Sei sulla pagina 1di 3

Pallavolo

Sintesi
Il video illustra le caratteristiche della pallavolo, dalle dimensioni del campo, alla descrizione delle
principali regole del gioco, dai modi per conquistare un punto, ai vari tipi di falli. I contenuti sono

© Mondadori Education
esposti direttamente dall’insegnante con l’ausilio di grafiche animate e fotografie a supporto.

Trascrizione
La pallavolo nasce negli Stati Uniti nel 1895, quando il docente Morgan radunò nel College dove
insegnava alcuni suoi colleghi per la dimostrazione di un nuovo sport che non prevedeva alcun
contatto fisico con gli altri partecipanti. Solo nel 1964, ai giochi di Tokio, la pallavolo venne ufficial-
mente ammessa tra gli sport olimpici.
Il campo da gioco è un terreno di 18m per 9m, diviso da una rete posta sulla linea centrale. Ogni
partita è disputata da sei giocatori per squadra e si divide in set. Vince chi si aggiudica più set che,
a seconda della competizione, possono essere tre o cinque. Il set viene vinto al raggiungimento
dei 25 punti.
I giocatori si dispongono nelle due zone del proprio terreno, tre in attacco e tre in difesa, e dopo
ogni punto si effettua una rotazione di tutte le posizioni in senso orario.
Ogni giocatore non può toccare la palla per due volte consecutivamente, a meno che non attui
la risposta a muro. La squadra può effettuare al massimo tre tocchi prima di rinviare il pallone nel
campo avversario. Si conquista un punto quando la palla cadde a terra nel campo avversario e
quando l’altra squadra manda la palla fuori dal terreno di gioco o commette fallo. I falli più comuni
sono: invasione, quando un giocatore entra nel campo avversario; trattenuta, quando la palla viene
accompagnata e non rinviata con un tocco netto; doppio, quando la palla viene colpita con due parti
del corpo dallo stesso giocatore.
Questo sport mette in risalto le qualità del gruppo e non solo quelle del singolo giocatore e crea
un grande clima di aggregazione.

1
Pallavolo

Soluzione degli esercizi



Individua la giusta disposizione dei giocatori nel campo da gioco.
a) 2 in attacco, 4 in difesa
b) 3 in attacco, 3 in difesa
c) 4 in attacco, 2 in difesa

La pallavolo nasce:

© Mondadori Education
a) In Europa, nel 1500
b) Negli Stati Uniti, nel 1895
c) A Tokyo nel, 1964
d) In Brasile, nel 1958

Che azione devono compiere i giocatori dopo ogni punto?


a) Battere le mani
b) Saltare
c) Ruotare di una posizione in senso orario
d) Ruotare di una posizione in senso antiorario

Prima di inviare il pallone nel campo avversario la squadra può effettuare al massimo:
a) 2 tocchi
b) 3 tocchi, inclusa la ricezione
c) 3 tocchi oltre la ricezione
d) 5 tocchi

Suggerimenti didattici
Contestualizzazione. Il volleyball è un gioco di squadra che richiede particolare tecnica, ma può
risultare di grande soddisfazione anche se praticato ad un livello di base. Si adatta bene al contesto

2
Pallavolo

scolastico in tutti i momenti dell’anno, e la sua popolarità è ulteriormente cresciuta con il diffon-
dersi della versione estiva, ovvero il beach volley. Dal punto di vista dello sviluppo fisico richiede
velocità, agilità, forza e bilanciamento, e consente di potenziare in particolare le spalle e gli arti
inferiori.
Attivazione. Il salto è uno dei cardini del volley, e una buona capacità di elevazione consente di
migliorare la qualità della battuta in corsa, della schiacciata e del muro a rete. In questo senso si
suggerisce di programmare una serie di esercizi per sviluppare il salto verso l’alto, eventualmente
sfruttando un trampolino. Contestualmente si consigliano delle attività da fare in coppia per miglio-
rare le tecniche di palleggio e ricezione, alternando l’una e l’altra nello scambio.

© Mondadori Education