolare quante moli di iodio rimangono indissociate
quando una mole di iodio è posta in un recipiente da 100 mL e riscaldata a
1000 °C.

14) A 27 °C ed alla pressione di 0.25 atmosfere il bromuro di nitrosile è dissociato


per il 12 % secondo la reazione :
2 NOBr (g) 2 NO (g) + Br2 (g)
Calcolare Kp.

15) La costante di equilibrio "Kc" della reazione:


CO (g) + H 2O (g) CO 2 (g) + H 2 (g)
a 800 °C è " 1.2 ". Calcolare le concentrazioni (moli/litro) all'equilibrio di
queste sostanze quando 2 moli di CO e 2 moli di H2O vengono introdotte in un
recipiente del volume di 5 litri a 800 °C.

- 33 -
16) Lo stagno si prepara per riduzione della cassiterite (SnO 2) con idrogeno
secondo la reazione:
SnO 2 (solido) + H 2 (gas) H 2O (vapore) + Sn (fuso)
Calcolare la costante di equilibrio (Kp) per questa reazione dai seguenti
risultati analitici :
a) a 600 °C la miscela gassosa all'equilibrio ha il 38 % di H 2
b) a 800 °C la miscela gassosa all'equilibrio ha il 22 % di H 2
Consigliereste di usare la temperatura più alta o quella più bassa per una
maggiore resa in stagno ? [NOTA: non specifica che le percentuali sono in volume]

17) A 55 °C la costante di equilibrio in funzione delle pressioni parziali per la


reazione N 2O 4 (g) 2 NO2 (g) è 0.66 "atmosfere". Calcolare la
percentuale di N 2O 4 dissociata a 55 °C e alla pressione di 380 mmHg e le
pressioni parziali di N 2O 4 e NO 2 all'equilibrio.

18) Alla temperatura di 50 °C ed alla pressione di 260 mmHg l'ipoazotide è


dissociata per il 63 % secondo l'equazione seguente:
N 2O 4 (g) 2 NO2 (g)
Calcolare il grado di dissociazione a 99 mmHg.
[NOTA: è implicito che il calcolo deve riferirsi alla stessa temperatura]

19) A 2300 °C la costante dell'equilibrio corrispondente alla reazione


N 2 (g) + O 2 (g) 2 NO (g)
è Kc = 0.0035. Calcolare la percentuale in volume dell'ossido di azoto formato
partendo da miscele gassose contenenti a) 40 %, b) 80 % di ossigeno.
[NOTA: non specifica che le percentuali sono in volume]

20) N 2O 4 a 60 °C e alla pressione di 1 atm è dissociata per il 53%. Calcolare :


a) il grado di dissociazione a 60 °C e alla pressione di 2000 mmHg
b) la pressione a cui N 2O 4 si dissocia per il 67% alla stessa temperatura.

21) A 400 °C e a 10 atm l'ammoniaca si dissocia per il 98 %. Calcolare la Kp della


reazione a 400°C.

21b) Alla temperatura di 350°C ed alla pressione di 1 atm, il PCl5 si dissocia per il
15% secondo lo schema di reazione PCl5 (g) PCl3 (g) + Cl2 (g) . Calcolare
la Kc della reazione ed il volume occupato dalla miscela gassosa che si viene a
formare quando una mole iniziale di PCl5 viene portata nelle condizioni
sperimentali indicate. [NOTA: * pressione complessiva della miscela]

22) Il cloruro di solforile [SO2Cl2] per riscaldamento si dissocia in anidride


solforosa e cloro. A 25 °C e 1 atm α è uguale a "0.2". Calcolare α alla
pressione di 2 atmosfere alla stessa temperatura.
[NOTA: ovviamente α (lettera greca alfa) è il grado di dissociazione]

- 34 -
23) Mescolando una mole di acido propionico (C2H5COOH) con 0. 5 moli di
alcool etilico e riscaldando a 50 °C, si formano 0.45 moli di propionato di etile.
Calcolare la costante di equilibrio "Kc".

24) 2 moli di PCl 5 vengono riscaldate in un recipiente chiuso da due litri.


Raggiunto l'equilibrio si osserva che il PCl 5 è dissociato per il 40 % in
tricloruro di fosforo e cloro. Calcolare la costante di equilibrio "Kc".

25) Quando si riscalda una mole di PCl 5 a 300 °C in un volume V si raggiunge


l'equilibrio quando il 70 % della sostanza è dissociata. Quante moli di cloro
debbono essere mescolate con la mole di PCl 5 per ridurre la dissociazione al
50 % se il volume è mantenuto costante ?

26) Una mole di gas, che occupa alla temperatura di 400 gradi assoluti ["Kelvin"]
un volume di 40 litri, risulta dissociata per il 2 % in due molecole. Calcolare la
pressione totale in atmosfere e la costante di equilibrio.
[NOTA: Intende che la sostanza gassosa è decomposta parzialmente in altre due sostanze]

27) A 1000 °C e alla pressione di 30 atmosfere le concentrazioni in volume


all'equilibrio per la reazione : C (s) + CO2 (g) 2 CO (g)
sono CO 2 =17 %; CO =83 %. Calcolare la Kp alla temperatura di esperienza.

28) La densità del cloro, riferita all'idrogeno, a 1400 °C e ad 1 atmosfera,


vale "29.29". Calcolare la densità del cloro a questa temperatura
a) alla pressione di 3 atmosfere
b) alla pressione di 0.25 atmosfere
[NOTA: A 1400 °C considerare l'idrogeno completamente indissociato mentre il cloro
risulta parzialmente dissociato in atomi. I risultati sono forniti come densità relative.]

29) Il valore di Kp per la reazione


CO (g) + H 2O (g) CO 2 (g) + H 2 (g)
è uguale a 0.63 a 986 °C. Una miscela costituita da una mole di vapor acqueo e
da 3 moli di CO, "a 986 °C", raggiunge l'equilibrio alla pressione di 2
atmosfere. Calcolare :
a) le moli di idrogeno presenti all'equilibrio
b) le pressioni parziali di ciascun gas nella miscela finale.

30) Una miscela di idrogeno, ammoniaca ed azoto contiene 4 moli di idrogeno, 5


moli di ammoniaca e 3 moli di azoto in un recipiente metallico di 4 litri. Il
volume di questo recipiente può essere fatto variare, mantenendo costante la
temperatura, muovendo un pistone. Quale deve essere il volume del recipiente
perchè la miscela all'equilibrio contenga 7 moli di idrogeno ?
[NOTA: Considerare, a piacere, la reazione di dissociazione o di formazione
dell'ammoniaca. Il testo non lo specifica ma intende che la miscela iniziale era in condizioni
di equilibrio.]
- 35 -
31) La preparazione della calce dal calcare avviene secondo la seguente reazione:
CaCO 3 (s) CaO (s) + CO 2 (g)
fra 850 °C e 950 °C la costante di equilibrio Kp è data dalla seguente
equazione empirica: log Kp = 7.282 - 8500/T dove T è la temperatura
assoluta. A quale temperatura si avrà la decomposizione completa del calcare ?
[NOTA: quando la pressione di CO 2 raggiunge quella atmosferica]

32) Una miscela in equilibrio secondo la seguente equazione


SO 2 (g) + NO 2 (g) SO 3 (g) + NO (g)
contiene 0.60 moli di SO 3 , 0.40 moli di NO , 0.80 moli di SO 2 e 0.10 moli di
NO 2 per litro. Una mole di NO venne introdotta nel recipiente di reazione
mantenendo costante il volume e la temperatura. Calcolare il numero di moli di
ciascun gas nella miscela finale.
[NOTA: l'esercizio è irrisolvibile, a meno che ..... ]

33) Un recipiente a 850 °C contiene SrCO 3 (s) , SrO (s) e C (s) in equilibrio con
CO 2 (g) e CO (g) . La pressione totale di CO 2 è CO è 171 mmHg. Il Kp per la
reazione:
SrCO 3 (s) SrO (s) + CO 2 (g)
è 2.47 mmHg a 850 °C. Calcolare, a 850 °C, il Kp per la seguente reazione :
C (s) + CO 2 (g) 2 CO (g)

34) Una miscela di 2 moli di CH 4 (g) e di una mole di H 2S (g) venne posta in un
recipiente che venne quindi riscaldato a 727 °C. Raggiunto l'equilibrio per la
reazione
CH 4 (g) + 2 H 2S (g) CS 2 (g) + 4 H 2 (g)
la pressione totale nel recipiente era 0.92 atmosfere e la pressione parziale
dell'idrogeno 0.20 atmosfere. Quale era il volume del recipiente ?

35) Una miscela gassosa di COCl 2, CO e Cl 2 in equilibrio secondo la reazione


COCl 2 (g) CO (g) + Cl 2 (g)
-3
ha una densità di 1.207 g dm a 327 °C ed alla pressione di 1 atm. Calcolare
la costante di equilibrio "Kc" per la reazione a 327 °C.

- 36 -
SOLUZIONI

1) A = 0.44 B = 1.44 C = D = 0. 56
2) 0.4673
-2
3) moli H2 = moli I2 = 0.4475 moli HI = 6. 5 ×10
4) K = 9 4b) 1.33 5) 5. 22 %
6) 0.00683 g/L
7) P H2 = P I2 = 1.24 atm; P HI = 2.15 atm
-5
8) 2.05 moli NO 2 8b) 7.26×10
9) α = 80.4 % 10) NO 2 = 45. 2 %
11) α = 98 % v

12) α = 0.914 % 13) 0.9379 moli I2


-4
14) Kp = 2.63 ×10
-3 -3
15) [CO] = [H2O] = 0.19 mol dm [CO2] = [H2] = 0. 21 mol dm
16) Kp (a 650 °C) = 1.6 Kp (a 800 °C) = 3. 5 Temperatura più alta
17) α = 49. 5 % P N2O4 = 0.17 atm PNO2 = 0. 33 atm
18) α = 0.8 19) a) 2.8 % b) 2.3 %
20) α = 0.36; P = 364 mmHg
4 4
21) Kp = 9.8 ×10 21b) Kc = 4.5 ×10 ; V = 58,83 L
22) α = 0.143
23) Kc = 7.46
24) Kc = 0. 267
25) 1.13 moli
-5
26) 0.837 atm; Kc = 1.02 ×10
27) Kp = 121. 5
28) a) 31.6; b) 25.4
29) a) 0.68 moli; b) PCO = 1.16 atm; PH2O = 0.16 atm; PCO2 = PH2 = 0. 34 atm
30) 17.8 Litri
31) 894 °C
32) SO3 = 0.48 moli; NO = 1. 28 moli; SO2 = 0.92 moli; NO2 = 0. 22 moli;
4
33) 1.15 ×10 mmHg
34) V = 300 Litri
-2
35) Kc = 1.6 ×10
- 37 -
Equilibri in soluzione

1) Calcolare il pH di soluzioni in cui la concentrazione in ioni idrogeno in


-3
mol dm è:
-11 -11
a) 10 ; b) 0.015 ; c) 1.25 ; d) 5.3 ×10 e) 0.00000016

2) Calcolare il pH ed il pOH di soluzioni che hanno le seguenti concentrazioni in


-3
ioni ossidrili (mol dm ):
-11 -5
a) 10 ; b) 0.015 ; c) 1.25 ×10 ; d) 0.0000000075

3) Determinare le concentrazioni in ioni idrogeno e in ioni ossidrili di soluzioni


che hanno i seguenti pH:
a) 5.7 ; b) 4.3 ; c) 11.0

4) Calcolare il pH delle seguenti soluzioni:


a) 100 mL HCl 0.1 M
-5
b) 100 mL di acido debole monoprotico HA 0.1 molare (Ka = 1.8 ×10 )
c) 100 mL contenenti 3.65 g di HCl
-5
d) 100 mL contenenti 1.0 g di acido acetico (Ka = 1.8 ×10 )
e) 100 mL contenenti 3.65 g di HCl e 2.0 g di NaCl
-5
f) 100 mL contenenti 1.0 g di CH3COOH e 2.0 g di acetato di sodio (Ka = 1.8×10 )

5) Calcolare il pH di una soluzione ottenuta aggiungendo 75 mL di NaOH 0.1 M


a 50 mL di HCl 0.1 M .

6) Calcolare il pH di una soluzione ottenuta aggiungendo 75 mL di acido acetico


-5
0.1 M a 50 mL di NaOH 0.1 M . (Ka = 1.8 ×10 )

7) Quanti grammi di HCl si debbono pesare per preparare 500 mL di una


soluzione che abbia un pH uguale a 3.7 ?

8) Un acido monoprotico è ionizzato per lo 0.18% in una soluzione acquosa


0.01 normale. Calcolare la sua costante di dissociazione.

-4
9) La costante di dissociazione dell'acido lattico, che è monoprotico, è 1.6 ×10 .
Qual è la concentrazione dello ione lattato in una soluzione 0.5 N dell'acido ?

10) Qual è la concentrazione analitica molare di una soluzione di acido nitroso


-4
ionizzata per il 6.49% ? (Ka-HNO2 = 4.5 ×10 )

- 38 -
-2 -5
10a) Calcolare, in una soluzione 5 ×10 N di acido acetico (Ka = 1.8 ×10 ), la
concentrazione degli ioni e delle molecole indissociate.
Leggasi [di tutte le specie ioniche e di quelle indissociate]

10b) Calcolare il pH e il grado di dissociazione dell’acido dicloroacetico in due


soluzioni acquose rispettivamente 0.1 M e 0.01 M di acido dicloroacetico.
-2
[ CHCl2COOH; Ka = 5 ×10 ]

10c) La dietilammina (C2H5)2NH è una base debole secondo il seguente schema


+ –
(C2H5)2NH + H2O (C2H5)2NH2 + OH
Una soluzione di dietilammina 0.115 M presenta un pH=”12.0”. Quanti mL di
acqua è necessario aggiungere a 100 mL della precedente soluzione affinché il
pH si modifichi al valore “11.7” ?

10d) A 25°C le soluzioni acquose al 5% in massa di ammoniaca presentano una


-1
densità pari a 0.976 g mL . Calcolare che valore assume il pH quando 2 mL di
NH3(aq.) al 5% vengono aggiunti a 198 mL di NH3 0.02 M.
-5
[ Kb-NH3 = 1.8 ×10 ].

11) Alla concentrazione 0.02 molare, un acido debole monoprotico in soluzione


acquosa risulta dissociato (ionizzato) per il 10% . Calcolare il pH della
soluzione.

12) Calcolare quanti grammi di acetato di potassio si devono aggiungere a 500 mL


di acido acetico 0.1 M per portare il pH della soluzione a "5.2". (Ka = 1.8×10-5)

13) Calcolare quanti grammi di nitrito di sodio devono essere sciolti in 115 mL di
acqua per ottenere una soluzione avente pH = "8.50". La costante di
-4
ionizzazione dell'acido nitroso è "5.1×10 "

14) Il grado di dissociazione (o di reazione con l'acqua) dell'acido


-2
monocloroacetico CH2ClCOOH in una soluzione 1.0×10 molare è "0.309".
Trovare quanti grammi di CH2ClCOONa devono essere aggiunti ad un litro
della precedente soluzione per avere un pH = "2.90".

15) Trovare il pH di una soluzione preparata aggiungendo 20 mL di NaOH


-2 -10
5.0×10 M a 10 mL di acido cianidrico 0.1 N. (Ka-acido cianidrico = 4×10 )

16) A 5.2 g di acetato di sodio furono aggiunti 2 mL di HCl 3 N e la soluzione


venne portata al volume di 500 mL. Calcolare il pH della soluzione risultante.
-5
(La costante di dissociazione dell'acido acetico è 1.8×10 )

- 39 -
17) Calcolare i grammi di acetato di sodio che si devono sciogliere in 30 mL di
-4
acqua affinché il pH sia uguale a quello di una soluzione acquosa 2×10 M di
-5 -5
ammoniaca. ( Ka-CH3COOH = 1.8×10 ; Kb-NH3 = 1.8×10 )
-5
18) 150 c.c. (cm3) di soluzione acquosa di ammoniaca 0.7 N (Kb = 1.8×10 )
vengono trattati con 1.5 litri di HCl gassoso a misurati a 0°C e 760 mmHg.
Calcolare il pH della soluzione. (Si supponga che il volume della soluzione
rimanga invariato dopo l'aggiunta di HCl).

19) Quando 2.53 g di acido cloroso sono presenti in un litro di soluzione acquosa,
+
la concentrazione di ioni H3O risulta 0.016 g.ioni/litro. Calcolare il pH di una
soluzione 0.25 M di clorito di potassio.

20) A 200 mL di una soluzione 0.1 M di cloruro di ammonio e 0.05 N in


-5
ammoniaca (Kb = 1.8×10 ) vengono aggiunti 0.7 g di NaOH. Calcolare il pH
della soluzione risultante.

21) Calcolare il pH di una soluzione 0.125 M di cianato di potassio, KCNO,


sapendo che una soluzione 0.044 M dell'acido HCNO ha un pH = "2.65".

22) Si abbia un litro di soluzione di CH3COOH 0.02 M. Calcolare quale massa di


acetato di sodio che occorre aggiungere per aumentare il pH della soluzione di
-5
una unità. (Ka = 1.8×10 )

23) Calcolare la concentrazione di una soluzione di ipoclorito di sodio avente


-8
pH = 9.03 sapendo che l'acido ipocloroso ha Ka = 2.95×10 .
-4
24) L'acido fluoridrico ha una costante di ionizzazione Ka = 6.75×10 . Calcolare
+
la concentrazione di ioni H3O ed il pH di una soluzione 0.20 M di fluoruro di
sodio.

25) Una soluzione è formata da un acido debole monoprotico HA 0.2 M e dal suo
sale sodico NaA 0.3 M. Calcolare il pH della soluzione e la variazione del pH
quando ad un litro di questa soluzione si aggiunge un mL di HCl 12.85 N.
-4
(Ka = 1×10 )

26) Quanti grammi di cloruro di ammonio bisogna aggiungere a 250 mL di una


soluzione 0.05 molare di ammoniaca per ottenere una soluzione a pH = 9.0 ?
-5
(Kb-NH3 = 1.8×10 )
-5
27) Calcolare il pH delle seguenti soluzioni: (Ka-CH3COOH = 1.8×10 ):
a) 100 mL di NaOH 0.1 N
b) soluzione a) + 50 mL di CH3COOH 0.1 M
c) soluzione a) + 100 cm3 di CH3COOH 0.1 M
- 40 -
-5
28) La costante di dissociazione dell'ammoniaca è 1.8×10 . Calcolare il pH di una
soluzione contenente, in 500 mL, 10 g di cloruro di ammonio e 0.05 moli di
ammoniaca.

29) 3.5 grammi di un acido debole monoprotico (PM = 120) vengono disciolti in
H2O per ottenere 250 mL di soluzione. In queste condizioni, il grado di
dissociazione dell'acido è pari al 2%. Alla soluzione vengono aggiunti 291 mL
di NaOH 0.1 M. Calcolare il pH della soluzione risultante.

30) In 500 mL di una soluzione 0.3 M di acido acetico si sciolgono 3 g di NaOH


solido. Assumendo che non vi sia variazione di volume, si calcoli il pH.
-5
(Ka = 1.8×10 )

31) Determinare la concentrazione di ioni idrossido ed il pH di una soluzione


-5
0.1 M di acetato di calcio. (Ka-CH3COOH = 1.8×10 )

32) In 100 mL di una soluzione acquosa di HCl il cui pH è 1.52 sono fatti assorbire
231 mL di NH3 gassosa misurati a 0°C e 760 mmHg. Calcolare il nuovo pH
-5
della soluzione considerando costante il suo volume. (Kb-NH3 = 1.8×10 )

33) Una soluzione 0.15 M di un acido debole HA ha pH = "3.22". Se a 75 mL di


questa soluzione si aggiungono 75 mL di NaOH 0.15 N, quale sarà il pH della
nuova soluzione ?

34) Calcolare quanti grammi di cloruro di ammonio occorre sciogliere in 100 mL


-5
di una soluzione 0.15 M di ammoniaca (Kb-NH3 = 1.8×10 ) per ottenere una
soluzione a pH = "9.5". Si ammetta che il volume della soluzione dopo
l'aggiunta del sale rimanga invariato.
-38
35) Il prodotto di solubilità dell'idrossido ferrico è 4 ×10 . Calcolare:
a) la solubilità dell'idrossido ferrico in moli per litro
b) il peso in grammi dello ione ferrico contenuto in 1 mL di soluzione
satura di questo composto.

-
36) Calcolare la concentrazione in ioni ioduro I , necessaria a dare un precipitato da
soluzioni contenenti 100 mg/litro dei seguenti cationi
+ ++ ++
a) Ag b) Pb c) Hg2
i prodotti di solubilità degli ioduri di argento, piombo e mercurio mercuroso
sono rispettivamente
-17 -9 -29
a) 8.5 ×10 b) 8.7 ×10 c) 4.5 ×10

- 41 -
37) 0.1 moli di NaOH vengono aggiunte ad 1 litro di acido acetico 0.125 M.
-5
Calcolare la concentrazione in ioni idrogeno della soluzione. (Ka = 1.8 ×10 )

38) Il prodotto di solubilità dello iodato di piombo(II) a temperatura ambiente


-13
è 2.6 ×10 . Quanti grammi di iodato di piombo sono necessari per preparare
200 mL di soluzione satura ?

-5
39) Qual è il pH di una soluzione 0.3 N di NH3 (Kb = 1.8 ×10 ) ? Qual è il pH di
una soluzione che 0.3 N in NH3 contiene anche 1.2 moli di NH4Cl per litro ?

40) L'acido formico è un acido monobasico che è ionizzato per il 3.2% in una
soluzione 0.2 M. Qual è la sua costante di dissociazione e la percentuale di
-2
acido dissociato in una soluzione 5 ×10 M ?

-3
41) La solubilità del fosfato di argento è 6.5 ×10 g per litro. Calcolare il prodotto
di solubilità.

-45 -30
42) Il prodotto di solubilità di CuS è 8.5 ×10 e quello del Bi2S3 è 0.57 ×10 .
--
Quale dei due sali fornisce una minore concentrazione di ioni S in una
soluzione satura ?
-11
43) Il prodotto di solubilità di Mg(OH)2 è 3.4 ×10 . Calcolare la concentrazione
minima di ioni ossidrili necessaria a cominciare la precipitazione dell'idrossido
di magnesio da una soluzione 0.1 M di solfato di magnesio.
-5
44) Il prodotto di solubilità del cloruro di piombo è 2.5 ×10 . Calcolare la
concentrazione dello ione Pb+ + in mg per mL in una soluzione acquosa satura
del sale. Se invece di acqua si usa HCl 3 M, quale sarà la concentrazione in
ioni Pb+ + ? .

45) Un precipitato di bromuro di argento viene lavato con 150 mL di acqua e


-3
successivamente con 150 mL di una soluzione di acido bromidrico 1×10 M.
Calcolare i grammi di sale che passano in soluzione durante ciascun lavaggio
sapendo che il prodotto di solubilità del bromuro di argento è 3.5×10-13.

46) Quale concentrazione in ioni ammonio deve essere presente in soluzione per
impedire la precipitazione di idrossido di magnesio se la concentrazione di
++
Mg è di 0.01 g.ioni/litro e quella di NH3 0.01 M ?
-11 -5
[ Ks idrossido di Mg = 1.5 ×10 . Kb NH3 = 1.8 ×10 ]

- 42 -
-9
47) Il prodotto di solubilità dell'ossalato di calcio (CaC2O4) è 2.6 ×10 . Calcolare
la concentrazione di ioni calcio e ossalato in una soluzione satura di ossalato di
calcio e la massa in grammi di sale disciolta in un litro di soluzione satura.

48) A 250 mL di una soluzione 0.4 M di HCN vengono aggiunti 250 mL di


ammoniaca 0.4 M. Calcolare la concentrazione di ioni idrogeno della
-10 -5
soluzione. [ Ka HCN = 4 ×10 ; Kb NH3 = 1.8 ×10 ]

49) Calcolare la concentrazione idogenionica delle soluzioni 0.1 M e 0.01 M di


-4
nitrito di bario. [ Ka HNO2 = 4.5 ×10 ]

50) Quanti grammi di cloruro di ammonio si debbono aggiungere ad 1 litro di


-9
acqua per avere una concentrazione in ioni OH– pari a 10 M ?
-5
[ Kb NH3 = 1.8 ×10 ]

51) Quante moli di cloruro di ammonio si debbono aggiungere ad 1 litro di acqua


per avere lo stesso pH di una soluzione 0.1 M di HCN ?
-5 -10
[ Kb NH3 = 1.8 ×10 ; Ka HCN = 4 ×10 ]
-4
52) A 25°C, il sale nitrito di argento ha Ks = 7×10 . Determinare se, mescolando 5
mL di una soluzione 0.01 M di nitrato di argento con 75 mL di nitrito di
potassio 0.1 M, ha luogo la formazione di precipitato di nitrito di argento.

54) Dire se precipita idrossido di magnesio quando a 700 mL di una soluzione


contenente 28 mg di NaOH vengono aggiunti 300 mL di una soluzione di
-11
cloruro di magnesio 0.001 M. (Ks-idrossido di magnesio = 3.4×10 )

55) Una soluzione satura di idrossido di calcio ha pH = "12.3". Si calcoli il


prodotto di solubilità Ks di tale sostanza.

56) Calcolare il pH di una soluzione ottenuta mescolando 100 mL di acetato di


calcio 0.1 M con 100 mL di acido cloridrico 0.2 M
-5
[ per CH3COOH Ka = 1.8 ×10 ]

57) L'acido HX è un acido debole. In una soluzione 0.10 M del suo sale NaX, l'1%

dello ione X è idrolizzato. Calcolare il pH della soluzione 0.10 M del sale e la
costante di ionizzazione dell'acido HX.

58) Che volume di cloruro di idrogeno, misurato a 755 mmHg e 0°C, deve essere
assorbito da 250 mL di una soluzione di ammoniaca 0.1 molare affinché il pH
-5
si abbassi al valore di 9.08 ? ( Kb [ammoniaca] = 1.8 ×10 moli/litro)

- 43 -
59) 100 mL di una soluzione 0.002 M di nitrato di argento vengono aggiunti a 400
millilitri di una soluzione di cromato di potassio 0.01 molare. Verificare se si
-12
ottiene precipitato. (Ks cromato di argento = 9.0 ×10 )

60) Il grado di dissociazione dell'acido monocloroacetico CH2ClCOOH in


-2
soluzione 1.0 ×10 M è "0.309". Trovare quanti grammi di CH2ClCOONa
devono essere aggiunti a 1.5 litri della precedente soluzione per avere un
pH = "2.90".

SOLUZIONI

1) a) 11.0 b) 1.82 c) -0.10 d) 4.28 e) 6.80


2) pH a) 3.0 b) 12.18 c) 9.1 d) 5.88
pOH a) 11.0 b) 1.82 c) 4.9 d) 8.12
+ -6 -5 -11
3) [H ] a) 2 ×10 b) 5 ×10 c) 10
– -9 -10 -3
[OH ] a) 5 ×10 b) 2 ×10 c) 10
4) a) 1.0 b) 2.87 c) 0.0 d) 2.76 e) 0.0 f) 4.91
5) 12.30 6) 5.03
-8
7) 0.00365 g 8) 3.2 ×10
-3
9) 8.9 ×10 10) 0.1 M
+ – – -11
10a) [H ] = [CH3COO ] = 0.00093 ; [CH3COOH] = 0.049 ; [OH ] = 1.04 ×10
10b) a) pH = 1.3; α = 0.5 b) pH = 2.07; α = 0.845
10c) 219.5 mL 10d) pH = 10.97
+ -3
11) [H3O ]=2.0 ×10 ; pH = 2.7
12) 13.72 g 13) 4.1 g
14) 1.27 g 15) pH = 10.95
16) pH = 5.73 17) 15.94 g
18) pH = 9.01 19) pH = 7.78
20) pH = 10.29 21) pH = 8.52
22) pH = 0.492 g 23) 3.4 ×10-4 M
24) pH = pH = 8.2 25) pH1 = 4.18; pH2 = 4.13
26) 1.2 g 27) pHa = 13; pHb = 12.53; pHc = 8.73
- 44 -
28) pH = 8.68 29) pH = 8.53
- -5
30) pH = 4.74 31) [OH ]=1.05 ×10 ; pH = 9.02
32) pH = 9.52 33) pH = 9.25
34) pH = 0.464 g
-10 -11 3
35) a) 1.96 ×10 mol / litro b) 1.1 ×10 g / cm
-14 -3 -13
36) a) 9 ×10 b) 4.25 ×10 c) 4.25 ×10
-6
37) 4.5 ×10 38) 4. 5 mg
-4
39) pH=11.36 ; pH = 8.66 40) K = 2.1 ×10 ; 6.4 %
-18
41) 1.55 ×10 42) CuS
– -5 -6
43) [OH ] = 1.8 ×10 ; 44) 3.8 mg/mL ; 2.7 ×10
-5 -9
45) 1.66×10 g ; 9.85×10 g
+ -3 -5 -3
46) [NH4 ] = 4.7 ×10 47) 5.1 ×10 ; 6.5 ×10
-10 -9 -8
48) 4.7 ×10 49) 4.74 ×10 ; 1.5 ×10
50) 9.6 g 51) 0.072
-5
52) no (5.85×10 < Ks)
-10 -6
54) si (1.47×10 > Kps) 55) Ks = 4×10
56) pH = 3.02
-9
57) pH = 11 ; K = 1 ×10 58) 0.336 litri
-9
59) Q = 1.28 ×10 > Ks; precipita.
60) 1.91 g

- 45 -
ESERCIZI di Termologia e Termodinamica
1) Un pezzo di argento del peso pari a 54 g, la cui temperatura è di 150°C, viene
posto in 54 grammi di acqua inizialmente alla temperatura di 20°C.
Supponendo trascurabili le perdite dovute al non perfetto isolamento,
determinare la temperatura di equilibrio.
-1 -1 -1 -1
[ Cp(Ag) = 25.35 J K mol ; Cp(H2O , l) = 75.29 J K mol ]

2) Che quantità di calore è necessaria per trasformare 36 g di ghiaccio che


inizialmente si trova alla temperatura di 0 °C, in vapore alla temperatura di
-1
100 °C. [ Calore latente di fusione dell’acqua ∆H°fus = 79.7 cal g ; Calore latente di
-1 -1 -1
vaporizzazione dell’acqua ∆H°vap = 584 cal g ; Cp(H2O , l) = 1 cal K g ].

3) Svolgere il problema precedente utilizzando i dati espressi nelle unità


internazionali.
-1
[ Calore latente di fusione dell’acqua ∆H°fus = 44 kJ mol ; Calore latente di
-1 -1 -1
vaporizzazione dell’acqua ∆H°vap = 6 kJ mol ; Cp(H2O , l) = 75.29 J K mol ]

4) Calcolare il lavoro compiuto da un sistema che si espande da un volume iniziale


di 83.5 L ad un volume finale di 124.2 L sotto la pressione costante di 1.0 atm.
Esprimere il risultato in kJ.
5) Calcolare il ∆U (Energia necessaria) per l'evaporazione di una mole di acqua
alla temperatura di 373 K sotto la pressione costante di un'atmosfera. La
quantità di calore necessaria per far evaporare una mole di H2O a 373 K è di
9725 cal/mol. Esprimere il risultato in kJ.

6) Calcolare il ∆U per la reazione 2 SO2 (g) + O2 (g) 2 SO3 (g) alla


temperatura di 298 K e alla pressione di un'atmosfera sapendo che per la
reazione ∆H° = - 196.6 kJ.
Composto ∆Hf° (kJ/mol)
7) Utilizzando i valori di ∆Hf° di formazione riportati CaCO3 (s) -1206.9
CaO (s) -635.5
in tabella, calcolare i ∆H° per le seguenti reazioni:
CO2 (g) -393.5
CaCO3 (s) CaO (s) + CO2 (g) C3H6 (g) 20.4
C3H8 (g) -103.8
C3H6 (l) + H2 (g) C3H8 (g)
NH3 (g) -46.19
NH3 (g) + HCl (g) NH4Cl (s) HCl (g) -92.3
NH4Cl (s) -315.4
H2O (l) -285.8

8) Il ∆H° di formazione del glucosio (C6H12O6) è pari a -333 kcal/mole.


Prelevando gli altri dati necessari dalla tabella dell’esercizio precedente,
-1
calcolare il ∆H° di combustione del glucosio, esprimendolo in kJ mol .
- 46 -
10) Non è possibile determinare sperimentalmente il ∆H° di formazione (∆Hf°) del
benzene [C6H6 (l)] in quanto facendo reagire carbonio e idrogeno si forma una
miscela di idrocarburi. Calcolare ∆Hf° del benzene sapendo che:
per C6H6 (l) ∆H°combustione = -3267.6 kJ/mol
per CO2 (g) ∆Hf° = -393.5 kJ/mol
per H2O (l) ∆H°vaporizzazione = +44.0 kJ/mol
per H2O (g) ∆Hf° = -241.8 kJ/mol

11) Calcolare quanti mL di alcol etilico (C2H5OH, Composto ∆Hf° (kJ/mol)


d = 0.7893 g/mL) forniscono, per combustione C2H5OH (l) -277.7
totale, 824 kJ. Ricavare il ∆H°combustione dell'alcol CO2 (g) -393.5
dai dati forniti in tabella. H2O (l) -285.8

12) La grande affinità dell'alluminio per l'ossigeno


viene sfruttata per ridurre ossidi metallici stabili. Composto ∆Hf° (kJ/mol)
Utilizzando i dati della tabella calcolare quanto Fe2O3 (s) -824.1
Al2O3 (s) -1675.7
calore si sviluppa quando 28.3 g di Fe2O3 sono
ridotti con alluminio metallico secondo la reazione:
2 Al (s) + Fe2O3 (s) Al2O3 (s) + 2 Fe (s)
(reaz. della termite, utilizzata per saldare grosse eliche per imbarcazioni o linee ferrate )

13) Calcolare quanto calore si svolge quando 2.44 L di vapor d'acqua, alla
pressione di un'atmosfera e alla temperatura di 384 K, vengono trasformati in
H2O (l) alla temperatura di 363 K sapendo che nell'intervallo di temperatura
considerato, le capacità termiche di H2O (g) e H2O (l) sono rispettivamente
-1 -1 -1 -1
36.28 J mol K e 75.90 J mol K e che per l'evaporazione di H2O a 373 K
∆H = 40.67 kJ/mol.

14) Calcolare il ∆U e ∆H per la trasformazione di 100 g di H2O (l) a 373 K e alla


pressione di 1.0 atm, in vapore alla stessa temperatura e alla stessa pressione. Il
calore necessario per evaporare una mole di acqua è di 9.72 Kcal.

15) Calcolare il volume di metano, misurato a ∆Hf°form. CH4 (g) = -74.85 kJ/mol
298 K e 1 atm, necessario per fornire, in
∆Hf°form. CO2 (g) = -393.5 kJ/mol
seguito a combustione totale, il calore
∆Hf°form. H2O (l) = -285.8 kJ/mol
richiesto per la fusione di 20.0 g di ghiaccio
∆Hf°fus. H2O = +6.02 kJ/mol
alla temperatura 273.2 K, portando quindi la
Cp H2O (l) = 75.23 J/(mol K)
temperatura dell'acqua a 298 K. Usare i dati
in tabella.

- 47 -
16) Calcolare il ∆H° di formazione di AgCl (s) sapendo che per la reazione
AgB (s) + 1/2 Cl2 (g) AgCl (g) + 1/2 Br2 (l)
∆H°reaz. = -27.53 kJ e che per AgBr(s) ∆H°formazione = -99.50 kJ/mol

17) Calcolare il ∆H e ∆U per la combustione del Composto ∆Hf° (kJ/mol)


normal pentano (C5H12) alla temperatura di 298 K C5H12 (l) -146.4
e ad un'atmosfera ricavando i valori di ∆H° di CO2 (g) -393.5
formazione dei reagenti e prodotti dalla tabella. H2O (l) -285.8

18) Calcolare il ∆G° per le seguenti Composto ∆Hf° ∆Gf° S°


reazioni: H2O (g) -241.8 -228.6 +188.7
a) H2 (g) + 1/2 O2 (g) H2O (g) H2O (l) -285.8 -237.2 +69.96
C3H6 (g) +20.4 +62.72 +266.9
b) C3H6 (g) + H2 (g) C3H8 (g) C3H8 (g) -103.8 -23.5 +269.9
c) I2 (s) + Cl2 (g) 2 ICl (g) ICl (g) +17.6 -5.52 +247.4
d) Mg(OH)2 (s) MgO (s) + H2O (l) Mg(OH)2 (s) -924.66 -833.75 +63.14
MgO (s) -601.83 -569.57 +27
-1 -1 -1
∆Hf° e ∆Gf° in kJ mol ; S° in J mol K

19) Calcolare il ∆G a 350 K per le reazioni del problema precedente assumendo che
le variazioni di ∆H e di S, nell'intervallo di temperatura tra 298 K e 350 K siano
trascurabili.

20) Dire quali tra le reazioni riportate sotto sono Composto ∆Gf° (kJ/mol)
termodinamicamente spontanee a 298 K. Si usino i H2O (g) -228.6
dati presenti nella tabella a fianco. H2O (l) -237.2
a) CH4 (g) C (s) + 2 H2 (g) CH4 (g) -50.79
CO2 (g) -394.4
b) CH4 (g) + 2 O2 (g) CO2 (g) + 2 H2O (l)
HCHO (g) -110
c) HCHO (g) + 1/2 O2 (g) HCOOH (l) HCOOH (l) -346

21) Calcolare il ∆G per la conversione


Sostanza ∆Hf° ∆Gf° S°
dell'ossigeno in ozono a 298 K e a
350 K. Assumere che le variazioni di O2 (g) 0 0 +205.14
∆H e di S in questo intervallo di O3 (g) +142.7 +163.2 +238.93
temperatura siano trascurabili -1
∆Hf° e ∆Gf° in kJ mol ; S° in J mol K
-1 -1

- 48 -
22) Calcolare il ∆H° di formazione del fruttosio solido (C6H12O6) sapendo che:
-1
∆H°combustione (C6H12O6 , s) = -2810 kJ mol
-1
∆H°formazione (CO2 , g) = -393.5 kJ mol
-1
∆H°formazione (H2O , l) = -285.8 kJ mol

23) Sono note le costanti termodinamiche di equilibrio delle seguenti reazioni


-10
1/2 N2(g) + 1/2 O2(g) NO(g) Keq= 4.8 ×10 (1)
-10
N2(g) + O2(g) 2 NO(g) Keq= 4.8 ×10 (2)
-5
2 NO2(g) 2 NO(g) + O2(g) Keq= 1.1 ×10
Quanto vale la costante di equilibrio della reazione (3) di decomposizione di
NO2 negli elementi?
2NO2(g) N2(g) +2O2(g) (3)
E’ possibile dedurre che la costante di equilibrio per la reazione (1), scritta
senza coefficienti frazionari, ha un valore diverso di Keq ?

SOLUZIONI
1) 26.9 °C
2) 27.5 kcal
3) 115 kJ
3
4) 4.12 ×10 J
5) 37.59 kJ
6) -194.1 kJ
7) a) 177.9 kJ; b) -124.2 kJ; c) -176.9 kJ
-1
8) ∆H°comb. = -2682 kJ mol
10) 49 kJ/mol
11) 35.2 mL
2
12) 1.51 ×10 kJ
13) 3.24 kJ
14) ∆H = 54.0 kcal; ∆E = 49.9 kcal
15) 0.240 Litri
16) -127.03 kJ/mol
3 3
17) ∆H = -3.536 ×10 kJ/mol; ∆E = -3.529 ×10 kJ/mol
18) a) -228.6 kJ; b) -86.2 kJ; c) -11.0 kJ; d) 27.0 kJ
19) a) -226.2 kJ; b) -79.5 kJ; c) -19.0 kJ; d) 25.19 kJ
20) a) no; b) si; c) si
21) ∆G° = 326.4 kJ; ∆G°350 = 333.5 kJ
-1
22) ∆Hf° = 1265.8 kJ mol
-13
23) Keq = 4.7 ×10

- 49 -
Esercizi di ELETTROCHIMICA (1)
[ NOTA: ove non altrimenti specificato si tratta di soluzioni acquose e considerate T = 298,15 K,
inteso come valore standard di temperatura in soluzione acquosa ]

1) Calcolare, a 25°C, il potenziale di un semielemento costituito da una lamina di


-2 -3
ferro immersa in una soluzione di solfato ferroso 5.0 ×10 mol dm .
(E°Fe2+/Fe° = -0.447 V)
3+ - 2+
2) Calcolare il potenziale della semireazione Fe + e Fe quando la
2+ -3 3+ -3
concentrazione di Fe è 0.010 mol dm e quella di Fe è 0.100 mol dm .
(E°Fe3+/Fe2+ = 0.771 V)

3) Calcolare il potenziale della semireazione:


2- + - 3+
Cr2O7 + 14 H + 6 e 2 Cr + 7 H2O
-3
quando la concentrazione dello ione dicromato vale 0.10 mol dm , quella dello
-4 -3
ione cromico vale 1.0 ×10 mol dm e la soluzione presenta un pH pari a
"1.50" . (E°Cr2O72 -/ Cr3+ = 1.33 V)

3b) In certe condizioni la differenza di potenziale ∆E per la seguente reazione


+ 2+
redox è + 1.05 V: 2 Ag (aq) + Ni°(s) 2 Ag°(s) + Ni (aq)
Qual è il ∆G della reazione nelle stesse condizioni ?

4) Calcolare il potenziale di un elettrodo costituito da una lamina di argento


immersa in una soluzione di ioduro di potassio 0.1 molare e che contenga
ioduro di argento come corpo di fondo.
-17
(E°Ag+/Ag° = 0.800 V; Kps ioduro di argento = 8.51 ×10 )

5) Calcolare il potenziale di un elettrodo di argento immerso in una soluzione


satura di solfuro di argento.
-50
(E°Ag+/Ag° = 0.800 V; Kps solfuro di argento = 6.7 ×10 )
+ -
7) Si calcoli il potenziale della semireazione H (aq.) + 2 e H2(g)
quando la pressione dell'idrogeno è 1 bar e la concentrazione degli ioni
-5
idrogeno è 2.5 ×10 molare.

8) In una soluzione acida, il potenziale di un elettrodo a idrogeno, riferito


all'elettrodo a calomelano saturo (ESCE = 0.269 V) è -0.341 V. Calcolare il pH
della soluzione. [NOTA: dati impliciti: T=298.15K, la pressione di H2 = 1 Bar;
l’elettrodo a calomelano saturo è costituito da una soluzione satura di KCl]

9) Il potenziale di un elettrodo ad argento immerso in soluzione satura di cromato


di argento è 0.571 V riferito all'elettrodo standard ad idrogeno. Calcolare il
prodotto di solubilità del cromato di argento. (E°Ag+/Ag° = 0.800 V )
- 50 -
12) Calcolare la differenza di potenziale di una cella elettrochimica costituita da un
elettrodo standard di argento e da un elettrodo standard di rame.
(E°Cu2+/Cu° = 0.342 V; E°Ag+/Ag° = 0.800 V )

13) Calcolare la differenza di potenziale di una cella elettrochimica costituita dalle


4+ 2+ -
coppie Sn /Sn e Br2/Br . Le concentrazioni delle specie in soluzione sono:
4+ -3 -3 2+ -3 - -3
[Sn ] = 1 ×10 mol dm ; [Sn ] = 0.1 mol dm ; [Br ] = 0.1 mol dm .
(E°Sn4+/Sn2+ = 0.151 V; E°Br2/Br - = 1.09 V )

14) Con i dati dell'esercizio 12 si determini in quale verso procede la reazione


complessiva nella cella durante l'erogazione della corrente e la sua costante di
equilibrio.

15) Calcolare la differenza di potenziale di una cella elettrochimica costituita da un


elettrodo standard di idrogeno e da un terminale elettrodico di cromo immerso
-3 -3 3+
in una soluzione 1 ×10 mol dm dello ione Cr . Scrivere la reazione
complessiva e calcolarne la costante di equilibrio. (E°Cr3+/Cr° = - 0.742 V)

16) Una pila a concentrazione è formata da due semicelle nelle quali gli elettrodi
inerti di platino sono immersi in due soluzioni, una di HCl 0.10 molare e l'altra
-5 -3
di acido acetico (Ka = 1.8 ×10 ) alla concentrazione 0.10 mol dm . Il sistema
viene mantenuto alla temperatura di 298.15 K mentre dell'idrogeno gassoso,
alla pressione di 1 bar, viene fatto gorgogliare sui due elettrodi. Calcolare la
differenza di potenziale della pila.

17) Un elettrodo di misura ad idrogeno (terminale di platino; P( H2 ) = 1 bar; T = 298 K) è


-5
immerso in una soluzione acquosa di acido acetico (Ka = 1.8 ×10 ). La
differenza di potenziale misurata rispetto all'elettrodo standard ad idrogeno è di
0.188 V. Calcolare la concentrazione dell'acido acetico.
[NOTA: l'elettrodo in misura deve avere un potenziale negativo rispetto a quello standard a
+
idrogeno (ECH3COOH = - 0.188 V), altrimenti [H ] sarà > 1 M]

18) Si consideri la seguente reazione redox


++ -
Br2(aq) + Zn(s) Zn (aq) + 2 Br (aq)
Schematizzare la cella galvanica in cui la reazione indicata può avvenire e
definire simbolicamente il calcolo della f.e.m. della pila (∆E della reazione)
3+ 2+ +
20) Date le due coppie Fe /Fe e Ag /Ag° alle condizioni standard, scrivere la
reazione complessiva e calcolare la costante di equilibrio. Calcolare inoltre la
+
concentrazione di ioni argento [Ag ] che rimane in soluzione quando si è
stabilito l'equilibrio della reazione. (E°Fe3+/Fe2+ = 0.771 V; E°Ag+/Ag° = 0.8 V )

- 51 -
3+ 2+ 4+ 3+
21) Date le due coppie redox standard Fe /Fe e Ce /Ce scrivere la reazione
complessiva e determinare se la reazione può essere sfruttata per scopi
quantitativi. (E°Fe3+/Fe2+ = 0.771 V; E°Ce4+/Ce3+ = 1.611 V )
[NOTA: Il termine "standard" non è necessario. Una reazione può essere considerata
quantitativa se la Keq è molto grande in modo consumare gran parte dei reagenti]

22) Il dicromato, in ambiente acido, ossida il bromuro a bromo. Bilanciare la


reazione in forma ionica nel verso indicato e determinare il valore della
costante di equilibrio. (E°Cr2O72 -/ Cr3+ = 1.33 V; E°Br2/Br - = 1.09 V )

25) Calcolare il prodotto di solubilità dello ioduro di argento dai seguenti dati:
- -
AgI(s) + e Ag° + I (aq.) E° = - 0.151 V
+ -
Ag (aq.) + e Ag° E° = +0.800 V

26) Determinare il Kps del bromuro di rame(I) dai seguenti dati:


(E°Cu+/Cu° = 0.521 V; E°CuBr /Cu° = 0.030 V )

29) Una pila alcalina zinco-carbone deve produrre una corrente di 0.0100 A per la
durata di 30 giorni. Calcolare le masse di zinco e di diossido di manganese che
si consumano durante il suddetto periodo di scarica considerando un
rendimento del 90.0 %. La reazione complessiva è:
Zn + 2 MnO 2 + H 2O Mn 2 O 3 + Zn(OH) 2

30) Un accumulatore al piombo-acido contiene un elettrodo di piombo (1.50 kg) e


uno di PbO2 (1.50 kg) depositato su un supporto conduttore. Ambedue gli
elettrodi sono immersi in una soluzione di H2SO4 in eccesso rispetto alla
quantità stechiometrica. Calcolare la carica elettrica prodotta nella scarica e la
massa di acido che si è consumato. La reazione complessiva è:
+ --
Pb + PbO 2 + 4 H + 2 SO4 2 PbSO 4 + 2 H2O
[NOTA: La doppia freccia indica la ricaricabilità dell'accumulatore, non un equilibrio
marcato. Il calcolo si intende per la scarica completa dell'accumulatore.]

32) Una batteria al piombo-acido deve produrre una corrente di 45.0 A per 5.00 s
in modo da mettere in moto un motore. Calcolare la massa di Pb e PbO 2 che si
consumano nella scarica. La reazione complessiva è quella dell'esercizio 30.
36) KI fuso è elettrolizzato fra elettrodi inerti con una corrente costante di 5.50 A.
Calcolare la massa delle sostanze che si sono formate agli elettrodi dopo che la
corrente è passata per 1.00 h
37) NaOH è elettrolizzato fra elettrodi inerti con una corrente costante di 10 A per
30 min. Si calcoli la massa del metallo che si è formato al catodo ed il volume
(misurato a condizioni standard) del gas che si formato all'anodo.
[NOTA: NaOH deve essere fuso. Pertanto, visto che Na° fonde a circa 98°C e NaOH a
5
318°C, il metallo si ottiene allo stato liquido. Condiz. Standard: 1 bar (10 Pa) e 273.15 K]

- 52 -
38) NaCl fuso è elettrolizzato fra elettrodi inerti con una corrente costante di 5 A.
3
Calcolare il tempo necessario affinché 10.1 dm di Cl2 (misurato in condizioni
standard) si svolgano all'anodo. Determinare anche la massa di sodio che
contemporaneamente si è formato al catodo.
[NOTA:Condizioni Standard: 1 bar (105 Pa) e 273.15 K]

39) Calcolare la carica elettrica necessaria a depositare 200 g di Mg elettrolizzando


MgCl2 fuso ammettendo che la resa di corrente sia il 75%.
[NOTA: Se la resa in corrente non è del 100% durante l'elettrolisi le leggi di Faraday sono
false. A produrre ossidoriduzione non è la carica elettrica in quanto tale ma quella che
attraversa l'elettrolizzatore mediante corrente elettrica.]

44) La stessa quantità di elettricità passa attraverso due diverse celle elettrolitiche
separate, una contenente una soluzione di AgNO3 e l'altra una soluzione di
SnCl2. Calcolare quanti grammi di Sn si sono depositati al catodo della
seconda cella, quando nella prima si sono ridotti 1.0 g di Ag. [evidentemente le
2+ +
celle sono collegate in serie. Si noti che in questo esperimento si riduce Sn invece di H
per effetto di fenomeni di sovratensione]

47) Due celle elettrolitiche sono collegate in serie. Una contiene una soluzione
acquosa di solfato di rame con elettrodi di rame e l'altra una soluzione diluita di
acido solforico con elettrodi di platino. L'elettrolisi è fatta procedere a corrente
costante per 180 minuti. Nella prima cella si depositano 10.0 grammi di rame.
Si chiede di calcolare l'intensità della corrente utilizzata ed i volumi, misurati a
condizioni standard [1 bar e 273.15 K], dei gas sviluppati nella seconda cella.

49) Una soluzione diluita di acido solforico è elettrolizzata, a corrente costante,


usando elettrodi inerti per 1500 secondi. Alla fine dell'elettrolisi sono raccolti
3 -5
550 cm di gas in totale, alla pressione di 1.02 ×10 Pa e alla temperatura di
295 K. Si chiede di calcolare l'intensità della corrente impiegata.

51) Facendo l'elettrolisi di un sale allo stato fuso di formula generica MF2 con una
corrente costante di 5.5 A per la durata di 15 min. si depositano al catodo 2.88
grammi del metallo M. Si calcoli il peso atomico del metallo.

53) Due celle elettrolitiche sono collegate in serie. Quando in una delle due, che
contiene un sale di argento, si depositano al catodo 2.15 g di argento metallico,
nell'altra, che contiene una sale di oro, si depositano 1.31 g del metallo.
Calcolare lo stato di ossidazione dell'oro nel sale in soluzione.

55) La resistenza di una soluzione acquosa misurata ad una certa temperatura


4
mediante un conduttimetro risulta 4.5 ×10 Ω . Calcolare la conduttività
[conduttanza specifica] della soluzione sapendo che la cella utilizzata nella
-1
misura presenta una costante pari a 0.55 cm .

- 53 -
56) Una soluzione acquosa di un acido debole mono-protico, alla concentrazione
-2 -3 -4 -1
5.0 ×10 mol dm , ha una conduttività di 3.13 ×10 S cm a 25°C. La sua
conduttività molare a diluizione infinita [Λ∞ ottenuta dalla legge di Kohlrausch] alla
2 -1
stessa temperatura è 336 S cm mol . Calcolare il grado di dissociazione
dell'acido.
-3
57) Per una soluzione di KCl 5 ×10 molare fu misurata, a 25°C, una resistenza di
765 Ohm utilizzando una certa cella conduttometrica. La conduttanza specifica
-4 -1
di questa soluzione è nota ed è pari a 7.2 ×10 S cm a 25°C. Calcolare la
costante della cella.

58) La conduttanza di una soluzione acquosa di un acido debole monoprotico 0.11


-4
molare, misurata con la cella dell'esercizio precedente, è pari a 4.7 ×10 S.
Calcolare il pH della soluzione sapendo che per l'acido in questione Λ∞ = 350
2 -1
S cm mol .

SOLUZIONI

1) -0.486 V 2) 0.830 V 3) 1.19 V 3b) 202.6 kJ


4) -0.092 V 5) -0.164 V 7) -0.095; -0.340 V
-12
8) 1.22 9) 1.1 ×10 12) 0.458 V 13) 1.06 V
+ ++
14) 2 Ag + Cu° 2 Ag° + Cu ; 3.0 ×10 15
75 + + 3+
15) 0.801 V; 1.8 ×10 ; 2 Cr + 3H 2 Cr + 3 H2
-2 –
16) 0.111 V 17) 2.4 ×10 18) Pt° / Br2, Br // Zn++ / Zn°
+ 2+ 3+ -3
20) Ag + Fe Ag + Fe ; 3.09 ; 0.66 mol dm
4+ 2+ 3+ 3+ 14
21) Ce + Fe Ce + Fe ; si poiché Keq = 1.6 ×10
2– - + 3+ 24
22) Cr2O7 + 6 Br + 14 H 2 Cr + 3 Br2 + 7 H2O ; Keq = 2.2 ×10
-17 -9
25) Keq = Kps = 8.4 ×10 26) Keq = Kps = 5 ×10
6
29) Zn: 9.76 g; MnO2: 25.9 g 30) PbO2 in difetto; Q = 1.21 ×10 C; 1.23 kg
32) Pb: 0.242 g; PbO2: 0.279 g 36) I2: 26.0 g; K: 8.01 g
3
37) Na: 4.29 g; O2: 1.06 dm 38) 4 h 46' 40'' ; 20.5 g
6 3 3
39) 2.12 ×10 C 44) 0.551 g 47) 2.81 A; H2: 3.57 dm ; O2: 1.78 dm
49) 1.96 A
-5 -1
51) 112.3 53) 3 55) 1.22 ×10 S cm
-2
56) 4.65 ×10 57) 0.55 58) 3.13

- 54 -
Esercizi di ELETTROCHIMICA (2)
[NOTA: per questa serie di esercizi i valori dei potenziali devono essere rintracciati in tabella]

1) Una soluzione contenente KHF2 viene elettrolizzata per un'ora a 0.320 A.


Calcolare il volume di fluoro che si svolge all'anodo. [NOTA: l’intensità della
corrente è costante ed il volume è misurato a 298 K e 1 atm]

2) Il magnesio può essere preparato per elettrolisi del cloruro di magnesio fuso.
Nel corso del processo si ha deposizione di Mg metallico al catodo e si svolge
cloro all'anodo. In una tipica esperienza, il passaggio della corrente ha
determinato la deposizione di 2.04 g di Mg metallico. Calcolare il volume di
cloro (misurato a 298 Kelvin e 1 atmosfera) che si è svolto all'anodo. Dire
inoltre quanti coulomb di carica elettrica sono stati forniti alla cella.

3) Le celle galvaniche derivate dalla pila Leclanché sono costituite da un


contenitore di zinco al cui interno si trova una barretta di grafite circondata da
una pasta contenente MnO2, ZnCl2 e NH4Cl. Anche se le reazioni che
avvengono sono complesse e possono variare in funzione della potenza
erogata, possiamo schematizzare nel seguente modo il funzionamento della
pila.
2+ -
Semireazione anodica: Zn Zn + 2e
2+ -
Semireazione catodica: 2 MnO2 + Zn + 2 e ZnMn2O4
Calcolare quanto ZnMn2O4 si forma per ogni coulomb erogato dalla cella.
[NOTA: si intende per una quantità di carica elettrica pari ad 1 Coulomb]

4) Una cella Daniell è stata preparata immergendo una barretta di rame in 100 mL
di una soluzione 0.10 M di solfato di rame(II) e una barretta di zinco in 100 mL
di una soluzione 0.10 M di solfato di zinco e quindi collegate mediante un
opportuno ponte salino. La pila è stata collegata ad un circuito esterno
(utilizzatore) e, dopo un certo periodo di funzionamento, si è trovato che la
concentrazione del CuSO4 era 0.08 M. Calcolare quanti coulomb di elettricità
sono stati erogati dalla cella.

5) Calcolare la f.e.m. di una cella costituita da un elettrodo normale a idrogeno


collegato con una semicella in cui un elettrodo di Ag è immerso in una
soluzione 1.0 molare di AgNO3. Dire quale semicella funge da anodo.

6) Calcolare la f.e.m. per la seguente cella in cui tutte le specie sono in condizioni
2+ 3+ 3+ 2+
standard: Pt° / Cr ; Cr // Fe ; Fe / Pt°
Scrivere la reazione chimica che si verifica durante l'erogazione di energia.

7) Calcolare la f.e.m. per la seguente cella:


- 2- + 3+
Pt / Br (0.05 M) ; Br2 (0.1 M) // Cr2O7 (0.04 M) ; H3O (0.1 M) ; Cr (0.01 M) / Pt

- 55 -
8) Data l'ossidoriduzione
2- - + 3+
Cr2O7 + 6 Cl + 14 H3O 2 Cr + 3 Cl2 + 21 H2O (l)
dire se è spontanea quando reagenti e prodotti sono tutti in condizioni standard.
Calcolarne inoltre la costante di equilibrio.

9) Calcolare il potenziale di una semicella costituita da un elettrodo di Pt immerso


in una soluzione di NaCl 0.25 M su cui viene fatto gorgogliare Cl2 alla
pressione di 0.3 atm. Dire se fungerebbe da anodo o da catodo se collegata con
una seconda semicella costituita da un elettrodo di Pt immerso in una soluzione
1.0 M di HCl su cui viene fatto gorgogliare H2 a 1 atm. Calcolare la f.e.m.
della pila ottenuta.

10) Su di un elettrodo di Pt immerso in una soluzione di HCl 1.0 M viene inviata


una miscela di idrogeno ed elio alla pressione di una atmosfera. Il potenziale
della semicella risultante è di 0.07 V. Calcolare la pressione parziale di H2
nella miscela.

11) Calcolare la f.e.m. della seguente cella a concentrazione, sapendo che il


-5
prodotto di solubilità di Ag2SO4 è 1.6 ×10
+
Ag° / Ag2SO4 (soluz. satura) // Ag (0.1 M) / Ag°

12) Considerando i potenziali standard riportati in appendice dire se il cloro può


ossidare l'ossigeno e calcolare la costante di equilibrio di tale ossidoriduzione.

13) Una cella a concentrazione è costituita da un elettrodo normale a idrogeno e da


una semicella a idrogeno (PH2 = 1.0 atm) in cui la concentrazione degli ioni
+
H3O è incognita. La f.e.m. della cella è di 0.170 Volt. Calcolare il pH della
soluzione contenuta nella seconda semicella.

14) Una cella è costituita da due semicelle a idrogeno di cui una è in condizioni
standard. La seconda semicella è costituita da un elettrodo di Pt immerso in una
soluzione di HCl 1.0 M e su di esso viene fatta gorgogliare una miscela di
idrogeno e argon a pressione atmosferica. Calcolare quale debba essere PH2
nella miscela gassosa perchè la f.e.m. della cella sia 8.0 mV.

18) Utilizzando i potenziali standard in appendice, calcolare, a 25°C, la costante di


- - +
equilibrio per l'ossidoriduzione: IO3 + 5 I + 6 H3O 3 I2 + 9 H2O
- +
19) Data l'ossidoriduzione: H3AsO4 + 2 I + 2 H3O HAsO2 + I2 + 4 H2O
a) Dire se è spontanea quando reagenti e prodotti sono tutti presenti in condizioni standard.
-
b) Dire se la reazione è spontanea quando [H3O+] = 1.0 ×10 3 M rimanendo inalterate le
altre condizioni
c) Dire a quale pH si inverte la reazione
[NOTA: sono state usate alcune espressioni infelici riguardo alla spontaneità]

- 56 -
20) Una barretta di 4.0 g di Zn viene immersa in 10.0 mL di una soluzione 0.5 M
++
di CuCl2. Calcolare la concentrazione residua di Cu al raggiungimento
dell'equilibrio e i grammi di Cu che si sono depositati.
++
21) Calcolare la differenza di potenziale E per l'ossidazione di Cu a Cu da parte
-
di NO3 (che si riduce a NO) a pH 8.0 in una soluzione in cui la concentrazione
+
di tutte le specie, tranne H3O , sia 1.0 M. Dire se la reazione è spontanea.
[NOTA: il valore negativo di E indica non spontaneità, ma è molto prossimo a zero]
-2 -2
22) Una soluzione è, inizialmente, 5.0 ×10 M in SnCl2 e 8.0 ×10 M in FeCl3.
2+ 3+ 4+ 2+
Avviene la reazione di ossidoriduzione Sn + 2 Fe Sn + 2 Fe
Calcolare la concentrazione delle specie al raggiungimento dell'equilibrio.

23) Calcolare il ΔG° per la seguente reazione di ossidoriduzione:


+ 2+
Zn° + 2 H3O (aq.) Zn (aq.) + H2 (g) + 2 H2O (l)

SOLUZIONI
1) 0.146 litri
-2
2) 2.05 L ; 1.62 ×10 C
3) 1.24 mg / C
4) 386 C
5) 0.80 V. L'elettrodo normale a idrogeno.
2+ 3+ 3+ 2+
6) 1.18 V; Cr + Fe Cr + Fe
7) 0.08 V
-4
8) no; K = 9 ×10
-2
9) E°Cl2/Cl - = 1.38 V; E°H+/H2 = 3.0 ×10 V; Ecella = 1.35 V ;
+ -
Pt / H2 (0.1 atm) ; H3O (1.0 M) // Cl2 (0.3 atm) ; Cl (0.25 M) / Pt
-3
10) 4.3 ×10 atm
11) 0.029 V
8
12) si; K = 6.3 ×10
13) pH = 2.876
14) 0.536 atm
55
18) Keq = 6.2 ×10
19) a) si; b) no; c) pH = 0.3
-38 -1
20) 3.01 ×10 ; 3.18 ×10 g
21) E = 0.01 V ; no
2+ 4+ 2+ 3+ -12
22) [Fe ] = 0.08 M; [Sn ] = 0.04 M; [Sn ] = 0.01 M; [Fe ] = 5.4 ×10 M
2
23) ΔG° = -1.5 ×10 kJ
- 57 -
Alcuni potenziali elettrodici standard di riduzione a 25°C

E°' sono i potenziali elettrodici standard di riduzione ma a pH = 7.

- 58 -
APPENDICI

- 59 -
In riferimento all’esercizio n.11 del capitolo “Concentrazione delle soluzioni”,
riporto la densità sperimentale delle soluzioni di H2SO4 in funzione della loro
concentrazione espressa in % in massa. Si noti che l’andamento è solo
approssimativamente lineare nella sua completa estensione, mentre risulta
abbastanza lineare se ci si ferma alla concentrazione pari al 40% in massa con
intercetta lievemente inferiore al valore unitario.
Densità soluzioni acquose di H2SO4
Conc. densità
% mas g cm-3
1 1.004
2 1.010
3 1.017
4 1.023
5 1.030
10 1.064
15 1.099
20 1.137
25 1.175
30 1.215
35 1.256
40 1.299
45 1.344
50 1.391
55 1.441
60 1.494
65 1.549
70 1.606
75 1.664
80 1.722
85 1.773
90 1.809
92 1.819
94 1.826
96 1.831
98 1.831
100 1.826

- 60 -
Densità soluzioni acquose di HCl

Conc. Conc. densità


% mas mol dm-3 g cm-3
0.36 0.09874 1.000
1.36 0.3749 1.005
2.364 0.6548 1.010
3.374 0.9393 1.015
4.388 1.228 1.020
5.408 1.52 1.025
6.433 1.817 1.030
7.464 2.118 1.035
8.49 2.422 1.040
9.51 2.726 1.045
10.52 3.03 1.050
11.52 3.333 1.055
12.51 3.637 1.060
13.5 3.943 1.065
14.49 4.254 1.070
15.48 4.566 1.075
16.47 4.879 1.080
17.45 5.193 1.085
18.43 5.51 1.090
19.41 5.829 1.095
20.39 6.152 1.100
21.36 6.473 1.105
22.33 6.798 1.110
23.29 7.122 1.115
24.25 7.449 1.120
25.22 7.782 1.125
26.2 8.12 1.130
27.18 8.461 1.135
28.18 8.811 1.140
29.17 9.16 1.145
30.14 9.506 1.150
31.14 9.864 1.155
32.14 10.22 1.160
33.16 10.59 1.165
34.18 10.97 1.170
35.2 11.34 1.175
36.23 11.73 1.180
37.27 12.11 1.185
38.32 12.5 1.190
39.37 12.9 1.195
40 13.14 1.198

- 61 -
Densità soluzioni acquose di ammoniaca
Conc. Conc. densità
% mas mol dm-3 g cm-3
0.0465 0.0273 0.998
0.512 0.299 0.996
0.977 0.57 0.994
1.43 0.834 0.992
1.89 1.1 0.990
2.35 1.36 0.988
2.82 1.63 0.986
3.3 1.91 0.984
3.78 2.18 0.982
4.27 2.46 0.980
4.76 2.73 0.978
5.25 3.01 0.976
5.75 3.29 0.974
6.25 3.57 0.972
6.75 3.84 0.970
7.26 4.12 0.968
7.77 4.41 0.966
8.29 4.69 0.964
8.82 4.98 0.962
9.34 5.27 0.960
10.4 5.84 0.956
11.49 6.42 0.952
12.58 7 0.948
13.71 7.6 0.944
14.88 8.21 0.940
16.06 8.83 0.936
17.24 9.44 0.932
18.45 10.06 0.928
19.67 10.67 0.924
20.88 11.28 0.920
22.12 11.9 0.916
23.39 12.52 0.912
24.68 13.16 0.908
26 13.8 0.904
27.33 14.44 0.900
28.67 15.08 0.896
30 15.71 0.892
31.37 16.36 0.888
32.84 17.05 0.884
34.35 17.75 0.880

- 62 -
NOTE sul peso equivalente (PE) e Normalità
Gli equivalenti normalizzano i coefficienti stechiometrici rendendoli tutti uguali
ovvero "quantità equivalenti". Si ottiene il "Peso Equivalente" di una specie chimica
o di un gruppo atomico dividendo l'effettivo peso (espresso in unità di massa
atomica o g mol-1) per un coefficiente "a" ricavabile dal minimo comune multiplo
dei coefficienti stechiometrici che compaiono nello schema di reazione.

PM
PE =
a

Il coefficiente a dipende sempre dalla specifica reazione nella quale la sostanza


partecipa, ma nella gran parte dei casi:
!
Per reazioni non redox, il coefficiente a è uguale al numero di cariche positive o
! ottenute per dissociazione reale o formale del composto considerato (con
negative
attenzione ad eventuali reazioni consecutive).
Per reazioni redox, il coefficiente
! a è uguale al numero di elettroni trasferiti “per
molecola” del composto considerato nello schema di reazione (con attenzione alle
reazioni di disproporzione dirette o inverse).
! complessivo è dato dalla somma dei pesi equivalenti
Per i composti binari, il PE
degli elementi presenti.
Per i composti complessi il PE può essere considerato rispetto ad un elemento o
rispetto ad un gruppo atomico (vedi esercizi 6 e 8 del capitolo “Peso equivalente,
valenza, peso atomico” ).

m(g) m(g) m(g)


n.eq = = = " a = n.moli " a
PE PM / a PM
n.moli m(g)
M= =
V(L ) PM " V(L )
!
n.eq m(g) m(g)
N= = = "a = M "a
V(L ) PE " V(L ) PM " V(L )
!

- 63 -
Principio dell’equivalenza applicato all’ANALISI
TITRIMETRICA
Ha come scopo di base la determinazione analitica del “titolo” di una soluzione di
una sostanza qualitativamente nota ma a “titolo” incognito o non precisamente noto
[titolo = valore della concentrazione].
Le titolazioni, nel senso più ampio del termine, si effettuano anche per determinare
altri parametri Chimico-Fisici delle sostanze su cui si sta indagando.

Le reazioni implicate in questo genere di indagine sono di vario tipo, noi ci


limiteremo a quelle di base

a) REAZIONI ACIDO-BASE
b) REAZIONI DI PRECIPITAZIONE QUANTITATIVA
c) REAZIONI REDOX

Una titolazione consiste nell’aggiunta graduale di una soluzione di un titolante a


concentrazione nota ad una precisa aliquota di soluzione della sostanza a
concentrazione incognita.
In tutti i casi è necessario trovare un sistema che ci permetta di determinare il
momento in cui gli equivalenti della sostanza utilizzata come titolante uguagliano
quelli presenti nella soluzione della sostanza da titolare. Quando si verifica questa
condizione si interrompe il processo o si continua se il sistema permette una
registrazione dell’operazione effettuata (es. titolazioni conduttometriche, pH-
metriche o potenziometriche con registrazione, quelle condotte con strumenti che
misurano Conduttanza, Assorbanza o Emissione etc. etc.)

Per le titolazioni acido-base condotte senza strumenti, per definire il raggiungimento


del punto equivalente, vengono utilizzati i normali indicatori acido-base,
opportunamente scelti in base al tipo di sostanze utilizzate.

Per le titolazioni redox può essere utilizzato come indicatore il titolante stesso se
intensamente colorato (caso della permanganometria in cui il punto di equivalenza è
indicato dal colore del permanganato in eccesso). In altri casi si utilizzano sostanze
che cambiano di colore per reazione con il titolante, ma che devono avere un
potenziale tale da reagire solo dopo la sostanza da titolare ha reagito completamente
con il titolante. Oppure ancora si possono utilizzare strumenti che registrano il
potenziale elettrodico.

Per le titolazioni di precipitazione e altri approfondimenti vi rimando alla Chimica


Analitica.

- 64 -
Temperatura di equilibrio
Si considerino due corpi (A e B), costituiti da due
sostanze chimiche pure, perfettamente isolati
dall’ambiente, ciascuno con la propria massa, con il
proprio numero di moli e con la propria temperatura.
Se i due corpi vengono messi in contatto, fluirà una certa quantità di calore dal
corpo a temperatura maggiore verso quello a temperatura minore.
q A = C p,m,A " #TA " n.moli A (1)
qB = C p,m,B " #TB " n.moliB (2)
La quantità di calore persa da uno dei due, in assenza di perdite, sarà uguale a quella
!
acquistata dall’altro. Il segno di q A e qB dipenderà dal segno dei relativi ∆T: se uno
dei due risulta!positivo, ovviamente, l’altro risulterà negativo. Allo scopo di ottenere
l’uguaglianza dei due valori anche nel segno sarà necessario porre
! ! q A = " qB (3a)
oppure (nel senso che è la stessa cosa)
qB = " q A (3b)
Se usiamo la (3a) !
C p,m,A " #TA " n.moli A = $ C p,m,B " #TB " n.moliB
!
C p,m,A " (Teq. # TA ) " n.moli A = # C p,m,B " (Teq. # TB ) " n.moliB (4a)
Se usiamo la (3b) otteniamo una espressione identica (basta spostare il segno)
!
" C p,m,A # $TA # n.moli A = C p,m,B # $TB # n.moliB
!
" C p,m,A # (Teq. " TA ) # n.moli A = C p,m,B # (Teq. " TB ) # n.moliB (4b)
Si può “nascondere” il segno (-) nelle 4 invertendo la differenza: si ottengono due
!
espressioni solo apparentemente diverse, ma l’uguaglianza persiste ancora.
! (5a)
C " (T # T ) " n.moli = C
p,m,A eq. A " (T # T ) " n.moli
A p,m,B B eq. B
C p,m,A " (TA # Teq. ) " n.moli A = C p,m,B " (Teq. # TB ) " n.moliB (5b)
Entrambe danno il seguente unico risultato:
!
C p,m,A " TA " n.moli A + C p,m,B " TB " n.moliB
! Teq. =
C p,m,A " n.moli A + C p,m,B " n.moliB

NOTA: Le espressioni (4) e (5) sono valide se le temperature sono espresse in Kelvin
!
- 65 -