Sei sulla pagina 1di 12

Supplemento al n.

3/2011 della Rivista Scientifica


XII Conferenza Nazionale
di Sanità Pubblica
ROMA 12-15 ottobre 2011

LA SANITÀ PUBBLICA
TRA GLOBALIZZAZIONE,
NUOVE ESIGENZE DI SALUTE
E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA:
LA SFIDA DELL’INTEGRAZIONE

Parte I RELAZIONI
Parte II COMUNICAZIONI
Parte III POSTER
2
2
ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica RELAZIONI

Supplemento al n° 3/2011 di Igiene e Sanità Pubblica


Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Post. - DL 353/2003
(conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 - DCB Roma

Direttore responsabile
Augusto Panà

Editore
Edizioni Iniziative Sanitarie
Viale di Val Fiorita, 86 - 00144 Roma - Tel. 065919418 - Fax 065912007
abbonamenti@iniziativesanitarie.it - www.iniziativesanitarie.it

Finito di stampare nel mese di ottobre 2011 da Grafica Ripoli S.n.c.-Tivoli (Rm)
RELAZIONI ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica

3
3

Indice

PARTE I
Relazione del Presidente Antonio Boccia .................................................................................................................................................................. Pag. 9

PARTE I – RELAZIONI ................................................................................................................................................................................................... Pag. 15

SESSIONE PLENARIA
L’integrazione delle politiche vaccinali: verso un’alleanza per le strategie vaccinali?
• Introduzione e presentazione risultati survey sul valore della vaccinazione
Ricciardi W, Gualano MR, Cadeddu C .................................................................................................................................................................. Pag. 19
• Il valore scientifico e sociale della vaccinazione
Bonanni P, Ferro A .............................................................................................................................................................................................................. Pag. 22
• La necessità di un’alleanza tra Igienisti, Medici di Medicina Generale e Pediatri
per una migliore operatività in ambito vaccinale
Franco E, Cricelli C, Mele G, Ugazio A ................................................................................................................................................................. Pag. 25
• Il punto di vista del decisore
Lucchina C ............................................................................................................................................................................................................................... Pag. 27
• Il punto di vista dell’Industria
Cristelli DJ ............................................................................................................................................................................................................................... Pag. 28
• Il ruolo dei cittadini e dei media
Lucchini M ............................................................................................................................................................................................................................... Pag. 33

SESSIONE TEMATICA
L’integrazione tra Accademia e SSN per la prevenzione e la Sanità Pubblica
• La ricerca scientifica in campo igienistico
De Flora S ................................................................................................................................................................................................................................ Pag. 37
• L’orientamento della ricerca sulla base dei bisogni di comunità e il trasferimento
di conoscenze nella sede operativa
Francia F, Fantini MP, Greco P .................................................................................................................................................................................. Pag. 38
• I percorsi formativi della scuola di specializzazione in igiene e medicina preventiva: scenari attuali
e prospettive future
Romano G, Tardivo S ........................................................................................................................................................................................................ Pag. 39
• Necessità di una precoce integrazione degli specializzandi nelle attività dei Dipartimenti
di prevenzione
Valsecchi M ............................................................................................................................................................................................................................ Pag. 43

SESSIONE TEMATICA
L’integrazione delle politiche e delle attività di igiene ambientale ed igiene degli alimenti
• Gli igienisti e la politica ambientale: un dialogo interrotto?
Gilli G, Sciacca S ................................................................................................................................................................................................................ Pag. 47
• Il rapporto ambiente-alimenti e riflessi sulla salute
Fallico R .................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 52
• Igiene dell’alimentazione: un potenziale strumento di protezione dallo stress ossidativo ambientale?
Carraro E, Biorci F, Schillirò T, Gilli G .................................................................................................................................................................. Pag. 57
• Salute, alimentazione, ambiente ed equità sociale
Guberti E .................................................................................................................................................................................................................................. Pag. 62
• Interazioni tra sicurezza alimentare, agricoltura ed ambiente
Alonzo E, Fardella M ......................................................................................................................................................................................................... Pag. 69
• Le prospettive del recupero ambientale e dello sviluppo sostenibile
Lupo M ........................................................................................................................................................................................................................................ Pag. 73

SESSIONE TEMATICA
L’integrazione tra ospedale e assistenza primaria
• La progettazione delle attività del territorio conseguente alla riorganizzazione degli ospedali
Moirano F ................................................................................................................................................................................................................................. Pag. 77
• Logiche e strumenti manageriali per l’integrazione tra ospedale e assistenza primaria
Longo F ...................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 82
• L’integrazione ospedale-territorio nell’esperienza della Rete Piemontese per la promozione
della salute (HPH)
Penna A, Bajardi S, Grossi I ........................................................................................................................................................................................ Pag. 83
4
4
ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica INDICE
RELAZIONI

• Dal percorso assistenziale al Governo Clinico: modelli di gestione delle risorse


Scarcella C, Lonati F ........................................................................................................................................................................................................ Pag. 84
• Il metodo come cambiamento per sviluppare una nuova cultura dei servizi territoriali:
l’esperienza della Regione Puglia
Ungaro F, Marsano M ........................................................................................................................................................................................................ Pag. 92

SESSIONE PARALLELA
Epidemiologia e prevenzione dei tumori
• Decessi e ricoveri per tumore contrastabili con interventi di sanità pubblica
Buzzi N, Cananzi G, Panà A ......................................................................................................................................................................................... Pag. 99
• Come cambia l’epidemiologia del tumore della mammella nell’epoca dello screening
mammografico. Il ruolo dei programmi di screening di popolazione e dei registri tumori in Italia
Paci E , Puliti D e IMPATTO Working Group ..................................................................................................................................................... Pag. 104
• Il monitoraggio dei programmi di screening oncologici: confronto fra la survey dell‘Osservatorio Nazionale
Screening e la rilevazione campionaria PASSI
Zappa M, Bertozzi N, Carrozzi G , Federici A .................................................................................................................................................. Pag. 111
• Lo screening dei tumori del colon-retto in provincia di Cuneo nel 2010: valutazione scientifica
del braccio rettosigmoidoscopico e di quello FOBT
Orione L, Rimondot M, Allasia B, Moirano F, Segnan N, Senore C, Vesuvio S, Tavella D,
Ferreri E, Morabito F, Bracco G, Frigeri MC, Cento G, Alberico G, Roggia S, Bedogni C ................................................... Pag. 115
• Programma di screening del tumore del colon retto di ASL 3 Genovese: il coordinamento organizzativo “a rete”
e la redazione del protocollo operativo per il trattamento e la diagnosi istopatologica
delle lesioni screen-detected
Valle I, Marensi L, Dato D, Biagini R, Saccomanno S, Anselmi L, Merlo E, Storace S, Bonelli L .................................. Pag. 122

SESSIONE PARALLELA
Epidemiologia e prevezione delle malattie infettive
• Epidemia di Tubercolosi in una scuola primaria milanese
Faccini M, Codecasa RL, Ciconali G, Cammarata S, Borriello CR, De Gioia C, Za A, Marino AF, Vighi V ............. Pag. 131
• Carriage batterico e infezioni delle alte e basse vie respiratorie in una coorte di soggetti e≥60 anni
durante la stagione influenzale: implicazioni per la valutazione dell’impatto e delle strategie preventive
Durando P, Alicino C, Orsi A, Parodi V, Canepa P, Zancolli M, Alberti M, Albanese E, Zacconi M,
Ansaldi F, Icardi G e Gruppo di Lavoro GP Ligur NET (Osservatorio Ligure della Medicina Generale) ................... Pag. 137
• Epidemiologia dell’HIV e presentazione tardiva alla prima diagnosi di HIV in Italia
Camoni L, Regine V, Salfa M C, Raimondo M, Suligoi B
e i Referenti dei Servizi di Sorveglianza HIV regionali ................................................................................................................................ Pag. 142
• È conveniente somministrare una dose di vaccino 13-valente contro lo pneumococco
a bambini già vaccinati con tre dosi di vaccino 7-valente?
Boccalini S, Azzari C, Resti M, Valleriani C, Cortimiglia M, Tiscione E, Bechini A,
Levi M, Bonanni P ................................................................................................................................................................................................................ Pag. 145

SESSIONE PARALLELA
Medicina predittiva, genomica di sanità pubblica e screening
• Prevenzione e genomica: impostazione e contenuti del Piano nazionale Prevenzione 2010-12
Federici A, Boccia S, Simone B, Filippetti G, Gualano MR, Bonetto F, Ricciardi W, Oleari F .......................................... Pag. 153
• La valutazione molecolare dell’interazione geni-embiente come strumento di medicina
predittiva e preventiva
Izzotti A ...................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 158
• Health Technology Assessment dei test genetici per la suscettibilità al tromboembolismo
venoso in Italia
Gualano MR, Simone B, Nicolotti N, De Feo E, De Stefano V, Compagni A, Coviello D, De Vito C,
Di Maria E, Izzotti A, Tarricone R, Di Pietro ML, Villari P, Ricciardi G, Boccia S ...................................................................... Pag. 161
• Vendita dei test genetici online: esempio di empowerment o di “distrazione”
del concetto di prevenzione?
Covolo L, Rubinelli S, Orizio G, Gelatti U ........................................................................................................................................................... Pag. 164

SESSIONE PLENARIA
L’integrazione tra sanità pubblica e medicina clinica: obiettivi, strategie e strumenti
• La creazione di un nuovo linguaggio della sanità pubblica e il cambiamento del paradigma dei clinici
Ricciardi W, Specchia ML ............................................................................................................................................................................................. Pag. 169
• I nuovi skills per l’integrazione tra sanità pubblica e medicina clinica
Favaretti C, Gensini GF .................................................................................................................................................................................................. Pag. 172
IRELAZIONI
NDICE ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica

55

• Programma organizzato di prevenzione attiva cardiovascolare sul modello degli screening

PARTE I
oncologici: l’esperienza veneta
Cinquetti S, Ferro A, Menegon T, Pellizzari B, Zevrain SP ...................................................................................................................... Pag. 173
• Progetto Michelangelo – PREVASC: prevenzione delle patologie cardiovascolari:
sperimentazione di un modello di disease management
Borgia P, D’Amato M, Pagano A, Ricci R per il gruppo di lavoro PREVASC .................................................................................. Pag. 176
• Progetto QuADRO - Le dimensioni del problema BPCO: le raccomandazioni emerse
dalla discussione tra esperti di diverse discipline
Brignoli O ................................................................................................................................................................................................................................. Pag. 184

SESSIONE PARALLELA
Le infezioni correlate all’assistenza sanitaria
• Le infezioni correlate alle pratiche assistenziali nelle unità di terapia intensiva italiane: i risultati
del Progetto SPIN-UTI, GISIO-SItI, dal 2006 al 2011
Agodi A, Auxilia F, Barchitta M, Brusaferro S, D’Alessandro D, Grillo OC, Montagna MT, Pasquarella C,
Righi E , Tardivo S , Torregrossa V, Mura I, GISIO-SItI ............................................................................................................................... Pag. 187
• Health Information Technology e sistemi integrati di sorveglianza delle HCAI
Lanzafame P, Gaino M, Ober P, Predazzer R ................................................................................................................................................... Pag. 192
• Klebsiella pneumoniae producenti la carbapenemasi KPC al Policlinico Umberto I di Roma
García-Fernández A, Giordano A, Venditti C, Fortini D, Villa L, Carta C, Venditti M,
Mancini C, Carattoli A ....................................................................................................................................................................................................... Pag. 198
• Strategie di prevenzione delle infezioni nell’assistenza in ambito domiciliare
Casati O, Bottari E, Calanchi M, Garau L, Mazzei M, Rosso G, Bertolaia P ................................................................................ Pag. 204

SESSIONE PARALLELA
Ambiente e gestione dei rifiuti
• Gestione dei RSU e termovalorizzatori: impatto sanitario, recupero energetico e sindrome “NIMBY”
Signorelli C, Riccò M, Capolongo S, Buffoli M, Boccuni S, Odone A, Loconte VL .................................................................... Pag. 211
• Il programma “Epidemiologia, Rifiuti, Ambiente e Salute” del Lazio (ERASLazio)
Ancona C, Mataloni F, Badaloni C, Bucci S, Davoli M, Golini MN, Narduzzi S,
Perucci CA, Forastiere F ................................................................................................................................................................................................ Pag. 220
• I metodi epidemiologici: l’analisi del rapporto della relazione tra rifiuti e danni alla salute
Triassi M ................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 226
• Gestione dei rifiuti: modelli predittivi di spesa ambientale
Fanelli C, Martire A, Cerabona V , De Belvis AG, Pelone F, De Padova C, Laddomata V,
Ricciardi G, Moscato U .................................................................................................................................................................................................... Pag. 232
• Livelli biologici di inquinanti organici persistenti in un campione di popolazione generale
di Calatafimi-Segesta (TP): risultati preliminari dello studio EPHICS
Calamusa G, Amodio E, Costantino C, Di Pasquale M, Morici M, Palmeri A, Turci R, Minoia C, Vitale F ................ Pag. 235

SESSIONE PARALLELA
Comunicazione e gestione del rischio in sanità pubblica
• La comunicazione di Epidemie
Rizzo C, Greco D ................................................................................................................................................................................................................ Pag. 241
• La sicurezza in sala operatoria oltre l’abilità tecnica. La formazione avanzata e la simulazione
Amato S, Bevilacqua L, Burato E, De Capitani C, Mozzanica D, Picchetti C,
Suardi R, Trucco P, Lucchina C ................................................................................................................................................................................. Pag. 242
• Utilizzi di Internet per la salute e ruolo del Professionista di Sanità Pubblica
Siliquini R, La Torre G, Ceruti M ................................................................................................................................................................................ Pag. 245
• Arsenico nelle acque potabili e provvedimenti emergenziali: un esempio di comunicazione
del rischio da migliorare
Messineo A , Curcio M , De Carolis A , Gallo L , Pastore L , Inglese L , Dell’Università A ................................................ Pag. 250

SESSIONE PLENARIA
L’integrazione tra globale e locale per la promozione, il controllo ed il recupero della salute
• Integrare globale e locale per promuovere la salute: prospettive e punti di raccordo
dal punto di vista dell’OMS
Ziglio E ....................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 257
• Integrare globale e locale per promuovere la salute: prospettive e punti di raccordo
dal punto di vista delle Regioni
Macini P .................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 258
6
6
ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica RELAZIONI
INDICE

• Promozione della salute: la conduzione di un intervento per la prevenzione dei tumori.


Il ruolo dell’igienista nel “Med-Food Anticancer Program”
Panunzio MF .......................................................................................................................................................................................................................... Pag. 259
• Controllo delle malattie: la gestione proattiva e integrata del diabete mellito tipo 2° a livello territoriale
Vidotto L, Bassi E, Bearzi G, Benedetti E, Crisetig F, Della Rossa D,
Oriecuia C, Ruocco A,Visintini L .............................................................................................................................................................................. Pag. 267
• Recupero della salute: l’attività motoria nella prevenzione terziaria. Come trasferire
nella pratica dei Servizi Socio Assistenziali le esperienze nazionali ed internazionali
Capelli G ................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 272

SESSIONE PARALLELA
Prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro
• Proposta di una metodologia per la gestione integrata delle sicurezza: valutazione dei rischi,
formazione e medico competente
Carbone U, Schiavone D, Canfora G, Mainolfi F, Cristillo R, Rea A, Dionisio A, Farinaro E , Triassi M .................... Pag. 281
• L’organizzazione per la gestione della prevenzione e della sicurezza nei luoghi di lavoro
in una realtà sanitaria e sociosanitaria
Bianchi S, Ruscitti G ......................................................................................................................................................................................................... Pag. 289
• Il nuovo modo di fare vigilanza nei luoghi di lavoro: l’esperienza dell’ASL di Bergamo
nel quadro degli indirizzi della Regione Lombardia
Luzzana G, Pesenti B, Zottola G ............................................................................................................................................................................... Pag. 290
• Sistema rifiuti e salute dei lavoratori: esperienze e buone pratiche per la valutazione
e gestione del rischio
Carducci A, Triassi M ....................................................................................................................................................................................................... Pag. 296
• Nuove metodologie per la valutazione della esposizione a gas e vapori anestetici
nei complessi operatori
Moscato U, Poscia A, Federico B, Di Donato M, Ricciardi W ................................................................................................................ Pag. 304
SESSIONE PARALLELA
Management e sanità pubblica
• Valutazione del livello di utilizzo degli strumenti della Clinical Governance mediante
la metodica OPTIGOV (Optimizing Health Care Governance) per l’ideazione di un piano
di miglioramento dell’assistenza erogata presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria – Seconda Università
degli Studi di Napoli
Olivieri G, Gimigliano A, Abbate R, Galdieri A, Filippini A, Ibba N, Samuelli Ferretti G,
Specchia ML, Ricciardi W ............................................................................................................................................................................................. Pag. 315
• Applicazioni di Network Medicine nel Management Sanitario: studio sulle proprietà topologiche
di una rete di coprescrizione di farmaci in un campione di 42.965 pazienti
Cavallo P, Pagano S, De Santis M, Boccia G, De Caro F, Santoro E, Motta O, Capunzo M ............................................... Pag. 323
• Prime valutazioni sulla Sanità di Iniziativa nel percorso dello scompenso cardiaco in Toscana
Gussoni M, Dei S, Maccari M, Speroni C, Vainieri M, Nuti S ................................................................................................................. Pag. 331
• Qualità dell’assistenza sanitaria: l’impatto del programma regionale di valutazione degli esiti
della Regione Lazio
Davoli M , Fusco D , Renzi C , Sorge C , Agabiti N , Pinnarelli L , Perucci CA .......................................................................... Pag. 338
• Un modello organizzativo gestionale della cronicità tra territorio ed ospedale: la continuità assistenziale
Tarassi G, Cavestri R, Volpini E, Bianchi S, Aronica A, Rizzi D, Mezzadri L .............................................................................. Pag. 344

SESSIONE PARALLELA
Prevenzione cardiocerebrovascolare
• Attualità ed evidenze negli approcci integrati alla prevenzione cardiovascolare
Giampaoli S , Palmieri L, Donfrancesco C ......................................................................................................................................................... Pag. 355
• Prevenire le malattie cardiocerebrovascolari attraverso multidisciplinarità, interesettorialità, perseguendo
l’equità sociale: dalla teoria alla pratica
Guberti E, Celenza F, Coppini C, Rizzoli C, Sardocardalano M, Spano M, Bianco L, Di Martino E ,
Navacchia P, Prete L, Veronesi M, De Giorgi S , Nascetti S Beltrami P , Francia F, Poletti G ...................................... Pag. 360
• Efficacia di un interento di Disease and Care Management in prevenzione
cardiovascolare: risultati del Progetto Raffaello
Deales A, Fratini M, Musilli A, Vicarelli G, Bronzini M, Di Stanislao F, Panfilo
M, Gentili G, Beccaceci G, Nespeca MT, Balzani P, Borgia R, Scoccia L, Manzoli L ............................................................ Pag. 370
• I bambini italiani sono obesi? Favorire le alleanze e l’integrazione per prevenire
le malattie cardiocerebrovascolari
Spinelli A, Galeone D, De Mei B, Lamberti A, Nardone P, Baglio G,
Cattaneo C, Buoncristiano M, Menzano MT, Scotti MT, Silani MT
e il Gruppo OKkio alla SALUTE 2010 ............................................................................................................................................................ Pag. 371
RELAZIONI ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica

77

• Specialisti della prevenzione e prevenzione degli specialisti dal conflitto o integrazione:

PARTE I
igienisti e cardiologi insieme per la prevenzione cardiovascolare
Di Rosa E ............................................................................................................................................................................................................................... Pag. 377

SESSIONE PLENARIA
L’integrazione tra governo, regioni e società scientifiche per la prevenzione
• ll Piano nazionale della prevenzione: overview, azioni centrali di supporto e nuovi strumenti di Governance
Oleari F, Filippetti G, Vasselli S,Federici A ....................................................................................................................................................... Pag. 385
• L’elaborazione e l’implementazione dei piani regionali di prevenzione: il punto di vista delle Regioni
Russo F, Michieletto F, Pettenò A ............................................................................................................................................................................. Pag. 390
• Le associazioni scientifiche e professionali e la programmazione della prevenzione
Costa G, Villari P , Carle F ............................................................................................................................................................................................ Pag. 396
• Osservatorio italiano sulla prevenzione (OIP): Obiettivi ed attività
Lagravinese D, Calamo Specchia F ........................................................................................................................................................................ Pag. 398

SESSIONE PLENARIA
L’integrazione tra le Società Scientifiche per la Prevenzione
• Relazione introduttiva
Carreri V, Triassi M , Barbuti S .................................................................................................................................................................................. Pag. 405
• Il Medico del lavoro: nuovo ruolo e funzioni nell’ambito della sanità pubblica
Apostoli P ................................................................................................................................................................................................................................. Pag. 407
• La collaborazione tra distretti e dipartimenti di prevenzione nelle attività di promozione
della salute e di prevenzione delle malattie
Gentili G .................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 412
• L’integrazione tra medicina umana e veterinaria
Grasselli A ............................................................................................................................................................................................................................. Pag. 416
• Le attività di S.I.Me.T. e S.It.I.: possibili sinergie e collaborazioni
Mazzoni M ............................................................................................................................................................................................................................... Pag. 417

PARTE II - COMUNICAZIONI ............................................................................................................................................................................... Pag. 421

EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE .................................................................... Pag. 423

EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE I ........................................................................................................ Pag. 427

SALUTE E AMBIENTE .................................................................................................................................................................................................................. Pag. 431

MANAGEMENT E SANITÁ PUBBLICA I .......................................................................................................................................................................... Pag. 435

EDUCAZIONE SANITARIA E PROMOZIONE DELLA SALUTE ....................................................................................................................... Pag. 439

EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE II ....................................................................................................... Pag. 442

MANAGEMENT OSPEDALIERO ............................................................................................................................................................................................ Pag. 447

MANAGEMENT IN SANITÀ PUBBLICA II ....................................................................................................................................................................... Pag. 451

IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE ..................................................................................................................................................... Pag. 455

MISCELLANEA ................................................................................................................................................................................................................................... Pag. 459

PARTE III - POSTER ....................................................................................................................................................................................................... Pag. 463

EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE
DELLE MALATTIE CRONICO – DEGENERATIVE ..................................................................................................................................................... Pag. 465

EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE
DELLE MALATTIE INFETTIVE ................................................................................................................................................................................................. Pag. 491
8
8
ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica RELAZIONI

SALUTE E AMBIENTE .................................................................................................................................................................................................................. Pag. 544

IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE ........................................................................................................ Pag. 559

EDUCAZIONE SANITARIA E PROMOZIONE DELLA SALUTE ................................................................................... Pag. 568

IGIENE IN ODONTOIATRIA ............................................................................................................................................ Pag. 598

MANAGEMENT OSPEDALIERO ................................................................................................................................... Pag. 601

MANAGEMENT IN SANITÀ PUBBLICA ........................................................................................................................ Pag. 633

IGIENE DEL LAVORO ..................................................................................................................................................... Pag. 670

FORMAZIONE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE


E LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE ...................................................................................................................... Pag. 681

INDICE DEGLI AUTORI .............................................................................................................................................................................................. Pag. 689


22
22
ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica RELAZIONI

Il valore scientifico e sociale della vaccinazione


Bonanni P*, Ferro A°
* Dipartimento di Sanità Pubblica – Università degli Studi di Firenze
° Dipartimento di Prevenzione - ALSS 17 Este (Padova)

Sommario
La vaccinazione rappresenta una delle più importanti scoperte scientifiche nella storia della medicina, e ha
contribuito in modo fondamentale ad incrementare la speranza di vita delle popolazioni umane. Il progresso
delle conoscenze ha da un lato chiarito i meccanismi d’azione dei vaccini, la cui applicazione è avvenuta
inizialmente su base empirica. D’altro canto i progressi degli scorsi decenni nei settori della batteriologia,
della virologia, dell’immunologia e della modellistica matematica applicata alle infezioni hanno aperto oriz-
zonti un tempo impensabili nel campo della ricerca vaccinologica, tanto che oggi, oltre alla disponibilità
sempre più ampia di nuovi vaccini contro malattie infettive, stanno fiorendo ricerche su vaccini contro
patologie tumorali, ipertensione, malattie degenerative del sistema nervoso e contro le dipendenze. Il
valore sociale della vaccinazione è indubbio, anche perché l’effetto di immunità di gregge estende i suoi
benefici anche ai soggetti non immunizzati. Proprio per tale motivo non può essere pensabile che i bene-
fici della vaccinazione non siano disponibili in modo equo per tutta la popolazione.

Parole chiave: Vaccinazione, Ricerca, Valore sociale, Equità

La vaccinazione è stata definita ‘una delle più gran- della batteriologia (a partire da Louis Pasteur) e della
di scoperte mediche mai fatte dall’uomo’, la cui impor- virologia tra la fine del diciannovesimo e i primi decenni
tanza è paragonabile per impatto sulla salute solo alla del ventesimo secolo portarono ad una sempre più am-
possibilità di fornire acqua potabile alla popolazione. pia opportunità di spiegare meccanismi d’azione, ma
Il carattere sociale della pratica vaccinale ne ha pure di trovare nuovi vaccini candidati per la prevenzione
segnato la nascita, dal momento che fin dall’epoca di di temibili patologie infettive. Lo sviluppo di sistemi di
Edward Jenner la vaccinazione è trattamento ad am- coltura cellulare per i virus alla fine degli Anni Quaranta
plissima diffusione, sempre oggetto di vivace dibattito (grazie anche ai Premi Nobel Enders, Weller e Rob-
tra sostenitori del suo inequivocabile effetto positivo e bins) diede ulteriore impulso alla ricerca su vaccini virali
oppositori per varie motivazioni di carattere ideologico o inattivati e viventi attenuati.
di rifiuto dell’autorità che ne raccomanda l’utilizzo. Il fe- Un altro importante settore scientifico sviluppatosi
nomeno della protezione comunitaria ottenibile per mol- anche in relazione ai dati disponibili a seguito di pro-
ti vaccini a seguito del raggiungimento di un’elevata co- grammi universali di vaccinazione è stato quello della
pertura immunitaria nella popolazione bersaglio, più co- modellizzazione matematica della diffusione delle infe-
munemente nota come ‘immunità di gregge’ costituisce zioni e dell’impatto su di essa dei programmi di immu-
la ragione storica delle politiche di obbligo vaccinale e nizzazione. In tale campo, gli studi pionieristici di An-
ha rappresentato da sempre il valore aggiunto della vac- derson e May (1) negli Anni Ottanta hanno progressiva-
cinazione a livello sociale. mente portato all’attuale fioritura delle ricerche che per-
Come spesso accade nel campo della sanità pub- mettono di prevedere gli andamenti delle malattie infetti-
blica (scienza applicativa in cui l’approccio empirico è ve e di predire l’impatto di misure di prevenzione sulla
stato inizialmente utilizzato per trovare risposte concre- diffusione e sulla distribuzione delle infezioni nella po-
te ai problemi di salute), l’adozione su larga scala della polazione. Peraltro, tali modelli matematici rappresen-
prevenzione vaccinale e la constatazione degli eccezio- tano anche parte fondante degli studi economici sull’ap-
nali effetti sulla mortalità e la morbosità di malattie letali plicazione di interventi di profilassi e di terapia, il cui
(vaiolo, rabbia, peste, colera, difterite, etc.) ha precedu- utilizzo sta progressivamente assumendo valore fonda-
to talora di molti decenni la dimostrazione dei meccani- mentale per le decisioni delle autorità di sanità pubblica
smi attraverso cui il vaccino determina la protezione. all’interno del processo di valutazione delle tecnologie
L’evoluzione della scienza medica ha successivamente sanitarie (Health Technology Assessment o HTA).
chiarito molte delle ragioni dell’efficacia in condizioni Ma è nel settore in perenne evoluzione dell’immu-
controllate (studi sperimentali) e sul campo (‘effective- nologia che i vaccini vedono da un lato moltiplicate le
ness’ ) dei vaccini. In particolare, le scoperte nel campo possibilità di interpretazione dei meccanismi della pro-
RELAZIONI

23
ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica

23

pria azione, ma anche incrementate le opportunità di Pubblica, dal momento che il fenomeno della globaliz-

PARTE I
sempre nuovi approcci di prevenzione e cura. D’altro zazione tende ad allargarsi ed i confini tra Paesi del-
canto, i vaccini costituiscono un eccellente sistema di l’Unione Europea diverranno sempre meno importanti.
verifica per le nuove frontiere della scienza immunologi- In Italia il Piano Nazionale Vaccini (PNV) ormai ab-
ca. Le nozioni sull’immunità innata che si sono andate bondantemente scaduto ha rappresentato il documento
consolidando dagli Anni Novanta e soprattutto nel de- di riferimento in ambito vaccinale; al suo interno, tra l’al-
cennio appena terminato a partire dagli studi di Janeway tro, vengono individuati gli obiettivi di salute da raggiunge-
(2) e collaboratori hanno aperto frontiere innovative nella re con le vaccinazioni e le relative strategie di scelta.
vaccinologia, soprattutto per quanto concerne la ricerca La modifica del titolo V della Costituzione, entrata
e lo sviluppo di nuovi sistemi di adiuvazione degli antige- in vigore nel 2001, ha individuato le aree di legislazione
ni utilizzati nei vaccini. Allo stesso tempo, le conoscen- esclusiva o concorrente dello Stato e delle Regioni, iden-
ze degli ultimi anni sull’importanza del linfociti T regola- tificando la tutela della salute tra le materie di legisla-
tori, capaci di reprimere le risposte di attivazione del zione concorrente. L’acquisita autonomia di scelta in
sistema immunitario, già permettono di prefigurare la ambito vaccinale delle singole Regioni sia in merito alle
futura ricerca sui vaccini diretti contro patologie autoim- modalità di offerta di alcune vaccinazioni che alla gratui-
muni. Un’ulteriore frontiera che vedrà certamente uno tà o pagamento, indebolisce il principio di equità nel
sviluppo oggi difficilmente preventivabile nelle sue mol- “diritto alla salute”, considerato cardine dell’ordinamen-
teplici implicazioni è l’uscita dei vaccini dal loro tradizio- to sanitario italiano; le disequità in salute si contrappon-
nale campo di azione quali strumenti di prevenzione delle gono ai comuni valori di giustizia sociale, solidarietà ed
malattie infettive, per estendere il proprio settore di inte- uguaglianza di opportunità per la popolazione. Infatti i
resse alla cura di patologie cronico-degenerative. Solo dati di copertura mostrano disequità sia geografiche sia
in futuro potremo verificare tutti i potenziali effetti dei per stato socioeconomico che vengono definite dallo
nuovi immuno-terapeutici oggi allo studio, ma già ora le stesso PNV “ingiuste e anticostituzionali”.
molteplici ricerche sulla cura con ‘vaccino’ di tumori In termini generali, la riduzione delle disuguaglian-
(melanoma, mammella, cancro polmonare a cellule ‘non ze in salute non ha solo un significato etico ma presen-
piccole’, etc.), di ipertensione, di malattia di Alzheimer ta anche un risvolto economico: i costi della malattia,
e sulla disassuefazione da abitudini voluttuarie (vaccini della disabilità e della morte prematura rappresentano
anti-nicotina e anti-cocaina) fanno pensare ad un avve- infatti degli enormi ostacoli allo sviluppo e al benessere
nire scientifico di grandissimo interesse per la scienza della società.
vaccinologica Ben si comprende la previsione ormai Nonostante questi siano concetti condivisi, l’ offer-
consolidata che i vaccini rappresenteranno nel prossi- ta vaccinale nel Paese è estremamente disomogenea e
mo quinquennio l’area di maggior sviluppo pre gli inve- per certi aspetti iniqua.
stimenti dell’industria farmaceutica (circa 14% di incre- Da un lato vi sono Regioni che ritengono che la
mento previsto), più ancora di quanto preventivato per valutazione delle priorità di intervento sia basilare e met-
l’area oncologica. tono in competizione le risorse dedicate agli interventi
I benefici prodotti dalle vaccinazioni hanno, oltre di prevenzione, portando le loro argomentazioni (meglio
all’elevato valore scientifico che abbiamo delineato, an- concentrare le risorse nell’affrontare i problemi di salute
che un fondamentale valore sociale: si riflettono sia sul più rilevanti, come l’eliminazione del morbillo, rispetto a
singolo individuo sia sulla collettività. Infatti, per la mag- pianificare vaccinazioni di più recente introduzione e giu-
gior parte delle malattie, ottenere elevate coperture vac- dicate di impiego meno urgente). Dall’altro lato vi sono
cinali permette di contenere la circolazione del micror- Regioni che ritengono che ogni vaccinazione di cui sia
ganismo responsabile e conseguentemente garantisce stata dimostrata efficacia e sicurezza debba essere
una protezione alla comunità, cioè anche ai non vacci- messa a disposizione per la protezione della popolazio-
nati. L’impatto sulla salute della popolazione risulta dun- ne, soprattutto infantile.
que notevole in termini di contenimento dei danni della Eppure, per quanto riguarda l’aspetto sociale, la
malattia o delle sue complicanze (morbosità, mortalità, vaccinazione occupa uno dei posti più elevati nella clas-
ricorso a cure mediche, ospedalizzazioni) e di riduzione sifica delle tecnologie sanitarie in base al costo per anno
dei costi sia diretti che indiretti. di vita guadagnato e casi di malattia evitati, ovvero la
Le malattie infettive non riconoscono confini geo- spesa in vaccini costituisce uno dei modi migliori e più
grafici e/o politici e tutte, ma in particolare quelle preve- redditizi per la società e il Servizio Sanitario di investire
nibili da vaccino, richiedono un approccio globale e non le scarse risorse disponibili. Nonostante ciò, le campa-
localistico per la loro prevenzione ed il loro controllo: le gne di immunizzazione rappresentano purtroppo la ce-
grandi battaglie dell’OMS per l’eliminazione o l’eradica- nerentola della Sanità italiana, incidendo sul Fondo Sa-
zione di una malattia infettiva vengono spesso realizza- nitario Nazionale per meno dell’1 per mille. Questa filo-
te sulla base di strategie vaccinali globali. Tali strategie sofia innesca un effetto a clessidra: chi più investe in
necessariamente richiedono l’abbattimento di barriere vaccinazioni più recupera, anche in risorse umane, for-
ideologiche e politiche, ma anche di ostacoli economici mazione, dotazione tecnologica e credibilità. Da tener
e culturali, a favore di un approccio collettivo e globale a sempre presente il “fattore” risorse soprattutto in un
difesa della salute delle popolazioni. momento storico in cui alcune Regioni sono commissa-
Anche l’Unione Europea si propone di incentivare riate per problemi economici. Se da un lato la preven-
lo sviluppo di una comune politica europea di Sanità zione sta acquisendo importanza crescente all’interno
24
24
ATTI della XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica RELAZIONI

del Sistema Sanitario, come espressione, tra l’altro, di Infine il nuovo PNV. È indubbio che il PNV 2005-
una modificazione dei bisogni di salute della popolazio- 2007 (3), pur con tutti i suoi limiti, ha rappresentato
ne, dall’altro assistiamo a un continuo depauperamento una formidabile spinta per il miglioramento e l’uniformi-
di risorse. Esse infatti sono in gran parte assorbite dalle tà dell’offerta vaccinale nel Paese ed è assolutamente
prestazioni di diagnosi e cura, come testimonia il man- inaccettabile che non vi sia stato un adeguamento ne-
cato acquisto del vaccino antimorbillo-parotite-rosolia gli anni successivi. È auspicabile pertanto che tutti gli
(MPR) da parte di qualche direttore generale di ASL, in “uomini di buona volontà”, ciascuno per le sue possi-
quanto vaccino non obbligatorio. È necessario pertanto bilità, competenze, entrature, collaborino per la stesu-
che gli igienisti si impegnino non solo a reclamare con ra e approvazione di un nuovo Piano Nazionale Vaccini
forza ciò che è assegnato per legge alla Prevenzione che rappresenti il punto di riferimento per il Paese e
(5% del budget complessivo), ma anche ad aprire nuove che permetta di salvaguardare l’indiscusso valore so-
strade di finanziamento (ad esempio le grandi Fonda- ciale delle vaccinazioni, che deve essere patrimonio di
zioni Bancarie) cercando di stringere partnership con i tutti i cittadini italiani indipendentemente dal luogo di
più importanti stakeholder della società civile. residenza.

Bibliografia
1. Anderson, R. M.; May, R. M. Infectious diseases of humans: te immunity in the adaptive immune response. Semin Immu-
dynamics and control. Oxford and New York: Oxford Uni- nol 1998; 10: 349-350.
versity Press, 1991. 3. Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (Suppl. Ordina-
2. Janeway CA Jr, Medzhitov R. Introduction: the role of inna- rio del 14 aprile 2005)- Piano Nazionale Vaccini 2005-2007