Sei sulla pagina 1di 5

SABATO 6 APRILE 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 33

32aGIORNATA

L’ANTICIPO LE ULTIME LA SFIDA L’INTERVISTA


AMULETO C’È INSIGNE NESTOROVSKI L’UOMO BRAGLIA
TORREGROSSA: NEL BENEVENTO CONTRO PAZZINI «DUE ANNI E STOP.
E CORINI PASSA NESTA SCEGLIE HAN PALERMO-VERONA IL CALCIO DEL SUD
L’ESAME COSMI PER IL PERUGIA AI PROF DEL GOL È FATTO DI VALORI»
Pagina 34 Pagina 36 Pagina 37 Pagina 35
il Punto

Vittoria, la Classifica
sconfitta SQUADRE PT PARTITE RETI

e giustizia
G V N P F S

BRESCIA 57 30 15 12 3 62 38
LECCE 54 30 15 9 6 56 38
PALERMO 50 29 13 11 5 45 29
VERONA 48 30 12 12 6 44 34
di ANDREA FANÌ PESCARA 48 30 13 9 8 43 40
BENEVENTO 47 29 13 8 8 43 33

N
el calcio ci sono la PERUGIA 44 29 13 5 11 41 39
vittoria, la sconfitta e la SPEZIA 43 29 12 7 10 44 37
giustizia. E hanno — CITTADELLA 42 29 10 12 7 35 27
grosso modo — stessa dignità. ASCOLI 36 29 8 12 9 32 44
CREMONESE 35 29 8 11 10 28 28
Il Brescia ieri ha messo mezzo
SALERNITANA 35 30 9 8 13 33 40
piede in A (anche uno intero, COSENZA 35 30 8 11 11 27 36
ma da quelle parti qualcuno CROTONE 33 30 8 9 13 32 38
pare sia particolarmente LIVORNO 30 29 7 9 13 29 39
sensibile alla scaramanzia e VENEZIA 30 30 6 12 12 27 36
non vogliamo esagerare), il FOGGIA (-6) 27 29 7 12 10 36 42
Venezia ha fatto un passo PADOVA 24 30 4 12 14 28 41
verso i playout. Fin qui vittoria CARPI 22 29 5 7 17 28 54
e sconfitta. Poi c’è la giustizia, SERIE A PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSIONI
che è altro affare: e la giustizia
del calcio premia, dopo tanto
lavoro, un signore come
Eugenio Corini. Silenzioso,
applicato, appassionato. Dopo
gavetta, sofferenze, mezze
soddisfazioni, la carriera da RISULTATI
allenatore si riempie di
un’impresa. Perché risollevare 32ª GIORNATA
BRESCIA-VENEZIA 2-0
il Brescia dal penultimo posto OGGI
alla A — ok, quasi A — non ha CARPI-PADOVA ORE 15
altro nome. A proposito di CITTADELLA-LIVORNO
giustizia, gavetta e panchina: FOGGIA-SPEZIA
vi proponiamo l’intervista a PERUGIA-BENEVENTO ORE 18
Piero Braglia, che non cerca DOMANI
scorciatoie né si atteggia a L’esultanza di Ernesto Torregrossa, 26 anni, alla rete numero 11 in campionato con il Brescia: decisivo per la vittoria LAPRESSE ASCOLI-PESCARA ORE 15
guru della tattica. Ma a CREMONESE-LECCE

EUROSTAR BRESCIA
COSENZA-CROTONE ORE 21
Cosenza lo ringrazieranno a
LUNEDÌ 8 APRILE
lungo. Lunedì c’è Palermo- PALERMO-VERONA ORE 21
Verona. Stellone sta RIPOSA: SALERNITANA
conducendo un transatlantico
in mezzo agli iceberg con il

DIREZIONE SERIE A
sonar guasto; Grosso ha dato MARCATORI
un’impronta, un carattere e un 24 RETI: Donnarumma (Brescia, 6)
17 RETI: Mancuso (Pescara, 3)
gioco a un Verona reduce da 15 RETI: La Mantia (Lecce)
una stagione avvilente in A. 14 RETI: Coda (Benevento, 5)
Lunedì ci sarà chi vince e chi 12 RETI: Simy (Crotone, 3), Verre (Perugia,
2)
perde (un pari sarebbe un k.o. 11 RETI: Torregrossa (Brescia, 1), Mancosu
per due). Però la giustizia del
calcio racconta una storia più Battuto anche il Venezia, parte il conto alla rovescia per la promozione (Lecce, 1)
10 RETI: Nestorovski (Palermo, 1), Pazzini
profonda. E gli applausi non
dipendono da un risultato.
Domani tocca al Lecce in casa della Cremonese: attenti alle imboscate (Verona, 3)
9 RETI: Diamanti (Livorno, 4)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Lunedì c’è Palermo-Verona: chi perde al Barbera si rassegna ai playoff 8 RETI: Tutino (Cosenza), Palombi (Lecce),
Puscas (Palermo), Okereke (Spezia, 1)
34 Speciale R 32a giornata SABATO 6 APRILE 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT

SerieB LA PARTITA

Un Brescia volante
Torregrossa-Tonali
3

ilVenezias’inchina
Corinivedel’arrivo
1A segno l’attaccante e il giovane fenomeno
Altra prova di forza: promozione sempre più vicina
1 2
BRESCIA 2
VENEZIA 0
PRIMO TEMPO 1-0
MARCATORI Torregrossa al 44’
p.t.; Tonali al 35’ s.t.

BRESCIA (4-3-1-2)
Alfonso; Sabelli, Cistana,
Romagnoli, Martella (dal 14’ s.t.
Semprini); Bisoli, Viviani, Tonali;
● 1 Un contrasto tra Jacopo Dall’Oglio, 27 anni, centrocampista del Brescia e Marco Modolo, 30, difensore
Dall’Oglio (dal 25’ s.t. Dessena);
Donnarumma, Torregrossa (dal del Venezia ● 2 Serse Cosmi, 60 anni, un mese fa ha sostituito Zenga sulla panchina del Venezia ● 3 Il gol
41’ s.t. Rodriguez) dell’1-0 di Ernesto Torregrossa, 26 anni, a -2 dal record personale di 13 reti in un campionato LAPRESSE
PANCHINA Andrenacci,
titolari nella stessa squadra, Gastaldello, Spalek, Morosini,
Tremolada
Martella e palla insaccata po­ del 2­0 è il loro manifesto. Vi­ la Moviola
Matteo Brega statistica alla mano (dato Op­ chi istanti dopo. viani crossa, Donnarumma ag­
INVIATO A BRESCIA ta) il primo caso della storia ALLENATORE Corini gancia e poi di tacco serve a To­
del calcio italiano tra Serie A e EQUILIBRIO Il Brescia non è nali il pallone che chiude ogni

S
VENEZIA (3-5-2)
ette punti in sette giorni Serie B. E’ un po’ la risposta di Vicario; Bruscagin, Modolo, una pallina su un piano incli­ discorso. Il Brescia lascia il Lec­
è la cura dimagrante del­ Corini alle parole di Massimo Domizzi; Lombardi, Segre (dal 37’ nato che va senza soluzione di ce tre punti dietro (in attesa
le ambizioni altrui. Il Cellino che aveva definito s.t. Vrioni), Schiavone, Suciu (dal continuità. Il piano è tenuto in della trasferta di Cremona) e il
Brescia batte anche il Venezia e «prevedibile» questo Brescia. Il 14’ s.t. Zennaro), Garofalo; equilibrio dal Venezia che sen­ Palermo 7. Al Rigamonti — che
Bocalon (dal 23’ s.t. Rossi),
Non c’è rigore
chiude un trittico che lancia la 4­3­1­2 è sempre lo stesso e se za inventarsi rivoluzioni co­ ha rispettato il minuto di silen­
Di Mariano
squadra di Eugenio Corini a la squadra vince significa che PANCHINA Lezzerini, Bertinato, pernicane tiene i piedi nella zio in onore del decennale del

su Di Mariano
+7 (guarda un po’ questo nu­ pur essendo «pronosticabili» Fornasier, Coppolaro, St Clair, metà campo av­ terremoto de
mero) sul Palermo trasforman­ questi ragazzi sono proprio Cernuto, Zampano versaria. Il gol, L’Aquila — si
LE CHIAVI
Regolare il 2-0
do il posticipo di lunedì tra sici­ bravi. Il Venezia di Serse Cosmi ALLENATORE Cosmi però, sembra un cantano i classici
liani e Verona nella sfida del­ non riesce ad arginarli nono­ ologramma per­ La squadra di Cosmi ritornelli da pro­
l’ultima occasione. Ieri sera al stante una serata intelligente. ARBITRO Massimi di Termoli ché trasparenti mozione in A. E’
sono le due pun­ lotta ma non riesce
ESPULSI nessuno
Rigamonti hanno deciso Torre­ Ormai lo spirito della squadra AMMONITI Suciu (V), Dall’Oglio lunga, troppo
grossa e Tonali, simboli a mo­ è quello che lui vuole. Si com­ (B), Segre (V) e Torregrossa (B) te. Senza palla, a creare problemi: per chi tifa Bre­ ● (ni.bin.) Il primo anno
do loro di questo Brescia che batte, ci si confronta con gli av­ per gioco scorretto; Di Mariano la squadra tesse attaccanti spenti scia. Intanto Er­ Massimi si conferma casalingo:
adesso vede la Serie A come versari, si sta dentro alla parti­ (V) per comportamento non la tela. Con la nestino si sosti­ 11 partite, 9 vittorie interne.
una cosa seria, vera, dai con­ ta. Nonostante i numeri siano regolamentare palla, getta la te­ Viviani e Tonali nella tuisce a Donna­ L’arbitro di Termoli ribadisce
torni più definiti. delicati da spiegare: prima del­ NOTE spettatori 8.200 circa; la. Il Brescia ha rumma e un al­ anche il fatto che nelle sue
sempre avuto il storia. Due classe
paganti, incasso, abbonati e quota
la sfida Donnarumma e Torre­ non comunicati. Tiri in porta 5
tro 2000 avanza. partite non si vedano rigori
DOPPIO 2000 Non soddisfatto grossa avevano segnato 34 gol (con una traversa)–2 (con una carattere di re­ 2000 titolari: prima Tra Torregrossa (solo uno finora): quello chiesto
dell’ovazione che la curva gli in due, 7 in più dell’intero Ve­ traversa). Tiri fuori 4-6. stare agganciato volta tra A e B e Viviani c’è di da Di Mariano dopo 7’ della
dedica prima della partita, Eu­ nezia. E’ un bellissimo sogno In fuorigioco 1-0. Angoli 6-11. durante la sta­ che girarsi tra le ripresa non c’era, quindi giusta
genio Corini sfodera un’inven­ pensare di restare agganciati al Recuperi: p.t. 1’, s.t. 4’ gione (arrivava da 5 gare con­ mani nomi nuovi. E’ lunga, in­ è stata l’ammonizione per la
zione che fa statistica. Con Rigamonti? No, è una bellissi­ secutive in cui andava sotto vece qui per fortuna, per il Ve­ simulazione. Regolare infine la
Ndoj squalificato e Spalek a ri­ ma realtà per 44’ perché il Ve­ 1­0, solo una poi l’aveva persa) nezia. Con i complimenti e con rete del 2-0 di Tonali: quando
poso, sceglie Dall’Oglio tre­ nezia è attento, cuce e riparte. e anche ieri sera ha mostrato lo spirito non ci si salva, ma re­ Donnarumma (che poi farà
quartista e Viviani regista sfi­ Lombardi quasi segna, Torre­ questa qualità. Piace sottoline­ stano ancora margini per le­ l’assist) prende palla è in linea
lando Tonali sul centro sini­ grossa toglie il quasi. Fa tutto arlo perché c’erano un paio di varsi dalla scomoda posizione. con Domizzi e quindi in
stra. Ecco così un paio di 2000 Ernestino, palla al largo per 2000. Innovare si può. Il gol © RIPRODUZIONE RISERVATA posizione regolare.

LE PAGELLE di M.B.
MARTELLA 6,5 Per essere promosso gol. Evapora con il passare del tempo.
gli basta il cross che incrocia la testa IL MIGLIORE SEGRE 5,5 In mezzo passa troppa IL MIGLIORE
di Torregrossa per l’1-0. ERNESTO aria, non funziona l’argine. E anche GUGLIELMO
SEMPRINI 6 Spirito positivo per quando si scambia con Suciu non
tentare di tenere basso Lombardi. 7 TORREGROSSA migliorano i risultati in mezzo. 6,5 VICARIO
BISOLI 6,5 Traversa di testa, poi è un Secondo gol di fila per Ernestino (Vrioni s.v.) Il capolavoro lo dipinge con una
pensiero continuo per il Venezia al che tanto piccolo non è. La rete SCHIAVONE 5,5 Regia occulta, nel mano su Donnarumma quando in
BRESCIA 6,5 punto che Cosmi inverte le mezz’ali.
VIVIANI 6,5 Un bel lancio di prima in
verticale, un sunto di ciò che può fare.
del vantaggio la costruisce lui
allargando per Martella e VENEZIA 5,5 senso che non è palpabile. Forse
perché il Venezia gira più al largo.
SUCIU 5,5 L’assist è per Donnarum-
uscita gli nega il gol nel primo
tempo. Sul colpo di testa di
andando in cielo per riprendere Romagnoli è attento, su quello di
Sua l’intuizione per Donnarumma da ma, non per un suo compagno. E il
ALFONSO PRESENTE cui nasce il 2-0.
la palla di testa. (Rodriguez s.v.)
BOCALON EVAPORATO resto della serata è poca cosa.
Torregrossa è spettatore.

SPINA BISOLI TONALI 6,5 Un sinistro alto in una


serata trascorsa da mezz’ala sinistra. GAROFALO MALE ZENNARO 6 Entra da mezz’ala, un tiro
alto.
MURO CISTANA Chiude la partita con il gol del 2-0 nel
ruolo di trequartista. L’ALLENATORE SOSTANZA DOMIZZI GAROFALO 5 Colpisce la parte alta
della traversa su punizione, vero, però L’ALLENATORE
ALFONSO 6,5 Annulla Romagnoli, in DALL’OGLIO 6 Preziosa alternativa EUGENIO BRUSCAGIN 5,5 La partita sarebbe è lui che marca male Torregrossa per SERSE
licenza di autoflagellarsi, e poi devia per Corini, non ama le luci della anche buona perché Donnarumma l’1-0.
bene su Lombardi. ribalta nemmeno da trequartista. 7 CORINI gira a vuoto. Poi sul 2-0 è uno dei BOCALON 5 Poco assistito e anche 5,5 COSMI
SABELLI 6 Quando si propone va Serata in ombra, un tiro alto. Fa riposare Spalek e senza Ndoj protagonisti in negativo per una male. Urge ritrovarlo. La squadra è figlia sua, discende
servito, ha dimostrato di saperci fare. DESSENA 6 Uno spicchio di partita squalificato sceglie Dall’Oglio marcatura troppo morbida. ROSSI 6 Tentativo estremo di fornire dal suo albero genealogico per
CISTANA 6,5 Annulla Bocalon, prova per puntellare il centrocampo. trequartista e Viviani regista. MODOLO 6 Una chiusura su Bisoli alla squadra un elemento con spirito. A Brescia non per
di spessore. DONNARUMMA 6 Partita da Serve avere coscienza per decisiva, poi un po’ il pasticcio globale caratteristiche diverse da Bocalon. difendere il punto sotto l’ascella,
ROMAGNOLI 6,5 Inizia tentando assistente. Prima per Bisoli (traversa) puntare su due 2000 in mezzo al nel 2-0 bresciano. DI MARIANO 5 Come Bocalon, ma poche occasioni per vincerla
l’autogol, prosegue andando vicino poi per Corini (pressing), quindi per campo e lui è Genio e regolarità. DOMIZZI 6 Rientra, gara di sostanza. trasparente. Ammonito per e solita superficialità difensiva.
alla porta giusta e chiude limando Tonali (2-0). E passi l’occasione LOMBARDI 6 Bravo al 29’ a rubare simulazione. Avrebbe dovuto seminare
Lombardi. colossale sciupata nel primo tempo. palla e a ripartire andando vicino al preoccupazioni tra gli avversari.

GLI ARBITRI di NI.BIN. 7


MASSIMI Una prestazione perfetta, che certifica la sua crescita. Non abbocca al tuffo in area di Di Mariano ed è
ben assistito da Pagliardini sulla rete del 2-0. I cartellini gialli ci stanno tutti, soprattutto quello a Dall’Oglio
PAGLIARDINI 7
LUCIANO 6,5
Speciale R 32a giornata SABATO 6 APRILE 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 35

SerieB L'INTERVISTA
TU 1 2 3
R
PE C
O
U

N..
A T

Piero Braglia

B
● 1 Piero Braglia, 64 anni,
durante uno dei suoi scontri
verbali con gli arbitri ● 2 Braglia
festeggiato dopo la promozione
in B con la Juve Stabia ● 3 Una
delle sue sfuriate ARCHIVIO GAZZETTA

R «Ho pochi amici


vinto lo stesso. Non mi conosce-

L'IDENTIKIT vano bene».

Come si resta sulla cresta dell’on-


NATO A GROSSETO
da per quasi 30 anni?

e un caratteraccio
IL 10 GENNAIO 1955
RUOLO ALLENATORE «Con i risultati, dal primo posto
in D con la Colligiana senza la

A
(EX CENTROCAMPISTA)
promozione perché si spareggia-
CALCIATORE va con la prima di un altro girone
Ha giocato con Montevarchi, (1992, con l’Avezzano, ndr): fa-

Lo stress mi piace:
Cremonese, Fiorentina, cevamo un calcio che si vede ra-
Catanzaro, Triestina, Catania e ramente a quei livelli. Ci tengo a
Rondinella fino al 1989. tutti i campionati vinti, ma quel-
lo...».

G
ALLENATORE

1 o 2 anni e smetto»
Dalla Bibbienese nei dilettanti, ha Dove sbagliano i più giovani?
guidato 18 squadre, vincendo 5 «Cercano troppa compiacenza
campionati: con la Colligiana in con presidenti, d.s. o giocatori,
D, poi con Catanzaro, Pisa, Juve invece sono uomini soli e non si
Stabia e Cosenza in C1. devono aspettare aiuti. Per que-
sto ai miei rompo le balle».

1Il tecnico del Cosenza verso il derby col Crotone

L
Qualche suo giovane collega sem-

«Sono vecchio: aspetto un giorno per arrabbiarmi» bra stressato in panchina.


«Ma quale stress... Io mi sono
sempre divertito, in ogni catego-
ria. Io lo stress lo cerco, rendo
«Macché... L’ho sempre ammira- meglio quando mi attaccano.
Nicola Binda to, era più forte di me. Se un gio- Qualche volta mi è andata male,

G
catore è più forte bisogna solo però sono sempre ripartito più

I
li anni sono 64, le stargli accanto, imparare e aiu- incazzato di prima».
battaglie mille. «La- tarlo. L’avevo visto arrivare dal-
sci perdere, mi han- l’Asti Macobi, era un fuoriclasse, Per quanto allenerà ancora?
no detto che devo mentre io ero normale e con un «Un anno o due, poi si chiude
mettere gli occhiali». caratteraccio». bottega. Di sicuro non tentenno,
Piero Braglia invecchia con sag- come quando a 34 anni ho smes-
gezza, dalla tuta mimetica è qua-
si passato al saio. Pierino non è
Ci racconti.
«Non ho mai avuto un carattere
UN FUORICLASSE: so di giocare».

SE UNO È BRAVO

A
più la peste, ma le battaglie con il facile, non ho mai cercato aiuti e Alla Rondinella?
Cosenza restano. La prossima?
Il derby col Crotone.
ho pochissimi amici. Conosco un
procuratore, Gabarello, brava
BISOGNA STARGLI «C’era Amarildo allenatore, ne
combinavo di tutti i colori: gli ho
persona, e non ne voglio cono- VICINO E IMPARARE chiesto scusa e ho smesso».
Cos’è per lei un derby? scere altri».
«Quello con la Juve! Sia con la PIERO BRAGLIA Sono più le cose che impara o
Fiorentina che con il Catanzaro Con gli arbitri non litiga più? SU GIANCARLO ANTOGNONI quelle che insegna?
era la partita più sentita». «In B non ti puoi muovere tra tv, «Cerco ancora di imparare. Vado
quarto uomo, a vedere la Serie D, si impara di
Il derby è altro... Procura... E poi a più dal basso che dall’alto, dove
«E’ la partita più LE PAROLE una certa età bi- l’immagine conta di più».
sentita dai tifo- «Il mio derby era sogna cambiare,
si. Sono da anni riflettere». Il suo ispiratore chi è stato?
al Sud e qui cer- con la Juve. Qui al «Mazzone, l’ho avuto 4 anni. Poi
te partite si sen- Sud certe sfide sono Anche con la ho conosciuto Bruno Pace, un li-
tono di più». molto più sentite» squadra? bertino che faceva crescere i gio-
«Una volta dopo catori attraverso il dialogo ed
Lei è della Tosca- «Nel Meridione più
na, la terra delle
una sconfitta co-
me quella di mer-
GLIENE COMBINAVO era simpaticissimo».

rivalità per eccel- valori umani. Ad coledì avrei rove- TANTE, MI SCUSAI Un giovane che le piace?
Alessandria invece
lenza.
«Penso a Livorno- mi hanno scaricato»
sciato il mondo.
Adesso ho aspet-
CON LUI E «Liverani, è come Giampaolo: la-
vora tanto e fa giocare bene. Poi
Pisa o Grosseto- tato il giorno do- SMISI DI GIOCARE Nesta. E il mio secondo Occhiuz-
Siena. Ero a Montevarchi ed era- po...». zi diventerà un grande allenato-
no battaglie con la Sangiovanne- PIERO BRAGLIA re se lima il carattere».
se. Da noi per pigliarsi in giro ne Il cazzotto che nella sua vita SU AMARILDO
inventano di ogni». avrebbe voluto dare? Nelle ultime 3 gare ha perso con
«Una volta sola, e l’ho dato. Ma Brescia e Lecce e pareggiato col
La sua seconda terra è la Cala- non lo farò più. Giocavo nella Palermo: la A diretta potrebbe
bria: 5 anni in A (e 1 in B) da gioca- Fiorentina, era morto il mio bab- averla decisa il Cosenza.
tore del Catanzaro, dove da alle- bo, un compagno più grande «Manca poco, 4 punti sono una
natore ha vinto la C1 come la sta- scherzava troppo, mi sono girato dote importante. Forse il Lecce
gione scorsa a Cosenza. e non si è più rialzato». sta meglio del Brescia, ci ha ap-
«Mi piacciono le persone di qui. pena battuti ma sono incazzato
Umili e con dignità, se hai biso- Quanto vale la stretta di mano? nero: voglio una grossa risposta
gno ci sono e non chiedono nulla «Tutto. C’è chi mi ha dato la ma- contro il Crotone».
in cambio. Mi fanno sentire im- no 15 volte e poi l’ha tirata indie-
MI SONO SEMPRE © RIPRODUZIONE RISERVATA

4
portante, non potevo chiedere di tro: per me è un contratto e un
meglio». senso di rispetto. Al Sud non mi ISPIRATO A LUI,
Cosenza-Crotone la sente?
hanno mai fregato e l’hanno
sempre mantenuta».
POI HO ANCHE
«C’è molta rivalità. All’andata APPREZZATO PACE
c’erano 2.000 tifosi con noi mal- Al Nord invece resta il nervo sco-
grado fosse un lunedì alle 21, ed perto di Alessandria: vantaggio PIERO BRAGLIA
è stata una bellissima vittoria. Al sperperato ed esonero. SU CARLO MAZZONE
ritorno sulla Sila c’era una coda «Era la mia prima volta al Nord. ● Le squadre di Serie B allenate
pazzesca...». Quando c’era da dimostrare da Braglia: Catanzaro (2004),
l’unione hanno trovato il colpe- Juve Stabia (tre anni) e Cosenza
Era rivalità anche alla Fiorentina vole e mi hanno scaricato. Dove- dopo le promozioni, più il
la sua con Antognoni? vamo finire insieme, avremmo Frosinone nel 2008-09
36 Speciale R 32a giornata

SerieB COSÌ IN CAMPO


occhio a... CARPI (4-4-1-1) CITTADELLA (4-3-1-2)
PADOVA (4-3-1-2) LIVORNO (3-4-1-2)
OGGI ore 15 ARBITRO Piccinini OGGI ore 15 ARBITRO Marini di Roma
di Forlì PREZZI 14-40 euro TV Dazn PREZZI 14-50 euro TV Dazn

Mbakogu eroe-nemico a Carpi 35


PISCITELLI
1
PALEARI

Nostalgico ritorno col Padova


25 4 34 5 24 6 18 3
PACHONIK SABBIONE KRESIC PEZZI GHIRINGHELLI ADORNI DRUDI BENEDETTI
7 19 32 10 8 4 23
CONCAS PASCIUTI DINOIA PISCITELLA SETTEMBRINI IORI BRANCA
17 7
MUSTACCHIO SCHENETTI
9 30
DI DAVIDE SETTI 18 MONCINI FINOTTO
ARRIGHINI
27 9 11 31

A
BONAZZOLI 10 MBAKOGU MURILO 23 RAICEVIC
more e rabbia, gioia e prolifico in 110 anni di storia Jerry fece innamorare BARAYE DIAMANTI
disperazione. In una del club. I suoi 15 gol furono di nuovo i tifosi (10 11 8 7 17 29 34 7
sola parola, passione. E’ decisivi nel 2014-15 per la gol in 12 mesi), fino LOLLO CALVANO PULZETTI PORCINO ROCCA AGAZZI VALIANI
stato un amore da romanzo prima storica promozione in A all’infortunio del 32 3 20 36 6 4 21
quello che per cinque anni ha con Fabrizio Castori, anche marzo scorso: lì LONGHI CHERUBIN RAVANELLI ANDELKOVIC GASBARRO DIGENNARO GONNELLI
unito Carpi e Jerry Mbakogu. allora in panchina come oggi. saltò la
1 38
Oggi l’attaccante italo Un idillio terminato nel cessione già MINELLI ZIMA
nigeriano torna da avversario peggiore dei modi l’8 maggio definita per
ANDATA 1-0 ANDATA 0-0
con la maglia del Padova, in 2016 a Modena, con i due 1,5 milioni al PANCHINA 1 Serraiocco, 2 Suagher, PANCHINA 22 L. Maniero I, 15 Frare,
un sabato dal sapore mesto rigori falliti e un brutto gesto Leeds e si arrivò alla 3 Marcjanik, 6 Buongiorno, 8 Vitale, 13 Camigliano, 6 Parodi, 29 Cancellotti,
che al Cabassi mette di fronte verso la curva di casa che lo rescissione di agosto 27 Rolando, 31 Coulibaly, 21 Saric, 11 Siega, 21 Proia, 32 Diaw, 17 Panico,
30 Crociata, 11 Marsura, 16 Romairone, 19 Scappini, 20 Pasa, 28 Bussaglia
le due ultime della classe. Sarà fischiava dopo la sconfitta con nonostante due anni di 15 Vano ALL. Castori SQUAL. nessuno ALLENATORE Venturato SQUALIFICATI
la prima volta a Carpi per la Lazio, che costò al Carpi il contratto. Senza quell’introito DIFF. Suagher INDISP. Colombi, Cisse, nessuno DIFFIDATI Adorni, Camigliano
Mbakogu con un’altra maglia ritorno in B. La separazione fu il Carpi decise di non Rizzo, Jelenic, Sambo, Poli INDISPONIBILI L. Maniero II, Rizzo
da quell’estate del 2013 obbligata, con il prestito per 6 riscattare Melchiorri e da lì è Jerry PANCHINA 22 Merelli, 12 Favaro, PANCHINA 12 Crosta, 1 Neri, 5 Eguelfi,
quando arrivò in prestito mesi in Russia al Samara, ma cominciata una stagione da Mbakogu, 26 17 Morganella, 5 Trevisan, 23 Cappelletti, 28 Salzano, 42 Boben, 13 Fazzi, 3 Dainelli,
proprio dal club veneto. In poi il suo ritorno a gennaio incubo. Oggi il Carpi si augura anni, grande 4 Serena, 16 Madonna, 15 Broh, 9 Gori, 2 Marie Sante, 20 Kupisz,
18 Mazzocco, 38 Clemenza, 28 Capello, 24 Dumitru, 10 Giannetti ALLENATORE
Emilia l’attaccante ha vissuto i 2017 permise a un Carpi non sia lui a schiacciare il ex a Carpi 19 Moro ALL. Centurioni SQUAL. nessuno Breda SQUALIFICATI Luci DIFFIDATI
suoi anni più belli, con 133 attardato di arrivare fino alla pulsante del ritorno in C. con il Padova DIFF. Trevisan, Bonazzoli, Baraye, Giannetti, Porcino, Valiani, Gonnelli,
gare e 37 reti, straniero più finale playoff di Benevento. © RIPRODUZIONE RISERVATA LAPRESSE Morganella INDISP. Mandorlini, Barisic Gasbarro INDISP. Bogdan, Mazzoni

FOGGIA (3-5-2) PERUGIA (4-3-1-2) ASCOLI (4-3-1-2) CREMONESE (3-5-2) COSENZA (4-3-3) PALERMO (4-3-1-2)
SPEZIA (4-3-3) BENEVENTO (4-3-1-2) PESCARA (4-3-3) LECCE (4-3-1-2) CROTONE (3-5-2) VERONA (4-3-3)
OGGI ore 15 ARBITRO Pillitteri di OGGI ore 18 ARBITRO Dionisi de DOMANI ore 15 ARBITRO Di Paolo di DOMANI ore 15 ARBITRO Di Martino DOMANI ore 21 ARBITRO Abbattista LUNEDÌ ore 21 ARBITRO Giua di Olbia
Palermo PREZZI 10-48,5 euro TV Dazn L’Aquila PREZZI 14-60 euro TV Dazn Avezzano PREZZI 14-38 euro TV Dazn di Teramo PREZZI 10-40 euro TV Dazn di Molfetta PREZZI 13-40 euro TV Dazn PREZZI 9-150 euro TV Dazn
16 22 1 16 33 1
LEALI GABRIEL LANNI AGAZZI PERINA BRIGNOLI
14 2 3 2 32 13 7 37 23 14 6 3 26 23 27 26 3 18 3 31 5 19
MARTINELLI BILLONG RANIERI ROSI GYOMBER SGARBI MAZZOCCHI LAVERONE BROSCO PADELLA D’ELIA DOSSANTOS TERRANOVA CARACCIOLO BITTANTE HRISTOV DERMAKU LEGITTIMO RISPOLI PIRRELLO RAJKOVIC ALEESAMI

BUSELLATO DELI 26 20 24 19 5 30 ARINI CASTROVILLI


21 6 16 32 8 35
25 30 4 10 11 FALZERANO CARRARO DRAGOMIR ADDAE TROIANO FRATTESI 14 4 11 8 17 BRUCCINI PALMIERO SCIAUDONE HAAS JAJALO MURAWSKI
GERBO AGNELLI KRAGL MOGOS CROCE MIGLIORE
5 11 10
18 9 VERRE NINKOVIC 7 32 10 9 25 9 TRAJKOVSKI 30
27 19 32 10
GALANO IEMMELLO PICCOLO MONTALTO EMBALO LITTERI TUTINO MOREO NESTOROVSKI
HAN SADIQ ARDEMAGNI ROSSETI
34 21 11 19 9 9 7 20 19 29 25 23 11 16
DA CRUZ OKEREKE GYASI INSIGNE 27 CODA MONACHELLO 36 MANCUSO FALCO 8 LAMANTIA PETTINARI SIMY DIGAUDIO PAZZINI LEE
RICCI SOTTIL MANCOSU
BENALI ZANELLATO 20 8 5
25 8 16
17 10 4 25 16 8 23 7 4 7 10 18 21 31 ZACCAGNI GUSTAFSON FARAONI
MAGGIORE RICCI BARTOLOMEI
BUONAIUTO VIOLA DEL PINTO CRECCO BRUGMAN MEMUSHAJ TABANELLI TACHTSIDIS PETRICCIONE FIRENZE BARBERIS SAMPIRISI
3 19 13 24 16 35 5 11 3 6 5 14 27 16 25 24 5 27 2 15 33 27 30
AUGELLO TERZI CAPRADOSSI VIGNALI IMPROTA CALDIROLA ANTEI MAGGIO DELGROSSO SCOGNAMIGLIO GRAVILLON BALZANO CALDERONI MECCARIELLO LUCIONI VENUTI GOLEMIC VAISANEN CURADO BALKOVEC EMPEREUR DAWIDOWICZ BIANCHETTI

1 12 1 22 1 1
LAMANNA MONTIPÒ FIORILLO VIGORITO CORDAZ SILVESTRI
ANDATA 0-0 ANDATA 1-2 ANDATA 1-1 ANDATA 0-2 ANDATA 1-0 ANDATA 1-1
PANCHINA 22 Noppert, 27 Boldor, PANCHINA 1 Bizzarri, 12 Perilli, 25 Falasco, PANCHINA 22 Milinkovic, 3 Rubin, PANCHINA 1 Ravaglia, 12 Agazzi, PANCHINA 22 Saracco, 12 Quintiero, PANCHINA 22 Pomini, 33 Alastra,
6 Loiacono, 15 Ngawa, 13 Zambelli, 4 El Yamiq, 14 Kingsley, 21 Cremonesi, 2 Valentini, 17 Cavion, 20 Ciciretti, 2 Rondanini, 24 Del Fabro, 33 Renzetti, 13 Izco, 4 Capela, 26 Hristov, 15 Schetino, 4 Accardi, 2 Bellusci, 6 Gunnarsson,
17 Cicerelli, 33 Matarese, 28 Arena, 8 Bianco, 23 Moscati, 28 Kouan, 28 Andreoni, 16 Casarini, 26 Coly, 7 Baldini, 34 Boultam, 18 Castagnetti, 42 Mbaye, 20 Trovato, 7 Mungo, 11 D’Orazio, 13 Ingegneri, 24 Szyminski, 27 Mazzotta,
20 Chiaretti, 19 Mazzeo ALL. Grassadonia 18 Bordin, 10 Vido, 9 Melchiorri 18 Chajia, 8 Iniguez, 9 Ganz ALLENATORE 27 Emmers, 21 Strefezza, 30 Carretta, 24 Garritano, 32 Baez, 19 Maniero 21 Fiordilino, 7 Lo Faso, 29 Puscas
SQUALIFICATI Greco DIFF. Martinelli, ALLENATORE Nesta SQUALIFICATI Vivarini SQUAL. nessuno DIFFIDATI 9 Strizzolo ALLENATORE Rastelli ALLENATORE Braglia SQUALIFICATI ALLENATORE Stellone SQUALIFICATI
Deli, Loiacono INDISPONIBILI Ingrosso, nessuno DIFFIDATI Gabriel, Bianco, Beretta, Cavion, Padella INDISP. Ngombo SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI nessuno DIFF. Garritano, Legittimo, Tutino, nessuno INDISPONIBILI Falletti, Salvi,
Marcucci, Camporese, Tonucci Carraro INDISPONILI Pavlovic Boultam INDISP. Longo, Radunovic Palmiero, Sciaudone INDISP. Corsi, Idda Chochev
PANCHINA 12 Kastrati, 31 Ciofani,
PANCHINA 22 Manfredini, 33 Barone, PANCHINA 22 Gori, 32 Zagari, 7 Di Chiara, 23 Perrotta, 15 Elizalde, 17 Pinto, 20 Bruno, PANCHINA 1 Bleve, 2 Riccardi, 15 Marino, PANCHINA 22 Festa, 34 Latella, 3 Cuomo, PANCHINA 12 L. Ferrari, 26 Berardi,
2 Brero, 4 Crivello, 20 Ligi, 23 De Col, 14 Volta, 15 Costa, 18 Gyamfi, 8 Tello, 13 Bellini, 26 Antonucci, 19 Marras, 3 Di Matteo, 34 Pierno, 6 Arrigoni, 19 Marchizza, 27 Valietti, 13 Tripaldelli, 6 Marrone, 29 Almici, 2 Munari,
18 De Francesco, 27 Figoli, 7 Pierini, 25 Bandinelli, 34 Crisetig, 36 Vokic, 29 Del Sole, 11 Capone ALLENATORE Pillon 34 Majer, 13 Haye, 21 Felici, 14 Palombi, 16 Milic, 15 Gomelt, 6 Rohdén, 20 Molina, 4 Henderson, 14 Colombatto, 21 Laribi,
9 Galabinov, 31 Abdullahi, 32 D’Eramo ALL. 29 Asencio, 33 Armenteros ALLENATORE SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI 9 Tumminello, 18 Saraniti ALL. Liverani 11 Machach, 33 Mraz ALLENATORE 25 Danzi, 7 Matos, 10 Di Carmine, 28 Tupta
Marino SQUALIFICATI Mora DIFF. Crimi, Bucchi SQUALIFICATI nessuno Campagnaro, Bruno, Memushaj SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Stroppa SQUALIFICATI nessuno ALLENATORE Grosso SQUALIFICATI
Capradossi, Bartolomei, Gyasi INDISP. DIFFIDATI Di Chiara, Asencio, Crisetig INDISPONIBILI Bettella, Campagnaro, Scavone, Palombi, La Mantia INDISP. INDISPONIBILI Spolli, Nalini, Figliuzzi nessuno DIFFIDATI Zaccagni, Lee INDISP.
Erlic, Mastinu, Acampora, Crimi, Bidaoui INDISPONIBILI nessuno Melegoni, Kanoutè Bovo, Fiamozzi, Cosenza, Scavone DIFFIDATI Molina, Zanellato Tozzo, Crescenzi, Kumbulla, Ragusa

1Perugia: Pavlovic non è pronto, Han titolare 1Livorno senza Luci a centrocampo
Bucchi cambia ancora il Benevento: In diecimila allo stadio per Foggia-Spezia
torna Insigne dal 1’ al fianco di Coda Pescara: Sottil dal via, Marras in panchina
SABATO 6 APRILE 2019 LA GAZZETTA DELLO SPORT 37

SerieB LA SFIDA

fPALERMO VS. VERONA


PRESENZE PRESENZE
PARTITA A RISCHIO

NESTOROVSKI-PAZZINI 20 19 C’èilPescara,
adAscoli
GliumoridiNesto MINUTI GIOCATI MINUTI GIOCATI
attenzionealta
Tagliandiospiti

laclassedelPazzo: 1.494’ 1.160’ aquota300

èpastadicapitani
GOL GOL

10 10

1Ilmacedone,traaltiebassi,èl’uomoinpiù A partita

TIRI NELLO SPECCHIO


Media ruolo A partita

TIRI NELLO SPECCHIO


Media ruolo

deirosanero,giàbucati4volte(mainA)dalgialloblù 1,20 1,32


L’ex Giuseppe Pillon, 66 anni
0,61 0,61
NESTO UMORALE Una stagione crociato una sola volta all’an­
Matteo Pierelli di alti e bassi. Non è una novità data), la stessa cosa non si può % REALIZZATIVA % REALIZZATIVA ASCOLI PICENO
per Nestorovski, dal cui rendi­ dire di Pazzini, che ha bucato il 19% 25%

A A
rrivati a questo punto mento dipendono buona parte Palermo in ben quattro occa­ scoli­Pescara non è mai
14% 14%
del cammino, quando il dei risultati del Palermo. La sioni. Ma sempre in Serie A. Le una partita come le al­
margine di errore è mi­ partita di una settimana fa a prime due al Barbera con la tre; benché ci sia chi
nimo e la tensione comincia a Cosenza è l’emblema dei suoi maglia della Sampdoria (il 31 OCCASIONI CREATE OCCASIONI CREATE non considera un vero e pro­
salire, ci si affida agli uomini umori: prima il gol e poi maggio 2009 e 9 maggio 0,75 0,32 prio derby quello fra la squadra
migliori, a quelli che devono un’espulsione per doppia am­ 2010), a cui ha permesso, in en­ marchigiana e quella abruzze­
garantire il salto di qualità. In monizione sicuramente evita­ trambi i casi, di portare a casa 0,8 0,8 se, si tratta comunque di una
poche parole, a quelli che sono bile che gli ha fatto saltare la un pareggio. Gli altri due a San sfida sempre molto sentita, sia
i simboli della propria squa­ sfida (persa) contro il Pescara. Siro il 30 maggio 2011 in una FALLI SUBITI FALLI SUBITI sul campo che sugli spalti. D’al­
dra. E Ilija Nestorovski, mace­ Ora Stellone deve studiare la giornata da raccontare. Quel 2,40 1,47 tronde le due città sono divise
done alla terza stagione in Ita­ strategia per re­ giorno Pazzini da neanche un’ora di auto e la
lia, e Giampaolo Pazzini, che cuperare per il esordì con l’In­ 1,38 1,38 rivalità è stata sempre piutto­
ha debuttato tra i professioni­ rush finale un at­ IL DUELLO ter. Entrò subito sto viva, fin dai tempi in cui in
sti nel lontano 2004 (con la taccante che in B Nestorovski deve dopo l’intervallo Ilija campo si incrociavano autenti­
maglia dell’Atalanta segnando è un valore ag­ (al posto di Cou­ Nestorovski, ci campioni come Casagrande,
un gol al Lecce), sono indub­ giunto. Impor­ evitare il solito calo tinho) con la sua 29 anni Bierhoff, Incocciati nell’Ascoli,
biamente le figure emblemati­ tante sarà non ri­ nel ritorno, Pazzini è squadra sotto di Junior, Sliskovic nel Pescara,
che di Palermo e Verona. E non petere gli errori arrivato per la sesta due gol, segnò con in panchina tecnici come
a caso sono anche i capitani. del passato, per­ volta in carriera una doppietta e Castagner e Galeone.
Eppure entrambi, che hanno ché le prestazio­ in doppia cifra si procurò anche
segnato lo stesso numero di ni del girone di un rigore che poi CLASSIFICA Le due squadre
gol (10) in questo campionato, ritorno dello Eto’o trasformò arrivano alla sfida di domani
hanno rischiato di non essere scorso campionato non aveva­ nel 3­2 nerazzurro. Un pome­ rasserenate e cariche. La vitto­
qui. La scorsa estate infatti Ne­ no messo in evidenza un gioca­ riggio difficile da dimenticare. ria dell’Ascoli a Padova ha fatto
storovski è stato a lungo sul tore che ha fame di vittorie. Come sono difficili da dimenti­ compiere ai bianconeri un
mercato, era il prezzo pregiato Nella seconda metà del torneo care le sue 23 gemme piazzate gran balzo in avanti in chiave
da sacrificare per ragioni fi­ di un anno fa, infatti, Nestoro­ nel 2016­2017, stagione dell’ul­ salvezza e il successo del Pe­
nanziarie e solo per la man­ vski aveva segnato solamente tima promozione dell’Hellas in scara sul Palermo ha consoli­
canza di un’offerta congrua è tre gol (nel 2019 è a quota 4). Il Serie A. Anche se fin qui il Paz­ dato la presenza abruzzese in
rimasto in Sicilia. Più o meno macedone, tra l’altro, ha un pa­ zo è entrato e uscito a cadenze zona play off, con un occhio ai
lo stesso discorso può essere io di episodi da farsi perdonare. alternate, a guardare i numeri primi due posti che non sono
fatto per Pazzini, il cui ingag­ Il primo è il rigore che ha sba­ il Verona, se vuole avere ancora vicini, ma neanche lontanissi­
gio pesante (1,3 milioni circa a gliato a Venezia, in una partita ambizioni di promozione diret­ mi (sei punti).
stagione fino al 30 giugno che poteva prendere una piega ta, non può prescindere dal suo
2020) ha frenato i potenziali diversa. Il secondo riguarda in­ capitano. SICUREZZA Il match è stato ca­
acquirenti. vece il già citato rosso di Cosen­ © RIPRODUZIONE RISERVATA talogato a rischio dall’Osserva­

7,5 8
za. In entrambi i casi Ilija ha torio. Timori per l’ordine pub­
chiesto scusa ai tifosi con un blico ce ne sono e verranno di
messaggio su Instagram, ap­ conseguenza approntate misu­
profittandone anche per dare re di sicurezza aumentando il
un segnale di incoraggiamento contingente di agenti e degli
a Chochev, vittima di un brutto steward in servizio al Del Duca
infortunio (stagione finita) a dove è stato riservato un setto­
un ginocchio durante una gara re ai tifosi pescaresi che a ieri
● Il voto massimo preso in con la Bulgaria. ● Il voto massimo preso in avevano acquistato circa 300
questa stagione da Nestorovski, questa stagione da Pazzini, che tagliandi, un numero certa­
che ha una media voto di 6,16: QUATTRO GOL Se da un lato Ne­ ha una media voto di 6,33. Solo Giampaolo mente destinato a salire nella
tra i rosaneri quattro giocatori storovski non ha mai segnato al Silvestri (6,39) ha un Pazzini, giornata di oggi.
hanno un rendimento migliore. Verona (anche perché l’ha in­ rendimento migliore nell’Hellas. 34 anni © RIPRODUZIONE RISERVATA