Sei sulla pagina 1di 32

Acustica degli strumenti

musicali
Percussioni

a.a. 2015 -16


Settore artistico-disciplinare COME/03
Docente: Angelo Conto | angeloconto@gmail.com
Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica

Bibliografia:
University of New South Wales; Department of Music Acoustics: http://www.phys.unsw.edu.au/music/
Dr. Dan Russell, Grad. Prog. Acoustics, Penn State, http://www.acs.psu.edu/drussell/
La scienza del suono - Zanichelli
Campbell and Grated - The musician’s guide to acoustics - Oxford Press
Fletcher and Rossing - The physics of musical instruments - Springer-Verlag, New York, 1991
Cingolani S., Spagnolo R. - Acustica Musicale e Architettonica - Ed. Utet Università
A. Frova - Fisica nella musica - ed. Zanichelli
“Fisica Onde Musica” http://fisicaondemusica.unimore.it/
Five lectures on the Acoustics of the piano © 1990 Royal Swedish Academy of Music
H. Helmholtz, On the sensation of tone as a physiological basis for the theory of music; Dover
Publications, New York, 1954
J. W. S. Rayleigh, The theory of sound; Dover Publications, New York, 1945
Morse - Vibrations and sound - Mc Graw Hill, 1948

Immagini, animazioni e video:


Joe Wolf - licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5
Australia License
Dr. Dan Russell, Grad. Prog. Acoustics, Penn State, http://www.acs.psu.edu/drussell/
Joe Wolf - licensed under a Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.5
Australia License
http://fisicaondemusica.unimore.it: Licenza Creative Commons: Attribuzione - Non commerciale -
Condividi allo stesso modo 2.5 o successive.
2
Strumenti a percussione

Le percussioni moderne possono essere divise in due grandi gruppi:

-  quelle che hanno una caratteristica di altezza molto connotata (timpani, tablas)
-  quelle che ne sono prive (cassa rullante, bonghi, congas)

Come sistemi vibranti possono essere suddivise in tre categorie:


1. A membrana singola accoppiata ad una cavità risonante (timpani)
2. A membrana singola aperta ad entrambi i lati (tom-tom, congas)
3. A due membrane accoppiate all’aria racchiusa in una cavità (cassa, rullante)

Pierre Favre
Fred Frith Evelyn Glennie @ Moers Festival

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Strumenti a percussione

Pierre Favre

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Strumenti a percussione

Fred Frith Evelyn Glennie @ Moers Festival

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani
I timpani sono degli strumenti musicali a percussione. Appartengono alla classe dei membranofoni a suono
determinato. Essi consistono in una membrana, chiamata pelle, tesa su un grande fusto chiamato "caldaia"
solitamente in rame, in altre leghe metalliche o in materiali plastici.
Vengono suonati per mezzo di due battenti, generalmente a punta
morbida (feltro o altro materiale). In orchestra sono sempre presenti
in coppia (da cui il nome plurale), a volte in set comprendenti tre,
quattro o più strumenti.

A differenza di molti tamburi, i timpani, come detto, sono uno


strumento a suono determinato. L'intonazione viene determinata
dalla tensione della pelle: ogni strumento ha un'estensione che varia
da una quinta ad un'ottava cromatica. La modifica dell'altezza viene
e ff e t t u a t a o g g i p e r m e z z o d i u n p e d a l e c h e a g i s c e
contemporaneamente su tutte le viti di tensione della pelle.
Anticamente queste venivano avvitate o svitate manualmente una ad
una, obbligando il timpanista (ed il compositore) a mantenere la
stessa intonazione durante tutto un brano. L'uso del pedale e di un
apposito quadrante graduato permettono una rapida intonazione
dello strumento ed effetti di glissato. Anche nei timpani provvisti di
pedale sono comunque presenti viti che permettono di mantenere la
tensione della membrana equilibrata in tutti i punti.

I suoni vengono oggi notati in altezza reale in chiave di basso


(talvolta senza accidenti in chiave). Anticamente si utilizzava una
notazione convenzionale in cui il Do rappresentava la tonica ed il Sol
la dominante del pezzo: la reale intonazione era indicata a chiare
lettere all'inizio del brano.

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani

I timpani hanno un meccanismo a


pedale che consente di variare la
tensione della membrana di un fattore
3 : 1 , c h e c o r r i s p o n d e
approssimativamente ad un intervallo di
sesta.
Un tempo le membrane erano di pelle,
ma ora il materiale più utilizzato è Mylar
per la praticità di utilizzo: minore
sensibilità all’umidità e maggiore facilità
di accordatura per via della migliore
omogeneità.
Lo spessore standard è considerato
0,19 mm per le membrane in Mylar. Le
caldaie sono solitamente di rame o
fibra di vetro; la forma è solitamente
semisferica.

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani – membrana ideale
Nonostante i modi di vibrazione di una membrana ideale non siano armonici, un timpano è uno strumento con un
forte senso dell’altezza.
Lo schema seguente riassume i modi di vibrazione di una membrana ideale e i loro rapporti di frequenze riferiti al
modo principale (0,1):

successione dei primi 12 modi di una membrana


ideale

i primi 12 modi suonati insieme su di una corda


smorzata

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani – membrana ideale
Consideriamo una membrana circolare sottile e perfettamente elastica fissata lungo tutto il bordo
esterno. Una membrana circolare ideale corrisponde ad una corda ideale, tranne che per il fatto che i
suoi modi di vibrazione hanno una differente simmetria.
I parametri che descrivono la membrana sono:
parziale fnm / f01 xnm
d diametro
T tensione 01 1 2,40
ρ densità superficiale della membrana
11 1,59 3,82
Le frequenze di risonanza dipendono quindi da 21 2,14 5,14
due indici n e m che denotano rispettivamente i 02 2,30 5,52
modi circolari aventi come linee nodali delle
circonferenze e i modi radiali aventi assi di 31 2,65
simmetria uno o più diametri. Il modo 12 2,92 7,01
fondamentale ha frequenza:
41 3,15
22 3,50 8,40
2,40 T 03 3,59
f 01 =
π⋅d ρ 51
32 4,06
x nm T
€ f nm =
π⋅d ρ


Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Membrana circolare
Consideriamo le oscillazioni di una membrana ideale, immaginandola montata su di uno schermo
infinito.

Modo fondamentale: (0,1)


Diametri nodali=0
Circonferenze nodali=1
E’ eccitato percuotendo un qualunque punto della
membrana. In questo modo la membrana si
comporta come una sorgente di monopolo, con
una efficienza di radiazione molto alta. Perciò
l’energia meccanica viene trasferita nel suono
irraggiato molto rapidamente e la vibrazione ha
durata molto breve (frazioni di secondo). Per questo
motivo il modo fondamentale non dà un grosso
contributo al timbro e viene percepito come un
rumore di altezza indefinita.

Animation courtesy of Dr. Dan Russell, Grad. Prog. Acoustics, Penn State

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino |


10
Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali
Membrana circolare
modo (1,1)
Diametri nodali=1
Circonferenze nodali=1
Frequenza: 1,593 f0,1
La posizione esatta del diametro nodale dipende
dalla omogeneità della membrana e dal punto in
cui è applicata l’eccitazione (tra il centro e il bordo
esterno).
In questo modo la membrana si comporta
principalmente come un dipolo: invece che
spingere aria dalla membrana come nel modo (0,1),
metà di essa spinge aria e l’altra aspira, dando
come risultato un movimento di aria da un lato
all’altro. Di conseguenza il modo (1,1) irradia il
suono in maniera meno efficiente del modo (0,1), il
che significa che il trasferimento di energia non è
altrettanto efficiente, cosicchè il tempo che impiega
a decadere (trasferire tutta la sua energia) è
maggiore. Per via della sua durata (diversi secondi),
ha un contributo importante nel suono e
nell’intonazione della membrana.

Animation courtesy of Dr. Dan Russell, Grad. Prog. Acoustics, Penn State

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino |


11
Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali
Membrana circolare
modo (2,1)
Diametri nodali=2
Circonferenze nodali=1
Frequenza: 2,135 f0,1

Agisce come un quadrupolo, meno efficiente del


modo (1,1) (dipolo) e molto meno efficiente del
modo (0,1) monopolo. Quindi il trasferimento è
molto lento e il tempo di decadimento lungo.

Animation courtesy of Dr. Dan Russell, Grad. Prog. Acoustics, Penn State

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino |


12
Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali
modo (0,2)
diametri nodali = 0
circonferenze nodali = 2 (r2 = 0.436r)
Frequenza: 2,295 f0,1

Agisce in maniera complessa sia come dipolo che


come monopolo, con un tempo di decadimento
intermedio. Non contribuisce significativamente
all’altezza del suono.

modo (3,1)
diametri nodali = 3
circonferenze nodali = 1
Frequenza: 2,65 f0,1
Come i modi (1,1) e (2,1), irradia debolmente e
contribuisce all’altezza del suono.

modo (1,2)
diametri nodali = 1
circonferenze nodali = 2
Frequenza: 2,917 f0,1
Irradia in maniera simile ad un quadrupolo, con
bassa efficienza.

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino |


13
Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali
modo (4,1)
Diametri nodali = 4
Circonferenze nodali = 1
Frequenza: 3,15 f0,1
Come i modi (1,1) e (2,1) e (3,1) irradia debolmente
ed ha tempi di decadimento lunghi

modo (2,2)
Diametri nodali = 2
Circonferenze nodali = 2
Frequenza: 3,50 f 0,1

modo (0,3)
Diametri nodali = 0
Circonferenze nodali = 3
Frequenza: 3,598 f0,1

Agisce in maniera complessa, con un tempo di


decadimento abbastanza breve. E’ eccitato quando
la membrana viene colpita al centro.

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino |


14
Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali
modo (5,1)
diametri nodali = 5
circonferenze nodali = 1

modo (3,2)
diametri nodali = 3
circonferenze nodali = 2
Frequenza: 4,06 f0,1

Animation of Dr. Dan Russell, Grad. Prog. Acoustics, Penn State


Mode_Shapes_for_a_Circular_Membrane_improved_version
Circular_Membrane__drum_head__Vibration
http://www.falstad.com/circosc

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino |


15
Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali
Timpani - strumento completo
La descrizione fatta finora trascura il ruolo dell’aria da entrambe le parti della membrana.
A basse frequenze il contributo dell’aria è di aggiungere una massa pari a

8 3
ma ≈ ρa
3
dove a è il raggio della membrana.
La massa aggiunta è approssimativamente un cilindro il cui spessore è pari ad a, il cui effetto è di abbassare
le frequenze rispetto a quelle della membrana che oscilla nel vuoto.

L’effetto è più grande alle basse frequenze, dove la lunghezza d’onda è maggiore o paragonabile alle
dimensioni della membrana.

Per lunghezze d’onda maggiori al diametro a, il moto dell’aria aggiunta si estende ad una distanza

d ≈ 2 λπ

Essendo d <<a il carico dell’aria lascia relativamente inalterati i modi superiori.

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Il fattore principale per cui le componenti in frequenza sono armoniche è l’abbassamento della frequenza della
fondamentale dovuta alla massa d’aria che circonda la membrana, e che sostanzialmente ne aumenta la massa
diminuendo la velocità di propagazione:

Variazione della velocità delle onde trasversali dovuta alla variazione della densità superficiale, per due diversi valori di
tensione (linee continue). Le linee tratteggiate rappresentano i valori relativi alla membrana ideale

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Analizziamo ora le conseguenze del montaggio della membrana su un corpo cavo.

Schermo acustico

Quando una membrana viene montata su un corpo cavo, la radiazione posteriore viene eliminata. Il ruolo
della caldaia è principalmente quello di schermo acustico, che agisce separando le onde sonore emesse da
una parte della membrana con quelle emesse dalla parte opposta. Questo fa sì che le due onde non
interagiscano tra loro scambiandosi energia, ed aumenta quindi l’efficienza di radiazione, diminuendo di
conseguenza i tempi di decadimento sia per i modi “armonici” che per quelli “inarmonici”.

circular drumhead

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Schermo acustico

A basse frequenze il timpano agisce come una sorgente di monopolo, con radiazione isotropica la cui
efficienza è aumentata. Questo è mostrato dalla riduzione del t60 del modo (11), da 2,5 s a 0,5 s quando la
membrana viene montata sulla caldaia:

Fletcher-Rossing, The physics of musical instruments, after Christian et.al (1984)

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - direzionalità
Direzionalità dei modi di oscillazione:

(0,1): monopolo

(1,1): dipolo

(2,1): quadrupolo

Timpani_Concerto - Ney Rosauro


Philip Glass - Concierto Fantasia para Timbales
Timpani - strumento completo
Cedevolezza acustica

L’aria all’interno della caldaia, quando compressa, agisce come una molla, e quindi aumenta la rigidità del
sistema oscillante. Questo contributo è particolarmente consistente nei modi circolari i quali comprimono
l’aria interna, mentre i modi a simmetria radiale sono poco influenzati in quanto il loro moto conserva il
volume.

Valori teorici e misurati delle frequenze di una membrana di timpano prima e dopo il montaggio sulla caldaia, e
risonanze interne della caldaia (da Fletcher e Rossing)
Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Cedevolezza acustica

Le frecce indicano le variazioni di frequenza, gli asterischi i modi che contribuiscono al set quasi-armonico.
Notiamo che i modi (0,1), (0,2), (0,3) aumentano la loro frequenza.

Valori teorici e misurati delle frequenze di una membrana di timpano prima e dopo il montaggio sulla caldaia, e
risonanze interne della caldaia (da Fletcher e Rossing)
Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Accoppiamento con i modi dell’aria

Altri effetti che contribuiscono più debolmente a variare le frequenze creando il set di armoniche. Tra questi
ricordiamo l’effetto dell’interazione dei modi di vibrazione della massa d’aria contenuta nella caldaia con i
modi della membrana.

L'aria racchiusa all'interno del timpano possiede dei propri modi di vibrazione nei quali l’aria compie dei
movimenti analoghi alla membrana. (Rossing, 1982).

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Accoppiamento con i modi dell’aria

Ad esempio, al modo (1,1), avente frequenza di vibrazione pari a 150 Hz, corrispondono i modi di vibrazione
della massa d'aria alle frequenze di 337 Hz e 566 Hz. Analogamente, al modo (2,1), con frequenza di 227
Hz, corrispondono i modi alle frequenze di 537 Hz e 747 Hz. I valori delle frequenze di vibrazione della
membrana e dell'aria, sono quindi molto diversi, ma tuttavia influiscono sul timbro del suono prodotto dallo
strumento

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Accoppiamento con i modi dell’aria

L’accoppiamento con i modi dell’aria implica un aumento della separazione delle frequenze, che porta ad
un abbassamento dei modi della membrana.

Valori teorici e misurati delle frequenze di una membrana di timpano prima e dopo il montaggio sulla caldaia, e
risonanze interne della caldaia (da Fletcher e Rossing)

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - la caldaia
Diversi studi scientifici (Thomas D. Rossing et al; Helmut Fleischer, Hugo Fastl ) hanno dimostrato che la forma
geometrica della caldaia ha una minima influenza sul suono dello strumento. Il fattore fondamentale che determina
le proporzioni tra le componenti è la quantità d’aria in essa contenuta, la forma, sia essa semisferica, parabolica o di
altro tipo, non altera le frequenze a parità di volume.

Minore il volume, maggiore sarà l’influenza sui modi a bassa frequenza. Il corretto dimensionamento del volume
serve a sopprimere le componenti inarmoniche a bassa frequenza e quindi permettere che le componenti
armoniche possano emergere.

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo

Trasposizione sul pentagramma dei risultati dello studio di Benade

La maggior parte degli osservatori concorda nell’affermare che l’altezza del timpano corrisponde alla parziale (1,1).
E’ sorprendente che l’altezza venga identificata con una parziale piuttosto che con la fondamentale mancante del
set di armoniche; il fenomeno si spiega probabilmente (secondo lo stesso Rossing) con la bassa energia e durata del
set di parziali, insufficiente a generare un set riconoscibile di armoniche, a differenza di quanto accade in altri
strumenti musicali. A testimonianza della sua teoria alcuni timpanisti ritengono di sentire un suono indistinto a circa
un'ottava sotto alla frequenza nominale dello strumento, semplicemente colpendo lo strumento con alcuni colpi
sordi in alcune posizioni della membrana.

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !
Timpani - strumento completo
Figure di Chladni di un timpano da 26 pollici
(0,1) (1,1) (2,1) (3,1)

(4,1) (0,2) (1,2)


Timpani – il battente
La qualità del contatto influenza enormemente il suono. I parametri che entrano in gioco sono:

-  posizione dell’impatto:

a seconda della posizione del punto di impatto è possibile enfatizzare o eliminare alcuni particolari modi. Il
punto di impatto vicino al bordo enfatizza i modi ad alta frequenza, mentre verso il centro dà come risultato
un suono abbastanza sordo. Questo è dovuto all’enfatizzazione del modo (0,0) ed eliminazione dei modi
(0,n). Le note più sonore sono generate colpendo a metà del raggio circa.

-  interazione battente-membrana:

a parità di velocità di impatto la dinamica del trasferimento di energia è più morbida al centro e più dura al
bordo

-  tipo di battente

un battente leggero e rigido darà un suono molto differente da uno pesante e ricoperto di feltro.

-  tempo di contatto

l’impatto tra battente e membrana è simile a quello tra martello e corda nel pianoforte, anche se molto
meno studiato. In particolare, minore è il tempo di contatto, più ricco di armoniche superiori sarà il suono
prodotto. La loudness sarà proporzionale alla massa m del battente e alla sua velocità v.
Timpani – il battente
Questo esempio mostra i cambiamenti nel suono di un timpano percosso con un battente rigido, variando il
punto di impatto dal bordo al centro con steps all’incirca di 1/8 del raggio:

In questo esempio il timpano viene percosso ad un quarto del raggio con battenti di rigidità crescente,
partendo dal mallet ricoperto di feltro fino alla bacchetta di legno:

Timpani_Concerto - Ney Rosauro


Philip Glass - Concierto Fantasia para Timbales
Timpani – spettro
La figura a fianco mostra la forma d’onda e lo
spettro di una nota di timpano, a t=0 s e t=1 s. (la
prima nell’audio)

La parte iniziale include componenti in frequenza


dati dalla vibrazione non solo della membrana ma
anche dell’aria, della caldaia, dei supporti e del
pavimento.
La maggior parte di queste componenti
scompaiono in fretta, lasciando (a t=1 s) i modi a
decadimento lento propri della membrana. In
particolare possiamo riconoscere:

(0,1) a f=140 Hz
(0,2) a f=210 Hz
(0,3) a f=284 Hz

rispettivamente ad una quinta e ad un’ottava.


Il pitch rimane pressochè inalterato anche quando,
come nel secondo suono dell’esempio seguente,
le parziali al di sotto dei 250 Hz sono assenti:

In questo caso si avverte la perdita nella


profondità del suono.
Timpani

Spettro di un timpano di diametro 65 cm intonato su E3;


percussione nel punto canonico sulla membrana (circa 1/4
della distanza bordo/centro)
a)  0,03 secondi dopo l’impatto del battente
b)  1 secondo dopo l’impatto del battente

Spettro di un timpano di diametro 65 cm intonato su E3;


percussione nel centro della membrana
a)  0,03 secondi dopo l’impatto del battente
b)  1 secondo dopo l’impatto del battente

Conservatorio di Musica G. Verdi di Torino | Scuola di Musica Elettronica | Acustica degli strumenti musicali !