Sei sulla pagina 1di 5

Disastro nucleare di

Fukushima Dai-ichi
Centrale nucleare di Fukushima Dai-ichiTokyo Electric Power CompanySievert
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce o sezione deve essere rivista e aggiornata appena possibile. Sembra infatti che questa voce contenga informazioni
superate e/o obsolete. Se puoi, contribuisci ad aggiornarla.

Disastro nucleare di Fukushima Dai-ichi


Incidente nucleare livello 7 (INES)

Immagine del 16 marzo 2011 dei quattro edifici danneggiati del


reattore. Da sinistra a destra: Unità 4, 3, 2 e 1. Le esplosioni di aria e
idrogeno si sono verificate nelle Unità 1, 3 e 4, causando danni
strutturali. Una bocchetta nella parete dell'unità 2, con vapore
acqueo/"vapore" chiaramente visibile, ha impedito un'esplosione
simile. Altri droni il 20 marzo hanno catturato immagini più chiare. [1]

Tipo Meltdown nucleare


11 marzo 2011
Data inizio
15:40
16 marzo 2011
Data fine
9:38
Luogo Ōkuma
Infrastruttura Centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi
Stato Giappone
Regione Regione di Tōhoku
Prefettura Fukushima
Coordinate 37°25′17″N 141°01′57″E
Causa Terremoto e maremoto del Tōhoku del 2011
Conseguenze
1 morte per cancro attribuita all'esposizione alle
Morti
radiazioni da parte del governo. [2][3]

16 con lesioni fisiche dovute alle esplosioni di


idrogeno, [4]

Feriti
2 lavoratori portati in ospedale con possibili ustioni
da radiazioni. [5]

Evacuati 184 000


Mappa di localizzazione
Luogo dell'evento
Modifica dati su Wikidata · Manuale
Il Disastro nucleare di Fukushima Dai-ichi (福島第一原子力発電所事故 Fukushima
Dai-ichi (pronuncia )genshiryoku hatsudensho jiko ) è stato un incidente nuclare
[?·info] ?

nella centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi a Ōkuma, nella prefettura di Fukushima,


iniziato principalmente dallo tsunami dopo il terremoto di Tōhoku l'11 marzo
2011. Immediatamente dopo il terremoto, i reattori attivi interrompono automaticamente le
[6]

loro reazioni di fissione sostenute. Tuttavia, lo tsunami distrusse i generatori di emergenza


che avrebbero fornito energia per controllare e far funzionare le pompe necessarie per il
raffreddamento dei reattori. Il raffreddamento insufficiente ha portato a tre crisi nucleari,
esplosioni d'aria e idrogeno e il rilascio di materiale radioattivo nelle Unità 1, 2 e 3 dal 12 al
15 marzo. La perdita di raffreddamento ha suscitato preoccupazioni anche per il
combustibile esaurito recentemente caricato del reattore 4, che è aumentato di temperatura il
15 marzo a causa del calore di decadimento proveniente dalle barre del combustibile
esaurito appena aggiunte, ma non ha ridotto all'esposizione. [7]

Il 5 luglio 2012, il National Diet of Japan Fukushima Nuclear Accident Independent


Investigation Commission (NAIIC) provò che le cause dell'incidente erano prevedibili e che
l'operatore dell'impianto, la Tokyo Electric Power Company(TEPCO), non era riuscito a
soddisfare i requisiti di sicurezza di base come la valutazione del rischio, la preparazione per
contenere i danni collaterali e lo sviluppo di piani di evacuazione. Il 12 ottobre 2012, la
TEPCO ha ammesso per la prima volta di non aver adottato le misure necessarie per timore
di subire cause legali o proteste contro le sue centrali nucleari. [8][9][10][11]

Il disastro di Fukushima è stato l'incidente nucleare più significativo dal disastro di


Černobyl' del 26 aprile 1986 e il secondo disastro a cui è stata assegnata la
classificazione INES di livello 7. A settembre 2018, una morte per cancro è stata oggetto
[12]

di un accordo finanziario, per la famiglia di un ex operaio della centrale. Il United [2][13]

Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation e la World Health


[14]

Organization riferirono che non ci sarebbero stati aumenti di aborti, nati morti o disturbi
fisici e mentali nei bambini nati dopo l'incidente. Ma in realtà, si stima che siano stati
[15]

riscontrati 1.600 decessi, principalmente negli anziani, che avevano precedentemente


vissuto in case di cura. [16][17]

È in corso un intenso programma di bonifica di Fukushima per decontaminare le aree


colpite e dismettere l'impianto, che secondo la stima della gestione dell'impianto impiegherà
circa 30 o 40 anni. Una barriera del suolo ghiacciato è stata costruita nel tentativo di
[18]

prevenire un'ulteriore contaminazione delle falde acquifere sotterranee, che sta rallentando
[19]
la quantità di acqua contaminata che viene raccolta. La TEPCO stima che la barriera stia
riducendo i flussi d'acqua di circa 95 tonnellate al giorno rispetto al 2016. L'acqua è stata
[20]

trattata e tutti gli elementi radioattivi sono stati rimossi con successo, ad eccezione del
trizio.
Nel febbraio 2017, TEPCO ha rilasciato le immagini scattate all'interno del reattore 2 da una
telecamera telecomandata che mostra che c'è un buco largo 2 metri. nel reticolo metallico
[21]

sotto il recipiente a pressione nel recipiente di contenimento primario del reattore, che [22]

potrebbe essere stato causato dal carburante che fuoriescì dal recipiente a pressione,
indicando che si era verificato un tracollo/fusione attraverso questo strato di contenimento.
Livelli di radiazioni di circa 210 Sv all'ora sono stati successivamente rilevati all'interno del
recipiente di contenimento dell'unità 2. Questi valori sono nel contesto del combustibile
[23]

esaurito non danneggiato che ha valori tipici di 270 Sv/h, dopo 10 anni di arresto a freddo,
senza schermatura. [24]

Panoramica
La centrale nucleare di Fukushima Dai-ichi comprendeva sei diversi reattori ad acqua
bollente originariamente progettati dalla General Electric (GE) e mantenuti dalla Tokyo
Electric Power Company (TEPCO). All'epoca del terremoto di Tōhoku, l'11 marzo 2011, i
reattori 4, 5 e 6 furono chiusi in preparazione del rifornimento. Tuttavia, le loro piscine di
[25]

stoccaggio necessitavano ancora di raffreddamento. [26][27]

Immediatamente dopo il terremoto, i reattori 1, 2 e 3 che producevano elettricità


interruppero automaticamente le loro reazioni di fissione inserendo le barre di controllo in
una procedura di sicurezza legalmente obbligatoria denominata SCRAM, che pone fine alle
normali condizioni di funzionamento dei reattori. Dato che i reattori non erano in grado di
generare energia per far funzionare le proprie pompe di refrigerazione, i generatori di
emergenza diesel sono arrivati in linea, come previsto, per alimentare l'elettronica e i sistemi
di raffreddamento. Questi funzionarono normalmente fino a quando lo tsunami distrusse i
generatori dei Reattori 1-5. I due generatori di raffreddamento del reattore 6 non furono
danneggiati e erano sufficienti per essere messi in servizio per raffreddare il vicino reattore
5 insieme al proprio reattore, evitando i problemi di surriscaldamento degli altri reattori. [26]

La più grande ondata di tsunami è stata alta 13 metri e ha colpito 50 minuti dopo il
terremoto iniziale, travolgendo la diga della pianta, che era alta 10 metri. Il momento [6]

dell'impatto è stato registrato da una telecamera. L'acqua inondò rapidamente le stanze


[28]

basse in cui erano alloggiati i generatori di emergenza. I generatori diesel allagati hanno
[29]

subito un guasto poco dopo, con conseguente perdita di potenza alle pompe d'acqua di
raffreddamento. Queste pompe erano necessarie per far circolare continuamente l'acqua di
raffreddamento attraverso i reattori di Generazione II per diversi giorni per mantenere le
barre di combustibile dalla fusione, poiché le barre di combustibile continuavano a generare
calore di decadimento dopo lo SCRAM. Le barre di combustibile diventerebbero abbastanza
calde da fondersi durante il periodo di decadimento del carburante se non fosse disponibile
un adeguato dissipatore di calore. Dopo che le pompe di emergenza secondarie (gestite da
batterie di back-up) si sono esaurite, un giorno dopo lo tsunami del 12 marzo, le pompe [30]

dell'acqua si fermarono e i reattori iniziarono a surriscaldarsi.


Mentre i lavoratori cercavano di fornire energia ai sistemi di raffreddamento dei reattori e
ripristinare l'energia nelle loro sale di controllo, si verificarono una serie di esplosioni
chimiche di aria e idrogeno, la prima nell'unità 1 il 12 marzo e l'ultima nell'unità 4, il 15
marzo. Si stima che la reazione di rivestimento d'acqua calda di zirconio nei Reattori 1-
[30][31][32]
3 producesse da 800 a 1000 chilogrammi di gas idrogeno ciascuno. Il gas pressurizzato è
stato scaricato dal recipiente a pressione del reattore dove è stato miscelato con l'aria
ambientale e alla fine ha raggiunto i limiti di concentrazione esplosivi nelle Unità 1 e 3. A
causa delle connessioni tra le Unità 3 e 4, o in alternativa dalla stessa reazione che si
verifica nella piscina di stoccaggio esaurito nell'unità 4 stessa, l'unità 4 si riempì di
[33]

idrogeno, provocando un'esplosione. In ciascun caso, le esplosioni di aria e idrogeno si sono


verificate nella parte superiore di ogni unità, che si trovava nei loro edifici di contenimento
secondario superiore. Un drone sorvolò il 20 marzo e in seguito catturò immagini chiare
[34][35]

degli effetti di ogni esplosione sulle strutture esterne, mentre la vista all'interno era in gran
parte oscurata da ombre e detriti.[1]

In concomitanza con le ben note implicazioni di una perdita di incidente del refrigerante, il
raffreddamento insufficiente alla fine ha portato a crolli nei Reattori 1, 2 e 3. La piena
estensione del movimento del corion risultante è sconosciuta, ma ora è considerata almeno
attraverso il fondo di ciascun recipiente a pressione del reattore (RPV), che risiede da
qualche parte tra la stessa e la falda freatica sotto ciascun reattore, in modo simile a quanto
osservato nel reattore 4 di Cernobyl.

A partire da settembre 2018, una fatalità per cancro è stata oggetto di un accordo
finanziario, per la famiglia di un ex operaio di stazione. mentre circa 18.500 persone sono
[2][13]

morte a causa del terremoto e dello tsunami. La stima massima possibile di mortalità e
morbilità del cancro secondo la teoria lineare senza soglia è di 1.500 e 1.800 ma con il peso
più forte di prove che producono una stima molto più bassa, nel range di poche
centinaia. Inoltre, i tassi di disagio psicologico tra le persone evacuate sono aumentati di
[36]

cinque volte rispetto alla media giapponese a causa dell'esperienza del disastro e
dell'evacuazione.
Nel 2013, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha indicato che i residenti
dell'area che erano stati evacuati erano esposti a basse quantità di radiazioni e che gli impatti
sulla salute indotti dalle radiazioni sono probabilmente bassi. In particolare, il rapporto
[37][38]

dell'OMS del 2013 prevede che per le bambine evacuate, il rischio di sviluppare cancro alla
tiroide dello 0,75% prima dell'innesto sia aumentato fino all'1,25% essendo esposto a
radioiodio, con un aumento leggermente inferiore per i maschi. Si prevede inoltre che i
rischi derivanti da una serie di ulteriori tumori indotti da radiazioni siano elevati a causa
dell'esposizione causata dagli altri prodotti di fissione con basso punto di ebollizione che
sono stati rilasciati dai guasti di sicurezza. Il singolo aumento maggiore è per il cancro della
tiroide, ma in totale, un rischio complessivo superiore all'1% di sviluppare cancri di tutti i
tipi, è previsto per le femmine infantili, con il rischio leggermente inferiore per gli uomini,
rendendo entrambi i più sensibili alle radiazioni gruppi. L'OMS predisse quelli all'interno
[38]

dell'utero, a seconda del loro genere, avrebbe gli stessi aumenti di rischio dei gruppi
infantili.
Un programma di screening, un anno dopo, nel 2012, ha rilevato che più di un terzo (36%)
dei bambini nella prefettura di Fukushima ha una crescita anormale nelle ghiandole
tiroidee. Ad agosto 2013, ci sono stati più di 40 bambini di nuova diagnosi con cancro alla
[39]

tiroide e altri tumori nella prefettura di Fukushima nel suo complesso. Nel 2015, il numero
di cancri della tiroide o di tumori tiroidei in via di sviluppo è stato 137. Tuttavia, se queste
[40]

incidenze di cancro sono elevate al di sopra del tasso nelle aree non contaminate e quindi
dovute all'esposizione alle radiazioni nucleari non è noto in questa fase. [Senza fonte] I dati
dell'incidente di Chernobyl hanno mostrato che un aumento inconfondibile dei tassi di
cancro alla tiroide dopo il disastro del 1986, iniziò solo dopo un periodo di incubazione del
cancro di 3-5 anni; tuttavia, se questi dati possano essere direttamente confrontati con il
[41]

disastro nucleare di Fukushima deve ancora essere determinato. [42]

Un sondaggio del giornale Mainichi Shimbun ha calcolato che circa 300.000 persone che
hanno evacuato l'area, circa 1.600 decessi correlati alle condizioni di evacuazione, come
vivere in alloggi temporanei e chiusure di ospedali, si erano verificati ad agosto 2013, un
numero paragonabile al 1.599 decessi causati direttamente dal terremoto e dallo tsunami
nella prefettura di Fukushima nel 2011. Le cause esatte della maggior parte di queste morti
legate all'evacuazione non sono state specificate, in quanto secondo i comuni, che avrebbero
ostacolato la richiesta di indennizzo per le condoglianze da parte dei parenti del defunto. [16][17]

Il 5 luglio 2012, la commissione nazionale indipendente di inchiesta nucleare di Fukushima


(NAIIC), nominata dalla dieta nazionale giapponese, ha presentato la sua relazione
d'inchiesta alla Dieta giapponese. La Commissione ha scoperto che il disastro nucleare era
[43]

"artificiale", che le cause dirette dell'incidente erano tutte prevedibili prima dell'11 marzo
2011. Il rapporto ha inoltre rilevato che la centrale nucleare di Fukushima Daiichi non era in
grado di resistere al terremoto e allo tsunami. La TEPCO, gli organismi di regolamentazione
(NISA e NSC) e l'ente governativo che promuove l'industria dell'energia nucleare (METI),
non sono riusciti a sviluppare correttamente i requisiti di sicurezza più basilari - come
valutare la probabilità di danni, prepararsi a contenere i danni collaterali da tale disastro, e lo
sviluppo di piani di evacuazione per il pubblico in caso di una grave emissione di radiazioni.
Nel frattempo, il comitato di inchiesta nominato dal governo per l'incidente presso le
centrali nucleari di Fukushima della Tokyo Electric Power Company ha presentato il suo
rapporto finale al governo giapponese il 23 luglio 2012. Uno studio separato dei ricercatori
[44]

di Stanford ha scoperto che gli impianti giapponesi gestiti dalle più grandi società di servizi
di pubblica utilità erano particolarmente non protetti contro il potenziale tsunami. [6]

La TEPCO ha ammesso per la prima volta il 12 ottobre 2012 di non aver adottato misure
più forti per prevenire i disastri per timore di invitare cause legali o proteste contro le sue
centrali nucleari. Non ci sono piani chiari per la disattivazione dell'impianto, ma la stima
della gestione dell'impianto è di trenta o quaranta anni. [18]

Una barriera di terra ghiacciata è stata costruita nel tentativo di prevenire un'ulteriore
contaminazione delle falde acquifere sotterranee da combustibile nucleare fuso, ma nel
[19]

luglio 2016 la TEPCO ha rivelato che il muro di ghiaccio non era riuscito a impedire alle
acque sotterranee di fluire e mescolarsi con acqua altamente radioattiva all'interno degli
edifici del reattore distrutto, aggiungendo che sono "tecnicamente incapaci di bloccare le
acque sotterranee con il muro ghiacciato". [45][46]

Nel 2018 sono iniziati i tour per visitare l'area del disastro di Fukushima. [47]