Sei sulla pagina 1di 35
‘Kano LOX 1987 Disp. TT La Bibliofilia Angela Nuovo Il Corano arabo titrovato (Wenezin, Pe A. Paganini, tx Uagosto 1337 ¢ Fagowto 1538) ¥ libvo rtenuto da sscoli disper, intorno al ule si crano jnrreciate le pi compleste ipoes, gravato petsino di un'aura di misteriosa ~ e non beacvols — legyenda: il Corano stampato per la prima volta in arabo a Vener; uno det pit alacinanti quest an- cota apest ella bibliogafia antics, nooché une tape fondamentale dei rapport tra Oscidente © Oriente, riappare ogi, in foitimo stato di conservazone, ella medesima cite) in ex venne stam ‘ato esattamente 450 anni fa TI ritrovamento & stato possibile al termine di una lungs ricerca in torno alfattivih di Alessandro Puganino, che naturalmente ha incluso unlindagine il pid: possibile eswistiva di quanto rimane della sua pro dluione: ricostruzione non agevole, ma rest cectamente pi spedita dal Yattuale sforz, da moltepliel pare intrapreso, di censimenco © scala sara delle cinguecentine italiane, Tl Corano si trova preso Ia biblotecs dei Prati Minoti di San BG chele io Taola?” Non susie da parte mia aun dabbio sulldentfice "& powing e psbeione unt min mong Aes Dg 2 State del Cv di Veni La tities 2 alana lee Pre Vi terns Neephin ee me set Ca lana fod ah a 238 ANGELA NUOVO zione di questo esemplare come il probebilmente unico superstite del- Vedizione procurata dai Paganini a Venezia tra il 1537 ¢ il 1538 Si spiega come questo libro fosse sostanzialmente ignoto agli stessi attuali depositari: il suo esoterismo, la sua incomprensibilita ne hanno assi- curato V'snonimato, Infatti Vintero volume, di 232 carte, non contiene neppure una parola che non sia in arabo, qualora si escludano natural- mente le note marginali, in latino, e le importantissime annotazioni di c. [aa]qu:" Ia nota di possesso di Teseo Ambrogio degli Albonesi motto poco dopo il 1540," e il visto di Arcangelo Mancasula, Vicario del Santo Ufficio di Cremona, di non molti anni posteriore. F pitt di una coinci- denza il fatto di ritrovare possessore dellesemplare l'unico orientalista coevo che ce ne ha lasciato sicura memoria nella sua opera; il Corano dovette avere una limitatissima circolazione in Occidente, il che giusti- fica il suo singolare destino di edizione fantasma. I visto del Vicazio dell'Inquisizione di Cremona ® databile alla seconda meta del XVI se- colo: infatti il primo Inquisitore deputato dalla Sede Apostolica per In citta di Cremona, il domenicano Giovanni Battista Chiarini, fu insediato rel 1550 ¢ solo in un secondo tempo venne affiancato da un Vicario# Tale catica fu ricoperta da rate Arcangelo Mancasula de Asula, il noto inguisitore generale di Como, precedentemente docente di Filosofia a Cremona, che ci ha lasciato, manoscrite, alcune opere sull'Inquisizione.? La storia dell'esemplare non 2 ulteriormente ricostrubile: dalla meta del XVI sec. ad ogg il Corano non reca traccia d’uso o di proprieta, né probabilmente ne ebbe. Altzettanto misteriosa Ia vicenda della sua aituale collocazione, dal momento che IAlbonesi non era francescano bensi canonico regolare lateranense. Chiarita cos, fin dove & possibile, Ia scarna storia dellesemplare ritrovato, & iusto ricapitolare la ben pitt complessa storia delledizione. ppermettermni di idemtifcare Vedsione del Corano. Per questo motivo © per la sua grande fgentleza vorre qui ringraialo. 5 Questa 8 la datsrione che propongo © che discuto pit) lr. «Vedi fig. * Per 'Albonesi faci rferimento sempre allfosima voce del D.B.I (11, pp. 38-43) sericea dllorientalista Giorgio Levi della Vida, Cit. F, Avontr, Meitorie di storia eccesantie cremoneze, Cremona, Manint 1838, 1, p. 4, 7 Le fonti princpali sono il QuémrEcxanp, II, 308; A. Rovers, Bibliotbece cronologics illustrate, Bologna, Longhi 1681, p. 154 (ad annum 1593). i Mancasula Pautore oi una Vite Sanit Petri Martris de Verona op. e di un Compendium egre are Jcinorum plurimcrum Inqusitrum qui pro Orthodoxse Fidei dsjensione, lum um propritcraois efasione ad mortere wsque decertarunt 1. CORANO ARABO RETROVATO 239 cal JIB ae als Ala Sa sale epcallng tle , Fig. 1. - Cfa}pe: nino del testo det Corane