Sei sulla pagina 1di 187

Autore: Alberto Cella

data di rilascio: 25/10/2018

(1 Edizione)

Per commenti, suggerimenti e segnalazioni rivolgersi a:


Alberto Cella, moderatore gruppo ‘Matematica & Fisica’.

1
SOMMARIO

Elettrostatica nel vuoto pp . 3-14

Elettrizzazione della materia pp. 15-36

Magnetostatica nel vuoto pp. 37-46

Magnetizzazione nella materia pp. 47-67

Potenziali elettrostatici pp. 68-83

Circuiti elettrici pp. 84-107

Circuiti magnetici pp. 108-113

Elettrodinamica classica pp. 114-123

Onde elettromagnetiche pp. 124-141

Ottica pp. 142-159

Linee e guide d’onda pp. 160-168

Relatività ristretta pp. 169-175

Elettrodinamica relativistica pp. 176-185

Bibliogra…a p.186

2
ELETTROSTATICA NEL VUOTO
pp.3-14

Legge di Coulomb per due cariche puntiformi nel vuoto


1 q1 q2
F12 = (r1 r2 ) , F21 = F12 (1.1)
4 "0 jr1 r2 j3
1
k = = 8:987551787 109 N m2 C 2 (1.2)
4 "0
"0 = 8:85418782 10 12 F m 1 (1.3)

De…nizione di Campo Elettrico


F 1 1
E = lim + ( NC ; Vm ) (1.4)
q !0 q

Campo Elettrostatico per una Distribuzione Discreta


n
1 X qi
E(r) = (r ri ) (1.5)
4 "0 i = 1 jr ri j3

Campo Elettrostatico per una Distribuzione Continua


ZZZ
1 (x0 ; y 0 ; z 0 )(x x0 ; y y 0 ; z z 0 )dx0 dy 0 dz 0
E(x; y; z) = (1.6)
4 "0 [(x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2 ]3=2
V
ZZZ
q = (x0 ; y 0 ; z 0 )dx0 dy 0 dz 0 (caso tridimensionale) (1.7)
V

ZZ
1 (x0 ; y 0 ; z 0 )(x x0 ; y y 0 ; z z 0 )
E(x; y; z) = dS (1.8)
4 "0 [(x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2 ]3=2
S
ZZ
q = (x0 ; y 0 ; z 0 )dS 0 (caso bidimensionale) (1.9)
S

3
Z
1 (x0 ; y 0 ; z 0 )(x x0 ; y y 0 ; z z 0 )
E(x; y; z) = ds (1.10)
4 "0 [(x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2 ]3=2
ZZ
q = (x0 ; y 0 ; z 0 )ds0 (caso unidimensionale) (1.11)

Tensione Elettrica tra due punti A; B lungo un percorso


…ssato
Z Z tB
T = E ds = (Ex dx + Ey dy + Ez dz) (1.12)
tA

Forza Elettromotrice (f.e.m.) de…nita su un percorso


chiuso e …ssato
I
f em = E ds (1.13)

Di¤erenza di Potenziale tra due punti A; B


Z B
VA VB = E ds se E è conservativo (1.14)
A

il campo elettrostatico generato da cariche in quiete è conservativo.

Energia Potenziale per una carica puntiforme q0

U = q0 V (1.15)

Lavoro e¤ettuato dal campo elettrostatico E per


spostare una carica puntiforme q0 dal punto A al punto B
WA;B = q0 (VA VB ) = UA UB (1.16)

Teorema sulla f.e.m. in elettrostatica


f em = 0 , WA!A = q0 f em = 0 (1.17)

Potenziale per una distribuzione statica e discreta di


cariche puntiformi
n
1 X qi
V (x; y; z) = p (1.18)
4 "0 i = 1 (x xi )2 + (y yi )2 + (z zi )2

4
Potenziale per una distribuzione statica e continua di
carica
ZZZ
1 (x0 ; y 0 ; z 0 )
V(x; y; z) = p dx0 dy 0 dz 0 (1.19)
4 "0 (x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2
V

ZZ
1 (x0 ; y 0 ; z 0 ) 0
V(x; y; z) = p d (1.20)
4 "0 (x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2
Z
1 (x0 ; y 0 ; z 0 )
V(x; y; z) = p ds0 (1.21)
4 "0 (x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2

Energia Potenziale di un sistema discreto di cariche


n
1 1X qi qj
UEL = p (1.22)
4 "0 2 (xi xj )2 + (yi yj )2 + (zi zj )2
i 6= j

Energia Potenziale di un sistema continuo di cariche


ZZZ
1 1 (x0 ; y 0 ; z 0 ) (x; y; z)
UEL = p dx0 dy 0 dz 0 dxdydz
4 "0 2 (x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2
ZZZ
1
= (x; y; z)V(x; y; z)dxdydz (1.23)
2

Moto di una carica inin‡uente q0 in un campo


elettrostatico
1
Emecc = mv 2 + q0 V = cost (1.24)
2
Se il campo E è prodotto solo da una carica puntiforme Q q0
1 1 Qq0 1 1
mv 2 mv 2 = ( ) (1.25)
2 B 2 A 4 "0 rA rB

Gradiente del Potenziale


E= rV (1.26)

5
Super…ci Equipotenziali
V(x; y; z) = cost. , E ? V = cost. (1.27)

De‡essione Elettrostatica
(v. …g.1.1)

eEl l eEl2
d= ( + L) , h = y B = (1.28 - a,b)
mv02 2 2mv02

dy eEl e2 E2 l2
tan = = , v 2 = v02 + (1.29 - a,b)
dx x=l mv02 m2 v02

Fig. 1.1

Teorema del Rotore in Elettrostatica


I ZZ
E ds = (r E) un d =0 (1.30)
@+

(r E) = 0 (1.31)
Se il campo elettrico è conservativo la circuitazione è nulla lungo qualsiasi
linea chiusa @ e conseguentemente è nullo il ‡usso del rotore del campo E
attraverso la super…cie che ha come contorno la linea stessa.

Dipolo Elettrico
(v. …g.1.2, pag.7)

p = qa (1.32)

q 1 1
V (P ) = (Potenziale esatto) (1.33)
4 "0 r1 r2
p ur p cos
V (P ) = 2
= (approssimato per r a) (1.34)
4 "0 r 4 "0 r 2

6
Campo E approssimato in coord. polari r a:
p cos p sin
Er = 3
, E = , E =0 (1.35)
2 "0 r 4 "0 r 3
Campo E approssimato in coord. cartesiane r a:

p 3xz
Ex = (1.36 - a)
4 "0 [x + y 2 + z 2 ]5=2
2

p 3yz
Ey = (1.36 - b)
4 "0 [x2 + y 2 + z 2 ]5=2
" #
p 3z 2 1
Ez = (1.36 - c)
4 "0 (x2 + y 2 + z 2 )5=2 3=2
(x2 + y 2 + z 2 )
p p
E= 3 cos2 + 1 (Modulo di E approssimato) (1.37)
4 "0 r 3

Interazione tra dipoli di momenti p1 ; p2 (r 0)

1
U12 = p2 E1 = [p1 p2 3(p1 ur )(p2 ur )] , ur = u1!2 (1.38)
4 "0

…g.1.2

Energia Elettrostatica del Dipolo


(per a ! 0)

U= p E= pE cos (1.39)

7
Momento meccanico su un dipolo
(in presenza di un campo esterno)

M=p E (1.40)

Forza agente su un dipolo


(in presenza di un campo esterno)

@E @E @E
F = (p r)E = px + py + pz (1.41)
@x @y @z

Potenziale a grande distanza per un sistema discreto


(il sistema delle cariche è con…nato in una regione piccola che ha un polo interno O)
! X
cariche : fq1 ; q2 ; :::; qn g , di = Oqi , r max fdi g , Qtot = qi
i
i
X
p= qi di (momento di dipolo rispetto ad O) (1.42)
i

Qtot p ur
V (r) = + (potenziale approssimato) (1.43)
4 "0 r 4 "0 r 2

Flusso del Campo Elettrico


ZZ
(E) = E un d (1.44)

Legge di Gauss (nel vuoto)


( = @V super…cie chiusa nel volume V )
n
1 X
(E) = qi;int (distribuzione discreta) (1.45)
"0 i = 1
ZZZ
1
(E) = (x; y; z)dxdydz (distribuzione continua) (1.46)
"0
V

Condizioni di Continuità per la Legge di Gauss


n ("0 Ea "0 Eb ) = S (1.47)

8
Equazioni di Maxwell per l’Elettrostatica
(nel vuoto)
ZZ ZZZ
(x) 1
r E(x) = , E(x) un d = (x)dxdydz (1.48 - a, b)
"0 "0
@V V

I
r E(x) = 0 , E(x) ds = 0 (1.49 - a, b)

Equazione di Poisson e Laplace


(maggiori dettagli al capitolo “Potenziali elettrostatici”, pag.68)

@2V @2V @2V


r2 V = + + = (1.50 - a)
@x2 @y 2 @z 2 "0
2 2 2
@ V @ V @ V
r2 V = + + =0 (1.50 - b)
@x2 @y 2 @z 2

Linee di Campo Elettrostatico


dx dy dz
= = (1.51)
Ex (x; y; z) Ey (x; y; z) Ez (x; y; z)

Le cariche positive sono sorgenti di linee e le cariche negative sono pozzi.


Le linee si addensano nelle regioni in cui il campo è più intenso.
Il campo elettrico è tangente alle linee.
Le linee non si intersecano.

Sviluppo in Multipoli

In elettromagnetismo tale sviluppo permette di approssimare, a grandi distanze,


il potenziale elettrico generato da un sistema di cariche elettriche. I termini
di interesse che compaiono nello sviluppo nello studio dei potenziali sono il
monopolo, il dipolo, il quadrupolo ecc. La funzione più importante dalla quale
si ricava lo sviluppo in multipoli è il reciproco della distanza tra due punti x,
x0 :
1
X
1 1 r0l
= p = Pl (cos ) (1.52)
jx x0 j r2 + r02 2rr0 cos rl+1
l=0
1 r0 3 cos2 1 r0 2 5 cos3 3 cos r0 3
= [1 + cos ( ) + ( ) + ( ) ]
r r 2 r 2 r

9
per distanze r0 < r; dove è l’angolo tra i due vettori e Pl (x) è il polinomio di
Legendre di grado l:
Per distanze molto grandi da una distribuzione …nita e continua di cariche il
potenziale viene approssimato così
3 3
1 Q p x 1 X X xi xj
(x) [ + 3 + 2 5 Qij ] (1.53)
4 "0 jxj jxj i=1 j=1 jxj

dove Q; p; Qij sono rispettivamente uno scalare, un vettore ed un tensore sim-


metrico 3x3 tali che
Z
Q = (x0 )dx0 (monopolo) (1.54 - a)
V
Z
p = x0 (x0 )dx0 (dipolo) (1.54 - b)
V
Z
Qij = (3x0i x0j 0 2 0
ij jx j ) (x )dx
0
(quadrupolo) (1.54 - c)
V

Se il sistema è costituito da un numeri discreto di cariche puntiformi qk che


occupano le posizioni x0k la formula approssimata continua a valere con la nuova
de…nizione di momenti:
N
X
Q = qk (monopolo) (1.55 - a)
k=1
N
X
p = qk x0k (dipolo) (1.55 - b)
k=1
N
X
Qij = qk (3x0i;k x0j;k 0 2
ij jxk j ) (quadrupolo) (1.55 - c)
k=1

E’noto come espandere in coordinate sferiche il potenziale


1 r +l
1 X 4 X qlm
(x) = Ylm ( ; ') l+1 (1.56)
4 "0 2l + 1 jxj
l=0 m= l

dove Yml sono le funzioni armoniche sferiche, mentre i momenti qlm sono de…niti
come segue
r Z 1 Z Z 2
4 0
qlm = dr 0
d d'0 (r0 ; 0 ; '0 ) sin 0 r0l+2 Ylm ( 0 ; '0 ) (1.57)
2l + 1 0 0 0

I polinomi di Legendre obbediscono alla relazione di ricorrenza:

(l + 1)Pl+1 (x) = lPl 1 (x) + (2l + 1)xPl (x) (1.58 - a)


P0 (x) = 1 ; P1 (x) = x (1.58 - b)

10
oppure si ricavano dalla formula di Rodrigues:
1 (l) 2
Pl (x) = D [(x 1)l ] (1.59)
2l l!

Esempi - Campi Elettrostatici

1. Campo elettrostatico prodotto sull’asse y di un …lo di lunghezza 2L, dis-


posto sull’asse x e centrato nell’origine con densità di carica distribuita
uniformemente.
Z +L qy
1 q
Ey (y) = 2L
02 + y 0 2 )3=2
dx0 = p (1.1e)
4 "0 L (x 4 " 0 y L2 + y 2

2. Come nell’esempio precedente, con …lo in…nitamente esteso.


q q
Ey (y) = lim p = , = (1.2e)
L ! 14 "0 y L2 + y 2 2 "0 y 2L

3. Campo elettrostatico prodotto sull’asse x di un anello sottile A di raggio


R con densità di carica distribuita uniformemente.
Z q
1 2 R xds q x q
Ex (x) = = , = (1.3e)
4 "0 A (x2 + R2 )3=2 4 "0 (x2 + R2 )3=2 2 R

4. Campo elettrostatico prodotto sull’asse x di un disco sottile D di raggio


R con densità di carica distribuita uniformemente.
Z R
1 2qx rdr qx 1 1
Ex (x) = = p
4 "0 0 R2 (r2 + x2 )3=2 2 "0 R2 jxj R2 + x2
q
= (1.4e)
R2

5. Campo elettrostatico prodotto da un piano inde…nito uniformemente carico,


con x qualsiasi direzione perpendicolare al piano.
qx 1 1
Ex = lim p = (1.5e)
R ! 12 "0 R2 jxj R2 + x2 2"0
q = R2

6. Campo elettrostatico prodotto nello spazio compreso tra due piani inde-
…niti, paralleli e uniformemente carichi con densità e :

E= u ( u) = u (1.6e)
2"0 2"0 "0

11
Esempi - Potenziali elettrostatici

1. Potenziale sull’asse y di una carica q = 2L distribuita uniformemente su


un …lo di lunghezza 2L disposto sull’asse x e centrato nell’origine.
Z +L p
dx L + L2 + y 2
V(y) = p = ln( p ) (1.7e)
L 4 "0 x2 + y 2 4 "0 L + L2 + y 2

2. Potenziale sull’asse x di un anello sottile A di raggio R con densità di


carica = q=(2 R) distruibuita uniformemente.
Z
1 ds q
V(x) = p = p (1.8e)
4 "0 A R + x2 2 4 "0 R2 + x2

3. Potenziale sull’asse x di un disco sottile D di raggio R con densità di carica


= q=( R2 ) distruibuita uniformemente.
Z R hp i
rdr
V(x) = p = R2 + x2 jxj (1.9e)
2"0 0 r2 + x2 2"0

4. Potenziale tra due piani inde…niti paralleli +/- posti risp. in x1 e x2

V(x) = V1 (x x1 ) , V2 = V1 (x2 x1 )
"0 "0
d
V1 V2 = (x2 x1 ) = (1.10e)
"0 "0
5. Potenziale in un Campo Elettrico Uniforme parallelo all’asse z

V(z) = Ez + k (1.11e)

Esempi - Applicazioni del Teorema di Gauss.

1. Carica Q distribuita in modo continuo ed uniforme con densità sulla


super…cie di una sfera di raggio R.

Q R2
Se r > R E(r) =
ur = ur (1.12e - a)
4 "0 r 2 "0 r 2
Se r < R E(r) = 0 (1.12e - b)
( )
Q
4 "0 r ; r > R
V(r) = Q (1.12e - c)
4 "0 R ; r<R

12
2. Carica Q distribuita in modo continuo ed uniforme con densità spaziale
all’interno del volume di una sfera di raggio R.

Q R3
Se r > R E(r) =
2
ur = ur (1.13e - a)
4 "0 r 3"0 r2
Qr r
Se r < R E(r) = ur = ur (1.13e - b)
4 "0 R 3 3"0
( )
Q
4 "0 r ; r>R
V(r) = Q r2 2
(1.13e - c)
8 "0 R (3 R2 ) = 6"0 (3R r2 ) ; r < R

3. Carica Q distribuita in modo continuo ed uniforme con densità spaziale


all’interno del volume di un cilindro di lunghezza inde…nita e di raggio R.

R2
Se r > R E(r) = = , = R2 (1.14e - a)
2"0 r 2 "0 r
r r
Se r < R E(r) = = (1.14e - b)
2"0 2 "0 R 2

8 9
< V(r1 ) V(r2 ) = 2 "0 ln( rr21 ) ; r2 > r1 > R =
R
V(r) V(R) = 2 "0 ln( r ) ; r>R (1.15e - c)
: 2 2 ;
V(r) V(R) = 4 "0 R2 (R r ) ; r<R

4. Piano inde…nito carico in modo uniforme e continuo con densità super…-


ciale di carica :

E(x > 0) = un (1.16e - a)


2"0
E(x < 0) = un (1.16e - b)
2"0

V(x1 ) V(x2 ) = (x2 x1 ) (1.16e - c)


"0
5. Distribuzione di carica all’interno di una sfera di raggio R con densità
r
0R ; r<R
= (1.17e - a)
0 ; r>R
3 4
La carica totale vale Q = 0R e all’interno dei gusci Q(r) = 0r =R;
il campo è radiale ( )
2
0r
4"0 R ; r<R
Er = 3 (1.17e - b)
0R
4"0 r 2 ; r>R

13
Esempi - Potenziali risolti col metodo della carica immagine
1. Carica puntiforme q localizzata nel punto (0; 0; a) sopra un piano condut-
tore inde…nito z = 0 a potenziale iniziale nullo V = 0
q 1 1
V(x; y; z) = [p +p ]
4 "0 2 2
x + y + (z a)2
x + y + (z + a)2
2 2

(1.18e - a)
@V qa
(x; y; z) = "0 = 3=2
(1.18e - b)
@z (z=0) 2 (x2 + y 2 + a2 )
Z 2 Z 1
Qind = ( ) d d = q (1.18e - c)
0 0

2. Carica puntiforme esterna q localizzata in y relativamente all’origine O,


in presenza di una sfera conduttrice centrata in O, messa a terra, di raggio
a.
q q
4 "0 4 "0 x y
V(x) = + , nx = , ny = (1.19e - a)
ajnx ay ny j ajny ay nx j jxj jyj
q a2
@V 4 ay (1 y2 )
(x; y; z) = "0 =h i3=2 (1.19e - b)
@x (x=a) a2 2a x y
1+ y2 y jxjjyj

1 aq 2 a2 2
F = (1 ) (forza indotta su q) (1.19e - c)
4 "0 y 3 y2
a
q0 = q (carica indotta sulla sfera) (1.19e - d)
y

3. Carica puntiforme esterna q localizzata in y relativamente all’origine O,


in presenza di una sfera conduttrice centrata in O, di raggio a e con carica
super…ciale totale Q.
" #
1 q aq Q + ay q
V(x) = + (1.20e - a)
4 "0 jx yj yjx ay22 yj jxj

1 q qa3 (2y 2 a2 ) y
F = Q (forza indotta su q) (1.20e - b)
4 "0 y 2 y(y 2 a2 )2 y
4. Carica puntiforme esterna q localizzata in y relativamente all’origine O, in
presenza di una sfera conduttrice centrata in O, di raggio a e con potenziale
iniziale …ssato Vo.
" #
1 q aq V0 a
V(x) = + (1.21e - a)
4 "0 jx yj yjx ay22 yj jxj

q 1 qay 3 y
F = V0 a (forza indotta su q) (1.21e - b)
y2 4 "0 (y 2 a2 )2 y

14
ELETTRIZZAZIONE DELLA MATERIA
pp.15-36

Carica Elementare e Masse delle Particelle p; n; e

e = 1:602 176 565 10 19 C


2
mp = 1:672 621 898 10 27 kg = 938:272 0813 MeV/c
27 2
mn = 1:674 927 471 10 kg = 939:565 4133 MeV/c
31 2
me = 9:109 38356 10 kg = 0:510 998 9461 MeV/c

Dielettrici - Permittività Elettrica Relativa


V0
"r = >1 (2.1)
Vr
Una larga parte di materiali sono dielettrici lineari omogenei ed isotropi che
inseriti completamente nell’interstizio tra le facce parallele di un condensatore
piano causano una caduta di potenziale dal valore V0 (misurato nel vuoto) al
valore Vr ; indipendentemente dalla carica sulle armature o dalle dimensioni del
sistema:

Suscettività per un Dielettrico Omogeneo ed Isotropo


= "r 1 (2.2)

Permittività Elettrica Assoluta


1
" = "r "0 = ( + 1) "0 (Fm ) (2.3)

Polarizzazione Elettrica nei Dielettrici Lineari


P è un vettore densità di polarizzazione perché riferita all’unità di volume; il
dielettrico deve essere considerato anche omogeneo ed isotropo
2
P = "0 ("r 1)E ="0 E , (C m ) (2.4)

Momento Dipolare Medio acquisito da atomi o molecole


V
<p> = lim P , (C m) (2.5)
V !0 n
Per V ! 0 si intende V molto piccolo ma contenente molti atomi/molecole;
26
tipicamente V 10 m3 ; n è la densità di particelle nell’unità di volume.
NA
n= , A = massa atomica, = densità
A

15
Polarizzazione per deformazione nei gas
(il modello è valido solo per molecole non polari in un campo elettrico esterno)

<p> = d Eloc , P=n d Eloc (2.6 - a, b)

d è il coe¤. di polarizzabilità elettronica per deformazione


"0 n d
d = , = (2.7 - a, b)
n "0
Se l’atomo è sferico si può stimare d conoscendo il raggio R:

d = 4 "0 R 3 (2.8)

x è la stima dello scostamento tra il nucleo e il baricentro della nuvola elettronica


di un atomo sferico
d Eloc 4 "0 R3 Eloc
x= = (2.9)
Ze Ze
Spesso si utilizza il volume di polarizzabilità 0d

0 d
d = = (2.10)
4 "0 4 n

Tabella 2.1 - gas apolari a 250 C, 1.013 bar, in un campo E = 106 Vm 1


(dati: Fisica Vol.II - Mazzoldi, Nigro, Voci + http://encyclopedia.airliquide.com)

0
Gas "r d (m3 ) (kg=m3 ) < p > (Cm) x(m)

30 34 15
CO2 1:000985 3:17 10 1:807 3:52 10 0:1 10
30 34 15
Ar 1:000545 1:76 10 1:633 1:96 10 0:07 10
30 34 15
N2 1:000580 1:72 10 1:145 1:90 10 0:25 10
30 34 15
He 1:000068 0:22 10 0:163 0:24 10 0:07 10
30 34 15
H2 1:000264 0:83 10 0:083 0:93 10 0:15 10
30 34 15
O2 1:000523 1:70 10 1:308 1:88 10 0:07 10

Polarizzazione per orientamento nei gas


(il modello è valido solo per molecole polari in un campo elettrico esterno)

<p> = O Eloc , P=n O Eloc (2.11 - a, b)

p20
O = (2.12)
3kB T
O è il coe¤. di polarizzabilità elettronica per orientamento

n O np20
= = (2.13)
"0 3"0 kB T

16
Polarizzabilità e Suscettività per un Gas Polare
La polarizzabilità complessiva è data dalla somma delle singole polarizzabilità

= d+ O (2.14)
n p20
= ( d+ ) (2.15)
"0 3kB T
Esempio: Vapor d’Acqua (ritenuto gas ideale), a 20 C e 0.75 bar,
densità = pA=RT = 0:413kg=m3 ; n = NA =A = 1:38 1025 mole-
cole/ m3 , ha momento dipolare p0 = 6:25 10 30 Cm, i coe¢ cienti
p2
di polarizzabilità valgono d = 1:66 10 40 Cm2 V 1 , O = 3kB0 T =
2:40 10 39 Cm2 V 1 con netta preponderanza del meccanismo di po-
larizzazione per orientamento, la suscettività è = 4 10 3

Equazione di Clausius - Mossotti


Si applica ai dielettrici ‡uidi non polari perfetti, omogenei ed isotropi
"r 1 NA n
= = (2.16)
"r + 2 A3"0 3"0

è la polarizzabilità del ‡uido in Cm2 V 1 ; A, sono risp. la massa molare


(kg=mol) e la densità (kg=m3 )
n
= "r 1= n (2.17)
"0 (1 3"0 )

Tabella 2.2 - Veri…ca dell’Equazione di Clausius - Mossotti


(dati: Fisica Vol.II - Mazzoldi, Nigro, Voci)

Gas Liquidi
1 "r 1 kg 1 "r 1 kg
Sostanza (kg=m3 ) "r +2 ( m3 ) (kg=m3 ) "r +2 ( m3 )

4
He 0:178 0:000068 1:27 10 0:15 103 0:055 1:20 10 4
4
N2 1:251 0:000580 1:55 10 0:81 103 0:454 1:62 10 4
4
O2 1:429 0:000523 1:22 10 1:19 103 0:507 1:21 10 4
4
Ar 1:784 0:000545 1:02 10 1:44 103 0:538 1:06 10 4
4
CS2 3:39 0:0029 2:85 10 1:29 103 1:641 2:74 10 4
4
CCl4 4:89 0:0030 2:04 10 1:59 103 1:238 1:84 10 4

17
Dielettrici Anisotropi (cristalli)
P = "0 ("r 1)E ="0 E (2.18)
è il tensore di suscettibilità elettrica
0 1 0 10 1
Px 11 12 13 Ex
@ Py A = "0 @ 21 22 23
A @ Ey A (2.19)
Pz 31 32 33 Ez
"r è il tensore dielettrico o tensore di permittività elettrica
0 1
1 + 11 12 13
"r = @ 21 1 + 22 23
A (2.20)
31 32 1 + 33

Classi…cazione dei cristalli anisotropi


in base al tensore dielettrico "r

0 1 0 1 0 1
" 0 0 "x 0 0 "x 0 0
@ 0 " 0 A, @ 0 "x 0 A,@ 0 "y 0 A
0 0 " 0 0 "z 0 0 "z
Cubico M onoassico Ortorombico
0 1 0 1
"11 0 "13 "11 "22 "13
@ 0 "22 0 A , @ "21 "22 "23 A
"31 0 "33 "31 "32 "33
M ono clino Triclino

Cristalli Isotropi o Cubici: gli assi ottici sono equivalenti; questi


cristalli non presentano il fenomeno della birifrangenza.
Esempi: pirite, galena, salgemma, diamante, ‡uorite.
Cristalli monoassici o uniassici (tetragonale, trigonale, esago-
nale): in questi cristalli si veri…ca il fenomeno della birifrangenza, il
raggio incidente si scompone in uno ordinario e uno straordinario.
Esempi del Sistema Tetragonale: calcopirite, cassiterite, pirolusite.
Esempi del Sistema Trigonale o Romboedrico: quarzo, ematite, mag-
nesite.
Esempi del Sistema Esagonale: gra…te, apatite.
Cristalli biassici (ortorombico, monoclino e triclino): cristalli che
possiedono due assi ottici.
Esempi del Sistema Ortorombico: zolfo, baritina, celestina.
Esempi del Sistema Monoclino: talco, ortoclasio, biotite, muscovite.
Esempi del Sistema Triclino: cianite, microclino.

18
Vettore di Induzione Elettrica
(de…nizione)
2
D = "0 E + P (Cm ) (2.21)

Permittività Complessa
In un materiale lineare si veri…ca che per basse frequenze il campo elettrico E
e il campo D che si forma in seguito alla polarizzazione sono sostanzialmente
proporzionali. Ad alte frequenze si veri…ca che la risposta del materiale non
è istantanea, ma al variare di E la modi…ca del valore di D avviene dopo un
certo piccolo intervallo di tempo. La permittività deve esprimere in tal caso
uno sfasamento tra E e D, e pertanto è descritta con un numero complesso.
Scrivendo i campi come fasori:
E = E0 ej!t , D = D0 ej(!t+ )
(2.22)
dove è lo sfasamento, si ha che la permittività complessa assoluta " vale:
D D0 j D0
"= = e = (cos + j sin ) = "0 + j"00e (2.23)
E E0 E0
"s è la permittività statica misurata a frequenza nulla. Il termine "00e è la per-
mettività immaginaria e¢ cace che è data dalla somma di due contributi
s
"00e = "00 (2.24)
!
Valgono le limitazioni
con lim "0 (!) = "s lim "00 (!) = 0
! !0 ! !0

La permittività complessa relativa invece è


" "0 j"00
"r = = + e = "0r + j"00e;r (2.25)
"0 "0 "0
I rapporti
s "00
tan s = , tan a = , tan e = tan s + tan a (2.26)
!"0 "0
si dicono rispettivamente tangente di perdita statica, tangente di perdita alter-
nata e tangente di perdita e¤ ettiva. Rapporti alti di "00 ="0 indicano materiali
conduttori, rapporti bassi indicano dielettrici.

Legge di Gauss per i Dielettrici


I ZZZ
D un d = L dx (2.27 - a)
@V V
r D = L (2.27 - b)

19
L è la densità di carica libera nel volume V

= L + P (2.28)

mentre P è la densità di carica polarizzata.


ZZZ
qL = L dx (carica libera in V) (2.29)
V

Legame tra i vettori E, D, P nei Dielettrici Lineari


I dielettrici devono essere anche omogenei ed isotropi

1 "r
P = "0 E = D= D (2.30 - a)
"r 1+
D = "0 E + P = "0 "r E = "E (2.30 - b)

Legame tra i vettori D, E nei Dielettrici Anisotropi


0 1 0 10 1
Dx 1 + 11 12 13 Ex
@ Dy A = "0 @ 21 1+ 22 23
A @ Ey A (2.31)
Dz 31 32 1+ 33 Ez

Gli assi cristallogra…ci sono le direzioni per le quali E,P,D sono paralleli.
Si rimanda alla classi…cazione di p.16

Cariche di Polarizzazione
dqP
P = = r P (densità volumica) (2.32 - a)
dV
P = P un (densità super…ciale) (2.32 - b)
ZZ ZZZ
P d + P dx = 0 (2.33)
@V V

Potenziale Esterno ad un Dielettrico Polarizzato


2 3
ZZ 0 0 ZZZ 0
1 4 P(x ) un 0 r P(x ) 0 5
V(x) = d dx + VL (x) (2.34)
4 "0 jx x0 j jx x0 j
@V V

VL (x) è l’eventuale potenziale prodotto dalle cariche libere

20
Discontinuità di un Campo Elettrostatico
Vale nell’intorno di uno strato super…ciale di carica di un dielettrico o di un
conduttore

E2 E1 = un (2.35)
"0
Nell’attraversamento di una distribuzione super…ciale di carica la componente
normale di E subisce una discontinuità pari a ="0 mentre la componente tan-
genziale rimane continua.

Condizioni generali al contorno sui vettori E, D


Vale sulla super…cie di separazione tra due dielettrici in contatto

(D2 D1 ) n21 = s sP = sL (2.36 - a)


(E2 E1 ) n21 = 0 (2.36 - b)

n21 è il versore ortogonale alla super…cie orientato dal mezzo 1 al mezzo 2. Tali
condizioni valgono sia per campi statici che variabili nel tempo. In assenza di
cariche libere le formule (2.36) si particolarizzano in:

E1t = E1 sin 1 ; E2t = E2 sin 2 ! E1t = E2t (2.37 - a)

E1n = E1 cos 1 ; E2n = E2 cos 2 ! "r1 E1n = "r2 E2n (2.37 - b)


Il campo E subisce il fenomeno della “rifrazione delle linee di forza”
tan 2 "r2
= (2.37 - c)
tan 1 "r1

1 e 2 sono gli angoli tra i campi E1, E2 e la normale alla super…cie.

La componente normale del vettore di induzione non cambia.

D1n = D2n (2.38)

1p 2p = P1n P2n = "0 (E2n En1 ) (2.39)

Condizione di Equilibrio Elettrostatico


(vale solo per i conduttori, però non vale a livello atomico elementare)

E = 0 all’interno del conduttore (2.40)

Tale condizione viene sfruttata per costruire le gabbie di Faraday.

21
Teorema di Coulomb
(per un conduttore V)

(x; y; z)
E(x; y; z) = un , 8(x; y; z) 2 @V (2.41)
"0
Sulla super…cie del conduttore il potenziale è costante.

Energia Elettrostatica del Campo Elettrico


ZZZ
1 1
ue = "0 E2 , Ue = "0 E2 dx (nel vuoto) (2.42 - a, b)
2 2
V

ue è la densità di energia elettrostatica del campo E nel vuoto


ZZZ
1 1
ue = E D , Ue = E Ddx (nei dielettrici) (2.43 - a, b)
2 2
V

nei dielettrici anisotropi i campi E, D non sono in generale paralleli.


Se il dielettrico è lineare, omogeneo ed uniforme si ha
ZZZ
1 1 1
ue = "0 "r E2 = D2 , Ue = "0 "r E2 dx (2.44 - a, b)
2 2"0 "r 2
V

Tabella 2.3 - Costanti Dielettriche Relative e Rigidità Elettrica (a 20 C)

"r Rigidita V=m


acqua 80
alcol etilico 28
ambra 2:7 90 106
bachelite 4:9 24 106
carta 3:7 16 106
polietilene 2:3 50 106
polistirolo 2:6 25 106
porcellana 6:5 4 106
te‡on 2:1 60 106
vetro 4 7 20 106

Capacità di un Conduttore Isolato


q 1
C= (Farad 1F = 1CV ) (2.45)
V

22
Sistemi di Conduttori in Equilibrio Elettrostatico

pij è il coe¢ ciente di potenziale prodotto dalla carica qj della su-


per…cie @Cj del conduttore Cj sul conduttore Ci : I conduttori sono
immersi nel vuoto o in un materiale perfettamente isolante.

2 3 2 32 3
V1 p11 p12 :: :: p1n q1
6 V2 7 6 p21 p22 :: :: p2n 76 q2 7
6 7 6 76 7
6 :: 7=6 :: :: :: :: :: 76 :: 7 (2.46)
6 7 6 76 7
4 :: 5 4 :: :: :: :: :: 54 :: 5
Vn pn1 :: :: :: pnn qn

ZZ 1 0 0 0 0
1 < j>
j (x ; y ; z ) d j
pij (x; y; z) = p
4 "0 j@Cj j (x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2
@Cj
qj
8(x; y; z) 2 j@Ci j , < j >= (carica media) (2.47)
j@Cj j
2 3 2 32 3
q1 c11 c12 :: :: c1n V1
6 q2 7 6 c21 c22 :: :: c2n 7 6 V2 7
6 7 6 76 7
6 :: 7=6 :: :: :: :: :: 7 6 :: 7 (2.48)
6 7 6 76 7
4 :: 5 4 :: :: :: :: :: 5 4 :: 5
qn cn1 :: :: :: cnn Vn
I cij sono detti coe¢ cienti di induzione.

pij = pji ; cij = cji (simmetria) (2.49)

Pressione e Forza Elettrostatica


2
1
p= = "0 E2 (2.50)
2"0 2
@V @V
F = ( )q=cost , F = ( )V=cost (2.51)
@x @x

Modello di Drude per la Conducibilità


Il modello assume che il comportamento microscopico degli elettroni liberi in
un conduttore può essere trattato classicamente immaginando un gas di elet-
troni non interagenti che rimbalzano viscosamente tra gli ioni positivi pesanti
ed immobili del reticolo. L’equazione elettrica del modello è
dp(t) p(t) B p(t)
= q(E + ) (2.52)
dt me

23
dove p(t) è il momento dell’elettrone (non relativistico) e è il tempo medio
stimato tra due collisioni ioniche. La densità di corrente è data da
ne2
J= E (2.53)
me
mentre n rappresenta la densità di elettroni liberi che può essere valutata conoscendo
la massa atomica A, la densità di massa e la valenza z dell’elemento
z
n= (2.54)
A
In corrente continua la conduttività e la velocità di drift valgono

ne2
0 = (2.55 - a)
me
e
vd = E (2.55 - b)
me
In corrente alternata la conduttività predetta vale

0 0 i! 0
(!) = = (2.56 - a)
1 + i! 1 + !2 2 1 + !2 2
J(t) = Re[ (!)E0 ei!t ] (2.56 - b)

Legge di Wiedemann-Franz
Il rapporto tra la conducibilità termica (K) e la conducibilità elettrica ( ) di
un metallo è proporzionale alla sua temperatura T :
K
= LT (2.57)

La costante di proporzionalità L è detta numero di Lorenz


2 2
kB 8 2
L= = 2:44 10 W K (2.58)
3e2
Si presti attenzione al fatto che L non è esattamente lo stesso per tutti i metalli
e la validità della legge W.F. non è sicura per temperature né troppo fredde né
troppo calde.

Modello di Sommerfeld
E’ un modello che unisce il modello di Drude con la statistica quantistica di
Fermi-Dirac per gli elettroni: gli elettroni, essendo onde non urtano gli ioni ma

24
si muovono in un potenziale periodico e possono essere di¤usi solo dalle impurità
del metallo o dai fononi.
Detta n = N=V la densità di elettroni liberi nel volume V; supponiamo che
rs aB rappresenti il raggio di una sfera che contiene in media un elettrone (dove
aB = 0:529 angstrom, raggio di Bohr). Se a è il lato di una cella cubica allora
a3 possiede due atomi e due elettroni di valenza:
a 1 3 1=3 a
rs = ( ) = 0:492 (angstrom) (2.59)
aB 2 aB
I metalli alcalini (per esempio) hanno i valori a = 3:49; 4:23; 5:23; 5:59 angstrom
per Li, Na, K, Rb rispettivamente.
L’energia di Fermi è il livello di energia più alto occupato in un sistema di
fermioni soggetto alla statistica Fermi-Dirac che si trova alla temperatura dello
zero assoluto T = 0(K); tipicamente nei metalli vale 1 10 eV :
2=3
1 h 9 1
EF = ( )2 (2.60)
2me 2 4 rs2 a2B

La densità di stati energetici in funzione dell’energia è

V 8 2 me 3=2 1=2
D(E) = ( ) E (2.61)
2 2 h2
Se la temperatura T del conduttore è molto inferiore alla temperatura di Fermi
T EF =kB (dove kB è la costante di Boltzmann) allora la capacità elettronica
a volume costante vale
2
2
CV (T ) = D(EF )kB T (2.62)
3
L’energia media di ciascun elettrone allo zero kelvin è 3=5EF :

Legge di Richardson
L’emissione termoionica degli elettroni di conduzione dipende esponenzialmente
dalla temperatura del …lo metallico:
W
2
J = AG T 2 e kB T [Am ] (2.63 - a)
2
4 me kB e 2 2
AG = R = R 1:20173 Am K (2.63 - b)
h3
dove R è un fattore correttivo speci…co per il materiale tipicamente dell’ordine
di 0.5. mentre W è il lavoro di estrazione dalla super…cie del metallo (tipica-
mente qualche eV ). Il fattore di correzione R tiene conto sia delle bande di
conduzione del metallo e sia del fatto alcuni elettroni prossimi ad essere emessi
vengono ri‡essi all’indietro sulla super…cie metallica.

25
Emissione Schottky
La formula di Richardson viene leggermente modi…cata quando sulla super…cie
del metallo si applica arti…cialmente un campo elettrico di intensità F che riduce
la barriera W di una quantità W :
(W W)
J = AT 2 e kB T
(2.64 - a)
s
e3 F
W = (2.64 - b)
4 "0

L’equazione si applica a campi di intensità inferiore a 108 V m 1

E¤etto Pelle
E’la tendenza di una corrente elettrica alternata a distribuirsi dentro un con-
duttore in modo non uniforme: la sua densità è maggiore sulla super…cie ed
inferiore all’interno. Questo comporta un aumento della resistenza elettrica del
conduttore, particolarmente alle alte frequenze. La densità di corrente alternata
J in un conduttore decresce esponenzialmente man mano che dalla super…cie
esterna si penetra nel suo interno. Il coe¢ ciente di penetrazione rappresenta
la distanza dalla super…cie per la quale J si attenua di un fattore 1=e:
(1+j)d=
J = J0 e (2.65 - a)
s qp
2
= 1 + ( !"0 "r )2 + !"0 "r (2.65 - b)
! 0 r

Per un …lo circolare di diametro D la resistenza R aumenta in modo quasi


proporzionale alla radice quadrata della frequenza
r
L L ! 0 r
R= (2.66)
(D ) D 2
Se la profondità non è trascurabile rispetto al diametro allora si ricorre alle
funzioni di Bessel, con I fasore della corrente
kI J0 (kr)
Jr = (2.67 - a)
2 R J1 (kR)
s
j! 0 r 1 j
k = = (2.67 - b)

e di conseguenza l’impedenza diventa


k J0 (kr)
Z= (2.68)
2 R J1 (kR)

26
Termoelettricità
E¤etto Peltier. Una corrente che scorre tra due metalli diversi (o semimetalli)
posti a contatto produce un trasferimento di calore.
dQ
=j 1;2 = j( 1 2) (2.69)
dt
I coe¢ cienti di Peltier si misurano in [J=C]; mentre dQ=dt rappresenta la potenza
calorifera trasferita nell’unità di tempo e di area dal metallo (1) al metallo (2).

E¤etto Seebeck. Conversione di calore in elettricità alla giunzione di due tipi


diversi di conduttori.
E = SrT (2.70)
dove E è il campo elettrico prodotto dal gradiente di temperatura ed S è il
coe¢ ciente di Seebeck ( 100 - 1000 V =K): I coe¢ cienti di Seebeck sono
legati ai coe¢ cienti di Peltier dalla relazione:

= T S (2 rel. Thomson) (2.71)

E¤etto Thomson. Se il coe¢ ciente di Seebeck [S.I.: V =K] non è costante


rispetto alla temperatura si veri…ca su tutto il materiale in presenza di corrente
una sorta di e¤etto Peltier continuo.
dQ
= k(j rT ) (2.72)
dt
dove k è il coe¢ ciente di Thomson che è legato al coe¢ ciente di Seebeck da:
dS d
k=T = S (1 rel. Thomson) (2.73)
dT dT

Legge di Joule-Lenz. Il calore emanato da un conduttore omogeneo nell’unità


di tempo e di volume è
dQ
= j E = E2 = j2= (2.74)
dt

Equazione del calore per correnti stazionarie.


dQ j2
= div({rT ) + T j rS [W=m3 ] (2.75)
dt
dove { è il coe¢ ciente di conducibilità termica di Fourier [W=mK]. Questa
relazione tiene conto della legge di Fourier, della legge di Joule-Lenz e dell’e¤etto
Thomson+Peltier (descritto dal terzo addendo).

27
Landau dimostra che il vettore ‡usso di energia dq=dt sprigionato nell’unità di
tempo è
dq
= j + ( ST )E ({ + S 2 T )rT (2.76)
dt
dove è il potenziale coulombiano, mentre la legge di Ohm viene modi…cata
j= ( r SrT ) (2.77)
Costante di Madelung
Serve a determinare il potenziale elettrostatico di un singolo ione inserito in un
reticolo ionico cristallino costituito approssimativamente da cariche puntiformi.
e X zj e
Vi = = Mi (2.78)
4 "0 r0 jri rj j=r0 4 "0 r0
j6=i

dove zj è la carica in unità elettroniche dello ione j-esimo che circonda lo ione
i-esimo posizionato a ri , r0 è la distanza (di riferimento) a cui si trova lo ione
più vicino, Mi è la costante di Madelung che dipende solo dalla collocazione
geometrica degli ioni circostanti. L’energia potenziale dello ione i-esimo è zi eVi
L’energia reticolare è l’energia di coesione di un composto solido cristallino for-
mato da ioni, essa è descritta dall’equazione di Born-Landé:
NA M z + z e2 1
E= (1 ) (2.79)
4 " 0 r0 n
con z + , z cariche in unità elettroniche dei cationi e degli anioni ed n è un
parametro critico (5-12) determinato sperimentalmente o teoricamente.

Bande energetiche
Nei cristalli gli elettroni di conduzione sono sistemati in bande di energia sepa-
rate da regioni energetiche proibite nelle quali non esistono orbitali elettronici.
Un isolante ha le bande permesse totalmente occupate o totalmente vuote, un
conduttore invece ha le bande parzialmente occupate (tra il 10% - 90%).
Il modello più semplice che permette di calcolare approssimativamente gli in-
tervalli energetici permssi è quello di Kronig-Penney.
Supponiamo che il potenziale del reticolo sia periodico nello spazio (con passo
reticolare L = w+b) formato da in…niti muri rettangolari di altezza V0 e spessore
w < L separati da una distanza costante b :
V (x) = 0, w<x<0
V (x) = V0 ; 0 < x < b
Le bande energetiche obbediscono alle equazioni (2.80 - a, b):
2
q2
cosh b cos qw + sinh b sin qw = cos ka , 0 < E < V0
2q
j j2 + q 2
cos j jb cos qw sin j jb sin qw = cos ka , E > V0
2qj j

28
dove
p
q(E) = 8 2 mE=h2 , E > 0 (2.81 - a)
p
(E) = 8 2 m(V0 E)=h2 , 0 < E < V0 (2.81 - b)
p
(E) = i 8 2 m(E V0 )=h2 , E > V0 (2.81 - c)

Le bande energetiche permesse sono gli intervalli [Ei ; Ei+1 ] che ricadono nel
codominio [-1,+1] di cos ka (v. eq.2.80 - a, b).

Esempi - Capacitanze (fonte: [11], [12])

1. Condensatore a piani paralleli


"0 "r A
C= (2.1e)
d

2. Condensatore sferico singolo

C = 4 "0 " r R (2.2e)

3. Cilindro coassiale di lunghezza L e di raggi R1 < R2


2 "0 " r L
C= (2.3e)
ln(R2 =R1 )

4. Sfere concentriche di raggi R1 < R2


R1 R2
C = 4 "0 " r (2.4e)
R2 R1

5. Cilindri paralleli identici di lunghezza L posti a distanza d


"0 " r L "0 " r L
C= d
= q (2.5e)
arccosh( 2R ) d
ln( 2R + 4R d2
1)
2

6. Due sfere identiche di raggio R separate da una distanza d > 2R


1 p
X sinh(ln(D + D2 1)) d
C = 2 "0 " r R p , D= (2.6e)
n= 1
sinh(n ln(D + D 2 1)) 2R

7. Disco circolare di raggio R

C = 8"0 "r R (2.7e)

29
8. Filo cilindrico di raggio R parallelo ad un piano
2 "0 " r L 2 "0 " r L
C= d
= q (2.8e)
arccosh( R ) d
ln( R + R d2
1)
2

9. Cubo di lato a
11
C ' 7:283 10 "r a (2.9e)

10. Sfera di fronte ad un piano


1 p
X sinh(ln(D + D2 1)) d
C = 4 "0 "r R p , D= (2.10e)
n= 1
sinh(n ln(D + D 2 1)) R

11. Dischi circolari identici paralleli e coassiali

"0 "r R 2
C' + "0 "r R [ln(16 R=d) 1] (2.11e)
d

Esempi - Polarizzazione dei Dielettrici

1. Lastra di dielettrico lineare e omogeneo, di area S e spessore s, inserita in


un condensatore piano parallelamente alle armature, di area S e distanza
h s, con densità di carica sulle armature 0 . De…niamo E0 = 0 ="0 il
campo elettrico ipotetico in assenza di dielettrico.

D= 0 = " 0 E0 (validità completa) (2.12e - a)

E0
E = (nel dielettrico) (2.12e - b)
"r
E = E0 (negli interstizi vuoti) (2.12e - c)

"r 1
P = "0 ("r 1)E = D=
"r
"r 1
= 0 (nel dielettrico) (2.12e - d)
"r
P = 0 (negli interstizi vuoti) (2.12e - e)
0h "r 1 s
V = (1 )=
"0 "r h
= E0 (h s) + Es (tra armature) (2.12 - f)

qL 0S
C= = (2.12e - g)
V V
P = P (sulle facce del dielettrico) (2.12e - h)

30
2. Condensatore piano con armature di area S, spessore h e densità super-
…ciale 0 , riempito totalmente da due lastre di dielettrico, inserite paral-
lelamente alle armature, di costanti relative "1 ; "2 e di spessori s1 + s2 =
h.

D = 0 = " 0 " 1 E 1 = " 0 " 2 E2 =


"0 "1 " 2 V
= (2.13e - a)
"1 s2 + "2 s1
0 0
E1 = , E2 = (2.13e - b, c)
"0 " 1 "0 "2
s1 s2 0
V = s1 E1 + s2 E2 = + ) ( (2.13e - d)
"0 "1 "2
"1 1 "2 1
P1 = D , P2 = D (2.13e - e)
"1 "2
0 ("1 "2 )
p = p1 p2 = (2.13e - f)
"1 "2

0S "0 S
C = = (2.13e - g)
V ( "s11+ "s22 )
p1 = P1 , p2 = P2 (2.13e - h, i)
V1 C2 "2 s1
= = (2.13e - l)
V2 C1 "1 s2

3. Sfera di dielettrico lineare, omogeneo e neutro, di centro O di raggio R


e costante dielettrica "r ; immersa in un campo elettrico inizialmente uni-
^
forme E0 diretto lungo la direzione z: L’angolo è compreso tra r = jOP j r
e l’asse z; dove P è un qualsiasi punto dello spazio.
P 3
Eint = E0 = E0 (2.14e - a)
3"0 "r + 2
"r 1
Pint = 3"0 E0 (2.14e - b)
"r + 2

3
Vint (r; ) = E0 r cos (2.14e - c)
"r + 2
" r 1 R 3 E0
Vest (r; ) = E0 r cos + cos (2.14e - d)
"r + 2 r 2
^ "r 1
p = P r = 3"0 E0 cos (2.14e - e)
"r + 2

31
4. Carica puntiforme q disposta entro un dielettrico semiin…nito di costante
"1 ad una distanza d dal piano di separazione del primo mezzo da un
secondo dielettrico semiin…nito di costante "2 : Il piano di separazione tra
i due dielettrici sia z = 0:
1 q q0
V( ; ; ) = (p +p ) , z>0
4 "1 2 + (d z)2 2 + (d + z)2
"2 "1
q0 = ( )q (2.15e - a)
"2 + "1

00
1 q
V( ; ; ) = p , z<0
4 "2 2 + (d z)2
2"2
q 00 = ( )q (2.15e - b)
" 2 + "1
q "0 ("2 "1 ) d
p = 2
(2.15e - c)
2 "1 ("2 + "1 ) ( + d2 )3=2

5. Blocco di materiale dielettrico polarizzato uniformemente dotato di una


cavità interna a forma di cilindro di raggio R e lunghezza h: La polariz-
zazione P sia parallela all’asse del cilindro e le basi del cilindro abbiano
densità di carica polarizzata P: Scelto un punto Q interno appartenente
all’asse del cilindro, siano + e gli angoli sotto cui da Q sono visti i
bordi dei due dischi.
P
EQ = [(1 cos +) + (1 cos )] (2.16e)
2"0

6. Cavità sferica uniformemente polarizzata sulla super…cie con densità P


costante, posizionata all’interno di un dielettrico.

P = P un = cost. (2.17e - a)

P
Eint = E + (2.17e - b)
3"0
7. Sfera conduttrice di raggio R di carica q immersa in un dielettrico in-
de…nito, lineare e omogeneo di costante "r :
q
E (r) = ur , r > R (2.18e - a)
4 "0 " r r 2
q
D (r) = ur , r > R (2.18e- b)
4 r2
"r 1 q
P (r) = ur , r > R (2.18e - c)
"r 4 r 2

32
8. Sfera di dielettrico permanentemente e uniformemente polarizzata lungo
l’asse z avente raggio R: Vettore di polarizzazione P0 = P0 iz e momento
di dipolo jP j = (4=3) R3 P0 :
P0
Eint = ( cos ir + sin i ) (2.19e - a)
3"0
P0 R3
Eest = (2 cos ir + sin i ) (2.19e - b)
3"0 r3

P0 r cos
Vint (r; ) = (2.19e - c)
3"0
P0 R3 cos
Vest (r; ) = (2.19e - d)
3"0 r2

p = P nr = P0 cos (2.19e - e)

9. Asta dielettrica cilindrica avente permittività uniforme "b viene sottoposta


a campo elettrico trasversale uniforme (perpendicolare all’asse) ed è cir-
condata da un materiale di permittività uniforme "a : Detti r; ' le coordi-
nate polari di un qualsiasi piano sezionale dell’asta, il potenziale risulta
essere
r R "b "a
a = RE0 cos [ ] (2.20e - a)
R r "b + "a
2"a
b = E0 r cos (2.20e - b)
"b + "a
Il campo elettrico si trova applicando il gradiente al potenziale
R 2 "b "a R 2 "b "a
Ea = E0 cos '[1 + ( ) ]ir E0 sin '[1 ( ) ]i'
r "b + "a r "b + "a
2"a
Eb = E0 (ir cos ' i' sin ') (2.20e - c, d)
" b + "a
La carica di polarizzazione alla super…cie è
"a
sp = n "0 Ea (1 ) (2.20e - e)
"b

10. Un materiale a forma rettangolare ha la base inferiore y = 0 e i lati


verticali x = 0; x = a tenuti a potenziale nullo mentre l’elettrodo superiore
y = b si trova a potenziale v: Il dielettrico ha una permittività che varia
esponenzialmente in direzione y secondo la regola " = "0 e y : Il potenziale
vale
q
X 4v sinh ( 2 )2 + ( na )2 y n
= e 2 (y b) q sin( x) (2.21e)
n n
sinh ( )2 + ( )2 b a
n=1; disp 2 a

33
11. Un condensatore è composto da due piani inde…niti paralleli di cui quello
inferiore y = 0 è suddiviso in due semipiani, quello a sinistra per x < 0 si
trova a potenziale v e quello a destra per x > 0 si trova a potenziale nullo,
mentre la piastra superiore y = a è anch’essa a potenziale nullo. Nella
parte sinistra x < 0 il condensatore è riempito con materiale dielettrico
di permettività "b e nella parte destra x > 0 con materiale dielettrico di
permittività "a :
1
X
a 2v n x n y
= "a e
a sin( ) (2.22e - a, b)
n=1
n (1 + "b ) a
X1
b y 2 "a v n x n y
= v( 1) "a e
a sin( )
a n=1
n " b 1 + "b a

Esempi - Sistemi di conduttori in equilibrio

1. Conduttore sferico C1 di raggio R1 e di carica q1 al centro di un condut-


tore C2 a forma di guscio sferico di raggi R2 < R3 che subisce induzione
completa. Nell’interstizio c’è il vuoto completo.
1 1 1 1
V1 (0 r R1 ) 1 R1 R2q1 + R3 R3
= 1 1
V2 (R2 r R3 ) 4 "0 R3 0 R3
(2.19e - a)
Se inseriamo una carica q2 nel conduttore C2 il vettore dei termini noti
T
diventa q1 q2 e conseguentemente risulta veri…cato il sistema:
" #
R1 R2 R1 R2
q1 R2 R1 R2 R1 V1
= 4 "0 R1 R2 R1 R2 +R2 R3 R1 R3 (2.19e - b)
q2 R2 R1 R2 R1
V2

2. Capacità comune C di due sistemi di conduttori con cariche Q: Essa


obbedisce alla relazione q = C(V1 V2 ); in forma esplicita

c11 c22 c212


C=
c11 + 2c12 + c22

3. Due conduttori di capacità C1 e C2 si trovano l’uno rispetto all’altro a


grande distanza r rispetto alle loro dimensioni. I coe¢ cienti valgono:
C1 C2 C1 C2 C1 C2
c11 = C1 (1 + ) , c12 = , c22 = C2 (1 + )
r2 r r2

34
Esempi - Energia elettrostatica in particolari con…gurazioni

1. Condensatore a piani paralleli riempito di dielettrico


1
UEL = "0 "r SdE2 (2.20e)
2

2. Sfera conduttrice con carica q distribuita sulla super…cie

1 q2
UEL = (2.21e)
8 "0 " r R

3. Sfera carica omogeneamente all’interno

3 q2
UEL = (2.22e)
5 4 "0 " r R

4. Due sfere conduttrici con cariche distribuite uniformemente q1 e q2 ; di


raggi R1 e R2 separate da una distanza d >> max(R1 ; R2 )

q12 q22 q1 q2
UEL = + + (2.23e)
8 "0 "r R1 8 "0 " r R 2 4 "0 d

5. Condensatore sferico di raggi R1 < R2 con cariche super…ciali +q e -q

q2 1 1
UEL = ( ) (2.24e)
8 "0 " r R 1 R2

6. Condensatore cilindrico di raggi R1 < R2 e lunghezza d

q 2 1 R2
UEL = ln (2.25e)
4 "0 " r d R 1

7. Condensatore piano con armature a forma quadrata di lato l e distanti


h; con dielettrico lineare omogeneo di spessore h parzialmente inserito
nell’interstizio di una lunghezza pari a 0 x l: La carica libera sulle
armature si assume costante.
"0 E2 l
UEL (x) = [(l x) + "r hx] =
2
q2 h
= (2.26e)
2"0 l[l + ("r 1)x]

8. Come nell’es. 7, ma si assume costante il potenziale V sulle armature.

V2 "0 l
UEL (x) = [l + ("r 1)x] (2.27e)
2h

35
9. Due cariche puntiformi
1 q1 q2
UEL = (2.28e)
4 "0 jr1 r2 j

10. Raggio classico dell’elettrone re


e2
= me c2 (2.29e)
4 "0 re

Esempi - Pressione e forza elettrostatica

1. Forza tra le armature di un condensatore piano


1 "0 "r AV2
F = "0 "r AE2 = (2.30e)
2 2d2
2. Condensatore piano, riempito totalmente da due lastre di dielettrico in
serie, come nell’es.(2) a pag. 22.
"0 "1 "22 V2 S
F1 = (2.31e - a)
2("1 s2 + "2 s1 )2
"0 "21 "2 V2 S
F2 = (2.31e - b)
2("1 s2 + "2 s1 )2

3. Cilindro coassiale di lunghezza L e di raggi R1 < R2 riempito parzialmente


nell’interstizio con un liquido dielettrico …no ad una lunghezza x L
"0 V2 ("r 1)
F = (V costante) (2.32e - a)
ln(R2 =R1 )
q 2 ("r 1) ln(R2 =R1 )
F = (q costante) (2.32e - b)
4 "0 (L x + "r x)2

4. Lastra di dielettrico lineare e omogeneo inserita in un condensatore piano


di una porzione x
("r 1)
F = UEL (0) (V costante) (2.33 - a)
l
UEL (0) ("r 1)
F = (q costante) (2.33 - b)
l [1 + (x=l)("r 1)]2

5. Elettroscopio costituito da due sferette collegate a due …li di massa trascur-


abile; sia r la distanza di separazione
kq 2 r=2 Fe
2
= mg p ( = tan )
r l + r2 =4
2 P

36
MAGNETOSTATICA NEL VUOTO
pp.37-46

Forza di Lorentz
(de…nizione operativa di campo magnetico B nel vuoto)

Ns
F = q(E + v B) (S.I: T = ) (3.1)
Cm
dx dx
F(x; ; q; t) = q[E(x;t) + B(x;t)]
dt dt

Moto in un campo magnetico uniforme


mv sin
r = ( generico) (3.2)
qB
qB 2 m
! = , T = (3.3 - a, b)
m qB
2 mv cos
p = (passo dell’elica) (3.4)
qB

Leggi Elementari di Laplace


0Ids
dB = ut ur (I legge) (3.5 - a)
4 r2
r
ds = ut ds , ur =
jrj
dF = Ids B (II legge) (3.5 - b)

Permeabilità magnetica nel vuoto


7 2 1
0 =4 10 (S.I: NA , Hm ) (3.6)

Legge di Biot - Savart


(caso generale)
I Z t1
0I ds 0I 0 x (t)
B(x) = ut ur = dt (t) 3 (3.7)
4 r2 4 t0 jx (t)j

I è una corrente stazionaria sul percorso …liforme


La legge di Biot-Savart è anche nota come formula di Ampère-Laplace

37
Legge di Biot - Savart
(…lo inde…nito rettilineo)

0I 0I
B(r) = ut ur , B(r) = , ut ? ur (3.8)
2 jrj 2 r

Legge di Biot - Savart


(conduttori di forma qualsiasi in 3D)
ZZZ 0
0 J(x ) (x x0 ) 0
B(x) = dx (3.9)
4 jx x0 j3
V

Forza agente su un …lo indeformabile


Z Q Z Q
F=I ds B=I ut Bds (3.10)
P P

Se il …lo conduttore è curvilineo ma contenuto in un piano:


!
F = I PQ B (3.11)

Legge di Ampère sulla Forza


F12 è la forza totale sentita dal …lo 1 a causa di 2
Z Z
I1 ds1 (I2 ds2 u21 )
F12 = F21 = 0 (3.12)
4 1 2
jrj2

dF12 = I1 ds1 dB2 , dF21 = I2 ds2 dB1


Caso dei circuiti rettilinei paralleli
Correnti equiverse =) forza attrattiva
Correnti non equiverse =) forza repulsiva

0 I1 I2 l
F = (3.13)
2 d

De…nizione di Ampère
Se l = d = 1m: F = 1N =) I1 = I2 = 1A

38
Legge di Gauss per il magnetismo
I
r B=0 , B un dS = 0 (3.14 - a, b)
S

L’unità di misura del ‡usso è il Weber (1Wb=1Tm2 )

Legge circuitale di Ampère


(nel vuoto)
I X
r B= 0j , B ut ds = 0 Iconc (3.15 - a, b)

Le correnti concatenate devono essere prese col segno positivo o negativo a seconda
che vedano circolare intorno a sé la linea rispettivamente in senso antiorario o orario.

Legge di Ampère espansa col Teorema di Stokes


I ZZ X
B ut ds = 0 j un dS = 0 Iconc (3.16)
S
= @+S

Equazioni di Maxwell della Magnetostatica


r B=0 , r B= 0j
I I X
B un dS = 0 , B ut ds = 0 Iconc
S

In sintesi abbiamo la Legge di Gauss (3.14) per il magnetismo e la Legge circuitale di


Ampère (3.15), sia in forma locale che integrale.

De…nizioni di Momento di Dipolo Magnetico


Le de…nizioni (3.17) e (3.19) sono equivalenti per il dipolo
ZZ
m = Iun dS = ISun (spira piana) (3.17)
S

La corrente I ruota in senso antiorario vista dalla punta del versore un


ZZZ
1
m= x j dx (caso generale) (3.18)
2
V

=m B ( momento meccanico) (3.19)


1
Unità di misura di m: (JT ,Am2 )

39
Energia Potenziale di un Circuito
(per correnti stazionarie)
ZZ
Upot = I B un dS = I B (S) (3.20)
S

Il gradiente di Upot determina la forza agente sul circuito:

F= rUpot (3.21)

Nel caso di un dipolo magnetico (considerato piccolo) si ha

Upot = m B , F = r(m B) (3.22 - a, b)

Densità di Energia Magnetica


(nel vuoto)

B2
uB = (3.23)
2 0

Momento Meccanico di un circuito chiuso


I
=I x (ut ds B) (3.24)

Auto e Mutua Induttanza


N N X N
1 X X
W = Li Ii2 + Mij Ii Ij (3.25)
2i=1 i= 1j >i

Li è l’autoinduttanza dell’i-esimo circuito, mentre Mij è la mutua indut-


tanza tra l’i-esimo e il j-esimo circuito. W è l’energia totale per sistemi
di N circuiti percorsi da correnti stazionarie.
ZZZ ZZZ
0 J(xi ) J(xj )
(3D) Mij = dxi dxj
4 Ii Ij jxi xj j
Ci Cj
Z Z
0 dsi dsj
(1D) Mij = (3.26 - a, b)
4 Ci Cj jxi xj j

40
L’espressione dei coe¢ cienti di autoinduttanza è resa di¢ coltosa dal fatto che
1=jxi xj j diverge; i coe¢ cienti Li e Mij regolano i ‡ussi magnetici
concatenati.

i;j = Mij Ii , j;i = Mji Ij (3.27 - a, b)


i = Li Ii , Mij = Mji (3.28 - 3.29)

Unità di misura: Ohm 1 = 1W b=A

Potenziale Magnetico
(de…nizione per campi magnetici statici)

B(x) = r A(x) , r A(x) = 0 (3.30 a, b)

La condizione (3.30 - b) si chiama gauge di Coulomb


Il potenziale magnetico in gauge di Coulomb obbedisce all’eq. di Poisson

r2 A(x) = 0 J(x) (3.31)

La forma generale in magnetostatica del potenziale A(x) è


ZZZ 0
0 J(x )
(3D) A(x) = dx0 ; A(x) ! 0 (3.32 - a)
4 jx x0 j jxj!1
Z
0I ut ds0
(1D) A(x) = (3.32 - b)
4 jx x0 j

Teorema di Stokes applicato al potenziale


ZZ I
B (S) = B un dS = A ut ds (3.33)
S @S

Discontinuità del Campo Magnetico


(attraverso una super…cie di separazione)

B1n = B2n (3.34)

Potenziale Magnetico Scalare


B= rVm (3.35)

41
Trasformazione dei Campi
(in regime non relativistico)
1
E0 = E + v B , B0 = B v E (3.36)
c2
Il sistema O’ è in moto rispetto ad O con velocità v

Esempi - Campi Magnetici prodotti da sorgenti

1. Filo conduttore rettilineo inde…nito, v. Legge di Biot-Savart, formula (3.8)

0I
B(r) = ut ur , ut ? ur (3.1e)
2 jrj

2. Filo conduttore rettilineo di lunghezza …nita 2a, campo magnetico nel


piano mediano perpendicolare al …lo. Il versore u è tangente alla circon-
ferenza di raggio r che è concentrica al …lo e giacente nel piano mediano,
ed è orientato secondo la regola della vite destrorsa.
Ia
B(r) = p0 u (3.2e)
2 r r2 + a2

3. Spira quadrata di lato 2a; campo magnetico nell’asse x della spira


2 0I a2
B(x) = p ux (3.3e - a)
(x2 + a2 ) x2 + 2a2
p
0 2I
Bx=0 = (3.3e - b)
a
4. Spira circolare di raggio R; campo magnetico sull’asse x.
2
0 IR
B(x) = un (3.4e - a)
2(x2 + R2 )3=2
0I
Bx=0 = (3.4e - b)
2R
5. Campo magnetico prodotto da una carica in moto (non relativistico) nel
sistema in cui la carica ha velocità v
qv ur 1
B= 0 = 2v E (3.5e)
4 r2 c
6. Campo magnetico di un dipolo valutato al primo ordine per grandi dis-
tanze ( è la colatitudine)
0
B(r) = [3(m ur )ur m] (3.6e - a)
4 r3
0 m
B(r) = (2 cos ur + sin u ) (3.6e - b)
4 r3

42
7. Campo magnetico esatto dovuto ad una spira circolare di raggio R centrata
nel piano xy; valutato in un punto P situato nel piano yz:
Z
IR 2 z cos i+z sin j+(R y sin )k
B(0; y; z) = 0 d (3.7e)
4 0 (R2 + y 2 + z 2 2Ry sin )3=2
La componente Bx risulta nulla.
8. Campo magnetico prodotto sull’asse di un disco che possiede una densità
di carica uniforme sulla super…cie e ruota con velocità angolare costante
!
! 2x2 + R2
B = 0 [p 2x] (3.8e)
2 x2 + R2
9. Campo magnetico sull’asse di un solenoide rettilineo di lunghezza d e
densità di spire n …ttamente distribuite: La coordinata x è misurata dal
centro del solenoide.
nI d + 2x d 2x
B(x) = 0 [ p +p ] (3.9e - a)
2 (d + 2x)2 + 4R2 (d 2x)2 + 4R2
Per lunghezze molto grandi d >> R si ha l’approssimazione
B= 0 ni (3.9e - b)

10. Campo magnetico (approssimato) all’interno di un solenoide toroidale


0N i
B= (3.10e)
2 R
11. Campo interno/esterno ad un …lo lungo e cilindrico di raggio R esteso
nello spazio e percorso da una corrente uniforme I.
0I r
Bint = ( ) , r<R (3.11e - a)
2 R R
0I
Best = , r R (3.11e - b)
2 r
12. Foglio in…nitamente esteso di spessore b giacente nel piano xy; attraversato
da una densità di corrente uniforme J = J0 i:
8 9
0 J0 b
< 2 j ; z > b=2 =
B= J
0 0 zj ; b=2 < z < b=2 (3.12e)
: 0 J0 b
;
2 j ; z < b=2

13. Bobine di raggio R; ciascuna con N avvolgimenti e perpendicolari all’asse


di simmetria z con i loro centri localizzati in z = l=2 percorse da correnti
identiche. Quando l = R si hanno le ‘bobine di Helmholtz’.
2
0 N IR 1 1
B(z) = 2 2 3=2
+
2 [(z l=2) + R ] [(z + l=2)2 + R2 ]3=2
(correnti equiverse)
(3.13e - a)

43
2
0 N IR 1 1
B(z) =
2 [(z l=2)2 + R2 ]3=2 [(z + l=2)2 + R2 ]3=2
(correnti opp oste)
(3.13e - b)
14. Campo magnetico ottenuto nel piano xy da un …lo rettilineo di lunghezza
L percorso da una corrente I nella direzione x+ e centrato nell’origine.

0I (x L=2) (x + L=2)
B(x; y) = [p p ]k (3.14e)
4 y (x L=2)2 + y 2 (x + L=2)2 + y 2

15. Campo magnetico prodotto in un punto generico P (x; y; z) da due …li


rettilinei paralleli di eq. parametriche F1 = (x; y + d2 ; t), F2 = (x; y d2 ; t)
con t reale, percorsi rispettivamente da correnti stazionarie I1 e I2 :
d
0 I1 ( y 2 ; x; 0) I2 ( y + d2 ; x; 0)
B(x; y; z) = [ + ] (3.15e)
2 x2 + (y + d2 )2 x2 + (y d 2
2)

16. Conduttore cilindrico ini…nitamente lungo di raggio R percorso da una


corrente con densità interna J = r ( costante).
( 2
)
0r
3 3 ; 0 < r < R
B= (3.16e)
0R
3r ; r R

17. Un campo magnetico è prodotto da un elemento rettilineo …liforme rap-


presentato dal vettore a percorso da corrente stazionaria i. Detto r il
vettore di posizione dal quale si vuole valutare il campo B, sia r + b la
coda del vettore a e r + c la punta del medesimo. Il campo magnetico è

0i c a a c a b
B= 2( ) (3.17e)
4 jc aj jcj jbj

Esempi - Potenziali Magnetici


(dati: [12])

1. Solenoide inde…nito rettilineo di raggio R con asse centrale corrispondente


all’asse z e campo interno costante ed omogeneo B = n o I:
1
A = B( y; x; 0) , r < R (3.18e - a)
2
1 ( y; x; 0)
A = BR2 2 , r>R (3.18e - b)
2 x + y2

44
2. Carica puntiforme libera q che si muove a velocità v costante non rela-
tivistica
q v
A(r) = 0 (3.19e)
4 jrj
3. Filo di lunghezza L diretto lungo l’asse z e percorso da corrente stazionaria
I; il potenziale viene valutato nel piano xy perpendicolare e mediano al
…lo. q
L L2 2 2
I 2 + 4 +x +y
A(x; y; 0) = 0 [0; 0; ln( q )] (3.20e)
4 L 2
+ L + x2 + y 2
2 4

Nel limite per L ! 1 si trova la variazione di A

0I x22 + y22 ^
A= ln( )z (3.21e)
2 x21 + y12

4. Sfera carica uniformemente con densità di carica ruotante con velocità


angolare !

0R
A(r) = (! r) , r < R (3.22e - a)
3
4
0R
A(r) = (! r) , r > R (3.22e - b)
3r3
^
Se ! = ! z e è la colatitudine, la longitudine
^
0 !R
A(r; ; ) = r sin , r<R (3.23e - a)
3
4 ^
0 R ! sin
A(r) = , r>R (3.23e - b)
3 r2
^
5. Dipolo magnetico m = I R2 z di raggio R
^
m r
0
A= , r >> R (3.24e)
4 r2

6. Una coppia di …li paralleli che conducono in direzione opposta la corrente


i in…nitamente estesi lungo l’asse z; di cui quello di sinistra posizionato in
x = y = 0 e quello di destra in x = d; y = 0, producono un potenziale Az
che vale
0i d
Az = ln(1 cos ) (3.25e - a)
2 r
ed un campo magnetico

0 id sin cos
B= [ 2
ir + 2 i ] (3.25e - b)
2 r r

45
Esempi - Forze magnetiche tra magneti e dipoli
(dati: https://en.wikipedia.org/wiki/Force_between_magnets, ott.2018)

1. Forza tra due super…ci piane magnetiche vicine (e¤etti di bordo trascurati
e volume del traferro molto piccolo)
B2A
F = (3.26e)
2 0

2. Forza tra due magneti identici a barra cilindrica di lunghezza L e raggio R


posizionati polo contro polo ad una distanza x (non eccessivamente corta)
B 2 A2 (L2 + R2 ) 1 1 2
F ' 2 2
+ (3.27e)
0L x (x + 2L)2 (x + L)2

3. Forza risentita da un dipolo magnetico m2 a causa della presenza del


dipolo magnetico m1 ; r è il raggio vettore da m1 a m2 :
3 0 5(m1 r)(m2 r)
F = 5
[(m1 r)m2 + (m2 r)m1 + (m1 m2 )r r]
4 r r2
(3.28e)
Nota conclusiva.
Da dove ha origine il magnetismo? Essenzialmente le cause sono due:

1. correnti elettriche di qualsiasi tipo, anche stazionarie (es. legge di Biot-Savart


per il …lo rettilineo).
2. momenti di dipolo magnetici angolari e intrinseci di spin degli elettroni or-
bitali e in misura trascurabile i momenti di dipolo magnetici angolari e intrinseci
di spin dei nucleoni.

In …sica atomica il magnetone è l’unità di misura per valutare il modulo del


vettore momento di dipolo di una particella elementare o composta; in generale
il magnetone riferito ad una particella speci…ca di massa m e carica q vale (con
h cost. di Planck):
qh
= (3.37)
4 m
Nel caso dell’elettrone l’unità è data dal magnetone di Bohr B = 9:27401
10 24 JT 1 , nel caso dei nucleoni e dei nuclei si preferisce usare come unità il
magnetone nucleare N = 5:05079 10 27 JT 1 che è riferito al protone. In
generale distinguiamo tre momenti magnetici associati all’elettrone quantizzati
su un asse, di spin, orbitale e totale (formule 3.38 - a, b. c):

s;e = gs B (2 S=h), L;e = gL B (2 L=h), e = s;e + L;e = gJ B (2 J=h)


dove gs gL gJ sono i fattori-g di spin, orbitale e di Landé. Analoghe con-
siderazioni valgono per i nucleoni all’interno del nucleo. Sperimentalmente si
è trovato che il protone ha s;p = 2:793 N , il neutrone s;n = 1:913 N e
l’elettrone s;e = 1:00116 B :

46
MAGNETIZZAZIONE NELLA MATERIA
pp.47-67

Momenti magnetici delle Particelle p; n; e


27
p = +14; 106067 10 J/T
27
n = 9:66236 10 J/T
24
e = 9:284; 764 10 J/T

Vettore di Polarizzazione Magnetica


ZZZ
dm
M= , m= M dx (4.1)
dV
V

m è il momento magnetico - (v.def. (3.18), (3.19))


L’unità di misura nel S.I. per il vettore M è Ampère su metro (A/m)

Permeabilità Magnetica Relativa


B
r = (4.2)
B0

Permeabilità Magnetica (assoluta)


= 0 r (4.3)

Suscettività Magnetica
m = r 1 (4.4)

Tabella 4.1 - Classi…cazione magnetica delle sostanze

Sostanze r m Caratteristica B e B0

diamagnetiche <1 <0 respingimento debole B < B0


paramagnetiche >1 >0 attrazione debole B > B0
ferromagnetiche 1 0 attrazione forte B B0

Momento Magnetico Medio


M
<m> = (4.5)
n
n è il numero di atomi/molecole per unità di volume

47
Corrente e Densità di Corrente di Magnetizzazione
I
iM = M ds , jm = r M (4.6 - a, b)

De…nizione di Campo Magnetico H


(detto anche campo magnetizzante, unità: A/m)
B
H = M (4.7 - a)
0
B = 0 (H + M) (4.7 - b)

Densità di Carica Magnetica


m =r 0H = r 0M (4.8)

Permeabilità Complessa
In un materiale lineare si veri…ca che per basse frequenze il campo magnetico
B e il campo H che si forma in seguito alla polarizzazione sono sostanzialmente
proporzionali. Ad alte frequenze si veri…ca che la risposta del materiale non
è istantanea, ma al variare di B la modi…ca del valore di H avviene dopo un
certo piccolo intervallo di tempo. La permeabilità deve esprimere in tal caso
uno sfasamento tra B e H, e pertanto è descritta con un numero complesso.
Scrivendo i campi come fasori (v. pag 93):
H = H0 ej!t , B = B0 ej(!t )

dove è lo sfasamento, si ha che la permeabilità complessa assoluta vale:


B B0 j B0 0 00
= = e = (cos j sin ) = j (4.9)
H H0 H0
La permeabilità complessa relativa invece è
0 00
j 0 00
r = = = r j r (4.10)
0 0 0

Il rapporto
00
tan = 0
(4.11)

si dice tangente di perdita magnetica. Studiando il comportamento del materiale


all’interno di un solenoide rettilineo troveremo che il fasore della corrente indotta
totale I vale
V V
I= =
R + j!( 0r j 00r )L0 (R + ! 00r L0 ) + j! 0r
dove
0 00
L=( r j r )L0
è l’induttanza complessa che si ha quando il materiale è inserito in un solenoide
con valore dell’induttanza a vuoto L0 ed R è la resistenza delle spire.

48
Legge Circuitale di Ampère per il Campo H
(caso stazionario)
I ZZ
H ds = jL un dS = iL;conc , r H = jL (4.12 - a, b)
@S S

jL è la densità di corrente libera; iL;conc è la corrente libera concatenata


al circuito chiuso @S che è la frontiera della super…cie S: I campi elettrici
devono essere stazionari o assenti.

Equazioni della Magnetostatica nei mezzi materiali


I
(L. di Gauss) r B = 0 , B un dS = 0 (3.14 - a, b)
S
I
(L. di Ampère) r H = jL , H ds = iL;conc (4.12 - a, b)
@S

Relazioni Costitutive per i materiali


Caso Generale:

D = D(B; H; x;t) , H = H(B; H; x;t) (4.13 - a, b)

Lineari isotropi e non dispersivi


(diamagnetici e paramagnetici):

P = "0 e E , M = mH (4.14 - a, b)
D = "0 " r H , B = 0 rH (4.14 - a, b)

Anisotropi (", sono tensori del 2 ordine)


tra cui materiali birifrangenti e dicroici

D = "H , B = H (4.15 - a, b)

Bi-isotropi/Bi-anisotropi
(a seconda che "; ; ; siano scalari o tensori)

D = "H + H , B = H + E (4.16 - a, b)

Dispersione e Assorbimento ("; complessi)

" = "0 (!) i"00 (!) , = 0


(!) + i 00
(!) (4.17 - a, b)

49
Legge di Faraday con Magnetizzazione
@
r E= 0 (H + M) (4.18)
@t
Discontinuità del campo magnetico H
n12 (H2 H1 ) = js (4.19 - a)
n12 0 (H2 H1 ) = sm (4.19 - b)
n12 (B2 B1 ) = 0 (4.19 - c)
n12 è il versore normale dal mezzo 1 al mezzo 2, js è la densità di corrente
super…ciale tra i due media, non proveniente dalla eventuale polarizzazione,
sm è la densità super…ciale di magnetizzazione.

se js = 0 : H1t = H2t (4.20)


Inoltre, se js = 0 e B1 = 0 r1 H1 e B2 = 0 r2 H2 allora per la continuità di
Bn si ha

r1 Hn1 = r2 Hn2 (4.21 - a)


Bt1 Bt2
= (4.21 - b)
r1 r2
e indicando con 1 ; 2 gli angoli che B1 ; B2 formano con n12 si ha la legge della
rifrazione delle linee del campo magnetico.
tan 1 r1
= (4.22)
tan 2 r2

Potenziale Magnetico Scalare


(per il campo H)

H= r (4.23)
r 0H = 0 =) r2 = 0 (eq. Laplace) (4.24)
Quando la densità di carica magnetica è nota si ha
Z 0 0
m (r )dV
(r) = (4.25)
V 4 0 jr r0 j
Tabella 4.2 - Suscettività di alcune sostanze diamagnetiche
(fonte: http://ee-classes.usc.edu/ee591/library/Schenck-Suscept.pdf, ott.2018)

Sostanze m Sostanze m Sostanze m

5 5 5
Ag 2:4 10 Hg 2:8 10 H2 O (37 ) 0:9 10
5 5 5
Bi 16:6 10 Sb 6:7 10 C (diamante) 2:2 10
5 5 5
Au 3:4 10 Be 2:4 10 SiO2 1:6 10
5 5 5
Pb 1:6 10 Ga 2:3 10 MgO 1:1 10
5 5 5
Cu 0:97 10 Zn 1:6 10 ZrO2 0:8 10
5 5 5
Si 0:42 10 Ge 0:7 10 S 1:2 10

50
Tabella 4.3 - Suscettività di alcune sostanze paramagnetiche
(dati: http://ee-classes.usc.edu/ee591/library/Schenck-Suscept.pdf)

Sostanze m Sostanze m Sostanze m

5 5
Al 2:1 10 W 6:8 10 Rh 16:9 10 5
5 5
Ca 2:0 10 Rb 0:4 10 Ta 17:8 10 5
5 5
Mg 1:2 10 Cs 0:5 10 Nb 23:7 10 5
5 5
Pt 27:9 10 Zr 10:9 10 Cr 32 10 5
5 5
Na 0:85 10 Y 11:9 10 V 38:4 10 5
5 5
Ti 18:2 10 Mo 12:3 10 Pd 80:6 10 5

Materiali Ferromagnetici - Ciclo di Isteresi (v. Tab 4.4)

Punto O: materiale allo stato vergine (non magnetizzato)


Oa: curva di prima magnetizzazione
Punto a: saturazione del campo B (aumenta pochissimo rispetto al
campo H)
Punto b: magnetizzazione residua quando H è nullo; il materiale è
divenuto un magnete permanente.
Punto c: campo coercitivo H (di segno opposto) che annulla la
magnetizzazione residua.
Punto d: saturazione del campo B nel verso opposto
Punto e: magnetizzazione residua del campo B nel verso opposto
quando H è nullo; magnete permanente.

51
Punto f : campo coercitivo che annulla l’ultima magnetizzazione
residua

Materiali duri: hanno un ciclo di isteresi molto largo, sono adatti


per la costruzione di magneti permanenti ed è di¢ cile smagnetizzarli
(Hc grande).
Materiali dolci: hanno un ciclo di isteresi abbastanza stretto, sono
adatti per la costruzione di elettromagneti, è facile sia magnetizzarli
che smagnetizzarli (Hc piccolo).

Altri Parametri descrittivi nel ciclo di isteresi


Bi
permeabilità iniziale i = , con Hi piccolo (4.26)
0 Hi

B
amplitude permeability a = (4.27)
0H
B
permeabilità incrementale = (4.28)
0 H
1 dB
permeabilità di¤erenziale r;d = (4.29)
0 dH

Modello di Jiles-Atherton per l’isteresi


E’un modello originariamente proposto nel 1984 basato su cinque parametri ; a; c; Ms ; k
che è stato perfezionato e corretto da altri studiosi. Man è la magnetizzazione anis-
teretica
dM (H) 1 Man M c @Man
= dH
+ (4.30)
dH 1 + c k sgn( dt ) (Man M) 1 + c @H M =cost

iso H+ M a
Man = Ms [coth( ) ] (4.31)
a H+ M
iso
Man è la magnetizzazione per materiali isotropi. Ms è la magnetizzazione di satu-
razione e le altre costanti dipendono dal materiale

Tabella 4.4 - Proprietà magnetiche di alcune leghe di ferro


(http://coefs.uncc.edu , Design-Handbook, cap.2, ott.2018)

Materiale Composizione i Br (Tesla) Hc (Oe) Tc ( C)


supermalloy 78%Ni, 17%Fe, 5%Mo 10K 50K 0:65 0:82 0:003 0:008 460
silicone 3%Si , 97%Fe 1500 1:5 1:8 0:4 0:6 750
supermendur 49%Co, 49%Fe, 2%V 800 1:9 2:2 0:15 0:35 940
orthonol 50%Ni, 50%Fe 2000 1:4 1:6 0:1 0:2 500
permalloy 79%Ni, 17%Fe, 4%Mo 12K 100K 0:66 0:82 0:02 0:04 460

52
E¤etto Hall
Superconduttività
E’una fase della materia in cui l’elettricità ‡uisce senza resistenza quando
la temperatura si abbassa al di sotto di un valore critico Tc ; applicando
valori superiori ad una certa corrente critica Ic ed un certo campo mag-
netico critico Bc il materiale torna normale.
E¤etto Meissner (diamagnetismo perfetto): espulsione totale di un
campo magnetico esterno dall’interno di un superconduttore se questo si
trova al di sotto della temperatura critica. Le supercorrenti scorrono su di
uno strato sottile super…ciale di spessore . L’e¤etto Meissner è descritto
dalle equazioni di London (p.41).
Superconduttori di I tipo (tipicamente metalli puri): subiscono net-
tamente l’e¤etto Meissner e hanno una temperatura critica molto bassa.
Superconduttori di II tipo (tipicamente leghe): sono caratterizzati
da una fase mista sotto la quale si ha l’e¤etto Meissner; vi sono due valori
critici per il campo magnetico. Nello stato misto si creano all’interno del
materiale dei vortici magnetici con…nati. Hanno una temperatura critica
tipicamente più alta rispetto al I tipo.

Confronto tra diagrammi di fase B-T

Equazioni di London per la Superconduttività


@js ns e2 ns e2
= E , r js = B (4.32 - a, b)
@t me me
js è la densità di corrente dentro il materiale, ns è un parametro detto
‘densità volumica di superportatori’. La seconda equazione di London
viene anche riscritta così:
r
1 me
r2 B = 2B , = 2
(4.33)
0 ns e
T < Tc , B < B c

53
è noto come ‘spessore di penetrazione di London’(dell’ordine dei nanometri).
Considerando una sola dimensione x il campo B si attenua all’interno del
materiale secondo un fattore e x= :

Teoria BCS (Bardeen–Cooper–Schrie¤er)


Teoria microscopica proposta nel ‘57 per spiegare la superconduttività e
basata sulla interazione attrattiva che si instaura tra coppie di elettroni
liberi di muoversi nel reticolo (coppie di Cooper). Essa risulta valida solo
per superconduttori debolmente correlati.

(T=0 )= 1:764kB Tc (4.34 - a)


r
T
(T ! Tc ) 3:07kB Tc 1 (4.34 - b)
Tc
hvF
= (4.34 - c)
2
è la gap-energy della coppia di Cooper, mentre è la lunghezza di
correlazione media

Teoria di Ginzburg–Landau
(https://en.wikipedia.org/wiki/Ginzburg-Landau_theory)
1 ih
+ j j2 + ( r 2eA)2 = 0 (4.35)
2m 2
s s
h2 h2
= 2 mj
T > Tc ; = T < Tc (4.36 - a, b)
8 j 16 2 mj j

= (parametro di Ginzburg–Landau)

1
superconduttori I tipo: 0< <p (4.37 - a)
2
1
superconduttori II tipo: >p (4.37 - b)
2

Tabella 4.5: alcuni superconduttori di I tipo


(fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_superconductors)
Elem: Tc (K) Bc (mT ) Elem: Tc (K) Bc (mT ) Elem: Tc (K) Bc (mT )

Al 1:18 10:5 Zr 0:61 4:7 Cd 0:52 2:8


Ti 0:40 5:6 Sn 3:72 30 Hg( ) 4:15 41:1
Ta 4:48 90 Mo 0:92 9:6 Hg( ) 3:95 33:9
Zn 0:85 5:4 Tc 7:8 141 Pb 7:20 80:3

54
Tabella 4.6: alcuni superconduttori del II tipo (1K=1000)
(fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_superconductors)

Comp: Tc (K) Bc (mT ) Comp: Tc (K) Bc (mT )

Nb 9:26 820 N b3 Ge 23:2 37K


V 5:0 1000 N b3 Sn 18:3 30K
C6 Ca 11:5 950 N bT i 10 15K
M gB2 39 74K In2 O3 3:3 3K

Modelli per il Diamagnetismo


Citiamo il modello di Landau e il modello di Langevin. Il diamagnetismo
di Landau si applica ad un gas libero di elettroni di conduzione all’interno
dei metalli, mentre il modello di Langevin si applica a materiali conte-
nenti atomi le cui shell elettroniche sono complete e quindi non vale per i
metalli. Il diamagnetismo è comune a tutti i materiali, però nei materiali
para/ferromagnetici l’e¤etto è trascurabile. ( B è il magnetone di Bohr,
v. pag.xx)

Diamagnetismo di Landau
E’valido per un gas di elettroni di conduzione all’interno dei metalli ed è
indipendente dalla temperatura. g(E) è la densità di stati.

1 2 e2 kF
= 0 B g(EF ) = (4.38)
3 12 2 me c2

Diamagnetismo di Langevin-Larmor
Si applica ad atomi/molecole con momento totale orbitale e totale di spin
nullo (esempio: gas rari) ed anche agli elementi della tab.4.2. Il risultato
(4.29) è valido sia in ambito classico (Langevin) che quantistico (Larmor).
2
n 0 Ze
diam = < r2 > (4.39)
6me
n = NA =A (densità atomica)

Nel modello di Langevin il momento magnetico acquisito da un atomo con-


tenente Z elettroni per e¤etto del campo B vale ma e la magnetizzazione
M:
Ze2
ma = < r2 > B , M = nma (4.40 - 4.41)
6me

55
Modelli per il Paramagnetismo
Ricordiamo il modello di Van Vleck, di Curie-Langevin, di Pauli, di Curie-
Weiss, il paramagnetismo nucleare, il superparamagnetismo

Paramagnetismo di Van Vleck


Si applica ad atomi/molecole il cui il momento angolare totale è nullo (e
quindi anche quello magnetico) nello stato fondamentale, ma non è nullo
L ed S. Il modello è indipendente dalla temperatura.
X j < 0jLz + gs Sz jn > j2
2
par = 2n 0 B (4.42)
En E0
n 6= 0

Paramagnetismo di Curie-Langevin
Il modello quantistico considera sistemi atomici all’interno di materiali
paramagnetici che possiedono un momento magnetico permanente mB =
B gJ e che vengono sottoposti ad un campo magnetico B: Il parametro
‘g’ è il rapporto giromagnetico, M è il momento magnetico valutato a
qualsiasi temperatura.

B gJB
(Legge Curie-Brillouin) M = n B gJ BJ ( ) (4.43)
kB T
2J + 1 2J + 1 1 x
BJ (x) = coth( x) coth( ) (4.44)
2J 2J 2J 2J
Bj è la funzione di Brillouin
Se B gJB kB T (regime di Curie, a temperature ambientali e campi
bassi), si ha la Legge di Curie:

2 J(J + 1) B
M ' ng 2 B B = C = par H (4.45)
3kB T T
M J(J + 1) n 0 2B p2
par = ' n 0 g 2 2B = (4.46)
H 3kB T 3kB T

2 J(J+ 1) n 2B p2
costante di Curie: C = ng 2 B = (4.47)
3kB 3kB T
p
p= gJ(J + 1) è il numero e¤ettivo di magnetoni di Bohr. (v. tab.4.7-
4.8)

Nel modello classico (di Langevin) la funzione di Brillouin è sempli…cata


dalla funzione di Langevin (2J ! 1): M è valutato anche qui per
qualsiasi temperatura T.
1
L(x) = coth(x) (4.48)
x

56
BB
M =n B L( ) (4.49)
kB T
In particolare, a regime di Curie BB kB T si ha

n 0 2B
costante di Curie: C = (4.50)
3kB T
C
par = (4.51)
T
Nella teoria paramagnetica di Langevin è prevista la saturazione

Msat = nmB (4.52)

e la temperatura critica si raggiunge a

1
Tc = C (4.53)
3
Il modello si può applicare alle terre rare e ai loro sali e ad altri elementi
(vedi tab. 4.8)

Tabella 4.7: n e¤. di magnetoni di Bohr per alcuni ioni del IV periodo
(fonte: [7], Introduction to Solid State Physics - Charles Kittel)

2 1=2 2 1=2
Ione Con…g Livello p=g(J+J ) 2(S+S ) esperimento

T i3+ V 4+ 3d1 2
D3=2 1:55 1:73 1:8
V 3+ 3d2 3
F2 1:63 2:83 2:8
Cr V 2+
3+
3d3 4
F3=2 0:77 3:87 3:8
M n3+ Cr2+ 3d4 5
D0 0 4:90 4:9
F e3+ M n2+ 3d5 6
S5=2 5:92 5:92 5:9
F e2+ 3d6 5
D4 6:70 4:90 5:4
Co2+ 3d7 4
F9=2 6:63 3:87 4:8
N i2+ 3d8 3
F4 5:59 2:83 3:2
Cu2+ 3d9 2
D5=2 3:55 1:73 1:9

Tabella 4.8: n e¤. di magnetoni di Bohr per ioni trivalenti delle lantanidi
(fonte: [7], Introduction to Solid State Physics - Charles Kittel)

57
2 1=2
Ione Con…g Livello g(J+J ) esperimento
Ce3+ 4f 1 5s2 p6 2
F5=2 2:54 2:4
Pr3+ 4f 1 5s2 p6 3
H4 3:58 3:5
Nd3+ 4f 1 5s2 p6 4
I9=2 3:62 3:5
Pm3+ 4f 2 5s2 p6 5
I4 2:68
Sm3+ 4f 3 5s2 p6 6
H5=2 0:84 1:5
Eu3+ 4f 4 5s2 p6 7
F0 0 3:4
Gd3+ 4f 5 5s2 p6 8
S7=2 7:94 8:0
Tb3+ 4f 6 5s2 p6 7
F6 9:72 9:5
Dy3+ 4f 7 5s2 p6 6
H15=2 10:63 10:6
Ho3+ 4f 8 5s2 p6 5
I8 10:60 10:4
Er3+ 4f 9 5s2 p6 4
I15=2 9:59 9:5
Tm3+ 4f 10 5s2 p6 3
H6 7:57 7:3
Yb3+ 4f 11 5s2 p6 2
F7=2 4:54 4:5

Paramagnetismo di Pauli
E’ valido per un gas di elettroni di conduzione all’interno dei metalli ed
è indipendente dalla temperatura quando kB T EF . E’ causato dallo
spin di questi elettroni; numericamente la suscettività vale tre volte il
termine di Landau
2
par = 0 B g(EF ) (4.54)
Nel modello semiclassico di Sommerfeld

3n 3n 0 2B
g(EF ) = ! par = (4.55)
2EF 2EF
Il contributo è di norma molto piccolo e si applica ad alcuni elementi della
tab.(4.3): W, Cs, Al, Mg, Na.

Paramagnetismo di Curie-Weiss
E’nota come Legge di Curie-Weiss e si applica a materiali ferromagnetici
quando entrano nella regione paramagnetica, sopra la temperatura critica
Tc (K).
2
C 0 B
par = , C= ng 2 J(J + 1) (4.56 - a, b)
T Tc 3kB
C è la costante di Curie che dipende dal tipo di materiale. La legge non
si applica nelle immediate vicinanze di Tc : ‘g’ è il fattore di Landé, J il

58
n. quantico del momento angolare. Nelle vicinanze di Tc l’approccio si
di¤erenzia per la comparsa dei cosiddetti esponenti critici:

1=(T Tc ) ; T ' Tc
(4.57)
par
(T Tc ) ; T / Tc
Nel modello a campo-medio si prende = 1 e per T << Tc = 1=2:

Paramagnetismo Nucleare
Gli e¤etti prodotti dai nuclei sono molto piccoli perché a temperature
normali i loro momenti magnetici sono molto contenuti.
2
0 nN mN
par = (4.58)
3kB T

Superparamagnetismo
Si riscontra in nanoparticelle ferromagnetiche o ferrimagnetiche su¢ cien-
temente piccole (103 -105 atomi; 1-100 nm) che formano sottodomini mag-
netici e presentano una suscettività molto più elevata dei normali materiali
paramagnetici. A causa dell’anisotropia uniassiale i momenti magnetici
hanno normalmente due orientamenti stabili ed antiparalleli che de…nis-
cono l’asse magnetico (easy axis), separati da una barriera di energia KV ,
dove K è la costante di anisotropia delle nanoparticelle e V il volume delle
nanoparticelle. Il tempo medio di inversione che può durare da nanosec-
ondi ad anni, viene stimato dalla
Equazione di Néel-Arrhenius
KV
N = 0 exp( ) (4.59)
kB T
0 è una media sulla lunghezza di tempo che dipende dalle nanoparticelle
(stima: 10 10 10 11 s): Il superparamagnetismo si ha quando KV è
equiparabile a kB T e il tempo di una misurazione sperimentale M è
molto maggiore di N : Lo stato di bloccaggio si ha viceversa per M <<
N e la temperatura di bloccaggio è

KV
TB = < Tcurie (4.60)
kB ln( M = 0 )
In caso di campo esterno applicato H e relativamente ai casi più semplici
la magnetizzazione M segue approssimativamente questa legge, dove L è
la funzione di Langevin (4.38) e mB il momento magnetico della nanopar-
ticella:
( )
nmB tanh( 0kmBH
BT
) ; TB < T . KV =(10kB )
M (H) =
nmB L( 0km
BT
BH
) ; T & KV =kB
(4.61 - a, b)

59
Ferromagnetismo
E’ la proprietà di alcuni materiali (v. tab.4.9) di formare magneti per-
manenti o di essere fortemente attratti dai magneti. Al di sopra della
temperatura di Curie Tc (es. Fe: 770 ) la magnetizzazione spontanea
viene persa , il materiale diventa paramagnetico e vale la Legge di Curie-
Weiss (4.46). Per distinguere altre forme di magnetizzazione spontanea
si considerano materiali ferromagnetici soltanto quelli per i quali tutti gli
ioni magnetici contribuiscono positivamente alla magnetizzazione.
Esistono di¤erenti modelli per il ferromagnetismo: Teoria del Campo
Molecolare di Weiss, Modello di Ising, Modello X-Y, Teoria di Heisen-
berg, e la Teoria di Bloch. Riportiamo solo i risultati principali della
teoria di Weiss.

Teoria di Weiss
E’ basata sull’assunzione non giusti…cata che in presenza di un campo
applicato H al di sotto della temperatura di Curie TC ; si sviluppi strut-
turalmente un forte campo molecolare Hmol = M > H, il quale deve
sommarsi ad H: A¤rontiamo questa teoria prima dal punto di vista clas-
sico (fonte: Fisica vol.II, Mazzoldi-Nigro-Voci) e poi quantistico ( fonte:
http://www.binghamton.edu/physics/docs/mft-revised.pdf).
Modello classico. Supponiamo di conoscere H (campo applicato), T
(temp. in K), n (densità atomi magnetici/m3 ) m0 (momento magnetico
permanente di un atomo). Msat = nm0 è la magnetizzazione di satu-
razione. Si trova:

0 m0 Msat
TC = se conosco (4.62 - a)
3kB
3kB TC
= se conosco TC (4.62 - b)
0 m0 Msat
Si risolve per via gra…ca l’equazione di Langevin (v. 4.38) per T < TC :

1 T H
L(x) = x (4.63)
3 TC Msat
e si ricavano
kB T x 1 B
B= , M= ( H) (4.64)
m0 0
Se T > TC si entra nella regione paramagnetica ( = 0) e se T >> TC
vale la Curie-Weiss (4.46) e nel caso classico la costante di Curie vale però
2
n 0 m0
C= (4.65)
3kB

60
Modello quantistico. I momenti magnetici sono dati da m0 = g B Jz con
g fattore di Landé e Jz momento angolare totale (Lz+Sz) variabile tra
J e +J: Noto la temperatura critica si stima come

g B (J + 1)ng BJ
TC = (4.66)
3kB
. L’equazione da risolvere nella variabile x è per T < TC

1 kB T
BJ (x) = [ x H] (4.67)
ng BJ g BJ 0

da cui si ricavano il campo totale e la magnetizzazione

kB T x 1 B
B= , M= ( H) = ng BJ BJ (x) (4.68)
g BJ 0

Se T > TC si entra nella regione paramagnetica dove vale la legge di


Curie-Weiss (4.46).

Tabella 4.9 - Temperature di Curie di sostanze ferromagnetiche


(fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Curie_temperature)

Sostanze Tc (K) Sostanze Tc (K)

Fe 1043 CrO2 386


Co 1400 M nAs 318
Ni 627 F e2 O3 948
Gd 292 magneti N eo 583 673
Dy 88 alnico 973 1133
M n; Bi 630 magneti SmCo 993 1073
M nSb 587 N iOF e2 O3 858

Antiferromagnetismo
Proprietà caratteristica di alcuni materiali come Mn; Cr, MnO2 ; FeO;
CoO; ecc. in cui i momenti di dipolo magnetici degli atomi si allineano
in con…gurazione antiparallela e hanno la stessa magnitudine. La temper-
atura di Néel è quella temperatura superata la quale il materiale antifer-
romagnetico diventa paramagnetico (analogo al caso dei ferromagneti con
la t. di Curie). In assenza di campo esterno non vi è magnetizzazione
spontanea e permanente.

61
Tabella 4.10 - Temperature di Néel di sostanze antiferromagnetiche

(fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Néel_temperature)

Sostanze TN (K) Sostanze TN (K)

M nO 116 F eO 198
M nS 160 F eOCl 80
M nT e 307 CoCl2 25
M nF2 67 CoI2 12
F eF2 79 CoO 291
F eCl2 24 N iO 525
F eI2 9 Cr 308

Ferrimagnetismo
Richiede due specie chimiche di¤erenti o ioni diversi dello stesso
elemento che hanno momenti magnetici diversi accoppiati antifer-
romagneticamente e che per questo motivo instaurano una magne-
tizzazione spontanea stabile al di sotto della temperatura critica di
Curie; la magnetite F e3 O4 è un esempio di sostanza ferrimagnetica

Induttanze
(fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Inductance)
(S.I.: 1 Henry H = 1Wb/A)

1. Solenoide di sezione S e lunghezza l con N spire


N 2S 2
L= 0 = 0n Sl (4.1e)
l
2. Toroide di N spire di sezione rettangolare, di raggio interno a e raggio
esterno b e di spessore h (v. …g.4.1, pag.50)
2
0N h b
L= ln( ) (4.2e)
2 a
3. Cavo coassiale di raggio interno r1 ed esterno r2 in frequenza alta

0l r2
L= ln( ) (4.3e)
2 r1

4. Spira circolare di raggio R e raggio del …lo r


8R Y r2
L= 0 R[ln( ) + + O( 2 )] (4.4e)
r 2 R

62
5. Rettangolo di lati a; b e raggio del …lo r << a; b e b >> a
2a 2b Y p
0
L = [a ln( ) + b ln( ) (a + b) + (2 ) + 2 a2 + b2 ] +
r r 2
0 a b
[aarcsinh( ) + barcsinh( ) + O(r)] (4.5e)
b a

6. Coppia di …li paralleli di raggio r; distanza d 2r e lunghezza l

0l d Y
L= [ln( ) + ] (4.6e)
r 2

7. Coppia di …li paralleli di raggio r; distanza d 2r e lunghezza l in alta


frequenza
r
0l d 0l d d2
L= arcosh( ) = ln( + 1) (4.7e)
2r 2r 4r2

8. Filo parallelo ad un muro perfettamente conduttore, di raggio r, distanza


dal muro d e lunghezza l

0l d Y
L= [ln( )+ ] (4.8e)
2 2r 2

9. Filo parallelo ad un muro perfettamente conduttore, di raggio r, distanza


dal muro d e lunghezza l, in alta frequenza
r
0l d 0l d d2
L= arcosh( ) = ln( + 1) (4.9e)
2 r r r2

…g.4.3

63
N.B.: Per le alte frequenze , Y = 0 quando la corrente è uniforme-
mente distribuita sulla super…cie del …lo ( e¤etto pelle ) , Y = 0.5
quando la corrente è distribuito uniformemente sulla sezione trasver-
sale del …lo (frequenze molto basse ).

Esempi - Campi H nei materiali

1. Campi H, B, M interni ad un solenoide toroidale ideale riempito con un


materiale di permeabilità relativa r

Ni
H= u (4.10e - a)
2 R

0 rN i
B= 0 rH = u (4.10e - b)
2 R
( r 1)N i
M= u = mH (4.10e - c)
2 R
2. Campi H, B, M interni ad un solenoide inde…nito di raggio R in cui è
posto un cilindro coassiale (asse z) inde…nito di raggio r < R di materiale
con permeabilità magnetica r :

H = niuz (in tutta la sezione) (4.11e - a)


( )
0 niuz ; 0 < r < r
B= (4.11e - b)
0 r niuz ; r<r <R
( )
( r 1)niuz ; 0 < r < r
M= (4.11e - c)
0 ; r<r <R

3. Campi H, B, M interni di un sistema costituito da una guaina cilindrica


inde…nita, con raggio interno a e raggio esterno b, avente permeabilità
relativa r2 e al cui interno è posto un …lo conduttore coassiale inde…nito
di raggio R < a e permeabilità magnetica relativa r1

iru =(2 R2 ) ; 0 < r < R


H= (4.12e - a)
iu =(2 r) ; r>R

0 r1 iru =(2 R2 ) ; 0 < r < R 0 iu


=(2 r) , R < r < a
B= _
0 r2 iu =(2 r) ; a < r < b 0 iu =(2 r) , r > b
(4.12e - b)
( r1 1)iru =(2 R2 ) ; 0 < r < R
M= (4.12e - c)
( r2 1)iu =(2 r) ; a<r<b

64
4. Campo H dovuto ad una corrente costante in direzione z dentro un …lo
cilindrico inde…nito di raggio R. La densità di corrente è

J0 ruz =R ; 0<r<R
J=
0 ; r>R

J0 r2 u =(3R) ; 0 < r < R


H = (4.13e)
J0 R2 u =(3r) ; r>R
Se la densità di corrente è costante e uniforme in ogni sezione J = J0 uz

0 ; 0<r<R
H = (4.14e)
J0 Ru =r ; r>R

5. Campo H dovuto ad una distribuzione di densità di corrente a simmetria


assiale del tipo J = J0 exp( r=a)uz dentro un …lo cilindrico inde…nito di
raggio R
J0 a2 r
H = [1 e r=a (1 + )] (4.15e)
r a
6. Campo H e momento di dipolo indotto m intorno ad una sfera perfetta-
mente conduttrice immersa totalmente in un campo magnetico uniforme.
L’angolo è contato a partire dal verso di H0 ; il campo magnetico interno
alla sfera è nullo.
m 2 cos sin
H = H0 (cos ir sin i ) + ( 3 ir + 3 i )(4.16e - a)
4 r r
m = 2 H0 R 3 (4.16e - b)

Esempi - Potenziali magnetici scalari

1. Linea di corrente i posizionata lungo l’asse z e passante nell’origine di un


sistema di coordinate polare (r; ) e perpendicolare a z:

i
= , 2 (0; 2 ) (4.17e - a)
2
i
H = (4.17e - b)
2 r

2. Circuito chiuso percorso da corrente stazionaria i. Il potenziale scalare


dipende dall’angolo solido r che sottende il contorno del circuito guardato
dal punto di osservazione r:
i
= (4.18e)
4

65
3. Piccola spira di area A posizionata al centro di un sistema di cordinate
sferico con la normale alla super…cie diretta lungo l’asse z
i Aur uz iA cos
= 2
= (4.19e - a)
4 r 4 r2
iA
H= r = [2 cos ur + sin u ] (4.19e - b)
4 r3
4. Un cilindro perfettamente conducente ( ! 1) di raggio R e che si
estende in…nitamente lungo l’asse z si trova immerso in un campo mag-
netico H0 diretto lungo y che rimane uniforme lontano dal conduttore. Il
potenziale vale
r R
= H0 R sin [ + ] (4.20e - a)
R r
R2 R2
H = H0 sin (1 2
)ur + H0 cos (1 + 2 )u (4.20e - b)
r r
La corrente indotta sulla super…cie del cilindro che annulla il campo mag-
netico interno vale

is = n H(R) = 2H0 cos u (4.20e - c)

5. Una bobina è costituita da una serie molto …tta di spire percorse da cor-
rente i e disposte secondo la forma geometrica di una sfera di raggio R:
Le spire sono perpendicolari ed equispaziate rispetto all’asse z. Detto
la colatitudine contata a partire dal verso positivo di z ed N il numero
totale di spire, il potenziale scalare vale
N ir
= cos , r<R (4.21e - a)
3R
N iR2
= cos , r>R (4.21e - b)
6r2
mentre il campo magnetico diventa uniforme all’interno dello spazio sferico
Ni
H = (ir cos i sin ) , r < R (4.21e - c)
3R
Ni R 3
H = ( ) (ir 2 cos + i sin ) , r > R (4.21e - d)
6R r

6. Un cilindro di raggio R e altezza d z d è magnetizzato uniforme-


mente in direzione z con M = M0 iz . Il potenziale è
r
dM0 R z 1 2 z 1
= [ ( )2 + ( ) j j
2 d d 2 d 2
r
R z 1 z 1
( )2 + ( + )2 + j + j] (4.22e - a)
d d 2 d 2

66
con campo
z 1 z 1
dM0 d 2 d + 2
Hz = [q q + u] (4.22e - b)
2 R 2
( ) + (z 1 2
(R 2 + ( z + 1 )2
d d 2) d ) d 2

dove u = 0 per jzj > d=2 e u = 2 per jzj < d=2

Ordini di grandezza di alcuni campi magnetici


https://en.wikipedia.org/wiki/Orders_of_magnitude_(magnetic_…eld)

Fattore (T) Valore Descrizione

10 18 5 aT SQUID Probe B
10 12 100 1000 f T cervello umano
10 9 0:1 10 nT eliosfera
10 7 100 500 nT Linee Media Tensione (30 KV) a 30 cm.
10 6 1:3 2:7 T Linee Alta Tensione (500 KV) a 30 m.
10 5 31 T Campo magnetico terrestre all’equatore
10 5 58 T Campo magnetico terrestre a 50 lat.
10 4 500 mT Esposizione massima pacemaker (ACGIH)
10 1 150 mT Macchia solare
100 1:25 T Magnete a neodimio-ferro-boro N d2 F e14 B
100 1:5 7 T Risonanza Magnetica
100 9:4 T Spettrometro NMR a 400 Mhz
10+1 11:7 T Spettrometro NMR a 500 Mhz
10+1 23:5 T Spettrometro NMR a 1000 Mhz
10+1 38 T High Field Magnet Laboratory (HFML)
10+1 45 T National High Magnetic Field Laboratory (NHMFL)
10+2 100 T Pulsed Field Facility (NHMFL)
10+3 1200 T Indoor pulsed magnetic …eld (University Tokyo)
10+3 2800 T VNIIEF ultra-high magnetic …elds
10+6 1 100 M T Stella di neutroni
108 11 Magnetar

67
POTENZIALI ELETTROSTATICI
pp. 68-83

Ricordiamo l’equazione di¤erenziale di Poisson (1.50) dalla quale


deriva l’equazione di Laplace quando = 0 :
@2 @2 @2
r2 = + + =
@x2 @y 2 @z 2 "0
L’equazione integrale all’eq. di Poisson è nota (v. Jackson - cap.1)
quando x appartiene ad un certo volume interno e chiuso V:
ZZZ I
1 (x0 ) 0 1 r n0 1
(x) = dx + [ (x0 ) n0 r ]dS 0
4 "0 jx x0 j 4 jx x0 j jx x0 j
V @V
(5.1)
Condizioni miste al contorno di Dirichlet ( conosciuta sulla su-
per…cie @V ) o di Neumann (r n conosciuta sulla super…cie @V )
non possono essere speci…cate arbitrariamente, tuttavia prese singo-
larmente assicurano l’unicità della soluzione. Il potenziale è nullo
all’esterno di V. La soluzione formale del problema elettrostatico
viene completata per mezzo della funzione G di Green
1
G(x; x0 ) = + F (x; x0 ) dove r2 F (x; x0 ) = 0 in V (5.2)
jx x0 j
In tal caso si ha
Z I
(x0 )
4 (x) = G(x; x0 )dx0 + [G(x; x0 )r n0 (x0 )n0 rG(x; x0 )]dS 0
V "0
@V
(5.3)
Per condizioni al contorno di Dirichlet si pone
G(x; x0 ) = 0 in x0 2 @V (5.4 - a)
Per condizioni al contorno di Neumann si pone
4
n0 rG(x; x0 ) = in x0 2 @V (5.4 - b)
jSj
Pertanto, i potenziali-Dirichlet e -Neumann sono rispettivamente
Z I
1 0 0 0 1
D (x) = (x )G(x; x )dx (x0 ) rG(x; x0 ) n0 ]dS 0
4 "0 V 4
@V
(5.5 - a)
I Z I
(x0 ) 0 (x0 ) G(x; x0 )
N (x) = dS + G(x; x0 )dx0 + [ r n0 ]dS 0
jSj V 4 "0 4
@V @V
(5.5 - b)

68
Funzioni di Green
Se L è un operatore di¤erenziale lineare in un opportuno spazio funzionale,
la funzione di Green G risolve il problema formale di scrivere la soluzione
dell’equazione di¤erenziale associata ad L
Z
L[ (x)] = f (x) =) (x) = G(x; x0 )f (x0 )dx0 +h(x) (5.6)

dove la funzione di Green è quella distribuzione che sotto l’operatore L si


trasforma nella delta di Dirac

L[G(x; x0 )] = (x x0 ) (5.7)

mentre h(x) è la soluzione dell’equazione omogenea correlata

L[h(x)] = 0 (5.8)

Di interesse in campo elettro/magneto-statico troviamo le funzioni di Green per


i laplaciani 2D e 3D
p
2 2 0 ln (x x0 )2 + (y y 0 )2
2 = @x + @y =) G(x; x ) = (5.9 - a)
2
1
3 = @x2 + @y2 + @z2 =) G(x; x0 ) = (5.9 - b)
4 jx x0 j

La ricerca delle funzioni di Green al problema di Poisson normalmente è molto


complicato.

Esempi - Funzioni di Green in Elettrostatica

1. Piano inde…nito z = 0 con potenziale de…nito 0 (x; y) e condizione di


Dirichlet G(x; x0 ) = 0 in z = 0
1 1 1
G(x; x0 ) = [p p ] (5.1e - a)
4 2 + (z z 0 )2 2 + (z + z 0 )2
p
con = (x x0 )2 + (y y 0 )2

Per z > 0
1 z
rG n = (5.1e - b)
2 [(x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2 ]3=2
Z +1 Z +1 0 0
z 0 0 (x ; y )
(x; y; z) = dx dy 0
2 1 1 [(x x0 )2 + (y y 0 )2 + (z z 0 )2 ]3=2
(5.1e - c)

69
2. Sfera conduttrice di raggio a e centro nell’origine con potenziale indotto
da una carica esterna q posizionata in x0
1 1 1
G(x; x0 ) = [p p ]
4 2
x +x02 2xx0 cos (xx0 =a)2 + a2 2xx0 cos
(5.2e - a)
In coordinate polari x = (x; ; ) , x0 = (x0 ; 0 ; 0
)e è l’angolo compreso
tra i vettori.
x x0 0 0 0
cos = = cos cos + sin sin cos( )
xx0
Per r > a
2
1 a xa
rG n = (5.2e - b)
4 [x2 + a2 2ax cos ]3=2
Per r < a basta scambiare il segno. Il potenziale all’esterno vale
Z Z 2 0 0
a(x2 a2 ) 0 (a; ; )
(x) = sin 0 d 0 d 0 2
4 0 0 [x + x02 2xx0 cos ]3=2
(5.2e - c)
mentre all’interno ha segno contrario. Un caso particolare è dato dalla
sfera conduttrice con emisferi a potenziali V separati da una sottile anello
di coibente sul piano z = 0:
Z Z 1
V a(x2 a2 ) 2 0
(x; ; ) = d d(cos 0 )h(x; ) (5.2e - d)
4 0 0
3V a2 7a2 5 3
2
[cos 2
( cos3 cos )]
2x 12x 2 2
dove h(x; ) = (a2 + x2 2ax cos ) 3=2 (a2 + x2 + 2ax cos ) 3=2

3. Funzione di Green associata all’equazione di Poisson decomposta tramite


funzioni armoniche
1 X
X +l
1 1 xl< m
G(x; x0 ) = = Yl ( ; )[Ylm ( ; )] (5.3e)
4 jx x0 j 2l + 1 xl+1
>
l=0 m= l

x< = min(jxj; jx0 j) , x> = max(jxj; jx0 j)


4. Interno di un cilindro di lunghezza …nita con condizioni al bordo G = 0
in = R e z = 0; z = L. Sia xmn l’n-esima soluzione della funzione di
Bessel Jm (x) di ordine m. Indichiamo il generico vettore di posizione x in
coordinate polari x = ( ; ; z):
+11 0
XX Jm ( xmn xmn 0 0
0 R )Jm ( R )N (xmn ; L; R; z; z ) cos[m( )]
G(x; x ) = 2 xmn
m = 1n = 1
Rxmn Jm+1 (xmn ) sinh( R L)
(5.4e)
0 xmn xmn
dove N (xmn ; L; R; z; z ) = sinh( z< ) sinh( (L z> ))
R R

70
5. Regione bidimensionale quadrata 0 x 1; 0 y 1 con condizioni di
Dirichlet
X1
8 sin(n x) sin(n x0 ) sinh(n y< ) sinh[n (1 y> )]
G(x; x0 ; y; y 0 ) =
n=1
n sinh(n )
(5.5e - a)
Utilizzando questa funzione di Green si può mostrare che se il potenziale è
nullo sui bordi e la densità di carica è ivi uniforme e unitaria, il potenziale
vale
+1
X 4 sin[(2m + 1) x] cosh[(2m + 1) (y 21 )]
(x; y) = 3 " (2m + 1)3
1
m=0 0 cosh[(2m + 1) 2 ]
(5.5e - b)
6. Piano xy

G(x; y; x0 ; y 0 ) = ln[(x x0 )2 + (y y 0 )2 ] = (5.6e - a)


2 02 0 0
= ln[ + 2 cos( )]

Limitatamente al primo quadrante x > 0; y > 0 se assumiamo la con-


dizione di Dirichlet sull’asse x = 0 e la condizione di Neumann sull’asse
y = 0 si ottiene
p p
0 0 1 (x x0 )2 + (y y 0 )2 (x x0 )2 + (y + y 0 )2
G(x; y; x ; y ) = [ln p ln p ]
2 (x + x0 )2 + (y y 0 )2 (x + x0 )2 + (y + y 0 )2
(5.6e - b)
7. Funzione di Green per un guscio sferico di raggi r = a e r = b (v. tab.5.3):
1 X
X +l
0 Ylm ( 0 ; '0 )Ylm ( ; ') l a2l+1 1 xl>
G(x; x ) = 4 (x )( l+1 )
(2l + 1)[1 ( ab )2l+1 ] < x<l+1
x> b2l+1
l=0 m= l
(5.7e)

Equazione di Laplace in Coordinate Sferiche (r; ; ')

1 @ 2@ 1 @ @ 1 @2
(r ) + (sin ) + =0 (5.10)
r2 @r @r r2 sin @ @ r2 sin2 @'2
Se il potenziale è fattorizzabile si ha

U (r)
= P ( )Q(') (5.11)
r
Le funzioni U; P; Q sono note:

l(l + 1)
Urr U = 0 =) U (r) = Arl+1 + Br l
(5.12 - a, b)
r2

71
La funzione P ( ) obbedisce all’equazione di Legendre
d dP m2
se x = cos : [(1 x2 ) ] + [l(l + 1) ]P = 0 (5.13)
dx dx 1 x2
La funzione Q(') fornisce esponenziali complessi
1 d2 Q
= m2 =) Q(') = e im'
(5.14)
Q d'2

Polinomi di Legendre
Se m = 0 nell’equazione di Legendre (5.13) la soluzione è

1 dl
Pl (x) = [(x2 1)l ] (Formula di Rodrigues) (5.15)
2l l! dxl
Z +1
2
Pl (x)Pm (x)dx = lm (Ortogonalità) (5.16)
1 2l + 1

(l + 1)Pl+1 (x) = lPl 1 (x) + (2l + 1)xPl (x) (Ricorrenza) (5.17)


P0 (x) = 1 , P1 (x) = x

Tabella 5.1 - Primi 8 Polinomi di Legendre


1 4
n=0 1 n=4 8 (35x 30x2 + 3)
1 5
n=1 x n=5 8 (63x 70x3 + 15x)
1 2 1 6
n=2 2 (3x 1) n=6 16 (231x 315x4 + 105x2 5)
1 3 1 7
n=3 2 (5x 3x) n=7 16 (429x 693x5 + 315x3 35x)

Polinomi Associati di Legendre


Se m 6= 0 nell’equazione di Legendre (5.12) la soluzione è
dm
Plm (x) = ( 1)m (1 x2 )m=2 Pl (x) , jmj l (5.18 - a)
dxm
m (l m)! m
Pl (x) = ( 1)m P (x) , m 2 N (5.18 - b)
(l + m)! l

( 1)m dl+m
Plm (x) = (1 x2 )m=2 [(x2 1)l ] (Rodrigues) (5.19)
2l l! dxl+m
Z +1
2 (l + m)!
Plm (x)Plm
0 (x)dx = ll0 (5.20 - a)
1 2l + 1 (l m)!
Z +1
dx (l + m)!
Plm (x)Plm
0 (x) = m0 m (5.20 - b)
1 1 x2 m(l m)!

72
Tabella 5.2 - Polinomi Associati di Legendre

Armoniche Sferiche
Le funzioni armoniche sferiche sono la porzione angolare normaliz-
zata delle soluzioni dell’equazione di Laplace.

s
2l + 1 (l m)! m
Ylm ( ; ') = P (cos )eim' , l; m 2 N , 0 m l
4 (l + m)! l
m
Ylm ( ; ') = ( 1)m [Yl ( ; ')] ; l m 0 (5.21 - a, b)
Condizione di normalizzazione
Z 2 Z
0
d' sin d [Ylm ][Ylm
0 ] = ll0 mm0 (5.22)
0 0

Teorema di addizione delle armoniche sferiche


Dati due versori unitari ( 1 ; '1 ); ( 2 ; '2 ) e l’angolo compreso, si ha
cos = cos 1 cos 2 + sin 1 sin 2 cos('1 '2 ) (5.23)
allora, i termini di espansione di un polinomio di Legendre sono:
mX
= +l
4 m
Pl (cos ) = ( 1)m Ylm ( 1 ; '1 )Yl ( 2 ; '2 ) (5.24)
2l + 1
m= l

73
Tabella 5.3 - Armoniche Sferiche

Equazione di Laplace-3D in coordinate cilindriche


@2 1@ 1 @2 @2
+ + + =0 (5.25)
@r2 r @r r2 @'2 @z 2
Applichiamo la separazione delle variabili

(r; '; z) = R(r)Q(')Z(z) (5.26)

si ottengono tre equazioni

Z 00 (z) k 2 Z(z) = 0 ! Z(z) = e kz


(5.27 - a)
Q00 (') + 2 Q(') = 0 ! Q(') = e i '
(5.27 - b)
2
1
R00 (r) + R0 (r) + (k 2 2
)R(r) = 0 (5.27 - c)
r r
L’ultima si trasforma nell’equazione di Bessel col cambio x = kr
2
1 0
R00 (x) + R (x) + (1 )R(r) = 0 (5.28)
x x2

74
Le soluzioni che si ottengono col metodo di Frobenius sono dette funzioni di
Bessel del 1 tipo
1
x X ( 1)j x
J (x) = ( ) ( )2j (5.29 - a)
2 j=0 j! (j + + 1) 2
1
X
x ( 1)j x
J (x) = ( ) ( )2j (5.29 - b)
2 j=0
j! (j + 1) 2

Queste soluzioni non sono indipendenti tra loro quando è intero

J (x) = ( 1) J (x)

perciò vengono costruite le funzioni di Neumann o Bessel del 2 tipo

J (x) cos( x) J (x)


N (x) = (5.30)
sin( x)

che è sempre indipendente da J (x) ed è anch’essa soluzione dell’equazione di


Bessel per ogni :
Le combinazioni lineari di J e N formano un insieme di soluzioni
fondamentali di Bessel conosciute come funzioni di Hankel o Bessel del 3
tipo:

H (1) (x) = J (x) + iN (x) (5.31 - a)


H (2) (x) = J (x) iN (x) (5.31 - b)

Sviluppo in Serie di Fourier-Bessel


E’possibile sviluppare una qualsiasi funzione f (r) in 0 r R
1
X r
f (r) = A n J (x n ) (5.32 - a)
n=1
R
Z R
2 r
A n = rf (r)J (x n )dr (5.32 - b)
R2 J 2+1 (x n ) 0 R

Equazione di Laplace-2D in coordinate cartesiane


2 2
(@xx + @yy ) (x; y) = 0 (5.33)

Si usa il metodo di separazione delle variabili

(x; y) = X(x)Y (y) (5.34)

75
L’equazione si scinde in due equazioni indipendenti

d2 X
= k2 X (5.35 - a)
dx2
d2 Y
= +k 2 Y (5.35 - b)
dx2
Le soluzioni generali sono indicate nella tabella seguente

Tabella 5.4 - Soluzioni cartesiane per l’eq.Laplace-2D

Equazione di Laplace-2D in coordinate polari

1 @ @ 1 @2
(r ) + 2 =0 (5.36)
r @r @r r @'2

= R(r)F (') (5.37)


2
r d dR 1d F
(r )= = m2 (5.38)
R dr dr F d'2
Le soluzioni sono mostrate nella seguente tabella (5.5)

76
Tabella 5.5 - Soluzioni in coord. polari per l’eq. di Laplace-2D

Esempi di Potenziali
Esempi - Potenziali in coordinate cartesiane (2D)

1. Piastra rettangolare T = f0 x a; 0 y bg che ha i lati y = 0, x = 0;


x = a mantenuti a potenziale nullo, mentre il potenziale distribuito sul
lato superiore y = b segue una legge dipendente solo dal parametro tempo
v = v(t): I lati a potenziale nullo sono isolati dal lato superiore.
1
X 4v(t) sinh( na y) n
= n b
sin( x) (5.8e)
n sinh( a ) a
n=1 dispari

2. Striscia inde…nita lungo l’asse x di piano conduttore, con bordi in y = a:


Si esamina il potenziale nel caso in cui il potenziale sia nullo ai bordi ed in
cui la densità di carica sia: (a) = 0 cos( x) ; (b) = 0 cos[ (x vt)]

0 cos( x) cosh( y)
= 2 [1 ] (5.9e - a)
"0 cosh( a)
0 cos[ (x vt)] cosh( y)
= [1 ] (5.9e - b)
"0 2 cosh( a)

3. Potenziale prodotto da un fascio sottile di particelle cariche che si propaga


inde…nitamente lungo l’asse x a velocità costante v e compreso tra due
piastre conduttrici mantenute a potenziale nullo. La densità di carica
super…ciale del fascio è governata dalla funzione
8 9
< 0 ; 2 <y <a =
2
= 0 + 1 cos[ (x vt)] ; jyj < 2 (5.10e - a, b, c)
: ;
0 ; a<y< 2

77
dove 2a è la distanza tra le due piastre y = a; è lo spessore trascurabile
del fascio di particelle ( a e molto minore della lungh. d’onda del
fascio). Il potenziale vale (5.10e - d, e):

0 1 sinh[ 2 (y a)] 2
= (a y) cos[ (x vt)] ; 0 < y < a
2"0 2"0 2 cosh( 2 a)
0 1 sinh[ 2 (y + a)] 2
= (a + y) + 2 cos[ (x vt)] , a<y<0
2"0 2"0 2 cosh( a)

4. In una striscia inde…nita con 0 x d; y 2 R si ha una distribuzione di


carica
4 0 (x d)2
= (5.11e - a)
d2
con condizioni al contorno (x = 0) = 0; (x = d) = V: Il potenziale
diventa
2
0 V 0d 0d
= (x d)4 + ( )x + (5.11e - b)
3d2 " 0 d 3"0 3"0

5. Potenziale distribuito nella regione 0 x a, y 0 tale che in y = 0


(x) = V , è nullo ai bordi x = 0 e x = a e tende ad annullarsi per y ! 1:
Il potenziale risultante è
1
X
4V 1 n y n x
(x; y) = exp( ) sin( )=
n a a
n dispari
2V sin( x=a)
= arctan[ ] (5.12e)
sinh( y=a)

Esempi - Potenziali in coordinate polari (2D)

1. Potenziale prodotto da un campo elettrico E inizialmente costante ed uni-


forme diretto lungo l’asse x, perpendicolare all’asse z di un cilindro cavo
inde…nito perfettamente conducente di raggio R che subisce induzione
completa. La super…cie del cilindro è equipotenziale. Il potenziale nel
piano mediano xy vale
r R
= ER( ) cos ' (5.13e)
R r

2. Potenziale prodotto da un settore di corona circolare fb a; 0 ' g


perfettamente conducente con condizioni al bordo nulle ovunque eccetto
nell’arco superiore = a in cui il potenziale è mantenuto al valore v:
1
X 4v [( rb )n =
( rb ) n =
] n '
= sin( ) (5.14e - a)
n [( ab )n = ( ab ) n = ]
n = 1; disp

78
Quando b ! 0 il potenziale si riduce a
1
X 4v r n = n '
= ( ) sin( ) (5.14e - b)
n a
n = 1; disp

3. Come nell’esempio precedente ma questa volta si mantiene costante il


potenziale v del lato ' = e si tengono nulli gli altri
1
X ln(r=b) n '
= An sin[n ] sinh[ ] (5.15e - a)
n=1
ln(a=b) ln(a=b)

con ( )
4v
n
n sinh[ ln(a=b) ] ; n dispari
An = (5.15e - b)
0 ; n pari

4. Potenziale tra due cilindri conduttori paralleli di sezione circolare i cui assi
distano 2a, con densità di cariche lineari per unità di lunghezza uguali ma
di segno opposto e con super…ci equipotenziali. I raggi r1 ; r2 sono le
distanze di un punto P dai centri Q1 ;Q2 delle linee +/-. I punti P,Q1 ;Q2
giacciono su di un piano perpendicolare alle linee.
r1
= ln (5.16e)
2 "0 r2

5. Intersezione tra due piani conduttori con angolo di apertura : Il prob-


lema diventa bidimensionale prendendo le coordinate polari ; ' contate
a partire dallo spigolo (che è l’origine del piano cartesiano). Il primo lato
si trova in y = 0; x 0: Il potenziale generico vale
1
X
n n
( ; ') = a0 + b0 ln + [an sin(n' + n) + bn sin(n' + n )]
n=1
(5.17e - a)
Se imponiamo le condizioni al contorno = V per ogni 0 nei lati
' = 0 e ' = la soluzione diventa
1
X
n =
( ; ') = V + [an sin(n '= )] (5.17e - b)
n=1

Esempi - Potenziali in coordinate sferiche (3D)

1. Potenziale prodotto da una sfera cava neutra e perfettamente conduttrice


con super…cie equipotenziale e immersa in un campo elettrico uniforme in
direzione z
r R
= ER cos [ ( )2 ] (5.18e)
R r

79
2. Come nell’esempio precedente ma sulla sfera vi è presente una carica q
distribuita in modo uniforme che viene rilocalizzata a causa del campo
elettrico
r R q
= ER cos [ ( )2 ] + (5.19e)
R r 4 "0 r
3. Una sfera di raggio R ha una densità di carica super…ciale = 0 cos : Il
potenziale è
0R (R=r)2 cos ; r R
= (5.20e)
3"0 (r=R) cos ; r R
4. Una sfera di raggio R ha al proprio interno una densità di carica =
0 cos
R2 0 r r
= [ ( )2 ] cos (5.21e)
4"0 R R
5. Una super…cie sferica di raggio R ha della carica distribuita uniformemente
sulla sua super…cie con densità = Q=(4 R2 ) tranne che su una calotta
sferica al polo nord de…nita dal cono = : All’interno della sfera il
potenziale vale
1
Q X rl Pl (cos )
= [Pl+1 (cos ) Pl 1 (cos )] (5.22e)
8 "0 (2l + 1)Rl+1
l=0

dove per l = 0 , Pl 1 (cos )= 1:


Esempi - Potenziali in coordinate cartesiane (3D)

1. Una regione che si estende da 1 lungo l’asse z ha una sezione quadrata


del tipo 0 x; y a: I muri in x = 0 e y = 0 hanno potenziale nullo,
mentre in x = a si ha (x = a) = V0 y=a e in y = a si ha (y = a) = V0 x=a:
Il potenziale vale
V0 xy
= (5.23e)
a2
2. Il muro di un cilindro a sezione rettangolare 0 x a, 0 y b ammette
potenziale (y = 0) = Va ; (y = b) = 0; (x = 0) = Vb ; (x = a) = 0 e
nel mezzo c’è uno spazio libero da cariche. Il potenziale vale
1
X n (x a) n (y b)
4Vb sinh b n y 4Va sinh a n x
= [ n a sin( ) n b
sin( )]
n sinh( b ) b n sinh( a ) a
n = 1; disp
(5.24e)
3. La regione di studio è limitata dai piani y = 0 e y = d si estende all’in…nito
lungo l’asse x e l’asse z. In questa regione è presente una densità di carica
uniforme 0 , nel muro superiore il potenziale è (x; d; z) = Va sin( x) e in
quello inferiore (x; 0; z) = Vb sin( x): Il potenziale vale
sinh y sinh (y d) 0 y2 yd
= Va sin( x) Vb sin( x) (5.25e)
sinh d sinh d "0 2

80
4. Una regione che si estende all’in…nito nella direzione z ha una sezione
rettangolare di lati a x +a e 0 y b con potenziali tutti nulli sui
lati e densità di carica super…ciale
y
= 0 sin (5.26e - a)
b
Il potenziale vale
x
0b y cosh
= ( )2 sin( )[1 b
a ] (5.26e - b)
"0 b cosh b

Esempi - Potenziali in coordinate cilindriche (3D)

1. Cilindro di raggio R e altezza L con sezione x2 + y 2 R2 e altezza


0 z L: La base inferiore e la super…cie laterale hanno potenziale
nullo, mentre la base superiore ammette potenziale = V (r; ')
1 X
X 1
xmn r xmn z
= Jm ( ) sinh( )[Amn sin(m') + Bmn cos(m')]
m=0 n=1
R R
(5.27e - a)
dove i coe¢ cienti Amn ; Bmn valgono (5.27e - b, c):
Z Z
2 cosh( xmn L
R )
2 R
xmn r
Amn = 2 rV (r; ')Jm ( ) sin(m')dr
R2 Jm+1 (xmn ) 0 0 R
Z Z
2 cosh( xmn
R )
L 2 R
xmn r
Bmn = 2 2 rV (r; ')Jm ( ) cos(m')dr
R Jm+1 (xmn ) 0 0 R

Esempi - Potenziali ottenuti dalla funzione di Green

1. Anello di raggio a e carica totale Q all’interno di una sfera cava conduttrice


di raggio b messa a terra. L’anello caricato è concentrico alla sfera e
posizionato nel piano xy con densità di carica
Q
(x0 ) = (r0 a) (cos 0 ) (5.28e - a)
2 a2
Il potenziale vale
1
Q X ( 1)n (2n 1)!! 2n 1 x2n
>
(x) = x< [ 2n+1 ]P2n (cos )
4 "0 n=0 2n n! x> b4n+1
(5.28e - b)

81
2. Sfera cava di raggio b messa a terra con all’interno una carica lineare
uniforme di carica totale Q e lunghezza 2b posta sull’asse z fra i poli nord
e sud della sfera. La densità di carica è
Q 1 0 0
(x0 ) = [ (cos + 1) + (cos 1)] (5.29e - a)
2b 2 r02
Il potenziale vale
8 9
Q < b =
X1
4j + 1 r 2j
(x) = ln( ) + [1 ( ) ]P2j (cos )
4 "0 b : r 2j(2j + 1) b ;
j=1
(5.29e - b)

Esempi - altri casi

1. Potenziale di un ellissoide carico uniformemente internamente con densità


di carica costante e perfettamente conduttore, di raggi a; b; c rispettiva-
mente lungo gli assi x,y,z. Indichiamo con

(s) = a2 + s b2 + s c2 + s (5.30e - a)

I potenziali calcolati all’interno e all’esterno della super…cie valgono (5.30e


- b, c):
Z 1
x2 y2 z2 ds
(x; y; z) = abc [1 2+s 2+s 2+s
]p (interno)
0 a b c (s)
Z 1
x2 y2 z2 ds
(x; y; z) = abc [1 2 2 2
]p (esterno)
a +s b +s c +s (s)

dove è la radice più grande dell’equazione

x2 y2 z2
+ 2 + 2 1=0 (5.30e - d)
a2 +s b +s c +s

2. Potenziale prodotto da una carica Q inserita sulla super…cie di un ellissoide


perfettamente conducente di raggi a; b; c: Il calcolo si e¤ettua cercando
prima la soluzione in s dell’equazione

x2P yP2 zP2


+ + =1 (5.31e - a)
a2 + s b2 + s c2 + s
dove P (xP ; yP ; zP ) è il punto esterno in cui si vuole valutare il potenziale,
poi si esegue l’integrale
Z
1 Q 1 dx
(P ) = p (5.31e - b)
4 "0 2 s (a + x)(b2 + x)(c2 + x)
2

82
3. Ellissoide conduttore non carico posto in un campo elettrico esterno uni-
forme E lungo l’asse x. Si calcola nuovamente il parametro s in corrispon-
denza del punto esterno P (v. sopra) e poi si esegue la formula
R1 dx
p
s (a2 +x) (a2 +x)(b2 +x)(c2 +x)
(P ) = ExP f1 R 1 g (5.32e)
0 2
p 2 dx 2 2
(a +x) (a +x)(b +x)(c +x)

Ordini di grandezza di alcuni potenziali elettrici

https://en.wikipedia.org/wiki/Orders_of_magnitude_(voltage)
Fattore (T) Valore Descrizione

10 6 2 V Rumore EEG sul cuoio capelluto


10 5 10 100 V Ampiezza media EEG cuoio capelluto
10 4 500 1000 nT Potenziale neuronale
10 3 1 2 mV Termocoppia di tipo K a 20
10 2 75 mV Cellula nervosa
10 1 500 mV Tensione di soglia del MOSFET
10 1 800 1000 mV CMOS a bassa tensione
10 1 900 mV Batteria al limone con Zn e Cu
100 0 3V Potenziale standard di riduzione
100 1:5 V Batterie alcaline
100 5V Porte USB
10+1 12 V Batterie per auto
10+2 100 240 V Impianti elettrodomestici
10+2 600 V Anguilla elettrica
10+2 630 V Binari Metropolitana di Londra
10+3 2450 V Sedia elettrica
10+4 3000 V Arco elettrico (1 mm)
10+4 3 35 kV Tubo a raggi catodici
10+4 15 kV AC railway electri…cation system
10+5 60 150 kV Alta Tensione
10+5 380 kV Altissima Tensione
10+6 3 MV H3000 UHVEM (Osaka University)
10+7 25:5 M V Van de Graa¤ Generator (ORNL)
10+8 100 M V Tensione tipica dei fulmini
10+15 7 PV Stelle di neutroni

83
CIRCUITI ELETTRICI
pp.84-107

Intensità di corrente
(attraverso una sezione S di conduttore)

q dq 1C
i = lim = (S.I.: 1A= ) (6.1)
t !0 t dt 1s

Densità di corrente
vd è la velocità di drift dei portatori di carica
I(S)
j = lim (6.2)
S !0 S

j = (x; t)vd (x; t) (caso continuo) (6.3 - a)


j = n+ ev+ n ev (caso discreto) (6.3 - b)

Legame integro-di¤erenziale tra i e j


(S superf. non chiusa)
Z
di = j un dS , i = j un dS (6.4 - a, b)
S

Principio di Conservazione della Carica


I
@qint @
i= j un dS = , r j+ =0 (6.5)
@t @t
S

Se il ‡usso della densità di corrente è positivo, allora la carica in-


terna complessivamente diminuisce.

Condizioni di Stazionarietà
I
j un dS = 0 , r j = 0 (6.6 - a, b)
S

Conduttività e Resistività Elettrica


E’nota anche come Legge di Ohm della conduzione elettrica

j= E , E= j (6.7 - a, b)
1
è la resistività (S.I.: 1 m); è la conduttività (S.I.: 1S m )
Ohm: 1 = 1V=1A: Il Siemens S è l’inverso dell’Ohm

84
Leggi di Ohm per conduttori lineari metallici
(1 Legge di Ohm) V = RI (6.8 - a)
l
(2 Legge di Ohm) R = (6.8 - b)
S
(3 Legge di Ohm) P = RI 2 (6.8 - c)
Se il conduttore ha sezione variabile, la resistenza diventa
Z B
dl
R= ( ) (6.9)
A S
mentre la ‘conduttanza’è

G = 1=R (S) (6.10)


Resistività di Super…cie
E’una grandezza che caratterizza le proprietà di conduzione elettrica per cam-
pioni bidimensionali o quasibidimensionali, che hanno cioè lo spessore h molto
minore della larghezza W e della lunghezza L (esempi: wafer di semiconduttori,
…lm sottili).
W
Rs = R = (6.11 - a)
L h
= Rs h (6.11 - b)
Conduzione Ohmica Costante
Nello stato di conduzione ohmica il rotore del campo elettrico è nullo (legge di
Faraday, v. xx) e dunque ammette potenziale
r E = 0 () E = r (6.12)
La legge di conservazione della carica (6.5) può essere speci…cata più approfon-
ditamente in termini di campo, conduttività e permittività
"
= E r + E r" (6.13)

La sola condizione di stazionarietà valida nelle regioni di conduzione (6.6) non


è su¢ ciente; …sicamente dobbiamo ammettere anche l’esistenza di sorgenti di
densità di corrente. A tale scopo è opportuno introdurre la grandezza sorgente
di distribuzione volumica di corrente
3
s = r j = r ( E) [A m ] (6.14)
Per quanto riguarda le condizioni di continuità al con…ne tra due mezzi a, b,
abbiamo
a b
= 0 () n (Ea Eb ) = 0 (6.15 - a)
js = n ( a Ea b
bE ) (6.15 - b)
"b a
s = n "a Ea (1 ) (6.15 - c)
"a b

85
Conduzione in mezzi disomogenei
Anche nel caso speci…co la legge di Faraday è valida, mentre la grandezza della
sorgente di distribuzione volumica di corrente ora viene descritta come segue:
@
s=r [ E+ ("E)] (6.16)
@t
La legge di distribuzione di densità di carica ora ha il seguente aspetto
@
+ = E r + E r" (6.17)
@t "= "

Le condizioni di continuità sono


a b
= 0 () n (Ea Eb ) = 0 (6.18 - a)
a b @
js = n ( aE bE ) + n ("a Ea "b Eb ) (6.18 - b)
@t
@ a b
s = n ( aE bE ) (6.18 - c)
@t

Bipolo
Il bipolo è un componente elettrico di cui si ignora la composizione interna che
è accessibile solo da una coppia di morsetti, di cui interessa solo il comporta-
mento esterno in termini di relazione tensione-corrente. La condizione normale
di funzionamento è espressa dalla disuguaglianza l ; dove l è la lunghezza
tipica del bipolo e la lunghezza d’onda della frequenza di funzionamento. Le
leggi costitutive sono:
v = f (i) , i = g(v) (6.19 - a, b)
Nei bipoli lineari le leggi costitutive sono a proporzionalità diretta.

Doppio Bipolo Lineare


Un doppio bipolo è un componente elettrico dotato di due coppie di morsetti.
Indichiamo v = [v1 (t); v2 (t)]T e i = [i1 (t); i2 (t)]T

Mv + Ni = 0 , M; N 2 R2x2 (6.20 - a)

v = M 1 Ni = Ri (6.20 - b)
i = N 1 Mv = Gv (6.20 - c)

86
Tabella 6.1 - Bipoli Ideali Lineari Passivi

Elemento Unità (S.I.) Tensione v(t) Corrente i(t) Potenza P (t)

v(t)
Resistenza Ohm ( ) Ri(t) R Ri2 (t)
Rt
Induttore Henry (H) L di(t)
dt i0 + 1
L 0
v( )d Li(t) di(t)
dt

Rt
Condensatore F arad (F ) v0 + 1
C 0
i( )d C dv(t)
dt Cv(t) dv(t)
dt

Leggi di Kircho¤
1.(LKC) In un nodo la somma algebrica delle correnti è nulla.
n
X
ik (t) = 0 (6.21)
k =1

2.(LKT) In una maglia la somma algebrica delle tensioni di lato è nulla


N
X
vk (t) = 0 (6.22)
k =1

N.B.: se il componente attivo (generatore) è concorde col verso


della maglia nell’eq.(5.2) scrivo +V, altrimenti -V; se il componente
passivo (R,L,C) è concorde col verso della maglia scrivo -v, altrimenti
+v.

Tabella 6.2 - Connessione di Bipoli


Elemento in serie in parallelo

1 1 1 1
Resistenza Req = R1 + R2 + ::: + Rn Req = R1 + R2 + ::: + Rn

1 1 1 1
Induttore Leq = L1 + L2 + ::: + Ln Leq = L1 + L2 + ::: + Ln

1 1 1 1
Condensatore Ceq = C1 + C2 + ::: + Cn Ceq = C1 + C2 + ::: + Cn

Analisi ai Nodi

Ipotesi:

87
1. Rete elettrica = grafo con lati orientati
2. Un nodo di riferimento o di massa (0); nodi rimanenti (1),(2),...(n).
3. Tensioni di nodo ei rispetto al nodo di massa per i = 1; 2; :::; n
4. Il lato k è attraversato dalla corrente ik per k = 1; 2:::; B
5. Si de…niscono le tensioni vk di lato k, con k = 1; 2:::B:
ei ej ; se il lato k esce dal nodo i ed entra nel nodo j
vk =
ej ei ; se il lato k esce dal nodo j ed entra nel nodo i

6. Si de…nisce la matrice (a)jk :


ajk = +1 se il lato k esce dal nodo j
aik = 1 se il lato k entra nel nodo j
aik = 0 se il lato k non possiede come estremo il nodo j
(LKC)
[a] [i] = [0] (6.23)
(n B) (B 1) (n 1)

(LKT)

[a]T [e] = [v] (6.24)


(B n) (n 1) (B 1)

N.B.:l’equazione al nodo (0) è super‡ua

Analisi alle Maglie


Ipotesi:
1. Valgono tutte le ipotesi (1)...(6) del punto precedente
2. Si de…niscono le correnti di anello j1 ; j2 :::; jL …ttizie che percorrono le
maglie. Il numero totale delle maglie è L = B n + 1:
3. Le correnti di lato sono combinazioni lineari delle correnti di anello.
4. Si de…nisce la matrice (m)ik :
mik = +1 se il lato k fa parte dell’anello i ed è rivolto nel verso dell’anello
mik = 1 se il lato k fa parte dell’anello i e non è rivolto nel verso dell’anello
mik = 0 se il lato k fa non fa parte dell’anello i

(LKT)
[m] [v] = [0] (6.25)
(L B) (B 1) (L 1)

(LKC)

[m]T [j] = [i] (6.26)


(L B) (L 1) (B 1)

88
Circuiti LTI del Primo Ordine
y(t) = grandezza elettrica variabile nel tempo di un bipolo (R,C,L)
f (t) = azione forzante variabile nel tempo dovuta al generatore.

Equazione Generale

dy(t)
+ ay(t) = f (t) (6.27)
dt
Soluzione Generale
at
y(t) = ce + yp (t) (6.28)

yF (t) è la risposta forzata che dipende dalla forzante; yL (t) = ce at è


la risposta libera che dipende dalle condizioni inziali; y(t) = yF (t) +
yL (t) è la risposta totale del sistema.

Tabella 6.3 - Funzioni forzanti e risposte forzate (per t > 0)

1. f (t) = k (reale)
k
yF (t) = (6.1e)
a
2. f (t) = t +
a
yF (t) = t+ , ; 2R (6.2e)
a a2
3. f (t) = AeHt ; H 6= a

A
yF (t) = eHt , A; H 2 R (6.3e)
a+H

4. f (t) = A cos(!t)

aA !A
yF (t) = cos(!t) + 2 sin(!t) =
a2 + ! 2 a + !2
A
= p cos(!t ) (6.4e - a)
a + !2
2

a !
fase : cos( ) = p ; sin( ) = p (6.4e - b)
a2 + ! 2 a2 + ! 2
5. f (t) = A sin(!t)

!A aA
yF (t) = cos(!t) + 2 sin(!t) =
a2 +! 2 a + !2
A
= p sin(!t ) , come sopra (6.5e)
a2 + ! 2

89
Ht
6. f (t) = Ae cos(!t)

Ht a H !
yF (t) = Ae cos(!t) + sin(!t) =
(a H)2 + ! 2 (a H)2 + ! 2
Ht
Ae
= p cos(!t ) , come sopra (6.6e - a)
(a H)2 + ! 2

a H !
fase : cos( ) = p ; sin( ) = p
(a H)2 + ! 2 (a H)2 + ! 2
(6.6e - b)
Ht
7. f (t) = Ae sin(!t)

Ht ! a H
yF (t) = Ae 2 2
cos(!t) + sin(!t) =
(a H) + ! (a H)2 + ! 2
Ht
Ae
= p sin(!t ) , come sopra (6.7e)
(a H)2 + ! 2

8. f (t) = kt2
k 2 2 2
yF (t) = (t t + 2) (6.8e)
a a a

Equazioni speci…che dei circuiti RC - RL


Circuito RC serie con generatore di tensione v = v(t)

dvC vC v dvC
+ = ,i=C , vR = v vC (6.29)
dt RC RC dt
Circuito RL serie con generatore di tensione v = v(t)

di R v di
+ i= , vL = L , vR = v vL (6.30)
dt L L dt
Circuito RC parallelo con generatore di corrente i = i(t)

diC iC di dvC i
+ = , = , iR = i iC (6.31)
dt RC dt dt C
Circuito RL parallelo con generatore di corrente i = i(t)

diL R R diL
+ iL = i , vL = L , iR = i iL (6.32)
dt L L dt

90
Come risolvere un circuito.
Esempio: circuito RL serie a tensione continua V0 con i(0) = 0: L’equazione
di
è dt + R v R
L i = L , quindi a = L ; f (t) = V0 =L. Nella tabella delle forzanti si
ricava yF (t) = (V0 =L)=(R=L) = V0 =R: La corrente totale pertanto è i(t) =
c exp( Rt=L) + V0 =R: Dalla condizione al contorno si ha i(t) = (V0 =R)[1
exp( Rt=L)]:

Circuiti LTI del Secondo Ordine


y(t) = grandezza elettrica variabile nel tempo di un bipolo (R,C,L)
f (t) = azione forzante variabile nel tempo dovuta al generatore.

Equazione Generale

d2 y dy
(t) + 2s! 0 (t) + ! 20 y(t) = f (t) (6.33)
dt2 dt
! 0 è la pulsazione propria o naturale; nei circuiti RLC vale
1
!0 = p >0 (6.34)
LC
s è il coe¢ ciente di smorzamento; si distinguono 5 casi:
s < 0 impossibile.
s = 0 condizione ottenuta per R = 1
0 < s < 1 : smorzamento debole
p p
y(t) = c1 e s!0 t cos(! 0 1 s2 t) + c2 e s!0 t sin(! 0 1 s2 t) + yF (t) (6.35)

s = 1 : smorzamento critico
!0 t
y(t) = e (c1 + c2 t) + yF (t) (6.36)

s > 1 : smorzamento forte


p p
s2 1)! 0 t s+ s2 1)! 0 t
y(t) = c1 e( s
+ c2 e( + yF (t) (6.37)

Tabella 6.4 - Funzioni forzanti e risposte forzate (per t > 0)

1. f (t) = k (reale)
k
yF (t) = (6.9e)
! 20

2. f (t) = t +
t 2 s
yF (t) = + 2 (6.10e)
! 20 !0 ! 30

91
p
3. f (t) = AeHt ; H 6= ! 0 ( s s2 1)

AeHt
yF (t) = (6.11e)
H 2 + 2Hs! 0 + ! 20

4. f (t) = A sin(!t)

A (! 20 ! 2 ) sin(!t) 2s! 0 ! cos(!t)


yF (t) = =
(! 20 ! 2 )2 + 4s2 ! 20 ! 2
A sin(!t )
= p (6.12e)
(! 20 ! 2 )2 + 4s2 ! 20 ! 2

! 20 !2 2s! 0 !
fase : cos( ) = p ; sin( ) = p 2
(! 20 ! 2 )2 + 4s2 ! 20 ! 2 (! 0 ! 2 )2 + 4s2 ! 20 ! 2
(6.12e - b)
5. f (t) = A cos(!t)

A 2s! 0 ! sin(!t) + (! 20 ! 2 ) cos(!t)


yF (t) = =
(! 20 ! 2 )2 + 4s2 ! 20 ! 2
A sin(!t )
= p (6.13e)
(! 0 ! ) + 4s2 ! 20 ! 2
2 2 2

2s! 0 ! (! 20 !2 )
fase : cos( ) = p ; sin( ) = p 2
(! 20 ! 2 )2 + 4s2 ! 20 ! 2 (! 0 ! 2 )2 + 4s2 ! 20 ! 2
(6.13e - b)
6. f (t) = AeHt cos(!t)

A(! 20 ! 2 + H 2 + 2s! 0 !H)eHt cos(!t)


yF (t) = +(6.14e)
(! 20 ! 2 + H 2 + 2s! 0 !H)2 + 4! 2 (H + s!! 0 )2
A(2!H + 2s! 2 ! 0 )eHt sin(!t)
+
(! 20 ! 2 + H 2 + 2s! 0 !H)2 + 4! 2 (H + s!! 0 )2

7. f (t) = AeHt sin(!t)

A(2!H + 2s! 2 ! 0 )eHt cos(!t)


yF (t) = +(6.15e)
(! 20 !2 + H 2 + 2s! 0 !H)2 + 4! 2 (H + s!! 0 )2
A(! 20 ! 2 + H 2 + 2s! 0 !H)eHt sin(!t)
+
(! 20 ! 2 + H 2 + 2s! 0 !H)2 + 4! 2 (H + s!! 0 )2

8. f (t) = kt2
k 2 4s!k 8s2 ! 2 k 2k
yF (t) = t t + (6.16e)
! 20 ! 30 ! 40

92
Equazioni speci…che dei circuiti RLC
Circuito RLC serie con generatore di tensione v = v(t)
0
condizioni iniziali: vC (0) = vc0 ; vC (0) = i(0)=C

d2 i R di 1 1 dv
2
+ + i= (6.38)
dt L dt LC L dt
di
vR = Ri , vL = L , vC = v vR vL (6.39)
dt
r
1 R C
parametri : ! 0 = p , s= (6.40)
LC 2 L

Circuito RLC parallelo con generatore di corrente i = i(t)


condizioni iniziali: iL (0) = i0 ; i0L (0) = v(0)=L

d2 i R di 1 1 dv
+ + i= (6.41)
dt2 L dt LC L dt
di
vR = Ri , vL = L , vC = vvL vR (6.42)
dt
r
1 1 L
parametri : ! 0 = p , s= (6.43)
LC 2R C

Carica di un Condensatore RC serie


(tensione costante E , condensatore scarico, circuito chiuso dopo t > 0)

t
Q(t) = EC(1 e c ); = RC
c (6.44 - a)
t E t
V (t) = E(1 e RC ) , i(t) = e (6.44 - b)
R

Carica di un Induttore RL serie


(tensione costante E , induttore scarico, circuito chiuso dopo t > 0)

E t
i(t) = (1 e L ), L = L=R (6.45 - a)
R
t
V (t) = Ee L (6.45 - b)

Regime Sinusoidale Permanente


Fasore
Il circuito pulsa alla frequenza f = !=2

A cos (!t + ) () Aei (6.46)

93
Ammettenza ed Impedenza (V,I fasori)

V I
de…nizioni: Z = , Y = (6.47)
I V
XL > 0 reattanza induttiva
Z = R +j X con (6.48)
im p edenza resistenza reattanza XC < 0 reattanza capacitiva
BL < 0 suscettanza induttiva
Y = G +j B con
am m ettenza conduttanza suscettanza BC > 0 suscettanza capacitiva
(6.49)

Tabella 6.5 - Impedenza ed Ammettenza dei bipoli passivi

Bipolo Impedenza Z Ammettenza Y

1 1
Resistore R= G G= R
1
Induttore j!L j!L
1
Condensatore j!C j!C

Tabella 6.6 - Connessioni in serie e parallelo

Connessioni Impedenze Ammettenze


1
Serie Zeq = Z1 + ::: + Zn Yeq = Y11 + ::: + Y1n
1 1 1
Parallelo Zeq = Z1 + ::: + Zn Yeq = Y1 + ::: + Yn

Trasformazioni Stella - Triangolo


ZA ZC Z1 Z2 + Z2 Z3 + Z3 Z1
Z1 = , ZA = (6.50 - a)
ZA + ZB + ZC Z3
ZA ZB Z1 Z2 + Z2 Z3 + Z3 Z1
Z2 = , ZB = (6.50 - b)
ZA + ZB + ZC Z1
ZB ZC Z1 Z2 + Z2 Z3 + Z3 Z1
Z3 = , ZC = (6.50 - c)
ZA + ZB + ZC Z2

Partitore di Tensione
(per impedenze in serie)

Zr
Vr = (V1 + V2 + ::: + Vn ) (6.51)
Z1 + Z2 + ::: + Zn

94
Partitore di Corrente
(per impedenze in parallelo)
Yr
Ir = (I1 + I2 + ::: + In ) (6.52)
Y1 + Y2 + ::: + Yn

Potenza nei Circuiti LTI


In una rete lineare le leggi di Kircho¤ implicano in ogni istante la conservazione
della potenza. B è il numero di lati della rete.
B
X
vk ik = 0 (6.53)
k=1

Potenza in Regime Costante


In una rete LTI passiva a cui viene applicato un generatore indipendente di
corrente costante, diventa in condizioni stazionarie una rete puramente resistiva
dove le induttanze si trasformano in cortocircuiti e le capacità in bipoli circuito-
aperti. Per le induttanze e i condensatori la potenza è nulla in regime costante,
mentre per un resistore
V2
P = RI 2 = (6.54)
R
Potenza in Regime Sinusoidale
Il valore e¢ cace dell’ampiezza A di un segnale sinusoidale è de…nito come
A
Aef f = p (6.55)
2
Un segnale espresso mediante valore e¢ cace risulta
p
y(t) = Aef f 2 cos(!t + ) (6.56)
La potenza istantanea di un bipolo o di un circuito LTI in regime sinusoidale con
generatore/i indipendente/i si calcola per mezzo del Teorema sulla Potenza
Istantanea: Se
p
v(t) = Vef f 2 cos(!t + V ) (6.57 - a)
p
i(t) = Ief f 2 cos(!t + I ) (6.57 - b)
e de…niti
= V I
= V + I

allora la potenza istantanea vale


p(t) = v(t)i(t) = Vef f Ief f cos + Vef f Ief f cos(2!t + ) (6.58)
(p otenza attiva)

95
Potenza Attiva o Media
E’il valor medio della potenza istantanea su di un periodo
Z 2!
!
Patt = v(t)i(t)dt = Vef f Ief f cos (6.59)
2 0

Fattore di Potenza
Patt
f= = cos 2 [0; 1] (6.60)
Vef f Ief f
Per un carico puramente resistivo = 0; Patt max
Per un carico puramente reattivo j j = 2 ; Patt nulla.

Ulteriori De…nizioni di Potenza


Q = Vef f Ief f sin Potenza Reattiva
S = Patt + iQ Potenza Complessa (6.61 - a, b, c)
jSj = Vef f Ief f Potenza Apparente

Massimo Trasferimento di Potenza


Il teorema stabilisce che per ottenere il massimo trasferimento di potenza da una
fonte esterna di potenza con resistenza interna …nita, la resistenza di carico del
circuito vista dai terminali del generatore deve essere uguale alla sua resistenza
interna. In termini di e¢ cienza però la resistenza interna dovrebbe essere resa
più bassa possibile.
Rcarico
= (6.62)
Rcarico + Rsorgente

Teorema di Sovrapposizione
All’uscita di una rete lineare con condizioni iniziali nulle, i cui segnali in in-
gresso sono dovuti contemporaneamente ad un certo numero di generatori, la
risposta a tali ingressi simultanei è uguale alla somma delle risposte dovute a
ciascun ingresso agente da solo; l’azione di un solo ingresso è ottenuta azzerando
i rimanenti generatori ideali.

96
Teorema di Thévenin
Un circuito lineare bipolare composto di generatori di tensione, generatori di
corrente e resistenze si comporta ai terminali A-B come un generatore reale
di tensione la cui f.e.m. E0 è pari alla tensione a vuoto in corrispondenza
degli stessi terminali A-B e la cui resistenza interna Ri è pari alla resistenza
equivalente Re che il circuito presenta sempre in corrispondenza dei terminali
A-B quando vengano annullati tutti i suoi generatori tramite la sostituzione dei
generatori di tensione con cortocircuiti e dei generatori di corrente con circuiti
aperti. Icc è la corrente di cortocircuito che circola nei terminali A-B quando la
rete viene cortocircuitata.
E0
Re = Ri = (6.63)
Icc
In modo analogo, una rete simbolica in corrispondenza dei nodi A-B è equiv-
alente a un generatore normale di tensione la cui f.e.m. simbolica E0 è pari
al fasore di tensione che si manifesta a vuoto fra tali nodi e la cui impedenza
interna Zi è pari all’impedenza equivalente Ze vista dai morsetti A-B quando la
rete venga resa passiva tramite l’azzeramento dei suoi generatori ideali simbolici
di tensione e di corrente, ottenuto ponendo a zero tutti i fasori delle tensioni
impresse e delle correnti impresse
E0
Ze = Zi = (6.64)
Icc

Teorema di Norton
Un circuito lineare tra i nodi A-B è equivalente a un generatore reale di corrente
la cui corrente impressa Je è pari alla corrente di cortocircuito ai nodi A-B
ossia alla corrente che vi circola quando gli stessi vengano cortocircuitati e la
cui conduttanza equivalente Geq è pari alla conduttanza che la rete presenta
sempre in corrispondenza dei nodi A-B quando vengano annullati tutti i suoi
generatori tramite la sostituzione dei generatori di tensione con cortocircuiti e
dei generatori di corrente con circuiti aperti.
Jeq
Geq = (6.65)
E0
Una rete simbolica tra i nodi A-B è equivalente a un generatore reale simbolico
di corrente la cui corrente impressa simbolica Jeq è pari al fasore della corrente
di cortocircuito Icc e la cui ammettenza equivalente Yeq è pari all’ammettenza
che la rete presenta sempre in corrispondenza dei nodi A-B, ovvero al rapporto
tra la corrente di cortocircuito Icc e la tensione a vuoto E0
Icc
Jeq = Icc ; Yeq = Yi = (6.66)
E0

97
Teorema di Reciprocità
Si applica ai doppi bipoli puramente passivi (senza generatori) con stato zero;
l’ingresso è indicato con A-A’ e l’uscita con B-B’. Se si collega un generatore
ideale di tensione Ea in A-A’ e si considera la corrente di cortocircuito Ib in
B-B’ e poi si collega un generatore Eb in B-B’ e si considera la corrente di
cortocircuito Ia in A-A’allora
Ea Eb
= (6.67)
Ib Ia

Teorema di Millman
Nelle reti elettriche binodali (a due nodi) in corrente continua o alternata, la
tensione ai capi del bipolo della rete è data dal rapporto tra la somma algebrica
delle correnti di corto circuito dei singoli rami e la somma delle conduttanze di
ogni ramo P
icc;k
V = Pk (6.68)
k Gk

Teorema di Miller
In un circuito LTI in regime sinusoidale l’impedenza Z connessa tra due nodi N 1
e N 2 può essere sostituita da due impedenze Z1 , Z2 inserite tra i nodi N 1 N 0
e N 0 N 2, dove N 0 è un nodo di riferimento, di valore:
1 1
Z1 = Z , Z2 = Z (6.69 - a, b)
1 V2 =V1 1 V1 =V2
con V1 ; V2 i fasori delle tensioni nei nodi 1,2.

Teorema di Tellegen
Due circuiti elettrici diversi ma con stesso grafo orientato bilanciano le loro
potenze virtuali. Chiamiamo vka la tensione del lato k-esimo del circuito a e ibk
la corrente del lato k-esimo nel circuito b, allora:
L
X L
X
vka iak = vkb ibk = 0 (6.70 - a)
k=1 k=1
L
X L
X
vka ibk = vkb iak = 0 (6.70 - b)
k=1 k=1

Circuiti Accoppiati
Il circuito è mostrato nella …gura seguente

i1 R1 + L1 di di2
dt + M dt
1
= V
(equazioni) (6.71 - a, b)
i2 R2 + L2 dt + M di
di2
dt
1
= 0

98
Soluzioni generali (senza condizioni al contorno):

I0 A 1t
I0 A 2t
i1 (t) = I0 [1 + p 2 ]e + [1 + p 2 ]e
2 A 4R1 R2 B 2 A 4R1 R2 B
I0 M R1
i2 (t) = [p 2 ](e 1 t e 2 t ) (6.72 - a, b)
A 4R1 R2 B
dove
V
I0 = , A = L1 R2 R1 L2 , B = L1 L2 M2 (6.73 - a)
R1
p
A + A2 4R1 R2 B
1 = (6.73 - b)
p 2B
A A2 4R1 R2 B
2 = (6.73 - c)
2B

Ponte di Wheatstone
E’utilizzato per misurare resistenze incognite. R1 e R3 sono resistori di valore
…sso e noto, mentre il resistore R2 è variabile, Rx è il valore della resistenza
incognita, VG è il rilevatore di zero (galvanometro). All’equilibrio VB = VD si
può calcolare Rx e le resistenze del rilevatore di zero e del generatore di f.e.m.
non in‡uiscono sulla misura.
R2 R3
Rx = (6.74)
R1

99
Se la resistenza R2 del galvanometro è abbastanza alta si può trascurare la
corrente I2 e Ix per cui si ha
R2 Rx
VG = ( )Valim . (6.75)
R1 + R 2 Rx + R3
R2 Valim (R1 + R2 )VG
Rx = R3 (6.76)
R1 Valim + (R1 + R2 )VG

Giratore
Il giratore è un doppio-bipolo che permette ad un circuito capacitivo di com-
portarsi come uno induttivo o un …ltro passa-banda di comportarsi come …ltro
d’interdizione di banda e la sua legge costitutiva è

i1 (t) = Gv2 (t) (6.75 - a)


i2 (t) = Gv1 (t) (6.75 - b)

dove la conduttanza G è detto rapporto di girazione.

Equazione del Diodo di Shockley


E’ un modello che descrive la funzione caratteristica tensione VD - corrente iD
di un diodo ideale in giunzione p-n.
VD
iD = Is [exp( ) 1] (6.77)
nVT
Is è la intensità di corrente di saturazione, che dipende dalle caratteristiche
costruttive del diodo, è direttamente proporzionale alla super…cie della giunzione
p-n, e assume valori tipicamente tra i 10 10 10 15 A; n è il fattore di qualità
che dipende dal materiale (variabile di solito tra 1 e 2, quando n=1 il diodo è
ideale).
La tensione termica VT è approssimativamente 25.85 mV a 27 C ed si ottiene
così
kB T
VT = (6.78)
e
La corrente di saturazione Is si ricava conoscendo questi parametri:
Dn e Dp sono i coe¢ cienti di di¤usione per gli elettroni e le lacune
Ln e Lp sono le lunghezze di di¤usione per gli elettroni e le lacune
ni la densità intrinseca di portatori nel semiconduttore
NA e ND le concentrazioni di accettori e donatori
A è la super…cie della giunzione

Dp n2i Dn n2i
Is = eA[ ] (6.79)
Lp ND Ln NA

100
Metodo della Trasformata di Laplace
Sia f (t) un segnale reale de…nito per t > 0 ed s = + j! è una variabile
complessa; la Trasformata di Laplace della funzione f (t) è la nuova funzione
F (s) :
Z +1
L[f (t)] := F (s) = f (t)e st dt (6.80)
0

Sia F (s) la trasformata di Laplace di f (t); t > 0; l’integrale di linea che resti-
tuisce la funzione f è detto Antitrasformata di Laplace o Formula inversa di
Mellin di F (s)
Z c+jT
1 1
L [F (s)] = f (t) = lim F (s)est ds (6.81)
2 j T !1 c jT

L’integrazione viene e¤ettuata su una qualsiasi linea Re(s) = c che si trova nel
semipiano complesso tale che c sia maggiore di tutte le parti reali delle singolarità
di F (s):
Quando si ha un circuito con segnale in ingresso x(t) e risposta all’impulso h(t)
nel dominio del tempo, si può ottenere la risposta in uscita y(t) antitrasformando
nel dominio della frequenza il prodotto della trasformata di Laplace del segnale
in ingresso X(s) con la funzione di trasferimento H(s)

Proprietà della Trasformata

1. Linearità
L[af (t) + bg(t)] = aF (s) + bG(s) (6.82)

2. Derivata nel dominio della frequenza

L[tf (t)] = F 0 (s) (6.83)

101
3. Derivata generale nel dominio della frequenza

L[tn f (t)] = ( 1)n F 0 (s) (6.84)

4. Derivata temporale
df (t)
L[ ] = sF (s) f (0) (6.85)
dt
5. Derivata temporale di ordine n
n
X
df (n)
L[ ] = sn F (s) sn k (k 1)
f (0) (6.86)
dtn
k=1

6. Integrazione nel dominio della frequenza


Z 1
1
L[ f (t)] = F ( )d (6.87)
t s

7. Integrazione nel dominio del tempo


Z t
1
L[ f ( )d ] = F (s) (6.88)
0 s

8. Traslazione in frequenza

L[eat f (t)] = F (s a) (6.89)

9. Traslazione nel tempo


as
L[f (t a)u(t a)] = e F (s) (6.90)

10. Riscalamento del tempo


1 s
L[f (at)] = F( ) (6.91)
jaj a

11. Moltiplicazione
Z c+jT
1
L[f (t)g(t)] = lim F ( )G(s )d (6.92)
2 j T !1 c jT

12. Convoluzione Z t
L[ f ( )g(t )d ] = F (s)G(s) (6.93)
0

13. Coniugazione complessa

L[f (t)] = F (s ) (6.94)

102
14. Correlazione incrociata
Z +1
L[ f ( )g(t + )dt] = F ( s )G(s) (6.95)
1

15. Funzione periodica


Z T
1 st
L[f (t)] = Ts
e f (t)dt (6.96)
1 e 0

16. Valore iniziale


lim f (t) = lim sF (s) (6.97)
t ! 0+ s !1

17. Valore …nale


lim f (t) = lim sF (s) (6.98)
t !1 s !0

Tabella 6.7

Esempi - Conduzione

1. Un resistore cilindrico isolato mostrato in …gura ha una sezione uniforme


di area A e lungo la sua estensione d la conduttività è una funzione
dell’altezza = (y), mentre il potenziale passa da v a 0 lungo l’asse
y: La densità di corrente è
Z d
d dy
= J0 ! J0 = v= (6.1e - a)
dy 0

103
Il ‡usso vale
Z y Z d
dy dy
= v[1 = ] (6.1e - b)
0 0
e la conduttanza Z d
AJ0 dy
G= = A= (6.1e - c)
v 0
In caso di conduzione uniforme
A y
G= , = v[1 ] (6.1e - d)
d d
In caso di conduzione uniforme in coppia
G y
v[1 A B] ; 0<y<b
= G b y b (6.1e - e)
v[1 A( B
+ A
)] ; b<y <a+b
A
G = (6.1e - f)
b= B + a= A

y=d
In caso di conduzione a variazione esponenziale = 0e

ey=d 1 A 0
= v[1 ] , G= (6.1e - g)
e 1 d(e 1)

2. Un cilindro fatto di materiale con conducibilità ; di altezza d e raggi a > b


presenta una di¤erenza di potenziale costante v tra la super…cie laterale
esterna r = a e quella interna r = b: La resistenza del materiale vale

R = ln(a=b)=(2 d) (6.2e)

3. Legge LKT per reti puramente resistive: per scrivere correttamente l’equazione
in una maglia si …ssa il verso di maglia in senso orario e si disegnano i versi

104
delle correnti dei rami in modo casuale, se il verso di maglia coincide col
verso dei generatori (dal polo - al +) si scrive +V (altrimenti V ), se la
corrente di ramo attraversa un resistore nello stesso verso della maglia si
scrive Ri (altrimenti +Ri):

Esempi - Filtri lineari

1. Filtro passa-basso passivo del 1 ordine: circuito RC serie con Vout agli
estremi del condensatore
Vout 1
= (f. trasferimento) (6.3e - a)
Vin 1 + j!RC
Vout 1
j j = p (6.3e - b)
Vin 1 + ! 2 R2 C 2
(!) = arctan(!RC) (6.3e - c)

con frequenza di taglio


!c 1
fc = = (6.3e - d)
2 2 RC
Il fasore della corrente è
j!C
I= Vin (6.3e - e)
1 + j!RC

2. Filtro passa-alto passivo del 1 ordine: circuito RC serie con Vout agli
estremi della resistenza
Vout j!RC
= (f. trasferimento) (6.4e - a)
Vin 1 + j!RC
Vout !RC
j j = p (6.4e - b)
Vin 1 + ! 2 R2 C 2
1
(!) = arctan( ) (6.4e - c)
!RC

3. Filtro passa-alto passivo del 1 ordine: circuito RL serie con Vout agli
estremi dell’induttore
Vout j!L
= (f. trasferimento) (6.5e - a)
Vin R + j!L
Vout !L
j j = p (6.5e - b)
Vin R + ! 2 L2
2

R
(!) = arctan( ) (6.5e - c)
!L

105
4. Filtro passa-basso passivo del 1 ordine: circuito RL serie con Vout agli
estremi del resistore
Vout R
= (f. trasferimento) (6.6e - a)
Vin R + j!L
Vout R
j j = p (6.6e - b)
Vin R + ! 2 L2
2

!L
(!) = arctan( ) (6.6e - c)
R

5. La funzione di trasferimento generica per un …ltro passa-basso del 2 or-


dine è
K! 20
H(s) = 2 , s = j! (6.7e - a)
s + 2s ! 0 + ! 20
K! 20
jH(j!)j = p 2 (6.7e - b)
(! 0 ! 2 )2 + (2 ! 0 !)2
2 !0 !
= arctan (6.7e - c)
! 20 ! 2
dove è il damping ratio.
6. La funzione di trasferimento generica per un …ltro passa-alto del 2 ordine
è
Ks2
H(s) = 2 , s = j! (6.8e - a)
s + 2s ! 0 + ! 20
K! 2
jH(j!)j = p 2 (6.8e - b)
(! 0 ! 2 )2 + (2 ! 0 !)2
2 !0 !
= arctan (6.8e - c)
! 20 ! 2

7. La funzione di trasferimento generica per un …ltro passa-banda del 2


ordine è
2K ! 0 s
H(s) = 2 , s = j! (6.9e - a)
s + 2 ! 0 s + ! 20
2K ! 0 !
jH(j!)j = p 2 (6.9e - b)
(! 0 ! 2 )2 + (2 ! 0 !)2
2 !0 !
= arctan (6.9e - c)
2 ! 20 ! 2

8. La funzione di trasferimento generica per un …ltro elimina-banda del 2


ordine è
s2 + ! 20
H(s) = 2 , s = j! (6.10e)
s + 2 ! 0 s + ! 20

106
9. I Filtri RLC passivi del 2 ordine possono
p essere disposti in sei modi dif-
ferenti (vptavola seguente). Per = 1= 2 il …ltro è detto
p di Butterworth,
per = 3=2 il …ltro è detto di Bessel, per < 1= 3 è di Chebyshev.
Il fattore di merito Q è un parametro adimensionale che rappresenta la
selettività di un …ltro passa-banda; si può de…nire come rapporto tra la
frequenza a guadagno massimo fmax e la larghezza di banda passante
p del
…ltro a -3 dB, cioè quando l’attenuazione scende di un fattore 2: Il fat-
tore Q è legato al damping ratio e alla costante esponenziale di tempo
da
fmax 1 !0
Q= = = (6.11e - a)
f 2 2
Nei circuiti RLC serie
r
1 L !0 L 1
Q= = = (6.11e - b)
R C R ! 0 RC
Nei circuiti RLC parallelo
r
C R
Q=R = = ! 0 RC (6.11e - c)
L !0 L

…g.6.6

107
CIRCUITI MAGNETICI
pp. 108-113

Un circuito magnetico è un insieme opportunamente coordinato di materiali


magnetici, avente lo scopo di stabilire un determinato andamento o percorso
del ‡usso magnetico indotto che viene generato da una forza magneto-motrice.
Per analogia con il caso dei circuiti elettrici ove si determinano le d.d.p e le
correnti tra i vari elementi di una rete prodotti dai generatori, nel caso dei
circuiti magnetici si cerca di determinare i ‡ussi magnetici e le intensità dei
campi magnetici nelle sue diverse parti causate dalle bobine avvolte intorno ai
nuclei magnetici. Le analogie al caso elettrico hanno comunque delle limitazioni:

1. Il ‡usso dei campi magnetici non è veicolato da particelle elettriche


2. Nei circuiti magnetici reali il campo magnetico non è interamente con…nato
all’interno del materiale
3. La riluttanza non è costante come la resistenza ma può dipendere dal
campo magnetico
4. I materiali ferromagnetici sono soggetti ad isteresi, perciò il ‡usso dipende
anche dalla sua storia passata di magnetizzazione

Forza Magnetomotrice
Tale grandezza è più propriamente una tensione magnetica ed è analoga alla
forza elettromotrice
Z
FH = H ut ds (A) (7.1)

Spesso per una bobina molto lunga si può applicare la L. di Ampere

FH = N I (A) (7.2)

L’uso dell’amperspira è stato interdetto, l’unità di misura ora è l’ampere A.

Riluttanza
La riluttanza magnetica RH misura l’opposizione di un materiale al transito di
un ‡usso magnetico ed è de…nita come rapporto tra la forza magnetomotrice
applicata ad un circuito magnetico e il ‡usso di induzione da essa generato e
concatenato con il circuito. Analogamente al caso elettrico corrisponde alla re-
sistenza. Per un circuito magnetico a sezione variabile e permeabilità relativa
variabile r si ha:
I
ds 1
RH = (H ) (7.3)
0 r
C

108
Per un circuito magnetico uniforme (cioè a sezione invariabile e materiale omo-
geneo) si ha
L
RH = (7.4)
0 r
La permeanza magnetica PH è il reciproco della riluttanza che è l’analogo della
conduttanza
1
PH = (H) (7.5)
RH

Legge di Hopkinson
La forza magneto-motrice è data dal prodotto del ‡usso magnetico che attraversa
internamente il circuito magnetico per la riluttanza. E’ analoga alla legge di
Ohm.
FH = B RH (7.6)
Il ‡usso del campo di induzione magnetica è
I
B = B un dS (7.7)
C

Leggi circuitali
1. La somma algebrica di tutti i ‡ussi magnetici che attraversano un nodo è
nulla X
k;B = 0 (7.8)
k

2. Lungo un percorso chiuso in un circuito magnetico la somma algebrica


delle amperspire è uguale alla somma algebrica dei prodotti delle riluttanze
per i loro relativi ‡ussi.
X X
Nj Ij = B;i RH;i (7.9)
j i

Serie e Parallelo
Circuito in serie: elementi magnetici collegati ed inseriti nel circuito, realizzati
con materiali e dimensioni di¤erenti che lasciano transitare al proprio interno lo
stesso ‡usso del campo magnetico B:

RH;tot = RH;1 + RH;2 + ::: + RH;n (7.10)

Circuito in parallelo: elementi magnetici collegati ed inseriti nel circuito,


realizzati con materiali e dimensioni di¤erenti che essendo collegati alla stessa
coppia di nodi risentono della stessa forza magnetomotrice.
1 1 1 1
= + + ::: + (7.11)
RH;tot RH;1 RH;2 RH;n

109
Riluttanza Magnetica Complessa
In caso di circuito magnetico passivo dipendente da forze magnetomotrici ad an-
damento sinusoidale descritte dal fasore FH anche il ‡usso generato del campo
magnetico sarà sinusoidale (a regime permanente) descritto dal fasore B , quindi
il rapporto tra i due fasori è la riluttanza complessa
FH
ZH = = jZH jei (7.12)
B

In un circuito uniforme a sezione costante si ha


L
ZH = (7.13)
0 r

dove r è la permeabilità complessa.

Impedenza Magnetica Complessa


E’il rapporto complesso tra una tensione magnetica sinusoidale Nm e una cor-
rente sinusoidale magnetica Im di pulsazione ! in un gyrator–capacitor model.
Questo modello è ad elementi concentrati per campi magnetici, simile ai circuiti
magnetici, ma basato sull’utilizzo di elementi analoghi ai condensatori che per
tale ragione sono detti condensatori magnetici.
0
Nm Nm j 1
Zm = 0
= e ( ) (7.14)
Im Im
Spesso il modulo di Zm viene chiamato semplicemente impedenza magnetica o
resistenza magnetica totale
Nm 1
zm = j j( ) (7.15)
Im
La resistenza magnetica e¤ettiva è la componente reale dell’impedenza magnet-
ica complessa ( 1 ) ed è responsabile della perdita di energia potenziale in un
circuito magnetico.
rM = Re(Zm ) = zm cos (7.16)
La resistenza magnetica reattiva è la parte immaginaria:

xM = Im(Zm ) = zm sin (7.17)

La fase è l’arcotangente del rapporto xM =rM : La potenza attiva del circuito


vale:
2
P = rM IM (7.18)

110
Induttanza magnetica
E’ analogo all’induttanza di un circuito elettrico. L’unità di misura nel S.I. è
1
:

Capacità Magnetica
E’ una proprietà estensiva (unità S.I.: H) analoga alla capacità dei circuiti
elettrici, de…nita come
S
CM = r 0 (7.19)
l
dove S è la l’area della sezione trasversale ed l la lunghezza dell’elemento. E’
anche uguale al rapporto tra il ‡usso magnetico e la di¤erenza di potenziale
magnetico dell’elemento considerato.

Esempi

1. In riferimento alla prossima …gura, sono noti s; s1 ; s2 ; h, il numero di


spire N; la sezione , la permeabilità relativa r e il campo di induzione
B nell’interferro. Si vuole determinare la corrente i: Le riluttanze del
circuito valgono:
s
RH;QT = (7.1e - a)
0 r
2s2 + s h h
RH;QRST = + (7.1e - b)
0 r 0
2s1 + s
RH;T V P Q = (7.1e - c)
0 r
RH;QRST RH;QT
RH;tot = RH;T V P Q + (7.1e - d)
RH;QRST + RH;QT

mentre i ‡ussi sono

QRST RH;QRST
QRST = B , QT = (7.1e - e)
RH;QT
tot = QRST + QT (7.1e - f)

dunque la corrente circolante è

tot RH;tot
i= (7.1e - g)
N

111
2. Il circuito seguente rappresentato in …gura (xx) costituisce lo schema di
base degli elettromagneti. Il ‡usso di B è costante, perciò B rimane con-
tinuo mentre H subisce una discontinuità

B= H= 0 Hc (7.2e - a)

Per la legge di Ampère si ha

H(s h) + Hc h = N i (7.2e - b)

eliminando Hc ricaviamo B
s h Ni
B= 0 H+ 0 (7.2e - c)
h h
I possibili punti di funzionamento del distema sono determinati dall’intersezione
della retta con il ciclo di isteresi.

3. Un circuito magnetico di permeabilità simile a quello dell’esempio prece-


dente ha il lato sinistro lungo l1 con sezione costante A1 avvolto da N
spire, mentre i restanti tre lati hanno tutti sezione costante A2 e le basi
superiore ed inferiore di lunghezza l2 : Il campo magnetico nel primo lato

112
è approssimato da H1 e negli altri tre lati da H2 ; il traferro ha spessore h
e sezione A2 : La legge integrale di Ampère porta alla relazione

H1 l1 + 2H2 l2 + hHt = ni (7.3e - a)

I campi magnetici valgono


Ni
Ht = A2 2 (7.3e - b)
A1 l 1 + l2 + h
0 0

0 A2 0
H1 = H 1 , H2 = Ht (7.3e - c)
A1

4. Un magnete circolare con un traferro di spessore piccolo viene portato a


saturazione per poi ridurre a zero la corrente. Il ferro viene magnetizzato
e il campo magnetico residuo si calcola intersecando la retta di B
s h
B= 0 H (7.4e)
h
con la curva B del ciclo di isteresi. All’interno del magnete i campi B; H
sono opposti, mentre nel traferro sono concordi.
5. Un magnete cilindrico si magnetizza uniformemente ponendo il campione
al centro di un solenoide rettilineo dove acquista la magnetizzazione M .
Il campo magnetico al centro vale

2R2 2
B= 0 M (1 )= 0 M (1 ) (7.5e - a)
d2 d2
Al centro del cilindro
B 2 M
H= M= (7.5e - b)
0 d2

In generale però i tre vettori H; M; B non sono paralleli nei punti interni
del magnete.

113
ELETTRODINAMICA CLASSICA
pp. 114-123

Legge di Faraday-Maxwell per l’Induzione


I ZZ
@B d
r E= , E ut ds = B nd (8.1)
@t @S dt
S

Legge Circuitale di Ampère per il Campo H


(caso non stazionario nella materia)
I ZZ
@D @D
H ds = (jL + ) un dS , r H = jL + (8.2)
@t @t
@S S

Corrente di Spostamento
@D @E @P
jS = = "0 + (8.3)
@t @t @t
Densità di Corrente Totale
jL è la densità di corrente libera, jP di polarizzazione, jM di magnetizzazione
@P
j = j L + j P + j M = jL + +r M (8.4)
@t

Equazioni di Maxwell nel vuoto


Legge di Gauss
I ZZZ
1
r E= , E nd = (x; t)dx (8.5)
"0 @V "0
V

Legge di Gauss per l’induzione magnetica


I
r B=0 , B nd = 0 (8.6)
@V

Legge di Faraday-Neumann-Lenz
I ZZ
@B d
r E= , E ut ds = B nd (8.7)
@t @S dt
S

Legge di Ampère-Maxwell
@E
r B = 0j + 0 "0 (8.8 - a)
@t
I ZZ ZZ
d
B ut ds = 0 j nd + 0 "0 E nd (8.8 - b)
@S dt
S S

114
Equazioni di Maxwell nella materia
Legge di Gauss
I ZZZ
r D= L , D nd = L (x; t)dx (8.9)
@V
V

Legge di Gauss per l’induzione magnetica


I
r B=0 , B nd = 0 (8.10)
@V

Legge di Faraday-Neumann-Lenz
@B
r E = (8.11 - a)
I @tI
d
E ut ds = B nd (8.11 - b)
@S dt S
Legge di Ampère-Maxwell
@D
r H = jL + (8.12 - a)
I Z Z @t ZZ
d
H ut ds = jL nd + D nd (8.12 - b)
@S S dt S
Relazioni costitutive

D = "o E + P (8.13 - a)
B = 0 (H + M) (8.13 - b)

Potenziali Elettromagnetici
@A
E = r (8.14 - a)
@t
B = r A (8.14 - b)

Densità di Lagrangiana elettromagnetica


Si considera una particella materiale che interagisce con un campo nella materia
(NR : non relativistica, caso classico)

LN R = Tp:libera
NR
Vinter + Lcampo + Lmateria (8.15)

NR 1 1
Tp:libera = mv 2 = m[x02 + y 02 + z 02 ] (8.16 - a)
2 2
qA v + q (caso discreto)
Vinter = (8.16 - b)
jL A + L (caso continuo)
1 1 2
Lcampo = ["0 E 2 B ] (8.16 - c)
2 0
Lmateria = E P+B M (8.16 - d)

115
Impulso Generalizzato della Particella nel Campo
(caso classico)

p = mv + qA (8.17)

Hamiltoniana della Particella nel Campo


(p qA) (p qA)
H= +q (8.18)
2m
Azione della Particella
Z t2
1
S= [ mv 2 + qA v q ]dt (8.19)
t1 2

Equazioni del Moto di una Carica


(a velocità non relativistiche)

d @A
(mv) = q[ r +v (r A)] (8.20 - a)
dt @t
d
(mv) = q[E + v B] (L. di Lorentz) (8.20 - b)
dt
Invarianza di Gauge
A ! A + rf (8.21 - a)
@f
! (8.21 - b)
@t
Campo Elettromagnetico Costante
(i potenziali non dipendono dalla coordinata tempo)

= E x (8.22 - a)
1
A = B x (8.22 - b)
2
Densità di Forze di Lorentz
3
fp = ( E + j B)p [N m ] (8.23)

Vettore di Poynting
E’il ‡usso di energia associato alla propagazione del campo e.m.
1 2
P = (E B) [W m ] (8.24 - a)
0
P = E H (nella materia) (8.24 - b)

Tensore degli Sforzi di Maxwell


1 1 1 2
ij = " 0 E i Ej + Bi Bj ("0 E 2 + B ) ij [Jm 3
] (8.25)
0 2 0

116
Densità di Campo Elettromagnetico
1 1 2
wem = ("0 E 2 + B )ij [Jm 3 ] (8.26 - a)
2 0
1
wem = (E D + B H) (nella materia) (8.26 - b)
2

Densità di Momento Elettromagnetico


1 3
em = P [N sm ] (8.27)
c2

Densità di Momento Angolare


2
lem = x em [N sm ] (8.28)

Energia del Campo e.m. in un volume


ZZZ
Uem = wem dx [J] (8.29)
V

Momento Totale del Campo e.m.


ZZZ ZZZ
1
Pem = em dx = "0 E Bdx [N s = kgms ] (8.30)
V V

Momento Totale Angolare del Campo e.m.


ZZZ
Jem = lem dx [J s] (8.31)
V

Variazione dell’Impulso Meccanico


Le particelle rimangono strettamente con…nate in V
ZZZ
dPmecc
= ( E+j B)dx [N ] (8.32)
dt
V

Tensore Densità del Flusso del Momento Angolare


2
il = "ijk xj kl [Jm ] (8.33)

Densità del Momento della Forza di Lorentz


2
m=x F [N m ] (8.34)

117
Momento Meccanico Totale della Forza
ZZZ
M= mdx (8.35)
V

Conservazione della Carica


I ZZZ
@ d
r j+ =0 , j nd = dx (8.36 - a, b)
@t dt
@V V

Conservazione dell’Energia
E’noto come Teorema di Poynting
@
wem = r P + jL E (8.37 - a)
@t
ZZZ I ZZZ
@
wem dx = P nd + jL Edx (8.37 - b)
@t
V @V V

In forma di¤erenziale estesa si scrive


"0 @(E E) @P @(H H) @( 0 M)
r (E H) = +E + 0 +H +E JL (8.38)
2 @t @t 2 @t @t

Conservazione del Momento Meccanico


nel vuoto
ZZZ ZZZ I X
3
d
( E+j B)i dx + "0 (E B)i dx = ji ni d (8.39)
dt
V V @V j=1

nei materiali
ZZZ ZZZ I X
3
d
( L E + jL B)i dx + (D B)i dx = ji ni d (8.40)
dt
V V @V j=1

Conservazione del Momento Angolare


@
mi + lem;i = @l il (8.41 - a)
@t
ZZZ ZZZ I
d
( mdx)i + ( lem dx)i = il nl d (8.41 - b)
dt
V V @V

118
Formula di Larmor
L’equazione di Larmor o formula di Larmor fornisce la potenza della radiazione
emessa da una particella carica non relativistica quando la particella subisce
una accelerazione a. La sua generalizzazione relativistica si trova a pag.185
2 q 2 a2
P = (8.42)
3 4 "0 c3

Decomposizione di Helmholtz
Ogni campo vettoriale F di classe C 2 ( R3 ) (che può essere elettrico o mag-
netico) è decomponibile in una componente rotazionale Frot = r e una
irrotazionale Firr = r A che obbediscono a

r Frot = 0 , r Firr = 0 (8.43 - a, b)


F = Frot + Firr = r + r A (8.43 - c)

I potenziali (scalare e vettoriale) che generano le due componenti sono


Z 0 I 0 0
1 r0 F(x ) 0 1 nb (x ) F(x0 ) 0
(x) = dx dS (8.44 - a)
4 jx x0 j 4 jx x0 j
@
Z 0 I
1 r0 F(x ) 0 1 b 0 (x0 ) F(x0 ) 0
n
A(x) = dx dS (8.44 - b)
4 jx x0 j 4 jx x0 j
@

3
Se = R e se il campo si dissolve più velocemente di 1=r all’in…nito allora i
due integrali di super…cie si annullano.

Moto in Campo Centrale Coulombiano

Esaminiamo il moto planare di una particella carica di massa m r carica q che


sente il campo coulombiano prodotto da una carica Q posta al centro del piano
e mantenuta ferma in questo punto. Il moto viene esaminato in coordinate
polari.

x = rur
v = r0 ur + r'0 u'
a = [r00 r('0 )2 ]ur + (2r0 '0 + r'00 )u'

in cui il versore radiale e azimutale sono espressi come

ur = (cos '; sin ') , u' = ( sin '; cos ')

L’energia potenziale è
1 qQ
U (r) = (8.45)
4 "0 r

119
L’energia meccanica totale (hamiltoniana) è

1 1 1 qQ
Etot = m(r0 )2 + mr2 ('0 )2 + = cost. (8.46)
2 2 4 "0 r
ed il corrispondente moto è governato dalle leggi

L = mr2 '0 = cost (8.47 - a)


r s
0 2 qQ L2
r = Etot (8.47 - b)
m 4 "0 r 2mr2
Z r
L dr
' = '0 + p q (8.47 - c)
2m r0 r2 Etot qQ L2
4 "0 r 2mr 2

Le orbite sono chiuse solo quando


m
0 < rmin < rmax , '=2 m; n 2 Z
n

Legge della di¤usione magnetica

La seguente equazione considera un materiale ohmico avente conducibilità e


permeabilità uniformi, in assenza di densità di cariche localizzate e descrive
la propagazione del campo magnetico nel materiale.
1 @H
r2 H = (8.48)
@t

Esempi - Legge di Ampère per il campo H

1. Un campo statico H è prodotto da una distribuzione di densità di corrente


a simmetria cilindrica j = J0 e r=a iz . Il campo è

J0 a2 r=a r
H' = [1 e (1 + )] (8.1e)
r a

2. In coordinate polari una densità di corrente uniforme J0 uz scorre sulla


sezione di un …lo cilindrico di raggio b: Questa corrente induce una corrente
super…ciale uniforme in direzione z su un cilindro coassiale di raggio
a > b: la densità di corrente in r = a è

J1 = (J0 b2 =2a)uz (8.2e - a)

120
Il campo H è nullo per r > a e dentro il sistema vale

(J0 r=2)u' ; r<b


H= (8.2e - b)
(J0 b2 =2r)u' ; b<r<a

in coordinate cartesiane esplicite abbiamo


( )
J0 yux + xuy ; r<b
H= b2 y b2 x (8.2e - c)
2 x2 +y 2 ux + x2 +y 2 uy ; b<r<a

3. Un condensatore piano ad elettrodi circolari perfettamente conducenti,


separati dal vuoto e distanti d è soggetto ad un potenziale v(t) variabile
nel tempo. Supponendo le variazioni non troppo veloci i campi valgono:

v(t)
E = iz (8.3e - a)
d
r"0 dv
H(r) = i , r<R (8.3e - b)
2d dt
r "0 v dv
P = E H= ir (8.3e - c)
2 d2 dt

Esempi - Induzione di Faraday

1. Un voltmetro legge la f.e.m. indotta su di un sistema rettangolare di N


spire strettamente impacchettate che subisce induzione dal campo mag-
netico generato da un …lo rettilineo attraversato dalla corrente alternata
i = I0 sin(!t): Il piano delle spire è coplanare al …lo rettilineo, il lato l
è parallelo al …lo ed R rappresenta la distanza del lato più vicino al …lo
percorso da corrente. (v. …g xx). Il ‡usso vale

0 N li h
= ln(1 + ) (8.4e - a)
2 R
e la f.e.m
0 IN l! h
v= ln(1 + ) cos(!t) (8.4e - b)
2 R

121
2. Legge di Faraday per un campo H assiale attraverso un conduttore cilin-
drico a sezione geometrica costante avente forma qualsiasi e di spessore
(s) sottile e variabile lungo il cammino s 2 @ (v. …g.xx), dove s è la
lunghezza lungo il contorno.. Il conduttore ha conducibilità (s) dipen-
dente dal cammino ed è attraversato da una densità di corrente super…ciale
costante J perpendicolare all’asse del cilindro.
I Z
ds d
J = B d (8.5e - a)
(s) (s) dt
@

La condizione di continuità è
H0 + H i = J (8.5e - b)

3. Rispetto all’esempio precedente consideriamo un foglio cilindrico metallico


di raggio a con spessore e conducibilità uniforme. In tal caso se viene ap-
plicato all’esterno del cilindro un campo H0 (t) variabile, il campo interno
non si forma istantaneamente ma ha bisogno di un tempo caratteristico
per sintonizzarsi con H0 :
1
= a (8.6e - a)
2 0
In particolare la densità di corrente e il campo interno hanno andamento
esponenziale
J = H0 e t= (8.7e - b)
t=
Hi = H0 (1 e ) (8.7e - c)
Il campo elettrico è calcolato ad ogni circonferenza di raggio arbitrario
0a a dHi r a dH0
E (r) = [ +( ) ] , r > a (8.7e - d)
2 r dt a r dt
0 r dHi
E (r) = , r<a (8.7e - e)
2 dt

122
4. Supponiamo ora che il foglio cilindrico dell’esempio (3) sia attraversato
da un campo sinusoidale collineare col suo asse H0 (t) = Re H0 ej!t uz ; il
campo magnetico interno ottenuto in risposta dopo un ritardo m è
H0 ej!t
Hi (t) = uz (8.8e - a)
1 + j! m
1
m = a (8.8e - b)
2 0
La densità di corrente super…ciale è
j! m H0 ej!t
J= u (8.8e - c)
1 + j! m
La potenza media dissipata nell’intero volume del conduttore vale
al (! m )2
hpd i = jH0 j2 (8.8e - d)
1 + (! m )2
e il campo elettrico risulta
J
E = (8.8e - f)

Esempi - Conservazione della carica

1. La densità di carica all’interno di un …lo inde…nito a sezione circolare di


raggio R è (t) = 0 (t)e r=a , per r < R: La densità di corrente radiale è
a2 r r d 0
jr = [e a (1 + ) 1] (8.9e)
r a dt
2. La condizione di continuità per la conservazione della carica si scrive
@ S
n (ja jb ) + =0 (8.10e)
@t
3. In una regione di spazio a simmetria sferica è presente una densità di
carica uniforme che varia nel tempo = 0 (t): La densità di corrente è
rd 0
j= ir (8.11e)
3 dt

123
ONDE ELETTROMAGNETICHE
pp. 124-141

Equazioni di Maxwell per le Onde


(nel vuoto = 0, j = 0)

@B
r E = 0 , r E= (9.1 - a)
@t
@E
r B = 0 , r B = "0 0 (9.1 - b)
@t
Velocità della luce nel vuoto
1
c= p = 299:792:458 m/s (9.2)
"0 0

Equazioni di Maxwell per le Onde


(nei materiali omogenei)

@B
r E = 0 , r E= (9.3 - a)
@t
@E
r B = 0 , r B=" (9.3 - b)
@t
Velocità della luce nel materiale
1 c
v = p =p (9.4)
" "r r
r 1 in molti materiali

Equazioni delle Onde Elettromagnetiche


(equazione omogena per materiali lineari o nel vuoto)

@2E
r2 E " = 0 (9.5 - a)
@t2
@2B
r2 B " = 0 (9.5 - b)
@t2
Onda Piana
(nel vuoto)

jEj = cjBj , E B =0 (9.6 - a)


1 2
E B = jEj u = cjBj2 u = jEjjBju (9.6 - b)
c
u è il versore di propagazione dell’onda piana.

Onda Piana Armonica


(caso particolare di onda piana)

124
E = Re[E0 ei(k x !t+ )
]e = E0 cos(k x !t + )e (9.7 - a, b)
E0
B = Re[B0 ei(k x !t+ )
]e k = cos(k x !t + )e k
c
k è il vettore d’onda che de…nisce la direzione di propagazione e ha modulo
2 2
jkj = , k= u (9.8)

mentre e indica il versore di direzione del campo elettrico ed è detto vettore di


polarizzazione.

Onda Sferica
(direzione di propagazione radiale)

@ 2 (rE) @ 2 (rE)
2
= v2 (9.9)
@t @r2
Soluzione generale
r
c1 f (t c) + c2 g(t + rc )
E= (9.10)
r
Soluzione armonica
E0
E= sin(kr !t + ) (9.11)
r

Onda Cilindrica
1 @ @E 1 @2
(r )= 2 2 (9.12)
r @r @r v @t
Le soluzioni sono le funzioni di Bessel
E
E p0 sin(kr !t + ) per r 0 (9.13)
r

Polarizzazione
L’onda si dice polarizzata quando il versore di oscillazione del campo E che
si muove nel piano ortogonale alla direzione di propagazione k dell’onda può
essere espresso da una funzione matematica temporale.
Fra i tipi di polarizzazione più importanti abbiamo

1. lineare: è costante nel tempo (ad es.onda piana armonica)

= cos( )e1 + sin( )e2 (9.14)

125
2. circolare: il versore ruota su di una circonferenza alla stessa velocità
angolare ! dell’onda nel piano generato da due versori e1 ; e2 mutuamente
perpendicolari, che è ortogonale alla direzione di propagazione k dell’onda
cos(!t + )e1 + sin(!t + )e2
= p (9.15)
2

3. ellittica: il versore ruota su di un ellisse di semiassi a; b alla stessa


velocità angolare ! dell’onda nel piano generato da due versori e1 ; e2 mu-
tuamente perpendicolari, che è ortogonale alla direzione di propagazione
k dell’onda
a cos(!t + )e1 + b sin(!t + )e2
=q (9.16)
a2 cos2 (!t + ) + b2 sin2 (!t + )

Intensità dell’Onda Elettromagnetica


In un’onda elettromagnetica l’energia risulta per metà dovuta al campo elettrico
e per l’altra dal campo magnetico. Il vettore di Poynting ha modulo uguale
all’energia elettromagnetica che nell’unità di tempo scorre ortogonalmente alla
super…cie unitaria investita dall’onda e ha per direzione e verso quelli coincidenti
con l’onda stessa.
1 2 1 2 3
wem = "E + B = "E 2 (Jm ) (9.17)
2 2
La potenza di un’onda generica che viaggia nella materia a velocità v (oppure c
nel vuoto) e che investe un elemento di super…cie d orientata secondo il versore
un è
dP = ("E 2 v) un d (9.18)
vett:P oynting

126
L’intensità istantanea di un’onda è il modulo del vettore di Poynting. Poiché
le oscillazioni sono troppo rapide si preferisce e¤ettuare la media integrale pon-
derata sopra il periodo di oscillazione T :
Z
1 T
I= "E 2 vdt (9.19)
T 0
Impedenza Caratteristica del Mezzo
(E,H,Z sono fasori)
s
E j!
Z= ( ) , Z= (9.20 - a, b)
H + j!"
In un materiale lineare ideale a conduttività nulla si ha
r
Z= (9.21)
"
in particolare, nel vuoto e per molti dielettrici isotropi ed omogenei
r
0
Z0 = = 376:73 (9.22 - a)
"0
r
0 Z0 Z0
Z = =p = (9.22 - b)
"0 " r "r n

Intensità di onde polarizzate, sferiche e cilindriche


Intensità onda polarizzazita lineare
n 2
I1 = E cos2 (9.23 - a)
2Z0 0
n 2 2
I2 = E sin (9.23 - b)
2Z0 0
n 2
I = I1 + I2 = E (9.23 - c)
2Z0 0
Intensità onda polarizzata circolare
n 2
I1 = E (9.24 - a)
2Z0 0
n 2
I2 = E (9.24 - b)
2Z0 0
n 2
I = I1 + I2 = E (9.24 - c)
Z0 0
Intensità onda polarizzata ellittica
n 2
I1 = E (9.25 - a)
2Z0 0;1
n 2
I2 = E (9.25 - b)
2Z0 0;2
n
I = I1 + I2 = (E 2 + E0;22
) (9.25 - c)
2Z0 0;1

127
Intensità dell’onda sferica
1 E2 n E02
I = "v 20 = (9.26)
2 r 2Z0 r2
Intensità dell’onda cilindrica
1 E2 n E02
I = "v 0 = (9.27)
2 r 2Z0 r
Parametri di Stokes
I parametri di Stokes I; Q; U; V sono un insieme di valori che descrivono lo stato
di polarizzazione della radiazione elettromagnetica, inclusa la luce visibile, in
termini della sua intensità totale I, del suo grado di polarizzazione p 2 [0; 1] e
dei parametetri di forma dell’ellisse di polarizzazione.
Fissata una base ortonormale ex ; ey in cui il campo elettrico è descritto da
E = Ex ex + Ey ey = E0x ei(kz !t)
ex + E0y ei(kz !t+ )
ey (9.28)
i parametri di Stokes sono de…niti come
I = < Ex2 > + < Ey2 > (9.29 - a)
Q = <Ex2 > < >Ey2 (9.29 - b)
U = 2 < Ex Ey > cos (9.29 - c)
V = 2 < Ex Ey > sin (9.29 - d)
e il grado di polarizzazione p è dato da
p
Q2 + U 2 + V 2
p= 1 (9.30)
I
Nella sfera di Poincaré Q; U; V formano un vettore tridimensionale che ha coor-
dinate sferiche Ip; 2 ; 2
I = I I = p I
Q = Ip cos 2 cos 2 p = I 1 Q2 + U 2 + V 2
(9.31 - a, b)
U = Ip sin 2 cos 2 2 = arctan[U=Q]
V = Ip sin 2 2 = arctan[V (Q2 + U 2 ) 1=2 ]
(f. dirette) (f. inverse)

Immaginando che la polarizzazione sia in ogni istante ellittica con Ex (t); Ey (t)
variabili nel tempo, rappresenta l’angolo di polarizzazione tra il versore ex e
il semiasse maggiore dell’ellisse di polarizzazione, mentre rappresenta l’angolo
la cui tangente è data dal rapporto tra semiasse minore e maggiore.

128
Radiazione di Dipolo Elettrico Oscillante
Si considera un dipolo elettrico oscillante sinusoidalmente nel tempo q(t) =
q0 sin(!t); centrato nell’origine e diretto lungo l’asse z; con carica positiva po-
sizionata in (0; 0; + a2 ) e carica negativa in (0; 0; a2 ): La lunghezza a del dipolo
è ritenuta molto minore della lunghezza d’onda emessa = cT = 2 c=! e su
di essa transita la corrente elettrica sinusoidale i(t) = i0 cos(!t): Il momento di
dipolo vale

p = qauz = q0 a sin(!t)uz = p0 sin(!t)uz (9.32 - a)


i0 a
p0 = q 0 a = (9.32 - b)
!
In prossimità del dipolo, cioè per r ma comunque a grandi distanze r a
il campo è
p cos p0 cos
Er = = sin(!t) (9.33 - a)
2 "0 r 3 2 "0 r 3
p sin p0 sin
E = = sin(!t) (9.33 - b)
4 "0 r 3 4 "0 r 3
dove è la colatitudine.
Quando a i campi valgono
2 cos p0 p
Er = [ + ] , Br = 0 (9.34 - a)
4 "0 r 2 c r
sin p00 p0 p
E = [ + + ] , Br = 0 (9.34 - b)
4 "0 r c2 cr r2
sin p00 p0
E' = 0 , B' = 0 [ + ] (9.34 - c)
4 r c r
Per questioni ingegneristiche interessa molto il caso r a

Er = 0 (9.35 - a)
p0 sin ! 2
E = sin(kr !t) = (9.35 - b)
4 "0 c2 r
p0 sin 1
= sin(kr !t)
"0 r 2
L’intensità vale
I0 sin2
I(r; ) = = < PP oynting > (9.36 - a)
r2
2 4
p0 ! i20 a2 ! 2
I0 = = (9.36 - b)
32 2 "0 c3 32 2 "0 c3
La potenza irradiata totale è
8 1
P = I0 = Rant i20 (9.37)
3 2

129
dove Rant è una grandezza chiamata resistenza d’antenna
a2 ! 2 2 a2 a2
Rant = = Z0 2 = 789:5 2 ( ) (9.38)
6 "0 c3 3

Radiazione di Dipolo Magnetico


Supponiamo di avere un dipolo magnetico costituito da una spira di area
percorsa dalla corrente i = i0 sin !t centrata nell’origine, disposta nel piano xy
e avente momento magnetico m = m0 sin(!t); con m0 = i0 : I campi valgono

0 m0 sin ! 2
E = E' = sin(kr !t) , B = E=c (9.39 - a, b)
4 c r
L’intensità e la potenza sono
m20 ! 4 sin2
I = (9.40 - a)
32 "0 c5 r2
m20 ! 4
P = (9.40 - b)
12 "0 c5
La resistenza d’antenna in questo caso è
2
!4 8 3 2 2
Rant = = Z0 4 = 3:12 104 4 ( ) (9.41)
6 "0 c5 3

Analisi di Fourier
Una funzione limitata f (t) de…nita in un intervallo chiuso e limitato di lunghezza
T , ivi continua e derivabile a tratti tranne al più un numero …nito di punti nei
quali si ha discontinuità eliminabile, oppure salti con derivata destra e sinistra
reali, oppure punti angolosi è decomponibile in una serie periodica di termini
sinusoidali e cosinusoidali del tipo
1
X
f (t) = a0 + [ak sin(k!t) + bk cos(k!t)] (9.42)
k=1
I coe¢ cienti di Fourier sono
Z T
1
a0 = f (t)dt (9.43 - a)
T 0
Z T
2
ak = f (t) sin(k!t)dt (9.43 - b)
T 0
Z T
2
bk = f (t) sin cos(k!t)dt (9.43 - c)
T 0

La decomposizione si estende anche alle funzioni non periodiche de…nite su R


Z 1
f (t) = [a(!) sin(!t) + b(!) cos(!t)]d! (9.44)
0

130
con coe¢ cienti dati da
Z +1
1
a(!) = f (t) sin(!t)dt (9.45 - a)
1
Z +1
1
b(!) = f (t) cos(!t)dt (9.45 - b)
1

Gli sviluppi ora e¤ettuati rispetto al tempo possono anche essere eseguiti rispetto
allo spazio mediante sostituzione della coppia (t; !) con (x; k), dove k è il numero
d’onda 2 = :
Nel caso complesso si ha
X1 Z
1 T
f (t) = cm eim!t ! cm = f (t)e im!t dt (9.46 - a)
1
T 0
Z +1 Z +1
izs 1
f (z) = c(z)e dz ! c(z) = f (s)e izs ds (9.46 - b)
1 2 1

Pacchetto d’onda
Il pacchetto d’onda è un’onda di durata ed estensione …nita contenente un in-
sieme in…nito di onde sinusoidali con diverso numero d’onda che interferiscono
costruttivamente in una piccola regione e distruttivamente nel resto dello spazio.
Nel caso monodimensionale il pacchetto d’onda è e¢ cacemente descritto dall’integrale
di Fourier di tutte le ampiezze A(k) relative ad un certo numero d’onda k :
Z +1
1
f (x; t) = p A(k)ei[kx !(k)t] dk (9.47 - a)
2 1
Z +1
1
A(k) = p f (x; 0)e ikx dx (9.47 - b)
2 1

Le ampiezze A(k) tenderanno a concentrarsi all’interno di una banda di fre-


quenze e ad annullarsi all’esterno di essa. In un mezzo non dispersivo in cui
le frequenze angolari rientrano nella banda [! 1 ; ! 2 ] e tutte le componenti hanno
la stessa velocità e la stessa ampiezza E0 e rimangono in fase, il pacchetto è
descritto nel dominio del tempo dalla formula:
k !
! 0 t] sin( 2 x 2 t)
E = E0 ei[k0 x k !
(9.48 - a)
2 x 2 t

dove
k1 + k2 !1 + !2
k0 = , !0 = (9.48 - b)
2 2
k = k2 k1 , ! = ! 2 ! 1 (9.48 - c)
Poiché si prende in considerazione solo la parte in cui l’inviluppo è signi…ca-
tivamente diversa da zero, si de…niscono tempo di coerenza tc e lunghezza di
coerenza lc le grandezze
4 4
tc , lc = (9.49 - a, b)
! k

131
Invece in un mezzo dispersivo con indice di rifrazione dipendente dalla fre-
quenza n(!); le velocità delle componenti non rimangono più uguali sebbene
ognuna mantenga invariata la sua frequenza angolare, perciò k = k(!). Se
! ! 0 allora
d(nk)
nk = n0 k0 + (! ! 0 ) + o(! !0 ) (9.50)
d! !0

mentre il pacchetto viene descritto da


Z
E0 ! 2
E = cos[n(!)k(!)z !t]d! = (9.51)
! !1
sin[n0 k0 x + x d(nk)
d! (! 2 !0 ) ! 2 t] sin[n0 k0 x + x d(nk)
d! (! 1 !0 ) ! 1 t]
= E0
( k)x ( !)t
La velocità di fase del pacchetto è
!0 c
vf = = (9.52)
n0 k0 n0
la velocità di gruppo è
! !2 !1 lc
vg = = = < vf (9.53)
(nk) n2 k2 n1 k1 tc

Pressione di radiazione
(su una super…cie opaca)

La pressione per una radiazione isotropica è


1
p= u(1 + R) (9.54)
3
dove u è la densità di energia incidente della radiazione (Jm 3 ), R il coe¢ ciente
di potenza ri‡essa (v. cap. Ottica).
In caso di ri‡essione speculare con angolo di incidenza i dobbiamo distinguere
tra pressione di radiazione normale e tangenziale (anche se non c’è accordo su
quest’ultima de…nizione):

p? = u(1 + R) cos2 i (9.55 - a)


pk = u(1 R) cos i sin u(1 + R) cos2 i (9.55 - b)

In un campo di radiazione uniforme prodotto da un corpo nero che si trova


all’equilibrio termico alla temperatura T si ha
u 4 4
p= = T ; (Stefan-Boltzmann) (9.56)
3 3c

132
Se la sorgente luminosa è puntiforme con luminosità L allora

L(1 + R)
p= (9.57)
4 r2 c
Il ‡usso medio di energia di un’onda piana (calcolato con il vettore di Poynting)
diviso per la velocità della luce è uguale alla pressione di radiazione.

Radiometria

Energia radiante: energia trasportata da un qualunque campo di radiazione


elettromagnetica. L’angolo è compreso tra la direzione di e la normale di
A: Assumiamo che la super…cie radiante sia opaca 0 2
ZZZ
Qe = Le; cos dAd dt (J) (9.58)

Densità di energia radiante: energia radiante per unità di volume


@Qe 3
we = (Jm ) (9.59)
@V
Se il ‡usso di energia radiante è perpendicolare alla super…cie investita allora
l’irragiamento è
Ee = cwe (9.60)
Flusso radiante/potenza radiante: Energia radiante emessa, ri‡essa, trans-
messa o ricevuta, per unità di tempo.
ZZ
@Qe
e = = Le; cos dAd (W) (9.61)
@t

Il ‡usso radiante è legato al vettore di Poynting dalla relazione


I
e = P ndS (W) (9.62)

tuttavia normalmente P è sostituito col valor medio della norma hjPji :

133
Intensità radiante: Flusso radiante emesso, ri‡esso, trasmesso o ricevuto, per
unità di angolo solido in una certa direzione da una sorgente puntiforme.
@ e 1
Ie; = (Wsr ) (9.63)
@
Radianza: potenza elettromagnetica ri‡essa, trasmessa, emessa o ricevuta da
una super…cie, per unità di angolo solido unitario per unità di area proiettata
cos dA. Il valore e è il ‡usso radiante (W). L’angolo è compreso tra la
direzione di e la normale di A
@2 e 2 1
Le; = (Wm sr ) (9.64)
@A@ cos
Emittanza radiante: potenza emessa da una super…cie per unità di area
@ e;em 2
Me = (Wm ) (9.65)
@A
Per una super…cie l’emittanza si calcola con la legge di Stefan-Boltzamann.
Irradianza: ‡usso radiante ricevuto da una super…cie per unità di area
@ e;ric 2
Ee = (Wm ) (9.66)
@A
L’irradianza è uguale alla componente perpendicolare del vettore di Poynting
che investe la super…cie
Ee = hjPji cos (9.67)
Irraggiamento: potenza emessa Je;em = Me , ri‡essa Je;r e trasmessa Je;tr da
una super…cie per unità di area. Formalmente è simile all’emittanza, soltanto
che si contempla anche il caso di potenza irradiata che non ha origine dal corpo.
@ e 2
Je = = Je;em + Je;r + Je;tr (Wm ) (9.68)
@A
Per un corpo opaco Je;tr = 0:
Esposizione radiante: Energia radiante ricevuta da una super…cie per unità
di area, o equivalentemente l’irradianza di una super…cie integrata sul tempo.
Z T
@Qe 2
He = = Ee (t)dt (Jm ) (9.69)
@A 0

Flusso spettrale radiante: ‡usso radiante per unità di frequenza o di lunghezza


d’onda
@ e 1
e; = (WHz ) (9.70 - a)
@
@ e 1
e; = (Wm ) (9.70 - b)
@

134
Intensità spettrale in frequenza: Flusso radiante emesso, ri‡esso, trasmesso
o ricevuto, per unità di angolo solido e per unità di frequenza in una certa
direzione da una sorgente puntiforme.
@Ie; 1 1
Ie; ; = (Wsr Hz ) (9.71)
@
Intensità spettrale in lunghezza d’onda: Flusso radiante emesso, ri‡esso,
trasmesso o ricevuto, per unità di angolo solido e per unità di lunghezza d’onda
in una certa direzione da una sorgente puntiforme.
@Ie; 1 1
Ie; ; = (Wsr m ) (9.72)
@
Radianza spettrale in frequenza: potenza elettromagnetica ri‡essa, trasmessa,
emessa o ricevuta da una super…cie, per unità di angolo solido unitario per unità
di area proiettata cos dA per unità di frequenza.
@Le; 2 1 1
Le; ; = (Wm sr Hz ) (9.73)
@
Radianza spettrale in lunghezza d’onda: potenza elettromagnetica rif-
lessa, trasmessa, emessa o ricevuta da una super…cie, per unità di angolo solido
unitario per unità di area proiettata cos dA per unità di lunghezza d’onda.
@Le; 2 1 1
Le; ; = (Wm sr m ) (9.74)
@
Irradianza spettrale in frequenza: irradianza ricevuta da una super…cie per
unità di frequenza
@Ee 2
Ee; = (Wm Hz 1 ) (9.75)
@
Irradianza spettrale in lunghezza d’onda: irradianza ricevuta da una su-
per…cie per unità di lunghezza d’onda
@Ee 3
Ee; = (Wm ) (9.76)
@
Irraggiamento spettrale in frequenza: irraggiamento emesso da una su-
per…cie per unità di frequenza
@Je 2 1
Je; = (Wm Hz ) (9.77)
@
Irraggiamento spettrale in lunghezza d’onda: irraggiamento emesso da
una super…cie per unità di lunghezza d’onda
@Je 2 1
Je; = (Wm nm ) (9.78)
@
Esposizione spettrale in frequenza:
@He 2 1
He; = (Jm Hz ) (9.79)
@

135
Esposizione spettrale in lunghezza d’onda:
@He 2 1
He; = (Jm nm ) (9.80)
@
Emittanza spettrale in frequenza
@Me 2 1
Me; = (Wm Hz ) (9.81)
@
Emittanza spettrale in lunghezza d’onda
@Me 2 1
Me; = (Wm nm ) (9.82)
@
Emissività semisferica: per una super…cie è il rapporto tra l’emittenza ra-
diante di quella super…cie e l’emittanza radiante di un corpo nero (BB : black
body) alla stessa temperatura su quella super…cie (calcolata con la legge di
Stefan-Boltzamann)
Me
" = BB (adim.) (9.83)
Me
Emissività semisferica spettrale in frequenza: Me; è l’emittanza spet-
trale in frequenza
Me;
" = BB (adim.) (9.84)
Me;
Per un corpo nero
BB 2 h 3 1
Me; = (9.85)
c2 eh =kB T 1
Emissività semisferica spettrale in lunghezza d’onda: Me; è l’emittanza
spettrale in lungh. d’onda
Me;
" = BB
(adim.) (9.86)
Me;

Per un corpo nero


cn 2 hc2 1
Je; ;em = 5 (9.87)
ehc= kB T
1
Emissività direzionale: Le; è la radianza di una super…cie

Le;
" = (adim.) (9.88)
LBB
e;

Emissività direzionale in frequenza: Le; ; è la radianza spettrale in fre-


quenza
Le; ;
" ; = BB (adim.) (9.89)
Le; ;

136
Emissività direzionale in lunghezza d’onda: Le; ; è la radianza spettrale
in lunghezza d’onda
Le; ;
" ; = BB (adim.) (9.90)
Le; ;
Fattore Assorbimento emisferico: data una super…cie di materiale è l’assorbimento
e¤ettivo di energia radiante dato dalla frazione di potenza elettromagnetica in-
cidente assorbita nell’interfaccia. A I
e è il ‡usso radiante assorbito, mentre e è
il ‡usso radiante incidente da quella super…cie.
A
e
A= I
(adim.) (9.91)
e

Fattore Assorbimento emisferico spettrale in frequenza


A
e;
A = I
(adim.) (9.92)
e;

Fattore Assorbimento emisferico spettrale in lunghezza d’onda


A
e;
A = I
(adim.) (9.93)
e;

Fattore Assorbimento direzionale: radianza assorbita divisa la radianza


incidente dalla super…cie
LA
e;
A = I (adim.) (9.94)
Le;
Fattore Assorbimento direzionale in frequenza

LA
e; ;
A ; = (adim.) (9.95)
LIe; ;

Fattore Assorbimento direzionale in lunghezza d’onda

LA
e; ;
A ; = (adim.) (9.96)
LIe; ;

Ri‡ettanza emisferica
R
e
R= I
(9.97)
e
Ri‡ettanza emisferica spettrale in frequenza
R
e;
R = I
(9.98)
e;

137
Ri‡ettanza emisferica spettrale in lunghezza d’onda
R
e;
R = I
(9.99)
e;

Ri‡ettanza direzionale
LR
e;
R = (9.100)
LIe;
Ri‡ettanza spettrale direzionale in frequenza
LR
e; ;
R ; = (9.101)
LIe; ;

Ri‡ettanza spettrale direzionale in lunghezza d’onda


LR
e; ;
R ; = I
(9.102)
Le; ;

Trasmittanza emisferica
T
e
T = I
(9.103)
e
Trasmittanza emisferica spettrale in frequenza
T
e;
T = I
(9.104)
e;

Trasmittanza emisferica spettrale in lunghezza d’onda


T
e;
T = I
(9.105)
e;

Trasmittanza direzionale
LTe;
T = (9.106)
LIe;
Trasmittanza direzionale spettrale in frequenza
LTe; ;
T ; = (9.107)
LIe; ;

Trasmittanza direzionale spettrale in lunghezza d’onda


LTe; ;
T ; = (9.108)
LIe; ;

Coe¢ ciente di assorbimento: e è il ‡usso radiante, z è la direzione di


attenuazione del fascio.
1 d e 1
= (m ) (9.109)
e dz

138
Coe¢ ciente di assorbimento spettrale in frequenza
1 d e; 1
= (m ) (9.110)
e; dz
Coe¢ ciente di assorbimento spettrale in lunghezza d’onda
1 d e; 1
= (m ) (9.111)
e; dz
Coe¢ ciente di assorbimento direzionale
1 dLe; 1
= (m ) (9.112)
Le; dz

Fotometria
Candela (cd): unità di misura dell’intensità luminosa, de…nita come l’intensità
luminosa in una data direzione di una sorgente che emette radiazione monocro-
matica alla frequenza 540 1012 Hz con intensità radiante pari a 1/683 W per
steradiante
Lumen (lm): ‡usso luminoso visibile emesso da una sorgente isotropica con
intensità luminosa di 1 candela per ogni angolo solido di 1 steradiante. La
stessa sorgente isotropica con intensità luminosa di 1 candela emette un ‡usso
luminoso totale di 4 lumen.
1lm = 1cd 1sr (9.113)
Lux (lx): unità di misura dell’illuminamento, è pari ad un lumen al metro
quadrato
1lm
1lx = 2 (9.114)
m
Lumen-secondo (lm s): unità di misura dell’energia luminosa, talvolta chia-
mata Talbot (T).
Energia luminosa: energia della luce percepita dall’occhio umano, non cor-
risponde all’energia radiante che è una grandezza …sica. L’occhio umano può
solo vedere la luce nello spettro visibile con un grado di sensitività dipendente
dalla lunghezza d’onda, il massimo della sensitività si ha a 555 nm, mentre fuori
dallo spettro visibile l’energia luminosa è considerata nulla.
ZZZ
Qv = Lv cos dAd dt (lm s) (9.115)

Flusso luminoso: potenza percepita della luce per unità di tempo


@Qv
v = (lm) (9.116 - a)
Z@t
Z
v = Lv cos dAd (9.116 - b)

139
Funzione standard di luminosità:
Visione scotopica: minore di 0,001 cd/m2 (solo bastoncelli della retina)
Visione mesopica: compresa tra 0,001 cd/m2 e 3 cd/m2 (condizione mista)
Visione fotopica: maggiore di 3 cd/m2 (solo coni della retina)

Intensità luminosa: potenza luminosa per unità di angolo solido


@ v
Iv = (cd) (9.117 - a)
Z@
Iv = Lv cos dA (9.117 - b)

L’intensità luminosa per una luce monocromatica ad una particolare lunghezza


d’onda è
Iv = 683Ie y( ) (9.118)
dove Ie è l’intensità radiante (W sr 1 ) e y( ) è la funzione standard di lumi-
nosità. Se sono presenti più componenti allora Iv si ottiene per integrazione
Z 1
dIe ( )
Iv = 683 y( ) d (9.119)
0 d
Luminanza: rapporto tra l’intensità luminosa emessa da una sorgente nella
direzione dell’osservatore e l’area apparente della super…cie emittente, così come
vista dall’osservatore. La luminanza indica l’abbagliamento di una sorgente. La
luminanza è espressa in cd=m2 talvolta indicata come N it:

1 d2 v 2
Lv = (cd m ) (9.120)
cos dAd
Illuminamento: potenza luminosa ottenuta come rapporto tra il ‡usso lu-
minoso (misurato in lumen) incidente su una super…cie e la super…cie stessa
dell’oggetto illuminato - è quindi riferita all’oggetto illuminato e non alla sor-
gente; è massimo quando la super…cie è disposta perpendicolarmente ai raggi

140
luminosi e diventa nullo quando i raggi sono paralleli alla super…cie. L’unità di
misura è detta lux (lx = lm m 2 )
@ v 2
Ev = (lm m ) (9.121 - a)
Z@A
Ev = Lv cos dA (9.121 - b)

Radianza luminosa: a di¤erenza dell’illuminamento è la potenza luminosa


ottenuta come rapporto tra il ‡usso luminoso (lumen) emesso da una super…cie
e la super…cie stessa
@ v
Mv = (lm m 2 ) (9.122)
@A

Trasferimento Radiativo
La propagazione di una radiazione attraverso un mezzo è soggetta a processi di
assorbimento, emissione e di¤usione.
L’equazione del trasferimento radiativo dice semplicemente che se un fascio
di radiazioni si propaga nella materia allora perde energia per assorbimento,
guadagna energia per emissione e redistribuisce energia per di¤usione (scatter-
ing).
Nel cap.9 abbiamo de…nito la radianza Le; (9.64) come la quantità di energia
elettromagnetica ri‡essa, trasmessa, emessa o ricevuta da una super…cie, per
unità di angolo solido unitario per unità di area proiettata cos dA nell’unità di
tempo, dove è l’angolo compreso tra la direzione di e la normale di A. La
sua unità di misura è [Wm 2 sr 1 ].
La radianza spettrale in frequenza Ie; ; (9.74) è la radianza per unità di fre-
quenza
@Le; 2
Ie; ; = (Wm sr 1 Hz 1 )
@
Con queste de…nizioni l’equazione integro-di¤erenziale del trasporto radiativo
diventa
Z
1 @ k ;s
b rIe; ; + (k ;s + k ;a )Ie; ; = j +
Ie; ; + n Ie; ; d (9.123)
c @t 4
dove nb è il versore nella direzione di , k ;s e k ;a sono rispettivamente i
coe¢ enti di opacità di scattering e opacità di assorbimento e j è il coe¢ ciente
di emissione.
b è adimensionale, i coe¢ cienti di opacità k ;s e k ;a si misurano in
Il versore n
m 1 e il coe¢ ciente di emissione si misura in [Wm 3 sr 1 Hz 1 ]

141
OTTICA
pp.142-159

Principio di Fermat
Tra tutti i possibili cammini che un raggio di luce può percorrere per andare da
un punto a un altro, esso segue il cammino che richiede il tempo più breve.

In chiave moderna si preferisce l’asserzione più generale:


La lunghezza ottica del percorso seguito dalla luce tra due punti …ssati, A e B, è
un estremo. La lunghezza ottica è de…nita come la lunghezza …sica moltiplicata
per l’indice di rifrazione n del materiale.
Z B
S= nds = 0 (10.1)
A

Principio di Huygens-Fresnel
Ogni elemento d di un fronte d’onda diventa esso stesso sorgente di onde
sferiche secondarie in fase con la primaria con ampiezza proporzionale a quella
dell’onda primaria e all’area d . La perturbazione prodotta in un punto dello
spazio si può sempre ottenere come sovrapposizione di tutte le onde sferiche
secondarie che raggiungono quel punto.

Teorema Integrale di Kirchho¤


Fornisce la soluzione U (x) all’equazione d’onda omogenea in un punto arbitrario
x in funzione dei valori dell’ampiezza U e delle sue derivate prime normali in
tutti i punti di una super…cie arbitraria chiusa S che contiene x.
Se l’onda è monocromatica e il versore di super…cie n b punta verso l’interno
allora: I
1 @ eiks eiks @U
U (x) = [U ( ) ]dS (10.2)
4 @bn s s @b n
S
@f
dove s è la distanza del punto interno x dall’elemento dS e naturalmente @b
n =
rf n b

Equazione dell’iconale
L’iconale S è una grandezza proporzionale alla fase dell’onda usata per descri-
vere la sua propagazione. Nel caso dell’ottica geometrica i raggi di propagazione
sono le traiettorie ortogonali alle super…ci d’onda, intese come luogo dei punti
in cui la funzione iconale (cioè la fase) è costante.
Un campo elettrico monocromatico che attraversa un mezzo isotropo ma diso-
mogeneo si può scrivere come
!
E(x; t) = E0 (x) exp[ i(!t S(x))] (10.3)
c

142
Detto n(x) l’indice di rifrazione del mezzo nel punto x l’equazione dell’iconale
allora assume la seguente forma:

jrS(x)j = n(x) (10.4)

Se r(s) è la traiettoria di un raggio luminoso parametrizzata con ascissa curvi-


linea s allora l’equazione del raggio diventa

d dr(s)
(n ) = rn (10.5)
ds ds
dove dr=ds è il versore tangente alla traiettoria del raggio ed è legato all’iconale:

dr rS
= (10.6)
ds n

Leggi della Ri‡essione


1. Il raggio incidente, il raggio ri‡esso e la normale al piano nel punto di
incidenza giacciono sullo stesso piano.
2. L’angolo di incidenza e l’angolo di ri‡essione sono uguali.

inc = rif l (10.7)

Leggi della Rifrazione


1. Il raggio incidente, il raggio rifratto e la normale al piano della super…cie
di separazione tra i due mezzi trasparenti nel punto di incidenza giacciono
sullo stesso piano.
2. Legge di Snell:
n1 sin 1 = n2 sin 2 (10.8)
oppure
sin 1 v1 1 n2
= = = (10.9)
sin 2 v2 2 n1
In forma vettoriale indichiamo con s il versore del raggio luminoso inci-
dente e con n la normale del piano di separazione

cos 1 = js nj (10.10 - a)
r
n1
cos 2 = 1 ( )2 (1 cos2 1 ) (10.10 - b)
n2
n1 n1
srif r = ( )s + (cos 2 cos 1 )n (10.10 - c)
n2 n2

143
Supponendo che il mezzo trasmittente abbia indice di rifrazione minore del
primo (n2 < n1 ) l’angolo limite è l’angolo critico c col quale il raggio incidente
entra nel mezzo trasmittente con un angolo di rifrazione pari a 90 :
n2
c = arcsin (10.11)
n1
Interfaccia tra due dielettrici
Consideriamo un’onda incidente (E; B), rifratta (E 0 ; B 0 ) e ri‡essa (E 00 ; B 00 );
monocromatiche all’interfaccia tra due mezzi dielettrici omogenei di permeabil-
ità e permittività ; " e 0 ; "0
E = E0 cos(k x !t + ) (10.12 - a)
p
B = "(k E)=jkj (10.12 - b)

E0 = E00 cos(k0 x0 !t + ) (10.12 - c)


0
p
B = 0 "0 (k0 E0 )=jk0 j (10.12 - d)

E00 = E000 cos(k x !t + ) (10.12 - e)


p
B00 = "(k00 00
E )=jkj (10.12 - f)
00 p 0 0
p 0 0
dove k = [kx ; ky ; kz ], k = jkj = jk j = ! " e k = jk j = ! ":
Senza perdita di generalità quando la normale all’interfaccia è l’asse z allora k0
e k00 sono semplici da determinare:
k0 = [kx ; ky ; kz ] (10.13 - a)
s
!2 0 0
k00 = [kx ; ky ; kz 1+ ( " ")] (10.13 - b)
kz2
Le equazioni generali della ri‡essione e della rifrazione per le componenti dei
campi elettrici e magnetici rispettano - eq.(3.1): continuità della componente
normale di D.
- eq.(3.2): continuità della componente normale di B.
- eq.(3.3): continuità della componente parallela di E.
- eq.(3.4): continuità della componente parallela di H.
["(E + E00 ) "0 E0 ] ns = 0 (10.14 - a)
00 00 0 0
[k E+k E k E ] ns = 0 (10.14 - b)
00 0
[E + E E] ns = 0 (10.14 - c)
1 1
[ (k E + k00 E00 ) 00
(k0 E0 )] ns = 0 (10.14 - d)

a tali equazioni vanno aggiunte le condizioni


k E = 0 , k0 E0 = 0 , k00 E00 = 0 (10.14 - e)
k x = k0 x0 = k00 x00 (10.14 - f)

144
Coe¢ cienti di Ri‡essione e Trasmissione
In generale prima si risolve il sistema algebrico (precedente) che deve essere
tradotto nella equivalente forma matriciale ME e = b e dopo si calcolano i co-
e¢ enti R; T: De…nisco le seguenti costanti ausiliarie:

a0x = kx0 =kz , a0y = ky0 =kz , a0z = kz0 =kz (10.15 - a)
b00x = kx00 =kz , b00y = ky00 =kz , b00z = kz00 =kz , c = 0
(10.15 - b)

La matrice M del sistema algebrico è

0 0 "0 =" 0 0 1
a0x a0y a0z 0 0 0
0 1 0 0 1 0
M= (10.16 - a)
1 0 0 1 0 0
ca0z 0 ca0x b00z 0 b00x
0 ca0z ca0y 0 b00z b00y

e e il vettore dei termini noti sono:


il vettore incognito E
e =
E [Ex0 ; Ey0 ; Ez0 ; Ex00 ; Ey00 ; Ez00 ]T (10.16 - b)
kx kx
b = [Ez ; 0; Ey ; Ex ; Ex Ez ; Ez Ey ]T (10.16 - c)
kz kz
La componente del campo elettrico normale al piano di incidenza cambia la fase
di radianti sotto una ri‡essione quanto il mezzo incidente ha un indice di
rifrazione più basso del mezzo trasmittente, altrimenti non c’è sfasamento.

In generale i coe¢ cienti R, T valgono:


q
"0
jE000 j2 0 jE00 j2 cos rb
R= , T = q (10.17)
jE0 j2 " jE0 j2 cos bi

R+T =1 (10.18)

Leggi di Fresnel
Indicheremo d’ora in poi con gli indici i; r; t risp. le ampiezze del campo elettrico
incidente, ri‡esso e trasmesso, con il piano di incidenza. Inoltre supporremo
che le permeabilità magnetiche relative dei due mezzi siano uguali ad uno ( r1 =
r1 = 1). Distinguiamo tre casi notevoli.

[1] Campo E k (modo TM) e polarizzato rettilineamente


r i t i
Etm = rEtm , Etm = tEtm (10.19 - a)

145
n2 cos i n1 cos t tan( t) i
r = = (10.19 - b)
n2 cos i + n1 cos t tan( + t) i
2n1 cos i 2 sin t cos i
t = = (10.19 - c)
n2 cos i + n1 cos t sin i cos i + sin t cos t

La frazione di potenza ri‡essa è data dal coe¢ ciente di ri‡essione

tan2 ( i t)
R = r2 = (10.19 - d)
tan2 ( i + t)

La frazione di potenza trasmessa è data dal coe¢ ciente di trasmissione


n2 cos t 2 sin(2 i ) sin(2 t )
T = t = 2 (10.19 - e)
n1 cos i sin ( i + t ) cos2 ( i t)

[2] Campo E ? (modo TE) e polarizzato linearmente


r i t i
Ete = rEte , Ete = tEte (10.20 - a)

n1 cos i n2 cos t sin( i t)


r = = (10.20 - b)
n1 cos i + n2 cos t sin( i + t )
2n1 cos i 2 sin t cos i
t = = (10.20 - c)
n1 cos i + n2 cos t sin( i + t )
La frazione di potenza ri‡essa è data dal coe¢ ciente di ri‡essione

sin2 ( i t)
R = r2 = (10.20 - d)
sin2 ( i + t)

La frazione di potenza trasmessa è data dal coe¢ ciente di trasmissione


n2 cos t 2 sin(2 i ) sin(2 t )
T = t = (10.20 - e)
n1 cos i sin2 ( 2
i + t ) cos ( i t)

[3] Incidenza normale alla super…cie di separazione


L’angolo di incidenza è nullo, la direzione di incidenza coincide con la normale
al piano di separazione
Er n1 n2
r = = (10.21 - a)
Ei n1 + n2
Et 2n1
t = = (10.21 - b)
Ei n1 + n2
I coe¢ cienti di ri‡essione e rifrazione sono
n1 n2 2
R = r2 = ( ) (10.21 - c)
n1 + n2
n2 2 4n1 n2
T = t = (10.21 - d)
n1 (n1 + n2 )2

146
Intensità ri‡essa e rifratta
Indichiamo con il piano di incidenza e con il piano della super…cie di sep-
arazione tra i due mezzi. In generale, data un’onda incidente con i 6= 0 non
polarizzata in o in ; il campo elettrico incidente istantaneo si può scomporre
in due componenti:
Ei = Ei + Ei , Ii = Ii + Ii (10.22 - a)
I coe¢ cienti R, T sono de…niti come
Ir E0;r 2
R = =( ) (10.22 - b)
Ii E0;i
cos t It n2 cos t E0;t 2
T = = ( ) (10.22 - c)
cos i Ii n1 cos i E0;i

perciò la decomposizione diventa


E0;i 2 E0;i 2 I I
R = r2 ( ) + r2 ( ) =R i +R i (10.22 - d)
E0;i E0;i Ii Ii

n2 cos t Ii I I I
T = (t2 + t2 i )2 = T i + T i (10.22 - e)
n1 cos i Ii Ii Ii Ii

Legge di Malus
L’intensità luminosa I in uscita di un raggio di luce di intensità iniziale I0 che
attraversa un …ltro polarizzatore, il cui asse di polarizzazione forma un angolo
i con il piano di vibrazione dell’onda è

I = I0 cos2 i (10.23)

Nel caso di un’onda non polarizzata l’intensità uscente si dimezza.

Equazione di Sellmeier
E’ una relazione empirica tra l’indice di rifrazione e la lunghezza d’onda della
luce nel vuoto (non nel materiale: =n) per un particolare materiale vetroso
trasparente e ha perfezionato l’equazione di Cauchy.
2 2 2
B1 B2 B3
n2 ( ) = 1 + 2 + 2 + 2 (10.24)
C1 C2 C3
dove B1 ; B2 ; B3 e C1 ; C2 ; C3 sono i coe¢ cienti sperimentali di Sellmeier. Per
esempio il vetro crown BK7 ha B1 1:0396; B2 0:2318; B3 1:0105, C1
0:006 m2 ; C2 0:002 m2 ; C3 103; 5 m2 :

147
Specchi sferici
I raggi di luce provengono sempre dal semispazio relativo alla super…cie ri‡et-
tente, detto spazio delle immagini reali, il semispazio opposto invece è lo spazio
delle immagini virtuali. La distanza di una sorgente luminosa puntiforme nello
spazio reale dal vertice dello spacchio è p > 0; la distanza dell’immagine ri‡essa
dal vertice è q; dove q > 0 se l’iimagine è reale, q < 0 se l’immagine è virtuale:
Se lo specchio è concavo r > 0 e il centro è nello spazio immagine; se lo specchio
è convesso r < 0 e il centro è nello spazio reale:
1 1 1 r
+ = , f= (10.25 - a, b)
p q f 2

Diottro
E’ un sistema di due mezzi diversamente rifrangenti separati generalmente da
una super…cie sferica o piana. Nel caso di separazione sferica e in approssi-
mazione parassiale (cioè angoli di incidenza e di rifrazione piccoli, raggi luminosi
quasi paralleli all’asse ottico), l’equazione dei punti coniugati è:
n1 n2 n2 n1
+ = (10.26)
p q R
Il diottro è convergente se il potere convergente P è positivo, altrimenti è diver-
gente:
n2 n1
P = (10.27)
R
I punti principali del diottro sono il centro e i fuochi.
Il secondo fuoco è il punto in cui convergono i raggi luminosi provenienti dallo
spazio oggetto e paralleli all’asse ottico (p = 1):
n2
f2 = q = R (10.28 - a)
n2 n1
Il primo fuoco è il punto nello spazio oggetto con l’immagine posta all’in…nito
(q = 1) :
n1
f1 = p = R (10.28 - b)
n 2 n1
Inoltre valgono anche le relazioni
f1 n1
= , f2 f1 = R (10.29)
f2 n2
L’ingrandimento ottico trasversale è
y0 q R n1 q
I= = = (10.30)
y p+R n2 p

148
Equazione di Lensmaker per le lenti
Si applica alle lenti sottili sferiche il cui spessore d (distanza lungo l’asse ottico
tra i due vertici delle super…ci) non è comunque trascurabile rispetto ai raggi di
curvatura R1 , R2 delle lenti. La distanza focale f per una lente avente indice
di rifrazione n vale:
1 1 1 (n 1)d
= (n 1)[ + ] (10.31)
f R1 R2 nR1 R2
I segni dei raggi di curvatura seguono questa convenzione:

lente biconvessa: R1 > 0 , R2 < 0


lente biconvessa: R1 < 0 , R2 > 0
lente planare-convessa: R1 = 1 , R2 < 0
lente planare-concava: R1 = 1 , R2 > 0
lente menisco-convessa: R1 > 0 , R2 > 0
lente menisco-concava: R1 < 0 , R2 < 0

Se d è trascurabile rispetto ai raggi di curvatura si ha l’equazione delle lenti


sottili
1 1 1
= (n 1)[ ] (10.32)
f R1 R2

Interferenza
E’un fenomeno dovuto alla sovrapposizione, in un punto dello spazio, di due o
più onde normalmente coerenti. La coerenza perfetta tra due sorgenti di onde si
ha quando in ogni punto dello spazio si riscontra una di¤erenza di fase costante,
la stessa frequenza e la stessa forma d’onda.

Nel caso di due onde monocromatiche che si propagano nella stessa direzione x
e vibrano nello stesso piano di polarizzazione l’interferenza è descritta in
termini goniometrici:

y1 = A1 cos[k(x x1 ) !t + 1] (10.33 - a)
y2 = A2 cos[k(x x2 ) !t + 2] (10.33 - b)

Y = y1 + y2 = A cos(!t + ) (10.33 - c)
dove
q
A = A21 + A22 + 2A1 A2 cos (10.34 - a)

= k(x1 x2 ) + 2 1 (10.34 - b)

149
cos = A1 cos[k(x1 x) 1] + A2 cos[k(x2 x) 2] (10.34-c)
sin = A1 sin[k(x1 x) 1 ] + A2 sin[k(x2 x) 2 ] (10.34-d)

L’intensità è proporzionale al quadrato dell’ampiezza:


p
I = I1 + I2 + 2 I1 I2 cos (10.35)

Interferenza tra due sorgenti coerenti


Consideriamo due sorgenti coerenti S1 e S2 di onde sferiche armoniche con
uguale pulsazione ! e potenza, che si propagano nel medesimo mezzo inde…nito
isotropo a velocità v:
A
1 = cos(kr1 !t) (10.36 - a)
r1
A
2 = cos(kr2 !t) (10.36 - b)
r2
La di¤erenza di fase è costante
2
= k(r2 r1 ) = (r2 r1 ) (10.37 - a)

L’interferenza è costruttiva nei punti in cui le onde sono in fase

=2 m , r = r2 r1 = m , m = 0; 1; 2; ::: (10.37 - b)

L’interferenza è distruttiva nei punti in cui le onde sono in opposizione di fase

= (2n + 1) , r = r2 r1 = (2n + 1) , n = 0; 1; 2; ::: (10.37 - c)


2
L’intensità e le potenze sono:
p 2
I = I1 + I2 + 2 I1 I2 cos[ (r2 r1 )] (10.38)
P P
I1 = , I2 =
4 r12 4 r22
In particolare i massimi e i minimi di intensità valgono
p
Imax = I1 + I2 + 2 I1 I2 (10.39 - a)
p
Imin = I1 + I2 2 I1 I2 (10.39 - b)

Approssimazione di grande distanza.


r d = dist(S1 ; S2 )

2
r2 r1 d sin , d sin (10.40 - a)
q
d sin
A = 2A21 (1 + cos ) = 2A1 cos( ) (10.40 - b)

150
P
I(r; ) = 4I0 cos2 , I0 = (10.40 - c)
2 4 r2
Massimi:
m
sin = , m = 0; 1; 2; ::: , Imax = 4I1 (10.40 - d)
d
Minimi:
(2n + 1)
sin = , n = 0; 1; 2; ::: , Imin = 0 (10.40 - e)
2d

Sorgenti incoerenti valutate a grande distanza


Ora la fase intrinseca varia casualmente e non c’è più interferenza.

(t)
I(r; ) = 4I0 [cos2 ] = 2I0 (10.41)
2
Nel caso di N sorgenti incoerenti l’intensità totale è data dalla somma delle
singole intensità.

Esperimento di Young

Siano L distanza tra le fenditure e lo schermo, d la distanza tra le fenditure, y


la distanza di un punto dello schermo dal centro O, 0 la lunghezza d’onda nel
vuoto ed n l’indice di rifrazione del mezzo.
Nell’ipotesi che L d l’angolo è molto piccolo per cui sin tan = y=L
Se I1 = I2 sono le intensità uguali dell’onda valutate alle fenditure allora
l’intensità riscontrata sullo schermo nel punto y vale
dny
I(y) = 4I1 cos2 ( ) (10.42)
0L

I massimi si riscontrano a
m 0 m 0L
max = , ymax = , m = 0; 1; 2::: (10.43 - a)
nd nd

151
I minimi si riscontrano a
(2n + 1) 0 (2n + 1) 0L
min = , ymin = , n = 0; 1; 2::: (10.43 - b)
2nd 2nd
Il passo tra due massimi consecutivi è
0L
y= (10.43 - c)
nd

Interferenza prodotta da N sorgenti coerenti


Consideriamo N sorgenti coerenti ed uguali di onde sferiche ognuna con in-
tensità I1 , con di¤erenza di fase intrinseca nulla, disposte lungo una retta ed
equispaziate di una distanza d: L’intensità risultante a grande distanza dal sis-
tema (N 1)d dipende dall’angolo di osservazione contato a partire dalla
retta ortogonale al sistema:
sin( N d sin
)
I( ) = I1 [ N d sin
]2 (10.44)
sin( )
La di¤erenza di fase tra due onde emesse da sorgenti consecutive nella direzione
è
2
= d sin (10.45)
I massimi principali si osservano in
m
sin max = , m = 0; 1; 2::: (10.46 - a)
d
Imax = N 2 I1 (10.46 - b)
I minimi si riscontrano in
n
sin min = , n = 1; 2; :::; N 1; N + 1; :::; 2N 1; 2N + 1; :: (10.47)
Nd
Si escludono 0; N; 2N:::per i quali si ha massimo.
Tra due massimi principali si riscontrano sempre N-2 massimi secondari

sin = (2k +1) , k = 1; 2:::; N 2; N +1; :::; 2N 2; 2N +1; :: (10.48 - a)


2N d
Nei massimi secondari l’intensità è
I1
I= (2k+1)
(10.48 - b)
[sin 2N ]2
L’ampiezza angolare dei massimi principali è de…nita come la distanza angolare
tra due minimi adiacenti ad un massimo
2
sin = (10.49)
Nd

152
Di¤razione prodotta da una apertura
Se l’apertura si trova nel piano x’y’, con l’origine O’ contenuta in essa ed è
illuminata da un’onda monocromatica di lunghezza d’onda ; numero d’onda
k e ampiezza complessa A(x0 ; y 0 ) e l’onda di¤ratta viene osservata in un punto
(x0 ; y0 ; z0 ) non interno all’apertura z0 6= 0 allora l’ampiezza complessa U (x; y; z)
dell’onda di¤ratta in quel punto è data dall’equazione della di¤ razione di Fraun-
hofer :
ZZ
2
U (x; y; z) / A(x0 ; y 0 ) exp[ i (x0 x0 + y0 y 0 )dx0 dy 0 ] (10.50)
z0

Se l’apertura è circolare è conveniente usare le coordinate cilindriche:


Z 1
2 0
U ( ; z) / 2 A( 0 )J0 ( ) 0d 0 (10.51)
0 z
dove J0 è la funzione di Bessel
Z 2
1
J0 (p) = eip cos d (10.52)
2 0

Di seguito elenchiamo alcuni casi notevoli.

Fenditura singola rettilinea


Larghezza W in direzione x; lunghezza L W in direzione y.
Z W=2
xx0 sin[ Wz x ]
U (x; z) = A0 e 2 i z dx0 = A0 W Wx
(10.53 - a)
W=2 z

L’angolo sin = x=z è piccolo:


W sin
sin[ ]
U ( ) = A0 W W sin
(10.53 - b)

L’intensità vale
W sin
I( ) / sinc2 ( ) (10.53 - c)

Talvolta la funzione viene premoltiplicata da una funzione f 2 ( ) detta fattore


di inclinazione.
I minimi di di¤razione dove l’intensità è nulla si osservano in
W sin
= m , m = 1; 2; 3::: (10.53 - d)

La larghezza del massimo centrale è la distanza angolare tra i due minimi adi-
acenti
2
sin = (10.53 - e)
W

153
I massimi secondari si ricavano teoricamente risolvendo una equazione trascen-
dente
W sin W sin
tan( )= (10.53 - f)

ma nella pratica si preferisce commettere una approssimazione

sin = (2m + 1) ; m = 1; 2; 3::: (10.53 - g)


2W
1 0:4
Im =Imax = (10.53 - h)
[(2m + 1) 2 ]2 (2m + 1)2

Apertura rettangolare
Fenditura singola di larghezza W e altezza H
W sin H sin
U ( ; ) / sinc( )sinc( ) (10.54 - a)
W sin H sin
I( ; ) / sinc2 ( )sinc2 ( ) (10.54 - b)

Apertura circolare o disco di Airy


Diametro W:
J1 ( W = z)
U ( ; z) / (10.55 - a)
W = z
J1 ( W sin = ) x
U( ) / , sin = (10.55 - b)
W sin = z

Intensità
J1 ( W sin = ) 2
I( ) / [ ] (10.55 - c)
W sin =
Gli zeri di J1 (x) sono in x 0; 3:832; 7:016; 10:173:::; quindi il primo anello
scuro si ha
sin = 1:22 (10.55 - d)
W
Doppia fenditura
E’l’esperimento della interferenza di Young, però questa volta non si trascura
la larghezza W delle due fenditure. Le fenditure si trovano sul piano xy disposte
parallelamente e simmetricamente attorno all’asse y separate da una distanza
d:
Z +W=2
i d sin i d sin 0
U ( ) = A[e +e ] e 2i x sin = dx0 =
W=2
d sin W sin
= 2A cos W sinc( ) (10.56 - a)

con intensità
d sin W sin
I( ) / cos2 ( )sinc2 ( ) (10.56 - b)

154
Grata di fenditure a larghezza …nita

La grata ha N fenditure di larghezza W equispaziate con distanza d


N
X Z +W=2
2 iN d sin
2i xx0 =( z)
U( ; ) / A e e dx0
n=1 W=2
i2 N d sin =
W sin 1 e
/ Asinc( ) (10.57)
1 ei2 d sin =

Prisma triangolare

La …gura illustra un prisma a forma di triangolo rettangolo:


0 n0
0 = arcsin( sin 0) (10.58 - a)
n1
0
1 = 0 (10.58 - b)
0 n1
1 = arcsin( sin 1) (10.58 - c)
n2
0
2 = 1 (10.58 - d)
Tutti gli angoli sono positivi secondo il verso indicato nell’immagine. Se il
prisma è in aria n0 = n2 1; la deviazione si può approssimare molto bene
con la formula:
sin 0
= 0 + arcsin[n1 sin( arcsin( ))] (10.59)
n1
dove n1 può dipendere dalla lunghezza d’onda

155
Di¤razione in un Cristallo
Reticolo di Bravais: siano a; b; c i vettori primitivi della cella. I suoi nodi
sono individuati dal vettore

Ruvw = ua + vb + wc , u; v; w 2 Z (10.60)

Il volume della cella primitiva è

V = (a b) c (10.61)

I vettori primitivi dello spazio reciproco sono de…niti come

a = 2 b c=[(a b) c] (10.62 - a)
b = 2 c a=[(a b) c] (10.62 - b)
c = 2 a b=[(a b) c] (10.62 - c)

Mediante gli indici di Miller (h; l; m) si possono descrivere i di¤erenti piani e


direzioni in un reticolo di Bravais; il vettore del reticolo reciproco è de…nito
come

Ghkl = ha + lb + mc (10.63)
1 = exp(iRuvw Ghkl )

Ghkl è tale per cui rappresenta il vettore reciproco più corto e perpendicolare
rispetto al piano (h; l; m).
La distanza interplanare tra due piani (h,k,l) è data in generale da
2
dhkl = (10.64)
Ghkl
Equazioni di Laue: siano a; b; c i vettori primitivi della cella, ki il vettore
d’onda incidente e ko il vettore d’onda uscente.

a (ko ki ) = 2 l , l 2 N (10.65 - a)
b (ko ki ) = 2 m , m 2 N (10.65 - b)
c (ko ki ) = 2 n , n 2 N (10.65 - c)

Legge di Bragg: se G è il vettore del reticolo reciproco e ki il vettore d’onda


incidente allora

2ki G + jGj2 = 0 (10.66)

in alternativa, se a è la spaziatura interplanare tra due strati atomici, n è


l’angolo di di¤razione e la lunghezza d’onda, allora

2a sin n =n (10.67)

156
Fattore di forma atomico: se (x) è la densità elettronica di un singolo
atomo il fattore f (G) misura l’ampiezza dell’onda di¤usa da quell’atomo:
Z
f (G) = e iG x (x)d3 x (10.68)
vol

Fattore di struttura: se dj è la posizione del j-esimo atomo nel reticolo di


base il fattore di struttura S(G) comprende nella sommatoria tutti gli atomi
del reticolo di Bravais
X
S(G) = fj (G)e iG dj (10.69)

Anelli di Newton
E’una …gura di interferenza dovuta alla rifrazione della luce tra due super…ci:
una sferica e l’altra piana, adiacente alla prima. In particolare anelli chiaro-scuri
si osservano con la luce monocromatica e anelli colorati con la luce bianca. Se
R è il raggio di curvatura della lente, l’equazione del raggio dell’m-esimo anello
chiaro è
1
xm = [(m + ) R]1=2 (10.70)
2

Interferometro di Fabry-Pérot
E’ costituito da una cavità di lunghezza l con indice di rifrazione interna n
delimitata da due lastre parallele e piane parzialmente ri‡ettenti ad alto coef-
…ciente di ri‡essione R. La luce entrante e¤ettua diverse andate e ritorno fra
le due super…ci ri‡ettenti e all’interno della cavità, e ne fuoriesce parzialmente
ad ogni ri‡essione, vengono intensi…cate solo le lunghezze d’onda della luce in
risonanza con l’interferometro.
Se è l’angolo del raggio luminoso rispetto alla normale delle lastre, tra due
raggi adiacenti la di¤erenza di fase è
2
= 2nl cos (10.71)

L’intensità trasmessa oltre la seconda lastra dipende dal coe¢ ciente di trasmis-
sione T delle lastre

I = I0 T
(1 R)2 1
T = = (10.72)
1 2R cos + R 2
1 + F sin2 2

dove F è il coe¢ ciente di …nesse


4R
F = (10.73)
(1 R)2

157
Si attribuisce tale denominazione (…nesse) anche alla grandezza:
p
F0 = F (10.74)
2 arcsin( 21pR
R
) 2

più F o F 0 sono elevati maggiore è la precisione dello strumento.

Calcolo di Jones
E’una tipologia di calcolo che si applica alla luce già polarizzata che attraver-
sando ed emergendo da un elemento ottico modi…ca il proprio stato di polariz-
zazione. La luce polarizzata in entrata ed in uscita è rappresentata dai vettori
di Jones, mentre l’elemento ottico è rappresentato da un operatore costituito
da una matrice di Jones.
I vettori di Jones nel piano xy sono del tipo:

E0x ei x
J= (10.75)
E0y ei y

l’ampiezza reale del campo elettrico si ottiene moltiplicando J per ei(kz !t)
prendendo poi la parte reale.
Esempi comuni di vettori di Jones associati a stati di polarizzazione lineare
includono i ket:
1 0
jH > = , jV > = (10.76 - a, b)
0 1
(p olarizzazione orizzontale) (p olarizzazione verticale)

1 1 1
jD > = p , jA > = (10.77 - a, b)
2 1 1
(p olarizzazione diagonale L+45) (p olarizzazione antidiagonale L-45)

mentre per gli stati a polarizzazione circolare:

1 1 1 1
jR > = p , jS > = p (10.78 - a, b)
2 i 2 +i
(p olarizzazione destrorsa) (p olarizzazione sinistrorsa)

158
Esempi di matrici di Jones sono:

1 0
polarizzatore a trasmissione orizzontale (10.79 - a)
0 0
0 0
polarizzatore a trasmissione verticale (10.79 - b)
0 1
1 1 1
polarizzatore a trasmissione 45 (10.79 - c)
2 1 1
1 1 i
polarizzatore circolare destrorso (10.79 - d)
2 i 1
1 1 i
polarizzatore circolare sinistrorso (10.79 - e)
2 i 1

Eventualmente in caso di ritardo di fase le matrici si possono premoltiplicare


per
ei x 0
R= (10.80)
0 ei y

Spettro visibile

…g.10.3

L’energia dei fotoni è compresa tra 1.65 e 3.26 eV.

159
LINEE E GUIDE D’ONDA
pp.160-168

Nel modello più generale una linea di trasmissione può essere schematizzata
come due conduttori paralleli che connettono un generatore V (x; t) ed un carico.
Nel seguito R, G, L, e C sono considerate per unità di lunghezza.

Equazioni generali della linea in D.T.


(D.T. = Dominio del Tempo)

@V (x; t) @I(x; t)
= RI(x; t) L (11.1 - a)
@x @t
@I(x; t) @V (x; t)
= GV (x; t) C (11.1 - b)
@x @t

Equazioni generali in D.F.


(D.F. = Dominio di Frequenza)

@V (x)
= (R + j!L)I(x) (11.2 - a)
@x
@I(x)
= (G + j!C)V (x) (11.2 - b)
@x

Equazione d’onda generale in D.F.


@ 2 V (x) 2
= V (x) (11.3 - a)
@x2
@ 2 I(x) 2
= I(x) (11.3 - b)
@x2
Costante di propagazione:
p
= (R + j!L)(G + j!C) = + i (11.4)

Costante di attenuazione:

= Re( ) (11.5 - a)
= 0 (caso ideale) (11.5 - b)

Costante di fase:

= Im( ) (11.6 - a)
p 2
= ! LC = (caso ideale) (11.6 - b)

160
Soluzione Generale
V (x) = Vi0 e x + Vr0 e x
(tensione incidente e ri‡essa) (11.7 - a)
Vi0 x Vr0 x
I(x) = e e (corrente incidente e ri‡essa) (11.7 - b)
Z0 Z0
impedenza caratteristica:
s
R + j!L
Z0 = (11.8)
G + j!C

Coe¢ cienti di uso comune


Coe¢ ciente di ri‡essione:
(ZL è l’impedenza di carico)

Vr0 ZL Z0
0 = = (coe¢ ciente di ri‡essione) (11.9 - a)
Vi0 ZL + Z0
Vr
(x) = = j 0 je 2 x (11.9 - b)
Vi
Rapporto d’onda stazionario:

Vmax 1+j j
= (11.10)
Vmin 1 j j

Impedenze di Linee di Trasmissione


(ZL è l’impedenza di carico)

Impedenza in ingresso di linea lunga x

ZL + Z0 tanh( x)
Z(x) = Z0 (11.11)
Z0 + ZL tanh( x)

Impedenza in ingresso di linea in cortocircuito

Z(x) = Z0 tanh( x) (11.12)

Impedenza in ingresso di linea aperta

Z(x) = Z0 coth( x) (11.13)

Impedenza in ingresso di linea lunga =4

ZL tanh( =4) + Z0
Z = Z0 (11.14)
Z0 tanh( =4) + ZL

161
Impedenza in ingresso di linea lunga =2
ZL + Z0 tanh( =2)
Z = Z0 (11.15)
Z0 + ZL tanh( =2)
Linea coassiale senza perdite
r
rext 60 rext
Z= ln ' p ln (11.16)
4 2 " rint "r rint
Paired strip senza perdite
(d = separazione, w = spessore)
r
d 377 d
Z= 'p (11.17)
"w "r w

Linea non dissipativa


(R = G = 0)

@V (x; t) @I(x; t)
= L (D.T.) (11.18 - a)
@x @t
@I(x; t) @V (x; t)
= C (D.T.) (11.18 - b)
@x @t
oppure
@ 2 V (x)
= LC! 2 V (x) (D.F.) (11.19 - a)
@x2
2
@ I(x)
= LC! 2 I(x) (D.F.) (11.19 - b)
@x2
Equazione d’onda di una linea non dissipativa:

@2V @2V
2
= LC 2 (11.120 - a)
@x @t
@2I @2I
= LC 2 (11.20 - b)
@x2 @t
velocità di propagazione:
1
v=p (11.21)
LC
Soluzione della linea non dissipativa

V (x; t)= f (x vt) + g(x + vt) (11.22 - a)


1
I(x; t) = [f (x vt) + g(x + vt)] (11.22 - b)
R
p0
R0 = L=C (impedenza caratteristica) (11.23 - c)

162
Linea dissipativa in regime sinusoidale

@ 2 V (x; t) 2
V (x; t) = 0 (D.T.) (11.24 - a)
@x2
2
@ I(x; t) 2
I(x; t) = 0 (D.T.) (11.24 - b)
@x2
dove è il parametro di propagazione
p
= (R + j!L)(G + j!C) = + i (11.25)

con costante di attenuazione e costante di fase

La soluzione reale generale dell’equazione dei telegra…sti è


x x
V (x; t) = V1 e (!t x+ 1) + V2 e (!t + x + 2) (11.26)

Per avere la corrente complessa basta dividere V (x; t) per Z0


s
R + j!L
Z0 = (11.27)
G + j!C

La condizione di non distorsione si ha quando:

RC = GL (11.28)

in tal caso non dipende più da ! :


r
C p
=R , = ! LC (11.29 - a, b)
L

Cavo coassiale
È composto da un singolo conduttore centrale di rame e da un dielettrico ("r ; r )
che lo separa da una maglia esterna di …li metallici intrecciati o da una lamina
avvolta a spirale (treccia) la cui funzione è quella di impedire le interferenze.
Siano D; d risp. il diametro interno della maglia esterna e il diametro esterno
del conduttore interno.
La capacità (shunt) C per unità di lunghezza vale:
C 2 "0 " r 1
= [F m ] (11.30)
l ln(D=d)
L’induttanza serie L per unità di lunghezza vale:
L
= 0 r
ln(D=d) [F m 1
] (11.31)
l 2

163
L’impedenza complessa è s
R + j!L
Z= (11.32)
G + j!C
ad alte frequenze R; G sono trascurabili e si ha l’impedenza caratteristica:
r r
L 1 0 r D 60 D
Z0 = = ln p ln (11.33)
C 2 "0 "r d "r d

Linea bilanciata
(twin-lead, l è la metà della distanza tra i centri dei due …li)
r r
1 0 r l l 2
Z0 = ln[ + ( ) 1] (11.34)
"0 " r R R

Cavità cilindriche a sezione costante


1. cavità possiedono le super…ci terminali
2. Le pareti sono conduttori perfetti
3. Assenza di perdite

Equazioni generali delle onde nelle cavità


(con dipendenza armonica e i!t sull’asse z)

r E = i!B , r B = 0 (11.35 - a, b)
r B = i "!E , r E = 0 (11.35 - c, d)

Equazione delle onde nelle cavità


(con variazione spazio-temporale sull’asse z e ikz i!t
)

E(x; y) @2 @2
[rx:y + ( "! 2 k 2 )] = 0 , rx:y = + (11.36)
B(x; y) @x2 @y 2
Nessuna dipendenza dal tempo sulle sezioni

Equazioni parallele e trasverse

E = Et + Ez , Et = b
zEz , Et = (b
z E) b
z (11.37)

@Et
+ i!b
z Bt = rx:y Ez , b
z (rx:y Et ) = i!Bz (11.38 - a, b)
@z
@Bt
i "!b
z Et = rx:y Bz ; b
z (rx:y Bt ) = i "!Ez (11.38 - c, d)
@z

164
@Ez @Bz
rx:y Et = , rx:y Bt = (11.38 - e, f)
@z @z
Soluzioni
i
Et = [krx:y Ez !b
z rx:y Bz ] (11.39 - a)
( "! 2 k2 )
i
Bt = [krx:y Bz + "!b
z rx:y Ez ] (11.39 - b)
( "! 2 k2 )

I campi si dividono in due categorie:


onde trasverse magnetiche (TM): Bz = 0 (ovunque) , EzjS = 0 (contorno)
@Bz
onde trasverse elettriche (TE): Ez = 0 (ovunque) , jS = 0 (contorno)
@n

Guide d’onda generiche


ikz i!t
(con variazione sull’asse z e )
Guida d’onda cava a sezione trasversa uniforme. Si utilizza di nuovo la decom-
posizione (11.37)
Equazione delle onde trasverse - modi TE, TM
p
(r2xy + 2 ) = 0 , = "! 2 k 2 (11.40 - a)
@
jS = 0 oppure jS = 0 (11.40 - b)
@n
Il problema ammette un set ortogonale di soluzioni , con = 1; 2; 3::: detti
modi della guida e il corrispondente set di autovalori : I modi sono caratter-
izzati da una frequenza minima, detta
frequenza di taglio, al di sotto della quale non possono propagarsi:

! =p (11.41)
"
Soluzioni ai campi trasversi
ik
Onde TM : Et = 2
rxy (11.42 - a)
ik
Onde TE : Ht = 2
rxy (11.42 - b)

Grazie alle (11.39) i campi elettrici e magnetici trasversi sono legati:


1
Ht = b
z Et (11.43 - a)
Z
k !
Z = (TM) , Z = (TE) (11.43 - b, c)
"! k

165
Guide d’onda rettangolari

Supponiamo le guide prive di perdite a sezione rettangolare di lati a; b (rispet-


tivamente lungo gli assi x; y) e senza dielettrici. Gli indici m; n sono i modi
dell’onda (interi) rispetto ai lati a; b

Numero d’onda nella guida

!2 m2 2 n2 2
kg2 =
2 2
(11.44)
c a b2
Frequenza di taglio: è la frequenza più bassa alla quale l’onda può propagarsi
r
m n
c = c ( )2 + ( )2 (11.45)
2a 2b
Velocità di fase sopra il taglio
c
vp = p (11.46)
1 (vc =v)2

Velocità di gruppo sopra il taglio

c2 p
vg = =c 1 (vc =v)2 (11.47)
vp

Impedenze d’onda
ZT M è l’impedenza d’onda per i modi trasversali magnetici
ZT E è l’impedenza d’onda per i modi trasversali elettrici

p
ZT M = Z0 1 (vc =v)2 (11.48 - a)
p
ZT E = Z0 = 1 (vc =v)2 (11.48 - b)

Soluzioni di Campo per i modi TEmn

(B0z , E0z ampiezze dei campi B, E sull’asse z)

ikg c2 @Bz i!c2 @Bz


Bx = , Ex = (11.49 - a, b)
! 2c @x ! 2c @y
ikg c2 @Bz i!c2 @Bz
By = , Ey = (11.49 - c, d)
! 2c @y ! 2c @x

m x n y i(kg z !t)
Bz = B0z cos cos e (11.49 - e)
a b
Ez = E0z =0 (11.49 - f)

166
Soluzioni di Campo per i modi TMmn

(B0z , E0z ampiezze dei campi B, E sull’asse z)

ikg c2 @Ez i! @Ez


Ex = , Bx = (11.50 - a, b)
! 2c @x ! 2c @y
ikg c2 @Ez i! @Ez
Ey = , By = 2 (11.50 - c, d)
! 2c @y ! c @x

m x n y i(kg z !t)
Ez = E0z sin sin e (11.50 - e)
a b
Bz = B0z =0 (11.50 - f)

Cavità risonante a forma di cilindro


ikz i!t
(con variazione sull’asse z e )

Supponiamo un cilindro circolare retto di lunghezza L sigillato con pareti termi-


nali circolari di raggio R (eventualmente dotato di pistone per la calibrazione),
riempito con dielettrico omogeneo "; . L’asse z corrisponde all’asse del cilindro,
le basi sono poste in z = 0; z = L:

Modo TM (Ez = 0 in = R , Hz = 0 ovunque)


xmn
( ; ) = E0 J m ( )e im (11.51)
R
dove xmn è la n-esima radice della funzione di Bessel Jm (x) = 0; m = 0; 1; 2; 3:::;
n = 1; 2; 3:::
Le frequenze di risonanza sono:
r
1 x2mn p2 2
! mnp = p 2
+ 2 (11.52)
" R L

Le soluzioni sono:
p z
Ez = ( ; ) cos( ) , p = 0; 1; 2::: (11.53 - a)
L
p p z
Et = sin( )rxy (11.53 - b)
L[ "! 2 ( pL )2 ] L
i"! p z
Ht = cos( )b
z rxy (11.53 - c)
[ "! 2 ( pL )2 ] L

167
Modo TE (@ =@ j =R = 0 , Ez = 0 ovunque)

x0mn
( ; ) = E0 J m ( )e im (11.54)
R
dove x0mn è la n-esima radice della derivata di Bessel Jm
0
(x) = 0; m = 0; 1; 2; 3:::;
n = 1; 2; 3:::
Le frequenze di risonanza sono:
r
1 x02
mn p2 2
! mnp = p + , p = 1; 2; 3::: (11.55)
" R2 L2

Le soluzioni sono:
p z
Hz = ( ; ) sin( ) , p = 1; 2; 3::: (11.56 - a)
L
i! p z
Et = sin( )b
z rxy (11.56 - b)
[ "! 2 ( pL )2 ] L
p p z
Ht = 2 p 2 cos( )rxy (11.56 - c)
L[ "! (L) ] L

168
RELATIVITA’RISTRETTA
(p.169 - 175)

Postulati di Relatività

1. Postulato di Relatività particolare: Le leggi della …sica e i risultati di


tutti gli esperimenti sono indipendenti dal sistema di riferimento. Le leggi
…siche sono invarianti in forma in tutti i sistemi di riferimento inerziali.
2. Postulato di costanza della velocità della luce: La velocità della
luce nel vuoto ha lo stesso valore in tutti i sistemi di riferimento inerziali
ed è indipendente dal moto della sorgente o dell’osservatore.

Azione Relativistica di una Particella


Z t2 p
2
S= mc 1 v 2 =c2 dt (12.1)
t1

Lagrangiana Relativistica di una Particella


p
L= mc2 1 v 2 =c2 dt (12.2)

Separazione Spazio-Temporale
d2 (P; P 0 ) = c2 (t t0 )2 (x x0 )2 (y y 0 )2 (z z 0 )2 (12.3)

Gli intervalli sono di tre tipi (segnatura + - - -)

d2 (P; P 0 ) > 0 tipo tempo


d2 (P; P 0 ) = 0 tipo luce
d2 (P; P 0 ) < 0 tipo spazio

Linea Elementare di Universo


ds2 = c2 dt2 dx2 dy 2 dz 2 (12.4)

Fattore Lorentziano
1
v = (v) = p (12.5)
1 v 2 =c2

Trasformazioni di Lorentz
v x
x0 = x + [( v 1) v t]v (12.6 - a)
v2
v x
t0 = v (t ) (12.6 - b)
c2

169
Non Simultaneità
evento A: (rA ; t) v
=) t=0 , t0 = (rA rB ) v 6= 0 (12.7)
evento B: (rB ; t) c2

Contrazione delle Lunghezze


L = L0 = v (12.8)

Dilatazione dei Tempi


evento A: (r0 ; t0A )
=) t0 = t0B t0A , t= t0 (12.9)
evento B: (r0 ; t0B ) v

Tempo Proprio
Z r
t1
v2
= 1 dt (12.10)
t0 c2

Composizione delle Velocità


(v è la velocità del sistema O’rispetto O)

u + [( v 1) vv2u v ]v
u0 = vu (12.11)
v (1 c2 )

Velocità Relativa
q
1
ju1 u2 j2 c2 ju1 u2 j2
urel = 1 (12.12)
1 c2 (u1 u2 )

Relazione tra i Fattori Lorentziani


(v è la velocità del sistema O’rispetto O)
v u
(u0 ) = (u) (v)[1 ] (12.13)
c2

Momento o Impulso Relativistico


p = m0 vv (12.14)

Legge dell’impulso relativistico


dp dv 1 v
= F // m0 = [F (F v) ] (12.15)
dt dt v c2

Forza di Lorentz nella Relatività


d(m v)
= q(E + v B) (12.16)
dt

170
Momento Angolare Relativistico
L=x p = m0 v (x v) (12.17)

dL
=x F (12.18)
dt
Energia Totale, a Riposo, Cinetica
2
E = m0 vc , E0 = m0 c2 , T = m0 ( v 1)c2 (12.19)

E = E0 + T (12.20)
Se v=c 1 si ha l’approssimazione classica
1
E m0 c2 + m0 v 2 (12.21)
2

Mass-Shell
p p
p E2 m20 c4 T (T + 2m0 c2 )
E = p2 c2 + m0 c4 , p = = (12.22)
c c

Relazione tra Velocità, Momento ed Energia Totale


c2
v = p (12.23 - a)
E
dE
= F v (12.23 - b)
dt

Particelle di massa nulla (fotoni)


E
p= , E = hf , ! = ck , = cT (12.24)
c

Trasformazioni di Lorentz del Momento


v p E
p0 = p + [( v 1) v 2 ]v (12.25)
v2 c

Trasformazioni di Lorentz dell’Energia


E0 = v (E v p) (12.26)

Trasformazioni di Lorentz della Forza


v = vel. boost O’risp. O; u = vel. particella in O

F + [( v 1) Fv2v Fu
v c2 ]v
F0 = vu (12.27)
v (1 c2 )

171
Forze Longitudinali e Trasversali
3
Fjj = m v ajj , F? = m v a? , F = Fjj + F? (12.28)

E¤etto Doppler Relativistico


p
1 v 2 =c2
fR = f0 (12.29)
1+ v
c cos 0
p p
fR = [f0 1 v=c]=[ 1 + v=c] (e¤. D. longitudinale)
2 (12.30 - a, b)
fR f0 (1 12 vc2 ) (e¤. D. trasversale)

Aberrazione relativistica
0
e sono gli angoli di emissione della luce in S, S’coincidenti in t=0

cos 0 + v=c
cos = 0 (12.31 - a)
1 + (v=c) cos
0 cos v=c
cos = 0 (12.31 - b)
1 (v=c) cos

Distribuzione Angolare Fascio Relativistico


La sorgente è isotropica e stazionaria in S’, P ( ) è la distribuzione angolare in S

sin
P( ) = 2 [1
(12.32)
2 (v=c) cos ]2

Conservazione dell’Energia Totale


X X
(Ti + mi c2 ) = (Tf + mf c2 ) (12.33)
i f

Massa di un Sistema Composto


(ad es. un nucleo; Vij è l’energia pot. di interazione tra i e j )
X X
M c2 = (mi c2 + Ti + Vij ) (12.34)
i j>i

Formula dell’Aberrazione
r
sin 0 v2
tan = 1 (12.35)
(cos 0 + vc ) c2

Precessione di Thomas
v 1 dv
!T = v (12.36)
v2 dt

172
Formalismo covariante della relatività ristretta

Evento
x è un quadrivettore controvariante, x è covariante

x = (x0 ; x1 ; x2 ; x3 ) (ct; x; y; z) , = 0; 1; 2; 3 (12.37 - a)


0 1 2 3
x = (x ; x ; x ; x ) (ct; x; y; z) (12.37 - b)

Tensore metrico
segnatura (+1,-1,-1,-1)
2 3
1 0 0 0
6 0 1 0 0 7
g =6
4 0
7 (12.38)
0 1 0 5
0 0 0 1

g è un tensore covariante di ordine 2.


il tensore inverso g è controvariante e coincide col tensore covariante.
1
g = (g ) =g (12.39)

Le trasformazioni tra quadrivettori si e¤ettuano per mezzo del tensore metrico

x =g x , x =g x (12.40)

Metrica dello spazio di Minkowski M


ds2 = g dx dx = g dx dx (12.41)

Matrice di Lorentz
0
Sono trasformazioni di Lorentz proprie (j j = 1) ed ortocrone ( 0 1)
2 3
v 1 v 2 v 3 v
6 1 + A 21 A 1 2 A 1 3 7
=6
4
1 v 7 (12.42)
2 v A 2 1 1 + A 22 A 2 3 5
3 v A 3 1 A 3 2 1 + A 23

vi v 1
i = , i = 1; 2; 3; A= 2 2 2
c 1 + 2 + 3

Boost
0
Sono le trasformazioni di Lorentz (..) proprie (j j = 1) ed ortocrone ( 0 1)

x0 = x , x0 = 1
x (12.43)

Condizione di Invarianza
è detta matrice pseudortogonale
T
g =g (12.44)

173
Quadrigradiente
Covariante (a) e controvariante (b)

@ @ @ 1 @
@ = = ( 0; i) = ( ; r) (12.45 - a)
@x @x @x c @t
@ @ @ 1 @
@ = =( ; )=( ; r) (12.45 - b)
@x @x0 @xi c @t

Quadridivergenza
si applica ad un campo vettoriale V (x)
1 @V 0
@ V = @0 V 0 + @i V i = +r V (12.46)
c @t
è veri…cata l’identità

@ V =@ V (12.47)

d’Alembertiano
1 @2
=@ @ =@ @ = r2 (12.48)
c2 @t2
Elemento di Volume in M
è un invariante: d4 x = d4 x0

d4 x = dx0 dx1 dx2 dx3 = cdtdxdydz (12.49)

Elemento di area bidimensionale in M


Sia x = x(u; v) una super…cie immersa in R3
j k
@x @x 1 ijk @(x ; x )
d =( )dudv = dudv (12.48)
@u @v 2 @(u; v)
Nel caso delle coordinate cartesiane

d = (dydz; dzdx; dxdy) (12.49)

Elemento di area tridimensionale in M


Sia x = x(u; v; w) una ipersuper…cie immersa in M (3 + 1)
1 @(x ; x ; x )
d = dudvdw (12.50)
3! @(u; v; w)
Nel caso delle coordinate cartesiane

d = (dxdydz; cdtdydz; cdtdxdz; cdtdxdy) (12.51)

Teorema di Gauss
Z Z
4
@ V (x)d x = V (x)d (12.52)
@

174
Teorema di Green
Z Z
( )d4 x = ( @ @ )d (12.53)
@

Teorema di Stokes
I Z Z
@(x ; x ) 1 @(x ; x )
V dx = @ V dudv = (@ V @ V ) dudv
S @(u; v) 2 S @(u; v)
(12.54)
Quadrivelocità

dx
u = = v (c; x; y; z) (12.55)
d

Quadriaccelerazione

du d2 x
w = = (12.56 - a)
d d 2
4 4
v v 2
w = ( (a v); 2
(a v)v+ v a) (12.56 - b)
c c

Quadrimomento
p = m0 u (12.57 - a)
E
p = ( ; m0 v v) (12.57 - b)
c

Quadriforza
dp
F = = m0 w (12.58 - a)
d
m0 4v m0 4
F = ( (a v); 2 v (a v)v+m0 2
v a) (12.58 - b)
c c

Tensore Momento Angolare


L =x p x p (12.59)

Tensore Momento della Forza


M =x F x F (12.60)

175
ELETTRODINAMICA RELATIVISTICA
pp. 176-185

Moto di una particella in un Campo e.m.

1. Campo elettrico costante e uniforme - moto rettilineo.


dpx dpy dpz
= qE , =0 , =0
dt dt dt
px (0) = py (0) = pz (0) = 0

Il moto è del tipo ‘iperbolico’


1p qE
x(t) = [ 1 + ( ct)2 1] ; = (13.1 - a)
mc2
1 1
2
= (x + )2 (ct)2 (13.1 - b)

e nel caso di velocità basse ct 1 si riduce ad un moto ‘parabolico’


1 qE 2
x' t (13.1 - c)
2 m
2. Campo elettrico costante e uniforme - moto curvilineo
dpx dpy dpz
= qE , =0 , =0
dt dt dt
px (0) = pz (0) = 0 , py (0) = p0

Il moto è assimilabile a quello di una ‘catenaria’


1 p
x(t) = [ 1 + ( ct)2 1] (13.2 - a)
p0 c
y(t) = arcsinh( ct) (13.2 - b)
qE
dove q
qE
= , 0 = p20 c2 + m2 c4 (13.2 - c)
E0
La traiettoria è data dall’equazione
s
0 qEy
x = [ 1 + sinh2 ( ) 1] (13.2 - d)
qE p0 c
qE 0 2
x ' y , c ! 1 (limite relativistico) (13.2 - e)
2p20 c2
L’energia varia in funzione del tempo
q
= 2 + (qEct)2 (13.2 - f)
0

176
3. Campo magnetico costante e uniforme lungo asse z
dvx dvy dvz
m = qvy B , m = qvx B , m =0
dt dt dt
La frequenza di ciclotrone è
qB
!= (13.3 - a)
m
e la particella percorre una circonferenza nel piano xy a velocità costante
1 q 2 2 sin(! t
x = vx0 + vy0 c ) + xc (13.3 - b)
!c
1 q 2 2 cos(! t
y = vx0 + vy0 c ) + yc (13.3 - c)
!c
z = vz t + z0 (13.3 - d)
q
m c vx0 2 + v2
y0
(x xc )2 + (y yc )2 = [ ]2 (13.3 - e)
qB

4. campo elettrico e magnetico paralleli e uniformi (asse z)

cpxy cpxy 0 E
x= sin , y= cos , z= cosh[ ] (13.4 - a)
qB qB qE B
pxy è il valore costante della proiezione dell’impulso sul piano xy
è un parametro ausiliario che si ottiene da
s
B qEct B qEct q 2 E 2 c2 t2
= arcsinh( ) = ln[ + 1+ 2 ] (13.4 - b)
E 0 E 0 0

Quadricorrente
J = (c; v) = ( c; j) (13.5)

Nota: è la densità della carica in movimento


r
v2
= 0 1 (13.6)
c2
Si de…nisce anche la quadricorrente libera
@D
JL = (c L ; jL ) = (cr D; +r H) (13.7)
@t
e la quadricorrente polarizzata
@P
JP = (c P ; jP ) = ( cr P; +r M) (13.8)
@t

177
D induzione elettrica, P polarizzazione, M magnetizzazione

Quadripotenziale
A = ( ; A) = ( ; Ax ; Ay ; Az ) (13.9)
c c
; A sono risp. il potenziale scalare ed il potenziale vettore.

Trasformazioni del Campo Elettromagnetico


Caso Generale ( = v=c)
2
v
E0 = v (E+c B) ( E) (13.10 - a)
v +1
2
v
B0 = v (B c E) ( E) (13.10 - b)
v +1

Caso particolare: Boost su asse x:

Ex0 = Ex Bx0 = Bx
Ey0 = v (Ey c Bz ) By0 = v (By + c Ez ) (13.11)
Ez0 = v (Ez + c By ) Bz0 = v (Bz c Ey )

Campi Generati da una Carica in Moto

Supponiamo che il moto avvenga a velocità costante v lungo la direzione x in


un sistema S, allora i potenziali generati dalla carica valgono
q vq
= p (13.12 - a)
4 "0 2 (x
v vt)2 + y2 + z2

q vv
Ax = 2
p (13.12 - b)
4 "0 c 2
v (x vt)2 + y 2 + z 2

ed i campi

q v (x vt)
Ex = 2 (x
(13.13 - a)
4 "0 [ v vt)2 + y 2 + z 2 ]3=2
q vy
Ey = 2 (x
(13.13 - b)
4 "0 [ v vt)2 + y 2 + z 2 ]3=2
q vz
Ex = 2 (x
(13.13 - c)
4 "0 [ v vt) + y 2 + z 2 ]3=2
2

1
B== v E (13.14)
c2

178
Densità di Lagrangiana elettromagnetica
Si considera una particella che interagisce con un campo e.m. nella materia
(R : caso relativistico)

LR = Tp:libera
R
Vinter + Lcampo + Lmateria (13.15)

R
p
Tp:libera = mc2 1 v 2 =c2 (13.16 - a)
qA v + q (caso discreto)
Vinter = (13.16 - b)
jL A + L (caso continuo)
1 1 2
Lcampo = ["0 E 2 B ] (13.16 - c)
2 0
Lmateria = E P+B M (13.16 - d)

Impulso Generalizzato della Particella


(caso relativistico)
mv
p= p + qA (13.17)
1 v 2 =c2

Hamiltoniana della Particella nel Campo


(caso relativistico)
p
H = m2 c4 + c2 (p qA) (p qA) + q (13.18)

Azione Relativistica della Particella


Z t2 p
S= [ mc2 1 v 2 =c2 + qA v q ]dt (13.19)
t1

Equazioni Relativistiche del Moto di una Carica


d @A
(m v v) = q[ r +v (r A)] (13.20)
dt @t
d
(m v v) = q[E + v B] (L. di Lorentz) (13.21)
dt
Variazione dell’Energia Cinetica
dT dp
=v = qv E (13.22)
dt dt
Tensore Elettromagnetico
F =@ A @ A (13.23)
La matrice controvariante è
0 1
0 Ex =c Ey =c Ez =c
B Ex =c 0 B By C
F =B
@ Ey =c
z C
A (13.24)
Bz 0 Bx
Ez =c By Bx 0

179
La matrice covariante è
0 1
0 Ex =c Ey =c Ez =c
B Ex =c 0 Bz By C
F =B
@
C (13.25)
Ey =c Bz 0 Bx A
Ez =c By Bx 0

Il determinante vale
1
det(F ) = (B E)2 (13.26)
c2
Tensore degli Sforzi di Maxwell
1 1 1 2
ij = " 0 Ei E j + Bi Bj ("0 E 2 + B ) ij (13.27)
0 2 0

Tensore degli Sforzi Elettromagnetico


E’il tensore energia-impulso del campo e.m.
1 1
T = [F F g F F (13.28)
0 4
La forma matriciale è
0 1 1
2 ("0 E
2
+ 1 B2) Px =c Py =c Pz =c
0
B Px =c C
T =B
@
xx xy xz C
A (13.29)
Py =c yx yy yz
Pz =c zx zy zz

Le forme alternative sono

T = T g g (13.30 - a)
T = T g (13.30 - b)

Tensore Energia-Impulso di una Particella


Si suppone che la particella non sia interagente

mv (t)v (t) v (t)v (t)


T (x; t) = p (x x(t)) = E (x x(t)) (13.31)
1 (v=c)2 c2

dove x(t) è la traiettoria della particella e v è il vettore

(v ) =0;1;2;3 = [1; vx ; vy ; vz ]

Tensore Energia-Impulso per un Fluido


Il ‡uido è supposto perfetto ed in equilibrio termico
p
T = +
u u + pg = diag[ ; p; p; p] (13.32)
c2
con g = diag[ c 2 ; 1; 1; 1] e u u g = c2

180
Tensore di Magnetizzazione-Polarizzazione
La corrente di polarizzazione è ottenuta dai campi P, M grazie al tensore
controvariante M
0 1
0 cPx cPy cPz
B cPx 0 M z My C
M =B @ cPy Mz
C (13.33)
0 Mx A
cPz My Mx 0
Il legame è dato dalla formula
JL = @ M (13.34)

Tensore di Polarizzazione Elettrica


1
D = F M (13.35)
0

La matrice corrispondente al tensore controvariante


0 1
0 cDx cDy cDz
B cDx 0 Hz Hy C
D =B @ cDy
C (13.36)
Hz 0 Hx A
cDz Hy Hx 0

Invarianti Scalari
E2
F F = 2(B 2 ) (invariante di traccia) (13.37)
c2
Densità di Lagrangiana e.m. Covariante Classica
Nel vuoto:
1
L = Lcampo + Linter = F F A J (13.38)
4 0

Nella materia:
1 1
L= F F A JL + F M (13.39)
4 0 2

Equazioni di Eulero-Lagrange per la Densità di


Lagrangiana
@L @L
@ [ ] =0 (13.40)
@(@ A ) @A
nel vuoto si ottiene
@L F
= (13.41 - a)
@(@ A ) 0
@L
= J (13.41 - b)
@A

181
Equazioni Covarianti in Elettrodinamica Relativistica I
Validità nel vuoto; spazio di Minkowski

Legge di Gauss e Legge Circuitale di Ampère

r E = ="0
@ F = 0j =) 1 @E (13.42)
r B = 0 j + c2 @t

Legge di Gauss per il Magnetismo e Legge di Faraday-Maxwell

r B = 0
@ F +@ F +@ F = 0 =) @B (13.43)
r E = @t

Equazione di Continuità
@
@ J = 0 =) +r j=0 (13.44)
@t
Legge di Gauss e Legge circuitale di Ampère

@ D =j ;L (13.45)

Gauge di Lorentz
I potenziali che obbediscono alla condizione
1 @
@ A = 0 =) r A + =0 (13.46)
c2 @t
obbediscono anche all’equazione non-omogenea delle onde

1 @2
A = [ r2 ]A = 0j (13.47 - a)
c2 @t2
1 @2
= [ 2 2 r2 ] = (13.47 - b)
c @t "0
Tale gauge è Lorentz-covariante e le soluzioni sono i cosiddetti potenziali ritar-
dati.

Gauge di Coulomb
I potenziali che obbediscono alla condizione

r A(r; t) = 0 (13.48)

182
obbediscono anche alle equazioni di Maxwell

r2 = (13.49 - a)
"0
1 @2A 1 @
r2 A = 0j + r( ) (13.49 - b)
c2 @t2 c2 @t
e sono espressi in generale in termini dei valori istantanei dei campi
Z
1 r0 E(r0 ; t) 3 0 @f (r; t)
(r; t) = d r =
4 V jr r0 j @t
Z
1 (r0 ; t) 3 0 @f (r; t)
= d r (13.50)
4 "0 V jr r0 j @t
Z
B(r0 ; t) 3 0
A(r; t) = r d r + rf (r; t) = (13.51)
V 4 jr r0 j
Z Z jr r0 j=c
1 t0 j(r0 ; t t0 )
= r d3 r0 dt0 (r r0 ) + rf (r; t)
4 "0 V 0 jr r0 j3
La gauge di Coulomb non è Lorentz-covariante.
Equazione delle Onde
(in gauge di Lorentz)
( 2
)
1 @
r2 = c2 @t 2
A = 0 j =) 1 @2A
(13.52)
r2 A = c2 @t2

Equazioni Covarianti in Elettrodinamica Relativistica II


Validità nella materia; spazio di Minkowski

Potenziali Ritardati
Rappresentano la soluzione formale al problema elettromagnetico nella formu-
lazione ai potenziali
Z
1 (r0 ; tR ) 3 0
(r; t) = d r (13.53 - a)
4 "0 V jr r0 j
Z
0 j(r0 ; tR ) 3 0
A(r; t) = d r (13.53 - b)
4 V jr r0 j
tR si chiama tempo ritardato
jr r0 j
tR = t (13.54)
c
e soddisfano le equazioni di Maxwell nella gauge di Lorentz
1 @2
= , A= 0j con = r2 (13.55)
"0 c2 @t2

183
I campi si calcolano nel solito modo
@A
E= r , B=r A (13.56)
rt
Potenziali di Lienard-Wiechert
Sono i potenziali relativistici del campo elettromagnetico generato da una carica
elettrica in moto. Supponiamo che la carica q si muova lungo una curva rq (t)
con velocità = r0q =c:
1 q
(r; t) = (13.57 - a)
4 "0 [1 n q r )] jr
(t rq (tr )j

0c q q (tr ) q (tr )
A(r; t) = = (r; t) (13.57 - b)
4 [1 n q r )]jr
(t rq (tr )j c
Il tempo ritardato tr si trova implicitamente per mezzo dell’equazione
rq (tr )j jr
tr = t (13.58)
c
Il vettore n è il versore uscente dalla sorgente che punta in direzione di r
r rq (tr )
n= (13.59)
jr rq (tr )j

Equazioni di Je…menko
Forniscono i campi E, B prodotti da una arbitraria distribuzione di densità di
carica e densità di corrente.
Z
1 (r0 ; tr ) 1 @ (r0 ; tr ) 0 1 @j(r0 ; tr ) 3 0
E(r; t) = + (r r ) d r
4 "0 jr r0 j3 cjr r0 j2 @t c2 jr r0 j @t
Z (13.60)
0 0
j(r ; t r ) 1 @j(r ; t r )
B(r; t) = 0 + (r r0 )d3 r0 (13.61)
4 jr r0 j3 cjr r0 j2 @t
dove tr è il tempo ritardato dato da (13.58).Tali equazioni si ricavano dai poten-
ziali ritardati (13.53 - a, b) sostituendoli nella de…nizione dei potenziali elettro-
magnetici (13.56).

Caso particolare: Campi di Lienard-Wiechert


0
!
1 q(n q) qn ((n q) q)
E(r; t) = 2 (1 3 2
+ 3
4 "0 n q ) jr rq j c(1 n q ) jr rq j
t=tr
(13.62)
n(tr )
B(r; t) = E(r; t) (13.63)
c
dove n è il versore (13.59), rq (t) è la legge oraria eseguita dalla carica, = r0q =c;
è il fattore lorentziano dipendente da j j e tutti questi valori sono calcolati al
tempo t = tr :

184
Formula di Larmor relativistica
In regime relativistico una particella che accelera irradia nello spazio circostante
una potenza P data da

q2 6 d 2 d 2
P = [( ) ( ) ] (13.64)
6 "0 c dt dt
dove = (vx ; vy ; vz )=c e è il fattore lorentziano. La corrispondente espressione
covariante è
q2 dp dp
P = 2 3
(13.65)
6 "0 m c d d
dove p è il quadrimpulso della particella.
La potenza irradiata in un angolo solido in…nitesimale d nel vuoto da una
carica elettrica che decelera è data dalla formula (13.66) valida anche in regime
non relativistico:
dP q2 jn ((n ) ddt )j2
= (13.66)
d 16 2 "0 c (1 n )5
Integrandola sull’intero angolo solido ritroviamo (13.64).
Se la velocità è parallela all’accelerazione abbiamo una sempli…cazione con
angolo tra l’accelerazione a e la direzione di osservazione:

dP q 2 a2 sin2
= (13.67)
d 16 2 "0 c3 (1 cos )5

Forza di Abraham–Lorentz-Dirac
E’la forza di reazione che agisce su una carica elettrica accelerata causata dalla
emissione di radiazione elettromagnetica. La formula relativistica in versione
quadridimensionale (trovata da Dirac) con segnatura (-,+,+,+) è:
2
0q d2 p p dp dp
Frad; = [ ( )] (13.68)
6 mc d 2 2 2
m c d d
La formula non relativistica è
q 2 da
Frad = (13.69)
6 "0 c3 dt
L’equazione generale della dinamica di una carica in moto diventa:
dp
= Frad; + Fext; (13.70)
d

185
BIBLIOGRAFIA

[1] V. BARONE, Relatività - Principi ed Applicazioni, Bollati Boringhieri,


2004, Torino
[2] A. BETTINI, Elettromagnetismo, Zanichelli, editrice Decibel, Bologna, 2010
[3] G. BIONDO, E. SACCHI, Manuale di Elettronica e Telecomunicazioni, 5
edizione, Hoepli, Milano 2005
[4] B.H. BRANSDEN & C.J. JOACHAIN, Physics of Atoms and Molecules, 2
edition, Prentice Hall, 2003
[5] H. HAUS, J. MELCHER, M. ZAHN, and M. SILVA. RES.6-001 Electro-
magnetic Fields and Energy, Spring 2008. (Massachusetts Institute of
Technology: MIT OpenCourseWare), http://ocw.mit.edu
[6] J. D. JACKSON, Elettrodinamica Classica, 2 edizione italiana, Zanichelli,
2005, Bologna
[7] C. KITTEL, Introduction to Solid State Physics, 8 edition, John Wiley &
sons, Inc., 2005
[8] L. LANDAU, E. LIFSITS, Teoria dei Campi, Fisica Teorica 2, Editori Riu-
niti, luglio 2004, Roma
[9] L. LANDAU, E. LIFSITS, Elettrodinamica dei mezzi continui, Fisica Teor-
ica 8, Editori Riuniti University Press, marzo 2011, Roma
[10] P.MAZZOLDI, M.NIGRO, C.VOCI, Fisica Vol.II, Elettromagnetismo -
Onde, Seconda Edizione, EdiSES s.r.l, 2002.
[11] G. WOAN, The Cambridge Handbook of Physics Formulas, Cambridge
University Press, 2002
[12] UIUC Physics 435 EM Fields, 2007, Note 16, Prof. S. Errede e Mit.
[consult. ott.2018]
[13] http://coefs.uncc.edu , Design-Handbook, cap.2 [consult. ott.2018]
[14] http://ee-classes.usc.edu/ee591/library/Schenck-Suscept.pdf) [consult. ott.2018]

186
Note dell’autore:

Il documento presente è stato progettato e strutturato come percorso didattico


lineare …nalizzato ad una ampia catalogazione sistematica delle formule della
teoria elettromagnetica. In alcuni contesti vengono fornite brevi ed essenziali
spiegazioni che forniscono un supporto ausiliario immediatamente fruibile al
lettore.
In alcuni capitoli vengono fornite prima le formule collegate alla teoria elettro-
magnetica e dopo viene pubblicata una selezione di esempi già risolti che sono
collegati agli argomenti più rilevanti della teoria.
In questo lavoro non è mai stata utilizzata la costante di Planck ridotta ma solo
la normale costante di Planck h:
La presente opera può essere liberamente copiata, distribuita, trasmessa e ria-
dattata.

187