Sei sulla pagina 1di 4

Nella Chiesa e nel mondo mensile internazionale diretto da Giulio Andreotti dal 1993 al 2012

Cerca ricerca
Home Archivio Supplementi Contatti avanzata
Ultimo numero Archivio

Home > Archivio > 02 - 2001 > Don Antonio e i primi indizi della resurrezione

PASQUA 2001 tratto dal n. 02 - 2001

Don Antonio e i primi indizi della resurrezione Dal numero

di Gianni Valente

Ognuno ha la sua postazione da cui sbirciare il mondo. A lui, don Antonio Persili da Tivoli, è
toccata la parrocchietta di San Giorgio, incastonata nella parte vecchia della sua cittadina.
Piazzette, vicoli e archetti abbarbicati sui precipizi che si affacciano sull’Aniene. E laggiù,
spalmata di foschia, c’è Roma, che la notte diventa un mare di luci.
A settantasette anni, arriva su una vecchia Ritmo scarburata color carta da zucchero, come la
giacca a vento che porta stiracchiata sulla tonaca a proteggere da un improvviso contropiede
dell’inverno. Si carica le due buste della spesa (pane, latte, uova, qualche yogurt), apre il
portoncino verde e sale col solito passo le scale della canonica. Fa così da tanto tempo. Da quando
è arrivato qui nel ’55 come parroco, e, cosa rara in questa Chiesa di preti e vescovi volanti, non
l’hanno più spostato.
Ora, in quest’angolo di mondo a cui si è avvicinata troppo la città dove risiede il successore di
Pietro, don Antonio non aveva il problema di sentirsi investito di chissà quale missione. La vita
andava da sé, senza neanche troppo trasporto per la propria condizione. "Figurarsi… sono
diventato prete perché mio padre mi aveva spedito al seminario quasi per punizione, per farmi
studiare, un giorno che avevo marinato la scuola insieme a un compagno. Allora, si usava così…".
E infatti, non è che all’inizio (e anche dopo l’inizio) fosse molto contento. "Quello che
m’insegnavano, lo accoglievo senza obiezioni, ma non mi toccava il cuore. C’era un modo di
esporre le verità della fede cristiana che dava tutto per scontato. Sentivo che mancava qualcosa.
Comunque, si tirava avanti…". Chi prega si salva
Ma poi successe qualcosa. Dal suo appartato punto d’avvistamento il prete di provincia si accorse (Italiano)
anche lui di quella che oggi descrive come una silenziosa ma radicale metamorfosi nella Chiesa.
Un particolare, in questo epocale smottamento, fissò la sua attenzione: il modo nuovo in cui si
cominciò a parlare della resurrezione di Nostro Signore. "Al seminario di Tivoli mi avevano contatti
insegnato che la resurrezione di Gesù Cristo nella carne era la prova della sua divinità, e per questo > redazione
era il fondamento della nostra fede. Poi, qualcuno cominciò a dire che bisognava considerarla > ufficio abbonamenti
innanzitutto come un "mistero di salvezza". Altri aggiunsero che non era tanto importante
riconoscere la resurrezione come un fatto accaduto, ma credere nella sua forza salvifica per noi.
Infine, qualcun altro ci fece sapere che per accogliere questo mistero di salvezza apportato dalla
resurrezione non bisognava inseguire indizi concreti, storici, ma occorreva avere la fede".
Insomma, un rovesciamento totale. "Se prima la resurrezione era il fondamento della fede, adesso
serviva la fede per cogliere il mistero di salvezza della resurrezione…". Don Antonio snocciola a
casaccio mille esempi di questa deriva idealistica, partita dai teologi e dai maestri e poi a poco a
poco penetrata fin nei capillari della predicazione ordinaria della Chiesa. Da Karl Rahner – per il
quale anche i dettagli storici dei racconti evangelici sulla resurrezione di Gesù "vanno interpretati
come rivestimenti plastici e drammatizzanti (di tipo secondario) dell’esperienza originaria "Cristo
vive" e non come descrizione di questa stessa nella sua autentica essenza originaria", né,
tantomeno, "come esperienza quasi grossolanamente sensibile" – giù giù fino al Dizionario Biblico
di J.-L. McKenzie, pubblicato in italiano da Cittadella nell’81, dove si legge che "Gesù risorto
(come le apparizioni di Gesù) è una realtà sovrannaturale che non appartiene a questo mondo e non
può essere oggetto di ricerca storica in quanto tale: essa è soltanto oggetto di fede. […]
Riconoscere l’avvenimento come un fatto, non è nulla: accettarlo come un fatto salvifico è credere
in esso ed ottenere la salvezza che in esso si compie. Nel Vangelo di Giovanni (20, 29) Gesù elogia
la fede nella resurrezione, non l’osservazione del fatto. L’importanza della resurrezione nella
predicazione e nella catechesi del Nuovo Testamento si fonda sul suo significato teologico".
A quel punto, don Antonio non ci capiva più niente. "Da tutte le parti sentivo discorsi che
mettevano in opposizione la grazia della fede alla storia. Dietro tanti paroloni, alla fine la fede
cristiana diventava una specie di partito preso. Una autoconvinzione che poggia su se stessa". Un
dogmatismo idealista che, a suo vedere, poco c’entrava con quanto era successo tra i primi
testimoni: "A sentire i Vangeli, le donne, i discepoli e gli apostoli non avevano alcuna fede
"preventiva" nella resurrezione. Per raggiungere questa fede, non sarebbe bastato loro nessuno
sforzo di immaginazione mistica, magari tirando in ballo a sproposito la grazia. Tutti, invece, per
diventare testimoni della resurrezione, avevano avuto le prove storiche del suo reale accadimento.
Tommaso, in particolare, aveva voluto personalmente sincerarsi che il Gesù risorto fosse lo stesso
Gesù che era morto in croce".
Il povero prete tiburtino, per non rimanere confuso, scese a Roma. Andò a chiedere lumi agli
illustri professori del Pontificio Istituto Biblico. Fece anche un salto dagli scrittori della Civiltà
Cattolica. "Ci fu chi mi disse che ogni tentativo di cercare riscontri storici ai racconti della
resurrezione non apparteneva alla teologia cristiana, ma alla "scienza del demonio", perché che
Cristo sia risorto non è un problema storico, ma è solo oggetto di fede". Finì che don Antonio si
scrollò i calzari, provò ad andare avanti senza l’aiuto degli "esperti". E senza chiedere permesso.
Ripartì dall’inizio, dalla prima volta che, a quanto scrivono i Vangeli, un uomo aveva iniziato a
credere nella resurrezione di Gesù. Ossia da quella scena davanti al sepolcro in cui era stato
sepolto il corpo di Gesù, dove erano arrivati trafelati Giovanni e Pietro, quella domenica mattina.
"È lì che, come racconta nel suo Vangelo, davanti a ciò che era rimasto nel sepolcro spalancato,
ormai senza il corpo di Gesù, Giovanni "vide e credette". A differenza di Pietro, che era rimasto
solo confuso e quasi turbato dalla mancanza del corpo di Gesù". Come prima cosa, don Antonio
registrò con stupore che la gran parte degli esperti neanche si soffermavano su questo episodio che
aveva causato la prima, embrionale presa d’atto della resurrezione di Gesù da parte del discepolo
prediletto. "Ad esempio, il teologo Bruno Forte, in un libro del 1982, sosteneva l’ipotesi che si
trattasse solo di una leggenda eziologica "tendente a motivare il culto che a Gerusalemme si teneva
presso il luogo della sepoltura di Gesù". E il catechismo per i giovani della Cei, nella sua versione
del 1976, liquidava la faccenda annotando che Pietro e Giovanni si erano soltanto "stupiti di
trovare il sepolcro aperto e vuoto"".
Poi, leggendo e rileggendo la pericope evangelica dei due apostoli davanti al sepolcro, concordò
che in effetti le versioni di uso corrente non facevano capire perché Giovanni aveva iniziato a
credere nella resurrezione di Gesù proprio da quel momento. "Ad esempio, nel Nuovo Testamento
pubblicato dalla Cei è scritto che i due discepoli, scrutando all’interno del sepolcro, videro "i teli
ancora là, e il sudario, che era stato posto sul suo capo, non là con i teli, ma in disparte, ripiegato in
un luogo". Ora, non si capisce proprio per quale motivo Giovanni, per aver visto una simile scena,
ossia delle bende funerarie e un sudario ripiegato, avrebbe dovuto intuire che Nostro Signore era
risorto. Anzi, un simile salto logico a me farebbe sorgere dubbi sulla sanità mentale di
Giovanni…".
E in effetti, in tanti hanno sparlato di Giovanni come del primo idealista visionario, l’anti-
Tommaso, il modello del cristiano che per credere non-ha-bisogno- di-vedere. Ma tutto questo a
don Antonio non quadrava. Decise di andare più a fondo. Riprese in mano l’originale greco dei
Vangeli e i manuali di greco biblico. Raccolse gli studi e gli articoli più aggiornati sugli usi
funerari dell’antico mondo ebraico. Tra un battesimo, un’estrema unzione e una benedizione delle
case, si avventurò in una vera e propria indagine storico-linguistica. Alla fine scoprì la magagna,
che poi era un po’ un uovo di Colombo.
Scoprì che le traduzioni ufficiali del brano evangelico in questione erano infelici. Finivano per
occultare dei particolari che invece erano indispensabili per cogliere cosa era accaduto quel giorno
a Giovanni. E qui, la conversazione col parroco tiburtino prende la piega di una lezione di esegesi
e di tradizioni funebri ebraiche. Bisogna seguire bene tutti i passaggi. "Secondo l’uso del tempo, i
morti con effusione di sangue venivano sepolti senza essere lavati né unti. Il sangue era
considerato la sede del principio vitale, e quindi andava sepolto insieme al cadavere. I Vangeli ci
avvertono che Giuseppe d’Arimatea, il ricco sinedrita padrone del sepolcro in cui fu posto Gesù,
aveva portato per l’inumazione un rotolo di tela, mentre Nicodemo aveva portato una "mistura di
mirra ed aloe di circa cento libbre", più o meno trentacinque chili. Dal rotolo di tela erano stati
tagliati tutti i pezzi necessari a ricoprire e fasciare il corpo di Gesù: il telo più grande, con cui fu
avvolto tutto il corpo insanguinato, anche per evitare che chi si occupava dell’inumazione lo
toccasse con le mani nude; le fasce, abbastanza larghe (nell’originale greco: tà ¶yónia, tà othónia),
che vennero fatte girare intorno al lenzuolo, per tenerlo stretto intorno al corpo; e il sudario, un
fazzoletto quadrato che fu posto sul capo di Gesù, come testimonia lo stesso Giovanni. I profumi, a
cui si ricorreva per coprire il cattivo odore, erano stati versati all’interno delle fasciature e anche
sulla superficie in cui era stato posto il corpo di Gesù". Ora, proprio nella pericope che descrive la
scena dei due apostoli davanti al sepolcro, errori grammaticali e di traduzione creano malintesi
sulla posizione in cui Giovanni e Pietro trovarono tutti questi panni. Spiega Persili: "Nell’originale
greco è scritto che Pietro, entrando nel sepolcro, vide tà ¶yónia keímena (tà othónia keímena). Ho
già detto che la versione della Cei traduce questa espressione con "i teli ancora là". Altre versioni
la traducono con "i teli per terra". In realtà il verbo keîmai (keîmai), da cui viene il participio
keímena (keímena), non significa genericamente "essere lì" né tantomeno "stare per terra". Esso
indica una posizione precisa, significa giacere, essere disteso, in una posizione orizzontale. Ciò
vuol dire che i due videro non le fasce a terra, ma le fasce distese, afflosciate, senza essere state
sciolte o manomesse. Erano rimaste immobili al loro posto. Probabilmente in una nicchia scavata
nella parete, tipica dell’architettura funeraria di tipo signorile, in cui era stato posto il corpo di
Gesù. Semplicemente, ora quel corpo non c’era più, e le tele si erano afflosciate su se stesse". Gli
errori di interpretazione si ripetono, secondo Persili, anche riguardo alla posizione del sudario.
L’originale greco usa ben venti parole per descriverla. Le versioni correnti introducono tutte l’idea
che il sudario si trovi spostato rispetto al punto in cui si trovava quando il corpo di Gesù era stato
sepolto. La versione Cei, ad esempio, traduce: "e [videro] il sudario, non là con i teli, ma in
disparte, piegato in un luogo". Don Antonio, davanti a tali traduzioni, freme. E dice la sua:
"keímenon (keímenon), come già keímena (keímena), è participio di keîmai (keîmai), giacere. O°
metà tÓn ¶yonívn keímenon (Ou metà tôn othoníon keímenon) significa che il sudario non era
disteso come le altre bende. Ma, al contrario (così va tradotto l’avverbio xvrì§ – khorìs –, in senso
modale), appariva arrotolato (•ntetuligménon – entetyligménon –, dal verbo •ntulíssv – entylísso –,
che significa avvolgere, arrotolare) in una posizione unica, singolare. Così si può tradurre eɧ ²na
tópon (eis héna tópon), che le versioni correnti traducono banalmente come "in un luogo".
Significa che il sudario, a differenza delle fasce distese, appariva sollevato, in maniera quasi
innaturale, forse perché su di esso i profumi avevano avuto un effetto inamidante".
Se questo fu lo spettacolo che si presentò ai due apostoli, si può comprendere perché a quella vista
il discepolo che Gesù amava poté intuire ciò che era accaduto. Non lo avevano portato via. Era
risorto nel suo vero corpo, come aveva promesso, con parole che nemmeno i suoi avevano capito.
Spiega don Antonio: "Era impossibile che il corpo di Gesù fosse uscito dalle fasce per una
improvvisa rianimazione, o che fosse stato portato via, da amici o da nemici, senza slegare le fasce
o manometterle in qualche maniera. Se le fasce erano rimaste al loro posto, afflosciate su se stesse
ma ancora avvolte, era il segno che Gesù era uscito vivo dal sepolcro sottraendosi in maniera
misteriosa ai panni che lo avvolgevano, fuori dalle leggi dello spostamento dei corpi. Un
intervento sovrannaturale aveva sottratto quel corpo dalla nicchia nel sepolcro, lasciando tutte le
cose intatte, senza manomettere i teli funerari. Giovanni, davanti al sepolcro, non fece nessun salto
mistico. Nel suo Vangelo, soffermandosi così minuziosamente sulla posizione delle fasce, voleva
solo descrivere la prima traccia storica della resurrezione".
Se ripensa ai tanti esperti che hanno passato la vita su queste cose, senza riuscire a tradurre
degnamente quattro versetti dal greco, gli viene quasi da ridere. Intanto, gli spunti delle sue
ricerche non autorizzate li ha raccolti in un libro. Ne aveva proposto la pubblicazione ad alcune
case editrici cattoliche. Respinsero al mittente il manoscritto, bocciandolo per il tono
"eccessivamente apologetico". Alla fine se lo pubblicò da solo, nel 1988 (Sulle tracce del Cristo
Risorto. Con Pietro e Giovanni testimoni oculari, Edizioni C. P. R.). A distanza di una dozzina
d’anni, il volumetto sta uscendo dalla clandestinità. Lo si trova perfino in qualche libreria cattolica.
E anche padre Jean Galot, illustre professore della Gregoriana, in un recente saggio su La Civiltà
Cattolica ha citato ricerche aggiornate che confermano le "scoperte" di don Persili (cfr. 30Giorni,
n.7/8, 2000). Lo hanno anche chiamato in televisione. Dice don Persili: "Adesso, mi hanno invitato
a parlare, su a Pordenone. Mi hanno anche chiesto il mio curriculum. Gli ho scritto un foglietto con
la data di nascita, quella di battesimo, e quella di quando sono diventato prete. Non è che avessi
altro, da raccontare…". Poi questo don Nessuno si alza dalla sedia. Sono quasi le quattro. Deve
andare a suonare la campana: "La suono tutti i giorni, a quest’ora. Sa, è per ricordare il momento
in cui i primi due, Giovanni e Andrea, hanno incontrato Gesù: "Erano le quattro del pomeriggio",
dice il Vangelo…".
Sulla via del ritorno, attraverso i vicoli di Tivoli, tornano in mente le parole di Péguy, quando
avvertiva che il nostro è un tempo in cui la realtà viene difesa solo da gente così, "individualità
senza mandato".
Don, din don, din don, din don….

Home Archivio Supplementi Contatti


30GIORNI in liquidazione, Piazza Bologna 1 - 00162 Roma - Italia - tel +39 335 879 4068. Tutti i diritti sono riservati.

web agency : GUBBERNET.com