Sei sulla pagina 1di 7

Martedì 2 novembre 2010

Evento speciale
PASOLINI, 35 ANNI FA

Ore 18.00 OMAGGIO MUSICALE A PASOLINI


Immagini e musica presso la libreria Edison

Ore 19.30 UCCELLACCI E UCCELLINI


di Pier Paolo Pasolini, Ita 1966 – 88’
con Totò, Ninetto Davoli

Ore 21.30 PASOLINI, POESIA IN FORMA DI CINEMA


Serata di approfondimento
a cura di Pier Dario Marzi

Mercoledì 3 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
LONDON RIVER
di Rachid Bouchareb, GB 2009 – 87’
con Brenda Blethyn, Sotigui Kouyaté

Martedì 9 novembre 2010 ore 21.30


Cinema e Basket
HE GOT GAME
di Spike Lee, Usa 1998 – 133’
con Denzel Washington, Ray Allen
Serata in collaborazione
con il Basket Le Mura Agos Ducato

Mercoledì 10 novembre 2010 ore 21.00


Prime visioni
BUTTON BUTTON
di Peter Medak, Usa 1996 – 30’
con Brad Davis, Mare Winningham

THE BOX
di Richard Kelly, Usa 2009 – 115’
con Cameron Diaz, Frank Langella

Martedì 16 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
CHE FINE HA FATTO OSAMA BIN LADEN
di Morgan Spurlock, Usa 2009 – 96’
con Morgan Spurlock, Alexandra Jamieson

Mercoledì 17 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – 20 anni di accoglienza
IL SANGUE VERDE
di Andrea Segre, Italia 2010 – 57’
Premio Selezione Cinema Doc
alla Mostra del Cinema di Venezia 2010

Martedì 23 novembre 2010


Prime visioni – Speciale Sofia Coppola
Ore 18.00
LOST IN TRASLATION (v.o. con sottotitoli)
di Sofia Coppola, Usa 2003 – 105’
con Bill Murray, Scarlett Johansson

Ore 21.30
SOMEWHERE (v.o. con sottotitoli)
di Sofia Coppola, Usa 2010 – 98’
con Stephen Dorff, Elle Fanning
Leone d’Oro Mostra del Cinema di Venezia 2010

Mercoledì 24 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – 20 anni di accoglienza
SCONTRO DI CIVILTÀ PER UN ASCENSORE
IN PIAZZA VITTORIO
di Isotta Toso paese anno 2010 - 98’
con Kasia Smutniak, Daniele Liotti

Martedì 30 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – Settimana della salute mentale
LA PECORA NERA
di Ascanio Celestini, Italia 2010 – 93’
con Ascanio Celestini, Maya Sansa, Giorgio Tirabassi

Mercoledì 1 dicembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – Settimana della salute mentale
LA VIA DELLA CROCE
di Serena Nono, Italia 2009 – 60’
Sarà presente il produttore Giovanni Benzoni

Martedì 14 dicembre 2010 ore 21.30


I focus di Ezechiele – Fassbinder
Ore 18.00 UN ANNO CON 13 LUNE
di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1978 – 124’

Ore 20.15 VERONIKA VOSS


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1982 – 105’

Ore 22.15 LOLA


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1981 – 115’

Mercoledì 15 dicembre 2010


I focus di Ezechiele – Fassbinder
Ore 18.00 LILI MARLENE
di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1980 – 120’

Ore 20.15 IL MATRIMONIO DI MARIA BRAUN


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1978 – 120’

Ore 22.15 QUERELLE DE BREST


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1982 – 106’

Martedì 21 dicembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
THE ROAD
di John Hillcoat, Usa 2009 – 119’
con Viggo Mortensen, Charlize Theron, Robert Duvall

Mercoledì 22 dicembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
LO ZIO BOONMEE CHE SI RICORDA
LE VITE PRECEDENTI
di Apichatpong Weerasethakul, Thailandia 2010 – 113’
con Thanapat Saisaymar, Jenjira Pongpas
Palma d’Oro Festival di Cannes 2010

TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI
TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI TESTI
Martedì 2 novembre 2010
Evento speciale
PASOLINI, 35 ANNI FA
Nella notte del 2 novembre del 1975 moriva in circostanze tragiche e violente Pier Paolo Pasolini.
Intellettuale, poeta, scrittore a tutto tondo nonché originale ed innovativo cineasta, Pasolini ha lasciato un
segno nell’opinione pubblica forse più per le sue controverse vicende personali che per il contributo
notevole e corposo alla cultura e all’arte italiana. Moravia nel discorso tenuto durante il suo funerale disse
che era morto uno dei due, tre grandi poeti del secolo e come tale dovevamo piangerlo. Noi non
possiamo che unirci alle parole dello scrittore e celebrare questa triste ricorrenza, ricordando ciò che di
bello e profondo ci ha lasciato l’autore di Accattone e Mamma Roma.
Nella giornata a lui dedicata Ezechiele (che iniziò le sue proiezioni proprio con il suo film La ricotta), in
collaborazione con la libreria Edison, propone una serie di appuntamenti che ci riporteranno alla poesia
pasoliniana, alla musica dei suoi film ed infine al suo cinema nel senso più pieno con un approfondimento
sui temi esistenziali ed autobiografici presenti nelle sue pellicole più importanti.

Ore 18.00 OMAGGIO MUSICALE A PASOLINI


Presso la libreria Edison omaggio musicale alle canzoni scritte da Pasolini, con una breve introduzione di
Pier Dario Marzi al suo cinema ed una serie di sequenze, tratte dai suoi film più importanti, che
accompagneranno la performance musicale di XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Ore 19.30 UCCELLACCI E UCCELLINI


di Pier Paolo Pasolini, Ita 1966 – 88’
con Totò, Ninetto Davoli
Totò e Ninetto si recano a sfrattare della povera gente da una cascina della periferia romana. Strada
facendo, si affianca loro un corvo, intellettuale veteromarxista. Favola filosofica in cui Pasolini parla del
suo tempo dal punto di vista di un intellettuale in crisi. Leggero, profondo e innovativo nel suo intreccio di
apologo e saggio. Totò fu premiato a Cannes.

Ore 21.30 PASOLINI, POESIA IN FORMA DI CINEMA


Serata di approfondimento a cura di Pier Dario Marzi sul cinema di Pier Paolo Pasolini. Un percorso
biografico che ripercorrerà la vita del poeta attraverso la lettura di alcune delle poesie più significative e
la proiezione di sequenze tratte dai suoi film che hanno un preciso riferimento alle vicende personali
dell’autore

Mercoledì 3 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
LONDON RIVER
di Rachid Bouchareb, GB 2009 – 87’
con Brenda Blethyn, Sotigui Kouyaté
Era il 7 luglio del 2005, quando quattro esplosioni terroristiche sconvolsero Londra. Come gli Stati Uniti
con Ground Zero, anche Londra ha cercato di elaborare il lutto attraverso la rappresentazione stessa della
tragedia. Non con racconti corali, più congeniali al cinema americano, ma riconoscendosi meglio in storie
più intimiste, personali, quasi private. È il caso di London River, ben diretto da Rachid Bouchareb. Qui il
dramma di un uomo e una donna, alla ricerca dei rispettivi figli dopo l’attentato, diviene racconto
universale nell’intrecciarsi di destini e di culture diverse. Ne viene fuori un film sentito e struggente, mai
incline ad un facile sentimentalismo. Eccellenti Brenda Blethyn e Sotigui Kouyaté, premiato con l’Orso
d’argento al Festival di Berlino.

Martedì 9 novembre 2010 ore 21.30


Cinema e Basket
HE GOT GAME
di Spike Lee, Usa 1998 – 133’
con Denzel Washington, Ray Allen
Assieme al pugilato il basket è lo sport più cinematografico. Gli spazi ristretti, il contatto fisico, l’azione
continua, i time out. Tutti elementi che ben si adattano alla narrazione filmica. E che trovano uno
straordinario esempio in He Got Game di Spike Lee. Uno dei suoi migliori film, in cui il regista di
Brooklyn ha osannato il suo sport del cuore, senza dimenticare il suo impegno sociale. Quale altro film
potevamo scegliere per questa serata? Ezechiele è infatti orgoglioso di presentare al suo pubblico la
squadra di basket femminile di serie A1 della nostra città, la Agos Ducato Le Mura. Le ragazze della
squadra, che necessità del caloroso sostegno di tutti per affrontare un difficile campionato, saranno in
sala per farsi conoscere. A noi il piacere di ricambiare la visita al Palasport per le prossime partite in
calendario.
Mercoledì 10 novembre 2010 ore 21.30
Prime visioni
THE BOX
di Richard Kelly, Usa 2009 – 115’
con Cameron Diaz, Frank Langella

Il film è preceduto alle ore 21,00 da


BUTTON BUTTON
di Peter Medak, Usa 1996 – 30’
con Brad Davis, Mare Winningham
Cosa succederebbe se ci proponessero di premere un pulsante grazie al quale qualcuno che non
conosciamo morirebbe? E soprattutto se in cambio ci dessero, esentasse, un milione di dollari? Ovvio che
diremmo di no, ma... il dubbio ci verrebbe. E il tarlo della tentazione si sarebbe già infiltrato nel nostro
sistema morale. È questo il tema di un bel racconto di Richard Matheson (che vi daremo questa sera),
diventato nel 1986 un telefilm della serie “Ai confini della realtà” dal titolo Button Button (che vedrete
alle 21,00) e ora rielaborato in un film di Richard Kelly (lo stesso di Donnie Darko: per lui un invito a
nozze...) che amplifica le conseguenze fantapolitiche di quel possibile gesto (in fin dei conti lo stesso di
chi fa scoppiare le bombe atomiche).

Martedì 16 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
CHE FINE HA FATTO OSAMA BIN LADEN
di Morgan Spurlock, Usa 2009 – 96’
con Morgan Spurlock, Alexandra Jamieson
Dopo Super Size Me, attacco cristallino alla malnutrizione per abuso di Mc Donald, Spurlock torna alla
regia con un viaggio da New York in Medio Oriente (e ritorno), fino in Arabia Saudita, per capire le ragioni
del presunto odio mediorientale verso gli Stati Uniti. Come suo solito Spurlock utilizza un procedimento
dissacratorio, che si affianca al tipico pragmatismo statunitense nel decifrare le cause. Se la
comunicazione va verso la semplificazione, appoggiandosi a grafici e animazioni alla Michael Moore,
l’obiettivo è alto: chiarire, a se stesso e al mondo, come l’Islam non ha mai proclamato che si deve
uccidere o farsi esplodere. E ricordare il tragico, diabolico nonsense statunitense: quello di aver armato
un “amico” per poi raccontare, una volta divenuto lui nemico, la favola della sua irreperibilità.

Mercoledì 17 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – 20 anni di accoglienza
IL SANGUE VERDE
di Andrea Segre, Italia 2010 – 57’
Premio Selezione Cinema Doc
alla Mostra del Cinema di Venezia 2010
In collaborazione col Gruppo Volontari Accoglienza Immigrati Lucca
Gennaio 2010, Rosarno, Calabria. Le manifestazioni di rabbia degli immigrati mettono a nudo le
condizioni di degrado e ingiustizia in cui vivono quotidianamente migliaia di braccianti africani, sfruttati da
un’economia fortemente influenzata dal potere mafioso della ‘Ndrangheta. Per un momento l’Italia si
accorge di loro, ne ha paura, reagisce con violenza, e in poche ore Rosarno viene “sgomberata” e il
problema “risolto”. Ma i volti e le storie dei protagonisti degli scontri di Rosarno dicono che non è così.
Scovarle e dare loro voce è oggi forse l’unica via per restituire al Paese la propria memoria: quella di quei
di giorni di violenza e quella del proprio recente quanto rimosso passato di miseria rurale.

Martedì 23 novembre 2010


Prime visioni – Speciale Sofia Coppola
Ore 18.00
LOST IN TRASLATION (v.o. con sottotitoli)
di Sofia Coppola, Usa 2003 – 105’
con Bill Murray, Scarlett Johansson

Ore 21.30
SOMEWHERE (v.o. con sottotitoli)
di Sofia Coppola, Usa 2010 – 98’
con Stephen Dorff, Elle Fanning
Leone d’Oro Mostra del Cinema di Venezia 2010
C’è chi dice che sia il film peggiore della stagione e chi – come Quentin Tarantino e il resto della Giuria
veneziana – lo ritiene un’opera meritevole del Leone d’Oro. Certo è che non lascia indifferenti: o lo si ama
o lo si detesta. E questo, in un’epoca di mediocrità dilagante, è già qualcosa. Il cinema di Sofia Coppola
non fa sconti, non sceglie facili vie già collaudate, ma si pone su un piano di indagine dei sentimenti più
contraddittori e spesso inespressi di personaggi che a volte sembrano usciti dalle pagine di David Leavitt.
In questo caso il rapporto che nasce tra un padre attore sbandato e la figlioletta preadolescente è fatto di
mezzi toni, di allusioni, di complicità intuite più che espresse: come accade nella vita vera. E per assistere
a una pagina di grande cinema, basta guardare la scena in cui l’attore si sottopone al trucco laborioso per
creare la sua propria maschera da vecchio: come diceva Cocteau, «il cinema mostra la morte al lavoro».
Penalizzato da un doppiaggio infelice (reso ancor più evidente nella trasferta italiana dei protagonisti, a
contatto con il trash della nostra tv), vogliamo riproporvi quest’opera controversa nella sua versione
originale con sottotitoli, così che chi non l’ha ancora visto possa farsi un’idea compiuta del film, e chi ha
sospeso il giudizio dopo una prima visione possa emetterne uno definitivo.
In questa prospettiva, alle 18.00 abbiamo deciso di proiettare anche Lost in Translation, sempre in
versione originale sottotitolata, il film più noto della Coppola, che presenta più di un punto di contatto con
l’attuale Somewhere

Mercoledì 24 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – 20 anni di accoglienza
SCONTRO DI CIVILTÀ PER UN ASCENSORE
IN PIAZZA VITTORIO
di Isotta Toso paese anno 2010 - 98’
con Kasia Smutniak, Daniele Liotti
In collaborazione col Gruppo Volontari Accoglienza Immigrati Lucca
«L’ascensore è il confine tra la civiltà e la barbarie». Lo dice l’amministratore di un condominio
multietnico per forza, come quasi sempre accade nella Babele romana di Piazza Vittorio. Luogo bizzarro,
in cui l’immigrazione più o meno clandestina si mischia a una Roma passata, più gelosa che razzista. Un
quartiere di confine, da metropoli europea (sembra Parigi), sempre a rischio di diventare ghetto e
banlieue. La regista esordiente Isotta Toso maneggia materiale rischioso a rischio di schematismo
ideologico. Il risultato è invece piacevole con il coraggio dell’impegno, volando alto ma senza
presunzione. Il variegato cast funziona bene nella contaminazione degli stili.

Martedì 30 novembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – Settimana della salute mentale
LA PECORA NERA
di Ascanio Celestini, Italia 2010 – 93’
con Ascanio Celestini, Maya Sansa, Giorgio Tirabassi
di degenza nell’istituto.
L’esordio di Ascanio Celestini con La pecora nera ha prodotto un film coraggioso, innovativo ed
emozionante. Celestini ha scarnificato il proprio testo teatrale e ha dato corpo e volti ai personaggi di cui
raccontava (eccellenti le scelte di Tirabassi e di Maya Sansa), e giocando sull’ambiguità del protagonista
(perché vive in un manicomio? È matto davvero o solo un poveraccio senza famiglia?) ha saputo costruire
una storia fatta di immagini e non solo di parole. Ma soprattutto è riuscito a restituire lo strazio e la
sofferenza di chi si sente emarginato dalla società (perché non rende a scuola o crede ai marziani o
subisce le umiliazioni dei familiari) e cerca disperatamente un equilibrio emotivo che un ricordo o un volto
rischiano di far crollare all’improvviso. (Paolo Mereghetti, «Il Corriere della Sera»)

Mercoledì 1 dicembre 2010 ore 21.30


Prime visioni – Settimana della salute mentale
LA VIA DELLA CROCE
di Serena Nono, Italia 2009 – 60’
con gli Ospiti della Casa S. Alvise di Venezia
Presentato alla Mostra di Venezia 2009 nella sezione Orizzonti, La via della croce è un’opera
particolarissima che mette in scena, conformemente al titolo, una via crucis per le calli veneziane con gli
ospiti della Casa S. Alvise per senzatetto. Ogni stazione è un tableau vivant, alternata alle testimonianze
dei vari “povericristi” che si ritrovano a vivere ogni giorno le tappe di una passione personale. Arricchito
dalle presenze solidali di Anna Bonaiuto e Massimo Cacciari, il film offre l’occasione per una riflessione
religiosa e civile che approfondiremo in sala alla presenza del produttore Giovanni Benzoni.

Martedì 14 dicembre 2010 ore 21.30


I focus di Ezechiele - Fassbinder
Ore 18.00 UN ANNO CON 13 LUNE
di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1978 – 124’
con Ingrid Caven, Volker Spengler
Gli ultimi 5 giorni prima del suicidio del transessuale Elvira/Erwin che rievoca il suo passato. Colpito dal
suicidio, del compagno Armin Meier, Fassbinder lo girò in 25 giorni, curandone anche la fotografia.
Meditazione sulla liceità del suicidio, è uno dei suoi film più sconsolati, personali e aspri contro la società.

Ore 20.15 VERONIKA VOSS


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1982 – 105’
Rosel Zech, Hilmar Thate
Giornalista incontra una donna spaurita, scoprendo che si tratta di una famosa attrice ormai dimenticata,
morfinomane e prigioniera di una donna senza scrupoli. È il penultimo film di Fassbinder, calato in un
clima neoespressionista che scenografia e fotografia sottolineano. Capolavoro assoluto. Preceduto da un
cartello nei titoli: «Questo film non deve essere visto in televisione». Orso d’oro a Berlino 1982.

Ore 22.15 LOLA


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1981 – 115’
con Mario Adorf, Barbara Sukowa
Lola è l’attrazione di un bordello di provincia il cui padrone è il ricco costruttore Schuckert. Seduce un
incorruttibile funzionario, lo sposa e rileva il bordello.

Mercoledì 15 dicembre 2010


I focus di Ezechiele - Fassbinder
Ore 18.00 LILI MARLENE
di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1980 – 120’
con Giancarlo Giannini, Hanna Shygulla
Nel 1938 a Zurigo una giovane cantante tedesca ama un musicista ebreo. La guerra li separa. La
cantante, tornata in Germania, diventa famosa grazie alla canzone Lili Marleen.

Ore 20.15 IL MATRIMONIO DI MARIA BRAUN


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1978 – 120’
con Günter Lamprecht, Hanna Schygulla
Una giovane attraente tedesca, sposa di guerra, attraverso il mercato nero e la prostituzione riesce a
diventare una brillante donna d’affari, rimanendo sempre leale al marito prima prigioniero, poi detenuto.
È uno dei migliori, e il più armonioso, film di Fassbinder, denso di avvenimenti e di personaggi, pieno di
drammaticità e di sarcasmo, una ricca parabola sul “miracolo” tedesco. Schygulla memorabile.

Ore 22.15 QUERELLE DE BREST


di Rainer Werner Fassbinder, Ger 1982 – 106’
con Brad Davis, Franco Nero, Jeanne Moreau
Le peripezie e il calvario del marinaio Querelle che sbarca a Brest e va incontro al suo destino di
contrabbandiere d’oppio, sodomita, assassino.
Enfatica e spudoratamente sincera, fredda come la morte: l’estrema, pessimista riflessione
dell’indimenticabile autore bavarese su un’umanità votata al sadismo e all’infelicità. Edizione integrale.

Martedì 21 dicembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
THE ROAD
di John Hillcoat, Usa 2009 – 119’
con Viggo Mortensen, Charlize Theron, Robert Duvall
Alla base del film c’è l’omonimo romanzo di Cormac McCarthy, autore anche di Non è un paese per
vecchi. John Hillcoat, già regista dello splendido western australiano La proposta, mette in scena con
rigore una Terra apocalittica devastata da incendi e terremoti e in cui gli esseri umani sono costretti a
vivere secondo i più crudeli istinti di sopravvivenza. In questo contesto un uomo intraprende un viaggio
da incubo per portare suo figlio verso il Sud alla ricerca di un clima mite e di una speranza di vita. In un
vecchio carrello del supermercato ciò che basta per sopravvivere, in tasca una pistola per difendersi dai
cannibali. Un film cupo e disperato, reso visivamente in modo splendido da Hillcoat che dirige con
spettacolare drammaticità avvalendosi di un cast perfetto (monumentale la prova di Viggo Mortensen).

Mercoledì 22 dicembre 2010 ore 21.30


Prime visioni
LO ZIO BOONMEE CHE SI RICORDA
LE VITE PRECEDENTI
di Apichatpong Weerasethakul, Thailandia 2010 – 113’
con Thanapat Saisaymar, Jenjira Pongpas
Palma d’Oro Festival di Cannes 2010
Si avvicina Natale, tempo di cinepanettoni. Noi vi offriamo lo spumante e il panettone – quello vero, con
canditi e senza – e per regalo nientemeno che la prima visione assoluta della Palma d’Oro del
Festival di Cannes 2010. Una premiazione che ha sorpreso molti ma decisamente meritata.
Weerasethakul si era già fatto notare con il notevole Tropical Malady, con la storia dello Zio Boonmee ci
porta nella jungla e nella storia thailandese riempiendo il racconto di allegorie e visioni. Il vecchio
Boonmee, in un punto di morte, riceve la visita dei fantasmi del suo passato («Ho ucciso troppi insetti e
troppi comunisti», dichiara). Una visione che impegna la mente e riempie la vista. Magari difficile, ma è
Cinema. E lo trovate da noi perché Ezechiele è Cinema. Per chi preferisce qualcos’altro c’è Christian De
Sica in tutto il suo splendore.

Introduzione
L’ultimo bimestre di proiezioni del 2010 è dedicato a due registi fondamentali degli anni ‘70, entrambi
prematuramente scomparsi: Pier Paolo Pasolini e Rainer Werner Fassbinder. Pasolini viene ricordato
con una serata speciale nel 35° anniversario della morte, il 2 novembre. A Fassbinder viene invece
dedicato il focus del bimestre con la proiezione dei sei film significativi della sua opera.
Tra le prime visioni del mese vi proponiamo due eventi da non perdere: i vincitori di Cannes e
Venezia, i due i più prestigiosi festival cinematografici al mondo. Somewhere di Sofia Coppola, Leone
d’oro a Venezia, sarà proposto il 23 novembre in lingua originale con sottotitoli. Lo zio Boonmee che si
ricorda le vita precedenti, Palma d’Oro a Cannes, lo troverete il 22 dicembre unito ad un brindisi
prenatalizio.
A partire dal mese di novembre inizia la collaborazione tra Ezechiele e il Circolo Arci Il Lampadiere di Via
del Fosso 120. I soci delle due associazioni potranno cenare al Lampadiere e comprare il biglietto per le
proiezioni di Ezechiele direttamente al circolo per arrivare al cinema pronti a gustarsi il film, senza dover
fare alcuna coda. Grazie alla speciale convenzione si usufruirà di uno sconto del 10% sia sulla cena che
sul biglietto di Ezechiele. Un modo ottimale per passare una serata in relax, unendo la buona cucina al
cinema d’autore.
Il Cineforum e il depliant si presentano con una rinnovata veste grafica frutto del lavoro di Ilaria Ferrari
cui va il nostro ringraziamento.

Buona visione!
M.D.