Sei sulla pagina 1di 2

7 ottobre 2018

DA BOMBACCI A FUSARO

LA LUNGA ONDA ROSSO-BRUNA


durante gli anni Dieci, era rimasto fascisti, con un cartello al collo con la
Robertino
fulminato da Lenin e dalla rivoluzio- scritta “Supertraditore”. Negli ultimi
ne d’ottobre ed era stato tra i primi a anni ha avuto una vera e propria ri-
Roberto Pirrone. Non mi ricordavo
lanciare l’idea di fondare un partito scoperta dell’estrema destra italiana.
proprio chi fosse questo tizio. Fino a
“bolscevico” che si contrapponesse a La sua tomba nel famigerato Campo
quando un paio di settimane fa sono
sinistra tanto ai socialisti troppo mo- X del Cimitero Maggiore di Milano
andato a comprare il giornale all’edi-
derati quanto agli anarchici che ormai (dove sono sepolti i repubblichini) è
cola-tabacchi dove vado di solito e mi
in Unione Sovietica erano considerati diventata meta di un vero e proprio
sono trovato in coda dietro a un esagi-
parte del fronte controrivoluzionario pellegrinaggio, mentre on line sui siti
tato che, mentre spendeva alcune de-
dopo la rivolta libertaria di Kronstadt fascisti si trovano moltissimi articoli
cine di euro in Gratta E Vinci, conti-
sanguinosamente repressa nel sangue su di lui. Le Historica edizioni hanno
nuava a citarlo alla povera edicolante
dal Feldmaresciallo Trotzskj agli ordi- recentemente pubblicato un libro dal
con gli occhi spalancati come esempio
ne dell’Imperatore Lenin (1) . Dopo la titolo “Nicola Bombacci, tra Lenin e
del fatto che “i veri comunisti sono
nascita del PCI Bombacci fece nume- Mussolini” di Daniele Dell’orco dell’u-
quelli che sono contro gli immigrati”.
rosi viaggi in Unione Sovietica, tanto niversità di Tor Vergata con in coper-
Finiti i girotondi e le gazzarre della
da meritarsi la nomea di “ambascia- tina il tricolore svettante e al centro il
spazzatura fascista e leghista la sera
tore di Lenin” che se ne serviva per fascio e la falce. A Piacenza è invece
prima, il primo a festeggiare i risultati
trasmettere “la linea” al neonato PCI attivo ormai da diversi anni il circo-
elettorali che hanno poi portato alla
e per mantenere rapporti informali lo “Nicola Bombacci” che organizza
nascita del Governo Lega-5 Stelle la
con Mussolini, con cui Bombacci era spesso iniziative con la Lega. Più di
mattina del 5 marzo è stato a Firenze
in stretti rapporti d’amicizia (mai in- tutti, però, Bombacci piace ai fascisti
proprio il signor Pirrone.
terrotti neanche dopo la nascita del del Terzo Millennio di Casa Pound che
Ex militante del Pci e fino ad allora
PCI e del PNF) fin dal 1906, quando sulla loro rivista Primato Nazionale
noto solo negli ambienti dei collezio-
entrambi erano maestri elementari. rivendicano per Bombacci un ruolo
nisti di cimeli dell’Unione Sovietica di
In particolare Bombacci si fece porta- fondamentale nella storia del PCI non
cui possedeva una vasta collezione, è
voce dell’idea “entrista” dei dirigenti solo come padre fondatore, ma anche
uscito di casa con
bolscevichi secon- per l’influenza che avrebbe avuto nel
una delle sue pi-
do cui i comunisti Dopoguerra, a partire dal carattere
stole e ha sparato “Ex militante del Pci e avrebbero dovuto “nazionale” del Partito che nel pro-
“a caso” a una per- talia fascista. stilato nel 1939 tra Germania e URSS
fino ad allora noto solo aderire ai sin- riaccese le speranze di Bombacci di prio simbolo aveva la bandiera ita-
sona che per uno
scherzo del desti-
negli ambienti dei colle- dacati nazionali Nel 1924 Bombacci fondò la prima vedere Roma, Mosca e Berlino “uni- liana insieme a quella con la falce e il
no era un immi- zionisti di cimeli dell’U- fascisti per ten- associazione di amicizia italo-sovieti- te contro la plutocrazia occidenta- martello. A garantire l’eredità di Bom-
tare di “imporre ca (tra due popoli “affratellati” dalle le”. Dopo lo scoppio delle ostilità tra bacci sarebbero stati i suoi seguaci e
grato senegalese. nione Sovietica di cui dall’interno la vo- sodali che non avrebbero trovato spa-
E, peraltro, i ma- “rivoluzioni sociali”) e una coopera- Germania (cui si affiancò immediata-
possedeva una vasta lontà del proleta- tiva di import-export con l’Unione mente l’Italia) e Unione Sovietica, nel zio nel MSI (“dominato dal fascismo
gistrati gli hanno
pure creduto, no-
collezione, è uscito di riato” col proget- Sovietica, ma entrambe le iniziative giugno 1941, Bombacci dichiarò in un conservatore e intransigente”) e così
nostante le decine casa con una delle sue to di “unificare le non ebbero alcun successo e, dopo editoriale che la sua “attività giornali- “nel dopoguerra non pochi esponenti
due rivoluzioni”. la morte di Lenin e Zinoiev, nel 1927 stica” sarebbe stata “incentrata da ora di quella “sinistra fascista” che aveva
di testimonianze pistole e ha sparato “a Queste posizioni avuto mirabili esempi nei sindacati e
raccolte da Con- venne espulso dal PCI. Vi furono poi in poi a cementificare nell’animo del
caso” a una persona che non furono però alcuni anni di apparente lontananza popolo italiano l’idea di un fronte solo nei Guf, confluirono nel Pci”.
troradio e da altri
organi fiorentini
per uno scherzo del de- condivise dagli dalla vita politica, ma in cui rimase con la Germania rivoluzionaria e na-
di informazione di stino era un immigrato altri dirigenti co- sempre in contatto con Mussolini (che zionalsocialista”, con cui condivideva La sinistra marxista, invece, Bombacci
munisti (in parti- nei momenti di difficoltà lo sostene- “concezioni di ordine economico, mo- ha preferito per evidenti motivi met-
persone che quel- senegalese” colare da Gramsci
la mattina aveva- va finanziariamente) con un ruolo rali e l’idea stessa dell’individuo nel terlo nel dimenticatoio. Adesso, però,
e da Terraccini) e di consigliere “occulto” che secondo rapporto con le collettività familiari, che con l’arrivo del Governo Lega-5
no incontrato il
solo la stretta vici- lo storico Renzo De Felice fu deter- nazionali e mondiali” mentre “il bol- Stelle, i topi escono dalle fogne, sem-
signor Pirrone ma che erano ancora
nanza con Lenin e con Zinoiev salvò minante per l’adozione della politica scevismo e la plutocrazia erano l’effet- bra che ci sia una vera gara a racco-
vivi. Ma questa, come si dice, è un’al-
Bombacci dall’espulsione per indegni- fascista dell’autarchia: Nell’aprile del to e la causa di tutte glierne l’eredi-
tra storia...
tà politica. L’ambasciatore di Lenin 1936 Bombacci fondò “La Verità” ( le ingiustizie e le tà, difendendo
continuò comunque la sua attività dalla traduzione italiana del titolo del crudeltà sociali che “Bombacci dichiarò in le persecuzioni
Nicolò Bombacci, detto anche Nicola
e fu grazie alle sue intercessioni che quotidiano sovietico “Pravda”) una hanno avuto le loro un editoriale che la sua contro i profu-
o Nicolino, fu nel 1921 uno dei fonda-
il 5 dicembre 1922 il ministro per il “rivista politica indipendente”, ma storiche manifesta- ghi e i migranti
tori del Partito Comunista d’Italia, fir-
commercio sovietico si incontrava
“attività giornalistica” portate avanti
mando l’atto notarile che ne attestava totalmente finanziata dal Miniculpop zioni nell’affermar-
con Mussolini in quello che fu il pri- sarebbe stata “incentra- da Salvini e dal
la nascita insieme ad altri cinque per- con una tiratura iniziale di 25 mila co- si e nel progredire
mo contatto istituzionale del governo pie, a cui collaboravano svariati altri del capitalismo”. ta da ora in poi a cemen- Governo del
sone tra cui Amadeo Bordiga,Um-
bolscevico col governo di un’altra na- ex-socialisti (tra cui Arturo Labriola) Dopo l’8 settembre, tificare nell’animo del Rimbambimen-
berto Terracini ed Antonio Gramsci.
zione e che fu seguito il 30 novembre e comunisti, e che continuò ad uscire Bombacci fuggì nel to. Ad aprire
Del gruppo Bombacci era il più noto
del 1923 dal riconoscimento ufficiale
popolo italiano l’idea le danzi, pochi
e popolare: ex vicesegretario e poi se- fino all’estate del 1943. Nord e, quando
dell’Unione Sovietica da parte dell’I- di un fronte solo con la giorni dopo le
gretario del Partito Socialista Italiano Mussolini il18 set-
L’intento della rivista era esplicita- tembre da Radio Germania rivoluziona- elezioni è stato
mente quello, dichiarato nell’editoria- Monaco annunciò ria e nazionalsociali- il ras televisivo
le del primo numero, di portare “dalla la nascita della Re- Carlo Freccero
sta”” che sul Mani-
parte del fascismo” che ha messo “in pubblica Sociale
atto una grandiosa rivoluzione socia- con l’obiettivo di festo ha scritto
le” quelli che hanno “oggi come ieri “annientare le plu- che a non esse-
lo stesso ideale: il trionfo del lavoro” tocrazie parassitarie e fare del lavoro re preoccupati dell’aumento del nu-
e che, arrivata “l’ora della collettivi- la base infrangibile dello Stato”, aderì mero degli stranieri sono gli abitanti
tà”, hanno “dinanzi agli occhi l’espe- con entusiasmo alla RSI, prendendo di”piazza Navona o di via Montenapo-
rimento di Mussolini” che “non è più anche la tessera del Partito Fascista leone a cui nessun immigrato minac-
soltanto una dottrina, è un ordine Repubblicano (mentre non aveva mai cerà mai il posto di lavoro”. Per Luca
nuovo che si lancia audacemente sul- avuto quella del PNF). Della Repub- Telese, noto opinionista televisivo “di
la via maestra della giustizia sociale”. blica di Salò Bombacci divenne rapi- sinistra” (che, in più occasioni, tra una
Per la Pravda italiana il vero ostacolo damente uno dei gerarchi più noti e lode a Renzi e una a Berlinguer, si è
alla giustizia sociale erano gli antifa- rimase accanto a Mussolini fino all’ul- definito “socialista” e persino “liberta-
scisti, “lontani dal popolo” e tutti – da timo, finendo catturato insieme al rio”) invece partecipanti ai presidi di
Benedetto Croce ai suoi ex compagni Duce e fucilato a Dongo. protesta e di solidarietà coi migranti
socialisti e comunisti fino agli anar- che si sono tenuti a Catania durante il
chici – compici delle “plutocrazie” e Pare che le sue ultime parole prima di sequestro della nave Diciotti “avreb-
del “regime liberale”, mentre il regime essere fucilato siano state “Viva l’Ita- bero fatto meglio ad andare a Geno-
fascista rappresentava “un’Italia pro- lia! Viva il Socialismo!”. La mattina va ai funerali delle vittime del Ponte
letaria in lotta contro l’imperialismo del 29 aprile finì appeso per i piedi Morandi”, facendosi 1269 chilometri e
capitalistico”, impegnata in“una guer- al distributore di benzina di Piazzale un piccolo viaggio indietro nel tempo
ra proletaria per la giustizia sociale fra Loreto, a Milano, insieme a Musso- di qualche giorno per andare a dare
le nazioni”. Il patto di non aggressione lini, Claretta Petacci e altri gerarchi man forte alla claque grillina e leghi-
7 ottobre 2018 7

sta. Anche Stefano Fassina, presen- sinistra bisognerebbe far proprio lo élite pensante che possa ricoprire ruo- CUCINE DEL POPOLO
tando la neonata associazione Patria E slogan “prima gli italiani”, inventato li di primo piano nello sviluppo non CONVEGNO INTERNAZIONALE CUCINE SENZA CONFINI
Costituzione non ha trovato di meglio da Casa Pound (che ne detiene ancora solo culturale del Paese», una nuova 5 – 7 OTTOBRE 2018 - MASSENZATICO (REGGIO EMILIA)
da fare che prendersela con chi aveva l’uso esclusivo per le schede elettora- classe dirigente «in rivendicata antite-
partecipato al presidio al porto di Ca- li) e riciclato con grande successo da si con i principali spazi di formazione PROGRAMMA PROVVISORIO E IMMAGINARIO
tania e alla manifestazione tenutasi a Salvini. D’altra parte è una tendenza e addestramento al pensiero unico po-
Milano durante l’incontro Salvini-Or- internazionale, nella Linke tedesca sta liticamente corretto liberale, liberista VENERDI’ 5 OTTOBRE 2018
ban stigmatizzandoli come “liberal- per avvenire una scissione ad opera e libertario», ponendo invece «in pri- 12.00 Inaugurazione dell’Archivio delle Cucine del Popolo
progressisti”. dell’ala legata ad Oskar Lafontaine mo piano l’interesse nazionale». 14.00 Aperitivo con le Delegazioni Internazionali
che giudica troppo permissive e “ostili Per Fusaro come per Bombacci l’inte- 16.00 Allenamenti Orizzontali con Ciccioli e Lambrusco, Ostriche e Bollicine
Poi ci sono quelli del Partito Comu- agli interessi dei lavoratori tedeschi” resse nazionale è primario mentre “le 19.00 Apertura del Convegno con i Giornalisti Armando Torno e Rinaldo Gia-
nista di Marco Rizzo che si sono pre- le rigide politiche d’accoglienza del- sinistre mondialiste, fucsia e traditrici rola
20.00 Gnoccata Sociale dei 200
murati di scrivere a decine di giornali la Merkel, mentre per Melanchon, il di Marx, utilizzano l’antirazzismo in
22.00 Suonatori Libertari Calabresi
– dai quotidiani locali al settimanale maximo leader di France Insoumis i assenza di razzismo”. Per questo, lui
24.00 Rinfresco Propiziatorio
Left – per dire che loro stanno “dalla migranti “rubano il pane” agli operai preferisce i fasci e oltre a scrivere sul
SABATO 6 OTTOBRE 2018
parte dei lavora- d’Oltralpe. Fatto Quotidiano da maggio tiene una
10.00 Vaccinazione Antiautoritaria con gli Spavaldi
tori italiani” e che Per tornare al Bel- rubrica settimanale “La ragion populi-
“Poi ci sono quelli del paese, il campio- 11.00 Laboratori con Liquori Proletari: Pelinkovac con Giacomo Della Chiesa,
quindi “non è vero sta” sul Primato Nazionale. Con Casa Grappa alla Macchia con
che la sinistra Partito Comunista di ne della categoria Pound Fusaro peraltro collabora da Stefano Bet e Amaro del Partigiano con Luca Federici
difende gli im- Marco Rizzo che si sono è sicuramente il tempo. Nel 2014 è stato ospite della 13.00 Pranzo dell’Operaio a cura del Barone Rosso della Lunigiana
migrati”. Lo dice
premurati di scrivere a filosofo-fighetto, casa madre dove il suo intervento è 14.30 Incursione Spericolata di Enea Virgilio Stefano Raspini
anche l cantante noto protagoni- stato molto applaudito soprattutto 15.30 Convegno di Studi “Cucine senza Confini”:
pop Eros Ramaz- decine di giornali – dai sta di talk show quando ha detto che “fascisti del terzo - Alberto Capatti “Il Linguaggio delle Cucine del Popolo: Memoria e Immagi-
zotti, che ha avuto quotidiani locali al set- televisivi e gran- millennio” e “comunisti sans phrase” nazione”
“un papà comuni- timanale Left – per dire de sostenitore dovrebbe combattere uniti contro “il - Pietro D’Alessio “Mangiare Etnico”
sta” e che adesso del Governo del fascismo del capitale e della finanza”, - Federico Ferretti “Il Pasto degli Esploratori”
che loro stanno “dalla
sta con Salvini che Rimbambimen- invece di “beccarsi come i polli di Ren- - Edy Zarro “La Cucina che non c’è”
ha “svelato l’ipo- parte dei lavoratori ita- to Diego Fusaro zo”. E’ quello che hanno sempre detto - Mauro Balboni “Il Pianeta Mangiato”
crisia” perché ha liani” e che quindi “non che dopo esser- i rosso-bruni di tutte le epoche, lo di- - Enrico Voccia “Saperi e Sapori nell’Ellenismo”
detto che quelli è vero che la sinistra di- si diplomato al cevano alla fine degli anni ’60 “avan- - Elisabetta Salvini e Lorena Carrara “Partigiani a Tavola”
che sono favore- prestigioso liceo guardisti” come Stefano Delle Chiaie - Eliana Bartoli “La Nostra Tovaglia Rossonera”
voli ai migranti
fende gli immigrati”” classico “Vittorio o Mario Merlino. E prima di loro le 18.00 Tavola Rotonda dei Relatori
se li dovrebbero Alfieri” di Torino, diceva Bombacci, il fondatore del PCI 19.00 Le Cucine del Popolo viste dalla Spagna con Alfredo Gonzales
prendere in casa s’è laureato in fi- appeso a Piazzale Loreto. 20.00 Veglione Rosso con Menu Socialista del 1910: antipasti, cappelletti in
(che è una di quelle cose intelligen- losofia e dopo un dottorato di ricerca brodo, bolliti, salse di campagna
tissime tipo dire chi vuole gli ospedali e alcuni anni come ricercatore presso NOTE e dolce con Lambrusco Rosso Vivo con alternativa vegana e vegetariana. Costo
dovrebbe mettersi una camera ope- l’Università Vita-Salute San Raffaele (1) “Lenin ha detto che il comunismo è il po- 21€, prenotazione
tere dei soviet più l’elettricità, ma a Kron- obbligatoria
ratoria in cucina – chi vuole le scuo- è adesso professore presso lo IASSP
stadt il popolo ha capito che il comunismo 22.00 Avvisi e Ricordi
le una lavagna in salotto – chi vuole (Istituto Alti Studi Strategici e Politi- è la commissariocrazia più le fucilazioni”
la polizia una volante in garage etc). ci) di Milano“che - come si legge sul 23.00 Coro Sociale Violenti Piovaschi
(dall’ultimo numero dell’Izvestia di Kron-
Insomma, per essere “veramente” di sito di Fusaro– «aspira a creare una stadt, 9 marzo 1921)
24.00 Fumi Popolari e Happening Collettivo con i Guseder
DOMENICA 7 OTTOBRE 2018
9.00 Distribuzione dello Zabaione della Mamma
10.00 Laboratori con Ghiaccioli con Stefano Braidi, Frattaglie con Luigi Rigazzi
e Sottaceti con Arturo
GASTRONOMIA RESISTENTE Bertoldi
12.00 Cucine del Popolo Contro Onu: “Non Perdiamo la Lingua ed il Gusto, o

PER UNA CUCINA SENZA CONFINI


Non Usciremo” di Alberto
Capatti
13.00 Pranzo con le Cucine dei Popoli: Rifugiati, Nomadi e Mapuche
14.00 Poesie Oltre le Frontiere di Giovanni Canzoneri
15.00 Il Biliardino della Rivoluzione con Enrico Riot
16.00 Torneo di Calcetto senza il Balilla
19.00 La Macchina Infernale – Happening di Ermanno Bartoli
schieramento sovranista. Un altro momento molto sentito del 20.00 Tigelle e Gnocco Fritto
CuocaRossonera 21.00 Ospiti Spaziali
A nostro avviso dare vita a nuove op- Convegno sarà il Veglione Rosso che
23.00 Chiusura del Convegno al Canto dell’Internazionale
Sono passati vent’anni da quando posizioni significa uscire da “logiche vedrà la partecipazione di almeno
Per tutti i pasti è prevista l’alternativa vegetariana e vegana su richiesta.
abbiamo costruito il progetto del- minoritarie”, partendo anche da altre 400 persone, dove verrà riproposto
per info e prenotazioni 3473729676 – cuocarossonera@gmail.com
le Cucine del Popolo coinvolgendo angolazioni come quelle circolistiche un menu Socialista del 1910 a base di
Gino Veronelli, formidabile esperto di che permettano aggregazioni di ampi cappelletti e bolliti, antipasti e salse
enogastronomia e militante eclettico e trasversali settori sociali. Per noi si di campagna, dolce e lambrusco ros-
dell’area libertaria. tratta di uscire dagli “schemi” con una so vivo con prenotazione obbligatoria
proposta a banda larga tesa a costru- e, come per tutti i pasti, sarà presente
Fin da subito pensammo ad una realtà ire significative realtà culturali par- l’alternativa vegana e vegetariana.
destinata a durare nel tempo, vincen- tendo dalla tavola e dalla convivialità,
do ”l’usura militante” attraverso un dalla solidarietà alla resistenza. Domenica sarà la volta delle Cucine
forte magnetismo aggregativo costru- L’incontro che proponiamo quest’an- dei Popoli, realizzate direttamente dai
ito su una prassi libertaria. Da allora no sarà di grande importanza, come Rifugiati e dai Sinti che cucineranno
sono stati realizzati ben sette Conve- sempre, per il suo Convegno di Studi i loro piatti tipici creando un grande
gni a carattere Internazionale e cen- che vedrà una significativa presenza momento di condivisione.
tinaia e centinaia di docenti, stu- Parteciperanno al Convegno artisti,
di iniziative di ga- diosi e esperti di poeti, scrittori, giornalisti, musicisti
“Domenica sarà la volta altissimo livello e con ogni probabilità Philip Corner e
stronomia sociale,
delle Cucine dei Popoli, che metteranno R. Phoebe Neville, grandi protagonisti
alcune delle quali
con grandi parte- realizzate direttamente a disposizione del Movimento Fluxus; non sono da
cipazioni, legate dai Rifugiati e dai Sinti tutte le loro com- escludere gli arrivi dell’ultimo minuto
soprattutto alla petenze storiche da parte di altri amici delle Cucine del
che cucineranno i loro e gastronomiche, Popolo. Saranno presenti uno spazio
storia del Movi-
piatti tipici creando un fra i quali segna- bimbi, un servizio libreria, bigliardino
mento Operaio.
grande momento di con- liamo i giornalisti e ping pong, servizio bar e punti di ri-
Fra pochi giorni divisione” Armando Torno e storo.
daremo vita all’ot- Rinaldo Gianola. Il Convegno come consuetudine sarà
tavo Convegno Sarà pure interes- totalmente autogestito e privo di fi-
Internazionale dedicato alle Cucine sante la comunicazione del Professore nanziamenti pubblici, vedrà l’impe-
Senza Confini che sta suscitando un Alberto Capatti, grande conoscitore gno di una sessantina di militanti
grande interesse sui social proprio per della Storia della Gastronomia, con- suddivisi fra Reggio Emilia e Massen-
il suo programma effervescente. Que- tro le “proibizioni dell’Onu” in merito zatico e per l’occasione verrà allestita
sto Convegno, fra l’altro, cade in una all’olio d’oliva, al prosciutto crudo e al una mostra di manifesti dedicata al
fase dove il processo autoritario del Parmigiano Reggiano. ’68 in concomitanza del cinquantena-
Governo giallo verde cerca di conso- rio.
lidarsi con una serie di provvedimen- Durante le giornate avremo una pro-
ti antipopolari non disgiunti da una posta inerente ai liquori proletari Vi aspettiamo in tanti: i 70 kg di cap-
proposta razzista e antiumanitaria. Di (Pelinkovac, Grappa alla Macchia e pelletti e le 500 bottiglie di lambrusco
fronte a questa pesante deriva sarà ne- Amaro del Partigiano) e assaggere- sono già pronti per fare una festa in-
cessario ipotizzare delle nuove forme mo ghiaccioli, sottaceti e frattaglie; e dimenticabile e trascorrere tre giorni
di opposizione, naturalmente dal bas- ancora ciccioli e lambrusco, ostriche all’insegna della solidarietà e della li-
so, in grado di contrastare questo pro- e bollicine e l’immancabile zabaione bertà!
cesso messo in campo dal cosiddetto della mamma per le nuove generazio-
ni.