Sei sulla pagina 1di 2

Il calcio è una delle 24 vitamine e minerali che hanno i maggiori effetti benefici sul nostro organismo.

È un macro minerale a causa delle quantità relativamente elevate richieste nella dieta quotidiana di
ogni individuo di buona salute (a volte superiore ad grammo al giorno) ed è prevalentemente
racchiuso all’interno di latticini e verdura. Simile a molte altre sostanze nutritive, il calcio segue il
pensiero filosofico del:” se quello che mangi contiene già il calcio di cui hai bisogno, non è necessario
integrarlo in alcun modo” anche perché l’assunzione eccessiva di calcio non promuove in alcun
modo maggiori benefici per la salute e può semplicemente promuovere la costipazione. Il vantaggio
principale del calcio è fondamentalmente preventivo, il suo compito è quello di mitigare il rischio di
sviluppare l'osteoporosi durante il processo di invecchiamento. L'osteoporosi può essere almeno in
parte vista come una condizione derivante da un’insufficienza di calcio a lungo termine e, anche se
non completamente preventivo, il mantenimento di un adeguato apporto di calcio per tutta la vita
è associato ad una significativa riduzione del rischio. Il calcio può provenire da qualsiasi fonte, si
tratti di integrazione, di cibo, o anche di generi alimentari derivati, come la proteina del siero. Ogni
modulo ha i propri vantaggi e svantaggi, come ad esempio il calcio di corallo tecnicamente viene
assorbito meglio del carbonato di calcio. Le diete ad alto contenuto di fibre fermentabili (di solito si
trovano nelle verdure) rallentano la velocità con cui il cibo passa attraverso l'intestino aumentando
l'assorbimento del calcio; questo può avvenire semplicemente prendendo un supplemento di calcio
in cima a una dieta a basso contenuto di fibra.

Una carenza di vitamina D e di calcio, possono portare a forme di rachitismo, di solito quando si
tratta di carenza di calcio il rachitismo si presenta nell'infanzia prima che nell’ adolescenza. Gli adulti
non hanno uno stato di malattia specifica associata ad carenza di calcio, ma svolge un ruolo
importante nella comparsa di osteoporosi. Il limite massimo tollerabile (TUL) di calcio è tra 2.000-
3.000 mg a seconda della fascia di età. I giovani adulti ed i bambini dovrebbero avere un TUL di
2.500 mg Fosfato di calcio è una forma di calcio che è 2 / 3rds di calcio in peso, ed è un metabolita
endogeno [18] A 1.000 mg (calcio equivalente) la supplementazione di fosfato di calcio è in grado di
aumentare le concentrazioni sieriche di calcio senza alterare i livelli di fosforo nello stato
postprandiale [19], anche se è stato notato che esso non influenza i livelli a digiuno di calcio né di
fosforo nel corso di sei settimane a 1.500 mg. [20] I recettori sensibile al calcio sono i recettori in cui
cambiano i livelli di calcio nel corpo. [54] Aumenti dei livelli di FABP4 sono stati rilevati in vitro con
agonisti che stimolano il rilascio di calcio come la capsaicina. [55] Non ci sono studi sull'uomo che
valutano la supplementazione di calcio nella dieta. Il calcio è noto per essere predittivo di malattie
cardiovascolari e malattie coronariche anche in adulti senza malattie cardiovascolari [56] [57] Si
pensa che questo sia correlato alla rigidità arteriosa legata al calcio, in relazione sia alla vitamina
Dintake [58] e sia alle proteine influenzate dall'assunzione di vitamina K. Il ruolo del calcio negli
adipociti è quello di un messaggero intracellulare.
Sicurezza e Tossicologia

La dose massima di calcio elementare che dovrebbe essere presa in una sola dose è di 500 mg, in
modo tale da prevenire gli effetti indesiderati sull’assorbimento di calcio. L'assorbimento di calcio
diminuisce doppiamente quando l’uso di calcio viene abusato, che può portare al riassorbimento
osseo e ad un aumento dei livelli di ormone paratiroideo. [1] In altre parole, gli integratori di calcio
potrebbero interferire con la proprietà delle nostre ossa di assorbire il calcio.
[107] Prodotti di calcio naturale sono stati segnalati anche per contenere piombo misurabile. [108]
Mentre l'assunzione minima di calcio varia a seconda del gruppo di età e la gravidanza, l'assunzione
massima di calcio è costantemente 2500 mg al giorno per tutti. L'apporto di calcio che supera la
dose massima giornaliera raccomandata può provocare effetti collaterali e può interferire con
l'assorbimento di altri minerali, come zinco, fosforo e magnesio. [1]
Meta-analisi di supplementazione di calcio suggeriscono che può essere collegato ad un aumento
del rischio di malattie cardiovascolari.