Sei sulla pagina 1di 5

Convergenza di successioni di funzioni.

Sia {fn (x) : x ∈ [a, b], n ∈ N} una successione di funzioni definite in un intervallo chiuso
e limitato [a, b] ed a valori in R oppure C.
Diremo che la successione fn (x) converge puntualmente alla funzione f (x) se

lim fn (x) = f (x) , ∀x ∈ [a, b] . (1)


n→+∞

Se le funzioni |fn (x) − f (x)|2 sono integrabili in [a, b] per ogni n ∈ N, allora diremo che
la successione fn (x) converge in media quadratica alla funzione f (x) se
Z b
lim |fn (x) − f (x)|2 dx = 0 . (2)
n→+∞ a

Successioni e serie di funzioni ortogonali.


Sia {φn (x) : x ∈ [a, b], n ∈ N} una successione di funzioni definite in un intervallo chiuso e
limitato [a, b] ed a valori in R oppure C. Assumiamo che, per ogni n ed m ∈ N, le funzioni
φn (x) φm (x) siano integrabili in [a, b]. Allora diremo che tale successione è costituta da
funzioni ortonormali se
Z b
φn (x) φm (x) dx = δnm ∀ n, m ∈ N .
a

Teorema 1. Sia f : [a, b] → R (oppure C) una funzione di quadrato integrabile, {φk (x)}
una successione di funzioni ortonormali in [a, b] ed n un intero positivo. Assumiamo che
f (x) φk (x) sia integrabile in [a, b] per ogni k ≤ n. Posto
n
X n
X
sn (x) = ck φk (x) e tn (x) = γk φk (x)
k=1 k=1

dove Z b
ck = f (x) φk (x) dx
a
(si chiamano coefficienti di Fourier della funzione f rispetto alla successione φk ) e γk
sono numeri, eventualmente complessi, arbitrariamente scelti, allora
Z b Z b
2
|f (x) − sn (x)| dx ≤ |f (x) − tn (x)|2 dx ,
a a

e il segno di uguaglianza vale se e solo se γk = ck per k = 1, ..., n.


Dimostrazione.

1
Z b
|f (x) − tn (x)|2 dx =
a
Z b Z b Z b Z b
2
= |f (x)| dx −
f (x) tn (x)dx − f (x) tn (x)dx + |tn (x)|2 dx =
a a a a
Z b Z b " n # " n #
X Z b X
2
= |f (x)| dx − f (x) γk φk (x) dx − f (x) γk φk (x) dx+
a a k=1 a k=1
Z b Xn
2 n
Z b X n
X n
X
2
+ γk φk (x) dx = |f (x)| dx − γk ck − γk ck + |γk |2 =


a k=1
a k=1 k=1 k=1
Z b n
X n
X
= |f (x)|2 dx + |γk − ck |2 − |ck |2 .
a k=1 k=1
Da questa, se γk = ck per ogni k = 1, ..., n, si ottiene
Z b Z b n
X
2 2
|f (x) − sn (x)| dx = |f (x)| dx − |ck |2 , (3)
a a k=1

e la tesi. N
Dalle (3) segue anche
n
X Z b Z b Z b
2 2 2
|ck | = |f (x)| dx − |f (x) − sn (x)| dx ≤ |f (x)|2 dx ,
k=1 a a a

cioé n
Z b X Z b
2 2
|sn (x)| dx = |ck | ≤ |f (x)|2 dx . (4)
a k=1 a

Se è possibile calcolare ck per ogni k ∈ N, allora (4) implica



X Z b
2
|ck | ≤ |f (x)|2 dx (diseguaglianza di Bessel) (5)
k=1 a

ed in particolare
lim cn = 0 (teorema di Riemann.) (6)
n→+∞

Infine, sempre dalla (3), se la successione sn (x) converge in media quadratica alla funzione
f (x), allora vale la formula di Parseval
Z b +∞
X
2
|f (x)| dx = |ck |2 . (7)
a k=1

2
Polinomio trigonometrico.
Definiamo n
X
P (x) = a0 + (ak cos kx + bk sen kx) x ∈ R.
k=1

dove i coefficienti ak e bk possono essere reali oppure complessi.


Poiché
1 iz 1 iz
e − e−iz e + e−iz
 
eiz = cos z + i sen z ⇒ sen z = e cos z =
2i 2
si ha:
1 1 ikx
ak cos kx + bk sen kx = ak eikx + e−ikx + bk e − e−ikx =
 
2
  2i
 
1 1 1 1
= ak + b k e + ikx
ak − bk e−ikx =
2 i 2 i
1 1
= (ak − i bk ) eikx + (ak + i bk ) e−ikx .
2 2
Posto
1 1
p 0 = a0 , pk = (ak − i bk ) e p−k = (ak + i bk ) ,
2 2
segue che
n
X
P (x) = pk eikx . (8)
k=−n

Essendo inoltre
 
1
Z π  1 se k = 0  1 se k = 0
eikx dx = 1 h i+π = , (9)
2π −π  eikx se k 6= 0 
0 se k 6= 0
2πik −π

si ha:
se |m| ≤ n
(
1
Z π
1 X
n Z π pm
−imx
P (x) e dx = pk eikx e−imx dx = .
2π −π 2π k=−n −π 0 altrimenti

Serie trigonometrica di Fourier.


Consideriamo la successione  
1 inx
√ e :n∈N . (10)

3
Tenendo conto della (9) è immediato verificare che questa successione è costituita da fun-
zioni ortonormali in [−π, π]. Se f é integrabile e limitata in [−π, π], allora sono soddisfatte
le ipotesi del teorema 1 e vale anche il limite (6), cioé
Z π
1
lim √ f (x) e−inx dx = 0 .
n→∞ 2π −π
Da ciò segue che
Z π
1
lim √ f (x) [cos(nx) − i sen (nx)] dx = 0 ,
n→∞ 2π −π

e quindi Z π Z π
lim f (x) cos(nx) dx = 0 , lim f (x) sen(nx) dx = 0 . (11)
n→∞ −π n→∞ −π
I coefficienti di Fourier della funzione f sono:
Z π
1
cn = √ f (x) e−inx dx . (12)
2π −π
Sia ora f : [−π, π] → R una funzione integrabile. Posto
Z π
1
fk = f (x) e−ikx dx k ∈ Z (13)
2π −π
definiamo serie di Fourier della funzione f la serie di funzioni
+∞
X
fk eikx x ∈ R. (14)
k=−∞

I coefficienti fk , definiti in (13) si chiamano ancora coefficienti di Fourier della funzione


f , anche se non coincidono con i coefficienti ck definiti in (12). Infatti per ogni n > 0 si

ha cn = 2πfn .

Moltissime importanti applicazioni della serie di Fourier riguardano le funzioni periodiche.


Una funzione reale f , definita su tutto R, si dice periodica, di periodo T > 0, se

f (x + T ) = f (x) per ogni x ∈ R.

Una funzione periodica, di periodo T > 0, si dice regolare a tratti se è possibile trovare
un numero finito di punti

x0 = 0 < x1 < x2 < · · · < xm = T

tali che valgano le seguenti condizioni:

4
(a) la funzione f è continua con la sua derivata prima in ogni intervallo aperto (xi−1 , xi )
per i = 1, 2, ..., m;

(b) per ogni i = 1, 2, ..., m esistono finiti i seguenti limiti

lim f (x) , lim f (x) , lim f 0 (x) , lim f 0 (x) .


x→x+
i−1 x→x−
i x→x+
i−1 x→x−
i

Teorema 2. Sia f una funzione periodica e regolare a tratti. Allora la serie di Fourier
+∞
X 2π
a0 + (an cos nωx + bn sen nωx) , ω=
n=1
T

dove
Z T
1 2
a0 = f (x) dx ,
T − T2

Z T Z T
2 2 2 2
an = f (x) cos nωx dx , bn = f (x) sen nωx dx , n = 1, 2, ...
T − T2 T − T2

converge puntualmente in R alla funzione


 
ˆ 1
f (x) = lim f (t) + lim− f (t) per ogni x ∈ R.
2 t→x+ t→x