Sei sulla pagina 1di 35

Guida ad OsmAnd

Documento rilasciato il: 07/06/2014

Versione Guida: 3.1

Versione OsmAnd di riferimento: 1.7.5

Autore: Max1234Ita http://www.androidiani.com/forum/members/max1234ita.html

Revisione bozze: Topoldo http://www.androidiani.com/forum/members/topoldo.html

Disclaimer / Note sulla presente Guida

• I suggerimenti qui riportati si riferiscono ai programmi “OsmAnd” e “OsmAnd+” versione 1.7.5, se non
diversamente indicato.

Nelle versioni successive la denominazione di alcuni menù ed opzioni qui riportati potrebbe variare; in quelle
precedenti alcuni menù e comandi potrebbero anche non essere implementati. L’Autore non è in alcun modo
legato al team di sviluppo di OsmAnd e non si assume alcuna responsabilità per eventuali difformità
riscontrate nel programma rispetto a quanto qui indicato (le segnalazioni sono però le benvenute!)

• Questo documento vorrebbe essere uno strumento di consultazione rapida per aiutare gli utenti meno esperti
a prendere confidenza con questo programma. Non vuole essere un manuale d’ istruzioni completo e non
necessariamente fornisce soluzioni “ottimizzate”; piuttosto è volto a suggerire UNA via d’uscita per alcune
specifiche problematiche di base: forse non sarà molto ma, in certi casi, tra “una soluzione generica e
superficiale” e “nessuna soluzione” è ancora meglio la prima. :-)

• Questo documento è stato scritto interamente dall’Autore [un grazie a Topoldo per i suggerimenti e le
correzioni logico/ortografiche :-) ] e pubblicato tramite link sul Forum Italiano “Androidiani”; le dimensioni dei
file riportate all’interno sono puramente indicative e possono variare nel tempo.

Per correzioni, segnalazioni, suggerimenti ecc. si prega di rispondere al topic:


http://www.androidiani.com/forum/le-applicazioni-per-android/44327-thread-ufficiale-navigatori126.html#post4027069

• Sono consentiti il libero utilizzo e la ridistribuzione del materiale qui contenuto, a patto che, in quest’ultimo
caso, vengano riportati in modo esplicito l’autore ed il link alla pagina del forum sopra indicata [un po’ di
rispetto per chi ci mette del suo, che diamine! :-) ]

Max1234Ita, 11/06/2013
Indice
Intro: Perchè scegliere OsmAnd? ................................................................................................... 4
INFORMAZIONI GENERALI SU OSMAND ..................................................................................... 5
ALCUNI LINK UTILI .................................................................................................................................................... 6

INSTALLAZIONE E PRIMA CONFIGURAZIONE ............................................................................... 7


OPERAZIONI DI BASE PER LA PREPARAZIONE DEL PROGRAMMA ................................................. 7
CONFIGURARE I PARAMETRI PRINCIPALI DI OsmAnd .............................................................................................. 7

SCARICARE UNA O PIÙ MAPPE ................................................................................................................................. 9

SCARICARE UNO O PIÙ PLUGIN .............................................................................................................................. 10

ALTRI STRUMENTI UTILI .......................................................................................................................................... 11

UTILIZZO DEL NAVIGATORE ....................................................................................................... 12


BREVE DIGRESSIONE SUL SISTEMA GPS ...................................................................................... 12
RAGGIUNGERE UNA DESTINAZIONE CON OSMAND ................................................................... 13
PREPARAZIONE DI UN PERCORSO ................................................................................................ 15
SALVATAGGIO DI UN PERCORSO OFF-LINE ................................................................................... 17
CARICAMENTO DI UN PERCORSO SALVATO ................................................................................. 18
CREARE UNA “BASE” .................................................................................................................... 19
(F)AQ su OsmAnd ..................................................................................................................... 20
MAPPE ......................................................................................................................................... 20
AGGIORNAMENTI ................................................................................................................................................... 20

MAPPE “REGIONALI” E MAPPE “NAZIONALI” ........................................................................................................ 20

INFORMAZIONI E/O MAPPE MANCANTI ................................................................................................................ 21

MAPPE DI INDIRIZZI ................................................................................................................................................ 22

RIMUOVERE I DETTAGLI DALLA VISUALIZZAZIONE DELLE MAPPE ......................................................................... 23

DISINSTALLARE LE MAPPE ...................................................................................................................................... 23

CONDIVIDERE LE MAPPE CON ALTRI PROGRAMMI DI NAVIGAZIONE ................................................................... 23

CREARE PUNTI D’INTERESSE (PDI) NELLA OPENSTREETMAP ................................................................................. 24

NAVIGAZIONE .............................................................................................................................. 26
SELEZIONE DEL PUNTO DI PARTENZA ..................................................................................................................... 26

RICERCA DI INDIRIZZI .............................................................................................................................................. 26

AUTOVELOX ............................................................................................................................................................ 26

PROBLEMI DI ROUTING .......................................................................................................................................... 28

VISUALIZZAZIONE ................................................................................................................................................... 28

ISTRUZIONI VOCALI ................................................................................................................................................ 29

Guida ad OsmAnd Pagina 2 di 35


PLUGIN ......................................................................................................................................... 31
CONTOUR LINES PLUGIN (già Hillshade & Contour) ............................................................................................... 31

ALTRE INFORMAZIONI .................................................................................................................. 33


UPGRADE ALLA VERSIONE OSMAND PLUS (OsmAnd+) ......................................................................................... 33

PERSONALIZZAZIONE DELL’INTERFACCIA UTENTE ................................................................................................. 34

MODALITÀ SICURA .................................................................................................................................................. 34

UTILIZZO DEL GPS ................................................................................................................................................... 35

POSIZIONE DELLE CARTELLE DATI DI OsmAnd ....................................................................................................... 35

USCITA DA OsmAnd ................................................................................................................................................ 35

Guida ad OsmAnd Pagina 3 di 35


Intro: Perché scegliere OsmAnd?
OsmAnd è un programma free (“Free as in Freedom”), i Cinque-Euro-e-Novantanove che si “pagano” per la versione
Plus vanno a coprire lo sviluppo del programma.

La versione Free lascia scaricare al massimo 10 file, di cui “obbligatori” sono 3:

• Mappa mondiale (World Basemap)

• Una mappa locale (ad es. l’Italia)

• Una voce guida

Con questa configurazione, restano 7 download; un utente “medio” che aggiorna le proprie mappe la sera prima di
partire per le vacanze, può tirare avanti comodamente per 2-3 anni (!) senza contare il fatto che quando si reinstalla l’app
(ad esempio per un aggiornamento) il conteggio si resetta.

Volendo, poi, si possono installare le Nightly Build di OsmAnd: si tratta di “versioni di sviluppo” che potrebbero avere
qualche problema ma che sono rilasciate più o meno giornalmente. In questo modo virtualmente, si può resettare il
conteggio dei download una volta al giorno.

Le mappe offline di OsmAnd NON SONO A PAGAMENTO: provengono dal progetto OpenStreetMap (OSM) che si
propone di fornire le cartografie gratuitamente a chiunque le richieda.

La fondazione OSM è no-profit: certo, non disdegna le donazioni, ma queste possono essere sia materiali (il vile
metallo serve per la manutenzione dei server e la gestione del progetto) che ideologiche (a tutti i mappatori viene chiesto
di rilasciare sotto licenza di Pubblico Dominio tutto il materiale che caricano sul server), ma non sono MAI obbligatorie;
vale il detto già riportato : “Free as in Freedom”.

Non si vogliono dare soldi all’Associazione? Nessun problema né obbligo (nemmeno io l’ho fatto!), ma invece di
lamentarsi dei numeri civici mancanti sarebbe corretto iscriversi (è gratis) e mappare almeno un paio d’isolati attorno a
casa propria (io l’ho fatto e sono anche andato “un po’ oltre”...) magari coi tanto agognati numeri civici (prima o poi lo farò
anch’io). L’Italia è grande e le località non mappate sono TANTE!

Probabilmente (secondo me) OsmAnd piace perché è free (dove free è da intendersi come “libero”).

È una questione di filosofia, diciamo; invece di spendere 30-40-50 euro per un prodotto commerciale si preferisce
darne 6-10 ad un progetto Open e/o passare le nostre serate a mappare le aree più remote e sconosciute del Globo (tipo i
boschi e le cascine a 5 Km da casa nostra).

In più OsmAnd ha funzioni che altri non hanno (possibilità di inviare PDI e percorsi gpx direttamente al server di OSM,
di misurare le distanze, di visualizzare le linee di quota, ecc.); non ultimo, il fatto che le mappe vengono aggiornate ogni 10
giorni!

Echissenefrega, dirà forse l’utente normale, ma per me questo è importante: dal momento che partecipo alla
mappatura, avere dati aggiornati è un utile strumento per capire se le modifiche che ho fatto sono valide o hanno errori.
È vero, ci sono diversi tool di controllo che aiutano i mappatori, ma una cosa è un “bot” che passa il suo tempo ad
analizzare il database, ben altro è vedere il “prodotto finito” tra le proprie mani... Che si può fare, siamo inguaribili
smanettoni, nonché un po’ freakkettoni sognatori della New Age, ed in OsmAnd abbiamo trovato pane per i nostri denti...
È per questo che ci piace!

Max & tutti gli “OsmAndiani convinti”

Guida ad OsmAnd Pagina 4 di 35


INFORMAZIONI GENERALI SU OSMAND

OsmAnd (acronimo di Open Street Map Automatic Navigation and Directions) è un programma di navigazione GPS per
il Sistema Operativo Android. È disponibile in due versioni:

• OsmAnd Free, gratuito

• OsmAnd+, a pagamento

La somma richiesta, poco meno di 6 Euro, è a titolo di “donazione” e va a sostenere il progetto e lo sviluppo di
nuove funzioni (maggiori informazioni su http://www.osmand.net)

Le limitazioni della versione free sono:

1. Non è possibile scaricare più di 10 moduli tra file di mappe, plugin e voci di guida (se si disinstalla e reinstalla il
programma il conteggio dovrebbe venire azzerato. Questo almeno avviene fino alla versione 1.7.x; sarà da
verificare con le successive).

2. Non è possibile importare PDI, ad esempio da Wikipedia.

Le caratteristiche comuni delle due versioni, invece, sono:

1. Possibilità di memorizzare gratuitamente mappe offline dettagliate (OpenStreetMap) in una directory che
l’utente può definire in una posizione a piacimento.

2. Possibilità di calcolare percorsi, ricercare indirizzi e fornire indicazioni di guida offline. Se il dispositivo è connesso
alla rete dati tuttavia, alcune funzioni (per esempio l’acquisizione delle coordinate attuali) saranno più veloci.

3. Possibilità di registrare la posizione attuale ad intervalli regolari di tempo ( tracking) in un file GPX (compatibile
con molti programmi di gestione ed importazione dei percorsi); possibilità di salvare i percorsi calcolati in formato
GPX. I percorsi così salvati si possono poi richiamare in un secondo momento.

4. Possibilità di salvare le proprie posizioni preferite per un uso successivo direttamente dalla mappa, tramite ricerca
incrementale.

Le mappe utilizzate da OsmAnd sono generate dal progetto OpenStreetMap (spesso abbreviato in OSM), che si
propone di creare una cartografia mondiale di qualità pari e, in alcuni casi, superiore a quella di altre distribuite
commercialmente; OSM rilascia gratuitamente le proprie mappe a chiunque ne faccia richiesta: qualora si riscontrassero
errori o incompletezza nelle mappe, è possibile iscriversi gratuitamente al progetto ed apportare personalmente tutte le
correzioni desiderate: le modifiche saranno disponibili in OsmAnd nel giro di pochi giorni (per le mappe d’Italia, l’update
avviene ogni 10 giorni circa).

L’interfaccia utente del navigatore è funzionale e mirata alla funzione del programma, ovvero calcolare la posizione del
dispositivo e dare indicazioni per raggiungere la destinazione. L’aspetto globale è piuttosto “tecnico”, differente da quello
“giocattoloso” cui ci hanno abituato i dispositivi portatili dedicati o “PND” (Personal Navigation Device) di recente
produzione. Per questo, agli utenti meno esperti, potrebbe sembrare piuttosto complessa e di difficile utilizzo.

Non è così: le funzioni necessarie ci sono tutte e sono anche molto valide. Il programma fa tutto ciò che solitamente si
richiede alle applicazioni di questo tipo: bisogna solo imparare come chiederglielo!

Guida ad OsmAnd Pagina 5 di 35


ALCUNI LINK UTILI

Per maggiori informazioni su OsmAnd:

Sito ufficiale http://www.osmand/net

Home page del Progetto http://code.google.com/p/osmand/

Pagina di download diretto delle mappe (da PC) http://download.osmand.net/list.php

Pagina di download delle Nightly Build http://download.osmand.net/latest-night-build/

Forum degli sviluppatori https://groups.google.com/forum/#!forum/osmand

Per maggiori informazioni sul progetto OpenStreetMap:

http://www.openstreetmap.org

Guida ad OsmAnd Pagina 6 di 35


INSTALLAZIONE E PRIMA CONFIGURAZIONE

Per poter usare al meglio OsmAnd occorre inizializzarlo dopo l’installazione. Fortunatamente però, la configurazione
viene salvata: salvo casi particolari, non sarà necessario ripetere nuovamente le operazioni che descriveremo di seguito.

OPERAZIONI DI BASE PER LA PREPARAZIONE DEL PROGRAMMA

1. INSTALLARE la versione di OsmAnd preferita (Free, Plus o Nightly Build); La si scarica dal Play Store come una
qualsiasi altra app, eccezion fatta per la Nightly Build che è disponibile all’indirizzo:

http://download.osmand.net/latest-night-build/

2. AVVIARE OsmAnd

Il programma non mostra subito la mappa, ma ci presenta la sua SCHERMATA PRINCIPALE, in cui sono visibili
quattro opzioni:

• Mappa

• Ricerca

• Preferiti

• Impostazioni

Nella stessa schermata, è presente anche un altro elemento importante, ma da molti sottovalutato: il piccolo
pulsante arancione a forma di ‘X’, nell’angolo superiore destro del display; serve per chiudere definitivamente il
programma, senza lasciare attivo alcun servizio in background. A
partire dalla versione 1.7 del programma è stata inoltre aggiunta la
possibilità di compiere la medesima operazione premendo il tasto
Menù del dispositivo e selezionando l’opzione Uscita.
CONFIGURARE I PARAMETRI PRINCIPALI DI OsmAnd

3. CONFIGURARE I PARAMETRI PRINCIPALI DI OsmAnd

Lo si fa dal menù Impostazioni:

a) POSIZIONE DEI DATI (MAPPE, VOCI, ecc.)

Impostazioni -> Impostazioni Generali -> Cartella deposito

Quest’opzione consente di indicare ad OsmAnd la posizione in cui si desidera salvare tutto ciò che verrà
scaricato (Mappe, Voci guida, Percorsi, ecc...)

Bisogna SELEZIONARE LA CARTELLA DESIDERATA; per default il percorso proposto è sulla memoria
interna; se però il proprio dispositivo è dotato di un supporto di memorizzazione esterno (MicroSD
rimovibile) è buona cosa utilizzare quest’ultimo per non riempire troppo la memoria interna.

Lo spazio necessario è infatti di almeno 2 Gigabyte (o più, a seconda di quante mappe s’intende avere a

Guida ad OsmAnd Pagina 7 di 35


bordo); se, sul medesimo dispositivo, vengono memorizzate anche foto, musica ecc., si consiglia di
utilizzare una MicroSD da ALMENO 8 Gigabyte.

Selezionando “ALTRA”, è possibile specificare una cartella a piacimento del dispositivo.

Premere OK per confermare il percorso e di nuovo OK per applicare l’impostazione.

Il programma creerà una directory chiamata OsmAnd nella cartella specificata; da questo momento in
poi qualunque dato venga salvato/scaricato sarà salvato lì.

ATTENZIONE: se la cartella di default di OsmAnd (percorso: /mnt/sdcard/osmand) contiene già dei dati e
viene impostato un nuovo percorso, a partire dal successivo riavvio tali dati non verranno più trovati dal
programma. Per ovviare non è necessario scaricare tutto nuovamente: è sufficiente copiare il contenuto
della vecchia cartella “osmand” all’interno della nuova cartella “osmand”, nella nuova cartella-deposito.

ATTENZIONE:

• Quantomeno fino alla versione 1.7.5 di OsmAnd non è possibile selezionare il percorso tramite
un’interfaccia grafica. Sarà quindi necessario DIGITARE manualmente il percorso completo
(attenzione anche alle lettere maiuscole e minuscole!)

• A partire da Android v.4.4 (“Kit Kat”) non è più possibile usare una qualunque cartella come
deposito per le mappe e tutti gli altri dati che OsmAnd scarica; volendo posizionare il tutto su una
scheda MicroSD esterna, bisognerà per forza usare quella assegnata dal sistema, e solo quella,
perché altrove l’app non avrà diritto di scrittura. Unica alternativa: ottenere privilegi di root sul
dispositivo ed applicare apposite patch che ripristinano il comportamento delle versioni di Android
precedenti (ma questo esula dallo scopo del presente documento).

b) SERVIZIO DI NAVIGAZIONE

menù Impostazioni -> Navigazione

Selezionare il profilo desiderato (Auto, Bicicletta, Pedone), quindi l’’opzione Servizio di navigazione.
Assicurarsi che il servizio di navigazione sia impostato su “OsmAnd (offline)” per utilizzare i dati del
database locale.

Qualunque altra impostazione in questa schermata utilizzerà una sorgente dati remota, il che richiede
una connessione sempre attiva. Ciò è poco pratico se la copertura della rete radiomobile è scarsa e
potenzialmente molto costoso se ci si trova all’estero.

ATTENZIONE: Una volta modificata la selezione del servizio di navigazione, occorre riavviare OsmAnd
(chiudendolo con l’apposito pulsante ) perché la scelta diventi effettiva.

c) ABILITAZIONE DEI PLUGIN

I plugin sono piccoli programmi aggiuntivi che permettono di usufruire di funzionalità avanzate
all’interno del programma principale. Alcuni sono scaricabili da Google Play (vedi), altri invece vengono
forniti direttamente all’interno dell’app stessa.

Per visualizzare i plugin disponibili, bisogna aprire il menù Impostazioni -> Gestore Plugin

I plugin forniti da OsmAnd in modo nativo (già presenti all’atto dell’installazione) sono:

➢ Mappe Online

Consente di utilizzare alcuni servizi di navigazione online. Se si prevede il solo uso offline del
dispositivo, questo plugin si può tenere disabilitato. È però necessario attivarlo nel caso in cui si
acquisti dal market il plugin addizionale “Elevation & Contour”).

Guida ad OsmAnd Pagina 8 di 35


➢ Servizio di registrazione e modalità quiescente

Gestisce il funzionamento del programma in background. Attivandolo è possibile utilizzare il


dispositivo come recorder: si avvia il tracciamento del percorso, si mette il device in stand-by (col
display spento la batteria dura molto di più!) e ci s’incammina verso la destinazione.

➢ Accessibilità

Abilita alcune funzioni per l’utilizzo del dispositivo, ad esempio lo zoom della mappa tramite i tasti
volume (funzione disponibile solo se non è attiva alcuna navigazione).

➢ Calcolatore di distanza e Pianificazione

Abilitando questo plugin, nella schermata della Mappa sarà possibile aggiungere un regolo, utile per
calcolare le distanze. Non è un tool essenziale. A meno che non sia necessario pianificare il proprio
viaggio in funzione dei chilometri percorsi (ad esempio una lunga escursione in bicicletta), questo
plugin può rimanere disabilitato.

➢ Plugin appunti audio

Aggiunge alla schermata della Mappa un pulsante che consente di effettuare brevi registrazioni
audio da associare, in seguito, alla posizione corrente.

Come nel caso precedente, se non si prevede di usarlo, anche questo plugin può restare disabilitato.

➢ Modifiche OSM

Questo plugin si interfacciarsi direttamente con i server di OpenStreetMap. Abilitandolo, nel suo
menù principale verranno visualizzate le opzioni per impostare le proprie credenziali di registrazione
su OSM. È indispensabile per chi si occupa di mapping su OSM, ma può essere tranquillamente
ignorato da tutti gli altri.

➢ Sviluppo di OsmAnd

Visualizza alcune informazioni di “basso livello” riguardanti il programma. Il suggerimento è di


tenerlo disabilitato: di solito lo usano solo gli sviluppatori di OsmAnd per eseguire il debug del
software.

CONSIGLIO: prima di iniziare a navigare è opportuno accertarsi che sia attivo il plugin “Accessibilità” che
consente l’esecuzione di alcune azioni con una sola mano.
SCARICARE UNA O PIÙ MAPPE

4. SCARICARE UNA O PIÙ MAPPE

Lo store fornisce solo il programma principale ed alcuni plugin (di cui parleremo in seguito); per poterlo utilizzare,
occorre anche scaricare almeno una mappa il cui download potrebbe richiedere anche molto tempo.

IMPORTANTE: in questa fase il dispositivo necessita di collegarsi alla rete e di trasferire un grande quantitativo di
dati: si raccomanda quindi di appoggiarsi ad una rete Wi-Fi. Qualora questo non fosse possibile, il medesimo
materiale è scaricabile (in maniera decisamente meno intuitiva) dal sito web:

http://code.google.com/p/osmand/downloads/list

a) Per eseguire il download, bisogna andare al menù Impostazioni -> Dati offline

La schermata contiene l’elenco delle mappe e della voci guida presenti sul dispositivo, organizzate per

Guida ad OsmAnd Pagina 9 di 35


categoria. All’inizio la lista dovrebbe risultare vuota.

b) Premere il tasto Download, nell’angolo superiore destro della schermata: il dispositivo scarica dalla rete
l’elenco di tutti i moduli disponibili (sono letteralmente centinaia).

c) Selezionare le mappe che si intendono scaricare

Molte aree geografiche sono suddivise in regioni, ad esempio la mappa dell’Italia è disponibile intera
oppure divisa in Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, ecc...

È possibile ridurre il numero degli oggetti visualizzati, filtrandoli tramite la casella di ricerca (ad esempio
scrivendo “italy”)

L’elenco MINIMO delle mappe necessarie per il funzionamento di OsmAnd in Italia è il seguente:

• World Base Map: World_basemap_2.obf.zip (dimensione: circa 100 Megabyte - edizione del
30/10/2013). Si tratta della mappa richiesta da OsmAnd per default che occupa, dopo
decompressione, uno spazio di circa 130 MB

• Italy europe: compressa occupa circa 670 Megabyte (11/04/2014) ed è divisa in 3 parti; una volta
scompattata i dati occupano circa 1 Gigabyte.

• Italy Europe-Roads: di circa 120 Megabyte.

Quest’ultima è da prendere in considerazione in alternativa a Italy europe se il dispositivo che si sta


utilizzando non è molto potente o se ha poco spazio di memorizzazione. In questo caso infatti i dati
scompattati occupano solo circa 200 Megabyte ma la cartina è molto meno dettagliata.

Come detto sopra, sono anche disponibili delle mappe regionali (per es. solo la Lombardia, solo la
Toscana, ecc.) ma è decisamente più pratico avere tutto il territorio nazionale in un solo file.

Fino alla versione 1.1 di OsmAnd era possibile scaricare una mappa che conteneva le linee di quota
(per l’Italia: Italy_europe_srtm_elevation_contour_lines.obf).

A partire dalla versione 1.2 è stato introdotto un nuovo plugin (vedi) che consente di visualizzare i
rilievi in modo molto più preciso. La mappa non è più disponibile per il download... ma c’è chi ha
conservato l’ultima versione pubblicata ;-)

IMPORTANTE
Gli archivi contenenti le mappe vengono scaricati sul dispositivo: assicurarsi che nell’unità di memorizzazione
selezionata vi sia spazio sufficiente a contenere sia l’archivio .zip, sia i dati decompressi; al termine
dell’installazione della mappa tuttavia, gli archivi vengono eliminati, riducendo in parte l’occupazione complessiva
della SD. Per ovviare a questo inconveniente, è possibile scaricare le mappe sul PC collegandosi all’indirizzo
http://download.osmand.net/list.php, scompattare manualmente gli archivi sul PC e copiare il/i file .obf
direttamente nella cartella del proprio dispositivo, sovrascrivendo quello/ già presente/.

SCARICARE UNO O PIÙ PLUGIN

5. SCARICARE UNO O PIÙ PLUGIN (facoltativo)

Al momento, per la versione 1.7.5 sono disponibili sullo store 2 plugin aggiuntivi:

a) Parking Plugin (gratuito)

Consente di memorizzare “al volo” la posizione corrente per ritrovarla più tardi. Inoltre avvisa quando il tempo di
sosta sta per scadere.

Link: https://play.google.com/store/apps/details?id=net.osmand.parkingPlugin

Guida ad OsmAnd Pagina 10 di 35


b) Contour Lines Plugin (a pagamento: 1,99 Euro)

Consente di visualizzare sulla mappa le linee di quota e i rilievi in maniera “tridimensionale”.

Occorre però scaricare delle mappe aggiuntive, con un sensibile aumento dello spazio occupato (per l’Italia, si
tratta di 180 MB per le ombreggiature e di 657 MB per le linee di quota).

Link: https://play.google.com/store/apps/details?id=net.osmand.srtmPlugin.paid

ALTRI STRUMENTI UTILI

6. ALTRI STRUMENTI UTILI

a) Srtm Plugin

È l’alternativa free a Contour Lines Plugin. È disponibile SOLO sul sito di OsmAnd e permette di visualizzare sulla
mappa le linee di quota. Non si paga, ma le mappe da scaricare sono molte: di fatto, per avere una copertura
completa del territorio italiano, occorre avere la versione a pagamento del navigatore, dal momento che quella
gratuita limita a 10 il numero dei download.

Link: http://code.google.com/p/osmand/downloads/detail?name=Osmand-SRTMPlugin-1.0-1.apk

b) GPS Status & Toolbox

Non è un plugin specifico di OsmAnd, ma una pratica utility gratuita che aiuta il dispositivo nell’agganciare la
posizione (se connesso ad una rete). Inoltre visualizza la posizione relativa dei satelliti attualmente ricevuti e la
qualità del segnale. Se il dispositivo è dotato dell’apposito sensore, può funzionare anche come bussola.

Link: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.eclipsim.gpsstatus2

Guida ad OsmAnd Pagina 11 di 35


UTILIZZO DEL NAVIGATORE
BREVE DIGRESSIONE SUL SISTEMA GPS1

Il sistema GPS, (Global Positioning System) attivo dal 1994, è basato su una “costellazione” di satelliti artificiali in
orbita attorno al nostro pianeta. Per garantire una copertura ottimale di tutto il globo, questi satelliti NON sono di tipo
geostazionario, ma si muovono rispetto alla superficie terrestre. Triangolando i loro spostamenti è possibile risalire alla
posizione geografica del ricevitore a terra. Ricordiamo che il sistema è nato per scopi militari: pertanto il segnale GPS per
uso civile è artificialmente “disturbato” in modo che il rilevamento presenti un errore di circa 10 metri (ulteriormente
degradabili, a discrezione degli amministratori del sistema, ovvero del Dipartimento della Difesa degli U.S.A.)

Ogni satellite del sistema GPS trasmette un segnale radio che contiene:

• Alcuni byte di sincronismo, ovvero una sequenza sempre uguale che viene ripetuta ogni pochi secondi

• Il cosiddetto “Almanacco”, ovvero una serie di dati circa la rotta del satellite stesso, gli orari previsti per il
passaggio su determinati punti di riferimento, ecc...

La trasmissione di questi dati dura circa 5 minuti, dopodiché si ripete (ricordiamoci che quando è nato il sistema i
megabit al secondo non se li sognavano nemmeno nei film di fantascienza!)

Il navigatore, appena acceso, inizia ad acquisire i segnali dei satelliti visibili e a scaricare l’almanacco di ognuno;
quando ne ha ricevuti almeno 3 può finalmente calcolare il punto (ne servono almeno 4 per conoscere anche l’altitudine).

Ancora oggi, tutti i terminali sono ancora programmati per seguire questa procedura. Fortunatamente, grazie alla
tecnologia A-GPS (Assisted GPS), è possibile velocizzare non poco l’aggancio della posizione. Perché questo sia possibile, è
però necessario avere a disposizione una connessione dati, in genere una connessione ad Internet (via WiFi o tramite un
operatore di Telefonia Mobile).

In breve, l’A-GPS permette di calcolare in pochi secondi la posizione del nostro dispositivo, in due modi:

• Scaricando via Internet le “effemeridi”, ovvero le medesime informazioni trasmesse dai satelliti stessi all’interno
dei loro Almanacchi. In questo modo è possibile agganciare immediatamente tutti i satelliti visibili, dopo di ché si
prosegue la navigazione in modo tradizionale.

• Triangolando la posizione di 3 o più trasmettitori, a loro volta georeferenziati: solitamente si tratta dei siti in cui si
trovano i trasmettitori (le “celle”) della rete telefonica mobile. La triangolazione non viene però fatta dal
terminale, bensì da un apposito server che trasmette poi il risultato attraverso la rete.

Quest’ultimo metodo funziona meglio nelle aree urbane, dove, nel medesimo punto, arriva il segnale di più celle
contemporaneamente; nelle zone rurali, non è raro vedere il “fixing” (la precisione del calcolo) con errori
dell’ordine di centinaia di metri.

Tutto chiaro? Bene, torniamo ad OsmAnd ed iniziamo ad usarlo.

1 Per maggiori informazioni sul sistema GPS:

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_di_Posizionamento_Globale

http://en.wikipedia.org/wiki/Gps

Guida ad OsmAnd Pagina 12 di 35


RAGGIUNGERE UNA DESTINAZIONE CON OSMAND
1. Attivare il ricevitore GPS dal menù di sistema del proprio dispositivo (tablet, cellulare). Se si prevede di effettuare
un lungo spostamento, è raccomandabile collegare il suddetto ad una fonte di alimentazione stabile (per es. la
presa accendisigari dell’auto), in quanto l’uso contemporaneo di molti sistemi riduce sensibilmente la durata della
batteria dello strumento. OsmAnd è comunque in grado di ridurre l’assorbimento di energia mettendosi in
modalità stand-by, attivando i sensori solo di tanto in tanto (utile, ad esempio, nel caso di un’escursione a piedi)

2. Avviare OsmAnd. Attendere che la posizione venga calcolata. Se è disponibile una connessione ad una rete
(Operatore di Telefonia Mobile o WiFi), il programma vi si connetterà per scaricare le informazioni sui satelliti; in
caso contrario sarà necessario attendere alcuni minuti (N.B. Il segnale GPS non arriva dentro casa: occorre trovarsi
all’aperto per poterlo ricevere!). Se si dispone del tool (gratuito) GPS Status & Toolbox (vedi), è possibile
accelerare la procedura forzando un download immediato dei dati (pulsante Menù del dispositivo → Strumenti →
Gestisci stato A-GPS → Scarica)

L’avvenuto aggancio della posizione sarà segnalato da un’apposita icona nella barra di notifica del telefono/tablet;
inoltre, nella schermata della Mappa, OsmAnd mostrerà un’altra icona nella parte superiore destra del display,
avente tre possibili aspetti:
• Cerchio esterno nero con interno bianco: Posizione non agganciata

• Cerchio esterno nero con punto nero al centro: Posizione agganciata e visualizzata al centro del display.
Spostandosi, la mappa sarà automaticamente ricentrata
di conseguenza.

• Cerchio esterno nero con punto blu al centro: Posizione agganciata ma non centrata. Per attivare la
centratura automatica, toccare il punto blu. Su molti
display è un po’ piccolo, ma non impossibile da
raggiungere; in alternativa, premere il tasto menù del
dispositivo e selezionare l’opzione “Dove sono

3. Ricercare la destinazione desiderata

Nella Schermata Principale, di OsmAnd toccare l’icona Ricerca; la stessa opzione è attivabile anche da

schermata Mappa, premendo il tasto Menù e selezionando quindi l’opzione Ricerca.

La schermata “Ricerca” consente di trovare la posizione in base a: Punti d’interesse (PDI), Indirizzo, Coordinate
geografiche o Preferiti (= posizioni salvate in precedenza). Il modo più intuitivo è forse la ricerca per indirizzo; se si
sceglie invece la ricerca mediante le coordinate, è necessario prestare attenzione a selezionare correttamente il
formato con cui queste debbono essere inserite.

ATTENZIONE: a partire dalla versione 1.5.2 di OsmAnd sono stati aggiunti dei pulsanti nella parte inferiore delle
schermate di ricerca per Indirizzi e per Coordinate. Purtroppo sono presenti solo le icone senza alcuna didascalia:
nonostante le buone intenzioni dei programmatori (ed un pop-up esplicativo che compare toccando a lungo le
singole icone), ciò potrebbe essere piuttosto fuorviante, almeno al primo utilizzo.

Nell’ordine, a partire dall’estrema da sinistra, le funzioni corrispondenti a ciascuna icona sono:

• Calcolo del percorso (“Diamante” bianco con freccia nera)

• Imposta come destinazione/punto intermedio (Bandierina)

• Visualizza sulla mappa (Segnaposto “stile Google”)

• Crea Preferito (Stella)

• Commuta tra modalità di ricerca online (tramite il servizio Nominatim di OpenStreetMap) e offline
tramite il database locale. Segnaliamo a proposito di questa funzione, un piccolo bug presente dalla versione
1.5.2 (e non ancora rimosso nella 1.7.5): selezionando l’icona, viene visualizzata la schermata principale di
OsmAnd; solo passando di nuovo al menù Ricerca viene visualizzata la schermata corretta.

Guida ad OsmAnd Pagina 13 di 35


4. Nella Schermata Ricerca, toccare l’icona Ricerca degli Indirizzi, la seconda da sinistra

5. Inserire il Nome della Città (o parte di esso): OsmAnd implementa infatti un


sistema di ricerca incrementale che permette di trovare una località anche
se non se ne conosce esattamente il nome.

Se il nome digitato non corrisponde ad una grande città, è possibile allargare


la ricerca anche agli abitati più piccoli; basta premere il pulsante Ricerca
Comuni/Codice Postale e completare la scelta toccando il nome per esteso
tra i riscontri proposti. ATTENZIONE: Se non si esegue quest’ultima
operazione, la nuova località non verrà impostata.

6. Inserire la Via (opzione facoltativa).

Se NON si desidera inserire alcun nome di via (ad esempio se si


intende solo esaminare la mappa nei dintorni di una determinata
località), è possibile tornare al menù di ricerca toccando l’icona
evidenziata in arancione nell’immagine a fianco; si potrà in
seguito visualizzare la mappa in corrispondenza del segnaposto
che indica il nome della località prescelta (di solito il centro della
città o del paese). In modo analogo, volendo impostare come
destinazione la generica località, si dovrà toccare l’icona
(Imposta come destinazione), che si trova nella parte superiore
destra del display.

7. Inserire il Numero civico (opzione facoltativa)

Va ricordato che la ricerca per Numeri civici è molto limitata in


OsmAnd e negli gli altri navigatori basati su OpenStreetMap: ciò
è dovuto al fatto che per molte località italiane queste
informazioni non sono ancora disponibili nel database della
mappa (quindi è inutile mandare email di protesta a chi ha
sviluppato il programma!)

Se si desidera che la mappa riporti almeno i numeri civici della


propria zona ci sono due sole alternative:

• convincere il proprio Comune a rendere di pubblico dominio e rilasciare ad OSM la numerazione delle strade

• iscriversi al progetto OpenStreetMap ed iniziare ad aggiungerli di propria mano.

Anche in questo caso, per impostare come destinazione il punto corrente sarà sufficiente toccare l’icona

mentre si potrà tornare alla schermata principale del menù di ricerca toccando l’icona

8. Trovata la destinazione, bisogna premere il pulsante (INDICAZIONI/CALCOLO DEL PERCORSO): ora il


navigatore calcolerà il percorso a partire dalla POSIZIONE CORRENTE (o da quella trovata col primo aggancio ai
satelliti, se il servizio GPS non fosse disponibile).

Se, precedentemente, era già stata impostata una destinazione, al momento


dell’inserimento della “nuova” destinazione, OsmAnd propone diverse alternative.
Per il momento ci limiteremo ad utilizzare come destinazione la “nuova”
destinazione, toccando l’opzione “Sostituisci destinazione” (funzione disponibile
solo a partire dalla versione 1.7.x)

9. Premere infine il pulsante Naviga per avviare il calcolo del percorso. A tale
proposito occorre ricordare che, perché ciò avvenga, è necessario che la posizione
GPS sia già stata agganciata.

Guida ad OsmAnd Pagina 14 di 35


PREPARAZIONE DI UN PERCORSO
Con OsmAnd è possibile preparare in anticipo, “a tavolino”, uno o più percorsi da seguire, pur non essendo agganciati
ai satelliti, salvarlo/i e richiamarlo/i in seguito. Per fare ciò bisogna:

1. Impostare la destinazione, come indicato al capitolo “Raggiungere una destinazione con OsmAnd”

2. Per impostare il punto di partenza non esiste un apposito pulsante (non è però escluso che in futuro non possa
essere aggiunto!): bisogna pertanto ricorrere ad un trucco. Andare nuovamente alla schermata di RICERCA e
digitare la Città e la Via che ci interessano.

3. Quando si trova il riscontro cercato, selezionare il pulsante Home per tornare alla schermata principale del

menù di ricerca, quindi Visualizza sulla mappa.

4. Nella schermata della mappa, bisogna quindi toccare la “bandierina” (il segnaposto) che reca le informazioni
riguardanti la posizione evidenziata.

Attenzione: va eseguito un “tocco breve”; se infatti si tiene premuto a lungo, il segnaposto scompare!

5. Dal menù, selezionare Indicazioni da.

A seconda della lunghezza del percorso e della potenza di calcolo del


dispositivo, sarà necessario attendere da alcuni istanti a qualche minuto
(secondo gli sviluppatori, il tempo di elaborazione medio per calcolare un
itinerario di circa 200 Km è di circa 60 secondi).

Al termine dell’elaborazione viene visualizzato il risultato (vedi figura sotto)

6. Se lo si desidera, è possibile
inserire anche eventuali punti
intermedi (traduzione italiana
del termine “waypoints”, punti
di passaggio).

A tale scopo si deve procedere


nel solito modo, ovvero si
ricerca il punto di passaggio desiderato e lo si visualizza sulla mappa,
dopo di ché si tocca il segnaposto che riporta la posizione del punto

selezionato e si sceglie Aggiungi come punto intermedio.

Il percorso dovrebbe venire aggiornato ogni volta che viene aggiunto


un punto intermedio. Se così non
fosse, si deve tornare al punto di
partenza (la ricerca tramite
cronologia aiuta) e rivisualizzare il percorso da lì.

Per eliminare i punti indesiderati è sufficiente togliere il segno di spunta dalla


rispettiva casella; è inoltre possibile cambiare l’ordine dei punti intermedi
(occorre però averne inseriti almeno due) con l’apposito pulsante.

Si noti che, a partire dalla versione 1.7, gli sviluppatori hanno introdotto un
nuovo metodo per l’impostazione della navigazione dalla schermata della
Mappa: per attivarlo è sufficiente premere il pulsante Menù del dispositivo (o
quello “software” nella parte inferiore sinistra del display) e selezionare
l’opzione Indicazioni

Guida ad OsmAnd Pagina 15 di 35


Nella parte inferiore della schermata vengono ora visualizzati 5 nuovi pulsanti:
Menù Visualizza il pannello con le opzioni per la mappa (ha
la stessa funzione del tasto menù del dispositivo)

Annulla Permette di annullare la creazione dell’itinerario.

Indicazioni Consente di impostare rapidamente una destinazio-


ne e mostra informazioni dettagliate sull’itinerario.

Profilo Permette di selezionare un profilo d’utilizzo tra Auto,


Bicicletta e Pedone e di impostarne i parametri
principali (per es. tipo di strade da preferire/evitare)

Naviga Avvia la navigazione. Il pulsante che molti utenti


attendevano da tempo! :-)

7. Premere il pulsante Naviga per avviare la navigazione (è necessario che il ricevitore GPS sia attivo).

Guida ad OsmAnd Pagina 16 di 35


SALVATAGGIO DI UN PERCORSO OFF-LINE
Per salvare un percorso offline con OsmAnd lo si deve calcolare e memorizzare come file GPX. Per fare questo occorre:

1. Preparare innanzitutto il percorso desiderato, con gli eventuali waypoint, come illustrato nel capitolo precedente.

2. Una volta calcolato l’itinerario, toccare il pulsante


Indicazioni.

3. Senza modificare nulla nella schermata d’impostazione dei punti


intermedi, selezionare il pulsante Informazioni.

4. Viene visualizzata una schermata con le indicazioni dettagliate;


premere il pulsante Salva
nella parte inferiore della
schermata e digitare il nome da
assegnare al tracciato.

Il nuovo file verrà salvato nella


“Cartella Deposito” di OsmAnd
(il cui percorso è definito nel
menù Impostazioni Generali).

Guida ad OsmAnd Pagina 17 di 35


CARICAMENTO DI UN PERCORSO SALVATO
1. Interrompere la navigazione corrente (se attiva): dalla schermata Mappa premere il tasto menù e selezionare
Interrompi Navigazione/Cancella la destinazione

2. Premere di nuovo il tasto menù e selezionare l’opzione Indicazioni

3. Premere il pulsante Profilo e selezionare quello che si desidera


utilizzare (Auto, Bicicletta, Pedone)

4. Premere il pulsante Percorso GPX e selezionare l’opzione Scegli GPX...

5. Selezionare il percorso desiderato tra quelli presenti nella Cartella Deposito:

6. Premere il pulsante Naviga per avviare la navigazione (è necessario che il ricevitore GPS sia attivo).

Guida ad OsmAnd Pagina 18 di 35


CREARE UNA “BASE”
Molti programmi di navigazione offrono la possibilità di definire una “Base”, ovvero una posizione di riferimento (per
es. la propria abitazione) cui tornare semplicemente premendo un pulsante.

In OsmAnd questa funzione non è direttamente presente, ma usando i PREFERITI si può supplirne la mancanza. È
infatti sufficiente RICERCARE LA POSIZIONE che si intende utilizzare come BASE e salvarla come “Preferito”, assegnandogli
un nome e, volendo, anche una categoria.

Alternativamente, se per esempio si è in gita e si deve lasciare il mezzo per proseguire a piedi, si può ottenere lo
stesso effetto utilizzando il già nominato “Parking Plugin”, scaricabile dal market.

Per fare questo:

1. Centrare la mappa sulla posizione desiderata

2. Eseguire un “tocco lungo” sulla mappa, in modo di far comparire il segnaposto riassuntivo.

3. Toccare brevemente il segnaposto: compare un menù. Scegliere MARCA COME POSIZIONE DI PARCHEGGIO.

ATTENZIONE: per visualizzare tale opzione potrebbe essere necessario scorrere verso il basso l’elenco delle
opzioni).

Ovviamente, è necessario che il plugin sia stato installato!

Guida ad OsmAnd Pagina 19 di 35


(F)AQ su OsmAnd

Raccolgo in questa sezione alcune informazioni di vario genere che poco hanno a che fare con l’utilizzo di base del
programma, ma che possono tornare utili in determinate situazioni. Si tratta, in gran parte, di questioni trattate sui Forum
di Androidiani; in altri casi sono risposte date dal sottoscritto via messaggio privato o con altri mezzi.

Tutte le questioni trattate, comunque, riguardano OsmAnd e le sue funzioni; per comodità, sono raggruppate in
categorie (mappe, navigazione, ecc.)

Il consiglio generale è di fare, se possibile, esperimenti e configurazioni con calma, qualche giorno prima di partire.
“Configurare il sistema” all’ultimo istante non è mai cosa saggia, così come non lo è mettersi a smanettare con le opzioni
mentre si sta guidando!

Al solito, un GRAZIE al fido Topoldo, che raccoglie tutte queste informazioni e periodicamente m’invia il suo “digesto”
con gli aggiornamenti! :-)

MAPPE

AGGIORNAMENTI

Q: Nel vedere gli aggiornamenti delle mappe, il colore blu che cosa significa?

A: Gli aggiornamenti delle mappe per OsmAnd vengono solitamente rilasciati ogni 10 giorni circa (per l’Italia l’1,
l’11 ed il 21 del mese; per altre nazioni dipende da quanto sono attivi i mappatori e da quant’è grande il paese
medesimo: diciamo che un aggiornamento bisettimanale per San Marino sarebbe un po’ uno spreco!).

Nella lista dei download disponibili, i moduli in VERDE sono quelli aggiornati, quelli in BLU sono quelle per cui
è disponibile un aggiornamento.

MAPPE “REGIONALI” E MAPPE “NAZIONALI”

Q: Che cosa è la World Base Map?

A: La World Base Map è una mappa generale di tutto il mondo, è un po’ come quelle cartine che si trovano
all’inizio degli atlanti: di ogni nazione (di una certa rilevanza) riporta solo le città e le vie di comunicazione
principali. OsmAnd passa a visualizzare questa mappa quando si imposta un fattore di zoom molto basso.

Q: Volevo scaricare la mappa della Germania ma non trovo una mappa per l’intera nazione (com’è invece
possibile nel caso dell’Italia) bensì le mappe delle singole regioni. Così pure nel caso della Francia. Domanda: per
questi paesi esistono delle mappe che comprendono tutto il territorio?

A: Credo abbiano diviso appositamente la Germania in aree perché questa nazione è un po’ più estesa
dell’Italia.

Probabilmente un unico file sarebbe risultato troppo grande. Puoi, comunque, provare a richiedere le mappe
mancanti sul forum ufficiale (vedi prossima domanda).

Guida ad OsmAnd Pagina 20 di 35


INFORMAZIONI E/O MAPPE MANCANTI

Q: Non riesco a trovare la mappa delle Seychelles... L’ho cercata in lungo e in largo tra quelle disponibili ma non
vi è traccia, eppure sul sito di OsmAnd danno le Seychelles come supportate, ed anche su openstreetmap.org le
vedo mappate... Esiste un modo di importarle?

A: Prova a richiedere agli sviluppatori la mappa mancante, tramite il forum ufficiale:

https://groups.google.com/forum/#!topic/osmand/_BGb3j50Jvg

Di solito le persone che se ne occupano sono molto disponibili e (se non ci sono impedimenti tecnici) veloci
nel rispondere. Nel caso citato, la mappa delle Seychelles è stata pubblicata in poco più di un giorno!

L’unico problema potrebbe essere rappresentato dalla lingua: il forum in questione è internazionale e la
lingua raccomandata è l’inglese.

Q: Perché non mi appaiono nella ricerca i numeri civici, ma solo gli incroci? Forse che OsmAnd non li supporta?

A: La mancanza dipende dal fatto che mettere i numeri civici sulla OpenStreetMap è a dir poco un casino... Di
per sé, OsmAnd supporta la numerazione delle strade. Il problema è che sulla mappa i civici non ci sono.

Anche su OpenStreetMap è presente il supporto per quest’informazione... ma (almeno per l’Italia) i numeri
civici non sono presenti quasi da nessuna parte. Perché? Beh, come dicevo la stesura della mappa è abbastanza
laboriosa, ogni singola informazione va inserita per mezzo di appositi tag.

In alcuni casi sono gli stessi Comuni che rilasciano le informazioni sotto licenza compatibile con le richieste di
OpenStreetMap; al momento però, sono pochi quelli che lo hanno fatto. Molti non sono interessati oppure non
conoscono il progetto mentre alcuni, addirittura, rilasciano queste informazioni solo dietro pagamento! L’unica
speranza è che qualcuno animato da buon cuore (e moooooooolta pazienza) si faccia tutto lo sporco lavoro a
manina... il che, per quanto gli editor tipo PotLatch siano facili e divertenti da usare, è una mole di lavoro
abbastanza immane.

Molti mappatori poi (incluso il sottoscritto) non conoscono tutti i tag, oppure non possono/non vogliono
inserire queste informazioni per diversi motivi. Risultato: la mappa, almeno al momento non è molto precisa per
alcune cose, mentre lo è all’inverosimile per altre. Ad esempio, per quanto riguarda il centro città di Roma,
mancano gli edifici (ci sono solo i più importanti), mentre sono mappati tutti gli alberi nei parchi e lungo i viali!

È un po’ il problema del crowdsourcing, in teoria il risultato finale sarebbe perfetto, ma all’atto pratico manca
sempre qualcosa; d’altra parte la filosofia del progetto è proprio questa: alla mappa manca un pezzo? Associati ed
aggiungilo!

Q: OsmAnd non mi “vede” la mappa completa dell’Italia. L’ho scaricata e impostata nello stesso modo di quella
del Piemonte che invece funziona perfettamente. Suggerimenti in proposito?

A: Per caso l’hai disattivata? Se nella lista delle mappe la vedi in verde scuro significa che non è abilitata. Tocca e
tieni premuto. Poi, dal menù, seleziona Attiva. Logicamente poi, sarebbe meglio disattivare la mappa regionale.
Un’altra cosa da guardare è questa:

1. Andare in Mappa -> Imposta visuale -> Sorgente Mappa -> Imposta Mappe Vettoriali: offline

2. Poi, sempre dalla schermata Mappa, bisogna verificare di non avere impostato qualcosa alle voci
“Mappa in Trasparenza” e “Mappa in Background”

Guida ad OsmAnd Pagina 21 di 35


MAPPE DI INDIRIZZI

Q: Ricercando le mappe da scaricare ho visto comparire (a partire dall’agosto 2013) un’ulteriore mappa che non
so a che cosa serva, ma che, comunque, ho provveduto a scaricare, cioè “Italy address”. Quando ho installato la
prima volta OsmAnd (giugno 2013) non ricordo di avere visto tale mappa nell’elenco. A cosa serve?

A: A questo riguardo, traduco ad uso delle persone con scarsa dimestichezza con l’inglese i 2 post più importanti
del seguente thread, postato nel forum ufficiale di OsmAnd:

https://groups.google.com/forum/#!topic/osmand/C-Aojwp5F8U

1. Poiché paesi grandi come Germania, Francia, Italia, Canada, Russia e Isole Britanniche sono suddivisi in
mappe regionali, a volte risulta difficile trovare un indirizzo se non si sa esattamente a quale regione appartiene
la combinazione città/indirizzo.

Per tale motivo, per i summenzionati paesi, sono state create delle “address maps”: non sono mappe di
navigazione, ma solo di “ricerca degli indirizzi”. Ciò significa che per la navigazione sono tuttora necessarie le
normali “mappe regionali”.

Queste mappe verranno create e aggiornate regolarmente con tali nomi. Si trovano nell’ambito delle mappe
scaricabili di OsmAnd e sono denominate secondo questa modalità:

“<country> addresses-nationwide <continent>” - per esempio: “Germany address-nationwide europe”.

Le “address maps” non sono una categoria separata, ma sono parte delle “normali mappe”; Le address maps
delle Isole Britanniche e dell’Italia si trovano nella subdirectory “Europe”; quelle della Germania e della Francia
nelle rispettive subdirectory “France” e “Germany” ecc...

Come funzionano?

• In: Ricerca -> Indirizzo (icona della “casa”) selezionare (per esempio) la mappa “Germany addresses-
nationwide europe” (o una delle altre mappe di indirizzi).

• Cercare la città/indirizzo (o il codice postale).

• Dopo aver trovato l’indirizzo, usare “Mostra sulla mappa” o “Imposta come destinazione”.

• OsmAnd automaticamente userà la mappa della regione che contiene tale indirizzo (e non la mappa degli
indirizzi!) per mostrare o per iniziare a navigare verso tale indirizzo.

In questo modo è possibile cercare un indirizzo in tutta la Germania, Francia, Italia, Canada, Russia e Isole
Britanniche.

Cose da tenere presenti:

• Poiché i dati degli indirizzi della “address map” sono quantitativamente molto maggiori rispetto ai dati degli
indirizzi presenti nelle mappe regionali, i tempi di ricerca possono risultare piuttosto lunghi. Ciò dipende
anche dal fatto che gli indirizzi consentono di effettuare ricerche per approssimazione (“fuzzy”).

Victor [uno degli sviluppatori di OsmAnd, N.d.R] ha aggiunto tale funzionalità un po’ di tempo fa per
estendere automaticamente la ricerca di una strada alle vicinanze di una città, qualora la combinazione città-
indirizzo non avesse dato risultati a seguito di una ricerca.

• Se si cerca una combinazione città/indirizzo in una di queste “address maps” e poi si usa l’opzione “Mostra
sulla mappa”, il “cursore” si posizionerà sulle coordinate geografiche esatte che definiscono tale luogo sulla
mappa. Se però non si ha a disposizione la mappa della regione in questione, compare uno sfondo grigio con
la scritta “Nessuna mappa vettoriale offline disponibile per questo indirizzo. Bisogna scaricare ...(ecc.)”: è
cioè necessario disporre della mappa regionale in questione per mostrare o per navigare verso l’indirizzo
trovato.

2. Vorrei aggiungere un suggerimento per le persone che cercano indirizzi in paesi dotati di mappe regionali.

Dopo aver trovato l’indirizzo ci si può chiedere quale mappa regionale bisogna scaricare per visualizzare tale
indirizzo ed è pertanto necessario conoscere il nome della regione. Fortunatamente tale nome può essere trovato
usando la ricerca online di tale indirizzo, il che può essere eseguito tramite l’icona del pulsante più in basso a
destra nel modulo di ricerca degli indirizzi online. Vorrei però chiedere che al pulsante venisse associata un’altra
icona, perché quella attuale non ha un significato chiaro (cfr. immagini nel thread originale [NdR])

Guida ad OsmAnd Pagina 22 di 35


Inoltre è utile sapere che, nel caso in cui vi fossero più possibili risposte che corrispondono ai criteri della
ricerca, esse vengono visualizzate tutte. Per es. se si cerca il villaggio di Mittelberg, questo ha molte occorrenze in
Germania e ne ha una anche in Austria.

RIMUOVERE I DETTAGLI DALLA VISUALIZZAZIONE DELLE MAPPE

Q: OsmAnd, tra i navigatori offline, offre un livello di dettaglio della mappa come non ce l’ha nessuno. Questo
del livello di dettaglio, da un lato è un pregio, dall’altro però ho notato che spesso rende faticoso seguire il
percorso sul display del navigatore e, nel caso di incroci o rotatorie piuttosto “complessi”, a volte rende
difficoltoso capire qual è la svolta/uscita corretta da prendere.

A: Bisogna selezionare Mappa e richiamarne il menù. Scegliere “Configura schermo/Modalità di disegno”. Qui si
trovano le opzioni “Visualizza mappa”, “Auto”, “Bicicletta” e “Pedoni”. “Visualizza mappa” e “Pedoni” dovrebbero
essere le opzioni con i maggiori dettagli. Inoltre, se si è installato anche il plugin per le linee di quota, si può
provare ad impostarlo in modo che queste compaiano solo per valori di zoom elevati (Mappa -> Configura lo
schermo -> Visualizza curve di livello): conviene impostare un valore tra 14 e 18. Bisogna fare un po’ di prove per
vedere come viene meglio: con valori più elevati infatti si rischi di non vedere mai le linee, a meno di non essere
in alta montagna.

DISINSTALLARE LE MAPPE

Q: Come si disinstallano le mappe scaricate?

A: Per rimuovere una mappa, bisogna:

• Andare nel menù Dati Offline

• Toccare a lungo sull’oggetto che si vuol cancellare e scegliere Elimina.

ATTENZIONE: non ho verificato, ma se la mappa è in uso OsmAnd potrebbe non consentirne l’eliminazione. In
tal caso bisogna provare a selezionare “Disattiva” e quindi “Elimina”.

CONDIVIDERE LE MAPPE CON ALTRI PROGRAMMI DI NAVIGAZIONE

Q: Si possono condividere le stesse mappe OSM su navigatori diversi (per es: Be-On-Road e Mapfactor) senza
scaricarle ogni volta in modo da risparmiare anche spazio?

A: No, non è possibile, perché OSM fornisce a chiunque li richieda solo “i dati della mappa”, in formato grezzo.
Fa così proprio perché il progetto è Open ed ognuno è libero di fare ciò che vuole con quelle informazioni.

Proprio per non limitare la libertà di utilizzo, non viene imposto alcun vincolo al formato con cui quelle
informazioni dovranno essere distribuite agli utenti finali. Questo è sicuramente un bene perch é così è garantita a
chiunque la massima fruibilità.

Ci sono ovviamente anche dei risvolti negativi: dal momento che una mappa completa può pesare anche
diversi GB (quella italiana, pare, ne occupi circa sei), gli sviluppatori di app si trovano a doversi confrontare col
problema di ridurre tale mole di dati, magari eliminando alcune informazioni che non servono allo scopo e
comprimendo il più possibile le restanti. Tecnicamente: i dati del database grezzo vengono “ricompilati” e
ricodificati per poter funzionare con l’applicazione.

Ognuno fa del suo meglio per avere i database ottimizzati per il suo software: poiché non esiste uno standard
universale per la compilazione, il risultato è che vi sono tante mappe dello stesso territorio NON “intercambiabili”.

Di fatto, quindi, ogni app obbliga a scaricare le sue mappe anche se arrivano tutte dalla stessa fonte.

Guida ad OsmAnd Pagina 23 di 35


CREARE PUNTI D’INTERESSE (PDI) NELLA OPENSTREETMAP

Q: È possibile caricare dei PDI su OpenStreetMap tramite OsmAnd?

A: Certo! Ecco come fare:

• Innanzitutto, bisogna essere registrati su www.openstreetmap.org.

Se non lo si è, non ci vuole molto: basta fare clic sul link per la registrazione e fornire un OpenID valido
(ad esempio username e password del proprio account su Gmail).

• È vivamente consigliato, prima di iniziare ad inserire tag, leggersi la documentazione disponibile online:
ogni operazione di modifica della mappa deve seguire rigorosi schemi e convenzioni, al fine di evitare
eccessive disomogeneità nei dati: è prassi comune, anche per i mappatori più esperti, consultare le
pagine del “Wiki”, in caso insorgessero dei dubbi:

http://wiki.openstreetmap.org/wiki/IT:Map_Features

• Impostare le credenziali in OsmAnd: per fare questo, aprire il menù Impostazioni -> Modifiche OSM ed
inserire Nome Utente e Password (le stesse di cui sopra).

Purtroppo manca un’opzione di verifica, per cui bisogna assicurarsi di aver digitato tutto correttamente.

• Richiamare quindi la posizione dal menù Ricerca o dalla lista dei Preferiti e visualizzarla sulla mappa,
oppure scorrere la mappa fino al punto desiderato ed eseguire un tocco lungo sul punto prescelto

• Toccare il segnaposto (con un tocco breve) e scorrere la lista delle opzioni: selezionare “Crea PDI”

• I campi da compilare obbligatoriamente sono solo i primi due (Nome e


Altro).

Il primo si spiega da sé: è il nome del PDI, così come si vuole


visualizzarlo; Il secondo invece, è la categoria di appartenenza.

Bisogna non lasciarsi ingannare: non si può scrivere ciò che si vuole!

È necessario infatti inserire il tag OSM più appropriato.

Fortunatamente il programma viene un po’ in aiuto: infatti toccando il


pulsante che si trova sulla sinistra, recante il nome della categoria (per
default è “Altro”), è possibile visualizzare le categorie raggruppate per
tipo. Purtroppo però, se l’interfaccia utente è in italiano, risulteranno
tradotti anche i nomi delle categorie, il che non è molto di aiuto per
chi invece li usa comunemente in lingua originale (ad esempio negli
editor come JOSM). Il risultato è una sorta di miscuglio linguistico, ad
esempio: Chiave = Trasporto (come proposto da OsmAnd), Valore =
bus_stop - rigorosamente scritto secondo le specifiche di OSM
(solitamente in minuscolo e con caratteri “underscore” al posto degli spazi). Se ad esempio si vuole
inserire un cinema, occorrerà selezionare la categoria “Intrattenimento”. Ci penserà poi il programma a
proporre i tag giusti e ad inviarli al server.

• Il terzo campo è piuttosto fuorviante, a causa di un errore di traduzione: infatti c’è scritto “Apri” quando
in realtà dovrebbe essere scritto “Orario di apertura”. Ho provato a modificarne il valore ma il
programma è sempre andato in errore. È comunque un tag facoltativo e lo si può tranquillamente
lasciare vuoto, oppure lo si può compilare in un secondo momento con un altro programma di editing
della mappa (JOSM, Merkaator, ID, Potlatch, ecc.).

• Le voci successive sono informazioni aggiuntive e non obbligatorie. Solo due raccomandazioni in merito:

1. Numero di telefono: va inserito il prefisso internazionale (+39 per l’Italia) seguito da uno spazio e dal
numero telefonico locale. Ad esempio: +39 3351122345 (cellulare) oppure +39 0383654321 (fisso).

Se questo formato non viene rispettato, i programmi per il controllo automatico di OSM rileveranno
un’anomalia: nel migliore dei casi correggeranno l’errore automaticamente; nel peggiore, il numero
non sarà riconoscibile. Tanto vale fare le cose per bene fin da subito! ;-)

2. Sito web: usare sempre la forma completa dell’“URL; ad esempio “http://www.nomesito.com” e non

Guida ad OsmAnd Pagina 24 di 35


“nomesito.com” o “www.nomesito.com”. Anche questa è una raccomandazione di OSM, meglio
attenervisi o, come nel caso precedente, i controlli sul database riscontreranno anomalie che altri
utenti dovranno a correggere (e nel frattempo qualcuno potrebbe non essere in grado di utilizzare
quell’informazione perché non compatibile col proprio applicativo)

• Terminato l’inserimento dei dati, bisogna scorrere la schermata verso


l’alto finché non compare il pulsante Esegui: toccatelo ed in pochi
secondi il PDI sarà caricato sul server OSM, a disposizione di tutti. Al
successivo aggiornamento della mappa lo potrete vedere anche in
locale sul vostro dispositivo.

NB: se ne avete bisogno subito, si può sempre salvare la posizione tra


i “Preferiti”

Guida ad OsmAnd Pagina 25 di 35


NAVIGAZIONE
SELEZIONE DEL PUNTO DI PARTENZA

Q: Non ho ancora capito come si fa, con OsmAnd, ad impostare manualmente il punto di partenza di un
itinerario senza utilizzare la posizione corrente. C’è qualcuno che mi aiuta?

A: Prima si sceglie la destinazione. OsmAnd vorrà calcolare il percorso dalla posizione corrente: ignoralo!

Si deve invece andare nuovamente in Ricerca (dal menù principale o dal tasto menù nella schermata della
mappa) ed effettuare la ricerca della località di partenza. Una volta trovata, si deve scegliere “Visualizza sulla
mappa”; Quando compare il tooltip/fumetto (un segnaposto con l’indicazione della posizione Lat/Lon), lo si tocca
(con un tocco breve!) e si sceglie “Indicazioni da”. Questo imposterà la posizione selezionata come punto di
partenza.

RICERCA DI INDIRIZZI

Q: Usando “Ricerca Indirizzi” di OsmAnd, non sono riuscito a trovare il comune di Folgaria (oltre 3000 abitanti in
provincia di Trento). Arrivato alla terza lettera, come possibili consigli mi escono solamente Follonica e Foligno.
Però ricercando Folgaria sulla mappa del sito openstreetmap.org, OSM la trova subito: quindi, se riconosciuto
nella ricerca, il comune è stato certamente mappato su OSM. Da ciò mi sorge il dubbio che stia sbagliando
qualcosa nella ricerca su OsmAnd. Se infatti la ricerca del comune è positiva sul sito, non dovrebbe esserlo anche
in OsmAnd?

A: OsmAnd utilizza un sistema di ricerca incrementale dei nomi di località: per default, visualizza solo quelli dei
centri più importanti, per velocizzare la ricerca nel database. Ma se digiti “folg” e poi premi il pulsante “Ricerca
comuni/Codice Postale” lo trovi al volo! D’altra parte, se riesci a trovare posti improbabili come “ Cascina
Boaressa”, vuoi non trovare un centro di 3000 anime che, se non ricordo male, potrebbe già essere indicato come
“Paese” e non più come “Villaggio”...

AUTOVELOX2

Q: OsmAnd trova anche i velox. Non me ne ha sbagliato uno... Per Be-on-road, sarà la mia zona di Biella che è
un po’ sfigata... A proposito di OsmAnd, gli autovelox come si caricano?

A: OsmAnd trova e visualizza i velox, solo se (indovinate un po’...) sono riportati nella mappa OSM come punti
d’interesse (PDI). Ciò va bene per gli autovelox fissi che non cambiano frequentemente, ma non rende OsmAnd
affidabile come un vero programma di rilevamento autovelox in quanto, per avere un aggiornamento delle
postazioni mobili, occorre attendere il successivo rilascio della mappa (10 giorni, se va bene). Meglio sarebbe
poter importare delle categorie di PDI in un file .csv come avviene per altri navigatori (TomTom, Garmin, Mio). Ci
sono siti sia italiani che esteri (per l’Italia i principali sono PoiGPS e Adivor) dove sono disponibili file aggiornati
dalla community settimanalmente, se non addirittura tutti i giorni. In mancanza di questa funzione, si può
ripiegare su una delle app dedicate (per esempio: Autovelox, CamSam, Coyote, RadarDroid, SpeedTrap ecc...)

Q: Come si fa con OsmAnd a visualizzare gli autovelox?

A: Bisogna andare nel menù in basso a sinistra della pagina mappa, (quello che sembra un tasto rigato...) e
toccare Impostazioni -> Navigazione -> Avvisi.

Da quel menù si può modificare tutto ciò che si vuole, anche la visualizzazione degli autovelox (che
comunque è già preimpostata). Inoltre, quando si sta per incrociarne uno, compare una telecamera in basso a
destra.

2 Per sapere tutto (o quasi) sugli autovelox: http://emax.135.it/

Guida ad OsmAnd Pagina 26 di 35


Q: Esistono programmi che si possano usare assieme ad OsmAnd, in grado di segnalare autovelox fissi, mobili,
tutor, ecc.?

A: Eccome! Anche se nella maggior parte dei casi tutte le funzionalità sono disponibili solo nelle versioni
“complete” dei programmi che sono a pagamento. Si tratta, in generale, di app che si lanciano assieme al
navigatore e girano in background. Nel frattempo il navigatore continua a fare il suo lavoro... o almeno dovrebbe!

Tra le tante app, si possono segnalare:

• CamSam: La versione gratuita emette segnali (o annunci vocali) quando ci si avvicina a postazioni
velox fisse; la versione “Plus” (a pagamento, €0,99) annuncia anche postazioni mobili, Semafori Rosso-
Stop (dichiarati illegali ed in via d’estinzione, ma ancora presenti in molte città) e PhotoRed.

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.camsam

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.camsam.plus

• Autovelox! Come sopra.

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.softboom.autovelox

• DroidCruise Entra in azione in presenza di portali Tutor, visualizza la velocità d’ingresso, la media
istantanea e la velocità consigliata per non superare il limite

https://play.google.com/store/apps/details?id=org.dyndns.ipignoli.droidcruise

In alcuni casi può accadere che le indicazioni vocali di OsmAnd non funzionino se prima viene avviato un altro
programma che usa il medesimo canale d’uscita (“Media”). Il problema dovrebbe essere risolvibile impostando il
canale di uscita in OsmAnd (Impostazioni -> Impostazioni generali -> Voce Guida d’Uscita). Al momento ho fatto
alcune prove, a volte con buoni risultati, altre no. Da verificare... ne riparleremo in uno dei prossimi
aggiornamenti della Guida! :-)

Q: Mi sono accorto che OsmAnd fornisce anche i limiti di velocità. Però non ho sentito avvisi sonori quando si
superano tali limiti o quando si incrocia un autovelox. Forse che in questi casi OsmAnd fornisce solo un avviso
visivo?

A: Perché venga emesso l’avviso di superamento del limite di velocità occorre che il limite stesso sia riportato
sulla mappa (in OpenStreetMap, il tag maxspeed=* che lo indica, non è presente in tutte le strade). Fino alla
versione 1.5.1, questa funzione era utilizzabile solo con voce guida TTS (Text-To-Speech); Nella versione 1.7.x
l’annuncio di prossimità ad un autovelox è stato inserito anche nelle voci pre-registrate, sia pure con risultati
piuttosto surreali: “Superato limite di velocìti” non è esattamente ciò che un automobilista si aspetta di sentire se
per caso “sfora” il fatidico limite... :-)

Q: Approfitto per chiedere una cosa: come si utilizza Camsam? Lo si lancia prima del navigatore e lo si lascia in
background affidandosi solo ai suoi avvisi sonori o c’è qualche modalità più evoluta?

A: Di solito faccio proprio come scritto sopra: abilito il GPS, avvio l’uno, avvio l’altro (di solito prima CamSam,
ricordandomi di controllare il livello delle notifiche audio, che a volte mi rimane impostato a 0!) e poi si parte. Se
devo andare in qualche luogo che conosco ma che non frequento abitualmente (=> conosco la strada ma non so
se recentemente siano state installate delle “sorprese”), lascio stare il navigatore e uso solo CamSam, altrimenti
uso entrambi in parallelo.

Guida ad OsmAnd Pagina 27 di 35


PROBLEMI DI ROUTING

Q: Non capisco perché OsmAnd non mi faccia prendere la tangenziale a Bologna quando ciò è consigliabile...
Nelle impostazioni non ho alcun tipo di istruzione del tipo “evita”. Come mai il software si limita semplicemente
alla strada normale/autostrada?

A: Sei sicuro di non stare usando qualche profilo particolare? Se ad esempio imposti “Bicicletta” o “Pedone” è
normale che non ti faccia andare sulle autostrade e tangenziali!

In ogni caso, a partire dalla versione 1.7.x, l’algoritmo di routing originario è stato sostituito da un altro, più
lento nel calcolo ma, a detta di chi l’ha programmato, più preciso. Qualora si riscontrassero comportamenti
anomali, è bene segnalarli sul forum ufficiale con le solite modalità, ovvero indicando la versione di OsmAnd
utilizzata e descrivendo (possibilmente in inglese) il procedimento da seguire per riprodurre l’errore. Importante:
trattandosi di problemi di calcolo di rotta, è bene specificare anche il tratto di strada (località, posizione ed
eventuale nome della via) in cui si è presentato il problema.

Q: Sygic ha un bug: succede solo con alcune destinazioni, ma quando capita, l’unica soluzione è impostare la
navigazione con tappe intermedie.

A: Lo stesso problema si presenta anche con OsmAnd: se l’itinerario supera i 250 Km, è fortemente consigliato
introdurre uno o più waypoint (punti intermedi) per spezzare il viaggio in parti più “digeribili”.

Quest’argomento è stato affrontato a più riprese sul forum ufficiale di OsmAnd: a partire dalla versione 1.7,
gli sviluppatori hanno iniziato a lavorare per limitare, se non eliminare questo problema. Forse in una futura
versione sarà risolto, ma al momento il metodo più affidabile per evitarlo rimane quello di impostare un punto
intermedio ogni 200-250 Km.

Q: Oggi ho fatto alcuni test con OsmAnd+ per verificare se avevo mappato bene. In alcune zone (non mappate
da me), pur visualizzando correttamente il percorso sullo schermo, la vocina mi diceva di “fare inversione a U su
via xxxxxx” cosa ovviamente assurda perché stavo percorrendo una strada a senso unico! È normale o si può
rimediare installando la voce registrata al posto di quella TTS?

A: L’Inversione a U pare sia un bug noto, quantomeno è stato riportato in questi giorni (9/12/2013) anche sul
forum ufficiale. Come workaround si può attivare il calcolo preciso della rotta dalle opzioni di navigazione (è
l’ultima opzione della lista).

VISUALIZZAZIONE

Q: Be-on-road ha la visualizzazione della mappa in 3D. In OsmAnd c’è?

A: No, OsmAnd usa solo la visuale 2D. In realtà questa caratteristica è stata richiesta e, forse, anche messa nel
piano-lavori, ma per ora gli sviluppatori hanno come priorità la stabilizzazione del progetto, la risoluzione dei bug
(specialmente quelli riguardanti la navigazione) e la semplificazione dell’interfaccia utente.

In futuro, forse, anche noi Osmandiani potremo godere della visuale “a elicottero” di TomTommiana
memoria.

Q: Volevo utilizzare una visuale in modalità navigazione stradale tipo TomTom con la strada che si orienta in
automatico in modo che sia sempre parallela alla direzione di marcia ma non ci sono riuscito. C’è un’opzione per
farlo?

A: Per l’orientamento della mappa bisogna andare in: Impostazioni Generali -> Orientamento mappa -> Nella
direzione del movimento (oppure “Con Bussola” - più preciso ma molto sensibile alle piccole oscillazioni che,
ovviamente, presuppone che il dispositivo abbia una bussola integrata). Poi, si può passare da una modalità
all’altra direttamente dalla schermata Mappa: bisogna aprirla e toccare la voce “Configura lo schermo”: ci si deve
assicurare che l’opzione “Bussola” sia selezionata. A questo punto tornando alla mappa si dovrebbe vedere l’icona
della bussola in alto a sinistra. Toccandola (se si è in auto meglio fermarsi!) si può passare alla modalità preferita:
si attivano a rotazione, quindi occhio al messaggio che compare in basso!

Guida ad OsmAnd Pagina 28 di 35


Q: Andando in: Impostazioni -> Navigazione vi è una opzione che recita: “Blocca sulle strade” la cui sottostante
spiegazione è la seguente: “Blocca la posizione sulle strade durante la navigazione”. Non mi è chiaro che cosa
significhi ciò.

A: Si tratta di un “trucchetto” che usano praticamente tutti i navigatori che implementano il calcolo
dell’itinerario da seguire. Serve a facilitare il posizionamento del puntatore (freccia, automobilina ecc...) sul
display.

L’origine risale al momento stesso in cui il servizio GPS è stato reso disponibile per usi civili: non
dimentichiamoci infatti che l’origine del sistema è militare! Il segnale che leggiamo dai satelliti è artificiosamente
corrotto all’origine in modo da impedire il posizionamento con una risoluzione superiore ai 10 metri (i militari
USA, invece, fanno uso del segnale “pulito”, che consente una risoluzione inferiore al metro).

Per ovviare all’inconveniente, noi “poveri civili”, ci siamo inventati ogni tipo di accorgimento: dal sovra-
campionamento (si calcola una media ponderata su un gran numero di campioni - metodo preciso ma lento) alla
triangolazione con posizioni note. La posizione approssimativa calcolata viene corretta triangolando quella di altre
stazioni a terra che trasmettono la loro posizione precisa. Ciò è praticamente anche quello che fa l’algoritmo
A-GPS quando sceglie di usare le “reti wireless”: in quel caso le posizioni note sono quelle dei siti dell’operatore di
telefonia mobile.

Questi metodi vanno bene per il fixing iniziale, ma sono piuttosto lenti ed imprecisi quando si tratta di
visualizzare la posizione di un mezzo in movimento: se venisse rappresentato a video il mero risultato del calcolo,
si potrebbe vedere il nostro puntatore saltare a destra e a manca ai lati della strada (in realtà è quello che si vede
se provate a registrare un tracciato gpx: in quel caso infatti vengono rappresentati quelli che sono i valori
effettivamente misurati!)

Ecco allora che i programmatori si sono inventati questo simpatico escamotage: la posizione è instabile, ma
bastano pochi punti per capire in che direzione si sta viaggiando. Visto che ci si muove in auto è presumibile che si
stia percorrendo una strada: allora si può calcolare la posizione coi metodi consueti e poi “fixarla” (traduzione
letterale: aggiustarla) andando a posizionare il puntatore sulla mappa in modo che si trovi sulla strada che passa
più vicino al punto calcolato.

Questo aiuta l’utente più che il dispositivo: se so di viaggiare sulla SP7, mi disorienta un po’ vedere la mia
posizione “saltellare” in mezzo ai campi adiacenti la strada; per contro, se sto viaggiando fuoristrada (ad esempio,
attraverso un bosco a piedi e la mappa non riporta alcun sentiero nei dintorni) oppure in mare, il posizionamento
potrebbe puntare ad un punto molto diverso da quello effettivo (i software più sofisticati hanno un “trigger” che
disabilita automaticamente questa correzione se lo scarto è superiore ad una distanza preimpostata).

La stessa opzione, se attivata, potrebbe poi causare problemi nel caso in cui più strade scorrano parallele a
quella in cui ci si trova. Vi è mai capitato di tenere il GPS acceso in treno e di vedere il segnalino percorrere la
strada che scorre 20 metri più in là, parallela alla ferrovia? Per questo motivo molti navigatori, fra cui OsmAnd,
permettono di selezionare con quale modalità si desidera operare.

In generale le indicazioni d’uso sono le seguenti:

• Percorso stradale in auto/moto/bicicletta -> opzione “Blocca sulle strade”: attivata

• Percorso pedonale: -> opzione “Blocca sulle strade”: a scelta dell’utente (de gustibus non est disputan-
dum!)

• Navigazione in mare, in un lago, percorso “cross-country ” (fuoristrada) in auto/moto/bici, trekking o


semplice passeggiata in grandi spazi aperti -> opzione “Blocca sulle strade”: disattivata

ISTRUZIONI VOCALI

Q: Ho dei problemi con le istruzioni vocali:

1. Alla fine di una strada OsmAnd mi dice: “Tenere la sinistra” quando in realtà bisogna tenere la destra!
Pensavo di dover “Svoltare a sinistra” ma ciò non sarebbe stato corretto!

2. In un altro punto mi dice: “Girare a destra”, ma poi bisogna subito girare a sinistra e quest’ultima
indicazione non mi viene fornita. Con l’informazione fornita, mi sarebbe venuto spontaneo girare a
destra DUE volte!

A: Temo che tu sia incappato in un problema di cattiva mappatura oppure di viabilità cambiata dopo l’ultimo

Guida ad OsmAnd Pagina 29 di 35


aggiornamento della mappa. Ogni oggetto sulla mappa (strada, via, casa ecc...) è descritto da un “ vettore” (che i
mappatori di OSM chiamano anche “way”), ovvero da uno o più “nodi” (punti) collegati tra loro da relazioni di
vario tipo. Ogni vettore ha le sue proprietà che sono descritte tramite dei “tag” (etichette). Esistono tag
praticamente per tutti gli oggetti: tipo di strada, senso unico, rotatoria, ecc...

Un “incrocio” viene definito collocando un nodo in coincidenza di un altro nodo già esistente: se chi ha
mappato quella strada si è dimenticato di definire l’incrocio, per il programma di navigazione (qualunque
programma!) quelle due strade non s’intersecano, per cui non è possibile calcolare un percorso che dica di
svoltare dove ci si aspetta.

Un altro possibile problema si presenta quando il navigatore deve fornire indicazioni ravvicinate (ad esempio
il caso citato: necessità di svoltare subito dopo un’altra svolta che avviene in senso contrario). In questo caso, è
consigliabile dapprima provare a verificare che la mappa non abbia qualche errore e, in seconda battuta, si può
provare a segnalare il problema agli sviluppatori. In ogni caso una rapida occhiata al display dovrebbe aiutare a
capire che cosa ci si troverà davanti. In caso di incroci particolarmente complicati è comunque raccomandabi le
rallentare e... pensare al da farsi! ;-)

Q: Come faccio a impostare una voce del navigatore più “umana” rispetto a quella robotica che ho ora? Tempo
fa, non so come, mi si è cambiata da sola e mi è comparsa questa che è veramente pessima! Inoltre a volte mi
compare un messaggio con scritto di installare la voce ad “alta definizione”, solo che non mi dà un tasto di
download e non so da dove scaricarla.

A: Bisogna installare un motore TTS (Text-To-Speech). Se ho ben capito hai un Samsung Galaxy S3, quindi
potresti avere le voci standard Samsung e Pico: in effetti non sono il massimo! Come alternativa potresti provare
ad installare Ivona, trovi il pacchetto sullo store: La installi, la imposti come voce predefinita e, dicono (perché io
non l’ho ancora provata!) che sia un po’ meglio.

NOTA: a dispetto del nome, Ivona è una voce maschile. Forse avrebbero fatto meglio a chiamarla Ivano... :-)

Q: Riguardo all’aggiornamento della voce sintetizzata: quando metto la spunta e poi premo per effettuare
l’aggiornamento, non si aggiorna nulla. Infatti rimane colorata in blu (= versione più vecchia rispetto a quella
suggerita) Come si può fare?

A: A volte lo fa anche a me. Bisogna assicurarsi di avere un buon livello di copertura wi-fi ed avviare il download.
Verificare inoltre che la barra di avanzamento arrivi al 100%. Poi si deve chiudere OsmAnd usando la piccola X in
alto a destra nella schermata principale. A questo punto bisogna riavviare il programma e controllare lo stato
degli aggiornamenti. Alla peggio, si può provare a rimuovere le voci che rimangono blu e le si scarica di nuovo: in
questo modo NON si può non aggiornarle!

Questo problema era stato riportato sul forum ufficiale qualche tempo fa e dovrebbe essere risolto (si
trattava di un mancato allineamento tra i due server che gestiscono i download). Dovesse ripresentarsi in maniera
persistente, potrebbe valere la pena segnalarlo di nuovo.

Q: OsmAnd, nel centro di Cervia, pur indicando sulla mappa le vie corrette, dà delle istruzioni vocali che
inventano rotonde che non ci sono. Inoltre, quando arrivo alla mia via, alla bandierina di destinazione tira dritto e
mi fa svoltare in una via vicino!

A: Per caso usi la voce TTS? Anche a me fa questi scherzi! Io ho impostato Chiara (pre-registrata), fa quel che
deve ed in modo poco invadente.

Guida ad OsmAnd Pagina 30 di 35


PLUGIN
CONTOUR LINES PLUGIN (già Hillshade & Contour)

Q: Ho comprato il plugin “Contour Lines” (1,99 Euro) ma non vedo nessuna differenza in confronto a prima.

Ho anche letto nella guida che bisogna scaricare altre mappe. Quali sono? Io non le trovo!

A: Bisogna scaricare le mappe con le “ombreggiature dei rilievi”.

• Andare nella schermata Download e toccare la prima riga in alto.

Dovrebbe esserci scritto “Mappe Normali”; scegliere “Sovrapposizioni Ombreggiamento Rilievi”

Aprire quindi la voce “Europa” e fare clic su “Hillshade Italy Europe”. Il file pesa circa 180 MB.

Se si vogliono visualizzare anche le linee di quota, bisogna seguire la medesima procedura di base. In
questo caso però bisogna andare, sempre a partire dalla schermata Download, alla sezione “Linee
isocline” (nome introdotto con la versione 1.7.5; prima era denominata “Dati Linee di livello”).

Qui le mappe sono organizzate per regione, quindi bisogna scaricare individualmente le singole regioni:
Abruzzo, Apulia (sic!) Basilicata, ecc... Queste mappe, in alcuni settori, hanno delle “dipendenze” che
vengono scaricate automaticamente: ad esempio, se si scarica il Piemonte o la Liguria, bisogna aspettarsi
di trovare sul dispositivo anche un pezzetto di Francia corrispondente alla zona di confine. Nell’esempio
sopracitato, dovrebbero scaricarsi automaticamente anche le mappe di France Provence-Alpes-Cote
d’Azur e France Rhone-Alpes.

• Una volta terminato il download, bisogna andare nel menù Impostazioni -> Mappe online, nella sezione
“Sovrapposizione/Sfondo” e selezionare “Mappa Sovrapposta”.

Dall’elenco che compare bisogna scegliere “Hillshade Italy Europe”. A questo punto dovrebbero
comparire delle ombreggiature che, a seconda del display, potrebbero essere piuttosto marcate, al punto
da non consentire una chiara ed immediata lettura delle altre informazioni.

Niente paura, è sufficiente regolare il livello di trasparenza! :-)

A tale scopo, sempre dal menù “Mappe Online”, si deve accedere all’opzione “Trasparenza
sovrapposizione”.

Personalmente le impostazioni che ho adottato sono le seguenti:

◦ Trasparenza sovrapposizione = 54

◦ Trasparenza mappa di base = 255

Questi valori si applicano ai dispositivi con display Super-AMOLed; Dovrebbero andar bene,
comunque, anche per altri dispositivi. Eventualmente si può partire da questi valori e poi effettuare
una loro più fine regolazione in funzione del singolo schermo.

NB: Tra le opzioni, in questa sezione, c’è anche “Schermo ad alta risoluzione”. Il suggerimento è di
provare a impostare tale opzione: se il dispositivo/programma s’impallasse o rallentasse troppo, si può
sempre disabilitarla!

• Infine bisogna andare alla schermata della Mappa -> menù -> Definisci la vista.

Bisogna scorrere la lista delle opzioni fino in fondo. Le ultime 3 opzioni sono:

◦ Mappa sovrapposta

◦ Mappa di sfondo

◦ Strato ombreggiatura rilievi

• Selezionare “Mappa sovrapposta”: dovrebbero comparire i rilievi.

Guida ad OsmAnd Pagina 31 di 35


• Per visualizzare anche le linee di quota bisogna seguire invece questa procedura:

menù -> Definisci la vista -> Configura lo schermo

• Nella sezione “Attributi del disegno” selezionare “Visualizza curve di livello” e “Indica il livello di zoom a
partire dal quale saranno mostrate le linee di quota”

Personalmente ho inserito il valore “14”.

Per non visualizzare nulla, scegliere: “--”

Debbo dire che “vedere le colline” sulla mappa fa tutto un altro effetto, anche se le mappe dei rilievi si
portano via un po’ di spazio in più sulla SD... ;-)

Guida ad OsmAnd Pagina 32 di 35


ALTRE INFORMAZIONI

UPGRADE ALLA VERSIONE OSMAND PLUS (OsmAnd+)

Q: Che differenze ci sono fra la versione di OsmAnd Free e quella Plus a pagamento (costo: 5,99€)?

A: Nella versione Free si possono scaricare al massimo 10 file; In quella Plus vi è un numero illimitato di
download e si possono importare i PDI da Wikipedia. Per il resto le due versioni sono identiche.

Q: Ho acquistato OsmAnd+. Come faccio a trasferire i dati; le mappe, le voci, i preferiti, ecc.. dalla versione free
alla plus?

A: Nel menù “Impostazioni” della versione OsmAnd+ bisogna impostare il percorso della cartella di deposito
(storage) (per es: ExtStorage) e riavviare l’applicazione. I dati disponibili verranno così applicati anche a tale
versione.

Q: Sono passato ad OsmAnd+. Se ora cancello cache, dati e disinstallo la versione Free del programma, non è
che mi vengano cancellati i dati che sono condivisi anche dalla versione Plus?

A: Se nel menù “Le mie app” di Google Play non si rimuovono i riferimenti alla app già disinstallata, sulla SD
interna i dati rimangono comunque. I dati non più necessari/indesiderati si possono invece cancellare in 2 modi:

• Da menù Gestione Dati: tenere premuto l’oggetto che si desidera rimuovere e selezionare Elimina.

• Da PC: collegare il dispositivo al PC in modo da poter visualizzare i contenuti della scheda SD; posizionarsi
all’interno dalla cartella usata come cartella deposito e rimuovere i file non più necessari con la funzione
Elimina file offerta dal programma che si sta utilizzando. La stessa operazione si può compiere
direttamente dal dispositivo, utilizzando un file manager per Android (a partire da Android v.2.3.5 è
disponibile nativamente l’app “Archivio”, in alternativa si può optare per uno dei tanti programmi di
gestione file disponibili sullo Store)

Q: Sono passato alla versione “Plus” di OsmAnd, e ho notato che non si “accorge” delle mappe che avevo già
scaricato con la versione base che ho rimosso. Poco male, ovviamente perché ora posso scaricarne quante voglio,
ma, per evitare doppioni e di riempire la scheda SD, in quale cartella dovrei controllare per verificare se sono
state effettivamente cancellate le mappe precedenti?

A: La risposta più ovvia, naturalmente, è “quella che avevi impostato con l’altra versione!” Se non te lo ricordi, (o
semplicemente non ci avevi fatto caso), puoi sempre collegare il tuo cellulare o tablet al PC in modalità disco
rimovibile e da lì puoi lanciare la ricerca dei file “*.obf” (che è l’estensione del/i file della/e mappa/e).

Bisogna quindi prendere nota della cartella ove tale/i file è/sono contenuto/i ed impostare in OsmAnd tale
percorso (vedi Guida), altrimenti si finisce per creare una seconda cartella-deposito per OsmAnd all’interno della
precedente.

Quest’operazione si può fare anche con un file manager per Android direttamente sul device, ma trovo molto
più comodo gestire queste cose da un monitor LCD da 24”, piuttosto che dai miseri 4” del mio telefono :-).

Se i dati delle mappe fossero salvati sulla SD interna, potrebbe essere il momento buono per spostarli su
quella esterna: bisogna spostare l’intera cartella OsmAnd. Poi bisogna avviare il navigatore e nel menù
Impostazioni -> Cartella deposito bisogna inserire il nuovo percorso (cfr Guida). Per sapere in quale posizione
trovare le cartelle deposito di OsmAnd, può essere utile consultare anche il capitolo “POSIZIONE DELLE CARTELLE
DATI DI OsmAnd”.

Guida ad OsmAnd Pagina 33 di 35


PERSONALIZZAZIONE DELL’INTERFACCIA UTENTE

Q: È possibile cambiare il colore del percorso e/o quello del triangolino blu che indica il percorso?

A: Non mi risulta sia possibile cambiare il colore dell’indicatore del percorso e/o del percorso stesso oltre a
quanto offre il programma. Si può provare a modificare lo stile di visualizzazione della mappa da:

Schermata Mappa -> menù -> Definisci la vista -> Configura lo schermo -> Stile del disegno

oppure le impostazioni della modalità notturna:

Schermata Mappa -> menù -> Definisci la vista -> Configura lo schermo -> Giorno/Notte

Q: Una cosa che andrebbe migliorata in OsmAnd è il tasto NAVIGA. Non sempre infatti è facile accedere a
questa funzione. Nei “Preferiti”, se si accede da una pagina piuttosto che da un altra, l’opzione non si trova. Si
trova magari “Aggiungi punto intermedio”, ma non si trova: “Inserisci come destinazione”.

Anche partendo dal menù -> Mappa di OsmAnd, non trovo la funzione per riprendere la navigazione: di
OsmAnd la semplicità non è certo la migliore qualità... È però un navigatore: quindi se ci riescono gli altri
navigatori, vogliamo che lo faccia anche OsmAnd!

A: Effettivamente la semplicità d’uso non è la qualità migliore del programma; fortunatamente anche chi lo
sviluppa sembra essersene accorto e, nella versione 1.7.5, sono comparsi nuovi tasti che consentono di accedere
un po’ più facilmente alle funzioni di navigazione. Certo, manca ancora un “vero” tasto di avvio della navigazione
a livello del menù principale ma l’operazione di semplificazione dell’interfaccia-utente non è ancora terminata e
gli sviluppatori la stanno tuttora portando avanti: non è possibile escludere che, prima o poi, venga implementato
anche il tanto desiderato pulsante Naviga!

Chi trova che questa versione di OsmAnd (1.7.5) sia brutta e difficile da usare, probabilmente non ha mai
provato le precedenti, soprattutto quelle anteriori alla 1.0! :-)

Se si riscontra un problema, la cosa migliore da farsi sarebbe segnalarlo sul forum ufficiale. Però, giusto per
non passare per gli schizzinosi di turno, l’ideale sarebbe inviare segnalazioni circostanziate del tipo: “Facendo
quest’operazione succede che...”, ed eventualmente una breve descrizione di quello che dovrebbe essere il
comportamento atteso. Il tutto, possibilmente, in un inglese comprensibile. Non bisogna preoccuparsi che sia
perfetto, anche gli sviluppatori a volte infilano qualche errore nei loro post! L’importante è farsi capire.

Q: Però, forse mancherebbe un tasto che...

A: Eh sì... però non devo vederlo io (che magari avevo già notato la mancanza qualche release fa) ma gli
sviluppatori! Abbiate fede, comunque, ci arriveranno! Ad ogni rilascio è possibile vedere qualche effetto, non
sempre imbroccano subito una soluzione efficace ed in certi casi la stessa finestra viene modificata più volte
prima di giungere ad una versione definitiva.

Se gli altri navigatori hanno già quella funzione mentre invece OsmAnd non ce l’ha, diamo tempo al tempo...
e forse la avremo anche noi!

La cosa migliore da farsi? Riportare il problema al forum ufficiale ed eventualmente avanzare le proprie
proposte (purché siano sensate e fatte a ragion veduta)... (cfr. risposta precedente).

MODALITÀ SICURA

Q: A cosa serve l’opzione “Impostazioni globali” -> “Modalità sicura”? E quando è utile attivarla?

A: Serve solo se il dispositivo su cui è caricato OsmAnd ha problemi nel farlo girare: il programma userà le
librerie standard di Android, anziché quelle specificamente create per OsmAnd. Il risultato è un software
maggiormente compatibile col dispositivo ma più lento nell’esecuzione. Di fatto, nella stragrande maggioranza dei
dispositivi, quest’opzione può rimanere disabilitata.

Guida ad OsmAnd Pagina 34 di 35


UTILIZZO DEL GPS

Q: Sto facendo dei test con OsmAnd. Ho notato che all’avvio, a differenza di quanto accade con altri navigatori e
app per uso outdoor, non viene attivato automaticamente il GPS. È normale o c’è qualche impostazione da
modificare?

A: A differenza di altri navigatori che interagiscono col GPS (alcuni non partono nemmeno o addirittura vanno in
crash se il ricevitore satellitare non è attivo), OsmAnd può essere utilizzato come semplice Map viewer, per cui fa
la cosa che secondo me è la più intelligente: si avvia ed usa il GPS se questo è attivo; altrimenti sta al singolo
utente decidere se abilitare o no il ricevitore.

Se si vuole avviare in automatico il GPS assieme al navigatore, si possono scaricare da Google Play delle app
che permettono di lanciare un programma all’attivazione del GPS (per es. “GPS Launcher”), oppure ci si può
creare un widget personalizzato che faccia la stessa cosa (per esempio Elixir2 con le sue varie estensioni).

POSIZIONE DELLE CARTELLE DATI DI OsmAnd

Q: Quanto spazio occupa la mappa Italia di OsmAnd? Mi pare di aver letto da qualche parte sui 900 MB. Se così
fosse e non ci fosse la possibilità di metterla sulla SD esterna, sarebbe un problema visto che andrebbe ad
occupare quasi tutta la memoria interna!

A: Con OsmAnd, non ci sono problemi [eccetto che con Android Kit Kat N.d.R]. Si può decidere su quale cartella
salvare i dati scaricati (TUTTI). Infatti OsmAnd non ha “cartelle di sistema” in cui salva dati ad insaputa dell’utente.
È sufficiente andare nel menù “Impostazioni Generali” e modificare l’opzione “Cartella Deposito”. Bisogna però
ricordarsi di DIGITARE tutto il percorso perché, al momento, la funzione di scelta interattiva delle cartelle non è
ancora supportata.

In Android 2.3.x (GingerBread), il percorso della cartella esterna è:


/mnt/sdcard/external_sd

In Android 4.1.x e 4.2.x (Jelly Bean), il percorso è:


/storage/extSdCard

In Android 4.4 (Kit Kat), non è possibile selezionare un percorso a piacimento, occorre utilizzare quello di
default offerto dal sistema operativo (sulla SD esterna).

Ad oggi (maggio 2014) la mappa d’Italia per OsmAnd pesa circa 690 MB all’atto dello scaricamento. Quando
si decomprime l’archivio (si tratta infatti di un file .zip), occupa poco più di 1 GB.

ATTENZIONE: poiché prima si scarica il file .zip e poi lo si decomprime (in realtà lo fa OsmAnd - l’utente non
deve fare nulla a meno che non voglia divertirsi ad armeggiare a basso livello), bisogna accertarsi di avere a
disposizione, sulla SD che si utilizza, uno spazio pari alla somma dei due (per sicurezza circa un paio di GB).
Altrimenti si deve scaricare l’archivio sul PC e poi decomprimere la mappa direttamente sul telefono/tablet.
Qualora si abbia a disposizione una SD esterna da 8 GB non dovrebbero esserci problemi, è però raccomandabile
utilizzarne una da 16 o 32 GB.

USCITA DA OsmAnd

Q: Manca una FAQ per lo spegnimento (effettivo!!!) di OsmAnd mediante tocco sulla crocetta in alto a dx della
schermata principale. Altrimenti OsmAnd rimane acceso in background...

A: Eccola qui: Per chiudere DEFINITIVAMENTE OsmAnd, occorre toccare il piccolo pulsante a forma di “X” che si
trova in alto a destra nella schermata del menù principale. Comunque è scritto anche nella parte dedicata della
Guida... :-)

Guida ad OsmAnd Pagina 35 di 35