Sei sulla pagina 1di 24

OSPEDALE MARIA VITTORIA

GUIDA PRATICA
per i PAZIENTI OPERATI
con PROTESI TOTALE D’ANCA

INFORMAZIONI E CONSIGLI PRATICI


DALL’INGRESSO IN OSPEDALE ALLA DIMISSIONE
E SUCCESSIVA RIEDUCAZIONE MOTORIA FUNZIONALE

STRUTTURA COMPLESSA
ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Direttore
Dott. Angelo Dettoni
Coordinatore Scientifico
dott. Mauro Roselli *

Disegni
dott.ssa Giuseppina Montanari *

Si ringraziano la Struttura Complessa di Medicina Fisica e Riabilitazione


e la responsabile dott.ssa Tiziana Iacomussi per la collaborazione

* Dirigente Medico A.S.L. TO2 - Ospedale Maria Vittoria


S.C. Ortopedia e Traumatologia (Direttore: dott. Angelo Dettoni)
To r i n o N o r d

OSPEDALE MARIA VITTORIA

GUIDA PRATICA
per i PAZIENTI OPERATI
con PROTESI TOTALE D’ANCA

INFORMAZIONI E CONSIGLI PRATICI


DALL’INGRESSO IN OSPEDALE ALLA DIMISSIONE
E SUCCESSIVA RIEDUCAZIONE MOTORIA FUNZIONALE

STRUTTURA COMPLESSA
ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
Direttore
Dott. Angelo Dettoni
L’ANCA NORMALE

L’anca normale è un’articolazione costituita dalla testa del femore, che rap-
presenta i due terzi di una sfera e che s’inserisce in una cavità emisferica, la
cavità acetabolare. Le superfici che vengono in contatto sono ricoperte da
cellule cartilaginee che le rendono perfettamente levigate.
Le due ossa sono unite tra loro da una capsula fibrosa che forma un mani-
cotto fibroso che avvolge l’articolazione e da una membrana sinoviale che
produce un liquido per lubrificare e nutrire le superfici articolari e renderle
perfettamente scorrevoli tra loro.

CAPSULA
ARTICOLARE

CAVITÀ
TESTA ACETABOLARE
FEMORALE

COLLO
FEMORALE

4
CAPSULA ARTICOLARE

GRAN
TROCANTERE

PICCOLO TROCANTERE

SPINAILIACA
ANTERIORE SUPERIORE

CAPSULA
LEGAMENTO INGUINALE ARTICOLARE

GRAN
PUBE TROCANTERE

ISCHIO

DIAFISI FEMORALE

5
L’ANCA PATOLOGICA

La coxartrosi può essere definita come la degenerazione delle cellule carti-


laginee con perdita della perfetta congruenza e levigatezza delle superfici
dell’articolazione coxo-femorale e la eventuale formazione di osteofiti (cre-
scita ossea periarticolare).

CAVITÀ
TESTA ACETABOLARE
FEMORALE

OSTEOFITA

COLLO
FEMORALE

OSTEOFITA

6
L’artrosi dell’anca può essere legata a numerosi fattori così definiti:

1) COXARTROSI PRIMITIVA o idiopatica (senza causa specifica)

2) COXARTROSI SECONDARIA (a patologie note)


a) post traumatica
b) displasia congenita
c) osteocondrite epifisaria, morbo di Perthes
d) coxa vara, o valga
e) artrite settica
f) malattia reumatica
g) necrosi della testa femorale

Contribuiscono ad una maggiore incidenza di degenerazione articolare fat-


tori quali l’obesità, la scarsa attività fisica ed occupazionale, fattori genetici
ed ambientali.
L’artrosi dell’anca esordisce con modesto dolore a livello inguinale dopo
una deambulazione o affaticamento in generale. Il riposo è sufficiente a
calmare il dolore.
Con il progredire della coxartrosi si assiste ad un peggioramento del dolore
ed a una sempre più marcata limitazione funzionale delle rotazioni, abdu-
zione, adduzione e flessione fino ad arrivare alla zoppia durante la deambu-
lazione, all’ipotrofia muscolare, ad atteggiamenti coattivi.

OPZIONI TERAPEUTICHE

– Iniziale fisiocinesiterapia e terapia farmacologia;


– terapia chirurgica: osteotomie correttive, intervento sec. Ganz, etc. (in-
dicazioni molto limitate).
– Sostituzione protesica
Scopo dell’intervento: • abolire il dolore;
• ridare motilità articolare normale;
• recupero funzionale globale.

7
LA PROTESI TOTALE D’ANCA

La protesi d’anca, cementata o non, rispecchia l’anca naturale, ossia è co-


stituita da una sfera metallica o di ceramica che sostituisce la testa del
femore e s’inserisce in uno stelo metallico che viene posizionato nel femore
prossimale. Il tutto si assembla con una coppa metallica con un inserto di
ceramica, metallo o polietilene che trovano alloggio nella cavità del bacino
erosa (acetabolo).
Come l’anca sana la protesi ha delle superfici lisce che permettono il movi-
mento con scarso attrito e senza dolore.

8
LA VISITA ORTOPEDICA

Lo specialista Ortopedico è deputato al trattamento chirurgico dell’appara-


to osteo articolare.
Solo dopo un’accurata valutazione clinica, obiettiva e radiologica verrà po-
sta indicazione alla sostituzione protesica totale.

LA PREPARAZIONE PRIMA DELL’INTERVENTO

Prima dell’intervento sarà necessario essere sottoposti a visita anestesiolo-


gica, ove verrà valutata la necessità di ulteriori accertamenti.
Sarà necessario perdere chili se obesi; smettere di fumare e segnalare l’as-
sunzioni di farmaci.
Come per tutti i grandi interventi anche per questo ci sono dei rischi,come
embolie, polmoniti, infezioni, reazioni allergiche ed altre complicanze post
operatorie, che potranno essere spiegati dall’ortopedico durante la visita.
La visita si concluderà dopo aver informato il paziente su tutto quanto ne-
cessita sapere su questo intervento e con la firma da parte del medico e del
paziente stesso dell’apposito modulo di consenso informato.
Prima o durante l’intervento verrà effettuata:
– profilassi antitromboembolica, in accordo a quanto risulta in letteratura
dalle raccomandazioni internazionali;
– profilassi antibiotica contro il rischio d’infezione, secondo quanto risulta
dalla letteratura internazionale;
– profilassi delle ossificazioni periarticolari.

9
L’INTERVENTO

Il ricovero potrà avvenire uno o due giorni prima dell’intervento. La sera


prima dell’intervento sarà necessario:
– eseguire una doccia;
– restare digiuni dalle ore 24.00;
– potrà essere eseguito un clistere.
Al mattino verranno posizionati un ago cannula per la somministrazione di
farmaci ed eventuali trasfusioni e un catetere vescicale.
L’anestesista provvederà ad
eseguire l’anestesia epidura-
le o più raramente generale.
Al termine dell’intervento re-
sterà la sensazione di perdita
della sensibilità agli arti infe-
riori per qualche ora ancora.
Attraverso le flebo verranno
somministrati farmaci antal-
gici ed antibiotici, uno o due
tubicini dreneranno il san-
gue dalla ferita, impedendo
la formazione di ematomi.
Flebo, drenaggi e cateteri
verranno rimossi il giorno
seguente l’intervento.
Dopo l’intervento, gli arti
inferiori sono mantenuti ab-
dotti a 30° da un cuscino divaricatore per mantenere la posizione corretta
e prevenire manovre sbagliate.
I medici e gli infermieri professionali della nostra S.C. restano a disposizione
per eventuali richieste del paziente.

10
RIABILITAZIONE DOPO L’INTERVENTO DI PROTESI D’ANCA

La presa in carico riabilitativa del paziente avviene dal giorno seguente


l’intervento mediante visita fisiatrica. Verrà steso il programma riabilitativo
che sarà iniziato dai fisioterapisti in ospedale, continuato al domicilio se
il paziente viene dimesso in adr (assistenza domiciliare riabilitativa) o in
regime di ricovero presso le strutture riabilitative accreditate oppure presso
il day hospital riabilitativo della struttura complessa di mfr (medicina fisica
e riabilitazione).
Nell’impostare il trattamento riabilitativo verranno considerate:
– le condizioni generali e locali pre e post-operatorie;
– la collaborazione del paziente.

I - II GIORNATA POSTOPERATORIA

Verranno curati:
– l’allineamento posturale al letto;
– gli esercizi per l’arto operato e per l’arto controlaterale;
– gli esercizi attivi ed attivi assistiti per la caviglia che attiva la pompa
plantare;
– gli esercizi per la ginnastica respiratoria.

III - IV GIORNATA POST-OPERATORIA

Oltre a quanto sopra:


– assunzione della posizione seduta con le gambe fuori dal letto.

V - VI GIORNATA POST-OPERATORIA

– Al paziente verrà insegnato ad assumere la posizione eretta ed ad iniziare


la deambulazione con utilizzo di un girello o di bastoni canadesi secondo
le abilità.

11
CONSIGLI SUI MOVIMENTI PERMESSI E QUELLI DA EVITARE

N.B. Gran parte dei consigli seguenti sono legati anche al tipo di via chi-
rurgica di accesso: quanto esposto vale per la via postero-laterale usata
comunemente per questo intervento.

si

a) NON PIEGARE L’ANCA OPERATA


OLTRE I 90 GRADI RISPETTO ALL’ASSE
VERTICALE DEL CORPO

no

b) DA SEDUTI, LE GINOCCHIA NON


DEVONO MAI ESSERE PIU’ ALTE
DELLE ANCHE E LE SPALLE NON
DEVONO ESSERE PIU’ AVANTI
RISPETTO ALLE ANCHE

12
si

IN POSIZIONE SEDUTA, PER RIDURRE


I GRADI DI FLESSIONE DELL’ANCA,
ALLUNGARE IN AVANTI L’ARTO
OPERATO (IL GINOCCHIO RISULTA
PIU’ ABBASSATO RISPETTO
AL CONTROLATERALE)

13
no

a) QUANDO SI E’ CORICATI NON INCROCIARE MAI LE GAMBE

si

b) MANTENERE SEMPRE UN CUSCINO RIPIEGATO TRA LE COSCE PER MANTENERE


L’ABDUZIONE DEGLI ARTI

no

c) NELLA POSIZIONE SUL FIANCO NON RUOTARE MAI L’ARTO OPERATO VERSO L’INTERNO
(IL GINOCCHIO E IL PIEDE NON DEVONO MAI GIRARSI ALL’INTERNO)

si

d) MANTENERE SEMPRE IL CUSCINO TRA LE COSCE ANCHE IN QUESTA POSIZIONE

14
NON ACCOVACCIARSI MAI: MOVIMENTO
AD ALTO RISCHIO DI LUSSAZIONE!

no a) UTILIZZARE SEMPRE SEDIE ALTE E STABILI, CON


SEDILE NON TROPPO SOFFICE O CEDEVOLE
(POLTRONA O DIVANO BASSO). DA SEDUTI
NON STARE SUL BORDO DELLA SEDIA, NON
PIEGARE MAI IL TRONCO IN AVANTI, NEL
RIALZARSI MANTENERE IL BUSTO BEN ERETTO
E GUARDARE IN AVANTI. NEI PRIMI MESI
DOPO L’INTERVENTO SONO INDISPENSABILI
SEDIE CON I BRACCIOLI, PER PERMETTERE UNA
SPINTA DELLA BRACCIA EFFICACE VERSO L’ALTO
E SCARICARE L’ANCA DAL CARICO TOTALE
PROVOCATO DALL’ALZARSI IN PIEDI

si

no

c)) MANTENERE SEMPRE UNA CORRETTA


POSIZIONE SEDUTA CON LE ANCHE FLESSE
b) NON ACCAVALLARE MAI LE NON OLTRE I 90 GRADI, LE GINOCCHIA
GAMBE, NE’ RUOTARE L’ARTO LEGGERMENTE DIVARICATE, IL BUSTO BEN
OPERATO ALL’INTERNO ERETTO E BEN INDIETRO CONTRO LO SCHIENALE

15
no si

a) ANCHE DURANTE LA GUIDA NON b) UTILIZZARE DEI CUSCINI PER


SEDERSI SU SEDILI TROPPO BASSI MANTENERE IL BUSTO ERETTO
CON LE ANCHE FLESSE OLTRE E IL SEDILE SOLLEVATO
I 90 GRADI E IL BUSTO IN AVANTI

no si
c) NON SCENDERE DALL’AUTO d) SPOSTARE GLI ARTI AFFIANCATI
INTRARUOTANDO L’ARTO OPERATO FACENDO FORZA SULLE BRACCIA
(CON IL GINOCCHIO RIVOLTO VERSO
L’INTERNO)

16
no

WATER E BIDET
si
VANNO UTILIZZATI
CON L’APPOSITO
RIALZO.
DA SEDUTI LE
ANCHE NON
DEVONO MAI
RISULTARE PIU’
BASSE DELLE
GINOCCHIA

17
no
a) NON RACCOGLIERE OGGETTI DA TERRA
FLETTENDO IL TRONCO

si

b) PORTARE TUTTO IL PESO DEL CORPO


SULL’ARTO NON OPERATO PIEGANDO
IN AVANTI L’ANCA E IL GINOCCHIO.
PORTARE IN ESTENSIONE
ALL’INDIETRO L’ANCA OPERATA CON
IL GINOCCHIO PIEGATO VERSO IL
SUOLO E TENERSI CON UNA MANO
AD UN APPOGGIO SICURO

si

c) IL GINOCCHIO
DELL’ARTO OPERATO
SARA’ APPOGGIATO A
TERRA EVITANDO COSI’
L’ECCESSIVA FLESSIONE
DELL’ANCA

18
a) PER CALZARE LE SCARPE NON FLETTERE

no MAI L’ANCA OPERATA OLTRE I 90 GRADI


PIEGANDO IL BUSTO IN AVANTI (USARE
CALZASCARPE LUNGHI E CALZACALZE)

si

no

b) SEDUTI SU SEDIA BEN STABILE E CON


BRACCIOLI, PORTARE L’ARTO OPERATO
SOTTO IL GINOCCHIO DELL’ALTRO
LATO EVITANDO DI PIEGARE L’ANCA
OPERATA OLTRE I 90 GRADI

c) NON ACCAVALLARE L’ARTO OPERATO


RUOTANDO IN DENTRO O IN FUORI
L’ANCA

19
no
a) NON SOVRACCARICARE L’IMPIANTO
PROTESICO PORTANDO PESI SUPERIORI
A 20 KG. (L’USURA DEL COTILE E’
DIRETTAMENTE PROPORZIONALE
ALL’USO E AL PESO SOLLEVATO)

si

b) UTILIZZARE VALIGIE CON


TROLLEY O CARRELLINI
CON RUOTE PER LA SPESA

20
RICORDA:
SALE L’ARTO INFERIORE SANO
SCENDE QUELLO OPERATO

a) NEL POST-OPERATORIO E’ NECESSARIO


DEAMBULARE CON DUE STAMPELLE.
PER SALIRE LE SCALE, PORTARE PER
PRIMO L’ARTO SANO SUL GRADINO
SOVRASTANTE, POI PROCEDERE CON
L’ANCA OPERATA

b) PER SCENDERE, PORTARE


ENTRAMBE LE STAMPELLE
SUL GRADINO SOTTOSTANTE,
QUINDI AVANZARE CON
L’ANCA OPERATA SEGUITA
DA QUELLA SANA

21
a) PER RECUPERARE LA FORZA
si MUSCOLARE SONO CONSIGLIATE
PASSEGGIATE SU TERRENI
PIANEGGIANTI

no

b) EVITARE PERCORSI
ACCIDENTATI O
PARTICOLARMENTE
RIPIDI CON ZAINI
PESANTI

22
I PROSSIMI CONTROLLI

Il primo controllo clinico e radiografico andrà effettuato a 2 mesi


dall’intervento, secondo le indicazioni date dall’Ortopedico nella
lettera di dimissione.

Il secondo controllo clinico e radiografico dopo 6 mesi.

Il terzo ad un anno e poi a due anni ed infine ogni 2 anni.

RICORDA:

– PORTARE SEMPRE LE RADIOGRAFIE DELL’ANCA OPERATA

– PORTARE SEMPRE IL FOGLIO DI DIMISSIONE DALL’OSPEDALE

– DESCRIVERE LA TERAPIA IN ATTO

Il Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia


e Traumatologia o un Collega delegato della Sua equipe
sono a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti,
negli orari di ricevimento, su appuntamento.
a cura della SC RELAZIONI ESTERNE