Sei sulla pagina 1di 844

* * L.

B A R A S S I
IL CONTRATTO DI LA-
VORO N E L DIRITTO
POSITIVO ITALIANO *
SECONDA EDIZIONE - VOL. I.

SOCIETÀ EDITRICE LIBRARIA


ROMA 4f MILANO * NAPOLI
PARTE PRIMA.

La struttura giuridica del contratto di lavoro

CAPO PRIMO.

DEFINIZIONE E TERMINOLOGIA.

SOMMARIO. — 1. L'art. 1570 Codice civile. — 2. La designazione sintetica di


« locazione delle opere ». — 3. Sull'opportunità di una designazione sintetica.
— 4. Il termine « contratto di salariato ». — 5. E quello di « contratto di
l a v o r o » . — 6. Obbiezione del Pianini. — 7. La designazione delle due parti
nel contratto di lavoro.

1. A r t . 1570. « L a locazione delle opere è u n c o n t r a t t o per cui u n a


«Ielle p a r t i si o b b l i g a a f a r e per l ' a l t r a u n a cosa m e d i a n t e la p a t t u i t a
m e r c e d e ». Q u e s t e poche parole d o v r e b b e r o essere la definizione di
u n r a p p o r t o così v a s t o e m u l t i f o r m e come è quello s c a t e n t e dal con-
t r a t t o di lavoro '). N a t u r a l m e n t e le critiche f u r o n o acerbe, e alcune
a n c h e i n g i u s t e . F u d e t t o a d esempio che in t u t t i i c o n t r a t t i sinal-
l a g m a t i c i esiste l'obbligazione di fare q u a l c h e cosa, q u a n d ' a n c h e si
t r a t t i di p r e s t a z i o n e ad dandum. Ma la c e n s u r a è i n f o n d a t a . Certo
c h e ogni r a p p o r t o o b b l i g a t o r i o costituisce u n a signoria sulla v o l o n t à
di u n a persona, un vincolo che g r a v i t a s u l l ' a t t i v i t à del d e b i t o r e , in
q u a n t o questi deve indirizzarla necessariamente a un dato scopo;
e s s o p r e s u p p o n e a p p u n t o u n a d e t e r m i n a t a a t t i v i t à del d e b i t o r e a v e n t e

') Veramente io non vorrei d a r e t r o p p a i m p o r t a n z a alla definizione del nostro


c o n t r a t t o . L a definizione è lina sintesi, e, a tutto r i g o r e , dovrebbe essere la
conclusione, non la premessa della t r a t t a z i o n e , se r a g i o n i di chiarezza (dattiche o
no) non lo sconsigliassero. Ad ogni modo la definizione è o p e r a più di scienza che
d i legislatore ( c f r . pel nostro contratto DESJARDINS, Quegtion sociale», pag. 338).
Il LAROMBIÈRE t r o v a che la mancanza di u n a definizione nel Codice e ragione-
vole data la g r a n d e v a r i e t à di f o r m e del c o n t r a t t o di lavoro. Ma veramente l ' a r -
ticolo 1710 C. N., cioè l ' a r t . 1570 n o s t r o , in fondo non potova dir di pih, forse
n e p p u r e di meglio. A p p u n t o d a t a la g r a n d e varietà di quelle f o r m e una definizione
c h e t u t t e le abbracci non può che soffermarsi a certi elementi ili tutto indispensabili,
c h e al c o n t r a t t o d a n n o la sua tipica e differenziale fisionomia, e allora che cosa,
q u e g l i articoli, a v r e b b e r o d o v u t o dir di più ? Su ciò a n c o r a a p p r e s s o .
L . BARASSI. — II contratto di lavoro, ecc. — 2." ed. — 1.
per fine la soddisfazione dell'obbligazione, e questa a t t i v i t à consta
di u n certo n u m e r o di azioni s u e ; così il debitore di u n a cosa deve
custodirla p r e n d e n d o le precauzioni o p p o r t u n e , deve anche misurare,
scegliere, p e s a r e secondo i casi, e finalmente f a r e la consegna. Ma
l'obbiettivo vero è qui la consegna p u r a e semplice e gli altri a t t i
che implicano un fa cere sono a t t i v e r a m e n t e accessori. Certo, non ba-
s t e r e b b e il dire che quegli a t t i non h a n n o i m p o r t a n z a a l c u n a presi a
sè, sono i n s o m m a semplici mezzi di esecuzione, mezzi per ottenere
u n o scopo ').
I n v e c e il fare di cui all'art. 1570 è quella faciendi necessitas che
costituisce il c o n t e n u t o tipico ed essenziale di quella tra le d u e ob-
bligazioni scendenti dal c o n t r a t t o che imprime a q u e s t ' u l t i m o la sua
fisionomia, e a cui a s u a volta possono inerire, a guisa di mezzo di
esecuzione, a t t i consistenti p u r a m e n t e nel dare, che escludono cioè
u n ' a t t i v i t à più o meno p r o l u n g a t a del debitore.
V e r a m e n t e in un certo senso non si p u ò dire n e p p u r e per il con-
t r a t t o di l a v o r o che il lavoro sia l'obbiettivo che le p a r t i , o meglio
quella t r a esse che lo riceve si propone.
I n f a t t i , è a n z i t u t t o certo che in quella forma di c o n t r a t t o di lavoro
in cui si prescinde dalla determinazione q u a n t i t a t i v a del lavoro, e si
c o n c e n t r a la prestazione in un r i s u l t a t o d e t e r m i n a t o di lavoro (loca-
zione d ' o p e r a o di lavoro autonomo), il lavoro non è che mezzo a
fine, non ha i m p o r t a n z a per sè stesso. E ciò è vero, a g u a r d a r bene,
a n c h e per il c o n t r a t t o di lavoro in cui u n a persona si a s s u m e la
p r e s t a z i o n e di energie di lavoro come locazione di opere, o di lavoro su-
bordinato. Qui si p r e s c i n d e in un certo senso f o n d a m e n t a l e dal ri-
s u l t a t o ; ma lo scopo a cui si vuol far servire il lavoro fa p u r sempre
c a p o l i n o : cioè a n c h e qui il lavoro non è scopo a sè stesso, ma pu-
r a m e n t e mezzo a fine.
Quello che i m p o r t a è che il c o n t r a t t o di lavoro si differenzia d a
t u t t i gli altri tipi di c o n t r a t t o a titolo oneroso a p p u n t o p e r c h è in
esso la p r e s t a z i o n e principale, quella cioè che in u n c o n t r a t t o di quel
g e n e r e dà l ' i m p r o n t a , la fisionomia tipica al negozio, è u n a presta-
zione in cui è p r e v a l e n t e il fare.

' ) BKCHMANN, Kauf, I I , p. 168. Sn q u e s t o a r g o m e n t o r i t o r n e r e m o a p r o p o s i t o


dei criteri differenziali tra c o n t r a t t o di l a v o r o e c o m p r a - v e n d i t a .
2
) A n c h e FABRLI.O, Della locazione, I I , p. 10-11, a d o t t a la t e r m i n o l o g i a del
Codice, c h i a m a n d o « l o c a z i o n e di opere » q u e l l o che noi i n t e n d i a m o « contratto di
l a v o r o » nella più a m p i a a c c e z i o n e del v o c a b o l o . L'ABKLI.O arriva a ciò p r o c e d e n d o
per e l i m i n a z i o n e , cioè d o p o a v e r e c r i t i c a t o o rifiutato ogni altro t e n t a t i v o di d e -
s i g n a z i o n e s i n t e t i c a : la sua critica t u t t a v i a , c o m e v e d r e m o , non ci pare e s a u r i e n t e .
Certo è, ripeto, c h e il t e r m i n e accolto n e l l ' a r t . 1570 si p r e s t a troppo f a c i l m e n t e
a l l ' e q u i v o c o , v o l e n d o s i s u s s u m e r e a n c h e la l o c a z i o n e di opera.
3
) Cfr. TROi'LONtì, Lonage, n . 63.
2. F e r m a n d o c i ora ad analizzare gli elementi principali di cui consta
la definizione dell'art. 1570 ci i m b a t t i a m o prima d'ogni cosa nella ter-
minologia u s a t a dal codice. P r i m a di accennare alle critiche che q u e s t a
terminologia h a suscitato, e ài vocaboli che si vorrebbero sostituire
a quelli usati dalla legge, è bene p r i m a di t u t t o conoscere la termi-
nologia legale.
II codice all'art. 1570 definisce q u e s t o c o n t r a t t o « locazione delle
opere ». La denominazione è i n e s a t t a , essendo e v i d e n t e che quell'arti-
colo concerne nella s u a p i ù a m p i a accezione il c o n t r a t t o che ha per
oggetto la prestazione di un lavoro p u r c h e s s i a : operile o opus. E
i n f a t t i « locazione di opere » è u n a denominazione che può i n g e n e r a r e
facilmente l'equivoco, riferendosi, nella terminologia della tecnica giu-
ridica, più specialmente al c o n t r a t t o con cui t a l u n o p r e s t a delle oprine
nel senso romanistico (lavoro subordinato). Q u e s t o c o n t r a t t o il codice
definisce nel n. 1 dell'art. 1027 come la locazione con cui le persone
obbligano la p r o p r i a opera a l l ' a l t r u i servizio: u s a n d o proprio qui la
parola opera per lo p i ù indicante il lavoro a u t o n o m o della locazione
d'opera. E viceversa è notevole che la n o s t r a legge u s a la p a r o l a
opere nel n. 3 dell'art. 1027 per i n d i c a r e l'opus r o m a n i s t i c o ; quindi
si d o v r e b b e dire opere t a n t o per l'una come per l ' a l t r a forma di con-
t r a t t o . Q u e s t a p r o m i s c u i t à terminologica non offre c e r t o u n criterio
d i s t i n t i v o g r a n che efficace.
La s t e s s a d e n o m i n a z i o n e c o m u n e a t u t t e le forme di lavoro retri-
b u i t o usa la legge nostra, p r e c i s a m e n t e nella prima p a r t e dell'arti-
colo 1027 : « locazione di opere e ili i n d u s t r i a ». Qui vi è di p i ù la
parola « i n d u s t r i a »; q u e s t ' e s p r e s s i o n e n o n p a r e d e b b a r e c a r e un con-
t r i b u t o n u o v o al t e r m i n e generico u s a t o dalla l e g g e ; s p e c i a l m e n t e non
si p u ò i n d u r r e dai lavori p r e p a r a t o r i del codice N a p o l e o n e che si vo-
lesse con e s s a a l l u d e r e alla locazione d'opera, o c o n t r a t t o di lavoro
non t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o : si riferisce al lavoro in g e n e r e del-
l'uomo, c o n s i d e r a t o come i n d u s t r i a dell'uomo.
P i u t t o s t o è certo che s t o r i c a m e n t e l ' e s p r e s s i o n e « locazione delle
opere » è s t a t a m o t i v a t a dal P o t h i e r , il q u a l e d i s t i n g u e la locazione
in d u e b r a n c h e , così come il codice N a p o l e o n e e il n o s t r o : locazione
delle cose, locazione delle opere. M a con « locazione delle opere »
non i n t e n d e v a già a l l u d e r e alla locazione di lavoro in genere, e nep-
p u r e , come p a r r e b b e e v i d e n t e a t u t t a prima, a quella c a t e g o r i a di
locazione di lavoro c h e è la locazione di opere, o c o n t r a t t o di lavoro
s u b o r d i n a t o . I n v e c e il P o t h i e r a l l u d e v a p r o p r i o alla locazione d ' o p e r a
(la r o m a n i s t i c a locatio operix) coll'espressione « lonage d'oeurres »,
a b b a n d o n a n d o la t e r m i n o l o g i a che a v e v a p e r sè il s u g g e l l o della
t r a d i z i o n e r o m a n i s t i c a . Il codice N a p o l e o n e a sua volta non s e g u ì il
P o t h i e r , e p e r a l l u d e r e al t i p o g e n e r a l i s s i m o del c o n t r a t t o di l a v o r o
usò il t e r m i n e « louage d'ouvrage » (art. 1710), o « louage d'ouvrage e
d'industrie» (art. 1779) 4 ), che comprende non solo la locazione d'opera,
ma a n c h e quella locazione d'opere che il Pothier, fedele alla tradizione
storica, e anche alla considerazione in cui ai tempi suoi era t e n u t o il
lavoro t e c n i c a m e n t e subordinato, relega nella t r a t t a z i o n e della loca-
zione di cose s ).
In altre leggi speciali sarebbe vano cercare un'espressione generale
come quella di cui ora ci occupiamo, salvo nella legge sulla tassa d i
registro, che a l l ' a r t . 41 segue la terminologia d e l l ' a r t . 1570 codice
civ. « locazione di opere » in un senso evidentemente generale. E
salvo forse l ' a r t . 77 cod. proc. civ. che d e t e r m i n a il modo di calco-
lare il valore della controversia nelle « locazioni », cioè anche nelle
locazioni di lavoro, nelle (piali possiamo far r i e n t r a r e anche la loca-
zione d'opere, b e n c h é p r o b a b i l m e n t e il legislatore avesse d a v a n t i a
sè nel redigere quell'articolo specialmente la locazione di opere. Il
cumulo (li mercedi rinnovantisi periodicamente non è i n f a t t i incompa-
tibile colla locazione di lavoro t e c n i c a m e n t e autonomo.
Ma le a l t r e leggi considerano il lavoro dal p u n t o di v i s t a dell'in-
t e r v e n t o t u t e l a r e , che, come è noto, è in massima limitato (e lo ve
(Iremo) al lavoro t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o (locazione di opere in senso-
stretto). Q u i n d i n o n vi si r i t r o v a a l c u n a espressione sintetica che equi-
valga alla « locazione di opere » di cui a l l ' a r t . 1570.
3. D o b b i a m o p r e m e t t e r e che qui non ci occuperemo della termino-
logia d a a s s e g n a r e a c i a s c u n a delle d u e g r a n d i b r a n c h e in cui a n o s t r o
a v v i s o ancor oggi è distinto il c o n t r a t t o (li l a v o r o : la locazione che
r o m a n i s t i c a m e n t e si suol indicare delle opere, e la locazione dell'opera.
Di essa discorreremo a suo luogo, q u a n d o illustreremo quella distin-
zione. E si c a p i s c e : la terminologia riflette la n a t u r a del r a p p o r t o ;
è n a t u r a l e , q u i n d i , che il discorrerne a proposito di quella classifica-
zione p r e s u p p o n g a la conoscenza dei criteri differenziali che sono a
b a s e di quella distinzione: u n o degli a r g o m e n t i fondamentali e più
discussi nella m a t e r i a del c o n t r a t t o di lavoro.
Q u a n t o alla scelta del vocabolo con cui e s p r i m e r e il tipo di negozio
(nella sua più a m p i a generalità) che è il c o n t r a t t o d a cui scendono

') La Commissione elaboratrice del progetto francese di legge sul contratto di


lavoro osservò a ragione che ourrage e industrie non avevano un proprio significato
ben preciso che li differenziasse. Potevano quindi considerarsi come espressione
pleonastica. Perciò ne propose l'abolizione (cfr. PKKKK.AU, Contr. de trarail, p. 15).
Del resto osservo che mentre il Cod. ital. nell'art. 1570 generalizza l'espressione
« locazione delle opere » (limitata, a rigore, al lavoro tecnicamente subordinato),
invece l'art. 1710 Cod. Nap. (corrispondente al nostro 1570) generalizza l'espres-
sione opposta « louage d'ourrage », che indica — nell'uso ormai comune della dot-
trina e della giurisprudenza francese: cfr. infatti PKRRKAU, op. e 1. cit. — solo
il lavoro tecnicamente autonomo (imprenditore). Due opposte espressioni erronee,
o, almeno, non esatte, per la medesima ragione.
5
) Trattato del contratto di locazione, n. 10, 165.
un'obbligazione di f a r e e una obbligazione c o r r i s p e t t i v a di p a g a r e il
compenso, ci si può opporre u n a difficoltà p r e l i m i n a r e : cioè l'opportu-
n i t à . d i u n a designazione così sintetica. Di quest'obbiezione si è f a t t o
eco il L a u r e n t , il (piale, col suo non i n f r e q u e n t e superficiale sempli-
cismo e materiale ossequio alla lettera del codice, esce a dire che gli
interpreti avrebbero fatto molto bene a seguire l'esempio del codice
e v i t a n d o la questione di u n a espressione generale p e r t u t t e le v a r i e
forme di quello che noi chiamiamo c o n t r a t t o di lavoro. I n f a t t i , dice,
essendoci v a r i e t à di forme, il codice le chiama coi nomi che si d a n n o
loro nella vita r e a l e ; così domestici e operai, v e t t u r i n i , i m p r e n d i t o r i
di v e t t u r e pubbliche, a r c h i t e t t i , imprenditori.
In piena armonia con q u e s t e idee era la t e n d e n z a della vecchia
d o t t r i n a a u n a completa separazione c o n c e t t u a l e t r a le due g r a n d i
b r a n c h e del c o n t r a t t o di lavoro (la locazione di opere e quella d'opera),
e a t r a t t a r l e quindi s e p a r a t a m e n t e '). Oggi va p r e v a l e n d o u n indirizzo
differente, al quale il L o t m a r ha d a t o il suffragio della s u a a u t o r i t à .
Si r i t i e n e che t u t t e le molteplici forme di lavoro r e t r i b u i t o , d o v u t o
a c o n t r a t t o , a b b i a n o elementi comuni, che p e r m e t t a n o la s u s s u n z i o n e
di essi sotto il medesimo tipo f o n d a m e n t a l e di c o n t r a t t o . N i e n t e di più
n a t u r a l e , perciò, che si cerchi a n c h e un t e r m i n e a t t o a d e s i g n a r e
q u e s t o unico e v a s t i s s i m o tipo c o n t r a t t u a l e . N o n è che u n a miopia
scientifica che possa ormai f a r c r e d e r e che le d u e g r a n d i b r a n c h e del
c o n t r a t t o di lavoro a p p a r t e n g a n o a due divèrsi tipi f o n d a m e n t a l i . E
del resto l'esempio di q u e s t a modificazione c o n c e t t u a l e ce la dà
p r o p r i o il n o s t r o codice.
V e d i a m o p i u t t o s t o a l c u n e tra le espressioni u s a t e per indicare in
g e n e r e il c o n t r a t t o di cui qui ci occupiamo.
4. U n a d e n o m i n a z i o n e molto u s a t a è quella di « c o n t r a t t o di sa-
lariato » o a n c h e « c o n t r a t t o di salario ».
In via g e n e r a l e dal p u n t o di vista della tecnica giuridica v a osser-
v a t o che se nel t e r m i n e da a d o t t a r s i si d e v e t e n e r conto dell'elemento
t i p i c a m e n t e differenziale del r a p p o r t o g i u r i d i c o 2 ) , non è, ili regola,
e s a t t o l ' a s s u m e r e come e l e m e n t o s i f f a t t o il prezzo del lavoro : p e r c h è
la c a r a t t e r i s t i c a di q u e s t o t i p o di negozio non è già d a t a dal p r e z z o
o compenso che noi t r o v i a m o , sia p u r e s o t t o a l t r a f o r m a , in altri tipi

') Questa tendenza è stata accolta recentemente dall'AiìKi.i.o. nel suo trattato
della locazione (nei due volumi ultimi, ognuno dei quali è dedicato a ognuna delle
due branche fondamentali del contratto di lavoro).
2
) In questo senso ha quindi ragione il GKOL'SSIER in PKRRKAU, LI contrat de
travati, p. 63, quando osserva che il miglior modo per definire un contratto è di
stabilirne le differenze dagli altri contratti, piti che di compilare una formula di
definizione. Naturalmente il G n o u s s m u qui esagera di molto. Del resto la difficoltà
di un'esatta formula di definizione è forse maggiore che quella di trovare una esatta
denominazione.
eli negozio '); ma dalla prestazione rispetto a cui va determinato il
prezzo o compenso. Nel caso nostro d u n q u e dalla prestazione di la-
voro, come nella locazione di cose dal godimento della cosa, come nella
compra-vendita dalla trasmissione della p r o p r i e t à della cosa.
Che, però, la d o t t r i n a — e specialmente gli economisti — facciano
largo uso di q u e s t a terminologia che h a per fulcro il prezzo del la-
voro, si spiega benissimo con ciò, che il problema più grave, nella
duplice posizione economico-giuridica c r e a t a dal c o n t r a t t o di lavoro,
è dato dalla retribuzione del lavoro. La t e n d e n z a a preoccuparsi spe-
cialmente della posizione economica della p a r t e che di solito è la
più debole, cioè del lavoratore, h a condotto ad a t t e g g i a r e la termi-
nologia u n i l a t e r a l m e n t e , imperniandola sul lavoro dal p u n t o di v i s t a
dell'operaio, non d e l l ' i n d u s t r i a l e ; cioè del lavoro come fonte di reddito
(salario), non come mezzo per l ' a t t u a z i o n e degli scopi (es. produzione)
che il creditore cui è d o v u t o si propone di r a g g i u n g e r e .
Si t r a t t a d u n q u e di un p u n t o di v i s t a non r i g o r o s a m e n t e giuridico,
e, a p p u n t o , di una terminologia che non a p p a r t i e n e alla tecnica giu-
ridica. E un p u n t o di vista che giustifica — e q u e s t o è p u r e impor-
t a n t e — la l i m i t a t a sfera d ' a p p l i c a z i o n e di q u e s t o vocabolo.
I n f a t t i , m e n t r e vi è q u a l c h e s c r i t t o r e che n o n esclude la più l a r g a
accezione possibile a quel vocabolo di salario s ) (questa è la ragione
per cui noi ne discorriamo a q u e s t o luogo), i p i ù l i m i t a n o il salario,
e per c o n s e g u e n z a il s a l a r i a t o a quel tipo di c o n t r a t t o di lavoro che
p r e s u p p o n e la s u b o r d i n a z i o n e tecnica del debitore del lavoro al cre-
d i t o r e : a quella, i n s o m m a , c h e r o m a n i s t i c a m e n t e chiameremo locazione
di opere: il s a l a r i a t o c o m p r e n d e r e b b e qui il lavoro sia materiale che
p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l e : così ad es. lo Schmoller 3) vi comprende
a n c h e gli alti f u n z i o n a r i . P e r lo più però il salariato si suole restrin-
gere a quel tipo di locazione d ' o p e r e in cui la prestazione ili lavoro
è p r e v a l e n t e m e n t e m a n u a l e ; in cui quindi chi p r e s t a il lavoro non ha
o r d i n a r i a m e n t e a l t r a risorsa che le proprie braccia, e perciò nella di-
scussione delle condizioni del c o n t r a t t o di lavoro (in ispecie, anzi
ormai quasi e s c l u s i v a m e n t e se i n d i v i d u a l e ) si t r o v a ad essere la p a r t e
più debole e facile p r e d a ili chi d o m a n d a il lavoro *).

') In questo senso anche JAXNACCONK, in Arch. giurili., 53.°, p. 154.


!
) Così il CONTENTO, La teoria del salario, p. 10, che cita gli a v v o c a t i , gli im-
prenditori e gli operai. Cfr. pure il MODICA, Contratto di lavoro, p. 133.
3
) Principi», IV, p. 14. Cosi anche il BOCCAHIJO, il LKUOY-BKAUI.IKU, Principe»,
I V , p. 14. Così pure il LF.VASSKI U, Salariai et talairet, 1909, p. 1 s e g .
*) Alcuni, a q u a n t o pare, limitano ulteriormente questo concetto al lavoro in-
d u s t r i a l e ; senza ragione, perchè i connotati indicati nel testo si verificano anche
per il lavoro agricolo. Così il BRY (Court eleni, de légitl. indiulr., 1908, p. 64):
salariato è chi lavora per conto di un imprenditore; e c i t a le manifatture, le mi-
niere, le ferrovie. Da questa definizione parrebbe anche compreso il lavoro auto-
Questo ceto sociale del salariato, anclie cosi ristretto, sembra antico
q u a n t o il m o n d o : accanto al regime di lavoro coatto (schiavitù, ser-
vitù) vi fu sempre, più o meno, offerta di lavoro libero, benché l'im-
portanza di q u e s t a offerta fosse enormemente diminuita dal p r e v a l e r e
del lavoro coatto. Secondo q u a l c h e economista invece sarebbe un con-
cetto a b b a s t a n z a moderno 4) : se il salariato p r e s u p p o n e la m a n c a n z a
di a l t r e risorse, è d a ritenere, si dice, che sia n a t o nel p u n t o in cui
la t e r r a cessò di essere libera, e q u i n d i il lavoratore n o n ebbe più
la scelta t r a d a r e il lavoro a d altri o s f r u t t a r e per sè la t e r r a libera.
A v r e m m o d u n q u e a c c a n t o al presili)posto giuridico della subordina-
zione tecnica anche l ' a l t r o della assenza di a l t r e risorse economiche s ).
C o m u n q u e , per ora (dal p u n t o di v i s t a di u n a analisi p u r a m e n t e
giuridica) b a s t e r à osservare come nell'uso c o m u n e — a n c h e a presin-
dere dall'osservazione che sopra a b b i a m o f a t t o per q u a n t o r i g u a r d a
la tecnica g i u r i d i c a — la denominazione « c o n t r a t t o di salario », o
« di s a l a r i a t o » sia l i m i t a t a a u n s o t t o g r u p p o del tipo del c o n t r a t t o
di lavoro t e c n i c a m e n t e subordinato. P e r c i ò non se n e p u ò t e n e r conto
se si cerca u n t e r m i n e che sintetizzi nella sua più a m p i a g e n e r a l i t à
la fonte c o n t r a t t u a l e del lavoro r e t r i b u i t o 3 ). E inoltre la s u a p o r t a t a
p r e v a l e n t e m e n t e economica ne f a n n o u n t e r m i n e poco i n d i c a t o in una
e s a t t a terminologia giuridica che, ripetiamo, deve a s s u m e r e a elementi
c o s t i t u t i v i quegli elementi che d i a n o al r a p p o r t o u n a s t r u t t u r a tipi-

uomo, fatto per conto di un imprenditore; ciò che non ini pare nel concetto del
BRY, benché in Francia oggi si propenda (e lo vedremo a suo luogo) ad accomu-
nare il trattamento agli operai subordinati e ai piccoli lavoratori autonomi (con-
duttori d'opera: artigianato). Poi questa definizione comprende nella sua latitu-
dine tanto il direttore generale che il manovale. E anche questo non mi pare il
concetto del BRY. La limitazione indicata nel testo è comunemente accolta in Italia,
dove è ad es. v i v a , se non nettamente determinata, la distinzione tra salariati e
impiegati ; dove promuovere una categoria di lavoratori da quella a questa classe
significa un miglioramento e un elevamento. Su questa distinzione ci soffermeremo
più avanti.
4
) LORIA, Il movimento operaio, p. 14-15.
!
) Per cui non sarebbe salariato, con questo concetto, il rapporto di lavoro tra
l'industriale e certi operai, di cui scrive il BRENTANO (Zur Kritik, ecc., p. 131-132)
che essi (specialmente minatori) comperano un campo ove costruiscono una capanna.
Se le condizioni di lavoro non sono buone, ritirano l'oflerta del loro lavoro, e si
ritirano a lavorare il canipicello.
3
) Tanto meno indicate sono le parole « proletariato, proletario ». A tacer d'altro
(cioè della portata non giuridica di esse) ricordo come le più recenti inchieste ab-
biano provato come l'operaio tedesco non appartiene a un'unica categoria sociale.
La sua personalità (HKRKNKR, in Schriften d. Vereins f . Socialpolitik, 1912 [138.°],
p. 136) appartiene a un numero più grande di gruppi sociali eterogenei. In senso
contrario però SINZHEIMER, eod., p. 1 8 3 : non si è rotta l'unità sociale dolla classe
operaia.
c a m e n t e differenziale dal punto di vista del diritto '). Ora : il f a t t o
elie ehi offre il lavoro sia nella s f o r t u n a t a condizione di non a v e r e
a l t r a a l t e r n a t i v a e di essere quindi, come dice il Loria, « a b b a n d o n a t o
all'arbitrio dell'individuo o della classe che lo impiega » 2) è doloroso
e lia a n c b e ripercussioni giuridiche sotto f o r m a di a t t e g g i a m e n t o pe-
culiare nella formazione del c o n t r a t t o , di speciale determinazione del
suo c o n t e n u t o giuridico, e s o p r a t u t t o di i n t e r v e n t o di u n a legislazione
di tutela ; ma è un f a t t o p r e v a l e n t e m e n t e economico che non costituisce,
dal ]>unto di v i s t a del d i r i t t o se non dell'economia sociale, una dif-
f e r e n z a f o n d a m e n t a l e tipica di f r o n t e ad a l t r e forme del c o n t r a t t o di
lavoro t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o (locazione di opere).
5. Noi a b b i a m o prescelto e conserviamo per d e s i g n a r e nella sua
più ampia l a t i t u d i n e la f o n t e c o n t r a t t u a l e di quello che è, nella nor-
malità del c o n t r a t t o di lavoro, il sinallagma d a t o dall'obbligo di f a r e
e dal c o r r i s p e t t i v o obbligo di u n compenso, l'espressione « c o n t r a t t o
di lavoro » 3 ).
Non ignoriamo che con ciò ci stacchiamo d a u n a forte c o r r e n t e
d o t t r i n a l e che suole v a r i a m e n t e limitare quell'espressione.
T a l o r a lo si limita al lavoro s u b o r d i n a t o , cioè alla cosidetta « lo-
cazione di opere », escludendone la locazione d'opera. La ragione, c h e
non si e n u n c i a mai con chiarezza ma che si intuisce, s a r e b b e che solo
nella p r i m a a b b i a m o u n c o n t r a t t o per effetto del quale u n a persona
d à il proprio lavoro, m e t t e il proprio lavoro così com'è, a disposizione
di u n ' a l t r a p e r s o n a ; m e n t r e nella seconda n o n si p r o m e t t e che il ri-
s u l t a t o p u r a m e n t e del l a v o r o ; q u e s t o r i m a n e u n fenomeno p u r a m e n t e
i n t e r n o di chi lo a t t u a ; concerne solo lui. Q u e s t a t e n d e n z a si rispec-
chia talora a n c h e nella g i u r i s p r u d e n z a dei nostri probiviri.

') Nel Cod. civ. portoghese il « lavoro salariato » si distingue dal « servizio dome-
stico» perchè il primo è remunerato giorno per giorno; il secondo a settimanao a mese.
l
) Op. cit., p. 15. Quello che diciamo pel i contratto di salariato » vale anche
per il « contratto di mano d'opera » escogitato dal GIRACLT, in Revue d'economie po-
litique, 1913, p. 170. Questi ha cercato di ritornare in onore e dare v e s t e scientifica
1 quel vocabolo, riferentesi al lavoro prevalentemente materiale, per il quale è più
possibile quel processo di astrazione del lavoro dal lavoratore che più avanti esa-
mineremo per combatterlo.
3
) Anche il BRY, op. cit., p. 65, difende contro il PLANIOL questa terminologia,
come la più usata in dottrina e in giurisprudenza. Cfr. pure MASSÈ, Légitlalion
du travati ci lois ouvrière», 1904, p. 47, CAPITANT, Cours de légitl. indurir., p. 131, s g . ,
che sono favorevoli al concetto nostro.
*) Così ad es. il COGNKTTI DK MARTIIS, in BiUiot. dell'economista, V, 2, p. L I V ,
distinguo imprenditori e operai, collocando quello (lavoratore prevalentemente in-
tellettuale) nell'ambito del capitale, mezzo precipuo cui l'imprenditore si serve per
i fini della produzione sino a identificarsi con esso di fronte agli operai. Con ciò
il chiaro economista disconosce il lato concetto del « lavoro ». Da ciò segue che il
contratto di lavoro, per il COGNKTTI, è quello di lavoro prevalentemente materiale.
Cfr. pure GKRMAIN, cit., p. 50.
Ora, qui bisogna necessariamente che rinvìi a q u a n t o esporremo a
proposito <li q u e s t a f o n d a m e n t a l e distinzione t r a locazione di lavoro
subordinato autonomo, e locazione di opere e di opera. P e r o r a mi basti
asserire come in t u t t e e (lue le forme sussista, benché in vario at-
teggiamento, u n a prestazione f o n d a m e n t a l e di lavoro : perciò non v i
è una ragione per escludere quella denominazione per la locazione
d'opera.
Il p r o g e t t o di legge spagnolo sul c o n t r a t t o di lavoro, all'art. 1, de-
finisce il c o n t r a t t o di lavoro come quel c o n t r a t t o che « h a per o g g e t t o
la prestazione r e t r i b u i t a di servizi », escludendone i c o n t r a t t i di
lavoro « e f f e t t u a t i fuori dello stabilimenbo d a l l ' i m p r e s a e fuori dalla
ingerenza d e l l ' i m p r e n d i t o r e ». Ora, q u e s t a non è e v i d e n t e m e n t e che
u n a definizione che mira a d e t e r m i n a r e la p o r t a t a del p r o g e t t o di
legge e che lascia p e r f e t t a m e n t e i n t a t t a la questione p u r a m e n t e scien-
tifica, e non da l e g i s l a t o r e : che si i n t e n d a p e r « c o n t r a t t o di l a v o r o » .
Del resto quel p r o g e t t o esclude dal c o n t r a t t o di lavoro che esso in-
t e n d e r e g o l a r e il c o n t r a t t o di lavoro t e c n i c a m e n t e a u t o n o m o : ma im-
p l i c i t a m e n t e riconosce che il concetto del c o n t r a t t o di lavoro è più
ampio. Nello stesso ordine di idee è p u r e l ' a r t . 1 del p r o g e t t o italiano
di legge sul c o n t r a t t o di lavoro del 26 n o v e m b r e 1902. « I l c o n t r a t t o
di lavoro oggetto della p r e s e n t e legge è quello col q u a l e u n operaio
o a l t r o l a v o r a t o r e manuale... ».
D u n q u e la f o r m u l a di q u e s t o p r o g e t t o di legge (e anche della legge
b e l g a sul c o n t r a t t o di lavoro, a r t . 1) n o n è u n a r g o m e n t o contro di noi.
Essi però r i v e l a n o come si t e n d a p e r lo più a l i m i t a r e il c o n t r a t t o di l a v o r o
al lavoro s u b o r d i n a t o p r e v a l e n t e m e n t e m a t e r i a l e '). E q u e s t a è in r e a l t à
l'opinione più comune, secondo la quale il c o n t r a t t o di lavoro coinci-
d e r e b b e col salariato, a l m e n o nell'accezione p i ù d i f f u s a di q u e s t o con-
cetto. Q u e s t o è e v i d e n t e a d esempio per p a r t e del J a n n a c c o n e ! ), c h e
limita a l m e n o per certi effetti 3) il « c o n t r a t t o di lavoro » al l a v o r o
quasi e s c l u s i v a m e n t e m a n u a l e p r o v v i s t o da persone per cui il lavoro
è l ' u n i c o reddito, e perciò non sono in g r a d o di d i b a t t e r e p r e v e n t i -
v a m e n t e le condizioni del c o n t r a t t o . A n c h e coloro che l i m i t a n o il
c o n t r a t t o di lavoro al l a v o r o i n d u s t r i a l e *) in r e a l t à a r r i v a n o al me-

') Es. Probiviri sez. alim., Brescia, 12 sett. 1915 (Boll. U f f . Lai-oro, 1912,
p. 633) : non è contratto di lavoro quello pel quale un cuoco porta con sè le proprie
batterie da lavoro e con lui contratta la preparazione delle v i v a n d e per conto
proprio, direttamente, intascando il prezzo dagli avventori. Su questo caso però
ancora appr. cap. V, $ 5. Anche il CARNF.LL'TTI in Riv. dir. comi»., 1910, I, 527,
riferisce il « contratto di lavoro » in senso stretto alla locazione di opere.
*) In Archivio giuridico, cit., p. 156 e 112.
3
) E allora parrebbe che, s a l v o questo effetto, il JANNACCONE ammetta la larga
portata dell'espressione da noi accolta.
4
) Tra questi I'ABKLLO, Trattato, cit., II, p. 6.
desimo r i s a l t a t o di limitare il lavoro al lavoro manuale. M a l'ulteriore
limitazione al lavoro m a n u a l e « industriale » è, poi, acche meno
giustificata 4).
Il vero è che t u t t e q u e s t e limitazioni h a n n o u n a ragion d'essere
solo dal p u n t o di v i s t a esclusivo e r i s t r e t t o da cui si collocano certe
leggi che f a n n o p a r t e della cosidetta legislazione sociale che si pro-
pone la t u t e l a del lavoro; e quindi del lavoro p r e v a l e n t e m e n t e mate-
riale, cioè del salariato. I n questo senso a d es. la n o s t r a espressione
è u s a t a n e l l ' a r t . 8 della l e g g e 15 giugno 1893 2) sui probiviri.
M a il p u n t o di v i s t a della legislazione sociale n o n coincide neces-
s a r i a m e n t e con quello di u n ' a m p i a e sintetica ricostruzione giuridica
del r a p p o r t o complesso di p r e s t a z i o n e di lavoro, q u a l u n q u e essa sia,
contro mercede 3 ). Non vi è u n a ragione p e r limitare questo concetto
al lavoro m a n u a l e 4) o a quello industriale. L a chiarezza terminologica,
che non è mai t r o p p a , vuole che si discerna a c c u r a t a m e n t e il campo,
c h e è più ristretto, di ima legge che si propone solo la cura di certi
particolari interessi, proprii di u n gruppo, notevole m a non certo esau-
r i e n t e di c o n t r a t t i di lavoro, dal campo ampio e sintetico del r a p p o r t o
o r a a c c e n n a t o . D a questo ampio p u n t o di vista certo è « lavoro » quello
dell'avvocato, d e l l ' a r t i s t a , del prefetto, così come quello del m a n o v a l e
ferroviario, o del facchino. E allora p e r c h è rifiutare quell'espressione
a n c h e per d e n o t a r e la f o n t e c o n t r a t t u a l e da cui scende il r a p p o r t o
che vincola l ' a t t i v i t à dell'avvocato, d e l l ' a r t i s t a e m a g a r i t e c n i c a m e n t e
(lo v e d r e m o a suo tempo) del p r e f e t t o ! 5 ). A ragione il Lotrnar os-

') In q u e s t o senso è accolta l ' e s p r e s s i o n e dal REDENTI, . Massimario della giuri-


sprudenza dei probiviri, 1906, p . 167, che r i t i e n e infelice ad ogni m o d o dal p u n t o
di v i s t a della n o m e n c l a t u r a t e c n i c o - g i u r i d i c a l ' e s p r e s s i o n e « c o n t r a t t o d i l a v o r o >.
Del r e s t o q u e s t a l i m i t a z i o n e al l a v o r o i n d u s t r i a l e v a p e r d e n d o oggi t e r r e n o n e l l ' u s o
c o m u n e : oggi si d i s c o r r e a m p i a m e n t e d i c o n t r a t t o di l a v o r o a r t i s t i c o , m a r i t t i m o ,
a g r i c o l o e v i a d i c e n d o . È u n s i n t o m o d e l r i e s p a n d e r s i della p o r t a t a d i q u e l l ' e s p r e s -
sione.
2
) E lo stesso è a d i r e p e r la m e d e s i m a espressione (Jvleitsvertrag) nelle leggi
s p e c i a l i t e d e s c h e . LOTMAR, cit., I , 54. P e r ò con q u a l c h e m a g g i o r l a t i t u d i n e , com-
p r e n d e n d o a n c h e il l a v o r o degli i m p i e g a t i i n d u s t r i a l i , che p u ò essere p r e v a l e n t e -
m e n t e i n t e l l e t t u a l e : a d o g n i modo n o n m a n u a l e .
3
) E s a t t a m e n t e p e r c i ò , come s ' è v i s t o l ' a r t . 1 del p r o g . di legge ital. sul c o n t r a t t o
d i l a v o r o del 1902 p r e m e t t e a l l a definizione del c o n t r a t t o d i l a v o r o le p a r o l e : « il
c o n t r a t t o di l a v o r o oggetto della presente legge è quello col q u a l e ». I n f a t t i il con-
t r a t t o di l a v o r o in g e n e r a l e è a s s a i più a m p i o di quello che r i s u l t a d a q u e s t a de-
finizione, r i s t r e t t o al l a v o r o s u b o r d i n a t o e m a n u a l e .
4
) Come f a spesso la g i u r i s p r u d e n z a . Così Cass. N a p o l i 25 a p r i l e 1903, Legge, 1903,
1490, s e c o n d o cui « b i s o g u a d i s t i n g u e r e la locazione di opere, r i v e s t i t a di t u t t a l a
s o l e n n i t à p r o p r i a delle f o r m e n o t a r i l i , ed i c o n t r a t t i di l a v o r o r i s p e t t o a o p e r a i
giornalieri o a mese ».
5
) Cosicché d a t a la t e n d e n z a g i à a c c e n n a t a allu. e s p a n s i o n e dei t e r m i n i « c o n t r a t t o
d i l a v o r o , l a v o r a t o r i » p e r la d e s i g n a z i o n e , d i c i a m o così, ufficiale d i c e r t i m e s t i e r i
LA LIMITATA CONCESSIONE DEL « CONTRATTO DI L A V O R O » 11

serva 4) che q u e s t a limitazione del « c o n t r a t t o di lavoro » al lavoro non


autonomo, e cioè alla locazione di opere, è a n c h e peggiore delle a l t r e che
si i m p e r n i a n o su certe posizioni sociali od economiche, p e r c h è alcuni
casi, che secondo questo criterio economico sono casi di c o n t r a t t o di
lavoro, con quella limitazione non lo sarebbero, essendo d u b b i o se si
t r a t t i di locazione di opere o di opera (lavoro subordinato o autonomo) 2 ).
Del resto q u e s t a delimitazione a p p a r e logicamente d i s s o n a n t e a n c h e
col concetto che, latente, le s t a a b a s e : il concetto di u n a limitazione
al lavoro materiale o s u b o r d i n a t o meritevole di speciale t u t e l a sociale
e legislativa. I n f a t t i in F r a n c i a (e n o n là solamente) si v a diffondendo
— v e r a m e n t e con non t r o p p a f o r t u n a legislativa, fino ad oggi ! — il
concetto c h e occorre e q u i p a r a r e nel t r a t t a m e n t o giuridico al lavoro
s u b o r d i n a t o (locazione di opere) a n c h e certe forme economicamente
elementari di lavoro autonomo (locazione d'opera, appalto) e g u a l m e n t e
meritevoli di t u t e l a . Ciò spiega p e r c h è nel p r o g e t t o di legge sul con-
t r a t t o di lavoro, f a t i c o s a m e n t e elaborato in F r a n c i a a t t r a v e r s o a u n a
notevole, m a non sufficiente p r e p a r a z i o n e teorica, si sia distinto il
« contrat de travedi » dal « contrai d'industrie », r a g g r u p p a n d o nel
primo t u t t e le forme di lavoro n e l l ' i n t e r e s s e di u n a o p i ù d e t e r m i n a t e
persone (creditori del lavoro), e c o m p r e n d e n d o v i accanto alla locazione
di opere (normalmente in r a p p o r t o stabile col medesimo industriale)
a n c h e certe locazioni di opera (appalti) con cui il l a v o r a t o r e offre
l ' o p e r a p r o p r i a s i m u l t a n e a m e n t e a p i ù di u n a p e r s o n a (committenti).
L ' i d e a g e n e r a t r i c e era di e s t e n d e r e a n c h e al lavoro a domicilio (ritenuto
a r a g i o n e u n caso di lavoro autonomo) le p r o v v i d e n z e l e g i s l a t i v e pre-
s u p p o n e n t i il c o n t r a t t o di lavoro nel senso c o m u n e m e n t e accolto di
lavoro s u b o r d i n a t o (locazione d'opere). L a c o n s e g u e n z a di ciò s a r e b b e
s t a t a a n c h e u n a a t t e n u a z i o n e non i r r i l e v a n t e dei rischi che secondo
l ' a r t . 1785 e s e g u e n t i , cod. civ. f r a n c e s e (1635 e seg., cod. civ. italiano)
incombono al d e b i t o r e di l a v o r o a u t o n o m o (locazione d'opera), q u a l e
è r e a l m e n t e secondo l ' o p i n i o n e p i ù a t t e n d i b i l e il l a v o r a n t e a domicilio.
Come si v e d e q u e l l a l i m i t a t a concezione del « c o n t r a t t o di lavoro »
h a p e r effetto u n a s t r a n a c o n f u s i o n e di concetti, u n a s u s s u n z i o n e nella
m e d e s i m a categoria di forme f o n d a m e n t a l m e n t e d i s p a r a t e e a n t i t e t i c h e
di c o n t r a t t o di lavoro, c o l l ' i n c o n v e n i e n t e di a p p l i c a r e a l l ' u n a di esse

m a n u a l i ( l a v o r a t o r i della m e n s a , a d es., è l ' e s p r e s s i o n e t e c n i c a c o l l e t t i v a dei c u o c h i


e d e i c a m e r i e r i ) c h i s s à c h e n o n si a r r i v i a c h i a m a r e « l a v o r a t o r i del p e n n e l l o » sia
gli i m b i a n c a t o r i come i p i t t o r i di v a g l i a ? G i u r i d i c a m e n t e s a r e b b e e s a t t o , b e n c h é
s o c i a l m e n t e p o t r e b b e r o n a s c e r e e q u i v o c i p o r t a n d o a u n ' e c c e s s i v a p a r i f i c a z i o n e dei
due rami !
' ) O p . c i t . , I, 56.
2
) Il LOTMAR c i t a il l a v o r o a domicilio, r i s p e t t o al q u a l e q u i n d i s a r e b b e i n c e r t a
la q u a l i t à di « c o n t r a t t o di l a v o r o » : c o n c l u s i o n e che n o n mi p e r s u a d e . Sul l a v o r o
a d o m i c i l i o si v e g g a a p p r e s s o .
regole in opposizione colla sua n a t u r a giuridica '). Questo prova clie
p e r fare u n a legge non b a s t a possedere u n a più o meno v a g a aspi-
razione di miglioramenti economici per d e t e r m i n a t e classi alle quali
si vuol p r o v v e d e r e ; m a bisogna a n c h e conoscere meno superficial-
m e n t e la s t r u t t u r a giuridica, quale esce dalle leggi vigenti, dei rap-
p o r t i che si i n t e n d e disciplinare. I n conclusione non mi p a r e proprio
c h e l'estensione accordata a q u e s t a p a r o l a « lavoro » debba essere con-
d a n n a t a . U r t e i 'a forse contro quella v a g a impressione che in noi è
c r e a t a d a l l ' a b i t u d i n e . È forse perciò che il codice civile svizzero ri-
ferisce il « c o n t r a t t o di lavoro » al lavoro p r e v a l e n t e m e n t e materiale
(art. 319 e seg.): b e n c h é in realtà coll'art. 361 finisca coll'estenderne
le norme a n c h e al lavoro p r e v a l e n t e m e n t e intellettuale. Ma non è q u e s t a
u n a ragione per rifiutare u n ' e s p r e s s i o n e che generalizzi u n a delle p i ù
nobili manifestazioni d e l l ' u m a n i t à i n t e l l i g e n t e : il l a v o r o ; e che, inoltre,
r i s p o n d a a un e s a t t i s s i m o concetto giuridico, p e r c h è s'impernia sull'e-
l e m e n t o f o n d a m e n t a l e del tipo negoziale. Dice benissimo i l L o t m a r 2 ) :
« T e r m i n i giuridici che servono per concetti g e n e r a l i non occorre coin-
cidano col l'uso linguistico comune, che si ispira a d i r e t t i v e diverse da
quelle del linguaggio g i u r i d i c o » . Certo n e s s u n r a g a z z o chiamando il
p a d r e fa uso, come si capisce, della espressione titolare della p a t r i a po-
t e s t à , come non è da lui chiamato soggetto alla p a t r i a p o t e s t à , così come
n e s s u n a cuoca h a c h i a m a t o il suo p a d r o n e : c o n d u t t o r e di o p e r e 3 ) .
Sull'adozione di q u e s t a espressione sintetica « c o n t r a t t o di lavoro » 4 ),
già a f f e r m a t a sin dalla p r i m a edizione, posso citare il consenso del
Lotinar, il q u a l e p u r e a r r i v a a d accogliere quel termine colla stessa
p o r t a t a generale. E faccio miei a n c h e taluni dei c o r o l l a r i 5 ) che il Lot-

') C f r . a u d i o PERREAU, Contrat de travati, p . 20. Vedi SALEILLES in Bulletin


de la Société dee études législat., 1906, p . 439 seg.
2
) Op. cit., I, p. 62. '
3
) Il Codice civile o l a n d e s e , r i c a l c a t o sul Cod. N a p . , t r a le modificazioni in-
t r o d o t t e in m a t e r i a d i c o n t r a t t o di l a v o r o , a l l ' a r t . 1637 lia p u r e la definizione
d e l « c o n t r a t t o di l a v o r o » l i m i t a t a alla locazione di s e r v i z i , esclusa q u i n d i la lo-
cazione d ' o p e r a ; anzi l i m i t a t a a l l a locazione di l a v o r o s u b o r d i n a t o i n d u s t r i a l e
(operaio).
4
) Alla q u a l e p o r t a t a s i n t e t i c a a l l u d e , se non e r r o , l ' a r t . 17, legge sulle r i s a i e
16 g i u g n o 1907, n . 3 2 7 : « I l c o n t r a t t o di l a v o r o r e l a t i v o alla coltivazione del
r i s o . . . ». C f r . a r t . 19, 22, 23. L a legge sui p r o b i v i r i (15 g i u g n o 1893, n. 295), come
s ' è visto, usa p u r o q u e l l ' e s p r e s s i o n e (art. 8) r i f e r e n d o l a al l a v o r o p r e v a l e n t e m e n t e
m a t e r i a l e : il REDENTI, Massimario della giurisprudenza dei probiviri, p . 67, definisce
p e r c i ò q u e s t o c o n t r a t t o d i l a v o r o come quello che h a p e r o g g e t t o lavoro f e b b r i l e .
Non capisco p e r ò p e r c h è q u e s t a legge n o n d e s i g n i con q u e l l ' e s p r e s s i o n e « u n a de-
t e r m i n a t a figura o t i p o d i c o n t r a t t o n o m i n a t o . . . ». 11 t i p o è d e r m i n a t o e n o m i n a t o :
solo h a in r e a l t à u n a p o r t a t a di a p p l i c a z i o n e piti v a s t a d i q u e l l a a cui è l i m i t a t a
la legge sui probiviri.
5
) LOTMAR, op. e I. cit.
mar ne ricava. Così ad es. è verissimo clie quell'espressione, come
tale da r i p r o d u r r e solo u n a posizione c o n t r a t t u a l e nei suoi elementi
t i p i c i - e comuni, non rispecchia per conseguenza la classe economica
cui la persona debitrice del lavoro a p p a r t i e n e ; il che è specialmente
vero per le a l t r e espressioni che da quella derivano, e che designano
le d u e p a r t i contraenti *). I n s o m m a siamo di f r o n t e a u n a terminologia
p u r a m e n t e giuridica, l i m i t a t a al c o n t r a t t o e alla situazione giuridica
c r e a t a da esso 2).
A q u e s t a espressione generale h a n n o f a t t o p u r e adesione, specie
nella più r e c e n t e d o t t r i n a f r a n c e s e , altri, come ad es. il G r o u s s i e r 3),
c h e nel c o n t r a t t o di lavoro comprendono q u a l u n q u e f o r m a di a t t i v i t à
di lavoro compensato, a n c h e autonomo, a n c h e p r e v a l e n t e m e n t e intel-
l e t t u a l e : e ciò collo scopo di p o t e r con ciò sempre p i ù a l l o n t a n a r e il
c o n t r a t t o di lavoro dal tipo « locazione » che si i n t e n d e l i m i t a t o alle
cose. Il p u n t o di p a r t e n z a s a r e b b e l ' i n c o m p a t i b i l i t à di q u e s t o tipo
« loca.zione di cose » col lavoro intellettuale, e la o p p o r t u n i t à di elimi-
n a r e il t e r m i n e generale « locazione » (di opere, di opera) v e n u t o c i
dal diritto romano, s o s t i t u e n d o g l i u n altro vocabolo e g u a l m e n t e ge-
nerale. È un problema, q u e s t o delle a t t i n e n z e del « c o n t r a t t o di la-
voro » col tipo « locazione », che ci p r e o c c u p e r à p i ù a v a n t i .
N a t u r a l m e n t e l'adozione di u n t e r m i n e unico è 1111 sintomo dal q u a l e
r i s u l t a che noi r i u n i a m o t u t t e le v a r i e m a n i f e s t a z i o n i del lavoro re-
t r i b u i t o s o t t o un unico, g r a n d e tipo di negozio. E a q u e s t o concetto
ci siamo i n s p i r a t i nel sistema della t r a t t a z i o n e , n o n d i s t i n g u e n d o , come
altri h a fatto, la locazione di opere d a quella di o p e r a : ciò c h e , n a t u r a l -
mente, n o n ci i m p e d i r à dal s e g n a r e di v o l t a in v o l t a le differenze t r a i
vari sotto-tipi 4). D a t e le e v i d e n t i affinità s t r u t t u r a l i in t u t t e le f o r m e
di lavoro r e t r i b u i t o , p a r r à d u n q u e logico che si abbia a d accogliere

') C r e d i t o r e del l a v o r o non è s i n o n i m o di c a p i t a l i s t a , come d e b i t o r e del l a v o r o


eli p r o l e t a r i o . L ' o p e r a i o p u ò essere c r e d i t o r e d e l l a v o r o v e r s o il suo calzolaio, come
a s u a v o l t a u n i m p r e n d i t o r e di s t r a d e f e r r a t e o d i u n a n a v i g a z i o n e l a c u a l e è de-
b i t o r e del l a v o r o v e r s o l ' u m i l e a r t i g i a n o che a l l a s t a z i o n e a c q u i s t a il b i g l i e t t o .
2
) A n c h e lo STOHBE-LKHMANN, Handbuch ci. deutschen Privalreehts, I V , § 248,
h a accolto il « c o n t r a t t o di l a v o r o » n e l l a s u a m a s s i m a l a t i t u d i n e ( o p e r a i , a r t i s t i ,
p r o f e s s i o n i s t i , f e r r o v i e , ecc.).
3
) In PERRKAXJ, Contrat de travati, p . 70.
4
) Anche il MASSIS, cit., p. 50, a m m e t t e u n a concezione v a s t a e u n i t a r i a del
c o n t r a t t o di l a v o r o , e p e r c i ò ne a m m e t t e la g e n e r a l i t à di e s p r e s s i o n e . Ma v e r a m e n t e
egli vi a r r i v a p e r u n e r r o r e q u a n t o alla d i s t i n z i o n e t r a locazione d i o p e r e e d i
o p e r a (lavoro s u b o r d i n a t o 0 a u t o n o m o ) , che c o n f o n d e c o i l ' a l t r a d i s t i n z i o n e t r a l a v o r o
a t e m p o o a c o t t i m o . C o m e si c a p i s c e (e lo v e d r e m o a suo luogo), d a t o ciò, il
MASSÈ h a a n c h e p i ù f a c i l m e n t e p o t u t o c o n c l u d e r e come h a f a t t o ! — 11 Codice
c i v i l e s v i z z e r o obbl. i n v e c e l i m i t a il « c o n t r a t t o d i l a v o r o » al l a v o r o s u b o r d i n a t o ;
l a « locazione d ' o p e r a » è c h i a m a t a 1 c o n t r a t t o d ' a p p a l t o » ( a r t . 363).
u n ' u n i c a denominazione. E dico di p i ù : ciò è anche opportuno. P e r c h è
in t a l modo si consacra a n c h e meglio quello che è u n concetto t u t t o
m o d e r n o : l ' e g u a l e a d a t t a b i l i t à dello stesso tipo di negozio a t u t t e
le varie forme di lavoro, q u a l u n q u e esse siano: e specialmente sia a
quello p r e v a l e n t e m e n t e materiale, come a quello p r e v a l e n t e m e n t e in-
tellettuale. Come lia osservato benissimo a n c h e il Oawès ') t u t t e le
v a r i e specie di prestazioni di lavoro sono g i u r i d i c a m e n t e assimilabili,
e q u i n d i è o p p o r t u n a l ' u n i c i t à terminologica quale solo il « c o n t r a t t o
di lavoro » p u ò dare.
Si b a d i però fin d'ora a n o n equivocare. U n i c i t à di negozio sì;
o p p o r t u n i t à , perciò, anzi esclusiva possibilità di esprimerla d a t a solo
da quelle parole s ì : m a le v a r i e forme di lavoro imprimono poi diffe-
renze t a l o r a notevoli nella disciplina giuridica del rapporto, che n o n
p u ò non r i s e n t i r e delle e v i d e n t i differenze economiche sociali.
6. D a l P l a n i o l 2) è v e n u t a u n a critica, che a t u t t a prima s e m b r a
a v e r e q u a l c h e f o n d a m e n t o , contro l'adozione del t e r m i n e « c o n t r a t t o
di lavoro ». Il P l a n i o l o s s e r v a che q u e s t a denominazione m a n c a di
precisione. P e r c h è se si c h i a m a « c o n t r a t t o di lavoro » questo, si do-
v r e b b e p o t e r chiamare « c o n t r a t t o di godimento la locazione di cose,
e « c o n t r a t t o di p r o p r i e t à » la compra-vendita. È u n a denominazione
che n o n a v r e b b e senso, come n o n a v r e b b e senso il c h i a m a r e « con-
t r a t t o di casa » la locazione di u n a casa.
L ' o s s e r v a z i o n e è a c u t a , m a lo è forse troppo. N e s s u n o d u b i t a che
d e n o m i n a z i o n i come « c o n t r a t t o di casa », o « di cosa » siano t r o p p o
i n d e t e r m i n a t e , p o t e n d o s i d a r e u n a q u a n t i t à di r a p p o r t i giuridici di-
versissimi sia su case come, più in genere, su cose. E d a q u e s t o p u n t o
di v i s t a n e p p u r e la denominazione d a noi a c c o l t a « c o n t r a t t o di la-
voro » è s c e v r a di censure. I n f a t t i il lavoro p u ò essere p r e s t a t o , oltre
che a titolo oneroso, a n c h e a titolo g r a t u i t o 3 ). E di q u e s t ' u l t i m o noi
n o n ci occupiamo affatto, m e n t r e quell'espressione a t u t t a p r i m a po-
t r e b b e invece r a c c h i u d e r e a n c h e q u e s t ' u l t i m a ipotesi. P e r d i s t i n g u e r e
i d u e casi, in modo d a f a r r i s a l t a r e la n e c e s s i t à di u n a mercede, sa-
r e b b e o p p o r t u n i s s i m a la adozione del vocabolo che ci è v e n u t o dalla
sapienza romana: locazione4).

') Nel Bulletin de la Société des Études législ., 1906.


2
) Traité élémentaire du droit civil, I I , p . 566.
3
) Non credo i n v e c e di d o v e r r i l e v a r e l ' a l t r a possibile c e n s u r a del GROÓSSIER
(in PEKREAU, Contr. de Irav., p. 75) e a cui del r e s t o lo stesso GROUSSIER n o n am-
m e t t e m o l t a i m p o r t a n z a , secondo cui si p u ò d a r e a n c h e l a v o r o per sè, non per a l t r i .
B a s t a r i l e v a r e che l ' e s i s t e n z a d i u n c o n t r a t t o u n i t a m e n t e al f a t t o che il l a v o r o è
e l e m e n t o fisionomico d e l r a p p o r t o , d i m o s t r a n o l ' e s i s t e n z a di r a p p o r t i t r a a l m e n o
d u e p e r s o n e , in cui il l a v o r o è q u i n d i promesso p e r u t i l i t à di a l t r i .
4
) L a d e n o m i n a z i o n e « c o n t r a t t o d i locazione del l a v o r o » è r i t e n u t a l a più cor-
r e t t a t r a t u t t e d a l MASSÉ, cit.., 1. cit. Il q u a l e a g g i u n g e che t u t t a v i a p r e f e r i s c e
Noi però, premesso che non è questo il luogo per discorrere dei
nessi t r a il « c o n t r a t t o di lavoro » e il tipo di negozio « locazione »,
dobbiamo a n z i t u t t o rilevare che il tipo di negozio, differente da quello
di -cui ci occupiamo, e che h a per oggetto il lavoro p r e s t a t o a titolo
g r a t u i t o h a già, secondo q u a n t o cercheremo di d i m o s t r a r e più a v a n t i ,
u n a denominazione sua p r o p r i a : « m a n d a t o » (come tipo di c o n t r a t t o
civile con cui h a n u l l a di comune, da q u e s t o p u n t o di vista, il « man-
dato commerciale » di cui agli art. 310 e seg. Cod. comm.). P e r c i ò
r e s t a inteso che « c o n t r a t t o di lavoro » è p r e c i s a m e n t e quello che h a
per effetto giuridico tipico, come s'è visto, la p r e s t a z i o n e di lavoro
contro m e r c e d e come corrispettivo. D ' a l t r o n d e l'uso comune ormai
u n i v e r s a l e s o t t i n t e n d e con molta chiarezza q u e s t a limitazione, quindi
da q u e s t o p u n t o di v i s t a non s a r e b b e molto pratico l ' i n s i s t e r e nella
c e n s u r a ').
E l i m i n a t a q u e s t a difficoltà, m i p a r e che le obbiezioni alla n o s t r a
denominazione non a b b i a n o più r a g i o n e di essere. L ' e l e m e n t o fisio-
nomico di q u e s t o tipo di negozio è il « godimento del lavoro a l t r u i »
Q u e s t o elemento che deve r i s a l t a r e nella t e r m i n o l o g i a è ad ogni m o d o
b e n e chiarito a n c h e con « locazione di lavoro » (preferita dal Planiol),
che, b e n c h é t e r m i n e poco u s a t o , è però espressione esattissima, come
v e d r e m o , e noi n e f a r e m o p u r e uso. A d ogni modo, u n a v o l t a rico-
n o s c i u t a la diffusione g r a n d e dell'espressione da noi prescelta, è am-
messo che l ' u n i c o tipo di c o n t r a t t o i n cui il lavoro per altri sia il
fulcro e sia esclusa la g r a t u i t a è a p p u n t o il c o n t r a t t o di lavoro, c h e
n o n è se n o n locazione di lavoro, n o n vi è n u l l a di m a l e a d a c c e t t a r e
questo termine.
Il P e r r e a u , a rincalzo, o s s e r v a che q u e s t a espressione « c o n t r a t t o di
lavoro » 3) r i c h i a m a meglio l ' a t t e n z i o n e sul c a r a t t e r e volontario, bila-

a d o t t a r e l ' e s p r e s s i o n e « c o n t r a t t o di l a v o r o x- p e r c h è la p i ù b r e v e , e ciò a r i s c h i o
d i m e r i t a r e le c e n s u r e dei g i u r i s t i di d i r i t t o a s t r a t t o « h a b i t u é s à l ' a n a l y s e q u i
c o u p é les fils en q u a t r e , s a n s r e n d r e l e u r science p l u s v i v a n t e », p . 47, n o t a 2.
M a , p e r le r a g i o n i di cui nel t e s t o , m i p a r e c h e a q u e l l ' e s p r e s s i o n e n e p p u r e u n
g i u r i s t a a v v e z z o alle s o t t i g l i e z z e p o s s a f a r e il viso a r c i g n o . L ' e s p r e s s i o n e « l o c a -
z i o n e di l a v o r o » è a c c o l t a n e l l ' a r t . 1711 C o d . N a p . , m a p r o b a b i l m e n t e p e r d e s i g n a r e
solo l o c a z i o n e d i o p e r e . MASSÉ, c i t . , p. 48.
Cfr. su ciò ABELLO, op. e 1. cit.
2
) C o n c e t t o v e r o , c o m e v e d r e m o , a n c h e q u a n d o il g o d i m e n t o si r i f e r i s c a p i ù
d i r e t t a m e n t e al « r i s u l t a t o del l a v o r o a l t r u i » ( l a v o r o a u t o n o m o , n e l l a l o c a z i o n e di
o p e r a ) . P e r c i ò n o n c o n d i v i d o l ' o p i n i o n e del GROUSSIER, in PERREAU, Contrat de
travati, p . 75, che, r i t e n e n d o q u i a s s i m i l a t o il « l a v o r o » a l l a « cosa » ( p r o d o t t a d a l
l a v o r o ) , d à r a g i o n e a l l a c e n s u r a d e l PLANIOL. « C o n t r a t t o di l a v o r o » è d u n q u e p e r -
f e t t a m e n t e e s t e n s i b i l e a n c h e a l l a l o c a z i o n e di o p e r a ( l a v o r o a u t o n o m o ) .
3
) I n f a t t i è v e r o c h e la d e n o m i n a z i o n e « c o n t r a t t o d i l a v o r o » è s t a t a u s a t a p e r
i p r i m i d a g l i e c o n o m i s t i , che, n a t u r a l m e n t e , si s o n o a p r e f e r e n z a p r e o c c u p a t i d e l l a
p o s i z i o n e e c o n o m i c a d e l l a v o r a t o r e . M a q u e s t a non è u n a r a g i o n e p e r cui il PLANIOL
terale e c o n t r a t t u a l e clie sempre p i ù debbono p r e s e n t a r e i r a p p o r t i t r a
creditore e debitore del lavoro: ciò che v e r a m e n t e non comprendo
t r o p p o bene, È forse la n o t a fobia per la parola « locazione » 1 Ve-
dremo che è u n a fobia a s s u r d a ; perchè aver p a u r a delle parole q u a n d o
la s o s t a n z a è s a l v a ? E così, q u a n d o il P e r r e a u 1 ) aggiunge che «con-
t r a t t o di lavoro » implica l'idea di eguaglianza giuridica t r a le p a r t i ,
g i à disconosciuta dal legislatore del 1804, io rispondo che il collo-
carsi colle d u e espressioni di « locazione del lavoro » e di « c o n t r a t t o di
lavoro » dal p u n t o di v i s t a del lavoratore, anziché di colui a cui il
lavoro è p r e s t a t o , può essere opportuno per la singolare i m p o r t a n z a
che nel « godimento di lavoro a l t r u i » assume, a differenza del « go-
d i m e n t o di cosa altrui » (locazione di cosa) la posizione economico-
giuridica, la posizione sociale, insomma, di chi deve il lavoro in con-
f r o n t o a quella di chi p u r a m e n t e deve p e r m e t t e r e ad altri il godimento
della cosa propria. Ma n o n è affatto vero che l'appoggiarci, nella t e r
minologia, a p r e f e r e n z a sulla posizione giuridica del debitore del la-
voro c o n c o r r i a c h i a r i r e l ' e g u a g l i a n z a giuridica delle p a r t i . Q u e s t a
s u s s i s t e già per la r e a l t à della sostanza nel r a p p o r t o giuridico scen-
d e n t e dal « c o n t r a t t o di lavoro ». P o t r e b b e esser vero anzi il con-
t r a r i o : chè l'appoggiarci alla « p r e s t a z i o n e di lavoro », caso mai, pone
in luce la condizione, spesso di subordinazione, di chi è s o g g e t t o a
d o v e r indirizzare le proprie energie di lavoro per l'utilità di altre
persone.
7. L a l i n g u a i t a l i a n a non lui u n ' e s p r e s s i o n e sintetica per indicare
con a s s o l u t a chiarezza le d u e p a r t i nel c o n t r a t t o di lavoro, così come
dal d i r i t t o romano ci è v e n u t o il « v e n d i t o r e », e noi oggi indichiamo
« c o m p r a t o r e » l ' a l t r o c o n t r a e n t e in quel r a p p o r t o giuridico r i m a s t o sin
d a l l ' a n t i c o s o s t a n z i a l m e n t e i m m u t a t o che è la c o m p r a v e n d i t a . Il con-
t r a t t o di lavoro in d i r i t t o r o m a n o a d o t t ò u n a diversa terminologia
secondo i due g r a n d i g r u p p i di c o n t r a t t o di lavoro (autonomo o su-
b o r d i n a t o ; opus od operae): e cioè c h i a m a n d o c o n d u t t o r e il debitore di
lavoro a u t o n o m o (conductor od redemptor operis), e locatore il debitore
di lavoro t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o (locator operarum). Di q u e s t a ter-
minologia discorreremo a suo t e m p o , a proposito di q u e s t a fondamen-
t a l e classificazione del c o n t r a t t o di lavoro.
È però notevole come il n o s t r o codice eviti a c c u r a t a m e n t e l'impiego
di questi vecchi t e r m i n i che la t r a d i z i o n e r o m a n i s t i c a ci h a t r a m a n -
d a t o , e s o p r a t u t t o n o n a b b i a t e n t a t o sulla base di quei vocaboli la
unificazione terminologica, q u a l e ad es. h a proposto l'Abello 2 ), che usa

d e b b a i m p e n n a r s i c o n t r o q u e l l a d e n o m i n a z i o n e , che si d i f e n d e , r i p e t i a m o , anche
d a l p u n t o di v i s t a della t e c n i c a g i u r i d i c a .
') Contrat de travati, p. 21.
2
) O p . cit., I I , p. 13-1-1.
in g e n e r e « l o c a t o r e » per indicare chi dà le proprie energie di lavoro,
e « c o n d u t t o r e » clii riceve il lavoro e p a g a il corrispettivo. Nelle
a l t r e leggi è v a n o cercare u n vocabolo così g e n e r a l e ; chè, come sap-
piamo, n e s s u n a di esse considera il c o n t r a t t o di lavoro in genere. Contro
l ' i m p i e g o della terminologia u s a t a d a l l ' A b e l l o v e r a m e n t e si oppone
la i m p o n e n t e tradizione r o m a n i s t i c a che dà alle parole locatore e con-
d u t t o r e u n a ]>ortata diversa secondo che si t r a t t a di locazione d ' o p e r a
o ili o p e r e ; è u n a tradizione che oggi non t r o v a un'eco nella, n o s t r a
coscienza giuridica, m e n t r e u n t e m p o a v e v a p u r e la s u a ragion d'es-
sere. Ma però è verissimo che n o n si p u ò rifiutare quella termi-
nologia u n i c a m e n t e per il richiamo alla « l o c a z i o n e » ; anzi d a q u e l
p u n t o di v i s t a non ci s a r e b b e n u l l a di male a generalizzare, coli'Abello,
la parola locatore per i n d i c a r e chi offre l'utilizzazione di u n a f o n t e s u a
di energie (cosa o lavoro). Cfr. però art. 20, 23, 24, ecc. legge c i t a t a
sulle risaie.
Nella d o t t r i n a si u s a t a l o r a la p a r o l a « l a v o r a t o r e », per i n d i c a r e
in genere chi si è a s s u n t o u n a p r e s t a z i o n e di lavoro l ). È u n ' e s p r e s s i o n e
comoda, e noi n e f a r e m o u s o bene spesso: m a b i s o g n a a m m e t t e r e che
è u n a e s p r e s s i o n e che si p r e s t a all'equivoco; designa in g e n e r e chi
lavora, a n c h e p e r proprio conto e n o n p e r altri, e cioè pel proprio
consumo, o p p u r e per v e n d e r e i p r o d o t t i [in q u e s t i casi m a n c a il con-
t r a t t o di lavoro]: ad essi a l l u d e l ' a r t . 13 pr. del t e s t o unico sulla
C a s s a N a z i o n a l e di p r e v i d e n z a , 30 m a g g i o 1907. I n o l t r e con q u e s t a
e s p r e s s i o n e si sogliono per lo p i ù indicare, nell'uso comune, i d e b i t o r i
dì lavoro n o n t e c n i c a m e n t e a u t o n o m o 2 ), cioè s u b o r d i n a t i (locazione
di opere), e p i ù p r e c i s a m e n t e quelli r i s p e t t o ai quali (i salariati) si
a t t u a l ' i n t e r v e n t o t u t e l a r e e i n t e g r a t o r e dello S t a t o 3 ), e il cui l a v o r o
è p r e v a l e n t e m e n t e materiale.

') Così il ROSCHER, Grandi, d. Nationaloelcon: I (1886), p. 410, n o t a 7 : l a v o -


r a t o r e è a n c h e il m i n i s t r o , o s s e r v a il ROSCHER. E i n v e r o non c ' è n u l l a di m a l e n è
di u m i l i a n t e n e l l ' e s t e n s i o n e di q u e s t o vocabolo, che i p i ù (es. lo SMITH) r i f e r i s c o n o
p e r a n t o n o m a s i a al l a v o r a t o r e p r o l e t a r i o , che cioè non h a se n o n il p r o p r i o l a v o r o .
2
) Il CARNKLUTTI, in Rivista di dir. comm., 1910, I I , p . 23, p r o p u g n a i t e r m i n i
i imprenditore » e z lavoratore » alludendo precisamente a questa grande categoria
d e l c o n t r a t t o di l a v o r o (locazione d i o p e r e ) . L a p a r o l a l a v o r a t o r e è a c c o l t a n e l
C o d . f e d e r . o b b l i g a z i o n i , a r t . 319, s e g . ; n e l l a l e g g e sulle r i s a i e (16 g i u g n o 1907),
a r t . 11, seg.
3
) C f r . ROSIN, D. Bechi d. Arieiterversicherung, I, p . 145. Già a b b i a m o v i s t o
s o p r a c h e q u e s t a e s p r e s s i o n e — n e i l i m i t i s e g n a t i nel t e s t o — t e n d e a s e m p r e p i ù
g e n e r a l i z z a r s i , q u a s i a n o b i l i t a r e con u n a e s p r e s s i o n e p i ù a s t r a t t a il m e s t i e r e m a -
n u a l e . Si c a p i s c e che se si volessero v a r c a r e q u e i l i m i t i si p o t r e b b e g e n e r a l i z z a r e
l ' e s p r e s s i o n e c h i a m a n d o a d es. gli a v v o c a t i i « l a v o r a t o r i d e l f o r o ». Il t r i b u n a l e
d e l l ' I m p e r o g e r m a n i c o (Enlacheid. in Civile., 17.°, p . 91) h a n e g a t o s t r a n a m e n t e ai
t r a m a g n i n i , a t t o r i , p r o f e s s o r i d ' o r c h e s t r a ecc. la d e n o m i n a z i o n e di « l a v o r a t o r i d e l
t e a t r o » . Del r e s t o l ' i m p i e g o di q u e s t a e s p r e s s i o n e « l a v o r a t o r i » con l ' a g g i u n t a

L. BARASSI. — Il contralto di lavoro, ecc. — 2 . a ed. — 2.


A l t r e espressioni h a suggerito la d o t t r i n a economica inglese: im-
p i e g a n t e e impiegato (employer, employed). Questi vocaboli sono s t a t i
ora ufficialmente a s s u n t i nei più recenti p r o g e t t i di legge francesi (em-
ployeur, employé) sul c o n t r a t t o di lavoro (es. quello schizzato dalla
Société des études législatives nel 1906, e quello p r e s e n t a t o dal G o v e r n o
f r a n c e s e il 2 luglio 1900). S a r e b b e r o certo t r a le migliori (cfr. art. 11
legge cit. sulle risaie) se non si p r e s t a s s e r o (nella comunemente ac-
colta terminologia italiana) a nn equivoco q u a n t o all' « impiegato » 4).
E poi allude forse t r o p p o al lavoro subordinato (locazione di opere) 2)
e a quello continuo. P e g g i o ancora la p a r o l a « operai », che f u accolta
in u n a n o n felice t r a d u z i o n e di u n ' e s p r e s s i o n e del Macleod, che la
riferisce a q u a l u n q u e lavoratore, dal m i n i s t r o al facchino.
Nella d o t t r i n a t e d e s c a è s t a t a a d o t t a t a ormai concordemente l a
espressione « d a t o r e del lavoro » per d e s i g n a r e colui a cui profitto
e dietro cui incarico l ' a l t r a p a r t e a d e m p i e alla prestazione di l a v o r o ;
q u e s t ' u l t i m o è c h i a m a t o « p r e n d i t o r e del lavoro » 3 ). A q u e s t a termi-
nologia si è certo i n s p i r a t o t r a noi ad es. il O a r n e l u t t i 4 ) , che chiama
d e b i t o r e del lavoro in g e n e r e il datore, creditore del lavoro il prendi-
tore (lavoratore).
D a p a r t e mia non ho c r e d u t o di dovere a d o t t a r e q u e s t a termino-
logia, che, a mio avviso, si p r e s t a troppo all'equivoco 3). A t u t t a p r i m a

d e l l a qualifica specificatrice si d i f f o n d e specie come f o r m u l a s i n t e t i c a c h e a b b r a c c i a


p a r e c c h i m e s t i e r i o f o r m e di a t t i v i t à v a r i e , m a t u t t e r i a n n o d a n t i s i i n t o r n o a u n
p e r n o c o m u n e , c o n v e r g e n t i a u n a m e t a c o m u n e , e nei casi d i coalizione di q u e s t e
f o r m e v a r i e in S i n d a c a t o .
') È a p p u n t o p e r e l i m i n a r e ogni e q u i v o c o che il GROUSSIER (in PERREAU e t
GROUSSIER, Le contrai de travati, 1908, p . 122) p r o p o n e v a di sostituire a quelle
p a r o l e ( n e l l ' a r t . 1 del p r o g e t t o g o v e r n a t i v o ) , le a l t r e « le p a r t i c o n t r a e n t i ». Il
PEREEAU, ivi, r i p e t e c h e ogni c o n f u s i o n e è esclusa. L a p a r o l a ouvriers certo è t r o p p o
r i s t r e t t a . — I m p i e g a n t e e i m p i e g a t o è u s a t o d a l CARNELUTTI in Biv. dir. comm.,
1909, 1. 288. C f r . p u r e ROSSEL, Manuel de droit civ. Suisse (1912), I I I , p . 363.
2
) Il CARNELUTTI, op. e 1. cit., r i t i e n e q u e s t i t e r m i n i l i n g u i s t i c a m e n t e m e d i o c r i
e g i u r i d i c a m e n t e i n s u f f i c i e n t i . A n c h e p i ù lo sono i t e r m i n i <t a l l o g a t o r e , a l l o g a t o »
p r o p o s t i d a JANNACCONE: il CARNELUTTI li c h i a m a « insipidi ». Q u a n t o a l l ' e s p r e s -
sioue employear, employé di cui nel t e s t o o s s e r v o che i p r o g e t t i di l e g g e f r a n -
cesi c u i mi r i f e r i s c o r e g o l a n o e s c l u s i v a m e n t e il c o n t r a t t o di l a v o r o s u b o r d i n a t o ,
che a p p u n t o con q u e l t e r m i n e si a l l u d e , in s o s t a n z a , al vincolo d u r a t u r o , t i a u n
d e b i t o r e e un d a t o (e n o n a l t r i ) c r e d i t o r e del l a v o r o , con r a p p o r t o d i s u b o r d i n a z i o n e .
3
) Così LOTMAR, Arbeitsvertrag, I, p . 6 0 ; d a t o r e di l a v o r o è c h i p r o m e t t e l e
m e r c e d e , p r e n d i t o r e è chi la p r e n d e .
A
) In Rivista di dir. comm., 1910, II, 435 s e g . L o stesso s c r i t t o r e p e r ò , eod.,
p . 23, a v e v a t a c c i a t o (e a r a g i o n e ) di « p e s a n t e » q u e s t a t e r m i n o l o g i a t e d e s c a ,
come p u r e q u e l l a r o m a n i s t i c a .
5
) Già ENGEL, n e l l a p r e f a z i o n e a MARX, Rapita!, I, p. X X , t r o v ò a s s u r d a q u e s t a
t e r m i n o l o g i a , che c h i a m a u n a « c o r r u z i o n e l i n g u i s t i c a » (Kanderwalsch). Quando
a n c h e si v o g l i a p r e n d e r e « l a v o r o » come « occasione d i l a v o r o », dice, gli econo-
m i s t i f r a n c e s i (della cui l i m p i d e z z a di e s p r e s s i o n e I'ENGELS, a r a g i o u e , è a m m i -
r a t o r e ) n o n a v r e b b e mai c h i a m a t o « d a t o r e d i l a v o r o » il c a p i t a l i s t a .
pare abbastanza naturale che datore del lavoro sia chi lo dà, chi lo
p r e s t a ; prenditore colui a cui il lavoro è prestato, che quindi, in un
certo senso, lo prende. Il L o t m a r avverte, a giustificazione di quella
dizione, che in quelle espressioni la parola « lavoro » è a s s u n t a nel
significato « o c c a s i o n e di l a v o r o » . O r a : questo potrà ammettersi dal
punto di vista di qualche problema dell'economia sociale; quando di-
scorrendo della disoccupazione si p a r l a di operai « senza lavoro »,
si p o t r à anche ritenere che lavoro qui vale occasione di lavoro: benché
la cosa non sia sicurissima, e si possa dare al lavoro anche qui un
significato differente. Ma u n a terminologia deve a d a t t a r s i sopratutto
al concetto che vuole e s p r i m e r e : ora si t r a t t a qui di indicare le parti
nel contratto di lavoro. Nella situazione economico-giuridica creata dal
contratto di lavoro l'elemento f o n d a m e n t a l e è a p p u n t o la prestazione
di energie, l'attuazione concreta della potenza di lavoro, a cui u n a
p a r t e è costretta, e a cui l'altra h a diritto '). L'occasione di lavoro
avrà determinato la conclusione del c o n t r a t t o ; nella posizione giuri-
dica c o n t r a t t u a l e lavoro è l'attuazione della prestazione.
Questo a me p a r e indubbio. E allora non r i m a n e che la terminolo-
gia da me proposta già nella prima edizione: di creditore del lavoro
per indicare chi h a diritto di p r e t e n d e r e dall'altro contraente la pre-
stazione del lavoro; debitore del lavoro chi ha l'obbligo di a t t u a r l a 2).
Del resto il L o t m a r finisce coll'ammettere di dovere insistere nella
terminologia s u a c c e n n a t a non essendovi alcuna altra designazione
generica.

1
) Perciò n e l l ' u s o comune del vocabolo (ho io bisogno di r i c h i a m a r e ad es. la
espressione « datori di opera » così f r e q u e n t e nei giornali e nei comizi f) chi dà il
lavoro è il l a v o r a t o r e .
2
) Il CARNELUTTI, op. e 1. cit., elimina s e n z ' a l t r o la terminologia da me p r o p o s t a
senza n e p p u r d i s c u t e r l a , e ciò q u a n t u n q u e egli stesso t a l o r a n e usi (Rivista dir.
comm., 1910, II, 436). Del resto non r e g g e l'obbiezione che le si può f a r e a t u t t a
p r i m a , e cioè che non è chiaro quale dei due c o n t r a e n t i sia il creditore del lavoro.
CIÒ è vero, se si p a r t e dal concetto di u n d i r i t t o del l a v o r a t o r e a che gli sia d a t o
come è c o n t r a t t u a l m e n t e p a t t u i t o , modo di l a v o r a r e . Ma vale qui q u a n t o a b b i a m o
s o p r a o b b i e t t a t o alla t e r m i n o l o g i a t e d e s c a . I n o l t r e il concetto di un diritto del-
1 operaio (sia p u r e c o n t r a t t u a l m e n t e sorto) al l a v o r o non è, g i u r i d i c a m e n t e , così
sicuro come può p a r e r e : m e n t r e lo è c e r t a m e n t e il d i r i t t o alla mercede.
CAPO SECONDO.

GLI ELEMENTI TIPICI DEL CONTRATTO DI LAVORO. I L LAVORO.

§ 1. — Concetto del lavoro.

SOMMARIO. — 8. Gli e l e m e n t i t i p i c i del c o n t r a t t o di l a v o r o in g e n e r a l e . — 9. I l


l a v o r o s e c o n d o l ' a r t . 1570. — 10. C o n c e t t o e definizioni del l a v o r o . — 11, Se
il l a v o r o sia sforzo e m o v i m e n t o . L a p r e s t a z i o n e d e l l a c u s t o d i a . — 12. 11 l a -
voro p u r a m e n t e p s i c h i c o . Il r i s p a r m i o . — 13. Se il l a v o r o sia u n a p e n a . —
14. L a v o r o m a t e r i a l e , l a v o r o i n t e l l e t t u a l e . — 15. L a s t o r i a del l a v o r o . —
16. I n t e r v e n t o l e g i s l a t i v o a t u t e l a s p e c i a l m e n t e del l a v o r o m u s c o l a r e . — 17. Se
la legislazione i t a l i a n a di t u t e l a del l a v o r o p r e s u p p o n g a s e m p r e il l a v o r o p r e -
v a l e n t e m e n t e m u s c o l a r e . — 18. L a v o r o q u a l i f i c a t o e n o n q u a l i f i c a t o .

8. L a definizione del c o n t r a t t o di lavoro di cui a l l ' a r t . 1570 ci


propone gli elementi che concorrono a f o r m a r e la fisionomia t i p i c a
di q u e s t o c o n t r a t t o . E cioè:
1.° a n z i t u t t o il lavoro, la p r e s t a z i o n e del quale è quella t r a le
d u e c o n t r o p r e s t a z i o n i che d i s t i n g u e q u e s t o tipo di c o n t r a t t o oneroso
dagli a l t r i (capo I I ) ;
2.° la mercede, cioè il corrispettivo che è d o v u t o dal creditore
del l a v o r o a chi d à le p r o p r i e energie (capo I I I ) ;
3.° il r a p p o r t o f r a le d u e prestazioni, cioè l'onerosità (capo I V
e capo V).
Noi illustreremo, nelle p a g i n e seguenti, questi t r e capisaldi fonda-
mentali del n o s t r o i s t i t u t o giuridico.
9. L ' a r t . 1570 non chiarisce nei d e t t a g l i in che possa consistere il
lavoro nel c o n t r a t t o che d a esso p r e n d e il n o m e : u s a in genere u n a
f o r m u l a molto l a t a (e n o n p o t e v a f a r e a l t r i m e n t i ) : « . . . u n a delle p a r t i
si obbliga a fare p e r l ' a l t r a una cosa... ».
« A f a r e u n a cosa » è t r o p p o vago, osserva il V i t a Levi '). Si p o t r à
f o r s e a m m e t t e r e che dal p u n t o di v i s t a della rigorosa e s a t t e z z a scien-
tifica quella definizione a v r e b b e p o t u t o essere p i ù d e t t a g l i a t a . M a è
a n c h e vero che il legislatore in quell'articolo h a t e n t a t o di d a r e u n a
definizione complessiva p e r il c o n t r a t t o di lavoro nelle d u e grandi
b r a n c h e , e che perciò (ammessa la. possibilità e la convenienza di sif-
f a t t a definizione) non si p o t e v a p r e t e n d e r e che desse u n a descrizione
succinta, e q u i n d i i n v o l u t a e inafferrabile - delle c a r a t t e r i s t i c h e del

1
) Locazione eli opere ed appalli, I I , p . 15. O s s e r v o c h e « f a r e u n a cosa » r i v e l a
l a t e n d e n z a , v i g e n t e al t e m p o d e l l a c o d i f i c a z i o n e n a p o l e o n i c a , a v e d e r e n e l l a lo-
c a z i o n e di l a v o r o s p e c i a l m e n t e il l a v o r o p r o d u t t i v o , d i r e t t o alla e l a b o r a z i o n e di
di cose m a t e r i a l i , t r a s c u r a n d o il l a v o r o s o t t o f o r m a di s e r v i g i o . C f r . su ciò a p p r e s s o .
c o n t r a t t o ili lavoro sulle sue due suddivisioni. Cotesti non sono d i e
t e n t a t i v i artificiosi da compilatore p a z i e n t e ; t e n t a t i v i di dubbio esito
t a n t o p i ù q u a n d o si pensi che, d a t a la n a t u r a così differente delle
principali distinzioni che si sogliono fare in seno alla categoria ampia
del « c o n t r a t t o di lavoro », una definizione che sia l ' e s a t t a sintesi dei
lineamenti tipici di o g n u n a di q u e s t e distinzioni, per essere perspicua
dovrebbe essere molto diffusa.
Si a g g i u n g a poi che il legislatore deve più che si p u ò r i d u r r e la
definizione ai p i ù semplici e caratteristici elementi dell'istituto. I n f a t t i
ogni definizione è l e g i s l a t i v a m e n t e pericolosa perciò, a p p u n t o , che costi-
tuisce u n a specie di descrizione r i c o s t r u t t i v a dell'istituto. Ora, in u n a
descrizione s i f f a t t a certo non m a n c a u n a p a r t e v e r a m e n t e n o r m a t i v a :
è qui che la legge, col chiarire in proposito il proprio concetto, adempie
v e r a m e n t e al suo ufficio. Ma vi può essere p u r e commista u n a p a r t e
p u r a m e n t e d o g m a t i c a ; e qui la legge p u ò e r r a r e ; già si sa che il le-
gislatore è b e n e spesso u n cattivo d o g m a t i c o ; lo è a p p u n t o p e r c h è
come t a l e fa quello che n o n gli compete, e s o r b i t a dalle s u e funzioni,
col rischio di sviare la scienza, cui v e r a m e n t e s p e t t a di r i c o s t r u i r e
sulle t r a c c i e delle n o r m e .
N o n si p u ò perciò r i m p r o v e r a r e al n o s t r o legislatore di essersi li-
m i t a t o ad a c c e n n a r e in quell'articolo a quelle che sono le caratteri-
stiche f o n d a m e n t a l i , e come tali perciò f u o r i discussione, del complesso
r a p p o r t o giuridico che scende dal c o n t r a t t o di lavoro, e cioè al du-
plice r a p p o r t o a n t i t e t i c o di cui l ' u n o è d i r e t t o alla p r e s t a z i o n e tipica,
di f a r e ; l ' a l t r o alla p r e s t a z i o n e dì u n a r e t r i b u z i o n e , di u n compenso.
Questi d u e elementi n o n possono mai m a n c a r e ; essi sono per l ' a p p u n t o
l ' e l e m e n t o che differenzia q u e s t o tipo dì negozio che è il « c o n t r a t t o
di l a v o r o » d a ogni a l t r o : il l e g i s l a t o r e è Stato d u n q u e , v o l u t a m e n t e ,
molto p r u d e n t e . M a q u e s t e p o c h e parole, che il V i t a Levi a c c u s a
di i n d e t e r m i n a t e z z a , in r e a l t à sono la c h i a v e di v ò l t a per risolvere
u n a q u a n t i t à di d u b b i : il corso della n o s t r a t r a t t a z i o n e lo p r o v e r à a d
esuberanza.
IO. Il c o n c e t t o di « l a v o r o » per lo più è s t a t o a s s u n t o dal p u n t o
di v i s t a di chi lo p o n e in essere. (Jna definizione molto c o r r e n t e è
quella di « e s e r c i z i o d e l l ' a t t i v i t à u m a n a » '), definizione che si t r a d u c e
(e non p o t r e b b e essere d i v e r s a m e n t e ) in u n a alliterazione, e che, v e r a
se si considera a sè a s t r a t t a m e n t e il concetto di lavoro, n o n lo è
i n t e r a m e n t e q u a n d o si p r e n d e in c o n s i d e r a z i o n e il lavoro d e s t i n a t o
p r i m a r i a m e n t e n o n a chi lo produce, m a a d a l t r i 2 ). Q u e s t o è il p u n t o

' ) Così q u a s i t u t t i gli s c r i t t o r i , ila LAMPEIÌTICO, Il Lavoro, p . 2, a LEONE X I I I ,


n e l l a s u a n o t a Enciclica sulla questione sociale (Rerum novarum).
2
) LENZI, La teoria del fondo salari, p . 2.
di v i s t a comune anclie alla concezione meccanica del lavoro '). P e r
un esame delle principali definizioni che. del lavoro furono d a t e rinvio
alla r a s s e g n a che ne ha f a t t o il N i t t i 2). La migliore definizione, p e r
il N i t t i , sarebbe quella di M a n g o l d t : « ogni sforzo fatto da un essere
v i v e n t e in v i s t a di u n risultato ». Quella del N i t t i stesso s u o n a : « ogni
energia u m a n a i m p i e g a t a in vista di uno scopo p r o d u t t i v o » 3 ). Ma è
u n a definizione che r e s t r i n g e la concezione del lavoro al campo pura-
m e n t e dell' i n d a g i n e economica. E quindi a n z i t u t t o , dato il p u n t o di
v i s t a giuridico che a noi interessa, non possiamo accogliere la limi-
tazione al r i s u l t a t o p r o d u t t i v o 4 ). E in secondo luogo dobbiamo esclu-
dere il lavoro p r o d u t t i v o che uno fa per conto proprio, ad es., p e r
poi v e n d e r e i p r o d o t t i : qui vi h a compra-vendita, n o n c o n t r a t t o di
lavoro.
T u t t e q u e s t e definizioni concepiscono il lavoro come s p i e g a m e n t o
di energie, come sforzo, a t t i v i t à 5), d i s t i n g u e n d o d a t u t t o ciò il risul-
t a t o a cui m e r c è q u e s t o sforzo chi l'impiega può a r r i v a r e . Ma nella
d o t t r i n a n o n è s e m p r e così. E vedremo p i ù a v a n t i q u a n t a i m p o r t a n z a
a b b i a la considerazione del r i s u l t a t o , sia p u r e come sintesi della quan-
t i t à p i ù o m e n o p r e d e t e r m i n a b i l e di lavoro p e r a r r i v a r v i . Ma anche
i n d i p e n d e n t e m e n t e da ciò, vi è in u n a piccola p a r t e della, d o t t r i n a la
t e n d e n z a a v e d e r e nel lavoro solo il r i s u l t a t o : ciò a torto. Anzi fon-
d a m e n t a l m e n t e è vero proprio il contrario 6). Del r e s t o è indubbia-
m e n t e vero che il concetto del lavoro, come sforzo o m o v i m e n t o (se-
condo la. definizione dei più), c o n t i e n e come elemento essenziale a n c h e
il concetto di u n o scopo estraneo, che è la m e t a cui lo sforzo o il

') C f r . COGNETTI DE MAHTIIS, La mano d'opera nel sistema economico, in BUI.


dell' Economista, V, p a r t e II, p . I I I seg. : e f f e t t u a z i o u e di un m u t a m e n t o uella figura
e nel m o t o di un s i s t e m a m a t e r i a l e , o (come si esprime il R i c c i , Il capitale, p . 54,
n o t a 1) « il p r o d o t t o n u m e r i c o di u u a f o r z a p e r u n o spazio l u u g o il q u a l e essa
agisce ». Questo c o n c e t t o ci è a f f a t t o e s t r a n e o .
2
) Il laooro, in Riforma Sociale, 1895, p . 13. L e definizioni posteriori a q u e s t a
d a t a non f a n n o s u p p e r g i ù c h e r i p e t e r e gli stessi c o n c e t t i . D ' a l t r o n d e non è mio
c o m p i t o t o c c a r e q u e s t o a r g o m e n t o se n o n in q u a n t o lo s u g g e r i s c e l ' i m p o r t a n z a del
t r a t t a m e n t o g i u r i d i c o . Pel concetto fisiologico di l a v o r o c f r . N r r r i , op. c i t . ,
p. 15 seg.
3
) Op. cit., p. 8.
4
) Sul 1 a v o r o p r o d u t t i v o e i m p r o d u t t i v o , c f r . a p p r e s s o .
') Cosi LOTMAR, c i t . , I, 1. c i t . : q u a l u n q u e a t t i v i t à di un u o m o che p u ò soddi-
s f a r e il bisogno di q u a l u n q u e a l t r a p e r s o n a
6
) T a n t ' è vero che il l a v o r o a c o t t i m o non e s c l u d e i n t e r a m e n t e ( t u t t ' a l t r o !) la
c o n s i d e r a z i o n e d e l l a q u a n t i t à di l a v o r o per a r r i v a r e al r i s u l t a t o . In p r a t i c a l ' o p e r a i o
c o t t i m i s t a se no p r e o c c u p a , sino a c o m b a t t e r e con ogni f o r z a il s i s t e m a dei e o t t i m i ,
come poi v e d r e m o . È p e r ò eccessivo d i r e , come fa I'IMBERT, Reeue d'éeon. polii.,
1909, p . 23, che s e m p r e il l a v o r o sia v a r i a m e n t e concepito dal p a d r o n e e d a l l ' o p e -
r a i o : cioè dal p a d r o n e come n u m e r o degli o g g e t t i f a b b r i c a t i ; d a l l ' o p e r a i o come fa-
tica per arrivare a fabbricarli.
movimento t e n d o n o : è solo con q u e s t a integrazione clie abbiamo il
lavoro nel senso che ci r i g u a r d a '). S u questo elemento di scopo si
vegga il p a r a g r a f o seguente.
Il lavoro è s t a t o considerato a n c h e d a un altro p u n t o di v i s t a :
cioè da quello di chi utilizza le energie di lavoro che altri s p e n d e
per lui. 11 B r e n t a n o 2) p a r t e dalla distinzione t r a beni esterni e in-
t e r n i ; t r a beni i n t e r n i d i r e t t i (uso godimento), e indiretti. Questi
ultimi, rivolti a o t t e n e r e i mezzi pel soddisfacimento dei bisogni
dell'uomo, costituiscono « l'energia di lavoro ». Ma essi costituiscono
a n c h e « l'uomo », p e r c h è quella somma di energie afferra chi le pro-
duce nella s u a integralità, nel suo essere tisico, come nell'intellettuale,
e nel morale. L ' e n e r g i a di lavoro, conclude il B r e n t a n o , n o n è d u n q u e
che l'uomo stesso considerato in u n p a r t i c o l a r r a p p o r t o con sè s t e s s o :
cioè non scopo a sè scesso, com'è del b e n e i n t e r n o d i r e t t o (godimento),
m a mezzo a scopo esterno. P e r c i ò il lavoro non è altro che 3) « la
utilizzazione » dell'uomo a p p u n t o in q u e s t o suo r a p p o r t o di mezzo a
fine esterno.
È notevole qui come il B r e n t a n o concepisca il lavoro non già come
produzione di energia, m a come r a p p o r t o t r a chi u t i l i z z a le energie
di uomo e q u e s t ' u o m o stesso. 11 comune concetto q u i è i n v e r t i t o : l a
utilizzazione (Mitzunc/) è e v i d e n t e m e n t e un a t t r i b u t o , u n f a t t o del
d e s t i n a t a r i o delle energie, n o n del p r o d u t t o r e di e s s e ; di chi incar-
d i n a in sè quello scopo esterno, non del l a v o r a t o r e . « L a v o r o » sa-
r e b b e i n s o m m a l'uso di un uomo (se mi si p a s s a l'espressione), cosi
come è vi è l'uso di u n a cosa. È u n p a r a l l e l o espresso, del resto, dallo
stesso B r e n t a n o , con u n a p r o p o r z i o n e : il lavoro sta a l l ' e n e r g i a di lavoro
così come l'uso di u n capitale (miniera, cavallo) sta al capitale.
Ora, q u e s t o c o n c e t t o è molto sottile, e in u n certo senso è a n c h e
a c c e t t a b i l e : lo v e d r e m o q u a n d o l u m e g g i e r e m o il c a r a t t e r e locativo del
c o n t r a t t o di lavoro. Ma, d a t o il p u n t o di v i s t a che qui ci i n t e r e s s a , evi-
d e n t e m e n t e si a l l o n t a n a dal c o m u n e modo con cui si c o n s i d e r a il
« lavoro » ; in cui siamo soliti v e d e r e il d i s p i e g a m e n t o di quelle energie
di cui u n ' a l t r a p e r s o n a utilizzerà il r i s u l t a t o . Q u e s t o d i s p i e g a m e n t o
e l'utilizzazione che n e fa il d e s t i n a t a r i o f o r m a n o d u e m o m e n t i diffe-
r e n t i di u n r a p p o r t o complesso, in cui p u ò m a n c a r e il secondo, m a
n o n il primo, senza che perciò si possa d i r e che m a n c a il lavoro. Di-
v e r s a m e n t e n o n s a p r e m m o come s p i e g a r e c e r t e situazioni giuridiche,
come la mora del c r e d i t o r e , come a l t r e a n c o r a . U n operaio si v e d e
r i f i u t a t o i n d e b i t a m e n t e il p r o p r i o l a v o r o : m a n c a l'utilizzazione. M a
m a n c a il lavoro 1 ? No c e r t o ; il r i s u l t a t o s a r e b b e a s s u r d o g i u r i d i c a m e n t e .

') Se lo scopo i n v e c e è n e l m o v i m e n t o n o n v i li a p i ù l a v o r o . Così il BÌÌCHKIÌ,


Arbeit unii Bhylhmus, L e i p z i g , 1909, p. 2.
2
) Zar Krililc dei- engliseheu Gewerkvereine, p. 3-5.
3
) Op. c i t . , p . 5.
11. Il lavoro è definito per lo p i ù come esercizio di a t t i v i t à , dispie-
g a m e n t o di energie (si i n t e n d e per u n dato fine, di cui noi per o r a
non ci occupiamo). D a ciò a r i t e n e r e che il lavoro implichi necessa-
r i a m e n t e u n o sforzo, u n uscire dallo s t a t o di inerzia, uno stato di-
namico di m o v i m e n t o il passo è molto breve. E questo passo è da
molti f a t t o '), ciò che p a r giustificato dall'esame delle manifestazioni
più c o n s u e t e del lavoro. A questo concetto non crediamo di poterci
associare: s o p r a t u t t o p e r c h è è concetto t r o p p o unilaterale, e, per di
più, non vero n e p p u r e l i m i t a t a m e n t e al lavoro materiale.
A n z i t u t t o quell'alterazione nell'ordine fisico o n a t u r a l e che è con-
s e g u e n z a n o r m a l m e n t e d i uno sforzo, di un'azione positiva di un uomo,
p u ò talora e s s e r e p r o d o t t a n a t u r a l m e n t e , però col concorso del n o n
i n t e r v e n t o inibitore dello sforzo positivo di un uomo. A b b i a m o qui
come condizione, per l ' a v v e r a r s i di u n ' a l t e r a z i o n e esterna a cui si
u n i r à , l ' « a s t e n s i o n e ». A t u t t a p r i m a però p a r e s t r a n o che ci si
p r o p o n g a la d o m a n d a : se l'« a s t e n s i o n e » sia p u r essa u n a f o r m a di
« lavoro ». La r i s p o s t a più i m m e d i a t a è n e g a t i v a : astensione è ap-
p u n t o la n e g a z i o n e di u n lavoro, in q u a n t o q u e s t o p u ò essere dan-
noso alla n a t u r a l e produzione dell'evento. E s s a non è che un pre-
s u p p o s t o n e g a t i v o : in realtà, si dice, l'evento è p r o d o t t o d a cause
naturali.
Si è opposto il caso di u n operaio a d d e t t o alla sorveglianza del f u n -
z i o n a m e n t o di u n a m a c c h i n a . Ma q u e s t o operaio esercita u n ' a t t i v i t à
p o s i t i v a ! 2). Q u a n d o n o n consiste in movimenti d i r e t t i a regolare, aiu-
t a r e , ecc. il m o v i m e n t o della macchina, certo consisterà nello sforzo
c e r e b r a l e assiduo, per seguirlo e vigilarlo. T u t t a v i a l'inibizione p u ò
a n c h e essere p e r sè sola u n lavoro, q u i n d i o g g e t t o di un c o n t r a t t o
di lavoro, q u a n d o essa n o n si possa e v e n t u a l m e n t e o t t e n e r e se non me-
d i a n t e u n a reazione e n è r g i c a contro la v o l o n t à i s t i n t i v a m e n t e p o r t a t a

') In senso c o n t r a r i o p e r ò il BRENTANO, come v e d r e m o t r a poco. A q u e s t o con-


cetto sì a r r i v a taut.o piti a g e v o l m e n t e con coloro che v e d o n o nel l a v o r o non l a
p r o d u z i o n e di u n r i s u l t a t o e s t e r n o , m a q u e s t o r i s u l t a t o : a d es. DANTEC, L'egoisme,
1911, ji. 34, definisce il l a v o r o « l ' i n s i e m e delle modificazioni, q u a l u n q u e esse siano,
a p p o r t a t e d a l l ' i n d i v i d u o n e l l ' a m b i e n t e in cui v i v e ». O r a , l ' a s t i n e n z a d a q u a l u n -
q u e a t t o non è u n a « modificazione » ! Su q u e s t a f o r m u l a , che c o n f o n d e causa ed
e f f e t t o , si v e d r à a n c o r a a p r o p o s i t o d e l l a f o n d a m e n t a l e d i s t i n z i o n e t r a lavoro a u t o -
n o m o (opera) e t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o (opere). Il c o n c e t t o di m o v i m e n t o è ac-
colto dai piti. Ad es. c f r . EISDELL, in Bibl. Econom., I, 5.°, p. 49 : il l a v o r o si r i d u c e
a m e t t e r in m o v i m e n t o la m a t e r i a .
2
) C f r . NITTI, in Riforma soc., 1895, p . 1 1 0 : l ' o p e r a i o che s o r v e g l i a e d i l i g e la
m a c c h i n a l a v o r a non m e n o d u r a m e n t e di P l a u t o g i r a n t e con p e n a la m a c i n a del
m o l i n o . È un l a v o r o i n t e l l e t t i v o , c h e h a p u r e l ' e f f e t t o e s t e r i o r e , visibile e p e r c e -
p i b i l e , r i c h i e s t o d a l CHERBULIEZ p e r c h è il l a v o r o sia e c o n o m i c a m e n t e (e g i u r i d i c a -
m e n t e ) r i l e v a n t e . C f r . CHERBULIEZ, in Bibl. Econom., I, 10, p . 709, che p a r e m e t t a
i n d u b b i o q u i la cosa.
all'azione, cioè m e d i a n t e uno sforzo molto notevole. Fisiologicamente
è un lavoro, in tal c a s o ; e lo è anclie dal p u n t o di v i s t a economico-
giurfdico '). I n v e c e u n a p r e s t a z i o n e n e g a t i v a (obbligazioni negative)
in cui lo sforzo sia minore n o n p o t r à mai costituire la prestazione
f o n d a m e n t a l e del c o n t r a t t o di lavoro.
II B r e n t a n o , t u t t a v i a , lia proposto, i n c i d e n t a l m e n t e , u n esempio
a b b a s t a n z a curioso 2). S u p p o n i a m o una g u a r d i a i n g a g g i a t a d a u n a
famiglia a c u s t o d i a n o t t u r n a di u n a casa di c a m p a g n a ; e s u p p o n i a m o
che quella famiglia si a c c o n t e n t i della semplice p r e s e n z a della g u a r d i a ,
d a cui non si r i c h i e d a q u i n d i la c o n t i n u a , f a t i c o s a v i g i l a n z a ; il com-
pito suo sarà assolto a n c h e d o r m e n d o t u t t a la notte. A b b i a m o qui
un c o n t r a t t o di lavoro?
Come si vede, ammesso un caso di q u e s t o genere, non vi è nes-
s u n a manifestazione positiva di a t t i v i t à verso uno scopo esterno.
A n z i , volendo seguire la terminologia del B r e n t a n o , si p u ò dire che
vi è uno s t a t o i n t e r n o dell'uomo che a p p a r t i e n e alla c a t e g o r i a dei beni
i n t e r n i d i r e t t i (il godimento d a t o dal riposo). E p r o b a b i l m e n t e molti
v o r r e b b e r o p o t e r e a s s o l v e r e u n debito di lavoro così c o m o d a m e n t e !
I n v e c e pel B r e n t a n o n o n vi h a dubbio che a n c h e q u e s t o sonno è
energia di lavoro (bene i n t e r n o indiretto) in q u e s t o caso, in cui esiste
u n c o n t r a t t o d i r e t t o a p p u n t o a p o r r e quel sonno in r a p p o r t o collo
scopo esterno ( c u s t o d i a della casa).
N a t u r a l m e n t e per a m m e t t e r e q u e s t o preciso ordine di idee b i s o g n a
r i t e n e r e c h e pel « l a v o r o » non occorra u n o . sforzo, c h e i n d u b b i a m e t e
non esiste nel sonno. E d è q u a n t o i n s e g n a a p p u n t o il B r e n t a n o , espli-
citamente. M a se non si vuol accogliere q u e s t o r i s u l t a t o , il d u b b i o
r i m a n e . A risolverlo b i s o g n e r e b b e r i t e n e r e sufficiente la « p o s s i b i l i t à
di uno sforzo » per e s a u r i r e l a p r e s t a z i o n e tipica del c o n t r a t t o di la-
voro. Certo a quella g u a r d i a lo s t a t o i n e r t e del sonno non è assicu-
r a t o : p u ò d o v e r n e uscire d a un m o m e n t o all'altro. E d è anzi p i ù
p r a t i c o il f o g g i a r e quel caso in modo che n o n si possa n e p p u r dire
che m a n c h i c o m p l e t a m e n t e lo s f o r z o : p e r c h è la p r e s e n z a di q u e l l a

*) C f r . i n v e c e LIESSE, Le travati, p . 72.


2
) Op. cit., p . 5. Gli esempi si p o t r e b b e r o m o l t i p l i c a r e . Così t r a i p r o f e s s o r i
d ' o r c h e s t r a a s s u n t i e p a g a t i d a l l e i m p r e s e t e a t r a l i dei g r a n d i t e a t r i vi sono a n c h e
i s o s t i t u i t i (e così a n c h e t r a i d i r e t t o r i d ' o r c h e s t r a ) c h e non d e b b o n o f a r a l t r o che
t e n e r s i p r o n t i a s o s t i t u i r e i p r o f e s s o r i a s s u n t i e in a t t i v i t à di servizio. L a s t e s s a
cosa si verifica (più r a r a m e n t e ) p e r l ' o p e r a i o p a g a t o con m e r c e d e g i o r n a l i e r a , col-
l ' u n i c a m a n s i o n e di s u r r o g a r e e v e n t u a l m e n t e l ' o p e r a i o m a n c a n t e . È un c o n t r a t t o
d i l a v o r o ? C o m e si v e d e non si h a se non u n o s t a t o di cose c h e r e n d e g i u r i d i -
c a m e n t e e d i f a t t o p o s s i b i l e u n i m m e d i a t o d i s p e n d i o di a t t i v i t à , q u a n d o n e s o r g a il
b i s o g n o . Del r e s t o non s e m p r e il l a v o r o d e l l ' o p e r a i o r a p p r e s e n t a un m o v i m e n t o :
le f u n z i o n i di c o n t r o l l o , di s o r v e g l i a n z a lo e s c l u d o n o . E se p r o p r i o l a v o r o f o s s e
m o v i m e n t o d o v r e m m o s o p r a t n t t o e s c l u d e r e il l a v o r o i n t e l l e t t i v o .
g u a r d i a abbia u n a Ragione p r a t i c a d!,èssere, b i s o g n a r i t e n e r e c h e n o n p o s s a
conciliare quello s t a t o a s s o l u t a m e n t e inerte col suo dovere di vigilanza.
A v r e m m o d u n q u e quello stato di a s p e t t a t i v a di lavoro di chi, p u r
n o n p r o d u c e n d o « l a v o r o e f f e t t i v o » si m a n t i e n e t u t t a v i a in i s t a t o di
poterlo compiere al bisogno. L ' E l s t e r ') sostiene l'equiparazione al
« lavoro » di quella che egli chiama « Arbeitsbereitscliaft », p a r o l a che
si p u ò t r a d u r r e con « s t a t o di chi si tiene p r o n t o al l a v o r o » . Ma
n o n mi p a r e ammissibile che q u e s t a a t t i t u d i n e sia da p a r a g o n a r s i ,
anzi da assimilarsi a u n a a t t i t u d i n e di lavoro. Chi a t t e n d e di p r e s t a r e
il proprio lavoro, e si tiene a disposizione in r e a l t à non lavora. Ab-
biamo d u n q u e in questi casi (contrariamente a q u a n t o opina il Bren-
tano) non già un v e r o e proprio c o n t r a t t o di lavoro, m a u n tipo di
c o n t r a t t o a sè, che si può forse collocare tra i c o n t r a t t i p r e p a r a t o r i
del c o n t r a t t o di lavoro. L a m e r c e d e qui non è r e t r i b u z i o n e di lavoro
compiuto, ina compenso p e r il f a t t o che colui cui è d o v u t a si tiene
p r o n t o ai cenni di chi ne p u ò a v e r bisogno, r i n u n c i a n d o a un impiego
stabile con altri. È u n compenso-indennità, q u a l e di regola non pos-
siamo scorgere nella m e r c e d e c o r r i s p e t t i v a di lavoro e f f e t t i v a m e n t e
prestato.
A t u t t a prima, u n esame superficiale p u ò a n c h e porre in dubbio
se la p r e s t a z i o n e della « c u s t o d i a » cui è t e n u t o ad es. il depositario
sia p r o p r i o u n a p r e s t a z i o n e che i n c l u d a il c o n c e t t o del lavoro.
L ' a r g o m e n t o c o m p r e n d e la locazione di opere come quella di o p e r a :
ma. in q u e s t ' u l t i m a h a u n ' i m p o r t a n z a assai maggiore. Custodia è in-
f a t t i l ' o b b l i g o del conservare, ed h a u n a r a g i o n e d'essere q u a n d o
l ' a l t r a p a r t e non è p r e s e n t e , e n o n possa d a sè a t t e n d e r e a proteg-
g e r e la cosa contro i d a n n e g g i a m e n t i . E q u e s t a è i a situazione i n f a t t i
del c o n d u t t o r e d ' o p e r a che l a v o r a da sè, p e r conto proprio. M a se n e
p a r l a a n c h e p e r la. locazione d'opere, in cui, come vedremo, il con-
t a t t o d i r e t t o t r a le p a r t i non include n e c e s s a r i a m e n t e che d e b b a essere
e f f e t t i v a m e n t e c o n t i n u o : il locatore d ' o p e r e p u ò essere lasciato a sè,
e n t r o i limiti che gli siano s t a t i t r a c c i a t i . Così l'operaio riceve gli
i s t r u m e n t i di lavoro d a l p r i n c i p a l e nello stesso modo che il v e t t o r e
r i c e v e le cose d a t r a s p o r t a r e , il c o n d u t t o r e d'opera il m a t e r i a l e da
e l a b o r a r s i , ecc.
Ma p r e s c i n d e n d o da q u e s t i casi in cui la c u s t o d i a figura p i ù o m e n o
come p r e s t a z i o n e accessoria o laterale, p u ò d o m a n d a r s i se la. c u s t o d i a
di cose a l t r u i possa già p e r sè essere il p r i n c i p a l e c o n t e n u t o della
p r e s t a z i o n e di lavoro. Il D a n k w a r d t 2) r i s p o n d e a f f e r m a t i v a m e n t e ; il
P o l a c c o 3) r i f i u t a però il c o n c e t t o di opus negativo, che il D a n k w a r d t

' ) Lexikon des Arbeitsoertrqges, 1910, p. 9.


2
) IN IHIÌING, Jahrbuohcr fiir die Dominatile ecc., X I V , p a g . 375-376.
3
) Appunti sulle locazioni, IV, p a g . 416.
crede possìbile colla custodia. A n z i t u t t o , dice il Polacco, la custodia
è un facete continuato, e n o n vi è nulla di n e g a t i v o : è un complesso
di atti positivi intesi a t u t e l a r e la cosa a l t r u i dai d a n n i esteriori.
E p p o i pel n o s t r o codice l'obbligo della c u s t o d i a è proprio del con-
t r a t t o di deposito (art. 1844, n. 2).
D'accordo Col Polacco nel concepire la c u s t o d i a come u n facere —
io credo invece che si possa f a r e la q u e s t i o n e se il deposito rimune-
r a t o non r i e n t r i sotto le g r a n d i ali del c o n t r a t t o d ì lavoro. È u n
a r g o m e n t o su cui torneremo p i ù d i f f u s a m e n t e nel capo quarto, q u a n d o
s t u d i e r e m o le analogie tra il c o n t r a t t o di lavoro, il m a n d a t o e il de-
posito. Limitiamo qui il p r o b l e m a alla c u s t o d i a come f o r m a di lavoro.
Ohe u n a a t t i v i t à di lavoro vi sia, in q u a n t o è intesa alla conser-
vazione di u n a cosa e c o n s t a degli atti, delle cautele necessarie p e r
r a g g i u n g e r e q u e s t o scopo, mi p a r e e v i d e n t e e del r e s t o lo stesso P o l a c c o
l ' a m m e t t e '). L a p r e s t a z i o n e della c u s t o d i a che è c o n t e n u t a nel con-
t r a t t o di deposito n o n è i n f a t t i u n a p u r a e semplice a s t e n s i o n e 2).
A n z i , r i c h i e d e u n a q u a n t i t à di cautele d i r e t t e a p p u n t o alla conser-
vazione della cosa: e la s o m m a di q u e s t e c a u t e l e costituisce a p p u n t o
un'esplicazione di a t t i v i t à , un « lavoro » 3 ). Certo, a n c h e qui n o n ab-
biamo la continuazione di q u e s t a a t t i v i t à , c h e p e r periodi di t e m p o
p i ù o m e n o notevoli può n o n m a n i f e s t a r s i . Q u i sì che il concetto
o r a i l l u s t r a t o dell'« essere p r o n t o al lavoro » può a v e r e q u a l c h e im-
p o r t a n z a , in q u a n t o r i a n n o d a le v a r i e forme di a t t i v i t à positiva, col-
m a n d o in certo modo gli intervalli, q u a s i a chiarire che quelle mani-
festazioni p i ù o meno s p o r a d i c h e r a p p r e s e n t a n o l ' a t t u a z i o n e c o n c r e t a
di u n dovere di a t t i v i t à c a u t e l a r e che.si deve r i t e n e r e c o s t a n t e . P e r c i ò
n u l l a di male a v e d e r e nella p r e s t a z i o n e cui è t e n u t o il d e p o s i t a r i o

') C f r . SIMONCKLLI, Contributo alla teoria della custodia, p . 13 ( E s t r . d a l l a Riv.


il. per le se. giur.).
2
) I casi p r a t i c i in c u i p u ò s o r g e r e d u b b i o iu p r o p o s i t o a l l ' e s t e n s i o n e sono p a -
r e c c h i e non si l i m i t a n o al d e p o s i t o . U n e s e m p i o è q u e l l o d e l l a m o d e l l a . È u n a
p r e s t a z i o n e di l a v o r o ? Io c r e d o di sì, e il ROSIN, Jrbeitsversicherung. I I , 4 5 ; il
BAUM, D. Rechi d. Arbeitvertrages, p. 2 ; il LOTMAR, cit., I, p . 73, sono di q u e s t o
a v v i s o . C e r t o lo s f o r z o qui non è r i l e v a n t e . M a i n d u b b i a m e n t e e s i s t e ; p u ò occor-
r e r e uu non i r r i l e v a n t e d i s p e n d i o di e n e r g i a m u s c o l a r e e n e r v o s a a d o b b l i g a r e il
c o r p o a q u e l l a i m m o b i l i t à e a q u e l l a p o s a c h e l ' a r t i s t a r i c h i e d e . Non vi h a mo-
v i m e n t o , ma vi h a p u r s e m p r e l a v o r o . Quindi a b b i a m o a n c h e qui u n c o n t r a t t o di
l a v o r o . E nello stesso senso e p e r la m e d e s i m a r a g i o n e è l a v o r o quello del d i g i n -
n a t o r e di p r o f e s s i o n e , b e n c h é non vi sia m o v i m e u l o . È a n c h e q u e s t a , in f o n d o , u n a
f o r m a di a t t i v i t à , p e r c h è v i è u n o s f o r z o c o s t a n t e (e m a g a r i p e n o s o !) di a u t o l i -
m i t a z i o n e , cioè di r e a z i o n e a t t i v a od e n e r g i c a c o n t r o l ' i s t i n t o . C o n c o r d o p e r c i ò col
LOTMAR, o p . cit,., I , p . 73, n e l s e n s o c h e q u i p u r e vi sia uu c o n t r a t t o di l a v o r o .
3
) C f r . in LOTMAR, Jrbeitsvertrag, I, p . 287, citazioni d o t t r i n a l i t e n d e n t i t ' i t t e
a p o r r e in essere c o m e la c u s t o d i a sia u n a p r e s t a z i o n e p o s i t i v a ; n o n g i à come
p u r a concessione d i uuo s p a z i o , m a come a t t i v i t à . E del r e s t o il § 354 del Codice
c o m m . g e r m a n . m e n z i o n a la c u s t o d i a t r a gli e s e m p i di g e s t i o n e di affari o di s e r v i z i .
u n a f o r m a di « lavoro » : cosa ohe g i à in diritto romano era riconosciuta,
postochè (§ 13 Ist., I I I , 26) nei casi in cui senza mercede vi e r a con-
t r a t t o di m a n d a t o o di deposito, colla m e r c e d e vi era locazione.
L a q u e s t i o n e non è p u r a m e n t e teorica. Q u a n d o a q u e s t a prestazione
c o r r i s p o n d a u n compenso che r a p p r e s e n t i u n corrispettivo, n e s s u n
d u b b i o che il c o n t r a t t o di deposito in t a l caso è un'applicazione
del tipo di negozio ampio di « c o n t r a t t o di lavoro » di cui ci occu-
p i a m o : p e r c h è in u n senso p i ù lato, che s f u g g e alla n o s t r a t r a t t a z i o n e ,
a n c h e il c o n t r a t t o di deposito g r a t u i t o viene ad essere u n c o n t r a t t o
che mira a u n a p r e s t a z i o n e di lavoro. Ma in t a l caso abbiamo in r e a l t à
non q u e l tipo di negozio b e n definito di « c o n t r a t t o di lavoro » che
r i e n t r a nella « locazione », m a un tipo di negozio giuridico a sè, b e n
d e t e r m i n a t o , e che è il « c o n t r a t t o di deposito ». A q u e s t o concetto
a l l u d e c h i a r a m e n t e l ' a r t ; 1837 p e r cui « i l deposito p r o p r i a m e n t e d e t t o
è u n c o n t r a t t o e s s e n z i a l m e n t e g r a t u i t o ». Ciò è e s a t t o ; e p e r c h è q u e s t e
parole a b b i a n o u n valore, b i s o g n a r i t e n e r e che d u n q u e q u a n d o vi è
« r i m u n e r a z i o n e » (art. 1844, n. 2) n o n vi sia p i ù deposito « propria-
m e n t e d e t t o » ; m a u n tipo diverso di c o n t r a t t o , che h a t u t t a v i a molti
elementi comuni col vero c o n t r a t t o di d e p o s i t o : primo dei quali la
i d e n t i t à della p r e s t a z i o n e f o n d a m e n t a l e . D i q u e s t o problema, come ho
detto, preferisco t r a t t a r e a p p r e s s o in connessione con quello del man-
dato, nei suoi r a p p o r t i col c o n t r a t t o di lavoro.
A l t r o caso pratico è quello del deposito nelle cassette-forti delle
B a n c h e ; dove vi è p e r ò u n altro elemento che i n t o r b i d a la s i t u a z i o n e : il
g o d i m e n t o della c a s s e t t a . È e v i d e n t e che, a voler prescindere dalle
ulteriori p e c u l i a r i t à di q u e s t o caso, p a r r e b b e di dover classificare
q u e s t a p r e s t a z i o n e di c u s t o d i a nella c a t e g o r i a delle p r e s t a z i o n i di
lavoro. M a s a r e b b e u n a soluzione molto s e m p l i c i s t a : ciò che v e d r e m o
meglio q u a n d o d i s c o r r e r e m o dei r a p p o r t i del c o n t r a t t o di lavoro colla
« locazione ».
12. A l t r o caso, c h e in sè n o n offre a l c u n r i l e v a n t e interesse giu-
ridico, m a che i n d i r e t t a m e n t e p u ò p r o i e t t a r luce sul n o s t r o a r g o m e n t o ,
è quello (di cui si o c c u p a n o gli economisti) del risparmio. P a r r e b b e
a d d i r i t t u r a s t r a n o il sollevare sul serio il d u b b i o in proposito. Se v i
h a esempio c a r a t t e r i s t i c o di « a s t e n s i o n e », q u e s t o è a p p u n t o il ri-
sparmio. T u t t a v i a non è m a n c a t o chi vi h a v i s t o u n « lavoro ». E d
a g g i u n g o anzi che l'esempio s o p r a c i t a t o della modella può, a l m e n o
a t u t t a prima, v e n i r e in appoggio di q u e s t a teoria.
Il W e b e r i n f a t t i ') a l l u d e (a p r o p o s i t o del concetto di lavoro) a
« p r e s t a z i o n i p a s s i v e » che s u s s i s t e r e b b e r o a c c a n t o alle p r e s t a z i o n i
positive (il l a v o r o creatore), e s a r e b b e r o c o s t i t u i t e dalle limitazioni

Kavipf zwischen Kapilal und Arbeit, 1910, n. 86.


di godimento e di consumo dei b e n i prodotti, allo scopo di f o r m a r e
il capitale '), cioè dal risparmio, oltre alla a s s u n z i o n e del rischio del
f u t u r o - s v i l u p p o economico. O r a (ed è q u e s t o cui volevo venire) q u e s t a
astinenza, come auto-limitazione, sarebbe u n lavoro, p e r c h è costitui-
r e b b e uno « sforzo penoso d e l l ' u m a n a v o l o n t à » ; uno « sforzo n e g a t i v o ,
ma p o t e n t e » ; u n a « macerazione dolorosa ». I n s o m m a il c a p i t a l i s t a
s a r e b b e u n l a v o r a t o r e che contribuisce con lavoro psichico 2). Come
vi h a lavoro intellettuale, p e r c h è non a n c h e p s i c h i c o ? L ' u n o e l ' a l t r o
possono dare u n a utilità e s t e r n a : la formazione del capitale.
A q u e s t o concetto si oppone che il lavoro in senso giuridico è u n a
a t t i v i t à che p r o d u c e u t i l i t à ad a l t r i ; or come uno sforzo p u r a m e n t e
psichico p u ò a r r i v a r e a ciò, uscire dal campo chiuso della psiche di
chi lo p o n e in essere ? Q u i n d i possiamo senz'altro escludere dal campo
n o s t r o q u e s t a forma di azione, che h a la sua talora g r a n d e i m p o r t a n z a ,
m a ciò solo q u a n d o si proietti al di fuori a c c o m p a g n a n d o , g u i d a n d o u n a
a t t i v i t à m u s c o l a r e o i n t e l l e t S a l e , c o m p e n e t r a n d o s i con esse e renden-
dole più a t t e a p r o d u r r e quell'effetto utile che il c r e d i t o r e del l a v o r o
si a s p e t t a ; mi b a s t a qui c i t a r e il lavoro del medico, dell'infermiere,
dell'avvocato 3).
Del resto, ripeto, il caso i n sè del r i s p a r m i o n e è u n a r i p r o v a : vi
h a u n lavoro psichico che si associa a l l ' a t t o esteriore da cui si con-
c r e t a il risparmio, q u e s t a p r e s t a z i o n e p a s s i v a secondo il W e b e r d a
sè non p o t r e b b e essere a s s u n t a in u n a p r e s t a z i o n e c o n t r a t t u a l e 4 ).
È poi da n o t a r e che l ' i n t e r v e n t o di t e r z i c r e e r e b b e il r a p p o r t o econo-

Nella niente del WEBER v i lia q u i (come iu a l t r i oasi d a noi g i à p r i m a ci-


t a t i ) il c o n c e t t o di u n a a u t o l i m i t a z i o n e come d i s p i e g a m e n t o di e n e r g i e , come r e a -
zione a t t i v a .
2) C f r . in LORIA, Analisi capitalistica, I, p . 694-695; CIIERBULIEZ, Corso di
Ec. poi., in JBilìl. Econ., I, 10, p . 954.
3
) S o s t a n z i a l m e n t e col t e s t o 6 p u r e il CONRAD, Grundriss zum Studium d. poli-
tiseli. Oeleonomie, 1910, I, p . 32. Q u e s t o e l e m e n t o p s i c h i c o h a u n a g r a n d e i m p o r -
t a n z a q u a n t o al r e n d i m e n t o d e l l a v o r o : l ' i n d u s t r i a l e d e v e p r e o c c u p a r s e n e ; e gli
s t u d i o s i r e c e n t i d e l l a psico-fisica del l a v o r o d e b b o n o s t u d i a r n e d a v v i c i n o l ' i n f l u e n z a
sul l a v o r o . P u r t r o p p o iu I t a l i a q u e s t i s t u d i e q u e s t e i n d a g i n i n o n h a n n o q u e l l o
s v i l u p p o che p u r e , p e r la loro g r a n d e i m p o r t a n z a , m e r i t e r e b b e r o .
4
) B i s o g n e r e b b e s u p p o r r e u n a i p o t e s i di r i s p a r m i o a cui u n a p e r s o n a s a r e b b e
o b b l i g a t a n e l l ' i n t e r e s s e di u n ' a l t r a p e r s o n a , a c u i p r o f i t t o d o v r e b b e t o r n a r e il r i -
s u l t a t o di q u e s t a r e a z i o n e a t t i v a di a u t o l i m i t a z i o n e . Non mi p a r e c h e v a l g a la p e n a
d i f e r m a r c i g r a n che a i p o t e s i così l o n t a n e d a l l a r e a l t à . P o t r e b b e essere il caso di
u n d e b i t o r e che si o b b l i g a s s e a r i s p a r m i a r e n e l l ' i n t e r e s s e d e i c r e d i t o r i , i q u a l i lo
c o m p e n s a s s e r o con u n a d i m i n u z i o n e p r o p o r z i o n a l e dei d e b i t i . Certo, a m m e s s o u n
c a s o p r a t i c o p o s s i b i l e a m e p a r e che n e l r i s p a r m i o u n o s f o r z o dì a u t o l i m i t a z i o n e ,
e p e r g i u n t a u n o s f o r z o che p u ò r i u s c i r p e n o s o , s u s s i s t e ; s u s s i s t e cioè u n a f o r m a
di C l a v o r o ». Q u e s t o o s s e r v o c o n t r o il LORIA, c h e c o m b a t t e il c o n c e t t o di u n o
s f o r z o , con a r g o m e n t i (p. 695) n o n t u t t i d a un p u n t o d i v i s t a g i u r i d i c o p e r s u a s i v i ;
a d a t t i forse per un concetto più lato.
mico-giuridico del deposito del m u t u o , ecc.; però il fatto del r i s p a r m i o
non p e n e t r e r e b b e n e l l ' o s s a t u r a di questi c o n t r a t t i , m a ne sarebbe u n
anteriore p r e s u p p o s t o di f a t t o . Quest'osservazione toglie qui v a l o r e
giuridico (giuridico, s'intende) a ulteriori a r g o m e n t i del W e b e r . Il
quale i n f a t t i — con u n a delle solite formole per m e t à giuridiche con
cui gli economisti finiscono collo s n a t u r a r e certi concetti fondamen-
tali della tecnica giuridica — insiste nel t r o v a r e qui la mercede, che
s a r e b b e d a t a dall'interesse p e r c e p i t o dal r i s p a r m i a l e . Ma l ' i n t e r e s s e
n o n è conseguenza giuridica d i r e t t a del risparmio, m a dell'uso che i
terzi facciano dei beni s o t t r a t t i al consumo. Questo è vero anche eco-
n o m i c a m e n t e l ). S u questo p u n t o n o n occorre più insistere.
I n conclusione: lavoro è a t t i v i t à ; ma a t t i v i t à non è n e c e s s a r i a m e n t e
m o v i m e n t o della persona o di p a r t i della persona n e p p u r e l i m i t a t a m e n t e
al lavoro m a n u a l e , che, vedemmo, non è s e m p r e movimento. A t t i v i t à è
un d i s p i e g a m e n t o di energia, uno sforzo a n c h e inibitorio, u n a distensione
di muscoli g u i d a t a d a l l a volontà per u n fine esteriore 2), che per noi,
dal p u n t o di v i s t a del c o n t r a t t o di lavoro, è l'utilità di terzi (« p e r
conto di terzi », art. 13 cit, t e s t o unico C a s s a ìsTaz. di p r e v i d e n z a ) .
13. Q u a n t o a b b i a m o d e t t o or ora ci c o n d u c e a r i c o r d a r e un pro-
b l e m a che è s t a t o t r a t t a t o d i f f u s a m e n t e dagli economisti, ma che p u r e
m e r i t a di essere preso in considerazione a n c h e dal g i u r i s t a : se il la-
voro si d e b b a c o n s i d e r a r e come u n o sforzo penoso. Il lavoro è u n a
p e n a ? I n m a g g i o r a n z a gli economisti r i s p o n d o n o a f f e r m a t i v a m e n t e .
E , p a r t e n d o d a l concetto che a b b i a m o ora illustrato, q u e s t a p a r e u n a
c o n s e g u e n z a a b b a s t a n z a logica. Se il lavoro è d i s p i e g a m e n t o di ener-
gie e r a p p r e s e n t a u n o sforzo, p a r e c h e q u e s t o d e b b a n a t u r a l m e n t e co
s t a r e della pena. C h e il lavoro sia f a t i c a è concetto i n f a t t i così comune
c h e la g r a n d e m a g g i o r a n z a degli economisti nel Pàsseri rio non si è tro-
v a t a a corto di a r g o m e n t i . D a l l a c o n d a n n a p r o n u n c i a t a contro A d a m o ,
per cui il lavoro a s s u n s e il c a r a t t e r e di una p e n a , sino al lavoro b e n e
s p e s s o e s t e n u a n t e degli operai nelle odierne officine, n e s s u n a qualità
s e m b r a p i ù i n t r i n s e c a m e n t e n e c e s s a r i a al lavoro di quella della peno-
sità s u a . E così (per t a c e r e di molti) il P a n t a l e o n i definisce il lavoro,
ai sensi dell'economia « ogni sforzo penoso dell'uomo » 3 ). 11 M t t i os-
serva, a rincalzo, che t u t t i i popoli u s a n o la s t e s s a parola per indi-
care i d u e concetti di lavoro e p e n a 4 ). Il W e b e r 5 ) ricorda lo s t e s s o

') WBBICIÌ, op. cit., n. 112. Economicamente l'interesse è un compenso pel ser-
vizio prestato dal capitalista; ora, il risparmio rende possibile il servizio, e ila
questo nasce l'interesse.
2
) Solo e n t r o q u e s t i limiti si p u ò a m m e t t e r e col BAOII, Des Rechi d. Arbeitver-
trages, p a g . 2, che il non m o v i m e n t o p u ò esser l a v o r o . C f r . LOTMAR, op. cit., I, p . 73.
3
) Principi di economia pura, F i r e n z e , 1889, p. 126.
') Il lavoro, T o r i n o , 1885, p. 12.
5
) Kampf zwischen Kapital wnd Arbeit, p . 90. C f r . p u r e Slaatslexikon, 1887,
concetto (itóvos, iàbor, labour, travedi, robota), parole t u t t e allusive
anche alla pena, per concludere nello stesso senso. A g g i u n g e che oggi
la penosità è a u m e n t a t a ; che essa è maggiore nel lavoro i n d u s t r i a l e
che nell'agricolo, dove la v i t a è p i ù sana, l ' a v v e l e n a m e n t o del s a n g u e
minore per la maggior q u a n t i t à di ossigeno, m a g g i o r e l ' a t t a c c a m e n t o
al suolo che non nell'operaio all'officina ').
Ora q u e s t e affermazioni così recise a t u t t a p r i m a impressionano
anche il g i u r i s t a : se il « l a v o r o » come oggetto di u n r a p p o r t o giu-
ridico è per lo p i ù (vedremo poi se ciò sia vero) la m e d e s i m a cosa
che il lavoro considerato dal p u n t o di v i s t a economico, p a r e logico
che u n a d i v e r g e n z a t r a i d u e angoli visuali d a cui è considerato il
medesimo fenomeno n o n ci d e b b a a s s o l u t a m e n t e essere.
I n v e c e è certo, a p a r e r mio, che all'occhio del g i u r i s t a la p e n o s i t à
non è un p r e s u p p o s t o tipico del « lavoro » (che noi consideriamo solo
come o g g e t t o di u n r a p p o r t o giuridico), q u a n d o la p e n o s i t à si voglia
r i t r o v a r e nella f a t i c a . Vi s a r à in molti, in moltissimi c a s i ; m a n o n
possiamo elevarlo a p r e s u p p o s t o g i u r i d i c o : la « g i o i a del l a v o r o » ,
come dicono i t e d e s c h i (Arbeitsfrendi gheit), è p i ù f r e q u e n t e che n o n
si creda. Come n o t a l ' H e r k n e r 2) n o n sono r a r i i casi di g r a n d e at-
t a c c a m e n t o al mestiere, di affetto alla m a c c h i n a . I n t a n t o la fatica è
u n a conseguenza solo dell'eccesso di l a v o r o : ricordo la definizione di
L a g r a n g e 3 ), per cui la f a t i c a è « d i m i n u z i o n e di p o t e r e f u n z i o n a l e degli
organi, p r o c u r a t a d a un eccesso di lavoro, e a c c o m p a g n a t a da u n a sen-
sazione c a r a t t e r i s t i c a di m a l e s s e r e ». Del r e s t o a n c h e il USTitti 4 ) am-
m e t t e che « i l lavoro n o n è n e c e s s a r i a m e n t e u n a sensazione p e n o s a ;
la f a t i c a s e m p r e ».

p . 248. Così a n c h e il WAGNER, Allg. dei• theoretìsche Volicswirtsehaftsielire, p . 10,


che a g g i u n g e p e r ò il l a v o r o , p u r e s s e n d o p e n a , essere a n c h e mezzo n o b i l i t a t o r e
d e l l ' u o m o e la s u a gioia. S u l l ' e t i m o l o g i a di « l a v o r o J> d a l p u n t o di v i s t a d e l l a p e n a ,
a n c h e nelle l i n g u e s t r a n i e r e , c f r . s p e c i a l m e n t e NITTI, op. c i t . , p . 10 e s e g g .
') P e r il CONRAD, Lohu unii Eente, L e i p z i g , 1909, p . 135, l'« a t t o » si t r a s f o r m a
iu i p r e s t a z i o n e » (il CONRAD a l l u d e q u i c e r t o a l l ' e l e m e n t o d e l l a coazione), solo
q u a n d o a q u e l l a sia c o n g i u n t o u n sacrificio p e r p a r t e d e l l ' a g e n t e del suo b e n e s s e r e
e della s u a c o m o d i t à : la p e n a del l a v o r o è il sacrificio col q u a l e p e r mezzo d e l -
l ' a z i o u e si o t t i e u e il s o d d i s f a c i m e n t o dei b i s o g n i . C o n c e t t o , v e r a m e n t e , t r o p p o
assoluto.
2
) Nei Sehriften d. Vereins f . Socialpolitih, 1912 (voi. 138) p. 133. È c e r t o p e r ò c h e
il c a n t o s p i e g a t o d a l l e filatrici o d a i l a v o r a t o r i n e i c a m p i p e r r o m p e r e la m o n o -
t o n i a del l a v o r o n o n d e n o t a s e m p r e l a g i o i a ; b e n e sposso l a c a n t i l e n a è t r i s t e e
n o s t a l g i c a . Q u e s t e i n d a g i n i di psicofisica del l a v o r o , a l t r o v e così p r o g r e d i t e (por
mezzo del f o n d a t o r e , il K r a p e l i n , e di M a x W e b e r ) , d a n o i , come s o p r a h o r i c o r d a t o ,
s o n o a p p e n a s u l c o m i n c i a r e . Con noi a n c h e il IAFFÈ, e o d . , p. 188.
3
) La fatigue et le repos, 1912, p. 3.
4
) O p . cit., p. 18. N e g a il c a r a t t e r e di p e n a I'ELSTER, in Lexilcon des Arteits,
p . 9 : la f a t i c a n o n è l a v o r o ; q u e l l a p u ò s o p r a g g i u n g e r e in p r o c e s s o d i t e m p o .
NITTI, op. cit., p. 101 e segg.
Ma la penosità si vuol vedere, con u n a generalizzazione molto
ampia, e a t u t t a p r i m a seducente, nello s t a t o psicologico che è con-
s e g u e n z a della pressione che la coazione al lavoro per altrui u t i l i t à
i n g e n e r a in chi vi è sottoposto. I n questo senso si suole differen-
ziare il lavoro dal gioco. Certi a t t i che, compiuti per esclusiva uti-
lità p r o p r i a , e s p o n t a n e a m e n t e sono u n gioco, un divertimento, u n
riposo, c o m p i u t i invece per utilità altrui, almeno p r i m a r i a m e n t e , e
q u i n d i n o n s p o n t a n e a m e n t e , n o n sono p i ù u n divertimento, e inge-
n e r a n o u n senso di malessere. « Ballare, scrive il Gide '), diverte, ma
ballare per il pubblico n o n d i v e r t e affatto ». D a ciò la conclusione che
« gli stessi a t t i , ossia i medesimi moti del corpo e della m e n t e di u n in-
dividuo possono e s s e r e un lavoro o u n diletto : il criterio distintivo
del lavoro u n i c o e sufficiente è la penosità del medesimo » 2).
O r a : di vero qui c'è la distinzione t r a a t t i compiuti per l'esclusivo
piacere proprio, ed a t t i che si compiono p e r l ' u t i l i t à altrui, q u i n d i
dietro l'impulso del bisogno di u n g u a d a g n o per s è : i primi spontanei,
gii ultimi coatti. L a distinzione r i p o s a su un criterio differente da
quello della penosità 3 ), che è il criterio c o m u n e m e n t e a d o t t a t o dagli
economisti. Si t r a t t a n o n già di u n criterio d e s u n t o da uno s t a t o fi-
siologico che può esserci, ma p u ò a n c h e m a n c a r e 4 ); ma d a uno s t a t o

') Principes d'economie polilique, p . 96. Questo è il c o n c e t t o d o m i n a n t e nel campo


e c o n o m i c o ; c f r . lo stesso NITTI, op. c i t . , p. 1 1 4 ; SUPINO, Iicon. polit., p. 4 4 ;
MARLO, Zfntersuchungen weber die Organisation der Arbeit,, I I I , p. 9.
2
) NITTI, op. cit., p. 26. Cfr. pure LÈROY-BEAULIEU, Traiti, I, 145.
3
) Questo che d i c i a m o del l a v o r o è v e r o a u c h e per l'« a r t e », che non è se non
u n a f o r m a , u n ' a p p l i c a z i o n e del « l a v o r o ». A l c u n i h a n n o inesso l ' a r t e i n s i e m e al
gioco, a m b e d u e c o n t r a p p o n e n d o al l a v o r o , che s a r e b b e u n ' a t t i v i t à per scopo eco-
nomico. Il BiiCHER n e l suo i n t e r e s s a n t e s t u d i o sull'Arbeit und Rhythmus, p. 413
t e n d e i n v e c e a f o n d e r e quelle t r e f o r m e di a t t i v i t à iu un c o n c e t t o u n i t a r i o . In r e a l t à
gioco e a r t e sono f o r m e di a t t i v i t à , che p u b essere d e s t i n a t a p e r a l t r u i u t i l i t à
(come si d i c h i a r a poi nel t e s t o ) ; q u e s t a è la sola v e r a d i s t i n z i o n e . Il g i o c a t o r e
p r o f e s s i o n i s t a di f o o t - b a l l , così come l ' a r t i s t a cui si c o m m e t t e un q u a d r o , compiono
u n ' a t t i v i t à di lavoro che i n t e r e s s a il n o s t r o c a m p o . Anche nel gioco e n e l l ' a r t e
v i p u ò essere lo scopo e c o n o m i c o : p i ù e s a t t a m e n t e in tal caso si d i s c o r r e di l a v o r o ,
a n z i c h é di gioco.
4
) Già il GENOVESI, Ragione delle ricchezze, iu Bibl. dell'Econom., I, 3.°, p . 298,
g e n e r a l i z z a v a a d d i r i t t u r a l ' e l i m i n a z i o n e della p e n o s i t à p e r ciò che la f a t i c a del la-
v o r o è p i a c e v o l e , è il « b a l s a m o i n c o n t r o alle noie della v i t a » È forse da q u e s t o
p u n t o d i v i s t a che il POULETT SCROPIO, in Bibl. Eeon., 5.°, p. 660, dice il l a v o r o
p i ù u n p i a c e r e c h e u n a p e n a . Por I'EISDELL (eod., p. 522) non è nò nn p i a c e r e n è
u u dolore. Del r e s t o vi sono casi in c u i la linea d i v i s o r i a t r a gioco e l a v o r o è così
sottile, r i d o t t a c o m ' è al p u r o c r i t e r i o della d o v e r o s i t à , d a d i v e n t a r e quasi i r r i l e -
v a n t e . Sono q u e s t i i casi in cui, come o s s e r v a il MAJORANA, Trattato di economia
politica, I, p. 345, i m o v i m e n t i o n d e c o n s t a il l a v o r o sono a s s o l u t a m e n t e c o n f o r m i
a l l ' i n c l i n a z i o n e di chi li p o n e in e s s e r e . È difficile n e g a r e che il l a v o r o q u i non
possa d i v e n t a r e u n p i a c e r e . Mi b a s t a c i t a r e , p e r t u t t i , il caso delle c o m p a r s e d i
c u i si s e r v o n o le g r a n d i s a r t o r i e p e r l a n c i a r e i loro m o d e l l i ; ecco p e r esempio u n
psicologico, influente sulla volontà di chi lavora. Si risale ai « motivi
psicologici » che d e t e r m i n a n o la volontà di chi decide di dispiegare
u n a d a t a q u a n t i t à di energie.
Orbene, chi ciò decide p u ò avere d u e obbiettivi d i n n a n z i a sè, a ognuno
dei q u a l i corrisponde un motivo psicologicamente influente sulla volontà.
O si propone esclusivamente di divertirsi. O si propone di a r r e c a r e u n
vantaggio ad altri, per a v e r n e un compenso. O è il diletto, o è il bisogno.
N a t u r a l m e n t e che nel primo caso l ' a t t i v i t à sia s v i l u p p a t a in con-
dizioni più favorevoli che nel secondo, la cosa v a da sè: ma giuridi-
camente, se si vuol cercare u n p r e s u p p o s t o generale, ciò non ha
influenza. Quello che i m p o r t a si è che nel primo caso il lavoro h a
lina destinazione e g o i s t i c a ; nel secondo è d e s t i n a t o a l l ' u t i l i t à di
u n ' a l t r a p e r s o n a l ): u n lavoro utile (almeno potenzialmente) a terzi.
E c c o q u a n t o b a s t a per definire il lavoro come oggetto del nostro con-
t r a t t o . P a s s e g g i a r e , per sè solo, u o n è a t t i v i t à che possa essere con-
t e n u t a nel c o n t r a t t o di lavoro, non p e r c h è n o n sia penosa, m a p e r c h è
non h a scopo di utilità per altri. Il p o r t a l e t t e r e invece, che p u r e deve
c a m m i n a r e , Io fa per 1111 i m m e d i a t o scopo di u t i l i t à a l t r u i , ed ecco
u n ' a t t i v i t à che r i e n t r a nel c o n t r a t t o di lavoro. È per t a l modo che
si d i s t i n g u e il lavoro del d i l e t t a n t e dal lavoro professionale, giuridi-
c a m e n t e . Certo, quei motivi influiscono solo s u l l ' a t t e g g i a m e n t o econo-
mico-giuridico del d i s p i e g a m e n t o di energie. Ma u n a volta che q u e s t a
influenza si sia e s e r c i t a t a p r o v o c a n d o a d es. la formazione di un con-
t r a t t o di lavoro (lavoro compensato), si p u ò a m m e t t e r e col L o t m a r 2)
c h e a n u l l a rilevi il m o t i v o che h a i n d o t t o a q u e s t a a t t i v i t à : se la
coscienza del d o v e r e o il gioco.
P e r ò n o n b i s o g n a d ' a l t r a p a r t e e s a g e r a r e . S t a b e n e che noi assu-
miamo in considerazione il lavoro come a t t i v i t à e s e r c i t a t a p e r il di-
r e t t o u t i l e a l t r u i , n o n p e r il p r o p r i o p i a c e r e : a p p u n t o p e r c h è n o n
r i t e n i a m o che la distinzione t r a gioco e lavoro a b b i a pei' elemento

avviso molto... suggestivo in q u a r t a pagina. « Signorine sarte, modiste, slanciate,


« eleganti, disposte visitare stazioni balneari, teatri, ritrovi mondani, cercate casa
« p a r i g i n a per lanciare nuova m o d a ; conoscenza lingua francese apprezzata, non
« i n d i s p e n s a b i l e , spese p a g a t e . S c r i v e r e m a n d a n d o f o t o g r a f i a e i n d i c a n d o s t a t u r a
« p r e c i s a ». Come si vede le e s i g e n z e circa le a t t i t u d i n i d i l a v o r o non sono molte !
N a t u r a l m e n t e che c h i p r e s t a il l a v o r o in c u o r suo lo f a c c i a p r i n c i p a l m e n t e
p e r l ' u t i l i t à p r o p r i a (pel g u a d a g n o , p e l b i s o g n o d i v i v e r e ) è c h i a r o . Ma q u e s t o n o n
è che il p u n t o d i v i s t a (che h a t u t t a v i a n o n p o c a i m p o r t a n z a , come v e d r e m o , g i u -
r i d i c a m e n t e ) s o g g e t t i v o al l a v o r a t o r e : d a l p u n t o d i v i s t a c o n t r a t t u a l e e cioè sin-
t e t i z z a n t e il c o n n u b i o delle d u e p o s i z i o n i e c o n o m i e o - g i u r i d i c h e il d e s t i n a t a r i o d e l
l a v o r o è il c r e d i t o r e di esso.
2
) O p . c i t . , p . 76. Il LOTMAR o s s e r v a che è l a v o r o a n c h e q u e l l o di u n f a n c i u l l o ,
che n o n s e m p r e h a p r e s e n t e l a d o v e r o s i t à del suo l a v o r o : ci p u ò essere t a l o r a a n c h e
l ' i m p u l s o del gioco. N a t u r a l m e n t e s a r à t a n t o d i g u a d a g n a t o p e r il r e n d i m e n t o del
l a v o r o : m a q u e s t o n o n cessa d i essere t a l e , q u a n d o l a coazione e f f e t t i v a m e n t e s u s s i s t a .
L . BARASSI. — II contratto eli lavoro, ecc. — 2 . a e d . — 3.
tipico discriminativo, da un p u n t o di v i s t a giuridico (e n o n solamente
giuridico), la p e n o s i t à del secondo. Ma è innegabile che il gioco è
s e m p r e u n piacere per chi vi si a b b a n d o n a ; l ' a t t i v i t à di lavoro p e r
u t i l i t à altrui, a p p u n t o in ragione della coazione, « p u ò » (si n o t i : è
possibile, è probabile, m a n o n è elemento tipico) d i v e n t a r e penoso.
T u t t a v i a l'ordine giuridico n o n interviene se non per quei casi in cui
la p e n o s i t à è p i ù p r o b a b i l e e più i n t e n s a : non è u n a regola generale,
come d o v r e b b e essere se la p e n a fosse elemento tipico e generale.
P e r c i ò da u n p u n t o di v i s t a generale possiamo accogliere il con-
c e t t o del M a r s h a l l ') che definisce il lavoro « qualsiasi esercitazione
della m e n t e e del corpo i m p r e s a in v i s t a di u n bene diverso dal

Il r a p p o r t o t r a gioco e lavoro è, a n c h e g i u r i d i c a m e n t e , più i m p o r t a n t e c h e


n o n si c r e d a , In linea di m a s s i m a d a l l ' u n o si p a s s a a l l ' a l t r o con u n a g r a n d e f a -
c i l i t à (DEPASSE, in Riforma soc., 1908, p a g . 207 : il lavoro è figlio del gioco). M a
d o v e s t i a la linea d i v i s o r i a non p a r v e a t u t t a p r i m a così facile a d e t e r m i n a r s i :
e si d o v r e b b e f a r l o per d e t e r m i n a r e il c a m p o del c o n t r a t t o d i lavoro. Ad es. se-
condo l'ufficio i m p e r i a l e g e r m a n i c o di a s s i c u r a z i o n e u n bimbo d i a n n i 3 '/ 2 che
a i u t a il p a d r e non l a v o r a m a gioca : non l a v o r a p e r c h è n o n ne h a la coscienza. L a
cosa p a r così c h i a r a d a non d o v e r s i n e p p u r e d i s c u t e r e . Invece il BATJM, op. cit.,
p . 3, c r i t i c a q u e l l ' o p i n i o n e da] p u n t o di v i s t a g i u r i d i c o del « lavoro ». B a s t a , p e r
l u i , il c r i t e r i o o g g e t t i v o ( d i s p i e g a m e n t o di e n e r g i e p e r u n r i s u l t a t o utile ad a l t r i ) ,
n o u occorre a l c u n elemento s o g g e t t i v o , l ' i m p u l s o che a c c o m p a g n a e d e t e r m i n a il
l a v o r o . I n r e a l t à io credo s e m p r e che p e r esservi lavoro v i deve essere la c o a z i o n e :
q u e s t o è l ' e l e m e n t o che in p r a t i c a d i s t i n g u e il l a v o r o dal gioco. È p r o v a t o c h e
b i m b i non a n c o r a o b b l i g a t i a f r e q u e n t a r e le scuole p r e s t a n o u n l a v o r o senza s a p e r e
c h e è v e r o l a v o r o : d o v r e m o p e r c i ò r i t e n e r e che la legge sul lavoro dei fanciulli
nou li c o n t e m p l a ? S a r e b b e e n o r m e . E i n f a t t i q u e s t a legge fissa un l i m i t e d i età
al l a v o r o d e i f a n c i u l l i u n i c a m e n t e p e r c o n s i d e r a z i o n i fisiologiche (cfr. spec. a r t . 1
t. u . l . ° n o v e m b r e 1907, q u a n t o al l i m i t e d i a n n i 15 pei lavori pericolosi ecc.), n o n
g i à p e r il f a t t o c h e p r i m a di q u e l l ' e t à m a n c h i la coscienza della coazione al l a v o r o :
vi sono f a n c i u l l i di o t t o o dieci a n n i che l ' a m a r a e s p e r i e n z a della v i t a h a r e s o
p s i c h i c a m e n t e a d u l t i p r i m a del t e m p o . L a legge n o u r i t i e n e che i f a n c i u l l i , p r i m a
d i u n a c e r t a e t à p o s s a n o e s s e r e a s s o g g e t t a t i : a s s o g g e t t a t i , si n o t i ; è la coazione che
s o p r a t u t t o i m p o r t a , P e r c h è q u a n d o essa s u s s i s t e al f a n c i u l l o n o n s a r à p i ù possibile
d i a r r e s t a r e la s u a a t t i v i t à n e l p u n t o d a cui c o m i n c i a la f a t i c a , la p e n a , e q u e s t o
è q u a n t o la legge p r o v v i d a m e n t e (più o m e n o efficacemente, p u r t r o p p o !) i n t e n d e
e v i t a r e . Questo concetto, a m i o a v v i s o r i s u l t a i m p l i c i t a m e n t e d a l l ' a r t . 3 r e g o l a m .
d e t t o t e s t o u n i c o (11 g i u g n o 1909, n. 442), ove si d i s c o r r e di f a n c i u l l i « a d d e t t i
al l a v o r o ». N a t u r a l m e n t e se vi è gioco la cosa è d i v e r s a : la Cassazione f r a n c e s e ,
25-111-04, nel Bull, de l'inspect du travati, p. 208, non v i d e , g i u s t a m e n t e , u n a v i o -
lazione della legge sul l a v o r o dei f a n c i u l l i , i n u n ' i p o t e s i s i f f a t t a . C f r . GERMAIN, c i t . ,
p . 100. Così p u r e va a c c e t t u a t a quella coazione che è concessa alla p a t r i a p o t e s t à ,
n e l l ' i u t e r e s s e del f a n c i u l l o . Q u i non vi è gioco, m a n e p p u r e il l a v o r o q u a l e i n t e -
r e s s a il c o n t r a t t o di l a v o r o . I n f a t t i l ' a r t . 1 l e g g e f r a n e , 2 u o v . 1892 s o t t r a e a l i a
logge i l a v o r i e f f e t t u a t i l a d d o v e non sono i m p i e g a t i c h e i m e m b r i della f a m i g l i a
s o t t o l ' a u t o r i t à del p a d r e , della m a d r e o del t u t o r e , e s o t t o la loro d i r e z i o n e . E
l ' a r t . 2 r e g o l . i t a l . c i t . , e c c e t t u a gli i s t i t u t i in cui il lavoro dei f a n c i u l l i h a scopo
p r e v a l e n t e m e n t e p e d a g o g i c o , o c o m u n q u e n o n è u n a s p e c u l a z i o n e del c r e d i t o r e del
lavoro.

*) Principles, p . 134.
piacere d e r i v a t o d i r e t t a m e n t e dall'opera ». Il piacere ci p u ò essere,
ma non è n o r m a l m e n t e l'impulso e lo scopo p r i m a r i o : n u l l a di male
q u i n d i a rilevare (entro questo limite e in questo senso) il concetto
del piacere nella definizione del lavoro. Non potrei q u i n d i aderire al-
l'osservazione critica del Cognetti de Martiis 1 ) che vorebbe t o t a l m e n t e
escluso quel concetto. I n v e c e il lavoro sia economico (preso in consi-
derazione dall'economia politica), sia giuridico (come oggetto del con-
c o n t r a t t o di lavoro) è quello che p r o c u r a u n ' u t i l i t à a terzi, b e n c h é
a n c h e q u e s t a formula non sia a s s o l u t a m e n t e precisa. Quello che im-
p o r t a d u n q u e è lo scopo, q u i n d i la coazione, che quello scopo salva-
guarda, e che, come v e d r e m o , è u n a c a r a t t e r i s t i c a del c o n t r a t t o di
lavoro 2 ); n o n già la penosità o il piacere. T u t t a v i a il piacere egoistico
(gioco), o l ' u t i l i t à p u r a m e n t e o p r e v a l e n t e ' d i terzi (mandato, deposito),
o 1' utilità di terzi a c c o m p a g n a t a dalla propria (contratto di lavoro)
sono scopi differenti che influiscono s u l l ' a t t e g g i a m e n t o economico-giu-
ridico di un complesso di a t t i che, a seconda di quegli impulsi, pos-
sono (senza o g g e t t i v a m e n t e m u t a r e ) a v e r e v a r i a s t r u t t u r a e v a r i a
disciplina giuridica.
U n ' u l t i m a obbiezione ci si p o t r e b b e infine opporre. Se il lavoro è
p r e s t a t o dietro compenso, ciò significa c h e il lavoro è penoso, e che
la m e r c e d e costituisce u n mezzo per r e i n t e g r a r e la l a c u n a c r e a t a dal
penoso d i s p i e g a m e n t o di energie. Q u e s t a obbiezione, ch'io sappia, n o n
è mai s t a t a così e s p l i c i t a m e n t e f o r m u l a t a , m a si i n t r a v e d e t r a le linee.
A g g i u n g o a rincalzo l ' a r g o m e n t o del J e v o n s 3) : t a n t ' è vero che vi è
la legge economica del m i n i m o mezzo. D a ciò a d u n q u e a erigere la
p e n o s i t à alla d i g n i t à di p r e s u p p o s t o economico-giuridico del lavoro il
passo è breve.
V e r a m e n t e qui n o n possiamo a n t i c i p a r e u n a t r a t t a z i o n e che f a r e m o
s u c c i n t a m e n t e in a l t r o luogo, a l l o r q u a n d o e s a m i n e r e m o il concetto
della m e r c e d e e la p o r t a t a economico-giuridica dello scambio conte-
n u t o nel c o n t r a t t o di lavoro. Ma è v e r i s s i m o c h e nello scambio a b b i a m o
che o g n u n o dei p e r m u t a n t i t e n d e a p r o p o r z i o n a r e con u n p r o p r i o ap-
p r e z z a m e n t o s o g g e t t i v o la p e n a che gli d e r i v a d a l l a p r i v a z i o n e di u n a
ricchezza che cede, o da u n l a v o r o f a t t o p e r altri a l l ' u t i l e che dal-
l'altro p e r m u t a n t e p u ò c o n s e g u i r e ; q u a n d o i d u e a p p r e z z a m e n t i coin-
cidano, allora si a t t u a il b a r a t t o . P e r c o n s e g u e n z a o g n u n o t e n d e a f a r e
il m i n o r sacrificio possibile p e r o t t e n e r e il m a g g i o r possibile v a n t a g g i o ,
ed ecco la legge del m i n i m o mezzo c h e è l e g g e u n i v e r s a l e l a d d o v e si

' ) Biblioteca dell'economista, III, 2, 256 s e g . Del r e s t o s o s t e n e n d o elle il l a v o r o


p e n o s o cessa d a l l ' e s s e r e u n l a v o r o e c o n o m i c o , il JEVONS ( c i t . d a l COGNETTI) a t -
t e n u a s i n g o l a r m e n t e il c o n c e t t o di un lavoro necessariamente penoso !
2
) C f r . su ciò p i ù a v a n t i , c a p o V, § 4.
3
) Cfr. COGNETTI DE MARTIIS, op. cit., p. 41.
sia di f r o n t e all'/tonto oeconomicus, legge universale vera anclie nel
campo del diritto, dove potrei citare u n a folla di esempi che la com-
p r o v a n o : dalla c o m m u t a t i v i t à dei c o n t r a t t i all'uso delle servitù, alla
disciplina generale di certi i s t i t u t i giuridici. Ma qui, si noti, abbiamo
il concetto di quella p e n a che sussiste anche per il grosso i n d u s t r i a l e
che p r o m e t t e u n a piccola p a r t i t a di prodotti che egli f a b b r i c h e r à ap-
p o s i t a m e n t e , o x^el celebre t e n o r e che p r o m e t t e u n a r o m a n z a per u n
f o n o g r a f o : forme a n c h e q u e s t e di c o n t r a t t o di lavoro, e concetto molto
a s t r a t t o e relativo di penli che sarà n a t u r a l m e n t e assai più intenso
(soggettivamente) nel facchino che per molto minor mercede s u b i r à
u n a p e n a i n f i n i t a m e n t e maggiore.
N o n è a d u n q u e di q u e s t a forma di p e n a che discorriamo, q u a n d o
si p a r l a di lavoro penoso : la p e n a nel senso che a noi interessa, cioè
come fatica, n o n è che u n o degli elementi che influiscono o possono
influire solla offerta del lavoro, q u i n d i sul t a s s o della m e r c e d e : esso
è un elemento v a r i a b i l e , con cui il tasso della m e r c e d e n o n h a u n a
relazione di proporzione immediata, u n elemento che p u ò essere mi-
nimo p u r e l e v a t i s s i m a essendo la mercede. I n fondo le parole p e n a
o p r i v a z i o n e o sacrifìcio di cui ci serviamo potrebbero, discorrendo
dello scambio, e della l e g g e edonistica s u c c i t a t a , essere eliminate di
s c o r r e n d o p i ù g e n e r i c a m e n t e solo di p r o p o r z i o n a m e n t o o a d a t t a m e n t o
del mezzo al fine £), al l u m e della legge generale regolatrice che è
quella della d o m a n d a e dell'offerta. B i s o g n a a n c h e por m e n t e che se
si scorge nella m e r c e d e , p i ù che il sintomo, la m i s u r a della penosità,
l o g i c a m e n t e si d o v r e b b e r i t e n e r e n o n penoso il lavoro p r e s t a t o a ti-
tolo g r a t u i t o : ciò che n o n è v e r o , p u r essendo qui verosimile u n a peno-
sità m i n o r e (cosicché a l c u n e leggi di t u t e l a del lavoro, come vedremo,
n o n si riferiscono a d esso).
C h e la p e n o s i t à n o n sia u n p r e s u p p o s t o giuridico del lavoro 2) n o n
toglie d ' a l t r a p a r t e (come g i à a b b i a m o notato) che n e p o s s a essere
u n a qualità, c o n t i n g e n t e è vero, e perciò a p p u n t o n e g h i a m o che sia
u n p r e s u p p o s t o : ma u n a q u a l i t à che, a v v e r a n d o s i , o p i ù e s a t t a m e n t e
r i t e n e n d o s i a s t r a t t a m e n t e come s u s s i s t e n t e per certe categorie d i
« lavoro », p u ò a s s u m e r e u n a vera e g r a n d e i m p o r t a n z a giuridica,
come m o t i v o che d e t e r m i n a l ' i n t e r v e n t o legislativo a t u t e l a di chi
p r e s t a il lavoro in condizioni d a r i s e n t i r n e n o r m a l m e n t e u n a pena.
U n ' a p p l i c a z i o n e e v i d e n t e è l ' i n t e r v e n t o colla legge sul riposo fe-
s t i v o ; e colle e v e n t u a l i limitazioni di ore di lavoro che u n a legge
p o s s a contenere.

') D a ciò d e r i v a elle è ia.voro t a n t o quello del f u o c h i s t a a d d e t t o ai f o r n i p e r


la p r o d u z i o n e d e l g a s , q u a n t o q u e l l o a s s a i meno penoso di u n a g u a r d i a d a z i a r i a ,
l a cui a t t i v i t à non è c o n t i n u a . È uu o r r o r e s c o r g e r e (come f u t a l o r a s o s t e n u t o )
p e r q u e s t ' u l t i m o caso n o n g i à il l a v o r o , m a u n a « p r e s t a z i o n e p e r s o n a l e ».
2
) C f r . il g i à cit. Staatsìexikon, 1. cit.
È i a condizione di maggiore o minore penosità che regola q u e s t o
i n t e r v e n t o i ). Già n o t a m m o come essa sia maggiore nel lavoro in-
dustriale eli e nell'agricolo. E i n f a t t i — almeno sino a d oggi — il
legislatore, salvo quella f o r m a p a r t i c o l a r m e n t e penosa di lavoro che
è il lavoro delle risaie, è i n t e r v e n u t o a t u t e l a r e specialmente il primo,
e in esso s o p r a t u t t o il lavoro gravoso che si svolge nelle miniere.
E s s a è maggiore per le p e r s o n e fisicamente più deboli. E d ecco l'in-
t e r v e n t o legislativo pel lavoro delle d o n n e e dei fanciulli L a pe-
nosità a u m e n t a , e diminuisce q u i n d i la gioia del l a v o r a r e 3 ) , q u a n t o
maggiore è l'indipendenza, l'autonomia di chi lo p r e s t a , p e r c h è t a n t o
p i ù si a v v i c i n a agli a t t i compiuti s p o n t a n e a m e n t e , per u t i l i t à esclu-
s i v a m e n t e propria. Q u i n d i l ' i n t e r v e n t o legislativo n o n s u s s i s t e p e r il
lavoro p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l e , b e n c h é t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o
(locazione d'opere), p e r c h è qui la s u b o r d i n a z i o n e è meno rigida. E t a n t o
meno (per il medesimo motivo) poi s u s s i s t e per il lavoro t e c n i c a m e n t e
a u t o n o m o (locazione d'opera), a n c h e se p r e v a l e n t e m e n t e m a t e r i a l e e
fisicamente e s t e n u a n t e : mi b a s t i citare il lavoro a domicilio, che è
u n esempio molto c a l z a n t e ; e inoltre l ' a r t i g i a n a t o .
L ' e v e n t u a l e p e n o s i t à del lavoro h a u n a ripercussione più o meno
r i l e v a n t e a n c h e nel r e g o l a m e n t o giuridico che le p a r t i possono impri-
m e r e ai r a p p o r t i scatenìi dal c o n t r a t t o di lavoro. È certo che aumen-
t a n d o la p e n o s i t à del lavoro, d i m i n u i s c e q u e l l a che si è c h i a m a t a la
gioia del lavoro, e d i m i n u i s c e p r o p o r z i o n a l m e n t e a n c h e il r e n d i m e n t o
del lavoro. È n e l l ' i n t e r e s s e q u i n d i del c r e d i t o r e del lavoro di p o r r e chi
p r e s t a il lavoro in condizioni che gli a b b i a n o a d i m i n u i r e s e m p r e p i ù
q u e l c a r a t t e r e penoso, che a d ogni modo- difficilmente p u ò ( q u a n d o vi è)
eliminarsi t o t a l m e n t e . Di qui a t t e g g i a m e n t i v a r i del r a p p o r t o giuridico
in o r d i n e a l l ' a m b i e n t e di lavoro, agli i s t r u m e n t i di lavoro; alle inter-
ruzioni del lavoro a scopo di r i p o s o ; di qui, q u a n d o il l a v o r o sia
p r e s t a t o da notevoli c o l l e t t i v i t à di operai, i t u r n i di lavoro, che p e r ò
sono talora d e t e r m i n a t i a n c h e d a a l t r e ragioni (così la n e c e s s i t à che
n o n vi siano soluzioni di c o n t i n u i t à n e l lavoro, a d es. p e r l ' a c c e n s i o n e
dei forni). A q u e s t o c o n c è t t o si r i c o n n e t t e a n c h e il t r a t t a m e n t o giu-
ridico del c o s i d e t t o l a v o r o s t r a o r d i n a r i o , od ore s t r a o r d i n a r i e di lavoro
(fonte di t a n t e c o n t r o v e r s i e in p r a t i c a ) , a cui c o r r i s p o n d e u n a u m e n t o
di m e r c e d e , p e r la m a g g i o r p e n o s i t à del lavoro.
14. Sia il l a v o r o p e r r i s u l t a t o m a t e r i a l e come i s e r v i g i possono con-
s i s t e r e n e l l a a t t u a z i o n e di e n e r g i e di lavoro muscolare, q u i n d i mate-

') D e g n o di n o t a è s p e c i a l m e n t e l ' a r t . 1 d e l T . U . sul l a v o r o delle d o n n e e


dei f a n c i u l l i , 1.° HOT. 1907, c h e fissa l ' e t à m i n i m a di 15 a n n i p e r i f a n c i u l l i , d i
24 a n n i p e r le d o n n e q u a n t o ai l a v o r i « pericolosi, t r o p p o f a t i c o s i o i n s a l u b r i » .
2
) C f r . in g e n e r e HEHKNER, Ueber die Arbeilsfreude.
3
) LOTMAR, Arbeitavertrag, I, p. 74.
riale; o p p u r e n e l l ' a t t u a z i o n e di energie intellettive. V e r a m e n t e non
si d à mai il caso di un impiego di energie p u r a m e n t e muscolari o
p u r a m e n t e i n t e l l e t t i v e 1). S e m p r e si dà, invece, u n a combinazione delle
u n e e delle altre, m a in proporzione reciproca variabile 2). Cioè si p u ò
a v e r e la prevalenza del lavoro muscolare (come è, del resto, legisla-
t i v a m e n t e ammesso coll'art. 13 del testo unico sulla Cassa nazionale
di p r e v i d e n z a per la i n v a l i d i t à e vecchiaia degli operai, 30 maggio
1 9 0 7 : « . . . l a v o r i p r e v a l e n t e m e n t e m a n u a l i . . . » ) , o la prevalenza del
lavoro intellettivo. Il facchino e lo s t e r r a t o r e impiegano a p r e v a l e n z a
lavoro muscolare, ma certo lo a t t e g g i a n o v a r i a m e n t e secondo criteri
regolatori che esigono u n sia p u r e minimo sforzo i n t e l l e t t u a l e 3 ) ; e
il m u s i c i s t a che deve scrivere u n ' o p e r a deve p u r t r a d u r r e sulla c a r t a
i segni che a b b i a n o a e t e r n a r e la p r o p r i a ispirazione artistica.
I r e c e n t i progressi della t e c n i c a i n d u s t r i a l e h a n n o su questo p u n t o
v a r i a m e n t e r e a g i t o ; con reazioni differenti, m a perciò a p p u n t o a t t e a
provocare u n certo equilibrio. I n f a t t i , da u n lato la divisione del la-
voro h a condotto a u n a g r a n d e specializzazione che h a reso m a r c a t o
e uniforme, q u i n d i da q u e s t o lato d i m i n u i t a l ' i n t e l l e t t u a l i t à del lavoro,
a differenza dall'antico sistema di lavoro, in cui la molteplicità delle
mansioni e la n e c e s s i t à di seguire la produzione dal principio alla
fine influirono n o t e v o l m e n t e s u l l ' i n t e l l e t t u a l i t à tecnica e a r t i s t i c a dei
m a e s t r i e dei garzoni raccolti nelle corporazioni. D ' a l t r a p a r t e , però,

(
) Il MACLEOD, in JBibliot. dell'Eeonom., ILI, 3, p. 725, e s a g e r a l ' i m p o r t a n z a
d e l l a v o r o m e n t a l e sino a d i r e elle l a v o r o significa esercizio della m e n t e , c o m u n q u e
si m a n i f e s t i : c o l l i m a n i , colla f a v e l l a .
2
) l i LEROY-BEADLIEU c o n s i d e r a a t o r t o gli o p e r a i come l a v o r a t o r i p u r a m e n t e
fisici ; I, p . 152. Q u a l c u n o , come LEO VOM BUCH, Intensitat dei• Arbeit, JVerk und
Preis dei• Waaren, L e i p z i g , c e r c a di c o n c e p i r e il l a v o r o d e l l ' u o m o d a u n p u u t o d i
v i s t a u n i l a t e r a l e , cioè e s c l u s i v a m e n t e m e c c a n i c o , a p p l i c a n d o a q u e s t o l a v o r o i
p r i n c i p i s e n z ' a l t r o d e l l a m e c c a n i c a . Cile l ' u o m o sia u n a i m a specie di m a c c h i n a
t e r m o d i n a m i c a p u ò fino a u n c e r t o p u n t o c o n v e n i r s i . M a q u e s t o c o n c e t t o n o n v a
e s a g e r a t o ; è e r r o n e o l i m i t a r e il l a v o r o u n i l a t e r a l m e n t e a q u e s t o c o n c e t t o . A n c h e
il LEXIS, negli Jabrbiieher dello SCHJIOLLER, 23.°, p. 913, o s s e r v a g i u s t a m e n t e che
n e l b a d i l a n t e a c c a n t o a l l a p a r t e m e c c a n i c a c ' è u n a p a r t e , sia p u r e m i n i m a , p u r a -
m e n t e r a z i o n a l e d ' i n t e l l i g e n z a c h e è p r o p u l s o r e del l a v o r o . Anzi si p u ò d i r e c h e ,
oid m a c c h i n i s m o , la p a r t e r a z i o n a l e v a d a s e m p r e p i ù p r e p o n d e r a n d o . L a m a c c h i n a
h a d i m i n u i t o ( c f r . WEBER, Kampf, c i t . p . 26) l ' i m p o r t a n z a del l a v o r o m a n u a l e :
l ' a b i l i t à m a n u a l e dei v e c c h i « m a e s t r i » si a s s e r i s c e s c o m p a r s a . E s a t t a m e n t e , i n v e c e ,
il c a r a t t e r e solo di p r e v a l e n t e m a n u a l i t à è a v v e r t i t o nella Relazione ministeriale al
p r o g e t t o di l e g g e sul c o n t r a t t o di l a v o r o del 26 n o v e m b r e 1902, p. 6.
3
) L a c o n c e z i o n e u n i l a t e r a l e del l a v o r o d a q u e s t o p u n t o di v i s t a si r i t r o v a , ad
es., n o l l a d e f i n i z i o n e c h e n e h a d a t o il SAY ( T r a i l e , I, c a p . V I I ) : l ' a z i o n e c o n t i -
n u a t a p e r o t t e u e r e u n o dei p r o d o t t i i n d u s t r i a l i . 11 curioso è c h e , come o s s e r v a
a n c h e il NITTI (Il lavoro, in Riforma sociale, 1895, p. 7), il SAY f u u n o dei p r i m i
a r i l e v a r e il l a v o r o por o t t e n e r e p r o d o t t i i m m a t e r i a l i . E c c o u n a definizione c h e
r i n n e g a la teoria !
l'alimentato impiego delle macchine h a dato u n notevole i n c r e m e n t o
alla m e n t a l i t à dell'operaio, diminuendone la p a r t e p u r a m e n t e manuale.
P a r r e b b e però che questo incremento n o n sia g r a n cosa; dall'in-
chiesta f a t t a dal L e v e n s t e i n p a r r e b b e r i s u l t a r e che b e n poca cosa
sia, accanto alle macchine, la vita del pensiero dell'operaio: salvo,
si intende, la possibilità del pensiero n o n coordinato al lavoro, m a
che è u n a sovrapposizione a questo, e non sempre uno svago ').
Q u e s t a classificazione del lavoro è diversa da quella, che poi breve-
m e n t e illustreremo, tra lavoro per r i s u l t a t o m a t e r i a l e e servizio; diversa
in q u a n t o si applica al lavoro che consiste nella « produzione » così come
al servigio. È u n a classificazione c e r t a m e n t e più palese per i servigi,
in cui m a n c a l'elemento della elaborazione di u n a m a t e r i a prima, o di
u n a cosa materiale. Qui si v a dal facchino che t r a s p o r t a u n a valigia,
a l l ' a r t i s t a che c a n t a sul palcoscenico, allo s c r i t t o r e che si i m p e g n a a
scrivere u n romanzo, all'avvocato che dà u n p a r e r e : e in questi ultimi
esempi il lavoro p u r a m e n t e muscolare si può r i d u r r e a u n minimum,
come è p'er le cosidette professioni liberali (avvocati, medici, ecc.).
Invece, t r a t t a n d o s i di un lavoro m i r a n t e alla produzione di u n risul-
t a t o materiale, Io sforzo muscolare h a s e m p r e u n a p a r t e p i ù n o t e v o l e :
così è ad es. dello scultore, il quale, a c c a n t o ad u n p r e v a l e n t e lavorio
i n t e l l e t t i v o e psichico h a p u r e u n non indifferente sforzo muscolare.
A d ogni modo quello che i m p o r t a qui r i l e v a r e è che il lavoro p u ò
e s s e r e p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l e a n c h e se c o n d u c e a u n r i s u l t a t o
materiale e viceversa.
O g g i p r e s s o c h é n e s s u n Codice, che t r a t t i , si i n t e n d e , del c o n t r a t t o
di lavoro nella s u a p i ù l a t a accezione e d a un p u n t o di v i s t a gene-
rale, r i c o r d a q u e s t a distinzione t r a lavoro p r e v a l e n t e m e n t e m a t e r i a l e
o m a n u a l e , e quello p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t i v o . N o n i codici a t i p o
n a p o l e o n i c o ; n o n quelli tedeschi. B l ' E n d e m a n n 3) t r o v a p e r f e t t a m e n t e
ragionevole q u e s t o silenzio. Ma, checché se n e p e n s i in proposito,
q u e s t o n o n toglie che t a l e distinzione 4) a b b i a u n a n o n piccola impor-

!) LEVENSTEIN, Die Jrbeiterfrage, B e r l i n , 1912, p . 102 s e g . Se il l a v o r o è fa-


ticoso, t a l e v i t a di p e n s i e r o l a t e r a l e a l l a v o r o , a d esso e s t r a n e a , è a n c h e un n u o v o
t o r m e n t o : t a l e l a s i n t e s i m e l a n c o n i c a del LEVENSTEIN (p. 1 0 8 ) : il q u a l e c o n c l u d e
i n s i s t e n d o s u l l a g r a n d e i m p o r t a n z a oggi di q u e s t a d i s t i n z i o n e t r a l a v o r o m a t e r i a l e
ed e l e v a t o .
2
) Il Cod. p o r t o g h e s e f o n d e a s s i e m e le d u e c a t e g o r i e di l a v o r o , a r t . 1409. I n v e c e
il Cod. svizzero, che si p r e o c c u p a s p e c i a l m e n t e del l a v o r o m a t e r i a l e , a l l ' a r t . 361
e s t e n d e le n o r m e del s c o n t r a t t o di l a v o r o » a n c h e « ai c o n t r a t t i a v e n t i p e r og-
g e t t o , v e r s o u n p a g a m e n t o di o n o r a r i o , p r e s t a z i o n i che r i c h i e d a n o u n a speciale
c o l t u r a s c i e n t i f i c a ed a r t i s t i c a » . I n v e c e l ' a s s i m i l a z i o n e è più. g i u r i d i c a nel C o d .
civ. t e d e s c o . Il Codice s p a g l i n o l o , a r t . 1544 ( u g n a l e al n o s t r o 1570), a l l u d e p r o b a -
b i l m e n i e alle d u e f o r m e di l a v o r o c o l l ' e s p r e s s i o n e « eseguire un lavoro o ren-
d e r e un s e r v i g i o ».
3
) I n Jahrbiicher far Nationalwlconomie, 1890, p . 699.
4
) Il CLARK, Principe» d'economique, 1911, p . 13 s e g . , p a r e r i c o n o s c a u n a t r i p l i c e
t a n z a g i u r i d i c a : bencliè sia minore pel diritto positivo attuale, che
n o n lo sia s t a t a in passato. Oggi (e la dimostrazione si svilupperà d a
q u a n t o a n d r e m o poi dicendo) il nostro sistema giuridico tende a fon-
dere le d u e categorie di lavoro a c c o m u n a n d o ad esse la medesima r e t e
giuridica di sicurezza, nelle sue linee generali (cioè il medesimo tipo
di negozio): il c o n t r a t t o di lavoro. Ciò d i p e n d e da u n a eguale consi-
derazione che si h a delle d u e categorie di lavoro.
Ma n o n f u sempre così. Q u e s t a distinzione di cui ci occupiamo h a
d i e t r o di sè u n a l u n g a storia, che r a p p r e s e n t a l'originaria elevazione
di u n a b a r r i e r a r i t e n u t a i n s u p e r a b i l e t r a le d u e categorie di lavoro,
fino a r i c o n d u r l e a d u e tipi negoziali differenti; il successivo sgreto-
larsi di quella b a r r i e r a ; infine la s u a scomparsa.
S c o m p a r s a t o t a l e ? Se i n t e n d i a m o q u e s t a d o m a n d a col riferimento
allo s t a t o della d o t t r i n a e della g i u r i s p r u d e n z a , la r i s p o s t a non è af-
f e r m a t i v a . U n r e s i d u o , q u a l c h e eco dell'antica concezione differenzia-
t r i c e noi t r o v i a m o s p e r d u t a q u a e là nella d o t t r i n a (e lo v e d r e m o più
a v a n t i , a proposito delle opere liberali e del m a n d a t o ) . M a l'opinione
di g r a n l u n g a p r e v a l e n t e si p u ò dire oggi ormai sicura nel senso da
noi sopra accolto, e l i m i n a n t e quella b a r r i e r a che n o n si i n t e n d e v a se
n o n come u n p r o d o t t o storico di o r d i n a m e n t i economici che non sono
p i ù quelli in cui oggi ci troviamo.
15. L a d i m o s t r a z i o n e di questo a s s u n t o esigerebbe u n ' i n d a g i n e sto-
rica molto m i n u t a : la storia di q u e s t a differenza t r a lavoro m a t e r i a l e
e i n t e l l e t t u a l e in f o n d o non è che la storia del c o n t r a t t o di lavoro.
Ora, q u e s t a n o n a p p a r t i e n e al campo a cui i n t e n d i a m o l i m i t a r e le
n o s t r e r i c e r c h e '). Ci b a s t i r i c o r d a r e come in t e m p i molto remoti il
lavoro era t e n u t o a vile, p e r ragioni v a r i e ; p r o b a b i l m e n t e la p r i m a

classificazione, e cioè il l a v o r o « m o r a l e » a c c a n t o al m u s c o l a r e e a l l ' i n t e l l e t t u a l e .


C i t a come e s e m p i o d e l l a classificazione ! a) f a r e un f o s s a t o , l a v o r o m a n u a l e ; 6) d a r
un p a r e r e g i u r i d i c o , l a v o r o c e r e b r a l e ; e) g e r i r e la p r o p r i e t à del p r o p r i e t a r i o a s s e n t e ,
l a v o r o m o r a l e . Ma v e r a m e n t e qui v i è u n a miscela di l a v o r o m u s c o l a r e e c e r e b r a l e
v a r i a m e n t e p r e v a l e n t i , s e c o n d o i casi, e, p e r di p i ù (ma non s o l a m e n t e q u i i )
l ' e l e m e n t o fiduciale, che a suo t e m p o v e d r e m o c o m p e n e t r a r e p i ù o m e n o il r a p p o r t o
s c e n d e n t e d a l c o n t r a t t o di lavoro. Ad o g n i modo d a u u p u n t o d i v i s t a economico-
g i u r i d i c o q u e s t o l a v o r o « m o r a l e » n o n a v r e b b e , caso m a i , i m p o r t a n z a , per l ' i m -
p o s s i b i l i t à c h e esso c o n d u c a a u n r i s u l t a t o u t i l e a d a l t r i . Vi c o n d u c e solo se u n i t o
a u n notevole sforzo muscolare o intellettuale.
' ) Del r e s t o u n a s t o r i a del l a v o r o f a t t a con i n t e n t i e m e t o d i v e r a m e n t e m o d e r n i
n o n esiste, b e n c h é le m o n o g r a f i e s t o r i c h e sul l a v o r o s i a n o a b b a s t a n z a n u m e r o s e .
Ricorderò le o p e r e d e l d ' A v E N E L , d e l BRISSON, d e l LEVASSEUR, del S. MARTIN, ecc.
L a s t o r i a del l a v o r o è difficile, p e r c h è i l a v o r a t o r i non e b b e r o c a p a c i t à u è f u r o n o
in c o n d i z i o n i di l a s c i a r n u m e r o s e t r a c c i e d o c u m e n t a l i , come a v v e n n e invece, ad es.,
pei r a p p o r t i s u l l a t e r r a (perciò t r a e c i e d o c u m e n t a l i vi h a n n o p e r il l a v o r o t e r r i e r o ) .
Del r e s t o pel c o n t r a t t o di l a v o r o nou occorre lo s c r i t t o ( c f r . il CONRAD n e i snoi
Jahrbiieher, I, p . 211-212) e il l a v o r o e r a t e n u t o in n e s s u n c o n t o : a l t r e r a g i o n i
c h e g i u s t i f i c a n o l a s c a r s e z z a di indici e s t e r i o r i p e r v e n u t i sino a noi.
clic si affacciò dovette essere semplicemente la constatazione clie il
lavoro il più delle volte era u n a p e n a ; l a doveva essere specialmente
nelle razze p r i m i t i v e in cui, a q u a n t o pare, l ' e s u b e r a n z a dei beni
naturali, e la limitatezza dei bisogni doveva f o m e n t a r e la pigrizia ').
P e r c i ò il lavoro e r a caricato sulle spalle degli i n d i v i d u i inferiori, e
t e n u t i piii a vile (es. i prigionieri di g u e r r a , le donne) 2).
Il Biicher 3), v e r a m e n t e , non è di q u e s t ' a v v i s o , b e n c h é l e - s u e ra-
gioni n o n siano i n t e r a m e n t e p e r s u a s i v e ; non s a r e b b e stato l'horror
laboris, che da principio d e t e r m i n ò la s c a r s a considerazione in cui il
lavoro era t e n u t o , m a la i s t i n t i v a r i p u g n a n z a per ogni sforzo psichico
(intellettuale o volitivo), n o n già la s t a n c h e z z a muscolare.
C o m u n q u e è certo che la società si organizzò p r e s t o in b a s e a u n a
clivi sione di attribuzioni che lasciava il lavoro alle classi infime (e
ciò diede impulso a n c h e alla formazione di u n a classe di servi o
schiavi), e alle classi superiori (i g u e r r i e r i , i sacerdoti) le m a n s i o n i
direttivi* o r i t e n u t e p i ù nobili 4). Q u e s t a organizzazione sociale si
p r o j e t t a a n c h e sull'organizzazione più s t r e t t a m e n t e g i u r i d i c a del la-
voro. Q u e l l a distinzione i n f a t t i si ripete a n c h e q u a n t o al r a p p o r t o
giuridico che c o s t r i n g e v a a dare le energie di lavoro n e l l ' i n t e r e s s e
a l t r u i . II processo logico qui è evidente. N o n si c o n c e p i v a lavoro re-
t r i b u i t o se n o n dato d a p e r s o n e dei p i ù b a s s i ceti sociali, q u e s t o la-
voro, almeno in origine, d o v e t t e e s s e r e p r e v a l e n t e m e n t e m a t e r i a l e ;
perciò sorse il concetto c h e n o n p o t e v a essere r e t r i b u i t o se n o n il
lavoro m a t e r i a l e (le operae illiberales), q u a l e 'solo i n d i v i d u i di classe
servile (non liberi, c o n s i d e r a t i come res quae utenda datur) p o t e v a n o
dare. P o i la q u a l i t à servile di chi d a v a il p r o p r i o l a v o r o potè v e n i r
m e n o come p r e s u p p o s t o , e si g i u n s e così l o g i c a m e n t e a c o m p r e n d e r e
n e l l a locatio operarmi (di cui sono così e v i d e n t i le affinità s t o r i c h e
colla locatio rei) solo le opere illiberali. Le o p e r e liberali (prevalen-
t e m e n t e intellettuali) n o n e r a n o suscettibili di c o m p e n s o c h e n o n po-
t e v a g i u r i d i c a m e n t e esser preteso. P o i p o t è , in R o m a , e s s e r e p r e t e s o
p e r via della extraordinaria cognitio 5).
Così l ' o r i g i n a r i o d i s p r e z z o p e r il lavoro, come l a v o r o p e r altri, e
perciò r e t r i b u i t o , si condensò nel lavoro p r e v a l e n t e m e n t e m a t e r i a l e .
E si badi : in c o n f o r m i t à a l l ' o r i g i n a r i o s v i l u p p o della locatio operarum
dalla locatio rei, in b a s e al c a r a t t e r e servile del l a v o r o m a t e r i a l e , quel

' ) « Paresse et sauvagerie sont synonimes », LAFARGTJE, Le droit à la paresse, P a r i s ,


1 8 8 3 ; FERRERÒ, iu Revue scientifiquè, 1896, 231 s e g .
2
) I n f a t t i , c o m e g i à s ' è v i s t o e d i m o s t r ò il NITTI, in Riforma sociale, 1895, p . 9,
t u t t i i p o p o l i a r i a n i e b b e r o u n a p a r o l a sola p e r i n d i c a r e il l a v o r o e la f a t i c a o p e n a .
3
) Arbeit und Rhylhmus, c i t . , p. 4.
5
) Del r e s t o lo s t a t o di g u e r r a p e r m a n e n t e in cui si t r o v a v a n o le a n t i c h e t r i b ù
i n d i c a v a la f o r m a z i o n e dei g u e r r i e r i scelti t r a i m i g l i o r i .
4
) C f r . s u q u e s t o a r g o m e n t o a n c o r a a p p r . , n. 87.
disprezzo f u limitato al lavoro p r e s t a t o iu r a p p o r t o di subordinazione
al creditore per cui il lavoro d o v e v a essere f a t t o . I l lavoro tecnica-
m e n t e s u b o r d i n a t o ricorda il r a p p o r t o servile, e certo la subordina-
zione di cui nella locatio operarum d o v e t t e a v e r e origine da quella
che c a r a t t e r i z z a v a il r a p p o r t o t r a il servo e il padrone.
L a cosa m u t a c o m p l e t a m e n t e q u a n t o al lavoro autonomo. G i à qui
l'origine servile non c ' e n t r a per n u l l a ; la locatio operis è n a t a dagli
a p p a l t i di opere o edifici p u b b l i c i : era l ' a t t i v i t à i n d i p e n d e n t e e co-
sciente di cbi s a p e v a d a sè a r r i v a r e al fine che g a r a n t i v a all'ammi-
n i s t r a z i o n e censoria. L ' i n d i p e n d e n z a del lavoro la r e n d e v a accessibile
a n c h e alle artes, non alle sole operae nel senso spregiativo in cui u s a
q u e s t e parole Cicerone 4).
Qui d u n q u e a n c h e il comune operaio si s e n t i v a artefice, a r t i s t a ,
a g e n t e colla p r o p r i a t e s t a e con p r o p r i i criteri : « universitas consum-
mationis ad eum pertinet »; f r . 5 1 § 1 h. t. 19, 2. L o g i c a m e n t e si s a r e b b e
p o t u t o a n c h e concepire che q u e s t a distinzione t r a lavoro m a n u a l e e
lavoro i n t e l l e t t u a l e si e s t e n d e s s e p u r e alla locatio operis: P o i c h é la
erezione di u n opus, come n o t a bene l ' E n d e m a n n 2), si p o t e v a benis-
simo concepire come p r e s t a z i o n e sia di lavoro vile, sia di lavoro più
nobile. Le f o n t i tacciono. E b i s o g n a i n d u r r e , come dicemmo, che l'at-
t i v i t à del conductor operis non fosse r e p u t a t a i n d e g n a di uomini liberi.
L ' E n d e m a n n o s s e r v a che alla i n d i p e n d e n z a della posizione del con-
ductor operis d o v e v a s i a g g i u n g e r e a n c o r a il f a t t o che il conductor di
solito i m p i e g a v a servi o liberti alla erezione dell' opus; la p a r t e ma-
t e r i a l e , vile, v e n i v a r i s e r v a t a a p e r s o n e p u r e di vii condizione. Co-
s i c c h é il eonduGtor n o n si r i s e r v a v a che la p a r t e d i r e t t i v a , che è la
p a r t e più nobile. Il libero, il civis p o t e v a d u n q u e a s s u m e r e impune-
m e n t e la v e s t e del redemptor operis e p r e t e n d e r e u n a r e t r i b u z i o n e
senza t e m a di ledere il decoro proprio del civis, di p e r s o n a lìbera che
g o d e v a t u t t i i privilegi della c a s t a libera dominatrice. Così è che nel
fr. 5 § 2, 19, 5 si r i t i e n e factum lodabile il pingere tabulas 3).

' ) De officile, I, p . 150.


2
) Die rechtliche Sehandlung der Jrbeit, c i t . , p . 653.
3
) È su q u e s t a d i i f e r e u z a t r a locatio operarum e locatio operis che il PERNICE in-
t e n d e r e b b e r i s o l v e r e l a n o t a d i s c r e p a n z a t r a il f r . 1, § 1, de extr. eognit., 50, 13,
che colloca i s e r v i g i d i q u a l u n q u e medico sotto l ' e g i d a della extraordinaria cognitio,
e i f r . 7, § 8, f r . 8 p r . , ad l. aq., 9, 2 c h e a m m e t t o n o a n c h e l'actio ex locato c o n t r o
il m e d i c o servum imperite secare. 11 PERNICE r i t i e n e che in q u e s t ' u l t i m o caso il s e r v o
m e d i c o sia m e d i c o s p e c i a l i s t a c h i a m a t o p e r u u a d a t a m a l a t t i a : allora si concepisce
u n opus, n o n delle operae, e si a m m e t t e c h e p e r q u e s t a p r o f e s s i o n e liberale si p o s s a
d a r e il c o n t r a t t o d i locatio operis (San. Stift., VILI, p . 247, n o t a 6). L o ZIMMERMANN,
Arch. fiir civ. Prosit, 56.°, p p . 223-224, c r e d e i n v e c e che q u e s t a c o n t r a d d i z i o n e sia
inconciliabile.
Che q u e s t o s i s t e m a d i cose o g g i sia uu v e r o a n a c r o n i s m o si i n d u c e a n c h e d a l l a
m a n c a n z a di u n d u a l i s m o t r a g i u r i s d i z i o n e o r d i n a r i a e s t r a o r d i n a r i a , U n a p a l l i d a
I! divario t r a lavoro m a n u a l e e i n t e l l e t t u a l e p e r d u r a nella d o t t r i n a
posteriore tino quasi ad oggi, dal p u n t o di v i s t a della s t r u t t u r a del
r a p p o r t o giuridico. Solo si assegnò al lavoro m a t e r i a l e la locazione
d'opere, all'intellettuale (opere liberali) il m a n d a t o . V e d r e m o p i ù a v a n t i
clic cosa si d e b b a p e n s a r e oggi di q u e s t o concetto.
I n t a n t o si può sin d'ora affermare che questo concetto r a p p r e s e n t a
u n a m e n t a l i t à in a r r e t r a t o ; l a d o t t r i n a giuridica clie ad esso'aderisce
n o n solo non h a precorso i tempi, m a n o n h a n e p p u r capito l'innega-
bile evoluzione che t r a s f o r m ò la s o s t a n z a delle cose, q u a n t o alla fun-
zione e alla considerazione sociale del lavoro. È u n fenomeno n o n
n u o v o , che si p u ò solo spiegare c o l i ' e v i d e n t e , e per certi a s p e t t i
provvidenziale t e n d e n z a c o n s e r v a t r i c e del diritto, che però in q u e s t o
caso, e lo dimostreremo, è vera miopia sociale e giuridica. A d ogni
modo q u a n d o taluni oggi invocano la nobiltà di q u e s t o concetto e la
s u p e r i o r i t à del genio r o m a n o sull'odierno a f f a t t o m e r c a n t i l e n o n si deve
d i m e n t i c a r e che quella distinzione f u a n c h e u n a conseguenza della di-
stinzione degli uomini in liberi e servi; il c o n t a t t o con q u e s t i e la
filosofia stoica a l i m e n t a r o n o s i n g o l a r m e n t e l'orgoglio r o m a n o che di-
ceva opere non d e g n e dei liberi quelle della m a n o , e r i s e r v a t e ai liberi
quelle dello spirito.
Oggi le m u t a t e condizioni sociali e la c r e s c i u t a i m p o r t a n z a del la-
voro in t u t t e le s u e m a n i f e s t a z i o n i e la t e n d e n z a molto p o s i t i v a e
poco s e n t i m e n t a l e di q u e s t o secolo h a d a t o un tracollo alla teoria ro-
m a n i s t i c a , che r i f i u t a v a alla locazione di opere il lavoro elevato della
intelligenza.

r i p r o d u z i o n e d e l l ' a c « o extraordinaria vi s a r e b b e , s e c o n d o il DANKWARDT (op. c i t a t a ,


p a g . 312), nel caso di u n m e d i c o c h i a m a t o d a q u a l c n u o al l e t t o d i u n a l t r o a m m a -
l a t o . O t t e n u t a l a g u a r i g i o n e , il medico p o t r à a g i r e p e r l ' o n o r a r i o c o n t r o l ' e x - a m -
m a l a t o con u n ' a z i o n e che e q u i v a l e a l l a extraordinaria. Ma pel d i r i t t o i t a l i a n o , come
pel d i r i t t o c o m u n e , q u i n o n vi è n e p p u r e u n a p a l l i d i s s i m a r e m i n i s c e n z a di un i s t i -
t u t o p r o c e s s u a l e a f f a t t o r o m a n i s t i c o . È certo che o r i g i n a r i a m e n t e si p a r t i v a dal
c o n c e t t o che il l a v o r o è p e r sè cosa così nobile che s d e g n a u n a r e t r i b u z i o n e . Q u e s t o
c o n c e t t o c o n s o n o col g r a d o di s v i l u p p o d e l l ' e c o n o m i a di quei t e m p i non p o t è d u -
r a r e n e p p u r e allora a l u n g o a n d a r e iu q u e s t a s u a f o r m a a s s o l u t a . E così, m e n t r e
si r i c o n o s c e v a che la r e t r i b u z i o n e a b b a s s a v a il l a v o r a t o r e , si a m m i s e d ' a l t r a p a r t e
l a p o s s i b i l i t à di u n honorarium. E r a u n a s c a p p a t o i a , se si v u o l e : m a a q u e s t o m o d o
i g i u r i s t i r o m a n i c r e d e t t e r o di p o t e r c o n c i l i a r e il c o n c e t t o f o n d a m e n t a l e p r e s o in
p r e s t i t o d a l l a filosofia g r e c a coi bisogni d e l l a v i t a r e a l e . Quali opere f o s s e r o libe-
r a l i , quali illiberali, d o v e v a certo v a r i a r e s e c o n d o i l u o g h i , i m p e r a n d o qui u n a p -
p r e z z a m e n t o s o g g e t t i v o che p u ò m u t a r e coi l u o g h i e coi t e m p i . ULFIANO ci d à n e l
f r . (de extr. eogu., 50, 13) u n a l u n g a e n u m e r a z i o n e , in cui t r o v i a m o i p r o f e s s o r i ,
rliectores, grammatici, geometrae, medici, obstetricee, pHlosopH, librari, notarli, calcu-
latores, tabularli, ludimagistri, corniteli, nutrices, ecc. Del r e s t o su q u e s t o a r g o m e n t o
t o r n e r e m o a n c o r a p i ù a v a n t i (capo IV) a p r o p o s i t o delle o p e r e l i b e r a l i e del
mandato.
Quali ragioni poi a b b i a n o d e t e r m i n a t o il progressivo modificarsi di
q u e s t o s t a t o di cose e l a l e n t a evoluzione del lavoro è a b b a s t a n z a
noto. Certo il primo e p i ù poderoso impulso v e n n e dal Cristianesimo ').
L a Chiesa nobilitò efficacemente il l a v o r o ; ligia al precetto evange-
lico « t u m a n g e r a i il p a n e col s u d o r e della t u a f r o n t e » proclamò
g u a d a g n o lecito solo quello o t t e n u t o mercè il lavoro (quindi b a n d ì le
usure, creò la teoria del prezzo giusto, ecc.).
Ili seguito f u r o n o p u r e f a t t o r i efficaci le t r a s f o r m a z i o n i i n d u s t r i a l i
o m a n i f a t t u r i e r e del lavoro a g r i c o l o 2 ) e, secondo la classificazione del
Cognetti, la esistenza del lavoro libero in c o n t r a s t o col servile, l'abo-
lizione della s c h i a v i t ù , la p a r t e c i p a z i o n e della classe lavoratrice al
p o t e r e politico, la costituzione e lo sviluppo dei sodalizi operai, la
sostituzione del regime a u t o m a t i c o al m a n u a l e , l ' i n t r o d u z i o n e del la-
voro m a n u a l e nelle discipline p e d a g o g i c h e 3).
La g r a n d e i n d u s t r i a h a infine c o n t r i b u i t o p o t e n t e m e n t e , sebbene
in modo i n d i r e t t o , alla p r o g r e s s i v a elevazione delle classi lavoratrici,
e con ciò (le origini storiche lo dimostrano) a n c h e del lavoro m a n u a l e .
E oggi le classi p i ù a r i s t o c r a t i c h e (specialmente f u o r i d'Italia) non
i s d e g n a n o a r i t o r n a r e al l a v o r o m a n u a l e ; n e s s u n seguito h a a v u t o nella
d o t t r i n a l ' a f f e r m a z i o n e del T r o p l o n g 4) che « i l senso morale indica
che vi h a n n o t r a le p r o f e s s i o n i i n e g u a g l i a n z e di m e r i t o e di onore ».
Si p u ò r i s p o n d e r e 5 ) che « è t a n t o o n o r a b i l e e meritevole l'uomo dei
c a m p i e dell'officina q u a n t o il poeta, q u a n d o a d essi brilla nella f a t i c a
loro l ' i d e a del d o v e r e ». T u t t i servono con e g u a l e n o b i l t à la c a u s a
d e l l ' u m a n i t à ; e a q u e s t o proposito si d o v r e b b e r o a v e r e p r e s e n t i le
a u r e e p a r o l e di M a z z i n i 6 ) nella s u a n o t a allocuzione agli operai ita-
liani con cui li e s o r t a v a ad associarsi : « L a p a r o l a operaio non h a
p e r noi a l c u n a indicazione di classe nel significato c o m u n e m e n t e an-
nesso' al v o c a b o l o ; n o n r a p p r e s e n t a inferiorità o s u p e r i o r i t à della classe
s o c i a l e ; esprime u n r a m o di occupazione speciale, u n g e n e r e di lavoro,

') COGNKTTI DE MARTIIS, La mano d'opera, in Bibl. dell'Econom., V, 2, p . CVII


e seg.
2
) Ad es. c o l l ' i n u r b a n a m e n t o dei villici iu F i r e n z e . TONIOLO, Dei remoti fattori
della potenza economica di Firenze nel Medio Evo, 1882.
3
) Su t u t t o ciò c f r . lo stesso COGNETTI, p . C X I X e seg. È d u n q u e dal M e d i o
E v o c h e ci ò v e n u t o l ' i m p u l s o p r i m o a l l ' e l e v a z i o n e del l a v o r o m a n u a l e , < d a q u e l
M e d i o E v o t e n e b r o s o c h e p o r t ò nei suoi f i a n c h i t u t t a la c i v i l t à n u o v a , e che a p r ì
a l m o n d o u n a b e u p i ù l a r g a c o n c e z i o n e d e l l a v i t a ». NITTI, in Riforma sociale, 1895,
p. 14.
4
) Mandai, N. 183.
5
) B o z z o , in Giurispr. Hai., 1905, I V , 302. C f r . p u r e GROUSSIER, in PERREAU
e t GROUSSIER, Contrat de trav., p. 6 9 : la m a g g i o r e o m i n o r e o n o r a b i l i t à v i e n e d a l -
l ' i n d i v i d u o , n o n dal g e n e r e del l a v o r o , p u r c h é lecito.
6
) Scritti, M i l a n o , 1894, I, p . 319. Il MAZZINI a v e v a s c r i t t o a l t r o v e (eod., p . 313J
c h e la s o c i e t à n o u è se n o u u n a « a s s o c i a z i o n e di l a v o r a t o r i ».
u n ' a p p l i c a z i o n e d e t e r m i n a t a dell'attività u m a n a , u n a c e r t a f u n z i o n e
nella'società e, null'altro. Diciamo operaio come diciamo avvocato, mer-
cante, chirurgo, i n g e g n e r e . . . » . I l g r a n d e a g i t a t o r e si riferiva special-
m e n t e all'eguaglianza q u a n t o ai diritti e ai doveri dei cittadini; m a
il concetto si può generalizzare. Si può generalizzare, però, coll'av-
v e r t e n z a che t u t t o ciò si deve i n t e n d e r e nel senso di una elevazione
del lavoro manuale, che volga per es. a renderlo s e m p r e p i ù intelli-
gente, s e m p r e più perfetto, in ispecie coll'incremento delle scuole pro-
fessionali di cui l ' I t a l i a n o n è certo e s u b e r a n t e ; non già nel senso di
u n a depressione del lavoro i n t e l l e t t u a l e ').
E ancora u n ' a l t r a a v v e r t e n z a mi p a r e indispensabile. L ' e s a l t a z i o n e
di q u e s t a u g u a g l i a n z a del lavoro nelle s u e t a n t e m a n i f e s t a z i o n i h a
u n c a r a t t e r e s o p r a t u t t o d o g m a t i c o : r i m a n e i m p r e g i u d i c a t a la q u e s t i o n e
se conviene che q u e s t a u g u a g l i a n z a si proietti a n c h e in u n a sintesi
di formule legislative. Così, come s'è visto, h a f a t t o ad es. il codice
civile tedesco, il quale, salvo q u a n t o ai t e r m i n i di d i s d e t t a (§§ 622,
627), non fa a l c u n a differenza, n e l l a disciplina legislativa, tra lavoro
elevato o umile. I n v e c e il codice f e d e r a l e delle pubblicazioni h a c u r a
di d i s t i n g u e r e riferendo a l c u n e n o r m e a p r e s t a z i o n e di lavoro preva-
l e n t e m e n t e m a t e r i a l e (es. art. 321, 322, 331, 333, ecc.): si p u ò anzi
asserire che il c o n t r a t t o di lavoro di cui al tit. X sia p r e v a l e n t e m e n t e
quello di lavoro m a n u a l e , b e n c h é finisca con e q u i p a r a r e sostanzial-
m e n t e le d u e categorie di lavoro. F e d e l e alla v e c c h i a convinzione,
che l ' e s p e r i e n z a h a corroborato, che n o n c o n v e n g a disciplinare con
regole t r o p p o m i n u t e il c o n t r a t t o di lavoro, io credo che salvo a l c u n i
principi g e n e r a l i comuni da raccoglièrsi nel Codice, sia o p p o r t u n o i n
leggi speciali che vogliano r i s p o n d e r e a b i s o g n i p r a t i c i t e n e r p r e s e n t e
le v a r i e c a t e g o r i e di lavoro, p e r c h è d i v e r s a m e n t e , come osserva giu-
s t a m e n t e a n c h e l ' A d l e r 2 ) , si corre il rischio che a l c u n e n o r m e a b b i a n o

4
) 11 l a v o r o i n t e l l e t t u a l e n o n è d a t u t t i , p e r c h è e s i g e speciali a t t i t ù d i n i e p e r
lo piti u u n o t e v o l e t i r o c i n i o . P e r c i ò è p i ù r a r o m e n t r e , come poi a v v e r t i a m o , è
e s u b e r a n t e sul m e r c a t o del l a v o r o il l a v o r o m a n u a l e . I ) a ciò u n m a g g i o r p r e g i o
liei l a v o r o i n t e l l e t t u a l e , c h e nou t o c c a p e r ò l a s o s t a n z i a l e d i g n i t à delle d u e c a t e -
g o r i e di l a v o r o . E d è q u i n d i i n o p p o r t u n o o a l m e n o m a l e espresso il c o n c e t t o d e l l a
Cassaz. P o m a , 1.° m a g g i o 1908, Biv. dir. comm., 1909, I I , 402, che l ' o p e r a d e l l ' a v -
v o c a t o e non si p u ò a s s i m i l a r e a q u e l l a di un o r d i n a r i o o p e r a i o o g i o r n a l i e r e s e n z a
o f f e n d e r e il decoro della p r o f e s s i o n e e s n a t u r a r e l ' i n d o l e s p e c i a l e di quei r a p p o r t i
contrattuali ».
2
) In Archiv fiir Socialwissenschaft, 1912, I, 707. C e r t o u n a d i s t i n z i o n e t r a la-
v o r o m a n u a l e e i n t e l l e t t u a l e d e v e a p p o g g i a r s i a i n d i c i ben d e f i n i t i e s t e r i o r m e n t e
p e r e v i t a r e u n a d i s p a r i t à di a p p l i c a z i o n e . P u ò g i o v a r e a ciò la c a t e g o r i a s t e s s a
del l a v o r o (es. d o m e s t i c i , b a d i l a n t i , f a c c h i n i , f a t t o r i n i , ecc.), e a n c h e l a m i s u r a
d e l l a m e r c e d e , c h e è p e r lo p i ù , come o s s e r v a I'ADLER, u n a p r o i e z i o n e d e l l a n a -
t u r a p i ù o m e n o e l e v a t a del l a v o r o : non s e m p r e p e r ò ! Il § 36 della l e g g e a u s t r i a c a
sugli a g e n t i a u s i l i a r i di c o m m e r c i o , p. es. (16 g e n n a i o 1910), v i e t a le clausole di
c o n c o r r e n z a solo se la m e r c e d e a l l a fine del c o n t r a t t o nou s u p e r a le 4000 c o r o n e .
ad a d a t t a r s i alla categoria del lavoro m a n u a l e e non a quella del la-
voro intellettuale, o viceversa. L ' A d l e r rileva a n c h e ira altro incon-
v e n i e n t e , e cioè la scarsezza di n o r m e coattive, clie sarebbero mag-
giori se a l c u n e n o r m e si dirigessero esplicitamente a l i a t a t e l a del lavoro
manuale, e a n c h e q u e s t o p u ò essere vero. Ma b i s o g n a osservare che u n a
p a r t e di q u e s t e n o r m e p o t r à t r o v a r e posto a p r e f e r e n z a in leggi speciali
e per le singole categorie di lavoro; qui le n o r m e categoriche possono
a b b o n d a r e assai più che in una legge generale, cioè di diritto comune.
F r u t t o di q u e s t a p r o g r e s s i v a elevazione del lavoro, e specialmente del
lavoro m a t e r i a l e , è s t a t a la t e n d e n z a oggi (tendenza che a suo luogo giu-
stificheremo) ad ampliare il c o n t e n u t o del c o n t r a t t o di lavoro, ammet-
t e n d o v i a n c h e il lavoro p r e v a l e n t e m e n t e intellettuale. U n tempo lo si
d i s t i n g u e v a , come s'è visto, da quello m a t e r i a l e a n c h e q u a n t o al rap-
p o r t o giuridico. Oggi a n c o r a n o n sono cancellate (neppure nelle n o s t r e
leggi) le v e s t i g i a di q u e s t a distinzione, f r u t t o di concezioni ormai sor-
p a s s a t e circa la d i g n i t à del lavoro. Ma i n s o m m a bisogna essere ciechi
per n e g a r e c h e lo spirito n u o v o dei tempi t e n d e ormai a p e r v a d e r e , col
sussidio dei m e t o d i di i n t e r p r e t a z i o n e storico-evolutiva, la n o s t r a dot-
t r i n a giuridica del lavoro.
Così a d u n q u e dopo u n a l u n g a e lenta, evoluzione, la d i g n i t à n u o v a
del lavoro m a t e r i a l e si è f a t t a s t r a d a nella coscienza c o m u n e sino a
porlo (dal p u n t o di v i s t a giuridico) a c c a n t o 1 ) al lavoro p r e v a l e n t e m e n t e
i n t e l l e t t i v o nel medesimo tipo negoziale. Il codice n o s t r o infatti n o n
d i s t i n g u e : « f a r e u n a cosa » è locuzione generica che comprende t u t t a
la g a m m a delle u m a n e a t t i v i t à , dalla p i ù n o b i l e per l ' i n t e l l e t t u a l i t à
alla p i ù umile. Nella g i u r i s p r u d e n z a n o s t r a q u e s t o concetto è espresso
t a l o r a con c h i a r e z z a 2).
16. A d ogni modo la n u o v a d i g n i t à del lavoro m a n u a l e nel senso
di u n a elevazione di esso, n o n già (si badi) di u n a depressione del

') C f r . FILOMUSI-GDELFI, i n Foro Hai., 1002, I , 55. È n o t o l ' i n n o che TOLSTOI


h a e l e v a t o al l a v o r o fisico (TOLSTOI, Le travati, P a r i s ) , r i t e n u t o da lui l ' a t t r i b u t o
e s s e n z i a l e d e l l ' u o m o , il v e r o scopo della v i t a (vedi ivi p r e f a z i o n e , p . X X I ) ; nel
l a v o r o m a t e r i a l e l ' u o m o r i c a v a l a s o d d i s f a z i o n e di ogni suo bisogno a n c h e s p i r i -
t u a l e ; o g n u n o d e v e v i v e r e del l a v o r o delle s u e m a n i . È la teoria (dal TOLSTOI stesso
p r a t i c a t a ) d i c u i f a c e v a la c h i a v e p e r r i s o l v e r e l a c o s i d d e t t a q u e s t i o n e sociale ; è
il biblico « m a n g e r a i il p a n e col s u d o r e della t u a f r o n t e » (op. c i t . , p . 12).
2
) A p p . T r a n i , 5 d i c e m b r e 1904, Contr. lav., 1905, 3 1 6 : l ' a r t . 1627, c o m p r e n d e
t a n t o il lavoro m a n u a l e che i n t e l l e t t u a l e . L a C o r t e a g g i u n g e : q u a n t u n q u e il legi-
s l a t o r e p a r l i di m e r c e d e , che fe piti p r o p r i a a d i n d i c a r e il c o m p e n s o d e l l ' o p e r a ma-
n u a l e . Su ohe faccio t u t t e le mie r i s e r v e : m e r c e d e è e s p r e s s i o n e l a t a , come r e t r i -
b u z i o n e , c o m p e n s o . C f r . p u r e A p p . P e r u g i a , p u r e in Conlr. lav., 1905, 247. L a
s t e s s a C o r t e di P e r u g i a , 22 m a g g i o 1909, Foro, 1909, 811, osserva come « ... o r m a i
a t t e n u a t a , p e r non d i r e v i n t a , la d i s t i n z i o n e t r a a r t i e a r t i , la locazione d ' o p e r a
c o m p r e n d e t u t t a l ' i n d u s t r i a ed il l a v o r o m a n u a l e od i n t e l l e t t u a l e d e l l ' u o m o n e l l ' i n -
definibile v a r i e t à . . . ».
lavoro intellettuale, non toglie t u t t a v i a che non solo in molte leggi sociali,
cioè m i r a n t i alla tutela del lavoro, quella distinzione è r i m a s t a *), m a
è p r o b a b i l m e n t e r i m a s t a a n c h e nel nostro Codice civile. Q u a n t o a
q u e s t ' u l t i m o v e d r e m o a suo tempo, allorché cercheremo di chiarire i
r a p p o r t i che intercedono t r a c o n t r a t t o di lavoro e m a n d a t o , come il
m a n d a t o r e t r i b u i t o , sotto specie di c o n t r a t t o di lavoro, sia probabil-
m e n t e da limitare al lavoro p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l e , e il codice
vi disciplini tale lavoro tutelandolo più efficacemente che non t u t e l i
il lavoro materiale.
P e r compenso a u n a collana di leggi sociali è affidata la t u t e l a del
lavoro p r e v a l e n t e m e n t e muscolare, non d u n q u e al d i r i t t o comune.
Che i compilatori delle leggi sociali p r o t e t t i v e del lavoro fossero
consapevoli di q u e s t a distribuzione d i t u t e l a ho i miei b r a v i d u b b i :
non mi ricordo, del resto, di a v e r t r o v a t o che l'osservazione ora f a t t a
sia s t a t a da altri già affacciata prima. C o m u n q u e è certo che il le-
gislatore h a rivolto le sue cure a t u t e l a e s c l u s i v a m e n t e del l a v o r o
p r e v a l e n t e m e n t e muscolare. E d è chiaro il p e r c h è : si è r i t e n u t o che
il lavoro p r e f e r i b i l m e n t e meritevole di t u t e l a fosse il lavoro m a t e r i a l e .
Che q u e s t o sia r a g i o n e v o l e a p p a r e e v i d e n t e . Già, come lo p r o v a q u a n t o
s'è detto sin qui, questo è u n i n t e r v e n t o doveroso e provvidenziale,
dopo il n u l l a che p e r esso si e r a f a t t o sin qui, e l ' a t t e n z i o n e p r o d i g a t a
in ispecie (salvo q u a l c h e eccezione: come l ' a r t . 1145, e certi privilegi)
al lavoro p r e v a l e n t e m e n t e intellettuale.
Si n o t i t u t t a v i a che n o n è che lo sforzo m u s c o l a r e e s a u r i s c a l'or-
g a n i s m o colle tossine che a v v e l e n a n o il s a n g u e p i ù r a p i d a m e n t e del
lavoro i n t e l l e t t u a l e : la n e g a t i v a p a r e ormai a s s o d a t a . I n r e a l t à la stan-
chezza non p r o v i e n e t a n t o dallo sforzo m u s c o l a r e in sè q u a n t o dallo
sforzo i n t e l l e t t u a l e c h e l ' a c c o m p a g n a s e m p r e , in q u a n t i t à variabilis-
sima d a u n minimo a d u n massimo. T a n t ' è vero che p e r d i m i n u i r e
la s t a n c h e z z a occorre r e n d e r e metodico il l a v o r o (ciò che si riesce a
o t t e n e r e dove m a g g i o r e è la divisione del lavoro, come n e l l a g r a n d e
i n d u s t r i a ) sino a r e n d e r e il lavoro q u a s i a u t o m a t i c o , d i m i n u e n d o sino
a u n m i n i m o lo sforzo i n t e l l e t t u a l e : ciò n a t u r a l m e n t e fin dove è pos-
sibile, perchè, sia p u r e in m i n i m o grado, lo sforzo i n t e l l e t t u a l e n o n
p u ò mai m a n c a r e . È i n s o m m a la p r a t i c a , l ' e s e r c i z i o in u n ' a r t e ma-
n u a l e che fa d i m i n u i r e la s t a n c h e z z a , L a r i t m i c i t à del m o v i m e n t o h a

') Ciò p r o v a l ' e r r o n e i t à d e l l ' a f f e r m a z i o n e del DEUTSCH, Qualificirte Arbeit und


Eapitalhmus, p. 11, che il l a v o r o m u s c o l a r e e i n t e l l e t t u a l e s i a n o c a t e g o r i e p u r a m e n t e
t e c n i c h e , di cui solo l a psico-fisiologia d o v r e b b e o c c u p a r s i , n o n il d i r i t t o e l ' e c o n o m i a .
È c e r t o , a d ogni m o d o , c h e il d i r i t t o , il cui t e r r i t o r i o è sotto q u a l c h e a s p e t t o m e n o
a m p i o , m a s o t t o a l t r i p i ù a m p i o d e l l ' e c o n o m i a , p u ò p r e n d e r e in c o n s i d e r a z i o n e p r o -
b l e m i di psico-fisiologia.
p u r e lo stesso scopo; è o p p o r t u n a i n f a t t i ed è generale la divisione
del lavoro in m o v i m e n t i o periodi eguali e susseguentisi ').
Ma i n d i p e n d e n t e m e n t e dal maggior o minor g r a d o di esaurimento dato
dal lavoro muscolare in confronto coll'intellettuale, è un f a t t o già sopra
a v v e r t i t o che sul mercato del lavoro il lavoro p r e v a l e n t e m e n t e mu-
scolare è di g r a n l u n g a più a b b o n d a n t e dell'intellettuale 2). Quindi i
d i s a g i p r o d o t t i d a l l ' e s u b e r a n z a dell'offerta sono assai p i ù sensibili per
il lavoro muscolare. A ciò si a g g i u n g a che la scarsa i n t e l l e t t u a l i t à
delle masse dei l a v o r a t o r i materiali (e sopra abbiamo visto a che ri-
s u l t a t i a b b i a condotto l ' i n c h i e s t a del Levenstein) n e diminuisce' l a
vigoria s a p i e n t e e accorta 3) nella r e s i s t e n z a agli industriali. Da t u t t o
ciò la facilità del dominio per p a r t e di chi a r r u o l a q u e s t e grandi masse
l a v o r a t r i c i 4 ); e a n c h e la m i n o r facilità con cui il lavoro muscolare as-
s u r g e g i u r i d i c a m e n t e alla d i g n i t à di lavoro t e c n i c a m e n t e autonomo,
cioè alla s t r u t t u r a di locazione d'opera, anziché d'opere 5 ).
D a t u t t o ciò, dicevamo, n a s c e la n e c e s s i t à per il legislatore di in-
t e r v e n i r e p r e f e r i b i l m e n t e a t u t e l a del lavoro p r e v a l e n t e m e n t e musco-
lare. E i n f a t t i il p r o g e t t o di. l e g g e italiano sul c o n t r a t t o di lavoro
p r e s e n t a t o alla C a m e r a il 26 n o v e m b r e 1902 all'art. 1 limitava il con-
t r a t t o di lavoro o g g e t t o di quel p r o g e t t o di legge a « quello col quale
un operaio o altro l a v o r a t o r e m a n u a l e si obbliga al servizio, ecc... » 6 );
come o s s e r v a la Relazione ministeriale il p r o g e t t o di legge si r e s t r i n g e

') È s p e c i a l m e n t e il BÌÌCHER a cui si deve lo s t u d i o di q u e s t o f e n o m e n o così


i n t e r e s s a n t e della r i t m i c i t à del l a v o r o ; r i t m o che è a c c o m p a g n a t o e s e g n a t o d a l l a
n e n i a , o d a melodie r i p e t e n t i s i col m o v i m e n t o m u s c o l a r e . C f r . BÌÌCHER, op. cit.,
s p e o i a l m e u t e a p a g . 23.
2
) ARTOM, iu Riforma sociale, 1895, p. 651.
3
) A c c o r t a a n c h e nel senso che la r e s i s t e n z a d e v e essere c o n t e n u t a in quei li-
miti p r u d e n t i in cui le r e a l i condizioni d e l l ' i n d u s t r i a possono r e n d e r e più p r o b a -
bile il b u o n successo.
•') L'ARTOM o s s e r v a che il l a v o r o i n t e l l e t t u a l e , a u c h e non d o m a n d a t o , p u ò ac-
c u m u l a r s i nelle opere d e l l ' i n g e g n o ; u n ' a u t o t r a s f o r m a z i o n e del l a v o r o in beni e s t e r n i .
A n c h e q u e s t o è v e r o . Osservo però c h e g i u r i d i c a m e n t e q u i non siamo più in campo
d i c o n t r a t t o di l a v o r o , m a di v e n d i t a .
5
) È uu c o n c e t t o che non v a , p e r ò , e s a g e r a t o , e che è p i ù f r e q u e n t e m e n t e vero
p e r il l a v o r o q u a l i f i c a t o (su ciò a p p r e s s o ) . Ad o g n i modo come « t e n d e n z a » è vero,
m a l g r a d o c o n c o r r a n o elementi che s e m b r a n o d o v e r l a c o n t r a d d i r e : così il f a t t o che
il lavoro m a t e r i a l e r i c h i e d e m a g g i o r copia di mezzi, s t r u m e n t i di l a v o r o e c a p i t a l i ,
c h e non (per lo p i ù , m a non sempre) l ' i m m a t e r i a l e . Questo s o s t i e n e ad es. il CHER-
BULIEZ, op. c i t . , p . 758, m a , r i p e t o , n e p p u r q u e s t o è v e r o in via a s s o l u t a . I n t a n t o
p e r ò è un f a t t o che pel l a v o r a t o r e che i m p i e g a a p r e f e r e n z a i muscoli è piii tacile
il c o n t a t t o con i s t r u m e u t i da l a v o r o o m a c c h i n e , che per gli i n t e l l e t t u a l i . Ed ecco
p e r c h è l a l e g g e s u g l i i n f o r t u n i t u t e l a s p e c i a l m e n t e q u e s t a c a t e g o r i a di l a v o r o .
6
) È a n o t a r e c h e il p r o g e t t o e l a b o r a t o d a l l a Commissione c o s t i t u i t a con d e c r e t o
m i n i s t e r i a l e 29 luglio 1901 a l l ' a r t . 1 non f a c e v a cenno che dei « l a v o r a t o r i che p r e s t a n o
servizio n e l l e i m p r e s e a g r i c o l e , i n d u s t r i a l i e c o m m e r c i a l i ». O r a io so c h e la Commis-
sione non i n t e n d e v a e s t e n d e r e il p r o g e t t o al l a v o r o i n t e l l e t t u a l e . P e r ò si volle d e t e r m i -
n a r e p i ù e s a t t a m e n t e nella r e d a z i o n e m i n i s t e r i a l e d e l l ' a r t . 1 la p o r t a t a del p r o g e t t o .
a disciplinare quelle forme e quei r a p p o r t i c o n t r a t t u a l i che non solo
danno luogo a maggiori a t t r i t i e a più f r e q u e n t i contese, m a che ri-
spondono ai più sentiti bisogni economici, giuridici, sociali.
Però a n c h e questo non è e s a t t o in modo assoluto. È vero invece
che quel p r o g e t t o si riferiva solo p r e v a l e n t e m e n t e al lavoro m a n u a l e .
P e r c h è vi sono certe categorie ad es. di operai, cioè i capi-operai,
che h a n n o mansioni quasi esclusivamente di direzione e v i g i l a n z a o
controllo, cioè mansioni p r e v a l e n t e m e n t e intellettuali, e. a cui la rela-
zione e s t e n d e v a il progetto 1).
17. N a t u r a l m e n t e qui non discorriamo che di t e n d e n z e legislative.
P e r c h e se p r e n d i a m o ad esame per es. la legge sugli i n f o r t u n i sul
lavoro può essere posto in d u b b i o il suo esclusivo riferimento al la-
voro p r e v a l e n t e m e n t e muscolare. Secondo l'art. 1 la legge c i t a t a si
riferisce agli « operai » a d d e t t i alle i n d u s t r i e ivi elencate. Ora, nel
concetto c o m u n e operaio s a r e b b e il l a v o r a t o r e p r e v a l e n t e m e n t e ' m a -
n u a l e a d d e t t o ad u n ' i n d u s t r i a (è u n concetto che e s a m i n e r e m o meglio
p i ù avanti). Ma l'art. 2 riferisce la legge a n c h e a chi « senza parte-
cipare m a t e r i a l m e n t e al lavoro s o p r a i n t e n d e al lavoro altrui... ». Il
lavoro di s o r v e g l i a n z a e di controllo non è p r e v a l e n t e m e n t e intellet-
t u a l e ? E sia p u r e u n a i n t e l l e t t u a l i t à di non g r a n d e l e v a t u r a , d a t a
l'indole del lavoro cui si applica, s e m p r e rinnovali tesi in modo u n i f o r m e ,
e d a t o il limite del salario a s e t t e lire g i o r n a l i e r e ; ma è i n d u b b i o che il
lavoro m u s c o l a r e qui si r i d u c e a poca cosa. I n o l t r e operaio è c h i u n q u e « è
o c c u p a t o nel l a v o r o fuori della propria a b i t a z i o n e ». N e s s u n accenno,
qui, a u n a p r e v a l e n t e m a n u a l i t à ; e quindi non è inconcepibile c h e
si t r a t t i di un l a v o r a t o r e di cui, p e r - l a finezza e s t r e m a del lavoro,
p e r il suo c a r a t t e r e a r t i s t i c o , ecc. sia p r e v a l e n t e lo sforzo psichico 2).
Il vero è, d u n q u e , che q u a n t o alla legge degli i n f o r t u n i ciò che
i m p o r t a è che il lavoro a b b i a a n c h e u n a p a r t e di esecuzione mate-
riale, o muscolare, in occasione della q u a l e si p o s s a d a r e u n a c a u s a
v i o l e n t a di i n f o r t u n i o . E q u e s t o è t u t t o . E v i d e n t e m e n t e n o n c'era u n a
r a g i o n e p e r t r a t t a r peggio il l a v o r o di m a g g i o r l e v a t u r a i n t e l l e t t u a l e ,
b e n c h é nella c a t e g o r i a s e m p r e del lavoro operaio, q u a n d o a n c h e p e r
esso vi sia p o s s i b i l i t à di rischi o i n f o r t u n i . A d ogni m o d o la neces-
s i t à che il l a v o r a t o r e d a a s s i c u r a r e p a r t e c i p i d i r e t t a m e n t e alla pro-
duzione r i d u c e di molto, q u e s t o è vero, la c a t e g o r i a di l a v o r a t o r i pre-

' ) P e r ò r i m a n e v a s e m p r e il d u b b i o d a t o d a l l a d i z i o n e d e l l ' a r t . 1 ( l a v o r a t o r i
m a n u a l i ) , che a s s o l u t a m e n t e non c o m p r e n d e i c a p i o p e r a i . Si s a r e b b e d o v u t o a n c h e
q u i , come a l t r o v e in quel p r o g e t t o , c o p i a r e l a l e g g e b e l g a , che a l l ' a r t . 1 a g g i u n g e :
« L e s e h e f s - o u v r i e r s et les c o u t r e m a i t r e s s o n t c o m p r i s p a r m i les o u v r i e r s ».
2
) L'AGNELLI, nel s u o Commento alia legge sugli infortuni (II ed.), n . 63, c i t a
a p p u n t o il caso d i u n p i t t o r e d i s q u i s i t a a b i l i t à a d d e t t o a d es. in un c a n t i e r e
navale.

L . BARASSI. — Il contratto di lavoro, ecc. — 2 . a ed. 4.


v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l i ; e perciò anche eli q u e s t a legge si p u ò dire
che essa t u t e l a specialmente il lavoro m a t e r i a l e .
A differenza della legge sulla pignorabilità e sequestrabilità degli
stipendi, ecc. '), è invece e v i d e n t e il riferimento del testo unico sul
lavoro delle d o n n e e dei fanciulli al lavoro p r e v a l e n t e m e n t e mate-
r i a l e 2 ) ; la legge non lo dice esplicitamente, facendone un chiaro pre-
s u p p o s t o p e r la applicazione, ma lo dice il regolamento (14 g i u g n o
1909, n. 442), che all'art. 2 r i t i e n e opifìcio i n d u s t r i a l e o l a b o r a t o r i o
« ogni luogo ove si compiano... lavori manuali... »; e inoltre è evi-
d e n t e che il lavoro di fanciulli e di fanciulle al di sotto dei limiti
di e t à legali e delle d o n n e nei lavori s o t t e r r a n e i o nei lavori n o t t u r n i
non p u ò che essere p r e v a l e n t e m e n t e m a t e r i a l e 3 ) . I n v e c e non è escluso
che il lavoro delle p u e r p e r e (art. 6) possa a n c h e essere p r e v a l e n t e m e n t e
i n t e l l e t t u a l e ; il caso però, in pratica, difficilmente si verifica. Lo s t e s s o
è perciò a o s s e r v a r e q u a n t o all'istituzione di u n a Cassa di M a t e r n i t à 4 ).
I n v e c e p e r il t e s t o unico della legge sulla Cassa nazionale di previ-
d e n z a per la i n v a l i d i t à e la v e c c h i a i a i benefìci sono limitati agli
operai « ...che in g e n e r a l e a t t e n d o n o a lavori p r e v a l e n t e m e n t e ma-
nuali... » 5 ). Il lavoro di panificazione di cui all'art. 1 capoverso della
legge che abolisce il lavoro n o t t u r n o 6) è e v i d e n t e m e n t e in p r e v a l e n z a
m a n u a l e . L a legge sul riposo s e t t i m a n a l e t u t e l a t u t t e le « persone...
c o m u n q u e o c c u p a t e nelle aziende... » 7 ), ivi comprese quindi a n c h e
quelle a lavoro p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l e . Ma è chiaro che q u e s t e
c o s t i t u i s c a n o di g r a n l u n g a la minoranza. I n f i n e il lavoro delle risaie
è e s c l u s i v a m e n t e m a n u a l e 8 ).
E n o n è solo q u a n t o a l l ' i n t e r v e n t o della legislazione sociale c h e
r i m a n e oggi la n e c e s s i t à di d i s t i n g u e r e t r a le d u e forme di lavoro.
M a n m a n o p r o g r e d i r e m o nella t r a t t a z i o n e di q u e s t o c o n t r a t t o ci imbat-
t e r e m o t a l v o l t a in differenze di a t t e g g i a m e n t o non t a n t o dei p r i n c i p i 8 )

*) L e g g e 2 l u g l i o 1908, n. 335. Q u e s t a si a p p l i c a in g e n e r e ai f u n z i o n a r i d e l l e
a m m i n i s t r a z i o n i p u b b l i c h e e a g l i i m p i e g a t i ; ai s a l a r i a t i dello S t a t o (operai) p r o v -
v e d e la legge 13 luglio 1910, u. 414. Su q u e s t e d i s t i n z i o n i a p p r e s s o .
2
) Come si r i l e v a d a l c o n t e s t o della l e g g e , t e s t o u n . l . ° n o v . 1907.
3
) Q u a l c h e caso è s t a t o r i t e n u t o d u b b i o : a d es. quello delle d a t t i l o g r a f e ; p e r
il q u a l e p e r ò p r e v a l e l ' o p i n i o n e , a m i o a v v i s o d i s c u t i b i l e , d e l l a p r e v a l e n t e intel-
l e t t u a l i t à , q u i n d i della non a p p l i c a z i o n e d e l l a l e g g e .
4
) C h e l ' a r t . 1 l i m i t a alle o p e r a i e c o n t e m p l a t e d a l l a legge sul l a v o r o delle d o n n e
e d e i f a n c i u l l i . L o g g e 17 l u g l i o 1910, n . 520.
5
) T e s t o u n i c o 30 m a g g i o 1907, n. 376, a r t . 13.
6
) C f r . a r t . 1 di q u e s t a l e g g e , 22 m a r z o 1908, n. 105.
7
) Art. 1, l e g g e 7 l u g l i o 1907, n . 489.
8
) L e g g e 16 g i u g n o 1907, n. 327.
°) U n a d i f f e r e n z a f o n d a m e n t a l e di p r i n c i p i , a q u a n t o p a r e , h a v o l u t o s t a b i l i r e
il Codice c i v i l e del Chili, c h e l i m i t a l a l o c a z i o n e di o p e r e a l l a v o r o m a t e r i a l e
a p p l i c a n d o a l l ' i m m a t e r i a l e (cita ad es. u n l a v o r o l e t t e r a r i o , e, chissà p e r c h è , a n c h e
q u a n t o della a p p l i c a z i o n e di t a l u n i di essi, d e r i v a n t e a p p u n t o d a l l a
d i v e r s a n a t u r a p r e v a l e n t e m e n t e m a t e r i a l e o p r e v a l e n t e m e n t e intellet-
t u a l e -Clelia p r e s t a z i o n e di l a v o r o '). A n c l i e in q u e s t a differenziazione,
a d ogni modo, n o n b i s o g n a e s a g e r a r e . P a r e impossibile, m a è u n f a t t o
d i e in c e r t i a m b i e n t i sociali si t e n d e oggi a d . e s a g e r a r e il p r o c e s s o evo-
l u t i v o c h e h a d a t o al l a v o r o m a t e r i a l e la d i g n i t à c h e gii c o m p e t e sino
ad a n d a r e o l t r e q u e s t o p r o c e s s o di parificazione, r i n n e g a n d o l o , m a n o n
già p e r t o r n a r e al p a s s a t o , m a p e r a s s e g n a r e al l a v o r o i n t e l l e t t u a l e
u n a d i s c i p l i n a g i u r i d i c a i n s p i r a t a alla diffidenza. P e r es. è n o t o c h e
l'unificazione, s o t t o q u e s t o a s p e t t o , del t i p o « c o n t r a t t o di lavoro » alle
d u e f o r m e di lavoro, nel codice civile t e d e s c o n o n f u c e r t a m e n t e do-
v u t a ai p a r t i t i e s t r e m i r a p p r e s e n t a t i nel R e i c h s t a g . Così i socialisti
nel R e i c h s t a g ( q u a n d o fu d i s c u s s o il p r o g e t t o del codice civile) riget-
t a r o n o con d i s d e g n o la p a r i f i c a z i o n e d e l l a v o r o m a t e r i a l e all'intellet-
t u a l e , s o s t e n e n d o ad es. che p e l p r i m o la r i m u n e r a z i o n e d o v e v a e s s e r e
c o n c e s s a s e m p r e , pel s e c o n d o solo se il r i s u l t a t o e r a u t i l e (come p e r
il codice p o r t o g h e s e ) . 11 R e i c h s t a g n o n c o n v e n n e in ciò e p r o c l a m ò
l ' e g u a g l i a n z a delle d u e f o r m e di l a v o r o agli e f f e t t i g i u r i d i c i . E d è p u r e
i n t e r e s s a n t e n o t a r e c o m e a n c h e n e l l ' à m b i t o del l a v o r o p r e v a l e n t e m e n t e
m a t e r i a l e i d e p u t a t i socialisti v o l e s s e r o d i s t i n g u e r e a t u t t o p r o f i t t o
d e g l i o p e r a i i n d u s t r i a l i . I n f a t t i i s o c i a l i s t i v o l e v a n o c h e si d i s t i n g u e s s e
il « c o n t r a t t ò di s e r v i z i » (Dienstvertrag), e il « c o n t r a t t o di l a v o r o »
(.Àrbéìisvertrag), l i m i t a n d o il p r i m o al l a v o r o d o m e s t i c o , il s e c o n d o al
l a v o r o m a n u a l e , con d i s c i p l i n a p i ù l a r g a p e r q u e s t o s e c o n d o 2 ).
18. P i ù il l a v o r o è c o m p l e s s o , e a c c e n t u a t a è p e r c i ò la n e c e s s i t à
di u n o sforzo a n c h e c e r e b r a l e , m a g g i o r e è q u i n d i il b i s o g n o p e r il
l a v o r a t o r e di u n t i r o c i n i o p e r a p p r e n d e r e la f o r m a di a t t i v i t à cui in-
t e n d e c o n s a c r a r s i . Ciò h a u n r i v e r b e r o p e r t u t t e le f o r m e di l a v o r o :
d a l l e p i ù s q u i s i t a m e n t e i n t e l l e t t u a l i — in cui q u i n d i la p c i l p a r a z i o n e
è più importante e sviluppata (Università, Accademie, Conservatori)
— a q u e l l e c h e si s v o l g o n o n e l l ' o f f i c i n a (scuole p r o f e s s i o n a l i p e r l'in-
s e g n a m e n t o t e c n i c o o i n d u s t r i a l e ; in I t a l i a p u r t r o p p o , c o m e h o già
r i l e v a t o , n o n b e n c o l t i v a t o c o m e p u r e d o v r e b b e ) 3 ).

le c o r r e z i o n i t i p o g r a f i c h e ) le r e g o l e d e l l ' a p p a l t o . RAOUL DE LA GIÌASSERIE, Code


civil chilien, p. 99.
J
) Cosi a d . e s . c f r . cod. civ. g e r m . , §§ 618, 622, 627.
2
) C f r . Code civil allemand tradu.it et annoté par Sufnoir, etc. (1906), I I I , p . 133.
3
) È c e r t o p e r ò che il l a v o r o i n t e l l e t t u a l e è s u s c e t t i b i l e di q u a l i f i c a z i o n e , e
q u i n d i di g r a d a z i o n i , a s s a i piìi che non il m u s c o l a r e (DEUTSCH, Qualificirte Arbeit
und Eapitalismiis, cit., p . 12), c h e non p u ò e v o l v e r s i se non fino a un c e r t o p u n t o .
Q u e s t a è certo u n a delle r a g i o n i f o n d a m e n t a l i p e r c u i a d es. l ' i n s e g n a m e n t o p r o -
fessionale è a s s a i più c u r a t o per il l a v o r o i n t e l l e t t u a l e c h e p e r quello p r e v a l e n t e -
mente muscolare.
L ' i m p o r t a n z a di q u e s t a p r e p a r a z i o n e g r a d u a l e — che del resto uou
lia per noi u n diretto iinteresse — si rileva pensando c h e t a n t o
maggiore è il r e n d i m e n t o del lavoro q u a n t o più si accentua e pro-
gredisce l'elemento razionale o intellettivo sullo sforzo p u r a m e n t e
muscolare. Q u e s t a osservazione è v e r a '), m a in p r a t i c a subisce il
correttivo d e l l ' a u t o m a t i s m o , che è bene spesso u n a conseguenza della
divisione del lavoro, e clic, come s'è visto, per sè sembra d i m i n u i r e
l ' i n t e r v e n t o intellettivo.
L a r i l e v a n z a giuridica di q u e s t a distinzione 2) non è piccola 3 ).
I n f a t t i q u e s t a distinzione h a i m p o r t a n z a in base alla n a t u r a v a r i a
delle prestazioni di lavoro, a seconda della maggiore o minore pre-
valenza dell'elemento intellettivo, l a d d o v e vi sia u n a collettività di
l a v o r a t o r i la cui a t t i v i t à a b b i a d e s t i n a z i o n e univoca (operai di uno sta-
bilimento, i m p i e g a t i di u n a grossa d i t t a , o di u n ' i m p o r t a n t e ammi-
nistrazione). F u n o t a t o 4) con ragione elle oggi n o n esiste p i ù « il
l a v o r a t o r e » in genere, ma p i ù classi, riducibili almeno a due, di la-
v o r a t o r i : quelli abili, e quelli non abili, non evoluti. Ne consegue la
impossibilità di u n o r d i n a m e n t o giuridico-tecnico unico e i n d i s t i n t o
del lavoro. I n tal caso si crea (in b a s e alla divisione del lavoro) u n a
q u a n t i t à di categorie di lavoro 5) ascendenti nella loro i m p o r t a n z a in
r a g i o n e d i r e t t a d e l l ' i m p o r t a n z a d e l l ' e l e m e n t o intellettivo. A b b i a m o

*) T a n t o che con q u a l c h e e s a g e r a z i o n e il COGNETTI DE MARTIIS, cit. Bibl.


Econom., V, 2, p. XL1I, r i t i e n e r i l e v a n t e la d i s t i n z i o n e t r a lavoro m e n t a l e e tìsico
solo p e r c h è l'efficacia del l a v o r o è in r a g i o n e d i r e t t a della p r e v a l e n z a d e l l ' e l e m e n t o
p s i c h i c o . In r e a l t à , come si rileva d a l t e s t o , l ' i m p o r t a n z a economica e g i u r i d i c a di
q u e s t a d i s t i n z i o n e non è qui t u t t a .
2
) Gli s c r i t t o r i t e d e s c h i collocano t r a i qualificati e i non q u a l i f i c a t i u n a c a t e -
g o r i a i n t e r m e d i a : gli « angelernte » (i scelti, i meglio r i u s c i t i ) , a cui non o c c o r r e
u u t i r o c i n o e l ' i s t r u z i o n e p r o f e s s i o n a l e , m a che a c q u i s t a n o colla p r a t i c a u n a p a r -
t i c o l a r e sveltezza d i m a n o che, col cottamo) li a v v i c i n a ai q u a l i f i c a t i ; o che h a n n o
doti s p i c c a t e di i n t e l l i g e n z a , c a r a t t e r e e v o l o n t à . C f r . HERKNER, in Schriften d.
Vernina f . Mialpolitik, 1912, (138.°), p. 129-130.
3
) P e r il DEOTSCH, op. cit., p . 9, è a n c h e la. classificazione e c o n o m i c a m e n t e
più i m p o r t a n t e del l a v o r o , m e n t r e lo è a s s a i m e n o q u e l l a di l a v o r o m u s c o l a r e o
i n t e l l e t t i v o , che sono c a t e g o r i e t e c n i c h e , non e c o n o m i c h e (p. 11). C f r . g i à sopra,
in p r o p o s i t o .
4
) TILLE, in Schriften d. Fereins fur Socialpolitilc, 116.°, p . 207.
5
) P e r la r a g i o n e s o p r a r i c o r d a t a è nel l a v o r o p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l e che
si f o r m a n o le p i ù n u m e r o s e c a t e g o r i e di l a v o r o s u c c e s s i v e : il l a v o r o i u t e l l e t t u a l e
q u a l i f i c a t o differisce dal semplice, assai p i ù elle il l a v o r o m a t e r i a l e q u a l i f i c a t o d a l
s e m p l i c e (DEUTSCH, op. 1. c i t . ) ; col p r i m o si possono o t t e n e r e d a l l a v o r a t o r e m o l t o
q u a l i f i c a t o assai migliori c o n d i z i o n i di lavoro c h e col secondo. Ecco p e r c h è la
l e g i s l a z i o n e sociale si occupa a p r e f e r e n z a del lavoro m e n o qualificabile, che è il
m u s c o l a r e , come s o p r a g i à o s s e r v a m m o . Il l a v o r o qualificato d e v e r e c u p e r a r e le
m a g g i o r i spese d i i s t r u z i o n e ed è p i ù r a r o : d ì q u i la s u a f o r z a (DEUTSCH, c i t . ,
p. 20), e l a n e c e s s i t à d e l l ' i s t r u z i o n e p r o f e s s i o n a l e .
insomma la qualificazione del personale, che dà luogo alla formazione
g i u r i d i c a m e n t e i m p o r t a n t e dei ruoli organici, che a suo tempo esa-
mineremo *).
Inoltre maggiore è la necessità dello sforzo cerebrale, maggiore quindi
la dignità e l ' i m p o r t a n z a economica del lavoro, che d i v e n t a per tal
modo « lavoro regolatore o p r e v a l e n t a m e n t e direttivo » 2), e maggiori
sono i p r e s u p p o s t i di idoneità, di capacità tecnica che sono richiesti
per la stipulazione del c o n t r a t t o di lavoro, per le p r o m o z i o n i ' d a u n a
categoria inferiore a u n a superiore, come a suo t e m p o v e d r e m o (esami,
diplomi; gli stessi criteri d e l l ' a n z i a n i t à e della scelta in realtà si rian-
nodano al medesimo concetto).
A l t r a conseguenza giuridica d e g n a di rilievo è la assai maggior
facilità di coesione, di organizzazione s i n d a c a l e tra lavoratori preva-
l e n t e m e n t e materiali, che tra quelli nel cui lavoro t e n d e a p r e d o m i n a r e
l'elemento intellettivo 3 ).

*) L a v a r i e t à dello c a t e g o r i e p o r t e r à per n e c e s s a r i a c o n s e g u e n z a la d e s i g n a z i o n e
d i o g n u n a con un n o m e che n e i n d i c h i la n a t u r a delle a t t r i b u z i o n i . Su q u e s t a q u a -
lificazione del p e r s o n a l e si v e d r à più a v a n t i . C f r . PORRO, in Uonit. Tributi., 1900,
n. 4. A q u e s t a d i s t i n z i o n e di c a t e g o r i e c o r r i s p o n d e u n a d i f f e r e n z a n e l tasso della
m e r c e d e (piìi e l e v a t a p e r le c a t e g o r i e s u p e r i o r i ; c f r . n o t a p r e c e d . ) . È però a n o -
t a r e in v i a g e n e r a l e l ' i n f l u e n z a g r a n d e che nella d e t e r m i n a z i o n e del t a s s o delle
m e r c e d i e s e r c i t a n o le più basse m e r c e d i del l a v o r o n o n q u a l i f i c a t o . È q u e s t ' u l t i m o
che suole essere p r e s o come p u n t o di p a r t e n z a nella fissazione per legge del s a l a r i o
n o r m a l e . C f r . fievue d'econ. polii., 1913, 756-757.
2
) Cfr. COGNETTI DE MARTIIS, op. cit., p. XLIII, che contrappone questo la-
v o r o a quello muscolare, che s a r e b b e « l a v o r o o p e r a t i v o », o, come la c h i a m a il
COGNETTI, m a n o d ' o p e r a . U n a c o n s e g u e n z a g i u r i d i c a di q u e s t a d i s t i n z i o n e , che
g i à a b b i a m o v i s t o , è a n c h e la m a g g i o r f a c i l i t à p e r il l a v o r o p r e v a l e n t e m e n t e o
n o t e v o l m e n t e i n t e l l e t t i v o di d i v e n t a r e l a v o r o a u t o n o m o (cioè c o s t r e t t o dal vincolo
della locazione d ' o p e r a ) . Non è c r i t e r i o a s s o l u t o , q u e s t o : mi basti c i t a r e il l a v o r o
a domicilio d a u n a p a r t e , e c e r t i e l e v a t i s s i m i i m p i e g h i d a l l ' a l t r a ! ; il p r i m o è
l a v o r o a u t o n o m o , e q u e s t i u l t i m i no (es. il d i r e t t o r e di u n a B a n c a ) . M a è u n cri-
t e r i o che r a p p r e s e n t a u n a t e n d e n z a . Dove m a g g i o r e è l ' i n t e l l i g e n z a , m a g g i o r e è la
p o s s i b i l i t à di u n a a s s u n z i o n e d e i r i s c h i d e l l a v o r o che il l a v o r a t o r e d a sè d e v e
dirigere.
3
) M a g g i o r f a c i l i t à che a s u a v o l t a è p a r a l i z z a t a , iu p a r t e , d a l l a assai m a g g i o r
f a c i l i t à d i s o s t i t u z i o n e (che i s c i o p e r a n t i c h i a m a n o « b r u m i r a g g i o ») t r a l a v o r a -
t o r i della p r i m a specie, a p p u n t o p e r c h è non è qui così n e c e s s a r i a la p r e p a r a z i o n e
t e c n i c a . P i ù difficile è perciò il m o n o p o l i o s i n d a c a l e , che v e d r e m o essere condizione
p r e c i p u a p e r l'efficace a z i o n e delle o r g a n i z z a z i o n i p r o f e s s i o n a l i , così come d e i sin-
dacati di produzióne.
§ 2. — L'utilità (lei lavoro.

SOMMARIO. — 19. Il lavoro d i cui nel c o n t r a t t o di l a v o r o devo essere utile a d


a l t r i . — 20. Obbiezioni e c r i t i c h e a q u e s t o r e q u i s i t o del lavoro c o n t r a t t u a l e .
Se il lavoro d e b b a essere p r e c i s a m e n t e u t i l e p e r il creditore. — 21. U t i l i t à
della p r e s t a z i o n e d e s t i n a t a a p e r s o n e d i v e r s e d a l c r e d i t o r e del lavoro. Il con-
t r a t t o di l a v o r o e la s t i p u l a z i o n e a f a v o r e di terzo. — 22. Iu ispecie il eon-
ti att-o di t r a s p o r t o . A t t e g g i a m e n t i p e c u l i a r i che q u i e iu casi a n o l o g h i a s s u m e
il c o n t r a t t o di l a v o r o . — 23. Il lavoro p e r a l t r i e il p u n t o di v i s t a sogget-
t i v o di chi lo p o n e in essere. — 24. L a r e c e n t e t e o r i a dello C h a t e l a i n p r e -
s u p p o n e n t e la f o n d a m e n t a l e a p p a r t e n e n z a a l l a v o r a t o r e della p r o p r i e t à ' sul
p l u s v a l o r e d a esso r e c a t o alla m a t e r i a p r i m a . Sna c o n f u t a z i o n e . — 25. Efficacia
d i s c i p l i n a t r i c e del c o n t r a t t o . — 26. R i s u l t a t o p r a t i c o della t e o r i a dello Cha-
t e l a i n e conclusione. L a s t r u t t u r a e c o u o m i c o - g i u r i d i c a d e l l ' o d i e r n o c o n t r a t t o
di l a v o r o . — 27. A p p l i c a z i o n i p r a t i c h e del p r i n c i p i o d e l l ' a l i e n i t à del r i s u l t a t o
d e l l a v o r o . L e i n v e n z i o n i f a t t e dal l a v o r a t o r e ad occasione del lavoro. —
28. L a p r o p r i e t à l e t t e r a r i a d e l l ' a r t i c o l o inserito sul g i o r n a l e , e la p r o p r i e t à del
g i o r n a l e . — 29. L a p a t r i m o n i a l i t à della p r e s t a z i o n e del l a v o r o e la non ne-
cessaria p a t r i i n o u i a l i t à d e l l ' i n t e r e s s e del c r e d i t o r e del l a v o r o . — 30. È suffi-
ciente che la p r e s t a z i o n e di l a v o r o soddisfi il bisogno n o r m a l e ( u t i l i t à n o r m a l e ) .
— 31. Il c o u c e t t o della r a p p r e s e n t a n z a nel definire la d e v i a z i o n e di u t i l i t à
d a l l a v o r a t o r e a d a l t r i . — 32. L a v o r o p r o d u t t i v o e i m p r o d u t t i v o . — 33. Il
l a v o r o p e r r i s u l t a t o m a t e r i a l e , e quello c h e p e r v i e n e a r i s u l t a t o i m m a t e r i a l e
(servizio).

19. S i suole a f f e r m a r e clie la p r e s t a z i o n e di lavoro deve essere u t i l e


per il c r e d i t o r e del lavoro, per il c o n t r a e n t e a cui è d e s t i n a t a . Nella
definizione del c o n t r a t t o di lavoro q u e s t o concetto fa più o meno sem-
p r e capolino, in ispecie negli scritti di c a r a t t e r e p u r a m e n t e economico.
Ohe di q u e s t a asserzione la p a r t e sostanziale sia r i s p o n d e n t e al
v e r o nou vi h a d u b b i o . È certo che b i s o g n a differenziare il lavoro che
u n o fa p e r conto e per utile p r o p r i o esclusivo dal lavoro che u n a
p e r s o n a fa per l ' u t i l i t à di altri. Nel secondo caso solamente, q u a n d o
vi sia u n ' a l t r a persona che d e s i d e r a p e r sè la p r e s t a z i o n e di lavoro ' ) ,
a b b i a m o la n e c e s s i t à di u n c o n t r a t t o che de vii 2) la d e s t i n a z i o n e della

F
) C O N R A D , LOIIII und Eenle (Leipzig, 1909), p. 136.
2
) D e v i a z i o n e , p e r c h è l a d e s t i n a z i o n e più n a t u r a l e e primordiale; del l a v o r o è
il s o d d i s f a c i m e n t o del bisogno di chi l a v o r a . Nella s t o r i a economica, come la p e r -
m u t a d o v e t t e essere un f a t t o p o s t e r i o r e a l l ' a c c a p a r r a m e n t o p e r s o n a l e d e i beni p e r
i p r o p r i i scopi e d o n i s t i c i , così a n c h e il l a v o r o p e r u t i l i t à p r i m a r i a a l t r u i d o v e t t e
essere un f a t t o successivo, non p r i m e v o . C f r . LUIÌOY-BKAULIKU, Traité ( 1910), I I ,
p . 218-219. Ma il lavoro p e r a l t r i d o v e t t e affacciarsi s u b i t o , q u a n d o l ' i n d i v i d u o n o n
si s e n t ì a b i l e a l l a e l a b o r a z i o n e n e c e s s a r i a a t r a s f o r m a r e la m a t e r i a p r i m a , o, p r i m a
a n c o r a , a o t t e n e r e quesia m a t e r i a , N a t u r a l m e n t e n o n d i c i a m o con ciò che l ' i n -
d i v i d u o si sia a s s i c u r a t o q u e s t o l a v o r o a l t r u i nella f o r m a g i u r i d i c a di un c o n t r a t t o :
la coazione f u d a t a dalla f a m i g l i a , d a l l a s c h i a v i t ù . C o m u n q u e , o g g i a n c o r a sus-
s i s t e , e l a r g a m e n t e , il l a v o r o i n d i v i d u a l e . Ma n o n i n t e r e s s a il l e g i s l a t o r e , n e p p u r e
p r e s t a z i o n e di lavoro da olii la pone in essere a una persona diversa ');
è solo in questo caso che si può n o r m a l m e n t e discorrere di u n obbligo
di fare, n o n potendosi concepire di regola un obbligo di f a r e per sè,
per esclusiva o p r i m a r i a propria u t i l i t à : salvo q u a n d o i n t e r v e n g a nel
d i r i t t o privato la patria potestà, e salvo q u a l c h e caso non molto diffe-
r e n t e nel d i r i t t o pubblico (quando cioè lo S t a t o si sostituisce alla
poco vigile p a t r i a p o t e s t à : la vaccinazione, l'obbligo scolastico). A d
ogni modo ho d e t t o « n o r m a l m e n t e »: p i ù a v a n t i vedremo che p u ò sus-
sistere la destinazione del lavoro all'utilità altrui, p u ò sussistere il
c o n t r a t t o che ve l ' h a impressa, m a senza che quella destinazione sia
g a r a n t i t a da un obbligo di p o r r e in essere q u e l l ' a t t i v i t à 2).
11 primo caso, invece (il lavoro f a t t o per conto proprio), ci si pre-
s e n t a q u a n d o la cosa da cui il l a v o r a t o r e r i c a v a il p r o d o t t o (es. la
terra, le mandrie) a p p a r t i e n e ad a l t r i : a b b i a m o allora la locazione di
cosa. Il lavoro c'è q u i come nel c o n t r a t t o di l a v o r o ; ma là è f a t t o p e r
l ' u t i l i t à esclusiva di chi lo pone in e s s e r e : il fulcro del c o n t r a t t o
è d a t o dalla p r e s t a z i o n e del proprietario, che deve tollerare qui p u r e
u n a deviazione, cioè u n a deviazione dell'utilizzazione dal p r o p r i e t a r i o
a u n e s t r a n e o (conduttore). Ne! c o n t r a t t o di lavoro invece il f u l c r o è
dato dalla p r e s t a z i o n e di lavoro, e la deviazione h a ben d i v e r s a ra-
g i o n e : essa tocca la d e s t i n a z i o n e del lavoro. E c c o p e r c h è il p r i m o è
u n c o n t r a t t o di uso, e questo un c o n t r a t t o di lavoro, b e n c h é (come ve-
dremo) t u t t i e d u e disciplinano u n a f o r m a speciale di utilizzazione di
e n e r g i e , e perciò a m b e d u e a p p a r t e n g o n o al tipo generalissimo della
« locazione ».
V e r a m e n t e , se i n t e r r o g h i a m o chi l a v o r a d o v r e m m o i n d u r r e che dal
s u o p u n t o di v i s t a l ' u t i l i t à in v i s t a , della q u a l e a t t u a il lavoro è la
u t i l i t à propria, il bisogno di u n g u a d a g n o . Questo, dal suo p u n t o di

{cfr. a r t . 1 l e g g e 7 l u g l i o 1907, u. 489) a l l a n e c e s s i t à (lei r i p o s o f e s t i v o . L a t u t e l a


l e g i s l a t i v a è c o n c e n t r a t a nel l a v o r o p e r a l t r u i u t i l i t à , e piti i n t e n s a m e n t e , in quello
c h e è lavoro s u b o r d i n a t o . Di ciò piti a v a n t i .
') È d a n o t a r e che il l a v o r o i n d i v i d u a l e (cioè p e r scopo i n d i v i d u a l e al l a v o r a t o r e )
è s e m p r e d e t e r m i n a t o d a l b i s o g n o , m a q u e s t o b i s o g n o p u ò essere v a r i o : p u ò a n c h e
e s s e r e un bisogno d i d i v e r t i m e n t o ; e a b b i a m o a l l o r a il gioco, c h e il PHILIPPOVICH,
Grundrieg, I, p . I l i , c o n t r a p p o n e al l a v o r o nel c o n t r a t t o di l a v o r o dal p u n t o d i
v i s t a d e l l ' a l i e n i t à o no dello scopo, m e n t r e a l t r i (e n o i p u r e n e a b b i a m o discorso
a p r o p o s i t o della p e n a nel l a v o r o , c f r . s o p r a p . 32 s g . ì ne d i s c o r r e d a l p u n t o d i
v i s t a della p e n o s i t à o no del lavoro. Il t u r i s t a che sale il C e r v i n o l a v o r a p e r sè
( g i o c o ) ; la g u i d a che lo a c c o m p a g n a l a v o r a p e r a l t r i (lavoro in senso economico).
In r e a l t à , come s ' è v i s t o , non è t a n t o l a p e n o s i t à o no del l a v o r o p e r sè c h e d i -
s t i n g u e le d u e c a t e g o r i e , q u a n t o l a c o e r c i b i l i t à ; la q u a l e , a p p u n t o , in t e r r i t o r i o d i
d i r i t t o p r i v a t o , e t r a t t a n d o s i di u n « f a r e . » , p r e s u p p o n e n o r m a l m e n t e l a d e s t i -
n a z i o n e del l a v o r o a p r o f i t t o a l t r u i . T r a i d u e a n g o l i v i s u a l i , come si v e d e , il
p i ù e s a t t o è q u e l l o del PHILIPPOVICH.
2
) C f r . a p p r e s s o , c a p o V, 5
vista, è l ' u t i l i t à e la ragione d'essere p r i m a r i a del suo lavoro. Ma
q u e s t a n o n è l ' u t i l i t à di cui noi qui discorriamo. Certo, a n c h e questo
scopo sussiste, a n c h e q u e s t a destinazione del benefìcio economico del
lavoro h a (lo constateremo) u n ' i m p o r t a n z a non solo economica, ma
giuridica di primo ordine. Ma l'utilità clic dalla prestazione di lavoro
r i c a v a chi la p o n e in essere non è l'utilità diretta, ma i n d i r e t t a di
essa, è quella r i s u l t a n t e dallo scambio ') del lavoro con d e n a r o ; ri-
s p e t t o al l a v o r a t o r e il lavoro è u n b e n e s t r u m e n t a l e (si b a d i però che
n o n i n t e n d o qui p r e g i u d i c a r e la questione, che vedremo poi, se il la-
voro sia « cosa » in senso giuridico, o « ricchezza, merce » in senso
economico). Q u i n d i è verissimo che l a prestazione di lavoro è ritile
p e r chi la fa come per la p e r s o n a a cui è f a t t a . Solo che qui noi ci
occupiamo d e l l ' u t i l i t à d i r e t t a della p r e s t a z i o n e di lavoro. E q u e s t a è
della p e r s o n a a cui la p r e s t a z i o n e è d e s t i n a t a , e per la q u a l e a p p u n t o
p a g a u n c o r r i s p e t t i v o a chi l a v o r a , corrispettivo che dal suo p u n t o
di v i s t a t e n d e a p r o p o r z i o n a r s i a q u e l l ' u t i l i t à 2).
E d è a q u e s t a u t i l i t à che a l l u d e i n f a t t i l'art. 1570 colle parole
« . . . u n a delle p a r t i si obbliga a f a r e p e r l'altra... ».
D i c e v a m o che u n indice e v i d e n t e della n e c e s s i t à di q u e s t o requi-
sito della c a p a c i t à del lavoro di s o d d i s f a r e bisogni a l t r u i sta nel f a t t o
del compenso. 1 d u e f e n o m e n i d e l l ' u t i l i t à e della r e t r i b u z i o n e sono
e v i d e n t e m e n t e collegati, come osserva a n c h e il L o t m a r , l'uno c o l i ' a l t r o :
u n a a t t i v i t à u m a n a che n o n potesse essere ofelima (cioè soddisfare g u s t i
a l t r u i ) n o n t r o v e r e b b e chi per esso si sobbarchi ad u n sacrifìcio, pa-
g a n d o u n a r e t r i b u z i o n e . C h e viceversa n o n sia impossibile u n lavoro
ofelimo ma non s u s c e t t i b i l e di compenso, è s t a t o affermato dal L o t m a r ;
m a se noi escludiamo le c o s i d e t t e opere liberali, per cui oggi si deve
a f f e r m a r e la p i e n a c o m p e n s a b i l i t à (su ciò avanti) è ben difficile t r o v a r e
u n esempio che s u f f r a g h i quell'asserzione. A d ogni modo q u i mi b a s t a
a v e r a c c e n n a t o al l e g a m e c h e u n i s c e quei d u e e l e m e n t i ; ricorderò
p u r e come il concetto di u t i l i t à sia dagli economisti r i c h i a m a t o come
limite, i n t o r n o a cui v i e n e ad a d a g i a r s i il t a s s o del salario 3 ).
20. Ma qui ci si affaccia u n a p r i m a obbiezione: v e d r e m o i n f a t t i
che q u e s t o concetto dell'alienità d e l l ' u t i l i t à della prestazione, che a
t u t t a p r i m a p a r e così semplice d a dover essere accolto senza discus-
sione, è s t a t o f a t t o segno i n v e c e a molte e vivaci critiche.

') Il c o n c e t t o c o m b a t t u t o nel t e s t o a c q u i s t e r e b b e u n o s p e c i a l e v a l o r e , se col


GEORGE, Progress und Poverty, c i t a t o d a l SUPINO, II capitale salari, 1900, p. 11,
si r i t e n e s s e che è l ' o p e r a i o che p r o d u c e il suo s a l a r i o . G i u s t a m e n t e il SUPINO
r i l e v a il c o n c e t t o , iu c o n t r a r i o , d i s c a m b i o i n s i t o uel c o n t r a t t o d i l a v o r o .
2
) BLOCK, iu Journal des Economistes, 1899, II, 161 s e g . ; LOTMAR, cit. I, p. 74.
3
) LEROY-BEAULIEU, Traité, II, p. 290.
Si può d u n q u e osservare: dal p u n t o di v i s t a economico è verissimo
che l'utilità, o meglio l'ofelimità è q u a l i t à del lavoro a cui u n a per-
s o n a l i sobbarca per altri. L'economista descrive ciò che è nella r e a l t à ;
e - i n r e a l t à è sempre così. Ma può il g i u r i s t a elevare q u e s t a u t i l i t à
a p r e s u p p o s t o giuridico ? E se piacesse a u n a persona di s t i p u l a r e
del lavoro di cui non s e n t e affatto il bisogno? Certo n o n è uu caso ipo-
tetico, di cui non vi sia u n a r i s p o n d e n z a nella p r a t i c a .
A ciò dobbiamo r i s p o n d e r e d i s t i n g u e n d o . Q u a n d o si dice che il la-
voro deve essere utile si a l l u d e a n z i t u t t o a u n ' u t i l i t à in genere, n o n
p r e c i s a m e n t e ed e s c l u s i v a m e n t e a u n a utilità per il creditore del la-
voro. N o n si i n t e n d e cioè a s s e r i r e se n o n q u e s t o : occorre che il la-
voro sia a s t r a t t a m e n t e , in sè stesso, tale da p o t e r soddisfare dei
bisogni u m a n i . È i n s o m m a p e r il lavoro quello che p e r le « cose »
in senso giuridico, tra cui certo non collochiamo il lavoro; come non
è suscettibile di essere « cosa » ciò che n o n è a s t r a t t a m e n t e ofelimo,
non tale d a s o d d i s f a r e u n bisogno u m a n o , così non è lavoro giuridi-
c a m e n t e s u s s u m i b i l e nella costrizione del c o n t r a t t o quello che non
soddisfa n e s s u n bisogno a l t r u i : t a l e è ad es. l ' a t t i v i t à u m a n a p u r
considerevole del b e r e e del m a n g i a r e ').
Che poi il lavoro d e b b a s o d d i s f a r e p r e c i s a m e n t e u n bisogno del
c r e d i t o r e del lavoro n o n è necessario. Certo il creditore del lavoro
deve a v e r e un i n t e r e s s e proprio alla p r e s t a z i o n e del lavoro (cfr. arti-
colo 36 Cod. proc. civ.); interesse e v i d e n t e q u a n d o l ' u t i l i t à sia per
lui, cioè il lavoro d e b b a s o d d i s f a r e u n bisogno suo (si t r a t t i di ne-
cessità, di miglior godimento, o di semplice l u s s o : ciò n o n importa),
m a che n o n m a n c a n e p p u r e in caso di consumo d e s t i n a t o a t e r z i : su .
ciò a n c o r a a p p r e s s o . Quel che i m p o r t a qui i n t a n t o n o t a r e è che l'uti-
lità della p r e s t a z i o n e di l a v o r o p u ò essere di u n a p e r s o n a diversa d a
quella che l ' h a s t i p u l a t a e che a s s u m e la posizione g i u r i d i c a di cre-
ditore del lavoro. R i a s s u m e n d o , a q u e s t o p r o p o s i t o è certo che in pra-
tica si d a n n o p a r e c c h i e ipotesi.
a) U t i l i t à d i r e t t a della p r e s t a z i o n e e s c l u s i v a m e n t e pel c r e d i t o r e
del lavoro.
b) U t i l i t à d i r e t t a della p r e s t a z i o n e p e r t e r z e persone. Q u e s t ' u l t i m a
ipotesi p u ò p r e s u p p o r r e : «) c h e la p r e s t a z i o n e sia u t i l e (si i n t e n d e c h e
a l l u d o s e m p r e a l l ' u t i l i t à d i r e t t a ) a n c h e p e r il creditore del l a v o r o ;
P) che sia u t i l e e s c l u s i v a m e n t e pel t e r z o o p e r terzi. Q u e s t ' u l t i m a
ipotesi a s u a v o l t a p u ò p r e s u p p o r r e : ««) c h e il c r e d i t o r e del l a v o r o
a b b i a u n i n t e r e s s e p e r s o n a l e economico alla p r e s t a z i o n e di l a v o r o ;
PP) c h e m a n c h i in lui u n i n t e r e s s e egoistico di c a r a t t e r e economico.
L a p r i m a delle ipotesi (a) è q u e l l a c h a offre un i n t e r e s s e m i n o r e
all'occhio i n d a g a t o r e dello s t u d i o s o . N o n è d e t t o p e r ò c h e sia il caso

L
) LOTMAR, op. e I. cit.
p i ù f r e q u e n t e in p r a t i c a : t u t t o il lavoro della g r a n d e i n d u s t r i a vi
sfugge. Vi r i e n t r a invece, per lo p i ù (ma anche qui 11011 sempre!), la
prestazione di lavoro d e l l ' a r t i g i a n a t o e delle professioni l i b e r a l i i ) .
Q u a l c h e p r e s t a z i o n e di lavoro sembra a t u t t a p r i m a di n a t u r a tale d a
non a m m e t t e r e che in casi eccezionali l a possibilità che l'utilità di-
r e t t a del lavoro non sia per il creditore che l ' h a s t i p u l a t a . A d es. le
p r e s t a z i o n i di lavoro degli a r t i s t i musicali, la cui utilità d i r e t t a con-
siste nella percezione delle onde sonore intrasmissibile dal creditore
cui la p r e s t a z i o n e è f a t t a a terzi. M a non è s e m p r e così: mi b a s t a
c i t a r e il c o n t r a t t o di lavoro t r a artisti di c a n t o o professori d ' o r c h e s t r a
e l ' i m p r e s a di un t e a t r o o di c o n c e r t i ; il c o n t r a t t o di lavoro con u n
i m p r e n d i t o r e o u n a c a s a p r o d u t t r i c e di fonografi, ecc.
È d a n o t a r e c h e q u a n d o l'utilità d i r e t t a è e s c l u s i v a m e n t e del cre-
d i t o r e del lavoro, cioè è c o n s u m a t a d a lui, n o n è d e t t o con ciò che
la p r e s t a z i o n e del lavoro, e perciò il c o n t r a t t o stesso, non possa a v e r e
n a t u r a commerciale, come a t u t t a p r i m a p u ò sembrare, in base al con-
c e t t o i n s p i r a t o r e d e l l ' a r t . 5, Cod. comm., per cui non sono a t t i di
commercio gli acquisti « per u s o e c o n s u m o d e l l ' a c q u i r e n t e o delle
s u e famiglie ». Certo non vi è un a c q u i s t o « per r i v e n d e r e » (art. 3,
n. 1 Cod. c o m m . ) ; ma vi p u ò essere c o n t r a t t o commerciale di lavoro
in cui la p r e s t a z i o n e di lavoro è di consumo e s c l u s i v a m e n t e perso-
n a l e al c r e d i t o r e q u a n d o si t r a t t i di p r e s t a z i o n i p e r p a r t e di i m p r e s e
di f a b b r i c h e o costruzioni, di m a n i f a t t u r e , di spettacoli pubblici, edi-
trici o tipografiche, ecc., dal m o m e n t o che per l ' a r t . 54, Cod. comm., se
l ' a t t o è commerciale solo pel d e b i t o r e del lavoro, ciò non toglie che
a n c h e l ' a l t r a p a r t e sia s o g g e t t a alla l e g g e commerciale.
21. V e n e n d o ora alla, s e c o n d a ipotesi (b) che l ' u t i l i t à d i r e t t a della
p r e s t a z i o n e di l a v o r o non sia d e s t i n a t a al c r e d i t o r e che l ' h a s t i p u l a t a ,
c h e perciò sia d e s t i n a t a a u u terzo, è e v i d e n t e c h e q u e s t o è il caso
n o r m a l e del c o n t r a t t o di lavoro i n d u s t r i a l e 2 ); è u n caso che si veri-
fica s e m p r e l a d d o v e il creditore del lavoro n o n sia i n r e a l t à che u n
i n t e r m e d i a r i o t r a il lavoro che p r o d u c e e il c o n s u m o : q u e s t a è a n c h e
la m a n i f e s t a z i o n e p i ù f r e q u e n t e e t i p i c a oggi del c o n t r a t t o di lavoro.
Non s a r à n e c e s s a r i o r i l e v a r e c h e q u e s t a a l i e n i t à di destinazione del-
l ' u t i l i t à del lavoro, b e n c h é non si imprimi c o n t r a t t u a l m e n t e in modo
reciso (all'operaio poco i m p o r t a quello che l ' i n d u s t r i a l e voglia f a r e dei
p r o d o t t i a c c u m u l a t i in m a g a z z i n o ; è cosa che non lo r i g u a r d a ) t u t t a v i a
influisce i n d i r e t t a m e n t e sulla a t t u a z i o n e del c o n t r a t t o di lavoro, e le
f o r m e di q u e s t a r i p e r c u s s i o n e sono v a r i e : a cominciare dalla scelta dei
prodotti meglio a t t i a s o d d i s f a r e il c o m m i t t e n t e , sino alla l a v o r a z i o n e

') Il c o n t r a t t o di lavoro g i o r n a l i s t i c o è escluso d a q u e s t a c a t e g o r i a .


2
) MASSÈ, op. cit,., p. 52.
secondo criteri personalissimi al committente, o alla possibilità per il
c o n t r a t t o di lavoro edilizio di una g a r a n z i a sussidiaria sul patrimonio
del committente (art. 1045).
L a legge sugli i n f o r t u n i accolla l'obbligo dell'assicurazione in ge-
nere ai capi o esercenti delle imprese, ecc. indicate ivi; ora i m p r e s a ,
i m p r e n d i t o r e sono qui di regola a s s u n t i nel significato economico di
i n t e r m e d i a r i t r a i p r o d u t t o r i di m a t e r i a p r i m a o di lavoro e i terzi
(consumatori). V e r a m e n t e l'art. 7 h a c u r a di e s t e n d e r e la parola im-
p r e n d i t o r e a n c h e a « colui che faccia eseguire per conto proprio al-
cuno dei lavori che f o r m a n o oggetto delle imprese, ecc.... » : qui colla
espressione « p e r conto p r o p r i o » e v i d e n t e m e n t e ') si allude a lavori
compiuti per l'utilità d i r e t t a di chi li f a eseguire, e che la legge,
con u n a e s t e n s i o n e terminologica c o n c e t t u a l m e n t e a r b i t r a r i a , m a legi-
s l a t i v a m e n t e chiara, c h i a m a i m p r e n d i t o r i 2). C o m u n q u e , salvo questo
caso, t r a t t a n d o s i di i m p r e s a i n d u s t r i a l e la d e s t i n a z i o n e u l t i m a dei pro-
d o t t i è s e m p r e per altri, non per il creditore del l a v o r o : q u e s t o è
p u r e il caso d e l l ' i n d u s t r i a l e che a c c u m u l a i p r o d o t t i , per poi venderli
al m o m e n t o o p p o r t u n o , che insomma p r e v i e n e la d o m a n d a . Qui l'alie-
n i t à della d e s t i n a z i o n e è a n c h e m e n o evidente,, e non vi sarà l'appli-
cazione dell'art. 1615, a f a v o r e degli operai d i p e n d e n t i . Ma, salvo ciò,
la s t r u t t u r a del c o n t r a t t o di lavoro tra l ' i n d u s t r i a l e e gli operai o i
suoi impiegati r i m a n e i n a l t e r a t a , così come i n t a t t o r e s t a l'obbligo di
a s s i c u r a r e gli operai c o n t r o gli i n f o r t u n i .
N o r m a l m e n t e , a n c h e q u a n d o l ' u t i l i t à è d e s t i n a t a a terzi il c r e d i t o r e
del lavoro che f u n g e in certo modo da i n t e r m e d i a r i o h a un proprio
i n t e r e s s e economico a che la p r e s t a z i o n e di lavoro a b b i a luogo. C h e
ciò non sia nel caso ad es. in cui non h a altro scopo- che la bene-
ficenza e n u l l a chiede per sè, non toglie n u l l a al c o n t r a t t o di lavoro,
n o n n e a l t e r a per n u l l a la fisionomia. R i p e t i a m o che la d e s t i n a z i o n e
dell'utilità è i r r i l e v a n t e p e r chi l a v o r a ; per esso n o n vi h a altro de-
s t i n a t a r i o che il suo creditore a cui deve d a r e il suo l a v o r o ; ciò, si
i n t e n d e , salve le eccezioni sopra indicate.
Ma p u ò essere che l'alienità di q u e s t a d e s t i n a z i o n e sia s t a t a dalle
p a r t i , in ispecie dal c r e d i t o r e del lavoro, i m p r e s s a c o n t r a t t u a l m e n t e
sulla p r e s t a z i o n e stessa. V a l e a d i r e q u e s t a a l i e n i t à di destinazione,

' ) È il c o n t e s t o che p u ò c h i a r i r e il s i g n i f i c a t o d i q u e l l ' e s p r e s s i o n e , c h e a l t r o v e


è b e n d i f f e r e n t e . Così n e l l ' a r t . 13 p r i m o c o m m a del t e s t o u n i c o s u l l a C a s s a Nazio-
n a l e p r e v i d e n z a (30 m a g g i o 1907, n . 376), è d u b b i o se e p e r c o n t o p r o p r i o » a l l u d e
al l a v o r o a u t o n o m o p e r c o m m i s s i o n e a l t r u i ( l ' i m p r e s a ) , o a q u e l l o f a t t o p e r r i v e n -
d e r e il p r o d o t t o , o a un l a v o r o p e r e s c l u s i v a u t i l i t à p r o p r i a : q u e s t ' u l t i m a ipotesi
è la m e n o v e r o s i m i l e .
2
) L a c o n s e g u e n z a è che l ' e s s e r e i p r o d o t t i d e s t i n a t i al c o n s u m o del c r e d i t o r e
del l a v o r o , o di t e r z i è i r r i l e v a n t e d a l p u n t o d i v i s t a d e l l ' a p p l i c a z i o n e d e l l a l e g g e
s u g l i i n f o r t u n i sul l a v o r o . CARNELUTTI, in Rivista dir. pubblico, 3909, l i , 18.
n o n pel creditore s t i p u l a n t e , rientri come elemento nell'organismo giu-
ridico creato dal c o n t r a t t o di lavoro. Il debitore sa che la prestazione
v a f a t t a ' per l ' u t i l i t à d i r e t t a di altri, che non è il suo creditore. Ciò
p o r t e r à per conseguenza che la p r e s t a z i o n e sia f a t t a d i r e t t a m e n t e al
terzo, effettivo d e s t i n a t a r i o dell'utilità della prestazione. Questo feno-
m e n o a s s u m e in realtà u n ' i n t e n s i t à v a r i a di manifestazione.
a) A n z i t u t t o abbiamo la più semplice, quale noi troviamo quo-
t i d i a n a m e n t e n e l l ' a r t i g i a n a t o (il f a b b r o che m a n d a un l a v o r a t o r e a fare
u n a r i p a r a z i o n e in casa di u n cliente; il p i t t o r e di p a r e t i che m a n d a
i suoi l a v o r a n t i a i m b i a n c a r e le camere di un c o m m i t t e n t e ) ; t a l o r a
a n c h e nella g r a n d e i n d u s t r i a m a n i f a t t u r i e r a , Ma più spesso in alcuni
casi in cui il creditore del lavoro in r e a l t à è u n imprenditore, cioè
a dire o r g a n i z z a t o r e di prestazioni di lavoro n e l l ' i n t e r e s s e di terzi.
Q u e s t a f u n z i o n e i n t e r m e d i a r i a i n f a t t i p u ò essere esercitata per modo
che la p r e s t a z i o n e di lavoro d e b b a a v e r luogo nei d i r e t t i r a p p o r t i col
terzo c o n s u m a t o r e d e l l ' u t i l i t à del lavoro, il c h e si verifica q u a n d o si
t r a t t i di servizi (lavoro p e r r i s u l t a t o immateriale).
I n f a t t i i servizi p e r s o n a l i non possono di regola a t t u a r s i che diret-
t a m e n t e in favore dell'utilità del d e s t i n a t a r i o , nou dell'intermediario.
Così il p r e c e t t o r e i n c a r i c a t o di i s t r u i r e il figlio di colui con cui h a
s t i p u l a t o il c o n t r a t t o n o n p u ò riversare l ' i n s e g n a m e n t o se n o n diret-
t a m e n t e s u l l ' a l l i e v o ' ) ; l ' a r t i s t a che h a u n a s c r i t t u r a deve c a n t a r e
in p r e s e n z a del p u b b l i c o ; il ferroviere o il t r a m v i e r e non possono
p r e s t a r l ' o p e r a loro se n o n ai terzi che vogliono essere t r a s p o r t a t i .
A n c h e q u e s t a n o n è però, coinè p u ò s e m b r a r e a t u t t a prima, regola
a s s o l u t a . Come s'è. già visto, il servizio i m m a t e r i a l e d e l l ' a r t i s t a p u ò
essere, nei r a p p o r t i colla casa p r o d u t t r i c e di fonografi, p e r p e t u a t o nei
d i s c h i ; è s e m p r e la produzione m a t e r i a l e delle onde aeree onde consta
il suono che piermette q u e s t o r i s u l t a t o .
I n q u e s t a p r i m a c a t e g o r i a di m a n i f e s t a z i o n i quel che i m p o r t a ri-
l e v a r e s u b i t o è che n o n a b b i a m o u n a di quelle cosiddette stipulazioni
a f a v o r e di terzo di cui all'art, 1128. P r e m e t t o che a' t e r m i n i di q u e s t o
articolo, dicendo « c o n t r a t t o a f a v o r e di terzo » qui e a p p r e s s o io n o n
i n t e n d o a f f a t t o u s a r e la p a r o l a nel senso tecnico di u n c o n t r a t t o d a
cui u n terzo a c q u i s t a s e n z ' a l t r o u n d i r i t t o ; m a di c o n t r a t t o in cui
è d e s i g n a t o 1111 terzo come f u t u r o possibile beneficiario (nel caso nostro)
della p r e s t a z i o n e di lavoro. O r a è e v i d e n t e che il c o n t r a t t o a f a v o r e di
terzi, i n t e s o a n c h e in q u e s t o senso più limitato, v i ha solo se la desti-
nazione a f a v o r e del t e r z o è s t a t a o r i g i n a r i a m e n t e inserita nella stipu-
lazione del c o n t r a t t o di lavoro in f o r m a di a t t r i b u z i o n e di u n d i r i t t o
al t e r z o , sia p u r e c o n d i z i o n a t a alla s u a volontaria a d e s i o n e ; per es. il

' ) LOTMAR, Der Arbeitsvertrag, I, p. 107.


c o n t r a t t o di trasporto, in cui il destinatario sia p e r s o n a diversa dal
mittente. Ma q u a n d o il f a b b r o m a n d a il suo garzone a r i p a r a r e la serra-
t u r a di-un cliente, si può sempre ritenere, è vero, clie nella stipulazione
del c o n t r a t t o di lavoro coll'operaio era inserita p u r e (art. 1124, 1137)
la clausola in base alla quale il lavoro a v r e b b e dovuto e v e n t u a l m e n t e
*• essere a t t u a t o d i r e t t a m e n t e in r a p p o r t o ai clienti. Ma con ciò n o n vi
è, nel m o m e n t o del c o n t r a t t o , n e s s u n a attribuzione specifica di diritti
a terzi, la destinazione a f a v o r e di t e r z i r i g u a r d a solo la m a t e r i a l e at-
tuazione del lavoro; il r a p p o r t o che lega il terzo a q u e s t a p r e s t a z i o n e
non scende già dal c o n t r a t t o di lavoro t r a il f a b b r o e il suo dipen-
d e n t e , ma dal c o n t r a t t o (che p u ò n o n essere di lavoro) t r a il f a b b r o e
il terzo, r i s p e t t o a cui l ' o p e r a del d i p e n d e n t e è solo u n mezzo di at-
tuazione.
Il terzo può p r e t e n d e r e d u n q u e l ' o p e r a del d i p e n d e n t e del f a b b r o
non in b a s e al c o n t r a t t o di lavoro t r a l'operaio e il fabbro, ma al
suo c o n t r a t t o col f a b b r o ; a quel c o n t r a t t o di lavoro è c o m p l e t a m e n t e
e s t r a n e o '). Q u e s t o c o n t r a t t o è a n t e r i o r e alla commissione che il terzo
d à a l l ' i m p r e n d i t o r e ; e allora quella d e s t i n a z i o n e — in g e n e r e auto-
rizzata, però, dal c o n t r a t t o di lavoro stesso — è i m p r e s s a n e l l a pre-
s t a z i o n e di lavoro in u n a f a s e posteriore alla stipulazione, cioè n e l l a
fase esecutiva. Il l a v o r a n t e che d i p e n d e dal p i t t o r e di p a r e t i è obbli-
g a t o per c o n t r a t t o a l a v o r a r e dove piaccia al p r i n c i p a l e ; m a con-
c r e t a m e n t e la d e s t i n a z i o n e aliena al lavoro suo è di v o l t a in v o l t a
i m p r e s s a dal principale cogli ordini, m e d i a n t e i quali esso p o n e in
movimento il r a p p o r t o giuridico c h e lo lega al l a v o r a n t e per a t t u a r e
la commissione a v u t a dal terzo.
Con ciò non è escluso che il terzo, e s t r a n e o al c o n t r a t t o di l a v o r o
t r a il l a v o r a t o r e e la p e r s o n a d a cui il l a v o r a t o r e h a a v u t o l'incarico,
non influisca sulla s i t u a z i o n e g i u r i d i c a c r e a t a d a q u e s t o c o n t r a t t o .
Vi influisce e s s e n z i a l m e n t e col cooperare ( a c c e t t a n d o la p r e s t a z i o n e
di lavoro a l u i in f a t t o r i v o l t a , e r e n d e n d o l a possibile) a l l ' a t t u a z i o n e
della p r e s t a z i o n e nei r a p p o r t i giuridici t r a le p a r t i in quel c o n t r a t t o .
Cosicché 2) se m a n c a q u e s t a cooperazione il creditore del lavoro p u ò
e s s e r e p o s t o in m o r a (mora del creditore). S u ciò a suo luogo.
b) M a vi è u n ' a l t r a f o r m a di iienetrazione a n c h e più e n e r g i c a del
terzo n e l l ' o r b i t a del c o n t r a t t o di lavoro a cui esso è e r i m a n e sostan-
z i a l m e n t e estraneo, u n a f o r m a perciò che h a di c o m u n e col caso pre-
c e d e n t e la, non a p p l i c a b i l i t à dell'articolo 1128 cap., e sta in ciò: c h e

' ) Si p u ò d i r e , col LOTMAR, op. e 1. c i t . , che l ' a t t u a z i o n e d i q u e s t a p r e s t a z i o n e


d i l a v o r o c r e a u n a r e l a z i o n e di p u r o f a t t o t r a il l a v o r a t o r e e il c l i e n t e del c r e d i -
t o r e del lavol-o; e cioè la p r e s t a z i o n e i n f a t t o è a t t u a t a di f r o n t e al t e r z o , i n d i r i t t o
d i f r o n t e al c r e d i t o r e del l a v o r o .
2
) C f r . LOTMAR, op. cit., p. 108.
spesso è al terzo il q u a l e gode d i r e t t a m e n t e la prestazione di lavoro
c h e è rimesso il p a g a m e n t o della mercede del lavoro compiuto. E si
noti, non già la m e r c e d e dal terzo d o v u t a a colui cui si è rivolto e
che ha incaricato u n suo operaio, o c o m u n q u e a l t r a persona di ese-
g u i r e il lavoro richiesto (es. la m e r c e d e d o v u t a dal cliente al p a d r o n e
del r i s t o r a n t e , per i cibi consumati), ma p r e c i s a m e n t e la mercede che
corrisponde al lavoro f a t t o da chi lo pone in essere da colui da cui
h a a v u t o l'incarico. A d es. i camerieri nei r i s t o r a n t i sono vincolati d a
c o n t r a t t o di lavoro col p r o p r i e t a r i o d e l l ' a z i e n d a ; ma bene spesso il
g u a d a g n o è r i c a v a t o e s c l u s i v a m e n t e dalle mancie, p a g a t e a loro diret-
t a m e n t e dai c o n s u m a t o r i ; anzi, talora è il cameriere che p a g a u n a
somma al proprietario, per o t t e n e r e il posto e v i d e n t e m e n t e l u c r o s o :
che ciò influisca o n o n influisca affatto sulla n a t u r a del c o n t r a t t o
t r a cameriere e proprietario, che cioè questo c o n t r a t t o malgrado ciò
r i m a n g a s e m p r e u n c o n t r a t t o di lavoro nel senso in cui noi l'intendiamo,
e a cui a l l u d e l ' a r t . 1570, è q u a n t o v e d r e m o più a v a n t i . Notiamo solo
c h e q u e s t o rimbalzo del p a g a m e n t o della m e r c e d e sui terzi u t e n t i il
servizio non è i n f r e q u e n t e .
e) E infine vi è u n a t e r z a c a t e g o r i a di casi, in cui l'introduzione
dell'alienità della p r e s t a z i o n e di lavoro nel c o n t r a t t o a s s u m e l'espres-
sione s u a più e n e r g i c a : quella in cui è proprio da q u e s t o c o n t r a t t o
di lavoro che al terzo d e r i v a , se accetta, il d i r i t t o di p r e t e n d e r e sen-
z ' a l t r o la p r e s t a z i o n e da ch'i se l'è a s s u n t a , senza, d u n q u e , che a ciò
occorra, come nei casi p r e c e d e n t i , u n a l t r o c o n t r a t t o d i r e t t a m e n t e t r a
lo s t i p u l a n t e e il terzo. I n q u e s t i casi si capisce che siamo di f r o n t e
a veri e propri c o n t r a t t i a f a v o r e di terzi (nel senso che sopra ab-
b i a m o r i c h i a m a t o ) ; sono casi in cui a n c h e il creditore del lavoro d e v e
a v e r e u n interesse proprio, p e r c h è il v a n t a g g i o s t i p u l a t o pel terzo d e v e
figurare « condizione di u n a s t i p u l a z i o n e » che il creditore del lavoro
& p e r sè. Ciò d u n q u e p r e s u p p o n e : 1.° che il creditore del lavoro a b b i a
un i n t e r e s s e proprio alla s t i p u l a z i o n e del c o n t r a t t o ; 2.° che l a accetta-
zione del terzo c o s t i t u i s c a u n a v e r a e p r o p r i a condizione a cui quel
c o n t r a t t o è s u b o r d i n a t o '). N a t u r a l m e n t e q u a n t o al primo r e q u i s i t o
d e b b o p r e s u p p o r r e che il creditore del lavoro agisca in n o m e p r o p r i o ,
e n o n come r a p p r e s e n t a n t e del t e r z o ; in q u e s t ' u l t i m o caso vigono le
r e g o l e della r a p p r e s e n t a n z a , e n o n quelle del c o n t r a t t o a f a v o r e di
terzi. Se n e d i s c o r r e r à a p r o p o s i t o della stipulazione del c o n t r a t t o di
l a v o r o m e d i a n t e i n t e r m e d i a r i 2).

') MANENTI, in Rivista dir. civ., 1909, p. 307.


2
) D o b b i a m o i n o l t r e e s c l u d e r e d a l l a c a t e g o r i a d e l c o n t r a t t o d i l a v o r o come vero
e p r o p r i o c o n t r a t t o a f a v o r e di terzo a t e n o r e d e l l ' a r t . 1128 i c o n t r a t t i d i l a v o r o
s t i p u l a t i d a l socio a m m i n i s t r a t o r e di u n ' a s s o c i a z i o n e o d i u n a s o c i e t à civile cogli
i m p i e g a t i della società, o d a l l ' e r e d e n e l l ' i n t e r e s s e d e l l a m a s s a e r e d i t a r i a .
L i m i t a t o per t a l modo l ' a r g o m e n t o scorgiamo subito che le ipotesi
di vero c o n t r a t t o di lavoro con stipulazione del lavoro a favore di
terzi non sono molto numerose in pratica. Spesso poi il c o n t r a t t o t r a
s t i p u l a n t e e p r o m i t t e n t e in p r a t i c a s a r à u n a semplice donazione. Se
Tizio p r o m e t t e u n compenso di denaro a Caio, per u n lavoro che q u e s t o
si impegna di f a r e per Sempronio (ad es. u n m e c e n a t e che i m p e g n a
u n a r t i s t a a f a r e u n a s t a t u a per u n a città) si possono dare d u e ipo-
tesi t e o r i c a m e n t e : o vi h a u n c o n t r a t t o di lavoro (cioè le d u e pre-
stazioni s a r e b b e r o f u s e in u n a relazione sinallagmatica) ; o p p u r e le
d u e prestazioni sono scisse, r e l a t i v a m e n t e autonome, cioè non in re-
lazione sinallagmatica. E in q u e s t ' u l t i m o caso la p r o m e s s a di com-
penso è u n a d o n a z i o n e ; la p r e s t a z i o n e al terzo u n modo (donazione
modale). Come si vede il campo di un c o n t r a t t o di lavoro a presta-
zione di lavoro d i v e r g e n t e si r e s t r i n g e ancora di più.
D a t u t t o ciò i n t a n t o ricaviamo la conclusione c h e u n c o n t r a t t o di
lavoro in cui sia s t i p u l a t a a favore e s c l u s i v a m e n t e di t e r z o (intesa
s e m p r e q u e s t a espressione nel senso lato e i m p r o p r i o di cui sopra) la
p r e s t a z i o n e di lavoro, n o n si p u ò d a r e se non q u a n d o al c o n t r a t t o sia
i n t e r e s s a t o a n c h e lo s t i p u l a n t e (che q u i n d i a g i s c a in p r o p r i o nome) :
q u a n d o cioè le d u e p r e s t a z i o n i siano s t r e t t e in nesso s i n a l l a g m a t i e o .
Il semplice interesse della beneficenza e della g r a t i t u d i n e r i g u a r d o
al terzo n o n è sufficiente : la s t i p u l a z i o n e p e r sè stesso di cui all'ar-
ticolo 1128 a l l u d e a u n m o v e n t e di n a t u r a egoistica (per lo p i ù eco-
nomico): m a n e p p u r e è necessario, d ' a l t r a p a r t e , che q u e s t ' i n t e r e s s e
si r i f e r i s c a a p p u n t o alla p r e s t a z i o n e di lavoro. A q u e s t a esclusiva-
m e n t e i n t e r e s s a t o p u ò essere il terzo, p u r c h é il c o n t r a t t o si r e g g a
come c o n t r a t t o s t i p u l a t o in proprio nome, cioè si a p p o g g i a u n inte-
resse, a n c h e differente, dello s t i p u l a n t e .
Q u a l c h e caso p u ò esser dubbio. A d es. : Tizio v e n d e a u n a r t i s t a
u n a casa per u n d a t o prezzo c h e l ' a r t i s t a pagherà," m a s t i p u l a a n c h e
che l ' a r t i s t a d o v r à d e c o r a r e il soffitto di u n a casa d ' a l t r a p e r s o n a ;
la v e n d i t a della casa è in p a r t e il c o r r i s p e t t i v o di q u e s t a p r e s t a z i o n e
di lavoro. Ohe c o n t r a t t o è q u e s t o ? D i v e n d i t a , se p r e n d i a m o la tras-
missione di p r o p r i e t à della casa come p r e s t a z i o n e p r i m a r i a : in t a l
caso q u e l l a p r e s t a z i o n e di lavoro i n t e g r a il prezzo, e fa p a r t e del
corrispettivo. Di c o n t r a t t o di lavoro, se ci collochiamo dal p u n t o di
v i s t a della p r e s t a z i o n e di l a v o r o : in tal caso la v e n d i t a della c a s a
s a r e b b e la r e t r i b u z i o n e , e s u b e r a n t e p e r sè, p e r c i ò con d e t r a z i o n e della
s o m m a di d e n a r o che l ' a c q u i r e n t e h a a p a g a r e . I n p r a t i c a , si pos-
sono d a r e t u t t e e d u e le ipotesi, secondo che le c i r c o s t a n z e facciano
d e l l ' u n a o d e l l ' a l t r a p r e s t a z i o n e l ' e l e m e n t o tipico e p r i m a r i o ; è diffi-
cile c h e l ' e s a m e delle c i r c o s t a n z e n o n p r o i e t t i l u c e in proposito. M a
q u e s t o esèmpio p r o v a a n c o r a a q u a n t o poco si r i d u c a in r e a l t à (salvo
il c o n t r a t t o di t r a s p o r t o ) l ' i m p o r t a n z a p r a t i c a di q u e s t o i n n e s t o della
stipulazione a favore di terzo, nel suo senso tecnico ammesso dalla
legge, sul c o n t r a t t o di lavoro per cpianto concerne la prestazione prin-
cipale (cliè la stipulazione a f a v o r e di terzo può anche concernere la
mercede). L'unico caso v e r a m e n t e i m p o r t a n t e di questo innesto è a
proposito delle condizioni di t a r i f f a o di lavoro s t i p u l a t e a favore degli
operai nel c o n t r a t t o t r a c o m m i t t e n t e e i m p r e n d i t o r e (su ciò a suo
luogo:) ma qui siamo iu a r g o m e n t o b e n diverso da quello di cui ora
ci occupiamo 4).
22. Ma vi h a clippiù. F e r m i a m o c i ormai ai casi — t r a cui quello
più tipico e p r a t i c a m e n t e i m p o r t a n t e è il c o n t r a t t o di t r a s p o r t o —
in cui u n vero c o n t r a t t o di lavoro ci si p a l e s a sotto forma di con-
t r a t t o a f a v o r e di terzo, e v e d i a m o se q u e s t a speciale s t r u t t u r a non
influisce sul c o n t r a t t o di l a v o r o ; chi s a r à qui il creditore del lavoro,
lo s t i p u l a n t e a f a v o r e del terzo, o il terzo che a b b i a a c c e t t a t o (debbo
n a t u r a l m e n t e p r e s u p p o r r e che l'accettazione sia già a v v e n u t a ) ? A
t u t t a p r i m a si è i n d o t t i a r i s p o n d e r e che dipende dal vedere t r a chi
s u s s i s t a il sinallagma : l'obbligazione di f a r e , e q u e l l a di p a g a r e la
mercede. Se così fosse, q u a n d o si t r a t t a s s e di spedizione in cui il
prezzo del t r a s p o r t o è a carico del d e s t i n a t a r i o (porto assegnato) il
creditore s a r e b b e q u e s t ' u l t i m o , m e n t r e è certo che l a complessa situa-
zione giuridica in cui t r o v i a m o i d i r i t t i e i doveri del v e t t o r e deri-
v a n o p r o p r i o dal c o n t r a t t o s t i p u l a t o t r a m i t t e n t e e v e t t o r e ; e che,
almeno tino a che il d e s t i n a t a r i o n o n a b b i a a c c e t t a t o la spedizione a
lui f a t t a (ciò è e s t r a n e o c o m p l e t a m e n t e a quella situazione giuridica),
c e r t a m e n t e il v e t t o r e n o n può riconoscere per suo creditore del lavoro
che il m i t t e n t e , nel q u a l e solo in definitiva r i c a d e a n c h e l'obbligo della
mercede, se il d e s t i n a t a r i o a cui sia s t a t a accollata non a c c e t t a la spe-
dizione. E del r e s t o l ' a r t . 318 risolve e s p l i c i t a m e n t e il d u b b i o dichia-
r a n d o che il « c o n t r a t t o di t r a s p o r t o h a luogo t r a lo speditore e il
m i t t e n t e che l ' i n c a r i c a del t r a s p o r t o , e l ' i m p r e n d i t o r e che a s s u m e di
farlo e s e g u i r e in n o m e p r o p r i o e p e r conto altrui... ».
Ma il d u b b i o p u ò nascere dal p u n t o in cui il d e s t i n a t a r i o a b b i a il di-
r i t t o di p r e t e n d e r e dal v e t t o r e la r i c o n s e g n a della cosa s p e d i t a cioè
l ' e s a u r i m e n t o della p r e s t a z i o n e di lavoro. Come si sa secondo l'art. 407
q u e s t o a v v i e n e « dopo l ' a r r i v o delle cose t r a s p o r t a t e o dopo il giorno in
cui esse a v r e b b e r o d o v u t o a r r i v a r e nel luogo di destinazione... ». O r a
p r e s c i n d i a m o dalla q u e s t i o n e se l ' a c q u i s t o del d i r i t t o p e r p a r t e del de-
s t i n a t a r i o sia o no s u b o r d i n a t o , m a l g r a d o la formula di q u e s t o arti-
colo, alla v o l o n t à s u a di a c q u i s t a r e , c o n f o r m e m e n t e a l l ' a r t . 1028, Co-

') P i ù a v a n t i (cap. V, § 5) r i e s a m i n e r e m o b r e v e m e n t e q u e s t o a r g o m e n t o del


c o n t r a t t o di l a v o r o a f a v o r e di terzo al l u m e d e i p r i n c i p i che g o v e r n a n o l ' o n e r o s i t à
del nostro c o n t r a t t o .
dice civile, questione clie esula dal campo delle n o s t r e i n d a g i n i : io
sarei per la sussumibilità sotto l ' a r t . 1128, col M a n e n t i 1 ) . Comunque,
viene u n m o m e n t o in cui da u n a p a r t e il m i t t e n t e non può p i ù di-
sporre delle cose spedite, e q u e s t a facoltà di disposizione p a s s a al
destinatario 2 ); questo p u ò anzi e s e r c i t a r e t u t t i i d i r i t t i d e r i v a n t i dal
c o n t r a t t o di t r a s p o r t o e le azioni di r i s a r c i m e n t o ; egli può p r e t e n d e r e
la riconsegna delle cose (art. 407).
Ora, con ciò si p u ò dire che il m i t t e n t e p e r d a la s u a v e s t e di cre-
ditore del lavoro, che viene a s s u n t a dal d e s t i n a t a r i o ? Q u a l c h e espres-
sione della legge lo p o t r e b b e f a r credere, iu q u a n t o in q u e s t o m o m e n t o
il v e t t o r e n o n h a più l'obbligo di eseguire gli ordini del m i t t e n t e . Ma
con ciò n o n si a l l u d e se non p u r a m e n t e alla t r a s m i s s i o n e ad altri di
a l c u n e delle f a c o l t à c o n t e n u t e n e l l a posizione giuridica dal c r e d i t o r e
del lavoro. Q u e s t a r e s t a nel m i t t e n t e ; in q u a n t o il v e t t o r e si è
a s s u n t o verso il m i t t e n t e di t r a s p o r t a r e u n a cosa c o n s e g n a n d o l a al
d e s t i n a t a r i o , è chiaro che o p e r a n d o q u e s t o t r a s p o r t o esso soddisfa la
p r e s t a z i o n e nei r a p p o r t i con il m i t t e n t e . T a n t ' è vero che la posizione
giuridica del m i t t e n t e p u ò r i p i g l i a r e t u t t a la s u a pienezza di conte-
n u t o a n c h e dopo c e s s a t a ogni i n g e r e n z a del m i t t e n t e nella spedizione
(ad es. dopo lo svincolo, q u a n t o al t r a s p o r t o ferroviario) se il desti-
n a t a r i o rifiuta di r i c e v e r e la merce 3 ); e che r e s t a s e m p r e l'obbligo
di p a g a r e la mercede, la quale, se n o n è p a g a t a dal d e s t i n a t a r i o , è a ca-
rico del m i t t e n t e . M a la p a r t i c o l a r i t à di q u e s t o c o n t r a t t o è, che la po-
sizione del m i t t e n t e si s v u o t a p e r così dire, e la m a s s i m a p a r t e del
suo c o n t e n u t o v a a c o s t i t u i r e la posizione g i u r i d i c a del d e s t i n a t a r i o ,
c h e d i v e n t a quindi u n a l t r o creditore del lavoro, il q u a l e p u ò preten-
d e r e l ' a t t u a z i o n e del t r a s p o r t o , la consegna, p u ò a g i r e p e r le a v a r i e ,
p u ò i n s o m m a f a r v a l e r e t u t t i i d i r i t t i d e r i v a n t i dal c o n t r a t t o . È u n
f e n o m e n o di s d o p p i a m e n t o d a t o d a ciò, che l ' u t i l i t à della p r e s t a z i o n e
di lavoro è a f a v o r e del m i t t e n t e e del d e s t i n a t a r i o (anche del m i t t e n t e ,
che a g i s c e nel proprio interesse), e che il d e s t i n a t a r i o , a differenza dei
casi p r e c e d e n t i (il cliente elei b a r b i e r e o dell'artigiano, lo s p e t t a t o r e nei
t e a t r i , ecc.), p a r t e c i p a a l l a f o r m a z i o n e del r a p p o r t o g i u r i d i c o che h a
le sue radici p r i n c i p a l i nel c o n t r a t t o di l a v o r o i n t e r v e n u t o t r a le a l t r e
d u e p a r t i (creditore e d e b i t o r e del lavoro) 4).
C h e p a r t e c i p i come c o n t r a e n t e o come terzo è d i s c e t t a t o : certo u n
r a p p o r t o g i u r i d i c o si i n s t a u r a t r a il v e t t o r e e il d e s t i n a t a r i o , che p r e n d e

' ) Rivista dir. civ., 1909, 313 seg.


2
) L a d i m o s t r a z i o n e c h e il MANENTI h a f a t t o di q u e s t a t r a s m i s s i o n e solo n e l
m o m e n t o d e l l ' a d e s i o n e del d e s t i n a t a r i o mi s e m b r a i n c o n f u t a b i l e ; op. c i t .
3
) VIVANTE, Trattato, I V , n . 2079 (II e d i z . ) .
4
) Il LOTMAR, op. e 1. cit., r i t i e n e c h e il t r a s p o r t o sia u n o dei casi in cui il d e s t i -
n a t a r i o della p r e s t a z i o n e di l a v o r o sia u n t e r z o n è c r e d i t o r e n è d e b i t o r e del l a v o r o .
L . BARASSI. — Il contratto di lavoro, ecc. — 2 . a ed. — 5.
le mosse e si sostanzia dal c o n t r a t t o stipulato o r i g i n a r i a m e n t e t r a
v e t t o r e e m i t t e n t e ; t a n t o il v e t t o r e clie il destinatario debbono risalire
a q u e s t o c o n t r a t t o e all'adesione del d e s t i n a t a r i o (coinè secondo me
lia o t t i m a m e n t e chiarito il Manenti), debbono ricollegare questi d u e
a t t i giuridici, per f o r m a r e l a genesi e la base f o n d a m e n t a l e dei r a p p o r t i
giuridici t r a loro J ). Ma t u t t o ciò ammesso e ammesso d u n q u e che p e r
o t t e n e r e l'effetto ci occorre la somma degli elementi a + & non è con
ciò solo d e t t o che q u e s t a somma, t r a t t a n d o s i di somma di a t t i giuridici,
costituisca u n a u n i t à , u n a f u s i o n e a contratto. Il M a n e n t i lo h a as-
serito, scorgendo nel c o n t r a t t o di t r a s p o r t o un'offerta di c o n t r a t t a r e
o di e n t r a r e nel c o n t r a t t o al terzo ( d e s t i n a t a r i o ) ; ora qui, se n o n erro,
la dimostrazione del M a n e n t i n o n può p e r s u a d e r e , poiché, n a t u r a l m e n t e ,
occorreva d i m o s t r a r e la i m p r e s c i n d i b i l i t à di q u e s t a soluzione. E in-
vece n o n è inconcepibile che la somma di quegli a t t i giuridici non sia
che la s o m m a di elementi che n o n si fondono, m a coesistono come a t t i
successivi, di cui l ' u l t i m o (l'adesione del terzo) è elemento p u r e co-
s t i t u t i v o per la t r a s m i s s i o n e al d e s t i n a t a r i o di u n a così g r a n p a r t e dei
poteri e dei doveri c o n t e n u t i nella posizione del creditore del lavoro.
Q u e s t a anzi si p u ò forse r i t e n e r e la ricostruzione p i ù vicina al vero,
se n o n e r r o ; p o i c h é n o n capisco come nelle due volontà, già contrat-
t u a l m e n t e v i n c o l a t e t r a loro, del m i t t e n t e e del v e t t o r e si possa scor-
g e r e u n a p r o p o s t a di c o n t r a t t o rivolto al d e s t i n a t a r i o , nel caso ad es. in
cui il d e s t i n a t a r i o si p r e s e n t i i n d i p e n d e n t e m e n t e dalla consegna a lui
f a t t a della l e t t e r a di v e t t u r a (che può a n c h e mancare) e m u n i t o solo
di u n d o c u m e n t o a t t o a esigere la c o n s e g n a della merce, e a n t e r i o r e
al c o n t r a t t o di t r a s p o r t o (art. 396 cap.).
C o n c l u d e n d o : si lia qui la f o r m a z i o n e o meglio l a t r a s m i s s i o n e a
u n t e r z o di r a p p o r t i giuridici s c a t e n t i dal c o n t r a t t o di lavoro, la assun-
zione che il t e r z o f a della v e s t e di c r e d i t o r e del lavoro senza che con
ciò si a t t u i la s u c c e s s i o n e nella i n t e g r a l e posizione giuridica del cre-
d i t o r e o r i g i n a r i o ; e a c c a n t o a t u t t o ciò il p e r m a n e r e di quella di de-
b i t o r e del lavoro n o n o s t a n t e t r a il terzo e il d e b i t o r e n o n i n t e r c e d a
c o n t r a t t o alcuno. M a la b a s e f o n d a m e n t a l e è p u r s e m p r e u n originario
c o n t r a t t o di lavoro, quindi è a r g o m e n t o c h e ci i n t e r e s s a d i r e t t a m e n t e .

') Q u e s t o è a p p u n t o il l a t o s o s t a n z i a l e che f a d i f f e r i r e p r o f o n d a m e n t e q u e s t a
c a t e g o r i a di oasi (cioè di c o n t r a t t i a f a v o r e di terzo, n e l l a t o senso d a noi visto,
e a m m e s s o a n c h e d a l MANENTI) d a q u e l l a dei casi p r e c e d e n t i (a e 6), d o v e , come a b -
b i a m o v i s t o , il t e r z o n o n r i c a v a i suoi d i r i t t i e i suoi d o v e r i dal p r e c e d e n t e c o n -
t r a t t o di l a v o r o s t i p u l a t o , a d es., t r a l ' o p e r a i o d e l t a p p e z z i e r e e q u e s t ' u l t i m o , o
t r a l ' a r t i s t a t e a t r a l e e l ' i m p r e s a r i o . A q u e s t o r i m a n e e s t r a n e o il t e r z o ; m e n t r e nei
t r a s p o r t o , p u r non e n t r a n d o nel c o n t r a t t o , come r i t i e n e i n v e c e il MANENTI, e re-
s t a n d o q u i n d i terzo, n o n r i m a n e e s t r a n e o però a l l a s i t u a z i o n e c r e a t a dal c o n t r a t t o
di l a v o r o .
IL L A V O R O PER ALTFFL D A L PUNTO DI V I S T A DEL LAVORATORE

N a t u r a l m e n t e , se si ritiene, come h a dimostrato il M a n e n t i , che qui


non abbiamo che una p u r a applicazione dell'art. 1128, e n i e n t e affatto
un c o n t r a t t o a favore di terzo nel senso r i g o r o s a m e n t e tecnico della pa-
rola, si t r a t t a di u n fenomeno a f f a t t o normale, ed estensibile a t u t t i
i casi in cui questo pseudo-contratto di lavoro a f a v o r e di terzo si
presenti.
23. Vediamo ora altre accuse c o n t r o l'affermazione, che p a r così
semplice, per cui il creditore del lavoro è d e s t i n a t a r i o della presta-
zione di l a v o r o : almeno nel senso che q u e s t a p r e s t a z i o n e è a d e m p i u t a
nell'interesse immediato ed esclusivo del creditore, che q u i n d i del ri-
sultato di quella p r e s t a z i o n e p u ò disporre a suo talento, se non s e m p r e
nel senso che q u e s t o sia d e s t i n a t a r i o dell'utilità d i r e t t a che rispetto a
lui è c o n t e n u t a in quella prestazione. Osservo che q u e s t a non è u n a
p e c u l i a r i t à del c o n t r a t t o di l a v o r o : è v e r a p e r q u a l u n q u e f e n o m e n o
di scambio. N o n mi p a r e perciò che sia accogìibile la c o n d a n n a che il
Cognetti de Martiis ') h a creduto di p r o n u n c i a r e contro q u e s t a f o r m u l a
del « lavoro p e r a l t r u i u t i l i t à », in q u a n t o , secondo il Cognetti, essa
s u b o r d i n e r e b b e l ' a t t i v i t à di lavoro al b e n e p l a c i t o d e l l ' i m p r e n d i t o r e e
d a r e b b e alla m a n o d ' o p e r a c a r a t t e r e di s t r u m e n t a l i t à . Meglio d u n q u e ,
secondò il chiaro economista, le definizioni che eliminano quell'inciso!
Come si vede il C o g n e t t i si l i m i t a v a alla locazione di opere, cioè al
lavoro t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o , e c o n f o n d e v a q u e s t a subordinazione,
che è i n n e g a b i l m e n t e u n elemento c a r a t t e r i s t i c o e f o n d a m e n t a l e che
sta a b a s e della p i ù i m p o r t a n t e classificazione in seno al c o n t r a t t o
di lavoro, colla d e s t i n a z i o n e del lavoro al s o d d i s f a c i m e n t o di u n bi-
sogno di p e r s o n a d i v e r s a da chi l a v o r a ; a n c h e q u e s t o è f a t t o inne-
g a b i l e e che con quella s u b o r d i n a z i o n e h a n u l l a a che f a r e 2). T a n t ' è

) Op. cit., V, 2, p . C L X I V . Il COGNETTI d e p l o r a elio con q u e l l a f o r m u l a si


v o g l i a d a r e al l a v o r o c a r a t t e r e di s t r u m e n t a l i t à . M a se si a l l u d e al c a r a t t e r e d i
b e n e s t r u m e n t a l e ( r i s e r v a n d o ora ogni g i u d i z i o su q u e s t o c o n c e t t o di bene o merce)
certo è ebe il l a v o r o lo è pei- olii lo p r o d u c e : m e n t r e d ' a l t r a p a r t e è il mezzo col
q u a l e ]1 c r e d i t o r e s o d d i s f a u n suo bisogno. Il COGNKTTI i n o l t r e sostiene che l ' o p e r a i o
l a v o r a p e r sè, n o u p e r l ' i m p r e n d i t o r e . V e r i s s i m o , d a l p u n t o d i v i s t a d e l l ' u t i l i t à
i n d i r e t t a o di s c a m b i o del l a v o r o . M a , come d i c e m m o , q u i ci p r e o c c u p a la com-
p l e s s a s i t u a z i o n e c o n t r a t t u a l e ; e q u i v i e n e a g a l l a a n z i t u t t o l ' a l t r a u t i l i t à p e r il d e -
s t i n a t a r i o del l a v o r o : è a p p u n t o a q u e s t a u t i l i t à che a l l u d e la f o r m u l a del « l a v o r o
p e r a l t r i ».
2
) V a o s s e r v a t o c h e spesso le f o r m u l e e s p r i m e n t i q u e s t a s u b o r d i n a z i o n e e l a
d e s t i n a z i o n e del l a v o r o a l l ' u t i l e a l t r u i h a n n o delle a p p a r e n t i a n a l o g i e che f a n n o
n a s c e r e a t u t t a p r i m a q u a l c h e c o n f u s i o n e . A d es., il ROSIN, Arieilerveraìeherungavertrag,
II, p. 32, d i s t i n g u e il l a v o r o d i p e n d e n t e d a l l ' a u t o n o m o d i c e n d o che il p r i m o n o n
è che il mezzo p e r scopi economici a l t r u i . Ma con ciò non a l l u d e a l l a d e s t i l l a z i o n e
del l a v o r o a l l ' u t i l i t à d i u n ' a l t r a p e r s o n a , p e r c h è q u e s t a q u a l i t à è p r o p r i a a n c h e del
l a v o r o dell'ini p r e n d i t o r e , cioè d e l l a v o r a t o r e a u t o n o m o . A l l u d e i n v e c e a l l a s u b o r -
d i n a z i o n e p r o p r i a d e l l a locazione di o p e r e , in cui il l a v o r o è d i r e t t o e g u i d a t o d a l l a
vero che q u e s t a destinazione, implicante u n r a p p o r t o t r a la presta-
zione di lavoro e u n dato bisogno non di chi lavora, esiste a n c h e
nella locazione di opera o di lavoro autonomo, in cui non è possibile
t r o v a r e u n elemento di subordinazione. La posizione economico-giuri-
dica è, dal n o s t r o p u n t o di vista, identica nei due casi; se n e l l ' u n a
v i è u n r a p p o r t o di subordinazione, questo non si ricollega a quella
destinazione, che n o n crea per nulla u n a s u p e r i o r i t à dell'imprendi-
tore. I n t u t t e e d u e non vi h a che quell'idea di « coordinamento », di
« prop orzi o n ai il en to » che è u n n a t u r a l e p r o d o t t o dell'eguaglianza giu-
ridica d'elle p a r t i , e che il C o g n e t t i v a g h e g g i a ; solo che esso è a t t u a t o
in v a r i o modo. Ma n o n è q u e s t o il luogo per insistere su questo ar-
gomento.
Qui i m p o r t a a f f e r m a r e quel concetto di u t i l i t à p e r altri, che l'arti-
colo 1570 ha g i u s t a m e n t e posto in evidenza, e che n o n si p u ò ne-
g a r e salvo n e g a r e il p r e s u p p o s t o n a t u r a l e del fenomeno economico
di scambio. F a r e per l ' a l t r a v a l e e v i d e n t e m e n t e f a r e n e l l ' i n t e r e s s e ,
p e r l ' u t i l i t à , per conto d e l l ' a l t r a 4). D i f r o n t e a q u e s t a f o r m u l a certo
è a n t i t e t i c a q u e l l a di chi, come il P a n t a l e o n i 2 ) , r i t i e n e che l'operaio
l a v o r a per p r o p r i o conto, per sè, se no non e s e r c i t e r e b b e u n a f u n -
zione economica. Come si v e d e l'obbiezione del C o g n e t t i n o n è iso-
l a t a ; essa r i s p o n d e n e l C o g n e t t i alla s u a t e n d e n z a dalla q u a l e si è
lasciato a t t r a r r e a scorgere nel c o n t r a t t o di lavoro u n fenomeno pu-
r a m e n t e associativo (e in ciò n o n posso a s s o l u t a m e n t e c o n s e n t i r e 3 ) ;
r i s p o n d e nel P a n t a l e o n i a u n o r d i n e di idee differente, che certo,
dal p u n t o di v i s t a da cui l ' e m i n e n t e economista si è collocato, d o v e v a
c o n d u r r e n e c e s s a r i a m e n t e a quella conclusione : i n f a t t i considerato il
lavoro nel f e n o m e n o dello scambio è certo che chi lo p r e s t a lo fa p e r
scopi edonistici propri, la fa d a homo oevonomicus, che mira al m a g g i o r
p r o p r i o g u a d a g n o col m i n o r p r o p r i o sacrificio. Ma il p u n t o dì v i s t a da
cui noi ci collochiamo, ripeto, qui è d i f f e r e n t e : è quello del valor d ' u s o
(sia p u r e iu u n r a p p o r t o di scambio), n o n del valor di scambio; della
d e s t i n a z i o n e economica d i r e t t a della p r e s t a z i o n e di lavoro, n o n della
s u a u t i l i t à i n d i r e t t a , come b e n e s t r u m e n t a l e *).

p e r s o n a al cui u t i l e è d e s t i n a t o , l a q u a l e q u i n d i a t t e g g i e r à il l a v o r o p o s t o a s u a
d i s p o s i z i o n e a quei c r i t e r i olle secondo essa m e g l i o sono a t t i a r a g g i u n g e r e lo scopo
u t i l e elle essa si p r o p o n e .
1
) CARNELUTTI, in Rivista di dir. comm., 1910, II, 436.
2
) Scritti vari, I , p . 223.
3
) Anclie il COGNETTI, s e m p r e p e r c h è n o n a b b i a a « s p u n t a r e l ' i d e a della su-
p e r i o r i t à d e l l ' i m p r e n d i t o r e » , asserisce che l ' i d e a della p r o f i c u i t à a l t r u i s t i c a del la-
voro d e l l ' o p e r a i o è u n a a n o m a l i a nella civiltà economica o d i e r n a , e n o n è e l e m e n t o
di u n a r e g o l a r e i m p r e s a .
4
) È e v i d o n t e ohe, come in q u a l u n q u e s c a m b i o , il l a v o r a t o r e si d e c i d e r à a p r o -
m e t t e r e il l a v o r o solo q u a n d o l ' u t i l i t à p e r s o n a l e c h e ne r i c a v e r à s a r à m a g g i o r e
d e l l a p e n a (de) lavoro).
A me p a r e che sia la visione di u n ideale nobilissimo, ma t r o p p o
discorde dalla realtà, e troppo pervaso, se non erro, d a un falso sen-
timentalismo che ha condotto il C o g n e t t i e altri ancora a n e g a r e q u e s t a
utilità diretta, r i s u l t a n t e dalla destinazione del lavoro per altri, e a
non v e d e r e se non l ' i n d i r e t t a , n e l l ' i n t e r e s s e di chi lavora. Il D e p a s s e '),
affermata (e vedremo che ciò è esatto) l'insejiarabilità del lavoro dal-
l'uomo che lo presta, a g g i u n g e poi che si l a v o r a per se, per la p a t r i a ,
n o n già p e r u n altro uomo, q u a n d o si è uomini; si l a v o r a p e r i p r o p r i
bisogni, per lo sviluppo della p r o p r i a p e r s o n a l i t à ; non si v e n d e la
p r o p r i a energia. Che q u e s t a non si v e n d a è v e r o ; che non si l a v o r i
p e r altri è falso. E come p u ò il D e p a s s e r i c o s t r u i r e il c o n t r a t t o di
lavoro senza q u e s t o f o n d a m e n t a l i s s i m o p r e s u p p o s t o ? N è i m p o r t a che
« chi v e n d e » (come osserva il D e p a s s e ) calcoli subito la q u a n t i t à di
lavoro che non darà, e si p r o p o n g a di lavorare il m e n o possibile, nè
che sia difficile sorvegliare l ' e f f e t t i v a p r e s t a z i o n e del lavoro, e o t t e n e r e
che oltre la q u a n t i t à sia d a t a la q u a l i t à di lavoro p a t t u i t a . Questi sono
i n c o n v e n i e n t i , che in p a r t e del resto il D e p a s s e ingrandisce, i q u a l i
n o n eliminano a f f a t t o l ' i d e a f o n d a m e n t a l e di u n lavoro dedicato al-
l'utile altrui 2 ).
N e g a r e ciò, per un falso s e n t i m e n t a l i s m o , è n e g a r e l ' a t t u a l e assetto
economico giuridico. D e l r e s t o q u e s t e p a g i n e molto e n f a t i c h e del De-
p a s s e n o n concludono se n o n coll'asserire od e s a l t a r e il lavoro come
f a c o l t à i n s i t a nell'uomo. E t a l e conclusione è v e r i s s i m a .
24. M a qui mi p r e m e s o p r a t u t t o r i c o r d a r e a l c u n i r e c e n t i t e n t a t i v i
che in F r a n c i a sono s t a t i f a t t i p e r m e t t e r d'accordo il concetto della
n o n a l t r u i s t i c i t à del lavoro coi c a r a t t e r i f o n d a m e n t a l i del c o n t r a t t o di
lavoro. Il p u n t o di p a r t e n z a è che n o r m a l m e n t e il r i s u l t a t o del lavoro,
il p r o d o t t o del lavoro a p p a r t i e n e a chi p o n e in essere le energie di-
r e t t e a produrlo. Come si v e d e è il leit-motiv della d o t t r i n a socialista,
che d a q u a l c h e i n t e r p r e t e a l q u a n t o a u d a c e si v o r r e b b e a forza v e d e r e
codificato già nel Codice civile. M a come conciliare q u e s t o principio
col c o n t r a t t o di lavoro ?
Lo C h a t e l a i n 3) h a t e n t a t o u n a c o s t r u z i o n e g i u r i d i c a del c o n t r a t t o
di l a v o r o che a p p u n t o consiste in un siffatto t e n t a t i v o di conciliazione.
E g l i p a r t e dal concetto che il l a v o r a t o r e h a d i r i t t o alla p r o p r i e t à di

' ) Nella Riforma sociale, 1898.


2
) È i n s o m m a il s o s p e t t o ili u n a concezione e g o i s t i c a elle assilla u n a p a r t e della
d o t t r i n a , e g o i s t i c a o s f r u t t a t r i c e cioè d a l p u n t o di v i s t a d e l c r e d i t o r e del l a v o r o .
M a , come g i à a b b i a m o d e t t o , è u n c o n c e t t o che d e r i v a n a t u r a l m e n t e dallo s c a m b i o .
L a s t e s s a s i t u a z i o n e , r o v e s c i a t a , v i h a p e r l a m e r c e d e : a n c h e q u i 3Ì p u ò o p p o r r e
a l l ' i d e a di m e r c e d e p e r l ' u t i l i t à d e l l ' a l t r a p a r t o c h e in r e a l t à l a m e r c e d e è p a g a t a
d a l c r e d i t o r e p e r il l a v o r o u t i l e c h e h a r i c e v u t o .
3
) De la nature du contrat de travati entre ouvrier et entrepreneur, Paris, 1902.
almeno u n a p a r t e del prodotto '). Ciò posto, a g g i u n g e clie t u t t a v i a ,
per le condizioni sue sociali, egli è costretto a r i n u n c i a r e anticipata-
m e n t e a q u e s t a s u a proprietà, v e n d e n d o (colla stessa stipulazione del
c o n t r a t t o di lavoro) all'altro c o n t r a e n t e la p r o p r i e t à della s u a p a r t e
del p r o d o t t o f u t u r o : il prezzo della v e n d i t a e della r i n u n c i a s a r e b b e
d a t o a p p u n t o dal salario. Il q u a l e sarebbe a d u n q u e , p i ù che la rimu-
nerazione del lavoro, il prezzo della v e n d i t a che il lavoratore fa dello
s u a p a r t e di prodotto. Il c o n t r a t t o di lavoro v e r r e b b e i n s o m m a co-
s t r u i t o su u n a b a s e complessa in cui r i e n t r e r e b b e la f u s i o n e di d u e
elementi che (lo v e d r e m o ) 2 ) sono p e r f e t t a m e n t e c o n t r a d d i t t o r i : il prin-
cipio associativo, e quello dello scambio.
Q u e s t a costruzione giuridica, o meglio economico giuridica, lia a v u t o
nello Chatelain il suo p i ù c o n v i n t o p r o p u g n a t o r e : m a ne vediamo le
t r a c c e in altri scrittori. E s s a è a n z i t u t t o diffusa in u n a p a r t e molto
notevole degli economisti che si occupano del c o n t r a t t o di lavoro 3 );
m a è p e n e t r a t a a n c h e q u a e là n e l l a d o t t r i n a giuridica. Così il
C o r n e l i s s e n 4 ) (che è però p i ù economista che g i u r i s t a ) definisce il la-
voro s a l a r i a t o « ogni lavoro di cui il p r o d o t t o n o n viene assegnato,
mercè divisione, a n c h e alla p e r s o n a che l ' h a eseguito, m a è da q u e s t a
c e d u t a ad u n ' a l t r a p e r s o n a (il suo padrone) contro u n compenso conve-
n u t o ». M a è s p e c i a l m e n t e il G-eny 5) che aderisce in sostanza alla
teoria dello C h a t e l a i n . Il B r y 6) p u r e definisce il c o n t r a t t o di lavoro
come « convenzione àforfait con cui l ' i m p r e n d i t o r e p r o m e t t e all'ope-
raio u n a somma fissa e pagabile a epoche d e t e r m i n a t e in cambio del-
l ' a b b a n d o n o c h e l'operaio fa dei p r o d o t t i del suo l a v o r o » . Il B o i s s a r d
osserva 7 ) a d d i r i t t u r a che q u e l l a della c o m p r o p r i e t à del p r o d o t t o al
l a v o r a t o r e è u n a soluzione oggi ormai i m p o s t a d a l l ' e v i d e n z a dei f a t t i :
è difficile n e g a r e che ciò c h e è r i s u l t a t o di u n a collaborazione n o n sia
a n c h e o g g e t t o di c o m p r o p r i e t à s ).
Il B o i s s a r d o s s e r v a che q u e s t a concezione n o n è l i m i t a t a al sala-
riato. E i n f a t t i , u n a v o l t a a m m e s s a l ' i d e a i n f o r m a t r i c e , n u l l a v i e t a c h e

') Di i m a p a r t e s o l t a n t o . Con ciò si a m m e t t e , a l m e n o p a r z i a l m e n t e , la d e s t i n a -


zione a l t r u i s t i c a del p r o d o t t o del l a v o r o , p e r q u a n t o r i f l e t t e la p a r t e di cui l a
p r o p r i e t à s p e t t a al c o n t r a e n t e che, n o n l a v o r a .
2
) C f r . a p p r e s s o , 11. 56 s g .
3
) L e citazioni s a r e b b e r o n u m e r o s i s s i m e . R i c o r d o a d es. YVES-GUYOT, Les eonflits
du traudii, passim. L o CHATELAIN cita in suo f a v o r e a n c h e il ROZY, Traiié d'Econ.
politique, P a r i s , 1877, p . 53 ( l ' o p e r a i o v e n d e l a s u a p a r t e , s c o n o s c i u t a e i n c e r t a ) .
"') Théorie du salaire et du iravail salariò, p . 22.
5
) In Berne trimestrielle, 1902, p . 336 0 s e g .
") Cours élément. de Ugislai. industr. (1909), p. 65.'
7
) In PERREAU e GROUSSIER, op. cit., p. 91.
8
) Il BOISSARD n o n ha p e r ò r i t e n u t o o p p o r t u n o codificare q u e s t o p r i n c i p i o : ri-
t i e n e che b i s o g n a l a s c i a r e ai f a t t i economici e alla v i t a sociale la c u r a d i conser-
v a r l o a poco a p o c o .
si abbia art e s t e n d e r e ; l'estensione s a r e b b e anzi d o v e r o s a : ad es. al
r a p p o r t o t r a il capitalista e l'imprenditore, come fa il Clark '). Il ca-
pitalista contribuisce, così come il lavoratore, alla p r o d u z i o n e ; nou vi
è . u n a ragione per non a s s e g n a r e anche- a lui cpiella q u o t a p a r t e di
prodotto che si riferisce alla collaborazione del capitale. C h e se egli
consente, come fa, a lasciar impiegare il capitale suo dall'imprendit-ore,
v i r t u a l m e n t e gli v e n d e la s u a p a r t e indivisa di u n p r o d o t t o che il
capitalista h a r e a l m e n t e c r e a t o ; l ' i n t e r e s s e sarebbe il prezzo, di t a l e
v e n d i t a 2).
L a critica a q u e s t a costruzione giuridica d o v r e b b e a t u t t o rigore
p r e n d e r e le mosse da quello che n e è il p u n t o eli p a r t e n z a : il con-
t r a t t o di lavoro considerato come associazione di forze, come c o n t r a t t o
di società che d à e g u a g l i a n z a di d i r i t t i alle p a r t i , quindi la p r o p r i e t à
dei p r o d o t t i a n c h e al lavoratore. Q u e s t o è un p u n t o di p a r t e n z a fon-
d a m e n t a l m e n t e e r r a t o ; ma la dimostrazione di ciò non p u ò che sgor-
g a r e a t t r a v e r s o alla t r a t t a z i o n e che segue, e perciò n e ri discorreremo
a suo l u o g o 3 ) . Del resto lo C h a t e l a i n ricorre a d altri a r g o m e n t i , p e r
giustificare il diritto del l a v o r a t o r e alla p r o p r i e t à di u n a p a r t e del
p r o d o t t o del proprio lavoro. E d è a q u e s t i a r g o m e n t i che qui mi li-
miterò, in q u a n t o con essi si m i r a a i n t a c c a r e il principio della fon-
d a m e n t a l e alienifcà del r i s u l t a t o del lavoro. Lasciamo a n d a r e a n z i t u t t o
che quella costruzione p r e s u p p o n e che si t r a t t i solo di un c o n t r a t t o
di l a v o r o con r i s u l t a t o m a t e r i a l e ; p e r c h è se si t r a t t a di quelli che ve-
dremo essere p u r i servizi, è certo che la t e o r i a dello C h a t e l a i n n o n
p u ò a v e r e a p p l i c a z i o n e 4). O r a la n a t u r a m a t e r i a l e o i m m a t e r i a l e del ri-
s u l t a t o di lavoro, come vedremo, n o n implica n e s s u n a s o s t a n z i a l e al-
t e r a z i o n e nella s t r u t t u r a del r a p p o r t o che s c e n d e dal c o n t r a t t o di
lavoro; perciò è a chiedersi come si v o r r à a c c e t t a r e e spiegare la
d e s t i n a z i o n e t o t a l m e n t e a l t r u i s t i c a del lavoro c o n s i s t e n t e in u n ser-
vigio. Se q u e s t o c a r a t t e r e è q u i i n n e g a b i l e , p e r c h è rifiutarlo laddove
il r i s u l t a t o è m a t e r i a l e ? Q u e s t o p r o v a l ' u n i l a t e r a l i t à di certe d o t t r i n e
g i u r i d i c h e che r i s e n t o n o t r o p p o d a v v i c i n o e con t r o p p a superficialità
di e s a m e critico l'influenza di d o t t r i n e economiche n e c e s s a r i a m e n t e
unilaterali, p e r c h è f o n d a t e s u l p r e s u p p o s t o del l a v o r o c o s i d d e t t o pro-
duttivo.

In r e a l t à q u e s t a t e o r i a 5 ) p r e s u p p o n e il f e n o m e n o del l a v o r a t o r e c h e
crea, che p r o d u c e , essa n o n è che u n t e n t a t i v o di d a r e g i u r i d i c a consi-

' ) Principe» d'Economique, 1911, p . 1907.


z
) C f r . s u ciò a p p r . n . 65.
3
) C f r . a p p r . unni. 56 s g . , e in ispecie, q u a n t o a l l a t e o r i a dello CHATELAIN,
a p p r . n . 6 0 ; r i n v i o q u i n d i s e n z ' a l t r o a q u a n t o e s p o r r e m o ivi s u c c i n t a m e n t e .
4
) E s p l i c i t a m e n t e in q u e s t o senso il GENY, op. cit., p . 312, che r i t i e n e q u i n d i
i n a p p l i c a b i l e q u e s t a t e o r i a ai l a v o r i a g r i c o l i .
5
) Abbiami v i s t o c h e q u e s t a t e o r i a è s t a t a a c c o l t a a n c h e t r a gli s c r i t t o r i di d i -
s t e n z a a u n concetto molto diffuso t r a gli economisti, ai quali (e lo
v e d r e m o meglio più avanti) è possibile sintetizzare t u t t a u n a com-
plessa situazione economica, a b b r a c c i a n d o fenomeni successivi che in-
vece il g i u r i s t a deve isolare e t e n e r e d i s t i n t i , limitandosi ad un'in-
d a g i n e p i ù analitica. Ora, ciò io osservo in linea generale, guardan-
domi bene dall'esaminare se in questo caso quella teoria economica,
c h e v e d e nel salario il prezzo della r i n u n c i a alla divisione del pro-
dotto, sia accettabile, ciò che io n o n p r o p e n d e r e i t u t t a v i a ad am-
mettere. Comunque, q u e s t e f o r m u l e economiche n o n v a n n o a d ogni
modo p r e s e t r o p p o alla l e t t e r a , g i u r i d i c a m e n t e . I n v e c e lo Chatelain
l ' h a f a t t o e h a f a t t o male.
P e r a r r i v a r e a u n a giustificazione giuridica egli h a d o v u t o f a r s i eco
di t u t t a u n a corrente economica e filosofica che l ' h a p r e c e d u t o 4) e che
h a m i r a t o a riconoscere al l a v o r a t o r e il diritto al suo pirodotto. Su
tale a r g o m e n t o non i n t e n d o qui insistere, p e r c h è mi c o n d u r r e b b e t r o p p o
l o n t a n o 2 ) . Ricorderò solo come quell'eco sia t r a i conati del r e c e n t e
neo-socialismo giuridico, u n a n u o v i s s i m a evoluzione d o t t r i n a l e del so-
cialismo che a m a e s p r i m e r e i p r o p r i p r i n c i p i m e d i a n t e f o r m u l e e costru-
zioni giuridiche. Ora, si capisce che u n g i u r i s t a non possa che com-
piacersi di questo ricorso alla fenomenologia in mezzo a cui v i v e :
m a il male è che si t e n d e a f a r mal g o v e r n o di questo mondo di fe-

rit.to ( e s p l i c i t a m e n t e a d es. il BETOCCHI, Il contrailo di lavoro, N a p o l i , 1897, p . 20).


A g g i u n g o qui che essa h a a n c h e influito i n c o n s c i a m e n t e s u a l c u n o di essi. Così
a d es. il DE-GREGORIO, Contratto di edizione (1913), p. 94, esclude che il c o n t r a t t o
d i edizione sia c o n t r a t t o di l a v o r o : p e r c h è ( t r a l ' a l t r o ) non si s a p r e b b e s p i e g a r e
p e r t a l v i a , come l ' e d i t o r e ( d e b i t o r e del lavoro) a c q u i s t i il d i r i t t o s u l l ' o p e r a
dell' i n g e g n o . Ora, o io n o n ho i u t e s o b e n e q u e s t a obbiezione, o q u e s t a r i c o r d a
u n p o c h i n o l a t e u d e n z a r e c e n t e a disconoscere un f a t t o t a n t o n a t u r a l e come è la
d e v i a z i o n e degli effetti economici del l a v o r o ( q u i n d i a n c h e d e l l a r i p r o d u c i b i l i t à
d e l l ' i d e a a r t i s t i c a , ecc. c o n t e n u t a n e l l a c o s i d d e t t a p r o p r i e t à l e t t e r a r i a ) d a c h i la-
v o r a a colui p e r cui il l a v o r o è f a t t o : e ciò in v i r t t i del c o n t r a t t o , cioè (se v i è
r e t r i b u z i o n e ) del c o n t r a t t o di l a v o r o . Su q n e s t o a r g o m e n t o del d i r i t t o d ' a u t o r e tor-
n e r e m o a n c o r a , poco a p p r e s s o . Ad o g n i modo, corno si' capisce, g l i echi di q u e s t a
t e o r i a sono a s s a i piti e v i d e n t i uella d o t t r i n a economica. R i c o r d e r ò a n c o r a il CON-
TENTO, La teoria del salario, p . 12, c h e definisce il s a l a r i o come la q u o t a d i p a r t e -
c i p a z i o n e al v a l o r e del p r o d o t t o f u t u r o a n t i c i p a t o d a l l ' i m p r e n d i t o r e .
') È a n o t a r e s o p r a t u t t o che lo CHATELAIN n o n h a d e t t o n u l l a d i s o s t a n z i a l -
m e n t e n u o v o , q u a n t o alla m a t e r i a e c o n o m i c a d e l l a s u a t e o r i a . B a s t i c o n s u l t a r e , a d
e s e m p i o , il SAX, n e l l a Bibllot. dell'Econom., V, v o i . LO.0, p. 175 s g . che piìi a v a n t i
r i c o r d e r e m o a n c o r a , a p r o p o s i t o del l a v o r o - m e r c e .
2
) R i c o r d e r ò q u i t r a gli a l t r i il POCLETT SCROPE (in Bibliot. dell' Econom., I, 8,
p . 647) p e r cui il l a v o r a t o r e t r a s f o r m a n d o u n a cosa, ha a g g i u n t o il p r o p r i o l a v o r o ,
e d è p e r c i ò p r o p r i e t a r i o della cosa. « Il l a v o r o essendo l ' i n c o n t e s t a b i l e p r o p r i e t à
d e l l a v o r a t o r e , n e s s u n o f u o r i di lui p u ò a v e r e u n d i r i t t o a ciò cui egli l ' h a a g -
g i u n t o », Così a n c h e il LOCKE, Del governo civile, ivi cit.
nomerà e di formule giuridiche. Come osserva benissimo lo H i t i e r ')
è t u t t o u n « lavoro di definizioni e uno sviluppo di regole in vigore
chiamate poco a poco a f a r posto a regole i s p i r a t e a principi affatto
opposti ». Si è detto che il g i u r i s t a è c o n s e r v a t o r e per eccellenza e
che la tradizione impera su lui t i r a n n i c a m e n t e . I n g r a n p a r t e ciò è
vero, e forse è più un bene che u n male. Certo è che bisogna riso-
l u t a m e n t e opporsi a q u e s t ' o p e r a di s o v v e r t i m e n t o dei principi giu-
r i d i c i : di q u e s t ' o p e r a è u n esempio insigne la teoria dello Chatelain,
cosi come n e ò u n altro la r e c e n t e teoria d e l l ' i n t e r p r e t a z i o n e libera
di cui si è f a t t o paladino il G-eny *), Lo C h a t e l a i n n o n h a d i m o s t r a t o
il f o n d a m e n t o giuridico della sua teoria; si i n t e n d e che alludo qui
al suo f o n d a m e n t o giuridico per l ' a t t u a l e d i r i t t o costituito, poiché qui
non i n t e n d o fare un e s a m e deontologico e sociologico della q u e s t i o n e :
qui mi o p p o n g o a C h a t e l a i n i n t e r p r e t e del Codice civile. Certo, il
lavoro nel sistema n o s t r o giuridico p u ò essere titolo d ' a c q u i s t o del
d i r i t t o di p r o p r i e t à : e n e s s u n o l ' h a meglio l u m e g g i a t o del S i m o n c e l l i 3 ) .
Lo è ad es. nella specificazione. Ma a n z i t u t t o qui è i n t e r v e n u t a la
p a r o l a della legge, a chiarire gli effetti g i u r i d i c i ; poi non s e m p r e il
lavoro qui è titolo d ' a c q u i s t o , ma p u ò esser p r e f e r i t a la p r o p r i e t à
della m a t e r i a se n o t e v o l m e n t e p r e v a l e n t e .
Ma a p p u n t o lo C h a t e l a i n in s o s t a n z a generalizza il principio filoso-
fico-giuridico c h e è a b a s e della specificazione ; qui è il lavoro c h e
m u t a la forma alla cosa p e r modo che di essa m u t i r a d i c a l m e n t e la
specie: è la res nova, di f r o n t e alla quale sorgeva il d u b b i o in d i r i t t o
r o m a n o a chi a p p a r t e n e s s e , a p p u n t o p e r c h è cosa n u o v a . Ora, nella s t e s s a
guisa, dice lo C h a t e l a i n 4 ), q u a n d o alla m a t e r i a s o m m i n i s t r a t a dal cre-
ditore del lavoro e di s u a p r o p r i e t à i n d u b b i a m e n t e si è a g g i u n t o il
lavoro f o r m a t o dal debitore, a b b i a m o u n a t e r z a cosa, che n u l l a h a a
c h e f a r e n è colla m a t e r i a s o m m i n i s t r a t a dal c r e d i t o r e del lavoro a sè
solo, n è col lavoro p u r e a sè solo considerato. È la species nova a
cui — c o n t i n u a lo C h a t e l a i n — d e b b o n o a p p l i c a r s i i p r i n c i p i del d i r i t t o
c o m u n e q u a n t o a l l ' a c q u i s t o della p r o p r i e t à , cioè e s s e n d o v i u n a cosa
n u o v a il vecchio r e g o l a m e n t o giuridico cade, e t a n t o l ' i m p r e n d i t o r e

') In Bevue d'Econ. polit., 1906, p . 315 seg. P r o g r e d i r e sì e s e m p r e ; v i v i f i c a r e


il d i r i t t o al soffio d e l l a m o d e r n i t à c e r t a m e n t e . Ma il m e t o d o p r e s c e l t o d a l l a recen-
t i s s i m a scuola f r a n c e s e non è «: u n m o d o di l a v o r a r e al p r o g r e s s o del d i r i t t o s , come
r i t i e n e CHATELAIN, De la nature, ecc., p. 73, m a uu m o d o p e r a l t e r a r l o !
2
) D i s s e n t o d a l l o HITIER, t u t t a v i a , che v e d e u n ' a l t r a e s p l i c a z i o n e e r r o n e a n e l l a
t e o r i a d e l l a r e s p o n s a b i l i t à o g g e t t i v a . Io l ' h o a l t r e v o l t e s o s t e n u t a , e n o u c r e d o
p r o p r i o c h e v i si d e b b a v e d e r e del s o v v e r t i v i s m o g i u r i d i c o !
3
) I n Rivista Hai. p. le scienze giurici., V I (1888). 11 l a v o r o è t i t o l o d ' a c q u i s t o i n -
d u b b i a m e n t e n e l l ' e c o n o m i a i s o l a t a ; n o n lo è s e n z ' a l t r o q u a n d o la m a t e r i a p r i m a sia
s t a t a g i à a c c a p a r r a t a , s a l v o , s e m p r e , le r e g o l e della specificazione.
4
) In Revue trimestrielle, 1904, p . 320.
c h e il lavoratore a c q u i s t a n o u n n u o v o diritto di proprietà, un acquisto
a titolo originario e v i d e n t e m e n t e , perchè la p r o p r i e t à sul prodotto del
creditore del lavoro non sarebbe la continuazione del diritto di pro-
p r i e t à che p r i m a gli s p e t t a v a sulla materia. Quel che importa (sempre
secondo lo Chatelain) è che a n c h e il l a v o r a t o r e a c q u i s t a un d i r i t t o di
p r o p r i e t à nei limiti del lavoro, e in v i r t ù del lavoro: un diritto di pro-
p r i e t à necessaria, come spiega il G-eny, u n d i r i t t o originario.
È difficile i n t o n a r e u n a costruzione giuridica a u n dilettantismo
giuridico p i ù fecondo di errori di quello che h a f a t t o lo C h a t e l a i n . che
in ciò è s t a t o s e g u i t o dal G e n y ; il quale v e r a m e n t e osserva come lo
C h a t e l a i n n o n a b b i a f a t t o u n ' a p p l i c a z i o n e s e m p r e e s a t t a di p r i n c i p i
g i u r i d i c i : ancli'egli p e r ò cade nel medesimo errore fondamentale.
Si dice che con q u e l r e g o l a m e n t o giuridico si applicano i p r i n c i p i
del diritto comune. P r o p r i o ? L a s c i a m o da p a r t e qui la questione se nel-
l'ipotesi di cui a l l ' a r t . 468 il p r o p r i e t a r i o della res nova conservi il
p r e c e d è n t e d i r i t t o di p r o p r i e t à o n e acquisti uno nuovo. P r e s c i n d e n d o
d a l l ' o s s e r v a z i o n e già f a t t a che p e r la specificazione la legge a m m e t t e
c h e t u t t a la cosa n u o v a a p p a r t e n g a all'artefice solo se la m a n o d ' o p e r a
h a u n v a l o r e assai s u p e r i o r e a quello della m a t e r i a , va qui s o p r a t u t t o
n o t a t o che l a legge n o n conosce u n regime di comproprietà, o di pro-
p r i e t à l i m i t a t a c o m u n q u e a f a v o r e dell'artefice e del p r o p r i e t a r i o della
m a t e r i a c o n t e m p o r a n e a m e n t e . E la t e n d e n z a è p u r s e m p r e che la pro-
p r i e t à sia del p r o p r i e t a r i o della m a t e r i a ').
A p p l i c a n d o questi p r i n c i p i del d i r i t t o comune, come la n u o v i s s i m a
scuola p r e t e n d e f a r e , d o v r e m m o riconoscere a f a v o r e del l a v o r a t o r e u n
d i r i t t o di p r o p r i e t à del p r o d o t t o solo a condizione che si t r a t t i della
p r o p r i e t à di t u t t o il p r o d o t t o ; e che il valore del lavoro sia di g r a n
l u n g a s u p e r i o r e a quello della m a t e r i a . Cosicché colla p r i m a di q u e s t e
condizioni la tesi dello C h a t e l a i n , a volerla p r e n d e r e alla lettera, ri-
s u l t a i n a c c e t t a b i l e , poiché p a r r e b b e a s s u r d o r i t e n e r e che l ' o p e r a i o
p o s s a t r a t t e n e r s i il p r o d o t t o , e p a g a r e un indennizzo a l l ' i n d u s t r i a l e .
S a r e b b e u n bel caso!

!
) Non b a s t a d u n q u e il nesso di c a u s a l i t à n e c e s s a r i a p e r g i u s t i f i c a r e — oggi,
si i n t e n d e , i n b a s e al n o s t r o d i r i t t o p o s i t i v o — il p r i n c i p i o che il l a v o r o , senza
di cui un p r o d o t t o n o n s u s s i s t e r e b b e , sia titolo d ' a c q u i s t o della p r o p r i e t à . E ciò,
si n o t i , a n c h e per la s p e c i f i c a z i o n e : d o v e è solo il l a v o r o n o t a b i l m e n t e s u p e r i o r e
a l l a m a t e r i a c h e a s s o r b e l a p r o p r i e t à d e l t u t t o , e q u i n d i nello s f o n d o la t e n d e n z a
è p u r s e m p r e l a p r e v a l e n z a d e l l a p r o p r i e t à d e l l a m a t e r i a . Un c r i t e r i o logico affine
è q u e l l o con cui il c o m p i a n t o FERRINI s p i e g a v a il p r e v a l e r e d e l l a p r o p r i e t à della
m a t e r i a , cioè il p r i n c i p i o d e l l ' « a t t r a z i o n e del d o m i n i o J>, p e r cui, a d es., il p r o -
p r i e t a r i o di u n f o n d o ne a c q u i s t a i f r u t t i p e r c h è s e n z a il f o n d o non vi s a r e b b e r o
i f r u t t i . Ma a l l o r a a m m e t t i a m o a n c h e q u e l p r i n c i p i o d e l l ' a t t r a z i o n e p e r il l a v o r o ,
come v n o l e lo CHATELAIN, p e r c h è senza l a v o r o n o n vi s a r e b b e r o p r o d o t t i , o, come
o s s e r v a il PEHOZZI, r i c o n o s c i a m o l a p r o p r i e t à a chi g e t t ò il seme, per la m e d e s i m a
ragione.
E p p u r e a q u e s t a illazione e s t r e m a lo Cliatelàin è proprio a r r i v a t o *).
Se il valore del lavoro prevale, dice, gli operai potrebbero essere pro-
p r i e t a r i di t u t t o il prodotto e q u i n d i essere liberi o di conservarlo
o p p u r e di venderlo a terzi, r i m b o r s a n d o a l l ' i n d u s t r i a l e il valore della
m a t e r i a p r i m a ; oppure) di r i n u n c i a r v i , v e n d e n d o l o all'industriale. D o v e
si vede a quali aberrazioni possano c o n d u r r e u n p u n t o di p a r t e n z a de-
f o r m a t o r e del diritto vigente, e il p r e c o n c e t t o : come se u n c o n t r a t t o
i n e a n a l a t o r e d e l l ' a t t i v i t à del l a v o r a t o r e m a n c a s s e ! N a t u r a l m e n t e lo
C h a t e l a i n n o n p u ò d i m e n t i c a r e che vi è p u r e per p a r t e dell'industriale
un rilevante lavoro di organizzazione dell'impresa che v a r i m u n e r a t o ;
non p a r e invece a v v e r t a per p a r t e dei capitalisti il p r e s t i t o del denaro,
che p u r e v a compensato. P e r c i ò a u t o r i z z a (gran mercè !) gli operai a
p a g a r e all'industriale un equo compenso per le s u e prestazioni. E d ecco
i t e r m i n i rovesciati : l ' i n d u s t r i a l e a s s e r v i t o agli operai, e che lavora
per essi. Non occorrerà forse ch'io rilevi che oggi l ' a s s e t t o economico
è certo su basi ben differenti !
D e l resto, che sia d a escludere, a n c h e t e o r i c a m e n t e , il concorso di
p i ù p r o p r i e t à sul p r o d o t t o del lavoro, è p r o v a t o a n c h e d a q u a l c h e
indice legislativo. I n f a t t i l ' u n i c o r a p p o r t o che i n t e r c e d a t r a il lavo-
r a t o r e e il p r o d o t t o , d a t o il s i s t e m a economico-giuridico d e l l ' e s t r a n e i t à
del l a v o r a t o r e all'azienda di chi lo impiega, e q u i n d i al prodotto, è
solo, l i m i t a t a m e n t e ad a l c u n i casi, il r a p p o r t o reale di g a r a n z i a in
f o r m a di privilegio (i salari delle p e r s o n e di servizio n e g l i ultimi sei
mesi della v i t a del debitore, l a m e r c e d e p e r lavori di coltivazione,
p e r il lavoro di conservazione e m i g l i o r a m e n t o dei m o b i l i , e c c . ;
cfr. a r t , 1950, 1.°; 1958, 5.°, 7.°, 8.°; a r t . 773 Cod. comm. n. 1 e
e forse a n c h e il n. 3). Ora, q u e s t o r a p p o r t o n o n r i g u a r d a u n a p a r t e
sola delle cose, che in q u e i casi p r e s u p p o n g o n o m a t e r i a f o r n i t a d a l
creditore del lavoro, n è t a n t o m e n o il p l u s v a l o r e d e t e r m i n a t o dal la-
Toro, m a t u t t a la cosa.
Colla seconda condizione ad ogni m o d o (che cioè il lavoro sia no-
t e v o l m e n t e s u p e r i o r e al v a l o r e della materia), a n c h e p r e s c i n d e n d o d a l l a
p r i m a , la tesi dello C h a t e l a i n s a r e b b e l i m i t a t a e n t r o confini molto an-
g u s t i ; anzi, la m a g g i o r p a r t e dei l a v o r a t o r i s f u g g i r e b b e al beneficio
di quella teoria.
D e l r e s t o lo stesso C h a t e l a i n , p e r c o o n e s t a r e in q u a l c h e modo q u e s t a
i n d e b i t a e s t e n s i o n e di p r i n c i p i che n o n figurano a f f a t t o a p r o p o s i t o
della specificazione, esce a dire c h e il l a v o r a t o r e a c q u i s t a il d i r i t t o
originario di p r o p r i e t à sulla « cosa c o m p l e m e n t a r e d o v u t a al l a v o r o » ,
c h e s a r e b b e a p p u n t o la p a r t e n u o v a , la modificazione che in v i r t ù del
lavoro f u a g g i u n t a alla m a t e r i a , R i s u l t a t o del l a v o r o s a r e b b e d u n q u e

In Kevue. socialiste, 1907, p . 208.


u n a specie di unione di d u e cose a p p a r t e n e n t i a diversi proprietari,
e p e r cui, con u n po' di b u o n a volontà, si p u ò p e r v e n i r e a u n regime
m i s t o c h e a d ogni modo n o n s a r e b b e se non quello della comproprietà.
P r e s c i n d i a m o p u r e dalla constatazione preliminare che non sempre il
lavoro modifica la forma della m a t e r i a p r i m a '): questo è certo il caso
p i ù f r e q u e n t e (pel lavoro « • i n d u s t r i a l e » ) , ma n o n si verifica s e m p r e ;
o p p u r e l a forma n u o v a è così poca cosa, che, nell'uno e nell'altro
caso, si p u ò r i m a n e r e perplessi, secondo la teoria dello Chatelain, circa
l ' e n t i t à del d i r i t t o di p r o p r i e t à da riconoscere all'operaio. M a sopra-
t u t t o q u e l ch'io n o n posso a m m e t t e r e è c h e si a b b i a a concepire come
cosa, sia p u r e complementare, quello che n o n è se n o n « f o r m a » , cioè
u n p u r o modo di essere della m a t e r i a 2 ).
Lo C h a t e l a i n però h a sentito il bisogno (indotto a ciò p r o b a b i l m e n t e
d a l l a critica) di giustificare a l t r o v e 3 ) p i ù d e t t a g l i a t a m e n t e q u e s t o con-
cetto. Scrive a d u n q u e lo C h a t e l a i n che u n a cosa p u ò dividersi n o n
solo nelle sue p a r t i , m a a n c h e nei suoi e l e m e n t i ; si p u ò cioè s t a c c a r e
u n a delle sue q u a l i t à , dei suoi stati, dei suoi a t t r i b u t i dal cui com-
plesso r i s u l t a la cosa 4 ). I n f a t t i a l c u n e q u a l i t à possono cessare; a l t r e
a g g i u n g e r s i ex novo. A v r e m m o q u i n d i la s e p a r a b i l i t à di d u e cose in-
d i p e n d e n t i (forma, colore, ecc.). L a forma, il colore, s t a c c a t e dalla
cosa cui si riferiscono, e rese i n d i p e n d e n t i ? M a sono astrazioni tra-
s c e n d e n t a l i b e n l o n t a n e dal campo pratico e positivo del d i r i t t o 1
L o C h a t e l a i n cita a d es. gli elementi chimici di u n a p i a n t a che pos-
sono s e p a r a r s i 5 ). Sì, n o n occorre che u n processo chimico o m e c c a n i c o
c h e d i s i n t e g r i la s o s t a n z a ; e ciò si p u ò s e m p r e fare. Ma p r o v a t e v i
un po' a s t a c c a r e (isolandola...) la f o r m a d a u n a cosa !
11 vero è che, d a t a l ' i n s e p a r a b i l i t à , checché n e p e n s i lo C h a t e l a i n ,
n o n è possibile concepire l a possibilità di un a u t o n o m o d i r i t t o di pro-
p r i e t à su c e r t e q u a l i t à della cosa, come la f o r m a , ecc. P o i c h é u n di-
r i t t o a u t o n o m o di p r o p r i e t à p r e s u p p o n e (e lo v e d r e m o meglio p i ù
a v a n t i ) che la cosa sia p u r e a u t o n o m a fisicamente. P e r c i ò non v i h a
d i r i t t o a u t o n o m o di p r o p r i e t à sulle p a r t i i n t e g r a n t i , sui f r u t t i pen-
d e n t i , sul l a v o r o dell'uomo 6 ). P o s s i a m o , al più, i m m a g i n a r c i u n di-

') SOPINO, Econ. polit., p . 47.


2
) Il l a v o r a t o r e , e l a b o r a n d o la m a t e r i a p r i m a s o m m i n i s t r a t a g l i , i m p r i m e a d essa
u n m a g g i o r v a l o r e . Ma certo sul plus v a l o r e n o n è concepibile u n d i r i t t o d i pro-
p r i e t à , come n o n lo è in g e n e r e sul l a v o r o . L e osservazioni dello stesso CHATELAIN
al r i g u a r d o (in Bevue eritique de législat. et de jurispr., 1906, 105 seg.) sono e s a t t e .
3
) Nella Bevue eritique de législation et de jurisprudenee, 1906, p . 115 s e g .
4
) Q u a l c o s a d i simile h a s o s t e n u t o a u c h e il CARNELUTTI, iu a r g o m e n t o d i cui
ci o c c u p e r e m o d i f f u s a m e n t e : se, cioè, il l a v o r o u m a n o si p o s s a c o n s i d e r a r e c o m e
m e r c e , o cosa in senso g i u r i d i c o . C f r . a p p r . n . 169.
5
) Op. c i t . , p . 116.
6
) V e r a m e n t e u u c o n c e t t o affine a q u e s t o dello CHATELAIN è s t a t o e s p r e s s o
r i t t o di comproprietà sull'operaio in f a v o r e di t u t t a la cosa, ma nei
limiti intensivi (cioè q u a n t o alla quota) d a t i dall'effetto utile del la-
voro. -
2 5 . D u n q u e la dimostrazione della p r e e s i s t e n z a di un diritto (pri-
mordiale?) di p r o p r i e t à al l a v o r a t o r e è m a n c a t a : lo stesso Chatelain,
a corto d ' a r g o m e n t i , n o n si p e r i t a di r a g i o n a r e colla p i ù bella peti-
zione di principio clie si possa i m m a g i n a r e . V e n d e l'operaio ? Sì,
d u n q u e a v e v a la p r o p r i e t à '). A r g o m e n t a z i o n e che lascia perplesso il
lettore, il quale n o n capisce bene se lo Chatelain, c h e p u r e è i n g e g n o
a r g u t o , a b b i a voluto canzonarlo. E a n c o r a n o n b a s t a il richiamo a
un elemento di società, q u i n d i di e g u a g l i a n z a giuridica, insito nel
c o n t r a t t o di lavoro; e n e p p u r e l ' a f f e r m a r e che q u e s t o diritto n a t u r a l e
di p r o p r i e t à è oggi u n i v e r s a l m e n t e riconosciuto, che è il grido della
coscienza p o p o l a r e '). Lasciamo a n d a r e q u e s t e u n i v e r s a l i t à di ricono-
scimento ; qui io discorro n o n p e r l ' a v v e n i r e , m a p e r ciò che è il di-
d i r i t t o a t t u a l e . E s o p r a t u t t o p e r ciò che è il d i r i t t o positivo a t t u a l e ,
c h e è quello che p i ù i m p o r t a , e lo riconosce lo stesso C h a t e l a i n 2 ) .
Ma q u a n t o al c a r a t t e r e associativo, che io a s s o l u t a m e n t e n o n am-
m e t t o nell'odierno c o n t r a t t o di lavoro, n o n è certo necessario intro-
durlo a forza in q u e s t o r a p p o r t o p e r s p i e g a r e l ' e g u a g l i a n z a g i u r i d i c a
delle p a r t i (almeno a s t r a t t a m e n t e ) , che del resto, q u a n t o alla p r o p r i e t à
del prodotto, è sconfessata dallo stesso c o n t r a t t o . Il quale (ed è ciò c h e
lo C h a t e l a i n disconosce) disciplina s e n z ' a l t r o l ' a t t r i b u z i o n e della pro-
p r i e t à del p r o d o t t o che r i m a n e al creditore del lavoro : ciò r e n d e su-
p e r f l u a l ' i n d a g i n e circa la n a t u r a del modo d ' a c q u i s t o della p r o p r i e t à

d a l BIANCHI (Corso di cod. ciò. ti., I X , 3, p . 634), p e r cui l a p r o d u z i o n e del l a -


v o r o , cioè l ' e l e m e n t o n u o v o c h e p u ò a v e r e a c c r e s c i u t o n o t e v o l m e n t e il v a l o r e d e l l a
m a t e r i a , v a c o n s i d e r a t o r a z i o n a l m e n t e come a v e n t e u n a e s i s t e n z a s u a p r o p r i a tìsica
e come t a l e i n c o r p o r a t a a l l a m a t e r i a , di c u i f u f o r m a t a u n a specie n u o v a . Ciò, si
b a d i , p e r g i u s t i f i c a r e il c o n c e t t o d e l l a s p e c i f i c a z i o n e come f o r m a di a c c e s s i o n e , cioè
di cosa n u o v a a l l a m a t e r i a . M a il v e r o è c h e è u n a s p i e g a z i o n e a n c h e q u e s t a c h e
s p i e g a p o c o ; e v i d e n t e m e n t e il POTHIER (Propriété, n . 181 sg.) concepì q u i l ' a c c e s -
sione in u n s e n s o m o l t o l a t o . C e r t o n o n è q u e s t o il l u o g o p i ù r a z i o n a l e d e l C o d i c e
per discorrere della specificazione.
' ) De la nature du contrat, ecc., p . 55.
2
) L o CHATELAIN i n v o c a i n f a t t i l ' e q u i t à n a t u r a l e , e la p a r a f r a s a " (op. cit.., p . 40)
d i c e n d o : si t r a t t a d i u n calcolo di v a l o r i p r o p o r z i o n a l i . Nel c o n t r a t t o di l a v o r o
s o n o i n p r e s e n z a d u e e c o n o m i e , d u e p r e t e s e , d u e d i r i t t i in c o m p e t i z i o n e , b i s o g n a
d u n q u e c h e l ' a s s e g n a z i o n e d e l l a p r o p r i e t à sia f a t t a in m o d o c h e t u t t i q u e s t i d i -
r i t t i s i a n o r i s p e t t a t i (p. 41). « O g u u n o h a naluralmenle d i r i t t o a l f r u t t o del s u o
l a v o r o » . D u n q u e : equità, diritto naturale, giustizia distributiva. Va bene: m a
q u a n d o la s i t u a z i o n e è d i s c i p l i n a t a d a un c o n t r a t t o , nel s i s t e m a n o s t r o g i u r i d i c o ,
t u t t e q u e s t e cose p e r d o n o o g n i v a l o r e , s a l v o q u a n t o a l l ' e q u i t à , c h e p u ò i n t e g r a r e
le l a c u n e del c o n t r a t t o ( a r t . 1124). E si noti c h e l ' e q u i t à n a t u r a l e d i s c i p l i n a ( a r -
ticolo 463) l ' a c c e s s i o n e m o b i l i a r e q u a n d o a c c e s s i o n e vi s i a : ciò c h e p r e s u p p o n e l a
m a n c a n z a di a c c o r d i s p e c i a l i t r a le p a r t i .
della res nova ( q u a n d o lo è!). L a specificazione i n f a t t i p r e s u p p o n e c h e
inanelli u n r e g o l a m e n t o c o n t r a t t u a l e che disciplini il r a p p o r t o : q u e s t o
è il p r e s u p p o s t o necessario dell'art. 470. Q u a n d o il contratto esista,
e sia in v i r t ù di esso che al l a v o r a t o r e v i e n e consegnata da altri u n a
d a t a m a t e r i a da elaborare, a n c h e che « la m a n o d ' o p e r a fosse t a n t o
p r e g e v o l e d a s o r p a s s a r e di molto il valore della m a t e r i a » non vi h a
possibilità di d u b b i o alcuno sul regolamento giuridico della p r o p r i e t à ' ) .
E del resto a b b i a m o u n indice i r r e f u t a b i l e negli a r t . 1636 e 1637
(per t a c e r d ' a l t r o ) ; per i q u a l i q u a l u n q u e sia il valore del lavoro,
a n c h e i n f i n i t a m e n t e s u p e r i o r e a quello della materia, q u a n d o q u e s t a
è c o n t r a t t u a l m e n t e p r o p r i e t à del c o m m i t t e n t e , la p r o p r i e t à della cosa
r i m a n e s e m p r e p r e s s o il c o m m i t t e n t e '). Quegli articoli n o n dicono
in modo esplicito se la p r o p r i e t à r e s t i quella di p r i m a o è n u o v a pro-
p r i e t à (dato che sia nova species col lavoro). Ma c o m u n q u e è certo che il
c o n t r a t t o , insomma, i m p r i m e al lavoro u n a destinazione e s c l u s i v a m e n t e
a l t r u i s t i c a , per ciò che concerne il r i s u l t a t o , il prodotto del lavoro 3 ). I
p r i n c i p i della specificazione n o n si spiegano, s t o r i c a m e n t e , e dogma-
t i c a m e n t e , e r a z i o n a l m e n t e se n o n pel caso che u n accordo m a n c h i :
« Se u n artefice... a b b i a a d o p e r a t o u n a m a t e r i a che non gli a p p a r t e -
neva » sono p a r o l e che t r a d i s c o n o quel p r e s u p p o s t o . P e r c i ò n o n
è n e p p u r e accogiibile l'altro e s p e d i e n t e con cui lo C h a t e l a i n i n t e g r a
la v a c i l l a n t e teoria di u n a v e n d i t a per g i u s t i f i c a r e q u e s t a e s c l u s i v a
p r o p r i e t à del c r e d i t o r e del l a v o r o : cioè l ' a c q u i s t o che l ' i n d u s t r i a l e
faccia per accessione della q u o t a di p r o p r i e t à del l a v o r a t o r e 4 ). L a
proposizione di q u e s t o e s p e d i e n t e è d a v v e r o c u r i o s a : come si a c c o r d a
con il nocciolo f o n d a m e n t a l e della teoria dello Chatelain ? P e r c h è allora
d i m o s t r a r e così e n f a t i c a m e n t e il p r i n c i p i o del lavoro come modo di

Il GENY a q u e s t a o b b i e z i o n e r i s p o n d e ohe si t r a t t a d i obbiezione s e m p l i c i s t a ,


s e n z ' a l t r o a g g i u n g e r e . A m e , v e r a m e n t e , p a r e s e m p l i c i s t a l a d i f e s a del GENY! Del
r e s t o il f r . 7, $ 7, 41, 1 di GAIO (su cui a p p r . p . 84 n o t a i ) c o n f e r m a q u a n t o è asse-
r i t o n e l t e s t o . Suo nomine in q u e l f r a m m e n t o i n d i c a a p p u n t o che m a n c h i u u i u c a -
rico. E così è p e r t u t t e le r e g o l e d e l l ' a c c e s s i o n e , a n c h e i m m o b i l i a r e (la q u a l e , a d
e s . , p u ò e s s e r e e l i m i n a t a d a l c o n t r a t t o c h e crei l a p r o p r i e t à s u p e r f i c i a r i a ) . Col t e s t o
la C o r t e d i M i l a n o , 1.° o t t o b r e 1912, Foro it., 1913, I , 1155, c h e a n c o r a r i c o r d e -
remo nella citata nota.
2
) A n c h e s e c o n d o GLÌÌCK (Pandette, h. «., p . 335) il l o c a t o r e operis n o n a c q u i s t a ,
p e r s p e c i f i c a z i o n e , la p r o p r i e t à dei p r o d o t t i e l a b o r a t i su m a t e r i a a lui a f f i d a t a . E
si n o t i , a n z i , c h e a n c h e se l ' a r t e f i c e a v e s s e in b u o n a f e d e a d o p e r a t o m a t e r i a del
c o m m i t t e n t e , c r e d e n d o l a p r o p r i a , l a cosa n o n m u t a : e sì che il l a v o r o p r e p o n d e -
r a n t e q u i s a r e b b e s u f f r a g a t o d a l l a b u o n a f e d e . Ciò s e m p r e p e r l a a l i e n i t à c o n t r a t -
t u a l e del l a v o r o , o, m e g l i o , del r i s u l t a t o d e l l a v o r o .
3
) Q u e s t o o s s e r v a a n c h e il CARNE LUTTI , Rivista di dir. comm., 1910, I I , 4 3 6
e 1913, I, 390, c o n t r o lo CHATELAIN. E q u e s t o è i n f a t t i il f u l c r o d e l l a c r i t i c a a l l a
t e o r i a s i n g o l a r e di q u e s t o a u t o r e . P e r ò n o n o c c o r r e r i s a l i r e a u n i p o t e t i c o d i r i t t o
a s s o l u t o sul l a v o r o , come a l t r o v e f a lo s t e s s o CARNELUTTI. C f r . a p p r . n . 173.
4
) De la nature du contrat, e c c . , p. 60.
acquisto della proprietà, e che bisogno di dimostrare il principio as-
sociativo, quindi di eguaglianza c o n t e n u t o nel c o n t r a t t o di l a v o r o ?
Senza a g g i u n g e r e , poi, d i e l ' a c c e s s i o n e non integra, m a esclude
u n a v e n d i t a che l'operaio faccia della s u a p r o p r i e t à ; se v e d i a m o la
p r o p r i e t à nell'operaio, allora o si deve a m m e t t e r e la v e n d i t a , ed esclu-
dere la accessione; o a m m e t t e r e q u e s t a e escludere quella. Se vi è
v e n d i t a che posto r e s t a per l'accessione 1 E infatti lo stesso Chatelain,
contraddicendosi '), conclude che se si r i g e t t a la v e n d i t a (e sta benis-
simo) come modo d ' a c q u i s t o della p r o p r i e t à del plus valore p e r p a r t e
dell'imprenditore, bisogna ricorrere all'accessione.
I n sostanza, non si capisce p e r c h è lo Chatelain n e g h i al c o n t r a t t o
la possibilità di disciplinare la p e r t i n e n z a della p r o p r i e t à del p r o d o t t o
che sarà f o r m a t o 2), o, per essere p i ù esatti, vi riconosca t a l e possi-
bilità solo p e r la v i a t o r t u o s a che p o t e v a essere u n ' e s p r e s s i o n e enfatica,
m a forse tollerabile, in bocca ad e c o n o m i s t i ; m a certo è inammissi-
bile se u s a t a e s u f f r a g a t a d a u n giurista, il quale con ciò e s c l u d a a
priori che per v i r t ù del c o n t r a t t o il s o m m i n i s t r a t o r e della m a t e r i a ,
c r e d i t o r e del lavoro, n o n p o s s a i m p l i c i t a m e n t e r i s e r b a r s i la pro-
p r i e t à della cosa a n c h e a t t r a v e r s o la s u a p i ù o m e n o s o s t a n z i a l e tra-
sformazione che s u b i r à mercè il lavoro. Non b a s t a o p p o r r e che col
lavoro la cosa si t r a s f o r m a , d i v e n t a u n a species nova 3 ); che q u i n d i
« n e c e s s a r i a m e n t e » inizia u n a n u o v a f a s e giuridica, u n a n u o v a per-
t i n e n z a di p r o p r i e t à , R i p e t i a m o che come il c o n t r a t t o di lavoro p u ò
o p e r a r e t r a s f e r i m e n t o di p r o p r i e t à della m a t e r i a p r i m a 4 ), così è pos-

J
) Op. c i t . , p . 64.
2
) Il socio di i n d u s t r i a lia d i r i t t o a l l a c o m p r o p r i e t à dei beni sociali ( a r t . 1717
eap.), m a ciò è p e r f e t t a m e n t e c o n f o r m e a l l a s t r u t t u r a del c o n t r a t t o di s o c i e t à ; n o n
è argomento valido pel c o n t r a t t o di lavoro.
Il che è vero, e m a n c a n d o u n p r e c e d e n t o r e g o l a m e n t o della p r o p r i e t à , s e c o n d o
un'opinione che qui non intendo discutere, conduce o può condurre all'acquisto
d i u n n u o v o d i r i t t o di p r o p r i e t à p e r o c c u p a z i o n e . C f r . BECHMANN, in Jrchiv fin-
die civil. Praxis, 47.", p. 39-40, il q u a l e u e g a che a b a s e del d i r i t t o r o m a n o su
q u e s t o p u n t o stesse la l o t t a t r a c a p i t a l e e l a v o r o .
. Così è il g r o s s i s t a c h e s o m m i n i s t r a a l l ' i n d u s t r i a l e e a l l ' a r t i g i a n o la m a t e r i a ,
p r i m a ; ò l ' a r t e f i c e (il d e b i t o r e di o p e r a , di l a v o r o a u t o n o m o ) c h e s o m m i n i s t r a
al c o m m i t t e n t e la m a t e r i a p r i m a , o l t r e al l a v o r o . V o l e n d o c i l i m i t a r e al p r i m o c a s o
v e d i a m o che chi o r g a n i z z a l ' e l a b o r a z i o n e ( l ' i n d u s t r i a l e ) a c q u i s t a la p r o p r i e t à ; m e n t r e
q u e s t a è n e g a t a a l l ' o p e r a i o c h e i m p r i m e il l a v o r o p e r l ' i n d u s t r i a l e . O r a , ciò è c o n -
s e g u e n z a d e l l ' a c c o r d o c o n t r a t t u a l e : l ' i n d u s t r i a l e e l a b o r a la m a t e r i a p e r s è ; l ' o p e -
r a i o l ' e l a b o r a p e r l ' i n d u s t r i a l e . Il c o n t r a t t o , iu a m b o i casi, n o n f a che c o r r o b o r a r e
e a t t u a r e l'assetto economico della produzione industriale a impresa capitalistica,
Q u e s t a h a f u n z i o n e o r g a n i z z a t r i c e e a c c e n t r a t r i c e , sia di f r o n t e al c a p i t a l e , c o m e
a l l a m a t e r i a p r i m a , e come a l l a m a n o d ' o p e r a . N e g a r e q u i n d i q u e l l ' e f f i c a c i a a l l ' a c -
c o r d o c o n t r a t t u a l e v a r r e b b e d i s c o n o s c e r e l a t u t e l a g i u r i d i c a di q u e s t a o r g a n i z z a -
zione e c o n o m i c a , il che p o t r à essere u n ideale s o c i a l i s t a , ma non è d i r i t t o p o s i t i v o .
sibile che la p r o p r i e t à resti i m m u t a t a , b e n c h é la cosa, per assunzione
di n u o v a forma, d i v e n t i u n a nova species.
Certo a q u e s t o r i s u l t a t o si p o t r e b b e a n c h e p i ù facilmente a r r i v a r e
se si concepisse come o g g e t t o della p r o p r i e t à p u r a m e n t e la sostanza
o la materia di cui è composta la cosa : q u e s t a , i n f a t t i , r i m a n e i n t a t t a ,
almeno q u a l i t a t i v a m e n t e , m a l g r a d o l'elaborazione. M a se anche, come
io ritengo, si r i t i e n e collo C h a t e l a i n ! ) che oggetto del diritto di pro-
p r i e t à n o n è la s o s t a n z a p u r a m e n t e , ma la sostanza con t u t t e le a l t r e
q u a l i t à o s t a t i o a t t r i b u t i (es. forma, colore, ecc.) che v a l g a n o a iden-
tificare la « specie » ( m u t a n d o u n o di questi elementi, m u t a la specie,
a b b i a m o u n a cosa nuova), il r i s u l t a t o , dato il p r e e s i s t e n t e r e g o l a m e n t o
contrattuale, non muta.
26. A m m e s s o a n c h e q u e s t o acquisto di p r o p r i e t à a che cosa esso
si r i d u c e , se p r o p r i o n e l l ' a t t o della stipulazione del c o n t r a t t o a b b i a m o
la v e n d i t a c h e n e fa il lavoratore, il f u t u r o a c q u i r e n t e , all'altra p a r t e ? 2)-
L a alienazione di u n d i r i t t o n o n ancor n a t o ? E v i d e n t e m e n t e q u e s t o
è un a s s u r d o g i u r i d i c o : n o n si aliena se n o n ciò che esiste t u t t o r a
nel p a t r i m o n i o dell'alienante. Si a v r e b b e d u n q u e p u r a m e n t e la r i n u n c i a
a t t u a l e 3 ) a p r e t e n d e r e u n d i r i t t o di p r o p r i e t à q u a n d o in origine sor-
g e r à il p r o d o t t o : u n a t t o u n i l a t e r a l e che a v r e b b e p e r ò per effetto l a
c o n s e r v a z i o n e i m m u t a t a del d i r i t t o di p r o p r i e t à i n t e g r a l e n e l l ' a l t r a
p a r t e : o, se si vuole, la sua e s p a n s i o n e a u t o m a t i c a , postochè si voglia

1) llevue crii, de lég. et de jurispr., 1906, p . 108.


2) Il BHOCARD (nel Bulletin de la Société des études législatives, 1906, p a g . 361)
s o s t i e n e che l ' o b b l i g o di p a g a r e s u b i t o l a m e r c e d e è c o r r i s p e t t i v o della r i n u n c i a a
p a r z i a l i benefici d e l l ' i m p r e s a . Il che è e s a t t o , m a n o n s o t t i n t e n d e già che p r o p r i o
p r e e s i s t a l a c o m p r o p r i e t à , pel l a v o r a t o r e , del p r o d o t t o . T e o r i c a m e n t e si d a n n o d u e
v i e al l a v o r a t o r e che n o n a b b i a mezzi p r o p r i di p r o d u z i o n e : o l a d i v i s i o n e del
p r o d o t t o , o u n ' a n t i c i p a z i o n e di c a p i t a l e (del c a p i t a l e a c c u m u l a t o con u n a p r e c e -
d e n t e p r o d u z i o n e ) in f o r m a di s a l a r i o . C h e si scelga q u e s t a v i a v u o l d i r e che si
r i n u n c i a a q u e l l a , m a n o n già nel senso che p r o p r i o q u e l l a v i a sia p r i m i e r a m e n t e
i m p o s t a d a u n a c o m p r o p r i e t à del p r o d o t t o p e l l a v o r a t o r e .
;i
) Q u e s t a c o s t r u z i o n e r i c o r d a q u e l l a c h e f u p r o p o s t a p e r l a c o n c e s s i o n e d i edi-
ficare s u l suolo p r o p r i o p e r c h è l ' e d i f i c a n t e a c q u i s t i l a p r o p r i e t à s u p e r f i e i a r i a del-
l'edificio. Chi sia p e r v a s o d a l l ' i d e a che sia f a t a l e oggi a n c o r a l ' a c c e s s i o n e dell'edificio
al s u o l o d i r à che, u n a volta e r e t t o l'edificio a p p a r t i e n e p e r accessione al p r o p r i e -
t a r i o del suolo, il q u a l e p e r ò c o n t e m p o r a n e a m e n t e lo a l i e n a a l l ' a l t r o . T r a q u e s t o
caso p e r ò e quello che ci i n t e r e s s a vi è q u e s t a d i f f e r e n z a : elio nel p r i m o s u s s i s t e
v e r a m e n t e u n a t e n d e n z a a l l ' a c c e s s i o n e al suolo, q u i n d i v i è u n a r i n u n c i a p e r p a r t o
del p r o p r i e t a r i o c o n c e d e n t e a q u e s t a accessione (COVIULLO N . , Traswizwne, II,
p 232); i n v e c e l a t e n d e n z a a l l ' a c q u i s t o d e l l a p r o p r i e t à p e r p a r t e di chi l a v o r a p e r
a l t r i su' m a t e r i a a l t r u i n o n c ' è , e qui u n a r i n u n c i a a s i f f a t t o a c q u i s t o ( u n a r i n u n c i a
q u i n d i come e l e m e n t o del c o n t r a t t o d i lavoro) n o n s u s s i s t e , p e r p a r t e del l a v o r a t o r e .
Q u e s t o , a l m e n o d a u n p u n t o d i v i s t a g i u r i d i c o , m i p a r e i n d u b b i o . A n c h e il BODKUX,
Jimdes sur le, contrat de traeail (1896) a m m e t t e c h e col c o n t r a t t o n o s t r o « l e t r a -
v a i l l e u r r e n o n o é à l a l i q u i d a t i o n des protìts » ; p . 379.
proprio d i s t i n g u e r e la m a t e r i a e le q u a l i t à nuove clie il lavoro vi h a
a g g i u n t o . L ' i n d e n n i t à per q u e s t a r i n u n c i a sarebbe il salario *).
Su questo punto, p r e s c i n d e n d o dalle giustificazioni di q u e s t o possibile
d i r i t t o di proprietà nel l a v o r a t o r e , sorge qui n a t u r a l e la d o m a n d a ,
q u a l e possa essere la p r a t i c a i m p o r t a n z a di f o n d a r e t u t t a una artifi-
ciosa costruzione su u n diritto di p r o p r i e t à che il lavoratore, s t a n t e
il c o n t r a t t o , n o n h a n e p p u r e la speranza di v e d e r n a s c e r e : è u n a cu-
riosissima costruzione, almeno da un p u n t o di v i s t a logico, p e r c h è il
suo perno è dato da un elemento inafferrabile, che si a m m e t t e e s i s t e n t e
e c o n t e m p o r a n e a m e n t e viene riassorbito e a n n i e n t a t o per u n f a t t o che
è a n t e r i o r e a quello che n e d o v r e b b e d e t e r m i n a r e la n a s c i t a : u n di-
r i t t o di p r o p r i e t à insomma che assomiglia u n pochino a l l ' a r a b a fenice.
I l G é n y scrive 2) che l ' i m p o r t a n z a p r a t i c a se n e p o t r e b b e d a r e in
caso di c o n t r a t t o di lavoro nullo, m a t u t t a v i a eseguito dal d e b i t o r e
del lavoro. P e r tal caso i p i ù r i t e n g o n o che, nullo il c o n t r a t t o , la
r e i n t e g r a z i o n e del l a v o r a t o r e si dia sotto f o r m a di indennizzo (o com-
penso?) pel lavoro p r e s t a t o : i n v e c e colla teoria dello C h a t e l a i n il lavo-
r a t o r e a v r e b b e diritto alla p r o p r i e t à della cosa, o, p i ù e s a t t a m e n t e , a
u n a p a r t e della p r o p r i e t à della cosa, I n v e c e n o n è esclusa u n a t e r z a
t e o r i a , secondo la quale q u e s t o caso a n d r e b b e risolto p u r a m e n t e al
l u m e d e l l ' i s t i t u t o della specificazione. Sulla sua applicabilità in t a l
caso n o n è pero questo il luogo di discutere.
U n ' a l t r a applicazione p r a t i c a s t a r e b b e nelle conseguenze che a filo
d i logica lo C h a t e l a i n p o t r e b b e r i c a v a r e d a l l a s u a teoria, e che i n f a t t i
q u e l l o scrittore a r g u t o e p a r a d o s s a l e (che h a s t e m p e r a t o la s u a t e o r i a
u n po' d a p p e r t u t t o s u per le r i v i s t e francesi) h a i n d o t t o 3 ). Se vi è
v e n d i t a , è g i u s t o che l'operaio sia i l l u m i n a t o circa l ' a m m o n t a r e del
prezzo d o v u t o a lui sotto f o r m a di s a l a r i o : perciò n e d e r i v e r e b b e
il d i r i t t o dell'operaio a r i c h i e d e r e d a l l ' i n d u s t r i a l e l'esibizione dei re-
g i s t r i e d o c u m e n t i , e di q u a n t ' a l t r o p o s s a s e r v i r e a calcolare e s a t t a -
m e n t e il prezzo di v e n d i t a dei p r o d o t t i , gli utili, ecc. 4 ); e in g e n e r e

') Cosicché l a t e o r i a dello CHATELAIN p u ò essere s i n t e t i z z a t a , come f a a p p u n t o


il GENY, op. cit., p. 338, con q u e s t o d i l e m m a : d i r i t t o o r i g i n a r i o o a l l a p r o p r i e t à
o a u n a i n d e n n i t à . E l i m i n a n d o il d i r i t t o a l l a p r o p r i e t à r e s t e r e b b e quello elle fe i n -
d u b b i a m e n t e v e r o : il d i r i t t o p e l l a v o r a t o r e a uu c o m p e n s o p e l p r o p r i o l a v o r o . Se
q u e s t o d e v e essere il r i s u l t a t o v e r a m e n t e u t i l e e p r a t i c o d i q u e l l a t e o r i a , ci si
p o t e v a a r r i v a r e p e r vie m o l t o p i ù p i a n e e s e n z a t r o p p e c o n t o r s i o n i c o s t r u z i o n i s t i c h e .
3
) O p . c i t . , p . 339.
3
) Nella Revue socialiste, 1907, p . 196.
4
) L o CHATELAIN, s e n z a b i s o g n o di a r r i v a r e a q u e s t a oggi i n t o l l e r a b i l e l i m i t a -
zione d e l l ' a u t o n o m i a i n d u s t r i a l e , a v r e b b e p o t u t o l i m i t a r s i al p r e z z o sul m e r c a t o d e i
p r o d o t t i e l a b o r a t i d a g l i o p e r a i . E di v e r o c ' è che, i n f a t t i , il prezzo sul m e r c a t o
d e i p r o d o t t i influisce sul t a s s o d e i s a l a r i , b e n c h é le oscillazioni d i q u e l l o s i a n o
b e n p i ù g r a v i d e l fluttuare d e l t a s s o dei s a l a r i . Ma i u ciò n o n v i è n e s s u n c o n -
f o r t o a l l a t e s i dello CHATELAIN.
L . BARASSI. — Il contralto di lavoro, ecc. — 2 . a e d . — 6.
la comunicazione di t u t t e le informazioni utili all'operaio q u a n d o si
t r a t t a di r i n n o v a r e il c o n t r a t t o di lavoro, allo scopo di modificare
e v e n t u a l m e n t e la tariffa dei salari. Ora, n o n è escluso che in un p i ù
0 meno lontano a v v e n i r e si possa g i u n g e r e a n c h e a ciò, dando ma-
gari ragione a coloro che r i t e n g o n o il salario d i p e n d e r e dal prezzo che
1 compratori possono o vogliono p a g a r e pel p r o d o t t o elaborato dal-
l'operaio '). Certo è, però, che è u n a d o t t r i n a in s t r i d e n t e contraddi-
zione colla s t r u t t u r a p r a t i c a m e n t e o s s e r v a t a e p r a t i c a t a oggi del con-
t r a t t o di l a v o r o : i n f o r m a t a , ripetiamo, al completo a s s o r b i m e n t o del
p r o d o t t o del lavoro per p a r t e del creditore a cui è p r e s t a t o e desti-
n a t o . L ' i n f l u e n z a del prezzo di spaccio dei p r o d o t t i sui salari è certa,
m a solo q u a n t o alla formazione iniziale: giuridictìmente il salario è
u n forfait i n a l t e r a b i l e finché il c o n t r a t t o di lavoro p e r d u r a .
I n o l t r e va o s s e r v a t o che q u e l l a r i n u n c i a non e n t r a a f a r p a r t e del
c o n t r a t t o di lavoro, m a al p i ù n e r i m a n e u n motivo a n t e r i o r e : il ri-
s u l t a t o del quale s a r e b b e a d u n q u e un c o n t r a t t o mercè il quale il
l a v o r a t o r e a t t r i b u i s c e t u t t o il p r o d o t t o a l l ' a l t r a p a r t e , e p a t t u i s c e p e r
q u e s t o lavoro u n c o m p e n s o : a p p u n t o p e r c h è n o n sussiste la p r e t e s a
a u n a f u t u r a p r o p r i e t à di u n a p a r t e del p r o d o t t o , il l a v o r a t o r e col con-
t r a t t o di lavoro i m p r i m e alla p r o p r i a a t t i v i t à u n a destinazione esclu-
s i v a m e n t e a l t r u i s t i c a . I n f o n d o q u e s t o e non altro è il r i s u l t a t o effet-
t i v o della costruzione, a n c h e nelle p a g i n e dello Chatelain, special-
m e n t e l a d d o v e osserva che il p r o d o t t o i n d u s t r i a l e è indivisibile, e
q u i n d i l ' i m p r e n d i t o r e solo lo t r a t t i e n e i n t e g r a l m e n t e 2 ) . Q u e s t a è la mi-
gliore n e g a z i o n e di quel d i r i t t o di p r o p r i e t à nel l a v o r a t o r e s b u c a t o
n o n si sa di dove, p r o b a b i l m e n t e l'eco di u n a concezione che v e d e
nella p r o d u z i o n e a r e g i m e economico-giuridico associativo (con divi-
sione del p r o d o t t o in n a t u r a ) il s i s t e m a f o n d a m e n t a l e , p r i m o r d i a l e ,
b a s i l a r e a ); di f r o n t e a cui la p r o d u z i o n e a salariato non s a r e b b e c h e
u n a s o v r a p p o s i z i o n e artificiosa e c o a t t a . N o n è mio compito il diffon-
dermi q u i : mi limito a r i c o r d a r e come oggi q u e s t o r e g i m e di produ-
zione a b a s e a s s o c i a t i v a — come a suo luogo c o n s t a t e r e m o p i ù dif-
f u s a m e n t e — domini quasi e s c l u s i v a m e n t e nel campo d e l l ' a g r i c o l t u r a ,

' ) C f r . SUPINO, Il capitale salari ( E s t r . d a g l i Studi Senesi. 1900), p . 7.


2
) P e r g i u u g e r e a q u e s t o r i s u l t a t o u l t i m o ohe è quello v e r a m e n t e a c c e t t a b i l e ,
n o n m e t t e v a v e r a m e n t e conto di s o v v e r t i r e i p r i n c i p i g i u r i d i c i . C f r . GERMAIN
Contrat de travail, p . 95.
3
) Si p o t r à p e r l ' a v v e n i r e d e s i d e r a r e che il l a v o r a t o r e a b b i a a d osser p a r t e c i p e
d e l l a p r o p r i e t à dei p r o d o t t i ; m a i n t a n t o l ' a v e r e lo CHATELAIN p r e m e s s a la consi-
d e r a z i o n e di q u e s t a d i f f e r e n z a oggi, t r a i l a v o r a t o r i che n u l l a a c q u i s t a n o e l'in-
d u s t r i a l e di cui la p r o p r i e t à si a c c r e s c e , f a n a s c e r e il s o s p e t t o , che è forse certezza,
d i u n a p r i o r i s m o p r e c o n c e t t u a l e c o m p e n e t r a u t e t u t t a la d i m o s t r a z i o n e che d e l l a
s u a t e o r i a h a t e n t a t o lo CHATELAIN.
LA S T R U T T U R A ECONOMICO-GIURIDICA DEL CONTRATTO DI L A V O R O 83

m e n t r e in quello d e l l ' i n d u s t r i a non h a che scarse manifestazioni. Ora,


se il d i r i t t o è u n riflesso del sistema economico vigente, di cui n o n
è -che u n a r e t e di sicurezza, è c h i a r a l'illazione che la concezione
f o n d a m e n t a l e dell' « acquisto per p a r t e del lavoratore e mercè il
suo lavoro » di un diritto di p r o p r i e t à a u n a p a r t e del p r o d o t t o sia
e s t r a n e a al v i g e n t e sistema giuridico, così come lo è — come tale,
cioè come principio f o n d a m e n t a l e — al v i g e n t e r e g i m e economico.
I n f a t t i (e in ciò s t a a n c h e la u o s t r a conclusione) l'odierno a s s e t t o
economico-giuridico della produzione, dal p u n t o di v i s t a del lavoro,
è essenzialmente imperniato su ciò che si suol chiamare lo « scambio del
lavoro contro mercede » '). N u l l a di p i ù n a t u r a l e , q u i n d i , della a l i e n i t à
della destinazione del lavoro, così come Io è per q u a l u n q u e merce b a r a t -
t a t a (torno a dire che qui discorro del lavoro come merce solo a
mera o p p o r t u n i t à , e senza pregiudizio della q u e s t i o n e se proprio lo
sia), d e s t i n a t a ad altri, e cioè a soddisfare bisogni altrui, ofelima p e r
altri. N o n si capisce perciò perchè, proprio per il c o n t r a t t o di lavoro,
un f e n o m e n o così c o m u n e d e b b a s c a n d a l i z z a r e 2).
D a l fin qui d e t t o si rileva u n a c o n s e g u e n z a che è b e n e affermare
già sin d ' o r a e s p l i c i t a m e n t e : e cioè nel c o n t r a t t o di lavoro n o n vi
è alcun elemento associativo, almeno q u a n t o alla s t r u t t u r a giuridica
del c o n t r a t t o : scambio, n o n associazione 3). Q u i la cosa ci i n t e r e s s a
dal p u n t o di v i s t a , del r e s t o f o n d a m e n t a l e , della d e s t i n a z i o n e di t u t t o
il p r o d o t t o pel c r e d i t o r e del lavoro; che è la spiegazione più c h i a r a
e vera della negazione di ogni elemento associativo. È qui che
l'esame economico p u ò c o n d u r r e a r i s u l t a t i differenti da quello giu-
ridico. L ' i m p r e n d i t o r e a s s u m e i rischi della p r o d u z i o n e , a d esso è
d e s t i n a t o i n f a t t i t u t t o il p r o d o t t o del lavoro, e il compenso del lavoro
lo p a g a lui, di s u a tasca, a n c h e p r i m a di a v e r e v e n d u t o i p r o d o t t i , e
senza e s s e r e n e p p u r sicuro di v e n d e r l i 4). D ' a l t r a p a r t e egli si rim-

') C f r . à p p r . n . 171. Il LEVIS p u r e o s s e r v a (Allgemeine Vollcswirlscha/tslehre, 1910,


p . 141) che il f a t t o c h e il p r o d o t t o è d o v u t o al l a v o r o del s a l a r i a t o non p o r t a che
esso a b b i a u n d i r i t t o ( n a t u r a l e o m o r a l e , dice il LEVIS) a l l a p r o p r i e t à del p r o d o t t o :
r i t e n e r e ciò s i g n i f i c h e r e b b e d i m e n t i c a r e l ' o r g a n i z z a z i o n e e c o n o m i c a m o d e r n a a base
di i m p r e s a c a p i t a l i s t i c a .
2
) 0 , p e r essere più e s a t t i , si c a p i s c e a n c h e t r o p p o , q u a n d o si pensi che chi si
s c a n d a l i z z a è, di solito, c h i e s a g e r a la p o r t a t a e c o n o m i e o - g i u r i d i c a di u n f a t t o v e -
r i s s i m o : cioè che, a d i f f e r e n z a di o g n i a l t r o caso, il l a v o r o è i n s e p a r a b i l e d a l l ' u o m o :
se n e d e d u c e c h e q u i n d i 1' a s s e r v i r e il l a v o r o a l l ' u t i l e a l t r u i s a r e b b e a s s e r v i r e
l ' u o m o . È u n m o r b o s o , s e n t i m e n t a l i s m o e c o n o m i c o - g i u r i d i c o , su cui t o r n e r e m o a
p r o p o s i t o della a p p a r t e n e n z a del c o n t r a t t o d i l a v o r o al t i p o c o n t r a t t u a l e d e l l a
« locazione ».
3
) « I l c o n t r a t t o di l a v o r o non c o n d u c e , come c r e d o n o gli o t t i m i s t i , a d u n ' a s -
sociazione t r a o p e r a i e i m p r e n d i t o r i , che si d i v i d o n o di b u o n a c c o r d o il r e s u l t a t o
d e l l a p r o d u z i o n e » . SUPINO, II capi!ale-salari (in Sludi Senesi, X V I - X V I I ) , p. 13 del-
l'estratto.
4
) E q u e s t o l ' o p e r a i o lo sa, nè d e s i d e r a a f f a t t o c h e la cosa a b b i a a m u t a r e (salvo,
borserà col ricavo della vendita. Ma a p p u n t o per ciò, se per u n a con-
cezione molto l a r g a e sintetica dell'economista si p u ò dire che in
definitiva agli operai va u n a p a r t e del ricavo della v e n d i t a (tanto che
gli economisti si sono posti il problema : quale p a r t e del ricavo com-
plesso di t u t t a la p r o d u z i o n e nazionale v a d a agli operai) *); d ' a l t r a
p a r t e da u n p u n t o di v i s t a giuridico dobbiamo limitare l ' i n d a g i n e ai
r a p p o r t i i m m e d i a t i t r a operaio e i m p r e n d i t o r e : e allora si capisce che
la m e r c e d e non è u n ' a n t i c i p a z i o n e del prodotto, m a semplicemente
il corrispettivo del l a v o r o p r e s t a t o , a p p u n t o p e r c h è fino a u n certo
p u n t o le sorti della p r o d u z i o n e toccano l ' i m p r e n d i t o r e , che n e h a la
organizzazione a suo carico e q u i n d i il rischio 2 ), n o n il lavoratore,
che è e s t r a n e o alla fase successiva alla elaborazione del p r o d o t t o 3).

si intende, il pieno regime collettivista). Perciò non si può dire che la species nova
sia stata creata dall'operaio suo nomine, cioè coll'intenzione di acquistare per sè.
E perciò, secondo l'insegnamento di GAIO, fr. 7, $ 7, 41, 1 (che però il PEROZZI
ritiene interpolato, in GLIÌCK, Pandette, 41, p. 278), non si può neppure porre il
problema della specificazione. Si noti poi che in fondo, posto che il rischio del
lavoro è dell'industriale, che è lui che dirige il lavoro degli operai, i quali (per
la locazione di opere) sono strumento dell'industriale, si può sempre dire che la
elaborazione del prodotto è fatta dall'industriale nella sua sfera economico-giuri-
dica. E allora si dovrebbe applicare il principio accolto pacificamente dalle due
scnole dei procuìeiani e dei sabiniani, per cui (GI.ÌÌCK, cit., p. 309) si applica la
r e g o l a quod ex re nostra fit nostrum fit, qualora l'elaborazione sia fatta dal pro-
prietario nella propria sfera economica. Lo dice anche il POTHIER (cit. n. 135), che
in tal caso il lavoratore agisce per l'industriale ed è come se agisse questi, non
avendogli l'operaio prestato che il braccio e l'opera sua. Iu tutto ciò concordo col
REDENTI, il quale in una nota a una sentenza della Corte di Milano, 1.° ott. 1912,
Foro, 1913, I, 1146, osserva che la questione se un artista di canto abbia o no
diritto alla proprietà delle matrici dei dischi ricavate dalla società fonografica va
risolta al lume del contratto di lavoro. Questo infatti disciplina l'appartenenza delle
matrici, d e s t i n a t e , come destinato era tutto il risultato immediato del lavoro del-
l'artista, al creditore del lavoro, che era l'imprenditore : il centro assorbente delle
utilità come dei rischi. E anche la Corte esprime questo concetto : non sono già
da applicare qui le regole della specificazione, perchè la situazione è dominata dal
contratto, in base al quale la proprietà del prodotto è acquisita all'imprenditore
fin dal momento della produzione. Precisamente quello che sosteniamo contro lo
CHATELAIN,

') A ciò si ricollega la n o t a teoria del foudo salari.


2
) Si noti che colla teoria dello CHATELAIN l'opera dell'imprenditore non è più
quella eminente di organizzatore della produzione; non sarebbe più che uuo spe-
culatore commerciale sulla differenza eventuale tra il prezzo pagato al lavoratore
e al capitalista (col CLARK, cfr. sopra), e il prezzo ricavato dalla vendita del pro-
dotto. Il CLARK lo chiama addirittura (p. 108) « un funzionario puramente com-
merciale ».
3
) LEVIS, iu AUgemeine FolìcswirtscTiaftslehre, p. 144. Che questo sistema eeono-
mico-giuridico sia il più opportuno per il ceto dei lavoratori sforniti di altra risorsa
all'infuori del lavoro, si vedrà meglio discorrendo della distinzione tra locazione
di opere e di opera.
Vedremo che ciò non è assoluto: le sorti dell'impresa esercitano u n a
q u a n t i t à di reazioni sul c o n t r a t t o di lavoro, creando u n nesso che si
esagerò sino a vedervi u n fenomeno associativo.
Ab'biam voluto riaffermare sin d'ora (salvo r i p a r l a r n e p i ù a v a n t i )
q u e s t a c h e è u n a c a r a t t e r i s t i c a v e r a m e n t e tipica del c o n t r a t t o di
lavoro per l ' i m p o r t a n z a g r a n d e che essa ha nella disciplina giuridica
del nostro contratto. Nel q u a l e vi è r a p p o r t o di scambio, cioè antitesi
f o n d a m e n t a l e di interessi, p r o v v i s o r i a m e n t e sopita, m a sotto il velo
dell'accordo p e r d u r a n t e sempre, piti o meno.
27. Il concetto che a b b i a m o svolto sin qui, cioè l ' a l i e n i t à dello scopo
d i r e t t o del lavoro, h a u n ' i m p o r t a n z a p r a t i c a , per la soluzione di
questioni pratiche, che a t u t t a p r i m a n o n s a l t a n o all'occhio ').
Quel concetto i n f a t t i conduce a ciò: se il d e s t i n a t a r i o del lavoro
è u n a t e r z a p e r s o n a , cioè il suo creditore, vuol dire che il r i s u l t a t o
utile, il p r o d o t t o di quel lavoro confluisce t u t t o a esclusivo v a n t a g g i o
di q u e s t o d e s t i n a t a r i o ; il lavoro per l'altrui u t i l i t à d i r e t t a porta a ciò
che il d e s t i n a t a r i o possa utilizzare i n t e g r a l m e n t e il r i s u l t a t o u t i l e del
lavoro. P e r ò il problema a s s u m e u n a t t e g g i a m e n t o differente secondo
c h e si t r a t t i di lavoro t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o o autonomo. N e l primo
caso (opere) quel corollario spiega t u t t a la sua e n e r g i a : a b b i a m o
u n a q u a n t i t à di energie di lavoro m e s s e a disposizione del destina-
t a r i o di esse, da lui g u i d a t e e d i r e t t e ai suoi fini. P e r c i ò l'appropria-
zione dei r i s u l t a t i utili del lavoro è p i ù c o m p l e t a 2 ), che n o n q u a n d o

') L'alienità teleologica del lavoro parrebbe dover condurre alla necessaria con-
clusione che non si dia mai il caso che il lavoratore compia atti che normalmente
esprimano appropriazione del risultato d e l . l a v o r o . Perciò, ad es., il DE-GREGORIO
(Contratto di edizione, p. 94-) nega che si possa raffigurare l'editore come conduttore
d'opera (debitore di un opus): non è concepibile, se si ammette ciò, che l'editore
abbia un diritto a compier il lavoro, e, anziché atteuersi alle istruzioni del cre-
ditore del lavoro (l'autore), possa informarsi al proprio interesse, alla pubblicità e alla
diffusione dell'opera, e disciplinare qui la propria attività come gli pare. Insomma
è iuammissibile che l'editore, debitore del lavoro, lavori per sè anziché per altri.
T u t t a v i a qui vi è qualche equivoco. Se l'autore incarica l'editore di stampare e
pubblicare un manoscritto, l'editore ha pur sempre diritto e dovere di spacciare le
copie stampate, se il compenso egli lo percepisca solo dai terzi (acquisto delle
copio). Sarebbe uno dei casi di cui di occuperemo a suo tempo, iu cui uua data
utilità è destinata a terzi consumatori o u t e n t i , a cui quindi si rivolge colui che
elaborerà quell'utilità per i terzi, allo scopo di ottenere il compenso. Ivi riaccen-
neremo a questo caso. Cfr. appr. n. 160.
2
) Perciò l'operaio o l ' i m p i e g a t o vincolato da un contratto di lavoro a t e m p o ,
e non g i à a cottimo, debbono far confluire al capo dell'azienda t u t t a l'utilità dello
s p i e g a m e n t o di energie da essi compiuto. Se perciò essi lavorano i n v e c e per conto
loro durante le ore di servizio commettono certo una violenza dei loro obblighi.
Secondo i probiviri (ind. edil.) Milano, 27 nov. 1912, n. 133, in Contr. di lav., 1913,
183, esso non giustificherebbe il licenziamento immediato, ma solo q u e l l o secondo
gli usi. Francamente non riesco a capire che cosa si sia i n t e s o dire, salvo ritenere
che si sia detta uua discreta inesattezza.
Il lavoro è autonomo, e perciò d e s t i n a t o al creditore non è che un
« d e t e r m i n a t o » r i s u l t a t o (opera). 1 r i s u l t a t i utili e v e n t u a l m e n t e diversi
r i c a v a t i dal lavoro possono a p p a r t e n e r e al lavoratore, nella cui s f e r a
economico-giuridica cade c o m p l e t a m e n t e l ' a u t o n o m o spiegamento delle
sue energie di lavoro. È u n a distinzione f o n d a m e n t a l e che anche qui
p r o i e t t a t u t t a la s u a r a g i o n d'essere.
U n esempio c a l z a n t e è quello dell'invenzione i n d u s t r i a l e f a t t a dal
l a v o r a t o r e in occasione del lavoro f a t t o per altri. A p p a r t i e n e all'autore *
O p p u r e il d i r i t t o di b r e v e t t o s p e t t a al creditore del lavoro? D o t t r i n a
e g i u r i s p r u d e n z a t e n t e n n a n o . Ma p e r p a r t e m i a ritengo che il filo
c o n d u t t o r e alla soluzione sia dato dal corollario che ora a b b i a m o posto
in luce Q u e s t e invenzioni non sono i n f r e q u e n t i , e ciò specialmente
a d occasione del lavoro s u b o r d i n a t o (o locazione di opere) dove il
c a r a t t e r e f r e q u e n t e m e n t e a u t o m a t i c o del lavoro, conseguenza della s u a
divisione a t t u a t a oggi su l a r g a scala nella g r a n d e i n d u s t r i a , i n d u c e
l'operaio a cercare di semplificare a n c o r a più il lavoro a risparmio di
t e m p o e di f a t i c a . Del r e s t o è q u e s t o u n o dei v a n t a g g i riconosciuti
alla divisione del l a v o r o 2).
Il p u n t o decisivo, secondo che è ormai dai più riconosciuto, è questo-
al d e s t i n a t a r i o va solo quel r i s u l t a t o utile della prestazione di lavoro
c h e è s t a t o i n c a n a l a t o verso di lui dal c o n t r a t t o di lavoro 3 ). Cioè a
dire non n e c e s s a r i a m e n t e q u a l u n q u e u t i l e r i s u l t a t o di esso 4). Ora
r i e n t r a t r a le mansioni del l a v o r a t o r e di f a r e u n a i n v e n z i o n e ? Evi-
d e n t e m e n t e il caso n o r m a l e è che n o n vi r i e n t r i 5). E s s a h a nel la-

' ) A n c h e il CARNELUTTI e o u s e n t e in q u e s t o c r i t e r i o d i s o l u z i o n e . Rivista di di-


ritto commerciale, 1910, II, 436 sg.
2
) Cfr. LIESSE, Le travati, p. 169-170.
3
) Come d i c e b e n e il SETTI, in Rivista di dir. comm., 1 9 0 8 , I , 270, « l ' i m p i l a t o
il c o m m e s s o e l'operaio non h a n n o . . . v e n d u t o il f r u t t o del loro i n g e g n o se non in
q u a n t o si e s p l i c a n e l l ' e s e c u z i o n e delle opere a f f i d a t e » . Cfr. pure CARNELUTTI
cit. p. 4 3 9 .

*) P r o b a b i l m e n t e è u n ' e s p r e s s i o n e c h e v a o l t r e il p e n s i e r o d e l l ' a u t o r e q u e s t a
d e l GALIZIA (a p r o p o s i t o d e l l a q u e s t i o n e a c c e n n a t a n e l n . 28), p e r c u i « o g n i v a n -
t a g g i o e c o n o m i c o n a s c e n t e d a l l a p r e s t a z i o n e d ' o p e r a si a g g i u n g e al p a t r i m o n i o del
c r e d i t o r e d e l l a p r e s t a z i o n e ».
. 5 ) 1 , 1 q u e s t o s e n s o C a s s a z i o n e Roma, 25 g i u g n o 1911, Foro it., 1912, I, 17. L ' o p e -
raio o l ' i m p i e g a t o non si i m p e g n a - n o r m a l m e n t e — che a lavorare' coi criteri
tecnici normali, c o m u n i : ma n o n a e s c o g i t a r e dei criteri nuovi che s e m p l i f i c h i n o
o m i g l i o r i n o ,1 lavoro. In caso d i v e r s o l a s o l u z i o n e m u t a . Questa è del r e s t o Giu-
r i s p r u d e n z a c o s t a n t e ormai in G e r m a n i a ; v e d i SETTI, in Rivista di dir. comm., 1906,
1, 268. Io p r a t i c a , però, può sorgere difficoltà nel caso di u n o p e r a i o (del q u a l e '
c o m e poi si v e d r à , non si p u ò asserire che il c o m p i t o sia p u r e di fare i n v e n -
z i o n i ) e che abbia f a t t o u n ' i n v e n z i o n e , ma solo ili c o n s e g u e n z a d i r e t t a del la-
voro c u i fe p r e p o s t o , e s p e c i a l m e n t e d e l l e i s t r u z i o n i r i c e v u t o circa l ' a d e m p i m e n t o
del suo lavoro. Por q u a n t o manchi q u i la m i s s i o n e ordinaria di a t t u a r e un lavoro
i n v e n t i v o , la g i u r i s p r u d e n z a a m m e t t o che la proprietà è d e l l ' a z i e n d a . Cfr Corte
•di L i o n e , 19 m a g g i o 1886, Pai., 1886, 2, 777.
voro f a t t o per il creditore nulla più di u n a semplice occasione, il che
è a n c h e più evidente q u a n d o l'invenzione n o n r i g u a r d i il tecnicismo
del lavoro dovuto al creditore, m a gli sia affatto e s t r a n e o : ciò che è
compatibile col fatto che l'origine occasionale sia d o v u t a al lavoro
p r e s t a t o per c o n t r a t t o a quel creditore. Quell'invenzione è d u n q u e
u n r i s u l t a t o p u r a m e n t e laterale, cioè non indirizzato al creditore del
lavoro. Certo: se il fare invenzioni r i e n t r a t r a le m a n s i o n i affidate al
debitore del lavoro, allora sì che l'invenzione è il r i s u l t a t o immediato
e previsto di u n lavoro incanalato verso il creditore *), e d e s t i n a t o a
p r o c u r a r e al c o m m i t t e n t e i profìtti di u n a invenzione b r e v e t t a b i l e 2).
Il p u n t o di vista opposto è s t a t o s o s t e n u t o in b a s e a una esage-
razione del principio p e r cui il l a v o r a t o r e i m p i e g a t o presso altri in-
t e n d e col suo lavoro cedere t u t t i i f r u t t i del suo lavoro intellettuale
o muscolare. Q u e s t a i n t e r p r e t a z i o n e a m p i a del principio in sè e s a t t o
è s t a t a v a r i a m e n t e coonestata. A d es. si è d e t t o : l ' i m p i e g a t o è riu-
scito a far l'invenzione coi mezzi 3) messi a s u a disposizione dal suo
principale. M a è e v i d e n t e che se i mezzi n o n f u r o n o messi a s u a di-
sposizione che per iscopi diversi d a quello di f a r e invenzioni, l'inven-
zione r e s t a p u r s e m p r e u n ' u t i l i t à accidentale d a t a dal lavoro.
I n q u e s t a obbiezione però si s o t t i n t e n d e a n c h e u n altro c o n c e t t o :
l ' i m p i e g a t o h a f a t t o l ' i n v e n z i o n e solo mercè le cognizioni a c q u i s i t e
n e l l ' a z i e n d a dell'industriale a cui deve il suo l a v o r o ; quindi la pro-
p r i e t à dell'invenzione è per il capo d e l l ' a z i e n d a u n g i u s t o compenso.
È forse in omaggio a q u e s t o p r i n c i p i o - c h e la g i u r i s p r u d e n z a f r a n c e s e

') È perciò r a g i o n e v o l e clie la l e g g e finlandese (21 g e n n a i o 1898) riconosca come


proprietà del creditore del lavoro u n ' i n v e n z i o n e che uu suo i m p i e g a t o f a c c i a per
ordine suo. Come si v e d e non v i ha una s o l u z i o n e u n i c a , ma v a r i a secondo i casi.
Così il Tribunale d e l l ' i m p e r o g e r m a n i c o (cit. dal S o t t i in Rio. di dir. comm., 1906,
I, 266) h a p o t u t o escludere per l'operaio, ma a m m e t t e r e per il costruttore d i r i g e n t e
la c e s s i o n e di « t u t t a » la sua capacità i n t e l l e t t u a l e . Il che è forse, a mio a v v i s o ,
a l q u a n t o d u b b i o in questa f o r m a a s s o l u t a , ma che r a p p r e s e n t a a d ogni modo un
o t t i m o filo conduttore per il g i u d i c e ohe debba applicare il principio posto n e l t e s t o .
Del resto è g i u r i s p r u d e n z a p r e v a l e n t e a n c h e i n F r a n c i a . Cfr. FOLLIN Le contrat de
travati et la parteeipation atix benefica (1909), p. 115. I n genere si a m m e t t e che chi
nou abbia un l a v o r o puramente m a n u a l e , ma p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t i v o (dire-
z i o n e , e ad ogni modo nou s e m p l i c e s o r v e g l i a n z a ) ma ha diritto a l l ' i n v e n z i o n e ,
p e r c h è nella i n t e l l e t t u a l e l a t i t u d i n e della prestazione si i n t e n d e c o m p r e s a a n c h e
u n ' e v e n t u a l e miglioria da esso s c o p e r t a ; l ' i n v e n z i o n e è q u i n d i compresa nel r i s u l t a t o
di lavoro d e s t i n a t o al capo d e l l ' a z i e n d a . N e l l o s t e s s o senso espresso nel t e s t o pure il
Codice delle o b b l i g a z i o n i svizzero (del 1911), art. 343, che a t t r i b u i s c e al p a d r o n e
le i n v e n z i o n i del lavoratore « se l ' a t t i v i t à i n v e n t i v a r i s u l t a n e i compiti del l a v o -
ratore ».
2
) PIOLA CASELLI, in Foro ti., 1910, 1, 1184.
3
) Qualche sentenza ha p r e s u p p o s t o , per il d i r i t t o d e l l ' a u t o r e dell' i n v e n z i o n e ,
c h e q u e s t a abbia a v u t o l u o g o a t u t t e s p e s e d e l l ' i n v e n t o r e . App. G e n o v a , 14 m a g g i o
1898, Riv. priv. indulti-., I V , p. 176.
in qualche caso r i m a s t o isolato, h a riconosciuto la comproprietà dell'in-
venzione al capo dell'azienda, e al l a v o r a t o r e che, in base al prin-
cipio a cui aderisco, a v r e b b e d o v u t o a v e r n e l ' i n t e r a p r o p r i e t à . Qui ve-
r a m e n t e siamo di f r o n t e a u n argomento molto delicato, e di cui non ci
p o t r e m o occupare se n o n specialmente in materia di clausole di con-
correnza. A me b a s t a per ora l'asserire che l'acquisto di q u e s t e no-
zioni t e c n i c h e si i n t e n d e come u n beneficio di cui deve a v v a n t a g g i a r s i
in primo luogo l ' i n d u s t r i a l e : m a solo nei limiti di quelle che sono
le m a n s i o n i deferite all'impiegato. A n d a r e più in là è al p i ù possi-
bile solo q u a n d o il capo dell'azienda voglia p r e m u n i r s i contro il d a n n o
che p u ò essere a lui a r r e c a t o dall'utilizzazione che l'impiegato f a c c i a
di quelle nozioni non ai tini che sono p r o p r i dell'industriale (es. colle
clausole di concorrenza); m a non già q u a n d o p r e t e n d a di t r a t t e n e r e
per sè il v a n t a g g i o di quella utilizzazione f a t t a d a l l ' i m p i e g a t o , n o n
a d a n n o del suo principale.
N e s s u n a delle a l t r e giustificazioni p e r s u a d e '). N o n che il lavoro,
occasione d e l l ' i n v e n z i o n e , a b b i a a v u t o luogo sotto la direzione del
capo dell'impresa (così la g i u r i s p r u d e n z a francese). Ma, p r e s c i n d e n d o
c h e n o n è d a v v e r o serio d i s c u t e r e se le invenzioni f a t t e dal lavora-
t o r e i n d i p e n d e n t e m e n t e dal suo servizio a b b i a n o a s p e t t a r e al capo
dell'azienda- anziché a lui •), t a n t o v a r r e b b e e n u n c i a r e a d d i r i t t u r a il
p r i n c i p i o del d i r i t t o al b r e v e t t o a favore del capo dell'azienda, q u a n d o
il lavoro d o v u t o a lui sia lavoro t e c n i c a m e n t e s u b o r d i n a t o (locazione
d'opere). E allora ci t r o v i a m o a d a v e r e bisogno di u n a giustificazione
ulteriore, che m a n c a ; perchè, ripeto, n o n è- d e t t o per n u l l a che il met-
t e r e a disposizione d ' a l t r i le p r o p r i e energie di lavoro p e r un fine de-
t e r m i n a t o significhi il t o t a l e a s s o r b i m e n t o delle energie di lavoro: loca-
zione di lavoro s u b o r d i n a t o n o n è a s s e r v i m e n t o . Q u a n d o si dice d u n q u e
c h e il c r e d i t o r e del lavoro h a d i r i t t o al r i s u l t a t o del lavoro del di-
p e n d e n t e n o n si c o n c l u d a con ciò che d u n q u e a b b i a diritto a n c h e
alle invenzioni d a esso f a t t e ; s a r e b b e p r e s s ' a poco come se si dicesse:
il profitto d e l l ' i m p r e n d i t o r e è il compenso del suo lavoro (proposizione
a l t r e t t a n t o i n d e t e r m i n a t a che q u e l l a secondo la q u a l e la p r o p r i e t à è

') In Austria il concetto accolto nel test-o 6 stato sancito dalla l e g g e 11 gen-
naio 1897, § 5 elle attribuisce al dipendente le sue invenzioni fatte durante il
servizio, salvo patto contrario. Anzi v i si commina la nullità del patto con cui si
sottrae a un i m p i e g a t o il guadagno normale di una sua invenzione.
2
) Cfr. ad es. Trib. della Senna, 2 giugno 1899, cit. dal FOLLIN, cit,., p. 116.
È da notare che in parte la giurisprudeuza francese è stata indotta a questo av-
v i s o s f a v o r e v o l e al lavoratore perchè si erano presentati casi di ex-impiegati delle
officine militari francesi, che avevano vondute le loro invenzioni all'estero. L'am-
miraglio BIENAIMÉ, nel nov. 1906, depose perciò alla Camera dei deputati uu pro-
getto di legge t e n d e n t e a sanzionare la tendenza favorevole ai creditori del lavoro.
il diritto sul r i s u l t a t o del lavoro!); l'operaio h a diritto al compenso
del lavoro; d u n q u e l'operaio h a diritto al profitto dell'imprenditore.
Usurpazione per usurpazione, l ' u n a (a d a n n o dell'impiegato) v a i l'altra
(a d a n n o dell'imprenditore). N o n m i p e r s u a d e n e p p u r e il principio che
l'impiegato r a p p r e s e n t a il principale, e a c q u i s t a - l a p r o p r i e t à dell'in-
venzione per lui (Koliler) ; questo, caso mai, non giustifica il d i r i t t o
del capo, m a spiega « come » egli l ' a c q u i s t i , q u a n d o l ' a c q u i s t a .
S o p r a t u t t o è bene chiarire come a v v e n g a l'acquisto del diritto di
privativa. C o e r e n t e m e n t e a q u a n t o a b b i a m o già detto, dobbiamo rite-
n e r e che come il r i s u l t a t o u t i l e del lavoro, in forza del c o n t r a t t o , v a
d i r e t t a m e n t e senz'altro al creditore cui s p e t t a , così al f a t t o dell'in-
venzione l'ordine giuridico r i c o n n e t t e s e n z ' a l t r o il diritto alla t u t e l a
giuridica sotto f o r m a di p r i v a t i v a a f a v o r e del creditore del l a v o r o :
il fatto d a cui Origina il diritto e la t i t o l a r i t à di q u e s t ' u l t i m o si veri-
ficano a d u n q u e in p e r s o n e differenti. È a n o t a r e che q u e s t o f e n o m e n o
n o n è i s o l a t o : ogniqualvolta il lavoro costituisca u n f a t t o giuridico,
si a t t u a lo stesso p r o c e d i m e n t o ').
Non è di q u e s t o avviso il P i o l a Caselli 2 ), p e r il quale il d i r i t t o
di p r i v a t i v a n a s c e a n z i t u t t o n e l l ' i n v e n t o r e , e da q u e s t i viene poi, i n
v i r t ù del c o n t r a t t o , t r a s f e r i t o al suo c o m m i t t e n t e . Come si v e d e vi è
qualche analogia colla teoria dello C h a t e l a i n : l'uno e l ' a l t r o si f o n d a n o
sul principio che il lavoro è o possa e s s e r e titolo d ' a c q u i s t o del di-
r i t t o di p r o p r i e t à 3). I n f a t t i l ' a c q u i s t o del d i r i t t o c h e si p o t r à poi
e s t r i n s e c a r e nella p r i v a t i v a 4 ) e che la legge r i c o n n e t t e all'invenzione
(che è certo u n a forma di lavoro i n t e l l e t t u a l e ) n o n è che il d i r i t t o
s u l l ' i d e a geniale, cioè sul r i s u l t a t o d e l l ' i n v e n z i o n e 5). E il c o n c e t t o
del P i o l a è e v i d e n t e m e n t e c h e il d i r i t t o di p r i v a t i v a è f r u t t o del
l a v o r o d e l l ' i n v e n t o r e , q u i n d i gli s p e t t a n e c e s s a r i a m e n t e : « n o n p u ò
n a s c e r e che n e l l a s f e r a giuridica s t r e t t a m e n t e p e r s o n a l e d e l l ' i n v e n t o r e ».
I o n o n credo di p o t e r c o n v e n i r e in q u e s t a opinione, che però, a
differenza di quella dello C h a t e l a i n , h a per sè m a g g i o r p a r v e n z a di giu-
stificazione scientifica. È solo l ' o r d i n e giuridico che r i c o n n e t t e sen-

') Lo stesso concetto è espresso dal GALIZIA, L'azienda giornalistica (1913), p. 100,
a proposito del diritto d'autore sull'opera intellettuale del direttore d'un giornale
nei rapporti tra il direttore (debitore del lavoro) e il proprietario (creditore).
2
) In Foro it., 1910, I, 1184.
3
) Vi è anche analogia nel p r e s u p p o s t o : lo CHATELAIN presuppone la species
nova; il PIOLA la novità dell'idea costituente l'invenzione.
4
) Che questo diritto, almeno quanto alla tutela della riproducibilità, si v o g l i a
concepire o no come proprietà è qui irrilevante.
5
) Il diritto sul risultato del lavoro, come l'ha definito il CARNELUTTI, in Bi-
vista dir. comm., 1910, II, 435, il quale conviene nell'opinione che qui esponiamo.
E s a t t o è pure il concetto del GALIZIA, op. e 1. cit. : il proprietario « ha sul risultato
del lavoro del direttore per il f a t t o della sua produzione quel diritto (diritto di
autore) che spetterebbe al direttore se lavorasse per conto proprio ».
z'altro, per conto suo, all'invenzione il diritto alla t u t e l a , quel diritto che
n o n è a n c o r a la p r i v a t i v a di cui all'art. 1 della l e g g e : ora, n o n vi
è u u a assoluta, logica impossibilità a che il diritto alla t u t e l a sia
concesso subito a persona diversa d a l l ' a u t o r e dell'invenzione, ogni-
q u a l v o l t a q u e s t a deviazione sia s t a t a p r e p a r a t a e a u t o r i z z a t a p r i m a
d e l l ' i n v e n z i o n e d'accordo t r a il t i t o l a r e e l ' i n v e n t o r e , come a p p u n t o
a c c a d e col c o n t r a t t o di lavoro, nello stesso modo come in forza della
disciplina stabilita d a questo medesimo c o n t r a t t o il diritto di p r o p r i e t à
d e l p r o d o t t o è i n t e r a m e n t e d e l l ' i n d u s t r i a l e , e non, in parte, dell'ope-
raio p r o d u t t o r e ; n o n nasce prima, almeno in parte, in quest'operaio,
m a a p p a r t i e n e d i r e t t a m e n t e e i n t e g r a l m e n t e al capo dell'azienda.
Ohe l ' a r t . 1 della legge sui d i r i t t i d ' a u t o r e dica che il diritto ap-
p a r t i e n e agli a u t o r i delle opere dell'ingegno si s p i e g a con ciò che
q u e s t o è il caso normalissimo. D ' a l t r a p a r t e n o n vi è t r a la persona-
lità d e l l ' i n v e n t o r e e il d i r i t t o alla t u t e l a u n r a p p o r t o così intimo, da
r e n d e r l i inseparabili, così come è i n s e p a r a b i l e lo s t a t o di padre dalla
p e r s o n a che g e n e r ò il figlio; escludendo quindi, come n o t a il Piola,
c h e si p o s s a g e n e r a r e prole a nome a l t r u i . M a q u e s t o parallelo è sug-
g e s t i v o in un altro senso e spiega forse come il P i o l a l ' a b b i a invocato.
I n f a t t i nel d i r i t t o d ' a u t o r e v i h a n n o d u e p a r t i ben distinte, b e n c h é
n o r m a l m e n t e collegate; vi h a la t u t e l a della p a t e r n i t à dell'idea, o opera,
o i n v e n z i o n e ; vi h a i n o l t r e la t u t e l a della facoltà di r i p r o d u r l a . L a
p r i m a è s t r e t t a m e n t e i n e r e n t e alla p e r s o n a dell'inventore, così come
la p a t e r n i t à di u n figlio; è u n a t u t e l a c h e d i f e n d e u n interesse solo
ideale, è la t u t e l a della p e r s o n a l i t à ') a f f e r m e n t e s i a t t r a v e r s o l ' o p e r a
d e l l ' i n g e g n o . L a seconda t u t e l a u n i n t e r e s s e m e r a m e n t e economico;
e d è s e p a r a b i l e d a l l ' a u t o r e dell'invenzione, così successivamente, come
s i n o da principio, nel m o m e n t o della n a s c i t a : cioè in u n a p e r s o n a dif-
f e r e n t e d a l l ' a u t o r e d e l l ' i n v e n z i o n e 2). O r a : q u a n d o diciamo che iu forza
d e l c o n t r a t t o di lavoro col f a t t o d e l l ' i n v e n z i o n e il d i r i t t o alla t u t e l a
« n a s c e » nel c o m m i t t e n t e , a l l u d i a m o p u r a m e n t e a quella p a r t e del
c o m p l e s s o d i r i t t o d ' a u t o r e che è s e p a r a b i l e dall'autore, cioè alla t u t e l a
economica.

F a t t a q u e s t a distinzione, n o n c'è u n a r a g i o n e per escludere quello


c h e è il p r i n c i p a l e n o s t r o a s s u n t o : cioè c h e in v i r t ù dell'alienità di
d e s t i n a z i o n e al lavoro impresso dal c o n t r a t t o di lavoro, il r i s u l t a t o
s u o p a s s a d i r e t t a m e n t e al creditore del l a v o r o ; e cioè n o n pel t r a m i t e
d e l debitore, come se p r i m a dovesse a p p a r t e n e r e a q u e s t ' u l t i m o , come

') Possiamo ammettere, per le opere letterarie, anche il diritto all'integrità


intellettuale dell'opera stessa, come un riflesso della personalità stessa e della
paternità. Cfr. PIOLA-CASELI, cit. nella nota s e g . , p. 91-92.
2
) Cfr. PIOLA-CASELLI, Del diritto d'autore (Napoli, Marghieri, 1907), p. 88 seg. ;
e specialmente a pag. 112-113.
p r o d u t t o r e di quel r i s u l t a t o '). E così il diritto alla t u t e l a economica
dell'invenzione o dell'opera l e t t e r a r i a o a r t i s t i c a n a s c e nel committente,
non a r r i v a a lui per via d e r i v a t i v a dell'autore dell'invenzione o del-
l'opera 2). Non vi h a alienazione, quell'alienazione (vendita) che a n c h e
lo Chatelain crede di scorgere nel c o n t r a t t o di lavoro.
Del resto, ripeto, è u n e v i d e n t e vizio di costruzione, quello di ri-
tenere che nel medesimo i s t a n t e in cui l'opera o l'invenzione è p e r f e t t a ,
o il p r o d o t t o è f e r m a t o il d i r i t t o n a s c a a f a v o r e del lavoratore, e
« c o n t e m p o r a n e a m e n t e » (si noti bene) v e n g a trasmesso al creditore
del lavoro in v i r t ù della p r e v e n t i v a alienazione del f u t u r o diritto f a t t a
nel c o n t r a t t o di lavoro. È u n tipo di costruzione, molto artificiosa,
che ricorda u n pochino la spiegazione dell'art. 707 cod. civ., come
u n a specie di « prescrizione i s t a n t a n e a ».
28. Come la p r o p r i e t à dell'invenzione (nel senso della sua s f r u t t a b i -
lità) p u ò a p p a r t e n e r e al p r o p r i e t a r i o dell'azienda o, secondo i casi,
all'impiegato inventore, così a n c h e la p r o p r i e t à l e t t e r a r i a (sempre nel
senso del d i r i t t o di p r o p r i e t à c o n t e n e n t e la facoltà di riproduzione)
dell'articolo inserito nel giornale del r e d a t t o r e o del collaboratore può
s p e t t a r e a lui o al p r o p r i e t a r i o d e l l ' a z i e n d a giornalistica, secondo che
l ' a u t o r e a b b i a o no firmato l'articolo 3 ). Se firma cioè, per lo p i ù q u a n d o
l'articolo abbia u n ' i m p r o n t a personale, e u n p r o p r i o speciale v a l o r e let-
terario, artistico, scientifico, ecc. 4 ), vuol dire che il c o n t r a t t o di lavoro
(se vi è) non r i s e r v a al p r o p r i e t a r i o del giornale che la p u r a ripro-
duzione sul giornale. E si noti qui che la p r o d u z i o n e dell'idea l e t t e r a r i a
n o n è a f f a t t o u n f e n o m e n o p u r a m e n t e a c c i d e n t a l e o l a t e r a l e della atti-
v i t à del d e b i t o r e del lavoro, così come lo è l ' i n v e n z i o n e i n d u s t r i a l e
sulla quale il l a v o r a t o r e c o n s e r v a la p r i v a t i v a ; m a ne costituisce t u t t a
la p r e s t a z i o n e a cui è vincolato dal c o n t r a t t o di lavoro. Nei d u e casi,

') Talora per giustificare ciò si è citato l'art. 1747, C. c i v . ; iu realtà che il
mandatario debba corrispondere al m a n d a n t e tutto ciò elle ha ricevuto in forza del
mandato è eifetto dcll'alienità nella destinazione del lavoro del mandatario.
%I
)
coll'acquisto d e r i v a t i v o sia necessaria per giustificare come all'autore restino « le
facoltà personali ». Ma quanto è esposto nel testo prova che a questa conseguenza
si arriva anche senza batter quella via. Bisogna ritenere che sin da principio il
completo diritto d'autore (posto che anche quelle facoltà personali si intendano
come contenute nel medesimo diritto d'autore che contiene le facoltà patrimoniali)
si scinde nel suo c o n t e n u t o , e nasce nell'autore privo delle facoltà economiche
rese autonome nel committente. Meglio ancora poi se dei due ordini di facoltà si
f a il contenuto di due diritti separati ! Nessuna delle altre conseguenze ricordate
dal PIOLA, ivi, presuppone la necessità della sua teoria.
3
) La sola firma impedisce la riproduzione, ma non iu altri giornali o pubblicazioni
periodiche; per impedir questa occorre la espressa riserva della proprietà letteraria.
Art. 26 l e g g e sulla propr. lettor. 29 settembre 1882.
*) V I V A N T » , in Foro Hai., 1912, 1. 3 6 8 ; G A L I Z I A , op. cit., p. 65 seg.
92 GLI ELEMENTI TIPICI DEL CONTRATTO DI LAVORO

d u n q u e , l'applica,zione dei p r i n c i p i è differente, p e r c h è sappiamo che


la p r o p r i e t à i n d u s t r i a l e dell'invenzione f a t t a da chi n e h a speciale
incarico s p e t t a n o n a lui m a a chi h a dato l'incarico. L a differenza
n o n a l t e r a i p r i n c i p i (che sono sempre quelli); indica solo come, d a t e
le speciali u s a n z e giornalistiche, se l'articolo è firmato, il creditore
del lavoro h a d i r i t t o solo a u n a p a r t e del r i s u l t a t o del lavoro.
C o m u n q u e bisogna n e t t a m e n t e d i s t i n g u e r e la p r o p r i e t à letteraria, e
la p r o p r i e t à del giornale. Il r e d a t t o r e , vincolato d a c o n t r a t t o giorna-
listico, n o n è e s t r a n e o all'azienda del giornale (il suo c o n t r a t t o di
l a v o r o n e è u n o degli e l e m e n t i ) ; m a è e s t r a n e o all'impresa, alla pro-
p r i e t à del giornale. È il concetto già sopra esposto, per cui in r e g i m e
di scambio l ' a l i e n i t à del r i s u l t a t o u t i l e del lavoro r e n d e chi lo p o n e
in e s s e r e e s t r a n e o agli scopi che con esso il creditore del lavoro si
p r o p o n e di r a g g i u n g e r e , e s t r a n e o perciò ai r i s c h i che sono connessi
alla utilizzazione di quel lavoro ! ).
Ciò p a r r e b b e a d d i r i t t u r a i n d i s c u t i b i l e ; m a in r e a l t à f u asserito pre-
c i s a m e n t e il c o n t r a r i o in u n a lite s o r t a dalla collaborazione di d u e
f r a t e l l i n e l l ' a z i e n d a di u n giornale (di p r o p r i e t à del padre) per molti
anni, senza u n a r e m u n e r a z i o n e : si t r a t t a di u n caso tipico sul q u a l e
t o r n e r e m o a n c o r a a l t r e volte. I tìgli s o s t e n e v a n o che il lavoro con-
t i n u a t o a beneficio d e l l ' a z i e n d a li a v e v a resi c o m p r o p r i e t a r i di essa.
O r a la C o r t e di cassazione di Napoli 2) giudicò a f f e r m a t i v a m e n t e , so-
s t e n e n d o che l ' a z i e n d a g i o r n a l i s t i c a è essenzialmente costituita dal-
l'opera i n t e l l e t t u a l e dei collaboratori, e q u e s t a l ' a l i m e n t a per modo
che essi finiscono col d i v e n t a r n e p r o p r i e t a r i .
L ' e r r o n e i t à di q u e s t a m a s s i m a r i s u l t a già dal f a t t o che, a p p l i c a t a
fino alle s u e u l t i m e conseguenze, c o n d u r r e b b e a ri sul t a t i ..addirittura
sbalorditivi. S a r e b b e u n ' a l t r a v i a p e r g i u n g e r e a quello che in Cha-
t e l a i n era, lo v e d e m m o , il p u n t o di p a r t e n z a (la p r o p r i e t à del lavo-
r a t o r e sul prodotto); con q u e s t a differenza, che in C h a t e l a i n q u e s t o
e r a solo un p u n t o di p a r t e n z a poi t r a n q u i l l a m e n t e r i m a n g i a t o ; i n v e c e
con q u e l l a teoria s a r e b b e il r i s u l t a t o . I n a m b e d u e il concetto fonda-
m e n t a l e si i n p e r n i a sulla m e d e s i m a i d e a : il l a v o r o p r o c r e a t o r e di
p r o p r i e t à ; come il l a v o r o crea il d i r i t t o di p r o p r i e t à , colla p r o d u z i o n e
di u n a specie n u o v a , di u n a res nova, che del l a v o r o è u n r i s u l t a t o ,
così il lavoro giornalistico, c r e a n d o il giornale, ne p r o d u c e l ' a c q u i s t o
del d i r i t t o di p r o p r i e t à a favore del giornalista. M a la teoria della

') Il VIVANTE, in Foro it., 1912, I, 368 osserva che anche nell'impresa editrice
di un giornale si riscontrano t u t t i i tratti caratteristici dell'impresa, che i v i p u r e
vi ha un imprenditore che assume sopra di sè i rischi dell'affare. Il lavoratore è
elemento dell'azienda, ben distinto dal tutto, e così la proprietà letteraria dell'ar-
ticolo è distinta dalla proprietà dell'azienda giornalistica.
2
) 13 sett. 1910, in Foro it., 1911, I, 84.
C o r t e di N a p o l i è a n c h e p i ù g r a v e , p e r c h è c o n d u c e a d d i r i t t u r a all'espro-
p r i a z i o n e dell' « a z i e n d a i n d u s t r i a l e » p e r p a r t e dei l a v o r a t o r i c h e a d
e s s a - d a n n o l ' o p e r a p r o p r i a . I n f a t t i se si a m m e t t e c h e i g i o r n a l i s t i
(non p a g a t i ! ) accpiistano la c o m p r o p r i e t à d e l l ' a z i e n d a g i o r n a l i s t i c a
p e r c h è q u e s t a è e s s e n z i a l m e n t e c o s t i t u i t a d a l l ' o p e r a i n t e l l e t t u a l e dei
c o l l a b o r a t o r i , n o n capisco p e r c h è il m e d e s i m o c o n c e t t o n o n p o s s a e s t e n -
d e r s i a q u a l u n q u e a l t r a a z i e n d a , i n c u i il l a v o r o r a p p r e s e n t i u n a
p a r t e p r e p o n d e r a n t i s s i m a in c o n f r o n t o a l l a m a t e r i a p r i m a . E poi, il
p r i n c i p i o è t a l e c h e f a t a l m e n t e c o n d u c e a q u e s t o r i s u l t a t o a n c h e se il
p a g a m e n t o di u u a m e r c e d e v i f u . I n f a t t i , se l ' o p e r a d e l l ' i n g e g n o ap-
p a r t i e n e a chi lo p r o d u c e , e se si r i t i e n e c h e q u i n d i a n c h e il g i o r n a l e ,
n o n e s s e n d o c h e la r i s u l t a n t e di t u t t e q u e s t e o p e r e d e l l ' i n g e g n o gior-
n a l i s t i c o a p p a r t i e n e al g i o r n a l i s t a , l ' e s s e r v i o n o m e r c e d e c h e im-
portanza può avere?1).
M a è e v i d e n t e c h e l a m a n c a n z a di m e r c e d e h a influito n e l l a m e n t e
dei s o s t e n i t o r i di q u e s t a s t r a n i s s i m a t e o r i a c h e f a il p a i o con q u e l l a
dello C h a t e l a i n , nel s e n s o c h e h a d a t o l ' i l l u s i o n e di u n l a v o r o n o u
p r e s t a t o a d e s c l u s i v a u t i l i t à d i r e t t a a l t r u i . Ciò c h e d i m o s t r a l a b o n t à
del principio f o n d a m e n t a l e (vagamente intuito quindi anche dalla
C o r t e s u p r e m a di Napoli), p e r cui è al c r e d i t o r e del l a v o r o c h e s p e t t a
t u t t o il r i s u l t a t o del l a v o r o ; e q u i n d i c h i lo p r o d u c e n o n p u ò v a n t a r e
n e s s u n d i r i t t o al r i s u l t a t o del suo l a v o r o . P o s t o c h e i figli p r e s t a -
v a n o l ' o p e r a loro a beneficio del p a d r e , cioè di p e r s o n a d i v e r s a 2 ),
t u t t o il r i s u l t a t o del l a v o r o (cioè l a p r o p r i e t à del g i o r n a l e ) s p e t t a v a
a l p a d r e 3 ); essi a v e v a n o solo d i r i t t o a u n c o m p e n s o 4 ).

*) Il GALIZIA, op. cit., p . 124, o s s e r v a b e n i s s i m o che q u e l l a soluzione d à a l l a


locazione d ' o p e r a « un effetto che è i n c o n t r a s t o colla s u a s t r u t t u r a g i u r i d i c a o
f u n z i o n e e c o n o m i c a , p e r c h è è c a r a t t e r i s t i c a del c o n t r a t t o d i locazione d ' o p e r a c h e
il l a v o r a t o r e l a v o r a n o n p e r sè, m a p e r c o n t o d e l c o n d u t t o r e , e il r i s u l t a t o del
l a v o r o r i m a n e a c q u i s i t o , i n v i r t ù d e l c o n t r a t t o , i m m e d i a t a m e n t e ed e s c l u s i v a m e n t e
a l c o n d u t t o r e d e l l a v o r o ».
2
) N a t u r a l m e n t e q u e s t o è il p u n t o di p a r t e n z a che n o i s u p p o n i a m o d i m o s t r a t o ,
e c h e b i s o g n a p r o v a r e . È e v i d e n t e c h e se s i n d a p r i n c i p i o il p r o p r i e t a r i o del g i o r -
n a l e i n t e n d e v a e s t e n d e r n e l a p r o p r i e t à ai figli, c h i a m a n d o l i a c o l l a b o r a r e in u n a
a z i e n d a c o m u n e , t u t t o il n o s t r o r a g i o n a m e n t o si s f a s c i a . U n a s i f f a t t a c o m u n i o n e
g i u r i d i c a , ' però, non si p u ò p r e s u m e r e , n e p p u r e s u l l a b a s e dei viucoli d i p a r e n t e l a .
3
) Il p r o p r i e t a r i o del g i o r n a l e a c c e n t r a v a in sè t u t t i i m o l t e p l i c i mezzi d i p r o -
d u z i o n e del g i o r n a l e ; cosi il l a v o r o v e n i v a a lui, egli n e a s s o r b i v a il r i s u l t a t o ,
«osi come t u t t e le a l t r e p r e s t a z i o n i di t e r z e p e r s o n e r i v o l t e al m e d e s i m o scopo. L a
p r o p r i e t à del r i s u l t a t o complessivo r e s t a v a q u i n d i i n t e g r a l m e n t e al p a d r e i m p r e n -
d i t o r e . Q u e s t o e s p r i m e l u c i d a m e n t e la Corte d ' a p p . di N a p o l i , 10 g e n n a i o 1912,
liiviata di dir, comm., 1912, I I , 84. C o n f o r m e p u r e il VIVANTE, ivi, i n n o t a . I l
p r i n c i p i o che i n f o r m a la s o l u z i o n e è d u n q u e s e m p r e quello : « la p r e s t a z i o n e dì u n
l a v o r o p e r c o n t o e n e l l ' i n t e r e s s e a l t r u i » (Corte c i t . ) .
*) O s s e r v a b e n i s s i m o il VIVANTH che « se il l a v o r o c o m p i u t o s o p r a uu res nullius
c r e a la p r o p r i e t à a f a v o r e d i chi l a v o r a , ciò non è p i ù v e r o q u a n d o il l a v o r o v i e n e
29. Sopra abbiamo incidentalmente asserito che l'utilità della pre
stazione di lavoro può non coincidere con l'interesse che ad essa deve
necessariamente avere il creditore del lavoro. U t i l i t à del lavoro in-
f a t t i non è che la sua ofelimità, cioè la capacità del lavoro, non in
sè considerato ma nella s u a sintesi, nel suo risultato di soddisfare
certi bisogni. E abbiamo constatato che questi bisogni possono non
essere del creditore del lavoro, ma (come quasi sempre accade pel
lavoro industriale) di terzi.
Ciò ad ogni modo non toglie che il creditore debba avere u n in-
teresse proprio, un proprio bisogno da soddisfare che giustifichi la
sua veste di creditore del lavoro (arg. dall'art. 1128 cap.). P e r lo più
questo interesse s a r à economico ; sia che l'utilità diretta della presta-
zione sìa d e s t i n a t a a lui, sia che d e b b a essere consumata da altri
Nel primo caso l'interesse si confonde coll'utilità della prestazione-
nel secondo consiste nell'utilizzazione del valore di scambio proprio
dei prodotti ottenuti, in quanto, ceduti ad altri (con la v e n d i t a o con
contratti di lavoro cioè locazioni di opera), il creditore ottenga danaro
In quest'ultimo caso p u ò a n c h e essere che si t r a t t i di u n servizio (la-
voro per r i s u l t a t o immateriale) che è destinato a terzi, i quali lo go-
dono c o n t e m p o r a n e a m e n t e alla produzione d e l l ' a t t i v i t à : così il can-
t a n t e sul palcoscenico, l'aviatore che, r e t r i b u i t o da u n a società di
aviazione, vola per il pubblico che paga per essere ammesso nel re-
cinto. Qui non vi è scambio del prodotto del lavoro successivamente
alla sua produzione, nè u n a fase successiva al contratto di lavoro
ma il principio è i d e n t i c o : vi è sempre u n ' a t t i v i t à di lavoro d e s t i n a t a
a terzi, i quali ne godono il r i s u l t a t o (coll'acquisto del prodotto ma-
teriale o col godimento del servigio) r e t r i b u e n d o chi è creditore del
lavoro r i s p e t t o al lavoratore, e debitore verso i terzi. Vi è sempre nel
creditore del lavoro, a n c h e in q u e s t o caso, l'utilizzazione personale
della prestazione di lavoro nella sua f u n z i o n e di scambio.
Ma, si noti, l'interesse che nel creditore del lavoro non può mai
mancare, può a n c h e essere u n interesse non economico. Se la presta-
zione, nell'obbligazione patrimoniale, deve avere sempre c o n t e n u t o
patrimoniale, viceversa l'interesse del creditore alla prestazione non
è detto che sia di n a t u r a p u r a m e n t e patrimoniale o suscettibile di va-
lutazione economica '). A d es. la prestazione (patrimoniale) può non
a v e r e che u n interesse artistico pel creditore, cioè può non mirare ad
altro che a soddisfare dei bisogni artistici. Il c o n t r a t t o con u n celebre

p r e s t a t o n e l l a p r o p r i e t à a l t r u i ». Cliè nel c o n t r a s t o t r a q u e s t a p r o p r i e t à e il l a v o r o
il dissidio è r i s o l t o c o l i ' « a t t r i b u i r e a l l a p r o p r i e t à il r i s u l t a t o del l a v o r o , e al la-
voro u n a c o n g r u a m e r c e d e ». È l ' a r t . 1570 Cod. civ. a p p u n t o che noi s t i a m o qui
illustrando.
L
) BARASSI, Istituzioni di dir. civile (1914), $ 84, I I .
violinista, che si obbliga, dietro rimunerazione, a p r o c u r a r m i u n sod-
disfacimento estetico coll'arte sua, è c e r t a m e n t e u n valido e p e r f e t t o
c o n t r a t t o di lavoro. Il poeta che si obbliga a farmi u n c o m p o n i m e n t o
poetico — dietro retribuzione — p e r solennizzare un. evento f a u s t o
della mia famiglia è certo vincolato a me da u n vero vincolo locativo.
V i hanno p u r e dei bisogni dello spirito, oltre che quelli della m a t e r i a ;
vi ha la necessità di c u r a r e ed e d u c a r e lo spirito al culto del bello,
oltre a quello di consolidare il patrimonio. Il I h e r i n g si d o m a n d a , a
ragione, perchè mai debba — secondo la teoria m a t e r i a l i s t i c a che n o n
riconosce se non il bisogno economico — essere invalido il c o n t r a t t o
con u n domestico p e r c h è in d e t e r m i n a t i giorni d e b b a a t t e n d e r e , ser-
vire e i n t r o d u r r e amici ospiti '). Secondo q u e s t a teoria invalido do-
v r e b b e essere il c o n t r a t t o con un docente di scienze o di a r t i belle! 2 ).
Quel riferimento v a d u n q u e inteso in senso molto lato. Come si v e d e
la prestazione (di lavoro) è un mezzo (economico o meglio s u s c e t t i b i l e
di v a l u t a z i o n e economica) p e r la a t t u a z i o n e di scopi che possono n o n
essere economici. A d es. possono e s s e r e di b e n e f i c e n z a 3 ) : l ' i n t e r e s s e
qui n o n è certo patrimoniale, è altruistico, m a r a p p r e s e n t a p u r s e m p r e
un bisogno del creditore del lavoro.
R i e n t r a n o in q u e s t a c a t e g o r i a i c o n t r a t t i di lavoro s t i p u l a t i cogli
i s t i t u t i di b e n e f i c e n z a : ad es. i r a p p o r t i c o n t r a t t u a l i t r a le O p e r e p i e
e il personale che n e d i s i m p e g n a le f u n z i o n i , dalle più alte alle p i ù
u m i l i . 4 ) . A l t r i c o n t r a t t i di lavoro in cui la p r e s t a z i o n e eli lavoro non h a

4
) N e ' suoi Jahrbiicher fur die Dogmatik, ecc., X V I I I , p . 43, 93, 109. I n t u t t o c o n -
f o r m e è il c o n c e t t o del POLACCO, Le obbligazioni nel dir. civ. Hai. (1914), p . 199,
a cui rinvio.
2
) Certo, q u i si esce u n p o ' d a l c a m p o su cui si s o f f e r m a n o g l i e c o n o m i s t i . P e r
i q u a l i i n t e r e s s a il l a v o r o solo in q u a n t o m i r a a scopi e s t e r i o r i . Così a l m e n o è
c o n s i d e r a t o il l a v o r o d a l PHILIPPOVICH, Grundriea d. polii. Oekon-, I, § 4 2 : « L a v o r o
6 l ' a t t i v i t à d e l l ' u o m o d i r e t t a a u n o scopo e s t e r i o r e . U n ' a t t i v i t à che è d i r e t t a s o l o
a o t t e n e r e s o d d i s f a z i o n i i n t i m e , non è l a v o r o ». P e r i g i u r i s t i i n v e c e è l a v o r o a n c h e
quello che non m i r a a u n o scopo e e o n o m i c o . C f r . LOTMAR, c i t . , I, p . 81. P i ì i e s a t -
t a m e n t e il COHN, cit. in WEBER, Kampf zivischen Kaiiital und Arbeit (1910), p . 86,
d e f i n i s c e : « l ' i m p u l s o o l ' a t t i v i t à r i v o l t a i n t e n s a m e n t e a s e r v i z i o di u n o scopo r a -
g i o n e v o l e è l a v o r o » . S e n o n c h è il WEBER p a r a f r a s a d i c e n d o : r a g i o n e v o l e è c o m e
d i r e economico, r a g i o n e v o l e p e r l ' e c o n o m i a g e n e r a l e . E a l l o r a , come si c a p i s c e ,
r i n a s c o n o t u t t i i d i s s e n s i t r a l ' a n g o l o v i s u a l e d e g l i e c o n o m i s t i e quello dei g i u r i s t i .
3
) Così come l a p r e s t a z i o n e di l a v o r o c o n s e r v a il suo c a r a t t e r e i n d u s t r i a l e (e
l ' h a t u t t o il c o n t r a t t o ) a n c h e se l ' i n d u s t r i a l e n o n a b b i a che u n o scopo d i b e n e f i -
c e n z a . C a s s . f r a n e . , 28 m a r z o 1901, cit. in GRILLET, La reglamentation du travati,
p. 10.
4
) A r t . 31 legge 17 l u g l i o 1890, n . 6972. A q u e s t i i s t i t u t i d i b e n e f i c e n z a c h e
si p r o p o n g o n o s p e c i a l m e n t e il l a v o r o a c c e n n a n o l ' a r t . 2 del r e g o l a m e n t o 14 g i u g n o
1909, n . 442 sul l a v o r o delle d o n n e e dei f a n c i u l l i (officine o l a b o r a t o r i e s e r c i t a l i
non p e r s p e c u l a z i o n e i n d u s t r i a l e , o p e r l ' i n t e r e s s e dei d i r i g e n t i , cioè a scopo a l t r u i -
stico), l ' a r t . 8 l e t t . c) e d). R e g o l a m . i u f o r t . sul l a v o r o , 13 m a r z o 1904 (opifici a n n e s s i a
sul creditore scopo economico di incremento patrimoniale sono quelli
che vincolano allo S t a t o alla P r o v i n c i a o al Comune l ' a t t i v i t à degli
impiegati in m a t e r i a di gestione non p a t r i m o n i a l e m a di s o v r a n i t à .
Sulla loro n a t u r a giuridica di c o n t r a t t o di lavoro si v e d r à a suo luogo.
T u t t a v i a oggi si t e n d e a dare u n a c e r t a estensione al concetto di
scopo economico e p a t r i m o n i a l e , che n o n p r e s u p p ó n e n e c e s s a r i a m e n t e
u n a u m e n t o di beni economici o u n a diminuzione di oneri. A d es. lo
scopo di mero diletto. Se io p a g o u n c a n t a n t e per divertir me e i
miei amici e se p a g o un f a b b r i c a n t e di f u o c h i di artificio per di-
v e r t i r ine e la mia. famiglia, ritiene il K o h l e r che la prestazione di
lavoro dia un g o d i m e n t o p a t r i m o n i a l e . Così a r i d a m e n t e espressa la
cosa v e r a m e n t e è poco chiara.. Si può tu ti'al p i ù r i t e n e r e che sia p u r e
necessario e d u c a r e lo spirito e r i t e m p r a r l o dopo le f a t i c h e q u o t i d i a n e
in g o d i m e n t i estetici, e a m m e t t e r e che il semplice diletto implica u n
riposo delle energie di lavoro c o n s i d e r a t e come f a t t o r e economico, e
q u i n d i u n i n c r e m e n t o della p r o d u t t i v i t à di q u e s t o . A d ogni modo uno
scopo n e t t a m e n t e a l t r u i s t i c o n o n p o t r e b b e certo essere r i c o n d o t t o i n
q u a l c h e modo a u n a reazione di i n c r e m e n t e p a t r i m o n i a l e . E lo stesso
è a d i r e p e r il m e c e n a t e che c o m m e t t e q u a d r i o s t a t u e per u n m u s e o ;
p e r chi assoldi uomini coraggiosi p e r una spedizione polare.
N o n b i s o g n a d u n q u e e s a g e r a r e nel r i c o n n e t t e r e uno scopo al pa-
t r i m o n i o 2 ). Così p u r e la p a t r i m o n i a l i t à p u ò s u s s i s t e r e p e r terzi che siano
i beneficiari o d e s t i n a t a r i della p r e s t a z i o n e : è il caso, f a t t o dal K o h l e r ,
di u n medico che u n a p e r s o n a p a g a per u n i s t i t u t o di carità, il q u a l e
r i s e n t e il v a n t a g g i o economico d i essere alleggerito della spesa rela-
t i v a al medico. Ma qui lo scopo p e r il creditore del lavoro n o n è pa-
trimoniale, m a di n a t u r a p u r a m e n t e ideale.
Q u e s t o i n t e r e s s e del creditore, che n o n è se n o n il soddisfacimento
d i u n suo b i s o g n o r i s p e t t o a cui la p r e s t a z i o n e di lavoro è ofelima,
n o r m a l m e n t e r i e n t r a p u r a m e n t e nella s u a c e r c h i a personale, n o n pe-
n e t r a nella s t r u t t u r a del c o n t r a t t o . I n f a t t i q u e s t o interesse p u ò e s s e r e
v a r i a b i l e : a n c h e se si t r a t t a di u n o scopo di beneficenza n o n è d e t t o
che si t r a t t i di u n b i s o g n o m o r a l e di a l t r u i s m o , potendovi e s s e r e
r a g i o n i , ad esempio, di a m b i z i o n e o di p o p o l a r i t à , ecc. È u n e l e m e n t o
t r o p p o i n t i m a m e n t e s o g g e t t i v o v a r i a b i l e e incerto p e r c h è possa essere
a s s u n t o a elemento di u n c o n t r a t t o m e r i t e v o l e di t u t e l a s t a b i l e ; a
n u l l a rileva q u i n d i , di regola, l'illiceità di quello scopo soggettivo,
q u a n d o l'illiceità n o n si o b b i e t t i v a sulla s t r u t t u r a s t e s s a del c o n t r a t t o
di lavoro. T u t t a v i a n e p p u r q u e s t o è vero in modo assoluto. D e l l a

scuole i n d u s t r i a l i o p r o f e s s i o n a l i , o a ospizi, ospedali o a l t r i i s t i t u t i di p u b b l i c a


b e n e f i c e n z a p e r il s e r v i z i o i n t e r n o d e g l i i s t i t u t i o p e r l a v o r i dei r i c o v e r a t i .
') Nella s u a r e v i s i o n e d e l l ' Enciclopedia di HOLTZF.NDORFF (1904), I , 645.
2
) P e r q u e s t a l a t a concezione a n c h e POLACCO . c i t . , p . 200.
n a t u r a di q u e s t o interesse si preoccupa il legislatore q u a n t o all'appli-
cazione di certe leggi sociali, con cui cioè si mira a t u t e l a r e il lavoro.
Così lé due citate leggi che disciplinano il lavoro delle d o n n e e dei
fanciulli e l ' a s s i c u r a z i o n e obbligatoria coutro gli i n f o r t u n i (art. cit.)
n o n si applicano ai casi citati, in cui m a n c a nel creditore del lavoro
un interesse egoistico patrimoniale. V i c e v e r s a a l t r e leggi certo n o n
d i s t i n g u o n o : così quelle sul riposo festivo, sul lavoro n o t t u r n o , sui
probiviri. È anzi da r i t e n e r e che nel silenzio della legge essa si possa
rifei 'ire a q u a l u n q u e c a t e g o r i a di interesse. E in r e a l t à se la m a n c a n z a
di u n interesse p a t r i m o n i a l e egoistico nel capo dell'azienda a t t u t i s c e
a l q u a n t o l ' u r t o delle d u e o p p o s t e p a r t i , p e r c h è si p u ò p r e s u p p o r r e
c h e lo stesso scopo filantropico s u p p l i s c a l a r g a m e n t e a quella coazione
con cui la legge i n t e n d e t u t e l a r e il lavoro, s o p p r i m e n d o i d a n n o s i
effètti della concorrenza economica, è però certo che q u e s t o urto n o n
è ad ogni modo eliminato, e che n o n si p u ò i n t e n d e r e che si possa f a r
d e l l ' a l t r u i s m o a carico di chi l a v o r a .
Il d u b b i o p u ò nascere, ed è n a t o , q u a n t o ai l a v o r a t o r i (operai) a d -
d e t t i a pubblici servizi, o comunque a lavori pubblici geriti dallo S t a t o
o d a altro E n t e a u t a r c h i c o di d i r i t t o p u b b l i c o (Provincia, Comune). Q u i
e s u l a lo seojxi fiscale della p r i v a t a s p e c u l a z i o n e ; n o n vi è scopo di
beneficenza nello S t a t o creditore del lavoro, ma i n d u b b i a m e n t e u n a
meta a l t r u i s t i c a d i v e r s a da quella, p u r e a scopo i n d i r e t t a m e n t e a l t r u i -
stico p e r lo Stato, di procacciarsi un reddito. N o n è d u b b i o insomma,
come v e d r e m o a suo luogo, la n a t u r a di d i r i t t o p u b b l i c o p r o p r i a di
q u e l l ' a t t i v i t à , quindi a n c h e dei c o n t r a t t i di l a v o r o che n e sono u n
e l e m e n t o f o n d a m e n t a l e . Ora, è applicabile in q u e s t o caso la legge
s u g l i i n f o r t u n i sul lavoro f S t a n d o a q u a n t o s'è ora v i s t o la soluzione
d o v r e b b e essere n e g a t i v a . E così i n f a t t i l a C a s s a z i o n e di R o m a l ) h a
s o s t e n u t o r e c i s a m e n t e : p e r c h è la l e g g e sugli i n f o r t u n i (e come essa
t u t t e le leggi p r o t e t t r i c i del lavoro) h a c a r a t t e r e p r e v a l e n t e m e n t e
i n d u s t r i a l e , e p r e s u p p o n e u n ' a t t i v i t à i n d u s t r i a l e c h e si i n t e r p o n g a
t r a l a v o r a t o r e e c o n s u m a t o r e , cioè l ' i m p r e s a a s t r u t t u r a c a p i t a l i s t i c a ,
q u i n d i con lo scopo n o r m a l e della s p e c u l a z i o n e ; è q u e s t o in r e a l t à il
c r i t e r i o tipico cui a l l u d e la Cassazione. E che in r e a l t à a l c u n i indizi
d e d o t t i dal t e s t o unico s t e s s o c o r r o b o r a n o : l ' a r t . C cap. l . ° accolla
l'obbligo d e l l ' a s s i c u r a z i o n e allo S t a t o ecc. solo p e r le i n d u s t r i e di cui
a l l ' a r t . 1, cioè c h e u n p r i v a t o q u a l u n q u e p o t r e b b e e s e r c i t a r e ( a t t i v i t à
a s t r u t t u r a economica, in cui lo S t a t o a g i s c e come u n privato).
I n c o n t r a r i o f u opposto 2 ) che il t e s t o unico p r e s c i n d e dallo scopo
c h e il c r e d i t o r e del l a v o r o si p r o p o n e , d a l m o m e n t o che è o b b l i g a t o

») 5 a p r i l e 1913, Foro ita}., 1913, I, 918. Si t r a t t a v a d e l l a a s s i c u r a z i o n e d i o p e r a i


a d d e t t i alla nettezza u r b a n a .
2
) C f r . DE BONIS, in Rinata critica, 1913; p . 321.
L . BARASSI. — Il contratto di lavoro, ecc. — 2, a e d . — 7.
all'assicurazione a n c h e il p r o p r i e t a r i o che impiega « per conto proprio »
almeno cinque operai. Ma, p r e s c i n d e n d o p u r e da q u a n t o s'è già osser-
v a t o , è vero invece che q u e s t o proprietario, dal momento che m i r a
a soddisfare non bisogni a l t r u i (non è cioè imprenditore intermediario),
m a bisogni p r o p r i (cfr. su ciò sopra, p. 59), non a v r à che scopi egoi-
stici, non altruistici, e cioè si p r o p o r r à di r a g g i u n g e r e il s o d d i s f a c i m e n t o
d i u n proprio i n t e r e s s e economico: i n f a t t i u n interesse a l t r u i s t i c o
p r e s u p p o n e la d e s t i n a z i o n e a favore di terzi. Non sarà l'interesse spe-
c u l a t i v o dell'imprenditore, m a a p p a r t i e n e s e m p r e alla medesima ca-
tegoria. Cosi p u r e non sono indici sufficienti, in contrario quelli desumi-
bili d a g l i a r t . 18 e 19, che p r e s u p p o n g o n o sempre la limitazione fon-
d a m e n t a l e s e g n a t a dagli art. 6 e 7. P e r t u t t o ciò non r i t e n g o di d o v e r
modificare, p e r q u e s t o caso, la conclusione cui siamo p e r v e n u t i q u a n t o
alla assicurazione obbligatoria contro gli i n f o r t u n i sul lavoro.
M a se il bisogno del c r e d i t o r e del lavoro che la p r e s t a z i o n e di
lavoro è c h i a m a t a a soddisfare n o n è n e c e s s a r i a m e n t e p a t r i m o n i a l e ,
lo d e v e essere i n d u b b i a m e n t e come s'è visto, la prestazione di
lavoro. V e r a m e n t e q u a l c h e d u b b i o p u ò v e n i r e dalle obbiezioni c h e
in proposito h a mosso il B i n d e r 2 ) . Secondo il quale a n z i t u t t o il ca-
r a t t e r e p a t r i m o n i a l e o no di u n a p r e s t a z i o n e v a g u a r d a t o in relazione
al c r e d i t o r e : il che in u n certo senso p u ò considerarsi p e r f e t t a m e n t e
esatto. Ma diverso è l ' a p p r e z z a m e n t o che di q u e s t o concetto si p u ò
f a r e . P e r il B i n d e r è p a t r i m o n i a l e solo la p r e s t a z i o n e che è c a p a c e di
i n c r e m e n t o p a t r i m o n i a l e p e r il creditore. E q u e s t o non b a s t a : i cri-
t e r i del B i n d e r nell' applicazione di q u e s t a regola sono a b b a s t a n z a
r e s t r i t t i v i : p e r esso sono p r e s t a z i o n i p a t r i m o n i a l i in q u e s t o senso solo
quelle di d a r e o quelle m i r a n t i alla creazione o al t r a s f e r i m e n t o dei
d i r i t t i p a t r i m o n i a l i , in q u a n t o c o n s e r v a n o o a u m e n t a n o il p a t r i m o n i o .
N o n lo sono le p r e s t a z i o n i di p u r o f a r e (i servizi personali : a p p r . n. 33),
c h e non sono in n e s s u n r a p p o r t o col p a t r i m o n i o del d e b i t o r e : viceversa l e
r i p a r a z i o n i di u n a casa ad es. s a r e b b e r o v e r e p r e s t a z i o n i p a t r i m o n i a l i .
P e r p a r t e m i a p r e m e t t o che q u i considero il lavoro dal p u n t o di
v i s t a della s u a u t i l i t à , cioè di ehi lo r i c e v e ; dal p u n t o di v i s t a esclu-
sivo di chi lo d à è certo che la p r e s t a z i o n e di lavoro (su ciò a n c o r a
a p p r e s s o ) n o n è a f f a t t o u n a a t t r i b u z i o n e p a t r i m o n i a l e . Ma conside-
r a t o il l a v o r o nella complessa s i t u a z i o n e c o n t r a t t u a l e , e cioè in pre-
v a l e n z a di chi r i c e v e il lavoro, credo f e r m a m e n t e alla p a t r i m o n i a l i t à
a n c h e di q u e s t e p r e s t a z i o n i che m i r a n o solo a u n f a r e , e n o n impli-

E d è d a q u e s t o p u n t o di v i s t a che v a a p p r e z z a t a la p a t r i m o n i a l i t à della p r e -
s t a z i o n e d i l a v o r o . I n f a t t i è c e r t o c h e l a p r e s t a z i o n e di l a v o r o nou c o s t i t u i s c e , p e r
c h i la f a , u n ' a t t r i b u z i o n e p a t r i m o n i a l e , p o i c h é , come v e d r e m o , il l a v o r o è t r o p p o
i n t i m a m e n t e c o n n e s s o col s o g g e t t o , per essere c o n s i d e r a t o come e n t i t à o bene p a t r i -
m o n i a l e . B e n e s u ciò LOTMAR, I, 81 s e g .
2
) NellMrcfcw fiir das biirg. Bechi. X X X I V (1910), p . 230.
S E LA P R E S T A Z I O N E DI L A V O R O SIA PATRIMONIALE 99

cano la consegna di u n r i s u l t a t o materiale. A n c h e volendo prescindere


dalla considerazione già suaccennata, circa l'influenza di q u e s t e pre-
stazioni sull'accresciuta p r o d u t t i v i t à del creditore del lavoro (ci si p u ò
opporre, secondo me senza rilevanza per la n o s t r a tesi, che a rigore
q u e s t a è u n presupposto, ma non è u n elemento del patrimonio), è
certo che la prestazione di lavoro h a u n a f u n z i o n e economica eminente
q u a l ' è qui quella che, t r a t t a n d o s i di lavoro, si p u ò solo i m p r o p r i a m e n t e
chiamare dello scambio ') : da ciò la s u a v a l u t a b i l i t à a denaro, e, in
caso di inadempimento, il d a n n o economico nel patrimonio del credi-
tore del lavoro 2). A tal proposito osserva lo H e l h v i g 3) che oggetto
di u n a p r e s t a z i o n e possono essere n o n solo a t t i c h e a u m e n t a n o il
patrimonio, o migliorano le condizioni nelle q u a l i il p a t r i m o n i o possa
consolidarsi, ma a n c h e a t t i « che a u m e n t a n o il valor d ' u s o o di go-
dimento, o il valor di p e r m u t a , s o p r a t u t t o q u a n d o la p r e s t a z i o n e nel
c o m u n e commercio si possa avere a d e n a r o ; con che n o n si deve solo
p e n s a r e alle opere infime, m a a n c h e all'impartizione d e l l ' i n s e g n a m e n t o
e ad a l t r e operae liberales... ».
A ciò si a g g i u n g a che molto spesso vi è a n c h e q u e l l ' a l t r a f u n z i o n e
economica i m p o r t a n t e che è l'utilizzazione d i r e t t a (l'uso) del lavoro,
o meglio del suo r i s u l t a t o : q u a l e poi p o s s a essere lo scopo d e l l ' u s o
non i m p o r t a , come s'è visto. Ora, p e r la p a t r i m o n i a l i t à t a n t o b a s t a 4 ) ,
a n c h e dal p u n t o di v i s t a del creditore. A n c h e in ciò, però, n o n bi-
sogna e s a g e r a r e il p u n t o di v i s t a soggettivo del c r e d i t o r e : quello della
patrimonialità è anche una qualità oggettiva: rappresentando e s s a l a
possibilità di u n a f u n z i o n e economica. D e l r e s t o è v e r o che sia lo
scambio, come l'uso d i r e t t o h a n n o luogo nei r a p p o r t i col creditore.
Secondo il B i n d e r q u e s t e obbligazioni di f a r e sono crediti, certo,
ma di prestazioni n o n già p a t r i m o n i a l i , s i b b e n e e m i n e n t e m e n t e per-
sonali. E q u e s t o n o n è esatto, a n z i t u t t o p e r c h è n o n è d e t t o che
n e s s u n a obbligazione di f a r e sia i n t r a s f e r i b i l e p e r s u c c e s s i o n e ; c i o è
vero solo p e r quelle p r e s t a z i o n i di f a r e c h e n o n a p p a r t e n g o n o al
g e n e r e , cioè in cui la p e r s o n a del d e b i t o r e è i n s o s t i t u i b i l e . E in secondo
luogo n o n è d e t t o c h e la p a t r i m o n i a l i t à p r e s u p p o n g a la t r a s f e r i b i l i t à ;
in un senso l a t o a n c h e i d i r i t t i d ' u s o e di a b i t a z i o n e sono p a t r i m o -
niali b e n c h é incedibili 5 ).

') C f r . POLACCO, c i t . , p . 199 : « l'opera, del m u s i c i s t a è n e l n o v e r o d e i s e r v i z i


v a l u t a b i l i a d e n a r o e o r d i n a r i a m e n t e r i m u n e r a t i q u a l e o g g e t t o di locazione d ' o p e r a » .
2
) E in b a s e a q u e s t o c o n c e t t o u l t i m o che l a p r e s t a z i o n e p u r a m e n t e d i a s s i s t e n z a
r e l i g i o s a p r o p r i a dei c a p p e l l a n i nelle c a r c e r i , n e g l i o s p e d a l i , ecc., p u ò essere assillila,
come p r e s t a z i o n e di l a v o r o . Su q u e s t o a r g o m e n t o t o r n e r e m o p i ù a v a n t i , a p r o p o -
s i t o delle o p e r e l i b e r a l i .
3
) I n Archiv fili• d. civil. Praxis, L X X X V I , p. 229.
4
) BARASSI, lstituz. di dir. civ., p. 55.
5
) BARASSI, op. e 1. cit.
A d ogni modo mi b a s t a qui l ' a v e r r i c h i a m a t a l'attenzione sulla neces-
sità di d i s t i n g u e r e da u n lato la necessaria p a t r i m o n i a l i t à della prestazione
di lavoro e d a l l ' a l t r o la n o n necessaria p a t r i m o n i a l i t à d e l l ' i n t e r e s s e
del creditore alla p r e s t a z i o n e di lavoro. L ' a v e r t r a s c u r a t o q u e s t a di-
stinzione h a c o n d o t t o a n o n pochi equivoci. Così ecl es. a. proposito
dell'ammalato che p r o m e t t e ad un chirurgo di sottomettersi ad u n a
operazione. Q u e s t o caso è esposto dallo Helhvig 4), che lo risolve ne-
g a t i v a m e n t e ; cioè per la n o n esistenza di u n a valida obbligazione,
m a n c a n d o u n i n t e r e s s e p a t r i m o n i a l e . O r a q u e s t a soluzione io credo
a s s o l u t a m e n t e e r r a t a . Certo, q u a n d o il caso si possa esporre nel modo
s e g u e n t e : « l ' a m m a l a t o i n v i t a u n c h i r u r g o ad operarlo », con ciò v i e n e
s t i p u l a t a i m a locazione d'opera. E io n o n v e d o p e r c h è non d o v r e b b e
essere efficace. Q u i la p r e s t a z i o n e è certo v a l u t a b i l e a d e n a r o : e t a n t o
b a s t a . Del r e s t o si noti come, q u a n t o a l l ' i n t e r e s s e del creditore, u n
riappicco col p a t r i m o n i o n e l l ' a m m a l a t o c'è, in q u a n t o con quell'ope-
razione si m i r a a t u t e l a r e le energie di lavoro dell'individuo, e a con-
s e r v a r e al p a t r i m o n i o la s u a p r i n c i p a l f o n t e di i n c r e m e n t o e di ordine.
30. Ohe l a p r e s t a z i o n e di l a v o r o sia d e s t i n a t a a s o d d i s f a r e u n bi-
sogno del c r e d i t o r e che lo riceve, e q u i n d i sia ofelima per lui, vuol
dire che il creditore p u ò p r e t e n d e r e che la p r e s t a z i o n e sia effettiva-
m e n t e utile, cioè soddisfi r e a l m e n t e e i n t e g r a l m e n t e q u e s t o bisogno?
G i u r i d i c a m e n t e la r i s p o s t a è n e g a t i v a . Come lo scopo di u n gua-
d a g n o sufficiente a soddisfare certe sue esigenze di v i t a 2) costituiscono
u n o scopo p u r a m e n t e soggettivo al d e b i t o r e del lavoro, e n o n p e n e t r a
n e l l ' o s s a t u r a del c o n t r a t t o , così d ' a l t r a p a r t e lo scopo del soddisfaci-
m e n t o r e a l e di u n bisogno m e d i a n t e l a p r e s t a z i o n e di lavoro rappre-
s e n t a u n a m e t a che n e l l a m e n t e s u a il creditore si prefìgge, m a che
r i m a n e e s t r a n e a al c o n t r a t t o , salvo, si intende, se v i f u e s p l i c i t a m e n t e
r i c h i a m a t a 3 ). E l ' u n o e l ' a l t r o i n t e n t o n o n escono dalla s f e r a indivi-
d u a l e dei d u e c o n t r a e n t i . Nella posizione giuridica c r e a t a dal c o n t r a t t o
n o n r e s t a se n o n l'obbligo di u n a p r e s t a z i o n e di lavoro che a b b i a la
c a p a c i t à di s o d d i s f a r e u n a d a t a c a t e g o r i a tipica di bisogni o di a t t u a r e
u n o scopo. Y a l e a dire la c a p a c i t à di s o d d i s f a r e quei bisogni che nor-
m a l m e n t e , secondo il modo di v e d e r e diffuso nel c o m u n e commercio,
q u e l l a speciale p r e s t a z i o n e è c h i a m a t a a s o d d i s f a r e .
Occorre q u i n d i d i s t i n g u e r e l'ofelimità normale che è i m m e d i a t a m e n t e
e c o m u n e m e n t e a t t r i b u i t a a u n d a t o l a v o r o 4 ) da quella u l t e r i o r e ofe-

») O p . cit., p . 233-234.
2
) L o v e d r e m o a n c o r a p i ù a v a n t i , a p r o p o s i t o della m e r c e d e .
:i
) Nel q u a ] caso non a v r e m m o a d o g n i modo u n a v e r a c o n d i z i o n e « si placuerit »
a cui è s u b o r d i n a t o n o n g i à il c o n t r a t t o di l a v o r o ma l a r e t r i b u z i o n e di esso, e d ,
e v e n t u a l m e n t e , il r i s a r c i m e n t o dei d a n n i .
4
) M a n c a n d o la q u a l e n a s c e il q u e s i t o se vi sia i m p o s s i b i l i t à iniziale della p r e -
s t a z i o n o . Di ciò a suo t e m p o .
limita c h e è peculiare all'animo di colui a cui il lavoro è destinato,
e che — se non è s t a t a esplicitamente richiamata nella situazione
c o n t r a t t u a l e — il debitore del lavoro p u ò ragionevolmente ignorare.
Lo s t e r r a t o r e deve scavare u n a f o s s a : bisogna che il lavoro a t t u i lo
scopo in modo che la fossa sia godibile p e r quella più o meno a m p i a
e i n d e t e r m i n a t a categoria di usi a cui, secondo le circostanze di tempo
e di luogo si può r a g i o n e v o l m e n t e s u p p o r r e che la fossa sia d e s t i n a t a ;
non g i à che serva ad un uso peculiarissimo che il p r o p r i e t a r i o del
terreno si proponeva, e di cui non fece parola n e l l ' a t t o della stipu-
lazione del contratto.
A l t r o è che q u e s t a u t i l i t à normale sia s o g g e t t i v a m e n t e g o d u t a dal
creditore, Qui il c o n t r a t t o di lavoro si a r r e s t a : il g o d i m e n t o effettivo
è affare del creditore ed esce dai limiti del r a p p o r t o giuridico L). Il
debitore dovrà solo g a r a n t i r e e n t r o certi limiti al creditore — come
vedremo a suo luogo — la possibilità di r i t r a r r e dal p r o d o t t o l'utilità
che n o r m a l m e n t e ci si può a s p e t t a r e .
È e v i d e n t e la g r a n d e i m p o r t a n z a g i u r i d i c a di q u e s t o concetto. E
a n z i t u t t o la sua estrema delicatezza di d e t e r m i n a z i o n e ; si t r a t t a del
conflitto t r a d u e opposti modi di c o n c e p i r e T u t i l i t à del lavoro : ora il diritto
deve t u t e l a r e la ragionevole a s p e t t a t i v a del debitore del lavoro, nella
m e n t e del q u a l e n o n p u ò l o g i c a m e n t e p r o i e t t a r s i che quella conside-
razione che è in a r m o n i a coll'equità e cogli usi. La difficoltà a u m e n t a
poi q u a n d o si voglia a t t u a r e il p u n t o di v i s t a p e c u l i a r e al creditore
del lavoro pel t r a m i t e della p r e s u p p o s i z i o n e , senza esigere la v e s t e
esplicita della condizione e s p r e s s a m e n t e i n t r o d o t t a nel c o n t r a t t o .
I l giudizio circa la s u s s i s t e n z a d e l l ' u t i l i t à v a p o r t a t o i n o l t r e n o n
già sui singoli m i n u t i a t t i di cui il lavoro si compone, m a nella Sua
sintesi, nel suo complesso in r a p p o r t o con lo scopo n o r m a l e cui q u e s t i
a t t i d e b b o n o servire. Ciò è d o p p i a m e n t e vero p e r le d u e g r a n d i cate-
gorie del lavoro t e c n i c a m e n t e a u t o n o m o e s u b o r d i n a t o (locazione di
opera, di opere). Nel primo caso la s i n t e s i è d a t a dal r i s u l t a t o del
lavoro e q u e l l a m a s s i m a è u n a c o n s e g u e n z a n a t u r a l e d e l l ' a u t o n o m i a
del lavoro p e r g i u n g e r e a q u e s t o r i s u l t a t o (come a suo luogo vedremo);
n e l secondo p u r e b i s o g n a a s t r a r r e dal m i n u t o esame dei singoli a t t i
e t e n e r conto della f a t a l e n e c e s s i t à di a t t i inutili. A n c h e nei limiti
di q u e s t o secondo tipo di c o n t r a t t o di lavoro il p r o b l e m a h a la s u a
i m p o r t a n z a g i u r i d i c a : si t r a t t a dei limiti o l t r e i quali l ' i n u t i l i t à del
l a v o r o v i e n e ad a s s u m e r e u n a r i l e v a n z a g i u r i d i c a , che si r i v e r b e r a ad
e s e m p i o nella l i m i t a z i o n e del compenso, ed in a l t r i modi a n c o r a .
E c o n o m i c a m e n t e e g i u r i d i c a m e n t e è solo il l a v o r o utile, sia p u r e
colla l a t i t u d i n e di a p p r e z z a m e n t o che o r a a b b i a m o visto, che i m p o r t a ;

'-) C f r . p e r q u a l c h e r e l a z i o n e IELLINEK, I diritti pubblici soggettivi, p . 62 ( t r a -


duzione ital.).
t a n t ' è vero che il salario si livella secondo il lavóro compiuto con
minore sforzo. E cioè se a d u e impiegati si affida il medesimo lavoro,
clie essi a t t u i n o con v a r i a i n t e n s i t à di sforzo e con u n corredo vario
di atti inutili, quindi in tempo minore per p a r t e di chi compie minor
lavoro inutile, la mercede per t u t t e e d u e è uguale, ma è a p p u n t o cal-
colata sul t e m p o minore. I n s o m m a il lavoro inutile è u n rischio per
chi lo compie oltre il limite di tolleranza che abbiamo visto.
Ohe d u n q u e l ' a t t i t u d i n e del lavoro a soddisfare il preciso concreto
bisogno della p e r s o n a a cui il lavoro è d e s t i n a t o n o n rientri nell'os-
s a t u r a del c o n t r a t t o di lavoro è nei limiti ora t r a c c i a t i vero indub-
b i a m e n t e , come è vero che l ' o b b l i g o di p a g a r e la mercede è indi-
p e n d e n t e dalla considerazione del bisogno effettivo a soddisfare il q u a l e
il l a v o r a t o r e si è i n d e t t o a s t i p u l a r e il c o n t r a t t o e cioè a p r o m e t t e r e
il l a v o r o : anzi per la m e r c e d e q u e s t o in m i s u r a anche maggiore, posto
c h e lo scopo cui il lavoro deve servire p e r il creditore p e n e t r a talora
nel c o n t r a t t o , m a a s s a i meno lo scopo cui la m e r c e d e deve servire
p e r il l a v o r a t o r e '). M a è a n c h e vero che questi scopi soggettivi alle
p a r t i reagiscono poi v a r i a m e n t e . O in via normale, cioè r i s p e t t a n d o il
c o n t r a t t o s t i p u l a t o ; nel q u a l caso la reazione h a luogo ad es. sotto forma
di cessazione del c o n t r a t t o : licenziamento o recesso u n i l a t e r a l e nei modi
v o l u t i dalla legge. O in modo anomalo, cioè col m a n c a r e di r i s p e t t o
al c o n t r a t t o stipulato. I l caso più f r e q u e n t e è la reazione p e r p a r t e
del l a v o r a t o r e sotto forma di sciopero, per l ' a s s e r i t a insufficienza della
m e r c e d e a p r o v v e d e r e ai suoi bisogni. Ma siffatte reazioni illegittime
si d a n n o talora a n c h e per p a r t e del creditore del lavoro. Oerto, la
r e g o l a secondo la quale è sufficiente l ' a t t i t u d i n e c h e il lavoro h a a
s o d d i s f a r e la c a t e g o r i a di b i s o g n i a cui u n a d a t a f o r m a di lavoro è
d e s t i n a t a n o r m a l m e n t e è v e r a , ma b e n c h é il c o n t r a t t o s u s s i s t a n o n
o s t a n t e m a n c h i la r i s p o n d e n z a del lavoro al preciso scopo cui m i r a v a
il creditore del lavoro, la v a l i d i t à ciò non o s t a n t e del r a p p o r t o inge-
n e r a , nei c o n t a t t i t r a le p a r t i d i u t u r n i e che d e b b o n o essere i n s p i r a t i
a recìproca fiducia, u n m a l e s s e r e , un disagio che alla l u n g a n o n può
d u r a r e . Q u e s t o è un m a l e : ma t a n t o peggio pel creditore del l a v o r o ;
è u n suo rischio se, q u a n d o era il m o m e n t o , n o n usò cautele per assi-
c u r a r s i la r i s p o n d e n z a e f f e t t i v a del lavoro allo scopo peculiare cui il
lavoro i n t e n d e v a d o v e s s e servire. È u n abile l a v o r a t o r e , dice l'im-
p r e n d i t o r e ; è u n b r a v o artigiano, u n b r a v o i n d u s t r i a l e , dice il com-
m i t t e n t e , m a il r i s u l t a t o del suo lavoro (opere, o opera ; l a v o r o subor-
d i n a t o o a u t o n o m o ) è b u o n o p e r gli altri, m a non per lo scopo mio
speciale. D a ciò a t t r i t i , e la t e n d e n z a del creditore del l a v o r o ad i n d u r r e
c o m u n q u e l'altra p a r t e a u n a cessazione del r a p p o r t o c o n t r a t t u a l e .

*) M a l g r a d o ciò si i n s e g n a c h e è i n t o r n o , a q u e s t o l i m i t e d i u t i l i t à c h e v i o n e
a d a d a g i a r s i il tasso d e l s a l a r i o . C f r . LKROT-BKAUI.IEU, cit., II, p . 290.
È u n o dei casi di conflitto tra la linea rigida del diritto, e i bi-
s o g n i della vita 4).
Se noi consideriamo l'utilità del lavoro pel creditore dal p u n t o di
v i s t a dell'« a t t i t u d i n e » del lavoro a soddisfare u n bisogno del cre-
d i t o r e l'utilità del lavoro ci si presenta sotto l ' a s p e t t o della capacità
tecnica del lavoratore in ordine allo scopo elio il creditore i n t e n d e
r a g g i u n g e r e (e di cui si è già sopra discorso) 2 ). P e r ora ci b a s t a ri-
c o r d a r e come sotto d u e a s p e t t i si possa p r e s e n t a r e q u e s t a idoneità
al r a g g i u n g i m e n t o dello scopo, q u e s t a utilità del lavoro. A n z i t u t t o in
un senso a s t r a t t o : la persona, cioè, che si assùme u n a p r e s t a z i o n e di
lavoro h a g e n e r i c a m e n t e a t t i t u d i n i a quella d a t a categoria di lavoro
p e r cui l'opera s u a è richiesta. U n i m p r e n d i t o r e h a bisogno di un
f a b b r o , e gli si p r e s e n t a u n f a b b r o ; u n impresario h a bisogno di u n
t r a m a g n i n o , e gli si offre un t r a m a g n i n o . O p p u r e in u n senso concreto;
cioè il d e b i t o r e del lavoro h a non solo in genere, cioè q u a n t o alla
q u a l i t à della categoria, m a a n c h e e f f e t t i v a m e n t e , q u a n t o alla q u a l i t à
della specie di lavoro t u t t e le a t t i t u d i n i r i c h i e s t e : ad es. nei casi
s u c c i t a t i u n abile f a b b r o , u n abile t r a m a g n i n o . L a differenza h a im-
p o r t a n z a q u a n t o alle conseguenze g i u r i d i c h e : se m a n c a la u t i l i t à
a s t r a t t a vi è impossibilità iniziale della obbligazione; se m a n c a la
c o n c r e t a vi s a r a n n o a l t r e f o r m e di reazione s u c c e s s i v a contro il vin-
colo c o n t r a t t u a l e . Ma di ciò a s u o luogo. Qui ne a b b i a m o a c c e n n a t o
solo per c o m p l e t a r e il q u a d r o .
31. Il r i s u l t a t o i m m e d i a t o cui il l a v o r o p u ò c o n d u r r e in ordine alla
s o d d i s f a z i o n e dei bisogni cui è d e s t i n a t o p u ò essere assai vario. I n
g e n e r e va rilevato c h e dal p u n t o di v i s t a del c o n t r a t t o di l a v o r o noi
i n t e n d i a m o il « lavoro » in t u t t a q u e l l a p o r t a t a che è compatibile col
r a p p o r t o giuridico che n e eccita la p r o d u z i o n e n e l l ' i n t e r e s s e a l t r u i .
I l c o n c e t t o di lavoro qui è d a t o d a q u e l l a q u a l u n q u e f o r m a di atti-
v i t à che p u ò essere u t i l e a chi la pone in essere, q u a n d o l'effetto u t i l e
p o s s a essere, m e d i a n t e la s t i p u l a z i o n e c o n t r a t t u a l e 3), deviato nell'in-

' ) Su q u e s t o a r g o m e n t o r i t o r n e r ò a n c o r a d i f f u s a m e n t e : in ispecie a p r o p o s i t o
•del vizio r e d i b i t o r i o a p p l i c a t o al l a v o r o . P e r c i ò n o n faccio p e r ora c i t a z i o n i .
2
) A n c h e p e r il CARNELUTTI la c a p a c i t à di l a v o r o è un p r e s u p p o s t o logico d e l l a
f o r m a z i o n e del r a p p o r t o d a t o d a l l a n e c e s s i t à che il l a v o r o soddisfi uu b i s o g n o d e l
c r e d i t o r e . In Rivista di diritto commero., 1910, I, 524.
3
) O c c o r r e c h e la d e v i a z i o n e sia o p e r a di u n p r e c e d e n t e c o n t r a t t o . Se m a n c a ,
a n c h e che il l a v o r a t o r e d e s t i n i m e n t a l m e n t e ad a l t r i il f r u t t o delle s u e f a t i c h e ,
non a v r e m o m a i c o n t r a t t o d i l a v o r o . È d a o s s e r v a r e a q u e s t o p r o p o s i t o c h e d i
r e g o l a l ' e m i n e n t e p e r s o n a l i t à d e l l a p r o d u z i o n e di l a v o r o a t t r i b u i s c e a chi l a v o r a
l ' e f f e t t o di quello s f o r z o : ciò p r e s c i n d e n d o , s ' i n t e n d e , d a l caso di l a v o r o su m a t e r i a
a l t r u i che p r e v a l g a a l l ' a t t i v i t à e l a b o r a t r i c e . P e r c h è d u n q u e l ' u t i l i t à v e n g a d e v i a t a
a i m m e d i a t o f a v o r d ' a l t r i , e vi sia chi p o s s a t r a r r e d i r e t t a m e n t e p r o f i t t o d a l l a -
v o r o f a t t o d a a l t r i o c c o r r e l ' i n t e r v e n t o d i u n a f o r z a d e v i a t r i c e che n o n p u ò d e r i -
t e r e s s e di altre persone. Così il b e r e , il p a s s e g g i a r e , la contempla-
zione di u n q u a d r o Sembrano forme di a t t i v i t à esclusivamente utili a
chi beve, p a s s e g g i a o c o n t e m p l a il q u a d r o . M a in v i r t ù di c o n t r a t t o si
possono a s s a g g i a r e liquidi per e s p r i m e r n e un giudizio, esporre le u l t i m e
n o v i t à di u n a casa di confezione d ' a b i t i passeggiando, f a r e il critico
d ' a r t e . E d ecco un lavoro utile ad altri, m e d i a n t e la deviazione c r e a t a
dal c o n t r a t t o e i m p r i m e n t e l'alienità al r i s u l t a t o del lavoro.
Q u e s t o concetto di lavoro per conto d ' a l t r i è stato dal Chironi
t r a d o t t o molto e n e r g i c a m e n t e in u n a figura di r a p p r e s e n t a n z a « re-
p u t a n d o s i l'azione p o s t a in essere dal r a p p r e s e n t a n t e come tale, come
se fosse g i u r i d i c a m e n t e p o s t a dal r a p p r e s e n t a t o » '). T r a t t a n d o s i di la-
voro compiuto n e l l ' i n t e r e s s e di altri, con destinazione dell'utilità, cioè
dell'effetto utile, alla p e r s o n a che del lavoro a v e v a dato l'incarico, è
c h i a r a la almeno a p p a r e n t e a n a l o g i a coll'istitnto della r a p p r e s e n t a n z a .
Nello stesso modo l'azi one (atto giuridico) di u n a persona, compiuta
n e l l ' i n t e r e s s e e in n o m e di a l t r a p e r s o n a , in v i r t ù della p r o c u r a di
q u e s t ' u l t i m a p r o d u c i e d e s t i n a i suoi effetti giuridici al p a t r i m o n i o
d e l l ' a u t o r e delle p r o c u r a , del dominm negótii. Con u n a espressione
molto u s a t a e comoda per la incisiva e chiara allusione all'alienità
teleologica dell'azione, b e n c h é p o s s a r a c c h i u d e r e u n ' i n u t i l e finzione
se la si i n t e n d e t r o p p o alla lettera, si p u ò d i r e : l ' a z i o n e c o m p i u t a
dal r a p p r e s e n t a n t e è c o n s i d e r a t a come se lo fosse dal r a p p r e s e n t a t o .
E r i f e r e n d o q u e s t ' e s p r e s s i o n e al caso n o s t r o avremmo, nello s t e s s o
modo, che il l a v o r o compiuto d a u n a p e r s o n a si considera (per ciò
che è nella d e s t i n a z i o n e del r i s u l t a t o ) come se fosse s t a t o c o m p i u t o
dallo stesso c r e d i t o r e del lavoro d a cui l'incarico è v e n u t o . E in
q u e s t a espressione, i n f a t t i , mi sono i m b a t t u t o t a l o r a 2).
I o ho a l t r a v o l t a c o m b a t t u t o q u e s t a costruzione del C h i r o n i 3 ) , e
q u i d e b b o i n s i s t e r e ancora, a g g i u n g e n d o , a q u a n t o allora scrissi, c h e
l ' i s t i t u t o della r a p p r e s e n t a n z a p r e s u p p o n e un a t t o giuridico, c o n s i s t e n d o
essa in u n f e n o m e n o di deviazione degli effetti g i u r i d i c i di u n a t t o
negoziale dalla p e r s o n a di chi lo p o n e in essere al p a t r i m o n i o di
u n ' a l t r a p e r s o n a a cui l ' a f f a r e a p p a r t i e n e . L ' e s t e n d e r e q u e s t o feno-
m e n o di deviazione agli effetti economici, al r i s u l t a t o economico del

v a r e se n o n d a l c o n t r a t t o o d a l l a l e g g e . C f r . p e r q u a l c h e r e l a z i o n e REDENTI, in
Foro it., 1913, I, 1143.
' ) Colpa extracontrattuale (II ed.), I, p . 261 s g . ; II, n . 141.
2
) Ne f a c e v a uso s p e c i a l m e n t e l a v e c c h i a d o t t r i n a in m a t e r i a d i m a n d a t o c h e
spesso, m a non u e c e s s a r i a m e n t e , e r a r i f e r i t o alla r a p p r e s e n t a n z a . Così il POTHIER,
Mandato, n . 1 0 : il m a n d a n t e è r e p u t a t o f a r e e g l i stesso p e r mezzo del suo m a n -
d a t a r i o . E la t e o r i a , o r m a i s u p e r a t a , con cui si r i c o s t i t u i v a l ' i s t i t u t o della r a p -
presentanza.
3
) Responsabilità per fatto altrui, in ispecial modo a mezzo di animali, iu Rivista
ital. per le se. giurid., 1898, p a g . 83 e s e g . d e l l ' E s t r .
lavoro è u n creare, degli equivoci, u n o svisare, a mio avviso, il
c a r a t t e r e sostanziale dell'istituto della r a p p r e s e n t a n z a . Q u e s t a costru-
zione f u t e n t a t a p e r spiegare la responsabilità del creditore del lavoro
p e r il f a t t o dannoso compiuto dal debitore del lavoro (subordinato,
secondo i più). M a non occorre t a n t o per spiegare l'art. 1153 cap. 3.°.
32. 11 concetto giuridico del lavoro dal p u n t o di v i s t a della s u a uti-
lità però è, devo subito dirlo, più ampio di quello in b a s e al quale
gli economisti sogliono definire e considerare il lavoro. P e r lo p i ù gli
economisti lo assumono con r i g u a r d o alla produzione, e escludono d a l
q u a d r o delle loro indagini il lavoro cosiddetto « i m p r o d u t t i v o », cioè
clie non lia u n o scopo di produzione. Si dice i n f a t t i clie il lavoro nel
« c o n t r a t t o di lavoro » deve essere lavoro economico, cioè che h a u n
line u t i l e : e si a g g i u n g e : l'utilità sta in u n o scopo di produzione o
di distribuzione delle ricchezze
P r e m e t t i a m o che q u e s t a differenza t r a lavoro p r o d u t t i v o e impro-
d u t t i v o è molto c o n t e s t a t a a n c h e nel mondo economico; e che inoltre
d a alcuni si a r r i v a a n e g a r e p r a t i c a m e n t e l ' i m p o r t a n z a col d a r e u n a
g r a n d e l a t i t u d i n e di p o r t a t a all'espressione « lavoro p r o d u t t i v o », di
cui si f a r e b b e u n sinonimo di lavoro ofelimo, cioè utile, a t t o a sod-
d i s f a r e u n bisogno del creditore del lavoro '-). A g g i u n g o poi che ta-
lora nelle esclusioni f a t t e dagli economisti si p u ò concordare, m a per
t n t t ' a l t r a ragione. Così si dice che il t r a s f e r i m e n t o di u n a cosa d a u n a
m a n o a l l ' a l t r a è i m p r o d u t t i v o , q u i n d i e s o r b i t a dal c o n t r a t t o di lavoro ;
s a r e b b e lavoro l u c r a t i v o , che g i u r i d i c a m e n t e come t a l e n o n a v r e b b e
i m p o r t a n z a a l c u n a p e r c h è non p r o d u c e , vi h a p u r a a t t i v i t à commer-
ciale. O r a su ciò si è p e r f e t t a m e n t e d ' a c c o r d o ; m a p e r c h è in r e a l t à
p r e v a l e il dare al fare, q u i n d i vi h a u n ' a t t i v i t à di l a v o r o p u r a m e n t e
accessoria, e il c o n t r a t t o n o n è di lavoro.
T u t t o ciò p r e m e s s o s a r à i n u t i l e i n s i s t e r e sul f a t t o che il d i r i t t o di-
sciplina a n c h e il lavoro che n o n è p r o d u t t i v o , cioè che n o n a u m e n t a
le ricchezze ofelime d e l l ' u o m o 3) e in ispecie a n c h e il lavoro che non
c o n d u c e a r i s u l t a t i materiali.
3 3 . Il lavoro p u ò i m p r i m e r s i su u n a cosa m a t e r i a l e , a d es. m u t a n -
done la f o r m a ; o p p u r e n o n i m p r i m e r s i più o m e n o d u r e v o l m e n t e s u l l a
m a t e r i a ; n e l p r i m o caso il l a v o r o p e r v i e n e a d u n r i s u l t a t o che si estrin-
seca sotto f o r m a di u n a cosa, di un p r o d o t t o a cui il lavoro h a ag-
g i u n t o u n a q u a l i t à che p r i m a n o n a v e v a , r e u d e n d o l a a t t a a soddi-

1
) LIESSE, DU t r a v a t i , p. 71. IL SAY definisce il l a v o r o a n c h e più e s p l i c i t a m e n t e
« l'action suivie a laquetle on se livre pour exécuter une des operations de l'industrie »,
u n a d e f i n i z i o n e ohe a n c h e d a l p u n t o d i v i s t a economico è t r o p p o r i s t r e t t a .
2
) BLANQUI, cit. d a l MARLO, Untersuchungen ueber die Organisation der Arbeit,
p a g . 79.
3
) U n i c o c r i t e r i o e s a t t o p e r d e t e r m i n a r e la p r o d u t t i v i t à del l a v o r o s e c o n d o
LEROY-BEAULIEU, Traité, X, 154.
s f a r e con ciò bisogni nuovi a cui, p r i m a dell'elaborazione, non era in
g r a d o di soddisfare. Nel secondo caso nulla di t u t t o ciò: non abbiamo
c h e un d i s p i e g a m e n t o di energie di lavoro, che o si esercita diretta-
m e n t e su u n a cosa materiale, o ne p r e s c i n d e c o m p l e t a m e n t e ; m a nel
primo caso n o n a g g i u n g e alla cosa n e s s u n a n u o v a qualità che ne au-
m e n t i e modifichi l'ofelimità '). E s s a r i m a n e i n t a t t a , non vi h a u n a
e l a b o r a z i o n e modificatrice, e q u i n d i creatrice di u n a res nova, nel
caso in cui la modificazione a b b i a toccato le q u a l i t à sostanziali. I n
t a l caso si suole p a r l a r e di u n semplice « servizio » 2), cioè di lavoro
c h e p e r v i e n e a r i s u l t a t i immateriali, b e n c h é materiali e sensibili pos-
sano essere i mezzi p e r giungervi, e t a l u n i degli a t t i compiuti a t a l e
scopo 3 ). Nel p r i m o caso invece si discorre di lavoro che p e r v i e n e a
r i s u l t a t o m a t e r i a l e : che poi q u e s t o r i s u l t a t o m a t e r i a l e sia c o s t i t u i t o
d a p r o d o t t i conservabili, o p p u r e da p r o d o t t i non conservabili, fugaci,
è distinzione che i n t e r e s s a s o p r a t u t t o l'economista, e cioè la possibilità
di f o r m a z i o n e del capitale, ma n o n rileva g r a n che giuridicamente.
Q u i n d i ci limiteremo a q u e s t a p u r a distinzione, non p o n e n d o a c c a n t o
ai servigi personali i p r o d o t t i f u g a c i , come f a ad es. il Ricci 4).
E l'ima l ' a l t r a f o r m a di lavoro sono s e m p r e applicazioni del mede-
simo concetto di lavoro, come a t t u a z i o n e di energie, di a t t i v i t à per
u n ' u t i l i t à a l t r u i . N a t u r a l m e n t e i d u e casi h a n n o differenze giuridiche
che, senza p o r t a r e ad a n t i t e s i s t r u t t u r a l i , e l i m i n a n t i la sussumibilità
n e l m e d e s i m o tipo di negozio, p o r t a n o però q u a l c h e differenza di t r a t -

' ) Q u i n d i non è a. mio a v v i s o e s a t t o l i m i t a r e , come f a il R i c c i , il « s e r v i g i o »


(op. cit. p a g . 42) alle modificazioni c h e il l a v o r o u m a n o p r o d u c e d i r e t t a m e n t e s u g l i
o r g a n i s e n z i e n t i di uu a l t r o uomo », come se dovesse s e m p r e e s c l u d e r s i l ' i n t e r p o -
s i z i o n e di m a t e r i a a t t a al l a v o r o d e l l ' a r t i s t a , del d e n t i s t a , ecc. Vi è a n c h e il
« t r a s p o r t o » che è c e r t o un s e r v i g i o ; si p u ò a n z i d i r e c h e c o n f e r i s c e alla m a t e r i a
la qualità nuova della accessibilità da uno a un altro luogo.
2
) « S e r v i g i o p e r s o n a l e » dicono a l c u u i , p e r a c c e n t u a r e il c a r a t t e r e di q u e s t o
l a v o r o non già in q u a n t o p r o v i e n e d a u n a p e r s o n a (ciò è v e r o per q u a l u n q u e l a v o r o ) ,
n è p e r c h è f a t t o a u n a p e r s o n a ( L u x i s , Jllgemeine Volkswirtschaftslehre, 1910,
pag. 53): anche questo è vero per qualunque l a v o r o ; ma perchè è diretto imme-
d i a t a m e n t e alla p e r s o n a , p i ù che a u n a t r a s f o r m a z i o n e della cosa.
3
) Alcuni c h i a m a n o servizio o s e r v i z i o p e r s o n a l e , con p o r t a t a a m p l i s s i m a , a n c h e
l ' u t i l i t à che il c r e d i t o r e del l a v o r o , q u a l u n q u e esso sia, r i s e n t e d a l l a p r e s t a z i o n e
a l u i d i r e t t a (ad es. il R i c c i , op. c i t . , p a g . 50-51): cioè la stessa p r e s t a z i o n e d i
l a v o r o d a l p u n t o d i v i s t a di chi l a r i c e v e . Altri (come il P i m . i p p o v i c n , PoUtiscIie
Oelconomie, I, p . I l i ) c h i a m a n o così l a a t t i v i t à di l a v o r o r i s u l t a n t e d a l l e relazioni
sociali t r a u o m i n i e a s s u m e n t e l a f o r m a di <a p r e s t a z i o n e » (o m a n i f e s t a z i o n e di a t -
t i v i t à ) di u n a p e r s o n a ad u n ' a l t r a : l a p r e s t a z i o n e di l a v o r o , d u n q u e , in g e n e r a l e !
N o i l i m i t e r e m o la p o r t a t a della p a r o l a « s e r v i g i o », t a n t o p e r i n t e n d e r c i , al l a v o r o
c h e p e r v i e n e a r i s u l t a t o i m m a t e r i a l e , Q u a n t o al significato in cui la p a r o l a servizio
(Die/iste) è a s s u n t a d a l Cod. civ. g e r m . v e d r e m o a p r o p o s i t o del l a v o r o t e c n i c a -
m e n t e s u b o r d i n a t o (locazione d ' o p e r e ) .
4
) Op. cit., p . 43.
t a m e n t o giuridico '). Del r e s t o n e s s u n Codice, cli'io sappia, fa menzione
di questa differenza tra le due categorie che ora a b b i a m o schizzato 2 ) e si
capisce, dal momento che non vi si r i c o n n e t t e n e s s u n a sostanziale dif-
ferenza giuridica. Il tipo negoziale « c o n t r a t t o di lavoro » è s e m p r e
quello. S p e t t a alla scienza il rilevare sulla s c o r t a di disposizioni legisla-
tive sparse l ' o p p o r t u n i t à di q u e s t a classificazione. Il Loewenfeld e il
E o s i n 3) invece p r o p u g n a r o n o a n c h e la codificazione di q u e s t a distin-
zione; ma, a q u a n t o pare, il E o s i n si limita a un q u e s t i o n e p u r a m e n t e
terminologica.
Certo, il diritto deve p r e o c c u p a r s i di q u e s t a distinzione, m a non
specialmente dal p u n t o di v i s t a del c o n t r a t t o di lavoro, cioè della p r i m a
fase in cui h a luogo l'elaborazione del r i s u l t a t o (materiale o immate-
riale). D a l p u n t o di v i s t a della f a s e successiva, p r e s u p p o n e n t e già
f o r m a t o il risultato, è i n n e g a b i l e la i m p o r t a n z a della non conserva-
bilità e q u i n d i della n o n a c c u m u l a b i l i t à del p r o d o t t o immateriale, del
q u a l e n o n è possibile se non l'uso d i r e t t o ; il creditore del lavoro n o n
p u ò poi r i n n o v a r e a piacere il g o d i m e n t o di quel r i s u l t a t o , u n a volta
c e s s a t a l'attivit-à che lo p r o d u c e . O r a , t u t t o q u e s t o conduce a ciò: che
p e r questi servigi n o n è possibile t u t t a una a t t i v i t à eeonomico-giuri-
dica (deposito, pegno, prestito, possesso, proprietà, rivendicazione) c h e
è possibile p e r il p r o d o t t o m a t e r i a l e 4).
A n c h e nella p r i m a f a s e (ma in m i n o r m i s u r a ) è o p p o r t u n o t a l o r a
d i s t i n g u e r e t r a le d u e forme di r i s u l t a t o del lavoro, come già a b b i a m o
visto. Così la scienza giuridica p o t r à r i l e v a r e q u e s t a d i s t i n z i o n e per
r i c o r d a r e come il lavoro p e r r i s u l t a t o m a t e r i a l e si p r e s t i , p i ù larga-
m e n t e dei servizi personali, alla organizzazione economico g i u r i d i c a
della g r a n d e i n d u s t r i a , m e n t r e i servizi personali d a n n o un contin-
g e n t e molto f o r t e all'esercizio i n d i v i d u a l e di l a v o r o a u t o n o m o : ricordo
l e professioni liberali, l ' a r t i g i a n a t o , ecc. 5). N a t u r a l m e n t e q u e s t a n o n

C h e il s e r v i g i o p e r s o n a l e sia u n r i s u l t a t o i m m a t e r i a l e p a r r e b b e n o n d o v e r s i
p o r r e in discussione. I n v e c e è s t a t o q u a l c h e v o l t a r i t e n u t o il c o n t r a r i o , si è cioè
r i t e n u t o che non v i siano p r o d o t t i o r i s u l t a t i i m m a t e r i a l i , jierchè, p e r es., il c a n t o
d e l l ' a r t i s t a non è che l a p r o d u z i o n e di o n d e s o n o r e ; il m a e s t r o che i n s e g n a , il
m e d i c o che d à un p a r e r e , si g i o v a a p p u n t o d e l l ' a r i a nello s t e s s o m o d o . Ciò p u ò
a v e r e q u a l c h e i m p o r t a n z a q u a n t o a l l a p o s s i b i l i t à di fissare d u r e v o l m e n t e il s e r v i g i o
(es. col g r a m m o f o n o o colla c i n e m a t o g r a f i a ) .
2
) Il codice g e r m a n i c o , d o v e definisce il « c o n t r a t t o di s e r v i z i » (locazione di
opere) a g g i u n g e « servizi di q u a l u n q u e n a t u r a » , s e n z a d i s t i n g u e r e .
3
) O p . c i t . , I, p. 146.
4
) SUPINO, Econ. polii., p . 33. L ' i m p r o d u t t i v i t à del s e r v i g i o , s e p p u r e , non è
q u a l i t à r i l e v a n t e d a l p u n t o di v i s t a del c o n t r a t t o di l a v o r o .
5
) Cfr. PHILIPPOVICH, op. cit,, II, 1, 98. Non so p e r c h è i l C O N R A D , Lolin und
Sente (1909), p . 137, d i s t i n g u e le p r o f e s s i o n i l i b e r a l i d a i s e r v i z i p e r s o n a l i . Q u a n t o
a l l a p o s s i b i l i t à d i m a g g i o r a u t o n o m i a p e r il s e r v i z i o p e r s o n a l e cito il CIIERBULIEZ,
in Bibl. dell' Econom., I , 10, p . 758, F o r s e a ciò c o n t r i b u i s c e la non n e c e s s i t à d i
è regola c o s t a n t e : mi b a s t a r i c o r d a r e il c o n t r a t t o di t r a s p o r t o che
c o n d u c e a un servizio, a u n r i s u l t a t o immateriale, si r i t e n g a o no
che questo r i s u l t a t o h a c a r a t t e r e i n d u s t r i a l e ') e cbe t u t t a v i a può
p r e s u p p o r r e u n ' o r g a n i z z a z i o n e economico-giuridica vastissima. E così
p e r le imprese di spettacoli, ecc.
Si deve a n c h e o s s e r v a r e cbe pei servizi non può mai farsi la que-
stione se il c o n t r a t t o sia c o n t r a t t o di lavoro o compra-vendita: n o n
essendovi u n p r o d o t t o a c c u m u l a b i l e manca il p r e s u p p o s t o p e r u n a
compra-vendita, clie implica t r a s f e r i m e n t o di u n a ricchezza (anche
i n c o r p o r e a : es. la p r o p r i e t à industriale) conservabile dopo cessata l a
attività che l'ha prodotta.
I l l a v o r o a r i s u l t a t o m a t e r i a l e si i n c o r p o r a nella m a t e r i a : il desti-
n a t a r i o di essa non n e u s a che i n d i r e t t a m e n t e (cioè pel t r a m i t e della
cosa). I n v e c e l'uso che il creditore del lavoro fa del servizio p e r s o n a l e è
diretto, i m m e d i a t o 2), come vedemmo. D a ciò applicazioni di n o r m e dif-
f e r e n t i , in q u a n t o a d es. il servizio p e r s o n a l e esclude t u t t e le u o r m e
c h e p r e s u p p o n g o n o l ' e l a b o r a z i o n e di m a t e r i a p r i m a (così ad es. la
c o n s e g n a e il collaudo del p r o d o t t o materiale) o in q u a n t o per il f a t t o
che l ' u t i l i t à di q u e s t i servizi si e s a u r i s c e e c o n s u m a n e l l ' a t t o in cui
sono p r o d o t t i , d e b b o n o essere consumati nel momento in cui v e n g o n o
creati, sotto p e n a di p e r d e r e ogni eflètto u t i l e 3 ).
M a t u t t o ciò a m m e s s o è a r i t e n e r e a n c h e che q u e s t a distinzione
n o n ha p e r l ' i n d a g i n e g i u r i d i c a u n a v e r a i m p o r t a n z a ; lo asserisce lo
stesso W a g n e r per l ' i n d a g i n e economica 4 ).

m a t e r i a p r i m a a l t r u i d a elaborare, e e r e a u t e facilmente un r a p p o r t o di subordi-


nazione a l l ' i m p r e n d i t o r e cbe la, s o m m i n i s t r a ,
' ) Secondo che si v e d a nel t r a s p o r t o , o no, u n ' a t t i v i t à di lavoro che abbia p e r
e f f e t t o l ' a g g i u n z i o n e alla cosa t r a s p o r t a t a di u n a q u a l i t à n u o v a (l'accessibilità),
che n o n a v e v a p r i m a , e che la r e n d e a t t a a s o d d i s f a r e u n nuovo bisogno. N a t u -
r a l m e n t e discorriamo di a t t i v i t à « i n d u s t r i a l e » in senso p r o p r i o .
2
) C f r . M A L T H U S , i n Bibl. ee.on., I, 5.°, p a g . 1 6 3 ; LEXIS, op. cit., p. 8 ; WAGNER,
Allg. oder theoret. Volliswirtscli., p . 28. Perciò il d i r i t t o a u n a prestazione di lavoro
s i f f a t t a , benché p a t r i m o n i a l e , nou può u t i l m e n t e f a r p a r t e d e l l ' a t t i v o a disposi-
zione dei c r e d i t o r i del c r e d i t o r e del lavoro e v e n t u a l m e n t e fallito. Ma anche q u e s t a
non ò regola a s s o l u t a . Si s u p p o n g a l'obbligo di c a n t a r e per un disco f o n o g r a f i c o ;
mi p a r certo che la possibilità di m a t e r i a l i z z a r e il r i s u l t a t o i m m a t e r i a l e conser-
v a n d o l o ne f a c c i a u n a p r e s t a z i o n e utilizzabile a n c h e dai creditori. Ma qui n o n
siamo p i ù iu presenza di uu p u r o r i s u l t a t o i m m a t e r i a l e . C f r . BINDER, iu Artltiv
f . das buri/. Bechi, X X X I V , p. 230.
3
) R ì c c i , II capitale, p. 41.
4
) In Bibl. dell'econom., II, 7.°, p a g . L I X - L X , III, 1.°, p a g . L I I seg. ; c f r . p u r e
CHOLMARS, ini, I, 8.°, p a g . 1007. Si noti che questa distinzione non coincide a f -
f a t t o con quella del lavoro p r e v a l e n t e m e n t e materiale o m e n t a l e . Si pensi a l l ' u o m o
che l u n g o i canali di Venezia tien f e r m a la gondola, o al domestico che vi
m e t t e il s o p r a b i t o ; e d ' a l t r a p a r t e il f a b b r i c a n t e di i s t r u m e n t i di precisione (cfr.
R i c c i , op. c i t . , p. 38, n o t a 1). Ricorderò a n c h e come secondo il MALTHUS, cit.,
A n z i è noto come il F e r r a r a l ' a b b i a e n e r g i c a m e n t e c o m b a t t u t a .
A n c h e dal p u n t o di vista giuridico n e h a n e g a t a . l a rilevanza il Lexis ').
E i n f a t t i è distinzione che cade in considerazione p e r cpiestioni e
a r g o m e n t i particolari; ma che non si p r e s t a a u n a sostanziale distin-
zione giuridica. I n ambo i casi vi è lavoro, e lavoro per un risul-
tato : r i s u l t a t o m a t e r i a l e o immateriale. Ohe q u e s t o r i s u l t a t o immate-
riale possa essere concepito come bene o ricchezza non si p o t r à negare,
almeno se si prescinde dal p u n t o di vista r i g i d a m e n t e economico im-
p e r n i a t o sulla immediata p r o d u t t i v i t à ; è ricchezza, q u i n d i è cosa giuri-
dicamente q u a l u n q u e porzione del m o n d o esteriore che è utile all'uomo,
e non si ottiene se non con sacrificio personale 2).

CAPO TERZO.

GLI ELEMENTI T I P I C I D E L CONTRATTO DI LAVORO {contili.).


LA RETRIBUZIONE DEL LAVORO.

§ 1. — Natura della mercede.

SOMMARIO. — 34. L o s c a m b i o d i l a v o r o c o n t r o m e r c e d e . — 35. D e n o m i n a z i o n e p e r


i n d i c a r e la m e r c e d e . — 36. L e m a n c i e e le g r a t i f i c a z i o n i . L ' a r t . 13 del r e g o -
l a m e n t o i n f o r t u n i sul l a v o r o . — 37. C o n s e g u e n z e d e l l a c o n t i n u a t a a t t r i b u z i o n e
d i c o m p e n s i v o l o n t a r i . — 38. E del v e n i r m e n o di q u e s t i c o m p e n s i v o l o n t a r i .
— 39. Se la p e n s i o n e e i p r e m i p e r l ' a s s i c u r a z i o n e c o n t r o gli i n f o r t u u i s i a n o
u n a f o r m a d i m e r c e d e . — 40. L a m e r c e d e nello s c a m b i o e n e g l i i n t e n t i s o g -
g e t t i v i che si p r o p o n e chi la s t i p u l a p e r sè. — 41. Se la r a g i o n e s o g g e t t i v a
d e l l a m e r c e d e si i m p r i m a nel c o n t r a t t o di l a v o r o m e n o d e l l a r a g i o n e s o g g e t -
t i v a del l a v o r o . L a m e r c e d e come r e d d i t o . — 42. Se sia p r o d o t t o o f r u t t o ci-
v i l e . — 43. C r i t i c h e e o p i n i o n i c o n t r a r i e a l l a f u n z i o n e p r i m a r i a d i e q u i v a l e n z a
p r o p r i a a l l a m e r c e d e . — 44. L a m e r c e d e e le spese, come d i r i t t o del d e b i t o r e
del l a v o r o . — 45. P a g a m e n t o d e l l a m e r c e d e e r i m b o r s o delle s p e s e . — 46. M e r -
. c e d e e i n d e n n i z z o . — 47. L e i n d e n n i t à , come a p p e n d i c e a l l a m e r c e d e .

34. F i n qui ci siamo o c c u p a t i del lavoro, cioè di quel t e r m i n e c h e


è l ' e l e m e n t o f o n d a m e n t a l e , come v e d e m m o , il p e r n o a cui è raccoman-

p a g . 171, sia p o s s i b i l e d e t e r m i n a r e il v a l o r e p e r il l a v o r o a r i s u l t a t o m a t e r i a l e ;
n o n lo s i a pei s e r v i z i : a l t r a a f f e r m a z i o n e m o l t o c o m b a t t u t a , a r a g i o n e , nel c a m p o
economico.
') O p . c i t . , p. 54.
Del r e s t o se f o n d a t a fosse la r a g i o n e p e r l a q u a l e ADAMO SCHMIDT s o s t e n e v a
l ' i m p r o d u t t i v i t à dei s e r v i z i , p e r c h è nè a g g i u n g o n o n è p r o d u c o n o v a l o r e a l c u n o ,
n o n vi p o t r e b b e e s s e r e c o n t r a t t o di l a v o r o i n c u i l a p r e s t a z i o n e f o n d a m e n t a l e s i a
d i servizi p e r s o n a l i . I n v e c e c h e vi sia u n a m e r c e d e p e r l ' o p e r a d e l l ' a v v o c a t o , del
d o c e n t e , ciò s i g n i f i c a c h e è l a v o r o u t i l e : MARLO, Untersuchintgen ece., p . 72-73. L a
u t i l i t à d e l l a p r e s t a z i o n e è s u f f i c i e n t e p e r l a s u a e c o n o m i c i t à . È f o r s e p e r c i ò c h e il
SIMON (Le travati, p . 3) c o r r e g g e la d e f i n i z i o n e d e l l a v o r o d a t a d a l SAY ( s o p r a ,
p . 105, n o t a 1) colle p a r o l e « pour produire un résultat utile J>.
d a t a la distinzione di q u e s t o da altri c o n t r a t t i a titolo oneroso. M a
p e r c h è il c o n t r a t t o a b b i a l a s u a c a r a t t e r i s t i c a e tipica impronta, oltre
al lavoro occorre si a g g i u n g a a u c h e l'altro elemento, che è la mercede.
Come p r i m a r i a m e n t e i n t e r e s s a t o al lavoro è il c o n t r a e n t e a cui il
lavoro è destinato, che di esso h a bisogno pel r a g g i u n g i m e n t o di scopi
propri, così la p a r t e p r i m a r i a m e n t e i n t e r e s s a t a alla mercede è chi della
m e r c e d e a b b i s o g n a , e ad essa a s p i r a come a'mezzo di s o s t e n t a m e n t o .
G i à q u i ci si rivela l ' i m p o r t a n z a dell'interesse soggettivo che il lavo-
r a t o r e h a ad o t t e n e r e la mercede. Ma mercede n o n è un termine isolato,
ma t e r m i n e di u n r a p p o r t o : m e r c e d e con lavoro. I n p r a t i c a si tro-
v a n o di f r o n t e da u n c a n t o u n a p e r s o n a che d o m a n d a del lavoro,
p e r c h è n e ha bisogno p e r i p r o p r i s c o p i ; e dall'altro u n ' a l t r a p e r s o n a
che d o m a n d a u n a mercede, p e r c h è p u r e n e h a bisogno. La p r i m a deve
s o b b a r c a r s i al p a g a m e n t o della m e r c e d e ; la seconda alla p r e s t a z i o n e
di lavoro. E c c o la l o t t a p r e l i m i n a r e t r a i d u e opposti i n t e r e s s i che
finisce uel p u n t o in cui i d u e interessi opposti t r o v a n o il loro sod-
d i s f a c i m e n t o , a giudizio dei singoli a s p i r a n t i al c o n t r a t t o . Q u a n d o
q u e s t i sono s o d d i s f a t t i , o, c o m u n q u e , r i t e n g o n o m e n o peggio lo sti-
p u l a r e il c o n t r a t t o al n o n stipularlo, i t e r m i n i dello scambio sono
conciliasi, il c o n t r a t t o di lavoro si s t i p u l a 4).
L a c a r a t t e r i s t i c a f o n d a m e n t a l e del c o n t r a t t o di lavoro è d a t a d u n q u e
d a ciò : che o g n u n a delle p a r t i è d e t e r m i n a t a a s t i p u l a r l a esclusiva-
m e n t e d a l l ' i m p u l s o egoistico di tini p r o p r i : di u n i n t e r e s s e p r o p r i o
d a a t t u a r e o da u n p r o p r i o b i s o g n o d a s o d d i s f a r e , q u a l u n q u e sia,
come s'è visto, la n a t u r a di q u e s t o bisogno. L ' u n o m i r a solo a d a v e r e
del lavoro per lo scopo che si p r o p o n e ; l'altro a d a v e r e del d e n a r o
con cui p r o v v e d e r e al proprio s o s t e n t a m e n t o . P e r q u a n t o si vogliano
p o r r e in seconda linea, d a u n p u n t o di v i s t a c o n t r a t t u a l e (e ciò è esatto,
come v e d r e m o ) , q u e s t i scopi soggettivi, ciò n o n toglie che n o n si p u ò
i n t e n d e r e la s t r u t t u r a g i u r i d i c a m e n t e di c o n t r a t t o a titolo oneroso e
c o m m u t a t i v o , e c o n o m i c a m e n t e di « scambio » 2), proprio del nostro con-

') S a r à i n u t i l e o s s e r v a r e che q u e s t a c a r a t t e r i s t i c a f o n d a m e n t a l e d e l l a m e r c e d e
è r i l e v a t a d a t u t t i gli s c r i t t o r i , sia g i u r i s t i cbe e c o n o m i s t i . Non f o s s ' a l t r o cbi con-
s i d e r i il s a l a r i o come il v a l o r e del s e r v i g i o cui c o r r i s p o n d e i m p l i c i t a m e n t e riconosce
nella m e r c e d e il c o r r i s p e t t i v o e q u i v a l e n t e al l a v o r o . T r a l a s c i a m o q u i n d i c i t a z i o n i
in p r o p o s i t o , p e r c h è d o v r e i p a s s a r e in q u e s t o senso in r a s s e g n a u n a g r a n p a r t e della
l e t t e r a t u r a specialmente economica, vastissima, su tale argomento. Ricorderò ancora
t r a i n o s t r i lo stesso RICCA-SALERNO, Teorìe del salario, p . 2, che definisce il s a l a r i o
« u n a f o r m a s p e c i a l e di r i m u n e r a z i o n e del l a v o r o » q u a n t u n q u e , come v e d r e m o ,
il c o n c e t t o s o s t a n z i a l e del RICCA-SALERNO sia ben l u n g i d a l c o n s i d e r a r e la m e r c e d e
in f u n z i o n e d e l l a v o r o .
2
) A p r o p o s i t o di q u e s t o c o n c e t t o , così d i f f u s o , di u n o « s c a m b i o » economica-
m e n t e i n s i t o nel c o n t r a t t o di l a v o r o d e b b o fin d ' o r a o s s e r v a r e che a q u e s t ' e s p r e s s i o n e
f a r e m o r i c o r s o p e r c o m o d i t à di e s p r e s s i o n e , s a l v o a suo luogo e s a m i n a r e se v e r a -
m e n t e u n o s c a m b i o qui s u s s i s t a .
LA M E R C E D E COME CORRISPETTIVO DEL LAVORO 111

tratto, se non prendiamo le Diosse dall'accenno a questi impulsi egoi-


stici contrapposti. Vedremo poi l'importanza g r a n d e che questo f a t t o
lia nella determinazione delle differenze con altri tipi di contratto
(mandato).
Ma quella lotta di egoismi che è il contratto a titolo oneroso
conduce come abbiamo visto a u n a necessaria compenetrazione
dei due opposti interessi, in q u a n t o l'uno non può essere a t t u a t o se
non si a t t u a anche l'altro. I n questo reciproco collegamento, che è il
risultato della lotta tra i due impulsi soggettivi opposti, sta l'impor-
tanza primaria e fondamentale dell'accordo contrattuale, che a quel
collegamento dà vita. L'uno può ricevere la prestazione di lavoro che
gli occorre, ma dovrà pagare perciò una retribuzione. L'altro p o t r à
avere la mercede che gli occorre, ma dovrà perciò (di regola prima di
poter esigere la mercede) assoggettarsi a u n a prestazione di lavoro.
P e r t u t t i e due il raggiungimento del proprio scopo è subordinato a
un proprio sacrificio, dato dalla necessità che sia soddisfatto a n c h e
l'interesse proprio dell'altro contraente. E va da sè che sarà a p p l i c a t a
la legge economica del minimo mezzo: ognuno f a r à in modo che il
proprio sacrifìcio sia il minimo possibile. Il creditore del lavoro pa-
gherà meno mercede che può, il lavoratore lavorerà il meno possibile,
compatibilmente, l'uno e l'altro, colle esigenze dell'altro contraente.
I n questa sua f o n d a m e n t a l e qualità di corrispettivo del lavoro la
mercede ci si p r e s e n t a or qui or là nel sistema legislativo. I n q u e s t o
senso ci si affaccia la mercede a n z i t u t t o nella definizione dell'art. 1570.
E l'art. 13 del regolamento per la esecuzione della legge sugli infor-
t u n i (13 marzo 1904) definisce così il s a l a r i o : « Si i n t e n d e p e r salario
o rimunerazione o g u a d a g n o dell'operaio t u t t o ciò che questi riceve
p e r retribuzione del suo l a v o r o » . Così p u r e l ' a r t . 11 della legge
t. u. sulla lassa di registro (20 maggio 1897) discorrendo delle loca-
zioni di cose e di opere a tempo d e t e r m i n a t o accenna alla t a s s a do-
v u t a dal cumulo dei « p r e z z i o corrispettivi ». A questo proposito f u
r i t e n u t o che col prezzo si alludesse alle locazioni di cose, e il corri-
spettivo si riferisse alle locazioni di opere. Ma in realtà quella locu-
zione è i n d e t e r m i n a t a , come lo dimostra il testo dell'articolo : si può
chiamare prezzo a n c h e la mercede 4), b e n c h é l'uso comune limiti pre-
feribilmente il « prezzo » alla v e n d i t a , secondo la terminologia accolta
dal Codice civile. Del resto lo stesso Codice discorre di « prezzo »
a proposito della mercede p a t t u i t a a favore di un a r c h i t e t t o o im-
p r e n d i t o r e di costruzione edilizia (art. 1640). P r e z z o è in g e n e r e il

') Così C a s s a z . R o m a , 4 m a r z o 1911, Foro il., 1911, I, 401. T a u t ' è v e r o che il


porto (la m e r c e d e pel t r a s p o r t o d o v u t a al v e t t o r e , a r t . 395, 415, C. c o m m . ) è c h i a -
mato a n c h e « p r e z z o di t r a s p o r t o » ( a r t . 4 0 3 ) ; e l ' a r t . 395, n . 5 r i c o r d a l a sino-
nimia dei d n e v o c a b o l i .
compenso (per lo più in denaro) dovuto a corrispettivo di u n a presta-
zione, clie può essere di dare, di p e r m e t t e r e l'uso di u n a cosa, di f a r e ,
o a n c h e u n a p r e s t a z i o n e n e g a t i v a '). Certo è, a d ogni modo, d a respin-
gere l'opinione della Corte S u p r e m a di Roma, cit., per la quale s< prezzo »
s a r e b b e la m e r c e d e p a t t u i t a ; « corrispettivo » invece sarebbero le irlte-
riori prestazioni d o v u t e dal creditore del lavoro, e a t t e ad i n t e g r a r e
il prezzo. La Corte, accenna, come esempio, a rimborsi di imposte.
E u n a distinzione a f f a t t o arbi traria 2 ).
A q u e s t o p u n t o di v i s t a si riferiscono p u r e le norme che discipli-
n a n o il p a g a m e n t o della mercede in caso di m a n c a t o a d e m p i m e n t o
della p r e s t a z i o n e (per m a l a t t i a , p e r servizio militare, ecc.), o il tempo
in cui si b a d i r i t t o al p a g a m e n t o della m e r c e d e (dopo eseguito il la-
voro; post-numerando, n o n prae-numerando). E gii art. 1635 e seg. cbe
disciplinano il rischio del lavoro, in caso di perimento, cioè del pe-
r i m e n t o f o r t u i t o della cosa d o v u t a e p i ù o meno p r o n t a per essere
c o n s e g n a t a d a l c o n d u t t o r e d'opera, sono a p p u n t o i n f o r m a t i a q u e s t o
o r d i n e di idee.
3 5 . Q u e s t a m e r c e d e a s s u m e in p r a t i c a n o m i vari, secondo la n a t u r a
delle p r e s t a z i o n i di lavoro a cui si riferisce. G i à a b b i a m o visto l'espres-
sione « prezzo ». U n ' a l t r a espressione generica, a d a t t a b i l e a q u a l u n q u e
tipo di lavoro, è quella ora u s a t a di « m e r c e d e », o di « compenso »
b e n c h é la p r i m a i n d i c h i p i ù e s a t t a m e n t e , almeno n e l l ' u s o c o m u n e e
n e l l a t e r m i n o l o g i a giuridica, il corrispettivo della p r e s t a z i o n e tipica
di lavoro. L a definizione generale dell'art. 1570, sulla quale noi imper-
n i a m o q u e s t i prolegomeni del t r a t t a t o nostro, usa a p p u n t o la p a r o l a
« m e r c e d e » : ed è a r i c o r d a r e c h e la definizione di quell'articolo si
r i f e r i s c e al c o n t r a t t o di lavoro nella s u a p i ù lata accezione. « R e t r i b u -
zione » 3) o « r e m u n e r a z i o n e » sono sinonimi p e r f e t t a m e n t e di mercede 4 )
o compenso. D i compenso discorrono gli art. 1737 e 1753 a p r o p o s i t o
del m a n d a t o r e t r i b u i t o , cbe (còme vedremo) r i e n t r a p e r f e t t a m e n t e nel
c o n t r a t t o di lavoro, infine ricordo pure, in q u e s t o senso generale, la
p a r o l a « e m o l u m e n t o » 5 ).

*) C f r . p u r e a r t . 351 d e l l a legge sui lavori p u b b l i c i .


2
) Così p u r e è i n u t i l e s o t t i g l i e z z a e s c l u d e r e nella m e r c e d e il c a r a t t e r e d e l
« p r e z z o », p e r c h è il l a v o r o n o n è m e r c e , n o n v i h a q u i n d i v e n d i t a d e l l a v o r o
(cfr. BODEUX, Jitudes du contr. de travati, p . 384), ciò che d e l r e s t o , come v e d r e m o ,
è perfettamente vero.
3
) E s . a r t . 722. C. c o m m . q u a n t o a l l ' o p e r a del c u r a t o r e . C f r . a r t . 10 t e s t o unico
sullo s t a t o civ. d e g l i i m p i e g a t i , 22 n o v . 1908, n . 863.
4
) Di <1 m e r c e d e » d i s c o r r o n o l ' a r t . 2139 p e r l ' o p e r a d e g l i ufficiali g i u d i z i a r i ,
l ' a r t . 1958, n . 8 p e r q u e l l a degli a l b e r g a t o r i , ecc. Ma in g e n e r e h a p o r t a t a l a t i s s i m a
( c f r . a r t . 1637). C f r . p u r e a r t . 1876 pel s e q n e s t r a t a r i o ; a r t . .2, n . 2 1.° c o m m a , t e s t o
u n i c o i n f o r t u n i sul l a v o r o .
5
) E s . a r t . 1 l e g g e 13 l u g l i o 1910, n . 411 che e s t e n d e a g l i o p e r a i d i p e n d e n t i
LA M E R C E D E NELLA TERMINOLOGIA 113

L a parola « salario » nell'uso comune a l l u d e p i ù p r o p r i a m e n t e alla


mercede nella locazione di opere, cioè di lavoro s u b o r d i n a t o '). A n z i ,
più - r i s t r e t t a m e n t e ancora a u n a categoria di locazioni d ' o p e r e : cioè
al lavoro s u b o r d i n a t o p r e v a l e n t e m e n t e muscolare 2). D i salario ad es. di-
scorre l'articolo 2139 per l'opera dei domestici, operai e giornalieri,
l'art. 1956, n. 4 per le persone di servizio, gli art. 5 2 1 e seg. Codice
commercio p e r l'equipaggio. Ricordo qui q u a n t o sopra si è detto a pro-
posito della espressione « c o n t r a t t o di salariato », espressione cbe vor-
r e b b e sintetizzare nella forma più concisa la condizione di d i p e n d e n z a ,
a n z i di a s s e r v i m e n t o (come taluni dicono) tecnico ed economico del
proletario.
A p p u n t o perciò la parola « salario » è sembrata, a q u a l c u n o 3) pa-
rola u m i l i a n t e ; e f u proposto a d occasione degli s t u d i per il pro-
g e t t o f r a n c e s e di legge sul- c o n t r a t t o di lavoro di s o s t i t u i r v i la p a r o l a
« r e m u n e r a z i o n e » nella definizione del c o n t r a t t o di lavoro. A l t r i os-
s e r v ò invece cbe c o n s e r v a n d o l a quella p a r o l a sarebbe s t a t a e l e v a t a a
dignità maggiore, si s a r e b b e nobilitata, t a n t o p i ù cbe il c o n t r a t t o di
l a v o r o c o m p r e n d e a n c h e le professioni liberali. V e r a m e n t e t u t t o ciò
non h a soverchia i m p o r t a n z a g i u r i d i c a : osservo solo l ' e r r o n e i t à della
critica- a- quella espressione, f o n d a t a su ciò che il salario p u ò essere
d a t o a n c h e in n a t u r a , e che in t a l caso vi h a , p e r p a r t e del credi-
tore della m e r c e d e (cioè del debitore del lavoro), la r i n u n c i a a u n cre-
dito, n o n vi h a il « p a g a m e n t o » di un salario. L ' e r r o r e s t a n e l l ' a v e r e
r i t e n u t o che il « p a g a m e n t o » si r i f e r i s c a solo ai debiti p e c u n i a r i ;
q u e s t o e r r o r e f u rilevato dall'associazione in seno alla quale si discu-
t e v a , e fu perciò a m m e s s a l'espressione « p a g a r e u n a r e m u n e r a z i o n e » 4 ).
A l t r i h a l i m i t a t o il « salario » alla r e t r i b u z i o n e del solo lavoro, escluso
q u i n d i il c o r r i s p e t t i v o della, m a t e r i a p r i m a s o m m i n i s t r a t a dall'artefice,
il nolo e il d e p e r i m e n t o degli i s t r u m e n t i da l a v o r o : s a r e b b e la mer-
cede di chi si l i m i t a a d a r e il p r o p r i o l a v o r o con i s t r u m e n t i a l t r u i ,
e su m a t e r i a p r i m a a l t r u i 5).

d a l l o S t a t o le d i s p o s i z i o n i sulla c e d i b i l i t à degli s t i p e n d i . È p e r ò d a n o t a r e c h e
q u e s t a legge e v i t a la p a r o l a s t i p e n d i , r i f e r i t i agli i m p i e g a t i , d a cui sono d i s t i n t i , come
v e d r e m o , gli o p e r a i . I n r e a l t à p e r ò la p a r o l a « e m o l u m e n t i » h a p o r t a t a g e n e r a l i s s i m a .
') In u n senso l a t i s s i m o si è u s a t a t a l o r a l a p a r o l a i s a l a r i o » p e r a l l u d e r e i n
g e n e r e al r e d d i t o che t a l u n o r i c e v e col p r o p r i o l a v o r o . A d es. si l e g g e t a l o r a d e l
s a l a r i o d e l l ' i n d u s t r i a l e (salario p e r p r o f i t t o ) : i n e s a t t a m e n t e , come si c a p i s c e , s e c o n d o
la t e c n i c a t e r m i n o l o g i a . P i ù l a t a m e n t e a n c o r a , a p r e s c i n d e r e d a l l a v o r o , il MIRA-
IÌEAU p o t e v a d i r e che i p r o p r i e t a r i sono t u t t i s a l a r i a t i .
2
) DELLA VOLTA, Le forme del salario, p . 62. Si v e g g a i n f a t t i il t e s t o u n i c o e
il r e g o l a m e n t o p e r gli i n f o r t u n i sul l a v o r o .
3
) C f r . in PERREAU, Le contrat de travati, p . 122-123, d o v e è c i t a t o il BECIIMANN.
4
) E V Associazione nazionale francese per la difesa legislativa del lavoratore.
Cfr. PERREAU, op. cit. 125.
5
) DELLA VOLTA, Forme del salario, p . 37.
L . BARASSI. — Il contratto di lavoro, ecc. — 2 . a e d . — 8.
L a p a r o l a stipendio a l l u d e alla retribuzione di opere non prevalen-
t e m e n t e m a n u a l i ; e lo stesso, e anzi con maggior sicurezza, p u ò am-
m e t t e r s i p e r l a parola onorario ' ) ; qui l'etimologia giustifica p i e n a m e n t e
q u e s t o riferimento 2). A differenza dell'onorario, cbe p u ò concernere
u n a prestazione di lavoro per u n o scopo d e t e r m i n a t o che non sia a
t r a t t o successivo, lo stipendio r i c h i a m a a p r e f e r e n z a il concetto di u n
lavoro c o n t i n u a t o e d u r a t u r o ; ad es. del r a p p o r t o di servizio proprio
del c o n t r a t t o di impiego 3 ). I n f a t t i il t e s t o unico sullo s t a t o civile degli
i m p i e g a t i discorre solo di s t i p e n d i a proposito degli impiegati la cui
f u n z i o n e è d u r a t u r a (cfr. p u r e art. 591, C. proc. civ.), m e n t r e gli arti-
coli 207, 370, 0 . proc. civ. riferiscono la parola « onorario » all'opera
p r e s t a t a dal perito o dal p r u c u r a t o r e . E meglio a n c o r a : l ' a r t . 2140,
0 . civ. c h i a m a stipendio il compenso per l ' o p e r a dei m a e s t r i , profes-
sori, ecc. la cui opera è r i c h i e s t a per u n t e m p o p i ù lungo di un m e s e ;
o n o r a r i o la m e r c e d e d o v u t a alle professioni liberali (avvocati, procu-
ratori, medici notai) 4). L a p a r o l a « p a g a » nell'uso comune è r i f e r i t a
alle m e r c e d i dei lavori p r e v a l e n t e m e n t e m a n u a l i , per lo p i ù b a s s e mer-
cedi. L ' a r t . 2 della legge 13 aprile 1911, n. 310 (legge Sacchi sui
m i g l i o r a m e n t i economici del p e r s o n a l e ferroviario) parifica s t i p e n d i
e p a g h e a proposito di mercedi di u n a c e r t a e n t i t à ,
A s s o l u t a m e n t e i n f o n d a t o è poi il criterio differenziale che il Giorgi
p r e t e n d e s u s s i s t a t r a salario e m e r c e d e , in q u a n t o il primo indi-
c h e r e b b e la r e t r i b u z i o n e d e t e r m i n a t a secondo la proporzione al valore
d e l l ' o p e r a p r e s t a t a ; e lo s t i p e n d i o invece la r e t r i b u z i o n e p r o p o r z i o n a t a

') A q u e s t a d i f f e r e n z a t r a m e r c e d e e s t i p e n d i o si sono r i c o n n e s s i t a l o r a (e lo
v e d r e m o n e l § 2 a p p r . ) e f f e t t i che in r e a l t à non h a n n o a l c u n a r a g i o n e di s u s s i s t e r e .
2
) L a Cass. N a p o l i , 9 g i u g n o 1906, Furo it:, 1906, 1, 859 a f f e r m a che p e l signi-
ficato e p e r l ' e t i m o l o g i a la p a r o l a s t i p e n d i o c o r r i s p o n d e a d o n o r a r i o .
3
) CORNELISSEN, Théorie du salaire, p. 24. Spesso l ' o n o r a r i o e lo s t i p e n d i o s o n o
m e r c e d i p e r servizi p e r s o n a l i , che l a v e c c h i a d o t t r i n a e c o n o m i c a (e nou q u e l l a so-
l a m e n t e !) c h i a m a v a i m p r o d u t t i v i ; c o s t i t u i s c o n o il c o s i d d e t t o r e d d i t o o r i g i n a r i o di-
s t i n t o d a l l e m e r c e d i e s a l a r i d e l l a v o r o p r o d u t t i v o ( r e d d i t o d e r i v a t o ) . Ma q u e s t a
d i s t i n z i o n e è t u t t ' a l t r o che c o i n c i d e n t e n e c e s s a r i a m e n t e con q u e l l a Ira s t i p e n d i o e
o n o r a r i o d a u n a p a r t e e m e r c e d e e s a l a r i o d a l l ' a l t r a (si d a il salario al f a c c h i n o ,
e lo s t i p e n d i o a l l ' i n g e g n e r e i n d u s t r i a l e ) ; è q u i n d i p e r sè una. d i s t i n z i o n e p r i v a
d ' o g n i i m p o r t a n z a g i u r i d i c a , e m o l t o c o n t e s t a t a a n c h e su t e r r e n o economico,
c f r . " CONRAD, Lohn und Beute (1909), p . 137. In f o n d o la m e r c e d e è s e m p r e d e r i -
v a t a , in t u t t i e d u e i casi ; cioè o t t e n u t a a mezzo di quello c h e p e r lo più si c h i a m a
lo s c a m b i o di l a v o r o con d a n a r o ; il m e d i c o n o u s a p r e b b e che f a r s i delle s u e cogni-
zioni, così come il f a b b r i c a n t e d e l l a s u a s t o f f a ; o a l m e n o s a r e b b e u n ' u t i l i t à s p r o -
porzionata.
4
) P e r ò l ' a r t . 499 C. c o m m . u s a l a p a r o l a « s t i p e n d i o » p e r a l l u d e r e a l l a r e t r i -
b u z i o n e i n g e n e r e delle p e r s o n e che c o m p o r r a n n o l ' e q u i p a g g i o . Ciò s t a b e n e , q u a n t o
a l l a d u r a t a delle m a n s i o n i , m a q u a n t o alla p r e v a l e n t e m a n u a l i t à p r o v a ohe a q u e s t e
differenze t e r m i n o l o g i c h e n o n si d e v e d a r e m a g g i o r i m p o r t a n z a di quello che m e -
r i t a n o , t a n t o p i ù in u n codice come il n o s t r o .
al tempo impiegato. L a cosa è vera per lo stipendio, che si riferisce
a p p u n t o a u n lavoro c o n t i n u a t o e d u r a t u r o , e in cui il lavoro è pre-
stato secondo il criterio del tempo. M a il salario p u ò p u r e riferirsi
al tempo, nou allude n e c e s s a r i a m e n t e al cottimo.
Talora la parola indicante la r e t r i b u z i o n e designa in modo i n d u b b i o
la n a t u r a della prestazione di lavoro a cui si riferisce e s c l u s i v a m e n t e *):
così, senza p a r l a r e del « diritto di mediazione » (art. 32, 0 . comm.),
la parola « provvigione » richiama l'opera del m a n d a t a r i o commerciale
o del commissionario (art. 361, 0 . comm.) ; la parola « porto » quella
del v e t t o r e (art. 395, 115, C. comm.). L a p a r o l a scelta p u ò indicare
a n c h e il tempo in cui il p a g a m e n t o della r e t r i b u z i o n e a v v i e n e (es. « men-
sile », e t a l o r a a n c h e la « s e t t i m a n a » ; « il q u a r t a l e » per gli a r t i s t i
del palcoscenico).
36. N a t u r a l m e n t e n o n è m e r c e d e se non ciò c h e il l a v o r a t o r e « r i c e v e
p e r r e t r i b u z i o n e del suo lavoro » come dice l'art. 13 regol. i n f o r t u n i
sul lavoro c i t a t o ; ma oltracciò occorre che la somma r i c e v u t a dal
l a v o r a t o r e sia in relazione di onerosità col lavoro, quindi r a p p r e s e n t i
un suo diritto m a t u r a t o c o l l ' a d e m p i m e n t o della p r e s t a z i o n e . P e r c i ò n o n
sono m e r c e d e le somme c o r r i s p o s t e al l a v o r a t o r e p u r a m e n t e p e r libe-
r a l i t à del creditore del lavoro, b e n c h é a n c h e q u e s t e siano u n a retri-
buzione del lavoro. E s s e sono r e t t e e d i s c i p l i n a t e p u r a m e n t e dal
beneplacito del creditore del lavoro, non r i e n t r a n o nel q u a d r o contrat-
t u a l e dei d i r i t t i e dei doveri s c e n d e n t i dal c o n t r a t t o di lavoro. E
a n c h e l'art. 13 cit. esclude dal « salario » di cui si t i e n e conto p e r
l ' a u m e n t a r e d e l l ' i n d e n n i t à q u e s t e somme r i c e v u t e a titolo di premio,
di gratificazione o di i n d e n n i t à , e che sono d o v u t e a « generose elar-
gizioni f a t t e p e r u n a v o l t a t a n t o dal capo o e s e r c e n t e d e l l ' i m p r e s a ,
i n d u s t r i a o costruzione ».
A r g o m e n t a n d o a contrariis si d o v r e b b e d e d u r n e che siano comprese
nel salario q u e s t e somme se a t t r i b u i t e non u n a v o l t a t a n t o , m a pe-
riodicamente. M a l a p e r i o d i c a r i n n o v a z i o n e di q u e s t o a t t o di libe-
r a l i t à finché p r o p r i o r i m a n e u n p u r o a t t o di g e n e r o s i t à n o n p u ò
a s s o l u t a m e n t e influire, come v e d r e m o , fino a m u t a r e la n a t u r a di
queste attribuzioni.
R i m a n e a v e d e r e se a q u e s t a opinione si o p p o n g a in modo insu-
p e r a b i l e l ' a r t . 13 cit. O r a qui b i s o g n a p a r t i r e d a quello c h e è il
criterio p r o p r i o della legge sogli i n f o r t u n i q u a n d o pone il salario come
b a s e per la v a l u t a z i o n e d e l l ' i n d e n n i t à , B i s o g n a p r e m e t t e r e che indub-
b i a m e n t e le gratificazioni ecc. che siano g e n e r o s e elargizioni n o n f a t t e
u n a v o l t a t a n t o , m a r i p e t u t e p e r i o d i c a m e n t e d o v r e b b e r o , s t a n d o alla
i n t e r p r e t a z i o n e l e t t e r a l e di quell'articolo, c o m p u t a r s i nella m e r c e d e .
I o v e r a m e n t e n o n escludo che in p r a t i c a u n a a t t r i b u z i o n e p a t r i m o n i a l e

') C f r . p u r e LOTMAR, Arteilvertrag, I, p . 119.


s i f f a t t a possa ripetersi, alla lunga, senza con ciò creare per lo p i ù
u n a a s p e t t a t i v a nel l a v o r a t o r e , e col t e m p o trasformarsi, r i e n t r a n d o
nella mercede cui il l a v o r a t o r e h a d i r i t t o : è argomento su cui tor-
n e r e m o poi. A d ogni modo è certo che casi di vera elargizione ripe-
t u t a n o n m a n c a n o : ad es. le mancie che per consuetudine si d a n n o
ai l a v o r a t o r i m a n u a l i a certe epoche d e l l ' a n n o ; e ogni a l t r a forma
di gratificazione a n c h e p e r categorie di lavoratori p i ù elevate. Argo-
m e n t a n d o d u n q u e a contrarili dell'art. 13 q u e s t e n o r m e e q u e s t e gra-
tificazioni dovrebbero r i e n t r a r e nella mercede perchè, anche se elar-
gizioni s p o n t a n e e e generose, n o n sono a d ogni modo elargizioni f a t t e
una volta tanto.
Ora, ciò premesso, b i s o g n a r i t e n e r e che la legge sugli infortuni, c h e
è legge di protezione delle classi lavoratrici (in realtà « a n c h e » delle
classi lavoratrici, p e r c h è n e r i t r a g g o n o v a n t a g g i o p u r e gli industriali
p e r v a r i e ragioni), a b b i a p r e s o in considerazione non già la m e r c e d e
in senso r i g o r o s a m e n t e tecnico (cioè ciò che è dovuto al debitore
del lavoro, che r i e n t r a nel s i n a l l a g m a contrattuale), ma in generale i
g u a d a g n i che il l a v o r a t o r e h a f a t t o come r i m u n e r a z i o n e del lavoro.
Q u e s t o è u n c o n c e t t o assai lato, p e r c h è vi r i e n t r a a) a n z i t u t t o il vero
s a l a r i o : la r i m u n e r a z i o n e d o v u t a all'operaio, cui questi h a d i r i t t o ; 6) e
inoltre le liberalità r i c e v u t e in contemplazione del lavoro f a t t o o da fare.
I n q u e s t a seconda c a t e g o r i a r i e n t r a n o le mancie, le gratificazioni ecc...,
c h e n o n s a r a n n o m a g a r i v e r i e p r o p r i doni r e m u n e r a t o r i , cioè clonazioni
m a n u a l i f a t t e « p e r speciale r e m u n e r a z i o n e », o « p e r riconoscenza »
o « in considerazione dei meriti del d o n a t a r i o »; m a i n d u b b i a m e n t e
sono a t t r i b u z i o n i p a t r i m o n i a l i a titolo g r a t u i t o , a cui n o n sono appli-
cabili le regole delle v e r e donazioni (art, 1051); e che sono vincolate
d a un nesso col l a v o r o p r e s t a t o che ne costituisce il motivo (non la
causa) ') d e t e r m i n a n t e . Il t e r z o che p a g a le m a n c i e bene spesso vi
si s e n t i r à t r a s c i n a t o d a l l ' a b i t u d i n e , dall'esempio di quel che f a n n o gli
altri, dal n o n volere u s a r e u n a s c o r t e s i a ; il L o t m a r 2) n e fa anzi u n o
dei doveri morali che a t e r m i n i del § 8 1 1 Cod. civ. germ. r e n d o n o
i r r i p e t i b i l e la p r e s t a z i o n e n o n d o v u t a . T u t t o ciò à ammissibile e per-

») Il T r i b . di R o m a , 23 die. 1910, in Contr. lav., 1912, 49, h a c r e d u t o d i p o t e r


d a r e d e l s a l a r i o nel suo c o n c e t t o e c o n o m i c o - g i u r i d i c o u n c r i t e r i o n e g a t i v o ; « d a l
c o n c e t t o di s a l a r i o r i m a n e escluso q u e l g u a d a g n o che p e r c e p i s c e l ' o p e r a i o d a a l t r a
f o n t e , a n c o r c h é in occasione del l a v o r o , m a nou p e r c a u s a d i r e t t a di esso ». 11
nesso c a u s a l e d i r e t t o s a r e b b e d u n q u e s u f f i c i e n t e ; e certo un nesso s i f f a t t o vi h a
a n c h e nel d o n o r e m u n e r a t o l o p e r cui l a p r e s t a z i o n e di l a v o r o è m o t i v o e non c a u s a
nel senso g i u r i d i c o , m a u n m o t i v o che i m p l i c a p u r s e m p r e un d i r e t t o nesso causale.
Ad ogni m o d o q u e s t a a m p i a c o n c e z i o n e si r i f e r i s c e alla r i m u n e r a z i o n e , i n - g e n e r e ,
n o n al s a l a r i o : q u i s t a l ' e r r o r e del t r i b u n a l e , c a g i o n a t o dalla c a t t i v a f o r m u l a z i o n e
d e l l ' a r t . 13.
2
) Arbeilsvertrag, I, p . 700, n . 2.
f a t t a m é n t e conciliabile con la g r a t u i t à di q u e s t a a t t r i b u z i o n e non
p r e c e d u t a da vincolo obbligatorio d e t e r m i n a n t e . A n c h e qui, come per
la mercede, a b b i a m o u n a rimunerazione del lavoro (questo a m m e t t e
anche l'Ascoli '), che a ciò c o n n e t t e la m a n c a n z a dell'animus clona,lidi
necessario a costituire la donazione) in senso ampio 2 ); m a con q u e s t a
differenza, che nell'un caso (mercede) l ' a t t r i b u z i o n e della somma è
u n i t a s t r e t t a m e n t e colla p r e s t a z i o n e di lavoro in relazione sinallagma-
tica, cosicché n o n solo o g n u n a è c o n t e n u t a in u n a obbligazione, m a
l ' u n a reagisce p r o n t a m e n t e e facilmente sull'altra. I n v e c e nell'altro
caso i due termini del r a p p o r t o di r i m u n e r a z i o n e sono a u t o n o m i ;
l'uno, la p r e s t a z i o n e di lavoro, fa p a r t e di u n c o n t r a t t o di lavoro a
cui l'altro (la prestazione del compenso) è affatto estraneo, d e r i v a n d o
da u n a t t o giuridico a sè. Coll'effetto che non si d a n n o fenomeni di
reciproca reazione, poiché la m a n c i a , ad es., r i m a n e salda, a n c h e se la
considerazione che l ' h a d e t t a t a si fosse per a v v e n t u r a d i m o s t r a t a
erronea, non essendo q u e s t a considerazione che u n semplice m o t i v o :
salvo (caso, p e r le mancie, improbabile e non pratico) che p o s s a fun-
zionare la reazione m e d i a n t e presupposizione.
A dimostrazione di q u a n t o a b b i a m o qui a s s e r i t o s t a a n z i t u t t o che
il periodico r i n n o v a r s i di q u e s t e a t t r i b u z i o n i p a t r i m o n i a l i non p u ò
n o n a v e r e d e s t a t o u n a c e r t a a s p e t t a t i v a nel l a v o r a t o r e a cui sono corri-
sposte. Si b a d i p e r ò : non già u n ' a s p e t t a t i v a che d e b b a essere t u t e -
l a t a nel senso di a s s i c u r a r e u n diritto, u n a p r e t e s a a q u e l l ' a t t r i b u z i o n e ,
Q u e s t o no, postochè la n a t u r a s t e s s a di q u e s t i compensi (finché, cioè,
si t r a t t a di mancie, di gratificazioni, di premi, ecc.) s f u g g e a u n a
s u s s u n z i o n e c o a t t a nella posizione g i u r i d i c a c r e a t a dal c o n t r a t t o di
lavoro. Ma u n ' a s p e t t a t i v a q u a n t o a l l ' a t t u a z i o n e , in linea di p u r o f a t t o ;
il l a v o r a t o r e sa, per e s p e r i e n z a , che p o t r à f a r e a s s e g n a m e n t o a n c h e
su q u e s t e f o r m e di compenso, a cui egli sa di non a v e r d i r i t t o alcuno.
A p p u n t o per ciò n o n ne p u ò a v e r e la p i e n a s i c u r e z z a : è però s e m p r e

*) Trattato delle donazioni, p . 117. Io q u i p r e s c i n d o d a l l ' e s a m e p i ù a n a l i t i c o di


q u e s t a n o t a t e o r i a dell'ASCOLI, c h e r i e s c e a c o n c i l i a r e l ' a r t . 1 0 5 1 colla n e c e s s i t à
di u n animus donandi s o s t e n e n d o c h e l a d o n a z i o n e r e m u n e r a t o r i a c o n c e r n e la r e m u -
n e r a z i o n e d i s e r v i z i n o n e s t i m a t a l i p e r c h è n o n a v e n t i c o n t e n u t o p a t r i m o n i a l e , ciò
c h e il d i s p o n e n t e n o n p u ò i g u o r a r e ( o p . c i t . , p . 121). P e r il m i o s c o p o m i b a s t a
sia a f f e r m a t a l a g r a t u i t à d e l l ' a t t r i b u z i o n e . E in ciò t u t t i c o n s e n t o n o .
2
) In q u e s t o s e n s o si p u ò a m m e t t e r e c h e la g r a t i f i c a z i o n e o l a m a n c i a c o s t i t u i s c e
nn « s u p p l e m e n t o d i s t i p e n d i o », c o m e h a deciso, la C o r t e d ' a p p e l l o d i P a r i g i ,
1 1 m a g g i o 1912, i n Bulletin de l'office dti travati, s e t t . 1912, o c h e d e b b a c o n s i d e -
r a r s i c o m e «: u n a f o r m a di r e t r i b u z i o n e o r d i n a r i a », c o m e f u d e c i s o d a i p r o b i v . d i
B r e s c i a , 14 l u g l i o 1907, Contr. lav., 1908, 27 : b a s t a c h e r e s t i i n t e s o c h e , se è u n
p r o v e n t o d e l l a v o r o c o m e lo s t i p e n d i o , n o n f a p e r ò p a r t e d i q u e s t ' u l t i m o , c o m e
i n v e c e f u e r r o n e a m e n t e r i t e n u t o p e r le m a n c i e d i N a t a l e e di F e r r a g o s t o d a l g i u d i c e
c o n c i l . di M i l a n o , 2 m a r z o 1905, n e l l a Raccolta d e l l ' E u s u m o , p a g . 361.
u n a f o n d a t a s p e r a n z a clie influirà sul lavoratore nel d e t e r m i n a r e il
proprio t e n o r e di v i t a ').
I n o l t r e la legge u s a espressioni che giustificano q u e s t a l a t i t u d i n e
di concetto. L ' a r t . 12 del testo unico di legge sugli i n f o r t u n i discorre
di « r i m u n e r a z i o n e effettiva »; a g g i u n g e che per d e t e r m i n a r e il salario
giornaliero si deve t e n e r conto della somma dei g u a d a g n i percepiti
dall'operaio. E , meglio ancora, l'art. 13 r e g o l a m e n t o i n t e n d e per sa-
lario « t u t t o ciò che l'operaio riceve per r e t r i b u z i o n e del lavoro ».
D u n q u e o c c o r r e : a) u n r i f e r i m e n t o della somma al lavoro p r e s t a t o ,
in f u n z i o n e di r i m u n e r a z i o n e J ); b) u n a periodica ripetizione (trat-
t a n d o s i qui di operai, cioè di c o n t r a t t i di lavoro i n d u s t r i a l e subor-
dinato, con m e r c e d e a t e m p o o a cottimo). Nella legge non è detto
che la c o s t a n t e ripetizione periodica sia Un obbligo per l'industriale,
o u n a m e r a s u a liberalità, V i si allude, è vero, al « salario » che è,
tecnicamente, la mercede d o v u t a dal creditore del lavoro. Ma in realtà
il concetto della legge r i s u l t a a n c h e più lato.
Su q u e s t o a r g o m e n t o la d o t t r i n a 3) rivela l ' i n c e r t e z z a c h e la non
c o r r e t t a f o r m u l a z i o n e dell'art. 13 cit, giustifica. E s s a oscilla tra i due
poli opposti verso cui si s e n t e a t t r a t t a , da u n a p a r t e verso il concetto
del « salario » come p r e s t a z i o n e d e r i v a n t e dal c o n t r a t t o di lavoro,
d a l l ' a l t r o verso l ' o p p o r t u n i t à di tener conto a n c h e delle mancie, delle
gratificazioni, ecc., nel f o r m a r e la b a s e p e r il calcolo dell'indennità.
U n riflesso tipico di q u e s t e oscillazioni v e d i a m o nel noto commento
della legge sugli i n f o r t u n i d e l l ' A g n e l l i 4), pel q u a l e « la periodicità e
l ' a b i t u a l i t à di t a l i p a g a m e n t i d a r e b b e r o il c a r a t t e r e di u n a r i m u n e r a -
zione » e fin qui sta b e n e ; m a poi si a g g i u n g e « sulla quale l'operaio
è in d i r i t t o di c o n t a r e » . D i r i t t o alle mancie, alle gratificazioni? Mi
p a r e molto a r d i t a q u e s t a a f f e r m a z i o n e ; salvochè l ' A g n e l l i non alluda a

') Anzi, l ' o p e r a i o n e l m o m e n t o del c o n t r a t t o p u ò a v e r v i f a t t o t a l e a s s e g n a m e n t o


d a essersi i n d o t t o a l l a s t i p u l a z i o n e del c o n t r a t t o p e r c h è le m a n c i e e le g r a t i f i c a -
zioni c o s t i t u i v a n o u n a sufficieute i n t e g r a z i o n e della m e r c e d e .
•) L e s e n t e n z e c h e si s o f f e r m a n o a definire il s a l a r i o - b a s e (es. i l T r ì b . R o m a cit.
n e l l a n o t a s e g u e n t e ) esigono un g u a d a g n o c o r r i s p e t t i v o al lavoro p r e s t a t o . Cor-
r i s p e t t i v o v e r a m e n t e si suole u s a r e p e r a l l u d e r e a l l ' e q u i v a l e n z a di due. c o n t r o p r e -
s t a z i o u i c o n t r a t t u a l m e n t e o b b l i g a t o r i e . P i ò e s a t t a m e n t e è a dirsi : « r i m u n e r a z i o n e »,
c o n c e t t o piti l a t o in cui n o u è i m p l i c i t o q u e l c o n t r o l l o s o g g e t t i v o b i l a t e r a l e c h e
i n f o r m a la c o r r i s p e t t i v i t à , e p r e s u p p o n e l ' o b b l i g a t o r i e t à delle d u e p r e s t a z i o n i . L a
r i m u n e r a z i o n e p u ò a n c h e p r e s u p p o r r e l ' a p p r e z z a m e n t o s o g g e t t i v o solo d i chi p a g a :
può quindi riferirsi a un dono. remuneratorio.
3
) F a v o r e v o l e ' mi p a r e l a g i u r i s p r u d e n z a , l a quale però n o n e b b e occasione, che
io s a p p i a , di a p p r o f o n d i r e d i r e t t a m e n t e q u e s t o p u n t o . L a t e n d e n z a è di f a r r i e n t r a r e
nel s a l a r i o ogni possibile g u a d a g n o r i c a v a t o col l a v o r o . Ad es. il T r i b u n a l e di R o m a ,
23 die. 1910, in Conlr. lav., 1912, 4 9 : e meglio a n c o r a lo stesso T r i b u n a l e , S m a r z o
1912, eod. p . 273.
4
) Commento, p . 292.
quella mera a s p e t t a t i v a di rinnovazione, t u t e l a t a solo col c o m p r e n d e r e
a n c h e quei compensi nella rimunerazione che è base per il calcolo del-
l ' i n d e n n i t à : ma allora quell'espressione sarebbe certo infelice. Del resto
l'Agnelli conclude col non concludere, c o m b a t t u t o tra Scilla e Cai-iddi
D e c i s a m e n t e contrari al n o s t r o a s s u n t o sono coloro che 5) compu-
t a n o nel salario, a senso dell'art. 13, solo le mancie e le gratificazioni
non solo c o n s u e t u d i n a r i e e certe, ma che costituiscano u n d i r i t t o
dell'operaio: d u n q u e mancie e gratificazioni che f a n n o c o n t r a t t u a l m e n t e
p a r t e della m e r c e d e ! E p p u r e q u e s t a è, se non erro, l'opinione accolta
p r e f e r i b i l m e n t e nella d o t t r i n a 3 ). C'è chi 4) la sintetizza scrivendo che
delle m a n c i e le p a r t i debbono a v e r t e n u t o conto uel momento della
stipulazione del c o n t r a t t o di l a v o r o : il che, v e r a m e n t e , p a r e a primo
a s p e t t o cosa non d i v e r s a d a l l a obbligatorietà, P e r c h è se le p a r t i
n e t e n n e r o conto vuol dire (almeno così si affaccia la cosa a t u t t a
prima) che le m a n c i e e le gratificazioni r i e n t r a n o nella situazione con-
t r a t t u a l e , cioè nel campo dei d i r i t t i e dei d o v e r i : f a r e b b e r o p a r t e
d u n q u e della mercede d o v u t a d a l l ' u n a , p r e t e s a d a l l ' a l t r a p a r t e ; il
discorso che n e f a n n o le p a r t i s u s c i t a nel debitore del lavoro u n a
a s p e t t a t i v a che deve essere t u t e l a t a come g a r a n z i a d e l l ' a t t r i b u z i o n e .
O r a ciò n o n s a r e b b e esatto. Le p a r t i possono avervi a c c e n n a t o p e r
caso come a possibili compensi, n o n g a r a n t i t i , m a c h e possono interve-
nire a i n t e g r a r e q u e l l a che è la vera m e r c e d e c o n t r a t t u a l e . Le p a r t i vi
alludono d u n q u e come a r e t r i b u z i o n e in quel senso ampio che qui
a b b i a m o accennato. Q u e s t a è a n z i la r e g o l a p e r c h è si p o s s a discorrere
d i m a n c i e e di gratificazioni, che a s s o l u t a m e n t e s f u g g o n o a q u a l u n q u e
idea di coazione 5) e che, se dovute, n o n sono p i ù tali, ma p a r t e della
mercede 5 ).

1) L e difficoltà che I'AGNELLI o p p o n e e che lo r e n d o n o p e r p l e s s o non mi s e m b r a n o


ostacoli e s a u r i e n t i ; l a difficoltà eccezionale del c o m p u t o , l ' i n c e r t e z z a d e l l ' a m m o n -
t a r e E d è p o i a v e d e r e se p r o p r i o « il l e g i s l a t o r e e v i d e n t e m e n t e n o n li h a a v u t i
in m i r a ». A me p a r e i n v e c e che l a f o r m u l a d e l l ' a r t . 13 d e l r e g o l a m e n t o sia piti
f a v o r e v o l e a d a m m e t t e r l i che a e s c l u d e r l i .
2
) Cosi SASSI e VALORI, in Infortuni sul lavoro, p . 289.
3) C f r . A p p . B o l o g n a 13 d i e . 1901, i n Baco, del BUGNI, n. 800. C f r . p u r e SACIIET,
op. a p p r . c i t . , § 8 2 6 : il p a d r o n e d e v e a v e r p o t u t o p r e v e d e r e le m a n c i e , e fissarne
a p p r o s s i m a t i v a m e n t e l ' a m m o n t a r e n e l m o m e n t o della f o r m a z i o n e d e l c o n t r a t t o .
') N I L O - V E R O N A POSITANO, nel Contr. lav., 1912, p. 76.
5) L'AGNELLI, op. e 1. cit., d i s c o r r e di m a n c i e « che in t a l u n i casi c o s t i t u i s c o n o
u n v e r o o b b l i g o p e r certi clienti ». S a r à v e r o : m a a l l o r a , r i p e t o , non sono p m
m a n c i e . S a l v o c h e si v e d a u n d o v e r e g i u r i d i c o in quello che n o n è se non un d o v e r e
sociale, d e t t a t o d a r a g i o n i di o p p o r t u n i t à ed e q u i t à , m a u n o di q u e i d o v e r i c h e
l a s c i a n o i n t a t t o il c o n c e t t o di d o n a z i o n e p e r l ' a r t . 1051.
«) L a s e n t e n z a u l t , cit. del T r i b u n a l e di R o m a ha r i t e n u t o che le m a n c i e di cui
n e l l a f a t t i s p e c i e « c o n c r e t a n d o s i in u n g u a d a g n o s e t t i m a n a l e non t r a s c u r a b i l e »
d o v e v a n o esser s t a t e c o n s i d e r a t e « a c c e s s o r i a m e n t e d a l l a Società n e l l a d e t e r m i n a -
Quale la c o n s e g u e n z a ? Che, d u n q u e , il f a t t o che nella stipulazione
del c o n t r a t t o se n e discorra non h a in sè n e s s u n a rilevanza ') : siamo
s e m p r e lì, a dover d i s t i n g u e r e in u l t i m a analisi tra compenso obbli-
gatorio o volontario; g i u r i d i c a m e n t e solo il primo è mercede, salario
corrispettivo, cioè c o n t r a t t u a l e . Ma il secondo, come retribuzione (sia
p u r e volontaria), q u a n d o sia r i p e t u t a a b i t u a l m e n t e p u ò r i e n t r a r e n e l l a
b a s e del computo dell'indennità. I n sostanza, ripeto, abbiamo u n a ri-
m u n e r a z i o n e o compenso del lavoro r i s u l t a n t e d a u n a p a r t e contrat-
t u a l m e n t e d e t e r m i n a t a e o b b l i g a t o r i a : la mercede, il corrispettivo, il
salario ecc.; e inoltre d a u n a p a r t e aleatoria, d a t a dalle mancie e grati-
ficazioni, rimesse a l l ' a r b i t r i o elei creditore del lavoro, non d i p e n d e n t e
dal c o n t r a t t o di lavoro, m a a u t o n o m a (siano o no doni remuneratori) 2 ),
e che r a p p r e s e n t a u n di p i ù oltre quella p a r t e di rimunerazione (la
mercede) che è r i t e n u t a il minimo dell'equivalenza del compenso al
lavoro.
37. L a gratificazione è d u n q u e u n di p i ù non in relazione di scambio,
q u i n d i u n ' a t t r i b u z i o n e a -titolo gratuito, per cui non ha, di regola,'
influenza a l c u n a la r i p e t i z i o n e c o s t a n t e p e r molti anni, per modo d a
i m p r i m e r v i c a r a t t e r e di obbligatorietà. Il contrario a v e v a c r e d u t o u n
t e m p o di p o t e r s o s t e n e r e il Cogliolo, cbe a n c h e l ' A s c o l i ricorda e
c o n f u t a b r e v e m e n t e 3 ). Il Cogliolo a v e v a s o s t e n u t o che u n c o n t r i b u t o

zione del s a l a r i o fisso di cui q u e l g u a d a g n o v e n i v a ad esser q u i n d i posto a comple-


m e n t o ». C e r t o è u n a q u e s t i o n e di f a t t o , e ciò p u ò a n c h e essere v e r o . Ma allora vuol
d i r e c h e in r e a l t à quelle m a n c i e e r a n o o b b l i g a t o r i e , cioè n o n e r a n o p i ù m a n e i e ,
m a u n s u p p l e m e n t o d e l l a m e r c e d e che p u ò essere d e t e r m i n a t a in p a r t e a tempo^
in p a r t e a c o t t i m o .
') L a g r a t i f i c a z i o n e p u ò c o n s i s t e r e a n c h e in u n a p a r t e c i p a z i o u e a g l i u t i l i ; se
i n v e c e q u e s t a c o s t i t u i s c e un d i r i t t o , n o n è d u n q u e p i ù g r a t i f i c a z i o n e , m a p a r t e
della m e r c e d e . N o n è i n f r e q u e n t e in p r a t i c a l ' u s o della p a r o l a « m a n c i a » p e r al-
l u d e r e a c o m p e n s i o b b l i g a t o r i , q u i n d i v e r a m e r c e d e , m a di p i c c o l a e n t i t à , p r o p o r -
zionali a un d a t o s e r v i g i o (col c a r a t t e r e q u i n d i di cottimo), a v e n t i i n s o m m a l ' a p -
p a r e n z a d i q u e l l e che sono le v e r e m a n c i e f a c o l t a t i v e . Così è il caso d i cui si s o n o
o c c u p a t i i p r o b i v i r i (13 m a g g i o 1899, u. 31, nel Manuale d e l l ' a v v . CONTINI, p a g . 1 - 5 ) :
a l l ' o p e r a i o c a s a r o s p e t t a u n a m a n c i a ( c e n t . 15) p e r ogni f o r m a di f o r m a g g i o f a t t a
e c u r a t a d a lui per lo spazio d i d u e a n n i , e p r o n t a p e r l a v e n d i t a , essendo q u e s t a
m a n c i a d o v u t a in s o p r a p p i ù del s a l a r i o q u a l e c o m p e n s o delle c u r e p r o d i g a t e .

*> L U V E C O N SACHET, Traité théoriqne et pratique de la Ugislation sur les addenti,


I (1904), n . 826, r i t i e n e c o m p u t a b i l i le m a n c i e nel s a l a r i o solo se r i e n t r a n o in
c e r t o m o d o nel q u a d r o del c o n t r a t t o di l a v o r o , in q u a n t o il p a d r o n e n e a b b i a
t e n u t o c o n t o n e l d e t e r m i n a r e l ' a m m o n t a r e della m e r c e d e . O r a , non e s c l u d o che, se
a b i t u a l i , q u e s t o a s s e g n a m e n t o , s u s s i s t a in r e a l t à p e r p a r t e di a m b o i c o n t r a e n t i :
m a n o n è n e c e s s a r i o . Q u i n d i se l ' u s o delle m a n c i e ( s e m p r e v o l o n t a r i e ) o g r a t i f i c a -
zioni f u i n t r o d o t t o p o s t e r i o r m e n t e a l l a s t i p u l a z i o n e del c o n t r a t t o , ò certo che eio
m a l g r a d o q u e s t a r i m u n e r a z i o n e s u p p l e m e n t a r e e v o l o n t a r i a p o t r à r i e n t r a r e nel
calcolo d e l s a l a r i o - b a s e .
3
) Vedi COGLIOLO nel suo Annuario critico, 1893, II, p . 62 ; ASCOLI, Trattato delle
donazioni, p . 119 in n o t a .
g r a t u i t o p e r la m a s s a v e s t i a r i o c o n t i n u a t o e r i p e t u t o p e r m o l t i a n n i
c r e a v a s e n z ' a l t r o , in p r o c e s s o di t e m p o , l'obbligo di p r e s t a r l o . S e c o n d o
il chiarissimo g i u r i s t a d u n q u e q u e s t a e r a n o u già u n a d o n a z i o n e , m a
u n compenso. L ' A s c o l i c o m b a t t e in p a r t e la tesi : .non vi è obbliga-
t o r i e t à di q u e s t a prestazione. T u t t a v i a c o n s e n t e f o r m a l m e n t e con il
Cogliolo: n o n si h a t u t t a v i a donazione, m a c o m p e n s o ; p e r ò ciò n o n
p e r c h è vi sia onerosità, come p e n s a il Cogliolo, m a p e r c h è il riferi-
m e n t o del c o n t r i b u t o al lavoro p r e s t a t o (compenso volontario) e s c l u d e
l'animus demandi.
I o potrei a n c h e c o n s e n t i r e col Cogliolo e coli'Ascoli q u a n t o a l l a
esclusione della donazione. C e r t a m e n t e s o t t o s c r i v o a q u a n t o l ' A s c o l i os-
s e r v a c o n t r o la tesi e s s e n z i a l e del chiaro g i u r i s t a d e l l ' A t e n e o geno-
vese. È d a n o t a r e , a q u e s t o proposito, c h e il Cogliolo è r e c e n t e m e n t e
r i t o r n a t o s u l l ' a r g o m e n t o in a p p a r e n z a r i a f f e r m a n d o la s u a tesi, c h e
cerca di c o r r o b o r a r e con u n r a g i o n a m e n t o g i u r i d i c o ' ) : in r e a l t à lu-
m e g g i a n d o l a s o t t o u n a l u c e d i v e r s a , t a n t o c h é l a d i f f e r e n z a c h e ci di-
v i d e è f o r s e m e n o g r a n d e di q u e l c h e s e m b r i . L a tesi è c h e « u n f a t t o
di c o n t e n u t o p a t r i m o n i a l e , c o s t a n t e m e n t e p r a t i c a t o f r a il c o n d u t t o r e
e il d a t o r e di opera, d i v e n t a u n f a t t o c h e i m p l i c a la v o l o n t à di c r e a r e
u n vincolo c o n t i n u a t i v o ». D u n q u e t r a s f o r m a z i o n e del r e g a l o i n u n
d i r i t t o (ora si t r a t t a v a d e l l ' i m p o s t a di r i c c h e z z a mobile sullo s t i p e n d i o
degli i m p i e g a t i p a g a t a d a l l a S o c i e t à s e n z a f a r s i r i m b o r s a r e d a g l i im-
p i e g a t i , come la S o c i e t à n e a v r e b b e d i r i t t o : a r t . 15, l e g g e relat.) 2 ).
P r e m e t t o i n t a n t o c h e il Cogliolo ha, a c u t a m e n t e , i m p e r n i a t a la s u a
d i m o s t r a z i o n e s u l l ' u n i c a b a s e possibile, cioè s u l l ' a r t , 1124, e v i t a n d o
lo scoglio d e l l ' u s u c a p i o n e dei c r e d i t i o, p e g g i o , d e l l a p r e s c r i z i o n e im-
m e m o r i a l e . L u n a e l ' a l t r a sono p e r il n o s t r o s i s t e m a di d i r i t t o civile
a s s o l u t a m e n t e i n a m m i s s i b i l i , b e n c h é n o n sia m a n c a t a q u a l c h e v o c e ,
r i m a s t a i s o l a t a n e l l a d o t t r i n a , c h e n e h a a s s u n t o le difese. T u t t a v i a
n o n v o r r e i g i u r a r e c h e a l m e n o l ' e c o di q u e l l e v o c i n o n r i s u o n a s s e
a l l ' o r e c c h i o del collega m e n t r e a s s e r i v a l a s u a tesi.
I o sono d ' a c c o r d o col Cogliolo sul v a l o r e c o a t t i v o c h e p u ò a v e r e
la c o n s u e t u d i n e l i m i t a t a alle r e l a z i o n i t r a u n i n d u s t r i a l e a d es. e 1
suoi d i p e n d e n t i ; cioè « l ' o s s e r v a n z a a b i t u a l e di u n d a t o r a p p o r t o t r a
d u e p a r t i c o n t r a e n t i » 3). Q u e s t o è v e r i s s i m o . M a si b a d i : la c o n s u e t u -
d i n e non p u ò c h e e s t e n d e r e ad a l t r i casi q u e l l e c l a u s o l e che in casi pre-

Nel suo II dir. commerciale, 1910, II, p. 503.


2
) Allo stesso o r d i n e di idee ha a d e r i t o il T r i b t n i . i n d u s t r . di P r a g a , 8 a g o s t o
1907, Contr. lav., 1908, 233, pel quale u u a gratificazione non p a t t u i t a nel c o n t r a t t o ,
ina r e g o l a r m e n t e c o r r i s p o s t a ad ogni capo d ' a n n o , non costituisce u n a d o n a z i o n e
i n c e r t a ed occasionale, m a r a p p r e s e n t a u n vero e p r o p r i o a u m e n t o di s t i p e n d i o ,
concesso bensì d a u u a delle p a r t i e non più revocabile.
3
) C f r . i n f a t t i le mie Istituzioni di diritto civile (1914, Vallardi), p . 17.
c e d e n t i erano p a r t e dei c o n t r a t t i d a cui derivava il medesimo tipo
di r a p p o r t o . U n a clausola per c o n s u e t u d i n e obbligatoria contrattual-
m e n t e si estende a d altri successivi c o n t r a t t i del medesimo g e n e r e :
m a si e s t e n d e così com'è, cioè obbligatoria o facoltativa, secondo i
casi. I n o l t r e l'esecuzione c h i a r i r à la v o l o n t à d u b b i a , cioè, come scrive
il Cogliolo, « il modo di essere di un c o n t r a t t o per un certo t e m p o
p a s s a t o d e t e r m i n a il modo di essere f u t u r o ». Ma si deve t r a t t a r e di
volontà dubbia, e cbe l'esecuzione c h i a r i s c e : cpiestione di interpreta-
zione. P e r c i ò q u a n d o la gratificazione era v e r a m e n t e tale, l'uso, la longa
observantia n o n v a l e a m u t a r n e l a n a t u r a . N è vale invocare la b u o n a
f e d e e l ' e q u i t à (richiamate da quel medesimo articolo 1124) che im-
pone l'efficacia dell'uso *). È vero che q u e s t a efficacia si a p p o g g i a alla
b u o n a f e d e : l'uso v a imposto p e r c h è sorge l e g i t t i m a l ' a s p e t t a t i v a in
u n a delle p a r t i , d a t i i precedenti, che esso d e b b a a n c h e ora essere
seguito. M a è diffìcile p e n s a r e che u n a gratificazione n o t o r i a m e n t e
r i m a s t a tale, e c o n s i d e r a t a t a l e d a l l ' i n d u s t r i a l e , p o s s a r a g i o n e v o l m e n t e
c r e a r e delle a s p e t t a t i v e di o b b l i g a t o r i e t à negli impiegati a d d e t t i a
q u e l l ' a z i e n d a i n d u s t r i a l e 2).
M a in fondo a n c h e il Cogliolo è di q u e s t ' a v v i s o , dal m o m e n t o che
e s c l u d e quella t r a s f o r m a z i o n e se vi f u r o n o « e v i d e n t i dichiarazioni di
elargizione s p o n t a n e a » 3). E allora a che p r ò t u t t o q u e s t o a p p a r a t o di
d i m o s t r a z i o n e ? D u n q u e t r a s f o r m a z i o n e non v i h a : se, d a t e le circo-
stanze, e r a proprio i n c e r t o il c a r a t t e r e di gratificazione volontaria non
è escluso che l'esecuzione c o n t i n u a t a p o s s a essere u n indice che ri-
veli il suo c a r a t t e r e obbligatorio. Ecco t u t t o .
Si noti però che il d u b b i o sul c a r a t t e r e volontario o coattivo della
gratificazione d e v e essere p r o p r i o serio : il più delle volte io credo
c h e il d u b b i o sia escluso dalla s t e s s a n a t u r a d e l l ' a t t r i b u z i o n e patri-
moniale secondo che è u s u a l m e n t e c o n s i d e r a t a nella p r a t i c a i n d u s t r i a l e ;
è certo che gli usi locali l u m e g g i a n o a n c h e ciò che d e v e essere rite-

') A q u a n t o p a r e a n c h e il SACHET, cit. n. 833, i n v o c a l ' a s p e t t a t i v a del l a v o r a t o r e .


2
) V a n o t a t o che di solito q u e s t o a r g o m e n t o si d i b a t t e n o n g i à p e r c o s t r i n g e r e
l ' i n d u s t r i a l e a f a r e l ' a t t r i b u z i o n e p a t r i m o n i a l e c o n s u e t a (salvo f o r s e il caso che
l ' i m p i e g a t o si limiti a d i f e n d e r s i c o n t r o l a d o m a n d a di r i m b o r s o d e l l ' i m p o s t a di
r i c c h e z z a mobile), m a p e r a u t o r i z z a r e l ' o p e r a i o o l ' i m p i e g a t o l i c e n z i a t o a p r e t e n -
d e r e l a l o r o p a r t e d i g r a t i f i c a z i o n i . M a a ciò, come si v e d r à n e l t e s t o , si a r r i v a
a n c h e s e n z a i n t a v o l a r e lina d i s c u s s i o n e così s p i n o s a come q u e s t a della longa oiservantìu.
I n v e c e l ' a b i t u d i n e mi p a r e i n v o c a t a come f o n t e del d i r i t t o al p r e m i o d a l l a Cass.
f r a u c . 2 m a g g i o 1907, Reoue prat. de droit industriel, 1907, 263.
3
) Op. c i t . p. 504. Il T r i b u n a l e di T e m p i o , 2 a g o s t o 1905, eod. p a g . 502, h a
a c c e d u t o alla tesi del COGLIOLO che, se si t r a t t a s s e di m e r a i n t e r p r e t a z i o n e di u n a
p r a t i c a d u b b i a p u ò a n c h e a m m e t t e r s i . Col t e s t o , cioè c o n t r o la t r a s f o r m a z i o n e a l l a
q u a l e a q u a n t o p a r e n o n c r e d e f o r s e n e p p u r e lo stesso COGLIOLO, T r i h u n . L i o n e ,
4 g e n n . 1899, cit., in FOLLIN, Le contrai de travati et la partecipation aus benefices,
pag. 151.
m i t o dello stesso f a t t o p e r u n a d e t e r m i n a t a azienda. Occorrono proprio
circostanze speciali che facciano n a s c e r e il dubbio in proposito; e allora
b i s o g n e r à dimostrare u n a longa observantia, ma n o n u n a longa obser-
vantia senz'altro, ma la ripetizione c o s t a n t e del r a p p o r t o in quella
forma, e con quel corredo di circostanze che v a l g a n o a i n d u r r e la con-
vinzione dell'originaria (si noti) obbligatorietà dell'attribuzione. T i r a t e
le somme, io credo che d a t a la n a t u r a o r d i n a r i a eli epieste a t t r i b u z i o n i
non sia molto facile che q u e s t a convinzione possa formarsi.
L ' o b b l i g a t o r i e t à dell'attribuzione, cioè l'esclusione del suo c a r a t t e r e
di s p o n t a n e a gratificazione, eleve d u n q u e a p p o g g i a r s i a indici abba-
s t a n z a chiari '). Certo n o n b a s t a che se ne discorra nel r e g o l a m e n t o
i n t e r n o di f à b b r i c a 2), che p u ò alludervi come a gratificazioni even-
tuali, lasciando i m p r e g i u d i c a t o l ' a r b i t r i o elei c a p o dell'azienda.
Cosa molto diversa dalla o b b l i g a t o r i e t à nel senso che abbiam visto
ora, e che non a b b i a m o a m m e s s o che possa conseguire dalla longa
observantia di u n a gratificazione s p o n t a n e a , è l'obbligo di d i s t r i b u i r e
la gratificazione o la m a n c i a a t u t t i i d i p e n d e n t i , u n a v o l t a decisa
e d e s t i n a t a alla g e n e r a l i t à di essi. Q u e s t a è obbligatorietà (come b e n e
rileva i n c i d e n t a l m e n t e l ' A s c o l i ) 3 ) che p r e s u p p o n e n o n già u n a coazione
iniziale alla a t t r i b u z i o n e della l i b e r a l i t à (che allora n o n s a r e b b e p i ù
liberalità), ma alla s u a distribuzione, u n a volta che l ' i n d u s t r i a l e si è
s p o n t a n e a m e n t e deciso a l l ' a t t r i b u z i o n e . È q u e s t o l'angolo visuale sotto
cui q u e s t o a r g o m e n t o f a capolino nella g i u r i s p r u d e n z a dei p r o b i v i r i
e dei t r i b u n a l i : può l'operaio e l ' i m p i e g a t o licenziato p r e t e n d e r e q u e s t e
m a n c i e o gratificazioni ? L a soluzione, come si capisce, d i p e n d e eia ele-
m e n t i che ancora n o n p o s s e d i a m o i n t e r a m e n t e , a q u e s t o p u n t o della
t r a t t a z i o n e . D o m i n a qui la soluzione a f f e r m a t i v a .
38. A d ogni modo, se a' t e r m i n i della legge degli i n f o r t u n i sul la-

') In p r a t i c a è spesso r i t e n u t o un i n d i c e di q u e s t o g e n e r e la t e n u i t à della m e r -


cede, e l ' i m p o r t a n z a d e l complesso delle c o s i d d e t t e g r a t i f i c a z i o n i in c o n f r o n t o al-
l ' a m m o n t a r e d e l l a m e r c e d e . È f a c i l e c h e il l a v o r a t o r e a b b i a o r i g i n a r i a m e n t e f a t t o
a s s e g n o su q u e s t e g r a t i f i c a z i o n i , come o b b l i g a t o r i e : se, d a t e le c i r c o s t a n z e , q u e s t a
a s p e t t a t i v a p o t è s e m b r a r e r a g i o n e v o l m e n t e s o r t a , q u i n d i t u t e l a b i l e , come n e c e s s a r i a
i n t e g r a z i o n e d e l l a d e f i c i e n t e m e r c e d e , si p o t r à a n c h e r i t e n e r e l ' o b b l i g a t o r i e t à ,
q u a n d o q u e s t a si a p p o g g i alla longa observantia. Così h a g i u d i c a t o , a u n d i p r e s s o ,
il T r i b . c o m m . d i B e r l i n o , 29 m a g g i o 1913, Sociale Praxis, 1914, 420, che h a
c o n s i d e r a t o c o l l ' a t t o r e c o n t r o i b u o n i c o s t u m i , che il 27 °/ 0 della r i m u n e r a z i o n e
( d a t o d a l l e g r a t i f i c a z i o n i ) si d e b b a c o n s i d e r a r e a r b i t r a r i o . L a m o t i v a z i o n e p e r ò è
insufficiente.
2
) L a c i t a t a s e n t e n z a dei p r o b i v i r i di B r e s c i a (14 l u g l i o 1997, Contr. di lav.,
1908, 27) ne f a un i n d i c e p e r il g i à r i c o r d a t o c a r a t t e r e della m a n c i a come * f o r m a
d i r e t r i b u z i o n e o r d i n a r i a ». Non h o p o t u t o l e g g e r e il c o n t e n u t o d e l l a s e n t e n z a ,
q u i n d i n o n so se si sia con ciò a l l u s o al c a r a t t e r e d i m e r c e d e v e r a ( c o n t r o l ' i n t e r -
p r e t a z i o n e s o p r a p r e s u p p o s t a ) : nel q u a l c a s o , r i p e t o , il r i c o r s o a q u e l l ' i n d i c e a v r e b b e
uno scarso valore dimostrativo.
3
) Op. e 1. c i t ,
voro non e probabilmente a ritenere cbe l'essere o no un compenso
o b b l i g a t o n e sia u n a differenza importante, quando il compenso volon-
tario sia ripetuto usualmente, rimane pur sempre la fondamentale impor-
t a n z a dell'essere o no un compenso in relazione sinallagmatica colla
prestazione di lavoro). Se è estraneo al contratto il compenso volon
10 DOn 1,110 mfluirvi se
i come motivo che ha determinato il
consenso di uno delle p a r t i : cioè o non h a influenza alcuna, o ne h a
negli s t r e t t i limiti di una presupposizione. Il problema è praticamente
importante, perchè vi sono lavoratori che stipulano il contratto di
lavoro m v i s t a delle consuetudinarie mancie e gratificazioni. Ora se
queste poi mancano che influenza a v r à ciò sul contratto di lavoro? V
t u t t a prima che il lavoratore abbia nell'animo suo considerato come cor-
rispettivo al proprio layoro la mercede più il compenso volontario non
p a r u n a ragione per ritenere che, m a n c a n d o questo compenso, v e n g a
meno 11 contratto, postochè la a r b i t r a r i e t à del compenso lo rende aleatorio
e questa a l e a t o n e t à doveva essere conosciuta dal lavoratore: questa è
la ragionevole a s p e t t a t i v a che in proposito nasce nell'industriale, nel
capo dell'azienda finché, almeno, si t r a t t a di mancie o di gratificazioni.
T u t t a v i a rimane a vedere se come presupposizione conosciuta dal cre-
ditore del lavoro possa influire sul c o n t r a t t o quando v e n g a meno Che
ciò possa essere in armonia coll'apprezzamento equitativo e colla buona
tede (art. 1124) ') io non vorrei escludere a priori in modo assoluto,
benché su questo p u n t o per autorizzare u n a risoluzione onte tempii
del c o n t r a t t o bisognerà essere molto c a u t i : del resto l'apprezzamento
equitativo p u ò t a l o r a influire senza ricorrere a d d i r i t t u r a alla risolu-
zione del c o n t r a t t o : ad es. ammettendo u n condono di multe o u n a
compensazione di indennizzi Nel dubbio, anzi, è da escludere cer-
t a m e n t e che a u n a siffatta presupposizione possa riconoscersi qualsiasi
rilevanza giuridica.

) C f r . BARASSI, NI Runsta di di,-, comm., 1913, I, p . 36. N a t u r a l m e n t e oc-


c o r r e p r o p r i o c h e s,a d i m o s t r a t o a) che il l a v o r a t ó r e non a v r e b b e i n i z i a l m e n t e sti-
p u l a t o il c o n t r a t t o , cioè non a v r e b b e a c c e t t a t a la m e r c e d e , senza l ' i n t e r a z i o n e
3 1 1 1 1 O O N S N E T U D I
D E ' I Z T " ^ R ^ V ™ ; «A": E*. HUBERT VALLKROU x . Contrai
de tiavail, p 192 ; b) che ,1 c r e d i t o r e del l a v o r o s a p e v a ciò, nel m o m e n t o d e l l a
s t i p u l a z i o n e del c o n t r a t t o ; e) che la r i l e v a n z a d e l l a p r e s u p p o s i z i o n e è c o n f o r m e a d
e q u i t à e alle e s i g e n z e della b u o n a f e d e .
2
) E n o t e v o l e u n a s e n t e n z a dei p r o b i v i r i (sez. a l i m e n t a r i , Milano, 11 a g o s t o 1904
c i t nel Massimario del REDENTI, p . 99, n. 315), l a q u a l e , nel caso di un c a m e r i e r e
o b b l i g a t o a r i f o n d e r e il v a l o r e delle s t o v i g l i e d a lui r o t t e , e c h e d ' a l t r a p a r t e s ' e r a
v i s t o d i m i n u i r e n o t e v o l m e n t e le m a n c i e che i n t e g r a v a n o il suo s a l a r i o mensile
decise che « l a G i u r ì a p u ò c o m p e n s a r e t a l e s c a r s i t à col c o n d o n o delle r o t t u r e , p u r
e s s e n d o le m a n c e un p r o v e n t o del t u t t o i n c e r t o , e d i p e n d e n t e s p e c i a l m e n t e d a l l a
a b i l i t à d e l p e r s o n a l e , senza che p o s s a n a s c e r e r e s p o n s a b i l i t à del p a d r o n e per l a
s c e m a t a g e n e r o s i t à dei clienti ».
P i ù complesso è invece il problema q u a n d o non solo il debitore del
lavoro, m a a n c h e il creditore del lavoro abbia fatto inizialmente, cioè
nel momento della stipulazione del contratto, a s s e g n a m e n t o sul bene-
ficio e v e n t u a l e delle mancie per il lavoratore. N a t u r a l m e n t e qui ci
i n t e r e s s a solo il caso di mancie e gratificazioni p a g a t e al lavora-
tore d a terzi, cioè d a coloro a cui è d e s t i n a t o il lavoro. È u n caso
di cui discorreremo più a v a n t i , in connessione col problema della
onerosità.
39. Ohe la pensione a c c o r d a t a ad u n l a v o r a t o r e che a b b i a r a g g i u n t o
una d e t e r m i n a t a e t à d a chi ebbe i suoi servigi c o n t i n u a t i sia u n a
f o r m a di m e r c e d e è s t a t o d e t t o p i ù volte. Io n o n posso qui e s a u r i r e
l ' a r g o m e n t o r i f l e t t e n t e la n a t u r a giuridica della pensione, di cui di-
scorrerò a suo luogo. Qui debbo perciò limitarmi ad escludere sen-
z'altro q u e s t a opinione, che n o n ha n e s s u n a ragione d ' e s s e r e , così
come n o n l ' h a quella per cui le gratificazioni e le mancie siano p u r e
forme di mercede. S'è però visto che le gratificazioni sono r e a l m e n t e
la r i m u n e r a z i o n e di u n lavoro p r e s t a t o , vi è quindi u n a connessione
(che n o n è onerosità) fra q u e l l ' a t t r i b u z i o n e p a t r i m o n i a l e e la p r e s t a -
zione del lavoro. E a n c h e nella p e n s i o n e p u r a noi t r o v i a m o il c a r a t t e r e
f o n d a m e n t a l e di r i m u n e r a z i o n e di un lavoro p r e s t a t o , vi è q u i n d i quel
nesso di- s u b o r d i n a z i o n e . La visione empirica e superficiale p o t è f a r
credere il contrario, e che, s e n z a p e r a l t r o che sia r o t t o ogni l e g a m e
che assicura la p e n s i o n e alla c o n t i n u a t a a t t i v i t à di lavoro, v i sia u n
nesso di n a t u r a differente.
A differenza delle gratificazioni, t u t t a v i a , la p e n s i o n e n o n r i m u n e r a
u n lavoro p r e s t a t o a t t u a l m e n t e , n o n h a . d i r e t t o r i f e r i m e n t o ad esso;
i n d u b b i a m e n t e la p e n s i o n e è u n compenso che n o n h a per p r e s u p -
l>osto necessario la r e c i p r o c i t à a t t u a l e (contemporanea al p a g a m e n t o
della pensione) dei servigi, m a che si r i f e r i s c e ai servigi p r e s t a t i n e l
p a s s a t o . E t a n t o b a s t a p e r c h è la q u a l i t à di m e r c e d e sia esclusa. Nelle
gratificazioni q u e s t a q u a l i t à è esclusa, come s'è visto, dalla loro vo-
l o n t a r i e t à , che e s c l u d e v a q u e l nesso di o n e r o s i t à che o r d i n a r i a m e n t e ,
come v e d r e m o , nel Contratto di lavoro è a t t u a t o col sinallagma. Q u i
la c o a t t i v i t à c'è p e r c h è d i r i t t o a p e n s i o n e n o n v ' h a se n o n c o n t r a t -
t u a l m e n t e s t i p u l a t o , sia p u r e che il c o n t r a t t o r i n v ì i a leggi e regola-
m e n t i che l a disciplinino (com'è p e r gii i m p i e g a t i p u b b l i c i ) ; m a m a n c a
F a t t u a l i t à dello scambio *).
A d ogni modo è r i m u n e r a z i o n e del lavoro 2 ); s o m m a t a con q u e l l a
c h e si chiama t e c n i c a m e n t e mercede, s t i p e n d i o , salario, e colle gra-

') Del r e s t o le l e g g i s p e c i a l i d i s t i n g u o n o sempre stipendio da p e n s i o n e : cf. ad


es. il t e s t o u n i c o sullo s t a t o d e g l i i m p i e g a t i civili ; la l e g g e s u l l a p i g n o r a b i l i t à e
s e q u e s t r a b i l i t à degli s t i p e n d i , ecc.
2
) P o t r à f o r s e v a l e r e come a r g o m e n t o in q u e s t o senso l a f r a s e r i a s s u n t i v a c o n
c u i l ' a r t . 1 della legge s u l l a p i g u o r a b ì l i t à e sequestrabilità degli stipendi e delle
tificazioni o mancie, e cioè colla p a r t e che si r e t r i b u i s c e dietro at-
t u a l e p r e s t a z i o n e di lavoro, si a v r e b b e la retribuzione complessiva e
i n t e g r a l e del lavoro. T a n t ' è vero cbe la concessione del diritto a pensione
influisce p r a t i c a m e n t e s u l l ' a m m o n t a r e della vera mercede, limitandola,
così come vi influisce (vedremo) la concessione di u n a s u p p l e m e n t a r e
partecipazione ai profitti. I n o l t r e p r a t i c a m e n t e la pensione a s s u m e la
f o r m a di assicurazione, cosicché non è se n o n assicurazione contro
l ' i n a b i l i t à al lavoro d e r i v a n t e dalla vecchiaia, a cui p a r t e c i p a il lavo-
r a t o r e con c o n t r i b u t i a n n u i , per lo p i ù p r e l e v a t i dal creditore del la-
voro sulla mercede. D a u n p u n t o di v i s t a economico e sociale la
pensione q u i n d i è a n c h e u n a f o r m a c o a t t i v a di risparmio, per il t e m p o
in cui l'inabilità al lavoro p o r t e r e b b e alla privazione di ogni stipendio.
N o n dico con ciò che sia u n i c a m e n t e u n a forma di risparmio, p e r c h è
le pensioni non sono l i m i t a t e alla r e s t i t u z i o n e dei c o n t r i b u t i o t t e n u t i
dalla m e r c e d e del lavoratore. E d è in q u e s t a possibilità di u n o n e r e
u l t e r i o r e p e r l ' a z i e n d a che s t a il c a r a t t e r e proprio della pensione di
essere s u p p l e m e n t o di r i m u n e r a z i o n e o l t r e la mercede.
N a t u r a l m e n t e fin q u i ho s u p p o s t o il caso p i ù semplice che è dato dal
p a g a m e n t o delle p e n s i o n i per p a r t e dell'azienda a cui il l a v o r a t o r e
p e n s i o n a t o h a d a t o per t a n t i a n n i le p r o p r i e energie. M a la pensione
p u ò essere p a g a t a a n c h e da t e r z i : ad es. p e r gli operai dalla Cassa
nazionale di p r e v i d e n z a d i s c i p l i n a t a dalla legge 30 m a g g i o 1907, n. 376.
E allora il c a r a t t e r e di r i m u n e r a z i o n e del lavoro viene m e n o ; t u t t ' a l
p i ù i c o n t r i b u t i p a g a t i d a l l ' a z i e n d a a n n u a l m e n t e nell'interesse dell'ope-
raio e per suo conto (cfr. art. 13 cit, legge) costituiscono u n a rimu-
n e r a z i o n e che, se c o n t r a t t u a l m e n t e a s s u n t i , è v e r a porzione di m e r c e d e ;
se v o l o n t a r i a è f o r m a di gratificazione, N o n vi h a rimunerazione, in
quell'ipotesi, p e r c h è n o n vi è u n onere a carico del c o n t r a e n t e a cui
il lavoro era d e s t i n a t o .
A d ogni modo questi c o n t r i b u t i v e r s a t i d a l l ' a z i e n d a n o n f a n n o p a r t e
del salario di cui si d e b b a t e n e r conto per il calcolo d e l l ' i n d e n n i t à
in caso di i n f o r t u n i o , p o s t o c h è p e r l'art, 13 r e g o l a m e n t o della legge
sugli i n f o r t u n i , c h e già conosciamo, è c o n s i d e r a t o salario dell'operaio
« t u t t o ciò c h e q u e s t o riceve... ». Se d o b b i a m o i n t e r p r e t a r e letteral-
m e n t e q u e s t e parole, q u e l l a conclusione è sicura.
Q u e s t a è a n c h e u n a r a g i o n e per e s c l u d e r e d a questo c o m p u t o a n c h e
i p r e m i pagati d a g l i i n d u s t r i a l i p e r a s s i c u r a r e i loro operai c o n t r o gli
i n f o r t u n i sul lavoro, q u a n d o si v o g l i a n o concepire (così come i p r e m i
p e r le pensioni) come p a r t e della m e r c e d e . Q u e s t ' u l t i m o concetto è

p e n s i o n i c h i u d e l a r a s s e g n a ivi c o n t e n u t a : « e i c o m p e n s i di q u a l s i a s i specie c h e
lo S t a t o , eco. c o r r i s p o n d o n o ai l o r o . . . p e n s i o n a t i . . . p e r effetto e in c o n s e g u e n z a
dell'opera prestata ».
s t a t o r e c e n t e m e n t e s o s t e n u t o dal C a r n e l u t t i '), e per conto mio n o n
lio nulla d a obbiettare. Il C a r n e l u t t i però non si limita ai premi, m a
vede nella responsabilità in genere d e l l ' i n d u s t r i a l e p e r gli i n f o r t u n i
sul lavoro, quale è a lui accollata dalla legge, « u n a f o r m a u l t e r i o r e
di obbligo pel corrispettivo per il lavoro d e l l ' o p e r a i o ; obbligazione
a u n supplemento di mercede ». S u p p l e m e n t o di m e r c e d e s a r e b b e r o
d u n q u e l ' i n d e n n i t à a cui l ' i n d u s t r i a l e fosse t e n u t o (sia p e r il d i r i t t o
comune, come per l a stessa legge sugli infortuni) e i p r e m i p a g a t i
alla società assicuratrice. Q u a n t o alle i n d e n n i t à però debbo r i n v i a r e
a q u a n t o poi osserveremo circa il confine di separazione t r a la v e r a
mercede, e la v e r a i n d e n n i t à . Q u a n t o ai p r e m i il concetto è e s a t t i s s i m o .
40. L a m e r c e d e ci si offre all'analisi in u n a s p e t t o vario secondo
il p u n t o di v i s t a da cui ci collochiamo : del suo d e b i t o r e o del s u o
creditore. P e l primo è u n a spesa, u n ' a n t i c i p a z i o n e di ricchezza, come
dicono gli economisti, concessa al l a v o r a t o r e p e r a v e r n e il lavoro, u n
sacrificio che chi lo f a cerca di d i m i n u i r e p e r q u a n t o può. P e r il
l a v o r a t o r e invece è un mezzo di s o s t e n t a m e n t o . Q u e s t o è però il
p u n t o di v i s t a p r e v a l e n t e m e n t e soggettivo. A c c a n t o a siffatto m o d o
di concedere l a m e r c e d e , v e n ' è p e r ò u n a l t r o che s t r u t t u r a l m e n t e è
u g u a l e p e r ambo le p a r t i salvo l ' i n v e r s i o n e dei t e r m i n i : l a m e r c e d e
come c o r r i s p e t t i v o della p r e s t a z i o n e di lavoro. P e l creditore del la-
voro, i n f a t t i quello che a b b i a m o c o n v e n u t o di c h i a m a r e coll'uso c o m u n e
la mercede è u n a spesa, u n onere, u n ' a n t i c i p a z i o n e di ricchezza c h e
è s u b o r d i n a t a alla p r o d u z i o n e di lavoro che pel c r e d i t o r e del l a v o r o
ha, nel m o m e n t o in cui s t i p u l a il c o n t r a t t o di lavoro, m a g g i o r v a l o r e
della q u a n t i t à di r i c c h e z z a d a lui già a c c u m u l a t a e che può d e s t i n a r e
a p a g a r e i salari. I n v e c e per il l a v o r a t o r e la m e r c e d e f o r m a il com-
penso i m m e d i a t o del suo lavoro, l'utilità r e l a t i v a « c o r r i s p o n d e n t e alla
p e n o s i t à degli sforzi r i c h i e s t i » 8 ). O g n u n o dei c o n t r a e n t i concepisce
d u n q u e la m e r c e d e in f u n z i o n e di e q u i v a l e n z a col lavoro (questo ^ il
p u n t o di v i s t a c o n t r a t t u a l m e n t e f o n d a m e n t a l e , è il p r i m a r i o ) ; e poi
a n c h e da u n p u n t o di v i s t a s o g g e t t i v o p r o p r i o (ma n o n i n t i e r a m e n t e
e s t r a n e o al c o n t r a t t o di l a v o r o , come vedremo). I n fondo lo s t e s s o
fenomeno è vero per il l a v o r o : p e r chi lo a t t u a esso cade in consi-
d e r a z i o n e d a u n p u n t o di v i s t a c o n t r a t t u a l e (come o n e r e n e c e s s a r i o
p e r a v e r e la mercede), e d a u n p u n t o di v i s t a soggettivo, come ten-
d e n z a a d a r e meno lavoro c h e può. Nello s t e s s o m o d o dal p u n t o di
v i s t a del c r e d i t o r e del lavoro q u e s t o è in r a p p o r t o di s c a m b i o colla

' ) Infortuni sul lavoro ( S t u d i , 1913), p . I X . L i m i t a t a m e n t e ai p r e m i q u e s t ' o p i -


n i o n e e r a g i à s t a t a p r o p o s t a d a l CONRAD, Grundriss zum Stud. d. Oelconomie, I ,
p . 317, a eui l a v i a e r a s t a t a s p i a n a t a d a l suo c o n c e t t o d e l l a m e r c e d e c o m e
indennizzo.
2
) RICCA, S a l e r n o , La teoria del salario p . 35.
m e r c e d e e inoltre s e r v e agli scopi che il creditore del lavoro si pro-
pone di r a g g i u n g e r e . Sia il lavoro come la mercede vengono presi in
considerazione t a n t o in un senso q u a n t o nell'altro. I n d u b b i a m e n t e
o g n u n a delle d u e p a r t i nel m o m e n t o della stipulazione del c o n t r a t t o
considera il lavoro o la m e r c e d e dal proprio p u n t o di v i s t a soggettivo:
al creditore del lavoro i n t e r e s s a in modo f o n d a m e n t a l e la prestazione
di lavoro, cbe considera dal p u n t o di v i s t a dello scopo proprio cui
d e v e s e r v i r e ; al lavoratore interessa s o p r a t u t t o la mercede, che consi-
dera d a l p u n t o di v i s t a dei bisogni p r o p r i e della p r o p r i a famiglia
a cui deve p r o v v e d e r e col g u a d a g n o del proprio lavoro. Questi sono i
m o t i v i soggettivi d i e p e s a n o in modo r i l e v a n t e sulla r e s i s t e n z a che
o g n u n a delle p a r t i oppone nella competizione r a p p r e s e n t a t a t i p i c a m e n t e
dallo scambio.
D a l p u n t o di v i s t a c o n t r a t t u a l e certo la mercede cade in conside-
razione s p e c i a l m e n t e nella s u a q u a l i t à di p r e s t a z i o n e e q u i v a l e n t e al
lavoro 4 ): il c o n t r a t t o di lavoro n o n è che la f o r m a giuridica del con-
senso che p o n e le b a s i di quello che a b b i a l a c o n v e n u t o per ora di
c h i a m a r e lo scambio di lavoro con mercede. È nella competizione di
interessi che p r e c e d e q u e s t o accordo che o g n u n a delle p a r t i cerca di
o t t e n e r e q u a n t o p i ù p u ò ; cioè il l a v o r a t o r e la m a g g i o r m e r c e d e possi-
bile col m i n o r lavoro e v i c e v e r s a il creditore del lavoro. Ma, ripetiamo,
su q u e s t a l o t t a influisce a n c h e la d e t e r m i n a z i o n e del lavoro o della
m e r c e d e dal p u n t o di v i s t a s o g g e t t i v o .
Q u e s t e d u e considerazioni si c o m p e n e t r a n o v a r i a m e n t e 2) nell'ap-
p r e z z a m e n t o s o g g e t t i v o che il l a v o r a t o r e fa della convenienza o no
di s t i p u l a r e il c o n t r a t t o di lavoro. Tal q u a l e come p e r l ' a l t r a p a r t e .
41. A t u t t a p r i m a t r a i d u e c o n t r a e n t i s e m b r a esservi una almeno
a p p a r e n t e differenza q u a n t o allo scopo al q u a l e è d e s t i n a t a la presta-
zione cui o g n u n o ha d i r i t t o . Lo scopo cui è d e s t i n a t o il lavoro p e n e t r a ,
a l m e n o in p a r t e e in m i s u r a m a g g i o r e o minore, come si è visto, nel-
l ' o s s a t u r a del c o n t r a t t o di lavoro, a d a t t a n d o a sè l'obbligo della pre-

!
) D a l p u n t o (li v i s t a b i l a t e r a l e la m e r c e d e r a p p r e s e n t a il c o m p e n s o del costo
d i p r o d u z i o n e del r e d d i t o p e r c e p i t o d a l c r e d i t o r e del l a v o r o . Vedi LORIA, Sintesi
econom, p. 46.
2
) 11 d i r e , come f a il RICCA-SALERNO, op. cit. p. 94, che, c e s s a t a la p r a t i c a del
l a v o r o i n d i p e n d e n t e , n e l c o n t r a t t o di l a v o r o i n d i v i d u a l e (questo è in s o s t a n z a il
l i m i t e c o n c e t t u a l e d e l l ' A . ) « la n o r m a g e n e r a l e del s a l a r i o è n e l l a p e n o s i t à degli
s f o r z i r i c h i e s t i p e r o t t e n e r l o » mi s e m b r a la visione u n i l a t e r a l e del p r o b l e m a . Ri-
d u r r ò alla s e m p l i c e e s p r e s s i o n e di u n unico m o v e n t e l a q u a n t i t à di f a t t o r i economici
e psicologici che p r e m o n o s u l l ' a n i m o d e l l a v o r a t o r e c h e s t a p e r c o n c h i u d e r e u n
c o n t r a t t o d i l a v o r o , in u n r e g i m e g i u r i d i c o di c o n t r a t t o i n d i v i d u a l e , m i s e m b r a
t r o p p o s e m p l i c i s t a : p e r lo m e n o d i d u e o r d i n i sono q u e i m o v e n t i , l ' o b b i e t t i v o d a t o
d a l l a p r o p o r z i o n a l i t à col l a v o r o , e il s o g g e t t i v o , d a t o dal b i s o g n o p e r s o n a l e o fa-
m i g l i a r e a cui la m e r c e d e dove s o d d i s f a r e . Del r e s t o c f r . lo s t e s s o RICCA-SALERNO,
p . 201 e s e g .
stazione di lavoro incombente al lavoratore. I n v e c e la stessa cosa par-
rebbe a - t u t t a prima a s s o l a t a m e n t e da escludere (nel diritto positivo
vigente) q u a n t o allo scopo (il s o s t e n t a m e n t o del lavoratore) cui è desti-
n a t a n o r m a l m e n t e la mercede p e r la persona a cui è a t t r i b u i t a . Quest'ul-
timo è u n argomento cbe esamineremo meglio altrove. I n t a n t o qui no-
tiamo subito cbe il diritto a t t e g g i a nella stessa g u i s a la s t r u t t u r a del
c o n t r a t t o di lavoro, sia di f r o n t e a chi dà proprie energie di lavoro, come
a cbi le riceve. Lo scopo a cui o g n u n a delle p a r t i d e s t i n a la presta-
zione c o n t r a t t u a l e a d essa d o v u t a p e n e t r a n e l l ' o s s a t u r a c o n t r a t t u a l e
solo in quella m i s u r a cbe è s o p r a t u t t o compatibile colla legittima
a s p e t t a t i v a che la stipulazione del c o n t r a t t o h a s u s c i t a t o n e l l ' a l t r a
p a r t e da cui la p r e s t a z i o n e ' è d o v u t a . Qui non possiamo se n o n indi-
care s o m m a r i a m e n t e l'indirizzo generale, m a è certo che, come lo scopo
cui il creditore del lavoro d e s t i n a il lavoro ad esso p r e s t a t o p u ò in-
fluire a d a t t a n d o a sè la p r e s t a z i o n e di lavoro q u a n t o al modo onde deve
essere c o m p i u t a , così lo scopo normale di s o s t e n t a m e n t o , vario di in-
t e n s i t à e di modo secondo il ceto sociale cui il debitore del l a v o r o
a p p a r t i e n e , p u ò influire sulla disciplina dei r a p p o r t i t r a le p a r t i nel
c o n t r a t t o di lavoro o a n c h e di f r o n t e ai terzi. I n g e n e r a l e n o n ho bisogno
di ricordare le p r o v v i d e n z e legislative con cui, specie in altri paesi,
si è t u t e l a t o il l a v o r a t o r e a s s i c u r a n d o g l i la mercede, allo scopo di u n
effettivo a p p a g a m e n t o dei suoi bisogni. Così .il divieto del salario in
n a t u r a (del Truck) ; l ' i m p i g n o r a b i l i t à delle mercedi (art. 591, C. proc. civ.) ;
i privilegi degli a r t . 1956, n. 4, 1958, n. 5, 7, 8, 9, C. civ.; e 773, Codice
comm., n. 1 e 3 a f a v o r e delle m e r c e d i ; l ' a r t . 1645 che dà agli operai
edilizi azione contro il c o m m i t t e n t e . Q u e s t o concetto della m e r c e d e
influisce a n c h e q u a n t o al tempo, al luogo, al mezzo di p a g a m e n t o :
a t a c e r d ' a l t r o b a s t e r e b b e l ' a r t . 1124 a giustificare q u e s t a p e n e t r a -
zione dello scopo di s o s t e n t a m e n t o n e l l ' o s s a t u r a del c o n t r a t t o ( ). Na-
t u r a l m e n t e non può influire fino al p u n t o di modificare l ' a m m o n t a r e
della m e r c e d e p r o p o r z i o n a n d o l a ad. es. al f a b b i s o g n o del lavoratore,
perchè l'ammontare è contrattualmente stabilito, e l'apprezzamento
e q u i t a t i v o n o n p u ò s p i n g e r s i sino a modificare un p a t t o c o n t r a t t u a l e 2 ).
M a p e r lo stesso motivo n e p p u r e lo scopo cui il lavoro è d e s t i n a t o

') N a t u r a l m e n t e l ' e s a m e d e l l a m e r c e d e come « s a l a r i o r e a l e n>, cioè c o n s i d e r a t o


d a l p u n t o di v i s t a della s u a p o t e n z a d ' a c q u i s t o q u a n t o ai consumi del l a v o r a t o r e
non i n t e r e s s a il g i u r i s t a ; n o n influisce se n o n sul p e r i o d o d e l l a f o r m a z i o n e del con-
t r a t t o di l a v o r o , in specie se si t r a t t a d i c o n t r a t t o c o l l e t t i v o . P u ò i n t e r e s s a r e il
l e g i s l a t o r e p e r e v e n t u a l i n u o v e p r o v v i d e n z e l e g i s l a t i v e a t u t e l a dei l a v o r a t o r i , m a
non n e c e s s a r i a m e n t e d i r e t t e a d i s c i p l i n a r e il c o n t r a t t o di l a v o r o : es. con s g r a v i
dei t r i b u t i di p r i m a n e c e s s i t à .
2
) Come g i u s t a m e n t e o s s e r v a il Consiglio di S t a t o (IV Sez.), cit. s e n z a l a d a t a
in Conir. lav., 1914, 38, « i bisogni d e l l a v i t a o il caro dei v i v e r i , se p o s s o n o
esser t e n u t i in c o n t o in s e d e di f o r m a z i o n e d e l c a p i t o l a t o , non h a n n o a l c u n v a l o r e
iu corso d i c o n t r a t t o ».
L . BA_RASSL — Il contrailo di lavora, ucc. — 2. a e d . — 9.
per chi lo riceve p u ò influire sino a modificare la cpiautità di lavoro
che c o n t r a t t u a l m e n t e sia s t a t a stabilita.
Del resto la considerazione s o g g e t t i v a del lavoratore p u ò già influire,
a n c h e dal p u n t o di v i s t a del creditore del lavoro, sin da principio,
q u a n t o alla determinazione d e l l ' a m m o n t a r e della mercede. I n f a t t i il
b u o n i n d u s t r i a l e non p u ò n o n p e n s a r e che u n lavoratore che a b b i a
a v u t o agio di r e c u p e r a r e le s u e forze gli dà un r e n d i m e n t o assai mag-
giore che n o n nel caso c o n t r a r i o ; clic q u i n d i l ' a u m e n t o della m e r c e d e
è l a r g a m e n t e c o m p e n s a t o d a l l ' a u m e n t o di produzione. S a r à carità pe-
losa, p e r c h è è certo che l'industriale, nella l o t t a della concorrenza, non
può f a c i l m e n t e lasciarsi s e d u r r e dal -entimento a scapito del p r o p r i o
interesse. Ma i n t a n t o il suo t o r n a c o n t o gli fa, a s s u m e r e quello che è
il p u n t o di vista s o g g e t t i v o del l a v o r a t o r e r i s p e t t o alla mercede.
Certo, qui siamo di f r o n t e a un fenomeno che h a u n a speciale
i m p o r t a n z a economica e p r e c o n t r a t t u a l e , in q u a n t o l ' a s p i r a z i o n e al
proprio b e n e s s e r e è la ragione che sorregge il lavoratore nella com-
petizione con chi h a bisogno del suo lavoro, competizione spesso oggi
t r a g r u p p i collettivi, anziché t r a individui. M a a n c h e g i u r i d i c a m e n t e
h a la sua i m p o r t a n z a . E v a l g a u n e s e m p i o : gli ufficiali giudiziari ri-
cevono d i r e t t a m e n t e dai p r i v a t i il compenso per i servizi p r e s t a t i .
Ma, come ricorda la Cassazione di P a l e r m o *), « lo S t a t o è o b b l i g a t o
a concorrere con s u p p l e m e n t i diretti a l l o r q u a n d o le p a g h e corrisposte
dai p r i v a t i n o n r a g g i u n g o n o q u e l l ' a m m o n t a r e a n n u o che la legge pre-
s u m e necessario pel s o s t e n t a m e n t o dell'ufficiale giudiziario in relazione
al g r a d o di giurisdizione dell'autorità giudiziaria, presso cui è a d d e t t o » 2).
E n o n b a s t a : q u a n d o gli stessi ufficiali giudiziari sono in d u e o più
a d d e t t i al m e d e s i m o ufficio d e b b o n o p e r legge (art. 173 legge cit.)
c u m u l a r e i loro p r o v e n t i e r i p a r t i r s e l i in modo u g u a l e : e a n c h e qui
è s e m p r e del s o s t e n t a m e n t o che lo S t a t o si preoccupa. D e l r e s t o q u e s t o
p u n t o di vista ha, o d o v r e b b e a v e r e u n o speciale risalto nei c o n t r a t t i
di lavoro in cui c r e d i t o r e del lavoro è lo S t a t o : questi, per la sua qua-
lità s t e s s a s e m b r a che n o n p o s s a ne debba lasciarsi g u i d a r e da u n
g r e t t o criterio di puro t o r n a c o n t o economico, criterio erroneo, del r e s t o ,
a n c h e p e r u n p r i v a t o , come sopra si è visto : ma d e b b a essere a n c h e
il modello dei c r e d i t o r i di lavoro. Q,uesto però è vero solo nel senso
che la maggior i m p o r t a n z a delle p u b b l i c h e funzioni, in c o n f r o n t o al
l a v o r o p r i v a t o , i m p o n e allo S t a t o dei maggiori r i g u a r d i al b e n e s s e r e
p e r s o n a l e di chi gli d à t u t t e le s u e e n e r g i e di lavoro, p e r la mede-
sima r a g i o n e p e r cui il p r i v a t o i n d u s t r i a l e , come s'è visto, deve a n c h e

") 5 n o v e m b r e 1910, Foro it., 1911, 1, 238.


!
) Art,. 173 legge sugli ufficiali g i u d i z i a r i , t a r i f f e , 21 die. 1901. Sono L . 1000
agli ufficiali g i u d i z i a r i di p r e t u r a , ; L . 1200 a quelli di t r i b u n a l e . C f r . p u r e l ' a r t , 105
d e l l a r e c e n t e leggo sul n o t a r i a t o .
in omaggio al proprio t o r n a c o n t o f a r e al l a v o r a t o r e o impiegato le
migliori condizioni possibili ').
D u n q u e n o n è vero cbe p r e v a l g a nella s t r u t t u r a del c o n t r a t t o di
lavoro l'influenza dello scopo cbe si propone il creditore del lavoro,
anziché quello (normalmente di sostentamento) cbe si propone il lavo-
ratore. A n z i : è forte oggi la t e n d e n z a legislativa a preoccuparsi delle
g i u s t e aspirazioni del lavoratore, che è, almeno nel c o n t r a t t o indivi-
duale di lavoro, il c o n t r a e n t e più debole. Il divieto legislativo del
T r u c k , l'impignorabilità delle mercedi e a l t r e provvidenze legislative,
da noi non ancora c o m p l e t a m e n t e a t t u a t e , sono un indice di q u e s t o
a t t e g g i a m e n t o del c o n t r a t t o di lavoro d e t e r m i n a t o dalla preoccupa-
zione del possibile s o s t e n t a m e n t o del lavoratore.
D i vero s e m b r a esservi solo q u e s t o : cbe lo scopo cui il lavoro è desti-
n a t o può in certi casi i n s i n u a r s i più e n e r g i c a m e n t e n e l l ' o s s a t u r a del
c o n t r a t t o di quello cbe non lo p o s s a f a r e lo scopo della mercede per
il lavoratore. Ciò accade nel c o n t r a t t o di lavoro t e c n i c a m e n t e auto-
nomo, in cui il debitore del lavoro p r o m e t t e u n r i s u l t a t o di lavoro
(uu opus): la cosiddetta, locazione d'opera. Qui è certo che, senza cbe
si verifichi u n a completa assunzione c o n t r a t t u a l e dello scopo, q u e s t o
però si i n s i n u a più i n t e n s a m e n t e : il r i s u l t a t o d e v e r i s p o n d e r e a u n
dato scopo, e a v e r e in sè la possibilità di a t t u a r l o . P r i n c i p i o che non
si p u ò e s c l u d e r e v e r a m e n t e p e r la locazione di opere (lavoro subordi-
nato), ma c h e r i t r o v a nell'altro caso u n a espressione assai più energica.
T u t t o ciò n o n si verifica invece per la mercede. Ma. a n c h e q u e s t a di-
s p a r i t à di t r a t t a m e n t o non è in fondo che a p p a r e n t e : si t r a t t a di una
illusione. A s p i e g a r ciò n o n b a s t a già. o s s e r v a r e che il lavoro è og-
g e t t o della p r e s t a z i o n e che d à al c o n t r a t t o la s u a p a r t i c o l a r e fisio-
nomia, e r i s p e t t o a cui la mercede non è che il prezzo, il compensò.
Ma. b a s t a r i c h i a m a r e l ' a t t e n z i o n e sul f a t t o c h e un lavoro p u ò esser
a d e m p i u t o in s v a r i a t i s s i m i m o d i : t r a i molti si d e v e n a t u r a l m e n t e

' ) Vale a n e h e per lo S t a t o il c r i t e r i o p e r cui ili s o s t a n z a il b e n e s s e r e di chi l a -


v o r a p e r Ini r i d o n d a a beneficio d e l l a g e s t i o n e dei p u b b l i c i s e r v i z i . Come o s s e r v a
g i u s t a m e n t e la C a s s a z i o n e di N a p o l i , 9 g i u g n o 1906, Foro il., 1906, 1, 859, « . . . s e
venissero a m a n c a r e a l l ' i m p i e g a t o p u b b l i c o . . . i mezzi n e c e s s a r i a l l a s u s s i s t e n z a e
al decoro delle p u b b l i c h e f u n z i o n i si c o r r e r e b b e r i s c h i o che e g l i n o f o s s e r o posti in
condizioni assai difficili d i p r e s t a r e f e d e l m e n t e e nella m i s u r a delle p r o p r i e f o r z e
i necessari servizi al r e g o l a r e f u n z i o n a m e n t o d e l l ' a m m i n i s t r a z i o n e a cui a p p a r t e n -
g o n o ». Anzi : si è r i t e n u t o a d d i r i t t u r a c h e la r a g i o n e f o n d a m e n t a l e d e U ' i m p i g n o -
r a b i l i t à delle m e r c e d i non s t i a g i à in un p r i v i l e g i o della p e r s o n a del p u b b l i c o im-
p i e g a t o , ma iu u n a n e c e s s i t à di o r d i n e p i ù e l e v a t o : « affinchè il m o t o d e l l a m a c c h i n a
a m m i n i s t r a t i v a a n c h e nelle s u e p i ù piccole r u o t e ed i n g r a n a g g i , n o n v e n g a a d ar-
r e s t a r s i , con g r a v e p e r t u r b a m e n t o d e l l a f o r z a d i n a m i c a della v i t a sociale >• (cod.).
11 che è c e r t a m e n t e v e r o ; m a non e s c l u d e c h e i n t a n t o il p u n t o di v i s t a s o g g e t t i v o
al l a v o r a t o r e a b b i a u n a g r a n f o r z a p r e m e n t e .
scegliere quello che meglio r i s p o n d e allo scopo conosciuto cui il lavoro
deve servire, o allo scopo cui n o r m a l m e n t e deve servire. I n v e c e p e r
l a mercede, salvo le modalità suindicate su cui lo scopo di sostenta-
m e n t o può v a r i a m e n t e influire, non r e s t a se non l ' a m m o n t a r e di e s s a :
r i s p e t t o al quale i m p e r a il p a t t o c o n t r a t t u a l e . Del resto mancando il
p a t t o c o n t r a t t u a l e e l'uso locale, n o n è escluso che l'autorità giudi-
ziaria, nel fissare l ' a m m o n t a r e della mercede possa e debba t e n e r conto
dello scopo suo per il lavoratore.
42. L a mercede, dal p u n t o di v i s t a soggettivo del lavoratore, a cui
è d o v u t a , si suole considerare come u n suo r e d d i t o : in t u t t i i casi
q u e s t o è, in fondò, il medesimo concetto del s o s t e n t a m e n t o , come scopo
soggettivo della mercede, pel l a v o r a t o r e ; p e r c h è per lo p i ù tale red-
dito è d e s t i n a t o , come q u a l u n q u e altro reddito, al soddisfacimento dei
bisogni individuali. D a l p u n t o di v i s t a della rigorosa tecnica econo-
mica q u e s t a n a t u r a di reddito n o n s u s s i s t e però se n o n q u a n d o la
m e r c e d e sia p e r i o d i c a m e n t e (a periodi a n c h e disuguali di tempo, si
intende) percepibile dal lavoratore. È i n f a t t i opinione diffusa che per
r e d d i t o si d e b b a i n t e n d e r e la somma dei beni materiali che periodica-
mente affluiscono ali 'homo oeconomicus (ad. es. al lavoratore), m a solo
nella p a r t e che eccede la q u a n t i t à di beni necessaria alla reintegra-
zione del capitale o del p a t r i m o n i o e s i s t e n t e , e che è d e s t i n a t a al
consumo pel s o d d i s f a c i m e n t o dei bisogni '). D u n q u e : c o n s u m a b i l i t à
senza d a n n o d e l l ' i n t e r a massa p a t r i m o n i a l e , e periodicità.
Il primo indice è c e r t a m e n t e applicabile alla r e t r i b u z i o n e del lavoro,
s e m p r e e i n d i s t i n t a m e n t e . A n z i è il salario un esempio tipico di bene,
n e s s u n a p a r t e del q u a l e è d e s t i n a t a alla r e i n t e g r a z i o n e del p a t r i m o n i o
del l a v o r a t o r e : a n c h e se si considera il salario come restituzione o
r e i n t e g r a z i o n e delle energie l a v o r a t r i c i è certo c h e n o n a b b i a m o in
q u e s t e energie di lavoro u n p a t r i m o n i o del l a v o r a t o r e . E in questo
senso è p u r e il Masci, che 2 ), p u r e p r e n d e n d o le mosse d a q u e s t a
f u n z i o n e della m e r c e d e come a p p a g a m e n t o dei bisogni di chi l ' h a gua-
d a g n a t a , ne fa u n v e r o r e d d i t o , opponendosi a u n a r e i n t e g r a z i o n e del
p a t r i m o n i o energetico, concetto q u e s t o che n o n p u ò essere accolto 3 ).
D ' a l t r o c a n t o la p e r i o d i c i t à s u s s i s t e in sommo grado p e r t a l u n e
forme di c o n t r a t t o di lavoro in cui il lavoro è continuo e la m e r c e d e
è p a g a t a r a t e a l m e n t e ; così per lo s t i p e n d i o degli i m p i e g a t i , per il

') Q u e s t a definizione è q n a s i l e t t e r a l m e n t e q u e l l a d a t a dal MASCI, II concetto <


la definizione del reddito (Napoli, 1903), p . 61-62.
2
) O p . c i t . , p . 78.
3
) Accolto q u e s t o c o n c e t t o di u n a m e r c e d e che d e v e s e r v i r e a r e i n t e g r a r e il p a -
t r i m o n i o e n e r g e t i c o n e d e r i v e r e b b e la q u a l i t à di r e d d i t o p e r la m e r c e d e solo p e r
la p a r t e di essa che s o p r a v a n z a dopo a p p a g a t i i bisogni e r e i n t e g r a t o q u e l capi-
tale. E cioè solo p e r le l a u t e m e r c e d i ! C o n t r o c f r . lo stesso a r t . 15 della legge sul-
l ' i m p o s t a s u l l a ricch. mobile, a p p r . o i t a t a .
salario degli operai stabilmente a d d e t t i a u n a azienda. Ma la re-
tribuzione dei giornalieri e degli a v v e n t i z i ! E quella di chi d à il
suo lavoro una volta t a n t o , senza c o n t i n u i t à ! A d es. il lavoro del-
l ' a r t i s t a cbe si produce per u n a r a p p r e s e n t a z i o n e ; dell'appaltatore, del
medico, ecc. P e r questi casi il Mayer ') n e g a il c a r a t t e r e di reddito
alla mercede. E, infine, il Loria nega p e r e n t o r i a m e n t e tale c a r a t t e r e 2)
a q u a l u n q u e forma di retribuzione del l a v o r o : reddito non è cbe il pro-
dotto del lavoro associato, m e n t r e il salario p r e s u p p o n e lavoro isolato.
P r e s c i n d e n d o da q u e s t ' u l t i m a opinione, è certo che l'idea che red-
dito non sia la mercede del giornaliero o d e l l ' a r t i s t a s e m b r a a prima
v i s t a a b b a s t a n z a s t r a n a . Ma t u t t o si spiega. A esigere la certezza
della periodicità (avverte il Masci) n o n a v r e m m o mai f r u t t i civili o
' n a t u r a l i : e se l ' i n t e r e s s e n o n è p a g a t o ! E se la p i a n t a non d à f r u t t i !
Perciò a costituire il reddito b a s t a la t e n d e n z a a u n a periodicità 3) ;
è in questo senso che va i n t e s a la periodicità, che non si confonde
mai con la certezza m a t e m a t i c a . L'avventizio, l ' a r t i s t a , l'artigiano, il
medico r i n n o v e r a n n o il c o n t r a t t o con altri, ed ecco la c o n t i n u i t à del
lavoro, che p u r e è mezzo necessario per la loro s u s s i s t e n z a . V i sa-
ranno, al più, redditi stabili e instabili. Cosicché la mercede che n o n
si ripete non è r e d d i t o : s a r à il p r o v e n t o o il ricavo da u n lavoro,
non u n f r u t t o civile 4 ). Quello cbe i m p o r t a è che vi sia u n a f o n t e
p e r m a n e n t e della m e r c e d e : lavoro c o n t i n u a t o .
Q u e s t o concetto della m e r c e d e come r e d d i t o o 110 è, d u n q u e , un
riflesso d e l l ' a t t e g g i a m e n t o a s s u n t o dal lavoro, e che si r i p r o j e t t a a n c h e
sul c o n t r a t t o di lavoro. È , ad ogni modo, u n concetto che non tocca
il g i u r i s t a se non dal p u n t o di v i s t a del t r i b u t o g r a v a n t e i r e d d i t i .
Vedremo, a tal proposito, che in alcuni casi q u e s t o a r g o m e n t o p e n e t r a
nel c o n t r a t t o di l a v o r o : non gli è i m m u t a b i l m e n t e estraneo, come p u ò
p a r e r e a t u t t a p r i m a . P e r a c c e n n a r e a u n esempio l'articolo 15 della
legge s u l l ' i m p o s t a sui r e d d i t i di ricchezza mobile (24 agosto 1877)
p r e s c r i v e che le Provincie, i comuni, gli e n t i morali, le società in
a c c o m a n d i t a per azioni e le società a n o n i m e d e b b a n o d i c h i a r a r e a n c h e
i r e d d i t i degli i m p i e g a t i , cioè gli s t i p e n d i , p e n s i o n i e a s s e g n i a d essi
pagati, e d e b b a n o p a g a r e d i r e t t a m e n t e l ' i m p o s t a r e l a t i v a a n c h e a q u e s t i
u l t i m i r e d d i t i (è l a l e g g e che e s p l i c i t a m e n t e p r e n d e in considerazione
qui la m e r c e d e come r e d d i t o : ma si t r a t t a d ' i m p i e g a t i con lavoro
c o n t i n u a t i v o ! ) . O r a è e v i d e n t e che ciò influisce sui r a p p o r t i t r a cre-

I)as Wesen des Einkommens ( B e r l i n , 1887), cit. d a l MASCI, op. cit., p . 85.
2
) Sintesi economica, p . 43. Del r e s t o a n c h e per il L O R I A ( S U ciò la d o t t r i n a eco-
n o m i c a è pacifica) r i t i e n e « c a r a t t e r e e s s e n z i a l e del r e d d i t o la s u a r i p r o d u z i o n e pe-
r i o d i c a i n d e f i n i t a » , p . 34.
3
) MASCI, op. cit., p. 86.
4
) MASCI, op. cit., p. 127.
ditore e debitore del lavoro, in q u a n t o q u e s t ' u l t i m o deve r e s t i t u i r e
la somma a n t i c i p a t a ; il creditore a v r à rivalsa verso di lui, come dice
lo stesso a r t . 15, mediante r i t e n u t a .
Sia o non sia u n reddito, l a mercede si può però sempre conside-
r a r e come u n p r o d o t t o del lavoro dell'uomo. Anclie questo, v e r a m e n t e ,
è s t a t o c o n t e s t a t o : il Ricca-Salerno '), seguendo un suo concetto fon-
d a m e n t a l e in cui ci i m b a t t e r e m o più a v a n t i , n e g a d i e la mercede
sia un p r o d o t t o del lavoro dell'uomo, poiché il salario non è che
ricchezza a n t i c i p a t a , p r e e s i s t e n t e al lavoro e a c c u m u l a t a per u n a pro-
duzione f u t u r a : il lavoro p r e s u p p o n e un salario, a d u n q u e ; non questo
quello, come d o v r e b b e essere logicamente per il fenomeno della
produzione.
N o n i n t e n d o p o r r e questo asserto in d i s c u s s i o n e : dal p u n t o d i v i s t a '
rigorosamente economico la cosa è i n d u b b i a m e n t e v e r a . Ma se ci col-
lochiamo da u n p u n t o di v i s t a più r i s t r e t t o , cioè p r e t t a m e n t e giuri-
dico, non possiamo n e g a r e cbe la mercede p r e s u p p o n e u n a p r e c e d e n t e
p r e s t a z i o n e di l a v o r o ; che essa è un a c q u i s t o f a t t o m e d i a n t e u n
r a p p o r t o giuridico c o n c e r n e n t e il lavoro e cioè la sua utilizzazione. Se
infine si a g g i u n g e la f r e q u e n t e e periodica ripetizione, di cpiesto ricavo,
senza d e t r i m e n t o della p o t e n z a del lavoro, ecco che a b b i a m o il con-
cetto di f r u t t o civile, a sensi dell'art, 4 4 1 Cod. civile. Si può a t u t t a
p r i m a o b b i e t t a r e che q u e s t a disposizione di legge v e r a m e n t e n o n ac-
c e n n a se non ai f r u t t i che si h a n n o dalle cose per occasione: e gli
e s e m p i c o n f e r m a n o che per cosa n o n si è inteso a l l u d e r e al lavoro
dell'uomo (il l e g i s l a t o r e ha p e n s a t o t a n t o poco a q u e s t o f a t t o r e prin-
cipe della p r o d u z i o n e della r i c c h e z z a n a z i o n a l e !). D ' a l t r a p a r t e al
lavoro u m a n o n o n vi si a c c e n n a se non a proposito dei f r u t t i n a t u r a l i ,
o t t e n u t i d i r e t t a m e n t e dalla cosa, e m e d i a n t e il concorso essenziale del-
l'opera dell'uomo (frutti industriali). 11 medesimo articolo chiarisce un
u l t i m o d u b b i o che p o t r e b b e r e s t a r e a proposito delle pigioni, cioè del
compenso per l'utilizzazione della c o s a : e del compenso per l'utiliz-
zazione del lavoro u m a n o nulla.
I o non credo che q u e s t o a r g o m e n t o a b b i a u n a i m p o r t a n z a p r a t i c a
così considerevole che v a l g a la p e n a di elaborarlo molto sottilmente, U n a
v o l t a a m m e s s o che la m e r c e d e p u ò essere r e d d i t o q u a n d o si ripeta, si
p u ò s e n z ' a l t r o r i t e n e r e cbe d u n q u e è , a n c h e f r u t t o civile: la mercede
è u n r e d d i t o 2 ) che chi p u ò d i s p o r r e delle energie u t i l i z z a t e da altri
(energie del lavoro, come della cosa) r i c a v a dallo scambio di q u e s t a
utilizzazione con d e n a r o o altro. Il concetto f o n d a m e n t a l e è c o m u n e
a i fitti, come alle mercedi. E non è u n a difficoltà n e p p u r e che il lavoro

') O p . c i t .
2
) In q u e s t o seuso SUPINO, II capitali' salavi, p . 17.
non sia u n a cosa. Q u a n d o esamineremo la s t r u t t u r a locativa del con-
t r a t t o di lavoro, vedremo la i d e n t i t à concettuale nello sfondo dei due
i s t i t u t i "(locazione di cosa, e di lavoro).
IJn'applicazione pratica di q u e s t a soluzione sarebbe il riferimento
alle mercedi delle regole proprie dei f r u t t i civili, t r a cui la più im-
p o r t a n t e è cbe essi scadono di giorno in giorno (cfr. art. 481 0 . civ.).
L a g i u r i s p r u d e n z a a m m e t t e concordemente q u e s t a regola a n c h e pel-
le mercedi, a proposito della p i g n o r a b i l i t à di esse. Se la logica non
è un'opinione, bisogna allora vedervi u n a conferma di q u a n t o abbiamo
asserito.
43. L a f u n z i o n e di equivalenza fu v a r i a m e n t e c o n t e s t a t a alla mer-
cede '). U n ' o p i n i o n e a b b a s t a n z a diffusa è quella, secondo la quale la
mercede n o n sarebbe già un e q u i v a l e n t e o corrispettivo della presta-
zione di lavoro, m a la r e s t i t u z i o n e delle energie c o n s u m a t e dal lavo-
r a t o r e ; il compenso cbe deve, servire a r e i n t e g r a r e le sue forze e a
renderlo idoneo per ulteriore d i s p e n d i o di lavoro 2). D o v e si vede
t u t t a l ' i m p o r t a n z a cbe, oggi, a c q u i s t a l ' a s p e t t o della mercede dal p u n t o
d i v i s t a del lavoratore. Si n e g a il f a t t o i n o p p u g n a b i l e di u n ' i n t i m a con-
cessione onerosa t r a lavoro e m e r c e d e per dare ogni r i l e v a n z a a l l ' a l t r o
aspetto, innegabile m a n o n esclusivo, cbe è p a r t i c o l a r e al creditore
della mercede. I n contrario v a invece r i l e v a t o come anzi l ' a s p e t t o p i ù
tipico, dal p u n t o di v i s t a della situazione complessa c r e a t a dal con-
t r a t t o sotto il quale la m e r c e d e cade in considerazione, è proprio quello
d e l l ' e q u i v a l e n z a con p r e s t a z i o n e di lavoro 3 ). I o non dirò, col L o t m a r 4 ) ,
c b e q u e s t a sia l ' u n i c a v e r a posizione c o n t r a t t u a l e della mercede, p e r c h è
la considerazione del l a v o r a t o r e (mercede come mezzo di sostenta-
mento), o del creditore del lavoro (mercede come spesa, come sacri-
ficio) p u r essendo p r e v a l e n t e m e n t e u n i l a t e r a l e d e l l ' u n a o d e l l ' a l t r a
p a r t e , n o n lo è però, come or ora s'è visto, in modo a s s o l u t o : nella
posizione c o n t r a t t u a l e della m e r c e d e quei d u e p u n t i di v i s t a r i e n t r a n o
p i ù o meno l a r g a m e n t e . Ma è certo che l ' a s p e t t o tipico dal p u n t o di
v i s t a del c o n t r a t t o è quello della m e r c e d e nella relazione col lavoro. È

') Un t e m p o , q u a n d o il l a v o r o i u d n c e v a un vincolo p e r s o n a l e di s e r v i t ù , la
r e t r i b u z i o n e — c h e in r e a l t à e c o n o m i c a m e n t e non c e s s a v a d i essere t a l e — e r a
p i u t t o s t o c o n c e p i t a come e l a r g i z i o n e , come l i b e r a l i t à a e e o r d a t a al l a v o r a t o r e . D ' A -
VKNEL, Hietoire economique de la propriété, des salaires, ecc., I l i , p . 464.
2
) R o s s i , Solidarietà professionale, p. 49.
'•>) L a f o r m u l a v e r a m e n t e e s a t t a è quella dello HERMANN, cit., in LORIA, Sin-
fisi economica, p a g . 4 5 : il l a v o r a t o r e v i v e d e l p r o p r i o s a l a r i o , e se l ' i m p r e n d i t o r e
glielo p a g a è s o l t a n t o p e r c h è n e r i c e v a in e a m b i o l ' e q u i v a l e n t e sotto f o r m a dì
lavoro.
4
) Arbeitsverlrag, I, p . 147. Il LOTMAR osserva g i u s t a m e n t e che « solo iu v i r t ù
d i quello che è il l a v o r o p e r il d a t o r e di l a v o r o , il d a t o r e di l a v o r o è t e n u t o a
u n a c o n t r o p r e s t a z i o n e » (op. c i t . , p . 148).
quindi s t r a n o che a p p u n t o questo c a r a t t e r e così sostanziale, il primo che
s a l t a all'occhio, sia stato talora c o n d a n n a t o o relegato in seconda linea.
Del resto non vi ha dubbio che la f u n z i o n e ristoratrice (non già
r e s t i t u t r i c e in senso stretto, p e r c h è le forze consumate non si richia-
mano più in vita!) della mercede corrisponde al vero l ): essa coincide
con il suo scopo soggettivo di s o s t e n t a m e n t o che sopra abbiam visto
p i ù o m e n o influire sulla disciplina del c o n t r a t t o di lavoro. L a mag-
giore possibile conservazione delle energie di chi lavora, del resto,
r i e n t r a già n e l l a s t r u t t u r a del c o n t r a t t o di lavoro. I n f a t t i , è a questo
scopo della conservazione delle energie di chi lavora che mira in so-
' s t a n z a l'obbligo del creditore del lavoro di procacciare all'altra p a r t e
u n b u o n a m b i e n t e di lavoro. Ma a g u a r d a r bene t u t t o ciò non solo
n o n elimina, ma è compatibile, anzi p r e s u p p o n e n e c e s s a r i a m e n t e quella
r e l a z i o n e t r a mercede e lavoro che rivela l ' e q u i v a l e n z a s o g g e t t i v a
di q u e s t i d u e t e r m i n i t r a le p a r t i che h a n n o s t i p u l a t o il c o n t r a t t o di
lavoro. Se la m e r c e d e è restituzione di energie di lavoro c o n s u m a t e
da chi deve la mercede, ciò è a p p u n t o p e r c h è vi è s t a t a p r e s t a z i o n e
di lavoro ! Che il t o r n a c o n t o dell'industriale (dell'avveduto industriale)
coincida coll'interesse del l a v o r a t o r e n o n significa già che nel c o n t r a t t o
di lavoro vi sia l a t e n t e u n a cooperazione di i n t e n t i ; in r e a l t à l'indu-
striale, o in g e n e r e il creditore del lavoro, si p r e o c c u p a solo che la
prestazione a lui d o v u t a sia p r e s t a t a in condizioni che affidino p e r
il m a s s i m o suo r e n d i m e n t o : è, come già a b b i a m o osservato, sempre il
t o r n a c o n t o p r o p r i o che p r e m e su di lui.
A u n r i s u l t a t o molto affine a r r i v a n o coloro che non si r a s s e g n a n o
a classificare nel c o n t r a t t o di lavoro l'esercizio delle opere liberali,
cioè p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l i , c o m p e n s a t e ; p e r c h è si asserisce che
r i f u g g o n o d a l l a possibilità di u n a stima. Il compenso non s a r e b b e che
un dono, un mezzo di s o s t e n t a m e n t o ; non il c o r r i s p e t t i v o del lavoro,
h a r g o m e n t o c h e qui ci limitiamo ad a c c e n n a r e 2 ).
La mercede è s t a t a a n c h e c o n s i d e r a t a come u n a anticipazione à
forfait concessa d a l l ' i n d u s t r i a l e all'operaio sul prezzo s p e r a t o dalla
v e n d i t a del p r o d o t t o in a v v e n i r e 3). Q u e s t o concetto, in cui già ci siamo

^ ') Che,^ d a q u e s t o p u n t o di v i s t a , scopo della m e r c e d e sia p r i n c i p a l m e n t e la


r e i n t e g r a z i o n e delle f o r z e (non g i à r e i n t e g r a z i o n e del p a t r i m o n i o di e n e r g i e p r o p r i e
d e l l a v o r a t o r e : su ciò a p p r . c a p i t . 5.°, $ 1), a n z i c h é il s o s t e n t a m e n t o come a p -
p a g a m e n t o dei bisogni d e l l a v o r a t o r e è s t a t o n e g a t o d a l MASCI, op. cit,, p. 77: la
r e i n t e g r a z i o n e non s a r e b b e che f u n z i o n e s e c o n d a r i a . In r e a l t à q u e s t e d u e f u n z i o n i si
c o m p e n e t r a n o : P u u a p r e s u p p o n e l ' a l t r a . Gilè a n c h e l a r e i n t e g r a z i o n e delle f o r z e è
u n a m e t a n o n solo pel c r e d i t o r e del l a v o r o , m a , e più a n c o r a , pel l a v o r a t o r e , p e r
cui il l a v o r o è mezzo di s o s t e n t a m e u t o .
2
) Così il LABAND, Staaterecht, I, p . 465, vede nello s t i p e n d i o degli i m p i e g a t i
u u a « r e n d i t a * (Rente) c o n n e s s a a l l a g e s t i o n e d i u n d a t o ufficio, u n a r e n d i t a con
c u i lo S t a t o a l i m e n t a l ' i m p i e g a t o C f r . a p p r .
3
) S o p r a , p. 69 s g . Si r i c o r d i che p e r la locazione di servizi a n c h e i f a u t o r i della
i m b a t t u t i , esclude poi ili modo perentorio (o v o r r e b b e escludere) la
commutatività della mercede, coll'introduzione di un elemento asso-
ciativo clie dovrebbe escludere quel r a p p o r t o antitetico quale sussiste
nello scambio. 15 u n concetto cbe già abbiamo escluso, e cbe p i ù
avanti cercheremo di confutare, escludendone l'ammissibilità in base
all'esame giuridico, anzi economico-giuridico del c o n t r a t t o di lavoro.
V e d r e m o che se in u n senso molto largo e comprensivo vi ha u n fe-
nomeno di collaborazione tra lavoratore e industriale, in realtà, in u n
senso più proprio, quel concetto viene a p p u n t o ad eliminare l'elemento
s t r e t t a m e n t e associativo; l'operaio, col r e n d e r s i estraneo al processo
di produzione e ai suoi rischi, preferisce collocarsi di f r o n t e , non a
fianco d e l l ' i n d u s t r i a l e : quella posizione a p p u n t o di lotta t r a due interessi
e s t r a n e i e cozzanti, che cercano u n p u n t o di e g u a l e soddisfacimento
p e r t u t t i e due. Ciò che è a p p u n t o il fenomeno dello scambio.
44. Dal p u n t o di v i s t a del creditore del lavoro la mercede ci si
affaccia, vedemmo, come c o n t r o - p r e s t a z i o n e e q u i v a l e n t e al l a v o r o ;
come u n onere *), u n sacrifìcio a prezzo del quale, p u ò o t t e n e r e quelle
energie di lavoro di cui h a b i s o g n o : vedremo, anzi, che q u e s t o ca-
r a t t e r e di onere g r a v a n t e sul creditore del lavoro è essenziale per la
mercede, come p r e s t a z i o n e c o n t r a t t u a l e che i m p r i m e al r a p p o r t o la
q u a l i t à di oneroso. D u n q u e la m e r c e d e r i e n t r a t r a le « spese » del
suo d e b i t o r e 2). L ' i n d u s t r i a l e s e g n e r à nel p a s s i v o del bilancio della
p r o p r i a azienda, a c c a n t o alle s p e s e p e r a c q u i s t o di m a t e r i a p r i m a ,
di affitto di locali ecc., a n c h e le spese p e r p a g a m e n t o di salari. N o n vi
è d u b b i o che a p p u n t o p e r ciò, q u a n d o si a l l u d e in g e n e r e alle « s p e s e »
di u n a p e r s o n a , oltre a quelle f a t t e p e r a c q u i s t i , ad es., per r i p a r a z i o n i ,
p e r v i a g g i , pel proprio s o s t e n t a m e n t o , si-debba t e n e r conto a n c h e delle
mercedi p a g a t e , s e m p r e che q u e s t e si r i c o n n e t t a n o alla r a g i o n e o al
titolo in b a s e al q u a l e si discorre di spese.
S o t t o q u e s t o a s p e t t o la m e r c e d e ci si p r e s e n t a ad es. n e l l ' a r t . 1640,
che r i t i e n e i r r i l e v a n t e l ' a u m e n t o del prezzo della m a n o d ' o p e r a allo
scopo di o t t e n e r e u n a u m e n t o del prezzo c o n c o r d a t o col c o m m i t t e n t e .
E nello s t e s s o senso l ' a r t . 1645, in cui è p a r o l a della m e r c e d e come
d e b i t o d e l l ' i m p r e n d i t o r e , e come onere (non debito) g r a v a n t e il patri-
monio del c o m m i t t e n t e .

t e o r i a q u i r i c o r d a t a a m m e t t o n o che la. m e r c e d e non è se nou uu p u r o c r e d i t o v e r s o


il c r e d i t o r e d e l l a v o r o . CHATELAIN, De la nature ecc., p . 32.
' ) Cioè è il costo di p r o d u z i o n e del r e d d i t o p e r c e p i t o d a l c r e d i t o r e del l a v o r o .
LORIA, op. e 1. cit.
2
) S p e s a : vale a d i r e , con l i n g u a g g i o e c o n o m i c a m e n t e p i ù c o r r e t t o , c a p i t a l e ,
c o s t i t u i t o col r i s p a r m i o a n t e r i o r e , e a n t i c i p a t o d a chi lo d e t r a e in v i s t a del p r o -
d o t t o f u t u r o . RICCA-SALERNO, op. c i t . , p. 3. Il c o n c e t t o di s p e s a è u n c o n c e t t o
che a p p a r t i e n e alla t e c n i c a e c o n o m i c o - g i u r i d i c a .
II concetto di spesa si riaffaccia come « rimborso di spesa » dal
p u n t o di vista di chi La dato il proprio lavoro. Se il lavoro è dispendio
di energie, pel l a v o r a t o r e costituisce u n sacrifìcio così come è per
lui uno sborso di denaro. Si dice a n c h e « s p e n d e r e il proprio lavoro,
le proprie forze ». A n c h e r i t e n u t o che il lavoro non sia bene patri-
moniale (su ciò appresso) così come lo è il denaro, sta per t u t t i e
d u e n o r m a l m e n t e , se non tipicamente, la medesima sensazione sog-
g e t t i v a p e n o s a di u n onere, che consiste nella sottrazione di qualcosa
(energie o denaro) ').
D a ciò al concetto del lavoro come spesa per chi lo h a dato, e della
mercede come rimborso o r i f u s i o n e di spese il passo è breve. È un con-
cetto affine, in p a r t e , nel suo substrato, a quello già visto che scorge
nella m e r c e d e la r e s t i t u z i o n e di energie consumate. E del resto q u e s t o
lato concetto è s t a t o s o s t e n u t o 2) : si è d e t t o che spesa è q u a l u n q u e
sacrifìcio p a t r i m o n i a l e o economico; perciò lo è t a n t o lo sborso di denaro
q u a n t o l'impiego di lavoro : la limitazione allo sborso di denaro v a l e
solo pei t e m p i in cui il lavoro è servile e non gli è accordato alcun
compenso. Ma se a n c h e q u e s t o concetto, inteso molto l a t a m e n t e , si
voglia accogliere, altro è q u a n d o lo si voglia limitare nella s u a e s a t t a
p o r t a t a p e r la t e c n i c a terminologica giuridica. Io n o n credo cbe in
q u e s t o senso mercede sia da concepire come rimborso di spesa.
A n z i t u t t o faccio t u t t e le mie riserve, sul concetto dell'impiego del
p r o p r i o lavoro come onere p a t r i m o n i a l e : a b b i a m o g i à visto che non
vi ha qui u n a a t t r i b u z i o n e p a t r i m o n i a l e . Y i è però la possibile sen-
sazione p e n o s a : m a si a m m e t t e r à che q u e s t a non è per sè sola l'ele-
m e n t o essenziale e sufficiente della « s p e s a ». I n realtà nel sistema
legislativo n o s t r o « spesa » è proprio lo sborso di d e n a r o o di altri
beni, per lo p i ù a titolo di c o r r i s p e t t i v o per cose o servigi r i c e v u t i :
non ho che r i c h i a m a r e l ' a t t e n z i o n e sugli articoli 305, 230, n. 1, 1455,
1888 ecc. Ohe anzi il codice d i s t i n g u a spesa d a m e r c e d e r i s u l t a a d
es. d a l l ' a r t . 1 7 5 3 : « Il m a n d a n t e deve r i m b o r s a r e il m a n d a t a r i o d e l i e -
s p e s e e p a g a r g l i il compenso se l ' h a promesso ». P u ò p a r e r e a t u t t a
p r i m a che vi c o n t r a d d i c a l ' a r t . 276 cod. proc. civ., che disciplina la
t a s s a z i o n e delle spese a carico della p a r t e soccombente (art. 370), e
in cui r i e n t r a n o a n c h e gli onorari del p r o c u r a t o r e , d a l momento che

') L a s e n s a z i o n e s a r à p i ù o m e n o p e n o s a per l a p r i v a z i o n e del d e n a r o , a n z i c h é


per il d i s p e n d i o di e n e r g i e a s e c o n d a d e l l a q u a n t i t à d i d e n a r o di cni si può di-
s p o r r e : la p e n a p o t r à r i d u r s i a q u a n t i t à a s s o l u t a m e n t e t r a s c u r a b i l e . Del r e s t o g i à
s ' è visto s o p r a ohe q u a n t o al l a v o r o la p e n o s i t à n o n è g i u r i d i c a m e n t e q u a l i t à ti-
pica. Q u a n t o a q u e s t o e l e m e n t o c o m u n e della p e n o s i t à , p e r lo sborso di d e n a r o
come p u r e spesso p e r l ' i m p i e g o del l a v o r o , r i c o r d e r ò qui come c e r t e leggi che im-
p o n g o n o p r e s t a z i o n i di l a v o r o di c a r a t t e r e t r i b u t a r i o , a m m e t t o n o a n c h e l ' e q u i p o l -
l e n t e s o s t i t u z i o n e di un sacrificio di d e n a r o .
2
) RICCA-BARHKRIS, Le spese sulle cose immobili e il loro risarcimento, 1914, p. 1 - 2 .
' . \

SE IL P A G A M E N T O DELLA MERCEDE SIA RIMBORSO DI S P E S A 339

lo stesso art. 370, nel capov. 2.° si limita ad escluderne gli onorari
dei procuratori per l'assistenza, agli i n t e r r o g a t o r i e al giuramento.
L a regola è quindi l'inclusione. Ma in realtà è rimborso di spiese soste-
nutc* dalla p a r t e vincente, n o n dal suo p r o c u r a t o r e ; gli art. 374 e 375
v e r a m e n t e accennano a rimborso delle spese d i r e t t a m e n t e al procura-
tore, e certo in tal caso è da e s t e n d e r e il rimborso di spesa al paga-
mento dell'onorario. Ma il concetto f o n d a m e n t a l e della, legge è s e m p r e
quello di onorari p a g a t i o che a v r e b b e r o , in forza del c o n t r a t t o in-
t e r v e n u t o col procuratore, dovuto essere p a g a t i dalla p a r t e v i n c e n t e :
rispetto ad essa, come vedemmo, la mercede è i n d u b b i a m e n t e u n a spesa.
E poi: rimborso o rifusione di spese n o n è per lo più che restitu-
zione di cose del medesimo genere. L a spesa i n f a t t i si riferisce per
10 più al denaro, e q u e s t o concetto n o n si verifica per la m e r c é d e ;
non si restituiscono le forze, m a il mezzo onde r e c u p e r a r e le forze ').
È vero che la « spesa » in sè non esclude che sia f a t t a a mezzo di
cose d e t e r m i n a t e nella specie: se il m a n d a t a r i o , p e r f a r f r o n t e a certi
impegni del m a n d a n t e , paga con u n proprio oggetto infungibilissimo
di valore, questa, è certo u n a spesa di cui deve r e s t i t u i r s i l ' e q u i v a -
l e n t e economico. Ma eccoci, allora, t o r n a t i al concetto v e r o : mercede
c o m e c o r r i s p e t t i v o o e q u i v a l e n t e del lavoro impiegalo.
Vi è però la possibilità, a t u t t a p r i m a , di concepire la m e r c e d e come-
r i f u s i o n e di spese in relazione allo scopo cui la mercede deve s e r v i r e :
11 s o s t e n t a m e n t o del l a v o r a t o r e 2). Q u e s t i d u r a n t e la p r e s t a z i o n e di
l a v o r o n o n ha a n c o r a riscosso la mercede (che segue, non p r e c e d e
o r d i n a r i a m e n t e l ' a d e m p i m e n t o del lavoro), ma t u t t a v i a h a d o v u t o so-
s t e n t a r e sè e l a p r o p r i a famiglia, f a c e n d o delle spese. L a m e r c e d e
p o t r e b b e essere c o n s i d e r a t a , d u n q u e , come r i m b o r s o di q u e s t e spese.
A g g i u n g o che in p a s s a t o (e in p a r t e ancor oggi, come p u r vedremo)
q u e s t o concetto h a d o m i n a t o nel campo del c o n t r a t t o di p r e s t a z i o n e
di opere liberali, o lavoro p r e v a l e n t e m e n t e i n t e l l e t t u a l e ; es. q u a n t o

'-) Senza a g g i u n g e r e c b e a t u t t o r i g o r e , a n c h e a p r e s c i n d e r e d a l l ' o s s e r v a z i o n e


f a t t a nel t e s t o , il c r e d i t o r e del l a v o r o non « r e s t i t u i s c e » n u l l a , per l a r a g i o n e cbe
non b à r i c e v u t o il l a v o r o , m a solo il suo r i s u l t a t o : l ' i m p i e g o delle e n e r g i e di la-
voro è « s e m p r e » un f e n o m e n o c b e n o n esce d a l l a c e r c h i a della p e r s o n a l i t à
d e l l a v o r a t o r e . Q u e s t o d e v e r i t e n e r s i p e r la d i g n i t à d e l l a p e r s o n a di chi l a v o r a .
C f r . LOTMAR, Arbeitavertrag, I, p . 137.
2
) È certo c h e il l e g i s l a t o r e , n e l l ' a r t . 168, b a c o n c e p i t o il c o m p e n s o a t t r i b u i t o
nella specificazione a f a v o r e d e l l ' a r t e f i c e come r i m b o r s o di s p e s a : « ... r i m b o r s a n d o
l ' a r t e f i c e . . . del prezzo d e l l a m a n o d ' o p e r a J . Como si v e d e si d i s c o r r e di « p r e z z o »
come a p r o p o s i t o d e l l ' i p o t e s i i n v e r s a , « ... p r e z z o d e l l a m a t e r i a » ( a r t . 470). Bi-
s o g n a p e r ò o s s e r v a r e cbe n e l l ' a r t . 468 si c o n t e m p l a u n a s i t u a z i o n e p a r t i c o l a r e ,
q u a l e r i t r o v e r e m o a d es. nel caso di risoluzione r e t r o a t t i v a o di a n n u l l a m e n t o di
u n c o n t r a t t o di l a v o r o , ili cui si d e b b a , i d e a l m e n t e , r e s t i t u i r e il l a v o r o speso d a
u n o dei c o n t r a e n t i , ciò c b e non 6 p o s s i b i l e se n o u n e l l a f o r m a i n d i c a t a p e r l a
specificazione.
alle professioni liberali, in cui si c r e d e t t e di palliare la mercede sotto
il velo molto, troppo t r a s p a r e n t e di u n rimborso di spese, come ap-
presso v e d r e m o più d e t t a g l i a t a m e n t e a proposito delle opere liberali.
I n t a n t o qui diciamo s u b i t o come tale concezione della mercede si
possa a n c b e r i t e n e r e e s a t t a in un senso molto lato, e cbe oltrepassa
i limiti della posizione c r e a t a dal c o n t r a t t o (di cui solo qui ci occu-
p i a m o ) : m a cbe è u n concetto, a p p u n t o , cbe, oltrepassando quei limiti,
n o n risponde alla v e r i t à giuridica di quello cbe è la mercede n e l l a situa-
zione c r e a t a dal c o n t r a t t o di lavoro. Torniamo a dire cbe lo scopo di so-
s t e n t a m e n t o b a la s u a importanza, g i u r i d i c a m e n t e (quando sussiste), m a
cbe iu prima linea sta il r a p p o r t o t r a m e r c e d e e lavoro, non t r a la mer-
cede e i bisogni cui colla mercede il l a v o r a t o r e vuol provvedere. L a
p o n d e r a z i o n e delle spese occorrenti al soddisfacimento di questi bi-
sogni è verissima, ma p r i n c i p a l m e n t e nella m e n t e del l a v o r a t o r e cbe
s t a per s t i p u l a r e il c o n t r a t t o di lavoro: dal p u n t o di v i s t a esterno
dei suoi r a p p o r t i con chi b a bisogno del suo lavoro la mercede la
r i c e v e r à solo p e r c h è a v r à dato il lavoro. Q u e l l a ponderazione, a p a r t e
l ' i n t e r e s s e cbe p o t r à avervi-anche il creditore del lavoro (ma n o n sempre,
iu f a t t o !), è p r i n c i p a l m e n t e p o n d e r a z i o n e di motivi s o g g e t t i v i che gra-
v i t a n o col loro peso n e l m o m e n t o della l o t t a , m a che non sono di p e r
sè soli decisivi, p e r c h è si deve p u r t e n e r conto della r e s i s t e n z a op-
p o s t a dal fascio di motivi s o g g e t t i v i che sorreggono chi h a bisogno
del lavoro in q u e s t a competizione di i n t e r e s s i ; è insomma quello che
a p r i m a v i s t a si rivela come il fenomeno economico-giuridico dello
scambio che si v a delineando, in cerca di quello che s a r à il p u n t o di
i n c o n t r o della d o m a n d a con quello dell'offerta del l a v o r o : ed è nello
scambio della p r o m e s s a di m e r c e d e contro la p r o m e s s a di lavoro che
la mercede ha la s u a collocazione giuridica principalissima.
Del r e s t o se si volesse p r o p r i o p r o c e d e r e alla l e t t e r a (cioè a t t u a r e
l o g i c a m e n t e lino alle u l t i m e n e c e s s a r i e conseguenze) quel concetto
della m e r c e d e come r i f u s i o n e di spese, si dovrebbe, a rigore, s t a t u i r e
u n r a p p o r t o t r a la m e r c e d e p r o m e s s a e le spese e f f e t t i v a m e n t e soste-
n u t e : ciò che, dal p u n t o di v i s t a dell'odierno a s s e t t o economico-giu-
ridico del c o n t r a t t o di lavoro, è s e m p l i c e m e n t e assurdo. Salvo f a r n e un
r i m b o r s o à forfait, che p r e s c i n d a d a l l ' e s a t t o a u m e n t a r e delle spese. M a
allora il c o n c e t t o di rimborso di spese a n d r e b b e in r e a l t à affievolendosi
sino a d i v e n t a r e n u l l a p i ù di u n a larva, sino a n o n essere che u n o
dei t a n t i elementi c h e figurano nello sfondo p r e c o n t r a t t u a l e , e c h e
a c c o m p a g n a n o a n c h e la v i t a del c o n t r a t t o di lavoro, m a solo lateral-
mente, senza mai intaccarne l'ossatura.
4 5 . Il r i s u l t a t o p r a t i c o è c h e se la m e r c e d e n o n è per la t e c n i c a
g i u r i d i c a r i f u s i o n e di spese, non si p o t r à s e n z ' a l t r o r i t e n e r e impli-
cito il p a g a m e n t o di u n a m e r c e d e nella p r o m e s s a di rimborso delle
spese. E v i c e v e r s a la p r o m e s s a di p a g a m e n t o della m e r c e d e non si
i n t e n d e r à comprensiva senz'altro anche della rifusione di spese. Q u a n t o
alla p r i m a conseguenza è chiaro che se del lavoro f u prestato, bisogna
distinguere secondo che lo f u per u n c o n t r a t t o di lavoro, o per un
c o n t r a t t o p u r a m e n t e g r a t u i t o : nel primo caso la promessa di un rim-
borso delle spese non elimina la necessità di p a g a r e il compenso. Ciò
è stabilito a chiare note nell'art. 1753. P u ò essere che la n a t u r a
g r a t u i t a o no d e l l ' a s s u n z i o n e di lavoro sia d u b b i a : la p r o m e s s a di
rifusione delle spese, in tal caso, non si p u ò i n t e n d e r e senz'altro
come indice che si è inteso a s s u m e r e la prestazione di lavoro a titolo
corrispettivo.
Vi è un caso però in cui il dubbio se la mercede comprenda a n c h e
la rifusione delle spese, r e a l m e n t e si affaccia. Q u a n d o il debitore del
lavoro abbia a s s u n t o a suo carico le spese r e l a t i v e alla prestazione
di lavoro, es. acquisto della m a t e r i a p r i m a , i s t r u m e n t i di lavoro, ac-
cessori, ecc. e gli sia s t a t a promessa u n a mercede globalmente deter-
m i n a t a , è certo che la mercede non c o m p r e n d e solamente il vero
compenso pel lavoro p r e s t a t o , m a a n c h e la rifusione delle spese real-
. n i e n t e s o s t e n u t e . Qui siamo in un caso differente da quello di cui
fin qui ci siamo occupati ; n o n è più il lavoro che è c o n s i d e r a t o come
spesa d a r i f o n d e r e ; m a vi sono v e r e spese, nel senso proprio, eli cui
il rimborso è implicito nella mercede. D a t a la distinzione c o n c e t t u a l e
t r a mercede come compenso del lavoro, e il rimborso di spese si do-
v r e b b e r i t e n e r e che quella mercede in r e a l t à non è c h e u n a somma
d o v u t a in p a r t e a titolo di mercede, in p a r t e a titolo eli r i m b o r s o eli
spese. N o t i a m o che la q u e s t i o n e è p r a t i c a m e n t e i m p o r t a n t e : i n f a t t i '1
p u ò i m p o r t a r e al creditore, obbligato ad es. al p a g a m e n t o degli inte-
ressi sulla m e r c e d e g i à s c a d u t a , di limitarla alla sola e p r o p r i a mercede.
Che ciò t u t t a v i a n o n sia ammissibile sostiene a p p u n t o il L o t m a r , e
sostengo a n c h ' i o ; ma n o n i n t e r a m e n t e p e r la r a g i o n e a cui si riferisce
il L o t m a r : il quale si r i c h i a m a alla difficoltà teoretica di d i s t i n g u e r e
la m e r c e d e d a l l a r i f u s i o n e di spese, e quindi alla n e c e s s i t à di non elare
a l c u n a i m p o r t a n z a all'elemento e v e n t u a l m e n t e implicito della r i f u s i o n e
di v e r e spese. Io invece osservo c h e se a n c h e q u e s t a s e p a r a z i o n e si
volesse o p o t e s s e f a r e , ciò non e l i m i n e r e b b e la n e c e s s i t à di p a g a r e gli
interessi di mora, oltre che sul vero compenso del lavoro, a n c h e s u l l a
s o m m a d o v u t a a titolo di r i f u s i o n e di spese.
A g g i u n g i a m o che i n v e c e vi sono casi in cui i n d u b b i a m e n t e , p e r
a m m i s s i o n e a n c h e del L o t m a r , si d e v e o p e r a r e la distinzione, nella
somma u n i t a r i a m e n t e fissata, della m e r c e d e dalla r i f u s i o n e delle s p e s e :
ad es. il caso di mora del c r e d i t o r e elei lavoro. Se egli n o n coopera
per q u a n t o gli s p e t t a a che la p r e s t a z i o n e eli lavoro si possa adem-

' ) LOTMAR, "Arbeitsvertrag, I, p. 140.


pi ere, certo il debitore del lavoro, f o r z a t a m e n t e inoperoso, h a diritto
che gli sia p a g a t a la m e r c e d e , ma da q u e s t a bisogna d e d u r r e le spese
che non h a fatto, oltre al g u a d a g n o che a b b i a ricavato col dare ad
altri il suo l a v o r o ; bisogna dedurre, come a suo luogo vedremo, q u a n t o
a b b i a g u a d a g n a t o nel f r a t t e m p o o a n c h e solo risparmiato (cfr. p u r e
§ (315 cod. civ. gerin.). Ciò, a tacer d'altro, per u n a esigenza e v i d e n t e
della e q u i t à e della b u o n a fede, cbe, a' sensi dell'art, 1124, a t t e g g i a n o
v a r i a m e n t e le obbligazioni s c e n d e n t i dal c o n t r a t t o .
Q u e s t o esempio conferma il r i s u l t a t o cui teoricamente siamo giunti
che la differenza s t r u t t u r a l e t r a mercede e rifusione delle spese in-
d u c a l a possibilità di dover d i s t i n g u e r e nella mercede globalmente
d e t e r m i n a t a il vero compenso del lavoro dalla r i f u s i o n e delle spese.
P e r ò con ciò non è d e t t o che q u e s t a separazione debba a v v e n i r e di
regola. Q u a n d o per' la c o n s e g n a di u n r i s u l t a t o di lavoro si p r o m e t t e
dal c o m m i t t e n t e u n a d a t a mercede, riferendola a n c h e alle spese a ca-
rico del debitore del lavoro, in r e a l t à — t r a t t a n d o s i di locazione d'opera,
cioè di lavoro a u t o n o m o — le spese costituiscono (così come il lavoro)
un rischio a s s u n t o da q u e s t ' u l t i m o , il c o m m i t t e n t e vi è e s t r a n e o : il
che è come dire che la m e r c e d e è d e t e r m i n a t a in b a s e al puro risul-
t a t o ') di quel complesso di elementi che è dato dal lavoro, e dalla
m a t e r i a p r i m a ecc. p r o c a c c i a t a s i dall'artefice, a s t r a z i o n e facendo dalla
p a r t e che nel processo di produzione o g n u n o di q u e s t i elementi a b b i a
in realtà. N o r m a l m e n t e , nel periodo delle t r a t t a t i v e , l ' i n d u s t r i a l e o
l ' a r t i g i a n o o l ' a r t i s t a fa u n calcolo a p p r o s s i m a t i v o delle spese che
i n c o n t r e r à e del lavoro che d o v r à i m p i e g a r e ; questo calcolo è la b a s e
sulla q u a l e si d e t e r m i n a la sua p a r t e c i p a z i o n e al periodo di lotta c h e
c a r a t t e r i z z a l e t r a t t a t i v e di c o n t r a t t o . Ma che i suoi calcoli siano errati
è u n f a t t o i r r i l e v a n t e : a p p u n t o p e r c h è quelle spese non sono c h e u n
rischio del lavoratore, si capisce che n o n d e b b a modificarsi la, mercede.
Così se sono molto maggiori del p r e v i s t o n o n può dire che la mercede
p r o m e s s a b a s t a a p p e n a per r i m b o r s a r e le spese, c h e quindi in realtà
non gii è c o m p e n s a t o il l a v o r o : q u e s t o e n o n a l t r o viene a dire ap-
p u n t o l ' a r t , 1040. Così come se n o n vi sono a f f a t t o spese, non p u ò
il c o m m i t t e n t e p r e t e n d e r e di e l i m i n a r e dalla mercede la p a r t e approssi-
m a t i v a m e n t e c o r r i s p o n d e n t e alle p r e s u n t e spese. L e d u e p a r t i , i n s o m m a ,
di cui c o n s t a la mercede, f o r m a n o u n t u t t o inscindibile, che v i c e v e r s a
si s c o m p o n e in altri casi, q u a n d o m a n c h i la ragione di quell'inscin-
dibilità, cioè la s u a relazione (di corrispettivo) con un r i s u l t a t o di
lavoro e f f e t t i v a m e n t e f o r m a t o , e u n i t a r i a m e n t e c o n s i d e r a t o come tale

') LOTMAR, o p . cit., p. 143. So le spese c o n s i s t o n o in salari p a g a t i a d altri la-


v o r a t o r i , ciò è in v i r t ù di uu r a p p o r t o ( t r a d e b i t o r e del l a v o r o e gli o p e r a i o la-
v o r a t o r i c h e esso i m p i e g a ) i n t e r n o , a cui il c o m m i t t e n t e è a d a t t o e s t r a n e o , s a l v o
il caso di cui a l l ' a r t . 1(315. C f r . s e m p r e l ' a r t . 1610.
(come risultato). Q u a n d o vi è mora, infatti, m a n c a questo t e r m i n e di
confronto, e allora si capisce che, in n o m e dell'equità, l'amalgama della
mercede si sgretoli.
Certo, se in quest'ultimo caso il p a g a m e n t o della mercede si potesse
concepire come indennizzo, la r a g i o n e di questo sgretolamento s a r e b b e
anche più evidente. M a v e d r e m o che ciò non è. P i n c h è vive il con-
t r a t t o (e d u r a n t e la mora accipiendi vive) la m e r c e d e è tale, cioè com-
penso di un lavoro che il debitore è p r o n t o a fare.
46. D a ciò si rileva che la mercede non p u ò mai essere concepita
come i n d e n n i t à . V e r a m e n t e n o n m a n c a chi h a a p p u n t o accolto q u e s t o
concetto. Così il Conrad l ), p e r cui la mercede n o n è in s o s t a n z a c h e
l'indennizzo p e r il lavoro dato ad altri. Se ciò fosse vero la m e r c e d e
dovrebbe in r e a l t à essere proporzionale al disagio p a t i t o e f f e t t i v a m e n t e
dal l a v o r a t o r e ; il che n o n è vero, p e r c h è nella formazione del t a s s o
della mercede questo è uno degli elementi che vi contribuiscono, m a
non è l'unico, considerato l'impero della legge della d o m a n d a e dell'of-
ferta, Del resto si è già visto che la concezione'della mercede dal p u n t o
di vista unilaterale del l a v o r a t o r e è g i u r i d i c a m e n t e ed economicamente
erronea, posto che si voglia c o n s i d e r a r l a nella s i n t e t i c a s i t u a z i o n e
c r e a t a dal c o n t r a t t o .
L a mercede si p u ò concepire come indennizzo solo q u a n d o del con-
t r a t t o di lavoro sia cessata l'efficacia, ad es. p e r recesso u n i l a t e r a l e
del creditore del lavoro nella locazione d'opera, e t u t t a v i a sia d o v u t o
all'artefice il p a g a m e n t o di quello che v i v e n t e il c o n t r a t t o era paga-
mento di m e r c e d e 2 ). Se il c o n t r a t t o è m o r t o è s p e n t a a n c h e la smi
c o n s e g u e n z a tipica, e d e t e r m i n a n t e la s u a f u n z i o n a l i t à , cioè l ' o b b l i g o
al l a v o r o ; e a v v i e n e perciò u n a t r a s f o r m a z i o n e o g g e t t i v a in seno
all'obbligo al p a g a m e n t o della mercede, che qui si scompone nei suoi
e l e m e n t i : compenso del lavoro, r i f u s i o n e di s p e s e ; il compenso è
d o v u t o i n t e g r a l m e n t e , il rimborso solo nel limite di quelle già f a t t e .
I n f a t t i l'articolo 1 0 1 1 n o n a l l u d e p i ù al p a g a m e n t o della m e r c e d e ,
senz'altro, come fa l'art.. 1 8 4 0 ; m a la scompone dicendo che l'artefice
h a d i r i t t o di essere t e n u t o i n d e n n e delle spese (si i n t e n d e r e a l m e m t e
fatte), dei lavori (cioè compenso dei lavori eseguiti), e del c o m p e n s o
u l t e r i o r e che, d e d o t t e le presumibili spese, n o n fatte, a v r e b b e p o t u t o
ricavare.

') GrundHss zur polii. Oelconomie, I, p. 314.


2
) L a i n d e n n i t à p e r m a n c a t o p r e a v v i s o non c o i n c i d e n e c e s s a r i a m e n t e col salari
d o v u t o p e r il p e r i o d o di p r e a v v i s o . E p e r c i ò si p u ò r i t e n e r e colla C a s s a z . f r a n
cese (29 HOT. 1911, cit. in Contr. lav., 1 9 1 2 , 2 8 8 ) che u n a q n i t a n z a p e r pagamente
di s a l a r i o « s e n z a r i s e r v a ed a s a l d o d ' o g n i c o n t o » non esclude l ' o b b l i g o di in
dennità per mancato preavviso.

{
E t u t t o ciò si spiega semplicemente con ciò, clie qui siamo di
fi-onte a un vero i n d e n n i z z o : l'articolo 1641 lo dice esplicitamente
(« ...indenne... »). . .
Ma se il c o n t r a t t o vive, la mercede è compenso, cioè e q u i v a l e n t e del
lavoro, n o n mai r i s a r c i m e n t o di d a n n o : è compenso a n c h e se la pre-
stazione di lavoro non è r e a l m e n t e a t t u a t a , senza che ciò a b b i a ad
influire sulla m e r c e d e (mora del creditore del l a v o r o ) ; da questo p u n t o
di v i s t a i n d u b b i a m e n t e le controstallie n o n r a p p r e s e n t a n o che la con-
t i n u a z i o n e del nolo, non già u n indennizzo, nel senso preciso della
parola. È la stessa cosa come per il prezzo d o v u t o malgrado il peri-
mento della cosa. Q u e s t o è vero prezzo, cioè equivalente di u n valore
c h e in r e a l t à n o n sussiste. T u t t o ciò consegue dalla limitazione che,
in b a s e a p r i n c i p i generali cbe o r a n o n occorre io ricordi, m a sui
q u a l i r i t o r n e r e m o a suo luogo, è imposta al vincolo di subordinazione
reciproca t r a le d u e p r e s t a z i o n i a v v i n t e d a nesso di onerosità ).
I n o l t r e il concetto di d a n n o , riferito al consumo di energie, s a r e b b e
erroneo D a n n o è d i m i n u z i o n e di p a t r i m o n i o ; il consumo di energie
n o n è tale, p e r c h è le energie di lavoro son sono « c o s a » o « m e r c e »
(come a suo luogo v e d r e m o ) : il p a t r i m o n i o r i m a n e i n t a t t o m a l g r a d o
t a l e consumo 2). A r a g i o n e osserva il L o t m a r che se anche si volesse
concepire il lavoro come b e n e p a t r i m o n i a l e , sarebbe p u r sempre un
b e n e non p r e e s i s t e n t e , nel p a t r i m o n i o , al d i s p i e g a m e n t o effettivo di
energie, u n bene p r o d o t t o dal l a v o r a t o r e (prima non sussiste se n o n
u n a semplice a t t i t u d i n e al lavoro); ora, ciò non b a s t a p e r c h e si a b b i a
u n a « d i m i n u z i o n e » di p a t r i m o n i o .
Ma si p o t r e b b e o b b i e t t a r e che almeno l ' a t t i t u d i n e al lavoro r e s t a
d i m i n u i t a , colla sua a t t u a z i o n e ; e la m e r c e d e mira a p p u n t o a colmare
q u e s t a l a c u n a . M a n e p p u r q u e s t a a t t i t u d i n e al l a v o r o , come v e d r e m o
p i ù a v a n t i , è u n b e n e economico, q u i n d i n e p p u r qui vi è il d a n n o m
senso p r o p r i o 3 ) .
C f r appr. p. 119 sg- Come risarcimento di danni pare la concepisca il BLOCK,
) o n . appi. i ^B qualche caso curioso e a tutta
nel Journal de, economstes, 1899, i l , Vi 6 £ ^ saU,ist;tuzione
p r i m a i m b a r a z z a n t e . P e r es. p e i la legge 1» i u 0 u o a , ,
d e l l e c o m m i s s i o n i p r o v i n c i a l i d i b e n e f i c e n z a le f u n z i o n i dei m e m b r i delle comm
Z Z Z t n i t e ( a r t 10) Ma a i c o m m i s s a r i o p e r a i s p e t t a « u n a i n d e n n i t à cor-
n Z e 8 a 1 e e l I S v a m e n t e p e r d u t a d a essi per p r e n d e r p a r t e alle
P r e s c i n d i a m o q u i d a , e a r a t t e ^ pubblicistici, d j r a p p o r t o : qui ^ a f -
f e r m a t a a n c h e p e r gli o p e r a i l a g r a t u i t à d e l r a p p o r t o , a mio a v v i s o . Perciò ,-e.
essi è v e r a i n d e n n i t à , n o n m e r c e d e .
2) Così a n c h e LOTMAR, c i t . , I, p . 136. „rrft„ar
3 II LOTMAR, op. e 1. c i t . , r i t i e n e c h e l ' o p e r a i o nou p u ò g i u r i d i c a m e n t e a r r e c a
d a n n o a s è s t e s o, l a v o r a n d o . D a n n o è ciò che si è sofferto e r i c h i e d e q u i n d i il
c o n t e g n o p a s s i v o i e l l a v i t t i m a n e l p a z i e n t e ; i n v e c e il l a v o r a t o r e si d a n n e g g e r c b b e
d a sis colla p r o p r i a a t t i v i t à . V e r a m e n t e con q u e s t o c o n c e t t o noni si ^ ^ ^
g a r e il r i s a r c i m e n t o p e r i n f o r t u n i o sul l a v o r o a cui l ' o p e r a i o abbia. d a t o o c c a s i o n e
col f a t t o p r o p r i o : s a l v o cbe si n e g h i q u i il c o n c e t t o d i u n i n d e n n i z z o .
Ciò non toglie clie bene spesso ci i m b a t t i a m o in espressioni giu-
risprudenziali ') o dottrinali che alludono alla mercede come inden-
nità, e- ciò si>ecialmente, come àbbiam già ricordato, a proposito del
lavoro-prevalentemente intellettuale, ad es. per le professioni l i b e r a l i :
s e m p r e p e r la v a g a impressione dell'inestimabilità di questo lavoro.
47. Vi sono però t a l o r a delle forme di compenso per le quali p u ò
nascere illogicamente il dubbio se si sia o no di f r o n t e a vere e proprie
indennità, perchè è a p p u n t o con questo nome che le stesse leggi o i
regolamenti le designano. Così l ' a r t . 1 delia legge sulla p i g n o r a b i l i t à
e s e q u e s t r a b i l i t à degli stipendi, ecc. (2 luglio 1908) ricorda a n c h e le
i n d e n n i t à t r a le forme di compenso d o v u t e ai f u n z i o n a r i , impiegati, ecc.
C h e sia compenso del lavoro r i s u l t a dalla dizione di quell'articolo,
c h e t e r m i n a l ' e n u m e r a z i o n e a g g i u n g e n d o « ... e i compensi di qualsiasi
s p e c i e che lo Stato... corrispondono ai loro f u n z i o n a r i », espressione
c h e h a t u t t a l'aria di essere u n a sintesi concettuale a b b r a c c i a l e a n c h e
l ' e n u m e r a z i o n e precedente. I n r e a l t à non è irragionevole il d u b b i o in
proposito, e che p a r poter i n d u r r e a non generalizzare q u e s t o con-
c e t t o di u n a piena parificazione c o n c e t t u a l e della m e r c e d e all'inden-
nità, anzi caso mai a e s t e n d e r e il concetto p e r f e t t a m e n t e opposto, c h e
d i s t i n g u e i n d e n n i t à da mercede. I n f a t t i nella m a g g i o r p a r t e d e i casi
l'« i n d e n n i t à » che è p a g a t a agli impiegati o a d altri lavoratori sta-
bili e ai debitori di lavoro non p r e v a l e n t e m e n t e m a n u a l e è proprio u n a
s o m m a che h a s t r e t t o r i f e r i m e n t o colle spese che di solito sono ben
s p e c i f i c a t e : i n d e n n i t à di residenza, di alloggio, di c a v a l c a t u r a pel
medico condotto. Di qui la conclusione che d u n q u e n o n si sia di
f r o n t e a u n a v e r a m e r c e d e p a r logica.
T u t t a v i a è s u b i t o da opporre che a n c h e la m e r c e d e è d e s t i n a t a alle
s p e s e di s o s t e n t a m e n t o ; l'essere q u e s t a somma d e s t i n a t a d u n q u e (li-
m i t a t a m e n t e agli esempi citati) a u n a speciale c a t e g o r i a di spese a
cui o r d i n a r i a m e n t e serve la m e r c e d e , n o n costituisce u n criterio
c h e la differenzi s o s t a n z i a l m e n t e d a q u e s t ' u l t i m a . Q u i n d i si p o t r a n n o
c o n s i d e r a r e come u n ' a p p e n d i c e alla mercede, p a g a t a in compenso del
lavoro, ma con r i g u a r d o a c e r t e speciali spese, che per c a u s a dello
a d e m p i m e n t o della p r e s t a z i o n e il d e b i t o r e deve f a r e ; è u n supple-
m e n t o di r e t r i b u z i o n e 2 ) in cui è e s p r e s s a , c o n t r a r i a m e n t e al solito,

') Cass. P a l e r m o , 5 u o v . 1910, Foro, 1911, I, 2 3 7 : « . . . la r a g i o n e d e l l a n a t u r a


s p e c i a l e d e l l ' I n d e n n i t à che il p r i v a t o p a g a agli ufficiali g i u d i z i a r i ». Ciò nou t o g l i e
c h e la Cassazione e s t e n d a a d essi il beneficio d e l l a l e g g e s u l l a i n s e q u e s t r a b i l i t à
degli stipendi.
2
) In q u e s t o senso e s a t t a m e n t e l a S u p r e m a C o r t e di R o m a , 10 g i u g n o 1905
Foro it., 1905, 1, 1205. C f r . p u r e C a s s a z . N a p o l i , 10 g e n n . 1902, Foro it., 1902'
1, 167. T u t t o ciò p r o v a q u a n t a i m p o r t a n z a a n c h e n e l l ' o r b i t a d e l c o n t r a t t o abbia
io scopo cui la m e r c e d e dove s e r v i r e . Con q u e s t e i n d e n n i t à p a g a t e non in modo
L . BAKASSI. — Il contratto eli lai-oro, ecc. — 2." e d . — 10.
la d e s t i n a z i o n e s o g g e t t i v a della m e r c e d e come mezzo p e r f a r f r o n t e
a certe spese p e r s o n a l i del l a v o r a t o r e : u n a l t r o a r g o m e n t o a f a v o r e
della già c o n s t a t a t a r i l e v a n z a giuridica dello scopo soggettivo a cui
la m e r c e d e è d e s t i n a t a . Glie d u n q u e q u e s t e i n d e n n i t à siano ricolle-
g a t e e s p l i c i t a m e n t e alle spese che il debitore del lavoro deve soste-
nere, a n z i c h é al suo l a v o r o (come retribuzione), nou è u n a r a g i o n e p e r
n e g a r e siano u n a p a r t e del compenso.
M a l ' i n d e n n i t à ci si p u ò p r e s e n t a r e in a l t r a f o r m a . L ' i n d e n n i t à di
alloggio, di r e s i d e n z a , ecc., di cui s ' è v i s t o o r a , è collegata con
u n a d e t e r m i n a t a c a t e g o r i a di spese, m a n o n così s t r e t t a m e n t e , c h e
il d e b i t o r e del lavoro, a c u i è d o v u t a , n o n possa anche d e s t i n a r e
a scopo diverso l ' i n d e n n i t à r i c e v u t a . Q u e s t a non è che u n a agevo-
lazione in suo f a v o r e , u n aiuto, u n sussidio, u n ' a p p e n d i c e insomma
alla r e t r i b u z i o n e ; q u i n d i p u ò a n c h e r i n u n c i a r e a l l ' e f f e t t i v a eroga-
zione di q u e s t a i n d e n n i t à , se ciò è compatibile con l ' a d e m p i m e n t o
della s u a p r e s t a z i o n e . P e r c h è p u ò essere che l ' i n d e n n i t à miri a faci-
l i t a r e u n m a g g i o r r e n d i m e n t o del l a v o r o ; ora, la d e s t i n a z i o n e a scopi
differenti d a l l ' i n d e n n i t à n o n d e v e essere a scapito di q u e s t o r i s u l t a t o ,
che n e l l ' a t t r i b u z i o n e d e l l ' i n d e n n i t à è i m p l i c i t a m e n t e voluto. L a C o r t e
s u p r e m a di R o m a , nella s e n t e n z a c i t a t a , h a d o v u t o a p p u n t o occuparsi
d e l l ' i n d e n n i t à di v e t t u r a e di r e s i d e n z a a u n medico condotto, ed h a
a m m e s s o che q u e s t o « n o n era t e n u t o ad u s a r e l ' a s s e g n o p r e d e t t o
n e l l ' a d e m p i m e n t o dell'obbligo, n è della r e s i d e n z a , n è degli altri doveri
d'ufficio, cui p o t e v a p r o v v e d e r e con altri mezzi a d o p e r a n d o l ' a s s e g n o
come meglio gli a g g r a d i v a » : p o t e v a d u n q u e c o n s i d e r a r e quell'inden-
nità, così come lo s t i p e n d i o , « p e r t u t t i gli usi della p r ò p r i a e s i s t e n z a ».
Q u i n d i q u e l l ' i n d e n n i t à « e r a u n accessorio che n e a c c r e s c e v a lo sti-
p e n d i o », e con esso si c o m p e n e t r a v a : m a il medico doveva p e r ò
s e m p r e s u p p l i r e con quel q u a l s i a s i mezzo di locomozione, a n c h e p i ù
economica, che gli c o n s e n t i s s e di a d e m p i e r e i n t e g r a l m e n t e alle obbli-
gazioni a s s u n t e . L ' e v e n t u a l e m a g g i o r disagio, p e l medico, era un
rischio a suo carico che n o n d a v a d u n q u e d i r i t t o al C o m u n e di dimi-
nuire l'assegno.
Ma n o n è escluso che c e r t e i n d e n n i t à siano assai p i ù s t r e t t a m e n t e
c o n n e s s e coll'effettiva a t t u a z i o n e delle spese a cui sono r i f e r i t e : così
è p e r le i n d e n n i t à di v i a g g i o a n t i c i p a t e a u n i m p i e g a t o , c h e d e v e
v i a g g i a r e p e r d o v e r i d'ufficio '). Q u i sì che n o n vi h a più il c a r a t t e r e

òsso m a e v e n t u a l e , s p o r a d i c o , 6i o t t i e n e l ' i n t e n t o di a d a t t a r e v e r a m e n t e la m e r -
c e d e ' a quello scopo di s o s t e n t a m e n t o , cbe è p u r e u u o dei criteri commisuratovi
del t a s s o delle m e r c e d i .
i) L ' i n d e n n i t à a n n u a d i e nel b i l a n c i o delle a m m i n i s t r a z i o n i c o m u n a l i è s t a b i -
lita in f a v o r e del S i n d a c o fe v e r a m e n t e u n ' i n d e n n i t à di q u e s t a n a t u r a , r i s p o n d e n t e
a spese s o s t e n u t e d a l S i n d a c o per r a g i o n i di ufficio, e cioè pei d o v e r i di r a p p r o -
di retribuzione del lavoro, ma di anticipazione o di rimborso (più
generalmente) di spesa, Coll'effetto pratico, rilevato già dalla Corte
citata,"che lo stesso impiegato non p o t r e b b e s e r v i r s e n e per altri scopi
della vita, con quella libertà con cui si serve dello stipendio, o di ciò
i;lie è parte, appendice dello stipendio 4). Che certe leggi 2) qui usino
la parola « compenso » non vuol dire che il concetto qui indicato sia
erroneo: « compenso » qui s t a per r i f u s i o n e (come q u a n d o si dice
compensare t a l u n o per un d a n n o avuto).
T r a q u e s t e d u e c a t e g o r i e di i n d e n n i t à ve n e sono alcune che costitui-
scono u n a zona grigia t r a esse. I n f a t t i nella seconda figurano inden-
nità che non sono in s o s t a n z a se n o n r i f u s i o n e di spese o r d i n a r i a m e n t e
a carico del creditore del l a v o r o : q u e s t o i n f a t t i è il vero criterio tecni-
camente differenziale tra le indennità-rifusione di spese e i e indennità-
mercede 3 ), ed è i n d u b b i a m e n t e con q u e s t a limitazione che v a inteso
l'art. 13 del regolamento p e r l'esecuzione della legge sugli i n f o r t u n i
sul lavoro '). Qui è evidentissimo che n o n si t r a t t a di r e t r i b u z i o n e
del lavoro, almeno nel limite della e s a t t a r i f u s i o n e delle spese: perchè
se l ' i n d e n n i t à a n d a s s e oltre, nel limite del di più vi a v r e b b e v e r o sup-
plemento alla mercede 5 ): a mio avviso è con q u e s t a c a u t e l a che l ' a r t . 13
regolamento i n f o r t u n i va i n t e r p r e t a t o . M a c e r t e i n d e n n i t à possono
riferirsi a spese n o r m a l m e n t e a carico del debitore del lavoro, spese irn-

s e n t a n z a . N a t u r a l m e n t e p r e s c i n d o qui d a l l a n a t u r a d e i r a p p o r t i t r a S i n d a c o e
C o m u n e , p e r l i m i t a r m i a q u e s t a i n d e n n i t à , e p e r r i c o r d a r e c o m e l ' a r t . 280 del t e s t o
u n i c o l e g g e coni, e p r o v . 21 m a g g i o 1908 r i c o r d a : a) compensi v e r i e p r o p r i c o m e
r e t r i b u z i o n e del l a v o r o ; li) rimborsi d e l l e s p e s e n e c e s s a r i e ; e} le indennità al S i n d a c o .
L e i n d e n n i t à in s o s t a n z a a p p a r t e n g o n o a l l a s t e s s a c a t e g o r i a dei r i m b o r s i , s a l v o d i f -
f e r e n z e c h e qui non o c c o r r e s e g n a l a r e . C f r . C o n s . di S t a t o , p a r e r e 29 die. 1911,
Foro Hai., 1912, I I I , 90.
' ) L ' i n d e n n i t à d i t r a s f e r t a n o n v a c o m p u t a t a c o m e m e r c e d e , non g i à p e r c h è
e c c e z i o n a l e , c o m e r i t i e n e e r r o n e a m e n t e I'AGNICLLI ( i n f o r t . sul lavoro, p . 307), m a
p e r c h è è s o s t a n z i a l m e u t e cosa d i v e r s a d a l l a m e r c e d e .
2
) E s . E . d e c r . 2 n o v . 1876, n . 3450 (« c o m p e n s o p e r t r a s f e r i m e n t o » ) ; R. d e c r .
14 s e t t . 1862, n. 810 (« c o m p e n s o p e r s p e s e di v i a g g i o e p e r q u e l l e di s o g g i o r n o »).
Si b a d i p e r ò c h e il r i m b o r s o d e l l e s p e s e di s o g g i o r n o si p u ò r e a l m e n t e . c o n s i d e r a r e ,
c o m e poi v e d r e m o , a p p e n d i c e di m e r c e d e . Ciò p u r e s p i e g a l ' i m p i e g o d e l l a p a r o l a
« c o m p e n s o ».
3
) L a C o r t e c i t . h a r i l e v a t o ciò, o s s e r v a n d o « c h e c e r t a m e n t e d a l c o n c e t t o a m p i o
di s t i p e n d i o si d i s t i n g u o n o le i n d e n n i t à di v i a g g i o , di t r a s f e r t a , e le s p e s e di u f -
ficio p e r c h è tali a s s e g n i si p a g a n o n o n in c o m p e n s o d e l l ' o p e r a p e r s o n a l e , m a p e r
r i l e v a r e la p e r s o n a d a l l e s p e s e c h e s o s t i e n e p e r l ' u f f i c i o » .
4
) L ' a r t . 3 3 c i t . c o m p r e n d e a n c h e le « s o m m e c o r r i s p o s t e a t i t o l o di inden-
n i t à , q u a n d o 11011 a b b i a n o c a r a t t e r e di r i m b o r s o di s p e s e ». È e v i d e n t e c h e
(preste p a r o l e 11011 a v r e b b e r o s e n s o se si r i f e r i s s e r o a l l e s p e s e c h e l ' o p e r a i o d e v e
sostenere o h a s o s t e n u t o per sè, p e r c o n t o p r o p r i o , p e r i bisogni suoi e della fa-
m i g l i a , in q u a n t o l a m e r c e d e è a p p u n t o d e s t i n a t a a s o p p e r i r e a q u e s t i b i s o g n i .
5
) In q u e s t o s e n s o S A C I I K T , Traiti théor. et pratique de la législ. sur les accidenls
du travail (1904), I , n . 829.
p r e s c i n d i b i l i ; l ' i n d e n n i t à che vi si riferisce a p p a r t i e n e in sostanza alla
p r i m a delle d u e categorie sopra descritte, ma (a differenza dei casi
indicati nella prima categoria, e ad analogia di q u a n t o accade per la
seconda) è soppressa i n t e r a m e n t e la libertà di erogazione. E s . l'inden-
n i t à d ' a r m a p e r c e p i t a dagli ufficiali della E . Marina '). L a soppres-
sione della libertà di erogazione si r i c o n n e t t e colla imprescindibilità
maggiore o minore dello scopo dell'assegno, m a non è u n elemento
che differenzi s o s t a n z i a l m e n t e questo particolare assegno dalla mer-
c e d e : in q u a n t o la necessità di u n a d a t a spesa a v r e b b e p u r dovuto
g r a v a r e sulla mercede stessa, incanalandone f o r z a t a m e n t e u n a p a r t e .
A b b i a m o qui, d u n q u e , v e r a a p p e n d i c e di mercede.
Gol criterio differenziale qui accolto si dovrebbe ritenere che le in-
d e n n i t à e v e n t u a l m e n t e a carico dell'industriale per infortuni sul la-
voro toccati agli operai cbe egli a b b i a t r a s c u r a t o di assicurare (art. 21
t e s t o unico) sono p a r t e della mercede, dal m o m e n t o clie le spese di
m a l a t t i a sono n o r m a l m e n t e a carico del l a v o r a t o r e ; u n supplemento di
m e r c e d e cui l ' i n d u s t r i a l e p u ò essere obbligato, a p p u n t o in considera-
zione d e l l ' u t i l i t à che gli è v e n u t a dall'opera d e l l ' i n f o r t u n a t o . Q u e s t a
è infatti,-come già sopra abbiamo ricordato, l'opinione accolta tra noi
ad es. dal C a r n e l u t t i 2). Certo, se noi vogliamo risolvere il dubbio
considerandolo da questo angolo visuale sembra difficile opinare di-
v e r s a m e n t e . I n f a t t i a t u t t a p r i m a in contrario si p o t r e b b e dire che
l ' i n f o r t u n i o è spesa d e l l ' i n d u s t r i a l e , è un rischio della sua azienda, u n a
spesa, direi quasi, d'ufficio. Ma q u e s t a s a r e b b e la conseguenza a p p u n t o
dell'obbligo che h a l ' i n d u s t r i a l e di p r o v v e d e r e a i n d e n n i z z a r e l'operaio,
o p a g a r e i p r e m i di assicurazione, n o n è q u e s t a u n a conseguenza di
q u e l l ' a f o r i s m a : si i n t e n d e dal p u n t o di v i s t a della s t r e t t a esegesi
giuridica.
I n t a n t o n o n occorre c h e io i n s i s t a nel giustificare la limitazione
della q u e s t i o n e al caso di cui all'art, 21 t e s t o unico, escludendo sen-
z ' a l t r o quello di cui all'art. 22. I n q u e s t ' u l t i m a disposizione ci tro-
v i a m o i n d u b b i a m e n t e di f r o n t e a u n a r e s p o n s a b i l i t à per danni, secondo
il d i r i t t o c o m u n e (lo stesso articolo discorre di « r e s p o n s a b i l i t à civile »);
qui si risale ai p r e s u p p o s t i s u b b i e t t i v i della r e s p o n s a b i l i t à che sono
e s t r a n e i a f f a t t o al concetto della « mercede », che si trova in relazione
o g g e t t i v a colla p r e s t a z i o n e del lavoro. Qui siamo di f r o n t e a u n vero
e proprio r i s a r c i m e n t o dei d a n n i (che i n f a t t i v a n n o r i f u s i integral-
mente).
Ma a n c h e limitandoci a l l ' a r t . 21 io credo che a n z i t u t t o si d e b b a
d i s t i n g u e r e l ' i n d e n n i t à che c o n s e g u e da i n v a l i d i t à p e r m a n e n t e di tal

') C f r . T r i b u u a l e eli S a r z a n a , 14 clic. 1910, in Temi genov., 1911, 63, che li»
concluso p e r l ' i m p i g n o r a b i l i t à di q u e s t a i n d e n n i t à a n c h e per c a u s a di a l i m e n t i .
2
) Infortuni sul lavoro ( S t u d i ) , p . I X .
n a t u r a da togliere al lavoratore la possibilità di c o n t i n u a r e a dare le
sue energie in base al c o n t r a t t o clie lo vincolava all'industriale, dal-
l ' i n d e n n i t à clie r e n d e possibile il ritorno al lavoro presso questo
medesimo industriale. V e d e r e nella i n d e n n i t à della p r i m a ipotesi un
s u p p l e m e n t o di mercede, q u a n d o la possibilità di u n a prestazione di
lavoro è esclusa è a s s o l u t a m e n t e inammissibile. Si dirà cbe vi ha qui
la s t e s s a situazione che per la p e n s i o n e : t a n t o la pensione che l'in-
d e n n i t à per inabilità p e r m a n e n t e assoluta escludono la mercede (anzi
sono a t t r i b u i t e p e r c h è n o n si dà mercede), e non p r e s u p p o n g o n o u n a
c o n t e m p o r a n e a p r e s t a z i o n e di lavoro. Ma in r e a l t à la pensione pre-
s u p p o n e un l u n g o periodo di c o n t i n u a t a prestazione di lavoro, e non
è, in p a r t e , se non uno s p o s t a m e n t o di quella porzione di m e r c e d e che
non v e n n e p a g a t a d u r a n t e quel periodo di lavoro (sempre, si i n t e n d e ,
se le pensioni sono a carico della medesima azienda a cui il lavoro
f u dato). I n v e c e l ' i n d e n n i t à p e r i n f o r t u n i o non p r e s u p p o n e q u e s t o
periodo di a t t i v i t à p r e c e d e n t e : un operaio a p p e n a a s s u n t o , v i t t i m a di
infortunio, e che l ' i n d u s t r i a l e non a b b i a assicurato, in b a s e all'art. 21
t e s t o unico i n f o r t u n i sul lavoro, o al caso in cui l ' i n d u s t r i a l e sia civil-
m e n t e r e s p o n s a b i l e ai t e r m i n i dell'art. 22, h a t u t t a v i a d i r i t t o alla in-
d e n n i t à per p a r t e del capo dell'impresa. Q u e s t a i n d e n n i t à non è d u n q u e
mercede, m a vero indennizzo (sebbene nel caso dell'art. 2 1 n o n risar-
cisca t u t t i i danni) ').
Il d u b b i ò p u ò invece p i ù r a g i o n e v o l m e n t e n a s c e r e q u a n t o alle in-
d e n n i t à per inabilità che non impediscono il ritorno al lavoro (inabilità
t e m p o r a n e a , a s s o l u t a o parziale). Q u e s t e , a t u t t a prima, p a r si p o s s a n o
considerare p u r a m e n t e come un soccorso che si s o s t i t u i s c e o al salario
(art. 9, n. 3) o alla p a r t e di cui v i e n e r i d o t t o il salario (art. 9, n. 4):
s e m b r a diffìcile, a primo aspetto, v e d e r e q u i u n t u t t ' u n o di q u e s t a
i n d e n n i t à col salario. Io posso a n c h e a m m e t t e r e che non s ' a b b i a a
s p i n g e r e troppo in là q u e s t o a r g o m e n t o l e t t e r a l e : si p o t r e b b e i n f a t t i
riconoscere che la m e r c e d e c o m p l e s s i v a p u ò r i s u l t a r e (nel caso a d
es., il p i ù s a l i e n t e per la n o s t r a d i m o s t r a z i o n e , del mini. 4 d e l l ' a r t . 9)
della p a r t e r i m a s t a di salario più l ' i n d e n n i t à ; e cioè salario sarebbe,
per la legge sugli i n f o r t u n i , la m e r c e d e in iscambio di lavoro, e in-
d e n n i t à l ' i n t e g r a z i o n e di q u e s t o salario. Ma è a n c h e vero cbe in ap-
poggio a q u e l l ' a r g o m e n t o l e t t e r a l e si p u ò r i c o r d a r e che le i n d e n n i t à
che c o s t i t u i v a n o v e r a mercede, secondo il criterio da noi s o p r a pro-
posto, p r e s u p p o n e v a n o s e m p r e la c o n t i n u a t a p r e s t a z i o n e di lavoro,
m e n t r e qui q u e s t a è sospesa e il salario, a q u a n t o p a r r e b b e , è p u r e o
sospeso o r i d o t t o . Si p u ò o p p o r r e che è possibile, e n t r o certi limiti,

') C f r . le m i e htiluz. di dir. civ. (1914), p. 362, c). Si a g g i u n g a clie m e n t r e


la pensione, p u r non essendo m e r c e d e , è p e r ò r i m u n e r a z i o n e del l a v o r o , q u e s t o
non può dirsi dell'indennità.
l'obbligo di p a g a r e la mercede a n c h e se la prestazione del lavoro sia
m a n c a t a : e questo è verissimo. U n caso già s'è visto, quello della
mora del creditore del lavoro, ma qui possiamo citare un altro esempio ')
a n c h e più calzante, quello della m a l a t t i a del lavoratore. Spesso in
tal caso il c o n t r a t t o o gli usi stabiliscono clie la mercede v e n g a
t u t t a v i a , almeno entro certi limiti di tempo, corrisposta o per in-
tero, o con parziale riduzione. Certo, si p o t r e b b e anche opporre
che quella che il c o n t r a t t o c h i a m a mercede, in realtà, in t a l caso,
n o n è che p u r a i n d e n n i t à . T u t t a v i a n o n mi pare insostenibile che
proprio q u e s t a sia mercede 2) in cui però a c q u i s t a uno speciale ri-
salto la f u n z i o n e di s o s t e n t a m e n t o che h a la mercede, e n o n vieti
meno (così come nel caso di mora accipitndi) n e p p u r e il r a p p o r t o
di e q u i v a l e n z a al lavoro, poiché a n c h e q u i , come per la pensione,
possiamo a m m e t t e r e il riferimento della mercede al lavoro già pre-
stato, e inoltre a quello che sarà prestato. Si capisce che ciò è
reso specialmente possibile dalla mercede a tempo, in cui si p u ò
fino a u n certo p u n t o p r e s c i n d e r e dalla effettiva q u a n t i t à di lavoro
p r e s t a t o , oltre che dal suo r i s u l t a t o . I n sostanza n o n si deve dimen-
t i c a r e che qui il c o n t r a t t o di lavoro (le conseguenze dell'infortunio
n o n essendo che temporanee) p e r d u r a , a differenza del caso in cui sia
d o v u t a u n a p e n s i o n e : è q u e s t a la ragione p e r cui la pensione, come
s'è visto, non è mercede, p u r essendo u n a f o r m a di r i m u n e r a z i o n e in
senso l a t o 3), m e n t r e q u e s t a i n d e n n i t à t e m p o r a n e a n o n si differenzia
in n u l l a d a l l a mercede p a g a t a d u r a n t e la m a l a t t i a del lavoratore.
Io non so capire p e r c h è l ' i n d e n n i t à che p r e s u p p o n e la continua-
zione del r a p p o r t o c o n t r a t t u a l e , e cioè della p r e s t a z i o n e di lavoro,
d e b b a essere b r u s c a m e n t e s t a c c a t a dalla considerazione del lavoro
fatto, o che si f a r à cessate le c o n s e g u e n z e d e l l ' i n f o r t u n i o ; non vi è
r a g i o n e per t r a t t a r l a d i v e r s a m e n t e dalla mercede p a g a t a d u r a n t e la

') Altro caso è quello del servizio m i l i t a r e : t a l o r a si s t i p u l a n o n solo che il


c o n t r a t t o di lavoro p e r d u r i , m a a n c h e l a c o n t i n u a z i o n e del p a g a m e n t o della
m e r c e d e . C f r . s o p r a , p . 144.
2
) Così come il prezzo d o v u t o al v e n d i t o r e , q u a n d o la cosa sia p e r i t a a l'ischio
del c o m p r a t o r e , non cessa di essere il « p r e z z o » , m a l g r a d o sia m a n c a t a la c o n s e g n a
della cosa al c o m p r a t o r e . E così come il c o n d u t t o r e della cosa d e v e p a g a r e il prezzo
d e l l a locazione a n c h e p e r il t e m p o in c u i le r i p a r a z i o n i (art. 1580) l ' a b b i a n o p r i -
v a t o del g o d i m e n t o d e l l a cosa. C o m e iu questi casi, così si p u ò d i r e c h e le con-
s e g u e n z e d e l l ' i n f o r t u n i o s o n o un rischio d e l l ' i n d u s t r i a l e a l m e n o in g r a n p a r t e :
p e r c h è in p a r t e il rischio è a c c o l l a t o a n c h e al l a v o r a t o r e , colla r i d u z i o n e del sa-
l a r i o . È i n s o m m a l ' a p p l i c a z i o n e di p r i n c i p i g e n e r a l i sulla s o p p o r t a z i o n e del r ì s c h i o
n e i c o n t r a t t i s i n a l l a g m a t i c i o a titolo oneroso.
3
) C f r . s o p r a , p. 125-126. Di c o m u n e b a q u e s t a i n d e n n i t à eolla p e n s i o n e il p r e -
v a l e r e dello scopo di s o s t e n t a m e n t o , che t u t t a v i a non escludo il c o l l e g a m e n t o col
l a v o r o f a t t o , e qiiiudi il c a r a t t e r e di r i m u n e r a z i o n e . È p e r ò certo che quello scopo
di s o s t e n t a m e n t o h a u n ' i m p r o n t a s p e c i a l m e n t e e n e r g i c a , p e r la d e t e r m i n a t e z z a dello
scopo di s o s t e n t a m e n t o , q u a n t o a l l ' i n d e n n i t à .
malattia, u u a volta riconosciuto che spesso si è usato « i n d e n n i t à »
per alludere alla « mercede ». È d u n q u e u n a forma di mercede, ma
una forma sui generis, con proprie c a r a t t e r i s t i c h e , clie l'avvicinano alla
pensione. N e l l ' i n d e n n i t à per infortunio, infatti, il r a p p o r t o col lavoro,
p u r non mancando, anzi, p u r essendo imprescindibile, p a s s a in se-
c o n d a linea, a differenza di q u a n t o accade p e r il tipo normale di
mercede; e in prima linea si affaccia quella che n o r m a l m e n t e non è
c a r a t t e r e c o n t r a t t u a l m e n t e d o m i n a n t e della mercede, cioè la sua fun-
zione di s o s t e n t a m e n t o del lavoratore.
Siamo d u n q u e di f r o n t e a u n tipo ibrido, r e a l m e n t e intermedio t r a
la vera e p u r a indennità, e la f o r m a normale e p a r a d i g m a t i c a di mer-
c e d e '). Con ciò si spiega come la legge c o n t r a p p o n g a q u e s t a inden-
n i t à al s a l a r i o ; e si s p i e g a p u r e la n a t u r a s u a speciale di credito
a l i m e n t a r e ; con ciò si deve senz'altro ritenere, c o n t r a r i a m e n t e a q u a l c h e
s e n t e n z a , che l ' i n d e n n i t à p a g a t a all'operaio, per l ' a r t . 21, n o n h a ca-
r a t t e r e di p e n a l i t à 2 ). Dopo ciò mi p a r e si possa s o s t e n e r e la eollo-
c a b i l i t à di q u e s t a i n d e n n i t à (rispetto a cui l ' i n d u s t r i a l e si sostituisce
a l l ' i s t i t u t o assicuratore) nella categoria delle indennità-mercede (sia p u r e
c o n proprie c a r a t t e r i s t i c h e che in p a r t e la deformano), cioè assieme
alle i n d e n n i t à che r i g u a r d a n o spese cui n o r m a l m e n t e è d e s t i n a t a a
s o p p e r i r e la mercede. E il r i s u l t a t o è q u e s t o : che la possibilità di
d o v e r p a g a r e q u e s t a i n d e n n i t à di m a l a t t i a r e n d e incerto, p e r c h è va-
riabile in m o d o che non si può p r e v e d e r e , l'onere della retribuzione
del lavorò, c o n s i d e r a t a g l o b a l m e n t e r i s p e t t o al lavoro complessiva-
m e n t e d a t o d a l l ' i m p i e g a t o o dall'operaio. Q u e s t o è u n o dei casi in cui
a n c h e il giurista, così come l'economista, deve p r o c e d e r e con u n l a r g o
s g u a r d o sintetico. È del r e s t o la s t e s s a c o n s e g u e n z a delle i n d e n n i t à
di alloggio, ecc., che non siano r i f u s i o n i di spesa, m a f o r m a di mer-
cede. P r a t i e a n e n t e u n i n d u s t r i a l e che voglia s a p e r e q u a n t o gli costa
u n i m p i e g a t o o u n operaio non t e r r à conto solo dei salari o degli
s t i p e n d i , m a a n c h e di t u t t e le a l t r e forale di i n d e n n i t à , a cominciare
d a quelle di m a l a t t i a . È con t u t t i q u e s t i oneri che egli h a a c q u i s t a t o
il suo lavoro (mi si p a s s i qui l ' e s p r e s s i o n e incisiva, ma a rigore im-
p r o p r i a ) : essi costituiscono nel loro complesso la m e r c e d e : t a n t o è
v e r o che il calcolo a p p r o s s i m a t i v o di q u e s t e i n d e n n i t à influisce sul
tasso della mercede.

') L a s c i o qui i m p r e g i u d i c a t a la q u e s t i o n e , se si possa a m m e t t e r e la r e s p o n s a -


b i l i t à p e r d i r i t t o c o m u n e ( q u a n d o v e ne siano gli e s t r e m i d i cui a l l ' a r t . 22) nel-
l'ipotesi di a p p l i c a z i o n e d e l l ' a r t . 2 1 : c e r t o se q u e s t e i n d e n n i t à c a d o n o n e l l a c a t e -
g o r i a c o n c e t t u a l e di c o r r i s p e t t i v o del l a v o r o , a t u t t a p r i m a si a f f a c c i a l a p o s s i b i l i t à
t e o r e t i c a di quel c u m u l o .
2
) C o n f o r m e AGNELLI, op. cit., n. 556.
A d ogni modo è i m p o r t a n t e chiarire la linea di distinzione t r a l e
d u e categorie di i n d e n n i t à l ) (indennità-rifusione di spese n o r m a l m e n t e
a carico del creditore del lavoro, o p p u r e a carico del debitore del
lavoro) non solo per stabilire a quale i n d e n n i t à il lavoratore a v r à di-
r i t t o , oltre la riscossione della m e r c e d e , ma anche per d e t e r m i n a r e
la p o r t a t a reale di una m e r c e d e dal p u n t o di v i s t a della sua c a p a c i t à
a s o s t e n t a r e il lavoratore. A d es. il v i t t o che il lavoratore c o n s u m a
non nel luogo della s u a residenza, ma nel luogo dove deve recarsi p e r
ragioni di lavoro è, n o r m a l m e n t e , f r a le spese di s o s t e n t a m e n t o a cui
è d e s t i n a t a già la mercede, spesa che quindi non gli deve essere sepa-
r a t a m e n t e r i f u s a . I n v e c e le spese del p e r n o t t a m e n t o fuori di casa v a n n o
rimborsate, q u a n d o non siano spese di stabile ordinario p e r U o t t a m c n t o
in un luogo di r e s i d e n z a a cui già p r o v v e d e la mercede 2 ). Il rim-
borso di q u e s t e spese p r a t i c a m e n t e p u ò essere conglobato colla mer-
cede ( c o m p r e n d e n t e d u n q u e la v e r a m e r c e d e a quel rimborso), così
come p u ò essere f a t t o s e p a r a t a m e n t e , se si t r a t t a di spese irregolari
e n o n t a s s a t i v a m e n t e prevedibili. Volendo poi a p p r e z z a r e la c a p a c i t à
a l i m e n t a r e d e l l ' a m m o n t a r e di u n a d a t a mercede bisognerà, n a t u r a l -
m e n t e , d e t r a r r e quella p a r t e di essa che c o m p r e n d e e v e n t u a l m e n t e il
r i m b o r s o di spese che si riferiscono all'azienda a cui il lavoratore dà
il suo lavoro, p o s t o c h è il rimborso sia in f a t t o conglobato colla v e r a
m e r c e d e ; n o n si d o v r a n n o invece d e t r a r r e quelle spese di v i t t o e di
c o n s u m o p e r s o n a l e che si s a r e b b e r o f a t t e a n c h e nel luogo di ordi-
n a r i a residenza, e che cioè costituiscono il s o s t e n t a m e n t o p e r s o n a l e
del l a v o r a t o r e a cui è n a t u r a l m e n t e dedicata la m e r c e d e .

*) L a p o s s i b i l e i d e n t i t à di « i n d e n n i t à » con « r e t r i b u z i o n e del l a v o r o » è a d d i -
r i t t u r a l u m i n o s a n e l l ' a r t . 28 t e s t o unico sullo s t a t o g i u r i d i c o impiegati : « riceverà,
a t i t o l o d i i n d e n n i t à u n a r e t r i b u z i o n e . . . ». Qui si a l l u d e al m a g g i o r l a v o r o in
c o n f r o n t o alla d i m i n u i t a r e t r i b u z i o n e . Come si vede, r i a s s u m e n d o , « i n d e n n i t à » p u ò
e s s e r e : a) v e r a e p r o p r i a m e r c e d e ; 6) v e r a e p r o p r i a i n d e n n i t à ; c) qualcosa d i i n -
t e r m e d i o t r a l ' u n o e l ' a l t r o , m a , a d o g n i modo, nella c a t e g o r i a delle m e r c e d i .
2
) In p r a t i c a spesso si r i m b o r s a n o non solo le spese di t r a s f e r t a , c o m p r e n d e n t i
le spese di v i a g g i o , m a a n c h e le spese di vitto s u p p o n e n d o s i che siano in r e a l t à
m a g g i o r i di q u e l l e che n o r m a l m e n t e si f a r e b b e r o nel luogo di r e s i d e n z a . E a ciò
p r o v v e d e u n ' i n d e n n i t à c h e c o s t i t u i s c e u n ' a p p e n d i c e alla mercede, v a r i a b i l e a s e c o n d a
delle c i r c o s t a n z e . L ' a r t . 1 del E . decr. 14 s e t t e m b r e 1862 che d i s c i p l i n a q u e s t a
i n d e n n i t à la p r o c l a m a a p p u n t o uu c o m p e n s o al f u n z i o n a r i o pér le spese sia di
v i a g g i o , sia di s o g g i o r n o f u o r i del luogo d e l l a s u a r e s i d e n z a .
È a n o t a r s i che q u a n t o a.1 r i m b o r s o del v i t t o e d e l l ' a l l o g g i o la g i u r i s p r u d e n z a
oscilla, c i r c a la s u a c o m p r e n s i o n e nel s a l a r i o , ai t e r m i n i d e l l ' a r t . 13 E e g o l . i n f o r t .
l a v . Il SACHKT, op. c i t . , p . 830, a d o t t a u n c r i t e r i o d i v e r s o d a quello s e g n a t o net
t e s t o : r i t i e n e che sia r i m b o r s o di spese d'nflioio, non c o m p e n s o a d d i z i o n a l e : salvo-
p e r il d i p i ù o l t r e la s o m m a r e a l m e n t e spesa ( c f r . s o p r a ) . Ma ciò è t e o r i c a m e n t e
i n e s a t t o e a s s a i poco p r a t i c o . I n f i n e r a m m e n t o che l ' i n d e n n i t à g i o r n a l i e r a p e r d e -
s t i n a z i o n e t e m p o r a n e a f u o r i d a l luogo di n o r m a l e r e s i d e n z a è t a n t o p i ù s u p p l e m e n t o
di m e r c e d e q u a n d o s o s t i t u i s c a l ' a l l o g g i o n o r m a l m e n t e g r a t u i t o . E s . d e c r . 6 g i u g n o
1912 n . 596 p e r i sottnflìc. d e l c o r p o E . e q u i p a g g i .
Infine ricorderò clie per gli impiegati civili dello S t a t o non è am-
messo il cumulo degli stipendi (art. 16 testo unico sullo stato degli
impiegati civili, 22 n o v e m b r e 1908, n. 093); o più e s a t t a m e n t e non
si può a g g i u n g e r e a uno stipendio, assegno o pensione alcun assegno
vitalizio o temporaneo a carico dello S t a t o . Ma rimane salvo il prin-
cipio del rimborso di quelle spese che non sono comprese normal-
mente t r a quelle cui p r o v v e d e lo stipendio, quali (art. 17, n. 2) « gli
assegnamenti per spese d'ufficio, di t r a s f e r t a , di collaborazione, d i ' r a p -
p r e s e n t a n z a o di alloggio », spese cbe a p p a r t e n g o n o t u t t e alla cate-
goria delle spese di produzione, e n o n di sostentamento.

§ 2. — 11 carattere alimentare del credito di mercede.

SOMMARIO. — 48. Posizione del p r o b l e m a . — 49. N a t u r a del c r e d i t o a l i m e n t a r e .


— 50. Applicazione a l l a mercede. — 51. L a i m p ì g n o r a b i l i t à degli s t i p e n d i in
base alla legge 2 luglio 1908.

48. D a q u a n t o si è visto sin qui r i s u l t a che della m e r c e d e non si


può affermare u n a unicità di n a t u r a ; essa h a n a t u r a v a r i a secondo
l'angolo visuale dal q u a l e lo studioso si colloca.
Nella d o t t r i n a si è a d d i v e n u t o , invece, a u n a r e c i s a affermazione
del c a r a t t e r e « a l i m e n t a r e » proprio della mercede, il c h e è q u a n t o
dire che è s t a t o dato uno speciale rilievo allo scopo suo di sosten-
t a m e n t o del lavoratore. Q u a l c u n o l ' h a asserito in g e n e r e ; altri con
limitazione ai piccoli salari *). Q u e s t o è un p u n t o che d o b b i a m o
chiarire, p e r c h è è noto come i crediti a l i m e n t a r i a b b i a n o nel n o s t r o
s i s t e m a legislativo un t r a t t a m e n t o speciale. E s s i , cioè, n o n sono pi-
g n o r a t a l i (art. 592 cod. proc. civ. : « Non possono e s s e r e p i g n o r a t i gli
a s s e g n i per alimenti, e c c e t t o c h è per credito alimentare... »); e n o n
sono compensabili (art. 1289 cod. civ., che esclude la c o m p e n s a z i o n e
« q u a n d o si t r a t t a di u n debito il cui titolo derivi d a a l i m e n t i n o n
soggetti a s e q u e s t r o »). N a t u r a l m e n t e non è q u e s t o il luogo per esau-
rire nei particolari l ' a r g o m e n t o della c o m p e n s a b i l i t à (sotto f o r m a di
t r a t t e n i m e n t o o r i t e n u t a della mercede) o della p i g n o r a b i l i t à : m a è
qui che dobbiamo c h i a r i r e la n a t u r a a l i m e n t a r e o no, ai sensi di quelle
disposizioni della mercede.
Il f a t t o che il p r e c e d e n t e a r t . 591 cod. proc. civ. faccia m e n z i o n e
a p a r t e degli s t i p e n d i d o v u t i dallo S t a t o , s o t t r a e n d o l i , q u a n t o alla
p i g n o r a b i l i t à al d i r i t t o comune, n o n decide la q u e s t i o n e , come la de-
ciderebbe se r i g u a r d a s s e in g e n e r e le mercedi. B i m a n e d u n q u e a p e r t o
il p r o b l e m a p e r le mercedi che n o n siano n è s t i p e n d i n è salari d o v u t i
dallo S t a t o ; sono esse d a c o n s i d e r a r e come a s s e g n i alimentari 1 ?

') Es. BROCHARD, in Bulletin de la Société des études Ugislatives, 1906, p . 379.
49. Se la mercede dovesse essere p r e s a in considerazione prima-
r i a m e n t e sotto l ' a s p e t t o dello scopo suo di s o s t e n t a m e n t o per il lavo-
ratore, la risposta p o t r e b b e a n c h e essere (badiamo, non dico che sa-
r e b b e . senz'altro) a f f e r m a t i v a nel seuso del suo c a r a t t e r e alimentare.
Ma la mercede è, per noi che la s t u d i a m o dal p u n t o di vista econo-
mico-giuridico, anzi p r e v a l e n t e m e n t e giuridico, del c o n t r a t t o di lavoro,
il compenso del lavoro: come tale certo vien meno in q u a l u n q u e
caso il suo c a r a t t e r e alimentare. L a mercede è s o p r a t u t t o u n mezzo
per o t t e n e r e il lavoro. Il creditore del lavoro p a g a la mercede non
allo scopo primario e c o n t r a t t u a l m e n t e f o n d a m e n t a l e di s o s t e n t a r e
l'operaio, m a per a v e r e il lavoro che gli a b b i s o g n a ; e il l a v o r a t o r e
riceve la m e r c e d e come compenso del lavoro che dà. Si n o t i che ciò
è i m p o r t a n t e dal p u n t o di v i s t a del credito a l i m e n t a r e in genere.
I n f a t t i è certo che a d e t e r m i n a r e il « debito a l i m e n t a r e », nella
s u a più a m p i a g e n e r a l i t à occorre che l ' i n t e n t o primario che h a deter-
m i n a t o il sorgere dell'obbligazione sia proprio il s o s t e n t a m e n t o del
c r e d i t o r e . Ciò è molto chiaro q u a n d o l'obbligo è legale (così per l'ob-
bligo f r a congiunti o di f r o n t e ai figli naturali). M a la necessità di
q u e l l ' i n t e n t o che si o b b i e t t i v a nello scopo a cui la p r e s t a z i o n e è de-
s t i n a t a n o n è meno e v i d e n t e per il debito a l i m e n t a r e non legale. Il
Oicu ') v e r a m e n t e v a a n c h e p i ù in là, s o s t e n e n d o che si danno, è vero,
casi in cui l ' i n t e n t o di a s s i c u r a r e a u n a persona i mezzi di sussi-
s t e n z a è p e r s e g u i t o c o n t r a t t u a l m e n t e (mercè costituzione di r e n d i t a
vitalizia, di u s u f r u t t o o di alienazione di capitale), ma « in q u e s t i
casi n o n si p a r l a di obbligo a l i m e n t a r e ». Obbligo siffatto pel Cicu
vi è solo nel caso in cui esso a b b i a per f o n t e la legge, p e r c h è qui
l ' i n t e n t o di s o s t e n t a m e n t o a c q u i s t a u n o speciale rilievo, si imprime
o b b i e t t i v a m e n t e influendo s u l l ' e n t i t à del vincolo. Ora, q u e s t a limita-
zione a mio a v v i s o è e c c e s s i v a : quello che d e t e r m i n a il c a r a t t e r e ali-
m e n t a r e è s o p r a t u t t o la d e s t i n a z i o n e che alla p r e s t a z i o n e è impressa
p e r o p e r a di chi la p o n e in essere p e r c h è n e h a l'obbligo (sia p e r c h è
l ' h a a s s u n t o , sia p e r c h è glielo h a imposto la legge o il t e s t a m e n t o ) : la
d e s t i n a z i o n e cioè di s o s t e n t a m e n t o del creditore. Ohe il credito alimen-
t a r e legale a b b i a u n ' i m p r o n t a a n c h e p i ù specifica per u n a p i ù f o r t e tu-
t e l a p e r opera della l e g g e p u ò e s s e r e : m a è q u e s t i o n e di i n t e n s i t à di
t u t e l a che n o n s o p p r i m e il c a r a t t e r e alimentare. A d ogni m o d o che il
Oicu sia a n d a t o a n c h e più in là prova a l m e n o la n e c e s s i t à di q u e s t o
criterio, che è a n z i t u t t o criterio s o g g e t t i v o : l'intenzione, l'impulso che
h a d e t e r m i n a t o u n a p e r s o n a a d a s s u m e r s i l'obbligo di u n a p r e s t a z i o n e ,
c h e perciò a c q u i s t a c a r a t t e r e a l i m e n t a r e . Q u e s t o i m p u l s o di benefi-

' ) La natura giuridica dell'obbligo alimentare tra congiunti, io [lirista di diritto


eie., 1910, p. 145.
cenza (appunto perchè u n i c a m e n t e o p r e v a l e n t e m e n t e diretto al sosten-
t a m e n t o di a l t r a persona) può sussistere a n c h e all'in fuori degli obblighi
legali di a l i m e n t i ' ) . A d es. non si capirebbe p e r c h è si possa p a t t u i r e
la in s e q u e s t r a b i l i t à della r e n d i t a vitalizia c o s t i t u i t a a titolo g r a t u i t o
(art. 1800) se non si a m m e t t e il suo c a r a t t e r e a l i m e n t a r e d e t e r m i n a t o
dall'impulso del costituente. I n quale m i s u r a poi cpiesto criterio me-
r a m e n t e soggettiva si i m p r i m a o b b i e t t i v a m e n t e sul r a p p o r t o d e r i v a n t e
dui c o n t r a t t o non è questo il luogo per d i s c o r r e r n e : è p o s s i b i l e ' c h e
si imprima molto più e n e r g i c a m e n t e la n a t u r a a l i m e n t a r e dell'obbligo
legale. Certo è a d es. che, q u a n t o a l l ' a m m o n t a r e della prestazione, il
criterio c o n t r a t t u a l e di « ciò che è necessario alla s u s s i s t e n z a del cre-
ditore » può v a r i a r e t r a un minimo e u n m a s s i m o ; con u n a m a g g i o r e
e l a s t i c i t à che per l'obbligo l e g a l e : ad ogni modo però q u e s t o limite
di proporzione al bisogno (sia p u r e inteso con qualche maggior lati-
tudine) n o n p u ò v e n i r meno, come effetto dell'intento di s o s t e n t a m e n t o .
Perciò, dato p u r e che il c a r a t t e r e a l i m e n t a r e della m e r c e d e sia
a c c e r t a t o , il che n o n è, q u a n d o siamo di f r o n t e a mercedi elevatissime,
le quali, per q u a n t o l a t a m e n t e si concepisca il bisogno del creditore
della mercede, è i n d u b b i o che ne o l t r e p a s s a n o il limite (per es. le
mercedi di certi clivi del palcoscenico), è chiaro che il c a r a t t e r e ali-
m e n t a r e s c o m p a r e : salvo che lo si voglia c o n t e n e r e nel limite della
mercede che n o n o l t r e p a s s a il f a b b i s o g n o di s o s t e n t a m e n t o , ammet-
t e n d o n e quindi solo u n a p a r z i a l e i m p i g n o r a b i l i t à 2 ).
D u n q u e p e r c h è vi sia debito a l i m e n t a r e occorre che esso sia de-
t e r m i n a t o e s c l u s i v a m e n t e dall'impulso benefico del s o s t e n t a m e n t o a l t r u i ,
q u a n d o q u e s t o impulso sia a s s o l u t a m e n t e spontaneo, come è pel de-
bito a l i m e n t a r e a s s u n t o c o n t r a t t u a l m e n t e : diverso è il caso di r e n d i t a
vitalizia g r a t u i t a , o u s u f r u t t o p a g a t o d a l l ' e r e d e p e r obbligo f a t t o g l i
d a l t e s t a t o r e . M a a n c h e in q u e s t ' u l t i m o caso l a c o s t i t u z i o n e di ren-
d i t a che sia s t a t a e v e n t u a l m e n t e c o n c o r d a t a t r a l ' e r e d e e il l e g a t a r i o
d o v r à n e c e s s a r i a m e n t e essere g r a t u i t a , così come la c o s t i t u z i o n e di
u s u f r u t t o ; g r a t u i t a tal q u a l e come se vi fosse l ' i m p u l s o di benefi-

') L a g r a t u i t à , come p r e s u p p o s t o d e l v e r o c r e d i t o a l i m e n t a r e , i m p i g u o r a b i l e ,
è s t a t a spesso a f f e r m a t a d a l l a g i u r i s p r u d e n z a . E s . A p p . G e n o v a , 14 f e b b r a i o 1902,
Legge, 1903, 256, a p r o p o s i t o dello s t i p e n d i o .
2
) L a cit. S e n t e n z a d e l l a C o r t e di G e n o v a , dopo a v e r e s a t t a m e n t e p r o c l a m a t o
«lie « gli a s s e g n i a l i m e n t a r i . . . h a n n o p e r c a r a t t e r e la g r a t u i t à e la l i b e r a l i t à » si
lascia poi t r a v i a r e a p r o p o s i t o delle m e r c e d i a o p e r a i . E s s a d i s t i n g u e le m e r c e d i
( d o v u t e a o p e r a i e d o m e s t i c i , e c o s t i t u e n t i il n e c e s s a r i o mezzo d i s o s t e n t a m e n t o
p e r essi e le f a m i g l i e ) d a g l i s t i p e n d i ( a n c h e e l e v a t i , s u p e r i o r i al l i m i t e di sosteu-
t a m e n t o ) . L a s e n t e n z a a p p o g g i a q u e s t a d i s t i n z i o n e a c i ò : c h e l ' a r t . 591 C. p r o c .
civ. l i m i t a il p i g n o r a m e n t o d e g l i «. s t i p e n d i » e pensioni d o v u t e dallo S t a t o , e in-
vece l ' a r t . 592 e s e n t i l a t o t a l m e n t e gli a s s e g n i a l i m e n t a r i . Va b e n e : m a le m e r c e d i
.sono assegni a l i m e n t a r i ? Il p r i n c i p i o e s a t t o a m m e s s o d a l l a s e n t e n z a lo n e g a !
cenza a s s o l u t a m e n t e s p o n t a n e o n e l l ' a s s u n t o r e dell'obbligo alimentare.
E q u e s t o è ciò cbe importa. U n obbligo a l i m e n t a r e non lo si s a p r e b b e
concepire a s s u n t o a titolo oneroso '). Que'sta onerosità sarebbe in-
compatibile coll'intento p r i m a r i o di s o s t e n t a m e n t o altrui, cbe certa-
mente, come i n t e n t o primario si noti, esiste anche nel caso di co-
stituzione di r e n d i t a vitalizia a titolo g r a t u i t o c o n t r a t t a dall'erede
p e r obbligo di t e s t a m e n t o (ad esempio c o n t e n u t o in. u n « modus »):
qui Vanimus solvendi è solo i n t e n t o s e c o n d a r i o , b e n c h é pur esso
r i l e v a n t e . È incompatibile, poiché se chi si assume l'obbligo che do-
v r e b b e essere a l i m e n t a r e lo f a a titolo oneroso, lo fa d u n q u e per
u n primario e p r e v a l e n t e i n t e n t o egoistico e personale, ciò s n a t u r e r e b b e
c o m p l e t a m e n t e il c a r a t t e r e a l i m e n t a r e , cioè di beneficenza, di soccorso
al prossimo, che è proprio del debito alimentare. C a r a t t e r e di a l t r u i s m o
o filantropia in v i s t a del quale u n i c a m e n t e si concepisce che la legge
si d e t e r m i n i a una deroga così g r a v e alle n o r m a l i a s p e t t a t i v e dei terzi
come è la s o t t r a z i o n e del credito a l i m e n t a r e alla g a r a n z i a dei terzi.
Il risultato- è che p e r « assegno a l i m e n t a r e » all'art. 592 cod. proc.
civ. n o n possiamo i n t e n d e r e che le obbligazioni a s s u n t e a titolo gra-
t u i t o ; e n o n so capire come il M o r t a r a 2 ) possa e s t e n d e r n e il concetto
a n c h e ai d e b i t i a l i m e n t a r i s c e n d e n t i d a c o n t r a t t i a titolo oneroso. Del
r e s t o il c a r a t t e r e g r a t u i t o è implicito nella stessa parola « assegno » :
con cui si a l l u d e a b b a s t a n z a c h i a r a m e n t e a un'obbligazione, che come
obbligazione f o n d a m e n t a l e 3) sia l'unica s c e n d e n t e da u n c o n t r a t t o ,
e a carico quindi di uno solo dei c o n t r a e n t i . I n s o m m a u n a elargizione.
50. P e r c i ò n o u è possibile a t t r i b u i r e alla mercede la n a t u r a di pre-
s t a z i o n e a l i m e n t a r e , dato a p p u n t o il suo c a r a t t e r e di compenso del
lavoro, e la o n e r o s i t à che l'allaccia alla p r e s t a z i o n e di lavoro, in v i s t a
della q u a l e u n i c a m e n t e il c r e d i t o r e del lavoro si decide al p a g a m e n t o
della mercede. È vero che l ' a r t . 3 5 1 della legge sui lavori pubblici
n o n concede ai creditori degli a p p a l t a t o r i di lavori pubblici la seque-
s t r a b i l i t à sul prezzo di a p p a l t o d u r a n t e l'esecuzione delle opere. M a
q u e s t a i n s e q u e s t r a b i l i t à si r i c o n n e t t e n o n g i à a u n preteso c a r a t t e r e

') Q u e s t o c o n c e t t o è s t a t o piti volte a f f e r m a t o a n c h e nella g i u r i s p r u d e n z a . Ap-


pello G e n o v a , 11 f e b b r a i o 1902, Legge, 1903, 2 5 6 : * ... non si t r a t t a di a s s e g n i ali-
m e n t a r i che h a n n o per c a r a t t e r e la g r a t u i t à e la l i b e r a l i t à . . . » : la q u a l e s e n t e n z a
p e r ò si c o n t r a d d i c e poi, col d i m e n t i c a r e la a s s o l u t e z z a di q u e s t o c a r a t t e r e , v e r o
s e m p r e , a n c h e p e r i piccoli s a l a r i del lavori m a n u a l i . C f r . t r i b u n a l e di R o m a ,
12 d i e . 1901, Palazzo giust., 1905, 89. C f r . p u r e REDENTI, in Rivista di dir. com-
merciale, 1906, I, p . 377-378.
2
) Commentario, V, p. 206. In senso c o n t r a r i o , a r a g i o n e , l a d o t t r i n a p r e v a l e n t e .
C f r . MATTIKOLO, Trattato, V, 687.
3
) O b b l i g h i s e c o n d a r i possono s c e n d e r e d a l c o n t r a t t o a n c h e a carico del b e n e -
ficato, m a solo p e r d e t e r m i n a r e , nel suo i n t e r e s s e e a n c h e n e l l ' i n t e r e s s e del debi-
t o r e come t a l e , le m o d a l i t à della p r e s t a z i o n e in o r d i n e al r a g g i u n g i m e n t o del s u o
scopo (il s o s t e n t a m e n t o ) .
alimentare del prezzo (concetto che proprio per gli a p p a l t a t o r i di la-
vori pubblici avrebbe meno che mai ragione d'essere), m a u n i c a m e n t e
all'interesse dell'amministrazione pubblica a che l'opera c o n t i n u i iuin
t e r r o t t a m e n t e , e non ne scapiti l'interesse pubblico a cui l'opera ri-
sponde, T a n t ' è vero che il sequestro si dà se « l ' a u t o r i t à amministra-
t i v a da cui l'impresa d i p e n d e riconosca che il s e q u e s t r o non possa
nuocere a l l ' a n d a m e n t o e alla perfezione d e l l ' o p e r a » . E t a n t ' è vero
che, collaudata l'opera, r i t o r n a a galla la piena s e q u e s t r a b i l i t à delle
somme dovute agli a p p a l t a t o r i . L e stesse osservazioni si debbono f a r e
q u a n t o ai salari e agli emolumenti dei marinai, che non possono es-
sere nè ceduti n è s e q u e s t r a t i se n o n in casi eccezionali d e t e r m i n a t i
dall'art. 545 Cod. comm. A n c h e qui si capisce che il legislatore si
è deciso a rilevare la destinazione a l i m e n t a r e di quei salari (che non
sono, si intende, veri crediti alimentari) u n i c a m e n t e per l'interesse c h e
la navigazione non n e a b b i a a soffrire, con d a n n o dei terzi ').
D u n q u e l'art. 351 n o n ci offre n e s s u n indice per la tesi della na-
t u r a a l i m e n t a r e della mercede 2).
D o p o ciò n o n è p i ù necessario insistere sul concetto dello scopo di
s u s s i s t e n z a che h a il salario, dal p u n t o di v i s t a del lavoratore. N e s s u n
d u b b i o s u l l ' i m p o r t a n z a che p u ò a v e r e questo scopo di sussistenza,
a n c h e dal p u n t o di v i s t a giuridico, come s'è visto. Ma a n z i t u t t o esso
non v a e s a g e r a t o sino a f a r n e u n elemento c a r a t t e r i s t i c o del c o n t r a t t o
di lavoro; i n f a t t i in v i a n o r m a l e lo troviamo e non s o l a m e n t e in quelle
categorie di c o n t r a t t o di lavoro di cui il legislatore si p r e o c c u p a di
più, p r e v a l e n t e m e n t e lavoro materiale, m a a n c h e in altre. Ma, si noti,
si t r a t t a di uno scopo soggettivo al l a v o r a t o r e che p u ò v a r i a r e ; è u n
elemento c o n t i n g e n t e , che n o n p u ò q u i n d i essere e r e t t o a elemento
tipico. N o r m a l m e n t e l a mercede, p e r il lavoratore, è d e s t i n a t a al sod-
disfacimento dei suoi bisogni. Ma q u e s t a espressione è molto l a t a :
possono essere bisogni p r e s e n t i o f u t u r i , p u ò essere il bisogno di
a v e r e di che s f a m a r s i lì p e r lì; o l ' o p p o r t u n i t à di p o t e r p r o v v e d e r e
a t t u a l m e n t e al superfluo, o in a v v e n i r e al n e c e s s a r i o : in questi ultimi
casi non vi h a più quello scopo di s u s s i s t e n z a a t t u a l e c h e ci i n t e r e s s a
d a l p u n t o di v i s t a del credito a l i m e n t a r e , e la cui u r g e n z a a u t o r i z z a
l ' e n e r g i c o i n t e r v e n t o t u t e l a r e della legge. M a vi h a d i p p i ù : n o n è
escluso che il l a v o r a t o r e i n t e n d a devolvere la m e r c e d e a scopi altrui-
stici (è il caso della d o m e s t i c a che invia la m e r c e d e i n t e g r a l m e n t e ai
genitori).

') Così :inclie il REDENTI, op. cit., p . 382.


2
) In f o n d o l a d d o v e il MORTARA, cit., o s s e r v a c h e o g n i r e d d i t o d e l l ' u o m o s e r v e
al suo s o s t e n t a m e n t o , m a che l a m e r c e d e « non è c o r r i s p o s t a p e r q u e s t o line, m a
h a il c a r a t t e r e d e l l ' a s s e g n o t> mi p a r e si sia alluso ai concetti s v i l u p p a t i nel t e s t o ,
25 marzo 1912. DALLOZ, Rép., 1913, 1, 300,
A d u n q u e è certo cbe lo scopo del s o s t e n t a m e n t o proprio p u ò
m a n c a r e : q u a n d o u n celebre tenore, cbe già h a a m m a s s a t o u n a for-
t u n a , p r e t e n d a un compenso per la sua prestazione, nessuno v o r r à
veder qui uno scopo di s o s t e n t a m e n t o , e p p u r e vi è i n d u b b i a m e n t e
c o n t r a t t o di lavoro. Ricordo a questo proposito u n a sentenza della
Cassazione francese '), la quale r i t e n n e che non vi era c o n t r a t t o di
lavoro nel caso di u n o s t u d e n t e di d i r i t t o che d a v a l'opera s u a
presso u n a v v o c a t o n o n per p r o c u r a r s i i mezzi di sussistenza, ma solo
per scopo di tirocinio, e d ' a l t r a p a r t e i t e n u i compensi ricevuti gli
erano a t t r i b u i t i a titolo di mera gratificazione. È evidente che il primo
criterio qui a d d o t t o (la m a n c a n z a dello scopo di sussistenza) è insuf-
ficiente, p e r c h è n o n esclude di per sè la possibilità di u n corrispet-
tivo. L à s e n t e n z a vi a c c e n n a per spiegare, assieme al c a r a t t e r e di
c o n t r a t t o di tirocinio, la m a n c a n z a di u n a mercede, in luogo della
q u a l e n o u v i s a r e b b e r o cbe gratificazioni. E certo se n o n intervenisse
il c a r a t t e r e di q u e s t o c o n t r a t t o come c o n t r a t t o di tirocinio, siffatta
conclusione s a r e b b e e s a t t a : è l'esservi o 110 u n corrispettivo equiva-
lente, n o n lo scopo di s o s t e n t a m e n t o che fa il c o n t r a t t o di lavoro.
Il m a l e è che nel caso concreto vi era u n c o n t r a t t o di tirocinio, u n
c o n t r a t t o cioè assai p i ù complesso di q u a n t o la Cassazione f r a n c e s e
non a b b i a i n t r a v e d u t o .
Si o p p o r r à che il c a r a t t e r e a l i m e n t a r e non v a generalizzato a qua-
l u n q u e mercede, m a in ogni caso solo alle b a s s e mercedi, o meglio a
quelle che sono d a v v e r o d e s t i n a t e allo scopo d e l l ' i m m e d i a t o sosten-
t a m e n t o . M a a n c h e quando, come è la regola, quello scopo di sostenta-
mento sussista, n o n vi a v r e b b e perciò solo, come si è visto, un credito
a l i m e n t a r e . E p p u r e , ciò m a l g r a d o , la tesi della m e r c e d e come credito
a l i m e n t a r e è s t a t a s o s t e n u t a l a r g a m e n t e : e, come si capisce, a p p u n t o
p e r c h è si è p e r s o dì v i s t a la e s a t t a d e t e r m i n a z i o n e del debito ali-
m e n t a r e d a u n a p a r t e ; della mercede, nella luce del c o n t r a t t o , dal-
l'altra Il F o u r n i è r e 3), dopo p a s s a t e b r e v e m e n t e in r a s s e g n a le
f o r m e di t u t e l a della m e r c e d e n e l l a legislazione sociale, a f a v o r e dei
lavoratori, si d o m a n d a : e dopo ciò vi è u n credito a l i m e n t a r e meglio

') 25 m a r z o 1912, DALLOZ, Rép., 1912, 1, 300.


2
) IN q u e s t o e q u i v o c o è p u r e c a d u t o il t r i b u n a l e di Napoli, 30 m a g g i o 1900,
Gazz. procur., X X X I V , 339, il q u a l e osserva che la m e r c e d e è concessa per servii e
ai b i s o g n i essenziali della v i t a « non p o t e n d o concepirsi u n lavoro c o a t t o a d a l t r u i
p r o f i t t o » . E chi p u ò n e g a r l o ? N e s s u n o p u ò essere c o s t r e t t o a l a v o r a l e p e r a l t r i ,
s a l v o che sia p r e c e d u t o un c o n t r a t t o : q u a n d o il l a v o r o è p a t t u i t o d i e t r o p a g a m e n t o
di m e r c e d e , q u e s t o è il c o m p e n s o . 11 T r i b u n a l e a l l u d e a ciò, che n e s s u n o è c o s t r e t t o
a l a v o r a r e g r a t u i t a m e n t e per a l t r i : v e r i s s i m o (salvo q u a n d o vi sia m a n d a t o ) , m a
d a ciò 11011 segue che la m e r c e d e sia c r e d i t o a l i m e n t a r e , e 11011, p i u t t o s t o , c o m p e n s o
di l a v o r o , p r i n c i p a l m e n t e .
3
) Ouvriers et patron«, p . 160.
qualificato come tale del diritto alla mercede? B ciò p e r sua n a t u r a ,
aggiunge, non per merito delle leggi; fin da principio si s a r e b b e do-
v u t o a v e r p r e s e n t e questo concetto moderno del salario.
R i p e t o : n e s s u n d u b b i o cbe lo scopo di sostentamento, come abbiam
visto, q u a n d o sussista r i e n t r i p u r esso, sebbene in luce più secondaria,
nell'ossatura del c o n t r a t t o : il M o r t a r a n e g a in modo assoluto che quello
scopo influisca sulla determinazione della m e r c e d e del l a v o r a t o r e ; che
« non è m i s u r a t a secondo il bisogno di chi lo riceve, m a secondo il
pregio dell'opera che egli compie, e le leggi economiche generali che
regolano il costo del lavoro ». Q u a n t a e quale p a r t e abbia nella deter-
minazione d e l l ' a m m o n t a r e della mercede il limite minimo del fabbisogno
per la s u s s i s t e n z a del l a v o r a t o r e è problema specialmente economico:
e più a v a n t i , a proposito della d e t e r m i n a z i o n e q u a n t i t a t i v a della mer-
cede, ce ne occuperemo di straforo per quel t a n t o che i n t e r e s s a la con-
cezione giuridica del cosicletto « giusto salario » M a a d ogni m o d o
l'asserzione del M o r t a r a , v e r a in p a r t e , è t r o p p o a s s o l u t a nell'esclu-
dere l ' i m p o r t a n z a del concorso a n c h e di quel criterio soggettivo al
lavoratore. Comunque, dal p u n t o di v i s t a della odierna disciplina del
credito alimentare, quale è accolta nel sistema della n o s t r a legge, non
possiamo includervi senz'altro le mercedi, sia p u r e i salari di f a m e :
p e r q u a n t o i m p o r t a n t e sia, a n c h e g i u r i d i c a m e n t e , lo scopo di sosten-
t a m e n t o , q u e s t a non è la f u n z i o n e p r i m a r i a della mercede, c h e è com-
penso del lavoro, s o p r a t u t t o , e solo s u b o r d i n a t a m e n t e a ciò mezzo di
s o s t e n t a m e n t o del l a v o r a t o r e , così come spesa od onere del creditore del
lavoro 2).

') V i c e v e r s a il BRUGI r i t i e n e che la mercerie « si d o v r à p r o p o r z i o n a r e ai b i s o g n i


della v i t a d e l l ' o p e r a i o » (Rivista di dir. comm., 1909, II, 3 9 9 ) ; il s a l a r i o è q u i n d i
l ' u n i c o mezzo di s o s t e n t a m e n t o o p e r a i o , e q u i n d i « a c q u i s t a per così d i r e ai n o s t r i
occhi u u c a r a t t e r e a l i m e n t a r e » . Sì, in senso molto l a t o e i m p r o p r i o ; no, se il
BIIUGI (ciò c h e non mi p a r e ) a l l u d e al vero e t i p i c o c r e d i t o a l i m e n t a r e . In r e a l t à il
BROGI, p a g i n a 4 0 2 , e s a l t a il c a r a t t e r e a l i m e n t a r e in v i s t a di u n a p o s s i b i l e
estensione legislativa dell'insequestrabilità. E entro questi limiti possiamo essere
d'accordo.
2
) Il coucetto di « c r e d i t o a l i m e n t a r e » è s t a t o a u t o r e v o l m e n t e s o s t e n u t o p e r la
r i m u n e r a z i o n e d o v u t a agli i m p i e g a t i pubblici dello S t a t o o a l t r i E n t i a u t a r c h i c i .
Così il LAIÌANO, Staatsrecht d. delitscJlen Reiclts, I, p. 469 ; JELLTNEK, Sistema dei
dir. pillili!, sogg. (Milano, 1912), p . 199. Che q u e s t a p r e t e s a alla m e r c e d e a b b i a c a -
r a t t e r e d i d i r i t t o p u b b l i c o è v e r i s s i m o (e lo v e d r e m o a suo luogo) ; c h e lo S t a t o
a b b i a i n t e r e s s e a ohe gli i m p i e g a t i c o n s e r v i n o il decoro del loro g r a d o è v e r i s s i m o :
che q u e s t o sia uu p u n t o di v i s t a i n f l u e n t e , sì, m a , p e r le r a g i o n i e s p o s t e nel t e s t o ,
non è che u n a m e r a illusione, u n a c e c i t à e c o n o m i c a il d i s c o n o s c i m e n t o del r a p -
p o r t o di scambio, q u i n d i del c a r a t t e r e di r e t r i b u z i o n e di quello s t i p e n d i o . (Si i n t e n d e
che lasciamo i m p r e g i u d i c a t a la q u e s t i o n e se p r o p r i o s c a m b i o nel senso t e c n i c o d e l l a
p a r o l a s u s s i s t a ) . V e d r e m o p e r ò a p r o p o s i t o delle o p e r e liberali q u a n t o q u e s t o con-
c e t t o fosse u n t e m p o d i f f u s o , su ciò a n c o r a a p p r . al il. 143.
F u a s s e g n a t o invece c a r a t t e r e di credito alimentare all'indennità
per i n f o r t u n i o '), ciò che a p p a r e , almeno a prima vista, evidentemente
in armonia coll'art. 16, t e s t o unico i n f o r t u n i sul lavoro 31 gennaio 1904,
che proclama l'incedibilità, i m p i g n o r a b i l i t à , ecc. del credito dell'inden-
n i t à e della r e n d i t a . La questione qui non ci p u ò d i r e t t a m e n t e inte-
ressare se non per l'ipotesi, già e s a m i n a t a (n. 47), di indennità a ca-
rico dell'industriale, nel caso di cui all'art. 21 legge cit. Concependo, col
C a r n e l u t t i 2), l'obbligo dell'assicurazione a carico del creditore delle
opere come u n a p a r t e della mercede, ciò che sopra abbiamo ammesso
in m a s s i m a 3 ), p u r riconosciuto cbe l'obbligo d e l l ' a s s i c u r a z i o n e non
è l ' i n d e n n i t à , si p u ò concludere, come già abbiam fatto, nel senso che
l ' i n d e n n i t à cui l ' i n d u s t r i a l e sia t e n u t o , p u r facendo p a r t e in senso
lato della retribuzione, h a u n a fisionomia p r o p r i a , in q u a n t o iu essa
a c q u i s t a u n o specialissimo risalto lo scopo soggettivo di s o s t e n t a m e n t o ,
che come tale è rilevato e in ispecial modo t u t e l a t o dalla legge. In-
somma q u e s t a i n d e n n i t à è v e r a m e n t e un s u p p l e m e n t o di mercede tu-
t e l a t o come vero credito alimentare. A d ogni modo questo è u n caso
a sè, n o n suscettibile di estensione. Qui ho ricordato questo caso p e r
c h i a r i r e col suo c o n f r o n t o la v e r i t à di q u a n t o si asserisce, e cioè che
n o r m a l m e n t e l a m e r c e d e n o n h a affatto c a r a t t e r e giuridico di « cre-
dito a l i m e n t a r e », nel senso voluto, p e r c h è possa c o n d u r r e all'impigno-
r a b i l i t à , incompensabilità, ecc., così come, a mio avviso, l ' h a (eccezio-
nalmente, nel n o s t r o sistema legislativo) l ' i n d e n n i t à p e r i n f o r t u n i o
di cui a l l ' a r t . 21. Q u e s t a , ripeto, è corrisposta a titolo o n e r o s o : la
p r e s t a z i o n e del lavoro è la c a u s a e la r a g i o n e che l a d e t e r m i n a .
Certo, a t u t t a p r i m a riesce a l q u a n t o ostico il concetto di una
i n d e n n i t à p e r i n f o r t u n i o c o n c e p i t a come p a r t e della m e r c e d e : ma la
.stessa difficoltà d o v r e b b e nascere per a m m e t t e r e l a stessa cosa delle
i n d e n n i t à di residenza, ecc. Si noti che il r a p p o r t o t r a q u e l l ' i n d e n n i t à
e i d a n n i e f f e t t i v a m e n t e subiti dal l a v o r a t o r e in seguito all'infortunio
v a r i a secondo che l ' i n d e n n i t à sia d i s c i p l i n a t a dal diritto c o m u n e
( a r t . 22) o d a l l a legge sugli i n f o r t u n i (art. 21). Q u a n d o sia ili appli-
cazione l ' a r t . 2 1 il c o n c e t t o di un r i s a r c i m e n t o puro e semplice del
d a n n o è già per sè a t t e n u a t o dal f a t t o che, come fu già rilevato, q u e s t a
i n d e n n i t à è inferiore, forse, al minimo dei bisogni dell'operaio col-
pito, non r i f e r e n d o s i a t u t t i i n t e g r a l m e n t e i d a n n i e f f e t t i v a m e n t e ri-
s e n t i t i dall'operaio.
Vi è u n a l t r o tipo di a s s e g n o ') p a t r i m o n i a l e al d e b i t o r e del lavoro,
che h a s t r e t t o e a u t e n t i c o c a r a t t e r e a l i m e n t a r e , m a a p p u n t o per ciò

') Cass. R o m a , 17 m a g g i o 1907, Foro, 1907, I, 1378.


2
) Sludi aligli infortuni, op. e 1. cit.
3
) C f r . s o p r a , p . 126-127.
•') L a p a r o l a « a s s e g n o » è p r e f e r i b i l m e n t e u s a t a p e r i n d i c a r e l ' a t t r i b u z i o n e ad
esce dalla categoria della mercede o retribuzione del lavoro. L ' a r t . 53
del regolamento generale per l'esecuzione del t e s t o unico sullo s t a t o
<legli impiegati civili (24 novembre 1908, n. 756) stabilisce cbe « alla
famiglia dell'impiegato sospeso in uno dei casi... può essere concesso
un assegno alimentare in m i s u r a non superiore al terzo dello stipendio
d i cui l'impiegato è fornito ». Il c a r a t t e r e a l i m e n t a r e è qui procla-
m a t o dalla legge, e del resto a n c h e se la legge non l'avesse diretta-
m e n t e e n u n c i a t o sarebbe risultato senz'altro. Qui m a n c a , i n f a t t i , la
c o r r i s p e t t i v i t à . I n f a t t i l ' i m p i e g a t o p u ò essere sospeso o solo dallo
s t i p e n d i o o p p u r e dal grado e dallo stipendio (art. 49 testo unico ci-
tato, 12 n o v e m b r e 1908, n. 693). Nel primo càso n o n è esonerato
^all'obbligo della p r e s t a z i o n e del lavoro: che viene q u i n d i p r e s t a t o
s e n z a corrispettivo. Nel secondo vi è l'esonero d a quell'obbligo, ciò
c h e costituisce i n d u b b i a m e n t e u n a g g r a v i o a carico dell'impiegato,
•che p e r d e con ciò l ' a n z i a n i t à per t u t t o il t e m p o per cui d u r a l'eso-
nero dal servizio a cui l ' a n z i a n i t à è collegata. Ora, in t u t t i e due i
c a s i u n a mercede manca, vi sia o no la p r e s t a z i o n e di lavoro; e perciò
l ' a s s e g n o h a c a r a t t e r e autonomo, non è collegato d a u n n e s s o di in-
t e r d i p e n d e n z a , n e p p u r e nel primo caso. D e l r e s t o ciò è t a n t o vero che
l'art. 53 regol. citato a t t r i b u i s c e l ' a s s e g n o alla famiglia, n o n già al-
l'impiegato stesso. A n c h e qui, come p e r l ' i n d e n n i t à alle v i t t i m e di
infortunio, abbiamo u n r i f e r i m e n t o allo stipendio solo per ciò che
•concerne l ' a m m o n t a r e del soccorso.
V e r a m e n t e qualche d u b b i o p u ò sollevare l ' a r g o m e n t o ora proposto
d e l l ' a s s e g n o alla famiglia e non all'impiegato. E se l'impiegato è ce-
libe*!* A fil di logica si d o v r e b b e d i r e : in t a l caso v i e n e meno qua-
l u n q u e d i r i t t o a d u n assegno a l i m e n t a r e , che il r e g o l a m e n t o a t t r i b u i s c e
a l l a famiglia, cioè ai terzi che coll'impiegato convivono, e che n o n
•è e q u o a b b i a n o a r i s e n t i r e in t u t t a la loro durezza le c o n s e g u e n z e
delle colpe a t t r i b u i t e o s o s p e t t a t e all'impiegato. Il Consiglio di S t a t o
però ') decise che l ' a s s e g n o s p e t t a a n c h e a l l ' i m p i e g a t o celibe; decisione
c e r t o i m p r o n t a t a a un simpatico senso di b e n e v o l e n z a . Ma, p o s t a a n c h e
l ' e s a t t e z z a di q u e s t a i n t e r p r e t a z i o n e , ci si r i p r o p o n e il dubbio, pel
c a s o di sospensione p u r a m e n t e dallo s t i p e n d i o . Il soccorso all'impie-
g a t o celibe n o n e n t r a in t a l caso in u n r a p p o r t o di connessione col
lavoro p r e s t a t o ? N o n è u n a r e t r i b u z i o n e r i d o t t a al limite m i n i m o del
sostentamento.'? E n o n vi è allora u n a c o n t r a d d i z i o n e col concetto
i n f o r m a t o r e della punizione, di s o p p r i m e r e la r e t r i b u z i o n e del lavoro?

personam rli u n a s o m m a , o l a s u a a t t r i b u z i o n e u n a v o l t a t a n t o o iu via s t r a o r d i -


n a r i a , m a non n e c e s s a r i a m e n t e in c o r r i s p e t t i v o del l a v o r o p r e s t a t o . L ' a r t . 1 della
l e g g e sulla i m p i g n o r a b i l i l à delle m e r c e d i d i s c o r r e , t r a i v a r i p r o v e n t i del l a v o r o ,
a n c h e d e l l ' a s s e g n o , d i f f e r e n z i a n d o l o d a l l o s t i p e n d i o o m e r c e d e fissa. Ciò si r i l e v a
m e g l i o negli a r t . 2 sg. del r e l a t i v o r e g o l a m e n t o .
*) P a r e r e 17 m a r z o 1911, in Contrailo di lavoro, 1912, 16.
L . BAKASSI. — Il contratto di lavoro, ecc. — 2 . a ed. — 11.
Il d u b b i o , a mio s o m m e s s o a v v i s o , è p e r f e t t a m e n t e p r o p o n i b i l e , m a
mi p a r e p r e f e r i b i l e la n e g a t i v a . Q u a n d o l ' i m p i e g a t o è in servizio, e gli
si p a g a u n a s o m m a p e r i suoi b i s o g n i a l i m e n t a r i , n o n è v e r o c h e si
f a c c i a in f o n d o n è p i ù n è m e n o di q u a n t o suol l a r e il c r e d i t o r e del
l a v o r o cbe p a g a l a m e r c e d e . P e r c h è a b b i a m o c o n s t a t a t o s o p r a come
il p u n t o d i v i s t a f o n d a m e n t a l e d a c u i il c r e d i t o r e del l a v o r o a p p r e z z a
la m e r c e d e è q u e l l o di u n a s p e s a p e r l a r e t r i b u z i o n e del lavoro. Q u e s t a
i m p r o n t a c o n t r a t t u a l e -manca n e l l ' a s s e g n o a l i m e n t a r e ; n o n s u s s i s t e se
n o n l ' e s c l u s i v o p u n t o di v i s t a del l a v o r a t o r e , c h e è p e r lo p i ù c o m u n e
a n c h e a l l ' a l t r o c o n t r a e n t e , c o m e s ' è v i s t o (il s o s t e n t a m e n t o del lavo-
r a t o r e ) m a solo in m o d o m e d i a t o o i n d i r e t t o '). I n r e a l t à l a n a t u r a
d e l l ' a s s e g n o è s e m p r e eguale, r e s t i o n o l ' i m p i e g a t o in s e r v i z i o : se
r e s t a in servizio, v u o l d i r e ohe è a u t o n o m o a f f a t t o , i n d i p e n d e n t e d a l l a
p r e s t a z i o n e di l a v o r o . . ... .
P i u t t o s t o n o n mi p a r e c h e il C o n s i g l i o di S t a t o a b b i a g i u s t i f i c a t o
la s u a decisione. L a q u a l e a r g o m e n t a d a c i ò : c h e l ' a r t . 52 t e s t o u n n o
c o n t i e n e e s p r e s s a m e n z i o n e d e l l ' a t t r i b u z i o n e d e l l ' a s s e g n o alla f a m i g l i a
solo pel c a s o in cui l ' i m p i e g a t o sia s t a t o c o n d a n n a t o a p e n a r e s t r i t -
t i v a d e l l a l i b e r t à p e r s o n a l e ; se t a c e p e r gli a l t r i casi v u o l d u n q u e d u e
c h e l ' a s s e g n o in q u e s t i a l t r i casi p o s s a a t t r i b u i r s i d i r e t t a m e n t e a l im-
p i e g a t o Ma il r a g i o n a m e n t o è m o n c o : b i s o g n a v a d i m o s t r a r e c h e l a re-
l o i a è d a t a a p p u n t o dalla prestazione degli alimenti all'impiegato;
ciò p a r r e b b e e q u o , m a l ' a r t , 5 3 del r e g o l a m e n t o , c h e g e n e r a l i z z a ,1
p r i n c i p i o d e l l ' a t t r i b u z i o n e alla f a m i g l i a ci l a s c i a a l q u a n t o p e r p l e s s i ,
p o t e n d o a n c h e u n r e g o l a m e n t o c o n t e n e r e , se n o n u n ' i n t e r p r e t a z i o n e
autentica, un non disprezzabile indice interpretativo.
5 1 N o n s a r à m a l e poi r i c h i a m a r e l a l u c e s i n g o l a r e c h e q u e s t o con-
c e t t o d e l l a m e r c e d e , c o m e d e b i t o a l i m e n t a r e n e l s i s t e m a del d i r i t t o
comune, proietterebbe sulle leggi che determinano l'insequestrabibta
dei s a l à r i p e r c e r t e c a t e g o r i e d i l a v o r a t o r i ( d i p e n d e n t i dallo S t a t o ) .
Se fosse attendibile quel concetto q u e s t e leggi avrebbero un carattere
o d i o s o : di l e g g i r i v o l t e c o n t r o le classi l a v o r a t r i c i , i n f a t t i e s s e dimi-
n u i r e b b e r o la p o r t a t a di q u e l l a m a s s i m a , l i m i t a n d o la m s e q u e s t r a l n -
l i t à solo a u n a p a r t e d e l l a m e r c e d e (di u n t e r z o , o di u n q u i n t o s e c o n d o
i casi a r t 2 l e g g e 2 l u g l i o 1 9 0 8 , n . 335). M e n t r e il v e r o e c h e q u e s t a
l e ^ e ' è i n s p i r a t a ad u n c r i t e r i o di t u t e l a dei l a v o r a t o r i , c o m e lo p r o v a
H l a r g a e d e n f a t i c a e s p r e s s i o n e d e l l ' a r t , 1 d i d e t t a l e g g e . La r a g . o n e
s o s t a n z i a l e di q u e s t a l e g g e è t u t t a n e l l a n e c e s s i t à di a e r a r e , ,1
sostentamento agli i m p i e g a t i 2 ) . M a questo non e tutto, h evidente

.) L ' a t t r i b u z i o n e di q u e s t o soccorso a l l ' i m p i e g a t o P - T ^ ^ J » * ^


ci,e al c r e d i t o r e p u b , i n d i p e n d e n t e m e n t e d a u n a r e r i b u z i o n e e f f e t t i v a del l a v o r o ,
i n t e r e s s a r e il s o s t e n t a m e n t o di chi p o t r à r e n d e r g l i b u o n , servizi
N o t o che la giurisprudenza non si fe limitata a invocare .1 carattere puia
che se questa unicamente fosse stata la ragione della provvidenza
legislativa non se ne capirebbe la limitazione agli impiegati dai di-
pendenti dallo Stato, e dalle altre amministrazioni e istituti elencati
nell'art. 1 della legge succitata. I n f a t t i la legge si è determinata a
limitare la pignorabilità, sequestrabilità e cedibilità degli stipendi solo
nei casi in cui il g a r a n t i t o sostentamento dei lavoratori è di speciale
importanza per la continuità e il rendimento del lavoro che debbono
dare nell'interesse delle pubbliche amministrazioni. Dove si vede come
anche il p u n t o di vista soggettivo del debitore del lavoro possa as-
sumere un'importanza non piccola come elemento disciplinatore dei
rapporti t r a chi dà e chi riceve il lavoro.
D u n q u e vi è, bensì, riguardo allo scopo alimentare della mercede •
ma la successiva limitazione dimostra a, chiare note che non si è in-
teso a t t u a r e per sè solo questo scopo, ma, e sopratutto, assicurare la
continuità dei servizi pubblici. F u anzi sostenuto « che non è in ri-
guardo a contemplazione della persona dell'impiegato che il suo sti-
pendio viene dichiarato impignorabile » ma per « u n a ben più alta
considerazione d'ordine pubblico e d'interesse sociale... » '); nel che
vi ha l'esagerazione di una verità, ma che dimostra c o m e ' l a legge
non abbia già inteso far appello a una pretesa n a t u r a alimentare
(sempre, ripeto, nel sistema del d i r i t t o costituito) della mercede ma
di proclamare l'impignorabilità, ecc., per ragioni obbiettive differenti
dal sostentamento iu sè.
Ciò prova che l'applicazione «li q u e s t a legge non è affatto esten-
sibile a casi analoghi, benché sia in sè suscettibile d'interpretazione
estensiva come sviluppo delle n o r m e l i m i t a t a m e n t e ai casi cui si rife-
risce. La ragione d e t e r m i n a n t e quella legge è n e t t a m e n t e limitata ai
servizi pubblici e alla pubblica amministrazione ; all'infuori di questi
d e v e ' r i p r e n d e r e vigore il principio, i n f o r m a t o a l l ' a u t o n o m i a indivi-
duale, della libera disponibilità della mercede. Del resto se anche la
ragione della legge fosse s t a t a u n i c a m e n t e il s o s t e n t a m e n t o per sè
stesso di chi dà il suo lavoro alle pubbliche amministrazioni, non è '
ben certo che la conclusione sarebbe s t a t a favorevole all'estensione
analogica. L a Cassazione r o m a n a sopra citata ?), n e g a n d o che q u e s t a
ragione fosse quella che h a d e t e r m i n a t o la, legge, ritiene a r a g i o n e che
in caso diverso vi sarebbe u n privilegio a favore di u n a categoria di
lavoratori, e quindi la s u a n o n e s t e n s i b i l i t à : e ciò nega.

m e n t e a l i m e n t a r e .lell,, r e t r i b u z i o n e , m a si è a f f e r r a t a a n c h e a d altri mezzi nei;


g i u n g e r e al r i s u l t a t o di t u t e l a r e la classe l a v o r a t r i c e c o l l ' a , u m e t t e r ò l ' i n s e q u e s t r a -
deI
Ma l ' e s a m e di q u e s t i mezzi ci i n t e r e s s e r à l a d d o v e d i s c o r r e r e m o
ex professo della esecuzione f o r z a t a sulle m e r c e d i .
') Cassazione P a l e r m o , 5 n o v e m b r e 1910, Foro it., 1911 I 238
2
) Cass. P o m a , 26 g i u g n o 1900, Foro ital., 1900, I, 1180. ' "
:

I n c o n c l u s i o n e : n o n si p o t r à l i m i t a r e la p i g n o r a b i l i t à o cedibilità o
s e q u e s t r a b i l i t à delle m e r c e d i n e i casi non c o n t e m p l a t i dalla l e g g e
del 1 9 0 8 : cioè p e r il l a v o r o a p r i v a t i , o a i s t i t u t i p u b b l i c i non elen-
c a t i n e l l ' a r t i c o l o . N o n s e r v i r e b b e o p p o r r e l ' i m m o r a l i t à di u n a t t o
odioso cbe i n e t t e u n l a v o r a t o r e n e l l ' i m p o s s i b i l i ! di n u t r i r e sè e la
s u a f a m i g l i a '). È q u e s t o u n o dei casi in cui il d i r i t t o è p r o p r i o u n a
l i n e a r i g i d a e r e t t i l i n e a , cbe n o n si p r e s t a a d u n a d a t t a m e n t o equi-
t a t i v o , d a t o il n o n a m p i o c a m p o di a p p l i c a z i o n e d e l l ' a r t . 1124. Q u e s t o
si r i f e r i s c e solo a s i t u a z i o n i c o n t r a t t u a l i . Ora, è b e n difficile c b e il
c r e d i t o r e del l a v o r o (cbe b a a suo f a v o r e la r i t e n u t a del salario)
p r o c e d a a d a t t i e s e c u t i v i o c o n s e r v a t i v i sulle m e r c e d i già r i s c o s s e ;
p e r la difficoltà p r a t i c a di a t t u a r e l ' i n t e n t o e p e r l ' i n t e r e s s e c b e egli
b a , se il c o n t r a t t o v i v e a n c o r a , a che il l a v o r a t o r e sia in g r a d o di
dargli lavoro utile.

CAPO QUARTO.

IL RAPPORTO PI ONEROSITÀ TRA IL LAVORO E LA MERCKPE.

§ i. _ I due concetti dell'onerosità e della bilateralità


rispetto al contratto di lavoro.

SOMMARIO - 52. Il nesso di s u b o r d i n a z i o n e t r a l a v o r o e m e r c e d e . - 53. Il con-


* c e t t o dell' « o n e r o s i t à ». - 54. E della c o m m u t a t i v i t à . - 55. P i a n o della
trattazione.

5 2 _ F i n q u i a b b i a m o e s a m i n a t o i d u e e l e m e n t i f o n d a m e n t a l i del
c o n t r a t t o di l a v o r o : il l a v o r o e l a s u a r e t r i b u z i o n e . O r a d o b b i a m o
i n d a g a r e il c o l l e g a m e n t o t r a q u e s t i d u e e l e m e n t i . Ohe essi s u s s i s t a n o ,
i n f a t t i , n o n d à n e s s u n a l u c e s u l l a n a t u r a del n e s s o che li può colle-
g a r e . Q u e s t o n e s s o p u ò e s s e r e vario. P u ò a n d a r e d a u n m a s s i m o g r a d o
di s u b o r d i n a z i o n e , q u a l ' è q u e l l o c h e t r o v i a m o nella s i u a l l a g m a t i c i t a ,
a u n g r a d o m i n o r e : a d es. al s e m p l i c e n e s s o c a u s a l e c h e p e r m e t t e
u n a r e l a t i v a a u t o n o m i a dei d u e t e r m i n i .
D i c i a m o s u b i t o c h e il l a v o r o e la m e r c e d e sono a v v i n t i da q u e l
m a s s i m o n e s s o di r e c i p r o c a s u b o r d i n a z i o n e che è d a t o d a l l a o n e r o s i t à
del c o n t r a t t o , c h e è la f o n t e c o m u n e a cui l a v o r o e m e r c e d e sono
r i c o l l e g a t i . Chi d à il l a v o r o lo f a p e r a v e r e u n ' e q u i v a l e n t e m e r c e d e ;
c h i d à la m e r c e d e lo f a p e r a v e r e e q u i v a l e n t e lavoro. N o n sono d u e

1) L o STADTHAGEN, Da* Jrbeiterrecht, p. 135, r i t i e n e ciò illecito, p e r c h è contr,


i buoui costumi.
fenomeni autonomi ; ma s t r e t t a m e n t e a v v i n t i l ' u n o all'altro così come
u n i c a è la fonte da cui d e r i v a n o : il contratto. Questo nesso di subor-
dinazione è intensificato i n f a t t i dalla s t r e t t a equivalenza dei d u e ter-
mini. Secondo l'art. 1570 col c o n t r a t t o di lavoro « u n a delle p a r t i si
obbliga a fare per l'altra u n a cosa m e d i a n t e la p a t t u i t a mercede ».
« M e d i a n t e » allude a ciò: c h e il mezzo per o t t e n e r e il lavoro è ap-
punto la mercede. E- n i e n t e a l t r o che questo. N e s s u n i m p u l s o . d ' a l t r o
genere m u o v e chi p r o m e t t e il lavoro, obbligandosi, se n o n quello di
o t t e n e r e u n a mercede.
È la s t r u t t u r a del c o n t r a t t o a titolo oneroso. Secondo l'art, 1101
« è a titolo oneroso quel c o n t r a t t o nel quale ciascuno dei c o n t r a e n t i
i n t e n d e , mediante e q u i v a l e n t e , p r o c u r a r s i un v a n t a g g i o ». Mi affretto
ad a v v e r t i r e che n o n mi propongo qui di s t u d i a r e q u e s t o concetto
dell'equivalenza. Certo, esso è essenzialissimo p e r quello di o n e r o s i t à :
onerosità n o n è, ripeto, che nesso di equivalenza. Ma q u e s t o concetto
p r e s u p p o n e che si discorra della formazione d e l l ' a m m o n t a r e della
mercede, p e r c h è nel c o n t r a t t o di lavoro a s s u m e u n a p r a t i c a impor-
t a n z a specialmente dal p u n t o di v i s t a della m e r c e d e : debbo q u i n d i
r i n v i a r e a q u a n d o ci occuperemo della m e r c e d e c o n s i d e r a t a n e l l a s u a
d e t e r m i n a z i o n e q u a n t i t a t i v a . Mi b a s t a qui o s s e r v a r e che da q u a n t o
già si è visto sullo scambio, come l o t t a di egoismi, d e r i v a g i à
s e n z ' a l t r o che l ' e q u i v a l e n z a n o n v a c o n s i d e r a t a come fenomeno di
proporzionalità o g g e t t i v a , m a di a p p r e z z a m e n t o soggettivo. O s s e r v o
q u e s t o p e r a c c e n n a r e già qui a u n a n a t u r a l e c o n f u t a z i o n e d e l l ' a s s e r t o
del P e r r e a u '): che nel c o n t r a t t o di lavoro m a n c h i la c o m m u t a t i v i t à
(o onerosità, come l ' i n t e n d e il P e r r e a u ) p e r c h è in r e a l t à il l a v o r a t o r e
non riconosce l ' e q u i v a l e n z a t r a il lavoro e la mercede. È a r g o m e n t o
su cui r i t o r n e r e m o : m a già qui si capisce che a m m e s s a l ' e q u i v a l e n z a
come f e n o m e n o s o g g e t t i v o vien m e n o u n a delle basi a quell'asserto.
53. Pili qui n e s s u n dubbio. I d u b b i p e r ò cominciano a sorgere
q u a n d o si t r a t t a di d e t e r m i n a r e u l t e r i o r m e n t e q u e s t o concetto di
onerosità. E si badi : q u e s t o n o n è a r g o m e n t o che a b b i a u n ' i m p o r t a n z a
m e r a m e n t e t e o r e t i c a : p e r c h è si t r a t t a a p p u n t o di s a p e r e se u n a q u a n -
t i t à di r a p p o r t i giuridici, in cui t r o v i a m o il lavoro e la s u a r e t r i b u -
zione, sia c o m p r e s a nel territorio del c o n t r a t t o di lavoro.
L ' o n e r o s i t à è s t a t a v a r i a m e n t e concepita. A l c u n i l ' h a n n o s e n z ' a l t r o
i d e n t i f i c a t a colla e q u i v a l e n z a a b a s e di s c a m b i o : l ' e q u i v a l e n z a delle
prestazioni, si è d e t t o , è e l e m e n t o tipico che c a r a t t e r i z z a l ' o n e r o s i t à ;
ora l ' e q u i v a l e n z a p r e s u p p o n e n e c e s s a r i a m e n t e lo scambio di d u e pre-
stazioni. Così p e r E n d e m a n n 2) i c o n t r a t t i bilaterali, cioè quelli c h e

' ) La convention collective de travati (1913), p . 4.


2
) Einfi'ihrung, ecc., I, § 124.
noi chiamiamo c o n t r a t t i a titolo oneroso, consistono nello « scambio
di d u e promesse di prestazione, cosicché ogni c o n t r a e n t e è contempo-
r a n e a m e n t e debitore e creditore, e ogni prestazione è equivalente della
c o n t r o p r e s t a z i o n e » . E così per a l t r i : ogni prestazione è lo scopo cui
mira l'altro c o n t r a e n t e .
Di f r o n t e a q u e s t a opinione, che si appoggia con molta a p p a r e n z a
di f o n d a m e n t o sul significato economico della parola « e q u i v a l e n t i »,
sta l ' a l t r a , che è di g r a n l u n g a p r e v a l e n t e nella d o t t r i n a italiana, per
cui l'onerosità n o n p r e s u p p o n e necessari amen te lo scambio: che un
c o n t r a e n t e i n t e n d a m e d i a n t e e q u i v a l e n t e p r o c u r a r s i u n v a n t a g g i o si
i n t e n d e in u n senso più lato. I n r e a l t à o si i n t e n d e procacciarsi u n
v a n t a g g i o s e n z a i m p i e g a r e uno sforzo, senza sobbarcarsi a un sacri-
fìcio: ed ecco la g r a t u i t à . O p p u r e si i n t e n d e procurarselo col sobbar-
carsi a u n o sforzo, a u n a pena, a u n sacrificio. Q u a n d o la i n t e n s i t à
di q u e s t o sacrificio sia t a l e agli occhi di chi vi si sobbarca, da rite-
n e r e che sia a d e g u a t a m e n t e compensato dal v a n t a g g i o cui mira, allora
vi -ha e q u i v a l e n z a . Secondo l ' a p p r e z z a m e n t o soggettivo del c o n t r a e n t e
vale insomma la p e n a di s u b i r e quello sforzo per o t t e n e r e quel van-
taggio.
Ora, qui si possono d a r e d u e ipotesi. O il primo c o n t r a e n t e a t t u a
lo sforzo nella esclusiva direzione dell'altro c o n t r a e n t e (perchè questi
a b b i a a r i c a v a r n e un v a n t a g g i o per sè), e riceve il v a n t a g g i o inte-
r a m e n t e d a lui, il c h e vuol dire cbe l'altro c o n t r a e n t e a sua-'volta
d i r i g e r à lo sforzo i n t e r a m e n t e verso il p r i m o Contraente. Qui vi è il
f e n o m e n o dello scambio : è l'onerosità q u a l e si rivela nei c o n t r a t t i a
b a s e di scambio (compra-vendita, locazione di cosa, ecc.) *). O p p u r e non
dirige lo sforzo verso l'altro c o n t r a e n t e , m a v e r s o u n a m e t a a cui
p u r e t e n d e lo sforzo dell'altro c o n t r a e n t e , u n a m e t a , u n o scopo c o m u n i ;
per modo che d a l l a associazione dei d u e sforzi n a s c e r à un v a n t a g g i o
che i d u e c o n t r a e n t i si d i v i d e r a n n o . E q u e s t o è il t i p o associati vo
( c o n t r a t t o di società, di associazione, di colonia parziaria, ecc.). Ohe
a n c h e in q u e s t a seconda ipotesi vi sia o n e r o s i t à n o n è dubbio 2 ): qui
ogni associato m i r a a p r o c u r a r s i un v a n t a g g i o (lo scopo ultimo nei
c o n t r a t t i a tipo associativo n o n è s e m p r e u n o scopo egoistico; m a

») C o n c o r d a il VALENTI, Principi di scienza economica, p. 245, n o t a .


OERTMANN, Enti/eli lieti e G eschafte, p . 8 0 ; IIIERING, Zweek in ltecht, p a g . 125.
Io credo d ' a l t r o n d e cbe il c o n t r a t t o a s t r u t t u r a a s s o c i a t i v a , in q u a n t o le p a r t i
a b b i a n o d e t e r m i n a t i obblighi r e c i p r o c i , sia a n c h e b i l a t e r a l e . Ad ogni modo qui non
vi e u n a p r e s t a z i o n e f a t t a d a l l ' u n a a l l ' a l t r a p a r t e , e u n a c o u t r o p r e s t a z . o n e in senso
i n v e r s o ( c f r . SCHREIBER, Jahrhiieh. di IIIERING, L X , p . 188). L a p r e s t a z i o n e è, in
un c e r t o senso, f a t t a al p a t r i m o n i o c o m u n e o m e g l i o a sè e agli altri soci, cioè v e r s o
o u e l l a che è l a m e t a c o m u n e dei c o n t r i b u t i di o g n u n o . È a. t o r t o q u i n d i clic, a d
esempio, il KOHLER (Gesammeìte Abhandlungen, 1883, p . 439) definisce la s o c i e t à
uu « c o n t r a t t o m i r a n t e a u n a p r e s t a z i o n e e a u u a c o n t r o p r e s t a z i o n e ».
Io è sempre quando vi sia uno scopo lucrativo, quejlo cbe noi qui
presupponiamo) mediante un proprio contributo, u n a collaboi azione cbe
è sempre u n onere. L ' a p p r e z z a m e n t o dell'equivalenza vi è a n c b e q u i :
ogni c o n t r a e n t e si a s s u m e di vincolarsi in società solo q u a n d o il
g u a d a g n o sperato, e r i t e n u t o probabile, compensi il sacrificio a s s u n t o
per modo cbe sia più conveniente s t i p u l a r e questo c o n t r a t t o al n o n
stipularlo '); 1'aleaton'età del g u a d a g n o è conciliabile coll'equivalenza
dei c o n t r a t t i a titolo oneroso.
54. Il c o n t r a t t o di lavoro a p p a r t i e n e alla categoria dei c o n t r a t t i a
titolo oneroso a base di scambio. E , si noti, l'elemento t i p i c a m e n t e
differenziale eli e lo s t a c c a dai c o n t r a t t i onerosi a s t r u t t u r a a s s o c i a t i v a
è a p p u n t o la comunione della m e t a verso cui convergono i sacrifici,
o g l i - o n e r i delle p a r t i : q u e s t o solamente. Il cbe f u p l a s t i c a m e n t e
raffigurato con ciò: clie nella p r i m a c a t e g o r i a i contraenti s t a n n o l ' u n o
di f r o n t e a l l ' a l t r o ; nella seconda invece s t a n n o l ' u n o accanto all'altro.
L ' e l e m e n t o differenziale non v a invece t r o v a t o nell'aleatorietà del
g u a d a g n o . P o i c h é il c o n t r a t t o di lavoro non è n e c e s s a r i a m e n t e com-
mutativo.
Su questo p u n t o b a s t e r à b r e v e m e n t e o s s e r v a r e che « c o m m u t a t i v o »
n o n h a u n proprio significato a s s o l u t a m e n t e d e t e r m i n a t o nella d o t t r i n a ,
come lo è quello dell' « onerosità »-. P e r alcuni s a r e b b e a d d i r i t t u r a
u n sinonimo di q u e s t ' u l t i m a . Ma forse nell'accezione dei più, è i n
a n t i t e s i con « aleatorio ». Il c o n t r a t t o a titolo oneroso può è s s e r e
c o m m u t a t i v o o aleatorio a seconda che l'onere e r i s p e t t i v a m e n t e il
v a n t a g g i o per o g n u n a delle p a r t i siano d e t e r m i n a t i q u a n t i t a t i v a m e n t e ,
o p p u r e « per a m b e d u e i c o n t r a e n t i o per l ' u n o di essi il v a n t a g g i o
d i p e n d a d a u n a v v e n i m e n t o i n c e r t o » (art. 1102).
Ora, a f f e r m a t a l ' o n e r o s i t à t i p i c a del c o n t r a t t o di lavoro, sorge il
d u b b i o se possa n o n essere c o m m u t a t i v o . E la r i s p o s t a è i n d u b b i a -
mente affermativa, una volta ammesso, come è n a t u r a l e , che r e n u m e -
razione di cui all'art. 1102 non è tassativa.
P r e m e t t o c h e l'alea colpisce, q u a n d o vi è, solo la p o s i z i o n e del
lavoratore, in q u a n t o elementi v a r i p i ù o m e n o a c c i d e n t a l i p o s s o n o
m u t a r e il r a p p o r t o t r a l ' o n e r e r a p p r e s e n t a t o dalla p r e s t a z i o n e di l a v o r o
e il v a n t a g g i o d a t o dalla r e t r i b u z i o n e : ciò a v v i e n e q u a n d o elementi
ignoti nel m o m e n t o iu cui il c o n t r a t t o è s t i p u l a t o , e in cui è stabi-
lito il r a p p o r t o t r a le d u e p r e s t a z i o n i , a v v e n i m e n t i q u i n d i i n c e r t i ai
sensi d e l l ' a r t . 1102, r e n d a n o p i ù g r a v o s a la p r e s t a z i o n e di lavoro.

') C f r . le m i e Istituzioni di dir. civ. (1914), p . 401 (5 108). E q u i v a l e n z a , cioè o n e r o -


s i t à , non è che un r a p p o r t o eli e q u i l i b r i o t r a un v a n t a g g i o s p e r a t o e l ' o n e r e a s s u n t o
por a r r i v a r v i ; o r a è e v i d e n t e che q u e s t o o u e r e p u ò essere t a n t o u n a p r e s t a z i o n e
iu r e g i m e di s c a m b i o , q u a n t o u u a c o o p e r a z i o n e in r e g i m e di a s s o c i a z i o n e .
L'ipotesi inversa non si dà di regola: la mercede è come onere f a c i l m e n t e
d e t e r m i n a b i l e sin d a principio, a differenza di certe prestazioni di
lavoro. Certo, clic u n improvviso rovescio di f o r t u n a abbia a r e n d e r e
assai più gravoso il p a g a m e n t o di u n a m e r c e d e non imprime c a r a t t e r e
di a l c a t o r i e t à : 111 tal caso t u t t i i c o n t r a t t i a titolo oneroso s a r e b b e r o
aleatori. L ' a l e a non si dà nella posizione del creditore del l a v o r o ,
perchè, s o p r a t u t t o , si può facilmente d e t e r m i n a r e il r a p p o r t o t r a la
mercede, come onere, e la p r e s t a z i o n e di lavoro nell'utilità s u a p e r
il c o n t r a e n t e cui è d e s t i n a t a . V i è t u t t a v i a u n a categoria di c o n t r a t t i
di lavoro, quelli di lavoro a tempo, i n cui la mercede è proporzionata
alla d u r a t a della p r e s t a z i o n e di lavoro, non, come nel cottimo, al s u o
utile risultato. Ora, come v e d r e m o , qui vi è un concetto di forfait, in
q u a n t o si conosce solo a p p r o s s i m a t i v a m e n t e il r e n d i m e n t o u t i l e del
lavoro l a cui d e t e r m i n a z i o n e q u a n t i t a t i v a è collegata solo al t e m p o ,
e n o n a n c h e a l l ' i n t e n s i v a ed effettiva p r o d u z i o n e di lavoro per ogni
u n i t à di tempo. È però u n ' a l e a molto l i m i t a t a , e c o r r e t t a v a r i a m e n t e
per modo da r i d u r r e a cosa m i n i m a il rischio per il creditore del
l a v o r o ; u n ' a l e a che r i e n t r a , ad ogni modo, solo in senso molto l a t o
in quella che è d e t e r m i n a t a d a l l ' a r t . 1102.
V e n e n d o ora alla posizione del d e b i t o r e del lavoro, nei c o n t r a t t i
di lavoro s u b o r d i n a t o (cioè di locazione d'opere) l ' a l e a t o r i e t à non si
verifica, È preoccupazione dei l a v o r a t o r i che si limitano a p o r r e l e
proprie energie di lavoro a disposizione di altri, di eliminare p e r q u a n t o
è possibile ogni incertezza circa il r a p p o r t o tra lavoro e mercede. L e
l o t t e collettive t r a capitale e lavoro, e s o p r a t u t t o i concordati col-
l e t t i v i di lavoro, e in g e n e r e la politica economica delle coalizioni
operaie m i r a n o a p p u n t o a migliorare le condizioni del l a v o r a t o r e a n c h e
n e l senso di eliminare ogni i n c e r t e z z a circa il r a p p o r t o t r a m e r c e d e
e lavoro. E d ' a l t r o n d e è a n c h e n o t a l ' a v v e r s i o n e del l a v o r a t o r e p e r
t u t t e quelle f o r m e c o n t r a t t u a l i che, sostituendosi al salariato, gli
accollano u u a p a r t e dei rischi della p r o d u z i o n e È q u a n t o v e d r e m o
nel p a r a g r a f o s e g u e n t e .
L a cosa è i n v e c e molto d i v e r s a p e r il c o n t r a t t o di lavoro a u t o n o m o .
Come a suo t e m p o v e d r e m o qui vi ha l ' a s s u n z i o n e p e r p a r t e del la-
v o r a t o r e del rischio del lavoro che egli dirige d a sè, secondo i p r o p r i
criteri. Dal grosso a p p a l t o al m o d e s t o a r t i g i a n a t o vi h a s e m p r e il con-
c e t t o f o n d a m e n t a l e dell'« i m p r e s a », che c o n s e n t e l'accollo a proprio-
rischio di t u t t i quegli e v e n t i i n c e r t i , p e r c h è non t u t t i prevedibili, c h e
possono a l t e r a r e a n c h e n o t e v o l m e n t e il r a p p o r t o t r a il lavoro e la re-
tribuzione, iu q u a n t o a b b i a n o a r e n d e r e più onerosa del p r e v i s t o la
p r e s t a z i o n e di lavoro, e quindi m e n o r e m u n e r a t i v a la m e r c e d e deter-
m i n a t a in b a s e al r i s u l t a t o utile. Q u e s t a è v e r a a l e a t o r i e t à , a sensi
d e l l ' a r t . 1 1 0 2 ; nella t r a t t a z i o n e che segue ci v e r r à f a t t o di esami-
narla dettagliatamente.
55. D a q u a n t o è stato detto sin qui r i m a n e chiarito come il con-
t r a t t o di lavoro debba esser t e n u t o d i s t i n t o : a) in primo luogo dai
c o n t r a t t i d a cui scende u n r a p p o r t o complesso in cui p u r e troviamo
una prestazione di lavoro f a t t a per conseguire un g u a d a g n o ; ma non
in relazione di scambio, m a a s t r u t t u r a associativa; b) in secondo luogo
dai c o n t r a t t i in cui non vi è che prestazione di l a v o r o ; cioè m a n c a
il c a r a t t e r e associativo, e a n c h e uno scambio t r a lavoro e mercede.
Dell'uno e d e l l ' a l t r o diremo nei p a r a g r a f i che seguono (§§2,'4). Ci
i m b a t t e r e m o a n c h e in un g r u p p o di r a p p o r t i pei quali fu c o n t e s t a t o
un tempo, a torto, il c a r a t t e r e oneroso, e q u i n d i la q u a l i t à di vero
c o n t r a t t o di lavoro (§ 3).
N a t u r a l m e n t e , u n a volta l u m e g g i a t o q u e s t o nesso di o n e r o s i t à che
crea una reciproca s u b o r d i n a z i o n e t r a i d u e e l e m e n t i : il lavoro e il
prezzo, non a b b i a m o con ciò chiarito a n c o r a la n a t u r a del mezzo giu-
ridico onde q u e s t o nesso di onerosità è s t a t o a t t u a t o . M a l ' i n d a g i n e
relativa f o r m e r à l'argomento del capitolo che segue.

§ 2. — 11 lavoro nello scambio e nell'associazione. Forme partecipative


che non esorbitano dallo scambio.

SOMMARIO. — 56. Il concetto dello s c a m b i o e quello della cooperazione d a u n p u n t o


di v i s t a economico-giuridico. — 57. I m p o r t a n z a g i u r i d i c a di q u e s t a d i s t i n z i o n e .
—• 58. Come q u e l l ' a n t i t e s i sia s t a t a d i s c o n o s c i u t a , o c o l i / a v v i c i n a r e l'associa-
zione allo s c a m b i o , — 59. o c o l l ' a v v i c i n a r e lo scambio a l l ' a s s o c i a z i o n e . —
60. In ispecie la t e o r i a dello C h a t e l a i n . — 61. L ' a n t i t e s i f o n d a m e n t a l e t r a i
d u e f e n o m e n i . — 62. Casi iu cui il g u a d a g n o del l a v o r a t o r e è in c o r r e l a z i o n e
col p r o d o t t o d e l l a v o r o o col r i s u l t a t o d e l l ' a z i e n d a . Come n o r m a l m e n t e l ' a t -
t u a z i o n e dello scopo cui m i r a il c r e d i t o r e del l a v o r o n o n i n f l u i s c a sul con-
t r a t t o di l a v o r o . — 63. L ' a r t . 535 Cod. c o m m . — 61, P a r z i a l i a t t e n u a z i o n i
di q u e l p r i n c i p i o . — 65. F i n dove non u r t a n o c o n t r o il tipo l o c a t i v o . —
66. L a p r o v v i g i o n e del v i a g g i a t o r e di c o m m e r c i o . — 67. E del c o m m i s s i o n a r i o .
— 68. L ' a r t . 86, Cod. c o m m . I s a l a r i a t i p o p r o g r e s s i v o .

56. E la m a n c a n z a del f e n o m e n o g i u r i d i c o economico dello « scambio »


che d i s t i n g u e il c o n t r a t t o di l a v o r o dal r a p p o r t o a s t r u t t u r a associa-
t i v a t r a d u e (o a n c h e più) persone, in cui p u r e vi è u n o delle d u e
parti che d à il lavoro, non p e r impulso altruistico, m a per a v e r n e
u n g u a d a g n o , m e n t r e l ' a l t r a p a r t e d à il capitale. S c a m b i o ed associa-
zione ' ) : ecco d u e tipi f o n d a m e n t a l i e r a d i c a l m e n t e d i v e r g e n t i di fe-
n o m e n i coi q u a l i si a t t u a n o i benefici effètti della cooperazione (in

*) IANNACCONE (V. Contratto di lavoro in Elicici, giurid., n . 6 sg., spec. u. 12)


c o n t r a p p o n e p r e s t a z i o n e di l a v o r o in u n ' i m p r e s a a s i g n o r i a (cioè c o n t r a t t o di la-
v o r o s u b o r d i n a t o ) e in u n ' i m p r e s a c o o p e r a t i v a . Il c o n c e t t o mio è p i ù a m p i o , come
p i ù a m p i a è la p o r t a t a d a ine a t t r i b u i t a al c o n t r a t t o di l a v o r o .
senso lato) del lavoro col capitale, pel r a g g i u n g i m e n t o di u n dato ri-
sultato ').
D o v e vi è scambio a b b i a m o d u e posizioni cbe si trovano di f r o n t e
l ' i m a a l l ' a l t r a in situazione antitetica, e con a t t e g g i a m e n t o ostile, ili
q u a n t o o g n u n o dei c o n t r a e n t i p e r s e g u e un intento proprio. L ' u n o (il
creditore del lavoro) non mira, colla cooperazione di lavoro e capitale,
cbe a r a g g i u n g e r e u n utile (produzione o servigio) esclusivamente
p r o p r i o : abbiamo visto a suo tempo cbe nel c o n t r a t t o di lavoro il
lavoro è d e s t i n a t o a r a g g i u n g e r e uno scopo immediato n o n proprio
di cbi p r e s t a lavoro, ma e s c l u s i v a m e n t e proprio (in via normale) di
chi lo riceve. L ' a l t r a p a r t e non mira per conto suo che a g u a d a g n a r e
u n a mercede con cui per lo p i ù s o s t e n t a r s i ; lo scopo cui il lavoro deve
d i r e t t a m e n t e servire le è affatto estraneo, così come affatto estraneo al
creditore del lavoro è, fino a un certo p u n t o , lo scopo (normalmente di
s o s t e n t a m e n t o ) cui deve servire al lavoratore la mercede. N a t u r a l m e n t e
q u e s t a indifferenza ed e s t r a n e i t à reciproca sappiamo (e lo v e d r e m o ancor
meglio p i ù a v a n t i ) che non è a s s o l u t a ; a b b i a m già visto che in realtà,
come per lo p i ù il l a v o r a t o r e n o n può non p r e o c c u p a r s i e i n t e r e s s a r s i
dello scopo che chi lo p a g a si p r o p o n e di r a g g i u n g e r e , per ciò che
r i g u a r d a il modo di a d e m p i m e n t o della prestazione di lavoro, così di
solito n e p p u r e il creditore del lavoro può d i s i n t e r e s s a r s i di u n a m e r c e d e
insufficiente, in r e a l t à , a m a n t e n e r e chi l a v o r a in forze per essere
idoneo a un utile successivo lavoro 2 ). Ciò però n o n toglie che in
r e a l t à s u s s i s t a tra le d u e p a r t i uno s t a t o di a n t a g o n i s m o : dato a p p u n t o
da ciò che l'impulso che muove o g n u n a di esse è v e r a m e n t e egoistico.
Lo scambio d u n q u e , così inteso, t e n d e a d essere un f e n o m e n o a base
i n d i v i d u a l i s t i c a ; dico « t e n d e » p e r c h è q u a n d o nello scambio n o n vi
è p i ù l ' i n d i v i d u o c o n t r o l ' i n d i v i d u o ma il g r u p p o contro il gruppo,
la classe c o n t r o la classe (concordati di lavoro, c o n t r a t t i collettivi
di lavoro), lo scambio d i v e n t a a n t a g o n i s m o di classi; ma s e m p r e anta-
gonismo, l o t t a , t e n d e n z a a sopraffarsi l ' u n l'altro. E qui il p i ù f o r t e
a s s o r b e o schiaccia, p e r c o n s e g u e n z a , il debole.
Vi è qui u n a cooperazione di capitale e l a v o r o ? I n d u b b i a m e n t e ;
lo scambio n o n è che intesa, cioè il p u n t o m o r t o t r a le d u e c u r v e della
d o m a n d a e dell'offerta, u n armistizio o meglio la p a c e p r o v v i s o r i a
(•pac-tum I) t r a i d u e rivali, o g n u n o dei quali t r o v a il proprio torna-
. conto a collaborare assieme, p u r c o n s e r v a n d o s e m p r e la posizione l'uno
« di f r o n t e » all'altro.
B e n d i v e r s a è la situazione nella cooperazione di c a p i t a l e e la-
voro a b a s e a s s o c i a t i v a (la cooperazione). Qui n o n p i ù due p a r t i

<) S u l l a p o r t a t a sociologica della d i s t i n z i o n e t r a r a p p o r t i di s c a m b i o e r a p p o r t i


a s s o c i a t i v i , c f r . s p e c i a l m e n t e IIIERING, Zwech in Reeht, p . 213 sg.
2
) C f r . COSSA E . , Confluii ed alleanze tra capitale e lavoro, p. 20.
l'ima «li f r o n t e all'altra, ma, l ' u n a accanto all'altra. I n t e n d i a m o c i :
in realtà ognuno persegue un proprio egoistico i n t e n t o anche qui, il
massimo possibile g u a d a g n o per s è ; ciò è vero qui '), come nello
(scambio 2). M a diverso è il mezzo per a t t u a r e q u e s t o intento. Il mezzo
qui è dato da ciò, <-lte clii dà il proprio lavoro (il problema natural-
m e n t e ci interessa da questo p u n t o di vista del l a v o r o : ma l'osser-
vazione h a c a r a t t e r e generale) n o n si m a n t i e n e estraneo allo scopo
cui il connubio di lavoro e capitale deve servire; questo scopo è a n c h e
scopo suo. Non più, d u n q u e , l'elemento c a r a t t e r i s t i c o e t i p i c a m e n t e
differenziale del lavoro per altrui utilità, come nel c o n t r a t t o di lavoro,
d i e è a base di s c a m b i o : ma il lavoro per utilità altrui e p r o p r i a ,
cioè per uno scopo collettivo, sociale. L'affare, a cui il lavoro è de-
stinato, non è affare p u r a m e n t e di colui cui deve essere p r e s t a t o il
lavoro, ma affare di t u t t e e d u e le p a r t i . E la conseguenza è che a n c h e
i rischi dell'affare sono c o m u n i : così il g u a d a g n o come le p e r d i t e
e v e n t u a l i v a n n o d i s t r i b u i t e t r a le p a r t i , in proporzione v a r i a , normal-
m e n t e c o m m i s u r a t a al c o n t r i b u t o di o g n u n o 3 ).
Non p i ù d u n q u e u u radicale a n t a g o n i s m o t r a le p a r t i 4 ) , non quella
vera « pace a r m a t a » con cui p u ò essere, a mio avviso, definito il
c o n t r a t t o di lavoro, in cui le p a r t i depongono le armi, in v i r t ù del-
l'accordo, ma conservando posizione l ' u n a di f r o n t e all'altra, e colle

i) Anche l ' a s s o c i a z i o n e , così come lo scambio, e nella stessa m i s u r a , non è che


a t t u a z i o n e della legge del m i n i m o mezzo. VALENTI, Principi della scienza economica,
p . 225. È curioso come da q u a l c h e g i u r i s t a , deciso o p p o s i t o r e del tipo a s s o c i a t i v o
in certi r a p p o r t i (come a d es. n e l l a colonia p a r z ì a r i a ) q u e s t a v e r i t à così elemen-
t a r e sia s t a t a f r a i n t e s a . L o ZOBKOW, Die Thcilpacht nach romisch. vnd oesterrcich.
ltecht, p. 56, n e g a che nella colonia vi sia i d e n t i t à di scopi, e q u i n d i e g u a g l i a n z a
<li interessi p e r c h è le p a r t i si c e r c a n o a v i c e n d a . Se l ' u n o h a bisogno d e l l ' a l t r o
s e g u o è che d i f f e r e n t e è in essi lo s c o p o : o g u u u o h a b i s o g n o d e l l ' a l t r o , e con ciò
si a t t u a lo s c a m b i o dei b e n i . In c o n t r a r i o b a s t e r à o s s e r v a r e che q u a n d o u n i n d i -
viduo h a bisogno di u n a l t r o p e r il s o d d i s f a c i m e n t o dei bisogni suoi, p u ò r i c o r -
r e r e allo s c a m b i o e a l l ' a s s o c i a z i o n e ; che a n c h e iu q u e s t a gli scopi u l t i m i sono
e g o i s t i c i , m a nou perciò vi è s c a m b i o .
z
) Nello stesso m o d o come, v i c e v e r s a , n e l c o n t r a t t o di l a v o r o , m a l g r a d o lo s c a m b i o ,
s i v e r i f i c a un c o i i i t e r e s s a m e n t o delle d u e p a r t i al m e d e s i m o f a t t o : l a p r e s t a z i o n e
di l a v o r o . Ma q u e s t a a p p a r e n t e f u s i o n e di scopi n o n e l i m i n a la f o n d a m e n t a l e a n -
titesi. C f r . LOTMAR, cit., I, p. 39.
3
) L e t t e r a l m e n t e la d i v i s i o n e degli utili d o v r e b b e c o n d u r r e a l l a d i v i s i o n e iu
n a t u r a del p r o d o t t o . F o r s e è p e r c i ò che il GILMAN (Profit sharing hetween employer
and employed, B o s t o n , 1889, n . 33, cit. d a l DELLA VOLTA, Forme dei salari, p . 63)
d i s t i n g u e s a l a r i o d a p a r t e c i p a z i o n e p e r c h è il p r i m o è in d e n a r o , il secondo iu n a -
t u r a . Il che e v i d e n t e m e n t e è u n c r i t e r i o s u p e r f i c i a l e ed e r r o n e o , p o t e n d o essere
il v i c e v e r s a . Con noi c i r c a il c r i t e r i o d i f f e r e n z i a l e s o s t a n z i a l e è il DELLA VOLTA,
o p . e 1. c i t .
4
) C f r . P i e , in Berne d'Econ. polii., 1907, p . 37. A n c h e LOTMAR, c i t . , p . 40,
n o t a 3 ; la s o c i e t à m i r a n o n a u n o s c a m b i o , m a a d u u a u n i o n e di p r e s t a z i o n i .
armi al piede. I n v e c e due persone che l ' u n a accanto all'altra, l ' u n a
a braccio dell'altra, di conserva mirano a r a g g i u n g e r e u n a d e t e r m i n a t a
m e t a comune. Q u e s t o a t t e g g i a m e n t o esclude, per necessità, o d o v r e b b e
n o r m a l m e n t e escludere le idee di u n a pace a r m a t a . Qui è vera con-
cordia, qui è il fascio di forze parellele, a f f r a t e l l a t e ') verso un p u n t o
c o m u n e : concordia cbe, n a t u r a l m e n t e , non elimina la necessità e la
possibilità cbe o g n u n a delle p a r t i sorvegli l'altra, p e r c h è eguale sia
il passo, eguale e conforme a c o n t r a t t o il contributo di ognuno nella
comune collaborazione.
A differenza dello scambio, la collaborazione a base associativa si-
gnifica il trionfo del principio della solidarietà 2) intesa nel suo si-
gnificato migliore, nella s u a p o r t a t a p i ù effettiva e c o m p l e t a ; n o n
quella v a g a solidarietà che spinge i d u e a r m a t i a u n ' i n t e s a in cui
o g n u n o c o n s e r v a i n t e r o il proprio soggettivo p u n t o di vista, le p r o p r i e
i n d i v i d u a l i aspirazioni. E c o n o m i c a m e n t e q u e s t a solidarietà significa
lavoro p i ù p r o d u t t i v o , diminuzione nelle spese di controllo e di pro-
duzione 3 ).
57. Che q u e s t a differenza si r i v e r b e r i a n c h e sulla s t e s s a n a t u r a del
negozio giuridico, che nel primo caso f a che le d u e parti l ' u n a di f r o n t e
a l l ' a l t r a si diano l a mano, nel secondo le affratella a c c o m u n a n d o in
fascio le loro forze p r o c e d e n t i parallelamente, è s t a t o per v e r i t à so-
s t e n u t o . I n f a t t i f u d e t t o che il negozio inizialmente c o s t i t u t i v o della
società non è u n c o n t r a t t o : il c o n t r a t t o p r e s u p p o r r e b b e l'antitesi di
d u e economie l ' u n a di f r o n t e all'altra. Q u e s t o concetto, che è m o l t o
d i f f u s o tra gli economisti, è accolto p u r e da u n a corrente, n o n pre-
d o m i n a n t e però, nel campo giuridico. Così l ' E n d e m a n n 4 ) ritiene l a
e q u i v a l e n z a u n criterio proprio del c o n t r a t t o ; ora secondo quello
s c r i t t o r e l ' e q u i v a l e n z a p r e s u p p o r r e b b e , nel senso s t r e t t o della p a r o l a ,
lo scambio, che si d e t e r m i n a a p p u n t o sulla b a s e dell'equivalenza sog-
g e t t i v a . Così a n c o r a il Cosack 5), p e r cui in ogni c o n t r a t t o b i l a t e r a l e
la p r e s t a z i o n e d e l l ' u n a p a r t e è scopo e m i r a della c o n t r o p r e s t a z i o n e

') 11 che lia fatto dire a una sentenza probivirale (Alìin. Milano, Massivi, del
BUGNI, n. 615) che i rapporti tra conduttore e locatore d'opera (!) non rivestono
carattere di vero e proprio contratto di lavoro, ina di consociazione se le parti sono
parenti nel 1.° e nel 2.° grado. È un errore: ma rivela il criterio differenziale tra
le due grandi categorie di rapporti.
2
) TIIALLER, Trailé élément n. 220. Cfr. puro IHERING Zweclc, in Reclit, I, p. 125,208.
3
) L'unione del capitale col lavoro in forma di cooperazioue risponde, da questo
punto di vista, all'ideale della formazione di grandi complessi economici compren-
denti tutti i fattori della produzione allo scopo di ottenere il minor costo reale
della produzione, e quindi la maggiore utilità. Cfr. specialmente PANTALEONI, in
Scrini vari, I, passim.
'") Einfiihrung, I, $ 124.
5
) Lehrbuch, I, 5 86.
dell'altra. Il L o t m a r ') crede elie t a n t o l ' e q u i v a l e n z a come q u e s t ' u l t i m o
criterio non si addicano alla società. Ora, ciò n o n è a s s o l u t a m e n t e
esatto," come sopra s'è visto, q u a n t o all'equivalenza, clie, come sino-
nimo di onerosità è p e r f e t t a m e n t e applicabile a n c h e ai r a p p o r t i a
s t r u t t u r a associativa. Q u a n t o invece al concetto del Oosack bisogna
a n c h e cominciare col chiarire che si i n t e n d a per c o n t r a t t o bilaterale
o sinallagmatico, e per c o n t r a t t o in genere. Se p e r c o n t r a t t o bilate-
rale si a l l u d e al c o n t r a t t o a s t r u t t u r a di scambio, è certo che la con-
s e g u e n z a non può n o n essere l'esclusione dalla categoria dei c o n t r a t t i
della società e di t u t t i gli accordi creanti r a p p o r t i a s t r u t t u r a par-
ziaria. Ma in r e a l t à per l ' a r t . 1098 c o n t r a t t o « è l'accorcio di due o più
persone per regolare o sciogliere t r a loro u n vincolo giuridico » : q u e s t a
definizione, ognuno vede, calza a cappello anche al negozio c o s t i t u t i v o
della società, che i n f a t t i pel codice n o s t r o è v e r o c o n t r a t t o (cfr. arti-
colo 1G97). B a s t a c h e vi sia un accordo iniziale p e r c h è vi sia con-
t r a t t o ; che il p r o p o n e n t e e l ' a c c e t t a n t e che si a c c o r d a n o e si strin-
g o n o la m a n o per d e n o t a r e plasticamente l'accòrdo si trovino l'uno di
f r o n t e all'altro non i m p o r t a c h e q u e s t a f o r m a di negozio p r e s u p p o n g a
lo scambio, o almeno u n a p a r t e che dà, e l ' a l t r a che riceve, come è
nei c o n t r a t t i a titolo g r a t u i t o : quella posizione r i s p e t t i v a è, q u a n t o
a l negozio iniziale, c o m p a t i b i l e - a n c h e col r a p p o r t o e s t r u t t u r a associa-
tiva, in q u a n t o con q u e l negozio le p a r t i si vincolano l ' u n a verso
l ' a l t r a a coordinare la loro cooperazione per modo che a o g n u n o sia,
a s s i c u r a t o , col r i s u l t a t o comune, il g u a d a g n o cui o g n u n o dei c o n t r a e n t i
per sè aspira. Non è che pel r a p p o r t o c o n s e g u e n t e all'accordo c h e
d e v e verificarsi la figurazione p l a s t i c a che a b b i a m o visto, d e n o t a n t e
10 scambio o il fascio di forze parallele.
Q u a n t o al c o n t r a t t o bilaterale, molti t e n d o n o a vedere, almeno qui
11 riferimento allo scambio. Il che è vero, se p e r « obbligazioni reci-
p r o c h e » si a l l u d e alle posizioni f o n d a m e n t a l i complesse dei d u e con-
t r a e n t i , l ' u n o contro l ' a l t r o . Non è vero se si a l l u d e a n c h e a quei
r a p p o r t i obbligatori che s u s s i s t o n o a n c h e t r a soci p r o c e d e n t i l ' u n o
a c c a n t o all'altro, r a p p o r t i a t t i a m a n t e n e r e t r a i soci la, coesione che
è necessaria; q u i n d i n o n riferentisi alla posizione complessa e fonda-
m e n t a l e di ciascun socio, m a solo a quelle, obbligazioni che di q u e s t a
posizione (ben diversa dallo scambio) n o n sono se non in certo m o d o i
nervi, i l e g a m e n t i . E in q u e s t ' u l t i m o senso il c o n t r a t t o b i l a t e r a l e ab-
b r a c c i a a n c h e la società, ogni socio essendo, con q u e s t i l e g a m e n t i ,
vincolato l a t e r a l m e n t e di f r o n t e a, t u t t i gli altri.
I n conclusione, p u r n o n e s c l u d e n d o che « c o n t r a t t o » in u n senso
molto s t r e t t o ma poco u s a t o nel codice n o s t r o a l l u d a proprio a rela-
zioni a n t i t e t i c h e di scambio (quindi in ogni caso c o m p r e n d e il con-

') Op. c i t . , I. p. 138.


t r a t t o di lavoro), p u r e nel suo senso più lato e comune p r e s c i n d e da
q u e s t o p r e s u p p o s t o e a b b r a c c i a aneli e la società, e in genere l'accordo
iniziale dei r a p p o r t i a s t r u t t u r a associativa '). T u t t a q u e s t a discussione,
del resto, lia un v a l o r e affatto teorico, quindi possiamo n o n insistervi
oltre, a c c e n n a n d o solo come secondo alcuni anziché di c o n t r a t t o si
d o v r e b b e discorrere, per la società, di « a t t o complesso ». Io credo
che q u e s t o sia u n errore q u a n d o ad « a t t o complesso » si voglia attri-
b u i r e la p o r t a t a s u a tecnica cbe, ad es., si rivela nell'art. 036. Ma,
ripeto, n o n è q u e s t o il luogo p e r c h è io a b b i a ad insistere in propo-
sito 2).
T a n t o b a s t a per chiarire come qui ci troviamo di f r o n t e a d u e tipi
di negozio, e a d u e tipi di fenomeno economico i n t i m a m e n t e distinti,
b e n c h é a t u t t i e d u e sia comune il medesimo concetto di e q u i v a l e n z a ,
t u t t i e due essendo d u e diverse forine a t t u a t i v è di u n unico i n t e n t o :
quello che si p r o p o n e l'homo ceconomicus in base alla legge edonistica
del minimo mezzo. N e i l ' u n tipo il lavoratore dà le proprie e n e r g i e
per uno scopo che non lo interessa, e ne r i c e v e un compenso, che
i n v e c e lo i n t e r e s s a : qui vi h a la v e r a e p r o p r i a retribuzione, che è
in f u n z i o n e di equivalenza con il lavoro. Nell'altro invece chi lavora
lo fa per r a g g i u n g e r e un i m m e d i a t o scopo cbe i n t e r e s s a lui p u r e ; se
g u a d a g n o vi s a r à è incerto, ma ad ogni modo se vi è, è in r a p p o r t o d i
e q u i v a l e n z a col lavoro. Qui il concetto di equivalenza, ripetiamo, n o n
m a n c a 3 ), b e n c h é m a n c h i lo scambio, che non ne è l'esclusivo presup-
posto. N o n vi è u n a r e t r i b u z i o n e o u n a mercede; vi è solo u n gua-
d a g n o ( q u a n d o vi è) r i c a v a t o d a un affare a cui si è collaborato col
proprio lavoro. N o n vi è i n s o m m a t r a le p a r t i chi dà il lavoro, e chi
10 riceve.
D a ciò la c o n s e g u e n z a che n e l l ' u n caso ( c o n t r a t t o di lavoro), essendo
11 l a v o r a t o r e e s t r a n e o allo scopo cui il lavoro che dà deve servire,
n o n g r a v a n o su di lui le p e r d i t e e i rischi d e l l ' a f f a r e (proprio del
creditore del lavoro), come n o n lo a v v a n t a g g i a n o affatto i benefici c h e
il creditore del lavoro e v e n t u a l m e n t e n e r i c a v i : chi l a v o r a n o n ba-
cile d i r i t t o al compenso promessogli d a l l ' a l t r a p a r t e .
58. F i n qui ci siamo limitati alla a s t r a t t a concezione dei due tipi
f o n d a m e n t a l i di c o n t r a t t o ; concezione t u t t a v i a d e s u n t a dalla r e a l t à

') Di q u e s t o a v v i s o v e d r e m o piii a v a n t i essere il PANTALEONI, elie p u r e accoglie


del c o n t r a t t o il c o n c e t t o qui r i p u d i a t o , p e r c h è egli v e d e n e l l a c o o p e r a z i o n e s o p r a -
t u t t o l ' i m p u l s o e g o i s t i c o . C f r . in Scritti vari, I , p . 219.
2
) Anche LOTMAR, op. cit. 38, si d i c h i a r a scettico s u l l a p r a t i c a i m p o r t a n z a di
q u e s t a d i s c u s s i o n e . C e r t o la d i f f e r e n z a tra, r a p p o r t o a s t r u t t u r a p a r z i a r i a e con-
t r a t t o di l a v o r o giace su u n a h a s e s o s t a n z i a l e , che, a mio a v v i s o , n o n h a un ri-
v e r b e r o s u l l a n a t u r a del negozio.
3
) C f r . i n v e c e ABELLO, Locaz., IX, p . 76.
dei fenomeni. Ma i dubbi cominciano a sorgere a n z i t u t t o quando si
perde di vista l'antitesi n e t t a cbe qui abbiamo descritto per fermarci
a concetti p i ù vaglii e ondeggianti, in cui n a t u r a l m e n t e i n e t t i con-
torni dei d u e tipi c o n t r a t t u a l i s f u m a n o . E in secondo luogo q u a n d o
l'indagine si fermi a quei casi in cui p r a t i c a m e n t e , m a l g r a d o l'appa-
rente s t r u t t u r a associativa, la differenza di ceto sociale m e t t e in ri-
lievo la persistenza, almeno nello sfondo, di u n f o n d a m e n t a l e antago-
nismo di interessi. D i r e m o p r i m a dell'una e poi d e l l ' a l t r a categoria
di dubbi.
Sotto il primo a s p e t t o la distinzione n e t t a (ma non così n e t t a d a
escludere il fiorire di forme intermedie, come si è visto) cbe sopra
abbiamo t r a c c i a t o t r a i d u e fenomeni economico-giuridici di cui ci
stiamo ora occupando n o n è sempre così nitida nella l e t t e r a t u r a eco-
nomica e giuridica. O si cerca di a v v i c i n a r e l'associazione allo scambio,
o viceversa si p r o j e t f a sullo scambio (cioè sul c o n t r a t t o di lavoro) la
luce cbe p r o m a n a dal r a p p o r t o di lavoro a s t r u t t u r a p a r z i a r i a ').
Vediamo a n z i t u t t o la p r i m a t e n d e n z a . U n illustre n o s t r o economista,
il P a n t a l e o n i 2), scorge « u n caso particolare di scambio » nella divi-
sione del p r o d o t t o « t r a le persone clie h a n n o cooperato a p r o d u r l o
col proprio lavoro >>. E v i d e n t e m e n t e il P a n t a l e o n i fa a s s e g n a m e n t o
su quello che è lo scopo u l t i m o soggettivo di ogni c o o p e r a t o r e : cioè
l ' i n t e n t o di g u a d a g n o personale 3 ); chi dà il lavoro proprio p e r otte-
n e r e q u e s t o g u a d a g n o (questo è il pensiero del P a n t a l e o n i ) in f o n d o
mira a o t t e n e r e la r i m u n e r a z i o n e del proprio l a v o r o ; p e r c h è il l a v o r o
qui è, per lui, mezzo a o t t e n e r e q u e s t o line, così come nel c o n t r a t t o
di lavoro. O r a : a b b i a m o qui n o n un esempio di r i c o s t r u z i o n e s i n t e t i c a
q u a l e nou è c o n s e n t i t a ai g i u r i s t i , m a n e p p u r e , a mio avviso, un concetto
che, preso alla lettera, p o s s a (a mio avviso) r i t e n e r s i e s a t t o dal p u n t o
di vista r i g o r o s a m e n t e economico. 11 P a n t a l e o n i v e r a m e n t e n o n r i c o r r e
al concetto di scambio se n o n in u n senso molto lato, n o n tecnico,
a ciò g u i d a t o d a l l ' a v e r egli, se n o n erro, s o v e r c h i a m e n t e a c c e n t u a t o

F
) 11 VALENTI, Principi di scienza economica, p . 245, o s s e r v a benissimo, in v i a
g e n e r a l e , cbe l ' a s s o c i a z i o n e e lo s c a m b i o sono f e n o m e n i d i v e r s i e c o r r e l a t i v i , e che
« non è che m e d i a n t e u n o s f o r z o di sofisma clic si p o t r e b b e p a r i f i c a r e l ' u n o al-
l ' a l t r o ».
2
) Scritti vari, I I , p . 340. Il suo c o n c e t t o è a f f e r m a t o r u d e m e n t e , rna in m o d o
iucisivo, con d i r e c h e n e l l e c o o p e r a t i v e di p r o d u z i o n e « i soci sono v e n d i t o r i di
s e r v i z i p e r s o n a l i di l a v o r o grezzo. C o n t e m p o r a n e a m e n t e sono c o m p r a t o r i di r e t r i -
buzione, cioè di d a n a r o », op. c i t . , I, p . 237.
3
) Già a l t r o v e , n e l p r i m o v o l u m e dei suoi Scritti vari, p . 208, il PANTALEONI
osserva g i u s t a m e n t e c h e a n c h e nella c o o p e r a z i o n e la m o l l a che la t i e n e iu v i t a è
p u r s e m p r e l ' i n t e r e s s e i n d i v i d u a l e , l ' e g o i s m o , così come nello s c a m b i o ; cioè u n fino
p r e t t a m e n t e economico, q u e l l o che c a r a t t e r i z z a l'homo oeconomicus in b a s e a l l a legge
del m i n i m o mezzo. A b b i a m o i n s o m m a qui lo s f o n d o economico di q u e l l a che è g i u -
r i d i c a m e n t e l ' o n e r o s i t à , v e r o nello s c a m b i o e n e l l a c o o p e r a z i o n e .
il fine egoistico di ogni cooperatore, quale si rivela in ciò clie la
cooperazione n o n è' clie il modo di a t t u a r e , in certi casi, p i ù econo-
micamente, cioè col minor possibile sacrificio personale, il proprio
v a n t a g g i o '). Verissimo, ma ciò non giustifica che sì abbia a criticare
l'esistenza nella cooperazione di un « interesse solidale » in opposizione
all'egoismo i n d i v i d u a l e . Q u e s t ' u l t i m o t r i o n f a sia q u a n t o al fine come
q u a n t o al mezzo nello scambio; nella cooperazione t r i o n f a solo q u a n t o al
line ultimo (e i n f a t t i t u t t a la disciplina legislativa della società risente
di q u e s t o elemento p u r a m e n t e soggettivo a ogni socio e d e t e r m i n a n t e
cautele e controlli reciproci t r a soci a t t i ad assicurarlo), m a innega-
bilmente il mezzo onde a t t u a r e q u e s t o fine è i n s p i r a t o alla solidarietà
degli sforzi (viribus unitis !) verso u n a m e t a d i r e t t a o immediata co-
m u n e . E in ciò scompare lo scambio.
Il F o u r n i e r p u r e 2) considera la p a r t e c i p a z i o n e agli utili (non parziale,
m a e l i m i n a n t e la mercede fissa) ricorrendo al concetto del salario 3 ): ma
a differenza del P a n t a l e o n i coglie del salario n o n l ' a s p e t t o suo contrat-
t u a l m e n t e p r i m a r i o di r e t r i b u z i o n e del lavoro, m a quello soggettivo
di u n mezzo di s u s s i s t e n z a . I n realtà il F o u r n i e r si limita qui a f a r e
uso di u n a espressione i n e s a t t a : salario. 11 salario implica lo scambio
del c o n t r a t t o di lavoro, e qui, nella associazione o cooperazione, questo
f e n o m e n o m a n c a , per d a r luogo alla divisione del p r o d o t t o o del
g u a d a g n o . Ciò scorge e v i d e n t e m e n t e il F o u r n i e r , cbe, i n f a t t i , implici-
t a m e n t e accoglie la differenza sostanziale sopra rilevata, laddove esce
a dire che nel tipo « c o n t r a t t o di lavoro » (mercede contro lavoro), a
b a s e di scambio, d o m i n a la legge della d o m a n d a e dell'offerta a d a n n o
del l a v o r a t o r e , che è il più d e b o l e ; m e n t r e se il salario non è che mezzo
di s u s s i s t e n z a (cioè nella società) è p i ù facile (a dire del F o u r n i e r )
a r r i v a r e a u n a misura equa di s o s t e n t a m e n t o .
59. A s s a i più f r e q u e n t e invece è che gii i l l u s t r a t o r i del c o n t r a t t o di
lavoro i n v a d a n o il campo della cooperazione.
G i à in senso molto lato è d i f f u s a la t e n d e n z a a scorgere nel con-
t r a t t o di lavoro u n a specie di associazione di lavoro con capitale,
t u t t i e due intesi al fine unico della p r o d u z i o n e ( q u a n d o si t r a t t a di
p r o d u z i o n e ) , o di un servizio. I n senso molto l a t o q u e s t o si p u ò a n c h e
d i r e ; l a v o r o e c a p i t a l e sono i d u e f a t t o r i precipui della produzione,
e p e r essi, p r e s c i n d e n d o dai r a p p o r t i c o n t r a t t u a l i t r a chi lavora e

') IN o m a g g i o a q u e s t o i m p u l s o egoistico, il PANTALEONI, c i t . , I, p . 219, t r o v a


conciliabile la c o o p e r a z i o n e in g e n e r e (o associazione) colla s u a o r i g i n e c o n t r a t t u a l e .
Ma s o p r a a b b i a m visto che il c o n t r a t t o non p r e s u p p o n e n e c e s s a r i a m e n t e a n t i t e s i
d i interessi c o n t r a p p o s t i .
2
) Ouvriers et patrone, p . 369.
3
) Su ciò a n c o r a a p p r e s s o , § 3 (n. 69 e seg.). Cosi a n c o r a il CONRAD a p p r . c i t . ,
d a l suo p u n t o di v i s t a del s a l a r i o come i n d e n n i z z o per l ' e n e r g i a di lavoro c o n s u m a t a .
l'imprenditore, e avendo di mira u n i c a m e n t e il fenomeno della pro-
duzione, si può a m m e t t e r e quel concetto di collaborazione per un fine
comune !). Questo lato è s t a t o affermato molto r e c i s a m e n t e dal Conrad 2)
e dallo-Chatelain 3 ). Secondo il Conrad a base dello scambio vi è u n a
comunanza di interessi: o g n u n o cerca di a t t u a r e il proprio torna-
conto, e in ciò le p a r t i v a n n o d'accordo. Il C o n r a d n e g a perciò cbe
nello scambio il v a n t a g g i o dell'uno sia o t t e n u t o a spese dell'altro 4).
A n c b e nei c o n t r a t t i a p r e s s i o n e u s u r a r l a 1 Sì, r i s p o n d e il Conrad, dal
momento cbe la v i t t i m a b a c r e d u t o di a d e r i r e all'accordo.
Ma in t u t t o ciò vi è un'illusione. L ' i n t e r e s s e comune si rivela nel-
l'accordo; t u t t e e due le p a r t i , a 1111 certo p u n t o di intersezione delle
d u e curve della d o m a n d a e dell'offerta, t r o v a n o il loro t o r n a c o n t o ,
cbe è, cioè, meglio accordarsi cbe r i n u n c i a r e all'accordo: ed è qui
t u t t o ! Ma è l'accordo di d u e p e r s o n e cbe s t a n n o e si conservano
a n c h e dopo l'accordo l ' u n o di f r o n t e all'altro, colle a r m i al piede
(pace a r m a t a ) ; che si faciliti l'accordo (ad es. con t r a t t a t i internazio-
nali di commercio), ciò significa solo che ogni p a e s e e ogni i n d i v i d u o
cerca e a t t u a il proprio t o r n a c o n t o , e u n i c a m e n t e quello, fin c h e può,
finché ciò è compatibile col diverso e opposto t o r n a c o n t o dell'altro
p a e s e 0 dell'altro individuo. Cosicché il p i ù f o r t e p r e m e r à sul p i ù
debole, n o n c u r a n t e del t o r n a c o n t o di q u e s t ' u l t i m o . Il che deve p u r e
a m m e t t e r e a n c h e il C o n r a d 5 ) ; e allora a che si r i d u c e quella comu-
n a n z a di interessi !
D a un altro p u n t o di v i s t a Io C h a t e l a i n i n d u c e l ' i m p o r t a n z a fon-
d a m e n t a l e dell'elemento associativo nel c o n t r a t t o di lavoro dalla
coordinazione e s u b o r d i n a z i o n e degli a t t i simultanei e successivi di
t u t t i p e r un fine unico, dalla d i s c i p l i n a ' m i r a n t e a c o n s e r v a r e q u e s t a
c o o r d i n a z i o n e ; vi è d u n q u e c o m u n a n z a di sforzo, del luogo ove il

') Che il c o n t r a t t o di l a v o r o sia ima a s s o c i a z i o n e t a c i t a e i n n o m i n a t a , u n a v e r a


p a r t e c i p a z i o n e ai benefici f u a s s e r i t o d a l LEROY-BEAULIEU, Essai sur la repartit.
des richesses, p. 377, p . 231. Ma a g g i u n g e a n c h e che fe a s s o c i a z i o n e à forfait asso-
l u t a m e n t e a n a l o g a a l l ' i n t e r e s s e del c a p i t a l e , in cui p u r e p a r e v e d a u n a specie di
a s s o c i a z i o n e . C f r . in p r o p o s i t o a p p r e s s o (a p r o p o s i t o di u n ' o p i n i o n e d e l MANARA).
F a v o r e v o l e a questi concetti è p u r e il COGNETTI DE-MARTIIS, in Bibliot. dell'Econom.,
V, 2, C L V e seg. : il COGNETTI h a d a t o molto rilievo a l l ' e l e m e n t o a s s o c i a t i v o secondo
lui i n s i t o e f o n d a m e n t a l e in ogni c o n t r a t t o d i l a v o r o . Chi p i ù d ' o g n i a l t r o h a ,
come è n o t o , a f f e r m a t o q u e s t a p a r i f i c a z i o n e del c o n t r a t t o di l a v o r o è p e r ò il BASTIAT,
nelle s u e Armonie economiche, c a p . X I V . C o n t r o c f r . LEVASSEUR, Salariai et salaires,
p . 4 : l ' i n t e r e s s e è, fino a u n certo p u n t o , c o m u n e p e r la p r o d u z i o n e , opposto p e r
la d i s t r i b u z i o n e .
2
) Grundriss, cit., I , p . 51.
3
) De la nature du contrat entre ouvrier et entrepreneur ( P a r i s , 1902), p a g . 14 e seg.
*) Come s o p r a a b b i a m o g i à v i s t o , è i n q u e s t o s t e s s o o r d i n e d i idee a n c h e il
COGNETTI ( c f r . s o p r a n . 23), che si o p p o n e v a a l l a d e s t i n a z i o n e solo p e r a l t r i del
lavoro.
5
) O p . cit., p. 54-55.
L . BARASSI. — Il contrailo di lavoro, ecc. — 2. a e d . — 12.
lavoro è a t t u a t o ; i benefici si r i v e r s a n o agli uni e agli altri come
salario o come profitto.
60. Ma fin qui, si può dire, n o n abbiamo cbe delle espressioni
improprie, n o n u s a t e con i n t e n t o giuridico : espressioni, ad ogni modo,
d a c o n d a n n a r e b e n c h é t a l o r a apprezzabili dal p u n t o di vista di u n
migliore a s s e t t o economico-giuridico del lavoro : l a precisione, l'esat-
tezza della terminologia giuridica, a n c h e se m a n e g g i a t a da economisti,
è cosa s o m m a m e n t e desiderabile, nè si può ammettere, come a m m e t t e
il P i e '), che ci si p o s s a « t e n e r e a f o r m u l e u n po' v a g h e »; l'erronea
espressione g e n e r a e p e r p e t u a concetti erronei, falsi corollari. I n v e c e
lo C h a t e l a i n h a affermato con g r a n d e energia che il c o n t r a t t o di lavoro
odierno si può e si deve r i c o s t r u i r e col sussidio del c o n t r a t t o di
s o c i e t à 2 ) . L a s u a teoria già ci è n o t a : qui lo ricordiamo solo per ac-
c e n n a r e al concetto suo f o n d a m e n t a l e di società, per cui a suo luogo
abbiam d o v u t o r i n v i a r e a questo p u n t o . E s s a p r e n d e le mosse, anzi
n o n f a che d a r e colore e v e r n i c e giuridica a u n concetto che è accolto
f r e q u e n t e m e n t e nella d o t t r i n a , secondo il quale la mercede nel con-
t r a t t o di lavoro n o n s a r e b b e che il forfait pagato anticipatamente
(ma dopo la p r e s t a z i o n e di lavoro) al l a v o r a t o r e per la sua collabo-
razione. D u n q u e vi è f o n d a m e n t a l m e n t e u n a cooperazione cbe d o v r e b b e
c o n d u r r e al r i p a r t o degli utili 3) e dei rischi. M a siccome il lavora-
tore n o n p u ò a t t e n d e r e sino alla v e n d i t a dei p r o d o t t i , e d ' a l t r a p a r t e
n o n si s e n t e di s o t t o s t a r e ai rischi, così la sua p a r t e gli viene p a g a t a
a n t i c i p a t a m e n t e sotto f o r m a di denaro. O r a lo C h a t e l a i n h a svilup-
pato, o meglio h a t e n t a t o di s v i l u p p a r e , scientiticamente q u e s t o leit-
motiv colla s u a ricostruzione, in cui, come già sappiamo, il c o n t r a t t o
di lavoro è p r e s e n t a t o nella figura complessa di u n a società, come rap-
p o r t o iniziale e f o n d a m e n t a l e , su cui si i n n e s t a u n a compra-vendita,
cioè la v e n d i t a a n t i c i p a t a a l l ' a l t r a p a r t e che l'operaio f a l d e l l a s u a
p a r t e di prodotti f u t u r i : la m e r c e d e n e s a r e b b e il prezzo 4).

1) Traité J L de léghi, industr., p . 680, n. 1. Il P i e , cbe è p e r il c a r a t t e r e


a s s o c i a t i v o del c o n t r a t t o di l a v o r o , m a clie i n t e n d e non p o t e r s e n e f a r e senz a l t r o
un c o n t r a t t o di società, si t r o v a in un d i s c r e t o i m b a r a z z o . E d ecco come se la
c a v a : « 11 m e g l i o è a t t e n e r s i a f o r m u l e u n po' v a g h e , come a s s o c i a z . o n e , c o m u n i o n e
di p r o d u z i o n e ». Il m a l e è che q u e s t a imprecisione g i u r i d i c a , spesso f r u t t o di un
e s a m e s u p e r f i c i a l e a n c h e e c o n o m i c a m e n t e , è m o l t o d i f f u s a n e l l a piti r e c e n t e p r o d u -
zione scientifica f r a n c e s e c o n c e r n e n t e il c o n t r a t t o di l a v o r o . _
2
) C o n t r o l ' o p i n i o n e che assimila il c o n t r a t t o di lavoro a un c o n t r a t t o di società,
c f r . p u r e PLANIOL, Traité élém., II, n . 1880.
3) Come a b b i a m o o s s e r v a t o g i à a suo l u o g o , è t e o r i a i n a p p l i c a b i l e ai c o n t r a l t i
di l a v o r o , c h e non m i r a n o a l l a f o r m a z i o n e di p r o d o t t i d a v e n d e r e ; ad es. se si
t r . t t a di un s e r v i z i o p e r s o n a l e . Il s a l a r i o qui p r o v i e n e d a l r e d d i t o p e r s o n a l e del
c r e d i t o r e del l a v o r o , e di s o c i e t à non vi è n e p p u r l ' o m b r a m a l g r a d o 1 e r r o n e i t à
e v i d e n t e del t i p o c o n t r a t t u a l e ! C f r . RYAN, Salaire et droit à l'existence p . 228.
<) Op e 1. s o p r a cit. Alla teoria dello CHATELAIN si È a s s o c i a t o il BOISSARD,
La confutazione di q u e s t a asserzione è in p a r t e già c o n t e n u t a in
q u a n t o sopra abbiamo esposto a proposito della tesi f o n d a m e n t a l e
dello Chatelain. Ricordiamo qui (riferendoci specialmente a quel caso
tipico di c o n t r a t t o di lavoro che è quello industriale) clie il lavora-
tore lia bisogno di g u a d a g n o sicuro e sollecito, p e r vivere; cbe non
può perciò esporsi ai rischi dell'industria, di cui si disinteressa. Con ciò
è eliminata u n ' i d e n t i t à iniziale di scopi '), è s o p p r e s s a la divisione del
prodotto. Lo Chatelain v e d e qui una clausola che non t u r b a .la so-
stanza del c o n t r a t t o : l ' i m p r e n d i t o r e ha a c c u m u l a t o dei r i s p a r m i e
può anticipare, ecco t u t t o 2 ). Ma abbiamo osservato (e v e d r e m o meglio
più avanti) che l'analisi giuridica, a differenza della economica, n o n
può per lo più sintetizzare t u t t a u n a serie di fenomeni, che giuridi-
camente si scompongono in p a r t i separate, b e n c h é economicamente, e
perciò bene spesso a n c h e g i u r i d i c a m e n t e , connesse. Il r i s u l t a t o di
quella c o s i d d e t t a clausola, b e n c h é nello sfondo si possa a m m e t t e r e
che il salario è r i c a v a t o dai p r o d o t t i p r e c e d e n t e m e n t e o t t e n u t i , ap-
p u n t o perciò é g i u r i d i c a m e n t e i n d i p e n d e n t e dalla m a s s a dei p r o d o t t i
f u t u r i d o v u t i al lavoro a t t u a l e dell'operaio.
Certo: non è detto con ciò che il c o n t r a t t o di lavoro n o n r i s e n t a
in n e s s u n modo dei rischi della produzione. À b b i a m già osservato c h e
u n a ripercussione c'è e molto viva. Lo C h a t e l a i n ne conclude che i
rischi dell'operaio sono d u n q u e limitati, m a non esclusi 3 ). I n realtà però,

np. c i t . , p . 94 95, pel q u a l e il c o n t r a t t o di l a v o r o non è in s o s t a n z a che u n


c o n t r a t t o di società. Lo stesso BOISSARD in PERREAU et GROUSSIER s o p r a ci-
t a t o a m m e t t e che con la t e o r i a dello CHATELAIN è o r m a i p r o p o s t a in modo f o n d a -
m e n t a l e la g r o s s a q u e s t i o n e d e l l ' a c q u i s t o della c o m p r o p r i e t à del p r o d o t t o p e r p a r t e
d e l l ' o p e r a i o . C f r . p u r e PIE, c i t . , p. 689 n o t a 2, che c o n t r a p p o n e lo t e o r i a p u r a
alla legge. Q u a n t o del r e s t o l a concezione t u t t a e s c l u s i v a m e n t e economica d e l
s a l a r i o c o n c e p i t o come p a r t e degli utili r i c a v a t i d a l l ' i m p r e s a a b b i a i n f l u i t o lo si
v e d e in t a l u n e e s p r e s s i o n i . Così ad es. il PERREAU asserisce che colla s t i p u l a z i o n e
del c o n t r a t t o di lavoro le p a r t i h a n n o v o l u t o e l i m i n a r e il c o n t r a t t o di società (nel
s u o Couv8 d'Economie polit. c i t a t o d a l MARTINI. La notion jtirid. du contrat de travati,
p a g . 234 u o t a 2). C f r . p u r e BODEUX, Ftudes sur le contrat du travati (1896),
p a g . 379.
') L o CHATELAIN (op. cit., p . 22) credo che la d i f f e r e n z a del fine s o g g e t t i v o
a v u t o in m i r a dalle p a r t i , come f e n o m e n o psichico, o v o l i t i v o i n t i m o alla p e r s o n a ,
sia i r r i l e v a n t e g i u r i d i c a m e n t e ; che d o p o t u t t o a n c h e l ' o p e r a i o p u ò c o v a r e la se-
g r e t a a m b i z i o n e d i f a r f o r t u n a , e l ' i m p r e n d i t o r e p u ò non m i r a r e a d a l t r o che g u a -
d a g n a r s i d i c h e v i v e r e . R i s p o n d o c h e a n z i t u t t o n o n s t a q u i la d i f f e r e n z a t r a lo
scopo s o g g e t t i v o delle p a r t i nello s c a m b i o c h e ci i n t e r e s s a : l ' u n o m i r a a g u a d a -
g n a r s i del d e n a r o p e r v i v e r e ; l ' a l t r o a p r o d u r r e ; che cosa l ' i m p r e n d i t o r e i n t e n d e
f a r e della p r o d u z i o n e o t t e n u t a , ciò è g i u r i d i c a m e n t e i r r i l e v a n t e . E poi, quei fini
si t r a d u c o n o e s t e r i o r m e n t e in f a t t i m o l t o c o n c r e t i : a l t r o c h e f e n o m e n i p u r a m e n t e
intimi !
2) Op. cit., p . 18.
3
) Op. cit., p . 19.
sono risebi di n a t u r a b e n diversa. N o n è il rischio eli e compenetra
l'essenza f u n z i o n a l e del rapporto, come è per la società; ma che in-
fluisce solo sulla cessazione, sul r i n n o v a m e n t o del contratto, cioè cbe
è s o s t a n z i a l m e n t e e s t r a n e o a l l ' a t t u a z i o n e , al momento a t t u a t i v o del
r a p p o r t o : finché il c o n t r a t t o vive quel rischio gli è estraneo, giuri-
d i c a m e n t e ; t a n t o b a s t a ' ) , d u n q u e : n i e n t e rischi 2 ), n i e n t e divisione del
p r o d o t t o . P o i c h é è vero che nella società le p a r t i possono, e n t r o certi
limiti (art. 1719), d e t e r m i n a r e come credono la divisione del g u a d a g n o ;
m a q u e s t a a u t o n o m i a , checché ne dica lo C h a t e l a i n , non può mai g i u n g e r e
sino a s n a t u r a r e l'essenza del r a p p o r t o . Così come non si p o t r e b b e
a t t r i b u i r e a uno solo t u t t o il g u a d a g n o , o e s e n t u a r e u n socio da ogni
c o n t r i b u t o nelle perdite, nella stessa guisa n o n si p o t r e b b e a n t i c i p a r e
a u n o dei soci in modo fisso, e n o n aleatorio, u n a p a r t e del g u a d a g n o
operato, a t t r i b u e n d o s i gli altri i n t e r a m e n t e il rischio, e quindi eventual-
m e n t e la m a g g i o r p a r t e del g u a d a g n o . Q u e s t o p a t t o in realtà disinteres-
serebbe il socio dallo scopo della società, e perciò n o n si a v r e b b e più
società. P e r essere p i ù esatti, u n p a t t o siffatto, se c h i a r a m e n t e voluto,
si p u ò a n c h e r i t e n e r e valido, così come, m a l g r a d o l ' a r t . 1719, indubbia-
m e n t e l ' a t t r i b u z i o n e t o t a l e del g u a d a g n o , o l'esenzione totale dei rischi
a f a v o r e di u n socio si p u ò a m m e t t e r e . Ma allora vuol dire che n o n
vi h a r a p p o r t o associativo t r a q u e l l ' a p p a r e n t e socio e gli altri : nel
caso nostro, a d es., vi sarebbe vero c o n t r a t t o di l a v o r o 3 ) . Il Codice
d u n q u e s m e n t i s c e come meglio non p o t r e b b e fare, lo C h a t e l a i n e la
p r a t i c a a t t u a z i o n e del n o s t r o r a p p o r t o p u r e : la l o t t a sorda o p a l e s e
che spesso d i v a m p a t r a c a p i t a l e e lavoro n o n è p r e c i s a m e n t e f a t t a
per d a r e l'idea di u n a associazione di forze a u n fine c o m u n e 4 ) .

!
) L a v e n d i t a ò forfait che l ' o p e r a i o f a r e b b e della sua p a r t e di p r o d o t t o è in
r e a l t à i n c o m p a t i b i l e con le r e g o l é della s o c i e t à . C f r . HAVEM, La loi et le contrai
de travati, p . 23. C e r t o non si p u ò r e s p i n g e r e q u e s t o c o n c e t t o , come f a il DOTIIOIT,
in HAVEM, p . 28, a s s e r e n d o l ' i m p o s s i b i l i t à di v e n d e r e cose f u t u r e .
2
) 15 facile d i s c u t e r e s p o s t a n d o i t e r m i n i della q u e s t i o n e , o s v i s a n d o gli elementi
del r a g i o n a m e n t o . L o CHATELAIN gioca s u l l ' e q u i v o c o t r a le d u e c a t e g o r i e d i r i s c h i o .
È c h i a r o che il c o n t r a t t o di l a v o r o g a r a n t i s c e c o n t r o il rischio finché v i v e il con-
t r a t t o (salvo l ' a s s u r d a eccezione che v e d r e m o p o i per il c o n t r a t t o di a r r u o l a m e n t o
di m a r i n a i ) , m a n o n c o n t r o il r i s c h i o . p o s t e r i o r e , a d es. d e l l a d i s o c c u p a z i o n e . I n -
v e c e lo CHATELAIN e s c l a m a : b i s o g n a finirla con il vezzo di f a r del s a l a r i o la g a -
r a n z i a c o n t r o i r i s c h i : ciò s a r e b b e v e r o solo se fosse g a r a n t i t o a l l ' o p e r a i o un
s a l a r i o che gli p e r m e t t e s s e di v i v e r e fino alla m o r t e senza rischio di d i s o c c u p a z i o n e .
3
) T a n t o p i ù che, a c o m p l e t a r e il q u a d r o , occorre a n c o r a s u p p o r r e che il socio
a cui f u a n t i c i p a t o il beneficio si i m p e g n i a n o n r e c l a m a r m a i l a s u a p a r t e nella
p r o p r i e t à del p r o d o t t o ; gli a l t r i a n o n r i p e t e r m a i p a r t e del d e n a r o a n t i c i p a t o .
E così c a n d i d a m e n t e c o n c l u d e lo CHATELAIN « che essi d e t e r m i n a n o la p a r t e di
o g n i a s s o c i a t o n e i benefici o p e r d i t e » . E c c o : con la m e d e s i m a d i s i n v o l t u r a io m i
i m p e g n e r e i a d a r e la d i m o s t r a z i o u e che l a d o n a z i o n e non è che u n a c o m p r a - v e n d i t a ,
o che l a c e l e b r a z i o n e del m a t r i m o n i o n o n è c h e l a s t i p u l a z i o n e di u n a locazione
d i cosa o di u n . . . c o n t r a t t o di l a v o r o .
4
) C o n t r o CHATELAIN a n c h e il MARTINI, La nature du contrat de travati, p . 233.
61. Ili conclusione società e contratto di lavoro sono due tipi con-
trattuali ben distinti, benché si possa affermare che alcuni elementi
dell'uno si trovano anche nell'altro. II socio mira a u n proprio gua-
dagno personale (il P a n t a l e o n i ha a p p u n t o accentuato questo ele-
mento). Viceversa nel contratto di lavoro è tipica, come dicevamo,
l'estraneità del lavoratore allo scopo a cui il lavoro deve servire per
l'altra parte, estraneità che genera quell'antagonismo fondamentale
che è proprio dello scambio. T u t t a v i a questo principio non v a inteso
sempre con q u e s t ' a s p r e z z a : possiamo convenire col Pournière ' ) ,
quando osserva che in realtà vi è anche nel contratto di lavoro un
elemento di socialità e di solidarietà: salvo che il P o u r n i è r e lo op-
pone all'elemento p u r a m e n t e economico, e io credo che con questo,
invece, si compenetri, ne sia anzi u n a manifestazione. L ' i n d u s t r i a l e
oggi si preoccupa, o dovrebbe preoccuparsi più che u u tempo, dì for-
nire all'operaio u n sano ambiente di lavoro, a p p u n t o perchè con ciò
si assicura la conservazione e la più sollecita reintegrazione delle
forze del lavoratore: ciò è nel suo stesso interesse. E del resto questo
elemento di solidarietà è raccolto e disciplinato dalle leggi sociali,
inspirate alla considerazione che il lavoratore ha p u r e u n a propria
dignità da t u t e l a r e ; soccorrendolo si viene a eliminare quell'asser-
vimento completo del lavoratore che caratterizzava il vecchio c o n t r a t t o
di lavoro a tipo rigidamente individuale e autonomistico. Anzi, io
vado anche più in l à : l'interessamento che spesso il lavoratore non
autonomo (locatore di opere) prende al risultato del suo lavoro costi-
tuisce un elemento di solidarietà che fa proprio brillare il lavoro e
il capitale come i d u e f a t t o r i affratellati per lo scopo della produ-
zione 2).
E fin qui va b e n e : ma il P o u r n i è r e poi aggiunge (e qui per me vi
è un salto logico) che la legge con ciò stabilisce t r a le p a r t i u n rap-
porto di collaborazione alla fabbricazione del p r o d o t t o (o alla produ-
zione del servigio). E il salario cessa con ciò di essere rimunerazione

Il CAPITANT, CO ure de legielation ind itstr ielle, p a g . 131, la g i u d i c a p u r e « sans force


au point de vue juridiqne ».
') Ouvriers et patrons, p. 156, s e g .
2
) Non ho bisogno di c i t a r e gli e s e m p i s u g g e s t i v i c h e ci v e n g o n o dal l a v o r o p e r
la c o s t r u z i o n e di n a v i n e l l ' a r s e n a l e , p e r la f u s i o n e delle s t a t u e in b r o n z o e v i a
d i c e n d o : l ' e n t u s i a s m o dei l a v o r a t o r i , n e l m o m e n t o c u l m i n a n t e e tinaie d e l l a p r o -
d u z i o n e (es. il v a r o della n a v e ) , è d o c u m e n t o i n o p p u g n a b i l e di u n e l e m e n t o di so-
l i d a r i e t à , e a s s o c i a t i v o che p e r ò n o n ò che u n a s o v r a p p o s i z i o n e a l l a r e a l e e fon-
d a m e n t a l e opposizione di i n t e r e s s i , a t t a p e r ò s e m p r e a d a t t e n u a r l a . E i m p u l s i
filantropici si r i t r o v a n o a n c h e p r e s s o gli i n d u s t r i a l i ; non m a n c a n o r e c e n t i e s e m p i
di g r o s s i i n d u s t r i a l i che n e l l ' o r d i n a m e n t o della loro a z i e n d a si l a s c i a r o n o g u i d a r e
solo d a i n t e n t i di v e r o m i g l i o r a m e n t o p e r i l a v o r a t o r i . U n caso i n s i g n e è quello
di cui ci r i f e r i s c e lo s t e s