Sei sulla pagina 1di 8

Prof.

Pasquale Colonna
Dipartimento di Vie e Trasporti
(Politecnico di Bari)

LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE

Corso di:
COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica:
INTRODUZIONE

Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE


Settore scientifico Disciplinare: ICAR 04- STRADE, FERROVIE
AEROPORTI
Tipo di attività formativa: caratterizzante
Numero di crediti formativi Universitari: 12
Tipo di insegnamento: obbligatorio
Propedeuticità: Geomatica – Scienza delle Costruzioni
Obiettivi formativi: Scopo del Corso è quello di fornire agli allievi i
fondamenti della progettazione e costruzione delle infrastrutture
viarie.

Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE


Modalità di svolgimento del corso:
1. Didattica frontale in aula supportata da videoproiettore e da
slide – (72 ore);
2. Esercitazione progettuale di gruppo in laboratorio informatico
con l’uso di software di progettazione e di disegno al
calcolatore.
3. Tutoraggio in forma di assistenza individuale e/o di gruppo.

Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE


Conoscenze e abilità attese:

Al termine del modulo gli allievi avranno conoscenze sui


fondamenti di progettazione e costruzione delle infrastrutture
viarie e saranno in grado di eseguire le fasi preliminari di un
progetto stradale con l’ausilio di uno dei più diffusi software di
progettazione.

Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE


Modalità della prova finale:

ESAME FINALE (*)

Non sono previsti esoneri.

L’esame finale verterà sugli argomenti trattati durante l’intero


corso. È prevista una o più domande sulle esercitazioni
progettuali svolte.

(*) Gli studenti non iscritti all’esercitazione progettuale possono accedere all’esame finale soltanto
se svolgono autonomamente un progetto stradale. All’esame dovranno sostenere anche una prova
al calcolatore.

Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE


PROGRAMMA DEL CORSO
La parte preponderante del corso è dedicata alla progettazione
stradale, senza trascurare gli opportuni richiami alla progettazione
ferroviaria e degli aeroporti.

Il corso si divide in due parti:

1. Studio dell’inserimento territoriale e ambientale di una infrastruttura


viaria. Illustrazione dei principali elementi costitutivi della sezione
corrente e dei nodi (intersezioni e svincoli). Studio della geometria
di progetto. La sicurezza stradale

2. Studio dei problemi di statica e conservazione del corpo stradale


(scarpate, muri di sostegno, gallerie, opere d’arte, ecc.), delle
caratteristiche dei materiali stradali e dei problemi di progettazione
e costruzione delle sovrastrutture. Le ferrovie e gli aeroporti.
Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE


TESTI CONSIGLIATI
• G. TESORIERE, “Strade, ferrovie e aeroporti” - Vol. 1: “Il
progetto e le opere d’arte”, UTET
• G. TESORIERE, “Strade, ferrovie e aeroporti” - Vol. 2: “Opere
in terra e sovrastrutture”, UTET
• G. TESORIERE, “Strade, ferrovie e aeroporti” - Vol. 3:
“Infrastrutture Aeroportuali”, UTET
• P. FERRARI, F. GIANNINI, “Ingegneria stradale” - Vol. 1:
“Geometria e progetto di strade”, Isedi
• P. FERRARI, F. GIANNINI, “Ingegneria stradale” - Vol. 2:
“Corpo stradale e pavimentazioni”, Isedi

Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE


TESTI CONSIGLIATI

• T. ESPOSITO, R. MAURO, “Fondamenti di infrastrutture viarie”


- Vol. 1 - “La geometria stradale”, Hevelius
• T. ESPOSITO, R. MAURO, “Fondamenti di infrastrutture viarie”
- Vol. 2: “La progettazione funzionale delle strade”, Hevelius
• M. AGOSTINACCHIO, D. CIAMPA, S. OLITA, “Strade, ferrovie
e aeroporti - La progettazione geometrica in sicurezza”, EPC
Libri
• F. ANNUNZIATA, M. CONI, F. MALTINTI, F. PINNA, S.
PORTAS, “Progettazione stradale integrata”, Zanichelli

Corso di: COSTRUZIONI DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI

Unità didattica: INTRODUZIONE